Sei sulla pagina 1di 20
 
DISCUSSIONE DEI RISULTATI PRESENTATI
ALLUMINIO
Nell’EPAR si riporta che
: “Per potenziare la risposta immunitaria, D, T, angeni della pertosse (PT, FHA e PRN) eHBsAg sono adsorbi su sali di alluminio (idrossido di alluminio e fosfato di alluminio) che sono agen immunopotenzian no e accea universalmente” 
Di seguito si riporta la risposta dell’EMA sulla tossicità dell’alluminio adiuvante al sig. Ivan Catalano, ex parlamentare evicepresidente dell’ulma Commissione Uranio impoverito, come si riporterà più nel deaglio successivamente: 
EMA/133566/201816 March 2018
1.7. Alluminio come adiuvante
Per sua informazione, tenga presente che
l'uso di idrossido di alluminio e fosfato di alluminio nei vaccini come adiuvan (usa permigliorare la risposta immunitaria) è ormai consolidato da mol anni.
 Queste sostanze sono denite nella farmacopea europea.
 9
 Inparcolare, per i vaccini per uso umano
la farmacopea specica un massimo di 1,25 mg di alluminio per singola dose umana quandol'alluminio viene ulizzato in questo modo
, se non diversamente giuscato e approvato per un prodoo specico. Standard simili siapplicano in altre par del mondo.Esistono aualmente 17 vaccini per uso umano che sono sta approva tramite l’EMA (araverso la cosiddea procedura centralizzata), cosìcome mol altri vaccini autorizza a livello nazionale (Stato membro), che ulizzano idrossido di alluminio, fosfato di alluminio o idrossifosfatodi alluminio amorfo solfato come adiuvante.I beneci di un adiuvante in un vaccino devono essere valuta rispeo al rischio di qualsiasi reazione avversa inerente ad esso.
L'aualeaeggiamento nei confron del rischio-benecio della vaccinazione favorisce la sicurezza rispeo all'ecacia quando un vaccino vienesomministrato a una popolazione sana. Una valutazione nale della sicurezza della nuova formulazione del vaccino può essere condoasolo sulla base di studi clinici.
18
9
 Vaccines for human use monograph (Ph.Eur. 07/2017 0153) Aluminium (2.5.13): maximum 1.25 mg of aluminium (Al) per single human dose where an aluminium adsorbent has been used in the vaccine, unless otherwisestated. Calcium (2.5.14): maximum 1.3 mg of calcium (Ca) per single human dose where a calcium adsorbent has been used in the vaccine, unless otherwise stated. Free formaldehyde (2.4.18): maximum 0.2 g/L of free formaldehyde in the nal product where formaldehyde has been used in the preparaon of the vaccine,unless otherwise stated. Phenol (2.5.15): maximum 2.5 g/L in the nal product where phenol has been used in the preparaon of the vaccine, unless otherwise stated.
18
 
Si aggiunge inoltre il quesito al parlamento Europeo E-001327/2018 2 March 2018 del prof. Romain Gherardi e la successivarisposta:
 
Oggeo: Da scienci sull'alluminio negli adiuvan vaccinali
Nella sua risposta dell'11 febbraio 2016, la Commissione ha aermato che "le prove scienche disponibili supportano l'uso sicuro ed ecacedegli adiuvan di alluminio nei vaccini". Un rapporto pubblicato a seembre 2017 dall'Agenzia nazionale francese per la sicurezza deimedicinali e dei prodo sanitari ha riacceso il dibato nella comunità scienca.L'Istuto nazionale francese per la salute e la ricerca medica (INSERM) ha scoperto che l'alluminio negli adiuvan del vaccino inieato nei topirimane nei loro corpi per diversi mesi e alla ne raggiunge il cervello. Allo stesso tempo, un rappresentante dell'Accademia nazionale francesedi farmacia ha sostenuto che la sperimentazione sugli animali è uno scarso faore predivo di rischio per gli esseri umani.Secondo il professor Romain Gherardi, ricercatore dell'INSERM, è probabile che solo alcune persone con variazioni geneche sperimennoee collaterali lega all'alluminio, come l'aacamento cronico. In Francia sono sta diagnosca oltre 600 casi di miofasciite macrofagica(MFM), una malaa complessa che causa dolori arcolari, estrema stanchezza e compromissione cogniva. Un'associazione per le personeche vivono con la MFM ha aermato che la malaa è causata da adiuvan a base di alluminio.1. Cosa fa la Commissione di ques risulta?2. Intende chiedere ulteriori ricerche sui rischi presenta dall'alluminio nei coadiuvan?
E-001327/2018 (2018/06/05)Risposta data dal sig. Moedas a nome della Commissione
1. I vaccini possono contenere piccole quantà di alluminio che fungono da adiuvan. Sono autorizza a livello nazionale o centrale. L'Agenziaeuropea per i medicinali (EMA)
1
 è in contao con l'Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodo sanitari (ANMS),Oobre 2019 - Analisi Corvelva Lorea Bolgan
 
che ha nanziato la ricerca cui fa riferimento l'onorevole parlamentare. Nel seembre 2017, ANMS ha comunicato che i risulta dei nuovistudi, nonché la pubblicazione disponibile, non modicano il rapporto benecio / rischio posivo dei vaccini
2
. L'EMA, in collaborazione con gliSta membri dell'UE, monitora costantemente la sicurezza dell'alluminio vaccini contenen, compresi gli studi riporta nella leeraturascienca mondiale, e prenderà tue le misure necessarie in caso di idencazione di un problema di sicurezza.2. Araverso l'iniziava sui medicinali innovavi (IMI)
3
, la Commissione nanzia la ricerca sulla sicurezza dei vaccini. I proge IMI ADVANCE
4
 eBioVacSafe
5
 lavorano per fornire da adabili sui beneci / rischi dei vaccini commercializza e per migliorare rispevamente i test e ilmonitoraggio della sicurezza dei vaccini.
(1) hp://www.ema.europa.eu/ema/(2) hp://ansm.sante.fr/S-informer/Communiques-Communiques-Points-presse/Les-vaccins-contenant-de-l-aluminium-sont-surs-Communique(3) hp://www.imi.europa.eu/(4) ADVANCE, hp://www.advance-vaccines.eu/(5) BioVacSafe, hp://www.biovacsafe.eu/
 
Va premesso che l’aermazione che “
l'uso di idrossido di alluminio e fosfato di alluminio nei vaccini come adiuvan (usa per migliorare la risposta immunitaria) è ormai consolidato da mol anni” 
 non è garanzia suciente disicurezza.L’ingente invesmento di fondi da parte di BioVacSafe per la valutazione dei rischi dei vaccini (30.2 milioni di euro)non ha portato ad alcuna pubblicazione di studi sulla sicurezza specici per l’alluminio in ambito clinico.
(hp://www.biovacsafe.eu/scienc-publicaons).
Ne segue che la carenza di da che dovrebbero garanre in maniera inequivocabile, e non sulla base dell’usoconsolidato, la sicurezza dell’alluminio adiuvante somministrato per via inieva è in palese contrasto conl’aermazione conclusiva:
“L'auale atudine al rapporto rischio-benecio della vaccinazione favorisce la sicurezzarispeo all'ecacia quando un vaccino viene somministrato a una popolazione sana”,
come pure con la successiva:
Una valutazione nale sulla sicurezza della nuova formulazione del vaccino può essere condoa solo sulla base di studi clinici”,
in quanto gli studi clinici vengono eeua per valutare l’ecacia del vaccino e solo indireamente lasicurezza, che richiederebbe invece protocolli di studio appropria per il monitoraggio a lungo termine delle reazioniavverse con gruppi di controllo mai vaccina, cosa mai avvenuta.
QUESITO N. 1Si richiede pertanto all’EMA di fornire la prova documentale e di leeratura degli studi di sicurezza in vivo per le varie fasce di età con l’alluminio adiuvante, sia come sali singoli che come complessi con gli angeni proteici contenu in Infanrix hexa, Hexyon e Gardasil 9, per consenrne la revisione da parte di esper indipenden.di revisionare la seguente recente leeratura riguardante la sicurezza dell’alluminio adiuvante somministrato con le vaccinazioni e l’eeo tossico dovuto alla combinazione con l’alluminio ambientale assunto araverso l’alimentazione.
Oobre 2019 - Analisi Corvelva Lorea Bolgan
 
Aluminium in Brain Tissue in Epilepsy: A Case Report from Camelford.
1
2
3
. (1) Introducon: Human exposure to aluminium is a burgeoning problem. In 1988, the populaon of the Cornish town of Camelford was exposed to exceedingly high levels of aluminium in their potable water supply. Herein we provide evidencethat aluminium played a role in the death of a Camelford resident following development of late-onset epilepsy. (2) Casesummary: We have measured the aluminiumcontent of brain ssue in this individual and demonstrated signicantaccumulaons of aluminium in the hippocampus (4.35 (2.80) µg/g dry wt.) and the occipital lobe (2.22 (2.23) µg/g dry wt., mean,SD,
n
 = 5), the laer being associated with abnormal calcicaons. Aluminium-specic uorescence microscopy conrmed thepresence of aluminium in both of these ssues and made the consistent observaon of aluminium-loaded glial cells in closeproximity to aluminium-rich cell/neuronal debris. These observaons support an inammatory component in this case of late-onset epilepsy. Congo red failed to idenfy any amyloid deposits in any ssue while thioavin S showed extensive extracellularand intracellular tau pathologies. (3) Discussion: We present the rst data showing aluminium in brain ssue in epilepsy andsuggest, in light of complementary evidence from scienc literature, the rst evidence that aluminium played a role in theadvent of this case of late-onset adult epilepsy.hps://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/arcles/PMC6518255/pdf/ijerph-16-01459.pdf Int J Environ Res Public Health. 2019 Apr 24;16(8). pii: E1459.
Intracellular Aluminium in Inammatory and Glial Cells in Cerebral Amyloid Angiopathy: A Case Report.
1
2
3
4
.Introducon: In 2006, we reported on very high levels of aluminium in brain ssue in an unusual case of cerebral amyloidangiopathy (CAA). The individual concerned had been exposed to extremely high levels of aluminium in their potable water dueto a notorious polluon incident in Camelford, Cornwall, in the United Kingdom. The recent development of aluminium-specicuorescence microscopy has now allowed for the locaon of aluminium in this brain to be idened. (2) Case Summary: Weused aluminium-specic uorescence microscopy in parallel with Congo red staining and polarised light to idenfy the locaonof aluminium and amyloid in brain ssue from an individual who had died from a rare and unusual case of CAA. Aluminium wasalmost exclusively intracellular and predominantly in inammatory and glial cells including microglia, astrocytes, lymphocytesand cells lining the choroid plexus. Complementary staining with Congo red demonstrated that aluminium and amyloid were notco-located in these ssues. (3) Discussion: The observaon of predominantly intracellular aluminium in these ssues was noveland something similar has only previously been observed in cases of ausm. The results suggest a strong inammatorycomponent in this case and support a role for aluminium in this rare and unusual case of CAA.hps://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/arcles/PMC6223008/pdf/13223_2018_Arcle_305.pdf Allergy Asthma Clin Immunol. 2018 Nov 7;14:80.
Unraveling the enigma: elucidang the relaonship between the physicochemical properes of aluminium-based adjuvantsand their immunological mechanisms of acon.
1
1
1
.Aluminium salts are by far the most commonly used adjuvants in vaccines. There are only two aluminium salts which are used inclinically-approved vaccines, Alhydrogel
®
 and AdjuPhos
®
, while the novel aluminium adjuvant used in Gardasil
®
 is a sulphatedversion of the laer. We have invesgated the physicochemical properes of these two aluminium adjuvants and specically inmilieus approximang to both vaccine vehicles and the composion of injecon sites. Addionally we have used a monocyccell line to establish the relaonship between their physicochemical properes and their internalisaon and cytotoxicity. Weemphasise that aluminium adjuvants used in clinically approved vaccines are chemically and biologically dissimilar withconcomitantly potenally disnct roles in vaccine-related adverse events.Vet Pathol. 2019 May;56(3):418-428.
Granulomas Following Subcutaneous Injecon With Aluminum Adjuvant-Containing Products in Sheep.
1
1
2
1
1
3
1
1
1
1
4
5
5
4
4
1
.The use of vaccines including aluminum (Al)-based adjuvants is widespread among small ruminants and other animals. They areassociated with the appearance of transient injecon site nodules corresponding to granulomas. This study aims to characterizethe morphology of these granulomas, to understand the role of the Al adjuvant in their genesis, and to establish the presence of the metal in regional lymph nodes. A total of 84 male neutered lambs were selected and divided into 3 treatment groups of 28animals each: (1) vaccine (containing Al-based adjuvant), (2) adjuvant-only, and (3) control. A total of 19 subcutaneous injeconswere performed in a me frame of 15 months. Granulomas and regional lymph nodes were evaluated by clinicopathological
Oobre 2019 - Analisi Corvelva Lorea Bolgan

Premia la tua curiosità

Tutto ciò che desideri leggere.
Sempre. Ovunque. Su qualsiasi dispositivo.
Annulla in qualsiasi momento
576648e32a3d8b82ca71961b7a986505