Sei sulla pagina 1di 6

UNI EN ISO 9001:2015

Sistemi di gestione per la qualità-requisiti

Entrata in vigore il 23-09-2015 (dervata dalla revisione della ISO 9001 del 2000)

Si basa sulla direttiva ISO/IEC parte 1, annesso SL appendice 2, che definisce HLS (struttura di alto
livello) destinati a formare quando possibile il nucleo delle future norme di sistemi di gestione, come
la ISO 9001

Tutte le norme che si occupano di gestione devono usare una struttura coerente, testo e
terminologia comuni in modod che essi siano facili da utilizzzare e reciprocamente compatibili.

Principali novità:

 Adozione HLS definita nell’annex SL


 Un esplicito requisito he richiede l’adozione del risck based thinking, per supportare e
migliorare la comprensione e l’applicazione dell’approccio per processi
 Minori requisiti prescrittivi
 Maggiore flessibilità riguardo alla documentazione, i documenti non necessitano più di solo
materiale cartaceo
 Migliorata applicabilità ai servizi
 Il requisito della definizione del confine del SGQ
 Enfasi sul contesto organizzativo
 Aumentati requisiti relative alla leadership (intesa come il coordinamento da parte del
leader che è colui che tira fuori il meglio dei propri dipendenti)
 Maggiore enfasi sul raggiungimento dei risultati di processi desiderati per accrescere la
soddisfazione del cliente

La ISO 9001:2015 utilizza l’approccio per processi, che incorpora il PDCA e il risck based thinking.

 L'approccio per processi permette a un’organizzazione di pianificare i propri processi e le


loro interazioni
 Il ciclo PDCA permette all’organizzazione di assicurare i propri processi dotati di risorse e
gestiti
 Il risk based thinking permette di determinare i fattori di rischi e di agire a riguardo

La norma riporta nei suoi articoli è articolata

1 scopo e campo di applicazione

2 rifermenti normativi (cioè ad altre norme)

3 termini e definizioni

4 contesto dell’organizzazione

5 leadership

6 pianificazione
7 supporto

8 attività operative

9 valutazione delle prestazioni

10 miglioramento

Gestione ambientale, sistema basato non solo sulla prevenzione, ma anche sul miglioramento
continuo delle prestazioni aziendali nei confronti dell’ambiente circostante.

L'obbiettivo per il sistema qualità è zero difetti, per il sistema ambientale l’obbiettivo è zero
emissioni

Analogie fra i due sistemi

 Orientamento alla prevenzione


 Orientamento al miglioramento continuo
 La volontarietà, detta anche non obbligatorietà (eccetto quelle norme che sono inserite nelle
leggi dello stato)
 L'impegno della direzione, i vertici dell’azienda devono puntare a soddisfare entrambi i
sistemi
 La diffusione della “cultura” per far si che tutti i membri della azienda cerchino di soddisfare i
due obbiettivi

I due sistemi sono entrambi integrabili in un unico sistema di gestione aziendale

Possono essere integrati i sistemi per la qualità, ambiente, sicurezza, salute. Questo sitema è definito
total quality enviromental management TQEM

Le imprese possono avvalersi di due principali tipologie standard di gestione ambientale, EMAS e le
norme della serie ISO 14000

L'EMAS non è stato pensato per tutti ma solo per singoli siti produttivi di industrie manifatturiere,
ritenuti ambiti di applicazione sufficientemente omogenei dal punto di vista delle problematiche
ambientali

Con l’EMAS II si riferisce ad imprese operanti in tutti i settori economici ed applicabile all’intera
organizzazione, non più solo a singoli siti

Il successivo rilasco della ISO 14001:2004 ha comportato la necessità di aggiornare l’allegato 1 del
regolamento EMAS II e nasce l’EMAS III per riaffermare la validità dei principi di eccellenza
ambientale

 Il miglioramento continuo delle prestazioni


 La conformità alle norme cogente
 Rafforzare i principi di eccellenza dello strumento dando evidenza del miglioramento delle
prestazioni ambientali e della conformità alla normativa
 Facilitare l’adesione allo schema riducendo l’onere amministrativo e dando maggiore
visibilità alla partecipazione al sistema
 Aumento significativo delle organizzazioni registrate
Per aderire all'EMAS , l’iter non cambia, ma adesso è reso possibile anche le organizzazioni extra
europee. Con l’emas di corporate, le multinazionali con siti sia ue che exstra ue possono richiedere
una sola registrazione.

Alle organizzazione registrate

 La durata delle registrazioni è invariata, il rinnovo va fatto prima di tre anni e gli
aggiornamenti una volta all’anno
 Deroga PMI: rinnovo dopo 4 e aggiornamenti ogni 2 a condizione che: non siano state
previste modifiche sostanziali all’organizzazione, non vi siano rischi ambientali segnificativi,
non vi siano questioni locali che coinvolgono l’organizzazione

Per ottenere la certificazione EMAS

Passaggi fondamentali:

 Analisi ambientale iniziale, identificazione e registrazione di ti gli effetti ambientali rilevanti


connessi con l’attività del sito/organizzazione
 Politica ambientale, dichiarazione nella quale l’organizzazione si impegna favore della tutela
dell’ambiente
 Programma ambientale, descrive i passi attraverso i quali si vuole raggiungere gli obbiettivi
generali della politica ambientale dell’organizzazione
 Il sistema di gestione ambientale, comprende la struttura, la responsabilità, le prassi, e
procedure, i processi e le risorse umani tecniche e finanziarie definiti e adottati per attuare il
programma ambientale
 Audit ambientale, verifica, strumento di gestione comprendente una valutazione
sistematica, documentata , periodica ed obbiettiva dell’efficienza dell’organizzazione, del
sistema di gestione, dei processi destinati alla protezione dell’ambiente
 Dichiarazione ambientale, deve scrivere un documento che render pubblico che contiene
una descrizione delle attività e il loro impatto sull’ambiente

La dichiarazione deve essere verificata e convalidata da un organismo competente. In Italia


l’organismo competente è stato il comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit

Finito il processo le aziende ricevono il logo della emas

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per quanto riguarda la UNI EN ISO 14001:2004

Sistemi di gestione ambientale- requisiti e guida per l’uso

Altre norme che si occupano attorno a questo settore sono la ISO 14020, 14021, 14022 E 14023

In particola re quella della valutazione del ciclo di vita LCA, ISO 14040, 14041, 14042, 14043 che
esaminano la gestione di un prodotto dalla nascita alla tomba

Comunque, la 14001 specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale che permetta ad ua


organizzazone di sviluppare una politica ambientale e di fissare degli obbiettivi per il bene
dell’ambiente.
Individua e specifica i requisirti di un sistema di gestione ambientale, che comprende:

 Struttura organizzativa
 Attivita di pianificazione
 Responsabilita
 Altre...

L'adesione alla norma è volontaria

Qualsiasi sistema di gestione ambientale deve contenere i requisiti specificati dalla norma.

Il grado della loro applicazione può dipendere da molti fattori quali

 Tipo di politica ambientale adottata


 La natura delle sue attività
 Prodotti e servizzi erogati
 Specifiche condizioni in cui l’organizzazione mette

Gli obbiettivi sono:

 Difesa attiva dell’ambiente


 Eliminare le contrapposizione di interessi fra ambiente e impresa
 Aumentare l’efficienza dei processi, riducendo i costi e rendendo l’aspetto ambientale
un’opportunità di crescita per le imprese

I vantaggi si distiguono in interni o esterni

Quelli esterni

 Facilità nell’ottenimento di permessi e autorizzazioni


 Facilitazioni negli approvvigionamenti pubblici e privati
 Benefici assicurativi
 Benefici finanziari
 Migliori condizioni contrattuali

Uelli interni

 Miglioramento dell’efficienza nell’impiego delle risorse con conseguente risparmio di


mateire prime ed energie
 Riduzione dei rischi ed incidenti
 Riduzione scarti e rifiuti

La revisione che ha portato a questa norma è la conformità alla HLS E MSS, integrazione tra diversi
sistemi senza confusione o conflitti

In questa norma cambia la struttura, leadership, concetto di rischio, contesto dell’organizzazione (le
ultime tre rientrano nel plan), inormazioni documentate, concetto di ciclo di vita del prodotto,
comunicazione (do), miglioramento continuo(act)

Maggiore enfasi sui requisiti riferiti alla direzione


Identificazione e gestione di rischi e opportunità in relazione agli aspetti ambientali

Vengono ampliate le aspettative circa l’adozione di ecccccc l’ho persa

la struttura della norma si basa sul PDCA scritta in accordo dell’Annex SL il quale defisce

 testo base
 Termini comuni
 Definizioni fondamentali
 Maggiore coerenza fra i meccanismi di gestioni

Articolazione

1. Scopo e campo di applicazione


2. Riferimento normativi
3. Termini e definizioni
4. Contesto organizzazione
5. Leadership
6. Pianificazione
7. Supporto
8. Attività operative
9. Valutazione delle prestazioni
10. Miglioramento

È diverso lo schema e l’articolazione rispetto alla precedente che aveva solo 4 capitoli

Ricordiamo che il tempo di cambio di orma va da 18 mesi a tre anni

Una norma di gestione che segue l’HLS deve avere gli stessi 10 capitoli

Questa norma come la 9001 segue il ciclo di deining o PDCA

Novità:

Contesto dell’organizzazione, deve tenere presente tutti i attori sia esterni che interni per rendere
possibile il raggiungimento degli obbiettivi, comprendendo:

 Caratteristice dell’ambiente in cui si opera


 Specificità della stessa organizzazione
 Contesto politico sociale, culturale ecc
 Fabbisogni e aspettative delle parti interessate

Concetto di rischio ed opportunità, l’organizzazion deve identificare un metodo di valutazione del


rischio associato al proprio contesto, quanto emerso dalla valutazione deve essere utilizzato come
elemno per definire i bbiettiv. Devono essere individuate le azioni per miigare i risci con effetto
negativo sull’ambiente ma deve ahe le popportunit favolrei per l’ambiente in modo daoterle
sfruttare.
Il concetto di rischio va esteso a tutto il campo di operazione, coe il rischio di fallimento oltre al
rischio ambientale

Comunicazione, si deve stabilire una strategia comunicativa e devono essre deinite esplicitamente:

Cosa comunicare

Quando comunicare

Con chi comunicare

Come comunicare

Miglioramento continuo sull’ambiente (oooooodio in tutti i sensi)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

La iso 31000