Sei sulla pagina 1di 1

FONDAZIONE DELL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI,

PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI


DELLA PROVINCIA DI MILANO Cq.258/itinerari

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano


/ 1989-1999 / Aldo Rossi con G. Da Pozzo, F. S. Fera Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano / 1989-1999 / A. Rossi con G. Da Pozzo, F. S. Fera

via Giuseppe Di Vittorio 10, Rozzano


spesso, nel lavoro di Rossi, la regola urbana rappresenta in molti disegni preparatori
diventa metafora da cui trarre il significato riprendendo e anticipando gli studi per
“Sul cimitero di Rozzano, che è un’opera territorio lombardo. In un continuo parallelo più generale del progetto. le cappelle di famiglia di Giussano (1980)
piccola potrei scrivere molte cose anche tra casa dei vivi e casa dei morti a Giussano, Pochissimi segni compongono e Lambrate (1995). Lo studio di forme
paragonandole a quanto fatto a Modena. Rozzano e Lambrate, l’architetto milanese l’ampliamento, che raddoppia senza rumore geometriche pure, unite all’iconica idea di
Purtroppo esso è vicino ad un cimitero immagina di dare forma a quel senso civile la superficie del cimitero esistente, cercando casa, definiscono a distanza di quindici anni
orribile degli anni ’60 e non ha certamente della morte che, nell’adesione realista al di mimetizzarsi con il territorio circostante: entrambi i progetti per le tombe di famiglia,
vicino il cimitero del Costa e quello degli carattere milanese, si fa luogo della città, di un percorso, definito da una sequenza ma se a Giussano la sezione interna esprime
ebrei di Modena” (1). cui riproporre la natura più profonda. di edifici porticati in linea che ospitano i il racconto monumentale della morte, reso
In questo senso il progetto per l’ampliamento colombari e degradano, da due ad un piano, espressivo dalla ricostruzione lignea di una
Dopo il progetto per il cimitero di San del cimitero di Rozzano si definisce prima avvicinandosi alla cappella, per accentuare la porta romana, al contrario la spogliazione
Cataldo a Modena (1971-1978), Aldo Rossi di tutto nella costruzione di una strada, un forza prospettica e la percezione del percorso di ogni intento decorativo e monumentale
continua a confrontare la sua architettura con viale che collega l’ingresso del cimitero alla e due edifici collettivi che, assecondando il scolpisce la piccola casa-tomba di Lambrate
il tema della morte anche nel più domestico piccola chiesa collocata al suo interno. Come disegno generale, si dispongono a segnarne i nella sua forma perentoria di parallelepipedo
fuochi. Cappella e crematorio si distinguono con tetto a piramide. Mattoni, pietra,
VISTA DEL VIALE ALBERATO VERSO LA CAPPELLA (FOTO DI MARCO INTROINI) dai luoghi per la sepoltura rappresentando ferro, il materiale è sempre ciò che segna
il rito della morte. Nessuna pretesa l’appartenenza fisica al territorio lombardo.
monumentalità sembra essere ricercata in
CLAUDIA TINAZZI
questo progetto, al contrario un carattere
domestico, intimo e popolare stabilisce (1) Aldo Rossi, Quaderno Azzurro 38, 20 ottobre 1988 - 27 febbraio
la cifra della composizione generale, fatta 1989, in: Aldo Rossi, I Quaderni Azzurri 1968-1992 (a cura di
Francesco Dal Co), Electa/The Getty Research Istitute, Milano 1999.
eccezione per la definizione dei luoghi
centrali che assumono necessariamente un
ALDO ROSSI, SENZA TITOLO (PROGETTO DI AMPLIAMENTO
valore civile, collettivo. DEL CIMITERO DI ROZZANO), S.D.

Il viale, quasi perfettamente simmetrico,


si conclude con la cappella e nell’interruzione
mediana si modifica per accogliere il
crematorio, luogo di filtro tra il viale stesso,
più urbano, e il luogo per le sepolture a terra,
legato al paesaggio rurale. Questo spazio,
racchiuso da un vecchio muro di mattoni
lombardi, è il luogo che nei primi schizzi
di progetto si pensava potesse accogliere
anche alcune cappelle gentilizie, Rossi lo

ALDO ROSSI E MILANO ALDO ROSSI E MILANO

Potrebbero piacerti anche