Sei sulla pagina 1di 16

• facile da installare, in quanto molto leggero

• incollaggio con collante a base di solvente (consigliabile solo


fino al DE 315 mm)
• superficie liscia interna, pertanto nessun deposito di prodotto

1.1 Cloruro di polivinile modificato

Le eccellenti caratteristiche del materiale PVC contro la corrosione


dei vari prodotti chimici trasportati, abbinate con la semplice lavora-
zione ed installazione ha spinto le industrie di ricercare soluzioni per
estendere il campo di temperatura oltre i 60°C del PVC.
Nello stesso tempo non si voleva perdere la buona trasformabi-
lità del materiale, la eccellente resistenza contro reagenti chimici
ossidativi, che negli altri materiali creavano microcricature, non così
nel PVC.

1.1.1 PVC-C (cloruro di polivinile clorurato)


I materiali termoplastici trattati in questo documento sono:
Con queste premesse è stato creato il cloruro di polivinile clorurato,
• cloruro di polivinile (PVC),
il cosiddetto PVC-C, che contiene circa il 10% di cloro in più del PVC
• polipropilene (PP)
normale e ha con questa modifica una maggiore resistenza alla
• polietilene (PE)
temperatura raggiungendo 95°C e contemporaneamente una mi-
• fluoruro di polivinilidene (PVDF)
gliorata resistenza chimica contro gas e vapori contenenti cloro,
ozono, acidi ecc.
La breve descrizione di questi materiali non può illustrare in detta-
Anche alla temperatura inferiore può essere applicato fino a
glio tutte le loro caratteristiche, ma serve per dare all’utente un’idea
-40°C, per condotte di trasporto di gas industriale.
di base, un supporto nella loro scelta in funzione alle varie proble-
Negli ultimi tempi si è introdotto questo materiale nelle indu-
matiche della ventilazione ed una guida, quindi, nella selezione del
strie chimiche e microelettroniche grazie alla sua elevata resistenza
materiale idoneo.
meccanica, la sua superficie liscia e speculare ed al costo inferiore
Inoltre è riportata una tabella dove sono elencate le varie pro-
in confronto agli altri materiali.
prietà chimiche, fisiche, meccaniche ed elettriche per poter veloce-
Grazie anche al fabbisogno elevatissimo di ossigeno in caso di
mente confrontare tra loro i valori relativi ai materiali termoplastici
fuoco, oltre il 60% in confronto del 42% del PVC, questo materiale
qui trattati.
è più autoestinguente del PVC.
L’installazione all’esterno comporta una variazione del colore e
una leggerissima diminuzione della resistenza meccanica del com-
1. Caratteristiche generali del PVC (cloruro ponente.
di polivinile)
Vantaggi del PVC-C :

Il PVC nella ventilazione è attualmente il materiale termoplastico • resistenza meccanica alta a temperature elevate
più conosciuto ed applicato, in quanto di facile installazione ed é • eccellente resistenza contro reagenti ossidativi
giuntabile in vari modi: si può incollare, saldare di testa a testa o • facile applicazione di rivestimenti in PRFV
con apporto di materiale utilizzando il procedimento ad aria calda. • incollaggio con collante speciale a base di PVC-C
Grazie all’elevata resistenza meccanica ed alla buona rigidità, • bassissima conducibilità termica
può essere installato con spessori sottili, mantenendo comunque • superficie interna liscia, nessun supporto per crescita biologica
una distanza tra i supporti tecnicamente accettabile.
È particolarmente adatto per condotte all’interno degli stabili in
quanto, all’esterno, esposto alle intemperie e a temperature basse,
1.2 Produzione dei manufatti
risulta molto fragile. Inoltre cambia di colore con il tempo a causa
dei raggi UV.
La temperatura d’esercizio non deve superare il limite massimo La raccorderia della linea ventilazione è realizzata per stampaggio
di 60°C. ad iniezione, per termoformatura o da semilavorati segmentati o
formati.
Vantaggi del PVC I procedimenti sono utilizzati in funzione al diametro del com-
ponente. Per la linea PVC i raccordi sono di regola fino al DE 250
• elevata resistenza chimica mm stampati ad iniezione, oltre al DE 250 mm realizzati per termo-
• alta resistenza meccanica formatura e dal DE 900 mm costruiti a segmenti da tubi o lastre.
• caratteristiche di autoestinguenza – classe B1 Per PVC-C invece i raccordi sono tutti stampati fino al DE 160

2
mm, mentre sopra questa dimensione si costruiscono i raccordi per
termoformatura e tutti gli altri componenti da tubo o lastra. DISTANZE
La tubazione in PVC e PVC-C nella linea ventilazione è ottenuta Spessore – s (mm) Lmax (mm)
con il processo di estrusione; dove richiesto per diametri o spessori DE (mm)
non disponibili in esecuzione estrusa è possibile la costruzione di PVC PVC-C PVC PVC-C
tubazioni da lastra.
50 1,8 2,4 1200 1300
63 1,8 3,0 1400 1600
75 1,8 3,5 1600 1800
1.1 Indicazioni per l’installazione 90 1,8 4,3 1900 2200
110 1,8 3,2 2200 2400
1.3.1 Giunzioni
125 1,8 3,7 2400 2700
140 1,8 4,1 2600 3000
Tutti i raccordi trattati nel presente documento sono realizzati pre-
160 1,8 3,2 2900 3300
valentemente con terminali bicchierati; questo permette una facile
180 1,8 3,6 3200 3600
esecuzione del giunto in cantiere, che consigliamo di applicare le
200 1,9 3,9 3500 3900
seguenti tecniche:

• incollaggio o saldatura ad aria calda - fino al DE 315 mm 225 1,8 -- 3800 --


• solo con saldatura ad aria calda - oltre il DE 315 mm 250 2,0 4,9 4200 4800
280 2,3 -- 4600 --
Per la giunzione ad incollaggio è necessario accertarsi che il tubo 315 2,5 4,5 5100 5700
entri bene fino alla battuta del bicchiere. Se le tolleranze tra il dia- 355 2,9 2,9 5700 5900
metro del raccordo e del tubo, non fossero completamente compa-
tibili, occorre smerigliare la testata della tubazione fino al raggiun- 400 3,2 3,2 6300 6500
gimento di una perfetta calettatura. 450 3,6 3,6 7000 7200
500 4,0 4,0 7500 7500
600 5,0 -- 7500 --
1.3.2 Compensatori 700 6,0 -- 7500 --

Per assorbire le dilatazioni lineari a causa delle variazioni di tempe- 800 6,3 -- 7500 --
ratura del fluido convogliato, si consiglia di usare compensatori, 900 10,0 -- 7500 --
realizzati in PVC flessibile. La loro corsa fino al DE 400 mm è di ± 1000 12,0 -- 7500 --
20 mm. Per dilatazioni superiori occorre installare più compensatori 1200 14,4 -- 7500 --
o richiedere la realizzazione di elementi con corsa maggiorata.
Per esercizi in pressione questi compensatori possono Tabella 1 - Distanze di appoggio ammissibili per
essere inseriti senza alcun rinforzo mentre, per pressioni tubazioni in vari materiali
negative, deve essere rinforzata la fascia ondulata in modo
adeguato. Per diametri superiori a 400 mm la corsa di
compensazione è di ± 30 mm.
1.3.4 Serrande
Inoltre, questi compensatori, installati prima e dopo il
ventilatore, impediscono la trasmissione delle vibrazioni
alle condotte ad essi collegati. Oltre alle serrande di tipo standard, sono disponibili modelli con
elevate prestazioni per resistere alle sollecitazioni dovute a pressioni
negative e modelli a completa tenuta d’aria.Le serrande standard
1.3.3 Staffaggi sono corredate di un bordo circolare di battuta che consente una
buona tenuta; per ottenere una tenuta d’aria garantita si sono rea-
La supportazione delle tubazioni è molto importante nel contesto di lizzate serrande complete di una guarnizione perimetrale posiziona-
una installazione a regola d’arte, in quanto deve garantire la lineari- ta sul disco rotante; questo fino al DE 315 mm.
tà della condotta nel tempo senza però aggravare, con costi elevati, Se le serrande si devono installare in luoghi non facilmente accessi-
l’investimento dell’utente. bili, si consiglia di utilizzare serrande motorizzate elettricamente o
Per dare all’installatore un’indicazione delle distanze pneumaticamente mentre, in caso di facile accesso, si usano ser-
orizzontali dei supporti in funzione al diametro ed ai relativi rande manuali con maniglie rotanti ad inclinazioni predeterminate
spessori, si riporta alla tabella 1, quanto necessario per di 15° in 15°, oppure regolabili a qualsiasi angolazione a mezzo di
una prima rapida valutazione. vite di bloccaggio.
Le distanze calcolate sono state arrotondate ad un valore limite
di 7500 mm, se il calcolo indicava valori superiori.
I valori si basano su un esercizio di 10 anni a 20°C, ammetten-
do una massima flessione di solo l’1% del diametro esterno.

3
1.4 Pressioni interne ed esterne ammissibili DEPRESSIONI
Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
Il parametro più importante nella progettazione di una condotta DE (mm) PVC PVC-C PVC PVC-C
d’aspirazione o espulsione è la relativa pressione ammissibile sia
50 3,0 3,0 850000 1000000
come sovrapressione interna che esterna.
63 3,0 3,0 500000 550000
La sovrapressione ammissibile interna è, per motivi tecnici di
75 3,0 3,0 300000 350000
produzione del tubo, molto alta e supera molto spesso a 20°C i
90 3,0 3,0 200000 250000
100.000 Pa (1,0 bar) per tubi e raccordi.
110 3,0 3,0 100000 150000
Molto più sensibilmente invece reagiscono il tubo ed il raccordo
alla sovrapressione esterna, la così detta depressione. Per la sua
125 3,0 3,0 85000 100000
importanza sono state elaborate, per i prodotti indicati nel presente
140 3,0 3,0 65000 75000
documento, le tabelle sotto riportate adatte per una verifica im-
160 3,0 3,0 45000 55000
mediata sia per i tubi estrusi o formati da lastre (tabella 2), che per
180 3,0 3,0 35000 40000
i raccordi sia in un pezzo unico che segmentati da tubo estruso, sia
200 3,0 3,0 25000 30000
formati da lastre (tabella 3).
225 3,0 -- 20000 --
250 3,0 3,0 15000 18000
280 3,0 -- 11000 --
DEPRESSIONI
315 3,0 3,0 8600 10000
Spessore – s (mm) Pamm (Pa) 355 4,0 4,0 13000 15000
DE (mm) PVC PVC-C PVC PVC-C
50 1,8 2,4 70000 200000 400 4,0 4,0 9700 11000
63 1,8 3,0 35000 200000 450 4,0 -- 7200 --
75 1,8 3,5 20000 200000 500 4,0 -- 5500 --
90 1,8 4,3 12000 200000 600 5,0 -- 6100 --
110 1,8 3,2 6400 45000 700 5,6 -- 4200 --
800 6,0 -- 4700 --
125 1,8 3,7 4300 45000
140 1,8 4,1 3100 45000 Tabella 3 - Depressioni ammissibili per curve a 90°
160 1,8 3,2 2000 14000 stampate o termoformate in vari materiali
180 1,8 3,6 1400 14000
200 1,9 3,9 1200 13000
Considerando che nel precedente documento i raccordi segmentati
225 1,8 -- 700 -- non sono mai stati quantificati come valore, gli stessi si valutano ora
250 2,0 4,9 700 13000 nelle tabelle apposite in confronto ai raccordi termoformati o stam-
280 2,3 -- 800 -- pati per iniezione. Si indicano anche i valori di depressione per dia-
315 2,5 4,5 700 4900 metri, che non sono inseriti nel documento, permettendo così di
355 2,9 2,9 800 900 eseguire una valutazione sulla fascia completa di diametri esistenti
in commercio.
400 3,2 3,2 700 800 I valori di partenza del calcolo sono identici a quelli applicati
450 3,6 3,6 700 800 per le tubazioni. Per motivi di spazio non si possono riportare tutti i
500 4,0 4,0 700 800 tipi di raccordo e le varie angolazioni.
600 5,0 -- 800 -- Ci si limita alla verifica della curva a 90°, che è, oltretutto, la
700 6,0 -- 700 -- figura meno resistente rispetto alle curve con minore angolazione.
La curva inoltre è la figura maggiormente utilizzata nelle costru-
800 6,3 -- 700 -- zioni di condotte di ventilazione e dà anche un’indicazione di mas-
900 10,0 -- 2000 -- sima della resistenza contro la depressione per gli altri raccordi.
1000 12,0 -- 2500 --
1200 14,4 -- 2300 --
2. Caratteristiche generali del PP
Tabella 2 - Depressioni ammissibili per tubazioni in vari (polipropilene)
materiali, senza irrigidimento

Il PP è un materiale termoplastico ed è disponibile nella qualità o-


La base di calcolo della depressione è un tempo di esercizio di 10 mopolimero PPH, e copolimero PPR.
anni, a 20°C e con una sollecitazione meccanica σ = 0,5 N/mm2; il Tutti e due i tipi di materiale sono resistenti alle elevate temperatu-
coefficiente di sicurezza contro la deformazione elastica è 3,0.La re e possono essere applicati fino a 100°C, se non sono presenti
raccorderia, nel presente documento, è divisa in due gruppi: ese- elevate sollecitazioni di pressione.
cuzione stampata o termoformata e segmentata da elementi di tubo Le tubazioni e i raccordi della presente linea di ventilazione sono
o di lastra.

4
DEPRESSIONI dai raggi UV ma, contemporaneamente, essa rappresenta una bar-
Spessore – s (mm) Pamm (Pa) riera all’ulteriore ossidazione del sottostante materiale.
DE (mm) PVC PVC-C PVC PVC-C Vantaggi del PP

110 1,8 3,2 65000 350000 • basso peso specifico pari a 0,91 g/cm3
125 1,8 3,7 50000 350000 • elevata resistenza alla pressione interna
140 1,8 4,1 35000 350000 • termicamente molto stabile
160 1,8 3,2 25000 150000 • buona saldabilità testa a testa e/o ad aria calda con
180 1,8 3,6 19000 150000 apporto materiale
• buona resistenza contro l’abrasione
200 1,9 3,9 17000 100000 • superficie liscia, pertanto nessun deposito di prodotto
225 1,8 -- 11000 -- • elevata resistenza chimica
250 2,0 4,9 11000 100000
280 2,3 -- 12000 --
315 2,5 4,5 11000 55000
2.1 Polipropilene modificato
355 2,9 2,9 12000 13000 Specifiche richieste impiantistiche hanno spinto i produttori a realiz-
400 3,2 3,2 11000 13000 zare polipropilene con caratteristiche particolari e sono stati svilup-
450 3,6 3,6 11000 13000 pati i materiali in seguito descritti, le cui caratteristiche si possono
500 4,0 4,0 11000 13000 confrontare nella tabella generale.
600 5,0 -- 13000 -- Questi materiali hanno proprietà di conducibilità elettrica e/o
autoestinguenza che si ottengono con l’utilizzo di idonei additivi,
700 6,0 -- 14000 -- che in parte ne modificano la resistenza meccanica.
800 6,3 -- 12000 -- E’ necessario anche sottolineare che prodotti alimentari di qual-
900 10,0 -- 30000 -- siasi genere, non possono venire a contatto con questi materiali
1000 12,0 -- 35000 -- modificati, in quanto non omologati per questo utilizzo.
1200 14,0 -- 35000 --

Tabella 4 - Depressioni ammissibili per curve a 90° 2.1.1 PPS (polipropilene omopolimero autoestinguente)
segmentate in vari materiali
Grazie alle sue proprietà di elevata rigidità e di autoestinguenza,
questo materiale è usato per condotte di ventilazione, di trasporto
previste in materiale PPH omopolimero con resistenze meccaniche vapori e gas e sostituisce gradatamente il PVC anche per i normali
leggermente superiori al PPR copolimero. usi, in quanto non sprigiona gas tossici in caso di incendio.
In genere il PP ha caratteristiche di alta resistenza all’urto ri- La resistenza meccanica è molto elevata, in quanto il materiale
spetto al materiale PVC, PVC-C, PVDF, che sono comunque inferiore base è un omopolimero, ma presenta gli stessi svantaggi del com-
a temperature sotto i 0°C nei confronti del PE. portamento a basse temperature, a causa della sensibilità all’urto
La specifica linea di PPS EL, polipropilene autoestinguente e an- come per il PVC.
tistatico è basata su un copolimero PPR, mentre la PPS - polipropi-
lene autoestinguente è basata sul PPH – omopolimero.
Grazie alla sue caratteristiche di maggiore elasticità il PPR, a
bassa temperatura, è meno sensibile alle sollecitazioni all’urto ri- 2.1.2 PPS EL (polipropilene copolimero antistatico ed
spetto al PPH. autoestinguente)
Il materiale polipropilene è il grande favorito nella ventilazione
e sta intaccando la posizione monopolistica del materiale PVC.
In questo materiale si sono unite brillantemente tutte le caratteristi-
Questa tendenza è determinata sia da motivi di sicurezza, in quanto
che specifiche di autoestinguenza ed antistaticità, creando così un
il PVC, in caso di incendio, sviluppa gas tossici, sia da motivi ecolo-
materiale termoplastico sempre più applicato nel processo industria-
gici a causa dell’inquinamento ambientale causato dalla produzione
le.
della materia prima.
Il PPS EL è adatto per condotte di ventilazione per trasporto
Queste ragioni, nonché le più rigide prescrizioni che si hanno
non solo di aria o gas infiammabili, ma anche di polveri e vapori di
per l’installazione dei componenti di ventilazione all’interno di edifici
solvente.
civili, hanno ridotto l’uso del PVC ed hanno favorito il materiale PP.
L’aggiunta di additivi modifica in parte le caratteristiche chimi-
Il PP ha un colore beige chiaro o grigio e non possiede alcuna
che e meccaniche del materiale base e in caso di presenza di fluidi
protezione contro i raggi UV; è pertanto consigliato solo per instal-
ad elevate temperature e/o pressioni è consigliabile la verifica
lazioni di condotte all’interno degli stabili.
dell’applicabilità di questo materiale.
Se questo materiale è installato all’esterno, con il tempo si nota
una variazione di colore, che, tuttavia, non influisce minimamente
sulla resistenza meccanica della condotta. Può succedere anche che
si crei sulla superficie una patina ossidata, di colore bianco, causata

5
2.2 Produzione di manufatti
DISTANZE
La produzione dei vari manufatti si differenzia in modo significativo DE Spessore – s (mm) Lmax (mm)
in funzione del materiale e delle dimensioni dei componenti da rea- (mm) PP PPS PPS EL PP PPS PPS EL
lizzare. 50 1,8 4,6 4,6 800 900 900
I raccordi principali in PP e PPS sono stampati ad iniezione fino 63 1,8 2,0 5,8 1000 1000 1100
al DE 315 mm, oltre sono costruiti con il procedimento di termofor- 75 1,9 1,9 6,8 1200 1100 1300
matura o in esecuzione segmentata da tubi estrusi o realizzati da 90 2,2 2,2 2,8 1400 1300 1300
lastre formate. 110 2,7 2,7 3,0 1600 1600 1600
Nella linea PPS EL invece i raccordi stampati bicchierati termi- 125 3,1 3,1 -- 1800 1800 --
nano al DE 315 mm, oltre si prosegue con raccordi segmentati sia 140 3,5 3,0 -- 2100 1900 --
da tubi estrusi che da tubi formati da lastre. Non essendo attual- 160 4,0 3,0 3,0 2300 2200 2100
mente disponibile per ogni diametro la rispettiva figura in esecuzio- 180 4,4 3,0 3,0 2600 2400 2300
ne stampata, si integra la figura mancante con una esecuzione 200 3,0 3,0 3,0 2500 2600 2500
formata. 225 5,5 3,5 3,5 3100 2900 2800
I tubi sono realizzati, come già accennato, in due tipologie: e- 250 3,5 3,5 3,5 3000 3100 3000
strusi o formati da lastra. Questo ultimo modo di realizzare i tubi 280 6,9 4,0 -- 3800 3400 --
permette di costruire tubi da lastre con spessori più sottili che con 315 5,0 5,0 5,0 4000 3900 3800
l’estrusione che, per motivi tecnici, non sono raggiungibili. 355 -- 5,0 5,0 -- 4200 4100
I raccordi del tipo testa a testa sono disponibili in esecuzione 6,0 -- -- 4500 -- --
stampata fino al DE 315 mm e sono completati da raccordi realizzati 400 6,0 6,0 6,0 4900 4700 4700
in esecuzione segmentata o formata fino al DE 1200 mm. 450 -- -- 4,0 -- -- 4800
5,0 5,0 5,0 5300 5100 5000
6,0 6,0 -- 5400 5200 --
2.3 Indicazione per l’installazione 500 -- -- 4,0 -- -- 5200
5,0 5,0 5,0 5700 5500 5400
6,0 6,0 -- 5800 5700 --
8,0 8,0 -- 6000 5800 --
2.3.1 Giunzioni 560 5,0 5,0 5,0 6200 6000 5800
6,0 6,0 6,0 6400 6200 6000
Anche in questo caso si consiglia il sistema di preparazione dei ter- -- 8,0 -- -- 6300 --
minali del tubo da inserire nel bicchiere come per il PVC e la suc- 10,0 -- -- 6700 -- --
cessiva saldatura con il procedimento ad aria calda ed apporto di 630 5,0 5,0 5,0 6800 6600 6400
materiale. 6,0 6,0 6,0 7000 6700 6500
10,0 10,0 -- 7300 7000 --
710 6,0 6,0 6,0 7500 7400 7100
2.3.2 Compensatori 8,0 8,0 8,0 7500 7500 7300
12,0 12,0 -- 7500 7500 --
800 -- -- 6,0 -- -- 7500
Per il materiale PP e PPS, si consiglia l’uso dei compensatori in
8,0 8,0 8,0 7500 7500 7500
PP flessibile che hanno come per il PVC, una corsa di ±20 o ±30
10,0 10,0 -- 7500 7500 --
mm in funzione del diametro. Anche qui si possono congiungere più
12,0 12,0 -- 7500 7500 --
compensatori per ottenere una più lunga corsa di lavoro.
Questi compensatori hanno una maggiore resistenza al- 900 8,0 8,0 8,0 7500 7500 7500
la depressione, ma sono ugualmente in grado di lavorare 10,0 10,0 10,0 7500 7500 7500
come antivibranti, evitando la trasmissione di vibrazioni dal 15,0 15,0 -- 7500 7500 --
ventilatore alle condotte. 1000 10,0 10,0 10,0 7500 7500 7500
Per le condotte in PPS EL ci sono specifici compensatori anti- 12,0 12,0 12,0 7500 7500 7500
statici in materiale PTFE antistatico, la cui corsa di dilatazione è di 15,0 15,0 -- 7500 7500 --
±20 mm. 1200 10,0 10,0 10,0 7500 7500 7500
12,0 12,0 12,0 7500 7500 7500
18,0 18,0 -- 7500 7500 --
2.3.3 Staffaggi
Tabella 5 – Distanze di appoggio ammissibili per
tubazioni in vari materiali
Per dare anche qui informazioni utili, si elencano nella tabella 5,
sulla identica base di calcolo come riportato al punto 1.3.3, le di-
stanze massime orizzontali per tubazioni in materiale PP, PPS e
PPS EL.

6
2.3.4 Serrande
DEPRESSIONI
Per le serrande vale quanto descritto al capitolo 1.3.4. Le serrande DE Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
in PPS EL non sono disponibili interamente in esecuzione stampata (mm) PP PPS PPS EL PP PPS PPS EL
e si realizzano da tubo o lastra sempre in esecuzione con maniglia
bloccabile a vite. 50 1,8 4,6 4,6 15000 250000 250000
63 1,8 2,0 5,8 7500 9200 250000
75 1,9 1,9 6,8 5200 4600 250000
2.4 Pressioni interne ed esterne ammissibili 90 2,2 2,2 2,8 4600 4100 8400
110 2,7 2,7 3,0 4700 4200 5600
La verifica delle pressioni ammissibili non tratta particolarmente la 125 3,1 3,1 -- 4800 4300 --
pressione interna, in quanto anche qui esiste per il materiale PP e le 140 3,5 3,0 -- 5000 2800 --
varianti modificate PPS e PPS EL, una resistenza alla pressione in- 160 4,0 3,0 3,0 5000 1800 1800
terna che supera spesso largamente i 100.000 Pa, sia per tubi rea- 180 4,4 3,0 3,0 4600 1300 1200
lizzati con procedimento ad estrusione che formati da lastre. 200 3,0 3,0 3,0 1000 900 900
225 5,5 3,5 3,5 4600 1000 1000
250 3,5 3,5 3,5 800 800 700
La pressione esterna ammissibile invece è valutata più dettagliata- 280 6,9 4,0 -- 4700 800 --
mente, differenziando i tubi estrusi e tubi realizzati da lastre, tra 315 5,0 5,0 5,0 1200 1100 1100
irrigiditi e non irrigiditi (tabella 6 e 7). 355 6,0 5,0 5,0 1500 800 700
Per la raccorderia si riportano i valori ammissibili della depres-
sione allo stesso modo come è stato fatto al capitolo 1.4. Anche qui 400 6,0 6,0 6,0 1000 900 900
si esaminano le curve realizzate in un pezzo unico, stampate ad 450 -- -- 4,0 -- -- 200
iniezione (tabella 8) e quelle segmentate (tabella 9). 5,0 5,0 5,0 400 400 400
6,0 6,0 -- 700 600 --
500 -- -- 4,0 -- -- 100
3. Caratteristiche generali del PE 80 5,0 5,0 5,0 300 300 300
6,0 6,0 -- 500 500 --
(polietilene) 8,0 8,0 -- 1300 1100 --
560 5,0 5,0 5,0 200 200 200
Il PE 80 è un materiale termoplastico e nonostante le sue eccellenti 6,0 6,0 6,0 400 300 300
caratteristiche attualmente è il meno usato nell’impiantistica di ven- -- 8,0 -- -- 800 --
tilazione industriale e civile. 10,0 -- -- 1800 -- --
Grazie al suo colore nero ha un’elevatissima resistenza ai raggi 630 5,0 5,0 5,0 200 100 100
UV ed è pertanto adatto per l’installazione all’esterno degli stabili, 6,0 6,0 6,0 300 200 200
vantaggio che tanti altri materiali termoplastici non possono presen- 10,0 10,0 -- 1200 1100 --
tare.
La temperatura di esercizio non deve superare i 60°C per la 710 6,0 6,0 6,0 200 200 200
condotta a pressione o a depressione. 8,0 8,0 8,0 400 400 400
Il materiale presenta eccellenti caratteristiche contro le solleci- 12,0 12,0 -- 1500 1300 --
tazioni d’urto e temperature anche al di sotto di 0°C non influiscono 800 -- -- 6,0 -- -- 100
minimamente sulla fragilità del materiale. 8,0 8,0 8,0 300 300 300
Il suo basso modulo di elasticità determina una buona resisten- 10,0 10,0 -- 600 500 --
za contro l’abrasione. 12,0 12,0 -- 1000 900 --

Vantaggi del PE 80 900 8,0 8,0 8,0 200 200 200


10,0 10,0 10,0 400 400 400
• peso specifico pari a 0,95 g/cm3 15,0 15,0 -- 1400 1300 --
• buona resistenza chimica 1000 10,0 10,0 10,0 300 300 300
• resistente contro le intemperie 12,0 12,0 12,0 500 500 500
• resistente contro raggi radioattivi 15,0 15,0 -- 1000 900 --
• buona saldabilità 1200 10,0 10,0 10,0 200 200 200
• nessun deposito di materiale grazie alla superficie liscia 12,0 12,0 12,0 300 300 300
18,0 18,0 -- 1000 900 --

Tabella 6 – Depressioni ammissibili per tubazioni in vari


materiali, senza irrigidimento

7
DEPRESSIONI
Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
DE PP PPS PPS EL
(mm) PP PPS PPS L = DE L =1000 L = 2000 L = DE L = 1000 L = 2000 L = DE L = 1000 L = 2000
EL (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm) (mm)

450 -- -- 4,0 -- -- -- -- -- -- 2100 900 500


5,0 5,0 5,0 4200 1900 1000 3800 1700 900 3700 1700 800
6,0 6,0 -- 6700 3000 1500 6700 2700 1500 -- -- --

500 -- -- 4,0 -- -- -- -- -- -- 1600 800 400


5,0 5,0 5,0 3300 1600 800 2900 1500 700 2800 1400 700
6,0 6,0 -- 5200 2600 1300 4600 2300 1100 -- -- --
560 5,0 5,0 5,0 2500 1400 700 2200 1200 600 2100 1200 600
6,0 6,0 6,0 3900 2200 1100 3500 1900 1000 3400 1900 900

630 5,0 5,0 5,0 1800 1100 600 1600 1000 500 1600 1000 500
6,0 6,0 6,0 2900 1800 900 2600 1600 800 2500 1600 800
710 6,0 6,0 6,0 2100 1500 800 1900 1400 700 1800 1300 700
8,0 8,0 8,0 4400 3100 1600 3900 2800 1400 3800 2700 1400

800 -- -- 6,0 -- -- -- -- -- -- 1400 1100 500


8,0 8,0 8,0 3300 2600 1300 2900 2300 1200 2800 2300 1100
10,0 10,0 -- 5700 4600 2300 5100 4100 2000 -- -- --
900 8,0 8,0 8,0 2400 2100 1100 2200 1900 1000 2100 1900 900
10,0 10,0 10,0 4200 3800 1900 3800 3400 1700 3700 3300 1700

1000 10,0 10,0 10,0 3300 3300 1600 2900 2900 1500 2800 2800 1400
12,0 12,0 12,0 5200 520 2600 4600 4600 2300 4500 4500 2200
1200 10,0 10,0 -- 2100 2500 1200 1800 2200 1100 1800 2100 1100
12,0 12,0 -- 3300 3900 2000 2900 3500 1700 2800 3400 1700

Tabella 7 – Depressioni ammissibili per tubazioni in vari materiali, con irrigidimento

DEPRESSIONI
DE Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
(mm) PP PPS PPS EL PP PPS PPS EL

50 3,0 3,0 3,0 200000 150000 150000


63 3,0 3,0 3,0 100000 90000 90000
75 3,0 3,01 3,0 65000 60000 55000
90 3,0 3,0 3,0 40000 35000 35000
110 3,0 3,0 3,0 25000 20000 20000
125 3,0 3,0 3,0 18000 16000 16000
140 3,0 3,0 3,0 14000 12000 12000
160 3,0 3,0 3,0 9800 8800 8500
180 3,0 3,0 3,0 7300 6500 6300
200 3,0 3,0 3,0 5600 5000 4900
225 3,5 3,5 3,5 6200 5500 5300
250 3,5 3,5 3,5 4700 4200 4100
280 4,0 4,0 4,0 5000 4400 4300
315 5,0 5,0 5,0 6500 5800 5600
355 5,0 5,0 -- 4800 4300 --
400 6,0 6,0 -- 5600 5000 --
450 6,0 6,0 -- 4200 3700 --
500 6,0 6,0 -- 3200 2900 --
630 6,0 6,0 -- 1800 1600 --

Tabella 8 – Depressioni ammissibili per curve a 90° stampate e/o termoformate in vari materiali

8
DEPRESSIONI zo saldatura di testa a testa.
DE Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
(mm) PP PPS PPS EL PP PPS PPS EL 3.1.1 PES (polietilene autoestinguente)
110 2,7 2,7 3,0 40000 35000 45000
125 3,1 3,1 -- 40000 35000 -- Questo materiale, contrariamente al materiale standard PE, ha una
140 3,5 3,0 -- 40000 25000 -- colorazione grigia e non nera. Questa differenza non diminuisce
160 4,0 3,0 3,0 40000 18000 17000 l’eccellente resistenza del materiale contro i raggi UV, grazie agli
180 4,4 3,0 3,0 40000 13000 13000 additivi aggiunti. Non è disponibile sotto forma di semilavorati, ma
200 3,0 3,0 3,0 11000 10000 10000 solo come granulo per la specifica trasformazione. Nel presente pro-
225 5,5 3,5 3,5 40000 11000 11000 gramma è utilizzato per il procedimento di stampaggio ad iniezione
250 3,5 3,5 3,5 9500 8400 8200 per la realizzazione delle parti dell’involucro dei ventilatori radiali.
280 6,9 4,0 -- 40000 8900 -- Con il basso modulo di elasticità questo materiale è particolarmente
315 5,0 5,0 5,0 13000 12000 11000 adatto di essere installato in ambienti con temperature invernali
355 6,0 5,0 5,0 15000 8500 8300 molto rigide.
400 6,0 6,0 6,0 11000 10000 9700
450 -- -- 4,0 -- -- 2600
5,0 5,0 5,0 5300 4800 4600 3.2 Produzione di manufatti
6,0 6,0 -- 8400 7500 --
500 -- -- 4,0 -- -- 2000 Tutta la produzione è composta da raccordi stampati ad iniezione
5,0 5,0 5,0 4100 3600 3500 fino al DE 315 mm, mentre oltre si procede con la termoformatura
6,0 6,0 -- 6400 5700 -- raggiungendo il DE 800 mm. Per gli altri componenti come anche i
8,0 8,0 -- 13000 12000 -- raccordi oltre al DE 800 mm, si costruisce il componente con tubo
560 5,0 5,0 5,0 3000 2700 2600 estruso o con tubo formato da lastra.
6,0 6,0 6,0 4800 4300 4200
-- 8,0 -- -- 8900 -- 3.3 Indicazioni per l’installazione
10,0 -- -- 17000 -- --
630 5,0 5,0 5,0 2300 2000 2000
6,0 6,0 6,0 3600 3200 3100 3.3.1 Giunzioni
10,0 10,0 -- 13000 12000 -- Vale quanto è stato scritto al capitolo 2.3.1.
710 6,0 6,0 6,0 2700 2400 2300
8,0 8,0 8,0 5500 4900 4700
3.3.2 Compensatori
12,0 12,0 -- 15000 14000 --
800 -- -- 6,0 -- -- 1700 I compensatori per tubazioni in PE devono essere scelti fra il mate-
8,0 8,0 8,0 4000 3600 3500 riale PVC o PP flessibile. Per quanto riguarda le caratteristiche fun-
10,0 10,0 -- 7100 6300 -- zionali vedere sotto i rispettivi capitoli 1.3.2 e 2.3.2.
12,0 12,0 -- 11000 10000 --
900 8,0 8,0 8,0 3000 2700 2600 3.3.3 Staffaggi
10,0 10,0 10,0 5300 4700 4600
15,0 15,0 -- 15000 13000 --
1000 10,0 10,0 10,0 4000 3600 3500 Per una informazione all’installatore si riporta nella tabella 10 le
12,0 12,0 12,0 6400 5700 5500 distanze ammissibili orizzontali per le tubazioni in materiale PE, ri-
15,0 15,0 -- 11000 10000 -- spettando la limitazione indicata al punto 1.3.3.
1200 10,0 10,0 10,0 2600 2300 2200
12,0 12,0 12,0 4000 3600 3500 3.3.4 Serrande
18,0 18,0 -- 11000 10000 --
Per le serrande vale quanto descritto al punto 1.3.4.

Tabella 9 – Depressioni ammissibili per curve a 90°


segmentate in vari materiali 3.4 Pressioni interne ed esterne ammissibili

3.1 Polietilene modificato In questo caso la situazione è molto analoga al materiale PP. Per la
pressione ammissibile interna, abbiamo un valore di riferimento di
100.000 Pa quale indicazione, identica come per gli altri materiali
Nel presente documento è stato anche inserito il polietilene autoe-
nei punti precedenti. La depressione invece si può rilevare dalle ta-
stinguente, che trova applicazione nella costruzione degli involucri
belle 11 e 12 per le tubazioni e dalle tabelle 13 e 14 per i raccordi
dei nostri ventilatori radiali e torrini. Non rappresenta l’unica possi-
stampati e segmentati.
bilità delle caratteristiche modificate che il materiale PE offre; esiste
Nel caso di valutazione dell’applicabilità della condotta di venti-
anche una tipologia di polietilene antistatico, che è presente nel
lazione per esercizi a temperatura superiore ai 20°C, è consigliabile
programma per trasporto liquidi a pressione e non per ventilazione
la verifica specifica sul caso da affrontare.
industriale. Le giunzioni del PE EL si eseguono abitualmente a mez-

9
DISTANZE DEPRESSIONI
DE (mm) Spessore – s (mm) Lmax (mm) DE (mm) Spessore – s (mm) Pamm (Pa)
50 1,8 800 50 1,8 10000
63 1,8 900 63 1,8 5000
75 1,9 1000 75 1,9 3500
90 2,2 1200 90 2,2 3100
110 2,7 1500 110 2,7 3200
125 3,1 1700 125 3,1 3300
140 3,5 1900 140 3,5 3300
160 4,0 2100 160 4,0 3300
180 4,4 2300 180 4,4 3100
200 4,9 2500 200 4,9 3100
225 5,5 2800 225 5,5 3100
250 6,2 3100 250 6,2 3300
280 6,9 3400 280 6,9 3200
315 7,7 3800 315 7,7 3100
355 8,7 4200 355 8,7 3100
400 8,0 4600 400 8,0 1700
450 5,0 4800 450 5,0 300
6,0 4900 6,0 500
8,0 5000 8,0 1200
500 5,0 5200 500 5,0 200
6,0 5300 6,0 400
8,0 5400 8,0 900
560 5,0 5600 560 5,0 100
6,0 5700 6,0 300
10,0 6000 10,0 1200
630 5,0 6100 630 5,0 100
6,0 6300 6,0 200
10,0 6600 10,0 800
710 6,0 6900 710 6,0 100
8,0 7100 8,0 300
12,0 7300 12,0 1000
800 8,0 7500 800 8,0 200
10,0 7500 10,0 400
12,0 7500 12,0 700
900 8,0 7500 900 8,0 100
10,0 7500 10,0 300
15,0 7500 15,0 1000
1000 10,0 7500 1000 10,0 200
12,0 7500 12,0 400
15,0 7500 15,0 700
1200 10,0 7500 1200 10,0 100
12,0 7500 12,0 200
18,0 7500 18,0 700

Tabella 10 – Distanze di appoggio ammissibili per Tabella 11 – Depressioni ammissibili per tubazioni in PE,
tubazioni in PE senza irrigidimento

10
DEPRESSIONI DEPRESSIONI
DE Spessore – s Pamm (Pa) DE Spessore – s Depressione – Pamm
(mm) (mm) Irrigidimento L (mm) (mm) (mm) (Pa)
L = DE L = 1000 L = 2000
110 2,7 25000
450 5,0 2900 1300 600 125 3,1 25000
6,0 4500 2000 1000 140 3,5 30000
500 5,0 2200 1100 600 160 4,0 30000
6,0 3500 1700 900 180 4,4 25000
560 5,0 1700 900 500 200 4,9 25000
6,0 2600 1500 700 225 5,5 25000
630 5,0 1200 800 400 250 6,2 25000
6,0 1900 1200 600 280 6,9 25000
710 6,0 1400 1000 500 315 7,7 25000
8,0 3000 2100 1100 355 8,7 25000
800 8,0 2200 1800 900 400 8,0 16000
10,0 3900 3100 1500 450 5,0 3600
900 8,0 1600 1500 700 6,0 5600
10,0 2900 2600 1300 8,0 12000
1000 10,0 2200 2200 1100 500 5,0 2700
12,0 3500 3500 1700 6,0 4300
1200 10,0 1400 1700 800 8,0 8900
12,0 2200 2600 1300 560 5,0 2100
6,0 3300
10,0 12000
Tabella 12 – Depressioni ammissibili per tubazioni 630 5,0 1500
in PE, con irrigidimento 6,0 2400
10,0 8800
710 6,0 1800
8,0 3700
DEPRESSIONI 12,0 10000
DE Spessore – s Depressione – Pamm 800 8,0 2700
(mm) (mm) (Pa) 10,0 4800
12,0 7600
50 3,0 100000 900 8,0 2000
63 3,0 70000 10,0 3600
75 3,0 45000 15,0 9900
90 3,0 30000 1000 10,0 2700
110 3,0 17000 12,0 4300
125 3,0 12000 15,0 7600
140 3,0 9300 1200 10,0 1700
160 3,0 6700 12,0 2700
180 3,0 5000 18,0 7600
200 3,0 3800
225 3,5 4200 Tabella 14 – Depressioni ammissibili per curve a
250 3,5 3200 90° segmentate in PE
280 4,0 3400
315 5,0 4400
355 5,0 3300
400 6,0 3800
450 6,0 2800
500 6,0 2200
630 6,0 1200

Tabella 13 – Depressioni ammissibili per curve a 90°


stampate e/o termoformate in PE

11
4. Caratteristiche generali del PVDF 4.2.2 Compensatori
(fluoruro di polivinilidene)
Non essendo disponibile il materiale PVDF flessibilizzato per la co-
La necessità di installare condotte per sempre più elevate tempera- struzione di compensatori, si consiglia di scegliere, in funzione al
ture d’esercizio, ha introdotto questo materiale in quanto può esse- prodotto o agente chimico trasportato e alle temperature d’esercizio
re applicato fino a 120°C se sono presenti pressioni, fino a 160°C il compensatore a soffietto in materiale PTFE.
se la condotta non ha particolari sollecitazioni.
Oltre alla elevatissima resistenza termica il PVDF è un materiale 4.2.3 Staffaggi
termoplastico particolarmente puro non avendo nessun tipo di sta-
bilizzatori contro raggi UV, contro la degradazione termica e contro
l’infiammabilità. Per questo motivo il PVDF è molto applicato nelle Per una informazione all’installatore si riporta nella tabella 15 le di-
industrie microelettroniche e farmaceutiche. stanze ammissibili orizzontali per le tubazioni in PVDF, rispettando
L’installazione è molto semplice con giunzioni di saldatura ad a- la limitazione indicata al punto 1.3.3.
ria calda e apporto di materiale, se i raccordi sono bicchierati o di
testa a testa, se i componenti hanno terminali lisci.
Le condotte sono adatte per l’installazione all’esterno e le relati- DISTANZE
ve pressioni si possono rilevare dalle tabelle qui nel capitolo presen- DE Spessore – s Distanza – Lmax
ti. (mm) (mm) (mm)

Vantaggi del PVDF 50 3,0 1100


63 2,5 1200
• ampio campo di temperatura d’esercizio, massimo 160°C 75 2,5 1300
• elevata resistenza al calore 90 2,8 1500
• eccellente resistenza chimica anche a temperature elevate 110 3,0 1900
• buona resistenza contro i raggi UV e i raggi gamma 125 3,9 2100
• molto resistente contro l’abrasione 140 3,0 2200
• ottime caratteristiche meccaniche 160 3,0 2500
• autoestinguente 180 5,5 2900
• semplice lavorabilità e trasformazione 200 3,0 2900
• fisiologicamente applicabile senza limitazioni 225 6,9 3400
250 3,0 3500
280 8,6 4100
4.1 Produzione dei manufatti 315 4,0 4300
355 4,0 4600
400 5,0 5200
I raccordi bicchierati arrivano normalmente al DE 315 mm realizzati 450 4,0 5600
per stampaggio ad iniezione, alcune figure terminano prima o arri- 5,0 5800
vano a diametri superiori. Le misure non disponibili con questo pro- 500 4,0 6100
cedimento si realizzano da tubo estruso o formato da lastre in ese- 5,0 6200
cuzione segmentata (raccorderia). 560 5,0 6800
I tubi attualmente sono disponibili in esecuzione estrusa fino al 6,0 6900
DE 400 mm, oltre si costruiscono da lastre. 630 5,0 7400
Parallelamente alla linea ventilazione in esecuzione bicchierata, 6,0 7500
esiste anche una linea ventilazione completamente realizzata con 710 6,0 7500
raccordi con terminali lisci, che sono stati inseriti nel presente do- 8,0 7500
cumento. Questi sono realizzati da raccordi stampati fino al DE 315 800 6,0 7500
mm e completati dai raccordi segmentati fino al DE 800 mm. 8,0 7500

Tabella 15 – Distanze di appoggio ammissibili per


4.2 Indicazioni per l’installazione tubazioni in PVDF

4.2.1 Giunzioni

In funzione al tipo di raccordo o componente da saldare si


sceglie la tecnica di saldatura con aria calda ed apporto di
materiale oppure la saldatura del tipo testa a testa. Nel
primo caso i componenti sono in esecuzione bicchierata,
nel secondo invece hanno i terminali lisci.

12
4.2.4 Serrande

Per le serrande vale quanto descritto al punto 2.3.4.


DEPRESSIONI
DE Spessore-s Depressione - Pamm (Pa)
4.3 Pressioni interne ed esterne ammissibili (mm) (mm) Irrigidimento L (mm)
L = DE L = 1000 L = 2000
Anche per questo materiale sono state elaborate le rispettive tabelle
per i tubi estrusi, formati da lastre con e senza rinforzo (tabelle 16 e 450 4,0 4900 2200 1100
17) e per la raccorderia in un pezzo o in esecuzione segmentata 5,0 8600 3900 1900
(tabelle 18 e 19). Tutti i dati riportati si riferiscono ad una tempera- 500 4,0 3800 1900 900
tura d’esercizio di 20°C; per applicazioni fuori da questo valore è 5,0 6600 3300 1700
consigliabile una verifica specifica sul caso da affrontare. 560 5,0 5000 2800 1400
6,0 7900 4400 2200
630 5,0 3700 2300 1200
6,0 5800 3700 1800
710 6,0 4300 3100 1500
8,0 8900 6300 3200
DEPRESSIONI 800 6,0 3200 2600 1300
DE Spessore – s Depressione - Pamm 8,0 6600 5300 2600
(mm) (mm) (Pa)
Tabella 17 – Depressioni ammissibili per tubazioni in
50 3,0 150000 PVDF, con irrigidimento
63 2,5 40000
75 2,5 25000
90 2,8 20000
110 3,0 13000
125 3,9 20000
140 3,0 6300
DEPRESSIONI
160 3,0 4200
DE (mm) Spessore – s (mm) Depressione – Pamm (Pa)
180 5,5 19000
200 3,0 2100
225 6,9 19000 50 3,0 350000
250 3,0 1100 63 3,0 200000
280 8,6 19000 75 3,0 150000
315 4,0 1300 90 3,0 85000
355 4,0 900 110 3,0 50000
400 5,0 1200
450 4,0 400 125 3,0 35000
5,0 800 140 3,0 30000
500 4,0 300 160 3,0 20000
5,0 600 180 3,0 15000
560 5,0 400 200 3,0 11000
6,0 800
630 5,0 300 225 3,5 13000
6,0 500 250 3,5 9600
710 6,0 400 280 4,0 10000
8,0 900 315 5,0 13000
800 6,0 300
8,0 600 Tabella 18 – Depressioni ammissibili per curve a
90° stampate e/o termoformate in PVDF
Tabella 16 – Depressioni ammissibili per tubazioni in
PVDF, senza irrigidimento

13
La rilevazione delle varie pressioni dinamiche, statiche e totali di
DEPRESSIONI un collettore con l’aiuto di un tubo Pitot, è indicata qui di seguito in
DE Spessore – s Depressione – Pamm modo schematico.
(mm) (mm) (Pa)

110 3,0 100000


125 3,9 150000
140 3,0 55000
160 3,0 40000
180 5,5 150000
200 3,0 25000
225 6,9 150000
250 3,0 13000
280 8,6 150000
315 4,0 15000
355 4,0 11000
400 5,0 14000
450 4,0 6100
5,0 11000
500 4,0 4700
5,0 8200
560 5,0 6200
6,0 9800 La pressione statica è definita come la pressione che il fluido eserci-
ta durante il suo passaggio sulla superficie del collettore e che varia
630 5,0 4600
in funzione alle sezioni del collettore.
6,0 7300
Per tubi diritti con superficie liscia e con un diametro uniforme
710 6,0 5400
si ha una perdita a causa dell’attrito, in funzione delle lunghezza del
8,0 11000
tratto considerato:
800 6,0 4000
8,0 8200
∆Pstat = LTot . PTub (Pa)
Tabella 19 – Depressioni ammissibili per curve a 90° dove:
segmentate in PVDF
LTot = somma delle lunghezze dei singoli
tratti di collettore considerato (m)
PTub = resistenza specifica del tubo (Pa)

I relativi valori PTub si possono rilevare da diagrammi di resistenza


specifica, in quanto esiste la relazione tra diametro del collettore e
5. Calcolo delle perdite di carico velocità del fluido nello stesso.
Il calcolo della resistenza specifica si può anche eseguire con la
La perdita di carico complessiva che il ventilatore deve superare, è seguente equazione:
composta dalla perdita dinamica e dalla perdita statica. Insieme
rappresentano la prevalenza totale, in base alla quale il ventilatore PTub = 10 λ . γ . v2 (Pa/m)
D 2g
deve essere dimensionato. Questo dato deve essere elaborato dal
progettista dell’impianto di ventilazione. dove :
La pressione dinamica esiste in ogni punto del collettore e si
calcola con la seguente formula: λ = coefficiente di attrito (-)
D = diametro intero del tubo (m)

Pdin = 10 . γ . v2 (Pa) Oltre alla perdita di carico dei tubi o canali diritti ci sono in un im-
2g pianto un’infinità di punti che creano perdite di carico come ad
dove: esempio riduzioni, derivazioni, curve, griglie, serrande ecc. Queste
ulteriori perdite di pressioni statiche si calcolano moltiplicando la
γ = peso specifico del fluido (kg/m3) perdita dinamica con lo specifico coefficiente ζ del raccordo, che è
v = velocità del fluido nel collettore (m/s) riportato nella tabella 20 per i raccordi di questo catalogo.
g = accelerazione di gravità: 9,81 m/s2

Nel caso di condizioni di esercizio particolari come temperature mol-


to basse o alte o installazioni in altitudine abnorme, il peso specifico
deve essere adeguato.

14
Pracc = ζ Tot . 10 . γ . v2 = ζ Tot . Pdin (Pa)
Figure Coefficienti di resistenza ζ 2g
dove:

Curve 90° 0,33 ζ Tot = somma dei singoli coefficienti di resistenza dei raccordi (-)
Curve 75° 0,29
Curve 60° 0,24 Pdin = pressione dinamica (Pa)
Curve 45° 0,19
Curve 30° 0,14 La perdita di carico complessiva del sistema si ottiene infine dalla
Curve 15° 0,07 addizione delle singole perdite di carico dei vari tratti di tubi o canali
e la totalità delle perdite dei vari raccordi o situazioni nel collettore,
Curve 90° segmentate 0,38 che assorbono prevalenze statiche.
Curve 75° “ 0,32
Curve 60° “ 0,27 PTot = PTub Tot + Pracc Tot (Pa)
Curve 45° “ 0,20
Curve 30° “ 0,15 E’ consigliabile eseguire il calcolo della perdita di carico totale del
Curve 15° “ 0,18 collettore il più accuratamente possibile, in quanto un eccessivo
margine di sicurezza si rileva spesso fatale nell’esercizio del ventila-
Tee 90° 1,40 tore. Non corrispondendo la prevalenza statica totale, cioè se è infe-
riore, il ventilatore dimensionato su una curva errata, si adegua e
Tee 45° 0,80 trasporta più aria a meno prevalenza con il conseguente sovraccari-
Immissione 0,60 co del motore elettrico.
Rid. concentriche 0,10
Rid. eccentriche 0,10

Derivazione Y 90° 1,40


Derivazione Y 45° 0,70
Derivazione Y 30° 0,30

Serrande con apertura 0° 0,40


Serrande con apertura 15° 0,60
Serrande con apertura 30° 3,50
Serrande con apertura 45° 17
Serrande con apertura 60° 95
Serrande con apertura 75° 600

Terminali d’espulsione 0,8

Terminali d’espulsione a bassa 0,6


perdita di carico

Bocchello protezione antivolatile 2,40

Tabella 20 – Coefficienti di resistenza ζ

15
Perdita di carico specifica dell'aria nelle tubazioni

/s)
3

16
Fluoruro di
Cloruro di polivinile Polipropilene Polietilene
polivinile
Caratteristiche Norme Unità
PVC PVC-C PPH PPS PPS EL PE 80 PES PVDF
3
Peso specifico ISO 1183 g/cm 1,385 1,553 0,910 0,934 1,120 0,953 0,934-0,990 1,778
Indice di MFI 190/5 ISO 1133 g/10 min 0.50 0,50-0,80 0.50
fluidità MFI 190/2,16 ISO 1133 g/10 min 0.60 - 6.20
MFI 230/5 ISO 1133 g/10 min 1.25 2.00 6.00

Caratteristiche
fisiche
MFI gruppo ISO 1872/73 M003 - - T006
Tensione di snervamento ISO 527 Mpa 52 60 30 28-37 29 22 50
Allungamento a snervamento ISO 527 % 3 - 12 10-14 25 10 16 9
Resistenza alla rottura ISO 527 Mpa 30 50 45 - 20 30-33 -
Allungamento alla rottura ISO 527 % 33 - >300 >50 43 >600 80
Limite di flessione con 3,5% ISO 178 Mpa 90 - 28 37 12-16 21 -
Modulo di elasticità a trazione ISO 178 Mpa 3000 2800 1300 1300 1000 950 550 2000
Modulo di taglio ISO 527 Mpa - - 650 400 - 500-600 -
Durezza sfera ISO 2039-1 Mpa 120 70 60 72 - 42 80
2

Caratteristiche meccaniche
Resistenza all'urto a 23°C ISO 179 kJ/m - 12 50 10 3(IZOD) 12 124
2
Resistenza all'urto a -30°C ISO 179 kJ/m - - 5 2.4 - 2.4 -
Punto di fusione cristalli DIN 53 736 °C - - 160-165 164-168 148 128-135 173
Temperatura di VST A/50 ISO 306 °C - - - 152 135 - 140

17
Rammollimento VST B/50 ISO 306 75 103 91 81-90 80 72 -
Resistenza a calore A ISO 75 °C - - 50 55 - 42 -
B ISO 75 72 - 96 83-110 47 70 145
Conducibilità termica a 20°C DIN 52 612 W/m°K 0,14 0,14 0,22 0,20 - 0,40 0,13
-4 -4 -4 -4 -4 -4 -4 -4
Coeff. di dilatazione lineare DIN 53 752 1/°K 0,8*10 0,7*10 1,6*10 1,6*10 1,6*10 1,8*10 1,8*10 1,2*10

Caratteristiche termiche
Comportamento al fuoco DIN 4102 - B1 B1 B2 B1** - B2 B1 -
UL 94 - V-O V-O 94-HB V-2 V-O 94-HB V-O
Indice di ossigeno ISO 4589-1 % 45 60 19 17 44
15 16 15 8 16 13
Specifica resistenza traversale VDE 0303 Ohm cm >10 - >10 >10 <10 >10 >10
15(CTM)*

Rigidità dielettrica VDE 0303 kV/mm 30-50 - 75 30-45 - 70 7.25


13 12 15 6 13 10 12
Resistività superficiale VDE 0303 Ohm >10 - >10 >10 <10 >10 <10 >10
339(CTM)*

Caratteristiche
Colore standard - - RAL 7011 RAL 7038 RAL 7032 RAL 7037 RAL 9005 RAL 9005 RAL 7005 naturale

elettriche / atmosferiche
beige grigio nero nero grigio
Protezione contro raggi UV
- - NO NO NO NO SI SI SI SI

* Test secondo il metodo CABOT ** La classe B1 è valida solo per spessori tra 2 e 10 mm