Sei sulla pagina 1di 2

IL CONGRESSO DI VIENNA E IL NUOVO ASSETTO EUROPEO

Dopo la sconfittadi Napoleone, le potenze della settima coalizione tentarono di ripristinare l’ordine in
Europa partendo dalla Francia che con la pace di Parigi riportarono i confini della Francia a quando era con
la monarchia. Quindi cercarono di riportare al potere tutti i paesi che erano stati conquistati dalla Francia e
restituendoli i loro territori aprendo così l’età di restaurazione.

CONGRESSO DI VIENNA

Per avviare la restairazione fu convocato una conferenza a cui parteciparono le delegazioni problematiche
avviando così il CONGRESSO DI VIENNA. I protagonisti delle trattative furono l’austria la russia la prussia e
l’Inghilterra che volevano restituire i troni e i territori ai sovrani legittimi, chiamato principio di legittimità.
Che venne attuato in Spagna e in Portogallo ma non in Francia che venne punita cedendo i territori che
aveva conquistato e fu costretta a pagare ciò che aveva fatto con l’occupazione per tre anni degli eserciti
vincitori.

Sul principio di legittimità prevalse in alcuni casi quello di EQUILIBRIO in base al quale bisognava creare in
Europa un sistema bilanciato di poteri per garantire ordine e pace e impedire altre ribellioni come la
Francia. Alcuni sovrani di piccoli stati si unisero per formare uno stato più grande come la penisola italiana e
le aree tedesche.

L’Austria che era lo Stato protagonista della restaurazione, trasse grande vantaggio dal Congresso di vienna
cercando di conservare ciò che aveva conquistato. Anche se aveva perso le fiandre, aveva conquistato
alcune parti dei balcani e dell’italia anche se successivamente il veneto fu lasciato alla Lombardia
diventando il regno Lombardo-Veneto.

Oltre all’Austria ne usci avvantaggiata anche la Russia che gli venne riconosciuto di aver fermato Napoleone
acquisendo la Finlandia, mentre l’Inghilterra si accontentò di mantenere solo le colonie conquistate nelle
guerre contro i francesi.

SANTA ALLEANZA

Per mantenere l’equilibrio europeo ed evitare nuovi atti di rivoluzione venne fatta la Santa alleanza da
Russia Austria e Prussia e successivamente si unirono Francia e le altre monarchie. Con questa Santa
alleanza questi stati si impegnano per presidiare la pace e la giustizia e il ministro degli Esteri fece inserire in
questo trattato il principio di intervento che autorizzava in caso qualcuno si ribellava di prendere le armi.

QUADRUPLICE ALLEANZA

La Gran Bretagna inizialmente non aderì perché considerava incompatibile con le loro normi questo trattato
ma successivamente aderì alla Quadruplice alleanza in cui gli obiettivi erano il ridimensionamento della
potenza francese e conservare l’equilibrio europeo.

La restaurazione non riguardava solo i confini degli stati ma anche le istituzioni e la politica interna e per
questo prevalsero le forze conservatrici

Potrebbero piacerti anche