Sei sulla pagina 1di 3

Traumatologia sportiva

in questa lezione tratteremo il tema della traumatologia sportiva. Vedremo quali sono i traumi che possono
verificarsi durante la pratica delle attività motorie e sportive. Noi abbiamo trattato la sicurezza nella pratica
dell'attività motore sportive ma nonostante le precauzioni che si possano prendere è possibile che avvenga
un infortunio. Gli anglosassoni hanno coniato questo questa cronico proposito di cosa fare una volta che
insorge un infortunio. Hanno chiamato la tecnica RICE, cioè Rest Ice Compression Elevation. proviamo a
vederli.

 Rest è il riposo che interrompere l'attività motoria, che consente di valutare la gravità del trauma e
il periodo di riposo successivo favorisce il recupero dell'integrità fisica.
 L’ice è l'applicazione del freddo serve a chiudere i vasi sanguigni, limita il gonfiore e fa avvertire
meno il dolore.
 Compression ha una funzione di anestetico invece, per immobilizzare la parte infortunata
attraverso delle fasciature è un altro elemento che contribuisce alla risoluzione del trauma come
quello
 Elevation, cioè elevare la parte infortunata in modo particolare, che in genere si tratta di un arto,
cioè mantenerla sollevata per drenare il versamento e limitare l’edema e cioè il gonfiore quindi
consentirà questo un recupero più rapido.

TRAUMI FREQUENTI

Traumi scheletrici.

 La distorsione: molto frequente nella pratica sportiva, in una una classica distorsione della caviglia
poggio il piede male; può verificarsi in questo caso la distorsione. Per definizione è lo spostamento
temporaneo dei capi articolari. Sintomi: si avverte un dolore può gonfiarsi e si può avere l'ematoma
cosiddetto livido. Questi sintomi come tutti i sintomi che vedremo successivamente per ogni
trauma sono rapportati alla gravità del trauma quindi ci può essere una distorsione molto lieve
dove si avverte poco il dolore può anche non gonfiarsi può anche non formarsi il lino invece in
alcune distorsioni molto serie questi sintomi sono accentuati. cosa fare in caso di distorsione:
innanzitutto bisogna fermarsi per capire l'entità della gravità del trauma; può essere utile applicare
del freddo per i motivi che abbiamo detto prima e immobilizzare con una fascia elastica o con un
bendaggio l'articolazione. Si deve interrompere l'attività fisica fino a quando non saranno scomparsi
i sintomi in modo particolare il dolore. l'ematoma può anche essere riassorbito nelle settimane
successive, ma finché l'articolazione e dolorante ed è gonfia, è bene non riprendere l'attività
motoria.
 la lussazione è una forma più grave della distorsione in quanto lo spostamento dei capi articolari à
permanente. In una lussazione della spalla l'omero fuoriesce dalla sua sede fisiologica naturale e
questo viene definita come lussazione. Avviene quando c’è un dolore acuto che fa molto male si
gonfia, ma più che gonfiarsi si deforma. Nell'articolazione spesso si crea l'ematoma. L'ematoma non
è nient'altro che del sangue che fuoriesce dai capillari che vengono sollecitati in maniera abnorme
durante il trauma quindi questi capillari si rompono il sangue in esso contenuti fuoriesce si deposita
al di sotto della pelle e forma il cosiddetto ematoma, Il livido. Una complicazione della lussazione
può essere la lassità ligamentosa cioè quelle strutture i legamenti che abbiamo studiato che
tengono insieme le ossa nell'articolazione vengono sollecitati tanto da perdere la loro elasticità e
quindi avremo un articolazione meno stabile dopo una lussazione cosa fare bisogna fermarsi, come
per la distorsione può essere utile applicare del freddo immobilizzare e l'immobilizzazione prevede
di solito dei periodi abbastanza lunghi e poi bisogna seguire un periodo di riabilitazione funzionale
con gli esercizi particolari per rimettere in moto l'articolazione lussata.
 La frattura la definiamo come la rottura totale o parziale di un osso qui vediamo alcuni esempi di
frattura questa è una frattura totale composta si dice composta quando l'osso rimane in linea
questa è una frattura parziale che spesso viene chiamata anche al legno verde questa una frattura
composta totale ma composta perché anche in questo caso anche se e obliqua la frattura posso in
rimasto in linea qui invece abbiamo una frattura scomposta in quanto l'osso non è più rimasto in
linea e per ricomporre la frattura bisogna intervenire chirurgicamente o con delle trazioni qui
abbiamo invece una frattura multipla o frammentata sono formate delle delle schede quali sono i
sintomi dopo un trauma fa male se avverte dolore si può gonfiare si può creare l'ematoma cosa
fare anche qui fermarsi riposo applicare del freddo non muovere non muovere a parte infortunata
se c'è il dubbio che si sia rotto qualcosa e ma l'unico modo per accertare se c'è uno una frattura e
eseguire una radiografia questa va fatto naturalmente al pronto soccorso.

Traumi muscolari

 Contusione la classica botta. è la lesione provocata da un urto diretto un contrasto con un durante
un'azione di gioco con l'avversario o una caduta un urto accidentale i sintomi si avverte un dolore
si gonfia e può crearsi l'ematoma anche in questo caso bisogna fermarsi può essere utile applicare
del freddo può essere utile applicare delle pomate la pomata non è nient'altro che un medicinale
quindi deve essere applicata almeno tre volte al giorno, altrimenti non è efficace
 il crampo: anche il crampo è un trauma muscolare. Definiamo la contrazione involontaria acuta e
improvvisa che una contrazione involontaria non seguita da decontrazione. Sintomi fa molto male
e non si riesce a muoversi; impotenza funzionale, cioè il muscolo non può essere utilizzato
utilizzato, non funziona il muscolo perché contratto e bloccato. Cosa bisogna fare? Allungare il
muscolo, fare un esercizio di stretching. Un classico crampo è quello del tricipite surale. un
esercizio di stretching di allungamento passivo che viene fatto dal compagno. Bisogna applicare
caldo. E’ l'unico trauma dove non si applica freddo ma si applica caldo, perché il muscolo è
contratto e deve essere rilassato. Il freddo, invece, contrarrebbe ancora di più il muscolo. E’ utile
fare un massaggio. cause del crampo un affaticamento spesso i crampi avvengono durante il finale
delle partite o nel calcio durante durante i tempi supplementari, un muscolo affaticato può essere
più facilmente colpito da crampi oppure un'altra causa può essere quella della carenza di sali
minerali che ho sudato molto eliminato dei sali minerali se non integrato i liquidi che ho eliminato
o posso andare incontro ad un crampo. Alcuni campi invece sono dovuti alla postura, ovvero la
posizione che si assume, che può innescare il crampo. E’tipico il crampo notturno al tricipite surale:
sicuramente non sono affaticato, non ho eliminato sali minerali ma è solo la posizione del piede in
estensione che determina l'innesco del campo.
 elongazione da eccessiva distensione è quando il muscolo viene allungato in maniera eccessiva e
quindi le sue fibre si stirano, si distraggono. Abbiamo tre gradi di elongazione muscolare.
o Stiramento Primo e secondo grado. solo alcune fibre del muscolo sono state interessate
Sintomi si avverte un dolore ma questo dolore può essere anche differito cio posso
avvertirlo anche non durante la partita ma dopo la partita o addirittura anche dopo alcune
ore. Devo applicare del freddo e devo interrompere l'attività fisica finché non scompare il
sintomo del dolore. Cause. C’è rischio di infortunio muscolare di stiramento se la
temperatura esterna è bassa; io non sono adeguatamente riscaldato e posso andare
incontro ad uno stiramento. Da qui l'importanza di riscaldarsi bene prima di una seduta di
allenamento prima di una partita.
o lesione di terzo grado Anche il carico eccessivo può essere causa di elongazione muscolaro
il sollevamento di un peso troppo elevato rispetto alle mie capacità muscolari. La lesione di
3 grado interessa molte fibre muscolari sel cosiddetto stiramento. n le fibre muscolari sono
state lacerate e molte fibre muscolari quasi tutto il capo muscolare è stato interessato dal
trauma. Si avverte un dolore acuto subito mprovviso durante l'esercizio non più differito
come nel primo e secondo grado. Non riesco ad utilizzare quel muscolo che fa molto male:
si è strappato. Cosa fare nell'immediato è bene applicare del freddo, interrompere l'attività
fisica e in alcuni casi prima della ripresa dell'attività fisica è bene eseguire deicicli di
riabilitazione. Cause anche qui un affaticamento come quelle del primo esecondo grado è
dovuto freddo o un carico eccessivo.
 Tendinite e l'infiammazione del tendine, filamento fibroso che collega il muscolo all’osso. Il
sintomo è un dolore funzionale; cosa intendo: se io uso quel muscolo contraggo quel muscolo. se
ho una tendinite al tendine d'achille se io sto seduto non sento niente, solo se inizio a correre
avverto un dolore. Cosa fare Bisogna applicare del freddo e del riposo. il riposo di solito dopo la
tendinite deve essere abbastanza lungo. Dipende dall'entità del trauma qual è la causa della
tendinite e sovraccarico funzionale. La tendinite non è un trauma isolato ma è un trauma cranico.
Cause Come abbiamo già visto in una lezione la causa della tendinite è data dagli allenamenti
continui e costanti nel tempo che sottopongono il muscolo ad un carico ad un sovraccarico tale da
determinare poi la sua infiammazione. È comune la lesione al tendine del muscolo estensore
comune delle dita. Questa forma particolare viene chiamata epicondilite,
C’è amche un problema nell’articolazione del gomito, il classico gomito del tennista provocato dal
fatto che quando il tennista usa tanto il gomito sforza moltissimo questo muscolo che poi fa
insorgere una lesione al tendine.

ERRORI DI PRONTO SOCCORSO

1. RECLINARE TESTA ALL’INDIETRO


2. COSTRINGERE UNA PERSONA SVENUTA A SEDERSI
3. APPLICARE CALORE SU FRATTURE O DISTORSIONI
4. CERCARE DI RIMUOVERE SCHEGGE O DETRITI DAL CORPO
5. CURARE UN’USTIONE TROPPO IN FRETTA
6. TENTARE SUBITO LA MANOVRA DI HEIMLICH SE QUALCUNO STA SOFFOCANDO
7. INSERIRE COSE NELLA BOCCA DI UNO CHE HA CONVULSIONI
8. TENTARE SUBITO LA RESPIRAZIONE BOCCA-A-BOCCA PER LE VITTIME DI INFARTO
9. NON SAPERE COSA SI STA FACENDO
10. METTERE UN LACCIO EMOSTATICO SU UNA FERITA