Sei sulla pagina 1di 11

NOMADISMI SUPERFICIALI

ALLA CONQUISTADELLA TERRA!


La Psicogeografia dei Condividui Neoisti
attraverso la Guerra Psichica

"Leggere in perpetuo il libro della gioia non basta.


Di tutti i viaggiatori che si affannarono su questa infinita strada nessuno è tornato a rivelarcene il segreto.
Allora non tralasciare niente di questa baraonda."

Omar Khayyam, Il Deserto del Nulla

"Laddove il filosofo cede ivi s'apre la possibilità del nomade"

Toni Negri, Il lavoro di Giobbe

"Io sono il numero zero/ facce diffidenti quando passa lo straniero la tensione in strada sale a mille/ vivo
questa situazione sopra la mia pelle giorno dopo giorno/ notte dopo notte resto all'erta guardo le mie spalle
anche se la strada è deserta e un guaglione mette a fuoco il suo pensiero/ resto fuori perché io sono lo
straniero."

Sangue Misto, Lo Straniero

"L'unica cosa certa è che non sai più che cazzo fare, non sai più dove cazzo andare. Lungotevere Dorme
Ancora..."

PVC, Nuovi Alfabeti

1.Nomadismo è uno di quei concetti che realizza la propria promessa quando si sbarazza di chi lo pensa, di
chi lo contempla e di chi ne parla. Chi poi ci ha costruito intorno la propria identità d'intellettuale
bello&estremo era già da tempo fuori gioco. Chiunque sia stato moltiplicato dal delirio, si sia ritrovato come
una muta nel Deserto del Nulla sa bene che il nomadismo, quando non è solo una formula miracolante per
filosofi, è una Pragmatica. Lo spazio liscio della steppa o del deserto si dispiega solo a partire dai movimenti
finiti che lo percorrono, dal nomade che lo interpreta, che lo canta e che lo legge, è la creazione di un sogno
e nel sogno rischia sempre di dissolversi. Chi attraversa lo spazio liscio o impara alla svelta a prosperare sul
Caos o prima o poi ne verrà sopraffatto, chi arriva a chiedere "un po" di ordine per proteggerci", "che le
nostre idee si concatenino seguendo un minimo di regole costanti" in modo da impedire "alla nostra
"fantasia"(il delirio, la follia) di percorrere l'universo in un istante per generarvi dei cavalli alati e dei draghi di
fuoco"(Dolce&Gabbana- E che sarà mai la filosofia!) ha perso la propria occasione, si è ritirato un momento
prima di essere schiacciato dal peso della propria creazione.Ho dunque capito che la filosofia è una trappola
quando si ha a che fare con il Caos. D'ora in poi non avrò più bisogno di una Nomadologia, non accetterò più
scontri ideologici (se non con avversari che reputo veramente seri, per esempio Il Papa, Nando Vitale e Ron
Hubbard), non ascolterò più nessun intellettualle bello&estremo, prenderò solo quel che funziona con il mio
progetto: l'affermazione rivoluzionaria e con-dividuale della gioia. Il mio è pragmatismo desiderante, un
percorso che mi sta già procurando parecchi strumenti e tecniche. Prosperare sul caos è possibile, ma non
chiedendo regole, bensì sedimentando uno stile, un'autonomia. Le mute nomadi non hanno certo vita facile
nello spazio striato delle metropoli, uscire dal deserto psichico in cui sono relegate per il loro coraggio di
disprezzare e scarnificare il Codice del Dominio implica uno stato di guerra permanente, una Guerra Psichica
nella quale è in gioco la costruzione di un campo Geo-Autonomo differenziale. È la guerra per lo stile, per la
possibilità di diventare chi siamo. È la guerra per uscire dal nichilismo forzato e produrre nuove ecologie
affettive. Creare nuovi mondi. Cantando.
2. Nella teoria radicale si è sempre fin'ora ricorsi all'esistenza di qualcosa in sé che non fosse stato ancora
colonizzato dal rapporto sociale capitalistico, si è sempre ricorsi ad una quintessenza rivoluzionaria che
restituisse l'Orizzonte Assoluto. Nei situazionisti quando non era "l'inconscio rivoluzionario" era "la
soggettività radicale e irriducibile", nei comontisti "la realizzazione del valore d'uso", in J.Camatte "il
desiderio di vivere della specie", in G.Cesarano e G.Collu e nei negazionisti "la rivoluzione biologica che parte
dal corpo, dalle sue potenzialità organiche", ecc. La ricerca del Graal rivoluzionario da quando si è costituito il
Network Neoista degli Eventi si è però definitivamente dislocata. C'è chi continua disperatamente solo a
pensarla, magari usando concetti più convincenti come "desiderio produttivo" o "immanenza totale" per
imporre la nuova "rivoluzionarietà", anche "nomadismo" è ormai abusatissimo in questo senso e comincia a
dare la nausea. I Templari Neoisti hanno smesso invece di servire il Graal e hanno cominciato a servirsene.
Hanno rotto con il codice della cavalleria iniziando una nuova ricerca radicale, una ricerca che fonda in
progresso il proprio Orizzonte Assoluto creando, in un processo surrazionale di costituzione del piano
d'immanenza, nuovi vicinati tra i concetti, tra gli eventi e tra gli affetti. Il piano d'immanenza emerge sotto i
piedi dello psicogeografo che è in deriva e in qualche modo è la deriva stessa, se questa opera nuove
connessioni, produce un nuovo modo di abitare. La Pragmatica è l'arte di abitare l'emergenza, è l'arte della
Guerra Psichica. Laddove gli eventi hanno preso a scioperare, non c'è più niente da contemplare. Si tratta
invece di lanciare i concetti sul piano, che è come dire esplorare, muoversi, trovare i pezzi per montare
insieme macchine da guerra e d'amore mai viste prima. È ancora la "psychogheogràfia" dell'Iter Aeternum di
Hugues de Payen che portò i Templari a cercare il passaggio a Nord-Ovest comunicando e scambiando idee
con popolazioni ritenute barbare dall"intera Europa.
Non servono più dunque la quintessenza rivoluzionaria e il pensiero nomade che si spaesa unicamente nelle
derive mentali per trovare un fuori, l'esteriorità del nomade è sempre sulla superficie, sulla terra e se sulla
terra ha fatto ormai corpo pieno il Capitale Totale, allora quest'esteriorità coinciderà con una destratificazione
che permetta al nomade di affermarvi il movimento della propria corporeità insurrezionale. Ma
quest'esteriorità è anche un'estrema leggerezza che rende il movimento più veloce ed efficace, è anche il
superficiale. "Il superficiale è la libertà. La profondità si nasconde, l'altitudine sfugge. Resta la superficie,
infinita e finita. Ciò che emerge, ciò che sale dalla profondità, ciò che discende dalle altezze, solo questo
conta. I filosofi lo hanno mal compreso e hanno scagliato anatemi sul superficiale, mentre altri, letterati,
pubblicisti, lo hanno convertito in retorica. Altezza e profondità affascinano. La superficie sola incanta. Tra il
tutto e il nulla c'è qualcosa. Questo: la superficie"(Henry Lefebvre-Il Manifesto Differenzialista). Dunque io
non desidero altro che superfici geografiche e psichiche da esplorare e reinventare: le superfici della
metropoli e quelle della con-dividualità. La mia pratica dell'esteriorità è la Psicogeografia Neoista.

3. I surrealisti ripresero l'idea dei Templari che la coscienza di un territorio non fosse data solo dalla sua
descrizione basata sugli aspetti fisici che lo caratterizzano esteriormente, ma soprattutto da quella basata
sugli stati emotivi e cosmici che implica il suo attraversamento.
Quest'idea unita all'automatismo psichico diede vita al gioco della Deambulazione Surrealista, nel quale
amavano dilettarsi per le strade di Parigi Breton e discepoli. Quando alcuni surrealisti si stufarono di imitare
l'Ultima Cena alla quale André Breton li costringeva ritualmente ogni sera, riunendoli intorno ad un aperitivo
in guisa di Calice, al fine di perfezionare il Dogma, celebrare i martiri, condannare i reprobi e svolgere
qualche giochino sperimentale idiota, fu automatico l'uscir di casa e andare a fare 4 passi per divertirsi. Era
chiaramente un pretesto per cercare belle ragazze, visto che a queste cene non erano ben viste una Meret
Oppenheim o una Leonora Carrington.Come al solito Breton dovette far quadrare la novità e inserì la
Deambulazione Surrealista tra le tecniche necessarie alla realizzazione della quarta virtù teologale
surrealista: l'Amore. I discepoli a quanto pare non sempre lo seguivano, lo dimostra questa bellissima poesia
psicogeografica di una delle personalità più radicali del surrealismo, Benjamin Péret:

Aggancia un lampione al tuo cazzo


e và
ma drizzati
Che la Tour Eiffel stupita si nasconda nel culo del Trocadero
che la Senna eccitata
inondi la rue Trouse-Nonains (1)
che i pali telegrafici
scarichino i loro dispacci nella bocca di una fogna
che la tela di Jouy (2) giaccia svuotata
sui materassi sventrati
E non fermarti così Drizzati perdio
che la panettiera sostituisca il panettiere con il suo pane
e che questo pane violenti tutte le vergini della città
Drizzati ancora sfonda i tabernacoli (3)
fotti la ghigliottina
così che decapiti il boia
Drizzati di più sempre di più
che il tuo cazzo grondi come un torrente
Allora te ne andrai sul boulevard
preceduto dalla nomea del tuo uccello
e tutte le donne ti lanceranno bianchi coriandoli
il loro.
Il motto segreto della Deambulazione Surrealista divenne "Se navigherai il tuo cazzo ti farà da
timone"(Benjamin Péret in Les Rouilles Encagées). Il grande problema dei surrealisti in questo gioco era
costituito dalla forte componente stocastica che, evidentemente a forza di scongiurare che gli si 'Drizzasse', li
faceva finire spesso noiosamente "in campagna tra polli e ortiche"(L.Blissett-Fotti il Pizzardone Astratto).

4. Isidore Isou e la sua compagnia lettrista raffinarono la tecnica potenziandola con la teoria sovversiva
dell''architettura infinitesimale', un'anti-architettura composta di costruzioni o elementi di costruzione(visibili
o invisibili) detournati da ogni senso abituale, e eliminando ogni traccia di automatismo. L'architettura
infinitesimale avrebbe aperto 'il problema della trasposizione dei sensi che consiste nella sostituzione di un
organo con un altro, bisogna inventare delle costruzioni da toccare per agire sui sensi uditivi, e da guardare
per agire sul nostro odorato o sul nostro gusto'(I. Isou- Manifesto per lo Sconvolgimento dell'Architettura). Si
trattava già di psicogeografia. Con la Deriva Lettrista apparve per la prima volta l'esigenza di azzerare lo
spazio tramite un "bouleversement" psichico della città che permettesse la realizzazione della "creatività
pura", la terra doveva far corposenzorgani con il nomade, non si trattava più di un automatismo psichico ma
di un divertente gioco per indizi, di corrispondenze tra psiche e territorio, di infrazioni e nuove connessioni. Il
processo di destratificazione però scelto era troppo selvaggio e mancava ancora della consapevolezza con-
dividuale dei Neoisti. La Deriva Lettrista consisteva dunque in una semplice passeggiata che favorisse
l'ispirazione per la costruzione di una nuova città che avrebbe coniugato il progetto di "Sconvolgimento
dell'Architettura" con "l'Ipergrafologia", la corrispondenza psico-geografica, dove le forme delle costruzioni
sarebbero diventate segni, o elementi dell'insieme dei caratteri fonetici, lessicali, ideografici.
Isidore Isou fu senza dubbio un esaltato visionario che a modo suo riuscì ad azzeccare molte delle tematiche
che di lì a poco sarebbero divenute dominanti. La sua teoria della "creatività pura", ovvero la condizione, del
tutto sottovalutata dagli economisti di allora, con cui i giovani cercavano di sfuggire alla loro "esternità" al
circuito di scambio, oltre ad essere alla base dell'attuale teoria Geo-Autonoma di cui scriverò più avanti, mi
fa capire perché le Derive dei Lettristi dovessero essere così divertenti come raccontano alcune loro vecchie
conoscenze, i Vecchi Saggi ed Emarginati dell'Osteria Senza Nome di S.Lorenzo a Roma. Immaginate il
centro storico della Parigi degli anni '40 invasa da gruppi di ragazzetti scoattanti senza alcuna voglia di
lavorare, vestiti con strane magliette piene di scritte, che fermavano i passanti regalandogli sassi spacciati
come comete e meteore con le quali realizzare le nuove costruzioni da sottrarre alla progettazione degli
architetti, che riempivano i muri di poliscrittura e che, armati di tutto ciò che il caso gli forniva, inventavano
ogni giorno modi nuovi di sabotare lo spazio surcodificato della città! Di tutto questo è rimasto poco o niente.
I Lettristi di Isou rischiano di essere ricordati nella cultura pop solo come gli antesignani dei writers, i quali
hanno inverato l'ipergrafologia non in una "meta-estetica integrale" come nel progetto originale, ma in uno
stile di vita, con il bombing al posto della poliscrittura, e gli inventori della t-shirt caratterizzata. Un po'
pochino! E questo perché lo spasso finì un bel giorno con l'adesione al Lettrismo di un giovane avido di
affermazione personale come Guy The-Bore, il quale, fra i tanti colpi bassi, riuscì ad imporre nella definizione
del termine "psicogeografia" l'uso della frase "Studio degli effetti precisi dell'ambiente geografico". Con una
definizione del genere la psicogeografia divenne per molto tempo solo il metodo per la cricca del The-Bore di
affermare l'oggettività delle proprie ridicole tesi sull'Urbanismo Unitario, un metodo odioso per convincere i
rivoluzionari che la città era abitata esclusivamente da branchi di cani bavosi che sarebbero passati presto
dal campanello della produzione capitalistica dello spazio a quello dei situazionisti, magari poiché belli,
intelligenti e con qualche attitudine al superamento. Ma il Network Neoista degli Eventi di recente,"allo scopo
di facilitare la fondazione di una Nuova Internazionale Lettrista, ha ritenuto positivo inaugurare la Sedia dei
Bardi di Caer Ruis, situata nell'Isle of Dogs", "aprendo", così, "una fase amplica dell'attività psicogeografica
neoista" (Transgressions, A journal of urban exploration). La Psicogeografia Neoista riparte da dove The-Bore
ha iniziato e raccoglie laddove The-Bore ha sputato, nella Situlogia Nashista, nel Differenzialismo di Lefebvre,
nei piccoli gruppi situazionisti eretici che fondarono il Pop Esoterico degli anni '60 e nell"underground dei
Motherfuckers.

5. Un breve cenno merita anche la Psicogeografia Estrema dei Comontisti. Il movimento comontista, nato
verso la fine del '71 dallo scioglimento dell'Organizzazione Consiliare, riprese la psicogeografia degli
spectosituazionisti e la radicalizzò utilizzandola come una delle tecniche per la riappropriazione della città da
parte del proletariato fattosi teppa urbana, tecnica che ha senso se messa all'interno del complesso e
interessante discorso sulla "lotta criminale contro il Capitale"(Comontismo per l'ultima Internazionale).
I Comontisti non solo vivevano i cortei come enormi derive psicogeografiche di massa dove il superamento
dell'arte avveniva tramite "il gesto esemplare", rompendo vetrine, saccheggiando negozi, rovesciando
automobili e utilizzando il corpo inorganico del poliziotto come territorio creativo, ma organizzavano anche
"ronde" psicogeografiche notturne nelle quali si tentava di inverare nella città la teoria del "Crimine
Generalizzato". Questa psicogeografia è determinante per comprendere il recente sviluppo del fenomeno dei
Rave Riotz, della Techno Co-attitudine e di certe degenerazioni estremiste della psicogeografia all'interno del
Luther Blissett Project.

6. Quel che ho letto fin'ora sul nomadismo metropolitano non sembrava granché vissuto. Perché nessun
intellettuale racconta le proprie esperienze di delirio in una Randonee Frattale? Perché si ha il coraggio solo di
mettere insieme movimenti finiti in fragili interpretazioni che servono ancora a rassicurare l'idea di sé? Non si
accorgono gli intellettuali belli&estremi di far venire fuori scritti che non dicono nulla di passionale sul
nomadismo? In questo modo stiamo perdendo tutti la possibilità di una sua affermazione politica. Il
nomadismo è un'intuizione preziosa che rischia di non avere la forza necessaria a spostare la rotta per il
terzo millennio verso il passaggio a nord-ovest, che rischia di non produrre gli eventi necessari a scatenare la
probabilità dei nuovi mondi. Invece di star "sempre a interpretare le nuvole in cielo e a contarci i peli del
culo" (Piombo a Tempo) affondassero più spesso la faccia nella carne stressata della città, si accorgerebbero
che è in corso una guerra che mette a dura prova l'equilibrio psichico delle persone. Ma forse lo sanno già ed
è per questo che hanno scelto il kitschume intellettuale. È una Guerra che non si può ridurre ad una "Guerra
dell'Informazione" o a una guerra iperreale immaginistica e interiorizzata psicologicamente, a una "Guerra
Pura". È una Guerra Psichica dai risvolti spesso inspiegabili, dove tutto è vero se ci credi, dove per
combattere non si può credere più a nulla, dove non credere più a nulla porta a non potere più controllare gli
eventi. Sembra non esserci via d'uscita, vendere l'anima alla merce o il rischio della malattia psicosomatica,
della catastrofe, dell'imprevisto, della pazzia. Il Nomadismo Psichico&Geografico è l'esplorazione febbrile
attraverso questa Guerra per dotarsi delle nuove armi con le quali battersi per il proprio mondo e fondare la
caosmosi cooperativa dell'attività umana. Il metodo della ricerca è la Surrazionalità. Nella Società dello
Stress stiamo diventando tutti flusso-patici, chi si sia lasciato prendere completamente dalla febbre flusso-
patica del dettaglio e abbia navigato per la città giorni interi esplorando l'incredibile realtà del feticismo
urbano avrà facilmente compreso che se da una parte è vero che non c'è più nulla in cui si possa credere,
dall'altra è vero anche che, proprio per questo, tutto sembra a portata di mano e possibile. Ovunque vi sono
indizi, tutto è generoso sapendo surfare sul Caos.
La follia striscia serena nella Metropoli ed è attraverso il rispetto per la follia che il Surrazionale entra nel
mondo delle micrologie, produce un continuum psichico, una fluidità non informe del pensiero e dei
movimenti che lega secondo una logica soggettiva le impressioni date dagli sguardi sui dettagli
dell'architettura, della segnaletica, della merce, dei suoi santuari e delle sue rappresentazioni, dei corpi, dei
loro vestiti e dei loro macchinismi di seduzione, lasciando che il senso venga da sé in un perpetuo divenire
seduttore, divenire vamp, divenire mago, divenire messia, divenire wonderwoman, divenire animale, divenire
comunista, divenire femminista, divenire cazzo, divenire figa, divenire culo, divenire tette, divenire
macchina-da-sesso, divenire saggia, divenire drogato, divenire Sonic, divenire guaritore, divenire Luther,
divenire parete, divenire palazzo, divenire vegetale, divenire albero, divenire ombra, divenire semaforo,
divenire fiore, divenire barbone, divenire ladro, divenire-quel-che-ispira-la-felicità. Ogni volta ci credi ed è
un'esperienza affascinante e misteriosa. Ogni volta ti sembra la verità e allora tutto ti sembra vero. Prima un
dettaglio poi un'apnea dove si produce un'immagine dotata di senso, un flash, poi un altro dettaglio, così a
caso, e un altro flash, poi una logica che leghi i due flash, all'infinito fino a impazzire, fino a un divenire-altro
(alienato?), a non essere nessuno, completamente in balìa del caos. Tutto questo ogni volta ti porta ad
un'intuizione, a qualcosa di amaro perché importante e sensato ma che non sai se da lucido potrai prendere
sul serio senza correre il rischio di dissolverti in una particella psichica, a qualcosa che sembra corrispondere
con un aspetto occulto del reale, ad un suo segreto. Ogni volta un mondo possibile. Il surrazionale produce
dunque un flusso continuo, non lo interrompe mai, ma lo corregge a seconda del proprio gusto, delle proprie
aspettative, delle proprie tensioni, del desiderio e del bisogno. Ogni flash non è concatenato
automaticamente all'altro, l'istante di sogno dal quale emerge la suggestione ti dà sempre la possibilità di
tornare sognante sulla superficie per interpretare attraverso una nuova suggestione e scegliere, facendo del
flash una sorta di Monade Temporanea. L'insieme delle monadi temporanee concatenate produce un
cordone, un vinculum substantiale che a sua volta è una Monade Temporanea o una Polimonade. Questa
monade va poi trasformata alchemicamente sul piano della Pragmatica, nel quale i singoli flash interpretati
vanno ora sperimentati secondo le ipotesi più probabili e inverabili e nel quale essa non si ricostituisce ma si
lascia aperta in tensione con la verifica della soggettività razionale&tecnica e con il divertimento condividuale
della superficie, del nomade danzante. La sensazione di star giocando con cose troppo più grandi di noi si fa
spesso forte, c'è qualcosa di inspiegabile. È come se più persone che producano lo stesso sogno in qualche
modo lo inverino. Chi produce sogni e ci si perde da esploratore restringe il campo delle probabilità fino a
essere il sogno stesso, questo è il Creazionismo! Non c'è bisogno per forza di sostanze alteranti, siamo tutti
così stressati che bastano solo un po' di martellate alla propria identità razionale.
Questa forma di de-controllo controllato è importante saperla sperimentare anche da soli, è un'ottima tecnica
contro le paure e i flussi di freddo che attraversano il corposenzorgani, ma per superarsi e rinunciare
definitivamente al processo che segue ogni volta di auto-in-dividuazione è necessaria una muta, un'ecologia
di affetti nella quale creare il con-dividuo. Nietzsche in Umano, troppo umano accenna ad "un'autoscissione
dell'uomo" attraverso la quale "l'uomo ama qualcosa di sé, un pensiero, un desiderio, un risultato più di
qualche altra cosa di sé", in questo modo tratta se stesso "non più come individuum, ma come dividuum".
È ancora il possedersi dell'Unico stirneriano, si lotta certo contro l'individuo liberando l'inclinazione verso il
con-dividuo, ovvero verso la muta dei dividui, ma "abbandonarsi ad essa, con tutte le conseguenze, non è
comunque 'non-egoistico'". Nel con-dividuo vi è l'auto-fondazione di un mondo, di una verità con la quale
affrontare la Guerra Psichica, ma sia chiaro che è solo una macchina corazzata per l'attraversamento e per la
raccolta degli elementi necessari a entrare in comunicazione con altri condividui e a preparare le detonazioni
decisive. L'autoscissione dell'uomo, prima solo requisito del genio, diventa ora intelligenza
generale&plagiarista potenziale ed è quel processo che Camatte ha definito con tutt'altre intenzioni "il
movimento della separazione arrivata al suo massimo compimento" nel quale "la scissione che si operava
all'esterno è diventata interna". "Nella schizofrenia che si sviluppa sulla base della frattura (Spaltung) che
l'uomo non può più dominare gli elementi da essa separati tendono ad autonomizzarsi e a porsi ciascuno
come il vero essere". Il Capitale si è antropomorfizzato perché l'umanità non ha potuto evitare il proprio
divenire-Capitale, tutti i dispositivi sintetici come L'Ideologia, Lo Stato, Il Lavoro, La Politica, La Legge, La
Chiesa, ecc. sono divenuti dispositivi che servono solo a scongiurare la Pazzia Collettiva Rivoluzionaria, la
Grande Febbre Feticistica. L'Essere Capitale ci sta succhiando le energie ma ci sta costringendo anche a
diventare tutti più sensibili, più mentali, forse perché ormai non siamo altro che la mente del suo ingestibile
ed immenso CorpoSenzOrgani e i nostri corpi sue cose come tutto il resto. Questo significa forse rassegnarsi
a diventare tutti cose senzienti? Certamente no! È meglio approfittarne per diventare condividui, è molto più
divertente! Insomma chi cerca di diffondere il nomadismo solo a parole, fosse anche un onesto nomadismo
psichico delle idee, è un ipocrita che sa benissimo di voler scongiurare all'infinito l'intuizione iniziale.
Preferisce perdere tempo in esercizi di logica accademica e fare corpo pieno sul concetto piuttosto che sul
Pragma, celebrando in questo modo ancora una volta l'in-dividuo separato, chiuso nel culto di se stesso e
dipendente dalla sicurezza che gli offre una riconoscibilità relazionale mediata dalle immagini: il kitsch. Chi si
comporta in questo modo ha perso (o non ha mai avuto) la fiducia nel proprio genio poiché evidentemente
ha sempre rimosso la possibilità di essere un plagiarista, ovvero un genio come tutti. Si rifiuta di riconoscere
alla maniera del nomade (il) Dio in se stesso e quindi non può che accontentarsi di un misero culto di se
stesso. Divenire-Dio ha molto a che fare con l'Essere Umani, mentre divenire-il-culto-di-se-stessi ha troppo a
che fare con l'essere dei simulacri, ombre tristi o bimbi rancorosi che non vogliono crescere, mascherati da
adulti responsabili, quasi che l'essere umani negasse la possibilità di essere bambini. Certo tra gli umani il
bambino spunta fuori solo nella banda, nel condividuo, nell'ecologia affettiva e gode solo nella distruzione
della mediazione delle immagini mitiche e nella ricostituzione della mediazione dei feticci. I Post-Umani e il
loro corpi post-organici sono ombre in fuga.
All'interno di una trama connettiva condividuale, in un vero e proprio Condividuo, ad esempio Luther Blissett
o Monty Cantsin, come in una Deriva Illegale, in un Rave Party, nell'evento di un C.S.O.A., in una partita
di 3-Sided Football o Psy-Kick Soccer, in una bella festa, in una Tribe o in una Ballotta, in un gruppo post-
politico, in una bbs libertaria e in ogni macchina consapevolmente armata per la gioia e contro l'alienazione,
il feticismo smette di avere un potere autonomizzato dagli affetti e ne diventa il mezzo di comunicazione
principale fino a restituire nella sedimentazione progressiva di uno stile e di un'autonomia relativa la
speranza rivoluzionaria del Gemeinwesen. Dunque nella Guerra Psichica il nomadismo è l'attitudine, la
surrazionalità il metodo e il condividuo la macchina astratta autonoma.

7. Il mio nomadismo mi sta portando all'elaborazione di molteplici piani surrazionali d'interpretazione


dell'esperienza attraverso i quali favorire la produzione di Macchine-da-Guerra Psichica: Catapulte per il
Panico Mediatico, Arieti autoimprenditoriali per la Rete delle Imprese/Intraprese Politiche Autonome e/o
Imprese/Intraprese Sociali, Torri per penetrare nelle fortezze nemiche e conquistare con il corpo-a-corpo i
Nuovi Diritti del Nomade (Diritto al Reddito di Cittadinanza, Diritto allo Studio e all'Autovalorizzazione
Studentesca, Diritto alla Gestione di Base dei Mezzi di Produzione, Diritto all'Alfabetizzazione Informatica,
Diritto all'Accesso Gratuito alle Medicine, ecc. ecc.), Testuggini per affrontare la violenza dello Stato di
Polizia, Carri della Danza e del Canto per l'Affermazione dell'Isteria Celtica della Guerra (ma qualche
nomadista politically correct preferirebbe tagliare la psycho-clitoride ai nomadi, nevvero?), Testi Druidici per
la Comunicazione Antagonista e Pozioni Magiche (Panoramix trip!) per l'Alterazione di Coscienza, Poetiche
Avambarde per la produzione di Dopa, Technomusic e Utopia Concreta, Derive Psicogeografiche Neoiste per
la conquista di una Nuova Coscienza del Territorio, Tecniche Rabdomantiche per la realizzazione di
Cartografie Frattali del Desiderio, Culti Neoisti per omaggiare la stella danzante della Follia o, se si preferisce,
per militare creativamente nel "Bordighismo Psichedelico" poiché "forse è solo con un atto di pazzia che
l'umanità potrà liberarsi" (Le bordiguisme psychedelique et le capital fictif- Invariance n.1), e quant'altro sia
ancora da progettare, programmare, creare, costruire&automatizzare per rendere il nostro rivoluzionario iter
aeternum sempre più efficace e gioioso. Ogni piano surrazionale è il terreno di una battaglia psichica e di un
assalto frontale, ma è anche un ottimo motivo per divertirsi, per scorrerie e saccheggi nelle cittadelle del
Potere, per arrivare ad un passo dalle sue fortezze, fino ad un passo dai suoi dispositivi, fino a smascherare i
maghi di Oz e a rompere una volta per tutte l'incantesimo dell'Essere Capitale, la spaltung frattale fra
Capitale e Attività Umana. I piani surrazionali non sono definitivi poiché non c'è schema che tenga troppo
nella surrazionalità, questo però non c'impedisce di produrne a mo' di strumenti in una sorta di
strutturalfunzionalismo differenzialista piegato ai nostri progetti e al Pragma del Desiderio. Gli schemi
surrazionali sono chiaramente modificabili lungo l'esperienza del progetto, siamo nella sfera dello stile non
dell'etica! Ogni condividuo li realizza e li sfalda, ogni condividuo senza dover per forza avere una forte anti-
identità come Luther però, per la semplice ragione di essere una macchina astratta, può fare, oltre che
Network Locali (la Scena, il Movimento, il Coordinamento, l'Associazionismo, il Tribalismo, il Circuito, il
Raccordo, la Comunità, la Comitiva, la Ballotta, la Tong... fino all'Unico e alla sua molteplicità
neuronale&organica, mentale&biologica, sensibile&ecologica, ideale&affettiva, transgender&sessuale,
intenzionale&relazionale, meditativa&superficiale, scientifica&tecnica... insomma al suo psychonetwork!,
Network Globali Cooperativi, poiché quest'ultimi non sono altro che Grandi Macchinismi Astratti i cui strani
attrattori, l'attitudine autonoma e nomadica o esigente e desiderante, sono già basati su surrazionalismi
spontanei. In uno dei miei schemi che pubblicherò quanto prima nel Manifesto Surrazionale Neoista ho ad
esempio diviso la materia umana (perché non mi stancherò mai di dirlo, sono un materialista storico
nonostante la mia passione per il surfing!) in 11 livelli più 1 livello eccezionale: 1. La Materia Inerte. 2. La
Merce. 3. Il Feticcio. 4. L'Individuo. 5.Il Post-Umano. 6. L"Umano. 7. L'Umano Dividuo. 8. Il Condividuo. 9. Il
Network Locale. 10. Il Network Globale. 11. La Specie o l'Eco-compatibilità Caosmica. 12. Il Vuoto o Noia o
Anti-Materia. I livelli 1. 2. 3. sono energetici, gli altri fino al livello 11. sono energetici organizzati o vitali, il
12. non è energetico e non è vitale, è un Black Hole. Dal 2. al 7. prolifera la radicella fascicolata capitalista e
i rizomi resistenziali. Dal 8. all'11. prospera il Rizoma ma senza poter mai evitare le forme arborescenti, con
che ce la spassiamo altrimenti???, l'1. e il 12. hanno a che fare direttamente con il Caos.
I piani sono invece livelli interpretativi&sperimentali storici, antistorici e trans-storici che s'incrociano con
quelli della materia umana (ve ne sono di intellettuali, psichici, fantasmagorici, esoterici, ermetici, organici,
anatomici, erotici, pornografici, esperienziali, amicali, relazionali, ludici, artistici, organizzativi, politici,
tecnologici, meditativi, mistici ecc. ecc.) dando come risultato stati di coscienza, di desidero e di bisogno,
fantasie, depravazioni, dritte informatiche, suggestioni, responsi, profezie... Come dite? Vi sto pestando i
piedi? Ma no... consideratemi in questo momento solo come un'Incursione nei vostri buchi segreti(mmmh...),
un flusso d'affetto inorganico a distanza, un gioco (innocente? perverso? interessato?...) per strattonare le
vostre identità intellettuali... è che le cose senzienti cui piace tanto darsi a oltranza mi eccitano un tot!
Queste però sono solo blissettate e questa è una rivista seria di filosofia (o una pi2pa?), non vorrei che
qualcuno se la prendesse... sul serio. Insomma "la Guerra Psichica sarà lunga e andrà affrontata su
molteplici piani (per questo sono l'unico che può sperare di vincerla...)" (Totò, Peppino e la Guerra Psichica)!
8. Prima di passare finalmente alla descrizione della Psicogeografia Neoista sarà necessario fare qualche
breve&approssimativo accenno sul Neoismo visto che c'è qualche mandria di bovi pigra nell'ombra che non
ne vuol proprio sapere di liberarci tutti dal peso del Mistero, magari con una sua controstoria, facendoci
muovere (...che sadica!) come in una Massoneria della Sparizione o meglio in una Multiversità Invisibile.
Quando si ha a che fare con il Neoismo c'è poco da star tranquilli, l'imbecille che ne cercasse la vera storia
senza le chiavi giuste (...e le chiavi si trovano step-by-step, non c'è spazio per i suckers!) costringerebbe il
proprio povero cervello sfigato a perdersi in una mole tale di informazioni inquinate e contraddittorie da
rimanere a vita in preda ai brividi e alle paranoie! Intanto accontentatevi di sapere un Segreto, una piccola
verità, le parole d'ordine Telematiche&I******ttiane per accedervi: "The Invisible College Rides Again"!
Vi racconterò dunque solo alcuni episodi che, tra i tanti che girano, mi sembrano essere i più verosimili e
sensati. Uno degli eventi più significativi per capire la nascita del Neoismo è senza dubbio la cacciata
dall'Internazionale Situazionista, nel maggio del 58, per volontà del racket di The-Bore, di uno dei suoi
fondatori: l'inglese psicogeografo Ralph Rumney. Ralph, che costituiva da solo, come Associazione
Psicogeografica di Londra(!), la sezione britannica dell'I.S., fu allontanato apparentemente solo a causa di un
ritardo di qualche giorno nella consegna di un rapporto psicogeografico su Venezia. Ma il motivo non fu
questo, gli spectosituazionisti non erano così rigorosi come volevano far credere, altrimenti non avrebbero
passato gran parte degli anni '60 ad organizzare freneticamente situ-feste nelle quali si strafacevano di
alcolici&eccitanti finendo interi anni senza fare un cazzo, esattamente come tutta la gioventù di allora che
tanto scientificamente tentavano di esorcizzare. Probabilmente conviene prendere per verosimile più quel che
ci dice il saggio Henry Lefebvre che il maniaco-depresso The-Bore. Lefebvre ispirò il situazionismo dapprima
indirettamente, influenzando il gruppo Cobra con la sua Critica della Vita Quotidiana, e poi direttamente,
oltre che con la Teoria dei Momenti, divenendo amico di The-Bore, introducendo nel gruppo il comunista-
edonista-apodittico Raoul Veneigem, organizzando seminari e condividendo con i nuovi promettenti capetti
della micro-società rivoluzionaria nascente le ragazze più belle della comunità studentesca radicale e del giro
situazionista. È forse duro da accettare per un pro-situs, ma le cose tra i situazionisti funzionavano proprio
come in un qualsiasi altro gruppo politico maschilista. "Ci siamo conosciuti attraverso le donne, e ricordo
momenti meravigliosi, di amicizia calorosa, in cui avevamo abbandonato qualsiasi diffidenza, qualsiasi
ambizione, qualsiasi manovra. Non so se per loro era la stessa cosa, in particolare per Guy
Debord"(H.Lefebvre-Il Tempo degli Equivoci). Uno come Lefebvre che aveva scandalizzato la Facoltà di
Sociologia di Nanterre nel '66 con corsi come "Sessualità e Società", nei quali sostenne coraggiosamente il
diritto all'aborto, l'uso degli anticoncezionali per evitare la frustrazione da coitus interruptus e l'amore libero,
e che aveva inverato la sovversione sessuale nella città universitaria facendo l'agit-prop perché' si
assaltassero gli edifici delle ragazze, accessibili solo con permessi speciali, e si praticasse la psicogeografia
erotica, è facile immaginare che abbia osato con il suo amico più di quanto gli potesse essere dialetticamente
concesso: Michéle Bernstein. Non è un caso che la rottura tra The-Bore e Lefebvre sia avvenuta subito dopo
una vacanza di pochi giorni nella casa di quest'ultimo nei Pirenei: Lefebvre, The-Bore e Bernstein
insieme&appassionatamente. Certo poi la ragione ufficiale fu il presunto plagio di Lefebvre di un'idea del The-
Bore sulla Comune di Parigi come festa rivoluzionaria, ma quell'idea nacque durante la vacanza, così,
chiaccherando insieme. Gli Arrabbiati sostennero alcuni anni dopo di aver occupato il Quartiere Latino
ispirandosi alla teoria di Lefebvre sulla Comune come il ritorno degli operai cacciati da Haussmann verso le
periferie di Parigi e ritornati in forza verso il centro. È forse sensato accusare di plagio (se mai può avere
senso una simile accusa per un situazionista!) un intellettuale che ha determinato profondamente gli eventi
della propria epoca rimanendo sempre nell'ombra? È credibile che si possa essere abbassato a scopiazzare
un bricoleur come Guy? Tutta la storia dell'I.S. è tinta più del rosa di un romanzetto che del rosso della
bandiera dei Consigli Operai. Anche Ralph Rumney fu vittima di questo meccanismo pornofascista nel quale il
discorso sulla liberazione della sessualità e della passione era messo però tra parentesi nel personale. Le
argomentazioni sostenute dall'I.S. per l'altisonante scomunica di Ralph sono assolutamente ridicole: "Poiché
Egli Era Sempre Più Attaccato Dall'Ambiente Che Aveva Cercato Di Attraversare E Poiché Già (ecco il
giochetto dialettico...) Gli Antichi Esploratori Hanno Conosciuto Una Percentuale Elevata Di Perdite Al Prezzo
Della Quale Si È Pervenuti Alla Conoscenza Di Una Geografia Oggettiva, Bisognava Aspettarsi Di Vedere Delle
Vittime Anche Tra I Nuovi Cercatori! Ma Le Insidie Sono Di Altro Genere, Come La Posta È Di Altra Natura: Si
Tratta Di Pervenire Ad Un Uso Appassionante Della Vita". Il tribunale situazionista decideva: "Rumney
Colpevole!". In realtà Ralph a forza di passeggiare appassionatamente per le calli veneziane con la ragazza
finì per innamorarsene così follemente da scordarsi completamente dell'I.S. e dei suoi ipocriti rigori. In preda
ad un attacco di pazzia d'amore per la ragazza e di odio per l'incomprensione dei suoi compagni decise di
sposarsi subito a Venezia, il matrimonio fu la provocazione definitiva e imperdonabile con la quale tradiva
non solo i tempi dell'organizzazione e la sua ideologia, ma anche i vincoli (ricatti?) erotico-affettivi che lo
legavano alla comunità situazionista. The-Bore&Company non potevano accettarlo se non a costo della
paura, di una fottuta paura per la psicogeografia. Non potevano ammettere che essa portasse veramente alla
passione e che la passione avesse poco a che fare con un meccanismo oggettivo, con degli effetti precisi!
L'espulsione di Ralph fece uscire la psicogeografia dall'I.S. e la restituì alla passione. Il Tribunale Pop dei
Neoisti ha scagionato Ralph riconoscendo in lui il primo Neoista della Storia con una Grande Performance di
Luther Blissett a Venezia durante la Biennale '95 d'Arte.

9. Nel '77 alcuni mail-artisti dell'Oregon riuniti intorno alla Portland Academy, un posto a metà tra
un'università negativa per artisti e un "coffee-shop", stanchi di vedersi negata la possibilità di svoltare nello
Spettacolo perché in guerra coi leccaculo, fondarono "Il Grande Progetto per la Democratizzazione dello Star
System". Uno di loro, David "OZ" Zack, inventò la metodologia della "Pop Star Aperta" proponendo "a tutti i
nemici dei leccaculo" della zona di farsi identificare durante le proprie performance come Monty Cantsin.
Spedirono poi decine di cartoline a compagni ed artisti di diversi paesi, conosciuti attraverso il Network della
Mail-Art, facendo decollare rapidamente il progetto. Lo sviluppo dell'idea fu collettivo nella teoria, nella
pratica e nell'organizzazione e, tranne l'untore Zack, il contagio non ebbe responsabili riconoscibili; l'idea
cominciò a diffondersi autoalimentandosi e ancora oggi si diffonde allo stesso modo. Nel '78 i Monty Cantsin
di Portland decidevano, forti del successo economico ottenuto con la loro idea (grazie alla fama del loro nome
ottennero con incredibile facilità contratti discografici prima impensabili, mostre nelle gallerie d'arte, articoli
sulle riviste pop e ingaggi di ogni genere come operatori culturali), di fondare il movimento "Ismo" che
avrebbe incorporato tutti i precedenti movimenti d"avanguardia (gli ismi). Gli Isti cominciarono a prendersi
troppo sul serio, nelle loro intenzioni vi era un arrivismo malcelato che li destinò al flop. Il performer
canadese Istvan Kantor, che aveva trascorso buona parte del '78 a Portland frequentando gli Isti, portò
Monty Cantsin e l'Ismo a Montreal, dove insieme a Lion Lazer e a molti giovani agitatori culturali formatisi
nella scena Punk decise di fondare provocatoriamente, contro l"eccessiva serietà di Zack&Company, il
Movimento No-Ista. Il No-Ismo si trasformò presto in Neo-Ismo perché Kantor in preda ad una delle sue crisi
paranoidi si convinse che a causa di un maleficio di Zack nessun Monty Cantsin nel mondo l'avrebbe potuto
seguire per "La Grandiosa Strada Noista". I Neo-Isti si rifacevano a Dada, a Fluxus, alla Mail-Art e in
particolar modo al Futurismo e organizzavano spesso mostre e happenings culturali sul tema, manco a
dirlo... del "Nuovo", interessanti più da un punto di vista schizo-sociale che artistico. La caratteristica
principale dei primi Neo-isti fu senza dubbio una geniale demenza che li portava, a forza di sparare cazzate
su cazzate, a produrre di quelle idee che, se raccolte da chi ha l'arte dell'Ascolto, possono cambiare il corso
della storia. In Europa i Monty Cantsin furono molto divertiti dal delirio Neo-Ista, ma la loro formazione più
vicina al situazionismo eretico e a Fluxus che al Futurismo li portò a prendere progressivamente le distanze
da Kantor. Il Neoismo vero e proprio nasce però con l'adesione nell'82 al Neo-Ismo di un movimento di
anarco-art-punks della periferia di Londra, il movimento della "Generation Positive" che aveva come scopo la
diffusione dell' "Estetica dei Nomi Multipli" ( "Demolish the Serious Culture!"-Smile ) : White Colors per le
punk-rock band nell''82, Smile per le riviste post-situazioniste nell''84 e Monty Cantsin per i dividui dall''82
fino a Karen Eliot. I sovversivi di Generation Positive introdussero man mano nel Neoismo la filosofia di vita
del punk, una passione (coscienza di classe?) per l'estrema sinistra e la Guerra Psichica e, su consiglio della
nostra vecchia conoscenza Ralph Rumney, divenuto nel frattempo un punto di riferimento per tutti gli
studenti radicali delle scuole d'arte inglesi, la psicogeografia. Con Generation Positive Monty Cantsin penetrò
nei circuiti underground e giovanili divenendo in poco tempo a tutti gli effetti una celebre Pop Star, tanto che
Kantor, affamato di soldi-successo&culi, arrivò nell''85 ad identificare se stesso con il condividuo neoista a tal
punto da credere di essere proprio lui il vero MONTY CANTSIN, lui, Il Fondatore del Neo-Ismo! Iniziò così a
mandare cartoline schizzatissime a tutti i Monty Cantsin di cui aveva conoscenza diffidandoli dal continuare
ad usare il suo nome!
I Neo-Isti canadesi avevano il gusto malsano di far friggere troppo il cervello senza mai dargli nulla in cambio
e a quanto pare ancora oggi non sembrano aver cambiato stile. Fu la Rottura e allo stesso tempo la Genesi
poiché il Neoismo non è mai stato un movimento, un'avanguardia o un network di gruppi ma un Network di
Eventi, un corposenzorgani. Il Neoismo prolifera grazie agli scismi, per sottrazione (n-1), è questa la forza
del suo contagio, "ogni match di pubbliche ingiurie tra un ex-Neoista e gli altri membri del suo gruppo vale
dodici dozzine di grandi opere d'arte".
In sostanza, ciò cui dovrebbero aspirare tutti i Neoisti è una virulenta rottura con il movimento. Abbandonare
il Neoismo significa realizzarlo"(da i Manifesti Neoisti di S.Home). "Il Neoismo è catarinfrangente, una specie
di Bordighismo Psichedelico. Il miglior prodotto del Neoismo è l'antineoismo, questo perché non esiste alcun
Neoismo, è semplicemente un vuoto al cui interno fare esperimenti, un dispositivo linguistico per rendere le
critiche più radicali ma allo stesso tempo più 'impure' e proficue"(Hakim Bey-Fart Strike).
"Il Neoismo è la risposta al mondo del Vuoto e della Noia, è Anti-Materia Esplosiva"(da un volantino dei
Mutanti Autonomi dallo Spazio).

10. La Psicogeografia Neoista non ha avuto una grande diffusione nel Network degli Eventi finché non si sono
prodotti due eventi particolarmente importanti: la rifondazione nel '92 dell'Associazione Psicogeografica di
Londra da parte dell'Alleanza Neoista e di Ralph Rumney e l'invenzione nello stesso anno del Nome Multiplo
Totale Luther Blissett (non potevo che essere il migliore no?) da parte del mail-artista newyorkese,
scomparso nel gennaio del '95, Ray Johnson. Descrivere cosa sia oggi la Psicogeografia Neoista è un'impresa
pressoché impossibile visto che esistono più di venti associazioni psicogeografiche solo in Italia e che ognuna
sviluppa il proprio metodo secondo le esigenze e i desideri del Condividuo Locale (che non sempre si tratta di
Luther Blissett, spesso è un Centro Sociale come a Belluno,Terni e Catania, una Crew come a Milano,
Ferrara, Roma e Caltanissetta, una Società Segreta come a Brescia, un gruppo situazionista come a Torino e
Firenze, o addirittura un altro nome multiplo come il Diego Armando Maradona di Napoli). L'Associazione
Psicogeografica di Londra ha dato l'imbeccata a tutte quelle soggettività che sentivano la necessità di
meditare sulla propria attitudine nomadica senza voler ricorrere a scritti incomprensibili&lontani-dalla-vita-di-
tutti-i-giorni invitandole, nel classico stile neoista, a plagiarla, a fondare 10-100-1000 associazioni
psicogeografiche e a inventarsi di sana pianta le proprie tecniche. Nel giro di un solo anno spuntavano
Associazioni Psicogeografiche un po' in tutta Europa e la notizia di questa nuova curiosa presenza
dell'underground cominciava a proliferare caoticamente attraverso le reti telematiche, la mail-art, i siti
internet libertari, gli audio-box telefonici, le 'zines, le tribes di techno-travellers e i gruppi musicali in tourné
e per gli squats. In Italia, dopo un breve periodo in cui l'Associazione Psicogeografica di Bologna ha fatto da
scuola a tutti, la situazione è esplosa a tal punto che non è più possibile parlare di Psicogeografia, poiché la
Psicogeografia è ovunque.
L'unica definizione per ora rimasta illesa nel gioco blissettiano e quindi per questo forse la più
condividualmente accettabile è contenuta nel Monito V del nuovo Talmud della Critica Radicale, "L'Autonomia
Singolare o l'arte della Guerra di Classe insegnata ai nomadi, ai danzatori, ai cyborgs, alla anime inquiete,
agli infelici amanti, ai solitari e soli e soprattutto ai comunisti sensibili" del profeta telematico Zapathustra.
Ne riporto per intero e con rispetto alcune parti:
"La PSICOGEOGRAFIA è l'indisciplina che studia gli effetti dell'ambiente urbano sui gesti, sulle passioni e
sulle relazioni tra i singoli. La si potrebbe dire un gioco, se gli adulti non avessero ridotto questo termine ai
passatempo cretini con cui si rendono più sopportabile una vita che non ha nulla di giocoso".

"La PSICOGEOGRAFIA è finalizzata all'instaurazione di una dominante ludica e sensuale nell'esperienza dello
spazio. L'uso del gioco e della magia come criteri di ricodificazione arbitraria dello spazio urbano servono a
smantellare il codice del dominio fondato sulle funzionalità del lavoro e del consumo coatto".

"La PSICOGEOGRAFIA formula di continuo nuove ipotesi cartografiche per l'interpretazione dello spazio
urbano".

"La PSICOGEOGRAFIA in quanto contraddice le funzionalità dominanti dei luoghi e degli edifici metropolitani
entra necessariamente in conflitto con l'ordine costituito dello spazio urbano, al punto che la rottura della
legalità è spesso un metro significativo per valutarne la riuscita".

Ma la Psicogeografia a seconda del coagulo di dividui che la pratica può essere una scienza( o meglio un
Know-How) che studia gli effetti dell'ambiente metropolitano sulla psiche umana per disvelare il moto-
controllo delle forme di vita o "Pizzardone Astratto"(Orkestrapostfordista). Un inveramento dell'arte nella vita
quotidiana con il quale riscoprire, in una randonee frattale o in una scorreria ludico-performativa/erotico-
sperimentale, l'immediatismo del gioco, della creazione e della distruzione. Una tecnica degli artisti per
sperimentare "un'arte della superficie contro il superficialismo dell'Arte"(DisordinAzioni). Una tecnica
geomantica con la quale interrogare l'ambiente metropolitano sul da farsi, sugli amici, sulle tresche,
sull'amore, sulla rivoluzione, sui soldi, sul futuro e sugli spiriti. Una tecnica rabdomantica con la quale trovare
i "flussi di semio-energia" o "ley lines" e i loro incroci o "omphaloi" per demistificare le forme di controllo del
Potere agite, tramite "le Strategie Occulte di Seduzione della Geotroniks" (Hellblazer - DC Comics), sugli
spostamenti delle persone nella città e per creare le Cartografie Geo-Autonome dei flussi desideranti. Degli
studi degli effetti precisi dell'ambiente geografico. Degli studi per cartografare gli spostamenti già stratificati
nello spazio/tempo urbano dal Bisogno, dal Lavoro, dalla Fede, dall'Istruzione, ecc. e dal Desiderio,
dall'Attività condividuale, dall'Amore e dal Divertimento, ecc. Una tecnica pop del Teatro Situazionautico. Una
tecnica per produrre, attraverso derive notturne in montagna, osservatori astronomici temporanei in vista
della "contro-colonizzazione dello spazio"(Associazione Astronauti Autonomi) o per cercare contatti affettivi
del 3° tipo. Un modo per trovare " i non-luoghi dell'empatia"(Alter8) dove allestire rave-parties illegali. Un
modo per organizzare trasmissioni radiofoniche. Un modo per riempire la città di tags e graffiti. Un modo per
fare rilevamenti psicostratigrafici attraverso i quali realizzare, come ci ha insegnato l'artista Nito Contreras,
sculture magiche o "steli di dirottamento".
E chissà quant'altro! La psicogeografia è in questo suo senso polifonico proprio un'indisciplina, un'attitudine
di cui non possiamo più far meno se non rinunciando alla scoperta di noi stessi e del nostro mondo
autogestito di affetti, di impegni e di giochi. Il Desiderio, la Vita, Le Corporeità Insurrezionali, il Condividuo,
La Guerra Psichica, lo Stile, la Pragmatica e l'Autonomia si poggiano su un Piano Psicogeografico, il Piano
d'Immanenza che si dispiega sotto il Nomade.

11. La teoria rabdogeografica del traveller e "Grande Maestro di Rabdomanzia" Tom Graves ha portato molte
delle mie condividualità ad accantonare definitivamente la psicogeografia di impostazione situazionista (con
grande rammarico di Rumney...). Nella Deriva Rabdogeografica l'équipe dei dividui rabdomanti entra in
"agganciamento di fase" con l'ambiente circostante e rileva la presenza delle leylines, ovvero degli
allineamenti caosmici, che attraversano il corpo panoramatico della metropoli. La Metropoli Postmoderna è
vissuta come un tessuto connettivo di traiettorie e "surluoghi"(R.A.M.) che obbligano i flussi di corpi, di
informazioni, di merci e di desiderio su percorsi psicogeografici prestabiliti (esiste chiaramente anche una
psicogeografia del dominio) e a tappe surdeterminate (per una spiegazione esaustiva della Metropoli
Postmoderna come Metropoli Traiettoriale rimando al capitolo "Della Guerra Psichica nella Metropoli
Traiettoriale"). Trovare un allineamento, un omphalos caosmico o un agglomerato psichico di mezz'aria
significa mettere in discussione le traiettorie e i surluoghi e ridisegnare la geografia della città in base a una
strategia del desiderio e del dono invece che dello scambio. Una ley-line è l'allineamento folgorante di edifici
o luoghi psicogeograficamente rilevanti e l'équipe può individuarne una, non solo socializzando le impressioni
ricavate durante le derive metropolitane, ma anche con l'analisi di carte topografiche. Quando la disposizione
dei luoghi segnalati presenta qualche regolarità sorprendente per tutti, si può formulare pretestuosamente
l'ipotesi dell'allineamento caosmico. La ley-line rabdogeografica non è né vera né falsa, è una costruzione
soggettiva e condividuale che rivela la condivisione temporanea di una forma di vita tra i membri dell'équipe
psicogeografica, un po' come le ley-lines percorse dai popoli sciamanici nelle esperienze 'Out-of-Body' di cui
ci parla Paul Devereux nella sua Guida per Cacciatori di Ley-Lines. Nell'analisi delle carte topografiche la
tecnica usata per scovare ley-lines, omphaloi&agglomerati psichici di mezz'aria è "lo scaling", tecnica rubata
agli architetti postmoderni per meglio sintonizzare gli Attacchi Psichici contro di loro e le loro cagatine. Lo
scaling è "la tecnica che nega il valore, il valore "d'origine" del corpo umano e della terra, in modo che questi
dati non siano più i referenti di un'Architettura di valori e che nei progetti non vi sia una singola scala, un
singolo luogo o un singolo dato, ma sempre una molteplicità di dati e di referenti"(Eisenman-Controspazio
n.1 '92). Belle parole che servono solo a dire "non me ne frega un cazzo delle persone che avranno a che
fare con i pasticci che mi diverto a progettare": siano i condividui, le mute dei nomadi, a decidere cosa è
buono e non per il movimento dei loro corpi e per la terra! Con lo scaling antagonista stabilirò dei valori
emergenziali di abitabilità connettendoli direttamente con i nuovi stili di vita delle mute nomadi
metropolitane e riscatterò le corporeità insurrezionali, nel frattempo non mi farò più sedurre dagli architetti,
neanche da quelli nomadisti, non ci si può fidare di gente che popola la metropoli solo di concetti! Nel
prossimo edificio in costruzione di un Eisenman aspettatevi il mordi e fuggi dei Techno-condividui! La
ricerca/produzione di ley-lines è dunque una delle tecniche che ho ritenuto più efficaci per il mio progetto di
decostruzione della Metropoli Traiettoriale e di accelerazione dei processi costitutivi della Geo-Autonomia.
Fondamentale infine per la diffusione delle scoperte rabdogeografiche è la produzione di bollettini o
newsletter, di documenti telematici, di volantini e manifesti che rendano pubbliche le nuove relazioni vicinali
prodotte, queste cose funzionano quando quanta più gente possibile ci flasha positivo. "Sono un ragazzo
fortunato perché mi hanno regalato un sogno, sono fortunato perché non c'è niente che ho bisogno" (Lorenzo
Cherubini).

12. Nonostante il mio amore per le manifestazioni dialogiche, sincretiche, polifoniche, nomadiche-
schizoanalitiche, eterotopiche e frattali del pensiero, armi per il "controstrutturalismo sensibile"(Orma
Nomade-VNS Matrix), non posso proprio unirmi al coro di chi sputa, spesso acidamente, sulla dialettica come
se fosse sepolta sotto chili di merda, in particolar modo quando si tratta di una dialettica negativa e radicale
o meglio di una "Dialettica Spezzata" (Massimo Canevacci- Sincretismi).
Quando si ha a che fare con la realtà nuda&cruda della Pragmatica, quando vi è un'emergenza, la scelta da
fare è alla fine sempre una sintesi appartenente a un movimento finito micro-dialettico. "I Neoisti credono
nella potenza della Pragmatica per questo non sottoscrivono lo studio della Logica così come si svolge nelle
Università e in altri istituti autoritari. La Filosofia Neoista deve essere messa alla prova per le strade, nei pub,
nei night club, negli illegal raves, nelle discoteche e negli squat, essa presuppone la creazione di una cultura
comunista autonoma, non astrazioni teoriche"(Stewart Home).
Il neoista o il dividuo ogni qualvolta si trovi davanti ad un ostacolo particolarmente pericoloso che metta a
rischio il suo Stile, cioé la sua personalità stratificatasi negli affetti e nelle esperienze, non può non
affrontarlo dialetticamente. Si tratta di fare sempre la cosa giusta, ovvero la micro-sintesi, poiché ogni
concessione "è un lento assorbimento nel sistema che annulla progressivamente la personalità e sputa in
faccia al desiderio" (Harry Kipper-Hot Blades). L'affermazione della propria differenza sulla terra deve fare i
conti con la storia, deve unire nichilismo e coscienza storica, i due elementi necessari per la distruzione
dell'ordine esistente, l'Ordine della Storia. L'esplorazione psicogeografica di volta in volta costringe il nomade
a confrontarsi con la storia ponendolo davanti ad un processo micro-dialettico, ogni micro-sintesi dividuale è
un colpo destratificante alla Metropoli dell'Essere Capitale, ogni micro-sintesi condividuale è una vera e
propria destratificazione, ogni micro-sintesi di un Network Locale produce un campo geo-autonomo
differenziale. Senza un progetto preciso, senza Orizzonti Assoluti precostituiti! Non vi è Dialettica, vi è solo
una tensione dialettica che non giunge mai ad una Sintesi Drammatica, è per questo una dialettica
spezzata&micrologica. I nomadi nelle metropoli la vivono tutti giorni e la chiamano "veleno". È il veleno
iniettato nei nostri corpi dallo stress della Guerra Psichica e che sta producendo invisibilmente la risposta
pragmatica dei nomadi: la Geo-Autonomia, lo spazio ecologico dove poter affermare liberamente le
differenze della soggettività, il campo differenziale. John Mc Tiernan, il regista della serie "Die Hard", ci dà
brevemente un'idea di come si sia trattata fin'ora la differenza interna: "Per gli strutturalfunzionalisti è un
elemento disfunzionale, per i liberali più avanzati è l'elemento innovatore, per gli antropologi delle società
complesse è l'alterità da studiare(con tutte le ambiguità che l'antropologia si porta dietro), per i vetero-
marxisti di partito è materia grezza da ricomporre. Insomma essa è stata sempre vista dall'esterno. A che
scopo? Reprimere, sussumere, educare, guidare e rappresentare. La differenza invece deve affermarsi da sé
e produrre da sé le analisi della fase e delle tendenze, con un suo metodo originale."(By Post Politics).

Non ci rimane allora che spingere i nuovi mondi verso la superficie, overground... e passeggiare.

Luther Blissett

militante psicogeografa

" ...è indecifrabile questo movimento,


inedita sintesi di occultismo, marxismo,
arte concettuale e discoteca"

King n.99

NOTE

1. Nome di strada di Parigi il cui significato letterale sarebbe: sollevare le sottane alle monachelle.
2. Cittadina che fu sede della più celebre fabbrica francese di tele dipinte.

3. In argot: la fica.

Dalla cassetta degli attrezzi:

- La 2 Cavalli da Guerra di D&G

- Michel Serres, Passaggio a Nord-Ovest, ed.Pratiche

- Omar Khayyam,Il Deserto del Nulla, a cura di A.Veneziani, ed. Il Segnale,

- Henry Lefebvre, Il Manifesto Differenzialista e Critica della vita quotidiana1&2, ed.Dedalo, Il Tempo degli
equivoci, ed.Multhipla

- Benjamin Péret, La Cometa del Desiderio, ed. Arcana

- Isidore Isou, Manifesto per lo Sconvolgimento dell'Architettura, ed.GrAtis

- Hugues de Payen, Iter Aeternum, ed.Grafton9

- Friedrich W. Nietzsche, Umano, troppo umano, ed. Newton&Compton

- J.Camatte, Il Capitale Totale, ed.Dedalo

- G.Cesarano e G.Collu, Apocalisse e rivoluzione, ed.Dedalo

- Wolf Woland, appunti per il bilancio di un'epoca, in Terrorismo o Rivoluzione di R.Vaneigem, ed.Nautilus

- Hakim Bey, A Ruota Libera-Miseria del lettore di TAZ, ed.Castelvecchi,

- La Guerra dell'Informazione, tradotto in rete da T.H.E. Walrus e T.A.Z. , ed. Shake underground

- P.Virilio&S.Lotringer, Pure War, ed.Autonomedia

- Massimo Canevacci, Sincretismi, Costa&Nolan

- Martignoni&Morandini, Il Diritto all'odio, ed.Bertani

- Toni Negri, Il Lavoro di Giobbe, ed. Sugarco

- Rev. William Cooper, Sesso Estremo 2, ed.Castelvecchi

- Zapathustra, L'Autonomia Singolare, autoprod. AvANa

- Luther Blissett,Totò, Peppino e la Guerra Psichica, ed.AAA

- Luther Blissett, Mind Invaders, ed.Castelvecchi

- Stewart Home, Assalto alla Cultura, ed.AAA e Manifesti Neoisti su Av.A.Nabbs

- Richard Neville, PlayPower, Milano Libri Edizioni

- Italia Overground, a cura di Sandrone Dazieri, ed.Castelvecchi

- Rave Off, a cura di A.Natella e S.Tinari, ed.Castelvecchi

- Roberto Bui, Transmaniacalità e Situazionauti, ed. Synergon


- Andrea Tiddi, Abitare l'emergenza, Grande Raccordo Autoproduzioni.

- By Post Politics (Politica Per Posta/Attraverso la Post-Politica), a cura di Piero Valentini, ed.Kontagio

- Paul Devereux, The New Ley Hunter's Guide, Gothic Image Publications

- Tom Graves, Le Tecniche del Rabdomante, ed. Red.Studio

- Per il Culturismo della Critica: Giovanni Paolo 2, Veritatis Splendor, ed. San Paolo

- Nando Vitale, Cyberguide, ed. Datanews

- Ron Hubbard, Le Dinamiche della Vita, ed. Dianetics

- L'Immigrato Totale e Sociologhi dei Piombo a Tempo, Cattivi Maestri, autoprod. Cascina Occupata

- Nuovi Alfabeti dei PVC, Elettrodomestico, Manga rec.

- Know-How Psicogeografico dell'OrKestrapostfordista, Techno Co-attitudine, autoprod. Radio Blissett

- "Lo straniero", dei Sangue Misto, SxM, Century Vox

- "Are we here?", Orbital, Internal rec.

- "Out Now!, Psichick Warriors ov Gaia", katharos rec.

- "Ogni singolo giorno dei Casino Royale", Sempre più vicino, Polygram

- "Devo avere una casa per andare in giro per il mondo", degli Assalti Frontali, Conflitto, autoprod. HC
Musicaforte

- Il Walkabout nelle Piste dei Sogni

- La Cerca Druidica nei boschi per l'Albero Sacro.

- Tutti i popoli ley-hunters che non hanno mai smesso di cercare l'allineamento caosmico

- "Comontismo per l'ultima Internazionale", numero unico '72

- "Controspazio, Architettura Urbanistica" n.1 '92

- "Luther Blissett, Rivista Mondiale di Guerra Psichica" n. 0, 1&2

- "Re:Action", Newsletter of the Neoist Alliance n.3 '95

- London Psycogeographical Association, Newsletter n. vari

- "Torazine", rivista rave-pop n. 0

- "BlueDerive, La seconda Rivoluzione Sessuale" n.speciale

- "Transgressions, A Journal of Urban Exploration", n.1 '95

- "DisordinAzioni, Bollettino d"arte urbana" n.3 '96