Sei sulla pagina 1di 7

O.C.D.S.

ORDINE SECOLARE DEI CARMELITANI SCALZI


SANTUARIO LA MADONNINA- CAPANNORI

«Ma voi chi dite che io sia?».


ADORAZIONE EUCARISTICA
DOMENICA 6 OTTOBRE ORE 16,30
1
2
INTRODUZIONE PRIMA DELL’ESPOSIZIONE

GUIDA: <<Voi che nel vangelo credete a quel che vi piace e non credete a
quello che vi dispiace, voi credete più a voi stessi che non al vangelo >> (S.
Agostino).
<<Per innamorarsene, Dio non posa lo sguardo sulla grandezza dell'anima, ma
sulla grandezza della sua umiltà>> ( S. Giovanni della Croce).
Guidati dai pensieri di questi due santi, riprendiamo i nostri incontri con Gesù
Eucaristia; con sentimenti di ubbidienza e di umiltà invochiamo su di noi
l’azione dello Spirito Santo che ci abita.

NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO

VIENI, SPIRITO SANTO. VIENI, FUOCO D’AMORE INVIATO DAL PADRE.


Vieni e accendi nei nostri cuori l’amore alla conoscenza della nostra salvezza.
SI’, VIENI CON I TUOI SANTI DONI, illumina il nostro intelletto
e infondi in noi il timore dei santi comandamenti,
affinché, calpestati i desideri carnali, noi sappiamo rientrare nel progetto
Divino, restaurato per noi da Gesù sulla Croce, mediante il nostro trascorrere
la vita, meditando ed operando nella Divina volontà. Amen.

ESPOSIZIONE DEL SANTISSIMO Canto T’Adoriam Ostia Divina

ADORAZIONE SILENZIOSA

1. LETTORE: Dal Vangelo secondo Luca (9, 18-22)


Un giorno, mentre Gesù si trovava in un luogo appartato a pregare e i
discepoli erano con lui, pose loro questa domanda: <<Chi sono io secondo la
gente?>>. Essi risposero: «Per alcuni Giovanni il Battista, per altri Elia, per altri
uno degli antichi profeti che è risorto». Allora domandò: <<Ma voi chi dite che
io sia?>>. Pietro, prendendo la parola, rispose: <<Il Cristo di Dio>>. Egli allora
ordinò loro severamente di non riferirlo a nessuno. <<Il Figlio dell'uomo, disse,
deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli
scribi, esser messo a morte e risorgere il terzo giorno>>.

GUIDA: <<Ma voi chi dite che io sia >>? questa domanda posta agli apostoli
3
oltre duemila anni fa investe l’uomo di tutti i tempi, investe anche noi: è
dentro le nostre coscienze e implica una risposta che investe tutto il cammino
della nostra esistenza.

2. LETTORE: Dalla predicazione apostolica 31-34 di Sant'Ireneo di Lione


… Come per l'opera di una vergine che aveva disobbedito, l'uomo fu ferito,
cadde e morì, così per l'opera di una vergine che ha obbedito alla parola di
Dio l'uomo è stato rianimato, e dalla Vita ha ricevuto la vita.
Il Signore è venuto a cercare la pecorella smarrita, ed era l'uomo che s'era
perduto; e se egli non ha assunto una qualunque altra carne umana
diversamente plasmata, ma per mezzo di questa stessa Vergine che era della
razza di Adamo, ha voluto mantenere la somiglianza con questa nostra carne
plasmata, tutto ciò è avvenuto per uno scopo ben preciso: perché Adamo
venisse ricapitolato nel Cristo - e così ciò che era mortale venisse assorbito e
inghiottito dall'immortalità - ed Eva venisse ricapitolata in Maria e così una
Vergine, divenendo l'avvocata di un'altra vergine, distruggesse e cancellasse la
disobbedienza di quella vergine con la sua obbedienza verginale. Il peccato
ch'era stato commesso per mezzo di un legno, fu distrutto per mezzo
dell'obbedienza patita sul legno conformemente alla quale il Figlio dell'uomo,
in obbedienza a Dio,` fu inchiodato sul legno: distrusse in tal modo la scienza
del male e rivelò e comunicò la scienza del bene. Il male è appunto
disobbedire a Dio mentre il bene è obbedirgli.…

ADORAZIONE SILENZIOSA

3 LETTORE: dal vangelo secondo Giovanni (3,13-17 - 14,31)


In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: <<Nessuno è mai salito al cielo, se non
colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il
serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché
chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo
da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma
abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per
condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui >>.
<<Bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre e faccio quello che il Padre
mi ha comandato>>.

4
GUIDA: Signore Gesù, vivo pane del cielo, che hai detto: <<Imparate da me
che sono umile e mite di cuore>>,
TUTTI: per la larghezza del tuo perdono, vieni e infondi nei nostri cuori la
mitezza e l’umiltà per rientrare nel tuo amore che salva.

PAUSA DI SILENZIO

4. LETTORE: Dal vangelo secondo Giovanni ( 14, 15,21,23,24 e 15, 9-17)


<< Se mi amate, osserverete i miei comandamenti>>. <<Chi accoglie i miei
comandamenti e li osserva, questi mi ama>>. <<Chi mi ama sarà amato dal
Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui>>. <<Se uno mi ama,
osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e
prenderemo dimora presso di lui>>. <<Chi non mi ama non osserva le mie
parole; la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha
mandato>>.
<<Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Rimanete nel mio
amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come
io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.
Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia
piena. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi
ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri
amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo più
servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati
amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi. Non
voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e
portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al
Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli
altri >>.
GUIDA: GESÙ, nostro Dio e nostro Salvatore, che con la tua obbedienza
costata sangue, ci hai fatto conoscere e amare il Padre, nome d'amore, che
solo con l'amore possiamo incontrare, noi ti preghiamo:
TUTTI: vieni nei nostri cuori e, con il fuoco e la luce del tuo Spirito, fa’ che
impariamo ad obbedirgli con amore, come hai fatto Tu.
E per la larghezza del tuo perdono, converti i nostri cuori al tuo amore che
salva.

5
ADORAZIONE SILENZIOSA

GUIDA: << Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini >> (Atti 5, 27-33)
<<Obbedire a Dio>> ha detto Papa Francesco nell’omelia in s. Marta 11aprile
2013 <<è ascoltare Dio, è avere il cuore aperto per andare sulla strada che Dio
ci indica. E questo ci fa liberi. Dio non può essere oggetto di negoziato. E la
fede non prevede la possibilità di essere <<tiepidi>>, <<né cattivi né buoni>>,
cercando con «una doppia vita» di arrivare a un compromesso per «uno status
vivendi» con il mondo>>. (da: L'Osservatore Romano, ed. quotidiana, Anno CLIII, n. 85, Ven.
12/04/2013)
SIGNORE DIO, PADRE ETERNO DELLA VITA, Tu che tutto puoi, non guardare
alle nostre colpe, ma per l’amore del tuo “Figlio prediletto nel quale ti sei
compiaciuto”,
“Degnati di concederci, Padre buono e santo, un’intelligenza che ti
comprenda, un sentimento che ti senta, un animo che ti gusti, una diligenza
che ti cerchi, una sapienza che ti trovi, uno spirito che ti conosca, un cuore
che ti ami, un pensiero che sia rivolto a te, un’azione che ti dia gloria, un udito
che ti ascolti, degli occhi che ti guardino, una lingua che ti confessi, una parola
che ti piaccia, una pazienza che ti segua, una perseveranza che ti aspetti, una
fine perfetta, la tua santa presenza, la risurrezione, la ricompensa e la vita
eterna”. (San Benedetto da Norcia)

ADORAZIONE SILENZIOSA

GUIDA: E noi, con Pietro tornato dietro a Gesù, ci incamminiamo con lo


sguardo fisso su di lui, ascoltando la sua parola che ci dice: "Se qualcuno vuol
venire dietro a me... prenda la sua croce e mi segua”.
TUTTI: Seguirti Gesù, obbedire al tuo comandamento, è dire sì all’Amore, è
dire sì alla vita, è vivere l’Amore.

1. LETTORE …Vivere d'amore è custodirti, Verbo increato! Parola del mio Dio!
Io t'amo, e tu lo sai, divino Gesù! Lo Spirito d'amore m'incendia col suo fuoco.
Amando Te attiro il Padre, che il mio debole cuore conserva, senza scampo. O
Trinità! Sei prigioniera del mio amore.
Vivere d'amore è vivere della tua vita, Re glorioso, delizia degli eletti! Tu vivi
per me nascosto in un'ostia... Ed io voglio nascondermi per te, Gesù mio!

6
Occorre solitudine agli amanti, un cuore a cuore che duri notte e giorno: il solo
tuo sguardo mi fa beata: io vivo d'amore!
(P. Vivere d’amore S. T.G.B e del V. S.)

PADRE NOSTRO

Preghiere conclusive

Canto n. 14 “Adoriamo il Sacramento”


e reposizione del Santissimo