Sei sulla pagina 1di 280

TP16-256

CENTRALE 16 - 256
ZONE

CEI 79/2 - Livello 2


EN 60950
EN 50130-4
EN 50081-1

MANU ALE PER


MANUALE
L'INSTALLA
L'INSTALLA
ALLATTORE
Versione documento: 1.0
Versione FW 2.4
Versione HW TP16-256
Versione SW programmazione: 3.x -->
Data Aggiornamento: Giugno 2007
Lingua: Italiano
E' vietata la copia, la distribuzione e la pubblicazione del presente manuale o di parti dello stesso, su qualunque
tipo di supporto e in qualunque forma, senza previa autorizzazione da parte della TECNOALARM.
ll contenuto del presente manuale può essere soggetto a modifiche in qualsiasi momento e senza preavviso.
Dichiarazione di Conformità
La Tecnoalarm snc di Trucchi Luciano e Negro Giovanni

dichiara sotto la propria responsabilità che il prodotto

TP16-256
è conforme ai requisiti essenziali previsti dalla direttiva 1999/5/CE e che in
particolare vengono coperti gli aspetti della salute e della sicurezza dell’utente
previsti dalla direttiva 73/23/CEE ed i requisiti di compatibilità elettromagnetica
prevista dalla direttiva 89/336/CEE.
Il suddetto prodotto è costruito in conformità alla TBR21 che garantisce le
caratteristiche di connessione alla rete PSTN in Europa.
Inoltre viene garantito il corretto utilizzo dello spettro radio evitando interferenze
dannose.

Torino, lì 10 Luglio 2003

Negro Giovanni
MANUALE PER L'INSTALLATORE - Indice
1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CENTRALE 1-1
2. COMPOSIZIONE DELLA CENTRALE 2-1
2.1 INSTALLAZIONE DELLA CENTRALE 2-2
2.1.1 Montaggio del contenitore a parete 2-2
2.1.2 Connessione alla rete 230V AC 2-2
2.1.3 Collegamento alla batteria 2-4
2.3 LA SCHEDA CPU 2-5
2.3.1 Le linee seriali 2-6
2.3.2 La sezione telefonica 2-6
2.3.3 La morsettiera 2-7
2.3.4 La sezione ingressi-uscite 2-9
2.3.4.1 Gli ingressi zona 2-10
2.3.4.2 L'ingresso manomissione 2-10
2.3.4.3 L'ingresso tamper 2-10
2.3.4.4 Le uscite - Collegamento delle sirene 2-10
2.3.4.5 Le uscite logiche 2-11
2A. ESPANSIONE INGRESSI SU LINEA SERIALE 2A-1
2A.1 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE - SPEED ALM8 PL 2A-1
2A.1.1 La scheda 8 ingressi con alimentatore - Speed ALM8 2A-1
2A.2 ESPANSIONE 8 INGRESSI NON ALIMENTATA - SPEED8 2A-4
2A.3 ESPANSIONE 8 INGRESSI NON ALIMENTATA - SPEED4 2A-5
2A.4 ESPANSIONE 8 INGRESSI NON ALIMENTATA - SPEED8 STD 2A-6
2A.5 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE - SPEED ALM8 PLUS (BUS) 2A-8
2A.5.1 La scheda 8 ingressi con alimentatore - Speed ALM8 PLUS 2A-8
2A.6 ESPANSIONE 8 INGRESSI - SPEED8 PLUS (BUS) 2A-11
2A.7 ESPANSIONE 4 INGRESSI TRADIZIONALI + INGRESSI SU BUS - SPEED4 PLUS (BUS) 2A-12
2A.8 NOTE VALIDE PER TUTTE LE ESPANSIONI INGRESSI 2A-14
2A.9 PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1 2A-14
2A.10 TIPI DI INGRESSO 2A-14
2A.11 I CONTENITORI C90 E C100P 2A-14
2B. LE CONSOLE DI COMANDO E PROGRAMMAZIONE 2B-1
2B.1 LE CONSOLE LCD 300/S 2B-1
2C. LE TASTIERE DI COMANDO E I PUNTI CHIAVE 2C-1
2C.1 LA TASTIERA SERIALE DIGITALE TP-SDN 2C-1
2C.2 MODULO PER CHIAVI ELETTRONICHE TP-SK6N 2C-3
2C.3 MODULO PER CHIAVI ELETTRONICHE TP-SKN 2C-5
2C.4 NOTE VALIDE PER I PUNTI CHIAVE 2C-6
2D. LE SCHEDE DI ESPANSIONE USCITE 2D-1
2D.1 ESPANSIONI 32 USCITE LOGICHE ESP32-OCN 2D-1
2D.2 SINOTTICI 32 SEGNALAZIONI - SINOTTICO 32N 2D-2
2D.3 NOTE VALIDE PER LE ESPANSIONI USCITE-SINOTTICI 2D-2
2D-4 CORRISPONDENZA INDIRIZZO-SIGNIFICATO DELLE USCITE 2D-2
2E. MODULI VARI 2E-1
2E.1 INTERFACCIA RS232 + PROGRAMMATORE DI FLASH 2E-1
2E.2 INTERFACCIA MULTIFUNZIONE - PROG USB 2E-3
2E.3 ESPANSIONE LINEA SERIALE - SPEED RS485 2E-5
2F. TRASMETTITORE CELLULARE GSM 2F-1
2F.1 TECNOCELL-PRO 2F-1
2G. I DISPOSITIVI RADIO - WIRELESS 2G-1
2G.1 IL RICETRASMETTITORE RADIO RTX200 2G-1
2G.2 IL RICEVITORE RADIO RX300 2G-3
2G.3 I RADIOCOMANDI TX240-3 2G-5
2G.4 LA CONSOLE RADIO LCD 300 WL 2G-7
2G.5 LA SIRENA RADIO SAEL 2000 WL 2G-9

Centrale TP16-256 Indice 1


3. INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE 3-1
3.1 PROGRAMMAZIONE ATTRAVERSO PERSONAL COMPUTER 3-1
3.2 INFORMAZIONI GENERALI 3-1
3.3 OPERAZIONI PRELIMINARI 3-2
3.3.1 Definizione su carta della disposizione fisica dell'impianto 3-2
3.4 CONFIGURAZIONE HARDWARE DELL'IMPIANTO SU COMPUTER 3-2
3.4.1 Accesso al software di programmazione 3-2
3.4.2 Accesso all'archivio utenti 3-3
3.4.3 Creazione di un nuovo utente 3-3
3.4.4 Accesso alla programmazione della centrale 3-4
3.4.5 Creazione dell'impianto di allarme 3-8
3.4.5.1 Aggiunta o cancellazione di moduli hardware 3-8
3.4.5.2 Moduli hardware disponibili 3-10
3.5 INSTALLAZIONE DELL'IMPIANTO 3-15
3.5.1 Collegamento dei moduli dell'impianto 3-15
3.5.2 Predisposizione dell'indirizzo dei moduli 3-16
4. PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE DA PC 4-1
4.1 CONFIGURAZIONE DELLE ZONE 4-2
4.1.1 Creazione della lista delle zone 4-2
4.1.2 Associazioni Zone-Funzioni 4-12
4.1.3 Associazioni Zone-Programmi (Creazione dei programmi di inserimento) 4-13
4.1.4 Configurazione delle console (tastiere) 4-15
4.1.5 Configurazione dei punti chiave 4-17
4.1.6 Definizione delle opzioni di sistema 4-19
4.1.7 Programmazione delle uscite logiche 4-22
4.1.8 Programmazione delle sirene su Bus 4-24
4.2 CONFIGURAZIONE DELLA SEZIONE TELEFONICA 4-26
4.2.1 Definizione dei parametri telefonici 4-26
4.2.2 Funzionamento del comunicatore GSM - Tecnocell 4-31
4.2.3 Definizione dei codici di rapporto 4-33
4.2.4 Gestione del messaggio telefonico iniziale 4-34
4.2.5 Definizione dei messaggi vocali associati ai telecomandi 4-36
4.3 CONFIGURAZIONE DEI TEMPI DELLA CENTRALE 4-37
4.3.1 Definizione dei tempi 4-38
4.3.2 Definizione delle temporizzazioni 4-40
4.3.3 Definizione delle fasce orarie di accesso 4-42
4.3.4 Personalizzazione dei calendari 4-44
4.4 PROGRAMMAZIONE DI CODICI, CHIAVI E RADIOCOMANDI DELLA CENTRALE 4-46
4.4.1 Programmazione dei codici 4-46
4.4.2 Programmazione delle chiavi 4-49
4.4.3 Programmazione dei radiocomandi 4-51
4.5 PROGRAMMAZIONE DEI DISPOSITIVI RADIO 4-52
4.5.1 Programmazione delle sirene radio 4-53
4.5.2 Programmazione delel console radio 4-55
4.6 ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE AVANZATA 4-56
4.7 SALVATAGGIO DELLA CONFIGURAZIONE UTENTE 4-57
4.8 INVIO DELLA PROGRAMMAZIONE ALLA CENTRALE 4-57
4.8.1 Collegamento della centrale al personal computer 4-57
4.8.2 Invio della programmazione 4-58
4.8.3 Livello di aggiornamento della programmazione 4-61
4.8.4 Lettura della programmazione della centrale 4-61

Indice 2 Centrale TP16-256


5. PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE DA CONSOLE 5-1
5.1 ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE 5-4
5.1 SEQUENZA DI PROGRAMMAZIONE 5-4
5.3 PROGRAMMAZIONE PARAMETRI DI ZONA 5-5
5.3.1 Definizione del messaggio vocale 5-5
5.3.2 Associazione ingressi (Creazione della lista delle zone controllate dalla centrale) 5-5
5.3.3 Selezione del tipo di zona 5-7
5.3.4 Selezione del tipo di collegamento 5-7
5.3.5 Selezione del tipo di filtro 5-8
5.3.6 Selezione del numero di ripetizioni del ciclo di allarme 5-11
5.3.7 Apprendimento del dispositivo radio 5-11
5.3.8 Numero di attivazioni 5-12
5.3.9 Disabilitazione sopravvivenza (solo x zone radio) 5-12
5.4 PROGRAMMAZIONE DELLA SEZIONE RADIO 5-13
5.4.1 Programmazione delle sirene radio 5-13
5.4.2 Programmazione delle tastiere radio 5-14
5.4.3 Programmazione del numero di serie della centrale 5-14
5.5 PROGRAMMAZIONE DELL'OROLOGIO DI SISTEMA 5-15
5.6 CREAZIONE DEI PROGRAMMI DI INSERIMENTO 5-16
5.6.1 Associazione delle zone al programma di inserimento 5-16
5.6.2 Definizione del messaggio vocale 5-16
5.7 DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI 5-17
5.7.1 Associazione delle zone alle funzioni 5-18
5.8 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI TEMPORALI 5-19
5.9 PROGRAMMAZIONE DELLE USCITE 5-21
5.9.1 Associazione delle sirene ai programmi di inserimento 5-21
5.9.2 Associazione uscita PGM ai programmi di inserimento 5-21
5.9.3 Attivazione buzzer delle console 5-21
5.9.4 Definizione delle uscite programmabili 5-22
5.9.5 Programmazione delle sirene Bus 5-24
5.10 PROGRAMMAZIONE DEI TIMER 5-26
5.10.1 Test ciclico 5-26
5.10.1.1 Impostazione valore del periodo 5-26
5.10.1.2 Impostazione attributi del periodo 5-26
5.10.1.3 Impostazione condizione di esecuzione 5-26
5.10.1.4 Impostazione dell'ora di inizio 5-27
5.10.2 Impostazione programmatori orari 5-27
5.10.2.1 Impostazione dell'azione 5-27
5.10.2.2 Impostazione attributi del periodo 5-27
5.10.2.3 Associazione programmatori orari ai telecomandi 5-28
5.10.2.4 Impostazione dell'ora di parteza 5-28
5.10.2.5 Blocco temporaneo del programmatore orario 5-28
5.10.3 Impostazione fasce orarie di accesso 5-28
5.10.3.1 Impostazione attributi per inizio e fine della fascia oraria 5-29
5.10.3.2 Impostazione dell'ora di inizio e fine della fascia oraria 5-29
5.11 PROGRAMMAZIONE DEI TELECOMANDI 5-30
5.11.1 Definizione del telecomando 5-30
5.12 PROGRAMMAZIONE DELLE CONSOLE/TASTIERE 5-31
5.13 PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI CHIAVE 5-32
5.14 PROGRAMMAZIONE DEI RADIOCOMANDI 5-33
5.14.1 Apprendimento del radiocomando 5-34
5.15 PROGRAMMAZIONE DEI PARAMETRI TELEFONICI 5-35
5.15.1 Impostazione parametri telefonici 5-35
5.15.2 Numero di uscita PABX 5-37
5.15.3 Impostazione dei comunicatori telefonici 5-37
5.15.3.1 Numeri telefonici 5-38

Centrale TP16-256 Indice 3


5.15.3.2 Codice identificativo del comunicatore 5-38
5.15.4 Numeri di Call Back 5-39
5.15.4.1 Numeri telefonici di Call-Back 5-39
5.15.4.2 Codice identificativo della centrale 5-39
5.15.4.3 Chiamata di Call-Back diretta 5-40
5.15.5 Caratteristiche del comunicatore cellulare GSM 5-40
5.15.5.1 Abilitazione del comunicatore cellulare 5-40
5.15.5.2 Abilitazione alla risposta 5-40
5.15.5.3 Messaggio di emergenza 5-40
5.15.5.4 Numero di emergenza 5-41
5.15.5.5 Risposta con menù guidato 5-41
5.15.5.6 Numero di squilli alla risposta 5-41
5.15.5.7 Abilitazione SMS di emergenza 5-41
5.15.5.8 Programmazione SMS di emergenza 5-41
5.15.5.9 Programmazione intestazione SMS 5-42
5.15.5.10 Abilitazione del canale digitale 5-42
5.15.6 Note sulla gestione degli SMS 5-42
5.16 ASSOCIAZIONE ALLARMI AI COMUNICATORI TELEFONICI 5-43
5.16.1 Causali: Inizio e fine allarme zona 5-43
5.16.2 Causali: Inizio e fine allarme programma, Inserimento, disinserimento, inizio e
fine parzializzazione 5-44
5.16.3 Tutte le altre causali 5-44
5.17 PROGRAMMAZIONE OPZIONI 5-45
5.18 PROGRAMMAZIONE CODICI 5-47
5.18.1 Programmazione lunghezza codici 5-47
5.18.2 Programmazione codice installatore 5-47
5.18.3 Programmazione codice utente Master 5-47
5.18.4 Programmazione codici utente 5-49
5.19 PROGRAMMAZIONE CHIAVI 5-50
5.20 ATTIVAZIONE/DISATTIVAZIONE DEI TELECOMANDI 5-51
5.21 ESCLUSIONE MODULI-ZONE 5-52
5.22 TEST DELLA CENTRALE 5-53
5.22.1 Test sezione radio 5-53
5.22.2 Test zone 5-54
5.22.3 Test sirene interne + batteria 5-55
5.22.4 Test sirene esterne 5-55
5.22.5 Visualizzazione versione firmware della centrale 5-55
5.22.6 Visualizzazione versione vocabolario della centrale 5-55
5.22.7 Visualizzazione stato dei led della tastiera 5-56
5.22.8 Visualizzazione versione firmware del comunicatore GSM 5-56
6. OPERAZIONI DA CONSOLE 6-1
6.1 CODICI DISPONIBILI 6-1
6.2 INSERIMENTO DELLA CENTRALE 6-5
6.2.1 Inserimento con codice utente Master 6-7
6.2.1.1 Inserimento con esclusione zone aperte 6-7
6.2.1.2 Inserimento con esclusione volontaria zone 6-8
6.2.1.3 Inserimento contemporaneo globale - Tutti i programmi 6-8
6.2.2 Inserimento con codice utente ausiliario 6-9
6.2.2.1 Inserimento contemporaneo globale - Tutti i programmi 6-9
6.2.3 Inserimento rapido programmi 6-9
6.2.4 Inserimento da zona chiave 6-10
6.2.5 Inserimento automatico della centrale 6-10
6.2.6 Inserimento in fasce orarie prestabilite 6-11
6.2.7 Inserimento negato in caso di allarme 6-11

Indice 4 Centrale TP16-256


6.3 DISINSERIMENTO DELLA CENTRALE 6-12
6.3.1 Disinserimento con codice utente Master 6-12
6.3.1.1 Disinserimento contemporaneo globale - Tutti i programmi 6-12
6.3.2 Disinserimento con codice ausiliario 6-12
6.3.2.1 Disinserimento contemporaneo globale - Tutti i programmi 6-13
6.3.3 Disinserimento in caso di aggressione 6-13
6.3.4 Disinserimento rapido programmi 6-13
6.3.5 Disinserimento da zona chiave 6-13
6.3.6 Disinserimento automatico della centrale 6-13
6.3.7 Disinserimento in fasce orarie prestabilite 6-14
6.4 PARZIALIZZAZIONE DELLA CENTRALE 6-15
6.4.1 Parzializzazione da codice 6-15
6.4.2 Parzializzazione automatica della centrale 6-15
6.4.3 Parzializzazione in fasce orarie prestabilite 6-15
6.4.4 Fine parzializzazione 6-16
6.4.5 Fine parzializzazione automatica della centrale 6-16
6.4.6 Fine parzializzazione al termine del tempo massimo 6-16
6.5 VERIFICA ZONE APERTE O IN ALLARME 6-17
6.6 VISUALIZZAZIONE MEMORIE DI ALLARME PROGRAMMA 6-17
6.7 VISUALIZZAZIONE EVENTI IN MEMORIA 6-17
6.8 GENERAZIONE DELL'ALLARME PANICO 6-18
7. OPERAZIONI DA CHIAVE, TASTIERE SERIALI O RADIOCOMANDI 7-1
7.1 UTILIZZO DELLE CONSOLE TP-SK6N 7-1
7.1.1 Inserimento della centrale da chiave 7-2
7.1.2 Inserimento con esclusione zone aperte 7-3
7.1.3 Generazione dell'allarme panico 7-3
7.1.4 Disinserimento della centrale da chiave 7-4
7.1.5 Parzializzazione della centrale 7-4
7.1.5.1 Parzializzazione in fasce orarie prestabilite 7-4
7.1.5.2 Fine parzializzazione 7-5
7.2 UTILIZZO DEI MODULI TP SKN 7-5
7.2.1 Inserimento della centrale attraverso chiave (inserimento singolo programma) 7-6
7.2.2 Inserimento della centrale attraverso chiave (multi-inserimento) 7-7
7.2.3 Inserimento programma con esclusione zone aperte 7-7
7.2.4 Disinserimento della centrale da chiave 7-7
7.2.5 Parzializzazione della centrale 7-8
7.2.5.1 Parzializzazione in fasce orarie prestabilite 7-8
7.2.5.2 Fine parzializzazione 7-8
7.3 SEGNALAZIONI VARIE - CONSOLE TP-SK6N E MODULI TP SKN 7-9
7.3.1 Allarme chiave falsa 7-9
7.3.2 Inserimento contemporaneo da più punti chiave 7-9
7.3.3 Inserimento contemporaneo da console-chiave 7-9
7.3.4 Autodisattivazione per centrale in allarme 7-9
7.3.5 Abort automatico dei comunicatori 7-9
7.3.6 Allarme anomalia generale 7-9
7.4 PROCEDURA PER L'APPRENDIMENTO DELLE CHIAVI 7-10
7.5 UTILIZZO DELLE TASTIERE SERIALI TP-SDN 7-11
7.5.1 Inserimento della centrale 7-11
7.5.1.1 Inserimento con codice utente Master/Ausiliario 7-12
7.5.1.2 Inserimento con esclusione zone aperte 7-13
7.5.1.3 Inserimento rapido programmi 7-13
7.5.1.4 Inserimento in fasce orarie prestabilite 7-13
7.5.2 Disinserimento della centrale 7-14
7.5.2.1 Disinserimento in caso di aggressione 7-14
7.5.3 Parzializzazione della centrale 7-14
7.5.3.1 Parzializzazione in fasce orarie prestabilite 7-15
7.5.4 Fine parzializzazione 7-15

Centrale TP16-256 Indice 5


7.6 SEGNALAZIONI VARIE - TASTIERE SERIALI TP-SDN 7-16
7.6.1 Allarme codice falso 7-16
7.6.2 Inserimento contemporaneo da console/tastiera chiave 7-16
7.6.3 Abort automatico dei comunicatori 7-16
7.6.4 Bypass allarmi generali 7-16
7.7 ASSOCIAZIONE DEI PROGRAMMI AI PUNTI CHIAVE/TASTIERE 7-16
7.8 UTILIZZO DEI RADIOCCOMANDI TX240/3 7-17
7.8.1 Inserimento da radiocomando 7-18
7.8.2 Disinserimento da radiocomando 7-18
7.8.3 Parzializzazione da radiocomando 7-18
7.8.4 Apprendimento dei radiocomandi 7-18
8. DATI DI TARGA 8-1

APPENDICE A
TABELLA PROTOCOLLI A-1

APPENDICE B
PROCEDURE VARIE B-1
B.1 RIPRISTINO DEI CODICI DI FABBRICA B-1
B.2 CANCELLAZIONE TOTALE DELLA CONFIGURAZIONE DELLA CENTRALE B-2
B.3 BACKUP/RESTORE DEI TRASMETTITORI RADIO B-2
B.4 AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE DELLA CENTRALE B-4
B.5 AGGIORNAMENTO DEL VOCABOLARIO DELLA CENTRALE B-7
B.6 AGGIORNAMENTODELFIRMWARE DEI MODULI B-9
B.7 INVIO DEL MESSAGGIO VOCALE INIZIALE B-11

APPENDICE C
GESTIONE DEI CODICI C-1
C.1 CODICI GESTITI DALLA CENTRALE C-1
C.2 CAMBIO CODICI C-1
C.3 PROCEDURA DI CAMBIO CODICI C-1
C.3.1 Opzione cambio codice abilitata - Accesso con codice utente Master C-1
C.3.2 Opzione cambio codice abilitata - Accesso con codice utente C-3
C.3.3 Opzione cambio codice NON abilitata - Accesso con codice utente Master C-4
C.3.4 Opzione cambio codice NON abilitata - Accesso con codice utente C-4
C.4 CODICE INSTALLATORE C-5

TP16-256
INDICE CONTENUTI
Indice 6 Centrale TP16-256
1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLA CENTRALE
La centrale di allarme TP16-256 è una centrale di tipo filare con moduli radio opzionali.
E' equipaggiata con un alimentatore di tipo switching da 3A.
Gestisce da un minimo di 16 fino ad un massimo di 256 ingressi selezionabili tra gli ingressi
presenti sulla scheda CPU, sul modulo di espansione collegato sulla linea seriale all'interno del
contenitore della centrale (opzionale), tra moduli di ingressi aggiuntivi collegati sulla linea seriale
(opzionali) o sui moduli radio (opzionali).

Centrale
TP16-256

CARATTERISTICHE TECNICHE
Alimentatore
z Alimentatore switching da 3A
z Trasformatore montato esternamente
Contenitore
z Contenitore metallico (Dimensioni : 450 x 365 x 105 mm - L x A x P)
z Alloggiamento per batteria da 12V - 17Ah
Ingressi (Massimo 256) :
z Scheda CPU
 16 ingressi filari con filtro RDV su morsettiera della scheda CPU
z Scheda espansione ingressi interna (opzionale)
4/8 ingressi filari a seconda dela scheda
(scheda espansione opzionale collegata alla morsettiera della CPU)
z Moduli di espansione ingressi (opzionali)
32 moduli ingressi filari aggiuntivi collegati su linea seriale selezionabili tra :
Moduli standard
 moduli 8 ingressi con alimentatore 1,8A (SPEED ALM 8 PL)
 moduli 8 ingressi non alimentati (SPEED 8)
 moduli 4 ingressi non alimentati (SPEED 4 )
 moduli 8 ingressi non alimentati (SPEED 8 STD)
Sui moduli di ingresso della famiglia SPEED xxx , sono supportate sia la funzione RDV che
le barriere seriali (ad eccezione del modulo SPEED 8 STD)

Centrale TP16-256 1-1


Moduli per dispositivi su Bus e standard
 moduli 8 ingressi su Bus (non alimentati) (SPEED 8 PLUS)
 moduli 4 ingressi su Bus + 4 ingressi tradizionali (non alimentati) (SPEED 4 PLUS)
z Moduli ingressi radio (opzionali)
2 moduli di espansione radio (per un totale di 128 ingressi radio) selezionabili tra :
 Modulo ricetrasmettitore radio bidirezionale esterno RTX200 (433MHZ e 868MHZ)
collegabile su bus RS485
 Modulo ricevitore radio esterno RX300 (433MHZ e 868MHZ) collegabile su bus RS485
Uscite
z Scheda CPU - Morsettiera interna
 Uscite logiche programmabili OUT1+ e OUT2- programmabili (una positiva, una negativa)
 Uscita logica TECN (positiva) associata all'allarme tecnico
 Uscita logica PGM (positiva) associata agli ingressi
 Uscita logica OFF- (negativa) associata allo stato di stand-by generale della centrale
 Uscite Sirena interna e sirena esterna programmabili
z Espansioni uscite logiche - Sinottici di segnalazione
Massimo 32 moduli di espansione collegati su linea seriale selezionabili tra:
 Moduli di espansione 32 uscite logiche (ESP32-OCN )
 Sinottici 32 segnalazioni (SINOTTICO 32N)
Dispositivi su Linea seriale RS485 (4 fili)
z Bus locale veloce (38.400 baud)
z Console con display LCD (comando e programmazione) Max 32
z Moduli di espansione uscite (Sinottici con 32 led o espansioni
uscite logiche) : Max 32
z Moduli ingressi aggiuntivi Max 32
z Punti chiave o tastiere aggiuntive Max 16
z Moduli radio bidirezionali Max 2
CONSOLE DI COMANDO
Massimo 16 console di comando collegate su linea seriale:
z Console LCD300/S - Gestione messaggi vocali locali
PUNTI DI COMANDO
Massimo 16 punti di comando collegati su linea seriale selezionabili tra:
z Tastiera seriale (TP-SDN)
 Massimo 200 codici
z Modulo per controllo chiavi elettroniche (TP-SK6N)
 Massimo 64 chiavi
TRASMETTITORE TELEFONICO CELLULARE
z Trasmettitore telefonico cellulare TECNOCELL-PRO collegato su linea seriale

1-2 Centrale TP16-256


CARATTERISTICHE E FUNZIONI GENERALI
Moduli radio opzionali
z Interfaccia radio supervisionata con controllo di mascheramento del ricevitore
z Gestione di massimo 128 dispositivi radio (sensori, trasmettitori, contatti...)
Bidirezionale esterno (ricetrasmettitore RTX200)
z Frequenze di lavoro : RX 433MHz, TX 868MHz
z Gestione sirene radio: 4 bidirezionali (programmabili e supervisionabili singolarmente)
z Collegamento su linea seriale RS485
Monodirezionale (ricevitore- RX300)
z Frequenze di lavoro : RX 433MHz, TX 868MHz
z Collegamento su linea seriale RS485
Altri dispositivi
z Trasmettitori radio compatibili: Famiglie TX1xx , TX2xx, TX3xx
z Radiocomandi (TX240/3) : Massimo 60
z Sirene radio (SAEL 2000 WL) bidirezionali : Massimo 4 (programmabili e supervisionabili
singolarmente)
z Console radio (LCD 300 WL) : Massimo 4 (per comando e programmazione).
Sezione telefonica
z Interfaccia telefonica integrata che fornisce :
 8 comunicatori telefonici
 2 numeri di Call-Back
z Trasmissione vocale
 Messaggio iniziale personalizzabile
 Descrizione vocale completa degli allarmi in corso
z Trasmissione dati con i seguenti protocolli:
 Protocolli proprietari: SLOW, DTMF, FSK (CESA, SIA)
 Protocolli Tecnoalarm : FAST (FSK 1200 Baud)
Sezione telefonica
z Interfaccia telefonica integrata che fornisce :
z 8 comunicatori telefonici
z 2 numeri di Call-Back
z Trasmissione vocale
z Messaggio iniziale personalizzabile
z Descrizione vocale completa degli allarmi in corso
z Trasmissione dati con i seguenti protocolli:
z Protocolli proprietari: SLOW, DTMF, FSK (CESA, SIA)
z Protocolli Tecnoalarm : FAST (FSK 1200 Baud)

Collegamento verso Personal Computer


z Interfaccia da TTL per la connessione a PC utilizzando le interfacce PROG32 oppure
PROG USB
z Programmazione impianto, aggiornamento Firmware della centrale e aggiornamento
vocabolario
Livelli di programmazione
2 livelli di programmazione della centrale
z Programmazione standard
z Programmazione avanzata (maggiore configurabilità ma anche naggiore difficoltà di
impostazione e di manutenzione)

Centrale TP16-256 1-3


L'installatore meno esperto potrà utilizzare il funzionamento standard (la programmazione è
simile a quella della centrale TP8-64).
L'installatore più esperto potrà gestire situazioni particolari non standard passando alla
gestione avanzata dove è richiesto un livello maggiore di competenza e di dimestichezza nella
programmazione.
Funzioni principali
z Codice installatore 1
z Numero di codici utente (inserimento/disinserimento/parzializzazione) Max 200
z Numero di chiavi (inserimento/disinserimento/parzializzazione) Max 64
z Numero di programmi Max 32
z Capacità memoria eventi : 2000 eventi
z Telecomandi Max 16
z I telecomandi possono essere temporizzati e pilotati dai programmatori orari
z Interfaccia vocale integrata con vocabolario preregistrato e messaggio di risposta
programmabile dall'utente
z Personalizzazione dei messaggi vocali
 Registrazione del messaggio telefonico di risposta
 Descrizione degli ingressi attraverso messaggio vocale composto da un massimo
di 4 vocaboli presi tra quelli preregistrati nel vocabolario della centrale (350 vocaboli)
z Aggiornamento parametri della centrale:
 Da tastiera attraverso menù guidato a lista
 Attraverso interfaccia PROG32 o PROG USB (centrale collegata in locale)
 Attraverso linea telefonica e TECNOMODEM o MINIMODEM Tecnoalarm (quando la
centrale è collegata in remoto ed è accessibile attraverso linea telefonica)
z Gestione lista dei 256 ingressi utilizzati (associazione tra ingressi fisici e zone logiche) per
aumentare la versatilità e per ottimizzare la distribuzione degli ingressi indipendentemente
dalla disposizione fisica dei moduli.
z Programmatori orari con possibilità di inserimento, disinserimento, parzializzazione, fine
parzializzazione, attivazione e disattivazione telecomando: 32
z Fasce orarie di accesso codici/chiavi/radiocomandi: 8
z Codici utente: 200 (inserimento/disinserimento/parzializzazione)
z Chiavi utente: 64 (inserimento/disinserimento/parzializzazione di 3 programmi da un
qualsiasi punto chiave (TP-SKN) oppure di 6 programmi utilizzando con la console a 6 tasti
(TP-SK6N)
z Radiocomandi utente: 60 (inserimento/disinserimento/ON/OFF telecomandi)
z Programmatori orari : 16 con possibilità di inserimento, disinserimento, parzializzazione e
fine parzializzazione
z Calendario perpetuo biennale con attributi (feriale, festivo, prefestivo, ora solare-legale)
personalizzabili
z Funzionalità degli ingressi
Istantanei, Interni, tecnologici, Ritardati 1 (tempo di ingresso 1), Ritardati 2 (tempo di
ingresso 2), Rapina, Chiave (inserimento e disinserimento dei programmi definiti), Tamper.
z Backup e restore dei dispositivi radio separato dal resto della programmazione per
consentire la sostituzione della CPU della centrale senza dover riapprendere tutti i
dispositivi radio

1-4 Centrale TP16-256


Messaggi vocali su chiamata entrante
z Menù vocale guidato per accedere alle seguenti funzioni
z Stato della centrale
z Stato e inserimento/disinserimento dei programmi
z Stato e attivazione/disattivazione dei telecomandi
z Ascolto RDV totale e singolo
z Programmazione messaggio telefonico iniziale

Menù di test
z Monitor grafico della radiofrequenza rilevata dal ricevitore a 433MHz per l'analisi del
rumore ambientale
z Monitor grafico della radiofrequenza rilevata dal ricevitore a 868MHz per l'analisi del
rumore ambientale
z Visualizzazione della ricezione dei dispositivi radio
z Procedura di controllo del collegamento bidirezionale per le sirene e le tastiere radio
z Visualizzazione dell'elenco degli ingressi aperti
z Verifica della presenza e della versione del vocabolario
z Test di suonata delle sirene a filo (interna ed esterna) e delle sirene radio.

Centralizzazione della centrale


La TP16-256 è una centrale "CENTRALIZZABILE", cioè può essere connessa ad un centro di
Telegestione o di Telecontrollo.
NOTA IMPORTANTE
La funzionalità dei centri di Telegestione o di Telecontrollo non sono controllate
dalle normative CEI 79/2 alle quali la centrale fa riferimento.

Programmazione della centrale da PC


La TP16-256 può essere programmata da Personal Computer attraverso un apposito software
realizzato da Tecnoalarm.
NOTA IMPORTANTE
La programmazione da PC non é verificata dalle normative CEI 79/2 alle quali
la centrale fa riferimento.

Attivazione dispositivi di allarme


La TP16-256 può essere programmata in modo da funzionare anche senza generare
l'attivazione di alcun dispositivo di allarme (sirene, uscite logiche, comunicatori)

NOTA IMPORTANTE
L'installatore, nella fase di programmazione dell'impianto, deve
obbligatoriamente attivare almeno un dispositivo di allarme.
L'utilizzo della centrale quando la stessa non prevede almeno un mezzo di
attivazione degli allarmi invalida l'omologazione secondo normative CEI 79/2.

Centrale TP16-256 1-5


TP16-256
CARATTERISTICHE GENERALI

1-6 Centrale TP16-256


2. COMPOSIZIONE DELLA CENTRALE

z Contenitore in metallo : 455 x 365 x 110 mm (L x A x P)


z Alimentatore da 3A (Trasformatore esterno TA16/2B)
z Batteria tampone da 12V - 17Ah Max.
ALIMENTAZIONE DELLA CENTRALE
L'alimentazione della centrale è fornita principalmente dalla rete 230V AC.
Quando la tensione di rete è assente per garantire il funzionamento interviene la batteria.
La sezione di alimentazione della centrale è composta da:
z Morsettiera per la connessione della rete 230V AC (morsetti AC-AC)
z Fusibile da 315 mA sul primario del trasformatore per la protezione contro le sovratensioni
z Trasformatore 230V AC - 28V (circa 60VA)

Centrale TP16-256 2-1


2.1 INSTALLAZIONE DELLA CENTRALE
2.1.1 MONTAGGIO DEL CONTENITORE A PARETE
Utilizzare 4 tasselli plastici (diame-
tro 8 mm e relative viti) per monta-
re a parete il
contenitore metallico della centrale
sfruttando i fori
posti sul fondello nei punti indicati
con A, B, C e D .

2.1.2 CONNESSIONE ALLA


RETE 230VAC
La connessione della rete AC alla
centrale può essere eseguita in
due modi:
Tubo di raccordo
Il tubo che contiene il cavo di
alimentazione rete AC viene
introdotto nel contenitore della
centrale attraverso gli appositi fori
passacavo posti sulla parte
superiore e inferiore del
contenitore nei punti indicati con
1, 2, 3 e 4 .
Il materiale utilizzato per il tubo di
raccordo deve avere una classe
di infiammabilità HB o migliore.
Ingresso diretto
Il cavo di alimentazione rete (a
doppio isolamento) viene
introdotto nel contenitore della
centrale (vedere punto 5)
attraverso un apposito gommino
passacavo fornito in dotazione.
Il cavo di alimentazione rete
non viene fornito di fabbrica.

Il cavo di rete (230V AC ± 10%, 50Hz) deve essere collegato al primario del trasformatore.
Dal secondario dello stesso viene ricavata la tensione per l'alimentazione della centrale.
L'alimentatore sulla scheda CPU è di tipo switching e fornisce una corrente massima di 3A.
FUSIBILE DI PROTEZIONE
Il primario del trasformatore è protetto contro i sovraccarichi rete per mezzo di un fusibile.

2-2 Centrale TP16-256


COLLEGAMENTO DEL PRIMARIO DEL TRASFORMATORE
Il cavo alimentazione rete deve essere collegato nel seguente modo:
z la terra (filo giallo/verde) nella posizione ( ).
z la fase (filo marrone) in corrispondenza del fusibile F1 (Posizione L).
z il neutro (filo blu), nella posizione a sinistra della morsettiera (Posizione N).
Fissare il cavo al contenitore per mezzo delle fascette fornite.
COLLEGAMENTO DEL SECONDARIO DEL TRASFORMATORE
Collegare il secondario del trasformatore ai morsetti marchiati AC sulla
morsettiera della scheda CPU.
ATTENZIONE - DISPOSITIVO DI SEZIONAMENTO ESTERNO
La centrale è sprovvista di un dispositivo di sezionamento dalla tensione di rete.
Durante l'installazione della centrale è obbligatorio prevedere sull'impianto elettrico
di alimentazione (230V~) un dispositivo di sezionamento di tipo bipolare in
prossimità della centrale. La distanza dei contatti del dispositivo di sezionamento
deve essere di almeno 3 mm.
ATTENZIONE - CAVO DI ALIMENTAZIONE
z I conduttori del cavo di alimentanzione primaria (cavo di rete) non devono
essere consolidati attraverso una saldatura dolce nei punti dove sono sottoposti
ad una pressione di contatto (nella morsettiera).
z I conduttori del primario del trasformatore (collegati al morsetto di rete) devono
essere ancorati al contenitore per mezzo di una fascetta posta nelle strette
vicinanze del morsetto di rete stesso per evitare che un allentamento del morsetto
provochi un contatto dei conduttori con il circuito SELV (conduttori di segnale).

Centrale TP16-256 2-3


2.1.3 COLLEGAMENTO ALLA BATTERIA

Quando manca la tensione di rete, l’alimentazione della centrale viene rimpiazzata dalla batteria
tampone. L’autonomia dell’impianto, in mancanza di rete, dipende quindi dal tipo di batteria
presente e dalla corrente assorbita dai sensori collegati alla centrale.
La centrale viene fornita con due cavetti (rosso e nero già collegati alla scheda CPU) con ai
capi 2 faston che permettono il collegamento alla batteria.
Dopo aver posizionato la batteria nella sede ad essa dedicata, ed aver dato tensione alla
centrale, connettere i due faston ai rispettivi morsetti della batteria (filo rosso +, filo nero -).
NOTE
E' possibile utilizzare al massimo una batteria da 12V, 17Ah
La centrale non entra in funzione automaticamente se viene alimentata solo
tramite batteria.
Per permettergli di funzionare a batteria è necessario inserire per alcuni
secondi il ponticello JP11 quindi rimuoverlo.

2-4 Centrale TP16-256


2.3 LA SCHEDA CPU

Tutte le operazioni della centrale sono gestite in tempo reale dal software residente sul
microprocessore che è controllato da un circuito sempre attivo (Watch-dog) che ne verifica il
corretto stato di funzionamento.
PROTEZIONE DELLA SCHEDA CPU
z La sezione di uscita per la sirena esterna è protetta da una PTC
z La sezione di uscita di alimentazione dei sensori è protetta da un fusibile rapido
E’ inoltre prevista la sconnessione automatica della batteria, al fine di evitarne la discarica
completa e distruttiva, quando la tensione della stessa scende al di sotto dei 9 volt.
COMPOSIZIONE DELLA SCHEDA CPU
La scheda CPU è suddivisa nelle seguenti sezioni funzionali:
z Alimentazione (Batteria + Trasformatore esterno)
z Linee seriali (2 RS485 + connessione TTL verso interfaccia per Personal Computer)
z La sezione telefonica
z La morsettiera estraibile

Centrale TP16-256 2-5


LA MORSETTIERA ESTRAIBILE
La morsettiera estraibile contiene:
z due connettori (JH1 e JH2) per il collegamento verso la scheda CPU
z un connettore per il collegamento verso la linea seriale RS485
z un connettore per il collegamento verso la linea seriale RS485 - espansione ingressi interna
z la morsettiera
z un fusibile per la protezione dell'alimentazione sensori

2.3.1 LE LINEE SERIALI


Sono disponibili 3 connettori per le linee seriale:
z Linea seriale RS485 + morsetto S (sulla morsettiera estraibile)
Per la connessione di tutti i dispositivi esterni alla centrale con
comunicazione su linea seriale quali tastiere, console e i vari moduli
aggiuntivi (espansioni uscite, espansioni ingressi, etc.)
z Linea seriale RS485 (sulla morsettiera estraibile)
Per la connessione di tutti i dispositivi esterni alla centrale con
comunicazione su linea seriale quali tastiere, console e i vari moduli
aggiuntivi (espansioni uscite, Tecnocell-M, etc.)
z Uscita TTL per connessione verso la linea seriale di un PC
Per la comunicazione della centrale con un Personal Computer occorre
collegare l'uscita TTL della centrale verso un'Interfaccia esterna
(PROG32 o PROG USB per la programmazione o il controllo da PC).
2.3.2 LA SEZIONE TELEFONICA
Il comunicatore telefonico è integrato sulla scheda CPU.
Consente il collegamento della centrale alla linea telefonica e ne verifica il corretto
funzionamento.
Un relè esegue la commutazione della Linea telefonica e permette l'utilizzo di un normale
apparecchio telefonico in parallelo alla centrale.
La tensione della linea telefonica è tenuta costantemente sotto controllo in modo per avvisare,
quando la centrale è inserita la mancanza della linea stessa.
I due led (D17- Rosso) e D41 (Giallo) forniscono la segnalazione dello stato della linea
telefonica:
STATO DEI LED
Led rosso D17 Acceso = Linea deviata sulla centrale
I dispositivi collegati ai morsetti TEL non sono connessi.
Spento = Linea non deviata sulla centrale
Led giallo D41 Lampegg.= Segue gli squilli
Spento = Linea telefonica non impegnata

2-6 Centrale TP16-256


2.3.3 LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Tensione di ricarica batteria
14,4V Uscita 14,4V DC - Solo per sirena esterna
per Sirena Autoalimentata
- GND (Massa) - GND (Massa)
+SRA Sirena Autoalimentata Uscita Riposo : 13,8V DC (*) Allarme: Alta Impedenza (*)
-SRA GND (Massa) - GND (Massa)
+SRINT Sirena Interna Uscita 13,8V DC
-SRINT GND (Massa) - Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
Centrale a riposo: Centrale inserita:
OFF- Uscita logica di Stand-By Uscita
Presenza Negativo Alta impedenza
OUT2- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
OUT1+ Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Alarme: 13,8V DC (*)
TECN Allarme su zone tecniche Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Alarme: 13,8V DC (*)
PGM Uscita logica programmabile Uscita Riposo : 13,8V DC (*) Allarme: Alta Impedenza (*)
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z1 Zona 1 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z5 Zona 5 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z6 Zona 6 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC

Centrale TP16-256 2-7


Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita

- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)


Z7 Zona 7 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z8 Zona 8 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z9 Zona 9 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z10 Zona 10 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z11 Zona 11 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z12 Zona 12 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z13 Zona 13 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z14 Zona 14 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) - GND (Massa)
Z15 Zona 15 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z16 Zona 16 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
Linea seriale RS485 - Connettore verso moduli esterni
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
S Segnale speaker Uscita Segnale vocale verso speaker sulle console LCD300/S
Linea seriale RS485 - Connettore verso modulo espansione interno
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita

NOTE
Per le uscite logiche, i valori indicati con * corrispondono allo stato normale.
E' possibile invertire lo stato.

2-8 Centrale TP16-256


TIPO DI INGRESSO (Valido solo per le zone cablate)
ZONA NORMALMENTE CHIUSA (NC)
A riposo presentano una resistenza di 0 Ohm ai
loro capi, mentre sono aperte in allarme.
Riposo: da 0 a 2KΩ
Allarme: più di 2KΩ

ZONA NORMALMENTE APERTA (NA)


A riposo sono aperte, mentre presentano una
resistenza di 0 Ohm ai loro capi in allarme.
Riposo: più di 2KΩ
Allarme: da 0 a 2KΩ

ZONA BILANCIATA (BIL)


A riposo presentano una resistenza nominale di
2700 Ohm mentre in allarme sono sbilanciate; la
resistenza è al di fuori della gamma di valori
prevista.
Riposo: da 2KΩ a 4KΩ (Nominale 2700Ω)
Allarme: meno di 2KΩ o più di 4KΩ
ZONA DOPPIO BILANCIAMENTO (DBIL)
A riposo presentano una resistenza nominale di
2700 Ohm. Il tipo di allarme può essere
discriminato a seconda del valore di resistenza
misurata ai capi della zona.
Riposo: da 2KΩ a 4KΩ (Nom 2700Ω)
Tamper: da 0 a 2KΩ e maggiore di 7,4KΩ
Allarme: da 4KΩ a 7,4KΩ (Nom 5400Ω)
MANOMISSIONE
ALLARME TAGLIO CAVI - MANOMISSIONE ZONA Zona xx
L'allarme Taglio Cavi viene visualizzato sul display Se è presente la descrizione, invece della
della console con il messaggio mostrato a lato: scritta Zona xx compare la descrizione

ATTENZIONE - ALLARME TAGLIO CAVI - MANOMISSIONE ZONA


L'allarme viene generato solo per le zone programmate a Doppio
Bilanciamento.

2.3.4 LA SEZIONE INGRESSI - USCITE

La sezione ingressi uscite comprende i seguenti morsetti:


z morsetti ingressi zona (Z1 ..Z16) per il collegamento di dispositivi tradizionali cablati
z morsetti comuni per sensori e autoprotezione (COM).
z morsetti di alimentazione per i sensori (+, -)
z 1 morsetto per l'ingresso autoprotezione (ZT)
z 4 morsetti per le uscite per sirena interna ed esterna sia normale che autoalimentata
(+SRA -SRA , +SIR.INT -SIR.INT)
z 2 morsetti per l'uscita tensione (+14,4V, -) per la ricarica batteria sirena autoalimentata
z 5 morsetti per le uscite logiche (OFF-, OUT1+ , OUT2-, TECN e PGM)

Centrale TP16-256 2-9


2.3.4.1 GLI INGRESSI ZONA

Sono presenti 16 morsetti di zona (Z1.. Z16), 8 morsetti di tensione (COM) 13,8V per le zone e
otto coppie di morsetti (+ , -), per l'alimentazione dei sensori sulle zone ( +, - ).
FUSIBILE DI PROTEZIONE
L'alimentazione dei sensori è protetta da un fusibile rapido (F1) da 2A (sulla scheda della
morsettiera estraibile).
TIPO DI INGRESSO
Gli ingressi zona (cablati) possono funzionare in modo NC (normalmente chiuso), NA
(normalmente aperto), BIL (Bilanciato) oppure 2BIL (Doppio bilanciamento) a
seconda della programmazione (per la descrizione vedere a pag. 2-9).
2.3.4.2 L'INGRESSO MANOMISSIONE
L'ingresso Manomissione (ZT) è posizionato nella parte destra della morsettiera.
2.3.4.3 INGRESSI TAMPER
Gli ingressi Tamper sono posizionati nella parte in alto a destra della scheda CPU.
Permettono il collegamento degli interruttori di autoprotezione contro l'apertura e il
distacco del contenitore della centrale.
2.3.4.4 LE USCITE - COLLEGAMENTO DELLE SIRENE
Sono disponibili una serie di morsetti per il collegamento delle sirene
interne e delle sirene esterne autoalimentate. Il morsetto +14,4V serve
per la ricarica della batteria (sirena auto-alimentata.
Il morsetto OFF- fornisce lo stato di Stand-By della centrale.
COLLEGAMENTO SIRENE ESTERNE AUTOALIMENTATE - TECNOALARM
+14,4V Positivo per la ricarica della batteria della sirena
- Negativo per la ricarica della batteria della sirena
+ SRA Centrale a riposo : +13.8V (presenza di positivo)
Centrale in allarme: Alta impedenza (mancanza di positivo)
- SRA Negativo per alimentazione sirena (in caso di sirena a 4 fili ) -
oppure ricarica batteria della sirena (Massa)
OFF - Centrale a riposo : 0V (presenza di negativo)
Centrale inserita: Alta impedenza (mancanza di negativo)

COLLEGAMENTO SIRENE ESTERNE NON AUTOALIMENTATE - TECNOALARM


+ SRINT Centrale a riposo : Alta impedenza (mancanza di positivo)
Centrale in allarme: +13.8V (presenza di positivo)
- SRINT Negativo per alimentazione sirena (Massa)

COLLEGAMENTO SIRENE INTERNE - TECNOALARM


+ SRINT +13.8V (presenza di positivo)
- SRINT Centrale a riposo : Alta impedenza (mancanza di negativo)
Centrale in allarme: GND (Massa) (presenza di negativo)
ATTENZIONE - SIRENA ESTERNA NON AUTOALIMENTATA
La sirena esterna non autoalimentata collegata sui morsetti +SRINT e -SRINT
suonerà con le tempistiche della sirena interna.
ATTENZIONE - SEZIONE CAVI
Porre attenzione nella scelta della sezione dei cavi per la connessione tra
centrale e sirene, specialmente se la distanza da percorrere è considerevole.
Per installazioni in ambienti con forte rumore elettrico (motori, officine, presse,
etc.), è consigliato l’utilizzo di cavetti schermati con collegamento a terra.
2-10 Centrale TP16-256
Le uscite sirena assumono i seguenti valori:
Condizione normale Condizione invertita
+SRA Riposo : +13,8V +SRA Riposo : Alta impedenza
Allarme: Alta impedenza Allarme: +13,8V
-SRINT Riposo : Alta impedenza -SRINT Riposo : GND (Massa)
Allarme: GND (Massa) Allarme: Alta impedenza

ATTENZIONE - FUNZIONAMENTO SIRENE


Per il corretto funzionamento della centrale con le sirene Tecnoalarm le due
uscite +SRA e -SRINT devono essere impostate in condizione normale.

2.3.4.5 LE USCITE LOGICHE


Sono presenti 5 morsetti per le uscite logiche (OFF-, OUT1+, OUT2-, TECN e PGM).
USCITA LOGICA OFF-
L'uscita logica OFF- rappresenta lo stato di Stand-By generale della centale (centrale
a riposo e nessun programma inserito).
Assume il seguente valore:
OFF - Centrale a riposo : 0V (presenza di negativo)
Centrale inserita: Alta impedenza (mancanza di negativo)
USCITE LOGICHE OUT1+ e OUT2-
Le uscite logiche OUT1+ e OUT2- sono uscite logiche programmabili.
A seconda della programmazione possono assumere i seguenti significati:
Le uscite assumono i seguenti valori:

USCITE PROGRAMMABILI OUT1 E OUT2


Stand-By Telecomando 11 Programma 21 Sirena interna 14 Sirena esterna 8
Guasti Telecomando 12 Programma 22 Sirena interna 15 Sirena esterna 9
Batteria Bassa Telecomando 13 Programma 23 Sirena interna 16 Sirena esterna 10
Mancanza rete 230V Telecomando 14 Programma 24 Sirena interna 17 Sirena esterna 11
Manomissione Telecomando 15 Programma 25 Sirena interna 18 Sirena esterna 12
Anomalie Radio Telecomando 16 Programma 26 Sirena interna 19 Sirena esterna 13
Rapina Programma 1 Programma 27 Sirena interna 20 Sirena esterna 14
Tecnologico Programma 2 Programma 28 Sirena interna 21 Sirena esterna 15
Chime Programma 3 Programma 29 Sirena interna 22 Sirena esterna 16
Linea telefonica Programma 4 Programma 30 Sirena interna 23 Sirena esterna 17
Preallarme Programma 5 Programma 31 Sirena interna 24 Sirena esterna 18
PGM Programma 6 Programma 32 Sirena interna 25 Sirena esterna 19
Accesso rifiutato Programma 7 Panico Sirena interna 26 Sirena esterna 20
Allarme Programma 8 Sirena interna 1 Sirena interna 27 Sirena esterna 21
Sistema OK Programma 9 Sirena interna 2 Sirena interna 28 Sirena esterna 22
Stato cellulare Programma 10 Sirena interna 3 Sirena interna 29 Sirena esterna 23
Telecomando 1 Programma 11 Sirena interna 4 Sirena interna 30 Sirena esterna 24
Telecomando 2 Programma 12 Sirena interna 5 Sirena interna 31 Sirena esterna 25
Telecomando 3 Programma 13 Sirena interna 6 Sirena interna 32 Sirena esterna 26
Telecomando 4 Programma 14 Sirena interna 7 Sirena esterna 1 Sirena esterna 27
Telecomando 5 Programma 15 Sirena interna 8 Sirena esterna 2 Sirena esterna 28
Telecomando 6 Programma 16 Sirena interna 9 Sirena esterna 3 Sirena esterna 29
Telecomando 7 Programma 17 Sirena interna 10 Sirena esterna 4 Sirena esterna 30
Telecomando 8 Programma 18 Sirena interna 11 Sirena esterna 5 Sirena esterna 31
Telecomando 9 Programma 19 Sirena interna 12 Sirena esterna 6 Sirena esterna 32
Telecomando 10 Programma 20 Sirena interna 13 Sirena esterna 7

Centrale TP16-256 2-11


Le uscite assumono i seguenti valori:
Condizione normale Condizione invertita
OUT1 + Riposo : Alta impedenza OUT1 + Riposo : +13,8V
Allarme: +13,8V Allarme: Alta impedenza
OUT2 - Riposo : Alta impedenza OUT2 - Riposo : 0V
Allarme: 0V Allarme: Alta impedenza
USCITA LOGICA TEC (ZONA TECNICA)
L'uscita logica TEC è un uscita logica non programmabile che rappresenta l'uscita
tecnica della centale. Assume il seguente valore:
TEC Riposo : +13,8V
Allarme: Alta impedenza
USCITA LOGICA PGM (PROGRAMMABILE)
L'uscita logica PGM è un uscita logica programmabile.
A seconda della programmazione può assumere i seguenti significati:
z Uscita di allarme per programma da 1 a 32 oppure Ingresso da 1 a 256
Assume il seguente valore:
PGM Riposo : Alta impedenza
Allarme: +13,8V

ATTENZIONE - CIRCUITI DI USCITA


In fase di installazione devono sempre essere programmate due uscite
separate una per l'allarme (uscita logica) e la seconda in caso di intrusione
(sirena).
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permesso di
modificare lo stato delle uscite per allarme e per intrusione.
Tale modifica comporta il declassamento del livello di prestrazione della
centrale.

TP16-256
L'HARDWARE DI BASE
DELLA CENTRALE

2-12 Centrale TP16-256


2A. ESPANSIONE INGRESSI SU LINEA SERIALE
E' possibile espandere gli ingressi della centrale TP16-256 collegando fino ad un massimo di
32 schede di espansione ingressi sulla linea seriale RS485.
Sono disponibili i seguenti tipi di schede di espansione:
MODULI STANDARD
z Espansione 8 ingressi con alimentatore 1,8A (SPEED ALM8 PL)
z Espansione 8 ingressi non alimentata (SPEED 8)
z Espansione 4 ingressi non alimentata (SPEED 4)
z Espansione 8 ingressi standard (SPEED 8STD)
MODULI PER DISPOSITIVI SU BUS E STANDARD
z Espansione 8 ingressi su Bus (non alimentati) (SPEED 8 PLUS)
z Espansione 4 ingressi su Bus e 4 ingressi tradizionali (SPEED 4 PLUS)
2A.1 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE (SPEED ALM8 PL)
L'espansione é costituita da:
z 1 Scheda 8 ingressi con alimentatore 1,8A (Scheda SPEED ALM8)
z 1 Trasformatore di alimentazione
z 1 Contenitore plastico : Dimensione 345 x 285 x 90 mm (Larghezza x Altezza x Profondità)
z 1 Interruttore di autoprotezione (antiapertura e antidistacco)

Centrale TP16-256 2A-1


2A.1.1 LA SCHEDA A 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE (SPEED ALM8 )
La scheda deve essere collegata sulla linea seriale RS485.
Consente l'alimentazione di dispositivi collegati sulla linea e fornisce 8 nuovi ingressi.
E' possibile collegare sensori nelle configurazioni NC (Norm. chiuso), NA (Norm. aperto),
BIL (Bilanciato), DBIL (Doppio Bilanciamento) e ZBUS (Winbeam/S e Doorbeam/S)

ATTENZIONE - FUNZIONAMENTO CON LA SOLA BATTERIA


Il ponticello JP11 permette le seguenti funzioni:
» A tensione di rete (230V) assente (sola batteria).
Inserire il ponticello JP11 per almeno due secondi poi rimuoverlo.
» A tensione di rete presente
Ponticello disinserito = sgancio automatico della batteria sotto i 9V
Ponticello inserito = sgancio automatico della batteria disabilitato

IL TRASFORMATORE TA14/3S
L'ingresso è collegato a una morsettiera
che ne consente il collegamento alla rete
elettrica. Il trasformatore è costituito da:
z Sezione di ingresso rete (Primario):
230 V~ (Rosso)
z Sezione di uscita (Secondario) :
30 V~ / 1,3A (Blu)
z Frequenza 50/60Hz
z Potenza 40VA
z Fusibile su primario T 200mA

2A-2 Centrale TP16-256


LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Tensione di Alimentazione
AC
AC dal secondario dl Ingresso Ingresso AC 30V
AC
trasformatore
OUT1 Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
OUT2 Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
Tensione di ricarica batteria
+14V Uscita 14,4V DC - Solo per sirena esterna
per Sirena Autoalimentata
+SRA Sirena Autoalimentata Uscita Riposo : 13,8V DC Allarme: Alta Impedenza
-SRA GND (Massa) - GND (Massa)
+SRINT Sirena Interna Uscita 13,8V DC
-SRINT GND (Massa) - Riposo : Alta Impedenza Allarme: Presenza Negativo
Z1 Zona 1 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z5 Zona 5 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z6 Zona 6 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z7 Zona 7 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z8 Zona 8 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Linea seriale RS485
- Alimentazione Uscita GND (Massa)
+ Linea Seriale RS485 Uscita 13,8V DC
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
NOTE NC (0 Ohm) - NA (Maggiore di 2KOhm) - BIL (2KOhm… 4KOhm) - B24 (2KOhm … 4KOhm) - ZBUS

TIPO DI INGRESSO
Gli ingressi zona possono funzionare in modo NC (norm. chiuso), NA (norm. aperto), BIL
(Bilanciato) o 2BIL (Doppio bilanciamento) (vedere descrizione pag. 2-9) e ZBUS (barriere
seriali).

Centrale TP16-256 2A-3


2A.2 ESPANSIONE 8 INGRESSI NON ALIMENTATA (SPEED 8)
Connessione dispositivi tradizionali
L'espansione é costituita da:
z 1 scheda 8 ingressi SPEED8 da collegare sulla linea seriale RS485
z 1 contenitore in materiale plastico C90 o C100P (opzionale)

ATTENZIONE - PONTICELLO JP4


Il ponticello JP4 è per la terminazione della linea seriale RS485 (deve
essere inserito solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale).
LA MORSETTIERA
Morse tto De scrizione Tipo Sta to de ll'Ingre sso/Uscita
Z1 Zona 1 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Us cita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Us cita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Us cita GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Us cita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Us cita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Us cita GND (Massa)
Z5 Zona 5 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Us cita 13,8V DC
Z6 Zona 6 Cablata Ingres s o NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Us cita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Us cita GND (Massa)

2A-4 Centrale TP16-256


Z7 Zona 7 Cablata Ingres so NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z8 Zona 8 Cablata Ingres so NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
OUT1 Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
OUT2 Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
Linea seriale RS485
- Alimentazione Uscita GND (Massa)
+ Linea Seriale RS485 Uscita 13,8V DC
A Ingres so
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
NOTE NC (0 Ohm) - NA (Maggiore di 2KOhm) - BIL (2KOhm … 4KOhm) - B24 (2KOhm … 4KOhm) - ZBUS
TIPO DI INGRESSO
Gli ingressi zona possono funzionare in modo NC (norm. chiuso), NA (norm. aperto), BIL
(Bilanciato) o 2BIL (Doppio bilanciamento) (vedere descrizione pag. 2-9) e ZBUS (barriere
seriali).
2A.3 ESPANSIONE 4 INGRESSI NON ALIMENTATA (SPEED 4)
Connessione dispositivi tradizionali
L'espansione é costituita da:
z 1 scheda 4 ingressi SPEED 4 da collegare sulla linea seriale RS485
z 1 contenitore in materiale plastico C90 o C100P (OPZIONALE).

ATTENZIONE - PONTICELLO JP6


Il ponticello JP6 è per la terminazione della linea seriale RS485 (deve
essere inserito solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale).

Centrale TP16-256 2A-5


LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Z1 Zona 1 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
OUT1 Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
Linea seriale RS485
- Alimentazione Uscita GND (Massa)
+ Linea Seriale RS485 Uscita 13,8V DC
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
NOTE NC (0 Ohm) - NA (Maggiore di 2KOhm) - BIL (2KOhm… 4KOhm) - B24 (2KOhm … 4KOhm) - ZBUS
TIPO DI INGRESSO
Gli ingressi zona possono funzionare in modo NC (norm. chiuso), NA (norm. aperto), BIL
(Bilanciato) o 2BIL (Doppio bilanciamento) (vedere descrizione pag. 2-9) e ZBUS.

2A.4 ESPANSIONE 8 INGRESSI NON ALIMENTATA (SPEED 8 STD)


Connessione dispositivi tradizionali
L'espansione é costituita da:
z 1 scheda 8 ingressi SPEED 8 STD da collegare sulla linea seriale RS485
z 1 contenitore in materiale plastico (OPZIONALE)

2A-6 Centrale TP16-256


ATTENZIONE - PONTICELLO W1
Il ponticello W1 è per la terminazione della linea seriale RS485 (deve
essere inserito solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale).
ATTENZIONE - NON GESTISCE DISPOSITIVI SU BUS
La scheda SPEED 8 STD non consente il collegamento di dispositivi su BUS
(es. Barriere seriali)

LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Z1 Zona 1 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z5 Zona 5 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z6 Zona 6 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z7 Zona 7 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B2
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z8 Zona 8 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Linea seriale RS485
- Alimentazione Uscita GND (Massa)
+ Linea Seriale RS485 Uscita 13,8V DC
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
NOTE NC (0 Ohm) - NA (Maggiore di 2KOhm) - BIL (2KOhm … 4KOhm) - B24 (2KOhm … 4KOhm)

Centrale TP16-256 2A-7


2A.5 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE
(SPEED ALM8 PLUS)
Connessione dispositivi su BUS
L'espansione é costituita da:
z 1 Scheda 8 ingressi con alimentatore 1,8A (Scheda SPEED ALM8)
z 1 Trasformatore di alimentazione
z 1 Contenitore plastico : Dimensione 345 x 285 x 90 mm (Larghezza x Altezza x Profondità)
z 1 Interruttore di autoprotezione (antiapertura e antidistacco)

2A.5.1 LA SCHEDA 8 INGRESSI SU BUS CON ALIMENTATORE (SPEED ALM8 PLUS)


Fornisce un BUS SENSORI (4 connettori) per il collegamento di max 8 sensori di tipo BUS
(Es. Explorer o Miniexplorer Bus, Dualtecno Bus 05 etc).
Fornisce inoltre un Bus separato (BUS SIRENE) su cui è possibile collegare una sirena Bus.
Per ogni sensore o Sirena Bus è possibile eseguire direttamente dalla centrale la
programmazione, la monitorizzazione e la registrazione degli eventi.
NOTE:
Nella connessione delle Sirene Bus occorre utilizzare cavi di opportuna
dimensione ad una distanza massima di circa 20 metri.
Si consiglia di collegare al massimo una sirena (interna o su Bus) su ogni modulo
(per garantire la corrente per la corretta ricarica della batteria)

2A-8 Centrale TP16-256


IL TRASFORMATORE
L'ingresso è collegato a una morsettiera che ne
consente il collegamento alla rete elettrica.
TRASFORMATORE TA14/3
z Ingresso rete (Primario): 230 V~ (Rosso)
z Uscita (Secondario) : 30 V~ / 1,3A (Blu)
z Frequenza 50/60Hz
z Potenza 40VA
z Fusibile su primario T 200mA

Centrale TP16-256 2A-9


LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
AC
Tensione di Alimentazione AC Ingresso Ingresso AC 30V
AC
14V + Tensione di ricarica batteria Uscita 14,4V DC - Per sirena autoalimentata
14V - GND (Massa) - GND (Massa)
SRA+ Sirena Autoalimentata Interna Uscita Riposo : 13,8V DC Allarme: Alta Impedenza
SR+ Sirena Interna Uscita Riposo : Alta Impedenza Allarme: 13,8V DC
SR- GND (Massa) - GND (Massa)
OUT1- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
OUT2- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
SENSORS BUS - 4 Linee seriali RS485 dedicata ai Sensori su Bus
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
SY Segnale Sincronismo Uscita Segnale sincronismo per allineamento barriere
SIREN BUS - Linea seriale RS485 dedicata per Sirene su BUS
+ Alimentazione Uscita 14,4V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
SERIAL BUS - Linea seriale RS485 - Per tutti i dispositivi su Bus
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita

NOTE
» Per le uscite logiche OUT1 e OUT2 , i valori indicati con * corrispondono allo
stato di funzionamento normale. E' possibile invertirne lo stato.
» Non collegare due moduli di espansione con lo stesso indirizzo.
» Le morsettiere BUS SENSORI sono intercambiabili.
E' possibile collegare fino a 2 dispositivi su ognuno dei bus.
» Il morsetto SY deve essere collegato solo con le barriere MINIEXPLORER
DOPPLER BUS per la sincronizzazione.
» Quando si utilizza un sensore di tipo MINIEXPLORER DOPPLER BUS,
composto da due parti separate, per il collegamento devono sempre essere
utilizzati due ingressi adiacenti partendo sempre da una posizione dispari
(per es. ingressi Z1 e Z2 oppure Z5 e Z6 ma non è possibile utilizzare i due
ingressi Z2 e Z3).

2A-10 Centrale TP16-256


2A.6 ESPANSIONE 8 INGRESSI (SPEED 8 PLUS)
Connessione dispositivi su BUS
L'espansione é costituita da:
z 1 Scheda 8 ingressi SPEED 8 PLUS con 4 memorie Eeprom per la
registrazione degli eventi di allarme
z 1 contenitore in materiale plastico C90 o C100P (opzionale)

La scheda fornisce due linee seriali BUS SENSORI (su due connettori) per il collegamento di
un massimo di 8 sensori di tipo BUS (Es. Explorer Bus e Miniexplorer Doppler Bus, Dual Mask
Bus 05...etc ...).

NOTE
» Non collegare due moduli di espansione con lo stesso indirizzo.
» Le due morsettiere BUS SENSORI sono intercambiabili.
E' possibile collegare fino a 4 dispositivi su ognuno dei bus.
» Il morsetto SY deve essere collegato solo con le barriere MINIEXPLORER
DOPPLER BUS per la sincronizzazione.
» Quando si utilizza un sensore di tipo MINIEXPLORER DOPPLER BUS,
composto da due parti separate, per il collegamento devono sempre essere
utilizzati due ingressi adiacenti partendo sempre da una posizione dispari
(per es. ingressi Z1 e Z2 oppure Z5 e Z6 ma non è possibile utilizzare i due
ingressi Z2 e Z3).

Centrale TP16-256 2A-11


LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Linea seriale RS485
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
Uscite
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
OUT1- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
OUT2- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
2 x Bus Sensori
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Bus sensori BUS SENSORI
B Uscita
SY Sincronizzazione Uscita Uscita Sincronizzazione per Miniexplorer BUS
NOTE (*) = Impostazione di fabbrica
2A.7 ESPANSIONE 4 INGRESSI TRADIZIONALI E
4 INGRESSI SU BUS (SPEED 4 PLUS)
Connessione dispositivi su BUS
L'espansione é costituita da:
z 1 Scheda 4+4 ingressi SPEED 4 PLUS con 2 memorie Eeprom per
la registrazione degli eventi di allarme
z 1 contenitore in materiale plastico C90 o C100P (opzionale)

2A-12 Centrale TP16-256


La scheda fornisce un BUS SENSORI per il collegamento di un massimo di 4 sensori di tipo
BUS (Es. Explorer Bus e Miniexplorer Doppler Bus, Dual Mask Bus 05...etc ...) e 4 ingressi per
la connessione di sensori tradizionali a filo completamente programmabili (NA, NC, BIL, B24,
ZBUS).
Le zone a filo sono in grado di gestire sensori RDV, e barriere seriali (ZBUS).
NOTE
» Non collegare due moduli di espansione con lo stesso indirizzo.
E' possibile collegare fino a 4 dispositivi sul bus sensori.
» Il morsetto SY deve essere collegato solo con le barriere MINIEXPLORER
DOPPLER BUSper la sincronizzazione.
» Quando si utilizza un sensore di tipo MINIEXPLORER DOPPLER BUS,
composto da due parti separate, per il collegamento devono sempre essere
utilizzati due ingressi adiacenti partendo sempre da una posizione dispari
(per es. ingressi Z1 e Z2 oppure Z5 e Z6 ma non è possibile utilizzare i due
ingressi Z2 e Z3).

LA MORSETTIERA
Morsetto Descrizione Tipo Stato dell'Ingresso/Uscita
Ingressi per sensori a filo
Z1 Zona 1 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z2 Zona 2 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Z3 Zona 3 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
COM Comune ingressi Uscita 13,8V DC
Z4 Zona 4 Cablata Ingresso NC / NA / BIL / B24 / Zona Bus
+ Tensione positiva sensori Uscita 13,8V DC
- GND (Alimentazione sensori) Uscita GND (Massa)
Uscita
OUT1- Uscita logica programmabile Uscita Riposo : Alta Impedenza (*) Allarme: Presenza Negativo (*)
+ Tensione positiva Uscita 13,8V DC
Linea seriale RS485
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Linea seriale RS485 Linea seriale RS485
B Uscita
Bus Sensori
+ Alimentazione Uscita 13,8V DC
- Linea Seriale RS485 Uscita GND (Massa)
A Ingresso
Bus sensori BUS SENSORI
B Uscita
SY Sincronizzazione Uscita Uscita Sincronizzazione per Miniexplorer Doppler BUS
NOTE (*) = Impostazione di fabbrica

Centrale TP16-256 2A-13


2A.8 NOTE VALIDE PER TUTTE LE ESPANSIONI INGRESSI
Terminazione linea seriale
Il ponticello di terminazione della linea seriale RS485 deve essere inserito solo
sull'ultimo dispositivo collegato sulla linea seriale.
Dip-Switch SW1
I dip-switch (SW1) sono utilizzati per l'indirizzamento della scheda.
Non possono essere collegati due dispositivi con lo stesso indirizzo.
Montaggio interruttori autoprotezione
Le schede di espansione ingressi devono essere sempre montate negli appositi
contenitori. Gli interruttori di autoprotezione devono sempre essere collegati.
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permessa
l'esclusione dei tamper dei moduli di espansione.
Settando il dip-switch 8 in posizione ON viene provocata l'esclusione dei tamper.
Ciò invalida l'omologazione della centrale.

2A.9 PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1

2A.10 TIPI DI INGRESSO


Gli ingressi zona di tutti i moduli di espansione possono funzionare in modo NC (normalmente
chiuso), NA (normalmente aperto), BIL (Bilanciato) o 2BIL (Doppio bilanciamento) (vedere
descrizione pag. 2-9). Tutti i moduli ad esclusione di SPEED8 STD possono funzionare anche
in modo ZBUS per controllare le barriere seriali Winbeam/S e Doorbeam/S.

2A.11 I CONTENITORI C90 E C100P


(da ordinare separatamente)
C90
Dimensione in mm: 164 x 108 x 33(Larg. x Alt.x Prof.)
Autoprotezione: 1 micro per antistrappo
1 micro per antiapertura

C100P
Dimensione in mm: 260 x 160 x 60
(Larg. x Alt.x Prof.)
Autoprotezione: 1 micro per antistrappo/antiapertura
Design

2A-14 Centrale TP16-256


2B. LE CONSOLE DI COMANDO E PROGRAMMAZIONE
La centrale permette il collegamento di un massimo di 16 console LCD300/S
2B.1 LE CONSOLE LCD300/S
Le console sono costituite da:
z una tastiera in gomma a 16 tasti
z 36 led di segnalazione
z display a LCD retroilluminato che visualizza 2 righe con 16 caratteri alfanumerici ciascuna.
z altoparlante per ascolto delle segnalazioni e dei messaggi vocali
La console deve essere collegata sulla linea RS485 e configurata attraverso i dip-switch SW1.
1 TASTIERA di com ando
LED ALLARME PROGRAMMI
2 LED SPENTO : Nessun allarme
LED LAMPEGGIANTE : Programma in allarme
LED ACCESO : Memoria di allarme programma
3 SPORTELLO richiudibile per la protezione della tas tiera
LED INSERIMENTO PROGRAMMI
LED SPENTO : Programma a riposo
4 LED LAMPEG. VELOCE : Programma in preinserimento
LED LAMPEG. LENTO : Programma parzializzato
LED ACCESO : Programma inserito
LED ANOMALIA GENERALE
LED SPENTO : Nessun allarme
5
LED LAMPEGGIANTE : Allarme in corso
LED ACCESO : Memoria di allarme
6 LED MODO COMANDI
LED SPENTO : Console a riposo - Nessun tasto premuto
LED ACCESO : Digitati comandi sulla console
7 PULSANTE APERTURA SPORTELLO
LED ALLARME MANOMISSIONE
LED SPENTO : Nessun allarme
8
LED LAMPEGGIANTE : Allarme in corso
LED ACCESO : Memoria di allarme
9 DISPLAY Indica data/ora o param etro in program m azione
LED ALLARME BATTERIA (Tensione insufficiente)
10 LED SPENTO : Nessun allarme
LED LAMPEGGIANTE : Tensione batteria insufficiente
LED ACCESO : Memoria di allarme
LED ALLARME RETE 230V (Mancanza Tensione)
11 LED SPENTO : Nessun allarme
LED LAMPEGGIANTE : Tensione rete (230V AC) assente
LED ACCESO : Memoria di allarme
LED PRESENZA RETE 230V
12 LED SPENTO : Tensione di rete (230V AC) assente
LED ACCESO : Tensione di rete (230V AC) presente
13 VITI CHIUSURA CONSOLE
14 COPERCHIETTO IN PLASTICA
DIAGNOSTICA DELLA CONSOLE
In caso di malfunzionamento della linea seriale, guasto della console, o in stati operativi
particolari, sul display possono comparire i seguenti messaggi:
z Console guasta o linea seriale non collegata
Tutti i led lampeggiano e viene visualizzato il messaggio: LINEA ASSENTE
z Console in attesa
In caso di accesso alla centrale con una console, tutte le altre console connesse sono
disabilitate per 10 secondi e viene visualizzato il messaggio: !! STAND BY !!
z Linea seriale disturbata
In caso di linea seriale disturbata o mal collegata viene visualizzato il messaggio:
LINEA DISTURBATA
Centrale TP16-256 2B-1
I messaggi sono ripetuti sul display ogni circa 10 secondi. Sono visualizzati alternativamente
nelle seguenti lingue : Italiano, Francese, Inglese, Spagnolo, Tedesco

L'ELETTRONICA

NOTE
Terminazione linea seriale
Il ponticello W7 è la terminazione della linea seriale RS485. Deve essere inserito
solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale. Quando sulla linea seriale è collegata
solo una console (e nessun altro dispositivo) il ponticello W7 deve essere inserito.
Dip-Switch SW1
I dip-switch (SW1) sono utilizzati per l'indirizzamento della scheda.
Non possono essere collegati due dispositivi con lo stesso indirizzo.
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permessa
l'esclusione dei tamper delle console.
Settando il dip-switch 8 in posizione ON viene provocata l'esclusione dei tamper.
Ciò invalida l'omologazione della centrale.

PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1

2B-2 Centrale TP16-256


INSTALLAZIONE CONSOLE E
MONTAGGIO AUTOPROTEZIONE
Fissare la console al muro sfruttando i fori posti
sul fondello della stessa.
Il contatto di tamper (funziona sia da protezione
antistrappo che da protezione antiapertura) è
collocato sul retro della scheda della console.
Utilizzando la vite in dotazione fissare il
rettangolo di plastica (fig. a lato) alla parete
senza staccarlo dal fondo del contenitore.
Inserire la scheda nel contenitore in ABS
facendo coincidere il tamper con il rettangolo in
plastica sul fondello.
ATTENZIONE
Non rimuovere il rettangolo
di plastica dal fondo del
contenitore.

INSERIMENTO ETICHETTA PER IDENTIFICAZIONE PROGRAMMI


L'etichetta trasparente per l'identificazione dei
programmi deve essere inserita nell'apposita
fessura presente nella parte inferiore della
console vicino allo sportello di chiusura.
ATTENZIONE
Scrivere la descrizione dei
programmi negli appositi
spazi, prima di inserire
l'etichetta nella fessura.

Centrale TP16-256 2B-3


TP16-256
LE CONSOLE DI COMANDO
E PROGRAMMAZIONE

2B-4 Centrale TP16-256


2C. LE TASTIERE DI COMANDO E I PUNTI CHIAVE
La centrale permette il collegamento di un massimo di 16 moduli di controllo.
I moduli di controllo disponibili sono i seguenti:
z Tastiere digitali TP-SDN
z Punti chiave TP-SK6N
z Modulo attivatore TP-SKN
2C.1 LA TASTIERA SERIALE DIGITALE TP SDN
La tastiera seriale digitale "TP SDN" è costituita da una tastiera metallica con la scheda di
controllo vincolata sul retro. Deve essere collegata sulla linea seriale RS485.
VISTA FRONTALE

ATTENZIONE
Con le TP SDN è possibile inserire/disinserire e visualizzare solo lo stato di
4 programmi della centrale.

L'ELETTRONICA

Centrale TP16-256 2C-1


PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW2

ATTENZIONE
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permessa
l'esclusione dei tamper dei punti chiave.
Settando il dip-switch 8 in posizione ON viene provocata l'esclusione dei tamper.
Ciò invalida l'omologazione della centrale.

2C-2 Centrale TP16-256


2C.2 MODULO PER CHIAVI ELETTRONICHE - TP SK6N
Il punto chiave "TP SK6N" permette l'uso di chiavi MPKEY. E' composto da un attivatore per
chiavi e da una tastiera a 9 tasti. La centrale permette il controllo di un massimo di 64 chiavi.
VISTA FRONTALE

ANOMALIE GENERALI DI SISTEMA


z Batteria bassa
La tensione ai capi di una delle batterie dell'impianto è a un valore anomalo
(meno di 11V) oppure la batteria di uno dei dispositivi radio è scarica
z Mancanza rete
Manca la tensione di rete su uno dei moduli alimentati dell'impianto
z Autoprotezione
Apertura di un ingresso (tamper di zona) oppure di uno degli interruttori di
autoprotezione
z Guasto generico
Uno dei moduli sulla linea seriale non risponde, non è collegato, non è
funzionante, o genera un numero troppo elevato di errori di comunicazione.
ATTENZIONE
Con le console TP SK6N è possibile inserire/disinserire e visualizzare solo lo
stato di 6 programmi della centrale.
Funzioni dei tasti
z Tasti da 1 a 6 permettono l'inserimento/disinserimento di 6 programmi della centrale.
z Tasti F1 e F3 premuti contemporaneamente generano l'allarme Panico/Rapina
z Tasto F1 durante il preinserimento permette di escludere le zone istantanee
aperte dei programmi selezionati
z Tasto F3 annullamento inserimento (durante il tempo di esclusione)

Centrale TP16-256 2C-3


L'ELETTRONICA
Il punto chiave è protetto attraverso un interruttore (Tamper) che genera allarme in caso di
distacco dal muro o di apertura del contenitore da parte di personale non autorizzato.

PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1

2C-4 Centrale TP16-256


2C.3 MODULO PER CHIAVI ELETTRONICHE TP SKN
Il punto chiave TP SKN permette il collegamento di un attivatore per chiavi MPKEY
(microprocessore). Deve essere connesso alla CPU per mezzo della linea seriale RS485.
L'ELETTRONICA

CONNESSIONE DELL'ATTIVATORE
La morsettiera a 4 morsetti permette il
collegamento della scheda alla linea
seriale RS485.
La morsettiera a 6 morsetti permette è
per il collegamento verso gli attivatori.
Il collegamento deve essere eseguito con
un cavo a 6 fili di cui 2 fili sono utilizzati
per lo scambio informazioni mentre i
rimanenti 4 fili sono per le segnalazioni
(LED) sull'attivatore.
E' possibile collegare un numero inferiore
di fili in caso di sottoutilizzo della centrale.
ATTENZIONE
z Ad ogni scheda TP SKN è possibile collegare un massimo di 4 attivatori.
z Con il punto chiave TP SKN è possibile inserire/disinserire e visualizzare solo
lo stato di 3 programmi della centrale.

SIGNIFICATO DEI LED SULL'ATTIVATORE


Quando è rispettato il collegamento mostrato nella figura precedente, i led sull'attivatore
assumono il seguente significato:

Centrale TP16-256 2C-5


NOTA
Quando tutti i led sono lampeggianti significa "Linea seriale mancante"
oppure Linea seriale non collegata correttamente.

AUTOPROTEZIONE DEGLI ATTIVATORI


Per la protezione dei dispositivi ottici (LED) sul frontale dell'attivatore, occorre utilizzare
l'apposito contenitore (opzionale) munito di protezione contro l'apertura.

Figura 24
La scheda TP5KEY

PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1

2C.4 NOTE VALIDE PER I PUNTI CHIAVE


ATTENZIONE
z Le tastiere seriali TP SDN devono essere sempre montate nel contenitore in
materiale termoplastico (DIGIT BOX).
L'interruttore di autoprotezione antiapertura deve sempre essere collegato.
z Il ponticello di terminazione della linea seriale RS485 deve essere inserito
solo sull'ultimo dispositivo collegato sulla linea seriale.
z I dip-switch (SW1) sono utilizzati per l'indirizzamento della scheda.
Non possono essere collegati due dispositivi con lo stesso indirizzo.
ATTENZIONE
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permessa
l'esclusione dei tamper dei punti chiave.
Settando il dip-switch 8 in posizione ON viene provocata l'esclusione dei tamper.
Ciò invalida l'omologazione della centrale.

2C-6 Centrale TP16-256


2D. LE SCHEDE DI ESPANSIONE USCITE
La centrale permette il collegamento di un massimo di 32 moduli di espansione uscite
I moduli disponibili sono i seguenti:
z Moduli di espansione 32 uscite logiche - ESP32-OCN
z Sinottici 32 segnalazioni - SINOTTICO 32N
2D.1 ESPANSIONE 32 USCITE LOGICHE - ESP32-OCN
Le schede "ESP32-OCN" permettono di espandere le uscite della centrale con informazioni
supplementari sullo stato della centrale. Le schede devono essere collegate sulla linea seriale
RS485 e configurate attraverso i dip-switch SW1.

MONTAGGIO SCHEDA IN CONTENITORE AUTOPROTETTO


Le schede ESP32-OCN devono essere montate all'interno di un apposito contenitore metallico
autoprotetto.
Gli interruttori antidistacco e antiapertura devono essere sempre collegati.

Centrale TP16-256 2D-1


2D.2 SINOTTICI 32 SEGNALAZIONI - SINOTTICO 32N
I Sinottici 32N mettono a disposizione 32 led per la visualizzazione
degli stati della centrale. Devono essere collegati sulla linea seriale
RS485 e configurate con i dip-switch SW1.

2D.3 NOTE VALIDE PER LE ESPANSIONI USCITE - SINOTTICI


z Il ponticello di terminazione della linea seriale RS485 deve essere inserito
solo sull'ultimo dispositivo collegato sulla linea seriale.
z I dip-switch (SW1) sono utilizzati per l'indirizzamento della scheda.

PROGRAMMAZIONE DEL DIP-SWITCH SW1

2D.4 CORRISPONDENZA INDIRIZZO - SIGNIFICATO DELLE USCITE


A seconda dell'indirizzo le espansioni e i sinottici 32 forniscono le seguenti segnalazioni:
INDIRIZZO 1 - STATO DEI PROGRAMMI

z Led lampeggiante lentamente : Programma parzializzato


z Led lampeggiante velocemente : Programma in tempo di uscita
z Led acceso fisso : Programma inserito
z Led spento : Programma disinserito

2D-2 Centrale TP16-256


INDIRIZZO 2 - ALLARME PROGRAMMI

z Led lampeggiante lentamente : Programma in allarme


z Led lampeggiante velocemente : Programma in preallarme
z Led acceso fisso : Programma in memoria di allarme
z Led spento : Programma a riposo
INDIRIZZO 3 - STATO STAND-BY DEI PROGRAMMI

z Led acceso fisso : Programma in Stand-By (disinserito)


z Led spento : Programma inserito
INDIRIZZO 4 - STATO DEI TELECOMANDI

z Led acceso fisso : Telecomando attivato


z Led spento : Telecomando non attivato

Centrale TP16-256 2D-3


INDIRIZZO 5 - ALLARMI E STATI GENERALI

STATO DELLE USCITE


z Led acceso fisso : Allarme o stato attivo
z Led spento : Allarme o stato non attivo

2D-4 Centrale TP16-256


INDIRIZZI 6 .... 13 - SEGNALAZIONE ALLARME ZONA O ALLARME TAMPER

Centrale TP16-256 2D-5


z Led acceso : Allarme zona in corso
z Led spento : Nessun allarme zona
INDIRIZZO 14 - STATO SIRENE INTERNE
z Led acceso : Sirena attivata
z Led spento : Sirena a riposo

2D-6 Centrale TP16-256


INDIRIZZO 15 - STATO SIRENE ESTERNE

z Led acceso : Sirena attivata


z Led spento : Sirena a riposo

INDIRIZZO 16 - RISERVATO PER UTILIZZI FUTURI

ATTEZIONE
Le uscite dei sinottici e delle espansioni uscite logiche con Indirizzo 16 possono
essere utilizzati dalla programmazione avanzata .
Se ne sconsiglia comunque l'utilizzo perchè potranno essere utilizzate per
sviluppi futuri della centrale TP16-256 .
Per la programmazione avanzata sono disponibili comunque i dispositivi con
indirizzi da 17 a 32.

Centrale TP16-256 2D-7


INDIRIZZI 17..32 - DEDICATI ALLA PROGRAMMAZIONE AVANZATA

2D.5 CLONAZIONE INDIRIZZO


Inserendo il ponticello W1 vengono creati moduli di espansione uscita con indirizzamento
clonato. In questa modalità il modulo accetta i comandi per le uscite corrispondenti al proprio
indirizzo ma non risponde mai alla centrale.
E' possibile creare duplicati di un indirizzo per gestire le stesse uscite in punti diversi
dell'impianto.
ATTENZIONE
Utilizzando la modalità clonata non è possibile riconoscere gli allarmi di autoprotezione (tamper
scheda e perdita collegamento con la centrale). Bisogna inoltre ricordare che la centrale non
vede mai sul bus il modulo clonato, per cui é possibile aggiungere moduli clonati solamente
quando all’indirizzo interessato è già installato un modulo funzionante in modalità normale (non
clonata).

2D-8 Centrale TP16-256


2E. MODULI VARI
2E.1 PROG-32 - INTERFACCIA RS232 + PROGRAMMATORE DI FLASH
I moduli PROG32 permettono la connessione della centrale alla linea seriale di un personal
computer per la programmazione dell'impianto.
Permettono inoltre la programmazione della memoria Flash delle centrali (aggiornamento della
versione Firmware) e la programmazione del vocabolario dei messaggi vocali.

IL COLLEGAMENTO
Il collegamento con la centrale avviene attraverso un cavo telefonico a 10 vie mentre verso la
centrale viene utilizzato un cavo seriale standard diritto 9 vie a vaschetta.

ATTENZIONE
Collegare sempre l'interfaccia RS232 prima dal lato della centrale quindi dal lato
del Personal Computer.

Centrale TP16-256 2E-1


LA SEZIONE INTERFACCIA RS232
z Led Verde (Power) acceso : segnala la connessione dell'interfaccia alla centrale.
z Led Rosso (Low Voltage) controlla la tensione di alimentazione della centrale.
» Led acceso significa tensione di alimentazione inferiore a 12V
La funzione di programmazione delle Flash è disabilitata.
» Led spento significa tensione di alimentazione normale (maggiore di 12V)
LA SEZIONE PROGRAMMATORE DI FLASH
Da utilizzarsi per l'aggiornamento Firmware della centrale.
Per eseguire la funzione di programmazione delle Flash della centrale seguire le istruzioni
fornite dal software di programmazione su Personal Computer
(Software di Programmazione Locale/Remota Tecnoalarm).
Il pulsante S1 (START/STOP) permette l'avvio e la terminazione della procedura di
programmazione delle Flash.
z Led Giallo (Prog.)
» Led spento : segnala che la centrale è in normale condizione di funzionamento.
» Led acceso : segnala che la centrale è in fase di programmazione
(centrale non attiva - Aggiornamento firmware).

2E-2 Centrale TP16-256


2E.2 PROG-USB - INTERFACCIA MULTIFUNZIONE
L'interfaccia PROG USB permette:
z l'utilizzo di un personal computer con interfaccia USB per la
programmazione o il controllo di un impianto realizzato con tutti i
principali modelli di centrali Tecnoalarm
z la programmazione della memoria Flash delle centrali
(aggiornamento della versione Firmware)
z la programmazione del vocabolario dei messaggi vocali.

LA SCHEDA

z Led Verde (STATO USB) acceso : il bus USB è abilitato


z Led Rosso (LOW VOLTAGE) - Stato dell'interfaccia tipo PROG 32 :
controllo tensione di alimentazione della centrale collegata su PROG32.
» Led acceso: tensione di alimentazione inferiore a 12V oppure PROG32 non collegato
La funzione di programmazione delle Flash è disabilitata.
» Led spento: tensione di alimentazione normale (maggiore di 12V)
z Ponticelli JP1 e JP2 - Selezione del modo di interfacciamento
Il tipo di interfacciamento viene scelto in automatico dal software "Centro di Teleassistenza"
Tecnoalarm" da Vers. 2.10 in poi). Quando si utilizza un software di versione precedente o
una connessione manuale si può selezionare il modo di interfacciamento utlizzando i ponticelli
JP1 e JP2. Le modalità di interfacciamento selezionabili sono le seguenti:

Centrale TP16-256 2E-3


ATTENZIONE
I comandi inviati dal software del "Centro di Teleassistenza Tecnoalarm" sono
prioritari rispetto all'impostazione manuale dei ponticelli JP1 e JP2.
Il PROG USB una volta selezionato il modo di interfacciamento esclude le altre
modalità di uscita.
I COLLEGAMENTI
z Per il collegamento con il Personal Computer deve essere usato un cavo USB standard.
z Per il collegamento con la centrale TP16-256 deve essere usato un cavo telefonico a 10 vie

LA SEZIONE PROGRAMMATORE DI FLASH (solo per uscita PROG32)


Per l'aggiornamento Firmware delle centrali TP16-256
Per eseguire la programmazione delle Flash della centrale occorre seguire le istruzioni fornite
dal software di programmazione su Personal Computer.
Il pulsante S1 (START/STOP) permette l'avvio e la terminazione della procedura di
programmazione delle Flash.
z Led Giallo (PROG)
» Led spento : la centrale è in normale condizione di funzionamento.
» Led acceso : la centrale è in fase di aggiornamento firmware
Ogni volta che é premuto il tasto S1 viene inviato un reset alla centrale. Se il tasto S1 viene
premuto inavvertitamente, per tornare nelle condizioni normali di funzionamento senza perdere
la progammazione firmware della centrale, premere per la seconda volta il tasto S1.
Il led di programmazione si spegne, la centrale riceve un reset e riparte.

2E-4 Centrale TP16-256


2E.3 ESPANSIONE LINEA SERIALE
L'espansione è costituita da:
z 1 scheda Ripetitore linea seriale RS485 (SPEED RS485)
z 1 Contenitore metallico (TKBOX/A).
Dimensione in mm: 345 x 295 x 90 (Larghezza x Altezza x Profondità)

ATTENZIONE
La scheda Ripetitore RS485 (SPEED RS485) deve essere montata
nell'apposito contenitore (TKBOX/A) utilizzando i distanziali in plastica fornitI.

ESPANSIONE LINEA SERIALE RS485 (SPEED RS485)


La scheda SPEED RS485 è un ripetitore di linea seriale RS485. La linea RS485 può
normalmente estendersi per un massimo di 1Km senza un significativo degrado del segnale.

Centrale TP16-256 2E-5


Per aumentare la sua lunghezza (di un altro km), o per collegare dispositivi in configurazione
diversa da quella standard (a cascata), è obbligatorio l'uso di una scheda ripetitore.
La scheda SPEED RS485 permette l'estensione della linea seriale RS485 o il collegamento
in configurazione "a stella" di dispositivi sulla linea stessa.
La scheda contiene:
z morsettiera (IN RS485) per l'ingresso e (OUT RS485) per l'uscita della linea seriale RS485

ATTENZIONE
z E' obbligatorio rispettare il senso di collegamento della linea seriale.
Non invertire MAI l'ingresso con l'uscita.
z Il ponticello P1 (terminazione linea seriale) deve essere posto sul modulo
più lontano sulla linea seriale o sul modulo SPEED RS485.
Se sono presenti più moduli SPEED RS485 deve sempre essere posto sul
più lontano dalla centrale.
z I ponticelli da W1 a W4 e W6 sono di uso esclusivo TECNOALARM
Tutti i ponticelli devono essere disinseriti. Un uso improprio di tali
ponticelli può causare il malfunzionamento della linea seriale RS485
ATTENZIONE
Per il funzionamento con la centrale TP16-256 il ponticello W5 (impostazione
bus veloce - 38.400 Baud) deve essere sempre inserito.

z Led verde DL1 - Alimentazione Linea RS485


z Led rosso DL2 - Alimentazione Linea RS485 OUT che segnala:
» Acceso= Fusibile F12 bruciato (mancanza alimentazione su RS485 OUT).
» Spento= Alimentazione OK
z Led giallo DL3 - Comunicazione su linea seriale
» Lampeggiante =Comunicazione in corso (OK)
» Spento=Nessuna comunicazione (controllare il collegamento dei fili A e B)
z Fusibile da 1A (F1) per la protezione dell'alimentazione (morsetti + -) sulla linea seriale
RS485 OUT

2E-6 Centrale TP16-256


2F. TRASMETTITORE CELLULARE GSM
2F.1 TECNOCELL-PRO PL
Il TECNOCELL-PRO PLè un trasmettitore
telefonico cellulare GSM che consente l'invio di
allarmi e segnalazioni per mezzo della rete
cellulare.
Mette a disposizione 4 messaggi vocali di allarme
e permette l'invio di SMS.
Permette inoltre di inviare allarmi in forma digitale
verso i Centri di Teleassistenza TECNOALARM in
caso di mancanza di guasto della linea telefonica
cablata.
La scheda del TECNOCELL-PRO PL, alloggiata in
contenitore plastico, deve essere collegata alla
linea seriale RS485 della centrale di allarme.
Il TECNOCELL-PRO utilizza un moduulo dati
cellulare GSM.

LA SCHEDA DEL TECNOCELL-PRO

ATTENZIONE
Per utilizzare il Tecnocell-PRO PL con la centrale TP16-256 occorre impostare
la velocità di comunicazione del Bus RS485 a 38.400 bps inserendo il ponticello
H.SPEED (ponticello JP12 sulla scheda CPU del Tecnocell-Pro)

Centrale TP16-256 2F-1


ATTENZIONE
Il ponticello JP1 è per la terminazione della linea seriale RS485 (deve essere
inserito solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale).
Può essere collegato un solo Tecnocell-PRO a una centrale TP16-256
La funzionalità del TECNOCELL-PRO non viene presa in considerazione dalle
normative CEI 79/2 alle quali la centrale TP16-256 fa riferimento.

TP16-256
TRASMETTITORI CELLULARI GSM

2F-2 Centrale TP16-256


2G. I DISPOSITIVI RADIO - WIRELESS (OPZIONALI)
GESTIONE DEI DISPOSITIVI RADIO
La centrale TP16-256 può gestire 2 moduli di espansione radio (per un totale di 32 ingressi
radio) selezionabili tra:
z Ricetrasmettitore radio su Bus RTX200 (ricetrasmettitore bidirezionale 433MHz e 868MHz)
Collegato sulla linea seriale RS485 della centrale
Il ricetrasmettitore radio deve essere utilizzato quando nell'impianto devono essere
controllate delle sirene radio (SAEL 2000 WL) oppure delle console radio (LCD 300 WL)
z Ricevitore radio su Bus RX300 (ricevitore 433MHz e 868MHz)
Collegato sulla linea seriale RS485 della centrale
2G.1 IL RICETRASMETTITORE RADIO RTX200
L'RTX200 è un ricetrasmettore "Wireless" (collegamento
senza fili con trasmissione via radio) collegabile su Bus RS485
ad alta velocità (38.400 Baud).
L'RTX200 è un ricetrasmettitore radio a doppia frequenza
munito di due antenne:
» La prima per lavorare alla frequenza di 868MHz (TX e RX)
» La seconda per lavorare alla frequenza di 433MHz (RX)

SEZIONE RICEVITORE RADIO 433 MHZ


La sezione ricevitore radio a 433MHz è abilitabile tramite il ponticello W1 (RX433)
» Ponticello inserito = Sezione radio 433MHz abilitata
» Ponticello disinserito = Sezione radio 433MHz disabilitata
SEZIONE RICEVITORE RADIO 868 MHZ
La sezione ricevitore radio a 868MHz è abilitabile tramite il ponticello W2 (RX868)
» Ponticello inserito = Sezione radio 868MHz abilitata
» Ponticello disinserito = Sezione radio 868MHz disabilitata

Centrale TP16-256 2G-1


LA SCHEDA RTX200

FUNZIONE DEI LED


» LED DL1 (GIALLO) - TX Lampeggiante indica una trasmissione in corso
» LED DL2 (GIALLO) - LINE Lampeggiante indica comunicazione OK su bus RS485
» LED DL3 (ROSSO) -MASK Acceso indica mascheramento radio in corso
» LED DL4 (VERDE) - RX Lampeggiante indica una ricezione in corso
» LED DL5 (VERDE) - POWER Acceso indica che la scheda è alimentata
IL DIP-SWITCH SW1

ATTENZIONE
Il ponticello W5 è per la terminazione della linea seriale RS485 (deve essere
inserito solo sull'ultimo dispositivo sulla linea seriale).
Possono essere collegati un massimo di 2 ricetrasemettitori radio RTX200
ad una centrale TP16-256.

2G-2 Centrale TP16-256


2G.2 RICEVITORE RADIO RX300
L'RX300 è un ricevitore "Wireless" a (collegamento senza fili
con trasmissione via radio) a doppia frequenza collegabile su
Bus RS485.
E' munito di due antenne:
» La prima per lavorare alla frequenza di 868MHz
» La seconda per lavorare alla frequenza di 433MHz

AUTOPROTEZIONE
Il contatto di autoprotezione del contenitore deve essere connesso sul connettore JP1
» JP1 chiuso = Nessun allarme
» JP1 aperto = Allarme Tamper

IL DIP-SWITCH SW1

Centrale TP16-256 2G-3


LA SCHEDA RX300

FUNZIONE DEI LED


LED DL1 (GIALLO) - LINE
Lampeggiante indica
comunicazione OK su bus RS485
LED DL2 (ROSSO) - MASK
Acceso indica mascheramento
radio in corso
LED DL3 (VERDE) - RX
Lampeggiante indica una ricezione
in corso
LED DL4 (VERDE) - POWER
Acceso indica che la scheda è
alimentata

2G-4 Centrale TP16-256


2G.3 I RADIOCOMANDI TX240-3 (opzionali)
Il TX240-3 è un radiocomando a 3 tasti con trasmissione a
codice variabile in modo da garantire un elevato grado di
sicurezza.
La frequenza di trasmissione è 868MHZ.
Ogni trasmissione (anche dello stesso tasto) viene eseguita con
un codice diverso dal precedente in modo da rendere
impossibile la sua intercettazione. Ogni radiocomando è inoltre
unico e non può in nessun modo essere duplicato o clonato.
Durante la trasmissione oltre al suo numero di serie trasmette
anche una chiave di criptazione unica che la centrale registra
all’atto dell’apprendimento.
POSIZIONE DEI TASTI
I tre tasti sono identificati con la numerazione da 1 a 3 come
indicato in figura a lato.
TRASMISSIONE
Alla pressione di un tasto viene avviata la trasmissione.
Se il tasto viene mantenuto premuto, dopo circa 1,5 secondi la
trasmissione viene automaticamente interrotta.
FUNZIONALITA DEI TASTI
Ogni tasto del radiocomando può essere programmato individualmente ad eseguire un’azione
definita. Le azioni associabili ad ogni pulsante sono:
z Nessuna azione
z Disinserimento di tutti i programmi associati
z Inserimento programma specifico (da1..32)
z Disinserimento programma specifico (da1..32)
z Toggle (inversione stato da attivo a non attivo oppure da non attivo ad attivo)
di un Telecomando specifico (da 1 a 16)
z Attivazione di un Telecomando specifico (da 1 a 16)
z Disattivazione di un Telecomando specifico (da 1 a 16)
Se opportunamente programmato il radiocomando può essere utilizzato anche con la funzione
di parzializzazione (vedere paragrafo 5.14)
La predisposizione di fabbrica prevede:
z Tasto 1 Disinserimento di tutti i programmi (Programma 1 e Programma 2)
z Tasto 2 Inserimento programma 1
z Tasto 3 Inserimento programma 2
FUNZIONE AGGRESSIONE
La pressione contemporanea dei Tasti 2 e 3 su un radiocomando abilitato genera un allarme di
rapina e attiva la relativa uscita.
APPRENDIMENTO DEL RADIOCOMANDO
Per eseguire l’apprendimento del radiocomando occorre tenere premuto il tasto 1 per almeno
10 secondi (vedere paragrafo 5.14)
RISINCRONISMO DEL CODICE
Quando la centrale non riconosce più il radiocomando è possibile eseguire una procedura di
risincronismo dello stesso. Per eseguire il risincronismo occorre andare nelle vicinanze del
ricevitore radio e tenere premuto il tasto 1 per almeno 10 secondi.
INDICAZIONE DI BATTERIA SCARICA
In condizioni di normale funzionamento il led del radiocomando rimane acceso per tutta la
durata della trasmissione.
In condizioni di batteria scarica il led si accende solo per 100millisecondi per segnalare la
necessità di sostituzione.
La trasmissione in condizioni di batteria scarica verrà completata normalmente.

Centrale TP16-256 2G-5


CAMBIO BATTERIA
z Svitare la vite sul retro del radiocomando
z Separare delicatamente i due gusci in plastica
z Togliere la batteria scarica dal portabatteria
z Premere un pulsante per almeno 5 secondi
z Inserire la batteria nuova
z Unire i due gusci in plastica
z Avvitare nuovamente la vite sul retro del radiocomando
ATTENZIONE
Ad ogni cambio della batteria è consigliato eseguire la procedura di risincronismo
del codice.
Non invertite MAI la polarità della batteria.
L’inversione della batteria provoca gravi danni al radiocomando.
MODELLO BATTERIA
La batteria utilizzata ha le seguenti caratteristiche:
z Modello : CR2032 (Maxell, Energizer, Varta, Sony, Renata)
2
z Tipologia : Litio (Li/MnO )
z Tensione : 3V
z Capacità : 220mAh

2G-6 Centrale TP16-256


2G.4 CONSOLE RADIO LCD 300/WL
La console LCD 300/WL è una console radio bidirezionale,
costituita da una tastiera in gomma a 16 tasti, 5 led e da un
display a LCD retroilluminato (2 righe x 16 caratteri
alfanumerici).
Può gestire e visualizzare su LCD un massimo di 8 programmi
e 8 uscite telecomandi, e mette a disposizione un ingresso
ausiliario N.C., controllabile dalla centrale come una zona radio.
L’alimentazione è fornita da due batterie al litio (non ricaricabili)
da 3,6V-1.8Ah.
La comunicazione con la centrale è di tipo bidirezionale con
due frequenze di lavoro (868MHz e 433MHz).

LED ANOMALIA GENERALE - GIALLO

1 SPENTO : Nessun allarme


LAMPEGGIANTE : Allarme in corso
ACCESO : Memoria di allarme
LED MODO COMANDI - VERDE
2 SPENTO : Riposo - Nessuna Trasmissione
LAMPEGGIA : Trasmissione attiva
LED ALLARME MANOMISSIONE - ROSSO
3 SPENTO : Nessun allarme
LAMPEGGIANTE : Allarme in corso
ACCESO : Memoria di allarme
4 VITI CHIUSURA CONSOLE
LED ALLARME BATTERIA
(Tensione insufficiente) - GIALLO
5 SPENTO : Nessun allarme
LAMPEGGIANTE : Tensione batteria insufficiente
ACCESO : Memoria di allarme
LED ALLARME RETE 230V
(Mancanza Tensione) - GIALLO
6 SPENTO : Nessun allarme
LAMPEGGIANTE : Tensione di rete (230V) assente
ACCESO : Memoria di allarme
7 COPERCHIETTO IN PLASTICA
DISPLAY
8
Indica data/ora o parametro in programmazione
9 PULSANTE APERTURA SPORTELLO
10 TASTIERA di comando
ADESIVO
11
Riepilogo comandi principali
12 COPERCHIETTO IN PLASTICA

Centrale TP16-256 2G-7


LA SCHEDA LCD300/WL

IL DIP-SWITCH SW1

RIEPILOGO COMANDI

2G-8 Centrale TP16-256


2G.5 SIRENA RADIO SAEL 2000/WL
La sirena SAEL 2000/WL è una sirena radio bidirezionale dotata di
avvisatore acustico e di segnalatore luminoso FLASH con lampada allo
Xenon per garantire un basso consumo. Può essere programmata per
funzionare in modalità di sirena interna oppure di sirena esterna.
L’alimentazione è fornita da una batteria al litio da 7,2V-13Ah.
Lo scambio di informazioni con la centrale è di tipo bidirezionale con due
frequenze di lavoro (RX 868MHz -TX 433MHz).
CONTROLLO DEL LIVELLO DI CARICA DELLA BATTERIA

Il controllo della carica della


batteria avviene prima di ogni
trasmissione.
Quando la capacità scende
sotto la soglia di batteria
bassa, ad ogni operazione di
inserimento/disinserimento
viene emessa una sequenza
sonora e viene inviata la
segnalazione di batteria
scarica alla centrale.
Quando tale segnalazione
viene rilevata è consigliabile
eseguire immediatamente la
sostituzione della batteria.
La a sirena continuerà a
funzionare ma con una
diminuzione della potenza
sonora di uscita che è
proporzionale alla diminuità
capacità della batteria.

SOSTITUZIONE DELLA BATTERIA


z Entrare con la centrale in condizione di manutenzione (digitazione del codice installatore)
z La sirena passa in condizione di manutenzione ed emette una segnalazione
(Beep a volume basso)
z Aprire il coperchio della sirena. La protezione antiapertura è disattivata in condizione di
manutenzione.
z Togliere la batteria e premere il pulsante di TEST
z Collegare la nuova batteria. La sirena passa automaticamente in condizione di manutenzione
z Premere il pulsante di TEST per controllare il livello di carica della nuova batteria.
Verificare l’accensione del led giallo di trasmissione quindi:
» Batteria carica:Nessuna segnalazione sonora
» Batteria scarica:Segnalazione sonora bitonale
z Sulla centrale eseguire un test radio Collegamento sirena per verificare il colloquio

Centrale TP16-256 2G-9


z Sulla centrale eseguire un test per verificare la suonata della sirena
z Richiudere il coperchio della sirena
z Uscire dallo stato di manutenzione e controllare la fine dello stato di batteria bassa
LA SCHEDA SAEL 2000 WL

TP8-64
I DISPOSITIVI RADIO

DIP-SWITCH 1 = OFF - MODO 1


MODALITA' SIRENA INTERNA Frequenza: 2894Hz Modulazione: 300 cicli al minuto
MODALITA' SIRENA ESTERNA Frequenza: 1717Hz Modulazione: 120 cicli al minuto

DIP-SWITCH 1 = ON - MODO 2
MODALITA' SIRENA INTERNA Frequenza: 2600Hz Modulazione: 300 cicli al minuto
-
3600Hz
MODALITA' SIRENA ESTERNA Frequenza: 1400Hz Modulazione: 120 cicli al minuto
-
1600Hz
DIP-SWITCH 2 = OFF - FUNZIONAMENTO LIVELLO B
Nessun allarme locale in caso di mancanza di collegamento con la centrale
DIP-SWITCH 2 = ON - FUNZIONAMENTO LIVELLO C
Allarme sonoro locale dopo 2 ore in caso di mancanza di collegamento con la centrale

2G-10 Centrale TP16-256


3. INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA
CENTRALE
La centrale di allarme TP16-256 può essere programmata nei seguenti modi:
z Usando la console con display a LCD
z Usando un Personal Computer
Il collegamento del PC alla centrale avviene attraverso una apposita interfaccia
» PROG 32 per PC con porte seriali
» PROG USB per PC con porte USB
La programmazione avviene attraverso il software di Programmazione Tecnoalarm.
3.1 LA PROGRAMMAZIONE ATTRAVERSO PERSONAL COMPUTER
PROCEDURA PER L'INSTALLAZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DELLA CENTRALE
Per installare e programmare correttamente la centrale occorre eseguire una serie di
operazioni con una sequenza definita in modo da evitare operazioni che possano
pregiudicare il corretto funzionamento della centrale stessa.
L'ordine sequenziale delle operazioni non è obbligatorio, viene però consigliato perché
prende in considerazione tutte le operazioni per un suo corretto funzionamento.
3.2 INFORMAZIONI GENERALI
La centrale controlla fino a 256 zone (fino a 128 radio) e consente di realizzare un massimo di
32 programmi di inserimento.
Ad una centrale TP16-256 possono essere collegati i seguenti elementi:
z Console per comando/programmazione - Massimo 32 console.
z Moduli di segnalazione o uscite logiche aggiuntive - Massimo 32 moduli
» Modulo 32 uscite logiche predefinite (ESP32-OC N).
» Sinottici 32 segnalazioni predefinite (SINOTTICO 32N).
z Moduli di controllo .
» Massimo 16 moduli (selezionabili tra tastiere digitali TP-SDN, moduli di controllo per
chiavi elettroniche (TP-SK6N) e moduli chiave (TP-SKN)
» Massimo 64 chiavi elettroniche (MPKEY)
z Moduli ingressi aggiuntivi. Massimo 32 moduli
Moduli per dispositivi su Bus e standard
» 8 ingressi su Bus . Alimentatore 1,8A. (SPEED ALM8 PLUS)
» 8 ingressi su Bus non alimentati. (SPEED 8 PLuS)
» 4 ingressi su Bus + 4 ingressi standard. Non alimentati (SPEED 4 PLUS )
Moduli standard
» 8 ingressi con alimentatore 1,8A (SPEED ALM8 PL)
» 8 ingressi (SPEED 8)
» 4 ingressi (SPEED 4)
» 8 ingressi Standard (SPEED 8 STD)
z Moduli ripetitori di linea seriale (SPEED RS485)
z 1 Trasmettitore telefonico cellulare GSM (TECNOCELL-PRO PL)
z Moduli interfaccia seriale TTL-RS232 (PROG32)
oppure TTL-USB (PROG USB)
MODULI ESTERNI - TRASMISSIONE- RICEZIONE RADIO
z Massimo 2 moduli selezionabili tra:
» Ricetrasmettitore radio su Bus (433MHz e 868MHz) (RTX200)
» Ricevitore radio su Bus (433MHz e 868MHz) (RX300)
z Gestione di massimo 128 dispositivi radio (sensori, trasmettitori, contatti...),
z 4 Sirene radio bidirezionali programmabili e supervisonabili (SAEL2000 WL)
z 4 Console radio (LCD300 WL
z 60 radiocomandi (TX240-3)
Centrale TP16-256 3-1
3.3 OPERAZIONI PRELIMINARI
3.3.1 DEFINIZIONE SU CARTA DELLA DISPOSIZIONE FISICA DELL'IMPIANTO
E' importante definire dove verranno installati fisicamente i vari componenti dell'impianto per
semplificare il più possibile le operazioni di collegamento.
Alcuni dispositivi infatti dopo essere stati montati devono essere collegati attraverso la linea
seriale; occorre quindi prevedere uno spazio sufficiente per accedere alle loro morsettiere.
Per i moduli radio occorre tener presente che devono essere facilmente raggiungibili per poter
eseguire il controllo e la eventuale sostituzione della batteria.
3.4 CONFIGURAZIONE HARDWARE DELL'IMPIANTO SU COMPUTER
Quando si accede al software TECNOALARM per la programmazione delle centrali sullo
schermo viene visualizzato:

3.4.1 ACCESSO AL SOFTWARE DI PROGRAMMAZIONE


Per accedere al software di programmazione TECNOALARM cliccare
sull'icona della chiave e digitare il codice di accesso operatore (Password).
Di fabbrica questo codice è impostato con il seguente valore: 4321
Sullo schermo viene visualizzato:

Inserimento del codice di accesso


+ 4321
Il codice di accesso può essere composto da un
massimo di 6 caratteri (lettere o numeri).
I caratteri maiuscoli sono diversi dai corrispon-
denti minuscoli.

Sullo schermo viene visualizzato:

3-2 Centrale TP16-256


3.4.2 ACCESSO ALL'ARCHIVIO DEGLI UTENTI
Per accedere all'archivio degli utenti cliccare sull'icona a lato.
Sullo schermo viene visualizzato:

3.4.3 CREAZIONE DI UN NUOVO UTENTE


Per definire un nuovo impianto occorre inserire la
scheda del nuovo utente.
Per far ciò cliccare sull'icona a lato.
Sullo schermo viene visualizzato:

Centrale TP16-256 3-3


Per inserire un nuovo utente occorre compilare i seguenti campi:
Tipologia di impianto (facoltativa).
Selezionabile tra: Intrusione abitazione, Intrusione generico, Combinatore
telefonico, Telesoccorso, Tecnologico, Incendio, Industriale, Rosso, Giallo,
Verde e Blu.
z ID Codice identificativo del cliente - 4 cifre da 0000 a 9999
Il codice identificativo è il codice utilizzato per le operazioni di teleassistenza,
e per l'identificazione del cliente nelle operazioni di memorizzaz./caricamento
z Nome Cognome e nome dell’utente
z Indirizzo Indirizzo dell’utente
z Città Città
z Telefono Numero di telefono
z INST Codice installatore (4 cifre)
z Centrale Selezionare la centrale TP256+IT
NOTA: E' obbligatoria la compilazione di tutti i campi ad eccezione della tipologia.
Al termine sullo schermo viene visualizzato:

+ Cliccare su "Salva" per salvare il nuovo utente


+ Cliccare su "Abbandona" per cancellare i dati relativi al nuovo utente.
3.4.4 ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE
Dopo aver salvato la scheda utente il cursore rimane posizionato sulla riga della lista che
corrisponde all'utente appena inserito.

Selezionare l'icona a lato per accedere all'ambiente di


programmazione della centrale.

Sullo schermo viene visualizzato:

3-4 Centrale TP16-256


Sullo schermo viene visualizzato l'impianto relativo all'utente.
Le funzioni disponibili sono le seguenti:

Configurazione
z Autocablaggio - Cablaggio manuale
z Programmazione Avanzata (5 5 Abilitata)
Tabelle configurazione zone
z Creazione della lista delle zone della centrale prendendo gli ingressi tra quelli dei
moduli presenti sull'impianto (CPU o moduli di espansione su linea seriale RS485)
z Definizione delle zone (famiglia e tipo sensore, tipo zona, etc..)
z Definizione delle associazioni zone-funzioni (Sirena, uscita PGM, Zone
Parzializzabili, Zone coincidenti, Chime, Zone non escludibili, Zone comuni).
z Creazione programmi di inserimento (Nome + associazione zone-programma).
z Predisposizione delle caratteristiche delle console di comando
Selezione della tastiera-console, Abilitazione all'inserimento/disinserimento rapido,
Funzione panico, Menù rapido, Predisposizione volume messaggi vocali,
Abilitazione Audio Sempre, Associazione dei LED a 16 programmi della centrale
z Associazione dei LED dei punti chiave e delle tastiere seriali a programmi a scelta
della centrale
z Definizione delle opzioni di sistema (Buzzer, Segnalazioni dei dispositivi radio,
Abilitazione dei messaggi vocali, Uscite di allarme, Comportamento della zona
chiave, Inserimento singolo da chiave, Funzioni varie......, Associazione delle
sirene logiche da 1 a 32 e dell'uscita PGM ai programmi della centrale )
z Associazione delle uscite in morsettiera +SRA, -SRINT, OUT1+ e OUT2- agli stati
della centrale. Possibililtà di invertire la logica di attivazione delle uscite.
z Associazione delle sirene Bus ai programmi. Predisposizione delle funzioni delle
sirene Bus.

Centrale TP16-256 3-5


Tabelle configurazione sezione telefonica
z Programmazione dei Comunicatori telefonici (Comunicatori A..H, Numeri di Call
Back, Comunicatore cellulare, Tacitazioni, Funzioni varie)
z Programmazione delle funzioni del comunicatore cellulare TECNOCELL
(risposta,numero e messaggio di emergenza, numero di squilli, intestazione e
messaggio SMS,etc)
z Programmazione dei Codici di rapporto e delle associazioni tra i Comunicatori e
le causali di allarme rilevate.
z Programmazione e registrazione del messaggio telefonico iniziale
z Programmazione dei telecomandi.
Programmazione delle temporizzazioni
z Tempi vari (ingresso 1 e 2, uscita, ritardi, allarmi, autoprotezione....etc),
z Associazione programmatori orari da 1 a 32 ai programmi (da 1 a 32) o ai
telecomandi (da 1 a 16) e definizione del Test ciclico
z Fasce orarie di accesso (8 fasce orarie, associazione di codici, chiavi e dei
radiocomandi alle fasce orarie)
z Personalizzazione del calendario biennale (anno corrente e anno prossimo).
Programmazione di codici, chiavi e radiocomandi
z Definizione dei 200 codici utente + codice Master (nome, valore, tipo di operazione
eseguita, associazione codice ai programmi, funzioni varie-attributi).
z Definizione delle 64 chiavi utente (nome, tipo di operazione eseguita, associazione
chiave ai programmi, funzioni varie-attributi).
z Definizione dei 60 radiocomandi (nome, tipo di operazione eseguita con ognuno
dei 5 tasti, funzioni varie-attributi).
Configurazione delle sirene e delel console radio
z Definizione delle 4 sirene radio (tempo di suonata, ritardo di suonata, durata
lampeggio, volume, modalità sirena, modalità di attivazione) e delle 8 console radio
(Associazione al programma 1..32, e definzione delle funzioni)
Tabelle di programmazione avanzata
(solo se programmazione avanzata abilitata - Vedere voce Configurazione)
z Inserimento, modifica e cancellazione dell'associazione "Eventi-Operazioni"
z Inserimento, modifica e cancellazione delle "Operazioni"
z Rubrica aggiuntiva contenente 48 numeri telefonici
Visualizzazione dello storico eventi
z Visualizzazione, stampa e salvataggio in un file di tipo TXT dello storico eventi
relativo all'utente selezionato con indicati gli eventi con data e ora e descrizione.
Modifica della configurazione hardware dell'impianto
z Permette di aggiungere o cancellare dispositivi hardware nella configurazione
dell'impianto.
Configurazione delle planimetrie associate all'impianto
z Creazione e gestione delle planimetrie associate all'impianto di allarme.
Solo per utenti in possesso della specifica licenza.
Funzioni disponibili solo quando la centrale è collegata al Personal Computer
(Programmazione locale)

Monitor RF
Visualizzazione grafica del livello di rumore radio dell'ambiente in cui la centrale è
installata (a 433MHz e a 868MHz). Sono disponibili due ambienti separati per i due
ricevitori radio che possono essere collegati alla centrale
Tastiera remota
Visualizzazione di una tastiera virtuale per la programmazione da remoto della centrale
direttamente attraverso PC

3-6 Centrale TP16-256


Backup e Restore configurazione dispositivi radio
Backup (Riceve i dati relativi ai sensori memorizzati-appresi e li salva su PC)
Restore (Invia alla centrale collegata i dati relativi ai sensori memorizzati su PC)
Messaggio telefonico iniziale
Invio e verifica del messaggio telefonico iniziale selezionato.
Aggiornamento firmware/vocabolario della centrale
Aggiornamento del firmware e del vocabolario dei messaggi vocali della centrale.
Analisi rete RS485
Analisi della comunicazione su linea seriale dei moduli collegati alla centrale.
Per ogni modulo sono visualizzati i tentativi di connessione e il numero di errori.
Verifica coerenza hardware
Controlla tutti i moduli collegati alla centrale e verfica che l'hardware installato
corrisponda alla programmazione eseguita su personal copmputer.
Analisi di sistema RSC
Permette di analizzare il funzionamento dei moduli collegati sul Bus Sensori (RSC)
visualizzandone gli eventuali errori.

Centrale TP16-256 3-7


3.4.5 CREAZIONE DELL'IMPIANTO DI ALLARME
Quando si accede per la prima volta alla configurazione della centrale sullo schermo compare:

3.4.5.1 AGGIUNTA O CANCELLAZIONE DI MODULI HARDWARE


Per accedere alla modifica della configurazione hardware cliccare sull'icona
mostrata a lato. Sullo schermo viene visualizzato:

In ambiente di configurazione
hardware è possibile eseguire le
seguenti operazioni:
z aggiungere nuovi moduli
hardware
z cancellare moduli hardware

AGGIUNTA MODULI
Per aggiungere un modulo alla
configurazione hardware
esistente cliccare sul comando
"Aggiungi" (figura a lato).

Selezionare con il mouse il nome del dispositivo da aggiungere (se il dispositivo richiesto non è
visualizzato fare click sulla barra per verso il basso fino a raggiungere il modulo desiderato).
Quando viene selezionato il modulo da aggiungere sullo schermo viene visualizzato:

3-8 Centrale TP16-256


Nell'immagine è mostrata l'aggiunta di una
console con display a LCD
Comandi disponibili
z Si per confermare l'inserimento
z No per abbandonare l'inserimento

Dopo l'inserimento della console sullo schermo


viene visualizzato:

Nuova console appena aggiunta.


A fianco del modulo viene visualizzata la configurazione
dei ponticelli per la definizione dell'indirizzo

CANCELLAZIONE MODULI
Per cancellare un modulo dalla
configurazione hardware
cliccare sul comando "Cancella"
(vedere figura a lato).

Selezionare il dispositivo da cancellare tra quelli presenti nella configurazione hardware.


Quando viene selezionato il modulo da cancellare sullo schermo viene visualizzato:

Nell'immagine è mostrata la cancellazione di


una console con display a LCD
Comandi disponibili
z Si per confermare la cancellazione
z No per abbandonare la cancellazione

Premendo Si il modulo viene eliminato dalla configurazione hardware dell'impianto.


USCITA DALL'AMBIENTE DI MODIFICA HARDWARE
Comandi disponibili
z OK
Per terminare le operazioni di
modifica della configurazione
hardware.
Le modifiche eseguite
vengono memorizzate
z Abbandona
Per abbandonare le modifiche
eseguite sulla configurazione
hardware

Centrale TP16-256 3-9


3.4.5.2 MODULI DISPONIBILI
Di seguito viene visualizzata la rappresentazione dei moduli disponibili nella configurazione
hardware della centrale TP16-256
CENTRALE TP16-256 - CPU
Fornisce fino a 16 ingressi zona, 2 uscite programmabili (+SRA e -SRINT) per il
pilotaggio delle sirene interna ed esterna e 2 uscite logiche programmabili (OUT1+
e OUT2-)
MODULI DI ESPANSIONE INGRESSI
SCHEDA 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE - SPEED ALM8 PL
Fornisce 8 ingressi di zona, uscite programmabili (+SRA e -SRINT)
per il pilotaggio della sirena interna ed esterna e 2 uscite logiche
(OUT1 e OUT2)
SCHEDA 8 INGRESSI - SPEED 8
Fornisce 8 ingressi di zona e 2 uscite logiche (OUT1 e OUT2)
SCHEDA 8 INGRESSI - SPEED 8 STD
Fornisce 8 ingressi di zona - Nessuna uscita logica
SCHEDA 4 INGRESSI - SPEED 4
Fornisce 4 ingressi di zona e 1 uscita logica (OUT1)
MODULI DI ESPANSIONE INGRESSI SU BUS
SCHEDA 8 INGRESSI SU BUS CON ALIMENTATORE
SPEED ALM8 PLUS
Fornisce 4 connettori Bus per la connessione di 8 sensori di tipo Bus,
1 connettore per la connessione delle sirene Bus, 2 uscite a relé per il
pilotaggio della sirena interna ed esterna e 2 uscite logiche (negative)
SCHEDA 8 INGRESSI SU BUS - SPEED 8 PLUS
Fornisce 4 connettori Bus per la connessione di 8 sensori di tipo Bus
SCHEDA 4 INGRESSI - SPEED 4
Fornisce 2 connettori Bus per la connessione di 4 sensori di tipo Bus
DISPOSITIVI DI COMANDO
CONSOLE DI COMANDO CON DISPLAY LCD - LCD300/S
Console per la programmazione ed il comando della centrale. Sono
composte da 16 tasti, 36 LED di differenti colori, un display LCD da
2 righe per 16 caratteri, un altoparlante per l'ascolto dei messaggi
vocali locali.
TASTIERA SERIALE TP SDN
Tastiera seriale digitale per inserimento/disinserimento o
parzializzazione
PUNTO CHIAVE + TASTI TP SK6N
Attivatore per chiavi con 6 tasti per l'attivazione di 6 programmi
PUNTO CHIAVE TP SKN
Attivatore per chiavi. Permette l'attivazione di 3 programmi

3-10 Centrale TP16-256


MODULI DI ESPANSIONE USCITE LOGICHE

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato dei programmi
(da 1 a 32) - Indirizzo 1

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato dell'allarme per i
programmi (da 1 a 32) - Indirizzo 2

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato dello stand-by
(relativo ai 32 programmi di inserimento) - Indirizzo 3

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato dei telecomandi
(da 1 a 16). Le uscite da 16 a 32 sono riservate.
Indirizzo 4

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate a stati o allarmi vari della
centrale (vedere tabella - pagina 2D-4) - Indirizzo 5

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 1 a 32) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 6

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 33 a 64) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 7

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 65 a 96) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 8

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 97 a 128) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 9

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 129 a 160) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 10

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 161 a 192) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 11
Centrale TP16-256 3-11
SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN
32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 193 a 224) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 12

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato degli ingressi
zona (da 225 a 256) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 13

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato delle sirene
interne (da 1 a 32) - Indirizzo 14

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


32 uscite logiche (Open Collector) associate allo stato delle sirene
esterne (da 1 a 32) - Indirizzo 15

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


Indirizzo 15 - Uscite riservate

SCHEDA 32 USCITE LOGICHE FISSE - ESP32-0CN


Indirizzi da 16 a 32
Le uscite dei moduli con indirizzi da 16 32 sono programmabili
individualmente utilizzando la programmazione avanzata
MODULI DI SEGNALAZIONE

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato dei programmi (da 1 a 32)
- Indirizzo 1

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato dell'allarme per i
programmi (da 1 a 32) - Indirizzo 2

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato dello stand-by (relativo ai
32 programmi di inserimento) - Indirizzo 3

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato dei telecomandi (da 1 a
16). Le segnalazioni da 16 a 32 sono riservate - Indirizzo 4

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate a stati o allarmi vari della centrale
(vedere tabella - pagina 2D-4) - Indirizzo 5

3-12 Centrale TP16-256


SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N
32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 1 a 32) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 6

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 33 a 64) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 7

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 65 a 96) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 8

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 97 a 128) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 9

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona (da 129
a 160) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 10

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona (da 161
a 192) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 11

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 193 a 224) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 12

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato degli ingressi zona
(da 225 a 256) Allarme Zona o Allarme Tamper - Indirizzo 13

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato delle sirene interne
(da 1 a 32) - Indirizzo 14

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


32 segnalazioni a LED associate allo stato delle sirene esterne
(da 1 a 32) - Indirizzo 15

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


Indirizzo 15 - Uscite riservate

SINOTTICO 32 SEGNALAZIONI FISSE - SINOTTICO 32N


Indirizzi da 16 a 32
Le segnalazioni dei moduli con indirizzi da 16 32 sono
programmabili individualmente utilizzando la programmazione
avanzata
Centrale TP16-256 3-13
MODULI DI ESTENSIONE LINEA SERIALE

RIPETITORE LINEA SERIALE RS485 - SPEED RS485


Il modulo SPEED RS485 permette l'estensione della linea seriale
RS485 (un chilometro oltre alla lunghezza normalmente consentita),
oppure la diramazione della linea seriale (collegamento "a stella") per
semplificare il collegamento dei moduli sulla linea stessa.
NOTA - Il dispositivo SPEED RS485 non ha un indirizzo
MODULI RADIO - WIRELESS

MODULO RICETRASMETTITORE A DOPPIA FREQUENZA -


RTX200
E' una modulo ricetrasmettitore bidirezionale a doppia frequenza.
Permette la gestione di un massimo di 64 dispositivi radio (sensori o
contatti).
MODULO RICEVITORE A DOPPIA FREQUENZA - RX300
E' una modulo ricevitore a doppia frequenza. Permette la gestione di
un massimo di 64 dispositivi radio (sensori o contatti).
NOTA
Alla centrale TP16-256 possono essere collagati su Bus RS485 un
massimo di due dispositivfi radio (RTX200 o RX300) per un totale di
128 dispositivi radio.
SIRENA RADIO - SAEL 2000WL
Sirene radio utilizzabili come sirene interne o esterne

RADIOCOMANDI
Trasmettitore di comandi a 3 pulsanti a codice variable.
Con la centrale TP16-256 possono essere utilizzati un massimo di 60
radiocomandi.

3-14 Centrale TP16-256


3.5 INSTALLAZIONE DELL'IMPIANTO
3.5.1 COLLEGAMENTO DEI MODULI DELL'IMPIANTO
Dopo aver configurato la centrale ed avere installato i dispositivi (chiavi, console, sensori, sirene
etc,.) si deve eseguire il collegamento tra i dispositivi e la scheda CPU.
Il collegamento deve essere eseguito sulla linea seriale RS485 utilizzando cavo a 5 fili
(4 x RS485 + 1 filo per segnale acustico per lo speaker sulle console) di tipo twistato.
Il collegamento deve essere a cascata (tutti i moduli in sequenza).

Centrale TP16-256 3-15


AVVERTENZE
z per eseguire il collegamento della linea seriale utilizzate solo cavo twistato
z collegare il cavo twistato (seriale RS485 e alimentazione).
Verificare che non ci siano cortocircuiti soprattutto sulle alimentazioni
(vedere esempio di collegamento nella pagina precedente).
z non eseguire mai il collegamento del positivo di alimentazione tra due moduli
alimentati (vedere il disegno nella pagina precedente)
z collegare i moduli successivi seguendo la configurazione mostrata sul
monitor
z per il collegamento delle console LCD300/S ricordarsi sempre di collegare
il filo dello speaker
z non eseguire mai collegamenti a stella o diramazioni
z non inserire mai il ponticello per la terminazione della linea seriale a meno
che non si tratti dell'ultimo modulo della catena sulla linea seriale RS485
z non invertire mai la polarità della linea seriale RS 485 (fili A - B)
z attenzione alla polarità dell'alimentazione del loop (sul cavo twistato)
AVVERTENZE - AL TERMINE DELL'INSTALLAZIONE
+ VERIFICATE CHE NON CI SIANO INTERRUZIONI O INVERSIONI
SULLA LINEA SERIALE OPPURE CORTOCIRCUITI
SULL'ALIMENTAZIONE
+ CONTROLLATE CHE I LED PRESENTI SULLE SCHEDE NON
SEGNALINO CONDIZIONI ANOMALE
+ SE NON UTILIZZATO, RICORDARSI SEMPRE DI CHIUDERE
L'INGRESSO TAMPER ZT (NC O BIL)
+ CHIUDERE TUTTI GLI INTERRUTTORI DI AUTOPROTEZIONE DELLA
CENTRALE E DI TUTTI MODULI COLLEGATI

3.5.2 PREDISPOSIZIONE DELL'INDIRIZZO


DEI MODULI
Tutti i moduli che fanno parte dell'impianto devono
essere configurati (impostazione dell'indirizzo) come
indicato nella configurazione hardware mostrata a
lato.

3-16 Centrale TP16-256


4. PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE DA PC
NOTA IMPORTANTE
La programmazione da PC non é verificata dalle normative CEI 79/2 alle quali
la centrale fa riferimento.
L'AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE

L'ambiente di programmazione della centrale permette di definire le seguenti funzioni:


z Configurazione della centrale (abilitazione programmazione avanzata)
z Creazione della lista delle zone (da 1 a 256)
z Configurazione delle caratteristiche degli ingressi della centrale
z Configurazione sezione telefonica
z Programmazione delle temporizzazioni
z Programmazione di codici e chiavi
z Configurazione delle sirene radio
z Accesso alla programmazione avanzata (se abilitata)
z Visualizzazione dello storico eventi
z Modifica della configurazione hardware dell'impianto
z Configurazione delle planimetrie associate all'impianto

Centrale TP16-256 4-1


4.1 CONFIGURAZIONE DELLE ZONE
Permette la creazione della lista delle zone controllate dalla centrale e la
definizione delle caratteristiche degli ingressi della stessa e dei moduli ad
essa collegati. Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona a lato:
Sullo schermo viene visualizzato

In configurazione zone è possibile definire quanto segue:


z Creazione della lista delle zone controllate dalla centrale tra i moduli disponibili
z Definizione delle caratteristiche degli ingressi
z Definizione delle associazioni zone-funzioni
z Creazione programmi di inserimento (Nome + associazione zone-programma).
z Definizione della funzionalità delle console collegate e opzioni di sistema
z Definizione della funzionalità dei punti chiave collegate
z Definizione delle opzioni di sistema
z Programmzione delle uscite logiche

4.1.1 CREAZIONE DELLA LISTA DELLE ZONE


Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona "Zone"
mostrata a lato:

CREAZIONE DELLA LISTA DELLE ZONE


CONTROLLATE DALLA CENTRALE
La centrale può controllare fino ad un massimo di 256 zone.
Le zone possono essere selezionate tra quelle disponibili prendendo in considerazione i moduli
di ingresso controllati dalla centrale stessa.
A tale proposito ricordiamo che la centrale può controllare:
z 16 ingressi sulla scheda CPU (sempre presenti)
z fino a 32 moduli di espansione ingressi collegabili sulla linea seriale RS485
z 2 moduli di espansione ingressi radio (fino a 128 dispositivi)
L'impianto di allarme può essere composto di moduli elencati. Bisogna però ricordarsi che la
centrale controlla al massimo 256 ingressi; occorre perciò selezionare tra i moduli gli ingressi
da controllare.

4-2 Centrale TP16-256


ATTENZIONE - ZONE E INGRESSI CONTROLLATI DALLA CENTRALE
La centrale TP16-256 può controllare fino a 256 zone selezionandole tra i moduli
hardware disponibili per il sistema.
Zona : Per zona si intende uno degli ingressi controllati dalla centrale
indipendentemente dalla sua posizione fisica.
La centrale ne può controllare fino a 256.
Ogni zona della lista può appartenere a uno qualunque dei moduli hardware
installati nell'impianto.
Per esempio, alla zona 1 è possibile associare il primo ingresso fisico della
scheda CPU o il 7° ingresso del modulo SPEED ALM8 numero 6.
In questo modo una volta definite tutte le zone la centrale può dimenticarsi
della posizione fisica dei vari moduli
Ingresso : Per ingresso si intende l'ingresso fisico di un modulo hardware dell'impianto
(per esempio l'ingresso 3 della scheda CPU oppure l'ingresso 6 di un modulo
SPEED8. L'ingresso è il punto fisico dove sono collegati i sensori o i contatti.

ESEMPIO - LISTA DELLE 256 ZONE


Le 256 zone della centrale possono essere viste come i programmi dei televisori.
Al programma 1 può per esempio essere associata RAI1 che corrisponde al canale 45, al
programma 2 RAI 2 che corrisponde al canale 34 e così via.
Una volta memorizzati tutti i programmi ci possiamo dimenticare del canale su cui tali
programmi sono trasmessi ma utilizzeremo per semplicità solamente la nuova lista da noi
creata.
Con la centrale TP16-256 la situazione è analoga. Il programma 1 corrisponde alla zona 1
della lista e a tale programma puà essere associato il canale 45 (per esempio l'ingresso 7
del secondo modulo di espansione ingressi SPEED 8).
Al termine dell'associazione tra le zone e i canali di ingresso, la posizione fisica dei moduli
dell'impianto e dei relativi ingressi diventa insignificante in quanto la centrale utilizzerrà la
lista delle zone per tutte le operazioni.

Esempio di lista
Zona 1- Ingresso 1 della CPU es. porta di ingresso
Zona 2- Ingresso 2 della CPU es. cancello
Zona 3- Ingresso 3 della CPU es. garage
Zona 4- Ingresso 1 dell'espansione SPEED 8 n°1 es. finestra veranda
Zona 5- Ingresso 2 dell'espansione SPEED 8 n°1 es. finestra sala
Zona 6- Ingresso 4 dell'espansione SPEED 4 n°1 es. sala
Zona 7- Ingresso 6 dell'espansione SPEED 4 n°2 es. camera letto 1
Zona 8- Ingresso 7 dell'espansione SPEED ALM8 es. camera letto 2
.....
.....
.....
Zona 255 - Ingresso 22 espansione radio n°1 es. studio 1
Zona 256 - Ingresso 23 espansione radio n°1 es. studio 2

Centrale TP16-256 4-3


CREAZIONE DELLA LISTA DELLE ZONE
ASSOCIAZIONE DEGLI INGRESSI ALLE POSIZIONI DELLA LISTA ZONE
Per ogni posizione della lista viene visualizzata una casella come quella mostrata nella
seguente figura.
Posizione nella Modulo hardware a cui Ingresso
lista delle zone appartiene l'ingresso controllato

Descrizione
zona
Associazione del messaggio Copia delle caratteristiche di
vocale alla zona una zona su un'altra zona

Tipologia
dell'ingresso Caratteristiche
e modello del
sensore

Selezionare la posizione nella lista.

Selezione del modulo hardware


Selezionare il modulo hardware.
Vedere la posizione indicata a lato:
I moduli di ingresso zona selezionabili sono i
seguenti :
z Zona non associata
z Centrale
z Espansione Radio
z Modulo 1
.............
.............
z Modulo 32
I moduli da 1 a 32 corrispondono ai moduli hardware installati (vedere indirizzo)

Selezione dell'ingresso da controllare


Selezionare l'ingresso del modulo.
Vedere la posizione indicata a lato:
Selezionare l'ingresso che deve essere
controllato dalla lista.
In questo modo è stata selezionata la quarta posizione della lista (Zona 1) alla quale è stata
associato l'ingresso 1 della CPU della Centrale (CPU TP16-256)

DEFINIZIONE DELLE ZONE


Per programmare le caratteristiche delle zone selezionare la posizione nella lista e cliccare con
il pulsante sinistro.

4-4 Centrale TP16-256


PROGRAMMAZIONE CARATTERISTICHE DELLE ZONE
Per ogni zona viene visualizzata una pagina come quella mostrata nella seguente figura.
Modulo hardware a cui appartiene Ingresso
l'ingresso controllato controllato

Posizione
nella lista
delle zone
Descrizione
Immagine
zona Tipo di sensore
sensore

Tipologia
dell'ingresso

Programmazione
sensore Programmazione
sensore

Per programmare le caratteristiche selezionare la zona e cliccare con il pulsante sinistro.


z Inserire la descrizione della zona
z Puntare la sezione centrale per definire le caratteristiche della zona e del sensore
Tipo di zona, numero cicli e tipo di cablaggio, quindi la Famiglia del sensore ed il modello
Per il modello selezionato viene visualizzata l'immagine
z Puntare la sezione in basso per definire la configurazione del sensore selezionato
Configurazione sensibilità, programmazione portata massima, e sulla destra è possibile
eseguire la configurazione di tutti i parametri programmabili per il sensore.
DESCRIZIONE DELLA ZONA
Selezionare la zona mostrata a lato
Digitare il nome della zona
(max. 16 caratteri)
ABILITAZIONE E DEFINIZIONE DEL MESSAGGIO VOCALE
Per abilitare il messaggio vocale
associato alla zona di ingresso
selezionare il pulsante mostrato a lato
Quando compare il simbolo 5 significa
che il messaggio vocale è abilitato.
Sullo schermo viene visualizzato:

Centrale TP16-256 4-5


Messaggio vocale composto
da un massimo di 4 parole
Ad ogni zona può essere associato un messaggio vocale
composto da un massimo di 4 parole selezionabili tra quelle
presenti nel vocabolario.
Per scegliere la prima parola selezionare il simbolo mostrato a
lato.
Sullo schermo viene visualizzato:
Cliccare per
selezionare la
prima parola

Se necessario, ripetere l'operazione per la seconda la terza e la quarta parola.


Al termine per
memorizzare la
modifica fare click
sul pulsante
mostrato a sinistra
Il testo del messaggio viene riprodotto in modo vocale e viene memorizzato.
E' comunque sempre possibile digitare o modificare il messaggio vocale (massimo 16
caratteri) in modo manuale.
Nella casella della descrizione vengono mostrati solo i primi 16 caratteri del messaggio.
Al termine della programmazione dei parametri di zona sullo schermo viene visualizzato:

4-6 Centrale TP16-256


CARATTERISTICHE ZONA
TIPOLOGIA DI INGRESSO
Selezionabile tra:
z ESCLUSA
z ISTANTANEA
z INTERNA
z TECNOLOGICA
z RITARDATA CON
TEMPO DI INGRESSO 1
z RITARDATA CON TEMPO
DI INGRESSO 2
z RAPINA
z CHIAVE
z TAMPER
z Zona esclusa
Non vengono controllate da nessun programma di inserimento.
z Zone Istantanee
Entrano in servizio all’inserimento del programma. Sono abilitate a riconoscere l’allarme
senza tenere conto dei tempi di ingresso o uscita impostati (intervengono dopo 20 sec.)
z Zone Interne
Sono zone miste attive solo a programma inserito. Sono normalmente istantanee ma
diventano ritardate quando un'altra zona ritardata è in preallarme (durante il tempo di
uscita si comporta come una zona ritardata). Sono utili, per esempio, quando un sensore
volumetrico controlla più zone istantanee o ritardate. Quando si apre la zona ritardata, la
zona interna si trasforma in zona ritardata per il tempo di ingresso.
z Zone Tecnologiche
Sono zone sempre attive (anche a centrale disinserita). Sono utili per il riconoscimento di
allarmi incendio/gas o come espansione delle autoprotezioni della centrale.
z Zona Ritardata 1
All’inserimento del programma, l’abilitazione al riconoscimento degli allarmi per le zone
ritardate avviene allo scadere del tempo di uscita impostato.
z Zona Ritardata 2
Come zona ritardata 1 ma con differente tempo di uscita
z Rapina
Sono zone sempre attive (anche a centrale disinserita). Generano un allarme silenzioso
(nessuna segnalazione in console) di massima priorità.
z Zona Chiave
Permettono l'inserimento/disinserimento del/i programmi che la contengono. Sulle zone
chiave viene normalmente collegata una chiave o un pulsante. Il suo funzionamento deve
essere definito o a stato oppure a impulso (vedere il cassetto "Opzioni").
ATTENZIONE
Gli organi di comando esterni per inserire/disinserire la centrale attraverso una
zona "Chiave" devono avere prestazioni pari al II° livello normative CEI 79/2.
z Zona Tamper
Sono zone istantanee sempre attive (anche a centrale disinserita).
Sono equivalenti all'ingresso ZT presente in morsettiera.
Generano l'allarme TAMPER di zona (Manomissione)
NUMERO DI ATTIVAZIONI
La segnalazione di zona in allarme viene attivata
solo quando la zona viene attivata per il numero
di volte definito (da 1 a 99 volte) nell'intervallo di
tempo definito (da 1 a 99 minuti).
Quando allo scadere del tempo l'ingresso rimane attivo (aperto/sbilanciato), la segnalazione di
allarme viene attivata.

Centrale TP16-256 4-7


NUMERO CICLI DI ALLARME
Il numero di cicli di allarme è selezionabile tra:
z 1 CICLO
z 4 CICLI
z 8 CICLI
z 15 CICLI
z CICLI INFINITI
TIPO DI CABLAGGIO/ZONA
Il tipo di cablaggio definisce la tipologia del sensore collegato alla
centrale. Le tipologie utilizzabili sono e seguenti:
z N.C. (Normalmente chiuso) (*) Declassamento prestazioni
z Bilanciata
z Doppio bilanciamento
z N.O. (Normalmente aperto) (*) Non permesso
z Radio
z Zone BUS
z Sensor BUS
NOTE
Zone, NC, NO, Bilanciata e Doppio Bilanciamento
Per la descrizione delle zone di tipo NC, NO, Bilanciata e
Doppio Bilanciamento fare riferimento a pagina 2-9
Alle zone che appartegono a queste tipologie è possibile
collegare tutti i sensori e i contatti standard a filo.
(*) PROGRAMMAZIONI NON PERMESSE
La dicitura "Non Permesso" identifica programmazioni che se
utilizzate invalidano la conformità della centrale alle normative CEI 79/2.
La centrale continua a funzionare in modo corretto ma non è più rispondente ai requisiti di
omologazione.
(*) PROGRAMMAZIONI CHE DECLASSANO LA CENTRALE
La dicitura "Declassamento delle prestazioni" identifica programmazioni che se utilizzate
declassano il livello di prestazione della centrale.
Quando vengono utilizzate tali a programmazione il livello di prestazione della centrale viene
declassato (per esempio, l'utilizzo di zone NC declassa la prestazione della centrale dal II°
livello al I° livello - CEI 79/2).
ZONE RADIO
Le zone radio sono disponibili solo quando alla centrale è stato
collegato un modulo di espansione ingressi radio (RTX200 o RX300)
ZONE BUS (Z BUS)
Le Zone BUS sono le zone alle quali è possibile collegare le barriere
seriali (WINBEAM/S o DOORBEAM/S)
SENSOR BUS (S BUS)
Le Sensor BUS sono le zone alle quali è possibile collegare tutti i
sensori BUS (EXPLORER BUS, MINIEXPLORER DOPPLER BUS;
DUAL BUS 05, etc..)

4-8 Centrale TP16-256


CARATTERISTICHE DEL SENSORE
A seconda del tipo di calaggio selezionato
sono disponibili diverse famiglie di sensori.
A livello generale (sensori cablati standard)
le famiglie selezionabili sono le seguenti:
z BITECNOLOGIA
z MICROONDE
z INFRAROSSI
z MICROCONTATTI
z INERZIALE
z CONTEGGIO
z PERIMETRALE
z TECNOLOGICO
z DOPPLER
Modello
Il modello di sensore è selezionabile tra la lista dei modelli TECNOALARM per la famiglia
specificata
PROGRAMMAZIONE DI UN SENSORE CABLATO
(NC, NO, BIL E DOPPIO BILANCIAMENTO)

Filtro
Filtro selezionabile tra la lista dei filtri previsti per il modello di sensore selezionato.
Specifica il tempo minimo di apertura del contatto affinché venga riconosciuto un allarme.
Impostabile su diverse posizioni a seconda del tipo di filtro selezionato

Centrale TP16-256 4-9


PROGRAMMAZIONE DI UN SENSORE TIPO ZONE BUS
(BARRIERA SERIALE WINBEAM/S O DOORBEAM/S)

Modello
Modello selezionabile tra la lista di barriere disponibili (Win/Doorbeam/S da 2 a 8 fasci)
Raggi
Permette l'abilitazione di uno specifico raggio. 5 significa raggio abilitato
Posizione cavi
Alto/Basso : Alto significa che il cavo esce dalla parte alta della barriera.
Tempo di intervento :
Velocità di risposta della barriera. Programmabile 0,2 o 0,5 secondi
Modo di funzionamento
Modalità di rilevazione dell'allarme
z 1 per 1 sec o 2 ad per T
L'allarme viene rilevato all'apertura di un raggio per il tempo di 1 secondo oppure all'apertura
di due raggi adiacenti nel tempo specificato attraverso il parametro "Tempo di intervento"
z 2 ad per T
L'allarme viene rilevato all'apertura di due raggi adiacenti nel tempo specificato attraverso il
parametro "Tempo di intervento"
z 3 ad per T
L'allarme viene rilevato all'apertura di tre raggi adiacenti posti nella parte bassa della
barriera, oppure all'apertura di due raggi adiacenti posti nella parte alta della barriera nel
tempo specificato attraverso il parametro "Tempo di intervento"
z 1 per T
L'allarme viene rilevato all'apertura di un raggio qualsiasi nel tempo specificato attraverso il
parametro "Tempo di intervento"
Power :
Potenza dei raggi.
Impostabile con i seguenti valori: Spenta, Minima, Media o Massima

4-10 Centrale TP16-256


PROGRAMMAZIONE DI UN SENSORE TIPO SENSOR BUS
(EXPLORER BUS, MINIEXPLORER DOPPLER BUS, DUAL MASK BUS 05 ..)

Sensibilità-Tempo
Specifica il tempo minimo di apertura del contatto affinché venga riconosciuto un allarme.
Impostabile su diverse posizioni a seconda del tipo di funzionamento selezionato (AND/OR ,
normale o RDV)
Sensibilità (definisce la portata massima del sensore microonde)
I valori programmabili variano in funzione della portata del sensore selezionato
Tutti i parametri sul lato destro sono specifici a seconda del tipo di sensore selezionato.
Ripetere le operazioni mostrate nelle pagine precedenti per la programmazione degli altri
ingressi (fino a 256).
TERMINE DELLA CONFIGURAZIONE DELLE ZONE
Al termine dopo aver terminato la creazione della lista delle zone per terminare premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-11


4.1.2 ASSOCIAZIONI ZONE-FUNZIONI
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona
"Zone-Funzioni" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

Nome
della
zona

L'ambiente permette di definire una serie di funzioni relative alle zone.


Per abilitare le funzioni selezionare la Zona con il mouse.
La funzione è abilitata quando a fianco del nome della zona compare il simbolo ;
SELEZIONE DELLA FUNZIONE

Selezionare la funzione utilizzando i pulsanti mostrati sopra.


z SIRENA - Associazione Zone-Sirene
Definisce se la zona selezionata deve attivare la sirena in caso di allarme
z PGM - Associazione Zone-Uscita PGM
Definisce se la zona selezionata deve attivare l'uscita logica PGM in caso di allarme
z PARZ. -Associazione Zone-Funzione parzializzazione
Definisce se la zona è parzializzabile (vedere le abilitazione dei codici).
Se il programma è inserito e la zona è parzializzabile, alla digitazione di un codice abilitato
alla parzializzazione la zona viene temporaneamente esclusa dal riconoscimento allarmi.
La zona verrà riabilitata al riconoscimento degli allarmi alla successiva digitazione di un
codice di parzializzazione oppure allo scadere della fascia oraria di parzializzazione.
z COINC -Associazione Zone-Funzione zone coincidenti
Definisce se la zona è Coincidente. Al riconoscimento di un allarme su una delle zone
coincidenti, la centrale si comporta nel seguente modo:
» Se dopo 6 secondi ma prima di 15 minuti, un nuovo allarme viene rilevato sulla stessa
zona, la centrale attiva l'allarme (ed i relativi dispositivi di uscita programmati) .
Funzionamento a doppio impulso.
» Se dopo il riconoscimento del primo allarme ma entro 15 minuti, viene rilevato un
secondo allarme su un'altra delle zone coincidenti la centrale attiva l'allarme (ed i
dispositivi di uscita programmati). Funzionamento in doppio allarme.

ATTENZIONE
Non è possibile definire "coincidenti" le zone programmate ritardate.

4-12 Centrale TP16-256


z CHIME- Associazione Zone-Funzione Chime
Definisce se sulla zona è abilitata la funzione Chime. Quando una zona "CHIME" si apre
(con il programma disinserito) vengono attivati i dispositivi di uscita programmati (buzzer o
uscite logiche). Il buzzer sulle console può essere programmato in modo da essere
attivato una sola volta (per 2 secondi) ad ogni apertura della zona, oppure che venga
attivato per 3 secondi ad ogni apertura della zona ma che venga lasciato attivo in continuo
se la zona rimane aperta (vedere il cassetto "Opzioni").
z NON ESCL. - Associazione Zone-Funzione zona escludibile
Definisce se la zona non è escludibile volontariamente
z COMUNE - Associazione Zone-Funzione zona comune
Definisce se la zona è una zona utilizzabile in comune a più programmi di inserimento.
Permette di creare un insieme di zone che possono essere inserite contemporaneamente
in più programmi. Le zone Comuni diventano attive solo quando tutti i programmi che le
contengono sono inseriti. Per esempio se la zona 5 è definita comune ed è inserita nei
programmi 1 e 3, il riconoscimento degli allarmi su tale zona avverrà solo quando sia il
programma 1 che il programma 3 saranno inseriti.
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

4.1.3 ASSOCIAZIONI ZONE-PROGRAMMI


CREAZIONE DEI PROGRAMMI DI INSERIMENTO
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Zone-Programmi" mostrata a lato:

Sullo schermo viene visualizzato:

Descrizione
programma

Numero
programma

Messaggio vocale composto


da un massimo di 4 parole
Nome
della
zona

L'ambiente Configurazione Zone-Programmi permette di creare i programmi per l'inserimento


della centrale.
E’ possibile inserire la centrale di allarme utilizzando i programmi in modo singolo (un
programma per volta) o più programmi possono essere utilizzati contemporaneamente.
Le zone inserite nei programmi sono abilitate immediatamente quando sono presenti in un solo
programma. abilitate al riconoscimento degli allarmi.

Centrale TP16-256 4-13


Se la stessa zona è condivisa da più programmi ed è definita come zona comune, la reale
abilitazione avviene solo quando tutti i programmi che la contengono sono inseriti (es. se la
zona 3 è contenuta nei programmi 1 e 2, il riconoscimento degli allarmi su tale zona avviene
solo quando sia il programma 1 che il programma 2 sono inseriti).
Ogni programma di inserimento identifica un gruppo di zone (da 1 a 256), che devono essere
Le zone non inserite nel programma rimangono escluse.
Per includere una zona nel programma di inserimento selezionato occorre selezionarla con il
mouse. La zona è inserita nel programma di inserimento quando a fianco al suo nome
compare il simbolo ;
ATTENZIONE
Se viene inserito il programma 1, le zone abilitate al riconoscimento degli
allarmi sono solamente quelle presenti in tale programma

SELEZIONE DEL PROGRAMMA DI INSERIMENTO


Per scegliere il programma di inserimento (tra gli 8 disponibili) selezionare uno dei pulsanti
mostrati sopra.

DEFINIZIONE DEL MESSAGGIO VOCALE


Ad ogni programma di inserimento può essere associato un messaggio vocale composto da un
massimo di 4 parole che possono essere selezionate tra quelle presenti nel vocabolario.
Per scegliere la prima parola
selezionare il simbolo mostrato a
lato.
Ripetere l'operazione per la
seconda la terza e la quarta Prima
parola. parola
Al termine per memorizzare
cliccare sul pulsante a lato.
Il testo del messaggio viene riprodotto in modo vocale e viene memorizzato.
Nella casella della descrizione del programma di inserimento vengono mostrati i primi 16
caratteri del messaggio.
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-14 Centrale TP16-256


4.1.4 CONFIGURAZIONE DELLE CONSOLE (TASTIERE)
Per accedere all'ambiente fare click sull'icona
"Tastiere" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

SELEZIONE DELLA CONSOLE


Per scegliere la console cliccare sul simbolo
mostrato a lato.
Selezionare la tastiera da configurare.

SELEZIONE DEI PROGRAMMI DA VISUALIZZARE CON OGNI COPPIA DI LED


Ogni console LCD300 mette a disposizione fino a 15 coppie di led (Led di stato e led di
allarme) per la visualizzazione dello stato dei programmi di inserimento.
NOTA
La centrale mette a disposizione fino a 32 programmi.
E' quindi necessario definire i programmi che devono essere controllati da ogni
console.
Per selezionare il led (per esempio il primo)
cliccare sul simbolo mostrato a lato.
Selezionare il programma (da 1 a 32) che deve
essere rappresentato dal led.

FUNZIONI
Nella sezione Funzioni (vedere a lato) è possibile
definire una serie di parametri di funzionalità della
console. ll parametro è abilitato quando al suo fianco compare il simbolo ;
z Inserimento rapido
z Disinserimento rapido
z Generazione allarme panico
L'allarme panico é generato quando vengono
premuti contemporaneamente i due tasti di
panico sulla console.

Centrale TP16-256 4-15


z Abilitazione menù rapido
Permette l'attivazione o la disattivazione dei telecomandi
senza la necessità della digitazione del codice.
z Abilitazione funzione Chime
Permette l'attivazione o la disattivazione della funzione Chime
sulla console selezionata.
z Volume
Definizione del volume per la riproduzione dei messaggi vocali
sulla console LCD300/S.
Il volume può assumere i seguenti valori:
MUTO, BASSO, MEDIO o ALTO
z Audio sempre
Abilita sempre la console alla riproduzione dei messaggi vocali anche quando le operazioni
sono eseguite su un'altra console (per esempio in caso di inserimento/disinserimento)
z Universale
Abilita la console all'inserimento e disinserimento di tutti i programmi ai quali il codice è
abilitato anche se il programma non viene visualizzato sui led (la console può visualizzare
solo 15 programmi mentre la centrale ne gestisce fino a 32).
L'inserimento/disinserimento viene visualizzato solo sul display.

MESSAGGISTICA PROGRAMMATA

La centrale permette di impostare fino a 3 differenti messaggi


(identificati con 1, 2 e 3 in verde) di 2 righe ciascuno,che saranno
visualizzati sulla console selezionata alla data che è stata
specificata attraverso il calendario.
Lo stesso messaggio può essere visualizzato più volte nel corso
dell'anno.
Priorità di disattivazione
Quando il messaggio viene visualizzato sulla console sarà
possibile cancellarlo unicamente utilizzando il codice specificato
I codici utilizzabili per la disattivazione sono i seguenti
z Codice Master
z Codice Installatore
z Codice Privilegiato
z Nessuno

4-16 Centrale TP16-256


4.1.5 CONFIGURAZIONE DEI PUNTI CHIAVE
Per accedere all'ambiente fare click sull'icona
"Punti Chiave" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

SELEZIONE DEL PUNTO CHIAVE


Per scegliere il punto chiave cliccare sul simbolo mostrato
a lato.
Selezionare il punto chiave da configurare.

ASSOCIAZIONE DEL PUNTO CHIAVE AI PROGRAMMI

Quando si utilizzano punti chiave tipo TP-SK6N è possibile associare fino a 6 programmi ai 6
tasti della console. Quando si utilizzano i punti chiave TP-SKN è possibile associare
solamente 3 programmi.
Per associare il programa al punto chiave cliccare una volta sul numero del programma.
Quando il numero è visualizzato significa che il programma è associato al punto chiave.
TIPO DI OPERAZIONE
Per mezzo dei punti chiave è possibile inserire/
disinserire o parzializzare i programmi ai quali il punto
chiave è stato associato.

FUNZIONI
Nella sezione Funzioni (vedere a lato) è
possibile definire una serie di parametri di
funzionalità del punto chiave. ll parametro è
abilitato quando al suo fianco compare il
simbolo ;
z Bypass allarmi generali
Quando abilitata l'utente potrà eseguire
l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme
generale elencate di seguito:
» Manomissione, Batteria scarica, Mancanza rete, Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli

Centrale TP16-256 4-17


z Abort automatico dei comunicatori al disinserimento
Definisce se al disinserimento dell'impianto (inserimento della chiave utente appositamente
programmata) verrà eseguito anche il blocco automatico di tutti i comunicatori attivi e di
quelli che sono in coda.
z Conferma disinserimento (blocco rapina)
Attiva la funzione di conferma rapina. Se abilitata, al disinserimento dell'impianto
(inserimento chiave utente appositamente programmata), per evitare l'attivazione dell'allarme
rapina, l'utente dovrà digitare, entro il tempo programmato, il codice utente per disattivare
completamemente la centrale (vedere Tempo conferma disinserimento)
Quando la digitazione del codice utente non viene eseguita oppure viene eseguita dopo
il tempo di conferma impostato vengono attivati i dispositivi di uscita programmati.
z Esclusione zone disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
z Disinserimento rapido
Se la funzione é abilitata e la centrale è inserita, l'utente inserendo la chiave disinserirà
tutti programmi ad essa associati. In questo caso la chiave potrà unicamente inserire e
disinserire il primo programma ad essa associato.

4-18 Centrale TP16-256


4.1.6 DEFINIZIONE DELLE OPZIONI DI SISTEMA
Per accedere all'ambiente fare click sull'icona
"Opzioni" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

Nell'ambiente Opzioni è possibile definire i parametri mostrati nella pagine seguente.


Il parametro è abilitato quando al suo fianco compare il simbolo ;
BUZZER
Vengono definite le attivazioni dei buzzer sulle console
nelle seguenti condizioni operative della centrale:
z Chime
Sono disponibili le seguenti condizioni:
» Buzzer continuo (il buzzer suona fino a che la
zona è aperta)
» Buzzer impulsivo (il buzzer suona per 2 secondi
ad ogni apertura della zona )
z Tempo di uscita (Preinserimento)
Attivazione del buzzer durante il tempo di uscita (preinserimento)
z Preallarme (tempo di ingresso)
Attivazione del buzzer durante il preallarme (tempo d'ingresso)

Centrale TP16-256 4-19


z Allarme
Attivazione del buzzer durante il tempo di allarme
z Avviso fine parzializzazione
Attivazione del buzzer durante il tempo al termine del periodo di parzializzazione.
z Preavviso autoinserimento
Attivazione del buzzer durante il tempo di preavviso autoinserimento (inserimento
attraverso programmatore orario)
z Report sonori
Abilitazione del report sonoro. Quando questa condizione è abilitata per ognuna delle
condizioni di avviso precedenti viene riprodotto un messaggio vocale.
ATTENZIONE
Se il report sonoro é abilitato si consiglia la disabilitazione del buzzer sulle
console per evitare la sovrapposizione sonora delle segnalazioni.
La disabilitazione del buzzer deve essere eseguita utilizzando l'apposito
dip-switch (Dip 10) sulle console.
SEGNALAZIONI SEZIONE RADIO
Permette l'abilitazione delle segnalazioni della sezione radio
z Sopravvivenza
L'allarme sopravvivenza sensore viene generato quando, uno
dei dispositivi radio controllati dalla centrale non risponde alle
sue interrogazioni per un tempo superiore a quello previsto
(vedere tempo sopravvivenza).
In questo caso nell'archivio eventi viene memorizzato un allarme
di sopravvivenza.
» Attivazione segnalazioni per allarme sopravvivenza
Attivazione delle segnalazioni su console (segnalazione Anomalia), sinottici ed
espansione uscite logiche in caso di allarme sopravvivenza di un dispositivio radio.
» Attivazione sirene per allarme sopravvivenza
Attivazione delle sirene in caso di allarme sopravvivenza sensore. Se é abilitata la
sirena suona per il tempo specificato come tempo allarme manomissione.
z Mascheramento
L'allarme mascheramento viene generato quando il ricevitore della centrale rileva una
interferenza con frequenza identica a quella di trasmissione dei sensori, che rimane
costante per un tempo superiore a quello tempo di mascheramento impostato.
Se l'interferenza permane per un tempo superiore a quanto definito l'allarme
mascheramento viene memorizzato nell'archivio eventi della centrale
» Attivazione segnalazioni per allarme mascheramento
Attivazione delle segnalazioni su console (segnalazione Anomalia), sinottici ed
espansione uscite logiche in caso di allarme mascheramento ricevitore radio.
» Attivazione sirene per allarme mascheramento
Attivazione delle sirene per allarme mascheramento ricevitore radio. Se é abilitata, la
sirena suona per il tempo specificato come tempo per l'allarme manomissione.
NOTE
L'omologazione secondo le normative CEI 79/16 prevede che il controllo
dell'allarme sopravvivenza e dell'allarme mascheramentto siano sempre abilitati
z Disabilitando il controllo del mascheramento o il controllo della
sopravvivenzaviene invalidata l'omologazione della centrale.
ABILITAZIONE REPORT CON MESSAGGI VOCALI
Permette l'abilitazione delle console alla riproduzione dei messaggi
vocali per tutte le segnalazioni o in caso di allarme.

4-20 Centrale TP16-256


USCITE DI ALLARME

Sono definite le attivazioni di ogni programma in caso di rilevazione di allarme.


Ogni programma può pilotare indipendentemente:
z Sirena logica da 1 a 32
La sirena logica non è legata a una sirena fisica ma può essere attivata a
una condizione della centrale. E' solo nella sezione di programmazione delle
uscite che la sirena logica viene associata all'uscita sirena (interna/esterna)
di un modulo hardware collegato alla centrale.
z Uscita logica programmabile PGM
SELEZIONE DELLA SIRENA
Per selezionare la sirena da attivare cliccare sul simbolo mostrato a lato.
Selezionare la sirena logica da attivare (da 1 a 32).
COMPORTAMENTO DELLE ZONE CHIAVE
Specifica il comportamento delle zone che sono
definite come Zona Chiave.
z A impulso
Permette di collegare un pulsante sull'ingresso per l'attivazione o la disattivazione del
programma di inserimento
z A stato
Permette di collegare una chiave ON-OFF sull'ingresso per l'attivazione o la disattivazione
del programma di inserimento
INSERIMENTO SINGOLO DA CHIAVE
Valido solo per gli attivatori collegati al modulo chiave
della centrale TP-SKN (non valido per attivatore con tastiera TP-SK6N).
Permette di abilitare la chiave a inserire ogni programma in modo singolo.
Ad ogni inserimento della chiave nell'attivatore corrisponde l'attivazione di un programma di
inserimento. Rimuovendo ed inserendo nuovamente la chiave nell'attivatore viene inserito il
programma successivo per la quale la chiave
è stata abilitata.
NAZIONALITA'
Permette la definizione delle varianti
specifiche legate alla nazionalità della centrale
MODIFICA CODICE DA UTENTE
Quando l'opzione non è attiva il codice utente Master può
modificare tutti gli altri codici utente.
Quando l'opzione è attiva ogni codice si comporta nello stesso modo e può unicamente
visualizzare e modificare se stesso non gli altri codici.
INVERSIONE CIFRE SU PROTOCOLLO DIGITALE
Permette di inverte le cifre inviate durante le trasmissioni con
protocolli digitali. Da utilizzare solo dove specificamente
richiesto.
MODALITA' RADIO
Modalità di trasmissione radio.
Ad ogni modalità radio selezionata corrisponde una differente
potenza di uscita dal trasmettitore radio (RTX200/433868).
ATTENZIONE
Selezionare unicamente Sistema 1 o Sistema 2
La modalità Sistema 3 non è utilizzabile in ITALIA)

Centrale TP16-256 4-21


4.1.7 PROGRAMMAZIONE DELLE USCITE LOGICHE
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona
"Uscite" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

STATO A RIPOSO DELLE USCITE LOGICHE


Nella tabella seguente vengono definiti il significato e lo stato a riposo delle uscite logiche della
centrale e di tutti i moduli ad essa collegati attraverso la linea seriale RS485.
Sono programmabili le uscite logiche SIR INT e SRA (della centrale e di tutti i moduli alimentati
SPEED ALM8) e le uscite OUT1 e OUT2 (per tutti i moduli che le gestiscono)
SELEZIONE DEL MODULO DELLA CENTRALE
Per selezionare il modulo della centrale (CPU o modulo sulla
linea seriale) cliccare sul simbolo mostrato a lato.
Selezionare il modulo (da 1 a 32).
Il numero del modulo corrisponde all'indirizzo associato al
modulo in fase di realizzazione del'impianto
SIGNIFICATO DELLE USCITE LOGICHE
Ogni uscita a seconda della programmazione può assumere i
seguenti significati:
USCITE LOGICHE PROGRAMMABILI SIR INT, SRA, OUT1, OUT2
Stand-By Telecomando 11 Programma 21 Sirena interna 14 Sirena esterna 8
Guasti Telecomando 12 Programma 22 Sirena interna 15 Sirena esterna 9
Batteria Bassa Telecomando 13 Programma 23 Sirena interna 16 Sirena esterna 10
Mancanza rete 230V Telecomando 14 Programma 24 Sirena interna 17 Sirena esterna 11
Manomissione Telecomando 15 Programma 25 Sirena interna 18 Sirena esterna 12
Anomalie Radio Telecomando 16 Programma 26 Sirena interna 19 Sirena esterna 13
Rapina Programma 1 Programma 27 Sirena interna 20 Sirena esterna 14
Tecnologico Programma 2 Programma 28 Sirena interna 21 Sirena esterna 15
Chime Programma 3 Programma 29 Sirena interna 22 Sirena esterna 16
Linea telefonica Programma 4 Programma 30 Sirena interna 23 Sirena esterna 17
Preallarme Programma 5 Programma 31 Sirena interna 24 Sirena esterna 18
PGM Programma 6 Programma 32 Sirena interna 25 Sirena esterna 19
Accesso rifiutato Programma 7 Panico Sirena interna 26 Sirena esterna 20
Allarme Programma 8 Sirena interna 1 Sirena interna 27 Sirena esterna 21
Sistema OK Programma 9 Sirena interna 2 Sirena interna 28 Sirena esterna 22
Stato cellulare Programma 10 Sirena interna 3 Sirena interna 29 Sirena esterna 23
4-22 Centrale TP16-256
continua .... g
Telecomando 1 Programma 11 Sirena interna 4 Sirena interna 30 Sirena esterna 24
Telecomando 2 Programma 12 Sirena interna 5 Sirena interna 31 Sirena esterna 25
Telecomando 3 Programma 13 Sirena interna 6 Sirena interna 32 Sirena esterna 26
Telecomando 4 Programma 14 Sirena interna 7 Sirena esterna 1 Sirena esterna 27
Telecomando 5 Programma 15 Sirena interna 8 Sirena esterna 2 Sirena esterna 28
Telecomando 6 Programma 16 Sirena interna 9 Sirena esterna 3 Sirena esterna 29
Telecomando 7 Programma 17 Sirena interna 10 Sirena esterna 4 Sirena esterna 30
Telecomando 8 Programma 18 Sirena interna 11 Sirena esterna 5 Sirena esterna 31
Telecomando 9 Programma 19 Sirena interna 12 Sirena esterna 6 Sirena esterna 32
Telecomando 10 Programma 20 Sirena interna 13 Sirena esterna 7

Le uscite possono assmere i seguenti valori:


Condizione normale Condizione invertita
SRA Riposo : +13,8V SRA Riposo : Alta impedenza
Allarme: Alta impedenza Allarme: +13,8V
SRINT Riposo : Alta impedenza SRINT Riposo : GND (Massa)
Allarme: GND (Massa) Allarme: Alta impedenza
USCITE LOGICHE OUT1 E OUT2 DELLA CPU
OUT1 + Riposo : Alta impedenza OUT1 + Riposo : +13,8V
Allarme: +13,8V Allarme: Alta impedenza
OUT2 - Riposo : Alta impedenza OUT2 - Riposo : 0V
Allarme: 0V Allarme: Alta impedenza
USCITE LOGICHE OUT1 E OUT2 DEI MODULI DI ESPANSIONE SPEEDxx
OUT1 Riposo : Alta impedenza OUT1 + Riposo : +13,8V
Allarme: +13,8V Allarme: Alta impedenza
OUT2 Riposo : Alta impedenza OUT2 - Riposo : 0V
Allarme: 0V Allarme: Alta impedenza
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

ATTENZIONE - CIRCUITI DI USCITA


In fase di installazione devono sempre essere programmate due uscite
separate una per l'allarme (uscita logica) e la seconda in caso di intrusione
(sirena).
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permesso di
modificare lo stato delle uscite per allarme e per intrusione.
Tale modifica comporta il declassamento del livello di prestrazione della
centrale.

Centrale TP16-256 4-23


4.1.8 PROGRAMMAZIONE DELLE SIRENE SU BUS
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona "Uscite"
mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

Numero
sirena BUS

L'ambiente permette di selezionare le sirene Bus (da 1 a 15) e di definire tutte le funzioni
relative alle sirene stesse. Per abilitare le funzioni selezionare la Sirena con il mouse.
Ogni funzione è abilitata quando a fianco del nome compare il simbolo ;
PROGRAMMA
Permette l'associazione della sirena BUS
selezionata ai programmi di inserimento della
centrale (da 1 a 32). Il progamma di
inserimento è associato alla sirena quando a fianco al suo nome compare il simbolo ;
POST LAMPEGGIO
Definisce il tempo (in minuti) per cui il lampeggiatore della sirena deve
rimanere attivo dopo il termine del tempo di suonata della sirena
stessa.
VOLUME SEGNALAZIONI/PREALLARME
Determina la potenza sonora della
segnalazione acustica.
Esistono i seguenti 4 livelli programmabili: Basso, Medio Basso, Medio Alto, Alto
MODO SIRENA
Sono disponibili le seguenti modalità di
funzionamento:
z Sirena interna Segue modalità, i tempi e suoni tipici della sirena da interno
z Sirena esterna Segue modalità, i tempi e suoni tipici della sirena da esterno
ASSOCIAZIONE SIRENA-EVENTI E TIPO DI ATTIVAZIONE
Permette l'associazione della sirena agli eventi della centrale.
Per evento è possibile attivare la sirena in un modo diverso.
z Allarme
Si attiva in caso di allarme di uno dei programmi associati alla sirena (con tempistiche
relative). Si attiva anche in caso di allarme generale (Manomissione, Anomalie,...)

4-24 Centrale TP16-256


Tipo di suonata per Allarme
Sono disponibili le seguenti modalità di
suonata
» Bidirezionale (suono sweep di default)
» Monodirezionale (suono sweep)
» Bitonale (suono bitonale)
z Allarme tecnico
Si attiva se la zona che genera l’allarme è inclusa nel
gruppo di programmi dei quali fa parte anche la sirena
Si attiva come allarme generale se la zona NON è inclusa in nessun programma
Tipo di suonata
Sono disponibili le seguenti modalità
di suonata
» Bidirezionale (suono sweep di default)
» Monodirezionale (suono sweep)
» Bitonale (suono bitonale)
z Preallarme
Si attiva in caso di allarme di uno dei Programmi
associati alla sirena. Il tipo di suonata è fisso.
z Segnalazioni
Si attiva in caso di Inserimento e Disinserimento dei
Programmi associati alla sirena. Il tipo di suonata è fisso.
z Chime
Si attiva se la zona che si apre è inclusa nel gruppo
di programmi dei quali fa parte anche la sirena
Si attiva come Chime generale se la zona NON è inclusa in nessun programma.
Il tipo di suonata è fisso.
z Abilitazione antischiuma
Abilita la protezione antischiuma della sirena
5 significa opzione abilitata
z Abilitazione antiperforazione
Abilita la protezione antiperforazione della sirena
5 significa opzione abilitata
TIPO DI ATTIVAZIONE
Determina il tipo di attivazione della sirena a seconda degli eventi rilevati dalla centrale.
z Non attivo La sirena non viene attivata
z Suonata Viene attivata solo la suonata
z Lampeggiante Viene attivato solo il lampeggio
z Suonata+Lampeggiante Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio

Centrale TP16-256 4-25


4.2 CONFIGURAZIONE DELLA SEZIONE TELEFONICA
Per definire le caratteristiche della sezione telefonica cliccare sull'icona a
lato. Sullo schermo viene visualizzato

In questo ambiente è possibile definire le seguenti funzioni:


z Definizione dei parametri telefonici
z Definizione delle funzionalità del comunicatore telefonico cellulare GSM Tecnocell
z Definizione dei codici di rapporto
z Gestione del messaggio telefonico iniziale/Vocabolario
z Definizione messaggi vocali associati ai telecomandi

4.2.1 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI TELEFONICI


Per accedere all'ambiente selezionare l'icona
"Parametri telefonici" mostrata a lato:
La centrale può trasmettere informazioni di allarme o
di funzionamento in modo digitale o vocale usando i
messaggi vocali preregistrati (già in vocabolario)
Nelle trasmissioni digitali la centrale può trasmettere/ricevere informazioni di allarme e pro-
grammazioni sia attraverso un protocollo di trasmissione TECNOALARM oppure attraverso i
protocolli di trasmissione più diffusi.
La programmazione della centrale avviene attraverso protocollo digitale Tecnoalarm.

4-26 Centrale TP16-256


La centrale mette a disposizione 8 comunicatori telefonici (A, B, C, D, E, F, G e H) ai quali può
essere associato un nome, un numero telefonico principale, uno di riserva che viene chiamato
quando le chiamate verso il numero principale non vanno a buon fine.
Ad ogni comunicatore può essere associato un protocollo di trasmissione ed un codice
identificativo differente per consentire la comunicazione digitale e vocale verso qualunque tipo
di dispositivo.
Nella programmazione possono essere definiti i comunicatori che devono essere tacitati
quando il comunicatore in questione riceve il comando di tacitazione.
ATTENZIONE
Tutti i comunicatori hanno la stessa priorità. Gli allarmi sono serviti in ordine di
arrivo partendo dal comunicatore A. L'unica eccezione è l'allarme Rapina. Quando
viene riconosciuto e la centrale sta già servendo un altro allarme, la chiamata
precedente viene interrotta e viene avviata la chiamata per l'allarme rapina. Al
termine viene ripristinato l'allarme precedentemente in corso.
SELEZIONE DEL COMUNICATORE DA PROGRAMMARE

I comunicatori sono identificati dalle lettere da A a H. Per selezionare un comunicatore puntare


con il mouse il parametro da programmare e cliccare.
IMPOSTAZIONE CARATTERISTICHE DEL COMUNICATORE
Per ogni comunicatore è possibile definire:
z NOME Descrizione da attribuire al comunicatore per
esempio (max. 14 caratteri)
z N° tel. 1 1° numero di telefono per il comunicatore telefonico
z N° tel. 2 2° numero di telefono
I numeri possono essere composti da un massimo di 15 cifre
z Protocollo Protocollo di comunicazione (codice a 3 cifre - vedere Appendice A)
Di fabbrica: 000 Tecno
z ID Codice identificativo per il comunicatore (codice da 2 a 6 cifre)
Permette di collegare la centrale a diversi centri di Teleassistenza (con
diversi codici identificativi anche con diversa lunghezza). Per esempio un
centro può richiedere il codice 1234 mentre il secondo il codice 223344.
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutti gli altri comunicatori.
ATTENZIONE
Il codice identificativo del comunicatore deve sempre essere impostato.

CHIAMATE DI CALL BACK


z Call Back Nome da attribuire al proprietario del numero di
Call Back (max. 14 caratteri) (Es. installatore)
z N° tel. 1 Primo numero di Call Back
z N° tel. 2 Secondo numero di Call Back
(Numeri composti da massimo 15 cifre)
Centrale TP16-256 4-27
z Protocollo Protocollo di comunicazione Fisso : Protocollo Tecnoalarm
z Disabilitazione redirezionamento Quando la disabilitazione redirezionamento è
abilitata l'installatore potrà solo utilizzare la funzione di Call Back ai numeri
impostati ma non potrà redirezionare la chiamata a un numero differente
impostandolo attraverso il Centro di Teleassistenza.
NOTE CALL BACK
Il numero di CALL BACK è indispensabile per programmare la centrale da remoto.
Quando la centrale viene chiamata da remoto per essere programmata da un
installatore, il comunicatore dopo il primo scambio di informazioni, interrompe la
comunicazione e richiama il numero di CALL BACK programmato.
Il numero deve corrispondere al numero dell'installatore/centro con il quale ci si deve
collegare. Questo meccanismo serve per proteggere cliente e installatore da
chiunque voglia accedere al sistema di allarme per modificarne il funzionamento.
FUNZIONAMENTO DEI DUE NUMERI DI CALL BACK
Il primo numero di Call Back viene chiamato per tutte le operazioni di gestione da
remoto. Il secondo numero viene chiamato solo quando non è possibile il
collegamento con il numero principale (non risponde oppure occupato).
Se i 2 numeri non rispondono o sono occupati vengono eseguiti 4 tentativi
chiamando alternativamente il primo numero di Call Back quindi il secondo.
REDIREZIONAMENTO CALL BACK
L'installatore utilizzando il Centro di Teleassistenza può redirezionare la chiamata di
Call Back ad un numero telefonico da lui specificato, differente da quelli impostati
nelle caselle di Call Back. Questa funzione viene disabilitata quando è attiva la
funzione "Disabilitazione redirezionamento"

TACITAZIONE DEI COMUNICATORI


I comunicatori possono essere predisposti per
comunicare usando uno dei seguenti formati:
Chiamate Vocali
Chiamata telefonica ed invio di un messaggio
vocale preregistrato
Chiamate Digitali
Chiamata telefonica e comunicazione digitale con il protocollo di trasmissione programmato
Chiamate con protocollo Tecnoalarm
Chiamata telefonica e comunicazione digitale con protocollo TECNOALARM.
Chiamate Totali
Tutte le chiamate vocali e digitali.
La centrale può essere programmata affinché al ricevimento di un comando di tacitazione da
un utente o da un dispositivo remoto si comporti nei seguenti modi:
z Vocali (Tacitazione chiamate con protocollo vocale)
Durante una comunicazione vocale, l'utente che ha ricevuto la chiamata digitando il tasto
* sul telefono può tacitare la centrale. La centrale può essere programmata per
» Tacitare il singolo comunicatore - Comando di tacitazione (*)
Al ricevimento del comando di tacitazione viene terminato il ciclo di chiamate del
comunicatore chiamante.
» Tacitare tutti i comunicatori - Comando di tacitazione (*)
Al ricevimento del comando di tacitazione viene tacitata la chiamata in corso, il ciclo di
chiamate del comunicatore chiamante e di tutti i comunicatori vocali associati al
comunicatore tacitato.
ATTENZIONE
La tacitazione dei comunicatori vocali è valida solamente quando viene ricevuto
il tasto di tacitazione *oppure #.
La risposta vocale non è valida come comando di tacitazione.

4-28 Centrale TP16-256


z Digitali (Tacitazione chiamate con protocollo digitale - NON TECNOALARM)
» Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso.
In tutti gli altri casi viene trasmesso il successivo evento di allarme in coda.
» Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate in corso per tutti i comunicatori
digitali associati al comunicatore tacitato.
z Tecnoalarm (Tacitazione chiamate con protocollo digitale - TECNOALARM)
» Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso.
In tutti gli altri casi viene trasmesso il successivo evento di allarme in coda.
» Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate in corso per tutti i comunicatori
TECNOALARM associati al comunicatore tacitato.
z Totale (Tacitazione di tutte le chiamate digitali e vocali)
» Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", oppure se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso.
In tutti gli altri casi viene trasmesso il successivo evento di allarme in coda.
» Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Per i protocolli "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate in corso per tutti i comunicatori
vocali e digitali associati al comunicatore tacitato.
FUNZIONI TELEFONICHE
z Selezione
Tipo di selezione dei numeri di telefono.
» Pulse (Decadico, Decimale o a impulsi)
» DTMF Per le centrali telefoniche con selezione
a TONI. La selezione del numero è più veloce.
z PABX
Per centrali collegate a un centralino PABX.
Nella casella successiva deve essere impostato il
numero di uscita che la centrale deve comporre per
ottenere la linea esterna (da 1 a 16 cifre).
z Risposta
Abilitata la centrale alla risposta alle chiamate
entranti
z Numero squilli
Numero di squilli dopo i quali la centrale risponde alle chiamate entranti (da 3 a 16).
Permette di collegare più dispositivi sulla stessa linea telefonica, anche quando questi
rispondono con priorità più alta rispetto alla centrale (es. segreteria telefonica o un
Telefax). La centrale è predisposta di fabbrica a rispondere dopo 5 squilli.

Centrale TP16-256 4-29


FUNZIONE SALTO SEGRETERIA TELEFONICA
Selezionando il numero di squilli a 17 si imposta
la funzione di "Salto segreteria telefonica".
Questa funzione permette a un utente che ha
collegato sulla stessa linea telefonica la centrale e
la segreteria telefonica di sentire i messaggi della
centrale saltando quello della segreteria.
Come attivarla
Per attivare il salto segreteria occorre impostare
la risposta della segreteria dopo 3..5 squilli.
Chiamare ora la centrale e dopo il primo squillo
riappendere.
Chiamare nuovamente la centrale. Essa risponderà immediatamente prima
dell'intervento della segreteria telefonica.
z Test Linea
Stabilisce se la centrale deve controllare la presenza della linea telefonica
z Controllo tono di risposta
Stabilisce se la centrale deve controllare il tono di risposta del corrispondente prima di
inviare il messaggio
z Controllo tono di centrale
Stabilisce se la centrale deve controllare il tono di risposta della centrale telefonica prima
di comporre il numero telefonico.
z Messaggio iniziale
Abilitata la centrale all'invio del messaggio iniziale preregistrato quando si è in chiamata
vocale prima della riproduzione del messaggio di allarme.

TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE


Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-30 Centrale TP16-256


4.2.2 FUNZIONAMENTO DEL COMUNICATORE GSM - TECNOCELL
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Parametri telefonici" mostrata a lato:
E' possibile definire quanto segue:

z Tecnocell
Abilita il TECNOCELL a segnalare le condizioni di allarme della centrale per mancanza della
linea telefonica commutata. La segnalazione avviene per mezzo di uno dei 4 messaggi vocali
preregistrati attraverso la rete cellulare GSM.
z Risposta
Abilita il TECNOCELL a rispondere alle chiamate entranti. Se la risposta è abilitata, in
caso di chiamata entrante (dopo circa 3 squilli), il TECNOCELL risponde inviando uno dei
due messaggi vocali preregistrati che rispecchiano lo stato della centrale (centrale a
riposo o in allarme). Il messaggio viene ripetuto fino alla chiusura della comunicazione.
z Tel. Emergenza
Numero di telefono di emergenza (Max. 15 cifre)
Il TECNOCELL colloquia in continuazione con la centrale
attraverso la linea seriale RS485. Quando il colloquio è assente
(linea seriale non collegata o non funzionante) per un periodo
superiore a 30 secondi, il TECNOCELL esegue una chiamata
telefonica di "emergenza" di tipo vocale al numero telefonico
di emergenza programmato.
z Messaggio emergenza
Nella chiamata di emergenza viene inviato il messaggio vocale selezionato (da 1 a 4)
Per selezionare il messaggio vocale preregistrato da inviare, fare click sulla casella del
messaggio vocale e digitare il numero desiderato.

Centrale TP16-256 4-31


PROGRAMMAZIONI VALIDE SOLO PER TECNOCELL-PRO

z Numero squilli
Numero squilli dopo i quali il Tecnocell-Pro risponde alle chiamate entranti (da 3 a 15).
z Abilitazione messaggio SMS di Emergenza
Abilitazione all'invio di un SMS invece di una chiamata vocale in caso di mancanza
comunicazione su linea seriale RS485 con la centrale.
Quando la comunicazione con la centrale di allarme rimane assente per più di 30 secondi il
Tecnocell-Pro invia l’SMS di emergenza al numero programmato.
z Testo del messaggio SMS di Emergenza
Programmazione del testo per l'SMS da inviare come messaggio di emergenza
(massimo 128 caratteri).
Il testo viene inviato alla centrale che a sua volta in seguito lo invia al Tecnocell-Pro.
z Intestazione SMS di Emergenza
Programmazione del testo dell'intestazione per gli SMS di allarme (massimo 40 caratteri).
z Menù guidato alla chiamata entrante (morsetto S)
Abilitazione alla gestione della chiamata entrante tramite il Bus Vocale (Menù guidato).
z Abilitazione canale dati (non utilizzare con protocolli di Backup)
Abilitazione al funzionamento come canale dati (digitale).
Non deve essere utilizzato con protocolli di backup perchè in tal caso le chiamate vengono
eseguite verso numeri a cui rispondono dispositivi analogici (prima chiamata). L'eventuale
chiamata di Backup utilizzando il Tecnocell-Pro in modalità dati (digitale) non andrebbe mai
a buon fine.
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-32 Centrale TP16-256


4.2.3 DEFINIZIONE DEI CODICI DI RAPPORTO
Per accedere all'ambiente fare click sull'icona
"Codici di rapporto" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

I codici di rapporto sono quei codici che vengono inviati dalla centrale durante una chiamata di
tipo digitale per identificare il tipo di allarme o la segnalazione in corso.
Per ogni condizione della centrale (vedere tabella codici di rapporto) è possibile inviare un
codice esadecimale (da 00 a FF) a 2 cifre.
ASSOCIAZIONE CAUSALE DI ALLARME - COMUNICATORE
E' possibile associare l'invio della causale
di segnalazione/allarme ad uno specifico
comunicatore cliccando in corrispondenza
del comunicatore desiderato (5 5 significa
abilitato).
Nell'esempio a destra i codici di rapporto
abilitati (inizio allarme zona1 e zona 2) sono
validi solo per il comunicatore A
E' possibile associare l'invio di tutte le
causali di segnalazione/allarme a uno
specifico comunicatore cliccando in
corrispondenza della lettera del
comunicatore desiderato (tutte le causali
vengono abilitate 5 significa abilitato)
Nell'esempio tutti i codici di rapporto sono
abilitati per il comunicatore C
DEFINIZIONE DEL CODICE DI RAPPORTO
E' possibile definire o modificare il codice
di rapporto cliccando in corrispondenza
del valore.
Selezionare il nuovo valore dalla lista e
cliccare nuovamente.
Il nuovo valore verrà visualizzato.
Nell'esempio a destra è stato selezionato
il valore 32 per la segnalazione di inizio
allarme per la zona 02.

Per selezionare le causali di allarme o di segnalazione non visualizzate cliccare sulla barra
laterale fino a raggiungere la definizione voluta.

Centrale TP16-256 4-33


4.2.4 GESTIONE DEL MESSAGGIO TELEFONICO INIZIALE
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona "Messaggio
telefonico iniziale" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

l messaggio telefonico iniziale è quel messaggio vocale che viene riprodotto dalla centrale ogni
volta che avviene una chiamata telefonica uscente.
Può essere registrato dall'utente in diversi modi: attraverso un microfono collegato alla scheda
audio del Personal Computer, attraverso il software di Teleassistenza Tecnoalarm oppure
direttamente da remoto via telefono
In ambiente Configurazione Messaggio telefonico iniziale sono disponibili i seguenti comandi:
z Prova messaggio (Play)
Permette la riproduzione del messaggio vocale iniziale preregistrato
z Carica messaggio da file WAV
Permette il caricamento e la riproduzione di un file (da hard disk o dischetto) contentente il
messaggio iniziale preregistrato in formato WAV
z Registra messaggio (scheda audio)
Permette la registrazione del messaggio iniziale utilizzando un microfono e la scheda
audio del Personal Computer
REGISTRAZIONE MESSAGGIO INIZIALE ATTRAVERSO
SOFTWARE TECNOALARM
Il messaggio può essere registrato utilizzando un microfono
connesso alla scheda audio del Personal Computer e utiliz-
zando il Software TECNOALARM di gestione della centrale.
Per far partire la registrazione selezionare il tasto "Registra
messaggio (scheda audio)"
Parlare con voce forte e chiara per registrare il messaggio
Per interrompere la registrazione selezionare nuovamente il tasto "Registra messaggio scheda
audio". La registrazione viene terminata.
z Durata massima del messaggio : 16 secondi
(al termine dei 16 secondi la registrazione viene automaticamente interrotta

4-34 Centrale TP16-256


REGISTRAZIONE MESSAGGIO INIZIALE ATTRAVERSO PERSONAL COMPUTER
Il messaggio può essere registrato utilizzando un microfono connesso alla scheda audio del
Personal Computer ed un programma qualunque di codifica audio.
ATTENZIONE - FORMATO DEL MESSAGGIO VOCALE
z Durata massima del messaio : 16 secondi
z Formato di registrazione : Windows PCM (.WAV)
z Frequenza di campionamento : 8 KHz - Mono
z Formato dati : 8 Bit

MESSAGGIO INIZIALE REGISTRATO ATTRAVERSO TELEFONO


Il messaggio può essere registrato da remoto utilizzando un telefono nel corso di una
comunicazione con la centrale di allarme.
z Durata del messaggio: Fissa a 10 secondi
La durata è fissa perciò è consigliabile registrare un messaggio della durata vicina a 10
secondi per evitare silenzi nella riproduzione del messaggio di risposta.
SELEZIONE DEL VOCABOLARIO

ATTENZIONE
La selezione e la modifica dei messaggi vocali associati alla centrale è
permessa ai soli utenti in possesso dello specifico software TECNO MSG e
dell'apposita licenza d'uso.
Permette di selezionare il vocabolario dei messaggi vocali utilizzato dalla centrale.
Il vocabolario per la lingua italiana è memorizzato nella seguente directory:
C:\Tecnoalarm\wav2\ITA
Il file da selezionare è il seguente:
Msg_Cnf.tcn
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-35


4.2.5 DEFINIZIONE MESSAGGI VOCALI ASSOCIATI AI TELECOMANDI
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona
"Telecomandi" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

La centrale mette a disposizione 16 telecomandi.


Ad ogni telecomando può essere associato un messaggio vocale composto da un massimo di
4 parole che possono essere selezionate tra quelle presenti nel vocabolario.
Selezionare il telecomando (ad esempio il
secondo) quindi cliccare sul simbolo della
prima parola come mostrato a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:
Selezionare la parola quindi se necessario ripetere l'operazione
per la seconda la terza e la quarta parola. Al termine per memorizzare la
modifica cliccare sul pulsante mostrato sotto:

Il testo del messaggio viene riprodotto in modo vocale e viene memorizzato.


E' comunque sempre possibile digitare o modificare il messaggio vocale (massimo 16
caratteri) in modo manuale.
Nella casella della descrizione vengono mostrati i primi 16 caratteri del messaggio.
Ripetere le operazioni per la programmazione di tutti i telecomandi (da 1 a 16).
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
z OK per confermare
z Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-36 Centrale TP16-256


4.3 CONFIGURAZIONE TEMPI DELLA CENTRALE
Per definire i tempi della centrale selezionare l'icona mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato

L'ambiente di configurazione della sezione telefonica permette di definire le seguenti funzioni


relative a uno specifico programma oppure a tutti i programmi della centrale:
Definizione dei tempi
Definizione delle temporizzazioni
Definizione delle fasce orarie di accesso
Personalizzazione del calendario (Biennale)
SELEZIONE DEL PROGRAMMA
Selezionare il programma di
inserimento (o tutti i programmi)
a cui le temporizzazioni fanno
riferimento cliccando sul simbolo
a lato:

Centrale TP16-256 4-37


4.3.1 DEFINIZIONE DEI TEMPI
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona "Tempi"
mostrata a lato:
Per definire i valori puntare con il mouse il tempo e
cliccare con il pulsante sinistro. Digitare il nuovo valore.
Tempo di Ingresso 1 e di Ingresso 2
Valido per le Zone Ritardate (mm:ss)
E' possibile impostare due diversi tempi di ingresso. Il tempo di
ingresso è l'intervallo di tempo tra il rilevamento di un allarme su
una zona e la generazione della segnalazione di allarme
(da 00 a 59 minuti 59 secondi)
Tempo di uscita - Valido per le Zone Ritardate (mm:ss).
Il tempo di uscita è l'intervallo di tempo tra l'inserimento della centrale e l'effettivo rilevamento
di un allarme su una zona (da 00 a 59 minuti 59 secondi)
Ritardo conferma disinserimento (mm:ss)
Definisce il tempo entro il quale deve essere digitato un
codice utente per evitare che venga attivato l'allarme
rapina (vedere programmazione codici). Se il tempo è impostato a 0 la digitazione di un
codice utente corretto disinserisce il programma. Se il tempo impostato è diverso da 0, per
disinserire il programma occorre digitare il codice di disinserimento. Quindi entro il tempo
programmato digitare nuovamente il codice di disinserimento. Se ciò non viene fatto o é
fatto dopo il tempo di conferma impostato sono attivati i dispositivi di uscita programmati.
Se opportunamente programmato è anche valido il disinserimento rapido (*).
ATTENZIONE : L'operazione di disinserimento da chiave non è implementata
Ritardo attivazione comunicatori (mm:ss)
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme e
l'attivazione dei comunicatori telefonici.
Ritardo attivazione sirene (mm:ss)
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme e
l'attivazione delle sirene. Quando il tempo di ritardo impostato è superiore al tempo di
suonata sirene, le stesse non sono attivate. Per esempio, se il tempo di suonata sirene è
2 minuti e il ritardo impostato è 1min.30 sec., le sirene suonano solamente per 30 secondi.
ATTENZIONE
L'omologazione secondo le norme CEI 79/2 non permette la programmazione di
un ritardo attivazione sirene (ritardo consentito = 0). La programmazione di un
tempo di ritardo diverso da zero invalida l'omologazione della centrale.
Tempodi allarme (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-
esterne-radio/sinottici) in caso di allarme programma.
Tempo di allarme autoprotezione (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-
esterne-radio/sinottici) in caso di allarme autoprotezione.
L'allarme autoprotezione viene generato dall'apertura dell'ingresso manomissione (ZT) o
dalla manomissione di un qualsiasi dispositivo collegato sulla linea seriale.
Tempo di allarme tecnico (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-
esterne-radio/sinottici) in caso di allarme autoprotezione.
L'allarme tecnico viene generato dall'apertura di un sensore
o contatto collegato ad una zona definita tecnica (vedere
programmazione zone).
Tempo di allarme rapina (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-esterne-radio/sinottici) in caso di
allarme rapina.
L'allarme rapina è generato dall'apertura delle zone Rapina (vedere progr. zone)

4-38 Centrale TP16-256


Avviso fine parzializzazione (mm:ss)
Definisce la durata del preavviso (buzzer sulle console)
prima della fine del tempo di parzializzazione
Preavviso autoinserimento (mm:ss)
Definisce la durata del preavviso (buzzer sulle console)
prima dell'operazione di autoinserimento (vedere programmazione dei programmatori orari)
Antimascheramento sezione radio (mm:ss)
Definisce il tempo di permanenza dell'interferenza dopo
di che viene generato l'allarme mascheramento.
L'allarme viene generato quando la centrale rileva un'interferenza con frequenza uguale a
quella di trasmissione dei sensori, che rimane costante per un tempo superiore a quello di
mascheramento impostato.
Ritardo controllo rete (hh:mm)
Definisce il ritardo tra la rilevazione dell'allarme
mancanza rete 230V e l'attivazione delle chiamate
telefoniche. Permette di ritardare la generazione delle chiamate telefoniche per allarme rete in
modo da evitare falsi allarmi ad esempio in caso di caduta di tensione nello stabile o nell'intera
zona oppure di disinserimento dell'impianto elettrico a causa di lavori di manutenzione sullo
stesso, etc.
Tempo massimo di parzializzazione (hh:mm)
Definisce il tempo massimo in cui è attiva la funzione di
parzializzazione
Intervallo sopravvivenza sensori radio (hh:mm)
Definisce il tempo per il quale deve essere assente il
colloquio con i dispositivi radio dopo il quale viene generato l'allarme di sopravvivenza.
L'allarme sopravvivenza sensore viene generato quando, uno qualsiasi dei dispositivi
radio controllati dalla centrale non risponde più alle sue interrogazioni per un tempo
superiore a quello di sopravvivenza impostato.

TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE


Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-39


4.3.2 DEFINIZIONE DELLE TEMPORIZZAZIONI
Per accedere all'ambiente selezionare l'icona
"Temporizzazioni" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

L'ambiente di configurazione delle temporizzazioni permette di definire le seguenti funzioni:


Definizione dei 32 programmatori orari
Programmazione del Test ciclico
DEFINIZIONE DEL PROGRAMMATORE ORARIO
Per ogni programmatore orario è possibile definire i seguenti parametri:
Frequenza di attivazione
Ora e minuto di attivazione
Funzione svolta
Programmi (da 1 a 32) o telecomandi (da 1 a 16) a cui viene associato
DEFINIZIONE DELLA FREQUENZA DI ATTIVAZIONE
Scegliere il programmatore orario selezionando la casella mostrata sotto
Le opzioni di frequenza disponibili sono le seguenti:
Non attivo
Ogni giorno
Ogni feriale
Ogni prefestivo
Ogni festivo
Ogni domenica
........
Ogni sabato
DEFINIZIONE DELL'ORA E
MINUTO DI ATTIVAZIONE
Selezionare campi hh e mm e
digitare l'ora minuto di
attivazione del programmatore
DEFINIZIONE DELLA FUNZIONE DEL PROGRAMMATORE
Scegliere la funzione che il
programmatore dovrà svolgere.
Le funzioni eseguibili dai
programmatori sono le seguenti:
inserimento programmi
disinserimento programmi
inizio della parzializzazione
fine della parzializzazione
attivo telecomando
riposo telecomando

4-40 Centrale TP16-256


Inserimento condizionato
L'opzione inserimento condizionato permette di evitare l'inserimento dei programmi in
presenza delle seguenti condizioni:
Batteria bassa, mancanza rete, manomissione, allarme sopravvivenza dei moduli radio,
anomalia moduli, mascheramento del ricevitore radio.
ASSOCIAZIONE DEL PROGRAMMATORE AI PROGRAMMI O AI TELECOMANDI
Per associare i programmatori orari ai
programmi di inserimento (da 1 a 32)
o ai telecomandi (da 1 a 16) cliccare
sulla posizione corrispondente al
programma/telecomando.
Quando viene visualizzato un numero
significa che il programmatore è
associato al programma/telecomando
corrrispondente. E' possibile associare da 1 a 32 programmi e da 1 a 16 telecomandi al
programmatore.
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutti gli altri programmatori orari.
DEFINIZIONE DEL TEST CICLICO
Permette il controllo a distanza della funzionalità della
centrale. Consiste in una o più chiamate telefoniche
eseguite usando i comunicatori ai quali il test ciclico è
stato associato (vedere definizione dei codici di
rapporto) e utilizzando i numeri di telefono memorizzati.
Le chiamate sono eseguite ad un orario prefissato con
frequenza programmabile.
Per abilitare il test ciclico selezionare la casella indicata
a lato ( 5 significa abilitato).
E' possibile definire se il test ciclico deve essere eseguito sempre oppure solamente quando la
centrale è inserita
IMPOSTAZIONE ORA DI INIZIO DEL TEST CICLICO
Per impostare l'ora di inizio del test ciclico selezionare la
casella a fianco della scritta Start e digitare l'ora ed il
minuto.
IMPOSTAZIONE DELLA FREQUENZA
Per impostare la frequenza selezionare la casella
Frequenza e digitare il valore (da 1 a 255) .
Selezionare quindi l'unità di misura dell'intervallo tra una
chiamata e la successiva.
Le chiamate possono essere eseguite con la seguente
cadenza: Minuti, Ore oppure Giorni
IMPOSTAZIONE DELLA CONDIZIONE DI
ESECUZIONE
Definisce se il test ciclico deve essere eseguito sempre
oppure solamente quando ci sono programmi inseriti.
Per impostare l'opzione di attivazione del test ciclico
selezionare la casella indicata nella figura a lato.
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-41


4.3.3 DEFINIZIONE DELLE FASCE ORARIE DI ACCESSO
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Fasce orarie di accesso" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:
Inizio della fascia Fine della fascia
oraria oraria

Ora e minuto di Ora e minuto di


Numero della inizio della fascia fine della fascia
fascia oraria oraria oraria

Questo ambiente permette di definire le seguenti funzioni:


Definizione di 8 fasce orarie di accesso
Associazione dei codici (da 1 a 200) alle fasce orarie
Associazione delle chiavi (da 1 a 64) alle fasce orarie
Associazione dei radiocomandi (da 1 a 60) alle fasce orarie
DEFINIZIONE DELLE FASCE ORARIE DI ACCESSO
La centrale permette di definire fino a 8 fasce orarie (anche in giorni differenti)
Per ogni fascia oraria è possibile definire i seguenti parametri:
Frequenza di attivazione + ora e minuto di attivazione della fascia oraria (INIZIO dalle)
Frequenza di disattivazione + ora e minuto di disattivazione della fascia oraria (FINE alle)
INIZIO DELLA FASCIA ORARIA
Definire la fascia oraria e l'ora di inizio della
fascia. Le opzioni disponibili sono le seguenti:
Non attivo Ogni giorno
Ogni feriale Ogni prefestivo
Ogni festivo Ogni domenica
Ogni lunedì .......

DEFINIZIONE DEL'ORA DI INIZIO DELLA FASCIA ORARIA


Selezionare quindi i campi hh e mm puntando
con il mouse le rispettive caselle e digitare
l'ora minuto di inizio della fascia oraria

FINE DELLA FASCIA ORARIA


Selezionare la fine della fascia oraria puntando con il mouse la casella sotto.

Le opzioni disponibili sono le seguenti:


Non attivo Ogni giorno Ogni feriale Ogni prefestivo
Ogni festivo Ogni domenica Ogni lunedì .......

4-42 Centrale TP16-256


DEFINIZIONE DEL'ORA DI FINE DELLA
FASCIA ORARIA
Selezionare quindi i campi hh e mm puntando
con il mouse le rispettive caselle (alle) e digitare
l'ora ed il minuto di fine fascia.
ASSOCIAZIONE DELLE FASCE ORARIE
AI CODICI
E' possibile associare il funzionamento dei
codici utente alle fasce orarie definite.
In questo modo il possessore di ogni codice
può effettivamente agire sulla centrale solo
all'interno del periodo nel quale è stato
abilitato (ad esempio le imprese di pulizia). Nome del codice Numero delle fasce
Per associare i codici alle fasce orarie basta orarie di accesso
cliccare in corrispondenza delle caselle
mostrate a lato.
Quando viene visualizzato un numero significa
che il codice è abilitato a funzionare all'interno
della fascia oraria specificata.
ASSOCIAZIONE DELLE FASCE ORARIE
ALLE CHIAVI
E' possibile associare il funzionamento delle
chiavi utente alle fasce orarie definite.
In questo modo il possessore di ogni chiave
può agire sulla centrale solo all'interno del
periodo nel quale è stato abilitato (ad
esempio ingresso e uscita dipendenti). Nome della chiave Numero delle fasce
Per associare le chiavi alle fasce orarie basta orarie di accesso
cliccare in corrispondenza delle caselle mostrate a lato.
Quando viene visualizzato un numero significa che la chiave è abilitata a funzionare all'interno
della fascia oraria specificata.
ASSOCIAZIONE DELLE FASCE ORARIE
AI RADIOCOMANDI
E' possibile associare il funzionamento dei
radiocomandi (da 1 a 60) alle fasce orarie
definite. In questo modo il possessore di ogni
radiocomando può agire sulla centrale solo
all'interno del periodo nel quale è stato
abilitato). Per associare i radiocomandi alle Nome del Numero della fascia
fasce orarie basta cliccare in corrispondenza radiocomando oraria di accesso
delle caselle mostrate a lato.
Quando viene visualizzato un numero significa che il radiocomando è abilitato a funzionare
all'interno della fascia oraria specificata.
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutte le altre fasce orarie
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-43


4.3.4 PERSONALIZZAZIONE DEI CALENDARI
La centrale fornisce un calendario
biennale personalizzabile (per il
controllo di tutte le operazioni
automatiche controllate
dall'orologio). Personalizzazione Personalizzazione
Nei due calendari è possibile 1° anno 2° anno
definire i giorni feriali/prefestivi e
festivi e specificare i giorni di cambiamento tra ora solare e ora legale e viceversa.
Per personalizzare il calendario selezionare i simboli mostrati sopra.
Sullo schermo viene visualizzato:

TIPOLOGIA DEI GIORNI


I giorni sono visualizzati con le seguenti colorazioni:
Bianco Giorno feriale
Rosso scuro Giorno prefestivo
Rosso brillante Giorno festivo
Blu Giorno nullo (non è valida alcuna delle proprietà precedenti)
NOTA
Il giorno nullo non è feriale, festivo o prefestivo. L'impostazione giorno nullo serve
per modificare le caratteristiche di un programmatore orario che esegue
operazioni su giorni contrassegnati con un attributo (feriale/prefestivo/festivo).

PREDISPOSIZIONE GIORNO FERIALE/PREFESTIVO/


/FESTIVO/NULLO
Per modificare l'attributo di un giorno del calendario cliccare
sul giorno da modificare.
Cliccare nuovamente fino a raggiungere la condizione
desiderata (verificare il colore).

4-44 Centrale TP16-256


PREDISPOSIZIONE ORA LEGALE/ORA SOLARE
Per definire il giorno di inizio del periodo con ora solare ed il
ritorno all'ora legale selezionare il tasto a lato e cliccare.
Scegliere la voce "Ora legale", selezionare il giorno di inizio del
periodo di ora legale e fare click (per esempio Domenica 30
Marzo) .
A fianco del giorno di inizio del periodo a ora legale compare il
simbolo mostrato a lato.
Scegliere la voce "Ora solare", selezionare il giorno di inizio
del periodo di ora solare e fare click (per esempio Domenica
26 Ottobre).
A fianco del giorno di inizio del periodo a ora solare compare il
simbolo mostrato a lato.
NOTA
Il cambio tra ora solare e ora legale e viceversa avviene in modo automatico
e viene sempre eseguito durante la notte.
Il passaggio avviene dalle 2 alle 3 oppure dalle 3 alle 2 del giorno stabilito.

IMPOSTAZIONE GIORNO DI VISUALIZZAZIONE DEI MESSAGGI SULLE CONSOLE


La centrale permette di impostare fino a 3 differenti messaggi (identificati con 1, 2 e 3 in verde)
di 2 righe ciascuno, che saranno visualizzati sulla console selezionata alla data che è stata
specificata attraverso il calendario. Vedere Messaggistica programmata al Paragrafo 4.1.4 a
Pag. 4.16 . Lo stesso messaggio può essere visualizzato più volte nel corso dell'anno.

Per impostare la data di partenza del messaggio selezionare il


tasto a lato e cliccare.
Scegliere la voce "Messaggio programmato"
Per impostare la data di visualizzazione del messaggio
cliccare sul giorno.
Cliccare nuovamente fino a raggiungere il messaggio richiesto
(1, 2 o 3). Al quarto click il messaggio viene rimosso.
Nell'esempio a lato, il giorno Domenica 28 verrà visualizzato
sulle console il messaggio programmato numero 1.

TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE


Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

Centrale TP16-256 4-45


4.4 PROGRAMMAZIONE DI CODICI, CHIAVI E
RADIOCOMANDI

4.4.1 PROGRAMMAZIONE DEI CODICI


Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Codici" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

L'ambiente di programmazione dei codici permette di definire le seguenti funzioni:


Selezione del codice
Nome del codice
Valore
Funzione svolta dal codice
Lunghezza dei codici della centrale
Associazione del codice ai programmi della centrale
Lunghezza dei codici della centrale
Funzioni varie legate ai codici
SELEZIONE DEL CODICE
Selezionare il codice da programmare cliccando sul
simbolo a lato:
NOTA
Il codice Master, è il codice da riservare al
proprietario dell'impianto. E' sempre abilitato
a operare su tutti i programmi della centrale.

4-46 Centrale TP16-256


IMPOSTAZIONE CARATTERISTICHE DEL
CODICE
Per ogni codice è possibile definire :
Nome
Descrizione per il codice (max. 16 caratteri). Nome codice Valore codice
Per esempio il nome del proprietario.
Codice
Valore numerico da associare al codice
(è il valore da digitare per attivare il Codice).
La sua lunghezza massima dipende da quanto programmato nel campo "Lunghezza codici".
ATTENZIONE
Il valore del codice è visualizzato unicamente durante la fase di inserimento.
Per motivi di privacy e di sicurezza una volta confermato non sarà più visualizzato
in chiaro ma al suo posto saranno visualizzate delle "p"
Tipo
Funzione svolta con la digitazione del
codice. Da selezionare tra:
» Inserimento/disinserimento
» Parzializzazione Tipo di operazione eseguita
LUNGHEZZA DEI CODICI
Per programmare la lunghezza dei codici della centrale selezionare
l'icona a lato e scegliere la lunghezza (valori da 4 a 6 caratteri).
ASSOCIAZIONE CODICI-PROGRAMMI
I programmi selezionati (da 1 a 32) saranno inseriti e disinseriti o parzializzati quando viene
digitato il codice.

Per associare i codici ai programmi cliccare sulla posizione che rappresenta il numero del
programma. Il numero che compare rappresenta il numero da digitare in aggiunta al codice per
attivare il programma.
Es. se viene utilizzato il codice 1 (es. 23668), per attivare il 5° programma digitare: 23668 5 (il
comando ha effetto solo se il programma è stato abilitato)
Solo i programmi che visualizzano un numero sono abilitati.
IMPOSTAZIONE FUNZIONI DEL CODICE
Alla digitazione dei codici è possibile associare
una serie di funzioni. Per associare il codice alla
funzione cliccare in corrispondenza delle caselle
da abilitare (5 5 = funzione abilitata).
Abort manuale generale dei comunicatori
Quando la funzione é abilitata, dopo il
disinserimento dell'impianto (digitazione
codice utente) è possibile eseguire il blocco
di tutti i comunicatori attivi (e in coda)
digitando nuovamente il codice utente seguito
dal tasto EXIT.
Abort automatico dei comunicatori al
disinserimento
Quando la funzione é abilitata al disinserimento dell'impianto (digitazione del codice
utente) viene eseguito il blocco automatico dei comunicatori attivi e di quelli in coda.

Centrale TP16-256 4-47


Codice rapina
Attiva la funzione Codice Rapina. L'utente potrà attivare la funzione rapina digitando un
codice utente valido decrementando di una unità l'ultima cifra del codice.
Per esempio, se il codice utente Master è 1 2 3 4 5 il disinserimento della centrale con
l'attivazione dell'allarme silenzioso rapina avviene digitando :
+ 12344
ATTENZIONE
Se il codice termina con 0 (ad esempio 12340) il codice da digitare per
l'attivazione dell'allarme rapina terminerà con 9 (12349) .

Bypass allarmi generali


Quando la funzione é abilitata l'utente potrà
eseguire l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme
generale elencate di seguito:
» Manomissione
» Batteria scarica
» Mancanza rete
» Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli
Disabilitazione accesso da remoto
Quando la funzione é abilitata, l'utente utilizzando un telefono da remoto, non potrà inserire
o disinserire i programmi per i quali la funzione è attivata.
Disabilitazione Inserimento/Disinserimento diretto
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo aver digitato il codice non potrà eseguire
l'inserimento diretto (digitazione del tasto # per l'inserimento contemporaneo di tutti i
programmi abilitati) ma dovrà inserire anualmente, uno ad uno i programmi desiderati
Privilegiato
Quando la funzione é abilitata, l'utente oltre a svolgere le normali funzioni con il suo codice
potrà visualizzare il log degli allarmi generali ed il log relativo ai programmi ai quali è abilitato.
Potrà inoltre avere accesso a differenti voci dei menù di programmazione.
Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
Disabilitazione accesso telecomandi
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà accedere all'utilizzo dei telecomandi
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutti i codici utente (da 1 a 200)

4-48 Centrale TP16-256


4.4.2 PROGRAMMAZIONE DELLE CHIAVI
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Chiavi" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

L'ambiente di programmazione delle chiavi permette di definire le seguenti funzioni:


Selezione della chiave (da 1 a 64)
Nome della chiave
Funzione svolta dalla chiave
Associazione della chiave ai programmi della centrale
Funzioni legate alle chiavi
SCELTA DELLA CHIAVE DA PROGRAMMARE
Selezionare la chiave da programmare cliccando sul
simbolo a lato:
IMPOSTAZIONE CARATTERISTICHE DELLA
CHIAVE
Per ogni chiave è possibile definire:
Nome
Descrizione della chiave
(max. 16 caratteri).
Es. nome del proprietario.
Tipo
Funzione svolta dalla chiave. Nome codice Operazione eseguita
» Inserimento/disinserimento
» Parzializzazione
ASSOCIAZIONE CHIAVI-PROGRAMMI
I programmi selezionati saranno inseriti e disinseriti o parzializzati quando viene utilizzata la
chiave selezionata.

Centrale TP16-256 4-49


ATTENZIONE
E' indispensabile che oltre all'associazione della chiave ai programmi (es chiave 1
a programma 1, 3 e 12), corrisponda anche l'associazione dei programmi al punto
chiave (vedere paragrafo 4.1.5). Quando l'associazione non è eseguita
all'inserimento della chiave nell'attivatore non verrà eseguita alcuna operazione
Per associare le chiavi ai programmi cliccare sulla posizione che rappresenta il numero del
programma. Il numero che compare rappresenta il numero da digitare sulla tastiera
dell'attivatore (TP SK6N) dopo l'inserimento della chiave per attivare il programma.
Per esempio, se viene utilizzata la chiave 1 per attivare il 2° programma occorrerà inserire
tale chiave e premere il tasto 2 sulla console dell'attivatore.
Solo i programmi che visualizzano un numero sono abilitati.
IMPOSTAZIONE FUNZIONI DELLE CHIAVI
All'utilizzo di una chiave é possibile associare la
serie di funzioni mostrata a lato. Per associare la
funzione alla chiave cliccare in corrispondenza
5 funzione abilitata).
delle caselle da abilitare (5
Bypass allarmi generali
Se la funzione é abilitata l'utente potrà eseguire
l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme

ATTENZIONE
Il radiocomando attualmente disponibile mette a disposizione solamente
3 tasti (da 1 a 3)
generale elencate di seguito:
» Manomissione
» Batteria scarica
» Mancanza rete
» Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli
Abort automatico dei comunicatori al disinserimento
Quando la funzione é abilitata al disinserimento dell'impianto (inserimento della chiave
utente appositamente programmata) verrà eseguito anche il blocco automatico di tutti i
comunicatori attivi e di quelli che sono in coda.
Conferma disinserimento (attiva la rapina)
Se la funzione è abilitata l'utente dopo il disinserimento dell'impianto (chiave utente), per
evitare l'attivazione dell'allarme rapina dovrà digitare il codice utente entro il tempo
programmato per disattivare completamemente la centrale (vedere tempo Ritardo
conferma disinserimento).
Quando la digitazione del codice utente non è eseguita o viene eseguita dopo il tempo di
conferma impostato sono attivati i dispositivi di uscita programmati.
Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
Disinserimento rapido
Se la funzione é abilitata e la centrale è inserita, l'utente inserendo la chiave disinserirà
tutti programmi ad essa associati. In questo caso la chiave potrà unicamente inserire e
disinserire il primo programma ad essa associato.
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutti le chiavi utente (da 1 a 64)

4-50 Centrale TP16-256


4.4.3 PROGRAMMAZIONE DEI RADIOCOMANDI
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona
"Radiocomandi" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

L'ambiente di programmazione dei radiocomandi permette di definire le seguenti funzioni:


Selezione del radiocomando (da 1 a 60)
Nome del radiocomando
Funzione svolta da ogni singolo tasto del radiocomando
Funzioni legate ai radiocomandi
SCELTA DEL RADIOCOMANDO DA PROGRAMMARE
Selezionare il radiocomando da programmare cliccando sul
simbolo a lato:
IMPOSTAZIONE CARATTERISTICHE DEL RADIOCOMANDO
Per ogni radiocomando é possibile definire:
Nome
Descrizione del radiocomando Nome radiocomando
(max. 16 caratteri).
Tasto
Selezionare il tasto (1, 2 o 3)

Operazione eseguita Dispositivo attivato o disattivato


Numero del tasto alla pressione del tasto alla pressione del tasto

Selezionare l'operazione svolta dal tasto tra :


» Disinserimento (Tutti i programmi inseriti dal radiocomando)
» Inserimento programma (Numero programma da 1 a 16)
» Dinserimento programma (Numero programma da 1 a 16)
» On/Off telecomandi (Numero telecomando da 1 a 16)
» Attivo telecomando (Numero telecomando da 1 a 16)
» Riposo telecomando (Numero telecomando da 1 a 16)
Centrale TP16-256 4-51
IMPOSTAZIONE FUNZIONI DEL RADIOCOMANDO
Alla pressione di un tasto su uno specifico radiocomando
oltre all'attivazione principale è possibile associare una
serie di funzioni.
Per associare lo specifico radiocomando alla funzione
cliccare in corrispondenza delle caselle da abilitare (5 5=
funzione abilitata).
Parzializzazione
Quando questa funzione è abilitata il significato delle operazioni di inserimento e di
disinserimento dei programmi sono modificate.
Le operazioni assumono il seguente significato:
» Inserimento programma diventa Inizio parzializzazione programma
» Disinserimento programma diventa Fine parzializzazione programma
» DIsinserimento diventa FIne parzializzazione
Bypass allarmi generali
Se la funzione é abilitata l'utente potrà eseguire l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme generale elencate di seguito:
» Manomissione
» Batteria scarica
» Mancanza rete
» Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli
Abort automatico dei comunicatori al disinserimento
Quando la funzione é abilitata al disinserimento del programma verrà eseguito il blocco
automatico dei comunicatori attivi e di quelli in coda.
Conferma disinserimento (blocco rapina)
Se la funzione è abilitata, l'utente dopo il disinserimento dell'impianto da radiocomando, per
evitare l'attivazione dell'allarme rapina dovrà digitare su una console il codice utente di
disinserimento entro il tempo programmato per disattivare completamemente la centrale
(vedere tempo Ritardo conferma disinserimento).
Quando la digitazione del codice utente non è eseguita o viene eseguita dopo il tempo di
conferma impostato sono attivati i dispositivi di uscita programmati.
Aggressione
Se la funzione è abilitata, la pressione contemporanea dei tasti 2 e 3 sul radiocomando
attivano l'allarme rapina e la relativa uscita.
Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
Impulso sirene all'inserimento
Quando abilitata, allinserimento della centrale viene generato un impuso sonoro di breve
durata sulle sirene
Ripetere le stesse operazioni per programmare tutti i radiocomandi (da 1 a 60)
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-52 Centrale TP16-256


4.5 PROGRAMMAZIONE DEI DISPOSITIVI RADIO
Per programmare le sirene e le console radio collegate alla centrale
selezionare l'icona mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato

4.5.1 PROGRAMMAZIONE DELLE SIRENE RADIO


Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona "Sirene
radio" mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

Questo ambiente permette di definire le caratteristiche e la funzionalità delle 4 sirene radio che
possono essere collegate alla centrale.

Sirene radio Sirene radio


1e2 3e4

Per ogni sirena è possibile definire:


Tempistiche (tempo di suonata, ritardo suonata dall'allarme, durata del lampeggio)
Funzionalità (volume di suonata modalità di funzionamento - sirena interna o esterna)
Modalità di attivazione della sirena (disattivata, suonata, lampeggiatore o suonata
+ lampeggiatore) in caso di allarme, preallarme, segnalazioni o allarme tecnico.
DEFINIZIONE DEI TEMPI

Per definire i valori cliccare sul tempo da modificare e digitare il nuovo valore.
Durata suonata (mm:ss)
Definisce la durata della suonata della sirena in caso di allarme
Ritardo attivazione (mm:ss)
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme e l'attivazione della sirena
Durata lampeggio (mm:ss)
Definisce la durata del lampeggio alla rilevazione di un allarme o di un allarme tecnico.

Centrale TP16-256 4-53


DEFINIZIONE DELLA FUNZIONALITA' DELLA SIRENA

Volume della sirena


E' possibile definire il volume di suonata della sirena agendo sull'apposito cursore (volume).
E' unicamento possibile variare il volume della sirena in caso di preallarme o di segnalazioni.
In caso di allarme o di allarme tecnico il volume della sirena è sempre impostato al massimo.
Modalità di funzionamento della sirena
E' quindi possibile definire la modalità di funzionamento della sirena con i seguenti parametri:
Sirena interna
Sirena esterna
DEFINIZIONE MODALITA' DI ATTIVAZIONE DELLA SIRENA
Le sirene radio possono essere attivate dalla rilevazione delle seguenti condizioni:
Allarme
Preallarme (durante il tempo di ingresso)
Segnalazioni (Inserimento o disinserimento)
Allarme tecnico (al rilevamento di un allarme tecnico)
Per ogni condizione la sirena può essere impostata per comportarsi nei seguenti modi:
Nessuna attivazione (la sirena non viene attivata)
Suonata (la sirena viene attivata per il tempo di suonata impostato)
Lampeggiatore (il lampeggiatore viene attivato per il tempo di lampeggio impostato)
Suonata + Lampeggiatore (sia la sirena che il lampeggiatore vengono attivati per i
rispettivi tempi di attivazione)
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

4-54 Centrale TP16-256


4.5.2 PROGRAMMAZIONE DELLE CONSOLE RADIO
Per accedere all'ambiente cliccare sull'icona "Tastiere radio"
mostrata a lato:
Sullo schermo viene visualizzato:

Questo ambiente permette di definire le caratteristiche e la funzionalità delle 4 console radio


che possono essere collegate alla centrale.
SCELTA DELLA CONSOLE DA PROGRAMMARE
Selezionare la console da programmare cliccando sul
simbolo a lato:

Per ogni console è possibile definire:


Programmi da controllare (massimo 8 dei 32 disponibili)
Funzioni legate alla console
SELEZIONE DI PROGRAMMI DA CONTROLLARE ATTRAVERSO LA CONSOLE

Programmi associabili (1..8) dei 32 disponibili

Selezionare il programma (tra i 32 disponibili) da associare


al primo programma controllato dalla console radio cliccando
sul simbolo a lato:

Centrale TP16-256 4-55


IMPOSTAZIONE FUNZIONI DELLA CONSOLE RADIO
Alla digitazione dei codici sulle console è possibile associare
una serie di funzioni.
Per associare il codice alla funzione cliccare in
corrispondenza delle caselle da abilitare
5 = funzione abilitata).
(5
Inserimento rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà inserire la
centrale digitando unicamente il tasto * seguito dal
numero del programma da inserire (da1 a 32) ed ancora
dal tasto # (YES).
Disinserimento rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà disinserire la centrale digitando il tasto *
seguito dal numero del programma da disinserire (da1 a 32) ed ancora dal tasto *(NO).
Panico
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà attivare l'allarme panico premendo
contemporaneamente i tasti UP + DOWN (y w).
Menu rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà attivare/disattivare in modo rapido i telecomandi
nel seguente modo:
Esempio : richiesta rapida dello stato dei telecomandi
+ y# y#(YES)
Esempio : attivazione rapida del telecomando 1
+ y1 # #(YES)
Esempio : disattivazione rapida del telecomando 1
+ y1 * *(NO)
Sopravvivenza disabilitata
Quando la funzione é abilitata il controllo di sopravvivenza (colloquio con la centrale) non
viene più verificato.
TERMINE DELLA PROGRAMMAZIONE
Al termine premere:
OK per confermare
Annulla per annullare le operazioni eseguite

4.6 ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE AVANZATA


Per abilitare l'accesso alla programmazione avanzata occorre cliccare
sull'icona di configurazione mostrata a lato:

ATTENZIONE
L'accesso alla programmazione avanzata è permesso solo agli utenti in possesso
dell'apposita licenza d'uso (fornita da TECNOALARM).
L'accesso alla programmazione avanzata è permessa solo quando l'apposita opzione è
abilitata.
Sullo schemo compare:
Abilitare l'opzione Avanzata
5 funzione abilitata).
(5
Cliccare sull'icona
mostrata a lato

4-56 Centrale TP16-256


4.7 SALVATAGGIO DELLA CONFIGURAZIONE UTENTE
E' possibile salvare la programmazione per l'utente sia nell'archivio su Hard disk che su
dischetto.
Per salvare su Hard Disk la configurazione dell'utente
(nell'esempio: ID 0006 - BIANCHI),
cliccare sul tasto a lato
Per salvare su dischetto la
programmazione dell'utente
cliccare sul tasto a lato

Sullo schermo viene visualizzato:

Comandi disponibili
Si per confermare il
salvataggio.
No per abbandonare

Nel caso di salvataggio il file relativo all'utente verrà memorizzato con il seguente nome:
TP2560006.TCN Dove TP256 è il nome abbreviato della centrale mentre 0006
è l'identificativo dell'utente

4.8 INVIO DELLA PROGRAMMAZIONE ALLA CENTRALE


La programmazione eseguita deve essere inviata alla centrale. Per inviarla occorre collegare il
Personal Computer alla centrale utilizzando le seguenti interfacce:
PROG 32 Collegamento alla linea seriale del PC
PROG USB Collegamento alle porte USB del PC
4.8.1 COLLEGAMENTO DEL PERSONAL COMPUTER ALLA CENTRALE
INTERFACCIA PROG32
Collegare la linea seriale del Personal Computer al connettore della linea seriale RS232
sull'interfaccia PROG32.
Collegare l'altro connettore dell'interfaccia PROG32 al connettore (PROGR. INTERFACE) della
scheda CPU della centrale.

Centrale TP16-256 4-57


INTERFACCIA PROG USB

Collegare una porta USB del Personal Computer al connettore USB sull'interfaccia PROGUSB.
Collegare l'altro connettore dell'interfaccia PROGUSB al connettore (PROGR. INTERFACE)
della scheda CPU della centrale.

4.8.2 INVIO DELLA PROGRAMMAZIONE


Per inviare la programmazione alla centrale occorre accedere all'ambiente di programmazione
locale.
ACCESSO ALL'AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE LOCALE

Accesso all'ambiente
di programmazione locale

Per accedere all'ambiente di programmazione locale selezionare l'icona sotto.

SELEZIONE DELL'UTENTE
Per scegliere l'utente selezionarlo con il mouse.
Nel nostro caso selezioniamo l'utente Bianchi con codice
identificativo 0006. Selezionare l'icona a lato per accedere
all'ambiente di programmazione della centrale
Sullo schermo viene visualizzato:

4-58 Centrale TP16-256


ATTENZIONE
Verificare sempre che la connessione tra il computer e la
centrale sia corretta. Quando la connessione è OK e la
comunicazione tra i due dispositivi è corretta la freccia
tra computer e centrale (visualizzata nell'angolo in basso
a sinistra dello schermo) è verde con un punto rosso in movimento.
Se la freccia rimane di colore bianco significa che non vi è comunicazione.
INVIO DELLA PROGRAMMAZIONE
Per inviare la programmazione alla centrale selezionare il tasto indicato nella
figura a lato. Sullo schermo viene visualizzato:

Comandi disponibili
Start invio completo
Esegue l'invio completo
della programmazione
Start invio solo variazioni
Esegue l'invio delle sole differenze
nella programmazione
(Solo se precedentemente era già
stato eseguito un invio completo con
lo stesso PC)
Selezionare il tasto desiderato.
Se la centrale è nuova ed è la prima programmazione sullo schermo compare:
Prima programmazione
La segnalazione indica che la centrale collegata
ha FFFF come identificativo (significa che questa
è la prima programmazione della centrale)
Comandi disponibili
Si conferma l'invio della programmazione
No abbandona l'invio
Confermando l'invio sullo schermo viene visualizzato:
Invio codice ID
La segnalazione indica che al termine della
programmazione è possibile inviare alla centrale
l'identificativo specificato
Comandi disponibili
Si conferma l'invio della programmazione
No abbandona l'invio

Centrale TP16-256 4-59


Confermando l'invio sullo schermo viene visualizzato:
Invio codici /chiavi
La segnalazione indica che è possibile inviare i codici e le chiavi
definiti in precedenza alla centrale
Comandi disponibili
Si conferma l'invio dei codici/chiavi
No invia la programamzione senza codici/chiavi
Sullo schermo viene visualizzato:
Reset base tempi per test ciclico
La segnalazione indica che è possibile reinizializzare al momento
attuale la base tempi per la partenza del test ciclico
Comandi disponibili
Si conferma l'azzeramento della base tempi
No invio programmazione senza modifica della base tempi
Sullo schermo viene visualizzato:

Sullo schermo vengono visualizzati gli


stadi successivi dell'invio della
programmazione.

Premendo STOP la procedura viene


terminata.

Quando l'operazione di invio della


programmazione termina
correttamente significa che la centrale
è pronta a funzionare utilizzando il
programma da Voi creato.

ATTENZIONE
Quando si resetta la centrale (es. per aggiornamento del firmware) e sono
state programmate chiavi/codici, per non perdere il valore e doverlo
successivamente riapprendere in manuale, seguire le seguenti operazioni:
» ricezione della programmazione da centrale
» reset della centrale
» invio della programmazione alla centrale

4-60 Centrale TP16-256


4.8.3 LIVELLO DI AGGIORNAMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE
In ambiente di programmazione locale, sullo schermo sono sempre
mostrati 4 indicatori che segnalano il livello di aggiornamento del 1
programma della centrale.
1 L'indicatore del livello di programmazione della centrale in
locale (centrale presentata sullo schermo) 2
2 L'indicatore del livello di programmazione della centrale in
archivio (programmazione salvata su hard disk)
3 L'indicatore del livello di programmazione della centrale in 3
archivio (programmazione salvata su dischetto)
3 L'indicatore del livello di programmazione della centrale
collegata sulla linea seriale) 4
Il livello di configurazione viene segnalato dal colore
dell'indicatore
Colore uguale significa Programmazione uguale
Colore diverso significa Programmazione diversa
4.8.4 LETTURA DELLA PROGRAMMAZIONE DELLA CENTRALE
Per leggere la programmazione della centrale collegata sulla linea seriale
selezionare il tasto indicato nella figura a lato.
Sullo schermo viene visualizzato:

Premendo il tasto Start ricezione inizia la procedura di ricezione dei dati dalla centrale:

Quando l'operazione di ricezione


termina correttamente la
programmazione della centrale è stata
completamente letta ed è disponibile
sul computer.

2
Al termine della ricezione della programmazione, i due indicatori
di livello della programmazione 1 (aggiornamento attuale sul
computer) e 4 (aggiornamento della centrale) dovranno essere dello 3
stesso colore.
4

Centrale TP16-256 4-61


TP16-256
LA PROGRAMMAZIONE
DA PC

4-62 Centrale TP16-256


5. PROGRAMMAZIONE CENTRALE DA CONSOLE
ATTENZIONE
La programmazione può essere eseguita attraverso la console oppure
attraverso un Personal Computer con il Software per la "Programmazione
Locale con archivi" fornito da TECNOALARM su richiesta.

ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE


Per accedere alla programmazione Installatore occorre
comporre il codice installatore (di fabbrica 54321) . - ACCESSO -
Quando il codice digitato è corretto sul display compare: Installatore

COMANDI DISPONIBILI
In ambiente di programmazione installatore sono disponibili i seguenti comandi:
+ Tasto EXIT Per accettare la programmazione e uscire dal menù
+ Tasti yw Per selezionare i vari menù di programmazione
+ Tasti MEM + EXIT Per cancellare le memorie di allarme
+ Tasti MEM + yw Per visualizzare le memorie di allarme
PER SPOSTARSI NEI MENU'
I comandi per spostarsi nei menù sono i seguenti:
+ Tasto y Per selezionare la voce successiva nella lista delle opzioni
+ Tasto w Per selezionare la voce precedente nella lista delle opzioni
+ Tasto # YES Per confermare la scelta della voce selezionata e/o per
passare al livello successivo
+ Tasto EXIT Per accettare la programmazione e tornare al livello
precedente
Il tasto EXIT serve sia come tasto di uscita che come tasto di conferma.
Quando viene selezionata una voce, premendo EXIT la voce viene confermata
E' possibile selezionare una voce o un menu digitandone il numero
(questo è possibile solamente all'interno di una lista se è presente Menu 4
un numero in alto a destra del display - vedere figura a lato) Zone
NOTE SULLE OPERAZIONI ESEGUIBILI
INSERIMENTO TEMPI
I tempi sono generalmente caratterizzati da un menu che si
presenta come mostrato a lato, dove:
» XX sono le cifre da digitare XX:XX [YY:YY)
quando sono in fase di modifica sono lampeggianti
» YY rappresentano l'unità di misura (minuti:secondi oppure ore:minuti)
Per passare dall'editing delle prime 2 cifre a quello delle seconde 2 cifre premere i tasti yw
Quando si digita un campo che prevede più di una cifra, la digitazione viene permessa per un
tempo di 2 secondi tra la prima e la seconda cifra digitata. Al termine di tale tempo la cifra verrà
considerata valida. Quando il valore introdotto è superiore o inferiore ai limiti permessi, viene
impostato automaticamente il valore minimo o massimo
ammesso. Ven 8 GIU 07
INSERIMENTO DATA E ORA Feri. 11 15
E’ una variante del caso precedente. Lo spostamento avviene tramite le frecce. E' possibile
digitare data e ora mentre per quanto riguarda il mese, benché’ esso sia rappresentato da 3
lettere, la sua selezione avviene sempre digitando un valore numerico
(1= Gennaio, 2 = Febbraio, ..........10 = Ottobre, 11= Novembre, 12= Dicembre)

Centrale TP16-256 5-1


SCELTA A LISTA
Il menu di scelta a lista e’ del tutto simile, per l’aspetto alla scelta di un sottomenu. L'unica
variante consiste nel fatto che la pressione del EXIT permette la conferma della scelta
Nota: un menu a lista può’ anche avere degli ulteriori sotto-menu.
SCELTA A FLAG (Abilitazione/disab. di una opzione)
Quando e’ necessario abilitare o abilitare una funzione essa abcdefg [ ]
viene presentata all’ utente come mostrato a lato dove:
» abcdefg e’ la descrizione dell'opzione
» [ # ] se tra le parentesi è presente un # l'opzione è abilitata
[ ] se tra le parentesi è presente uno spazio l'opzione non e’ abilitata.
Con i tasti #(YES) e *(NO) e’ possibile abilitare o disabilitare la voce
Nota: se la voce comprende un nome digitato (es. telecomando o zona), di tale voce
saranno visualizzate solo le prime 13 lettere.
INSERIMENTO DI UN CAMPO NUMERICO
Quando si digita un campo numerico che prevede più di una cifra (da 1 a max 3), la digitazione
viene permessa per un tempo di 2 secondi tra la prima e la cifra successiva digitata. Al termine
di tale tempo la cifra verrà considerata valida. Quando il valore introdotto è superiore o inferiore
ai limiti permessi, viene impostato automaticamente il valore minimo o massimo ammesso.
INSERIMENTO DI UN CODICE
I codici possono avere lunghezza a 4,5 o 6 cifre a seconda della programmazione.
Possono essere utilizzati solamente i numeri da 0 a 9. Una volta impostata la lunghezza non è
possibile inserire un codice con un numero inferiore di cifre
Cancellazione numero esistente: quando si accede all'ambiente di modifica codici, la
digitazione del primo tasto provoca la cancellazione del valore esistente.
L'unica eccezione è rappresentata dal tasto EXIT (per l'uscita) e le frecce yw che permettono
la cancellazione dell'ultima cifra del numero.
INSERIMENTO DI UN NUMERO TELEFONICO
Un numero telefonico é sempre composto da un massimo di 16 cifre.
E' possibile inserire i numeri da 0 a 9, i caratteri # e * e la pausa con il tasto MEM.
Cancellazione numero esistente: quando si accede all'ambiente di modifica dei numeri
telefonici, la digitazione del primo tasto provoca la cancellazione del numero esistente.
L'unica eccezione è rappresentata dal tasto EXIT (per l'uscita) e le frecce yw che permettono
la cancellazione dell'ultima cifra del numero.
INSERIMENTO DI UN NUMERO ESADECIMALE (Es. Codici di rapporto)
Quando occorre digitare un numero esadecimale, per inserire i numeri da 1 a 9 basta digitare i
corrispondenti tasti mentre le cifre superiori (A, B, C, D, E e F) sono ottenute dalle seguenti
combinazione di tasti:
#1 = Carattere A
#2 = Carattere B
#3 = Carattere C
#4 = Carattere D
#5 = Carattere E
#6 = Carattere F
Cancellazione numero esistente: quando si accede all'ambiente di modifica dei numeri la
digitazione del primo tasto provoca la cancellazione del numero esistente.
L'unica eccezione è rappresentata dal tasto EXIT (per l'uscita) e le frecce yw che permettono
la cancellazione dell'ultima cifra del numero.

5-2 Centrale TP16-256


INSERIMENTO DI UN CAMPO DESCRIZIONE
Questo tipo di menu permette la composizione di una frase di un massimo di 4 parole scelte tra
quelle presenti nel vocabolario della centrale.
All’ingresso sul display vene visualizzato :
Dove :
»Y rappresenta la parola da inserire (da 1 a 4)
Y= xxxxxxxxxxx
» xxxx rappresenta la parola attualmente presente
In questo menu i tasti hanno questo significato:
+ Tasto w selezione della parola precedente
+ Tasto y selezione della parola successiva
+ Tasto MEM salto alla prima parola che inizia con la successiva lettera dell’alfabeto.
esempio: se si sta visualizzando ESTERNO, premendo MEM verrà
visualizzato come parola successiva FARO
+ Tasto * la parola viene cancellata
+ Tasto # salto alla parola successiva : 1 -> 2 -> 3 -> 4 ->1 ecc....
Salvataggio delle parole
+ Tasto EXIT termine operazione.
La centrale chiede se deve copiare le parole nella descrizione.
Se viene selezionato YES le parole verranno usate come descrizione e come messaggio fonico
Se viene selezionato NO saranno usate solo come messaggio fonico.
Nota : la frase composta verrà sempre troncata al sedicesimo carattere.
Per modificare manualmente la descrizione occorre operare tramite PC.

Centrale TP16-256 5-3


5.1 ACCESSO ALLA PROGRAMMAZIONE - ACCESSO -
Installatore
Con la centrale in stato di riposo, per accedere alla
programmazione digitare il codice installatore
(di fabbrica: 5 4 3 2 1)
+ 54321
ATTENZIONE
Quando si accede alla programmazione con una console, tutte le altre console
collegate entrano in stato di attesa.

5.2 SEQUENZA DI PROGRAMMAZIONE


Di seguito viene indicata una sequenza di programmazione indicativa che tiene conto dei
parametri indispensabili al funzionamento della centrale.
La sequenza di programmazione utilizzata è la seguente:
SEZIONE CENTRALE DI ALLARME
1) Programmazione dei parametri di zona (Funzione 4) Sez. 5.3
2) Programmazione della sezione radio (Funzione 17) Sez. 5.4
3) Programmazione dell'orologio della centrale (Funzione 2) Sez. 5.5
4) Creazione dei programmi di inserimento (Funzione 6) Sez. 5.6
5) Definizione delle funzioni (Funzione 5) Sez. 5.7
6) Definizione dei parametri temporali (Funzione 3) Sez. 5.8
7) Programmazione delle uscite (Funzione 7) Sez. 5.9
8) Programmazione dei timer (Funzione 9) Sez. 5.10
9) Programmazione di nome e attivazione telecomandi (Funzione 8) Sez. 5.11
SEZIONE DISPOSITIVI ESTERNI
10) Programmazione delle console/tastiere (Funzione 15) Sez. 5.12
11) Programmazione dei punti chiave (Funzione 16) Sez. 5.13
12) Programmazione dei radiocomandi (Funzione 13) Sez. 5.14
SEZIONE TELEFONICA
13) Programmazione dei parametri telefonici (Funzione 10) Sez. 5.15
14) Associazione allarmi ai comunicatori telefonici (Funzione 14) Sez. 5.16
VARIE
15) Programmazione delle opzioni della centrale (Funzione 21) Sez. 5.17
16) Programmazione dei codici (Funzione 11) Sez. 5.18
17) Programmazione delle chiavi (Funzione 12) Sez. 5.19
ALTRE - QUANDO NECESSARIO
18) Attivazione/disattivazione telecomandi (Funzione 1) Sez. 5.20
19) Esclusione moduli-zone (Funzione 18) Sez. 5.21
20) Test centrale (Funzione 19) Sez. 5.22

5-4 Centrale TP16-256


5.3 PROGRAMMAZIONE PARAMETRI DI ZONA FUNZIONE
+ yw (Selezionare l'opzione 4) 4
+ #(YES) Per confermare
SELEZIONE DELLA ZONA Menu
+ yw (Selezionare la zona da 1 a 256)
4
Zone
+ #(YES) Per confermare
Zone 1
OPZIONI DISPONIBILI Zona 001
z Messaggio Definizione del messaggio vocale
z Associaz. Ingressi Associazione degli ingressi fisici dei moduli della centrale
alle zone logiche da 1 a 256
z Tipo Tipologia della zona
z Collegamento Valido solo per le zone cablate
Definizione del tipo di collegamento
z Filtro Definizione del tipo di filtro
z Ripetizioni Definizione del numero di ripetizioni del ciclo di allarme
z Apprendimento Valido solo per le zone radio
Apprendimento del dispositivo radio da collegare alla zona
5.3.1 DEFINIZIONE DEL MESSAGGIO VOCALE
Permette di definire il messaggio vocale da associare alla zona
utilizzando le parole presenti nel vocabolario. Messaggio
Ad ogni zona possono essere associati fino a 4 parole. 1=
Comandi disponibili
+ #(YES) Passaggio alla parola successiva Prima parola
+ *(NO) Cancellazione della parola selezionata
+ yw Selezionare del vocabolo
+ MEM Selezione del vocabolo in ordine alfabetico
+ EXIT Per confermare e uscire
Premendo EXIT viene visualizzato:
+ #(YES) Per memorizzare il messaggio vocale
programmato Copia in Desc. ?
* NO # SI
+ *(NO) Per annullare l'operazione
5.3.2 ASSOCIAZIONE INGRESSI (CREAZIONE LISTA
DELLE ZONE CONTROLLATE DALLA CENTRALE) Zona 001
La centrale di allarme TP16-256 può controllare fino ad un Ass. Ingressi
massimo di 256 zone che possono essere selezionate quelle
disponibili prendendo in considerazione tutti i moduli di ingresso Zona 001 1
controllati dalla centrale stessa. Centrale Z1
La centrale mette a disposizione:
z 16 ingressi sulla scheda CPU (sempre presenti)
z fino a 32 moduli di espansione ingressi collegabili sulla linea seriale RS485
z 2 moduli di espansione ingressi radio (fino a 128 dispositivi)
L'impianto di allarme può essere composto da i moduli elencati, però bisogna tenere in
considerazione che la la centrale controlla al massimo 256 ingressi.
Occorre perciò selezionare tra i moduli quali sono gli ingressi che devono essere controllati.
Comandi disponibili
+ yw Selezione dell'ingresso successivo o precedente
Le zone sono visualizzate in sequenza per il modulo selezionato
Dopo l'ultima zona si passa al primo ingresso del modulo successivo
oppure all'ultimo ingresso del modulo precedente.
+ 0 Selezione del modulo hardware successivo

Centrale TP16-256 5-5


ATTENZIONE - ZONE E INGRESSI CONTROLLATI DALLA CENTRALE
La centrale TP16-256 può controllare fino a 256 zone selezionandole tra la
serie di moduli hardware disponibili per il sistema.
Zona : Per zona si intende uno degli ingressi controllati dalla centrale indipendentemente
dalla sua posizione fisica. La centrale ne può controllare fino a 256.
Ogni zona della lista può appartenere a uno qualunque dei moduli hardware
installati nell'impianto.
Per esempio, alla zona 1 è possibile associare il primo ingresso fisico della
scheda CPU o il 7° ingresso del modulo SPEED ALM8 numero 6.
In questo modo una volta definite tutte le zone la centrale può dimenticarsi
della posizione fisica dei vari moduli
Ingresso : Per ingresso si intende l'ingresso fisico di un modulo hardware dell'impianto
(per esempio l'ingresso 3 della scheda CPU oppure l'ingresso 6 di un modulo
SPEED8.
L'ingresso è il punto fisico dove sono collegati i sensori o i contatti.
ESEMPIO - LISTA DELLE 256 ZONE
Le 256 zone della centrale possono essere viste come i programmi di un televisore. Al
programma 1 può per esempio essere associata RAI1 (canale 45), al programma 2 RAI 2
(canale 34) e così via. Una volta memorizzati tutti i programmi ci si può dimenticare del
canale su cui i programmi sono trasmessi ma utilizzeremo per semplicità solamente la
nuova lista da noi creata.
Con la centrale TP16-256 la situazione è analoga. Il programma 1 corrisponde alla zona 1
della lista e a tale programma può essere associato il canale 45 (per esempio l'ingresso 7
del secondo modulo di espansione ingressi SPEED 8).
Al termine dell'associazione zone-canali, la posizione fisica dei moduli dell'impianto e degli
ingressi diventa insignificante. La centrale utilizzerrà la lista zone per tutte le operazioni.
Esempio di lista
Zona 1- Ingresso 1 della CPU es. porta di ingresso
Zona 2- Ingresso 2 della CPU es. cancello
Zona 3- Ingresso 3 della CPU es. garage
Zona 4- Ingresso 1 dell'espansione SPEED 8 n°1 es. finestra veranda
Zona 5- Ingresso 2 dell'espansione SPEED 8 n°1 es. finestra sala
Zona 6- Ingresso 4 dell'espansione SPEED 4 n°1 es. sala
.....
Zona 255 - Ingresso 22 espansione radio n°1 es. studio 1
Zona 256 - Ingresso 23 espansione radio n°1 es. studio 2
La sequenza di presentazione dei moduli è la seguente:
1) Zona non associata Zona xxx 1
2) Centrale (CPU) Da Zona 1 a Zona 16 Non Associata
3) Exp . Radio Da Zona 1 a Zona 128 Zona xxx 1
4) Modulo 01 - Da Zona 1 a Zona 8 Centrale Zx
5) Moduli da 02 a 32 - Da Zona 1 a Zona 8 Zona xxx 1
+ EXIT Per confermare e uscire Exp.Radio Zx
Zona xxx 1
ATTENZIONE Modulo 01 Zx
1) Quando viene eseguita l'associazione degli ingressi
alle zone, la lista zone mostra solamente le zone non ancora associate.
2) Non è possibile associare lo stesso ingresso a due zone.
3) Quando si vuole associare a una zona (per esempio Zona 1) un ingresso già
utilizzato (es. ingresso 3 Centrale - associato a Zona 3) occorre eliminare
l'associazione dell'altra zona (Zona 3) che utilizza l'ingresso selezionando la voce
"Zona non associata" quindi tornare alla zona interessata (Zona) associarla
all'ingresso ora disponibile.

5-6 Centrale TP16-256


5.3.3 SELEZIONE TIPO DI ZONA
Zona 001
La tipologia della zona è selezionabile tra: Tipo
z Zone escluse
Non sono controllate da nessun programma di inserimento.
z Zone Istantanee
Entrano in servizio all’inserimento del programma. Permettono il riconoscimento
dell’allarme senza tenere conto dei tempi di ingresso e di uscita impostati (intervengono
dopo 20 sec.)
In fase di inserimento di un programma che le contiene, se sono trovate aperte, possono
essere escluse volontariamente.
z Zone Ritardate T1
All’inserimento del programma, l’abilitazione al riconoscimento degli allarmi per le zone
ritardate avviene allo scadere del tempo di uscita impostato.
z Zone Ritardate T2
Come zone ritardate T1 ma con differente tempo di uscita. In fase di inserimento di un
programma che le contiene, se sono aperte, possono essere escluse volontariamente.
z Zona Tecniche
Sono zone sempre attive (anche a centrale disinserita). Sono utili per il riconoscimento di
allarmi incendio/gas o come espansione delle autoprotezioni della centrale.
z Zone Rapina
Sono zone sempre attive (anche a centrale disinserita). Generano un allarme silenzioso
(nessuna segnalazione in console) di massima priorità.
z Zone Interne
Sono zone miste attive solo a programma inserito. Sono zone normalmente istantanee
che diventano ritardate quando un'altra zona ritardata è in preallarme (durante il tempo di
uscita si comporta come una zona ritardata).
Utile, per esempio, quando un sensore volumetrico controlla più zone istantanee o
ritardate. Quando si apre la zona ritardata, la zona interna si trasforma in zona ritardata
per il tempo di ingresso.
z Zone Chiave
Permettono l'inserimento o il disinserimento del/i programmi che la contengono.
Normalmente sulle zone chiave viene collegata una chiave o un pulsante.
Il suo funzionamento deve essere definito o a stato oppure a impulso
(vedere la funzione "Opzioni").
z Zone Tamper
Sono zone istantanee sempre attive (anche a centrale disinserita). Equivalgono
all'ingresso ZT in morsettiera.
Generano l'allarme TAMPER di zona (Manomissione)
Comandi disponibili
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

5.3.4 SELEZIONE TIPO DI COLLEGAMENTO (Non presente per le zone radio)


Il tipo di collegamento è selezionabile tra:
z Bilanciata (BIL)
z Doppio bilanciamento (Doppio Bil)
z N.C. (Normalmente chiuso) (*) Declassamento prestazioni
z N.O. (Normalmente aperto) (*) Non permesso
z Bus (Zone Bus) Per modulo barriere seriali -
Solo se selezionato Modulo da 01 a 32 (non valido su CPU)
z Bus Sensori (Bus Sensors) Per dispositivi su Bus
Solo se selezionato Modulo da 01 a 32 (non valido su CPU)
Comandi disponibili
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

Centrale TP16-256 5-7


NOTE
z Per la descrizione del tipo di zona fare riferimento alla pagina 2-9
(*) PROGRAMMAZIONI NON PERMESSE
La dicitura "Non Permesso" identifica programmazioni che se utilizzate
invalidano la conformità della centrale alle normative CEI 79/2.
La centrale continua a funzionare in modo corretto ma non è più rispondente ai
requisiti di omologazione.
(*) PROGRAMMAZIONI CHE DECLASSANO LA CENTRALE
La dicitura "Declassamento delle prestazioni" identifica programmazioni che
se utilizzate declassano il livello di prestazione della centrale.
Quando vengono utilizzate tali a programmazione il livello di prestazione della
centrale viene declassato (per esempio, l'utilizzo di zone NC declassa la
prestazione della centrale dal II° livello al I° livello - CEI 79/2).

5.3.5 SELEZIONE DEL TIPO DI FILTRO


Zona xxx
A ogni zona può essere associato un filtro specifico per ottenere Filtro
la migliore risposta in funzione del tipo di sensore collegato.
z Contatto - 200millisecondi, 400millisecondi, 1 secondo, 2 secondi.
Viene verificato se sulla zona persiste l’apertura del contatto per un tempo minimo pari a
quello impostato.
Sono rilevate e segnalate solo le aperture del contatto per tempi superiori a quanto
impostato.
ATTENZIONE
» Se il filtro Contatto è uguale a 200ms o 400ms la centrale è conforme al
II° livello normative CEI 79/2
» Se il filtro FIL è uguale a 1 secondo o 2 secondi la centrale non è
conforme ad alcun livello per le normative CEI 79/2
z Conteggio - 2, 4, 8, 16 cicli di aperture
Il filtro contatore imposta un tempo di risposta di 2 millisecondi.
La programmazione del conteggio impulsi conta nel tempo di un minuto, il numero di
aperture/chiusure che si verificano sull’ingresso zona.
L’allarme è riconosciuto quando il numero di impulsi contati corrisponde al valore
impostato in fase di programmazione.
z Inerziale - 12, 24, 36, 48 millisecondi
z Doppler (RDV) - 03 (Sensibile), 05 (Mediamente sensibile), 07 (Poco sensibile), 10 (Duro)
Solo per sensori RDV (Brevetto internazionale TECNOALARM) quando si utilizza la
centrale per il controllo digitale remoto degli allarmi.
ATTENZIONE - ZONE RADIO
I filtri Contatore, Conteggio, Inerziale e Doppler definiscono il tipo di dispositivo
radio che verrà collegato sulla zona. Gli eventuali tempi di risposta sono
programmati direttamente sul sensore/trasmettitore radio.
z Filtro volumetrico radio (valido solo per zone radio programmate IR Radio)
Il tempo di risposta dipende dall'impostazione del sensore radio (la programmazione è
eseguita attraverso una serie di ponticelli).
Il sensore si ripristina in modo automatico dopo un tempo di circa 2 secondi.
z Barriera (valido solo per zone programmate con collegamento BUS )
Filtro per il collegamento delle barriere seriali.
E' possibile definire:
» Installazione
Definisce se il cavo esce dal lato superiore o inferiore della barriera
» Velocità
Definisce la velocità. I tempi di risposta programmabili sono di 0,2sec o 0,5sec

5-8 Centrale TP16-256


» Tipologia
Tipologia di funzionamento
(vedere descrizioni a pag. 4-10)
Modo 1
1 per 1 sec o 2 ad per T
Modo 2
2 ad per T
Modo 3
3 ad per T (parte bassa) o 2 ad per T (parte alta)
Modo 4
1 per T
» Intensità Intensità dei fasci.
Impostabile con i seguenti valori:
Spenta, Bassa, Media, Alta
» Maschera
Permette di mascherare uno o più raggi
[ # ] Raggio mascherato [ ] Raggio attivo

z Miniexplorer Bus (valido solo per zone programmate Sensor BUS )


Filtro per il collegamento delle barriere Miniexplorer Bus. E' possibile definire:
» Sensibilità MW Sensibilità della microonda
Impostabile con i seguenti valori: molto sensibile, sensibile, normale, dura, molto dura
» Durata MW Durata della microonda
Impostabile con i seguenti valori: 0,1sec, 0,3sec, 0,5sec, 1 sec
» Durata AM Durata dell'antimascheramento
Impostabile con i seguenti valori: Disabilitato, 10 sec, 30sec, 60sec
» Distanza Distanza di montaggio tra le due sezioni della barriera
Impostabile con i seguenti valori: da 6 metri (min) a 20 metri (max)
» AM sempre attivo Tipo di abilitazione dell'antimascheramento
[ # ] Sempre attivo [ ] Solo a programma inserito
z Volumetrico (valido solo per zone programmate Sensor BUS )
Filtro per il collegamento dei sensori volumetrici su Bus.
E' possibile definire:
» Sensibilità MW Sensibilità della microonda
Impostabile con i seguenti valori: molto sensibile, sensibile, normale, dura, molto dura
» Durata MW Durata della microonda
Impostabile con i seguenti valori: 0,1sec, 0,3sec, 0,5sec, 1 sec
» Impulsi IR Numero di impulsi per la sezione infrarossi
Impostabile con i seguenti valori: 1 impulso oppure 3 impulsi
» RDV [ # ] Funzione RDV attiva [ ] Funzione RDV non attiva
» AND [ # ] Funzionamwnto in AND [ ] Funzionamento in OR
» Sensibilità MASK Sensibilità mascheramento
Impostabile con i seguenti valori: poco sensibile o molto sensibile
» Abilitazione mascheramento IR (sezione infrarossi)
AB.Mask IR [ # ] Antimascheramento IR attivo [ ] Antimasch. IR non attivo
» Abilitazione mascheramento MW (sezione microonde)
AB.Mask MW [ # ] Antimascheramento MW attivo [ ] Antimasch. MW non attivo
» Abilitazione Fail
AB.Fail [ # ] Segnalazione FAIL attiva [ ] Segnalazione FAIL non attiva
» Abilitazione LED
AB.Led [ # ] Led attivi [ ] Led disabilitati
» Volumetrico sempre attivo Tipo di abilitazione del sensore
[ # ] Sempre attivo [ ] Solo a programma inserito»
» Dis. Tamper [ # ] Tamper disabilitato [ ] Tamper Attivo
Centrale TP16-256 5-9
z Explorer Bus (valido solo per zone programmate Sensor BUS )
Filtro per il collegamento delle barriere Explorer Bus. E' possibile definire:
» Sensibilità Sensibilità della barriera
Impostabile con i seguenti valori: molto sensibile, sensibile, normale, dura, molto dura
» Delay Ritardo intervento
Impostabile con i seguenti valori: 0,1sec, 0,3sec, 0,5sec, 0,6sec,1 sec
» Abilitazione Fail
Abil. Fail [ # ] Segnalazione FAIL attiva [ ] Segnalazione FAIL non attiva
» Abilitazione TX
Abil. TX [ # ] Abilitazione canale TX [ ] Canale TX non attivo
» Attivo sempre Abilitazione Barriera
[ # ] Sempre attiva [ ] Solo a programma inserito
» Canale Canale di trasmissione
Impostabile con i seguenti valori: 1, 2, 3, 4
» Durata AM Durata dell'antimascheramento
Impostabile con i seguenti valori: Disabilitato, 10 sec, 30sec, 60sec
z BeamTower Solo per modalità barriera
(valido solo per zone programmate Sensor BUS )
Per le altre modalità di funzionamento occorre utilizzare la programmazione da PC)
Filtro per il collegamento delle barriere Beamtower. E' possibile definire:
» Mashera Mascheramento fasci della barriera
Impostabile con i seguenti valori: Fascio 1, Fascio 2 ...... Fascio 8
» Modo allarme
Modalità impostabili:
1 raggio x Ta,
2 raggi x Ta, 2x Ta o 1x1S, 2x Ta o 1x2S, 2x Ta o 1x5S,
3 raggi x Ta, 3x Ta o 1x1S, 3x Ta o 1x2S, 3x Ta o 1x5S
4 raggi x Ta, 4x Ta o 1x1S, 4x Ta o 1x2S, 4x Ta o 1x5S
1xTa - Raggi Bassi (1,2) Tax2 , 1xTa - Raggi Bassi (1,2) Tax4,
1xTa - Raggi Bassi (1,2) Tax8
» Tempo TA Tempo di interruzione fasci - Impostabile per singolo fascio (da 1 a 8)
Impostabile con i seguenti valori: Disabilitato, 50ms, 150ms, 400ms, 1sec
» Tempo MASK Tempo di accecamento
Impostabile con i seguenti valori: Disabilitato, 3 sec., 30 sec., 120sec
» Potenza Potenza dei fasci
Impostabile con i seguenti valori: Bassa, Medio bassa, Medio Alta, Alta, Automatica
» Disq. raggi Raggi che devono essere in disqualifica per generare l'allarme
Impostabile con i seguenti valori: Disabilitato, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8
» Disq. tempo Tempo per cui deve perdurare la disqualifica per generare l'allarme
Impostabile con i seguenti valori: 1 min, 5 min, 10 min, 30 min.
» Alimentaz. RX Tipo di alimentazione della sezione RX della barriera
Impostabile con i seguenti valori: Da rete AC, Esterna (DC)
» Alimentaz. TX Tipo di alimentazione della sezione TX della barriera
Impostabile con i seguenti valori: Da rete AC, Esterna (DC)
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare la funzione
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

5-10 Centrale TP16-256


5.3.6 SELEZIONE NUMERO DI RIPETIZIONI DEL
CICLO DI ALLARME Zona xxx
Ripetiz.
Per ogni allarme rilevato è possibile definire il numero di
ripetizioni che la centrale dovrà eseguire.
z 1 ciclo, 4 cicli, 8 cicli, 15 cicli
z Cicli infiniti
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare la funzione
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

5.3.7 APPRENDIMENTO DEL DISPOSITIVO RADIO


Zona xxx
Quando viene selezionato un dispositivo radio perchè esso Apprend. [ ]
funzioni deve essere appreso dalla centrale.
Visualizzazione dello stato di un ingresso radio
[ ] Sensore/contatto radio non memorizzato
Nessun dispositivo radio (contatto o rivelatore volumetrico/trasmettitore) é stato ancora
memorizzato per l'ingresso in fase di programmazione.
[ # ] Sensore/contatto radio già memorizzato
Dispositivo radio già memorizzato per l'ingresso in fase di programmazione.
Comandi disponibili
+ # Per accedere alla memorizzazione del dispositivo radio
+ * Per cancellare la memorizzazione di un dispositivo radio
+ EXIT Per confermare e uscire
Apprendimento e memorizzazione di un nuovo dispositivo radio
Per memorizzare un nuovo dispositivo radio premere il tasto #(YES)
Attesa apprendimento
Nella fase di attesa apprendimento dei dispositivi radio la Apprend.
scritta Attesa sul display è lampeggiante. Attesa
Annullamento apprendimento
Lo stato di apprendimento permane fino a quando non viene ricevuto un codice valido da un
dispositivo radio (sensore o contatto), oppure fino a quando l'installatore non decide di
terminare l'attesa premendo il tasto EXIT.
+ EXIT Termina attesa apprendimento
L'apprendimento viene annullato e l'ingresso mantiene lo stato precedente.
Apprendimento del dispositivo radio
Per memorizzare il codice del dispositivo radio occorre che lo stesso sia posto in modalità di
test. In questa modalità il dispositivo trasmette il proprio codice di identificazione (numero di
serie e tipologia).
Per accedere alla modalità di test, a seconda del tipo di dispositivo occorre avvicinare un
magnete al sensore/contatto oppure premere il pulsante di TEST o ancora tirare il cordone/
premere il pulsante.
La ricezione corretta del numero di serie e della tipologia del dispositivo fa terminare la fase di
apprendimento.
Sul display viene visualizzato:
z Dispositivo radio appreso in modo corretto Apprend.
Il numero di serie e la tipologia del dispositivo radio sono Completato
stati ricevuti in modo corretto.
z Dispositivo radio appreso in modo errato Apprend.
Il tipo di dispositivo appreso è diverso da quanto impostato Errore
(per esempio impostato sensore IrR ma rilevato un contatto)
In caso di errore, per ripetere la procedura di apprendimento
occorre uscire dallo stato attuale premendo il tasto EXIT e ripetere la procedura di
apprendimento.

Centrale TP16-256 5-11


5.3.8 NUMERO DI ATTIVAZIONI
Zona xxx
Le segnalazioni di zona in allarme vengono attivate solo quando Attivazioni
la zona viene attivata per il numero di volte definito (da 1 a 99
volte) nell'intervallo di tempo definito (da 1 a 99 minuti).
Opzioni disponibili
z Numero di attivazioni Numero di attivazioni per la Attivazioni 1
generazione di un allarme
(da 1 a 99) Numero Attiv.
z Tempo di attivazione Tempo in cui le attivazioni
devono essere rilevate Attivazioni 2
(da 1 a 99 minuti) Tempo Attiv.
Comandi disponibili
+ EXIT Per confermare e uscire

5.3.9 DISABILITAZIONE SOPRAVVIVENZA


Solo per zone Radio Zona xxx
Disab.Soprav. [ ]
Permette la disabilitazione del controllo sopravvivenza della
singola zona radio.L'allarme sopravvivenza sensore viene
generato quando il dispositivo radio collegato sulla zona selezionata non risponde alle sue
interrogazioni per un tempo superiore a quello previsto (vedere tempo sopravvivenza).
Visualizzazione dello stato del controllo sopravvivenza
[ ] Controllo sopravvivenza della zona radio abilitato
La zona radio viene controllata e viene generato l'allarme sopravvivenza zona
[ # ] Controllo sopravvivenza della zona radio non abilitato
La zona radio non viene controllata e non viene mai generato l'allarme sopravvivenza
della zona

Comandi disponibili
+ EXIT Per confermare e uscire

5-12 Centrale TP16-256


5.4 PROGRAMMAZIONE DELLA SEZIONE RADIO FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 17
+ #(YES) Per confermare
17
Opzioni disponibili
z Sirene Programmazione delle sirene radio
z Tastiere Programmazione delle tastiere/console radio
z Sn. Centrale Programmazione del numero di serie della centrale
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione 17 Menu 17
+ #(YES) Per confermare Radio
+ EXIT Per confermare e uscire
5.4.1 PROGRAMMAZIONE DELLE SIRENE RADIO
+ yw Selezione della sirena da 1 a 4 Radio 1
+ # Per confermare Sirene
Alla centrale è possibile associare fino a 4 sirene radio
Opzioni disponibili
z Durata suono (mm:ss)
Definisce la durata della suonata della sirena in caso di allarme
z Ritardo suono (mm:ss)
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme e l'attivazione della sirena radio
z Durata lampeggio (mm)
Definisce la durata del lampeggio alla rilevazione di un allarme.
z Volume suono
Il volume di suonata può essere selezionato con i seguenti valori : Basso, Medio Basso,
Medio Alto, e Alto. Il comando agisce unicamente in caso di preallarme o di segnalazioni.
In caso di allarme o di allarme tecnico il volume è sempre impostato al massimo
z Modo Sirena
Modalità di funzionamento della sirena. Sirena interna oppure Sirena esterna
z Att. Allarme
Definizione della modalità di attivazione della sirena per la durata del tempo di allarme.
Sono disponibili i seguenti valori : Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampegg.
z Att. Preallarme
Definizione della modalità di attivazione della sirena radio per il tempo di ingresso.
Sono disponibili i seguenti valori : Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampegg.
z Att. Segnal.
Definizione della modalità di attivazione della sirena radio per inserimento/disinserimento.
Sono disponibili i seguenti valori : Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampegg.
z Att. Tecnico
Definizione della modalità di attivazione della sirena radio per tutta la durata del tempo di
allarme in caso di allarme tecnico. Sono disponibili i seguenti valori :
Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampeggiante
z Apprendimento
Affinché la sirena radio funzioni deve essere appresa dalla centrale
Visualizzazione dello stato della sirena radio selezionata
[ ] Sirena radio non memorizzata Sirena 01 10
Nessuna sirena radio memorizzata per la posizione Apprend. [ # ]
selezionata (Sirena 1...Sirena 4).
[ # ] Sirena già memorizzata
Sirena radio già memorizzata per la posizione selezionata.

Centrale TP16-256 5-13


5.4.2 PROGRAMMAZIONE DELLE TASTIERE RADIO
Radio 2
Opzioni disponibili Tastiere
z Inserimento rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà inserire la centrale digitando unicamente il
tasto * seguito dal numero del programma da inserire (da1 a 32) ed ancora dal tasto
#(YES).
z Disinserimento rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà disinserire la centrale digitando il tasto *
seguito dal numero del programma da disinserire (da1 a 32) ed ancora dal tasto *(NO).
z Panico
Quando la funzione é abilitata, l'utente potrà attivare l'allarme panico premendo
contemporaneamente i tasti UP + DOWN (y w).
z Telecomando rapido
Quando la funzione é abilitata, l'utente può attivare/disattivare i telecomandi nel seguente
modo:
Esempio : richiesta rapida dello stato dei telecomandi
+ y# y#(YES)
Esempio : attivazione rapida del telecomando 1
+ y1 # #(YES)
Esempio : disattivazione rapida del telecomando 1
+ y1 * *(NO)
z Disabilitazione sopravvivenza
Quando la funzione é abilitata il controllo di sopravvivenza (colloquio con la centrale) non
viene più verificato.
z Associazione Led
Permette di selezionare i programmi (tra i 32 disponibili) da associare ai led della console
z Apprendimento
Affinché la testiera radio funzioni deve essere appresa dalla centrale
Visualizzazione dello stato della tastriera radio selezionata
[ ] Tastiera radio non memorizzata
Nessuna tastiera radio memorizzata per la posizione selezionata
(Tastiera 1... Tastiera 4).
[ # ] Tastiera già memorizzata
Tastiera radio già memorizzata per la posizione selezionata.
ATTENZIONE - APPRENDIMENTO SIRENE/TASTIERE RADIO
Per la procedura di apprendimento delle sirene e delle tastiere radio
fare riferimento al paragrafo 5.3.7

5.4.3 PROGRAMMAZIONE DEL NUMERO DI SERIE DELLA CENTRALE


Viene utilizzato in tutte le comunicazioni con le sirene o altri Radio 3
ricetrasmettitori radio.
Consente di evitare interferenze con altre centrali radio poste Sn.Centrale
nelle vicinanze della centrale.
ATTENZIONE
Il numero di serie viene fornito già programmato di fabbrica. Corrisponde al
numero riportato sull'etichetta (barcode) presente all'interno della centrale.
Comandi disponibili
+ #(YES) Per accedere alla memorizzazione della sirena/tastiera radio
+ *(NO) Per cancellare la memorizzazione della sirena/tastiera radio
+ EXIT Per confermare e uscire
5-14 Centrale TP16-256
ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE
La corrispondenza tra il numero di serie della centrale e quello delle sirene radio
deve essere sempre mantenuta.
Quando si sostituisce la sirena radio oppure quando si modifica il numero di
serie della centrale deve sempre essere eseguito nuovamente l'apprendimento
della sirena.
In caso contrario la stessa smetterà di funzionare correttamente.

5.5 PROGRAMMAZIONE DELL'OROLOGIO DI SISTEMA FUNZIONE


+ yw Selezionare l'opzione 2
+ #(YES) Per confermare
2
Comandi disponibili Menu 2
+ yw Per selezionare il campo da modificare Orologio
+ 0...9 Valori per data-ora
+ EXIT Per confermare e uscire Mar 12 GIU 07
Feri. 11 15
NOTA
Tutte le operazioni temporizzate della centrale utilizzano l'orologio interno
come base dei tempi.

Centrale TP16-256 5-15


5.6 CREAZIONE DEI PROGRAMMI DI INSERIMENTO FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 6
+ #(YES) Per confermare
6
Menu
E’ possibile inserire la centrale utilizzando i programmi da 1 a 32. Programmi
Le zone inserite nei programmi sono abilitate immediatamente
quando sono presenti in un solo programma.
Se la stessa zona è condivisa da più programmi ed è definita zona comune, la sua abilitazione
avviene solo quando tutti i programmi che la contengono sono inseriti
(per esempio se la zona 3 è contenuta nei programmi 1 e 2, il riconoscimento degli allarmi su
tale zona avviene solo quando sia il programma 1 che il programma 2 sono inseriti).
Ogni programma di inserimento identifica un gruppo di zone (da 1 a 256), che vengono abilitate
al riconoscimento degli allarmi.
Le zone non inserite nel programma rimangono escluse.
SELEZIONE DEL PROGRAMMA DI INSERIMENTO
+ yw Selezione programma a da 1 a 32 Programmi 1
Program. 01
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Associa zone Associazione delle zona al programma selezionato
z Messaggio Definizione del messaggio vocale
5.6.1 ASSOCIAZIONE DELLE ZONE AL PROGRAMMA DI INSERIMENTO
+ yw Selezione delle zone da 1 a 256 Associa Zone 37
+ #(YES) Per confermare Zona 037 [ ]
Visualizzazione dello stato della zona selezionata
[ ] Zona non associata al programma
La zona non è associata al programma selezionato.
[ # ] Zona già associata al programma
La zona è già stata associata al programma selezionato.
Comandi disponibili
+ #(YES) Per associare la zona al programma
+ *(NO) Per cancellare la memorizzazione della zona al programma
+ EXIT Per confermare e uscire
ATTENZIONE
E' possibile associare a un programma una zona che non è stata ancora
definita.

5.6.2 DEFINIZIONE DEL MESSAGGIO VOCALE


Permette di definire il messaggio vocale da associare al progr. di Messaggio
inserimento usando le parole presenti nel vocabolario. 1=
Ad ogni programma possono essere associate fino a 4 parole.
Comandi disponibili Prima parola
+ #(YES) Passaggio alla parola successiva
+ *(NO) Cancellazione della parola selezionata
+ yw Selezionare del vocabolo
+ MEM Selezione del vocabolo in ordine alfabetico
+ EXIT Per confermare e uscire
Premendo EXIT viene visualizzato:
+ #(YES) Per memorizzare il messaggio vocale
Copia in Desc. ?
+ *(NO) Per annullare l'operazione * NO # SI

5-16 Centrale TP16-256


5.7 PROGRAMMAZIONE DELLE FUNZIONI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 5
+ #(YES) Per confermare
5

OPZIONI DISPONIBILI Menu


Funzioni
z Sirene Associazione delle zone alle sirene.
Definisce se le zone selezionate devono attivare
la sirena in caso di allarme Funzioni 1
Sirene
z Pgm Associazione uscita PGM al programma
selezionato Funzioni 2
Definisce se le zone selezionate devono attivare l'uscita Pgm
logica PGM in caso di allarme
z Parzial. Associazione zone alla funzione parzializzazione Funzioni 3
Definisce se la zona è parzializzabile (vedere le abilitazioni Parzial.
dei codici e delle chiavi).
Quando il programma è inserito e la zona è parzializzabile, alla digitazione di un codice o
all'utilizzo di una chiave di parzializzazione la zona viene temporaneamente esclusa dal
riconoscimento allarmi.
Verrà riabilitata alla successiva digitazione di un codice o all'inserimento di una chiave
abilitata alla parzializzazione.
z Coincid. Associazione zone alla funzione di zone coincidenti Funzioni 4
Definisce se la zona è Coincidente. Al riconoscimento di un Coincid.
allarme su una delle zone coincidenti, la centrale si comporta
nel seguente modo:
» Se dopo 6 secondi ma prima di 15 minuti, un nuovo allarme viene rilevato sulla stessa
zona, la centrale attiva l'allarme (ed i relativi dispositivi di uscita programmati) .
Funzionamento a doppio impulso.
» Se dopo il riconoscimento del primo allarme ma entro 15 minuti, viene rilevato un
secondo allarme su un'altra delle zone coincidenti la centrale attiva l'allarme (ed i
dispositivi di uscita programmati). Funzionamento in doppio allarme.
z Chime Associazione delle zone alla funzione di chime Funzioni 5
Definisce se la zona è abilitata la funzione Chime. Quando Chime.
una zona "CHIME" si apre (a programma disinserito)
vengono attivati i dispositivi di uscita programmati (buzzer o
uscite logiche). Il buzzer sulle console può essere programmato in modo da essere
attivato una sola volta (2 secondi) ad ogni apertura della zona, oppure che venga attivato
per 3 secondi ad ogni apertura della zona ma che venga lasciato attivo in continuo se la
zona rimane aperta.
z Non Esclud. Associazione delle zone alla funzione di Funzioni 6
non esclusione Non Esclud.
Definisce se la zona non è escludibile volontariamente
z Comune Associazione zone alla funzione zone comuni Funzioni 7
Definisce se la zona è una zona utilizzabile in comune a più Comune
programmi di inserimento.
Le zone Comuni diventano attive solo quando tutti i
programmi che le contengono sono inseriti.
Es. Se zona 5 è comune ed è inserita nei programmi 1 e 3, il riconoscimento degli allarmi
avverrà solo quando sia il programma 1 che il programma 3 saranno inseriti.
Comandi disponibili
+ yw Selezione della funzione
+ #(YES) Per confermare

Centrale TP16-256 5-17


5.7.1 ASSOCIAZIONE DELLE ZONE ALLE FUNZIONI xxxxxxx 1
Dopo aver selezionato la funzione: Zona xxx [ ]
+ yw Selezione delle zone da 1 a 256
+ #(YES) Per confermare Nome della funzione
Visualizzazione dello stato della zona selezionata
[ ] Zona non associata alla funzione
La zona non è associata alla funzione selezionata.
[ # ] Zona già associata alla funzione
La zona è già stata associata alla funzione selezionata.
Comandi disponibili
+ #(YES) Per associare la zona alla funzione
+ *(NO) Per cancellare l'associazione zona-funzione
+ EXIT Per confermare e uscire

5-18 Centrale TP16-256


5.8 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI TEMPORALI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 3
+ #(YES) Per confermare
3
OPZIONI DISPONIBILI Menu
z Ingresso 1 - Tempo di Ingresso 1 - Valido per Zone Ritardate Tempi
Il tempo di ingresso è l'intervallo di tempo tra il rilevamento di
un allarme su una zona e la generazione della segnalazione Tempi 1
di allarme (da 00 a 59 minuti 59 secondi) Ingresso 1
z Ingresso 2 - Tempo di Ingresso 2 - Valido per Zone Ritardate
Impostazione di un secondo valore per il tempo di ingresso Tempi 2
z Uscita -Tempo di uscita - Valido per le Zone Ritardate 1 e 2 Ingresso 2
Il tempo di uscita è l'intervallo di tempo tra l'inserimento della
centrale e l'effettivo rilevamento di un allarme su una zona Tempi 3
(da 00 a 59 minuti 59 secondi) Uscita
z Rit. Disins. Ritardo conferma disinserimento (mm:ss)
Quando la funzione è abilitata l'utente dopo il disinserimento
dell'impianto (inserimento chiave utente appositamente Tempi 4
programmata), per evitare l'attivazione dell'allarme rapina Rit. Disins.
dovrà digitare il codice utente entro il tempo di Ritardo
Disinserimento programmato per disattivare la centrale.
Quando la digitazione del codice utente non viene eseguita oppure viene eseguita dopo il
tempo di conferma impostato vengono attivati i dispositivi di uscita programmati.
z Rit. Telef. - Ritardo attivazione comunicatori (mm:ss)
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme di zona o di
programma e l'attivazione dei comunicatori telefonici. Tempi 5
z Rit. Sirene - Ritardo attivazione sirene (mm:ss)
Rit. Telef.
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme e
l'attivazione delle sirene. Quando il tempo di ritardo Tempi 6
attivazione sirene impostato è superiore al tempo di suonata Rit. Sirene
sirene, le stesse non sono attivate. Per esempio, se il tempo di
suonata sirene è 2 minuti e il ritardo impostato è 1 minuto 30 secondi, le sirene suonano
solamente per 30 secondi.
Questo tempo è valido solo per le sirene a filo. Le sirene radio non sono influenzate.
ATTENZIONE
L'omologazione secondo le norme CEI 79/2 non permette la programmazione di
un ritardo nell'attivazione delle sirene (ritardo consentito = 0).
La programmazione di un tempo di ritardo diverso da zero invalida
l'omologazione della centrale.
z Rit. Rete - Ritardo controllo rete (hh:mm) Tempi 7
Definisce il ritardo tra la rilevazione di un allarme mancanza Rit. Rete
rete 230V e l'attivazione delle segnalazioni. Permette di
ritardare la generazione dell'allarme rete ed evitare falsi allarmi ad esempio in caso di caduta
di tensione nello stabile o nell'intera zona oppure di disinserimento dell'impianto elettrico
per lavori di manutenzione, etc.
z Allarme - Allarme (mm:ss) Tempi 8
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-esterne Allarme
o sinottici) in caso di allarme relativo ad un programma.
z Autoprot. - Autoprotezione (mm:ss) Tempi
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-esterne 9
Autoprot.
o sinottici) in caso di allarme autoprotezione. L'allarme viene
generato dall'apertura dell'ingresso manomissione (ZT) o
dalla manomissione di un qualsiasi dispositivo collegato sulla linea seriale.

Centrale TP16-256 5-19


z Tecnico - Allarme tecnico (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni (sirene interne-esterne Tempi 10
o sinottici) in caso di allarme autoprotezione. L'allarme Tecnico
tecnico viene generato dall'apertura di un qualunque
sensore o contatto collegato a una zona definita tecnica (vedere programmazione zone) .
z Rapina - Allarme rapina (mm:ss)
Definisce la durata delle segnalazioni per allarme rapina. Tempi 11
L'allarme rapina viene generato dall'apertura delle zone Rapina
definite come zone Rapina (vedere programmazione zone)
z Durata Parz. - Tempo massimo di parzializzazione (hh:mm)
Definisce il tempo massimo in cui è attiva la funzione di Tempi 12
parzializzazione Durata Parz.
z Avviso Parz. - Avviso fine parzializzazione (mm:ss)
Definisce la durata del preavviso (buzzer sulle console) Tempi 13
prima della fine del tempo di parzializzazione Avviso Parz.
z Avviso Auto. - Preavviso autoinserimento (mm:ss)
Definisce la durata del preavviso (buzzer sulle console) Tempi 14
prima dell'esecuzione dell'operazione di autoinserimento Avviso Auto.
(vedere programmazione dei programmatori orari)
z Maschera RX - Antimascheramento sezione radio (mm:ss) Tempi 15
L'allarme è generato quando la centrale rileva un'interferenza Maschera RX
con frequenza uguale a quella di trasmissione dei sensori che
rimane presente per un tempo predefinito dalla centrale.
Quando l'allarme mascheramento è stato rilevato, è possibile definire un ulteriore filtro
prima dell'attivazione dell'allarme (Tempo di mascheramento RX).
Se per questo ulteriore periodo di tempo l'interferenza rimane presente viene generato
dalla centrale l'allarme mascheramento.
ATTENZIONE
Livello di interferenza
La centrale è conforme al LIVELLO C delle norme CEI 79/16
Livello di rilevazione interferenza :
Un totale di 10 secondi d'interferenza ogni 20 secondi.
Tempo aggiuntivo di permanenza dell'interferenza
L'omologazione secondo le norme CEI 79/16 non permette la programmazione di
un ritardo nella generazione dell'allarme per il mascheramento del ricevitore radio
(ritardo consentito = 0). La programmazione di un tempo di ritardo diverso da zero
invalida l'omologazione della centrale.
z Supervisione - Sopravvivenza dispositivi radio (hh:mm)
Definisce il tempo di assenza del colloquio con i dispositivi Tempi 16
radio dopo il quale viene generato l'allarme di sopravvivenza. Supervisione
L'allarme sopravvivenza sensore viene generato quando, uno
dei dispositivi radio controllati dalla centrale non risponde alle sue interrogazioni per un
tempo superiore a quello di sopravvivenza impostato.
ATTENZIONE
L'omologazione secondo le norme
CEI 79/16 permette di programmare il
periodo di assenza della comunicazione
con i dispositivi radio.
A seconda del tempo programmato viene
determinato il livello di prestazione della centrale. Riferimento tabella sopra.
Comandi disponibili
+ yw Selezione della funzione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare e uscire

5-20 Centrale TP16-256


5.9 PROGRAMMAZIONE DELLE USCITE FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 7
+ #(YES) Per confermare
7
OPZIONI DISPONIBILI Menu 7
z Sirena Associazione delle sirene ai programmi di Uscite
inserimento
z PGM Associazione dell'uscita logica PGM ai programmi di inserimento
z Buzzer Definizione delle attivazioni dei buzzer sulle console
z Uscite program. Definizione del tipo di uscita e dello stato a riposo delle uscite
logiche di tutti i moduli della centrale
z Sirene Bus Definizione delle funzioni delle Sirene Bus
5.9.1 ASSOCIAZIONE SIRENE AI PROGRAMMI DI INSERIMENTO
Definisce se il programma selezionato deve attivare la sirena in Uscite 1
caso di allarme. Sirena
Visualizzazione dello stato della funzione selezionata
[ ] Sirene non associata al programma
[ # ] Sirene associata al programma
Comandi disponibili
+ yw Selezione del programma
+ #(YES) Per associare la sirena al programma
+ *(NO) Per cancellare l'associazione sirena-programma
+ EXIT Per confermare e uscire
5.9.2 ASSOCIAZIONE USCITA PGM AI PROGRAMMI DI INSERIMENTO
Definisce se il programma selezionato deve attivare l'uscita Uscite 2
logica PGM in caso di allarme PGM
Visualizzazione dello stato della funzione selezionata
[ ] Uscita PGM non associata al programma
[ # ] Uscita PGM associata al programma
Comandi disponibili
+ yw Selezione del programma (da 1 a 32)
+ #(YES) Per associare l'uscita PGM al programma
+ *(NO) Per cancellare l'associazione uscita PGM-programma
+ EXIT Per confermare e uscire
5.9.3 ATTIVAZIONE BUZZER SULLA CONSOLE Uscite 3
Definizione delle attivazioni dei buzzer sulle console nelle Buzzer 2
seguenti condizioni operative della centrale:
 Chime Sono disponibili le seguenti condizioni: Buzzer 1
» Buzzer continuo (il buzzer suona fino a che la zona è Chime a imp. [ ]
aperta)
» Buzzer impulsivo (il buzzer suona per 2 secondi ad ogni
apertura della zona)
 Tempo di uscita (Preinserimento) Buzzer 2
Attivazione del buzzer durante preinserimento (tempo di Uscita [ ]
uscita)
 Preallarme Buzzer 3
Attivazione del buzzer durante il preallarme (tempo d'ingresso) Preallarme [ ]
 Allarme Buzzer 4
Attivazione del buzzer durante il tempo di allarme Allarme [ ]

Centrale TP16-256 5-21


 Avviso fine parzializzazione
Attivazione del buzzer durante il tempo di avviso al termine Buzzer 5
del periodo di parzializzazione. Avv. Parz. [ ]
 Preavviso autoinserimento
Attivazione del buzzer durante il tempo di preavviso Buzzer 6
autoinserimento (inserimento con programmatore orario) Avv. Auto. [ ]
 Report sonori
Abilitazione del report sonoro. Quando questa condizione è Buzzer 7
abilitata per ognuna delle condizioni di avviso precedenti Rep. Sonori [ ]
viene riprodotto un messaggio vocale.
Visualizzazione dello stato della funzione selezionata
[ ] Funzione non associata al buzzer
[ # ] Funzione associata al buzzer
Comandi disponibili
+ yw Selezione della funzione
+ #(YES) Per associare la funzione al buzzer
+ *(NO) Per cancellare l'associazione buzzer-funzione
+ EXIT Per confermare e uscire
5.9.4 DEFINIZIONE USCITE PROGRAMMABILI
Uscite 4
Definisce il significato e lo stato a riposo delle uscite logiche dei Programmabili
moduli connessi alla centrale (CPU o moduli di espansione
ingressi da 01 a 32)
Comandi disponibili Programmabili 1
Centrale
+ yw Selezione del modulo
+ #(YES) Per confermare la selezione
OPZIONI DISPONIBILI x OGNI MODULO
z Sir.Int. Impostazione del significato dell'uscita logica SRINT
z Sir. Ext. Impostazione del significato dell'uscita logica SRA
z Out1 Impostazione del significato dell'uscita logica OUT1
z Out2 Impostazione del significato dell'uscita logica OUT2
z Sir.Int. inv Impostazione dell'uscita logica SRINT con stato a riposo invertito
z Sir.Ext. inv Impostazione dell'uscita logica SRA con stato a riposo invertito
z Out1 inv Impostazione dell'uscita logica OUT1 con stato a riposo invertito
z Out2 inv Impostazione dell'uscita logica OUT2 con stato a riposo invertito
SELEZIONE DELL'OPZIONE
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
IMPOSTAZIONE DELLO STATO DELL' USCITA LOGICA Centrale 1
Le uscite logiche a seconda della programmazione possono
assumere i seguenti stati: Sir. Int.
Condizione normale Condizione invertita
SRA Riposo : +13,8V SRA Riposo : Alta impedenza
Allarme: Alta impedenza Allarme: +13,8V
SRINT Riposo : Alta impedenza SRINT Riposo : GND (Massa)
Allarme: GND (Massa) Allarme: Alta impedenza
USCITE LOGICHE OUT1 E OUT2 DELLA CPU
OUT1 + Riposo : Alta impedenza OUT1 + Riposo : +13,8V
Allarme: +13,8V Allarme: Alta impedenza

5-22 Centrale TP16-256


OUT2 - Riposo : Alta impedenza OUT2 - Riposo : 0V
Allarme: 0V Allarme: Alta impedenza

USCITE LOGICHE OUT1 E OUT2 DEI MODULI DI ESPANSIONE SPEEDxx


OUT1 Riposo : Alta impedenza OUT1 Riposo : +13,8V
Allarme: +13,8V Allarme: Alta impedenza
OUT2 Riposo : Alta impedenza OUT2 Riposo : 0V
Allarme: 0V Allarme: Alta impedenza
Visualizzazione dello stato dell'uscita selezionata
[ ] Uscita non invertita
[ # ] Uscita invertita
Comandi disponibili
+ yw Selezionare la condizione dell'uscita
+ #(YES) Per attivare l'uscita invertita
+ *(NO) Per disattivare l'uscita invertita
+ EXIT Per confermare e uscire
ìIMPOSTAZIONE DEL SIGNIFICATO DELL' USCITA LOGICA CentraleSir.Int.
Ogni uscita può assumere i seguenti significati: Stand-By

USCITE LOGICHE PROGRAMMABILI SIR INT, SRA, OUT1, OUT2


Stand-By Telecomando 11 Programma 21 Sirena interna 14 Sirena esterna 8
Guasti Telecomando 12 Programma 22 Sirena interna 15 Sirena esterna 9
Batteria Bassa Telecomando 13 Programma 23 Sirena interna 16 Sirena esterna 10
Mancanza rete 230V Telecomando 14 Programma 24 Sirena interna 17 Sirena esterna 11
Manomissione Telecomando 15 Programma 25 Sirena interna 18 Sirena esterna 12
Anomalie Radio Telecomando 16 Programma 26 Sirena interna 19 Sirena esterna 13
Rapina Programma 1 Programma 27 Sirena interna 20 Sirena esterna 14
Tecnologico Programma 2 Programma 28 Sirena interna 21 Sirena esterna 15
Chime Programma 3 Programma 29 Sirena interna 22 Sirena esterna 16
Linea telefonica Programma 4 Programma 30 Sirena interna 23 Sirena esterna 17
Preallarme Programma 5 Programma 31 Sirena interna 24 Sirena esterna 18
PGM Programma 6 Programma 32 Sirena interna 25 Sirena esterna 19
Accesso rifiutato Programma 7 Panico Sirena interna 26 Sirena esterna 20
Allarme Programma 8 Sirena interna 1 Sirena interna 27 Sirena esterna 21
Sistema OK Programma 9 Sirena interna 2 Sirena interna 28 Sirena esterna 22
Stato cellulare Programma 10 Sirena interna 3 Sirena interna 29 Sirena esterna 23
Telecomando 1 Programma 11 Sirena interna 4 Sirena interna 30 Sirena esterna 24
Telecomando 2 Programma 12 Sirena interna 5 Sirena interna 31 Sirena esterna 25
Telecomando 3 Programma 13 Sirena interna 6 Sirena interna 32 Sirena esterna 26
Telecomando 4 Programma 14 Sirena interna 7 Sirena esterna 1 Sirena esterna 27
Telecomando 5 Programma 15 Sirena interna 8 Sirena esterna 2 Sirena esterna 28
Telecomando 6 Programma 16 Sirena interna 9 Sirena esterna 3 Sirena esterna 29
Telecomando 7 Programma 17 Sirena interna 10 Sirena esterna 4 Sirena esterna 30
Telecomando 8 Programma 18 Sirena interna 11 Sirena esterna 5 Sirena esterna 31
Telecomando 9 Programma 19 Sirena interna 12 Sirena esterna 6 Sirena esterna 32
Telecomando 10 Programma 20 Sirena interna 13 Sirena esterna 7

Comandi disponibili
+ yw Selezionare il significato per l'uscita logica selezionata
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-23


ATTENZIONE - CIRCUITI DI USCITA
In fase di installazione devono sempre essere programmate due uscite
separate una per l'allarme (uscita logica) e la seconda in caso di intrusione
(sirena).
Omologazione secondo normative CEI 79/2
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 prevede che non sia permesso di
modificare lo stato delle uscite per allarme e per intrusione.
Tale modifica comporta il declassamento del livello di prestrazione della
centrale.

5.9.5 PROGRAMMAZIONE DELLE SIRENE BUS


Permette la selezione delle sirene Bus (da 1 a 15) e la definizione Uscite 5
delle funzioni di ogni sirena. Sirene BUS
SELEZIONE DELLA SIRENA BUS
+ yw Selezione delle Sirene Bus (da 1 a 15)
+ #(YES) Per confermare la selezione Sirene BUS 1
Sirena 01
OPZIONI DISPONIBILI
z Programmi Permette l'associazione della sirena Sirena 01 1
BUS selezionata ai programmi di Programmi
inserimento della centrale (da 1 a 32).
Il progamma è associato alla sirena
quando a fianco al nome compare [ # ] Programmi 1
z Durata Lamp. Definisce il tempo (in minuti) per cui il
Program. 01 [#]
lampeggiatore deve rimanere attivo al
termine del tempo di suonata.
z Volume Suono Determina la potenza sonora della segnalazione acustica.
Esistono 4 livelli programmabili: Basso, Medio Basso, Medio Alto, Alto
z Modo Sirena Sono disponibili le seguenti modalità di funzionamento:
» Sirena interna Modalità, tempi e suoni della sirena da interno
» Sirena esterna Modalità, tempi e suoni della sirena da esterno
z Att. Allarme Si attiva in caso di allarme di uno dei programmi associati alla sirena e
per allarme generale (Manomissione, Anomalie).
I tipi di attivazione della sirena sono
» Non attivo La sirena non viene attivata
» Sonoro Viene attivata solo la suonata
» Lamp. Viene attivato solo il lampeggio
» Sonoro+Lam. Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio
z Suono Allarme Sono disponibili le seguenti modalità di suonata
» Suono 1 - Bidirezionale (suono sweep di default)
» Suono 2 - Monodirezionale (suono sweep)
» Suono 3 - Bitonale (suono bitonale)
z Att. Tecnico Si attiva se la zona che genera l’allarme è inclusa nel fruppo di
programmi dei quali fa parte anche la sirena.
Si attiva come allarme generale se la zona NON è inclusa in nessun
programma
I tipi di attivazione della sirena sono
» Non attivo La sirena non viene attivata
» Sonoro Viene attivata solo la suonata
» Lamp. Viene attivato solo il lampeggio
» Sonoro+Lam. Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio

5-24 Centrale TP16-256


z Suono Tecnico Sono disponibili le seguenti modalità di suonata
» Suono 1 - Bidirezionale (suono sweep di default)
» Suono 2 - Monodirezionale (suono sweep)
» Suono 3 - Bitonale (suono bitonale)
z Att. Preallarme Si attiva in caso di allarme di uno dei Programmi associati alla sirena.
Il tipo di suonata è fisso. I tipi di attivazione della sirena sono:
» Non attivo La sirena non viene attivata
» Sonoro Viene attivata solo la suonata
» Lamp. Viene attivato solo il lampeggio
» Sonoro+Lam. Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio
z Att. Segnale Si attiva in caso di Inserimento/Disinserimento dei Programmi
associati alla sirena. Il tipo di suonata è fisso.
I tipi di attivazione della sirena sono
» Non attivo La sirena non viene attivata
» Sonoro Viene attivata solo la suonata
» Lamp. Viene attivato solo il lampeggio
» Sonoro+Lam. Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio
z Att. Chime Si attiva se la zona che si apre è inclusa nel gruppo di programmi dei
quali fa parte anche la sirena
Si attiva come Chime generale se la zona NON è inclusa in nessun
programma. Il tipo di suonata è fisso.
I tipi di attivazione della sirena sono
» Non attivo La sirena non viene attivata
» Sonoro Viene attivata solo la suonata
» Lamp. Viene attivato solo il lampeggio
» Sonoro+Lam. Vengono attivate sia la suonata che il lampeggio
z Attributi » Abilitazione antischiuma
Abilita la protezione antischiuma della sirena
» Abilitazione antiperforazione
Abilita la protezione antiperforazione della sirena

Visualizzazione dello stato della funzione selezionata


[ ] Funzione non abilitata
[ # ] Funzione abilitata

Comandi disponibili
+ yw Selezione della funzione
+ #(YES) Per selezionare e abiltare la funzione
+ *(NO) Per disabilotare la fuinzione
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-25


5.10 PROGRAMMAZIONE DEI TIMER FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 9
+ #(YES) Per confermare
9
OPZIONI DISPONIBILI Menu 9
z Test ciclico Definizione del test ciclico per il controllo a Timers
distanza della funzionalità della centrale.
z Programm. orari Definizione dei 32 programmatori orari
z Fasce di accesso Definizione delle 8 fasce orarie di accesso
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.10.1 TEST CICLICO
Permette il controllo a distanza della funzionalità della centrale.
Consiste in una o più chiamate telefoniche eseguite utilizzando i Timers 1
comunicatori ai quali il test ciclico è stato associato (vedere Test Ciclico
definizione dei codici di rapporto) utilizzando i numeri di telefono
memorizzati.
Le chiamate vengono eseguite ad un orario prefissato con frequenza programmabile.
OPZIONI DISPONIBILI
z Periodo Valore del periodo in cui il test ciclico viene eseguito (Valore da 0 a 255).
z Attr. periodo Ordine i grandezza del periodo (inattivo, minuti, ore o giorni)
z Inserita Condizione di esecuzione del test (sempre/ solo a centrale inserita)
z Ora Inizio Ora di partenza del test ciclico
SELEZIONE DELL'OPZIONE
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
5.10.1.1 IMPOSTAZIONE DEL VALORE DEL PERIODO Test Ciclico 1
Frequenza di esecuzione del test ciclico (valori da 000 a 255) Periodo
+ Digitare il valore
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.10.1.2 IMPOSTAZIONE ATTRIBUTI DEL PERIODO Test Ciclico
Selezione dell'unità di misura dell'intervallo tra una chiamata e la 2
Attr. Periodo
successiva. I valori disponibili sono:
z Inattivo (il test ciclico non viene mai eseguito), Minuti, Ore, Giorni
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.10.1.3 IMPOSTAZIONE CONDIZIONE DI ESECUZIONE Test Ciclico 3
Permette di definire se il test ciclico deve essere eseguito Inserita [ ]
sempre oppure solamente quando ci sono programmi inseriti.
Visualizzazione della condizione di esecuzione
[ ] Test ciclico sempre attivo
[ # ] Test ciclico attivo solo a centrale inserita
Comandi disponibili
+ #(YES) Per attivare il test ciclico solo a centrale inserita
+ *(NO) Per disattivare il test ciclico solo a centrale inserita
+ EXIT Per confermare e uscire

5-26 Centrale TP16-256


5.10.1.4 IMPOSTAZIONE DELL'ORA DI INIZIO 4
Test Ciclico
Definizione dell'ora minuto di inizio del test ciclico. Ora inizio [ ]
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare il campo da modificare
+ 0...9 Valori per data-ora
+ EXIT Per confermare e uscire

5.10.2 IMPOSTAZIONE PROGRAMMATORI ORARI Timers 2


Permettono l'esecuzione automatica di alcune funzioni Prog. Orari
(Inserimento/disinserimento inizio e fine parzializzazione) ad
intervalli predefiniti.
La centrale mette a disposizione fino a 32 programmatori orari indipendenti.
SELEZIONE DEL PROGRAMMATORE ORARIO Prog. Orari 1
+ yw Selezionare il programmatore orario Prog. Orario 01
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Azione Azione svolta dal programmatore orario
z Attributo Definizione del periodo di attivazione del programmatore orario
z Programmi Programmi attivati dal programmatore orario
z Orario Definizione dell'ora di partenza del programmatore orario
z Bloccato Blocco della prossima attivazione del programmatore orario
SELEZIONE DELL'OPZIONE
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
5.10.2.1 IMPOSTAZIONE DELL'AZIONE Prog.Orario 01 1
Ogni programmatore orario può eseguire le seguenti azioni: Azione
z Inserim. Inserimento programmi
z Disins. Disinserimento programmi
z Ini. Parz. Inizio della parzializzazione programmi
z Fine Parz. Fine della parzializzazione programmi
z Attiva telec. Attivazione telecomando
z Disattiva telec. Disattivazione telecomando
z Inser. con Ctrl Inserimento condizionato
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'azione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.10.2.2 IMPOSTAZIONE ATTRIBUTI DEL PERIODO Prog.Orario 01 2
Permette la definizione della frequenza di attivazione del Attributo
programmatore orario selezionato.
Le opzioni di frequenza disponibili sono le seguenti:
z Inattivo z Prefestivo z Lunedì z Giovedi
z Tutti i giorni z Festivo z Martedi z Venerdi
z Feriale z Domenica z Mercoledi z Sabato
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

Centrale TP16-256 5-27


5.10.2.3 ASSOCIAZIONE PROGRAMMATORI ORARI-PROGRAMMI/TELECOMANDI
Permette di definire quali programmi o quali telecomandi (Vedere Prog.Orario 01 3
Azione) deve attivare il programmatore orario nel momento della Programmi
sua attivazione.
Visualizzazione dell'associazione programmatore orario-programma/telecomando
[ ] Programma non associato al programmatore orario
[ # ] Programma associato al programmatore orario
Comandi disponibili
+ #(YES) Per associare il programma/telecomando al programmatore orario
+ *(NO) Per cancellare l'associazione programmatore-programma/telecomando
+ EXIT Per confermare e uscire
5.10.2.4 IMPOSTAZIONE DELL'ORA DI PARTENZA Prog.Orario 01 4
Definizione dell'ora di partenza del programmatore orario Orario
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare il campo da modificare
+ 0...9 Valori per data-ora
+ EXIT Per confermare e uscire
5.10.2.5 BLOCCO TEMPORANEO DEL PROGRAMMATORE ORARIO
Permette la disattivazione del prossimo intervento del
programmatore orario selezionato. Prog.Orario 01 5
Il prossimo intervento viene così saltato quindi il programmatore Bloccato [ # ]
orario si riattiva per l'intervento successivo.
Visualizzazione dello stato del programmatore orario
[ ] Programmatore orario attivo
[ # ] Programmatore orario disattivato per il prossimo intervento
Comandi disponibili
+ #(YES) Per bloccare il prossimo intervento del programmatore orario
+ *(NO) Per cancellare il blocco del programmatore orario
+ EXIT Per confermare e uscire

5.10.3 IMPOSTAZIONE FASCE ORARIE DI ACCESSO


Permettono l'accesso alle varie aree controllate dall'impianto di Timers 3
allarme in periodi di tempo definiti. Fasce accesso
La centrale mette a disposizione fino a 8 fasce orarie
programmabili indipendentemente.
SELEZIONE DELLA FASCIA ORARIA Fasce accesso 1
+ yw Selezionare la fascia oraria Fascia 01
+ # Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Attributo Ini. Definizione delle caratteristiche per l'inizio della fascia oraria
z Attributo Fine Definizione delle caratteristiche per il termine della fascia oraria
z Ora Inizio Definizione dell'ora di partenza del programmatore orario
z Ora Fine Definizione dell'ora di termine del programmatore orario
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'azione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire

5-28 Centrale TP16-256


5.10.3.1 IMPOSTAZIONE ATTRIBUTI PER INIZIO E FINE DELLA FASCIA ORARIA
Definizione degli attributi di inizio-fine della della fascia oraria
selezionata. Fascia 01 1
Le opzioni disponibili sono le seguenti: Attrib. Ini.
z Inattivo z Festivo z Mercoledì
z Tutti i giorni z Domenica z Giovedì Fascia 01 2
z Feriale z Lunedì z Venerdì Attrib. Fine
z Prefestivo z Martedì z Sabato
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.10.3.2 IMPOSTAZIONE DELL'ORA DI INIZIO E DI FINE DELLA FASCIA ORARIA
Definizione dell'ora di inizio-fine della fascia oraria di accesso.
Fascia 01 3
Comandi disponibili Ora Inizio
+ yw Per selezionare il campo da modificare
+ 0...9 Valori per data-ora Fascia 01 4
Ora Fine
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-29


5.11 PROGRAMMAZIONE DEI TELECOMANDI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 8
+ #(YES) Per confermare
8

SELEZIONE DEL TELECOMANDO Menu 8


+ yw Selezionare il telecomando Nome Telec.
+ #(YES) Per confermare

5.11.1 DEFINIZIONE DEL TELECOMANDO


Nome Telec. 1
Definizione messaggio vocale da associare al telecomando Telecom. 01
utilizzando le parole presenti nel vocabolario.
Ad ogni telecomando possono essere associate fino a 4 parole. Telecom. 01
Comandi disponibili 1=
+ #(YES) Passaggio alla parola successiva
+ *(NO) Cancellazione della parola selezionata Prima parola
+ yw Selezionare del vocabolo
+ MEM Selezione del vocabolo in ordine alfabetico
+ EXIT Per confermare e uscire
Premendo EXIT viene visualizzato:
+ #(YES) Per memorizzare il messaggio vocale Copia in Desc. ?
* NO # SI
+ *(NO) Per annullare l'operazione

5-30 Centrale TP16-256


5.12 PROGRAMMAZIONE DELLE CONSOLE/TASTIERE FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 15
+ #(YES) Per confermare
15
SELEZIONE DELLA TASTIERA Menu 15
+ yw Selezionare la tastiera/console Tastiere
+ #(YES) Per confermare
NOTA Tastiere
Il simbolo √ a fianco al numero della tastiera significa Tastiera 01
che la tastiera in questione è effettivamente collegata
allla centrale attraverso la linea seriale.
OPZIONI DISPONIBILI
La centrale mette a disposizione fino a 32 tastiere/console. Ognuna di esse può essere
programmata individualmente ad eseguire la seguente serie di funzioni:
z Ins. rapido Inserimento rapido dei programmi senza necessità di digitare il codice
z Dis. rapido Disinserimento rapido dei programmi
NOTA
L'omologazione secondo normative CEI 79/2 non permette la programmazione del
disinserimento rapido dei programmi (Disinserimento rapido = Disabilitato).
Il disinserimento è permesso solo con la digitazione del codice. La programmazione
della funzione di disinserimento rapido invalida l'omologazione della centrale.
z Panico Generazione dell'allarme panico da tastiera
L'allarme panico viene generato quando vengono premuti
contemporaneamente i due tasti di panico sulla console.
z Menu Rapido Abilitazione della tastiera all'accesso rapido.
La tastiera selezionata può essere utilizzata per attivare o
disattivare i telecomandi senza la necessità di digitare i codici.
z Chime Abilitazione della funzione campanello (CHIME) sulla tastiera)
z Volume Definizione del volume per la riproduzione dei messaggi vocali sulla
console. Il volume può avere i seguenti valori:
MUTO, BASSO, MEDIO o ALTO
z Audio sempre Abilita sempre la console alla riproduzione dei messaggi vocali
anche quando le operazioni sono eseguite su un'altra console (per
esempio in caso di inserimento/disinserimento)
z Universale Abilita la console all'inserimento di tutti i programmi associati al codice
(anche quelli non associati alla console). I programmi non associati alla
console non sono visualizzati sui led.
z Associaz. Led Associazione delle 15 coppie di Led della console alla visualizzazione
dello stato dei programmi di inserimento.
Ad ogni coppia di led della console può essere associata la
visualizzazione di uno qualunque dei 32 programmi di inserimento
Visualizzazione dello stato della funzione
[ ] Tastiera non abilitata alla funzione
[ # ] Tastiera abilitata alla funzione
Comandi disponibili
+ #(YES) Per associare la funzione alla tastiera
+ *(NO) Per cancellare l'associazione della funzione alla tastiera
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-31


5.13 PROGRAMMAZIONE DEI PUNTI CHIAVE FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 16
16
+ #(YES) Per confermare

SELEZIONE DEL PUNTO CHIAVE Menu 16


+ yw Selezionare il punto chiave Punti Chiave
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
La centrale mette a disposizione fino a 16 punti chiave (TP-SK6N e TP-SKN).
Ai led presenti su ogni punto chiave (6 LED per la console TP-SK6N e 3 per l'attivatore
collegato al modulo TP-SKN) possono essere associate le visualizzazioni di alcuni programmi
specifici della centrale.
ATTENZIONE
E' indispensabile che oltre all'associazione dei programmi al punto chiave
corrisponda anche l'associazione della chiave ai programmi gestiti dal punto chiave
(es chiave 1 a programma 1, 3 e 12).
Quando l'associazione non è eseguita all'inserimento della chiave nell'attivatore non
verrà eseguita alcuna operazione

SELEZIONE DEI LED Punto Chiave 1


+ yw Selezionare il LED del punto chiave LED 01
+ #(YES) Per confermare
ASSOCIAZIONE DEL PROGRAMMA AL LED Punto Chiave 1
+ yw Selezionare il programma da associare al Program. 01
LED del punto chiave
+ EXIT Per confermare e uscire

5-32 Centrale TP16-256


5.14 PROGRAMMAZIONE DEI RADIOCOMANDI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 13
13
+ #(YES) Per confermare
Menu 13
SELEZIONE DEL RADIOCOMANDO Radio Comandi
+ yw Selezionare il radiocomando
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
La centrale mette a disposizione fino a 60 radiocomandi. Ognuni di essi può essere
programmato individualmente ad eseguire la seguente serie di funzioni:
z Fasce Definisce le fasce orarie (da 1 a 8) in cui il radiocomando è abilitato
z Ass. Pulsanti Associazione dei 3 pulsanti del radiocomando a varie funzioni della
centrale
Selezionare l'operazione svolta dal tasto selezionato tra :
» Disinserimento (Tutti i programmi inseriti dal radiocomando)
» Inserimento programma (Numero programma da 1 a 16)
» Dinserimento programma (Numero programma da 1 a 16)
» Att./Dis. telecomandi (Numero telecomando da 1 a 16)
» Attiva telecomando (Numero telecomando da 1 a 16)
» Disattiva telecomando (Numero telecomando da 1 a 16)
z Attributi
» Parzial.
Definisce se il radiocomando è un radiocomando di inserimento/disinserimento oppure
di parzializzazione. Quando questa funzione è abilitata il significato delle operazioni di
inserimento e di disinserimento dei programmi sono modificate.
Le operazioni assumono il seguente significato:
» Inserimento programma diventa Inizio parzializzazione programma
» Disinserimento programma diventa Fine parzializzazione programma
» Disinserimento diventa Fine parzializzazione
» Conf. Rapina (Conferma rapina)
Attiva la funzione di conferma rapina.
Al disinserimento dell'impianto per evitare l'attivazione dell'allarme rapina, l'utente dovrà
digitare entro il tempo programmato, il codice utente per disattivare completamemente
la centrale
(Vedere Tempo conferma disinserimento al paragrafo)
Quando la digitazione del codice utente non viene eseguita oppure viene eseguita dopo
il tempo di conferma impostato vengono attivati i dispositivi di uscita programmati.
» Abort Auto (Abort automatico dei comunicatori al disinserimento)
Definisce se al disinserimento da radiocomando verrà eseguito anche il blocco
automatico di tutti i comunicatori attivi e di quelli che sono in coda.
» Bypass allarmi generali
Se la funzione é abilitata l'utente potrà eseguire l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme generale elencate di seguito:
» Manomissione
» Batteria scarica
» Mancanza rete
» Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli
» Aggressione
Se la funzione è abilitata, la pressione contemporanea dei tasti 2 e 3 sul radiocomando
attivano l'allarme rapina e la relativa uscita.

Centrale TP16-256 5-33


» Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
Visualizzazione dello stato delle opzioni
[ ] Opzione non attivata
L'opzione selezionata non è attivata
[ # ] Opzione già attivata
L'opzione selezionata é già attivata
5.14.1 APPRENDIMENTO DEL RADIOCOMANDO
Ogni radiocomando prima di essere utilizzato deve essere
riconosciuto dalla centrale di allarme.
L'operazione di riconoscimento dei radiocomandi viene
comunemente denominata apprendimento.
Visualizzazione dello stato del radiocomando
RadioCom. 01
[ ] Radiocomando non memorizzato Apprend [ ]
[ # ] Radiocomando già memorizzato
CANCELLAZIONE DI UN RADICOMANDO GIA' MEMORIZZATO
Per cancellare un radiocomando già memorizzato [ # ] premere il tasto *
+ * (NO) Cancellazione del radiocomando selezionato
PROCEDURA PER L'APPRENDIMENTO
Durante l'attesa dell'apprendimento del radiocomando sul display della console compare il
seguente messaggio :
z Apprend. Attesa
APPRENDIMENTO
z Per eseguire l’apprendimento occorre tenere premuto il tasto 1 per
almeno 10 secondi.
In questo periodo il radiocomando trasmetterà il proprio
identificativo alla centrale.
Ad apprendimento avvenuto sul display della console compare il
messaggio :
z Apprend. Completato
Comandi disponibili
+ #(YES) Per associare la funzione al radiocomando
+ *(NO) Per cancellare l'associazione della funzione al
radiocomando
+ EXIT Per confermare e uscire

5-34 Centrale TP16-256


5.15 PROGRAMMAZIONE DEI PARAMETRI TELEFONICI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 10
10
+ #(YES) Per confermare
Menu 10
OPZIONI DISPONIBILI Telefono
z Impostazioni Parametri telefonici
z PABX Numero di uscita da centralino PABX
z Comun. A Caratteristiche per il comunicatore A
z Comun. B Caratteristiche per il comunicatore B
.....
z Comun. H Caratteristiche per il comunicatore H
z Call Back Caratteristiche per i numeri di Call Back
z Cellulare Caratteristiche per il comunicatore cellulare GSM
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.15.1 IMPOSTAZIONI PARAMETRI TELEFONICI
Telefono 1
SELEZIONE DELL'OPZIONE Impostazioni
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Risposta Abilita la risposta alle chiamate entranti Impostazioni 1
[ # ] Risposta abilitata Risposta [ ]
z Impulsi Modalità di selezione dei numeri telefonici.
 Impulsi (Decadico). Riconosciuto da tutte le centrali Impostazioni 2
 DTMF (Toni) Solo per centrali telefoniche abilitate. Impulsi [ ]
La selezione del numero è più veloce.
[ ] Selezione DTMF
[ # ] Selezione a impulsi
z Test Linea Stabilisce se la centrale deve controllare la Impostazioni 3
presenza della linea telefonica Test Linea [ ]
[ # ] Test linea non abilitato
z Ctrl Toni Stabilisce se la centrale deve controllare il tono Impostazioni 4
di risposta della centrale telefonica prima di Ctrl Toni [ ]
comporre il numero telefonico.
[ ] Controllo toni non abilitato
[ # ] Controllo toni abilitato
z Tac. GlobaleTacitazione delle chiamate digitali e vocali. Impostazioni 5
Al ricevimento della tacitazione la centrale può: Tac. Globale [ ]
 Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Se è stato programmato un protocollo di tipo "SINGLE", o se non ci sono più
eventi in coda, termina la comunicazione digitale in corso.
In tutti gli altri casi viene trasmesso il successivo evento di allarme in coda.
 Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Se è programmato un protocollo "SINGLE", o se non ci sono più eventi in coda,
termina la comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate in corso per tutti i
comunicatori vocali e digitali associati al comunicatore tacitato.
[ ] Tacitazione singolo comunicatore
[ # ] Tacitazione tutti i comunicatori

Centrale TP16-256 5-35


z Tac. Vocale Tacitazione chiamate vocali Impostazioni 6
Durante una comunicazione vocale, l'utente che Tac. Vocale [ ]
ha ricevuto la chiamata digitando * sul telefono
può tacitare la centrale.
La centrale può essere programmata per:
 Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione (*) viene terminato il ciclo di chiamate del
comunicatore chiamante.
 Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione (*) viene tacitata la chiamata in corso, il
ciclo di chiamate del comunicatore chiamante ed i cicli di chiamate di tutti i comunicatori
vocali associati al comunicatore tacitato.
[ ] Tacitazione singolo comunicatore
[ # ] Tacitazione tutti i comunicatori
z Tac. Digitale Tacitazione chiamate con protocollo Impostazioni 7
digitale - NON TECNOALARM. Al ricevimento del codice di Tac. Digit. [ ]
tacitazione la centrale può essere programmata per:
 Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Se programmato protocollo "SINGLE", o non ci sono eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso. Negli altri casi viene trasmesso il successivo evento di
allarme in coda.
 Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione, la centrale analizza l'evento successivo in
coda. Se programmato protocollo "SINGLE", o non ci sono più eventi in coda, termina la
comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate in corso per tutti i comunicatori
digitali associati al comunicatore tacitato.
z Tac. Tecno Tacitazione chiamate con protocollo digitale Impostazioni 8
TECNOALARM. Al ricevimento del codice di tacitazione la Tac. Tecno [ ]
centrale può essere programmata per:
 Tacitare il singolo comunicatore
Al ricevimento del comando di tacitazione dal dispositivo remoto, la centrale analizza
l'evento successivo in coda. Se è programmato un protocollo "SINGLE", o se non ci
sono più eventi in coda, termina la comunicazione digitale in corso.
In tutti gli altri casi viene trasmesso il successivo evento di allarme in coda.
 Tacitare tutti i comunicatori
Al ricevimento del comando di tacitazione dal dispositivo remoto, la centrale analizza
l'evento successivo in coda. Se è programmato un protocollo "SINGLE", o se non ci
sono più eventi in coda, termina la comunicazione digitale in corso e i cicli di chiamate
in corso per tutti i comunicatori TECNOALARM associati al comunicatore tacitato.
z Msg.Iniziale
Abilita la centrale all'invio del messaggio iniziale Impostazioni 9
preregistrato durante una chiamata uscente. Msg Iniziale [ ]
z Ctrl. Risp.
Stabilisce se la centrale deve controllare il tono di risposta Impostazioni 10
del corrispondente prima di inviare il messaggio vocale Ctrl. Risp. [ ]
z Num. Squilli Definisce dopo quanti squilli la centrale
risponde alle chiamate entranti (da 3 a 17). Impostazioni 11
Num.Squilli [ ]
FUNZIONE SALTO SEGRETERIA TELEFONICA
Selezionando il numero di squilli a 17 si imposta la funzione di "Salto segreteria
telefonica".
Questa funzione permette a un utente che ha collegato sulla stessa linea telefonica la
centrale e la segreteria telefonica di sentire i messaggi della centrale saltando quello della
segreteria.

5-36 Centrale TP16-256


Come attivare il Salto Segreteria Telefonica
 Per attivare la funzione di Salto segreteria occorre impostare la risposta della
segreteria dopo 3..5 squilli.
 Chiamare quindi la centrale e dopo il primo squillo riappendere.
 Chiamare nuovamente la centrale.
Essa risponderà immediatamente prima dell'intervento della segreteria telefonica.
5.15.2 NUMERO DI USCITA PABX Telefono 2
Definizione del numero di uscita da PABX che la centrale deve PABX
comporre per ottenere la linea esterna (da 1 a 16 cifre).
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un numero già esistente
+ #* Per inserire i comandi *# all'interno del numero
+ 0...9 Valori per il numero di telefono
+ EXIT Per confermare e uscire

5.15.3 IMPOSTAZIONE DEI COMUNICATORI TELEFONICI


La centrale mette a disposizione 8 comunicatori telefonici Telefono 3
(A, B, C ....H) che possono essere uilizzati in caso di allarme. Comun. A
Per ogni comunicatore possono essere definiti 2 numeri di Telefono
telefono; il primo numero viene sempre chiamato mentre il 4
Comun. B
secondo numero (riserva) viene chiamato solo quando non è Telefono 5
possibile il collegamento con il primo numero. Comun. C
Quando nessuno dei 2 numeri risponde o sono entrambi occupati
vengono eseguiti 4 tentativi chiamando alternativamente prima il Telefono 6
primo numero quindi il numero di riserva. Comun. D
Ogni comunicatore può colloquiare in modo vocale o con Telefono 7
dispositivi digitali utilizzando uno dei numerosi protocolli di Comun. E
trasmissione disponibili. Telefono 8
In caso di comunicazione digitale, per ogni comunicatore occorre Comun. F
definire il tipo di protocollo di trasmissione da utilizzare a Telefono 9
seconda del tipo di collegamento (verso un dispositivo digitale, Comun. G
Centro di Teleassistenza TECNOALARM, Centro di Teleassisten-
za/Telegestione, etc.) e un codice identificativo. Telefono 10
SELEZIONE DEL COMUNICATORE A...H
Comun. H
+ yw Selezionare il comunicatore
ATTENZIONE
Tutti i comunicatori hanno la stessa priorità. Gli allarmi sono serviti in ordine di
arrivo. Eccezione è rappresentata dall'allarme Rapina. Quando viene riconosciuto,
se la centrale sta già servendo un altro allarme, la chiamata precedente viene
interrotta e viene avviata la chiamata per l'allarme rapina.
Al termine viene ripristinato l'allarme precedentemente in corso.
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Primo numero Primo numero telefonico da chiamare (max. 15 cifre)
z Secondo num. Secondo numero telefonico da chiamare (max. 15 cifre)
z Identificativo Codice identificativo per il comunicatore (codice da 2 a 6 cifre)
z Protocollo Protocollo di comunicazione (codice a 3 cifre - vedere tabelle)

Centrale TP16-256 5-37


5.15.3.1 NUMERI TELEFONICI
SELEZIONE DEL NUMERO Comun. A 1
+ yw Selezionare il numero Primo Numero
+ # Per confermare
Comun. A 2
IMPOSTAZIONE DEL NUMERO TELEFONICO Secondo Numero
Digitare il valore per il numero telefonico selezionato.
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare l'ultimo numero
+ #* Per inserire i caratteri *# all'interno del numero
+ MEM Per inserire una pausa nel numero
+ 0...9 Valori per il numero di telefono
+ EXIT Per confermare e uscire
5.15.3.2 CODICE IDENTIFICATIVO DEL COMUNICATORE
Codice identificativo per il comunicatore (da 2 a 6 cifre). Comun. A 3
Rende possibile collegare la centrale a diversi centri di Identificativo
Teleassistenza (che richiedano codici identificativi diversi anche
con diversa lunghezza.
Per esempio un centro può richiedere il codice 1234 mentre il secondo il codice 223344.
ATTENZIONE
Il codice identificativo del comunicatore deve sempre essere impostato
SELEZIONE DEL NUMERO
+ yw Selezionare il numero
+ #(YES) Per confermare
IMPOSTAZIONE DEL CODICE IDENTIFICATIVO
Digitare il valore per il codice identificativo
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un codice già esistente
+ 0...9 Valori per il codice identificativo
+ EXIT Per confermare e uscire
5.15.3.3 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE Comun. A 4
Per connessione con dispositivi digitali TECNOALARM o in caso
di collegamento con altri tipi di dispositivi scegliere il formato Protocollo
opportuno consultando la tabella dei protocolli nell'apposita
Appendice di questo manuale.
ATTENZIONE
I comunicatori sono predisposti di fabbrica con il protocollo digitale
TECNOALARM (000)

IMPOSTAZIONE DEL PROTOCOLLO


Digitare il valore per il protocollo:
Comandi disponibili
+ 0...9 Valori di protocollo
+ EXIT Per confermare e uscire

5-38 Centrale TP16-256


5.15.4 NUMERI DI CALL BACK
Il numero di CALL BACK permette di programmare da remoto la centrale.
Quando la stessa viene chiamata da un installatore per essere programmata a distanza, il
comunicatore dopo il primo scambio di informazioni, interrompe la comunicazione e richiama il
numero di CALL BACK programmato.
Il numero chiamato deve corrispondere al numero dell'installatore/centro con il quale ci si vuole
mettere in comunicazione. Questo meccanismo serve a proteggere cliente ed l’installatore da
chi voglia accedere al sistema di allarme per modificarne il funzionamento.
FUNZIONAMENTO DEI DUE NUMERI DI CALL BACK
Il primo numero di Call Back viene chiamato in tutte le operazioni di telegestione. Il secondo
numero viene chiamato solo quando non è possibile il collegamento con il numero principale
(non risponde o occupato). Se nessuno dei 2 numeri risponde o sono entrambi occupati sono
eseguiti 4 tentativi chiamando alternativamente il primo numero quindi il secondo.
OPZIONI DISPONIBILI
z Primo numero Primo numero di Call Back (max. 15 cifre)
z Secondo num. Secondo numero di Call Back (max. 15 cifre)
z Identificativo Codice identificativo della centrale (da 2 a 6 caratteri alfanumerici)
z Chiamata Funzione chiamata di Call Back generata direttamente dalla centrale
5.15.4.1 NUMERI TELEFONICI DI CALL-BACK
SELEZIONE DEL NUMERO Call Back 1
Primo Numero
+ yw Selezionare il numero di Call Back
+ #(YES) Per confermare Call Back 2
IMPOSTAZIONE DEL NUMERO TELEFONICO Secondo Numero
Digitare il valore per il numero di Call Back selezionato.
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un numero già esistente
+ #* Per inserire i caratteri *# all'interno del numero
+ 0...9 Valori per il numero di telefono
+ EXIT Per confermare e uscire
5.15.4.2 CODICE IDENTIFICATIVO DELLA CENTRALE Call Back 3
Codice identificativo della centrale (da 2 a 6 caratteri alfanumerici). Identificativo
Rappresenta il nome della centrale e fornisce l'identificativo attra-
verso il quale è possibile risalire al tipo, all’organizzazione e all’indirizzo del proprietario del
dispositivo di allarme. Il codice identificativo deve essere sempre programmato dall’installatore
che potrà utilizzarlo per creare un elenco dei propri clienti.
ATTENZIONE
Il codice identificativo della centrale deve sempre essere impostato.

IMPOSTAZIONE DEL CODICE IDENTIFICATIVO


Digitare il valore per il codice identificativo
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un codice già esistente
+ #1 Carattere A
+ #2 Carattere B
+ #3 Carattere C
+ #4 Carattere D
+ #5 Carattere E
+ #6 Carattere F
+ 0...9 Valori numerici per il codice identificativo
+ EXIT Per confermare e uscire
Centrale TP16-256 5-39
5.15.4.3 CHIAMATA DI CALL BACK DIRETTA Call Back 5
Permette la chiamata di Call Back direttamente dalla centrale di Chiamata
allarme verso il numero dell'Installatore/Centro di Telegestione.
Comandi disponibili
+ #(YES) Si - Esecuzione della chiamata
+ *(NO) No - Chiamata disabilitata
+ EXIT Per confermare e uscire
ATTENZIONE
Premendo # (SI) viene immediatamente generata la chiamata telefonica diretta
verso i numeri di Call Back impostati

5.15.5 CARATTERISTICHE COMUNICATORE CELLULARE GSM


Permette di definire i parametri per il funzionamento del Telefono 12
comunicatore cellulare GSM Tecnocell-PRO.
Cellulare
OPZIONI DISPONIBILI
z Abilitato Abilitazione del comunicatore cellulare
z Risposta Abilitazione risposta del comunicatore cellulare alle chiamate entranti
z Msg. Emergenza Messaggio inviato nella chiamata di emergenza (in caso di
mancanza di comunicazione con la centrale per più di 30 secondi)
z Num. Emergenza Numero di telefono di emergenza (Max. 15 cifre)
z Risp. con BUS Abilitazione alla gestione della chiamata entrante tramite il
Bus Vocale (Menù guidato)
z Num. Squilli Numero di squilli dopo i quali avviene la risposta del Tecnocell-Pro
(programmabile da 1 a 15)
z Abil.SMS Emer Abilitazione all'invio di un SMS invece di una chiamata vocale in caso
di mancanza comunicazione su linea seriale RS485 con la centrale
z Prog.SMS Emer Programmazione del testo dell'SMS di emergenza per mezzo di un
telefono cellulare esterno.
z Prog. Intest.SMS Programmazione del testo dell'intestazione per gli SMS di allarme
per mezzo di un telefono cellulare esterno.
z Abil Digit Abilitazione al funzionamento come canale dati (digitale).
5.15.5.1 ABILITAZIONE DEL COMUNICATORE CELLULARE
Abilita il Tecnocell-PRO a segnalare le condizioni di allarme della
centrale in caso di mancanza della linea telefonica commutata. Cellulare 1
La segnalazione avviene per mezzo di uno dei 4 messaggi vocali Abilitato [ ]
preregistrati attraverso la rete cellulare GSM.
[ ] Cellulare non abilitato
[ # ] Cellulare abilitato
5.15.5.2 ABILITAZIONE RISPOSTA Cellulare
Abilita il Tecnocell-PRO a rispondere alle chiamate entranti. 2
Se il risponditore è abilitato, il Tecnocell-PRO in caso di chiamata Risposta [ ]
entrante (dopo circa 3 squilli), risponde inviando uno dei due
messaggi vocali preregistrati (3 o 4) che rispecchiano lo stato della centrale (centrale a riposo o
in allarme). Il messaggio viene ripetuto fino alla chiusura della comunicazione.
[ ] Risposta non abilitata
[ # ] Risposta abilitata
5.15.5.3 MESSAGGIO DI EMERGENZA Cellulare 3
Nella chiamata di emergenza viene inviato il messaggio vocale Msg. Emergenza
selezionato (da 1 a 4). Digitare il numero del messaggio vocale.
Comandi disponibili
+ 0...4 Valori per il messaggio vocale

5-40 Centrale TP16-256


5.15.5.4 NUMERO DI EMERGENZA Cellulare
Numero di telefono di emergenza (Max. 15 cifre). 4
Il Tecnocell-PRO colloquia in continuazione con la centrale Num. Emergenza
attraverso la linea seriale RS485.
Se il colloquio è assente (linea seriale non collegata o non funzionante) per un tempo superiore
30 secondi, il Tecnocell-PRO esegue una chiamata vocale di "emergenza" al numero
telefonico di emergenza programmato.
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un numero già esistente
+ #* Per inserire i caratteri *# all'interno del numero
+ MEM Per inserire una pausa nel numero
+ 0...9 Valori per il numero di telefono
+ EXIT Per confermare e uscire
5.15.5.5 RISPOSTA CON MENU' GUIDATO Cellulare 5
Abilita la risposta della centrale utilizzando il menù vocale Risp. con BUS [ ]
interattivo
[ ] Menù guidato non abilitato
[ # ] Menù guidato abilitato
5.15.5.6 NUMERO DI SQUILLI ALLA RISPOSTA Cellulare 6
Definisce dopo quanti squilli il Tecnocell-Pro risponde alle Num. Squilli [ ]
chiamate entranti (da 1 a 15).
5.15.5.7 ABILITAZIONE SMS DI EMERGENZA
Abilita l'invio di un SMS di emergenza (preimpostato) verso il Cellulare 7
numero di emergenza al posto di una chiamata vocale in caso di Abil SMS Emer [ ]
mancanza di colloquio tra Tecnocell-Pro e centrale per un periodo
superiore a 30 secondi.
[ ] SMS di emergenza non abilitato
[ # ] SMS di emergenza abilitato
5.15.5.8 PROGRAMMAZIONE SMS DI EMERGENZA Cellulare 8
Permette la programmazione del testo dell'SMS di emergenza Prog SMS Emer.
da inviare.
CREAZIONE SMS DI EMERGENZA
Utilizzando un qualsiasi telefono cellulare esterno programmare il testo dell'SMS di emergenza
e inviarlo al numero del Tecnocell-Pro
RICEZIONE SMS DI EMERGENZA
z Per predisporre la centrale alla ricezione dell'SMS di emergenza premere il tasto #(YES)
Durante l'attesa della ricezione dell'SMS di emergenza sul Prog SMS Emer.
display della console compare il messaggio mostrato a lato: Attesa

z Alla ricezione l'SMS di Emergenza viene memorizzato e sul Prog SMS Emer.
display della console compare il messaggio a lato: Completato
ATTENZIONE
L’SMS di emergenza può avere una lunghezza massima di 80 caratteri.
Quando la lunghezza è maggiore il messaggio verrà troncato.

Comandi disponibili
+ # Per avviare la procedura
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-41


5.15.5.9 PROGRAMMAZIONE INTESTAZIONE SMS Cellulare 9
Permette la programmazione del testo iniziale (intestazione) per gli Prog Intest.SMS
SMS da inviare in caso di allarme.
CREAZIONE INTESTAZIONE SMS
Utilizzando un qualsiasi telefono cellulare esterno programmare il testo dell'intestazione per gli
SMS di allarme inviarlo al numero del Tecnocell-Pro
RICEZIONE INTESTAZIONE SMS
z Per predisporre la centrale alla ricezione dell'intestazione degli SMS premere il tasto
#(YES)
Durante l'attesa della ricezione dell'intestazione sul display Prog SMS Header
della console compare il messaggio mostrato a lato: Attesa
z Alla ricezione, l'intestazione per gli SMS viene memorizzata e
sul display della console compare il messaggio a lato: Prog SMS Header
Comandi disponibili Completato
+ # Per avviare la procedura
+ EXIT Per confermare e uscire
ATTENZIONE
L'intestazione per gli SMS può avere una lunghezza massima di 40 caratteri.
Quando la lunghezza è maggiore il messaggio verrà troncato.

5.15.5.10 ABILITAZIONE CANALE DIGITALE Cellulare 10


Abilitazione al funzionamento come canale dati (digitale). Abil. Digit. [ ]
Non deve essere utilizzato con protocolli di backup perchè in tal
caso le chiamate vengono eseguite verso numeri a cui rispondono
dispositivi analogici (prima chiamata). L'eventuale chiamata di Backup con Tecnocell-Pro in
modalità dati (digitale) non andrebbe mai a buon fine.
5.15.6 NOTE SULLA GESTIONE DEGLI SMS
FORMATO DEGLI SMS
Gli SMS sono sempre composti da un'intestazione (Header) che contiene informazioni generali
per l’utente e dalla descrizione dell'allarme.
z L'intestazione è costituita da un messaggio del seguenti tipo:
“Centrale di allarme TECNOALARM TP16-256”.
z La descrizione dell'allarme è la stessa presente nel log eventi
Esempio : “ Inserimento Programma 1 [perimetrale] “
TIPO DI SMS INVIATI
Gli SMS inviati possono essere di due tipi:
z SMS TRADIZIONALE (protocollo N. 166)
Messaggio standard
z SMS CON SQUILLO DI AVVERTIMENTO (protocollo 167)
Prima di eseguire l’invio dell’SMS il Tecnocell-PRO fa squillare il telefono dell’utente fino a
quando lo stesso non risponde oppure annulla la chiamata.
SMS DI EMERGENZA
Oltre agli SMS di allarme è possibile programmare il Tecnocell-PRO in modo che esso
spedisca un SMS di emergenza al posto della chiamata vocale di emergenza in caso di
mancanza connessione con la centrale (sul linea RS485) per un tempo superiore a 30 secondi.
z Il messaggio è costituito da un testo del seguenti tipo:
"Attenzione messaggio di emergenza Tecnocell-PRO”
ATTENZIONE
L'SMS di emergenza è sempre di tipo con Squillo di avvertimento

5-42 Centrale TP16-256


5.16 PROGRAMMAZIONE DEI PARAMETRI TELEFONICI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 14
14
+ #(YES) Per confermare
E' possibile associare ad ogni comunicatore l'invio delle Menu 14
segnalazioni di allarme relative ad ogni causale rilevata dalla Ass. Allarmi
centrale.
CAUSALI DI ALLARME
z Inizio allarme zone z Inizio anomalia moduli z Fine mascheramento
z Fine allarme zone z Fine anomalia moduli z Inizio sopravvivenza
z Inizio allarme programmi z Inizio batteria bassa z Fine sopravvivenza
z Fine allarme programmi z Fine batteria bassa z Inizio mancanza linea telef.
z Inserimento programmi z Inizio allarme rete z Fine mancanza linea telef.
z Disinserimento programmi z Fine allarme rete z Test ciclico
z Inizio parzializzazione z Accesso falso z Timer reset
z Fine parzializzazione z Codice rapina z Scarico eventi
z Esclusione zone z Conferma rapina z Codice rifiutato
z Inizio manomissione z Panico
z Fine manomissione z Inizio mascheramento
Comandi disponibili
+ yw Selezionare l'opzione
+ #(YES) Per confermare
+ EXIT Per confermare la selezione e uscire
5.16.1 CAUSALI : INIZIO E FINE ALLARME ZONA Ini. All. Zone
Zona 001
SELEZIONE DELLA ZONA
+ yw Selezione delle zone da 1 a 256 Zona 001
+ # Per confermare Comun. A [#]
ASSOCIAZIONE CAUSALE DI ALLARME AI COMUNICATORI
+ yw Selezione comunicatori da A.. H e Definizione del codice di rapporto
Visualizzazione dello stato del comunicatore selezionato
[ ] Comunicatore non associato alla causale di allarme selezionata
[ # ] Comunicatore associato alla causale di allarme selezionata
Comandi disponibili
+ # (YES) Per associare il comunicatore alla causale di allarme
+ * (NO) Per cancellare l'associazione causale comunicatore
+ EXIT Per confermare e uscire
DEFINIZIONE DEL CODICE DI RAPPORTO
Ad ogni causale di allarme può essere associato un codice di Codice Rapp.
rapporto diverso (per le comunicazioni digitali con i centri di 31
teleassistenza-telegestione). Il codice di rapporto é costituito da un
valore alfanumerico a 2 cifre (da 00 a FF) .
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare un codice già esistente
+ #1 Carattere A
+ #2 Carattere B
+ #3 Carattere C
+ #4 Carattere D
+ #5 Carattere E
+ #6 Carattere F
+ 0...9 Valori numerici per il codice di rapporto
+ EXIT Per confermare e uscire
Centrale TP16-256 5-43
5.16.2 CAUSALI : INIZIO E FINE ALLARME PROGRAMMA, INSERIMENTO E
DISINSERIMENTO PROGRAMMA, INIZIO E FINE PARZIALIZZAZ.
SELEZIONE DEL PROGRAMMA Ini. All. Prog.
+ yw Selezione del programma da 1 a 32 Program. 01
+ #(YES) Per confermare
ASSOCIAZIONE CAUSALE DI ALLARME AI COMUNICATORI Program. 01
+ yw Selezione dei comunicatori da A.. H Comun. A [#]
Definizione del codice di rapporto
Visualizzazione dello stato del comunicatore selezionato
[ ] Comunicatore non associato alla causale di allarme selezionata
[ # ] Comunicatore associato alla causale di allarme selezionata
Comandi disponibili
+ # (YES) Per associare il comunicatore alla causale di allarme
+ * (NO) Per cancellare l'associazione causale comunicatore
+ EXIT Per confermare e uscire
DEFINIZIONE DEL CODICE DI RAPPORTO Codice Rapp.
Vedere paragrafo 5.16.1 51

5.16.3 CAUSALI : TUTTE LE ALTRE CAUSALI (vedere elenco pagina precedente)


ASSOCIAZIONE CAUSALE DI ALLARME AI COMUNICATORI Ini. All. Batt.
+ yw Selezione dei comunicatori da A.. H Comun. A [#]
Definizione del codice di rapporto
Visualizzazione dello stato del comunicatore selezionato
[ ] Comunicatore non associato alla causale di allarme selezionata
[ # ] Comunicatore associato alla causale di allarme selezionata
Comandi disponibili
+ # (YES) Per associare il comunicatore alla causale di allarme
+ * (NO) Per cancellare l'associazione causale comunicatore
+ EXIT Per confermare e uscire
DEFINIZIONE DEL CODICE DI RAPPORTO Codice Rapp.
Vedere paragrafo 5.16.1 7E

5-44 Centrale TP16-256


5.17 PROGRAMMAZIONE OPZIONI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 21
21
+ #(YES) Per confermare
Menu 21
OPZIONI DISPONIBILI Opzioni
z Abil Soprav. Abilitazione controllo allarme sopravvivenza
L'allarme sopravvivenza viene generato quando, uno dei Opzioni
dispositivi radio controllati dalla centrale non risponde più 1
Abil. Soprav. [#]
alle interrogazioni per un tempo superiore a quello di
sopravvivenza (vedere paragrafo 5.8)
ATTENZIONE
L'omologazione secondo le norme CEI 79/16 non permette la disabilitazione del
controllo per l'allarme sopravvivenza. La disabilitazione del controllo invalida
l'omologazione della centrale.

z Segnal. Soprav. Abilitazione segnalazioni in caso di Opzioni 2


allarme sopravvivenza Segnal. Soprav. [#]
Attivazione delle segnalazioni (Anomalia) su console,
sinottici ed espansione uscite logiche in caso di allarme per
mascheramento del ricevitore radio.
z Sirena Soprav. Abilitazione sirena per allarme sopravvivenza Opzioni 3
Attivazione delle sirene per allarme sopravvivenza Sirena Soprav. [#]
sensore. Se é abilitata, la sirena suona per il tempo specificato
come tempo per l'allarme manomissione.
z Abil Masch. Abilitazione controllo l'allarme Opzioni 4
mascheramento Abil. Masch. [#]
L'allarme è generato quando la centrale rileva un'interferenza
con frequenza uguale a quella di trasmissione dei sensori che
rimane presente per un tempo predefinito dalla centrale (vedere paragrafo 5.8).
ATTENZIONE
L'omologazione secondo le norme CEI 79/16 non permette la disabilitazione del
controllo per l'allarme mascheramento. La disabilitazione del controllo invalida
l'omologazione della centrale.
z Segnal. Masch. Abilitazione segnalazioni in caso di
allarme mascheramento Opzioni 5
Attivazione delle segnalazioni (Anomalia) su console, Segnal. Masch. [#]
sinottici ed espansione uscite logiche in caso di allarme
mascheramento ricevitore radio.
z Sirena Masch. Abilitazione segnalazioni in caso di
allarme mascheramento Opzioni 6
Attivazione delle sirene in caso di allarme mascheramento Sirena Masch. [#]
ricevitore radio. Se é abilitata, la sirena suona per il tempo
specificato come tempo per l'allarme manomissione.
z Chiave stato Specifica il comportamento delle zone che Opzioni 7
sono definite come Zona Chiave. Chiave Stato [#]
[ ] A impulso
Per collegare un pulsante sull'ingresso per l'attivazione o la disattivazione del
programma di inserimento
[ # ] A stato
Per collegare una chiave ON-OFF sull'ingresso per l'attivazione/disattivazione del
programma di inserimento.

Centrale TP16-256 5-45


z Rep.Msg.Voc. Abilitazione report messaggi vocali
Abilitazione delle console alla riproduzione dei messaggi Opzioni 8
vocali per tutte le segnalazioni o in caso di allarme. Rep.Msg.Voc [#]
z Chiave inserimento singolo
Abilitazione all'inserimento dei singoli programmi Opzioni 10
Valido solo per gli attivatori collegati al modulo chiave della Ch. Ins. Sing. [#]
centrale (non valido per attivatore con tastiera).
Abilitazione della chiave a inserire ogni programma in modo singolo. Ad ogni inserimento
nell'attivatore corrisponde l'attivazione di un programma di inserimento.
Rimuovendo ed inserendo nuovamente la chiave nell'attivatore viene inserito il programma
successivo per la quale la chiave è stata abilitata.
z Inv.Prot.Dig. Inversione protocolli digitali Opzioni 11
Inverte le cifre inviate durante le trasmissioni con protocolli Inv.Prot.Dig [#]
digitali.
z Cambio codici Cambio codici utente
Quando l'opzione non è attiva il codice utente Master può Opzioni
Cambio codici [#] 12
modificare tutti gli altri codici utente.
Quando l'opzione è attiva ogni codice si comporta nello
stesso modo e può unicamente visualizzare e modificare se
stesso non gli altri codici.
z Modo radio Modalità di trasmissione radio Opzioni
Ad ogni modalità radio selezionata corrisponde una differente 13
potenza di uscita dal trasmettitore radio (RTX200/433868). Modo Radio
» Sistema 1
» Sistema 2
» Sistema 3
ATTENZIONE
Selezionare unicamente Sistema 1 o Sistema 2
La modalità Sistema 3 non è utilizzabile in ITALIA)
z Tamper
Definisce come deve essere eseguito il controllo per Opzioni
Tamper 14
l'apertura del Tamper
» Contatore (numero di aperture da 1 a 255)
» Timeout (ore : minuti)
z Mascheramento zone
Definisce quando deve essere eseguito il controllo per il Opzioni
mascheramento delle zone Masch. Zone 15
» Sempre attivo
» Allarme/Segnalazione a programma inserito
» Allarme a programma inserito

Visualizzazione dello stato delle opzioni


[ ] Opzione non attivata L'opzione selezionata non è attivata
[ # ] Opzione già attivata L'opzione selezionata é già attivata
Comandi disponibili
+ # (YES) Per attivare l'opzione
+ * (NO) Per disattivare l'opzione
+ EXIT Per confermare e uscire

5-46 Centrale TP16-256


5.18 PROGRAMMAZIONE CODICI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 11
11
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI Menu 11
z Lunghezza Codici
Programmazione della lunghezza dei codici della centrale
(valori da 4 a 6 cifre)
z Codice installatore
Definizione del codice installatore
z Codice utente Master
Definizione delle funzioni alle quali è abilitato il codice utente Master
z Codici utente
Funzioni alle quali sono abilitati i codici utente da 1 a 200 (Fasce orarie, programmi e
attributi).
ATTENZIONE
I valori dei codici utente e Master possono esser modificati solo se si accede alla
programmazione con Codice Utente Master e l'opzione Cambia Codici (vedere
capitolo 5-17) non è attivata. Se l'opzione Cambia Codici è attivata ogni codice
utente può visualizzare e modificare solamente il proprio valore ma non quello
degli altri codici. Questo avviene anche usando il codice utente Master.

5.18.1 PROGRAMMAZIONE LUNGHEZZA DEI CODICI


E' possibile programmare codici con lunghezza a 4, 5 o 6 cifre. Codici 1
Tutti i codici della centrale hanno la stessa lunghezza. Lunghezza
Comandi disponibili
+ 4..6 Valori per la lunghezza codici
+ EXIT Per confermare e uscire
5.18.2 PROGRAMMAZIONE CODICE INSTALLATORE Codici 2
Digitare il valore per il codice installatore Codice Inst.
Comandi disponibili
+ yw Per cancellare il codice già esistente
+ 0...9 Valori per il codice installatore
+ EXIT Per confermare e uscire

5.18.3 PROGRAMMAZIONE CODICE UTENTE MASTER Codici 3


Il codice Master è da riservare al proprietario dell'impianto. Codice Master
z Programmi
Definisce i programmi (da 1 a 32) dove il codice utente Master Codice Master 3
è abilitato a inserire/disinserire o parzializzare. Programmi
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare il programma
+ #(YES) Per attivare il programma selezionato
+ * (NO) Per disattivare il programma selezionato
z Attributi
Attributi e funzionalità del codice

Centrale TP16-256 5-47


OPZIONI DISPONIBILI - ATTRIBUTI Codice Master 4
z Parzial. (Parzializzazione) Attributi
Definisce se il Codice è abilitato alla parzializzazione
z Bypass. Al. (Bypass allarmi generali)
Definisce se il codice potrà eseguire l'inserimento della centrale anche in presenza di una
delle seguenti condizioni di allarme : Manomissione, Batteria scarica, Mancanza rete,
Sopravvivenza dispositivi radio, Anomalia moduli
z Rapina (Codice rapina)
Abilita la funzione di Codice Rapina.
L'utente potrà attivare la funzione rapina digitando un codice utente valido decrementando di
una unità l'ultima cifra del codice.
Per esempio, se il codice utente Master è 1 2 3 4 5 il disinserimento della centrale con
l'attivazione dell'allarme silenzioso rapina avviene digitando :
+ 12344
Se il codice termina con 0 (ad esempio 12340) il codice da digitare per l'attivazione
dell'allarme rapina terminerà con 9 (12349) .
z Abort Auto (Abort automatico dei comunicatori al disinserimento)
Definisce se al disinserimento dell'impianto (digitazione del codice utente) verrà eseguito
anche il blocco automatico di tutti i comunicatori attivi e di quelli che sono in coda.
z Abort Man. (Abort manuale generale dei comunicatori)
Quando la funzione é abilitata dopo il disinserimento dell'impianto (digitazione del codice
utente) è possibile eseguire il blocco di tutti i comunicatori attivi (ed in coda) digitando
nuovamente il codice utente seguito dal tasto EXIT sulla console.
z Disabilitazione Inserimento/Disinserimento da telefono remoto
Quando la funzione é abilitata, l'utente utilizzando un telefono da remoto, non potrà inserire
o disinserire i programmi per i quali la funzione è attivata.
z Disabilitazione Inserimento/Disinserimento diretto
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo aver digitato il codice non potrà eseguire
l'inserimento diretto (digitazione del tasto # per l'inserimento contemporaneo di tutti i
programmi abilitati) ma dovrà inserire manualmente, uno ad uno i programmi desiderati
z Privilegiato
Quando la funzione é abilitata, l'utente oltre a svolgere le normali funzioni con il suo codice
potrà visualizzare il log degli allarmi generali ed il log relativo ai programmi ai quali è
abilitato.
Potrà inoltre avere accesso a differenti voci dei menù di programmazione.
z Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
z Disabilitazione telecomandi
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà accedere all'utilizzo dei telecomandi
Visualizzazione dello stato delle opzioni
[ ] Opzione non attivata
[ # ] Opzione già attivata
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione
+ EXIT Per confermare e uscire

5-48 Centrale TP16-256


5.18.4 PROGRAMMAZIONE CODICI UTENTE Codici 4
I codici utente sono codici abilitati a inserire dinsinserire o Codici Utente
parzializzare la centrale.
Sono disponibili fino a 200 codici utente
SELEZIONE DEL CODICE Codici Utente 1
+ yw Selezionare il codice da 1 a 200 Codice 001
+ #(YES) Per confermare
OPZIONI DISPONIBILI
z Fasce
Definisce le fasce orarie (da 1 a 8) in cui il codice è abilitato
z Programmi
Definisce i programmi (da 1 a 32) dove il codice è abilitato a inserire/disinserire o
parzializzare
z Attributi
Vedere paragrafo 5.18.3.
Visualizzazione dello stato delle opzioni
[ ] Opzione non attivata
[ # ] Opzione già attivata
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-49


5.19 PROGRAMMAZIONE CHIAVI FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 12
12
+ #(YES) Per confermare
Menu 12
SELEZIONE DELLA CHIAVE Chiavi
+ yw Selezionare la chiave da 1 a 64
+ # (YES) Per confermare Chiavi 1
OPZIONI DISPONIBILI Chiave 01
z Fasce
Definisce le fasce orarie (da 1 a 8) in cui il chiave è abilitata
z Programmi
Programmi (da 1 a 32) dove la chiave è abilitata a inserire/disinserire o parzializzare
z Attributi
» Parzial.
Definisce se la chiave è abilitata alla parzializzazione
» Conf. Rapina (Conferma rapina)
Attiva la funzione di conferma rapina. Se abilitata, al disinserimento dell'impianto
(inserimento chiave utente appositamente programmata), per evitare l'attivazione
dell'allarme rapina, l'utente dovrà digitare, entro il tempo programmato, il codice utente
per disattivare completamemente la centrale (Vedere Tempo conferma disins. Par. 5.8)
Quando la digitazione del codice utente non viene eseguita oppure viene eseguita dopo
il tempo di conferma impostato vengono attivati i dispositivi di uscita programmati.
» Abort Auto (Abort automatico dei comunicatori al disinserimento)
Definisce se al disinserimento dell'impianto (inserimento della chiave utente
appositamente programmata ) verrà eseguito anche il blocco automatico di tutti i
comunicatori attivi e di quelli che sono in coda.
» Bypass allarmi generali
Se la funzione é abilitata l'utente potrà eseguire l'inserimento della centrale anche in
presenza di una delle condizioni di allarme generale elencate di seguito:
» Manomissione
» Batteria scarica
» Mancanza rete
» Sopravvivenza dispositivi radio
» Anomalia moduli
z Esclusione disabilitata
Quando la funzione é abilitata, l'utente dopo non potrà inserire la centrale ed escludere
alcune zone (sia l'esclusione volontaria che quella automatica).
Se sono presenti zone aperte la centrale si inserisce e segnala l'allarme.
z Disinserimento rapido
Se la funzione é abilitata e la centrale è inserita, l'utente inserendo la chiave disinserirà
tutti programmi ad essa associati. In questo caso la chiave potrà unicamente inserire e
disinserire il primo programma ad essa associato.
Visualizzazione dello stato delle opzioni
[ ] Opzione non attivata
L'opzione selezionata non è attivata
[ # ] Opzione già attivata
L'opzione selezionata é già attivata
Comandi disponibili
+ yw Per selezionare l'opzione
+ EXIT Per confermare e uscire
ATTENZIONE
L'apprendimento delle chiavi può essere eseguito solo quando si accede alla
programmazione della centrale attraverso il Codice Utente Master

5-50 Centrale TP16-256


ALTRE PROGRAMMAZIONI/AZIONI - SOLO QUANDO NECESSARIO

5.20 ATTIVAZIONE/DISATTIVAZIONE TELECOMANDI FUNZIONE


+ yw Selezionare l'opzione 1
1
+ #(YES) Per confermare

SELEZIONE DEL TELECOMANDO Menu 1


+ yw Selezionare il telecomando da 1 a 16 Telecomandi
+ #(YES) Per confermare
Visualizzazione dello stato di un telecomando Telecom. 01 1
[ ] Telecomando non attivato - Il telecomando è in Attivazione [#]
condizione di riposo
[ # ] Telecomando attivato - Il telecomando è già attivo
Comandi disponibili
+ #(YES) Per attivare il telecomando selezionato
+ *(NO) Per disattivare il telecomando selezionato
+ EXIT Per confermare e uscire

Centrale TP16-256 5-51


ALTRE PROGRAMMAZIONI/AZIONI - SOLO QUANDO NECESSARIO

5.21 ESCLUSIONE MODULI-ZONE


V
FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 18
18
+ #(YES) Per confermare

Permette l'esclusione volontaria un dispositivo oppure di una zona Menu 18


della centrale Esclusione
OPZIONI DISPONIBILI
z Zone Esclusione delle zone selezionate (da 1 a 256)
z Sirene radio Esclusione delle sirene radio selezionate (da 1 a 4)
z Tastiere radio Esclusione delle tastiere radio selezionate (da 1 a 4)
z Radiocomandi Esclusione dei radiocomandi selezionati (da 1 a 60)
z Tastiere Esclusione delle tastiere selezionate (da 1 a 32)
z Punti chiave Esclusione dei punti chiave selezionati (da 1 a 16)
z Sinottici Esclusione dei sinottici/Espansioni uscite selezionati da 1 a 32)
z Tecnocell Esclusione del Tecnocell-Pro
z Moduli Esclusione dei moduli selezionati (da 1 a 32)
z Moduli radio Esclusione dei moduli radio selezionati (1 o 2)
SELEZIONE DEL DISPOSITIVO
+ yw Selezionare il dispositivo da escludere
+ #(YES) Per confermare
Visualizzazione dello stato di un dispositivo
[ ] Dispositivo o zona attivo
[ # ] Dispositivo o zona esclusa

5-52 Centrale TP16-256


ALTRE PROGRAMMAZIONI/AZIONI - SOLO QUANDO NECESSARIO
5.22 TEST DELLA CENTRALE V
FUNZIONE
+ yw Selezionare l'opzione 19
+ #(YES) Per confermare
19
OPZIONI DISPONIBILI
z Radio Test vari sulla sezione radio Menu
z Zone Test di apertura delle zone Test
z Sirena int Test della sirena interna
z Sirena est Test della sirena esterna
z Versione Visualizzazione della versione del firmware della centrale
z Sintesi Voc. Visualizzazione della versione del vocabolario della centrale
z LED tastiera Visualizzazione dello stato dei led della console
z Tecnocell Visualizzazione dello stato del comunicaotere cellulare Tecnocell
5.22.1 TEST SEZIONE RADIO Test 1
OPZIONI DISPONIBILI Radio
z Monit. M1 RF433 Misurazione del livello di rumore ambiente
Modulo radio 1 - Frequenza 433 MHZ
z Monit. M1 RF868 Misurazione del livello di rumore ambiente
Modulo radio 1 - Frequenza 868 MHZ
z Monit. M2 RF433 Misurazione del livello di rumore ambiente
Modulo radio 2 - Frequenza 433 MHZ
z Monit. M2 RF868 Misurazione del livello di rumore ambiente
Modulo radio 2 - Frequenza 868 MHZ
z Ricezione Controllo della ricezione dei dispositivi radio
z Coll. Sirene Controllo del colloquio con le sirene radio
z Coll. Tastiere Controllo del colloquio con le tastiere radio
MONITOR Mx RF xxx (Misurazione del valore medio di rumore ambiente)
Permette di rilevare il valore medio di rumore ambiente nel luogo
dove la centrale è installata. Il livello di rumore misurato può essere Radio 1
compreso all'interno delle seguenti fasce: Monit. M1 RF433
z Inferiore a -95dBm
Livello di rumore ambiente medio basso Radio 2
La centrale può essere installata senza alcun problema. Monit. M1 RF868
Il livello di rumore ambiente non disturba il funzionamento
della sezione radio della centrale Radio 3
Monit. M2 RF433
z Compreso tra -95dBm e -75dBm
Livello di rumore ambiente alto
Se il livello di rumore si mantiene costante su questi livelli Radio 4
potrebbero esserci problemi nel funzionamento della sezione Monit. M2 RF868
radio della centrale.
z Compreso tra -75dBm e -55dBm Monit. M1 RF433 1
Livello di rumore ambiente molto alto Lev. = - 95 dBm
La sezione radio della centrale non funziona
+ EXIT Per terminare e uscire
RICEZIONE
Permette di rilevare se la centrale riceve le trasmissioni eseguite Radio 5
dai dispositivi radio connessi alla stessa. Ricezione
I dispositivi radio devono essere stati appresi in precedenza. Per
verificare la trasmissione porre i dispositivi radio in modalità di Ricezione
test. TX110 Zona 025
+ EXIT Per terminare e uscire
Centrale TP16-256 5-53
COLLOQUIO SIRENE RADIO Radio 6
Permette di controllare il colloquio tra centrale e sirene radio. Coll. Sirene
Il controllo ha una durata di circa 8 secondi e viene verificato il
colloquio con tutte le sirene radio (4) gestite dalla centrale Coll. Sirene
Risultato del colloquio Attesa
Al termine sul display viene visualizzato quanto mostrato lato.
Le diciture S1, S2, S3 e S4 rappresentano le 4 sirene radio. S1 S2 S3 S4
Il risultato del colloquio è riportato sotto ogni sirena e può Si Si --- ---
assumere i seguenti valori:
z SI Il colloquio (TX/RX) tra centrale e sirena è stato eseguito correttamente
z NO Il colloquio (TX/RX) tra centrale e sirena ha avuto esito negativo
z --- La sirena radio non è stata appresa
+ EXIT Per terminare e uscire
COLLOQUIO TASTIERE RADIO Radio 7
Permette di controllare il colloquio tra centrale e tastiere radio. Coll. Tastiere
Il controllo ha una durata di circa 8 secondi e viene verificato il
colloquio con tutte le tastiere radio gestite dalla centrale (4)
Risultato del colloquio
Al termine del controllo sul display viene visualizzato quanto
mostrato lato. Coll. Tastiere
Le diciture T1, T2, T3 e T4 rappresentano le 4 tastiere radio. Attesa
Il risultato del colloquio è riportato sotto ogni tastiera e può
assumere i seguenti valori: T1 T2 T3 T4
z SI Il colloquio (TX/RX) tra centrale e tastiera è stato Si Si --- ---
eseguito correttamente
z NO Il colloquio (TX/RX) tra centrale e tastiera ha avuto
esito negativo
z --- La tastiera radio non è stata appresa
+ EXIT Per terminare e uscire
5.22.2 TEST ZONE
All'accesso in ambiente di test la centrale si comporta nel Test
seguente modo: Zone
z viene disabilitata l'uscita di Stand-By generale e dei
programmi (sensori abilitati) Zone 2
z sul display viene visualizzata la scritta Zone e sulla riga ---
successiva tre trattini ( - - - ) per tutta la durata del test.
z la centrale si predispone in attesa della generazione di
segnali sugli ingressi zona.
Controllo delle zone
Per controllare la funzionalità degli ingressi passare di fronte ai Zone
sensori oppure attivare contatti. Zona 025
La centrale si comporta nel modo seguente:
z Per ogni zona trovata aperta viene attivato il buzzer sulle Zone
console per circa 2 secondi Zona 026
Visualizzazione delle zone aperte
Al termine del test premere i tasti yw sulla console per visualizzare in sequenza tutte le zone
trovate aperte.
Il test non ha una durata definita.
+ EXIT Per terminare e uscire
USO: Test di funzionamento dei sensori cablati e radio

5-54 Centrale TP16-256


5.22.3 TEST SIRENE INTERNE + BATTERIA Test 3
All'accesso in ambiente di test la centrale si comporta nel Sirena int.
seguente modo:
z abbassa la tensione di alimentazione a 10.5Volt per mettere in funzione la batteria
z vengono messe in funzione le sirene interne alimentandole tramite batteria
Il test dura 60 secondi e può essere interrotto premendo il tasto EXIT
ATTENZIONE
Durante il test le sirene interne radio eseguono le operazioni per le quali sono state
programmate nella fase di impostazione parametri.
Vedere parag. 5.4 (Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampeggiante).
Il tempo di suonata o di lampeggio impostato è invece ininfluente.
Al termine del test, se è stato riscontrato un livello di batteria troppo basso, il led di Allarme
Batteria diventa lampeggiante. Verificare in questo caso la bontà della batteria della centrale.
+ EXIT Per terminare e uscire
5.22.4 TEST SIRENE ESTERNE Test 4
All'accesso in ambiente di test la centrale si comporta nel Sirena est.
seguente modo:
z abbassa la tensione di alimentazione a 10.5Volt per mettere in funzione la batteria
z le sirene esterne vengono messe in funzione alimentandole tramite batteria
Il test dura 60 secondi e può essere interrotto premendo il tasto EXIT.
ATTENZIONE
Durante il test le sirene esterne radio eseguono le operazioni per le quali sono state
programmate nella fase di impostazione parametri.
Vedere parag. 5.4 (Non attiva, Sonoro, Lampeggiante, Sonoro + Lampeggiante).
Il tempo di suonata o di lampeggio impostato è invece ininfluente.
Al termine del test, se è stato riscontrato un livello di batteria troppo basso, il led di Allarme
Batteria diventa lampeggiante. Verificare in questo caso la bontà della batteria della centrale.
+ EXIT Per terminare e uscire
5.22.5 VISUALIZZAZIONE VERSIONE FIRMWARE
Test 5
All'accesso in ambiente di test la centrale visualizza il seguente Versione
messaggio :
(c) Tecnoalarm Sulla seconda riga viene visualizzata la nazionalità e la versione
del firmware della centrale.
TP256 v.2.4 ITA
+ EXIT Per terminare e uscire

5.22.6 VISUALIZZAZIONE VERSIONE DEL


VOCABOLARIO DELLA CENTRALE Test 6
Sintesi Voc.
All'accesso in ambiente di test la centrale visualizza il seguente
messaggio :
Sulla seconda riga viene visualizzata la nazionalità e la versione
(c) Tecnoalarm del vocabolario della centrale.
vocab. v.0.2 ITA
+ EXIT Per terminare e uscire

Centrale TP16-256 5-55


5.22.7 VISUALIZZAZIONE STATO DEI LED DELLA Test 7
TASTIERA LED Tastiera
All'accesso in ambiente di test la centrale visualizza il seguente
messaggio :
Tutti i led presenti sulla console vengono accesi e viene attivato
LED Tastiera il Buzzer.
+ EXIT Per terminare e uscire

5.22.8 VISUALIZZAZIONE VERSIONE FIRMWARE Test 9


DEL COMUNICATORE GSM Tecnocell
All'accesso in ambiente di test la centrale visualizza in sequenza i
seguenti messaggi :

Tecnocell Indica la presenza e la funzionalità del Tecnocell collegato sulla


linea seriale
Dispositivo OK
Indica il livello di segnale GSM ricevuto dal Tecnocell
Tecnocell * (segnale insufficiente)
Campo ***** ** (segnale scarso)
*** (segnale discreto)
**** (segnale buono)
***** (segnale ottimo)
Tecnocell Indica la versione di firmware del Tecnocell
Vers. 1.5

+ EXIT Per terminare e uscire


ATTENZIONE
Durante il test il Tecnocell deve essere collegato alla centrale attraverso la linea
seriale

5-56 Centrale TP16-256


6. OPERAZIONE DA CONSOLE
La centrale può essere controllata e programmata da operatori differenti utilizzando diversi
codici di accesso attraverso le console LCD.
Ad ogni codice di accesso corrisponde un diverso livello di operatività con la centrale.
6.1 CODICI DISPONIBILI
Sono disponibili i seguenti codici:
CODICE INSTALLATORE (valore di fabbrica = 5 4 3 2 1)
Permette la programmazione di tutti i parametri della centrale. Vedere Capitolo 5
CODICE UTENTE MASTER (valore di fabbrica = 1 2 3 4 5)
E' il codice che deve essere assegnato al proprietario dell'impianto e che permette la
programmazione di una serie di operazioni:

Centrale TP16-256 6-1


CODICE UTENTE MASTER - LA PROGRAMMAZIONE

ATTENZIONE
L'utente in possesso del codice Master può sempre inserire o disinserire tutti i
programmi della centrale (Ogni console può inserire o disinserire solo i
programmi ai quali è stata abilitata)
ATTENZIONE - ALLARME PER CODICE FALSO
L'allarme viene generato quando su una console sono premuti 32 tasti senza
l'inserzione di un codice corretto.
z In caso di "Codice Falso" vengono attivati i buzzer su tutte le console collegate
per 30 secondi. La console sulla quale è stato digitato il codice falso rimane
disabilitata per 2 minuti.
z Per terminare l'allarme digitare un codice utente corretto (Master o Ausiliario)
su una qualsiasi delle altre console collegate
ATTENZIONE - NOTE IMPORTANTI
z Quando la centrale è inserita l'installatore non può eseguire alcuna
operazioni in locale sulla console (ACCESSO NEGATO)
z Quando la centrale è inserita, l'utente in possesso del codice Master prima di
eseguire alcuna programmazione deve disinserire la centrale altrimenti non
gli verrà concesso l'accesso al menu di programmazione.

6-2 Centrale TP16-256


CODICI UTENTE AUSILIARI (valore di fabbrica = 0 0 0 0 0)
Sono disponibili 62 codici utente ausiliari.
Ognuno di essi può eseguire l'inserimento/disinserimento o la pazializzazione dei
programmi per i quali è stato abilitato dal codice utente Master.

Centrale TP16-256 6-3


OPERAZIONI SENZA CODICE

6-4 Centrale TP16-256


6.2 INSERIMENTO DELLA CENTRALE
La centrale può essere inserita nei seguenti modi:
z utilizzando il codice utente Master oppure uno dei codici utente abilitati
z utilizzando la procedura di inserimento rapido
z utilizzando un contatto collegato su una zona definita zona chiave
z automaticamente utilizzando uno dei 32 programmatori orari disponibili
I programmi di inserimento disponibili (fino a 32) possono essere definiti sia dall'installatore che
dall'utente in possesso del codice Master.
Ogni programma definisce le zone abilitate al riconoscimento allarmi quando il programma
stesso é inserito. I programmi possono solo essere utilizzati in modo singolo (un solo
programma alla volta) oppure contemporaneamente (più programmi allo stesso tempo)
ZONE COMUNI
Quando la stessa zona è condivisa da più programmi ed è definita come zona comune, la sua
abilitazione avviene solo quando tutti i programmi che la contengono sono inseriti
(es: se zona 3 è contenuta nei programmi 1 e 2 ed è definita zona comune, il riconoscimento
degli allarmi su tale zona avviene solo quando il programma 1 e il programma 2 sono inseriti).
Per esempio, un impianto di allarme condiviso tra due appartamenti che condividono la zona
(ingresso villetta), utilizzando due codici utente ausiliari i proprietari degli alloggi possono
inserire/disinserire l'impianto di allarme del proprio appartamento in modo indipendente, mentre
l'area comune (ingresso villetta) verrà abilitata solo quando i due impianti sono entrambi inseriti.
VERIFICA DELLA PRESENZA DI ZONE APERTE O IN Gio 14 GIU 07
ALLARME Feri. 11 15
Prima di inserire la centrale verificare sempre la situazione delle
zone (controllo dei sensori). ZONE APERTE
Per verificare lo stato delle zone della centrale, con la stessa in Nessuna
stato di riposo (Data e ora visualizzate) premere il tasto #
+ # (YES) ZONE APERTE
Sul display vengono visualizzate le zone aperte. Zona 2
Le zone trovate aperte sono visualizzate in modo sequenziale con
un intervallo di circa 2 secondi tra una zona e la successiva.
ATTENZIONE
z Inserendo un programma quando sono presenti zone aperte/in allarme avverrà
l'attivazione dei dispositivi di uscita programmati (sirene/uscite logiche).
Verificare quindi che tutte le zone siano correttamente chiuse prima di
inserire la centrale
z E’ possibile inserire la centrale escludendo le zone aperte con una procedura
descritta in seguito.
Al termine della scansione delle zone la centrale torna in condizioni di riposo.
VERIFICA DELLO STATO DEI LED DELLA CONSOLE
I led gialli visualizzano la condizione dei programmi di inserimento
z Led acceso = Programma inserito
z Led spento = Programma non inserito
z Led lampeggiante veloce (2 lampeggi al secondo) = Programma durante il tempo di
uscita, durante il preinserimento oppure in fase di fine parzializzazione da timer.
z Led lampeggiante lento (1 lampeggi al secondo) = Programma parzializzato oppure
programma non OK durante la fase di inserimento
I led rossi visualizzano la condizione di allarme dei programmi di inserimento
z Led acceso = Memoria di allarme per il programma
z Led spento = Tutto OK - Nessun allarme rilevato per il programma
z Led lampeggiante veloce (2 lampeggi al secondo) = Programma in preallarme oppure
programma in autoprotezione

Centrale TP16-256 6-5


I led della console
LCD 300/S

ATTENZIONE
Le 16 coppie di led sono normalmente associate allo stato dei primi 16
programmi della centrale.
L'installatore può programmare i led presenti su ognuna delle console collegata
alla centrale a rappresentare qualunque dei 32 programmi in qualunque ordine.

6-6 Centrale TP16-256


6.2.1 INSERIMENTO CON CODICE UTENTE MASTER
Digitare il codice utente Master seguito dai programmi di - ACCESSO -
inserimento desiderati (per esempio codice utente Master Master
12345 + programmi 2, 4, 5 e 8 da attivare)
+ 12345 (codice utente Master)
L'utente ha a disposizione circa 10 secondi per selezionare i programmi da inserire/disinserire
(la prima pressione abilita il programma di inserimento mentre la seconda lo disabilita).
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
+ 2 4 5 8 (programmi da inserire)
Dopo l'inserimento dell'ultimo programma, per dieci secondi, sul Inserimento
display viene visualizzato il numero/nome del programma e Programma x
l'indicazione dell'operazione eseguita (inserimento/disinserim.).
I led gialli relativi ai programmi di inserimento attivati diventano lampeggianti
Il tasto # permette di confermare il programma di inserimento senza aspettare i 10 secondi
ATTENZIONE - INSERIMENTO PROGRAMMI 1 2 e 3
Quando di vogliono attivare i programmi 1, 2 e 3 per evitare problemi di errato
inserimento digitare 01, 02 e 03 oppure attendere almeno un secondo tra la
digitazione del programma 1 e quella del 2 o del 3.
ATTENZIONE - PER ANNULLARE L' INSERIMENTO PROGRAMMI
Per annullare l'inserimento dei programmi selezionati premere il tasto EXIT
+ EXIT Abort inserimento
La centrale torna in stato di riposo cancellando il tentativo di inserimento
CONFERMA IMMEDIATA INSERIMENTO PROGRAMMI SELEZIONATI
Premere nuovamente il tasto # per confermare immediatamente l'inserimento del programma
senza accedere all'esclusione volontaria delle zone e senza aspettare i 10 secondi (tempo di
esclusione) per l'inserimento in automatico.
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi di inserimento sono
immediatamente attivati. I led dei programmi di inserimento attivati rimangono accesi fissi.
Se invece è stato programmato un tempo di uscita, i programmi di inserimento verranno attivati
al termine di tale tempo. I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno
fino al termine dell'inserimento della centrale.
Quando non sono presenti zone aperte e l'inserimento è stato Inserimento
eseguito correttamente sul display viene visualizzato il messaggio Centrale OK
Inserimento Centrale OK.
6.2.1 .1 INSERIMENTO CON ESCLUSIONE ZONE APERTE ZONE APERTE
Dopo la digitazione del codice utente Master e la selezione dei Zona xxx
programmi da inserire, se sono presenti zone aperte (definite
come Istantanee o Ritardate 2) le zone stesse sono visualizzate in
sequenza sul display delle console (esempio: malfunzionamento
del sensore di allarme).
Per inserire la centrale escludendo le zone aperte utilizzare # ZONE ESCLUSE
+ # (YES) (per inserire escludendo le zone aperte)
ATTENZIONE
In presenza di zone aperte se non viene eseguita la conferma dell'esclusione
(tasto #), al termine dei 10 secondi la centrale si inserisce attivando anche le
zone aperte. Verificare ed eliminare il motivo dell'apertura della zona, altrimenti
avverrà l’attivazione dei dispositivi di allarme programmati (sirene, etc.).

Centrale TP16-256 6-7


6.2.1.2 INSERIMENTO CON ESCLUSIONE VOLONTARIA ZONE
Dopo la digitazione del codice utente Master e la selezione dei programmi da inserire, al
termine dei 10 secondi di selezione è possibile eseguire l'esclusione volontaria di alcune zone.
Per selezionare le zone da escludere utilizzare i tasti freccia
+ yw (per selezionare le zone da escludere)
Sul display vengono visualizzate in sequenza tutte le zone che Inserimento
fanno parte del programma in fase di inserimento. Programma X
Per escludere la zona selezionata utilizzare il tasto #
+ # (YES) (per escludere la zona selezionata)
Usare i tasti freccia per selezionare le zone successive da
escludere o il tasto # per escludere sequenzialmente le zone. In ESCLUDI ? con #
questo caso verrà visualizzata la zona successiva da escludere Zona xxx
(quando tutte le zone sono state escluse la centrale conclude
automaticamente la procedura).
Al termine dell'esclusione volontaria zone attendere 10 secondi per uscire o premere EXIT
+ EXIT Per confermare l'esclusione e uscire
ATTENZIONE
z Le zone definite come NON ESCLUDIBILI non compaiono all'interno della
lista delle zone da escludere
z Se una zona è già stata esclusa non sarà più visualizzata nella lista

CONFERMA IMMEDIATA INSERIMENTO PROGRAMMI SELEZIONATI


All'uscita dall'esclusione si può attendere l'inserimento automatico (dopo circa 10 secondi)
oppure premere il tasto # per confermare immediatamente l'inserimento del programma.
TEMPO DI USCITA
Se non è definito un tempo di uscita i programmi sono definitivamente attivati. I led dei
programmi attivati rimangono accesi fissi.
Se invece è presente un tempo di uscita, i programmi verranno attivati al termine di tale tempo. I
led dei programmi attivati rimarranno accesi fissi al termine del tempo di inserimento.
Quando la centrale viene disinserita tutte le zone escluse sono riattivate.
6.2.1.3 INSERIMENTO CONTEMPORANEO GLOBALE - TUTTI I PROGRAMMI
Dopo la digitazione del codice utente Master quando sul display
è visualizzato "Accesso Master" digitare il tasto # - ACCESSO -
+ # (YES) (inserimento globale tutti i programmi) Master
La centrale passa alla fase di esclusione delle zone (vedere paragrafi 6.1.1 e 6.1.2).
I led gialli dei programmi di inserimento attivati iniziano a lampeggiare.
ATTENZIONE
I programmi già inseriti non sono influenzati dall'operazione
ATTENZIONE - PER ANNULLARE L' INSERIMENTO PROGRAMMI
Per annullare l'inserimento dei programmi selezionati premere il tasto EXIT
+ EXIT Abort inserimento
La centrale torna in stato di riposo cancellando il tentativo di inserimento

6-8 Centrale TP16-256


6.2.2 INSERIMENTO CON CODICE AUSILIARIO
Utilizzando i codici utente ausiliari è possibile inserire o dinsinserire solamente i programmi ai
quali sono stati abilitati durante la programmazione Installatore o Utente Master.
Digitare il codice utente seguito dai programmi di inserimento desiderati (per esempio codice
utente 1 (valore 11111) + programmi 1, 2 e 3 da attivare)
+ 11111 (codice utente numero 1)
- ACCESSO -
L'utente ha a disposizione circa 10 secondi per selezionare i Utente xxx
programmi da inserire/disinserire (la prima pressione del tasto
abilita il programma mentre la seconda pressione lo disabilita). xxx = codice utente
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire. da 1 a 200
+ 01 02 03 (programmi da inserire)
ATTENZIONE - INSERIMENTO PROGRAMMI 1 2 e 3
Quando di vogliono attivare i programmi 1, 2 e 3 per evitare problemi di errato
inserimento digitare 01, 02 e 03 oppure attendere almeno un secondo tra la
digitazione del programma 1 e quella del 2 o del 3.
Digitando velocemente 1 e 2 avviene l'inserimento del programma 12 e non dei
programmi 1 e 2.
Ripetere operazioni come per inserimento da codice utente Master
(vedere paragrafo 6.1)
6.2.2.1 INSERIMENTO CONTEMPORANEO GLOBALE - TUTTI I PROGRAMMI
Dopo la digitazione del codice utente quando sul display è
visualizzato "Accesso Utente xxx" digitare il tasto * - ACCESSO -
Utente xxx
+ # (YES) (inserimento di tutti i programmi)
La centrale passa alla fase di esclusione delle zone
(vedere paragrafi 6.1.1 e 6.1.2)
Tutti i led gialli relativi ai programmi di inserimento attivati iniziano a lampeggiare.
ATTENZIONE
z I programmi già inseriti in precedenza non vengono influenzati dall'operazione
z Vengono inseriti solamente i programmi accessibili all'utente

6.2.3 INSERIMENTO RAPIDO PROGRAMMI (solo se opzione abilitata)


(Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.12 - Menù 15 - Ins. Rapido [ # ])
E' possibile velocizzare l'inserimento digitando il tasto * (al posto del codice) seguito dal
programma desiderato. Per esempio per inserire i programmi 1 e 2 occorre digitare :
+ *01
+ *02
Ripetere la digitazione del carattere * per ogni programma da inserire.
ATTENZIONE
z E' possibile eseguire l'inserimento rapido solo dalle console abilitate in fase di
programmazione installatore
z Non è possibile eseguire l'inserimento rapido quando la centrale ha rilevato
una delle seguenti condizioni:
» Manomissione generale di sistema
» Guasto (Batteria bassa, mancanza rete, anomalia moduli, sopravvivenza
moduli radio)
In caso di allarme per batteria bassa, per
esempio a seguito del tentativo di inserimento ! INS. NEGATO !
sul display viene visualizzato: BATTERIA BASSA

Centrale TP16-256 6-9


6.2.4 INSERIMENTO DA ZONA CHIAVE
La centrale può essere inserita attraverso un contatto applicato su una zona programmata come
Zona Chiave - (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.3.2)
L'installatore può programmare la zona come zona chiave e definire se il contatto è di tipo
impulsivo oppure ON-OFF (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.17).
Ogni volta che il contatto viene aperto la centrale si inserisce attivando tutti i programmi che
contengono la zona chiave.
ATTENZIONE
z L'inserimento da zona chiave è un inserimento diretto.
Non è permessa l'esclusione volontaria delle zone.
z Il contatto collegato sulla zona deve provenire da una chiave omologata con
prestazioni uguali o migliori da quanto previsto dal II° livello delle
normative CEI 79/2.
z La scheda della chiave dovrà essere alloggiata in un contenitore protetto contro
la rimozione e contro l'apertura e dovrà garantire un numero di combinazioni
uguale o superiore a 100.000
TEMPO DI USCITA
Se non è stato definito un tempo di uscita, i programmi di inserimento sono attivati.
I led dei programmi di inserimento attivati rimangono accesi fissi.
Se è presente un tempo di uscita, i programmi di inserimento verranno attivati al termine di tale
tempo. I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno fino al termine
dell'inserimento della centrale.
INSERIMENTO NEGATO
Se il tentativo di inserimento viene eseguito dopo che la centrale ha rilevato una delle seguenti
condizioni:
» Manomissione generale di sistema
» Guasto (Batteria bassa, mancanza rete, anomalia moduli,
sopravvivenza moduli radio) ! INS. NEGATO !
In caso di allarme per batteria bassa per esempio a seguito del BATTERIABASSA
tentativo di inserimento sul display viene visualizzato:

6.2.5 INSERIMENTO AUTOMATICO DELLA CENTRALE


La centrale può essere inserita in modo automatico, utilizzando i Inserimento
32 programmatori orari Autom.
(Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.2).
Per ogni programmatore è possibile definire:
z Attributo : Inattivo, tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica,
ogni lunedi, ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi, ogni sabato
z Ora e minuto di attivazione del programmatore orario
z Azione eseguita : Inserimento, disinserimento, parzializzazione e fine parzializzazione
z Programmi interessati : Da 1 a 32
ATTENZIONE
L'inserimento automatico da programmatore orario è un inserimento diretto.
Non è permessa l'esclusione volontaria delle zone.
PREAVVISO AUTOINSERIMENTO
All’ora programmata, per un tempo predefinito dall'installatore (vedere programmazione
installatore - Tempo Preavviso Autoinserimento - Paragrafo 5.8)
sul display delle console viene visualizzata la scritta Inserimento Autom. mentre i led dei
programmi attivati sono lampeggianti.
Durante il periodo di preavviso autoinserimento è inoltre possibile attivare i buzzer sulle console
(vedere programmazione installatore - Attivazione Buzzer - Paragrafo 5.9.3)

6-10 Centrale TP16-256


TEMPO DI USCITA
Se non è stato definito un tempo di uscita, i programmi di inserimento sono attivati
immediatamente al termine del preavviso autoinserimento.
I led dei programmi di inserimento attivati rimangono accesi fissi.
Se è presente un tempo di uscita, i programmi di inserimento verranno attivati al termine di tale
tempo. I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno fino al termine
dell'inserimento della centrale.
ATTENZIONE - IMPORTANTE
In caso di inserimento da programmatore orario, allo scadere del tempo di
preavviso autoinserimento, la centrale si inserirà sempre anche in presenza
di una condizione di anomalia.
ANNULLAMENTO DELL'INSERIMENTO AUTOMATICO
L'inserimento automatico può essere annullato nel seguente modo:
z Digitare il codice Installatore oppure il codice utente master
z Selezionare il Menù Timers
z Selezionare il Programmatore orario che deve essere bloccato
ATTENZIONE
L'inserimento automatico può essere annullato solamente da Codice Installatore o
da Codice Utente Master.

6.2.6 INSERIMENTO IN FASCE ORARIE PRESTABILITE


E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitati i codici per l'inserimento e il
disinserimento della centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedi,
ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Codici interessati (da 1 a 200) e fascia in cui sono attivi
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e i codici sono assegnati alle fasce, gli stessi sono
attivi solamente all'interno della fascia oraria specificata.
Il tentativo di utilizzo di un codice al di fuori della fascia oraria in - ACCESSO -
cui è abilitato genera la segnalazione di Accesso Negato. ! NEGATO !

6.2.7 INSERIMENTO NEGATO IN CASO DI ALLARME


L'inserimento della centrale non viene permesso nelle seguenti condizioni:
z In caso di inserimento centrale utilizzando un codice (Utente Master/Ausiliario) ai quali non è
stato associato l'attributo di "By-pass allarmi" (vedere progr. installatore - Paragrafo 5.18.3)
z In caso di inserimento rapido
z In caso di inserimento da zona chiave
In tutti questi casi l'accesso viene negato se il tentativo di inserimento è stato eseguito dopo che
la centrale ha rilevato una delle seguenti condizioni:
» Manomissione generale di sistema
» Guasto (Batteria bassa, mancanza rete, anomalia moduli, sopravvivenza moduli radio)
In caso di allarme per batteria bassa per esempio a seguito del
tentativo di inserimento sul display viene visualizzato: ! INS. NEGATO !
L'inserimento della centrale verrà nuovamente consentito solo in
BATTERIA BASSA
uno dei seguenti casi:
z Inserimento della centrale utilizzando un codice abilitato al by-pass degli allarmi
z Inserimento della centrale dopo la rimozione della causa dell'allarme

Centrale TP16-256 6-11


6.3 DISINSERIMENTO DELLA CENTRALE
La centrale può essere disinserita nei seguenti modi:
z utilizzando il codice utente Master oppure uno dei codici utente ausiliari abilitati
z utilizzando la procedura di inserimento rapido
z utilizzando un contatto collegato su una zona definita zona chiave
z in modo automatico utilizzando uno dei 16 programmatori orari disponibili
6.3.1 DISINSERIMENTO CON CODICE UTENTE MASTER
Digitare il codice utente Master - ACCESSO -
+ 12345 (codice utente Master di fabbrica) Master
Digitare i programmi di inserimento da disinserire
(per esempio programmi 4, e 8) Disins.
+ 4 8 (programmi da disinserire) Programma x
L'utente ha a disposizione circa 10 secondi per scegliere i programmi da disinserire. Alla
digitazione di un tasto il tempo riparte. Dopo 10 secondi la centrale torna in condizione di riposo
I led gialli relativi ai programmi di inserimento disattivati si spengono.
ATTENZIONE
z Usando il codice utente Master è possibile inserire/disinserire tutti i programmi
z Per cancellare il disinserimento dei programmi premere il tasto EXIT
+ EXIT Abort inserimento
La centrale torna in stato di riposo cancellando il tentativo di disinserimento
Il tasto # permette di confermare immediatamente il disinserimento del programma senza
aspettare i 10 secondi
6.3.1.1 DISINSERIMENTO CONTEMPORANEO GLOBALE - TUTTI I PROGRAMMI
Dopo la digitazione del codice utente Master quando sul display è visualizzato "Accesso
Master" digitare il tasto *
+ * (NO) (disinserimento di tutti i programmi)
Tutti i led gialli dei programmi di inserimento si spengono e la centrale torna in ambiente di
riposo (data e ora)
66.3.2 DISINSERIMENTO CON CODICE AUSILIARIO - ACCESSO -
Utilizzando i codici utente ausiliari (da 1 a 200) è possibile inserire Utente xxx
o dinsinserire solamente i programmi ai quali sono stati abilitati xxx = codice utente 1..200
durante la programmazione da parte dell'installatore o dell'utente
Master.
Per disinserire digitare il codice utente ausiliario
+ XXXXX (codice utente ausiliario xx)
Digitare i programmi da disinserire (es. programmi 8, e 10)
+ 8 10 (programmi da disinserire)
L'utente ha a disposizione circa 10 secondi per selezionare i programmi da disinserire.
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
Al termine dei 10 secondi la centrale torna in condizione di data e ora.
I led gialli relativi ai programmi di inserimento disattivati si spengono.
Il tasto # permette di confermare immediatamente il disinserimento del programma senza
aspettare i 10 secondi
ATTENZIONE
E' possibile inserire e disinserire solo i programmi accessibili all'utente

6-12 Centrale TP16-256


6.3.2.1 DISINSERIMENTO CONTEMPORANEO GLOBALE - TUTTI I PROGRAMMI
Dopo la digitazione del codice utente mentre è visualizzato "Accesso Utente xxx" digitare :
+ # (NO) (disinserimento di tutti i programmi)
Tutti i led gialli relativi ai programmi di inserimento accessibili all'utente si spengono e la
centrale torna in ambiente di riposo (data e ora).
I programmi inseriti da altri utenti mantengono il loro stato precedente
6.3.3 DISINSERIMENTO IN CASO DI AGGRESSIONE (solo se opz. abilitata)
(Vedere prog. installatore - Paragrafo 5.18 - Menù 11 - Codici)
In caso di aggressione o di disinserimento sotto costrizione è possibile simulare il
disinserimento della centrale attivando l'allarme rapina. Per far ciò digitare il codice utente
Master o un codice ausiliario (abilitato a disinserire il programma attivo) decrementando di una
unità l'ultima cifra del codice. Per esempio se il codice utente Master è 1 2 3 4 5, il
disinserimento della centrale con l'attivazione dell'allarme silenzioso rapina avviene digitando:
+ 12344
In questo modo la centrale viene disinserita e allo stesso tempo, se opportunamente
programmate, vengono attivate le uscite logiche OUT1 o OUT2 della centrale o di ogni modulo
collegato alla centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.9.4.2
Se la centrale è stata opportunamente programmata per codice rapina (Paragrafo 5.16), viene
inviata una chiamata per codice rapina)
NOTE
z In caso di disinserimento con codice rapina sul display non viene segnalata
alcuna operazione. L'evento viene registrato nella menoria eventi.
z Quando il codice termina con 0, es. 43670, per attivare l'allarme rapina
occorre digitare il codice 43679
6.3.4 DISINSERIMENTO RAPIDO PROGRAMMI (solo se opzione abilitata)
(Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.12 - Menù 15 - Ins. Rapido [ # ])
E' possibile velocizzare l'operazione di disinserimento digitando il tasto * (invece del codice)
seguito dal programma di inserimento desiderato.
Per esempio per disinserire i programmi 1 e 2 occorre digitare :
+ *01
+ *02
Ripetere la digitazione del carattere * per ogni programma da disinserire.
6.3.5 DISINSERIMENTO DA ZONA CHIAVE
La centrale può essere disinserita anche attraverso un contatto applicato su una zona
programmata come Zona Chiave (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.3.2)
L'installatore può programmare la zona come zona chiave e può definire se il contatto è di tipo
impulsivo oppure ON-OFF (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.17).
Qando la centrale è inserita ogni volta che il contatto viene aperto la centrale si disinserisce
disattivando tutti i programmi che contengono la zona chiave.
6.3.6 DISINSERIMENTO AUTOMATICO DELLA CENTRALE
La centrale può essere disinserita in modo automatico, utilizzando i 32 programmatori orari
disponibili - (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.2).
Per ogni programmatore è possibile definire:
z Attributo : Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica,
ogni lunedi, ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi, ogni sabato
z Ora e minuto di attivazione del programmatore orario
z Azione eseguita : Inserimento, disinserimento, parzializzazione e fine parzializzazione
z Programmi interessati : Da 1 a 32

Centrale TP16-256 6-13


Allo scadere dell'ora prestabilita il programmatore orario provvede al disinserimento dei
programmi per i quali è stato programmato.
6.3.7 DISINSERIMENTO IN FASCE ORARIE PRESTABILITE
E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitati i codici per l'inserimento e il
disinserimento della centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedi,
ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Codici interessati (da 1 a 200) e fascia in cui sono attivi
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e i codici sono assegnati alle fasce, gli stessi sono
attivi solamente all'interno della fascia oraria specificata.
Il tentativo di utilizzo di un codice al di fuori della fascia oraria in - ACCESSO -
cui è abilitato genera la segnalazione di Accesso Negato. ! NEGATO !

6-14 Centrale TP16-256


6.4 PARZIALIZZAZIONE DELLA CENTRALE
A centrale di allarme inserita è possibile disabilitare temporaneamente il riconoscimento degli
allarmi (esclusione) su alcune zone prestabilite senza disinserire il programma.

6.4.1 PARZIALIZZAZIONE DA CODICE


Per attivare la parzializzazione occorre:
z programmare il codice Master o i codici ausiliari ad eseguire la funzione di parzializzazione
(vedere prog. installatore - Codici - Paragrafo 5.18)
z definire per ogni codice utente di parzializzazione i programmi (anche più di uno) sui quali
può operare (vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.18.4)
Il codice utente Master, se programmato come codice di parzializzazione, può eseguire se
richesto la parzializzazione su tutti i programmi.
z definire parzializzabili le zone interessate
(vedere prog. installatore - Funzioni - Paragrafo 5.7)
La parzializzazione della centrale può essere ottenuta nel seguente modo:
z Digitando un codice di parzializzazione (codice Master o un codice ausiliario).
Per esempio se il codice utente 2 (66778) é programmato come codice di
parzializzazione
+ 66778 (codice utente numero 2 Parz.
codice di parzializzazione) Programma xx
+ 1 (programma da parzializzare) x= programma da 1 a 32
Per tutta la durata della parzializzazione il led relativo al
programma parzializzato (programma 1 nel nostro caso) diventa lampeggiante.
ATTENZIONE
Le zone escluse dal riconoscimento allarmi sono solo quelle che fanno parte del
programma di parzializzazione e che sono state abilitate alla funzione di
parzializzazione

6.4.2 PARZIALIZZAZIONE AUTOMATICA DELLA CENTRALE


La centrale può essere parzializzata in modo automatico, utilizzando i 32 programmatori orari
disponibili - (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.2).
Per ogni programmatore è possibile definire:
z Attributo : Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica,
ogni lunedi, ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi,
ogni sabato
z Ora e minuto di attivazione del programmatore orario
z Azione eseguita : Inserimento, disinserimento, parzializzazione e fine parzializzazione
z Programmi interessati : Da 1 a 32
Allo scadere dell'ora prestabilita il programmatore orario provvede alla parzializzazione dei
programmi per i quali è stato programmato.
6.4.3 PARZIALIZZAZIONE IN FASCE ORARIE PRESTABILITE
E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitati i codici per la parzializzazione
e la fine parzializzazione della centrale
(Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedi,
ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Codici interessati (da 1 a 200) e fascia in cui sono attivi
Centrale TP16-256 6-15
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e i codici sono assegnati alle fasce, gli stessi sono
attivi solamente all'interno della fascia oraria specificata.
Il tentativo di utilizzo di un codice al di fuori della fascia oraria in - ACCESSO -
cui è abilitato genera la segnalazione di Accesso Negato. ! NEGATO !

6.4.4 FINE PARZIALIZZAZIONE (Abilitazione zone escluse))


La fine della parzializzazione e l'abilitazione delle zone escluse si ottiene nel seguente modo:
z Digitando un codice di parzializzazione (codice Master o un codice ausiliario).
Per esempio se il codice utente 2 (66778) é programmato come codice di
parzializzazione
+ 66778 (codice utente numero 2 Fine Par.
codice di parzializzazione)
Programma x
+ 1 (programma da riattivare)
Il led relativo al programma interessato (programma 1 nel nostro caso) rimane acceso.

6.4.5 FINE PARZIALIZZAZIONE AUTOMATICA DELLA CENTRALE


La fine della parzializzazione può essere ottenuta in modo automatico, utilizzando i 32
programmatori orari disponibili - (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.2).
Per ogni programmatore è possibile definire:
z Attributo : Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica,
ogni lunedi, ogni martedi, ogni mercoledi, ogni giovedi, ogni venerdi,
ogni sabato
z Ora e minuto di attivazione del programmatore orario
z Azione eseguita : Inserimento, disinserimento, parzializzazione e fine parzializzazione
z Programmi interessati : da 1 a 32
Allo scadere dell'ora prestabilita il programmatore orario provvede alla fine parzializzazione dei
programmi per i quali è stato programmato.
PREAVVISO FINE PARZIALIZZAZIONE
All’ora programmata, per un periodo di tempo predefinito Inserimento
dall'installatore (vedere programmazione installatore - Tempo Autom.
Avviso Fine Parzializzazione - Paragrafo 5.8)
sul display delle console viene visualizzata la scritta Inserimento Autom. mentre i led dei
programmi riattivati ritornano accesi fissi.
Durante il periodo di preavviso autoinserimento è inoltre possibile attivare i buzzer sulle console
(vedere programmazione installatore - Tempo Avviso fine parzializzazione - Paragrafo 5.9.3)

6.4.6 FINE PARZIALIZZAZIONE AL TERMINE DEL TEMPO MASSIMO


E' possibile impostare un periodo massimo di parzializzazione (vedere programmazione
installatore - Paragrafo 5.8 - Durata Parzializzazione).
Allo scadere del periodo di tempo prestabilito la parzializzazione viene terminata in modo
automatico.
PREAVVISO FINE PARZIALIZZAZIONE Inserimento
Allo scadere del tempo di parzializzazione programmato, Fine Par.
per un periodo di tempo predefinito dall'installatore (vedere
programmazione installatore - Tempo Avviso Fine Parzializzazione - Paragrafo 5.8) sul display
delle console viene visualizzata la scritta Inserimento Fine Par. mentre i led dei programmi
riattivati ritornano accesi fissi.
Durante il periodo di preavviso fine parzializzazione è inoltre possibile attivare i buzzer
sulle console (vedere programmazione installatore - Tempo Avviso fine parzializzazione -
Paragrafo 5.9.3)

6-16 Centrale TP16-256


6.5 VERIFICA ZONE APERTE O IN ALLARME
Per verificare lo stato delle zone controllate dalla centrale
(controllo dei sensori), quando la stessa è in condizioni di riposo ZONE APERTE
(data e ora) premere il tasto # Zona 2
+ #(YES) ZONE APERTE
Sul display vengono visualizzate in modo sequenziale le zone Zona 15
trovate aperte (intervallo di circa 2 secondi tra la visualizzazione
di una zona aperta e la successiva).
Al termine della scansione delle zone la centrale torna in condizioni di riposo.
6.6 VISUALIZZAZIONE MEMORIE DI ALLARME PROGRAMMA
Se nel corso dell'ultimo inserimento sono stati rilevati allarmi, i led di memoria di allarme dei
programmi con zone in allarme rimangono accesi. Al disinserimento di un programma è
possibile visualizzare sulla console se è stato rilevato un allarme sulle zone da esso controllate.
z led rosso di memoria di allarme programma acceso = è stato rilevato almeno un allarme sulle
zone controllate dal programma durante l'ultimo inserimento della centrale
z nessun led acceso= Nessun allarme rilevato
In caso di rilevazione di allarme per verificare le zone che si sono aperte premere il tasto MEM
+ MEM
Sul display sono visualizzate le memorie di allarme.
MEM.ALLARME
Le zone che sono andate in allarme sono visualizzate in modo Zona 5
sequenziale con un intervallo di circa 2 secondi tra una
memorizzazione e la successiva. MEM.ALLARME
Al termine della scansione delle zone la centrale torna in Zona 15
condizioni di riposo.
6.7 VISUALIZZAZIONE EVENTI IN MEMORIA
A centrale in stato di riposo (data e ora visualizzate) digitando il codice installatore oppure il
codice utente è possibile leggere la storia degli allarmi e degli
inserimenti/disinserimenti e di tutti gli eventi registrati nella Visualizzazione
memoria della dentrale.
Eventi
+ MEM
Sul display sono visualizzati gli eventi memorizzati
Per passare a un evento successivo o precedente occorre utilizzare
i tasti freccia
+ w (evento precedente) 10/06 14:18:36
+ y (evento successivo) Accesso Utente
Quando è stato selezionato un evento sul display vengono in 10/06 14:18:36
sequenza visualizzate tutte le informazioni disponibili. Codice Master
Per esempio in caso di Accesso Utente vengono mostrate le
seguenti informazioni: 10/06 14:18:36
z Ora e minuto dell'evento Tastiera 1
z Nome dell'evento (Prima parametro visualizzato)
z Codice utilizzato (Secondo parametro visualizzato)
z Dispositivo utilizzato (Terzo parametro visualizzato)

Centrale TP16-256 6-17


6.8 GENERAZIONE DELL'ALLARME PANICO
La pressione contemporanea dei due tasti freccia (PANIC wy) sulla console genera
l'attivazione volontaria dell'allarme panico e la conseguente chiamata telefonica (se
opportunamente programmata).
Il proprietario dell'impianto potrà perciò, in condizioni di pericolo generare volontariamente un
allarme anche se la centrale è in condizioni di riposo (nessun programma inserito).

6-18 Centrale TP16-256


7. OPERAZIONE DA CHIAVE, TASTIERE SERIALI O
RADIOCOMANDI
Alla centrale possono essere collegati un massimo di 16 punti chiave selezionabili tra :
z TP-SK6N - Attivatore con tastierino a 9 tasti
Permette l'attivazione/disattivazione di 6 programmi della centrale
E' possibile programmare fino a 64 chiavi.
z TP-SKN - Attivatore senza tasti
Permette l'attivazione/disattivazione di 3 programmi della centrale.
E' possibile programmare fino a 64 chiavi.
z TP SDN - Tastiera seriale
Viene gestito come una chiave ausiliaria.
Permette l'attivazione/disattivazione di 4 programmi della centrale.
Possono inoltre essere utilizzati fino a 32 radiocomandi
z TX240-3 - Radiocomando 3 tasti

7.1 UTILIZZO DELLE CONSOLE TP-SK6N

All inserimento di una chiave valida nell’attivatore il LED CHIAVE si accende


fisso, mentre negli altri attivatori lampeggia lentamente.
z Se nei 10 secondi successivi non viene premuto alcun tasto il LED CHIAVE
si spegne e l'operazione viene terminata senza nessun effetto.
Per eseguire un'operazione occorrerà disinserire e reinserire la chiave
nell'attivatore.
z Se invece viene premuto uno dei tasti programma presenti sulla console e la chiave inserita è
abilitata ad operare sul programma prescelto potranno essere eseguite seguenti operazioni:
» Inserimento/disinserimento del programma con eventuale esclusione delle zone aperte
» Parzializzazione della centrale
INSERIMENTO/DISINSERIMENTO
Le chiavi programmate per inserimento/disinserimento permettono di inserire/disinserire la
centrale utilizzando i programmi per i quali sono stati programmate, e di eseguire l'esclusione
delle zone aperte (per esempio in caso di guasto del sensore di zona).
E' possibile definire i programmi che possono essere inseriti con ogni chiave.
ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE
Utilizzando le console TP SK6N è possibile inserire/disinserire e visualizzare
unicamente lo stato di 6 programmi della centrale.

Centrale TP16-256 7-1


VERIFICA PRESENZA DI ZONE APERTE/ IN ALLARME O DI ALLARMI GENERALI
Prima di utilizzare la chiave per inserire la centrale occorre sempre verificare la situazione delle
zone controllate dalla centrale (controllo dei sensori e condizione generale).
Per verificare lo stato della centrale verificare lo stato dei led presenti sulla console.
z Led Rosso - Allarme programmi
Il led di Allarme Programmi rappresenta il riassunto dello stato di allarme di
tutti i programmi associati alla console.
Led lampeggiante la centrale è inserita ed è in corso un allarme su uno
o piu programmi associati alla console
Led acceso memoria di allarme programma. Durante l'ultimo
inserimento sono stati rilevati degli allarmi
Led spento nessun programma in allarme
ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE
La segnalazione di allarme di programmi o zone di programmi che non sono
associati alla console non vengono visualizzate.
Per esempio se alla console è associato il programma 10 e una zona di tale
programma va in allarme il led si accende. Se invece va in allarme il
programma 12 che non è associato alla console il led rimane spento.
z Led Rosso - Anomalie generali
Led lampeggiante è in corso una condizione di anomalia generale
(batteria bassa, mancanza rete, tamper, etc)
Led acceso memoria di allarme anomalia generale
Led spento nessuna anomalia
z Led Giallo - OCG (durante la fase di preinserimento)
Led lampeggiante zone istantanee aperte
Led spento nessuna zona istantanea aperta
VERIFICA DELLO STATO DEI PROGRAMMI
I led gialli visualizzano la condizione dei programmi di inserimento associati alla console
z Led acceso = Programma inserito
z Led spento = Programma non inserito
z Led lampeggiante veloce (2 lampeggi al secondo) = Programma durante il tempo di uscita,
durante il preinserimento oppure in fase di fine parzializzazione da timer.
z Led lampeggiante lento (1 lampeggi al secondo) = Programma parzializzato oppure
programma non OK durante la fase di inserimento.
ATTENZIONE
z Inserendo un programma in presenza di zone aperte/in allarme avviene l'attivazione
dei dispositivi di uscita programmati (sirena/uscite logiche).
Verificare sempre che tutte le zone siano chiuse prima di inserire la centrale
z E’ possibile inserire la centrale escludendo le zone aperte con una procedura che
sarà descritta in seguito.
7.1.1 INSERIMENTO DELLA CENTRALE DA CHIAVE
Per inserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il led verde Chiave si accende fisso
z Entro 10 secondi premere il tasto (1 ... 6) che è stato associato al
programma o ai programmi che si vogliono inserire.
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
Al termine dei 10 secondi la centrale torna in condizione di data e ora
z Il led giallo associato al programma in fase di inserimento inizia a lampeggiare
z Al termine dei 10 secondi di tempo di esclusione zone aperte e del tempo di uscita la
centrale si inserisce.

7-2 Centrale TP16-256


z Il led verde Chiave si spegne
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
CONFERMA IMMEDIATA INSERIMENTO PROGRAMMI SELEZIONATI
Rimuovere la chiave dall'attivatore per confermare immediatamente
l'inserimento del programma senza accedere all'esclusione delle zone aperte e senza aspettare
i 10 secondi (tempo di esclusione) per l'inserimento in automatico.
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi di inserimento sono
immediatamente attivati. I led dei programmi di inserimento attivati rimangono accesi fissi.
Se invece è stato programmato un tempo di uscita, i programmi di inserimento verranno attivati
al termine di tale tempo. I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno
fino al termine dell'inserimento della centrale.

7.1.2 INSERIMENTO CON ESCLUSIONE ZONE APERTE


z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il led verde Chiave si accende fisso
z Entro 10 secondi premere il tasto (1 ... 6) che è stato associato al
programma o ai programmi che si vogliono inserire.
z Il led giallo del programma in fase di inserimento inizia a lampeggiare
z Il led giallo OCG inizia a lampeggiare ad indicare la presenza di zone aperte
z Premere il tasto F1 per inserire escludendo le zone aperte
z Al termine dei 10 secondi di tempo di esclusione zone aperte e del tempo di
uscita la centrale si inserisce.
z Il led verde Chiave si spegne
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
ATTENZIONE
In presenza di zone aperte, se non viene eseguita l'esclusione, al termine dei 10
secondi la centrale si inserisce attivando anche le zone aperte.
Verificare ed eliminare il motivo dell'apertura della zona, altrimenti avverrà
l’attivazione dei dispositivi di allarme programmati (sirene, etc.).
ATTENZIONE - PER ANNULLARE L' INSERIMENTO PROGRAMMI
Durante il tempo di esclusione per annullare l'inserimento dei programmi
selezionati premere il tasto F3
+ F3 Abort inserimento
La centrale torna in stato di riposo cancellando il tentativo di inserimento
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi di inserimento sono attivati.
I led dei programmi attivati rimangono accesi fissi.
Se è programmato un tempo di uscita, i programmi sono attivati al termine di tale tempo.
I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno fino al termine
dell'inserimento della centrale.
7.1.3 GENERAZIONE DELL'ALLARME PANICO
La pressione contemporanea dei due tasti F1 e F3 sulla console (anche senza l'inserimento di
una chiave valida nell'attivatore) genera l'attivazione volontaria dell'allarme panico e la
conseguente chiamata telefonica (se opportunamente programmata).
Il proprietario dell'impianto potrà perciò, in condizioni di pericolo generare volontariamente un
allarme anche se la centrale è in condizioni di riposo (nessun programma inserito).

Centrale TP16-256 7-3


7.1.4 DISINSERIMENTO DELLA CENTRALE DA CHIAVE
Per disinserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il led verde Chiave si accende fisso
z Entro 10 secondi selezionare i programmi che si vogliono disinserire.
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
Dopo i 10 secondi la centrale torna in condizione di riposo
z Il led gialli associati ai programmi di inserimento disattivati si spengono.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
z Al termine dei 10 secondi la centrale torna in condizioni di riposo (in caso di disinserimento
totale) oppure torna in condizione di data e ora (programmi non disinseriti ancora attivi)
ATTENZIONE
E' possibile inserire e disinserire solo i programmi accessibili alla chiave

7.1.5 PARZIALIZZAZIONE DELLA CENTRALE


A centrale di allarme inserita è possibile disabilitare temporaneamente il riconoscimento degli
allarmi (esclusione) su alcune zone prestabilite senza disinserire il programma.
Per attivare la parzializzazione occorre:
z programmare la chiave per il funzionamento come chiave di parzializzazione
(vedere prog. installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
z definire per ogni chiave di parzializzazione i programmi (anche più di uno) sui quali può
operare (vedere programmazione installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
z definire parzializzabili le zone interessate
(vedere prog. installatore - Funzioni - Paragrafo 5.7)
La parzializzazione della centrale può essere ottenuta nel seguente modo:
z Inserire nell'attivatore una chiave di parzializzazione
ATTENZIONE
Tutti i programmi associati alla chiave sono parzializzati in modo contemporaneo.
Se un programma è parzializzato, l'inserimento della chiave provoca il termine
della parzializzazione del programma stesso.
z Tutti i programmi parte associati alla chiave vengono parzializzati
z I led dei programmi parzializzati iniziano a lampeggiare
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
ATTENZIONE
Le zone escluse dal riconoscimento allarmi sono solo quelle del programma di
parzializzazione e che sono state abilitate alla funzione di parzializzazione
7.1.5.1 PARZIALIZZAZIONE IN FASCE ORARIE PRESTABILITE
E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitate le chiavi di parzializzazione e
la fine parzializzazione della centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedì,
ogni martedì, ogni mercoledì, ogni giovedì, ogni venerdì, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Chiavi interessate e fascia in cui sono attive
(Vedere programmazione installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e le chiavi sono assegnate alle fasce, le stesse sono
attive solamente all'interno della fascia oraria specificata. Il tentativo di utilizzo di una chiave al
di fuori della fascia oraria in cui è abilitata genera la segnalazione di Accesso Negato.
7-4 Centrale TP16-256
7.1.5.2 FINE PARZIALIZZAZIONE (Abilitazione zone escluse)
La fine della parzializzazione e l'abilitazione delle zone escluse si ottiene nel seguente modo:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z I led relativi ai programmi sui quali la parzializzazione viene terminata iniziano a lampeggiare
velocemente ad indicare la fase di preinserimento.
z Al termine del preinserimento i led ritornano ad essere accesi fissi.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore

7.2 UTILIZZO DEI MODULI TP SKN


Sono disponibili due differenti modalità di funzionamento (Chiave a Inserimento singolo o
chiave in multiinserimento) (vedere programmazione installatore - Opzioni - Paragrafo 5.17)
INSERIMENTO/DISINSERIMENTO
Le chiavi programmate per inserimento/disinserimento permettono di inserire/disinserire la
centrale con i programmi di inserimento a cui sono state associate e di eseguire l'esclusione
delle zone aperte (per esempio in caso di guasto del sensore di zona).
E' possibile definire i programmi (da 1 a 32) che possono essere inseriti con ogni chiave.
VERIFICA DELLO STATO DEI PROGRAMMI

I led 1, 2 e 3 visualizzano la condizione dei programmi di inserimento associati alla chiave


z Led acceso = Programma inserito
z Led spento = Programma non inserito
z Led lampeggiante veloce (2 lampeggi al secondo) = Programma durante il tempo di
uscita, durante il preinserimento oppure in fase di fine parzializzazione da timer.
z Led lampeggiante lento (1 lampeggi al secondo) = Programma parzializzato oppure
programma non OK durante la fase di inserimento.
ATTENZIONE
z Inserendo un programma in presenza di zone aperte/in allarme verrà generata
l'attivazione dei dispositivi di uscita programmati (sirena / uscite logiche varie).
Verificare sempre che tutte le zone siano chiuse prima di inserire la centrale
z E’ possibile inserire la centrale escludendo le zone aperte con una procedura che
sarà descritta in seguito.

ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE


Con gli attivatori collegati ad ognuno dei moduli TP SKN è possibile inserire/
disinserire e visualizzare unicamente lo stato di 3 programmi della centrale.
Le segnalazioni di allarme relative a programmi o zone di programmi non
associate agli attivatori TP-SKN non vengono visualizzate.

Centrale TP16-256 7-5


VERIFICA PRESENZA DI ZONE APERTE/ IN ALLARME O DI ALLARMI GENERALI
Prima di utilizzare la chiave per inserire la centrale verificare sempre la situazione delle zone
controllate (controllo dei sensori e condizione generale).
Per verificare lo stato della centrale verificare lo stato dei led sull'attivatore.
z Led Giallo - OCG
Led lampeggiante significa che la centrale è già inserita ed è in corso un allarme su
uno dei programmi attivi oppure è in corso uno degli allarmi
generali (Manomissione, batteria bassa, mancanza rete, etc.
Led acceso significa memoria di allarme programma/allarmi generali

ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE


Il led OCG visualizza l'allarme programma solo se è relativo ad uno dei programmi
ad esso associati

7.2.1 INSERIMENTO DELLA CENTRALE DA CHIAVE


(SINGOLO PROGRAMMA)
Per inserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il primo led del primo programma associato alla chiave lampeggia velocemente per 3 sec.
z Se entro i 3 sec. la chiave viene tolta e inserita nuovamente viene selezionato il programma
successivo e così via fino al terzo programma dopodichè si torna allo stato di riposo

Quando descritto sopra è valido solamente per i primi 3 programmi associati alla chiave.
I programmi non associati non verranno visualizzati nè attivati.
z Allo scadere dei 3 secondi dall'inserimento della chiave il programma viene confermato ed
inizia il tempo di esclusione della durata di 10 secondi.
z Il led relativo al programma selezionato inizia a lampeggiare lentamente.
z Durante il tempo di esclusione, inserendo nuovamente la chiave nell'attivatore è possibile
selezionare un altro programma e terminare l'inserimento del programma corrente.
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, il programma viene immediatamente attivato.
Il led relativo rimane acceso fisso. Se invece è stato programmato un tempo di uscita, il
programma di inserimento verrà attivato al termine di tale tempo. Il led del programma attivato
si accenderà fisso e lo rimarrà fino al termine dell'inserimento della centrale.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
z Il led relativo al programma selezionato rimane acceso fisso.

7-6 Centrale TP16-256


7.2.2 INSERIMENTO DELLA CENTRALE DA CHIAVE
(MULTI-INSERIMENTO)
Per inserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il primo led del primo programma associato alla chiave lampeggia velocemente per 3 sec.
z Se entro i 3 sec. la chiave viene tolta e inserita nuovamente viene selezionato il programma
successivo e così via fino al terzo programma dopodichè si torna allo stato di riposo
z Allo scadere dei 3 secondi dall'inserimento della chiave il programma viene confermato ed
inizia il tempo di esclusione della durata di 10 secondi.
z Il led relativo al programma selezionato inizia a lampeggiare lentamente.
z Durante il tempo di esclusione, inserendo nuovamente la chiave nell'attivatore è possibile
selezionare un altro programma continuando con l'inserimento del programma corrente.
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi selezionati vengono attivati
immediatamente. I led relativi rimangono accesi fissi. Se invece è stato programmato un tempo
di uscita, i programmi selezionati verranno attivati al termine di tale tempo. I led dei programmi
attivati si accenderanno fissi e lo rimarranno al fino al termine dell'inserimento della centrale.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
z I led relativi ai programmi selezionati rimangono accesi fissi.

7.2.3 INSERIMENTO PROGRAMMA CON ESCLUSIONE ZONE APERTE


Per inserire la centrale escludendo le zone aperte occorre comportarsi come di seguito:
z Inserire e rimuovere la chiave nell'attivatore fino a selezionare il programma desiderato
z Mantenere inserita la chiave nell'attivatore durante il tempo di esclusione fino all'inserimento
della centrale. In questo modo tutte le zone istantanee aperte appartenenti al programma in
fase di inserimento vengono escluse.

7.2.4 DISINSERIMENTO DELLA CENTRALE DA CHIAVE


Per disinserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
SINGOLO PROGRAMMA
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Il programma relativo alla chiave viene disinserito
z Il led relativo al programma di inserimento disattivato si spegne.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
MULTI-INSERIMENTO
z Inserire la chiave nell'attivatore
z Inserire e rimuovere la chiave nell'attivatore fino a selezionare il programma desiderato
z Il programma relativo alla chiave viene disinserito
z Il led relativo al programma di inserimento disattivato si spegne.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore
ATTENZIONE
E' possibile disinserire solo i programmi associati alla chiave

Centrale TP16-256 7-7


7.2.5 PARZIALIZZAZIONE DELLA CENTRALE
A centrale di allarme inserita è possibile disabilitare temporaneamente il riconoscimento degli
allarmi (esclusione) su alcune zone prestabilite senza disinserire il programma.
Per attivare la parzializzazione occorre:
z programmare la chiave per il funzionamento come chiave di parzializzazione
(vedere prog. installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
z definire per ogni chiave di parzializzazione i programmi (anche più di uno) sui quali può
operare (vedere programmazione installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
z definire parzializzabili le zone interessate
(vedere prog. installatore - Funzioni - Paragrafo 5.7)
La parzializzazione della centrale può essere ottenuta nel seguente modo:
z Inserire nell'attivatore una chiave di parzializzazione
ATTENZIONE
Tutti i programmi associati alla chiave sono parzializzati in modo contemporaneo.
Se un programma è già in fase di parzializzazione, l'inserimento della chiave
provoca il termine della parzializzazione del programma.

z Il led relativi ai programmi parzializzati iniziano a lampeggiare


z Rimuovere la chiave dall'attivatore
ATTENZIONE
Le zone escluse dal riconoscimento allarmi sono solo quelle parte del programma
di parzializzazione e che sono state abilitate alla funzione di parzializzazione

7.2.5.1 PARZIALIZZAZIONE IN FASCE ORARIE PRESTABILITE


E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitate le chiavi di parzializzazione e
la fine parzializzazione della centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedì,
ogni martedì, ogni mercoledì, ogni giovedì, ogni venerdì, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Chiavi interessate e fascia in cui sono attive
(vedere prog. installatore - Chiavi - Paragrafo 5.19)
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e le chiavi sono assegnate alle fasce, le stesse
sono attive solamente all'interno della fascia oraria specificata. Il tentativo di utilizzo di una
chiave al di fuori della fascia oraria in cui è abilitata genera la segnalazione di Accesso Negato.
7.2.5.2 FINE PARZIALIZZAZIONE (Abilitazione zone escluse)
La fine della parzializzazione e l'abilitazione delle zone escluse si ottiene nel seguente modo:
z Inserire la chiave nell'attivatore
z I led relativi ai programmi sui quali la parzializzazione viene terminata iniziano a lampeggiare
velocemente ad indicare la fase di preinserimento.
z Al termine del preinserimento i led ritornano ad essere accesi fissi.
z Rimuovere la chiave dall'attivatore

7-8 Centrale TP16-256


7.3 SEGNALAZIONI VARIE - CONSOLE TP-SK6N e MODULI TP SKN
7.3.1 ALLARME CHIAVE FALSA
L'allarme viene generato quando viene inserita una chiave non riconosciuta nell'attivatore.
ATTENZIONE - ALLARME PER CHIAVE FALSA
In caso di "Chiave Falsa" la centrale si comporta nel seguente modo:
z Viene generato l'allarme Chiave Falsa sulla centrale
z I led Chiave e Anomalia (OCG) su tutti i punti chiave iniziano a lampeggiare
z Il punto chiave sul quale è stata inserita la chiave falsa rimane disabilitato per
2 minuti (anche se viene inserita una chiave valida).
z Per terminare l'allarme inserire una chiave valida in un altro punto chiave o digitare
un codice utente corretto (Master o Ausiliario) su una delle altre console collegate

7.3.2 INSERIMENTO CONTEMPORANEO DA PIU' PUNTI CHIAVE


Durante l'utilizzo di un attivatore su tutti gli altri attivatori connessi il led Chiave è lampeggiante e
tutte le operazioni sono interdette ad esclusione della generazione dell'allarme panico.
7.3.3 INSERIMENTO CONTEMPORANEO DA CONSOLE-CHIAVE
Durante un'operazione di inserimento da Console tutti gli attivatori connessi sono disattivati.
Quando viene eseguito un tentativo di inserimento tramite chiave la condizione di disattivazione
è segnalata dal lampeggio dei 4 led per un tempo di circa 3 secondi.
ATTENZIONE
Può essere utilizzato un solo dispositivo di comando alla volta.

7.3.4 AUTODISATTIVAZIONE PER CENTRALE IN ALLARME


Quando con la centrale in allarme, viene inserita nell'attivatore una chiave per inserim./disinser.
tutti i programmi associati alla chiave che sono in allarme verranno automaticamente disattivati.
7.3.5 ABORT AUTOMATICO DEI COMUNICATORI
Quando questa proprietà è associata alla chiave (Vedere programmazione installatore -
Paragrafo 5.19), al disinserimento di un programma della centrale viene anche eseguito in
modo automatico l'abort dei comunicatori telefonici eventualmente attivi.
7.3.6 ALLARME ANOMALIA GENERALE
Quando il led di Anomalia generale è lampeggiante, la centrale ha rilevato
una condizione di anomalia generale (batteria bassa, mancanza rete, perdita
modulo...). In queste condizioni non è permesso l'inserimento da chiave a
meno che non sia abilitata la funzione di "By-pass allarmi generali" (vedere
prog. installatore - Funzioni - Paragrafo 5.7)

Centrale TP16-256 7-9


7.4 PROCEDURA PER L'APPRENDIMENTO DELLE CHIAVI
Prima di poter essere utilizzata ogni chiave deve essere riconosciuta dalla centrale di allarme.
L'operazione di riconoscimento chiavi viene comunemente denominata apprendimento.
ATTENZIONE
E' possibile apprendere le chiavi unicamente in programmazione Utente
Master
Per apprendere ogni chiave occorre:
z Digitare il codice utente Master sulla console (per esempio - ACCESSO -
codice utente Master 12345) Master
+ 12345 Codice utente Master
z Selezionare l'opzione chiavi
+ yw Selezionare l'opzione 12 Menu 12
+ # Per confermare Chiavi
z Selezionare la chiave da apprendere
+ yw Selezionare la chiave da 1 a 32 Chiavi 1
+ # Per confermare Chiave 01
z Selezionare l'opzione Apprendimento
Chiave 01
+ yw Selezionare l'opzione Apprend [ ]
+ # Per confermare
CANCELLAZIONE DI UNA CHIAVE GIA' MEMORIZZATA
Se dopo la scritta "Apprend" compare il simbolo [ # ] significa che una chiave è già stata
memorizzata per quella posizione. Quando è visualizzato il simbolo [ # ] é possibile cancellare
la memorizzazione della chiave premendo il tasto *
+ * (NO) Per cancellare una chiave
SEGNALAZIONI
Durante l'attesa dell'apprendimento della chiave selezionata sui Apprend.
dispositivi della centrale compaiono le seguenti segnalazioni: Attesa
z Sul display della console compare il messaggio :
Apprend. Attesa
z Sulla console TP-SK6N il led verde chiave lampeggia
velocemente per segnalare che la centrale è in attesa
dell'inserimento della chiave.
APPRENDIMENTO
z Inserire la chiave nell’attivatore
SEGNALAZIONI APPRENDIMENTO AVVENUTO
Ad apprendimento avvenuto sui dispositivi della centrale
compaiono le seguenti segnalazioni: Apprend.
z Sul display della console compare il messaggio : Completato
Apprend. Completato
z Sulla console TP-SK6N il led verde "Chiave" si accende
fisso per segnalare l'avvenuto apprendimento della chiave
z Rimuovere la chiave nell’attivatore
Ripetere le fasi mostrate per la memorizzazione delle altre chiavi.

7-10 Centrale TP16-256


7.5 UTILIZZO DELLE TASTIERE SERIALI TP-SDN
La tastiera seriale digitale è un organo di comando che accetta tutti i codici validi della centrale
codice utente Master e codici utenti ausiliari (eccetto quello installatore).
Con tali codici é possibile eseguire le operazioni di inserimento/disinserimento oppure di
parzializzazione di 4 programmi a cui è stata associata . Il codice digitato sarà influenzato da
tutti gli attributi specificati (vedere prog. installatore - Codici - Paragrafo 5.18)
z Fasce orarie di accesso
z Programmi abilitati
z Operazioni eseguibili: inserimento/disinserimento o parzializzazione
z Abort automatico dei combinatori (se abilitato)
Le altre abilitazioni legate al codice saranno ignorate (poiché non controllabili da tastiera)
ATTENZIONE
Usando la tastiera seriale non è possibile eseguire programmazioni.
Il codice installatore non viene riconosciuto.

7.5.1 INSERIMENTO DELLA CENTRALE


La centrale può essere inserita digitando il codice utente Master o uno dei codici ausiliari
abilitati. I programmi di inserimento a cui sarà associata possono essere definiti sia
dall'installatore che dall'utente in possesso del codice Master.
Ogni programma permette la definizione delle zone abilitate al riconoscimento allarmi quando il
programma stesso é inserito.
I programmi possono solo essere utilizzati in modo singolo (un solo programma alla volta)
oppure contemporaneamente (più programmi allo stesso tempo)
ZONE COMUNI
Quando la stessa zona è condivisa da più programmi ed è definita come zona comune, la sua
effettiva abilitazione avviene solo quando tutti i programmi che la contengono sono inseriti.
Per esempio, nel caso di un impianto di allarme condiviso tra due appartamenti che
condividono per esempio la zona (ingresso villetta), utilizzando due codici utente ausiliari i
proprietari dei due alloggi possono inserire/disinserire l'impianto di allarme relativo al proprio
appartamento in modo indipendente, mentre l'area comune (ingresso villetta) verrà abilitata solo
quando i due impianti sono entrambi inseriti.
ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE
Con ogni tastiera serale TP SDN è possibile inserire/disinserire e visualizzare
unicamente lo stato di 4 programmi della centrale.
Le segnalazioni di allarme per i programmi o le zone di programmi non associati
alla tastiera non sono visualizzate.
VERIFICA PRESENZA DI ZONE IN ALLARME O DI ALLARMI GENERALI
Prima di digitare il codice per l'inserimento occorre verificare la situazione delle zone controllate
dalla centrale (controllo dei sensori e condizione generale).
Per verificare lo stato della centrale verificare lo stato dei led presenti sulla tastiera.
z Led 7 Giallo - OCG - Allarme programmi
Led lampeggiante Centrale inserita. E' in corso un allarme su uno dei programmi
associati alla tastiera
Led acceso Memoria di allarme programma
Durante l'ultimo inserimento sono stati rilevati degli allarmi
z Led 6 Rosso - Anomalie generali
Led lampeggiante Condizione di anomalia generale in corso (batteria bassa,
mancanza rete, tamper, etc)
Led acceso Memoria di allarme per anomalia generale

Centrale TP16-256 7-11


VERIFICA DELLA PRESENZA DI ZONE APERTE O IN ALLARME
Non è possibile verificare la presenza di zone aperte/in allarme fino all'inserimento del
programma. Dopo la digitazione del codice utente o master e la selezione del programma da
inserire, controllare lo stato del led giallo 7 OCG
z Led 7 Giallo - OCG
Led lampeggiante significa che una delle zone controllate dal programma è aperta
Led spento le zone controllate dal programma sono tutte chiuse
7.5.1.1 INSERIMENTO CON CODICE UTENTE MASTER/UTENTE AUSILIARIO
Per inserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Digitare il codice utente valido (master o uno dei codici ausiliari)
(per esempio codice utente Master 12345)
+ 12345 (codice utente Master)
z Il led verde (Led 5) si accende fisso
L'utente ha a disposizione circa 8 secondi per selezionare i programmi da inserire o da
disinserire (la prima pressione abilita il programma mentre la seconda pressione lo
disabilita). Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
z Digitare i programmi da inserire (per esempio programmi 1 e 3)
+ 13 (programmi da inserire)
z I led rossi dei programmi di inserimento attivati diventano lampeggianti
Il tasto # permette di confermare immediatamente il programma di inserimento senza
aspettare gli 8 secondi per l'attivazione/disattivazione del successivo programma
CONFERMA IMMEDIATA INSERIMENTO PROGRAMMI SELEZIONATI
Premere nuovamente il tasto # per confermare l'inserimento del programma senza eseguire
l'esclusione volontaria zone e aspettare 8 sec. (tempo esclusione) per l'inserimento automatico.
TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi sono immediatamente attivati. I
led dei programmi di inserimento attivati rimangono accesi fissi.
Se è stato programmato un tempo di uscita, i programmi verranno attivati al termine di tale
tempo. I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno fino al termine
dell'inserimento della centrale.

7-12 Centrale TP16-256


7.5.1 .2 INSERIMENTO CON ESCLUSIONE ZONE APERTE
Dopo la digitazione del codice e la selezione dei programmi da inserire, se sono presenti zone
aperte il led giallo 7 - OCG diventa lampeggiante (esempio: malfunzionamento sensore).
Per inserire la centrale escludendo le zone aperte utilizzare il tasto *
+ * (per inserire escludendo le zone aperte)
+ # (per inserire senza escludere le zone aperte)
ATTENZIONE
In presenza di zone aperte se non viene eseguita la conferma dell'esclusione
(tasto *), al termine degli 8 secondi la centrale si inserisce attivando anche le
zone aperte.
Verificare ed eliminare il motivo dell'apertura della zona, altrimenti avverrà
l’attivazione dei dispositivi di allarme programmati (sirene, etc.).

TEMPO DI USCITA
Se non è stato programmato un tempo di uscita, i programmi sono immediatamente attivati.
I led dei programmi attivati rimangono accesi fissi.
Se è stato programmato un tempo di uscita, i programmi verranno attivati al termine di tale
tempo.
I led dei programmi attivati diventeranno accesi fissi e lo rimarranno fino al termine
dell'inserimento della centrale.
Quando la centrale viene disinserita tutte le zone escluse sono riattivate.
7.5.1.3 INSERIMENTO RAPIDO PROGRAMMI - Non è possibile
7.5.1.4 INSERIMENTO IN FASCE ORARIE PRESTABILITE
E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitati i codici per l'inserimento e il
disinserimento della centrale (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria : Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo,
ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedì, ogni martedì, ogni mercoledì, ogni giovedì, ogni
venerdì, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Codici interessati (da 1 a 200) e fascia in cui sono attivi
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e i codici sono assegnati alle fasce, gli stessi sono
attivi solamente all'interno della fascia oraria specificata.
Il tentativo di utilizzo di un codice al di fuori della fascia oraria in cui è abilitato non genera alcuna
attivazione.
z Il led verde (Led 5) rimane acceso fisso
z Il led rossi dei programmi non si accendono
Dopo circa 5 secondi la tastiera torna in condizioni di riposo.

Centrale TP16-256 7-13


7.5.2 DISINSERIMENTO DELLA CENTRALE
Per disinserire la centrale occorre comportarsi come di seguito:
z Digitare il codice utente valido (master o uno dei codici ausiliari)
(per esempio codice utente Master 12345)
+ 12345 (codice utente Master)
z Il led verde (Led 5) si accende fisso
z Digitare i programmi da disinserire (per esempio programmi 1 e 3)
+ 13 (programmi da disinserire)
L'utente ha a disposizione un tempo di circa 8 secondi per selezionare i programmi da
inserire/disinserire (la prima pressione del tasto abilita il programma di inserimento mentre la
seconda pressione lo disabilita).
Alla digitazione di un tasto il tempo viene fatto ripartire.
Al termine degli 8 secondi la centrale torna in condizione di data e ora
I led rossi dei programmi di inserimento disattivati si spengono.
Il tasto # permette di confermare il disinserimento programma senza aspettare 8 secondi
ATTENZIONE
E' possibile inserire e disinserire solo i programmi accessibili all'utente

7.5.2.1 DISINSERIMENTO IN CASO DI AGGRESSIONE (solo se opzione abilitata)


(Vedere prog. installatore - Paragrafi 5.18 - Menù 11 - Codici)
In caso di aggressione o di disinserimento sotto costrizione è possibile simulare il
disinserimento della centrale attivando l'allarme rapina.
Per far ciò digitare il codice utente Master o un codice utente (abilitato a disinserire il
programma attivo) decrementando di una unità l'ultima cifra del codice.
Per esempio se il codice utente Master è 1 2 3 4 5, il disinserimento della centrale con
l'attivazione dell'allarme silenzioso rapina avviene digitando:
+ 12344
La centrale viene disinserita e allo stesso tempo, se opportunamente programmate, sono
attivate le uscite logiche OUT1 o OUT2 della centrale o di ogni modulo collegato alla centrale
(Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.9.4.)
Se la centrale è stata opportunamente programmata (per codice rapina - Paragrafo 5.16), viene
inviata una chiamata per codice rapina)
7.5.3 PARZIALIZZAZIONE DELLA CENTRALE
A centrale di allarme inserita è possibile disabilitare temporaneamente il riconoscimento degli
allarmi (esclusione) su alcune zone prestabilite senza disinserire il programma.
Per attivare la parzializzazione occorre:
z programmare il codice Master o i codici ausiliari ad eseguire la funzione di parzializzazione
(vedere prog. installatore - Codici - Paragrafo 5.18)
z definire per ogni codice utente di parzializzazione i programmi (anche più di uno) sui quali
può operare (vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.18.4)
Il codice utente Master, se programmato come codice di parzializzazione, può eseguire se
richiesto la parzializzazione su tutti i programmi.
z definire parzializzabili le zone interessate
(vedere prog. installatore - Funzioni - Paragrafo 5.7)
La parzializzazione della centrale può essere ottenuta nel seguente modo:
z Digitando un codice di parzializzazione (codice Master o un codice ausiliario).
Per esempio se il codice utente 2 (66778) é programmato come codice di parzializzazione
+ 66778 (codice utente numero 2 - codice di parzializzazione)
+ 1 (programma da parzializzare)
Per tutta la durata della parzializzazione il led rosso relativo al programma parzializzato
(programma 1 nel nostro caso) diventa lampeggiante.
7-14 Centrale TP16-256
ATTENZIONE
Le zone escluse dal riconoscimento allarmi sono quelle fanno parte del program-
ma di parzializzazione e che sono state abilitate alla funzione di parzializzazione
7.5.3.1 PARZIALIZZAZIONE IN FASCE ORARIE PRESTABILITE
E' possibile definire fino a 8 fasce orarie nelle quali sono abilitati i codici per la parzializzazione
e la fine parzializzazione della centrale (Vedere programmazione installatore Paragrafo 5.10.3).
Per ognuna delle 8 fasce è possibile definire:
z Attributo di inizio e fine della fascia oraria :
Inattivo, Tutti i giorni, ogni feriale, ogni prefestivo, ogni festivo, ogni domenica, ogni lunedì,
ogni martedì, ogni mercoledì, ogni giovedì, ogni venerdì, ogni sabato
z Ora e minuto di inizio e fine fascia
z Codici interessati (da 1 a 200) e fascia in cui sono attivi
ACCESSO NEGATO FUORI FASCIA
Quando le fasce orarie sono programmate e i codici sono assegnati alle fasce, gli stessi sono
attivi solamente all'interno della fascia oraria specificata. Il tentativo di utilizzo di un codice al di
fuori della fascia oraria in cui è abilitato non genera alcuna attivazione.
z Il led verde (Led 5) rimane acceso fisso
z Il led rossi dei programmi non si accendono
Dopo circa 5 secondi la tastiera torna in condizioni di riposo.

7.5.4 FINE PARZIALIZZAZIONE (Abilitazione zone escluse)


La fine della parzializzazione e l'abilitazione delle zone escluse si ottiene nel seguente modo:
z Digitando un codice di parzializzazione (codice Master o un codice ausiliario).
Per esempio se il codice utente 2 (66778) é programmato come codice di
parzializzazione
+ 66778 (codice utente numero 2 - codice di parzializzazione)
+ 1 (programma da riattivare)
Il led relativo al programma interessato (programma 1 nel nostro caso) ritorna acceso fisso .

Centrale TP16-256 7-15


7.6 SEGNALAZIONI VARIE - TASTIERE SERIALI TP-SDN
7.6.1 ALLARME CODICE FALSO
L'allarme viene generato quando su una console sono premuti 32 tasti senza l'inserzione di un
codice corretto.
ATTENZIONE - ALLARME PER CODICE FALSO
In caso di "Codice Falso" la centrale si comporta nel seguente modo:
z Viene generato l'allarme Accesso Falso sulla centrale
z Vengono attivati i buzzer su tutte le console collegate per un tempo di 2 minuti
z La tastiera dove è stato digitato il codice falso rimane disabilitata per 2 minuti.
z I led di Anomalia (OCG) su tutte le tastiere digitali iniziano a lampeggiare
z Per terminare l'allarme occorre inserire una chiave valida in un altro punto
chiave oppure digitare un codice utente corretto (Master o Ausiliario) su una
qualsiasi delle altre console collegate

7.6.2 INSERIMENTO CONTEMPORANEO


DA CONSOLE/TASTIERA-CHIAVE
Durante un'inserimento da Console tutte le tastiere connesse sono disattivate. Quando viene
eseguito un tentativo di inserimento tramite tastiera la condizione di disattivazione è segnalata
dal lampeggio dei 4 led di segnalazione per un tempo di circa 3 secondi.
ATTENZIONE
Può essere utilizzato un solo dispositivo di comando alla volta.

7.6.3 ABORT AUTOMATICO DEI COMUNICATORI


Quando questa proprietà è associata al codice (Vedere programmazione installatore -
Paragrafo 5.18), al disinserimento di un programma della centrale viene anche eseguito in
modo automatico l'abort dei comunicatori telefonici eventualmente attivi.
7.6.4 BYPASS ALLARMI GENERALE
Quando il led 7 giallo di Allarmi GeneralI è lampeggiante significa che la centrale ha rilevato una
condizione di allarme su uno dei programmi.
In queste condizioni l'inserimento dei programmi è abilitato solamente se questa proprietà è
associata al codice (Vedere programmazione installatore - Paragrafo 5.18.3).

7.7 ASSOCIAZIONE DEI PROGRAMMI AI PUNTI CHIAVE/TASTIERE


Con la centrale TP16-256 é possibile definire l'associazione tra i programmi (da 1 a 32) ai
singoli led dei punti chiave. In fase di programmazione, ad ogni punto chiave è possibile
associare un programma ad un singolo led (come per le console).
L'associazione fornita di fabbrica è la seguente:
CONSOLE TP-SK6N
z Led 1 --> Programma 1
z Led 2 --> Programma 2
z Led 3 --> Programma 3
z Led 4 --> Programma 4
z Led 5 --> Programma 5
z Led 6 --> Programma 6
ATTIVATORI COLLEGATI A MODULO TP-SKN
z Led 1 --> Programma 1
z Led 2 --> Programma 2
z Led 3 --> Programma 3

7-16 Centrale TP16-256


TASTIERE SERIALI TP-SDN
z Led 1 --> Programma 1
z Led 2 --> Programma 2
z Led 3 --> Programma 3
z Led 4 --> Programma 4
Quando a una chiave è associato un programma che non è associato ad un punto chiave, la
stessa provocherà alcun inserimento. La posizione del led sul punto chiave determina anche la
sequenza di inserimento dei programmi.
ESEMPIO
La chiave 1 è associata ai programmi 6, 12, 44, 30, 32
All'attivatore collegato al punto chiave TP-SKN sono associati:
z Led 1 --> Programma 44
z Led 2 --> Programma 12
z Led 3 --> Programma 32
Con un inserimento singolo della chiave si accenderà il LED 1 e si inserirà il programma 44.
Con un inserimento doppio della chiave si accenderà il LED 2 e si inserirà il programma 12.
Con un inserimento triplo della chiave si accenderà il LED 3 e si inserirà il programma 32.
Questo metodo è molto flessibile e permette di modificare il funzionamento della chiave in
funzione del punto chiave utilizzato.
Spetta all' installatore di evitare complicate associazioni che confondano il cliente.

7.8 UTILIZZO DEI RADIOCOMANDI TX240-3


La centrale TP16-256 quando è equipaggiata con un ricetrasmettitore
radio di tipo RTX200 o RX300 può controllare fino a 32 radiocomandi
di tipo TX240-3
INSERIMENTO/DISINSERIMENTO
I radiocomandi mettono a disposizione 3 tasti che possono essere
singolarmente programmati per differenti funzioni (inserimento e
disinserimento programmi, da 1 a 32 e attivazione disattivazione dei
telecomandi da 1 a 8).
VERIFICA DELLO STATO DEI PROGRAMMI
I radiocomandi non permettono la visualizzazione dello stato della
centrale.
ATTENZIONE - MOLTO IMPORTANTE
Sul radiocomando non sono presenti led per la visualizzazione
dello stato della centrale.
Questo significa che per inserire o disinserire la centrale occorre essere nelle
immediate vicinanza di una console per verificare lo stato della centrale stessa e per
verificare la funzionalità del comando impartito

Il radiocomando utilizzato sarà influenzato dalle funzioni specificate (vedere programmazione


installatore Radiocomandi - Paragrafo 5.13)
z fasce orarie di accesso (da 1 a 8)
z associazione dei pulsanti alle varie funzioni
z operazioni eseguibili: inserimento/disinserimento o attivazione/disattivazione telecomandi
z e dai seguenti attributi
» Funzione di parzializzazione
» Conferma rapina
» Abort automatico comunicatori al disinserimento
» Bypass allarmi generali
» Aggressione
» Esclusione disabilitata
Centrale TP16-256 7-17
7.8.1 INSERIMENTO DA RADIOCOMANDO
Per inserire la centrale da radiocomando occorre unicamente premere il tasto corrispondente al
programma desiderato (esempio: al tasto2 è associato l'inserimento del programma 1, al tasto
3 è associato l'inserimento del programma 2).
Esempio
z Premendo il tasto 2 avviene l'inserimento del 1° programma della centrale
z Premendo il tasto 3 avviene l'inserimento del 2° programma della centrale
z Sulla console il Led giallo relativo al programma di inserimento attivato lampeggia
(1 volta al secondo) per i successivi 10 secondi (tempo di esclusione).
In tale periodo è possibile eseguire l'esclusione volontaria delle zone aperte (se la funzione è
stata abilitata dall'installatore.
z Il buzzer sulle console viene attivato per circa 2 secondi
z Viene attivata l'uscita CHIME (sull'espansione ESP32-OCN) per circa 2 secondi

7.8.2 DISINSERIMENTO DA RADIOCOMANDO


Per disinserire la centrale occorre programmare un tasto del radiocomando che svolga la
funzione di disinserimento di un programma precedentemente inserito oppure che svolga la
funzione di disinserimento totale.
Dopo aver fatto ciò per riportare la centrale in condizione di riposo occorre unicamente premere
il tasto corrispondente del radiocomando i vengono disattivati.
(esempio: al tasto 2 è associato il disinserimento totale dei programmi associati al
radiocomando).
z Premendo il tasto 2 avviene il disinserimento dei programmi inseriti attraverso il
radiocomando utilizzato
z Sulla console i Led gialli relativi ai programmi di inserimento attivati si spengono
z Il buzzer sulle console viene attivato per circa 2 secondi

7.8.3 PARZIALIZZAZIONE DA RADIOCOMANDO


Quando al radiocomando è associata la funzione di Parzializzazione il significato delle opera-
zioni di inserimento e di disinserimento dei programmi sono modificate.
Le operazioni assumono il seguente significato:
z Inserimento programma diventa Inizio parzializzazione programma
z Disinserimento programma diventa Fine parzializzazione programma
z Disinserimento diventa Fine parzializzazione
Per parzializzare la centrale da radiocomando occorre unicamente premere il tasto
corrispondente al programma desiderato
7.8.4 APPRENDIMENTO DEI RADIOCOMANDI
Ogni radiocomando prima di essere utilizzato deve essere riconosciuto dalla centrale.
L'operazione di riconoscimento viene comunemente denominata apprendimento.
Fare riferimento al capitolo 5.13.1

7-18 Centrale TP16-256


8. DATI DI TARGA - CENTRALE TP16-256
8.1 CENTRALE TP16-256

Nome costruttore:
Dispositivo: TP16-256
Livello di prestazione: II° IMQ (CEI 79/2)
Descrizione: Centrale di allarme seriale
Tipo: Centrale centralizzabile attraverso linea seriale RS485
Numero di zone: Da 16 a 256 completamente programmabili
1 ingresso tamper (ZT - manomissione ).
Uscite : 1 relè (Sirena esterna)
1 uscita logica (Sirena interna)
2 uscite logiche completamente programmabili OUT 1+ e OUT2-
3 uscite logiche per gli stati della centrale (OFF-, TECN e PGM)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
1 porta seriale RS485 per il collegamento verso un modulo seriale
locale (all'interno del contenitore della centrale)
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura

Centrale TP16-256 8-1


SEZIONE ALIMENTAZIONE
Tensione di lavoro nominale: 230 V ~ ± 10%, 50 Hz
Classe II
Consumo max. corrente dalla rete: 315mA
Tensioni e corrente di uscita:
Alimentazione centrale, sensori, ricarica batteria Nominale 13,95 V
Alimentazione sirene esterne: Nominale 14,45 V
Corrente erogabile: Massimo 3 Ampere
Corrente disponibile per:
Consumo scheda centrale Massimo 150 mA
Ricarica batteria (17Ah) Massimo 620 mA
Ricarica batteria sirena esterna (7Ah) Massimo 230 mA
Dispositivi di programmazione (ProgUSB) Massimo 50mA
Alimentazione totale sensori Massimo 850 mA
Corrente totale per le 5 uscite logiche Massimo 200 mA
(corrente per singola uscita logica: massimo 100mA)
Alimentazione moduli su linea RS485 Massimo 900mA
Capacità massima batteria 12V , 17Ah
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C

TRASFORMATORE TA16/2B
Tensione primario 230 V~ (Rosso)
Tensione secondario 28 V~ / 2,14A (Blu)
Frequenza 50/60Hz
Potenza 60VA
Classe B
Fusibile su primario T 315mA
ATTENZIONE
Le batterie utilizzabili sono le seguenti:
Marca: YUASA
Modello: NP 17-12 F.R. (17Ah)
Classe di infiammabilità: UL94V0
oppure modelli equivalenti che garantiscano una classe di infiammabilità pari
a UL94V2 o migliore

8-2 Centrale TP16-256


8.2 ESPANSIONE INGRESSI SU LINEA SERIALE
8.2.1 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE - SPEED ALM8 PL

Dispositivo: SPEED ALM8 PL


Descrizione: Modulo espansione ingressi con alimentatore switching da 1.8A
Numero di zone: 8 completamente programmabili
Uscite : 1 relè (Sirena esterna)
1 uscita logica (Sirena interna)
2 uscite logiche programmabili (OUT1, OUT2)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura
Contenitore : Plastico (dimensione in mm: 345 x 255 x 75 (Larg. x Alt. x Prof.)
SCHEDA SPEED ALM8
Tensione di lavoro nominale: 230 V~ ± 10%, 50 Hz
Consumo max. corrente dalla rete: 200mA
Tensioni e corrente di uscita:
Alimentazione modulo, sensori, ricarica batteria Nominale 13, 8 V
Alimentazione sirene esterne: Nominale 14,4 V
Corrente erogabile: Massimo 1.8 Ampere
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 80 mA
Ricarica batteria (7Ah) Massimo 285 mA
Ricarica batteria sirena esterna (7Ah) Massimo 285 mA
Corrente per uscita sirena interna Massimo 250 mA
Corrente per uscite logiche e aliment. totale sensori Massimo 500 mA
Alimentazione moduli su linea RS485 Massimo 400 mA
Capacità massima batteria 12V , 7Ah
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C
ATTENZIONE
Le batterie utilizzabili sono le seguenti:
Marca: YUASA
Modello: NP 7-12 F.R. (7Ah)
Classe di infiammabilità: UL94V0
oppure modelli equivalenti che garantiscano una classe di
infiammabilità pari a UL94V2 o migliore

TRASFORMATORE TA14/3
Tensione primario 230 V~ (Rosso)
Tensione secondario 30 V~ / 1,3A (Blu)
Frequenza 50/60Hz
Potenza 40VA
Classe B
Fusibile su primario T 200mA

Centrale TP16-256 8-3


8.2.2 ESPANSIONE 8 INGRESSI - SPEED8

Dispositivo: SPEED8
Descrizione: Espansione ingressi su linea seriale RS485
Numero di zone: 8 completamente programmabili
Uscite : 2 uscite logiche programmabili (OUT1 e OUT2)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura
Contenitore: Da montare in contenitore plastico (non incluso)
SCHEDA SPEED 8
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Tensione di ingresso e alimentazione sensori Minima 10 V
Massima 14 V
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 35 mA
Alimentazione totale sensori e uscite logiche Massimo 500mA (*)
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.2.3 ESPANSIONE 4 INGRESSI - SPEED4

Dispositivo: SPEED4
Descrizione: Espansione ingressi su linea seriale RS485
Numero di zone: 4 completamente programmabili
Uscite : 1 uscite logica programmabile (OUT1)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura
Contenitore: Da montare in contenitore plastico (non incluso)
SCHEDA SPEED 4
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Tensione di ingresso e alimentazione sensori Minima 10 V
Massima 14 V
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 30 mA
Alimentazione totale sensori e uscite logiche Massimo 400 mA (*)
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C

8-4 Centrale TP16-256


8.2.4 ESPANSIONE 8 INGRESSI - SPEED8 STD

Dispositivo: SPEED8 STD


Descrizione: Espansione ingressi su linea seriale RS485
Numero di zone: 8 programmabili (non gestisce barriere e dispositivi seriali)
Uscite : Nessuna
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura
Contenitore: Da montare in contenitore plastico (non incluso)
SCHEDA SPEED 8 STD
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Tensione di ingresso e alimentazione sensori Minima 10 V
Massima 14 V
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 35 mA
Alimentazione totale sensori e uscite logiche Massimo 500 mA (*)
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C
NOTA (*)
Per i moduli sprovvisti di alimentazione, la corrente erogabile dichiarata è vincolata
alla sorgente di alimentazione alla quale i moduli stessi sono collegati.

Centrale TP16-256 8-5


8.3 ESPANSIONE INGRESSI - BUS SENSORI
8.3.1 ESPANSIONE 8 INGRESSI CON ALIMENTATORE PER SENSORI SU BUS
SPEED ALM8 PLUS

Dispositivo: SPEED ALM8 PLUS


Descrizione: Modulo espansione ingressi per sensori su Bus con alimentatore
switching da 1.8A in contenitore plastico. Collegamento su RS485
Numero di zone: 8 completamente programmabili per sensori di tipo BUS
Uscite : 1 relè (Sirena esterna)
1 uscita logica (Sirena interna)
2 uscite logiche programmabili (OUT1, OUT2)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il collegamento verso gli altri moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro antiapertura
Contenitore : Plastico. Dimensione in mm: 345 x 285 x 90 (Larg. x Alt. x Prof.)
SCHEDA SPEED ALM8
Tensione di lavoro nominale: 230 V~ ± 10%, 50 Hz - Classe 2
Consumo max. corrente dalla rete: 200mA
Tensioni e corrente di uscita:
Alimentazione modulo, sensori, ricarica batteria Nominale 13, 8 V
Alimentazione sirene esterne: Nominale 14,0 V
Corrente erogabile: Massimo 1.8 Ampere
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 80 mA
Ricarica batteria interna (7Ah) Massimo 280 mA
Corrente per Sirena interna Massimo 200 mA
Corrente per Sirena su Bus (2,1Ah) Massimo 100 mA
Corrente per Sensori su Bus Massimo 600 mA
Corrente per moduli su Bus RS485 Massimo 500 mA
Corrente per uscite logiche OUT1 e OUT2 Massimo 40mA
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C
ATTENZIONE
Le batterie utilizzabili sono le seguenti:
Marca: YUASA
Modello: NP 7-12 F.R. (7Ah)
Classe di infiammabilità: UL94V0
oppure modelli equivalenti che garantiscano una classe di
infiammabilità pari a UL94V2 o migliore
TRASFORMATORE TA14/3
Tensione primario 230 V~ (Rosso)
Tensione secondario 30 V~ / 1,3A (Blu)
Frequenza 50/60Hz
Potenza 40VA
Classe B
Fusibile su primario T 200mA
8-6 Centrale TP16-256
8.3.2 ESPANSIONE 8 INGRESSI PER SENSORI SU BUS
Dispositivo: SPEED 8 PLUS
Descrizione: Espansione ingressi su linea
seriale RS485
Numero di zone: 8 completamente programmabili
per sensori su Bus
Uscite : 2 uscite logiche programmabili
(OUT1- e OUT2-)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il
collegamento verso gli altri
moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro
antiapertura
Contenitore: Plastico non incluso
SCHEDA SPEED 8 PLUS
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Tensione di ingresso e alimentazione sensori Minima 10 V
Massima 14 V
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 65mA
Alimentazione totale sensori e uscite logiche Massimo 400mA
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.3.3 ESPANSIONE 4 INGRESSI STANDARD E 4 INGRESSI PER SENSORI SU BUS


Dispositivo: SPEED 4 PLUS
Descrizione: Espansione ingressi su linea
seriale RS485
Numero di zone: 4 completamente programmabili
per sensori tradizionali a filo
4 completamente programmabili
per sensori di tipo BUS
Uscite : 1 uscita logica programmabile
(OUT1-)
Linea seriale: 1 porta seriale RS485 per il
collegamento verso gli altri
moduli seriali
Autoprotezione: 1 micro antistrappo + 1 micro
antiapertura
Contenitore: Plastico non incluso
SCHEDA SPEED 4 PLUS
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Tensione di ingresso e alimentazione sensori Minima 10 V
Massima 14 V
Corrente disponibile per:
Consumo scheda Massimo 55 mA
Alimentazione totale sensori e uscite logiche Massimo 100mA
Temperatura di funzionamento: +5°C .. +40°C
NOTA (*)
Per i moduli sprovvisti di alimentazione, la corrente erogabile dichiarata è vincolata
alla sorgente di alimentazione alla quale i moduli stessi sono collegati.

Centrale TP16-256 8-7


8.4 CONSOLE DI COMANDO
8.4.1 CONSOLE CON LCD
Dispositivo: LCD300/S
Descrizione: Console con display LCD
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensione di alimentazione: Nominale 12V
Minima 10V
Massima 14V
Consumo in corrente A riposo 14 mA
In programmaz. 48mA
Massimo 85 mA
120 mA con illuminazione
display accesa fissa e
speaker attivo
Temp. di funzionamento: +5°C ÷ +40°C
Speaker locale
Design :

8.5 TASTIERE E PUNTI CHIAVE


8.5.1 TASTIERA SERIALE
Dispositivo: TP SDN/V - TP SDNK/O
Descrizione: Tastiera seriale digitale
TP SDN/V - Vers. verticale
TP SDN/V - Vers. orizzontale
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensione di alimentazione: Nominale 12V
Minima 10V
Massima 14V
Consumo in corrente Nominale 33 mA
Temperatura di funzionamento: +5°C ÷ +40°C

8.5.2 CONSOLE CON PUNTO CHIAVE


Dispositivi: TP SK6N
Descrizione: Punto chiave + comandi
Tipo di chiavi utilizzabili : MPKEY
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Autoprotezione: 1 micro per antistrappo e
antiapertura
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente: A riposo 15 mA
Massimo 28 mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8-8 Centrale TP16-256


8.5.3 INTERFACCIA PER CHIAVI + CHIAVI MPKEY
Dispositivi: TP SKN
Descrizione: Modulo per connessione chiavi
Tipo di chiavi utilizzabili : MPKEY
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Autoprotezione: 1 micro antiapertura/antistrappo
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente: Massimo 28 mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C
Consumo per ogni attivatore : Max. 8mA per led acceso

Chiavi MPKEY
Numero di combinazioni : Oltre 2 milioni

8.6 ESPANSIONE USCITE SU LINEA SERIALE


8.6.1 ESPANSIONE 32 USCITE LOGICHE
Dispositivi: ESP32-OCN
Descrizione: Espansioni uscite logiche
(open collector)
Numero di uscite: 32 uscite logiche
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Autoprotezione: 1 micro antistrappo
+ 1 micro antiapertura
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente: Nominale 35 mA
Massima 60 mA
Corrente per singola uscita: Massima 30 mA
Corrente totale su tutte le uscite Massima 350mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C
ATTENZIONE
Le uscite logiche disponibili sulle schede non sono adatte all'attivazione di
dispositivi di allarme (sono utilizzate normalmente per la costruzione di pannelli sinottici)

8.6.2 SINOTTICI CON 32 LED DI SEGNALAZIONE


Dispositivi: SINOTTICO 32N
Descrizione: Sinottici con 32 led di
segnalazione.
Numero di uscite: 32 Led
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Autoprotezione: 1 micro antistrappo
+ 1 micro antiapertura
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente: Massimo 150 mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

Centrale TP16-256 8-9


8.7 MODULI VARI
8.7.1 INTERFACCIA RS232-RS485 CON PROGRAMMATORE DI FLASH
Dispositivo: PROG 32
Descrizione: Interfaccia di connessione tra linea
seriale PC e Centrale TP16-256
Tipo di collegamento: TTL (verso le Centrali ) e
Seriale RS3232 (verso il computer)
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente 21mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.7.2 INTERFACCIA MULTIFUNZIONE CON PROGRAMMATORE DI FLASH


Dispositivo: PROG USB
Descrizione: Interfaccia di connessione tra la
porta USB linea del PC e la
Centrale TP15-256
Tipo di collegamento: USB (verso il computer)
TTL (verso la Centrale)
RS232 (verso MODEM)
RS485 (verso altre centrali)
Tensioni di alimentazione: Nominale 5V
Consumo in corrente Massimo 100mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.7.3 RIPETITORE LINEA SERIALE RS485


Dispositivo: SPEED RS485
Descrizione: Ripetitore linea seriale RS485
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente : Massimo 30 mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8-10 Centrale TP16-256


8.8 COMUNICATORE TELEFONICO GSM
8.8.1 COMUNICATORE TELEFONICO CON MODULO GSM

Dispositivo: TECNOCELL-PRO
Descrizione: Trasmettitore telefonico
cellulare con modulo
dati GSM
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 8V
Massima 15 V
Consumo in corrente
Stand-by : 50 mA
Comunicazione : 150 mA
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.9 SEZIONE RADIO


8.9.1 RICETRASMETTITORE BIDIREZIONALE
Dispositivo: RTX200
Descrizione: Ricetrasmettitore doppia
frequenza bidirezionale
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente 53mA ( a 12V)
120mA ( a potenza max.)
Banda di ricezione
Frequenza 433 433.05MHz...434.79MHz
Frequenza 868 868.70MHz...869.20MHz
Banda di trasmissione
Frequenza 868 868.70MHz...869.20MHz
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

8.9.2 RICEVITORE
Dispositivo: RX300
Descrizione: Ricevitore radio doppia
frequenza
Collegamento su Bus
Tipo di collegamento: Seriale RS485
Tensioni di alimentazione: Nominale 12 V
Minima 10 V
Massima 14 V
Consumo in corrente 41mA ( a 12V)
Banda di ricezione 433.05MHz...434.79MHz
868.70MHz...869.20MHz
Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

Centrale TP16-256 8-11


8.9.3 RADIOCOMANDO 3 TASTI

Dispositivo: TX230-3
Descrizione: Radiocomando 3 tasti
Batteria al Litio 3V - 220mA
Banda di trasmissione 869.40MHz...869.65MHz
Potenza max 15mW

Temp. di funzionamento: +5°C .. +40°C

TP16-256
DATI DI TARGA

8-12 Centrale TP16-256


PR O T O C O LLI T EC N O ALAR M
C odice PR O T O C O LLO C odice PR O T O C O LLO
00 TE CNO A LA RM (DIG ITA LE ) 08 TE CNO RING
M E S S A G G IO V O CA LE c on RICHIE S TA DI
01 M E S S A G G IO V O CA LE 09
CONFE RM A (Carattere * da telefono rem oto)
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NO RO
02 M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NORO 10
c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE
03 M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE 11
c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NORO M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NO RO
04 12
TE CNO CE LL c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A TE CNO CE LL
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE
05 13
TE CNO CE LL c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A TE CNO CE LL
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NO RO
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV S O NORO
06 14 c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A
TE CNO CE LL B A CK UP
TE CNO CE LL B A CK UP
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE
M E S S A G G IO V O CA LE + RDV V O CA LE
07 15 c on RICHIE S TA DI CO NFE RM A
TE CNO CE LL B A CK UP
TE CNO CE LL B A CK UP
P RO TO CO LLI NON TECNO ALARM

C odice FO R M AT O 3/1 SIN G LE C odice FO R M AT O 3/1


16 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIGHT 24 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIG HT
17 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI 25 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI
18 S ILE NT K NIG HT FA S T 26 S ILE NT K NIG HT FA S T
19 RA DIO NICS (Conferm a 2300) 27 RA DIO NICS (Conferm a 2300)
20 RA DIO NICS (Conferm a 1400) 28 RA DIO NICS (Conferm a 1400)
21 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300) 29 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300)
22 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400) 30 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400)
23 NO N DE FINITO 31 NON DE FINITO
C odice FO R M AT O 3/2 SIN G LE C odice FO R M AT O 3/2
32 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIGHT 40 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIG HT
33 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI 41 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI
34 S ILE NT K NIG HT FA S T 42 S ILE NT K NIG HT FA S T
35 RA DIO NICS (Conferm a 2300) 43 RA DIO NICS (Conferm a 2300)
36 RA DIO NICS (Conferm a 1400) 44 RA DIO NICS (Conferm a 1400)
37 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300) 45 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300)
38 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400) 46 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400)
39 NO N DE FINITO 47 NON DE FINITO
C odice FO R M AT O 4/1 SIN G LE C odice FO R M AT O 4/1
48 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIGHT 56 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIG HT
49 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI 57 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI
50 S ILE NT K NIG HT FA S T 58 S ILE NT K NIG HT FA S T
51 RA DIO NICS (Conferm a 2300) 59 RA DIO NICS (Conferm a 2300)
52 RA DIO NICS (Conferm a 1400) 60 RA DIO NICS (Conferm a 1400)
53 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300) 61 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300)
54 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400) 62 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400)
55 NO N DE FINITO 63 NON DE FINITO
C odice FO R M AT O 4/2 SIN G LE C odice FO R M AT O 4/2
64 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIGHT 72 A DE M CO S LO W , S ILE NT K NIG HT
65 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI 73 S E S CO A , FRA NK LIN, V E RTE X, DCI
66 S ILE NT K NIG HT FA S T 74 S ILE NT K NIG HT FA S T
67 RA DIO NICS (Conferm a 2300) 75 RA DIO NICS (Conferm a 2300)
68 RA DIO NICS (Conferm a 1400) 76 RA DIO NICS (Conferm a 1400)
69 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300) 77 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 2300)
70 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400) 78 RA DIO NICS CO N P A RITA ' (Conferm a 1400)
71 NO N DE FINITO 79 NON DE FINITO

Centrale TP16-256 A-1


PROTOCOLLI NON TECNOALARM
Codice FORMATO 3/1 ESTESO SINGLE Codice FORMATO 3/1 ESTESO
80 ADEMCO SLOW, SILENT KNIGHT 88 ADEMCO SLOW, SILENT KNIGHT
81 SESCOA, FRANKLIN, VERTEX, DCI 89 SESCOA, FRANKLIN, VERTEX, DCI
82 SILENT KNIGHT FAST 90 SILENT KNIGHT FAST
83 RADIONICS (Conferma 2300) 91 RADIONICS (Conferma 2300)
84 RADIONICS (Conferma 1400) 92 RADIONICS (Conferma 1400)
85 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 2300) 93 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 2300)
86 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 1400) 94 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 1400)
87 NON DEFINITO 95 NON DEFINITO
Codice FORMATO 4/2 ESTESO SINGLE Codice FORMATO 4/2 ESTESO
96 ADEMCO SLOW, SILENT KNIGHT 104 ADEMCO SLOW, SILENT KNIGHT
97 SESCOA, FRANKLIN, VERTEX, DCI 105 SESCOA, FRANKLIN, VERTEX, DCI
98 SILENT KNIGHT FAST 106 SILENT KNIGHT FAST
99 RADIONICS (Conferma 2300) 107 RADIONICS (Conferma 2300)
100 RADIONICS (Conferma 1400) 108 RADIONICS (Conferma 1400)
101 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 2300) 109 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 2300)
102 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 1400) 110 RADIONICS CON PARITA' (Conferma 1400)
103 NON DEFINITO 111 NON DEFINITO
Codice VARI SINGLE Codice VARI
112 FSK 200 BAUD 120 FSK 200 BAUD
113 FSK 200 BAUD INVERTITO 121 FSK 200 BAUD INVERTITO
114 FSK SIA 1 122 FSK SIA 2
115..119 NON DEFINITI 123..127 NON DEFINITI
Codice VARI SINGLE Codice VARI
128 SCANTRONIC 16 CANALI - 1400Hz 136 SCANTRONIC 16 CANALI - 1400Hz
129 SCANTRONIC 16 CANALI - 1000Hz 137 SCANTRONIC 16 CANALI - 1000Hz
130 ADEMCO HS NO PARITA' (4+9) 138 ADEMCO HS NO PARITA' (4+9)
131 ADEMCO CONTACT ID 139 ADEMCO CONTACT ID
132 SCANTRONIC 8 CANALI - 1400Hz 140 SCANTRONIC 8 CANALI - 1400Hz
133 SCANTRONIC 8 CANALI - 1000Hz 141 SCANTRONIC 8 CANALI - 1000Hz
134 ADEMCO HS NO PARITA' (4+9+P) 142 ADEMCO HS NO PARITA' (4+9+P)
135 NON DEFINITO 143 NON DEFINITO
Codice TELEDRIN/PAGER SINGLE Codice
144 TELEDRIN (N°1 e N°2) ID + REPORT 146..159 NON DEFINITI
145 TELEDRIN (N°1 e N°2)
Codice PROTOCOLLO TECNOCELL Codice PROTOCOLLO BACKUP TECNOCELL
160 TECNOALARM (DIGITALE) - TECNOCELL 176 TECNOALARM (DIGITALE) - TECNOCELL BACKUP
161 VOCALE MESSAGGIO 1 - TECNOCELL 177 VOCALE MESSAGGIO 1 - TECNOCELL BACKUP
162 VOCALE MESSAGGIO 2 - TECNOCELL 178 VOCALE MESSAGGIO 2 - TECNOCELL BACKUP
163 VOCALE MESSAGGIO 3 - TECNOCELL 179 VOCALE MESSAGGIO 3 - TECNOCELL BACKUP
164 VOCALE MESSAGGIO 4 - TECNOCELL 180 VOCALE MESSAGGIO 4 - TECNOCELL BACKUP
165 VOCALE SU BUS - TECNOCELL 181 VOCALE SU BUS - TECNOCELL BACKUP

NOTA - Protocollo CONTACT ID


I protocolli CONTACT ID possono essere utilizzati solamente dalla versione 4.2
o successive del TECNOCELL
NOTA - Protocollo Vocale 01
Quando viene utilizzato il protocollo vocale 01, in caso di risposta da parte di una
segreteria telefonica o risponditore automatico, la chiamata in corso viene tacitata
come anche tutte le chiamate vocali degli altri comunicatori. Per evitare l'involontaria
tacitazione di tutti i comunicatori utilizzare il protocollo vocale con conferma (09)

A-2 Centrale TP16-256


B PROCEDURE VARIE
B.1 RIPRISTINO DEI CODICI DI FABBRICA

Per ripristinare i codici di fabbrica della centrale procedere come di seguito:


z Rimuovere il ponticello JP1
z Inserire per circa 1 secondo il ponticello JP6
z Rimuovere il ponticello JP6
z Osservare ora il display della console (c) Tecnoalarm
Attendere alcuni secondi quindi appena viene visualizzata la TP256 v.2.4 ITA
scritta Tecnoalarm (a lato) premere almeno due volte il tasto
EXIT Codice
z Verrà visualizzata la scritta CODICE CANCELLATO Cancellato
z Inserire nuovamente il ponticello JP1
Lun 18 GIU 07
z Sul display compare nuovamente Data e Ora Feri. 11 15

ATTENZIONE - IMPORTANTE
Dopo l'operazione di reset dei codici la centrale riparte nelle condizioni di
funzionamento impostate di fabbrica:
z Codice installatore : 54321
z Codice utente Master : 12345
z Codici utenti ausiliari : 0 0 0 0 0 (Valore non valido)
z Lunghezza codici : 5 Cifre

Centrale TP16-256 B-1


B.2 CANCELLAZIONE TOTALE DELLA CONFIGURAZIONE DELLA
CENTRALE
Per ripristinare la configurazione di fabbrica della centrale procedere come di seguito:
z Rimuovere il ponticello JP1
z Inserire per circa 1 secondo il ponticello JP6
z Rimuovere il ponticello JP6
z Osservare ora il display della console (c) Tecnoalarm
Attendere alcuni secondi quindi appena viene visualizzata la TP256 v.2.4 ITA
scritta Tecnoalarm (a lato) premere almeno due volte il tasto
NO (*) Config.
z Verrà visualizzata la scritta CONFIG CANCELLATO
Cancellato
z Inserire nuovamente il ponticello JP1
Lun 18 GIU 07
z Sul display compare nuovamente Data e Ora Feri. 11 15
ATTENZIONE - IMPORTANTE
Dopo l'operazione di reset dei codici la centrale riparte nelle condizioni di
funzionamento impostate di fabbrica con tutti i parametri riprogrammati alle
condizioni iniziali (nessun numero di telefono, nessuna programmazione zone,
nessuna funzione programmata e con i codici impostati nel seguente modo:
z Codice installatore : 54321
z Codice utente Master : 12345
z Codici utenti ausiliari : 0 0 0 0 0 (Valore non valido)
z Lunghezza codici : 5 Cifre

B.3 BACKUP/RESTORE DEI TRASMETTITORI RADIO


ATTENZIONE - IMPORTANTE
Da eseguire sempre prima di effettuare l'aggiornamento del firmware della
centrale o di sostituire la CPU della stessa per evitare la perdita delle
caratteristiche dei moduli radio già installati

La procedura di Backup dei trasmettitori radio consentirà al termine dell'operazione di


aggiornamento firmware o di sostituzione CPU di eseguire il Restore evitando quindi di dover
"apprendere" nuovamente tutti i trasmettitori.
Per eseguire l'operazione occorre:
z Collegare il computer alla centrale TP16-256 utilizzando l'interfaccia PROG32 o PROGUSB
z Accedere al software di programmazione della centrale +
(SW Programmazione Tecnoalarm)
z Selezionare l'ambiente di programmazione locale
z Selezionare la centrale
Sullo schermo compare:

B-2 Centrale TP16-256


z Selezionare il tasto mostrato sotto:

BACKUP DISPOSITIVI RADIO


Per avviare il Backup dei dispositivi radio
occorre:
z Cliccare sul tasto Ricevi Dati dalla Centrale
Al termine del backup i dati relativi ai
trasmettitori radio sono memorizzati sul PC e
sullo schermo compare:

RESTORE DISPOSITIVI RADIO


Dopo aver eseguito l'aggiornamento del
firmware della centrale o la sostituzione della
CPU e possibile eseguire il restore delle
caratteristiche dei dispositivi radio evitando
quindi di doverli "apprendere" nuovamente.
z Cliccare sul tasto Invia Dati alla Centrale
Sullo schermo compare:

Centrale TP16-256 B-3


Comandi disponibili
z Si per confermare l'invio dei dati memorizzati alla centrale
z No per abbandonare
ATTENZIONE - IMPORTANTE
Confermando l'invio i dati relativi ai dispositivi radio attualmente memorizzati
sulla centrale verranno sostituiti da quanto inviato (in caso di aggirornamento
firmware o di sostituzione della CPU i dati non saranno presenti ppure non
saranno significativi)

Al termine del restore i dati relativi ai trasmettitori radio sono inviati e memorizzati sulla centrale.
Sullo schermo compare:

La procedura è terminata
Cliccare su OK per Uscire

B.4 AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE DELLA CENTRALE


ATTENZIONE - IMPORTANTE
Da eseguire solo se espressamente specificato dai tecnici TECNOALARM.
La non corretta esecuzione della procedura può comportare il NON
funzionamento della centrale.
La versione aggiornata del firmware della centrale verrà fornito dalla
TECNOALARM.

La procedura permette l'aggiornamento del Software della centrale


Per eseguire l'operazione occorre:
z Collegare il computer alla centrale TP16-256 utilizzando l'interfaccia PROG32 o PROGUSB
z Accedere al software di programmazione della centrale +
(SW Programmazione Tecnoalarm)
z Selezionare l'ambiente di programmazione locale
z Selezionare la centrale
Sullo schermo compare:

B-4 Centrale TP16-256


z Selezionare il tasto mostrato sotto:

Sullo schermo compare:

Per avviare
l'aggiornamento del
Firmware della centrale
occorre:
z Cliccare sul tasto
Invio

Sullo schermo compare:

z Inserire nel driveA il dischetto


per l'aggiornamento firmware
fornito dalla TECNOALARM
(Firmware TP16-256) oppure
selezionare il percorso dove
tale file è stato memorizzato.
sullo schermo compare:

Il file Tp256_ITA_24.bin contiene il


firmware della centrale

z Fare click sul tasto Apri per


selezionare il firmware sul
dischetto.

Sullo schermo compare:

Centrale TP16-256 B-5


z Fare click sul tasto Invio per
avviare la procedura.

Sullo schermo compare:

z Premere il pulsante START-


STOP sull'interfaccia PROG32 o
PROG USB
z Verificare che il led Giallo si
accenda

La procedura di aggiornamento del Firmware è avviata.


Le varie fasi della programmazione si susseguono (Cancellazione, Programmazione e
Verifica) .
Al termine sullo schermo compare:

zPremere il pulsante START-STOP


sull'interfaccia PROG32 o
PROG USB
zVerificare che il led Giallo sullo
stesso si spenga
zAttendere fino a quando la freccia
tra la centrale e il PC diventa verde
(10-20 secondi)

La procedura è terminata.
z Osservare ora il display della console
(c) Tecnoalarm
Verrà visualizzata la scritta Tecnoalarm seguita dalla versione TP256 v.2.4 ITA
del firmware appena installato.
z Cliccare su Uscita per terminare la procedura e uscire

B-6 Centrale TP16-256


B.5 AGGIORNAMENTO DEL VOCABOLARIO DELLA CENTRALE
La procedura permette l'aggiornamento del Vocabolario contenente i messaggi vocali utilizzati
dalla centrale
Per eseguire l'operazione occorre:
z Collegare il computer alla centrale TP16-256 utilizzando l'interfaccia PROG32 o
PROGUSB
z Accedere al software di programmazione della centrale (SW Programmazione Tecnoalarm)
z Selezionare l'ambiente di programmazione locale
z Selezionare la centrale
z Selezionare l'ambiente di aggiornamento del vocabolario della centrale
Sullo schermo compare:
Nella parte di destra viene
visualizzata la versione del
vocabolario attualmente
installata sulla centrale.
Per avviare l'aggiornamento
del vocabolario occorre:
z Cliccare sul tasto Invio
Sullo schermo compare:

z Inserire nel drive per


dischetti indicato con A
il dischetto per
l'aggiornamento del
vocabolario fornito dalla
TECNOALARM
(Vocabolario).
ll file Msg_ita_2.bin
contiene il vocabolario
z Cliccare sul tasto Apri per
selezionare il vocabolario
sul dischetto.

Sullo schermo compare:

z Cliccare sul tasto Invio


per avviare la
procedura.

z Cliccare sul tasto Verifica


per avviare la procedura
di verifica della
correttezza del
vocabolario installato.

Centrale TP16-256 B-7


Cliccando su Invio sullo schermo compare:

z Cliccare sul tasto SI per avviare la procedura.

La procedura di aggiornamento del Vocabolario è avviata.


Sullo schermo compare:

Le varie fasi della si susseguono

Al termine sullo schermo compare:

Al termine della procedura se tutto è


stato eseguito correttamente sullo
schermo compare il messaggio
Invio OK
Il nuovo vocabolario è stato
correttamente installato.

z Cliccare su Uscita per terminare la procedura e uscire

B-8 Centrale TP16-256


B.6 AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE DEI MODULI
La procedura permette l'aggiornamento del Firmware dei moduli hardware che lo consentono
(es. SPEED ALM8 PLUS, SPEED 8 PLUS e SPEED 4 PLUS)
Per eseguire l'operazione occorre:
z Collegare il computer alla centrale TP16-256 utilizzando l'interfaccia PROG32 o PROGUSB
z Il modulo da aggiornare deve essere opportunamente collegato alla centrale e inserito nella
configurazione della centrale
z Accedere al software di programmazione della centrale (SW Programmazione Tecnoalarm)
z Selezionare l'ambiente di programmazione locale
z Selezionare la centrale
z Selezionare l'ambiente di aggiornamento del firmware dei moduli della centrale
Sullo schermo compare:

Selezionare il modulo che


deve essere aggiornato
cliccando sulla casella
indicata nell'immagine
Il modulo selezionato rimane
evidenziato in blu.

Sullo schermo compare:


Rimane visualizzato il nome
del modulo selezionato.
Nella parte di destra viene
visualizzata la versione
hardware del modulo e la
versione di firmware
attualmente installata sul
modulo.
Per avviare l'aggiornamento del Firmware occorre:
z Cliccare sul tasto Invio
Sullo schermo compare:

z Inserire nel drive per dischetti


indicato con A il dischetto per
l'aggiornamento del modulo
fornito da TECNOALARM
(Firmware modulo).
ll file speed8p_1102.bin
contiene il firmware per un
modulo SPEED 8 PLUS
z Cliccare sul tasto Apri per
selezionare il firmware sul
dischetto.

Sullo schermo compare:

Centrale TP16-256 B-9


La procedura di aggiornamento del
Firmware del modulo è avviata.

Le varie fasi della programmazione


si susseguono.

Al termine sullo schermo compare:

Al termine della procedura se tutto è


stato eseguito correttamente sullo
schermo compare il messaggio
Procedura completata
correttamente

z Cliccare su OK per continuare

Sullo schermo compare:

z Cliccare su OK per terminare


la procedura e uscire

B-10 Centrale TP16-256


B.7 INVIO DEL MESSAGGIO VOCALE INIZIALE
Il messaggio telefonico iniziale è quel messaggio preregistrato che la centrale invia durante
una chiamata vocale prima della riproduzione del messaggio di allarme.
ABILITAZIONE ALL'INVIO DEL MESSAGGIO TELEFONICO INIZIALE
Per abilitare l'invio del messaggio iniziale occorre :
z Accedere al software di programmazione della centrale
z Selezionare la centrale TP16-256
z Selezionare la Configurazione della sezione telefonica
z Selezionare l'opzione Parametri telefonici (vedere capitolo 4.2.1)

z Abilitare la funzione Messaggio Iniziale (5


5 = funzione abilitata).
Messaggio iniziale
La centrale è in questo modo abilitata ad inviare il messaggio iniziale preregistrato durante una
chiamata vocale prima della riproduzione del messaggio di allarme
REGISTRAZIONE DEL MESSAGGIO TELEFONICO INIZIALE
Per registrare il messaggio iniziale occorre :
z Accedere al software di programmazione della centrale
z Selezionare la centrale TP16-256
z Selezionare la Configurazione della sezione telefonica
z Selezionare l'opzione Messaggio telefonico

Fare riferimento al capitolo 4.2.3


Al termine confermare e uscire cliccando su OK

Centrale TP16-256 B-11


INVIO DEL MESSAGGIO TELEFONICO INIZIALE ALLA CENTRALE
Per inviare il messaggio iniziale alla centrale di allarme occorre :
z Accedere al software di programmazione della centrale
z Selezionare la centrale TP16-256
z Selezionare l'opzione Invio Messaggio Iniziale

Sullo schermo compare:

z Fare click sul tasto Invio per


avviare la procedura.

Al termine sullo schermo compare:

Il messaggio iniziale è stato


inviato alla centrale.

z Cliccare su Uscita per


terminare la procedura e
uscire

B-12 Centrale TP16-256


C. GESTIONE DEI CODICI
C.1 CODICI GESTITI DALLA CENTRALE
La centrale TP16-256 gestisce i seguenti codici:
z 1 Codice Installatore
z 1 Codice Utente Master
z 200 Codici utente
C.2 CAMBIO CODICI
Nella programmazione della centrale (con Codice Installatore), nella sezione OPZIONI è
presente la voce "Cambio Codici".
OPZIONI DISPONIBILI
Cambio codici attivo [ # ]
I valori dei codici utente possono essere azzerati ma non possono essere modificati dal
possessore del Codice Utente Master. I valori dei codici utente possono essere modificati
solamente dai proprietari dei singoli codici (ogni codice potrà cambiare solo se stesso).
Cambio codici non attivo [ ]
Il possessore del Codice Utente Master può modificare i codici utente mentre i proprietari dei
singoli codici non possono modificare niente.
ATTENZIONE - IMPORTANTE
Quando si cambia la modalità da "Cambio Codici" abilitato a "Cambio Codici"
disabilitato è consigliabile azzerare i codici e riprogrammarli

C.3 PROCEDURA DI CAMBIO CODICI


ATTENZIONE - IMPORTANTE
Il codice Master è modificabile come tutti gli altri codici
Per modificare il valore del codice occorre:
z Digitare il codice (Utente Master o Utente)
+ 12345
Sul display compare:
- ACCESSO -
Master Utilizzando le frecce selezionare il Menù di programmazione

Sul display compare:


Menù 1 Utilizzando le frecce selezionare il Menù Codici
Telecomandi
Sul display compare:
Menù 11
Codici Premere il tasto # YES per accedere all'opzione

C.3.1 OPZIONE CAMBIO CODICI ABILITATA - ACCESSO CON CODICE UTENTE MASTER
C.3.1.1 CAMBIO CODICE UTENTE MASTER
Sul display compare:
Codici 3
Codice Master Utilizzando le frecce selezionare la voce Codice Master

Sul display compare:


Codice Master 1
Codice Premere il tasto # YES per accedere all'opzione

Centrale TP16-256 C-1


Sul display compare:
Codice La digitazione di ogni cifra numerica sarà segnalata dalla dalla
visualizzazione di un asterisco.
Sul display compare:
Codice Dopo aver digitato i codice completo verrà richiesto di digitare
***** nuovamente il codice per conferma.

Codice La seconda digitazione delle cifre del codice sarà


accompagnata dalla visualizzazione di un trattino per ogni cifra
-----
Al termine della procedura vengono eseguiti i seguenti controlli:
1) Viene verificato che il codice digitato la prima volta sia uguale a quello ripetuto
2) Viene verificato se il codice è diverso dai codici riservati
CODICI RISERVATI (VALORI DI FABBRICA)
z Codice installatore : 654321
z Codice utente master: 123456
z Codice nullo 000000
z Codici utente (valore uguale
al numero dell'utente) da 000001 a 000062
3) Viene verificato se il nuovo codice digitato è diverso da uno dei codici utente o master
che sono attualmente presenti in memoria.
Quando il codice viene accettato viene registrato in memoria e sul display viene visualizzato :
Codice
Registrato
Quando il codice viene rifiutato, sul display viene visualizzato :
Codice
Rifiutato
Quando il codice viene rifiutato perchè identico a un altro codice sul display viene visualizzato:
Codice
Clonato L'operazione "Codice Clonato" viene registrata in memoria.

L'utente in possesso di un codice che è stato clonato, tutte le volte che digiterà il suo codice,
sarà invitato per sicurezza a cambiare il proprio codice.
Il messaggio visualizzato è il seguente:
Cambiare La segnalazione continuerò ad essere visualizzata ad ogni
Codice accesso fino a che l'utente non lo avrà cambiato o digitato

C.3.1.2 CAMBIO CODICE UTENTE (da 1 a 62)


Utilizzando le frecce selezionare la voce Codice Utente
Sul display compare:
Codici 4 Utilizzando le frecce selezionare il codice utente da modificare
Codici Utente
Codice Utente 1
Codice 01 Premere il tasto # YES per accedere all'opzione

Sul display compare:

C-2 Centrale TP16-256


Codice 01 1 Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Codice
Sul display compare:
Quando l'opzione cambio codice è abilitata l'Utente Master potrà
Codice 01 1 unicamente reinizializzare il valore dei codici utente ma non potrà
***** mai modificarne il valore
Premere il tasto # YES per inizializzare il codice
Sul display compare:
Codice 01 1 Premere il tasto EXIT per confermare la reinizializzazione del
00001 codice
Sul display compare:
z Tasto * (NO) Cancellazione del valore attuale del codice
Conferma ? Cancellare un codice significa porre il suo valore a Zero
* NO # SI
z Tasto # (YES) Ripristino valore di fabbrica del codice
Ripristinare il codice di fabbrica significa reinserire come
valore del codice il numero di codice stesso oppure 123456
per il codice Master.
Esempio:
Codice utente 1 : Valore di fabbrica 000001
Codice utente 2 : Valore di fabbrica 000002
Codice utente 3 : Valore di fabbrica 000003

Codice utente 200 : Valore di fabbrica 000200


Nota:
Quando la centrale è in condizioni iniziali di fabbrica tutti i codici sono disabilitati ad eccezione
del codice installatore (654321) e del codice utente master (123456).
C.3.2 OPZIONE CAMBIA CODICI ABILITATA - ACCESSO CON CODICE UTENTE
Per modificare il valore del codice utente occorre:
z Digitare il codice Utente (Esempio codice 1 = 11111)
+ 11111
Sul display compare:
ACCESSO Utilizzando le frecce selezionare la voce Codici
Utente 1 Premere il tasto # YES per accedere all'opzione

Sul display compare:


Codice La digitazione di ogni cifra numerica sarà segnalata dalla dalla
visualizzazione di un asterisco.
Sul display compare:
Codice Dopo aver digitato i codice completo verrà richiesto di digitare
nuovamente il codice per conferma.
*****
Codice La seconda digitazione delle cifre del codice sarà
accompagnata dalla visualizzazione di un trattino per ogni cifra
----- Al termine della procedura vengono eseguiti i seguenti controlli:
1) Viene verificato che il codice digitato la prima volta sia uguale a quello ripetuto
2) Viene verificato se il codice è diverso dai codici riservati

Centrale TP16-256 C-3


C.3.3 OPZIONE CAMBIA CODICI NON ABILITATA - ACCESSO CON CODICE MASTER
Per modificare il valore del codice occorre:
z Digitare il codice Utente Master attuale
z Utilizzando le frecce selezionare la voce Codici
z Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Sul display compare:
Codici 3
Codice Master Utilizzando le frecce selezionare la voce Codice Master

C.3.3.1 CAMBIO CODICE UTENTE MASTER


Sul display compare:
Codice Master 1
Codice Premere il tasto # YES per accedere all'opzione

Sul display compare:


Codice
Viene visualizzato il valore attuale del codice
12345
Codice Digitare il nuovo valore da assegnare al codice Utente Master
(es 99999) e premere il tasto EXIT per confermare il nuovo
99999 valore e uscire.
Al termine della procedura non viene eseguito alcun controllo sul valore del codice inserito.
C.3.3.2 CAMBIO CODICE UTENTE (da 1 a 200)
Per modificare il valore del codice occorre:
z Digitare il codice Utente Master attuale
z Utilizzando le frecce selezionare la voce Codici
z Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Sul display compare:
Codici 4 Utilizzando le frecce selezionare la voce Codici Utente
Codici Utente Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Sul display compare:
Codici Utente 1 Utilizzando le frecce selezionare il codice utente da modificare
Codice 01 Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Sul display compare:
Codice 01 1 Premere il tasto # YES per accedere all'opzione
Codice
Codice 01 Viene visualizzato il valore attuale del codice
00000
Codice 01 Digitare il nuovo valore da assegnare al codice Utente Master
(es 44444) e premere il tasto EXIT per confermare il nuovo
44444 valore e uscire.
Al termine della procedura non viene eseguito alcun controllo sul valore del codice inserito.
C.3.4 OPZIONE CAMBIA CODICI NON ABILITATA - ACCESSO CON CODICE UTENTE
ATTENZIONE - IMPORTANTE
Quando l'opzione "Cambia Codici" non è abilitata, non è possibile modificare il
codice utente accedendo dal codice utente stesso

C-4 Centrale TP16-256


C.4 CODICE INSTALLATORE
Il codice installatore non è soggetto alle stesse regole dei codici utente. E' infatti possibile
impostare un codice utente con valore uguale al codice installatore.
Il problema di conflitto viene risolto durante la digitazione del codice. Ogni volta che si digita un
codice da tastiera, la centrale verifica se il codice è presente. Nelle centrali di precedente
generazione, il codice Installatore era sempre il primo, pertanto in caso di codice utente uguale
a quello installatore, digitando il codice si accedeva al sempre al menu installatore.
Con la centrale TP16-256 il codice installatore viene controllato per ultimo. In questo caso se il
codice installatore è uguale a un codice utente, digitandolo si entra nell'ambiente per il codice
utente.
CODICE INSTALLATORE UGUALE A UN CODICE UTENTE
Per esempio:
Codice installatore = 99999
Codice utente 10 = 99999
Digitando 99999 invece di accedere alla programmazione installatore si accede come utente in
possesso del codice numero 10.
Sul display compare:
ACCESSO
Utente 10

Quando il codice installatore è uguale ad un codice utente per evitare l'accesso alla
programmazione utente al posto dell'accesso alla programmazione installatore (manutenzione)
occorre seguire la seguente procedura:
z Digitare il codice installatore di fabbrica (es. 54321 in caso di codice a 5 cifre)
+ 54321
Sul display compare:
Password La centrale entra in una fase in cui attende l'inserimento del
Installatore codice installatore.
z Digitare il codice installatore (es. 99999)
+ 99999
A questo punto, con la digitazione del vero codice installatore, sarà possibile accedere
all'ambiente di programmazione installatore.
- ACCESSO -
Installatore

Questa procedura offre i seguenti vantaggi:


1) L'installatore non corre il rischio che la sua password venga scoperta.
2) L'installatore può tranquillamente continuare a lavorare usando la vecchia procedura di
ingresso nel menu e, usare la nuova procedura solo nel caso in cui la sua password sia
stata clonata (assegnata ad un codice utente) .

Centrale TP16-256 C-5


TP16-256
GESTIONE CODICI

C-6 Centrale TP16-256