Sei sulla pagina 1di 4

PTC Base Prehospital Trauma Care

Allievo __________________
ANTICIPAZIONE
m Distribuzione ruoli
m Check-list
m Ho abbastanza ossigeno

VALUTAZIONE SCENA
m Sicurezza personale: Occhiali + Guanti + Divisa completa + Scarpe antifortunistiche + Casco
m Sicurezza ambientale
m Numero Feriti
m Dinamica Evento
m Quick-Look (colpo d’occhio)

VALUTAZIONE PRIMARIA - PRIMARY SURVEY


m Rapida valutazione e riconoscimento di uno stato critico
m Contemporaneo inizio delle manovre rianimatorie
m Allertamento precoce della CO per invio del mezzo ALS
m Identificazione delle singole lesioni (certe o potenziali)

Le 3 regole d’oro:
1) l’ABC va sempre seguito in questo ordine A - B - C - D - E Mai invertire l’approccio!
2) Durante l’ABC l’identificazione di situazioni che mettono il pz in pericolo di vita
e il loro trattamento sono CONTEMPORANEI (finire sempre A prima di passare a B)
3) Se durante l’ABC la situazione peggiora, ritornare ad A e ricominciare valutazione e trattamento

Fase A - AIRWAYS
m Bloccare la testa in posizione neutra
m Chiamare il paziente, verificare lo stato di coscienza
m Presentarsi come soccorritore
m Se presente il casco integrale, rimuoverlo
m Controllare pervietà delle vie aeree (guardo in bocca)
nel caso non sia pervie uso aspiratore prime vie aeree o cannula di guedel senza iperstendere il capo
m Controllare il collo
m Metto sempre il collare cervicale escluso la presenza di: ferite penetranti, ematomi, deviazione tra-
chea, turgore giugulare
m Ossigeno ad alti flussi (> 12lt/min) + Maschera Resevoir

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA FASE A - AIRWAYS

m COMPROMISSIONE COSCIENZA
m COMPROMISSIONE IN ATTO DELLE VIE AEREE
Corpi o materiali estranei non rimovibili in pz con alterazione della coscienza
Trisma (contrattura dei muscoli masticatori)
m GRAVE RISCHIO DI OSTRUZIONE DELLE VIE AERE
Gravi traumi facciali od el collo
In presenza di emorragie profuse del cavo orale o ematomi del collo
Ustione del volto, in presenza di edema (gonfiore) delle labbra, cavo orale, tosse stizzosa,
alterazione della voce
giugno 2016
Fase B -BREATHING

m Osserva il carattere del respiro (normale/dispnea), espansione toracica


m Palpa la gabbia toracica (simmetria torace, enfisema sottocutaneo
m Conta la frequenza respiratoria (12-24 /min)
EUPNOICO: 12-20 atti/min, BRADIPNOICO: <12 atti/min, TACHIPNOICO: >20 atti/min
m Saturazione O2 Ossigeno
Manovre e provvedimenti:
• Assistenza ventilatoria in caso di depressione respiratoria o apnea (Ambu)
• Ossigeno tp SpO2 > 95%

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA FASE B -BREATHING


m DISPNEA EVIDENTE
m ASSIMETRIE TORACICHE
m VOLET COSTALE, ENFISEMA SOTTOCUTANEO
m FR>25 atti/min o <10 atti/min
m SpO2 < 90% in aria ambiente (aa) o < 95% in O2 terapia
m FERITE PENETRANTI NEL TORACE (Scoop&Run)

Fase C -CIRCULATION
m CONTROLLO DELLE EMORRAGIE
m VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ CARDIOCIRCOLATORIA ( FC PA )
m RICERCA SEGNI DI SCHOCK

REGOLA dito polso braccio

FC > 50bpm < 120bpm

TR <2 ” PA massima > 100mmHg

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA FASE C -CIRCULATION

m EMORRAGIE IN DISTRETTI NON COMPRIMIBILI


m POLSO RADIALE ASSENTE CON CAROTIDEO PRESENTE
m PAS < 100 mmHg
m SEGNI DI SHOCK (tachicardia >120bpm, pallore, tachipnea, agitazione, riempimento capillare,
temperatura cutanea)
QUALI SONO I SEGNI DI SHOCK? Agitazione
Aumento frequenza cardiaca
Aumento frequenza respiratoria
Cute pallida, fredda, sudata
Diminuzione della Pressione Arteriosa
giugno 2016
Fase D- DISABILITY
m Valutare lo stato di coscienza

Scala Alert sveglio, cosciente, reattivo


Verbal incosciente, reagisce alla chiamata
Painful incosciente, reagisce al dolore
Unresponsive nessuna reazione agli stimoli

Orientato nel tempo/spazio? Ripetitivo?

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA FASE D - DISABILITY

m PAZIENTE RINVENUTO IN CONDIZIONI “P” O “U” … SOPORE

Fase E- EXPOSURE

m Spogliare ed esaminare completamente il paziente per un rapido esame complessivo testa-piedi


m Mettere in atto tecniche di riscaldamento per prevenire l’ipotermia (COPERTA TERMICA)
m Prima rivalutazione dei PV

ESAME TESTA PIEDI


Cranio: palpazione della teca cranica
dal vertice al base per ricercare segni
di affondamento, ferite penetranti, fratture
evidenti, ferite da scalpo. ISOCORICHE ANISOCORICHE
Base cranica: ricercare segni clinici
che possono sospettare una frattura
della base: otoraggia (sangue fuoriesce dal meato acustico, otoliquorrea
o rinoliquorrea (presenza di liquor che fuoriesce dalle orecchie o dal naso,
segno del procione (ematoma periorbitale), ematoma mastoideo (segni di Battle).
Encefalo: ricerca di segni di sospetta lesione intracerebrale: anisocoria, midriasi.
In questi casi informare 118 considerare riferimento centro neurochirurgico.
Collo: ferite penetranti, ematomi pulsanti, enfisema sottocutaneo
(possibile comprimissione delle vie aeree o grossi vasi.
Rachide cervicale: ricerca di sintomi di interessamento midollare: alterazione della sensibilità e motilita dei 4 arti.
Torace: valutare attività respiratoria, lesioni pleuro-polmonari, la presenza di crepitii sul torace sul collo,
volet costale, asimmetria del torace, fratture costali.
Addome: ricerca di ecchimosi, escoriazioni, lesioni da taglio, protrusione di viscere, ferite penetranti.
Bacino: fratture attraverso visione della simmetria delle ali iliache.

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA FASE E - EXPOSURE

m AMPUTAZIONI DI ARTI O PARTE DI ESSI (ESCLUSE DITA)


m ASIMMETRIA CRESTE ILIACHE
m FRATTURE DI ALMENO 2 SEGMENTI OSSEI PROSSIMALI
m OTORRAGIA
m DEFICIT DI SENSIBILITA’ O MOTILITA’
m NECESSITA’ DI ANALGESIA
giugno 2016
VALUTAZIONE SECONDARIA - SECONDARY SURVEY

m Raccogliere elementi d’allarme relativi alla dinamica e all’anamnesi che indicano


una categoria di pazienti a “rischio”
m Stabilire le necessità relative all’immobilizzazione e trasporto
m Individuare l’ospedale di destinazione: Policlinico: Traumi facciali, pediatrici, donne gravide,
Baggiovara: traumi generali, Traumi spinali: Ospedale Maggiore di Bologna

DINAMICA
m Cosa è successo?
m Che tipo di energia è stata applicata? (meccanica, termica …)
m Quanta energia è stata trasmessa? (velocità, mezzi pesanti, deformazioni)
m Quale parte del corpo è stata interessata?

IMMOBILIZZAZIONE

ANAMNESI
m Segni e sintomi
m Allergie
m Medicine assunte
m Patologie pregresse
m L’ultimo pasto
m Eventi antecedenti l’infortunio

TRASPORTO SCELTA DELL’OSPEDALE PIU’ INDICATO PER IL TIPO DI PAZIENTE


Monitoraggio constante !

QUANDO ALLERTARE L’ALS NELLA VALUTAZIONE SECONDARIA

m Caduta da oltre 3m di altezza


m Eiezione dal veicolo (proiettati all’esterno dell’abitacolo)
m Sbalzamento a distanza di bici e moto
m Tempi di estricazione prolungati (>20’)
m Presenza di persone decedute
m Età inferiore ai 5 anni (meccanismi di compenso di difficile rilevazione)

giugno 2016