Sei sulla pagina 1di 7

AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.

org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

- AutomiRibelli.org - http://www.automiribelli.org -

Conoscere se stessi
Posted By Andrea On 7 Agosto, 2008 @ 1:19 pm In box6 | Comments Disabled

1 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

Ti avverto, chiunque tu sia.


Oh, tu che desideri sondare gli Arcani della Natura,
se non riuscirai a trovare dentro te stesso ciò che cerchi
non potrai trovarlo nemmeno fuori.
Se ignori le meraviglie della tua casa,
come pretendi di trovare altre meraviglie?
In te si trova occulto il Tesoro degli Dei.
Oh, uomo conosci te stesso e conoscerai l’Universo degli Dei.

- Oracolo di Delfi

Dunque, chi sarebbe questo famoso “te stesso” che bisognerebbe conoscere? Io mi conosco già!
potreste erronamente rispondere, pensando a voi come al risultato oggettivo dell’insieme dei vostri
pregi e dei vostri difetti. Potreste pensare al vostro carattere e a cosa lo rende particolare, unico e
diverso da qualunque altro, e accettarlo come parte integrante di ciò che credete di essere. No cari
amici, conoscere se stessi, non ha niente a che vedere con tutto questo, poiché ciò che avete
accumulato all’interno del vostro corpo biologico, è il semplice risultato di un processo mentale
costituito da svariate interazioni con ciò che attualmente vi circonda. In questo modo non conoscete
voi stessi, ma il risultato generato dall’illusione di voi stessi. Il processo che conduce alla
TRASMUTAZIONE alchemica del proprio corpo, è lento, tortuoso e assai doloroso, e una volta
intrapresa la sua strada GUAI a chi torna indietro! Guai a chi interrompe tale processo, poiché il
prezzo da pagare sarebbe davvero troppo alto! Perciò, chi ancora non è pronto a voler sperimentare
nella propria carne, l’alchimia di tale processo, abbandoni immediatamente questa lettura e
questo sito! Chi vuole abbandonare il vecchio mondo in cerca del nuovo, deve lasciare per forza
dietro di se la paura, il dubbio, e deve voler spiccare il volo attraverso un baratro di proporzioni
mastodontiche, che lo condurrà inesorabilmente dall’oblio alle braccia del proprio Essere. Non può
esservi alcuna avventura esterna da “vivere”, se prima non si è vissuta la più grande emozione
esistente, che è quella del ricongiungimento con il proprio Essere, pienamente incarnato in tutta la
sua essenza e presenza, in un corpo nuovo, che brulica di cellule nuove e processi cognitivi e
percettivi totalmente manifesti in tutta la loro accelerazione coscienziale.

Quando conoscete voi stessi, allora sarete conosciuti, e comprenderete di essere figli del padre
vivente [Pater Noster]. Ma se non conoscete voi stessi, allora albergate nella miseria, e sarete
miseria.

- Tommaso 3,4

Il primo passo per conoscere se stessi, è comprendere che si sta dormendo. Qualcuno potrebbe
facilmente obbiattare su questo punto, ed asserire in tutta certezza di non stare affatto dormendo,
ma di essere lì, proprio lì, davanti ad un monitor a leggere quanto v’è scritto. Potreste essere sicuri
ed arcisicuri che il vostro sedere sia poggiato sopra ad una sedia, poiché potete sentirne la
consistenza, avvertirne la parte “gommosa” del cuscino verso il suo centro, schiacciato dalla mole del

2 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

vostro peso. Potete avvertirne inoltre la parte leggermente più concreta, verso i suoi bordi, che si
staglia tra le pieghe del vostro cavo popliteo. In questo stesso momento, potreste vedere vostra
madre, vostra sorella o vostra/o moglie/marito, che stanno svolgendo dei compiti normalissimi,
come spazzare, pulire casa, guardare la televisione o quant’altro. Eppure tu, loro, noi tutti stiamo
dormendo, e credetemi se vi dico che in uno stato simile è impossibile accorgersene, ma è così. Tutta
la nostra manifestazione in questo sogno che chiamiamo vita o realtà, è un concentrato di azioni
meccaniche e meccanicistiche, a partire dal sentiero che ci costituisce, fino all’azione che crediamo di
aver compiuto poc’anzi. E in questo stato di sonno perenne siamo disposti ad accettare ogni tipo di
abberrazione possibile.

Ad esempio, sappiamo che due terzi del mondo muore di fame, e ciò non è assolutamente dovuto
totalmente ai problemi legati a quei luoghi, come ci viene costantemente detto. Io ho avuto
l’opportunità di visitarla un pò e di parlare con la gente del posto, e posso dire che da decenni
all’uomo “bianco” viene propinata la menzogna colossale che in Africa la gente muore perché non c’è
l’acqua. In realtà sono le multinazionali che detengono il vero potere in quei luoghi, foraggiando il
terrorismo o i dittatori locali per mantenerne il totale controllo, e utilizzando i suoi abitanti
unicamente per i loro esperimenti con medicinali che ancora non hanno ricevuto autorizzazione nel
mondo cosiddetto “civilizzato”. La situazione è in questo modo perché non c’è alcun interesse che
cambi! Ma come ho detto, noi stiamo dormendo, poiché chiunque fosse davvero sveglio a quest’ora
avrebbe già capito tutto questo e intrapreso la strada del “ritorno a casa”. Anche la sofferenza è
conseguenza del nostro sonno, la quale ci impedisce di cogliere la realtà oltre l’illusione! Chi dorme
soffre, mentre chi si sveglia apre il suo Cuore e vive nella gioia, perché vede cosa realmente sta
accadendo nell’Universo intero, scorgendo la sua assoluta perfezione in ogni sua più piccola e
macroscopica manifestazione. Noi non abbiamo paura dell’oscurità, ma bensì della nostra luce!

«Che cosa stia facendo la nostra “macchina” non fa alcuna differenza finché si è addormentati. I
nostri corpi sono stati progettati per dormire, non per svegliarsi. Per fare questo, dobbiamo andare
contro natura.»

- Robert E. Burton

Quando l’autore inglese David Icke, ferma l’attenzione sul fatto che l’Amore Infinito è l’Unica Verità,
non mente affatto, per quanto si possa non condividere altre sue affermazioni. Nell’arco dei milleni,
questo è stato detto in tutti i modi possibili e immaginabili, e noi abbiamo sempre continuato a
ignorarlo, “vivendo” un sonno che non ci appartiene. Non fa parte della nostra natura. Noi non siamo
quel sogno. Non siamo il nostro lavoro e nemmeno il nostro conto in banca. Prima lo capiremo, prima
svolteremo e ancor prima la Matrice sarà costretta a cambiare i suoi piani.

La realtà è una mera illusione, anche se molto persistente.


- Albert Einstein

In tutte le tradizioni esoteriche che davvero contano, a partire da quelle atlantidee, egizie, tibetane,
greche ed infine cristiane, si è sempre saputo che l’uomo DORME un sogno che è convinto di non
poter controllare, e di non aver alcun potere su di esso, ma si sbaglia! Quanta arroganza è
contenuta in un singolo uomo, che è convinto di essere un individuo mentre in realtà egli è una
moltitudine manifesta dello stesso “sé stesso”! Proprio così, io sono te. Tu sei me. In ogni forma e
manifestazione.

L’Alchimia Interna, è un lavoro di scienza avanzata su se stessi, non religioso.

Gesù disse, “Sappiate ciò che vi sta di fronte al volto, e cosa vi è nascosto vi sarà svelato.

- Tommaso 5,1

Pensate che queste frasi, sottointendano concetti diversi dall’esposizione di ciò che in realtà stanno
dicendo? Non esiste un’interpretazione diversa di questa frase! Yeshua dice esattamente quello che
c’è scritto! Sono sempre stati certi intelletuali, che hanno sempre assegnato significati diversi a ciò
che invero è già chiaro e lampante come il Sole! Tali informazioni venivano in forma exoterica date in
parabole, ma per far sì che colui che avesse avuto “orecchie da intendere”, tra la folla, avesse inteso!
Non cerchiamo sempre di interpretare secondo la Mente, poiché essa appunto… MENTE! Ma fatelo
attraverso l’intelligenza del Cuore. Proprio così! Sappiatelo! Affrontate l’oltre che c’è di fronte ai
vostri occhi, che ciò che essi vedono è in realtà un ridottissimo spettro di frequenze, interpretate
dalla corteccia visiva del vostro cervello! (fig. 1) Solo in questo modo la Matrice collasserà davanti a
voi e svelerà la sua vera identità, rispecchiando in questo modo la vostra! Occorre dimenticarsi di
essere, perché in in questo momento cari amici, non si è. Questa, “non è la vera carne”. La Terra è
una Prigione-Scuola Iniziatica per l’Anima.

3 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

fig.1

Gli esercizi che esporrò in questa serie di articoli, provengono direttamente dagli insegnamenti
atlantidei che sono stato guidato a cercare e a rivelare, poiché ora come ora non è più il momento di
tenere nascosto alcunché. E’ giunto il momento di rivelare il processo che conduce al nostro sé, che è
stato utile a molti. Tutti coloro dotati di un minimo di risveglio in atto, devono poterne fruire perchè il
tempo è maturo, e sta solo a voi voler intraprendere quel cammino.

Ma lo ripeto ancora una volta.

Chi non si riconoscesse in quanto detto fin’ora, e non intendesse procedere verso il “risveglio”,
abbandoni immediatamente questa lettura, perché come è già detto, una volta intrapreso
questo cammino, NON SI TORNA INDIETRO. Farlo, in molti casi (anche se non è detto in tutti)
potrebbe risultare fastidioso, perché il processo di trasformazione cellulare intrapreso non dovrà
assolutamente essere interrotto. Il vostro corpo cambierà, muterà davanti ai vostri occhi, anche
attraverso il dolore se è necessario! Man mano che la vostra coscienza si risveglia, e fa posto al
testimone che state crescendo dentro, esse necessitano di un corpo nuovo e purificato. Vi sembrerà
di essere ammalati a volte, di non capire cosa vi sta succedendo e persino altre volte vi parrà di
morire da un momento all’altro. Vi sembrerà che il vostro corpo non risponda più ai comandi. Ciò, vi
spingerà oltre il limite della sopportazione, poiché nessun dottore al mondo potrà spiegarvi le ragioni,
se non quelli della medicina “vibrazionale”, poiché gli esami che l’allopatico vi manderà a fare non
indicheranno un bel niente! Inoltre durante questo processo, una volta accertato e assodato dagli
esami che non avete nulla, non dovrete assumere farmaci, poiché alcuni di essi potrebbero
interrompere qualche processo in atto. Questo percorso non intende per nulla sostituirsi a una terapia
medica, perciò chi in questo momento dovesse vivere una condizione disagiata per via di una qualche
malattia/disarmonia, non incominci assolutamente. Per coloro che invece intendono percorrere
il labirinto, dovrete stare sempre sereni, poiché non starete assolutamente per morire. I vostri
corpi superiori sanno benissimo cosa devono fare. Lasciateli operare e abbiate FEDE in loro! Ciò
significa “Avere Fede”! Una volta completato il processo, sarà esattamente tutto l’opposto dello stare
per morire.

Tutto quanto da me esposto a riguardo, l’ho sperimentato personalmente, ma vi ho avvertiti. In


coscienza la responsabilità ricade solo su voi stessi e dalle scelte che operate.

ESERCIZIO I

Ecco l’esercizio da svolgere per le prime due settimane: “Ricordarci di noi”. Come ci si ricorda di
noi? E’ importante mantenere il pensiero fermo su un “centro di gravità permanente”, e cioé voi
stessi. Come è possibile farlo? Non certo meditando e basta! Ma cercando di osservare senza giudizi
ciò che stiamo facendo in quel preciso momento. Se ci stiamo lavando i denti, ad esempio, occorre
spostare l’attenzione verso noi stessi e ripetere “Adesso mi sto lavando i denti e sono presente. Mi
sto ricordando di me, non sono distratto/a da nient’altro.” Questo processo va ripetuto per ogni
azione che intendiamo compiere nei vari momenti della giornata. Più creiamo spazi per ricordarci di
noi, prima creiamo «il testimone».

Il significato nascosto della vita sulla Terra è la creazione di un’anima attraverso l’instancabile
“processo del ricordo di se”. Il ricordo di se, è il solo fenomeno che domina il tempo e la morte.

- Robert E. Burton

Ricordarsi di sé significa essere presenti, rimanere nel qui-e-ora, evitando di vagare con la mente da

4 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

un pensiero all’altro, da un’immagine all’altra. L’attenzione è rivolta a noi stessi e all’azione che
stiamo compiendo.

- Salvatore Brizzi

Lo scopo di questo esercizio è fissare dentro di noi il concetto che NON SIAMO I NOSTRI
PENSIERI, difatti l’osservatore e l’osservato non possono essere la stessa identica cosa. Avvertire a
fondo cosa sia la «Presenza» del QUI e ORA, e quale differenza passi tra i momenti in cui abbiamo
ricordo di noi, e perciò siamo presenti, e i momenti in cui viviamo nel sonno spostandoci da un
pensiero all’altro come marionette in balia della nostra mente. Imparare a focalizzare l’energia
dell’intero essere su un dato obiettivo. Entrare in possesso delle cosiddette Siddhi (i poteri), quali la
visione astrale, i sogni lucidi, il viaggio astrale, la lettura del pensiero, le comunicazioni telepatiche e
molto altro ancora. Ma attenzione però! Le Siddhi sono solamente effetti collaterali del Risveglio, e
non il Risveglio a Cuore aperto! Fate attenzione a non lasciarvi ammaliare troppo da esse, poiché
sono l’ultima spiaggia della Matrice per tenervi incastrati nel dolore e nella sofferenza.

Qualcuno potrebbe disquisire ed affermare: “Be? Tutto qui? Devo solo ricordarmi di me stesso?!” Se
pensate sia semplice, cari amici, vi sbagliate di grosso. Ricordarsi di Sé richiede una notevole forza di
Volontà, allora scoprirete quanto la Volontà e l’Amore siano intrinsecamente legate. Certo, Potreste
sicuramente rispondermi: “Hei, guarda che io la posseggo una Volontà!”. alché risponderei di ritorno
“No caro amico mio, noi non siamo proprio in possesso di quel qualcosa che definiamo come Volontà.
Ciò che crediamo di possedere come Volontà, ne porta solamente il nome”. Poiché se ne fossimo
davvero in possesso, semplicemente smetteremmo di fumare invece di provarci, oppure non ci
lasceremmo trasportare da una rabbia feroce per un parcheggio che ci è stato “usurpato” davanti agli
occhi. No, noi non possediamo una Volontà, o un Libero Arbitrio fintanto che non abbiamo un ricordo
di noi ben stampato sulla fronte. Occorre generare quello che in oriente veniva chiamato «il
testimone», ovvero colui che si frapponga tra la nostra attività corpoera e mentale, collocandosi
progressivamente al di là della nostra personalità.

Ricordatevi che questo Lavoro non è adatto per coloro che possiedono una mentalità cosiddetta
“aziendale”. E’ imperativo comprendere, che non ci si deve assolutamente aspettare alcun risultato,
ma occorre sempre compiere «lo sforzo» senza aspettarsi niente in cambio. Siete in grado di reggere
la sfida con voi stessi? Questo sforzo a lungo andare, in apparente mancanza di risultati concreti,
rischia di diventare deleterio e ci sembrerà di stare perdendo il nostro tempo. Esistono persone
completamente refrattarie a qualunque risultato, inizialmente, poi un bel giorno… tac! Il loro Cuore
senza alcun preavviso si apre, e l’immortalità dell’Essere pienamente incarnata fa breccia nel mondo
fisico. Dovrete sempre sostenere con l’Amore privo di dubbio, il lavoro “eroico” che avete intrapreso.
Sempre! Perciò il motto da ricordare sempre è “Sforzo, non risultati”.

«Quando siete desti potete fare qualsiasi cosa meglio, ma per arrivare a ciò occorre molto tempo.
Quando vi siete abituati a ricordare voi stessi non sarete capaci di comprendere come abbiate potuto
lavorare fino a quel momento. Ma da principio è difficile lavorare e contemporaneamente ricordare
se stessi. Tuttavia sforzi in questa dimensione danno risultati interessantissimi: non c’è alcun dubbio.
Tutta l’esperienza di ogni tempo mostra che questi sforzi vengono sempre ricompensati.»

- P.D. Ouspensky

L’esercizio del ricordo di se, è un processo che attiverà in noi delle nuove sinapsi, che si
manifesteranno spesso con la fuggevole percezione di piccoli flash con la coda degli occhi, facendovi
girare spesso la testa in direzione di quei flash, credendo di aver visto qualcosa o qualcuno aggirarsi
intorno a voi. Non preoccupatevi assolutamente, coloro che hanno già sperimentato il “risveglio”,
conoscono benissimo questi effetti. Non starete avendo le traveggole. In realtà i flash saranno
interni a voi e non esterni, e saranno la conferma che qualcosa in voi sta mutando. Durante questo
processo avvertirete inoltre uno stato di lucidità percettiva molto evidenziato e sostenuto, attraverso
il quale potrete risolvere problematiche che prima vi sembrava difficoltoso risolvere, aumentando in
maniera esponenziale le vostre capacità intuitive ed elaborative.

In ogni caso, non spaventatevi mai, sappiate che non siete MAI SOLI, e ciò che vi accadrà durante la
purificazione, è già stato esperito da molte altre persone, e in molti passaggi anche dal sottoscritto.

Com’è possibile eseguire questo processo per due settimane intere, quando dobbiamo occuparci di
eseguire anche altri compiti, come ad esempio il proprio lavoro? Prima di porci questa domanda
dobbiamo metterci assolutamente in testa che questo processo è tutt’altro che semplice, come dicevo
poc’anzi. Il Ricordo di Se, è quella cosa che dagli antichi alchimisti veniva chiamato «il Regime»,
«l’Agente Universale», «il Fuoco Lento» a cui la materia della nostra personalità deve essere
sottoposta per la sua trasmutazione. E’ la forza che consente all’alchimista di mutare il suo Piombo
Interiore in Oro. Ma vedrete quanto sarà complicato, mantenere il Ricordo su di Se! In molti casi vi

5 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

apparrà addirittura impossibile, e non vi ricorderete affatto di farlo, tanto la mente difende se stessa,
abituata com’è a saltare avanti e indietro, nel passato e nel futuro, come la testina laser impazzita di
un lettore CD. La strada verso il risveglio della coscienza, non è uno scherzo, o qualcosa che si
intraprende tanto per sentirsi diversi dagli altri, anzi è in realtà un atto di UNIFICAZIONE con gli altri
sé. E’ un vero e proprio atto di trasformazione, e non va preso alla leggera per nessun motivo al
mondo. Perciò, l’iniziando che intende procedere verso questo cammino, deve eseguire l’esercizio del
Ricordo del Sé, con la massima dedizione e devozione. Non occorre l’isolamento totale, purché
quando avete finito di interagire socialmente con qualcuno, cerchiate sempre di creare dei momenti
in cui centrarvi su voi stessi.

Non si ottiene la chiave semplicemente facendo venti o trenta minuti di meditazione al giorno, o
cantando qualche bel Mantra. A parte una buona presenza di sé, e una forte sensazione di
rilassamento e pace interni, questo non porterà mai al cambiamento del proprio corpo, che
solamente dopo sarà in grado di ospitare l’Essere, e chi ospita l’Essere ha una grandissima
responsabilità nei confronti di se stesso e di coloro che gli stanno intorno. La meditazione è sì un buon
metodo, ma è un metodo che persiste nel mantenervi nell’illusione terrestre: CHE E’ UNA
PRIGIONE.

Prendete seriamente questo esercizio, oppure non fatelo, per nessun motivo al mondo. Anzi!
Scordatevi proprio quanto detto. Prossimamente, arriveranno gli altri esercizi.

LIBRI CONSIGLIATI

[1] Rifare l’Italia

Le leggi dello spirito applicate a politica e società

Salvatore Brizzi

[1] Compralo su il Giardino dei Libri

[2] La Porta del Mago

La magia come via di liberazione

Salvatore Brizzi

[2] Compralo su il Giardino dei Libri

[3] L’Alchimia come via per la felicità incondizionata - Officina Alkemica

Salvatore Brizzi

[3] Compralo su il Giardino dei Libri

[4] Risveglio

Con esercizi delle Antiche Scuole Esoteriche

Salvatore Brizzi

[4] Compralo su il Giardino dei Libri

[5] Share

6 of 7 09/10/2008 12.41
AutomiRibelli.org » Print » Conoscere se stessi http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/print/

Article printed from AutomiRibelli.org: http://www.automiribelli.org

URL to article: http://www.automiribelli.org/2008/08/conoscere-se-stessi/

URLs in this post:


[1] Image: http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__rifare_italia.php?pn=584
[2] Image: http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__porta_del_mago.php?pn=584
[3] Image: http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__officina-alkemica.php?pn=584
[4] Image: http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__risveglio.php?pn=584
[5] Share: http://www.automiribelli.org/?ibegin_share_action=share&id=34

Copyright © 2008 AutomiRibelli.org. All rights reserved.

7 of 7 09/10/2008 12.41