Sei sulla pagina 1di 35

ORIZZONTI TEORICI E INTERPRETATIVI, TRA PERCORSI DI MATRICE

FRANCESE, ARCHEOLOGIA POST-PROCESSUALE E TENDENZE ITALIANE:


CONSIDERAZIONI E INDIRIZZI DI RICERCA PER LO STUDIO DELLE NECROPOLI*

1. Orizzonti teorici e interpretativi

I presupposti teorici delle considerazioni che saranno svolte in queste


pagine sono stati da me illustrati nell’ambito di un recente articolo, in cui si
proponeva un quadro di sintesi su alcune tendenze attuali nell’interpretazio-
ne delle necropoli (CUOZZO 1996). Il punto di partenza è la valorizzazione
dell’emergere di un fenomeno di convergenza tra diversi filoni dell’archeolo-
gia europea che, a partire da tradizioni differenti, sono approdati a prospet
tive teoriche e metodologiche affini. Questa prospettiva sembra avvicinare,
soprattutto, da un lato una serie di studiosi – francesi, svizzeri, italiani, ecc. –
che si sono rivolti allo studio delle mentalità e dell’immaginario collettivo,
nel quadro di una ‘antropologia del mondo antico’, dall’altro, l’archeologia
post-processuale, nata in ambito britannico dalla critica radicale alla New
Archeology e al processualismo (CUOZZO 1996, p. 2).
La diversità di impatto in campo archeologico di questi due filoni è
dovuta alle differenti premesse e ai differenti obiettivi. Per quanto riguarda
gli studi di antropologia del mondo antico e di psicologia della storia, un
ruolo fondamentale è stato svolto dal Centre des recherches comparées sur les
sociétés anciennes, diretto da J.P. Vernant, sulla base del lavoro pionieristico
di L. Gernet, nell’ambito di un approccio socio-antropologico e storico di
stampo francese, le cui complesse basi teoriche hanno radici nella tradizione
sociologica, filosofica, storica, antropologica, linguistica di matrice struttu
ralista o struttural-marxista, nella psicologia della storia di I. Meyerson, nella
scuola storica delle «Annales» e acquistano accenti peculiari nel lavoro dei
diversi autori (soprattutto J.P. Vernant, P. Vidal Naquet, M. Detienne, A.
Schnapp, F. Lissarrague, C. Mossè, N. Loraux, F. Frontisi, A. Schnapp-
Gourbeillon ed altri) 1. Un ruolo rilevante va ascritto, inoltre, agli studi della
scuola di Losanna di C. Bérard (cfr. note 1-2).
In ambito italiano, secondo la prospettiva delineata in queste pagine,
sarà privilegiata la ricerca teorica portata avanti, in particolare, dalle scuole
campane, di Napoli e Salerno, orientata ad una feconda saldatura tra marxi-

©2001 Edizioni all’Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale – 1
smo e strutturalismo, tra discipline del mondo antico e orizzonti socio-antro-
pologici nel quadro di un costante rapporto dialettico con diversi filoni di
matrice francese e di un importante dialogo tra archeologia, storia antica –
che ha conosciuto un primo interlocutore di grande apertura teorica socio
antropologica, nella figura di E. Lepore – ed altri ambiti teorici (sull’argo-
mento, D’AGOSTINO 1991, pp. 58-59; D’AGOSTINO, CERCHIAI, 1999; MONTE-
2
PAONE 1999, pp. 7-9) .
Le premesse di questo e numerosi altri indirizzi archeologici italiani
attuali sono da riconoscere sia nell’importante contributo di tradizione marxi-
sta-gramsciana, maturato, soprattutto a partire dal lavoro di R. Bianchi
Bandi nelli e dal dibattito nell’ambito di Dialoghi d’Archeologia (tra mondo
classico, preistoria, protostoria, storia antica, ecc.) – in modi e con esiti
differenziati – nel percorso scientifico di diversi studiosi, che sono da
considerare all’origi- ne di alcune delle principali “scuole” archeologiche oggi
identificabili, sia nel costante e costruttivo confronto con la ricerca storica
che si avvale di più referenti di rilievo (su tali argomenti, cfr. in particolare
MANACORDA 1982; D’AGOSTINO 1991; da ultimo TERRENATO 1998 con
bibliografia; cfr. nota 4).
Se gli studi di antropologia del mondo antico e di psicologia della sto
ria hanno interessato molteplici temi riguardanti il mondo greco, in partico
lare Atene – dal mito alla concezione dell’uomo, alle forme di pensiero, dal-
l’uso del corpo all’uso dello spazio e dei monumenti, all’indagine sulle men
talità e i loro cambiamenti, alle forme e trasformazioni politico-economiche,
sociali, religiose – tuttavia, l’adozione di questo approccio in ambito specifi
camente archeologico è stata limitata a pochi settori specifici: le analisi ico-
nografico-iconologiche sulla imagérie del mondo antico, in particolare del
mondo classico (pittura vascolare o tombale; scultura; ecc.) o più raramente
gli studi di ideologia funeraria e interpretazione delle necropoli o sulla con
cezione e l’uso delle “forme spaziali” (cfr. note 1-2).
Secondo J.P. Vernant – che sembra sintetizzare già nel 1965, in modo
illuminante, i principali aspetti della prospettiva qui delineata ed anche molti
dei temi discussi, poi, dall’archeologia post-processuale – la finalità principa
le deve essere la ricerca sull’uomo, l’uomo antico, nell’ambito del suo conte
sto socio-culturale, «…di cui è il creatore e insieme il prodotto» e il tentativo,
attraverso le opere, di comprenderne il linguaggio, entrando in comunica
zione con «i contenuti mentali, le forme di pensiero e di sensibilità, i modi di
organizzazione del volere e degli atti» (VERNANT 1965; 3a ed. it. 1984, pp. 3-4).
In tale ottica, l’indagine sul passato si configura come una difficile con quista
di carattere interpretativo, da attuare attraverso un complesso lavoro di
lettura e decodificazione, alla ricerca dei molteplici linguaggi e dei codici
che presiedono all’immaginario sociale veicolato da ogni forma di cultura
materiale. Le potenzialità ermeneutiche in campo archeologico di tali ap
procci sono testimoniate da importanti edizioni di scuola francese e italiana
che si pongono su una linea teorico-metodologica affine (cfr. note 1-4): in
primo luogo, per gli ambiti che si è scelto di privilegiare in queste pagine, le
letture dell’immaginario figurato attico nei vari contributi raccolti ne La Cité
des images (1984) o il simile approccio alla pittura italica di Pontrandolfo-
Rouveret (1982; 1992) ed etrusca di d’Agostino, Cerchiai (1999) o per l’uso
e la costruzione del passato il recente lavoro di A. Schnapp (1993). Nel cam
po degli studi di ideologia funeraria, un ruolo centrale nel panorama italiano
e una particolare apertura teorica connessa ad una posizione di tipo proble
matico già dagli anni ’70, devono essere attribuiti, in primo luogo, a B. d’Ago-
stino (in particolare, D’AGOSTINO 1977; 1985; 1990a; 1996; D’AGOSTINO,
SCHNAPP 1982; D’AGOSTINO c.s. con bibliografia; cfr. nota 2) 3. Sull’argomento
si tornerà più avanti.
A partire da un percorso e da obiettivi differenti, l’archeologia post
processuale, già nei testi programmatici di I. Hodder ed altri (M. Shanks,
C. Tilley, J. Barrett, ecc. o di autori di posizione affine come M. Leone) si è
esplicitamente e sistematicamente proposta come finalità la rilettura e la rie
laborazione teorica di tutti i campi della ricerca archeologica e l’avvio di una
riflessione critica dell’archeologia su sé stessa, sui suoi fondamenti
epistemo logici e tecnico-metodologici. Al neopositivismo della New
Archaeology sono stati contrapposti una apertura teorica alle scienze sociali
e un accentuato dibattito critico, sperimentando le suggestioni provenienti
da molteplici re ferenti di stampo filosofico e socio-antropologico, di volta in
volta, esplicita ti e discussi; tutto ciò secondo un percorso che dal neo-
marxismo e dallo strutturalismo, attraverso la “Teoria Critica” e la teoria
sociale, porta alle prospettive post-moderne dei diversi indirizzi post-
strutturalisti, alle teorie della “pratica” (practice) e dell’“azione sociale”
(agency), all’ermeneutica, alla fenomenologia (in particolare, HODDER 1986;
1999, con bibliografia; SHANKS-TILLEY 1987; LEONE et al. 1987; BARRETT
1988; TILLEY 1990; MORRIS
1994; JOHNSON 1999; in sintesi, CUOZZO 1996).
Pertanto se è vero che il post-processualismo britannico ha spesso ri
preso e rivisitato ambiti teorici (soprattutto marxismo, strutturalismo e
filoni da essi derivati) le cui potenzialità interpretative erano già state
esplorate e dibattute da tempo in altri paesi europei, l’importanza di questa
tendenza anglofona è nello sviluppo sistematico delle possibilità e
suggestioni offerte da questa complessità di apporti teorico-metodologici,
nella prospettiva di una archeologia compiutamente storico-sociale
«bridging humanity and science» (HODDER 1999, pp. 20 ss.).
Il clima di convergenze non occasionali tra diversi filoni europei – già
sottolineato da vari autori delle diverse scuole (in particolare: H ODDER 1986;
SHANKS 1995; 1999; MORRIS 1995; D’AGOSTINO, CERCHIAI 1999) – appare evi
dente non solo nelle scelte teoriche ma anche nell’affermazione di un ap
proccio problematico e interpretativo alla ricerca archeologica e nella condi
visione – con accenti e caratteristiche peculiari in ciascun filone – di numero
se tematiche: la centralità del contesto storico e sociale; il rapporto tra strut-
tura e ideologie; i linguaggi simbolici e i codici di simbolizzazione; l’immagi-
nario collettivo e le forme di comunicazione sociale; lo studio delle mentali
tà ; il ruolo attivo delle varie forme di cultura materiale nella costruzione
sociale, ecc.
Per quanto riguarda l’archeologia post-processuale, gli argomenti prin
cipali affrontati tra gli anni ’80 e ’90, possono essere così sintetizzati:
– le modalità di azione delle ideologie, le forme di potere e di legittimazione,
le strategie di resistenza e di negoziazione sociale;
– il ruolo attivo della cultura materiale;
– il rapporto tra struttura, pratica sociale e individuo come agente sociale
attivo; il dibattito sull’agency e sul suo ruolo negli studi sulla cultura
materia le, sull’uso dello spazio, sulla produzione, riproduzione e il
cambiamento sociale;
– la lettura della cultura materiale e l’indagine sul processo di significazione
(«Material culture as a text»), tra strutturalismo e post-strutturalismo;
– la tematica del gender nelle società del passato e del presente;
– il rapporto tra dimensione contestuale, storia e archeologia;
– la riflessione critica sul rapporto tra passato e presente, sulla costruzione
sociale del passato, sui temi del linguaggio e della scrittura archeologica; il
dibattito sul ruolo dell’archeologia nella società attuale, sull’impegno politi
co e sociale dell’archeologo (value commitment) e sull’apertura ad altre voci
in archeologia (archeologie indigene o delle minoranze etniche; archeologia
femminista; ecc.);
– la riflessione avviata negli anni ’90, ispirata da un lato alle teorie della
practice (P. Bourdieu; A. Giddens; ecc.) e a vari orizzonti post-strutturalisti,
dall’altro alla fenomenologia, con l’attenzione all’uso del corpo (Archaeology
of body and practice), alla sfera delle percezioni e del campo emotivo (in
sintesi: HODDER 1999, con bibliografia; HODDER, PREUCEL 1996; CUOZZO 1996;
TERRENATO 1998).
In particolare, le tendenze più recenti hanno privilegiato sia temi con
nessi alla costruzione delle identità – nei campi sociale, etnico, di genere,
ecc. –, ai linguaggi simbolici, alle modalità di funzionamento della pratica o
dell’azione nel modellare e perpetuare l’universo sociale attraverso l’uso del
lo spazio, del tempo, del corpo umano come «potente strumento di comuni
cazione», sia aspetti legati al versante delle percezioni ed alla “fenomenolo
gia del paesaggio” (ad esempio, SHANKS 1995; THOMAS 1991; 1996; PARKER
PEARSON 1999; JONES 1997; il dibattito in HALL 1998; VAN DOMMELEN 1998;
DÍAZ-ANDREU 1998).
Tuttavia, più che ripercorrere le direzioni teoriche dell’archeologia
post processuale, come si è detto, da me discusse di recente (C UOZZO 1996),
inten do soffermarmi su alcune questioni e alcuni indirizzi problematici di
ricerca
che si sono rivelati notevolmente importanti nel campo dell’interpretazione
delle necropoli e, in particolare, per lo studio del caso archeologico proposto
più avanti: le necropoli orientalizzanti di Pontecagnano (CUOZZO 1994a; c.s.).

1.1 IL RUOLO ATTIVO DELLA CULTURA MATERIALE

La prima questione – il ruolo attivo della cultura materiale – rappre


senta uno dei punti di partenza e di arrivo più importanti del lavoro di I.
Hodder e del dibattito all’interno dell’archeologia post-processuale (in parti
colare, HODDER 1982a; 1982b; 1986; 1999; S HANKS, TILLEY 1987; BARRETT
1988; TILLEY 1990; SHANKS 1999; PARKER PEARSON 1982; 1993; 1999; CUOZ-
ZO 1996).
La cultura materiale, in tutte le sue forme, è considerata non soltanto
come prodotto, ma soprattutto come componente prioritaria della costru
zione sociale e della acculturazione pratica attraverso le potenti metafore
della comunicazione non verbale. Se è vero che la ripetizione continua della
simbologia materiale nelle routines delle pratiche quotidiane/sociali/rituali
ha un ruolo fondamentale nel perpetuare il controllo dell’organizzazione
spazio-temporale, conferendo potere e legittimazione, tuttavia, il mondo
materiale costituisce anche una sede privilegiata di negoziazione, rielabora
zione o resistenza e può acquistare un ruolo fondamentale nell’affermazione
di differenti mentalità, identità , ideologie (per il background teorico, cfr., in
sintesi: CUOZZO 1996, pp. 12-18).

1.2 COMPRESENZA DI PIÙ IDEOLOLOGIE ALL’INTERNO DELLO STESSO CONTESTO

La seconda questione – strettamente connessa alla prima – riguarda il


ruolo delle ideologie e, soprattutto, la possibilità della coesistenza di più
ideo logie nell’ambito dello stesso contesto. La compresenza di differenti
ideolo gie problematizza l’evidenza archeologica e comporta la possibilità
della coe sistenza di modi di rappresentazione conflittuali nella cultura
materiale, rive lando dinamiche complesse, fluide e multiformi, di carattere
rituale, politi co, sociale, etnico, di genere o connesse a specifiche condizioni
individuali che sembrano trovare espressione talvolta in modo contrastante
o, addirittu ra, fuorviante. Non a caso qui si utilizza il plurale, parlando di
ideologie piuttosto che di ideologia.
Su questo argomento già da tempo si è espressa l’antropologia di ma
trice struttural-marxista, simbolica e post-strutturalista e, più di recente, in
campo archeologico vari studiosi di ambito post-processuale hanno conside
rato la cultura materiale come strumento attivo del confronto e/o del conflit
to tra più ideologie in competizione prodotte da diversi “gruppi di interes
se”: all’ideologia del gruppo o dei gruppi dominanti si contrappongono
quelle dei subalterni o di altri ceti/classi d’età / generi che costituiscono la
propria
identità o premono per una promozione sociale, nell’ambito di complesse
dinamiche di potere e/o negoziazione o resistenza.
Tale posizione si distingue da quella del marxismo classico connetten
dosi, piuttosto alla riflessione teorica di Althusser, di Gramsci, della Scuola
di Francoforte, di vari filoni antropologici cd. struttural-marxisti (sull’argo-
mento, GODELIER 1999), simbolici o interpretativi (C. Geertz), della teoria
sociale (della pratica e dell’azione sociale) da Weber a Bourdieu, F. Barth e A.
Giddens (in sintesi, HODDER 1986; MILLER et al. 1989; MCGUIRE, PAYNTER
1991; CUOZZO 1996).
In questa ottica, uno stesso oggetto/rituale/comportamento può essere
investito di significati completamente diversi anche all’interno dello stesso
contesto e il suo significato è ambiguo e polivalente, può essere letto e riela
borato in molteplici direzioni. La possibilità di rintracciare più ideologie e
modi rappresentazione tra loro in contraddizione nello studio della cultura
materiale apre nuove prospettive ma propone anche ulteriori problemi.
Lo studio del costume funerario rappresenta un esempio illuminante.
In primo luogo è necessario verificare se, in base al/ai sistemi di valori
vigenti in quel contesto, sia o meno attribuita priorità ad aspetti della
composizione/ stratificazione sociale o, al contrario, siano altri fattori ad
essere privilegiati (per es., di tipo politico; privato; religioso; ecc.); in
secondo luogo andranno indagate le modalità di azione delle ideologie.
Gli effetti di inversione e mistificazione provocati dalla contempora
nea presenza di ideologie diverse all’interno di un medesimo contesto sepol
crale sono stati dimostrati in modo eclatante da Parker Pearson (1982) nella
sua analisi etnoarcheologica sul costume funerario moderno di Cambridge:
all’ideologia egalitaria ed al carattere privato del lutto espressi dalle sepoltu
re della gran parte della società britannica contemporanea si contrappongo
no le diverse ideologie funerarie di minoranze sociali e/o etniche, in primo
luo go, in modo vistoso e fuorviante, l’appariscente comportamento di
componenti discriminate e marginali come gli zingari, che sembra aderire
esclusivamente a dinamiche interne al gruppo (per risultati simili in Italia,
Guidi et al. 1995). Un secondo aspetto del problema riguarda le modalità
di azione delle ideologie: le tre possibilità identificate da A. Giddens nelle
strategie sociali 1. negazione, 2. rappresentazione parziale di sezioni sociali,
3. naturalizzazio ne, non vanno considerate necessariamente alternative ma
possono identifi care, all’interno dello stesso contesto, l’azione
contraddittoria di più gruppi o segmenti sociali (sull’argomento, CUOZZO
1996, p. 24, con bibliografia). Nel primo caso, se l’ideologia dominante è
diretta alla negazione nel costu me funerario della stratificazione e/o del
conflitto all’interno della società , cioè sotto l’azione di ideologie di tipo
egualitario – come sembra dimostrato, per esempio, per Roma e il Lazio o
per Atene nel V sec. a.C. (COLONNA 1977a;
D’AGOSTINO 2000; MORRIS 1999) – in assenza di altra documentazione, le
necropoli non possono restituire informazioni sui rapporti sociali.
Nel secondo caso, quando gli interessi di uno o più gruppi siano rap
presentati come universali, il costume funerario può essere diretto, in vari
modi, alla distorsione dei rapporti sociali vigenti: un buon esempio è fornito
dall’importante questione della rappresentatività demografica e/o sociale delle
necropoli e delle strategie funerarie discriminate che riservano il Formal Burial
solo a determinati soggetti sulla base della classe d’età e/o del genere e/o della
condizione sociale. Questo problema, già proposto da alcuni studi di paleo
demografia, è stato introdotto nella discussione archeologica da Morris (1987;
1999): la rilettura dei sepolcreti di Atene e dell’Attica tra il periodo sub
miceneo e l’età arcaica porta ad ipotizzare che in alcune fasi cronologiche
fossero operanti rigidi meccanismi di selettività nell’accesso alla sepoltura
formale destinata a circa un quarto della componente adulta come esito di
«un sistema funerario che divideva la popolazione tra una élite visibile e un’am-
pia maggioranza invisibile» (M ORRIS 1995, p. 53; WHITLEY 1991; D’AGOSTINO,
D’ONOFRIO 1993).
Strategie funerarie che prevedono la segregazione spaziale sulla base
del genere e limitazioni nel corredo per la componente femminile sono state
di recente descritte, per esempio, da Parker Pearson (1993). Al contrario, in
altri contesti, complessi rituali archeologicamente invisibili o che implicano
un completo scarto di comportamento rispetto alla norma possono distin
guere il vertice della gerarchia sociale (D’AGOSTINO 1977; 1985; PARKER PEARSON
1982; 1993; GUIDI et al. 1995). Nella terza possibilità identificata da Giddens,
infine, le ideologie sono dirette alla naturalizzazione del sistema di relazioni
sociali esistente che appare rappresentato, pertanto, in modo formalizzato e
immutabile, come se si trattasse di una legge naturale (CUOZZO 1996, p. 24).
Un ulteriore campo di «produzione ideologica» – ampiamente indaga
to nell’archeologia classica o negli studi di etruscologia – riguarda la legitti
mazione del presente attraverso la creazione e idealizzazione del passato
che può utilizzare come tramite privilegiato la costruzione del culto degli
antena ti e della memoria storica (cfr. per esempio, BÉ RARD 1970; i contributi
in GNOLI, VERNANT 1982 in CRISTOFANI 1987 e in RUBY 1999; COLONNA 1977b;
CARANDINI 1997; TORELLI 1997; GRECO 1999; MORRIS 1999; D’AGOSTINO 1977;
1996; 2000).

1.2 DINAMICHE DI RESISTENZA

Uno dei problemi principali nello studio dei fenomeni di resistenza o di


negoziazione da parte di gruppi marginali o subalterni è il grado di visibilità
che privilegia, naturalmente, i segni delle ideologie dominanti. Tuttavia è
proprio l’analisi della cultura materiale quotidiana restituita dai contesti ar
cheologici che rivela notevoli potenzialità per l’indagine sulle manifestazioni
archeologiche delle dinamiche dominio/resistenza attraverso la
manipolazio ne simbolica e il ruolo attivo della cultura materiale (per
esempio, HODDER
1982a; 1982b; 1982c, 1986; MILLER et al. 1989; MCGUIRE, PAYNTER 1991,
con bibliografia; VAN DOMMELEN 1998).
Importanti studi antropologici recenti, soprattutto di matrice neo-marxi-
sta, gramsciana o struttural-marxista, hanno esaminato le diverse forme che
tali strategie possono acquisire, distinguendo soprattutto due casi: 1. la resi
stenza quotidiana – strettamente connessa al concetto di negoziazione – che
non implica il confronto diretto, ma alimenta – talvolta in modo inconscio –
la costruzione di ideologie alternative attraverso la manipolazione dei signi
ficati degli oggetti e/o degli usi, modificando tratti apparentemente insignifi
canti o poco visibili dei comportamenti o tramite forme di conservatorismo
o atteggiamenti indiretti o sotterranei di negazione e rifiuto; 2. la resistenza
aperta al sistema dominante sotto forma di lotta politica di vario genere. Il
primo tipo di “resistenza” costituisce di solito la base per la costruzione della
seconda (ad esempio, SCOTT 1985; MCGUIRE, PAYNTER 1991).
Un esempio illuminante – poiché si basa sull’analisi di uno degli oggetti
quotidiani privilegiati in archeologia, cioè la ceramica comune, e sull’impor-
tanza del ruolo della donna nell’acculturazione pratica – è fornito da una
serie di studi sugli schiavi di origine africana in Nord-America. Tali ricerche
hanno dimostrato come in alcuni contesti coloniali, la fabbricazione, l’uso
costante ed esclusivo da parte degli schiavi di ceramica da mensa di stile
africano, in argilla grezza, caratterizzata da uno stile semplice e uniforme
(e/o la costruzione di oggetti e utensili in altri materiali) e, pertanto, da un
lato la mancata adesione al costume dei bianchi, in un ambito domestico
apparente mente marginale, dall’altro la celebrazione di vincoli reciproci tra
gruppi africani di diversa origine, abbiano costituito una potente forma di
resistenza culturale – inconscia – trasmessa, come tramite privilegiato, dalle
donne ai bambini nelle routines quotidiane fin dalla nutrizione della prima
infanzia. Questa forma di resistenza quotidiana avrebbe svolto, nel lungo
periodo, una funzione fondamentale nella costruzione di identità e nella
formazione di una ideologia alternativa a quella dominante (F ERGUSON 1991,
con bibliogra fia).

1.4 COSTRUZIONE DI IDENTITÀ E COMPONENTI ETNICHE

Altri aspetti potenzialmente rivelati dalla coesistenza di più ideologie


nell’ambito dello stesso contesto e talvolta intrecciati con fenomeni di resi
stenza, sono le articolate dinamiche legate alla costruzione di identità di ca
rattere sociale e/o etnico: tuttavia, la problematica connessa alla possibilità
o meno di riconoscere eventuali indicatori etnici nella cultura materiale pre
senta caratteri di estrema complessità, esponendo facilmente al rischio di
riproporre spiegazioni di tipo storico-culturale o diffusionista.
Sembra utile soffermarsi, pertanto, su due punti al centro della discus
sione in ambito archeologico: la definizione e i limiti del concetto di etnicità ;
il ruolo dell’archeologia e, in primo luogo, degli studi di ideologia funeraria,
nell’identificazione di identità etniche del passato.
Nell’ambito più vasto del dibattito all’interno delle scienze sociali e
storiche, il tema etnico è ritornato con urgenza al centro dell’interesse nel
corso degli ultimi anni, in conseguenza dei più recenti avvenimenti di politi
ca internazionale (BARTH 1969; AMSELLE 1990; 1999; cfr. la sintesi in Fabietti
1995, con bibliografia). Simili questioni, d’altronde, hanno anche costituito
uno degli argomenti del confronto scientifico in molti altri ambienti e, in
particolare, nell’archeologia e storia antica italiana tra gli anni ’70 e ’80 o
anche in anni più recenti. Dei diversi settori e ambiti cronologici indagati, gli
aspetti che qui interessano più da vicino sono connessi da un lato alle com
plesse dinamiche di coesistenza etnica, colonizzazione, etnogenesi, confine,
frontiera, nella storia del popolamento della Campania e dell’Italia meridio
nale, dall’altro ai fenomeni di convivenza e mobilità in Etruria, a Roma, nel
Lazio e in altre zone dell’Italia arcaica 4. Un ampio bilancio critico su tali
argomenti è stato tracciato, di recente, dalla discussione in Confini e frontie
ra (1999; cfr. i lavori citati a nota 4, con bibliografia precedente).
Sulla base di presupposti diversi, che privilegiano in primo luogo
orizzonti di carattere antropologico e comparativo, un recente confronto tra
archeologi e antropologi si è sviluppato in ambito anglofono (soprattutto,
Jones 1997; HALL 1997, con bibliografia; HALL 1998; DÍAZ-ANDREU 1998;
VAN DOMMELEN 1998).
I differenti filoni del dibattito citati, partendo da diversi backgrounds,
arrivano a conclusioni affini, che implicano il rifiuto della considerazione del
fenomeno etnico in termini biologici o di origini e, al contrario, l’affermazio-
ne di un approccio socio-politico e storico al problema: l’identità etnica è
considerata frutto di un complesso processo di formazione, costruzione, tra
sformazione. In particolare, approcci socio-antropologici di posizione cd.
“strumentalista” e interpretativa hanno sottolineato i caratteri ambigui, mul
tiformi, fluidi in continuo processo di cambiamento delle identità etniche e
la costante negoziazione con altre componenti di tipo sociale e soggettivo
(cfr. il dibattito in HALL 1998 e nota 4).
Di notevole importanza appare la definizione della natura contrastiva
dell’identità etnica (contrastive identity) che sembra costituirsi e acquistare
visibilità solo tramite l’opposizione ad altre identità (a partire da BARTH
1969). In tali ambiti, pertanto, l’etnicità è stata considerata, in primo luogo,
come una costruzione socio-culturale, soggettivamente percepita e di carattere
prin cipalmente discorsivo, che utilizza attivamente il simbolismo della
cultura, del linguaggio, della parentela, della discendenza da origini comuni
nel per seguire un comune interesse (in sintesi, F ABIETTI 1995; in particolare,
BARTH 1969; AMSELLE 1990; 1999; JONES 1997; HALL 1998).
Tralasciando in questa sede di approfondire i complessi problemi
teori ci sottesi alla definizione del fenomeno etnico o, anche, le differenze
di ap-
proccio tra i diversi filoni citati, sembra utile piuttosto soffermarsi sul secon
do tema riproposto dalla recente discussione in ambito anglofono, cioè, il
ruolo dell’archeologia nell’identificazione di identità etniche del passato che
è stato negato da alcuni, in assenza di altro tipo di documentazione (HALL
1997). Per altri, l’uso attivo della cultura materiale è da considerare tra i
diversi aspetti cui va attribuito un ruolo strutturante nel processo di costru
zione delle identità etniche (MORRIS 1998) e della loro riproduzione nella
pratica sociale (habitus di P. Bourdieu) anche se i caratteri fluidi e polimorfi
di tali identità , la continua negoziazione con altre componenti rendono diffi
cile o fuorviante l’indagine archeologica (JONES 1997; DÍAZ-ANDREU 1998).
Una posizione in parte diversa sottolinea come il processo di costruzione
delle identità etniche possa comportare l’uso cosciente, volontario e attivo di
segni materiali come diacritical markers che, in questi casi, possono trovare
riscontro a livello archeologico (SHENNAN 1989). Altri esempi, come si è vi
sto, svelano, invece, un uso attivo della cultura materiale in forma meno
cosciente, prepolitica, all’interno di compositi legami tra fenomeni di resi
stenza sociale, di tipo quotidiano e componenti etniche (per esempio,
MCGUIRE, PAYNTER 1991; FERGUSON 1991); un complesso intreccio tra com
ponenti etniche e sociali e forme più o meno accentuate di marginalità sem
bra presiedere alle dinamiche identificate nel comportamento funerario
delle minoranze dalla già citata analisi etnoarcheologica di Parker Pearson
(1982). Pertanto, se la presenza, l’accentuazione o la costruzione di
eventuali indicatori etnici nella cultura materiale e nella rappresentazione
funeraria dipende, ancora una volta, esclusivamente dal scelte contestuali, di
tipo più o meno cosciente o competitivo, da parte di gruppi o segmenti
sociali o della collettività , la possibilità di riconoscere segni connessi alla
costruzione o rie laborazione di identità sociali o etniche nella
documentazione archeologica – secondo la linea indicata sia dagli studi sui
complessi fenomeni di etnogenesi, per esempio in Campania e in Italia
meridionale sia dalle suggestioni offerte dalla ricerca etnoarcheologica e
antropologica – dipende, in primo luogo, dalla possibilità di lettura della
polisemia dei contesti. Linee di ricerca privi legiate appaiono, dunque,
l’indagine su tutti gli aspetti connessi alla compre senza di più ideologie
nello stesso contesto, l’analisi dell’uso attivo, ambiguo, polivalente dei
simboli materiali, all’interno di dinamiche contrastive e op positive tra
sistemi strutturati di segni, la complessa dialettica tra forme quo tidiane di
negoziazione e/o resistenza, nella “pratica” sociale, fenomeni di
rifunzionalizzazione e acquisizione o di apparente conservatorismo, persi
stenza, negazione, rifiuto (cfr. nota 4 e il dibattito in HALL 1998).

1.5 DINAMICHE DI GENERE

Un ulteriore direzione di indagine è suggerita dal dibattito sulla costru


zione sociale del genere, sulle complesse dinamiche maschile/femminile/in-
fantile, sui ruoli e le forme di negoziazione tra generi (G ERO-CONKEY 1991;
DÍAZ-ANDREU, questo volume, e la sintesi in CUOZZO 1996, con bibliografia).

1.6 ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL’INTERPRETAZIONE DELLE NECROPOLI

Il complesso campo dell’interpretazione delle necropoli è da conside


rare ancora un contesto privilegiato di ricerca in ambito archeologico sia
perché spesso l’evidenza funeraria costituisce l’unica documentazione dispo
nibile sia perché essa implica uno dei più alti gradi di intenzionalità da parte
della collettività corrispondente, e dunque, se attentamente decodificata, co
stituisce una fonte di informazioni preziosa in primo luogo sulle ideologie e
sulla produzione dell’immaginario sociale. L’ambiguità del rapporto tra im
magine funeraria e mondo dei vivi occupa una posizione centrale in queste
pagine, secondo la prospettiva che contraddistingue sia gli studi di ideologia
funeraria, francesi, svizzeri, italiani sia l’archeologia post-processuale (cfr.
nota 2; in sintesi, soprattutto, CUOZZO 1996; HODDER 1986; 1999; D’AGOSTI-
NO 2000). Un fondamentale apporto in ambito italiano è fornito anche dai
lavori di alcuni studiosi che a partire da un approccio di stampo processuale
si sono avvicinati a posizioni di tipo contestuale e cognitivo (in primo luogo,
BIETTI SESTIERI 1986; 1992; 1996; cfr. anche GUIDI et al. 1995; GAMBACURTA,
RUTA SERAFINI 1998) e dagli studi sul funzionamento delle forme ideologiche
(in particolare TORELLI 1984, 1997).
L’approccio qui adottato si fonda sull’analisi delle necropoli come
“con testo strutturato” sulla base di scelte ideologiche e simboliche che
regolano il rapporto metaforico tra società dei vivi e comunità dei morti,
secondo la definizione di B. d’Agostino: «come in ogni sistema di segni, le
singole scelte
– nel campo del rituale, della tipologia tombale, del corredo; ecc. – che com-
pongono il sistema sono arbitrarie e tuttavia significanti» ( D’AGOSTINO 2000).
Un secondo aspetto di fondamentale importanza è il ruolo attivo della poli
valente performance funeraria (e delle altre forme rituali), come potente for
ma di creazione, riproduzione, trasformazione dell’immaginario sociale.
Il rapporto tra la società dei vivi e il suo riflesso nel costume funerario
non può essere mai ritenuto diretto ed immediato ma è sempre indiretto,
selettivo, mediato, contestuale, fondato sulla distinzione categoriale tra i due
universi e sugli atteggiamenti mentali della comunità verso la morte; inoltre,
il rituale funerario non può essere in nessun caso considerato una semplice
comunicazione dei valori di una determinata comunità : piuttosto – struttu
rando i complessi momenti di transizione dalla morte biologica alla morte
sociale – esso può costituire parte attiva nella riproduzione e legittimazione
dei rapporti vigenti oppure nell’affermazione di nuove mentalità e percezio
ni del corpo e dell’individuo, nella legittimazione di nuovi stili di vita, nuove
tecnologie del potere, nella promozione di differenti posizioni sociali, nella
costruzione di identità , nelle dinamiche di negoziazione, resistenza o
cambia-
mento sociale (CUOZZO 1996, pp. 22 ss.).
Intenzionalità e selezione determinano l’adozione dei codici che pre
siedono alla grammatica e alla sintassi dell’immagine funeraria: finalità prio
ritaria è l’interpretazione delle scelte di autorappresentazione indotte dalla
comunità o da particolari opzioni di segmenti sociali. In particolare, campi
semantici privilegiati sono da considerare gli ambiti connessi alla struttu
razione simbolica dello spazio della necropoli e dello spazio interno della
tomba, alla concezione e all’uso del corpo umano e al rapporto interno/
esterno. Linee centrali di indagine devono essere considerate (C UOZZO 1996,
pp. 21 ss.):
– le strategie di rappresentazione e, in primo luogo, la ricerca dei codici
connessi ai sistemi di valori di riferimento in quel determinato contesto; come
si è detto, essi possono o meno attribuire priorità ad aspetti della stratifica
zione sociale e, nel primo caso, possono essere diretti – secondo gli interessi
di uno o più gruppi – alla legittimazione dell’ordine sociale o al contrario alla
sua contraddizione o distorsione (cfr. supra, pp. 338-340);
– la rappresentatività delle necropoli, rivolta alla identificazione di strategie
selettive su basi demografiche o sociali (cfr. supra p. 339);
– «la selezione e costruzione di identità» dei defunti; in rapporto alle strate-
gie dei vivi, la performance funeraria – implicante una pluralità di rapporti e
di letture (defunto/gruppo di appartenenza/diversi livelli della comunità /di-
mensione soprannaturale) – può diventare un «contesto per la produzione
di identità sociali», non necessariamente corrispondenti alla realtà in vita
degli individui sepolti, né necessariamente aderenti ad un linguaggio
univoco (per es., THOMAS 1991; PARKER PEARSON 1993; in sintesi, CUOZZO
1996);
– la compresenza di più ideologie nello stesso contesto (supra p. 338);
– l’incidenza dei complessi aspetti del rituale funerario che non lasciano (o
lasciano solo in parte) tracce archeologiche (D’AGOSTINO 1985; 2000; CUOZ-
ZO 1996);
– gli approcci metodologici.

1.7 ASPETTI METODOLOGICI


La ricerca di un approccio che valorizzi la complessità dei contesti fu
nerari sembra indicare l’esigenza di sperimentare più direzioni di indagine.
La necessità della rielaborazione di forme di analisi di carattere strutturale e
semiologico nello studio della cultura materiale, all’interno di un quadro
interpretativo che abbia come riferimento privilegiato l’orizzonte più ampio
delle teorie sociali, è stata ribadita da più voci in ambito europeo che hanno
valorizzato la «portata operativa» di tali metodi, come «formidabile
strumen to di indagine» (D’AGOSTINO, CERCHIAI 1999, p. XVIII; cfr. anche,
TILLEY 1990; MORRIS 1995; HODDER 1999; CUOZZO c.s.). Una simile esigenza
metodologi-
ca sembra richiamata anche da studiosi italiani che basano il loro approccio
alle necropoli sull’individuazione di “sistemi di segni” (GAMBACURTA, RUTA
SERAFINI 1998).
In questo quadro, tuttavia, può essere considerata ancora di notevole
utilità l’adozione integrata di una serie di metodi di altro genere, come l’uso
di forme più o meno complesse di tematismi geografici, di GIS, o di metodo
logie statistiche, che, tuttavia, possono essere recuperate come utili strumen
ti, non più secondo una logica quantitativa, ma, al contrario, esclusivamente
in senso qualitativo e oppositivo, all’interno di uno studio interpretativo del
sepolcreto come contesto simbolicamente strutturato (sull’argomento, CUOZZO
1994; c.s.; MORRIS 1995; D’Andrea 1999).

2. La rappresentazione funeraria nella necropoli di Pontecagnano


durante il periodo Orientalizzante

Le prospettive interpretative delineate si sono rivelate preziose per


l’in- dagine sulla complessa immagine funeraria offerta dal caso archeologico
che prenderò in considerazione in queste pagine: saranno qui anticipati
alcuni interrogativi e risultati emersi da un recentissimo lavoro sulle necropoli
orien talizzanti di Pontecagnano (CUOZZO c.s; Figg. 1-2).

2.1 IL CONTESTO

La vasta necropoli del grande centro che sorgeva nel sito della moderna Pon
tecagnano, 10 Km. a Sud di Salerno, nella regione picentina – il cui carattere etrusco
è testimoniato da Plinio il Vecchio (N.H. III, 70) – documenta come il periodo tra
l’Orientalizzante Antico e Medio (ultimo quarto dell’VIII-metà /erzo quarto VII sec.
a.C.) rappresenti un momento di straordinaria fioritura, attraverso un’evidenza
ampia e ricca, ma finora in gran parte inedita (Fig. 2; oltre 8000 tombe databili
principal mente tra il IX sec. a.C. e il IV, mentre ancora poco si conosce dell’abitato:
D’AGOSTI- NO 1988a; CERCHIAI 1995). Dopo la recente edizione di estesi sepolcreti
della prima età del Ferro, negli ultimi anni è stato possibile avviare lo studio
sistematico delle aree orientalizzanti. In entrambe le necropoli di Pontecagnano,
quella occidentale in corrispondenza del centro abitato attuale e la necropoli
orientale, in loc. S. Antonio a Picenza (Fig. 2), le aree funerarie dell’Orientalizzante
non si sovrappongono mai a quelle della prima età del Ferro: l’inumazione è ora il
rito dominante, le tombe sono generalmente a fossa o a cassa di travertino; la
cremazione – vera o simulata – ritor na solo in casi eccezionali come le note tombe
principesche 926-928 (D’AGOSTINO 1977) e 4461 (CERCHIAI 1987). La fisionomia della
composita cultura materiale te stimonia, come è noto, gli stretti rapporti tra
Pontecagnano e l’ articolato panorama Orientalizzante: da un lato le relazioni con i
greci di Pithecusa e Cuma, i legami con il mondo etrusco e etrusco-laziale, o con
componenti fenicie o orientali, dall’altro complesse relazioni con le comunità
campane circostanti, i gruppi irpini dell’area cd. di Oliveto Citra-Cairano nella
Campania meridionale interna, l’area delle tombe
a fossa della Campania Settentrionale costiera (Valle del Sarno, ecc.) o i più rari
interscambi con Capua e con altri ambienti (Fig. 1; D’AGOSTINO 1988a; CERCHIAI
1995).
I molteplici interrogativi posti dallo studio delle necropoli di Ponteca
gnano contribuiscono ad individuare importanti indirizzi problematici di ri
cerca e suggeriscono alcuni lineamenti di interpretazione sulle strategie che
le differenti componenti della comunità hanno scelto per rappresentarsi, fino
a giungere ad avanzare ipotesi su aspetti delle dinamiche sociali di
riferimen to e sulla complessa rete di interrelazioni evocata.
A partire dalla fine dell’VIII sec. a.C., si delinea nella rappresentazione
funeraria l’emergere di più gruppi elitari dominanti di carattere parentelare,
in competizione tra loro, che nell’uso della cultura materiale sembrano con
tendersi il dominio socio-economico e il monopolio dell’immaginario (C UOZZO
c.s.). Il particolarismo di questi gruppi, in parte paragonabili alle potenti
gentes di cui parlano le fonti per l’Etruria e il Lazio del periodo Orientaliz
zante (AMPOLO 1987; D’AGOSTINO 1990b; COLONNA 1991; TORELLI 1997), si
manifesta attraverso una accentuata pluralità di comportamenti che svela la
compresenza di diverse ideologie e l’esistenza di molteplici rapporti con re
ferenti esterni diversificati. L’evidenza funeraria dimostra che l’accentuato
particolarismo dei gruppi dell’aristocrazia ha come riferimento, in primo
luo go, una dinamica interna all’élite testimoniata – come aspetto più
eclatante ma non unico – dalla dialettica tra figure femminili, maschili e
infantili di carattere principesco; in altri casi, è possibile forse identificare
componenti di carattere etnico. Un ulteriore aspetto da indagare appare
l’esclusione – totale o parziale
– dalle aree di sepoltura formali dei livelli sociali inferiori (C UOZZO 1994a, p.
286).
Le questioni emerse saranno illustrate attraverso il confronto tra due
significativi campioni, appartenenti alla necropoli orientale di Pontecagnano
(loc. S. Antonio a Picenza; cfr. C UOZZO c.s). Il primo campione – in proprietà
INA CASA – rappresenta il limite settentrionale (composto da ca. 252
tom be; Fig. 3) mentre il secondo – in proprietà CHIANCONE IV (ca. 108
tom be; Fig. 6) – segna il limite sudoccidentale nell’Orientalizzante Antico e
Me dio ed è separato a Sud da una fascia sepolcrale occupata a partire dai
periodi Tardo-Orientalizzante e arcaico. In queste pagine sarà privilegiata
un’ottica sincronica, enucleando principalmente alcune problematiche
riguardanti il periodo tra fine VIII e metà VII sec. a.C.

2.2 RAPPRESENTATIVITÀ DEMOGRAFICA E SOCIALE

La rappresentatività di entrambi i campioni è stata verificata in via


pre liminare (cfr. MORRIS 1987). Secondo i parametri adottati per le società
agricole preindustriali (WEISS 1973; BUIKSTRA, KONIGSBERG 1985) le due aree
funerarie rivelano una composizione bilanciata tra i due sessi e le diverse
classi di età, con
una proporzione tra adulti/giovani e bambini in media intorno al 40%-60%.
Le analisi antropologiche attestano la presenza nelle necropoli di tutte
le categorie infantili, dall’età perinatale – accolta a volte nelle tombe di adulti
o di individui di età giovanile – fino alla pubertà (BONDIOLI, MACCHIARELLI
c.s.). La piena visibilità della componente infantile nella Pontecagnano orien
talizzante costituisce un importante cambiamento rispetto alla prima età del
Ferro e una rilevante differenza rispetto a numerosi contesti coevi, in primo
luogo dal Lazio, dove è documentata una generale esclusione dei bambini dai
sepolcreti formali e la frequente sepoltura all’interno degli insediamenti (Bietti
Sestieri 1992, pp. 504 ss. con bibliografia precedente; CUOZZO 1994b).
Al contrario, meccanismi di selettività rivolti all’esclusione – del tutto
o in parte – dei ceti inferiori potrebbero essere suggeriti dalla verifica della
rappresentatività sociale. Questo fenomeno sembra particolarmente visibile
nell’area settentrionale INA CASA dove i dislivelli nell’esibizione funeraria
sono da ascrivere principalmente alle differenze ideologiche che
presiedono, come si vedrà , alla composizione dei corredi maschili e
femminili (CUOZZO 1994a, p. 286).

2.3 COMPOSIZIONE DEI GRUPPI SEPOLTI; USO DEL CORPO E RAPPORTO

INTERNO/ESTERNO NEL CONTESTO TOMBALE

Nell’impossibilità di illustrare in questa sede i vari aspetti dell’analisi


condotta per le necropoli orientalizzanti di Pontecagnano (analisi statistiche
multivariate; esame dei campi semantici; ecc.), non mi soffermerò su questi
aspetti, limitandomi ad osservare come lo studio dello spazio tombale in
quan to luogo simbolicamente strutturato, dell’uso del corpo e del rapporto
inter- no-esterno abbiano suggerito importanti linee di ricerca, rivelando sia
com plesse polarità maschile/femminile e tra diverse classi d’età , nella
concezione del corpo e/o nell’uso dello spazio, sia articolate e ambigue
dinamiche simbo liche tra ambiti destinati al defunto e spazi dei vivi
(CUOZZO c.s).

2.4 LA DIALETTICA TRA GRUPPI FUNERARI


Nell’organizzazione spaziale, l’affermazione di gruppi elitari è identifi
cata dal carattere permanente, presumibilmente ereditario, del possesso del
le aree sepolcrali sul lungo periodo, distinte nettamente dall’organizzazione
funeraria della prima età del Ferro e tra loro differenziate, che in alcuni casi
si configurano come privilegiate e riservate anche attraverso la presenza di
elementi di recinzione. La maggior parte dei gruppi sepolti, infatti, testimo
nia un’ininterrotta continuità diacronica, almeno fino al V sec. a.C. (Fig. 3;
CUOZZO 1994a, p. 270).
Una funzione strutturante del tessuto funerario pertinente ai singoli
gruppi è svolta, soprattutto negli ultimi anni dell’VIII sec. a.C., dalla disposi-
zione di una serie di tombe con caratteri cd. principeschi (Figg. 3, 5): tale
fenomeno non riguarda solo i campioni esaminati ma anche altre aree fune
rarie limitrofe della necropoli orientale (C UOZZO c.s). La concentrazione areale
di particolari classi di oggetti di corredo testimonia relazioni privilegiate con
ambienti esterni rivelando le differenti connotazioni socio-economiche dei
singoli gruppi: gli aspetti più appariscenti di questo fenomeno sono visibili in
entrambi i campioni scelti. Nel sepolcreto settentrionale INA CASA, signifi
cativi indicatori di legami preferenziali con l’area etrusco-laziale o falisca, in
particolare, l’impasto fine a superficie bruna d’importazione (C UOZZO 1994),
ricorrono costantemente soprattutto all’interno di due gruppi funerari
orien tali, probabilmente distinti ma correlati e demarcati da un recinto di
lastre di travertino, rispettato fino all’inizio del V sec. a.C. (Fig. 3). In modo
diverso, nel settore sud-occidentale, in proprietà Chiancone IV,
l’ostentazione della cultura materiale irpino-meridionale di Oliveto-Cairano
sembra acquistare una fisionomia etnica: è possibile distinguere due
raggruppamenti, ad Ovest ed Est, o un gruppo caratterizzato da una
organizzazione complessa, attorno alla tomba principesca 5928,
parzialmente depredata (Fig. 6).

2.5 COMPRESENZA DI PIÙ IDEOLOLOGIE FUNERARIE ALL’INTERNO DELLO STESSO


CONTESTO E DIALETTICA MASCHILE / FEMMINILE / INFANTILE NEL COMPORTAMENTO
“PRINCIPESCO”
Una delle espressioni più eloquenti dell’accentuato particolarismo dei
gruppi elitari si individua nella coesistenza di una pluralità di ideologie prin
cipesche all’interno del medesimo contesto e, in particolare, nella dialettica
tra figure femminili e maschili (su tale concetto cfr. il dibattito in R UBY 1999).
Per inquadrare i termini della questione è necessario confrontare i com
portamenti delineati per la necropoli orientale con il panorama offerto dal-
l’altra necropoli di Pontecagnano, quella occidentale, in corrispondenza del
centro abitato attuale. L’immagine funeraria testimonia una evidente con
trapposizione ideologica tra la varietà di comportamenti attestati nella ne
cropoli orientale e la regolarità che l’acquisizione del costume principesco
riveste in quella occidentale, dove esso è appannaggio esclusivo di pochi adulti
maschi armati, rappresentati secondo il modello del principe-eroe – di matri
ce greca e rielaborazione etrusca-laziale –, nella nota interpretazione di B.
d’Agostino (cremazione – adottata o simulata –; deposizione nel lebete di
bronzo; gruppo di keimelia metallici preziosi e/o esotici; presenza di armi;
presenza del carro o di paramenti equini; nucleo di strumenti in ferro-spiedi,
alari, machaira, scure, ecc. – legati al sacrificio e al focolare domestico: tom
be 926, 928, 4461; D’AGOSTINO 1977; 1999a; cfr. i contributi in RUBY 1999).
Al contrario, nei sepolcreti orientali è in primo luogo il particolarismo dei
gruppi a prevalere: se, infatti, emerge soprattutto il comportamento princi
pesco femminile – esemplificato dalla eccezionale tomba 2465 (Fig. 4) – tut-
tavia il linguaggio principesco può essere acquisito, all’interno di diversi gruppi
funerari, alternativamente o contemporaneamente da più componenti: ma
schi adulti, donne adulte, individui di età giovanile, bambini.
Pertanto, al costume unitario della necropoli occidentale – confermato
da un recente lavoro di ricognizione sistematica dei sepolcreti – dove ecce
zionali figure maschili si rappresentano come uniche garanti della continuità
del gruppo e depositarie di un potere accentrato e individuale, probabile
segno dell’imporsi di un’unica ideologia dominante, sembra opporsi la rispo
sta variegata e competitiva della necropoli orientale che prevede, al contra
rio, la reinterpretazione del linguaggio principesco in base alle esigenze di
autorappresentazione dei diversi gruppi elitari, forse nell’ambito di dinami
che interne di potere e promozione sociale. Tra i due modelli esiste una pro
fonda differenza ideologica: tutte le sepolture principesche orientali sono
inglobate nel tessuto funerario, rivestendo, probabilmente, il ruolo di capo
stipiti dei diversi gruppi che attorno ad esse si strutturano.
Come nella società etrusca e laziale coeva, qui le tombe dei capostipiti
possono essere sia maschili che femminili ( D’AGOSTINO 1992; 1999a). Si no
tano tuttavia alcune significative polarità , da un lato nel rituale che, in en
trambe le necropoli, riserva la cremazione di tipo ‘eroico’ esclusivamente a
figure emergenti di maschi adulti, mentre donne e bambini sono costante
mente inumati, dall’altro nella selezione dei segni di tipo sociale, poiché nel
la necropoli orientale, si verifica, per esempio, una attribuzione esclusiva
degli alari e tendenziale del coltello o della associazione spiedi/coltello a
par ticolari figure femminili (CUOZZO c.s).
In queste pagine saranno descritti due principali comportamenti: il
pri mo è esemplificato dall’area settentrionale INA CASA, dove l’adozione del
costume principesco e la presenza di evidenti indicatori di prestigio appaio
no di esclusivo appannaggio femminile; il secondo caso può essere esemplifi
cato dall’area Chiancone IV, dove tale comportamento – in modo più o meno
completo o segmentario – è esibito da più personaggi dei gruppi sepolti.
2.6 L’AREA SETTENTRIONALE INA CASA: I COMPORTAMENTI FUNERARI
Nell’ambito delle 148 tombe, databili al periodo tra la fine dell’ VIII e
la metà del VII sec. a.C. (CUOZZO 1994), l’opposizione femminile/maschile
(63 tombe: 35-A; 28-Iu.; Figg. 4-5) è netta nel costume personale ed è basa
ta, sulla presenza/assenza di ornamenti e fibule, che nel gruppo femminile
sono soprattutto nei tipi a sanguisuga, a navicella, ad arco rivestito, mentre
in quello maschile, si segnala la totale assenza di ornamenti o la sporadica
occorrenza di un’unica fibula ad arco serpeggiante derivata dai tipi maschili
della prima Età del Ferro. Le armi e gli strumenti per la filatura o tessitura
più che connotare la funzione appaiono designare, in questa area, esclusiva
mente particolari condizioni sociali.
Il corredo funerario dei bambini (85 tombe) presenta una composizio-
ne sostanzialmente analoga a quella degli adulti, se si eccettua la completa
mancanza di strumenti di funzione – pressoché assenti già nelle sepolture
della categoria Iuveniles (ad eccezione di 2 tombe femminili) – e una minima
incidenza di oggetti legati alla sfera infantile.
I gruppi emergenti esibiscono ora nuove forme di comportamento, estese
a tutte le componenti sepolte, in primo luogo l’adozione generalizzata di una
ideologia connessa al consumo del vino, attraverso un nuovo servizio funera
rio che dimostra in modo appariscente l’influenza greca cumano-pithecusana
e sembra caratterizzare il costume della gran parte dei sepolcreti coevi del
centro campano.
Il corredo base (Fig. 5A) è costituito dall’associazione di quattro for
me: da un lato, l’anforetta d’impasto, dall’altro, un servizio di tipo ‘greco’,
oinochoe (in bronzo solo nella 2465), kylix/skyphos (Thapsos senza pannel
lo, a sigma, a fascia risparmiata); infine la coppa/piattello (italo-geometrica o
di impasto). Elemento ricorrente nei gruppi funerari orientali, come si è det
to, appare l’impasto fine a superficie bruna di tipo etrusco-laziale o falisco, in
primo luogo l’ anforetta a doppia spirale, più raramente oinochoe, kylix/
skyphos, coppa su piede (per esempio, B AGLIONE, DE LUCIA BROLLI 1990, con
bibliografia; BOSIO, PUGNETTI 1986, pp. 89-90).
L’immagine funeraria dei maschi adulti nell’area INA CASA, è impron
tata alla sobrietà e alla duritia: non sono mai presenti nei corredi né vasella
me in bronzo, né utensili o strumenti di alcun tipo eccettuate le armi. Si
distinguono soprattutto il defunto della tomba 1937 – munito di spada – e
altre tombe di individui armati (n. 8, cuspidi di lancia; Fig. 5B).
Il vertice dell’espressione funeraria si manifesta nella tomba principe
sca femminile 2465 (Fig. 4), che non ha paralleli maschili nell’area, e, in
misura minore, in altre sepolture femminili eminenti. In queste tombe si con
centrano la gran parte dei segni di prestigio: dal vasellame in metallo – il
bacino, l’oinochoe, la Zungenphiale della 2465 – agli accessori per la filatura
e la tessitura (tombe 1956, 2468, 2132, 1914; 2465) – al gruppo degli stru
menti in ferro – il coltello, gli spiedi e gli alari, connessi alla garanzia del
focolare domestico (tombe 2465, 1956, 2468, 2132); ulteriori elementi di
distinzione appaiono l’articolato corredo vascolare, i gioielli (che, nella 2465,
comprendono esemplari laminati in oro e/o a filigrana di probabile importa
zione etrusca e cumano-pithecusana mentre ambre, scarabei, decorazioni della
veste in argento e bronzo sono presenti anche in altre tombe) e, infine la
straordinaria occorrenza del carro nella 2465, probabilmente indicata dal
rinvenimento di elementi pertinenti alle ruote, secondo quanto è stato di
recente riconosciuto per le tombe 926-928 (cfr. D’AGOSTINO 1999a, p. 82;
EMILIOZZI 1999, p. 312).

2.7 L’AREA SUD-OCCIDENTALE (CHIANCONE IV): I COMPORTAMENTI FUNERARI

Nei gruppi sud-occidentali (CUOZZO c.s), la distinzione tra i generi (A.


14/18; Iu.10/14 ca.) è espressa quasi costantemente sia tramite strumenti di
carattere funzionale – armi e accessori filatura/tessitura – sia nella
occorren za di specifiche forme del corredo vascolare tipo Oliveto-Cairano
(Figg. 6-8; D’AGOSTINO 1964; PESCATORI, COLUCCI 1971a; 1971b; BAILO MODESTI
1981;
1982). Tale differenziazione appare più sfumata per altri tipi di utensili, lega
ti alla sfera del focolare domestico: se gli alari ricorrono esclusivamente in
corredi femminili, il coltello compare anche in sepolture infantili e gli spiedi
accompagnano più componenti del gruppo.
Completamente diverse da quelle illustrate per il sepolcreto INA CASA
si rivelano, invece, le norme seguite nel costume personale: si verifica, infat
ti, in primo luogo, una tendenziale coesistenza tra fibule ‘femminili’ e ‘ma
schili’, e soprattutto le prime compaiono generalmente nell’abbigliamento di
entrambi i generi, dimostrando una esplicita aderenza al comportamento fu
nerario irpino-meridionale (D’AGOSTINO 1964; BAILO MODESTI 1981; 1982).
L’esibizione funebre connota, come si è detto, contemporaneamente
diverse figure: donne, uomini, adolescenti, bambini. Una ostentata concen
trazione di segni sembra riguardare 6 sepolture femminili contraddistinte
non solo da una vistosa parure di ornamenti personali e da un servizio
vasco lare riferibili all’orizzonte di Oliveto-Cairano, ma anche dal
potenziamento simbolico della sfera degli strumenti di funzione (5968;
5980; 5970; 5977; 5946; 5987) – secondo un costume che conosce un solo
confronto in area irpino-meridionale nella tomba 66 di Bisaccia. Il fastoso
abbigliamento fune bre secondo l’uso irpino prevede che tutto il corpo sia
ricoperto di bronzo: dalla serie dei bracciali ad arco inflesso (da 5 a 33) ai
peculiari pendagli, triangolari con decorazione incisa; ad omega o con
saltaleoni; agli orecchini a capi sovrapposti, alle diverse file di fibule (oltre
20 esemplari) anche di grandi dimensioni, alla ricca decorazione della metà
inferiore della veste; più rari sono altri ornamenti in ambra e osso (Fig. 8 A-
B).
Aspetti altrettanto peculiari presenta la composizione del servizio va
scolare tipo Oliveto-Cairano: l’associazione più frequente per le donne del
gruppo CHIANCONE IV è costituita da forme considerate a Bisaccia
preva lentemente maschili come l’askòs a più colli e il boccale decorato da
bugne sotto l’orlo o sotto l’ansa; più rari sono l’anforetta con anse
complesse o sormontanti, lo scodellone con ansa lunata o a pettine e l’askòs
configurato (Fig. 7A; D’AGOSTINO 1964; BAILO MODESTI 1981; 1982).
Nell’ambito della componente maschile, poco si può dire della depre
data tomba principesca 5928, probabilmente una deposizione di adulto cre
mato recante nella controfossa una hydria corinzia, cuspidi di lancia, spiedi.
I segni distintivi dell’area irpino-meridionale caratterizzano soprattutto in
due deposizioni- 5998 (maschio di 40 anni ca.); 5926 – sia attraverso l’osten-
tazione di inconfondibili tipi ceramici – olle d’argilla, una con anse a piattel
lo; boccale con le bugne e anforetta d’impasto – sia tramite la compresenza
di fibule ‘maschili’ e ‘femminili’ (Fig. 7B; D’AGOSTINO 1964; BAILO MODESTI
1981; 1982). Il corredo della 5926 appare connotato da numerosi segni di
prestigio: armi, utensili di ferro (lancia, spiedi) e vasi in bronzo (oinochoe; 2
bacini). Accanto a questo repertorio, le tombe di entrambi i generi, possono
presentare sia le forme del corredo base di Pontecagnano, sia ceramica di
tipo greco o esemplari del repertorio in impasto locale. In due sepolture
femminili ricorre l’anfora vinaria di probabile produzione pithecusana
(CUOZ- ZO c.s).
Per quanto riguarda la categoria infantile (52/58 tombe), importanti
aspetti della rappresentazione funeraria sono stati chiariti dalla fortunata
pre senza dei reperti antropologici in discreto stato di conservazione
(BONDIOLI, MACCHIARELLI et al. c.s.). In primo luogo, il ricorrere di servizi
vascolari di tipo Oliveto-Cairano contraddistingue il costume degli infanti e
dei bambini entro i primi 2 anni, e sembra acquistare una preponderante
connotazione ‘materna’. In particolare, di esclusivo appannaggio infantile si
rivelano la brocca del tipo con collo a tromba – una forma generalmente
associata al costume funerario femminile sia nella regione irpino-
meridionale (Fig. 7c, 8c; D’AGOSTINO 1964; BAILO MODESTI 1981; 1982) che in
altri contesti cam pani dell’area delle “tombe a fossa” (GASTALDI 1982) – e il
boccale-poppato- io, attestato anche in corredi di donne adulte, in probabile
correlazione con il ruolo materno; soltanto nei corredi femminili e infantili,
nei gruppi sudoc cidentali, compare, inoltre, lo scodellone con ansa lunata o
a pettine.
Un secondo fenomeno si manifesta nel comportamento funerario riser
vato ad alcuni bambini maschi dai 3 anni ai 6/8, che esibiscono un corredo
sovraccarico di segni rivolti al mondo degli adulti e possono essere connotati
da oggetti di prestigio – vasellame in bronzo – e strumenti di funzione –
armi; utensili – tanto da configurarsi come deposizioni di ‘piccoli principi’ (in
par ticolare tombe 5867, 5870, 5910, 5929). Si tratta di un aspetto che non
appare limitato ai gruppi sudoccidentali a Chiancone IV ma contraddistin
gue altre aree cimiteriali limitrofe, dove si segnala, soprattutto, la ecceziona
le tomba principesca 575 (in proprietà Chiancone I), il più completo paralle
lo infantile delle deposizioni principesche di adulti maschi (CUOZZO c.s).
La dialettica tra differenti modelli principeschi sembra rispecchiare sia
una competizione interna all’élite di Pontecagnano sia una dinamica più am
pia che coinvolge le coeve aristocrazie greco-campane, etrusco-laziali e il
mondo indigeno circostante. È possibile che tale dinamica opponga gruppi
‘tradizionali’, cui apparterrebbe la necropoli orientale, legati preferenzial
mente da un lato all’ambiente laziale dall’altro all’entroterra indigeno, alle
nuove aristocrazie principesche, orientate verso il mondo greco coloniale e
etrusco medio-tirrenico, che sembrano aver acquisito il predominio nella
necropoli occidentale: ma i due aspetti non sono così nettamente differenzia
ti e monolitici (CUOZZO c.s).
2.8 DINAMICHE DI “GENERE” E CONNOTAZIONE INFANTILE

La dialettica femminile/maschile e i complessi aspetti connessi alla


visi bilità infantile nelle necropoli inducono a riflettere sulle molteplici
implica zioni della rappresentazione della donna nell’Orientalizzante di
Pontecagna no. Se è indubbiamente vero che l’opposizione ideologica tra un
comporta mento funerario maschile sobrio, basato sull’esibizione delle armi
e impron tato ai valori della duritia, e un costume femminile sontuoso
nell’abbiglia- mento e/o in altri segni di prestigio, ha radici nella Fase II della
prima età del Ferro di Pontecagnano e in ambiente campano (D’AGOSTINO
1988b), tuttavia il confronto più significativo per l’espressivo potenziamento
della sfera della figura muliebre a livello familiare e sociale nella necropoli
orientale sembra provenire dall’ambiente etrusco ed etrusco-laziale coevo
(CUOZZO 1994a, pp. 290-292). Questa similarità sul piano ideologico è
avvalorata, soprattutto nei gruppi orientali INA CASA, dalla presenza delle
specifiche importazioni già menzionate – impasto etrusco-laziale o falisco;
ecc. – ed anche dalla pro babile presenza del carro nella 2465, che non
sembra trovare alcun confron to in sepolture femminili coeve di ambiente
campano, mentre costituisce una delle prerogative attribuite a donne di
carattere eccezionale in area medio tirrenica (BARTOLONI, GROTTANELLI 1984).
Come hanno dimostrato svariati studi sulla figura femminile in Etruria
e nella società etrusco-laziale, molteplici elementi – onomastica, fonti lette
rarie, documenti figurati, contesti archeologici – concorrono a delineare un’im-
magine prestigiosa e una posizione non subalterna, configurando la donna
sia come garante della casa e della sua continuità , accanto o in alternativa
all’uomo, sia come depositaria di particolari poteri o forme sacerdotali: ba
sterà ricordare la celebrazione della sfera dell’attività di filatura e tessitura
della lana in ambito domestico come appannaggio della donna di rango; le
prerogative connesse al rito sacrificale, al taglio, alla distribuzione della car
ne e al controllo delle risorse alimentari del gruppo; l’integrazione nel sim
posio; l’attributo del carro o dello scudo; ecc. (CUOZZO c.s, con bibliografia;
in particolare, SORDI 1981; GRAS 1983; BARTOLONI 1984; 1989; BARTOLONI,
GROTTANELLI 1984; RALLO 1989; BEDINI 1990; D’AGOSTINO 1992; 1999, con
bibliografia; TORELLI 1997). Una situazione affine potrebbe delinearsi per
l’Orientalizzante di Pontecagnano.
Piuttosto che tornare su questi aspetti, già sottolineati altrove (CUOZZO
1994), sembra utile fare riferimento ad un’altra questione: il problema dei
sistemi di discendenza (cfr. soprattutto S ORDI 1981). Uno dei campi più ricchi
di implicazioni è l’onomastica etrusca e, in particolare l’esistenza del matro
nimico: si tratta di una questione di rilievo straordinario come sottolinea
giustamente M. Sordi, poiché l’indicazione della filiazione è strettamente
connessa presso i popoli antichi con il diritto di cittadinanza, con tutte le
prerogative della discendenza e, pertanto, con i diritti ereditari (SORDI 1981,
pp. 54-56; D’AGOSTINO 1992).
Il sistema di discendenza evocato per l’Etruria sulla base
dell’onomasti- ca e dell’interpretazione delle fonti letterarie sembra
corrispondere a quello definito in antropologia come bilineare o doppio, che
prevede la discenden za e, generalmente anche la possibilità di ereditare sia
dalla linea paterna che da quella materna (LEACH 1961; FOX 1970; HARRIS
1987). Testimonianze archeologiche eccezionali, in tal senso, appaiono la
famosa stele vetuloniese di Aule Feluske – dove la nobiltà del personaggio è
avvalorata attraverso l’ostentazione di entrambe le linee di discendenza,
femminile e maschile (CO- LONNA 1977b, pp. 189 ss.; D’AGOSTINO 1992, con
bibliografia) – ed ora anche il trono della tomba 89 di Verrucchio, secondo
la recente interpretazione di
M. Torelli (1997).
Per quanto riguarda Pontecagnano, la suggestione di sistemi di discen
denza bilineari – che merita un futuro approfondimento – potrebbe prospet
tarsi sulla base dei comportamenti della necropoli orientale, da un lato per la
centralità ideologica della donna documentata nei gruppi settentrionali INA
CASA, dove, a differenza di altre aree, si verifica l’accentramento esclusivo
nel costume funerario femminile di tutti i segni della continuità del nucleo
familiare e del gruppo, dall’altro per il legame diretto tra l’immagine funera
ria degli infanti entro i due anni e il mondo materno nel campione Chianco
ne IV. Un ulteriore aspetto è rivelato dall’ambiguità che si determina nel
com portamento funerario di alcuni bambini oltre i 3 anni tra l’adozione del
co stume del maschio adulto di rango e, invece, la persistenza di una forte in
fluenza del versante materno, visibile nel trattamento del corpo (inumazio
ne), nella selezione degli strumenti deposti nella tomba – per esempio l’asso-
ciazione spiedo-coltello che appare prevalentemente legata alla sfera femmi
nile, nella necropoli orientale – o, infine, nel ritorno di segni ‘materni’ in
alcune sepolture di adolescenti e adulti (CUOZZO c.s).
A Pontecagnano, tra gli aspetti maschile e femminile sembra verificarsi
una evidente ambiguità , spesso connaturata, d’altronde, a società con sistemi
di discendenza bilineare, attraversati da tensioni e da una complessa
dialetti ca che tende a privilegiare l’uno o l’altro aspetto (L É VI-STRAUSS 1958;
LEACH 1961; FOX 1970).
Una seconda questione da approfondire riguarda il vistoso mutamento
nella rappresentazione funeraria di alcuni bambini maschi, connotati come
‘piccoli principi’, a partire dall’età di 3 anni che sembra già costituire, in
alcune aree del mondo arcaico o in contesti etnografici, un particolare mo
mento di transizione, forse la prima età considerata degna di un certo rico
noscimento sociale (CUOZZO c.s.); una interessante testimonianza in tal senso
è offerta dalle leges regiae attribuite a Numa: «egli fissò anche la durata del
lutto secondo l’età e il tempo. Per esempio, non bisognava osservare il lutto
per un bambino di meno di tre anni» (Plut., Num., 12,3).
I complessi comportamenti documentati nel trattamento della catego-
ria infantile costituiscono un osservatorio privilegiato per seguire nella rap
presentazione funeraria le tappe della costruzione e selezione delle identità
maschili dell’élite di Pontecagnano. A partire dai 3 anni è possibile ipotizzare
per alcuni bambini maschi una precoce proiezione verso il passaggio al mon
do degli adulti e verso identità che non hanno avuto il tempo di ricoprire:
attraverso l’esibizione di un costume sovraccarico di segni tale transizione
appare significativamente costruita nel comportamento funerario. Come ri
corda, I. Hodder d’altronde, «il rituale funerario non è un riflesso passivo di
altri aspetti della vita. È costruito significativamente (…) nella morte spesso
le persone diventano ciò che non sono state in vita» (HODDER 1982c, pp.
141, 146). È possibile che a Pontecagnano questo trattamento funerario par
ticolare fosse considerato lecito soltanto a partire dalla prima età di passag
gio riconosciuta socialmente per la componente infantile (3 anni) e riservato
a quei bambini la cui scomparsa provocava un momento di crisi profonda nel
gruppo di parentela, probabilmente i primogeniti maschi dei lignaggi domi
nanti.
L’ipotesi dello svolgimento di rituali di iniziazione degli adolescenti è
già stata avanzata di recente per la prima età del Ferro, sia ad Osteria del-
l’Osa che a Pontecagnano (BIETTI SESTIERI 1992, pp. 504 ss.; GASTALDI 1998),
per spiegare l’attribuzione a partire dall’età giovanile delle armi, assenti
inve ce nel costume funebre dei bambini maschi. Tuttavia, i comportamenti
de scritti per l’Orientalizzante di Pontecagnano sembrano evocare fenomeni
più complessi, forse connessi a veri e propri antecedenti nella prima infanzia
dei rituali di passaggio, noti e studiati sia per il mondo antico – in alcuni casi
specifici (in particolare, MONTEPAONE 1999, con ampia bibliografia) – sia in
contesti etnografici, dove sono documentate molteplici fasi di transizione tra
l’infanzia e l’adolescenza accompagnate da specifiche cerimonie, a partire
dal rituale per l’attribuzione del nome fino ai diversi momenti delle procedu
re iniziatiche in senso stretto (in particolare, B ARRY-SCHLEGEL 1980; LALLEMAND-
LE MOAL 1981). Molto interessanti, a questo proposito, sono anche gli studi
sui rituali di passaggio femminili e maschili nella Roma arcaica che eviden
ziano le varie tappe di iniziazione e forme di cristallizzazione nel costume
funerario (cfr. soprattutto, TORELLI 1984; 1990).

2.9 COESISTENZA DI PIÙ IDEOLOLOGIE ALL’INTERNO DELLO STESSO CONTESTO:


COSTRUZIONE DELL’IDENTITÀ , INTEGRAZIONE, RESISTENZA E DINAMICHE ETNICHE

Altri aspetti di difficile interpretazione rivelati dalla coesistenza di più


ideologie nell’ambito dello stesso contesto sono connessi alla presenza di
gruppi o individui che ostentano marcati segni di diretti legami con specifici
ambienti esterni. Anche in questo caso la lettura non può essere univoca.
Sono da inquadrare, senza dubbio, all’interno di relazioni privilegiate
tra élites gentilizie i comportamenti riscontrati nei gruppi funerari INA
CASA,
in particolare, la ricorrente presenza dell’impasto fine d’importazione etru-
sco-laziale o falisca ed alcune convergenze con il medesimo ambiente verifi
cabili nel costume funerario. Interrogativi molto più complessi sono prospet
tati dall’ostentazione simbolica di sistemi strutturati di segni rivolti all’oriz-
zonte di Oliveto-Cairano nel campione sudoccidentale CHIANCONE IV.
Le ipotesi interpretative possibili sono soprattutto tre. Ad una prima
interpretazione – che avrebbe il vantaggio di evitare i pericoli insiti nelle
ipotesi connesse allo spostamento di genti, inquadrando piuttosto il fenome
no nell’ambito dei rapporti tra gruppi di diverse comunità – o ad un secondo
tipo di spiegazione, riferita, invece, al modello del connubium, implicante lo
scambio matrimoniale di donne appartenenti a ceti elevati di comunità allo
trie, in queste pagine, sarà preferita una terza ipotesi: la possibilità che si
tratti di un intero gruppo allogeno proveniente dall’area di Oliveto-Cairano
(su tali argomenti, cfr. nota 4).
Pur lasciando aperti numerosi interrogativi e problemi, questa inter
pretazione sembra, allo stato attuale, l’unica che riesca a motivare l’adozione
di un dominante linguaggio irpino-meridionale nel comportamento funera
rio delle diverse componenti demografiche dei gruppi sudoccidentali di Pon
tecagnano: in primo luogo la esplicita adesione a peculiari norme nel costu
me personale sia femminile che maschile (per es. il complesso apparato fem
minile o la compresenza di fibule ‘maschili’ e ‘femminili’; ecc.), in secondo
luogo, l’ostentata insistenza sull’esibizione di servizi in ceramica di uso co
mune – come il repertorio in impasto lavorato a mano di tipo irpino- e
l’esten- sione di tale corredo alle sepolture infantili correlate.
Non appare possibile, invece, una precisa identificazione del centro di
provenienza dei gruppi irpini di Pontecagnano, da un lato per la mancanza o
carenza di sufficiente documentazione edita per la maggior parte di tali siti,
dal- l’altro, forse, anche per il verificarsi di un rafforzamento intenzionale delle
com ponenti tipo Oliveto-Cairano nei contesti funerari CHIANCONE IV
(D’AGOSTI- NO 1964; PESCATORI, COLUCCI 1971a; 1971b; BAILO MODESTI 1981;
1982).
L’individuazione di una compagine allogena strutturata e connotata se
polta nell’ambito delle necropoli principali di Pontecagnano, in posizione
non marginale, contraddistinta dall’insistenza simbolica su possibili
indicato ri etnici apre molteplici interrogativi sul grado di integrazione di
gruppi o elementi di diversa provenienza nel tessuto sociale del centro
picentino e sulle articolate problematiche di mobilità etnica.
I numerosi studi sui fenomeni di mobilità in Etruria e nel Lazio dimo
strano che l’accoglienza e integrazione di gruppi e individui di diversa origi
ne era un fenomeno estremamente diffuso nelle società aperte dell’Orienta-
lizzante: come sottolinea Ampolo, la continua mobilità sociale era dovuta a
fattori diversi, dalle guerre con deportazione dei vinti, all’attrazione esercita
ta dai centri emergenti, all’assorbimento pacifico o forzato delle comunità
vicine ma soprattutto sembrerebbe strettamente legata all’affermazione e allo
sviluppo dell’aristocrazia gentilizia (AMPOLO 1981, pp. 66-67; cfr. nota 4).
Un interrogativo che resta aperto e sembra indicare una ulteriore dire
zione di futura indagine, è la possibilità che l’esibizione programmatica di
uno strutturato sistema di segni di carattere allogeno – soprattutto nel
costu me femminile e infantile – costituisca l’indizio di una strategia di
resistenza di tipo etnico e/o sociale: le complesse dinamiche che
accompagnano la co struzione di identità , infatti, potrebbero offrire una
chiave di lettura per i peculiari aspetti che contraddistinguono i gruppi
irpino-meridionali di Pon tecagnano (cfr. supra pp. 341-343 e nota 4).
Come si è ricordato precedentemente, recenti studi hanno riconsidera
to le modalità di azione di diverse forme di resistenza esaminando, in parti
colare, comportamenti di tipo quotidiano che alimentano – in modo più o
meno cosciente e non necessariamente competitivo – la costruzione o tra
smissione di ideologie alternative attraverso l’uso della cultura materiale e
apparenti forme di conservatorismo; una suggestione in tal senso potrebbe
delinearsi per l’area sudoccidentale CHIANCONE IV, sia pure nell’ambito di
un contesto dove le strategie di resistenza, sembrerebbero comparire in pri
mo luogo all’interno di gruppi che non si rappresentano attraverso un lin
guaggio di marginalità . I gruppi sudoccidentali, infatti, sembrano voler di
mostrare una capacità di inserimento competitivo nel tessuto sociale elitario
del centro picentino, tuttavia tale convivenza presenta un carattere di ambi
guità : il comportamento funerario appare attraversato da latenti tensioni di
carattere etnico e sociale espresse in forma contraddittoria ma visibile,
utiliz zando come tramite privilegiato il costume femminile-infantile.
Un ulteriore ambito che merita approfondimento è la cultura materiale
dei centri irpino-meridionali di riferimento. Se si considera, infatti, la docu
mentazione disponibile per le comunità di Oliveto-Citra, Cairano, Bisaccia,
è possibile notare come l’inconfondibile patrimonio materiale – ornamentale
e vascolare – considerato tipicamente irpino-meridionale, si riveli codificato
e rielaborato in gran parte proprio in questa fase, tra la fine dell’VIII e la
prima metà del VII, cristallizzandosi nel costume funerario in una forma for
malizzata e ristretta, pressoché immutata, attraverso poche variazioni
tipolo giche, fino al periodo arcaico ( D’AGOSTINO 1964; BAILO MODESTI 1981;
1982). Tale fenomeno si accompagna – nei tre centri principali – all’assenza
(o rifiu to?) della ceramica di tipo greco e, generalmente, anche degli altri
elementi legati al costume ellenizzante almeno fino al VI sec. a.C. (sotto certi
aspetti l’unica parziale eccezione appare la tomba 66 di Bisaccia: B AILO
MODESTI 1982), al contrario delle altre comunità campane che subiscono una
più o meno consistente influenza del modello cumano-pithecusano.
Si tratta di una serie di elementi generalmente considerati forme di
conservatorismo che potrebbero, forse, prestarsi anche ad una lettura diver
sa, acquistando la fisionomia di forme di resistenza di tipo quotidiano, con
nesse a complesse dinamiche di costruzione dell’identità etnica di tipo con-
trastivo/oppositivo, riconosciute e indagate solo per periodi più recenti (cfr.
nota 4).
Non intendo affrontare in questa sede le problematiche associate ai
legami adriatici e transadriatici dei peculiari aspetti culturali irpino-meridio-
nali, né soffermarmi sulle possibili motivazioni di tipo economico dell’espan-
sione di tali comunità nell’Orientalizzante. Interessa piuttosto sottolineare
come i compositi comportamenti descritti per Pontecagnano indichino l’esi-
genza di seguire anche altre ipotesi e di tentare di rintracciare le spiegazioni
di questi fenomeni in primo luogo in cause ‘interne’. Non può essere dimen
ticata, d’altronde, anche la funzione strutturante di Pontecagnano nella re
gione picentina dove si verifica, proprio durante l’Orientalizzante antico –
forse come conseguenza della forte attrazione centripeta esercitata nel mo
mento della sua massima fioritura – la formazione o riorganizzazione di nu
merosi siti, caratterizzati nei comportamenti funerari da un’appariscente
dia lettica tra i segni della prevalente connotazione irpino-meridionale e
molte plici indicatori dell’influenza della comunità etrusco-campana (S.
Maria a Vico, Montecorvino Rovella, Castelvetrano, Eboli, ecc.;
CINQUANTAQUATTRO 1991, CERCHIAI 1995, p. 91 ss.).
Le complesse dinamiche identificate per i gruppi irpino-meridionali,
potrebbero essere indirizzate, pertanto, a due interlocutori principali: da un
lato Pontecagnano e il suo ruolo nella regione costiera, dall’altro il potere
ideologico prima che politico e l’espansione economica delle città greco-cam-
pane. L’analisi delle necropoli urbane e dei siti del territorio potrebbe sugge
rire, infatti, che il centro picentino possa aver svolto un ruolo determinante e
ambiguo attualmente difficilmente leggibile nella pluralità dei suoi aspetti.
L’indagine sul significato dei complessi fenomeni delineati e sui loro sviluppi
a livello diacronico, tuttavia, non può che restare aperta, allo stato attuale, e
suggerire le linee di possibili approfondimenti.

3. Conclusioni
In conclusione, è importante sottolineare come la ricerca di un approc
cio teorico-metodologico adeguato al complesso campo dell’interpretazione
delle necropoli sia da considerare ancora una questione aperta e problemati
ca: la prospettiva seguita in questo contributo indica da un lato l’esigenza di
un approccio interpretativo diretto all’indagine sull’immaginario collettivo, i
suoi aspetti selettivi e polivalenti, il suo ruolo attivo nella costruzione sociale
ed alla ricerca delle diverse modalità di azione delle ideologie e delle molte
plici forme di identità – nel quadro di fondamentali interrogativi di carattere
socio-antropologico e storico – dall’altro evidenzia la necessità di sperimen
tare più direzioni metodologiche, rielaborando forme di analisi strutturale e
semiologica in senso lato, di tipo qualitativo e oppositivo che non escludono,
tuttavia, l’utilità dell’adozione di strumenti e tecniche di altro tipo.
MARIASSUNTA CUOZZO

Bibliografia
C. AMPOLO, 1981, I gruppi etnici in Roma arcaica: posizione del problema e fonti, in
Etruschi e Roma 1981, pp. 45 ss.
C. AMPOLO, 1987, Roma arcaica tra Latini ed Etruschi: aspetti politici e
istituzionali, in CRISTOFANI 1987, pp. 75 ss.
J.-L. AMSELLE, 1990, Logiques métisses. Anthropologie de l’identité en Afrique et
ailleurs, Paris.
J.L. AMSELLE, 1999, Anthropologie de la frontière et de l’identité ethnique et cultu
relle: un itinéraire intellectuel, in Confini e frontiera 1999, pp. 18 ss.
Apoikia, 1994, Apoikia. Scritti in onore di G. Buchner, «Annali dell’Istituto Universi
tario Orientale di Napoli – Archeologia e Storia antica», n.s. 1.
M.P. BAGLIONE, A.M. DE LUCIA BROLLI, 1990, Nuovi dati sulla necropoli de “I Tufi” di
Narce, in La civiltà dei Falisci, Firenze, pp. 61-102.
G. BAILO MODESTI, 1981, Cairano nell’età arcaica, Napoli.
G. BAILO MODESTI, 1982, Oliveto-Cairano: l’emergere di un potere politico, in GNOLI-
VERNANT 1982, pp. 31 ss.
J. BARRETT, 1988, Fields of discourse: reconstructing a social archaeology,
«Critique of Anthropology», 7,3, pp. 5 ss.
H. BARRY, A. SCHLEGEL, 1980, Early childhood precursors of adolescent initiation cer
emonies, «Ethos», 8, pp. 132-145.
F. BARTH (a cura di), 1969, Ethnic groups and boundaries, Bergen-Oslo.
G. BARTOLONI, 1984, Riti funerari dell’aristocrazia in Etruria e nel Lazio. L’esempio
di Veio, «Opus», 3,1, pp. 13-28.
G. BARTOLONI, 1989, Marriage, Sale and gift. A proposito di alcuni corredi femminili
dalle necropoli populoniesi della Prima età del ferro, in RALLO 1989, pp. 35-54.
G. BARTOLONI, C. GROTTANELLI, 1984, I carri a due ruote nelle tombe femminili del
Lazio e dell’Etruria, «Opus», 3,2, pp. 383-396 (= in RALLO 1989, pp. 55-74).
M. BATS, 1999, Identités etno-culturelles et espaces en Gaule méditerranéenne, in
Confini e frontiera 1999, pp. 881 ss.
M. BATS, B. D’AGOSTINO (a cura di), 1998, Euboica. L’Eubea e la presenza euboica in
Calcidica e in Occidente, Napoli 1998.
A. BEDINI, 1990, Abitato protostorico in località Acqua Acetosa Laurentina, in M.R.
DI MINO, M. BERTINETTI (a cura di), 1990, Archeologia a Roma La materia e la
tecnica nell’arte antica, Roma, pp. 48-64.
C. BÉ RARD, 1970, L’Héron à la Porte de l’Ouest. Eretria III, Bern.
C. BÉ RARD, 1983, Iconographie-Iconologie-Iconologique, «Etudes de lettres», 4, pp.
5-38.
A.M. BIETTI SESTIERI, 1986, I dati archeologici di fronte alla teoria, «Dialoghi di Ar
cheologia», 1, 4, s. 3, pp. 249-263.
A.M. BIETTI SESTIERI (a cura di), 1992, La necropoli laziale di Osteria dell’Osa, Roma.
A.M. BIETTI SESTIERI, N. PARISE, A. PONTRANDOLFO, 1986, Archeologia e antropologia,
«Dialoghi di Archeologia», 1, 4, s. 3, pp. 6 ss.
A.M. BIETTI SESTIERI, 1996, Protostoria. Teoria e pratica, Roma.
L. BONDIOLI, R. MACCHIARELLI, c.s., in CUOZZO c.s.
B. BOSIO, A. PUGNETTI (a cura di), 1986, Gli Etruschi di Cerveteri, Modena.
J.E. BUIKSTRA, L.W. KONIGSBERG, 1985, Paleodemography: critiques and controversies,
«American Anthropologist», 87, pp. 316-333.
A. CARANDINI, 1997, La nascita di Roma, Torino.
L. CERCHIAI, 1987, Una tomba principesca del periodo Orientalizzante Antico a Pon
tecagnano, «Studi Etruschi», 53, pp. 27-42.
L. CERCHIAI, 1995, I Campani, Milano.
L. CERCHIAI, 1999, I vivi e le morti: i casi di Pitecusa e di Poseidonia, in Confini e
frontiera, 1999, pp. 657 ss.
T. CINQUANTAQUATTRO, 1992, Dinamiche insediative nell’agro picentino dalla proto
storia all’età ellenistica, «Annali Istituto Universitario Orientale-Archeologia
e Storia antica», 14, pp. 245 ss.
G. COLONNA, 1977a, Un aspetto oscuro del Lazio antico. Le tombe di VI-V sec. a.C.,
«Parola del Passato», 32, pp. 131-165.
G. COLONNA, 1977b, Nome gentilizio e società, «Studi Etruschi», 45, pp. 175-192.
G. COLONNA, 1991, Acqua Acetosa Laurentina. L’Ager romanus antiquus e i
santuari al I miglio, «Scienze dell’Antichità », 5, pp. 209-232.
Confini e frontiera, 1999, Confini e frontiera nella grecità d’occidente, Atti del
Con vegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto.
A. CORCELLA, 1999, La frontiera nella storiografia sul mondo antico, in Confini e
frontiera, 1999, pp. 43 ss.
Crises et transformation, 1990, Crises et transformations des sociétés arcaiques de
l’Italie antique au Veme siècle av. J.C., Rome.
M. CRISTOFANI (a cura di), 1987, Etruria e Lazio arcaico, «Quaderni del centro di
studio per l’archeologia etrusco-italica», 15.
M. CUOZZO, 1994a, Patterns of organisation and funerary customs in the cemetery
of Pontecagnano (Salerno), during the Orientalizing period, «Journal of
Euro pean Archaeology», 2,2, pp. 263-298.
M. CUOZZO, 1994b, L’area di via Sicilia, in L. CERCHIAI, M. CUOZZO, A. D’ANDREA, E.
MAGIONE, Modelli di organizzazione in età arcaica attraverso la lettura delle
necropoli. Il caso di Pontecagnano, in La Presenza Etrusca 1994, pp. 423-432.
M. CUOZZO, 1996, Prospettive teoriche e metodologiche nell’interpretazione delle
necropoli: la Post-Processual Archaeology, «Annali dell’Istituto Orientale di
Napoli – Archeologia e Storia antica», n.s. 3, pp. 1-38.
M. CUOZZO, (c.s.) Immaginario sociale, ideologie e rappresentazione funeraria nel-
l’Orientalizzante di Pontecagnano (Salerno), Napoli.
B. D’AGOSTINO, 1964, Oliveto Citra (Av). Scavi in loc. Turni, «Notizie Scavi», pp. 40 ss.
B. D’AGOSTINO, 1977, Grecs et “indigènes” sur la côte Tyrrhénienne au VII siècle: la
transmission des idéologies entre élites sociales, «Annales: économies, socié tés,
civilisation», 1, pp. 3-20.
B. D’AGOSTINO, 1985, Società dei vivi, comunità dei morti: un rapporto difficile,
«Dialoghi di Archeologia», 1.3, s. 3, pp. 47-58.
B. D’AGOSTINO, 1988a, Le genti della Campania antica, in G. Pugliese Carratelli (a
cura di), Italia, omnium terrarum alumna, Milano, pp. 531-589.
B. D’AGOSTINO, 1988b, Il rituale funerario nel mondo indigeno, in G. PUGLIESE CARRA-
TELLI (a cura di), La Magna Grecia, 3, Milano, pp. 91-114.
B. D’AGOSTINO, 1990a, Problemi d’interpretazione delle necropoli, in R. Francovich,
D. MANACORDA (a cura di), Lo scavo archeologico. Dalla diagnosi all’edizione,
Firenze, pp. 401-420.
B. D’AGOSTINO, 1990b, Military organisation and social structure in archaic Etruria,
in O. MURRAY, S. PRICE (a cura di), The Greek city from Homer to Alexander,
Oxford, pp. 59-82.
B. D’AGOSTINO, 1991, The Italian perspective on theoretical archaeology, in I.
HODDER (a cura di), Archaeological theory in Europe, London-New York, pp.
52 ss.
B. D’AGOSTINO, 1992, La donna in Etruria, in M. BETTINI (a cura di), Maschile/Fem-
minile. Genere e ruoli nelle culture antiche, Roma-Bari, pp. 61 ss.
B. D’AGOSTINO, 1996, La necropoli e i rituali della morte, in I Greci – Storia, Cultura,
Arte e Società, II, Torino, pp. 435-468.
B. D’AGOSTINO, 1999a, I principi dell’Italia centro-tirrenica in epoca
Orientalizzante, in Ruby 1999, pp. 81-88.
B. D’AGOSTINO, 1999b, in Confini e frontiera, pp. 749 ss.
B. D’AGOSTINO, 1999c, Pitecusa tra Greci e Indigeni, in La colonisation grecque en
Méditerranée occidental, Roma, pp. 51 ss.
B. D’AGOSTINO, 2000, Archäologie der Gräber: Tod und Grabritus, in A.H. BORBEIN,
T. HOLSCHER, P. ZANKER (a cura di), Klassische Archäologie. Eine Einführung,
Berlin 2000, pp. 313-331.
B. D’AGOSTINO, A. SCHNAPP, 1982, Les morts entre l’objet et l’image, in GNOLI, VER-
NANT 1982, pp. 18-25.
B. D’AGOSTINO, A.M. D’ONOFRIO, 1993, Recensione a: I. Morris, Burial and Ancient
Society (Cambridge 1987), in «Gnomon», 65, pp. 41-51.
B. D’AGOSTINO, L. CERCHIAI, 1999, Il mare, la morte, l’amore. Gli Etruschi, i Greci e
l’immagine, Roma.
A. D’ANDREA, 1999, Il GIS nella produzione delle carte dell’impatto archeologico:
l’esem- pio di Pontecagnano, «Archeologia e Calcolatori», 10, 1999, pp.
227-237.
M. DIAZ-ANDREU, 1998, Ethnicity and the Iberians: the archaeological crossroads
between perception and material culture, «European Journal of Archaeology»,
1,2, pp. 199-218.
A. EMILIOZZI (a cura di), 1999, Carri da guerra e principi etruschi (Catalogo della
mostra Viterbo) Roma.
U. FABIETTI, 1995, L’identità etnica. Storia e critica di un concetto equivoco, Roma.
L. FERGUSON, 1991, Struggling with pots in colonial South-Carolina, in MCGUIRE,
PAYNTER 1991, pp. 28 ss.
R. FOX, 1970, Kinship and marriage. An anthropological perspective, Harmonds
worth (Roma 1973).
F. FRONTISI DUCROUX, J.P. VERNANT, 1998, Ulisse e lo specchio. Il femminile e la rap
presentazione di sé nella Grecia antica, Roma.
G. GAMBACURTA, A. RUTA SERAFINI, 1998, Conclusioni, in E. BIANCHIN CITTON, G. GAM-
BACURTA, A. RUTA SERAFINI, “Presso l’Adige ridente”. Recenti rinvenimenti
ar cheologici da Este a Montagnana, Padova, pp. 94 ss.
P. GASTALDI, 1982, Le necropoli protostoriche della Valle del Sarno: il passaggio dalla
qualità alla quantità, in GNOLI, VERNANT 1982, pp. 225-238.
P. GASTALDI, 1998, Pontecagnano, II.4, Napoli.
J. GERO, M. CONKEY (a cura di), 1991, Engendering Archaeology, Oxford.
Gli Etruschi e Roma, 1981, Roma.
G. GNOLI, J.P. VERNANT (a cura di), 1982, La mort, le morts dans les sociétés ancien
nes, Cambridge-Paris.
M. GODELIER, 1999, Intervento in Discussions, in RUBY 1999, pp. 174-179.
M. GRAS, 1983, Vin et société à Rome et dans le Latium à l’époque arcaique, in
Forme di contatto e processi di trasformazione nelle società antiche, Pisa-
Roma, pp. 1067 ss.
E. GRECO, 1992, Archeologia della Magna Grecia, Bari.
E. GRECO, 1999a, Problemi della frontiera nel mondo coloniale, in Confini e frontie
ra 1999, pp. 261 ss.
E. GRECO (a cura di), 1999b, La città greca antica. Istituzioni, società e forme urbane,
Roma.
A. GUIDI, A. CORRADETTI, G. IRIDOLFI, 1995, Il cimitero monumentale di Verona: un
tentativo di analisi funeraria, «Quaderni di archeologia del Veneto», 11, pp.
204 ss.
J. HALL, 1997, Ethnic identity in Greek antiquity, Cambridge.
J. HALL 1998, Review feature: J. Hall, (a cura di) Ethnic identity in Greek antiquity,
Cambridge 1997, «Cambridge Archaeological Journal», 8,2, pp. 265 ss.
M. HARRIS, 1987, Cultural Anthropology, New York (Bologna 1990).
I. HODDER, 1982a, Symbols in action, Cambridge.
I. HODDER (a cura di), 1982b, Symbolic and Structural Archaeology, Cambridge.
I. HODDER, 1982c, The present past, London.
I. HODDER, 1986, Reading the Past. Current approaches to interpretation in
archaeol ogy, Cambridge.
I. HODDER, 1999, The archaeological process, Oxford.
I. HODDER, R. PREUCEL (a cura di), 1996, Contemporary archaeology in theory,
Ox ford.
Identità e civiltà , 1996, Identità e civiltà dei Sabini, Firenze.
M. JOHNSON, 1999, Theoretical archaeology, London.
S. JONES, 1997, The Archaeology of ethnicity. Constructing identities in the past and
present, London-New York.
La cité des images, 1984, La cité des images, Paris (Modena 1986).
La parola, 1988, La parola, l’immagine, la tomba, «Annali di Archeologia e Storia
antica», 10.
La presenza etrusca, 1994, La Presenza etrusca nella Campania Meridionale, Roma.
S. LALLEMAND, G. LE MOAL, 1981, Un petit sujet, «Journal des Africanistes», 51, pp.1ss.
M. LEONE, P. POTTER, P. SHACKEL, 1987, Toward a critical Archaeology, «Current An
thropology», 28, pp. 283-302.
E.R. LEACH, 1961, Rethinking Anthropology, London (Milano 1973).
E. LEPORE, 1989, Origini e strutture della Campania antica, Bologna.
C. LÉ VI-STRAUSS, 1958, Anthropologie structurale, I, Paris (Milano 1966).
D. Manacorda, 1982, Cento anni di ricerche archeologiche italiane: il dibattito sul
metodo, «Quaderni di Storia», 16, pp. 85 ss.
R.H. MCGUIRE, R. PAYNTER (a cura di), 1991, The archaeology of inequality, Oxford.
D. MILLER, M. ROWLANDS, C. TILLEY (a cura di), 1989, Domination and resistance,
London.
C. MONTEPAONE, 1999, Lo spazio del margine. Prospettive sul femminile nella comu
nità antica, Roma.
C. MORGAN, 1999, The archaeology of ethnicity in the colonial world of the eighth
to sixth centuries B.C.: approaches and prospects, in Confini e frontiera
1999, pp. 85 ss.
I. MORRIS, 1987, Burial and Ancient Society. The Rise of the Greek City State, Cam
bridge.
I. MORRIS (a cura di), 1994, Classical Greece: ancient histories and modern archaeolo
gies, Cambridge.
I. MORRIS, 1995, Burning the dead in archaic Athens: animals, men and heroes, in A.
Verbanck-Piérard, D. Viviers (a cura di), 1995, Culture et cité, Bruxelles, pp.
45 ss.
I. MORRIS, 1998, Words and things, in HALL 1998, pp. 269 ss.
I. MORRIS, 1999, Iron Age Greece and the meanings of princely tombs, in RUBY 1999,
pp. 57 ss.
M. PARKER PEARSON, 1982, Mortuary practices society and ideology: an ethnoarchaeo
logical study, in HODDER 1982, pp. 99-114.
M. PARKER PEARSON, 1993, The powerful dead: archaeological relationships
between the living and the dead, «Cambridge Archaeological Journal», 3,2,
pp. 203 ss.
M. PARKER PEARSON, 1999, Food, sex and death: cosmologies in the British Iron Age
with particular reference to east Yorkshire, «Cambridge Archaeological Jour
nal», 9,1, pp. 203 ss.
G. PESCATORI COLUCCI, 1971a, Bisaccia (Av) – Materiale sporadico, «Notizie Scavi»,
pp. 476 ss.
G. PESCATORI COLUCCI, 1971b, Cairano (Av) – Tombe dell’Età del Ferro, «Notizie
Scavi», pp. 481 ss.
A. PONTRANDOLFO GRECO, 1982, I lucani. Etnografia e archeologia di una regione
antica, Milano.
A. PONTRANDOLFO, 1994, Etnogenesi e emergenza politica di una comunità italica: i
Lucani, in S. Settis (a cura di), Storia della Calabria antica II, Roma-Reggio
Calabria, pp. 141-193.
A. PONTRANDOLFO, B. d’AGOSTINO, 1990, Greci, Etruschi e Italici nella Campania e
nella Lucania tirrenica, in Crise et transformation, pp. 101-116.
A. PONTRANDOLFO, A. ROUVERET, 1982, Ideologia funeraria e società a Poseidonia nel
IV sec. a.C., in GNOLI-VERNANT 1982, pp. 298 ss.
A. PONTRANDOLFO, A. ROUVERET, 1992, Le tombe dipinte di Paestum, Modena
R.M. PROCELLI ALBANESE, 1999, Identità e confini etnico-culturali: la Sicilia centro
orientale, in Confini e frontiera 1999, pp. 327 ss.
A. RALLO (a cura di), 1989, La donna in Etruria, Roma.
P. RUBY (a cura di), 1999, Les princes de la protohistoire et l’émergence de l’état,
Napoli-Roma.
M. SHANKS, 1995, Art and an archaeology of embodiment: some aspects of archaic
Greece, «Cambridge Archaeological Journal», 5,2, pp. 207-244.
M. SHANKS, 1999, Art and the Greek city state, Cambridge.
M. SHANKS, C. Tilley, 1987, Re-constructing Archaeology, Cambridge.
A. SCHNAPP (a cura di), 1980, L’Archéologie aujourd’hui, Paris.
A. SCHNAPP, 1984, Eros en chasse, in La cité des images 1984, pp. 67-84.
A. SCHNAPP 1993, La conquête du passé. Aux origines de l’archéologie, Paris
(Milano 1994).
J.C. SCOTT, 1985, Weapons of the weak: everyday forms of peasant resistance, New
Haven.
M. SORDI, 1981, La donna etrusca, in Misoginia e maschilismo in Grecia e in Roma,
Genova, pp. 49-67.
S. SHENNAN (a cura di), 1989, Archaeological approaches to cultural identity, Lon
don.
G. TAGLIAMONTE, 1996, I Sanniti, Milano.
N. TERRENATO, 1998, Fra tradizione e trend. L’ultimo ventennio (1975-1997), in M.
BARBANERA, L’archeologia degli italiani, Roma, pp. 175 ss.
J. THOMAS, 1991, Rethinking the Neolithic, Cambridge.
J. THOMAS, 1996, Time, culture and identity, London.
C. TILLEY, 1990, Claude Lévi-Strauss: Structuralism and beyond, in C. TILLEY (a cura
di), Reading material culture, Oxford, pp. 3 ss.
M. TORELLI, 1984, Lavinio e Roma. Riti iniziatici e matrimonio tra archeologia e
storia, Roma 1984.
M. TORELLI, 1988, Dalle aristocrazie gentilizie alla nascita della plebe, in Storia di
Roma, I, pp. 241 ss.
M. TORELLI, 1990, Riti di passaggio maschili di Roma arcaica, «Mélanges É cole
Fran çaise Rome», 102,1, pp. 93-106.
M. TORELLI, 1997, Domiseda, lanifica, univira. Il trono di Verrucchio e il ruolo e l’imma-
gine della donna tra arcaismo e repubblica, in M. Torelli, Il rango, il rito,
l’imma- gine. Alle origini della rappresentazione storica romana, Milano,
pp. 1 ss.
P. VAN DOMMELEN, 1998, On colonial grounds, Leiden.
J.P. VERNANT, 1965, Mythe et pensée chez les Grecs. Etudes de psychologie historique,
Paris (Torino 1984).
P. VIDAL-NAQUET, 1981, Le chasseur noir, Paris.
K.M. WEISS, 1973, Demographic models for anthropology, «Memoirs of the Society
for American Archaeology», 27, p. 420.
J. WHITLEY, 1991, Style and Society in Dark Age Greece, Cambridge.
*Desidero ringraziare in particolare i proff. Bruno d’Agostino e Luca Cerchiai per il
costante e prezioso aiuto in tutte le fasi del lavoro. Un vivo ringraziamento è rivolto inoltre al
dr. L. Bondioli ed alla dr. M. Bernabei cui si devono le analisi statistiche dei campioni, al dott.
A. d’Andrea per la grafica informatizzata, a Eugenio Lupoli per le fotografie e a C. Lanzara e
A. Beatrice per i disegni (2;4,6,7, 8).
1
L’ampia bibliografia è in parte raccolta in V ERNANT 1965 (1984); VIDAL, NAQUET
1981; SCHNAPP 1980; BÉ RARD 1983; La Citè des images in particolare SCHNAPP 1984; La mort,
le morts dans les sociétés anciennes (GNOLI, VERNANT 1982); La parola, l’immagine la tomba
1988; e, ora, in FRONTISI DUCROUX-VERNANT 1998; D’AGOSTINO, CERCHIAI 1999; MONTEPAONE
1999; cfr. anche CUOZZO 1996, nota 5.
2
Per il lavoro sui temi riguardanti l’interpretazione delle immagini e lo studio delle
necropoli cfr., soprattutto, da un lato le affermazioni metodologiche in Pontrandolfo-Rouveret
1982; 1992 e, ora, soprattutto, D’AGOSTINO-CERCHIAI 1999, con ampia bibliografia, dall’al-
tro, le riflessioni teoriche in D’AGOSTINO 1977; 1985; 1990a; 1996; D’AGOSTINO, SCHNAPP
1982; D’AGOSTINO c.s.; CUOZZO 1996, nota 5; cfr. inoltre i diversi contributi in La mort, le
morts dans les sociétés anciennes (Gnoli-Vernant 1982) e in La parola, l’immagine la tomba
1988 (M. TADDEI; I. BALDASSARRE, B. D’AGOSTINO, L. CERCHIAI, A. PONTRANDOLFO et al., A.M.
D’ONOFRIO; ecc.), e le considerazioni in D’AGOSTINO 1991. Per quanto riguarda altri tipi di
approccio e l’ampio dibattito su altri temi, in particolare sugli argomenti connessi al popola
mento della Campania (confronto tra culture, confini, frontiere, scambio, mobilità , accultu
razione, etnogenesi ecc.), senza pretesa di esaustività , cfr. infra nota 4; per la città e le forme
di “produzione spaziale” cfr., soprattutto, G RECO 1992; e i contributi in GRECO 1999a con
bibliografia precedente. Sui rapporti tra archeologia e antropologia cfr., in particolare, B IETTI
SESTIERI et al. 1986; BIETTI SESTIERI 1996; D’AGOSTINO 1999b.
3
Per le prospettive teorico-metodologiche nell’interpretazione delle necropoli e la
considerazione di altri approcci in ambito italiano, cfr. infra pp. 343 ss. e, in particolare,
BIETTI SESTIERI 1992, 1996; TORELLI 1997; GAMBACURTA, ROTA SERAFINI 1998.
4
Per citare solo alcuni esempi della ampia discussione storico-archeologica di ambito
italiano su questi argomenti, senza alcuna pretesa di esaustività , cfr. in particolare, per la
Campania i quadri di sintesi con bibliografia precedente in P ONTRANDOLFO 1982; 1994;
D’AGOSTINO 1988a; 1988b; LEPORE 1989; PONTRANDOLFO, D’AGOSTINO 1990; GRECO 1992; CER-
CHIAI 1995; TAGLIAMONTE 1996; cfr. anche D’AGOSTINO 1995, i vari contributi in Apoikia (BATS-
D’AGOSTINO 1994); Euboica (Euboica 1998); La Presenza etrusca nella Campania Meridiona
le (Presenza Etrusca 1994), e ora, in generale, per l’Italia meridionale, soprattutto, i vari
contributi in Confini e frontiera (Confini e frontiera 1999), con vasta bibliografia e rassegna
del dibattito precedente in particolare C ORCELLA 1999, CERCHIAI 1999; D’AGOSTINO 1999b;
GRECO 1999a; BATS 1999; MORGAN 1999; PROCELLI, ALBANESE 1999; per l’Etruria e Lazio
arcaico, cfr. per esempio, i diversi contributi in Gli Etruschi e Roma (Etruschi e Roma 1981),
soprattutto gli articoli di C. Ampolo, G. Colonna; ecc.; Etruria e Lazio arcaico (CRISTOFANI
1987) con la discussione, pp. 67-71; 185-191 (in particolare, gli interventi di M. Pallottino;
D. Musti; G. Colonna; C. Ampolo; M. Cristofani; E. Lepore; A. Mele; ed altri); Crises et
transformation (Crises et transformation 1990); cfr. anche TORELLI 1988; 1997; D’AGOSTINO
1991a; CARANDINI 1997; Identità e civiltà dei Sabini (Identità e Civiltà 1996) con bibliografia.