Sei sulla pagina 1di 2

Vita e Opere di Mozart Approfondimento Film Amadeus

Johannes Chrysostomus Wolfgangus Theophilus Mozart, più comunemente chiamato Wolfgang


Amadeus Mozart nacque a Salisburgo nel il 27 Gennaio 1756 ed è riconosciuto come uno dei più
grandi compositori della storia della musica occidentale inoltre ha scritto in tutti i generi
musicali del suo tempo e spiccava in ognuno di essi. Mozart è il settimo e ultimo figlio del
musicista Leopold Mozart, il quale è l’autore di un famoso manuale di liuteria, sua moglie Anna
Maria Pertl proviene da una famiglia borghese attiva nell’amministrazione locale. Di questi sette
figli cinque muoiono e rimasero in vita solo Mozart e sua sorella Maria Anna chiamata più
comunemente chiamata Nannerl che aveva cinque anni in più di Wolfgang. Il padre essendo
musicista vide in Wolfgang un prodigioso talento nella musica infatti a tre anni sceglieva perfino
gli accordi sul clavicembalo e a cinque anni fece la sua prima composizione: un minuetto KV 1.
Un anno dopo la sua composizione tutta la sua famiglia intraprese un lungo viaggio che durò tre
anni, toccarono i principali centri musicali dell’Europa occidentale di quel tempo: Monaco,
Stoccarda, Augusta, Mannheim, Magonza, Francoforte, Bruxelles, Pairigi, Londra, nel viaggio di
ritorno attraversò l’Aja, Amsterdam, Parigi, Lione, la Svizzera arrivando fino a Salisburgo.
Anche la sorella di Mozart era musicista infatti in questo viaggio suonarono insieme o da soli
nella maggior parte della corti visitate, la prima volta fu a Vienna, infatti i bambini Mozart
furono ammessi a suonare al cospetto dell’imperatrice Maria Teresa. Dato che l’Italia in quel
tempo era considerata il centro del mondo musicale, Mozart viaggio insieme al padre si mossero
verso le diverse città italiane per apprendere anche quella musica e per farsi conoscere.La vita di
Mozart era caratterizzata da contini spostamenti a casa della continua ricerca della giusta platea e
per l’esigenza di guadagnare soldi per vivere. Infatti nel 1777 parti alla ricerca di nuove
opportunita e raggiunse Parigi insieme alla madre dove compose la sinfonia KV 297 composta
per i Concerts spirituels. Quando debutto questa sinfonia sua madre era malata e mori poco dopo.
Da Parigi torno a Salisburgo ma lui aveva sempre questa voglia di viaggiare e confrontarsi con
altre realtà culturali. Per questa sua voglia di viaggiare ebbe frequenti dissidi con il padre che
vedeva in Wolfgang un degno successore per un incarico ben stipendiato dalla corte locale,
soprattutto con l’Arcivescovo di Salisburgo che sottopose Wolfgang a molte umiliazioni che lo
convinsero a lasciare Salisburgo. A Vienna gli venne commissionata un’opera Idomeneo, e
rimase nella capitale austriaca fino alla sua morte a Vienna nel Dicembre del 1791 ad appena 35
anni. lasciando comunque un’eredità vastissima di lavori compiuti ed altri abbozzati, le principali
opere liriche da lui scritte nei suoi pochi anni di carriera. Opere che, per quanto composte in età
giovanile, hanno fatto la storia della musica classica sono Il ratto dal serraglio, Le nozze di Figaro;
Don Giovanni; Così fan tutte; Il flauto magico; L’obbligo del primo comandamento; Apollo e
Giacinto; Bastiano e Bastiana; La finta semplice Mitridate; re di Ponto Ascanio; in Alba Il sogno di
Scipione; Lucio Silla; La finta giardiniera; Il re pastore; Zaide; Thamos, re d’Egitto; Idomeneo;
L’oca del Cairo; Lo sposo deluso; L’impresario teatrale; La clemenza di Tito.
Il film Amadeus si apre con un anziano che sarebbe Antonio Salieri che tenta il suicidio
tagliandosi la gola mentre invoca il perdono di Mozart, dopo, riceve la visita di un giovane
sacerdote, che lo incita a confessare i tormenti che lo affliggono e che lo hanno spinto a dire che
agli occhi di Dio tutti gli uomini sono uguali. Salieri comincia a suonare alcune delle sue
melodie ma il sacerdote non le conosce quindi Salieri suona Eine kleine Nachtmusik, che
sarebbe quella di Mozart e così si aprono vari flashback. Salieri inizia a narrare che come Mozart
voleva diventare un grande compositore, però è invidioso di Mozart perché lui ha potuto fare
tanti viaggi e ha potuto avere tanti insegnamenti che lui non ha potuto ricevere. La carriera di
Salieri stava andando fino all’arrivo di Mozart che deve presentare un’opera nella residenza del
suo padrone. Salieri trova inconcepibile il fatto che uno come Mozart possa essere degno del
dono divino dell’isipirazione musicale. L’imperatore Giuseppe chiede l’incontro con Mozart al
quale è presente Salieri e tanti altri, Mozart dimostra le sue doti cambiando le note della marcetta
di benvenuto composta da Salieri. Successivamente Mozart annuncia indirettamente il suo
fidanzamento con Costanza Weber cosa che lascia Salieri amareggiato e deluso alimentando
ancora di piu il suo odio per Mozart. Costanza si reca da Salieri per tentare di convincere a
visionare le opere di Mozart affinche ottenga l’incarico, Salieri riamane stupito delle opere ma
ancora non riesce ad accettare che un uomo come lui possa avere queste doti. Mozart assume una
serva per tenere d’occhio i movimenti della famiglia. Salieri scopre che lui sta lavorando ad
un’opera illegale, Le nozze di Figaro.  L'opera, nonostante l'ostacolo iniziale, riesce lo stesso a
essere rappresentata rendendo amara la sconfitta di Salieri, che si tramuta però in vittoria quando,
perché durante l’esecuzione l'imperatore sbadiglia. Mozart, tornato a casa, riceve la notizia della
morte del padre, che gli ispira l'opera Don Giovanni. Salieri fa un piano diabolico per riuscire
finalmente a porre fine alla vita di Mozart e trionfare su Dio, ovvero quello di commissionare a
Mozart una messa da Requiem per poi ucciderlo, facendo suonare il Requiem, del quale si sarebbe
attribuito la paternità, al suo funerale. Indossando una maschera Salieri si reca a casa del rivale per
commissionargli il Requiem, dandogli quattro settimane di tempo. Mozart, caduto in depressione ì
accetta e si dà da fare per accontentare la richiesta del visitatore misterioso. Allo stesso tempo gli
commissionano Il flauto magico. A causa del troppo lavoro Mozart ha un collasso e quindi Salieri
lo porta a casa e scrivono l’opera insieme con Mozart nel letto. La mattina dopo Mozart muore e
viene seppellito in una fossa comune