Sei sulla pagina 1di 13

Mattia Giuliano

IIS Luigi Cerebotani

Classe 5L , Liceo Scientifico Tecnologico

Anno scolastico 2013/2014

LA GUERRA FREDDA
Periodo d’innovazioni Scientifico/Culturali
Introduzione

“Guerra Fredda” ,per oltre mezzo secolo le persone che hanno vissuto in questo periodo difficile lo
ricordano come un periodo di Tensione Continua ,proprio per la paura che gli Stati Uniti e L’Unione
Sovietica potessero scendere in campo in una nuova Guerra Mondiale che sarebbe stata
sicuramente combattuta con armi Atomiche e di conseguenza avrebbe spazzato via ,se non
completamente in buona parte ,l’umanità.

“La prossima guerra mondiale sarà combattuta con le pietre.”


(Albert Einstein)

E’ giusto però ricordare che durante la Guerra Fredda lo Scontro/Non Scontro tra queste due
superpotenze portò le menti ,di una e dell’altra fazione ,a innovare la vita dell’uomo ,sia dal punto
di vista tecnico/scientifico :Corsa allo Spazio ,invenzione di nuovi materiali(plastiche) ,invenzione
dei computer e di internet ,ricerche chimico/fisiche ,…. ma anche in campo culturale :il terrore di
una guerra portò le nuove generazioni a schierarsi contro di essa ,nacquero cosi movimenti
pacifisti in ogni parte del mondo aizzati e incentivati da scrittori ,cantanti e pensatori ,idoli di una
nuova era.

“L’umanità deve mettere fine alla Guerra ,o la Guerra metterà fine all’umanità.”
(John Fitzgerald Kennedy)
ILl a
John
gli
agin(ISLJ"CH
"Imag
Poliet
Cors
Spaz
Alch
(CHIM
(INGL
Le
(STOR
i
Em
G
RpzrsN
chPoetTO
lA
M
STORIA
“La corsa allo Spazio”
Per Guerra Fredda s’intende il confronto mondiale tra Stati Uniti (USA) e Unione Sovietica (URSS)
durante il secondo dopoguerra che terminò con la caduta del Muro di Berlino (9 Novembre 1989)
e con la successiva dissoluzione dell’URSS nel 1991.

Il termine “Fredda”descriveva un’ostilità che non sembrava più risolvibile attraverso una guerra
frontale tra le due superpotenze, dato il pericolo di un eventuale utilizzo di armi nucleari che
avrebbero potuto spazzare via l’umanità (ndr il termine venne coniato dal giornalista americano
W.Lippmann).

Questa “lotta” venne combattuta su molti fronti ,primo tra tutti il campo militare ma
successivamente anche in campo tecnico/scientifico.

Infatti la Guerra Fredda segnò l’inizio della Corsa allo Spazio e quindi dell’esplorazione
extraterrestre che incominciò ufficialmente il 4 Ottobre 1957 con il primo satellite artificiale
lanciato in orbita, lo Sputnik 1 ,orgoglio nazionale per l’URSS ,che neppure un mese più tardi ,il 3
Novembre 1957 ,fece il bis lanciando lo Sputnik 2 ,un’altro primato Sovietico ,perché a bordo
c’era un essere vivente ,la cagnetta Laika ,sopravvissuta all’ingresso in orbita ma morta in seguito
per stress.

Fu a questo punto che gli USA non poterono più accettare l’inferiorità sofferta in campo spaziale e
nel 29 Luglio 1958 gli Stati Uniti fondarono la loro agenzia Spaziale ,la famosa NASA e s’impegnò
ad inviare il suo primo satellite artificiale ,l’Explorer.

La “battaglia” continuò primato dopo primato


fino al 12 Aprile 1961 quando Yuri Alekseevic
Gagarin ,cosmonauta russo ,a bordo del Vostok 1
divenne il primo uomo nello spazio seguito ,il 5
Maggio ,dall’americano Alan Shepard a bordo del
Mercury 3.

A questo punto, il 25 Maggio 1961 ,il presidente


J.F.Kennedy annunciò l’inizio del programma Apollo ,destinato a portare l’uomo sulla luna.
Il 27 Gennaio 1967 l’Apollo 1
esplose sulla rampa di Lancio e fu
un grave colpo per la motivazione
degli USA che ci riprovarono fino a
raggiungere il loro obbiettivo il 20
Luglio 1969 con la missione Apollo
11 ,quando Neil Amstrong poté
muovere il primo passo umano sul
suolo lunare sotto gli occhi di tutto
il mondo attraverso la televisione
,pronunciando la famosa frase:

“ One small step for men ,a giant


leap for mankind “

“ Un piccolo passo per l’ uomo ,un


balzo da gigante per l’umanità “

Il 19 Aprile 1971 per ribattere al


successo della missione Apollo 11 i
sovietici lanciarono in orbita la
prima stazione spaziale ,la Salyut.

La Sfida andava via via scemando finche nel Luglio 1975 ,l’aggancio tra Apollo 18 e Soyuz 19 segnò
la prima missione spaziale congiunta tra USA e URSS nonché la vicina fine della Guerra Fredda.
CHIMICA
“Il Polietene e gli Alcheni”
Polietene
Il polietene (o polietilene) è il più semplice dei polimeri sintetici ed inoltre la più comune tra le
materie plastiche. Viene indicato con la sigla “PE” e ha formula chimica:
Essendo un polimero derivato dall’etene (o etilene) n può arrivare fino ad
alcuni milioni. Il polietene è stato sintetizzato la prima volta
accidentalmente dal chimica tedesco Hans Von Pechmann nel 1898 ma
fu solo negli anni ’50 ,anche grazie all’invenzione dell’hula hoop nel ’57
,che venne riconosciuto per le sue caratteristiche molteplici e sempre più
utilizzato nella vita di tutti i giorni.

Le applicazioni di questo materiali sono infatti tra le più comuni:

 rivestimento interno di confezioni in cartone per alimenti (per esempio cartoni del latte)
 flaconi per il contenimento di detersivi o alimenti
 borse di plastica
 giocattoli
 pellicole alimentari
 tappi in plastica
 tubi per il trasporto di acqua e gas naturale
 pellicola di rivestimento di cavi elettrici e telefonici

“ Codici identificativi di riciclaggio del polietene


ad alta densità (PE-HD) e di quello a bassa
densità (PE-LD) ,i più comuni in circolazione “

Come già detto il polietene è un Alchene ,andiamo quindi ad analizzare questo composto
organico.
Alcheni
Gli alcheni sono idrocarburi insaturi con formula generale C nH2n (ndr n=1,2,3,…) come nel caso
degli Alcani ,gli atomi di carbonio sono uniti tra loro grazie a legami covalenti in modo da formare
una catena aperta (lineare o ramificata) , una coppia C=C è però unita da un legame doppio. I due
atomi di carbonio coinvolti nel doppio legame hanno un’ibridazione sp2 ,di conseguenza possono
effettuare 3 legami forti di tipo sigma σ e un legame di tipo π.

Secondo la nomenclatura IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry) gli Alcheni
sono identificati dal suffisso –ene ,inoltre quando si individua la catena principale della molecola
,questa deve includere i due atomi di carbonio coinvolti nel doppio legame che devono essere
numerati con il valore più basso possibile. I più semplici :
etene (n=2) propene (n=3) butene (n=4)

Gli alcheni possono avere principalmente 3 forme d’isomeria : isomeria di catena ,isomeria di
posizione e isomeria cis-trans.

Le proprietà fisiche degli Alcheni sono simili a quelle degli Alcani data la loro somiglianza ,avranno
quindi un basso punto d’ebollizione e di fusione e una bassa solubilità in acqua ,appunto per la
mancanza di legami ponti idrogeno.

Gli Alcheni sono più reattivi degli Alcani ,questo perché il doppio legame tende a dividersi per
rendere la molecola più stabile ,le reazioni principali che possono effettuare sono :combustione
,addizione (di H2 ,un alogenuro ,acidi alogenidrici e acqua) e polimerizzazione(dal quale deriva il
polietene).

Addizione di H2O

Polimerizzazione (ndr X-Y =perossidi organici)

ITALIANO
“Analisi di ‘Uomo del mio tempo’ di Salvatore Quasimodo”
Biografia
Quasimodo nacque nel 1901 in Sicilia, a Modica (Ragusa) ,da padre
ferroviere. Frequentò l’Istituto per geometri a Messina ,dove
conobbe personalità di spicco quali Elio Vittorini ,Giorgio LaPira con i
quali ,a soli sedici anni ,fondò una rivista letteraria (Nuovo Giornale
Letterario). Dopo il diploma si trasferì a Roma per studiare al Politecnico ,senza però riuscire a
laurearsi. Sul piano letterario ,Quasimodo è un autodidatta ,appassionato
lettore di poesia ,a partire dai lirici greci. Pubblicò nel 1930 la sua prima raccolta “Acqua e terre”
seguita da “Oboe Sommerso”(1932) ,il capolavoro “Lirici Greci”(1949) ,”Ed è subito
sera”(1942) ,”Giorno dopo Giorno”(1947) e i saggi “Discorso sulla poesia”(1953) e “Il poeta e il
politico”. Premio Nobel nel 1959 ,muore a
Napoli nel 1968 a causa di un’emorragia cerebrale.

Uomo del Mio Tempo Uomo del Mio Tempo


di Salvatore Quasimodo di Salvatore Quasimodo
raccolta Giorno dopo Giorno raccolta Giorno dopo Giorno

Testo poesia: Parafrasi del testo:

Sei ancora quello della pietra e della fionda, Uomo del mio tempo,sei rimasto l’uomo del
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga, passato, colui che cacciava con fionda e pietre.
con le ali maligne, le meridiane di morte, Ti ho visto, nell’aeroplano, con le ali cariche di
t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche, bombe, nel carro armato, alle forche e agli
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu, strumenti di tortura. Si eri tu, con il tuo credo
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio, dedito allo sterminio, senza amore ne fede.
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora, Tu hai ucciso come fecero i nostri antenati
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero nell’uccidere animali inermi.
gli animali che ti videro per la prima volta. Questo sangue odora come il sangue di Abele
E questo sangue odora come nel giorno ucciso dal fratello nei campi. E quella frase
Quando il fratello disse all’altro fratello: “andiamo nei campi”,giunge fino a te fino alla tua
«Andiamo ai campi». E quell’eco fredda, tenace, giornata. Esorto i figli del nostro tempo a
è giunta fino a te, dentro la tua giornata. dimenticare le battaglie, le guerre combattute dai
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue nostri padri: le loro tombe sono coperte dalla
Salite dalla terra, dimenticate i padri: cenere della distruzione, il vento e gli uccelli neri
le loro tombe affondano nella cenere, le rendono inaccessibili.
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

Analisi testuale
La lirica Uomo del mio Tempo fa parte della raccolta Giorno dopo Giorno
del 1947 ,nel scriverla si rivolge all’umanità contemporanea ,esortandola
ad abbandonare il lato violento che l’ha sempre identificata fin dagli
albori. Il manoscritto è datato 23 Dicembre 1947 ed è probabilmente una
critica al lancio delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki avvenuto
in precedenza (rispettivamente il 6 Agosto e il 9 Agosto del ’45).
Il testo segna uno sviluppo della poetica dell’autore che integra all’impegno civile il messaggio
cristiano dell’amore e della solidarietà ,il Cristo è difatti un’allegoria dell’amore ,fondamento
d’impegno morale ,civile e sociale contro la violenza e la guerra.

Il linguaggio che usa il poeta è ricco di metafore ,tra le quali è giusto ricordare “ il carro di fuoco,
alle forche,alle ruote di tortura.” (carro armato e strumenti di tortura/morte) i termini utilizzati
evocano il lontano passato perché il poeta è convinto che l’uomo non sia cambiato. Il testo è
inoltre di facile comprensione escluso l’ultime battute “ le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore “ che possono avere molteplici interpretazioni
specifiche.

Alla fine del poema ,il poeta ,con un messaggio rivolto a tutti ,allude una speranza per il futuro
,esortando i figli a non commettere gli stessi errori dei loro padri. Si può quindi dire che
Quasimodo ,pur contestando aspramente l’uomo per ciò che ha fatto ,spera che in futuro il mondo
cambi ,in modo tale da non ripetere eventi disastrosi quali guerre ,genocidi e ogni altra forma di
violenza.

INGLESE
“Imagine” John Lennon

IMAGINE IMAGINE
John Lennon John Lennon
Single Singolo
Published in 11 October 1971(USA) Pubblicato nel 11 Ottobre 1971(USA)
Imagine there's no heaven  Immagina che non ci sia il paradiso
It's easy if you try  È semplice se ci provi
No hell below us  Nessun inferno sotto di noi
Above us only sky  Sopra noi solo il cielo
Imagine all the people  Immagina che tutte le persone
Living for today...  Vivano per l’oggi…

Imagine there's no countries  Immagina che non ci siano nazioni


It isn't hard to do  Non è difficile da fare
Nothing to kill or die for  Niente per uccidere o per morire
And no religion too  E neanche religione
Imagine all the people  Immagina che tutte le persone
Living life in peace...  Vivano una vita in pace…

You may say I'm a dreamer  Tu potresti dire che sono un Sognatore
But I'm not the only one  Ma non sono il solo
I hope someday you'll join us  Spero che un giorno ti unirai anche te a noi
And the world will be as one  E il mondo sarà un tutt’uno

Imagine no possessions  Immagina niente proprietà


I wonder if you can  Mi chiedo se ce la farai
No need for greed or hunger  Senza bisogno di avidità o fame
A brotherhood of man  Una fratellanza tra gli uomini
Imagine all the people  Immagina che tutte le persone
Sharing all the world...  Condividano tutto il mondo…

You may say I'm a dreamer  Tu potresti dire che sono un Sognatore
But I'm not the only one  Ma non sono il solo
I hope someday you'll join us  Spero che un giorno ti unirai anche te a noi
And the world will live as one. E il mondo sarà un tutt’uno.
“Imagine” is a song written and performer by the “Imagine” è una canzone scritta ed cantata dal
English musician John Lennon. The best-selling musicista inglese John Lennon. Il più venduto
single of his solo career ,its lyrics encourage the singolo della sua carriera ,le parole incitano
listener to Imagine a world at peace without the l’ascoltatore a Immaginare un mondo in pace ,senza
barrier of borders or the divisiveness religions and barriere di confine o religioni divisorie e
nationalities ,and to consider the possibility that the nazionalità ,ed inoltre di considerare la possibilità
focus of humanity should be living a life unattached che l’umanità possa vivere una vita senza proprietà.
to material possesions. The song has since sold La canzone ha finora venduto più di 1,6 milioni di
more than 1,6 million copies in the UK ;it reached copie nel UK ,e raggiunse la posizione n°1 nel
number one following Lennon’s death in December Dicembre 1980 poco dopo la morte di John Lennon.
1980. Rolling Stone rande it number 3 in their listo f La rivista Rolling Stone la posizionò 3 nella sua
“The 500 Greatest Song of All Time”. classifica delle “500 migliori canzoni di tutti i tempi”.

Il brano è solitamente letto in chiave pacifista ,ma lo


The song is usually read in a pacific way ,but the stesso Lennon ammise che i contenuti del testo di
same John Lennon admitted that the contents of “Imagine” la avvicinavano più al Manifesto del
the text of “Imagine” approaching better to the Partito Comunista che non ad un’inno alla pace.
Manifesto of the Communist Party that to a hymn Inoltre Lennon affermo che la canzone era:
to the peace. Lennon also said that the song was:
“Anti-religiosa , anti-nazionalista ,
“Anti-religious , anti-nationalistic , anti- anti-convenzionale , anti-capitalista ed è accettata
conventional solo perché spolverata di zucchero.”
, anti-capitalist and is only acceptede becouse it is
covered in sugar.”
“ Imagine” fu ,in quel periodo (piena guerra
“Imagine” was ,during that period (the Cold War) ,a fredda) ,un’inno per i nuovi movimenti pacifisti
hymn for the new peace movements tank to the proprio grazie ai temi che affronta. Difatti non è un
tems wich it addressed. In fact it’s not strange that caso che l’FBI tenesse sotto controllo il cantante
the FBI kep an eye on him ,considering him harmful ,ritenendolo dannoso a causa delle sue idee ,del suo
because of his ideas , his influence on the people talento nell’influenzare le masse e della sua
and his popolarity. popolarità.

Lennon died in 8 December 1980 killed by Mark Lennon mori l’8 Dicembre 1980 ucciso da Mark
David Chapman ,fervent Christian who didn’t David Chapman ,fervente cristiano che non
beared the Lennon’s statements of God and the tollerava le affermazioni di Lennon fatte su Dio e il
Paradise in “Imagine”. Paradiso in “Imagine”.

 
BIBLIOGRAFIA

“Storia ed Educazione alla cittadinanza 3” S.Zanichelli/G.Bonelli/P.Riccabone


Editore Atlas

“La Chimica di Rippa” Mario Rippa/Stefano Piazzini/Claudio Pettinari


Zanichelli Editore

“Invito alla Letteratura 3B” Giorgio Barberi Squarotti/Giordano Genghini/Annalisa Pardini


Editore Atlas

SITOGRAFIA

http://puntodidomanda.altervista.org/imagine-john-lennon-un-sogno-sottovalutato/

http://www.repubblica.it

http://www.pianetachimica.it

http://www.chimica-online.it

http://www.wikipedia.it