Sei sulla pagina 1di 2

 AA56 – Arpa

 AB56 – Chitarra
 AC56 - Clarinetto
 AD56 - Corno
 AE56 - Fagotto
 AF56 - Fisarmonica
 AG56 - Flauto
 AH56 - Oboe
 AI56 - Percussioni
 AJ56 - Pianoforte
 AK56 - Saxofono
 AL56 - Tromba
 AM56 - Violino
 AN56 - Violoncello

Le ore di insegnamento sono destinate alla pratica strumentale individuale e/o per piccoli gruppi,
all’ascolto partecipativo, alla musica d’insieme e alla teoria e lettura della musica (un’ora a
settimana per classe o per gruppi strumentali).

Ogni scuola, nel rispetto dell’autonomia organizzativa e didattica, possa adeguare questo modello
organizzativo prevedendo anche attività di approfondimento, potenziamento e recupero.

L’orario settimanale di lezione per il docente di strumento consta di 18 ore, un’ora di lezione
individuale pomeridiana per ogni alunno.
La musica d’insieme prevista, viene svolta in alternanza alle lezioni individuali e teoriche.
Il saggio di Natale di solito viene svolto dalle classi seconde e terze, mentre la classe prima è
esclusa a causa del poco tempo a disposizione per la preparazione dei brani. Le classi coinvolte
studieranno le parti orchestrali predisposte e successivamente si incontreranno con gli altri
strumentisti per le prove di musica d’insieme.
Per quanto riguarda la programmazione, è necessario dire che tutti gli alunni in prima partiranno
da zero e quindi non ci si potrà avvalere dei test d’ingresso per stabilire da dove poter far partire il
nostro lavoro. Perciò la programmazione per la classe prima dovrà partire dalle basi
dell’impostazione strumentale e proseguire poi secondo le indicazioni presenti nell’Allegato A del
D.M. 201/99. Si partirà naturalmente con un tipo di programmazione conforme e rispettosa degli
obiettivi generali previsti dall’Allegato, ma si dovrà essere pronti nel corso dell’anno a mettere in
atto degli interventi mirati poiché sicuramente non tutti gli alunni avranno lo stesso ritmo di
apprendimento. Generalmente si cercherà di portare a fine anno tutti gli alunni almeno al
raggiungimento degli obiettivi minimi.
La programmazione è suddivisa in 4 punti principali: orientamenti formativi, obiettivi di
apprendimento, contenuti fondamentali e competenze.
Per quanto riguarda la valutazione periodica e finale, la verifica dei risultati del percorso didattico
relativo all’insegnamento strumentale, si basa sull’accertamento di una competenza di dominio
strumentale in funzione di una corretta produzione dell’evento musicale con rispetto della
struttura frastica, metro-ritmica, melodico-armonica e delle connotazioni di tipo agogico-
dinamiche. I criteri di valutazione dovranno ispirarsi ai criteri generali della valutazione formativa
propria della scuola media.