Sei sulla pagina 1di 20

Processo Ruby: Berlusconi porta a testimoniare mezzo

governo. Intanto l’altro mezzo gli fa le leggi su misura y(7HC0D7*KSTKKQ( +#!"!@!%!z


www.ilfattoquotidiano.it

Il nuovo mensile
di Emergency.
Leggi a
occhi aperti.

Mercoledì 30 marzo 2011 – Anno 3 – n° 75 € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

PROFUGHI SENZA CIBO 24+6=25


di Marco Travaglio

BOSSI: FUORI DALLE BALLE I


mmaginiamo che accadrebbe se uno dei
profughi che sbarcano a Lampedusa, appena
toccato il suolo italiano, andasse incontro alle
telecamere e dichiarasse: “Sono l’uomo più
imputato della storia dell’universo, ho avuto 2.565
udienze in tribunale e più di mille magistrati si sono
già occupati di me”. Verrebbe respinto all’istante in
Il ministro leghista cerca di coprire l’inettitudine mare come delinquente incallito, o circondato e
preso in consegna dalle forze dell’ordine, condotto
del governo con una frase vergognosa. E Lampedusa scoppia in cella di isolamento di un carcere di massima
sicurezza, guardato a vista giorno e notte da corpi
speciali, teste di cuoio e lagunari paracadutati sul
Vada lui Oggi il premier arriva
sull’isola: passerella
posto per l’occasione. Ma si dà il caso che quella
frase sia stata pronunciata a Canale 5, in
fuori dalle balle e miracoli di cartapesta. collegamento telefonico con Belpietro, dal
presidente del Consiglio, che da anni sbandiera ai
Ma oltre duemila immigrati quattro venti i suoi processi con lo stesso orgoglio
di Antonio Padellaro ieri non hanno mangiato. con cui rivendica i trofei del Milan. Tanto,
dc Attese assieme a B. 5 navi controllando militarmente l’informazione, sa che
quel palmarès da far impallidire Al Capone verrà letto
pesso si dimentica che per il trasferimento nei

S
come una prova non della sua predisposizione a
Umberto Bossi è un campi di accoglienza. delinquere, ma della persecuzione giudiziaria ai suoi
ministro della Repub- La fuga dei tunisini verso danni. Anzi per dimostrare di essere tanto
blica italiana. Un mini- perseguitato, vanta tanti processi, molti più di quelli
stro delle Riforme che, di la Francia bloccati reali. Il guaio è che, complice l’arteriosclerosi, non
fronte all’inferno dei profu- a Ventimiglia pag. 6 - 7 z ricorda mai quanti ne ha inventati la volta
ghi ammassati a Lampedu- precedente. E non riesce più a coordinare le balle
sa, dice “fuori dalle balle” di Enrico Fierro che racconta. Per anni ha sostenuto di aver subìto
“oltre 100 processi”: l’altroieri – bontà sua – è sceso a
che razza di ministro è? E
che razza di uomo è uno che
pronuncia quelle parole su
Econadesso nel gran caravanserraglio di Lam-
pedusa arriva Silvio Berlusconi. Sbarca
le navi, cinque, sei, che finalmente svuo-
“25, di cui 24 conclusi con la mia assoluzione o
archiviazione: me ne restano 6”. Ora, se gliene
restano 6 e 24 si sono chiusi, il totale è 30, non 25.
persone “costrette a dormi- Ma Belpietro non ha mosso obiezioni. In ogni caso il
teranno l’isola. Lampedusa come L’Aquila del
re vicino alle loro feci, av- totale vero è 21. Che, negli ambienti criminali che
terremoto vero e della ricostruzione di car-
volte in coperte bagnate e contano, è un bel numero. Ma ben lontano dal
tone, come Napoli dell’emergenza monnezza
teli di plastica” e a “bambini Guinness dell’“uomo più imputato della storia
finita con la bacchetta magica, ma solo per il
ospitati dietro il filo spina- dell’universo”. Di Pietro, Davigo e Borrelli,
tempo di una campagna elettorale. pag. 6 z quand’erano pm a Milano, subirono a Brescia
to” (Enrico Fierro sul Fatto
di domenica)? Hai attraver- rispettivamente 54, 36 e 317 procedimenti penali:
sato il mare sopra un bar- tutti finiti, quelli sì, in archiviazione o in
cone sfondato? Fuori dalle GOVERNO x Il neoministro inquisito per mafia si sceglie un degno collaboratore proscioglimento. Per il semplice motivo che i tre
balle. Il bambino che stavi erano innocenti. Diverso il caso di B., che ha un
rapporto problematico con l’aritmetica (improbabile

Il braccio destro di Romano


per partorire muore? Fuori
che “più di mille magistrati” si siano occupati di lui,
dalle balle. Non c’è abba- visto che quelli penali sono meno di 6 mila sparsi in
stanza da mangiare per tut- tutta Italia, mentre lui è stato indagato solo a Milano,
ti? Fuori dalle balle. C’è il Roma, Napoli e Palermo). E pure col diritto, visto che
rischio di malattie? Fuori pur essendo laureato in Legge confonde assoluzioni e
dalle balle.
Quali colpe storiche sta
scontando il nostro Paese
per dover subire l’onta di
un ministro del genere?
in affari con un mafioso archiviazioni con amnistie e prescrizioni. Dei 21
procedimenti avviati contro di lui, senza contare
inchiestine minori nate da denunce sparse, 5 sono in
corso (processi Mediatrade, Mediaset, Mills, Ruby,
più l’inchiesta a Firenze sulle stragi del '93) e gli altri
Qualcuno dice che non è Giovanni Randazzo, capo della segreteria 16 si sono chiusi: 4 con l’archiviazione a Roma (caso
giusto prendersela con un tecnica al dicastero dell’Agricoltura, è stato Saccà, compravendita dei senatori, caso Sanjust,
uomo che ha subìto un ic- abuso di voli di Stato); 3 con l’assoluzione (per
tus, che forse non ci sta del
indagato a lungo per corruzione. Di lui ha insufficienza di prove sulle tangenti alla Guardia di
tutto con la testa. Non è co- parlato il pentito Campanella raccontando dei Finanza e per i fondi neri di Medusa; con formula
ampia per l’affare Sme); le altre 9 volte si è accertato
sì. Bossi è un furbacchione rapporti tra cosche e politica. “Dava una mano che era colpevole, ma l’ha fatta franca. In 2 casi per
che è riuscito a trasformare
i suoni gutturali delle oste-
al boss Mandalà” Lillo pag. 2 z
(FOTO DLM)
l’amnistia del 1990 (falsa testimonianza sulla P2 e un
falso in bilancio sui terreni di Macherio). In altri 2 per
rie lombarde in un’ideolo- la prescrizione abbreviata dalle attenuanti generiche,
gia politica. L’ideologia del notoriamente riservate ai colpevoli (corruzione del
“fuori dalle balle”. 1977. LA SPERANZA DI UN’ITALIA DIVERSA giudice del caso Mondadori e fondi neri per 23
Soltanto l’infinito cinismo Udi Luca Telese nservizietto pubblico miliardi di lire a Craxi). In altri 2 perché lui stesso ha
GIOVEDÌ 31 MARZO
Paolo Grugni depenalizzato il suo reato (falso in bilancio, processi
di Berlusconi poteva porta-
re al governo gente simile. l’odore acido
h. 21, MILANO LA LUNGA La Rai distribuisce All Iberian e Sme-Ariosto). In altri 3 perché, con la
Spazio Melampo
Soltanto l’infinita viltà può di quei giorni
via C.Tenca 7 NOTTE il film di Dragomira stessa controriforma del falso in bilancio, ha ridotto
le pene e dimezzato i termini di prescrizione (caso
suggerire a qualcuno del-
presentazione con:
DI ZAVOLI amica bulgara di B. Lentini-Milan; falsi contabili Fininvest per gli esercizi
l’opposizione (vedi Pd) di
Gianni Barbacetto Pontiggia pag. 14z 1988-'92; fondi neri Fininvest per 1.500 miliardi di
uriosamente è una “not-
avviare, ancora in questi
giorni, un “dialogo” con si- Carlo Monguzzi
Roberto Pedretti
C te” anche questa. Non
lire su 64 società offshore). Cioè: senza la legge sul
falso in bilancio e la ex Cirielli che hanno abolito o
mili figuri. E soltanto l’infi-
nita fiducia che abbiamo e
Gian Paolo Serino
quella della Repubblica de-
gli anni di piombo, che Ser- CATTIVERIE prescritto i suoi reati, e senza il lodo Alfano, il lodo
Schifani e il legittimo impedimento che hanno
nelle istituzioni ci fa sogna- gio Zavoli raccontò splen- Mediaset paga 300 euro a una sospeso gli altri per anni, oggi B. sarebbe in galera. E
re il presidente Napolitano didamente da giornalista donna per raccontare il miracolo potrebbe finalmente coronare il suo sogno: il record
del governo. Oddio, immagina
che dice a Bossi: fuori dalle romanzo www.laurana.it
del servizio pubblico. quando saprà quanto prende mondiale del premier più condannato della storia
balle. pag. 5 z Ferrara! (B. Costanzo www.luttazzi.it) dell’universo. Sono soddisfazioni.
pagina 2

R
GOVERNO GOMORRA

agione e sentimento. Non fosse il personale con Andrea Ronchi. Gli amanti della vita parlamentare. E a sentire le motivazioni.
Onorevoli movimenti: Parlamento, il via vai di poltrone per statistica però hanno subito messo via il fazzoletto: Indimenticabile Roberto Rosso. Dopo aver aderito
senatori e deputati sembrerebbe una quanti cambi di casacca abbiamo totalizzato? Secondo pure lui al Pdl, e poi a Fli, e poi al Pdl, così disse:
soap. Ultima protagonista Giulia Cosenza, giovane stime imperfette, 113 parlamentari (85 deputati e 28 "Rientro nella maggioranza di governo perché ho uno
113 parlamentari onorevole che nel giro di tre mesi è passata dal Pdl a Fli senatori) hanno cambiato gruppo. Ma diversi sono zio salesiano e Berlusconi è andato a scuola dai
tornando a casa per presunti problemi di cuore. I andati avanti e indietro più volte, quindi valgono salesiani”. Un poeta superato solo da Bruno Cesario.
diretti interessati smentiscono, ma la Cosenza avrebbe doppio. Nella legislatura 2001-2006 furono 103 in Ex Pd, ex Api e ora Responsabile spiegava: “Sono una
hanno cambiato gruppo lasciato Fli dopo aver rotto una storia - soprattutto - tutto. Bazzecole solo a guardare gli ultimi sei mesi di macchina di voti, porto la vittoria a chi me la chiede”.

LA MAFIA LO CONOSCE BENE


Di Randazzo, braccio destro del ministro Romano,
parla il pentito Campanella: aiutava l’uomo di Provenzano
di Marco Lillo sufficienti riscontri. Così il pm know-how, le sedi operative. Noi ave-
Angelantonio Racanelli ha chie- vamo un ufficio a Palermo e loro a Ro-
l braccio destro del ministro sto e ottenuto la sua archiviazio- ma. Ci scambiamo anche nelle carte

I dell'agricoltura Francesco
Saverio Romano e il braccio
destro del numero uno della
mafia Bernardo Provenzano si
conoscono bene. Si sarebbero
ne. Randazzo è un incensurato
quindi, ma i verbali di Campanel-
la meritano comunque una rilet-
tura dopo la nomina. Ecco quel
che Campanella ha detto ai pm
intestate, nelle targhe.
Il rapporto non viene incrinato
nemmeno quando Campanella è
indagato per i rapporti coi boss.
Il 25 gennaio del 2005, continua
incontrati più volte a Roma e ad- di Palermo il 15 dicembre 2005: il suo racconto Francesco Cam-
dirittura il primo avrebbe dato Io Giovanni Randazzo lo conosco da panella, ci fu la perquisizione nei miei
una mano al secondo nei suoi af- tempo è un ragazzo con il quale mi- confronti (nell'ambito dell'indagi-
fari. Lo racconta il pentito Fran- litavamo insieme nel movimento gio- ne su Nicola Mandalà e gli altri
cesco Campanella in tre verbali vanile della DC .... fino a quando non fiancheggiatori di Bernardo Pro-
(2005-2006) alle Procure di Pa- scopro un giorno per coincidenza che venzano Ndr) e io mi pongo il pro-
lermo, Roma e Catanzaro. tutti e due siamo massoni, è capitato, blema di andare a Roma a incontrare
Il braccio destro del boss si chia- e quindi ci riconosciamo anche in Giovanni e spiegargli quello che avvie-
ma Nicola Mandalà. E' stato arre- questo ulteriore elemento comune. ne anche perché per telefono non era
stato nel gennaio 2005 perché In quegli anni Randazzo non se la il meccanismo migliore. Andai a Roma
era l'uomo più fidato di Bernar- passava bene: mi ricordo che Giovan- si mattina presto a casa di Randazzo a
do Provenzano, quello che ha ac- ni cresceva però stentava un po' e si
compagnato il capo corleonese vedeva che non è che aveva un tenore
a operarsi a Marsiglia nell'estate
2003. A fornire la carta di iden-
di vita elevato. Continuava a vivere
dalla nonna. Insomma, ogni tanto ca-
“Mandalà
tità falsa con il nome del boss per
il viaggio era stato il suo amico
pitava anche di andare a cena in
qualche ristorante di quelli partico-
fedele a zio
Campanella, già presidente dei
giovani del partito di Clemente
larmente esosi e a me capitava di pa-
gare il conto perché capivo che non ce
Binnu veniva
Mastella nonché presidente del la faceva. Poi me lo ritrovo invece con
consiglio comunale di Villabate ufficio e casa con palazzo a Largo a Roma per
in quota Udc, nonché gestore Chigi, macchina, telefonini, vestiti.
degli affari nel bingo e nelle Doveva essere se non sbaglio il riunioni con
scommesse del boss. Quando 2001. Randazzo spiega l'improv-
Mandalà finisce in prigione, visa fortuna con le sue entrature l’ex rampollo
Campanella si pente e racconta politiche nell'Udc e in particola-
tutto quel che sa su mafia e po- re con Lorenzo Cesa, per il quale dell’Udc”
litica. Anche su Giovanni Ran- curerà poi la campagna elettora- Il gruppo dei “Responsabili” visti da Emanuele Fucecchi
dazzo, da pochi giorni nominato le europea del 2004. Il vecchio
capo della segreteria tecnica del amico sfigato cerca di ricambia- Largo Chigi e raccontai a Giovanni del- e c'era Giovanni Randazzo che già co- fissò questo appuntamento dove io mi molto dispiaciuto. Al che io gli faccio:
ministro Saverio Romano. re i vecchi pranzi dei tempi dif- la perquisizione, dell'avviso di garan- nosceva Mandalà da un paio di anni, recai col Mandalà per andare a capire 'forse sarebbe il caso che noi evitas-
Proprio a seguito dei verbali di ficili: Giovanni mi dice: sono a cavallo zia e di tutta la vicenda. Giovanni co- sapeva chi era Mandalà anche come se c'era la possibilità di salvare questa simo di vederci. Cioè io lo metto co-
Campanella, Randazzo è stato in- adesso. Ho una serie di commesse ti nosceva la mia frequentazione con Ni- spessore criminale mafioso, perché concessione che ci veniva revocata per sciente di questa vicenda perché lui
dagato a lungo per corruzione e farò vedere .... lui mi disse che in Sicilia cola Mandalà che più volte ebbi modo nell'ultimo anno abbiamo avuto modo un problema amministrativo di ritar- Mandalà lo conosceva, l'aveva rice-
altri reati a Roma. Campanella io adesso diventavo il suo punto di ri- di presentargli a Roma perché capi- di parlarne. Tant'è vero che lui mi di- dato pagamento... Feci una giornata vuto e sapeva anche del suo spessore
aveva raccontato che Randazzo ferimento, c'era lavoro per tutti, dob- tava che in questi miei viaggi a Roma ceva: 'Nicola come è messo? Come molto frenetica col Mandalà. Andam- criminale e mi ricordo che abbiamo
aveva messo in piedi un sistema biamo fare un sacco di affari". Gio- io venivo con Mandalà perché ci oc- vanno le cose? Si informava di questi mo da Randazzo; Randazzo chiamò avuto anche modo di chiacchierare
per frodare fondi alla UE e all'O- vanni mi dice: vi riconosco massoni, vi cupavamo nel frattempo delle vicen- fatti perché conosceva bene Mandalà questo dell'Unire che ci fissò il pome- dell'omicidio Geraci (il costruttore uc-
nu e che in quell'affare aveva riconosco fratelli, però io il rapporto de del Bingo. Mi ricordo che l'ultima e l'abbiamo visto 2,3,4 volte quando ci riggio stesso l'appuntamento e poi mi ciso da Nicola Mandalà nell'ottobre
coinvolto lo stesso Campanella. ce l'ho con te. Io voglio aiutare te, poi volta che siamo venuti era perché ci siamo trovati a venire a Roma. Mi ri- recai col Mandalà all'Unire”. del 2004 Ndr) che era di Altavilla Mi-
Ancora oggi l'Olaf, l'Antifrode tu vedi un attimo come regolarti con avevano revocato la concessione ippi- cordo che in questo ultimo incontro Pm: “E la reazione di Randazzo licia e Randazzo lo conosceva perché
europea sta indagando su quella gli altri. Così noi facciamo un accordo ca e quindi venivamo a capire cosa c'e- Giovanni si interessò per questo mio (dopo la perquisizione Ndr)?”. è di Altavilla Milicia . In quel contesto,
vicenda di presunti sperperi, ma tra le due società: la Sinergia (Cam- ra da fare dal punto di vista ammini- problema che avevo con il punto Snai Campanella: “Randazzo conosce- Randazzo mi dimostrò molta solida-
sotto il profilo penale in Italia le panella Ndr) e la G&B Srl (Randazzo strativo e mi ricordo che con Nicola ippica e mi mandò, sempre per il suo va tutta la vicenda. Quindi anche i rietà. Mi disse: mi puoi chiamare
dichiarazioni dell'ex amico di Ndr) che era quello il legame opera- andai subito in questo ufficio di Largo canale Udc politico, da un alto funzio- miei rapporti con Mandalà. Prende quando vuoi, se hai bisogno di soldi, di
Randazzo non hanno trovato tivo addirittura interscambiandoci il Chigi che io utilizzavo come mia sede nario dell'Unire. Telefonicamente mi atto di questa situazione e rimane qualsiasi cosa, sono a disposizione”.

IL PERSONAGGIO Maurizio Grassano

di CaterinaPerniconi
Il tesoriere? Un condannato per truffa
di Stefano Caselli azienda di Novi Ligure attiva nel set- lascia il posto il 9 febbraio 2009, nel Dimissioni, neanche a parlarne. An-
CAMERA L’assemblea di Montecitorio si è riunita alle tore delle costruzioni di cui Grassano tentativo di tacitare le polemiche, zi, la sua vicenda giudiziaria non gli
11.05 con lo svolgimento di interrogazioni urgenti. I
deputati in missione per conto della Camera erano
71. La seduta è stata sospesa alle 12.20 ed è ripresa
Rnaleesponsabile di nome e di fatto, in
Parlamento e di fronte al Tribu-
di Alessandria. Per Maurizio
risulta essere dipendente. Cifre im-
portanti (89 mila euro nel 2004,
158 mila nel 2008, 190 mila soltan-
ma la magistratura apre ugualmen-
te un’inchiesta. Il 25 settembre
2009 viene arrestato (un mese ai
ha impedito di essere nominato te-
soriere del gruppo parlamentare di
Iniziativa Responsabile. Grassano è
alle 15.05 con la discussione del provvedimento sulla Grassano, 49enne ex leghista mem- to nei primi mesi del 2009) versate domiciliari) perché sospettato di in- in Parlamento dal giugno 2010,
disciplina dell’attività di costruttore edile e delle bro della gloriosa “terza gamba” del all’azienda per rimborsare le assen- quinare le prove. Poi il processo, quando da primo dei non eletti della
attività professionali di completamento e finitura governo B., la battuta è fin troppo ze di Grassano dal lavoro a causa dei quindi, sabato scorso, la sentenza: Lega nella circoscrizione Piemonte 2
edilizia. L’aula è stata subito interrotta tra le 15.06 e facile: il Tribunale di Alessandria lo suoi impegni istituzionali. L’allora accogliendo in parte le tesi del pm subentrò al dimissionario Roberto
le le 15.30. Nuova sospensione chiesta dall’onorevole ha condannato a quattro anni per presidente del consiglio comunale (che aveva chiesto pene più severe), Cota, da marzo 2010 presidente
Lanzarin, relatrice del provvedimento, dopo la truffa aggravata ai danni del comu- il Tribunale di Alessandria ha con- della Regione Piemonte. In meno di
débâcle del governo, tra le 16.30 e le 16.50. Ultima ne. Una cosa non da poco, visto che dannato Grassano e Cavanna per un anno è transitato dal Gruppo Mi-
interruzione tra le 16.55 e le 17.15. I lavori si sono Grassano è stato per anni consigliere truffa, con annessa interdizione dai sto (il Carroccio, a causa del proces-
conclusi alle 20.15. Nuovo appuntamento questa comunale della Lega Nord e, addi- pubblici uffici. In pratica il comune so in corso, non lo aveva accettato
mattina alle 10.30. rittura, presidente del Consiglio co- avrebbe versato oltre 750 mila euro nel gruppo parlamentare), ai Libe-
munale fino al suo ingresso in Par- per un rapporto di lavoro inesisten- raldemocratici, all’Alleanza di centro
SENATO L’aula di Palazzo Madama è stata riunita per lamento. te, non comprovato da alcun docu- di Francesco Pionati fino ai Respon-
3 ore e 56 minuti. La seduta è cominciata alle 16.31 Il caso scoppia nel febbraio 2009, mento e contratto. Il giudice ha di- sabili. Ora è membro della Commis-
con la discussione sulle disposizioni a tutela del quando qualcuno decide di vederci sposto un risarcimento di 850 mila sione Esteri, nonostante qualche dif-
rapporto tra madri detenute e figli minori, e si è chiaro sui “costi” a carico del comu- euro (di cui 380 da versare imme- ficoltà nell’individuare le capitali di
conclusa alle 20.27. Senatori di nuovo riuniti oggi alle ne del presidente Grassano. Fin dal diatamente) a favore del Comune di grandi paesi europei (impietosa fu
9.30. 2003 il comune di Alessandria eroga Alessandria (tuttora governato dal La Zanzara di Radio24) e le perples-
cospicui rimborsi alla Vega Srl del- centrodestra) che si era costituito sità sulla guerra in Libia: “Non ho an-
l’imprenditore Sergio Cavanna, parte civile. cora capito chi sono i cattivi”.
Mercoledì 30 marzo 2011

È
GOVERNO GOMORRA

il 12 dicembre dello scorso anno. Zurigo: Angelino Alfano gli ha garantito la


La strana scelta Mancano due giorni al giorno “x”, rielezione e Franco Frattini gli ha permesso
il giorno della fiducia al governo di segnalare un nome come prossimo
Berlusconi. Il Fatto pubblica un’intervista a Console onorario di Lucerna. Per questo a
dell’ex dipietrista Razzi Massimo Pillera, l’ex portavoce del deputato Razzi conveniva appoggiare Berlusconi.
dipietrista, Antonio Razzi. “Il motivo della sua Anche perché Antonio Di Pietro gli aveva già
scelta di appoggiare il Cavaliere? L’ha spiegato dato il benservito a causa di un processo
alla vigilia della fiducia lui stesso il 25 novembre durante una cena a pendente”. Ecco fatto.

Il Palazzo a
sinistra, lo stabile
dove Randazzo
incontrava
gli uomini vicini
a Bernardo
Provenzano;
a destra, è il 25
febbraio di
quest’anno,
alla Camera passa
il Milleproroghe
e il premier
si complimenta
con il gruppo
dei Responsabili

Ora li chiamano Irresponsabili


tro che raccogliere ortaggi, è
una situazione pericolosa. Noi
abbiamo l’immagine di persone
perbene, i siciliano so’ siciliani”.
In realtà il Pid di Romano, Popo-

B. ha 29 bocche da sfamare
lari per l’Italia di domani, rischia
di stroncare la vera ambizione di
Pionati: diventare il nuovo Casi-
ni del centrodestra con la Al-
leanza di centro. Un partitino
che ha reclutato l’attrice Debo-
PIONATI IL PIÙ NERVOSO DEL GRUPPO: ra Caprioglio e vanta un inno-ka-
raoke che recita: “Noi vogliamo
VOLEVA FARE IL VICEMINISTRO. GLI È ANDATA MALE difendere l’onore di chi non ha
più santi da pregare/ di chi non
ha uno straccio di lavoro/ racco-
di Fabrizio d’Esposito vante. In aula il governo va giù un grande pranzo in un ristoran- s’impenna nel primo pomerig- glieremo voci in un sol coro”.
su un emendamento del Pd e te del centro di Roma. Cinquan- gio. In Transatlantico Veltroni e Alla corte del Caimano, le di-
ome gli azzurri della Na- sui Responsabili viene caricata chiarazioni di Pionati su Roma-

C
ta invitati, tutti dalla Sicilia, tra D’Alema passeggiano insieme e
zionale di Bearzot nell’Ot- la croce delle assenze decisive. familiari, affini e amici. Gli altri ridono e una voce si schianta sui no non sono piaciute per niente
tantadue, i Responsabili Un segnale al Caimano, per quattro Responsabili che aspira- Responsabili: “Domani in cdm il e questo avrebbe fatto perdere
vanno incontro alla storia spingerlo già stamattina, nel no sono: Calearo, da vicemini- premier nominerà solo tre vice- già la prima battaglia al capo del-
anche con un propedeutico si- consiglio dei ministri dedicato stro per il Commercio con l’E- ministri”. Calearo, Anna Maria l’Adc: quella con la Bernini, fi-
lenzio stampa. È il caso del cam- all’emergenza di Lampedusa, a stero, poi l’ex finiana Polidori, il Bernini del Pdl con la delega che glia d’arte di un ministro berlu-
pano Bruno Cesario: “Oggi non dare “il giusto riconoscimento già citato Cesario, Belcastro di fu di Romani (oggi allo Sviluppo sconiano del ‘94 poi in An infine
parlo, mi dispiace. Queste sono alla terza forza della coalizio- Noi Sud, l’ex pastonista del Tg1 economico che fu di Scajola, nel Pdl, per la poltrona di vice-
le ore più importanti della mia ne”, come ammette uno degli Pionati, tutti e quattro da sotto- che a sua volta potrebbe rientra- ministro alle Comunicazioni.
carriera politica”. La sua coppa assenti a microfoni spenti. Ter- segretari. Due variabili, da ag- re alle Politiche comunitarie Pionati ci teneva tantissimo. Ma
del mondo è un posto da sotto- za forza. Terza gamba. giungere alla lista della spesa di che furono di Ronchi); l’ex au- le sue frasi in libertà gli hanno
segretario. Iniziativa Responsabili, sono la tonomista Misiti alle Infrastrut- appiccicato l’etichetta di “inaf-
L’ora è solenne, l’attesa sner- I RESPONSABILI, in una pa- Siliquini, altra ex di Fli, e Anto- ture. Qualche sottosegretario in fidabile” nell’inner circle di Pa-
rola. Ventinove deputati e sei si- nio Milo, che insidia Belcastro in pectore ha un mancamento: lazzo Grazioli. E poi spiega un
gle. Il premier deve riempire un- quota Noi Sud. “Non è vero, domani tocca an- deputato del Pdl, “Francesco
dici caselle rimaste vuote. Altre Un vortice di ambizioni che che a noi”. Un collega papabile rappresenta solo se stesso, se di-
GOVERNO battuto dodici verranno con il disegno
di legge per aumentare le pol-
lo rassicura: “Non preoccupar-
ti, a cena Berlusconi ci ha detto
venta sottosegretario è grasso
che cola”. Sottosegretario co-

A causa di Scilipoti & C trone di governo e spiantare la


Bassanini. In queste ore alcuni
Calearo (ex Pd) che risolverà la questione entro
martedì prossimo”.
me, per esempio, lo storaciano
Musumeci. Oppure il calabrese
ministri stanno compilando verso la nomina MA IL PIÙ frenetico di tutti è
Galati, già coinvolto in un’in-

Lzanoadebito
moneta non l’hanno ancora sentita suonare. Il
non è saldato, e allora i Responsabili al-
il prezzo. Ieri, a Montecitorio, il gruppo che
schede tecniche con le esigenze
dei loro dicasteri. In pratica,
mettono nero su bianco le ri-
al Commercio Francesco Pionati, in abito chia-
ro. L’ex notista del Tg1 è l’an-
chiesta su festini a luci rosse e
coca, che poi ha sposato la le-
ghista Lussana dopo un adegua-
dovrebbe dare man forte a Silvio Berlusconi per chieste di uno, due o tre sotto- ti-Romano dei Responsabili. I to trapianto di capelli. Oggi Ga-
tenere in piedi il governo, ha mandato un chiaro segretari a testa. Il rimpasto sul- con l’Estero due non si sopportano. Sul web lati è con i Cristiano Popolari del
messaggio politico al premier. le ventitré. A dire il vero, venti- è diventato un cult il fuorionda Pdl (da non confondere con
Il governo, infatti, è stato battuto alla Camera (per la quattro. Perché il siciliano Ro- e Misiti (ex Mpa) di Pionati a Exit, alla vigilia della quelli Riformisti). Il premier an-
70 esima volta in questa legislatura) su un emen- mano è già passato all’incasso nomina di Romano a ministro: drà alla loro convention giovedì
damento del Pd alla disciplina dell’attività di co- con il ministero dell’Agricoltu- ai Lavori “Io non mi faccio rappresentare mattina. Il rimpasto è in atto. E
struttore edile. La votazione è finita 259 a 250 e la ra. Il giorno che ha giurato, gio- da Romano. Se vado al nord con se il ddl va avanti c’è posto per
sconfitta del governo ha obbligato la relatrice Ma- vedì scorso, ha festeggiato con pubblici Romano sul palco non faccio al- tutti. Ventitré, almeno.
nuela Lanzarin a chiedere una breve sospensione
dei lavori. I banchi vuoti al momento delle votazioni
non sono certo passati inosservati, e subito è co- L’INTERVISTA Stefano Esposito del Pd
minciata la conta degli assenti. Dal resoconto sono
risultati 51 nelle file del Pdl e dieci tra i Respon-
sabili, il numero esatto che avrebbe permesso al
governo di “salvarsi”. Ed ecco che in Transatlantico
i deputati del gruppo di Luciano Sardelli sono stati
“Graziani ha provato a comprare anche me”
subito soprannominati “gli Ir-Responsabili”. di Luca De Carolis Esposito”. Ma il deputato pie- re in Parlamento il gruppo di Ri- mia storia è lineare, vengo dal
Cresce, infatti, il nervosismo tra coloro che atten- montese non arretra. fondazione Socialista. Pochi mi- Pds e dai Ds.
dono con ansia le nuove nomine governative dopo i ha offerto la ricandidatu- Graziani minaccia querela. nuti dopo, mi ha rivelato che in Vi siete risentiti poi?
la promozione di Saverio Romano all’Agricoltura. Il
fermento riguarda soprattutto la delega pesante
“M ra sicura e un bel contri-
buto in denaro per la campagna
Confermo tutto. Anzi, se mi
chiama gli fornisco i miei dati,
realtà puntava a farmi entrare
nei Responsabili.
Sì, mi ha mandato un sms la mat-
tina del giorno in cui Bucchino
delle Comunicazioni che fu di Paolo Romani, ora elettorale. E dire che era pure così fa più in fretta. In cambio di cosa? ha parlato delle sue offerte (il 25
ministro dello Sviluppo economico. simpatico...”. Stefano Esposito, Può ripetere come è andata? Mi ha detto: ‘C’è la ricandidatu- febbraio, ndr). Le leggo il mes-
Futuro e libertà non ha perso l’occasione per pun- deputato del Pd, l’ha svelato Lo scorso febbraio, Graziani mi ra garantita e un bel contributo saggio: “Ciao Stefano, vorrei
tare il dito contro “i traditori”: “Ancora una volta il due sera fa durante Potere, il nuo- telefona, con il tono da amico di in campagna elettorale’. Niente parlarti, aspetto tue. Giuseppe
governo è stato battuto nell’Aula della Camera e vo programma di Lucia Annun- vecchia data. Mi dice: “Ti devo cifre però. Graziosi”. Se ne deduce che c’e-
questa volta grazie all’assenza dei cosiddetti Re- ziata, e lo ribadisce al Fatto: Giu- parlare”. Non lo conoscevo, ma Chi garantiva? ravamo già incontrati.
sponsabili che hanno dimostrato tutta la loro ir- seppe Graziani, segretario di Ri- pensando che fosse un parla- Non lo so. Lui mi disse di essere Oggi (ieri, ndr) che le hanno
responsabilità – ha dichiarato il futurista Francesco fondazione Sociali- mentare, o almeno stato a cena con Berlusconi e di detto in Parlamento?
Proietti Cosimi – e per fortuna che Berlusconi non sta, gli avrebbe fat- un ex parlamenta- aver raggiunto un accordo con Dal centrodestra si è avvicinata
li ha ancora ricompensati con qualche nomina da to un’offerta per re, ho accettato. Ci lui, in base al quale Graziani do- solo una collega, dicendomi:
sottosegretario altrimenti avrebbe dato loro un mo- passare ai Respon- siamo visti poche veva cercare un parlamentare “Ma proprio tu, non me l’aspet-
tivo in più per disertare le votazioni a Monteci- sabili. La stessa ac- ore dopo, in un bar per portare Rifondazione Socia- tavo”. Come se me la fossi anda-
torio”. cusa rivolta a Gra- vicino alla Camera. lista nel gruppo misto. ta a cercare.
Il messaggio, a quanto pare, sembra essere stato ziani dal senatore Cordiale, quindi. Come è arrivato a lei? Sa di altri casi come il suo?
ricevuto. É infatti previsto per il Consiglio dei mi- del Pd Gino Bucchi- Molto, è una perso- Gliel’ho chiesto ovviamente. Mi No. Avevo raccontato tutto a Mi-
nistri di domani il “rimpastino” governativo. no, il mese scorso. na simpatica. Ini- ha risposto: “Sai, tu hai due le- gliavacca (il coordinatore della
(C .Pe.) Ieri Graziani ha zialmente mi disse gislature…”. Ma questa per è segreteria del Pd, ndr). Ma non
smentito: “Nego che cercava un de- me la prima. Davvero non capi- ho presentato denunce: non
tutto, querelo putato per costrui- sco perché sia venuto da me: la c’erano gli estremi.
pagina 4 Mercoledì 30 marzo 2011

“U
AD PERSONAM

n’accusa falsa, ma così falsa Dopo aver negato qualsiasi rapporto con cittadini”. Secondo il presidente del Consiglio
Mediatrade: per B. che c’è da chiedersi con quale l’imprenditore italoamericano Frank Agrama, “anche un bambino è in grado di capire che io non
coraggio la Procura di Milano Berlusconi ha aggiunto che “alcuni magistrati hanno avrei mai avuto interesse a pagare tangenti ai miei
abbia insistito a spenderci sopra – tra consulenze, aperto e trascinato per anni contro di me un stessi dirigenti per agevolare Agrama. Mi sarebbe
i giudici hanno “investito” rogatorie e atti processuali – qualcosa come una inverosimile procedimento fondato sul nulla. Se bastata una telefonata per ottenere dai miei
ventina di milioni di euro tolti dalle tasche dei fossero stati obiettivi, questo procedimento sarebbe sottoposti l’acquisto di quei film e di quei telefilm
contribuenti”. Si preoccupa dei soldi dei cittadini, finito prima ancora di iniziare, con grande risparmio senza che Agrama dovesse pagare alcuna tangente,
troppo contro di lui Silvio Berlusconi, se vengono usati per un processo. di tempo per loro e per me e di denaro per tutti i che secondo l’accusa per metà sarebbe stata mia”.

Il governo esegue:
di incostituzionale”. Si vedrà.
Intanto in aula pendono ben tre
pregiudiziali (presentate da Idv,
Pd e Udc), ma il fattore politico
lo determineranno i Responsa-
bili con la loro presenza. Qual-
cuno, anche ieri pomeriggio al-

subito in aula
la Camera, ipotizzava possibili
“segnali” al Cavaliere sul voto fi-
nale. Segnali che potrebbero ar-
rivare anche in un altro, delica-
tissimo voto, quello sul conflit-
to d’attribuzione. Stamattina
Gianfranco Fini darà il suo pare-

la prescrizione breve
re favorevole che sia l’aula di
Montecitorio a votare per solle-
vare il conflitto davanti alla Cor-
te costituzionale sul processo
Ruby. Ieri la giunta per il rego-
lamento, chiamata in causa pro-
prio dal presidente della Came-
Priorità assoluta ra, alla fine non si è espressa, la-
sciando sostanzialmente nelle
mani del leader di Fli il verdetto

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi (FOTO ANSA)


alla legge salva-premier finale; l’appoggio alla posizione
del Pdl, Lega e Responsabili vie-
ne dato per certo. Il voto alla Ca-
di Sara Nicoli che, invece, non c’è stato. Quel- luzione che invece non è. Spie- ni, quindi se non si modifica il questa settimana. Il successivo mera sul conflitto è previsto per
lo che c’è, piuttosto, è che la Le- ga, infatti, Angela Napoli di Fli: titolo non corrisponde più al passaggio al Senato è considera- martedì prossimo e anche qui
ntanto avanti con l’impuni- ga, in questo momento, non “La legge cambierà nome, non contenuto”. Nessun’altra modi- to puramente “tecnico”, dun- non dovrebbero esserci scosso-

I tà. Potrà pure cascargli il


mondo addosso, ma Silvio
Berlusconi non perde di vi-
sta l’obiettivo personale.
E così ieri, mentre l’unità del go-
vorrebbe creare ulteriori motivi
di frizione con la magistratura. E
non potendo far nulla sul pro-
cesso breve, perché serve diret-
tamente a Berlusconi, ha chie-
più processo breve – ha spiega-
to la deputata finiana – ma ‘di-
sposizioni in materia di spese di
giustizia, danno erariale, pre-
scrizione e durata del proces-
fica prevista. Nonostante i ten-
tativi dell’opposizione, Paniz
non ne ha voluto sapere di met-
tere mano ad altri punti contro-
versi del testo, dunque la nuova
que la prescrizione breve do-
vrebbe diventare legge per la fi-
ne d’aprile. In tempo per far
chiudere il processo Mills entro
fine maggio. Paniz si è detto
ni. Di fatto, dopo il voto della Ca-
mera, ci vorranno altri 8-10 mesi
prima che la Corte si esprima
sulla questione Ruby, ma a quel
punto il Cavaliere si sarà già li-
verno andava al macero sull’e- sto proprio a Pini, il relatore le- so’. D’altra parte, ormai nel te- norma ad personam per B. po- convinto che non ci saranno berato del processo Mills per
mergenza immigrazione, a Pa- ghista, di “limare” il testo per sto c’è solo la norma sulla pre- trebbe essere licenziata dalla problemi “sulla firma del capo prescrizione breve. È questo
lazzo Grazioli il Cavaliere dava renderlo più vicino ai dettami scrizione che serve a Berlusco- Camera anche entro la fine di dello Stato perché non c’è nulla che oggi gli preme di più.
indicazioni pre-
cise ad Alfano;
avanti a marce Dietrofront sulla
forzate sul pro-
cesso breve, i
nodi sulla re-
responsabilità civile C’è Notizia di Loris Mazzetti
cita con nome e cognome: uomini d’affari, politici,
sponsabilità civi-
le dei magistrati Oggi Fini darà il via e notizia amministratori.
Durante un’inchiesta scopre che la criminalità organiz-
potranno anche zata locale ha come riferimento Nitto Santapaola (pluri
al voto sul conflitto ergastolano per l’omicidio Fava e le stragi di Capaci e via
essere sciolti
con maggior cal-
ma, ma è meglio d’attribuzione PB, adernalisti
i grandi giornali nazionali e per i tg anche tra i gior-
uccisi dalle mafie ci sono quelli di serie A e di serie
alcuni viene dato, giustamente, spazio ad ogni mi-
D’Amelio), soprattutto scopre che il boss catanese si na-
sconde a Barcellona. Alfano immediatamente confida l’in-
portare a casa la nima notizia, altri, ingiustamente, vengono ignorati anche formazione al giudice Olindo Canali, sostituto procura-
prescrizione breve prima che la dell’Europa. Comunque una quando il fatto è da prima pagina. tore al Tribunale della cittadina. Il magistrato non ritiene
maggioranza alla Camera dia se- marcia indietro, anche se il re- È il caso di Beppe Alfano, il giornalista, corrispondente opportuno indagare e dopo poco tempo Alfano viene giu-
gnali di cedimento. Che, peral- latore ha negato che si tratti di della Sicilia di Catania, ucciso la sera dell’8 gennaio 1993 stiziato con tre colpi di pistola. Canali compie il peggio
tro, già si avvertono. E, allora, un dietrofront. Eppure, si è sa- a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. Al- durante l’indagine sull’omicidio “dimenticando”, per la
ecco che ieri – via sms – è arri- puto che sarà reinserito “il dolo fano è un giornalista dalla schiena dritta, tosto, deter- seconda volta, le confidenze del giornalista.
vata ai deputati Pdl un’improv- e la colpa grave” e verrà intro- minato, per lui la legge va sempre rispettata e lo Stato è lo Sonia Alfano, la figlia di Beppe, per conto della famiglia,
visa convocazione per stamatti- dotta “la violazione manifesta Stato. Condanna il trasformismo di certi lavoratori del- insieme all’avvocato Fabio Repici, inseguendo la verità,
na alla Camera. del diritto” nell’accertamento l’informazione che da cani da guardia della democrazia lottando contro depistaggi, la macchina del fango che si è
L’ordine di scuderia è di rispon- della responsabilità del giudice. sono diventati cani da guardia del padrone. Per lui, che messa in moto immediatamente, stanno finalmente ot-
dere compatti al voto per il cam- Ma ancora c’è comunque qual- non volta le spalle ai fatti ma li insegue, la carriera non tenendo giustizia, grazie alle intercettazioni telefoniche
bio dell’ordine del giorno dei la- cosa che non convince e che fa- esiste, viene pagato 5 mila lire a pezzo (il tesserino del- tra Olindo Canali e i colleghi che hanno tentato di pro-
vori che darà priorità assoluta al rebbe tirare i tempi troppo per l’Ordine gli viene consegnato dopo la morte), per far vi- teggerlo. Il pm Federico Perrone Campano della Procura
processo breve. In sostanza, al- le lunghe; la priorità, d’altra par- vere la famiglia fa il professore di Educazione tecnica. Il di Reggio Calabria ha notificato al magistrato, alla fine
l’interno del Pdl si sono create te, è la prescrizione breve. Che mestiere di giornalista lo conosce bene, lo sanno i lettori, delle indagini preliminari, l’imputazione per “delitto di
delle forti pressioni intorno al oggi, in sostanza, entrerà nel vi- purtroppo non solo loro. Scrive degli affari economici del- falsa testimonianza con l’aggravante di aver commesso il
testo Pini sulla responsabilità ci- vo. Con una modifica sostanzia- la mafia nella zona, appalti e subappalti, commercio di fatto al fine di agevolare l’attività dell’associazione di tipo
vile dei magistrati, difficoltà che le, già alla partenza, annunciata agrumi, lo scandalo dell’AIAS, un centro di assistenza per mafioso denominata Cosa Nostra”. Questa è una noti-
qualcuno aveva legato a un pre- ieri dal relatore, Maurizio Paniz, spastici, una loggia massonica deviata unita alla mafia, zia!
sunto intervento del Quirinale come se si trattasse di una rivo-

Ronaldo e Belén, i testimoni farsa di Berlusconi


NELLE RICHIESTE DI ACCUSA E DIFESA CI SONO TUTTE LE RAGAZZE, RUBY, MA ANCHE CARFAGNA E GELMINI
di Gianni Barbacetto Niccolò Ghedini, che pure ha contri- bara Guerra alle gemelle Imma ed Berlusconi, Giuseppe Spinelli. Per il mentare europea Licia Ronzulli e del
e Antonella Mascali buito a ingrassare il processo. Ruby Eleonora De Vivo, da Barbara Faggio- reato più grave, la concussione (per procuratore dei minori Monica Fre-
ci sarà: il nome di Karima El Mahroug li a Raffaella Fico, da Marysthelle Gar- le telefonate di Berlusconi che, nella diani. E poi: Carlo Rossella e Mariano
l cartellone con i personaggi e in- compare in entrambe le liste. E già cia Polanco ad Alessandra Sorcinel- notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, Apicella, Elisabetta Canalis e George
Iperterpreti del processo più insidioso
Silvio Berlusconi, che andrà in
questo indica il nodo centrale di que-
sto processo: una ragazza minoren-
li), comunque chiamate in aula.
Nell’elenco ci sono poi la brasiliana
preme sulla Questura di Milano per
ottenere il rilascio di Ruby), l’accusa
Clooney, le showgirl Aida Yespica e
Belén Rodriguez, la conduttrice tele-
scena a partire dal 6 aprile, ora è scrit- ne, parte lesa, secondo l’accusa ha Michelle Coincecao che avvisò Ber- chiede che vengano a testimoniare visiva Barbara D’Urso, il calciatore
to: accusa e difesa hanno depositato avuto rapporti a pagamento con il lusconi del fermo di Ruby, Katia Pa- tutti i funzionari e i poliziotti coinvol- Cristiano Ronaldo (notizia che ha fat-
l’elenco dei testimoni che vorrebbe- presidente del Consiglio. Da una par- squino che la denunciò per furto e le ti. Dall’ex questore Vincenzo Indolfi to fibrillare tutta la stampa spagnola).
ro chiamare in aula per il caso Ruby. A te, con la sua lingua troppo lunga, Ru- tre giovani che hanno raccontato ai al capo di gabinetto Pietro Ostuni, fi- Per evitare che il processo si trasfor-
decidere, naturalmente, sarà il colle- by lo ha trascinato nei guai; dall’altra, magistrati il bunga-bunga: Maria Ma- no al commissario capo Giorgia Iafra- mi in uno show, la procura chiederà il
gio dei tre giudici (Giulia Turri pre- con le sue dichiarazioni tranquilliz- kdoum, Melania T. e Natascia T. te. divieto delle riprese tv.
sidente, Orsolina De Cristofaro e Car- zanti (“Mai fatto sesso con lui”, “Non In questo processo contano i fatti ac- La difesa chiede invece la pre-
men D’Elia a latere). Ma intanto la tra- sapeva che ero minorenne”), potreb- certati, ribadisce la procura, non le senza in aula di quattro mini-
ma è, salvo sorprese, in gran parte de-
finita. Sono 136 i testi chiesti dall’ac-
be cavarlo dagli impicci. Karima sarà
dunque tirata per la camicetta da una
dichiarazioni: ecco allora alcune de-
cine di agenti di polizia giudiziaria
stri, Mariastella Gelmini, Ma-
ra Carfagna, Franco Frattini e
Ghedini ironizza:
cusa, 78 dalla difesa. Trenta circa so-
no in comune alle due liste e dunque,
parte e dall’altra. Ma in procura ripe-
tono che nessun processo per pro-
chiamati dai pm Antonio Sangerma-
no, Ilda Boccassini e Pietro Forno a
Giancarlo Galan. E poi dei
sottosegretari Daniela San-
“Alla faccia
se il tribunale dovesse ammettere stituzione si è mai fatto sulla base del- confermare gli atti d’indagine, le pre- tanchè e Paolo Bonaiuti, dei
tutti, saranno 170 circa le persone le parole delle ragazze. Né la mino- senze ad Arcore, i tabulati telefonici e parlamentari Pdl Valentino del processo immediato”
che verranno a testimoniare nell’aula renne Ruby, né le 32 maggiorenni in- le intercettazioni. Nella lista della Valentini e Maria Rosaria Ros-
della quarta sezione penale. “Alla fac- dicate dall’accusa come le protago- procura anche Nicole Minetti, Emilio si (che al telefono con Fede E la stampa spagnola
cia del processo immediato”, ironiz- niste del bunga-bunga di Arcore (da Fede, Lele Mora e i suoi collaboratori. confermò l’esistenza del
za uno dei difensori di Berlusconi, Iris Berardi a Roberta Bonasia, da Bar- Poi i genitori di Karima e il cassiere di bunga-bunga), della parla- insegue il calciatore
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 5

M
SERVIZIETTO PUBBLICO

ediaset denunciata per la vicenda provvedimento" in relazione alla puntata del 25 signora Villa ha dichiarato di aver ricevuto per
Mediaset denunciata dei finti terremotati aquilani che marzo del programma Forum su Canale 5, condotto questo un compenso di 300 euro. Riteniamo
sono andati in tv a far propaganda da Rita Dalla Chiesa. Infatti “hanno partecipato due indegno per un’emittente nazionale, che utilizza una
per Silvio Berlusconi, lodandolo per la ricostruzione persone, Marina Villa e tale Gualtiero, presentato concessione pubblica, falsificare così
per i finti terremotati della città. La società di comunicazione Pannunzio come suo marito (in effetti il marito non è lui, bensì consapevolmente le fonti al fine di ingannare i
ha presentato un esposto all’Autorità per le Antonio Di Prata), che hanno recitato un copione telespettatori”. Intanto il Psi presenterà un esposto
Garanzie nelle Comunicazioni contro Mediaset, totalmente falso, mentendo deliberatamente sia al garante per la Comunicazione per denunciare la
che lodavano il premier chiedendo "l'immediata apertura di un sulla loro identità sia sui fatti riportati. La stessa condotta ingannevole dei responsabili di Forum.

LA NOTTE DELLA VIGILANZA Le ore più difficili per Sergio Zavoli:


“Non ho voce, ora non posso esprimermi”
di Luca Telese to compreso (e forse persino pri- voce - disse - a istanze diverse. So za ricevere smentite) a favore del-
gioniero) nel suo ruolo di presi- che lui al dibattito vero e pro- le sue tesi: “C’è una personalità
uriosamente è una “notte” dente e garante. Un presidente prio, con la sua preminente ri- del calibro di Zavoli, che mi dà at-

C anche questa. Non quella


della Repubblica, che Ser-
gio Zavoli raccontò splen-
didamente da giornalista del ser-
vizio pubblico, dipanando il filo
che ci tiene ad apparire super par-
tes, ma che finisce per ritrovarsi
costretto dalla maggioranza a va-
gliare, una dopo l’altra, proposte
sempre più liberticide.
tualità preferisce l'inchiesta co-
struita sui servizi degli inviati e le
testimonianze raccolte sui set
qua e là allestiti” (su Vespa non
disse nulla).
to di aver fatto di tutto per venire
incontro alle opposizioni”.
Questo tentativo è stato solo
congelato, e pesa tuttora come
una spada di Damocle: dovrà es-
della memoria degli anni di piom- Non esordì splendidamente a di- All’inizio di marzo, poi, il centro- sere discusso dopo la par condi-
bo. Ma “la notte della commissio- re il vero. Appena insediato, nel destra ha fatto un primo test cen- cio. E non si è ancora capito per-
ne di Vigilanza”, di cui Sergio Za- 2009, spese le prime parole con- sorio, con la meravigliosa propo- ché il presidente di Vigilanza ab-
voli si trova a celebrare il rito, tut- tro Michele Santoro: “Deve dar sta formulata del capogruppo del bia sentito il bisogno di mettere
all’ordine del giorno un atto di
indirizzo che manca dal 2003, e
Maratona di cui - in queste condizioni - non
si sente un impellente bisogno.
Ieri mini-Radio Londra:
menzogne su D’Alema
a San Macuto La vicenda della par condicio è
davvero incredibile. È stato lo
e sugli errori dei giudici ieri, sulla par stesso presidente della Vigilan-
za, infatti, a preannunciare il
Il presidente della commissione Vigilanza sulla Rai, Sergio Zavoli (FOTO EMBLEMA)

Ferrara: 1 minuto, condicio anti nuovo emendamento della mag-


gioranza quando ancora non era
cercano di farci votare faremo le
barricate, faremo ostruzionismo”.
meno anticipare se l’emenda-
mento ammazza talk-show gli
2 balle, 3 mila euro informazione stato presentato, due giorni fa,
all’uscita dalla direzione del Pd:
È quasi un piccolo dramma quello
che si è celebrato nelle belle stan-
piaccia o meno: “Sarebbe assurdo
se mi pronunciassi ora: sia corte-
“È possibile - disse lasciando di ze di San Macuto, fra le mura che se, cerchi di capirlo”.
IERI FERRARA AVEVA un solo minuto per raccontare balle. Ma è L’ex giornalista sasso i giornalisti - che anche custodiscono la biblioteca della
riuscito a infilarne due. Se l’è presa con D’Alema, reo di non aver quest’anno i talk-show vengano Camera e le sedute della Commis- ED È SICURAMENTE una
detto ciò che lui gli aveva attribuito sull’auspicio di altri 30 milioni di è in difficoltà oscurati. Vediamo cosa farà la sione che dovrebbe garantire la li- prudenza dettata dal desiderio di
immigrati in Italia. Poi ha intimato al Pdl di non ritirare maggioranza”. bertà di informazione nella Rai, e imparzialità, la sua, che però - in
l’emendamento Pini sulla responsabilità civile dei giudici “per che invece è diventato il campo di ore come queste - assume un sa-
manifesta violazione del diritto”, “altrimenti mi arrabbio”. Bisogna Pdl Alessio Butti: quella di impe- SE VOLEVA essere un severo battaglia degli azzeccagarbugli pore quasi ottocentesco. Come
“risarcire e difendere tutti i cittadini” dai giudici che “violano in modo dire con una direttiva di trattare monito, non si è capito. Infatti po- berlusconiani. se Zavoli pensasse di trovarsi alla
manifesto i loro diritti”. Ferrara tace il fatto che già oggi i cittadini lo stesso argomento in due che ore dopo la maggioranza ha Per capire cosa farà, cerco Zavoli Camera dei lord, a discettare di ca-
vengono risarciti: dallo Stato, che poi si rivale sulla toga in caso di dolo talk-show diversi nella stessa set- pensato bene di stendere l’emen- in tarda serata al Senato. Il vec- villi regolamentari, e non come il
o colpa grave. Ora invece l’imputato denuncerà direttamente il suo timana. E, contemporaneamen- damento in questione. Così Butti e chio leone si trincera dietro un garante della libertà dentro la Rai,
giudice. E questo “ce lo impone una sentenza della Corte di giustizia te, con la formidabile trovata del- la Lega ci riprovano, predisponen- muro di silenzio. L’inconfondibi- nel momento in cui - per la secon-
europea”. Falso: come ricorda Giancarlo De Cataldo su Repubblica, le “targhe alterne”. Quella secon- do un bavaglio che è l’esatta copia le timbro roco e cantilenante, che da volta - gli uomini del centrode-
“gli organismi consultivi del Consiglio d’Europa, a partire dalla Carta do cui i conduttori avrebbero do- di quello che fu sperimentato un gli italiani hanno imparato a co- stra chiedono di mettere la sordi-
di Strasburgo del 1998, raccomandano a tutti gli Stati membri di vuto sospendere il loro program- anno fa, applicato per ben quattro noscere in una vita di televisione na ai programmi di informazione
evitare la citazione diretta in giudizio del magistrato... La sentenza ma una settimana sì e l’altra no, settimane, e poi disinnescato solo è molto più flebile e farinosa del usando la par condicio come un gri-
della Corte di Giustizia europea tratta della responsabilità per per consentire l’alternanza di un da una provvidenziale sentenza solito: “Non ho voce. Non riesco maldello. “Domani parlerò”, di-
violazione del diritto comunitario non del singolo, ma dello Stato. L’ha giornalista di segno contrario (in del Tar. Questa volta la discussione a parlare, e se anche mi riuscisse ce. E domani è oggi. Speriamo
ribadito dall’attuale governo il 20 novembre 2008: ‘La legge 117/88 pratica si toglie una puntata su in Vigilanza è stata divisa in due in- bene, non lo farei. Non posso che nella sua nuova notte, Zavoli
(sulla responsabilità dei magistrati) non è in contrasto con la due a Ballarò, ad Annozero, a Presa terventi, come una partita di cal- esprimermi”. Non è un caso. In accolga la richiesta di inammissi-
decisione della Corte di Giustizia’...”. Ferrara lo sa, ma dice il diretta, In mezz’ora e a Repor t). In cio. Il secondo tempo comincia al- queste ore, Zavoli si sente incate- biltà dell’emendamento, visto
contrario. Un minuto, due maxi-balle, 3 mila euro. Ottima media. quelle ore Butti celebrava l’im- le nove e mezza di sera, una raffica nato al suo ruolo di cerimoniere che il Tar lo ha già bocciato una
m.trav. parzialità dell’ex presidente della di interventi e il proposito risoluto delle regole, così prigioniero del- volta. Dovrebbero essere, anche
Rai cercando di trascinarlo (sen- del dipietrista Pancho Pardi: “Se la sua funzione da non poter nem- queste, regole da garantire.

Ma la Consulta ha già detto che il bavaglio è illegale


TOCCA AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DI VIGILANZA RAI DECIDERE SE RISPETTARE LA LEGGE O FAR VOTARE GLI EMENDAMENTI
di Beatrice Borromeo za. È chiaro quindi che, se met- programmi d’informazione”. clessidra e con l’obbligo di invi- smessi dalla Rai o dalle emitten- silenziano i programmi di infor-
te ai voti il bavaglio, questo Infatti il diritto dei cittadini “alla tare tutti i candidati (che sono ti private. mazione e approfondimento, ci
occa al senatore Sergio Za- equivale a dargli il via libera, vi- completa e obiettiva informa- decine, visto che si vota in 26
Tre lavoli decidere se imbavaglia-
Rai col pretesto della par
sto che l’esito è certo: gli emen-
damenti della maggioranza
zione”, costituzionalmente ga-
rantito, non significa “dare pari
comuni e 11 province) snatu-
rando così i talk-show.
PRINCIPIO ribadito l’anno
scorso, all’esordio del bavaglio
sarebbe qualcuno in Rai pronto
a ricorrere al Tar, come hanno
fatto lo scorso anno le tv private?
condicio o rispettare la legge. passeranno. visibilità ai partiti”. Significa La sentenza della Consulta, no- durante la campagna elettorale I diretti interessati, da Santoro a
Tutto è nelle mani del presiden- piuttosto che in campagna elet- ve anni fa, rispondeva a un ri- per le Regionali, dal Tar che die- Giovanni Floris a Bruno Ve-
te della commissione parla- L’UNICA incertezza, appun- torale – l’ha ribadito ieri l’Ag- corso delle tv locali, e stabiliva de ragione a Sky e a La7 che ave- spa, non hanno la veste giuridi-
mentare di Vigilanza sulla Rai, to, è se il presidente userà il suo com – occorre attenersi “con che queste non potessero esse- vano fatto ricorso contro la de- ca per farlo: i consiglieri di am-
che deve stabilire se chiudere potere per bloccarli prima del particolare rigore” alla tutela re “espropriate del diritto di ma- cisione dell’Agcom di mettere il ministrazione sono gli unici che
le trasmissioni di approfondi- voto per la loro palese illegitti- del pluralismo, dell’imparziali- nifestare una propria identità silenziatore, oltre che alla Rai, possono agire in giudizio a no-
mento del servizio pubblico mità. Una sentenza della Corte tà e dell’obiettività. Più informa- politica”. Ma il principio gene- anche alle tv private. Risultato: me dell’azienda. Quelli di mag-
nel prossimo mese e mezzo, costituzionale, un verdetto del zione politica, quindi, non me- rale vale per tutti i programmi queste hanno continuato a fare gioranza, vicini al governo, di
durante la campagna elettorale Tar e una pronuncia dell’Ag- no. Niente a che vedere con la d’informazione, che siano tra- informazione, il servizio pubbli- certo non protesteranno. E lo
per le elezioni amministrative com dovrebbero rendere la de- co no. E che gli spet- scorso anno, nella stessa situa-
di metà maggio, oppure no. E cisione di Zavoli scontata: i giu- tatori non fossero di- zione, neanche i consiglieri
quindi se lasciare l’informazio- dici e i regolatori, infatti, hanno Anche per Tar sposti ad accettarlo d’opposizione poterono fare ri-
ne della tv di Stato in appalto stabilito che i programmi di in- l’hanno dimostrato corso al Tar o al giudice ordina-
esclusivo al Tg1 di Augusto
Minzolini, al Tg2 che probabil-
formazione e approfondimento
non possono essere equiparati
e Agcom “non gli ascolti record di
Rai per una notte, l’e-
rio per tutelare l’azienda dalla
perdita di ricavi dovuta allo stop
mente (si decide domani) sarà
guidato da Susanna Petruni,
agli spazi di “comunicazione
politica” dei partiti e quindi non
si possono vento organizzato a
Bologna da Michele
delle principali trasmissioni.
Ieri tutti i partiti d’opposizione,
considerata molto vicina a Sil- sono tenuti a rispettare gli stessi
equiparare Santoro e trasmesso dall’Idv al Pd all’Udc, hanno
vio Berlusconi, e agli editoria- limiti. Annozero o Porta a Porta sul web, sul satellite concordato sulla inammissibili-
li quotidiani di Giuliano Fer- non sono tribune politiche e e su un network di tà della proposta di Pdl e Lega
rara su Rai1. quindi – ha decretato la Consul- i talk-show emittenti locali. sulla par (anzi, impar) condicio.
Zavoli deve decidere se sotto- ta il 7 maggio 2002 – “le dispo- Ma se Zavoli, nono- Ma Zavoli, oggi alle 14 (ieri la se-
porre al voto della Vigilanza gli sizioni che regolano la comuni- con le tribune stante tutto questo, duta è stata sospesa in serata) ri-
emendamenti proposti da Lega cazione politica non si applica- Michele Santoro, Bruno Vespa decidesse di avallare mane l’unico che ha davvero il
e Pdl, che hanno la maggioran- no alla diffusione di notizie nei politiche” e Giovanni Floris (F A ) gli emendamenti che
OTO NSA potere di bloccarla.
pagina 6

I
L’ISOLA CHE NON C’È

l capogruppo del Pd alla Camera, reazioni dell'opposizione. Che a questo perché il piede in due scarpe non lo può
L’opposizione: vergogna, Dario Franceschini decide di punto non se la sente più di collaborare per tenere”. Per l'Italia dei Valori, dice il
rispondergli in dialetto: “Se l'emergenza: “Se dice 'fora da i ball', il capogruppo al Senato Felice Belisario,
l'ignuranza l'aghess i al, igndarev da magnar governo faccia da solo – dice il segretario Pd Berlusconi è schiavo dei leghisti: “È ormai
con questi ministri con la fionda” (“Se l’ignoranza avesse le ali, Pier Luigi Bersani – Noi, per evidente che Bossi è il presidente di fatto del
gli si darebbe da mangiare con la fionda”). un'operazione organizzata e seria siamo Consiglio: lui detta la linea, Berlusconi tace e
Così, la sparata del ministro Bossi, che ha disponibili ventre a terra, a condizione che il acconsente e il ministro dell’Interno Maroni
non si può dialogare detto agli immigrati “fora dai ball”, scatena le governo dica una parola chiara al Paese, si limita a recitare la parte assegnatagli senza

AFFAMATI E INSULTATI A Lampedusa scarseggia il cibo


ma Bossi detta la linea: fuori dalle balle
di Enrico Fierro Fuori dalle balle: è questa la linea in base alla data di sbarco, tutti
inviato a Lampedusa politica che il governo propone con un numeretto in mano in at-
all’Europa e al mondo intero. tesa di essere scelti a gruppi di 60
adesso nel gran caravan- Ma se si vuole veramente fare un per essere portati al centro di ac-

E serraglio di Lampedusa
arriva Silvio Berlusconi.
Sbarca con le navi, cin-
que, sei, che finalmente svuo-
teranno l’isola. Lampedusa co-
tuffo nel pressappochismo e
nella totale inefficienza del go-
verno italiano sul dramma del-
l’immigrazione bisogna passare
una mattinata intera sul molo del
coglienza, dall’altra parte dell’i-
sola, per essere fotografati e
identificati. Una procedura lun-
ghissima, lentissima, sfiancante.
Tutti vogliono essere primi. Ur-
me l’Aquila del terremoto vero porto vecchio di Lampedusa. la, risse, qualcuno che non regge
e della ricostruzione di carto- Sulle sue banchine ieri si affolla- e sviene.
ne, come Napoli dell’emergen- vano almeno 6 mila tunisini. Sot-
za monnezza finita con la bac- to il sole, senza bere, molti senza Tutti in fila
chetta magica ma solo per il mangiare. Perché proprio ieri il per l’identificazione
tempo di una campagna eletto- sindaco dell’isola, Dino De Ru-
rale, è un meccanismo tutto po- beis, ha ammesso quello che già
litico mutuato dalla shock econo- sapevamo: il numero dei pasti è ORE INTERE in mezzo ai ca-
my. La ricetta è semplice e il Ca- insufficiente (si cucina solo per mion e alle auto che scendono
valiere la conosce meglio di tut- 4 mila persone), gli altri 2 mila dal traghetto che normalmente
ti: lascia marcire un’emergen- profughi si devono arrangiare. attracca qui e fa la spola con Por-
za, sfrutta il dramma e dai all’o- Come fanno da giorni Amri Cho- to Empedocle, ai mezzi dell’E-
pinione pubblica la sensazione kri, di 15 anni e suo fratello Wa- sercito, le ambulanze, i tir frigo-
che tutto è risolto grazie a te. die, di 16. Vivono a Tunisi con al- rifero con il pesce pescato la not-
Nessuno si ricorderà più dei di- tri cinque fratelli, il papà è infer- te e destinato ai mercati siciliani.
sastri politici che hai combina- miere all’ospedale, i soldi sono E telecamere di tutto il mondo,
to, delle sofferenze umane che pochi, il futuro incerto e loro so- fotografi venuti finanche dal
hai provocato, le tv non tra- no fuggiti inseguendo il sogno Giappone, giornalisti ab-
smetteranno mai più le imma- europeo. Con alcuni colleghi bigliati alla Hemin-
gini di Lampedusa ridotta a della troupe di Annozero li vedia- gway, poliziotti sfi-
enorme campo profughi e tra- mo fissare i tavoli di un ristoran- niti, operatori
sformata in un piccolo Darfur. te, hanno fame, non mangiano umanitari e vo-
da giorni. La solidarietà non ha lontari distrutti
Seimila tunisini bisogno di molte parole, basta dallo fatica. Un
sotto il sole poco e i due fratelli sono seduti e caos infernale,
mangiano finalmente. una felliniana
Il porto è un carnaio di tunisini prova d’orche- giornali, ma cheranno oggi, non si sa. Quello dare gli esasperati. Un personag-
CERTO, ci sono le parole seve- uno sull’altro, stretti in piccoli stra moltiplicata non è riuscito che è certo e che vediamo con i gio che sembra uscito dalle pagi-
re di Napolitano che da Ellis recinti improvvisati. Sono divisi per mille. Basta po- ad organizzare nostri occhi è che ad ogni ora ne di Andrea Camilleri. Quando
Island (l’isola dell’America dove co, una scintilla, le vo- un sistema decen- che passa la febbre sale. finalmente ha scelto i 60 fortuna-
sbarcavano gli italiani quando ci sui rimpatri che si rin- te per accelerare le ti, li fa mettere in fila indiana e li
erano brutti, sporchi e cattivi)
rimprovera il governo. “La situa-
Oggi arriva B. corrono, uno dei tanti malacar-
ne fuggiti dalle carceri tunisine
procedure di identificazione.
Bastava poco, due camion rou-
TOCCA ad un pezzetto piccolo
di Stato presente sulle banchine
avvia verso il pullman. Se i tuni-
sini sono d’accordo battono le
zione di Lampedusa è inaccetta-
bile, bisogna intensificare, e si
coi suoi che si improvvisa boss per sfrut-
tare i suoi connazionali, e può
lotte della Polizia dotati di com-
puter, stampanti e macchine fo-
fare in modo che non esploda la
tensione. Sono un centinaio di
mani, se no fischiano, quando so-
no proprio soddisfatti della scel-
sarebbe dovuto fare nei giorni
scorsi, l’afflusso dei mezzi che
miracoli succedere di tutto. Lo Stato, il
suo governo, con il suo Viminale
tografiche, bastava piazzarli nel-
la parte più larga del porto per
poliziotti, carabinieri e finanzieri
stremati da ore e ore di lavoro. Li
ta allora fanno di più. Cantano il
loro inno nazionale. Le parole del
possono portar via una gran par- e la sua Protezione civile, gli evitare lo schifo che abbiamo vi- dirige Corrado Empoli, 45 anni, poeta Abou el Chebbi sono bel-
te di coloro che sono arrivati lì”. di cartapesta squadroni di tecnici ed esperti, sto. Un solo pullman, uno solo di dirigente del commissariato di lissime e spiegano più di mille
Una critica dura al governo per i l’efficienza del fare solo propa- 60 posti, a fare la spola avanti e Canicattì. Lo vediamo fare chilo- trattati cosa sta succedendo nel
ritardi e l’approssimazione dei Napolitano: gandata, è a brandelli. C’è il so- indietro per l’isola. Quanto tem- metri su e giù per il porto. Parlare Mediterraneo. “Quando un gior-
soccorsi, che Berlusconi non lito Commissario straordinario, po occorrerà in queste condizio- con i capi dei gruppi organizzati, no un popolo sceglie la vita il de-
sente perché nelle orecchie gli bisognava questa volta all’immigrazione, il ni per concludere tutte le proce- stabilire chi parte prima e chi do- stino deve rispondere. Le tene-
rimbombano ancora le parole di prefetto di Palermo Caruso, che dure prima di far imbarcare tutti po, urlare, fare il volto duro, ma bre devono dissiparsi. E le catene
Umberto Bossi: “Fora dai ball”. fare prima rilascia dichiarazioni a raffica ai i tunisini sulle navi che attrac- anche convincere, rabbonire, se- spezzarsi”.

Aldo Bonomi, sociologo

“Il populismo leghista stavolta non funziona”


di Simone Ceriotti so in crisi dal fenomeno immi- lizza il linguaggio della Lega. be le visioni sono al governo di “militarizzare” con pro-
grazione come lo stiamo cono- Perché un'altra categoria che e devono rispondere agli pri uomini cda e fondazioni?
aroni e Bossi. Sussurri isti- scendo in questi giorni. Nessun non regge più è quella dei elettori. Non è più un partito allo stato
“M tuzionali di cui non rima-
ne traccia nell’elettorato e gri-
territorio è in grado di soppor-
tare e supportare l'arrivo di
“clandestini”. Non è proprio
possibile ridurre il flusso di
Infatti la vera domanda è se le
due culture siano ancora ege-
nascente, ormai è organizzato.
E la logica è sempre la stessa:
da populiste che diffondono la profughi in massa. Per questo il profughi e disperati a questa moni nel nostro Paese. Io credo populismo e istituzione. La ba-
sindrome da invasione”. È que- ministro si vede costretto a mi- definizione. di no. Questo non significa che se pensa che certi abusi siano
sta la doppia strategia adottata nacciare le regioni: “Diano la Il controcanto all'indecisio- ci si debba preparare a un'im- funzionali alla causa e perdona
dalla Lega nel caso Lampedusa disponibilità o sceglieremo ne di Maroni è rappresenta- minente debacle elettorale, ma logiche che invece contesta
secondo Aldo Bonomi, da anni noi”. Ma questa non è l'unica to proprio da Umberto Bos- sicuramente entrambe le logi- agli altri partiti. La Lega vuole
studioso delle dinamiche del categoria incapace di contene- si che dice “fora di ball”. che non mordono più. Il vero continuare a essere un “sinda-
partito, autore de “Il rancore. re l'immigrazione. Anche i con- È la Lega di “ognuno padrone a problema è il vuoto che c'è dal- Aldo Bonomi (FOTO LAPRESSE) cato del territorio” che mette
Alle radici del malessere del cetti di “classe” e “nazione” casa propria”. Bossi grida e par- l'altra parte. La mancanza di in fila l'agenda dei problemi
Nord” e direttore del consorzio non sono una risposta. la all'elettorato del suo partito, una linea chiara nel centrosini- per il falò delle leggi inutili. cercando di quotarli nell'agen-
Aaster (agenti di sviluppo del La paura di non riuscire a ge- mentre il ministro dell'Interno stra. Sugli immigrati nessuno Non possiamo valutare la sin- da della politica. Aggiungendo
territorio). “Le vicende di que- stire gli sbarchi, però, ha è costretto a una posizione più ha mai affrontato il problema gola azione di un esponente di però compiti istituzionali.
sti giorni – dice – dimostrano spinto il ministro a parlare di moderata (per quanto fuori dai da un punto di vista politico e governo. La Lega sta riuscendo E gli elettori accettano acri-
che il problema profughi non si rimpatri forzati, rischiando canoni ministeriali). Si tratta culturale, ma sempre e solo a portare a termine il federali- ticamente (tornando al caso
risolve con la demagogia”. di far scoppiare la rivolta a del populismo-territoriale le- emergenziale e umanitaria. smo, anche grazie all'egemonia Lampedusa) azioni che non
Come sta gestendo l’emer- Lampedusa. ghista, che è da sempre in coo- È l'intera azione leghista che culturale che esercita nella danno seguito alle arringhe
genza il ministro Maroni? La risposta, storicamente, è perazione e competizione con sembra arrancare. Roberto maggioranza. E proprio per da comizio?
Maroni ha difficoltà perché sempre stata emergenziale. E l'individualismo-proprietario Calderoli, ministro della questo gli elettori non badano Tutt'altro. Per loro questa con-
parte dal concetto di “territo- anche questa volta lo è. Ma non tipico del berlusconismo. Semplificazione, in tre anni ai dettagli. fusione sui migranti conferma
rio”, che è evidentemente mes- funziona, soprattutto se si uti- Con un particolare. Entram- di governo si è distinto solo Nemmeno quando si tratta la sindrome da invasione.
Mercoledì 30 marzo 2011

L’ISOLA CHE NON C’È

nemmeno vergognarsi di essere smentito dal possiamo abbandonare Lampedusa ed è quello per le sue dichiarazioni; poiché non l'ha
leader del suo stesso partito”. che dovrebbe fare anche l’Europa che non può nemmeno visto, si vergogni ugualmente”. Per
Per l'Udc, dice Pier Ferdinando Casini, non lasciarci soli”. Molto più dure le parole del Nichi Vendola non si possono usare due pesi
si può comunque chiudere il dialogo: “Siamo di presidente della Regione Sicilia Raffaele e due misure, con l'Italia e con la Libia: con le
fronte a un problema epocale e il governo Lombardo: “Bossi si vergogni”, ha detto, “se parole del ministro leghista, ha detto,
deve risolverlo con l’aiuto dell’opposizione. avesse visto quello che abbiamo visto noi a rischiamo di finire in una “stagione di lesione
Napolitano che è una persona seria ha infatti Lampedusa (il governatore siciliano è appena di quei diritti umani che poi proponiamo di
chiesto una solidarietà collettiva. Non rientrato dall'isola) avrebbe provato vergogna esportare con i bombardieri”.

L’Europa
ci ha già
condannati:
vietato
respingere
i migranti
A sinistra, il ministro Bossi e un di Alessandro Cisilin
immigrato a Lampedusa. In alto,
a tentazione dell’e-
il molo dell’isola. (FOTO ANSA)
A destra, i profughi alla stazione Laleggia
spulsione di massa

Sul sentiero della morte


di Ventimiglia nell’odierno Con-
siglio dei ministri. La-
sciar “esplodere” Lampe-
dusa serviva anche a que-
sto, e gli stessi vertici le-

a pochi passi dalla Francia


ghisti lo hanno fatto tra-
pelare: l’emergenza può
tornare utile, se non altro
per abbassare il livello di
guardia dell’opinione
pubblica in materia di di-
I PROFUGHI BLOCCATI A VENTIMIGLIA VARCANO LA FRONTIERA ritti essenziali dei mi-
granti, e più ancora dei
ATTRAVERSO LE ROCCE A STRAPIOMBO SUL MARE profughi. Il problema
per il governo è che quei
diritti godono, almeno
fine, tunisini e libici le provano vanno dritti. Non capisci come hanno sostituito l’italiano. I rac- no. “Treno per Mentone alle sulla carta, di una prote-
tutte: salgono sui treni, si affida- facciano a stare in piedi, dopo conti si somigliano tutti: “Sono 13:17”, fa cenno Youssef. Si de- zione internazionale e la
no ai passeur che chiedono 200 due giorni di navigazione e una arrivato a Lampedusa dopo due cide tutto in dieci minuti. Se su- loro violazione portereb-
euro. Ma non basta: c’è chi si settimana sballottati per l’Italia. giorni in mare, poi mi hanno por- pererà la frontiera, il mondo gli si be il paese all’ennesimo
mette a correre sull’autostrada, Ma il desiderio di arrivare in Fran- tato al centro di accoglienza di spalancherà davanti. schiaffo europeo.
in mezzo ad auto e tir. Chi è pron- cia vince tutto. Lo puoi misurare Bari”. E lì è scattato il liberi tutti: Ma per la maggioranza degli im-
to a camminare lungo i binari, guardando il sentiero che si strin- centinaia di persone in fuga. Qua- migrati non sarà così. La Gendar- IL QUADRO giuridico
nel buio delle gallerie. ge… saranno trenta centimetri si tutti verso la Francia, via Ven- merie, implacabile, ti aspetta per- è chiaro, quantomeno
Abdul tenta il tutto per tutto e ri- appena. Dietro hai l’Italia, davan- timiglia. Il Sindaco, Gaetano Scul- fino sui binari. Non si impietosi- verso gli abusi più gravi, e
torna al Passo della Morte, il sen- ti la Francia, vicina che ti pare di lino (Pdl), tuona: “Bisogna imbar- sce quando corri perdendo le a esso l’Italia è vincolata
tiero di contrabbandieri ed emi- toccarla. Ma devi passare su quel- carli sulle navi e rimandarli nei lo- scarpe sull’autostrada. E alla fine sin dall’articolo 10 della
granti del secolo scorso. Non la cengia. Abdul, ma sei sicuro? ro Paesi”. Slogan della politica, la ti rispedisce in Italia. Magari, ac- Costituzione. L’architra-
serve descriverlo, basta il nome “Sì”. Abdul fa coriandoli del fo- gente è giustamente preoccupa- cusa qualche tunisino, dopo una ve è il principio globale di
usato da chi ci si arrampicava. E a glio di via rilasciato dalla polizia e ta, ma finora prevalgono com- botta di troppo. Com’è diversa la “non refoulement”, forma-
volte non tornava. si avvia senza voltarsi indietro. prensione e solidarietà. Come ie- polizia. Lo si capisce già dalle di- lizzato dalla Convenzione
di Ferruccio Sansa In due mesi a Ventimiglia sono ar- ri pomeriggio alle tre. Nell’atrio vise, consumate le nostre quanto di Ginevra del 1951, che
inviato a Ventimiglia LE TRE di ieri pomeriggio: Ab- rivati tremila immigrati. All’im- della stazione si sente un urlo. È quelle della Gendarmerie sono vieta il trasferimento for-
dul e i suoi amici si ritrovano alla provviso le righe scolorite sull’a- Anouar, sta telefonando in Tuni- immacolate. I poliziotti si lascia- zato di qualsiasi persona
anno scarpe di corda e sfalto di Ponte San Luigi sono tor- sia. “Tuo figlio è nato”, gli dicono no scappare: “Non abbiamo rice-

H
dogana di Ponte San Luigi, a cin- verso un paese in cui ri-
mocassini impolverati. Le que chilometri da Ventimiglia. nate a essere un confine. Da una da casa. Lui non ci pensa un at- vuto ordini precisi. Insomma, sultasse a rischio per mo-
scarpe “firmate” di cui “Andiamo”, non hanno dubbi. parte la Francia, dall’altra l’Italia. timo: “Aiutatemi, voglio tornare ognuno agisce secondo coscien- tivi razziali, religiosi, na-
parla il governatore Luca Ma dove? “Troveremo un’idea”. E l’Europa? Archiviata. nel mio Paese”. Intorno a lui si za”. C’è la canaglia che scarica zionali, sociali o politici.
Zaia si disfano appena ci si in- Saranno i vent’anni, sarà che in- Ventimiglia è il collo della botti- stringe una piccola folla. Conna- sull’immigrato le incazzature di L’Unione europea, per la
cammina sul sentiero verso il sieme niente ti fa paura. E così, glia che rischia di strozzarsi. Ap- zionali, ma anche italiani. anni di servizio; ma ci sono tanti verità, ha coniugato tale
Passo della Morte. Magari pro- sorridenti, si infilano nella bosca- pena sceso alla stazione, capisci poliziotti che mettono insieme principio in modo piutto-
prio mentre Abdul e i suoi amici glia che sale verso il Passo della che cosa sta succedendo in Nord “IN ITALIA ci trattano bene”, codici e solidarietà in un miscu- sto blando, oltre che tar-
sono sospesi sulla cengia affac- Morte. Allora li segui per quella Africa, meglio che se leggessi die- assicura Youssef Amid, 21 anni, glio tutto italiano. Una volta tanto divo (con le direttive del
ciata sul mare, una vertigine di pista che scompare tra i rovi. “Io ci giornali. Centinaia di tunisini studente di letteratura. Aggiun- nel senso buono del termine. 2004 e del 2008), sulla
centocinquanta metri che ti in- sono un panettiere di Tunisi”, di- affollano le sale d’aspetto, forma- ge: “State tranquilli, noi vogliamo Francia-Italia. Il risultato è un spinta di governi e di un
ganna perché sa di libertà. È ce Abdul. Perché sei scappato? no capannelli in mezzo alla piaz- andare in Francia, Belgio, Cana- ping pong grottesco: i francesi re- Europarlamento tuttora a
troppo forte la voglia di arrivare “Hanno distrutto il negozio di za, siedono ai tavoli dei bar. E da”. Youssef passa ore nella sala spingono, gli italiani si riprendo- maggioranza di centrode-
in Francia. È più di una scelta, so- mio padre. Laggiù si spara anco- adesso arrivano i primi libici. I li- d’attesa della stazione. Guarda gli no gli immigrati e dopo due ore li stra. Ma perfino in tale
miglia a un istinto, al bisogno di ra”. Il sentiero entra nel bosco, guri sono la minoranza, nei vicoli schermi con gli orari dei treni co- liberano. E all’imbrunire l’assalto contesto l’Italia ha passa-
vivere. Così, per superare il con- scompare, ma i ragazzi tunisini di Ventimiglia l’arabo e il francese me se ci vedesse il proprio desti- ricomincia. to il segno, specie sugli
“allontanamenti colletti-
vi”, che negano al migran-

Radio Padania e le offese salentine LE TENDOPOLI


te il diritto a un esame in-
dividuale.

QUELLI attuati da Lam-


NUOVA FREQUENZA AD ALESSANO, MA LA GENTE STA CON GLI STRANIERI SICILIA: TRAPANI, pedusa verso la Libia su-
birono la condanna del-
di Pierluigi G. Cardone presa di posizione sullo sgradito ritorno è tutti facciano la loro parte”. MARSALA, TORRETTA l’Assemblea di Bruxelles
quella del sindaco di Alessano, Luigi Ni- E mentre a Otranto qualche turista setten- già nel 2005. Concetto ri-
E CALTANISSETTA
Ado.volte ritornano. E provocano reazioni
direttamente proporzionale al loro cre-
Il riferimento è a Radio Padania Libera,
colardi. “Stamane invierò un’istanza ai mi-
nisteri competenti – dice – perché voglio
sapere se una radio comunitaria come Ra-
trionale disdice la prenotazione per le va-
canze estive a causa degli immigrati, nel
campo di Manduria la situazione si fa dif- PUGLIA : MANDURIA,
badito due mesi fa quan-
do i deputati dissero no
ad accordi con Tripoli
che a due mesi dalla prima “cacciata”, da dio Padania dopo novanta giorni di occu- ficile. Non tanto per l’arrivo, ieri mattina, (come quello siglato dal-
venerdì scorso ha ripreso a trasmettere pazione può permutare una frequenza di altri 827 migranti da Lampedusa, quan- CARAPELLE, l’Italia) per l’assenza di
nel Salento. Il luogo è sempre quello (Ales- con radio commerciali. Il mercato delle to per le avverse condizioni meteo, con garanzie sui diritti umani.
sano), ma giocoforza è dovuta cambiare la frequenze è bloccato: questa è concorren- un forte acquazzone che ha ridotto la par- SAN PANCRAZIO A deplorare il nostro go-
frequenza: non più la 105.6, di proprietà za sleale”. Un colpo basso per i seguaci ra- te nuova del campo ad un grande panta- verno per i respingimenti
di Radio Nice, ma la “vicina” 105.3. Iden- diofonici del senatur. no. Inevitabili i disagi, anche se “la situa-
TOSCANA: BOCEDA in mare è intervenuto l’a-
tici i palinsesti, con gli insulti ai meridio- zione – a detta del responsabile della ten- EMILIA: MOGHIDORO prile scorso anche il Con-
nali e ai migranti a farla da padrona (anche IN ATTESA dei tempi della politica, in- dopoli Nicola Lonoce – è meno peggio di siglio d’Europa. Ma il peg-
se nelle telefonate in diretta si nota una
certa insofferenza del popolo leghista nei
teressante il pensiero della gente di Man-
duria sul tema dell’accoglienza in salsa pa-
quanto temevamo”. Nessuna notizia uffi-
ciale, invece, sul numero dei fuggiaschi.
PIEMONTE: CIRIÈ E FRONT gio per il nostro paese,
sul piano monetario, po-
confronti del governo, troppo morbido dana. “Non siamo come i leghisti, voglia- All’ospedale di Manduria sono stati rico- FRIULI: CLAUZETTO trebbe arrivare dalle pro-
con l’Europa in tema di clandestini da mo aiutare questa gente – sostiene un abi- verati cinque migranti per malori vari. cedure d’infrazione della
ospitare). Questa volta, però, il verbo pa- tante – , ma purtroppo lo Stato ci ha messo Uno di questi, dopo esser stato curato, è E SGONICO Commissione e dalla Cor-
dano arriva quando il Salento e la Puglia in pericolo, con una struttura inadegua- riuscito a fuggire. Risolta a tempo di re- te Europea dei Diritti del-
sono impegnati nella difficile accoglienza ta”. Non manca, tuttavia, chi dà ragione a cord, invece, la questione delle 12 donne LOMBARDIA: CASTANO l’Uomo. A giugno è pre-
dei tunisini nella tendopoli di Manduria. posizioni estreme. Non quelle di Bossi, (quattro incinte) che non volevano sepa- vista la decisione di que-
La gente, ora, non ci sta a ascoltare slogan bensì quelle di Raffaele Lombardo. “Fa be- rarsi dai loro mariti: nove coppie e altre PRIMO st’ultima sulle espulsioni
del tipo “gli extracomunitari non li voglia- ne a volere le tendopoli anche in Padania – tre ragazze sono state trasferite nel Cara di collettive denunciate nel
mo, che se li tengano i terroni”. La prima sbotta un signore – perché è giusto che Bari. Anche questa è accoglienza. 2009.
pagina 8 Mercoledì 30 marzo 2011

SCONTRI POLITICI

“SIAMO SEMPRE
DI PIÙ, LA SCISSIONE
DEL PD SI ALLARGA”
Emanuela Baio Dossi, uscita dal Pd
ora nell’Api. Sogna il grande centro Emanuela Baio Dossi (FOTO LAPRESSE)

di Wanda Marra capace. E poi, per i ruoli istitu- Il Pd è soffocato da una politica gliono essere. Sicuramente Lega, e contemporaneamente fuoriuscita massiccia di parla-
zionali è giusto che ci sia una vecchia e inadeguata. Ho ri- guardiamo all’Udc. alle forze rivoluzionarie di sini- mentari. Si devono scomporre
a parola scissione a convergenza tra maggioranza e scontrato che molte persone a Anche lei ha deciso di entra- stra, l’Idv e Vendola... sia il Pd che il Pdl e dar vita a una

“L proposito del Pd mi
sembra eccessiva? No,
perché è un processo
già in atto”. Parola della senatri-
ce Emanuela Baio Dossi, ulivista
opposizione.
Anche se la maggioranza
non ha un grande rispetto
delle istituzioni?
Ritengo quello che ho detto. Ma
livello territoriale la pensano
come me.
Ma l’Api rappresenta una po-
litica nuova? E qual è il vostro
progetto?
re in Verso Nord, il movi-
mento di Cacciari che vuole
mettere insieme transfughi
del Pd e del Pdl?
No, anche se stimo molto Cac-
La sua scelta di uscire dal Pd
è chiaramente in opposizio-
ne a Bersani?
Non voglio esprimere una criti-
ca personale, ma la linea della
grande forza di centro. E per
quanto mi è dato sapere anche
in base ai miei rapporti perso-
nali è una cosa che avverrà.
Lei preferiva la segreteria
della prima ora, provenienza questa è solo la goccia che ha L’Api è una forza moderata. E vo- ciari. Elettoralmente però non segreteria si è rivelata incapace. Veltroni?
prima Popolari e poi Margheri- fatto traboccare il vaso. gliamo costruire una grande for- si può parlare di questo paese Lei mi sa spiegare qual è la linea Sì. Abbiamo lavorato bene insie-
ta, passato remoto nella Dc. Tra i Quali sono dunque le moti- za moderata di centro. senza Nord. del Pd? me.
“fondatori” del Pd, secondo la vazioni reali? Volete rifare la Dc? A un certo punto Bersani ha Si parla di molti parlamenta- Pensa che Fioroni e Gentiloni
sua stessa definizione, il 14 feb- Il progetto politico del Pd è fal- La storia non torna mai: e dun- anche invitato la Lega a fare ri sulla porta. I senatori Per- ci starebbero a prendere la
braio ha lasciato i Democratici lito. Non è stato capace di co- que questo non è possibile. il federalismo insieme... toldi e Viola. I deputati Bena- guida politica del vostro pro-
ed è entrata nell’Api di Rutelli. niugare culture diverse. Per il grande centro, guarda- Vogliamo perdere le elezioni mati, Pepe, Farinone. Le ri- getto?
Una tra i tanti parlamentari (in Per esempio? te anche a Fli? per la seconda volta? Questo sulta? Sicuramente esprimono conti-
tutto sono 21) che hanno ab- Prendiamo il lavoro. Il partito Sta a loro decidere che cosa vo- succede se andiamo dietro alla Posso dire che ci sarà presto una nuamente il loro malcontento.
bandonato il partito da inizio le-
gislatura. Molti in nome di Dio.
O meglio, dei valori cattolici. La Nostalgie
popolari
Baio Dossi, stava nei cosiddetti
Teodem. Per intenderci, la cor- MONREALE Il dibattito
rente ultra-cattolica che faceva
capo alla Binetti. Anche lei usci-
ta dal Pd, ma finita nell’Udc. In-
sieme a Enzo Carra, Renzo Lu-
setti e Dorina Bianchi. Oltre ad
“ La
segreteria
sulla mafia non s’ha da fare
uel dibattito sulla mafia e
QA Monreale
l’antimafia non s’ha da fare.
Genchi, ma anche Umberto
Di Maggio, coordinatore re-
dio proprio quelle persone
che abbiamo invitato al nostro
Achille Serra. Mentre nell’Api, Bersani ha l’idea di un incon- gionale di Libera Sicilia. Oltre dibattito per parlare di luci e
fondato da un transfuga demo- tro con il magistrato Franca a Anna Bucca, presidente del- ombre di un sistema, quello
cratico di calibro, Rutelli, oltre
alla Baio sono entrati Linda Lan-
fallito. Guardo Imbergamo e il consulente in-
formatico Giacchino Genchi
l’Arci Sicilia e Calogero Parisi,
numero uno della cooperativa
della mafia e dell’antimafia,
che cambia anche nella nostra
zillotta, Donato Mosella, Marco
Calgaro, Gianni Vernetti, Ric-
a Fioroni non è piaciuta tanto da far scat-
tare una chiara intimidazione
sociale “Lavoro e non solo”,
che gestisce un’azienda agri-
città. Abbiamo fatto altre ma-
nifestazioni nelle scorse setti-
cardo Milana. E l’ultimo fuoriu- nei confronti degli organizza- cola che lavora dal 2000 su ter- mane, ma mai ci avevano toc-
e Gentiloni


scito, Claudio Molinari. Un eso- tori: i manifesti dell’iniziativa reni confiscati a Cosa Nostra cato le locandine appese. Non
do verso il centro di tutto rispet- organizzata per venerdì 1 apri- proprio a Monreale e Corleo- ci faremo comunque intimidi-
to. E molti altri sarebbero in ar- le alle 18:30 dal collettivo Arci ne. “Sabato scorso – racconta re da nessuno. Venerdì l’in-
rivo. non ha una posizione chiara. Link alla Villa Savoia, sono stati Tommaso Gullo, presidente di contro ci sarà congli ospiti che anche all’ombra della catte-
Senatrice, perché ha scelto L’epilogo è stato il referendum a stracciati. Anzi. Una mano Arci Link – abbiamo affisso i avevamo previsto”. I giovani drale normanna c’è chi paga il
di uscire dal Pd? Mirafiori. Io ero per il sì. ignota, in pieno giorno, ha ta- manifesti in città. Nel giro di di Link vogliono parlare di Co- pizzo e agiscono i clan locali.
Ci sono ragioni importanti di ca- Quindi con Marchionne? gliato dai manifesti i nomi dei poche ore ho dovuto rimpiaz- sa Nostra anche a Monreale, la Un’intimidazione che si regi-
rattere politico. E poi c’è stata Con i sindacati che l’hanno vo- relatori e la data. Un messag- zarli perché erano stati strac- città dove vive ancora l’arcive- stra in un momento particolar-
una goccia che ha fatto traboc- tato. gio esplicito scattato a pochi ciati. Il problema è che una scovo Salvatore Cassisa, più mente caldo per Monreale: ba-
care il vaso. Quali sono gli altri temi su giorni dalla serata che vedrà al volta rimessi non li hanno la- volte implicato (e poi assolto) sti pensare che negli ultimi
Quale? cui si è trovata in contrappo- tavolo non solo il sostituto sciati stare: in maniera certo- per collusione mafiosa e dove giorni sono state bruciate cin-
L’elezione del segretario gene- sizione con il Pd? Procuratore generale presso sina hanno tolto i nomi e i co- l’onorevole Gaspare Vitrano, que automobili e dall’inizio
rale del Senato, Elisabetta Sera- La famiglia. Prevale una visione la Corte d’appello di Caltanis- gnomi di tutti i relatori e la data arrestato nei giorni scorsi per dell’anno sono già dodici gli
fin. Il Pd non ha votato, e io ho individualistica della società, setta, Franca Imbergamo e lasciando appeso il resto del corruzione, godeva di appog- autoveicoli andati in fiamme.
votato a favore. non una che mette al centro la l’ex vice questore Gioacchino manifesto. Forse danno fasti- gi elettorali. Sanno bene che Alex Corlazzoli
Perché? famiglia, come la mia.
Si trattava di una donna, valida e E poi?

Il sindacato la silura con la scusa dell’amore


DONATELLA BRUNI, SEGRETARIO DELLA CGIL DI VIBO VALENTIA, È STATA SFIDUCIATA. “CACCIATA PER LA MIA RELAZIONE COL SEGRETARIO UIL”
di Savatore Cannavò giorni, è viva e presente sul terri- ritenuto di dover intervenire nel di- incubo che ha fatto indispettire la interna al sindacato la conosce be-
torio”. In effetti nel documento di rettivo che mi ha sfiduciato”. Quin- stessa segreteria nazionale dove ne”. Ma poi ci invita a guardare a

Pci siaossibile che nella Cgil diretta


per la prima volta da una donna
annidato bigottismo e ma-
sfiducia non c'è un'accusa concre-
ta, si fanno riferimenti a compor-
tamenti interni alla Camera del La-
di, le chiediamo, si tratta di mo-
ralismo? “Sì, devo constatare che in
questa vicenda un peso rilevante
hanno deciso di non rilasciare di-
chiarazioni. Ma lei continua a dire
che da Camusso si attende ancora
dati più complessivi: su 7 Camere
del Lavoro calabresi ben 4 hanno
avuto problemi di segretari gene-
schilismo? A sentire Donatella Bru- voro di "assoluta rigidità e inoppor- lo ha avuto il bigottismo che con la una telefonata o un incontro per rali rimossi anzi tempo (Castrovil-
ni, segretario generale della Cgil di tunità politica", a una "guerra di Cgil non dovrebbe entrarci nulla”. chiarire se la Cgil possa o meno lari, Reggio, Crotone e Vibo). Il se-
Vibo Valentia, in Calabria, sfiducia- (con)dominio" e a "questioni di ca- In realtà è la stessa Bruni in un suo tollerare simili comportamenti. gretario generale, Luigi Genco, è
ta dalla propria organizzazione an- rattere personale che hanno forte- documento pubblico di sei pagine Anche se poi nel suo documento da tempo sotto accusa per aver rea-
che a causa di una sua relazione mente minato la fiducia e la cre- a parlare anche d'altro, di "atteg- pubblico le ha riservato una bat- lizzato una segreteria regionale
sentimentale con il segretario della dibilità dell'Organizzazione". Ma giamenti paramafiosi", assunzioni tuta caustica scrivendo che forse il comprensiva della minoranza, che
Uil, Luciano Prestia, sì. Relazione non si va oltre. “E' un documento di amici e parenti, "tresche" con segretario della Cgil “è troppo im- in Calabria ha solo il 5%, ed è ac-
che l’ha portata a scegliere di la- fumoso – continua Bruni – e tra alcuni datori di lavori, tesseramen- pegnato a sventolare la sciarpa cusato di essere subordinato a
sciare il marito. Bruni, che ha di- l'altro nessuno dei suoi firmatari ha to "gonfiato". Il volto di una Cgil da bianca” che a a occuparsi di questa quella. Un documento contro di
retto la Camera del Lavoro negli ul- vicenda. lui, firmato tra gli altri dalla stessa
timi quattro anni, si è vista presen- Donatella Bruni Chi conosce bene la Bruni, è stato presentato solo 20
tare contro un documento, da par-
te della sua stessa maggioranza, ap-
Dietro ci Cgil calabra ammette
che una parte della
giorni fa. La maggioranza della
Cgil, inoltre, ha dovuto organizza-
provato con 37 voti a favore, 7 con-
trari e due astenuti (tra cui la stessa
sarebbero faide struttura è sicura-
mente figlia di vec-
re un attivo regionale alla presenza
di ben 4 dirigenti nazionali, tra cui
Bruni). “La ragione sostanziale di
quella che definisco una vera e pro-
interne alla Cgil chie incrostazioni e
di atteggiamenti
Susanna Camusso, segno di una dif-
ficoltà a gestire la vita interna.
pria cacciata è la mia relazione con chiusi. E concede di- Insomma, un malessere che ha
il segretario della Uil che dura da calabrese. Lei verse ragioni alla portato la città di Vibo Valentia agli
questa estate. Sono stata eletta un stessa Bruni, anche onori del Tg1 per via di uno scan-
anno fa al congresso, nessun fatto accusa la se non è nuova alla dalo “politico-sentimentale”. In-
rilevante è intervenuto per dimo- vita della Cgil in cui tanto Vibo è da quattro mesi senza
strare una mia cattiva gestione e Camusso, che ha assunto cariche acqua potabile con un servizio di
del resto la Cgil che ho diretto, lo dirigenziali negli ulti- autobotti garantito dalla Protezio-
confermano le reazioni di questi non interviene mi 20 anni: “La vita ne civile.
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 9

MALITALIA

N
RECORD DI INFORTUNI DELITTO OLGIATA
Il dna incastra

NELLA FABBRICA MARCEGAGLIA


il domestico
W inston Manuel
Reves, il domestico
filippino che lavorava
nella villa romana
L’anno scorso 135 incidenti su 1183 dipendenti, quattro volte la media nazionale dell’Olgiata quando fu
uccisa la contessa Alberica
Denuncia della Fiom lombarda: “Situazione inaccettabile” Filo Della Torre, è stato
incastrato dal dna,
compatibile con quello
di Salvatore Cannavò zature e gli utensili; i mezzi di trovato sugli oggetti
sollevamento e trasporto. presenti nella camera da
econdo i dati Eurostat, “Siamo di fronte a una situa- letto dove avvenne

S gli infortuni sul lavoro in


Italia ogni 100 mila oc-
cupati sono 2674 (dati
del 2007 pubblicati dall'I-
nail). Cioè 26,74 infortuni
zione inaccettabile - dice Mir-
co Rota, segretario generale
Fiom Cgil Lombardia - Un’a-
zienda non può permettersi
di essere all’avanguardia sul
l’omicidio nel 1991.

per ogni mille occupati. L'I- mercato a discapito della si-


talia non è messa male per- curezza dei lavoratori”. La
ché la media dell'area Euro è Marcegaglia, in effetti, è una
più alta: 3279 infortuni cioè delle aziende di punta del si-
32,79 ogni mille occupati. stema industriale italiano: set-
tore nevralgico, quello del-
NELLO STABILIMENTO l'acciaio, circa 6.500 dipen-
Marcegaglia di Gazoldo degli denti distribuiti in 50 stabili-
Ippoliti, in provincia di Man- menti nel mondo (in Italia so- URANIO A QUIRRA
tova, là dove l'azienda della no una quindicina) e soprat-
presidente di Confindustria tutto un nome blasonato, an- Riesumati
ha la testa operativa, nel 2010 che per il ruolo assunto da 20 pastori
gli infortuni sul lavoro sono Emma Marcegaglia. Che si è
stati 135 su un totale di 1183
dipendenti. Per stare dentro
la media Eurostat, la Marcega-
pronunciata più volte a favore
della prevenzione degli infor-
tuni.
I l procuratore della
Repubblica di Lanusei
Domenico Fiordalisi ha
glia avrebbe dovuto avere ordinato la
non più di 32 infortuni all'an- SOLO QUALCHE mese fa, riesumazione di venti
no (31,63 per la precisione) in una lunga intervista al quo- allevatori morti fra il
invece ne ha avuti quattro vol- tidiano confindustriale Il Sole Il mandato di Emma Marcegaglia alla Confindustria scade il prossimo anno (FOTO LAPRESSE) 1995 ed il 2010 a causa di
te di più, il 300 per cento in 24 Ore, ha affermato perento- tumori al sistema linfo-
più della media italiana. E nei
primi due mesi del 2011 gli
riamente che “il grave proble-
ma degli incidenti sul lavoro si
Per la presidente Di Maio, operaio trentaduen-
ne con moglie e due bambini
più piccolo di quello di Ga-
zoldo) è rimasto meravigliato:
emopoietico. Avrebbero
tutti condotto al pascolo
infortuni nella stessa azienda
sono stati già 20.
sconfigge con la prevenzione
e l’informazione”. Lo ha fatto
di Confindustria di tre e cinque anni. Rimase
schiacciato da un pacco di tu-
“Non potevo credere che l'a-
zienda della presidente di
le loro pecore sui terreni
del Poligono di tiro di
Una piccola strage che viene
denunciata dalla Fiom-Cgil
dicendosi soddisfatta della ri-
duzione, nel 2010, del nume-
il problema bi del peso di alcuni quintali
che si è sganciato piomban-
Confindustria avesse una cura
così bassa della salute e del-
Perdasdefogu-Salto di
Quirra.
lombarda sulla base dei dati ro dei morti sul lavoro in Italia dogli addosso. L’imprenditri- l'ambiente”.
forniti dall'azienda. Da cui sotto la soglia dei mille. Un dipende ce mantovana commentò: CRAC EUTELIA
emerge un bollettino medico dato contestato dall'Osserva- “Riaffermo come imprenditri- MANTOVANELLI ha fatto
impressionante: lo scorso an- torio indipendente di Bolo- dalla scarsa ce e come presidente di Con- diverse assemblee con i lavo- Samuele Landi
no, in 63 casi si è trattato di gna che di morti ne ha contate
formazione findustria che l’impegno sulla ratori e ha fatto fatica a cre- a giudizio
infortuni agli arti superiori, in 1080 e che aveva comunque sicurezza sarà fortissimo. È un dere quanto gli hanno riferito
35 agli arti inferiori, in 23 al
capo, in 6 al torace, in 6 casi
alla colonna vertebrale- baci-
verificato un aumento del 6
per cento rispetto al 2009. Tra
l'altro, a dispetto degli auspici
dei lavoratori gravissimo problema del pae-
se”.
Del resto, lo slogan di Marce-
sulla temperatura nello stabi-
limento. In inverno si lavora
anche a meno 2 gradi, secon-
S amuele Landi,
ex-amministratore
delegato di Eutelia, è
no. Il documento si dilunga di Marcegaglia o delle campa- gaglia è: “Fare informazione e do il sindacalista, e di fronte stato rinviato a giudizio
anche sui tipi di infortunio: 46 gne del ministero del Lavoro – ghi di lavoro rispetto a gen- soprattutto formazione. Non alla richiesta di accendere le dal gup di Arezzo,
ferite, 37 contusioni, 23 lus- quelle in cui la “colpa” degli naio 2010. è inasprendo le pene che si fa stufe, hanno riferito i lavora- Annamaria Loprete, per
sazioni-distorsioni, 11 frattu- infortuni è scaricata sulla scar- Il meglio di sé Marcegaglia lo più formazione”. Mauro Man- tori in assemblea, la risposta bancarotta fraudolenta.
re, 8 lesioni da sforzo, 7 da sa attenzione o sulla poca cu- diede però in occasione del tovanelli è il segretario della dei capi è stata: “Il gasolio co- Il processo comincerà
corpi estranei, 3 lesioni da ra da parte dei lavoratori - gen- grave infortunio avvenuto nel Fiom di Mantova da sei mesi e sta troppo, riscaldatevi lavo- davanti al collegio del
agenti chimico-fisici. Infine, naio 2011, sempre secondo suo stabilimento di Cremona confessa che quando è entra- rando”. É difficile intravedere tribunale di Arezzo il
tra gli agenti di infortunio: ma- l'Osservatorio di Bologna, ha dove, nel maggio del 2008, si to per la prima volta nello sta- dove stia l'informazione ma prossimo 20 settembre.
teriali, sostanze e radiazioni; già oltre il 60 per cento in più verificò un incidente mortale bilimento di Contino della come formazione alle durez- Inoltre, il giudice
l’ambiente di lavoro; le attrez- dei morti per infortuni sui luo- in cui perse la vita Girolamo Marcegaglia (200 dipendenti, ze della vita non c'è male. Loprete ha fissato per il
prossimo 23 maggio
un’altra udienza

Il Veneto taglia i sussidi agli invalidi (senza dirlo) preliminare per


decidere sul rinvio a
giudizio o meno di
Angelo, Isacco,
PRIMA GLI ACCONTI, POI I RITARDI, ALLA FINE PIÙ NULLA: IL CASO DI UNA DONNA MALATA DI PARKINSON A VICENZA Raimondo, Alessandro
e Sauro Landi. Anche
di Erminia della Frattina loro saremmo disperati” racconta uno dei importo”. Da due anni arrivano in casa stanzioso di stipendio dei consiglieri re- loro sono accusati di
Padova figli dell’invalida, sposato e padre di una 190 euro in due soluzioni semestrali, per gionali appena varato”. Per quanto riguar- bancarotta fraudolenta.
ragazza di 20 anni, un lavoro da dipenden- coprire tutte le spese di un’invalida che da la cessazione dell’assegno, la risposta è
CASO CUCCHI
Qto, uanto costa in Veneto mantenere una
madre malata e invalida al 100 per cen-
se si aggiunge magari anche un padre
te in un’azienda privata e un mutuo sulle
spalle. “Come me anche gli altri fratelli
hanno famiglia, figli e mutuo; tutti abbia-
necessita di cure costanti giorno e notte.
Un giorno forse arriverà il saldo. “Siamo
andati all’ufficio servizi sociali di Vicenza
ancora più vaga: “Sarà una decisione po-
litica in cui verranno coinvolti anche i sin-
daci”. In sostanza i sindaci decideranno se Il gup: Stefano
da assistere? Mamma e papà anziani co- mo molte spese, ma per la mamma nes- – raccontano i familiari – dove una signora la Regione dovrà investire sulle case di cu- andava nascosto
stano ai familiari 2.500 euro solo di assi- suno si è mai tirato indietro”. gentile ci spiega che non ci sono soldi, e ra per anziani, dove ci sono liste d’attesa
stenza, poi c’è il resto. Oltre la metà se ne
va per la madre, che ha 79 anni e la ne-
cessità di due badanti straniere (“pagate
QUANDO LA SITUAZIONE peggio-
ra e la signora diventa invalida al 100 per
quindi in Regione sono indietro di un an-
no e mezzo con il saldo”. L’ultima di que-
ste visite è la più preoccupante: “L’impie-
lunghissime e costi che arrivano a 1.500
euro a testa, o sui contributi da dare per
essere curati a domicilio.
A ndava nascosto da
“occhi indiscreti”
Stefano Cucchi, il
in nero perché per metterle in regola si cento i fratelli decidono di fare domanda gata ci ha spiegato che forse dalla fine del- “Nel settore sociale e sociosanitario il Ve- geometra romano
arriva a tirar fuori il doppio, e non ce lo in Regione per un aiuto. “Eravamo tutti al- l’anno non riceveremo più nemmeno l’ac- neto assiste 57 mila anziani non autosuf- morto il 22 ottobre del
possiamo permettere”). La prima badan- lo stremo delle forze e dei soldi”. La signo- conto al 60 per cento, perché i fondi sono ficienti, 25 mila nelle strutture residenzia- 2009 sei giorni dopo il
te, una ragazza serba da qualche anno a ra di Vicenza viene inserita, come molti terminati”. In Regione non confermano e li e altrettanti accuditi a casa, altri nelle suo arresto, e per questo
Vicenza, si occupa della mamma invalida altri nelle sue condizioni, in un finanzia- non smentiscono ufficialmente. “Ci han- case di riposo ma che si pagano la retta o la “doveva essere
giorno e notte con qualche ora di riposo mento erogato dai servizi sociali regiona- no detto che sono in ritardo con il saldo badante da soli senza l’intervento della internato” nel reparto
al pomeriggio, due o tre ore al massimo li, un “assegno di cura” destinato alle per- per mancanza di fondi ma arriverà – dice Regione – riassume l’assessore veneto Re- protetto dell’ospedale
durante le quali viene sostituita dall’altra sone non autosufficienti allo scopo di “so- uno dei figli – non capiamo però la com- mo Sernagiotto – una cifra che tra un paio Pertini. Lo scrive il gup
badante, serba pure lei. Quindi? Siamo a stenerle nella scelta di continuare a vivere patibilità tra tagli al sociale e aumento so- di decenni sarà triplicata”. Un’emergenza Rosalba Liso, nelle
Vicenza, ma potremmo essere in qualsia- nel proprio domicilio”, destinata a triplicarsi, mentre motivazioni della
si altro luogo del Veneto e d’Italia. si legge nel bando. Tra- Il governatore del Veneto Luca Zaia (F L
OTO APRESSE)
la scure dei tagli si abbatte so- condanna, la prima in

ECCO LA STORIA. Una mamma anzia-


dotto in cifre, l’inferma
riceve 320 euro mensili
“Negli uffici prattutto sulle spese destina-
te al sociale, almeno 50 milio-
questa vicenda, a due
anni di reclusione nei
na si ammala, ha il morbo di Parkinson.
All’inizio i figli decidono di assisterla fa-
per essere curata tra le
mura domestiche. Poca
della Regione ni in meno nell’ultimo bilan-
cio. Tagli ammessi dallo stes-
confronti di un
funzionario del Prap
cendo turni settimanali, notti comprese.
Poi il morbo degenera, e la fatica di andare
cosa rispetto ai costi
reali, ma è già qualcosa.
spiegano che i so assessore, anche se, ag-
giunge, è appena stato appro-
(provveditorato
regionale
al lavoro per chi ha assistito di notte la Negli ultimi due anni vato un intervento nel Mille- dell’amministrazione
mamma diventa pesantissima. Si decide di però la cifra si assotti- pagamenti sono proroghe che dovrebbe dare penitenziaria) Claudio
prendere una badante; ma presto anche glia. “Dall’arrivo della un po’ di respiro. “Noi li tiria- Marchiandi. Per la
lei avrà bisogno di alternarsi qualche ora giunta Zaia in Regione – in ritardo di oltre mo fuori con il cuore i soldi morte di Cucchi sono
con un’altra badante, per riposare e segui- racconta uno dei figli – per la mamma – concludono i attualmente sotto
re le proprie cose. “Dobbiamo ringraziare ci vengono liquidati so- un anno ma figli dell’inferma di Vicenza – processo 6 medici, tre
queste persone che curano i nostri anzia- lo degli acconti, circa il ma quando non ce la faremo infermieri e tre guardie
ni con amore e professionalità, senza di 60 per cento dell’intero mancano i soldi” più chi ci aiuterà?”. penitenziarie.
pagina 10

LIBIA SENZA RITORNO

Siria, il governo si è dimesso Yemen, sei province ai ribelli


Parlerà solo oggi davanti al Parlamento. Ma ormai, l'era del Ha detto che non se ne andrà, che il 95 per cento degli yemeniti è con
presidente Basher al Assad (a sinista nella foto con la moglie lui, ma intanto il presidente Ali Abdullah Saleh continua a perdere
Asma) in Siria sembra avviarsi verso la fine. Dopo quasi due pezzi: da ieri non ha più il controllo di sei province su 18 del Paese. I
settimane di proteste contro il regime baathista e oltre 150 manifestanti antigovernativi continuano il loro sit-in di protesta in
morti negli scontri, il governo si è dimesso. È la prima volta da piazza Tarhir e chiedono le sue dimissioni. Lui non accenna passi
50 anni che un governo siriano lascia per le pressioni popolari. indietro: “Mi rivolgo a quelli che chiedono agli altri di andarsene: tocca
Il regime mostra i suoi ultimi colpi di coda: ieri ha portato a voi lasciare il paese. Tutti hanno cospirato per abbattere il governo -
nelle strade di Damasco decine di migliaia di suoi sostenitori. ha aggiunto - al Qaeda, gli houthi (i ribelli sciiti, ndr) e i separatisti”.

Accordo sul dopo-Gheddafi


Ma il Colonnello non se ne va
INTESA INTERNAZIONALE A LONDRA: SDOGANATI I RIBELLI
E IL DITTATORE SARÀ SPINTO ALL’ESILIO
l vertice di Londra sulla Libia aerei, l’avanzata dei ribelli verso

I
no elezioni e democrazia. Il mi- che Gheddafi lasci la Libia e che
partorisce il topolino di un nistro degli esteri francese Alain Est e verso Sirte e Tripoli. Ghed- potrebbe prevedere – sono ipo-
‘gruppo di contatto’ che do- Juppé è pronto a discutere con lo- dafi manda un messaggio dei suoi tesi – l’esilio del dittatore, magari
vrà pilotare politicamente ro di aiuti militari, anche se le ri- all’Occidente: “Siete come Hi- in un Paese dell’Africa, e il passag-
gli sviluppi della crisi e tratteg- soluzioni Onu non ne prevedo- tler, state conducendo un’offen- gio dei poteri alle tribù. Francia e
giare il ‘dopo-Gheddafi’, mentre no. Washington e Parigi manda- siva barbara, un’operazione di Gran Bretagna propinano la loro
la Nato s’appresta, finalmente, no emissari a Bengasi: vi aprono o sterminio”. E chiede che la crisi linea: Gheddafi deve andarsene
ad assumere la guida delle ope- vi stanno per aprire ambasciate. libica sia gestita dall’Unione afri- subito, gli insorti devono prende- DECIMO GIORNO DI GUERRA
razioni militari: dopo rinvii, do- E c’è chi pensa di offrire al Colon- cana, che a Londra non ci va. Ma, re il potere.
vrebbe accadere domani. nello una via d’uscita, magari se finora, o almeno fino all’inter- Anche se i Paesi arabi non hanno
un’ipotesi d’esilio: il ministro de- vento militare internazionale, il brillato a Londra per la loro pre-
AL VERTICE, presenti una gli esteri britannico William Ha- tempo giocava a suo favore, ades- senza e per la loro intraprenden-
quarantina di Paesi e di organiz- gue lo conferma indirettamente: so il tempo che passa pare piut- za, la prossima riunione del Basi aeree
zazioni internazionali, ma assenti “Noi non ci stiamo pensando, al- tosto scandire il conto alla rove- ‘gruppo di contatto’ – formula di-
la Russia e l’Unione africana, il se- tri – e fra questi vi sarebbe l’Italia scia del regime. plomatica che evoca le crisi dei
gretario di Stato Usa Hillary Clin- – lo stanno facendo”. Il respon- Balcani degli anni ‘90, con lo Gharian
ton chiarisce che la missione an- sabile degli Esteri del Consiglio ANCHE SE GLI USA, e non smembramento della ex Jugosla- Ben Jawad
drà avanti fino a quando Ghedda- nazionale di transizione solo loro, hanno fretta: “Agire era via e le guerre di Bosnia e del Ko-
fi non avrà completamente sod- Mahmoud Jibril chiede, però, nostro dovere – dice agli ameri- sovo - si svolgerà in Qatar, unico Mizdah
disfatto le condizioni dell’Onu, che i crimini commessi non resti- cani Barack Obama – ma la Libia Paese arabo, con gli Emirati, atti- La valle rossa
‘cessate-il-fuoco’ immediato e no “impuniti”. non sarà un nuovo Iraq”. vo nella coalizione militare. La
corridoi umanitari. L’ultimatum politico della comu- Il ministro degli Esteri Frattini, speranza di tutti è che, di qui ad
A margine della riunione, i rap- nità internazionale al regime libi- dopo i giorni del confronto con allora, Gheddafi sia uscito di sce-
presentanti degli insorti hanno co arriva proprio nel giorno in Parigi e Londra, spiega che l’Italia na e la ‘nuova Libia’ sia nata. Ma
incontri e intrecciano contatti: se cui, sul terreno, le truppe del dit- cerca una soluzione condivisa, pochi ci credono davvero.
e quando vinceranno, prometto- tatore fermano, nonostante i raid che ha come punto fermo il fatto (G. G.)

IL FRONTE L’ambasciatore all’Onu della crisi, c’è stata molta cautela.


Per noi, la posizione italiana è quella di Na-
“Il nostro petrolio politano. È stato corretto. È stato lui che ha
CENTO CHILOMETRI garantito all’Eni
cambiato completamente la situazione.
Gheddafi se ne deve andare. Ma dove?

DI “RITIRATA STRATEGICA”
Magari in Zimbabwe, lì ci sono già tanti dit-
anche dopo il raìs” (FOTO LAPRESSE)
tatori, sarebbe in buona compagnia.
Lei ha appoggiato il raìs per una vita:
quando ha deciso di abbandonarlo?
esercito rivoluzionario libico ha compiuto ieri una “ritirata di Matteo Bosco Bertolaso raham Shalgam, che appoggia gli insorti. In uno dei suoi primi discorsi aveva detto che
L’ria,strateg ica”. Di 100 chilometri. Davanti ai colpi dell’ artiglie-
ai razzi Grad e alle mitragliatrici pesanti delle forze di Ghed-
New York Tutto pronto insomma?
Sì, abbiamo detto a Scaroni, qualche giorno
gli insorti erano insetti, pagati da al Qaeda.
Chi sarà il successore del Colonnello?
dafi, i rivoluzionari sono arretrati precipitosamente fino al vil- Eni può riprendere le attività nella Libia fa qui a New York, che possono tornare a la- Il popolo libico! Vedrete, avremo elezioni.
laggio di Ben Jawad, da dove appena due giorni fa sembravano
aver preso lo slancio decisivo per il salto verso Sirte, città natale
L’trivellazioni
controllata dai ribelli, e ricominciare le
a Bu Attifel, nella zona di Ben-
vorare a Bu Attifel.
Durante la visita del presidente Napoli-
Ha qualche nome in mente?
Ci sono tante persone oneste in Libia, nel
di Gheddafi, e per questo altamente simbolica, e ben protetta. E gasi. Nel giacimento in mezzo al deserto, il tano al Palazzo di Vetro, lei ha voluto in- Consiglio nazionale di transizione (il Cnt, or-
colpita, come le altre roccaforti del regime (Tripoli, Ghalian) dai cane a 6 zampe controlla, assieme a una so- contrarlo e parlargli. Cosa gli ha detto? gano politico della rivoluzione, ndr), ma an-
missili Cruise (circa una ventina) e dagli aerei (oltre un centinaio cietà libica, una quarantina di pozzi. Rappre- Che l'Italia deve schierarsi con chiarezza con che tra gli uomini che stavano con Gheddafi.
le missioni ieri) alleati. sentanti della rivoluzione cirenaica hanno Francia e Gran Bretagna, lasciando perdere Il ministro della Giustizia, a esempio, si è
Allora, dopo 5 giorni di raid aerei della coalizione internazionale, incontrato discretamente gli uomini di Paolo le posizioni più moderate, tipo Germania. schierato con noi.
era stato il vice ministro degli esteri di Tripoli, Khaled Kaaim, a Scaroni, l’ad del colosso energetico. Lo ha Roma deve dire due parole: via Gheddafi. Pensa che il raìs abbia le ore contate?
parlare di “ritirata strategica”. I fatti sembrano aver spazzato via detto l'ex delegato libico all’Onu Abdur- Nel governo Berlusconi, specie all'inizio Sì, durerà al massimo altre due settimane.
l’ironia con cui molti avevano accolto la sua affermazione. Se-
condo quanto hanno riferito dei combattenti volontari rientrati
dalla prima linea, le forze lealiste hanno aspettato a una cinquan- Afghanistan
tina di chilometri da Sirte i rivoluzionari, e li hanno affrontati e
presi di mira con il fuoco pesante, anche dai fianchi, costrin-
gendoli a ripiegare. Classica “manovra a tenaglia”.

E IN REALTÀ, PIÙ CHE “STRATEGICA”, anche la ritirata


Il soldato-killer “senza bussola morale”
dei ribelli è sembrata piuttosto disordinata. Decine di pick-up ca- di Guy Adams dahar, nell’arco di 12 mesi, ave- Morlock, terzo di 8 figli, è nato a contare quello che ho visto”, scri-
riche di ribelli e di armi hanno fatto una rapida conversione a “U”, va ucciso per sport tre locali iner- Wasilla, Alaska, da una famiglia veva in una lettera indirizzata al-
e nel deserto, hanno cercato di portarsi al riparo dal fuoco dei na foto lo ritrae mentre mo- mi. operaia discendente da una tribù la madre, Audrey, dalla quale si
soldati di Gheddafi, dietro a dune e collinette. Alle porte Ovest di
Ben Jawad, questa mattina l’atmosfera era quindi di grande ten-
Utografica
stra a favore di macchina fo-
il volto sanguinante del-
Morlock ha patteggiato la pena
dicendosi disposto a fornire pro-
Athabasca. Da giovane ha gioca-
to a hockey sul ghiaccio insieme
capiva che era traumatizzato e
che soffriva di insonnia.
sione. C'erano solo poche decine di volontari male armati e spa- la giovane vittima: ecco come il ve che porteranno all’incrimina- all’amico Track Palin in una squa-
ventati. Alcuni di loro continuavano ad esortare i giornalisti ad caporale Jeremy Morlock festeg- zione di altri quattro commilito- dra presieduta da Sarah Palin. Morloch cominciò presto a
andarsene, perchè “qui è troppo pericoloso”. giava l’assassinio di un innocente ni. In cambio della sua collabo- Nel 2006 è entrato nell’esercito. fumare marijuana coltivata in Af-
“Ci sono dei miliziani di Gheddafi annidati nelle case abbando- civile afgano trattato alla stregua razione dovrebbe uscire in liber- Durante il periodo di addestra- ghanistan e i medici militari gli
nate”, diceva a sua volta un anziano e sdentato abitante del vil- di un alce abbattuto nelle foreste tà condizionale prima del com- mento ha sofferto di nostalgia e prescrissero antidolorifici, antide-
laggio. Nel giro di una decina di minuti, una “pattuglia” di com- della natia Alaska. pimento dei 30 anni di età. di attacchi di depressione aggra- pressivi e sonniferi. Stando a un
battenti ha organizzato un rastrellamento “casa per casa”, mentre La foto del 23enne soldato ame- vati dalla morte improvvisa del rapporto dei medici militari sof-
si udivano molti colpi di artiglieria e di mortaio sempre più vicini, ricano pubblicata da Der Spie- La versione afgana dello scan- padre Richard, annegato nel friva di sindrome post-commoti-
e sullo sfondo, a meno di un chilometro, si alzava una colonna di gel, ha colpito l’opinione pubbli- dalo di Abu Ghraib con ogni pro- 2007. va, dipendenza da cannabis, abu-
fumo nero. Anche a Ras Lanuf, il centro petrolifero a una sessan- ca mondiale. Persino l’esercito babilità lascerà importanti inter- Nell’estate del 2009, Morlock ha so di oppiacei e sedativi e di di-
tina di chilometri più indietro, l’atmosfera era cupa. La città, ormai americano ha definito l’immagi- rogativi senza risposta. Gli alti uf- iniziato una missione nell’Afgha- sturbi della personalità. Non di
pressochè deserta, era percorsa da gruppi di “rivoluzionari” alla ne “ripugnante”. ficiali erano a conoscenza delle nistan meridionale durato un an- meno non fu allontanato dalla
ricerca di “di miliziani di Gheddafi”, a loro dire “nascosti e pronti a Jeremy Morlock è stato condan- attività dello “squadrone della no. È entrato in “contatto” con le prima linea.
colpire” e “difficile da riconoscere”. nato a 24 anni di reclusione da mor te”? Si preoccupavano della forze nemiche in quattro occa- Morlock ha confessato di aver ini-
“È stata una ritirata strategica”, per permettere ai rivoluzionari “di scontare in un carcere militare. salute mentale dei giovani posti sioni. Dopo il terzo scontro a fuo- ziato a uccidere afgani inermi in-
essere fuori dal tiro dei soldati e dei miliziani di Gheddafi”, ha Morlock si era dichiarato colpe- sotto il loro comando? Questi sol- co gli è stata diagnosticata una sieme ai suoi colleghi poco dopo il
affermato Iman Bugaighis, una portavoce del Cnp, sostenendo vole e aveva ammesso di far par- dati sono solamente capri espia- commozione cerebrale. “Sono Natale del 2009, sembra su isti-
che “Ben Jawad è però ancora sotto il nostro controllo, anche se i te di uno “squadrone della mor- tori di una realtà più grande di qui da appena due mesi e credo gazione del sergente Calvin Gib-
combattimenti si svolgono ora alle porte del villaggio”. te” che nella provincia di Kan- loro? che non sarò mai capace di rac- bs, collezionista di dita delle sue
Mercoledì 30 marzo 2011

LIBIA SENZA RITORNO

Iraq, attentato a Tikrit Scommesse, in picchiata la soluzione rapida


Almeno 65 morti e 100 feriti: è il bilancio dell'attentato che ieri ha La crisi libica finisce sui tavoli dei bookmaker, ma
colpito Tikrit, la città natale di Saddam Hussein, in Iraq. Un commando continua a perdere punti l’ipotesi di una soluzione
armato di cinture esplosive e granate ha attaccato la sede del Consiglio relativamente rapida del conflitto: il 73,5% degli
provinciale, tenendo in ostaggio per ore alcuni consiglieri. Tutto è scommettitori ha puntato sul rovesciamento di Gheddafi
iniziato alle 12.40 quando un kamikaze si è fatto saltare in aria, aprendo entro fine anno. Le giocate che ipotizzano una svolta
la strada ad altri 10, che hanno fatto irruzione nell'edificio. Secondo entro la fine di aprile invece crollano da oltre il 70% al
fonti della sicurezza, almeno due kamikaze si sono fatti esplodere 40%. Tra gli altri paesi in rivolta, si scommette
all'interno. Tra i consiglieri sequestrati, le vittime sono almeno tre. soprattutto sulla caduta del regime yemenita.

N
I BLUFF ITALIANI FUKUSHIMA
È incubo
plutonio

SUL TAVOLO S cenario ancora


“imprevedibile” a
Fukushima secondo il
premier giapponese
Naoto Kan dopo il
rilevamento di plutonio

DEL MONDO (prodotto della fusione)


nella centrale. Nuova
scossa di terremoto di
magnitudo 6,4 al largo
della prefettura di
Fukushima
L’inaffidabilità diplomatica
ci relega nelle retrovie
stioni delicate. I PARERI
Ma è pure vero che dai tempi
delle ‘cene delle potenze di Ber-
lino’ a quelli delle video-confe- SERGIO ROMANO
renze (sempre a 4), l’Italia di Mr Sarkozy non vuole la Nato, per
B non pare avere conquistato af-
fidabilità internazionale: anzi, questo non ci invita ISRAELE
sta sperperando un capitale di Bisognerebbe prima capire chi ha
Manovra a U credibilità costruito con il sacri- convocato il vertice: potrebbe Un religioso guida
Un gruppo di ribelli in ritirata dal ficio dell’impegno militare dal essere stato Sarkozy che l’intelligence
fronte di Sirte verso l’avamposto di Libano degli anni ‘80 al Libano sappiamo vorrebbe evitare che
Ben Jawad (FOTO LAPRESSE) attuale, con scelte quasi tutte
fatte nella legalità internaziona-
le (dalla Guerra del Golfo del
l’operazione passi sotto il
controllo Nato: vuole per la
Francia una posizione di maggiore
stati lasciati fuori. Io non sono
d'accordo con la guerra, la trovo
Y oram Cohen è il
nuovo capo dello
Shin Bet, il servizio di
di Giampiero Gramaglia sa italo-tedesca. Ma, al momen- 1991, alla ex Jugoslavia, e anco- spicco e vuole avere la possibilità azzardata, ma escluderci è stato intelligence israeliano. La
to di vedere le carte, l’Italia non ra all’Afghanistan), ma anche, al- di fare cose che sotto l’Alleanza un errore madornale: in queste nomina, annunciata dal
el 1494, Carlo VIII di aveva in mano neppure una meno una volta, nel caso dell’in- primo ministro Benjamin

N
verrebbero escluse. Ricordiamoci situazioni non si ragiona su grandi,
Francia aveva invaso l’Ita- scartina tedesca, mentre Sarko- vasione dell’Iraq nel 2003, in pa- il Kosovo: ogni mattina si riuniva il medie o piccole potenze, i paesi Netanyahu, ha acceso il
lia ed era entrato con il zy e Cameron facevano poker lese violazione di essa pur di comitato che decideva cosa vengono invitati in base al loro dibattito interno, perchè
suo esercito a Firenze, d’assi con Obama e proprio compiacere l’alleato america- sarebbe stato bombardato. coinvolgimento, alla loro utilità, si tratta del “primo capo
che aveva cacciato i Medici e si con la Merkel. no. Gli insuccessi più recenti so- Sarkozy invece vuole che la all'interesse che presentano. dello Shin Bet a indossare
era proclamata Repubblica. Il no funzione dell’inaffidabilità direzione strategica e politica L'Italia, per il fatto di essere stata la kippah”. Da decenni, il
re voleva imporre condizioni ORA, SARÀ anche vero, co- percepita di Mr B. e della sua rimanga fuori da tale controllo. in Libia tanti anni, per avere servizio di sicurezza era
molto dure ai fiorentini, pena il me sostiene Frattini, che il équipe. Certo, nel caso della ri- L’'Italia ha una posizione controllo unità marittima, doveva sempre stato guidato da
saccheggio della città da parte pre-vertice telefonico a 4 di lu- volta in Libia, l’Italia partiva con diametralmente opposta: ripeto, esserci. laici.
dei soldati al suono delle sue nedì sera, prima del consulto di un handicap probabilmente im- se il vertice è stato convocato da Ambasciatore ed editorialista del
trombe. Allora, Pier Capponi, a ieri a Londra, non era un eser- possibile da sormontare: trop- Sarkozy, è per questo che siamo Corriere della Sera COSTA D’AVORIO
capo della Repubblica, respin- cizio d’esclusione dell’Italia. po amica del raìs, per essere
se le richieste e rispose al re: “Se C’è stata tutta una lunga stagio- considerata un’interlocutrice JEAN-PIERRE DARNIS Attacco
voi suonerete le vostre trombe, ne diplomatica, a esempio, in credibile dagli interpreti del ‘do- Una competizione ai caschi blu
noi suoneremo le nostre cam- cui ogni vertice Nato e ogni riu- po Gheddafi’. Ma, proprio per
che non può sostenere
pane”, che avrebbero chiamato
alle armi il popolo e sollevato
una rivolta contro l'invasore. A
nione ministeriale del Consiglio
atlantico erano preceduti da
una ‘cena delle potenze di Ber-
questo, Roma doveva muoversi
con prudenza, magari senza
pretese di protagonismo, ma
Francia e Regno Unito
interpretano il loro classico ruolo
L a missione delle
Nazioni Unite in Costa
d’Avorio (ONUCI) ha
Pier Capponi, andò bene: l'in- lino’ (Usa, Gb, Francia e Germa- piuttosto con un’attenzione al- di potenza europea. L'Italia dalla denunciato l’attacco
timidazione, che poteva anche nia), che aveva una sua logica l’efficacia della sua azione, po- Seconda guerra mondiale in poi ha subito da uno dei suoi
essere un bluff, ebbe successo (allora, c’era il Muro), ma che litica ed economica, militare e interpretato un altro ruolo: una elicotteri che effettuava
e Carlo VIII, senza manco vede- spesso consentiva di mettere i umanitaria. Anche la politica politica estera e di sicurezza che prudente, felpato, contraddetto un volo di ricognizione su
re, rinunciò alle sue pretese. Al puntini sulle i dei temi all’ordine estera, richiede misura e profes- gioca la carta multilaterale, con però da tentazioni di Duekouè ad opera di
ministro degli Esteri Frattini, in- del giorno; e, per venire ai gior- sionalità: l’Italia ha una diploma- una forte componente di politica competizione con Francia e elementi delle Forze
vece, non è andata altrettanto ni nostri, Obama da circa un an- zia di qualità che merita una gui- economica (scambi ed energia: Regno Unito. Roma può vantare repubblicane, che
bene: a Francia e Gran Breta- no ha inaugurato una video-con- da politica migliore di quella of- spicca il ruolo dell'Eni). La si relazioni approfondite con la sostengono il presidente
gna, che avevano annunciato ferenza mensile con Parigi, Lon- ferta da Mr B. e da quello che i potrebbe definire una “potenza struttura tribale e con eletto Alassane Ouattara.
una loro iniziativa sulla Libia, ha dra e Berlino per fare il punto cablo di Wikileaks definiscono multilaterale”. E dagli anni ‘80 ha interlocutori del vecchio e nuovo La missione Onu
risposto ipotizzando una mos- con i partner europei sulle que- “il fattorino”. alzato il profilo globale con la regime, ma non riesce a utilizzarle “condanna con la
partecipazione a vari interventi al meglio. Mettersi in concorrenza massima forza questo
internazionali (oggi, Kosovo, con Parigi e Londra può portare a attacco contro i caschi
Abu Ghraib afgana Afghanistan e Libano). L’Italia si fenomeni, reali o percepiti, blu”.
Il caporale americano fotografato con configura quindi come una d’esclusione.
una delle sue vittime. Le immagini potenza ‘soft’. In Libia, anche con direttore “relazioni PORTOGALLO
pubblicate dal settimanale tedesco Spiegel riferimento al passato coloniale, franco-italiane” Université de Nice,
hanno fatto il giro del mondo ha avuto un atteggiamento vicedirettore sicurezza e difesa Iai. Lula: “No
agli aiuti Fmi”
marziale. Diversi soldati hanno JAMES WALSTON
fatto rapporto ai superiori denun-
ciando l’abuso di droghe e nume-
rosi casi di bullismo, ma le de-
Profili inaffidabili
e conflitti d’interesse
L’ ex presidente del
Brasile Luiz Ignacio
Lula rivolge un appello al
nunce sono state ignorate. La fa- Il ministro degli Esteri britannico Portogallo, nel giorno in
miglia di un soldato che aveva Douglas Hurd diceva del Regno cui S&P ha abbassato il
scritto su Facebook, che a suo giu- Unito, che si batte al di sopra delle rating del Paese, invitando
dizio venivano deliberatamente proprie forze; l’Italia si batte molto il governo a “non
uccisi civili inermi, ha informato il al di sotto delle proprie forze: accettare il salvataggio”.
quartiere generale di Seattle, ma avrebbe il potere, economico e non è esser stati vicini a Gheddafi, Secondo Lula, accettare
non è scattata alcuna indagine militare, geografico e demografico, perché lo sono stati anche francesi risorse dal Fondo
interna. di essere una media potenza, ma e britannici e lo era stato pure monetario internazionale
Dal canto suo Morlock nel corso nel primo dopoguerra non ne Prodi, ma di come gli sei stato e dell’Ue non risolve i
del processo non s’è mai difeso aveva la volontà politica, anzi aveva vicino: non solo con il baciamano, problemi, perchè le
vittime e veterano dell’Iraq. avvocati di Gibbs e degli altri im- dando la colpa del suo compor- la volontà contraria. Nella ma per l’ennesima volta con un condizioni imposte non
I tre omicidi giudicati dalla Corte putati contestano le affermazioni tamento all’abuso di psicofarma- cosiddetta Seconda Repubblica conflitto di interessi. Un premier faranno che aggravare la
marziale risalgono al gennaio, di Morlock. ci, allo stress, a problemi psichia- molto spesso le sono mancate non che ha relazioni personali con situazione. Il Brasile fece
febbraio e maggio dello scorso trici o alla noncuranza dei co- la volontà, ma la capacità e Putin e Gheddafi e che è pure il più ricorso agli aiuti del Fmi
anno. Secondo la testimonianza L’estate scorsa il comandante mandi militari. Dinanzi alla corte l’affidabilità politiche. Con la grande imprenditore del Paese nel 1998, quando ricevette
di Jeremy Morlock, i militari della brigata di cui faceva parte ha ammesso: “Ho perso la mia sinistra non c’era la stabilità. Ora non può essere interlocutore 41,5 miliardi di dollari.
avrebbero messo delle armi in Morlock, il colonnello Harry Tun- bussola morale”. c’è l’inaffidabilità percepita sia del affidabile. Ieri la presidente Dilma
mano ai cadaveri per poter af- nell, è stato sollevato dal coman- Copyright The Independent - premier che del ministro degli professore di Relazioni Rusself ha dichiarato che
fermare di essere stati oggetto di do e pochi giorni fa è stato rin- Traduzione di Carlo Antonio Bi- Esteri: più dei personaggi che del internazionali alla American il Brasile è disposta a
una imboscata. Ovviamente gli viato a giudizio dinanzi alla Corte scotto sistema. Con la Libia, il problema University of Rome soccorrere il Portogallo.
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 13

ECONOMIA

PANICO IN BANCA
A sorpresa Ubi chiede soldi ai soci
E la Borsa teme che altri istituti la seguano presto
di Vittorio Malagutti tori hanno venduto a piene ma- mento di capitale per rimettere analisti sono tutti d’accordo. Il le anche se il bilancio si è rive-
Milano ni i titoli Ubi, che sono andati a in linea il patrimonio e racco- fatto nuovo è che i soldi al mer- lato migliore rispetto alle aspet-
picco. A fine seduta il calo ha su- gliere le risorse destinate al rim- cato li ha chiesti anche una ban- tative della vigilia. Stesso discor-
iamo una tra le banche perato il 12 per cento. Peggio borso dei Tremonti bond. Il ca come Ubi che nelle previsio- so per il Banco Popolare che i

“S più patrimonializzate
d’Italia e anche a livello
europeo”. Così parlò il
21 gennaio scorso Victor Mas-
siah, amministratore delegato
ancora. L’annuncio di Ubi ha in-
nescato ribassi a catena per tutti
i titoli bancari. Il bollettino fina-
le è pesantissimo: i due big In-
tesa e Unicredit sono arretrati
crollo delle banche ha trascina-
to al ribasso l’indice di Borsa, in
rosso dell’1 per cento circa.
In realtà la tempesta di ieri riflet-
te le preoccupazioni diffuse tra
ni del mercato poteva farne a
meno. Che cosa è successo? Si è
forse mossa la Banca d’Italia im-
ponendo un intervento imme-
diato? Questi gli interrogativi
soldi agli azionisti li ha addirit-
tura già chiesti due mesi fa. An-
che in questo caso però c’è il ti-
more, al momento senza giusti-
ficazioni di sorta, di nuove brut- Victor Massiah di Ubi banca (FOTO EMBLEMA)
di Ubi Banca. Passano due mesi rispettivamente del 4,5 e del 3,7 gli investitori sulla tenuta dei che corrono sul mercato. Il re- te sorprese nei conti. Il clima, in-
e Massiah smentisce se stesso. per cento. Indietro del 4,5 an- conti delle banche, alle prese sto lo ha fatto la speculazione, somma, è quello che è, con i ri- tuti si trovano a percorrere un
Lunedì sera l’istituto con base a che Monte Paschi. È andata an- con l’adeguamento ai nuovi e colpendo gli istituti che nelle bassisti scatenati all’attacco del- sentiero strettissimo. Da una
Bergamo, ben radicato nel ricco cora peggio al Banco Popolare più severi requisiti patrimoniali valutazioni degli analisti sareb- le banche. Un fatto che finisce parte governo e imprese chie-
Nord-ovest, ha annunciato un (meno 6,9 per cento) e alla Po- imposti, a partire dal 2013, dalle bero più bisognose di capitali per rendere più difficili le even- dono ai banchieri di aiutare la ri-
aumento di capitale fino a un polare Milano, in ribasso del 7 nuove regole di Basilea 3. Per te- supplementari. tuali prossime ricapitalizzazio- presa con i loro prestiti. Dall’al-
miliardo di euro per “migliorare per cento circa. Su quest’ulti- nere il passo con i ratios alcuni In prima fila c’è la Popolare di ni. tra la Banca d’Italia chiede pru-
la qualità del patrimonio”. ma, in particolare, gravano le istituti saranno costretti a varare Milano, che però ieri sera, nella “Se ci sarà richiesto, le fondazio- denza, preme perchè gli istituti
Che cosa sarà mai accaduto per nubi nere di un possibile au- aumenti di capitale. E fin qui gli riunione del consiglio di ammi- ni bancarie non si tireranno in- rafforzino il patrimonio. Come?
innescare un simile dietro front, nistrazione, avrebbe deciso di dietro”, ha detto lunedì Giusep- Tagliando i dividendi per i soci.
si chiedevano ieri analisti e in- rinunciare (per il momento) a pe Guzzetti, presidente della Oppure, nei casi più gravi, va-
vestitori. Siccome da Massiah e
dai suoi collaboratori non è ar-
Crollano le azioni del settore chiedere soldi ai soci. E poi il
Monte dei Paschi di Siena,
Fondazione Cariplo, grande
azionista di Intesa, un’altra ban-
rando aumenti di capitale. In
Borsa lo sanno. E non apprezza-
rivata una risposta chiara, in
Borsa è successo quello che ca-
creditizio per i dubbi degli analisti che proprio ieri ha presentato i
conti 2010. Niente da fare, il ti-
ca per cui alcuni analisti non
escludono un possibile ricorso
no. Soprattutto quando, come è
successo per Ubi, le banche di-
pita sempre in questi casi. La- tolo ha perso terreno nel timore al mercato per raccogliere nuo- cono una cosa e poi ne fanno
sciati nell’incertezza, gli opera- sulla tenuta dei conti di prossime manovre sul capita- vi mezzi. Certo è che molti isti- un’altra.

Centrale latte Roma, scandalo sulla pelle dei lavoratori


LA GIUNTA RUTELLI LA SVENDETTE A CRAGNOTTI, ALEMANNO SE L’È RIPRESA DALLA PARMALAT IN TRIBUNALE. E I DIPENDENTI RISCHIANO
di Daniele Martini taristi Cgil, Cisl e Uil di Roma e del Lazio ponti d’oro e lui se ne approfitta. cento già posseduto met- consumo locale, il 60
avevano messo sul conto del primo cit- La Cirio è con l’acqua alla gola, esposta tendo quel patrimonio in per cento circa della
i mezzo ci stanno andando i lavora- tadino “gli eventuali licenziamenti e i soprattutto con la Banca di Roma di Ce- produzione totale, tra-
Dfrancesi
tori. Tra la Parmalat sotto attacco, i
di Lactalis all’offensiva, il go-
contraccolpi occupazionali su tutto
l’indotto”. Nel frattempo, e anche in se-
sare Geronzi e la vendita appare obbli-
gata. Il settore latte del gruppo, con la
bilancio per una quota
dell’81 per cento e un
valore di libro di oltre
sferendo altrove il re-
stante 40 per cento
verno di Silvio Berlusconi sul punto di guito all’ingresso sulla scena di Lactalis, Centrale romana in primo piano, viene 100 milioni di euro. costituito soprat-
dichiarare guerra a Parigi (metaforica- la faccenda si è ingarbugliata ancora di infilata in una nuova entità, Eurolat, e In pratica con quella tutto da latte fresco
mente parlando, s’intende), il sindaco più e mentre si susseguono le riunioni e venduta a Parmalat a un prezzo 10 volte mossa la Centrale del e microfiltrato a mar-
di Roma, Gianni Alemanno, che lesto gli incontri di “chiarimento”, sta diven- superiore a quello pagato al Comune: Latte è ritornata pubbli- chio Parmalat. Per lo
lesto ha messo in bilancio alla voce pa- tando quasi impossibile ritrovare il ban- 800 miliardi di lire. Rutelli potrebbe ca, di proprietà comuna- stabilimento di Roma è
trimonio la Centrale del latte già di pro- dolo. bloccare la vendita e invece la autorizza le. un colpo durissimo che
prietà dell’azienda di Collecchio, la accontentandosi di una penale un po’ significa, appunto, cassa
Ariete Fattoria Latte Sano pronta a chie- TUTTO COMINCIA 14 anni fa, ai più sostanziosa, non un misero miliar- TUTTO BENE? Neanche per integrazione e in prospettiva li-
dere 50 milioni di euro di danni all’am- tempi della giunta di Francesco Rutel- do, ma 15. sogno, anzi, a quel punto sono ar- cenziamenti.
ministrazione capitolina e infine i 200 li. Il sindaco e l’assessore al bilancio, Inevitabili i ricorsi e l’attivazione dei rivati altri guai, più grossi dei prece- Non è finita perché la sentenza del Con-
maggiori produttori del Lazio riuniti Linda Lanzillotta, decidono di priva- tribunali. Dopo più di un decennio e 12 denti. Il primo, il più evidente e forse siglio di Stato ha riportato in prima fila
nella finanziaria Finlatte ingolositi dal- tizzare la Centrale che perde quattrini a gradi di giudizio, il Consiglio di Stato ha anche il più scontato è che Parmalat ha altri attori affollando la scena. Ringalluz-
l’impianto romano di via Fondi di Mo- rotta di collo (50 miliardi di lire secondo infine dichiarato nulla la vendita origi- preso cappello e ha presentato ricorso zita, la famiglia Lorenzoni di Fattoria
nastero, ecco, tra tutti questi galli nel il bilancio 1998). Tra le quattro aziende naria a Cragnotti sostenendo in sostan- in Cassazione sentendosi ingiustamen- Latte Sano ha chiesto al comune di Roma
pollaio chi rischia grosso sono, appun- candidate all’acquisto, Parmalat, Cirio, za che quest’ultimo fu favorito e che te colpita dopo aver fatto della Centra- 50 milioni di euro a titolo di riparazione
to, i lavoratori. Almeno 70 dei 177 di- Granarolo, Fattoria Latte Sano, la spunta Parmalat si era fatta da parte in base ad le la migliore azienda alimentare laziale dei danni per l’esito della gara di 14 anni
pendenti fissi della Centrale potrebbe- la Cirio di Sergio Cragnotti con un’of- una combine, sapendo di poter torna- insieme alla Peroni, con 130 milioni di prima, mentre i 200 maggiori produtto-
ro rimetterci il posto, più altri 2.000 cir- ferta di 80 miliardi di lire. Il contratto di re in ballo acquistando successivamen- litri lavorati, 140 milioni di euro di fat- ri di Roma, Viterbo e Latina riuniti nella
ca della filiera che ruota intorno allo sta- cessione gli impone il divieto di riven- te Eurolat. Senza aspettare l’ultimo gra- turato e un margine operativo lordo di Finlatte si sono candidati all’acquisto
bilimento romano. dere l’impianto nei 5 anni successivi, pe- do di giudizio, cioè la Cassazione, e quasi 20 milioni. Prendendo a sua volta dell’81 per cento della Centrale dopo
Sentendo puzza di bruciato, i lavoratori na il pagamento di una penale equiva- prendendo la palla al balzo, il sindaco la palla al balzo in seguito ad un incen- aver ricevuto da Alemanno ripetuti in-
della Centrale hanno scioperato e orga- lente al prezzo di acquisto. È una misura Alemanno a quel punto ha imposto a dio disastroso scoppiato nell’impianto viti a farsi sotto proprio mentre si face-
nizzato sit-in per protestare contro il severa, ma, colpo di scena, proprio al Parmalat di trasferire le sue quote della romano ad agosto 2010, qualche set- vano avanti anche i francesi di Lactalis.
sindaco Alemanno accusato di aver in- momento della firma del passaggio di Centrale al comune di Roma, circa il 75 timana fa, al momento di riprendere la In mezzo a questo guazzabuglio, il ri-
dotto la Parmalat “a rimettere in discus- proprietà, la sanzione viene drastica- per cento, anche se la sentenza non lo produzione dopo la riparazione dei schio a questo punto è che sulla Centra-
sione le strategie di investimento” su mente ridotta, da 80 miliardi ad appena aveva previsto espressamente e in un danni, ha fatto sapere che a Roma con- le del latte torni ad aleggiare lo spettro di
Roma, mentre i sindacati degli alimen- uno. In pratica a Cragnotti vengono fatti batter d’occhio l’ha sommato al 6 per tinuerà a produrre solo il latte per il una Cirio numero 2.

E, Il nuovo mensile
di EMERGENCY.
Per chi è stanco
di farsela raccontare.
Illustrazione di Maria Gianola

Nasce il nuovo mensile di EMERGENCY.


Diretto da Gianni Mura e Maso Notarianni,
parla del mondo e dell’Italia che vogliamo.
Una rivista bella, utile e intelligente, che
racconta storie vere e approfondisce
l’attualità ispirandosi ai valori di EMERGENCY:
uguaglianza, solidarietà, giustizia sociale,
libertà. Le cose in cui preferiamo credere.
E queste non sono favole.
Dal 6 aprile in edicola.
> www.e-ilmensile.it
> info@e-ilmensile.it Il nuovo mensile di Emergency.
> tel 02-801534 Leggi a occhi aperti.
pagina 14 Mercoledì 30 marzo 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

SERVIZIETTO PUBBLICO

DI TUTTO, DI PIÙ Corona


Il suo
Lecce
Ospiti
New York
John
G. Rossi
È lui l’arma

La Rai distribuisce
avvocato: del Festival Travolta, Pitt segreta
non ha mai Servillo e Jolie di Prandelli
rapito e i tre fratelli in mostra contro
il figlio Verdone all’Expo l’Ucraina

Dragomira Il film (di e con Michelle Bonev, amica di B.)


presentato con tanto di finto premio
a Venezia sbarca nelle sale con “01” per la modica cifra di 1 milione
di Federico Pontiggia ma: un ingrato compito? “Mac- petitivo”, ancor più con l’aiutino Bonev e la tarantiniana (non Prima a Vercelli
ché, nel film non ci sono cose po- italiano. Perché il romantico sito Quentin, Gianpaolo) Licia Nunez

Sul palco

S
litiche attuali”, cancellando mesi ce lo ricorda: “In occasione del da Barletta, potranno vedere i
di polemiche e scoop tenuti a bat- 60° anniversario della Conven- propri sforzi produttivi finalmen-
tesimo dalla Mostra di Venezia. zione europea per la Salvaguar- te coronati in sala. Almeno quella
Dimentichiamoli, e torniamo al dia dei Diritti dell’Uomo e delle tricolore, perché finora la Bulga-
film: “Mi ha molto sorpreso: già Libertà fondamentali, il ministro ria si è gentilmente sottratta: del-
nei primi 10-15 minuti ho visto il
cinema”, rivendica Lucherini,
echeggiando – anche il solo trai-
ler del resto lo conforta – Blade
per i Beni e le Attività culturali ha
conferito il premio speciale Ac-
tion for Women al film”. Correva
il giorno 3 settembre 2010, e alla
la serie, Goodbye Bonev.

GIÀ SANTIFICATO da falsa


targa a Venezia e ora affisso urbi
l’eroe
Runner: “Ho visto cose che voi
umani nemmeno potreste imma-
ginare”. Ma ha ragione lui, per-
ché la Bonev è davvero forte, e
sullo schermo non smette di ripe-
Sala Pasinetti del Palazzo del Ci-
nema di Venezia il “caloroso ab-
braccio” di Giancarlo Galan alla
Bonev assestava un colpo –
avremmo poi visto – micidiale al-
et orbi, unicamente il pubblico
decreterà il successo di questo
Arrivederci mamma in 80 copie,
perché non ci sarà conferenza
stampa: solo due proiezioni per
Ambrosoli
i fa presente che i diritti del film terlo, da buona mamma cattiva: la poltrona di Bondi. Eppure, Mi- poche intime penne, le stesse di Remo Bassini
Goodbye Mama sono stati acquisiti “Andate tutti al diavolo”, “Non mi chelle avrebbe potuto fare a me- che l’indomani potranno racco-
da Rai Cinema secondo le con- sono mai arresa”, “Io vinco sem- no di quelle governative dimo- gliere commenti ed esternazioni l bimbo si alza dal letto, è notte fonda. Forse ha atteso
suete procedure”. Sì, avete ragio-
ne: queste parole di Paolo Del
pre”. Del resto, è tratto da una sto-
ria vera: la sua, perché “racconta
strazioni d’affetto, perché “l’ave-
vo già vista in una fiction di due
di Bonev & Co. in una esclusiva
tavola rotonda. Evidentemente,
“I che il padre rincasasse. Nascosto dalla penombra, sen-
te la voce di uno sconosciuto: ti ammazzeremo come un
Brocco, amministratore delegato un intenso dramma familiare al anni fa, Artemisia Sanchez (Rai l’elevato tasso artistico, la com- cane, ti ammazzeremo come un bastardo. In realtà è una
di Rai Cinema, le avete già lette. femminile, la vita di quattro don- Fiction, ndr), e m’aveva colpito”, plessa drammaturgia e i sottote- registrazione, che papà e la mamma stanno sentendo. Non
Ai primi di dicembre, seguite da ne (una madre, due figlie, una dichiara Lucherini. Ma quell’aiu- sti ideologici sulla Bulgaria ieri, è la prima volta che il picciotto telefona. Chiede di lui,
quest’altre: “Quanto alle presun- nonna), i loro conflitti, le barrie- tino c’è stato, e l’8 aprile la pro- oggi e domani sconsigliano la vi- dell'avvocato Giorgio Ambrosoli, carattere schivo, gran fu-
te pressioni, Rai Cinema ha rice- re sociali, l’abbandono degli an- prietaria-presidente e la vicepre- sione ai palati meno fini o, forse, matore, tutto casa e chiesa. Nominato dalla Banca d'Italia
vuto dalla capogruppo (in buro- ziani”. È proprio Rai: di tutto e di sidente di Romantica, ovvero la l’inevitabile “domanda nel meri- commissario liquidatore della Banca privata italiana di Mi-
cratese, la Rai, ndr) una segnala- più, ma alla fine “l’amore che uni- chele Sindona, sta pestando piedi che non dovrebbe, di
zione relativa all’interesse istitu- sce le due sorelle darà loro la for- gente potente. Hanno già cercato di corromperlo, ma non
zionale, nell’ambito di un accor-
do bilaterale tra i ministeri della
za di sconfiggere i fantasmi del
passato e aprire i loro cuori ai so-
Niente è servito. Ora cercano di spaventarlo, e lo spaventano, ha
moglie e tre figli, l'avvocato.
Cultura italiano e bulgaro”. Non
per gusto vintage le ricordiamo,
gni e alla speranza di una vita nuo-
va”. Sinossi, ma il romanticismo
conferenza La vicenda di Giorgio Ambrosoli è nota. Cinque anni di
battaglie, impari: lui, con l'aiuto del maresciallo Silvio No-
ma perché Del Brocco, che è suc-
ceduto a Caterina D’Amico, oggi
è davvero di casa: produce Ro-
mantica Entertainment, con
stampa per vembre, è solo contro Sindona e contro l'esercito che spal-
leggia Sindona: la Dc di Andreotti, il Vaticano e il banchiere
non ritiene di tornare nel merito: sede a Roma e in Bulgaria, di Dio Marcinkus, P2, mafia, corrotti che lo spiano. Quando
per quei diritti Mamma Rai pagò “un mercato – leggiamo – Goodbye Mama arrivano le minacce, e nessuno pensa a proteggerlo, Am-
la bellezza di un milione di euro, estremamente com- brosoli sa che morirà giovane. E in una lettera testamento
ma dopo il rimpallo di responsa- Solo una alla moglie scrive: “Pagherò a molto caro prezzo l'incarico:
bilità (Masi, Del Brocco e D’A- lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento
mico) Piazza Adriana si risco- proiezione affatto perché per me è stata un'occasione unica di fare
pre poco imperiale, e molto mi- qualcosa per il Paese”. Di Ambrosoli, oggi, si parla ancora,
nimalista: “Il nostro è solo un ser- a inviti certo, mica capita a tutti i morti ammazzati d'essere ri-
vice distributivo”. cordati da un libro, Un eroe borghese, di Corrado Stajano, e
da un film, stesso titolo, per la regia di Michele Placido, ma
UN SERVIZIO, o in vulgata to” potrebbe far dire alla Bo- è anche vero, ricorda il figlio Umberto, “che a Giurispru-
più attuale “servizietto”, che por- nev un troppo frettoloso denza pochi sanno chi è stato mio padre”. Era stato lui che,
terà Goodbye Mama nelle nostre Goodbye? Ai posteri pa- di notte, aveva sentito la voce minacciosa.
sale l’8 aprile con 01 Distribu- ganti l’ardua sentenza, Una voce che risentiremo, stesse corde vocali del gian-
tion, il braccio distributivo e per ora il verdetto del nizzero di Sindona: perché al Teatro civico di Vercelli, ve-
prossimamente “una divisione di Mibac (delibera 12 ot- nerdì, Federico Grassi, attore sfornato dalla Bottega di Gas-
Rai Cinema”, in 80 copie. Davve- tobre 2010) sulle opere prime e sman, e la compagnia degli Anacoleti proporranno, in pri-
ro niente male, soprattutto per- seconde, concernente Valore ma nazionale, Un eroe borghese. L'adattamento del testo di
ché il nostro non è un Paese per del Soggetto e della Sceneggiatu- Stajano è di Luigi Galluzzo, la regia è di Antonello Capodici.
bulgari, almeno cinematografica- ra; Valore e Componenti Tecni- Sul palcoscenico verrà ribadito cosa significò per Ambro-
mente: non ne arriva uno da anni, che e Tecnologiche; Qualità, soli essere un servitore dello Stato. È un mattino del 1974,
fatto salvo il Trio Aldo, Giovanni e Completezza e Realizzabilità del ha appena ricevuto l'incarico di liquidatore della banca di
Giacomo di Anplagghed o le Progetto Produttivo: Goodbye Ma- Sindona. Molti risparmiatori, dopo il crac, fanno la fila,
co-produzioni di Olmi (Il mestiere ma totalizzò 70, come Mamma preoccupati del futuro loro e dei loro figli. Ambrosoli li
delle armi) e dei Taviani (La mas- Escor t, l’opera prima di Massimi- guarda e decide: decide di essere dalla parte dello Stato,
seria delle allodole).Viceversa, oggi liano Bruno. Che ha cambiato ti- cioè di quella gente onesta, derubata dai mascalzoni della
una bulgara fa primavera: Drago- tolo in Nessuno mi può giudicare e Prima Repubblica. Federico Grassi – l'idea di un omaggio
mira Michelle Bonev, già intima oggi troneggia al box office: oltre teatrale ad Ambrosoli è sua – dice: “Chiedeva solo di poter
amica di Berlusconi e del primo 5 milioni di euro, e lo distribuisce esercitare le sue funzioni di servitore dello Stato, rispet-
ministro Boyko Borisov e qui re- 01. Vuoi vedere che Mamma Rai tando e facendo rispettare le regole”. Giorgio Ambrosoli,
gista, sceneggiatrice, produttri- Dragomira ha visto giusto, e la Bonev saprà dunque, Un eroe borghese, un precursore di tangentopoli,
ce e protagonista. Una e “quattri- Boneva, in arte fare altrettanto? I primi a gioirne ma anche, un personaggio da rimuovere. Dopo che l'11
na”, ma il re dei press-agent no- Michelle sarebbero i membri del Cda di Rai luglio 1979 fu assassinato, sotto casa sua, a Milano, da un
strani, Enrico Lucherini, stempe- Bonev: regista e Cinema: Franco Scaglia (presi- killer di Sindona, il primo segnale affinché assieme al suo
ra: “E’ simpatica, una donna forte protagonista di dente), Paolo Del Brocco, Angio- corpo fosse sepolta anche la sua memoria, arrivò dalle più
e determinata”. Per conto di 01, è Goodbye Mama la Filipponio Tatarella, Franco La alte cariche del Paese: che disertarono il funerale. Ma il
lui l’ufficio stampa di Goodbye Ma- (FOTO MILESTONE) Gioia e Gloria Tessarolo. Paese, l'ha insegnato lui, è tutt'altra cosa.
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

IL FUTURO DELLA AS ROMA

MISTERO DIBENEDETTO
Era arrivato lunedì per firmare, ma dopo due giorni
di negoziati niente è ancora sicuro
di Stefano Feltri prendere la Roma, cioè la As nedetto sia riuscito a ottenere tando la speranza di una Nuo-
Roma Llc, ha sede in Delawa- uno sconto sul prezzo d’ac- va Frontiera per la Roma e per
desso, con il gergo della quisto di 77 milioni postici- il calcio italiano. Credo che ne

A
re, lo Stato americano noto
prudenza, le fonti vici- per la scarsa trasparenza e le pando il versamento di parte sia cosciente e che dunque
ne alla trattativa sulla basse aliquote fiscali, un pa- della somma quando si dovrà sappia che le aspettative sono
Roma dicono: “Ci sono radiso fiscale mal tollerato dal aumentare il capitale della so- enormi”, ha scritto il direttore
complessità che vanno al di là G20. Non il massimo come bi- cietà in Delaware. del Romanista Carmine Fotia.
del sì e del no”. L’accordo tra glietto da visita. Secondo le prime stime, salvo Una delle ragioni che ha spin-
Unicredit, la banca creditri- sorprese non da escludere to la famiglia Angelucci a non
ce-azionista della squadra di ANCHE PERCHÉ nei pros- nella fase finale delle trattati- cimentarsi nell’operazione
Francesco Totti, e Thomas Di- simi mesi, salvo sorprese, la ve, prendere il posto che fu di Roma è che gli imprenditori
Benedetto è questione di det- trattativa diventerà sempre Franco e Rosella Sensi costerà della sanità temevano la furia
tagli, ma visto che si tratta di più complessa e delicata e, a DiBenedetto e ai suoi fan- popolare se non si fossero di-
dettagli milionari si discute a trattare con una opaca società tomatici soci (finora si è sem- mostrati all’altezza delle pro-
lungo. Il comunicato decisi- di un paradiso fiscale non sarà pre visto solo lui) almeno 114 messe. Perché sapevano che i
vo, quello che stabilisce se semplicissimo, come raccon- milioni di euro, più i soldi che tifosi li avrebbero inseguiti
dopo un negoziato condotto tano già oggi i ben informati serviranno per sviluppare le con i forconi, danneggiando
per un mese in esclusiva le “stiamo parlando di due Paesi, ambizioni di sviluppo dell’a- anche il business ospedaliero
parti hanno trovato l’intesa, tre regimi fiscali, una com- mericano che vorrebbe tra- (che non se la passa bene, ieri
arriverà oggi. E ancora ieri se- plessità contrattuale notevole sformare la Roma in un colos- è stato annunciato l’inizio del-
ra niente era scontato. che rallenta i tempi del nego- so del merchandising analogo le procedure di chiusura per il
ziato”. L’oggetto della com- a Real Madrid e Barcellona, San Raffaele, 3000 dipenden-
MA IL FINANZIERE ame- pravendita è il 67 per cento raddoppiando il fatturato, og- ti). DiBenedetto, almeno, sarà
ricano resta agli occhi dei ti- della As Roma, società quotata gi di 118 milioni. “Mr DiBe- a distanza di sicurezza a Bo-
fosi romanisti che l’hanno ac- in Borsa, in possesso di Roma nedetto arriva dunque susci- ston. O nel Delaware.
colto due giorni fa al suo ar- Thomas DiBenedetto, 61 anni, al momento del suo arrivo a Roma lunedì (FOTO ANSA) 2000, holding in mano alla fa-
rivo nella Capitale lo stesso miglia Sensi per il 51 per cen-
oggetto misterioso che era a trollo del club non comporta ding Nesv di cui è socio ha to e a Unicredit per il 49. La
gennaio, quando il suo nome alcun problema concorren- rilevato per 476 milioni la quota della As Roma passerà
è stato individuato dalla banca ziale, visto che l’americano squadra che fu di Michael alla nuova società del Delawa-
d’affari Rotschild come l’uo- non è attivo nel settore in Ita- Owen e oggi dipende dai pie- re AS Roma Llc, partecipata al
mo giusto per Unicredit, con i lia e che i suoi interessi spor- di Steven Gerrard. Il problema 60 per cento da DiBenedetto
160 milioni circa da investire tivi sono a Boston con i Red è che nessuno, se non Rot- e al 40 da Unicredit che, quin-
per assicurare il cambio di Sox e a Liverpool, dove la hol- schild (si spera) ha ben chiaro di, resta azionista di minoran-
controllo della squadra e ma- da dove arrivino i capitali di za. Poi bisognerà lanciare
gari fare qualche investimen- mister DiBenedetto e se die- un’Opa sul restante 33 per
to. Si è parlato di 5-6 nuovi
giocatori (magari un po’ più
È atteso tro quel suo maglioncino in
stile Marchionne ci siano
cento delle azioni della As Ro-
ma, a Piazza Affari. E tutto que-
solidi del bidone brasiliano
Adriano, arrivato sotto la ge-
per oggi montagne di dollari o solo
promesse. I cronisti specializ-
sto solo per il passaggio del
controllo della squadra, poi
stione Unicredit e già caccia-
to), ieri si parlava addirittura
il comunicato zati, in oltre un mese di inda-
gini hanno scoperto pochino.
serviranno le risorse per evi-
tare che il buco da 20 milioni
del bomber del Napoli Edin- L’unica certezza, cioè la Nesv, di quest’anno dovuto ai man-
son Cavani, ma l’agente ha su- sulla trattativa è sbiadita. Come ha racconta- cati introiti da Champions
bito smentito. to il Messaggero, il presidente League diventi permanente.
DiBenedetto ieri si comporta- con Unicredit, della società Thomas Werner Ci dovranno essere due au-
va come il nuovo padrone, è ha dichiarato che “la Nesv non menti di capitale ed è di que-
andato anche all’Antitrust per il finanziere è coinvolta nell’affare”. E il sto che si discuteva ieri, negli
una visita di cortesia, anche se veicolo societario con cui Di- uffici dello studio legale Gri-
l’acquisto della quota di con- cerca uno sconto Benedetto sta cercando di maldi a Roma: pare che DiBe-

L’antItalia di Daniele Silvestri


UN ALBUM A TUTTO IMPEGNO CON IL CONTRIBUTO DI CAMILLERI, PAOLI, BOLLANI
di Guido Biondi sente. Non a caso
S.c .o.t.c .h. parte con “Le na-
re nuovamente orgoglio-
si”. Farà discutere una can-
Un brano gici nella storia del nostro
paese: “ultimamente ci so-
dell’ironia che pervade
gran parte del disco; “La

Ntoriiente disimpegno. Og-


gi che i nostri cantau-
vi”, un’ode a salpare verso
l’ignoto con una dedica fi-
zone dedicata alla frustra-
zione odierna per un Pre-
pungola il no notizie che iniziano a il-
luminare il buio; sono im-
gatta” diventa così “La
chatta” tra il disagio di pas-
virano verso l’esplora- nale a una figura femmini- sidente della Repubblica pressioni che molti aveva- sword perdute e profili di
zione del prisma dell’amo- le che assomiglia proprio che “medita sul ruolo che presidente no già intuito. Stiamo inco- facebook. Se chiedete a Da-
re universale (con applau- all’ancora ideale di Silve- oggi ha – in mano un’arma minciando a capire adesso niele quale artista italiano
si sino a spellarsi le mani stri, quella che permette scarica la penna che rati- Napolitano: quel periodo storico. Mi ri- lo colpisce per impegno ci-
dei critici) c’è ancora chi all’artista di volare come fica – la mano trema il cuo- ferisco al racconto di molti vile, ironia e coerenza non
della coerenza ha fatto la un acquilone. re frena, pero’ alla fine fir- “Alcune firme personaggi, non solo di ha dubbi: “mi piace tantis-
sua bandiera. Se si esclu- merà”. Polemiche senza Ciancimino ma di tutti co- simo Caparezza, vedo delle
dono Franco Battiato che IL PIÙ LUCIDO tra i no- dubbio in arrivo ma Danie- se le poteva loro che hanno dovuto ri- cose in comune con quello
ha pubblicato Inneres auge stri cantautori va contro- le fa spallucce e rincara la fare un “promemoria” di che faccio”. Nessun testo
contro il malcostume della corrente con un album pie- dose: “è inevitabile scrive- risparmiare” come si sono svolti gli parla direttamente del Pre-
politica e Vasco Rossi oggi no di stimoli civili e di ana- re quel che si vive” – rac- eventi”. sidente del Consiglio: “Ba-
assistiamo a una sorta di lisi spietate sulla politica conta – “ho scritto “Moni- sta grazie è la risposta che
autismo: il cantautore ri- italiana, riesumando dieci to®“ per pungolare il Pre- no le deviazioni enigmisti- TROVIAMO ANCHE mi viene da dare; vorrei
nuncia “a dire quello che anni dopo “Io non mi sento sidente della Repubblica che tra le lettere. La can- la canzone presentata nel- non parlarne più”. L’ultima
vede senza strumentaliz- italiano” di Giorgio Gaber nel suo ruolo, sicuramente zone si chiude con questa l’ultima puntata del pro- canzone, “Questo paese”,
zazione” (citazione di un proprio durante la celebra- difficile. Alcune sue firme frase: se bastasse qualche gramma Vieni via con me, vede la collaborazione di
sorprendente Vasco du- zione dell’unità d’Italia. si potevano, secondo me, monitor per illuminare il “Precario è il mondo”. L’al- Stefano Bollani: “un artista
rante la presentazione del “Considero il brano molto evitare: lo stigmatizzate buio che c’è qua…”. Tra i larme di Silvestri è un urlo: straordinario, le sue dita
suo ultimo album) e si ar- attuale”, racconta Daniele, molto bene anche voi del partecipanti di “il mio lavoro è roba pic- sulla tastiera sono magia
rende alle logiche della “il 17 marzo è stato scari- “Fatto Quotidiano”. Io cre- “S.c.o.t.c.h.” c’è, a sorpre- cola, fatta di plastica – che pura”. Il finale è amaro: “la
promozione e del “vole- cato con numeri record da do che il Presidente sia riu- sa, Andrea Camilleri: “ci pian piano mi modifica, mi fortuna di questo paese
mose bene”. Il perno del internet attraverso i social scito, in alcuni momenti, a siamo incontrati a una ce- ruba l’anima – il lavoro ren- non è più degli artisti – non
nuovo disco (denso) è l’a- network. Riflette sulle svolgere bene il ruolo di ba- na parlando di pittura: è na- de nobili – non so può dar- è delle imprese – non c’è
more: non quello evocato aspirazioni che ci hanno luardo ultimo della nostra to un dialogo piacevole ed, si, sicuramente rende libe- nei discorsi di chi vado a
dai cantanti melodici (Bia- trasformato in un popolo o Costituzione e della legali- in sèguito, un suo interven- ri di suicidarsi”. Tra gli altri votare. Se grandezza ce n’è
gio Antonacci, Jovanotti, in una nazione: in questo tà in generale. La parola to nel disco. Il suo timbro ospiti dell’album ci sono non si riesce a vedere, così
Eros Ramazzotti) ma l’e- bilancio non può non es- monito è diventata un co- di voce antico, così sicilia- Peppe Servillo, Gino Paoli, hai voglia di cercarla tra i
mozione che trapassa, fe- serci dell’amarezza. Io con- pyright esclusivo del Qui- no, apre un brano dedicato Stefano Bollani, Raiz, Nic- mille canali, sia su quelli
risce e rigenera ponendosi divido le parole della sua rinale: io gioco sul signifi- al fratello di Borsellino”. colò Fabi, Diego Mancino, analogici che sui digitali
come comune denomina- canzone. Non significa rin- cato doppio, in questo ca- “L’appello” è straziante; la Pino Martino, Bunna e So- ma non serve aumentare la
tore tra la vita quotidiana e negare l’appartenenza ma so penso allo schermo di voce del giudice Capon- lis String Quartet. Paoli è il definizione - per vedere
l’attualità politica del pre- trovare un modo per esse- un computer; mi piaccio- netto rievoca momenti tra- protagonista principale più grande un coglione”.
pagina 16 Mercoledì 30 marzo 2011

SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TG PAPI

Arriva
TELE COMANDO + to d’epoca) da Ida Colucci.
Ma la solitudine del Tg2 do-
vrebbe essere agli sgoccioli:
alla guida del Tg2 arriva Su-
sanna Petruni, coronamen-
to di una carriera scalata a
di Luigi Galella

hi ha detto che il “linguaggio” – parola


Csondabile
quanto mai equivoca e filosoficamente in-
– sia determinante nella comunica-
La bella
rottamazione
zione politica? Ma soprattutto, in che modo si
nuova elezione, ad onta delle ambiziose aspet-
tative, non riusciva se non in minima parte ad
erodere l’ampio consenso di cui allora godeva
il partito comunista, ancorché tanto meno
morsi. dispiega il suo “potere”? glamour. Perché mai? Non sarà mica che ab-

il liberatore T g3
A corollario dello strazio
di Lampedusa, il Tg3 incolla
subito la gentile e umana
Nelle sue performance televisive Berlusconi
ha sempre dimostrato una scarsissima capa-
cità di bucare il video. Lo testimoniano i mo-
desti share dei suoi “one man show” di “Porta
a porta”. Bisogna dedurne che l’uomo di Ar-
biamo sopravvalutato o non compreso bene il
“linguaggio” della politica?
Sul tema si misura Oliviero Beha con una pun-
tata del suo “Brontolo”, dal titolo evocativo:
“Il bello della rottamazione”. E inizia proprio
di Paolo Ojetti stimoni vip al processo Ruby comprensione di Bossi: “Una core è un comunicatore inefficace? Sì, è evi- con un’immagine di quel lontano 1987, quan-
per non parlare di Ruby. E che soluzione c’è: foera de ball”. dente. E che è allo stesso tempo “impotente”? do Bettino Craxi fu eletto per la quinta volta
g1 oscura del tutto le nuove in- Napolitano – nel servizio di No, al contrario, è potentissimo, ma non alla segreteria del Psi, in uno sfarzoso scenario
T Chi quest’oggi leggerà
queste righe, sappia che ieri a
dagini della magistratura sulle
“pressioni” che Berlusconi
Fraschetti – è durissimo: il
governo è incapace, l’egoi-
quando parla. Possiede le tv: la sua vera forma
e la sua forza. È quindi una sorta di demiurgo
progettato dall’architetto Filippo Panseca.
Fra gli ospiti, Achille Occhetto, Giorgio Cre-
Lampedusa duemila rifugiati esercitò sulla Agcom per far smo locale è vergognoso, la che forgia il consenso e da cui promana il suo maschi e il giovane Matteo Richetti. Ma soprat-
(e chi se ne importa se in mez- fuori Anno Zero. situazione è insostenibile (po- fascino: non ha la parola, quanto mai prolissa, tutto uno di quei fantomatici “esperti”: il mas-
zo c’è qualche “clandestino”) teva aggiungere: rappresento noiosa e ripetitiva, ma è colui che la dà. E che smediologo – ci perdoni McLuhan – Klaus
sono rimasti senza cibo: sono g2 un paese impresentabile). simbolicamente dona lo “skeptron” all’orato- Davi, che all’attività di saggista “poco saggio-
scappati da una fame per tro-
varne un’altra. Ma il Tg1 tra-
T Che oggi Berlusconi arri-
vi a Lampedusa è una notizia.
Esaurito il capitolo, intervie-
ne Riccardo Chartroux:
re. Non è poco.
La balzana idea che la “comunicazione” po-
so” (così lui stesso ha definito la sua ultima
fatica teorica) alterna quella di opinionista all'
sforma il dramma in un’occa- Ma che lo sbarco del “pre- “Ora passiamo alla giustizia”. litica tout court sia da rinnovare – senza capire “Arena” domenicale di Massimo Giletti. Un ti-
sione propagandistica: “Tutte mier” assuma anche sul Tg2 la E segue il folle ragionamento che di per sé un tale concetto non significa pino con i capelli azzimati e la erre francese,
le speranze sono riposte nella statura di Eisenhower in Nor- di Berlusconi: per persegui- nulla – e che ci si debba rifare il look, magari che disserta così: “La comunicazione non è un
giornata di domani (oggi, mandia, di MacArthur a Leyte tarmi, i pubblici ministeri alla stregua del più ri- fatto sovrastrutturale, ma strutturale della po-
ndr) quando – dice Carolina (di Napoleone a Sant’Elena hanno speso 20 milioni di eu- dicolo berlusconi- litica. Se abbiamo da due decenni ormai un
Casa – arriverà il presidente meglio di no) sembra un’esa- ro. Ma adesso viene il bello. Se Giorgio Cremaschi smo – quello per in- presidente del Consiglio, che è uno dei più
Berlusconi”. La tecnica è col- gerazione. Forse bisognava il “premier” ha fatto radunare era ospite tenderci del “Meno bravi comunicatori che ci sono, non è un ca-
laudata: a Napoli impose le dire: era ora che desse un’oc- un pugno di “sostenitori” per a Brontolo, su Rai3 male che Silvio c’è” – so. Vuol dire che il look, o come dite voi il lin-
mani e sparì l’immondizia, a chiata, Lampedusa non è una l’udienza senza storia di Me- circola fra sedicenti guaggio, non è un fatto scisso dalla strategia
Lampedusa spalancherà le colonia. I servizi da Ventimi- diatrade, il processo Ruby sa- esperti e trova udien- politica”. Superfluo ogni commento.
braccia e ripulirà l’isola. Poi è glia mostrano il volto duro rà una sfilata di celebrità, un za presso le sbandate Diversamente, in coda alla puntata, è dalla vo-
arrivata la “persecuzione” della Francia, Sarkozy respin- vippaio billionair-televisivo segreterie politiche ce di Simona Marchini che si è potuta ascol-
giudiziaria, il ritornello del ge i tunisini e ce li rispedisce con le escort e Ruby testimo- dei partiti che li asse- tare un’opinione interessante e ben articola-
“premier” che il Tg1 ripete soprattutto per recuperare i ne pro e contro i bunga bunga condano. Basterebbe ta, quando ha ricordato che tutto “è comin-
(via Sonia Sarno-Michela consensi raccolti dalla destra del Cavaliere. Che stavolta (se ricordare solo un ciato da un craxismo querulo e d'immagine,
Brambilla) un giorno sì e l’ lepenista: Bossi dovrebbe tra- si presenterà) dovrà ricorrere istruttivo dato del che ha spostato i termini del merito e dei con-
altro pure. Ma dov’è la “per- sferirsi a Parigi (se lo accol- a La Russa: di sostenitori in passato: il craxismo tenuti e li ha trasferiti sul mercato, sull'imma-
secuzione”? Non sul Tg1, che gono). La “persecuzione” è strada gliene servirà un eser- dei templi greci alla gine, sull'apparenza”. Poco “esperta” la Mar-
non parla della sfilata dei te- curata (audio messaggio e fo- cito. Panseca, ad ogni chini. E quindi molto virtuosa.

LA TV DI OGGI
11.00 NOTIZIARIO TG1 14.00 ATTUALITÀ Pome- 14.00 NOTIZIARIO TG 19.30 NOTIZIARIO TG3 11.00 REAL TV Forum 12.25 NOTIZIARIO Studio 11.30 NOTIZIARIO TG4 - 11.25 TELEFILM L'Ispettore
11.05 ATTUALITÀ Occhio riggio sul Due Regione - TG3 - Meteo 3 (REPLICA) 13.00 NOTIZIARIO TG5 - Aperto - Meteo Meteo Tibbs
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo- 20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 13.00 NOTIZIARIO SPORTI- 12.05 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo Noi e loro (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful VO Studio Sport poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 15.00 EVENTO Question 20.30 RUBRICA Consumi e 14.05 REALITY SHOW 13.40 CARTONI ANIMATI 12.50 TELEFILM Distretto 13.30 NOTIZIARIO TG La7
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 time (DIRETTA) consumi Grande Fratello - Pillole I Simpson di Polizia 8 13.55 FILM La lunga ombra
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.45 NOTIZIARIO TG3 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.10 SOAP CentoVetrine 14.30 TELEFILM E alla fine 13.50 REAL TV Sessione gialla
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- L.I.S. teo 14.45 TALK SHOW Uomini arriva mamma! pomeridiana: il tribunale 15.55 DOCUMENTARIO
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 21.00 NOTIZIARIO News e Donne 14.55 SIT COM Camera di Forum Atlantide - Storie di uomi-
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi lunghe da 24 16.15 ATTUALITÀ Pome- Cafè 15.10 TELEFILM Flikken ni e di mondi
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TALK SHOW Mauri- 16.15 DOCUMENTARIO 21.27 PREVISIONI DEL TEM- riggio Cinque 15.25 SIT COM Camera coppia in giallo 17.45 TELEFILM MacGyver
in diretta zio Costanzo Talk Cose dell'altro Geo PO Meteo 18.50 GIOCO Chi vuol Cafè Ristretto 16.15 SOAP OPERA Sentieri "Il muro"
18.50 GIOCO L'eredità 19.40 REALITY SHOW 17.40 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi essere milionario 15.35 CARTONI ANIMATI 16.45 FILM Dimmi la verità 18.45 TELEFILM J.A.G. -
20.00 NOTIZIARIO TG1 L'isola dei Famosi 8 Geo & Geo dispari 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 16.35 TELEFILM Merlin 18.55 NOTIZIARIO TG4 - Avvocati in divisa "Buone
20.30 ATTUALITÀ Qui 20.30 NOTIZIARIO TG2 - 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 22.30 NOTIZIARIO News Meteo 5 17.25 TELEFILM Smallville Meteo intenzioni"
Radio Londra 20.30 TG Regione - Meteo lunghe da 24 20.30 ATTUALITÀ Striscia 18.15 RUBRICA Cotto e 19.35 SOAP OPERA Tempe- 19.40 VARIETÀ G' Day
20.35 GIOCO Affari tuoi 21.05 FILM Herbie - Il 20.00 VARIETÀ Blob 22.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- mangiato - Il menù del sta d'amore 20.00 NOTIZIARIO TG La7
21.10 VARIETÀ Centocin- Super Maggiolino 20.10 TELEFILM Cotti e PO Meteo l'improvvidenza giorno 20.30 TELEFILM Walker 20.30 ATTUALITÀ Otto e
quanta (DIRETTA) 22.50 NOTIZIARIO TG2 mangiati 23.00 RUBRICA Il punto 21.10 TELEFILM Non smet- 18.30 NOTIZIARIO Studio Texas Ranger mezzo
0.45 NOTIZIARIO TG1 23.05 RUBRICA Base Luna 20.35 SOAP OPERA Un 23.27 PREVISIONI DEL TEM- tere di sognare Aperto - Meteo 21.10 FILM Attacco al 21.10 ATTUALITÀ Exit -
Notte - TG1 Focus 0.00 DOCUMENTARIO posto al sole PO Meteo 23.45 ATTUALITÀ Matrix 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- potere Uscita di sicurezza
1.15 PREVISIONI DEL TEM- La Storia siamo noi 21.05 ATTUALITÀ Chi l'ha 23.30 NOTIZIARIO News 1.30 NOTIZIARIO TG5 VO Studio Sport 23.35 RUBRICA I bellissimi 0.00 NOTIZIARIO TG La7
PO Che tempo fa 0.55 ATTUALITÀ TG Par- visto? brevi Notte - Meteo 5 Notte 19.30 TELEFILM C.S.I. Miami di R4 0.15 TELEFILM NYPD Blue
1.20 ATTUALITÀ Qui lamento 23.15 VARIETÀ Parla con me 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta 1.55 ATTUALITÀ Striscia 20.30 GIOCO Trasformat 23.40 FILM Secret Window "Adorati cuccioli"
Radio Londra 1.05 REALITY SHOW 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- la Notizia - La voce del- 21.10 VARIETÀ Le Iene 1.35 NOTIZIARIO TG4 1.15 ATTUALITÀ Prossima
1.25 RUBRICA Appunta- L'isola dei Famosi 8 Linea notte PO Meteo l'improvvidenza (REPLICA) Show Night News Fermata
mento al cinema 1.40 PREVISIONI DEL TEM- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News 2.15 TELEFILM Squadra 0.00 VARIETÀ Saturday 2.00 TELEVENDITA 1.30 TELEFILM Cold Squad
1.30 RUBRICA Sottovoce PO Meteo 2 mento al cinema lunghe da 24 med Night Live Mediashopping 2.25 TELEFILM MacGyver

TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE


/ Attacco al potere  Centocinquanta  Le Iene Show
26 febbraio 1993. Una bomba esplode Belen Rodriguez, Cristina Chiabotto, la Le operazioni militari in Libia hanno
nel garage sotterraneo del World Trade Miss Italia 2010 Francesca Testasecca, ormai invaso le pagine di tutti gli
Center. L’esplosione uccide 6 persone e Lucia Bosè, Serena Autieri, Monica organi d’informazione internazionale.
ne ferisce un migliaio. L’azione è riven- Riva, Giorgio Lupano, Simone Cristic- Sulla figura del dittatore libico sono
dicata da estremisti islamici. Per la pri- chi, Piero Mazzocchetti, Christian Gine- stati spesi fiumi di inchiostro, soprat-
ma volta l’America si trova di fronte a pro, saranno tra gli ospiti di Pippo tutto per sottolineare gli attacchi del-
una minaccia fino a quel momento Baudo e Bruno Vespa nel terzo appun- l’esercito nei confronti dei ribelli e della
apparsa lontana: il terrorismo. Il compi- tamento con “Centocinquanta”. In pri- popolazione. Enrico Lucci, in Umbria,
/ Herbie - Il Super Maggiolino / Secret Window  Exit - Uscita di sicurezza
to di fermare questo “attacco”viene mo piano, tra gli argomenti della pun- raccoglie, invece, i commenti di alcuni
La giovane e brillante Maggie Peyton Mort Rainey, romanziere di discreto Gheddafi, Putin, Erdogan sono stati i
affidato a Anthony Hubbard, capo della tata, le donne italiane che si sono con- studenti libici che si dichiarano pro-
ha le corse nel sangue.Terza generazio- successo, attraversa ciò che si dice un migliori amici del governo Berlusconi,
Task Force dell’FBI a New York. traddistinte nella storia d’Italia. Gheddafi.
ne di una famiglia di piloti, è anche la periodo nero. Fresco di divorzio, si rifu- che voleva liberare l’Italia dalla dipen-
prima Peyton a diplomarsi al college. Il Rete 4 21,10 gia nella casa sul lago in cerca di un po’
Rai 1 21,10 denza energetica. Ma il Risiko interna-
Italia 1 21,10
padre decide di premiarla regalandole di tranquillità. Non si rivelerà una buo- zionale scoppiato con la guerra in Libia
una macchina. Maggie si innamora a na idea.Tutto attorno a lui, ogni ogget- rischia di travolgere queste scelte e
prima vista di un modello sportivo, ma to, ogni mobile, ogni particolare, gli abbattersi sull’economia nostrana: l’as-
un maggiolino Volkswagen fa di tutto ricorda la moglie, facendolo sprofonda- se franco-americano può scalzarci dal
per attirare la sua attenzione. La ragaz- re nella depressione. Mort passa le sue Nordafrica e il sogno di un’autonomia
za, senza quasi rendersene conto, finisce giornate dormendo sul divano e man- energetica grazie al nucleare, può sfu-
per scegliere proprio il maggiolino. giando patatine fritte... mare dopo la catastrofe di Fukushyma.
Rai 2 21,05 Rete 4 23,40 La7 21,10
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO

feedback$
MONDO
DIEDE IL VIA ALLE PROTESTE
WEB
di Federico Mello
è LADY GAGA IMPERATRICE DEL WEB
HA 9 MILIONI DI FAN SU TWITTER (E 32 SU FACEBOOK)
Nuovo record per Lady Gaga: la cantautrice americana
leader di tendenze a livello globali, ha raggiunto quota 9
milioni di seguaci su Twitter, conquistando la vetta delle
celebrità più seguite al mondo. Il suo successo ha scalzato dal
podio l’idolo delle teenager Justin Bibier, relegato in seconda
posizione. Lady Gaga, che è anche la persona con più fan su
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Anche il garante
boccia il bavaglio. E
adesso il pallino è in
mano a Zavoli”
Facebook (con i suoi 32 milioni ha da poco superato Michael

Twitter ricorda è NOKIA ANCORA CONTRO APPLE


ACCUSA LA VIOLAZIONE DI SETTE BREVETTI
Nokia avvia una nuova azione legale contro
Jackson ), di fronte alla tragedia del Giappone, ha
anche deciso di contribuire alla raccolta fondi
partecipando all'album “Songs for Japan” e
mettendo in vendita una propria creazione, il
braccialetto “preghiamo per il Giappone”, che è
è “LA SENTENZA c’è...
ora stà alla buona fede del sig
Zavoli...” se ci sarà malafede,
allora, un’altra
raiperunanotte...

l’eroe tunisino Apple presso l’Itc, l’agenzia federale che vigila


sulla concorrenza, nella quale la società
finlandese accusa Cupertino di aver copiato la
sua tecnologia per alcuni prodotti (tra cui
l’iPhone). La denuncia arriva a una settimana
andato a ruba fra i suoi fan, racimolando 1,5
milione di dollari.
è MILLE Raiperunanotte.
Dobbiamo trovare il modo
che Raiperunanotte sia la
Pipy

l nuovo “‘48” arabo, arrivato frutta in strada e alla fine gli è di distanza da quando Apple ha ottenuto una
Iprovviso.
fino alla Siria, è esploso all’im-
Ma c’è la ben precisa
stato confiscato il suo carretto.
Bouazizi si è quindi rivolto al go-
vittoria in un caso simile. Bloomberg riporta
che Nokia accusa Apple di aver infranto 7 dei
GRILLO DOCET
IL TABÙ DI NAPOLITANO
nuova informazione televisiva.
Io i 2 euro li detti siamo in due
quindi 4 euro. Sta a noi
vicenda di un uomo che, per vernatore, ma quando non è sta- suoi brevetti con i quali “crea caratteristiche L’immigrazione è un tabù. scegliere.
quanto dolorosa, ha dato il via a to ricevuto dal funzionario si è chiave per i suoi prodotti, quali la qualità delle Cos’è un tabù? Un fatto di cui Camilla
questo nuovo crocevia della sto- dato fuoco. È morto 18 giorni chiamate, la sincronizzazione dei dati e l’uso non si può parlare o di cui si
ria. “L’ispiratore della Primave- dopo per le ustioni riportate, di- degli accessori Bleutooth”. deve dare sempre la stessa è LA CENSURA si applica,
ra araba, Mohamed Bouazizi, ventando simbolo della rivolu- interpretazione. (...) Un tabù si di norma, nei paesi
era nato oggi, nel 1984. Riposi zione in Tunisia e nel resto della alimenta di sentenze nobili come totalitaristici e nelle dittature.
in pace”. Questo uno dei tanti regione. Essendo state tutte le Mohamed Bouazizi (da Internet); “Ricordiamoci di quando eravamo noi a varcare il mare, spesso in Siamo sulla strada giusta.
“Twitt” che ieri sul social net- proteste in Nordafrica, sospinte Lady Gaga su Twitter; Piazza condizioni estreme, e teniamo a freno gli eccessi di reazioni di Dori955
work commemoravano il giova- tra i cittadini grazie ai social net- Tahrir al Cairo; arresti in Iran fronte a quanti vengono a cercare futuro in Italia” pronunciata in
ne venditore ambulante che, work, non possono che correre modo diversamente responsabile da Giorgio Napolitano. (...) è IL LATO negativo della
dandosi fuoco il 17 dicembre su questi canali le parole in com- L’Italia dell'imbonitore Berlusconi, che promise casa e lavoro per situazione italiana è che si
scorso a Sidi Bouzid, una picco- miato del suo sacrificio. “Onore gli immigrati alla televisione tunisina, ha il 20% di disoccupazione e tratta di una sorta di
la città in Tunisia, ha aperto la alla memoria di Bouazizi, che ha almeno 100.000 extracomunitari disoccupati che diventeranno il “dittatura morbida” che, agli
strada alle rivolte nel mondo agito per i diritti della popola- doppio dopo il crollo ampiamente previsto del mercato occhi più acuti, appare
arabo. Bouazizi avrebbe com- zione alla libertà di parola e per immobiliare. Dove li mettiamo? Con che risorse li gestiamo? Gli evidente ed appaiono evidenti
piuto 27 anni ieri, ma si è dato un futuro migliore. Ha acceso la daremo una casa, un lavoro? Li ospiterà D’Alema sul suo Ikarus o tutti i tentativi di tenere la
fuoco per protestare contro le fiamma della libertà”, scrive Na- faranno compagnia ai nostri “ultimi”, pensionati e disoccupati gente all’oscuro per rendere
condizioni di vita in povertà alle dia su Twitter. Un altro utente, delle periferie? Non riusciamo a fare un cazzo per gli aquilani e ci l’opinione pubblica malleabile
quali era costretto. La sua azio- Syrian Pearl, dice che “penso a illudiamo di nutrire il pianeta? (...) Il tabù immigrazione ha effetti e plasmabile.
ne ha scatenato una protesta po- te ogni giorno. Il tuo gesto non indesiderati, ma anche desiderati. Quelli indesiderati sono sotto Elr0ndK
polare in Tunisia culminata con sarà mai dimenticato. Grazie”. E gli occhi di tutti, con migliaia di miserabili lasciati a sé stessi e alle
la deposizione dell’allora presi- anche un tweet dall’Egitto reci- mafie. Quelli desiderati sono una manodopera a basso costo, è BUONGIORNO, le
dente Ben Ali, che dopo un me- ta: “C’è bisogno di una statua di spesso in nero, destinata di frequente alla morte sul lavoro prossime elezioni
se di proteste di piazza è stato Bouazizi in Piazza Tahrir. Senza per il profitto dei padroncini e della Confindustria. Il trionfo amministrative
costretto a trasferirsi in Arabia di lui noi avremmo ancora Mu- della globalizzazione degli schiavi. (...) Un’invasione, perché interesseranno solo una parte
Saudita. Il giovane era stato più barak”. È già un moderno eroe. di questo si tratta, darà alla Lega il controllo assoluto del delle regioni, provincie e
volte molestato per il fatto di Riposi in pace. Nord Italia. La Lega, in questi anni, si è nutrita di comuni italiani. Ammesso e
non avere la licenza per vendere f.mello@ilfattoquotidiano.it immigrazione. Ogni immigrato irregolare, un voto in più. non concesso che possa avere
(...) E quale Stato può permettersi il tabù un senso (che non vedo)
dell'immigrazione senza disintegrarsi? impedire che i prossimi
elettori possano essere
I FILM LO SPORT influenzati da trasmissioni di
approfondimento, questo non
SC1= Cinema 1 SCF=Cinema Family SP1=Sport 1 può riguardare anche gli altri,
SCH=Cinema Hits SCC=Cinema Comedy SP2=Sport 2
SCP=Cinema Passion SCM=Cinema Max SP3=Sport 3
che non devono andare a
votare, che pagano il canone e
18.00 La fidanzata ideale SCC 17.30 Calcio, Serie A 2010/2011
che si trovano senza motivo
19.00 Senti chi parla adesso SCF
19.05 In Good Company SCP
9a giornata ritorno Inter -
Genoa (Sintesi) SP1
L’ISOLA DEI CASSINTEGRATI privati del diritto di vedere le
TRE TORRI GEMELLE VINYLS trasmissioni che gradiscono.
19.10 Bufera in paradiso SCH 18.00 Basket, Serie A 10/11 La Vinyls, ovvero i 3 poli chimici di Mario g.
19.10 Genitori e figli: agitare 23a giornata Angelico Biella - P.to Torres, P.to Marghera e Ravenna,
bene prima dell'uso SC1 Scavolini Pesaro (Sintesi) SP2 il “ciclo del cloro”, è una polveriera è É SPERABILE che
19.20 Trappola in fondo al 19.00 Wrestling WWE Super- pronta ad esplodere. I compratori svizzeri Zavoli operi in funzione di
mare 2 SCM stars Episodio 39 SP2 GITA non hanno rispettato le scadenze per i queste sentenze e non accetti
19.30 Scemo più scemo - 21.00 Tennis, ATP World Tour pagamenti e il ministro Paul Romani ha convocato di chinarsi davanti
Iniziò così... SCC Masters 1000 2011 Miami: pri- l’ennesimo incontro al MISE tra commissari e GITA. all’arroganza del governo.
21.00 L'erba di Grace SCC mo quarto di finale (Diretta)SP3 Dal ministero rassicurano, mentre gli operai Dami170248
21.00 Parnassus - L'uomo che 21.00 Rugby, Sei Nazioni 2011 organizzano proteste sempre più eclatanti e rischiose:
voleva ingannare il diavolo SCP Italia - Francia (Sintesi) SP2 da 45 giorni gli operai a Ravenna e Marghera dormono è MA GLI ASSOLI del capo
21.00 Prima TV L'occhio del 22.00 Basket, NBA 2010/2011 sulle torri degli impianti alte 150 mt dal suolo, ed è una come li definiamo? Non esiste
Ciclone SCM Oklahoma City Thunder - Gol- cosa estremamente pericolosa. Dal 24 marzo i colleghi la par condicio? Tra poco ce lo
21.00 Io & Marley SCF den State Warriors (Replica) SP2 sardi, quelli che occupano da un anno il carcere ritroveremo nel bel mezzo di
21.10 Io vi troverò SCH 23.00 Calcio, Amichevole dell'Asinara, li hanno raggiunti sulla terza torre, uno spot del Guttalax ad
21.10 Prima tv Io sono l'amore SC1 Inghilterra - Ghana (Replica) SP3 quella di P.to Torres. Non basta: lo scorso 22 elogiare quello che il governo
22.40 Skin Deep SCC 0.45 Wrestling, WWE Experien- marzo gli operai veneti hanno praticamente ha fatto per gli italiani.
22.50 New in Town SCH ce Episodio 39 SP2 assediato, presentandosi in mutande, lo studio del Gabibbo70
23.00 Alieni in soffitta SCF 1.00 Golf, PGA European Tour commissario Vinyls Pizzigati, obbligandolo a venire
23.05 Sotto il vestito niente SCM 2011 Open de Andalucia: 4a fuori. La chimica è una polveriera, il governo è NON È LA par condicio
23.10 Kate & Leopold SCP giornata (Replica) SP3 rimanda da un anno e gli operai temono lo sgambetto ma “qualcun altro” che vuole
23.20 Green Zone SC1 1.45 Basket, Serie A 10/11 dell’ENI. Ma c’è un’altra cosa che nei giorni successivi la chiusura di certi
0.25 Dogma SCC Anticipo 23a giornata Benetton al disastro nucleare giapponese fa davvero riflettere: programmi, diciamo scomodi,
0.30 Il misterioso mondo di Treviso - Canadian Solar Bolo- negli impianti chimici i presidi di sicurezza devono piacenti o meno agli utenti
Miss Charlotte SCF gna (Replica) SP2 essere mantenuti costantemente dagli operai che ormai RAI. Già è un bailamme
non ricevono starnazzante e inconcludente
stipendio da 2 è PARTE LA DENUNCIA A FACEBOOK una “tribuna politica” con 3-4
mesi. Ma ogni PER LA FOTO DI UNA RAGAZZA UCCISA politici, che sarebbe una con
RADIO onere, a questo
riguardo, è a carico
degli operai. Dal
Un terribile episodio apre nuovi interrogativi
sul sito blu. Facebook, infatti, è stato
denunciato negli Usa da una coppia di New
50-100? Sarebbero più
credibili?
Masterjos
è ABADCHI È IN CARCERE
A “Radio3 Scienza” il nocciolo NOTO BLOGGER IRANIANO
ministero nessuna York perché sul social network è stata
proposta. (di Michele pubblicata la fotografia del cadavere della loro è B: “IL COMUNISMO ha
Il noto blogger iraniano Ahmad
della questione Nour-Mohammadi Abadchi è stato
Azzu). figlia, uccisa due anni fa. Secondo i coniugi inghiottito anche l’Agcom”.
Martha e Ronald Wimmer, la pubblicazione di Urge scioglierne le cariche.
È fatto come un cioccolatino ripieno: ha una parte arrestato con l’accusa di svolgere
quella foto è un oltraggio nei confronti della Subito invocare “Alta figura
attività antigovernative. Lo ha riferito
interna che può liquefarsi, un guscio più rigido e un memoria della figlia, Caroline, strangolata nel per Authority sulla
il sito d’informazione attivo nell’ambito dei diritti umani
involucro che avvolge il tutto. Solo che, se il nocciolo 2009, a soli 26 anni anni, da un vicino: Calvin comunicazione”. S. Bondi,
“Herana”, spiegando che la notizia dell’arresto, che risale
Lawson, poi condannato a 25 anni. Uno dei intravede un possibile
della centrale nucleare fonde, c’è poco da stare allegri. ad alcuni giorni fa, è stata resa nota dai suoi familiari solo
paramedici accorsi sul luogo del delitto, scattò lavoretto part-time.
“Radio 3 Scienza” cerca di far luce su cosa stia succe- nelle ultime ore. Secondo quanto ha precisato il sito, il
alcune foto del cadavere e le caricò su Massimo011
blogger sarebbe stato accusato di aver “attentato alla
dendo ai reattori di Fukushima e quali siano i rischi Facebook. Quelle foto secondo i genitori di
sicurezza nazionale della Repubblica Islamica”, svolgendo
reali della possibile fusione del nocciolo, con Giuseppe Caroline Wimmer rappresentano un’offesa di è NON FACCIAMO i finti
“attività antigovernative sul web” e collaborando “con
Forasassi, docente di impianti nucleari all’Università di cui anche Facebook è responsabile. Facebook, tonti. A questi cialtroni del
alcuni gruppi d’opposizione all’estero”. Gli agenti iraniani
che è giuridicamente considerato una pluralismo non gli frega
Pisa e presidente del Consorzio interuniversitario per la avrebbero sequestrato il computer, i documenti e gli effetti
“not-for-profit-community”, è protetto dal niente. Vogliono chiudere
ricerca tecnologica nucleare. personali di Abadci. Nel corso degli ultimi due anni decine
Communications Decency Act che gli trasmissioni scomode e
di blogger sono stati arrestati in Iran con l’accusa di
Al microfono Rossella Panarese. garantisce al social network. Secondo i legali informare la gente attraverso i
mettere a repentaglio la sicurezza nazionale.
La musica di oggi è Nocturne (da op.10), di Jules Mas- di Wimmer, però, Facebook dovrebbe essere tg sovietici dove di pluralismo
senet eseguito da Aldo Ciccolini.
ritenuto responsabile come “comunità non c’è neanche l’ombra.
virtuale” soggetta al rispetto delle basilari Sveglia!!
Radiotre 11,00 regole di decenza. Claudio Giuliano
pagina 18 Mercoledì 30 marzo 2011

SECONDO TEMPO

il badante
PIAZZA GRANDE É di Oliviero Beha

ED È SEMPRE
“BAR CONDICIO”
Il carnevale di Pontida B isognerebbe ringraziare la signora di Popoli “finta
terremotata” che a “Forum” ha magnificato l’operato del
governo in Abruzzo sotto lo sguardo benevolo e consensuale di
Rita Dalla Chiesa. Perché contribuiscono di più episodi del
di Nicola Tranfaglia cietà esotiche, riti che si ri- le in un disegno animato”, ma più volte proclamato da genere a sputtanare un po’ tutta la tv e ad allertare la diffidenza
trovano allo stesso modo in come già aveva detto l’edi- Bossi in persona, è la loro del pubblico che non mille teorie politiche o dibattiti ipocriti sul
se, per capire quello torialista de il Giornale Indro divisa migliore, i puri e duri

E
Europa nel folclore e nelle mezzo televisivo: la “tribuna politica” per una certa categoria di
che succede nell’at- manifestazioni del Carneva- Montanelli. Essi esprimono, della Lega non appartengo- pubblico, il “talk show” per eccellenza per un pubblico simile o
tuale crisi repubblica- le. Il ciclo rituale nelle fasi di con la loro buffoneria, la col- no alla nazione italiana e di- analogo, infatti, sono programmi come “Forum”, oppure la
na, servissero più l’an- interregno si apparenta in lera accesa delle classi subal- sconoscono il tricolore e la
sequenza interminabile delle Marie De Filippi che mette
tropologia, l’etnologia e il effetti alla stessa serie: in terne contro i responsabili storia ultracentenaria, per-
teatro che la scienza poli- una fase transitoria uno esterni alla comunità locale ché appartengono a una na- all’incanto il peggio “umanitario” che abbiamo dentro o anche
tica moderna che pure ab- schiavo occupa il potere, (quindi i meridionali, i gia- zione padana, non meglio solo appena “in superficie” (ne scriveva sull’ultimo “Venerdì”
biamo inventato noi italiani l’ordine è sovvertito e tutti cobini, i massoni, gli ameri- identificata. Marco Revelli con la consueta lucidità). Voglio dire con questo
(forse con Machiavelli) in gli eccessi diventano leciti. cani) e impediscono ai co- che non abbiano ragione Santoro, Floris (e Paragone?) e i
tempi lontani? Il successo, lento ma clamo- munisti di mettere la bandie- IL DIALETTO lombardo conduttori di programmi di informazione sulla corda per non
L’interrogativo, piuttosto roso, della Lega lo confer- ra rossa nei palazzi munici- sostituisce la lingua italia- essere equiparati alle odierne, asfittiche, fintopluralistiche
singolare, mi è venuto in ma. pali del Nord. La loro mis- na che è quella dei domi- “tribune politiche” come da intenzioni della maggioranza in stile
mente in queste ultime set- Nel 1991 il giuramento di sione è questa. Il “celoduri- natori toscani. L’elemento “bavaglio”? No naturalmente, certo che hanno ragione: ma si
timane, leggendo un libro Pontida inaugura un percor- smo” inventato come della virilità nei leghisti è limitano a una ragione misurata sul loro segmento di intervento,
che ho trovato a Parigi in so rituale in cui, cinque anni espressione dai giornalisti, centrale ma non si distac- che fanno benissimo a difendere, ma a patto di non lasciar
uno dei miei ultimi viaggi e ca, ahimè troppo, dai co- ritenere che sia l’unico o anche solo il più importante aspetto
che mi ha convinto sempre stumi di quasi tutti i partiti della questione. Anche perché entra in ballo nell’insieme
di più, a mano a mano che La studiosa dell’universo politico na- tragicomico della comunicazione la novità della Rete. Grazie
leggevo le pagine fitte di cui zionale.
si compone: è una tesi di francese Lynda Quel che è particolare è il
alla quale era stata smascherata la “finta terremotata ” che
forse senza il web l’avrebbe fatta franca. Chissà quanti l’hanno
dottorato di un’italiana di riferimento rituale alle ple-
origine, Lynda Dematteo, Dematteo bi, alle masse popolari e il- fatta franca finora, in un casting televisivo tra il realistico e il
che ha messo insieme ma- letterate, al folclore dei metaforico che ha affondato la facoltà critica e la minima
teriali diversi che si richia-
propone una monti e delle valli dell’inter- consapevolezza di questo Paese...!
mano all’etnologia, all’an- lettura no. Come nella cosiddetta Ma torniamo alla “par condicio”, formula miracolosa che in
tropologia e al teatro e che “rivoluzione fascista” degli qualche modo persino Paolo Guzzanti ormai un secolo fa già
riproducono il linguaggio, antropologica del anni Venti e Trenta, sono sta- in era Silvio-politica aveva canzonato nel suo programma
la propaganda, le scelte e la dopo, si iscrive il rito del- ti i borghi e i villaggi, i paesi “Bar condicio”. La par condicio non è una medicina che curi
fisionomia dei personaggi l’ampolla nel Po. Il primo ra- populismo di e non le città (e tanto meno una malattia grave, come è l’assoluta mancanza di
centrali dell’armata leghi- duno di massa di Bossi è un Bossi, imperniata le metropoli) i luoghi e le trasparenza e di indipendenza dell’informazione dai poteri,
sta. rito espiatorio: gli eletti lom- basi della rivolta. Campagna forti o marci che siano. È bensì un sintomo di quella stessa
bardi (come i guerrieri del sulla rivincita contro città, popolo contro malattia che pretenderebbe di curare. È tanto debole la
VALE la pena seguirne le XII secolo) fanno il giura- élite, buffoneria contro re- politica, così svuotata di contenuti, talmente affidata a
mosse. Il titolo del libro rias- mento di restare uniti fino a (apparente) del torica: è forse questo il sen- programmi che convengano a qualcuno, da aver prima
sume il senso della ricerca: quando la Repubblica del so della rivoluzione leghi-
“L’idiotie en politique. Sub- Nord sarà liberata dal giogo servo sul padrone sta?
stracondizionato la tv pubblica (il monopolio di quella privata
essendo superbamente acclarato) per poi farsene
version et nèopopulisme en romano.
Italie”. (CNRS editions, Edi- Il secondo è un rito propi- Rita Dalla Chiesa (FOTO LAPRESSE) condizionare: una macchina sfuggita al suo artefice.
tions de la Mason des Scien- ziatorio, una rigenerazione Dovrebbe essere l’informazione a controllare il potere, a
ces de l’homme, pag. 255 simbolica della nazione maggior ragione se si tratta della più importante azienda di
euro 28. che aprirà questa simboli- comunicazione del Paese, e invece è da sempre il potere che
L’antropologa italo-france- ca messa in scena che fu “la controlla la tv, ma non sapendolo neppure fare bene lo fa a
se ha trascorso un anno in- dichiarazione di indipen- spizzichi e bocconi, a stagioni governative alternate, in un
tero nella roccaforte leghi- denza della Padania”. Tra pasticcio di lepre di auditel, favori, opportunità, “viso
sta per antonomasia, la pro- queste due date si stabili- dell’armi” dei suoi dirigenti, armistizi, compromessi, privilegi,
vincia di Bergamo che, con sce che l’Italia è cambiata ecc. Così che nel momento culminante del finale travolgente,
quella di Varese, ha dato i ed è passata dalla Prima alla cioè alla vigilia delle elezioni, l’unica cosa che alla politica
natali e la formazione cul- Seconda Repubblica. interessi davvero, da qualche anno ci si è ricordati della
turale, per così dire, ai pro- Ai Padani il fatto che la Co- famosa “par condicio”, dell’equilibrio quantitativo delle
tagonisti del gruppo diri- stituzione non sia cambiata, presenze in tv. Per i programmi sotto l’egida preelettorale.
gente leghista, da Umberto eccetto la riforma all’ultimo Che di solito al massimo convincono i già convinti e al minimo
Bossi a Roberto Maroni, da momento, del titolo V della
dissuadono pure quelli. Come se la qualità fosse davvero una
Roberto Castelli e al mini- Costituzione repubblicana
stro Roberto Calderoli. non importa. Per loro, da conseguenza di quella quantità teoricamente distribuita con
“Le mie osservazioni etno- quando esiste la Lega Nord, equità (ma dove, ma quando?). Adesso sono di nuovo nel
grafiche – scrive la Demat- la Prima Repubblica non esi- mirino le trasmissioni di approfondimento. Che danno
teo – mi hanno a poco a po- ste più, ne è nata un’altra in fastidio, specie alla maggioranza che non le sa far fare e ha
co convinto che le manife- cui la Padania cresce e andrà quindi paura di professionisti di segno contrario. E il dibattito
stazioni della Lega Nord ave- al potere. si sposta sul tema raccapricciante: Santoro fa vincere o
vano una certa affinità con i “Teatralizzando gli antagoni- perdere le elezioni a Berlusconi? È davvero questa la ragione
riti di inversione smi sociopolitici – ricorda la sociale del suo lavoro? Posta così la questione, anche la “bar
che gli antropologi hanno Dematteo – i leghisti trasfor- condicio” ridiventa ridicola e rimanda alla “finta
potuto osservare nelle so- mano un “dramma potenzia- terremotata”: credetemi, sono due facce della stessa patacca.

In un mondo dove
Clandestini le merci e i capitali
circolano senza
conservata fino ai nostri giorni
(nel 1515, quando si guastò
l’orologio della chiesa di Saint
Pierre, nella città lemana non
zione del valore rappresenta-
to dall’immigrazione; ciò che
apporta e quanto – invece –
sottrae. Appunto, il valore
ta prezioso e determinante.
Ma se prevale la difesa della
rendita, allora l’irruzione di
flussi umani esterni si trasfor-

globali frontiere,
si intensificano
c’era un solo artigiano capace
di ripararlo; verso il 1600 fun-
zionavano già trenta botteghe
di orologeria). Persino la Rus-
sia di Pietro e Caterina incen-
economico. Forse la spiega-
zione ce la fornisce una battu-
ta di Hans Magnus Enzensber-
ger: “Dove il conto in banca è a
posto, l’odio per gli stranieri
ma in una pericolosa turbati-
va.
In effetti le nostre società sono
diventate sempre più vecchie
e impaurite, egoiste e statiche.
i controlli svanisce come per miracolo”. Per questo hanno successo
di Pierfranco Pellizzetti rivo del migrante, con le buo- Eppure – parlando di casa no- politiche basate sulla diffusio-
ne o le cattive: con la carota di per immigrati stra – senza gli immigrati (so- ne del panico, affiancate alla
a parola “clandestino” una mancia alla disperazione

L
e rifugiati: è la vente “clandestini”) in Italia si generica promessa di soluzio-
rimbalza freneticamente (2 mila euro) o il bastone del- fermerebbero interi settori ni che blindino l’esistente.
nel dibattito pubblico ita- l’uso della forza. politica della paura produttivi. Per citarne i meno Una immunizzazione psichica
liano, in bilico tra l’aspi- In un mondo che si vuole glo- noti, come la vetroresina, in che aggrava il problema. Ma il
razione di cancellarne la pre- bale, dove le merci e i capitali di società sempre cui la prevalente manovalanza problema è insito nella psico-
senza in quanto non-persona e circolano senza frontiere, si in- specializzata è senegalese, o il logia collettiva sclerotizzata
l’oscuro senso di minaccia in- tensificano controlli alla fron- più sclerotizzate restauro urbano, le cui antiche della società. Cui farebbe bene
combente di un altro-da-sé tiera per immigrati e rifugiati. tradizioni locali sono ormai importare forze giovani, ma-
ignoto; automaticamente col- Non è sempre stato così. Agli praticate esclusivamente da gari i ragazzi e le ragazze inter-
legato all’illegalità, alla crimi- albori dell’età moderna avve- dall’esterno di donne e uomi- tivava l’insediamento di mi- maestri artigiani maghrebini. net-alfabetizzati dell’altra
nalità. niva esattamente l’opposto: ni in fuga dalla madre patria. granti con agevolazioni per L’assistenza agli anziani viene sponda del Mediterraneo.
Il clandestino – in senso stret- era l’espatrio a essere conside- Nel 1685 Federico Guglielmo l’acquisto di terre. Insomma, assicurata da badanti spesso Quei giovani egiziani e tunisi-
to “chi viaggia senza docu- rato reato e in Francia Colbert favorisce l’insediamento in l’immigrazione era considera- provenienti dall’Ecuador, in ni che hanno osato ribellarsi
menti” – è il tormentone della lo puniva con la pena di morte, Prussia degli ugonotti cacciati ta un vantaggio, una formida- una sorta di surrogazione del contro l’oscurantismo e l’op-
nostra società sempre più ac- mentre l’Inghilterra ne regola- dalla Francia, dopo la revoca bile risorsa per lo sviluppo. welfare pubblico con il pressione di regimi decrepiti.
cartocciata su se stessa e an- mentava i flussi in chiave re- dell’Editto di Nantes. Nello Oggi si pensa il contrario. fai-da-te casereccio. Tutto que- Il migliore antidoto contro il
che il segno della sua cattiva strittiva. Viceversa, almeno a stesso tempo Ginevra incenti- Al di là delle pur prevalenti sto non ha valore? Dipende dai fondamentalismo, compreso
coscienza. Quella cattiva co- partire dalla fine delle guerre va l’arrivo di orologiai france- considerazioni d’ordine uma- criteri adottati. Se il problema quello delle comunità chiuse a
scienza per cui l’unico proble- di religione, i governi si inge- si, all’origine di una specializ- nitario, la tesi che qui si vuole è la creazione di nuova ric- difesa del proprio precario be-
ma è quello di respingere l’ar- gnavano per attirare gli arrivi zazione di territorio che si è sostenere è la mutata perce- chezza, il fattore umano diven- nessere.
Mercoledì 30 marzo 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

IL FATTO di ieri30 marzo 1987

Compagnucci
MAIL BOX Comunque sia, è sempre il giallo, il protagonista de “I
Girasoli” di Van Gogh. Sia che si tratti del “colore vivido
come il grano maturo” decantato da Vincent, sia che
riguardi il mistero dell’ipotetico falso che da anni avvolge la
stratosferica vendita all’asta del leggendario dipinto,
battuto da Christie’s, il 30 marzo 1987, per 40 milioni di
dollari. In realtà, l’affaire de “Les Tournedols”, acquistato
dalla società assicuratrice giapponese Yasuda come
di merendine
La mondezza sommerge Napoli,
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO superbo cadeau per i 100 anni della propria fondazione,
continua a dividere esperti e critici. Un complicato intrigo
ormai una discarica a cielo aper-
to, povera gente straripante su SE FOSSIMO NOI in cui emergono logiche di business e sospetti di truffa, ma
che poco hanno a che fare con la magia di quest’opera,
composta in più serie, tra il 1888 e il 1889, nel buen retiro di
barconi malandati invade altra
povera gente in quel di Lampedu-
sa, L’Aquila sempre più abbando-
LE VITTIME Arles, in cui spicca l’ossessione per quel “colore zolfo
pieno che brucia nei petali e nella corolla” e che, come
nata a se stessa, bistrattati dall’Eu- aro Colombo, le scrivo seduto in diplomazie sorde e la cecità conveniente di chi si scriverà al fratello Theo “è un’ode al sole del Mediterraneo
ropa che conta e ignorati un pae-
se che va a rotoli, mentre l’inef-
C auto nei pressi delle officine militari
Iveco. Qui solitamente approfitto per
occupa solo di interessi della sua parte e di fatti e
risultati da mostrare come scalpi di successo sul
in tutta la sua gloria”. Nella pennellata sofferta de “I
Girasoli”, dal bocciolo all’appassimento, c’è tutta la
fabile Cavaliere sale sui predellini leggere qualche pagina de Il Fatto momento, ma non vuole saperne di fare prima e in metafora della vita e della morte, del divino e della luce. La
esibendosi in squallidi show di durante la pausa pranzo. Già altre volte tempo ciò che dopo apparirà impossibile senza “lumière du Midi” evocata dall’autore che, a un anno dal
“rais” mediorientali dei quali tut- rimanevo impressionato dal rombo dei estrema violenza. suicidio, aveva sedotto ed eccitato la sua psiche malata.
ta la fascia islamica sembra volersi blindati e mezzi corazzati che vengono Ecco allora che la violenza della guerra ci appare Giovanna Gabrielli
liberare. Serva Italia somigli sem- scortati da un reparto a un altro. Oggi ho per quello che è: un cancellare le tracce degli errori
pre più a quei paesi di provincia in provato a immaginare che cosa significhi e omissioni non solo e non tanto del “colpevole”
cui la domenica il padrino locale si vedere questi mezzi irrompere nelle ma, soprattutto, di chi poteva – molto prima – posso dire che questo risultato esercitazioni: errare humanum
siede al bar contorniato dai strade del paese in cui abito perché evitare che si arrivasse al punto del massacro non è un miracolo ma è parte in- est.
“trombettieri” che fanno finta di stanno attaccando. Oggi, che sono “inevitabile”. tegrante del modo di vivere dei Davvero può esserci qualche di-
ridere alle sue barzellette, che ri- padre, vedo la mia integrità minacciata In questo scenario si vede bene la grettezza, giapponesi che hanno un ethos sastro: Ustica insegna. Se l’aero-
propongono l’osceno umorismo da questa voglia di guerra. Non riesco a l’egoismo, la cecità selettiva con la quale si svolgono condiviso, il rispetto di regole in porto scelto per le “missioni” in
del più bieco bestiario dei com- liberarmi dal pensiero: se fossimo noi le e si tessono ogni giorno le relazioni internazionali. comune, un forte senso del do- Libia è il Vincenzo Florio, e rima-
pagnucci di merendine! vittime? Anche adesso, in questo istante, siamo nel prima di vere. Noi italiani ci vantiamo di ne questo, non potranno esserci,
Maurizio Christian Maria un dopo che sarà peggiore a causa del essere furbi nel nostro modo di secondo me, i voli civili.
comportamento più o meno volutamente sbagliato aggirare le regole, ma non ci ren- Se l’aeroporto operativo non è
Redditi pubblici HO PARLATO dell’inestricabile di oggi. Pensate per un istante ai volti dei giovani e diamo conto di danneggiare l’in- più questo allora è un altro di-
(apparentemente inestricabile) nodo giovanissimi tunisini che stanno sbarcando a tero Paese e infine anche noi stes- scorso. Senza il problema Libia,
ma poi cosa cambia? “guerra-pace” appena due giorni fa, in questa Lampedusa: festosi, grati, con l’entusiasmo dei si. Così quando vediamo il modo può starci la condizione di avere
In questi giorni molti dei nostri pagina, ma mi lascio spingere da questa lettera di ragazzi che sono, al momento dello sbarco. Amari, di agire dei giapponesi ci sembra- l’aeroporto militare e civile a con-
parlamentari, da noi eletti,e quin- sincera tensione, a ritornare sull’argomento, che delusi e consci di essere caduti in una trappola no straordinari ed eccezionali. fine, come è quello di Ciampino a
di nostri rappresentanti, pubbli- del resto non finisce mai; non solo per “la voglia di squallida e maleodorante che credevano fosse “la Cristiano Martorella Roma.
cano i dati relativi ai loro redditi. guerra” di cui Christian parla, ma anche per il libertà e il futuro”. Mentre scendono dalle barche Ing. Gaspare Barraco, Marsala
Qual è il motivo di tale gesto? La susseguirsi e il moltiplicassi di eventi a cui anche le in cui si sono salvati per miracolo, vengono Processo breve,
trasparenza ma con quale pro- persone in buona fede, anche governanti seri e degradati da esseri umani soccorsi in mare a
moralità bassissima Ha ragione D’Alema
spettiva? Ciò sarebbe significati- preoccupati come Obama, sembrano guardare “clandestini” cioè, essi stessi, corpi di reato
vo se fosse seguito da gesti con- smarriti, e non sanno come rispondere. implicitamente colpevoli di essere giunti vivi in Con il processo breve la milizia Ferrara ha mentito
creti quali provvedimenti a soste- La lettera di oggi suggerisce un modello pedagogico Italia. Volete dire che non comincerà a crescere in parlamentare del capo del gover- Commentando la puntata di lune-
gno dei redditi più bassi, servizi al- di comportamento mentale e morale. Se fossi la molti di loro uno spirito di inimicizia e di vendetta no raggiunge il livello di moralità dì di “Radio Londra”, ho riporta-
le famiglie, per esempio e qualche vittima? Si possono fare mille distinzioni. Ad verso di noi, verso l’Italia? Qualcuno, incosciente e pubblica più basso della storia d’I- to una frase di Giuliano Ferrara
taglio ai loro numerosi privilegi (il esempio, per la Libia: la vittima di Gheddafi o la incapace di immaginare il futuro, ci sta spingendo talia dall’unità. Se almeno non si che attribuiva a Massimo D’Ale-
che non guasterebbe! Anzi mi pia- gente di Gheddafi come vittima? La domanda non già adesso a essere le prossime vittime. aggiungesse l’ipocrisia e si ridu- ma la seguente scemenza: “L’Italia
cerebbe che elencassero quali so- accetta distinzioni e ci aiuta a capire il senso e le cesse al minor numero possibile necessita di 30 milioni di immigra-
no!). Di tali soluzioni nemmeno ragioni di percorsi radicalmente diversi. Infatti tutto Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano l’ingiustizia delle parti offese dagli ti”.
l’ombra. Tutto ruota intorno a un ciò che stiamo vivendo è frutto e conseguenza di 00193 Roma, via Valadier n. 42 imputati che potrebbero farla Ferrara sosteneva di aver verifi-
uomo solo, cioè Berlusconi, che qualcosa che viene prima cattivi governi, lettere@ilfattoquotidiano.it franca! cato l’esattezza della citazione
diventa sempre più ricco con Si potrebbero evitare questi fatti “sul bollettino del Pd” e milioni di
sprezzo della legge in tutte le sue negativi e i miliziani declassati da telespettatori si sono fidati. Ma,
espressioni. Consiglio caldamen- volpi a conigli (meno dannosi). com’è noto, mai fidarsi di Ferrara.
te ai politici di evitare in futuro, di Così. Il processo breve si applica Infatti, come si desume dal video
pubblicare i loro guadagni perché, poveri cristi trattati come cani zia, Berlusconi perché dice che è parte, martellare con il can-can agli imputati incensurati di alme- su Youdem e dal sito del Pd, non-
per chi deve fare i salti mortali per nell’isola di Lampedusa (non per tanto buono e aiuta tutti quelli dei cibi e dei vini naturali o bio- no 74 anni più i giorni intercor- ché dalle agenzie di stampa di sa-
far quadrare il proprio bilancio, colpa degli abitanti) ho deciso di che hanno bisogno. Spazi ne han- logici, raccomandando che in essi renti dal 29 settembre 2010 alla bato, D’Alema citava le statistiche
ciò rappresenta una beffa e un’of- mandare un telegramma a ciascu- no tanti, diano il buon esempio. diminuisca l’utilizzo di additivi data di approvazione della legge. dell’Unione europea, riferite
fesa. Attendo, con fiducia, che no dei potenti che risiedono in Non ho ancora ricevuto risposta, chimici e una etichettatura più Tra l’altro la Consulta potrebbe dunque a tutta l’Europa: secondo
qualcuno di loro replichi. È un lo- Italia: il Papa, il presidente della ne mai ne riceverò però sono chiara che spinga il consumatore sorvolare sull’uguaglianza dell’art le quali nei prossimi 15 anni il vec-
ro diritto, ma soprattutto un do- Repubblica e Berlusconi chieden- contenta di averglielo scritto. a scegliere prodotti più “sani”; e 3 della Costituzione trattandosi chio continente, per mantenere
vere! dogli di aprire i loro giardini per Complimenti per il giornale. Vo- poi, dall’altra consentire, con ar- di pochi privilegiati. l’attuale rapporto fra popolazio-
Maria Grazia Perna accogliere i disperati di Lampedu- gliate gradire i miei migliori saluti tifici normativi, che proprio l’ac- Olivesco Francieri ne attiva e pensionati, avrà biso-
sa. Spazi ne hanno tanti, il Papa Maria Clara Maio qua, salutare per definizione, pos- gno di 30 milioni di immigrati”.
Napolitano, il Papa e B. dovrebbe farlo per amore di Dio, sa contenere dosi eccessive di ve- Ustica insegna: Una volta tanto, dunque, D’Ale-
accolgano i profughi anche se trattasi di gente di altra L’acqua potabile leni. Come non aver paura che,
no ai voli civili e militari ma aveva ragione. Ferrara invece,
religione, il presidente perché da- alla lunga, bevendola giorno dopo come sempre, mentiva.
Ossessionata dalla vista di tanti rebbe un bel segno di democra- in realtà non lo è giorno, l’effetto possa essere Come al solito i politici prendono Marco Travaglio
Ora è ufficiale dal 25 marzo l’ac- un’intossicazione come quella su- in giro. Cosa promettono e cosa
qua del Lazio è tornata potabile e bita dalla protagonista del famoso chiedono? Come possono affer-
lo sarà almeno fino al 31 dicembre film di Hitchcock “Notorious”? mare di riaprire l’aeroporto Vin-
LA VIGNETTA del 2012. Ecco una buona notizia, Chissà cosa si inventeranno que- cenzo Florio ai voli civili con i jet
si potrebbe dire, finalmente le sta volta le autorità competenti supersonici caricati di missili IL FATTO QUOTIDIANO
istituzioni si sono date da fare per per difendersi; magari diranno “aria-aria” che volano continua- via Valadier n. 42 - 00193 Roma
rendere più pura e salutare l’ac- che credevano di farci un piacere, mente tutta la giornata, anche per lettere@ilfattoquotidiano.it
qua pubblica dell’acquedotto che aiutandoci a mitridatizzare i no-
arriva, pagata, nelle nostre case. stri corpi, rendendoli immuni al-
Niente di tutto ciò. Si tratta solo l’effetto dei veleni come fece il fa- Direttore responsabile
di una deroga della Commissione moso re del Ponto che, si dice, ne
Europea che consentirà ancora assumesse piccole dosi crescenti Antonio Padellaro
per questo e il prossimo anno di nel tempo per abituare il suo cor- Vicedirettore Marco Travaglio
considerare potabile l’acqua che po e diventarne immune e salva-
abbia un contenuto di arsenico guardarsi da eventuali attentati. E Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
entro i 20 milligrammi/litro, a poi, che diamine, non è lo stesso Progetto grafico Paolo Residori
fronte di un limite legale che sa- principio dell’omeopatia? Redazione
rebbe esattamente la metà, cioè Elai V. 00193 Roma , Via Valadier n°42
10 milligrammi/litro. Capiamo tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
che i provvedimenti legislativi Il grande esempio e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
sito: www.ilfattoquotidiano.it
possano essere derogati o modi-
ficati, ma ci chiediamo se questo giapponese Editoriale il Fatto S.p.A.
possa essere ammissibile anche Secondo il quotidiano Nikkei il Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
quando si parla di alimenti e di 90% delle strade distrutte dal ter- Presidente e Amministratore delegato
percentuali contenute di un vele- remoto in Giappone sono state Giorgio Poidomani
no con noti effetti cancerogeni. già ricostruite. In qualità di stu- Consiglio di Amministrazione
Anche perché è inutile, da una dioso della cultura giapponese, Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano

Potrebbero piacerti anche