Sei sulla pagina 1di 26

INTRODUZIONE

0.1 Status quaestionis

La presente ricerca è dedicata in senso lato all’epistemologia


di Hegel e alla sua teoria dell’accesso epistemico al mondo. In par-
ticolare, essa si propone di mettere a fuoco il concetto hegeliano di
sensazione (Empfindung) 1, trattato a livello sistematico all’interno
dell’Antropologia enciclopedica – la prima delle scienze filosofiche
che compongono la Filosofia dello Spirito Soggettivo.
In sede preliminare, è necessario sottolineare come il concetto
hegeliano di sensazione, in generale, abbia ottenuto un’attenzione
del tutto marginale da parte dalla critica: pochi sono infatti i saggi
o i contributi degni di menzione che riconoscono a tale concetto
un ruolo centrale. Per questo stesso motivo, ordinare la letteratura
secondaria sul tema in base a filoni interpretativi non è certamente
un’operazione facile. Ritengo tuttavia importante offrire una rasse-
gna di alcuni lavori che trattano di questo concetto nella filosofia
hegeliana e gli attribuiscono una certa rilevanza, prima di passare a
definire la natura e la struttura di questa ricerca.
Volendo provare a suddividere la letteratura secondaria in
gruppi, si può dire che a) diversi autori si sono trovati ad affrontare
questo tema – in modo più o meno cursorio – nel contesto di un
lavoro monografico o di un commentario sulla Filosofia dello Spi-
rito Soggettivo. Fra gli studiosi che hanno mostrato interesse per
questo concetto nella filosofia di Hegel si può ravvisare b) un certo
numero di interpreti che hanno analizzato la teoria hegeliana della
sensazione a partire dalla ricezione hegeliana della filosofia di
Aristotele. Infine, c) si segnalano alcuni contributi di carattere etero-
geneo, che tuttavia risultano degni di menzione per motivi diversi.

a) Se il concetto hegeliano di sensazione, nella sua specificità,


è stato spesso trascurato dalla critica, la Filosofia dello Spirito Sog-

1 Hegel distingue due sfere del sentire: le sensazioni esterne e le sensazioni in-
terne (cfr. ES, § 401). In questa ricerca mi concentrerò esclusivamente sulla teo-
ria hegeliana della sensazione esterna.
14 INTRODUZIONE

gettivo è stata ‘riscoperta’ negli ultimi decenni e resa oggetto di di-


versi testi monografici e commentari2 che interessano porzioni di
testo più o meno estese e risultano più o meno orientati secondo
una specifica proposta interpretativa.
1) Iring Fetscher, nel suo commentario Hegels Lehre vom Men-
schen3, interpreta – come suggerisce il titolo stesso – la Filosofia
dello Spirito Soggettivo di Hegel come una dottrina dell’uomo.
Fetscher cerca così attraverso l’analisi della Filosofia dello Spirito
Soggettivo (pp. 33-208) e della sua collocazione all’interno del si-
stema (pp. 217-261), la risposta hegeliana alla questione sul luogo
e sul ruolo dell’uomo nel cosmo. All’interno di questa prospettiva,
che potremmo definire di carattere antropologico-filosofico,
Fetscher cerca di far emergere e di sottolineare con particolare de-
cisione il ruolo mediatore dell’individuo umano, nell’unità delle sue
attività e facoltà, fra mondo naturale e mondo spirituale. In questo
contesto, la sensazione (pp. 50-65) viene analizzata secondo un
principio esegetico legato in modo abbastanza stretto alla lettera
del testo: dapprima, in termini generali, come realizzazione a «sil-
logismo» della struttura dell’anima naturale come «concetto» (p. 51;
cfr. infra, sottocapitolo 3.4), quindi nelle sue due sottospecie: sen-
sazioni esterne (attraverso un commento dettagliato delle sensa-
zioni in relazione ai cinque sensi) e sensazioni interne (attraverso il
commento degli esempi hegeliani di esteriorizzazione quali il riso,
il pianto, la voce).
2) Il lavoro di Murray Greene, Hegel on the Soul: A Speculative

2 A parte il lavoro per certi aspetti pionieristico di Fetscher (1970), la Filosofia


dello Spirito Soggettivo sembra essersi imposta all’attenzione degli interpreti
solo a partire dalla fine degli anni ‘80 del secolo scorso, venendo ad assumere
una rilevanza crescente solo con l’inizio del nuovo millennio. H.F. FULDA, An-
thropologie und Psychologie in Hegels “Philosophie des subjektiven Geistes”, in R. Schuma-
cher (ed.), Idealismus als Theorie der Räpresentation?, Mentis, Paderborn 2001, p. 101,
ad esempio, ancora lamentava il fatto che la filosofia hegeliana della soggettività
spirituale non fosse stata ancora discussa in modo approfondito, e non è difficile
trovare ancora oggi affermazioni analoghe nei contributi dedicati a questo am-
bito della filosofia hegeliana.
3 I. FETSCHER, Hegels Lehre vom Menschen: Kommentar zu den §§ 387 bis 482 der “En-

zyklopädie der Philosophischen Wissenschaften”, Frommann-Holzboog, Stuttgart-Bad


Cannstatt 1970.
INTRODUZIONE 15

Anthropology4, resta ad oggi l’unica monografia dedicata all’Antro-


pologia hegeliana. Greene, commentando in modo dettagliato il te-
sto dell’Antropologia, legge la dottrina hegeliana dell’anima come
una teoria «speculativa» che si struttura in risposta al duplice limite
kantiano dell’inconoscibilità della cosa in sé e dell’inconoscibilità
dell’io empirico. In questo percorso, Greene, sembra focalizzarsi
maggiormente sul problema della possibilità dell’autoconoscenza
dello spirito (il «conosci te stesso» come «compito» della Filosofia
dello Spirito) rispetto al problema della conoscenza del mondo
esterno; tuttavia non manca di individuare nel concetto hegeliano
di sensazione la nozione che Hegel, ricollegandosi alla tradizione
aristotelico-leibniziana, mette in gioco per scongiurare il rischio di
una perdita di accesso al mondo derivante dal criticismo kantiano.
Inserita nell’Antropologia – precedente sistematico della Fenome-
nologia, la quale rappresenta invece il punto di vista della coscienza
e della riflessione esterna – la sensazione è ciò che garantisce il re-
quisito dell’esternalità al soggetto conoscente. In particolare, Greene
mi sembra interpretare l’Antropologia hegeliana e il concetto di sen-
sazione qui a tema come un tentativo di correggere la filosofia critica
di Kant fornendo una giustificazione dell’emergere della coscienza a
partire dalla natura (p. 12 e pp. 96-97) – Greene è tuttavia attento ad
evitare una lettura ‘naturalizzante’ di Hegel (p. 42).
3) Michael Wolff, nel suo commentario Das Körper-Seele Pro-
blem5, discute approfonditamente il concetto hegeliano di sensa-
zione nel contesto dell’analisi del problema mente-corpo nella
filosofia di Hegel, che egli ricostruisce attraverso un ricco com-
mentario al § 389 dell’Enciclopedia. Wolff, attribuendo a Hegel una
complessa versione di teoria dell’identità, legge la sensazione
umana in diretta continuità rispetto alla sensazione animale e al suo
ruolo all’interno della dimensione organica e fisiologica dell’indivi-
duo vivente (pp. 28-29, 34-35 e sezione 2.2.2.2.). Wolff sottolinea,
nello specifico, come la sensazione sia una capacità dell’animale (p.

4 M. GREENE, Hegel on the soul: A Speculative Anthropology, Nijhoff, The Hague


1972.
5 M. WOLFF, Das Körper-Seele-Problem. Kommentar zu Hegel, Enzyklopädie, 1830

(§389), Vittorio Klostermann, Frankfurt am Main 1992.


16 INTRODUZIONE

46), che nell’uomo assume un significato e una complessità diffe-


renti, dal momento che l’animalità dell’uomo è diversa da quella
animale (p. 47). In questo senso Wolff differenzia nell’essere
umano fra sensazioni pre-intenzionali e pre-riflessive, prive di un
contenuto proposizionale, e sensazioni intenzionali e riflessive (p.
48). Wolff mette anche giustamente in risalto come la teoria hege-
liana della sensazione reinterpreti la teoria aristotelica (pp. 53-55 e
passim): la nozione hegeliana di anima rappresenterebbe quello che
Hegel chiama il «punto di vista della sensazione» e risulta in diretta
relazione con la nozione aristotelica di nous passivo (tale punto di
vista viene esteso all’interpretazione hegeliana della filosofia di Spi-
noza – pp. 93 ss.). Wolff evidenzia inoltre in modo convincente
come la teoria hegeliana della sensazione, nella sua dimensione
propriamente epistemica, non possa essere ridotta a spiegazioni di
tipo causale, materialistico o evoluzionistico.
4) Il commentario di Willem DeVries, Hegel’s Theory of Mental
Activity6, è legato ad un interesse di tipo ontologico-epistemologico,
in cui lo spirito viene letto secondo i termini di una peculiare rela-
zione di sopravvenienza rispetto alla natura e analizzato secondo le
varie attività conoscitive descritte da Hegel nella Filosofia dello Spi-
rito Soggettivo. Essendo il background del testo quello della filosofia
della mente analitica contemporanea, l’argomentazione e le tesi he-
geliane vengono considerate a partire dai temi del dibattito legato a
quest’area (ad es.: il problema del linguaggio, la questione del ridu-
zionismo, la discussione relativa ai qualia, etc.) e, in generale, tradotte
all’interno di una concettualità più attuale7. Proprio da questo oriz-
zonte proviene l’attenzione di DeVries per il tema della sensazione,
cui viene dedicato un intero capitolo (Cap. 4, pp. 53-70). In generale
DeVries legge la sensazione come un ‘fenomeno-ponte’ tra natura e
spirito, distinto dalle altre attività mentali in quanto portatore del ca-
rattere passivo e recettivo dell’esperienza cognitiva (p. 54). Muo-
vendo da un’interpretazione dell’ontologia hegeliana basata su una

6 W. DEVRIES, Hegel’s Theory of Mental Activity. An Introduction to Theoretical Spirit,


Cornell University Press, Ithaca/London 1988.
7 Un ulteriore merito del commentario di DeVries è quello di dedicare un’analisi

non solo al fenomeno della sensazione, ma anche all’oggetto proprio della sen-
sazione (cfr. ivi, pp. 61-66).
INTRODUZIONE 17

particolare forma di monismo debole, DeVries esclude che la sensa-


zione in Hegel determini la linea di separazione fra natura e spirito,
ritenendola invece passibile di una doppia tematizzazione, naturale e
spirituale; in particolare, la sensazione umana viene letta come un
fenomeno mentale ma non ancora propriamente cognitivo. A diffe-
renza del presente lavoro, tuttavia, DeVries non sembra interpretare
la sensazione come un fenomeno privilegiato per leggere la relazione
fra natura e spirito in Hegel (pp. 48-49).
5) Nonostante l’impostazione della sua ricerca, anch’essa votata
ad una lettura della Filosofia dello Spirito Soggettivo come una teo-
ria del mentale, è degno di menzione il fatto che la teoria hegeliana
della sensazione goda di scarsa attenzione nel lavoro di Richard D.
Winfield, Hegel and Mind: Rethinking Philosophical Psychology8.
6) Lo stesso può essere detto di un altro testo che legge la
Filosofia dello Spirito Soggettivo, e in particolare la sezione Psico-
logia, come una philosophy of mind (oltre che come un’epistemolo-
gia), ovvero il libro di Christoph Halbig Objektives Denken9 – il quale
tuttavia, a mio avviso, merita maggiore attenzione del lavoro di
Winfield. Halbig, muovendosi all’interno di un orizzonte tanto epi-
stemologico quanto ontologico, riconosce sostanzialmente alla
sensazione la funzione di rappresentare l’elemento di passività del
soggetto conoscente nei confronti del mondo esterno (p. 276, pp.
353-354), dopo aver dovutamente differenziato il concetto hege-
liano di sensazione da ogni possibile tematizzazione sensualistica.
Nonostante i suoi riferimenti al concetto hegeliano di sensazione
siano cursori, la lettura della teoria della conoscenza hegeliana of-
ferta da Halbig sarà tuttavia spesso tenuta in considerazione nella
ricostruzione operata in questo volume.
7) Jens Rometsch, nel suo testo Hegels Theorie des erkennenden
Subjekts10, rifiuta invece di assumere quale punto di partenza una

8 R.D. WINFIELD, Hegel and Mind: Rethinking Philosophical Psychology, Palgrave


Macmillan, Basingstoke/New York 2010.
9 C. HALBIG, Objektives Denken. Erkenntnistheorie und Philosophy of Mind in Hegels

System, Frommann-Holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 2002.


10 J. ROMETSCH, Hegels Theorie des erkennenden Subjekts. Systematische Untersuchungen

zur enzyklopädischen Philosophie des subjektiven Geistes, Königshausen & Neumann,


Würzburg 2007.
18 INTRODUZIONE

qualsiasi questione tematica a partire dalla quale interrogare il te-


sto hegeliano – sia essa quella relativa a una dottrina dell’uomo
(Fetscher) o quella relativa alla ricerca di una teoria del mentale
(DeVries, Winfield, Halbig) 11. Il suo scopo è piuttosto quello di of-
frire un commentario e una ricostruzione intra-sistematica della Fi-
losofia dello Spirito Soggettivo, con l’intento di chiarire ed
esplicitare il significato dei paragrafi più significativi e contestualiz-
zando questa sezione all’interno dell’intero sistema.
8) Dirk Stederoth intende invece fornire nel suo testo Hegels
Philosophie des subjektiven Geistes12 un commentario comparativo, in
cui l’autore si propone di conciliare l’esposizione di tesi interpreta-
tive (prima parte) e l’analisi dettagliata del testo a livello filologico
(seconda parte). La caratteristica del testo di Stederoth è quella di
muoversi trasversalmente fra le diverse edizioni enciclopediche
della Filosofia dello Spirito Soggettivo e sfruttare i quaderni di ap-
punti lasciati dagli studenti, in modo da ravvisare differenze e mu-
tamenti sistematici e concettuali fra le diverse versioni. In
particolare, Stederoth restituisce dapprima un’esposizione intra-si-
stematica e molto aderente al testo della teoria hegeliana della sen-
sazione, calandola nel micro-contesto dialettico entro cui essa
sorge (il contesto delle qualità naturali dell’anima) e descrivendone
dettagliatamente i passaggi (pp. 170-178); quindi passa ad integrare
e ad approfondire aspetti specifici (in particolare la differenza fra
sensazioni interne e sensazioni esterne) attraverso analisi compara-
tive e diacroniche dei vari passaggi sistematici (pp. 178-187).
9) Il lavoro di Michael Inwood, A Commentary on Hegel’s Philo-
sophy of Mind13, si configura invece come un vasto apparato di note
che va a corredare la revisione della traduzione inglese della Filo-
sofia dello Spirito di Wallace e Miller, operata da Inwood stesso. Il
proposito di Inwood è qui di carattere strettamente esegetico e le
sue osservazioni mirano ad orientare il lettore nel complesso an-
damento sistematico di questa sezione enciclopedica, più che a

11 Cfr. ivi, p. 17.


12 D. STEDEROTH, Hegels Philosophie des subjektiven Geistes. Ein komparatoricher Kom-
mentar, Akademie Verlag, Berlin 2001.
13 M. INWOOD, A Commentary on Hegel’s Philosophy of Mind, Oxford University

Press, Oxford 2010, in particolare pp. 350-369.


INTRODUZIONE 19

fornirne un’interpretazione o una lettura legata ad una particolare


questione filosofica.
10) Sullo stesso stile, pur non rappresentando un commenta-
rio canonico, l’introduzione e il ricchissimo apparato di note che
corredano l’edizione inglese della Filosofia dello Spirito Soggettivo
curata da Michael John Petry, Hegel’s Philosophy of Subjective Spirit.
Edited and Translated with an Introduction and Explanatory Notes 14 ,
hanno svolto un compito fondamentale nell’indicare le possibili
fonti del testo hegeliano e della sua teoria della sensazione. In par-
ticolar modo, evidenziando la ricchezza di riferimenti legati alla cul-
tura scientifica del tempo, Petry sottolinea la componente empirica
che sta alla base della speculazione filosofica hegeliana.

b) Diversi saggi, impostano la lettura della teoria hegeliana


della sensazione sullo sfondo del rapporto con Aristotele.
1) Fra questi si può annoverare l’articolo di Miriam
Bienenstock, Vom Erkennen und Empfinden der Seele. Zu Hegels Lektüre
von Aristoteles15. Bienenstock prende le mosse dalla differenziazione
concettuale operata da Hegel nella terza edizione dell’Enciclopedia
fra sensazione (Empfindung) e sentimento (Gefühl), per sostenere che
essa non ricalca quella kantiana, secondo cui la sensazione indiche-
rebbe una rappresentazione oggettiva dei sensi, mentre il senti-
mento sarebbe caratterizzato da una natura intimamente soggettiva
e di carattere pratico-religioso, senza riguardo ad una relazione con
l’oggetto esterno (p. 198). Secondo Bienenstock, Hegel rifiute-
rebbe tale distinzione (basata sulla separazione kantiana fra sfera
teoretica e sfera pratica): piuttosto, la sensazione in Hegel sarebbe
da intendersi in primo luogo non come sensazione esterna, ma
come riferita principalmente al contenuto etico e religioso (in linea

14 M.J. PETRY, Hegel’s Philosophy of Subjective Spirit. Edited and Translated with an In-
troduction and Explanatory Notes, 3. Voll., Reidel Publishing Company, Dord-
recht/Boston 1978.
15 M. BIENENSTOCK, Vom Erkennen und Empfinden der Seele. Zu Hegels Lektüre von

Aristoteles, in H-C. Lucas, B. Tuschling, U. Vogel (ed.), Hegels enzyklopädisches Sys-


tem der Philosophie. Von der “Wissenschaft der Logik” zur Philosophie des absoluten Geis-
tes, Frommann-Holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 2004, pp. 197-220.
20 INTRODUZIONE

con questa tesi, – senza argomentare in modo esaustivo in rela-


zione a contraddittorie evidenze testuali – Bienenstock sostiene
che sia la sensazione e non il sentimento a differenziare l’uomo
dall’animale). Per motivare le proprie tesi, Bienenstock espone una
propria interpretazione della lettura hegeliana di Aristotele, che sa-
rebbe mirata, secondo l’autrice, a criticare le filosofie dell’immedia-
tezza di Jacobi e Schleiermacher16.
2) Anche Reiner Wiehl, Hegels Transformation der aristotelischen
Wahrnehmungslehre 17 , dedica un contributo alla ripresa hegeliana
della filosofia aristotelica, senza tuttavia entrare in un’analisi di det-
taglio. Wiehl sostiene che il recupero di Aristotele da parte di Hegel
dev’essere inteso nel contesto della critica hegeliana alla metafisica
pre-critica, da un lato, e all’idealismo trascendentale, dall’altro. Se-
condo Wiehl, la filosofia aristotelica della percezione non solo è in
linea con la critica dell’idealismo trascendentale all’uso metafisico
della ragione, ma supera la stessa prospettiva idealistico-trascen-
dentale liberandosi dalla limitatezza dell’uso della ragione predicata
da quella (cfr. p. 116)18. In particolare, la filosofia aristotelica forni-
rebbe a Hegel strumenti funzionali a colmare il solco fra concetto
e sensibilità che la filosofia trascendentale aveva tracciato in conse-
guenza della critica alla metafisica moderna (p. 111). All’interno di
questo quadro, Wiehl non centra la propria analisi sul concetto di
sensazione, ma si limita a delineare, in modo molto più generale,
un orizzonte secondo cui l’appropriazione consapevole da parte
Hegel della prospettiva aristotelica nella propria teoria della perce-
zione e della sensazione mirerebbe ad istituire una relazione reali-
stica e concettuale fra natura e spirito.

16 A mio avviso, rischia di risultare una forzatura interpretare la lettura hegeliana


della teoria aristotelica della sensazione in modo preponderante alla luce del le-
game fra sensazione ed elemento etico e religioso, nonostante sia plausibile l’in-
dividuazione di Schleiermacher e Jacobi come due bersagli polemici coinvolti
nella trattazione hegeliana di sensazione e sentimento.
17 R. WIEHL, Hegels Transformation der aristotelischen Wahrnehmungslehre, «Hegel-Stu-

dien», XXIII, 1988, pp. 95-138.


18 Wiehl riconosce, tuttavia, come la distinzione fra anima e coscienza (possibile

solo a partire dall’età moderna) sia un elemento assente nella filosofia aristotelica
(cfr. ivi, pp. 123-124).
INTRODUZIONE 21

3) Franco Chiereghin, in Das griechische Erbe in Hegels Anthropo-


19
logie , sottolinea l’influenza dell’opera aristotelica nella struttura-
zione dell’Antropologia enciclopedica, soffermandosi in modo
particolare sui temi dell’unità di anima e corpo (pp. 36-37) e sulla
dottrina aristotelica del nous (pp. 38-40), attraversando le sugge-
stioni provenienti dai Parva Naturalia (pp. 40-51). Oltre a sottoli-
neare le matrici aristoteliche della teoria hegeliana della sensazione,
Chiereghin è il primo a leggere in modo convincente la struttura-
zione della nozione enciclopedica di anima e di sensazione a partire
dalla trattazione del concetto di anima offerto da Hegel nella Logica
e Metafisica di Jena del 1804/05 (pp. 9-19).
4) Frederick Gustav Weiss, Hegel’s Critique of Aristotle’s Philosophy
of Mind20, si pone come obiettivo analizzare l’interpretazione hege-
liana della psicologia aristotelica, nella convinzione che tale opera-
zione sia utile a chiarire la difficile terminologia hegeliana impiegata
nel trattare le medesime questioni, traducendo nel proprio linguag-
gio l’impianto aristotelico (p. 3). Nella realizzazione di questo pro-
getto, Weiss spesso non distingue in modo sufficientemente chiaro
la prospettiva aristotelica dall’interpretazione hegeliana e non entra
propriamente nel merito del sistema hegeliano, limitandosi in gran
parte all’analisi delle Lezioni sulla storia della filosofia. Egli dedica tutta-
via analisi interessanti sulla teoria aristotelica ed hegeliana della sen-
sazione, portando avanti la tesi, in questo lavoro sostanzialmente
condivisa, secondo cui Hegel accentuerebbe, nella sua interpreta-
zione, gli aspetti ‘idealistici’ dell’epistemologia aristotelica.
5) Alfredo Ferrarin, nel suo ricco Hegel and Aristotle21, dedica
un paragrafo specifico al concetto hegeliano di sensazione (pp.

19 F. CHIEREGHIN, Das griechische Erbe in Hegels Anthropologie, in F. Hespe, B.


Tuschling (ed.), Psychologie und Anthropologie oder Philosophie des Geistes. Beiträge zu
einer Hegel-Tagung in Marburg, Frommann-Holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt
1991, pp. 9-51. Cfr. anche F. CHIEREGHIN, L’Antropologia come scienza filosofica, in
F. Chiereghin (ed.), Filosofia e scienze filosofiche nell’ «Enciclopedia» hegeliana del 1817,
Verifiche, Trento 1995, pp. 429-454, cui si rimanda (p. 431, n.2) per una panora-
mica bibliografica sui contributi dedicati in generale all’Antropologia hegeliana.
20 F.G. WEISS, Hegel’s Critique of Aristotle’s Philosophy of Mind, Nijhoff, The

Hague 1969.
21 A. FERRARIN, Hegel and Aristotle, Cambridge University Press, Cambridge 2001.
22 INTRODUZIONE

268-278). In particolare, Ferrarin si sofferma sul tema della passi-


vità propria della sensazione, passività che non può essere intesa
come un mero imprimersi di un dato sul soggetto – secondo la
vulgata della metafora aristotelica della tabula rasa – ma deve essere
compresa come un’attivazione di una possibilità, che viene pro-
gressivamente fatta propria e realizzata dallo spirito mediante le
proprie facoltà superiori. In questo senso, Ferrarin coglie bene la
lettura ‘anti-empiristica’ che Hegel opera della teoria aristotelica
della sensazione e sottolinea come tale lettura sia legata al rifiuto
delle dicotomie moderne fra pensiero e realtà o fra soggetto e og-
getto. Il libro di Ferrarin, tuttavia, ha un’importanza e una portata
ben più ampia, utile a situare la teoria hegeliana della sensazione (e
le sue radici aristoteliche) nel contesto problematico del presente
lavoro – questo testo sarà pertanto ampiamente ripreso e discusso
nel Capitolo Terzo.

c) Pochi sono i singoli contributi specifici, di carattere etero-


geneo e diversificato, che si possono considerare effettivamente ri-
levanti in relazione all’analisi del concetto hegeliano di sensazione.
1) L’unico autore che mi sembra aver diretto esplicitamente e
in modo più specifico i suoi interessi su tale concetto è Reiner
Wiehl, il quale, espone in due articoli (Zum Zusammenhang von Hegels
“Anthropologie” und “Phänomenologie des Geistes”22 e Das psychische Sy-
stem der Empfindung in Hegels “Anthropologie”23) la sua interpretazione
della teoria hegeliana della sensazione a partire dal problema del
luogo sistematico dell’Antropologia e della nozione hegeliana di
anima. In questo secondo contributo, Wiehl – a dispetto del titolo
– offre poche considerazioni sulla nozione di sensazione 24, ma si

22 R. WIEHL, Seele und Bewußtsein. Zum Zusammenhang von Hegels “Anthropologie” und
“Phänomenologie des Geistes”, in U. Guzzoni, B. Rang, L. Siep (ed.), Der Idealismus
und seine Gegenwart. Festschrift für Werner Marx zum 65. Geburtstag, Meiner, Hamburg
1976, pp. 424-451.
23 R. WIEHL, Das psychische System der Empfindung in Hegels “Anthropologie”, in D.

Henrich (ed.), Hegels philosophische Psychologie, Bouvier, Bonn 1979, pp. 81-140.
24 Nonostante il titolo faccia esplicitamente riferimento alla Empfindung, Wiehl

dedica tale articolo alla nozione hegeliana di anima come concetto centrale
dell’antropologia filosofica hegeliana, riservando alla nozione di Empfindung
brevi cenni nelle pagine conclusive – senza sottolineare la sua differenza rispetto
INTRODUZIONE 23

concentra sul problema della determinazione sistematica del con-


cetto hegeliano di anima come Grenzbegriff tra natura e spirito (pp.
103 e ss.), concetto che tuttavia ha il proprio luogo di trattazione
all’interno della Filosofia dello Spirito e non già nella Filosofia della
Natura. Al centro dell’analisi di Wiehl sta la conseguente distinzione
fra uomo e animale e la riflessione sulle condizioni di possibilità di
un’autocomprensione dell’umano che da tale distinzione (non radi-
calmente dualistica) prende le mosse. L’articolo Seele und Bewußtsein,
invece, considera l’inserzione dell’Antropologia come presupposto e
antecedente sistematico di una Fenomenologia dello Spirito all’in-
terno dell’itinerario enciclopedico. Qui le considerazioni di Wiehl
sono senz’altro di maggiore interesse: Wiehl difende la teoria hege-
liana dell’anima da una possibile ricaduta nella metafisica pre-critica
e associa il concetto di anima-sostanza a quello di inconscio (pp. 427-
431). In questo modo, l’inconscio antropologico diventa la condi-
zione di possibilità del riferimento empirico ad un’oggettività, fon-
damento di ogni possibile modalità di rapportarsi intenzionale
cosciente (p. 440). In questo contesto argomentativo la sensazione
si rivela un fenomeno di grande importanza, in quanto costituisce la
prima realizzazione a livello epistemologico di quel sostrato sostan-
ziale-inconscio che è l’anima. L’aspetto più interessante delle consi-
derazioni di Wiehl è, a mio avviso, che la sensazione così definita
deve dare conto, da un lato, di una dimensione ‘trascendentale’
dell’anima come struttura inconscia, e dall’altro della sua ‘cosalità’,
che garantisce una consistenza alla realtà empirica.
2) Degno di menzione, se non altro per la sua originalità, è il
tentativo di Alison Stone25 di leggere la teoria hegeliana della sen-
sazione come una sorta di ‘argomento fenomenologico’ votato a
corroborare una teoria metafisico-razionalista a priori della natura,
che diverge profondamente dall’immagine offerta dalla scienza di

alla nozione hegeliana di Gefühl e facendo dipendere la nozione di Empfindung da


quella di Selbstgefühl psichico. La sensazione viene introdotta (in modo sicuramente
discutibile) nelle pagine conclusive del saggio come dipendente dal sentimento di
sé umano, che sembra esser considerato, assieme alla nozione logica di sostanza,
come il fenomeno caratterizzante della nozione antropologica di anima.
25 A. STONE, Petrified Intelligence, SUNY Press, Albany 2005, Cap. 5, pp. 107-133.
24 INTRODUZIONE

matrice moderna. Stone interpreta la teoria hegeliana della sensa-


zione come una teoria ‘elementalista’ del nostro primo, immediato
e pre-concettuale (o meglio, proto-concettuale) rapporto con la na-
tura esterna. Tale prima relazione del soggetto alla natura avver-
rebbe, secondo l’autrice, attraverso lo stretto legame fra i nostri
cinque sensi – interpretati come degli schemi non-concettuali di
organizzazione dell’esperienza – e gli elementi (luce, aria e terra)
che costituiscono la natura fisica (p. 108). Tale stretta corrispon-
denza fra i sensi e gli elementi naturali, rafforzata da una lettura
emergentista della relazione tra spirito e natura, dovrebbe così ga-
rantire la referenzialità e la veridicità della sensazione rispetto alla
struttura metafisica e razionale della natura (pp. 131-132).
3) Un ulteriore riferimento è il saggio di Markus Gabriel, The
Pathological Structure of Representation as Such: Hegel’s Anthropology,
incluso nel primo capitolo del libro Transcendental Ontology26. Qui
Gabriel intende presentare l’ontologia hegeliana in antitesi rispetto
al dualismo cartesiano fra anima e corpo facendo correttamente
riferimento alle pagine dell’Antropologia enciclopedica. Tale rifiuto
di un dualismo tra sostanza pensante e sostanza estesa rappresenta
il presupposto necessario per comprendere come l’epistemologia
hegeliana intenda smarcarsi dall’insidia del Mito del Dato e dalle
conseguenze epistemologicamente «patologiche» del rappresenta-
zionalismo. In questo contesto, Gabriel riconosce alla sensazione il
compito di definire il primo immediato contatto tra soggetto e
mondo (p. 52), costituendo così l’effettivo punto di partenza
dell’itinerario della Filosofia dello Spirito Soggettivo: la sensazione
definisce l’incontro immediato con le qualità e le determinatezze
essenti nel mondo, che il soggetto non percepisce ancora come
qualcosa d’altro rispetto a sé (p. 50). A partire da quest’intuizione,

26M. GABRIEL, The Pathological Structure of Representation as such: Hegel’s Anthro-


pology, in Transcendental Ontology. Essays in German Idealism, Continuum, Lon-
don/New York 2011, pp. 48-59. Questo saggio, così come quello che lo precede
nel libro (Absolute Identity and Reflection: Kant, Hegel, and McDowell, ivi, pp. 34-48)
presentano diverse affinità con il contesto problematico e interpretativo della
mia ricerca. Non mi è stato tuttavia possibile sviluppare alcuni temi in dialogo
più serrato con essi, dal momento che mi sono imbattuto in questi contributi
solo a ricerca ultimata.
INTRODUZIONE 25

tuttavia, Gabriel approfondisce la propria analisi focalizzando l’at-


tenzione sul secondo momento dell’Antropologia, che tematizza
l’anima del sentimento (fühlende Seele) – al contrario, in questo la-
voro mi concentrerò sul primo momento dell’Antropologia,
l’anima naturale (natürliche Seele) in cui il concetto hegeliano di sen-
sazione è a tema. Si può dunque dire che Gabriel sposti a livello
dell’anima del sentimento l’analisi dei problemi epistemologici (e
del conseguente sfondo ontologico) che in questa ricerca analiz-
zerò proprio a livello della sensazione27.
4) Infine, l’ultimo contributo cui è necessario accennare in
questa sede è l’articolo di Stephen Houlgate Thought and Experience
in Hegel and McDowell28. In questo articolo Houlgate mette a con-
fronto le posizioni di Hegel e McDowell riguardo alla relazione fra
pensiero, esperienza e mondo, evidenziando come, aldilà di inte-
ressanti punti di contatto29, la posizione hegeliana differisca per al-
cune caratteristiche essenziali rispetto alla posizione di McDowell.
Nel perseguire tale obiettivo, Houlgate offre una sua interpreta-
zione della teoria hegeliana della sensazione abbastanza circostan-
ziata e complessa: pur leggendo la teoria hegeliana della sensazione
come una teoria dell’accesso diretto del mentale al mondo, l’autore
rifiuta di considerare la sensazione in Hegel come un possibile fon-
damento giustificativo dei giudizi empirici. L’attività cognitiva, se-
condo l’interpretazione di Houlgate, non viene giustificata in Hegel
da un vincolo empirico, ma ha una propria giustificazione interna
garantita dalle determinazioni di pensiero a priori della logica (p.
254). A causa dell’affinità di questo contributo con la prospettiva
interpretativa e con i temi del presente volume, mi riservo di discu-
tere puntualmente alcune tesi interpretative di Houlgate nel corso
27 Ovvero: il problema dell’accesso epistemico al mondo, il problema del dato,
il problema della distinzione tra sogno e realtà, il problema del rapporto tra
natura e spirito.
28 S. HOULGATE, Thought and Experience in Hegel and McDowell, «European Journal

of Philosophy», XIV (2), 2006, pp. 242-261.


29 Houlgate sottolinea tre analogie fra la posizione di Hegel e la posizione di

McDowell (cfr. ivi, p. 251): 1) entrambi ritengono che le nostre esperienze hanno
il loro contenuto grazie all’esercizio in esse delle capacità concettuali; 2) entrambi
accettano che i concetti empirici siano storici e passibili di revisione; 3) entrambi
accettano la tesi del «concettuale senza confini».
26 INTRODUZIONE

dell’esposizione. In virtù di questa stessa affinità, l’accenno a que-


sto articolo permette al tempo stesso di passare a definire la natura
di questa ricerca e a contestualizzarla sullo sfondo dello status quae-
stionis qui delineato.

0.2 Impostazione del lavoro

Rispetto a questo frastagliato orizzonte bibliografico, il pre-


sente volume assume un profilo peculiare. Da un lato esso intende
colmare una lacuna all’interno della Hegel-Forschung classica, che non
ha ancora dedicato al concetto hegeliano di sensazione un lavoro
monografico di ampie proporzioni30; d’altro canto, il mio intento è
quello di inserire l’analisi della teoria hegeliana della sensazione
all’interno di un dibattito contemporaneo particolarmente ani-
mato. Nonostante dunque questo lavoro abbia in primo luogo uno
scopo esegetico, relativo appunto al concetto hegeliano di sensa-
zione all’interno del sistema hegeliano, esso intende allo stesso
tempo perseguire un’esigenza teoretica, relativa alla definizione
dello statuto epistemologico della sensazione.
Il mio scopo, in questa ricerca, non è dunque quello di fornire
un commentario della Filosofia dello Spirito Soggettivo, che sem-
plicemente contestualizzi il tema della sensazione all’interno di
questa sezione. L’approccio di questo lavoro non è né strettamente
filologico 31, né esclusivamente interno-espositivo, ma trae spunto
30 Mi sembra possibile applicare al concetto hegeliano di sensazione ciò che M.
Quante constatava circa vent’anni fa in relazione al concetto hegeliano di azione.
Cfr. M. QUANTE, Il concetto hegeliano di azione, trad. it. P. Livieri, Franco Angeli,
Milano 2011, p. 17: «La ricchezza della letteratura che si occupa di Hegel lascia
supporre che i concetti centrali, le tesi e le prospettive della sua filosofia siano
stati ampiamente esposti ed esplicitati. È allora tanto più sorprendente che ci
siano ancora delle lacune nella ricerca che non riguardano specifiche connessioni
storiche o sistematiche, bensì gli stessi concetti fondamentali della filosofia he-
geliana. Proprio questo mi sembra il caso del concetto di azione».
31 Sarebbe tuttavia un desideratum della ricerca hegeliana un lavoro concettuale

comparativo e diacronico sulle differenze fra quelle che si potrebbero definire le


varie forme di immediatezza sensibile in Hegel: sensazione (Empfindung) animale,
sentimento (Gefühl) animale, sensazione (Empfindung) antropologica, sentimento
(Gefühl) antropologico, certezza sensibile (sinnliche Gewissheit), sensazione
INTRODUZIONE 27

da una specifica questione teorica, a partire dalla quale il testo he-


geliano verrà esaminato e interrogato. Nella fattispecie, la ricostru-
zione della teoria hegeliana della sensazione verrà sollecitata a
partire dalla questione del rapporto fra dimensione epistemica e
mondo per come essa si è nuovamente imposta nel dibattito con-
temporaneo a partire dalla pubblicazione del libro Mente e Mondo di
J. McDowell32. In questo testo, divenuto ormai famoso, McDowell
delinea la propria prospettiva epistemologica prendendo le mosse
da una critica di alcuni modi di tematizzare il rapporto fra mente e
mondo, che, ponendo una frattura tra i due termini, non riescono
a dar conto della relazione fra l’attività spontanea dei soggetti co-
noscenti e un mondo esterno indipendente. Nel tentativo di svi-
luppare un progetto filosofico che rifiuta l’assunzione di una serie
di dicotomie (fra mente e mondo, attività e passività, sensibilità e
intelletto), McDowell individua nel concetto di percezione un con-
cetto centrale a partire dal quale esse possono esser dissolte.
In questa ricerca procederò in modo in un certo senso ana-
logo, muovendomi all’interno dell’orizzonte hegeliano: sostengo
infatti che la teoria hegeliana della sensazione può essere proficua-
mente letta come il tentativo di conciliare e rendere compatibili
prospettive ritenute apparentemente esclusive sulla relazione fra di-
mensione epistemica e mondo, prospettive che Hegel critica come
unilaterali se considerate indipendentemente l’una dall’altra e asso-
lutizzate. In termini generali, l’idea centrale che anima la mia ope-
razione interpretativa è che l’emendazione e conciliazione di tali
prospettive, ordinabili secondo due vettori corrispondenti a dire-
zioni esplicative opposte, sia essenziale all’interno del progetto he-
geliano di un ‘idealismo assoluto’33. In particolare, la tesi che viene
portata avanti in questo lavoro è che la conciliazione di queste due

(Empfindung) psicologica, sentimento (Gefühl) psicologico, intuizione (An-


schauung).
32 J. MCDOWELL, Mente e mondo, trad. it. C. Nizzo, Einaudi, Torino 1999.
33 T. ROCKMORE, Hegel, Idealism, and Analytic Philosophy, Yale University Press,

New Haven/London 2005, p. 18, nota come Hegel non usi mai questo termine
per identificare la propria posizione.
28 INTRODUZIONE

prospettive sia messa alla prova a livello sistematico in modo deci-


sivo proprio all’altezza della tematizzazione della sensazione34.
L’ipotesi interpretativa da cui prende le mosse questa ricerca è
infatti che il concetto di sensazione si riveli decisivo nell’economia
teorica del sistema hegeliano, nonostante Hegel non sembri rico-
noscere apertamente un tale ruolo a questo concetto. Hegel, infatti,
non introduce esplicitamente la propria analisi del concetto di sen-
sazione a partire dall’orizzonte problematico assunto come cornice
del presente lavoro, né dichiara espressamente di considerare la
sensazione come un banco di prova centrale della tenuta del pro-
prio progetto. La giustificazione dell’ipotesi interpretativa e della
cornice entro cui essa sorge si darà, pertanto, solo una volta com-
piuto un lavoro di esplicitazione del contenuto teorico della dot-
trina hegeliana della Empfindung e del contesto sistematico in cui
essa si inserisce.
Si può inoltre notare che un’impostazione del problema che
metodologicamente sembra tendere ad inasprire il momento
dell’opposizione – in questo caso, fra soggetto e oggetto, pensiero
e mondo, spirito e natura – per poi cercare una conciliazione fra i
termini in gioco, è un procedere che viene esplicitamente criticato
da Hegel stesso, il quale prende le mosse dal presupposto della loro

34 Un’identificazione frettolosa e acritica del concetto mcdowelliano di perce-


zione (perception) con il concetto hegeliano di sensazione (Empfindung) risulta
senz’altro errata per diversi motivi, che vanno oltre la mera incongruenza lessi-
cale – gli orizzonti di pensiero di Hegel e McDowell sono per molti aspetti assai
diversi, e le tradizioni filosofiche e concettuali in cui si inseriscono rendono dif-
ficile considerare tali concetti come sinonimi. È inoltre noto – si potrebbe obiet-
tare – che Hegel discute il proprio concetto di percezione (Wahrnehmung) già
all’interno della Fenomenologia dello Spirito del 1807. Ciononostante, mi sembra che
il contesto problematico della Fenomenologia non sia il medesimo della discussione
mcdowelliana della relazione fra mente e mondo – sebbene McDowell stesso
intenda concepire il proprio libro Mente e Mondo come «uno studio preliminare
alla lettura della Fenomenologia». Come cercherò di argomentare, in questo lavoro
tali concetti vengono presi in esame e messi in relazione in quanto essi espri-
mono rispettivamente il primo accesso cognitivo al mondo all’interno delle pro-
spettive dei due autori, accesso che si configura in entrambi in modo (almeno
parzialmente) passivo. Le prospettive di Hegel e McDowell condividono a mio
avviso esigenze comuni, sebbene esse non siano del tutto sovrapponibili (cfr. i
sottocapitoli 1.2, 1.5 e 4.2).
INTRODUZIONE 29

unità. È stato infatti osservato come interrogare il testo hegeliano


a partire da un tale orizzonte interpretativo sia un’operazione
estrinseca e fondamentalmente scorretta35. Tuttavia, si intende qui
avvalersi di una metodologia che sembra inclinare verso una radi-
calizzazione di elementi teorici opposti, pur consapevoli che essa
non corrisponde al modo in cui Hegel imposta il proprio discorso.
Essa non è infatti completamente strumentale o esterna rispetto
alla speculazione hegeliana nella misura in cui il punto di vista
dell’opposizione e della separazione sta alla base delle posizioni fi-
losofiche che Hegel intende tanto criticare quanto conciliare e ren-
dere compatibili (cfr. infra, Capitolo Primo). Il procedere
dicotomico ha pertanto una funzione metodologica finalizzata a
far emergere istanze ‘interne’ che attraversano la filosofia hege-
liana: tale procedere ha lo scopo di sottolineare come tali istanze
non possano essere irrigidite e isolate secondo opzioni teoriche
che, approcciandosi alla questione della relazione fra dimensione
epistemica e mondo in termini unilaterali, non consentono una ri-
sposta che soddisfi le ambizioni hegeliane. L’operazione hegeliana,
tuttavia, può considerarsi effettivamente riuscita solo se essa si di-
mostra in grado di conciliare effettivamente istanze che, se irrigi-
dite, appaiono come irrimediabilmente opposte 36 . La questione

35 Cfr. ad esempio ES, § 389, Anmerkung e Zusatz, pp. 111-116 o EL, § 142, Zusatz,
pp. 353-354. Halbig non ritiene che il problema dell’accesso epistemico del men-
tale rispetto al mondo sia una questione a partire da cui si possa interrogare in
modo fruttuoso l’opera hegeliana. Cfr. C. HALBIG, Das “Erkennen als Solches”, in C.
Halbig, M. Quante, L. Siep (ed.), Hegels Erbe, Suhrkamp, Frankfurt am Main 2004,
p. 159. Un punto di vista simile mi sembra esser difeso da K. WESTPHAL, Intelli-
genz and the Interpretation of Hegel’s Idealism: Some Hermeneutic Pointers, «The Owl of
Minerva», XXXIX (1-2), 2007/2008, p. 102. Non credo, tuttavia, che il presente
lavoro cada vittima delle accuse rivolte da Westphal contro le ricostruzioni della
posizione hegeliana che partono da presupposti dicotomici di derivazione carte-
siana (cfr. in particolare p. 124): come si noterà, il procedere dicotomico ha qui una
funzione critica, che mira ad evidenziare tensioni ‘interne’ all’orizzonte hegeliano.
Sarà quindi necessario non irrigidire la posizione hegeliana, facendo attenzione a
non appiattirla di volta in volta su uno dei corni di opposizioni che egli critica
aspramente – cfr. su questo il Capitolo Secondo.
36 Come si mostrerà nei sottocapitoli 1.5 e 4.2, tale impegno costruttivo viene

esplicitamente rifiutato da McDowell. In questo sussiste a mio avviso una diffe-


renza decisiva fra il progetto di Hegel e quello di McDowell.
30 INTRODUZIONE

teorica, che per certi aspetti può apparire meramente ‘esterna’, del
rapporto fra dimensione epistemica e mondo esibisce dunque una
forza interpretativa ‘interna’ rispetto al pensiero hegeliano e porta
alla luce nodi tematici ad esso essenziali 37. Al contempo, questa me-
todologia mira a far emergere alcuni problemi e tensioni interne
che invece, adeguandosi del tutto all’andamento del discorso hege-
liano, rischierebbero a mio avviso di rimanere nascosti. In virtù di
ciò, la tenuta e il potenziale esplicativo della teoria hegeliana della
sensazione non saranno vagliate affidandosi unicamente ai presup-
posti dell’impianto sistematico hegeliano e alle modalità in cui essi
vengono sviluppati da Hegel, ma valutati criticamente.
Per questi motivi, il presente lavoro si avvicina più a una ‘rico-
struzione razionale’ di un concetto – orientata in questo caso da
una questione tematica specifica, che si inserisce in un particolare
dibattito – che a un commentario vero e proprio. Si potrebbe
dunque definire questa ricerca come una ‘ricostruzione razionale’
della teoria della sensazione in Hegel, condotta a partire dal di-
battito contemporaneo che si concentra attorno alla proposta
post-sellarsiana di John McDowell sull’accesso cognitivo al mondo.
In questo senso specifico, la ‘ricostruzione razionale’ non implica
una accettazione o una difesa della posizione hegeliana. Piuttosto
essa rappresenta solo una strategia metodologica che cerca di repe-
rire nei testi hegeliani una teoria coerente rispetto alle questioni
problematiche sollevate (cfr. 1.3)38.

37 Se dunque Hegel presenta l’unità come presupposto del sistema, egli ritiene
anche che tale presupposto debba essere giustificato come risultato. Tale giusti-
ficazione deve attraversare la scissione di termini che appaiono come dicotomi-
camente opposti, e che vengono ridotti a istanze dialetticamente fluidificate. Se
la conciliazione di tali istanze non intende ridursi ad una mera petitio principii, essa
deve dunque prendere sul serio la tensione delle forze opposte che si intendono
tenere assieme nell’unità fondamentale del sistema, di modo che esse entrino
nella costituzione di tale unità come unità concreta. Hegel mi sembra non tirarsi
indietro rispetto alla radicalità di questa sfida.
38 Per questo, esclusi i paragrafi dell’Enciclopedia in cui la sensazione è propria-

mente a tema (§§ 399-402), non ci si limiterà all’analisi e al commento di una


specifica porzione di testo, ma ci si muoverà più liberamente all’interno della
produzione hegeliana nel tentativo di articolare ed evidenziare quali siano gli
aspetti di cui Hegel deve dar conto nella propria teoria della sensazione in con-
INTRODUZIONE 31

0.3 Alcune questioni metodologiche

Prima di esplicitare meglio l’orizzonte di questa ricerca e di


addentrarmi nella mia ricostruzione, vorrei discutere qui in sede
introduttiva tre ulteriori questioni di carattere metodologico. La
prima relativa alla possibilità di indagare il problema epistemolo-
gico del rapporto tra dimensione epistemica e mondo all’interno
dell’Antropologia enciclopedica; la seconda relativa all’utilizzo dei
manoscritti hegeliani non pubblicati e della tradizione secondaria (i
cosiddetti Zusätze e i quaderni di lezione degli studenti di Hegel a
Berlino); la terza relativa all’impossibilità di appiattire il concetto
hegeliano di Geist sul concetto mcdowelliano di mind.
1) In questa indagine, il rapporto fra attività cognitiva e mondo
non sarà indagato in riferimento all’impresa fenomenologica ma al
sistema enciclopedico 39 . Contro tale impostazione si potrebbe
obiettare che, una volta compiuto il cammino fenomenologico, il
sapere dovrebbe aver superato la scissione fra soggetto e oggetto,
fra pensiero e mondo esterno. Tuttavia ritengo che il sistema enci-
clopedico, nel suo restituire l’articolazione globale della realtà, sia
chiamato a dar conto ‘anche’ della relazione epistemologica del
soggetto conoscente rispetto alla natura, intesa come mondo
esterno non riducibile all’attività epistemica dei soggetti finiti – di
tale compito si fa carico specificamente la Filosofia dello Spirito
Soggettivo. Infatti, se si prende in considerazione la Fenomenologia
del 1807, ci si trova calati all’interno di una prospettiva intra-espe-

formità con i presupposti del suo ‘idealismo assoluto’. In quest’ottica metodo-


logica risulta giustificato il riferimento a testi come ad esempio lo scritto sulla
Differenza o Fede e Sapere (1801-1802) che cronologicamente appaiono distanti
dalla tematizzazione definitiva della sensazione nel sistema, avvenuta sostanzial-
mente nel periodo dal 1817 al 1830. Ritengo infatti che alcune tesi e argomenti
contenuti in questi testi non rappresentino dei momenti superati rispetto alla
speculazione hegeliana di cui la teoria della sensazione è frutto, ma costituiscano
elementi dello sfondo entro cui quest’ultima sorge.
39 Per ricerche sull’epistemologia hegeliana che si riferiscono in modo preponde-

rante alla Fenomenologia dello Spirito, si vedano, fra gli altri, K. WESTPHAL, Hegel’s Epi-
stemological Realism, Kluwer, Dordrecht 1989 e D. EMUNDTS, Erfahren und Erkennen:
Hegels Theorie der Wirklichkeit, Vittorio Klostermann, Frankfurt am Main 2012.
32 INTRODUZIONE

rienziale in cui non è data propriamente alcuna deduzione filoso-


fica40 di un mondo esterno. Il punto di partenza e l’orizzonte del
processo fenomenologico è la soggettività di una coscienza natu-
rale, della quale vengono ricostruite le «figure» che la elevano al
punto di vista filosofico speculativo – sebbene l’intero itinerario
mostri come il punto di vista autenticamente speculativo sia già da
sempre presente fin dall’inizio. Diversamente, nel sistema si assiste
alla giustificazione concettuale di un mondo esterno che non si
mostra ‘all’interno’ delle figure di una coscienza naturale e ‘attra-
verso’ l’esperienza che la coscienza naturale fa di esso: tale giustifi-
cazione concettuale non è svolta dalla prospettiva della coscienza
naturale e si rende possibile solo a partire dal risultato della Fenome-
nologia stessa 41. Se la Fenomenologia del 1807, dunque, rappresenta
una critica della coscienza naturale condotta da una prospettiva ad
essa interna, che mira alla giustificazione del punto di vista auten-
tico della filosofia, è nella Filosofia dello Spirito Soggettivo, all’in-
terno dell’Enciclopedia, che si deve cercare la teoria hegeliana vera e
propria del ‘conoscere’, ovvero la trattazione filosofica di come
l’uomo conosce il mondo – nella fattispecie, una descrizione ade-
guata alle pretese di un ‘idealismo assoluto’42.
In relazione poi alla scelta di interrogare il testo dell’Antropo-
logia per trovare risposte ad una questione di tipo epistemologico,
si potrebbe invece obiettare che la teoria vera e propria del soggetto
conoscente sia da ricercarsi piuttosto all’interno della Psicologia43
e in particolare nello spirito teoretico, dove il conoscere (Erkennen),
40 Non si intende qui una deduzione apriori, ma una giustificazione filoso-
fico-concettuale.
41 In altri termini, il rapporto tra attività cognitiva e mondo è da ricercarsi emi-

nentemente nell’Enciclopedia in quanto esso non è tematizzabile propriamente


dall’interno del medium delle «figure» fenomenologiche, né risulta propriamente
spiegato dal semplice conseguimento del risultato della Fenomenologia. Tale ri-
sultato è piuttosto la condizione di possibilità dell’autentica spiegazione filo-
sofica di tale rapporto.
42 Per un approccio metodologico di questo tipo, che ricerca l’autentica epistemo-

logia hegeliana all’interno del sistema enciclopedico (focalizzando l’analisi in par-


ticolare sulla Psicologia), cfr. C. HALBIG, Objektives Denken, cit., pp. 18-19. Per una
critica delle interpretazioni che cercano una teoria della sensazione nella Fenomeno-
logia dello Spirito, cfr. W. DEVRIES, Hegel’s Theory of Mental Activity, cit., p. 53.
43 Cfr. J. ROMETSCH, Hegels Theorie des erkennenden Subjekts, cit., p. 73.
INTRODUZIONE 33

in quanto attività e «fare dell’intelligenza»44 (Intelligenz), è propria-


mente a tema. Questo è senz’altro vero. Tuttavia, sin dal primo
paragrafo introduttivo alla Filosofia dello Spirito Soggettivo (§ 387)
Hegel sembra non voler esaurire la questione epistemologica all’in-
terno della Psicologia ed estendere la considerazione dell’attività
conoscitiva anche ai due livelli precedenti (Antropologia e Feno-
menologia). Hegel afferma infatti che «lo spirito che si sviluppa
nella sua idealità, è lo spirito in quanto conoscente»45, e passa quindi a
introdurre la partizione della Filosofia dello Spirito Soggettivo nella
sua interezza. Si può quindi dire che, sebbene nell’Antropologia
non si possa ancora pienamente parlare di soggetto conoscente
compiuto, non è fuori luogo parlare di attività che si danno al suo
interno come di attività epistemiche 46 . Inoltre, la «concretezza»
dello spirito47 indica che i vari momenti del suo sviluppo non pos-
sono essere riguardati come modularisticamente separati e indipen-
denti: ciò comporta il fatto che le attività epistemiche trattate
nell’Antropologia sono integrate rispetto alle facoltà o attività del
conoscere in senso stretto trattato nella Psicologia.
La sensazione, dunque, non viene esclusa dall’epistemologia
in generale o annullata e soppiantata dalle facoltà superiori, ma per-
mane in quanto attività conoscitiva in senso lato – per quanto essa
sia la prima e meno sviluppata48. Di fatto, la sensazione riemerge
anche all’interno della trattazione dello spirito teoretico. Essa co-
stituisce il punto di partenza da cui la sezione Spirito Teoretico
della Psicologia prende le mosse (cfr. ES, §§ 446-447) – anche se è
qui presente una certa ambiguità fra l’uso del termine «sensazione»
e del termine «sentimento». Tuttavia, non è nella sezione Psicologia,

44 ES, § 445, Anmerkung, p. 293.


45 Ivi, § 387, p. 105.
46 Cfr. C. HALBIG, Objektives Denken, cit., p. 84.
47 Cfr. ES, §§ 379-380 e NE/W 1827/28, pp. 118-119.
48 S. HOULGATE, Thought and Experience, cit., sembra concordare nel considerare

la Filosofia dello Spirito Soggettivo come il luogo indicato a partire dal quale
impostare un confronto fra Hegel e McDowell (cfr. ivi, p. 242 e, in particolare,
la nota 3 a p. 256). Sulla stessa linea, anche Quante esorta McDowell a confron-
tarsi col sistema hegeliano maturo – cfr. M. QUANTE, Reconciling Mind and World:
Some Initial Considerations for Opening a Dialogue between Hegel and McDowell, «The
Southern Journal of Philosophy», XL, 2002, 75-96.
34 INTRODUZIONE

ma nell’Antropologia che la sensazione viene descritta come la


forma epistemica che si fa carico di veicolare in forma passiva il con-
tenuto esistente nel mondo naturale esterno e quindi di giustificare
il primo accesso empirico al mondo. Il carattere specifico della sen-
sazione antropologica è il suo carattere passivo e ricettivo49. Nella
sezione Psicologia non c’è alcuna occorrenza del termine ‘passività’
in relazione alle ‘facoltà’ epistemiche lì discusse: sentimento, intui-
zione, ricordo, rappresentazione, memoria, pensiero, sono tutte ‘at-
tività’ 50 . Questo, perché nella Psicologia Hegel non presenta la
relazione fra il soggetto epistemico e le determinazioni di un mondo
naturale ‘esterno’, ma la relazione dello spirito conoscente con se
stesso. L’ ‘esternalità’ del mondo naturale e dei contenuti presenti in
esso è già stata superata nei momenti precedenti.
Ora, come cercherò di argomentare, nel sistema hegeliano è la
sensazione antropologica, non le attività epistemiche descritte nella
Psicologia, ciò che si fa carico di veicolare il carattere autentica-
mente passivo dell’esperienza rispetto al mondo e, con esso, la pos-
sibilità di un riferimento empirico al mondo stesso. A livello di
Psicologia, infatti, la passività del soggetto rispetto al mondo e ai
suoi contenuti è già presupposto e superato: infatti, Hegel dice che
il contenuto e la base delle attività dello spirito trattate nella Psico-
logia non è già più il mondo o la natura, ma le sensazioni stesse,
che vengono elevate a pensiero51. È dunque solo attraverso un’ana-
lisi della Empfindung nell’Antropologia che si può comprendere
come le determinazioni della sensazione coincidano con determi-
nazioni oggettive del mondo naturale esterno.
2) Un’altra (annosa) questione metodologica che è necessario
affrontare in sede preliminare è quella relativa all’utilizzo o meno
degli appunti degli studenti di Hegel relativi alle lezioni berlinesi
sulla Filosofia dello Spirito52, così come dei manoscritti e appunti

49 È proprio questo carattere passivo della sensazione ciò che giustifica il con-
fronto con il concetto mcdowelliano di percezione.
50 Come scrive Hegel, ES, § 444, Zusatz, p. 290: «Soltanto l’anima è passiva, men-

tre lo spirito libero è essenzialmente attivo, produttivo».


51 Cfr. ivi, § 440, Anmerkung, p. 282: «Il contenuto, che viene elevato ad intuizioni,

è costituito dalle sue [dello spirito, FS] sensazioni, come le intuizioni sono trasfor-
mate in rappresentazioni, e così di seguito queste in pensieri ecc».
52 A Berlino, Hegel impartì corsi sulla Filosofia dello Spirito Soggettivo nelle

annate 1822, 1825, 1827/28, 1830. Attualmente sono stati pubblicati i seguenti
INTRODUZIONE 35

di Hegel non pubblicati53. Un panorama su questa discussione è


offerto da J. Rometsch, nell’introduzione al suo testo Hegels Theorie
des erkennenden Subjekts54. Rometsch ritiene che tali tradizioni secon-
darie e i manoscritti autografi ma non pubblicati, non siano neces-
sari per ‘cavare il succo’ dagli asciutti paragrafi principali del testo,
attestandosi così su una posizione purista che limita l’analisi e l’ese-
gesi ai testi pubblicati in vita da Hegel. Sostanzialmente contro
l’uso della tradizione secondaria si schierano anche T. Bodammer55,
A. Peperzak56, oltre allo stesso M. Quante. Stederoth, nel suo com-
mentario alla Filosofia dello Spirito Soggettivo, è concorde nell’af-
fermare l’inaffidabilità della sintesi boumanniana dei diversi
materiali secondari, ma prende in esame le edizioni critiche dei sin-
goli quaderni per ricostruire un’analisi comparativa delle diverse
esposizioni del pensiero hegeliano57. Halbig, invece, afferma di vo-
ler far riferimento agli Zusätze solo nel caso in cui essi servano ad
esplicitare il contenuto dei paragrafi pubblicati58, ma di fatto il suo
utilizzo della tradizione secondaria è tutt’altro che parco. DeVries,
più decisamente, sostiene che l’uso delle fonti secondarie è ormai

quaderni di appunti: Nachschrift Hotho (1822) [NH 1822], Nachschrift Griesheim


(1825) [NG1825], Nachschrift Erdmann/Walter (1827/28) [NE/W 1827/28],
Nachschrift Stolzenberg (1827/28)[NS 1827/28]. Le aggiunte (Zusätze) compilate
da Boumann nella sua edizione della Filosofia dello Spirito dell’Enciclopedia del
1831, risultano invece – come scrive l’autore stesso nella Premessa (ES, p. 77) –
da una composizione di materiali tratti da 1) alcuni quaderni personali di Hegel
(uno datato «Maggio 1817» e uno utilizzato nel 1820), contenenti perlopiù
schemi; 2) cinque quaderni di appunti trascritti; 3) «due quaderni, che Hegel
stesso aveva fatti copiare, ed uno dei quali era stato da lui posto alla base delle
sue lezioni negli anni 1828 e 1830» (ibidem), e dai quaderni del maggiore
Griesheim del 1825 e del dott. Mullach del 1828.
53 Mi riferisco in particolare al Fragment zur Philosophie des Subjektiven Geistes (1825)

[FsG] e alle Notizen all’Enciclopedia del 1817 [E 1817, pp. 249-544].


54 J. ROMETSCH , Hegels Theorie des erkennenden Subjekts, cit., pp. 9-16. I riferimenti

delle note 55, 56, 57, e 58 sono tratti da queste pagine.


55 Cfr. T. BODAMMER, Hegels Deutung der Sprache. Interpretationen zu Hegels Äusse-

rungen über die Sprache, Meiner, Hamburg 1969, p. 2.


56 Cfr. A. PEPERZAK, Selbsterkenntnis des Absoluten. Grundlinien der Hegelschen Philo-

sophie des Geistes, Frommann-Holzboog, Stuttgart-Bad Cannstatt 1987, pp. 9 e ss.


57 Cfr. D. STEDEROTH, Hegels Philosophie des subjektiven Geistes, cit., pp. 11-12.
58 Cfr. C. HALBIG, Objektives Denken, cit., p. 41.
36 INTRODUZIONE

doveroso, dal momento che la nostra comprensione di Hegel risul-


terebbe comunque influenzata profondamente da questo mate-
riale, il quale merita pertanto di essere reso esplicito59.
A mio avviso, riguardo a tale questione metodologico-filolo-
gica, l’atteggiamento più corretto è il seguente: non ignorare – o
fingere di ignorare – materiali non autografi o non pubblicati che
ci restituiscono da un lato, ciò che l’auditorio recepiva delle lezioni
di Hegel, dall’altro come Hegel rifletteva sui vari temi e sui suoi
stessi testi. Rifiutarsi di citare questi testi, pur conoscendoli, rischia
di risultare un’operazione artificiosa, sebbene sia importante valu-
tare il loro potenziale probante in modo critico.
Data la quantità di materiale pubblicato negli ultimi anni dallo
Hegel-Archiv di Bochum, è possibile oggi fare un uso della tradi-
zione secondaria secondo criteri che garantiscono una certa affi-
dabilità, come ad esempio l’analisi comparata di quaderni di
annate diverse: ciò che si intende fare nella presente ricerca è
sfruttare il ricco materiale a disposizione cercando di far notare
come esso si inserisca nella trama delineata dai paragrafi princi-
pali. Per di più, soprattutto per quanto riguarda l’Antropologia, le
fonti secondarie contengono materiale integrativo che non risulta
(pace Rometsch) deducibile dai paragrafi pubblicati dell’Enciclope-
dia – a meno che non si faccia un uso palesemente scorretto di
tale tradizione, assumendone i contenuti e le informazioni senza
citarli esplicitamente. La mia ricerca considera pertanto anche i
manoscritti hegeliani non pubblicati e la tradizione secondaria
nella convinzione che essi, se letti in modo opportuno, dicano
qualcosa di autentico del pensiero di Hegel 60.

59 Cfr. W. DEVRIES, Hegel’s Theory of Mental Activity, cit., p. XIII. Un altro autore
che sembra guardare con favore l’uso della tradizione secondaria è Westphal –
cfr. K. WESTPHAL, Intelligenz, cit., ad esempio pp. 95-96 e 125.
60 In relazione ai testi in cui viene elaborata la Filosofia dello Spirito Soggettivo,

si farà dunque uso, oltre ai paragrafi principali dell’Enciclopedia, anche degli


Zusätze redatti da Boumann, opportunamente confrontati con i quaderni di ap-
punti (Nachschriften) redatti da Hotho (NH 1822), Grisheim (NG 1825),
Erdmann/Walter (NE/W 1827/28) e Stolzenberg (NS 1827/28), e del mano-
scritto hegeliano berlinese sulla Filosofia dello Spirito Soggettivo (FsG). All’in-
terno della tradizione secondaria delle Nachschriften, particolare attenzione verrà
conferita alla Nachschrift Griesheim: mi sembra infatti che in questa Nachschrift
INTRODUZIONE 37

3) In terzo luogo, vorrei sgombrare il campo dalla possibile


obiezione secondo cui nell’impostazione del presente lavoro sa-
rebbe implicita una analogia stretta o un’equazione fra il concetto
hegeliano di Geist e il concetto mcdowelliano di mind. I due termini
sono a mio avviso sostanzialmente irriducibili, anche volendo limi-
tare la nozione hegeliana di Geist alla sua configurazione ‘sogget-
tiva’ – intendendo con ciò specificamente la sezione enciclopedica
dedicata alla Filosofia dello Spirito Soggettivo. Ciò non esclude tut-
tavia la possibilità di rivolgere ad entrambi gli autori le medesime
questioni teoriche (che in questo caso sono di chiara matrice
mcdowelliana per quel che concerne la loro impostazione) e ravvi-
sare analogie e differenze fra i rispettivi obiettivi e le rispettive mo-
dalità di perseguirli.

0.4 Breve riassunto dei contenuti

Il presente lavoro si articola secondo la seguente struttura.


Nel Capitolo Primo delineo lo sfondo problematico a partire
dal quale la teoria hegeliana della sensazione verrà ricostruita e ana-
lizzata. Qui interpreto l’ ‘idealismo assoluto’ hegeliano come il ten-
tativo di emendazione e conciliazione coerente di due prospettive
epistemologiche (etichettate come ‘realismo empirico’ e ‘ideali-
smo’), assimilabili rispettivamente a due vettori teorici esplicativi
della relazione fra dimensione epistemica e mondo, che chiamerò
vettore bottom-up e vettore top-down (1.1). L’analisi critica che Hegel
conduce nei confronti di ciascuna delle due prospettive conduce a
esiti problematici analoghi a quelli che McDowell imputa alle posi-
zioni epistemologiche che si propone di emendare attraverso la sua
teoria della percezione (1.2). Al tempo stesso, Hegel non si limita a
criticare gli esiti problematici risultanti dall’assunzione unilaterale di

venga messa in evidenza – meglio rispetto ad altri quaderni – la relazione siste-


matica fra natura e spirito all’interno del sistema. Oltre alla rilevanza concettuale
delle affermazioni qui contenute, che mi sembrano chiarire significativamente il
contesto sistematico in cui si inseriscono i paragrafi introduttivi della Filosofia
dello Spirito, tale Nachschrift sembra esser considerata particolarmente affidabile
dallo stesso Boumann (cfr. ES, p. 77).
38 INTRODUZIONE

ciascuna delle due prospettive epistemologiche prese in esame: egli


si propone infatti di rendere compatibili le istanze fondamentali vei-
colate da tali prospettive epistemologiche. L’analogia con il progetto
di McDowell viene dunque accentuata dalla tesi secondo cui il pro-
getto hegeliano di un ‘idealismo assoluto’ (interpretato come il pro-
gramma all’interno del quale si deve giustificare la conciliazione di
‘realismo empirico’ e ‘idealismo’) si giochi in maniera decisiva in ri-
ferimento alla teoria dell’accesso sensibile al mondo (1.3).
Nel Capitolo Secondo passo all’esplicitazione di ciò che in-
tendo per vettore bottom-up e vettore top-down. Qui delineo quattro
opzioni teoriche (2.1.1.a, 2.1.2.a, 2.2.1.a, 2.2.2.a), riconducibili a
coppie ai succitati vettori, con il fine di evidenziare, da un lato, gli
aspetti di affinità e di (più o meno apparente) compatibilità della
teoria hegeliana dell’accesso cognitivo al mondo con ciascuna di
esse (2.1.1.b, 2.1.2.b, 2.2.1.b, 2.2.2.b); dall’altro, gli aspetti che esclu-
dono la riducibilità della posizione hegeliana alle opzioni teoriche
prese in esame (2.1.1.c, 2.1.2.c, 2.2.1.c, 2.2.2.c).
Nel Capitolo Terzo viene condotta l’analisi vera e propria del
concetto (3.1-3.4) e della teoria (3.5-3.6) hegeliana della sensazione.
La ricostruzione della teoria hegeliana della sensazione mostra
come essa si configuri sostanzialmente come un’incorporazione
della lettura hegeliana della teoria aristotelica della sensazione all’in-
terno del sistema. Tale ricostruzione rende necessario l’accenno
allo sfondo logico e ontologico che determina la relazione tra le
sfere della natura e dello spirito nel sistema hegeliano (3.7-3.8) e
presenta elementi controversi (3.7.3, 3.9).
Nel Capitolo Quarto, infine, sviluppo in modo più dettagliato
le analogie e le differenze fra la teoria hegeliana della sensazione e la
posizione teorica di McDowell. In primo luogo, fornisco un breve
riassunto della posizione mcdowelliana (4.1), quindi istituisco un
confronto più serrato fra le proposte dei due autori (4.2). Lo scopo
di queste considerazioni è quello di mostrare come la teoria hege-
liana risulti più audace nell’affrontare il tentativo di conciliazione di
prospettive teoriche apparentemente alternative in relazione al rap-
porto fra dimensione epistemica e mondo, senza per questo ignorare
alcuni possibili rischi interni al progetto hegeliano stesso (4.3).