Sei sulla pagina 1di 2

1) Acqua.

L’ossigeno ha una carica negativa, e una carica parzialmente positiva all’idrogeno. Per la polarità della
molecola è planare di 105 gradi. Una capacità è quella di formare legami idrogeno, dove gli atomi idrogeno
terminali, e atomi elettronegativi come ossigeno o azoto. Le molecole d’acqua possono formare un reticolo,
che è instabile in acqua liquida, perché si staccano e si riformano. Nell’acqua solida i legami sono molto
stabili e più vicini. La densità del ghiaccio è più inferiore dell’acqua liquida.

L’acqua può funzionare anche da soluzione, con ogni solvente. L’acqua idrata gli ioni del composto ionico, si
avvicina al sodio con l’ossigeno che è carico negativamente, e al cloro con l’idrogeno che ha carica positiva.
L’acqua neutralizza l’assenza dell’elettrone perso.

I monomeri sono molecole con un’unica unità, i polimeri invece hanno come unità costituenti monomeri.
Gli zuccheri semplici sono definiti poliossialdeidi oppure poliossichetoni. Posseggono molti gruppi ossidrili
OH, e un gruppo carbonilico C=O, che non è mai terminale, ma è schermato da un altro carbonio. Gli
zuccheri possono essere triosi, tetrosi, pentosi, esosi, con 3 atomi di carbonio in poi. Gli zuccheri pentosi,
esosi, avendo OH e C=O tendono in soluzione a ciclizzare. Con la reazione di ciclizzazione si forma un
poligono, che può essere a 5-6 lati. Si parla di Piranosi e Furanosi, a seconda della forma esagonale o
pentagonale. Si forma un anello che ha ai vertici il C, tranne che ad 1, perché l’O reagisce col Carbonio
singolo facendo sì che ci sia una reazione ciclica. La ciclizzazione è importante perché si formano disaccaridi
e polisaccaridi, dove due unità uguali, due monosaccaridi uguali o diversi reagiscono tra loro formando un
legame glicosidico, due gruppi ossidrile reagiscono tra loro formando un legame covalente con l’ossigeno e
viene rilasciata una molecola di H2O. Il saccarosio è lo zucchero comune, formato da glucosio e
fruttosio(6C). I polimeri più importanti per la botanica è l’amido, formato dall’amilosio (lineare) e
amilopectina (ramificata). Durante la formazione dei polimeri restano tanti gruppi OH liberi, quindi nelle
molecole di formano dei legami idrogeno sia tra le unità di zucchero delle due catene ma anche con l’acqua
circostante se ci troviamo in acqua. più la molecola è ramificata più i legami saranno ridotti. L’amilosio è più
solubile rispetto all’amilopectina che effettua meno legami con H2O. I vegetali come polisaccaride di riserva
c’è l’amido, invece per gli animali è il glicogeno. La cellulosa è un altro polimero del glucosio, però essa ha
legami glucosidici di tipo beta, quindi il legame tra alpha e beta glucosio presenta una rotazione dei gruppi
legati al carbonio 1. Si forma così un legame beta, diverso ed è un legame per il quale non ci sono enzimi
che lo idrolizzano. La conseguenza è che il glucosio assunto sottoforma di amido è un glucosio che
digeriamo, poiché i legami alpha vengono idrolizzati. Il glucosio assunto dalla cellulosa è quello delle fibre,
presenti nelle verdure, e non viene assimilato, è utile per ripulire dalle scorie presenti. La cellulosa è un
componente strutturale che troviamo nella parete cellulare. Quindi l’amido ha una funzione di riserva
invece la cellulosa ha una funzione strutturale.

Lipidi.

Sono formati dal glicerolo e dagli acidi grassi. Il glicerolo è un poli-alcole. Gli acidi grassi hanno una catena
carboniosa di carbonio e idrogeno e al terminale hanno un gruppo acido o carbossilico, formato da C= O e
un gruppo ossidrile che si lega al carbonio, con eliminazione di H2O, e si forma un legame chiamato Estere
O-C=O. Questa catena può essere satura e si trova nei grassi animali, sono solidi a temperatura ambiente
come il burro, che possono essere sciolti, non hanno doppi legami. Invece se si forma un doppio legame tra
carbonio e un altro adiacente, vengono perso gli H e il grasso diventa insatura e prende una forma a gomito
ad ogni doppio legame. Gli acidi insaturi sono quelli vegetali, come gli oli. Sono polinsaturi e sono liquidi a
temperatura ambiente. Il mono-gliceride. Trigliceride.

I Fosfolipidi sono trigliceridi dove un acido grasso è stato sostituito con H3PO4 (acido fosforico), mentre il
glicerolo centrale è legato da una parte all’acido solforico che determina la formazione di una testa polare,
l’acido solforico può avere altre parti a cui è legato, ci sono i 3 carboni del glicerolo. I fosfolipidi sono di-
gliceridi a cui è legato un gruppo fosforico, che rende la molecola polare, dove la testa è idrofila e la coda è
idrofoba, in acqua si possono disporre formando le micelle, oppure formando un doppio strato, in entrambi
i casi le code idrofobiche apolari si trovano all’interno, invece le teste polari si affacciano nel citosol. Hanno
una funzione strutturale ed energetica. Pezzi di acidi grassi formati da 2 atomi di carbonio vengono trasferiti
nei mitocondri e gli acidi grassi vengono utilizzati per formare ATP (beta ossidazione degli acidi grassi).

Proteine.

Sono amminoacidi che contengono anche azoto, e alcuni si ricavano da alimenti che contengono proteine
nobili. Ogni amminoacido è formato da un carbonio legato ad un idrogeno ad un gruppo carbossilico e ha
un gruppo amminico NH2. In soluzione il gruppo acido si scompone. La molecola apparirà doppiamente
idrolizzata. Tutti gli amminoacidi, circa 20, possono unirsi tra le reazioni tra gruppo carbossilico e amminico.
Il gruppo carbossilico e amminico reagiscono, formando il legame peptidico con l’eliminazione di una
molecola di H2O, formando CONH. Gli amminoacidi possono formare delle strutture tridimensionali
riuscendo a creare delle interazioni.

DNA.

Ci sono unità di base che si ripetono che sono i nucleotidi che presentano uno zucchero pentoso, a 5 atomi
di carbonio. il deossiribosio ha un ossidrile in meno. Lo zucchero con il carbonio 1 è legato alla base azotata,
che possono essere 4, Pirimidine e le Purine (2 anelli eterociclici, poiché ai vertici oltre al carbonio c’è
l’azoto). Il carbonio 5 è legato al gruppo fosfato, al carbonio 5 di un nucleotide e al carbonio 3 di un altro
nucleotide. Lo zucchero pentoso si unisce al gruppo fosfato che unirà a sua volta un altro zucchero. L’elica è
antiparallela, una purina si unirà con la pirimidina. Il DNA si duplica con una duplicazione semi conservativa.
Il legame tra adenina e timina ci sono 2 ponti idrogeno, invece la citosina e la guanina ci sono 3 ponti
idrogeno. L’energia per rompere i 3 ponti sarà maggiore dell’energia utilizzata per rompere 2 ponti
idrogeno. Il DNA viene anche trascritto e tradotto, poiché c’è una corrispondenza tra DNA e proteine, e
sarebbe il codice genetico, il DNA contiene tutte le informazioni che devono essere trasmesse da una cellula
ad un’altra, e sono tutte informazioni diverse da una specie ad un’altra. La traduzione consente
l’espressione genetica, non tutto il codice è uguale in tutto il corpo, il DNA, pur essendo uguale, funziona in
modo differenziato a seconda delle varie cellule. Con un meccanismo di polimerizzazione del RNA, la timina
è sostituita dall’uracile, ci sono sempre 4 tipi di nucleotidi. Per formare le proteine c’è bisogno di un codice
formato da una tripletta di amminoacidi. Ogni tripletta dell’RNA messaggero detta Codone si associa ad una
tripletta specifica chiamata Anticodone presente sull'RNA Trasfert.