Sei sulla pagina 1di 36

ATHENAEUM

Studi di Letteratura e Storia dell’Antichità


pubblicati sotto gli auspici dell’Università di Pavia

VOLUME CENTUNESIMO
I
————
2013

Estratto

EMILIANO ARENA
Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina.
Per un riesame storico

AMMINISTRAZIONE DI ATHENÆUM
UNIVERSITÀ - PAVIA
ISSN 004-6574

COMO - NEW PRESS EDIZIONI - 2013


ATHENAEUM
Studi Periodici di Letteratura e Storia dell’Antichità
DIRETTORI EMILIO GABBA (onorario)
DARIO MANTOVANI
GIANCARLO MAZZOLI (responsabile)
SEGRETARI DI REDAZIONE FABIO GASTI - DONATELLA ZORODDU

COMITATO SCIENTIFICO INTERNAZIONALE


Michael von Albrecht (Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg); Mireille Armisen-
Marchetti (Université de Toulouse II - Le Mirail); Francis Cairns (Florida State
University); Carmen Codoñer Merino (Universidad de Salamanca); Michael Crawford
(University College London); Jean-Michel David (Université Paris I Panthéon-
Sorbonne); Werner Eck (Universität Köln); Michael Erler (Julius-Maximilians-
Universität Würzburg); Jean-Louis Ferrary (École Pratique des Hautes Études - Académie
des Inscriptions et Belles-Lettres, Paris); Pierre Gros (Université de Provence Aix-Marseille
1 - Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, Paris); Jeffrey Henderson (Boston
University); Nicholas Horsfall (Durham University); Michel Humbert (Université Paris II
Panthéon-Assas); Wolfgang Kaiser (Albert-Ludwigs-Universität Freiburg); Eckard Lefèvre
(Albert-Ludwigs-Universität Freiburg); Matthew Leigh (St Anne’s College, Oxford);
Carlos Lévy (Université Paris IV Sorbonne); Anna Morpurgo Davies (University of
Oxford); Jan Opsomer (Katholieke Universiteit Leuven); Constantinos G. Pitsakis y
(Democritus University of Thrace); Ignacio Rodrı́guez Alfageme (Universidad Complutense
de Madrid); Alan H. Sommerstein (University of Nottingham); Pascal Thiercy (Université
de Bretagne Occidentale, Brest); Theo van den Hout (University of Chicago); Juan Pablo
Vita (Consejo Superior de Investigaciones Cientı́ficas, Madrid); Gregor Vogt-Spira
(Philipps-Universität Marburg); Paul Zanker (Ludwig-Maximilians-Universität München -
SNS Pisa); Bernhard Zimmermann (Albert-Ludwigs-Universität Freiburg)
Peer-review. Articoli e note inviati per la pubblicazione alla rivista sono sottoposti – nella forma
del doppio anonimato – a peer-review di due esperti, di cui uno almeno esterno al Comitato
Scientifico o alla Direzione. Ogni due anni sarà pubblicato l’elenco dei revisori.

Norme per i collaboratori


Tutti i contributi, redatti in forma definitiva, debbono essere inviati su file allegando PDF a:
Redazione di Athenaeum, Universita`, 27100 Pavia - E-mail: athen@unipv.it
I contributi non accettati per la pubblicazione non si restituiscono.
La Rivista dà ai collaboratori gli estratti in formato PDF dei loro contributi.
Per tutte le norme redazionali vd. pagina web della Rivista: http://athenaeum.unipv.it
Nella pagina web della Rivista sono consultabili gli indici generali e gli indici dei col-
laboratori dal 1958 al 2012.
INDICE DEL FASCICOLO I

Articoli
G.A. ZACHOS, Epeios in Greece and Italy. Two Different Traditions in One Person . . . . . . . . . . . . . . . . » 5
G. ARRIGHETTI, Il Protagora platonico, Esiodo e la genesi dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 25
A.J. DOMÍNGUEZ, Uniones matrimoniales desiguales en el mundo griego. Distintos tipos, su consi-
deracio´n y sus consecuencias . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 43
E. ARENA, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina. Per un riesame storico » 71
L. PELLECCHI, Per una lettura giuridica della Rudens di Plauto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 103
J.M. SCHLUDE, Pompey and the Parthians . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 163
J. GÓMEZ PALLARÈS, Vergilius Epigraphicus. ¿Mors immatura al final de la Eneida? . . . . . . . . . . . . . » 183
E. ROMANO, Litteras scire. Sulle fonti del canone delle artes in Vitruvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 201
M. ARMISEN-MARCHETTI, La digestion du philosophe. Le commentaire des citations finales dans les
vingt-neuf premie`res Lettres a Lucilius de Se´ne`que . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 221
C. CODOÑER, No es suficiente una Medea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 243
C.G. PITSAKIS y, Monobolon, kontomonobolon etc. (C. 3.43.1; 3.43.2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 267

Note e discussioni
L. DE MARTINO, Il mito di Ceneo in un threnos pindarico (fr. 57 Cannata` Fera) . . . . . . . . . . . . . . . . . » 281
F. NASTI, I ceti dirigenti della Campania romana. Epigrafia e storia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 287
P. PAOLUCCI, Undici regole dagli Scritti minori di filologia testuale di Enzo Cecchini . . . . . . . . . . . . . » 293
L. POLVERINI, Plinio Fraccaro: storico e rettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 301

Recensioni
H. BARTA, «Graeca non leguntur»? Zu den Ursprüngen des europa¨ischen Rechts im antiken
Griechenland (A. Banfi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 307
R. BICHLER, Historiographie-Ethnographie-Utopie. Gesammelte Schriften, Teil 2. Studien zur
Utopie und der Imagination fremder Welten (C. Carsana) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 312
A. BONADEO, L’Hercules Epitrapezios Novi Vindicis. Introduzione e commento a Stazio, Silvae 4,6
(G. Rosati) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 316
H.K. BOND, Ponzio Pilato. Storia e interpretazione (L. Troiani) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 320
P. CHUVIN, Cronaca degli ultimi pagani. La scomparsa del paganesimo nell’impero romano tra
Costantino e Giustiniano (E. Dovere) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 322
J. FOURNIER, Entre tutelle romaine et autonomie civique. L’administration judiciaire dans les pro-
vinces helle´nophones de l’empire romain (A. Raggi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 326
J. GONZÁLEZ - P. RUGGERI - C. VISMARA - R. ZUCCA (a c. di), L’Africa romana. Le ricchezze
dell’Africa. Risorse, produzioni, scambi (M. Tramunto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 332
P. LÓPEZ BARJA DE QUIROGA, Imperio legı´timo. El pensamiento polı´tico en tiempos de Cicero´n (F.
Fontanella) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 336
C. MAGGI, Sinfonia matematica. Aporie e soluzioni in Platone, Aristotele, Plotino, Giamblico (F.
Fronterotta) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 340
J. MARTIN, Bedingungen menschlichen Handelns in der Antike. Gesammelte Beitra¨ge zur
Historischen Anthropologie (G. Cossa) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 343
P. MUREDDU - G.F. NIEDDU - S. NOVELLI (a c. di), Tragico e comico nel dramma attico e oltre:
intersezioni e sviluppi parateatrali (A. Beltrametti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 352
E. NARDUCCI, Cicerone. La parola e la politica (F. Ferrari) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 355
M. ROCCO, L’esercito romano tardoantico. Persistenze e cesure dai Severi a Teodosio I (R. Scuderi) » 358
I. SAMOTTA, Das Vorbild der Vergangenheit. Geschichtsbild und Reformvorschla¨ge bei Cicero und
Sallust (B. Linke) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 362
P. SCHMITT PANTEL, Hommes Illustres. Moeurs et politique a` Athe`nes au V e sie`cle (A. Zambrini) » 364
E. SCHÜTRUMPF, Praxis und Lexis. Ausgewa¨hlte Schriften zur Philosophie von Handeln und Reden
in der klassischen Antike (F. Ferrari) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 367
K. VÖSSING (Hrsg.), Das ro¨mische Bankett im Spiegel der Altertumswissenschaften (F. Rohr Vio) » 370
Notizie di Pubblicazioni
N.J. ADAMS, Bilingualism and the Latin Language (P. Cuzzolin) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 373
F. BUDELMANN (ed.), The Cambridge Companion to Greek Lyric (R. Pintaudi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 374
M. CALLIPO, Dionisio Trace e la tradizione grammaticale (D. Mantovani) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 376
P. CARTLEDGE, Ancient Greek Political Thought in Practice (F. Ferrari) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 376
W.V. HARRIS, Dreams and Experience in Classical Antiquity (F. Ferrari) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 377
R. RAFFAELLI, Esercizi plautini (F. Cannas) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 379
R. RAFFAELLI - A. TONTINI (a c. di), Lecturae Plautinae Sarsinates, XI. Mercator (D. Averna) » 382
C. SANTINI - F. STOK (a c. di), Esegesi dimenticate di autori classici (M. Petoletti) . . . . . . . . . . . . . . . . . » 384
M. STEINHART, Bilder der virtus. Tafelsilber der Kaiserzeit und die großen Vorbilder Roms. Die
Lanx von Stra´zˇe (V. Marotta) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 386

V. FABRIZI, Cronaca dei Lavori del Collegio di Diritto Romano 2012. «Il princeps romano: auto-
crate o magistrato? Fattori giuridici e fattori sociali del potere imperiale da Augusto a Commodo» » 388

Pubblicazioni ricevute ..................................................................................................... » 395


ALESSANDRO IV
E LA TOMBA III DEL ‘GRANDE TUMULO’ DI VERGINA.
PER UN RIESAME STORICO

ABSTRACT. Tomb III of Vergina ‘Great Tumulus’, recovered by M. Andronikos in 1979, has been
often referred by most critics to the fourteen-year-old Alexander IV, Alexander the Great’s son,
murdered in 310/309 BC by order of Cassander. Altough the cremains recovered inside the funer-
ary hydria belong to a teenager of the same age, some scholarship showed some prudence in the
identification of the dead. This originating in the apparent mismatch between the archaeological
evidence of the tomb, whose rich outfit is certainly relevant to an individual of the highest rank of
Macedonian society, and the way of death of Alexander IV registered by the sources, describing the
young king murdered in secret with his mother Roxane in the fortress of Amphipolis and their
bodies hidden. This discrepancy, however, is only apparent: Cassander in 310 had a strong interest
to hide the misdeed in order not to cause the reactions of the other Diadochoi, Antigonus Mo-
nophthalmus especially, but later he needed to reveal the death of Alexander IV, completing
the tomb, which was a necessary act, strictly functional to his accession to the throne of Macedo-
nia. The silence of the literary sources about the construction of the tomb by Cassander might thus
be traced back to the historiographical tradition unfavourable to the latter, who had no interest in
registering an act which rehabilitated Cassander years later. As the son of Antipater was among the
last of the Diadochoi to assume the royal title, late in 305/304, this year may, in our judgment, be
the terminus ad quem for the construction of the tomb III, as Cassander could very unlikely build a
monumental tomb which would have officialized the death of the young king before 305/304. The
grave goods of Tomb III can now be interpreted on the light of one ‘post-processual archaeology’
oriented approach to funerary evidence, enhancing the importance of ideology as medium between
living society and funerary costume.

1. Introduzione

L’evidenza monumentale oggetto della nostra disamina appartiene ad un con-


testo archeologico ormai celebre, il cosiddetto ‘Grande Tumulo’ di Vergina, l’odier-
no sito oggi identificato con Aigai, la prima capitale del regno macedone 1. Questa
collina artificiale di 12-14 m di altezza e 110 m di diametro, scavata da M. Andro-

1 Scettico sull’identificazione di Vergina con Aigai D. Faklaris, Aegae: Determining the Site of the First
Capital of the Macedonians, «AJA» 98 (1994), pp. 609-616; contra N.G.L. Hammond, The Archaeological
Background to the Macedonian Kingdom, in Ancient Macedonia I, Thessaloniki 1970, pp. 53-67; Id., History
of Macedonia I, Oxford 1972, pp. 156-158; Id., The Location of Aegae, «JHS» 117 (1997), pp. 177-179;
C. Saatsoglou-Paliadeli, Aegae. A Reconsideration, «MDAI(A)» (1996), pp. 225-236; W. Greenwalt, Why Pel-
la?, «Historia» 48/2 (1999), pp. 158-183 ed ora prova definitiva a favore dell’identificazione (protome di capra
su moneta e tegole con bollo dal Metroon) in S. Drogou - Ch. Saatsoglou-Paliadeli, Vergina, The Land and Its
History, Thessaloniki 2007, pp. 32, 33, 238; S. Drougou, Ei\jo*me| jai rt*lboka peqi* sxm Ai\cx*m, in Jeqlasi* a
Uiki* a|, So*lo| B, \Ahg*ma 2009, pp. 171-179.

Athenaeum 101/1 (2013), pp. 71-101


72 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

nikos fra il 1977 e il 1979 ed oggi sostituita dal locale Museo che ne riproduce il
profilo originario, sarebbe stata realizzata intorno al 270 a.C. da Antigono Gona-
ta, per salvaguardare quanto della necropoli di Aigai era rimasto indenne dalle in-
cursioni dei mercenari Galati di Pirro del 274/3 (Plut. Pyrrh. 26.6; cf. Diod.
22.12) 2; fra le tombe superstiti del saccheggio e protette dal ‘Grande Tumulo’ al-
cune, a giudizio della gran parte degli studiosi, sono riferibili a personaggi della di-
nastia regale argeade del IV sec.
Si tratta di tre tombe monumentali: una a cista (I) e due tombe (II e III) a
camera voltata con facciata architettonica di identica planimetria (con anticamera
e camera maggiore), ma di differenti dimensioni, note rispettivamente come ‘tomba
di Persefone’, ‘tomba di Filippo’ e ‘tomba del Principe’. Una quarta, con prospetto
colonnato, fu oggetto di completa spoliazione prima dell’erezione del Grande Tu-
mulo ed oggi ne rimangono pochi lacerti 3.
Tutte e tre hanno restituito dei resti umani: la tomba I, saccheggiata in antico,
conteneva resti ossei frammisti che, grazie a studi recenti, appaiono oggi di interpre-
tazione meno problematica rispetto al passato 4; la tomba II, rimasta intatta al pari

2 A.M. Prestianni Giallombardo, Riflessioni storiografiche sulla cronologia del grande tumulo e delle tombe
reali di Vergina, in Atti del XII Congr. Intern. di Arch. Class. Atene 4-10 sett. 1983, [Atene 1985], pp. 237-242,
evidenziava la concordanza di fondo fra le due testimonanze, rilevando come quella diodorea sarebbe più vi-
cina all’originale ieronimiano per l’evidente parzialità nell’attribuire ai Galati e indirettamente a Pirro, nemico
del Gonata, la devastazione di tutte le tombe reali macedoni (pa*msa| a\me*rjawam), cosa che è in netto con-
trasto con l’evidenza archeologica.
3 Sulle tombe del Grande Tumulo vd. ancora fondamentale panoramica in M. Andronikos, Vergina.
The Royal Tombs, Athens 1984.
4 J. Musgrave, The Human Remains from Vergina Tombs I, II and III: an Overview, «AncW» 22
(1991), pp. 3-9, spec. 7 riferisce di ossa non cremate attribuibili ad un uomo adulto di grande corporatura,
una giovane donna ed un neonato, il che ha fatto anche ipotizzare una pertinenza della tomba a Filippo II: da
ultimi in questo senso E.N. Borza - O. Palagia, The Chronology of the Macedonian Royal Tombs at Vergina,
«JDAI» 122 (2007), pp. 81-125, spec. 117. Ma l’esatto numero di presenze umane nella tomba non è mai
stato oggetto di specifiche ed approfondite indagini, tanto che non sono mancati dubbi sull’effettiva presenza
di un neonato (cf. E. Carney, Tomb I at Vergina and the Meaning of the Great Tumulus as an Historical Mon-
ument, «ArchN» 17 (1992), pp. 1-10, spec. 3; Ead., Women and Monarchy in Macedonia, Oklahoma 2000,
p. 239), invece ribadita ora da A. Bartsiokas - E. Carney, The Royal Skeletal Remains from Tomb I at Vergina,
«Delios» 34-36 (2007-2008), pp. 15-19, spec. 16, tuttavia senza aggiungere nulla all’originario esame di Mus-
grave del 1984, fatto «in haste» per ammissione dello stesso studioso (Musgrave, The Human Remains cit., p. 7
nt. 21). Di recente B. Tripodi, ‘ Tomb of Persephone’. Considerazioni sulla I tomba reale del grande tumulo di
Vergina, in Dacia Felix. Studia Michaeli Barbulescu oblata, Cluji 2007, pp. 523-536 ha tuttavia gettato nuova
luce sulla possibile dinamica che ben spiega lo stato dei resti ossei (non in conessione anatomica) all’atto del-
l’apertura della tomba da parte degli archeologi, identificando le ossa dell’uomo con quelle di un tombarolo
sconvolte da successivi interventi predatorii nella tomba ed il defunto destinatario della sepoltura, in conside-
razione del soggetto pittorico, il ‘Ratto di Persefone’ con ben sei personaggi femminili, che adorna le pareti
della tomba e di un frammento di conchiglia in marmo, con una «eminent lady» macedone, che potrebbe
ancora individuarsi in Kynnane (cf. A.M. Prestianni Giallombardo - B. Tripodi, Le tombe reali di Vergina:
quale Filippo?, «ASNP» sez. lett. s. 3a 10/3 [1980], pp. 889-1001, spec. 999; N.G.L. Hammond, ‘Philip’s
Athenaeum 101/1 (2013) 73

della III, ha restituito resti cremati relativi a due individui di sesso maschile e fem-
minile contenuti in due larnakes poste rispettivamente nella camera maggiore e nel-
l’anticamera; resti cremati anche nella tomba III, contenuti in una hydria d’argento
posta nella camera principale.
Se la tomba II è tutt’oggi oggetto di diatribe in merito all’identità del suo oc-
cupante principale, giacché l’attribuzione a Filippo II (e la consorte Cleopatra) so-
stenuta da subito con forza da Andronikos, dai suoi allievi e da altri studiosi 5, messa
in dubbio già nel 1980 poco tempo dopo la scoperta, ed in via indipendente, da
studiosi italiani e statunitensi in favore della candidatura di Filippo III ed Adea-Eu-
ridice 6, a distanza di oltre trent’anni continua a sollevare non poche perplessità sul
piano storico ed archeologico 7, la tomba III è apparsa quasi subito di attribuzione

Tomb’ in Historical Context, «GRBS» 19 [1978], pp. 331-350, spec. 337), sepolta da Cassandro, come testi-
monia Diyllo (FGrHist 73 F 1), nella necropoli reale di Aigai contestualmente a Filippo III ed Euridice. Con-
vengono quanto meno sul sesso femminile del defunto destinatario della sepoltura anche S. Drougou, Beq-
ci* ma. Sa+ pg*kima a\ccei& a sg&| Leca*kg| Sot*lpa|, \Ahg*ma 2005, p. 24; H. Brecoulaki, Observation sur la cours
de char repre´sente´e dans l’antichambre de la tombe III a` Verghina, in A. Barbet (éd.), La peinture fune´raire anti-
que. Actes du 7 e colloque de l’Association Internationale pour la peinture murale antique, 6-10 octobre 1998,
Saint-Romain-en-Gal, Vienne-Paris 2001, pp. 51-57, spec. 55; A. Kottaridi, Couleur et sens: l’emploi de la cou-
leur dans la tombe de la reine Eurydice (Lekesg*lasa 48), Paris 2006, pp. 155-167, spec. 157 nt. 11 ed ora
Ead., Burial Customs and Beliefs in the Royal Necropolis at Aegae, in Aa.Vv., Heracles to Alexander the Great:
Treasures from the Royal Capital of Macedon, a Hellenic Kingdom in the Age of Democracy, Oxford 2011,
pp. 131-152, spec. 142 che la attribuisce a Nikesipolis.
5 È questa una posizione sostenuta dall’archeologo greco nei suoi numerosi lavori sul tema; per motivi
di sintesi rimandiamo qui solo ad Andronikos, Vergina. The Royal tombs cit.; Id., Les tombes mace´doniennes, in
R. Ginouvès (éd.) La Macedoine de Philippe II a`la conqueˆte romaine, Paris 1993, pp. 147-190. Medesima linea
esegetica nell’ampia bibliografia prodotta dai suoi allievi (vd. ad es. S. Drougou - Ch. Saatsoglou-Paliadeli - P.
Faklaris - A. Kottaridi - E.B. Tsigarida, Vergina. The Great Tumulus, Thessaloniki 1994; Ch. Saatsoglou-Pa-
liadeli, Beqci* ma o< sa*uo| sot& Uiki* ppot. <G soivocqaui* a le+ so+ jtmg*ci, Athens 2004; Drogou - Saatsoglou-Pa-
liadeli, Vergina, The Land cit., ed ora Aa.Vv., Heracles to Alexander the Great cit.). All’esterno dell’ambiente
scientifico ellenico si schierarono fin dalla prima ora a sostegno della tesi Filippo II: N.G.L. Hammond, ‘Phi-
lip’s Tomb’ in Historical Context, «GRBS 19» (1978), pp. 331-350; E.N. Borza, The Macedonian Tombs at
Vergina: Some Cautionary Notes, «ArchN» 10 (1981), pp. 73-87; E.A. Fredricksmeyer, Again the So Called
Tomb of Philip II, «AJA» 85 (1981), pp. 330-334; W.M. Calder III, Diadem and Barrel-Vault; a Note,
«AJA 85» (1981), pp. 334-335.
6 Vd., omessi in lavori recenti e meno recenti sul tema, Prestianni Giallombardo - Tripodi, Le tombe
reali cit.; W.L. Adams, The Royal Macedonian Tomb at Vergina, an Historical Interpretation, «AncW» 3
(1980), pp. 67-72; Ph. Lehmann, The So-Called Tomb of Philip II: a Different Interpretation, «AJA» 84
(1980), pp. 527-531. Posizioni sempre ribadite anche negli anni successivi; cf. A.M. Prestianni Giallombardo -
B. Tripodi, La tomba e il tesoro di Filippo II di Macedonia: una nuova proposta di attribuzione, «MGr» 16/3-4
(1981), pp. 14-17; Prestianni Giallombardo, Riflessioni storiografiche cit.; Ph. Lehmann, Once Again the Royal
Tomb at Vergina, «AAA» 14 (1981), pp. 134-144; Ead., The So-Called Tomb of Philip II: An Addendum,
«AJA» 86 (1982), pp. 437-442.
7 L’ipotesi che vuole Filippo III destinatario della II tomba gode ormai di maggior seguito negli studi
specialistici: vd. recente a favore di tale identificazione, riassuntivo degli argomenti e della bibliografia, Borza-
Palagia, The Chronology of Macedonian cit. e D.W.J. Gill, Inscribed Silver Plate from Tomb II at Vergina, «He-
74 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

quasi palmare: una volta effettuate le analisi paleosteologiche sui resti cremati, rive-
latisi appartenenti ad un individuo morto in età adolescenziale, la candidatura più
‘forte’ per l’identificazione del defunto si è dimostrata, come si vedrà, quella di Ales-
sandro IV, il figlio di Alessandro Magno e Rossane, assassinato all’incirca tredicenne
nella rocca di Anfipoli per ordine di Cassandro nel 310.
Solo Andronikos, come vedremo seguito anche dai suoi collaboratori, dopo
alcuni iniziali tentativi di attribuzione ad altri esponenti della dinastia temenide,
mostrò in proposito una costante cautela, tanto da evitare sinanche una denomina-
zione legata a specifici personaggi storici, limitandosi ad una definizione generica
(‘tomba del Principe’), a lungo invalsa ed adottata ancora oggi presso il museo di
Vergina 8.
Una genericità che, per la verità, stride sia con la relativa linearità dell’attribu-
zione della III tomba, sia, per altri versi, con la nettezza con cui si suole invece ri-
ferire la II tomba tout court a Filippo II.
Qualunque sia il motivo per cui la tomba III di Vergina giace oggi pressoché
avvolta dal silenzio della critica, interrotto soltanto da accenni incidentali, quando
non cursorii, nella bibliografia 9, a ben vedere essa è suscettibile, al pari delle altre

speria» 77/2 (2008), pp. 335-358, cui occorre aggiungere gli studi dedicati da A.M. Prestianni Giallombardo
(Kausia diadematophoros in Macedonia: testimonianze misconosciute e nuove proposte, «Messana» n.s. 1 [1989],
pp. 1-13; Ead., Per un lessico greco dell’abbigliamento. Copricapi come segni di potere: la Kausia, in P. Radici
Colace - M. Caccamo Caltabiano (a c. di), Atti del I Seminario di studi Lessici tecnici greci e latini, Messina
8-10 marzo 1991 (AAPel Suppl. nr. 1, vol. LXVI, 1990), Messina 1991, pp. 165-187; Ead., Recenti testimo-
nianze iconografiche sulla kausia in Macedonia e la datazione del fregio della caccia della II tomba reale di Ver-
gina, «DHA »17/1 [1991], pp. 237-304; Ead., Un copricapo dell’equipaggiamento militare macedone: la kausia,
«NAC» 22 [1993], pp. 61-90), che vogliono la kausia raffigurata nel fregio della caccia della II tomba un co-
pricapo giunto dall’Oriente dopo la conquista di Alessandro, o che escludono l’attribuzione del cd. diadema
della II tomba a Filippo II (Il diadema di Vergina e l’iconografia di Filippo II, in Ancient Macedonia IV, Thes-
saloniki 1986, pp. 497-509), nonché la pionieristica analisi di B. Tripodi, Il fregio della caccia della II tomba
reale di Vergina e le cacce funerarie d’oriente, «DHA» 17/1 (1991), pp. 143-209 (poi in Cacce reali macedoni,
Messina 1998, pp. 55-95) condotta sullo stesso fregio della caccia che orienta per una datazione ‘post-Ales-
sandro’ dell’iconografia del dipinto. L’ipotesi-Filippo III ha ricevuto parziale supporto da analisi paleosteolo-
giche, che sembrano escludere la presenza di ferite all’orbita destra e allo scheletro postcraniale (A. Bartsiokas,
The Eye Injury of King Philip II and the Skeletal Evidence from the Royal Tomb II at Vergina, «Science» 288,
Apr. 21 [2000], pp. 511-514; contra, ma con argomenti non decisivi, la cui discussione rimandiamo ad altra sede,
vd. ora J. Musgrave - A.J.N.W. Prag - R. Neave - R. Lane Fox - H. White, The Occupants of Tomb II at Vergina.
Why Arrhidaios and Euridyke Can Be Excluded, «International Journal of Medical Sciences» 7 [6] [2010], pp. 1-
15), e pertanto l’attribuzione dei resti ossei a Filippo II, nonché, di recente, dal riesame metrologico di alcuni og-
getti metallici del corredo: Gill, Inscribed Silver plate cit., p. 344 (cf. P. Themelis - J.P. Touratsoglou, Oi< sa*uoi sot&
Deqbemi* ot, Athens 1997, pp. 216-217); contraM.B. Hatzopoulos,TheBurialof theDead (atVergina) or theUnend-
ing Controversy on the Identity of the Occupants of the Tomb II, «Tekmeria» 9 (2008), pp. 91-118, spec. 117.
8 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., p. 198; Drougou et al., Vergina. The Great Tumulus cit.,
p. 67.
9 Oltre le pagine dedicate da Andronikos e i suoi allievi (The Royal Tombs at Vergina, in The Search for
Athenaeum 101/1 (2013) 75

due, di questioni cariche di rilevanti implicazioni storiche; riteniamo pertanto op-


portuno tornare sul monumento e sul defunto suo occupante per condurre un rie-
same di natura propriamente storica.
A tal fine non si riproporrà qui una descrizione puntuale della tomba, unita-
mente ad una ‘topografia’ dei reperti al suo interno, per le quali rimandiamo al testo
di Andronikos 10, ma solo una breve sintesi.
La ‘tomba del Principe’ è caratterizzata da una struttura a camera (m 6,35 
m 5,08) strettamente confrontabile con la tomba II. Presenta una facciata architet-
tonica con scudi affiancanti la porta ed epistilio dorico, al di sopra del quale era un
pannello mobile con un qualche dipinto oggi perduto; l’interno è ripartito in anti-
camera e camera comunicanti, con volta a botte. Il corredo, assai ricco, è composto
da un set di vasellame da simposio in argento 11, due calderoni in bronzo dorato ed
un sostegno di lampada in ferro. Spiccano una kline con rilievi in avorio, ma soprat-
tutto l’hydria funeraria in argento (2300 gr) sormontata da una corona in oro di
foglie di quercia a ghiande (714 gr, seconda in peso solo a quella della larnax mag-
giore della tomba II) contenente i resti cremati. L’ampio uso dell’argento, il cui
sfruttamento era direttamente o indirettamente appannaggio del potere regale 12, la-
scia pochi dubbi sull’altissimo rango del defunto.
Il dato deducibile dal corredo è che si tratta inequivocabilmente di una sepol-

Alexander the Great: an Exhibition, Boston 1980, pp. 26-38 spec. 37-38; Id., Vergina. The Royal Tombs cit.,
pp. 198-217; Drougou et al., Vergina. The Great Tumulus cit., passim), un unico articolo specifico opera di
W.L. Adams (Cassander, Alexander IV and the Tombs at Vergina, «AncW» 22/2 [1991], pp. 27-33), poi
per lo più accenni: E.N. Borza, The Royal Macedonian Tombs and the Paraphernalia of Alexander the Great,
«Phoenix» 41/2 (1987), pp. 105-121, spec. 105; Id., Commentary, «AncW» 22 (1991), pp. 35-40, spec. 36;
N.G.L. Hammond, The Royal Tombs at Vergina: Evolution and Identities, «ABSA» 86 (1991), pp. 69-82, spec.
72; Carney, Women and Monarchy cit., p. 234; F. Landucci Gattinoni, L’arte del potere. Vita e opere di Cas-
sandro di Macedonia (Historia, Einz. Heft 171), Stuttgart 2003, pp. 132-133; Borza-Palagia, The Chronology
of Macedonian cit., pp. 84, 117 (la tomba datata al 310 «or shortly thereafter») e Gill, The Silver Plate cit.,
pp. 352-353; Aa.Vv., Heracles to Alexander cit., passim.
10 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., pp. 198 ss.
11 I pezzi sono per lo più a coppie: 2 kantharoi, 2 kalykes, 2 kylikes, 2 saliere, 2 situlae, 2 piatti e 12
ciotole. Un piatto da pesce, un colino da vino, un mestolo, una oinochoe, un askos, una piccola brocca, una
fiaschetta da profumo ed una patera. Sulla qualità del vasellame metallico della II e III tomba ed una crono-
logia all’ultimo quarto del IV sec. vd. M. Pfrommer, Grossgriechischer und mittelitalicher Einfluss in der Ran-
kenornamentik frühhellenistischen Zeit, «JDAI» 97 (1982), pp. 119-190; Id., Italien-Makedonien-Kleinasien. In-
terdependenzen spa¨tklassischer und frühhellenistischen Toreutik, «JDAI» 98 (1983), pp. 235-285; Id., Untersu-
chungen zur Chronologie früh- und hochhellenistische Goldschmucks, «Archeologia» 42 (1991), pp. 160-161.
12 C. Rolley, La toreutique de Vergine est-elle un art de court? (Lekesg*lasa 48), Paris 2006, pp. 311-
319, 317. Da sottolineare che al di fuori del Grande Tumulo di Vergina vasellame in argento è attestato solo
nella tomba B di Derveni di Aristion di Larissa, la cui ricchezza «marque la volonté de s’aligner sur la richesse
des rois macédoniens». Sulle suppellettili in argento della tomba B di Derveni vd. Themelis-Touratsoglou, Oi<
sa*uoi sot& Deqbemi* ot cit., pp. 65-70, 214-220. Vd. ora in generale S. Drougou, Macedonian Metallurgy: an
Expression of Royalty, in Aa.Vv., Heracles to Alexander cit., pp. 181-192.
76 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

tura maschile. Il fregio all’interno dell’anticamera con corsa di bighe e gli strigili in
ferro rinvenuti nello stesso ambiente, rimandano all’ambito agonistico-ginnasia-
le; alquanto consistente anche una connotazione ‘guerriera’ dell’individuo sepolto
con varie armi: due lance nell’anticamera, una delle quali dorata; nella camera in-
vece, due punte di lancia, due lamine d’oro appartenenti ad una corazza di lino;
schinieri in bronzo dorato finemente decorati alla caviglia; un pettorale realizzato
con placche di ferro, bronzo e cuoio (vicino la parete S). A tale contesto rimande-
rebbero anche i due scudi a rilievo sulla facciata della tomba 13. Da segnalare un
papiro che ha lasciato parte del testo impresso su un frammento di stucco, a te-
stimonianza dell’alto livello culturale dell’ambiente d’appartenenza del defunto 14.
Va infine rilevato che al di sopra della III tomba erano solo resti di sacrificio
con frammenti ceramici ed ossa di animali combuste 15, mentre, a quanto ci consta,
non vi era alcuna traccia di pire, di ossa umane, né tantomeno resti di klinai, che
sono invece significativamente attestate, ad es., in mezzo alle pire/edifici funerari
posti al di sopra della ‘tomba di Euridice’ e della tomba II del ‘Grande Tumulo’ 16.
In via preliminare, occorre sottolineare che non poche difficoltà interpretative
sono da attribuirsi all’assenza, ancora oggi, di una pubblicazione scientifica esaustiva
dello scavo della III tomba e dei materiali in essa contenuti, nonché al fatto che ri-
sultano ad oggi irrecuperabili alcuni dati essenziali: in particolare il preciso rappor-
to stratigrafico della tomba III rispetto al tumulo intermedio di terreno rossiccio –
poi ricoperto dal ‘Grande Tumulo’ realizzato dal Gonata – che copriva le prime
due tombe.
Andronikos riferisce di alterazioni nella parte settentrionale di tale tumulo in
corrispondenza della III tomba 17, ma purtroppo ad oggi ignoriamo portata e natura
di tali alterazioni, elementi che, come vedremo, avrebbero potuto essere dirimenti
per alcuni seri interrogativi cronologici. Pertanto, non ci è dato sapere con certezza
se la tomba III fosse stata aggiunta entro il diametro di un preesistente tumulo,
eventualmente realizzato dopo la II tomba, ovvero se tale tumulo fosse stato invece
realizzato dopo la costruzione della III tomba e quindi la tomba II ne costituisse
semplicemente il centro focale 18.

13 Cosı̀ A.M. Guimier-Sorbets - Y. Morizot, Construire l’identite´ du mort: l’architecture fune´raire en


Mace´doine (Lekesg*lasa 48), Paris 2006, pp. 119-130, spec. 123. Gli scudi ben si confrontano con quelli
raffigurati nella facciata della tomba di Aghios Athanasios.
14 Drougou et al., Vergina. The Great Tumulus cit., p. 67.
15 Drougou, Beqci* ma. Sa+ pg*kima cit., p. 62.
16 A. Kottaridi, Barikije+| pt*qe| rsg+ mejqopo*kg sx&m Ai\cx&m, in Ancient Macedonia VI, Thessaloniki
1999, pp. 631-642, spec. 632, 634; cf. A.M. Guimier-Sorbets - Y. Morizot, Des Bûchers de Vergina aux hydries
de Hadra, de´couvertes recentes sur la cremation en Macedoine et Alexandrie, «Ktema» 30 (2005), pp. 137-154,
spec. 141.
17 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., p. 81.
18 La posizione della II tomba al centro del tumulo intermedio in terra rossa per Hammond (The Evidence
Athenaeum 101/1 (2013) 77

2. Le analisi paleosteologiche

L’identificazione del defunto non può prescindere dal fondamentale contribu-


to offerto dalle analisi osteologiche e dagli studi antropometrici condotti sulle ossa
contenute nell’hydria funeraria. Vale la pena considerare quindi più dettagliatamen-
te il resoconto ufficiale fornito da N. Xirotiris e F. Langenscheidt 19.
Da sottolineare l’esiguità dei resti, 615 gr, ed il cattivo stato di conservazione
dei frammenti ossei appartenenti al cranio e allo scheletro postcranico, che ha im-
pedito la ricostruzione completa di qualsivoglia osso 20.
Difficoltà nel determinare anche il sesso dell’individuo: i pochi studi condotti
sul dimorfismo sessuale dello scheletro umano nell’età infantile ed adolescenziale
hanno prodotto risultati ambigui ed inapplicabili nel presente caso. Né ha avuto
esito l’esame metrico delle dimensioni dentali a causa del cattivo stato di conserva-
zione dei denti combusti.
Decisamente più confortanti si sono rivelati invece i risultati relativamente alla
determinazione dell’età dell’individuo cremato, per la quale sono stati utilizzati i cri-
teri dello stadio di sviluppo dentale e della cronologia della unione epifisaria. Lo sta-
to della dentatura permanente indica uno stadio di sviluppo ascrivibile ad un’età fra
i 12-14 anni e i 13-15 anni. Relativamente al secondo criterio, nello scheletro di
questo individuo all’epoca della morte non si erano verificati né il processo di fusio-
ne dell’acetabolo, che avviene fra i 13 ed i 16 anni, né quello di fusione dell’epifisi

for the Identity of the Royal Tombs at Vergina, in W.L. Adams - E. Borza [eds.], Philip II, Alexander the Great and the
Macedonia Heritage, Washington 1982, pp. 111-127, spec. 113-114, 127) indicava che esso era stato realizzato
dopo la II tomba e che la tomba III era stata aggiunta entro il diametro di esso. Tuttavia, come osserva opportu-
namente Adams, Cassander, Alexander IV cit., p. 28, ciò non può essere dimostrato dalla costruzione in sé e con-
traddice il fatto che ogni tomba aveva un proprio tumulo, fatto che, aggiungiamo, sembra confermato almeno
per la II tomba, visto che lo stucco all’interno della camera non ebbe il tempo di asciugarsi (cf. M. Andronikos,
The Tombs of the Great Tumulus of Vergina, in Acts of XI Int. Congress of Classical Archaeology (London, sept.
1978), London 1979, pp. 39-56, spec. 49) ed i resti di pira sopra la volta appaiono sigillati dal terreno. La logica
conclusione di Adams è che il tumulo intermedio venne realizzato dopo la costruzione della III tomba e che la II
tomba ne era il punto focale topografico. Potrebbe essere significativo in tal senso il fatto che Andronikos ini-
zialmente avesse attribuito alla III tomba una datazione al II quarto del IV sec. (vd. infra, nt. 22), dunque ante-
riore a quella della II tomba. È arduo pensare che egli potesse sostenere tale tesi, qualora avesse invece effettiva-
mente individuato elementi che provavano l’aggiunzione della III tomba entro il preesistente tumulo di terreno
rossiccio, che quindi avrebbe dovuto presentare evidenti tracce di scavo per permettere la costruzione della tomba.
19 N. Xirotiris - F. Langenscheidt, The Cremations from the Royal Macedonian Tombs of Vergina, «AE»
(1981), pp. 143-160; cf. J. Musgrave, Dust and Damn’d Oblivion: A Study of Cremation in Ancient Greece,
«BSA» 85 (1990), pp. 271-299, spec. 280-281; Id., Cremations in Ancient Macedonia, in Ancient Macedonia
V, Thessaloniki 1993, pp. 1131-1142, spec. 1136.
20 Per il dato del peso delle ossa vd. Musgrave, The Human Remains cit., p. 7; esse rappresentano co-
munque una quantità significativa dello scheletro dell’adolescente: la media del peso dei resti cremati per un
maschio adulto è di 2430 gr con un range che va da 870 a 3784 gr; per le donne 1053 gr in meno; cf. Mus-
grave et al., The Occupants of Tomb II cit., p. 10.
78 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

del radio alla diafisi, che avviene fra 13 e 17 anni. L’età deducibile dalla considera-
zione di questa doppia serie di dati per il defunto sepolto nella tomba è quindi con
molta probabilità di 13-16 anni. Il fatto che in entrambi i casi la fusione non aveva
avuto inizio, lascia optare per il limite inferiore, quindi 13-14 anni.

3. Le interpretazioni della critica

Stabilito il dato fondamentale relativo all’età adolescenziale del defunto, occor-


re ora soffermarci brevemente sui momenti salienti del dibattito circa l’identificazio-
ne dell’occupante della III tomba.
Ripercorrendo le posizioni della critica, malgrado la riluttanza in tal senso in
più occasioni manifestata da Andronikos e dai suoi collaboratori, emerge con forza
la candidatura di una figura storica ancora oggi negletta per il ruolo passivo svolto
negli eventi successivi alla morte del Grande: si tratta del figlio di Alessandro Magno
e Roxane, quell’Alessandro IV nato a Babilonia nell’estate del 323 (Curt. 10.6.9;
Iust. 13.2.5), e lı̀ acclamato basileus dalle truppe (Arr. Succ. F 1, 8), rimasto dopo
l’assassinio di Filippo III nel 317 unico erede dell’impero del Grande e morto in
giovane età (13-14 anni) nel 311/310 (Diod. 19.105.2, arconte ateniese Simonide)
o nel 310/309 (Marmor Parium FGrHist II B 239.18) 21 per volere di Cassandro.
Poco dopo la scoperta della III tomba, è questo un dato oggi da sottolineare,
M. Andronikos, avvalendosi della cronologia della lucerna di ceramica rinvenuta
nella camera, ipotizzò per la sepoltura una datazione nel secondo quarto del IV
sec. (375-350) e che il defunto potesse identificarsi con Aminta III o Alessandro
II, Tolemeo di Aloro o ancora con Perdicca III 22.
Successivamente, malgrado fosse già ufficiosamente a conoscenza del fatto che
i resti appartenevano con certezza ad un individuo fra i 12 e i 14 anni 23, Andro-
nikos abbassò leggermente la datazione della tomba alla metà e non oltre il terzo
quarto del IV sec. 24 esclusivamente sulla base di criteri stilistici (dipinti murari,

21 Marmor Parium FGrHist II B 239.18: a\u\ ot’ \Ak[e*n]a[mdqo| o< \Akena*mdqot s]ek[e]tsa&i jai+ e%seqo|
\ej sg&| \Aqsaba*fot htcasqo+| < Gqajkg&| jai+ \Acahojkg&| die*bg ei\| Jaqvgd[o*ma – c. 36 – e>sg], a>qvomso|
\Ahg*mgri < Ieqolmg*lomo|.
22 M. Andronikos, The Royal Grave at Vergina, «The Times» (1978), pp. 40, 48; cf. Id., The Tombs of
the Great Tumulus of Vergina cit., pp. 54-55 «the dead man must have been very young, I take for certain that
he also belong to the royal family. My first impression is that the new tomb must be dated before the large
one, but I cannot say this with great certainty before I study the objects».
23 Cf. M. Andronikos, The Royal Tombs at Aigai (Vergina), in Philip of Macedon, Athens 1980,
pp. 188-230, spec. 229, 230. Id., The Royal Tombs at Vergina cit., pp. 37, 38.
24 Andronikos, The Royal Tombs at Aigai cit., p. 230: «It should be assigned to roughly middle of the
fourth century and cannot be later than the third quarter of that century». Cf. G. Touchais, Chronique des
Fouilles en 1978, «BCH» 103 (1979), p. 584 e M.E. Caskey, «AJA» 63 (1979), p. 326.
Athenaeum 101/1 (2013) 79

figure in avorio), senza avvalersi, di fatto, dell’ausilio delle analisi condotte sui re-
sti ossei.
P. Green di contro, pur dichiarando esplicitamente di non avere avuto accesso
ai risultati definitivi dell’analisi paleosteologica, non esitò a proporre come occupante
della tomba Alessandro IV, l’unico adolescente fra i 12 e i 14 anni per cui fosse con-
cepibile una sepoltura regale in Macedonia nel IV secolo 25, senza però escludere co-
me possibile altro candidato, ma in posizione marginale, il fratellastro di Alessandro
IV, Eracle nato ad Alessandro dalla persiana Barsine 26. Questi sarebbe morto dopo
Alessandro IV nel 309/308, secondo Diodoro (20.20.1) a 17 anni, secondo Giustino
(15.2.3) a 14 anni compiuti. Green in definitiva, fidando in massima parte sul dato
storico, proponeva un abbassamento della datazione dell’edificio al 310 o 309.
Un unicum la tesi di R. Lane Fox, il quale, basandosi sulla lettura di Giustino
(9.7.11) riteneva che la tomba potesse contenere le spoglie di Pausania, l’assassino
di Filippo II 27.
Alquanto netta la posizione di N. Hammond. Innanzitutto egli incentrava l’at-
tenzione sul corredo funerario della tomba, individuando nella corona d’oro di fo-
glie di quercia la prerogativa di un sovrano argeade e sottolineando, sulla base dei
reperti restanti, il sicuro carattere di sepoltura reale della tomba stessa 28. Inoltre
gli strigili ed il tema del fregio dell’anticamera rivelerebbero gli interessi di un

25 P. Green, The Royal Tombs of Vergina: a Historical Analysis, in W.L. Adams - E. Borza (eds.), Philip
II, Alexander the Great and the Macedonian Heritage, Washington 1982, pp. 129-151, spec. 132, 133, 146. Lo
studioso ipotizzava in questa fase che qualora l’esito delle analisi dei resti cremati avesse rivelato un’apparte-
nenza ad un individuo dell’età di 25-30 anni, l’unico candidato possibile per la tomba III sarebbe divenuto
Aminta IV.
26 Eracle, nato nel 327 o 325, nel 323 sarebbe stato proposto a Babilonia da Nearco quale possibile
successore di Alessandro (Curt. 10.6.11). Dopo l’esecuzione di Alessandro IV, questi era stato sostenuto da
Poliperconte contro Cassandro come nuovo erede del regno, ma un accordo intervenuto fra i due ebbe come
effetto la sua eliminazione probabilmente nel 309/308 diodoreo (Diod. 20.28.3). Sulla figura storica di questo
Eracle vd. W.W. Tarn, Herakles Son of Barsine, «JHS» 41 (1921), pp. 18-28, spec. 28, il quale mette fortemente
in dubbio la tradizione sul giovane, negando che questi fosse realmente figlio di Alessandro, come pure di Bar-
sine, bensı̀ fosse «an ordinary pretender», una semplice marionetta di Antigono, scelta «for some facial resem-
blance to Alexander». Si deve quanto meno concordare con Tarn su come sia arduo pensare che un figlio di
Alessandro – dunque di per sé in linea di principio preziosissimo a prescindere che fosse o meno ‘porfirogenito’
– potesse arrivare a 17 anni d’età senza essere notato e soprattutto coinvolto nei disegni di potere dei Diadochi.
Vd. anche P.A. Brunt, Alexander, Barsine and Heracles, «RFIC» 103 (1975), pp. 22-34; P.V. Wheatley, The
Date of Polyperchon Invasion of Macedonia and the Murder of Herakles, «Antichton» 23 (1998), pp. 12-23.
27 R. Lane Fox, The Search for Alexander. An Exhibition, Boston 1980, p. 93. L’ipotesi non è originale.
Fu formulata per la prima volta da Andronikos, Vergina. The Royal Graves in the Great Tumulus cit., p. 72,
relativamente all’occupante dell’anticamera della II tomba (ma contra già Prestianni-Tripodi, Le tombe regali
cit., p. 995). Concordiamo in pieno con lo scetticismo di Green, The Royal Tombs of Vergina cit., p. 147 nt. 52
(«the notion of a bodyguard between twelve and fourteen with a past history of rape victimisation, may have a
certain bizarre charm, but scarcely carries historical convinction»).
28 Hammond, The Evidence for the Identity cit., pp. 114, 116.
80 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

«young athletic horseman». Lo studioso, probabilmente anche sulla base dei dati
delle analisi osteologiche, non ebbe dubbi nell’identificare in Alessandro IV l’indi-
viduo sepolto nella tomba, escludendo ogni altra possibilità.
Quanto ad Andronikos, anche dopo la definitiva conferma sull’età attribuibile
ai resti ossei dell’urna, continuò ad esprimere delle riserve, mai meglio circostanzia-
te, in merito alla candidatura più accreditata, scegliendo e continuando ad usare la
definizione di «Prince’s tomb» 29 e limitandosi a considerare la tomba III come la
più recente dell’intero complesso funerario, che egli reputava appartenente ad un
arco temporale posto fra il 350 e gli anni finali del IV secolo, approssimativamente
315-310 30.
L’argomentazione addotta per sostenere la recenziorità della tomba III è la po-
sizione relativa di questa nell’ambito del tumulo originario di terreno rossiccio, non-
ché l’evidenza archeologica, che dimostrerebbe come il suddetto tumulo che copriva
le tombe I e II fosse stato rimosso nella sua sezione settentrionale per permettere la
costruzione dell’edificio 31. Non possiamo non rilevare, tuttavia, come tale argomen-
to confligga decisamente con la prima ipotesi formulata da Andronikos, che attri-
buiva alla III tomba una datazione ‘alta’ al secondo quarto del IV sec.
I reperti, collocabili genericamente nel periodo tardo classico-ellenistico inizia-
le, testimonierebbero una leggera differenza temporale con quelli della cosiddetta
‘Tomba di Filippo’; in particolare quelli ceramici denunciano una datazione al tardo
o alla fine del IV sec. 32, confermata anche per il vasellame metallico 33.
Ma se l’identificazione con Alessandro IV è stata accettata senza riserve da
W.L. Adams 34 e Borza 35, la cautela di Andronikos si è successivamente estesa anche

29 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., p. 198: «I have given it a conventional name based on
the only reliable fact, that the deceased was a young man no older than sixteen».
30 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., pp. 221, 222. Lo studioso, dunque, abbassò la datazione
della III tomba presumibilmente su suggestione delle proposte di identificazione del defunto, laddove in ultima
analisi egli riteneva invece i reperti della III tomba non posteriori al 325: op. cit., p. 224: «The finds, that are in
general to be placed around 325, testify a brief difference in time from the finds in ‘Philip’s tomb’. The clay
lamp is telling illustration for the dating, being of a newer type than corresponding objects in ‘Philip’s tomb’.
The silver vases, the ivory reliefs and the wall painting also suggest that we should accept a slightly later date».
31 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., p. 224: «The third tomb must be the latest. This follows
from its position in the original mound and from the archaeological evidence wich showed that the tumulus
had been disturbed at this point after its construction so that this tomb could be built».
32 Vd. lucerna in ceramica tipo Howland 26A, che si confronta con esemplari del tardo IV sec.; kan-
tharos a v.n. con confronti dall’Agora di Atene datati alla fine del IV sec., analoga datazione per un guttus a v.n.
(ritrovato tra i resti del sacrificio relativo alla tomba); con paralleli di tardo IV - inizio III sec. da Corinto e
dall’Agora di Atene per l’anfora pseudocipriota. In generale sulla ceramica della III tomba ed i confronti con i
pezzi summenzionati vd. Drougou, Beqci* ma. Sa+ pg*kima cit., pp. 62-68.
33 Gill, The Silver Plate cit., pp. 348, 352.
34 Adams, Cassander, Alexander IV cit.
35 E.N. Borza, In the Shadow of Olympus, the Emergence of Macedon, Princeton 1990, p. 260; Borza-
Athenaeum 101/1 (2013) 81

ai suoi allievi e collaboratori. Nella guida per i visitatori del Grande Tumulo del
1994, pur ammettendo che ricchezza e natura degli oggetti del corredo lasciano
identificare il giovane defunto quale membro della famiglia reale, essi hanno conti-
nuato a sostenere la difficoltà di identificarlo con una figura storica del IV sec. 36, per
poi ‘aprire’ nel 2007 alla tesi-Alessandro IV, tuttavia attribuita ad Hammond ed al-
tri studiosi, mantenendo ancora la definizione «tomb of the ‘Prince’» 37. Dobbiamo
giungere al 2011 perché la pertinenza della III tomba al figlio di Alessandro divenga
esplicita e quasi un dato di fatto 38.
All’origine di tale reiterato riserbo potrebbe esservi stata la discordanza (come
vedremo a nostro giudizio solo apparente) fra le modalità della morte di Alessandro
IV descritte dalle fonti letterarie e l’assenza nelle stesse di riferimenti ad esequie uf-
ficiali e ad una sepoltura formale, che contrasterebbe con la monumentalità della III
tomba 39. Laddove nel cambiamento di attribuzione potrebbe aver giocato un ruolo
la scoperta della possibile sepoltura di Eracle (vd. infra), la cui debole candidatura
come occupante nella III tomba tuttavia, come vedremo, non necessitava di nuove
evidenze archeologiche per essere verosimilmente esclusa.

4. Dati storiografici

È innegabile, dunque, che l’acquisizione dell’elemento dell’età del defunto se-


polto nella tomba III depone, come abbiamo visto, a favore della sua identificazione
con il giovane Alessandro IV, mentre, ad es., induce oggi a rifiutare la candidatura
di Eracle, che nelle fonti storiografiche antiche appare una semplice pedina sfruttata
da Poliperconte ed Antigono Monoftalmo in un tentativo di sua instaurazione sul
trono di Macedonia, ed eliminata a tradimento, in virtù di un accordo intervenuto
fra Cassandro e Poliperconte stesso.
A quasi 18 anni d’età Eracle avrebbe già potuto essere troppo ‘anziano’ per
essere compatibile con i resti ossei dell’occupante della tomba III 40; se morto a
14 anni la sua candidatura potrebbe essere più plausibile. Tuttavia, le circostanze

Palagia, The Chronology of the Macedonian cit., p. 84. In precedenza lo stesso autore (Id., The Royal Macedo-
nian Tombs and the Paraphernalia of Alexander the Great, «Phoenix» 41/2 [1987], pp. 105-121, spec. 120-
121) aveva sospeso il giudizio, evidenziando la discordanza fra fonti storiografiche ed evidenza archeologica
che parlano «of an honoreable burial».
36 Cf. Drougou, The Great Tumulus cit., p. 65.
37 Drougou - Saatsoglou Paliadeli, Vergina, The Land cit., pp. 168, 178.
38 Vd. ad es. Y. Galanakis, Aegae:160 Years of Archaeological Research, in Aa.Vv., Heracles to Alexander
cit., pp. 49-58, spec. 51: «tomb III or tomb of the Prince now (sic!) thought to be that of Alexander IV and
dated to ca. 310 BC»; cf. Kottaridi, Burial Customs cit., p. 142.
39 Cf. Adams, Cassander, Alexander IV cit., p. 29.
40 Cf. Musgrave, Cremations cit., p. 1136. L’evidenza dell’anca e del radio esclude questa possibilità.
82 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

della morte del giovane, i dubbi sostanziali circa una maggiore legittimità dinastica
di Eracle rispetto ad Alessandro IV, che tutti i dati della tradizione letteraria e la
documentazione epigrafica, che a volte lo accomuna come basileus a Filippo III, fan-
no invece ritenere l’unico ‘porfirogenito’ 41, recentissime acquisizioni archeologiche
che sembrerebbero localizzare nell’agora di Aigai la possibile sepoltura di Eracle 42,
sono tutti elementi che portano ad escludere l’attribuzione al figlio di Alessandro
e Barsine della tomba III di Vergina.
A questo punto occorre verificare quanto la candidatura di Alessandro IV sia
compatibile con i dati presenti nelle fonti storiografiche ed i dati archeologici forniti
dall’esame della sepoltura.
In prima battuta la disamina delle fonti relative alla modalità della morte di
Alessandro IV sembrerebbe escludere la possibilità che una sepoltura come la tomba
III di Vergina fosse concepibile per il figlio di Alessandro. Non a caso, di recente,
per superare tale difficoltà è stato proposto che non Cassandro, l’‘assassino’ di Ales-
sandro IV, ma Demetrio Poliorcete ne avesse ordinato la costruzione e solo intorno
al 290 43.
Ma andiamo alla testimonianza delle fonti. Diodoro (19.105.2) ricorda che
Cassandro, dopo il trattato di pace del 311, che prevedeva il mantenimento della
sua carica di stratego d’Europa ed in generale dello status quo dei vari Diadochi,
in controllo dei rispettivi domini fino a che Alessandro IV avesse raggiunto la mag-
giore età, informato del desiderio diffuso in Macedonia di vedere libero e sul trono
il figlio di Alessandro, ordinò a Glaucia, il capo degli uomini preposti alla utkajg*
del giovane in Anfipoli, «di uccidere Rossane ed il re, di nascondere i corpi e non
rivelare l’accaduto ad alcuno degli altri» 44. Giustino (15.2.3-4) conferma in maniera

41 Sullo status di Alessandro IV vd. E. Arena, La titolatura regale nella Macedonia ellenistica: i barikei& |
Filippo III e Alessandro IV nelle fonti letterarie ed epigrafiche (323-317 a. C.), in Ancient Macedonia VI, Thes-
saloniki 1999, pp. 77-98, spec. 83 ss.; B. Tripodi, Filippo III, Alessandro IV e l’ideologia del re guerriero alle
origini della basileia ellenistica, in L. De Salvo (a c. di), Salvatore Calderone. La personalita`scientifica. Convegno
internazionale, Messina-Taormina, 19-21 febbraio 2002, Messina 2010, pp. 581-599.
42 Un’ampia fossa rettangolare entro il recinto del santuario di Eukleia, che occupava parte dell’agora
della città, ha restituito nel 2008 un recipiente cilindrico in bronzo contenente una pixys aurea-ossuario co-
perta da una lastra. All’interno era una corona aurea di foglie di quercia, lamelle auree, resti di tessuto e so-
prattutto resti cremati di un individuo di non oltre 17 anni. Il riempimento della fossa non mostrava tracce di
interventi successivi alla deposizione, inoltre la ceramica rinvenuta non era più tarda della fine del IV sec. La
cremazione e la corona aurea di quercia, secondo C. Saatsoglou-Paliadeli (The Royal Presence in the Agora of
Aegae, in Aa.Vv., Heracles to Alexander cit., pp. 193-204, spec. 200-201), orienterebbero verso una sepoltura
regale che, sulla base di Iust. 16.2.3, a giudizio della studiosa potrebbe identificarsi in particolare con quella di
Eracle.
43 Landucci Gattinoni, Cassandro cit., pp. 132-133; Ead., Cassander and the Legacy of Philip II and
Alexander III in Diodorus’ Library, in E. Carney - D. Ogden (eds.), Philip II and Alexander the Great, Father
and Son, Lives and Afterlives, Oxford 2010, pp. 113-121, spec. 120-121.
44 Diod. 19.105.2: Ja*ramdqo| de+ o<qx&m \Ake*namdqom so+m e\j \Qxna*mg| at\no*lemom jai+ jasa+ sg+m La-
Athenaeum 101/1 (2013) 83

quasi palmare questa testimonianza, sebbene riferisca erroneamente questo anda-


mento dei fatti all’assassinio di Eracle e della madre Barsine, aggiungendo e sotto-
lineando che lo stratagemma dell’interramento dei corpi era volto allo scopo di im-
pedire che una sepoltura rivelasse l’assassinio. Relativamente all’eliminazione di
Alessandro IV e Rossane afferma che furono uccisi pari fraude 45. Da Pausania ap-
prendiamo che i due vennero eliminati col veleno 46.
Stando al dettato delle fonti storiografiche non solo non sarebbe stato compiu-
to alcun rito funebre ufficiale con relativa sepoltura nella necropoli reale di Aigai,
ma Cassandro avrebbe anche steso il silenzio sulla morte del re, specie nei confronti
di quegli ‘altri’, che a nostro giudizio si identificano con Lisimaco, Tolemeo ed An-
tigono 47. I dati delle fonti letterarie, dunque, per un verso si accordano con l’età
attribuita al defunto della III tomba, compatibile con quella di Alessandro IV al mo-
mento del decesso. Per altro verso, apparentemente, non trovano riscontro nell’evi-
denza archeologica della III tomba, che proverebbe invece come Cassandro, in qual-
che momento successivo all’esecuzione e all’occultamento del cadavere del giovane
Alessandro IV, avesse permesso la cremazione del corpo e la costruzione di una tom-
ba consona al rango regale della sua vittima.
In realtà la discordanza fra queste differenti documentazioni è a nostro avviso
solo apparente e per spiegarla non occorre chiamare in scena altri attori come il Po-
liorcete. Se infatti vi fu un momento in cui Cassandro ebbe effettivamente interesse
a jqt*wai, «occultare» la morte del giovane, come attestano esplicitamente le fonti
letterarie, al di là di alcune forzature forse ascrivibili alla propaganda anticassandrea

jedomi* am ko*cot| t<po* simxm diadidole*mot| o%si jahg*jei pqoa*ceim e\j sg&| utkajg&| so+m pai& da jai+ sg+m pasq{*am
barikei* am paqadot&mai, uobghei+ | t<pe+q e<atsot& pqore*sane Ckatji* y s{& pqoersgjo*si sg&| sot& paido+| utkajg&|
sg+m le+m < Qxna*mgm jai+ so+m barike*a jasarua*nai jai+ jqt*wai sa+ rx*lasa, so+ de+ cecomo+| lgdemi+ sx&m a>kkxm a\pac-
cei& kai. Poig*ramso| d\ at\sot& so+ pqorsavhe+m oi< peqi+ Ja*ramdqom jai+ Ktri* lavom jai+ Psokelai& om, e>si d\ \Am-
si* comom a\pgkka*cgram sx&m a\po+ sot& barike*x| pqordojxle*mxm uo*bxm" ot\je*si ca+q o>mso| ot\demo+| sot& diadeno-
le*mot sg+m a\qvg+m so+ koipo+m e%jarso| sx&m jqasot&msxm e\hmx&m g/ po*kexm barikija+| ei# vem e\kpi* da| jai+ sg+m t<u\
e<atso+m sesacle*mgm vx*qam ei# vem x<ramei* sima barikei* am doqi* jsgsom.
45 Iust. 15.2.3-4: Deinde, ne Hercules, Alexandri filius, qui annos XIV excesserat, favore paterni nominis
in regnum Macedoniae vocaretur, occidi eum tacite cum matre Barsine iubet (sc. Cassander) corporaque eorum
terra obrui, ne caedes sepultura proderetur, et quasi parum facinoris in ipso primum rege, mox in matre eius Olim-
piade ac filio admisisset, alterum quoque filium cum matre Roxane pari fraude interfecit.
46 Paus. 9.7.2: (Ja*rramdqo|) e\peng&khe de+ jai+ so+m pa*msa oi#jom \Akena*mdqot uhei* qxm, o=| \Oktlpia*da
ce paqe*bake jasaket&rai soi& | e\p\ at\sg+m Lajedo*mxm paqxntrle*moi| jai+ sot+| pai& da| \Akena*mdqot so+m se e\j
Baqri* mg| < Gqajke*a jai+ \Ake*namdqom so+m e\j < Qxna*mg| a\pe*jseimem t<po+ uaqla*jxm.
47 Diod. 19.52.3-4 dopo aver riportato la morte di Alessandro IV chiosa: «dopo che quello ebbe ese-
guito l’ordine Cassandro, Tolomeo, Lisimaco, Antigono furono liberati dai timori per loro rappresentati dal
re. Non essendoci nessuno che avrebbe potuto ereditare il regno ciascuno poteva sperare di diventare re dei
popoli e delle città sulle quali dominava e le regioni poste sotto la loro autorità erano per loro come un regno
acquisito per diritto di guerra». Questa, tuttavia, ha l’aria di una riflessione a posteriori della fonte di Diodoro e
non di una genuina testimonianza delle speranze dei Diadochi originate dall’assassinio del piccolo re.
84 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

di matrice ieronimiana confluita nelle fonti 48, ve ne fu anche un altro in cui il figlio
di Antipatro, trovandosi nella fortunata condizione di poter gestire in prima persona
la transizione che doveva portare un nuovo sovrano sul trono macedone, ebbe in-
vece assoluta necessità di svolgere l’operazione opposta, vale a dire «rendere mani-
festa» la morte di Alessandro IV per poterne celebrare le esequie ufficiali con la co-
struzione di una tomba regale, proprio come testimonia l’evidenza archeologica.
Nonostante la pace stipulata con gli altri Diadochi che prevedeva presumibil-
mente un tacito accordo riguardante forse una prematura ‘dipartita’ del figlio di
Alessandro, non è credibile che nel 311, nel 310, o ancora nel 309 49, Cassandro
potesse compiere il misfatto alla luce del sole. Né è verosimile che egli potesse con-
durre in segreto ad Aigai, il luogo tradizionalmente deputato alle sepolture regali 50,
la costruzione di un edificio tombale come la III tomba senza destare l’attenzione di
alcuno degli oppositori interni, che pure esistevano, come attesta Diodoro 51.
Un atto del genere avrebbe reso ufficialmente nota la morte del re quanto me-
no in Macedonia e soprattutto stride fortemente con l’esigenza di Cassandro di non
far trapelare in alcun modo quanto si era consumato all’interno della fortezza di
Anfipoli. Al contrario di quanto aveva fatto nel caso di Filippo III ed Euridice
nel 315 52, Cassandro nel 310 non poteva assolutamente permettersi di accordare
una sepoltura ufficiale (e regale) ad Alessandro IV.
Nel 315, infatti, una volta rientrato in possesso delle spoglie della coppia reale,
Cassandro aveva avuto tutto l’interesse di seppellire con i dovuti onori regali i due

48 Di primo acchito si potrebbe chiamare in causa l’acredine di Ieronimo di Cardia, storico notoria-
mente vicino alla propaganda di Antigono Monoftalmo, che sta alla base della tradizione sfavorevole a Cassan-
dro confluita nelle fonti. In tal caso, se pure è lecito considerare la narrazione dei particolari relativi alla morte
di Alessandro IV come un tentativo di gettare discredito sul figlio di Antipatro, e dunque nutrire dei dubbi
sulla forma della testimonianza, non v’è margine per negare la sostanza dei fatti. Sul rapporto di Ieronimo con
Antigono e i suoi discendenti vd. J. Hornblower, Hieronymus of Cardia, Oxford 1980, pp. 211-233.
49 Per quest’ultima datazione della morte di Alessandro IV vd. N.G.L. Hammond - F. Walbank, His-
tory of Macedonia III, Oxford 1988, p. 166; Wheatley, The Date of Polyperchon cit., p. 19.
50 Oltre al ‘Grande Tumulo’ Aigai ha restituito altri importanti raggruppamenti di tombe ritenute rea-
li: il «Temenid’s Cluster» e il «Queens’ cluster»; A. Kottaridi, G mejqo*pokg sxm Aicx*m rsa aqvaija* vqo*mia
jai oi barikije*| sauije*| rtrsa*de|, «AELH» 20 (2009), pp. 143-153; cf. Kottaridi, Burial Customs cit.,
pp. 141 ss.
51 Diod. 19.105.2: «Cassandro, vedendo che [...] da alcuni era stata diffusa in Macedonia la voce che
bisognava liberare il fanciullo e rimettergli il regno paterno, temendo per se stesso, ordinò a Glaucia [...] di
uccidere Rossane ed il re, ecc.» (vd supra, nt. 44).
52 Diod. 19.52.5: lesa+ de+ sat&sa barikijx&| g>dg diena*cxm sa+ jasa+ sg+m a\qvg+m Et\qtdi* jgm le+m jai+ Ui* -
kippom sot+| barikei& |, e>si de+ Jt*mmam, g=m a\mei& kem \Akje*sa|, e>hawem e\m Ai\caiai& |, jaha*peq e>ho| g#m soi& | bari-
ket&ri; cf. Diyll. FGrHist 73 F 1 (apud Athen. 4.41, p. 155): Di* tkko| d\ \Ahgmai& o| e\m sz& e\ma*sz sx&m i< rsoqix&m
ugrim x<| Ja*ramdqo| e\j Boixsi* a| e\pamix+m jai+ ha*wa| sg+m barike*a jai+ sg+m bari* kirram e\m Ai\caiai& | jai+ les\
at\sx&m sg+m Jt*mmam sg+m Et\qtdi* jg| lgse*qa jai+ soi& | a>kkoi| silg*ra| oi’ | pqorg*jei jai+ lomolavi* a| a\cx&ma e>hg-
jem, ei\| o=m jase*bgram se*rraqe| sx&m rsqasixsx&m.
Athenaeum 101/1 (2013) 85

sovrani (che egli aveva sostenuto nel 317 contro Olimpiade e Poliperconte che ‘ge-
stivano’ Alessandro IV), al fine di autolegittimarsi in Macedonia contro i lealisti del-
l’asse Olimpiade-Poliperconte 53. Edificare nel 310 una tomba regale per Alessandro
IV sarebbe stata invece la prova evidente della triste sorte del giovinetto e, di con-
seguenza, avrebbe palesemente indebolito la posizione di Cassandro stesso, even-
tualmente suscettibile, in quanto ufficialmente regicida, di attacchi da parte di que-
gli ‘altri’, i firmatari della pace del 311, sempre pronti a riconfigurare le coalizioni e
a trasformarsi in acerrimi nemici.

Non sappiamo se egli sia riuscito ad occultare la verità dei fatti fino in fondo; è
anche ammissibile che l’assassinio del figlio di Alessandro fosse divenuto noto uffi-
ciosamente agli altri Diadochi, il che, eventualmente, potrebbe parzialmente spiega-
re l’enigmatico affaire-Eracle del 309 o 308 54. Infatti, il tentativo di Poliperconte di
instaurare sul trono il figlio di Barsine, dietro il quale era sicuramente la longa manus
di Antigono, per un verso avrebbe avuto un senso se egli avesse avuto in qualche
modo contezza della morte del giovane Alessandro; ma, per un altro, potrebbe di-
mostrare invece che Antigono e Poliperconte ritenessero Alessandro IV ormai ‘irre-
cuperabile’ dalla sua prigionia in Anfipoli e, piuttosto che invadere la Macedonia e
sconfiggere Cassandro per liberare e restaurare i diritti di Alessandro IV, abbiano
preferito ‘gestire’ un proprio candidato controllabile direttamente ed entrare con
questo in Macedonia per rovesciare la posizione di forza di Cassandro 55.
In ogni caso, sul piano dell’ufficialità si continuò a ritenere in vita Alessandro
IV e ciò emblematicamente fino al terminus fissato dalla pace del 311, corrispon-
dente al compimento della maggiore età dell’erede di Alessandro, cioè all’incirca
il 305/304 (se possiamo indicare nei 18 anni tale momento) 56, quando Cassandro,

53 Cf. Prestianni-Tripodi, Le tombe regali cit., pp. 997-998.


54 Per la datazione al 308 dell’invasione della Macedonia e della vicenda di Eracle vd. Wheatley, The
Date of Polyperchon cit., pp. 18-19, che sulla base del resoconto diodoreo (19.105.2) postula un intervallo di
oltre un anno fra l’assassinio di Alessandro IV prima e del figlio di Barsine poi, laddove Giustino ed il Marmor
Parium errano nella disposizione e datazione dei due avvenimenti. Sugli eventi riguardanti Poliperconte e Cas-
sandro negli anni in questione vd. ora P. Paschidis, The Missing Year in the Biography of Poliperchon (318/7
and 308 BC Onwards), «Tekmeria» 9 (2008), pp. 233-250 con bibl. precedente.
55 La storia della monarchia macedone del resto non solo contempla ampiamente la competizione di
vari pretendenti al trono, ma anche il caso di un sovrano ‘titolare’ insidiato da competitori: i figli di Alessandro
I (Philippos: Thuc. 2.100.3; Alketas: Plat. Gorg. 471a-b; Menelaos: IG I3, 89) prima dell’accessione al trono
di Perdicca II; Argaios che sostituisce per due anni Aminta III sul trono macedone (Diod. 14.92.3); Tolemeo
di Aloro pretendente al trono mentre Alessandro II era impegnato in Tessaglia (Plut. Pelop. 26; Marsyas
FGrHist 135/6 F 3); i tre pretendenti contro Filippo II: Pausanias appoggiato dal re tracio Berisades, Arche-
laos fratellastro di Filippo, figlio di Aminta III e Gygaia (Iust. 8. 3.10; cf. 7.4.5) ed ancora Argaios, sostenuto
dagli Ateniesi (Diod. 16.3.5-6; Demosth. 23.121).
56 Sull’argomento vd. S. Le Bohec, Remarques sur l’a ˆge de la majorite´chez les rois de Mace´doine, in An-
cient Macedonia V, Thessaloniki 1993, pp. 779-788.
86 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

Antigono, Lisimaco, Tolemeo (e Seleuco), scaduto il termine del loro potere sulle
rispettive zone di controllo, avrebbero dovuto rimettere, unito, l’impero nelle mani
del re. Il che, com’è noto, non avvenne a causa della morte del giovinetto. Questo,
almeno, dimostrano l’uso nei documenti, almeno fino al 306/5 in Babilonia e fino
al 304 nella satrapia d’Egitto, di un sistema di datazione basato sugli anni regnali di
Alessandro IV 57, ed il fatto che, come vedremo, l’adozione del titolo regale da parte
dei Diadochi, ad eccezione di Antigono, si collochi all’incirca in queste date.
Malgrado Giustino (15.2.3-4), come si è visto, riferisca di un interramento del
corpo di Alessandro IV e di Rossane, l’ipotesi più verosimile è che già dopo l’ese-
cuzione del giovane re Cassandro, con un atto fortemente intriso di Realpolitik, in-
tuita la possibilità di impiegare in futuro a proprio vantaggio quelle spoglie, avesse
deciso di farne preservare i resti cremati.
Motivi etici, come la repulsione per la contaminazione della morte, peculiare
dei costumi funerari del mondo greco, rendono infatti assai ardua l’ipotesi di una
riesumazione del cadavere di Alessandro IV ed una successiva cremazione ‘a secco’
a distanza di 3-5 anni dalla morte, tipologia di cremazione quest’ultima peraltro
esclusa dal cattivo stato di conservazione dei resti ossei, che può provare invece
una cremazione tradizionale, particolarmente distruttiva, condotta su un corpo
che, cioè, preservava ancora i tessuti molli 58.
Certo, in tale quadro ricostruttivo dovremmo postulare una inconsueta crema-

57 In Egitto, dove l’era di Alessandro IV iniziava nel 317/316, due papiri (PLouvre 2472 e 2440; vd.
P.W. Pestman, Chronologie egyptienne d’apres les textes de´motique, Leiden 1967, p. 13) databili fra 1 e 6 Hathor
del 304 (E. Grzybek, Du calendrier mace´donien au calendrier ptole´maique. Problems de chronologie helle´nistique,
Basel 1990, pp. 89, 90) attestano un tredicesimo anno di Alessandro IV, quindi il 305/304. A Babilonia un
documento economico (Kennedy 1969 = CT 49, 25) menziona un undicesimo anno di Alessandro IV (306/
305), la cui era iniziava nel 316/315, confermata dalla cosiddetta Cronaca dei Diadochi (BM 34669-36313),
anno in cui a Babilonia venne resa nota la morte di Filippo III. Queste testimonianze lasciano adito a due
possibilità: che il 305 circa fosse il terminus post quem per la diffusione della notizia della morte di Alessandro
IV, oppure che già in data anteriore la morte del re fosse ufficiosamente nota e quindi le ere a suo nome fos-
sero tenute in vigore mantenendo la ‘finzione’ del diciottesimo anno e/o finché il vuoto di potere non fosse
stato colmato ufficialmente con l’insediamento di una nuova autorità regia cui fare riferimento, cosa che av-
venne nel 304 con Tolemeo in Egitto e con Seleuco in Babilonia (come testimonia la BM 35603), il quale,
tuttavia, ridusse a posteriori l’era di Alessandro IV a soli 6 anni per far posto retroattivamente alla propria. In
generale su questi documenti orientali vd. S. Smith, The Chronology of Philip Arrhidaeus, Antigonus and Ale-
xander IV, «RAssyr» 22 (1925), pp. 179-197; F. Joannes, Les Successeurs d’Alexander le Grand en Babylonie:
essai de determination chronologique d’apres les documents cuneiformes, «Anatolica» 7 (1979-1980), pp. 99-
115; T.C. Skeat, The Reign of Ptolemies, München 1954.
58 Per la repulsione dei costumi funerari greci circa la riesumazione dei cadaveri cf. Hatzopoulos, The
Burial of the Dead cit., p. 116; Musgrave, The Occupants of Tomb II at Vergina cit., p. 10. Studi recenti hanno
evidenziato la differenza fra gli esiti, alquanto conservativi, dei resti ossei a seguito di una cremazione ‘a secco’,
condotta cioè su ossa prive di tessuti molli, rispetto a quelli distruttivi prodotti da una cremazione su di un
corpo ancora «fleshed»; cf. Bartsiokas, The Eye Injury cit., p. 513; Musgrave et al., The Occupants of Tomb II at
Vergina cit., p. 5.
Athenaeum 101/1 (2013) 87

zione effettuata ‘in segreto’ subito dopo l’assassinio, laddove il rito, di norma, ri-
manda invece ad una celebrazione pubblica e solenne dello stesso. Ma l’anomalia
potrebbe spiegarsi con l’eccezionalità della situazione dell’impero nel 310 o 309. Ri-
teniamo, infatti, che l’altissima posta in gioco per Cassandro, quanto meno il futu-
ro trono di Macedonia, potesse valere il momentaneo silenzio sulla morte di Ales-
sandro IV, anche se esso comportava una strumentale deviazione dalla stretta osser-
vanza del consueto complesso delle cerimonie del rito funebre della cremazione,
nonché dell’elaborazione del lutto associato alla perdita del sovrano da parte della
comunità.
Del resto, nell’età dei Diadochi la conservazione di resti ossei privi di una se-
poltura definitiva non era un unicum: Eumene detiene per cinque anni le ossa di
Cratero, morto nel 320, prima di consentirne, in punto di morte, l’invio per la se-
poltura alla vedova Phila nel 315. Analoga sorte possiamo dedurre per la stessa Cyn-
na(ne), uccisa in Asia da Alceta forse nel 322, che ‘attende’ alcuni anni prima di
trovare definitiva e degna sepoltura con Filippo III ed Euridice ad Aigai 59.
Non è da escludersi, inoltre, l’ipotesi di una sepoltura provvisoria, che potreb-
be essere ora avvalorata dalla sepoltura di un presunto Eracle che si ritiene ritrovata
nell’agora di Aigai. Se realmente attribuibile al figlio di Barsine, infatti, essa potreb-
be ben spiegare quali fossero i limiti della pietas funebre di Cassandro nei confronti
della progenie di Alessandro di fronte a problemi politici concreti. Cassandro sem-
brerebbe accordare ad Eracle una cremazione regale con tanto di ossuario in oro e
corona aurea di quercia, ma senza una tomba monumentale, né, soprattutto, l’ere-
zione di un sema sul luogo della sepoltura, a conferma che, pur in ossequio al sangue
regale, la sepoltura doveva rimanere occulta. Analoga sorte potrebbe essere toccata ai
resti cremati di Alessandro IV dal 310 sino al momento dell’edificazione della III
tomba. Forse anche per il figlio di Rossane venne inizialmente approntata una se-
poltura ‘segreta’. Ma se quella di Eracle è rimasta tale fino ai nostri giorni, perché
Cassandro non ebbe mai necessità di ‘riutilizzarne’ i resti, diverso destino spettò al
soma del legittimo basileus, che al momento opportuno fu riesumato per essere tra-
slato in uno mnema monumentale.
Dunque, il ‘corpo del re’, abilmente gestito da Cassandro durante la vita, di-
veniva straordinariamente importante anche nella morte quale ‘asso nella manica’ da
‘giocare’ al momento opportuno nella ‘partita’ con gli altri Diadochi.
In virtù di tali considerazioni riteniamo altamente verosimile che quella di
Alessandro IV possa essere stata, esattamente al pari di quella di Filippo III ed Eu-
ridice, una sepoltura in ‘due tempi’ 60, che, fra l’altro, aiuterebbe a spiegare l’assenza

59 Su Eumene ed i resti Cratero vd. Diod. 19.59.3; sulla morte di Kynnane, posta nel 322 da Green,
The Royal Tombs of Vergina cit., p. 140; Hammond-Walbank, History of Macedonia cit., p. 145, vd. Arr. Succ.
1.22-23. Lo stesso Eumene fu cremato e le sue ceneri inviate in un’urna ai familiari: Diod. 19.44.2.
60 Cf. Adams, Cassander, Alexander IV cit., p. 30.
88 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

di tracce di una pira per la cremazione del defunto al di sopra della volta della tom-
ba. Non solo. Anche l’assenza di resti di una kline combusta potrebbe indicare, a
conferma delle testimonianze letterarie circa la fraus perpetrata da Cassandro (l’oc-
cultamento del cadavere del re), che non era avvenuta una vera e propria prothesis
del defunto e confermare che la modesta pira posta al di sopra della volta della III
tomba aveva bruciato solo offerte cerimoniali, non il corpo del giovane basileus.

Se una tale ipotesi ricostruttiva è accettabile, occorre allora stabilire quando


sono databili le esequie pubbliche di Alessandro IV e, quindi, la costruzione della
III tomba del Grande Tumulo.
A nostro giudizio entrambe sono posteriori al 305. Tale anno ed il suo valore
simbolico di momento terminale del potere ‘satrapico’ dei Diadochi è decisamente
il cardine del problema. È noto che Antigono nel 307/6, dopo la vittoria di Sala-
mina di Cipro su Tolemeo, cinse per primo il diadema assieme a Demetrio, con
un atto che, considerate le modalità con cui avvenne, legate ad una vittoria militare,
sembra avere carattere di assoluta eccezionalità, ma soprattutto è di ardua interpre-
tazione. Per un verso tale gesto sembra prescindere da un ipotetico riconoscimento
ufficiale della morte del re da parte del Monoftalmo 61, ma al contempo potrebbe
confermare che la morte di Alessandro IV era già nota ‘ufficiosamente’ e che Anti-
gono in qualche modo ‘giocò d’anticipo’, soprattutto rispetto a Cassandro che ‘de-
teneva’ il re, o meglio, il ‘corpo’ del re.
Forse più indicativa appare la prudenza mostrata dagli altri Diadochi: il sum-
menzionato uso di ere basate sugli anni regnali di Alessandro IV fino ai primi mesi
del 304 (vd. supra, nt. 57) e l’accessione al trono di Tolemeo nel 305/304, dimostra
che l’emulazione dell’atto di Antigono da parte degli altri Diadochi di cui danno
notizia le fonti non fu immediata, ma probabilmente un processo graduale, dispie-
gatosi in un arco di tempo non immediatamente definibile.
Diodoro (20.53.2-4) ricorda genericamente che il gesto di Antigono fu seguito
nell’ordine da Seleuco, Lisimaco e Cassandro; più dettagliatamente Plutarco (De-
mosth. 18) ricorda che, dopo la sconfitta di Salamina, Tolemeo fu acclamato basileus
dalle sue truppe in Egitto «per non dare l’impressione di un orgoglio spezzato dalla

61 Mentre Diodoro (20.53.2) ricorda semplicemente che furono la notizia della vittoria e l’importanza
del trionfo le cause del gesto di Antigono, più romanzeschi sono i particolari forniti da Plutarco. Egli racconta
(Demosth. 17-18) che Demetrio dopo la vittoria di Salamina inviò il generale Aristodemo ad annunziare al
padre la notizia e che, di fronte ad una folla immensa e allo stesso Antigono, annunciò che Tolemeo era vinto
e salutò «il re Antigono», mentre i philoi lo cinsero del diadema regale e lo acclamarono; a sua volta Antigono
inviò un diadema a Demetrio e vi inscrisse «al re Demetrio». Ciò conferma che la sua regalità venne sancita e
legittimata con un atto di acclamazione universale dell’esercito susseguente all’entusiasmo per la vittoria su
Tolemeo. Sembra quindi sia stata questa ‘dimostrazione di forza’ la ragione principale della assunzione del
titolo regale.
Athenaeum 101/1 (2013) 89

disfatta», e che «la cosa prese a diffondersi fra gli altri Diadochi: Lisimaco cominciò
a portare il diadema e Seleuco lo fece nei rapporti con i Greci, poiché già prima con
i barbari trattava gli affari da re. Quanto a Cassandro, invece, ad onta che gli altri lo
definissero re per iscritto o a voce, per parte sua firmava le lettere come era solito
fare prima».
Tuttavia, diversamente da come farebbe pensare il passo plutarcheo, l’assun-
zione del titolo da parte di Tolemeo non seguı̀ immediatamente quella di Antigono.
Il Marmor Parium, infatti, riporta come data per tale assunzione l’anno attico 305/
304 e questa data (tra il novembre 305 e il luglio 304) è confermata anche dal Ca-
none dei re, redatto in anni egiziani da Claudio Tolemeo, che pone come data d’ini-
zio del regno il 7 novembre 305; data ulteriormente approssimabile al 7 Hathor
(gennaio) 304 62.
Il caso di Tolemeo potrebbe dunque confermare che né durante il 307/306,
né l’anno successivo, Cassandro e gli altri Diadochi ‘osarono’ assumere il titolo re-
gale. Continuarono invece ad esercitare il loro potere de facto in qualità di satrapi e
generali, come se Alessandro IV fosse ancora in vita, riconoscendolo nelle ere locali
come legittimo sovrano, quasi ‘attendendo’, per decidere di seguire l’esempio di An-
tigono, l’arrivo del ‘fatidico’ 305/304, anno che, in ultima analisi, potrebbe costi-
tuire il terminus post quem per l’assunzione del titolo regale da parte dei Diadochi.
Indubbiamente l’atto di Antigono aveva innescato un processo ‘a cascata’ e ciò
che probabilmente ‘costrinse’ Cassandro ad ufficializzare la morte di Alessandro IV
fu la considerazione che, giunto l’anno della maggiore età del figlio di Alessandro,
dal momento che egli controllava proprio la Macedonia, eredità regnale del giovane
re, senza una dichiarazione ufficiale della sua morte non avrebbe potuto assumere il
titolo regale come aveva fatto Antigono. Dunque, Cassandro potrebbe aver liberato
gli altri Diadochi da ogni timore di essere accusati di usurpazione dei territori da
loro controllati, rivelando ufficialmente la notizia della morte di Alessandro IV solo
nel 305/304.
Se possiamo credere a Plutarco, Cassandro, a quanto sembra, poi, arrivò buon
ultimo nel processo emulativo di Antigono; in tale direzione si interpreta la sua ri-
luttanza ad usare ufficialmente il titolo regale, malgrado gli altri già glielo accordas-
sero («usava firmare le lettere come prima»).
Probabilmente non doveva essere estraneo alle remore di Cassandro il fatto che
la situazione istituzionale della Macedonia era del tutto diversa da quella di una co-
mune satrapia: essa era l’hestia della casa reale Macedone, e poiché la profonda e più
volte provata devozione dei Macedoni verso gli Argeadi non doveva essere un aspet-

62 La proposta è di Grzybek, Du Calendrier cit., pp. 89, 90, basata sull’analisi della dedica di Tolemeo
II sulla stele di Pithom, oltre che da testimonianze papiracee, su cui vd. Pestman, Chronologie egyptienne cit.,
p. 139.
90 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

to trascurabile, la sua cautela ben si spiega con la consapevolezza che assumere uf-
ficialmente il titolo di basileus nel suo caso particolare significava sancire la fine della
secolare dinastia argeade, e soprattutto, sostituirla alla guida della Macedonia; dun-
que, un’operazione di portata ‘epocale’.
La testimonianza di Plutarco, a nostro giudizio, ‘cristallizza’ come in un foto-
gramma un momento in cui alla regalità di Cassandro mancava ancora un ‘suggello’
finale, che potrebbe essere costituito proprio dalla celebrazione delle esequie di Ales-
sandro IV, atto preliminare all’ascesa al trono di Macedonia.
Nel corso del 305/304, dunque, Cassandro avrà deciso di celebrare il rito fu-
nebre, concedendo il giusto geras al regale defunto: l’onore della sepoltura in Aigai
jaha*peq e>ho| g#m soi& | bariket&ri, già accordato nel 315 ai resti di Filippo Arrideo,
Euridice, e Cynna(ne) (vd. supra, nt. 52), facendo preventivamente erigere la tomba
monumentale che è possibile ammirare oggi, proprio contiguamente a quella ancor
più monumentale destinata ad accogliere una coppia regale, costituita con ogni pro-
babilità proprio dal re Filippo III ed Euridice 63.
All’interno della tomba, presumibilmente nel corso di una solenne cerimonia
pubblica 64, venne fatta sigillare, sormontata dalla corona d’oro, l’hydria d’argento
contenente le ossa cremate. È verosimile che soltanto dopo aver reso questo omag-
gio ufficiale all’ultimo degli Argeadi, necessario e funzionale atto preliminare per la
propria accessione al trono 65 e all’instaurazione della nuova dinastia antipatride,
Cassandro, ultimo fra i Diadochi, forse nel 304 inoltrato, abbia assunto il titolo re-
gale, senza che ciò apparisse formalmente come un’usurpazione del trono macedone
(vd infra) 66.

63 Per la bibliografia relativa a questa ipotesi di identificazione degli occupanti della tomba II vd. supra,
nt. 7. Sul concetto di geras del defunto vd. R. Garland ,‘Geras thanonton’. An Investigation into the Claims of the
Homeric Dead, «BICS» 29 (1982), pp. 69-80; L. Cerchiai, Geras thanonton: note sul concetto di ‘Belle mort’,
«AION StArch» 6 (1984), pp. 36-69.
64 Il significato sociale delle esequie si lega alla manifestazione pubblica, al concorso di persone che
testimoniano al morto il proprio geras; cf. F. Frisone, Rituale funerario, necropoli e societa`dei vivi: una riflessione
fra storia e archeologia, «StAnt» 7 (1994), pp. 11-23, spec. 16.
65 Dalla testimonianza di Diodoro (19.52.2) sulle esequie di Filippo III ed Euridice da parte di Cas-
sandro deduciamo che il barikijx&| diena*ceim comportava il seppellimento del re predecessore: «Dopo di ciò
svolgendo già da re le cose relative al governo, seppellı̀ ad Ege i re Eurydice e Filippo, ed ancora Cynna, uccisa
da Alceta, secondo il costume consono ai re» (vd. supra, nt. 52).
66 Qualora la testimonianza fornita da Diod. 20.53.4 relativamente alla sequenza cronologico dell’as-
sunzione del titolo regio da parte dei generali fosse pienamente attendibile, si potrebbe considerare il gennaio
304, data dell’inizio del regno di Tolemeo (vd. supra), quale terminus post quem per l’accessione al trono di
Macedonia da parte di Cassandro. Che questi abbia usato il titolo di bariket*| è ricordato dalla tarda testimo-
nianza di Giorgio Syncello (Synk. Chron., p. 504: Ja*ramdqo| e<atso+m Lajedo*ri barike*a a\mgco*qetrem), e
confermato dall’iscrizione su una base di statua rinvenuta a Dion che recita: bariket+| Lajedo*m[xm] | Ja*r-
ramdqo| \Amsipa*sqot | Dii+ \Oktlpi* xi. (D. Pantermalis, Oi epicqaue+| sot& Di* ot. Praktika tou H’ diethnous sy-
nedrion ellenikes kai latinikes epigraphike, Atene 1982 [1984], pp. 270-271). SEG 1984, 620.
Athenaeum 101/1 (2013) 91

Quanto al completo silenzio delle fonti sulla costruzione della tomba ed il fu-
nerale regale da parte di Cassandro, questo è comprensibile alla luce del fatto che la
propaganda antigonide veicolata da Ieronimo di Cardia non aveva interesse, even-
tualmente, a registrare a distanza di anni un atto di pietas verso l’ultimo argeade da
parte di Cassandro, che avrebbe potuto denotare una magnanimità (pur di facciata)
nel figlio di Antipatro.
D’altra parte, una datazione ‘bassa’ della costruzione della tomba al 290 a.C.
da attribuire al Poliorcete confligge con il cattivo stato dei resti cremati che, insieme
con i summenzionati motivi etici, lasciano escludere una cremazione effettuata ‘a
secco’ da Demetrio a venti anni di distanza su dei resti in precedenza inumati ed
occultati da Cassandro, dunque presumibilmente ormai irreperibili. Se invece, co-
m’è più probabile, l’autore della cremazione fu Cassandro, si dovrebbe supporre una
sepoltura rimasta più o meno ‘segreta’ per circa vent’anni, fino al momento in cui
Demetrio avrebbe traslato le ossa cremate del quattordicenne nella III tomba di pro-
pria costruzione. È decisamente più economico ritenere che i resti siano sempre stati
nell’urna funeraria che venne deposta all’interno di una tomba voluta dallo stesso
Cassandro.
Contro la cronologia ‘bassa’ al 290, inoltre, va valutato, ma e contrario, il sum-
menzionato silenzio delle fonti circa la costruzione di una tomba monumentale per
Alessandro IV: Ieronimo di Cardia, che pure ne avrebbe avuto il tempo, essendo
morto intorno al 260 67, per quanto alieno da mera attitudine adulatoria nei con-
fronti del Poliorcete 68, molto probabilmente non avrebbe mancato di ricordare la
‘pia’ opera di Demetrio, opponendola al misfatto di Cassandro, se questi avesse real-
mente edificato la tomba del giovane figlio di Alessandro.

5. Dati archeologici: l’evidenza del corredo funerario

L’ipotesi dell’abbassamento della data di costruzione della tomba III e del sep-
pellimento del giovinetto nell’arco dell’anno 305/304 per certi versi potrebbe ren-
dere maggiormente comprensibile la natura ‘polisemica’ del corredo funerario con-
tenuto nella tomba.
Gli strigili, unitamente al fregio pittorico dell’anticamera con le scene di corse
di carri, riportano ad un ambito agonistico-ginnasiale che può, pur con qualche dif-
ficoltà, accordarsi ad un individuo di età adolescenziale come Alessandro IV. Di
contro, la presenza di vasellame da simposio e della kline e le armi stesse sono,
ad una lettura ‘immediata’ dell’evidenza, poco conciliabili con un defunto di 12-

67 Lo storico morı̀ a 104 anni: Ps.-Luc. Macrob. 2; Polyb. 2.44.1-2; Hornblower, Hieronymus cit.,
p. 5.
68 Sul trattamento ieronimiano di Demetrio Poliorcete vd. Hornblower, Hieronymus cit., pp. 226-232.
92 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

14 anni ed orientano, anzi, decisamente verso il mondo dell’età adulta. Il vasellame


e la kline, infatti, di primo acchito lascerebbero presupporre che il defunto fosse in
grado di partecipare ad un simposio. Ove si contestualizzi tale elemento nell’ambi-
to dei costumi macedoni, ne dovremmo addirittura inferire che il defunto avesse
già ucciso un cinghiale senza reti in una battuta di caccia, impresa che era il prerequi-
sito fondamentale perché un macedone potesse partecipare al banchetto sdraiato
e non poco onorevolmente seduto, come accadeva a quanti, come lo stesso Cas-
sandro, non avessero ancora superato tale prova (Egesandro di Delfi F 33 apud
Athen. 1.18a) 69.
Analoghe considerazioni potrebbero svolgersi a proposito delle armi, che non
sembrerebbero ‘a misura’ di adolescente; indicativo il particolare degli schinieri, cosı̀
voluminosi da far ipotizzare ad Andronikos un’appartenenza a un «boy of sturdy
building» 70. Più probabilmente gli schinieri nella realtà non erano appartenuti ad
un adolescente, per robusto che potesse essere 71; la loro presenza nella tomba po-
trebbe rivestire piuttosto un valore ‘simbolico’ della connotazione anche guerriera
dell’individuo sepolto.
A nostro giudizio la discrepanza fra la realtà materiale del corredo e l’età ana-
grafica del defunto potrebbe essere solo apparente; un’analisi dell’evidenza funeraria
fornita dalla ‘Tomba del Principe’, infatti, non può prescindere dal problema gene-
rale dell’interpretazione dei corredi funerari, quale discende dallo studio sociologico
ed antropologico del rituale funerario sviluppato dalla seconda metà del ’900, ma
soprattutto deve tener conto dei più recenti orientamenti della critica in questo am-
bito di studi, che, paradossalmente, non hanno trovato sinora applicazione (se non
qualche tentativo ante litteram, vd. infra, nt. 94) nella fattispecie della necropoli rea-
le di Vergina.
Superata la fase della ‘New Archaeology’, tendente a schematizzare rigidamen-
te in forma di mero riflesso il rapporto fra struttura sociale e sua simbolizzazione in
ambito funerario 72, gli studi di ‘archeologia dei contesti funerari’ di approccio ‘post-
processuale’ hanno ormai posto l’accento sul «rapporto indiretto, mediato ed ideo-
logico fra società dei vivi e costume funerario», il quale, in quanto complesso mo-
mento di comunicazione sociale, in ultima analisi informa più su coloro che cele-

69 Ne ricaveremmo un suggestivo nesso con l’ipotesi di Tripodi, Cacce reali cit., pp. 58-59, cf. 99-109,
che ha identificato nel fregio della Caccia della II tomba in Filippo III il cavaliere barbato ed in Alessandro IV
il cavaliere imberbe che ha appena abbattuto il cinghiale.
70 Andronikos, Vergina. The Royal Tombs cit., p. 217.
71 Nessun dubbio per Faklaris (in Drougou et al., Vergina. The Great Tumulus cit., p. 113): «the weap-
ons [...] did not belong to the youth who had been buried here, but were placed by their relatives as funerary
gifts».
72 Per tale approccio vd. soprattutto L.R. Binford, Mortuary Practices: Their Study and Their Potential,
in J.A. Brown (ed.), Approaches to the Social Dimensions and Mortuary Practices, Washington 1971, pp. 6-29.
Athenaeum 101/1 (2013) 93

brano il rituale che sugli individui oggetto dello stesso 73. Secondo tale prospettiva,
che individua altresı̀ nella sostituzione della morte ‘biologica’ con la morte ‘sociale’
controllata dalla comunità la finalità del rituale funerario 74, il defunto verrebbe let-
teralmente ‘rappresentato’ nel rituale mediante modalità filtrate e ‘costruite’ dalle
strategie della sua comunità.
Nel rituale e nel costume funerario, dunque, non sarebbe passivamente riflessa
la social persona come somma delle identità sociali ricoperte in vita dal defunto.
Piuttosto la comunità dei vivi opererebbe una selezione ‘attiva’ delle identità del de-
funto mediata attraverso l’ideologia, che può di volta in volta svelare, velare, distor-
cere la situazione reale 75, una costruzione di identità nella morte fortemente forma-
lizzata, idealizzata, che non deve necessariamente corrispondere in modo palmare
alla realtà in vita del defunto 76.
Tale «costruzione strategica della rappresentazione» si esprimerebbe attraverso
i simboli materiali che compongono il corredo funerario e che sono funzionali a for-

73 Vd. in tal senso soprattutto i lavori di I. Hodder, The Identification and Interpretation of Ranking in
Prehistory. A Contextual Perspective, in C. Renfrew - S. Shennan (eds.), Ranking, Resource and Exchange: Aspects
of the Archaeology of Early European Society, Cambridge 1982, pp. 150 ss. Id., Burials, Houses, Women and Men
in the European Neolithic, in D. Miller - C. Tilley (eds.), Ideology, Power and Prehistory, Cambridge 1984,
pp. 51-68; per certi versi pionieristico anche B. D’Agostino, Societa` dei vivi, comunita` dei morti: un rapporto
difficile, «DArch» 1 (1985), pp. 47-58. Sugli sviluppi della «post-processual archaeology» vd. M. Cuozzo, Pro-
spettive teoriche e metodiche di interpretazione delle necropoli: la post processual archaeology, «AION» n.s. 3
(1996), pp. 1-35, spec. 1-21. Sulla messe di studi relativi all’‘archeologia dei contesti funerari’ vd. fondamen-
tali sull’amplissimo dibattito critico Frisone, Rituale funerario cit.; Cuozzo, Prospettive teoriche cit., pp. 22 ss.;
S. Lucy, Sviluppi dell’archeologia funeraria negli ultimi 50 anni, in N. Terrenato (a c. di), Archeologia teorica (X
ciclo di lezioni sulla ricerca applicata in Archeologia, Certosa di Pontignano, Siena, 9-14 Agosto 1999), Firenze
2000, pp. 311-322.
74 Già negli studi di R. Hertz, Contribution a ` une e´tude sur la repre´sentation collective de la mort, «An-
née sociologique» 10 (1906-1907), pp. 48-136; A. van Gennep, Les rites de passage, Paris 1908; E. Durkheim,
Le forme ele´mentaire de la vie religieuse, Paris 1912 (ed ora I. Morris, Death, Ritual and Social Structure in
Classical Antiquity, Cambridge 1992) la morte veniva interpretata come una minaccia alla continuità della
società; per ovviare a tale minaccia e stabilire un «controllo» sulla natura, la comunità mediante il rituale fu-
nerario organizza la «morte sociale» dell’individuo, strutturata tramite riti di passaggio tripartiti che segnano
l’uscita del’individuo dalla società e la reincorporazione come defunti ed antenati. Su tali argomenti vd. sintesi
in B. Bartel, A Historical Review of Ethnological Analyses of Funerary Practice, «AnthArch» 1 (1982), pp. 32-58
ed ora Cuozzo, Prospettive teoriche cit., p. 22.
75 Cf. Hodder, The Identification cit., p. 152. Sul concetto di ‘ideologia’ applicato in questo ambito
vd. M. Parker Pearson, Mortuary Practices, Society and Ideology: an Ethnoarcheological Study, in I. Hodder
(ed.), Symbolic and Structural Archaeology, Cambridge 1982, pp. 99-115, 100: «ideology hides the contradic-
tions between structuring principles by giving the world of appearences an indipendence and an autonomy
which it does not have [...] system of beliefs through which the perceived world of appearence is interpreted
as a concrete and objectified reality [...] ideology is not false consciousness or a representation of reality, but
people’s ‘imaginary’».
76 J. Thomas, Rethinking the Neolithic, Cambridge 1991, pp. 103 ss. Cf. I. Hodder, The Present Past,
London 1982, pp. 141, 146.
94 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

nire al defunto una determinata «lettura» nel momento circoscritto delle esequie fu-
nebri 77; il corredo funerario, poi, in molti casi si riferirebbe simbolicamente ad at-
tività del mondo dei vivi attraverso un rapporto «metaforico» 78.
Non ci sfugge, ovviamente, che nel trasferire tale generale approccio esegetico,
enucleato dai postprocessualisti per lo più in relazione al mondo dell’Europa prei-
storica, alla realtà macedone di nostro specifico interesse occorre valutare opportu-
namente la dimensione ‘storico-contestuale’, gli specifici ‘fattori culturali di condi-
zionamento’ e dunque la variabilità nello spazio e nel tempo dei rituali funerari e
quindi dei ‘codici’ operanti nell’allestimento del corredo di una sepoltura, che, ad
es., nel mondo greco è ora indicatore di status, ora funzionale ad una esistenza ul-
traterrena del defunto 79.
Alla luce di tale orientamento interpretativo, occorre pertanto chiederci quale
codice «scelto come convenzione fra gli attori del rituale» 80 operi nella III tomba di
Vergina, quale la concezione dell’aldilà che presiede all’organizzazione del corredo
funerario e quale il significato di quest’ultimo, che, come vedremo, ben si iscrive
nella prospettiva esegetica su riportata, giacché possiede in ultima analisi una valen-
za fondamentalmente ‘connotativa’.
Se le fonti letterarie non sono prodighe di dati sui costumi funerari dei Mace-
doni e le loro credenze sull’oltretomba, la documentazione archeologica ed epigra-
fica ci è invece decisamente d’ausilio; numerose evidenze attestano nel mondo ma-
cedone per il IV sec. una nozione dell’oltretomba di tipo escatologico: dai soggetti
pittorici di carattere infero di alcune tombe 81, alle stesse peculiarità architettoniche
di queste ultime, la cui facciata è interpretata come porta dell’Ade 82; per giungere

77 J.C. Barrett, Fragment from Antiquity. An Archaeology of Social Life in Britain 2900-1200 B.C., Ox-
ford 1994, pp. 40 ss., 70 ss., 109 ss., 132 ss.
78 J. Thomas, Reading the Body: Beaker Funerary Practice in Britain, in P. Garwood - D. Jennings - R.
Skeates - J. Toms (eds.), Sacred and Profane. Proceedings of the Conference on Archaeology, Ritual and Religion
(Oxford 1989), Oxford 1991, pp. 33-42, spec. 38, 40.
79 Nella Grecia di epoca arcaica i morti sono ombre senza nome; gli eroi omerici trovano la salvezza
nella gloria immortale fra i vivi, quindi gli oggetti di corredo in tale fase non hanno senso in funzione di una
inesistente vita ultraterrena, ma esclusivamente lo scopo di riflettere lo status del defunto. In una seconda fase,
successiva al VI sec., sulla scorta dell’ascesa di orfismo e pitagorismo cresce l’interesse per il modo dei morti
distinto da quello dei vivi e muta il significato della tomba e degli oggetti di corredo; il defunto assume un
ruolo attivo ed il corredo che lo accompagna gli ‘serve’, è funzionale all’aldilà; cf. N. Valenza Mele, Vita nel-
l’aldila`e corredi funerari: evoluzioni comparate, «DHA» 17/2 (1991), pp. 149-174, spec. 155 ss.; cf. B. D’Ago-
stino, La necropoli e i rituali della morte, in S. Settis (a c. di), I Greci. Storia, cultura, arte, societa` II/I, Torino
1996, pp. 435-470, spec. 437-439.
80 Frisone, Rituale funerario cit., p. 16.
81 Vd. la ‘tomba del Giudizio’ di Leukadia raffigurante accanto al defunto Hermes, Eaco e Radamanto
(su cui vd. Ph. Petsas, <O sa*uo| sx&m Ketjadi* xm, Athina 1966) o della tomba I di Vergina con il suo ‘ratto di
Persefone’.
82 L. Bacchielli, Unita ` di luogo fra architettura e megalografia nella facciata della grande tomba di Leu-
Athenaeum 101/1 (2013) 95

alle laminette auree relative a mystai dionisiaci in tombe di epoca ellenistica 83 e alla
diffusione della letteratura orfica, testimoniata dal papiro con resti di una teogonia
orfica della tomba A di Derveni.
Accanto a questi elementi di novità convivono tratti arcaici: nella concezione
della tomba monumentale-lmg&la, assimilabile ad un heroon 84, destinata non alla vi-
ta ultraterrena del defunto bensı̀ alla comunità dei vivi per celebrarne la memoria;
nel rito della cremazione, in cui è in generale ravvisabile una volontà di eroizzazione
del defunto 85; nella fattispecie della III tomba essa potrebbe individuarsi nell’arcaiz-
zante veste ‘omerica’ del rito 86, nonché nella corsa dei carri raffigurata nel fregio
interno dell’anticamera 87.
Se ne può concludere che gli oggetti del corredo della III tomba vanno intesi
come ‘doni funerari’ funzionali ad accompagnare il defunto nell’oltretomba per un
‘uso’ ultraterreno; non è da escludersi, tuttavia, che questi possano interpretarsi al
contempo anche come indicatori di status, oltre che, ovviamente, di genere.
Essi, infatti, affermano la giusta time del defunto, uno status decisamente ele-
vato, evidente dall’ampio, innegabile dispiego di ricchezza documentato dal vasella-
me in argento; essi però sembrano esprimere l’alto rango sociale del defunto in una
modalità peculiare, senza, cioè, riflettere in modo puramente denotativo, ‘calligra-
fico’ quanto il defunto era effettivamente stato in vita. Il set da simposio, che, come
osservato, rimanda all’età adulta, laddove invece l’analisi dei resti ossei testimonia
un’età adolescenziale del defunto al momento del decesso, età in cui un individuo,
di qualsivoglia rango, non poteva effettivamente consumare vino, dimostra che i be-
ni del corredo non devono essere necessariamente appartenuti al defunto e da que-
sto utilizzati nel corso dell’esistenza 88, ma potrebbero essere espressione di quella
dimensione ‘simbolico-metaforica’, enucleata dagli studiosi postprocessualisti, pro-
dotta dal ‘filtro’ dell’ideologia, intesa come sistema di pensiero di interpretazione

kadia, «RAL» 38 (1983), pp. 13-37, spec. 14; Id., Una nuova lettura della facciata della Grande tomba di Leu-
kadia, «DA» 2 (1984), pp. 55-58, spec. 55; Guimier-Sobets - Morizot, Des Bûchers de Vergina cit., p. 141.
83 Per queste testimonianze vd. M. Hatzopoulos, De vie a `tre´pas: rites de passage, lamelles dionysiaques et
tombes mace´doniennes (Lekesg*lasa 48), Paris 2006, pp. 131-140, spec. 135 ss.
84 Cf. Guimier-Sorbets, Mobilier cit., p. 223.
85 Hatzopoulos, De vie a ` tre´pas cit., p. 138.
86 Cf. Il. 24.795-798: le ossa di Ettore avvolte in un tessuto purpureo vengono poste in una larnax
d’oro; Od. 24.71-77: le ossa cremate di Achille e Patroclo sono deposte in un’anfora d’oro. Per un’analisi
del rituale ‘omerico’ vd. J. Zurbarch, Pratique et signification de l’incine´ration dans le poe`mes home´riques. Quel-
ques observations, «Ktema» 30 (2005), pp. 161-171.
87 Cosı̀ Guimier-Sorbets - Morizot, Construire l’identite´ cit., p. 122. Secondo la Brekoulaki, Observa-
tion cit.; Ead., La peinture fune´raire en Mace´doine (Lekesg*lasa 48), Paris 2006, pp. 47-61, spec. 52 il sog-
getto rinvia allo status pricipesco del defunto, attraverso l’allusione all’organizzazione di concorsi atletici in
occasione di funerali dei membri della corte reale.
88 Cf. Tripodi, Filippo III, Alessandro IV e l’ideologia cit., p. 598 nt. 62.
96 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

della realtà finita (vd. supra, nt. 75) che, nel caso di Vergina, assume i caratteri spe-
cifici dell’ideologia regale macedone.
Analoghe considerazioni valgono per la connotazione ‘guerriera’ del corredo; la
presenza delle armi non indica necessariamente che il giovane defunto avesse mate-
rialmente combattuto sui campi di battaglia 89, ma riteniamo sia da collegarsi stret-
tamente proprio all’ideologia regale macedone, che riconosceva al sovrano – e Ales-
sandro IV era basileus – a prescindere dalle sue effettive capacità militari e dall’età
anagrafica, la funzione militare di guida dell’esercito 90.
Pertanto, se un re come Filippo III, affetto da una nosos che lo rendeva ogget-
tivamente inabile a regnare autonomamente, poteva comunque essere rappresentato
con i caratteri del cacciatore nel fregio della caccia di Vergina 91 ed essere in generale
connotato come guerriero nella Tomba II, perché questi caratteri erano connaturati
alla regalità macedone, analogamente la funzione militare, centrale nella ideologia
monarchica macedone, veniva riconosciuta ad Alessandro IV, già «re guerriero nella
culla» e presente fin dalla nascita negli accampamenti militari, al pari di altri prede-
cessori argeadi 92, in quanto gli era stato riconosciuto il possesso della time basilike e
dunque, per questo «portatore degli auspicia della vittoria» 93.
In ultima analisi, il conferimento ad un individuo adolescente di attributi ti-
pici dell’età pienamente adulta, oltre che della sfera agonistica e di quella milita-
re, questa sorta di ‘promozione’ nell’ambito della gerarchia delle classi d’età, con
uno vero e proprio scarto fra realtà fattuale e rappresentazione ideologica, sembra di-
mostrare la necessità, da parte di chi apprestò il corredo funerario di riconoscere
quale giusta time, in linea con la stessa monumentalià della tomba, lo status regale
del defunto.
Se, dunque, il defunto della III tomba è identificabile con Alessandro IV, ciò
significa che non fu la comunità macedone in senso lato o un determinato gruppo

89 N.G.L. Hammond, Arms and the King: the Insignia of Alexander the Great, «Phoenix» 43 (1989),
pp. 217-224, spec. 218, ad es., incline a ritenere che le armi della II tomba fossero «marks of his [del re se-
polto] prowess in the past», riteneva che le armi della III tomba ben si adattino ad Alessandro IV perché «suit-
able for a king of the age of a Royal Page».
90 Per l’analisi della funzione militare dei re macedoni come base ideologica della monarchia macedo-
ne, anche a dispetto della minore età, come nei casi di Oreste e Perdicca III, vd.; Tripodi, Filippo III, Alessan-
dro IV e l’ideologia cit., pp. 18 ss.; Id., Due re bambini nella Macedonia antica: Oreste e Perdicca III, in M.
Caccamo Caltabiano - M. Raccuia - E. Santagati (a c. di), Basileia, Tyrannis, Imperium. Forme, prassi, e simboli
del potere politico nel mondo greco e romano. Giornate seminariali in onore di S. N. Consolo Langher, Messina 17-
20 dic. 2007, Messina 2010, pp. 209-218.
91 Per questa ipotesi Tripodi, Il fregio della caccia cit., p. 147; Id., Cacce reali cit., pp. 107-108.
92 Si veda il caso del semileggendario Aeropo (Iust. 7.2.5-12), collocabile fra VII e VI sec., rex pupillus,
in presenza del quale (in cunis prolato et pone aciem posito) i Macedoni, combatterono con accresciuto acca-
nimento, sbaragliando gli Illiri. Per l’analisi di questa testimonianza, di incerta storicità e di probabile deriva-
zione teopompea, vd. Tripodi, Filippo III, Alessandro IV cit., pp. 596 ss.
93 Tripodi, Filippo III, Alessandro IV cit., p. 597.
Athenaeum 101/1 (2013) 97

sociale a ‘curare’ le sue esequie, bensı̀ un singolo, determinato individuo con preci-
si connotati storici: Cassandro. Pertanto l’evidenza funeraria del corredo va letta
anche, e non marginalmente, alla luce della prospettiva, degli interessi contingen-
ti e degli obiettivi politici di quest’ultimo, che andrà ritenuto ora l’‘autore’ della ‘co-
struzione strategica della rappresentazione’ funeraria in atto nella tomba III di
Vergina 94.
Ne deduciamo in primo luogo che lo status regale del figlio di Alessandro non
poteva essere negletto neanche da un personaggio quale Cassandro dipinto dalle
fonti privo di scupoli, e ciò malgrado quest’ultimo, stando ad un filone storiografico
a lui sfavorevole, potesse covare risentimento per la progenie di Alessandro, in quan-
to detestato e spesso platealmente umiliato dal Grande quando era in vita. Dare de-
gna sepoltura ad un re era dovere essenziale di chi si apprestava a divenire tale.
In secondo luogo potrebbe trovare spiegazione la paradossale condizione di
Alessandro IV, morto in età adolescenziale, ma sepolto ‘da adulto’. L’allestimento
del corredo funebre nei suddetti termini potrebbe in qualche misura essere espres-
sione anche dell’utilitarismo di Cassandro, il quale, forse, volle assicurarsi che il de-
funto ricevesse al momento delle esequie ufficiali una specifica ‘lettura’ da parte dei
Macedoni (cf. supra, nt. 77). Se Cassandro era riuscito a mantenere nell’ambito ter-
ritoriale della Macedonia il segreto sulla prematura eliminazione del figlio di Ales-
sandro fino al 305/304, un corredo come quello della III tomba, infatti, poteva in sé
provare che quell’urna funeraria conteneva non i resti di un adolescente assassinato
alcuni anni prima, bensı̀ quelli di un giovane, forse ‘ufficialmente’ deceduto per
cause ‘naturali’ proprio poco tempo prima di cingere quel diadema, che, quindi,
non venne posto all’interno della tomba 95. Accordare un tale onore, infatti, avrebbe
significato riconoscere la definitiva e completa acquisizione del potere regale da par-
te di Alessandro IV, cosa che di fatto non era mai avvenuta e che avrebbe reso Cas-
sandro un usurpatore.

94 Pur senza la sistematicità teoretica dei successivi studi ‘postprocessualisti’ sopra citati e partendo da
una prospettiva esclusivamente storica, già nel 1980 Prestianni-Tripodi, Le tombe regali cit., pp. 997-999, po-
nevano in rilievo il ruolo di Cassandro quale ‘interessato curatore’ di esequie regali a proposito della sepoltura
di Filippo III ed Euridice nella II tomba di Vergina: la solenne cerimonia funebre ed ancor più il corredo
funerario con materiali ‘segni’ di regalità servivano, infatti, a Cassandro per acquisire consenso tra i Macedoni,
ma anche per fissare quelli che dovevano essere i ‘segni’ della sua futura regalità.
95 Al contrario di quanto sembra sia avvenuto nella II tomba, che ha restituito un particolare oggetto
in argento dorato, un unicum sino ad oggi interpretabile, secondo alcuni studiosi, come versione metallica del
diadema regale, segno peculiare della regalità ellenistica: Prestianni Giallombardo, Il diadema di Vergina cit.;
H.W. Ritter, Zum sogenannten Diadem des Philippsgrabes, «AA» (1984), pp. 105-111. Per diversa e meno pre-
gnante interpretazione dell’oggetto, quale segno di regalità sacerdotale antico-macedone, cf. W.M. Calder III,
Diadem and Barrel-Vault cit.; Id., Golden Diadems, «AJA» 87 (1983), pp. 102-103; Fredricksmeyer, Again the
So Called cit.; Id., Once More the Diadem and the Barrel-Vault at Vergina, «AJA» 87 (1983), pp. 99-102.
98 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

6. Considerazioni conclusive: ‘contiguita`’ dei due barikei& | anche in morte

La tomba III di Vergina presenta una serie di stringenti analogie con la tomba
II, che depongono a favore di una collocazione dei due edifici in un unico contesto,
insieme topografico, cronologico e dinastico.
In primo luogo è possibile cogliere, oltremodo evidente, la notevole affinità di
struttura architettonica, con l’uso in entrambe le tombe della copertura a volta e
della facciata architettonica programmata per ricevere un fregio pittorico, pur diver-
samente realizzato, elementi questi che non consentono di postulare un lasso di
tempo troppo ampio fra la costruzione dei due edifici. E l’arco temporale risulta ul-
teriormente circoscritto ove si accolga la tesi – che noi condividiamo – che ritiene
l’introduzione della volta nel mondo greco-macedone sia avvenuta in epoca poste-
riore alle imprese orientali di Alessandro Magno 96.
Altri elementi poi concorrono a collocare le due tombe nel medesimo contesto
cronologico.
La fattura di alcuni degli oggetti che compongono i rispettivi corredi funebri
riporta in ultima analisi ad un datazione ‘bassa’, compresa nell’ultimo quarto del IV
sec. a.C. 97.

96 Da sottolineare che tale proposta fu formulata già in data anteriore al rinvenimento della tomba II
da R. Tomlinson in Vaulting Techniques of the Macedonian Tombs, in Ancient Macedonia II, Thessaloniki
1973, pp. 473-479 e da T. Boyd, The Arch and the Vault in Greek Architecture, «AJA» 82 (1978), pp. 83-
100; l’edificio con volta più antico ad oggi resta quello dello stadio di Nemea datato intorno al 320 (S. Miller,
Nemea II: the Early Hellenistic Stadium, Berkeley / Los Angeles 2002, pp. 90-93). La tesi è stata utilizzata in
funzione dell’identificazione degli occupanti della tomba II con Filippo III ed Euridice da Lehmann, The So-
Called Tomb cit. Vd. ora sull’argomento Borza-Palagia, The Chronology of the Macedonian cit., pp. 84-89.
97 Mentre per quanto concerne le suppellettili della tomba III lo stesso Andronikos si pronunciò in
ultima analisi per una datazione non oltre il 325 (cf. supra, nt. 23), più di uno studioso ha proposto un ab-
bassamento all’ultimo quarto del secolo anche del vasellame sia ceramico che metallico della tomba II. In par-
ticolare, alcuni pezzi ceramici trovano confronto da contesti chiusi e ben datati dell’Agora di Atene: le quattro
saliere a v.n. della camera maggiore troverebbero un confronto con esemplari analoghi dall’Agora di Atene,
databili secondo S. Rotroff, Spool Saltcellars in the Athenian Agora, «Hesperia» 53 (1984), pp. 343-354 agli
anni 325-295 (contra Drougou, Beqci* ma. Sa+ pg*kima cit., pp. 42-43, ma vd. osservazioni di Gill, Inscribed Sil-
ver Plate cit., p. 347 nt. 68); la lucerna a v.n. Howland 23D, tipo datato da S. Rotroff, Spool Saltcellars cit., agli
anni 345-275 sulla base di depositi dell’Agora di Atene; dal medesimo contesto ateniese vengono i confronti
per la chous a v.n. e l’anfora pseudocipriota; databile 350-325 l’askos a f.r. (Drougou, Beqci* ma. Sa+ pg*kima cit.,
pp. 40-42). Per una sintesi delle problematiche cronologiche relative ai reperti ceramici della II tomba ed i
confronti dall’Agora ateniese vd. ora Borza-Palagia, The Chronology of the Macedonian cit., pp. 103-106; Gill,
Inscribed Silver Plates cit., pp. 345-347. Per la toreutica, in particolare sulle due coppe a calice in argento vd.
Pfrommer, Studien zu Alexandrinischer cit., p. 253 che le data ca. 330-316; la decorazione trova paralleli dalla
tomba C di Sedes e la tomba A di Nikisiani, (tali che Themelis-Touratsoglou, Oi< sa*uoi sot& Deqbemi* ot cit.,
p. 74 ne hanno ipotizzato l’appartenenza al medesimo atelier) normalmente datati alla fine IV - inizio III sec.
Stretti confronti anche fra i piatti in argento della II e III tomba, cosı̀ come per le coppe ‘stemless’ e i colini da
vino, che supportano l’ipotesi che siano quasi contemporanei e databili intorno alla fine del IV sec.; vd. ora
Gill, Inscribed Silver Plate cit., pp. 348, 353.
Athenaeum 101/1 (2013) 99

Dall’analisi delle modalità di sepoltura adoperate per gli occupanti traspaiono


rituali funebri analoghi, che prevedevano la cremazione e la deposizione dei resti in
ossuari in metallo prezioso, secondo un rituale dall’eco ‘omerica’ nell’uso dell’anfo-
ra, delle larnakes e dei tessuti purpurei avvolti alle ossa combuste 98.
Non priva di significato anche la realizzazione del tumulo intermedio di ter-
reno rossiccio – poi ricoperto dal ‘Grande Tumulo’ attribuito al Gonata – che ve-
rosimilmente copriva oltre alle prime due anche la III tomba, ed il cui terminus post
quem è probabile sia dato dalla costruzione della III tomba stessa. A questo ma-
nufatto, che comprendeva e al contempo ‘sigillava’ le tre tombe, a nostro giudizio
inerisce una forte valenza dinastica, quasi che la sua costruzione sancisse la fine di
un’era, quella della dinastia argeade.
L’insieme dei dati lascia ritenere che presumibilmente una medesima autorità
presiedette alla cura delle esequie funebri ufficiali, all’erezione almeno delle due
tombe a camera e del tumulo di terreno rossiccio al di sopra di esse. Nell’ultimo
venticinquennio del secolo l’autore non poté essere che Cassandro, la cui leggenda-
ria conoscenza dell’epica omerica 99, sia detto, tuttavia, solo a titolo di suggestione,
offre un collegamento con il rituale di sapore ‘omerico’ attestato a Vergina in modo
quasi ‘filologico’.
Dunque, Cassandro, divenuto dal 316 padrone de facto della Macedonia, fece
seppellire in Aigai, come ben documentano le fonti storiografiche, Filippo III e la
sua regale consorte Euridice insieme con la di lei madre Kynna(ne). Nello stesso
luogo seppellı̀ con i dovuti onori regali, come abbiamo dedotto in precedenza, an-
che Alessandro IV. Per il figlio di Antipatro questo fu un atto obbligato e necessario
per la propria accessione al trono: un’ulteriore dimostrazione di ossequio alla corona
ed al legame dinastico che univa Filippo III ed Alessandro IV.
Significativo in tal senso il dato oggettivo della contiguità spaziale delle due tom-
be, che si adattano in maniera emblematica al caso dei due barikei& |, quasi sempre a
stretto contatto anche in vita sotto la tutela ora dell’uno ora dell’altro epimeletes 100.

98 Sulla cremazione in Macedonia vd. Guimier-Sorbets - Morizot, Des Bûchers de Vergina cit., p. 140;
nella costruzione delle pire dei funerali degli occupanti della tomba II vi sarebbe una cosciente ispirazione al
testo omerico; cf. in tal senso anche C. Boullart - K. De Pryck, Mimicry in the Royal Tombs at Vergina. A
Sociobiological Reading, in H. Hokwerda (ed.), Constructions of Greek Past. Identity and Historical Consciousness
from Antiquity to the Present, Groningen 2003, pp. 35-45, spec. 38 che si spingono ad individuare nel rituale
‘omerico’, deliberatamente imitato a Vergina, un elemento della strategia identitaria del casato argeade fina-
lizzato a provare la ‘grecità’ dello stesso; ed ora Kottaridi, Burial Customs cit., pp. 145 ss. che pone l’accento
sulla comparsa della cremazione ad Aigai in età arcaica insieme con quella dei Temenidi, nonché sulla morte
di Eracle, antenato dei Temenidi, come archetipo mitico della cremazione.
99 Secondo Caristio FHG IV 358 apud Athen. 14.12.3: «Cassandro era cosı̀ appassionato di Omero
che egli aveva la maggior parte dell’Epica in bocca; egli aveva realizzato copie dell’Iliade e dell’Odissea». Cf. per
tale indicazione Adams, The Royal Macedonian Tomb cit., p. 72.
100 Sulle fonti epigrafiche e letterarie relative ai basileis Filippo III e Alessandro IV vd. Ch. Habicht,
100 E. Arena, Alessandro IV e la tomba III del ‘Grande Tumulo’ di Vergina

In ultima analisi, la discordanza fra le testimonianze letterarie sulla fine di


Alessandro IV e l’evidenza archeologica della III tomba di Vergina, che forse è al-
l’origine del silenzio che avvolge oggi quella che andrebbe ormai definita senza ec-
cessive cautele ‘Tomba di Alessandro IV’, è ascrivibile con ogni probabilità alla ne-
gativa tradizione storiografica nei confronti di Cassandro confluita nelle fonti lette-
rarie; essa registrò l’assassinio del giovanetto ed il fraudolento occultamento del suo
cadavere, ma contemporaneamente e forse coscientemente, a perenne discredito di
Cassandro, tacque l’omaggio estremo, pur speculativo ed obbligato, dell’Antipatride
al figlio del Grande.

Addendum

A stesura ormai completata del presente lavoro abbiamo appreso di indagini


archeologiche ad opera dell’Eforia di Serres in corso ad Anfipoli sulla collina di Ka-
stà, esplicitamente finalizzate alla ricerca delle sepolture di Rossane ed Alessandro
IV 101. Le ultime notizie ufficiali disponibili (aprile 2011) parlano di un tumulo alto
ca. 20 m, di cui non è nota la cronologia, ancora parzialmente scavato, che, in virtù
di una generica somiglianza con quello di Vergina, nelle speranze della locale so-
printendenza dovrebbe appartenere alla moglie ed al figlio di Alessandro Magno
o a qualche altro famoso generale dell’epoca 102. In attesa di nuovi e più circostan-

Literarische und epigrafische Überlieferung zur Geschichte Alexanders und seiner ersten Nachfolger, in Akten des
VI Int. Kongr. fur griech. und latein. Epigraphik, München 1972, pp. 369-377; Arena, La titolatura regale cit.;
vd. anche Bosworth, Perdiccas and the Kings, «CQ» 43 (1993), pp. 420-427; Tripodi, Filippo III e Alessan-
dro IV cit.
101 Athens News agency 1 September 2010 Issue No: 3581: «Excavations at the Kasta Hill site in
Amphipolis, in northern Greece, will begin next month in search of the tomb of Alexander the Great’s spouse,
the Bactrian maiden Roxanne, along with the ancient conqueror’s only offspring, Alexander IV. According to
the head of the Serres archaeology bureau (ephorate), archaeologist Katerina Peristeri, the Kasta Hill site was
initially excavated and researched by the archaeologist Dimitris Lazaridis from 1956 until his death in 1985.
The latter focused on the well-known ancient city of Amphipolis – the name of an eponymous ancient battle
of Classical antiquity – as he theorised that several members of the Macedonian royal house of the fourth
century BC might be buried on the specific hill. A state-of-the-art scanner of subterranean surfaces will be
employed at the site. At the same time, more digging to uncover the ancient theatre of Amphipolis is sched-
uled. The Serres ephorate intends to include whatever new findings in an exhibition dedicated to ancient Ma-
cedonian antiquities at the Louvre Museum scheduled for 2011».
102 Notiziario SAIA aprile 2010 - aprile 2011, p. 29: «Anfipoli: Gli scavi effettuati dalla Soprintenden-
za di Serres, sulla collina di Kastà, alla ricerca delle tombe reali, anche se ancora non sono arrivati agli strati più
bassi del tumulo, hanno dato dei risultati. Attorno al tumulo esistono tombe a cassa arcaiche (700 a.C.), in-
tatte, con ritrovamenti che testimoniano l’uso della necropoli dall’età del Ferro fino all’epoca arcaica e i secoli
seguenti. Nella stessa necropoli fu costruito con sabbia e terra un tumulo, alto circa 20 m, con un simbolo
funerario (un piccolo peribolo ortogonale in pietra) sulla sommità. La Soprintendente, dott.ssa K. Peristeri,
spera che lo scavo confermi o meno l’importanza della sepoltura, forse quella di Roxane, moglie di Alessandro
Athenaeum 101/1 (2013) 101

ziati dati nulla può essere escluso a priori, tuttavia ci stupiremmo se le indagini di
Anfipoli dovessero restituire evidenze (la sepoltura di una donna e di un adolescen-
te) compatibili con le figure storiche che gli archeologi greci desiderano ritrovare
all’interno del tumulo. Le fonti storiografiche relative alla morte dei due familiari
di Alessandro (Diod. 19.105.2; Iust. 15.2.3-4), che presumibilmente hanno ‘indi-
rizzato’ gli scavi, non solo non attestano una sepoltura ufficiale di Rossane ed Ales-
sandro IV ad Anfipoli, ma concordano sul fatto che i corpi dopo l’assassinio venne-
ro nascosti, affinché una sepoltura non rivelasse l’assassinio. Ora un qualsivoglia tu-
mulo, che per la sua stessa natura monumentale rimanda ad una intenzionale
visibilità della sepoltura, ancor più se alto 20 m, mal si concilia con l’esigenza
che Cassandro aveva nel 309 di non far trapelare la morte del giovane re e della ma-
dre. Inoltre, nel momento in cui chicchessia avesse deciso di accordare ad Alessan-
dro IV una sepoltura ufficiale, quest’ultimo, in quanto basileus, riteniamo dovesse
plausibilmente essere tumulato nella necropoli di Aigai, dove secondo la tradizione
venivano seppelliti i re macedoni (Diod. 19.52.5). In caso contrario resterebbe an-
cora da spiegare adeguatamente chi altri mai potesse essere l’adolescente sepolto nel-
l’ultimo quarto del IV sec. nella III tomba di Vergina con un corredo della ricchezza
colà rinvenuta, soprattutto se, come sembra, l’unico personaggio storico compatibi-
le con i resti ossei della III tomba morto negli ultimi anni del IV sec., quell’Eracle, la
cui legittimità dinastica era incerta anche per i contemporanei, probabilmente ven-
ne segretamente sepolto nell’agora di Aigai (vd. supra).

Emiliano Arena
Universita` di Messina
emaren@tiscali.it

Magno e del loro figlio Alessandro IV, che furono uccisi nel 309 a.C. da Cassandro. Il tumulo infatti è simile a
quello di Filippo a Verghina e se non è di Roxane e di suo figlio sarà, verosimilmente, di un famoso generale di
quell’epoca».
La Rivista «Athenaeum» ha ottenuto valutazioni di eccellenza fra le pubblicazioni del
suo campo da parte delle principali agenzie mondiali di ranking.
 Arts & Humanities Citation Index dell’ISI (Institut for Scientific Information), che
la include nel ristretto novero delle pubblicazioni più importanti del settore, sulla base di
valutazioni qualitative e quantitative costantemente aggiornate.
 ERIH (European Reference Index For the Humanities), INT1
(«International publications with high visibility and influence among researchers in the
various research domains in different countries, regularly cited all over the world»).
 MIAR (Matriu d’Informació per a l’Avaluació de Revistes), categoria «Estudios clá-
sicos», con l’indice di diffusione più alto (9,977), insieme ad altre 41 pubblicazioni.
 ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricer-
ca), classe A nelle liste delle riviste ai fini dell’abilitazione scientifica nazionale per l’area
10, Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche (A1, D1, D2, D3, D4,
G1, M1, N1), e per l’area 12, Scienze giuridiche.
Inoltre «Athenaeum» è presente nei database:
Arts and Humanities Search (AHSearch)
Francis (Institut de l’Information Scientifique et Technique del CNRS)
Modern Language Association Database (MLA)
Scopus – Arts & Humanities

Le quote d’abbonamento per il 2013 sono cosı̀ fissate:


ITALIA : E 60,00 per i privati; E 100,00 per Enti e Istituzioni
EUROPA : E 120,00 + spese postali
RESTO DEL MONDO : E 150,00 + spese postali.
Gli abbonamenti coprono l’intera annata e si intendono tacitamente rinnovati se
non disdetti entro il novembre dell’anno in corso.
I versamenti vanno effettuati sul c/c postale 98017668 intestato a «New Press
Edizioni Srl», Via A. De Gasperi 4 - 22072 CERMENATE (CO), o tramite bonifico
bancario su CREDITO VALTELLINESE sede di Como, IBAN: IT 40Y 05216
10900 000000008037, BIC: BPCVIT2S, specificando come causale «Rivista Athe-
naeum rinnovo 2013».
I libri per recensione devono essere inviati a «Rivista Athenaeum», Università,
Strada Nuova 65 - 27100 PAVIA

Pagina web della Rivista: http://athenaeum.unipv.it

La Rivista «Athenaeum» è distribuita in tutto il mondo in formato elettronico da Pro-


Quest Information and Learning Company, che rende disponibili i fascicoli dopo 5 an-
ni dalla pubblicazione.
Periodicals Index Online: http://pao.chadwyck.co.uk/marketing/journalLists.jsp?collection=allpao

Potrebbero piacerti anche