Sei sulla pagina 1di 2

I supporti della serie HT2 LDI sono scelte ideali in tutti i settori in cui abbiamo temperature alte o

basse,le velocità siano ridotte e la precisione richiesta non sia alta.


I settori d’impiego più diffusi sono:mattonifici,industria della ceramica,movimentazione materiali e
trattamenti rifiuti.

Le parti metalliche, anello interno,anello esterno e paraschermo in gomma sono fosfatate al


manganese per assicurare la protezione contro la corrosione,migliorare il rotolamento e assicurare
una buona adesione del lubrificante;le dimensioni d’ingombro sono conformi al piano dimensionale
ISO e hanno lunghe durate di esercizio grazie alla quantità e qualità di pasta lubrificante di riserva
presente al loro interno di cuscinetti muniti di uno schermo da ambo i lati così che le durate di
esercizio sono più lunghe grazie all’azione concomitante delle protezioni;gli schermi naturalmente
servono oltre che per impedire l’ingresso alle sostanze contaminanti solide,anche per trattenere il
lubrificante che può così essere trasferito poco alla volta sulle superfici interessate al rotolamento
assicurandone una lubrificazione costante e assicurando lunghe durate d’esercizio. Non è richiesta
manutenzione all’interno del cuscinetto.
La qualità del lubrificante nei casi normali è da calcolare dal 25% al 35% (lubr.cod 2) dello spazio
libero nel cuscinetto.
A richiesta si possono fornire cuscinetti con gradi di riempimento diversi da esprimere sempre come
% dello spazio libero. Esempio 10-15% (lubr.cod 1),45-60% (lubr.cod 3), 70-100% (lubr.cod 4).
Le gabbie divisorie delle sfere sono in lamiera di acciaio stampate.
Le temperature sono da -20 a +200°C.
A temperature inferiori ai -30°C e oltre i 200°C si ha una lubrificazione a secco e se a questi valori
si dovesse superare i 100 giri/1’ e/o per altre particolari condizioni di lavoro (es.picchi anomali di
temperatura,spinte assiali incostanti) si prega di consultare il costruttore.
Il montaggio sull’albero può essere perfezionato con interferenza o con gioco. Per montarli con
interferenza sull’albero i cuscinetti devono essere riscaldati di 80/90°C oltre la temperatura
dell’albero stesso, ad esempio con un riscaldatore a induzione o con un fornetto.
Data la formazione di condensa e gli evidenti rischi di corrosione, il raffreddamento dell’albero non
è consigliabile.
Per montarli con gioco, le tolleranze dell’albero sono da calcolare compatibilmente ai fattori e ai
limiti ammessi per il montaggio che deve essere eseguito con attenzione in modo da evitare di
precaricare i cuscinetti e quindi causare un funzionamento difficoltoso e cedimenti prematuri.
Le tolleranze ottimali in fattori normali sono da comprendere da -0,010 a – 0,030.

Di solito lo sforzo di smontare i supporti è maggiore di quello di montarli specie se dopo un lungo
periodo di esercizio è presente la ruggine di contatto.

Se si intende riutilizzarli,la sforzo di smontaggio non deve assolutamente mai passare per le sfere. I
supporti si possono smontare con un estrattore meccanico o idraulico o con una pressa.
Per effetto dello speciale trattamento superficiale a cui vengono sottoposti per proteggerli dalla
corrosione e aumentarne le proprietà di rotolamento,ci possono essere scostamenti dei valori,cosa
che però, in casi normali non ha influenza sulle prestazioni.

I cuscinetti interni ai supporti sono costruiti con un gioco interno maggiore ai normali,che gli
permettono di tollerare disallineamenti angolari di 15/20 primi fra l’anello interno e quello esterno.
Sono concepiti per applicazioni in lenta rotazione quindi per pochi giri al minuto (50/60 giri /1’). In
caso di velocità superiori si consiglia di consultare il costruttore.

Nelle ordinazioni dei supporti è consigliabile fornire dei particolari riguardanti l’applicazione e le
condizioni di lavoro quindi:

1. velocità
2. carico sul supporto
3. diametro eventuale ruota
4. diametro albero
5. tipo di utilizzo ( es. su che macchina)
6. temperatura di lavoro
7. condizioni particolari: es lavora fuori o coperti oppure ambiente con
polvere o esalazioni.

Cogliamo l’occasione per porgere distinti saluti