Sei sulla pagina 1di 1

NOVARA | Corriere di Novara

LUNEDÌ 26 AGOSTO 2019 |7

LEGA SALVINI PREMIER Da lunedì 2 settembre rugini, Letizia Nicotra, Riccardo Lanzo; il sindaco Alessandro zionali e all'opera di informazione e sensibilizzazione sul ter-
Nuovi orari di apertura della sede Canelli con gli assessori e i consiglieri comunali in quota Lega e
il capogruppo in Consiglio comunale Anna Colombo.
ritorio dei portavoce locali e degli attivisti del Movimento 5Stel-
le, uno dei capitoli più tristi della storia del risparmio italiano è
(l.c.) Nuovi orari di apertura settimanali per la sede cittadina e sulla via della conclusione. Questa è una notizia importantis-
provinciale di Novara della Lega Salvini Premier - Piemonte. La MOVIMENTO 5 STELLE Per il caso “Veneto Banca” sima per i cittadini delle province del Verbano Cusio Ossola,
sede riaprirà lunedì 2 settembre e sarà aperta ogni lunedì sera dalle
ore 21, in viale Dante Alighieri 19. Saranno presenti ogni sera e Dal 22 agosto le richieste di indennizzo Novara, Biella, Vercelli e Alessandria che hanno investito in
obbligazioni subordinate e azioni di Veneto Banca (ex Banca
compatibilmente con gli impegni istituzionali i parlamentari na- (l.c.) I risparmiatori “truffati dalle banche" sono tutelati: dal 22 Popolare di Intra)”. I risparmiatori coinvolti dal "caso Veneto
zionali: on. Marzio Liuni e on. Alberto Gusmeroli; l'assessore agosto per 180 giorni possono essere inoltrate le richieste di Banca" sono quindi invitati a visitare il sito https://fondoin-
regionale Matteo Marnati; i consiglieri regionali: Federico Pe- indennizzo. “Grazie al lavoro istituzionale dei portavoce na- dennizzorisparmiatori.consap.it per le richieste di indennizzo.

LA SORPRESA I lavori di innalzamento dei parapetti non sono più ritenuti necessari

Palchi del “Coccia”, dietro front


La Sovrintendenza dà lo stop al progetto. «Quei soldi li useremo per la sicurezza del teatro»
Palchi del Coccia, dietro front. palchi, redatto da un tecnico questi casi e visto quanto suc-
Il progetto di messa in sicu- sulla base delle indicazioni ri- cesso, è d’obbligo. Ma credo
rezza richiesto dalla Commis- cevute, e l’abbiamo inviato al che in presenza di un parere
sione comunale di vigilanza sul Ministero. Abbiamo trovato i inequivocabile non dovrebbe-
pubblico spettacolo, per il qua- soldi, 220.000 euro più 70.000 ro esserci ulteriori problemi.
le il Comune ha dovuto stan- di progettazione, fatto una va- Visto e considerato che lo stes-
ziare in tutta fretta 220.000 eu- riazione di bilancio a luglio. Ed so Ministero dei Beni culturali
ro, non serve più. La svolta è eravamo pronti per partire coi e la Sovrintendenza ci dicono
avvenuta l’8 agosto, dopo che il lavori. Ma prima occorreva il che non bisogna intervenire sui
progetto già realizzato era sta- nullaosta della Sovrintenden- palchi, se non con misure com-
to inviato alla Soprintendenza za». pensative che già venivano usa-
dei Beni culturali per un parere. Che l’8 agosto ha fatto perve- te: cartelli, avvisi al pubblico...
Parere che è arrivato, come nire al Comune il proprio di- Insomma, quello che viene
spiega il sindaco Alessandro niego sul progetto, «con una chiesto è di usare il buon senso
Canelli. «Perentorio e inequi- serie di rilievi normativi che in modo tale che ci sia una mi-
vocabile»: quei lavori di innal- andavano esattamente nella di- nimizzazione dei rischi per chi
zamento dei parapetti da 65 a rezione che avevamo suggerito utilizza i palchi. Cosa ovvia-
110 centimetri, così come pre- noi e che fanno capo a una mente che non esclude che si
visto dalla legge 81 del 2008 circolare del Ministero dei Be- possa cercare di ragionare su
sulla sicurezza del lavoro, non ni culturali del 2013 con alle- ulteriori soluzioni per poter ri-
sono affatto necessari. «Noi - gata una nota dell’Avvocatura TEATRO COCCIA La stagione potrà iniziare a capienza completa. Sotto, il sindaco Canelli durre ulteriormente i rischi, ma
dice Canelli - avevamo fatto no- del Ministero. In sostanza, si questo sicuramente non è da
tare che già nel 2012 il Tar del- dice che per i teatri storici si va ni. In particolare, ignifugazio- no aveva messo mani da tan- fare con estrema urgenza e non
l’Umbria, intervenendo su un in deroga ed è inammissibile, ne delle parti lignee, come il tissimi anni». dovrebbe inibire l’apertura
altro teatro storico, aveva sen- oltre che illegittimo, conside- palco, con una speciale vernice E che accadrà alla riapertura completa del teatro».
tenziato che questi lavori di rare l’adeguamento dei para- antincendio; saggi sulla resi- della stagione teatrale? A que- Insomma, tanto rumore per
adeguamento non erano dovu- petti alla stregua delle norma- stenza al fuoco delle poltrone e sto punto, conclude Canelli, nulla... «Con una differenza ri-
ti ma andavano in deroga per tive per la sicurezza sui luoghi poi interventi sugli impianti «io auspico che, sulla base di spetto al passato: - puntualizza
una serie di principi costituzio- di lavoro. E questo è quanto». elettrici. Tutti lavori sulla si- questi nuovi accadimenti, la il sindaco - dopo anni in cui
nali e per alcune interpretazio- Che fare dunque con il denaro curezza antincendio del teatro Commissione di vigilanza (che queste cose venivano lasciate
ni del Ministero dei beni cul- già stanziato? «Abbiamo subi- che mi sembrano assolutamen- si dovrà riunire insieme ai Vi- nei cassetti, finalmente oggi i
turali. Ma non abbiamo potuto to chiesto agli uffici - dice il te prioritari. In più abbiamo gili del fuoco e in accordo con novaresi hanno la certezza che
far altro che attenerci a quanto sindaco - di rielaborare un pro- chiesto alla ditta che si occupa la Prefettura e tutte le autorità questa Amministrazione ha
richiesto dalla Commissione di getto che escludesse la spesa del calore, dal momento che ci competenti in materia), possa iniziato a mettere mano alla
vigilanza: ci siamo attivati per per i parapetti e andasse invece sono gli spazi finanziari per po- autorizzare la riapertura del sicurezza del Coccia con in-
mettere a punto un progetto, nella direzione di fare ulteriori terlo fare, di cambiare la cal- Coccia per la prossima stagio- terventi strutturali e impianti-
che prevede un distanziatore interventi di cui il Coccia ha daia del teatro, anche questa ne con la capienza piena, com- stici attesi da tempo».
anziché un innalzamento dei bisogno da tanti, tantissimi an- una problematica a cui nessu- presi i palchi. La prudenza, in l Laura Cavalli

IL RICORDO Il regista Vanni Vallino: «Si girò con la base Tutti a far finta di suonare, Massimo no, il suo sax continuava comunque ad emettere le note giuste»

Borlandelli, The Bristol e quel pomeriggio da attori


La recente scomparsa, all’età punto entrarono in scena gli brano l’abbiamo provato d’e-
di 88 anni, di Massimo Bor- esecutori del brano, quelli le state a Bellinzago. Poi quan-
landelli, musicista novarese cui voci, dal 1964 ad oggi, si do è entrato nelle nostre cor-
che con il gruppo “The Bri- sentivano e si sentono allo de, si è tentata l’avventura
stol” creò l’inno del Novara stadio prima e dopo le partite. della sala di incisione, se non
calcio è stata l’occasione per A cantare, tutti e cinque in ricordo male a fine settembre.
molti amici di riportare alla coro, “Forza Novara” (come Andammo a Milano e re-
mente episodi e avvenimenti appare sull’etichetta del di- gistrammo in una sola serata.
musicali che lo videro pro- sco) sono “The Bristol”, ov- Prima di noi incideva Ornella
tagonista. Il Corriere di No- vero in ordine alfabetico: Vanoni». L’etichetta disco-
vara vuole farlo ricordando Giancarlo Albanese (voce so- grafica era la Brs.
una, forse l’ultima occasione lista e chitarra), Gianni Be- Gianni Milanesi ha sempre
pubblica documentata in vi- retta (tastiere), Massimo Bor- sottolineato un particolare
deo di una esibizione di Bor- landelli (sax), Federico Le- importante: «La tiratura del
landelli. Il regista Vanni Val- gora (basso), Carlo Stefanini 45 giri fu di 500 copie, e non
lino girando il film “Azzurro (batteria). In studio a regi- fu mai più ristampato. Tor-
Novara” scelse di chiudere il strare vi era anche un altro nando all’incisione, una volta
cortometraggio con un omag- musicista novarese Celso terminata, il tecnico del suo-
gio al celebre inno degli az- Mainardi. «Era l’epoca del no ci chiese cosa mettevamo
zurri novaresi, come racconta beat e un complesso in voga a sul lato B. Fummo presi alla
lui stesso: «Ho incontrato Novara chiamato “The Bri- sprovvista, nessuno pensava
Massimo Borlandelli tre anni stol” – raccontò Milanesi - al lato B. “The Bristol” op-
fa; con gli amici del Corriere TORNACO The Bristol sul palco del teatro comunale, il primo da sinistra è Massimo Borlandelli aveva tra i suoi elementi al- tarono per “Maria Elena” un
di Novara stavamo cercando cuni miei amici. Capitava a brano sudamericano che al-
un modo simpatico per chiu- simo, tutti in camicia bianca e suo sorriso...». quantenario dell’inno inter- volte che se qualcuno del lora andava per la maggiore.
dere il film "Azzurro valzer" pantaloni scuri, tutti con i Quel pomeriggio di fine mar- vistò Borlandelli e un altro complesso era in ritardo o Sulla copertina è scritto “Vai
che raccontava la storia del loro strumenti. Pronti, ciak si zo del 2016 a Tornaco “ The degli autori, Gianni Milanesi mancava, lo sostituivo, vestito Novara Vai” ma il complesso,
Novara Calcio. L'idea era ar- gira con la base per fare da Bristol”, e Borlandelli lo che racconto la genesi del come loro. Mi muovevo e per questioni di metrica de-
rivata all'improvviso; convo- guida alle riprese. Tutti a far esprimeva più degli altri, era- brano: «Era il 1964. Lavoravo fingevo di cantare, un cise di ribattezzarlo “Va No-
chiamo gli autori della can- finta di suonare, Massimo no, no felicissimi di tornare su un alla Sun e nel tempo libero play-back in anticipo sui tem- vara Va”». Ancora oggi per
zone che si associa imme- il suo sax continuava comun- palco tutti assieme, anche se seguivo il Novara come ti- pi… Tornando all’inno, ho chi va allo stadio a vedere il
diatamente all'avventura cal- que ad emettere le note giuste solo per pochi minuti. Gli foso. Il club dei Fedelissimi chiesto al maestro Gianni Be- Novara calcio ascolta quella
cistica della squadra della no- del brano. Piccoli aneddoti anni non sembravano essere portava avanti varie iniziative retta di scrivermi la musica. canzone entrata a far parte
stra città, "Va Novara va". che fanno però ricordare con passati e emergeva in ognuno per la squadra, a me e al- Io, lui e Massimo Borlandelli del patrimonio storico della
Appuntamento nel piccolo emozione il suo amore e la la professionalità oltre che il l’amico Piero Pollaiolo, an- abbiamo scritto le parole. Poi squadra azzurra. Peccato che
teatro di Tornaco con i Bri- sua passione per la musica; grande amore per la musica. che egli fondatore del club e abbiamo deciso di inciderlo». non sempre lo si ascolti sia
stol, anzi "The Bristol" come sono sicuro che anche adesso Nel 2014 il Corriere di No- tifoso, è venuta in mente l’i- Massimo Borlandelli entrò all’inizio che alla fine...
ci teneva a sottolineare Mas- starà tenendo il ritmo con il vara in occasione del cin- dea di un inno». A questo ancora più nello specifico: «Il l m.d.

2+NAAHMdfLdHUtaAxXKxjPIb9hffp3PPIADo9DCQZ0o=

Potrebbero piacerti anche