Sei sulla pagina 1di 6

 

I fratelli Magòn
di El Censurado
Un pezzo di storia messicana poco conosciuta.
Non a caso.

Oggi come oggi, in cui ci si rapporta all'altro come a un rivale, o lo si guarda come un modello o come possibilità di
ascesa, mossi da arrivismi individuali, parlare di essere umani che hanno dato la loro vita per i loro ideali, quasi 80 anni
fa, in una storia in cui le stelle (anche quelle del cinema) erano altre (Zapata e Villa), è da pazzi, è da pazzi anarchici.
Commettiamo allora questo grande peccato, cioè dar loro spazio sulla stampa (chi li conosce, infatti?), spazio che non
ebbero neanche tra gli anarchici, e chi scrive ammette di aver conosciuto i loro nomi, ma non molto più di questo.
Ogni gruppo umano (e ovviamente anche quello anarchico) ha i suoi codici, i suoi requisiti, i suoi princìpi, ecc.; molti
sono espliciti e molti altri impliciti.
I Flores Magòn ebbero due grandi "difetti" per l'immaginario anarchico dell'epoca: 1) non provenivano da una tradizione
anarchica (erano liberali e divennero anarchici nel corso della lotta), e 2) non agivano di preferenza nel sindacalismo,
bensì nelle comunità indigene. Il sindacalismo è stato sopravvalutato dai libertari nel loro credo fondamentalista, in
quanto ambito dei lavoratori, ritenuti questi gli unici possibili creatori della nuova società.
Questa è allora una buona occasione, dopo tanti
anni, per vedere gli errori commessi come
movimento nella valutazione dei fatti, che è stata il
prodotto dei nostri pregiudizi, ma è ancor più
importante sapere che oggi ne abbiamo degli altri,
che è necessario sviscerare per non cedere a due
tentazioni opposte: dalla convinzione passare o alla
necessità (la verità è solo nostra!), o, con un
discorso libertario, adattarci individualmente e/o
collettivamente alla società.
Quanto segue, quindi, in questo secondo
Dokumenta di Alter, non è uno studio esauriente
della lotta dei compagni in Messico, ma solo un
modo per scoprirli insieme nel loro momento, quasi
80 anni fa (non è che un dettaglio).

"Non sono magonista, sono anarchico. Un anarchico non ha idoli"


(Ricardo Flores Magòn)

Pur ammettendo la nostra ignoranza sul Magonismo, questo stesso termine ci risvegliava una certa antipatia, fino a che
scoprimmo in questo movimento, proprio il rifiuto del personalismo, cosa che riteniamo fondamentale in un genuino
movimento di liberazione.
Il Magonismo è la forma peculiare in cui appare l'anarchismo in un dato movimento, in un dato luogo, attraversato da
circostanze e varianti che sono sempre uniche.
Ideologicamente si nutre fondamentalmente di tre correnti: il liberalismo messicano, l'anarchismo europeo e il
comunitarismo indigeno.
Storicamente è tra le espressioni più chiare di un movimento di resistenza popolare (fondamentalmente indigeno) dai
tempi della conquista dell'America.

"Morte a tutti quelli che portano i pantaloni"


(Grido di guerra dell'Esercito Indio, 1877)

Questo slogan dimostra la peculiarità della storia messicana che arriva fino ai giorni nostri con gli avvenimenti del
Chiapas; e che a noi, discendenti europei dal punto di vista genetico e culturale, ci sorprende al punto che non
comprendiamo, sottovalutiamo e inconsciamente rifiutiamo l'indio e persino la sua lingua (chi può ricordare parole come:
zacapoaxtlas, Tuxtepec, Huaxtecos, Miahuatlan, Oaxaca, ecc.?).
Dai tempi della conquista la resistenza india non è mai venuta meno, forse favorita dalla segregazione subita, che
consentì tuttavia di conservare la propria identità culturale. In questa lotta alcuni popoli furono sterminati, come i
Cazcanes e gli Acaxes. Nella guerra d'indipendenza, i baluardi e i cosiddetti eroi di queste gesta furono intimamente
legati ai popoli indios: Hidalgo parlava otomì, Morelo si formò nei villaggi parepechas, un esercito di indios e di negri
accompagnava Vicente Guerrero.
In questa guerra furono redatti i "Contratti di Associazione per la Repubblica degli Stati Uniti di Anahuac", il primo
progetto di organizzazione politica federale, in cui si rivendicava l'importanza della proprietà comune dei villaggi indios.
Naturalmente, contro le invasioni francesi e nordamericane furono di nuovo in prima fila.
Nel 1876 Porfirio Dìaz prende il potere e, alleandosi con gli interessi capitalistici stranieri, impone un processo di
modernizzazione che si scontrerà con gli interessi delle comunità indie.

"Biba Atoha"
(Ribellarsi!)

Gli Indios dovevano ribellarsi per sopravvivere, non solo culturalmente ma anche fisicamente prima contro gli stranieri,
ora contro i criollos alleati con gli stranieri.
Già nel 1850, tra uno sterminio e l'altro, Benito Juarez diceva: "Solo la razionalità può estirpare da questi popoli, i vizi e
l'immoralità che li domina e che li porta a compiere atti di disordine che il governo ha dovuto reprimere con la forza
delle armi" (niente di nuovo sotto il sole!)
Nel 1877 ad Hidalgo e a Sierra Gorda, nel 1882 a Ciudad del Maìz e a Istmo, dal 1875 fino al 1901 a Los Yaquis nel
nord del paese.
Puntualmente, in un luogo o nell'altro, alternando le vittorie con le sconfitte, gli indios si giocavano (e si giocano) la vita.

"La costumbre"

"È evidente che il popolo messicano è preparato all'arrivo del comunismo,


perché lo ha praticato da secoli, almeno in parte"
(Ricardo Flores Magòn)

La lotta quotidiana degli indios intende mantener viva la Costumbre, cioè il loro modo di vivere e la loro visione del
mondo.
Questa Costumbre, che, grazie alla loro determinazione di resistere, esiste tuttora, propone certe forme di proprietà e di
rapporto tra le persone e con la natura, che sono un ostacolo per il capitalismo.
La comunità, come costumbre dei popoli indios e contadini, propone la proprietà sociale, forme di rappresentazione
diretta e in assemblea, così come un profitto dal lavoro e dalle risorse, che non comprende il concetto di mercato.
Inoltre, interpreta il funzionamento del mondo come risultato dell'intervento collettivo degli uomini e delle forze
soprannaturali.
I Flores Magòn procedono dunque naturalmente verso l'incontro e la sintesi perfetta tra il comunitarismo e l'anarchismo,
dopo esser passati per il liberalismo.
I Flores Magòn

Sono figli di Margarita Magòn, meticcia e dell'indio Teodoro Flores, ufficiale che svolse un
ruolo decisivo nella vittoria di Porfirio Dìaz contro i conservatori.
Come tutti gli indios, il loro padre lottò per la libertà, fino a quando sembrò che la libertà
coincidesse col nome di Porfirio Dìaz.
È stato capo di diversi villaggi, ma capo alla maniera degli indios, giacché "in realtà non
occorre che ci impongano un'autorità, perché sappiamo vivere in pace tra di noi,
trattandoci da amici e da fratelli", come Enrique ricordava di avere sentito dire dal padre.
"Non lasciate che il tiranno spenga il vostro coraggio", avrebbe detto loro in punto di
morte; e dieci anni dopo, prigionieri, avrebbero saputo che anche Margarita Magòn,
nell'agonia avrebbe detto ad un emissario del dittatore, che permetteva la visita dei figli in
cambio della loro rinuncia alla lotta: "Dite al presidente Dìaz che scelgo di morire senza
vedere i miei figli. Ditegli che preferisco vederli impiccati ad un albero o in garrote, piuttosto che saperli pentiti o
rinnegando quanto hanno fatto o detto." Questi erano i genitori dei Flores Magòn.

Il magonismo: dai venti liberali alle tempeste anarchiche

In termini di lotta, questo movimento sorse nel 1892 come un grido spontaneo e vigoroso. Successivamente si lega ad
altri processi rivoluzionari, legame che porterà il movimento a fondersi con essi e ad assumere un carattere peculiare.
Vi parteciperanno uomini e donne di diverse regioni, di diverse razze e categorie professionali. Dal maestro Librado
Rivera, agli indios come Fernando Palomares, a donne come Modesta Abascal, a operai come Hilario Salas, o al poeta
guanajuatense Praxedis Guerrero. Molti moriranno nella lotta, altri arriveranno a governare i loro stati o saranno
deputati, alcuni aderiranno allo zapatismo, altri moriranno vecchi e in miseria.
Il movimento magonista, come altre correnti popolari, verrà sconfitto. La rivoluzione, diventata governo, morirà. E
come succede sempre, alcuni princìpi saranno deliberatamente stravolti; nel caso dei princìpi magonisti, saranno ridotti e
sviliti, fino ad affermare che il magonismo è stato "l'espressione culminante del liberalismo messicano."

Il partito liberale messicano

Dal 1892 al 1903 il Partito Liberale Messicano difenderà apertamente la Costituzione del 5 febbraio 1857,
riconoscendo così la grande influenza dello spirito riformatore sui liberali, che si caratterizzano anche per
l'anticlericalismo e antimperialismo.
Ma nel 1901, nel 1° congresso liberale, l'influenza di Ricardo Flores Magòn determinerà una svolta antiporfirista nel
discorso liberale.
Agli inizi, gran parte delle energie si spendono per l'elaborazione di diverse pubblicazioni, che sono un attacco al
governo, non solo perché lo criticano e lo denunciano, ma anche per il carattere propagandistico e perché trasmettono
idee ed informazioni.

Le idee anarchiche

Le idee socialiste europee arrivarono in Messico già nel XIX secolo; dai tempi della curiosa "Escuela del Rayo y el
Socialismo", fino alle unioni mutualistiche degli artigiani.
Ma l'antistatalismo, l'ateismo e l'ugualitarismo, così come il disprezzo anarchico per i meccanismi elettorali, insieme alla
persecuzione, il carcere e l'esilio, hanno fatto sì che il magonismo nella sua evoluzione ideologica, aderisse ai princìpi
anarchici.
La Junta Organizadora del Partito Liberale non adotta nel suo discorso una posizione apertamente anarchica fino al
1906; ma dal 1904 promuove la creazione di gruppi armati in più di 12 stati.
Questa evoluzione darà origine, da una parte ad un profondo avvicinamento con gli anarchici di diversi paesi
(soprattutto con la IWW nordamericana), dall'altra al passaggio di diversi liberali al gruppo di Panchito Madera.
Nei manifesti del 1911, il nucleo anarchico del PLM punta a colpire la trinità maledetta: il capitale, l'autorità e il clero,
invitando alla ribellione e all'espropio.
Nel maggio del 1918 verrà lanciato l'ultimo manifesto magonista, che esorta gli anarchici del mondo alla rivolta dopo la
barbarie della Prima Guerra Mondiale. Termina al grido di : "Viva la Terra e la Libertà!", slogan adottato già dal 1910 e
che Praxedis Guerrero aveva ripreso dai populisti russi.
Questo manifesto costò il nono arresto di Ricardo, che morì in carcere.

La tradizione comunitaria nel magonismo

Il magonismo non è un'elocubrazione teorica europea poi trapiantata in Messico: si arriva all'anarchismo grazie alle
caratteristiche proprie della sua gente; la maggioranza è di indios e di meticci che hanno una grande tradizione di vita
comunitaria, di solidarietà, di appoggio reciproco.
La forza di questo principio è ancora evidente quasi un secolo dopo, quando il subcomandante Marcos, in Chiapas,
riconosce di essersi dovuto adattare alla vita indigena e ai suoi metodi.
Vediamo ora, due curiosi e indicativi modi di vedere il ruolo del popolo nella società:
"Per quanto riguarda la popolazione meticcia, che costituisce la maggioranza degli abitanti della Repubblica Messicana,
a parte le grandi città o i paesi di una certa importanza, essa contava sulle terre, sui boschi e sull'acqua liberi, in quanto
in comune, come la popolazione indigena. Anche l'aiuto reciproco era una regola; le case si costruivano in comune, il
denaro quasi non serviva, perché vigeva lo scambio dei prodotti; ma si è fatta la pace, l'autorità si è rafforzata e i banditi
della politica e del denaro hanno rubato sfacciatamente le terre, i boschi, tutto; è evidente, quindi che il popolo
messicano è adatto al comunismo, perché lo ha già praticato, almeno in parte, già da diversi secoli, e ciò spiega perché,
anche quando la maggioranza è analfabeta, comprende che piuttosto che prender parte alle farse elettorali per metter su
dei boia, è preferibile prendere possesso della terra, e lo sta facendo con grande scandalo della borghesia ladrona"
(Ricardo Flores Magòn)

"Il popolo ignorante non avrà una parte diretta nella scelta di coloro che dovranno essere i candidati per gli incarichi
pubblici... Anche nei paesi molto avanzati, non è il popolo basso a scegliere quelli che terranno le redini del governo.
Generalmente i popoli democratici sono governati dai capi di partito, che si riducono a un esiguo numero di intellettuali."
(Panchito Madero)

Ogni commento è superfluo

 La rivolta india e magonista

I delegati della Junta Organizadora del PLM hanno viaggiato in tutto il paese per stabilire forti legami con le lotte degli
indios.
Si è diviso militarmente il paese in 5 regioni e il giornale
Regeneraciòn circolava in diverse regioni arrivando a più di
30.000 copie.
Hilario Salas incitava alla rivolta nella Sierra de Soteapan, a
Veracruz. Nello Yucatan i magonisti incitavano i maya alla
guerra. E succedeva lo stesso nelle Sierras di Oaxaca, nei
chontales di Tabasco e nei yaquis di Sonora.
A nordest dell'istmo di Tehuantepec, nello stato di Veracruz e
nella Chontalpa di Tabasco si verificò uno degli episodi di
rivolta antiporfirista più radicali e profondi, in cui magonisti ed
indios agirono insieme.
In questa regione il porfirismo ha reso possibile il vecchio sogno capitalista di mettere in comunicazione, attraverso la
ferrovia, l'oceano Pacifico col Golfo del Messico.
Questo, insieme ad altre opere, ha acutizzato in modo violento l'espropriazione di terre e di boschi alle comunità della
regione.
Centinaia di migliaia di ettari furono registrati come proprietà di stranieri, i boschi di legna tropicale tagliati, fino ai
territori storici dei villaggi mixes di Mazatlàn e Guichicovi, così come quelli degli zoques dei Chimalapas di Oaxaca.
Inoltre subirono l'imposizione della schiavitù, di ordini e misure repressive; chi protestava era mandato nella selva o
assassinato dai rurales.
Dopo tre anni di lotta rivoluzionaria, nel 1906 gli indigeni si ribellano in varie regioni, lotta che durerà otto anni.
Ma questa è solo una delle ribellioni in cui gli indios e i magonisti agirono insieme.
Dappertutto ci sarà la bandiera rossa con la scritta: "TERRA E LIBERTA'".

La fine del principio

La lotta dei magonisti e la sua radicalizzazione ideologica li portò sempre più all'isolamento. Ciò fece sì , insieme alle
sconfitte militari, che alcuni di loro, tra i quali Ricardo, dovessero "rifugiarsi" negli Stati Uniti, dove continuarono la loro
lotta soprattutto dal punto di vista tattico-militare e nella stampa propagandistica.
Il "rifugio" non fu tale, perché la collaborazione tra i due Stati ha portato i magonisti in carcere in moltissime occasioni,
fino alla morte di Ricardo Flores Magòn nel 1922.
Va citato l'appoggio che ebbe dal socialista Eugene Debbs e dall'anarchica Emma Goldman in denaro e in termini di
agitazione. In questa fase, Ricardo esprime la sua simpatia, non senza riserve, per lo zapatismo e la sua antipatia per il
villismo.
Il magonismo in qualche modo ha rappresentato l'inizio della rivoluzione messicana, a cui forse è mancata una chiarezza
ideologica.

Alcuni dati

Anche se il magonismo è stato un movimento collettivo, oggi, che vi siamo lontani sia geograficamente che
temporalmente, ci sembra, che malgrado le sue volontà, Ricardo Flores Magòn fosse il centro, il referente del gruppo
radicale. Dai pochi dati che conosciamo, possiamo intuire la sua grande personalità, che a volte lo porta ad
inconsapevoli atteggiamenti personalistici.
Ciò sembra essere avallato da alcuni suoi scritti e anche da lettere critiche di suo fratello Jesas.
Ma stiamo parlando di un uomo, con tutto quello che ciò significa, coi suoi pregi e i suoi difetti, in un determinato
contesto, che ha sempre un ruolo proponderante.
Riscattiamo il rivoluzionario che ha avuto il coraggio, in un paese privo di tradizioni anarchiche, di definirsi tale fino alla
fine, quando avrebbe potuto "accomodarsi" (e le offerte non gli sono mancate) nel panorama politico messicano.
Dal 1892 al 1922 è stato fatto prigioniero per 13 anni dopo 9 arresti, tra il Messico e gli Stati Uniti.
Ha sempre lavorato alla stampa rivoluzionaria e alla propaganda nelle classi popolari. Dei suoi innumerevoli articoli,
dedicati generalmente a problemi relativi al Messico, estrapoliamo quanto segue come dimostrazione delle sue
convinzioni; questi concetti d'altronde li ha ribaditi, in modi diversi, ogni volta:

"Viva l'unità di tutti in un solo uomo! La serenità, il benessere, la libertà, il soddisfacimento di tutti gli appetiti sani sono
nelle nostre mani; ma non lasciamoci guidare da capi; che ognuno sia il padrone di se stesso; che ogni cosa venga risolta
col consenso degli individui liberi. A morte la schiavitù! A morte la fame! Viva la Terra e la Libertà! (...) La libertà e il
benessere sono alla portata di tutti noi. Lo stesso sforzo e lo stesso sacrificio che servono per eleggere un governante,
che è un tiranno, servono per espropriare i beni dei ricchi. Bisogna dunque scegliere; o un nuovo governante, cioè un
nuovo giogo, o l'espropriazione che è salvezza e l'abolizione di qualsiasi imposizione religiosa, politica o di qualsiasi altro
tipo. TERRA E LIBERTA'!" (23 settembre 1911)

Epilogo di un prologo

"I tiranni ci sembrano grandi perché noi li vediamo stando in ginocchio; alziamoci!" (Scritto sulla porta dell'Università,
Messico)

Questo modesto lavoro che oggi presentiamo, intende far conoscere militanti anarchici di 80 anni fa. Non
semplicemente per commemorare in modo formale un passato, ma perché questo sia un prologo, un insegnamento per il
nostro presente. Sono dovuti passare 80 anni perché in Chiapas si rivivessero gli ideali magonisti e zapatisti. Ciò
significa che a volte dimentichiamo, o che vogliono farci dimenticare: fino a quando ci sarà chi domina, il conflitto sociale
(sempre latente) prima o poi, si manifesta.
E non c'è scelta. Si può addormentare, si può rimandare, ma non si può evitare e l'unica scelta è di tipo personale, cioè
sul ruolo da svolgervi. In quale trincea combattere. In quella dei dominatori o dei loro ruffiani, che significa
disumanizzazione. O in quella dei dominati, aspettando magari qualche messia, oppure si può agire autonomamente tra
persone uguali, preparandosi, organizzandosi alla creazione di un mondo nuovo.
Scelta delle più difficili, oggi più che mai, che richiede dignità, capacità, creatività, volontà. Ma non c'è scelta. Il mondo
procede verso un futuro irreversibile, in cui non ci sarà lavoro e la ricchezza si concentrerà sempre di più (secondo le
Nazioni Unite nel 1960, il 20 % dei ricchi aveva degli introiti 30 volte maggiori dell'80% di poveri; oggi questo stesso
20% guadagna 150 volte di più dell'80% di poveri. El Observador, 12/09/1999, p.25)
Che il ricordo, dunque dell'esperienza dei magonisti, con i loro errori, i loro difetti, i risultati ottenuti e i pregi, ci aiuti ad
inventare spazi di resistenza, di riflessione, di creatività, di organizzazione, cercando un mondo da inventare.

El Censurado
(traduzione di Fernanda Hrelia
dalla rivista uruguayana "Alter" n° 5,
Primavera/estate '99)