Sei sulla pagina 1di 2

Percorsi Giuffrè - Novazione - Traccia del 12 dicembre 2006 (Parere ci... http://www.percorsi.giuffre.it/psixsite/esercitazioni/pareri/Diritto civil...

Novazione

Traccia
Tizio nel maggio del 2004 conclude con Caio un
contratto avente ad oggetto la fornitura di scatole di
cartone, che però risultano difettose per l’esistenza di vizi che la rendono inidonea all’uso al quale sono destinate.
Tizio decide, pertanto, di sospendere il pagamento in quanto i vizi della merce, sebbene riconosciuti dal debitore, sono rimasti tali
anche dopo che il venditore si era impegnato ad eliminarli. Nel luglio 2005 Caio propone un’azione nei confronti di Tizio per
ottenere il pagamento, facendo presente che l’acquirente è decaduto dalla garanzia ex art. 1490 c.c. per tardiva denuncia dei
vizi.
Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, premessi brevi cenni sulla novazione, rediga motivato parere, evidenziando le
problematiche sottese al capo in esame.

Svolgimento
La novazione, istituto dai lontani natali (la cd. novatio faceva già parte del bagaglio giuridico romano), positivizzato agli artt.
1230 e s.s. c.c. come strumento estintivo diverso dall’adempimento, ergo non satisfattorio alla stregua di altre fattispecie quali
la compensazione, sul piano squisitamente strutturale si presenta come un contratto attraverso il quale i paciscenti, estinta la
preesistente obbligazione, sulle sue ceneri, addivengono alla creazione di un nuovo vincolo obbligatorio.
La novità, recte l’aliquid novi, può a seconda della tipologia novativa, connotare tanto il dato obiettivo-funzionale (titolo e
oggetto) quanto il dato soggettivo dei contraenti.
Nell’un caso, sulla scia dello stesso codice assume rilievo la novazione cd. oggettiva (art. 1230 e ss c.c.); nell’altro, invece,
quella soggettiva (art. 1235 c.c.).
Il legislatore del 1942, prendendo le distanze dai compilatori del 1865, pur facendo menzione della novazione soggettiva, dedica
una analitica attenzione alla sola accezione oggettiva della novatio, limitandosi all’art. 1235 c.c., laddove intervenga un
mutamento sul crinale soggettivo, a rinviare alla disciplina approntata in tema di delegazione, accollo ed estromissione.
Lungi dall’entrare nel merito di storiche querelles (si ponga mente a quella parte della dottrina che, alla luce di quanto appena
celermente esposto contesterebbe l’autonomia dogmatica dell’istituto della novazione soggettiva), è d’uopo comunque
evidenziare come l’istituto presenti il pregio fondamentale di congiungere senza soluzione di continuità, in un unico
atto, due differenti effetti: quello, appunto di estinguere una data obbligazione preesistente al contratto e quello di darne
vita, sulle ceneri della prima, ad una nuova.
L’elemento novativo può quindi riguardare, purché non si limiti a mere variazioni accessorie (1231 c.c.), come detto, tanto
l’oggetto quanto il titolo dell’obbligazione originaria.
Come per ogni contratto, inoltre, anche per quello di novazione si fa necessaria la ricorrenza, secondo il monito dell’art. 1325
c.c., di un accordo, tacito o espresso che sia, tra le parti da cui desumere il cd. animus novandi, ovvero l’imprescindibile dato
volontaristico. Allo stesso modo non potrà difettare una vera e propria causa novandi che la miglior dottrina identifica nel
comune interesse delle parti alla modificazione del rapporto obbligatorio originario.
Quanto alla forma del negozio novativo, in assenza di specifiche indicazioni normative, si seguono le regole generali in fatto di
contratto; ne consegue la necessità di una forma scritta laddove la novazione acceda a negozi cd. formali.
Tanto doverosamente quanto celermente premesso sull’istituto della novazione, per meglio inquadrare la problematica posta
alla Nostra attenzione, si fa indispensabile volgere lo sguardo ad altri istituti previsti dal codice vigente.
Nella fattispecie, infatti, viene in rilievo, attese le doglianze di Tizio e le pretese di Caio, la disciplina prevista in fatto di
garanzia per vizi.
Più precisamente, agli artt. 1490 – 1497 c.c. trova asilo, entro i limina del contratto di compravendita un’articolata disciplina
relativa ai vizi o difetti della res venduta, per tali intendendosi quelle imperfezioni incidenti sul valore o sulle possibilità di
utilizzo del bene.
A condizione che preesistano alla compravendita, il legislatore pone, nei panni di effetto naturale del contratto, a carico del
venditore l’obbligo di garantire l’acquirente dai vizi stessi (1490 c.c.). Tale obbligo, tuttavia, viene a gravare sul venditore entro
precisi e rigorosi parametri temporali al fine di contemperare, alla luce del dogma prevalente della tutela dei traffici
giuridici, i vari interessi delle parti in gioco. Ebbene, in tale direzione, il codice prevede due differenti termini, l’uno decadenziale
l’altro di prescrizione, entro i quali l’esercizio delle prerogative dell’acquirente devono trovare epifania: entro otto giorni (art.
1495, comma 1, c.c.) questi è tenuto a dar notizia della scoperta del vizio a condizione che il tutto si svolga entro il limite
prescrizionale di un anno dalla consegna della cosa (art. 1495, comma 3, c.c.).
Sorvolando, per esigenze meramente espositive, sulla natura della responsabilità de qua (oggettiva, presunta, colposa che sia),
conviene sottolineare come i limiti temporali segnalati non trovino applicazione, secondo il chiaro dettato del secondo comma
della citata norma, laddove il venditore occulti o, come nel nostro caso (l’impegno di Caio ad eliminare i vizi, implica sul piano
logico il riconoscimento degli stessi) riconosca l’esistenza dei vizi.
Può a questo punto esaminarsi la posizione del nostro assistito Tizio che, scoperti e denunciati i vizi relativi ad una partita di
scatole di cartone fornitegli da Caio, dopo aver inutilmente atteso da questi l’eliminazione delle imperfezioni, sospendeva i
pagamenti a proprio carico.
Ad un anno e due mesi dalla stipulazione viziata Tizio subiva l’ulteriore beffa di una richiesta di pagamento da parte di Caio della
merce di cui si discorre, alla luce, a detta del venditore del superamento dei termini previsti categoricamente all’art. 1490 c.c.
L’evidenza del torto di Caio pare indiscutibile. Sicuramente la sua pretesa di pagamento non potrà trovare accoglimento, ad
onta del millantato superamento dei termini legislativamente posti.
Almeno due le strategie difensive a disposizione di Tizio.
In primo luogo questi potrebbe pretendere il riconoscimento dell’intervento di un vero e proprio accordo novativo in
presenza dell’impegno espressamente preso da Caio in merito all’eliminazione dei vizi: la promessa del venditore porterebbe,
facendo valere l’insegnamento di non poche sentenze di legittimità (vedi, ex multis, Cass. n. 6089 del 2000), inevitabilmente
seco la novazione dell’obbligazione originaria di garanzia prevista all’art. 1476, comma 3, c.c.
Rebus sic stantibus ne deriverebbe un vantaggiosissimo effetto per Tizio dal momento che, intervenuto l’accordo novativo,
potrebbe giovarsi di un nuovo termine entro il quale far valere le proprie ragioni, termine legato non al contratto di
compravendita ed alla relativa garanzia per vizi, bensì al nuovo contratto novativo sorto a seguito della promessa del callido
venditore. Il termine, occorre specificare, in assenza di prescrizioni di sorta, secondo la regola juris dettata all’art. 2946 c.c.,
non potrebbe che essere quello ordinario decennale.
L’esposta traiettoria ermeneutica, preme notare nell’interesse del nostro assistito, sebbene abbia goduto nel passato di
autorevoli avalli anche in sede di giurisprudenza di legittimità, rischia di non trovare favorevole accoglimento in ragione
dell’intervento di una nota sentenza delle Sezioni Unite nel giugno 2005 (Cass. Civ., Sez. Un., 21 giugno 2005, sent. n.
13294).
La Corte, evocata nella sua massima espressione proprio in ragione di un contrasto manifestatosi presso le singole sezioni,
intervenendo su vicende analoghe a quella posta alla Nostra attenzione, ha reciso il nodo gordiano di cui si discorre escludendo

1 di 2 12/12/2014 18:22
Percorsi Giuffrè - Novazione - Traccia del 12 dicembre 2006 (Parere ci... http://www.percorsi.giuffre.it/psixsite/esercitazioni/pareri/Diritto civil...

in evenienze siffatte qualsivoglia effetto novativo. Ad avviso degli Ermellini, infatti, farebbe difetto quell’immancabile alquid
novi, connotato indispensabile, come sopra anticipato, del contratto di novazione: l’impegno ad eliminare i vizi non darebbe
la stura ad una nuova obbligazione, ma verrebbe semplicemente a determinare una modifica relativa alle modalità
esecutive delle stessa obbligazione preesistente.
In caso di intervenuta promessa di eliminazione dei vizi non potrebbe ravvisarsi un interesse diverso rispetto a quello presente
al momento della stipulazione originaria: permane nella sua medesimezza l’interesse ad acquisire un bene, nel caso di specie
scatole in cartone, idoneo all’uso immaginato in sede stipulatoria.
L’esposta ricostruzione, tuttavia, pur precludendo a Tizio la possibilità di giovarsi del favorevole termine prescrizionale
decennale che discenderebbe dal riconoscimento dell’intervenuto negozio novativo, non priva il Nostro assistito di tutela a fronte
delle pretese di controparte.
Difatti, l’assunzione dell’impegno ad eliminare i vizi, facendo seguito all’implicito riconoscimento dei difetti, determina, secondo i
principi scolpiti all’art. 2944 c.c., l’interruzione del decorso prescrizionale.
Tanto detto, considerati i tempi degli eventi, non può, nonostante il nuovo orientamento giurisprudenziale, non riconoscersi la
possibilità di Tizio di giovarsi dei rimedi codicistici, non potendosi, per quanto appena evidenziato in tema di riconoscimento dei
vizi e di interruzione della prescrizione annuale, ritenere prescritta la sua pretesa ad una corretta esecuzione del contratto così
come originariamente immaginato dalle parti.
Ne consegue la possibilità per Tizio, pertanto, di paralizzare la domanda di Caio e di giovarsi dei rimedi legislativamente
immaginati.
Al Nostro assistito spetterà dunque scegliere se, fatto comunque salvo secondo il dettato dell’art. 1494 c.c. il rimedio risarcitorio
e sempre che non ricorrano quegli usi contrari evocati sul finire del primo comma dell’art. 1492 c.c., far valere il proprio diritto
alla riduzione del prezzo (azione estimatoria o quanti minoris), fermo restando il negozio incriminato con il conseguente
mantenimento del sia pur mutato sinallagma contrattuale, o richiedere, secondo le peculiari forme ed agevolazioni delle azioni
edilizie, la risoluzione del contratto (azione redibitoria)
Nel concludere è opportuno rammentare come secondo il comma 2 dell’art. 1492 c.c., la scelta tra i due diversi rimedi si
ammanti d’irrevocabilità quante volte venga formalizzata mercé domanda giudiziale.

(di Michele Ciociola)

2 di 2 12/12/2014 18:22