Sei sulla pagina 1di 1

6-2-2014 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA 2a Serie speciale - n.

10

Valore Nome Definizione

sedimentHosted sedimentari I giacimenti sedimentari possono essere sud­


divisi in due sottotipi principali. Il primo
sottotipo è clastico a prevalenza di minerali
di piombo-zinco, che sono ospitati in scisto,
arenaria, siltiti o rocce clastiche miste, oppu­
re si presentano come sostituzione del car­
bonato, all’interno di una sequenza di roccia
sedimentaria a prevalenza di clastico. Questo
sottotipo comprende giacimenti tradizional­
mente indicati come esalativi-sedimentari
(SEDEX). Il secondo sottotipo di giacimenti
sedimentari in Pb-Zn è il Mississippi Valley-
type che si presenta in sequenze carbonati­
che di piattaforma, solitamente in ambienti
tettonici a margine passivo.

chemicalSediment sedimento chimico Giacimenti di minerali, in particolare Fe o


Mn, di origine sedimentaria, aventi origine
come precipitati chimici da acqua oceanica
antica. Il processo di accumulo di tali giaci­
menti sedimentari è controllato dalle pro­
prietà fisico-chimiche inerenti a ferro e man­
ganese.

marineVolcanicAssociation associazione vulcanica mari­ Giacimenti di minerali formati in un ambien­


na te vulcanico marino. I fluidi magmatici e
idrotermici reagiscono con l’acqua di mare
per produrre solfuri massicci vulcanici (VMS),
che si trovano in giacimenti stratiformi ori­
ginari di Cu, Zn, Pb, Ag, Au.

epithermal epitermale I giacimenti epitermali si presentano in gran


parte in archi vulcano-plutonici associati a
zone di subduzione, con età simili a quelle
del vulcanismo. I giacimenti si formano a
bassa profondità, a meno di 1 km, a una
temperatura compresa tra 50° -200°C, sono
ospitati prevalentemente da rocce vulcaniche
e si manifestano principalmente come vene.

veinBrecciaStockwork vena, breccia e stockwork Si tratta di un gruppo sistematico con pre­


senza specifica di giacimenti di minerali in
un volume limitato all’interno di una roccia.

Vena: giacimenti di riempimento delle frattu­


re che spesso hanno grande estensione late­
rale e/o profondità, ma che di solito sono
molto strette. Breccia: fessura contenente nu­
merosi frammenti di parete rocciosa, con
giacimenti di minerali negli interstizi. Stock­
work: un complesso sistema di vene struttu­
ralmente controllate o orientate in modo ca­
suale.

manto mantello I giacimenti del mantello sono definiti da un


rigoroso controllo stratigrafico sulla loro di­
stribuzione, generalmente all’interno di una
formazione porosa in un sito con trappola
strutturale. La fonte di minerale all’interno di
giacimenti del mantello è considerata inter­
formazionale, da una fonte sedimentaria al­
l’interno di un bacino sedimentario adiacen­
te, o da fluidi minerali spinti via da un ele­
mento intrusivo.

skarn skarn Giacimenti di minerali formati da sostituzio­


ne di calcare da minerali e minerali a base di
silicato di calcio, di solito adiacenti a corpi
intrusivi felsici o granitici.

— 294 —