Sei sulla pagina 1di 100

RUNNERSWORLD.

IT
SALVIAMO
IL PIANETA
RENDI LA TUA CORSA

21K
ECOSOSTENIBILE
20 PAGINE GREEN

IL PIANO NEI LUOGHI


DEL TERREMOTO
PERFETTO
I CONSIGLI DEL COACH
Aquila, Amatrice,
Campotosto…
Viaggio di corsa
nei paesi colpiti
PER UNA MEZZA dal sisma
MARATONA DA RECORD
LE PIÙ BELLE
GARE D’AUTUNNO IMPARA A
RESPIRARE
Nel running oltre
alle gambe
SCOPRI QUANTO VALI contano
I test per calcolare i polmoni.
i tuoi tempi su 5 km, ALLENALI COSÌ!
10 km, Mezza, Maratona
Simona
Quadarella,
20 anni, con un’anima
da runner, oro
ai recenti Mondiali
di nuoto nei 1500.

DOLORE AL PIEDE? MENSILE - ANNO 14 - SETTEMBRE 2019

Ecco da cosa
ISSN 1827-2045 p.i. 28/08/2019
€ 5,50

può dipendere
in Italia

L A R I V I S TA D E L L A C O R S A P I Ù L E T TA A L M O N D O
sommarr
sommario SETTEMBRE 2019 N. 9

CO N S I G LI UTILI,
D R IT TE D EG LI
E S PE R TI , Speciale IN QUESTO NUMERO
I N FO R MA Z I O N I
VE LO CI E GREEN Venti pagine “Green” dedicate alla
APPRO FO N D I M E NTI corsa ecosostenibile. Dalle gare più
A MISURA DI RUNNER meritevoli ai prodotti più eco per
runner amanti del pianeta, passando
per le iniziative più lodevoli.
P.2 Share Paolo Venturini

59
// P.4 Startline Possono i
runner salvare il mondo?
// P.8 Lettere Gli scritti
dei nostri lettori // P.12
Training Respira meglio
per correre più a lungo
Y IMAGES
e più veloce // P.14 FOTO GETT

Allenamento Qual è il NZE


ESPERIE
ATURE /
RT FOR N ETRINA
tuo ritmo gara? // P.16 E D E L R UNNING
/ PARKR
F O R
UN / SPO
S B ERG / AL
IMENTAZ
IONE / V
.IT 59
E
RONTIER A EMELI
ERSWORLD
RUNN
LE ECOF ERVISTA
RT / INT
Principianti Cambia ESOSPO
07/08/2019
15:20:57

ritmo // P.18 Check up


Tre cause comuni di
6 0 LE ECOFRONTIERE DEL RUNNING 6 6 SPORT FOR NATURE 7 2 ECO COPPIA
dolore al piede nel runner • Anche i maggiori • Il lato verde dello sport. • L’intervista a Emelie
// P.20 Alimentazione organizzatori di eventi Forsberg, la forte ultra runner
di corsa puntano a un futuro 6 8 IL CONVEGNO compagna di Kilian Jornet.
Tieni pronto un piano B più green. • Lo sport fa bene al lavoro.
// P.24 Atletica Ecco la 7 6 NUTRITION
pista di Livigno // P.26 6 5 PARKRUN 7 0 ESOSPORT • Siamo ciò che mangiamo.
• La comunità da sei milioni di • Economia circolare e
Lifestyle La storia della runner che si trova per correre sostenibilità. Il primo progetto 7 8 VETRINA
cicala e della formica // una 5K una volta alla settimana. di riciclo di scarpe in Italia. • La sfide nel carrello.
P.81 RW Consiglia Mezze
Maratone di Autunno //
P.91 Le gare top del 2019
Dai 10K alla Maratona
MAGAZINE
28 COVER STORY – SIMONA QUADARELLA
L’ intervista alla giovane campionessa del nuoto

3 4 UN A ME Z Z A M AR ATON A IN AU T UNNO
Ascolta i consigli del nostro coach

38 VERSO LA RICOSTRUZIONE
Viaggio di corsa nei luoghi del terremoto

4 6 YA S S I N E R A C H I K – O N T H E R O A D
Il campione si racconta
IN COPERTINA: Simona
Quadarella fotografata da Guido 50 RUN THIS CITY
Napoli, la città dei mille colori
De Bortoli/Getty Images
Share
Sommario

I PROTAGONISTI DI QUESTO NUMERO DI RUNNER’S WORLD CONDIVIDONO CON NOI I LORO CONSIGLI E LE LORO EMOZIONI.

PAOLO VENTURINI
IL RUNNER DELLE SFIDE
p. 38 «Oggi, al di là delle
donazioni che fanno sicuramente
comodo, un modo per aiutare
concretamente le popolazioni
colpite dai terremoti del 2009
e del 2016 è di organizzare un
weekend o di partecipare a una
delle corse organizzate in queste
zone. Fermarsi in un ristorante,
soggiornare in un hotel, acquistare
un chilo di pane, entrare in un
museo, portarsi a casa uno dei
prodotti enogastronomici locali
contribuirà a far girare l'economia».

2 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI

WAVE SKY 3
Totalmente rinnovata con le tecnologie più
all’avanguardia, per farti sperimentare
nuove frontiere del running. mizuno.it
STARTLINE

Possono i runner
salvare il mondo?
CHE SIA PER PUNTARE ALLE OLIMPIADI o perdere fumante e tutte quelle volte che potremmo la-
qualche chilo di troppo, per scoprire sciare a casa la vettura per spostarci
luoghi nuovi o per migliorare il a piedi, in bici... o perché no, di
personal best nella gara del cuo- corsa. In molte parti del mon-
re, ognuno di noi cerca di dare do il running è diventato uno
un senso ai chilometri di corsa strumento di trasporto casa-
macinati ogni giorno. Ma hai lavoro. A Londra ci sono
mai pensato che la tua corsa può migliaia di “commuters”,
essere utile al pianeta? di pendolari che corrono
Non stiamo scherzando. Seb- con il loro zaino in spalla
bene noi di Runner's World siamo per decine di chilometri
sempre stati i primi a pensare che la ogni giorno per recarsi in
corsa è una di quelle “materie” che uicio o in azienda. Hanno
vanno prese con leggerezza. Passione, trasformato il running in uno
ma non fissazione! stupefacente mezzo di trasporto
Siamo altrettanto convinti che la a zero emissioni. Mai sottovalu-
corsa abbia un ruolo più che serio nel tare il potere della corsa...
contesto della nostra società. È chiaro La nostra passione ci insegna a
a tutti che il running, così come molte essere parchi. Ad avere una dieta
delle pratiche sportive quotidiane, rap- equilibrata che, come ci racconta la
presenta un reale strumento di riequilibrio nostra nutrizionista Bianca Balzarini
psicofisico, in grado di migliorare la qua- nelle pagine di questo magazine, as-
lità della nostra esistenza, di prevenire le somiglia quasi sempre alla classica Sveliamo
malattie e allungare la vita. Ma se guar- dieta mediterranea, fatta di prodot- i segreti
diamo bene, la corsa è di più... un motore ti a km zero e di tanta frutta e ver- dell’Area 51!
sociale; un gesto civile; il filo invisibile dura. Le grandi gare, anche quelle 20 settembre 2019 è
che unisce delle persone potenzialmente che per fare spettacolo inquinano, la data in cui i segreti
più sensibili al territorio, all'ambiente e a tutto ci stanno dando segnali importanti in tema di della mitica “Area 51”
ciò che ci circonda. rispetto ambientale, come ci racconta Carlo del Nevada potrebbero
I runner sono un'arma potentissima a fin di Capalbo. Seguiamoli, incoraggiamoli predili- cadere. E ad abbattere
bene. Uno strumento utile per aiutare il nostro gendo le gare che investono nella sostenibilità; il muro di silenzio e di
pianeta che sofre per decenni di abusivi e so- sorpassiamoli, diventando più virtuosi di loro presunti sviamenti che
prusi. Possiamo farlo semplicemente essendo nei comportamenti in gara e nella vita di tutti i vedrebbero impegnato
noi stessi. Il meglio di noi e di ciò che la corsa giorni: rinunciamo alle plastiche monouso e non il governo americano da
ci insegna ogni giorno. gettiamo cartacce in terra. Il regalo più bello per oltre 70 anni, potrebbe
essere un esercito
Correndo respiriamo, sbuiamo e ci alimen- ogni runner è correre al cospetto di un cielo blu di runner. Atleti
tiamo dell'aria che ci circonda. Se quest'aria è e di uno dei panorami che solo la natura riesce amatoriali che hanno
inquinata siamo i primi a sofrirne. Un principio a regalarci. Ed è questo ciò che raccontiamo in deciso di rispondere
banale, che andrebbe tenuto in buon conto ogni queste pagine. Buona lettura. alla chiamata
volta che sgasiamo con la nostra vecchia auto Rosario Palazzolo dell'australiano Jackson
Barnes, per riversarsi
nell'area militare top
secret prendendo parte
all'evento dal titolo:
“Storm Area 51, They
Can't Stop All of Us”.
Tutti con un sogno nel
cassetto: “Vedremo gli
alieni”!

4 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI
runnersworld@edisport.it

Direttore responsabile Hanno collaborato EDISPORT HEARST MAGAZINES


PIERO BACCHETTI Bianca Balzarini, Caitlin Carlson, EDITORIALE Srl
edisport@edisport.it Matteo Di Felice, Cindy Kuzma, INTERNATIONAL
Via Don Luigi Sturzo, 7 Simon Horne
Kilian Jornet, Georgie
20016 Pero (MI) SVP/Managing Director Asia Paciic
In Redazione Lane-Godfrey, Lymbus, Fulvio
Tel. +39.02.380851 & Russia
MAX GRASSI (Caposervizio) Massini, Sergio Migliorini, Micol
Fax +39.02.38010393
max.grassi@edisport.it Ramundo, Philipp Reiter, Fabio Richard Bean
www.edisport.it
MAGDA MAIOCCHI (Responsabile Tecnica) Rossi, Josep Serra/Lymbus. Marco Director of International Licensing &
magda.maiocchi@edisport.it Tarozzi, Paolo Venturini Presidente Business Development
Kim St. Clair Bodden
PIERO BACCHETTI
Fotograie SVP/Editorial & Brand Director
Special Contributors Guido De Bortoli, Pierluigi Benini, Chloe O’Brien
© Copyright 2019 Edisport Editoriale
ROSARIO PALAZZOLO Dino Bonelli, Giancarlo Colombo, Deputy Brands Director
S.r.l. - Milano. Tutti i diritti di proprietà
rosario.palazzolo@edisport.it Getty Images, LaPresse, Matteo Shelley Meeks
letteraria e artistica riservati.
DARIO MARCHINI Menapace – VideoE20, Andrea Executive Director, Content Service
Manoscritti e foto, anche se non
dario.marchini@edisport.it Schilirò
pubblicati, non vengono restituiti.
© 2019 Hearst Magazine International.
Servizio Graico
MARIA CELICO
Stampa
TIBER Spa
Tutti i diritti riservati. Pubblicato su Runner’s World
Sabrina Brambilla Via della Volta, 179 - 25124 Brescia
Licenza di Hearst Magazine
International. La riproduzione in
nel mondo
Patrizia Civati Direttori
qualsiasi modo, in qualsiasi lingua, per
Vincenzo Palmieri Distributore America Latina
intero o in parte, è proibita senza
Tamara Viganò SO.DI.P. Australia
preventivo permesso scritto.
Barbara Zaltieri Via Bettola, 18 - 20092 Cinisello Lisa Holmes
Balsamo (Mi) - Tel. 02-660301 Brasile
Direttore di Produzione Andrea Estevam
PAOLO CIONTI Distributore per l’estero Cina
SO.DI.P Spa Per la pubblicità su R Ming Chen
Coordinamento tecnico Via Bettola, 18 Francia

E
ALBERTO ORIGGI, LORENZO PUCCI 20092 Cinisello Balsamo (Mi) Benoit Maurer
Tel. 02-66030400 Germania
Martin Gruening
Direttore dei sistemi informativi Fax 02-66030269
Norvegia
FRANCESCO FORTE e-mail: sies@siesnet.it Comedi S.r.l.
Eivind Bye
via Don Luigi Sturzo 7
Olanda
Poste Italiane Spa - Sped. in abb. post. 20016 Pero (MI)
Oliver Heimel
- DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 tel. 02-38085297
Polonia
n.46) art. 1 comma 1, LO/MI fax 02-38010393
Marek Dudzinski
Registrazione del Tribunale di Milano n. E-mail: info@comedi.it
Regno Unito
840 del 31/10/2005 Registrazione al Internet: www.comedi.it
I nostri Esperti R.O.C. n.22796
Andy Dixon
Sud Corea
Seongjung Yoon
Prof. Rodolfo Tavana
Sudafrica
Coordinatore scientiico Mike Finch
Prof. Fulvio Massini Spagna
Coordinatore tecnico Svezia
Dott. Sergio Migliorini Anders Szalkai
Medico dello sport
e traumatologo Non dire che non sai correre. Turchia
Fatih Buyukbayrak
Prof. Andrea Molina
Preparatore atletico
Dì che non sai “come” correre. Ungheria
Brigitta Birta
Dott. Luca Gatteschi
Medico dello sport,
Allora non avrai più alibi. Usa
Jeff Dengate
nutrizionista Respira profondo. E lasciati ispirare.
Dott. Andrea Colombo
Psicologo dello sport
Nicoletta Tozzi
Professional Coach PCC

Contributors

Roberto Cipollini RUNNER’S WORLD PARTNER


Riccardo De Gaetano LA TROVI ANCHE SU
Corrado Montrasi www.shop.edisport.it
Silvio Omodeo
Giuliano Orlando
Cristina Piccinotti
Micol Ramundo
Irene Righetti www.runnersworld.it

6 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI
nel proprio se stesso che ti
LE LETTERE permette di affinare i pensieri,
le emozioni, le percezioni.
Tante le ragioni per correre. Ma bisogna anche saperle raccontare. Nella corsa, soprattutto in
Come negli scritti dei nostri lettori e in particolare nella RW Letter. quella dei maratoneti, ci trovo
anche un senso quasi religioso
dell’essere umano. Non è solo
un movimento, un gesto,
un’attività, ma manifestazione
del proprio essere, una sorta di
canto fisico elevato al cielo.
Per questo alla fine di una gara,
quando un atleta si inginocchia
a baciare il terreno, sento che
IL SANTONE GUARITORE la corsa ha in sè qualcosa di
Alla fine, mi hanno convinto. Dopo mesi di
ricerche su internet e di consigli anche io sono universalmente etico e di
andato dal Santone. Non ne potevo più di distanze universalmente comprensibile
sempre più corte. Ebbene sì, sono andato, mi all’essere umano di qualsiasi
hanno convinto. Arrivo, tolgo i vestiti, entro in latitudine.
una stanza che è piena di cose, attrezzi, musica ERNESTO DE FEO
di sottofondo, sono intimorito. Dopo i saluti di
rito, una serie di domande e valutazioni che non FERMATI E SII FELICE
comprendo finalmente mi fa stendere e impone Quando ho visto questa foto
le mani sul mio corpo. Passa qualche minuto di
(qui sotto) ho pensato subito di
silenzio e poco altro, quindi sentenzia: “il tuo
problema principale non era al ginocchio, ma alla Al nostro lettore Marco Bertelli per questa
buttarla. Sfigurata e
caviglia, non ti preoccupare l’ho già risolto”. “Ma divertente lettera va uno Zaino/Gilet immobilizzata in quel
quando? - penso io -. Ecco, mi sono fatto fregare, è Raid Light Responsiv 18l “made in France” movimento goffo, tanto quanto
arrivato il Santone guaritore che mi ha spennato”. + 2 Eazyflasks da 600 ml. son goffa anch’io. Sono in
E invece sbaglio, perché qualcosa cambia. Dal Con un volume né troppo grande né troppo sofferenza, in sforzo, in
giorno successivo inizio a correre e non ho più piccolo, ecco il fratello maggiore del classico sbilanciamento, con il cuore
problemi, macino e macino chilometri. Dopo una Responsiv 10L. Lo zaino/gilet Responsiv 18L è
progettato e realizzato interamente in Francia. che lavora (lavora per me
sbronza corro quasi 20 km come se nulla fosse, anche se non ho fiducia al
Grazie a procedure di ultima generazione, al
non mi fermerei mai. Ma allora il Santone esiste! taglio laser, alla termosaldatura e allo schienale in 100% in lui), tutta rossa e
E io stupido non ci credevo! Chi avrebbe mai schiuma, assicura grande comfort durante le corse
detto che quello che altri non avevano saputo sudata, sento la solidità in ogni
off-road. Pensato per elevate performance, fa
risolvere, sarebbe stato così semplice. Allora devo parte della gamma Lazerdry, ed è stato concepito appoggio, il respiro che ogni
passare la voce, anzi devo gridarlo a tutti: se avete per gli ultra-trail puntando su polivalenza e tanto diventa sospiro, la testa
problemi, rivolgetevi ad un Santone! Un santone leggerezza. Inoltre, l’inserto della tasca principale vuota con il solo pensiero di
che, naturalmente stavo scherzando, è in realtà permette di infilare una sacca di idratazione di fare un’impresa che siano 3 o
un ottimo fisioterapista super preparato che mi capacità fino a 2,5 litri. Per adattarsi a qualsiasi
morfologia, la regolazione dello zaino si effettua 42 km. Dovrei guardarla ogni
ha seguito e incoraggiato fino a risolvere tutti i grazie a un sistema micrometrico. Il valore dello mattina: per ricordarmi cosa
problemi. Grazie mille Michele! zaino/gilet Responsiv 18L con le due comode
MARCO BERTELLI Eazyflasks da 600 ml è di 170 euro.

UN FUOCO INTERIORE consigli dell’allenatore, ho fatto subito voglia di correrci sopra.


Due gradi alle otto del mattino tutto il possibile. E adesso sono È sempre così da quando ho
e siamo a metà aprile, ma chi qui impaziente di sentire il dei ricordi. Il profumo dell’erba,
me lo ha fatto fare, e così pure segnale della partenza in il piacere di sentire un soffice
per tutte queste persone qui mezzo a questa folla di manto sotto i piedi, avvertire il
con me. Fa freddo, sono persone, di runner per vento sulla faccia mentre corri,
agitato e preoccupato, mi sono passione, che come me si sono le cose più piacevoli che
preparato per tanti mesi per mettono alla prova, danno il ci possano essere. E questo
trovarmi qui a Parigi alla massimo e sentono che devono impulso mi prende anche
Schneider Electric Marathon, farlo, non possono fare adesso che non sono più un
ho un obiettivo, un obiettivo altrimenti, devono correre ragazzino. Proprio per questo
importante, voglio migliorare il perché lo sentono dentro. spontaneo piacere di correre
mio tempo, per me è È come un fuoco interiore ancora oggi che ho 60 anni ci
importante. Ho 53 anni questa e va sempre alimentato. provo sempre anche se ho
è la mia terza maratona e spero A proposito ho terminato talvolta dolori alla schiena,
non sia l’ultima. Mia moglie il percorso in 3:29’02’’ e non alla caviglia ecc. Correre ti
dice che esagero, che non ho faceva più freddo. Evviva sono permette di sentire ed entrare
più vent’anni, ma io voglio pronto per la prossima sfida. nel mondo circostante, di
arrivare in 3:30’, per questo per LUCA DI GIUSTO assaporarne tutte le sensazioni,
tutto l’inverno mi sono allenato di percepire il silenzio, il vento,
tanto, ho seguito una dieta (in UNIVERSALE i profumi, il verso di una
cui ho coinvolto forzatamente Non so resistere proprio e rondine piuttosto che quello di
tutta la famiglia), ho seguito i quando vedo un prato mi vien una tortora. È un’immersione

8 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI

CROSS COLLECTION

RU N W ITH AGILIT Y
IN TO UGH CO NDITIO NS

X
T
G
5
S
S
O
R
C
D

X
X

T
T

G
G

P
S

S
S

S
S

O
O

R
R

C
C

A
R
E

H
P

P
U

L
A
S
sono capace di fare anche
sbuffando, anche con i miei kg
in più, anche con i 50 anni che
sono più vicini dei 40, anche
maledicendo ogni metro che
corro, anche con il gonnellino
impietoso e un’imbragatura
medievale addosso che me lo
toglie quel fiato che tanto mi
serve. Un passo dietro l’altro
finché non attraverso un arco
gonfiabile che dice “fermati e
sii felice”. Anche se arrivo Il “nostro” Recovery Panel
ultima. Si chiama forza. Ce l’hai «L’allenamento “Recovery Panel”, Un evento che è performance.
anche se non entri in una taglia serve a migliorare l’incontro dedicato nato in Messaggi univoci
40 e se ti dicono che non puoi la capacità di al tema del concomitanza con sono venuti da tutti
fare o dire certe cose. Non ti adattamento del recupero nel il lancio di JoyRide, i relatori. Non a
para dagli sgambetti, ma ti nostro corpo allo running, che la nuovissima e caso, nel mese di
insegna a piangere finché vuoi, sforzo, ma Runner’s World ha inedita scarpa di agosto, Runner’s
a ripartire piano, da capo, ogni l’adattamento non curato insieme a Nike adatta alle World ha
volta che cadi e ti sembra progredisce in Nike a Milano. giornate in cui la pubblicato uno
impossibile tornare dritta sulle automatico. Appassionati di corsa serve ad speciale di 30
tue gambe.   Occorre agire su running, tra i quali aiutare la pagine dedicato al
DONATELLA MOSENGHINI più fronti per anche 5 fortunati rigenerazione del tema del recupero,
consentire al corpo lettori di RW, e fisico, e che proponendo un
RITROVARE IL SORRISO di rigenerarsi e di molti addetti ai intende portare in approfondimento a
Quando ho iniziato a correre crescere. In lavori hanno primo piano tutto campo che
non avrei mai pensato di quest’ottica il potuto ascoltare i l’attenzione verso vuole essere di
diventare una pseudo podista recupero è consigli di alcuni l’importanza del supporto a ogni
dipendente da tabelle di l’ingrediente dei più noti Recovery come runner. Il numero
allenamento. Qualche anno fa essenziale di ogni professionisti ed elemento di del magazine è
grazie ad amici mi sono posta il programma di esperti nel settore: prevenzione dagli acquistabile in
primo obiettivo, ossia di allenamento». il coach Huber infortuni e di versione digitale
riuscire a correre 10 km, dopo Il “doc” Sergio Rossi; il chirurgo massimizzazione sul sito ufficiale di
di che sono entrata Migliorini è stato sportivo e fisiatra della performance. Runner’s World
decisamente nel “tunnel” chiaro: il Recovery Sergio Migliorini, Runner’s World e Italia.
facendo cose mai fatte tipo è una parte Medical Nike sono convinti «Dobbiamo avere
ripetute in salita, allenamenti fondamentale Contributor di RW; che la conoscenza ben chiaro che il
del nostro il mental trainer del significato di recupero è parte
alle 5.30 del mattino. Trovo
allenamento. Stefano Tirelli; la recupero e fondamentale
ancora sorprendente la cosa.
I messaggi del nutrizionista l’utilizzo di della nostra
Adesso adoro solo i negozi di
nostro Medical Consuelo Volpi; il tecniche e preparazione,
articoli sportivi, si corre con
Contributor, maratoneta tecnologie in perché recupero
qualsiasi condizione
nonché medico azzurro Yassine questo campo, significa saper
meteorologica, abbino una
dello sport, fanno Rachik. Un Panel di siano la base per gestire
corretta alimentazione, e se
parte degli approfondimento, vivere al massimo l’allenamento e più
per caso salto una seduta...
interventi di diversi condotto dai la propria in generale il
umore nero tutto il giorno! proprio stile di vita,
esperti che il 25 giornalisti Ghilda esperienza di corsa
Addirittura lo scorso anno ho e per migliorare la l’alimentazione, i
luglio scorso hanno Pensante e Rosario
preparato la mia prima animato il Palazzolo. propria nostri impegni
maratona... 4 mesi di sacrifici sociali e il sonno»
che però mi hanno dato tanto. è il consiglio di
Dopo l’allenamento del mattino Huber Rossi, tra i
arrivo al lavoro piuttosto tanti proposti dagli
sconvolta, i miei colleghi mi esperti presenti al
dicono che si capisce dallo Panel. È possibile
stato dei capelli se ho già fatto ascoltare in modo
la mia corsa o meno. Arrivo integrale gli
affaticata, l’effetto rigenerante interventi del
della corsa mattutina devo “Recovery Panel”
ancora sperimentarlo, ma però collegandosi al sito
sono tanto felice di aver fatto il di Runner’s World
mio dovere. Ormai la corsa è Italia dove è
un’amica con cui mi confronto, disponibile il video
a volte un po’ pesante, ma che dedicato
mi aiuta a ritrovare il sorriso. all’incontro. (R.P.)
STEFANIA GIACOMETTI

10 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI

Leggera, reattiva, aderente, perfetta per la corsa in montagna


e su terreni sterrati: è studiata, sviluppata e testata
in Val di Fiemme, Trentino, Dolomiti. Tomaia AirMesh a costruzione
slip-on, stabilizzatore STB Control™, suola bi-mescola FriXion® Red,
inserto Cushion Platform che assorbe gli impatti.
SHOP NOW ON WWW.LASPORTIVA.COM
Bushido II: a new way for trail running.
DI CINDY KUZM A

Respira meglio per correre


più a lungo e più veloce

STOP ALLE FITTE


Le fitte al fianco
spesso si presen-
tano a causa di un
crampo al
diaframma
o a qualche altro
muscolo implicato
nella respirazione,
perché il ritmo
respiratorio ha
superato la soglia
ventilatoria. Per
farle passare, prova
a respirare così:
rallenta, chiudi le
labbra ed espira
LO SAPPIAMO, i nostri quadricipiti e mentale, e questo anche durante le gare
i muscoli del polpaccio lavorano tanto dove la posta in gioco è alta. Se ti concentri lentamente con
durante la corsa per spingerci in avanti. su una respirazione ben fatta sarai in grado forza, come se
Eppure non sono i soli a faticare, c’è anche di spingerti oltre la fatica e mantenere una dovessi spegnere
il diaframma. «A ogni contrazione, questo buona azione di corsa. Ecco come.
muscolo chiave per la respirazione ci aiuta le candeline. Il
a espandere i polmoni, consentendoci • Livello base – Rallenta e respira diaframma si
di incamerare l’ossigeno necessario ai di pancia
muscoli per fabbricare energia», spiega Per quale motivo i runner principianti
rilasserà. Anche
Michael Jordan, direttore del Research & hanno sempre il fiatone? Perché non hanno assumere un gel
Education al Fast Track Sports Medicine & ancora sotto controllo la risposta di “fight può essere utile
Performance Center di Fairfax, in Virginia. or flight” (combatti o fuggi), che il nostro
Durante la normale respirazione, inaliamo fisico mette in atto in modo istintivo di perché uno squili-
ossigeno ed esaliamo biossido di carbonio. fronte a un pericolo o a uno stress acuto. brio di elettroliti
FOTO DI GETTY IMAGES

Sotto sforzo, questo naturale meccanismo Questo ha ripercussione sul cuore e sui può limitare il
può non funzionare bene, generando ansia polmoni del runner neofita, che finisce
e fiato corto. Se rendi la tua respirazione per superare la propria soglia ventilatoria, lavoro dei muscoli
più efficiente, puoi controllare meglio il quel punto oltre il quale non si riesce a respiratori.
ritmo e avere una maggior tranquillità respirare abbastanza profondamente o

12 RUNNERSWORLD.IT
velocemente da soddisfare la domanda
d’ossigeno del corpo. Avvicinandoti a tale
Comincia con l’utilizzare il 2:2 durante gli
allunghi (accelerazioni di 15-20 secondi) o
CAPACITÀ
punto, si attivano alcuni meccanismi che nelle prove ripetute in salita di 30 secondi. CARDIO
scatenando il panico e ci fanno avvertire In seguito potrai estendere il ritmo 2:2 Con quanta eicacia il corpo
maggiormente la fatica. anche alle ripetute lunghe dai 500 ai riesce a sfruttare l’ossigeno?
Per evitare tutto ciò, innanzitutto rallenta. 1000 metri.
Secondo il Journal of Sports
Mantieni un ritmo che ti permetta di con- Nelle corse facili, prova la respirazione 3:3
versare (se ti serve, alterna la corsa con o 4:4. Qualcuno consiglia anche di speri- Medicine, ecco i tipici valori
qualche minuto di camminata). Jordan mentare una respirazione con una fase di VO2 Max dei maratoneti.
consiglia di inspirare dal naso ed espirare d’inalazione più lunga di quella di espira-
dalla bocca per avere un miglior ricambio zione, 2:1 per le corse più veloci, 4:3 o 3:2
d’aria. Dopo qualche settimana di allena- per le corse facili, così da verificare quella
mento regolare, il corpo si adatterà allo più adatta alle proprie caratteristiche. MARATONETI D’ELITE
stress della corsa generando nuovi vasi
sanguigni nei muscoli e innalzando la • Livello avanzato – Conta e allena
soglia ventilatoria. il diaframma
Molti principianti, inoltre, respirano pre- Negli allenamenti e nelle gare, prova a
valentemente di torace invece che di dia- usare la respirazione 2:2 combinata alla
framma, e così facendo limitano l’apporto conta delle falcate (2 ispirazioni e 2 espi-
di ossigeno. Allenati a respirare con la razioni sono 4 passi di corsa). Conta da 1 a 67 a 85
ml/kg/min
pancia: la mattina o prima di correre, 100, poi riparti da 1. Sono piccoli obiettivi
sdraiati e porta le mani sullo stomaco che ti aiuteranno anche a restare nel “qui
per cinque minuti. Fai respiri lenti e pro- e ora”.
fondi che ti alzino la mano inspirando e Contare i respiri funziona soprattutto nelle
la riportino in basso espirando. Quando gare come la maratona di Boston, carat-
lo saprai fare bene a terra, prova a farlo terizzata da un percorso con saliscendi,
camminando e poi correndo. perché è difficile respirare bene in salita
ed è più facile in discesa. Mantieni una
• Livello intermedio – Concentrati respirazione costante e non ti serviranno MARATONETI SOTTO LE 3 ORE
e trova il ritmo più tutti i dati del tuo cardio perché il ritmo
Adesso è il momento di concentrarti sulla obiettivo lo starai già mantenendo.
respirazione mentre sei in movimento. Se allenarsi con regolarità rinforza i
Segui questo schema: inspira per la durata muscoli della respirazione, alza un po’ di
di due passi ed espira per la durata di altri più l’asticella con la respirazione “power”,
due (schema 2:2). Ti aiuterà a tenere meglio una sorta di potenziamento mirato al 65.5
il ritmo (più regolare è la respirazione, più muscolo del diaframma. ml/kg/min
fiato avrai) e garantirà un flusso costante Gli esperti lo definiscono training respi-
di sangue ai muscoli. Provalo prima cam- ratorio. Comincia con 2 serie da 30 respiri
minando, poi nelle corse facili cominciando due volte al giorno, usando una modalità
con un minuto alla volta ogni 2-4 km e che risulti in qualche modo impegnativa
aumentando man mano la durata. ma comunque sotto controllo (pensa: devo
Man mano che prenderai confidenza con respirare con la pancia senza alzare le
questo tipo di respirazione, potrai usarla spalle né sforzare il collo).
nelle corse più veloci, ad esempio nei lavori Comincerai a notare la differenza dopo 2
di prove ripetute o di tempo run. Curare o 3 settimane, o anche prima. Un recente MARATONETI DA PIÙ DI 3 ORE
la respirazione ti permetterà un migliore studio mostra che alcuni runner migliora-
controllo del ritmo e ti renderà maggior- vano la loro performance in una prova-test
mente tollerante ai ritmi più veloci, il che di 3200 metri quando facevano 30 respiri
a sua volta farà innalzare ulteriormente la “power” immediatamente prima di cor-
tua soglia ventilatoria. rere, come riscaldamento.
58.7
ml/kg/min

FAI UN Ritrovarsi col fiato corto è solo 1. Rigidità o dolori a collo o schiena
BEL uno dei segnali di una respira- 2. Spalle che si alzano e si abbassano
R E S P I R O zione poco efficiente. Se noti i
3. Rotazione asimmetrica del torace
seguenti campanelli d’allarme 4. Schiena inarcata e spazi dilatati tra le costole
significa che stai sfruttando 5. Respirazione alterata: espirazione quando lo
male il tuo diaframma. stomaco di alza e inspirazione quando si abbassa.

RUNNERSWORLD.IT 13
DI CA ITLIN CA R LSON

Qual è il tuo ritmo gara?

FOTO GETTY IMAGES

È NORMALE AVERE DEI DUBBI sul ritmo un allenamento-test meno estremo, da gara di 5 km, una competizione di 10 km
da tenere in gara, che si tratti di una 5 effettuarsi da tre a cinque settimane o una mezza maratona. Ovviamente ogni
km o di una maratona. E questo indi- prima del grande giorno. distanza ha il suo lavoro-test, ma tutti
pendentemente dai riscontri dati dall’al- simulando le sensazioni che si provano
lenamento. D’altro canto i programmi Trova il tuo test in gara, facendoti arrivare al via più pre-
per le varie distanze non includono, Riuscire a prevedere il ritmo ideale per parato, tranquillo e fiducioso.
saggiamente, praticamente mai lavori una maratona è molto importante, perché Trova nella pagina qui a fianco l’allena-
sulla distanza di gara al ritmo obiettivo consente di familiarizzare con le sensa- mento che predice quanto puoi valere
senza interruzioni. zioni legate alla velocità di gara, assicura sulla tua distanza di gara (e di conse-
Un allenamento di questo tipo sarebbe una più precisa gestione della prova, della guenza il ritmo che puoi tenere) ed effet-
troppo rischioso, vuoi perché troppo nutrizione e dell’idratazione, e conferisce tualo dopo aver fatto un riscaldamento
impegnativo, vuoi perché potrebbe essere anche maggiore sicurezza. consistente in una corsa lenta di 10-15
causa d’infortunio. Ma i maratoneti non sono gli unici a trarre minuti, qualche minuto di esercizi di
Come fare allora per essere certi che beneficio dal conoscere il ritmo gara. Alle- stretching dinamico e quattro o cinque
la preparazione effettuata darà effet- namenti-test prima della competizione allunghi, così da mettere il tuo fisico nelle
tivamente i suoi frutti? La risposta è sono utili anche per chi ha nel mirino una condizioni di dare il meglio.

14 RUNNERSWORLD.IT
Il test per una gara di 5 km
OGNI DI S TA N Z A H A IL S UO
Per sapere quanto puoi valere sui 5 km e
determinare di conseguenza la tua velo-
L AV ORO -T E S T, M A T U T T I
IL CALCOLATORE
DEL TEMPO DI GARA
cità ideale da tenere in una gara su questa
distanza, a tre settimane dal via corri:
S IM UL A N O L E S E N S A Z IONI
• 5 × 1 km al ritmo gara dei 5 km, con
recupero di 400 metri di corsa lenta tra C HE S I P R O VA NO IN G A R A , Un altro modo per calcolare
uno e l’altro
FA CE ND O T I A R R I VA R E A L L A quanto si può valere su una
determinata distanza di gara è
Fai la media dei tempi ottenuti in tutti
i singoli chilometri e moltiplicala per 5: PA R T E N Z A PIÙ PR E PA R AT O, utilizzare il Race Time Predictor
(Calcolatore del Tempo di Gara)
otterrai in questo modo una previsione
sul tempo finale. Questo lavoro è un buon T R A NQ UIL L O E F ID U C IO S O di Runner’s World.
indicatore del ritmo che puoi mantenere In pratica, inserendo il tempo
in una 5 km anche se ci sono dei tratti di e la distanza di una gara che hai
recupero, perché una gara di 5 km è più una corso di recente, ti verranno
Il test per una maratona calcolati i tempi di arrivo
prova veloce che una prova di resistenza. Questo test è indicato per i runner esperti
equivalenti su altre distanze.
e per quelli di livello intermedio.Va corso 5
Il test per una gara di 10 km I dati che ti saranno richiesti sono
settimane prima della gara, ma i marato-
Anche qui, per determinare in quanto la Distanza (Distance), mediante
neti esperti devono poi ripeterlo anche a 3
puoi correre una gara di 10 km e, dunque, settimane dal via. Non è adatto ai marato- un campo di scelta, e il Tempo
la velocità ideale da tenere in una gara su neti principianti, che devono utilizzare il (Time) da te ottenuto in ore,
tale distanza, tre settimane prima della loro abituale ritmo del lungo per calcolare minuti e secondi (o anche solo
gara corri: il tempo obiettivo sulla maratona. in minuti e secondi). Basterà poi
cliccare sul pulsante di Calcolo
• 5 × 1.600 metri al ritmo gara dei 10 km, • Corri al ritmo della maratona per 16-22 (Calculate) per scoprire i risultati
con recupero di 400 metri di corsa lenta km finali durante un “lungo” di 32 km che potresti ottenere sulle altre
tra uno e l’altro distanze di gara.
Prendi il tempo medio ottenuto nei km a Anche per chi non conosce
Fai la media del tempo ottenuto nelle 5 ritmo gara e moltiplicalo per 42,195. Otter- l’inglese, il tool è molto intuitivo.
prove e moltiplica il risultato per 6,2. Le rai indicativamente quanto vali. I lunghi Lo trovi su:
prove ripetute sulla distanza dei 4 giri di sono degli ottimi indicatori per quanto runnersworld.it/previsione-
pista (1.600 metri) sono abbastanza lunghe riguarda la maratona. tempo-gara-runners-4101
da coinvolgere la resistenza necessaria
per le gare di 10K, quindi sono un buon
predittore.

Il test per una mezza maratona


Da tre a cinque settimane prima del giorno
della tua gara di 21,097 km, effettua questo
lavoro test:

• Corri “gareggiando” una 10 km all’80


per cento dello sforzo massimo

Prendi il tempo ottenuto sui 10 km in


minuti (per esempio, 55’30” è 55,5) e
aggiungi 0.93. Moltiplica il risultato per
2,11. In questo modo, dividendo il risultato
ottenuto per 10 avrai un buon indicatore
della velocità da tenere nella tua mezza
maratona.
La distanza dei 10 km è funzionale perché
ha una componente di resistenza come
la mezza, ma allo stesso tempo non ti fa
correre eccessivamente a lungo così vicino
alla gara.

RUNNERSWORLD.IT 15
DI M AGDA M A IOCCHI

Cambia ritmo

FOTO GETTY IMAGES

SETTEMBRE È UN MESE FANTASTICO per 15 o 30 minuti tutti di seguito subito Se hai già cominciato:
per chi si è approcciato da poco al fan- alla prima volta. Credimi, è solo deleterio. prova il fartlek
tastico mondo del running o ha deciso Per il fisico, perché ha bisogno di adat- Se invece è già qualche settimana o mese
di avvicinarsi ad esso proprio ora. Le tarsi a poco a poco agli stress della corsa, che corri, prova a dare una scossa al tuo
giornate sono ancora sufficientemente ma anche per il morale, perché fare una allenamento inserendo una volta alla
lunghe, le temperature sono piacevoli, fatica esagerata potrebbe scoraggiarti a settimana un lavoro di “fartlek”.
la carica delle vacanze non è ancora proseguire. Di cosa si tratta? Di un allenamento tanto
svanita. Aventi a tutta, dunque, senza Segui piuttosto la collaudata tabella della divertente quanto efficace. Il suo nome
farsi spaventare dal fatto che l’estate sia pagina qui di fianco, che ti porterà a origina da un termine svedese (fartlek,
quasi alla fine. tagliare il traguardo dei 30 minuti inin- appunto) che significa “gioco di velocità”
terrotti di corsa senza rischiare infortuni e consiste nell’alternare tratti ad anda-
Se stai cominciando: e senza troppa fatica. tura più veloce ad altri a ritmo tranquillo.
segui la tabella di RW Segui fedelmente il programma, non Il tutto in massima libertà, ricordando
Se hai scelto questo momento per iniziare barare accelerando i tempi, e vedrai però che nei tratti veloci devi correre a
a correre, non avere fretta di diventare un che diventare un runner sarà un gioco buon ritmo ma non al massimo, non devi
runner. Non ha senso puntare a correre da ragazzi. mai andare troppo in affanno.

16 RUNNERSWORLD.IT
IL PROGRAMMA PER COMINCIARE
DA ZERO A MEZZ’ORA (O 5 CHILOMETRI) IN 4 SETTIMANE
IN S E R E ND O UN A V O LTA 1° GIORNO CORRI 1 MINUTO, CAMMINA 1 MINUTO
RIPETI 10 VOLTE (TOTALE: 20 MINUTI)
A S E T T IM A N A L E S E D U T E

SETTIMANA
PRIMA
2° GIORNO CORRI 2 MINUTI, CAMMINA 1 MINUTO
RIPETI 8 VOLTE (TOTALE: 24 MINUTI)
D I F A R T L E K NE L T UO 3° GIORNO CORRI 4 MINUTI, CAMMINA 1 MINUTO
RIPETI 5 VOLTE (TOTALE: 25 MINUTI)
PROGR A MM A DI A L L E N A ME N T O, 1° GIORNO CORRI 4 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
RIPETI 4 VOLTE (TOTALE: 24 MINUTI)
LA TUA CORSA DIVENTERÀ

SETTIMANA
SECONDA
2° GIORNO CORRI 6 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
RIPETI 3 VOLTE (TOTALE: 24 MINUTI)
PIÙ FACILE E V E LOCE 3° GIORNO CORRI 8 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
RIPETI 3 VOLTE (TOTALE: 30 MINUTI)

1° GIORNO CORRI 10 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI


Qui di seguito puoi trovare tre esempi di RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 24 MINUTI)

SETTIMANA
TERZA
fartlek con caratteristiche diverse. Scegli 2° GIORNO CORRI 12 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
quello che è più nelle tue corde, oppure uti- RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 28 MINUTI)
lizzali a rotazione tutti e tre. Ti accorgerai 3° GIORNO CORRI 15 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
che inserendo questo tipo di allenamento RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 34 MINUTI)
la tua corsa diventerà più facile e veloce 1° GIORNO CORRI 15 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
SETTIMANA RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 34 MINUTI)
QUARTA

1Mira all’albero Utilizza dei punti di


riferimento sul percorso per stabilire
la lunghezza dei tratti che vuoi correre
2° GIORNO CORRI 10 MINUTI, CAMMINA 2 MINUTI
RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 24 MINUTI)
3° GIORNO CORRI 30 MINUTI, CHE CORRISPONDONO
ad andatura veloce o lenta. Corri piano PIÙ O MENO A 5 KM
5 minuti per riscaldarti, poi guarda di Nelle tue uscite dovresti correre a un ritmo tranquillo, tale da
fronte a te e scegli un riferimento, magari consentire una reale (o ipotetica) conversazione. Se non riesci a
parlare con chi ti sta accanto, vuol dire che stai andando troppo
un albero, una casa, un palo della luce. forte.
Aumenta la velocità fino a che non lo Comincia e termina ogni seduta con 5 minuti di camminata.
La cadenza migliore è quella dei giorni alterni. Le sequenze
raggiungi, quindi rallenta. Quando ti ottimali arebbero lunedì-mercoledì-venerdì (o sabato) oppure
sentirai nuovamente nelle condizioni di martedì-giovedì-sabato (o domenica), ma va bene qualsiasi altra
successione, a patto che ci sia sempre un giorno di recupero tra
poter aumentare il ritmo, scegli un nuovo un’uscita e l’altra.
punto di riferimento e riparti. Comincia
inserendo 3-5 variazioni veloci/piano e
aggiungine una o due ogni settimana. DA MEZZ’ORA ALL’ORA (O 10 CHILOMETRI) IN 4 SETTIMANE
Migliorerai la tua resistenza. 1° GIORNO CORRI 15 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
SETTIMANA

RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 36 MINUTI)


PRIMA

2Punta in alto. Rendi più “sfidante” il


tuo fartlek correndolo su un percorso
che preveda delle piccole salite. Corri 5
2° GIORNO CORRI 12 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
RIPETI 3 VOLTE (TOTALE: 45 MINUTI)
3° GIORNO CORRI 38 MINUTI
minuti piano, quindi inizia a inserire
dei tratti in salita di una cinquantina di 1° GIORNO CORRI 17 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
SETTIMANA

RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 40 MINUTI)


SECONDA

metri (conta 50 passi). Mentre sali, prova


se riesci ad aumentare leggermente la 2° GIORNO CORRI 14 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
RIPETI 3 VOLTE (TOTALE: 51 MINUTI)
velocità. Torna all’inizio della salita
3° GIORNO CORRI 46 MINUTI
corricchiando piano e procedi a ritmo
facile fino alla salita successiva. Inizia 1° GIORNO CORRI 20 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
SETTIMANA

con 3-4 tratti in salita e aggiungine uno RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 46 MINUTI)
TERZA

ogni settimana fino ad arrivare a 10. 2° GIORNO CORRI 16 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
Questo lavoro fa diventare i tuoi muscoli RIPETI 3 VOLTE (TOTALE: 57 MINUTI)
più forti. 3° GIORNO CORRI 52 MINUTI

1° GIORNO CORRI 23 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI


3Vai a tempo. Per questo tipo di
SETTIMANA

fartlek ti ser ve un cronometro, RIPETI 2 VOLTE (TOTALE: 52 MINUTI)


QUARTA

come quello di cui sono dotati tutti gli 2° GIORNO CORRI 13 MINUTI, CAMMINA 3 MINUTI
sportwatch. Corri 5 minuti di riscal- RIPETI 4 VOLTE (TOTALE: 64 MINUTI)
damento, quindi alterna tratti di corsa 3° GIORNO CORRI 60 MINUTI O 10 KM
veloce della durata di 1 o 2 minuti a tratti Finché non sei certo di aver acquisito una buona autonomia, corri
sul percorso su cui facevi mezz’ora, ricco di punti di riferimento.
di corsa tranquilla della stessa durata. Se il programma ti risulta pesante, inserisci una settimana
Comincia con 5 variazioni da 1 minuto leggera, da 3 uscite di mezz’ora, tra la seconda e la terza. Le
settimane totali, ovviamente, diventeranno 5.
o con 3 variazioni da 2 minuti, e aggiun- Una volta raggiunta l’ora, regalati una settimana con tre uscite da
gine 1 o 2 a settimana. 30 minuti per “digerire” al meglio tutto il lavoro fatto.

RUNNERSWORLD.IT 17
DI R EDA ZIONE RW

3 cause comuni di dolore


al piede nel runner

FOTO GETTY IMAGES

NON C’È BISOGNO CHE TI RIPETIAMO a livello dell’arco, mentre gli impatti degli done di tessuto fibroso alla base del piede.
che il running garantisce una montagna sprint sono uno sforzo non da poco per la Anche se il dolore si presenta tipicamente
di benefici per la salute, ma come tutte le fascia plantare. nel tallone, si può avvertire anche nell'arco,
cose migliori della vita (relazioni, bambini, Naturalmente, il trail running, l'allena- poiché la fascia corre lungo tutto il piede.
viaggi), provoca anche stress di tanto in mento in salita e la corsa veloce sono tutte Quando la fascia plantare è sottoposta a
tanto, in particolare ai tuoi piedi. Ogni cose che dovresti fare. Ma se avverti un uno stress eccessivo (ad esempio, perché
tipo di corsa può caricare i tuoi piedi, dolore fastidioso all'arco del piede, devi hai aumentato troppo il chilometraggio,
soprattutto a livello dell’arco plantare. affrontarlo il prima possibile. Qui le tre troppo presto), puoi avvertire dolore nella
Gli amanti del trail running (la corsa in cause più comuni di dolore all'arco del parte interna dell'osso del tallone.
natura, lontana dall’asfalto), ad esempio, si piede e ciò che si può fare al riguardo. COSA FARE Le fasciti plantari lievi possono
trovano spesso a correre su terreni irrego- essere trattate con un po' di riposo, stretching
lari che obbligano a continui cambiamenti 1. Fascite plantare (guarda su: runnersworld.it/miglior-esercizio-
dell’appoggio, il che risulta stressante per Se avverti dolore quando scendi dal letto la fascite-plantare-runners-4201), ghiaccio e,
la fascia plantare e l'arco del piede. Correre mattina o dopo un lungo periodo di riposo, forse, anche un paio di scarpe da running
in salita, invece, sollecita l’articolazione potresti essere vittima della fascite plan- nuove che migliorino l'appoggio del piede.
della caviglia generando anche qui tensioni tare, ovvero di un’infiammazione del cor- Se il male non passa, allora può essere utile una

18 RUNNERSWORLD.IT
terapia con onde d'urto e, nei casi più osti- specifico. Purtroppo, la frattura da stress chilometraggio, oltre che con l’uso di scarpe
nati, l’intervento chirurgico (fasciotomia). può esser difficile da diagnosticare all’ini- da running appropriate.
La fascite plantare può essere lunga da zio. Il runner spesso continua a correre, col
risolvere e richiedere molta pazienza. risultato di peggiorare le cose. Solo quando 3. Tendinite
La prossima volta, assicurati di aumentare col passare del tempo il dolore, invece di Il tendine tibiale posteriore è il tendine
gradualmente il chilometraggio (vale sempre risolversi, aumenta e rende impossibile principale che sostiene l'arco sul lato
la regola di non aumentare il chilometraggio l’allenamento, ricorre alle cure mediche. interno del piede. Quando questo tendine
di oltre il 10% a settimana) e l'intensità dei COSA FARE. Le fratture da stress richiedono è sovraccarico di lavoro e infiammato,
tuoi allenamenti, oltre che di allungare i dalle sei alle otto settimane per guarire e le sentirai un dolore pulsante o un bruciore
tuoi polpacci prima di partire per le tue cure classiche prevedono riposo, ghiaccio, lungo l'arco del piede durante e/o dopo
corse. Avere dei muscoli dei polpacci rigidi compressione ed elevazione dell’arto colpito. la corsa. Potresti anche notare gonfiore
o contratti può causare stress al piede e alla Il riposo è fondamentale in questo caso. o avere un dolore che si estende fino alla
fascia plantare. Il ghiaccio e gli antinfiammatori possono caviglia.
essere di aiuto nei primi giorni, ma per COSA FARE. Non sottovalutare la situa-
2. Frattura da stress guarire velocemente è fondamentale non zione. Il problema potrebbe provocare un
Gli stress ripetuti (come i continui impatti caricare l’area colpita. In altre parole, non lento cedimento dell’arco se non viene trat-
della corsa) possono causare una micro correre finché non avrai il via libera del tato correttamente. Rivolgiti al tuo medico
frattura nell’osso, nota come frattura da tuo medico. La posta in gioco è alta: una per confermare la diagnosi. Il trattamento
stress. Le ossa metatarsali, posizionate frattura da stress può trasformarsi in una prevederà probabilmente l’allungamento
nella parte anteriore dell'arco, sono tra le frattura “regolare” (o rottura completa) del tendine, ad esempio puntando il piede
più colpite dalle fratture da stress, soprat- se non si sta attenti. E come per la fascite verso il basso come se spingessi sul pedale
tutto il secondo e il terzo metatarso. Il plantare, anche le fratture da stress possono dell’acceleratore e, quindi, ruotandolo verso
dolore è localizzato, si avverte in un punto essere evitate aumentando gradualmente il l’interno. Fai 3 serie da 10 ripetizioni.

RUNNERSWORLD.IT 19
DI GEORGIE LA NE-GODFR EY

Tieni pronto
un piano

20 RUNNERSWORLD.IT
«POSSIAMO RALLENTARE UN PO’?» chiesi Quindi, non c’è da sorprendersi che se non
a mio marito sbuffando per la fatica. Mi ne assumiamo abbastanza (la quantità
guardò meravigliato. Non eravamo nel bel normalmente consigliata è di 2-2,5 mcg
mezzo di un allenamento di ripetute né al giorno) il nostro corpo se ne accorge.
sotto le lenzuola. Stavamo semplicemente La fatica è solo la punta dell’iceberg. I
camminando verso il supermercato molto, sintomi sembrano presi dal diario di un
molto lentamente. adolescente (luna storta, irritabilità, voglia
Non era solo il fiatone; mi sentivo talmente di fare niente) e le conseguenze vanno ben
stanca che quel giorno dovetti fare un oltre a una faticosissima passeggiata verso
sonnellino dopo un’oretta di camminata. il supermercato. «Se non controllata, la
Anche l’umore non era dei migliori. Mio carenza di B12 può causare un restringi-
marito era un disco rotto con quel suo mento del cervello, perdita irreversibile
«Cosa c’è che non va ora?». Povero, era da di memoria e scarsa efficienza dei globuli
un po’ che mi sopportava in quelle condi- rossi, quindi anemia» avverte David Smith,
zioni. Quando mi ritrovai a corto di fiato professore di farmacologia alla Oxford Uni-
mentre andavo a fare la spesa, realizzai che versity. L’anemia è una riduzione del nor-
non poteva essere colpa degli ormoni, del male numero di globuli rossi. Smith spiega
lavoro o delle poche ore di sonno. Conosco che la carenza di B12 può provocare un tipo
il mio corpo, capii che si trattava di altro. di anemia detto “anemia megaloblastica”,
Ci vollero alcune analisi del sangue per nella quale il corpo non ha abbastanza
individuare il motivo: carenza di vitamina cellule per trasportare ossigeno in tutto il
B12. Mai sentita nominare… ma era proprio corpo. Ed ecco spiegato il fiato corto.
questo il problema. Per la maggior parte delle persone con
La B12 solitamente scarseggia negli anziani qualche carenza, una nutrizione corretta è
(1 su 10 negli over 75), ma uno studio l’arma da sfoderare per ripristinare i valori.
recente dell’Organizzazione Mondiale Se però tutti sanno che il succo d’arancia è
della Sanità ha evidenziato che il numero fonte di vitamina C, pochi conoscono dove
delle persone interessate dal problema trovare la B12. «Se consumi carne, pesce
è probabilmente più alto del previsto, o latticini, dovresti riuscire ad assumerne
coinvolgendo anche individui più giovani. la quantità necessaria − spiega Rhiannon
Questo perché i sintomi possono essere Lambert, nutrizionista di Londra −. Per
facilmente scambiati con quelli di una raggiungere l’obiettivo basta qualche
“giornata no” o non indagati con analisi piccola modifica alla tua dieta Si tratta
del sangue mirate, cosicché una carenza di sapere quali alimenti la contengono».
può non essere diagnosticata per anni Omelette a colazione, una bella insalata
(decenni, in alcuni casi). Di fatto la B12, con pollo a pranzo o un filetto di salmone
questa sconosciuta, potrebbe mettersi tra a cena e ti sarai aggiudicato il quantitativo
te e il tuo record personale. Meglio allora necessario.
fare la sua conoscenza. I più a rischio sono i vegani. Per loro è più
difficile, ma è comunque non impossibile
Una vitamina molto impegnata assumere sufficiente vitamina B12 con la
Una rapida ricerca su Google mi dice che la dieta. «I vegani possono trovare la B12 in
B12 è essenziale per far funzionare il corpo. molti cibi basati su alimenti vegetali, come
Presente negli alimenti di origine animale, il latte di soia e il latte di noce arricchiti con
viene estratta dal cibo nello stomaco e B12, che aiutano a raggiungere la quota
poi assorbita a livello di intestino tenue. giornaliera − continua Lambert −. La chiave
Nel nostro organismo è implicata nella sta nella quantità giusta. Il latte vegetale
formazione dei globuli rossi, nella sintesi arricchito contiene circa 0,38 mcg/100 ml
del DNA, nell’estrazione dell’energia dal di B12, mentre il latte di soia arricchito ne
cibo e assicura il corretto funzionamento contiene circa 1,25 mcg/100 ml. Il che vuol
del cervello e del sistema nervoso. In poche dire che bevendo latte di soia arricchito
parole, è fondamentale. è più facile raggiungere i quantitativi di

RUNNERSWORLD.IT 21
B12 consigliati. Anche alcuni cereali sono conoscendone ancora il motivo». rono che i miei livelli di B12 erano bassi,
arricchiti di B12». Una spiegazione è il mal assorbimento, di 120 pmol/L (picomoli al litro), «quando
Io non sono vegana. Il formaggio e tutte che si ha quando l’organismo non riesce normalmente − spiega Smith − dovreb-
le combinazioni di latte e cioccolato sono a estrarre la B12 dal cibo. «La causa più bero superare le 148 pmol/L. Tuttavia è
la mia rovina. Dovrei essere fatta di B12, comune è una produzione insufficiente di possibile avvertire i sintomi della carenza
ma – sappiatelo – questa vitamina può succhi gastrici che ostacola il rilascio della anche se si hanno valori attorno alle 400
mancarvi pur assumendola regolarmente. B12 legata ai cibi proteici», spiega Smith. pmol/L».
Uno studio pubblicato sul British Medical Gli studi hanno dimostrato che chi assume Smith mi ha suggerito di ripetere le analisi
Journal rivela che, negli individui tra i 19 medicinali per l’acidità di stomaco (gli del sangue dopo un mese dall’inizio dei
e i 39 anni, il 12% ne è carente pur consu- IPP, inibitori di pompa protonica) per un
mandone almeno 1,5 mcg al giorno. «L’idea sintomi e di tenerne traccia, così da poter
periodo di tempo prolungato ha una ridotta monitorare l’andamento della situazione
che una dieta bilanciata è tutto ciò che ti produzione di succhi gastrici. No succhi?
serve non sempre corrisponde alla realtà − nel tempo e valutarla col medico. Anche
No B12. Inoltre, anche malattie come il
avverte Smith −. Ad alcune persone serve se non vi è un consenso unanime tra i pro-
morbo di Chron e la celiachia causano uno
più B12 rispetto ad altre, in particolare alle fessionisti del settore su cosa costituisca
scarso assorbimento di questa vitamina.
donne incinte dove si registra il maggiore una carenza di B12, vale sempre la pena
Anche altri problemi stomaco possono
tasso di insufficienza di B12, pur non ostacolare l’assorbimento della B12. effettuare le analisi del sangue per sapere

NOTA
Fai attenzione
La carenza di vitamina B12 può causare
anemia, ma – pensa un po’ – un tipo dif-
SE NON CONTROLL ATA , ferente di anemia può spiegare perché non
ne stai assumendo abbastanza. «L’anemia
LA CARENZA DI B12 PUÒ perniciosa è una patologia genetica che

I SEGNI
C A U S A R E UN R E S T R INGIME N T O provoca deficienza vitaminica, B12 com-
presa − spiega Smith −. Questa malattia
D E L C E R V E L L O, P E R D I TA autoimmunitaria attacca le cellule della
parete dello stomaco che producono il
DI ME MOR I A E S C A R S A Fattore Intrinseco, una glicoproteina che
consente l’assorbimento della B12 a livello
E F F ICIE N Z A DE I GL OBUL I dell’intestino».
Pur essendo utile essere a conoscenza di Ti suonano familiari questi
RO S S I, QUINDI A NE MI A questo genere di problemi, non è possibile
fare un’autodiagnosi, e infatti Smith mi ha
sintomi? Potrebbe essere
il momento giusto per farti
confermato di aver fatto bene a rivolgermi dare un’occhiata.
al medico. Le analisi del sangue conferma-

22 RUNNERSWORLD.IT
GRAVIDANZA
Dosi abbondanti di acido
folico (la vitamina che
tutte le donne incinte
dovrebbero assumere
per prevenire difetti nello
sviluppo del sistema
nervoso del bambino)
possono mascherare
una deficienza di B12.
Così il tuo medico può
non riuscire a scorgere
i segnali di livelli bassi
di B12 finché non si
presentano dei sintomi
importanti. Se sei in
dolce attesa, chiedi di
controllare i tuoi livelli di
vitamine nelle prossime
analisi del sangue.

quanto basso sia il nostro livello. vita. I risultati non si sono fatti attendere: in
«A differenza della vitamina A o dell’acido una settimana, i livelli di energia e l’umore
folico, livelli alti di B12 non hanno mai sono tornati normali. Ma il fatto del perché
evidenziato problemi», spiega Smith. Se i mi manchi la B12 rimane un mistero: non
tuoi livelli di B12 sono bassi nonostante tu sono né vegana né celiaca né soffro di aci-
ne assuma una buona quantità con il cibo, dità di stomaco. Inoltre, le mie analisi del
il problema potrebbe risiedere nell’assorbi- sangue confermano che non ho problemi
mento, quindi nemmeno gli integratori da
con il fattore intrinseco. È frustrante, ma fa
assumere per bocca potrebbero risultare
capire che ne abbiamo ancora da imparare
utili. In tal caso, vanno prescritte iniezioni
di B12, soprattutto se i sintomi sono gravi sulla carenza di B12 e sulla nutrizione. «È
e se hai bisogno di aumentare i livelli in un settore di studio piuttosto trascurato
poco tempo. − sottolinea Smith −. Ma è importante
A me è successo così. Mi è stato prescritto per la salute pubblica, dato che milioni di
un ciclo di sei iniezioni di B12 intramuscolo persone nel mondo sono carenti di B12. Io,
da fare entro due settimane, e da rifare come promoter della B12, ho ancora molto
eventualmente ogni tre mesi. Per tutta la lavoro da fare.

SEI SEMPRE UMORE PERDI HAI CALI SENTI MANI E PIEDI LINGUA LISCIA,
STANCO PESSIMO L’EQUILIBRIO DI MEMORIA INFORMICATI GONFIA E DOLENTE
Se manca la B12, Una carenza di B12 Senza la B12, i La sofferenza a Avverti intorpidi- Se manca la B12,
mancano forza ed può influire sul tuo nervi del midollo livello nervoso può mento e formico- le pupille gustative
energia perché modo di essere. spinale possono colpire anche il lio a mani e piedi? si riducono. La
tale carenza Perché? I livelli risentirne. Ti senti cervello, facendoti Potrebbe essere lingua può iniziare
penalizza i globuli bassi possono col- frastornato e tra- sentire confuso e la carenza di B12 a dolere e si veri-
rossi, responsa- pire la produzione ballante? Parlane smemorato. Se ti che sta colpendo fica un’alterazione
bili del trasporto dei neurotrasmet- con il tuo medico sta capitando, sii le cellule ner- nella percezione
di ossigeno agli titori che regolano e riporta queste prudente e vai dal vose. Ignorare dei sapori.
organi vitali. Livelli l’umore, come la tue sensazioni. medico. tali segnali può
di ossigeno bassi serotonina e la causare formicolii
significano ener- dopamina. permanenti.
gia a terra.

RUNNERSWORLD.IT 23
DI ROSA RIO PA LA ZZOLO

Atletica ad alta quota:


ecco la pista di Livigno

FOTO FABIO BORGA E SAMUEL CONFORTOLA

HA DA POCO OTTENUTO LA “CERTIFICA- località alpina che lascia incantati per lo fa Livigno era la classica località turistica
ZIONE” DI LOCALITÀ OLIMPICA”, grazie al scenario di vette e boschi che la circonda. invernale. La stagione sciistica la faceva
fatto che nell’inverno del 2026 le sue piste Il tutto a 1.816 metri di quota, dove correre da padrona, mentre in estate erano le
innevate ospiteranno le discipline freestyle è più faticoso, ma anche più redditizio per passeggiate in alta montagna (oltre allo
e snowboard dell'Olimpiade Milano Cor- chi si appresta a preparare la stagione shopping extradoganale) a caratterizzare
tina 2026, ma Livigno guarda allo sport a agonistica o le gare più importanti. l’afflusso dei turisti. Oggi, chiunque visiti
tutto tondo e punta a diventare la capitale Il nuovo impianto è stato realizzato (non Livigno si renderà conto che la valle è una
dello sport in altura. senza qualche intoppo per via delle con- immensa palestra a cielo aperto dove atleti
La sua ultima perla è la nuova pista d’atle- dizioni climatiche in apertura di stagione) di ogni disciplina sportiva si cimentano
tica leggera, aperta al pubblico sul finire nell’area di Aquagranda Active You, l’im- in allenamenti a volte durissimi, altre più
di luglio e già popolata da decine di atleti pianto natatorio già divenuto celebre rilassanti.
internazionali che hanno scelto il “piccolo perché è la sede d’allenamento per molti Dai ciclisti agli sciatori del fondo, dagli
Tibet” lombardo per la preparazione in nuotatori internazionali. Uno tra tutti atleti del biathlon e del triathlon agli
altura in vista delle prossime gare. Federica Pellegrini. skyrunner. Senza contare i nuotatori e
Un anello celeste, come il cielo di questa E pensare che soltanto una decina d’anni naturalmente i campioni dell’atletica. Sono

24 RUNNERSWORLD.IT
attratti in Alta Valtellina dalla possibilità di di atleti, sia delle nazionali più blasonate,
allenarsi e risiedere in altura, a una quota
fissa di oltre 1.800 metri. La valle così
L I V IGNO H A F IN A L ME N T E che di amatori, attendevano con una certa
impazienza l’apertura della nuova pista
ampia e allungata (da qui il nome di piccolo
tibet delle Alpi), rappresenta un unicum in
UN A P I S TA D ’AT L E T IC A . d’atletica perché offre l’opportunità di
allenarsi in un ambiente accogliente, seb-
Europa perché in estate offre l’opportunità
di correre, pedalare o di praticare lo skiroll
C O N I S U O I 1.8 0 0 ME T R I bene di alta montagna. Dagli alberghi,
quasi sempre di dimensioni medio piccole
su un percorso piano e completamente
ciclabile lungo circa 10 chilometri (le
D I Q U O TA , È T R A L E P I S T E per privilegiare i servizi alla clientela,
all’offerta della ristorazione, da sempre
ciclabili si estendono per 17 chilometri),
e di spingersi anche oltre, per toccare gli
D ’AT L E T IC A PIÙ A LT E vicina alle esigenze degli sportivi. Non a
caso gli chef e gli operatori turistici sono
oltre 2.300 metri del passo Forcola o del
Bernina. Il che ha reso Livigno negli ultimi
D ’ E UR O PA E A C C O G L IE R À da tempo supportati dai professionisti
che accompagnano le squadre sportive
anni la sede d’allenamento estivo di molte
squadre nazionali e di team professionisti
MOLT I C A MPIONI per imparare a rispondere alle peculiarità
alimentari legate a una buona preparazione
di discipline come il ciclismo da strada.
Una dimensione turistica nella quale le
IN T E R N A Z ION A L I P E R L A in altura. Senza contare il cosiddetto “after
training”, ossia l’offerta post allenamento
autorità e gli operatori livignaschi hanno PR E PA R A Z IONE IN A LT UR A che a Livigno è unica, grazie alla lunghis-
deciso di credere investendo per trasfor- sima galleria commerciale che offre tante
mare la valle in una base per l’allena- opportunità di svago.
mento in altura, dotandola di impianti, morbido e ricoperto di schegge di corteccia Già molti maratoneti nostrani come Valeria
ma anche di infrastrutture al servizio d’albero, considerato molto utile per la Straneo, Sara Dossena, Giovanna Epis ed
degli atleti. La piscina di Aquagranda con corsa in souplesse e il defaticamento. Eyob Faniel si allenano qui da tempo.
il suo centro wellness, dotato di una ampia La pista è aperta agli atleti, ma anche
Proprio Aquagranda è destinata a diven-
palestra attrezzata, è stata il primo grande agli amatori che si trovano a Livigno in
tare il cuore di un complesso di servizi per
impianto, oggi divenuto un riferimento vacanza o in ritiro. Gli orari di apertura
internazionale al punto che si sta proget- gli atleti, siano essi professionisti o amatori. per ora sono fissati tra le 7 e le 20 tutti i
tando l’apertura di una seconda vasca da Livigno sta lavorando a un ambizioso pro- giorni. L’accesso stagionale è gratuito per
50 metri per l’allenamento agonistico più getto per l’apertura di servizi di medicina i residenti (provincia di Sondrio). Tutti gli
specialistico. sportiva e per l’alimentazione di chi pratica altri potranno accedere al prezzo di 3 euro
L’area Aquagranda ospiterà presto un sport ad alto livello. per l’ingresso giornaliero oppure di 9 euro
campo da beach volley, mentre dal pros- «L’obiettivo - come spiega il vicesindaco e per l’abbonamento stagionale.
simo anno la pista d’atletica sarà dotata assessore allo Sport Remo Galli - è riuscire Il 14 settembre è in programma l’inaugu-
di spogliatoi autonomi e di una pista fin- a rispondere a tutto tondo alle esigenze razione con una cerimonia ufficiale che
landese, ossia di uno speciale percorso degli atleti». Tanto e vero che molti gruppi coinvolgerà gli atleti locali e gli ospiti.
DI FA BIO ROSSI

La storia della cicala


e della formica
falcata lo vedi che si allena alle quattro del
pomeriggio, sfidando l’umana razionalità
e adoperandosi in vere e proprie sessioni
di allenamento. Quelle, per intenderci,
scritte nero su bianco da un top-trainer.
Quelle che non puoi sgarrare. Quelle
che se le fai muori, se non le fai, muori lo
stesso. Ebbene, costui alla “sette alpeggi
marittimi del brenta euganeo” sfoggerà
una forma fisica scultorea, tempi fasti-
diosamente strepitosi e soprattutto quello
sguardo che ti scansiona dalla testa ai
piedi mettendoti di fronte tutte le tue
magagne estive, che tanto ti ricorda don
Franco quando andavi a confessarti.

E poi c’è lei, la cicala! Questo essere


ce la mette tutta, ammettiamolo. Ci prova
a puntare la sveglia alle 5,45 per sfuggire
alla calura. Ci prova a non deglutire etto-
litri di birra (o chinotto, come il sotto-
scritto) in cerca di refrigerio, adducendo
validissimi motivi di salute. Ci prova a fare
qualche esercizio domestico sul tappetino
di gomma, talmente bagnato di sudore che
se lo calpesti sembra d’essere sul bagna-
sciuga di Rimini. E soprattutto, per questo
sventurato non vale il celeberrimo para-
digma dell’estate: “Col caldo non ho mai
fame, giusto un po’ di frutta alla sera”. No
FOTO DI GETTY IMAGES

perché lui si nutre come un cinghiale sul


raccordo anulare, in un vizioso turbinio
di frustrazione e senso di colpa sublimato
da zuccheri e carboidrati, confondendo
uno dei mantra televisivi secondo cui, in
estate, occorra idratarsi (infatti lui non si
SETTEMBRE È TEMPO DI BILANCI (e duemilaseicento anni fa e che ancora idrata, si carbo-idrata). Ebbene, il nostro
bilancia) per noi tapascioni, perché il oggi raggruppano noi, moderni filippidi. povero cicalico compagno alla “Strafor-
caluraggio estivo cede il passo al freschino maggi di Lambrate Calabro” si presenta in
autunnale e alla ripresa della stagione La formica! Teniamo la cicala per tutta la sua generosa forma, con gli occhi
podistica. Con l’arietta frizzantina dei seconda, così le diamo ancora tempo di bassi e il libretto delle giustificazioni per
mesi refrigeranti, infatti, fioriscono le riflettere e dunque partiamo senza indu- il suo coach.
mezze, le classiche, le ultra, le straniere, gio da lei, la formica. È il tipico tapascio
insomma, ogni domenica si può scar- evoluto. Che sia neofita o veterano, poco Ma noi, tutto sommato, siamo un po’ come
pinare su e giù per l’Italia e all’estero. importa, perché questo individuo col Gianni Rodari, che amava dire: “Chiedo
Ebbene, il tapascio qui si divide in due caldo è a proprio agio, paciarotto e gar- scusa alla favola antica se non mi piace l’a-
“esopiane” categorie, che già il narratore rulo nella canicola africana delle nostre vara formica. Io sto dalla parte della cicala
greco aveva descritto alla perfezione estati. Questo anticiclonico azzorreo della che il più bel canto non vende, regala”.

26 RUNNERSWORLD.IT
Artcrafts International S.p.A - hokaoneone@artcrafts.it

DI DINO BONELLI

T H E U LT R A - L I G H T,
U B E R - C U S H ION E D S P E E D S T E R

C H AS
CH
CHASASEE Y
YOO UR
R AM
MAAZ
ZII NG

BROCK MOREAUX
NEW ORLEANS, LA
SIMONA VA DI
CORSA
… VERSO LA STORIA

28 RUNNERSWORLD.IT
A soli 20 anni la Quadarella è già un asso
del nuoto mondiale e in Italia è tra le atlete
più acclamate. Non si contano più le
prime pagine dei giornali, e non solo quelli
sportivi. Prima di partire per i Mondiali
di Gwangju - dove ha conquistato una
medaglia d’oro nei 1500 metri e un argento
negli 800 - l’abbiamo raggiunta per parlare
di nuoto, corsa e anche un po’ di sé.
DI MAX GRASSI
FOTO Guido De Bortoli/Getty Images

RUNNERSWORLD.IT 29
DA MOLTI GIÀ RIBATTEZZATA LA NUOVA FEDERICA
PELLEGRINI, A SOLI VENT’ANNI SIMONA QUADARELLA
HA GIÀ VINTO UNA MEDAGLIA D’ORO
E UNA D’ARGENTO AI MONDIALI DI GWANGJU
IN COREA
CO DEL SUD.
SU MEDAGLIE IMPORTANTI
CHE SI VANNO A SOMMARE
SOM ALLE TRE D’ORO
GUADAGNATE AGLI EUROEUROPEI 2018 DI GLASGOW E
AL BRONZO AI MONDIAL
MONDIALI DEL 2017 DI BUDAPEST.
FORMIDABILE IN ACQ
ACQUA, FUORI CONQUISTA
CON UN SORRISO
SORR APERTO E SINCERO.
IN QUESTA IN
INTERVISTA ESCLUSIVA SI
RACCONTA, SENZA ASTUZIE,
ASTU DENTRO E FUORI LA
VASCA: LA DISCIPLINA E I SSACRIFICI CHE IL NUOTO
LE IMPONE MA ANCHE LA FAMIGLIA, I SOCIAL.
INSOMMA LA VITA (QUASI) NORMALE
DI UNA
U RAGAZZA SPECIALE.
C racconti un po’ di te e della tua
Ci
ffamiglia?
««Ho sempre pensato di essere molto
ffortunata perché sono cresciuta in una
ffamiglia che mi ha sempre seguita,
molto presente, però nel modo giusto.
m
IIo e mia sorella Erica abbiamo eredita-
tto la passione per il nuoto proprio dai
miei genitori. Adesso mia sorella, dopo
m
essersi trasferita a Milano, è dovuta
e
andare per lavoro in Arabia Saudita,
a
quindi purtroppo non vive più a casa
q
con me. Ma i miei genitori si sono
c
ssempre dovuti tarare sui miei impegni
perché sanno quanto è importante per
p
me quello che faccio».
m

IIl tuo rapporto con lo sport. Quan-


do hai scoperto la tua vocazione
d
per il nuoto?
p
««Che io ricordi ho sempre voluto
nuotare. Ho sempre pensato che
n
potesse rappresentare una parte
p
iimportante della mia vita. Dopo le
varie vittorie giovanili ho capito che
v
iil nuoto avrebbe potuto essere il mio
ffuturo. Una speranza che è divenuta
certezza quando sono entrata in Na-
c
zzionale e ho vinto la prima medaglia
a Budapest».

30 RUNNERSWORLD.IT
Oltre al nuoto ti piacciono altri «Sinceramente non ci ho mai pensa- essere più plastica che fauna marina,
sport? to. Perché no? Quando smetterò di non possiamo stare a guardare. Entro il
«Mi piacciono tutti ma non ho il tempo nuotare...» 2019 adidas produrrà oltre 11 milioni di
di seguirli. Adoro guardare i tui e, scarpe realizzate con i riiuti plastici ri-
ultimamente, amo andare allo stadio Una curiosità: nella maratona a volte ciclati degli oceani ed entro il 2024 tutti
anche se non sono una gran tifosa. la noia è un nemico per il runner. i prodotti saranno realizzati usando solo
Pensa che Francesco Totti mi ha rega- Tu, durante le migliaia di vasche di poliestere riciclato al 100%, un motivo
lato la sua maglia...». allenamento, come tieni impegnata la in più di orgoglio per aiutare il nostro
mente? pianeta».
Ti piace correre? «La cosa importante è sempre quella
«Non particolarmente ma devo farlo di restare concentrati sul lavoro, se mi So che non hai potuto prendere
perché fa parte del mio allenamento distraggo non vado forte come dovrei. parte all’edizione 2019 della RFTO per
(ride, ndr). Soprattutto a settembre, A volte però capita di uscire con i pen- impegni “di lavoro” ma che ti sarebbe
quando iniziamo la preparazione, e per sieri, certo. A volte mi capita di cantare piaciuto. Quanti soldi saresti riuscita
tutto il primo mese corriamo un’oretta la canzone che ho ascoltato prima di a fare spendere ad adidas per la causa
prima di entrare in acqua. Per me è arrivare in piscina». Parley Fot The Oceans?
veramente faticoso, ma anche in pale- «Non ne ho idea. Non credo molti però
stra faccio sempre riscaldamento per Per una persona che, come te, ha (ride, ndr). Per fortuna hanno partecipa-
qualche minuto sul tapis roulant prima fatto dell’acqua un elemento to migliaia di persone in tutto il mondo
di fare gli esercizi». fondamentale della propria vita, contribuendo in modo attivo a una
immagino che una campagna come causa che io sento molto vicina. adidas
Il nuoto è uno sport individuale, “Run for the Ocean” non possa che ha donato 1 milione e mezzo di dollari – 1
come l’atletica. Se fossi capitata averti conquistata. dollaro per ogni km percorso - per sensi-
in pista invece che in vasca quale «Sì, certo. Sono contenta che il mio bilizzare le persone sulla crisi che stanno
sarebbe stata la tua disciplina? sponsor, adidas, sia impegnato in dal afrontando i nostri oceani e a ripulirli
«Avrei fatto qualcosa di resistenza. I 2015 in una campagna così importante. dalla plastica. Mi è spiaciuto non po-
1.500 o i 5.000 metri». Io adoro il mare, e la sua salvaguardia è terci essere all’evento di Milano, so che
fondamentale per la nostra esistenza. hanno partecipato oltre 1.500 persone
Ma prima o poi nella vita ti piacereb- Gli studi dicono che se andiamo avanti e tanti atleti adidas, da Ivan Zaytsev a
be correre una maratona? così entro il 2050 nei mari ci potrebbe Carlotta Ferlito, l’anno prossimo farò il

RUNNERSWORLD.IT 31
possibile per esserci». pa? E con i fotograi? disastri. La mia dieta mi permette di
«Se devo essere sincera, rilasciare mangiare un po’ di tutto ed è un bene
Sei abituata a competere a piedi interviste dopo un po’ è pesante anche perché a me piace molto mangiare.
nudi ma come ti trovi con le adidas se sono molto felice che ci sia attenzio- Colpa del nuoto che mette parecchia
UltraBoost? ne intorno a me. All’inizio poi ero molto fame (ride, ndr)».
«Molto bene, sono le scarpe con cui timida, invece adesso sono più tran-
corro prima di entrare in vasca e le uso quilla e mi piace. E invece adoro farmi Hai sempre vissuto di sport da quando
sempre. Sono comodissime, sembra di fotografare, una passione che avevo già eri piccolissima. Tanti sacriici, certo,
indossare dei calzini per quanto sono da piccola». ma anche tante soddisfazioni. Cosa
avvolgenti e grazie al ritorno di energia credi ti abbia dato lo sport e ti abbia
dato dalla suola mi sento più reattiva Sei diventata anche una scrittrice tolto?
e ammortizzata. Le uso spesso anche visto che hai pubblicato il tuo primo «Non mi ha tolto niente e mi ha dato
quando non pratico attività sportiva libro “Il mio spazio blu”. Di solito moltissimo. Mi ha insegnato tanto: la di-
perché mi piacciono molto dal punto di si scrivono le autobiograie in età sciplina, il sacriicio, la fatica, la capacità
vista estetico». avanzata, tu ne hai già scritta una a 20 di stare bene con gli altri e di condivide-
anni. Come è nata questa idea? Che re. Tutti mi chiedono: “Ma tu hai solo 20
Lontana dalle vasche però ti abbiamo esperienza è stata scrivere di te? anni non ti piacerebbe uscire di più?”.
vista spesso con tacchi importanti? «È tutto nato da un’idea della mia agen- Lo faccio poco, è vero, però quando
Sembra ti piacciano, non è vero? zia e della scrittrice Lorenza Bernardi. sono in vacanza o è un periodo dove
«Sì parecchio, anche perché purtroppo Io di cose ne ho raccontate tante anche non ci sono gare in programma, riesco
ho poche occasioni per indossarli e se, chiaramente, avendo solo 20 anni sempre a ritagliarmi momenti per me.
quando posso lo faccio sempre volen- non può essere l’esperienza di una vita». Certo, tante volte ho dovuto rinunciare
tieri. Certo non sono comodissimi, ma ad uscire per concentrarmi sugli allena-
sono disposta anche a sofrire per loro Qual è il tuo rapporto con i social? menti del giorno dopo, ma sinceramente
(ride, ndr)». «A me piace molto Instagram proprio questa cosa non mi pesa».
perché posso postare solamente foto
Ho letto che ti alleni quattro ore al che è la cosa che mi piace di più. Devo A proposito di vacanza. Qual è il posto
giorno, sei giorni su sette. E nel giorno dire che mi diverte molto ed è anche al mondo che ti è piaciuto di più?
libero cosa ti piace fare? una distrazione dai tanti allenamenti». «Il Messico, dove sono stata lo scorso
«La domenica è il giorno che di solito anno. E poi l’Arizona con il Grand Can-
passo con tutta la mia famiglia e i miei Meglio addentare una bella carbo- yon, l’ho trovato meraviglioso».
cugini fuori Roma, vicino a Riccia, dove nara o una medaglia d’oro? A parte
abbiamo una casa. Il sabato sera invece gli scherzi... il tuo rapporto con la C’è un’emergenza e devi lasciare in
è dedicato agli amici». cucina? fretta la tua stanza d’albergo. Puoi
«Vabbè ovviamente la medaglia d’oro portare via con te un solo oggetto:
Così giovane ma hai già conquistato (ride, ndr). Io in cucina so fare poche quale prendi?
copertine di Magazine prestigiosi, a cose e semplici ma non sono un feno- «Gli auricolari per ascoltare la musica.
cui adesso si aggiunge anche Runner’s meno. Quando ho tentato di creare Tanto costumi, cuia e occhialetti li
World. Che rapporto hai con la stam- qualcosa di originale ho fatto solo posso ritrovare (ride, ndr)».

32 RUNNERSWORLD.IT
REGGISENO
REGGISE DON'T REST PARLEY
Questo bra offre un supporto ideale per attività come il running,
ciclismo, circuit train
training o hiking. Confortevole e pratico da indossare,
è caratterizzato da u un design con spalline regolabili incrociate sul
retro. Le imbottiture rimovibili offrono una protezione extra.
Questo prodotto è re realizzato in collaborazione con “Parley for the
Oceans” e parte del filato contiene fibre ottenute riciclando rifiuti
plastici recuperati nei
n mari. € 44,95.

SCARPE
ULTRABOOST 19
Un nuovo concetto di Ultraboost
caratterizzato da una nuova intersuola
in Boost a doppia densità che assicura
un ottimo ritorno di energia e sostegno
nella zona mediale. Immerso nella
schiuma c'è il nuovo sistema Torsion
System che ha il compito di migliorare
la stabilità durante il passo e di fornire
maggiore dinamicità in fase di spinta.
La tomaia è in tessuto knit elasticizzato
che aderisce ai piedi come una
seconda pelle ed è caratterizzata dalla
tecnologia motion weave che fornisce un
supporto dinamico. La suola è in gomma
Continental. € 179,95.

PANTALONCINO
SHORT MARATHON 20 LIGHT SPEED
Questi short con tecnologia di ventilazione
Climacool, presentano una struttura leggera in
tessuto traspirante e ad asciugatura rapida per
mantenere la pelle sempre fresca. Il girovita
alto e l'intimo interno assicurano una copertura
extra, mentre il taschino per le chiavi consente
di custodire al sicuro i piccoli oggetti. Sono
realizzati in poliestere riciclato per ridurre il
consumo di risorse e le emissioni. € 24,95.

RUNNERSWORLD.IT 33
Temperature più
miti e clima fresco
sono un invito
per provare
a dare il meglio di sé
anche in gara.
Ascolta i consigli
del nostro coach
Fulvio Massini e
prepara al meglio
la tua prossima
sida con i 21K della
mezza maratona.
DI FULVIO MASSINI
Foto Getty Images

34 RUNNERSWORLD.IT
UNA
MEZZ A IN
AUTUNNO
Insieme alla primavera, distanza che permette
l’autunno è senza dubbio maggior facilità di
la stagione in cui si svolgono organizzazione tra i vari
la maggior parte delle gare impegni quotidiani, familiari,
più attese dell’anno. di lavoro, personali.
Tra queste, la distanza Anche se poi la mezza
preferita dalla maggior maratona resta comunque
parte dei runner amatoriali un valido strumento di
è la mezza maratona. Sono preparazione della maratona.
sempre di più coloro che, Ecco i miei consigli su come
vedendo la preparazione ottimizzare l’allenamento
per la maratona come un per correre la tua prossima
impegno molto gravoso 21K il più forte possibile,
soprattutto per il tempo ma sempre divertendoti e
necessario da dedicare, senza arrivare al traguardo
optano per la mezza, sconvolto dalla fatica.
RUNNERSWORLD.IT 35
PARTI DA LONTANO

DI V E N TA
V E L OC E

DI V E N TA
RESISTENTE

PENSA ALLA GARA

DI V E N TA V E L OC I TÀ DI
F OR T E R IF E R IME N T O

36 RUNNERSWORLD.IT
chilometro Un altro test da campo è rappresentato dalla velocità s ruttare il tapis roulant aluta la lunghezza delle salite e
media ottenuta in una km corsa al massimo delle tue regolati di conseguenza Le ripetute di km da arsi volte
possibilità La velocità di de lessione ottenuta con il test di correndo a ritmo di C Corsa con espirazione mpegnata e
Conconi o con il test del lattato ti daranno invece un indicazione con pendenza del o il più simile possibile a uella di gara
più scienti ica della tua sono un ottimo mezzo di sviluppo per la orza speci ica l
i consiglio di veri icare la ogni mese alla ine di ogni recupero ra ueste prove deve essere atto correndo a ritmo di
mesociclo che può essere costituito da due settimane di scarico C Corsa con espirazione acile e su pendenze dell e
e una di carico o da tre settimane di carico e una di scarico nella gara che hai scelto prevedi che ci siano tratti di sterrato
prova a correre su percorsi simili o ai esercizi di propriocettività
La caratteristica di correre alla massima Prendi anche la sana abitudine di are prove di visualizzazione
velocità possibile che permetta di del percorso mettendoti ad occhi chiusi e respirando pro onda
L A S OGL I A metabolizzare il lattato prodotto viene
de inita oglia del Lattato a imal
mente

DE L L AT TAT O Lactate tad tate o L Correndo da antieni l abitudine di inserire nel tuo
a ripetute di km a un ritmo di secondi più veloce della programma gli esercizi di orza ino a due
o
della o
ripetute di km a un ritmo di secondi più veloce
ripetute di km a un ritmo compreso tra uello
C ON T INU A o tre giorni prima della gara magari
riducendo il numero di ripetizioni
della e uno di secondi più veloce o ripetute di km CON L A F OR Z A oprattutto con il passare degli anni la
correndo a un ritmo compreso tra uello della e uno di orza tende ad essere persa con una acilità impressionante on
secondi più lento sono tutti mezzi di allenamento utili per lo c è bisogno di are pesi basta usare il proprio corpo ssere orte
sviluppo della L e conseguentemente della e nei periodi ti aiuterà a non avere o ad avere meno cali nel inale di gara
lontani dalla gara l allenamento è rivolto a diventare più veloci e
più resistenti in uesta ase devi diventare più resistente a Le s ide con gli amici si vincono o si
correre veloce per tutti i km perdono spesso negli ultimi

l ritmo da tenere nella mezza sarà dai ai


P R E PA R A metri prima dell arrivo Quindi impara a
gestire bene la gara in dall inizio senza
secondi più lento della elocità di i e IL F IN A L E partire a palla Quando poi sarai in
L A V E L OC I TÀ rimento Più elevato è il livello del runner
più vicino alla sarà il suo ritmo sulla
prossimità del traguardo se vuoi inire orte non allungare
troppo il passo ma pensa ad aumentare la cadenza edrai
DE L L A ME Z Z A mezza A tutti consiglio sempre di partire risparmierai energia e inirai ortissimo
più piano della e di aumentare il ritmo col tempo
La regola base per impostare la mezza è
Cerca di capire se il tracciato di gara uella di partire a un ritmo di più
presenta salite e discese se è tutto piatto lento della e procedere in maniera
S T UDI A IL solo as altato o anche sterrato e sono P R O C E DI regolare almeno ino al km A

PERCORSO
previsti dei tratti di saliscendi inseriscili
nei tuoi allenamenti aumentando il ritmo
R E G OL A R E O uesto puto devi ascoltarti e capire se stai
bene oppure se sei al limite o in crisi el
negli ultimi metri di ogni salita e nei primi metri di ogni VA I A S T R A PPI primo caso smetti di controllare il
discesa se non hai a disposizione tratti di saliscendi puoi cronometro e cerca di riprendere con calma tutti i runner che
avrai davanti Controlla sempre la respirazione e non andare
mai in a anno Cos acendo ti garantirai un inale in crescendo
di velocità e di sicuro batterai i tuoi amici i possono permettere
di procedere a strappi solo gli atleti di alto livello e sei un
amatore e lo ai perch non sei capace di tenere un ritmo
costante allora allenati a arlo Controlla la tua andatura in pista
o su un percorso con un cronometro ed allenati ad andare
costante e invece ti vuoi preparare a procedere a strappi devi
correre le prove di ripetute cambiando ritmo ad esempio ogni
metri alterna orti piano i tratta comun ue di
oscillare sempre di o secondi intorno al ritmo previsto Per
esempio se hai calcolato di correre le ripetute sui metri a
m in potrai correre m orte in al
km e m piano in

Proprio ieri Luca podista di Prato mi


diceva Quando partecipo a una gara e il
G A MBE PE S A N T I giorno prima riposo sento le gambe
pesanti Correre minuti il giorno
IL GIOR NO prima della gara concludendo con
DE L L A G A R A allunghi in scioltezza e decontrazione
può servire a scogliere le gambe prima
del via Una corsetta serve anche a togliere la tensione pre gara
noltre are nell arco della giornata una ventina di atti respiratori
pro ondi utilizzando il dia ramma contribuirà senza dubbio a
togliere il senso di pesantezza dalle gambe

RUNNERSWORLD.IT 37
52 RUNNERSWORLD.IT
#RUNSPECT 2019

VERSO LA
RICOSTRUZIONE…
MA DI CORSA!
Viaggio di un poliziotto runner nelle terre del Centro Italia
devastate dai terremoti del 2009 e del 2016, in nome
del rispetto e del ricordo di chi ha vissuto questa terribile
esperienza, provando ad aiutare chi ne ha bisogno
e vuole continuare a vivere in questi luoghi.
DI PAOLO VENTURINI
FOTO DI MAT TEO MENAPACE - VIDEOE20

#Runspect è la sincrasi, di “Run sente, raccontando un drammatico re- tadella in provincia di Padova, guidata
For Respect”, il titolo che abbiamo volu- cente passato, ancora vivo nei pensieri alla “vecchia maniera” dai fratelli Toset-
to dare al racconto di un viaggio di corsa di chi c'era. to, tre persone dal cuore d'oro, che du-
compiuto nelle zone colpite dai grandi Questo progetto, nasce qualche mese rante il periodo dell’emergenza, nell’e-
eventi sismici del 2009 e del 2016. fa, dopo che alcuni appassionati colle- state 2016, avevano donato un'enorme
Nella ricorrenza del terzo anno del ter- ghi e amici abruzzesi, mi contattano per tensostruttura ad un’azienda agricola
remoto nel centro Italia, quello di Ama- chiedermi di contribuire a dare visibilità della provincia di Ascoli Piceno, rasa al
trice per intenderci, #Runspect non ai territori martoriati dalla potenza di- suolo ed azzerata dal sisma. Un gesto di
vuole essere la cronaca di un giornalista, struttiva del terremoto, dei quali non si sensibilità e solidarietà umana come po-
che tra l'altro io non sono, e nemmeno il parla mai abbastanza. chi, mantenendo un basso profilo, senza
reportage di un fotoreporter. Accetto subito in quanto credo che sia pubblicità alcuna, ma concreto.
Il percorso di #Runspect non ha cercato doveroso ricordare quanti hanno perso In poche settimane i tecnici dell'azien-
scoop o notizie scandalistiche. #Run- la vita in questo disastro e tutti quegli da, prima dell'arrivo dell'inverno, riu-
spect è stata un’esperienza, a passo di eroi, che senza la ribalta delle cronache, scivano a montare la struttura capace
corsa, di un poliziotto, amante della vita hanno compiuto gesta epiche in quei di ospitare 250 vacche e 1.000 pecore.
e dei valori che lo sport insegna, che ha momenti tragici. Alessandro, il titolare dell’azienda agri-
l’onore di vestire i colori delle Fiamme Inizio così la pianificazione e la ricerca cola Petrelli, ha potuto così proseguire
Oro e di portarli in Italia e nel mondo, dei finanziamenti necessari per la rea- l’attività di famiglia, ma soprattutto ha
anche per raccontare quello che la Po- lizzazione della produzione televisiva e continuato ad avere la speranza di vive-
lizia di Stato fa ogni giorno per il nostro fotografica. Coinvolgo un’azienda della re, anche quando tutto sembrava finito.
Paese. #Runspect ha fotografato il pre- quale sono testimonial, l’Extend di Cit- Il mio viaggio, inizia proprio da Ac-

RUNNERSWORLD.IT 39
“Sembrava
l’apocalisse, ed io
ero sul mio trattore,
paralizzato, quasi
stordito e incapace
di far nulla, impotente
di fronte a quello che
stavo guardando”

quasanta Terme, per andare a trovare


Alessandro Petrelli. Passata Ascoli Pice-
no, lascio la Via Salaria, l'antica arteria
romana che ancor oggi, collega Roma a
San Benedetto del Tronto e comincio a
correre.
Qui la valle formata dal fiume Tronto è
stretta, con alte montagne che riportano
la mia memoria allo Utah statunitense.
Non è facile trovare la fattoria Petrelli,
ma correndo su una strada sterrata ed
ondulata, il mio sguardo viene attratto
da un bagliore bianco a fondo valle, è la
copertura in PVC del tetto della grande
struttura. Vuol dire che sono arrivato.
Mi viene subito incontro un ragazzone
possente, dagli occhi di ghiaccio e dalla
folta barba, somigliante più a un vichin-
go che a un acquasantano.
Mi colpisce subito la sua forza e, dopo
poche frasi, il suo amore per questa ter-
ra e la sua natura. Parliamo a lungo di
boschi, cinghiali, lupi e orsi, della storia
della sua famiglia e di Acquasanta, un
paese che dopo il terremoto non ha più
attività commerciali, non ha più vita e si
è spopolato.
Domando ad Alessandro di quel male-
detto giorno. Lui, che prima mi raccon-
tava con un tono della voce alto e fiero,
improvvisamente inizia a parlare sotto-
voce, come per non disturbare. Mi de-
scrive con freddezza e nei minimi parti-
colari quello che ha vissuto.
«Era il 24 agosto 2016 - racconta - e stavo
lavorando sopra al mio trattore. Il tempo
era bello e non c'era vento. Improvvisa-
mente, però, il rumore delle foglie ha at-
tirato il mio sguardo verso i rami degli
alberi, che vedevo vibrare come fossero
vivi. Un tremore mai visto prima, dalla
frequenza molto intensa, che non po-

40 RUNNERSWORLD.IT
Nella pagina a sinistra,
ad Acquasanta Terme,
Alessandro Petrelli
Uno shock interiore
con alle spalle la
tenso-fattoria donata
tremendo, indelebile,
da Extend. All'Aquila,
la Porta Santa
che merita solo
della basilica di
Collemaggio che
grande rispetto
durante il giubileo
aquilano i fedeli
attraversano per
ottenere l'indulgenza
Sarà questa la triste costante, che più mi
plenaria. Un’immagine colpirà durante il viaggio di #runspect.
dall’alto che rende Tutte le persone con le quali ho avuto
l’idea degli effetti del l’onore di parlare e che hanno vissuto
sisma ad Amatrice.
questa tragedia, dopo un inizio descrit-
tivo quasi “distaccato” ma che si capi-
sce essere ben scolpito nella memoria,
quando i ricordi riemergono e si fanno
più vivi e intimi, tutte e dico tutte, che
abbiano vissuto il terremoto del 2009
o quello del 2016, a un certo punto si
bloccano, non riuscendo a trattenere la
commozione. Si comprende che dev’es-
sere stato uno shock interiore tremen-
do, indelebile, che merita solo grande
rispetto.
Riparto alla volta di l'Aquila. Lungo la
strada, la segnaletica che indica le diver-
se direzioni con i nomi dei paesi riporta
A Sinistra, running la mente subito ai tristi giorni del ter-
sul ponte del Forte remoto. Arquata del Tronto, Accumoli,
Spagnolo, uno dei
Amatrice, Norcia, Visso, Montereale.
monumenti simbolo
della città dell’Aquila. Ci sono ancora tanti cantieri aperti in
In basso, primi segni strada, che lavorano per mettere in si-
di rinascita a curezza tunnel e ponti danneggiati dal
Campotosto, con
sisma, che qui è stato di magnitudo 6.0!
l’artigianato locale
esposto davanti Penso a questo paesaggio, così bello,
alle macerie. tra i monti Sibillini, quelli della Laga e
dell'Alto Aterno, dove la natura è ancora
teva essere causato da correnti d’aria. padrona. Provo un rispetto particolare
Subito dopo ho sentito un rombo pro- per queste persone e per queste terre,
venire dal profondo della terra, seguito terre che in questa stagione sono com-
da quello più secco e vicino causato dai pletamente verdi, ricoperte da foreste
macigni che si staccavano dalle pareti di quercia, castagno e faggio. Ogni tanto,
delle montagne circostanti», continua questo “mare” verde, viene “macchiato”
indicandomi vari punti attorno a noi. dal colore marrone di secolari borghi
«In un attimo un polverone si è sollevato medievali, arroccati su scoscesi pendii e
dalle case che crollavano sbriciolandosi. su cime collinari.
Sento ancora oggi i muggiti striduli dei Da lontano non ci si può accorgere, ma
lamenti delle bestie che, ferite, erano ri- avvicinandosi si nota che il colore dei
centri abitati è solamente marrone. Il
maste sepolte sotto le macerie».
caratteristico rosso dei tetti non c’è più…
Alessandro si interrompe. Silenzio. Lo
sono crollati tre anni fa per la furia si-
guardo in viso e vedo gli azzurri occhi smica. Si scoprono così villaggi fanta-
che si riempiono di lacrime. sma, diroccati, abbandonati, disabitati e
Prova a riprendere con un filo di voce: che forse non saranno mai più ricostru-
«Sembrava l’apocalisse, ed io ero sul mio iti. Intere comunità sfollate sulla costa
trattore, paralizzato, quasi stordito e in- adriatica o altrove, mai più rientrate per
capace di far nulla, impotente di fronte a paura o per la pericolosità dei siti.
quello che stavo guardando e che avevo La vegetazione, pian piano, sta iniziando
capito essere la scossa di terremoto più a riconquistare questi ammassi di mace-
distruttiva mai avvertita prima». rie e forse, un giorno, quelle “macchie”

RUNNERSWORLD.IT 41
marroni diventeranno verdi per sempre.
Anche questa è una delle facce della
devastazione del terremoto, capace di
cambiare la storia, la cultura e il tessuto
sociale di un territorio.

Oggi L’Aquila è il più


grande cantiere d’Europa

Arrivo a L’Aquila, il capoluogo di regione


dell’Abruzzo, simbolo del terremoto del
2009. Impressiona da subito lo skyline
della città, dove svettano una moltitudi-
ne di gru e impalcature. Oggi L’Aquila è
il più grande cantiere d’Europa. La mag-
gior parte del patrimonio artistico e mo- In questa pagina, i segni del terremoto
sono sempre più evidenti avvicinandosi
numentale della città è stato ricostruito alla cittadina di Amatrice. La facciata
o restaurato, ma osservando quello che della basilica di Collemaggio all’Aquila.
la violenza del terremoto è stata capace Il Ponte della Rinascita, realizzato
di infliggere alle strutture, ci si rende ad Amatrice nei giorni del terremoto
per accedere alla città.
conto che la mole di lavoro ancora da
fare è immensa.
A L’Aquila oggi non ci sono più “zone
rosse”, il centro storico è aperto, vivo e
si cominciano a notare i turisti. Lenta- non avendo ricevuto alcuna telefonata
mente, giorno dopo giorno, la vita torna dei familiari, Silvia non si allarma più di
alla normalità, sempre nel rispetto e nel tanto. Il suo servizio di pattuglia prose-
ricordo di chi ci ha lasciato. Sono molte gue regolarmente fino a quando, poche
le foto, i cartelli, gli striscioni e i ritratti, ore dopo, la sua volante incrocia una
che salutano per sempre i caduti. lunga colonna di mezzi della Protezione
Correre oggi in città non è semplice, un Civile campana, diretta verso nord.
po' per i cantieri, ma anche per la viabi- Qui Silvia capisce tutto e inizia a chie-
lità, ancora sconvolta. Il luogo migliore, dere informazioni, a telefonare, ad atti-
anche se non lunghissimo, è il giro del- varsi per sapere dei propri cari. Un orec-
le mura, attorno all'imponente Forte chio al cellulare, l'altro alla radio.
Spagnolo. Massiccia fortezza del '500,
Il racconto si ferma, Silvia non riesce a
all'apparenza indistruttibile, porta i se-
continuare. Chinando il capo e con gran-
gni delle ferite inflitte dal sisma.
de sforzo prova a trattenere il pianto.
Nei pressi della stupenda basilica di
Santa Maria di Collemaggio, completa- «Dai Paolo, sono in uniforme, non è cari-
mente restaurata, incontro un’auto della no - mi dice, e poi continua -. Non sape-
Polizia. A bordo c’è Silvia, un Ispettore vo cosa fare, mi sentivo avvolta da mille
Capo in forza alla Questura. Iniziamo pensieri, sono stati momenti terribili».
a chiacchierare come due vecchi amici. Le chiedo se l’esperienza di essere po-
Lei, aquilana di nascita, la notte del 6 liziotto in quella particolare occasione
aprile 2009, alle 3.32 era a Salerno, dove l’avesse aiutata a reagire in maniera più
a quel tempo prestava servizio sulle vo- razionale.
lanti. Inizia a raccontarmi l’esperienza Asciugandosi le lacrime, annuisce con
di quella notte, che a 10 anni di distanza il capo. Poi, accennando un sorriso, mi
sembrava aver vissuto il giorno prima. dice: «Adesso che mi ci fai pensare, cre-
Mi spiega che la centrale operativa la do proprio di sì. Appena terminato il
chiama riferendole che a L’Aquila c’è turno, ho caricato la mia auto con tutto
stata una nuova scossa di terremoto, quello che sapevo potesse essere utile,
scosse che in realtà si susseguivano da fermandomi in farmacia a comprare i
settimane e alle quali, quasi quasi, aveva medicinali indispensabili per mio padre
fatto l’abitudine. malato. Poche ore dopo riuscivo a riab-
Vista l’ora tarda per chiamare a casa e bracciare chi era sopravvissuto!».

42 RUNNERSWORLD.IT
maratona, poi sono quasi intimorito nel
chiedere quello che può sembrare un
argomento poco delicato, ovvero se du-
rante i giorni del post terremoto fossero
riusciti a correre e se in qualche manie-
ra questo li avesse aiutati. La risposta è
corale. Mi dicono che, pur con mille dif-
ficoltà, hanno sempre continuato a cor-
rere, perché era l'unico momento della
giornata dove poter staccare il pensiero
da tutti quei morti e da quella devasta-
zione. Un momento di condivisione che,
anche per poco, alleviava il dolore. «Sia-
mo anche riusciti a organizzare qualche
trasferta andando a gareggiare all'estero
– spiegano –, proprio per non “impaz-
zire”, per trovare ancora gli stimoli per
andare avanti». Lo sport che diventa te-
rapia per le persone e per il gruppo.

Sopra: ad Onna
il tempo si è fermato I pochi abitanti sono
a quel 6 aprile 2009.
A Sinistra, Paolo disarmati e stanchi, ma
Venturini davanti
al Municipio di non vogliono lasciare il
Montereale con il
sindaco Massimiliano paese, come la signora
Giorgi e con Sandro
Roca e Vincenzo 89enne che incontro
Onofri, motociclisti
della Polizia Stradale mentre passeggia,
di Avezzano. Sotto,
di corsa a Campotosto sorretta dal suo bastone,
e in piazza del
Duomo all’Aquila. per le vie di quelli che
sembrano essere i resti
di un bombardamento

Lascio l’Aquila e, seguendo Sandro e


Vincenzo, due colleghi motociclisti del-
la Sottosezione della Polizia Stradale di
Avezzano, mi avvio verso Campotosto.
Incastonato nel cuore dei Monti della
Laga, il paese si trova a 1.420 metri d’al-
Per correre in una zona un po’ più piat- titudine poco sopra l’omonimo lago, il
ta, scendo verso valle, nella frazione di secondo bacino d’acqua artificiale più
grande d’Europa.
Pur con mille difficoltà, Onna. Passo prima di fronte a un gran-
de “nuovo” villaggio in legno, donato da Il giro del lago è di circa 25 km, totalmen-
hanno sempre continuato qualche regione del nord Italia e, poco te asfaltato (invito tutti a correre il Giro
lontano, dinnanzi a quello che potrebbe del lago di Campotosto, gara che si svolge
a correre, perché era essere un museo a cielo aperto di quello tradizionalmente nel mese di giugno: ve-
l'unico momento della che può provocare la forza devastante
del terremoto.
drete che posti! girodellagodicampotosto.
oneminutesite.it).
giornata dove poter Auto schiacciate dai detriti, case sven- Il lago è un luogo ideale per gli allena-
trate che lasciano intravedere arredi, menti di corsa e di bici, ma anche per
staccare il pensiero da oggetti personali, quadri alle pareti, così praticare canoa e windsurf. Ci sono aree
tutti quei morti e da com’erano dieci anni fa. per i camper e sono numerosi i sentieri
Arrivo nel vicino centro sportivo Area per trekking e il nordic walking, percor-
quella devastazione Sport, dove mi attendono i runners ribili anche in mountain bike. In inverno
dell'Atletica Abruzzo. Con loro si scher- sci da fondo e ciaspole possono diventare
za e si parla allegramente di corsa e di le attività per esplorare i dintorni.

RUNNERSWORLD.IT 43
Prima del terremoto, Campotosto conta-
va 525 abitanti. Oggi, in quel poco che ri-
mane, sono rimaste solo poche decine di
persone, quasi tutti anziani. Arrivato in
paese, incontro il sindaco Antonio in una
casetta di legno prefabbricata, la sede
del municipio. Mi racconta che i servizi
qui sono al minimo e che la vita è molto
complicata. L’uicio postale, anch’esso
all’interno di un container, apre due vol-
te a settimana. Il medico proveniente da
L’Aquila, c’è una sola volta a settimana.
La ricostruzione procede, anche se a ri-
lento. I pochi abitanti sono disarmati e
stanchi, ma non vogliono lasciare il paese,
come la signora ottantanovenne che in-
contro mentre passeggia, sorretta dal suo
bastone, per le vie di quelli che sembra-
no essere i resti di un bombardamento.
Vincenzo, Assistente Capo Coordinato-
re, mentre mi accompagna ad assaggiare
la prelibatezza locale, la mortadella di
Campotosto, che non ha niente a che ve-
dere con la classica mortadella emiliana,
mi racconta dei soccorsi in questa zona
durante i terremoti.
Sì, perché qui la distruzione è stata conti-
nua, prima quella del 2009, poi la grande
scossa del 2016, seguita dalla nevicata re-
cord, quella della tragedia di Rigo Piano,
che ha in parte distolto l’attenzione da
Campotosto e che ha dato il colpo di gra-
zia a chi stava ancora cercando i soprav-
vissuti sotto le macerie. Soccorsi fatti a
piedi, facendosi largo in mezzo a metri
di neve per raggiungere le abitazioni più
isolate. Storie di freddo e gelo, di pianti
e urla, di famiglie intere, che nel lascia-
re tutto, si aidavano totalmente a chi li
metteva in salvo.

Un pianto di tristezza
interiore, rabbia e
determinazione di chi
non molla e non vuole
abbandonare mai

Prima del termine della mia esperienza


ad Amatrice, faccio una sosta a Montere-
ale. Ho un appuntamento con un sindaco
speciale. Infatti il sindaco è un Assistente
Capo Coordinatore della Polizia di Stato.
Montereale, un bellissimo borgo medie-
vale di origine romana, a prima vista sem-
bra non essere stato troppo danneggiato
dal movimento tellurico. Massimiliano
mi spiega però che la maggior parte delle

44 RUNNERSWORLD.IT
case non è agibile e che quindi gli abitanti Amatrice, i colleghi mi accolgono festo-
sono per la maggior parte sfollati. samente e mi accompagnano al di là del
Non è un problema economico, i soldi blocco.
sono stati stanziati e ci sono. È la buro- Rimango in silenzio. Il centro storico non
crazia che ne impedisce e rallenta l’al- esiste più. Resta in piedi solo la torre civi-
locazione, con il risultato che il paese è ca, completamente imbragata e con l’oro-
deserto, con i portoni sigillati e i negozi logio fermo sulle 3 e 36, l'ora della grande
chiusi. Solo la mentalità paziente, com- scossa del 24 agosto 2016.
battiva, schematica ed organizzativa, Per me è veramente diicile dire qualco-
dovuta anche all'esperienza degli anni sa, sono i colleghi che, camminando, mi
di servizio in Polizia, che permettono a indicano le posizioni dei vari stabili, dei
Massimiliano di lottare quotidianamente negozi, cercando di farmi orientare, ogni
per il suo paese e la sua comunità, anche tanto parlando tra loro, ricordano qual-
di fronte a paradossi amministrativi. che momento di quella notte. Notte che
Mentre mi racconta tutto questo, quasi in aveva appena visto terminare la festa del
uno sfogo liberatorio con un collega per paese. Giacomo Bracco, Vice Sovrinten-
il dramma vissuto in veste di poliziotto, dente della stradale di Amatrice, nato qui
sindaco, soccorritore e terremotato, Mas- e che qui vive da sempre, si ferma e inizia
similiano si commuove, senza che le la- il suo racconto.
crime riescano a uscirgli dagli occhi. Un «Quella notte, dopo il fragore della gran-
pianto di tristezza interiore (Massimilia- de scossa, ero ancora fuori casa e sapevo
no e la sua famiglia sono stati duramente che anche mia figlia lo era. Mi sono ri- Tre diverse immagini della città dell’Aquila
colpiti dal sisma), rabbia e determinazio- trovato al buio, a camminare sopra i tetti oggi, con le case ristrutturate, i monumenti
ne di chi non molla e non vuole abbando- delle case crollate, mentre sentivo le gri- amati dai turisti (nella foto la Fontana delle
99 cannelle), i lavori di ricostruzione
nare mai. da che provenivano da sotto i miei piedi». ancora in corso.
Mi spiega che le vecchie tecniche di co-
struzione prevedevano una “cintura” amici e conoscenti, alzava la testa per
di cemento armato al di sotto dei tetti. cercare di incrociare lo sguardo della sua
«Mi sono ritrovato al Quando la scossa di terremoto del 6° gra- ragazza.
buio, a camminare sopra do ha fatto collassare i muri delle abita-
zioni, i tetti, rimasti interi perché tenuti
Finisco la mia giornata, facendomi l'ul-
tima sgambata nel campo di calcio del
i tetti delle case crollate, dalla “cintura”, venendo a mancare il paese, molto bello, completamente rico-
sostegno sono precipitati, schiacciando struito in erba sintetica, nel sito dove si
mentre sentivo le grida chi era sotto. Pur essendo la maggior par- era stabilizzato il campo base della Pro-
che provenivano da sotto te delle case di Amatrice basse, pochi si tezione Civile. Anche qui, lo sport è stato
sono salvati. considerato come elemento indispensa-
i miei piedi». A voce bassa e commossa, con lo sguar- bile per tenere unita una comunità e fare
do all'orizzonte, Giacomo mi dice che in proseguire la vita.
quei momenti, dove era alla ricerca di- Mentre corro nel parco di quel che re-
Per Arrivare ad Amatrice occorre seguire sperata della figlia senza sapere se era an- sta del grande complesso monumentale
le frecce di deviazione gialle, in quanto cora viva o morta, immerso in una nube dell’Istituto “Padre Giovanni Minozzi”,
alcune strade non sono ancora percor- di polvere e con un fortissimo odore di scorgo un gazebo che ospita un gruppo
ribili. Ci si accorge che manca poco per gas che fuoriusciva dalle tubature dan- di ragazze che si sta allenando facendo
arrivare, perché man mano che ci si av- neggiate, si sentiva chiamare dalla gente esercizi di step e stretching. Mi avvicino
vicina le case, sempre più frequenti, sono che lo riconosceva e che a lui, in quanto ad osservare. E nella semplicità del posto,
devastate. poliziotto, chiedeva aiuto. un misero gazebo attorniato da strutture
La giornata è limpida, sullo sfondo c’è Giacomo, che con l'istinto del padre vuo- pericolanti tenute su solo da imbraghi e
lo scenario mozzafiato dei Monti della le andare a salvare sua figlia, è trattenuto impalcature, sulla parete del prefabbrica-
Laga. Correndo imbocco Corso Umber- dallo spirito del poliziotto, che quando to dietro alle ragazze, leggo una frase che
to, la via che taglia a metà la cittadina, e vede qualcuno in pericolo, incurante del- rimarrà la mia ultima immagine di que-
passo davanti all’area food, il villaggio la propria incolumità, si mette a disposi- sto toccante viaggio: “A chi ha perso tutto
di 2.000 metri quadrati realizzato gra- zione per prestare aiuto. Un terremoto e riparte da zero”.
zie alle donazioni di Corriere della Sera, emozionale interiore, tremendo, che lo fa
RCS e La7, che riunisce tutti i ristoranti di lottare con la sua anima per ore ed ore,
Amatrice. Qui ho l’impressione di essere fino al mattino seguente. Questo articolo è stato realizzato in
in una località turistica, ma l'illusione Mentre era lì che soccorreva chi ne aveva collaborazione con Polizia Moderna e
dura poco. più bisogno, urlava per chiamare la figlia. grazie alla collaborazione dell'Ufficio
Relazioni Esterne del Ministero dell'Interno
Poco oltre la mia corsa si interrompe. Mentre con le mani insanguinate scavava
e al particolare contributo di Sabatino
Un segnale di “ALT ESERCITO”, con tra le pietre per far uscire chi era sepolto, Romano e Umberto Lorenzetti, poliziotti di
una sorta di checkpoint, vieta il passag- sperava di riconoscere la sagoma della l'Aquila, oltre a tutti i colleghi che hanno
gio ai pedoni. Raggiungo il container del sua bambina all'orizzonte. Mentre ritro- reso possibile questo esperienza unica ed
Distaccamento della Polizia Stradale di vava sotto le macerie i cadaveri di molti ai quali dedico un grazie di cuore.

RUNNERSWORLD.IT 45
YASSINE RACHIK
HA CONQUISTATO LA
MEDAGLIA DI BRONZO
NELLA MARATONA AGLI
EUROPEI DI BERLINO 2018.
IN CARRIERA HA VINTO
ANCHE UNA MEDAGLIA DI
BRONZO NEI 10.000 METRI
AGLI EUROPEI UNDER 23 DI
TALLINN 2015 E 22 TITOLI
ITALIANI GIOVANILI IN 7
SPECIALITÀ DIVERSE.

RUNNERSWORLD.IT
YA S S I N E
R ACHIK
ON THE R O A D
di Marco Tarozzi - Foto Andrea Schilirò

dopo, papà Said ha trovato lavoro come


Gli davano tutti del O ra c h e è i t a l i a n o a l c e n t o
p e r c e n t o, Yassine Rachik può operaio a Castelli Calepio e la mia
sprigionare tutto il suo talento sulle famiglia (papà, mamma e tre fratelli)
pazzo perché appena strade del mondo. Prima, la sua si è trasferita lì. Ho scoperto l’atletica
battaglia è stata duplice. Scoperto per con le gare scolastiche. Arrigo Fratus,
poche stagioni fa si caso nel terreno spesso fertile delle l’allenatore a cui devo il mio approccio
gare scolastiche, fiore che cresceva a questa disciplina, mi vide e disse:
cimentava ancora sui senza bisogno di essere coltivato, nel “Non è possibile che tu non ti dedichi
lungo percorso delle gare giovanili totalmente alla corsa”. Mi ha convinto,
1500 metri e invece aveva vinto titoli su titoli, dalla mi ha motivato. Ho preso ad allenarmi
categoria Cadetti in su: collezionava due volte a settimana, all’inizio. La
nel marzo del 2017 tricolori e non poteva indossare la mia prima squadra, la Capriolese, non
maglia azzurra. aveva i mezzi per mandarmi a fare
ha esordito sui 42 Quando ha vinto anche la sfida alla i campionati italiani. L’unica strada
burocrazia, ha debuttato con il bronzo era vincere ai regionali, per entrare
chilometri a Milano in nei 10mila agli Europei Under 23. Poi a far parte della rappresentativa
è “uscito di pista”, in senso buono: ha lombarda. Mi sono messo d’impegno,
2:13’22’’. “Sentivo che seguito la sua stella, ha scelto la strada allenandomi cinque volte a settimana,
e la maratona. Protagonista, subito: e ho vinto. Così ho capito che prima di
quello era il futuro”. bronzo agli Europei di Berlino, nel tutto devi sempre avere un obiettivo
2018, personale abbattuto a Londra davanti».
Abbiamo incontrato quest’anno, correndo in 2:08’05’’,
quarta prestazione italiana di tutti i In pista ti sei fatto conoscere
Yassine Rachik, il tempi. a livello giovanile, vincendo
«Praticavo karate, quando ero in subito titoli italiani a grappoli.
26enne di origini Marocco. Ma facevo spesso lunghe «La pista è stata importante, mi ha
camminate, ero resistente. E ricordo dato certezze. Però potevo vincere
marocchine oggi uno che mi ispirava una gara podistica, a i campionati italiani, ma non
Casablanca, che non sono mai riuscito rappresentare il paese in cui stavo
dei maratoneti azzurri a fare. Mi è rimasta la voglia. Sono crescendo. È stata una lunga sfida
arrivato in Italia nel 2004, vivevo a con la burocrazia che ho vinto nel
più promettenti. Calcinate, nel bergamasco. Due anni giorno del mio compleanno, ed è stato

RUNNERSWORLD.IT 47
un regalo magnifico. “Ma sei sicuro di biglietto per la Germania». ratificato dal cronometro. Ora ho
vincere una medaglia, agli Europei?”, messo al centro della preparazione
mi ha chiesto un caro amico. Gli ho Berlino è stato il primo la maratona di Doha, ai Mondiali
risposto di sì. Pensare che fino a due spartiacque. Un bronzo agli di atletica. Niente più gare, sto
mesi prima nemmeno ci pensavo, agli Europei ti fa entrare di diritto lavorando duramente per arrivarci al
Europei. È arrivato il bronzo nei 10 nell’elite della specialità. Il meglio. Io e Alberto ci concentriamo
mila, anche se ho sbagliato a contare “crono” della London Marathon sul lavoro, sull’allenamento. E
i giri e ho fatto la volata al 24esimo. di quest’anno, oltre a valere carichiamo duro».
Era il mio debutto in Nazionale, come minimo olimpico, ha fatto
finalmente, e sono stato di parola». il resto, regalandoti certezze Sei immerso in un grande
deinitive. cambiamento: la maratona,
Da quel momento, «La medaglia degli Europei è stata oggi, si corre e si vince su
progressivamente hai una soddisfazione immensa. In più, ritmi impensabili anche poco
abbandonato l’attività in pista. dopo quel 2:12’09’’, a livello mentale tempo fa. Prepararla per stare
L’orizzonte era “on the road”. mi sono caricato. Perché quel giorno, ai vertici è davvero un “work in
«La strada l’ho sempre avuta nel a Berlino, sentivo di valere un tempo progress”.
Dna. Nel 2016, a giugno, ho preso migliore. A Londra questo è stato «Vero, le cose sono cambiate
una chiodata sulla caviglia, roba
da 13 punti di sutura. È stata una
motivazione in più per dedicarmi
totalmente alla strada. Ho lasciato
la Cento Torri Pavia, la società del
mio allenatore Alberto Colli, perché
mi sentivo alla fine della mia attività
su pista, e sono passato alla Casone
Noceto. Forse non ho esplorato del
tutto le mie potenzialità in pista, ma
sentivo che era venuto il momento.
A dicembre ho deciso, e nel marzo
2017 ho esordito sui 42 chilometri
a Milano. Mi davano del pazzo in
tanti, perché appena poche stagioni
prima mi cimentavo sui 1500 metri.
Ma io sentivo che quello era il futuro.
A Milano ho corso in 2:13’22’’, e ho
capito che dovevo insistere. Ci sono
tornato nel 2018, sapendo che era
l’ultima finestra per conquistare un
posto agli Europei di Berlino. Ho
corso in 2:14’00’’, e ho staccato il

48 RUNNERSWORLD.IT
tantissimo. Prima si puntava sulla In generale, penso di avere tanto
quantità, ora devi aggiungere molta margine sulla maratona, di poter
qualità. Si arriva a correrla a ritmi migliorare ancora. Vorrei lasciare un
da 2’52-2’53 al chilometro. A questi segno, in una competizione come il
livelli conta anche la tecnologia, devi Mondiale o l’Olimpiade. Poi sì, mi
curare i dettagli. La calzatura, per piacerebbe andare ad esplorare i
esempio: agli Europei di Berlino ho miei limiti, che credo siano ancora da
usato la Nike Vaporfly 4% Flyknit scoprire».
e per dire dell’aidabilità, l’ho
indossata direttamente il giorno Come Stefano Baldini, corri per
della gara e mi ci sono trovato una società “civile”. Per lui era
completamente a mio agio. Ora sto la Corradini Rubiera, per te la
testando la Nike ZoomX Vaporfly Casone Noceto.
Next%, sono certo che a Londra «Corro per la Casone da due
mi abbia supportato nella mia anni, posso dire che è una grande
prestazione». società, gestita da persone che
amano davvero l’atletica. Un anno
A questi livelli, bisogna trovare fa abbiamo vinto il titolo italiano di
anche il giusto equilibrio tra cross, un grande risultato per una
allenamenti intensi e fasi di squadra “civile”. Il nostro sponsor
scarico. ci tiene tantissimo, è appassionato
«Il recupero è importante. Fino a tre di corsa. Vuole farla diventare la
mesi prima della maratona cerco di società più forte d’Italia, anche lui
correre a sensazione, senza esagerare, ha un obiettivo e lo persegue. Ci
per non stancarmi anche a livello sono grandi atleti come Kiplimo,
mentale. Da lì in poi, mi aspetta un campione del mondo junior di cross
periodo intenso, in cui devo cercare di nel 2017 e argento tra i senior nel
non sgarrare. Io investo anche tanto 2019, o come El Mazoury, Kalale,
sulla fisioterapia, mi faccio trattare Nzikwinkunda, Quazzola, Agnello.
anche cinque volte a settimana, per Ma al tempo stesso è una vera
avere sempre i muscoli rilassati e famiglia, tanti di quelli che lavorano
in società sono dipendenti della ditta.
pronti».
Il posto ideale per continuare il mio
percorso di crescita».
Quella dei Mondiali, nel clima
torrido del Qatar, sarà una 42
chilometri particolare.
«Sto già cercando di fare sedute al
caldo, anche se non è facile allenarsi L’unione fa la forza
sotto il sole a picco. Cercherò anche
di reintegrare nel modo giusto. Nelle Due diverse scarpe, Nike. La Nike Joyride letteralmente folgorato
ultime due settimane faremo in modo una per i giorni d'alle- Run Flyknit è dotata di dalla Nike ZoomX Va-
di adattarci a una gara che si correrà namento più veloci e una tecnologia inedita, porly Next%, la scarpa
partendo a mezzanotte, in un clima per le gare, l'altra per la un'intersuola nella quale più performante di Nike,
non abituale. Ma sarà caldo per tutti, corsa “easy” e i giorni sono inserite ben 11 mila pensata per i runner più
non solo per me». dedicati al recovery. microsfere che hanno veloci che afrontano la
Anche Yassine Rachik è il compito di garantire maratona. La indossa
Cosa signiica, per te, correre molto attento alla scelta il migliore assorbimen- negli allenamenti più
una 42 chilometri? delle calzature che lo to degli impatti con il veloci e l'ha portata in
«La maratona è un mare, non finisci accompagnano nei suoi terreno e una calzata gara a Londra dove ha
mai di imparare e più le dai, più allenamenti e nelle gare. estremamente comoda, ottenuto il suo primato
ti dà. Correndola, anche soltanto «Joyride è perfetta per i ideale per i giorni in cui in maratona. «Correre
preparandola, scopri sempre qualcosa giorni di recupero, quan- la corsa è solamente un con questa scarpa è un
di nuovo. Ed ogni volta devi saperla do faccio pochi chilome- ingrediente per il recu- piacere, perché sento
interpretare quando ci sei dentro, tri e ho voglia di correre pero e la rigenerazione che mi aiuta a sfruttare
facendo tesoro dell’esperienza». in leggerezza», racconta muscolare. tutte le mie potenzialità.
facendo riferimento Per le gare e le tempo La sensazione di velocità
Che cosa ti esalta di più? L’idea all'ultima nata di casa run, Yassine è rimasto è straordinaria».
di conquistare una medaglia
“pesante” a una grande
manifestazione internazionale,
o quella di lasciare il segno con
un primato clamoroso?
«Ora come ora penso a Doha, voglio
avere tutte le energie possibili per
esprimermi al meglio. E quella non
sarà una maratona “da tempo”.

RUNNERSWORLD.IT 49
RUN THIS CITY
NAPOLI
LA CITTÀ DEI MILLE COLORI

50 RUNNERSWORLD.IT
apule è mille culure,

“N
Napule è mille
Napoli e le sue tante storie nascoste tra l’ombra dei paure... Napule
è nu sole amaro,
vicoli e il caldo abbraccio del mare. Una corsa tra arte, Napule è addore
cibo e tradizioni da scoprire e amare. è mare”. Napoli è
il giallo caldo del
Di Dario Marchini - FOTO DI PIERLUIGI BENINI sole che sembra svegliare la
città, l’immenso blu del mare
che accarezza il Vesuvio
esaltandone l’inimitabile
bellezza, il grigio opaco dei
palazzi accalcati uno sull’altro.
Strade larghe e luminose
che si alternano agli angusti
vicoli bui, accompagnati dalle
urla insistenti dei venditori
ambulanti. Napoli è una carica
di emozioni, di contraddizioni.
Napoli è il profumo della
salsedine sospinta dal vento
che si mischia a quello di babà,
sfogliatelle, zeppole e pizza
fritta. Napoli è la solitudine
di vecchi portoni di chiese
stretti nell’ombra di due ali di
balconi e panni stesi. Napoli
è il calore contagiante della
sua gente che ti fa sentire a
casa e lo sfrecciare incessante
di motorini che ti siorano
le braccia. Napoli è il saluto
amico di un estraneo, un
cafè oferto a cui non puoi
dire no. E Napoli è corsa, un
assaggio veloce, profondo,
diverso della sua anima. È stato
suiciente calarsi tra le sue
braccia, conoscere il suo calore
e capire le sue abitudini per
imparare ad amarla. Passare
controvento sul lungomare di
Mergellina, stretto tra i colori
dei palazzi che si afacciano
sul golfo, spingendosi ino a
Castel dell’Ovo. Immergersi
dopo l’alba tra i frenetici vicoli
di Spaccanapoli e dei Quartieri
Spagnoli mentre la città si
sveglia ancora intorpidita dal
freddo della notte. Gustarsi
la sua arte tra i presepi di San
Gregorio Armeno e monumenti
nascosti ad ogni angolo. Risalire
i viali che si arrampicano sui
colli per godersi la vista del
Vesuvio e ridiscendere a dirotto
verso Piazza del Plebiscito,
SET TEMBRE 2019 passando dal Maschio Angioino
e Palazzo Reale. “Napule è na’
camminata inte viche miezo
all’ato – cantava Pino Daniele
– Napule è tutto nu suonno e a
sape tutto o’ munnoù”.

RUNNERSWORLD.IT 51
1 MASCHIO ANGIOINO
Maestoso. Imponente. Primo baluardo della sirena Partenope per
chi approda sulle sue coste. È così che si presenta Castel Nuovo.
Conosciuto con il nome di Maschio Angioino, per distinguerlo da
Castello di Capuana e da Castel dell’Ovo, è stato costruito durante
il regno degli Angioini e domina tutta la visuale della baia di Napoli.
Il castello è un’imponente fortezza con cinque torri, ad ognuna
delle quali è assegnato un nome: Torre di Mezzo, Torre di Guardia,
Torre di San Giorgio, Torre di Beverello, Torre dell’Oro. Segno
distintivo è l’Arco Trionfale che collega le prime due, realizzato
in marmo con ricche decorazioni, rilievi e sculture. Ancora oggi
Castel Nuovo partecipa alla vita di Napoli essendo teatro di eventi
e spettacoli culturali, oltre a essere sede permanente del Museo
Civico, con un percorso di visita che s’inoltra in molte delle sue
sale. Al suo interno è anche custodito l’enorme tesoro bibliotecario
della Società Napoletana di Storia Patria, nata nel 1875.

2 /GALLERIA UMBERTO I
Galleria Umberto I è la galleria più famosa di Napoli. Una galleria
commerciale costruita tra il 1887 e il 1890 (gli stessi in cui è
stata costruita la Tour Eifel). Per 50 anni è stata il regno degli
Sciuscià, i lustrascarpe resi famosi dal ilm di Vittorio De Sica.
Nel dopoguerra napoletano gli sciuscià hanno avuto la loro
sede prima nel bosco di Capodimonte, poi in Galleria. Le sedie
per i clienti erano dei veri e propri tronetti di velluto scarlatto
alti un metro e mezzo. Farsi lustrare le scarpe in Galleria era un
rito, faceva parte delle abitudini di gentiluomini, di borghesi e
di chiunque amasse silare “luccicando”. Strangolati dagli aitti

3
impossibili e da una tradizione andata morendo, gli ultimi due
sciuscià hanno chiuso la loro attività qualche anno fa.

PIAZZA DEL PLEBISCITO


Piazza del Plebiscito è il luogo simbolo di Napoli.
Il suo nome deriva dal plebiscito popolare con
cui Napoli e il Regno delle Due Sicilie vennero
uniti, nel 1860, al Piemonte dei Savoia e al resto
dell’Italia. Un tempo luogo di cerimonie militari,
oggi è il palcoscenico su cui si tengono importanti
eventi e manifestazioni artistiche. E in cui sila
anche la Napoli City Half Marathon. La piazza è
delimitata da monumenti architettonici di grande
bellezza, tra cui il colonnato in stile neoclassico
della chiesa di San Francesco di Paola e il Palazzo
Reale. Tra turisti e cittadini è tradizione il gioco di
provare ad attraversare a occhi chiusi la piazza
(170 metri in linea retta), ma praticamente nessuno
è mai riuscito nell’impresa. In origine, infatti, la
piazza aveva una forma irregolare e ancora oggi
una leggera pendenza della supericie impedisce,
a chi decide di attraversarla, di proseguire dritto.
Secondo la leggenda, la regina Margherita
(sì, quella della pizza) concedeva la salvezza ai
prigionieri del Regno qualora avessero superato
questa prova diicilissima, ma non ci riuscì mai
nessuno a causa di una maledizione lanciata
dalla stessa sovrana, quella che ancora oggi non
permette di farcela.

RUNNERSWORLD.IT
4 NAPOLI
RUNNING
Sono fresche dello scorso giugno le
certificazioni “Road Race Bronze Label”
della Iaaf e “Five Stars” della Eaa, attribuite
alla Napoli City Half Marathon, premiata per
l’organizzazione, la qualità della manifestazione
e la spettacolarità del percorso. Napoli City
Half Marathon che nell’ultima edizione ha
portato alla Mostra d’Oltremare 7.431 runner,
14.996 accompagnatori e 22.427 visitatori
all’area Expo. Ma non è solo la mezza maratona
organizzata da Napoli Running che nei prossimi
mesi permetterà di vivere e scoprire le
meraviglie della terra partenopea.

• 19 ottobre 2019: Il Bosco in Rosa


• 13 dicembre
novembre 2019: Spaccanapoli Half Marathon
• 23 febbraio2019: Sorrento Positano
CASTEL DELL’OVO • 31 marzo 2020:
2020: Napoli City Half Marathon
Castel dell’Ovo spicca maestoso sull’antico Isolotto di Megaride, il primo • Caracciolo Gold Run
approdo dei Greci che conquistarono il golfo di Napoli e fondarono nel 474 a.c.
Neapolis (la “città nuova”). Numerosi miti e leggende raccontano dell’isola e
del suo castello. Una delle più bizzarre attribuisce il nome all’uovo che Virgilio
avrebbe tenuto nascosto in una gabbia posta nei suoi sotterranei. L’uovo fu
difeso con pesanti serrature e mantenuto segreto perché proprio da quello
dipendeva la buona sorte del Castello.
Altre storie sono invece legate al culto della sirena Partenope. Il primo che
ne parlò fu Omero nell’Odissea. Il mito secondo cui Ulisse, legato ad un palo
della nave, riuscì a resistere all’ammaliante canto delle sirene che lo volevano
incantare. A causa dell’umiliazione tutte le sirene si lanciarono da una rupe
uccidendosi e il corpo di Partenope giunse sino all’isolotto di Megaride, dando
così il suo nome alla vicina città.

VIA PIGNASECCA
E I QUARTIERI SPAGNOLI
La Pignasecca è un
caratteristico rione dei
Quartieri Spagnoli in cui si
respira ancora l’antico sapore
del mercato di una volta. Una
strada dove si può trovare
ogni tipologia di bottega, dagli
acquafrescai ai pescivendoli
urlanti. Prima di tramutarsi
nel grande mercato all’aperto
di oggi, il rione era occupato
da complessi religiosi, palazzi
nobiliari e da un’immensa
tenuta, chiamata allora
Biancomangiare. La leggenda
vuole che in questo luogo vi
fosse anche una grandissima

5
pineta popolata da numerose
gazze, che furono scomunicate
dal vescovo, scoperto da una
di loro a letto con la perpetua.
Dopo tre giorni, la pineta morì,
i pini seccarono, le gazze
sparirono, lasciando solo una
distesa di terra arida e vuota.
La Pignasecca.

RUNNERSWORLD.IT 53
6
SPACCANAPOLI
Il cuore pulsante della napoletanità. La strada che
taglia in due il centro storico, segnando una linea
retta che va dai Quartieri Spagnoli alla Forcella.
Vista dall’alto, da San Martino al Vomero, colpisce
la combinazione di colori che la caratterizza e fa
di Napoli una delle città più colorate d’Europa. Ha
origini antichissime. È infatti uno dei tre decumani
in cui i romani, basandosi sulla costruzione greca,
organizzarono l’urbe. Un giro per Spaccanapoli è
un percorso (a ostacoli) lungo la millenaria storia
della città e racchiude tutta la sua essenza. Dalle
splendide botteghe di artigiani, ai monumenti
nascosti che ne narrano l’evoluzione, dai venditori
che urlano incessantemente, al caos di persone e
motorini che la riempiono, dalla statua in bronzo di
Pulcinella all’altare dedicato a Maradona.

7 /MM TOLEDO
8 Cattedrale
di San Gennaro
Il Duomo di Napoli o
Cattedrale di Santa Maria
Assunta è la principale
chiesa della città. Sotto
È l’opera più recente di l’altare maggiore, all’interno
tutta la città partenopea, della cripta, ancora oggi
divenuta vera e propria sono custodite le ossa di San
meta turistica per Gennaro insieme alle due
chiunque passi per Napoli. famose ampolle contenenti
Parliamo della stazione il sangue del Santo. Tre volte
Toledo della Linea 1 l’anno (il sabato precedente
della Metropolitana, la prima domenica di
progettata dall’architetto maggio, il 19 settembre -
catalano Oscar Tusquets giorno della ricorrenza di San
Blanca, inaugurata Gennaro - e il 16 dicembre)
nel 2012 e deinita dai si celebra il rito della
maggiori quotidiani di liquefazione, che prevede
tutto il mondo come “la il ripetersi del cosiddetto
più bella d’Europa”. Una “miracolo di San Gennaro”,
spettacolare scenograia, in cui l’arcivescovo di Napoli
sviluppata nei toni del mostra ai fedeli il sangue
blu (mare), del nero solidiicato contenuto
(terra) e dell’ocra (tufo), nelle ampolle ritornato
con riferimenti ai miti “miracolosamente” allo
mediterranei, al Vesuvio e stato liquido. Un fenomeno
all’iconograia napoletana, considerato una vera e
straordinari mosaici propria sventura nel caso
dedicati a San Gennaro, in cui non accada. Molti
un corridoio marino e il ricordano che nel 1980,
suggestivo Crater de Luz, prima del terribile terremoto,
un gigantesco cono da cui il sangue di San Gennaro,
si gode una vista senza infatti, non si sciolse…
pari della città.

54 RUNNERSWORLD.IT
SAN GREGORIO ARMENO
È conosciuta come la via dei presepi, famosa in tutto il
mondo per le innumerevoli botteghe artigiane dedicate
all’arte presepiale. Il quartirere e i piccoli negozi possono
essere sempre visitate durante tutto l’anno osservando
gli artigiani al lavoro delle loro creazioni. La caratteristica
principale del presepe napoletano è quella di essere un
perfetto connubio tra il sacro e il profano, dato che non
solo presenta le classiche statue della Sacra Famiglia
9
in diverse dimensioni, fatture e forme, ma anche la
rappresentazione caricaturale di personaggi famosi sia
del presente che del passato. Ed è proprio nella creazione
di queste statuette che si ritrova tutta l’ironia e la fantasia
degli artigiani napoletani.

10
Vesuvio
È uno dei principali simboli
di Napoli, noto nella storia
per l’eruzione che nel 79 d.C.
distrusse la città di Pompei.
Tra le tante leggende che
lo riguardano, quella della
Strega del Vesuvio appartiene
all’eruzione del 1958. Dopo
l’eruzione gli abitanti dei paesi
vesuviani iniziarono a udire ogni
notte urla strazianti di donna,
senza riuscire a capire da dove
arrivassero. Così si rivolsero a
una fattucchiera, a Vecchia ‘e
Mattavona, che lanciò diversi
incantesimi, debellando il
fenomeno paranormale. Proprio
da questa storia il disegnatore
americano Carl Barks diede
vita alla strega Amelia, celebre
personaggio Disney delle
avventure di Zio Paperone.

1 1 /IL VERO BAR Pizza Napoletana. La sua particolare

DEL PROFESSORE
PIZZA2RUN composizione, studiata appositamente
da nutrizionisti sportivi, la rende ideale
Si chiama Pizza2Run ed è la per il recupero post corsa. Cos’ha
Tappa obbligatoria per tutti gli amanti prima pizza al mondo dedicata alla di speciale? È insaporita da spinaci
corsa. A lanciarla, in occasione ricchi di ferro, gustosi pomodorini del
del vero espresso napoletano, questo
dell’edizione 2019 della Napoli City Piennolo e proteico fiordilatte campano.
locale storico si trova in Piazza Trieste Inoltre, il suo impasto è ricco di semi
Half Marathon, l’Associazione Verace
e Trento, a soli pochi metri dalla di chia, una preziosa fonte di vitamina
più nota Piazza del Plebiscito. Nato C che facilita l’assorbimento del ferro.
nel 1996 con un bagaglio di oltre Di seguito qualche consiglio su dove
quarant’anni di esperienza nel settore gustare la vera pizza napoletana, sia
in versione tradizionale che in quella
tramandata di padre in iglio, propone
gourmet.
oltre al classico e cremoso Espresso
del Professore, cafè in ben altre 63 Tradizionale
versioni. Particolarmente apprezzato L’Antica Pizzeria Da Michele • Pizzeria
è il Cafè alla Nocciola, una vera e Gino Sorbillo • Pizzeria del Popolo • La
propria specialità, frutto dell’inventiva Figlia del Presidente
del noto proprietario Rafaele Ferrieri e
Gourmet
dei suoi igli, così come lo sono il Cafè 50 Kalò • Pepe in Grani (a Caiazzo) •
del Nonno, il Kinder Cofee o il Cafè Concettina ai Tre Santi
Cialdino.

RUNNERSWORLD.IT 55
CON LA NUOVA CLOUDSTRATUS
IL GIOVANE BRAND SVIZZERO HA
PORTATO A UN NUOVO LIVELLO LA
SUA TECNOLOGIA CLOUDTEC.

AMMORTIZZAZIONE
E COMFORT x2
PRENDETE L'ULTIMA EVOLUZIONE mentre gli elementi Cloud collegati
DEL PIÙ EFFICIENTE SISTEMA DI sull’avampiede distribuiscono la pres-
AMMORTIZZAZIONE DI ON RUN- sione in fase di atterraggio, garanten-
NING, il CloudTec, e moltiplicatela do più controllo durante la spinta. La
per due per raggiungere nuovi livelli nuova schiuma Helion si caratterizza
di comfort e di reattività nella cor- per una speciale lavorazione che
sa. Scoprirete la nuova On Running consente di unire elementi morbidi ad
Claudstratus, l'ultima nata del brand altri più rigidi per garantire reattività e
svizzero che questa volta punta protezione allo stesso tempo.
decisamente sull'ammortizzazione e I celebri “Cloud” di On Running, ossia
sulla comodità. La nuova calzatura, gli “ammortizzatori indipendenti” che
dedicata ai runner che prediligono sono ben visibili su ogni calzatura
l'ammortizzazione e che abitualmente della collezione perché assomigliano
corrono con scarpe più protettive è a cuscinetti forati, in questo modello
stata presentata nel corso dell'estate vengono esaltati sia grazie al posizio-
ed è entrata a far parte della collezio- namento su due ile, che garantisce
ne autunno/inverno 2019. maggiore ammortizzazione nella parte
Il nuovo sistema di ammortizzazione posteriore e media del piede, sia per la
si basa sulla tecnologia Helion, la loro forma speciale che dopo la fase di
particolare mescola che abbiamo già compressione favorisce un ritorno più
trovato nell'intersuola del modello rapido aiutando una corsa più dina-
Cloudswift. Tuttavia, nel caso della mica. Sebbene sia questo il punto di
Cloudstratus, i due strati sovrapposti forza più importante della Cloudstra-
di CloudTec (una serie di ammortiz- tus, la scarpa è frutto di una progetta-
zatori indipendenti che agiscono in zione attenta e certosina, in perfetto
modo attivo durante tutto il ciclo del stile svizzero, che introduce più di una
passo) lavorano in maniera sequenziale innovazione.
per ofrire un’ammortizzazione supe- La tomaia, per esempio, è realizzata
riore in senso verticale e orizzontale, con un mesh ingegnerizzato morbido

56 RUNNERSWORLD.IT
e traspirante, ma il design predilige
alcune zone più rigide per favorire il
supporto del piede utile ai runner più
pesanti e a chi necessita di maggior
sostegno soprattutto durante le corse
più lunghe. Per esempio, le iancate
avvolgono il piede per tenerlo fermo e
creare un tutt'uno tra piede e scarpa
durante le fasi di corsa.
Il sistema di allacciatura è molto
personalizzabile grazie alla presenza
di una doppia ila di occhielli. Conta
anche due occhielli cuciti diretta-
mente sulla tomaia che consentono di
disporre diverse soluzioni di allaccia-
tura anche attraverso l'incrocio delle
stringhe. Inoltre, la tomaia ha una
forma asimmetrica progettata per
adattarsi meglio alla forma del piede.
La calzatura è dotata anche di un
speciale supporto dell'arco plantare
che lavora per attivare la propriocezio-
ne nel piede per un migliore feedback
sensoriale, stabilizzando inconscia-
mente l'appoggio.
Nonostante si tratti di un modello
dall'ammortizzazione superiore, la
scarpa ha un peso di 305 grammi (270
nella versione femminile) che la pone
nella media delle calzature d'allena-
mento quotidiano. È già in vendita al
prezzo di 179,95 euro.

Il doppio strato di ammortizzatori CloudTec


che compone l’intersuola fornisce maggiore
ammortizzazione e rende più fluida la
rullata dalla fase di appoggio a quella di
spinta. La tomaia di forma asimmetrica e il
nuovo sistema di allacciatura contribuiscono
a una calzata più avvolgente.

RUNNERSWORLD.IT 57
DI DINO BONELLI
Speciale
GREEN

FOTO GETTY IMAGES

LE ECOFRONTIERE DEL RUNNING / PARKRUN / SPORT FOR NATURE / ESPERIENZE


ESOSPORT / INTERVISTA A EMELIE FORSBERG / ALIMENTAZIONE / VETRINA

RUNNERSWORLD.IT 59
Le
ECOFRONTIERE
del running er essere un runner bastano circonda a una velocità così umana da

P
Correre in un mondo
migliore. Correre per
un mondo migliore.
È quello a cui puntano
ormai anche i maggiori
un paio di pantaloncini, una
maglietta e un paio di scarpe.
Lo si è sempre detto, anche
in tempo in cui l’attenzione
per l’ambiente era ridotta e l’allarme
per i clima che cambia non era un tema
di massa. Eppure, quel modo di dire,
riuscire a coglierne immagini, odori e
sensazioni che spesso, quando ci si spo-
sta in auto, si perdono completamente.
Una condizione che è ancora più vera
quando parliamo di trail running, nel
quale il contatto con la natura e il pae-
saggio divengono l’elemento fondamen-
organizzatori di che in sé racchiude tutta la semplicità e tale della nostra esperienza di corsa.
“l’economicità” del running inteso come Tuttavia, dire che il runner è amico
eventi di running, disciplina sportiva adatta a tutti, oggi dell’ambiente non è così facile e imme-
che sempre più spesso sembra essersi trasformato in una sorta diato. Dopotutto siamo consumatori di
si stanno mobilitando di manifesto della sostenibilità ambien- scarpette e t-shirt realizzati da grandi
tale degli sportivi. Del resto, se dovessi- industrie chimiche che ne realizzano i
per trasformare e mo pensare a uno sport davvero amico singoli componenti utilizzando materia-
sensibilizzare il dell’ambiente e poco impattante sulle li sintetici e derivati del petrolio.
risorse del nostro pianeta, uno dei primi Un mercato colossale che soltanto da
mondo della corsa che ci verrebbe in mente è sicuramente pochi anni si sta muovendo in modo
verso un futuro il running. Per correre è sufficiente in- deciso verso criteri di produzione sos-
dossare le nostre scarpette e uscire tenibile e l’utilizzo di materie più com-
più green. di casa, correndo nel parco del nostro patibili con l’ambiente. Per fortuna la
quartiere o addirittura sul marciapiedi grande spinta dell’allarme per clima e
DI ROSARIO PALAZZOLO E DARIO MARCHINI inquinamento dei mari sta producendo
che circonda la nostra abitazione.
FOTO DI GETTY IMAGES Il runner si muove nell’ambiente che lo una sensibilizzazione più forte che nei

60 RUNNERSWORLD.IT
mente impossibile. Arriva proprio la piantumazione di nuovi alberi:
dai grandi organizzatori di gare una «Ne abbiamo già piantumati 6.300
spinta decisa a innovare nella direzi- in tutta la Repubblica Ceca e in-
one di una maggiore sostenibilità am- crementeremo i nostri sforzi – sot-
bientale. Gli esperimenti in atto sono tolinea l’organizzatore partenopeo
numerosi e anche se non tutti stanno –. Abbiamo anche uno speciale
dando i frutti sperati, la “corsa” verso sistema che consente di raccogliere
l’organizzazione della gara completa- le bottiglie di plastica, fornendo in
mente sostenibile è già cominciata. cambio buoni sconto utilizzabili per
l’acquisto di prodotti sportivi o di
«Il running è decisamente uno sport pettorali. Una iniziativa che inten-
vicino all’ambiente. Correndo con- diamo proporre anche a Napoli».
sumiamo poca energia, ma soprat-
tutto abbiamo modo di apprezzare ciò Quale è stata secondo lei la princi-
che ci circonda e questo ci rende più pale innovazione introdotta in gara?
sensibili a ciò che ci accade intorno - «Guardo con attenzione ai sistemi
spiega Carlo Capalbo, organizzatore per l’eliminazione della plastica. Le
con RunCzech di gare internazionali ormai celebri bolle d’acqua utiliz-
quali la Maratona di Praga e la Napoli zate in via sperimentale a Londra
Half Marathon, ma soprattutto re- sono interessanti, anche se c’è an-
sponsabile della Commissione IAAF
per la Corsa su Strada -. Certo non
possiamo dimenticare che anche noi
runner facciamo parte di un grande
ingranaggio della società che ci porta
a produrre e consumare. Ma credo
prossimi anni porterà a risultati evi-
che la federazione internazionale di
denti. La grande “macchina della corsa”
atletica leggera sia quella che a livello
negli anni si è espansa e organizzata, e
mondiale abbia sposato più di tutte la
ognuno di noi, per quanto lontano dagli
tematica ambientale».
ambienti dell’agonismo più competitivo,
prima o poi ha preso parte a un grande
Tuttavia i grandi eventi continuano
evento di massa. Una maratona inter- ad avere un costo molto elevato in
nazionale o più semplicemente una 10K termini di consumo energetico e in-
di quelle che riuniscono 20 o 30mila quinamento. Cosa si può fare?
sportivi. Si tratta di organizzazioni «Il lavoro di innovazione che sta
complesse e dispendiose che impongo- compiendo ogni grande organizzazi-
no, sia per motivi logistici che di sicurez- one è enorme – spiega Capalbo –. Si
za, un enorme impatto sull’ambiente. pensi alle numerosissime iniziative
Si pensi a quanto inquinano migliaia di che stano portando un po’ ovunque
runner che si spostano in auto o in aereo all’eliminazione delle bottigliette di
per raggiungere il luogo di una gara, plastica. Ma un lavoro ancora più
senza contare il dispendio organizzati- importante è quello di guardare agli
vo per garantire sicurezza ed eicienza eventi sportivi come a dei palcoscenici
a così tanti runner. di massa nei quali aiutare le persone a
Si pensi solamente a un dettaglio: in una riflettere e ad adottare comportamen-
gara internazionale con migliaia di par- ti più sostenibili».
tecipanti il numero di bottigliette, bicch-
ieri e involucri monouso è esorbitante, A Praga, già da qualche anno i run-
ma privare gli atleti dell’acqua è decisa- ner sono chiamati a contribuire per
Le ECOFRONTIERE del running
cora da lavorare. Un mio cruccio è riu-
scire a eliminare le migliaia i fascette
in plastica che si usano ad ogni evento.
Tuttavia credo che molto si possa fare
anche proponendo ai runner idee per
la compensazione ambientale e stimo-
li per ridurre l’uso di auto per raggiun-
gere gli eventi».

Direzione che anche molte altre or-


ganizzazioni italiane e internazion-
ali stanno intraprendendo. Prodotti
ecocompatibili, salvaguardia delle ri-
sorse, gestione dei rifiuti, responsabil-
ità sociale. Sono molte le azioni messe
in campo per ricercare la sostenibil-
ità. Tanti modi diversi per correre in
aiuto del pianeta. Tante iniziative per
riuscire a far ritornare verdi le strade
su cui ogni giorno ci alleniamo. Tante
idee per continuare a farlo.
IL SOGNO
DI RUNCHZEC
Sono molte le
iniziative attivate
dall’organizzatore
della Repubblica
Ceca e promosse
all’interno delle gare
del proprio circuito,
come i contenitori per
lo smistamento delle
bottiglie in scatole
chiamate “PETer”, la
raccolta di indumenti
usati, il riciclo delle
vecchie scarpe da
corsa, l’utilizzo di maglie
tecniche realizzate
in poliestere riciclato
al 100%, l’impiego di
bottiglie di plastica come
valuta o la collaborazione
MILLE BOLLE ALLA LONDON MARATHON per la piantumazione di
alberi e cespugli in tutta
È stata forse l’innovazione “green” che ha più incuriosito il mondo del running quella vista la nazione. Ma la visione
all’ultima edizione della London Marathon (ma già provata anche in altre manifestazioni più grande rimane quella
minori). Sembrano bolle, sono trasparenti, rotonde e commestibili. Si chiamano Ooho, e sono di riuscire a catturare
sfere d’acqua ricoperte da una membrana gelatinosa, derivante da arginato di sodio, formata l’energia umana che
da alghe marine e cloruro di calcio, commestibili e biodegradabili in 4-6 settimane. È sempre un singolo corridore
fresca, contiene 5 volte meno anidride carbonica rispetto al PET e richiede 9 volte meno produce durante le
energia per essere prodotta. Oltre ad essere più economica (per produrre una bottiglia di gare di lunga distanza e
Ooho si spendono 2 centesimi). L’inizio della rivoluzione? poterla riutilizzare.

62 RUNNERSWORLD.IT
aftershokz.com

AURICOLARI A CONDUZIONE
OSSEA IMPERMEABILI
E CON MP3 INCORPORATO

D I S T R I B U T E D B Y athena.eu • sport@athena.eu • AthenaSporTech


Le ECOFRONTIERE del running
ECO MILANO
MARATHON
Già da alcuni anni Milano
Marathon dedica parti-
colare attenzione al tema VENICEMARATHON MODELLO
della sostenibilità. Nel DI SOSTENIBILITÀ
2019 è stato sviluppato
un progetto (promosso Dopo aver ottenuto, nel 2015, la certificazione
da Levissima in collabora- ISO20121 per la gestione degli eventi sostenibili rila-
zione con AMSA) che ha sciato dall’Organismo di Certificazione Tuv Rheinland
consentito di recuperare (primo ed unico evento di running in Italia), lo scorso
oltre 7 tonnellate di plastica anno Venicemarathon è stata scelta dalla Regione
prodotte durante la gara e Veneto come “evento pilota” per il nuovo progetto di
che verranno riciclate per tutela ambientale e del territorio “Zero Waste Blue
il restyling del “percorso sport events for territorial development”, e quest’anno
vita” interno al Parco Sem- sarà modello di sostenibilità su più fronti: nei trasporti
pione. Per la nuova edi- (incentivando del trasporto ferroviario e la creazione
zione 2020, sono previste di un modello volto alla razionalizzazione del trasporto
diverse idee e progetti per su gomma), nell’attenzione ai rifiuti (differenziandoli il
aumentare ulteriormente lo più possibile e recuperando tutta la plastica prodotta
spirito “green” dell’evento nell’ambito del progetto CO.RE.PLA) e nello spreco
e certificarne lo sviluppo della carta (digitalizzando documentazione, comuni-
sostenibile. cazioni e promozioni).

SPIRITO ECOTRAIL
RIMINI MARATHON E SARNICO LOVERE EcoTrail, il circuito internazionale di corse off-road
RUN PLASTIC FREE che conta una dozzina di gare internazionali in tutto il
mondo (tra cui l’Ecotrail di Firenze e di Parigi), sostiene
Lungo la strada che costeggia la riva del Lago d’Iseo, nell’ultima edi- all’interno delle proprie manifestazioni uno spirito
zione della Sarnico Lovere Run e sul lungo mare che da Rimini porta rispettoso del territorio, attraverso la promozione di
fino a Misano Adriatico durante la maratona, è stato impossibile tro- comportamenti virtuosi e la riduzione dell’impatto
vare plastica abbandonata su tutto il percorso di gara. Grazie infatti ambientale. Come? Ad esempio attraverso il divieto
all’accordo rispettivamente con Uniacque e gruppo Hera, è stata assoluto di abbandonare rifiuti lungo il percorso (pena
utilizzata solo ed esclusivamente acqua “pubblica” distribuita dagli la squalifica dalla competizone), l’uso di prodotti locali
erogatori predisposti in concomitanza dei punti di ristoro, che ha ai ristori, l’obbligo del bicchiere personale o l’utilizzo
permesso di eliminare l’utilizzo delle classiche bottigliette di acqua, di toilette con “sciacquo” a segatura invece che con
sostituite (anche per quel che riguarda i sali minerali) con bicchieri sostanze chimiche. Un modo green e intelligente per
di carta biodegradabile. unire la passione della corsa al piacere del viaggio.

64 RUNNERSWORLD.IT
Parkrun
La comunità da
6 milioni di runner
Esiste una grande comunità che si Bosco e Paludi di Rauccio, nel Salento
(l’elenco e gli indirizzi potete trovarli sul
riunisce una volta la settimana per sito uiciale di Parkrun).
correre e per portare a termine una Gli eventi più recenti o nelle località più
piccole coinvolgono qualche decina di
5K cronometrata che non è una vera e appassionati ogni settimana, ma nelle
propria gara. Si chiama Parkrun. grandi città come Roma, Milano e Fi-
renze si superano ogni sabato i 100 par-
DI MATTEO DI FELICE tecipanti.
Ciò che stupisce è che ci si trova spesso a
correre fianco a fianco con runner pro-
li appassionati di running tutto libero, anche se il tempo di tutti i

G in Italia che corrono al-


meno 2 volte a settimana
sono oltre 6 milioni e i nu-
meri continuano a cresce-
re. Non tutti sanno però che in diversi
parchi italiani (e poi in tutto il mondo)
esiste una grande comunità che si riuni-
partecipanti viene cronometrato e dopo
ogni evento viene inviata ai partecipanti
una classifica, che riporta anche un in-
dice della prestazione in relazione all’età
anagrafica.
Arrivare primi non è però importante.
L’obiettivo è quello di promuovere il be-
venienti da ogni parte del mondo che
approfittano delle trasferte di lavoro e
o delle vacanze per unirsi alla comunità
locale di Parkrun.
Gli eventi sono totalmente gratuiti per
i runner grazie alla presenza di alcuni
sponsor e del lavoro dei volontari che
presidiano il percorso e garantiscono la
sce una volta la settimana per correre e nessere e la socializzazione tra i parte- riuscita dell’evento. Si tratta di appassio-
per portare a termine una 5K cronome- cipanti, presidiando e valorizzando al nati di corsa che ofrono il loro supporto,
trata che non è una vera e propria gara. tempo stesso il territorio in cui si svol- coordinati da un Run Director, la figu-
Si chiama Parkrun ed è una delle oppor- gono gli eventi, che sono naturalmente ra incaricata di coordinare l’organizza-
tunità più interessanti per avvicinarsi al dei parchi. zione di ogni evento assicurandone la
mondo della corsa (ma si può partecipa- Nella nostra penisola gli eventi Parkrun buona riuscita. In Italia lo sponsor na-
re anche camminando!) e per conoscere si svolgono ogni sabato mattina con par- zionale è la IdeeGreen S.r.l. Società Be-
nuovi amici, all’interno della più grande tenza alle ore 9 in un numero crescente nefit, editrice del noto portale dedicato
community di runner al mondo: oltre 6 di località distribuite su tutto il territo- ad ambiente, sostenibilità e benessere
milioni di iscritti e 1.900 eventi che si di- rio italiano: al momento in cui pubbli- psicofisico, con oltre 2 milioni di lettori
sputano ogni settimana. chiamo questo articolo gli eventi sono mensili.
La partecipazione a Parkrun è total- 15 e si svolgono a Roma (2 eventi), Mi- Per conoscere meglio Parkrun è suf-
mente gratuita: basta iscriversi e pre- lano, Firenze, Padova, Treviso, Lucca, ficiente collegarsi al sito ufficiale e re-
sentarsi il giorno dell’evento. La distan- Rimini, Montecatini Terme, Palermo gistrarsi per essere al via ad uno degli
za da percorrere è di 5 km. Il ritmo è del (3 eventi), Montelepre, Monte Etna e a eventi difusi in ogni parte del mondo.

RUNNERSWORLD.IT 65
IL LATO VERDE
dello sport
Lo sport può aiutare
a salvare
il pianeta.
Oggi più che mai,
la capacità mentale
di adattamento
diventa necessaria
e fondamentale:
è la tesi del
mental trainer
Stefano Tirelli.
DI DARIO MARCHINI

i chiama “Sport For Na- pentino cambiamento climatico che di rispetto, di forza e determinazione

S ture” il progetto creato da


Stefano Tirelli (ideatore
e docente del metodo di
Tecniche Complemen-
tari Sportive all’Università Cattolica
del Sacro Cuore di Milano e mental
trainer di numerosi campioni dello
sta colpendo tutto il pianeta e sta già
radicalmente trasformando le zone
artiche. La temperatura globale cre-
sce di quattro gradi ogni dieci anni, i
ghiacciai polari si ritirano a vista d’oc-
chio, modificando contestualmente
tutto ciò che ci circonda. Cambiando
necessari per cambiare le situazioni
attuali e per raggiungere obiettivi po-
sitivi futuri.
E per sensibilizzare il mondo sporti-
vo e non a questi temi, Tirelli ha coin-
volto campioni del mondo del calcio
come (tra gli altri) Stevan Jovetic,
sport mondiale) per mettere lo sport l’ambiente, anche noi saremo costretti Andrea Ranocchia, Mattia De Sciglio,
al servizio del pianeta, sensibilizzan- a reagire al cambiamento, modifican- Davide Santon, Roberto Mancini, Fa-
do le nuove generazioni al rispetto per do i nostri comportamenti, le nostre bio Capello, Andrea Pirlo, Alex Del
l’ambiente e alla scoperta di come la conoscenze, le nostre sovrastrutture. Piero, Gennaro Gattuso, Max Allegri
preparazione mentale svolga un ruolo Questo è il vero territorio nuovo (e con un semplice messaggio da lan-
fondamentale per afrontare i cambia- immenso) ancora tutto da esplorare. ciare soprattutto ai più giovani, colo-
menti climatici. Proprio per questo, oggi più che mai, ro che subiranno più di ogni altro le
Negli ultimi due anni Stefano Tirelli la capacità mentale di adattamento di- conseguenze di questi cambiamenti
ha viaggiato prima alle Isole Svalbard venta necessaria e fondamentale. climatici se non ci sarà una vera inver-
poi in Islanda, documentando, mo- Lo sport rappresenta appieno la me- sione di rotta. “Save the nature... Sport
strando e raccontando i rischi del re- tafora ideale per comunicare valori for nature!”.

66 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI
Lo sport I risultati sono eccellenti
tanto che la pratica spor-
tiva viene considerata da più
parti una sorta di elisir per miglio-
rare la produttività sul posto di lavoro,

fa bene al lavoro
ridurre l’assenteismo, migliorare il lavo-
ro in team e il coinvolgimento dei dipen-
denti negli obiettivi aziendali.
Se n’è parlato recentemente a Milano
nel convegno organizzato dall’Associa-
zione Italiana Direzione Personale in
Ogni anno 3,2 milioni di persone muoiono collaborazione con Professional Corpo-
rate Run.
prematuramente a causa dell’inattività fisica. Guido Bartalini ha chiamato a parlare
Il tema del benessere sui luoghi di lavoro manager di gruppi internazionali, che
è da anni un focus anche in Italia. Se hanno portato testimonianze concrete
dati dall’introduzione di programmi
n’è parlato nel convegno “Le frontiere del sportivi nei luoghi di lavoro. «I contri-
benessere in azienda: lo sport come strumento buti di questi protagonisti dell’attività
economica confermano che un grande
per coniugare salute, engagement, produttività e positivo coinvolgimento del personale
e networking”. nelle aziende rappresenta uno strumen-
to importante per facilitare processi di
DI ROSARIO PALAZZOLO change management – spiega l’avvocato
Bartalini -. Inoltre, già in tempi molto
brevi, i benefici che ne derivano in ter-
l vecchio adagio “mens sana in in Italia, dove da anni ci sono profes-

I corpore sano”, assume ancora


più importanza in una società
come quella moderna, dove si
stima che il 28% della popola-
zione svolga una vita sedentaria. Non si
tratta soltanto di questioni estetiche o
di forma fisica. Svolgere lavori ripetitivi
sionisti affermati che si battono per la
diffusione tra gli imprenditori di una
cultura aperta al “benessere sui luoghi
di lavoro”.
Un esempio per tutti è Guido Bartali-
ni, avvocato internazionale, partner di
Nctm Studio legale, maratoneta, che
mini di efficienza e produttività pos-
sono superare i costi dell’investimento
necessario per questi scopi».
È chiaro che programmi di wellness in
azienda, sviluppati con diverse modalità
e intensità, apportino un miglioramento
dell’engagement, dello spirito di appar-
o ancora peggio rimanere seduti tutto già due anni fa ha dato vita al sodalizio tenenza e produttività, ma soprattutto
il giorno davanti a una scrivania e a un “Professional Corporate Run”. riducano l’assenteismo.
computer possono compromettere la sa- Intorno a questa filosofia, che vede lo Professional Corporate Run ha comin-
lute più di quanto si pensi. sport come ingrediente fondamentale ciato a operare per la promozione dello
Secondo l’Oms ogni anno 3,2 milioni di per la salute e il benessere psicofisico sport in ambito professionale già alcuni
persone muoiono prematuramente a delle persone, l’attenzione è altissima. anni fa, utilizzando la leva della corsa
causa dell’inattività fisica. Ciò sta spin- Grandi gruppi internazionali hanno in- per diffondere l’identità aziendale e lo
gendo le istituzioni dei Paesi più avan- serito in modo stabile “incentivi” e op- spirito di gruppo. Un’iniziativa che oggi
zati e i grandi gruppi imprenditoriali a portunità per condurre ogni tipologia si è trasformata in un vero campionato
promuovere lo sport come elemento di di sport tra i benefit concessi ai dipen- di running tra professionisti e aziende
wellness aziendale trasformandolo in denti. Lo sport viene consentito anche che si disputa in occasione di 18 grandi
uno dei pilastri della strategia impren- con orari di lavoro elastici, e in alcuni eventi nazionali tra cui la maratona di
ditoriale. casi diventa strumento di coaching per Milano, dove gli iscritti a Professional
Questo tema sta lentamente, ma ineso- migliorare la capacità di lavorare in Corporate Run hanno a disposizione
rabilmente, diventando un focus anche squadra. una classifica personalizzata.

68 RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI
Esosport La carriera nel riciclo
Nicolas, figlio del Console Generale
di Grecia a Milano e di una imprendi-
trice di uno dei più importanti botto-
nifici d’Europa, inizia la sua carriera
lavorativa a soli 17 anni, sviluppan-

Economia circolare
do varie esperienze in diversi campi
per i dieci anni successivi. La svolta
che lo porta ad avvicinarsi al mondo
dell’ecologia avviene grazie all’in-
contro con Sergio Pironi, impren-

e sostenibilità
ditore nel settore della gestione dei
rifiuti. I due trascorrono una lunga
serata parlando di ambiente e riciclo,
che si chiude con una scommessa:
quella del sovracitato cafè… Sergio
non crede che una persona che ha la-
vorato per anni nel marketing possa
Esosport Run è oggi il poi gestire un’azienda di rifiuti mos-
primo e unico progetto sa solo da un forte spirito ecologista.
di riciclo di scarpe Nicolas accetta la sfida e diventa in
brevissimo tempo Amministratore
sportive in Italia Delegato di un impianto di smalti-
e in Europa. Tutto mento di rifiuti tossico-nocivi. Quelli
sono gli anni dell’incontro con Elisa-
merito di un manager betta, “Betty”, che lavora nell’uicio
con la passione della commerciale dell’azienda, nonostan-
sostenibilità: Nicolas te una lotta già iniziata contro un
tumore, e che ben presto diventerà la
Meletiou. donna della sua vita.
DI MICOL RAMUNDO La uova vita agli scarti
Nel 1999, Nicolas decide di fon-
da re ESO (Ecolog ica l Ser v ices
Outsourcing), azienda specializzata
nella microraccolta dei rifiuti d’uicio,

L
a storia di Nicolas Meletiou, come pile, toner, neon, carta. Arriva
Managing Director di ESO, presto a gestire un portfolio di clien-
è una di quelle storie che ad ti molto importanti. Betty lo segue in
ascoltarle si spende bene il questa nuova avventura e diventa Re-
proprio tempo. sponsabile Tecnico dell’azienda.
Manager da sempre, Nicolas entra nel Nel 2016, ESO si trasforma in Socie-
mondo della sostenibilità e del riciclo tà Benefit: profitto e business vanno
per scommessa: già, proprio la scom- di pari passo ad azioni in supporto
messa di un cafè. Perché «figuriamo- dell’uomo e dell’ambiente. La filoso-
ci se uno che ha fatto marketing tutta fia di business si basa sul concetto di
la vita, si può occupare di rifiuti». economia circolare, idea che sta mol-
E figuriamoci, aggiungiamo noi, se to a cuore al fondatore: i rifiuti ritirati
può far entrare in questo mondo an- vengono rigenerati in appositi impian-
ti. Nel frattempo l’azienda si espande
che lo sport.

RUNNERSWORLD.IT
grazie all’acquisizione di clienti molto Una dedica a Betty
grandi.
Nel 2007, a seguito di un infarto, Nico-
Nel 2011 Betty muore, sconfitta dalla
malattia dopo 15 anni di dure batta-
COME
las decide di ritornare a correre come
faceva da ragazzo, passione che egli
glie sempre con il sorriso sulle labbra
e quegli occhi indimenticabili di una
FUNZIONA
stesso ricollega mitologicamente alle donna meravigliosa. Esosport Run è oggi il primo e unico
sue origini greche e alla tradizione Gli anni che seguono la scomparsa progetto di riciclo di scarpe sportive
olimpica. Durante un allenamento, nel della moglie sono anni diicili per Ni- in Italia e in Europa. Grazie all’E-
2009, riceve una chiamata da Marco colas, fino a quando un’azienda della sosport Bag, si possono inserire le
Marchei; tema della telefonata è come grande distribuzione di abbigliamen- vecchie scarpe negli ESObox, con-
liberarsi di quindici paia di scarpe da to, scarpe e materiale per lo sport si tenitori in cartone riciclato, presenti
running a cui Marco è afezionato, evi- nei punti concordati con la Pubblica
mette in contatto con Esosport per un
Amministrazione (scuole, spazi ludici
tando di abbandonarle in discarica a servizio di ritiro di gomme e camere e ricreativi, impianti sportivi, negozi)
giacere per anni. Da questo tema nasce d’aria delle biciclette. Nasce così Eso- con i quali sono state stipulate speci-
il progetto Esosport alla cui base sta sport bike, un progetto che prevede fiche convenzioni.
un concetto di solidarietà e sostenibi- l’installazione di appositi raccoglitori La raccolta ha come fine ultimo,
lità ambientale e sociale. L’idea inno- all’interno dei negozi per depositare grazie a un accurato procedimento
vativa sta nel riciclare scarpe sportive materiali di riciclo delle bici come ca- di separazione della suola dalla
dalle quali ottenere materia prima se- mere d’aria e copertoni. tomaia, la generazione di materia
conda utile per costruire giardini e pa- prima seconda, che, attraverso l’As-
Sette anni fa, Nicolas fonda anche
sociazione GOGREEN - onlus, viene
vimentazioni antitrauma per bambini. Medal in Frame, un’azienda che si donata gratuitamente alle ammini-
Ad oggi sono stati realizzati numerosi occupa di produrre cornici in carta, strazioni pubbliche per la costru-
“Giardini di Betty” dedicati a sua mo- plastica e alluminio riciclato. zione deiGiardini di Betty, dedicati
glie, un po’ in tutta Italia: 10 a Genova, 1 Con Manuela Olivieri, moglie del ad Elisabetta Salvioni Meletiou e
a Firenze, 1 a Roma, 1 a Cesano Bosco- campione Pietro Mennea, Nico- della Pista di Pietro, progetto dedi-
ne in provincia di Milano e 1 all’ospe- las elabora il progetto “La Pista di cato a Pietro Mennea.
dale S. Carlo di Milano. Molte aziende Pietro”: 60 metri di pista di atletica
di settore hanno sposato la causa e do- con la base in materiale riciclato da
nano ad Esosport residui di magazzino scarpe sportive esauste sulla quale
e diversi Comuni stanno partecipando i ragazzi possono sfidare il record
ed aderendo al progetto per costruire di Mennea sulla medesima distanza
“I Giardini di Betty”. (6’68’’ nel 1976 a Genova).

Come aderire
Per i negozianti
L’adesione al progetto consiste in un abbonamento
di durata annuale che prevede la consegna e l’in-
stallazione dello Starter Kit direttamente in nego-
zio. Nel corso dell’anno ESO si occupa del ritiro del
contenitore pieno e si fa carico della compilazione
dei formulari previsti per la raccolta e il trasporto.
Alla casella di posta elettronica info@esosport.
it ed al numero verde 800-754496 l’azienda è a
completa disposizione per l’assistenza tecnica oltre
che commerciale. Il nominativo del negozio viene
inserito sul sito come punto di raccolta.

Il primo assortimento comprende:


• 1 contenitore ESObox esosport run 
• 1 espositore runner grande
• 100 sacchetti da distribuire ai clienti per la raccolta
• 500 depliant informativi del progetto

RUNNERSWORLD.IT 71
e
Per loro la corsa è una filosofia di
vita e stare a stretto contatto con la
natura li ha portati a scelte “green”
anche nella vita quotidiana. Da tre
anni Emelie Forsberg e Kilian Jornet

c
hanno scelto di trasferirsi a Mandalen
in Norvegia, dove abbiamo raggiunto la
campionessa di trail running.
DI MARCO TAROZZI

c ppia
S
ono la coppia regina dell’ul- me, la cui parte antica è patrimonio con la nascita della loro primogenita,
tratrail e dello skyrunning dell’umanità per l’Unesco. che secondo il volere dei genitori cre-
mondiale, e l’elenco dei Hanno portato con sé una bache- scerà a stretto contatto con la natura.
loro successi riempirebbe ca inarrivabile. Julian ha vinto le Per Emelie, vivere e correre nel verde
da solo pagine e pagine di Skyrunner World Series sei volte, l’ul- è un credo, e non da ieri. «Sono cre-
questa rivista. Ma Kilian Jornet ed tima nel 2018, ha due titoli mondia- sciuta sulla costa orientale della Sve-
Emelie Forsberg non sono soltanto li individuali di scialpinismo (2011 e zia», racconta, «intorno non avevo
due fuoriclasse al di sopra degli sche- 2015) e cinque di Vertical Race. Eme- certo montagne alte, la passione per
mi. Per loro la corsa è una filosofia di lie ha vinto le Skyrunners World Seri- quelle è venuta dopo. Ma mi piaceva
vita, ed esprimersi ad alto livello ed es Ultra nel 2014 e nel 2015, e il titolo vivere a due passi dalla foresta, e nella
a stretto contatto con la natura li ha iridato Buff nel 2012, è stata campio- natura sono sempre stata immersa, fin
portati a scelte “green” anche nella nessa d’Europa e ha vestito i colori da bambina».
vita quotidiana. Amore per l’ambiente, della Nazionale del suo paese, la Sve-
per la vita a contatto con la natura, per zia. Hanno collezionato successi in Un’abitudine che ha certamente inluito
le emozioni profonde che solo un’esi- tutte le “classiche” della disciplina. sulla tua scelta di abitare, insieme a Ki-
stenza semplice e intensa può rega- Nel 2017, appena un anno dopo il loro lian, in una piccola comunità che cono-
sce l’incanto delle bellezze del Creato,
lare. Dopo aver abitato in un vecchio arrivo in Norvegia, la Camera di Com-
con l’acqua del Mare di Norvegia che si
mulino restaurato appena fuori Cha- mercio di Rauma li ha eletti “Amba- insinua in un incantevole iordo, su cui
monix, da febbraio 2016 hanno scel- sciatori dell’anno”, per aver dato lustro si afaccia la vostra fattoria.
to di trasferirsi a Mandalen, frazione e ulteriore fama al territorio. E cinque «Avevo già vissuto in Norvegia, a
della cittadina di Rauma, 39mila ani- mesi fa hanno arricchito la comunità Tromso e poi a Lyngen, quando fre-

72 RUNNERSWORLD.IT
FOTO JOSEP SERRA/LYMBUS
quentavo l’Università.
Da quando avevo diciotto anni, ho vis-
suto più o meno a lungo in diversi posti
di questo Paese. Per me questi luoghi
non sono nuovi, e nemmeno per Kilian.
Mi ci sento davvero come a casa.
E ci sono anche montagne che in Svezia
non trovavo, luoghi davvero selvaggi.
È un incanto, vivere qui».

Vostra iglia è nata immersa in questo


ambiente. Oggi ha soltanto cinque
mesi, pensi che farla crescere qui sia
la scelta giusta? In quale mondo speri
possa vivere, in futuro?
«Credo, proprio come lo crede Kilian,
che questo sia un posto nel quale
si può crescere con valori importanti,
approfondendo il rapporto con la natu-
ra e imparando a rispettarla.
Cosa sogno per mia iglia? Che impari
FOTO LYMBUS

a seguire le ragioni del cuore, che si


faccia guidare da quel battito,
sapendolo ascoltare».

RUNNERSWORLD.IT 73
FOTO LYMBUS
FOTO KILIAN JORNET

FOTO LYMBUS

Non solo vivere, ma anche correre. In che essere un trailrunner è uno stile di interpretare la corsa, e questa è la sua
Italia, il libro che hai scritto raccontan- vita, e che la grandezza può stare nelle ricchezza».
do la tua esperienza di campionessa, cose immense ed in quelle piccole.
“Sky Runner”, è stato tradotto con un Parlano dell’importanza di fare delle Ami allenarti in mezzo alla natura, oltre
titolo emblematico: “Correre, vivere”. scelte, per andare avanti». che viverci. È forza che rigenera?
Davvero la corsa è una passione tale da «Mi piace essere circondata dalla
rappresentare l’essenza del vivere? Una volta hai detto una frase che mi natura. È vero, una volta ho detto che
«La corsa è una parte fondamentale è rimasta impressa: “Il tempo spe- il tempo migliore è quello speso sulle
della mia vita, e sarò sempre grata al so meglio è quello speso all’aperto, montagne, dove l’orologio non conta
destino per avermi concesso questa in montagna”. Cosa cerchi quando più, e neppure il mondo esterno riesce
fortuna. Non importa se si tratta di pro- correndo approcci un sentiero nella na- a schiacciarti. La montagna è semplici-
fessionismo o di semplice voglia di fare tura? Solitudine, avventura, rilessione, tà, libertà, responsabilità. Tutto quello
movimento. Amo il modo in cui questa introspezione? che amo».
passione mi ha coinvolto, davvero non «A volte è così, vado in cerca di tutte
potrei più farne a meno». queste cose. Ma più spesso queste Sei una istruttrice di yoga qualiicata.
sensazioni arrivano senza che io le ab- Questa disciplina ti ha aiutata a svilup-
Quali sono gli insegnamenti che si pos- bia cercate. Correre signiica davvero pare le tue performance sportive?
sono trarre da quelle pagine? tante cose. Un modo per pensare, ma a «Lo yoga, secondo me, è un modo per
«Parlano della mia esperienza, delle mie volte anche per non pensare. Può farti imparare a conoscere il tuo corpo, e
rilessioni da skyrunner professionista, sentire carico, può farti sentire stanco. questo è importante nella vita come
ci sono anche consigli pratici sui metodi Può liberarti o farti immergere nei nella pratica sportiva. Tra le altre cose,
di allenamento. E soprattutto spiega pensieri. Non c’è un modo lineare per aiuta a prevenire gli infortuni. Ci sono

74 RUNNERSWORLD.IT
FOTO LYMBUS
comunque tanti modi per migliorare
le proprie prestazioni. L’allenamento
mirato, naturalmente, ma anche l’ali-
mentazione, la capacità di vivere senza
pressioni, il riposo che va programmato
come lo sforzo. Lo yoga, per me, è uno
di questi, e non potrei farne a meno».

Hai tante vittorie alle spalle. Oggi, qual


è il tuo principale obiettivo?
«Quello di sempre. Mi piace semplice-
mente crescere giorno dopo giorno,
guardare sempre oltre».

Che futuro ti aspetti come runner,


come madre, come donna?
«Voglio semplicemente continuare a
FOTO PHILIPP REITER

crescere. Essere un’atleta più forte, una


mamma capace di dare afetto e sicu-
rezza a sua iglia, un’imprenditrice che
sappia sempre cavarsela. E soprattutto
una persona vera».

RUNNERSWORLD.IT 75
LA “PIRAMIDE
ECOLOGICA”
SVILUPPATA DAL
BARILLA CENTER
FOR FOOD AND
NUTRITION HA
CALCOLATO IL
COSTO AMBIENTALE
DEI VARI ALIMENTI.

Siamo ciò che


L
Scegliere di seguire a nostra salute è stretta- le, che contribuiscono alla sicurezza
mente connessa a quella alimentare e ad uno stile di vita sano
un’alimentazione del pia neta. Come sag- per le generazioni attuali e future. In
sostenibile è una giamente disse il filosofo particolar modo, una dieta sostenibi-
Feuerbah “siamo ciò che le non deve generare efetti negativi
scelta che, oltre a mangiamo”, e questo è ancora più va- a lungo termine sulla salute, sull’am-
far bene al pianeta, lido per chi pratica sport e vive una biente, sulla società e sull’economia.
stretta correlazione tra la prepara-
fa bene anche a noi zione atletica e la dieta. Scegliere di La dieta mediterranea
e alle nostre adottare un’alimentazione sosteni- Numerose evidenze scientifiche con-
bile, oltre che fare bene al pianeta, fa fermano che, al giorno d’oggi, la die-
prestazioni nella bene anche a noi e alla nostra presta- ta mediterranea è uno dei modelli
corsa. zione sportiva. Ma cosa si intende per più sostenibili per l’ambiente e per la
alimentazione sostenibile? salute. Al contrario, le diete iperpro-
DI BIANCA BALZARINI* L’Organizzazione delle Nazioni Uni- teiche che oggi vanno tanto di moda,
te per l’alimentazione e l’agricoltura, hanno un forte impatto ambientale
*Biologa nutrizionista, runner e FAO, definisce sostenibili i modelli e una maggiore spesa settimanale e
sci alpinista alimentari a basso impatto ambienta- giornaliera a persona.

76 RUNNERSWORLD.IT
Ricordiamo che la dieta mediterra- vece più importanza alla qualità di
nea, riconosciuta dall’Unesco come quello che mangiamo, optando per
5 ASSI
bene protetto, è ispirata ai modelli prodotti da agricoltura biologica, a A TAVOLA
alimentari difusi in alcuni Paesi del km 0 provenienti da aziende locali e Prodotti ad alto valore
bacino mediterraneo e prevede un non intensive, attente alle esigenze nutritivo e a basso
abbondante consumo di alimenti di impatto ambientale
del territorio, che garantiscono uno
origine vegetale di stagione e di ori- sfruttamento delle risorse del terri- Latte: è un’ottima bevanda
gine locale; dolci contenenti zucche-
torio e inquinamento prodotto dai soprattutto per il post attività
ri rainati poche volte la settimana; fisica. Reidrata grazie al
mezzi di trasporto inferiore. Anche
olio di oliva come principale fonte di contenuto di acqua, favorisce
consumare frutta e verdura fuori sta- il recupero muscolare grazie
grassi e carni rosse in minime quan- all’ottimo valore biologico
tità. gione comporta un danno ecologico
delle sue proteine. La
I principi della dieta mediterranea concreto. presenza di zuccheri favorisce
il ripristino delle scorte di
sono ben raffigurati nella ormai fa- glicogeno. Più digeribile quello senza
mosa piramide alimentare. Proprio No agli alimenti di moda lattosio.
da questa, per illustrare l’impatto Ci sono alcuni alimenti che ultima-
Yogurt: oltre alle
ambientale degli alimenti che consu- mente, per moda, sono spesso sulle proprietà del latte,
miamo, il Barilla Center for Food and tavole degli sportivi, e anche di tanti contiene numerosi
Nutrition ha sviluppato la “piramide runner, ma che in realtà comportano batteri lattici probiotici
benefici per l’intestino,
ecologica”, dove viene calcolato il co- un grosso impatto ambientale per es- soprattutto per il runner
sto ambientale dei vari alimenti, va- sere prodotti. In particolar modo tut- che spesso soffre di
lutato utilizzando l’impronta di car- ti quei prodotti che non appartengo-
problematiche a livello
intestinale. Inoltre ha già
bonio che calcola l’impatto espresso no alla nostra cultura e che non sono naturalmente un contenuto di lattosio
in termini di emissioni di biossido inferiore rispetto al latte.
coltivati nel nostro territorio.
di carbonio equivalente, l’impronta
Primo fra tutti è l’avocado: l’enorme Frutta secca: noci, nocciole,
idrica che misura il consumo di ac- mandorle, anacardi etc. Sono un’ottima
richiesta di questo prodotto sul mer-
qua impiegata relativamente al ciclo fonte di grassi definiti
vitale di un alimento e l’impronta cato ha generato devastanti conse- buoni, indispensabili per
ecologica che permette di misurare la guenze ambientali, perché ogni anno il nostro organismo, di
sali minerali e vitamine,
superficie terrestre o marina (biolo- oltre 25.000 ettari di foreste vengono oltre che contenere una
gicamente produttiva) utilizzata per abbattute per far spazio alle coltiva- modesta quota proteica.
zioni intensive di questo prelibato Sono ottimi come spuntino
la produzione dell’alimento. tra un pasto e l’altro abbinati
Analizzando quest’ultima piramide frutto tropicale. a della frutta fresca di stagione.
è curioso notare come gli alimenti In meno di vent’anni la domanda si è
Uova: proteine nobili, sali minerali
per cui è raccomandato un consumo sestuplicata, continuando a salire. I come ferro, fosforo e calcio, vitamine
maggiore sono anche quelli con un semi di chia vengono coltivati in Sud del gruppo B e vitamina D rendono
minore impatto ambientale. America, così come la quinoa, in par- l’uovo un ottimo alimento per lo
sportivo, molto pratico e veloce da
Gli alimenti di origine animale, come ticolar modo in regioni molto povere preparare soprattutto
carne e derivati, hanno un impat- dove vaste aree sono state convertite per i pasti dell’ultimo
to ambientale più elevato per il fatto minuto. Optiamo
in monocolture di quinoa destinata per quelli biologici
che le risorse utilizzate come acqua,
all’export costringendo le persone provenienti da galline
e metri quadrati di terreno occupati allevate a terra.
del luogo a scegliere altri cibi di bas-
dagli allevamenti sono notevoli, in
sa qualità, e poco costosi. Inoltre per Legumi: fagioli, ceci, lenticchie,
associazione con un’enorme produ- piselli etc. sono costituito per il 50%
zione di CO2. produrre quantità di quinoa sempre
da carboidrati e per il 50% da proteine,
più elevate viene fatto lar- pochi grassi e una buona quota
Parola d’ordine: qualità go uso di fertiliz- di sali minerali e vitamine.
Aiutano a ridurre
Inoltre, per dare una mano all’am- zanti e conci- l’assorbimento di
biente, invece di dare più peso al mi chimici, colesterolo e sono
ma a nche particolarmente
prezzo degli alimenti scegliendo utili per il controllo
quello che costa di meno, diamo in- di acqua. glicemico.

RUNNERSWORLD.IT
RUNN
UNN
NERS
RSW
SWWO
ORLD
RLD
D.IT
T 77
77
ADIDAS
1 Polo

La sfida
Parley
Questa polo dal taglio aderente e ad
asciugatura rapida, aiuta a proteggere
gli oceani. Parte del suo filato contiene
materiale Parley Ocean Plastic, ottenuto
riciclando rifiuti trovati sulle coste e
1 destinati a finire nel mare. È dotata di
tecnologia Climalite per mantenere la pelle
asciutta in ogni condizione.

nel carrello
€ 48,97
adidas.it

CINBIKE
2Cintura Strada 1201
Molto resistente e antigraffio, questa
cintura è realizzata con copertoni usati
Idee per una corsa più di biciclette da strada. Ogni pezzo è
interamente realizzato a mano e, in base
attenta all’ambiente alle caratteristiche e ai chilometri percorsi
dal copertone, unico nel suo genere.
e alla salute del € 36
nostro Pianeta cinbike.it

DI MAGDA MAIOCCHI
3REWOOLUTION
Maglie Hero e Ali
Due maglie made in Italy in lana Merino,
Hero per lui e Ali per lei, naturali e
sostenibili. La loro produzione segue un
2 percorso interamente tracciabile dalle
fattorie in Nuova Zelanda, dove sono
allevate le pecore da cui proviene la lana,
agli stabilimenti Reda, in cui la materia
prima viene lavorata utilizzando energie
rinnovabili e processi virtuosi di riciclo e
riduzione delle emissioni. Super leggere e
traspiranti, vestono con la morbidezza e il
comfort di una seconda pelle.
€ 75
rewoolution.it

4ADIDAS
Alphaboost Parley
Realizzate con plastica riciclata raccolta
nei mari, queste scarpe sono state
3 pensate per i runner principianti e per
chi associa la corsa ad altri sport.
L’intersuola a doppia densità fornisce
ammortizzazione e controllo. La tomaia è
in filato Parley Ocean Plastic ottenuto da
plastica riciclata.
adidas.it
4 € 39,95

5eMEDAL IN FRAME
Medal Book
Medal Metal
Esponi i tuoi momenti di gloria in bella
vista con i medaglieri di Medal in
Frame, realizzati in carta riciclata FSC
o in alluminio riciclato. Disponibili in

78 RUNNERSWORLD.IT
dimensioni diverse e sono personalizzabili
usando il configuratore online.
da € 5 a € 63
medalinframe.com

NUNCAS 5
6 Detersivo Vegetale
Saponaria
Un detersivo ecologico con il 100%
di principi attivi di origine vegetale,
totalmente e rapidamente biodegradabili.
I flaconi sono al 100% in plastica riciclata
e al 100% riciclabile. Pensato per i capi
delicati, come sono quelli da running, ha
due versioni: “a mano” e “lavatrice”. 8
€ 5,80 – € 7,80
nuncas.it
6
KALENJI
7 Luce Lampeggiante
Motion Light
Questa luce lampeggiante è senza pile e
senza batterie. Il suo funzionamento si
basa sul movimento oscillatorio: a ogni
falcata il magnete passa nella bobina
e crea l’elettricità che alimenta i 4 Led
rossi della lampada. Un modo “eco” per
rendersi visibili quando si corre al buio.
€ 9,99
decathlon.it

8SANT’ANNA
Bio Bottle
7
Sant’Anna è un marchio pioniere per
quanto riguarda i pack ecosostenibili per
l’acqua. Oggi è presente sul mercato con
un’intera linea di bottiglie biodegradabili
al 100% in PLA, un particolare polimero
che si ricava dalla fermentazione degli
zuccheri contenuti nelle piante e che
in meno di tre mesi ritorna all’ambiente
senza lasciare tracce del suo passaggio.
Si può scegliere tra i formati da 1,5 litri,
1 litro, 750 ml e 500 ml. I tappi sono in Pe
e vanno nella raccolta differenziata.
€ 4,39 (6 x 1,5 L)
shop.santanna.it

9 NOBERASCO
Viva Pocket
Frutta morbida disidrata per avere
sempre una ricarica di energia naturale
a portata di mano. Quattro soluzioni:
albicocche, pere, prugne (40 grammi)
e zenzero (50 grammi), in un pack
9
monomateriale 100% riciclabile. Un’ottima
idea anche per la colazione, oppure per
arricchire macedonie e insalate.
€ 0,99
noberasco.it

RUNNERSWORLD.IT 79
DI DINO BONELLI

Correre
per star bene.
FIRENZE MARATHON TRAININGŏ
đŏ((!*)!*0+ŏ,!./+*(%660+ċ
đŏ *+*0.%ŏ,!.ŏ((!*)!*0%ŏ0!*%%ŏ %ŏ#.1,,+ċ
đŏ+*/1(!*6ŏ%((%)%00ċ
đŏ !(!ŏ,!.ŏ+#*%ŏ(%2!((+ŏ %ŏ.1**!.ċ CORSI COLLETTIVI
đŏ((!*)!*0+ŏ1*6%+*(!
đŏ+.,+ŏ %!.+ŏ
đŏ%(0!/ŏ 03+.'ŏĒŏ01 %+ŏ
đŏ1**%*#ŏ
đŏ1**%*#ŏ ŏ!.+ŏŏāĀ')ŏ
đŏ('%*#

ŏ:
www.fulviomassini.com/corsi

RICHIEDI INFORMAZIONI E ISCRIVITI


silvia@fulviomassini.com / t. 055 6236163 / www.fulviomassini.com
RW Consiglia ANTICIPAZIONI,
SCADENZE E IL NOSTRO
CALENDARIO GARE

Di MAGDA MAIOCCHI

Mezze Maratone di Autunno


F inite (o quasi) le vacanze, torna la voglia di appuntarsi un numero sulla maglia e di mettersi alla
prova in qualche gara. Tra tutte le distanze, quella della mezza maratona è sicuramente tra le più
gettonate, vuoi perché l’abbassamento della temperatura rende l’endurance più gradevole, vuoi
perché i 21,097 km possono essere afrontati con un allenamento compatibile con la normale vita
di tutti i giorni, a diferenza di quanto accade per un’altra distanza dal grande fascino: la maratona.
Ecco dunque una decina di appuntamenti, in calendario da qui a novembre, per gli amanti delle
mezze maratone. Come vedrai, si tratta di manifestazioni disseminate un po’ in tutta Italia, come
la Rome Half Marathon Via Pacis della foto di questa pagina, indicate anche per prepararsi al
meglio in vista di una 42K. Trova quella o quelle che fanno al caso tuo e… in bocca al lupo!

RUNNERSWORLD.IT 81
RW Consiglia

ANIMA ECO 21K Ravenna Park Race


Di questa gara, novità dell’anno e organizzata dalla maratona di Ravenna, abbiamo già scritto, ma
torniamo ad occuparcene perché merita attenzione in virtù del suo tracciato che piacerà molto ai
runner dall’animo “green”. Questa 21K si corre infatti tra cielo e acqua nell’incanto dell’ambiente
naturale del Parco del Delta del Po, tra lagune salmastre popolate da uccelli acquatici, tranquilli
canali e verdi pinete. Il tracciato, pur completamente pianeggiante, non è dei più veloci
presentando diversi tratti su sterrato, ma il panorama merita tutta la fatica della distanza. Start
alle ore 9 da Casal Borsetti, località balneare dove è situato anche l’arrivo. E per i meno allenati,
c’è anche un eco passeggiata di 9 km. Da sapere: esiste la possibilità di un’iscrizione combinata
alla 21K Ravenna Park Race del 15 settembre e alla Maratona di Ravenna (o alla Mezza Maratona
di Ravenna) del 10 novembre a un prezzo vantaggioso.

CASAL BORSETTI (RA), 15 SETTEMBRE


MARATONADIRAVENNA.COM

Campionati Europei GARA OPEN


Masters di mezza maratona
A settembre la località balneare di Jesolo ospiterà i Campionati Europei Masters di Atletica Leggera
su pista e di corsa su strada. Nel programma uiciale dell’evento igura anche la mezza maratona,
che vedrà sidarsi agguerritissimi runner over 35 provenienti da tutta Europa per la conquista dei titoli
continentali master di categoria, ma che sarà anche gara agonistica open. Cosa signiica? Che,
master a parte, potranno parteciparvi tutti gli atleti regolarmente tesserati per le società ailiate alla
Fidal o per un Ente di Promozione Sportiva, più tutti i possessori di Runcard. La mezza maratona
si svolgerà su un tracciato ad anello simile a quello della Moonlight Half Marathon, con partenza
e arrivo in piazza Milano e con vedute suggestive che alternano campagna, canali, iumi e mare.
Le iscrizioni per gli Europei Master si sono chiuse il 31 luglio, ma è ancora possibile
iscriversi alla gara “open”. In programma anche la prova sui 10 km a Caorle.

JESOLO (VE), 15 SETTEMBRE


JESOLO.IT/CAMPIONATI-EUROPEI-MASTER-ATLETICA-2019.HTML
Maratonina Città di Udine UN RECORD
SOTTO L’ORA
Compie 20 anni la più celebre mezza maratona friulana, diventata un appuntamento fisso non
solo per i corridori locali, ma anche per molti top runner e atleti di fuori regione. Tutto merito del
tracciato veloce (qui Geoffrey Kiprono Mutai corse in 59’06’’) e dell’organizzazione perfetta che
si avvale del supporto degli Alpini. Il percorso si snoda sul territorio comunale, con partenza da
piazza Primo Maggio e arrivo in via Vittorio Veneto. La 21K è l’evento clou di un weekend dedicato
al running che coinvolge l’intera città. Si comincia il sabato con le gare dei ragazzi, la Corsa
con i cani (1 km) e, novità assoluta per celebrare il ventennale della manifestazione, La Salita
del Castello, cronoscalata a invito di 300 metri e pendenze dal 9 al 17%. Si prosegue, quindi,
la domenica con la 21K e con la StraUdine, non competitiva di 7 km aperta a tutti. Un’ottima
occasione per correre forte o divertendosi in una città che merita di essere scoperta.

UDINE, 22 SETTEMBRE
MARATONINADIUDINE.IT

LA CORSA Rome Half Marathon Via Pacis


UNIVERSALE Una corsa in nome della pace, dell’integrazione, dell’inclusione e della solidarietà.
Si presenta così la Rome Half Marathon Via Pacis, 21K della Capitale giunta alla terza
edizione, aperta a tutti coloro che vogliono dire “no” alla violenza, al razzismo, alla
discriminazione di ogni genere e provenienza. Il suo percorso, ispirato al tradizionale
pellegrinaggio delle sette chiese, tocca alcuni dei luoghi di culto emblematici della
Capitale. Dopo la partenza alle ore 9 nei pressi della Basilica di San Pietro, la gara
s’immergerà sul Lungotevere, passando davanti alla Sinagoga, fino ad entrare nel cuore
della Roma Imperiale per poi proseguire fino al Villaggio Olimpico e tornare indietro
verso l’arrivo in via della Conciliazione. Abbinata alla prova agonistica, ci sarà anche
una non competitiva di 5 km a passo libero Run For Peace.

ROMA, 22 SETTEMBRE
ROMAHALFMARATHON.ORG

RUNNERSWORLD.IT 83
UNA MEZZA Monza21 Half Marathon
DA FORMULA 1
Pronto a far rombare il tuo motore sulla pista dell’autodromo più famoso d’Italia? Il 29 settembre
torna l’appuntamento con la Monza21 Half Marathon, mezza maratona che prende il via e taglia
il traguardo nel tempio della Formula 1 e delle Ferrari, proprio qualche giorno dopo il mitico GP.
Alla sua sedicesima edizione, l‘evento brianzolo è ormai diventato una classica apprezzata –
ironia della sorte per una gara che deve la sua fama a un autodromo – perché rimane lontana
dalle auto, snodandosi per gran parte nel verde del parco di Monza. Tappa fondamentale verso
le grandi maratone autunnali, la manifestazione monzese offre un’ampia gamma di gare. Il
programma prevede infatti 30K, 21K e 10K agonistiche, ma anche 21K, 10K e 5K non agonistiche.
E per gli amanti della bici, il sabato c’è la Monza 12H Cycling Marathon, prova in notturna da
vivere individualmente o in squadra al chiaro di luna.

MONZA, 29 SETTEMBRE
MONZA21.COM

T-Fast 21K APPUNTAMENTO


A TORINO
Ha un nome sprint questa mezza maratona, dove la “T” sta per Torino e “Fast” fotografa
il concetto di velocità (dei percorsi), sintetizzando il dna di una città che offre tracciati
paesaggisticamente e storicamente speciali, ma altrettanto semplici e lineari: il menu perfetto
per il runner alla ricerca di un bel contesto in cui correre, ma anche del tempo. La mezza del
capoluogo piemontese è infatti una buona scelta per chi punta a migliorare il personale e per
chi vuole scaldare e provare il motore in vista delle maratone autunnali, ma anche per chi è alla
sua prima 21K ed è alla ricerca di un tracciato facile e con la cornice di una città storica italiana.
Partenza alle ore 10 da Rivoli e arrivo in piazza Castello, a Torino. In programma anche la 30K.

TORINO, 6 OTTOBRE
TEAMARATHON.IT/TFAST21

84 RUNNERSWORLD.IT
RW Consiglia

RUNNING FE STIVAL

Trento Half Marathon


Sono 10.000 le persone attese al Trento Running
Festival che si svolgerà nel capoluogo trentino a
inizio ottobre. Nell’occasione la città sarà invasa da
una moltitudine di runner e sportivi attratti dalle gare
e dalle iniziative legate alla corsa che animeranno
una due giorni unica nel suo genere. La Trento Half
Marathon, 21K classificata silver label Fidal e che
ha ospitato i Campionati Italiani Master nel 2018 ,
sarà uno degli eventi da non perdere. Quest’anno,
tra l’altro, presenta la novità di un premio speciale
destinato agli atleti italiani che riusciranno a battere
il miglior tempo mai stabilito da degli azzurri in
gara: 1:05’52” di Said Boudalia e 1:15’10” di Agnes
Tschurtschenthaler. Se deciderai di partecipare,
il consiglio è quello di non perderti lo spettacolo
offerto il sabato della vigilia dal Giro al Sas, storica
corsa (73ª edizione!) che richiama campioni e talenti
da tutto il mondo.

TRENTO, 6 OTTOBRE
TRENTORUNNINGFESTIVAL.IT

RUNNERSWORLD.IT 85
Bari21 Half Marathon UNA MEZZA
VISTA MARE
Questa mezza è diventata in poco tempo uno dei più importanti appuntamenti podistici
della Puglia, portando a correre migliaia di runner lungo le vie del Centro, della Città
Vecchia e sul Lungomare. Ad aiutarti a centrare il tempo dei tuoi sogni o semplicemente
a tenere un ritmo adatto alle tue gambe, ci saranno pace maker per tempi finali di 1:30’,
1:40’, 1:50’ e 2 ore. Inoltre, contemporaneamente alla 21K (competitiva e non),
si correranno una 10K, anch’essa competitiva e non competitiva, e una 5 km, solo
non competitiva. Partenza alle 9.30 da Corso Vittorio Emanuele II.

BARI, 27 OTTOBRE
BARI21.COM

21,097 KM La Mezza di Treviso


CHE PIACCIONO
Ideata dal campione azzurro di maratona Salvatore Bettiol, la Mezza di Treviso ti fa
correre tra le vie del centro storico cittadino, lungo le antiche mura, al cospetto del
Duomo, ma ti porta anche a immergerti nella natura del Parco del Fiume Sile,

ALLE DONNE costeggiando per un lungo tratto le calme acque del corso d’acqua. Nel 2018 sono
stati oltre 2.000 i runner giunti regolarmente al traguardo di questa mezza, di cui quasi
un terzo donne. Il programma prevede anche una 10 chilometri aperta a tutti e con
rilevamento del tempo, per dare a tutti la possibilità di essere protagonisti dell’evento.
Partenza e arrivo in viale Bartolomeo d’Alviano.

TREVISO, 13 OTTOBRE
LAMEZZADITREVISO.COM

86 RUNNERSWORLD.IT
RW Consiglia

NELL A CIT TÀ CHE CORRE SEMPRE

Milano21 Half Marathon


Una gara velocissima che prende il via
da uno dei nuovi cuori pulsanti della
metropoli lombarda, il distretto City Life.
Con il suo percorso velocissimo unisce
modernità a tradizione, snodandosi
tra i grattacieli della nuova skyline e i
monumenti storici della città di Milano.
Periodo di svolgimento e caratteristiche
del tracciato ne fanno una gara
interessante per i runner all’inseguimento
del proprio personal best, ma anche per
quelli che desiderino semplicemente
correre la classica distanza dei 21,097
km al meglio e senza troppi pensieri.
Milano21 Half Marathon è infatti sia
competitiva sia non competitiva.
Inoltre, con la stessa doppia formula
competitiva-non competitiva offre la
possibilità di dare il meglio di sé anche
sulla distanza dei 10 km. Un evento da
non perdere nella città che va sempre
di corsa.

MILANO, 24 NOVEMBRE
MILANO21.IT

RUNNERSWORLD.IT 87
RW Consiglia

SOGNO PUGLIESE La Mezza di Egnazia Molto più di una mezza maratona: la Mezza di Egnazia è l’occasione per mettersi alla prova sulla
tradizionale distanza dei 21,097 km, di testarsi in vista di una maratona, ma anche di trascorrere
un weekend da favola in terra di Puglia e portarsi a casa un'esperienza sensoriale carica di
profumi, cucina gourmet e paesaggi indimenticabili. La seconda edizione della gara si correrà
a Savelletri di Fasano, in provincia di Brindisi, il prossimo 17 novembre, con partenza e arrivo
– novità di quest’anno – da Cala Masciola, la spiaggia di Borgo Egnazia, incantevole
e pluripremiato resort di altissimo livello, promotore dell’evento. Il tutto per un indimenticabile
fine settimana all’insegna dello sport, della natura e, per chi lo desideri, del comfort e della
buona cucina di Borgo Egnazia. E per i runner o per i loro accompagnatori che prediligono
le distanze più corte, c’è anche la Family Run di 5 km.

SAVELLETRI DI FASANO (BR), 17 NOVEMBRE


LAMEZZADIEGNAZIA.IT

Prosecco Run MEZZA CIN CIN


Non sarà la più veloce, non sarà la più numerosa come numeri di partecipanti, ma di sicuro
la Prosecco Run è una gara che tutto il mondo c’invidia. D’altro canto non c’è nessuna altra
corsa sulla faccia della Terra che ti porta a transitare tra botti e tini all’interno di ben 17 cantine!
Siamo nella terra del Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene Docg e il percorso, con
andamento mosso, ne attraversa i famosi vigneti. Un viaggio esperienziale dove il cronometro
perde di significato e la corsa ha tutto un suo “spirito”. Sono troppi 21 km? Nessun problema:
c’è anche la Prosecchina, corsa-camminata ludico motoria di 10 km, aperta a tutti.

VIDOR (TV), 1 DICEMBRE


PROSECCO.RUN
DI DINO BONELLI
ABBONATI SUBITO!
DI DINO BONELLI E RICEVI DIRETTAMENTE A CASA T
ABBONAMENTO ANNUALE
POSTALE SOLO PER L’ITALIA € 50,00
L’abbonamento per 12 numeri decorrerà dal primo numero
raggiungibile dopo il ricevimento della richiesta completa.
Il prezzo indicato comprende le spese di spedizione.

ARRETRATI
Per acquistare numeri arretrati visita shop.edisport.it,
oppure scrivere a assistenza.clientiedisport.it
Il prezzo di ogni singolo arretrato è di: € 7,50 escluse spese di
spedizione. Il costo indicativo di spedizione per l’Italia è € 5,50.

PAGAMENTI
È possibile effettuare il pagamento con:
… Bonifico bancario con le seguenti indicazioni:
IBAN: IT 76 K 05034 10800 000000012380 Intestato a:
Edisport Editoriale Srl
Causale: Acquisto abbonamento [Nome Rivista] [Nome e Cognome]
SERVIZIO CORTESIA (es. Acquisto Abbonamento Runner’s World - Alessandro Rossi)
… Bollettino postale con versamento sul ccp n.492207
02.380.85.402
… Attraverso il ns Servizio Cortesia per avere le necessarie
02.380.10.393 indicazioni operative
assistenza.clienti@edisport.it In tutti i casi, inviate una e-mail a assistenza.clienti@edisport.it con
shop.edisport.it allegata la relativa ricevuta, l’indirizzo di spedizione dell’abbonamento
e il Codice Fiscale necessario per la fatturazione elettronica.

COME FARE PER ACQUISTARE LA VERSIONE


DIGITALE PER TABLET, SMARTPHONE, E PC

Scarica gratuitamente l’app ufficiale Runner’s World


di Edisport Editoriale dal tuo Store.
Visita shop.edisport.it e scegli l’opzione che preferisci:
… Copia singola;
… Abbonamento annuale (12 numeri dal primo disponibile).
La rivista è sfogliabile da PC accedendo all’area personale
dello shop Edisport.

PRIVACY
Per l’informativa sul trattamento dei dati personali, ai sensi
del Reg. (UE) 2016 / 679, Vi invitiamo a visitare i nostri siti
www.edisport.it e shop.edisport.it

5
è una pubblicazione G EDISPORT EDITORIALE s.r.l.
Direzione, Redazione e Amministrazione: Via Don Luigi Sturzo, 7 - 20016 Pero (MI) - Tel. +39 02.380.85.1 - Telefax +39 02.380.10.393 - www.edisport.it
Registrazione del tribunale di Milano n. 840 del 31-10-2005 - Registrazione al R.O.C. n. 227961 - © Copyright by EDISPORT EDITORIALE s.r.l.

Socio effettivo
RW Consiglia LE GARE TOP 2019

I dati di queste pagine si riferiscono a gare in programma nel 2019. Si consiglia


di veriicare sempre sul sito della manifestazione che non ci siano stati cambi di
data o di orario. Buone corse!
IN ROSSO LE GARE ESTERE
LE 10K LA DISTANZA PUÒ VARIARE DI QUALCHE DECINA DI METRI
MESE NOME EVENTO LOCALITÀ KM INFO
SETTEMBRE
1 settembre OSTIA IN CORSA PER L’AMBIENTE ROMA 10 www.podisticaostia.it
1 settembre MONTANARA RUNNING Parma (PR) 10 www.forrestgroupminerva.it
1 settembre STRAFERRANDINA Ferrandina (MT) 10 mt557@fidal.it
1 settembre STRAFLORIDIA 2019 Floridia (SR) 10 toniscalora@virgilio.it
7 settembre STRAPOLLESE Polla (SA) 10 strapollese.wordpress.com
7 settembre BIRELL PRAGUE GRAND PRIX Praga (Rep. Ceca) 10 www.runczech.com
8 settembre CORRIAMO VALVERDE Valverde (CT) 10 santi.coppola@libero.it
8 set tembre CAMPIONATI ITALIANI 10KM SU STRADA Canelli (AT) 10-6 fabioamandola@libero.it
8 settembre AZZURRA HAPPY RUN Garbagnate Milanese (MI) 10 www.azzurragarbagnate.com
8 settembre RUN TUNE UP Bologna 10 -21- 5 www.runtuneup.it
15 settembre KARALIS 10 - INSIEME CONTRO IL DOLORE Cagliari 10 www.karalis.it
15 settembre CAMPIONATI EUROPEI 10 KM SU STRADA Jesolo (VE) 10 www.openraces.emac-venice2019.com
15 settembre 10KM DI CAPO PELORO - IV TROFEO L. CACOPARDI Messina 10 www.asdtorrebianca.it/10kmcapopeloro2019/
15 settembre STRAMAXIMA Casamassima (BA) 10 www.atleticacasamassima.it
21 settembre 10K CRONO - MONZA 2019 Monza 10-5 www.diecikappa.it
22 settembre HIPPOTEN 10KM DI VINOVO Vinovo (TO) 10 www.podisticatorino.it
29 settembre I DIECIMILA DI ALGHERO Alghero 10 algherohalfmarathon.it
29 settembre MEMORIAL PEPPE GRECO Scicli (RG) 10 peppegreco.it
29 settembre MONZA10 - MEZZA DI MONZA Monza 10-30-21-5 www.followyourpassion.it
OTTOBRE
5 ottobre GIRO AL SAS Trento 10 www.trentorunningfestival.it
6 ottobre I DIECIMILA DI PRESEZZO Presezzo (BG) 10 atleticapresezzo.it
6 ottobre CORRI MOLFETTA Molfetta (BA) 10 www.freerunnersmolfetta.it
6 ottobre GIRO DELLE MURA - TROFEO P.ROMANISIO Loano (SV) 10 www.runnersloano.it
6 ottobre MARATONA DI LIONE Lione (Francia) 21-42-10 www.runinlyon.com
13 ottobre TROFEO SALE & SALINE Trapani 10 siciliarunning.it
13 ottobre DEEJAY TEN Milano 10 deejayten.deejay.it/milano
13 ottobre BUCHAREST MARATHON Bucarest (Romania) 10-21-42 bucharest-marathon.com
13 ottobre MUNCHEN MARATHON Monaco di Baviera (GER) 10-21-42 www.generalimuennchenmarathon.de
14 ottobre LA MEZZA DI TREVISO Treviso 21-10 www.lamezzaditreviso.com
20 ottobre LA 10 BARDOLINO Bardolino (VR) 10 la10dibardolino.it
20 ottobre PALERMO INT. HALF MARATHON Palermo 21-10 www.runningsicily.it
20 ottobre 10KM THIENE-VILLAVERLA Villaverla (VI) 10 giomarchesano@libero.it
20 ottobre LA DIECI DI VADO E QUILIANO Vado Ligure (SV) 10 podisticasavonese.altervista.org
20 ottobre CORRIBICOCCA Milano 10 www.corribicocca.it
20 ottobre LA VIGOROSA Parma 10 www.parmamarathon.it
20 ottobre LA 10K DI VADO E QUILIANO Vado Ligure (SV) 10 podisticasavonese.altervista.org
27 ottobre 10KM Cagliari 10 www.maratonadicagliari.it
27 ottobre BARI 10 SAN NICOLA Bari 10-21-5 www.bari21.com
31 ottobre CORSA DEI CASTELLI Trieste 10 www.promorun.i
NOVEMBRE
1 novembre APPLERUN Cavour (TO) 10 www.applerunteam.it
1 novembre LA 10K DI CHIAVARI Chiavari (GE) 10 lamezzadichiavari.it
1 novembre CORSA DEI SANTI Roma 10-3 www.corsadeisanti.it
2 novembre CORRI LA MEZZA… ALLE TERME Galzignano Terme (PD) 10-21-5 www.corrilamezza.it
3 novembre STRACITTADINA MASSAFRESE Massafra (TA) 10 www.marathonmassafra.it
10 novembre OLIO OLIVA RUN Imperia 10 www.imperiacorre.it
10 novembre MARIAN TEN - CITTA’ DI CREMA Crema (CR) 10 www.mezzadicrema.com
10 novembre 10K GARDA TRENTINO Arco (TN) 10 www.trentinoeventi.it
17 novembre CHEURSA DI BECH Santarcangelo di Romagna (RN) 10 atlrimininord@gmail.com
17 novembre LAST 10 KM Verona 10 veronamarathon.it
18 novembre ALPIN CUP PARCO NORD Sesto San Giovanni (MI) 21-10 www.alpinisestosg.it
24 novembre MILANO 10 Milano 10-21 www.milano21.it
24 novembre DEEJAY TEN ROMA Roma 10 deejayten.deejay.it/milano
24 novembre CINQUE FOSSI - INVER RUNNING CUP Minerbio (BO) 10 www.isssian.it
DICEMBRE
1 dicembre PROSECCO RUN Vidor (TV) 21-10 www.prosecco.run
28 dicembre LA CORSA DELL’ANGELO Udine 10 info@atleticasanmartino.org

RUNNERSWORLD.IT 91
RW Consiglia LE GARE TOP 2019

31 dicembre BOCLASSIC Bolzano 10U-5D www.boclassic.it


31 dicembre ATLETICOM WE RUN ROME Roma 10-5 www.werunrome.com

LE ALTRE DISTANZE
MESE NOME EVENTO LOCALITÀ km INFO
SETTEMBRE
1 settembre MARCIALONGA RUNNING Moena (TN) 26-26 relay www.marcialonga.it
6 settembre CORRO PER ELIO Pioltello (MI) 6-3 FB: Corro per Elio
8 settembre THE COLOR RUN Torino 5 thecolorrun.it
14 settembre THE COLOR RUN Milano 5 thecolorrun.it
15 settembre GIRO PODISTICO INT.LE CITTA’ DI PORDENONE Pordenone 5 atleticabrugnera.com
15 settembre SALOMON RUNNING MILANO Milano 25-15-10 relay www.runningmilano.it
15 settembre ECOPASSEGGIATA 21K RAVENNA PARK RACE Ravenna 9-21 maratonadiravenna.com
22 settembre 5K RUN DECATHLON EXPERIENCE Milano 5 alessio.conti@athleticelite.it
22 settembre LA 30 TRENTINA Levico Terme (TN) 30-15x2 a staf. www.latrentatrentina.com
22 settembre RUN FOR PEACE Roma 5-21 www.romahalfmarathon.org
29 settembre MONZA30 - MEZZA DI MONZA Monza 30-21-10-5 www.followyourpassion.it
OTTOBRE
5 ottobre ARRANCABIRRA Courmayeur (AO) 18 arrancabirra.it
6 ottobre ULTRA 50K ROMA Roma 50-30 www.italiamarathonclub.it
12 ottobre GIRO PODISTICO DI ROVERETO Rovereto (TN) 9,5 www.usquercia.it/giro
19 ottobre IL BOSCO IN ROSA Napoli 5 www.napolirunning.com
20 ottobre GIRO PODISTICO INTERNAZIONALE DI PETTINENGO Pettinengo (BI) 9,6 U+4 D biellasport.net
20 ottobre TROFEO 7 TORRI Aosta 12 a staf. (3x4) www.avmap.org
20 ottobre TROFEO FEDERICIANO Andria (BA) 9,3 www.maratonetiandriesi.it
27 ottobre STRACITTADINA NOVOLESE Novoli (LE) 10,2 tel. 0832.713232
NOVEMBRE
20 ottobre 30 KM DELLE PICCOLE DOLOMITI Schio-Villaverla (VI) 30 giomarchesano@libero.it
3 novembre 33K LAGO MAGGIORE MARATHON Verbania (VB) 33 www.lagomaggioremarathon.it
10 novembre GOOD MORNING RAVENNA Ravenna 10,5 www.maratonadiravenna.com
17 novembre CORSA PODISTICA NAZIONALE Uta (CA) 10,5 maratoninadiuta@tiscali.it
DICEMBRE
1 dicembre SORRENTO POSITANO Sorrento (NA) 54-27 www.napolirunning.com
1 dicembre RUN FOR CHILDREN La Spezia 5 www.speziamarathon.it

92 RUNNER’S WORLD
RUNNERSWORLD.IT
DI DINO BONELLI

21K - 10K
L’unica mezza maratona che attraversa
le cantine del Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG
1 dicembre 2019 - Vidor (Treviso)

www.prosecco.run
RW Consiglia

LE 21K ITALIANE ED ESTERE


Mese Nome eveto Località Km Info
SETTEMBRE
6 settembre HALF MARATHON DI ARENZANO Arenzano (GE) 21 www.halfmarathonarenzano.it
6 settembre ROMA BY NIGHT RUN Roma 21-8 www.romabynightrun.com
7 settembre STOCKOLM HALF MARATHON Stoccolma (Svezia) 21 www.stockholmhalvmarathon.se
8 settembre PARMA MARATHON Parma 21-30-10-5 www.parmamezzamaratona.it
8 settembre MARATONINA SUL GRATICOLATO ROMANO San Giorgio delle Pertiche 21 www.maratoninasulgraticolato.net
8 settembre RUN TUNE UP HALF MARATHON Bologna 21-10 www.runtuneup.it
8 settembre BUDAPEST HALF MARATHON Budapest (Ungheria) 21 halfmarathon.runinbudapest.com
15 settembre COPENHAGEN HALF MARATHON Copenhagen (Danimarca) 21 cphhalf.dk/en
15 settembre MEZZA MARATONA ALZHEIMER Cesenatico 21 www.maratonaalzheimer.it
15 settembre SARAJEVO SBERBANK HALF MARATHON Sarajevo (Serbia) 21-relay-4 sarajevomarathon.ba/en
21 settembre ÚSTÍ NAD LABEM HALF MARATHON Ústí Nad Labem (Rep. Ceca) 21 www.runczech.com/it/evento
22 settembre HM CITTÀ DI P.S. GIORGIO DEL PICENO FERMANO Porto San Giorgio (FM) 21 www.maratonadelpicenoeventi.com
22 settembre IO21ZERO97 LA BELLA CORSA Darfo Boario Terme (BS) 21 www.io21zero97.com
22 settembre ROME HALF MARATHON “VIA PACIS” Roma 21 www.romahalfmarathon.org
22 settembre MARATONINA DI UDINE Udine 21 maratoninadiudine.it
22 settembre HIPPORUN MEZZA MARATONA DI VINOVO Vinovo (TO) 21 www.podisticatorino.it/hipporun
22 settembre MARATONA DEL MUGELLO Borgo San Lorenzo 24-4 maratonamugello.it
22 settembre PORTO HALF MARATHON Porto (Portogallo) 21 www.meiamaratonadoporto.com
28 settembre MEZZA MARATONA SONDRIO Sondrio 21-10-5 www.sorun.it
29 settembre MEZZA MARATONA DEL BRENTA Bassano del Grappa (VI) 21 www.mezzadelbrenta.it
29 settembre MONZA21 HALF MARATHON Monza 21-30-10-5 www.monza21.com
29 settembre ALGHERO HALF MARATHON Alghero (SS) 21-10 www.algheromarathon.it
29 settembre FERRARA MARATHON Ferrara 21-42-30-6,5 www.corriferrara.it
29 settembre MARATONINA INTERNATIONALE DEI BORGHI Pordenone 21 www.maratoninadeiborghi.it
29 settembre TRANINCORSA HALF MARATHON Trani (BT) 21 www.atleticatommasoassi.it
29 settembre CORRIPAVIA HALF MARATHON Pavia 21-10-2,5 www.corripv.it
29 settembre MEZZAOSTA Aosta 21 www.mezzaosta.it
29 settembre MEZZA MARATONA LICATA CITTÁ DI MARE Licata (AG) 21 TEl. 393.9561553
22 settembre MARATONINA PERLA DEL TIRRENO Cefalù (PA) 21 siciliarunning.it
29 settembre PANTANO HALF MARATHON Pignola (PZ) 21 www.podisticapotenza.it
29 settembre MEZZAMARATONA DEL VCO Gravellona Toce (VB) 21 www.maratoninavco.it

CORRI CON NOI.


CONVIENE!
Iscriviti e partecipa alle corse amiche
di T scopri le nuove oferte
Vai su shop.edisport.it > eventi
BASTA UN CLICK!

CORRI
N LO SCONTO!
CO

94 RUNNER’S WORLD
RUNNERSWORLD.IT
LE GARE TOP 2019
OTTOBRE
6 ottobre LA MEZZA TRA LE BAIE Sestri Levante (GE) 21 www.andersenrun.it
6 ottobre TELESIA HALF MARATHON Telese Terme (BN) 21 www.telesiahalfmarathon.it
6 ottobre TRENTO HALF MARATHON Trento 21 www.trentorunningfestival.it
6 ottobre MEZZA MARATONA DEI SUGHITTI Montecassiano (MC) 21 www.polisportivamontecassiano.it
6 ottobre T-FAST 21K Torino 21-30 www.teamarathon.it
6 ottobre MARATONINA CITTÁ DI MANTOVA Mantova 21-10 www.enternow.it
6 ottobre MARATONINA TRANSFRONTALIERA Gorizia 21 www.marciatorigorizia.it
6 ottobre BRUSSELS AIRPORT HALF MARATHON Bruxelles (Belgio) 21-42 www.brusselsmarathon.be
13 ottobre LA MEZZA DI TREVISO Treviso 21-10 www.lamezzaditreviso.it
13 ottobre MEZZA MARATONA DELLA CERAMICA Assemini (CA) 21 www.gpassemini.it
13 ottobre MEZZA MARATONA D’AUTUNNO Novi Ligure (AL) 21 mezzamaratonadautunno.atleticanovese.it
13 ottobre PISA HALF MARATHON Pisa 21-10 www.mezzamaratonapisa.it
13 ottobre BUCHAREST MARATHON Bucarest (Romania) 21-42-10 bucharest-marathon.com
13 ottobre MÜNCHEN MARATHON Monaco di Baviera (GER) 21-42-10 www.generalimuenchenmarathon.de
13 ottobre ZAGREB MARATHON & HALF Zagabria (Croazia) 21-42 www.zagreb-marathon.com
20 ottobre PALERMO INT. HALF MARATHON Palermo 21-10 www.runningsicily.it
20 ottobre HALF MARATHON CREMONA Cremona 21 www.maratoninadicremona.com
20 ottobre STRASALERNO HALF MARATHON Salerno 21 www.strasalerno.it
20 ottobre MEZZAMARATONA VALLE DELLA CUPA Monteroni Di Lecce (LE) 21 www.actionrunning.it
20 ottobre MEZZA MARATONA CITTÀ DI FOLIGNO Foligno (PG) 21 www.mezzamaratonadifoligno.it
27 ottobre MEZZA MARATONA DEL CUORE Abbiategrasso (MI) 21-42 www.rotarymarathon.it/it/mezza-del-cuore
27 ottobre RUNRIVIERARUN HALF MARATHON Varigotti (SV) 21 www.runrivierarun.com
27 ottobre BARI21 HALF MARATHON Bari 21-10-5 www.bari21.com
27 ottobre MEZZA MARATONA CITTÀ DI ANCONA Ancona 21 www.mezzamaratonancona.it
27 ottobre AREZZO HALF MARATHON Arezzo 21-9-3 www.arezzohalfmarathon.it
27 ottobre LAUS HALF MARATHON Lodi 21 www.laushalfmarathon.it
27 ottobre TORINO HALF MARATHON Torino 21 www.teamarathon.it/torinohalfmarathon
27 ottobre MEZZA MARATONA DI GALLARATE Gallarate (VA) 21 www.mezzadigallarate.it
27 ottobre 5 CASTELLI HALF MARATHON Bedizzole (BS) 21 www.5castellibedizzole.it
27 ottobre IANUS HALF MARATHON DEL FUCINO Avezzano (AQ) 21 www.plus-ultra.it
27 ottobre MEZZA MARATONA DI AVIGLIANA Avigliana (TO) 21 www.42000passi.it
27 ottobre MARATONA DI ASCOLI PICENO Ascoli Piceno 21-42 www.maratonadiascoli.it
27 ottobre HM VALENCIA TRINIDAD ALFONSO EDP Valencia (Spagna) 21 valenciaciudaddelrunning.com/medio-maraton
27 ottobre ST DENIS HALF MARATHON St. Denis (Francia) 21-10-5 www.lavoieroyale.fr

RUNNERSWORLD.IT 95
RW Consiglia LE GARE TOP 2019
NOVEMBRE
2 novembre CORRI LA MEZZA… ALLE TERME Galzignano Terme (PD) 21-10-5 www.corrilamezza.it
3 novembre MARATONINA BLU JONIO Riposto (CT) 21 www.blujonio.it
3 novembre LAGO MAGGIORE HALF MARATHON Verbania (VB) 21-42-33-10 www.lagomaggioremarathon.it
3 novembre HALF MARATHON SAN PIETRO VERNOTICO San Pietro Vernotico (BR) 21 www.fidalbrindisi.it
3 novembre MARATONINA D’AUTUNNO Lecco 21 www.spartacusevents.org/maratoninadautunno
10 novembre MEZZA MARATONA 6 COMUNI Malo-Villaverla (VI) 21-30-10 www.maratona6comuni.it
10 novembre MARATONINA CITTÀ DI CREMA Crema (CR) 21-10 www.mezzadicrema.com
10 novembre MEZZA MARATONA DI RAVENNA Ravenna 21-42-10-2 www.maratonadiravenna.com
10 novembre MARATONINA CITTÀ DI BUSTO ARSIZIO Busto Arsizio (VA) 21 maratoninadibusto.it
10 novembre LIVORNO HALF MARATHON Livorno 21 www.maratonadilivorno.it
10 novembre TROFEO BAREZZI Parma 21 www.endu.net/it/events/trofeo-barezzi/
17 novembre CANGRANDE HALF MARATHON Verona 21 www.cangrandehalfmarathon.it
17 novembre MARATONINA CITTÀ DI UTA Uta (CA) 21 www.maratoninadiuta.it
17 novembre MEZZA MARATONA REGGIA REGGIA Caserta 21 reggiareggia.com
17 novembre LA MEZZA DI EGNAZIA Fasano (BR) 21-5 lamezzadiegnazia.it
24 novembre PADENGHE HALF MARATHON Padenghe sul Garda (BS) 21 www.padenghehalfmarathon.org
24 novembre MILANO21 HALF MARATHON Milano 21 www.milano21.it
24 novembre MARATONINA DI SAN BIAGIO San Biagio di Callalta 21 libertas-sanbiagio.jimdo.com
DICEMBRE
1 dicembre MEZZA MARATONA CITTA’ DI CAGLIARI Cagliari 21-10-6 www.cagliarirespira.it
1 dicembre MEZZE MARATONA TERRE D’ACQUA Trino (VC) 21 www.silvanofedi.com
1 dicembre REGGIO CALABRIA HALF MARATHON Reggio Calabria 21 www.reggiocalabriahalfmarathon.it
1 dicembre HM RIBERA CITTÁ DELLE ARANCE Ribera (AG) 21 siciliarunning.it
1 dicembre MEZZA MARATONA CITTÀ DI MONOPOLI Monopoli (BA) 21 www.atleticamonopoli.it
1 dicembre PROSECCO RUN Vidor (TV) 21-10 www.prosecco.run
15 dicembre MEZZA MARATONA DI CATANIA Catania 21-42-10 www.maratoninadicatania.it
15 dicembre MARATONINA CITTÀ MURATA Cittadella (PD) 21 www.maratoneticittadellesi.it
15 dicembre SALENTO HALF MARATHON Collepasso (LE) 21 www.salentohalfmarathon.it
15 dicembre INVERNALISSIMA Bastia Umbra (PG) 21 www.invernalissima.it

LE 42K ITALIANE ED ESTERE


Mese Nome eveto Località Km Info
SETTEMBRE
7 settembre THE PETRA DESERT MARATHON Petra (Giordania) 42 petra-desert-marathon.com
8 settembre TALLINNA MARATHON Tallin (Estonia) 42-21 www.jooks.ee/en/tallinn-marathon
15 settembre MARATONA ALZHEIMER Mercato Saraceno (FC) 42-30-21-16-8 www.maratonaalzheimer.it
22 settembre MUGELLO MARATHON Borgo San Lorenzo (FI) 42 www.maratonamugello.it
22 settembre MOSCOW MARATHON Mosca (RUS) 42-10 www.moscowmarathon.org
29 settembre FERRARA MARATHON Ferrara (FE) 42-30-216,5 www.corriferrara.it
29 settembre BERLIN MARATHON Berlino (Germania) 42 www.bmw-berlin-marathon.com
OTTOBRE
13 ottobre CHICAGO MARATHON Chicago (Usa) 42 www.chicagomarathon.com
13 ottobre MUNCHEN MARATHON Monaco di Baviera (GER) 42-21-10 www.muenchenmarathon.de
20 ottobre PARMA MARATHON Parma 42-32-10 www.parmamarathon.it
20 ottobre ECOMARATONA DEL CHIANTI Castelnuovo Berardenga (SI) 42-21-13 www.ecomaratonadelchianti.it
20 ottobre AMSTERDAM MARATHON Amsterdam (Olanda) 42 www.tcsamsterdammarathon.nl
20 ottobre LAKE GARDA MARATHON Limone sul Garda (BS) 42-42 Relay-30 www.lakegardamarathon.com
27 ottobre* BELLUNO URBAN MARATHON Belluno 42 www.bellunourbanmarathon.it
27 ottobre ECOMARATONA DEL BARBARESCO Alba (CN) 42-21 www.triangolosport.it
27 ottobre VENICE MARATHON Stra - Venezia (VE) 42-10 www.venicemarathon.it
27 ottobre ROTARY MARATHON DEI NAVIGLI Abbiategrasso (MI) 42-21 www.rotarymarathon.it
27 ottobre* MARATONA DI ASCOLI PICENO Ascoli Piceno 42-21 www.maratonadiascoli.it
27 ottobre FRANKFURT MARATHON Francoforte (Germania) 42 www.frankfurt-marathon.com
27 ottobre MARATONA INTENAZIONALE DI CAGLIARI Cagliari 42-21-10-5 www.maratonacagliari.com
NOVEMBRE
3 novembre LAGO MAGGIORE MARATHON Verbania (VB) 42-33 -21-10 www.lagomaggioremarathon.it
3 novembre NEW YORK CITY MARATHON New York (Usa) 42 www.tcsnycmarathon.org
3 novembre MARATHON DES ALPES MARITIMES Nizza-Cannes (Francia) 42-42 relay www.marathon06.com
10 novembre MARATONA RAVENNA CITTÀ D’ARTE Ravenna 42-21 www.maratonadiravenna.com
10 novembre ATHENS MARATHON Atene (Grecia) 42 athensauthenticmarathon.gr
17 novembre LIGURIA MARATHON Loano (SV) 42 www.liguriamarathon.com
17 novembre MARATONA DELLA CITTÀ DI PALERMO Palermo 42 www.palermomaratona.it
17 novembre VERONA MARATHON Verona 42-21-10 www.veronamarathon.it
24 novembre ASICS FIRENZE MARATHON Firenze 42 www.firenzemarathon.it
24 novembre MARATONA DI TORINO Torino 42 www.teamarathon.it
24 novembre MARATONA PER LA PACE NAPOLI-POMPEI Napoli 42 www.asdbartololongo.it
DICEMBRE
1 dicembre MARATONA DEL BAROCCO Lecce 42 www.corrialecce.com
1 dicembre GENOVA CITY MARATHON Genova 42 www.genovacitymarathon.eu
1 dicembre MARATON DE VALENCIA Valencia (Spagna) 42 www.valenciaciudaddelrunning.com
6 dicembre ABU DHABI MARATHON Abu Dhabi (EAU) 42-10 www.adnocabudhabimarathon.com
8 dicembre MARATONA DI REGGIO EMILIA Reggio Emilia 42 www.maratonadireggioemilia.it
8 dicembre SANREMO MARATHON Sanremo (IM) 42-10 www.sanremomarathon.it
15 dicembre MARATONA DI PISA Pisa 42-21-14 www.maratonadipisa.com
15 dicembre CATANIA MARATHON Catania 42 www.maratonadicatania.it
31 dicembre MARATONA DI SAN SILVESTRO Calderara di Reno (BO) 42 www.lippomaratona.com

96 RUNNER’S WORLD
RUNNERSWORLD.IT
CUSHION EVERY STEP

GEL–NIMBUS™ 21 GEL–CUMULUS™ 21

FIND YOUR PERFECT


RUNNING SHOE

PROTECT EVE
EVERY STEP

GEL–KAYANO™ 26 GT-2000™ 7