Sei sulla pagina 1di 131

Robots KUKA Roboter GmbH

KR QUANTEC extra HA

Istruzioni per il montaggio

Stato: 10.05.2013

Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


KR QUANTEC extra HA

© Copyright 2013
KUKA Roboter GmbH
Zugspitzstraße 140
D-86165 Augsburg
Germania

E' vietato riprodurre o consegnare a terzi questa documentazione o parti di essa salvo l'esplicita au-
torizzazione del KUKA Roboter GmbH.
Nell'unità di controllo possono essere operative ulteriori funzioni non descritte in questa documenta-
zione. L'utente però non ha il diritto di pretendere queste funzioni in caso di sostituzione o di assi-
stenza.
Il contenuto di questa documentazione e stato verificato circa la sua conformità con l'hardware e il
software descritto. Nonostante ciò non si possono escludere eventuali divergenze, per cui non si ga-
rantisce la conformità totale. Le informazioni di questa documentazione, comunque, sono controllate
regolarmente ed eventuali correzioni saranno integrate nell'edizione successiva.
Ci riserviamo il diritto di apportare modifiche tecniche che non hanno effetto sulla funzione.
Traduzione della documentazione originale
KIM-PS5-DOC

Pubblicazioni: Pub MA KR QUANTEC extra HA (PDF) it


Struttura del libro: MA KR QUANTEC extra HA V2.1
Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)

2 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


Indice

Indice
1 Introduzione ................................................................................................. 7
1.1 Documentazione del robot industriale ........................................................................ 7
1.2 Rappresentazione grafica delle indicazioni ................................................................ 7

2 Destinazione d'uso ...................................................................................... 9


2.1 Gruppo target ............................................................................................................. 9
2.2 Utilizzo conforme alla destinazione ............................................................................ 9

3 Descrizione del prodotto ............................................................................ 11


3.1 Panoramica del sistema robot ................................................................................... 11
3.2 Descrizione del manipolatore ..................................................................................... 11

4 Dati tecnici ................................................................................................... 15


4.1 Dati di base ................................................................................................................ 15
4.2 Dati degli assi ............................................................................................................. 16
4.3 Carichi utili ................................................................................................................. 19
4.4 Carichi sulla fondazione ............................................................................................. 25
4.5 Misure di trasporto ..................................................................................................... 26
4.6 Targhe e segnali ........................................................................................................ 27
4.7 Spazi e tempi di arresto ............................................................................................. 29
4.7.1 Indicazioni generali ............................................................................................... 29
4.7.2 Termini utilizzati .................................................................................................... 29
4.7.3 Spazi e tempi di arresto KR 120 R2700 extra HA ................................................ 30
4.7.3.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3 ............................................... 30
4.7.3.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1 ......................................................... 31
4.7.3.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2 ......................................................... 33
4.7.3.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3 ......................................................... 35
4.7.4 Spazi e tempi di arresto KR 90 R2900 extra HA .................................................. 35
4.7.4.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3 ............................................... 35
4.7.4.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1 ......................................................... 36
4.7.4.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2 ......................................................... 38
4.7.4.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3 ......................................................... 40
4.7.5 Spazi e tempi di arresto KR 90 R3100 extra HA .................................................. 40
4.7.5.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3 ............................................... 40
4.7.5.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1 ......................................................... 41
4.7.5.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2 ......................................................... 43
4.7.5.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3 ......................................................... 45

5 Sicurezza ...................................................................................................... 47
5.1 In generale ................................................................................................................. 47
5.1.1 Responsabilità ...................................................................................................... 47
5.1.2 Utilizzo conforme alla destinazione del robot industriale ...................................... 48
5.1.3 Dichiarazione di conformità CE e dichiarazione di incorporazione ....................... 48
5.1.4 Termini utilizzati .................................................................................................... 49
5.2 Personale ................................................................................................................... 50
5.3 Zona di lavoro, zona di sicurezza e zona di pericolo ................................................. 51
5.4 Schema attrezzatura di protezione ............................................................................ 52
5.4.1 Finecorsa meccanici ............................................................................................. 52

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 3 / 131


KR QUANTEC extra HA

5.4.2 Delimitazione meccanica della zona di lavoro dell'asse (opzione) ....................... 52


5.4.3 Sorveglianza della zona di lavoro dell'asse (opzione) .......................................... 53
5.4.4 Possibilità di spostare il manipolatore senza controllo robot ................................ 53
5.4.5 Contrassegni presenti sul robot industriale .......................................................... 54
5.5 Misure di sicurezza .................................................................................................... 55
5.5.1 Misure generali di sicurezza ................................................................................. 55
5.5.2 Trasporto .............................................................................................................. 56
5.5.3 Messa in servizio e riavvio .................................................................................... 56
5.5.4 Funzionamento manuale ...................................................................................... 57
5.5.5 Funzionamento in automatico .............................................................................. 59
5.5.6 Manutenzione e riparazione ................................................................................. 59
5.5.7 Messa fuori servizio, stoccaggio e smaltimento ................................................... 60
5.6 Norme e prescrizioni applicate .................................................................................. 61

6 Progettazione ............................................................................................... 63
6.1 Fissaggio alla fondazione con centraggio ................................................................. 63
6.2 Fissaggio del basamento della macchina .................................................................. 65
6.3 Cavi di collegamento e interfacce .............................................................................. 66

7 Trasporto ...................................................................................................... 69
7.1 Trasporto della meccanica del robot ......................................................................... 69

8 Messa in servizio e riavvio .......................................................................... 73


8.1 Montaggio del fissaggio alla fondazione .................................................................... 73
8.2 Montaggio del fissaggio del basamento della macchina ........................................... 74
8.3 Montaggio del robot ................................................................................................... 75
8.4 Descrizione dei cavi di collegamento ........................................................................ 77

9 Opzioni .......................................................................................................... 81
9.1 Flangia d'attacco, adattatore (opzione) ..................................................................... 81
9.2 Limitazione della zona di lavoro, arresto addizionale (opzione) ................................ 82
9.3 Cavo di comando asse singolo (opzione) .................................................................. 82
9.4 Dispositivo di rotazione libera (opzione) .................................................................... 82

10 Allegato ......................................................................................................... 83
10.1 Coppia di serraggio ................................................................................................... 83
10.2 Schede tecniche di sicurezza .................................................................................... 83
10.2.1 Schema tecnica di sicurezza grasso per cavi Optitemp RB1 ............................... 83
10.2.1.1 Denominazione dei materiali, della preparazione e della ditta ........................ 83
10.2.1.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 84
10.2.1.3 Possibili pericoli ............................................................................................... 84
10.2.1.4 Misure di pronto soccorso ............................................................................... 84
10.2.1.5 Misure antincendio .......................................................................................... 85
10.2.1.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale ......................................................... 85
10.2.1.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 85
10.2.1.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale ................. 86
10.2.1.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................ 86
10.2.1.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 86
10.2.1.11 Informazioni tossicologiche ............................................................................. 86
10.2.1.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 87
10.2.1.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 87

4 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


Indice

10.2.1.14 Indicazioni per il trasporto ................................................................................ 87


10.2.1.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 87
10.2.1.16 Altre indicazioni ................................................................................................ 88
10.2.2 Scheda di sicurezza grasso lubrificante Optimol Olit CLS .................................... 88
10.2.2.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore ................. 88
10.2.2.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 89
10.2.2.3 Possibili pericoli ............................................................................................... 89
10.2.2.4 Misure di pronto soccorso ................................................................................ 89
10.2.2.5 Misure antincendio ........................................................................................... 90
10.2.2.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale ......................................................... 90
10.2.2.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 91
10.2.2.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale ................. 91
10.2.2.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................. 91
10.2.2.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 92
10.2.2.11 Informazioni tossicologiche .............................................................................. 92
10.2.2.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 92
10.2.2.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 92
10.2.2.14 Indicazioni per il trasporto ................................................................................ 93
10.2.2.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 93
10.2.2.16 Altre indicazioni ................................................................................................ 94
10.2.3 Scheda tecnica di sicurezza grasso lubrificante Microlube GL 261 ...................... 94
10.2.3.1 Denominazione dei materiali, della preparazione e della ditta ........................ 94
10.2.3.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 94
10.2.3.3 Possibili pericoli ............................................................................................... 94
10.2.3.4 Misure di pronto soccorso ................................................................................ 95
10.2.3.5 Misure antincendio ........................................................................................... 95
10.2.3.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale ......................................................... 96
10.2.3.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 96
10.2.3.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale ................. 96
10.2.3.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................. 97
10.2.3.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 97
10.2.3.11 Informazioni tossicologiche .............................................................................. 97
10.2.3.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 97
10.2.3.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 98
10.2.3.14 Indicazioni per il trasporto ................................................................................ 98
10.2.3.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 98
10.2.3.16 Altre indicazioni ................................................................................................ 98
10.2.4 Scheda tecnica di sicurezza grasso per alta pressione LGEP 2 .......................... 98
10.2.4.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore ................. 98
10.2.4.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 99
10.2.4.3 Possibili pericoli ............................................................................................... 99
10.2.4.4 Misure di pronto soccorso ................................................................................ 99
10.2.4.5 Misure antincendio ........................................................................................... 100
10.2.4.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale ......................................................... 100
10.2.4.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 101
10.2.4.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale ................. 101
10.2.4.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................. 101
10.2.4.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 102
10.2.4.11 Informazioni tossicologiche .............................................................................. 102
10.2.4.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 102
10.2.4.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 102
10.2.4.14 Indicazioni per il trasporto ................................................................................ 103

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 5 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.4.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 103


10.2.4.16 Altre indicazioni ............................................................................................... 103
10.2.5 Scheda tecnica di sicurezza olio Optigear Synthetic RO 150 .............................. 103
10.2.5.1 Denominazione dei materiali, del preparato e del produttore .......................... 103
10.2.5.2 Possibili pericoli ............................................................................................... 104
10.2.5.3 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 104
10.2.5.4 Misure di pronto soccorso ............................................................................... 104
10.2.5.5 Misure antincendio .......................................................................................... 105
10.2.5.6 Misure in caso di dispersione accidentale ....................................................... 106
10.2.5.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 106
10.2.5.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione personale .................. 107
10.2.5.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................ 107
10.2.5.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 108
10.2.5.11 Informazioni tossicologiche ............................................................................. 108
10.2.5.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 108
10.2.5.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 109
10.2.5.14 Indicazioni per il trasporto ............................................................................... 109
10.2.5.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 109
10.2.5.16 Altre indicazioni ............................................................................................... 110
10.2.6 Scheda tecnica di sicurezza olio idraulico Castrol Hyspin ZZ 46 ......................... 111
10.2.6.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore ................ 111
10.2.6.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti ................................................... 111
10.2.6.3 Possibili pericoli ............................................................................................... 112
10.2.6.4 Misure di pronto soccorso ............................................................................... 112
10.2.6.5 Misure antincendio .......................................................................................... 113
10.2.6.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale ......................................................... 113
10.2.6.7 Manipolazione e stoccaggio ............................................................................ 113
10.2.6.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale ................. 113
10.2.6.9 Proprietà fisiche e chimiche ............................................................................ 115
10.2.6.10 Stabilità e reattività .......................................................................................... 116
10.2.6.11 Informazioni tossicologiche ............................................................................. 116
10.2.6.12 Informazioni ecologiche ................................................................................... 116
10.2.6.13 Indicazioni per lo smaltimento ......................................................................... 116
10.2.6.14 Indicazioni per il trasporto ............................................................................... 117
10.2.6.15 Prescrizioni ...................................................................................................... 117
10.2.6.16 Altre indicazioni ............................................................................................... 117

11 Assistenza KUKA ......................................................................................... 119


11.1 Richiesta di assistenza .............................................................................................. 119
11.2 Servizio di assistenza KUKA ..................................................................................... 119

Indice ............................................................................................................ 127

6 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


1 Introduzione

1 Introduzione

1.1 Documentazione del robot industriale

La documentazione del robot industriale è composta dalle seguenti parti:


 Documentazione per la meccanica del robot
 Documentazione per il controllo robot
 Istruzioni operative e di programmazione del KUKA System Software
 Manuali d'istruzioni delle opzioni e degli accessori
 Catalogo dei pezzi su supporto dati
Ogni manuale rappresenta un documento a se stante.

1.2 Rappresentazione grafica delle indicazioni

Sicurezza Queste indicazioni riguardano la sicurezza e devono essere osservate.

Queste avvertenze indicano che il mancato rispetto


delle misure precauzionali determinerà sicuramente
o molto probabilmente il pericolo di morte o di gravi lesioni.

Queste avvertenze indicano che il mancato rispetto


delle misure precauzionali potrebbe determinare, il
pericolo di morte o di gravi lesioni.

Queste avvertenze indicano che il mancato rispetto


delle misure precauzionali potrebbe determinare, il
pericolo di leggere lesioni.

Queste avvertenze indicano che il mancato rispetto


delle misure precauzionali potrebbe determinare il
pericolo di danni materiali.

Queste indicazioni includono riferimenti a informazioni rilevanti per la


sicurezza o a provvedimenti generali per la sicurezza.
Queste indicazioni non fanno riferimento a singoli pericoli o singole
misure precauzionali.

Questa indicazione richiama l'attenzione sui procedimenti utili a prevenire o ad


eliminare casi di emergenza o guasti:

I procedimenti contrassegnati da questa indicazione de-


vono essere rispettati alla lettera.

Indicazioni Queste indicazioni permettono di facilitare il lavoro o contengono rimandi ad


informazioni di approfondimento.

Indicazione contenente suggerimenti per facilitare il lavoro o rimandi


a informazioni di approfondimento.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 7 / 131


KR QUANTEC extra HA

8 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


2 Destinazione d'uso

2 Destinazione d'uso

2.1 Gruppo target

La presente documentazione si rivolge ad utenti in possesso delle seguenti


conoscenze:
 Conoscenze avanzate di ingegneria meccanica
 Conoscenze avanzate di elettrotecnica
 Conoscenze di sistema del controllo robot

Per un utilizzo ottimale dei nostri prodotti consigliamo ai nostri clienti


di frequentare un corso di formazione presso il College KUKA. Per
maggiori informazioni sul programma dei corsi, visitare il sito www.ku-
ka.com o rivolgersi direttamente alle filiali del gruppo.

2.2 Utilizzo conforme alla destinazione

Utilizzo Il robot industriale è destinato alla manipolazione di utensili o dispositivi e alla


lavorazione o al trasporto di componenti o prodotti. L'impiego deve avvenire
esclusivamente in conformità alle condizioni ambientali indicate.

Impiego Sono considerate improprie, e pertanto non ammesse, tutte le applicazioni dif-
improprio ferenti dall'utilizzo conforme alla destinazione, quali ad esempio:
 trasporto di persone e animali
 utilizzo come mezzo di salita
 utilizzo al di fuori dei limiti di esercizio consentiti
 utilizzo in zone a rischio di esplosione
 utilizzo in miniera

Eventuali modifiche alla struttura del robot, quali ad


esempio l'esecuzione di fori o simili, possono danneg-
giare i componenti. Tali operazioni non sono conformi alla destinazione d'uso
e comportano l'annullamento dei diritti di garanzia.

Il sistema robot è parte integrante di un impianto completo e può es-


sere utilizzato solo all'interno di un impianto conforme alle normative
CE.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 9 / 131


KR QUANTEC extra HA

10 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


3 Descrizione del prodotto

3 Descrizione del prodotto

3.1 Panoramica del sistema robot

Il sistema robot (>>> Fig. 3-1 ) comprende tutti i gruppi costruttivi di un robot
industriale quali: manipolatore (meccanica robot con installazione elettrica),
armadio di comando, cavi di collegamento, utensile e attrezzature. La linea di
prodotti KR QUANTEC extra HA include i seguenti modelli:
 KR 120 R2700 extra HA
 KR 90 R2900 extra HA
 KR 90 R3100 extra HA
I robot industriali di questo tipo comprendono i seguenti componenti:
 Manipolatore
 Controllo robot
 Cavi di collegamento
 Terminale di programmazione KCP (KUKA smartPAD)
 Software
 Opzioni, accessori

Fig. 3-1: Esempio di un sistema robot

1 Manipolatore 3 Controllo robot


2 Cavi di collegamento 4 Terminale di programmazione
KUKA smartPAD

3.2 Descrizione del manipolatore

Panoramica I manipolatori (= meccanica del robot e installazione elettrica) (>>> Fig. 3-2 )
delle varianti sono configurati come sistemi cinematici antropomorfi a 6 assi.
Sono costituiti dai seguenti gruppi costruttivi principali:
 Polso centrale
 Braccio
 Culla
 Giostra

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 11 / 131


KR QUANTEC extra HA

 Basamento
 Compensazione del peso
 Installazione elettrica

Fig. 3-2: Gruppi costruttivi principali del manipolatore

1 Polso centrale 5 Basamento


2 Braccio 6 Giostra
3 Compensazione del peso 7 Culla
4 Installazione elettrica

Polso centrale Il robot è dotato di un polso centrale a 3 assi. Il polso centrale comprende gli
assi 4, 5 e 6. Il motore dell'asse 6 è disposto direttamente sul polso, all'interno
del braccio. Questo aziona direttamente il polso, mentre per gli assi 4 e 5
l'azionamento avviene dal lato posteriore del braccio attraverso alberi di colle-
gamento. Per l'applicazione degli utensili il polso centrale è dotato di una flan-
gia d'attacco. La flangia d'attacco è conforme a DIN/ISO9409-1-A, con minime
divergenze, e risponde ai requisiti per IP65.

Braccio Il braccio è l'elemento di congiunzione tra il polso centrale e la culla. Qui sono
alloggiati i motori degli assi del polso 4 e 5. L'azionamento del braccio avviene
attraverso il motore dell'asse 3. L'angolo di rotazione massimo ammesso è li-
mitato da un arresto meccanico sia in direzione positiva che negativa. I rispet-
tivi tamponi sono montati sul braccio. Sul braccio si trova un'interfaccia con 4
fori per il fissaggio di carichi addizionali.

Culla La culla è il gruppo costruttivo situato tra giostra e braccio. È costituita dal cor-
po della culla con i tamponi per l'asse 2. Per raggiungere il raggio d'azione cor-
rispondente, in combinazione con il braccio sono disponibili due lunghezze
diverse di culla.

Giostra Sulla giostra sono installati i motori A1 e A2. Il movimento rotatorio dell'asse 1
è eseguito dalla giostra. La giostra è avvitata al basamento attraverso il ridut-
tore dell'asse 1 e viene azionata da un motore integrato nella giostra. Nella
giostra è alloggiata anche la culla.

Basamento Il basamento è la base del robot. È ancorato alla fondazione. Nel basamento
è fissato il tubo spiralato per l'installazione elettrica. Sul basamento si trova

12 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


3 Descrizione del prodotto

inoltre l'interfaccia per il cavo motore e il cavo dati, oltre all'alimentazione di


energia.

Compensazione Il dispositivo di compensazione del peso è un gruppo costruttivo montato tra


del peso giostra e culla, il quale permette di ridurre al minimo i momenti agenti intorno
all'asse 2 sia in stato di inattività che di movimento del robot. A tale scopo vie-
ne impiegato un sistema idropneumatico chiuso. Il sistema comprende due
accumulatori di pressione, un cilindro idraulico con i rispettivi condotti, un ma-
nometro e come elemento di sicurezza un disco di rottura di protezione dai so-
vraccarichi. Gli accumulatori di pressione rientrano nella categoria 0, gruppo
fluidico 2 della direttiva sulle apparecchiature a pressione.

Installazione L'installazione elettrica comprende tutti i cavi motore e di dati per i motori degli
elettrica assi da 1 a 6. Tutti gli allacciamenti sono ad innesto e consentono dunque un
cambio rapido e sicuro dei motori. Fanno parte dell'installazione elettrica an-
che la RDC box e la scatola multifunzionale (MFG). La RDC box è installata
nella giostra. La MFG e il connettore per i cavi di dati sono montati sul basa-
mento del robot. Qui sono allacciati con connettori i cavi di collegamento al
controllo robot. L'installazione elettrica comprende anche un sistema di prote-
zione di terra.

Opzioni Il robot può essere equipaggiato e azionato con diverse opzioni, come ad
esempio le alimentazioni di energia degli assi da 1 a 3, le alimentazioni di
energia degli assi da 3 a 6 o le limitazioni della zona di lavoro per A1. La de-
scrizione delle opzioni è riportata in documentazioni separate.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 13 / 131


KR QUANTEC extra HA

14 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4 Dati tecnici

4.1 Dati di base

Dati di base Tipo KR 120 R2700 extra HA


KR 90 R2900 extra HA
KR 90 R3100 extra HA
Numero di assi 6
Volume dello spazio di KR 120 R2700 extra HA 55,000 m3
lavoro
KR 90 R2900 extra HA 66.000 m3

KR 90 R3100 extra HA 84.000 m3


Ripetibilità
di posizionamento ±0,05 mm
(ISO 9283)
Punto di riferimento Punto d'intersezione degli assi 4 e 5
zona di lavoro
Peso KR 120 R2700 extra HA ca. 1104 kg
KR 90 R2900 extra HA ca. 1.121 kg
KR 90 R3100 extra HA ca. 1.129 kg
Carichi dinamici princi- vedi Carichi sulla fondazione
pali
Carichi principali
Classe di protezione IP65
del robot
pronto per il servizio, con cavi di collegamento
allacciati (a norma EN 60529)
Classe di protezione IP65
del polso centrale
Livello sonoro < 75 dB (A) al di fuori della zona di lavoro
Posizione di montag- Pavimento
gio angolo d'inclinazione ammissibile ≤ 5º
Superficie, verniciatura Basamento, braccio nero (RAL 9005), parti
mobili arancione KUKA 2567

Temperatura Esercizio da 283 K a 328 K (da +10 °C a +55 °C)


ambiente Magazzinaggio e tra- da 233 K a 333 K (da -40 °C a +60 °C)
sporto
Messa in servizio da 283 K a 288 K (da +10 °C a +15 °C)
A queste temperature può essere necessario un
riscaldamento del robot. Altri limiti di temperatura
su richiesta.
Condizioni ambientali DIN EN 60721-3-3,
Classe 3K3

Gli intervalli di manutenzione e la durata utile indicata si riferiscono alle tipiche


temperature ingranaggi e ai movimenti assiali. Se in seguito a funzioni o ap-
plicazioni specifiche si verificano temperature ingranaggi o movimenti assiali
atipici, il grado di usura può essere maggiore. Di conseguenza gli intervalli di
manutenzione possono accorciarsi o la durata utile risultare ridotta. Per do-
mande rivolgersi al servizio di assistenza KUKA.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 15 / 131


KR QUANTEC extra HA

Cavi di collega- Denominazione cavo Denominazione dei Interfaccia - robot


mento connettori
Controllo robot - robot
Cavo motore X20 - X30 Connettore Harting
bilaterale
Cavo dati X21 - X31 Connettore
rettangolare bilaterale
Conduttore di messa a Capocorda ad anello
terra/compensazione bilaterale, M8
del potenziale
16 mm2
(ordinabile come
opzione)

Lunghezze dei cavi


Standard 7 m, 15 m, 25 m, 35 m, 50 m

Raggio di curvatura mi- 5x D


nimo

Per maggiori dettagli sui cavi di collegamento vedere la descrizione dei cavi di
collegamento.

4.2 Dati degli assi

Dati degli assi Asse Campo di movimentazione, Velocità


KR 120 R2700 limitato da finecorsa logici al carico nominale
extra HA 1 +/-185° 105 °/s
2 da -5° a -140° 101 °/s
3 da +155° a -120° 107 °/s
4 +/-350° 292 °/s
5 +/-125° 258 °/s
6 +/-350° 284 °/s

Dati degli assi Asse Campo di movimentazione, Velocità


KR 90 R2900 limitato da finecorsa logici al carico nominale
extra HA 1 +/-185° 105 °/s
2 da -5° a -140° 101 °/s
3 da +155° a -120° 107 °/s
4 +/-350° 292 °/s
5 +/-125° 258 °/s
6 +/-350° 284 °/s

Dati degli assi Asse Campo di movimentazione, Velocità


KR 90 R3100 limitato da finecorsa logici al carico nominale
extra HA 1 +/-185° 105 °/s
2 da -5° a -140° 101 °/s
3 da +155° a -120° 107 °/s
4 +/-350° 292 °/s
5 +/-125° 258 °/s
6 +/-350° 284 °/s

16 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Zona di lavoro Nelle figure seguenti sono indicate le dimensioni e la forma della zona di lavo-
ro per le varianti "extra HA".
Punto di riferimento per la zona di lavoro è il punto d'intersezione degli assi 4
e 5.

Fig. 4-1: Zona di lavoro KR 120 R2700 extra HA

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 17 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-2: Zona di lavoro KR 90 R2900 extra HA

18 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Fig. 4-3: Zona di lavoro KR 90 R3100 extra HA

4.3 Carichi utili

Carichi Robot KR 120 R2700


KR 120 R2700 extra HA
extra HA Polso centrale PC 90/120
Carico nominale 120 kg

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 19 / 131


KR QUANTEC extra HA

Distanza del baricentro del carico Lz (orizzontale) 240 mm


Distanza del baricentro del carico Lxy (verticale) 270 mm
Momento d'inerzia delle masse ammesso 60 kgm2
Carico totale massimo 170 kg
Carico addizionale braccio 50 kg
Carico addizionale culla su richiesta
Carico addizionale giostra su richiesta
Carico addizionale basamento su richiesta

Carichi Robot KR 90 R2900


KR 90 R2900 extra HA
extra HA Polso centrale PC 90/120
Carico nominale 90 kg
Distanza del baricentro del carico Lz (orizzontale) 240 mm
Distanza del baricentro del carico Lxy (verticale) 270 mm
Momento d'inerzia delle masse ammesso 45 kgm2
Carico totale massimo 140 kg
Carico addizionale braccio 50 kg
Carico addizionale culla su richiesta
Carico addizionale giostra su richiesta
Carico addizionale basamento su richiesta

Carichi Robot KR 90 R3100


KR 90 R3100 extra HA
extra HA Polso centrale PC 90/120
Carico nominale 90 kg
Distanza del baricentro del carico Lz (orizzontale) 240 mm
Distanza del baricentro del carico Lxy (verticale) 270 mm
Momento d'inerzia delle masse ammesso 45 kgm2
Carico totale massimo 140 kg
Carico addizionale braccio 50 kg
Carico addizionale culla su richiesta
Carico addizionale giostra su richiesta
Carico addizionale basamento su richiesta

Baricentro del Il baricentro del carico per tutti i carichi utili si riferisce alla distanza dalla su-
carico P perficie della flangia dell'asse 6. Per conoscere la distanza nominale consul-
tare il diagramma del carico utile.

Diagramma di
carico

20 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Questa curva di carico corrisponde alla capacità di


carico massima. Devono essere verificati sempre en-
trambi i valori (carico utile e momento d'inerzia delle masse). Il superamento
provoca la riduzione della durata di vita del robot, il sovraccarico dei motori
e delle trasmissioni e rende necessaria in ogni caso una consultazione pre-
liminare con la KUKA Roboter GmbH.
I valori qui rilevati sono necessari per la pianificazione dell'impiego del robot.
Per la messa in funzione del robot occorrono dei dati addizionali secondo le
istruzioni operative e di programmazione del KUKA System Software.
Le inerzie delle masse devono essere verificate con KUKA.Load. È indispen-
sabile inserire i dati di carico nel controllo!

Fig. 4-4: Diagramma di carico

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 21 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-5: Diagramma di carico

22 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Fig. 4-6: Diagramma di carico

Nella figura è rappresentata la posizione della flangia d'attacco (>>> Fig. 4-


7 ) con gli assi 4 e 6 in posizione zero. Il simbolo Xm segna la posizione
dell'elemento di accoppiamento (boccola di guida) nella posizione zero.

Flangia d'attacco Tipo di polso centrale PC 90/120


D=125 mm Flangia d'attacco (cerchio primitivo) 125 mm
Qualità delle viti 10.9
Misura delle viti M10
Numero di viti di fissaggio 11
Lunghezza di serraggio 1,5 x diametro nominale
Profondità di avvitamento min. 12 mm, max. 16 mm
Elemento di accoppiamento 10H7
Norma Vedi figura (>>> Fig. 4-7 ).

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 23 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-7: Flangia d'attacco D=125

1 Lunghezza accoppiamento

Flangia d'attacco, Nella figura è rappresentata la posizione della flangia d'attacco (>>> Fig. 4-
adattatore 8 ) con gli assi 4 e 6 in posizione zero. Il simbolo Xm segna la posizione
(opzione) dell'elemento di accoppiamento (boccola di guida) nella posizione zero. I polsi
centrali 90/120 e 150/180/210 kg possono essere dotati di questo adattatore
per essere trasformati con una flangia d'attacco D=160. Il punto di riferimento
per il baricentro del carico rimane invariato come per la flangia d'attaco del pol-
so centrale.

Fig. 4-8: Flangia d'attacco, adattatore

1 Lunghezza dell'accoppiamento

24 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Carico Il robot può sostenere carichi addizionali (>>> Fig. 4-9 ) sul braccio. Nell'ap-
addizionale plicare i carichi addizionali osservare il carico totale massimo ammesso. Le di-
mensioni e le posizioni di montaggio possibili sono riportate nella figura
seguente.

Fig. 4-9: Carico addizionale braccio

1 Filetti di fissaggio 3 Superficie di appoggio


2 Ingombro braccio

4.4 Carichi sulla fondazione

Carichi sulla Le forze e i momenti indicati comprendono già il carico utile e la massa (peso)
fondazione del robot.

Fig. 4-10: Carichi sulla fondazione

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 25 / 131


KR QUANTEC extra HA

Tutte le varianti Forza/momento/massa


Fv = Forza verticale Fv max = 24 000 N
Fh = Forza orizzontale Fh max = 16 000 N
Mk = Momento d'inclinazione Mk max = 49 000 Nm
Mr = Momento di rotazione Mr max = 35 000 Nm
Massa totale per carico sulla fonda- KR 120 R2700 extra HA = 1
zione 224 kg
KR 90 R2900 extra HA = 1 211 kg
KR 90 R3100 extra HA = 1 219 kg

Robot KR 120 R2700 extra HA = 1.104


kg
KR 90 R2900 extra HA = 1.121 kg
KR 90 R3100 extra HA = 1.129 kg

Carico totale (carico addizionale KR 120 R2700 extra HA = 1.274


braccio + carico nominale) kg
KR 90 R2900 extra HA = 1.261 kg
KR 90 R3100 extra HA = 1.269 kg

I carichi sulla fondazione riportati nella tabella sono i


carichi massimi riscontrabili. Devono essere presi in
considerazione a fini di calcolo delle fondazioni e osservati obbligatoriamen-
te per ragioni di sicurezza.
I carichi addizionali sul basamento e sulla giostra non sono inclusi nei carichi
sulla fondazione. Per Fv è necessario considerare ancora questi carichi ad-
dizionali.

4.5 Misure di trasporto

Le misure di trasporto (>>> Fig. 7-2 ) per il robot sono indicate nella figura se-
guente. La posizione del baricentro e il peso variano a seconda dell'equipag-
giamento. Le misure indicate si riferiscono al robot senza attrezzatura. Nella
figura seguente sono indicate le misure del robot posto sul pavimento senza
supporti di legno per il trasporto.

Fig. 4-11: Carichi sulla fondazione

26 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

1 Baricentro
2 Robot

Misure di trasporto e baricentri

Robot con raggio A B C D E F


d'azione
R2700 1747 743 43 31 997 1625
R2900 1747 788 47 81 1150 1754
R3100 1943 789 46 62 1150 1754

4.6 Targhe e segnali

Targhe e segnali Sul robot è applicata la seguente segnaletica. Le targhe non devono essere
rimosse o rese irriconoscibili. Le targhette divenute illeggibili devono essere
sostituite.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 27 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-12: Targhe e segnali

28 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7 Spazi e tempi di arresto

4.7.1 Indicazioni generali

Indicazioni sui dati:


 Lo spazio di arresto è l'angolo che il robot percorre dall'attivazione del se-
gnale di stop al completo arresto.
 Il tempo di arresto è il tempo che passa dall'intervento del segnale di stop
all'arresto completo del robot.
 I dati sono rappresentati per gli assi base A1, A2 e A3. Gli assi base sono
gli assi con la deviazione maggiore.
 I movimenti sovrapposti degli assi possono prolungare gli spazi di arresto.
 Corse e tempi di arresto secondo DIN EN ISO 10218-1, allegato B.
 Categorie di Stop:
 Categoria Stop 0 » STOP 0
 Categoria Stop 1 » STOP 1
secondo IEC 60204-1
 I valori indicati per Stop 0 sono valori indicativi calcolati medianti prove e
simulazioni. Si tratta di valori medi che adempiono ai requisiti DIN EN ISO
10218-1. Gli spazi e i tempi di arresto effettivi possono discostarsi da que-
sti a causa degli influssi interni ed esterni sul momento frenante. In caso
di necessità si consiglia dunque di calcolare spazi e tempi di arresto alle
condizioni reali sul posto, durante l'impiego del robot.
 Metodo di misura
Gli spazi di arresto vengono misurati mediante il metodo di arresto interno
del robot.
 A seconda di modo operativo, impiego del robot e numero di STOP 0 atti-
vati, può verificarsi un'usura del freno diversa. SI consiglia dunque di veri-
ficare come minimo annualmente lo spazio di arresto.

4.7.2 Termini utilizzati

Termine Descrizione
m Massa di carico nominale e carico addizionale sul brac-
cio.
Phi Angolo di rotazione (°) intorno al rispettivo asse. Que-
sto valore può essere immesso e letto sul KCP nel con-
trollo.
POV Override di programma (%) = velocità di spostamento
del robot. Questo valore può essere immesso e letto
sul KCP nel controllo.
Sbraccio Distanza (l in %) (>>> Fig. 4-13 ) tra l'asse 1 e il punto
d'intersezione tra gli assi 4 e 5. Nei robot a parallelo-
gramma la distanza tra l'asse 1 e il punto d'intersezione
dell'asse 6 e la superficie della flangia d'attacco.
KCP Il terminale di programmazione KCP racchiude tutte le
possibilità di comando e visualizzazione necessarie
per utilizzare e programmare il sistema robot.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 29 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-13: Sbraccio

4.7.3 Spazi e tempi di arresto KR 120 R2700 extra HA

4.7.3.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3

La tabella illustra gli spazi e i tempi di arresto all'attivazione di uno STOP 0 del-
la categoria Stop 0. I valori si riferiscono alla seguente configurazione:
 Sbraccio l = 100%
 Override programma POV = 100%
 Massa m = carico massimo (carico nominale + carico addizionale sul brac-
cio)
Spazio di arresto (°) Tempo di arresto (s)
Asse 1 42,99 0,634
Asse 2 31,79 0,477
Asse 3 32,45 0,41

30 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.3.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1

Fig. 4-14: Spazi di arresto STOP 1, asse 1

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 31 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-15: Tempi di arresto STOP 1, asse 1

32 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.3.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2

Fig. 4-16: Spazi di arresto STOP 1, asse 2

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 33 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-17: Tempi di arresto STOP 1, asse 2

34 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.3.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-18: Spazi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-19: Tempi di arresto STOP 1, asse 3

4.7.4 Spazi e tempi di arresto KR 90 R2900 extra HA

4.7.4.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3

La tabella illustra gli spazi e i tempi di arresto all'attivazione di uno STOP 0 del-
la categoria Stop 0. I valori si riferiscono alla seguente configurazione:
 Sbraccio l = 100%
 Override programma POV = 100%
 Massa m = carico massimo (carico nominale + carico addizionale sul brac-
cio)
Spazio di arresto (°) Tempo di arresto (s)
Asse 1 43,62 0,646
Asse 2 31,95 0,485
Asse 3 30,66 0,382

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 35 / 131


KR QUANTEC extra HA

4.7.4.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1

Fig. 4-20: Spazi di arresto STOP 1, asse 1

36 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Fig. 4-21: Tempi di arresto STOP 1, asse 1

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 37 / 131


KR QUANTEC extra HA

4.7.4.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2

Fig. 4-22: Spazi di arresto STOP 1, asse 2

38 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

Fig. 4-23: Tempi di arresto STOP 1, asse 2

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 39 / 131


KR QUANTEC extra HA

4.7.4.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-24: Spazi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-25: Tempi di arresto STOP 1, asse 3

4.7.5 Spazi e tempi di arresto KR 90 R3100 extra HA

4.7.5.1 Spazi e tempi di arresto STOP 0, assi da 1 a 3

La tabella illustra gli spazi e i tempi di arresto all'attivazione di uno STOP 0 del-
la categoria Stop 0. I valori si riferiscono alla seguente configurazione:
 Sbraccio l = 100%
 Override programma POV = 100%
 Massa m = carico massimo (carico nominale + carico addizionale sul brac-
cio)
Spazio di arresto (°) Tempo di arresto (s)
Asse 1 45,83 0,687
Asse 2 38,09 0,586
Asse 3 30,08 0,382

40 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.5.2 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 1

Fig. 4-26: Spazi di arresto STOP 1, asse 1

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 41 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-27: Tempi di arresto STOP 1, asse 1

42 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.5.3 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 2

Fig. 4-28: Spazi di arresto STOP 1, asse 2

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 43 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 4-29: Tempi di arresto STOP 1, asse 2

44 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


4 Dati tecnici

4.7.5.4 Spazi e tempi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-30: Spazi di arresto STOP 1, asse 3

Fig. 4-31: Tempi di arresto STOP 1, asse 3

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 45 / 131


KR QUANTEC extra HA

46 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

5 Sicurezza

5.1 In generale

Il presente capitolo "Sicurezza" si riferisce ai componenti meccanici


di un robot industriale.
Nel caso i componenti meccanici siano impiegati insieme a un con-
trollo robot KUKA, il capitolo "Sicurezza" da osservare è quello del ma-
nuale operativo o delle istruzioni di montaggio del controllo robot.
Qui sono contenute tutte le informazioni del presente capitolo "Sicurez-
za". Vi sono inoltre riportate le informazioni sulla sicurezza relative al
controllo robot, da osservare rigorosamente.
 Il termine "Robot industriale" usato nel presente capitolo "Sicurezza" si
riferisce anche al singolo componente meccanico, se applicabile.

5.1.1 Responsabilità

L'apparecchio descritto nella presente documentazione è un robot industriale


o un suo componente.
Componenti del robot industriale:
 Manipolatore
 Controllo robot
 Terminale di programmazione
 Cavi di collegamento
 Assi addizionali (opzionali)
ad es. unità lineare, tavola inclinabile rotante, posizionatore
 Software
 Opzioni, accessori
Il robot industriale è conforme allo stato attuale della tecnica e alle prescrizioni
di sicurezza valide. Tuttavia, un uso scorretto e non conforme può causare pe-
ricoli di ferimento e di morte delle persone, danni al robot industriale e altri
danni materiali.
Il robot industriale può essere utilizzato solo se in perfetto stato tecnico, esclu-
sivamente per gli impieghi conformi alla sua destinazione d'uso, nel rispetto
delle misure di sicurezza e nella consapevolezza dei pericoli. L'utilizzo deve
avvenire in conformità delle indicazioni contenute nella presente documenta-
zione e della dichiarazione di incorporazione inclusa nella fornitura del robot
industriale. Provvedere all'eliminazione immediata di guasti che potrebbero
compromettere la sicurezza.

Informazioni di Le indicazioni di sicurezza non possono essere interpretate a sfavore di KUKA


sicurezza Roboter GmbH. Anche se sono rispettate tutte le indicazioni di sicurezza, non
è possibile garantire che il robot industriale non causi lesioni o danni.
Non è consentito apportare modifiche al robot industriale senza previa auto-
rizzazione di KUKA Roboter GmbH. Nel robot industriale possono essere in-
tegrati dei componenti aggiuntivi (utensili, software, ecc.) non compresi nella
fornitura di KUKA Roboter GmbH. La responsabilità per eventuali danni pro-
vocati al robot industriale o ad altri oggetti da questi componenti ricade sull'uti-
lizzatore.
A completamento del capitolo sulla sicurezza, in questa documentazione sono
contenute ulteriori indicazioni di sicurezza. Si è tenuti ad osservare anche que-
ste indicazioni.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 47 / 131


KR QUANTEC extra HA

5.1.2 Utilizzo conforme alla destinazione del robot industriale

Il robot industriale è previsto esclusivamente per essere utilizzato per gli scopi
indicati nel manuale operativo o nelle di istruzioni di montaggio al capitolo "De-
stinazione d'uso".

Ulteriori informazioni sono riportate al capitolo "Destinazione d'uso"


del manuale operativo oppure delle istruzioni per il montaggio del ro-
bot industriale.

Un impiego diverso o che esula da quello previsto è da considerarsi scorretto


e non ammesso. Il costruttore non si assume alcuna responsabilità per i danni
derivanti da tale impiego scorretto. Il rischio è esclusivamente a carico
dell'utente.
Fa parte dell'impiego conforme alla destinazione anche il rispetto del manuale
operativo e di montaggio dei singoli componenti e in particolare l'osservanza
delle prescrizioni di manutenzione.

Impiego Sono considerate improprie, e pertanto non ammesse, tutte le applicazioni dif-
improprio ferenti dall'utilizzo conforme alla destinazione, quali ad esempio:
 trasporto di persone e animali
 utilizzo come mezzo di salita
 utilizzo al di fuori dei limiti di esercizio consentiti
 utilizzo in zone a rischio di esplosione
 utilizzo senza i dispositivi di protezione aggiuntivi
 utilizzo all'aperto
 utilizzo per lavori sotterranei

5.1.3 Dichiarazione di conformità CE e dichiarazione di incorporazione

Il presente robot industriale rappresenta una quasi-macchina ai sensi della di-


rettiva macchine CE. Il robot industriale può essere messo in servizio solo alle
seguenti condizioni:
 Il robot industriale è integrato in un impianto.
Oppure: Il robot industriale costituisce un impianto con altre macchine.
Oppure: Il robot industriale è stato completato con tutte le funzioni di sicu-
rezza e i dispositivi di protezione necessari per una macchina finale ai sen-
si della direttiva macchine CE.
 L'impianto è conforme alla direttiva macchine CE. Ciò è stato definito me-
diante un processo di valutazione della conformità.

Dichiarazione di L'integratore del sistema deve produrre una dichiarazione di conformità se-
conformità condo la direttiva macchine per l'intero impianto. La dichiarazione di conformi-
tà è fondamentale per apporre la marcatura CE sull'impianto. Il robot
industriale può essere utilizzato solo in modo conforme alle leggi, prescrizioni
e norme in vigore nei singoli stati.
Il controllo robot è dotato di una certificazione CE secondo la direttiva sulla
compatibilità elettromagnetica e sulla bassa tensione.

Dichiarazione di Il robot industriale è consegnato quale quasi-macchina munito di una dichia-


incorporazione razione di incorporazione conforme all'allegato II B della direttiva macchine
2006/42/CE. Fanno parte di questa dichiarazione di incorporazione un elenco
dei requisiti essenziali applicati ai sensi dell'allegato I e le istruzioni di montag-
gio.
Con la dichiarazione di incorporazione si dichiara che la messa in servizio del-
la quasi-macchina non è consentita, finché la macchina finale in cui deve es-

48 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

sere incorporata non è stata dichiarata conforme alle disposizioni della


Direttiva Macchine CE e non è stata redatta una dichiarazione CE di confor-
mità ai sensi dell'allegato II A.
La dichiarazione di incorporazione, con i suoi allegati, rimane presso l'integra-
tore di sistema e costituisce parte integrante della documentazione tecnica
della macchina finale.

5.1.4 Termini utilizzati

Termine Descrizione
Zona dell'asse Zona di ciascun asse indicata in gradi o millimetri entro la quale si può
muovere l'asse. La zona dell'asse deve essere definita per ciascun
asse.
Spazio di arresto Spazio di arresto = spazio di reazione + spazio di frenata
Lo spazio di arresto fa parte della zona di pericolo.
Zona di lavoro La zona di lavoro è la zona all'interno della quale può muoversi il mani-
polatore. La zona di lavoro è costituita dalle singole zone asse.
Utilizzatore L'utilizzatore di un robot industriale può essere l'azienda, il datore di
(utente) lavoro o la persona delegata responsabile dell'utilizzo del robot indu-
striale.
Zona di pericolo La zona di pericolo comprende la zona di lavoro e gli spazi di arresto.
Durata utile La durata utile di un componente rilevante per la sicurezza incomincia
dal momento della consegna del pezzo al cliente.
La durata utile non cambia sia che il pezzo venga utilizzato o meno in un
controllo robot o altrove, in quanto i componenti di sicurezza invec-
chiano anche durante il magazzinaggio.
KCP Il terminale di programmazione KCP (KUKA Control Panel) racchiude
tutti gli elementi di comando e visualizzazione necessari per comandare
e programmare il robot industriale.
La variante del KCP per il KR C4 è chiamata KUKA smartPAD. Nella
presente documentazione viene tuttavia normalmente utilizzata la deno-
minazione generale KCP.
KUKA smartPAD vedi KCP
Manipolatore Organi meccanici del robot e relativa installazione elettrica
Zona di sicurezza La zona di sicurezza si trova fuori dalla zona di pericolo.
Categoria Stop 0 Gli azionamenti vengono disattivati immediatamente e intervengono i
freni. Il manipolatore e gli assi addizionali (opzionali) frenano in prossi-
mità del percorso.
Nota: Nel documento, questa categoria Stop viene denominata STOP 0.
Categoria Stop 1 Il manipolatore e gli assi addizionali (opzionali) frenano lungo il per-
corso. Dopo 1 sec. gli azionamenti vengono disattivati e intervengono i
freni.
Nota: Nel documento, questa categoria Stop viene denominata STOP 1.
Categoria Stop 2 Gli azionamenti non vengono disattivati e i freni non intervengono. Il
manipolatore e gli assi addizionali (opzionali) si arrestano con una
rampa di frenata normale.
Nota: Nel documento, questa categoria Stop viene denominata STOP 2.
Integratore di sistema Gli integratori di sistema sono persone che integrano il robot industriale
(Integratore in un impianto e si occupano della sua messa in funzione nel rispetto
d'impianto) delle misure di sicurezza.
T1 Modo operativo test Manuale velocità ridotta (<= 250 mm/s)

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 49 / 131


KR QUANTEC extra HA

Termine Descrizione
T2 Modo operativo test Manuale velocità elevata (> 250 mm/s ammessa)
Asse addizionale Asse di spostamento che non appartiene al manipolatore ma che è
comandato con il controllo robot. Ad es. unità lineare KUKA, tavola incli-
nabile rotante, Posiflex.

5.2 Personale

Per il funzionamento del robot industriale si distinguono le seguenti persone o


gruppi di persone:
 Utilizzatore
 Personale

Tutte le persone che lavorano sul robot industriale devono avere letto
e compreso la documentazione relativa al robot industriale, in parti-
colare il capitolo sulla sicurezza.

Utilizzatore L'utilizzatore è tenuto a osservare le norme antinfortunistiche. Ad esempio:


 L'utilizzatore non deve trascurare i suoi obblighi di sorveglianza.
 L'utilizzatore è tenuto a impartire le istruzioni a intervalli definiti.

Personale Il personale deve essere istruito prima di iniziare i lavori sul genere e sull'entità
dei lavori da svolgere, nonché sui possibili pericoli. Le istruzioni devono esse-
re impartite su base regolare. Opportune indicazioni devono essere inoltre im-
partire dopo qualsiasi evento particolare e in seguito a modifiche tecniche.
Il personale comprende:
 l'integratore di sistema
 gli utenti, suddivisi in:
 personale addetto alla messa in funzione, manutenzione e di servizio
 gli operatori
 il personale addetto alla pulizia

L'installazione, la sostituzione, la regolazione, il comando, la manu-


tenzione e le riparazioni devono essere eseguite nel rispetto delle
prescrizioni del manuale operativo o delle istruzioni di montaggio dei
rispettivi componenti del robot industriale ed esclusivamente ad opera di per-
sonale qualificato, specializzato in materia.

Integratore di L'integrazione del robot industriale in un impianto deve essere effettuata


sistema dall'integratore di sistema nel rispetto delle misure di sicurezza.
L'integratore di sistema deve svolgere le seguenti mansioni:
 Installazione del robot industriale
 Collegamento del robot industriale
 Esecuzione della valutazione dei rischi
 Applicazione delle funzioni di sicurezza e dei dispositivi di protezione ne-
cessari
 Rilascio della dichiarazione di conformità
 Apposizione della marcatura CE
 Elaborazione del manuale operativo per l'impianto

Utente Requisiti per l'utente:


 L'utente deve avere ricevuto la preparazione tecnica necessaria per ese-
guire correttamente le sue mansioni.

50 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

 I lavori sul robot industriale devono essere eseguiti esclusivamente da


personale qualificato. Per personale qualificato si intendono persone che,
sulla base della loro formazione specialistica, delle loro conoscenze e del-
la loro esperienza, nonché sulla base della conoscenza delle norme perti-
nenti, sono in grado di valutare i lavori da eseguire e di riconoscere
eventuali rischi.

Esempio Le mansioni del personale possono essere suddivise come indicato nella se-
guente tabella.

Integratore di
Mansioni Operatore Programmatore
sistema
Attivazione/disattiva-
x x x
zione del controllo robot
Avvio del programma x x x
Seleziona programma x x x
Selezione del modo ope-
x x x
rativo
Misurazione
x x
(Tool, Base)
Calibrazione del manipo-
x x
latore
Configurazione x x
Programmazione x x
Messa in servizio x
Manutenzione x
Riparazioni x
Messa fuori servizio x
Trasporto x

I lavori sull'impianto elettrico e sugli organi meccanici del robot indu-


striale devono essere effettuati esclusivamente da personale specia-
lizzato.

5.3 Zona di lavoro, zona di sicurezza e zona di pericolo

Limitare al minimo necessario le zone di lavoro. La zona di lavoro deve essere


resa sicura mediante dei dispositivi di protezione.
I dispositivi di protezione (ad es. cancelli di protezione) devono trovarsi nella
zona di sicurezza L'attivazione di uno stop provoca il rallentamento del mani-
polatore e degli assi addizionali (opzionali) e il loro arresto nella zona di peri-
colo.
La zona di pericolo comprende la zona di lavoro e gli spazi di arresto del ma-
nipolatore e degli assi addizionali (opzionali). Tali zone devono essere rese si-
cure mediante dei dispositivi di protezione di sezionamento, in modo da
escludere eventuali rischi per persone o cose.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 51 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 5-1: Esempio zona di lavoro dell'asse A1

1 Zona di lavoro 3 Spazio di arresto


2 Manipolatore 4 Zona di sicurezza

5.4 Schema attrezzatura di protezione

L'attrezzatura di protezione del componente meccanico può comprendere:


 Finecorsa meccanici
 Delimitazione meccanica della zona di lavoro dell'asse (opzione)
 Sorveglianza della zona di lavoro dell'asse (opzione)
 Dispositivo di rotazione libera (opzione)
 Segnalazioni dei punti di pericolo
Non tutte le attrezzature possono essere impiegate per tutti i componenti mec-
canici.

5.4.1 Finecorsa meccanici

Le zone degli assi base e del polso del manipolatore sono in parte limitate, a
seconda della variante robot, da finecorsa meccanici.
Sugli assi addizionali possono essere montati altri finecorsa meccanici.

In caso il manipolatore o un asse addizionale urti con-


tro un ostacolo, il tampone di un finecorsa meccanico
o una delimitazione della zona di lavoro dell'asse, il robot industriale potreb-
be riportare dei danni. Il manipolatore deve essere messo fuori servizio. Il ro-
bot può essere riavviato solo previa consultazione con KUKA Roboter GmbH
(>>> 11 "Assistenza KUKA" Pagina 119).

5.4.2 Delimitazione meccanica della zona di lavoro dell'asse (opzione)

Alcuni manipolatori possono essere dotati sugli assi A1 - A3 di delimitazioni


meccaniche della zona di lavoro degli assi. Le delimitazioni regolabili della

52 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

zona di lavoro degli assi limitano la zona di lavoro al minimo necessario. Que-
sto aumenta il grado di protezione delle persone e dell'impianto.
Per i manipolatori che non sono predisposti per la dotazione di delimitazioni
meccaniche della zona di lavoro dell'asse, la zona di lavoro deve essere strut-
turata in modo tale da escludere pericoli per persone o cose anche senza de-
limitazioni meccaniche della zona di lavoro dell'asse.
Se ciò non fosse possibile, la zona di lavoro deve essere limitata da barriere
fotoelettriche, cortine luminose o barriere sul lato impianto. Nella zona di cari-
camento e consegna non devono essere presenti punti di schiacciamento e
cesoiamento.

Questa opzione non è disponibile per tutti i modelli di robot. Per infor-
mazioni relative a determinati modelli di robot si prega di rivolgersi a
KUKA Roboter GmbH.

5.4.3 Sorveglianza della zona di lavoro dell'asse (opzione)

Alcuni manipolatori possono essere dotati sugli assi base A1 - A3 di sistemi di


monitoraggio della zona di lavoro degli assi a 2 canali. Gli assi del posiziona-
tore possono essere equipaggiati con altri monitoraggi degli assi. Il monitorag-
gio della zona di lavoro degli assi consente di impostare e controllare la zona
di sicurezza per ciascun asse. Questo aumenta il grado di protezione delle
persone e dell'impianto.

Questa opzione non è disponibile per tutti i modelli di robot. Per infor-
mazioni relative a determinati modelli di robot si prega di rivolgersi a
KUKA Roboter GmbH.

5.4.4 Possibilità di spostare il manipolatore senza controllo robot

Descrizione Per spostare manualmente il manipolatore dopo un incidente o un guasto si


hanno le seguenti possibilità:
 Dispositivo di rotazione libera (opzione)
Il dispositivo di rotazione libera può essere utilizzato per i motori di azio-
namento degli assi base e, a seconda della variante di robot utilizzata, an-
che per i motori di azionamento degli assi del polso.
 Dispositivo di apertura freni (opzione)
Il dispositivo di apertura freni è previsto per le varianti di robot i cui motori
non sono liberamente accessibili.
 Spostare gli assi del polso direttamente a mano
Per le varianti della classe di portate basse non è disponibile il dispositivo
di rotazione libera per gli assi del polso. Questo, infatti, non è necessario,
in quanto gli assi del polso possono essere spostati direttamente a mano.
Queste possibilità devono essere impiegate soltanto in situazioni eccezionali
e in casi di emergenza (ad es. per liberare persone).

Per informazioni su quali possibilità sono disponibili per i vari modelli


robot, rivolgersi a KUKA Roboter GmbH.

Durante il funzionamento, i motori raggiungono tem-


perature che possono provocare ustioni della pelle.
Evitare il contatto. È necessario prendere misure di protezione idonee, ad es.
indossare guanti di protezione.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 53 / 131


KR QUANTEC extra HA

Procedimento Muovere il manipolatore con il dispositivo di rotazione libera:

Osservare con precisione la procedura seguente!

1. Spegnere il controllo robot e assicurarlo contro la possibilità di riavvio da


parte di persone non autorizzate (ad es. con un lucchetto).
2. Rimuovere la calotta di protezione sul motore.
3. Posizionare il dispositivo di rotazione libera sul motore interessato e spo-
stare l'asse nella direzione desiderata.
Le direzioni sono indicate dalle frecce sui motori. Vincere la resistenza del
freno motore meccanico e di eventuali carichi addizionali dell'asse.

Se si sposta un asse con il dispositivo di rotazione li-


bera, c'è pericolo di danneggiare il freno motore. Ciò
può provocare danni a cose e persone. Dopo avere impiegato il dispositivo
di rotazione libera è necessario sostituire il motore.

Se un asse del robot è stato spostato con il dispositivo


di rotazione libera, tutti gli assi del robot devono esse-
re ricalibrati. In caso contrario sussiste il pericolo di gravi lesioni o significativi
danni materiali.

Procedimento Muovere il manipolatore con l'apparecchio di apertura freni:

Se si utilizza il dispositivo di apertura freni, possono


verificarsi movimenti inaspettati del robot, in partico-
lare per la caduta degli assi. Durante l'utilizzo del dispositivo di apertura freni,
è necessario prestare attenzione a questi movimenti per evitare lesioni o
danni materiali. È vietato sostare sotto gli assi in movimento.

Osservare con precisione la procedura seguente!

1. Spegnere il controllo robot e assicurarlo contro la possibilità di riavvio da


parte di persone non autorizzate (ad es. con un lucchetto).
2. Collegare l'apparecchio di apertura freni sul sul basamento del robot:
estrarre la spina X30 sull'interfaccia A1. Inserire la spina X20 dell'apparec-
chio di apertura freni sull'interfaccia A1.
3. Selezionare i freni da aprire mediante il selettore sull'apparecchio di aper-
tura freni (assi principali, assi manuali).
4. Premere il pulsante sull'apparecchio manuale.
I freni degli assi principali o degli assi manuali si aprono e il robot può es-
sere spostato manualmente.

Ulteriori informazioni sull'apparecchio di apertura freni sono riportate


nella relativa documentazione.

5.4.5 Contrassegni presenti sul robot industriale

Tutte le targhette, le indicazioni, i simboli e le marcature sono parti del robot


industriale rilevanti per la sicurezza. Non devono essere modificati o rimossi.
I contrassegni presenti sul robot industriale sono:
 Targhette dati macchina
 Segnali di avviso
 Simboli concernenti la sicurezza

54 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

 Targhette d'identificazione
 Marcature dei cavi
 Targhette d'identificazione del modello

Ulteriori informazioni a riguardo sono riportate nei dati tecnici dei ma-
nuali operativi o delle istruzioni di montaggio dei componenti del robot
industriale.

5.5 Misure di sicurezza

5.5.1 Misure generali di sicurezza

Il robot industriale può essere utilizzato solo se in perfetto stato tecnico, esclu-
sivamente per gli impieghi conformi alla sua destinazione d'uso e nel rispetto
delle misure di sicurezza. Un utilizzo scorretto potrebbe provocare danni a
cose e persone.
Anche quando il controllo robot è disinserito e bloccato possono verificarsi dei
movimenti del robot industriale. In caso di montaggio scorretto (ad es. sovrac-
carico) o di guasti meccanici (ad es. guasto dei freni), può verificarsi un crollo
del manipolatore o degli assi addizionali. Se vengono effettuati dei lavori sul
robot industriale disinserito, il manipolatore e gli assi addizionali devono esse-
re precedentemente traslati in modo che non possano muoversi autonoma-
mente, con o senza il carico. Quando questo non risulta possibile, il
manipolatore e gli assi addizionali devono essere adeguatamente bloccati.

Se privo di funzioni di sicurezza e dispositivi di prote-


zione funzionanti, il robot industriale può causare
danni a cose o persone. Se si smontano o disattivano le funzioni di sicurezza
o i dispositivi di protezione, il robot industriale non deve essere messo in fun-
zione.

La permanenza sotto agli organi meccanici del robot


può provocare lesioni gravi, anche mortali. Per tale
motivo è vietato sostare sotto agli organi meccanici del robot!

Durante il funzionamento, i motori raggiungono tem-


perature che possono provocare ustioni della pelle.
Evitare il contatto. È necessario prendere misure di protezione idonee, ad es.
indossare guanti di protezione.

KCP L'utente deve assicurarsi che il robot industriale sia comandato con il KCP
esclusivamente da personale autorizzato.
Se vengono utilizzati più KCP su un impianto, è necessario assicurarsi che
ciascun KCP sia assegnato univocamente al rispettivo robot industriale. Non
devono avvenire scambi.

L'utilizzatore deve garantire che i KCP disaccoppiati


vengano rimossi immediatamente dall'impianto e
vengano custoditi lontano dal personale che lavora sul robot industriale.
Questa misura è intesa ad evitare equivoci tra dispositivi di ARRESTO
D'EMERGENZA attivi e non attivi.
In caso di mancata osservanza, sussiste il pericolo di morte, gravi lesioni o
significativi danni materiali.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 55 / 131


KR QUANTEC extra HA

Tastiera esterna, Una tastiera esterna e/o un mouse esterno possono essere utilizzati solo alle
mouse esterno seguenti condizioni:
 Vengono eseguiti gli interventi di messa in servizio o di manutenzione.
 Gli azionamenti sono disinseriti.
 Nessuna persona si trova nella zona di pericolo.
Il KCP non deve essere utilizzato finché sono collegati tastiera e/o mouse
esterni.
La tastiera e/o il mouse esterni devono essere rimossi alla conclusione dei la-
vori di messa in servizio o di manutenzione o al collegamento del KCP.

Guasti In caso di guasto al robot industriale procedere come segue:


 Spegnere il controllo robot e bloccarlo contro la possibilità di riaccensione
da parte di persone non autorizzate (ad es. con un lucchetto).
 Segnalare il guasto con un cartello recante il relativo avvertimento.
 Annotare le informazioni relative al guasto.
 Eliminare il guasto e verificare la funzionalità del sistema.

Modifiche Una volta completate le modifiche al robot industriale è necessario controllare


che sia garantito il livello di sicurezza richiesto. Per questo controllo devono
essere rispettate le norme antinfortunistiche nazionali o regionali in vigore.
Inoltre, è necessario controllare che tutti i circuiti elettrici di sicurezza funzioni-
no in modo sicuro.
I nuovi programmi e i programmi modificati devono essere sempre preventi-
vamente testati nel modo operativo manuale velocità ridotta (T1).
In seguito a modifiche del robot industriale, i programmi esistenti devono es-
sere sempre preventivamente testati nel modo operativo manuale velocità ri-
dotta (T1). Ciò vale per tutti i componenti del robot industriale, incluse le
modifiche del software e delle impostazioni di configurazione.

5.5.2 Trasporto

Manipolatore Per il trasporto del manipolatore è necessario rispettare la posizione di tra-


sporto prescritta. Il trasporto deve avvenire nel rispetto delle indicazioni ripor-
tate nel manuale operativo o nelle istruzioni di montaggio del manipolatore.

Controllo robot Per il trasporto del controllo robot è necessario rispettare la posizione di tra-
sporto prescritta. Il trasporto deve avvenire nel rispetto delle indicazioni ripor-
tate nel manuale operativo o nelle istruzioni di montaggio del controllo robot.
Durante il trasporto, evitare vibrazioni o urti che potrebbero danneggiare il
controllo robot.

Asse addizionale Per il trasporto dell'asse addizionale (ad es. unità lineare, tavola inclinabile ro-
(opzione) tante, posizionatore KUKA) è necessario rispettare la posizione di trasporto
prescritta. Il trasporto deve avvenire nel rispetto delle indicazioni riportate nel
manuale operativo o nelle istruzioni di montaggio dell'asse addizionale.

5.5.3 Messa in servizio e riavvio

Prima della prima messa in servizio di impianti e dispositivi deve essere ese-
guito un controllo atto a garantire che gli impianti e i dispositivi siano completi
e funzionanti, possano funzionare in modo sicuro e che vengano riconosciuti
eventuali danni.
Per questo controllo devono essere rispettate le norme antinfortunistiche na-
zionali o regionali in vigore. Inoltre, è necessario controllare che tutti i circuiti
elettrici di sicurezza funzionino in modo sicuro.

56 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

Le password per la registrazione quale esperto e amministratore nel


software di sistema KUKA devono essere modificate prima della
messa in servizio e devono essere comunicate unicamente a perso-
nale autorizzato.

Il controllo robot è preconfigurato per uno specifico


robot industriale. In caso di inversione dei cavi, il ma-
nipolatore e gli assi addizionali (opzionali) possono ricevere dati errati e quin-
di provocare danni a cose e persone. Quando un impianto è costituito da più
manipolatori, allacciare i cavi di collegamento sempre ai manipolatori e ai ri-
spettivi controlli robot.

Per l'integrazione nel robot industriale di componenti aggiuntivi (ad


es. cavi) non inclusi nella fornitura di KUKA Roboter GmbH, l'utilizza-
tore è tenuto ad assicurare che questi componenti non possano com-
promettere o disattivare le funzioni di sicurezza.

Quando la temperatura all'interno dell'armadio del


controllo robot differisce notevolmente dalla tempera-
tura dell'ambiente circostante, è possibile che si formi della condensa, la
quale provoca danni al sistema elettrico. Il controllo robot può essere messo
in servizio solo quando la temperatura interna dell'armadio si è adeguata alla
temperatura ambiente.

Controllo Prima della messa in servizio e del riavvio devono essere eseguiti i seguenti
funzionale controlli:
È necessario garantire quanto segue:
 Il robot industriale è installato e fissato correttamente in conformità a quan-
to indicato nella documentazione.
 Non vi sono oggetti estranei o parti difettose, allentate o lasche nel robot.
 Tutti i dispositivi di protezione necessari sono installati correttamente e ri-
sultano funzionanti.
 I valori di allacciamento del robot industriale corrispondono alla tensione
di rete e al tipo di sistema elettrico del luogo.
 Il conduttore di protezione e il cavo di compensazione del potenziale sono
dimensionati adeguatamente e collegati correttamente.
 I cavi di collegamento sono collegati correttamente e i connettori sono ser-
rati.

Dati macchina Assicurarsi che sulla targhetta d'identificazione presente sul controllo robot
siano indicati gli stessi dati macchina riportati nella dichiarazione di incorpora-
zione. I dati macchina indicati sulla targhetta del manipolatore e degli assi ad-
dizionali (opzionali) devono essere inseriti durante la messa in servizio.

Se vengono caricati i dati macchina sbagliati, il robot


non deve essere messo in movimento! In caso con-
trario sussiste il pericolo di morte, gravi lesioni o significativi danni materiali.
Devono essere caricati i dati macchina corretti.

5.5.4 Funzionamento manuale

Il funzionamento manuale è il modo operativo per i lavori di regolazione. I la-


vori di regolazione sono tutti quei lavori da eseguire sul robot industriale per

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 57 / 131


KR QUANTEC extra HA

poter avviare il funzionamento automatico. Fanno parte dei lavori di regolazio-


ne:
 Comando ad impulsi
 Teaching
 Programmazione
 Verifica di programma
Per il funzionamento manuale tenere presente quanto segue:
 Quando gli azionamenti non sono utilizzati, devono essere disinseriti, per
evitare spostamenti accidentali del manipolatore o degli assi addizionali
(opzionali).
I nuovi programmi e i programmi modificati devono essere sempre preven-
tivamente testati nel modo operativo manuale velocità ridotta (T1).
 Gli utensili, il manipolatore o gli assi addizionali (opzionali) non devono in
nessun caso toccare la recinzione o sporgere al di là di quest'ultima.
 La traslazione del robot industriale non deve causare l'imprigionamento o
la caduta di elementi, utensili e altri oggetti e nemmeno provocare corto-
circuiti.
 Tutti gli interventi di regolazione devono essere eseguiti per quanto possi-
bile dall'esterno dell'area protetta da dispositivi di protezione.
Se è necessario eseguire gli interventi di regolazione dall'interno dell'area pro-
tetta da dispositivi di protezione, tenere presente quanto segue.
Nel modo operativo Manuale velocità ridotta (T1):
 Se può essere evitato, nessun'altra persona deve trovarsi all'interno
dell'area protetta da dispositivi di protezione.
Se è necessario che altre persone si trovino all'interno dell'area protetta
da dispositivi di protezione, tenere presente quanto segue:
 Ciascuna persona deve avere a disposizione un dispositivo di consen-
so.
 Tutte le persone devono avere una visuale inostacolata sul robot indu-
striale.
 Tutte le persone devono poter sempre mantenere il contatto visivo tra
di loro.
 L'operatore deve assumere una posizione che gli consenta di vedere la
zona di pericolo e di evitare pericoli.
Nel modo operativo Manuale velocità elevata (T2):
 Questo modo operativo deve essere utilizzato solo se l'applicazione ri-
chiede una prova a una velocità maggiore di quella del modo operativo
Manuale velocità ridotta.
 Il teaching e la programmazione non sono ammessi in questo modo ope-
rativo.
 Prima dell'inizio della prova, l'operatore deve assicurarsi che i dispositivi
di consenso funzionino correttamente.
 L'operatore deve assumere una posizione all'esterno della zona di perico-
lo.
 Nessun'altra persona deve trovarsi all'interno dell'area protetta da dispo-
sitivi di protezione. L'operatore se ne assume la responsabilità.

58 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

5.5.5 Funzionamento in automatico

Il funzionamento in automatico è consentito solo se vengono rispettate le se-


guenti misure di sicurezza:
 Tutti i dispositivi di sicurezza e protezione sono presenti e funzionanti.
 Non vi sono persone all'interno dell'impianto.
 Le procedure di lavoro stabilite sono rispettate.
In caso di arresto apparentemente immotivato del manipolatore o di un asse
addizionale (opzionale), è possibile accedere alla zona di pericolo solo dopo
avere azionato un ARRESTO D'EMERGENZA.

5.5.6 Manutenzione e riparazione

Al termine degli interventi di manutenzione e riparazione è necessario control-


lare che sia garantito il grado di sicurezza necessario. Per l'esecuzione di que-
sto controllo vanno rispettate le norme antinfortunistiche nazionali o regionali
in vigore. Inoltre, è necessario controllare che tutte le funzioni di sicurezza
operino in modo sicuro.
La manutenzione e la riparazione devono garantire il mantenimento dello sta-
to funzionante del sistema o, in caso di guasto, il suo ripristino. La riparazione
comprende la ricerca e l'eliminazione dei guasti.
Le misure di sicurezza da rispettare durante lo svolgimento degli interventi sul
robot industriale sono:
 Eseguire gli interventi fuori dalla zona di pericolo. Se gli interventi devono
essere eseguiti all'interno della zona di pericolo, l'utilizzatore deve definire
delle misure di protezione supplementari per garantire la protezione ade-
guata del personale.
 Spegnere il robot industriale e bloccarlo contro la possibilità di riaccensio-
ne (ad es. con un lucchetto). Se gli interventi devono essere eseguiti a
controllo robot acceso, l'utilizzatore deve definire delle misure di protezio-
ne supplementari per garantire una protezione personale adeguata.
 Se dovesse essere inevitabile eseguire le operazioni con il controllo robot
attivo, effettuarle esclusivamente nel modo operativo T1.
 Segnalare i lavori in corso apponendo un cartello sull'impianto. Questo
cartello deve essere presente anche in caso di temporanea sospensione
dei lavori.
 I dispositivi di ARRESTO D'EMERGENZA devono rimanere attivi. Nel
caso in cui occorra disattivare le funzioni di sicurezza e i dispositivi di pro-
tezione per eseguire di lavori di manutenzione o riparazione, ripristinare
immediatamente la loro funzione di protezione alla conclusione dei lavori.

Prima di eseguire lavori su parti del sistema robotico


sotto tensione, spegnere l'interruttore principale e
bloccarlo per evitare che venga reinserito. La linea di alimentazione elettrica
è priva di tensione. Quindi verificare che non vi sia più tensione nel controllo
robot e nella linea di alimentazione.
Con il controllo robot KR C4 o VKR C4:
Per lavorare su parti sotto tensione non è sufficiente azionare un arresto di
emergenza o un arresto di sicurezza, in quanto con i sistemi di azionamento
di ultima generazione il sistema robotico in questo caso non viene separato
dalla rete elettrica. Alcune parti continuano a rimanere sotto tensione. Sussi-
ste pericolo di morte o di gravi lesioni.

I componenti difettosi devono essere sostituiti con componenti nuovi aventi lo


stesso codice articolo o con componenti indicati come equivalenti da KUKA
Roboter GmbH.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 59 / 131


KR QUANTEC extra HA

I lavori di pulizia e cura devono essere eseguiti come indicato nel manuale
operativo.

Controllo robot Anche quando il controllo robot è spento, alcune parti collegate possono rima-
nere sotto tensione in quanto connesse a dispositivi periferici. Pertanto, quan-
do si lavora al controllo robot, le sorgenti esterne devono essere disattivate.
In caso di interventi su componenti interni del controllo robot, rispettare le nor-
me relative ai componenti a rischio elettrostatico.
Dopo la disattivazione del controllo robot, diversi componenti possono rima-
nere sotto tensione (da 50 V a 600 V) per alcuni minuti. Per evitare lesioni mor-
tali, durante questo lasso di tempo non eseguire alcuna operazione sul robot
industriale.
È assolutamente necessario evitare l'infiltrazione di acqua e polvere all'interno
del controllo robot.

Compensazione Alcune varianti di robot sono dotate di un dispositivo di compensazione del


del peso peso idropneumatico, a molla o a cilindro a gas.
I sistemi di compensazione del peso idropneumatici e a cilindro a gas sono ap-
parecchiature a pressione e richiedono monitoraggio. A seconda della varian-
te del robot i sistemi di compensazione del peso corrispondono alla
categoria 0, II o III, gruppo fluidico 2 della direttiva sulle apparecchiature a
pressione.
L'utilizzatore è tenuto a rispettare le leggi, le prescrizioni e le norme in materia
di attrezzature a pressione in vigore nei singoli paesi.
Scadenze di controllo in Germania secondo regolamento per la sicurezza
aziendale §14 e §15. Controllo prima della messa in servizio sul luogo di in-
stallazione da parte dell'utilizzatore.
Misure di sicurezza da rispettare durante lo svolgimento di lavori sul dispositi-
vo di compensazione del peso:
 I gruppi costruttivi del manipolatore assistiti dai dispositivi di compensazio-
ne del peso devono essere bloccati.
 I lavori sui dispositivi di compensazione del peso devono essere eseguiti
solo da personale qualificato.

Materiali Le misure di sicurezza da rispettare in caso di manipolazione di materiali pe-


pericolosi ricolosi sono:
 Evitare il contatto prolungato, ripetuto e intensivo con la pelle.
 Evitare l’inalazione di nebbie e vapori d’olio.
 Provvedere alla pulizia e alla cura della pelle.

Per un utilizzo sicuro dei nostri prodotti, consigliamo ai nostri clienti di


richiedere regolarmente le schede di sicurezza aggiornate ai fabbri-
canti dei materiali pericolosi.

5.5.7 Messa fuori servizio, stoccaggio e smaltimento

La messa fuori servizio, lo stoccaggio e lo smaltimento del robot industriale


devono avvenire nel rispetto delle leggi, delle prescrizioni e delle norme in vi-
gore nei singoli stati.

60 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


5 Sicurezza

5.6 Norme e prescrizioni applicate

Nome Definizione Edizione


2006/42/CE Direttiva macchine: 2006
Direttiva 2006/42/CE del Parlamento europeo e del Consi-
glio, del 17 maggio 2006, relativa alle macchine e che
modifica la direttiva 95/16/CE (rifusione)
2004/108/CE Direttiva EMC: 2004
Direttiva 2004/108/CE del Parlamento europeo e del Con-
siglio, del 15 dicembre 2004, concernente il ravvicina-
mento delle legislazioni degli Stati membri relative alla
compatibilità elettromagnetica e che abroga la direttiva 89/
336/CEE
97/23/CE Direttiva attrezzature a pressione: 1997
Direttiva 97/23/CE del Parlamento Europeo e del Consi-
glio del 29 maggio 1997 per il ravvicinamento delle legisla-
zioni degli Stati membri in materia di attrezzature a
pressione
(applicabile solo per robot con dispositivo idropneumatico
di compensazione del peso).
EN ISO 13850 Sicurezza del macchinario: 2008
Arresto d'emergenza - Principi di progettazione
EN ISO 13849-1 Sicurezza del macchinario: 2008
Parti di sistemi di comando legate alla sicurezza; Parte 1:
Principi generali per la progettazione
EN ISO 13849-2 Sicurezza del macchinario: 2008
Parti dei sistemi di comando legate alla sicurezza; Parte 2:
Validazione
EN ISO 12100 Sicurezza del macchinario: 2010
Principi generali per la progettazione, valutazione dei
rischi e riduzione dei rischi
EN ISO 10218-1 Robot industriali: 2011
Sicurezza
EN 614-1 Sicurezza del macchinario: 2006
Principi ergonomici di progettazione; Parte 1: Terminologia
e principi generali
EN 61000-6-2 Compatibilità elettromagnetica (EMC): 2005
Parte 6-2: Norme generiche; Immunità per gli ambienti
industriali
EN 61000-6-4 Compatibilità elettromagnetica (EMC): 2007
Parte 6-4: Norme generiche; Emissione per gli ambienti
industriali
EN 60204-1 Sicurezza del macchinario: 2006
Equipaggiamento elettrico delle macchine; Parte 1: Requi-
siti generali

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 61 / 131


KR QUANTEC extra HA

62 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


6 Progettazione

6 Progettazione

6.1 Fissaggio alla fondazione con centraggio

Descrizione Il fissaggio alla fondazione con centraggio è usato per fissare il robot al pavi-
mento, pertanto direttamente sulla fondazione in calcestruzzo.
Il fissaggio alla fondazione con centraggio è costituito da:
 piastre di fondazione
 Tasselli chimici (ancoraggio chimico)
 Elementi di fissaggio
Questa variante di fissaggio presuppone una superficie liscia e piana su una
fondazione di calcestruzzo sufficientemente capace. La fondazione di calce-
struzzo deve potere sopportare senza problemi le forze agenti su di essa. Tra
le piastre di fondazione e la fondazione di calcestruzzo non devono trovarsi
strati di isolamento o massetto.
Devono essere rispettate le dimensioni minime.

Fig. 6-1: Fissaggio alla fondazione

1 Vite a testa esagonale 4 Tassello chimico con Dynamic


Set
2 Filettatura M20 per vite di cali- 5 Perno con vite a esagono cavo
brazione
3 Piastra di fondazione

Qualità del calce- Per la realizzazione di fondazioni in calcestruzzo deve essere osservata la
struzzo per le portata del suolo e le norme edilizie specifiche del Paese d'impiego. Tra le pia-
fondazioni stre di fondazione e la fondazione di calcestruzzo non devono trovarsi strati di
isolamento o massetto. Il calcestruzzo deve corrispondere alla qualità della
seguente norma:
 C20/25 a norma DIN EN 206-1:2001/DIN 1045-2:2008

Disegno quotato Nelle figure seguenti sono riportate tutte le informazioni per il fissaggio alla
fondazione e i dati necessari della fondazione stessa.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 63 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 6-2: Fissaggio alla fondazione, misure

1 Robot
2 Piastra di fondazione
3 Fondazione in calcestruzzo

Per l'applicazione sicura delle forze dei tasselli devono essere rispettate le mi-
sure indicate nella figura seguente per la fondazione in calcestruzzo.

Fig. 6-3: Sezione della fondazione

1 Piastra di fondazione 3 Perno


2 Fondazione in calcestruzzo 4 Vite a testa esagonale

64 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


6 Progettazione

6.2 Fissaggio del basamento della macchina

Descrizione Il gruppo costruttivo del "fissaggio del basamento della macchina con centrag-
gio" è usato per fissare il robot su una struttura di acciaio, un telaio di rialzo
(mensola) o un'unità lineare KUKA. Questo gruppo costruttivo trova impiego
anche in caso di montaggio del robot sospeso, dunque montato al soffitto. La
struttura base deve essere tale da potere sostenere con sicurezza i carichi
agenti sulla fondazione. Nella figura seguente sono riportate tutte le informa-
zioni da osservare obbligatoriamente per la realizzazione della superficie d'ap-
poggio (>>> Fig. 6-4 ).
Il fissaggio del basamento della macchina è costituito da:
 Perno con elementi di fissaggio
 Viti a testa esagonale con rondelle di bloccaggio

Fig. 6-4: Fissaggio del basamento della macchina

1 Perno
2 Vite a testa esagonale

Disegno quotato Nella figura seguente sono riportate tutte le informazioni per il fissaggio del ba-
samento della macchina e i dati necessari della fondazione.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 65 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 6-5: Fissaggio del basamento della macchina, disegno quotato

1 Superficie di appoggio 3 Vite a testa esagonale, 8x


2 Perno 4 Struttura in acciaio

6.3 Cavi di collegamento e interfacce

Cavi di collega- I cavi di collegamento comprendono tutte le linee per la trasmissione dell'ener-
mento gia e dei segnali fra robot e controllo robot. Sono collegati con connettori alle
cassette di connessione sul lato robot. Il set di cavi di collegamento compren-
de:
 Cavo motore, X20 - X30
 Cavo dati, X21 - X31
 Conduttore di messa a terra (opzione)
A seconda dell'attrezzatura del robot si impiegano cavi di collegamento diver-
si. Sono disponibili lunghezze di cavi di 7 m, 15 m, 25 m, 35 m e 50 m. La lun-
ghezza massima dei cavi di collegamento non deve superare 50 m. Per il
funzionamento del robot con un'unità lineare dotata di una propria catena por-
tacavi occorre considerare anche questi cavi.
Per i cavi di collegamento è sempre necessario un conduttore di protezione
aggiuntivo per creare un collegamento a bassa resistenza a norma DIN EN
60204 tra il robot e l'armadio di comando. Per il collegamento si impiegano ca-
picorda ad anello. I perni filettati per il collegamento del conduttore di protezio-
ne si trovano sul basamento del robot.

66 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


6 Progettazione

Per la progettazione e la posa dei cavi di collegamento occorre osservare i


punti seguenti:
 Non superare il raggio di piegatura per la posa fissa di 150 mm per il cavo
dati e di 60 mm per il cavo di comando
 Proteggere i cavi da effetti meccanici
 Posare i cavi senza che risultino soggetti a carichi e senza che i connettori
subiscano trazioni
 Posare i cavi soltanto in ambienti interni
 Osservare il campo di temperatura ammesso (posa fissa) da 263 K (-10
°C) a 343 K (+70 °C)
 Posare i cavi separando i cavi motore dai cavi dati in canaline di lamiera,
eventualmente adottare ulteriori misure per garantire la compatibilità
CEM.

Interfaccia Il robot può essere equipaggiato con un'alimentazione di energia tra l'asse 1
alimentazione di e l'asse 3 e con una seconda alimentazione di energia tra l'asse 3 e 6. L'inter-
energia faccia A1 necessaria si trova sul lato posteriore del basamento, l'interfaccia A3
lateralmente sul braccio e quella per l'asse 6 sull'utensile del robot. I modelli e
la quantità di interfacce variano a seconda dell'applicazione. Ad esempio la
dotazione può comprendere collegamenti per flessibili o cavi elettrici. Informa-
zioni dettagliate sulla piedinatura dei connettori, sulle filettature di raccordo,
ecc., sono riportate nelle relative documentazioni.

Fig. 6-6: Interfacce sul robot

1 Connessione cavo motore 4 Interfaccia asse 3, braccio


X30
2 Interfaccia asse 1, basamento 5 Interfaccia asse 6, utensile
3 Connessione, cavo dati, X31

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 67 / 131


KR QUANTEC extra HA

68 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


7 Trasporto

7 Trasporto

7.1 Trasporto della meccanica del robot

Prima di ogni trasporto portare il robot in posizione di trasporto. Trasportare il


robot facendo attenzione alla sua stabilità. Finché il robot non è fissato dev'es-
sere tenuto in posizione di trasporto. Prima di sollevare il robot, assicurarsi che
sia libero. Innanzitutto, rimuovere tutti gli elementi di bloccaggio per il trasporto
come chiodi e viti. Occorre anche rimuovere le tracce di ruggine o di colla.

Posizione di Prima di poter essere trasportato, il robot deve essere collocato nella posizio-
trasporto ne di trasporto . Il robot è in posizione di trasporto quando gli assi si trovano
nelle seguenti posizioni:

Asse A1 A2 A3 A4 A5 A6
Posizione di tra-
0° -140° +150° 0º -120º 0º
sporto

Fig. 7-1: Posizione di trasporto

Misure di Le misure di trasporto (>>> Fig. 7-2 ) per il robot sono indicate nella figura se-
trasporto guente. La posizione del baricentro e il peso variano a seconda dell'equipag-
giamento e della posizione degli assi 2 e 3. Le misure riportate si riferiscono
al robot senza equipaggiamento.

Fig. 7-2: Dimensioni di trasporto

1 Baricentro
2 Cavità passanti

Misure di trasporto e baricentri

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 69 / 131


KR QUANTEC extra HA

Robot con raggio A B C D E F


d'azione
R2700 1747 743 43 31 997 1625
R2900 1747 788 47 81 1150 1754
R3100 1943 789 46 62 1150 1754

Trasporto Il robot può essere trasportato con un elevatore a forche o con un mezzo d'im-
bragatura.

Mezzi di trasporto inadeguati possono provocare


danni al robot o lesioni alle persone. Utilizzare solo
mezzi di trasporto autorizzati di portata sufficiente. Trasportare il robot solo
nel modo raffigurato.

Trasporto con Per il trasporto con l'elevatore a forche nel basamento sono incorporate due
elevatore a forche cavità passanti. Il robot può essere sollevato dal lato anteriore o da quello po-
steriore con un elevatore a forche. Prestare attenzione a non danneggiare il
basamento durante l'inserimento delle forche nelle apposite cavità passanti.
L'elevatore a forche deve presentare una portata minima di 2,0 t e uno sbrac-
cio delle forche corrispondente.
In condizioni di montaggio in cui non è possibile accedere alle cavità passanti
per le forche, è disponibile l'accessorio ausiliario di recupero. Questo disposi-
tivo permette di trasportare ugualmente il robot con l'elevatore a forche.

Evitare di sollecitare eccessivamente le cavità pas-


santi quando si accostano o si allontanano le forche
idrauliche dell'elevatore.

Fig. 7-3: Trasporto con elevatore a forche

Trasporto con Il robot può essere trasportato anche con un mezzo d'imbragatura (>>> Fig. 7-
mezzo d'imbra- 4 ). A questo scopo, il robot deve trovarsi in posizione di trasporto. Il mezzo
gatura d'imbragatura viene agganciato in 3 punti con golfari M16 DIN 580. Tutte le
funi devono essere di uguale lunghezza e applicate in modo da non danneg-
giare il robot. Utensili e parti dell'attrezzatura montati possono causare spo-
stamenti del baricentro indesiderati.

Durante il trasporto, il robot potrebbe rovesciarsi. Pe-


ricolo per persone e danni materiali.
Se il robot viene trasportato con il mezzo d'imbragatura, è necessario presta-
re particolare attenzione acciocché non si ribalti. Si consiglia di adottare ul-
teriori misure di sicurezza. È vietata qualsiasi altra operazione di
sollevamento del robot con la gru!

70 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


7 Trasporto

Fig. 7-4: Trasporto con mezzo d'imbragatura

1 Mezzo d'imbragatura 3 Giostra


2 Golfare M16 4 Gru

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 71 / 131


KR QUANTEC extra HA

72 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


8 Messa in servizio e riavvio

8 Messa in servizio e riavvio

8.1 Montaggio del fissaggio alla fondazione

Descrizione Queste indicazioni descrivono la variante del "fissaggio alla fondazione" con
centraggio. In questo caso il robot viene fissato alla fondazione in calcestruzzo
con 4 piastre di fondazione e tasselli chimici.
Se la superficie della fondazione in calcestruzzo non è sufficientemente liscia
e piana, livellarla usando una massa di compensazione adatta.
In caso d'impiego di kit Dynamic e tasselli chimici utilizzare esclusivamente
componenti e cartucce di malta dello stesso produttore. Per praticare i fori per
i tasselli non devono essere utilizzati degli utensili di diamante o delle punte di
trapano cave, ma devono essere usate preferibilmente delle punte di trapano
della ditta produttrice dei tasselli. Inoltre sono da osservare le indicazioni del
costruttore per quanto riguarda l'utilizzo dei tasselli chimici.

Presupposti  La fondazione in calcestruzzo deve presentare le dimensioni e sezioni ri-


chieste.
 La superficie della fondazione deve essere liscia e piana.
 Il gruppo costruttivo del "fissaggio alla fondazione" deve essere completo
di tutte le sue parti.
 Predisporre la massa di compensazione.

Utensili speciali Sono richiesti i seguenti utensili speciali:


 trapano con punta ø 18 mm
 utensile di montaggio raccomandato dal produttore dei tasselli

Procedimento 1. Sollevare il robot con il carrello elevatore a forche oppure con il mezzo
d'imbragatura.
2. Fissare al robot le 4 piastre di fondazione con due viti a testa esagonale
M24x65-8.8-A2K e rondelle di bloccaggio rispettivamente; MA = 640 Nm.
2 piastre di fondazione sono dotate di perni per il centraggio.
3. Rilevare la posizione del robot sulla fondazione rispetto alla zona di lavoro.
4. Abbassare il robot nella posizione di montaggio sulla fondazione.
5. Allineare orizzontalmente il robot. A tale scopo in ogni fondazione è previ-
sto una filettatura M20.

Se le piastre di fondazione non poggiano completa-


mente sulla fondazione di calcestruzzo possono in-
sorgere deformazioni o allentamenti delle fondazioni. Riempire la fessura
con della massa di compensazione. Sollevare nuovamente il robot e applica-
re uno strato sufficiente di massa di compensazione sulla parte inferiore delle
piastre di fondazione. Quindi abbassare nuovamente il robot e allinearlo, ri-
muovere la massa di compensazione in eccesso.
La zona sotto la vite a testa esagonale per il fissaggio del robot deve essere
priva di massa di compensazione.
Lasciare indurire la massa di compensazione per circa 3 ore. Il tempo d'in-
durimento aumenta con temperature inferiori a 293 K (+20 ºC).

6. Solo se viene utilizzata la massa di compensazione.


Lasciare indurire la massa di compensazione per circa 3 ore. Il tempo d'in-
durimento aumenta con temperature inferiori a 293 K (+20 ºC).
7. Praticare 12 fori per tasselli (>>> Fig. 8-1 ) (5) nella fondazione attraverso
i fori delle piastre di fondazione.
8. Pulire i fori per tasselli.
9. Inserire 12 cartucce di malta una di seguito all'altra.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 73 / 131


KR QUANTEC extra HA

10. Serrare l'utensile di montaggio con l'asta di ancoraggio chimico nel trapa-
no e avvitare l'asta nel foro per tasselli con max. 750 min-1. L'asta di an-
coraggio chimico è posizionata quando la malta adesiva è completamente
miscelata e il foro per tasselli nella fondazione è completamente riempito.

Fig. 8-1: Utensile di montaggio tasselli chimici

1 Trapano 6 Dado di sicurezza


2 Utensile 7 Dado esagonale
3 Barra di ancoraggio chimico 8 Rondella sferica
4 Cartuccia di malta 9 Rondella di riempimento
5 Foro per tasselli

11. Eseguire le seguenti fasi di lavoro per tutti i bulloni di ancoraggio.


12. Far indurire la malta adesiva. Vedi la tabella o le indicazioni del produttore.
Questi valori sono solo indicativi.
Temperatura Tempo
≥293 K (+20 °C) 20 minuti
≥283 K (+10 °C) 30 minuti
≥273 K (0 °C) 1 ora

13. Applicare la rondella di riempimento e la rondella sferica.


14. Inserire i dadi esagonali e serrarli con una chiave dinamometrica proce-
dendo in modo incrociato e aumentando la coppia gradualmente fino a
raggiungere il valore di 90 Nm.
15. Inserire e serrare il dado di sicurezza.
16. Iniettare la malta nel foro sulla rondella di riempimento, finché il foro è
completamente riempito. Osservare e rispettare il tempo di indurimento.
La fondazione e il robot ora sono pronti per l'allacciamento del robot.

8.2 Montaggio del fissaggio del basamento della macchina

Descrizione Il fissaggio del basamento della macchina è previsto per il montaggio di robot
su una costruzione in acciaio predisposta dal cliente o su un carrello di un'uni-
tà lineare.

74 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


8 Messa in servizio e riavvio

Presupposti  La superficie di montaggio è stata preparata come mostrato in figura


(>>> Fig. 6-5 ).
 È stata verificata la sicurezza della struttura di base.
 Il gruppo costruttivo del fissaggio del basamento della macchina è com-
pleto di tutti le sue parti.

Procedimento 1. Pulire la superficie d'appoggio (>>> Fig. 8-2 ) del robot.


2. Controllare lo schema di foratura.
3. Inserire 2 perni e 2 viti a esagono cavo M8x55-8.8 con rondelle di bloccag-
gio e serrare con chiave dinamometrica; MA = 23,9 Nm.
4. Predisporre 8 viti a testa esagonale M24x65-8.8-A2K e rondelle di bloc-
caggio.

Fig. 8-2: Montaggio del fissaggio del basamento della macchina

1 Perno 3 Vite a testa esagonale con


rondella di bloccaggio, 8
2 Vite a esagono cavo con ron- 4 Superficie di appoggio
della di bloccaggio, 2

La fondazione è ora pronta per il montaggio del robot.

8.3 Montaggio del robot

Descrizione Di seguito è descritto il montaggio dei robot per il fissaggio a pavimento con le
varianti "fissaggio alla fondazione" e "fissaggio del basamento della macchi-
na".
Non sono descritti il montaggio e la messa in servizio del controllo robot, degli
utensili montati e delle applicazioni.

Presupposto  Il rispettivo fissaggio alla fondazione è montato.


 Il luogo di montaggio è accessibile con una gru o un elevatore a forche.
 Gli utensili e altri elementi dell'impianto che possono ostacolare i lavori
sono stati smontati.
 Il robot si trova in posizione di trasporto.
 I cavi di collegamento e i conduttori di messa a terra per il robot sono po-
sati e predisposti.

Procedimento 1. Controllare che entrambi i perni (>>> Fig. 8-3 ) (4) non siano danneggiati
e che siano correttamente fissati.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 75 / 131


KR QUANTEC extra HA

2. Portare il robot sul luogo d'installazione con una gru o un elevatore a for-
che.
Il mezzo d'imbragatura non deve danneggiare il robot.
3. Pulire la superficie di appoggio sul robot.
4. Depositare il robot verticalmente sulla fondazione. Per evitare di danneg-
giare i perni, assicurarsi che il robot sia in posizione perfettamente vertica-
le.
5. Inserire 8 viti a testa esagonale M24x65-8.8 con rondelle di bloccaggio.
6. Serrare le viti a testa esagonale con una chiave dinamometrica. Aumen-
tare la coppia di serraggio gradualmente fino a raggiungere il valore di 640
Nm.
7. Rimuovere l'imbragatura di trasporto, il golfare o le cavità passanti per le
forche.
8. Collegare il cavo motore X30 e il cavo dati X31.
9. Collegare il conduttore di messa a terra tra il controllo e il robot sul relativo
attacco.
10. Collegare il conduttore di messa a terra tra la parte dell'impianto e il robot
sul relativo attacco.
11. Controllare il collegamento equipotenziale secondo VDE 0100 e EN
30204-1.

Per maggiori informazioni, consultare il manuale operativo e di mon-


taggio del controllo robot.

12. Se necessario, montare l'utensile.


13. Riserrare le 8 viti a testa esagonale dopo 100 ore di esercizio con la chiave
dinamometrica.

Fig. 8-3: Montaggio del robot

1 Giostra 5 Cavo dati


2 Viti a testa esagonale 6 Cavo motore
3 Rondelle di bloccaggio 7 Attacco conduttore di messa a
terra
4 Perno 8 Attacco conduttore di messa a
terra, controllo robot

Mettere in funzione il robot come descritto nelle istruzioni operative e di pro-


grammazione di KUKA System Software e nelle istruzioni operative e di mon-
taggio del controllo robot, capitolo "Messa in servizio".

76 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


8 Messa in servizio e riavvio

8.4 Descrizione dei cavi di collegamento

Struttura I cavi di collegamento servono a trasmettere la potenza e i segnali fra il con-


trollo robot e il robot.
I cavi di collegamento comprendono:
 Cavo motore
 Cavo dati
 Conduttore di protezione, opzione

Interfaccia Per l'attacco delle linee di collegamento tra il controllo robot e il robot, sulle in-
terfacce si trovano i seguenti connettori:

Denominazione cavo Denominazione connet- Attacco


tori
controllo robot - robot
Cavo motore X20 - X30 HAN BG 24
Cavo dati X21 - X31 Connettore ret-
tangolare
Conduttore di protezione, Capocorda ad
opzione anello M8

Cavo di collega-
mento, standard

Fig. 8-4: Cavi di collegamento, panoramica

Fig. 8-5: Linea di collegamento, cavo motore X20 - X30

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 77 / 131


KR QUANTEC extra HA

Fig. 8-6: Cavo di collegamento, schema di cablaggio, cavo motore

Fig. 8-7: Cavo di collegamento, cavo dati X21 - X31

78 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


8 Messa in servizio e riavvio

Fig. 8-8: Cavo di collegamento, schema di cablaggio, cavo dati X21 - X31

Fig. 8-9: Cavo di collegamento conduttore di protezione

1 Conduttore di messa a terra 6 Rondella di bloccaggio


2 Dado esagonale 7 Robot
3 Rondella di bloccaggio (2) 8 Perno filettato
4 Rondella 2x 9 Attacco conduttore di protezio-
ne, capocorda ad anello M8
5 Dado esagonale 10 Targhetta terra

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 79 / 131


KR QUANTEC extra HA

80 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


9 Opzioni

9 Opzioni

9.1 Flangia d'attacco, adattatore (opzione)

Descrizione È possibile montare questa flangia d'attacco (adattatore) (>>> 9.1 "Flangia
d'attacco, adattatore (opzione)" Pagina 81) sul polso centrale 150/180/210 kg
per riequipaggiarlo con una flangia d'attacco D=160. Ciò permette ad esempio
di impiegare utensili dimensionati per il polso centrale con flangia d'attacco
D=160. La flangia è configurata in modo da permettere anche il montaggio del
supporto A6 delle alimentazioni di energia A3-A6.
Quando viene montato questo adattatore, la distanza tra il punto d'intersezio-
ne A4/A5 e la superficie della flangia si sposta di 25 mm in avanti.
Il punto di riferimento per il baricentro del carico rimane tuttavia invariato e cor-
risponde ai valori del polso centrale PC 150/180/210.
Nella figura è rappresentata la posizione della flangia d'attacco (>>> Fig. 9-
1 ) con gli assi 4 e 6 in posizione zero. Il simbolo Xm contrassegna la posizione
dell'elemento di accoppiamento (boccola di guida) nella posizione zero.

Fig. 9-1: Flangia d'attacco, adattatore

1 Lunghezza accoppiamento

Flangia d'attacco, adattatore da PC 150/180/210 a PC 210/240


Cerchio primitivo 160 mm
Qualità delle viti 10.9
Misura delle viti M10
Numero di fori di fissaggio 11
Lunghezza di serraggio 1,5 x diametro nominale
Profondità di avvitamento min. 12 mm, max. 16 mm
Elemento di accoppiamento 10H7

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 81 / 131


KR QUANTEC extra HA

9.2 Limitazione della zona di lavoro, arresto addizionale (opzione)

Descrizione La limitazione della zona di lavoro (>>> Fig. 9-2 ) permette di limitare la zona
di lavoro disponibile interno all'asse 1 in passi da 20° sia in direzione positiva
che negativa. Il gruppo costruttivo è costituito da due arresti con relative viti di
fissaggio.
La zona disponibile può essere fissata a seconda della posizione di montaggio
degli arresti in un ambito compreso tra minimo +/-5° e massimo +/-105°. L'ar-
resto mobile fa sì che rimanga sempre una zona non limitabile di 90°.

Fig. 9-2: Limitazione della zona di lavoro A1 (opzione)

1 Arresto standard
2 Arresti addizionali
3 Viti di fissaggio

9.3 Cavo di comando asse singolo (opzione)

Descrizione Il cavo di comando asse singolo è impiegato per comandare altri assi con il
robot (ad es. unità lineare KUKA o piattaforme girevoli). In questo caso il cavo
di comando viene fatto passare dalla RDC box attraverso l'albero cavo dell'as-
se 1 fino a essere condotto all'interfaccia di connessione sull'elemento da in-
nesto.

9.4 Dispositivo di rotazione libera (opzione)

Descrizione Il dispositivo di rotazione libera consente di spostare manualmente il manipo-


latore in caso di incidente o guasto. Il dispositivo di rotazione libera può essere
usato per i motori degli assi 1 a 5. Per l'asse 6 non può essere usato poiché
questo motore non è accessibile. Questo dispositivo deve essere utilizzato
soltanto in situazioni eccezionali e in casi di emergenza (ad es. per liberare
persone).
Il dispositivo di rotazione libera è montato sul manipolatore, a livello del basa-
mento. Questo gruppo costruttivo include una chiave a cricco e un set di tar-
ghette, una per ciascun motore. Sulla targhetta è indicato il senso di rotazione
per la chiave a cricco e la rispettiva direzione di traslazione del manipolatore.

82 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10 Allegato

10.1 Coppia di serraggio

Coppia di Per le viti e i dadi valgono le seguenti coppie di serraggio, se non altrimenti
serraggio specificato.

Classe di resistenza
Misura delle viti 8.8 10.9 12.9
M1,6 0,17 Nm 0,24 Nm 0,28 Nm
M2 0,35 Nm 0,48 Nm 0,56 Nm
M2,5 0,68 Nm 0,93 Nm 1,10 Nm
M3 1,2 Nm 1,6 Nm 2,0 Nm
M4 2,8 Nm 3,7 Nm 4,4 Nm
M5 5,6 Nm 7,5 Nm 9,0 Nm
M6 9,5 Nm 12,5 Nm 15,0 Nm
M8 23,0 Nm 31,0 Nm 36,0 Nm
M10 45,0 Nm 60,0 Nm 70,0 Nm
M12 78,0 Nm 104,0 Nm 125,0 Nm
M14 125,0 Nm 165,0 Nm 195,0 Nm
M16 195,0 Nm 250,0 Nm 305,0 Nm
M20 370,0 Nm 500,0 Nm 600,0 Nm
M24 640,0 Nm 860,0 Nm 1030,0 Nm
M30 1330,0 Nm 1700,0 Nm 2000,0 Nm

Serrare i dadi ciechi M5 con 4,2 Nm.

10.2 Schede tecniche di sicurezza

10.2.1 Schema tecnica di sicurezza grasso per cavi Optitemp RB1

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.1.1 Denominazione dei materiali, della preparazione e della ditta

Denominazione dei materiali e della preparazione


Nome del prodotto: Optitemp RB1
N. SDS: 455577
Uso: Lubrificante

Produttore
Ditta: Deutsche BP Aktiengesellschaft - Industrial Lubricants &
Services
Indirizzo: Erkelenzer Straße 20, D-41179 Mönchengladbach
Nazione: Germania
Telefono: +49 (0)2161 909-319
Telefax: +49 (0)2161 909-392
Numero di emergenza: Carechem: +44 (0)208 762 8322
Indirizzo e-mail: MSDSadvice@bp.com

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 83 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.1.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Caratterizzazione chimica: Lubrificante sintetico e additivi. Addensante.

Componenti pericolosi: Il prodotto non contiene componenti pericolosi in quantità mag-


giori a quelle limite imposte per legge.

10.2.1.3 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata


il prodotto non è classificato pericoloso.

Pericoli fisici/chimici: Classificato non pericoloso.


Rischi per la salute: Può irritare occhi e pelle.
Pericoli per l'ambiente: È improbabile una sua pericolosità per gli organismi acquatici.

Effetti e sintomi
Occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Pelle: Può seccare la pelle e causare irritazione cutanea e/o derma-
tite. Nei peggiori casi sono possibili reazioni allergiche.
Inalazione: L'inalazione di nebbia o vapori d'olio ad alte temperature può
provocare irritazione alle vie respiratorie.
Ingestione: L'ingestione può provocare irritazioni all'apparato digerente (ad
es. diarrea).

10.2.1.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: Risciacquare immediatamente gli occhi per diversi minuti con
acqua abbondante In caso di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Lavare la zona interessata con acqua abbondante e sapone
oppure impiegare un detergente indicato. Cambiare gli indu-
menti e le scarpe imbrattati Lavare gli indumenti prima di indos-
sarli nuovamente. Lavare accuratamente le scarpe prima di
riutilizzarle. In caso di irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.
Ingestione: Non provocare il vomito. Non somministrare nulla per bocca ad
una persona che ha perso conoscenza e rivolgersi immediata-
mente ad un medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Il tessuto si gonfia nell'arco di poche ore, cambia
colore e risulta estremamente doloroso, oltre a presentare una
forte necrosi sottocutanea.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati tissutali.

84 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.1.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio impiegare spruzzo d'acqua (nebbia),


priati: schiuma, prodotti chimici secchi o anidride carbonica.
Mezzi di estinzione inade- Non impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Particolari indicazioni per Raccogliere l'acqua di estinzione contaminata separatamente.
l'estinzione: Non deve penetrare nel sistema di canalizzazione.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono includere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio).
Insoliti pericoli d'incendio/ Questo prodotto non è esplosivo per le norme vigenti.
esplosione:
Speciali misure antincendio: -
Protezione degli addetti alla Gli addetti alla lotta antincendio devono indossare un respira-
lotta antincendio: tore autonomo (SCBA) e un equipaggiamento di protezione
completa.

10.2.1.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Misure precauzionali perso- In caso di fuoriuscita delimitare la zona di pericolo e impedirvi


nali: l'accesso. Evitare il contatto con la sostanza nociva e l'inala-
zione dei vapori. Ventilare il locale. In caso di insufficiente venti-
lazione, indossare un respiratore. Indossare un
equipaggiamento di protezione personale adeguato.
Misure di protezione Evitare la penetrazione in sistemi di scarico, tubazioni delle
ambientale: acque reflue, corsi d'acqua e nel terreno. Se necessario, infor-
mare l'ente preposto.
Elevata quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di
nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Lavare il
materiale fuoriuscito in un impianto di trattamento delle acque di
scarico. Limitare la perdita di materiale con del materiale assor-
bente non infiammabile (ad es. sabbia, terra, vermiculite, farina
fossile) e raccoglierlo in un contenitore adeguato. Fare eseguire
lo smaltimento da un'azienda specializzata riconosciuta. I mezzi
assorbenti utilizzati possono essere ugualmente pericolosi.
Ridotta quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di
nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Diluire con
acqua e risciacquare o mischiare sostanze assorbenti, quindi
gettare la sostanza in un contenitore di smaltimento adeguato.
Fare eseguire lo smaltimento da un'azienda specializzata rico-
nosciuta.

10.2.1.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Evitare il contatto con la pelle o gli indumenti. Il prodotto even-


tualmente versato o fuoriuscito non deve venire a contatto con il
terreno e le acque superficiali. Lavare accuratamente dopo
l'uso.
Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Non indicato: Evitare l'esposizione prolungata alle alte temperature.

Classe di stoccaggio: 11

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 85 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.1.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale

Valori limite MAK: A questo prodotto non è stato assegnato nessun valore limite di
esposizione sul luogo di lavoro.

Precauzioni
Limitazione e controllo Predisporre un impianto di ventilazione o un altro dispositivo
dell'esposizione sul posto di tecnico analogo.
lavoro:
Misure igieniche: Lavare accuratamente mani, avanbracci e viso dopo l'uso di
prodotti chimici.
Protezione delle vie respirato- Si raccomanda una sufficiente aerazione dei locali industriali. In
rie: caso di insufficiente aerazione è indicato l'uso di un dispositivo
di protezione delle vie respiratorie.
Protezione delle mani: Indossare guanti resistenti agli agenti chimici (si consigliano
guanti al nitrile) se si prevede il contatto prolungato e ripetuto.
Protezione degli occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.
Pelle e corpo: Indossare abiti adeguati per evitare il contatto cutaneo prolun-
gato.

10.2.1.9 Proprietà fisiche e chimiche

Stato fisico: Pasta


Colore: beige (chiaro)
Odore: lieve
Punto d'infiammabilità: Vaso chiuso: >150 °C
Pressione vapore: <0,01 kPa (<0,075 mm Hg) a 20 °C
Penetrazione (0,1 mm) 280 a 25 °C
Punto di fusione / intervallo: 192 °C
Punto di goccia: >180 °C
Densità: < 1000 kg/m3 (<1 g/cm3) a 20 °C
Solubilità: insolubile in acqua

10.2.1.10Stabilità e reattività

Incompatibilità con altre Reattivo o incompatibile con materiali ossidanti.


sostanze:
Polimerizzazione pericolosa: Il prodotto è stabile. In normali condizioni non interviene nes-
suna polimerizzazione pericolosa.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono essere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio). In normali condizioni di stoccaggio e
impiego non si generano prodotti di decomposizione pericolosi.

10.2.1.11Informazioni tossicologiche

Effetto cronico: Nessun effetto o pericolo particolare conosciuto.


Effetto sugli occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Effetto sulla pelle: Il contatto prolungato o ripetuto può seccare la pelle e causare
irritazione cutanea e/o dermatite. Nei peggiori casi sono possi-
bili reazioni allergiche.

86 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Effetto per inalazione: I vapori e aerosol possono provocare irritazioni delle mucose,
del naso e della cavità orale.
Effetto per ingestione: Può provocare nausea, vomito e diarrea.

10.2.1.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Biodegradabile.


Mobilità: Il prodotto non è volatile. Insolubile in acqua.
Pericoli per l'ambiente: Classificato non pericoloso.

10.2.1.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni per lo smaltimento/ Il prodotto eventualmente versato o fuoriuscito non deve venire
indicazioni sul trattamento dei a contatto con il terreno e le acque superficiali. Osservare le
rifiuti: normative locali, regionali e nazionali. Impiegare solo attrezza-
ture omologate per il trasporto, il recupero, il trattamento, lo
stoccaggio e lo smaltimento del prodotto. Se necessario, rivol-
gersi ad un'azienda specializzata e riconosciuta per lo smalti-
mento dei rifiuti.

Prodotto inutilizzato
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 12 01 12: grassi e cere esauriti
(CER):

Imballaggio
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 15 01 10: imballaggi che presentano residui di
(CER): sostanze pericolose o che sono stati inquinati con sostanze
pericolose.

Un impiego diverso del prodotto e/o l'inquinamento dello stesso possono ri-
chiedere l'uso di un codice rifiuti diverso da parte del produttore del rifiuto stes-
so.

Rifiuti pericolosi
Allo stato attuale delle conoscenze del produttore questo prodotto è classificato non pericoloso ai
sensi della direttiva UE 91/689/CE.

10.2.1.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.1.15Prescrizioni

Ordinamento UE: Direttive CE 1999/45/CE e 67/548/CEE.

Requisiti per l'etichetta


Frasi R: Prodotto non classificato per l'immissione sul mercato ai sensi
dell'ordinamento sulle sostanze pericolose / disposizioni UE.
Ulteriori avvertenze: Contiene acido acetico (acido 4-nonilfenossiacetico). Può pro-
vocare reazioni allergiche.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 87 / 131


KR QUANTEC extra HA

Altre disposizioni
Registro: Inventario europeo: Tutti i componenti sono elencati o esenti.
Inventario USA (TSCA 8b): Tutti i componenti sono elencati o
esenti.
Inventario chimico australiano (AICS): Almeno un compo-
nente non è elencato.
Inventario canadese: Almeno un componente non è elencato.
Inventario delle sostanze chimiche in Cina (IECSC): Almeno
un componente non è elencato.
Inventario giapponese per sostanze chimiche esistenti e
nuove (ENCS): Almeno un componente non è elencato.
Inventario coreano sostanze chimiche esistenti (KECI): Tutti
i componenti sono elencati o esenti.
Inventario chimico filippino (PICCS): Tutti i componenti sono
elencati o esenti.
Classe di pericolo per l'acqua 1 Appendice n.4
(WGK), classificazione a
norma VwVwS:

10.2.1.16Altre indicazioni

Indicazioni per il lettore


Tutte le informazioni si basano sullo stato attuale delle nostre cognizioni. Esse hanno lo scopo di
descrivere il nostro prodotto in considerazione dei dati di sicurezza e non hanno il compito di
assicurare determinate caratteristiche.
Il prodotto deve trovare impiego, senza previo colloquio con noi, soltanto nell'ambito illustrato in
precedenza. Un impiego del prodotto diverso da quello previsto può comportare rischi non
descritti in questa scheda.
Per ulteriori informazioni sull'applicazione e sull'uso del prodotto si rimanda alle schede tecniche.

10.2.2 Scheda di sicurezza grasso lubrificante Optimol Olit CLS

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.2.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore

Denominazione dei materiali e della composizione


Nome del prodotto: Olit CLS
N. SDS: 453843
Uso: Lubrificante

Produttore
Ditta: Deutsche BP Aktiengesellschaft - Industrial Lubricants &
Services
Indirizzo: Erkelenzer Straße 20, D-41179 Mönchengladbach
Nazione: Germania
Telefono: +49 (0)2161 909-319
Telefax: +49 (0)2161 909-392

88 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Produttore
Numero di emergenza: Carechem: +44 (0)208 762 8322
Indirizzo e-mail: MSDSadvice@bp.com

10.2.2.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Caratterizzazione chimica: Olio minerale altamente raffinato e additivi. Addensante.

Denominazione chimica N. CAS % EINECS / Classifica-


ELINCS. zione
Idrossido di calcio 1305-62-0 1-5 215-137-3 Xi; R38 R41

10.2.2.3 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata


il prodotto non è classificato pericoloso.

Pericoli fisici/chimici: Classificato non pericoloso.


Rischi per la salute: Può irritare occhi e pelle.
Pericoli per l'ambiente: È improbabile una sua pericolosità per gli organismi acquatici.

Effetti e sintomi
Occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Pelle: Può seccare la pelle e causare irritazione cutanea e/o derma-
tite. Nei peggiori casi sono possibili reazioni allergiche.
Inalazione: L'inalazione di nebbia o vapori d'olio ad alte temperature può
provocare irritazione alle vie respiratorie.
Ingestione: L'ingestione può provocare irritazioni all'apparato digerente (ad
es. diarrea).

10.2.2.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: Risciacquare immediatamente gli occhi per diversi minuti con
acqua abbondante In caso di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Lavare la zona interessata con acqua abbondante e sapone
oppure impiegare un detergente indicato. Cambiare gli indu-
menti e le scarpe imbrattati Lavare gli indumenti prima di indos-
sarli nuovamente. Lavare accuratamente le scarpe prima di
riutilizzarle. In caso di irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 89 / 131


KR QUANTEC extra HA

Ingestione: Non provocare il vomito. Non somministrare nulla per bocca ad


una persona che ha perso conoscenza e rivolgersi immediata-
mente ad un medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Il tessuto si gonfia nell'arco di poche ore, cambia
colore e risulta estremamente doloroso, oltre a presentare una
forte necrosi sottocutanea.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati tissutali.

10.2.2.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio impiegare spruzzo d'acqua (nebbia),


priati: schiuma, prodotti chimici secchi o anidride carbonica.
Mezzi di estinzione inade- Non impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Particolari indicazioni per Raccogliere l'acqua di estinzione contaminata separatamente.
l'estinzione: Non deve penetrare nel sistema di canalizzazione.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono includere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio).
Insoliti pericoli d'incendio/ Questo prodotto non è esplosivo per le norme vigenti.
esplosione:
Speciali misure antincendio: -
Protezione degli addetti alla Gli addetti alla lotta antincendio devono indossare un respira-
lotta antincendio: tore autonomo (SCBA) e un equipaggiamento di protezione
completa.

10.2.2.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Misure precauzionali perso- Richiedere immediatamente l'intervento di personale di soc-


nali: corso. In caso di fuoriuscita delimitare la zona di pericolo e
impedirvi l'accesso. Evitare il contatto con la sostanza nociva e
l'inalazione dei vapori. Ventilare il locale. In caso di insufficiente
ventilazione, indossare un respiratore. Indossare un equipag-
giamento di protezione personale adeguato.
Misure precauzionali di pro- In caso di mancato soccorso da parte di personale specializ-
tezione ambientale e metodi zato, arginare il prodotto fuoriuscito. Raccogliere il materiale
di pulizia: solido o assorbito con un utensile e gettarlo in un contenitore
per rifiuti idoneo ed opportunamente contrassegnato. Evitare la
penetrazione in sistemi di scarico, tubazioni delle acque reflue,
corsi d'acqua e nel terreno. Se necessario, informare l'ente pre-
posto.
Protezione personale in Prima di maneggiare il prodotto, consultare un esperto per infor-
caso di fuoriuscita in mazioni sull'equipaggiamento di protezione. Indossare occhiali
grande quantità: di protezione dagli spruzzi, una tuta di protezione completa del
corpo, stivali e guanti.

90 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.2.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Evitare il contatto con la pelle o gli indumenti. Il prodotto even-


tualmente versato o fuoriuscito non deve venire a contatto con il
terreno e le acque superficiali. Lavare accuratamente dopo
l'uso.
Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Non indicato: Evitare l'esposizione prolungata alle alte temperature.

Classe di stoccaggio: 11

10.2.2.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale

Nome della sostanza: Valori limite MAK a norma ACGIH (USA)


Olio base - non specificato STEL: 10 mg/m3 15 minuti. Forma: nebbia di olio minerale.

TWA: 5 mg/m3 8 ore. Forma: nebbia di olio minerale.


Per ulteriori informazioni rivolgersi al fornitore.

Nome della sostanza: Valori limite MAK a norma EU OEL (Europa, 5/2006)
Idrossido di calcio Missing inline element 'emphasis'. 8 hours: 5 mg/m3 8 ore.
Per ulteriori informazioni rivolgersi al fornitore.

Precauzioni
Limitazione e controllo Predisporre un impianto di ventilazione o un altro dispositivo
dell'esposizione sul posto di tecnico analogo.
lavoro:
Misure igieniche: Lavare accuratamente mani, avanbracci e viso dopo l'uso di
prodotti chimici.
Protezione delle vie respirato- Si raccomanda una sufficiente aerazione dei locali industriali. In
rie: caso di insufficiente aerazione è indicato l'uso di un dispositivo
di protezione delle vie respiratorie.
Protezione delle mani: Indossare guanti resistenti agli agenti chimici (si consigliano
guanti al nitrile) se si prevede il contatto prolungato e ripetuto.
Protezione degli occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.
Pelle e corpo: Indossare abiti adeguati per evitare il contatto cutaneo prolun-
gato.

10.2.2.9 Proprietà fisiche e chimiche

Stato fisico: fluido (pasta)


Colore: beige (chiaro)
Odore: lieve
Punto d'infiammabilità: >150 °C (vaso chiuso)
Penetrazione (0,1 mm) 290 a 25 °C
Punto di goccia: 130 °C
Densità: <1000 kg/m3 (<1 g/cm3) a 20 °C
Solubilità: insolubile in acqua

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 91 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.2.10Stabilità e reattività

Incompatibilità con altre Reattivo o incompatibile con materiali ossidanti.


sostanze:
Polimerizzazione pericolosa: Il prodotto è stabile. In normali condizioni non interviene nes-
suna polimerizzazione pericolosa.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono essere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio). In normali condizioni di stoccaggio e
impiego non si generano prodotti di decomposizione pericolosi.

10.2.2.11Informazioni tossicologiche

Effetto cronico: Nessun effetto o pericolo particolare conosciuto.


Effetto sugli occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Effetto sulla pelle: Il contatto prolungato o ripetuto può seccare la pelle e causare
irritazione cutanea e/o dermatite. Nei peggiori casi sono possi-
bili reazioni allergiche.
Effetto per inalazione: I vapori e aerosol possono provocare irritazioni delle mucose,
del naso e della cavità orale.
Effetto per ingestione: Può provocare nausea, vomito e diarrea.
Effetto cancerogeno: Questo prodotto non contiene più dello 0,1% di sostanze classi-
ficate cancerogene dalla ACGIH, dall'Agenzia internazionale di
ricerca sul cancro, IARC, o della Commissione europea (EC).

10.2.2.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Biodegradabile.


Mobilità: Il prodotto non è volatile. Insolubile in acqua.
Pericoli per l'ambiente: Classificato non pericoloso.

10.2.2.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni per lo smaltimento/ Il prodotto eventualmente versato o fuoriuscito non deve venire
indicazioni sul trattamento dei a contatto con il terreno e le acque superficiali. Osservare le
rifiuti: normative locali, regionali e nazionali. Impiegare solo attrezza-
ture omologate per il trasporto, il recupero, il trattamento, lo
stoccaggio e lo smaltimento del prodotto. Se necessario, rivol-
gersi ad un'azienda specializzata e riconosciuta per lo smalti-
mento dei rifiuti.

Prodotto inutilizzato
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 12 01 12: grassi e cere esauriti
(CER):

Prodotto usato/inquinato
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 12 01 12: grassi e cere esauriti
(CER):

Imballaggio
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 15 01 10: imballaggi che presentano residui di
(CER): sostanze pericolose o che sono stati inquinati con sostanze
pericolose.

92 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Un impiego diverso del prodotto e/o l'inquinamento dello stesso possono ri-
chiedere l'uso di un codice rifiuti diverso da parte del produttore del rifiuto stes-
so.

Rifiuti pericolosi
Allo stato attuale delle conoscenze del produttore questo prodotto è classificato non pericoloso ai
sensi della direttiva UE 91/689/CE.

10.2.2.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.2.15Prescrizioni

Ordinamento UE: Direttive CE 1999/45/CE e 67/548/CEE.

Requisiti per l'etichetta


Frasi R: Prodotto non classificato per l'immissione sul mercato ai sensi
dell'ordinamento sulle sostanze pericolose / disposizioni UE.

Elenco delle frasi R rilevanti


R38 - Irrita la pelle.
R41 - Rischio di lesioni oculari gravi.

Altre disposizioni
Registro: Inventario europeo: Tutti i componenti sono elencati o esclusi.
Inventario USA (TSCA 8b): Tutti i componenti sono elencati o
esclusi.
Inventario chimico australiano (AICS): Almeno un compo-
nente non è elencato.
Inventario canadese: Almeno un componente non è elencato.
Inventario delle sostanze chimiche in Cina (IECSC): Non
determinata.
Inventario giapponese per sostanze chimiche esistenti e
nuove (ENCS): Almeno un componente non è elencato.
Inventario coreano sostanze chimiche esistenti (KECI): Tutti
i componenti sono elencati o esclusi.
Inventario chimico filippino (PICCS): Non determinata.
Classe di pericolo per l'acqua 2 Appendice n.4
(WGK), categorizzazione a
norma VwVwS:

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 93 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.2.16Altre indicazioni

Indicazioni per il lettore


Tutte le informazioni si basano sullo stato attuale delle nostre cognizioni. Esse hanno lo scopo di
descrivere il nostro prodotto in considerazione dei dati di sicurezza e non hanno il compito di
assicurare determinate caratteristiche.
Il prodotto deve trovare impiego, senza previo colloquio con noi, soltanto nell'ambito illustrato in
precedenza. Un impiego del prodotto diverso da quello previsto può comportare rischi non
descritti in questa scheda.
Per ulteriori informazioni sull'applicazione e sull'uso del prodotto si rimanda alle schede tecniche.

10.2.3 Scheda tecnica di sicurezza grasso lubrificante Microlube GL 261

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.3.1 Denominazione dei materiali, della preparazione e della ditta

Denominazione dei materiali e della preparazione


Nome del prodotto: Microlube GL 261
Cod. articolo: 020195
Uso: Grasso lubrificante

Denominazione della ditta


Ditta: Klüber Lubrication München AG
Indirizzo: Geisenhausenerstr. 7
Codice postale: D-81379 München
Paese: Germania
Telefono: +49 (0)89 7876-0
Telefax: +49 (0)89 7876-333
Ufficio informazioni: Material Compliance Management
Numero di emergenza: +49 (0)89 7876-700

10.2.3.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Caratterizzazione chimica: Olio minerale, sapone di litio, indicatore UV

Componenti pericolosi: Il prodotto non contiene componenti pericolosi in quantità mag-


giori a quelle limite imposte per legge.

10.2.3.3 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata


il prodotto non è classificato pericoloso.

Pericoli fisici/chimici: Classificato non pericoloso.


Rischi per la salute: Può irritare occhi e pelle.
Pericoli per l'ambiente: È improbabile una sua pericolosità per gli organismi acquatici.

94 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Effetti e sintomi
Occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Pelle: Può seccare la pelle e causare irritazione cutanea e/o derma-
tite. Nei peggiori casi sono possibili reazioni allergiche.
Inalazione: L'inalazione di nebbia o vapori d'olio ad alte temperature può
provocare irritazione alle vie respiratorie.
Ingestione: L'ingestione può provocare irritazioni all'apparato digerente (ad
es. diarrea).

10.2.3.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: Risciacquare immediatamente gli occhi per diversi minuti con
acqua abbondante In caso di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Lavare la zona interessata con acqua abbondante e sapone
oppure impiegare un detergente indicato. Cambiare gli indu-
menti e le scarpe imbrattati Lavare gli indumenti prima di indos-
sarli nuovamente. Lavare accuratamente le scarpe prima di
riutilizzarle. In caso di irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.
Ingestione: Non provocare il vomito. Non somministrare nulla per bocca ad
una persona che ha perso conoscenza e rivolgersi immediata-
mente ad un medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Il tessuto si gonfia nell'arco di poche ore, cambia
colore e risulta estremamente doloroso, oltre a presentare una
forte necrosi sottocutanea.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati tissutali.

10.2.3.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio impiegare spruzzo d'acqua (nebbia),


priati: schiuma, prodotti chimici secchi o anidride carbonica.
Mezzi di estinzione inade- Non impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Particolari indicazioni per Raccogliere l'acqua di estinzione contaminata separatamente.
l'estinzione: Non deve penetrare nel sistema di canalizzazione.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono includere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio).
Insoliti pericoli d'incendio/ Questo prodotto non è esplosivo per le norme vigenti.
esplosione:
Speciali misure antincendio: -
Protezione degli addetti alla Gli addetti alla lotta antincendio devono indossare un respira-
lotta antincendio: tore autonomo (SCBA) e un equipaggiamento di protezione
completa.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 95 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.3.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Misure precauzionali perso- In caso di fuoriuscita delimitare la zona di pericolo e impedirvi


nali: l'accesso. Evitare il contatto con la sostanza nociva e l'inala-
zione dei vapori. Ventilare il locale. In caso di insufficiente venti-
lazione, indossare un respiratore. Indossare un
equipaggiamento di protezione personale adeguato.
Misure di protezione Evitare la penetrazione in sistemi di scarico, tubazioni delle
ambientale: acque reflue, corsi d'acqua e nel terreno. Se necessario, infor-
mare l'ente preposto.
Elevata quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di
nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Lavare il
materiale fuoriuscito in un impianto di trattamento delle acque di
scarico. Limitare la perdita di materiale con del materiale assor-
bente non infiammabile (ad es. sabbia, terra, vermiculite, farina
fossile) e raccoglierlo in un contenitore adeguato. Fare eseguire
lo smaltimento da un'azienda specializzata riconosciuta. I mezzi
assorbenti utilizzati possono essere ugualmente pericolosi.
Ridotta quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di
nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Diluire con
acqua e risciacquare o mischiare sostanze assorbenti, quindi
gettare la sostanza in un contenitore di smaltimento adeguato.
Fare eseguire lo smaltimento da un'azienda specializzata rico-
nosciuta.

10.2.3.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Evitare il contatto con la pelle o gli indumenti. Il prodotto even-


tualmente versato o fuoriuscito non deve venire a contatto con il
terreno e le acque superficiali. Lavare accuratamente dopo
l'uso.
Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Non indicato: Evitare l'esposizione prolungata alle alte temperature.

Classe di stoccaggio: 11

10.2.3.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale

Valori limite MAK: A questo prodotto non è stato assegnato nessun valore limite di
esposizione sul luogo di lavoro.

Precauzioni
Limitazione e controllo Predisporre un impianto di ventilazione o un altro dispositivo
dell'esposizione sul posto di tecnico analogo.
lavoro:
Misure igieniche: Lavare accuratamente mani, avanbracci e viso dopo l'uso di
prodotti chimici.
Protezione delle vie respirato- Si raccomanda una sufficiente aerazione dei locali industriali. In
rie: caso di insufficiente aerazione è indicato l'uso di un dispositivo
di protezione delle vie respiratorie.
Protezione delle mani: Indossare guanti resistenti agli agenti chimici (si consigliano
guanti al nitrile) se si prevede il contatto prolungato e ripetuto.

96 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Precauzioni
Protezione degli occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.
Pelle e corpo: Indossare abiti adeguati per evitare il contatto cutaneo prolun-
gato.

10.2.3.9 Proprietà fisiche e chimiche

Stato fisico: Pasta


Colore: marrone-giallo
Odore: specifico
Punto d'infiammabilità: -
Punto di goccia: >220 °C (DIN ISO 2176)
Densità: <1.000 kg/m3 (<1 g/cm3) a 20 °C
Solubilità: Insolubile in acqua

10.2.3.10Stabilità e reattività

Incompatibilità con altre Reattivo o incompatibile con materiali ossidanti.


sostanze:
Polimerizzazione pericolosa: Il prodotto è stabile. In normali condizioni non interviene nes-
suna polimerizzazione pericolosa.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono essere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio). In normali condizioni di stoccaggio e
impiego non si generano prodotti di decomposizione pericolosi.

10.2.3.11Informazioni tossicologiche

Effetto cronico: Nessun effetto o pericolo particolare conosciuto.


Effetto sugli occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Effetto sulla pelle: Il contatto prolungato o ripetuto può seccare la pelle e causare
irritazione cutanea e/o dermatite. Nei peggiori casi sono possi-
bili reazioni allergiche.
Effetto per inalazione: I vapori e aerosol possono provocare irritazioni delle mucose,
del naso e della cavità orale.
Effetto per ingestione: Può provocare nausea, vomito e diarrea.

10.2.3.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Il prodotto può essere separato meccanicamente.


Mobilità: Insolubile in acqua.
Pericoli per l'ambiente: Non deve venire a contatto con le acque di scarico e il terreno.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 97 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.3.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni per lo smaltimento/ Il prodotto eventualmente versato o fuoriuscito non deve venire
indicazioni sul trattamento dei a contatto con il terreno e le acque superficiali. Osservare le
rifiuti: normative locali, regionali e nazionali. Impiegare solo attrezza-
ture omologate per il trasporto, il recupero, il trattamento, lo
stoccaggio e lo smaltimento del prodotto. Se necessario, rivol-
gersi ad un'azienda specializzata e riconosciuta per lo smalti-
mento dei rifiuti.

Rifiuti pericolosi
Allo stato attuale delle conoscenze del produttore questo prodotto è classificato non pericoloso ai
sensi della direttiva UE 91/689/CE.

10.2.3.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.3.15Prescrizioni

Ordinamento UE: Direttive CE 1999/45/CE e 67/548/CEE.

Classe di pericolo per l'acqua 1, poco pericoloso per le acque, Allegato 4


(WGK), categorizzazione a
norma VwVwS:

10.2.3.16Altre indicazioni

Indicazioni per il lettore


Tutte le informazioni si basano sullo stato attuale delle nostre cognizioni. Esse hanno lo scopo di
descrivere il nostro prodotto in considerazione dei dati di sicurezza e non hanno il compito di
assicurare determinate caratteristiche.
Il prodotto deve trovare impiego, senza previo colloquio con noi, soltanto nell'ambito illustrato in
precedenza. Un impiego del prodotto diverso da quello previsto può comportare rischi non
descritti in questa scheda.
Per ulteriori informazioni sull'applicazione e sull'uso del prodotto si rimanda alle schede tecniche.

10.2.4 Scheda tecnica di sicurezza grasso per alta pressione LGEP 2

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.4.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore

Denominazione dei materiali e della composizione


Nome del prodotto: LGEP 2
Uso: Grasso per alta pressione KF

98 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Denominazione della ditta


Ditta: SKF Maintenance Products
Indirizzo: Casella postale 1008
Codice postale: NL-3430, BA Nieuwegein
Paese: Paesi Bassi
Telefono: +31 30 6307200
Telefax: +31 30 6307205
Referente: Sébastien David
Indirizzo e-mail: sebastien.david@skf.com

10.2.4.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Denominazione chimica N. CAS % N. EC Classifica-


zione
Olio base - non specificato - 60 - 100 - -
Zinc dialkyl dithiophosphate 68649-42-3 < 2,5 272-028-3 Xi; N; R38;
R41; R51/53

10.2.4.3 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata,


la composizione del prodotto è classificata come pericolosa.

Pericoli fisici/chimici: Classificato non pericoloso.


Rischi per la salute: Può irritare occhi e pelle.
Pericoli per l'ambiente: Nocivo per gli organismi acquatici, a lungo termine può provo-
care effetti negativi per l'ambiente acquatico.

Effetti e sintomi
Occhi: Può causare irritazioni agli occhi.
Pelle: Può seccare la pelle e causare irritazione cutanea e/o derma-
tite. Nel peggiore dei casi sono possibili reazioni allergiche.
Inalazione: L'inalazione di nebbia o vapori d'olio ad alte temperature può
provocare irritazioni alle vie respiratorie.
Ingestione: L'ingestione può provocare irritazioni all'apparato digerente (ad
es. diarrea).

10.2.4.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: Risciacquare immediatamente gli occhi per diversi minuti con
acqua abbondante In caso di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Lavare la zona interessata con acqua abbondante e sapone
oppure impiegare un detergente indicato. Cambiare gli indu-
menti e le scarpe imbrattati Lavare gli indumenti prima di indos-
sarli nuovamente. Lavare accuratamente le scarpe prima di
riutilizzarle. In caso di irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 99 / 131


KR QUANTEC extra HA

Ingestione: Non provocare il vomito. Non somministrare nulla per bocca ad


una persona che ha perso conoscenza e rivolgersi immediata-
mente ad un medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Il tessuto si gonfia nell'arco di poche ore, cambia
colore e risulta estremamente doloroso, oltre a presentare una
forte necrosi sottocutanea.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati tissutali.

10.2.4.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio impiegare spruzzo d'acqua (nebbia),


priati: schiuma, prodotti chimici secchi o anidride carbonica.
Mezzi di estinzione inade- Non impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Particolari indicazioni per Raccogliere l'acqua di estinzione contaminata separatamente.
l'estinzione: Non deve penetrare nel sistema di canalizzazione.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono includere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio).
Insoliti pericoli d'incendio/ Questo prodotto non è esplosivo per le norme vigenti.
esplosione:
Speciali misure antincendio: -
Protezione degli addetti alla Gli addetti alla lotta antincendio devono indossare un respira-
lotta antincendio: tore autonomo (SCBA) e un equipaggiamento di protezione
completa.

10.2.4.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Misure precauzionali perso- In caso di fuoriuscita delimitare la zona di pericolo e impedirvi


nali: l'accesso. Evitare il contatto con la sostanza nociva e l'inala-
zione dei vapori. Ventilare il locale. In caso di insufficiente venti-
lazione, indossare un respiratore. Indossare un
equipaggiamento di protezione personale adeguato.
Misure di protezione Evitare la penetrazione in sistemi di scarico, tubazioni delle
ambientale: acque reflue, corsi d'acqua e nel terreno. Se necessario, infor-
mare l'ente preposto.

100 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Elevata quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di


nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Lavare il
materiale fuoriuscito in un impianto di trattamento delle acque di
scarico. Limitare la perdita di materiale con del materiale assor-
bente non infiammabile (ad es. sabbia, terra, vermiculite, farina
fossile) e raccoglierlo in un contenitore adeguato. Fare eseguire
lo smaltimento da un'azienda specializzata riconosciuta. I mezzi
assorbenti utilizzati possono essere ugualmente pericolosi.
Ridotta quantità sprigio- Eliminare le perdite, se ciò è possibile senza l'insorgere di
nata: rischi. Rimuovere i recipienti dalla zona della perdita. Diluire con
acqua e risciacquare o mischiare sostanze assorbenti, quindi
gettare la sostanza in un contenitore di smaltimento adeguato.
Fare eseguire lo smaltimento da un'azienda specializzata rico-
nosciuta.

10.2.4.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Evitare il contatto con la pelle o gli indumenti. Il prodotto even-


tualmente versato o fuoriuscito non deve venire a contatto con il
terreno e le acque superficiali. Lavare accuratamente dopo
l'uso.
Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Non indicato: Evitare l'esposizione prolungata alle alte temperature.

10.2.4.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale

Valori limite MAK: A questo prodotto non è stato assegnato nessun valore limite di
esposizione sul luogo di lavoro.

Precauzioni
Limitazione e controllo Predisporre un impianto di ventilazione o un altro dispositivo
dell'esposizione sul posto di tecnico analogo.
lavoro:
Misure igieniche: Lavare accuratamente mani, avanbracci e viso dopo l'uso di
prodotti chimici.
Protezione delle vie respirato- Si raccomanda una sufficiente aerazione dei locali industriali. In
rie: caso di insufficiente aerazione è indicato l'uso di un dispositivo
di protezione delle vie respiratorie.
Protezione delle mani: Indossare guanti resistenti agli agenti chimici (si consigliano
guanti al nitrile) se si prevede il contatto prolungato e ripetuto.
Protezione degli occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.
Pelle e corpo: Indossare abiti adeguati per evitare il contatto cutaneo prolun-
gato.

10.2.4.9 Proprietà fisiche e chimiche

Stato fisico: Pasta


Colore: Marrone-giallo
Odore: Di olio minerale
Punto d'infiammabilità: > 150 °C
Densità: < 1000 kg/m3 (< 1 g/cm3) a 25 °C
Solubilità: Insolubile in acqua

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 101 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.4.10Stabilità e reattività

Incompatibilità con altre Reattivo o incompatibile con materiali ossidanti.


sostanze:
Polimerizzazione pericolosa: Il prodotto è stabile. In normali condizioni non interviene nes-
suna polimerizzazione pericolosa.
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono essere diversi ossidi (ad
pericolosi: es. ossido di carbonio). In normali condizioni di stoccaggio e
impiego non si generano prodotti di decomposizione pericolosi.

10.2.4.11Informazioni tossicologiche

Effetto cronico: Nessun effetto o pericolo particolare conosciuto.


Effetto sugli occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Effetto sulla pelle: Il contatto prolungato o ripetuto può seccare la pelle e causare
irritazione cutanea e/o dermatite. Nei peggiori casi sono possi-
bili reazioni allergiche.
Effetto per inalazione: I vapori e aerosol possono provocare irritazioni delle mucose,
del naso e della cavità orale.
Effetto per ingestione: Può provocare nausea, vomito e diarrea.

10.2.4.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Non facilmente biodegradabile.


Mobilità: Insolubile in acqua. Galleggia sull'acqua.
Pericoli per l'ambiente: Non deve venire a contatto con le acque di scarico e il terreno.

10.2.4.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni per lo smaltimento/ Il prodotto eventualmente versato o fuoriuscito non deve venire
indicazioni sul trattamento dei a contatto con il terreno e le acque superficiali. Osservare le
rifiuti: normative locali, regionali e nazionali. Impiegare solo attrezza-
ture omologate per il trasporto, il recupero, il trattamento, lo
stoccaggio e lo smaltimento del prodotto. Se necessario, rivol-
gersi ad un'azienda specializzata e riconosciuta per lo smalti-
mento dei rifiuti.

Prodotto inutilizzato
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 13 02 08*: altri oli per motori, ingranaggi e lubrifica-
(CER): zione

Prodotto usato/inquinato
Catalogo europeo dei rifiuti Codice rifiuti 13 02 08*: altri oli per motori, ingranaggi e lubrifica-
(CER): zione

Un impiego diverso del prodotto e/o l'inquinamento dello stesso possono ri-
chiedere l'uso di un codice rifiuti diverso da parte del produttore del rifiuto stes-
so.

Rifiuti pericolosi
Questo prodotto è stato classificato pericoloso dalla Direttiva UE sui rifiuti pericolosi. Lo smalti-
mento deve essere effettuato in conformità alle norme vigenti sul luogo e alle prescrizioni di
legge.

102 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.4.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.4.15Prescrizioni

Ordinamento UE: Direttive CE 1999/45/CE e 67/548/CEE.

Requisiti per l'etichetta


Indicazione di pericolo: Irritante
Frasi R: R38 - Irrita la pelle.
R41 - Rischio di lesioni oculari gravi.
R51/53 - Tossico per gli organismi acquatici, a lungo termine
può provocare effetti negativi per l'ambiente acquatico.
Frasi S: S24/25 - Evitare il contatto con la pelle e con gli occhi.
S37 - Indossare guanti adeguati.

Elenco delle frasi R rilevanti


R38 - Irrita la pelle.
R41 - Rischio di lesioni oculari gravi.
R51/53 - Tossico per gli organismi acquatici, a lungo termine può provocare effetti negativi per
l'ambiente acquatico.

10.2.4.16Altre indicazioni

Indicazioni per il lettore


Tutte le informazioni si basano sullo stato attuale delle nostre cognizioni. Esse hanno lo scopo di
descrivere il nostro prodotto in considerazione dei dati di sicurezza e non hanno il compito di
assicurare determinate caratteristiche.
Il prodotto deve trovare impiego, senza previo colloquio con noi, soltanto nell'ambito illustrato in
precedenza. Un impiego del prodotto diverso da quello previsto può comportare rischi non
descritti in questa scheda.
Per ulteriori informazioni sull'applicazione e sull'uso del prodotto si rimanda alle schede tecniche.

10.2.5 Scheda tecnica di sicurezza olio Optigear Synthetic RO 150

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.5.1 Denominazione dei materiali, del preparato e del produttore

Denominazione dei materiali e della composizione


Nome del prodotto: Optigear Synthetic RO 150
N. SDS: 465036
N. SDS storico: DE-05254, FR-465036, SK-5254
Impiego della sostanza/del: Lubrificante
Preparazione: Per le indicazioni specifiche sull'utilizzo consultare la relativa
scheda tecnica o rivolgersi a uno dei rappresentanti
dell'impresa.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 103 / 131


KR QUANTEC extra HA

Produttore
Ditta: Deutsche BP Aktiengesellschaft - Industrial Lubricants &
Services
Indirizzo: Erkelenzer Straße 20, D-41179 Mönchengladbach
Nazione: Germania
Telefono: +49 (0)2161 909-319
Telefax: +49 (0)2161 909-392
Numero di emergenza: Carechem: +44 (0)208 762 8322
Indirizzo e-mail: MSDSadvice@bp.com

10.2.5.2 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata


la composizione del prodotto è classificata come pericolosa.

Pericoli per l'ambiente: Nocivo per gli organismi acquatici, può provocare a lungo ter-
mine effetti negativi per l'ambiente acquatico.

Le sezioni (>>> 10.2.5.11 "Informazioni tossicologiche" Pagina 108) e


(>>> 10.2.5.12 "Informazioni ecologiche" Pagina 108) contengono informa-
zioni più dettagliate sui pericoli per la salute, i sintomi e i rischi per l'ambiente.

10.2.5.3 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Caratterizzazione chimica: Lubrificante sintetico e additivi.

Denominazione chimica N. CAS % EINECS / Classifica-


ELINCS. zione
Acido ditiocarbammico, dibutil 10254-57-6 1-5 233-593-1 R52/53
e metil estere
Tridecanamminio, N-tridecil-, 280130-32-7 0.1 - 1 442-990-0 Xi; R41, R38
ramificato, composti con N; R50/53
ossido di idrossido di molib-
deno (1:1)

Vedi paragrafo (>>> 10.2.5.16 "Altre indicazioni" Pagina 110) per il testo
completo delle frasi R indicate sopra.
Se disponibili, i valori limite per l'esposizione nella postazione di lavoro sono
riportati al paragrafo (>>> 10.2.5.8 "Controllo dell'esposizione e attrezzatura
di protezione personale" Pagina 107).

10.2.5.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: In caso di contatto con gli occhi, risciacquare immediatamente
gli occhi con abbondante acqua per almeno 15 minuti. In caso
di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Lavare la zona interessata con abbondante acqua e sapone
oppure impiegare un detergente indicato. Cambiare gli abiti e le
scarpe contaminati. Lavare gli indumenti prima di indossarli
nuovamente. Lavare accuratamente le scarpe prima di riutiliz-
zarle. In caso di irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.

104 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Ingestione: Non indurre vomito, tranne che su esplicita indicazione del per-
sonale medico. Non somministrare mai nulla per bocca ad una
persona che ha perso conoscenza. In caso d'ingestione di
grosse quantità di prodotto, rivolgersi immediatamente ad un
medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Il tessuto si gonfia nell'arco di poche ore, cambia
colore e risulta estremamente doloroso, associato ad una forte
necrosi sottocutanea.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati cutanei.

10.2.5.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio impiegare acqua spruzzata (nebulizzata),


priati: schiuma, prodotti chimici secchi o anidride carbonica. La
sostanza è nociva per gli organismi acquatici. Arginare la
dispersione dell'acqua usata per l'estinzione, inquinata con la
sostanza, in modo che non penetri nelle acque, nella canalizza-
zione o nei sistemi di scarico.
Mezzi di estinzione inade- Non impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Prodotti di decomposizione Prodotti di decomposizione possono includere le seguente
pericolosi: sostanze:
Ossidi di carbonio
Ossidi di azoto
Ossidi di zolfo
Insoliti pericoli d'incendio/ Questo prodotto non è esplosivo per le norme vigenti.
esplosione:
Speciali misure antincendio: Non specificate.
Protezione degli addetti alla Gli addetti alla lotta antincendio devono indossare un respira-
lotta antincendio: tore autonomo (SCBA) e un equipaggiamento di protezione
completa.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 105 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.5.6 Misure in caso di dispersione accidentale

Misure precauzionali perso- Non prendere provvedimenti che possono rappresentare dei
nali: rischi per la propria persona o per i quali non si è sufficiente-
mente addestrati. Evacuare la zona. Impedire l'accesso a per-
sonale non richiesto e non protetto. Non toccare o calpestare la
sostanza spanta. Evitare di respirare i vapori o le nebbie. Venti-
lare il locale. In caso di insufficiente ventilazione, indossare un
respiratore. Indossare un'attrezzatura di protezione idonea
(vedere paragrafo (>>> 10.2.5.8 "Controllo dell'esposizione e
attrezzatura di protezione personale" Pagina 107)).
Misure di protezione Evitare la dispersione e il deflusso di materiale spanto e impe-
ambientale: dire che penetri nel suolo, nei corsi d'acqua, nei canali e nelle
tubazioni di scarico. Informare le autorità competenti qualora
vengano provocati danni ambientali per la fuoriuscita del pro-
dotto (sistemi di canalizzazione, acque superficiali, terra o aria).
La sostanza inquina l'acqua.
Elevata quantità sprigio- Chiudere la perdita, se ciò è possibile senza pericoli. Rimuo-
nata: vere i recipienti dalla zona della perdita. Avvicinarsi al punto
della perdita solo con vento di spalle. Evitare la penetrazione
nel sistema di canalizzazione, nelle acque, nelle cantine o in
ambienti chiusi. Lavare il materiale fuoriuscito in un impianto di
trattamento delle acque di scarico o come indicato di seguito.
Limitare la perdita della sostanza con del materiale assorbente
non infiammabile (ad es. sabbia, terra, vermiculite, farina fos-
sile) e raccoglierlo in un contenitore adeguato per poi smaltirlo a
norma (vedere sezione (>>> 10.2.5.13 "Indicazioni per lo smal-
timento" Pagina 109). Fare eseguire lo smaltimento da
un'azienda specializzata riconosciuta. I mezzi assorbenti utiliz-
zati possono essere ugualmente pericolosi. Avvertenza: Per-
sone di contatto in casi di emergenza, vedere paragrafo
(>>> 10.2.5.1 "Denominazione dei materiali, del preparato e del
produttore" Pagina 103) e indicazioni sullo smaltimento, vedere
paragrafo (>>> 10.2.5.13 "Indicazioni per lo smaltimento"
Pagina 109).
Ridotta quantità sprigio- Chiudere la perdita, se ciò è possibile senza pericoli. Rimuo-
nata: vere i recipienti dalla zona della perdita. Assorbire con materiale
inerte da raccogliere in contenitori adeguati per lo smaltimento.
Fare eseguire lo smaltimento da un'azienda specializzata rico-
nosciuta.

10.2.5.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Il prodotto spanto o fuoriuscito non deve entrare in contatto con


le acque superficiali o penetrare nel terreno. Lavare accurata-
mente dopo l'uso.
Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Classe di stoccaggio - Ger- 10
mania:

106 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.5.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione personale

Nome della sostanza valori Valori limite di soglia a norma ACGIH (USA)
limite TLV ACGIH:
Olio base - non specificato Media ponderata nel tempo: 5 mg/m3 8 ore. Forma: nebbia di
olio minerale.

Limite di esposizione di breve durata: 10 mg/m3 15 minuti.


Forma: nebbia di olio minerale.

Per maggiori informazioni e un migliore orientamento, i valori ACGIH sono al-


legati. Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio fornitore.
In questo paragrafo possono comparire specifici limiti di esposizione persona-
le (OEL) per determinati componenti, ma nelle nebbie, nei vapori o nelle pol-
veri generate possono essere contenuti anche altri componenti. I limiti OEL
specifici non corrispondono pertanto necessariamente al prodotto completo e
sono indicati solo a titolo informativo.

Precauzioni
Limitazione e controllo Predisporre un impianto di ventilazione o altri sistemi per man-
dell'esposizione sul posto di tenere le concentrazioni nell'aria sotto ai valori limite ammessi
lavoro: per il posto di lavoro.
Misure igieniche: Lavarsi accuratamente le mani, gli avambracci e il viso dopo
avere lavorato con prodotti chimici, al termine della giornata
lavorativa e prima di consumare pasti, di fumare e di usare la
toilette.

Protezione personale
Protezione delle vie respirato- Non necessaria. Si raccomanda tuttavia una buona ventilazione
rie: degli ambienti industriali.
Protezione delle mani: Indossare guanti di protezione se si prevede il contatto prolun-
gato o ripetuto con il prodotto. Guanti resistenti alle sostanze
chimiche. Si consigliano guanti al nitrile. La scelta dei guanti di
protezione adeguati dipende dal tipo di sostanza chimica con la
quale si lavora, dalle condizioni d'impiego e di lavoro e dallo
stato dei guanti stessi (persino i migliori guanti di protezione
resistenti agli agenti chimici perdono l'impermeabilità dopo il
ripetuto contatto con tali sostanze). La maggior parte dei guanti
di protezione offrono una protezione limitata nel tempo e
devono essere poi smaltiti e sostituiti. Per via delle diverse con-
dizioni di lavoro specifiche e delle diverse sostanze chimiche,
occorre prendere provvedimenti di sicurezza adeguati ad ogni
situazione d'impiego. Scegliere dunque i guanti di protezione
previa consultazione del fornitore/produttore e accurata valuta-
zione delle condizioni di lavoro.
Protezione degli occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.
Pelle e corpo: Indossare abiti adeguati per evitare il contatto cutaneo prolun-
gato.

10.2.5.9 Proprietà fisiche e chimiche

Indicazioni generali / aspetto


Stato fisico: Fluido.
Colore: Verde.
Odore: Lieve.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 107 / 131


KR QUANTEC extra HA

Indicazioni importanti sulla salute, sulla sicurezza e sull'ambiente


Punto d'infiammabilità: Vaso aperto: 230 °C (446 °F) [Cleveland.]
Pressione vapore: < 0,01 kPa (< 0,075 mm Hg) a 20 °C.
Viscosità: Cinematica: 150 mm2/s (150 cSt) a 40 °C.
Pour Point: -36 °C.
Densità: < 1000 kg/m3 (< 1 g/cm3) a 20 °C.
Solubilità: Insolubile in acqua.

10.2.5.10Stabilità e reattività

Stabilità: Il prodotto è stabile. In normali condizioni di stoccaggio e


durante l'impiego normale non si verificano polimerizzazioni
pericolose.
Condizioni da evitare: Nessun dato specifico.
Sostanze da evitare: Reattivo o incompatibile con le seguenti sostanze: materiali
ossidanti.
Prodotti di decomposizione I prodotti di combustione possono comprendere i seguenti com-
pericolosi: posti:
Ossidi di carbonio
Ossidi di azoto
Ossidi di zolfo
In normali condizioni di stoccaggio e impiego non si generano
prodotti di decomposizione pericolosi.

10.2.5.11Informazioni tossicologiche

Tossicità cronica
Effetti cronici: Nessun effetto o pericolo particolare conosciuto.

Effetti e sintomi
Occhi: Può causare leggere irritazioni agli occhi.
Pelle: Il contatto prolungato o ripetuto può seccare la pelle e causare
irritazione cutanea e/o dermatite.
Inalazione: I vapori e i getti nebulizzati possono provocare irritazioni delle
mucose, del naso e della cavità orale.
Ingestione: L'ingestione può causare irritazioni gastrointestinali e diarrea.

10.2.5.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Biodegradabile per natura.


Mobilità: Non volatile. Liquido. Insolubile in acqua.
Pericoli per l'ambiente: Nocivo per gli organismi acquatici, può provocare a lungo ter-
mine effetti negativi per l'ambiente acquatico.

108 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.5.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni sul trattamento dei Evitare la produzione di rifiuti, se possibile, o tenerla al minimo.
rifiuti: Smaltire le eccedenze e i prodotti che non possono essere rici-
clati rivolgendosi a un'azienda specializzata e riconosciuta per
lo smaltimento dei rifiuti. Lo smaltimento di questo prodotto,
delle sue soluzioni e sottoprodotti deve avvenire sempre nel
rispetto delle prescrizioni ambientali e delle norme relative allo
smaltimento dei rifiuti, oltre alle disposizioni vigenti sul luogo.
Evitare la dispersione e il deflusso di materiale spanto e impe-
dire che penetri nel suolo, nei corsi d'acqua, nei canali e nelle
tubazioni di scarico.

Prodotto inutilizzato
Catalogo europeo dei rifiuti 13 02 06* oli sintetici per macchine, ingranaggi e lubrificazione.
(CER):

Un impiego diverso del prodotto e/o l'inquinamento dello stesso possono ri-
chiedere l'uso di un codice rifiuti diverso da parte del produttore del rifiuto stes-
so.

Imballaggio
Catalogo europeo dei rifiuti 15 01 10* imballaggi che presentano resti di sostanze perico-
(CER): lose o che sono stati inquinati con sostanze pericolose.

10.2.5.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.5.15Prescrizioni

Classificazione e contrassegno ai sensi delle direttive CE 1999/45/CE e 67/


548/CEE, nella loro versione modificata e adeguata.

Requisiti per l'etichetta


Frasi R: R52/53 - Nocivo per gli organismi acquatici, può provocare a
lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico.
Frasi S: S61 - Non disperdere nell'ambiente. Consultare le istruzioni
speciali / le schede dati di sicurezza.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 109 / 131


KR QUANTEC extra HA

Altre disposizioni
Registro: Inventario europeo: Tutti i componenti sono elencati o esenti.
Inventario USA (TSCA 8b): Tutti i componenti sono elencati o
esenti.
Inventario chimico Australia (AICS): Tutti i componenti sono
elencati o esenti.
Inventario Canada: Almeno un componente non è elencato.
Inventario delle sostanze chimiche in Cina (IECSC): Tutti i
componenti sono elencati o esenti.
Inventario giapponese per sostanze chimiche esistenti e
nuove (ENCS): Almeno un componente non è elencato.
Inventario coreano sostanze chimiche esistenti (KECI): Tutti
i componenti sono elencati o esenti.
Inventario chimico filippino (PICCS): Tutti i componenti sono
elencati o esenti.
Classe di pericolo per l'acqua 1 Appendice n.4.
(WGK), classificazione a
norma VwVwS:

10.2.5.16Altre indicazioni

Elenco delle frasi R, a cui si fa R41 - Rischio di lesioni oculari gravi.


riferimento al paragrafo
R38 - Irrita la pelle.
(>>> 10.2.5.11 "Informazioni
tossicologiche" Pagina 108) e R50/53 - Molto tossico per gli organismi acquatici, può provo-
(>>> 10.2.5.3 "Composizione care a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico.
e indicazioni sugli ingredienti"
R52/53 - Nocivo per gli organismi acquatici, può provocare a
Pagina 104):
lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico.

History
Data di pubblicazione: 23/11/2007.
Data dell'ultima pubblicazione: L31/08/2007.
Creato da: Product Stewardship Group.

110 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Indicazioni per il lettore


Sono state prese tutte le misure possibili atte a garantire che le informazioni contenute in questa
scheda tecnica concernenti la salute, la sicurezza e l'ambiente rispondano con precisione ai dati
validi alla data indicata sotto. Non vengono offerte, nè esplicitamente nè tacitamente, garanzie o
assicurazioni sulla precisione e completezza dei dati e delle informazioni contenute in questa
scheda tecnica.
I dati e i suggerimenti riportati valgono per il prodotto venduto per la o le applicazioni indicate.
Non è consentito utilizzare il prodotto per applicazioni diverse da quelle indicate senza previa
consultazione con noi.
L'utilizzatore è tenuto a controllare il prodotto, ad impiegarlo in modo sicuro e ad attenersi alle
leggi e norme vigenti.
La compagnia BP non si assume alcuna responsabilità per danni o lesioni provocate da un uti-
lizzo del prodotto diverso da quello indicato, dal mancato rispetto dei suggerimenti o da pericoli
indissolubilmente legati alla natura del materiale stesso. Chi acquista il prodotto per fornirlo a
terzi per l'uso sul lavoro è tenuto a prendere tutti i provvedimenti atti ad assicurare che tutte le
persone che usano o maneggiano il prodotto abbiano accesso alle informazioni contenute in que-
sta scheda tecnica. I datori di lavoro sono tenuti a spiegare tutte le misure precauzionali necessa-
rie a tutti i collaboratori e a tutti coloro che possono essere soggetti ai pericoli descritti in questa
scheda tecnica.

10.2.6 Scheda tecnica di sicurezza olio idraulico Castrol Hyspin ZZ 46

Attenersi a quanto riportato nel seguente passo incluso nella scheda tecnica
di sicurezza a norma 91/155 CE.

10.2.6.1 Denominazione dei materiali, della composizione e del produttore

Denominazione dei materiali e della composizione


Nome prodotto: Castrol Hyspin ZZ 46
N. SDS: 450828
Impiego della sostanza/della Olio idraulico
composizione:
Per indicazioni d'uso specifiche consultare la scheda tecnica
corrispondente o rivolgersi a un rappresentante dell'azienda.

Denominazione della ditta


Ditta: Deutsche Castrol Vertriebsgesellschaft mbH
Indirizzo: Max-Born-Str. 2, D-22761 Hamburg
Paese: Germania
Telefono: Centrale per l'assistenza clienti/ambiente/sicurezza del pro-
dotto:
+49 (0)40 3594-01
Numero di emergenza: Carechem: +44 (0)208 762 8322 (24 ore su 24)

10.2.6.2 Composizione e indicazioni sugli ingredienti

Olio base altamente raffinato (IP 346 estratto DMSO < 3 %). Additivi.
Questo prodotto non contiene componenti pericolosi in quantità maggiori a
quelle limite imposte per legge.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 111 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.6.3 Possibili pericoli

Ai sensi della direttiva 1999/45/CE nella sua versione modificata e adeguata,


la composizione del prodotto è classificata come non pericolosa.

Pericoli fisici/chimici: Classificato non pericoloso.


Rischi per la salute: Classificato non pericoloso.
Pericoli per l'ambiente: È improbabile una sua pericolosità per gli organismi acquatici.

Effetti e sintomi
Occhi: Non è stato rilevato nessun rischio per la salute rilevante.
Pelle: Non è stato rilevato nessun rischio per la salute rilevante.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Vedi le indicazioni per i medici nel paragrafo
"Provvedimenti in casi di emergenza" su questa scheda tecnica
di sicurezza.
Inalazione: Non è stato rilevato nessun rischio per la salute rilevante.
Ingestione: Non è stato rilevato nessun rischio per la salute rilevante.

10.2.6.4 Misure di pronto soccorso

Contatto con gli occhi: In caso di contatto con gli occhi, risciacquare immediatamente
gli occhi con abbondante acqua per almeno 15 minuti. In caso
di irritazioni consultare un medico.
Contatto con la pelle: Dopo il contatto con la pelle sciacquare immediatamente con
abbondante acqua. Cambiare gli indumenti e le scarpe conta-
minati. Lavare gli indumenti prima di indossarli nuovamente.
Lavare accuratamente le scarpe prima di riutilizzarle. In caso di
irritazioni consultare un medico.
Inalazione: In caso di inalazione, portare l'infortunato all'aria aperta. In caso
di disturbi consultare un medico.
Ingestione: NON indurre vomito, tranne che su esplicita indicazione del per-
sonale medico. Non somministrare mai nulla per bocca ad una
persona priva di conoscenza. In caso d'ingestione di grosse
quantità di prodotto, rivolgersi immediatamente a un medico.
Indicazioni per il medico: Il trattamento deve dipendere generalmente dai sintomi ed
essere mirato ad alleviare gli effetti.
Avvertenza: applicazioni sotto alta pressione.
La penetrazione sotto la cute, causata da contatto con il pro-
dotto sotto alta pressione, rappresenta un grave caso di emer-
genza medica. Le lesioni inizialmente non appaiono gravi, ma
entro poche ore il tessuto si gonfia, cambia colore ed è estre-
mamente doloroso, accompagnato da grave necrosi del tessuto
sottocutaneo.
È indispensabile intervenire chirurgicamente. È necessario
aprire accuratamente l'intera ferita e il tessuto sottostante per
ridurre il pericolo di perdita dei tessuti ed evitare o limitare danni
permanenti. Sotto alta pressione il prodotto può penetrare in
zone estese degli strati tissutali.

112 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

10.2.6.5 Misure antincendio

Mezzi di estinzione appro- In caso d'incendio utilizzare estintori a schiuma, a sostanze chi-
priati: miche secche o a biossido di carbonio o a spray.
Mezzi di estinzione inade- NON impiegare forti getti d'acqua.
guati:
Prodotti di decomposizione Questi prodotti sono ossidi di carbonio (CO, CO2).
pericolosi:
Insoliti pericoli d'incendio/ Non specificate.
esplosione:
Speciali misure antincen- Non specificate.
dio:
Protezione dei pompieri: I pompieri devono indossare un respiratore autonomo (SCBA) e
un equipaggiamento di protezione completa.

10.2.6.6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale

Misure precauzionali perso- Richiedere immediatamente l'intervento di personale di soc-


nali: corso. Mantenere lontane le persone non autorizzate. Indos-
sare un'attrezzatura di protezione idonea (vedi paragrafo:
"Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione perso-
nale"). Prendere tutte le misure antincendio (vedi paragrafo:
"Misure antincendio").
Misure precauzionali di pro- In caso di mancato soccorso da parte delle forze di intervento,
tezione ambientale e metodi arginare il prodotto fuoriuscito. In caso di spargimento di piccole
di pulizia: quantità, utilizzare sostanze assorbenti (eventualmente anche
della terra) e con una pala stoccare la sostanza in un conteni-
tore chiudibile in modo ermetico e a tenuta d'acqua, in vista
dello smaltimento successivo. In caso di importanti perdite, argi-
nare il prodotto fuoriuscito e limitare la perdita in modo che non
penetri nelle acque. Stoccare il materiale sparso in un conteni-
tore apposito per lo smaltimento. Evitare che la sostanza fuoriu-
scita entri a contatto con il terreno e sia scaricata nelle acque
superficiali. Per le indicazioni sullo smaltimento vedi paragrafo
"Indicazioni per lo smaltimento".
Protezione personale in Occhiali di protezione dagli spruzzi, tuta di protezione completa
caso di fuoriuscita in del corpo, stivali, guanti.
grande quantità:

10.2.6.7 Manipolazione e stoccaggio

Manipolazione: Lavare accuratamente dopo l'uso.


Stoccaggio: Tenere i recipienti ermeticamente chiusi. Conservare i recipienti
in un luogo fresco e ben aerato.
Non indicato: Evitare l'esposizione prolungata a temperatura elevata.

10.2.6.8 Controllo dell'esposizione e attrezzatura di protezione individuale

Nome della sostanza: Valori limite MAK a norma ACGIH (USA)


Olio base - non specificato STEL: 10 mg/m3 15 minuti. Forma: nebbia di olio minerale

TWA: 5 mg/m3 8 ore. Forma: nebbia di olio minerale

Se non esistono dei limiti di esposizione per legge, attenersi alle informazioni
e ai valori ACGIH. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al fornitore. Si richiama

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 113 / 131


KR QUANTEC extra HA

l'attenzione sul fatto che in ogni nebbia, vapore o polvere sono contenuti an-
che altri componenti di questa composizione. Per questo motivo, è possibile
che i valori limite per determinati componenti riportati nella scheda tecnica di
sicurezza non siano applicabili al prodotto e che qui siano elencati solo come
linee guida.

Precauzioni Predisporre un impianto di ventilazione o altri sistemi per man-


tenere le concentrazioni nell'aria sotto ai valori limite ammessi
per il posto di lavoro.
Tutte le sostanze chimiche dovrebbero essere analizzate in
relazione alla loro pericolosità per la salute e si dovrebbero
introdurre le misure di controllo adeguate per evitare l'esposi-
zione o limitarla in modo appropriato. Esiste una gerarchia di
misure di controllo (ad es. eliminazione, sostituzione, ventila-
zione generale, localizzazione, sistemi di lavoro, modifica del
processo o dell'attività), che devono essere prese in considera-
zione prima dell'impiego dell'equipaggiamento di protezione
personale. L'equipaggiamento di protezione personale deve
essere conforme alle norme vigenti. A tal fine rivolgersi al pro-
prio fornitore di equipaggiamento di protezione personale. Le
rispettive indicazioni sono reperibili sul sito del Comitato Euro-
peo di Standardizzazione http://www.cenorm.be/cenorm/
index.htm.
La scelta definitiva dell'equipaggiamento di protezione si deve
basare sulla valutazione dei rischi. Osservare rigorosamente
che tutte le parti dell'equipaggiamento di protezione personale
siano reciprocamente compatibili.
Misure igieniche: Lavarsi accuratamente le mani, gli avambracci e il viso dopo
avere lavorato con prodotti chimici, al termine della giornata
lavorativa e prima di consumare pasti, di fumare e di usare la
toilette.

114 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Protezione personale
Organi di respirazione: Normalmente i dispositivi di protezione delle vie respiratorie non
sono necessari, se per il controllo dell'esposizione è presente
una sufficiente ventilazione ad aspirazione naturale o locale. In
caso di ventilazione insufficiente indossare un respiratore. Il
dispositivo di protezione delle vie respiratorie deve essere con-
trollato per assicurare a ogni impiego che la sua forma possa
essere indossata in modo corretto.
I respiratori a filtro che purificano l'aria in caso di scarsità di
ossigeno non saranno sufficienti (ad es. in caso di basse con-
centrazioni di ossigeno) e non sono dunque da considerare ido-
nei se la concentrazione di particelle chimiche sospese nell'aria
rappresenta un rischio elevato. In questi casi sarà necessario
un respiratore ad adduzione d'aria.
Se invece è adatto un respiratore a filtro che purifica l'aria, si
può usare un filtro particelle per nebbia o vapore. Utilizzare un
filtro di tipo P o uno standard equivalente. Eventualmente è
necessario un filtro combinato per particelle e gas e vapori
organici (punto di ebollizione > 65 °C), se a causa di una tem-
peratura elevata del prodotto si verifica anche la presenza di
vapore o odore insolito. Utilizzare un filtro di tipo AP o uno stan-
dard equivalente.
Pelle e corpo: L'impiego di indumenti protettivi è buona pratica industriale.
Le tute in cotone o cotone e poliestere proteggono solo dalle
contaminazioni superficiali e leggere, che non penetrano fino
all'epidermide. Le tute dovrebbero essere lavate regolarmente.
In caso di elevato rischio di contaminazione della pelle (ad es.
per la pulizia di materiale rovesciato o se c'è rischio di spruzzi)
sono necessari grembiuli resistenti alle sostanze chimiche e/o
abbigliamento e stivali di protezione chimica.
Mani: Indossare guanti di protezione se si prevede il contatto prolun-
gato o ripetuto con il prodotto. Indossare guanti resistenti alle
sostanze chimiche.
Si consigliano: guanti in nitrile.
In caso di manipolazione di prodotti congelati è necessario un
abbigliamento resistente al freddo.
Occhi: Occhiali protettivi con protezione laterale.

10.2.6.9 Proprietà fisiche e chimiche

Punto d'infiammabilità: 220 °C (vaso chiuso).


Pour Point: -21 °C.
Colore: Paglierino.
Odore: Oleoso.
Stato fisico: Fluido.
Densità: 876 kg/m3 (0,876 g/cm3) a 15 °C.
Solubilità: Insolubile in acqua.
LogKOW: Il prodotto è molto più solubile in ottanolo; log(ottanolo/acqua)
>3.
Viscosità: Cinematica: 46 mm2/s (46 cSt) a 40 °C.

Cinematica: 6,65 mm2/s (6,65 cSt) a 100 °C.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 115 / 131


KR QUANTEC extra HA

10.2.6.10Stabilità e reattività

Incompatibilità con altre Reagisce agli ossidanti.


sostanze:
Polimerizzazione pericolosa: Non si verifica.
Prodotti di decomposizione Questi prodotti sono ossidi di carbonio (CO, CO2).
pericolosi:

10.2.6.11Informazioni tossicologiche

Tossicità acuta: In caso di contatto con gli occhi accidentale è improbabile che si
verifichino più di un momentaneo dolore e arrossamento.
In caso di contatto con l'epidermide breve o occasionale è
improbabile che si verifichino problemi alla pelle. L'azione pro-
lungata o ripetuta può provocare lo sgrassaggio della pelle e la
formazione di dermatite.
L'inghiottimento involontario di piccole quantità è improbabile
che sia dannoso. Quantità elevate possono provocare nausea e
diarrea.
In caso di temperatura ambiente normale è poco probabile che
si verifichi l'inalazione del prodotto, a causa della sua bassa
pressione di vapore. L'inalazione di prodotti derivanti dalla
scomposizione termica sotto forma di vapore, nebbia o fumo
può danneggiare la salute.

Tossicità cronica
Effetti cancerogeni: Nessun componente di questo prodotto è classificato come
cancerogeno a un livello maggiore o uguale a 0,1 % secondo la
ACGIH, la Agency for Research on Cancer (IARC) o la Com-
missione europea (EC).

10.2.6.12Informazioni ecologiche

Persistenza e degradabilità: Biodegradabile per natura.


Mobilità: La sostanza in uscita può penetrare nel terreno e inquinare ter-
reno e falda acquifera.
Potenziale di bioaccumula- Per questo prodotto non si considera un bioaccumulo
zione: nell'ambiente dovuto a catene alimentari.
Pericoli per l'ambiente: È improbabile una sua pericolosità per gli organismi acquatici.
Altre informazioni ecologiche: Il prodotto in uscita può causare la formazione di una pellicola
sulla superficie dell'acqua, che riduce lo scambio di ossigeno,
con la possibile morte degli organismi che ci vivono.

10.2.6.13Indicazioni per lo smaltimento

Indicazioni per lo smaltimento


Indicazioni per lo smaltimento/ Lo smaltimento deve essere a cura di un'impresa di smalti-
indicazioni sul trattamento dei mento autorizzata.
rifiuti:

Prodotto usato/inquinato
Catalogo europeo dei rifiuti 13 01 10* oli idraulici non clorati a base di oli minerali.
(CER):

116 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


10 Allegato

Un impiego diverso del prodotto e/o l'inquinamento dello stesso possono ri-
chiedere l'uso di un codice rifiuti diverso da parte del produttore del rifiuto stes-
so.

10.2.6.14Indicazioni per il trasporto

Classificazione: Non è considerata merce pericolosa ai sensi delle norme sul


trasporto (ADR/RID, ADNR, IMDG, ICAO/IATA).

10.2.6.15Prescrizioni

Requisiti per l'etichetta


Frasi R: Prodotto non classificato per l'immissione sul mercato ai sensi
dell'ordinamento sulle sostanze pericolose / disposizioni UE.
Ordinamenti UE: Classificazione e contrassegno ai sensi delle direttive CE 1999/
45/CE e 67/548/CEE, nella loro versione modificata e adeguata.

Altre disposizioni
Registro: Inventario australiano (AICS): conforme.
Inventario canadese (DSL): conforme.
Inventario cinese (IECS): non determinata.
Inventario UE (EINECS/ELINCS): conforme.
Inventario giapponese (ENCS): conforme.
Inventario coreano (ECL): non riportato.
Inventario filippino (PICCS): non determinata.
Inventario degli Stati Uniti (TSCA): conforme.
Classe di pericolo per l'acqua 1 (poco pericoloso per le acque), classificazione a norma
(WGK): VwVwS (Disposizione amministrativa tedesca per le sostanze
inquinanti delle acque).
OPIR: 12a Ordinanza federale tedesca per la tutela delle immissioni
BlmSchV (Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rile-
vanti): non riportato.

10.2.6.16Altre indicazioni

History
Data di pubblicazione: 29/03/2006.
Data dell'ultima pubblicazione: Nessuna validazione precedente.
Creato da: Product Stewardship Group.

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 117 / 131


KR QUANTEC extra HA

Indicazioni per il lettore


(#) indica le informazioni modificate rispetto all'ultima versione.
Sono state prese tutte le misure possibili atte a garantire che le informazioni contenute in questa
scheda tecnica concernenti la salute, la sicurezza e l'ambiente rispondano con precisione ai dati
validi alla data indicata sotto. Non vengono offerte, né esplicitamente né tacitamente, garanzie o
assicurazioni sulla precisione e completezza dei dati e delle informazioni contenute in questa
scheda tecnica.
I dati e i suggerimenti riportati valgono per il prodotto venduto per la/le applicazioni indicate. Non
è consentito utilizzare il prodotto per applicazioni diverse da quelle indicate senza previa consul-
tazione con noi. L'utilizzatore è tenuto a controllare il prodotto, ad impiegarlo in modo sicuro e ad
attenersi alle leggi e norme vigenti. La compagnia BP non si assume alcuna responsabilità per
danni o lesioni provocate da un utilizzo del prodotto diverso da quello indicato, dal mancato
rispetto dei suggerimenti o da pericoli indissolubilmente legati alla natura del materiale stesso.
Chi acquista il prodotto per fornirlo a terzi per l'uso sul lavoro è tenuto a prendere tutti i provvedi-
menti atti ad assicurare che tutte le persone che usano o maneggiano il prodotto abbiano
accesso alle informazioni contenute in questa scheda tecnica. I datori di lavoro sono tenuti a
spiegare tutte le misure precauzionali necessarie a tutti i collaboratori e a tutti coloro che possono
essere soggetti ai pericoli descritti in questa scheda tecnica.

118 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


11 Assistenza KUKA

11 Assistenza KUKA

11.1 Richiesta di assistenza

Introduzione La documentazione di KUKA Roboter GmbH offre informazioni sul funziona-


mento e sull'utilizzo e Vi assiste nell'eliminazione delle anomalie. Le filiali locali
sono a Vostra disposizione per eventuali altre richieste.

Informazioni Per effettuare una richiesta si richiedono le seguenti informazioni:


 Modello e numero di serie del robot
 Modello e numero di serie dell'unità di controllo
 Modello e numero di serie dell'unità lineare (opzionale)
 Versione del KUKA System Software
 Software opzionale o modifiche
 Archivio del software
Per KUKA System Software V8: Creare, al posto del consueto archivio, lo
speciale pacchetto dati per l'analisi d'errore (mediante KrcDiag).
 Applicazione presente
 Assi addizionali presenti (opzionali)
 Descrizione del problema, durata e frequenza dell'anomalia

11.2 Servizio di assistenza KUKA

Disponibilità Il servizio di assistenza KUKA è disponibile in numerosi paesi. Per qualsiasi


domanda non esitate a contattarci!

Argentina Ruben Costantini S.A. (Agenzia)


Luis Angel Huergo 13 20
Parque Industrial
2400 San Francisco (CBA)
Argentina
Tel. +54 3564 421033
Fax +54 3564 428877
ventas@costantini-sa.com

Australia Headland Machinery Pty. Ltd.


Victoria (Head Office & Showroom)
95 Highbury Road
Burwood
Victoria 31 25
Australia
Tel. +61 3 9244-3500
Fax +61 3 9244-3501
vic@headland.com.au
www.headland.com.au

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 119 / 131


KR QUANTEC extra HA

Belgio KUKA Automatisering + Robots N.V.


Centrum Zuid 1031
3530 Houthalen
Belgio
Tel. +32 11 516160
Fax +32 11 526794
info@kuka.be
www.kuka.be

Brasile KUKA Roboter do Brasil Ltda.


Travessa Claudio Armando, nº 171
Bloco 5 - Galpões 51/52
Bairro Assunção
CEP 09861-7630 São Bernardo do Campo - SP
Brasile
Tel. +55 11 4942-8299
Fax +55 11 2201-7883
info@kuka-roboter.com.br
www.kuka-roboter.com.br

Cile Robotec S.A. (Agenzia)


Santiago de Chile
Cile
Tel. +56 2 331-5951
Fax +56 2 331-5952
robotec@robotec.cl
www.robotec.cl

Cina KUKA Robotics China Co.,Ltd.


Songjiang Industrial Zone
No. 388 Minshen Road
201612 Shanghai
Cina
Tel. +86 21 6787-1888
Fax +86 21 6787-1803
www.kuka-robotics.cn

Germania KUKA Roboter GmbH


Zugspitzstr. 140
86165 Augsburg
Germania
Tel. +49 821 797-4000
Fax +49 821 797-1616
info@kuka-roboter.de
www.kuka-roboter.de

120 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


11 Assistenza KUKA

Francia KUKA Automatisme + Robotique SAS


Techvallée
6, Avenue du Parc
91140 Villebon S/Yvette
Francia
Tel. +33 1 6931660-0
Fax +33 1 6931660-1
commercial@kuka.fr
www.kuka.fr

India KUKA Robotics India Pvt. Ltd.


Office Number-7, German Centre,
Level 12, Building No. - 9B
DLF Cyber City Phase III
122 002 Gurgaon
Haryana
India
Tel. +91 124 4635774
Fax +91 124 4635773
info@kuka.in
www.kuka.in

Italia KUKA Roboter Italia S.p.A.


Via Pavia 9/a - int.6
10098 Rivoli (TO)
Italia
Tel. +39 011 959-5013
Fax +39 011 959-5141
kuka@kuka.it
www.kuka.it

Giappone KUKA Robotics Japan K.K.


YBP Technical Center
134 Godo-cho, Hodogaya-ku
Yokohama, Kanagawa
240 0005
Giappone
Tel. +81 45 744 7691
Fax +81 45 744 7696
info@kuka.co.jp

Canada KUKA Robotics Canada Ltd.


6710 Maritz Drive - Unit 4
Mississauga
L5W 0A1
Ontario
Canada
Tel. +1 905 670-8600
Fax +1 905 670-8604
info@kukarobotics.com
www.kuka-robotics.com/canada

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 121 / 131


KR QUANTEC extra HA

Corea KUKA Robotics Korea Co. Ltd.


RIT Center 306, Gyeonggi Technopark
1271-11 Sa 3-dong, Sangnok-gu
Ansan City, Gyeonggi Do
426-901
Corea
Tel. +82 31 501-1451
Fax +82 31 501-1461
info@kukakorea.com

Malaysia KUKA Robot Automation Sdn Bhd


South East Asia Regional Office
No. 24, Jalan TPP 1/10
Taman Industri Puchong
47100 Puchong
Selangor
Malaysia
Tel. +60 3 8061-0613 or -0614
Fax +60 3 8061-7386
info@kuka.com.my

Messico KUKA de México S. de R.L. de C.V.


Progreso #8
Col. Centro Industrial Puente de Vigas
Tlalnepantla de Baz
54020 Estado de México
Messico
Tel. +52 55 5203-8407
Fax +52 55 5203-8148
info@kuka.com.mx
www.kuka-robotics.com/mexico

Norvegia KUKA Sveiseanlegg + Roboter


Sentrumsvegen 5
2867 Hov
Norvegia
Tel. +47 61 18 91 30
Fax +47 61 18 62 00
info@kuka.no

Austria KUKA Roboter Austria GmbH


Regensburger Strasse 9/1
4020 Linz
Austria
Tel. +43 732 784752
Fax +43 732 793880
office@kuka-roboter.at
www.kuka-roboter.at

122 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


11 Assistenza KUKA

Polonia KUKA Roboter Austria GmbH


Spółka z ograniczoną odpowiedzialnością
Oddział w Polsce
Ul. Porcelanowa 10
40-246 Katowice
Polonia
Tel. +48 327 30 32 13 or -14
Fax +48 327 30 32 26
ServicePL@kuka-roboter.de

Portogallo KUKA Sistemas de Automatización S.A.


Rua do Alto da Guerra n° 50
Armazém 04
2910 011 Setúbal
Portogallo
Tel. +351 265 729780
Fax +351 265 729782
kuka@mail.telepac.pt

Russia OOO KUKA Robotics Rus


Webnaja ul. 8A
107143 Moskau
Russia
Tel. +7 495 781-31-20
Fax +7 495 781-31-19
kuka-robotics.ru

Svezia KUKA Svetsanläggningar + Robotar AB


A. Odhners gata 15
421 30 Västra Frölunda
Svezia
Tel. +46 31 7266-200
Fax +46 31 7266-201
info@kuka.se

Svizzera KUKA Roboter Schweiz AG


Industriestr. 9
5432 Neuenhof
Svizzera
Tel. +41 44 74490-90
Fax +41 44 74490-91
info@kuka-roboter.ch
www.kuka-roboter.ch

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 123 / 131


KR QUANTEC extra HA

Spagna KUKA Robots IBÉRICA, S.A.


Pol. Industrial
Torrent de la Pastera
Carrer del Bages s/n
08800 Vilanova i la Geltrú (Barcelona)
Spagna
Tel. +34 93 8142-353
Fax +34 93 8142-950
Comercial@kuka-e.com
www.kuka-e.com

Sudafrica Jendamark Automation LTD (Agenzia)


76a York Road
North End
6000 Port Elizabeth
Sudafrica
Tel. +27 41 391 4700
Fax +27 41 373 3869
www.jendamark.co.za

Taiwan KUKA Robot Automation Taiwan Co., Ltd.


No. 249 Pujong Road
Jungli City, Taoyuan County 320
Taiwan, R. O. C.
Tel. +886 3 4331988
Fax +886 3 4331948
info@kuka.com.tw
www.kuka.com.tw

Tailandia KUKA Robot Automation (M)SdnBhd


Thailand Office
c/o Maccall System Co. Ltd.
49/9-10 Soi Kingkaew 30 Kingkaew Road
Tt. Rachatheva, A. Bangpli
Samutprakarn
10540 Tailandia
Tel. +66 2 7502737
Fax +66 2 6612355
atika@ji-net.com
www.kuka-roboter.de

Repubblica Ceca KUKA Roboter Austria GmbH


Organisation Tschechien und Slowakei
Sezemická 2757/2
193 00 Praha
Horní Počernice
Repubblica Ceca
Tel. +420 22 62 12 27 2
Fax +420 22 62 12 27 0
support@kuka.cz

124 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


11 Assistenza KUKA

Ungheria KUKA Robotics Hungária Kft.


Fö út 140
2335 Taksony
Ungheria
Tel. +36 24 501609
Fax +36 24 477031
info@kuka-robotics.hu

USA KUKA Robotics Corporation


51870 Shelby Parkway
Shelby Township
48315-1787
Michigan
USA
Tel. +1 866 873-5852
Fax +1 866 329-5852
info@kukarobotics.com
www.kukarobotics.com

Regno Unito KUKA Automation + Robotics


Hereward Rise
Halesowen
B62 8AN
Regno Unito
Tel. +44 121 585-0800
Fax +44 121 585-0900
sales@kuka.co.uk

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 125 / 131


KR QUANTEC extra HA

126 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


Indice

Indice
Numeri Dati macchina 57
2004/108/CE 61 Dati tecnici 15
2006/42/CE 61 Delimitazione della zona di lavoro 52
89/336/CEE 61 Delimitazione della zona di lavoro dell'asse 52
95/16/CE 61 Delimitazione meccanica della zona di lavoro
97/23/CE 61 dell'asse 52
Descrizione del prodotto 11
A Descrizione del sistema robot 11
Accessori 11, 47 Destinazione d'uso 9
Adattatore (opzione) 81 Diagramma di carico 20
Allegato 83 Dichiarazione di conformità 48
Angolo di rotazione 29 Dichiarazione di conformità CE 48
Arresto addizionale 82 Dichiarazione di incorporazione 47, 48
Arresto mobile 82 DIN/ISO9409-1-A 12
Asse singolo (opzione) 82 Direttiva attrezzature a pressione 61
Assi addizionali 47, 50 Direttiva bassa tensione 48
Assi base 29 Direttiva CEM 48
Assi, numero 15 Direttiva EMC 61
Assistenza, KUKA Roboter 119 Direttiva macchine 48, 61
Attrezzatura di protezione, schema 52 Direttiva sulle apparecchiature a pressione 13,
60
B Dispositivo di apertura freni 53
Baricentro 26, 69 Dispositivo di compensazione del peso, idro-
Basamento 12 pneumatico 13
Braccio 11, 12 Dispositivo di rotazione libera 53
Dispositivo di rotazione libera (opzione) 82
C Documentazione, robot industriale 7
Carichi KR 120 R2700 extra HA 19 Durata utile 49
Carichi KR 90 R2900 extra HA 20
Carichi KR 90 R3100 extra HA 20 E
Carichi principali, dinamici 15 Elevatore a forche 70
Carichi sulla fondazione 25 EN 60204-1 61
Carico addizionale 25 EN 61000-6-2 61
Categoria Stop 0 49 EN 61000-6-4 61
Categoria Stop 1 49 EN 614-1 61
Categoria Stop 2 49 EN ISO 10218-1 61
Cavi di collegamento 11, 16, 47, 66 EN ISO 12100 61
Cavi di collegamento, lunghezze dei cavi 16 EN ISO 13849-1 61
Cavo di collegamento, standard 77 EN ISO 13849-2 61
Cavo di comando asse singolo 82 EN ISO 13850 61
Classe di protezione, polso centrale 15
Classe di protezione, robot 15 F
Compensazione del peso 12, 13, 60 Finecorsa meccanici 52
Compensazione del potenziale 75 Fissaggio alla fondazione 75
Condizioni ambientali 15 Fissaggio alla fondazione con centraggio 63
Conduttore di messa a terra 75 Fissaggio del basamento della macchina 75
Contrassegni 54 Fissaggio del basamento della macchina con
Controllo funzionale 57 centraggio 65
Controllo robot 11, 47 Flangia d'attacco 12, 23
Coppia di serraggio 83 Flangia d'attacco, adattatore (opzione) 81
Corsi di formazione 9 Funzionamento in automatico 59
Culla 11, 12 Funzionamento manuale 57

D G
Dati degli assi KR 120 R2700 extra HA 16 Giostra 11, 12
Dati degli assi KR 90 R2900 extra HA 16 Grasso lubrificante Microlube GL 261 94
Dati degli assi KR 90 R3100 extra HA 16 Grasso lubrificante, Microlube GL 261 94
Dati di base 15 Grasso lubrificante, Olit CLS 88

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 127 / 131


KR QUANTEC extra HA

Grasso per alta pressione, LGEP 2 98 Peso 15


Grasso per cavi, Optitemp RB1 83 Polso centrale 11, 12
Gruppi costruttivi principali 11 Posizionatore 47
Guasti 56 Posizione di montaggio 15
Guasto dei freni 55 Punto di riferimento 15

I Q
Impiego improprio 47 Quote, trasporto 26, 69
Impiego non conforme 47
Indicazioni 7 R
Indicazioni di sicurezza 7 Raggio di curvatura minimo 16
Indicazioni generali 29 Responsabilità 47
Installazione elettrica 12, 13 Riavvio 56, 73
Integratore d'impianto 49 Richiesta di assistenza 119
Integratore di sistema 48, 49, 50 Riparazione 59
Interfacce 66 Ripetibilità 15
Interfaccia alimentazione di energia 67 Robot a pavimento, montaggio 75
Interfaccia, cavi di collegamento 77 Robot industriale 47
Introduzione 7
ISO 9283, ripetibilità 15 S
Sbraccio 29
K Scheda di sicurezza, grasso lubrificante Olit CLS
KCP 11, 49, 55 88
KCP, KUKA Control Panel 29 Scheda tecnica di sicurezza, grasso per alta
KUKA smartPAD 11, 49 pressione LGEP 2 98
Scheda tecnica di sicurezza, olio idraulico
L Castrol Hyspin ZZ 46 111
Lavori di cura 60 Scheda tecnica di sicurezza, olio Optigear Syn-
Lavori di pulizia 60 thetic RO 150 103
LGEP 2, grasso per alta pressione 98 Schede tecniche di sicurezza 83
Limitazione della zona di lavoro (opzione) 82 Schema tecnica di sicurezza, grasso per cavi
Livello sonoro 15 Optitemp RB1 83
Segnale di stop 29
M Servizio di assistenza KUKA 119
Manipolatore 11, 47, 49, 52 Sicurezza 47
Manutenzione 59 Sicurezza, in generale 47
Marcatura CE 48 Sistema di messa a terra 13
Materiali pericolosi 60 Sistema robot 11
Messa fuori servizio 60 Smaltimento 60
Messa in servizio 56, 73 smartPAD 49
Mezzi di trasporto 70 Software 11, 47
Mezzo d'imbragatura 70 Sorveglianza della zona di lavoro dell'asse 53
Microlube GL 261, grasso lubrificante 94 Sovraccarico 55
Misure generali di sicurezza 55 Spazi di arresto 29, 30, 35, 40
Mouse esterno 56 Spazio di arresto 29, 49, 52
Spazio di frenata 49
N Spazio di reazione 49
Norme e prescrizioni applicate 61 Stoccaggio 60
STOP 0 29, 49
O STOP 1 29, 49
Olio idraulico, Castrol Hyspin ZZ 46 111 STOP 2 49
Olio, Optigear Synthetic RO 150 103 Superficie, verniciatura 15
Olit CLS, grasso lubrificante 88
Optigear Synthetic RO 150, olio 103 T
Optitemp RB1, grasso per cavi 83 T1 49
Opzioni 11, 13, 47, 81 T2 50
Override di programma, velocità di spostamento Targhe e segnali 27
29 Tastiera esterna 56
Tavola inclinabile rotante 47
P Temperatura ambiente, esercizio 15
Personale 50 Temperatura ambiente, magazzinaggio 15

128 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


Indice

Temperatura ambiente, messa in servizio 15


Temperatura ambiente, trasporto 15
Temperature ingranaggi 15
Tempi di arresto 29, 30, 35, 40
Tempo di arresto 29
Terminale di programmazione 11, 47
Termini utilizzati 29
Termini, sicurezza 49
Trasporto 56, 69
Trasporto con elevatore a forche 70
Trasporto con mezzo d'imbragatura 70

U
Umidità relativa 15
Unità lineare 47
Utente 9, 49, 50
Utilizzatore 49, 50
Utilizzo conforme alla destinazione 48

V
Volume dello spazio di lavoro 15

Z
Zona asse 49
Zona di lavoro 49, 51, 52
Zona di lavoro rimanente 82
Zona di pericolo 49
Zona di sicurezza 49, 51, 52

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 129 / 131


KR QUANTEC extra HA

130 / 131 Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF)


KR QUANTEC extra HA

Stato: 10.05.2013 Versione: MA KR QUANTEC extra HA V2 it (PDF) 131 / 131

Potrebbero piacerti anche