Sei sulla pagina 1di 4

Cammino adolescenti Bornato-Calino-Cazzago-Pedrocca 2017-18

LIBERTÀ DI...
Proposta: LIBERTÀ e NORME SOCIALI

Obiettivo: preparare i ragazzi all’incontro con l’avvocato, mettendo in risalto la loro sensazione di
limite e imposizione delle regole con cui sono a contatto quotidianamente.

Svolgimento Incontro

Preghiera iniziale (15 min)


Don Paolo guida o fornisce indicazioni per la preghiera

Presentazione serata (15 min)


È introdotto il tema e il lavoro della serata ai ragazzi, prospettando l’incontro con l’avvocato nella
volta successiva.

Lavoro in gruppi (durata 30 min)


Norme in famiglia, norme a scuola e norme in società
Ad ogni ragazzo vengono date 18 frasi da completare, riguardanti le imposizioni che sentono a casa,
a scuola e nella società, scheda delle prescrizioni.
Una volta completate le frasi (nb. Non necessariamente vanno completate tutte), ognuno è invitato a
condividere le 3 (1 riguardante la famiglia, 1 riguardante la scuola e 1 riguardante la società) che
sente maggiormente imposte, e a leggere come ha completato l’ultima frase di ogni parte,
riguardante il proprio limite di “tolleranza” verso le norme. Il lavoro della scheda può essere fatto
scindendo le tre parti (famiglia, scuola e società), condividendo le risposte appena finita la
compilazione di ogni paragrafo per evitare l'effetto "compito in classe". Al termine della
compilazione di ogni paragrafo verrà consegnato ai ragazzi una testimonianza di qualcuno che si è
pentito di aver trasgredito alle regole, come ulteriore spunto per la riflessione.
I ragazzi sono invitati a dialogare partendo da questi spunti riguardo al loro rapporto con le leggi,
sottolineando quali norme essi non condividono e perché.

Alcune domande-guida per la condivisione:


 secondo te, si potrebbe fare a meno della norma che senti maggiormente imposta? Come si
vivrebbe senza?
 in quali circostanze senti ripetere questa richiesta? Chi te la dice? Cosa vuole da te la
persona che te la dice?
 che cosa hai provato compilando le frasi?
 da quale genitore/professore deriva la maggior parte di richieste?
 sono chiare le regole che ti vengono chieste di rispettare in famiglia/scuola/società?
 capisci i pro e i contro delle richieste che ti vengono fatte?
 riesci a sostenere il tuo punto di vista con i genitori?

Momento conclusivo (15 min)


Ogni gruppo si premura di raccogliere le frasi finali di ogni paragrafo emerse da ciascuno per farne
una sintesi da presentare all'avvocato e di scegliere un ragazzo portavoce per l'incontro successivo.
Preghiera conclusiva

6° incontro: Bornato/Calino 22 Gennaio – Cazzago/Pedrocca 25 Gennaio 2018


Cammino adolescenti Bornato-Calino-Cazzago-Pedrocca 2017-18
PRESCRIZIONI…
… IN FAMIGLIA

Questo modulo dovrebbe aiutarti a prendere in considerazione alcuni dei punti di vista, delle
richieste, dei divieti, delle paure, delle speranze che i tuoi genitori ti trasmettono ogni giorno per
essere sicuri che tu compia il loro volere.
Completa con le parole che utilizzerebbero i tuoi genitori.

 Si dovrebbe sempre ......................................................................................................


 E’ giusto che tu ...........................................................................................................
 E’ grave se tu ...............................................................................................................
 Smettila di...................................................................................................................
 Ai miei tempi.................................................................................................................

Le regole in famiglia mi vanno bene finché ..............................................................................


..............................................................................................................................................

... A SCUOLA

Queste sono altre frasi che sentirai pronunciare a scuola dai tuoi professori. Completale.
Cosa vogliono i tuoi professori da te?

 Devi.............................................................................................................................
 Se non la smetti............................................................................................................
 Mi sembra che tu...........................................................................................................
 Ti sembra il modo di......................................................................................................
 La scuola non è.............................................................................................................

Le norme a scuola mi vanno bene fino a quando.......................................................................


..............................................................................................................................................

… NELLA SOCIETA’

Per te, quali sono le leggi che limitano la tua libertà? Prova a completare le normative, partendo
dalla tua esperienza personale
 Non mi è permesso........................................................................................................
 La legge mi vieta...........................................................................................................
 La legge mi punisce se...................................................................................................
 E’ obbligatorio ..............................................................................................................
 La legge che meno condivido è.......................................................................................

Rispetto le leggi finché.............................................................................................................


..............................................................................................................................................
6° incontro: Bornato/Calino 22 Gennaio – Cazzago/Pedrocca 25 Gennaio 2018
Cammino adolescenti Bornato-Calino-Cazzago-Pedrocca 2017-18

...DA RISPETTARE O NO?…


… A SCUOLA

Claudio, 47enne,è un alunno dell’Accademia Dante Alighieri. Sposato con Monica da 23 anni, padre di Enrico 17
anni e Simona di 11. Attualmente pseudo disoccupato.

Carissimo adolescente,
il compito affidatomi dal professor Tonelli non è dei più semplici e cercherò di essere breve. Partiamo
dall’esame di terza media, l’unica cosa che ricordo con certezza è la sensazione di aver finito! Per sempre!
Finalmente libero di poter lavorare, libero di avere un po’ di soldi! I miei però non volevano sentire
ragioni di questo tipo. Vai alle superiori…prenditi almeno un diploma professionale…non mollare
adesso…bla bla bla…Ma io non ne volevvo sapere, così iniziai a lavorare con lo zio Piero, facevo il
muratore. Alzarsi alle 5 del mattino per essere a Milano e tornare a casa distrutto la sera alle 10, quando
era estate, non mi pesava, soprattutto pensando allo stipendio finale. Qualcosa lo lasciavo ai miei, una
volta si faceva così, ma il resto era più che sufficiente per divertirsi. La svolta è arrivata con la Leva
Militare Obbligatoria. Preso nella brigata paracadutisti della Folgore. Non vedevo l’ora di imparare a
lanciarmi con il paracadute. Peccato che per certe mansioni sia obbligatorio avere un diploma di scuola
superiore. Peccato davvero, perché mi sarebbe piaciuto imparare. In compenso imparai un nuovo lavoro.
Apprendista meccanico. Per quello non servivano qualifiche.
Appena terminata la leva, l’Alitalia mi propone di entrare nel suo staff come meccanico semplice. Mi
trasferisco a Milano, qui conosco mia moglie Monica. Ci sposiamo e poi abbiamo anche due figli, Enrico e
Simona. Nel 2013 però l’Alitalia, che versa da parecchio tempo in cattive acque mi licenzia. La Turkish
Airlines mi propone un colloquio, ma mi ferma subito. Senza licenza superiore non si va da nessuna parte.
Per questo motivo, a settembre mi iscrivo ad un corso serale, per poter recuperare gli anni persi. Di
giorno, adesso, solo qualche lavoro saltuario.
Non so cosa aspettarmi dal futuro, solo con il tempo si capiscono certi errori. Per questo vi dico, anche se
suonerà come l’ennesimo consiglio non richiesto, di studiare tanto e bene, senza accontentarsi di arrivare
al 6. Un giorno, prima o poi, la vita vi presenterà il conto. Non commettete il mio stesso errore.

6° incontro: Bornato/Calino 22 Gennaio – Cazzago/Pedrocca 25 Gennaio 2018


Cammino adolescenti Bornato-Calino-Cazzago-Pedrocca 2017-18

...DA RISPETTARE O NO?…

...IN FAMIGLIA

"Cosa dire, ora che sono un genitore mi accorgo di non essere stato un buon figlio per la mia famiglia. Quanti silenzi
di fronte alle loro domande, quante volte ho mostrato una faccia arrabbiata, quante porte ho sbattuto, spesso con il
gusto di vederli preoccupati e vederli soffrire.
E invece ora capisco quanto mi volevano bene, nel loro sforzo di capirmi, di concedermi fiducia e rispettare la mia
libertà, quante rinunce fatte nel silenzio per potermi dare le cose che tutti i miei amici possedevano.
Ho spesso deriso le loro stupide regole, ma ora so che quelle regole erano il segreto del loro amore e della mia bella
famiglia".

… NELLA SOCIETA'

Uccise tredicenne a Bronte: “Perdonatemi”


Lettera del ragazzo di 16 anni ai genitori di Matteo Galati, assassinato al culmine di una lite forse per una
ragazzina

BRONTE. “So che queste mie parole non potranno riportare indietro il tempo e cancellare ciò che é avvenuto così
come non potranno riportare in vita Matteo. Voglio comunque dirvi che sono profondamente addolorato per
quello che è successo”. Lo afferma il sedicenne accusato di aver ucciso con una coltellata Matteo Galati, di 13 anni,
dopo una lite forse per una ragazzina a Bronte, in una lettera inviata dal carcere di Bicocca di Catania a News
Mediaset, l’agenzia di notizie del Gruppo Mediaset. Il ragazzo rivolge anche un appello ai genitori del ragazzino che
ha assassinato: “vi prego di perdonarmi”. “Il vostro immenso dolore è anche il mio tormento – aggiunge – e non so
cosa darei perché ogni cosa tornasse com’era prima di quella terribile sera, ma questo purtroppo non è possibile”.
“Ripensando a quei terribili momenti ancora oggi non mi spiego come possa essere accaduto – scrive il minorenne
nella missiva – non avevo alcuna intenzione di colpire, non avevo alcuna intenzione di rubare la vita a nessuno né
tantomeno a Matteo”. Il sedicenne chiede “perdono” anche a un altro minorenne che ha ferito perché era
intervenuto per difendere il tredicenne. L’indagato detenuto nel carcere di Bicocca a Catania è accusato di omicidio
e lesioni. (da GDS.IT)

6° incontro: Bornato/Calino 22 Gennaio – Cazzago/Pedrocca 25 Gennaio 2018