Sei sulla pagina 1di 169

Capitolo 1.

Conduzione
Introduzione. In questo capitolo ci si occupa della conduzione la quale costituisce, insieme
all’irraggiamento e alla convezione, uno dei tre meccanismi attraverso i quali si trasmette il calore.
Si ricorda che il calore si misura in calorie e che un joule equivale a 4,186 calorie. Si ricorda inoltre
che il calore è una forma di energia di trasferimento e che dunque non ha senso parlare di quanto
calore possegga un corpo. Ricordo in fine il postulato zero della termodinamica, ovvero quel
risultato sperimentale secondo il quale il calore si trasmette dalle zone a temperatura maggiore
verso le zone a temperatura minore di uno stesso corpo.

Campi termici. Definisco campo termico di un corpo il campo scalare T = T (P, t ) , funzione
di punto e di tempo, la quale assegna, istante per istante, ad ogni punto dello spazio la sua
temperatura. Si definiscono allora superficie isoterme quelle superficie i cui punti sono tutti alla
stessa temperatura. Si rileva che una superficie isoterma può muoversi nel tempo, ma in condizioni
stazionarie, cioè quando il campo termico perde la sua dipendenza dal tempo, tali superficie saranno
fisse nello spazio.
Definisco il campo vettoriale flusso termico

→ →
q = q (P , t )

il quale presenta la direzione ed il verso coi quali si trasmette il calore nel punto P dello spazio,
all’istante t . Il suo modulo è pari al limite

∆Q
lim
∆S →0 ∆S


dove ∆S è la superficie ortogonale alla direzione di q e ∆Q è il calore che attraversa quella
superficie nella unità di tempo. Il flusso termico sarà dunque ortogonale alle superficie isoterme
punto per punto ed istante per istante; infatti se così non fosse si avrebbe trasmissione di calore da
un punto ad un altro di una superficie isoterma, ciò che non è possibile per il postulato zero della
termodinamica.
Ricordando che il gradiente di un campo scalare punta la direzione di massimo incremento del suo
campo scalare possiamo già dire che il flusso termico sarà proporzionale all’opposto del gradiente
del campo termico. La natura di questa proporzionalità verra meglio spaecificata nel seguito, dopo
aver ricordato un importante risultato sperimentale.
Definisco anche linea di flusso termico ciascuna linea la quale risulta tangente punto per punto, ed
istante per istante, al flusso termico. Si ha allora che le linee di flusso termico sono ortogonali punto
per punto ed istante per istante alle superficie isotermiche.
Definiamo sorgente di calore del campo termico una zona limitata del campo termico, nella qule si
abbia una elevata produzione di calore. Definiamo inoltre pozzo di calore di una campo termico
una zona limitata nella quale si abbia un elevato consumo di calore.

Tubo di flusso. In un campo termico consideriamo una linea chiusa γ . La superficie


individuata dall’insieme delle linee di flusso termico passanti per ciascuno dei punti di γ è detta
tubo di flusso. Si dimostrano due proprietà del tubo di flusso.

1
1) La superficie laterale del tubo di flusso è impermeabile al calore, infatti se così non fosse si
avrebbe da qualche parte che il campo vettoriale flusso di calore non è tangente alle linee di flusso
termico, il che è assurdo.
2) In regime stazionario una qualunque sezione trasversale del tubo di flusso è attrversata dalla
sessa quantità di calore per unità di tempo. Infatti consideriamo due sezioni trasversali del tubo di
flusso S1 , S 2 . Se entrasse attravreso S1 più calore per unità di tempo di quello che esca da S 2 , nella
unità di tempo, si avrebbe un accumulo di calore nello spazio
delimitato da S1 , S 2 e il tubo di flusso il quale si traturrebbe in un
incremento di temperatura di tale zona, secondo la relazione

Q = γM∆T

essendo γ il calore specifico della zona considerata. Ma questo va contro l’ipotesi di stazionarietà
del campo termico, per cui segue la tesi.

Esperienza di Fourier. Si consideri il dispositivo sperimentale in figura: abbiamo una


barra di materiale buon conduttore di calore ricoperta da una guaina di un materiale cattivo
conduttore di calore (in figura il tutto è sezionato longitudinalmente). La sezione trasversale della
barra conduttrice è costante e di ampiezza S , mentre la sua lunghezza è pari ad s . Ad un estremo
della barra la temperatura è T , all’altro è T + ∆T , con
∆T > 0 .
Si verifica sperimentalmente che la quantità di calore ∆Q
che si trasmette dalla sezione calda a quella fredda, nel
tempo ∆τ , è data da

S∆τ∆T
∆Q = λ
s

dove λ è una costante caratteristica del materiale di cui è fatta la barra, detta conduttività termica
(vedi paragrafo relativo).

Postulato di Fourier. Proviamo adesso a generalizzare il risultato della esperienza di


Fourier in una espressione matematica manegevole. Consideriamo una superficie elementare dS

(che si intende dunque tendere a zero). Fissiamo un verso positivo per il suo versore normale n .
Allora la quantità di calore che transita attraverso dS nella unità di tempo e nella direzione e verso

di n sappiamo essere data, in base alla definizione di flusso termico, da

→ →
q⋅ n dS

Dunque nell’intervallo di tempo dτ questo calore diventa

→ →
q⋅ n dSdτ

Ricordiamo adesso quanto si era osservato sul flusso termico. Siccome questo vettore punta sempre,
per il postulato zero della termodinamica, verso la zona del campo termico a minore temperatura,
esso deve avere stessa direzione ma verso opposto rispetto al gradiente del campo termico, deve
2
essere cioè proprorzionale all’opposto del gradiente del campo termico. Per cui abbiamo che il

calore che transita attraverso dS nel tempo dτ nella direzione everso di n è dato da

→ →
− λ ∇T ⋅ n dSdτ

dove la costante di proporzionalità è quella che si ricava dalla esperianza di Fourier (conduttività
termica) per il materiale in oggetto. Questa espressione è definita postulato di Fourier. Per quanto
mi rigurda la vedo più una conseguenza del postulato zero della termodinamica che della esperienza
di Fourier, se non per il fatto che con la esperienza di Fourier si ricava il valore della conduttività
termica di ciascun materiale. Tra la’ltro si vuole osservare che sebbene il postulato di Fourier
assomigli formalmente alla esperienza di Fourier, vi differisce per un fatto fondamentale: nella
esprienza di Fourier la direzione effettiva di trasmissione del calore e la direzione lungo la quale si
vuole valutare la trasmissione del calore coincidono, mentre nel postulato di Fourier le due direzioni
sono in generali diverse.

Conduttività termica. Per prima cosa vediamo le unità di misura della conduttività termica
λ . Abbiamo detoo che il vettore flusso di calore, il quale rappresenta la quantità di calore trasmessa
per unità di tempo e superficie, è dato da

→ →
q = −λ ∇ T

→ →
per cui λ = − q/ ∇ T e dunqe la conduttività termica si misura in

cal ⋅ m cal J W
2
= ovvero ovvero
m sK msK msK mK

Ora studiamo la variazione della conduttività termica con la temperatura nei vari materiali. Per
prima cosa si osservi che la conduttività termica rappresenta il rapporto tra il flusso di calore e la
differenza di temperatura che lo determina. Dunque essa sarà tanto maggiore quanto più è buon
conduttore di calore il materiale al quale si riferisce.

Nei gas la conduttività termica cresce con la temperatura e si ha

W
λ = 0,01 ÷ 0,1
mK

Nei liquidi la conduttività interna cresce con la temperatura e


si ha analogamente

W
λ = 0,01 ÷ 0,1
mK

Un caso particolare è tuttavia quello dell’acqua in cui l’andamento della conduttività termica interna
con la temperatura è quello indicato in figura. Dunque quando l’acqua è riscaldata la sua
conduttività comincia a decrescere con la temperatura.

Nei solidi non metallici la conduttività termica cresce con la temperatura e si ha


3
W
λ = 1 ÷ 10
mK

Nei solidi metallici la conduttività termica cresce a basse temperature per poi decrescere molto
lentamente alle temperature ordinarie. Si ha

W
λ = 10 ÷ 10 2
mK

Equazione di Fourier. Consideriamo nel campo termico un generico volume Ω di


superficie ∂Ω . Il calore netto entrante in tale volume, nel tempo dτ , si scrive dunque

− λ ∇
→ →
dS = − dτ  λ ∇
→ →

∫∂Ω
 T ⋅ n d τ 
 ∫
∂Ω
 T ⋅ n dS


dove n è il campo del versore normale della superficie ∂Ω , assunto con verso entrante in Ω . Ma
secondo il teorema della divergenza1 si ha

 → 
− dτ ∫  λ ∇ T ⋅ n dS = dτ ∫  λ ∇ T ⋅  − n  dS = − dτ ∫ div (λT )dV =
→ → →

∂Ω   ∂Ω   Ω

  ∂T   ∂T  ∂T  
 ∂ λ  ∂  λ  ∂  λ 
  ∂x   ∂y   ∂z  
= dτ ∫  + + dV
∂x ∂y ∂z

 
 

Ora questo calore avrà come effetto un aumento di temperatura, secondo la relazione generale

Q = γM∆T

Dunque deve essere

  ∂T   ∂T  ∂T  
 ∂ λ  ∂  λ  ∂  λ 
  ∂x   ∂y   ∂z   ∂T
dτ ∫  + +  dV = ∫ γρ dτdV
Ω
∂x ∂y ∂z ∂τ
 Ω
 
 

dove ρ indica la densità di massa. Per maggiore completezza è necessario considerare anche il
calore eventualmente generato in Ω . Se diciamo H il calore generalto per unità di volume e di
tempo abbiamo che l’equazione di cui sopra si scrive

1
Si ricorda che nel teorema della divergenza il versore normale si assume con verso positivo uscente, con verso dunque
opposto a quello da noi assunto per il versore normale stesso. Questo comporta la scomparsa del segno meno a primo
membro.
4
  ∂T   ∂T   ∂T  
 ∂ λ  ∂  λ  ∂ λ  
  ∂x   ∂y   ∂z  + H dV = γρ ∂T dτdV
dτ ∫  + +  ∫ ∂τ
∂x ∂y ∂z

  Ω

 

Per la genericità di Ω deve essere allora

  ∂T   ∂T  
 ∂  λ
 ∂ λ ∂T  
 ∂  λ 
  ∂x  ∂  + H  = γρ ∂T dτ ⇔
+  + 
y ∂ z
dτ  
∂x ∂y ∂z ∂τ
 
 
 ∂T  ∂  λ ∂T   ∂T 
∂ λ   ∂y  ∂ λ 
⇔ 
∂x 
+  +  ∂z  + H = γρ ∂T
∂x ∂y ∂z ∂τ

Questa equazione prende il nome di equazione di Fourier e costituisce la equazione da integrare,


con le opportune condizioni al contorno, per ricavare i campi termici all’interno dei corpi.
Si aggiunge che, nel caso di conduttività termica costante all’interno del corpo, l’eqiuazione di
Fourier si scrive

∂T
λ∇ 2T + H = γρ
∂τ

Nel caso inoltre in cui non vi sia generazione interna di calore l’equazione di Fourier si scrive

∂T λ 2 ∂T ∂T
λ∇ 2T = γρ ⇔ ∇T= ⇔ D∇ 2 T =
∂τ γρ ∂τ ∂τ

λ
dove si è introdotta la diffusività termica D = alla quale si dedica un paragrafo.
γρ
Diffusività termica. Per quanto riguarda il sisgnificato fisico della diffusività termica si ha
che essa rappresenta il rapporto fra la variazione temporale della temperatura sulla sua variazione
spaziale. La variazione temporale della temperatura è la consequenza dei flussi di calore i quali
sono causati dalla variazione spaziale della temperatura. In base a questo si può intanto dire che i
materiali buoni conduttori di calore avranno una maggiore diffusività termica.
Ora ricaviamo le unità di misura della diffusività termica partendo dalla equazione di Fourier per la
quale D = (∂T / ∂t ) / ∇ 2T . Le unità di misura sono

K m2 m2
=
s K s

Poiché in questa unità di misura si ottengono valori molto piccoli si usa tuttavia esprimere la
diffusività in m 2 / h . Per esempio nei metalli si ha

D ≈ 0,1m 2 / h
5
Parete piana in regime stazionario. Consideriamo uno strato di materiale omogeneo,
di spessore s .

1) Questo strato sia illimitato nelle altre due dimensioni.


2) Il campo termico sia stazionario ed inoltre la parete in x = 0 sia tutta alla temperatura T1 e quella
in x = s sia tutta alla temperatura T2 .

Allora l’equazione di Fourier si scrive

∂ 2T
=0
∂x 2

con le condizioni al contorno T ( x = 0) = T1 , T ( x = s ) = T2 . Intagrando si ha

∂T
= C1 ⇒ T = C1 x + C 2
∂x

Imponendo le condizioni al contorno ho

x = 0 ⇒ C 2 = T1
T2 − T1
x = s ⇒ T2 = C1 s + T1 ⇒ C1 =
s

Pertanto il campo termico si scrive

T2 − T1
T= x + T1
s

Ora vediamo invece di calcolare il flusso temico, ovvero il calore trasmesso da una superficie
all’altra per unita di tempo e di superficie. Ricordando l’espressione generale del flusso termico

→ →
q = −λ ∇ T

abbiamo

→ → T2 − T1 → T − T2 →
q = q x e1 = −λ e1 = λ 1 e1
s s

La quantità di calore che attraversa una superficie S dello strato vale dunque

T1 − T2 T − T2 T1 − T2
qx S = λ S= 1 =
s s / λS RT

dove abbiamo introdotto la resistenza termica della parete RT = s / λS .


L’espressione del flusso di calore può essere usata per ricavare velocemente il campo termico.
Infatti dovendo tale flusso essere costante (ipotesi di regime stazionario) abbiamo

6
dT
−λ = C1 ⇒ T = C1 x + C 2
dx

Parete piana multistrato in regime stazionario. Consideriamo le ipotesi del caso


della parete piana, ma aggiungiamo che la parete sia costituita da più strati, ciascuno col proprio
spessore e la propria conduttività termica. Vogliamo ricavare anche qui il campo termico. Allora,
per fissare le idee, diciamo che gli strati siano quattro e nominiamo le temperature delle varie
interfacce come indicato in figura. Il primo strato abbia spessore s1 e conduttività termica λ1 , il
secondo abbia spessore e conduttività termica rispettivamente s2 , λ2 , e così via.
I risultati ottenuti per lo strato singolo debbono valere per ciascuno degli strati delle parete multipla
in esame. Dunque il flusso di calore che attraversa una superficie S del primo strato, nella unità di
tempo, vale

Ta − T1 Ta − T1
q1 S = =
s1 / λ1S RT 1

Ugualmente i flussi di calore relativi agli


altri tre strati saranno

T1 − T2 T1 − T2
q2 S = =
s 2 / λ2 S RT 2
T2 − T3 T2 − T3
q3 S = =
s 3 / λ3 S RT 3
T3 − Tb T3 − Tb
q4 S = =
s 4 / λ4 S RT 4

Questi flussi debbono essere tutti uguali fra loro data la condizione di stazionarietà del campo
termico (tanto calore entra quanto ne esce, altrimenti si avrebbero aumenti o diminuzioni di
temperatura). Evidenziano le differenze di temperatura e indicando qS il flusso per unità di tempo
che attraversa la parete nel suo complesso (che è uguale a ciascuno degli altri flussi) abbiamo

Ta − T1 = qSRT 1
T1 − T2 = qSRT 2
T2 − T3 = qSRT 3
T3 − Tb = qSRT 4

Sommando membro a membro abbiamo

Ta − Tb
Ta − Tb = qS (RT 1 + RT 2 + RT 3 + RT 4 ) = qSRTequi ⇒ qS =
RTequi

Eguagliando ciascuno dei flussi termici a questo ricaviamo le tre temperature intermedie.
Ricaviamo ad esempio la T1 :

7
Ta − T1 Ta − Tb
q1 S = qS ⇔ = ⇔ Ta RTequi − T1 RTequi = Ta RT 1 − Tb RT 1 ⇔
RT 1 RTequi
Ta (RTequi − RT 1 ) + Tb RT 1
T1 =
RTequi

Vale la pena osservare che una parete maultistrato può essere equiparata, dal punto di vista del
calcolo delle temperature intermedie, ad una serie di resistenze, dove le temperature rappresentano i
potenziali elettrici, le resistenze termiche rappresentano le resistenze elettriche e il flusso di calore
l’intensità di corrente (corrente continua).

Parete piana con sviluppo interno di calore. Consideriamo il caso della parete
piana e le medesime ipotesi (regime stazionario, superficie estreme isoterme, materiale omogeneo,
estensione infinita). Ma aggiungiamo adesso che si abbia una produzione interna di calore per unità
di volume e di tempo H . In questo caso l’equazione di Fourier si scrive

d 2T d 2T H
λ 2 +H =0⇔ 2 =−
dx dx λ

Integrando si ha

dT H H 2
= − x + C1 ⇒ T = − x + C1 x + C 2
dx λ 2λ

Imponiamo le condizioni al contorno

T1 = C 2
H 2 H T − T2
T2 = − s + C1 s + T1 ⇒ C1 = s− 1
2λ 2λ s

ottenendo il campo termico

H 2 H T − T2
T =− x + sx − 1 x + T1
2λ 2λ s

che riscrivo

 T − T2  H
T =  T1 − 1 x + x (s − x )
 s  2λ

avendo così distinto il campo termico dovuto alla sola differenza di temperatura fra una superficie
esterna e l’altra, senza il contributo della generazione di calore (risultato già trovato in precedenza),
e quello dovuto alla produzione interna di calore, in assenza di gradiente termico fra le due
superficie esterne.
Studiamo ora l’andamento di questo campo termico. E’ un andamento parabolico con concavità
rivolta verso il basso. Mi chiedo dove si abbia il massimo della temperatura. A tal proposito calcolo
la derivata prima:

8
dT T −T H H s T −T λ s
=− 1 2 +s − 2x =0⇔ x= − 1 2 ≤
dx s 2λ 2λ 2 s H 2

Si possono allora distinguere due casi.

1) Se risulta

s T1 − T2 λ Hs T1 − T2
− ≥0⇔ ≥ λ
2 s H 2 s

l’andamento del campo termico è quello illustrato in figura: si ha un picco in 0 ≤ x ≤ s / 2 e il calore


fluisce fuori dalla parete sia attraverso la superficie ad alta temperatura, che attraverso quello a
bassa temperatura. In effetti il flusso di calore per unità di tempo e superficie si scrive

dT T − T2 H H T − T2  s
q x = −λ =λ 1 − s + 2x = λ 1 +x − H
dx s 2 2 s  2

e dunque il flusso in x = 0 vale

T1 − T2 sH
q x (x = 0) = λ − <0
s 2

e il calore esce, mentre il flusso in x = s vale

T1 − T2 sH
q x (x = s ) = λ + >0
s 2

e il calore esce anche qui. Naturalmente, per la stazionarietà, non si possono avere accumuli di
calore nella parete, avendo questo l’effetto di una aumento di temperatura, e dunque la somma dei
due flussi uscenti deve essere uguale alla produzione interna di calore, per unità di tempo.
Ricordando che i due flussi sono per unità di superficie, abbiamo che il calore uscente per unità di
volume è apri alla loro somma diviso s . E tale calore vale

9
T1 − T2 sH T − T2 sH sH sH
λ + −λ 1 + +
q x ( x = s ) − q( x = 0 ) s 2 s 2 = 2 2 =H
=
s s s

2) Se risulta

s T1 − T2 λ Hs T1 − T2
− ≤0⇔ ≤ λ
2 s H 2 s

l’andamento del campo termico (indicato in figura) prevede un picco in x = 0 con un andamento
decrescente. In questo caso il calore entra in x = 0 ed esce in x = s . Anche se, nella condizione
limite in cui valesse il segno di uguaglianza il calore scambiato in x = 0 sarebbe nullo. Calcoliamo
i due flussi di calore

 T − T2 sH
 q x (x = 0) = λ 1 − >0
T1 − T2  s  s 2
qx = λ +  x − H ⇒ 
s  2 q x (x = s ) = λ T1 − T2 + sH > 0
 s 2

Il calore che esce è pari al calore che entra più sH , calore generato in un volume di parete di
superficie unitaria.

Parete cilindrica in regime stazionario. Consideriamo uno strato di materiale


omogeneo costituente un ciclindro cavo a sezione circolare.

1) La dimensione longitudinale del cilindro sia infinita.


2)Il campo termico sia stazionario.
3)Le superficie interne ed esterne del cilindro cavo siano isoterme: la temperatura della superficie
interna sia T1 , quella della superficie esterna sia T2 .

In questo caso per ricavare il campo termico


dobbiamo prima scrivere l’equazione di Fourier
in coordinate cilindriche, a meno che non si
ricordi l’espressione del laplaciano in
coordinate cilindriche. Con riferimento alla
figura si consideri che il calore che entra nella
pellicola cilindrica evidenziata nel tempo dτ e
per unità di lunghezza del cilindro, vale

∂T (r )
−λ πrdτ
∂r

Il calore che esce da tale pellicola, nel tempo dτ e per unità di lunghezza del cilindro, vale invece

∂T (r + dr )
λ π (r + dr )dτ
∂r

10
Dunque il calore complessivamente entrato nella pellicola, sempre nel tempo dτ e per unità di
lunghezza del cilindro, vale

∂T (r ) ∂T (r + dr )
−λ πrdτ + λ π (r + dr )dτ
∂r ∂r

Adesso possiamo osservare che


∂T (r )
T (r + dr ) = T (r ) + dr + o (dr )
∂r

per cui, derivando, si ha

∂T (r + dr ) ∂T (r ) ∂ 2T (r )
= + dr
∂r ∂r ∂r 2

Sostituendo nella espressione del calore complessivamente entrato nella pellicola, per unità di
lunghezza del cilindro e nel tempo dτ , si ha

∂T (r )  ∂T (r ) ∂ 2T (r )  ∂T (r ) ∂T (r ) ∂T (r )
−λ πrdτ + λ  + 2
dr π (r + dr )dτ = −λ πrdτ + λ πrdτ + λ πdrdτ +
∂r  ∂r ∂r  ∂r ∂r ∂r
∂ 2T (r ) ∂ 2T (r )  ∂T (r ) ∂ 2T (r ) ∂ 2T (r ) 
+λ πrdrdτ + λ πdr dτ = λπdrdτ 
2
+ r+ dr 
∂r 2 ∂r 2  ∂r ∂r 2 ∂r 2 

Questo calore deve essere pari al calore


∂T ∂T ∂T
(
ρπ (r + dr )2 − r 2 )
∂τ
dτ = ρπ (r 2 + 2 rdr + dr 2 − r 2 ) dτ = ρπ (2r + dr )
∂τ ∂τ
dτdr

Uguagliando si ha

 ∂T (r ) ∂ 2T (r ) ∂ 2T (r )  ∂T
λ  + 2
r + 2
dr  = ρ (2r + dr )
 ∂r ∂r ∂r  ∂τ

che per dr → 0 porge

 ∂T (r ) ∂ 2T (r )  ∂T
λ  + 2
r  = 2rρ
 ∂r ∂r  ∂τ

Questa è l’equazione di Fourier in coordinate cilindriche nel caso generale. Nel caso stazionario di
nostro interesse essa si riduce alla equazione

 dT (r ) 
dr 
dT (r ) d T (r )
2
 dr 
+ r=0⇔ =0
dr dr 2 dr

Procediamo adesso alla integrazione. Si ha

11
dT (r ) dT (r ) C1
r = C1 ⇒ = ⇒ T (r ) = C1 ln (r ) + C 2
dr dr r

Ora imponiamo le condizioni al contorno

T1 = C1 ln (r1 ) + C2 C 2 = T1 − C1 ln (r1 ) r


 ⇒ ⇒ T1 − C1 ln r1 = T2 − C1 ln r2 ⇒ T1 − T2 = C1 ln 1 ⇒
T2 = C1 ln (r2 ) + C 2 C 2 = T2 − C1 ln (r2 ) r2
T − T2 T − T2 T ln r − T ln r − T1 ln r1 + T2 ln r1 T2 ln r1 − T1 ln r2
⇒ C1 = 1 ⇒ C 2 = T1 − 1 ln r1 = 1 1 1 2 =
r1 r1 r1 r
ln ln ln ln 1
r2 r2 r2 r2

Dunque si è trovato

T1 − T2
C1 =
r
ln 1
r2
T ln r − T ln r
C2 = 2 1 1 2
r
ln 1
r2

e il campo termico si scrive

T1 − T2 T ln r − T ln r T − T2 T ln r − T ln r
T (r ) = ln (r ) + 2 1 1 2 = − 1 ln (r ) − 2 1 1 2
r r r r
ln 1 ln 1 ln 2 ln 2
r2 r2 r1 r1

Dunque la temperatura decresce (se T1 > T2 ) con andamento logaritmico. La quantità di calore che
attraversa una superficie cilindrica coassiale di raggio r e altezza L nella unità di tempo vale allora

∂T T − T2 T1 − T2 T − T2 T1 − T2 T − T2
− λ 2πrL = λ 2πL 1 = λ 2π (r2 − r1 )L = λ A log 1 = = 1
∂r r
ln 2
r
(r2 − r1 ) ln 2 (r2 − r1 ) (r2 − r1 ) / λ A log RT
r1 r1

dove si è introdotta la media logaritmica2 dell’area interna ed eserna del cilindro

A2 − A1 2πr2 L − 2πr1 L
A log = =
A2 2πr2 L
ln ln
A1 2πr1 L

e la resistenza termica

2
Alog si detta media logaritmica si giustifica considerando che essa tende alla media aritmetica fra le due
Il fatto che
aree per A2 / A1 → 0 .
12
r2 − r1
RT =
λ Alog

Si noti l’analogia con il caso della parete piana. Si osserva che il campo termico può essere ricavato
velocemente considerando, anziché l’equazione di Fourier, l’espressione del flusso di calore. Il
calore che attraversa una qualunque supeficie cilindrica coassiale al cilindro e di altezza unitaria
vale
∂T
− λπr
∂r

ed è costante, in condizioni stazionarie; dunque

∂T ∂T C1
− λπr = COSTANTE ⇒ = ⇒ T = C1 ln r + C 2
∂r ∂r r

Resistenza termica di contatto. Consideriamo di nuovo il caso di una parete multistrato


in regime stazionari. In precedenza si è ammesso che gli strati fossero perfettamente combacianti
l’uno con l’altro. In realtà le superficie dei solidi sono sempre irregolari. Dunque il contatto fra di
esse avviene in coincidenza di areole che costituiscono una piccola porzione della superficie totale
di contatto. Tra i due strati si hanno dunq delle cavità e per questo il trasferimento di calore avviene
nei seguenti modi:

1) per conduzione fra le due pareti, là dove esse sono in contatto;


2) per conduzione attraverso il gas che riempie le cavità;
3) per convezione tra le pareti ed il gas;
4) per irraggiamento fra le pareti e fra le pareti ed il gas.

Tra questi flussi di calore il


terzo è trascurabile in
quanto i moti convettivi del
gas debbono essere per
forza limitati a causa delle
piccole dimensioni delle
cavità fra le due pareti. Si
ammette trascurabile anche
il flusso di calore per
irraggiamento.
Per studiare ora più da
vicino l’effetto della
presenza delle irregolarità
superficiali nella trasmissione di calore consideriamo il modello indicato in figura dove gli spessori
α , β stanno a rappresentare la profondità delle irregolarità nelle due superficie. Diciamo che i due
strati si affaccino l’uno sull’altro con una superficie totale ∆S , ma che quella effettiva di contatto
fra di essi sia ∆S c . Allora il flusso di calore che passa da uno strato ad un altro si può scrivere

13
 ∆S  ∆S  
 c
1 − c  
∆S c (T A − TB ) (∆S − ∆S c )(TA − TB )
= ∆S  ∆S + 
Q ∆S  
=
α β
+
α+β  α β α+β  A B
(T − T )
∆τ + +
 
λ1 λ2 λf  λ1 λ2 λf 

Dunque resta definita una resistenza termica

−1
 ∆S  ∆S  
 c
1 − c  
RC =  ∆S + 
∆S  
α β α+β 
 + 
 λ1 λ2 λf 

detta resistenza termica di contatto. Vediamo da quali parametri dipende:

1) dalle conducibilità termiche dei due solidi in contatto;


2) dalla conducibilità termica λ f del fluido che riempie la cavità;
3) dalla pressione con la qule le due facce sono premute una contro l’altra la quale influisce sul
rapporto ∆S c / ∆S ;
4) dalle rugosità α , β delle due superficie in contatto.

Riferendoci sempre alla figura abbiamo che il flusso termico fra i due strati si può scrivere

Q ∆S (T1 − T2 )
=
∆τ s1 s
+ RC + 2
λ1 λ2

Le resistenze termiche fra le superficie, in funzione delle condizioni di pressione, temperatura e


rugosità sono date in apposite tabelle. Vedi in proposito il secondo volume del Felli a pag. 51 dove
sono tabulati diversi valori per il reciproco della resistenza di contatto (detto coefficiente di contatto
termico).

14
Capitolo 2. Convezione
Introduzione. Si parla di trasmissione di calore per convezione (dal latino convehere,
trasportare) quando il trasferimento di calore avviene per mezzo di trasferimento di massa fluida.
Semplificando al massimo il fenomeno possiamo dire che la sua dinamica prevede cessione di
calore, per conduzione, da un solido ad un fluido che lo lambisce; il calore, sottoforma di energia
interna del fluido, viene trasportato lontano dal solido, dal moto del fluido, e quindi ceduto ad un
altro solido a temperatura minore rispetto a quella del fluido stesso.
Bisogna osservare subito che il moto del fluido può essere generato dalla trasmissione stessa di
calore: il fluido riscaldato diminuisce la propria densità e subisce una spinta verso l’alto (principio
di Archimede) così come del fluido raffreddato subisce una spinta verso il basso. Se allora il moto
del fluido è dovuto esclusivamente a questo fenomeno si parla di convezione naturale. Se invece il
moto del fluido è dovuto essenzialmente a fenomeni esterni (pendenze, pompe, ventilatori) si parla
di convezione forzata. Si danno poi casi di convezione mista quando la velocità imposta dalle
forze esterne è paragonabile a quella dovuta alla spinta di Archimede, che dunque non può essere
trascurata.

Strato limite meccanico e strato limite termico. Nella appendice sul moto dei
fluidi si è trattato qualitativamente il caso del moto di un fluido che investe una lastra piana,
distinguendo il caso in cui il moto indisturbato sia trubolento da quello in cui il moto indisturbato
sia laminare. Riprendiamo tale problema considerando il caso più complesso, quello in cui il moto
del fluido indisturbato sia turbolento.

In figura riporto il noto andamento qualitativo dello strato limite meccanico, affiancato da quello
che viene detto strato limite termico il quale è definito dalla relazione

T ≤ 0,99T∞

essendo T∞ la temperatura della corrente indisturbata. Si osserva come questa condizione sia del
tutto analoga a quella che definisce lo starto limite meccanico

u ≤ 0,99u∞

Conviene subito dire però che lo spessore dello strato limite termico non è necessariamente uguale a
quello dello strato limite meccanico, potendo essere tanto superiore che inferiore. Tuttavia si può
dire che per gran parte dei gas gli spessori dei due strati limite coincidono.
Adesso riesaminiamo lo strato limite meccanico dal punto di vista della trasmissione del calore,
considerando i seguenti punti.

15
1) All’interno dello strato limite laminare, il quale si ha dove il numero di Reynolds assume valori
inferiori al valore critico 2000, si ha che il fluido immediatamente in contatto con la parete è fermo.
Allora lo scambio di calore fra fluido e parete avviene esclusivamente per conduzione.
Allontanandoci dalla parete le falde di fluido in moto relativo scambiano calore fra di loro (lungo
l’asse y ) per conduzione. Lungo l’asse x il calore sottratto alla parete viene trasportato dalla massa
fluida sottoforma di energia interna del fluido stesso (convezione).

2) Nello strato limite turbolento abbiamo, oltre alla componente lungo x della velocità, anche una
componente lungo y . Questo significa che il trasporto di calore per convezione avviene tanto lungo
x che lungo y .

Il coefficiente di convezione. Dalle analisi sperimentali risulta che il calore trasferito, per
unità di superficie e di tempo, dalla lastra piana al fluido è proporzionale alla differenza di
temperatura TP − T∞ . Ovvero si può scrivere

Q
= h (TP − T∞ )
S∆τ

dove si è introdotto il coefficiente di convezione h . Questo significa che il problema dello studio
del fenomeno della convezione si riduce alla determinazione del coefficiente di convezione. Si
precisa che la relazione di cui sopra è valida non solo per la semplice geometria della lastra piana
investita dal fluido, ma anche per geometrie più complesse, per ciascuna delle quali il coefficiente
di convezione avrà una particolare espressione. Per procedere nella analisi dobbiamo comunque in
primo luogo vedere da quali grandezze fisiche dipende il coefficiente di convezione.

1) h dipende dalla conduttività λ del fluido in quanto nello strato laminare si ha trasmissione di
calore fra il solido ed il liquido e fra le falde di liquido in moto relativo. In particolare h aumenta
all’aumentare di λ .

2) h dipende dal coefficinete di dilatazione volumica, indicato a , in quanto maggiore esso è e


maggiore è la velocità dovuta alla spinta di Archimede. Questo comporta da un lato una maggiore
trasmissione di calore per convezione, dall’altro una maggiore trasmissione di calore per
conduzione nello strato termico, in quanto diminuisce lo spessore dello strato termico stesso. In
conclusione h aumenta all’aumentare di a .

3) h dipende dalla viscosità cinematica µ / δ , dove δ è la densità del fluido e µ è il suo


coefficiente di viscosità. Infatti all’aumentare della viscosità cinematica diminuisce il numero di
Reynolds e dunque lo spessore dello strato laminare aumenta, con una riduzione di trasmissione di
calore per conduzione nello stesso. Dunque h diminuisce all’aumentare di µ / δ .

4) h dipende dalla velocità della corrente indisturbata u∞ in quanto un aumento della stessa
favorisce la trasmissione di calore per convezione e favorisce anche la trasmissione di calore per
conduzione, nello strato laminare, per via della diminuzione dello spessore dello stesso. Dunque h
aumenta all’aumentare di u∞ .

5) h dipende dal calore specifico γ del fluido in quanto maggiore è il calore specifico e maggiore è
la quantità di calore che l’unità di massa del fluido è in grado di trasportare. Dunque h aumenta
all’aumentare di γ .
16
6) h aumenta all’aumentare del gradiente di temperatura θ = TP − T∞ in quanto un maggiore
gradiente termico determina una maggiore velocità del fluido, aumentando la spinta di Archimede.
7) h dipende dalla geometria del sistema che è rappresentata da una lunghezza l .

In definitiva si devev avere una relazione del tipo

h = h (λ , a, δ , µ , u∞ , γ , θ , l )

Questa relazione generale si semplifica nel caso in cui si specifichi se ci si trova in condizione di
convezione naturale oppure in condizione di convezione forzata. Infatti nel caso di convezione
naturale la velocità della corrente fluida non è un parametro indipendente, nel senso che dipende
dalle altre grandezze. Dunque la legge di cui sopra si scriverà

h = h (λ , a, δ , µ , γ , θ , l )

Invece nel caso di convezione forzata si può affermare che i parametri legati allo sviluppo della
spinta di Archimede non sono più influenti, essendo la velocità del fluido imposta da forze esterne.
Dunque cade la dipendenza da a e da θ e si ha

h = h (λ , δ , µ , u∞ , γ , l )

Nei casi di convezione mista invece nessuna delle grandezze in parentesi può essere trascurata.

Analisi dimensionale. La legge che cerchiamo è del tipo3


h = h (λ , ag , δ , µ , u∞ , γ , θ , l )

per cui deve legare fra loro nove grandezze fisiche. Se assumiamo come grandezze fondamentali la
lunghezza L , la temperatura T , il tempo τ , la massa M e il calore Q , allora il teorema di
Buckingham ci dice che tale legge lega fra loro 9-5=4 parametri adimensionali. Il generico
parametro adimensionale si scrive

P = λi1 (ag ) 2 δ i3 µ i4 u∞ 5 γ i6 θ i7 l i8 h i9
i i

Adesso vediamo le dimensioni di ciascuna grandezza.

3
Si osserva che addesso invece di a ho considerato ag , con g accelerazione gravitazionale. In tutti i testi, al punto di
fare l’analisi dimensionale, si fa questo scambio. Il perché non lo so.
17

→ → q
q = −λ ∇ T ⇒ λ = − →
[
⇒ [λ ] = L−1T −1τ −1Q ]
∇T
 ∂V  1
a=  ⇒ [ag ] = LT −1τ −2 [ ]
 ∂T  p V
[δ ] = [L−3 M ]
 ∂u ∂u 
τ xy = µ  x + y  ⇒ [µ ] = [L−1τ −1 M ]
 ∂y ∂x 
[u∞ ] = [Lτ −1 ]
γ∆m∆T = Q ⇒ [γ ] = [T −1 M −1Q ]
[θ ] = [T ]
[l ] = [L]
Q
h=
S∆τ (TP − T∞ )
⇒ [h ] = L−2T −1τ −1Q [ ]

Sostituendo nel generico parametro adimensionale si ha

P = (L−1T −1τ −1Q )1 (LT −1τ −2 ) 2 (L−3 M ) 3 (L−1τ −1 M ) 4 (Lτ −1 ) 5 (T −1 M −1Q ) 6 (T ) 7 (L ) 8 (L−2T −1τ −1Q ) 9 =
i i i i i i i i i

= L−i1 +i2 −3i3 −i4 +i5 +i8 −2i9 T −i1 −i2 −i6 +i7 −i9τ −i1 −2i2 −i4 −i5 −i9 M i3 +i4 −i6 Q i1 +i6 +i9

Imponendo l’adimensionalità del parametro rispetto ciascuna delle grandezze fondamentali si ha il


sistema lineare

− i1 + i2 − 3i3 − i4 + i5 + i8 − 2i9 = 0
− i − i − i + i − i = 0
 1 2 6 7 9
− i1 − 2i2 − i4 − i5 − i9 = 0
i + i − i = 0
3 4 6
i1 + i6 + i9 = 0

Risolvo in funzione4 di i2 , i5 , i6 , i9 . Si ha

− i1 − 3i3 − i4 + i8 = −i2 − i5 + 2i9 i8 = 3i2 + i5 + i9


 − i + i = +i + i + i i = i
 i 7 2 6 9  7 2
− i1 − i4 = +2i2 + i5 + i9 ⇒ i4 = −2i2 + i6 − i5
i + i = +i i = 2i + i
3 4 6
3 2 5

i1 = −i6 − i9 i1 = −i6 − i9

Per cui il generico parametro adimansionale si scrive

4
Questa scelta dovrebbe consentire di avre le rspettive grandezze ciascuna in un parametro adimensionale differente.
18
i2 i5 i i
 agδ 2θl 3   u∞δl   µγ  6  lh  9
P=λ −i6 −i9
(ag ) δ
i2 2 i2 +i5
µ −2i2 +i6 −i5 i5 i6
u∞ γ θ l i2 3i2 +i5 +i9
h = 
i9
2
      
 µ   µ   λ  λ

Facendo assumere al vettore (i2 , i5 , i6 , i9 ) i valori della base canonica di R 4 ottengo i quattro
parametri adimensionali

Gr =
(ag )δ 2l 3θ ⇐ parametro di Grashof
µ2

u∞ lδ
Re = ⇐ parametro di Reynolds
µ

γµ
Pr = ⇐ parametro di Prandtl
λ

lh
Nu = ⇐ parametro di Nusselt
λ
Dunque la legge fisica cercata sarà della forma

Nu = f (Gr ⋅ Re⋅ Pr )

Per il significato fisico dei parametri adimensionali si rimanda alla apposita appendice.

Legge per la convezione. Si trova che la legge per la convezione Nu = f (Gr ⋅ Re⋅ Pr ) può
essere scritta in forma generale come

Nu = AGr α Re β Pr γ

dove i parametri A, α , β , γ dipendono dalla geometria del problema fisico e da altre circostanze, e
debbono essere ricavati sperimentalmente in ciascuno dei casi. Tuttavia la formula generale può
essere semplificata nel modo seguente.

1) Nella convezione naturale la velocità non è un parametro indipendente e dunque, nella analisi
dimensionale, non va considerata. Questo porta ad una legge generale del tipo Nu = f (Gr ⋅ Pr ) ,
cioè ad una legge

Nu = AGr α Pr γ

Si deve inoltre osservare che sperimentalmente risulta, nella convezione naturale, che α ≈ γ e
dunque

Nu = A(Gr ⋅ Pr )
n

19
Si aggiunge che nei gas il numero di Prandtl è grosso modo una costante e dunque la relazione di
cui sopra si semplifica ulteriormente nella

Nu = A ⋅ Gr n

2) Nella convezione forzata non si deve considerare la dilatazione volumica e dunque, nella legge
generale non compare il numero di Grashof. La legge per la convezione si scrive dunque

Nu = A Re β Pr γ

che per i gas si riduce alla

Nu = A ⋅ Re β

per il motivo indicato nel precedente punto.

Fatte queste semplificazioni i parametri debbono essere determinati considerando le seguenti due
caratteristiche del problema fisico

1) la natura del moto, se laminare o turbolento;


2) la geometria del sistema (banco di tubi investito da un fluido, parete piana investita da un fluido,
moto in un condotto etc).

A titolo di esempio si consideri che nel caso di convezione forzata (Re>2000) entro un condotto la
formula generale si scrive

Nu = 0,023 Re 0,8 Pr 0, 4

Per gli altri casi fisici si rimanda al secondo volume di Felli, da pag 103 in poi. Nella tabella
seguente riassumo il contenuto del paragrafo e aggiungo qualche dettaglio sulla parte conclusiva.

Legge generale per la convezione


Nu = AGr α Re β Pr γ
Convezione naturale Convezione forzata
Nu = AGr α Pr γ ≈ A(Gr ⋅ Pr )
n
Nu = A Re β Pr γ
Gas ⇒ Nu = AGr n Gas ⇒ Nu = A Re β
Moto laminare Moto turbolento Moto turbolento in un condotto
1
Nu = A(Gr ⋅ Pr )
0 , 25
Nu = A(Gr ⋅ Pr )3 Nu = 0,023 Re 0,8 Pr 0, 4
Gr ⋅ Pr < 10 9 Gr ⋅ Pr > 10 9 Re > 2000

Si osserva come il discrimine tra moto laminare e moto turbolento, nel caso della convezione
naturale (dove non si considera il numero di Reynolds), è dato dal numero Ra = Gr ⋅ Pr .

20
Capitolo 3. Irraggiamento
Onde elettromagnetiche. Una radiazione elettromagnetica di lunghezza d’onda λ viaggia
sottoforma di pacchetti di energia detti fotoni, ciascuno dei quali possiede una energia pari a

E = hν

dove

h = 6,625 ⋅ 10 −34 J ⋅ s

è la costante di Plunk e ν è la frequenza della emissione, legata alla lunghezza d’onda dalla
relazione c = νλ , essendo c la velocità della luce. Dunque si ha anche

hc
E=
λ

Classificazione delle onde elettromagnetiche. L’emissione elettromagnetica è


classificata in sette gruppi a seconda del valore assunto dalla sua lunghezza d’onda λ .

1) Onde Hertziane per λ > 10cm . Sono quelle usate nelle trasmissioni.

2) Microonde per 1mm < λ < 10cm . Quelle con l’unghezza d’onda maggiore sono usate nei sistemi
radar. Quelle con lunghezza d’onda minore sono legate alla emissione degli elettroni nella
transizione del numero quantico di spin.

3) Infrarosso per 0,7 µm < λ < 1mm . Si divide in infrarosso remoto, lontano e vicino.
3.1) Infrarosso remoto per 25µm < λ < 1mm . Riguarda la radiazione di corpi a temperatura
inferiore a quella ambiente.
3.2) Infrarosso lontano per 3µm < λ < 25µm . Riguarda la radiazione di corpi a temperatura
ambiente.
3.3) Infrarosso vicino per 0,7 µm < λ < 3µm . Riguarda la radiazione di corpi a temperatura
medio alta, fra i quali le stelle.

4) Luce visibile per 0,4 µm < λ < 0,7 µm . Rigurda corpi ad alta temperatura ed è legata alle
emissioni dovute alla variazione del numero quantico principale. Al diminuire della lunghezza
d’onda si hanno i colori rosso, giallo, verde, blu e viola.

5) Ultravioletto per 10 −2 µm < λ < 0,4 µm .

6) Raggi X per 10 −4 µm < λ < 10 −2 µm .

7) Raggi γ per 10 −7 µm < λ < 10 −4 µm .

Il fenomeno di scambio di calore per irragiamento cade nell’intervallo di lunghezza d’onda


0,1µm < λ < 100 µm dunque comprende tutta l’emissione infrarossa e parte di quella visibile.
Questo genere di emissione è poi quella che è legata alla temperatura del corpo emettitore.
21
Grandezze di emissione elettromagnetica. Vediamo le principali grandezze usate
per descrivere l’irraggiamento di un corpo nello spazio.

Splendore energetico. E’ la potenza emessa da un corpo in una certa direzione, per unità di
superficie apparente5, unità di lunghezza d’onda e unità di angolo solido. Indicando σ questa
grandezza abbiamo

dW (λ , T , n, ϑ , ϕ ) dW (λ , T , n, ϑ , ϕ )
σ= =
dλ (dS 0 cos ϑ )dΩ dλdSdΩ

dove si è posto

P : punto della superficie in cui si valuta l’emissione


dS 0 : superficie di cui si valuta l’emissione, centrata
in P e tendente a zero
ϑ , ϕ : angoli che individuano la direzione di emissione
dS : superficie apparente rispetto alla direzione considerata
λ : lunghezza d’onda rispettoa alla quale si valuta l’emissione
T : temperatura della superficie in P
n : natura del corpo
dΩ : angolo solido all’interno del quale si considera l’emissione
dW : potenza emessa da dS 0 nella direzione a

Ricordo che l’angolo solido Ω è dato dal rapporto fra la calotta sferica di raggio R da esso
individuata, ed il quadrato del raggio stesso. Dunque l’angolo solido relativo al semispazio vale
2π , quello relativo allo spazio vale 4π .

Emissione specifica. E’ la potenza emessa per unità di superficie (e non di superficie apparente) e
per unità di lunghezza d’onda. Indicandola ε abbiamo

ε (λ , T , n ) = ∫ σ cos ϑdΩ

Essa dunque fornisce la potenza emessa dal punto P , per unità di superficie e di lunghezza d’onda,
in tutto il semispazio (di angolo solido 2π ) sul quale si affaccia dS 0 .

Emissione Integrale. E’ la potenza emessa per unità di superficie. Si ottiene integrando l’emissione
specifica rispetto alla lunghezza d’onda. Indicandola J abbiamo


J (T , n, P ) = ∫ εdλ
0

Unità di misura:

W W W
σ← ε← J←
µm ⋅ m 2 µm ⋅ m 2 m2

5
La superficie apparente è la proiezione della superficie sul piano ortogonale alla direzione di emissione.
22
Emissione. Legge del coseno. Si dice che un corpo segua la legge del coseno quando la
potenza emessa in una certa direzione non dipende dall’angolo ϕ (vedi figura) ed inoltre si ha

dW (ϑ ) = dW (ϑ = 0)cosϑ

Allora l’emissione integrale vale

J = ∫ dW (ϑ = 0) cos ϑdΩ

Ma per l’angolo solido si ha (vedi figura)

RdϑR sin ϑdϕ


dΩ = = sin ϑdϕdϑ
R2

dunque

2π π / 2 π /2
sin 2 ϑ
J = ∫
0
∫0 dW (ϑ = 0 ) cos ϑ sin ϑd ϑd ϕ = 2πdW (ϑ = 0 )
2
dϑ = πdW (ϑ = 0 )
0

Quindi l’emissione integrale è π volte la potenza emessa6 nella direzione ϑ = 0 .

Grandezze di incidenza. Per descrivere l’incidenza di potenza su di un corpo si usa la


seguente grandezza.

Splendore energetico del campo incidente. E’ la potenza che incide su di un punto, proveniente
da una certa direzione, con una certa lunghezza d’onda, per unità di superficie apparente, per unità
di lunghezza d’onda, per unità di angolo solido (considera ancora l’illustrazione relativa allo
splendore energetico). Simbolicamente si indica ρ e dunque abbiamo

dWi (λ , ϑ , ϕ ) dWi (λ , ϑ , ϕ )
ρ= =
dλ (dS 0 cos ϑ )dΩ dλdSdΩ

dove dWi indica appunto la potenza incidente.

Grandezze di assorbimento. Vediamo le principali grandezze usate per descrivere


l’assorbimento di potenza di un corpo.

Coefficiente di assorbimento angolare spettrale. Rappresenta il rapporto tra la potenza assorbita


proveniente da una certa direzione e relativa ad una certa lunghezza d’onda, e la potenza che incide
dalla stessa direzione e con la stessa lunghezza d’onda. Simbolicamente si scrive

dWa (λ , n, T , ϑ , ϕ )
aσ =
dWi (λ , ϑ , ϕ )

6
La potenza emessa in una direzione si intende in tutto lo spettro. Per questo la si indica anche Jϑ .
23
Coefficiente di assorbimento panoramico spettrale. In questo caso si considera la potenza
proveniente da ogni direzione (dal semispazio). Si ha

∫ dW (λ , n, T ,ϑ ,ϕ ) ∫π aσ dW (λ ,ϑ ,ϕ ) ∫π aσ ρdλdSdΩ ∫π aσ ρdλdS

a
2
i
2 2
0 cos ϑdΩ
aε = = = = =
∫ dWi (λ ,ϑ ,ϕ )

∫ dWi (λ ,ϑ ,ϕ )

∫ ρdλdSdΩ

∫ ρdλdS0 cosϑdΩ

dλdS 0 ∫ aσ ρ cos ϑdΩ ∫ aσ ρ cos ϑdΩ


2π 2π
= =
dλdS 0 ∫ ρ cos ϑdΩ ∫ ρ cos ϑdΩ
2π 2π

Coefficiente di assorbimento panoramico globale. E’ il rapporto tra la potenza assorbita


proveniente da ogni direzione e con ogni lunghezza d’onda e la potenza incidente con le stesse
caratteristiche. Se indico tale coefficiente a J ho

∞ ∞ ∞ ∞

∫ ∫π dW (λ , n, T , ϑ , ϕ ) ∫ ∫π aσ dW (λ , ϑ , ϕ ) ∫ ∫π aσ ρdSdΩdλ ∫ ∫π aσ ρdS
0 2
a
0 2
i
0 2 0 2
0 cos ϑdΩdλ
aJ = ∞
= ∞
= ∞
= π
=
∫ ∫π dW (λ , ϑ , ϕ )
0 2
i ∫ ∫π dW (λ ,ϑ , ϕ )
0 2
i ∫ ∫π ρdSdΩdλ
0 2
∫ ∫π ρdS
0 2
0 cos ϑdΩdλ

∫ ∫π aσ ρ cos ϑdΩdλ
0 2
= π

∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
0 2

Assorbimento e riflessione. La potenza radiante che incide sulla superficie di un corpo


può avere tre destini:

1) può essere assorbita dal corpo;


2) può essere riflessa dalla superficie;
3) può attraversare tutto il corpo.
Quello che succede in generale è che ognuno di questi tre destini coinvolgerà una frazione della
potenza incidente. Allora consideriamo una parete di spessore s la
quale sia investita da una potenza incidente Wi . Diciamo inoltre
Wr la potenza riflessa e Wa la potenza assorbita. Se W (x ) è la
potenza che arriva alla sezione di acsissa x della parete, allora la
potenza assorbita in tale sezione vale

dW (x )
W ( x ) − W (x + dx ) = −dW (x ) = − dx
dx

Ammettiamo che tale quantità sia proporzionale, secondo un coefficiente α , a W (x ) . Allora


abbiamo

24
dW ( x ) dW ( x )
− dx = αW (x ) ⇒ = −α ⇒ ln W ( x ) = −αx + C ⇒ W (x ) = Ce −αx
dx W (x )
La condizione al contorno impone W ( x = 0 ) = Wi − Wr e dunque si ha

W ( x = 0 ) = C = Wi − Wr ⇒ W ( x ) = (Wi − Wr )e −αx

Se definiamo il coefficiente di trasparenza t e il coefficiente di riflessione r rispettivamente

Wt Wr
t= r=
Wi Wi

abbiamo le seguenti relazioni fra i coefficienti

Wt = W ( x = s ) = (Wi − Wr )e −αs ⇒ t = (1 − r )e −αs


Wa = Wi − Wr − Wt = Wi − Wr − (Wi − Wr )e −αs ⇒ a = (1 − r )(1 − e −αs )

Si rileva allora che

1) all’aumentare di α diminuisce t e aumenta a ;


2) all’aumentare di s diminuisce t e aumenta a .

Si aggiunge in fine che un corpo si definisce opaco quando t = 0 ⇒ a = 1 − r .

Legge di Kirchhoff. La legge di Kirchhoff afferma che il rapporto fra lo splendore


energetico di un corpo ed il suo coefficiente di assorbimento angolare spettrale non dipende dalla
natura del corpo , né dalla direzione di emissione-incidenza, ma solo dalla temperatura del corpo e
dalla lunghezza d’onda. Dunque si ha

σ (T , λ , n, ϑ , ϕ )
= f (T , λ )
aσ (T , λ , n, ϑ , ϕ )

Per dimostrare questa legge si considerano due corpi separati da un mezzo che non assorbe né
irraggia. I due corpi scambiano calore per irraggiamento. Si ammette per semplificare che
l’irraggiamento e l’assorbimento sono simmetrici rispetto alla normale alle superfici. Allora, con
riferimento alla illustrazione, la potenza emessa da dS1 la quale incide su dS 2 è data da

dW12 = σ 1 (λ , T1 , n1 , ϑ1 )dλdS1 cos ϑ1dΩ

Per l’angolo solido si ha

dS 2 cos ϑ2
dΩ = 2
r12

per cui

25
dλdS1 cos ϑ1dS 2 cos ϑ2
dW12 = σ 1 (λ , T1 , n1 , ϑ1 ) 2
r12

Di questa potenza quella assorbita dal secondo corpo in dS 2 vale


dλdS1 cos ϑ1dS 2 cos ϑ2
dW12 a = aσ 2 (λ , n2 , T2 , ϑ2 )dW12 = aσ 2 (λ , n2 , T2 , ϑ2 )σ 1 (λ , T1 , n1 , ϑ1 ) 2
r12

Simmetricamente, scambiando gli indici, abbiamo anche la potenza assorbita dal primo corpo in
dS1 di quella emessa da dS 2 .

dλdS 2 cos ϑ2 dS1 cos ϑ1


dW21a = aσ 1 (λ , n1 , T1 , ϑ1 )dW21 = aσ 1 (λ , n1 , T1 , ϑ1 )σ 2 (λ , T2 , n2 , ϑ2 ) 2
r12

Allora la potenza che va da dS1 a dS 2 è data da

dW12 a − dW21a =
dλdS1 cos ϑ1dS 2 cos ϑ2
= (aσ 2 (λ , n2 , T2 , ϑ2 )σ 1 (λ , T1 , n1 , ϑ1 ) − aσ 1 (λ , n1 , T1 , ϑ1 )σ 2 (λ , T2 , n2 , ϑ2 )) 2
r12

Per il postulato zero della termodinamica questo flusso di calore deve annullarsi nel caso in cui le
due superficie siano alla stessa temperatura, ciooè deve aversi

aσ 2 (λ , n2 , T , ϑ2 )σ 1 (λ , T , n1 , ϑ1 ) − aσ 1 (λ , n1 , T , ϑ1 )σ 2 (λ , T , n 2 , ϑ2 ) = 0 ⇔
aσ 2 (λ , n2 , T , ϑ2 )σ 1 (λ , T , n1 , ϑ1 ) = aσ 1 (λ , n1 , T , ϑ1 )σ 2 (λ , T , n2 , ϑ2 ) ⇔
σ 1 (λ , T , n1 , ϑ1 ) σ 2 (λ , T , n2 , ϑ2 )
= = f (λ , T )
aσ 1 (λ , n1 , T , ϑ1 ) aσ 2 (λ , n2 , T , ϑ2 )

Dunque il principio di Kirchhoff è una conseguenza del postulato zero della termodinamica.

Corpo nero. Si definisce corpo nero un corpo il cui coefficiente di assorbimento spettrale
angolare è unitario. Si fanno allora delle deduzioni.

1) Un corpo nero assorbe tutta la riazione che lo investe qualunque sia la sua lunghezza d’onda e
qualunque sia la direzione di provenienza.

2) Lo splendore energetico del corpo nero non dipende dalla natura del corpo nero stesso né dalla
direzione di emissione. Infatti la legge di Kirchhoff applicata la corpo nero porge

σ n = f (T , λ )

3) Rispetto ad una data temperatura e ad una data lunghezza d’onda lo splendore energetico del
corpo nero supera quello di qualunque altro corpo. Infatti la legge
di Kirchoff porge

26
σ (T , λ , n, ϑ , ϕ )
σ n (T , λ ) = > σ (T , λ , n, ϑ , ϕ )
aσ (T , λ , n, ϑ , ϕ )

4) Per l’emissione specifica del corpo nero si ha

ε n = ∫ σ n (λ , T ) cos ϑdΩ = σ n (λ , T ) ∫ cos ϑdΩ


2π 2π

Ora considerando la figura abbiamo

R sin ϑdϕRdϑ
dΩ = = sin ϑdϕdϑ
R2

dunque abbiamo

2π π / 2 2π π /2 π /2
ε n = σ (λ , T ) ∫ ∫ cos ϑ sin ϑdϑdϕ = σ (λ , T ) ∫ dϕ ∫ cos ϑ sin ϑdϑ = 2πσ (λ , T ) ∫ sin ϑd sin ϑ =
0 0 0 0 0

2 π /2
= 2πσ (λ , T )
(sin ϑ ) = πσ n (λ , T )
2 0

Questa semplificazione nella espressione della emissione


specifica del corpo nero è dovuta, come si vede, alla
indipendenza dello splendore energetico del corpo nero dalla
direzione di emissione.
Si aggiunge che un corpo nero può essere realizzato
praticamente in un modo molto semplice realizzando una
cavità all’interno di un corpo di materiale qualunque e con
pareti molto spesse. Se tale cavità è messa in contatto con
l’esterno da un piccolo foro, allora la radiazione che entrerà
attraverso di essa ne uscira molto attenuata. Questo perché prima di uscire sarà assorbita più volte
dalle pareti della cavità. Queste pareti, essendo spesse, verranno attraversate completamente solo da
una piccola quantità della radiazione incidente. Si precisa che il corpo nero è costituito dalla fessura
che introduce alla cavità, nel senso che ogni radiazione che la colpisce è (quasi) completamente
assorbita.

Corpo grigio. Si definisce corpo grigio un corpo il cui coefficiente di assorbimento spettrale
angolare dipenda solo dalla temperatura. Vediamo le conseguenze di questa proprietà.

1) In base alla legge di Kirchoff lo splendore energetico è dato da

σ g = f (λ , T )a gσ (T )

per cui esso dipende solo dalla lunghezza d’onda e dalla temperatura. Cade ciooè la dipendenza
dalla direzione di emissione e dalla natura del corpo.

2) L’emissione specifica del corpo grigio si può esprimere in funzione di quella del corpo nero,
infatti

27
ε g = ∫ σ g cos ϑdΩ = ∫ σ n a gσ cos ϑ (T )dΩ = a gσ (T ) ∫ σ n cos ϑdΩ = πa gσ (T )σ n (T , λ )
2π 2π 2π

Nell’ultimo passaggio si è usato il risultato ricavato alla fine del paragrafo precedente. Tra l’altro,
per la legge di Kirchhoff, otteniamo anche
σg
ε g = πa gσ σ n = π σ n = πσ g
σn

relazione del tutto analoga a quella trovata per il corpo nero.

3) Il coefficiente di assorbimento spettrale angolare è pari al coefficiente di assorbimento


panoramico globale. Infatti

∞ ∞

∫ ∫π a σ (T )ρ cos ϑdΩdλ
g ∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
a gJ = 0 2
π
= a gσ (T ) π0 2 = a gσ (T )
∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
0 2
∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
0 2

Corpo selettivo. Si definisce corpo selettivo il corpo il cui ciefficiente di assorbimento


spettrale angolare è funzione della direzione di incidenza della radiazione, oltre che della
temperatura e della lunghezza d’onda della radiazione stessa.

Le leggi sulla emissione del corpo nero. Seguono le tre leggi fondamentali sualle
emissione del corpo nero, la quale emissione, lo ricordo, è caratterizzata dall’essere indipendente
dalla direzione di emissione stessa e dalla natura chimico-fisica del corpo. Queste due proprietà
sono conseguenze, per la legge di Kirchoff, del fatto che il corpo nero presenta coefficiente di
assorbimento spettrale angolare pari ad uno.

1) La legge di Plunk. La teoria quantistica di Plunk permette di ricavare una espressione analitica
per la emissione specifica del corpo nero ε n (λ , T ) . Si ha

C1
ε n (λ , T ) =
 λCT2 
λ  e − 1 5

 
−16
C1 = 3,7418 ⋅ 10 Wm 2
C 2 = 1,4388 ⋅ 10 −2 mK

Si osserva che la conoscenza di questa funzione coincide con la conoscenza dello splendore
energetico del corpo nero, ovvero della funzione universale che compare nella legge di Kirchhoff.
Infatti

ε n (λ , T )
σ n (λ , T ) = f (λ , T ) =
π

28
2) La legge di Stephan-Boltzmann. Integrando sulla lunghezza d’onda l’emissione specifica del
corpo nero data dalla legge di Plunk si ottiene l’emissione globale del corpo nero


C1
J n (T ) = ∫ dλ = χT 4
  C2
0
λ5  e
− 1 λT

 
W
χ = 5,6696 ⋅ 10 −8 2 4
m K

Questo risultato prende appunto il nome di legge di Stephan-Boltzmann. L’integrazione per serie è
riportata sul tuo manoscritto di trasmissione del calore. Per l’integrazione esatta è probabile che si
debba fare ricorso agli integrali notevoli riportati in appendice 2 del tuo volume di termodinamica.

3) La legge di Wien. Derivando la legge di Plunk si perviene alla conclusione che l’emissione
specifica del corpo nero presenta il massimo in corrispondenza della lunghezza d’onda

A
λm =
T
A = 2,898 ⋅ 10 −3 mK

Per ottenere questo risultato si deve operare per via numerica, come indicato nel tuo manoscritto di
trasmissione del calore, in quanto una volta calcolata la derivata l’equaglianza a zero della stessa
produce una equazione trascendente la quale può ad esempio essere risolta col metodo delle
tangenti.

4) Il diagramma di emissione del corpo nero. Riportando graficamente la funzione ε n = ε n (λ , T )


espressa dalla legge di Plunk, si ottiene quanto indicato in figura. All’aumentare della temperatura
si ha che

1) legge di Stephan-Boltzmann ⇒ aumenta l’area sottesa dal


grafico;
2) legge di Plunk ⇒ aumenta l’emissione specifica, a parità
di lunghezza d’onda;
3) legge di Wien ⇒ il picco di emissione si sposta a
lunghezze d’onda inferiori per cui la potenza emessa è
massima in corrispondenza di emissioni a maggiore energia;

Si può osservare che il diagramma di emissione di un corpo


grigio può ricavarsi da quello del corpo nero quando sia noto
il suo coefficiente di assorbimento spettrale angolare. Infatti

σ g (λ , T ) = a gσ (T ) f (λ , T ) = a gσ (T )σ n (λ , T ) ⇒
ε g = πa gσ (T )σ n (λ , T ) = a gσ (T )ε n (λ , T )

Dunque il diagramma di emissione di un corpo grigio, ad una data temperatura, si otiene da quello
del corpo nero alla stessa temperatura, moltiplicato per la quantità a gσ (T ) < 1 .

29
Altre grandezze di emissione. Introdotto il corpo nero si definiscono due nuove
grandezze di emissione.

Emissività spettrale. E’ il rapporto

ε (λ , T , n )
ηλ (λ , T , n ) =
ε n (λ , T )
Si può notare che per un corpo grigio si ha

ε (λ , T , n ) a gσ ε n
ηλ = = = a gσ (T )
ε n (λ , T ) εn

Emissività globale. E’ il rapporto

J (T , n )
ηg =
J n (T )

Per un corpo grigio si ha

∞ ∞ ∞ ∞

J g (T ) ∫ ε (λ , T )dλ ∫ πσ
g g dλ ∫ πσ n a gσ (T )dλ ∫ε n dλ
ηg = = 0
= 0
= 0
= a gσ (T ) 0
= a gσ (T )
J n (T ) ∞ ∞ ∞ ∞

∫ε
0
n dλ ∫ε
0
n dλ ∫ε
0
n dλ ∫ε
0
n dλ

Fattore di forma. Siano dati due corpi 1,2. Il fattore di forma F21 rappresenta la frazione di
potenza emessa dal corpo 2 la quale incide sul corpo 1. Analogamente il fattore di forma F12
rappresenta la frazione di potenza emessa dal corpo 1 che incide sul corpo 2. Per il fattore di
formasi dimostra il teorema di reciprocità il quale afferma che S1 F12 = S 2 F21 .
Faccio ora vedere come si calcolano i fattori di forma tra due corpi e dimostro il teorema di
reciprocità. Per fare questo riprendiamo il disegno usato per la dimostrazione della legge di
Kirchhoff, e consideriamo anche che si era dimostrato che la potenza emessa da dS1 incidente su
dS 2 è

dλdS1 cosϑ1dS 2 cosϑ2


dW12 = σ 1 (λ , T1 , n1 ,ϑ1 ) 2
r12

Questo significa che la potenza emessa dal


primo corpo che incide sul secondo corpo è


cos ϑ1 cos ϑ2
W12 = ∫ ∫ ∫ σ (λ , T , n , ϑ )
S2 S1 0
1 1 1 1
r12
2
dλdS1dS 2

30
Adesso per semplificare assumiamo che i due corpi siano grigi. In tal caso lo splendore energetico
dipende solo da temperatura e lunghezza d’onda. Inoltre la temperatura la si assume uniforme sulla
sueprficie dei due corpi. Allora si ha


cos ϑ1 cos ϑ2
W12 = ∫ σ 1 (λ , T1 )dλ ∫ ∫ 2
dS1dS 2
0 S 2 S1 r12

Si ricordi ora che per un corpo grigio

ε g = πσ g

dunque abbiamo


1 cos ϑ cos ϑ 1 cos ϑ1 cos ϑ2
W12 =
π ∫ ε (λ , T )dλ ∫ ∫
0
g1 1
r S2 S1
1

12
2
2
dS1dS 2 =
π
J g1 ∫ ∫
S 2 S1 r12
2
dS1dS 2

dove si è introdotta l’emissione globale del corpo uno. Questa è la frazione, della potenza emessa
dal corpo uno, che incide sul corpo due. Ma la potenza complessivamente emessa dal corpo uno,
essendo la temperatura costante su tutta la superficie è semplicemente

∫ J (T )dS
S1
g1 1 1 = J g1 ∫ dS1 = J g1 S1
S1

Allora il fattore di forma F12 , essendo il rapporto fra la potenza emessa dal corpo uno che incide sul
corpo due, e la potenza complessivamente emessa dal corpo uno, è dato da

1 cos ϑ1 cos ϑ2
J g1 ∫ ∫ 2
dS1dS 2
π r12 1 cos ϑ1 cos ϑ2
∫∫
S2 S1
F12 = = 2
dS1dS 2
J g1 S1 πS1 S 2 S1 r12

Questo è il fattore di forma col quale il corpo uno vede il corpo due, come si dice. Scambiando tutti
gli indici abbiamo il fattore di forma F21 col quale il corpo due vede il corpo uno

1 cos ϑ1 cos ϑ2
F21 =
πS 2 ∫∫
S 2 S1 r12
2
dS1dS 2

e dunque

1 cos ϑ1 cos ϑ2 1 cos ϑ1 cos ϑ2


F12 = S1
πS1 ∫∫
S 2 S1 r12
2
dS1dS 2 =
π ∫∫
S 2 S1 r12
2
dS1dS 2 = S 2 F21

e resta così provato anche il teorema di reciprocità.

31
Flusso termico fra due corpi. Siano dati due corpi selettivi (coefficienti di assorbimento
generici). Ammettiamo che la temperatura superficiale sia uniforme in ciascun corpo. Allora la
potenza emessa dal primo vale

∫ J (T )dS
S1
1 1 1 = J 1 (T1 )∫ dS1 = J 1 (T1 )S1
S1

Di questa quella che incide sul corpo due è la potenza

J 1 (T1 )S1 F12

Di questa quella che viene assorbita dal corpo due è la potenza


→ a J 2 J 1 (T1 )S1 F12 ←

Quella invece che viene riflessa è la potenza

r2 J 1 (T1 )S1 F12

Di questa quella che incide sul corpo uno è la potenza

r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21

Di questa quella che vienen riflessa è la potenza

r1r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21

Di questa quella che incide sul corpo due è

r1r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21


2

Di questa quella che viene assorbita dal corpo due è

→ a J 2 r1r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21 ←


2

Considerando un’altra riflessione dal due all’uno e dall’uno al due si ha l’ulteriore potenza ssorbita
dal due

→ a J 2 r1 r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21 ←


2 2 3 2

Allora la potenza assorbita dal corpo due è la somma infinita

a J 2 J 1 (T1 )S1 F12 + a J 2 r1r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21 + a J 2 r1 r2 J 1 (T1 )S1 F12 F21 + ... =
2 2 2 3 2

(
= a J 2 J 1 (T1 )S1 F12 1 + r1r2 F12 F21 + (r1r2 F12 F21 ) + ...
2
)
Ricordando che la serie geometrica

32
1
1 + x + x 2 + ... =
1− x

abbiamo che il calore assorbito complessivamente dal corpo due è dato da

a J 2 J 1 (T1 )S1 F12


1 − r1r2 F12 F21

Scambiando gli indici abbiamo che la potenza assorbita dal corpo uno è data da

a J 1 J 2 (T2 )S 2 F21
1 − r1r2 F12 F21

che, per il teorema di reciprocotà, si scrive

a J 1 J 2 (T2 )S1 F12


1 − r1r2 F12 F21

Dunque il calore per unità di tempo che dal corpo uno finisce nel corpo due è dato da

Q12 (a J 2 J 1 (T1 ) − a J 1 J 2 (T2 ))S1 F12


=
∆τ 1 − r1r2 F12 F21

Introducendo l’emissività globale abbiamo poi

Q12 ( 4
a η χT − a J 1η 2 χT2 S1 F12
= J2 1 1
4
) (
a η T − a J 1η 2T2 χS1 F12
= J2 1 1
4 4
)
∆τ 1 − r1r2 F12 F21 1 − r1r2 F12 F21

Ciò che non torna in questa formula è che se i due corpi avessero la stessa temperatura lo scambio
di calore dovrebbe essere nullo, cioè dovrebbe aversi

a J 2 J 1 (T1 ) − a J 1 J 2 (T2 ) = 0

La dimostrazione di questo fatto può essere articolata ma probabilmente si può fare. Vediamo ora
come si riduce la formula nel caso di due corpi grigi. Intanto osserviamo che

∞ ∞ ∞
J g = ∫ πσ g dλ = ∫ πa gσ (T )σ (T , λ )dλ = a gσ (T )∫ πσ (T , λ )dλ = a gσ (T )χT 4
0 0 0

Inoltre

∞ ∞

∫ ∫ a gσ (T )ρ cos ϑdΩdλ ∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ


a gJ = 0 2π
π
= a gσ (T ) π0 2 = a gσ (T )
∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
0 2
∫ ∫π ρ cos ϑdΩdλ
0 2

33
Pertanto abbiamo

Q12 ( 4
a a χT − a gJ 1a gJ 2 χT2 S1 F12
= gJ 2 gJ 1 1
4
) ( 4
T − T2 a gσ 1a gσ 2 χS1 F12
= 1
4
)
∆τ 1 − r1r2 F12 F21 1 − r1r2 F12 F21

In questo caso l’annullamento del flusso termico quando le due temperature coincidono è
immediatamente verificato.

Applicazione: corpo che irradia nel vuoto. Calcoliamo la


potenza emessa da un corpo il quale irradi nel vuoto. Si ha

λ
W = ∫ ∫ ∫ σ cos ϑdΩdλdS
S 0 2π
Ma l’angolo solido si esprime (vedi figura)

RdϑR sin ϑdϕ


dΩ = = sin ϑdϕdϑ
R2

e dunque si ha

λ π / 2 2π
W = ∫∫ ∫ ∫ σ cos ϑ sin ϑdϕdϑdλdS
S 0 0 0

Ora se ammettiamo che il corpo sia grigio si ha

λ π / 2 2π λ π /2
W = ∫∫ ∫ ∫ σ (T , λ ) cos ϑ sin ϑdϕdϑdλdS = 2π ∫ ∫ ∫ σ (T , λ ) cos ϑ sin ϑdϑdλdS =
g g
S 0 0 0 S 0 0
λ π /2 λ π /2 λ
sin 2 ϑ
= 2π ∫ ∫ ∫0 g
σ (T , λ ) sin ϑd (sin ϑ )d λ dS = 2π ∫S ∫0 g
σ (T , λ ) dλdS = π ∫ ∫ σ g (T , λ )dλdS =
S 0
2 0 S 0
λ λ
ε n (T , λ ) λ λ
= πS ∫ σ g (T , λ )dλ = πS ∫ aσg (T )σ n (T , λ )dλ = πSaσg (T )∫ dλ = Saσg (T )∫ ε n (T , λ )dλ =
0 0 0
π 0

= Saσg (T )χT 4

Ammettendi di conoscere l’ndamento di aσg = aσg (T ) possiamo ricavere la temperatura del corpo in
corrispondenza di una emissione di potenza data W , risolvendo l’equazione

W = Saσg (T )χT 4

Applicazione: corpo in una cavità. La superficie interna S 2 della cavità sia isoterma
alla temperatura T2 . La superficie S1 del corpo sia isoterma alla temperatura T1 . I due corpi siano
grigi ed opachi.
La prima cosa da osservare è che in questa geometria si ha
F12 = 1 , ma dovendo essere, per il teorema di reciprocità,

34
S1 F12 = S 2 F21 , segue F21 = F12 S1 / S 2 . Applicando la formula generale dello scambio termico fra due
corpi grigi abbiamo allora

Q12
= 1
( 4 4
T − T2 a gσ 1a gσ 2 χS1 )
∆τ S
1 − r1r2 1
S2
Considerando l’opacità dei due corpi abbiamo

Q12
=
( 4
T1 − T2 a gσ 1a gσ 2 χS1
4
)
∆τ 1 − (1 − a )(1 − a ) S1
gσ 1 gσ 2
S2

Applicazione: piani paralleli affacciati. Consideriamo due paini paralleli infiniti.


Diciamo che siano corpi grigi opachi. Il piano a sinistra sia alla
temperatura uniforme T1 , quello a destra alla temperatura uniforme
T2 . E’ immediato che i due fattori di forma siano unitari per cui la
formula generale del flusso termico fra due corpi grigi porge

Q12
=
( 4 4
T1 − T2 a gσ 1a gσ 2 χS
=
)
T1 − T2 a gσ 1a gσ 2 χS ( 4 4
)
∆τ 1 − r1r2 1 − (1 − a gσ 1 )(1 − a gσ 2 )

S indica l’ampiezza della superficie dei due piani considerata.

Applicazione: schermo di radiazione. Consideriamo la precedente situazione ma


poniamo una lastra parallela fra le due superficie. In questo caso il flusso di calore fra la prima
superficie e la lastra intermedia è

Q1L
=
(T 1
4 4
)
− TL a gσ 1a L χS
τ 1 − (1 − a gσ 1 )(1 − a L )

avendo usato il pedice L per la lastra e avendo considerato


anche la lastra un corpo grigio opaco. Il flusso di calore fra
la lastra ed il secondo piano è

QL 2
=
(T L
4 4
)
− T2 a L a gσ 2 χS
τ 1 − (1 − a L )(1 − a gσ 2 )

All’equilibrio la temperatura della lastra è costante e dunque i due flussi di cui sopra sono uguali fra
loro (tanto calore entra nella lastra quanto ne esce). Uguagliando i due flussi possiamo ricavare la
temperatura di equilibrio della lastra: per semplicità supponiamo che i due coefficienti di
assorbimento dei piani siano uguali fra loro e pari ad a . Abbiamo

(T1
4 4
− TL a L aχS ) T − T2 a L aχS
= L
( 4 4
4 ) 4 4 4 4 T + T2
⇔ T1 − TL = TL − T2 ⇔ TL = 1
4 4

1 − (1 − a )(1 − a L ) 1 − (1 − a L )(1 − a ) 2

35
Quindi il flusso di calore fra i due piani è

 2T14 − T14 − T2 4   T 4 − T2 4 
 aa L χS  1 aa L χS
Q12 Q1L QL 2     ( )
4 4
2  2 1 T1 − T2 aa L χS
= = = =  = =
τ τ τ 1 − (1 − a )(1 − a L ) 1 − (1 − a )(1 − a L ) 2 1 − (1 − a )(1 − a L )

=
1 (
T1 − T2 χS
4
=
1 T1 − T2 χS
4
) ( 4 4
)
2 1  1  1  2 1 + 1 −1
−  − 1 − 1
aa L  a  a L  a aL

mentre quello in assenza di schermo (con i due coefficienti di assorbimento uguali) sarebbe

Q12
=
(T1
4 4
)
− T2 a 2 χS
=
(T
1
4 4
− T2 a 2 χS )
2
τ 1 1  2
−  − 1 −1
a 2
a  a

Si osserva allora che il flusso termico in presenza di schermo cresce all’aumentare del coefficiente
di assorbimento della lastra interposta. Il suo valore massimo, quello che si avrebbe in
corrispondenza di una lastra corpo nero, è

Q12
=
(T1
4 4
− T2 χS )
τ 2
a

Per cui risulta in ogni caso che lo schermo riduce il flusso di calore rispetto al caso in cui non vi sia
alcuno schermo.

Applicazione: schermi di radiazione. Adesso mettiamo n schermi di radiazione fra i


due piani paralleli affacciati. Per la nuova simbologia si consideri la figura. I flussi termici fra i vari
elementi sono i seguenti

Qα 1
=
(T α
4 4
− T1 aα a1 χS ) Q 1 − (1 − aα )(1 − a1 )
⇒ Tα − T1 = α 1
4 4

τ 1 − (1 − aα )(1 − a1 ) τ aα a1 χS
Q12
=
(T 1
4
− T2 a1a 2 χS
4
) Q 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 )
⇒ T1 − T2 = 12
4 4

τ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 ) τ a1a 2 χS
...
Qnβ
=
(T n
4 4
)
− Tβ aα a1 χS Qnβ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 )
⇒ Tn − Tβ =
4 4

τ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 ) τ aα a1 χS
All’equilibrio i flussi di calore sono tutti uguali fra loro. In tale circostanza, sommando membro a
membro si ha

Qα 1
=
(T α
4
4
− T1 aα a1 χS ) Q 1 − (1 − aα )(1 − a1 ) Qα 1  1
⇒ Tα − T1 = α 1
4 4
= 
1 
+ − 1
τ 1 − (1 − aα )(1 − a1 ) τ aα a1 χS τχS  aα a1 

36
Q12
=
(T 1
4 4
− T2 a1a 2 χS ) Q 1 − (1 − a1 )(1 − a2 ) Q12  1
⇒ T1 − T2 = 12
4 4
=  +
1 
− 1
τ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 ) τ a1a 2 χS τχS  a1 a 2 
...
Qnβ
=
(T n
4 4
− Tβ aα a1 χS) ⇒ Tn − Tβ =
4 4 Qnβ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 ) Qnβ
=
 1 
 + 1 − 1
τ 1 − (1 − a1 )(1 − a 2 ) τ aα a1 χS τχS a 
 n aβ 
Qαβ  1 1  1 1   1 1 
 + − 1 +  + − 1 + ... +  + − 1  =
4 4
Tα − Tβ =
τχS  aα a1   a1 a2 a 
  n aβ 
Qαβ  1 1 n
1 
=  + + 2∑ − (n + 1)

τχS  aα a β h =1 a n

Dunque il flusso termico vale


Qαβ
=
4
Tα − Tβ χS
4
( )
n
τ 1 1 1
+ + 2∑ − (n + 1)
aα a β h =1 a n

dove il flusso in assenza di schermi valeva

Q12
=
(T α
4 4
)
− Tβ aα a β χS
=
(T α
4
− Tβ a β χS
4
)
τ 1 − (1 − aα )(1 − a β ) 1 1
+ −1
aα a β

e si vede quanto l’introduzione di schermi possa ridurre il flusso fra i due piani paralleli. In
particolare se gli schermi e le pareti sono corpi neri abbiamo che il flusso in presenza degli schermi
vale

Qαβ
=
(T α
4
− Tβ χS
4
) =
(T α
4
− Tβ χS
4
)
τ 2 + 2n − (n + 1) 1+ n

mentre quello in assenza di schermi vale

Q12
τ
( 4
= Tα − Tβ a β χS
4
)
Dunque quest’ultimo è ridotto di n + 1 volte dalla introduzione di n schermi che siano corpi neri.

Vetro. L’invenzione del vetro la si fa risalire ai fenici i quali dovettero osservare che certe sabbie
cadute sul fuoco raffreddavano in un materiale trasparente. I primi a creare finestre di vetro furono
tuttavia i romani. Col tramonto dell’Impero scompare anche l’uso del vetro. Per una sua ricomparsa
si deve aspettare l’ottavo secolo per vedere la reintroduzione di questo materiale in alcune piccole
finestre di chiese. Nell’undicesimo secolo si introduce il metodo di soffiatura per l’ottenimento di
piccoli manufatti. E’ solo nel 17° secolo che si introduce il procedimento di colata del vetro su di un
tavolo per la produzione di vetrate di spessore costante.
Il vetro è costituito da un complesso di silicati di Sodio e Calcio. Il componente acido più frequente
è la silice SiO2 la cui temperatura di fusione è di 1800°C. I componenti basici più frequenti sono
37
Na2O, CaO . Il primo abbassa la temperatura di fusione, il secondo conferisce stabilità chimico
fisica.
Il vetro, dal punto di vista della trasparenza all’energia raggiante, presenta una sellettività molto
particolare. Infatti esso risulta opaco alla radiazione ultravioletta, trasparente allo spettro visibile
delle radiazioni elettromagnetiche (0,4micron-0,7micron) e all’infrarosso vicino (0,7micron-
3micron), opaco per lunghezze d’onda maggiori.
Esistono poi vetri che, per particolari esigenze, devono avere una bassa trasparenza alla radiazione
solare. Nascono così i vetri assorbenti (con coefficiente di assorbimento maggiorato) e vetri
riflettenti (con coefficiente di riflessione maggiorato).

Serra. Una serra è uno spazio delimitato da pareti realizzate con vetro. Poiché l’emissione
radiante del Sole che giunge a noi è per il 90% compresa nell’intervallo 0,1 ÷ 3µm , il coefficiente di
trasparenza del vetro rispetto ad essa è molto elevato e vale circa 0,9. Detta WS la potenza incidente
sulla serra, quella che attraversa le pareti vetrate è tWS e quella
assorbita dal terreno e dagli oggetti presenti nella serra stessa è
atWS . Di questa potenza quella ceduta è WC + WR dove il prima
addendo rappresenta il calore ceduto per convezione all’aria
presente nel locale, mentre il secondo rappresenta la potenza
liberata sottoforma di energia raggiante. All’equilibrio

atWS = WC + WR

Bisogna ora osservare tuttavia che, alle temperature ordinarie, i corpi emettono energia raggiante
essenzialmente alle lunghezze d’onda , rispetto alle quali il vetro risulta opaco. Quindi la potenza
WR non può abbandonare la serra. Ciò comporta l’incremento della temperatura di equilibrio della
serra, la quale può diventare anche sensibilmente superiore a quella dell’ambiente circostante.
In sostanza la serra è una trappola per il calore il quale può entrare in quanto è sottoforma di luce
visibile, ma non può più uscire in quanto è sottoforma di radiazione infrarossa.

38
Capitolo 4. Applicazioni civili, pareti divisorie
Introduzione. In questo capitolo consideriamo gli scambi termici che interessano pareti di
edifici. Si tratta di un problema complesso di trasmissione del calore che coinvolge tanto la
convezione (essendo le pareti lambite da aria su entrambe le superficie) che la radiazione (in quanto
le pareti scambiano energia raggiante con i corpi che le circondano). Ma tale problema viene risolto
con un metodo approssimato molto semplice, il quale prende il nome di adduzzione. Per descriverlo
dobbiamo però premettere i due paragrafi seguenti.

Approssimazione lineare. Ricordando un noto prodotto notevole si ha


4
( 2 2
)( 2 2
)
T1 − T2 = T1 − T2 T1 + T2 = (T1 − T2 )(T1 + T2 ) T1 + T2
4
( 2 2
)
Si osserva poi che

 ∆ T1 + T2
Tm = T1 = 2Tm − T2 ∆T
 2 ⇒ ⇒ T1 = 2Tm − T1 + ∆T ⇒ T1 = Tm +
∆T = T1 − T2 T2 = T1 − ∆T 2

e analogamente si trova

∆T
T2 = Tm −
2

Allora abbiamo

 2
∆T   ∆T  
2

T1 − T2 = (T1 − T2 )2Tm   Tm +
4 4
   m
+ T −  =
 2   2  
  2 ∆T 2   2 ∆T 2 

= (T1 − T2 )2Tm   Tm + + Tm ∆T  +  Tm + − Tm ∆T   =
 4   4 
 ∆T 2 
= (T1 − T2 )2Tm  2Tm + 
2

 2 

Se ora facciamo l’ipotesi che sia ∆T << Tm abbiamo

4 4
(
T1 − T2 ≈ (T1 − T2 )2Tm 2Tm = 4Tm (T1 − T2 )
2
) 3

che è quanto volevasi dimostrare.

Fattore di radiazione. Consideriamo il flusso termico fra due corpi. Per due corpi grigi
trovammo

Q12
= 1
( 4 4
)
T − T2 a gσ 1a gσ 2 χS1 F12
∆τ 1 − r1r2 F12 F21
39
Ora, considerando la approssimazione lineare ricavata nel precedente paragrafo, abbiamo

Q12 (T1 − T2 )4Tm a gσ 1a gσ 2 χF12 S1


3

=
∆τ 1 − r1r2 F12 F21

Allora posto

3
4Tm a gσ 1a gσ 2 χF12
hR =
1 − r1r2 F12 F21

abbiamo

Q12
= hR (T1 − T2 )
∆τS1

La grandezza hR è detta fattore di radiazione.

Adduzione. Il calore che una parete scambia con l’ambiente circostante è la somma del calore
che la parete scambia con l’aria che la lambisce per convezione, e del calore dei corpi presenti nel
semispazio sul quale essa si affaccia. Se diciamo TP la temperatura della parete, Ta la temperatura
dell’aria a distanza dalla parete e TmR la temperatura media radiante7, abbiamo che il calore uscente
dalla superficie unitaria della parete, nel tempo unitario, è dato8 da

Q
= hC (TP − Ta ) + hR (TP − TmR )
∆τS

dove abbiamo già fatto ricorso alla approssimazione lineare TP − TmR ≈ 4Tm (TP − TmR ) valida se
4 4 3

TP + TmR
TP − TmR = ∆T << Tm =
2

In effetti nelle applicazioni dell’edilizia (corpi e pareti esposti al sole) si potrebbe dire che il campo
di temperatura vari in 270 ÷ 320 K , ambito in cui tale approssimazione introduce un errore al
massimo del 20% e mediamente del 10%. Altra semplificazione che normalmente vienen fatta è
quella di assumere TmR = Ta . A occhio questa pare una approssimazione azzardata poiché

1) durante il giorno alcuni oggetti esposti al sole tendono ad assumere una temperatura molto
superiore a quella dell’aria (pietre, terreno, manifatti);
2) durante la notte molti oggetti si raffreddano a temperature inferriori a quella dell’aria.

L’approssimazione pare invece più accettabile per lo scambio termico della parete con i locali
interni. Comunque si sa dall’esperienza che l’errore medio prodotto da questa approssimazione è
del 10%. Allora si pone

7
La temperatura media radiante è la temperatura a cui si dovrebbero portare tutti i corpi affinchè l’energia raggiante
scambiata fra essi e la parete sia uguale a quella realmente scambiata.
8
Si osservi che il fattore di convezione ha qui un pedice per distinguerlo da quello di radiazione.
40
Q
= (hC + hR )(TP − Ta )
∆τS

con un errore medio complessivo del 20% sul secondo addendo. Si aggiunge che si pone
k = hC + hR , dove k prende il nome di fattore di adduzione.

Parete fra due fluidi. In questo pargrafo calcoliamo il calore trasmesso da un fluido a
temperatura T∞1 ad un fluido più freddo, a temperatura T∞ 2 , essendo i due fluidi separati da una
parete piana, diciamo ad esempio di tre strati, avente dimensioni trasversali molto maggiori del suo
spessore complessivo. In condizioni stazionarie il calore che si trasmette dal primo fluido alla parete
è pari a quello che attraversa la parete e a quello che dalla parete si trasmette al secondo fluido. Tale
flusso di calore, per una superficie S , della parete si scrive nei 5 modi seguenti:

Q
= k1S (T∞1 − T1 )
∆τ
Q (T − T2 )
= 1
∆τ s1
λ1 S
Q (T − T3 )
= 2
∆τ s2
λ2 S
Q (T − T4 )
= 3
∆τ s3
λ3 S
Q
= k 2 S (T4 − T∞ 2 )
∆τ

Individuando le resistenze termiche tanto degli strati di parete, quanto delle interfacce parete-fluido,
e facendo ricorso alla analogia elettrica, si ha che il flusso termico può scriversi

Q T∞1 − T∞ 2
= = HS (T∞1 − T∞ 2 )
∆τ 1 s1 s2 s3 1
+ + + +
k1 S λ1 S λ2 S λ3 S k 2 S

dove si è introdotta la trasmittanza della parete

T∞1 − T∞ 2
H=
1 s1 s2 s3 1
+ + + +
k1 λ1 λ2 λ3 k 2

A questo punto per ricavare la temperatura T1 si risolve rispetto a T1 il primo flusso termico

HS (T∞1 − T1 ) = k1 S (T∞1 − T1 )

In modo analogo si ricavano le altre 3 temperature incognite. Si ottiene così il campo termico
indicato in figura.
41
Parete con intercapedine. In quasi tutte le costruzioni edilizie le pareti perimetrali sono
dotate di intercapedine la cui funzione è quella di isolare meglio l’edificio dall’esterno, dal punto di
vista termico, acustico e dell’umidità.
In una intercapedine il calore è trasmesso tanto per convezione, quanto per radiazione; pertanto la
trasmissione di calore attraverso una intercapedine viene trattata come un fenomeno di adduzione.
Ciò significa che ad una intercapedine sono assegnati due coefficienti di adduzione k 2 , k 3 a cui
corrisponde la resistenza termica complessiva

1 1
R= +
k 2 S k3 S

detta resistenza termica della intercapedine i cui valori sperimentali sono reperibili sui manuali
tecnici (sulla tabella a pag 181 del secondo volume di Felli). Considerando ad esempio una parete
(vedi figura) costituita da due starti separati da una intercapedine abbiamo che il flusso termico che
attraversa la parete in condizioni stazionarie si esprime nei seguenti cinque modi

Q (T − T1 )
= k1 S (T∞1 − T1 ) = ∞1
∆τ 1
k1 S
Q (T − T2 )
= 1
∆τ s1
λ1 S
Q (T − T∞ 2 )
= 4
∆τ 1 1
+
k2 S k3S
Q (T − T4 )
= 3
∆τ s3
λ3 S
Q (T − T∞ 2 )
= k 2 S (T4 − T∞ 2 ) = 4
∆τ 1
k2 S

ovvero, considerando la resistenza termica equivalente, somma delle resistenze termiche parziali,
nel modo seguente

Q
= k1S (T∞1 − T1 ) =
(T∞1 − T∞ 2 ) = HS (T∞1 − T∞ 2 )
∆τ 1 s1  1 1  s3 1
+ + + + +
k1 S λ1S  k 2 S k 3 S  λ3 S k 2 S

dove si è introdotta la trasmittanza della parete

1
H=
1 s1  1 1 s 1
+ +  +  + 3 +
k1 λ1  k 2 k 3  λ3 k 2

42
Nota la trasmittanza della parete e le temperature dei due fluidi esterni T∞1 , T∞ 2 per ricavare le
temperature intermedie si procede come nel caso precedente. Per esempio se vogliamo conoscere T1
eguagliamo il flusso che attraversa la prima interfaccia fluido-parete al flusso espresso attraverso la
trasmittanza

(T∞1 − T1 ) = HS (T − T∞ 2 )
∞1
1
k1 S

e risolviamo rispetto a T1 .

Parete esposta ad irraggiamento solare. Consideriamo una parete costituita da un


solo strato di materiale, una cui faccia sia esposta ad irraggiamento solare. Il campo termico in
assenza di irraggiamento è quello disegnato con tratto sottile. In presenza di irraggiamento la
temperatura della faccia irraggiata aumenterà; diciamo che divenga superiore a quella dell’aria,
come in figura, portandosi da T1 a T3 . Anche la temperatura T2 aumenta portandosi a T4 . Mi
chiedo ora come ricavare il nuovo campo termico. Dobbiamo avere qualche dato: supponiamo noti
l’irraggiamento solare, per unità di superficie Wi e il coefficiente di assorbimento a S della parete
rispetto alla radiazione solare. Se si osserva che la parete ora deve trasmettere verso l’esterno un
calore

Q1
= k1 (T3 − T∞1 )
S∆τ

e verso l’interno un calore

Q2 (T − T )
= 3 ∞2
S∆τ s 1
+
λ k2

e se si ammette che le condizioni siano stazionarie, si ha

a SWi =
Q1 Q (T − T∞ 2 )
+ 2 = k1 (T3 − T∞1 ) + 3
S∆τ S∆τ s 1
+
λ k2

Risolvendo questa equazione rispetto a T3 ricaviamo la prima temperatura incognita. Essendo poi

Q2 (T − T∞ 2 ) (T3 − T4 )
= 3 =
S∆τ s 1 s
+
λ k2 λ

ricavo anche T4 .

Parete vetrata. Riprendiamo il caso precedente ma supponiamo che la parete sia di vetro,
ovvero parzialmente trasparente alla emissione solare. Inoltre supponiamo che la parete sia molto
43
sottile, tanto da considerare costante la sua temperatura; temperatura che indichiamo TV .
Raggionando come nel precedente caso si fa il bilancio

Q1 Q
a SWi = + 2 = k1 (TV − T∞1 ) + k 2 (TV − T∞ 2 ) =
S∆τ S∆τ
= TV (k1 + k 2 ) − k1T∞1 − k 2T∞ 2

e si ricava la temperatura del vetro

a SWi + k1T∞1 + k 2T∞ 2


TV =
k1 + k 2

e quindi il flusso di calore

Q2  a W + k1T∞1 + k 2T∞ 2  a W k + k1k 2 (T∞1 − T∞ 2 )


= k 2 (TV − T∞ 2 ) = k 2  S i − T∞ 2  = S i 2
S∆τ  k1 + k 2  k1 + k 2

Ma questa volta il calore che entra non è solo quello qui calcolato. Si deve aggiungere il flusso di
potenza che attraversa la lastra in virtù della sua trasparenza alle radiazioni solari. In definitiva il
flusso che complessivamente attraversa la parete vetrata è

Q2
t SWi +
S∆τ

essendo t S il coefficiente di trasparenza della parete rispetto alla radiazione solare incidente Wi .

Materiali termoisolanti. Sappiamo che la conducibilità termica più bassa si ha in natura


nei gas dove

W
λ = 0,01 ÷ 0,1
mK

Il gas più facilmente utilizzabile è ovviamente l’aria. Dunque i materiali usati per isolare le pareti
degli edifici e i tubi degli impianti non sono altro che dei mezzi spugnosi o a celle che intrappolano
l’aria, impedendole di dar luogo a fenomeni convettivi e costringendola così a trasmettere calore
solo per conduzione. In effetti i materiali termoisolanti si distinguono in materiali a cellula chiusa e
materiali a cellula aperta. Nel primo caso la’ria si trova raccolta in piccoli volumi e dunque i suoi
moti convettivi sono praticamente assenti; nel secondo caso (lana di vetro) l’aria può accennare dei
moti convettivi che sono però in gran parte frenati dalla natura fibrosa del materiale.
Un problema dei materiali termoisolanti applicati all’isolamento termico di tubazioni a bassa
temperatura è la possibilità che il vapor d’acqua presente nell’aria condensi, rovinando il materiale
stesso. Per evitare questo problema esistono in commercio dei materiali in cui il gas intrappolato
non è l’aria, ma un altro gas. L’inconveniente con questi isolanti è che il gas lentamente si disperde
e il materiale perde le sue proprietà.

44
Temperatura fittizia. Riconsideriamo la parete esposta ad irraggiamento solare. Mi chiedo
a quale temperatura dovrebbe trovarsi l’aria affinché, in assenza di irraggiamento solare, si abbia un
flusso termico entrante pari a quello che si ha con irraggiamento solare. Questa temperatura la
chiamo temperatura fittizia e la indico T f . Per prima cosa si osserva che tale temperatura deve
essere quella per la quale la faccia esterna della parete si porta alla stessa temperatura alla quale si
porterebbe nel caso vi fosse irraggiamento. Allora il flusso di calore verso l’interno che si ha con la
temperatura fittizia è

Q
= k1 (T f − T3 )
∆τ

Con irraggiamento il flusso entrante può scriversi

Q
= aWi − k1 (T3 − T∞1 )
∆τ

Uguagliando si ha

aWi
k1 (T f − T3 ) = aWi − k1 (T3 − T∞1 ) ⇒ k1T f − k1T3 = aWi − k1T3 + k1T∞1 ⇒ T f = + T∞1
k1

Si vede che maggiore è il valore del coefficiente di assorbimento e maggiore è il valore della
temperatura fittizia. Nota la temperatura fittizia il flusso di calore verso l’interno si esprime nel
modo consueto

Q T f − T∞ 2
= = H (T f − T∞ 2 )
∆τ 1 s 1
+ +
k1 λ k 2

45
Capitolo 5. Applicazioni industriali, scambiatori di
calore
Scambiatori di calore a tubi concentrici in equicorrente. Nel tubo più
interno di due tubi coassiali passa un fluido a temperatura Ta . Nel tubo esterno transita, con lo
stesso verso, un fluido a temperatura Tb < Ta . Si fanno le ipotesi seguenti.

1) Il campo cinematico e quello termico sono stazionari.


2) La temperatura di ciascuno dei due fluidi varia solo lungo l’asse x .
3) Diciamo che tutto il calore ceduto dal fluido a finisce nel fluido b , senza dispersione
ambientale.
4) Trascuriamo qualunque fenomeno di trasmissione di calore per irraggiamento, per cui il calore si
trasmette dal fluido a al tubo interno per convezione, attraverso il tubo interno per conduzione, dal
tubo interno al fluido b per convezione.
Nel seguito calcoliamo prima il flusso termico fra i due fluidi, poi ricaviamo l’andamento, con x ,
delle temperature di entrambi i fluidi.

Flusso termico. Consideriamo una ‘fetta’ di dispositivo di spessore dx . Il calore per unità di tempo
che passa dal fluido a di questa fettina al tubo interno vale

dQ
= hi dAi (Ta − Ti ) = hi (2πri dx )(Ta − Ti )
∆τ

Il calore per unità di tempo che attraversa la fetta di tubo interno è

 
 
dQ λ λ  2π (re − ri )dx 
= d Alog (Ti − Te ) = (T − Te )
∆τ re − ri re − ri  2πre dx  i
 ln 2πr dx 
 i 

46
Il calore per unità di tempo che passa dalla fetta di tubo interno al fluido b di questa fetta vale
dQ
= he dAe (Te − Tb ) = hi (2πre dx )(Te − Tb )
∆τ

Ora se consideriamo che lo spessore del tubo interno è ridotto rispetto al suo diametro e se poniamo

ri + re
r=
2

abbiamo

ri ≈ r re ≈ r d Alog ≈ 2πrdx

e dunque i flussi si scrivono

dQ
= hi (2πrdx )(Ta − Ti )
∆τ
dQ λ
= (2πrdx )(Ti − Te )
∆τ re − ri
dQ
= he (2πrdx )(Te − Tb )
∆τ

In condizioni stazionarie questi flussi sono tutti uguali fra loro. Allora mettendo in evidenza le
differenze di temperatura e sommando mebro a membro si trova

dQ Ta − Tb
= (2πrdx ) = H (2πrdx )(Ta − Tb )
∆τ 1 re − ri 1
+ +
hi λ he

dove si è introdotta la trasmittanza della parete del tubo interno (anche se la trasmittanza in realtà
comprende anche i fenomeni di irraggiamento).
Adesso riconsideriamo i flussi da un altro punto di vista. La quantità di calore ceduta dalla fetta di
fluido a è dato da

dQ γ a (δ a dxS a )dTa
− = = γ a Ga dTa
∆τ dτ

Analogamente la quantità di calore acquistato dalla fetta di fluido b è dato da

dQ
= γ b Gb dTb
∆τ

In condizioni stazionarie le due quantità debbono essere uguali, a meno del segno. Ora si segueno i
passaggi seguenti:

47
 dQ 1
dTa = − ∆τ γ G dQ  1 1 
 dQ

a a
⇒ dTa − dTb = −  +  = − ϕ
dTb = dQ 1 ∆τ  γ a Ga γ bGb  ∆τ
 ∆τ γ bGb

Tornando alla espressione del flusso già calcolata e sostituendo in essa quanto trovato si ha

d (Ta − Tb )
− = H (2πrdx )(Ta − Tb )
ϕ

Abbiamo una equazione differenziale in (Ta − Tb ) . Separo le variabili ed integro.

d (Ta − Tb )
= − Hϕ (2πrdx ) ⇒ ln(Ta − Tb ) = − Hϕ 2πrx + C ⇒ Ta − Tb = Ce −Hϕ 2πrx
(Ta − Tb )
Per ricavare la costante C si possono imporre le condizioni iniziali, ovvero le temperature dei due
fluidi in x = 0 (ingresso allo scabiatore di calore). Si ha

T0 a − T0b = C ⇒ Ta − Tb = (T0a − T0b )e − Hϕ 2πrx

Dunque il flusso di calore è

dQ
= H (2πrdx )(Ta − Tb ) = H (2πrdx )(T0 a − T0b )e − Hϕ 2πrx
∆τ

Per avere il calore scambiato nella unità di tempo lungo tutta la lunghezza dello scambiatore si
dovrà integrare in x quanto sopra:

Q
L
(T − T0b ) e −Hϕ 2πrx L = − (T0a − T0b ) (e −Hϕ 2πrL − 1) ⇔
= 2πHr (T0a − T0b )∫ e − Hϕ 2πrx dx = − 0a
∆τ 0
ϕ 0 ϕ
Q (T0a − T0b )
∆τ
=
ϕ
(
1 − e − Hϕ 2πrL )

Temperature dei due fluidi. Per il fluido a abbiamo visto che

dQ
− = γ a Ga dTa
∆τ

Integrando si ha

Q (x )
= −γ a Ga (Ta ( x ) − T0 a )
∆τ

Ma essendo

48
Q (x ) (T0a − T0b )
∆τ
=
ϕ
(1 − e − Hϕ 2πrx )

abbiamo

− γ a Ga (Ta ( x ) − T0 a ) =
(T0a − T0b ) (1 − e − Hϕ 2πrx ) ⇔
ϕ
Ta ( x ) = T0 a −
(T0a − T0b ) (1 − e − Hϕ 2πrx )
ϕγ a Ga

In modo analogo si trova

Tb (x ) = T0b +
(T0a − T0b ) (1 − e − Hϕ 2πrx )
ϕγ bGb

Le due temperature tendono ad un valore comune Tm . Infatti si ha

 γ G 
T0 a 1 + a a  − T0 a + T0b
Ta ( x ) → T0a −
(T0a − T0b ) = T0aϕγ a Ga − T0a + T0b =  γ b Gb  =
ϕγ a Ga ϕγ a Ga γ G
1+ a a
γ b Gb
γ a Ga T0a + γ bGbT0b
= per x→∞
γ b Gb + γ a G a
γ G 
T0b  b b + 1 + T0 a − T0b
Ta ( x ) → T0b +
(T0a − T0b ) = T0aϕγ bGb + T0a − T0b =  γ a Ga  =
ϕγ bGb ϕγ bGb γ bGb
+1
γ a Ga
γ bGbT0b + γ a Ga T0 a
= per x→∞
γ b Gb + γ a G a

Detto Tm tale valore, si hanno gli andamenti indicati in figura.

Scambiatori di calore a tubi concentrici in controcorrente. La situazione è


quella descritta nel precedente paragrafo, ma in questo caso i due fluidi viaggiano con versi opposti.
In questo caso, a differenza del precedente caso, la temperatura del fluido b diminuisce con x .
Dunque

dQ
= −γ b Gb dTb
∆τ

restando invece

49
dQ
= −γ a Ga dTa
∆τ
Pertanto si può scrivere

 dQ 1
dTa = − ∆τ γ G dQ  1 1 
 dQ

a a
⇒ dTa − dTb = −  −  = − ϕ
dTb = − dQ 1 ∆τ  γ a Ga γ bGb  ∆τ
 ∆τ γ bGb

Si noti che ora ϕ , a differenza del caso precedente, può essere, oltre che positivo, anche nullo o
negativo. Evito di rifare tutti i calcoli. Dico solo che l’espressione del flusso di calore rimane la
stessa e così quella di Ta

Ta (x ) = T0 a −
(T0a − T0b ) (1 − e − Hϕ 2πrx )
ϕγ a Ga

L’espressione di Tb presenta una variazione di segno e diventa

Tb (x ) = T0b −
(T0a − T0b ) (1 − e −Hϕ 2πrx )
ϕγ bGb

Vediamo allora gli andamenti delle due temperature nei quattro casi

1) ϕ < 0 ⇔ Gaγ a > Gbγ b

50
2) ϕ = 0 ⇔ Gaγ a = Gbγ b
3) ϕ > 0 ⇔ Gaγ a < Gbγ b
1
4) ϕ = ⇔ Gbγ b → ∞
Ga γ a

L’ultimo caso, detto di circolazione semplice, è una approssimazione valida quando ad esempio la
portata del fluido freddo è molto maggiore di quella del fluido caldo, cosa che si può ritenere vera
ogni volta che il fluido caldo sia da raffreddare, come nel caso, ad esempio, del condensatore di una
macchina a vapore.

Scambiatori di calore a tubi e mantello. Lo schema di uno scambiatore di calore a


tubi e mantelli è indicato in figura. Si riscontrano i seguenti elementi costruttivi.

1) I tubi sono attraversati dal liquido caldo. Come nel caso dello scambiatore a tubi concentrici i
tubi del fluido caldo sono immersi nel fluido freddo.
2) Il mantello è riempito dal fluido freddo il quale, come si vede dalla figura, oltre a viaggare in
controcorrente con il fluido caldo (o in equicorrente, a seconda di come si scelgono gli ingressi del
fluido freddo e di quello caldo) viaggia con moto incrociato rispetto al moto del fluido caldo.
3) I diaframmi hanno lo scopo di aumentare il percorso del fluido freddo all’interno del mantello,
favorendo così lo scambio termico fra i due fluidi. Inoltre i diaframmi possono aumentare la
turbolenza, facendo aumentare così il fattore di convezione fra i tubi ed il fluido freddo.
4) Le piastre tubiere tengono i tubi in posizione e isolano le testate dal mantello.

51
Raffreddamento di un fluido in una tubazione. L’analisi condotta nel paragrafo
sugli scambiatori di calore in equicorrente si può benissimo applicare allo studio del fenomeno di
raffreddamento di un fluido, a temperatura Ta , che attraversa una tubazione inserita in un ambiente
a temperatura costante T0 < Ta . Basta considerare il fluido b appunto a temperatura costante T0 e
sappiamo già che la temperatura del fluido varia con x secondo la

 −
H 2πr
x −
H 2π r
x
Ta (x ) = T0a − (T0 a − T0 )1 − e G a γ a  = T0 + (T0 a − T0 )e Gaγ a
 
 

Comunque sia rifacciamo da capo i conti. Consideriamo una ‘fetta’ di tubo di spessore dx . Il calore
per unità di tempo che passa dal fluido a di questa fettina al tubo vale

dQ
= hi dAi (Ta − Ti ) = hi (2πri dx )(Ta − Ti )
∆τ

Il calore per unità di tempo che attraversa la


fetta di tubo è

 
 
dQ  2π (re − ri )dx 
= λd Alog (Ti − Te ) = λ (T − Te )
∆τ  2πre dx  i
 ln
 2πri dx 

Il calore per unità di tempo che passa dalla fetta di tubo interno all’ambiente vale

dQ
= he dAe (Te − T0 ) = hi (2πre dx )(Te − T0 )
∆τ

Ora se consideriamo che lo spessore del tubo interno è ridotto rispetto al suo diametro e se poniamo

ri + re
r=
2

abbiamo

ri ≈ r re ≈ r d Alog ≈ 2πrdx

e dunque i flussi si scrivono

dQ
= hi (2πrdx )(Ta − Ti )
∆τ
dQ λ
= (2πrdx )(Ti − Te )
∆τ re − ri

52
dQ
= he (2πrdx )(Te − T0 )
∆τ

In condizioni stazionarie questi flussi sono tutti uguali fra loro. Allora mettendo in evidenza le
differenze di temperatura e sommando mebro a membro si trova

dQ Ta − Tb
= (2πrdx ) = H (2πrdx )(Ta − T0 )
∆τ 1 re − ri 1
+ +
hi λ he

dove si e introdotta la trasmittanza della parete del tubo (anche se la trasmittanza in realtà
comprende anche i fenomeni di irraggiamento). Adesso riconsideriamo i flussi da un altro punto di
vista. La quantità di calore ceduta dalla fetta di fluido a è dato da

dQ γ a (δ a dxS a )dTa
− = = γ a Ga dTa
∆τ dτ

Tornando alla espressione del flusso già calcolata e sostituendo in essa quanto trovato si ha

γ a Ga dTa = H (2πrdx )(Ta − T0 )

Abbiamo una equazione differenziale in Ta . Separo le variabili ed integro.

H 2πr
dTa H (2πrdx ) H 2πr − x
=− ⇒ ln(Ta − T0 ) = − x + C ⇒ Ta − T0 = Ce γ aGa
(Ta − T0 ) γ a Ga γ a Ga

Per ricavare la costante C si può imporre la condizione iniziale, ovvero la temperatura del fluido in
x = 0 . Si ha

H 2πr
− x
T0 a − T0 = C ⇒ Ta = T0 + (T0 a − T0 )e γ a Ga

In figura è indicato l’andamento della temperatura. Per ridurre il calo di temperatura lungo il tratto
L di tubo, è necessario operare riducendo il termine

H 2πr
γ a Ga

il che può essere fatto, considerando che la portata e


il raggio sono dati di progetto, diminuendo la trasmittanza con l’utilizzo di materiale isolante con
cui rivestire il tubo. Dell’isolamento delle tubazioni mi occupo nel successivo paragrafo.

Isolamento delle tubazioni. Nel caso di tubi che trasportino fluidi caldi l’isolamento
termico ha due scopi:

53
1) evitare che le persone si facciano del male venedo in contatto diretto con la superficie esterna del
tubo, ad alta temperatura;
2) evitare la dispersione di calore.

Nel caso di tubi che trasportino fluidi freddi le funzioni dell’isolamento termico sono:

1) evitare che il fluido modifichi la sue temperatura;


2) evitare che sulla superficie del tubo condensi vapore acqueo con la conseguente determinazione
di sgocciolamneti.

Per l’isolamento si adoperano coppelle di materiale espanso a cellula chiusa disponibili sul mercato
in diverse misure.

Vediamo ora come procedere per valutare lo spessore del materiale isolante da utilizzare.
Riprendiamo lo studio del paragrafo precedente, ma avvolgiamo il tubo con uno strato di materiale
isolante di spessore s . Consideriamo allora una fetta di spessore dx del condotto. Riporto le
espressioni dei flussi termici dal fluido al tubo (convezione), attraverso il tubo (conduzione),
attraverso la coppella isolante (conduzione), dalla coppella all’ambiente (convezione). Trascuriamo
la resistenza di contatto fra tubo e coppella.

dQ
= hi (2πri dx )(Ta − Ti )
∆τ
dQ λ λt 2π (re − ri )
= d Alog (Ti − Te ) = (Ti − Te )
∆τ re − ri re − ri re
ln
ri
dQ λ λc 2πs
= d Alog (Te − Te 2 ) = (Te − Te 2 )
∆τ s re − ri re + s
ln
re

54
dQ
= he (2π (re + s )dx )(Te 2 − T0 )
∆τ

Evidenziano le differenze di temperatura e sommando membro a membro si ha

dQ 2π (Ta − T0 )dx T − T0
= = a
τ r r +s RT
ln e ln e
1 ri re 1
+ + +
hi ri λt λc hi (re + s )

La resistenza termica relativa alla fetta di spessore dx ha dunque l’espressione

 r r +s 
 ln e ln e 
1  1 ri re 1 
RT = + + +
2πdx  hi ri λt λc hi (re + s ) 
 
 

L’andamento qualitativo di tale resistenza termica, in funzione di s , è riportato in figura, dove sono
indicati anche gli andamenti delle diverse componenti. Si vede che inizialmente un aumento di s
determina una diminuzione della resistenza stessa. Questo perché un aumento dello spaessore della
coppella favorisce il fenomeno di convezione fra la coppella e l’aria. Aumentando ulteriormente lo
spessore della coppella prevale invece l’effetto dell’aumento della resistenza di conduzione
all’interno della coppella e la resistenza termica globale cresce.

55
Condensatore. Consideriamo ora il caso in cui il fluido caldo (fluido a ) sia in condensazione.
Allora la sua temperatura rimane costantemente Ta . Per il flusso termico si ha sempre

dQ Ta − Tb
= (2πrdx ) = H (2πrdx )(Ta − Tb )
∆τ 1 re − ri 1
+ +
hi λ he

e anche

dQ
= γ b Gb dTb
∆τ

Confrontando troviamo

dTb H (2πrdx ) T − Tb ( x ) H 2πrx


H (2πrdx )(Ta − Tb ) = γ bGb dTb ⇒ = ⇒ ln a =− ⇒
Ta − Tb γ b Gb Ta − Tb0 γ b Gb
H 2πrx H 2πrx
− −
⇒ Ta − Tb (x ) = (Ta − Tb 0 )e γ bGb
⇒ Tb (x ) = Ta − (Ta − Tb0 )e γ bGb

In figura si ha l’andamento della temperatura.

Evaporatore. Adesso diciamo che il fluido freddo (il fluido b ) evapori nel suo tragitto,
mantenendo dunque costante la sua temperatura. Per il flusso termico abbiamo sempre

dQ Ta − Tb
= (2πrdx ) = H (2πrdx )(Ta − Tb )
∆τ 1 re − ri 1
+ +
hi λ he

e anche

dQ
= −γ a Ga dTa
∆τ

Confrontando si scrive

dTa H (2πrdx ) T − Tb H 2πrx


γ a Ga dTa = − H (2πrdx )(Ta − Tb ) ⇒ =− ⇒ ln a =− ⇒
(Ta − Tb ) γ a Ga Ta 0 − Tb γ a Ga
H 2πrx H 2πrx
Ta − Tb − −
= e γ aGa ⇒ Ta = Tb + (Ta 0 − Tb )e γ a Ga
Ta 0 − Tb

56
In figura si l’andamento della temperatura.

Temperatura media logaritmica. Vediamo adesso un modo efficace per esprimere lo


scambio di calore all’interno di uno scambiatore a tubi concentrici. Analizziamo separatamente il
caso dello scambiatore di calore in equicorrente e quello in controcorrente. Consideriamo poi il caso
della condensazione e della evaporazione.

1) Scambiatori di calore in equicorrente. Sappiamo che

dq = −γ a Ga dTa
dq = γ bGb dTb

Integrando abbiamo

q = −γ a Ga (Ta 2 − Ta1 ) = γ a Ga (Ta1 − Ta 2 ) γ a Ga Tb 2 − Tb1


 ⇒ =
q = γ bGb (Tb 2 − Tb1 ) γ b Gb Ta1 − Ta 2

Dunque, ricordando un precedente risultato, si ha

d (Ta − Tb )  1 1  H  Gbγ b 
= − Hϕ (2πrdx ) = − H  + (2πrdx ) = −  + 1(2πrdx ) =
(Ta − Tb )  Gaγ a Gbγ b  Gbγ b  Ga γ a 
 Ta1 − Ta 2
H  H  Ta1 − Ta 2 + Tb 2 − Tb1 
=−  + 1(2πrdx ) = −  (2πrdx ) =
Gbγ b
 Tb 2 − Tb1  Gbγ b  Tb 2 − Tb1 
H H
= (− Ta1 + Ta 2 − Tb 2 + Tb1 )(2πrdx ) = ((Ta 2 − Tb 2 ) − (Ta1 − Tb1 ))(2πrdx )
q q

Integrando abbiamo

Ta 2 − Tb 2 H 2πrL
ln = ((Ta 2 − Tb 2 ) − (Ta1 − Tb1 ))
Ta1 − Tb1 q

e risolvendo rispetto al flusso termico

q = H 2πrL
((Ta 2 − Tb2 ) − (Ta1 − Tb1 ))
Ta 2 − Tb 2
ln
Ta1 − Tb1

E introducendo la temperatura media logaritmica LMTD (logaritmic mean temperature difference)


abbiamo

q = H 2πrL(LMTD )

1) Scambiatori di calore in controcorrente. Sappiamo che

57
dq = −γ a Ga dTa
dq = −γ b Gb dTb

Integrando abbiamo

q = −γ a Ga (Ta 2 − Ta1 ) = γ a Ga (Ta1 − Ta 2 ) γ a Ga Tb1 − Tb 2


 ⇒ =
q = −γ bGb (Tb 2 − Tb1 ) = γ bGb (Tb1 − Tb 2 ) γ b Gb Ta1 − Ta 2

Dunque, ricordando un precedente risultato, si ha

d (Ta − Tb )  1 1  H  Gbγ b 
= − Hϕ (2πrdx ) = − H  − (2πrdx ) = −  − 1(2πrdx ) =
(Ta − Tb )  Ga γ a Gbγ b  Gbγ b  Ga γ a 
H  Ta1 − Ta 2  H  Ta1 − Ta 2 − Tb1 + Tb 2 
=−  − 1(2πrdx ) = −  (2πrdx ) =
Gbγ b Tb1 − Tb 2  Gbγ b  Tb1 − Tb 2 
H
=− (Ta1 − Ta 2 − Tb1 + Tb2 )(2πrdx ) = − H (Ta1 − Ta 2 − Tb1 + Tb2 )(2πrdx ) =
Gbγ b (Tb1 − Tb 2 ) q
H
= (− Ta1 + Ta 2 + Tb1 − Tb 2 )(2πrdx ) = H (Ta 2 − Tb 2 − (Ta1 − Tb1 ))(2πrdx )
q q

Integrando abbiamo

Ta 2 − Tb 2 H 2πrL
ln = ((Ta 2 − Tb 2 ) − (Ta1 − Tb1 ))
Ta1 − Tb1 q

e risolvendo rispetto al flusso termico

q = H 2πrL
((Ta 2 − Tb2 ) − (Ta1 − Tb1 ))
Ta 2 − Tb 2
ln
Ta1 − Tb1

E introducendo la temperatura media logaritmica LMTD (logaritmic mean temperature difference)


abbiamo

q = H 2πrL(LMTD )

Per cui si ottiene esattamente il risultato del caso degli scambiatori in equicorrente. Questa
espressione è utile per determinare le dimensioni geometriche dello scambiatore necessarie ad avere
un dato flusso.

3) Condensazione. Sappiamo che

dq = γ bGb dTb ⇒ q = γ b Gb (Tb 2 − Tb1 )


dq = H (2πrdx )(Ta − Tb )

Confrontando si ha
58
d (Ta − Tb ) H (2πrdx )
γ bGb dTb = H (2πrdx )(Ta − Tb ) ⇒ −γ bGb d (Ta − Tb ) = H (2πrdx )(Ta − Tb ) ⇒ =−
(Ta − Tb ) γ b Gb

Integrando si ha

Ta − Tb 2 2πrH 2πrH 2πrHL(Tb 2 − Tb1 )


ln =− L=− L(Tb 2 − Tb1 ) = −
Ta − Tb1 γ bGb γ bGb (Tb 2 − Tb1 ) q

Risolvendo rispetto al flusso di calore si ha

2πrHL(Tb 2 − Tb1 ) 2πrHL(Tb 2 − Tb1 + Ta − Ta ) 2πrHL((Ta − Tb 2 ) − (Ta − Tb1 ))


q=− =− =
Ta − Tb 2 Ta − Tb 2 T − Tb 2
ln ln ln a
Ta − Tb1 Ta − Tb1 Ta − Tb1

E dunque

q = 2πrHL(LMTD )

4) Evaporazione. Sappiamo che

dq = −γ a Ga dTa ⇒ q = γ a Ga (Ta1 − Ta 2 )
dq = H (2πrdx )(Ta − Tb )

Confrontando si ha

− γ a Ga dTa = H (2πrdx )(Ta − Tb ) ⇒ γ a Ga d (Ta − Tb ) = − H (2πrdx )(Ta − Tb ) ⇒


d (Ta − Tb ) H (2πrdx ) T − Tb H 2πrL
=− ⇒ ln a 2 =− ⇒
(Ta − Tb ) γ a Ga Ta1 − Tb γ a Ga
Ta 2 − Tb H 2πrL(Ta1 − Ta 2 ) H 2πrL(Ta1 − Ta 2 )
ln =− =−
Ta1 − Tb γ a Ga (Ta1 − Ta 2 ) q

Risolvendo rispetto al calore si ha

H 2πrL(− Ta1 + Ta 2 − Tb + Tb ) H 2πrL((Ta 2 − Tb ) − (Ta1 − Tb ))


q= =
Ta 2 − Tb T − Tb
ln ln a 2
Ta1 − Tb Ta1 − Tb

ovvero ancora

q = H 2πrL(LMTD )

59
Capitolo 6. Altre applicazioni industriali
Filo nudo percorso da corrente. Consideriamo un cavo elettrico nudo sospeso fra due
tralicci dell’alta tensione. La lunghezza del cavo sia L , i sia l’intensità media della corrente che
transita in esso e sia R la resistenza del tratto di filo considerato. Allora il calore prodotto per unità
di lunghezza, per effetto Joule, dal cavo, è dato da

Ri 2
L

Il calore trasmesso all’ambiente, per adduzione, dalla unità di lunghezza del cavo è poi

k 2πr (T − T∞ )

essendo k il coefficiente di adduzione fra il cavo e l’ambiente, T∞ la temperatura dell’aria e T la


temperatura del cavo che, approssimando, consideriamo uniforme. In condizioni stazionarie le due
potenze debbono essere uguali e dunque

Ri 2
k 2πr (T − T∞ ) =
L

Ricordando poi che la resistenza del tratto di cavo considerato vale

L
R=ρ
πr 2

e che

ρ = ρ 0 (1 + α (T − T0 ))

possiamo ricavare la temperatura T del cavo conoscendo la resistività di riferimento ρ 0 (relativa


alla temperatura T0 = 273K ).

Filo isolato percorso da corrente. Ora consideriamo invece un cavo provvisto di un


rivestimento isolante di spessore r2 − r1 = s e di
conducibilità termica λ . Assumiamo sempre
costante la sua temperatura, operando una
approssimazione. Allora il campo termico è quello
riportato in figura dove si evidenzia l’andamento
logaritmico in corrispondenza della guaina isolante
la quale si può trattare come una parete cilindrica.
Allora sappiamo che il flusso di calore per unità di
tempo che attraversa la guaina è dato da

Q λ Alog
= (T − T1 )
∆τ s

60
essendo

2πr2 L − 2πr1 L 2πr2 L + 2πr1 L


Alog = ≈
2πr2 L 2
ln
2πr1 L

dove l’approssimazione è tanto migliore quanto più è sottile la guaina. Invece il calore trasmesso
per adduzione nella unità di tempo è

Q
= k 2πr1 L(T1 − T∞ )
∆τ

Mettendo in evidenza le differenze di temperatura e sommando membro a membro abbiamo

 Q
 ∆τ
(T − T1 ) =
 λ Alog
Q  s 1  Q T − T∞
 s ⇒ T − T∞ =  +  ⇒ =
∆τ  λ Alog k 2πr1 L  ∆τ s 1
 Q +
 λ Alog k 2πr1 L
(T1 − T∞ ) = ∆τ
 k 2πr1 L

La temperatura T di equilibrio del cavo la si ricava risolvendo rispetto ad essa una delle seguenti
equazioni

λ Alog
(T − T1 ) = Ri 2
s
T − T∞
= Ri 2
s 1
+
λ Alog k 2πr1 L

Per ricavare T1 si può risolvere ad esempio

k 2πr1 L(T1 − T∞ ) = Ri 2

Si aggiunge che, volendo considerare anche una resistenza di contatto fra conduttore ed isolante
abbiamo

Q T − T∞
=
∆τ s R 1
+ C +
λ Alog 2πr1 L k 2πr1 L

Aletta di raffreddamento. Molti dispositivi che generano calore (motori, trasformatori…)


debbono essere provvisti di adeguati sistemi per disperdere il calore generato. Le alettature sono

61
degli elementi aggiuntivi di superficie ad alta conduttività i quali, aumentando la superficie di
interfaccia con l’aria, favoriscono la dispersione di calore per convezione ed irraggiamento.
Gli elementi delle alettature vengono chiamati alette di raffreddamento. In figura abbiamo una aletta
di raffreddamento (un cilindro retto a sezione rettangolare) per la quale si ammettono soddisfatte le
seguenti condizioni:
1) il campo termico dell’aletta e stazionario;
2) l’aletta è innestata su di un corpo a temperatura costante T0 ;
3) l’aria in cui è immersa l’aletta è a temperatura costante Ta ;
4) Le superficie isoterme nella aletta sono dei piani ortogonali all’asse dell’aletta stessa:

La condizione quattro è senz’altro forzata in quanto del calore fluirà anche dalle superficie laterali
dell’aletta e dunque le superficie isoterme non saranno piane ma convesse con convessità verso
l’estremità libera dell’aletta. Ma questa approssimazione ci permette di avere una temperatura
interna dell’aletta funzione solo della coordinata x .

Campo termico. Consideriamo allora una fetta di aletta di spessore dx . Il calore che entra, per
unità di tempo, in questa fetta per conduzione è

Q (x ) dT (x )
= −λA
dτ dx

dove A è l’ampiezza della sezione trasversale dell’aletta. Il calore che esce, nella unità di tempo,
dalla fetta è

Q ( x + dx ) d  dT ( x )   dT (x ) d 2T (x ) 
= − λA  T ( x ) + dx + o(dx ) = −λA + dx 
dτ dx  dx   dx dx 2 

Inoltre il calore che esce dalla superficie laterale della fetta, per adduzione, è dato da

dQ
= kpdx (T (x ) − Ta )

dove p vuole essere il perimetro della sezione trasversale dell’aletta e k è il fattore di adduzione fra
aletta ed aria. Ora, essendo il regime stazionario, il calore che entra nella fetta deve essere tanto
quanto quello che esce. Dunque

dT (x )  dT (x ) d 2T ( x ) 
− λA = −λA + dx  + kpdx (T ( x ) − Ta ) ⇔
dx  dx dx 2 
d 2T ( x ) kp
= (T (x ) − Ta ) ⇔
dx 2 λA
d 2T ( x ) kp kp
2
− T (x ) = −Ta
dx λA λA

Abbiamo una equazione differenziale a cofficienti costanti non omogenea. Il polinomio associato
alla omogenea porge

62
kp kp
ξ2 = ⇔ξ = ±
λA λA

dunque l’integrale generale della omogenea è


kp kp
x −x
T ( x ) = C1e λA
+ C2 e λA

Una soluzione particolare della non omogenea è poi T ( x ) = Ta . Dunque l’integrale generale della
equazione differenziale non omogenea è

kp kp
x −x
T ( x ) − Ta = C1e λA
+ C2 e λA

Dobbiamo adesso applicare le condizioni al contorno. Intanto

T (0 ) − Ta = C1 + C 2 = T0 − Ta

Inoltre il calore che esce dalla superficie estrema dell’aletta deve essere pari a quello qui ceduto per
adduzione. Dunque

Q (L ) dT (L )  kp L
kp
kp − L
kp

= −λ A = −λA C1 e λA
− C2 e λA  = kA(T (L ) − T ) ⇔
dτ dx  λA λA  a
 
kp    
kp kp kp kp
L −L L −L
−λ C1e λA
− C2 e λA  = kC e λA
+ C2 e λA ⇔
λA  



1


 kp   kp  −2 L kp

C1  − λ − k  + C 2  λ − k e λA
=0⇔
 λA   λA 
λm − k −2 Lm
C1 = C 2 e
λm + k

dove si è posto, in fine, kp / λA = m . Dunque per le costanti si ha

 T0 − Ta
C 2 =  λm − k −2 Lm 
C1 + C 2 = T0 − Ta   e + 1
   λm + k 
 λm − k −2 Lm ⇒ ⇒
C1 = C2 λm + k e C = T 0 − Ta λ m − k − 2 Lm
e
 1  λm − k − 2 Lm  λm + k
  e + 1
  λm + k 

63
 T0 − Ta
 C =
2
λm − k −2 Lm
 e +1
 λm + k
 T0 − Ta
C1 = 1
 1+
 λm − k −2 Lm
e
 λm + k

Nel caso in cui L → ∞ si ha

C2 → T0 − Ta
 ⇒ T (x ) − Ta = (T0 − Ta )e − xm
C
 1 → 0

Flusso termico. Volendo calcolare il flusso di calore che viene disperso grazie all’aletta basta
calcolare il flusso per x = 0 attraverso la fomula

Q (0 ) dT (0 )
= −λ A
dτ dx

Se vogliamo usare, per effettuare questo calcolo, il campo termico approssimato ottenuto per
L → ∞ , abbiamo

Q (0) kp
= λAm (T0 − Ta ) = λA (T − T )
dτ λA 0 a

Efficienza della aletta. L’efficienza della aletta è il rapporto fra il calore scambiato in presenza di
aletta e quello scambiato senza aletta: tale rapporto è dato da

kp
λA (T0 − Ta ) λ kp λp
λA = λA =
kA(T0 − Ta ) k kA

Ora dunque si deve dire che l’aletta favorisce lo scambio termico con l’ambiente solo se λp > kA .
Si vede l’importanza del rapporto p > A che deve essere più elevato possibile. Più l’aletta è
appiattita e maggiore è questo rapporto. Si vede poi l’importanza della conduttività termica del
materiale, che deve essere elevata.

Riscaldamento e raffreddamento di un corpo. Consideriamo un corpo la cui


temperatura T è omogenea in tutto il corpo, variando solo col tempo τ . La temperatura ambientale
Ta è omogenea anch’essa, oltre che costante nel tempo. Per fissare le idee diciamo che la
temperatura iniziale T0 del corpo sia maggiore di quella ambientale. Il calore elementare ceduto dal
corpo è

dQ = kA(T −T a )dτ

64
dove k è il fattore di adduzione fra corpo e ambiente e A è la superficie del corpo. D’altra parte
questo calore elementare si scrive anche

dQ = −γMdT

dove γ è il calore specifico del corpo e M la sua massa. Eguagliando le due espressioni abbiamo

− γMdT = kA(T −T a )dτ

Questa equazione differenziale è a variabili separabili e può essere risolta come segue.

kA
dT kA kA − τ
=− dτ ⇒ ln(T − Ta ) = − τ + C ⇒ T = Ta + Ce γM
(T −T a ) γM γM

Impongo la condizione iniziale T (τ = 0 ) = T0 ed ho C = T0 − Ta dunque

kA
− τ
T = T a + (T 0 − T a )e γM

Si osserva che

1) maggiore è kA e più il raffreddamento è veloce;


2) maggiore è γM e più il raffreddamento è lento.

Il calore scambiato fino all’istante τ si calcola allora come segue

 − τ 
kA

dQ = −γMdT ⇒ Q (τ ) = γM (T0 − T (τ )) = γM T0 − Ta − (T0 − Ta )e γM 

 
 
 − τ 
kA

Q (τ ) = γM (T0 − Ta ) 1 − e γM 
 
 

In realtà tutto questo vale se il corpo non muta la propria fase. Ora consideriamo anche la possibilità
che il corpo, nel raffreddarsi, attraversi un cambiamento di fase. Per esempio diciamo che alla
temperatura T0 e alla pressione
atmosferica il corpo sia liquido.
Diciamo anche che Ta < TS , essendo
TS la temperatura di solidificazione
del corpo alla pressione atmosferica.
Allora il calore ceduto dal corpo
durante la solidificazione vale

∆Q = MrS

essendo rS il calore latente di


solidificazione (alla temperatura TS ).
65
D’altra parte è anche vero che

∆Q = k | A(TS − Ta )∆τ S

essendo ∆τ S il tempo che il solido impiega a solidificare. Dunque, confrontando le due espressioni,
ricaviamo

MrS
∆τ S =
k A(TS − Ta )
|

Si consideri l’influenza dei vari parametri sul tempo di solidificazione: per esempio maggiore è il
fattore di adduzione e minore è il tempo di solidificazione. A solidificazione avvenuta la
temperatura riprenderà a scendere con una legge del tipo di quella trovata più sopra; cambieranno
però i valori per il calore specifico, il coefficiente di adduzione, la superficie. In figura abbiamo
l’andamento qualitativo della temperatura col tempo.

66
Capitolo 7. Trasmissione di calore per ebollizione e
condensazione
Generalità sull’ebollizione. Quando aumentando la temperatura di un liquido la sua
pressione di vapore raggiunge il valore della pressione che insiste sulla superficie del liquido stesso
(pressione esterna) si ha formazione di vapore non solo sulla superficie di separazione fra liquido e
vapore, ma anche all’interno del liquido. Allora si dice che il liquido bolle. La temperatura a cui tale
fenomeno si verifica è detta temperatura di ebollizione. I valori della temperatura di ebollizione
sono infiniti, uno per ogni valore della pressione esterna. Tuttavia quando si parla di temperatura di
ebollizione di una sostanza pura si intende la temperatura a cui la sostanza bolle alla pressione
atmosferica. In definitiva si può dire che la temperatura di ebollizione di un liquido è quella
temperatura in cui la pressione del vapore in equilibrio con esso vale una atmosfera. Cioè la
temperatura di ebollizione di un liquido la si ottiene dalla equazione di Clapeyron ponendovi
p = 1 Atm . Nel caso dell’acqua la pressione del vapore in equilibrio con la fase liquida raggiunge la
pressione di una atmosfera alla temperatura di 100°C.

L’esperimento di Nukiyama. Consideriamo un filo di conduttore elettrico posto


9
orizontalmente all’interno di un recipiente contenente acqua a pressione atmosferica e a 100°C
(temperatura di ebbollizione dell’acqua a pressione atmosferica). Il filo è attraversato da una
corrente continua nota i per cui è possibile valutare la potenza dissipata per effetto joule P = Ri 2
essendo la resistenza valutabile con una misura della differenza di potenziale. Dalla conoscenza
della resistenza è possibile valutare la temperatura T p del filo in base alla relazione

L L
R=ρ = ρ 0 (1 + α (T f − T0 ))
S S

Sia T p la temperatura del filo e Tsat sia la temperatura di saturazione dell’acqua, ovvero la
temperatura alla quale vapore e liquido sono in equilibrio alla pressione atmosferica, ovvero 100°C.
Sia inoltre q = Ri 2 il flusso termico (calore per unità di tempo e di superficie) ceduto dal filo. Si
osservano i seguenti fenomeni.

1) Appena la temperatura del filo sale oltre quella di saturazione si ha cessione di calore dal filo al
fluido per convezione naturale.

2) Quando T p − Tsat supera il valore di alcuni gradi centigradi (punto A ) si osserva la formazione di
bolle che si generano preferenzialmente su alcuni punti del filo, detti centri di nucleazione. Le
bolle nascono crescono e poi si distaccano con continuità formando colonne di bolle che salgono
verso l’alto. Si registra che

a) i centri di nucleazione aumentano con la temperatura;


b) la velocità della nucleazione aumenta con la temperatura;
c) il flusso di calore aumenta nettamente con la temperatura.

In questa fase si parla di ebollizione a nuclei.

9
La specifica della geometria consente di attribuire al sistema un fattore di convezione.
67
3) Aumentando ancora la temperatura si ha la coalescenza, cioè le bolle si fondono fra loro sia
lungo una colonna che fra colonne adiacenti. Questo si ha fino al punto B .

4) Aumentando di poco la potenza dissipata si ha un salto brusco di temperatura (passaggio BC ).


Tale transizione è detta crisi termica. Il punto B è detto primo punto critico. Si definiscono poi il
flusso critico e la differenza di temperatura critica. Tale crisi è anche designata departure from
nucleate boiling. In queste condizioni i nuclei di ebolizzione si fondono fra loro ed il filo è
circondato da una guaina di vapore dalla superficie esterna della quale si staccano bolle di vapore
che sfuggono verso l’alto. La bassissima conducibilità termica dello stato aeriforme isola
efficacemente il filo elettrico, ciò che giustifica il suo aumento di temperatura a parità di potenza
dissipata per effetto Joule: il filo non riese a smaltire efficacemente il calore e la sua temperatura
aumenta. Questo tipo di ebollizione è indicata come ebollizione a film.

5) Se invece di un filo elettrico avessimo un tubo percorso da vepore saturo ad una data pressione,
un sistema cioè la cui temperatura non dipende dai fenomeni di scambio termico, si passerebbe da
B a C , con diminuzione del flusso termico in
corrispondenza dell’aumento di temperatura. In
questo caso la guaina è ancora presente, ma è
discontinua e si rompe e si riforma
continuamente. Si parla in questo caso di
ebollizione instabile. L’aumento di temperatura
del sistema che riscalda, produce un
peggioramento della efficienza di trasmissione di
calore all’acqua.

6) Il tratto CDE è interessato dal fenomeno


dell’ebollizione a film.

Lo studio teorico sulla ebollizione si è concentrato sulla ebollizione a nuclei e sul fenomeno della
crisi termica. Di facile interpretazione è l’ebollizione a film. Di difficile studio è in fine
l’ebollizione instabile.

Modalità di ebollizione. Le modalità di ebollizione si possono catalogare in relazione

a) alla temperatura del fluido e della parete10;


b) al tipo di moto del fluido;
c) alla geometria del sistema.

a) Si parla di ebollizione satura se la temperatura media del fluido è uguale a quella di saturazione.
Se la temperatura media del fluido è inferiore a quella di saturazione si parla di ebollizione
sottoraffreddata. La temperatura della parete solida T p dovrà ovviamente essere sempre superiore
alla temperatura di saturazione.
b,c) Per quanto riguarda il moto del fluido si può avere convezione naturale o convezione forzata.
Nel primo caso, se il corpo solido è immerso nel fluido ed è piccolo rispetto al contenitore del
fluido si parla di ebollizione libera. Se il fluido, in convezione naturale o forzata, attraversa un
condotto si parla di deflusso interno. Se il fluido, in convezione naturale o forzata, fluisce attorno
ad un ostacolo, si parla di deflusso esterno. Si parla di ebollizione omogenea quando il calore è
ceduto al fluido per irraggiamento e non per contatto con un corpo solido.

10
Consideriamo qui in avanti che il corpo solido sia una parete piana.
68
L’esperimento di Nukiyama riguarda allora un caso di ebollizione libera satura. Intervenendo sulla
temperatura media del fluido (abbassandola) si può studiare l’ebollizione sottoraffredata;
imprimendo un moto al fluido è possibile invece studiare gli effetti della convezione forzata.

Nucleazione. Il fenomeno della nucleazione è il fenomeno della nascita delle bolle. Per
studiare questo fenomeno consideriamo una bolla sferica di raggio R e di questa una calotta (vedi
figura). Il bordo della calotta è tirato da delle tensioni superficiali τ (forza su lunghezza del bordo)
le cui componenti orizzontali si bilanciano per questioni di simmetria. Si ha tuttavia una
componente complessiva verticale, diretta verso il basso, il cui valore è

(τ sin ϑ )(2πR sin ϑ ) = 2πRτ sin 2 ϑ


Diciamo adesso che sulla superficie esterna della bolla
prema una pressione pe uniforme, mentre su quella
interna prema una pressione uniforme pi . Allora se la
superficie della calotta si scrive

2πR(R − R cos ϑ ) = 2πR 2 (1 − cos ϑ )

abbiamo il bilancio meccanico

τ sin 2 ϑ
2πRτ sin 2 ϑ = 2πR 2 (1 − cos ϑ )( pi − pe ) ⇒ = pi − p e
R (1 − cos ϑ )

Questa relazione deve rimanere valida operando il limite ϑ → 0 . Allora, ricorrendo al teorema di
De L’Hospital, scriviamo

sin 2 ϑ 2 sin ϑ cos ϑ


lim = lim = lim 2 cos ϑ = 2
ϑ →0 1 − cos ϑ ϑ →0 sin ϑ ϑ →0

Otteniamo in fine la relazione


= pi − p e
R

Intanto si vede che, come sapevamo, affinché una bolla di vapore possa esistere la pressione del
vapore al suo interno deve essere superiore a quella del fluido in cui essa esiste. In secondo luogo si
vede che la nascita di una bolla dal nulla (raggio nullo) prevederebbe una differenza infinita di
pressione. Questo impedirebbe la nascita di qualunque bolla. In realtà basta un valore finito della
differenza di pressione per iniziare la nucleazione per due motivi.

1) La parete riscaldante presenta necessariamente delle irregolarità superficiali (rugosità) le quali


offrono lo spunto per la nucleazione.

2) Si può pensare che anche in seno al liquido esistano degli spazi intermolecolari che possono
fungere da innesco per la nucleazione.

69
Facciamo adesso vedere che affinché si possa avere una bolla di vapore in equilibrio con il liquido,
la temperatura del vapore deve superare quella del liquido. Facciamo ricorso alla equazione di
Clapeyron che ricordiamo porge

dp λ 1
=
dT T v v − vl

Nel caso di evaporazione si assume che il volume specifico del vapore sia preponderante rispetto a
quello della fase liquida. Assumendo poi il vapore come un gas ideale si ha

dp λ 1 dp λ p dp dT p λ 1 1
= ⇒ = ⇒ =λ 2
⇒ ln v = −  − 
dT T v v dT T Rg T p Rg T pl Rg  Tv Tl 

Ma dalla relazione ricavata per la bolla si ha

2τ p 2τ p 2τ
= pv − pl ⇒ v − 1 = ⇒ v =1+
R pl pl R g pl pl R g

Andando a sostituire nella equazione di Clapeyron abbiamo

 2τ  λ 1 1
ln1 +  = −  − 
 pl R  Rg  Tv Tl 

Adottando l’approssimazione ln(1 + x ) ≈ x (sviluppo di Taylor del primo ordine) abbiamo

2τ 1 1 1 2τ 1  Tl − Tv  2τTv Tl Rg
=−  −  ⇔ =−   ⇔ Tv − Tl =
pl R Rg  Tv Tl  pl R Rg  Tv Tl  pl R

E dunque appunto la temperatura del vapore deve essere maggiore di


quella del liquido circostante. Questa equazione è detta equazione di
Ellion e fornisce il valore della temperatura che deve avere il vapore
affinché la bolla di raggio R sia in equilibrio. Si segnala che nel caso di
acqua alla pressione atmosferica, assumendo per raggio il valore delle
irregolarità della superficie riscaldante (qualche micron) si ottiene che
Tv − Tl vale qualche grado centigrado.

Meccanismi di scambio termico. Si ritiene che i principali


tipi di effetto della ebollizione sullo scambio termico siano tre.

1) Effetto di convezione forzata. La nascita, crescita e distacco della


bolla determina una agitazione locale del fluido, dando luogo ad un
fenomeno locale di convezione forzata.

2) Refrigerazione locale. Il distacco della bolla rompe lo strato limite


laminare in cui la trasmissione di calore avviene solo per conduzione.
Dopo il distacco dunque si ha uno strato limite molto sottile sovrastato da
fenomeni di turbolenza che favoriscono lo scambio termico. Naturalmente
70
col tempo lo spessore dello strato limite laminare si ripristina. In figura è rappresentato
l’assottigliamento dello strato limite laminare a seguito del distacco della bolla.

3) Effetto dell’evaporazione. L’evaporazione del liquido interposto tra la bolla e la parete, il quale
alimenta col suo vapore la bolla, avviene a spese del calore uscente dalla parete stessa. Tale calore
si trasmette attraverso lo starto liquido per conduzione.

Equazione di Rosenhow. Il problema dell’ebollizione può venire impostato in maniera


quantitativa in diversi modi. Nel seguito vediamo uno dei metodi più usati per descrivere
quantitativamente la trasmissione di calore per convezione. Si ammette in primo luogo che il
meccanismo fondamentale di scambio di calore sia la convezione forzata generata dalla crescita, dal
distacco e dalla salita delle bolle. Dunque la legge per lo scambio termico si scrive nella forma

Nu = A Reα Pr β

Nel numero di Reynolds si assume come lunghezza il diametro di distacco Dd della bolla. Per
quanto riguarda la velocità si consideri quanto segue. Prendiamo il numero n di punti di
nucleazione per unità di superficie. Sia f la frequenza di nucleazione. Allora la portata volumica di
vapore che sale dalla parete, per una superficie S di parete, è data da

3
4  Dd  1 3
π  nSf = πDd nSf
3  2  6

Si conclude che la velocità con la quale sale il vapore è data da

1 3
U = πDd nf
6

Il numero di Reynolds si completa poi con la viscosità µl del liquido e la densità δ v del vapore.
Ciò posto si ha la legge

α β
hDd  Uδ D   µlγ l 
= A v d   
λl  µl   λl 

Si osserva che la conducibilità termica ed il calore specifico sono quelli del liquido. La prima infatti
deve descrivere il fenomeno di trasmissione per conduzione attraverso lo strato limite, la seconda
serve a descrivere il trasporto di calore per convezione. Sostituendo il valore della velocità si ha

α β
hDd  πD 3nfδ v Dd   µlγ l 
= A d 
  
λl  6µl   λl 

Il problema adesso è quello di esprimere le variabili di carattere microscopico Dd , n, f che sono


difficilissime da valutare, in funzione di grandezze di carattere macroscopico. Per qunto riguarda n
si consideri che il flusso di calore per evaporazione vale

71
1 3
qev = πDd nfδ v rev
6

Se si assume allora che il flusso di calore complessivo sia proporzionale a quello di evaporazione si
può scrivere

1 6q 6h (T p − Tsat )
q = C3 qev = C3 πDd nfδ v rev ⇒ n =
3
3
= 3
6 C3πDd fδ v rev C3πDd fδ v rev

avendo posto q = h (T p − Tsat ) . Dunque fin qui si ha

 h (T p − Tsat )Dd
α β
hDd   µlγ l 
= A |
  
λl  µ l rev   λl 

Si vede che la frequenza si è semplificata. Per Dd si usa la relazione empirica:


Dd = C1 β
g (δ l − δ v )

essendo β l’angolo fra il piano e la superficie della bolla al momento del distacco (Parolini fig.
6.12). Dunque abbiamo

α
2τ  2τ 
h  h (T p − Tsat )  β
g (δ l − δ v ) ||  g (δ l − δ v )   µlγ l 
=A   
λl µ l rev  λl 
 
 
 

dove β è stato inglobato nella costante. In genere in questa formula si mette in evidenza il flusso di
calore

q = h (T p − Tsat )

per cui si ha

α
q 2τ  2τ 
q 
(Tp − Tsat ) g (δ l − δ v ) || 
=A
g (δ l − δ v )   µlγ l



β

λl µ l rev 
   λl 
 
 

Questa formula la si trova nei libri manipolata come segue.

72
1−α
 2τ 
q 
λl (T p − Tsat ) (T p − Tsat ) 1 
1− β
1 g (δ l − δ v )   µl γ l 
A ||
= α
⇒γl = ||    
2τ  2τ  rev A µl rev  λl 
q q   
g (δ l − δ v ) β  
 g (δ l − δ v )   µ l γ l   
   
µ l rev λ
   l 
 
 

I valori 1 / A|| , α , β si ricavano dall’esperienza per varie circostanze e sono reperibili in letteratura.

Flusso critico. Riconsiderando il grafico iniziale si ha che in corrispondenza del punto B


possono aversi due diverse circostanze.

1) Se la piastra che riscalda presenta un flusso di calore controllabile (piastra elettrica o altro) si ha
un brusco aumento di temperatura, potenzialmente pericoloso per il dispositivo stesso.
2) Se la piastra che riscalda è a temperatura controllabile (superficie di un tubo che trasporta un
fluido caldo) si ha una brusca diminuzione del flusso di scambio termico.

In ogni caso si presenta la necessità di studiare il fenomeno della crisi termica. In entrambi i casi si
verifica una diminuzione della efficienza nella trasmissione del calore e si ritiene che questo
fenomeno sia legato al tipo di moto che il fluido assume in prossimità della superficie riscaldante, in
corrispondenza alla crisi termica.
In pratica tra l’ebollizione a
nuclei e l’ebollizione a film si ha
una situazione, che abbiamo
definito ebollizione instabile, in
cui il moto del fluido è tale da
non favorire il trasporto del
calore lontano dalla piastra. Tale
moto prevede una rottura della
superficie di separazione fra fase
liquida e fase solida (vedi
figura). Il problema della determinazione del flusso critico è stato affrontato attraverso l’analisi
dimensionale. La prima questione è allora quella di stabilire da quali grandezze dipende il flusso
critico.

1) qcr dipende dal calore latente di evaporazione rev in quanto l’evaporazione rimane un fenomeno
importante anche nel caso di ebollizione instabile.
2) qcr dipende dalla spinta di archimede sulle bolle g (δ l − δ v ) .
3) qcr dipende dalla tensione superficiale τ fra le due fasi, che regola la crescita delle bolle.

Si pone in genere allora

qcr = qcr (δ l , δ v , g (δ l − δ v ), rev )

e si procede con l’analisi dimesionale e sperimentale. Per ulteriori dettagli si rimanda a pag 219 del
Parolini (fotocopie del capitolo 6).

73
Generalità sulla condensazione. Si verifica condensazione quando un vapore (saturo o
surriscaldato) viene a contatto con una superficie la cui temperatura è inferiore alla temperatura di
saturazione del vapore alla pressione in cui ci si trova. In queste
circostanze il calore latente di condensazione liberato dal vapore nel
passaggio di fase è ceduto alla superficie. Si distinguono poi due casi.

1) Si parla di condensazione a film quando la superficie è bagnabile:


allora la condensa forma uno strato sottile sulla sueprficie stessa. Se la
superficie è inclinata il liquido scorre ispessendo lo strato verso il basso.

2) Si parla di condensazione a gocce quando la superficie non è bagnabile


e dunque l’acqua tende a racogliersi in gocce sulla stessa. Se la superficie
è inclinata le gocce rotoleranno verso il basso.

Si può subito prevedere che nel caso della condensazione a gocce, essendo la superficie della piastra
per lo più a contatto diretto col vapore, il flusso termico sia favorito rispetto al caso della
condensazione a film, nel quale uno strato di liquido è interposto fra vapore e piastra.

Condensazione a film. Consideriamo una parete verticale di dimensioni infinite lungo y.


Ne prendiamo lungo tale dimensione una lunghezza L . La parete è a contatto con un vapore alla
temperatura di saturazione TS mentre essa si trova da una temperatura TP > TS . Allora sulla parete
si forma un film avente la forma indicata in figura. Sia s ( x ) lo spessore del film in corrisponenza
del valore x dell’ascissa. Per prima cosa risolviamo
il campo fluidodinamico del film. Consideriamo
l’elemento oblungo evidenziato in figura. La forza
peso per esso vale

δdxdyLg

Ora, assumendo il fluido viscoso, sulla faccia sinistra


dell’elemento agisce una forza

− τ yx ( y )Ldx

mentre sulla faccia destra agisce una forza viscosa

 dτ yx ( y ) 
τ yx ( y + dy )Ldx = τ yx ( y ) + dy + o(dy ) Ldx
 dy 

Se supponiamo che il fluido non venga accelerato allora l’equazione della dinamica si scrive

 dτ yx ( y ) 
δdxdyLg − τ yx ( y )Ldx + τ yx ( y ) + dy + o(dy ) Ldx = 0 ⇔
 dy 
dτ yx ( y ) o(dy ) dτ ( y )
δg + + = 0 ⇔ δg + yx =0
dy dy dy

74
Se assumoamo che il fluido sia newtoniano abbiamo
∂u ( y )
τ yx = µ x
∂y

e dunque l’equazione di cui sopra si scrive

d 2ux ( y ) d 2ux ( y ) δg du ( y ) δg δg 2
δg + µ 2
=0⇒ 2
=− ⇒ x =− y + C1 ⇒ u x ( y ) = − y + C1 y + C 2
dy dy µ dy µ 2µ

Imponiamo le condizioni al contorno.

u x (0 ) = 0 ⇒ C 2 = 0
∂u x (s ( x )) δg δg
τ yx (s( x )) = µ =− s (x ) + C1 = 0 ⇒ C1 = s(x )
∂y µ µ

Dunque abbiamo la soluzione

δg 2 δg δg  y2 
u x (x, y ) = − y + s(x ) y =  s (x ) y − 
2µ µ µ  2 

Per la velocità media si ha allora

s(x ) s(x )
 η2  1 δg  s (x )  δg s ( x )
3 2
1 1 δg
u x (x ) =
s (x ) ∫ u x (x,η )dη =
0
s (x ) µ ∫
0
 s (x )η − dη =
 2 
 =
s (x ) µ  3  µ 3

Allora la portata in massa del film all’altezza di x è data da

δ 2 g s( x )3
G = δLs( x )u x ( x ) = L
µ 3

Quindi il calore di condensazione che il vapore ha ceduto tra zero ed x , nella unità di tempo, deve
essere dato da

δ 2 g s (x )3
q (x ) = rev G = rev L
µ 3

Ma questo calore è anche pari al calore trasmesso per conduzione, nella unità di tempo, fra zero ed
x , alla lastra, attraverso il film. Questo flusso lo si esprime

x
λ
q(x ) = ∫ Ldξ (TS − TP )
0
s (ξ )
Confrontando le due ultime relazioni si ha

δ 2 g s (x )3 δ 2 g s (x )3
x x
λ dξ
rev L = ∫ Ldξ (TS − TP ) ⇒ rev = λ (TS − TP )∫
µ 3 0
s (ξ ) µ 3 0
s (ξ )
75
Integrando si ha

δ 2g 2 ds ( x ) 1 3 ds ( x ) µλ (TS − TP )
rev s (x ) = λ (TS − TP ) ⇒ s(x ) =
µ dx s (x ) dx δ 2 grev

Separo le variabili ed integro.

µλ (TS − TP ) s (x )
4
µλ (TS − TP ) 4 µλ (TS − TP )
s ( x ) ds (x ) = ⇒ x ⇒ s (x ) = 4 x
3
2
dx = 2
δ grev 4 δ grev δ 2 grev

Ora esprimo il flusso di calore con un coefficiente medio di condensazione hC (x ) nella forma

q(x ) = Lx hC (x )(TS − TP )

Confrontando con il calore di condensazione ricavato più sopra si ha

δ 2 g s (x )3
rev L = Lx hC ( x )(TS − TP )
µ 3

Sostituendo l’espressione trovata per lo spessore del film si ha allora

3
 4 µλ (TS − TP )  4
 x  3
2
δ g
2
δ grev  = Lx h ( x )(T − T ) ⇒ h (x ) =
2
revδ g  4 µλ (TS − TP )  4
rev L x  ⇒
3 xµ (TS − TP ) 
C S P C
µ 3 δ 2 grev 
3 3

3 4
4 3
 1
4 3 1
4   δ 2 grev  3  xµ (TS − TP )  
4
4 4   δ 2 grev  3  4 4  δ 2 grev λ3  4
hC (x ) =    λ =   λ =  
3   xµ (TS − TP )   δ 2 grev   3   xµ (TS − TP )   3  xµ (TS − TP ) 
   

In conclusione si è trovato

1
 δ grev λ 
2 3 4
hC (x ) = 0,943 
 xµ (TS − TP ) 

In definitiva se ho una lastra piana verticale di altezza H e larghezza L posso esprimere lo


scambio di calore per condensazione come

q = HLhC (H )(TS − TP )

con

76
1
 δ 2 grev λ3  4
hC (L ) = 0,943 
 Lµ (TS − T )
P 

Si aggiunge che la presenza di gas non condensabili miscelati nel vapore riduce il coefficiente di
scambio termico calcolato da Nusselt. Infatti la presenza dei gas riduce la pressione del vapore sulla
superficie esterna del film, e dunque ne riduce la temperatura di condensazione. Questo riduce a sua
volta i salti di temperatura fra le due superficie limite del film e dunque riduce lo scambio termico
per conduzione attraverso il film stesso.

Condensazione a gocce. La condensazione a gocce è auspicabile poiché permette degli


scambi termici maggiori rispetto alla condensazione a film per due ordini di motivi:

1) nella condensazione a gocce gran parte della superficie della lastra è a contatto termico col
vapore;
2) le gocce hanno una superficie di scambio elevata rispetto al loro spessore, ciò che favorisce la
trasmissione del calore attraverso di esse per conduzione, rispetto al caso dei film liquidi.

Per promuovere la condensazione a gocce si devono tuttavia usare sostanze che ‘sporchino’ la
superficie, come gli acidi grassi. Ed il problema è che questi vengono pian piano via, rendendo
difficile il dimensionamento del condensatore e aumentando i costi di manutenzione.

77
Capitolo 8. Casi non stazionari
Introduzione. Si vuole trattare in questo capitolo il problema della parete fra due fluidi al
variare della temperatura degli stessi. Si tratta di un problema che può essere risolto analiticamente,
anche se in modo laborioso. Nella pratica si usa un metodo approssimato per l’esame di questo
problema. Prima di arrivare a questo metodo si affronta analiticamente il problema della parete
seminfinita al variare della sua temperatura superficiale (muro di Fourier), in quanto i risultati
ottenuti sono alla base del metodo approssimato di cui dicevo. In particolare si studia il muro di
Fourier prima nel caso in cui la variazione della temperatura superficiale sia sinusoidale e poi nel
caso in cui sia una generica funzione periodica.
In conclusione del capitolo si aggiunge un altro problema non stazionario per il quale si ha una
veloce soluzione analitica: il problema della parete piana con brusca variazione della temperatura
sulle due superficie limite.

Muro di Fourier. Consideriamo una parete seminfinita, omogenea rispetto alla diffusività
termica D . La temperatura iniziale del solido sia Tm uniforme. Ad un certo istante si applica alla
faccia del solido una temperatura descritta dalla funzione

T (τ ) = Tm + Θ0 sin ωτ

detta forzante. Si ha dunque una


oscillazione intorno alla temperatura
Tm di semiampiezza Θ , di periodo
τ 0 = 2π / ω , di pulsazione ω e
frequenza f = ω / 2π . Nel solido si
avrà un periodo transitorio di cui non
ci occupiamo, seguito da un periodo
periodico stabilizzato. Consideriamo
adesso alcune osservazioni
sperimentali sul campo termico che
viene ad instaurarsi nel mezzo.

1) Il campo termico nel mezzo, fissata la distanza x dalla superficie limite, oscilla anch’esso con
una pulsazione ω .
2) La semiampiezza di oscillazione decresce con x .
3) Lo sfasamento in ritardo della oscillazione è proporzionale ad x .

Dunque la soluzione deve essere del tipo

T ( x, τ ) = Tm + Θ(x ) sin (ωτ − βx )

Per ricavare la funzione Θ = Θ(x ) e la costante β dobbiamo imporre che tale campo termico
soddisfi la equazione di Fourier

∂ 2T ( x, τ ) ∂T (x, τ )
D =
∂x 2 ∂τ

78
Allora procedo al calcolo delle derivate della soluzione.

∂T (x, τ ) dΘ(x )
= sin(ωτ − βx ) − β Θ( x ) cos(ωτ − β x ) ⇒
∂x dx
∂ 2T (x, τ ) d 2 Θ( x ) dΘ( x ) dΘ(x )
2
= 2
sin (ωτ − βx ) − β cos(ωτ − βx ) − β cos(ωτ − βx ) −
∂x dx dx dx

 d 2 Θ(x )  dΘ( x )
− β 2 Θ( x ) sin (ωτ − β x ) =  2
− β 2 Θ(x ) sin (ωτ − β x ) − 2 β cos(ωτ − βx )
 dx  dx
∂T (x, τ )
= ωΘ( x ) cos(ωτ − β x )
∂τ

Sostituendo nella equazione di Fourier si ha

 d 2 Θ(x )  dΘ(x )
D 2
− β 2 Θ(x ) sin (ωτ − β x ) − 2 Dβ cos(ωτ − β x ) = ωΘ( x ) cos(ωτ − β x ) ⇔
 dx  dx
 d 2 Θ(x )   dΘ( x ) 
D 2
− β 2 Θ(x ) sin (ωτ − β x ) =  2 Dβ + ωΘ( x ) cos(ωτ − βx )
 dx   dx 

Si ottengono allora le due equazioni differenziali

d 2 Θ(x )
2
− β 2 Θ(x ) = 0
dx
dΘ( x )
2 Dβ + ωΘ( x ) = 0
dx

L’integrale generale della prima equazione si scrive

Θ(x ) = Ae βx + Be − βx

Poiché sappiamo che la funzione decresce con la profondità abbiamo

Θ( x ) = Be − βx

Sostituendo nella seconda equazione abbiamo

ω π
− 2 Dβ 2 Be − βx + ωBe − βx = 0 ⇔ −2 Dβ 2 + ω = 0 ⇔ 2 Dβ 2 = ω ⇔ β = =
2D Dτ 0

Il campo termico trovato è allora


ω
x  ω 
T ( x, τ ) = Tm + Be 2D
sin ωτ − x 
 2 D 

79
Rimane da calcolare B il che si può fare imponendo che per x = 0 la temperatura sia quella della
forzante. Abbiamo

T (0, τ ) = Tm + B sin(ωτ )
 ⇒ B = Θ0
T (τ ) = Tm + Θ0 sin ωτ

e dunque il campo termico si scrive infine


ω
x  ω 
T ( x,τ ) = Tm + Θ 0 e 2D
sin ωτ − x 
 2 D 

Si tratta di una funzione periodica invilippata in un esponenziale decrescente. Definiamo


smorzamento il rapporto

ω
Θ(x ) − x
µ (x ) = =e 2D
Θ0

il quale fornisce indicazioni sulla riduzione della semiampiezza di oscillazione allontanadosi dalla
superficie limite. Si definisce tempo di ritardo il tempo che impiega un picco a spostarsi dalla
superficie limite all’ascissa x . In pratica è anche il tempo che impiega il valore Tm della
temperatura a raggiungere l’ascissa x , dunque lo posso calcolare come il tempo τ r che soddisfa la
condizione


ω
x  ω  ω 1 1 τ0
T ( x, τ r ) = Tm ⇔ Θ0 e 2D
sin ωτ r − x  = 0 ⇔ ωτ r − x = 0 ⇔ τ r (x ) = x= x
 2 D  2 D 2ωD 2 πD

Definisco velocità di propagazione la velocità con la quale viaggiano i picchi (o il valore Tm )


lungo la parete. Dunque si ha

x x Dπ
vp = = = 2 Dω = 2
τ r (x ) 1 τ0
x
2ωD

Il flusso termico è dato da

Q ∂T  ω −
ω
x  ω  ω −
ω
x  ω  
= −λ = −λ  − Θ0 e 2D
sin ωτ − x  − Θ0 e 2D
cos ωτ − x  =
τS ∂x  2D  2D  2D  2 D  

ω
ω
    
 sin ωτ − ω x  + cos ωτ − ω x  
− x
=λ Θ0 e 2D
  
2D 
  2D   2 D  

e la sua media in ogni sezione è nulla. Ricapitolando si ha

80
ω π
RITARDO DI FASE βx = x= x
2D Dτ 0
ω π
Θ(x ) − x − x
SMORZAMENTO µ (x ) = = e − βx = e 2D
=e
Dτ 0

Θ0
1 1 τ0
TEMPO DI RITARDO τ r (x ) = x= x
2ωD 2 πD
x Dπ
VELOCITA’ DI PROPAGAZIONE vp = = 2 Dω = 2
τ r (x ) τ0

Si può discutere la dipendenza di questi parametri dalle variabili del sistema.

1) Il ritardo di fase in una data sezione è tanto minore quanto è maggiore la diffusività: in
particolare decresce con la diffusività termica e cresce con la capacità termica. Cresce poi con la
pulsazione.
2) Per lo smorzamento si ha una dipendenza dai parametri identica a quella che si ha per il ritardo
di fase.
3) Il tempo di ritardo decresce con l’aumentare della pulsazione e della diffusività termica.

Generalizzazione del muro di Fourier. Adesso consideriamo il caso in cui la


forzante sia una funzione qualunque f (τ ) di periodo P . Allora ricordiamo che, sotto ipotesi
alquanto blande, è possibile scrivere tale funzione come somma di termini trigonometrici e più
esattamente come


  2 nπ   2 nπ  
f (τ ) = a0 + ∑  a n cosτ  + bn sinτ 
n =1   P   P 

con

P
1
a0 = ∫ f (τ )dτ valore medio
P0
P
2  2 nπ 
an =
P0∫ f (τ ) cosτ
 P 
dτ n = 1,2,3...

P
2  2 nπ 
bn = ∫ f (τ ) sinτ dτ n = 1,2,3...
P0  P 

Dunque, per quanto detto nel precedente paragrafo, si ha che il campo termico nella parete sarà

∞   2nπ nπ   2nπ nπ  
nπ nπ
− x − x
T ( x, τ ) = a 0 + ∑  a n e DP
cos τ− x  + bn e DP
sin τ− x
n =1

  P DP   P DP  

Si vede allora che all’aumentare di n lo smorzamento è sempre più forte. Questo significa in
pratica che si può avere una buona approssimazione della soluzione anche considerando solo i primi
termini della serie.
81
Parete fra due fluidi. Diciamo che la temperatura del fluido 2 sia costantemente T2 .
Diciamo poi che la temperatura T1 del fluido 1 vari sinusoidalmente. Siano T | ,T || le temperature
delle due superficie limite della parete. Assimilando la parete di spessore s al primo strato del muro
di Fourier possiamo attribuire ad essa un ritardo di fase

ω π
βs = s= s
2D Dτ 0

Allora si distinguono due casi a seconda che tale ritardo sia molto inferiore ad 1 o superiore ad 1.

1) Quando βs << 1 possiamo pensare che si verifichi una delle seguenti circostanze:

a) il periodo τ 0 della oscillazione termica è molto elevato;


b) la diffusività termica della parete è molto elevata;
c) lo spessore dela parete è molto piccolo.

Se allora consideriamo l’equazione di Fourier per la geometria in questione

∂ 2T ( x, τ ) ∂T (x, τ )
D =
∂x 2 ∂τ

si vede che nel primo caso si presenta la possibilità


di operare la semplificazione

∂T (x, τ ) ∂ 2T ( x , τ )
=0⇒ =0
∂τ ∂x 2

Nel secondo caso si presenta la possibilità inevece


della approssimazione

1 ∂T (x, τ ) ∂ 2T ( x, τ )
=0⇒ =0
D ∂τ ∂x 2

Nel terzo caso in fine si presenta la possibilità della approssimazione

∂T (x, τ ) ∂ 2T ( x , τ )
=0⇒ =0
∂x ∂x 2

In ogni caso dunque si può considerare la possibilità di considerare il problema non stazionario
come un problema stazionario, ricadendo così nel caso già ampiamente discusso. Dunque il flusso
di calore può scriversi nei tre seguenti modi

T1 − T | T | − T || T || − T2
q= q= q=
1 / k1 s/λ 1 / k2

82
e quindi, se sono noti gli estremi di oscillazione della temperatura del fluido 1, è possibile costruire
lo schema in figura il quale fornisce graficamente i margini di variazione delle temperature T | ,T || .
Si osservi come si riducono le oscillazioni di temperatura passando dal fluido 1 alla faccia 2 della
parete. In particolare, mediante relazioni di similitudine fra triangoli, troviamo che

1
||
∆T 1 k2 1 H
= = =
∆T1 1 1 k2 1 + s + 1
s k2
+ +
k1 λ k 2 k1 λ k 2

Questo rapporto è detto fattore di riduzione e viene indicato σ . Dunque si ha

H
σ=
k2

Esso è una approssimazione per eccesso del valore che si avrebbe nei casi reali. Ma comunque è
una buona approssimazione per β << 1 . Per il tempo di ritardo si assume in questo caso come
valore approssimato quello che si ottiene considerando la parete come il primo strato, di spessore s ,
del muro di Fourier. Cioè si assume come tempo di ritardo

1 1 τ0 βτ
τ r (s ) = s= s= 0s
2ωD 2 πD 2π

Si vede che il tempo di ritardo è, per βs << 1 , una piccola frazione del periodo della oscillazione
termica del fluido 1.

2) Se β > 1 l’analisi semistazionaria appena fatta non è più accettabile. Allora si usa un altro
metodo approssimato di cui riporto i risultati. Si introducono, oltre al parametro adimensionale

ω π
βs = s= s
2D Dτ 0

i due ulteriori parametri adimensionali

k2 k1
A= B=
k1 βλ

Allora si ha che il fattore di riduzione σ = ∆T || / ∆T1 è dato da

e − βs
σ=
F ( A, B )

mentre il ritardo di fase è dato da

ϕ = βs + G ( A, B )

83
essendo le due funzioni F , G tabellate in letteratura (vedi Barducci, volume primo, pag 132).

Lastra piana con variazione brusca delle temperature superficiali.


Consideriamo una lastra indefinita di spessore s lungo la direzione x . La sua temperatura sia
stazionaria e sia descritta dalla funzione T = f (x ) . All’istante τ = 0 le due facce della lastra sono
bruscamente portate alla temperatura T0 e vengono mantenute a tale temperatura negli istanti
successivi. Come varia nel tempo la temperatura della lastra? L’equazione di Fourier per i problemi
monodimensionali non stazionari si scrive

∂ 2T ( x, τ ) ∂T (x, τ )
D =
∂x 2 ∂τ

Ora faccio l’ipotesi che la soluzione da noi cercata sia del tipo

T ( x, τ ) = X (x )Γ(τ )

Allora l’equazione di Fourier si scrive

∂ 2 ( X ( x )Γ(τ )) ∂ ( X (x )Γ(τ )) d 2 X (x ) dΓ(τ ) 1 d 2 X (x ) 1 dΓ(τ )


D = ⇒ D Γ (τ ) = X ( x ) ⇒ =
∂x 2
∂τ dt 2
dτ X ( x ) dt 2
DΓ(τ ) dτ

I due mebri dell’ultima equaglianza, se devono essere uguali non possono che essere costanti.
Allora introdotta la costante ± α 2 (con segno da determinare) abbiamo le due equazioni
differenziali

1 dΓ(τ )
= ±α 2 D
Γ(τ ) dτ
1 d 2 X (x )
= ±α 2
X (x ) dt 2

Per la prima si ha quanto segue.

dΓ(τ )
= ±α 2 Ddτ ⇒ ln Γ(τ ) = ±α 2 Dτ + C ⇒ Γ(τ ) = C1e ±α Dτ
2

Γ(τ )

Per la seconda (che è una equazione omogenea a coefficienti costanti) si considera il polinomio
caratteristico

ξ 2 = ±α 2 ⇒ ξ = ± ± α 2 = ±α ± 1

Dunque i possibili integrali generali sono due e precisamente

X ( x ) = C 2 e α x + C 3 e −α
2 2
x

X (x ) = C 2 cos(α 2 x ) + C3 sin (α 2 x )

84
Ora preannuncio che la soluzione da sciegliere per il nostro problema è la seconda (dopo si vede il
perché) cioè quella che corrisponde a − α 2 . Pertanto abbiamo trovato

Γ(τ ) = C1e −α Dτ
2

⇒ T (x, τ ) = X ( x )Γ(τ ) = (C2 cos(αx ) + C3 sin (αx ))e −α Dτ


2


 X ( x ) = C 2 cos(αx ) + C3 sin (αx )

dove si è inglobata la costante C1 nelle altre due. Si noti adesso che anche la funzione

T ( x, τ ) = T0 + (C 2 cos(αx ) + C3 sin(αx ))e −α


2

è una soluzione del nostro problema. Adottiamo questa come soluzione e vediamo allora che se
avessi scelto + α 2 avrei avuto che la temperatura si allontana da T0 col tempo, invece di
avvicinarvisi, come deve essere. Le condizioni al contorno prevedono che, per τ > 0 , la
temperatura ai due estremi sia pari a T0 . Dunque

T (0, τ ) = T0 + C 2 e −α
2

= T0 ⇔ C 2 = 0
T (s, τ ) = T0 + C3 sin(αs )e −α = T0 ⇔ sin (αs ) = 0 ⇔ αs = nπ
2

con n intero (in realtà potrebbe essere anche intero relativo, andrebbe bene lo stesso). Abbiamo
allora fin qui la soluzione
2
 nπ 
 nπ  −  Dτ
T ( x, τ ) = T0 + C3 sin x e  s 

 s 

La soluzione generale è la somma delle soluzioni particolari dunque

 
2
∞  nπ 
  nπ  − s  Dτ

T ( x, τ ) − T0 = ∑ C n sin x e
  s  
n =1
 

Rimane da imporre che per τ = 0 la temperatura coincida con quella iniziale T = f (x ) . Dunque


 nπ 
f ( x ) − T0 = ∑ C n sin x
n =1  s 

Osservando che

 2 nπ 
1 − cos x
1  2nπ  
s s s s
 nπ   n π   s 
∫0 sin s x  sin s x dx = ∫0 2
dx =  ∫ dx − ∫ cos
20 0  s
x dx  =
 

  2nπ   1    s
s
1
s
s  2 nπ s  2 nπ
= s −
 ∫ cos x d  x  = s− sin x  =
2 2 nπ 0  s   s  2   2 nπ  s  0  2

85
Allora abbiamo che

s s
2  kπ  2  ∞  nπ   kπ  
∫ ( f ( x ) − T0 ) sin  x dx = ∫  ∑ C n sin x  sin x  dx = C k
s0  s  s 0  n =1  s   s 

Infatti

s s
 k π   nπ  1  k +n   k − n 
∫0 sin s x  sin s x dx = ∫  − cos
 2 0  s
πx  + cos
  s
πx  dx =

s s
1 k +n  1 k −n 
= − ∫ cos πx dx + ∫ cos πx dx =
20  s  20  s 
s s
1 s k +n  k +n  1 s k −n  k −n 
=− ∫
2π k + n 0
cos
 s
πx  d 
  s
πx  + ∫
 2π k − n 0
cos
 s
πx  d 
  s
πx  =

s s
1 s k +n  1 s k −n 
=− sin πx  + sin πx  = 0 + 0 = 0
2π k + n  s  0 2π k − n  s 0

Riassumendo la soluzione si scrive

 
2
∞  nπ 
 nπ  −  Dτ
T ( x, τ ) − T0 = ∑  C n sin x e  s  
  s  
n =1
 

con

s
Cn =
2
∫ ( f (x ) − T0 )sin nπ x dx
s0  s 

Nel caso particolare in cui la lastra piana sia inizialmente tutta alla temperatura Ti i coefficienti
sono

s
2(Ti − T0 ) 2(Ti − T0 ) 2(Ti − T0 )  nπ 
s s
 nπ   nπ   nπ 
Cn =
s ∫
0
sin
 s 
x dx =
nπ ∫
0
sin x d 
 s   s 
x = −

cos x =
 s 0
2(Ti − T0 )
=− (cos(nπ ) − 1)

Dunque la costante si annulla per n pari e vale

4(Ti − T0 )
Cn =

per n dispari. Pertanto la soluzione può scriversi nella forma

86
 
2
 ( 2 n +1)π 
−  Dτ
∞  
4(Ti − T0 )  (2n + 1)π  e  s 
T ( x, τ ) − T0 =
π
∑  sin
n =1   s
x
 2n + 1



 

87
Capitolo 1. Proprietà dei miscugli liquido-vapore
Introduzione. In questo capitolo ci si occupa dei sistemi bifase delle sostanze pure. In
particolare le due fasi che consideriamo sono la fase vapore e la fase liquida della sostanza. Dunque
ci interessa la parte della superficie di stato della
sostanza evidenziata in figura.

Titolo in vapore. Se indico mv la massa di


vapore in 1kg di miscuglio e ml la relativa massa di
liquido, allora dico titolo in vapore del miscuglio
liquido-vapore il rapporto x fra la massa di vapore e la
massa totale del miscuglio:

mv
x= ,
mv + ml
mv + ml = 1kg

Una trasformazione che avvenga ad x costante si dice


trasformazione isotitolo.

Volume specifico del miscuglio. Per quanto riguarda il volume specifico del miscuglio
si assume che esso sia la media ponderale del volume specifico delle fasi pure, alla stessa
temperatura11. Se allora indico v v il volume specifico del vapore e vl il volume specifico del
liquido ho che il volume specifico v del miscuglio vale

mv v v + ml v l m v v v + ml v l + mv v l − m v v l mv
v= = = (vv − vl ) + vl = x (vv − vl ) + vl
m v + ml m v + ml mv + ml

Trasformazione isotitolo. Regola della leva. Illustriamo qui la semplice regola che
permette di tracciare sul piano V , p le curve delle trasformazioni isotitolo. Con riferimento alla
figura12 si ha

B B
LAB = ∫ pdv = p ∫ dv = p (v B − v A )
A A
C C
LAC = ∫ pdv = p ∫ dv = p (vC − v A )
A A

D’altra parte per i volumi si ha

v A = (ml + mv )vl v B = (ml + mv )v vC = (ml + mv )vv

11
Dunque il volume della fase liquida sarà quello che, a quella temperatura, compete alla fase liquida con incipiente
evaporazione; quello della fase vapore sarà quello che, a quella temperatura, compete alla fase vapore con incipiente
liquefazione.
12
La figura riporta la zona di coesistenza di liquido e vapore.
88
e dunque i lavori di cui sopra si scrivono

B B
LAB = ∫ pdv = p ∫ dv = p (ml + mv )(v − vl )
A A
C C
LAC = ∫ pdv = p ∫ dv = p (ml + mv )(v v − vl )
A A

Adesso si osservi che, da un punto di vista grafico, si ha pure

LAB = p AB
LAC = p AC

Confrontando abbiamo dunque

(ml + mv )(v − vl ) = AB AB (v − vl )
 ⇒ = =x
(ml + mv )(vv − vl ) = AC AC (vv − vl )

Il risultato ci dice dunque che se ho una miscela di titolo in vapore x , segue che, alla generica
pressione p , la curva isotitolo passa per il punto B individuato dalla formula

AB
=x
AC

Calore specifico del miscuglio. Il calore specifico γ x del miscuglio, relativo al titolo in
vapore x , si può esprimere anch’esso come la media pesata dei calori specifici della fase liquida
pura e della fase vapore pura, a quella temperatura. Indicando allora γ l il calore specifico della fase
liquida e γ v quello della fase vapore, si ha come sopra

γ x = x (γ v − γ l ) + γ l

Si deve sottolineare che i tre calori specifici si debbono considerare tutti alla stessa temperatura,
altrimenti la relazione non è valida.

Legame generale fra i calori specifici delle due fasi. Consideriamo una
trasformazione reversibile nella zona liquido-vapore. La definizione di entropia porge

δQrev rdmv γ x (ml + mv )dT


dS = = +
T T T

dove, seguendo la simbolgia della fisica tecnica, ho indicato r il calore latente (calore per unità di
massa) di evaporazione. Se ci si vuole riferire alla entropia specifica si ha

89
dS δQrev rdx γ x dT rdx ( x (γ v − γ l ) + γ l )dT
= ds = = + = +
(ml + mv ) (ml + mv )T T T T T

D’altra parte se consideriamo la funzione S = S ( x, T ) , si deve anche avere

 ∂s   ∂s 
ds =   dT +   dx
 ∂T  x  ∂x  T

Per cui dal confronto segue

 ∂s  x (γ v − γ l ) + γ l
  =
 ∂T  x T
 ∂s  r
  =
 ∂x T T

Imponiamo ora la chisura del differenziale. Le derivate miste sono

  ∂s    x (γ v − γ l ) + γ l 
 ∂   ∂ 
  ∂T  x  =  T  = γv −γl
 ∂x  ∂x T
 
 T
  ∂s   r
 ∂   ∂ 
  ∂x T  =  T  = dr 1 − r
 ∂T  ∂T dT T T 2
 
 x

dove si è considerato che r dipende dalla temperatura. La condizione di chiusura porge dunque

dr 1 r γ −γl r dr 1
− 2 = v ⇔ γv = γl − +
dT T T T T dT T

Si consideri che il calore specifico più semplice da trovare sperimentalmente è γ l (quello della fase
liquida). Quindi questa relazione si usa per ricavare quello della fase vapore dopo che sia stato
determinato l’altro. A questo proposito si segnala che lontano dal punto critico si trova la
coincidenza tra γ l e il calore specifico a pressione costante della fase liquida pura. Invece in
prossimità della temperatura critica vale la formula empirica

b
γl = a +
(Tc − T )n
dove a , b, n sono coefficienti da determinare sperimentalmente per ogni sostanza.

Equazione di Clapeyron. Si consideri il piano T , p . Le curve che compaiono in questo


piano sono il luogo degli stati in cui coesistono due fasi della stessa sostanza pura (vedi figura).

90
Nel capitolo 12 degli appunti di Termodinamica abbiamo ricavato l’equazione che descrive queste
curve, l’equazione di Clapeyron. Ora la ricaviamo in un altro modo, partendo cioè dalla prima

equazione del TdS la quale porge

 ∂p 
TdS = T   dV + CV dT
 ∂T V

Ora nel nostro caso la trasformazione in oggetto è un passaggio di fase, cioè una trasformazione
isoterma, per cui

 ∂p  dS  ∂p 
TdS = T   dV ⇔ = 
 ∂T V dV  ∂T V

Considerando che la pressione è, nelle transizioni di fase, una funzione della sola temperatura si ha

dS dp Q 1 dp dp r∆mv
= ⇔ = ⇔ =
dV dT T ∆V dT dT T∆V

dove r è il calore latente specifico di evaporazione, ∆mv la massa che è passata dalla fase liquida
alla fase solida, ∆V la variazione di volume del miscuglio. Questa è appunto l’equazione di
Clapeyron la quale, nel caso di passaggio fra fase liquida e fase vapore si integra facilmente facendo
le semplificazioni

1) il volume specifico dello stato liquido è trascurabile rispetto a quello dello stato vapore;
2) il vapore è assimilabile ad un gas ideale.

Allora si ha

dp r∆mv dp r∆mv dT r∆nρ v dT rρ v dT


= ⇔ = = =
dT T ∆nRT p ∆nRT 2 ∆nRT 2 RT 2
p
91
e integrando

rρ v
ln p = − + C ⇒ p = Ce −rρ v / RT
RT

Con ρ v ho indicato la densità di massa molare del vapore. Si osserva che essendo r > 0 , e dovendo
essere la costante necessariamente positiva, la pressione aumenta con la temperatura, come ci si
aspettava dall’osservazione della curva di evaporazione nel piano T , p .

Regola delle fasi. A pag 63 del volume di Termodinamica abbiamo visto come un sistema di
(r )
c componenti e Φ fasi presenti le cΦ + 2 incognite p, T , xi , r = 1,2,...Φ , dove in questo caso è

(r )
(r ) ni
xi = c

∑n
(r )
j
j =1

la frazione molare della i-ma componente nella r-ma fase (le n indicano le moli). Abbiamo anche
visto come queste incognite siano legate fra loro, all’equilibrio, da c (Φ − 1) + Φ equazioni. Questo
significa che abbiamo la possibilità di scegliere arbitrariamente un numero di incognite pari a

cΦ + 2 − (c(Φ − 1) + Φ ) = cΦ + 2 − cΦ + c − Φ = 2 + c − Φ

potendo poi ricavare univocamente le altre in funzione di queste. Il numero di incognite che
possono essere fissate arbitrariamente è detto varianza del sistema.
Ora particolarizziamo lo studio al caso di una sola componente. In questo caso la varianza è 3 − Φ
e le frazioni molari sono evidentemente unitarie. Allora le uniche incognite sono pressione e
temperatura. Ebbene, si distinguono tre casi:

1) tre fasi coesistono, allora la varianza è zero, cioè l’equilibrio può esistere per un solo valore di
pressione e di temperatura (punto triplo della sostanza);
2) due fasi coesistono, allora la varianza è uno, cioè l’equilibrio esiste per infiniti valori della
pressione in corrispondenza a ciascuno dei quali si ha un ben preciso valore della temperatura (e
viceversa);
3) si ha solo una fase, allora la varinza è due, cioè l’equilibrio esiste comunque si scelgano
pressione e temperatura.

Gas perfetti. Si riportano i principali risultati relativi ai gas perfetti.


Relazioni fondametali per gas ideali
pV
= nR
Equazione di T
stato J cal
R = 8,314 = 1,98
moleK moleK
U = U (T )
Energia interna
dU = CV dT

92
 Cp 
 −1   Cp 
 CV   −1 
TV =TV C
0 0 V  = costante
Cp
Trasformazione Cp
CV
adiabatica pV = p0V0 CV = costante
1−C p CV
1−C p CV
C p CV
Tp = T0 p0 C p CV = costante
T T 0
(C p −CV ) = (C p −CV ) = costante
(C −CV )
Trasformazione V V0 (C −CV )
politropica (
 C p −CV )   (
C −C  )
 1−  1− p V 
  ( C − CV ) 
 (C −CV )  
pV = p0V0 = costante
C p − CV R
T ,V
 dT dV 
S − S0 = ∫  nC V
T
+ nR
V 
=
Variazione di 0

entropia T  V 
= nCV ln  + n (C p − CV )ln  
 T0   V0 

Diagramma entropico. Il diagramma entropico è quello che si disegna sul piano S, T ed è


impiegato per lo studio dei cicli delle macchine termiche e frigorifere. Per costruire il diagramma
entropico di una sostanza pura si seguono i passaggi
qui indicati.

Stato di riferimento per l’entropia. In genere si


attribuisce entropia nulla in corrispondenza del
punto triplo della sostanza allo stato liquido (punto
A ).

Linea a titolo di vapore nullo. Si tratta della linea


che unisce il punto triplo A al punto critico C . Per
determinare questa curva si considera che il calore
specifico del miscuglio a titolo nullo del vapore, è
pari al calore specifico della fase liquida γ l . Si ricorda poi che lontano dalla temperatura critica il
calore specifico della fase liquida γ l è costante e coincide praticamente con quello a pressione
costante γ lp . Allora13 si ha

dq = γ lp dT dT ds T s T
 ⇒ γ lp dT = Tds ⇔ = ⇒ ln M = M ⇔ s M = γ lp ln M
dq = Tds T γ lp TA γ lp TA

In particolare si trova che questa equazione fornisce una buona approssimazione finché TM è
inferiore alla media aritmetica fra TA e TC . Per temperature superiori si deve considerare, per il
calore specifico del miscuglio, che è quello della fase liquida, la formula empirica

13
Si osserva che nella formula seguente tutte le grandezze sono per unità di volume.
93
b
γl = a +
(Tc − T )n

Linea a titolo di vapore unitario. Consideriamo il punto N dove l’isoterma TM intercetta la curva
a titolo unitario. Si ha

r (TM )
TM MN = r (TM ) ⇒ MN =
TM

dove r (TM ) è il calore latente specifico, alla temperatura TM . Con questa formula si costruisce
dunque la curva a titolo di vapore unitario a partire da quella a titolo di vapore nullo.

Linea tripla e linea critica. La linea tripla si trova immediatamente conoscendo il punto A ,
dovendo essere una isoterma. Analogo discorso per la linea critica, la quale è l’isoterma per il punto
critico. Le isoterme sono evidentemente orizontali. Restano così determinate la zona liquido-vapore,
la zona liquido, quella vapore e la zona dei gas.

Trasformazioni sul diagramma entropico. Consideriamo una ad una le diverse


trasformazioni e vediamo quali curve le rappresentano sul piano entropico.

Trasformazioni isotitolo all’interno della zona liquido-vapore. Per la determinazione delle curve
delle trasformazioni isotitolo vale ancora la regola della leva che in questo caso si deduce come
segue. Con riferimento alla figura14 si ha

 B
δq 1
∆s AB = ∫ = r (TA )x
 T TA ∆s
⇒ x = AB
A
 C
∆s = δq = 1 r (T ) ∆s AC


AC ∫A T TA A

Adesso si osservi che, da un punto di vista grafico, si ha pure

∆s AB = AB
∆s AC = AC

Confrontando abbiamo dunque

AB
x=
AC

Il risultato ci dice dunque che se ho una miscela di titolo in vapore x , segue che alla generica
temperatura TA la curva isotitolo passa per il punto B individuato dalla formula

14
La figura riporta la zona di coesistenza di liquido e vapore. Il punto A indicato in questa figura non è quello a
entropia nulla di cui più sopra.
94
AB
=x
AC

Trasformazioni isobare. Intanto all’interno della campana del liquido-vapore le isobare, essendo
anche isoterme, sono orizontali. Inoltre se consideriamo la seconda equazione del TdS, a pressione
costante si ha

 ∂S  Cp
  =
 ∂T  p T

ed invertendo la S = S ( p, T ) abbiamo

S − S0
 ∂T  T dT dS T S − S0 Cp
  = ⇒ = ⇒ ln = ⇒ T = T0 e
 ∂S  p C p T Cp T0 Cp

Bisogna considerare che anche il calore specifico varia con la temperatura, dunque la funzione di
cui sopra ci dice poco. Solo nel campo dei gas ideali, a calore specifico più o meno costante,
avremo un andamento esponenziale.

Trasformazioni isocore. Dalla prima legge si ha

  ∂U    ∂U    ∂U   dV  ∂U  dT
TdS = dU + pdV =    + p dV +   dT ⇒ dS =    + p  + 
  ∂V T   ∂T V   ∂V  T  T  ∂T V T

In condizioni di isocoria si ha

 ∂U  dTV  ∂T  T T
dSV =   ⇒  = =
 ∂T V T  ∂S V  ∂U  CV
 
 ∂T V

Integrando come nel caso precedente si ha

S − S0
T S − S0
ln = ⇒ T = T0 e CV

T0 CV

Si rileva che essendo in generale

2
 δV   δp 
C p − CV = −T    
 δT  p  δV  T

allora C p > CV e dunque le isocore hanno pendenza maggiore delle isobare. Vale poi la
considerazione fatta alla fine del punto precedente.

Trasformazioni isoentalpiche. Considerando il differenziale dell’entalpia

95
dH = TdS + Vdp
ad entalpia costante si ha

dS H dp  ∂T  T  ∂T 
TdS H + Vdp H = 0 ⇔ T +V H = 0 ⇔   =−  
dTH dTH  ∂S  H V  ∂p  H

per cui necessariamente le isoentalpiche hanno pendenza


negativa. Si può inoltre osservare che andando verso i gas
ideali le isoentalpiche debbono tendere alle isoterme.
Infatti per un gas ideale l’energia interna dipende solo dalla
temperatura e dunque anche l’entalpia

H = U + pV = U + RT

Perciò ad entalpia costante la temperatura è costante e


viceversa. Riporto in figura l’andamento qualitativo delle
isoentalpiche. Per i diagrammi entropici di varie sostanze si
rimanda al Felli, volume primo, pagg 93-95.

Trasformazioni adiabatiche. Sono isoentropiche se reversibili.

Diagramma entalpico o di Mollier. Abbiamo l’entropia specifica s in ascissa e


l’entalpia specifica h in ordinata. Si assume che lo stato in cui la sostanza si trova nel punto triplo
con la sola fase liquida presenta entropia ed entalpia specifica nulle. Il tracciamento della curva a
campana che delimita la zona del liquido-vapore si fa partendo dal diagramma entropico e da quello
di Clapeyron, in un modo che non ho capito (vedi
Felli pag. 81).
Immediato è il tracciamento delle isoentropiche e
delle isoentalpiche. Per quanto riguarda le isobare
consideriamo che

 ∂H 
dH = TdS + Vdp ⇒   =T
 ∂S  p

Quindi nella zona del liquido vapore, dove le isobare


sono anche isoterme, abbiamo delle rette. Fuori da questa zona si consideri che

S − S0
dH p = δQ p = C p dT p dT T Cp
 ⇒ dS = C p ⇒ S − S 0 = C p ln ⇒ T = T0 e
dH p = TdS p T T0

Ritornando ora alla precedente formula abbiamo

S − S0 S − S0 S − S0
dH Cp Cp Cp
= T = T0 e ⇒ dH = T0 e dS ⇒ H = T0C p e + COST
dS

Dunque le isobare avranno andamento esponenziale al di fuori della zona del liquido-vapore. Le
isoterme coincidono con le isobare nella zona del liquido vapore. Fuori da questa zona le isoterme

96
debbono tendere ad un andamento orizontale, essendo, per gas perfetti, l’entalpia funzione della
sola temperatura.
Per le isocore nel campo dei gas perfetti si consideri che

RdTV
dH V = TdSV + VdpV = TdSV + V = TdSV + RdTV
V

Tuttavia abbiamo

TdSV = δQV = CV dTV RT C + R


 ⇒ dH V = TdSV + dSV = T  V dSV ⇒
dH
 V = TdSV + Vdp V = TdSV + RdTV CV  CV 
dH C + R
= T  V 
dS  CV 

e abbiamo anche

S − S0
dT S − S0 T
TdSV = δQV = CV dTV ⇒ dS = CV ⇒ = ln ⇒ T = T0 e CV

T CV T0

Mettendo insieme le due relazioni abbiamo

S − S0 S − S0
dH  CV + R 
= T0 e CV
⇒ H = (CV + R )T0 e CV
+ COST
dS  CV 

Poiché nei gas ideali si ha sempre C p > C v , allora le isocore sono a pendenza maggiore rispetto alle
isobare. Questo è poi un risultato generale per lo stato aeriforme. Pare invece che, nella zona
liquido-vapore le isocore e le isobare tendano a coincidere (vedi ad esempio Barducci pag 62). In
figura riporto l’andamento qualitativo delle trasformazioni studiate. Le isotitolo si ottengono anche
qui con la regola della leva.

Diagramma frigorifero. Abbiamo in ascissa l’entalpia e in ordinata il logaritmo della


pressione. Le isoterme sono orizontali nella zona dei vapori saturi, essendo qui anche isobare. Nella
zona dei gas ideali sono prossime alla verticalità, essendo in questo caso l’entalpia funzione della
sola temperatura. Per le isotitolo vale anche qui la regola della leva. Per le isoentropiche si ha

 ∂H   ∂p  1
  = V ⇔   =
 ∂p  S  ∂H  S V

Nel campo dei gas ideali si ha anche

T  V 
S − S0 = nCV ln  + n (C p − CV )ln 
 T0   V0 

che in condizioni isoentropiche porge

97
CV (
− C p −CV ) CV (
− C p −CV )
T  V  T  V  T  V 
CV ln   = − (C p − CV )ln  ⇔ ln  = ln  ⇔   =   ⇔
 T0   V0   T0   V0   T0   V0 
CV (
− C p −CV ) CV C (C p −CV ) Cp CV
 pV  V   p V  V 
V
V   p0 
⇔   =   ⇔  
Cp Cp
= 0  0 = 0 ⇔ V0   =V ⇔
 p0V0   V0   p0  V  V  V   p
CV
p  Cp
⇔ V = V0  0 
 p

Sostituendo nella spressione della derivata si ha

CV CV
− +1
Cp C Cp
− V
 ∂p  1 p Cp dH Cp p H − H0
  = CV
= CV
⇒p dp = CV
⇒ = CV

 ∂H  S C p − CV
p  Cp V0 p0 Cp V0 p0 Cp V0 p0 C p
V0  0 
 p
Cp
C p −CV
H − H 0 C p − CV H − H C −C  C p −CV
⇔ p= 
Cp 0 p V
⇔p = ⇔
CV
Cp 
 V p Cp
CV
Cp 
V0 p0 C p  0 0 
Cp H −H C −C 
⇔ Log ( p ) = Log  
0 p V

C p − CV 
 V p Cp
CV
Cp 
 0 0 

Considerando un gas monoatomico, per


fissare le idee, abbiamo

H −H 
Log ( p ) = Log  0 2
5
2 
 V p C p 5 
CV
 0 0 

Per cui l’andamento delle isoentropiche nel


campo dei gas è quello indicato in figura. Sui
manuali si trova che questo andamento vale
pure nel campo liquido-vapore.

98
Capitolo 2. Sistemi termodinamici aperti
Generalità. Per sistema termodinamico aperto si intende un sistema termodinamico che
scambia con l’esterno sia materia che energia (sottoforma di calore e lavoro). In questo contesto il
sistema termodinamico aperto di nostro interesse è caratterizzato nel modo seguente:

1) è un condotto attraversato da un fluido (aeriforme o liquido) in movimento;


2) il fluido scambia con l’esterno energia meccanica e termica;
3) il sistema nel suo complesso è stazionario, cioè le grandezze termodinamiche e quelle
cinematiche del fluido sono costanti nel tempo in ciascun punto del sistema.

Conservazione della massa. Consideriamo la portata del fluido: si dice portata G di un


fluido in un condotto, la massa di fluido che attraversa una sezione del condotto nella unità di
tempo. Allora in condizioni stazionarie la portata relativa alla generica sezione del condotto deve
essere costante. Si può aggiungere che, se si ammette che il condotto non abbia derivazioni, la
portata deve essere la stessa in ogni sezione del condotto stesso.
Considerata allora la generica sezione di superficie A facciamo le posizioni sguenti:

V : portata in volume del fluido cioè volume di fluido che attraversa una sezione nella unità di
tempo;
u : valore medio della velocità del fluido in detta sezione;
v : valore medio del volume specifico in detta sezione;
δ = 1 / v : valore medio della densità di massa in detta sezione.

Tutto ciò posto l’equazione di conservazione della massa si scrive

1
G = V δ = costante ⇔ G = Auδ = Au = costante
v

ovvero, considerando due sezioni generiche del condotto, anche

A1 u 1 δ 1 = A2 u 2 δ 2

Si specifica che per i valori medi sovrassegnati valgono le seguenti definizioni

1 V 1 1
u=
AA∫ udA =
A
v=
A ∫A
vdA δ=
A ∫A
δdA

Conservazione dell’energia. Intanto si osserva che l’energia E 2 posseduta dal fluido in


una data sezione è pari alla energia E1 , poseduta in una sezione precedente, più l’energia scambiata
durante il cammino, che diciamo ∆E . Abbiamo cioè

E 2 = E1 + ∆E

Adesso esprimerò questa equazione attraverso le grandezze termodinamiche del fluido. A tale scopo
consideriamo il sistema aperto costituito da una vena attraversata da un fluido (si veda la figura). Il
sistema scambia massa con l’esterno in corrispondenza delle sue estremità. Scambia calore e lavoro
99
con l’esterno sia attraverso le sue estremità che attraverso la superficie laterale del tubo.
Consideriamo l’unità di massa del fluido che entra attraverso l’ingresso del tubo. La sua energia
(energia per unità di massa) è data da

1 2
E1 = U1 + gz1 + u1
2

dove U1 è la sua energia interna, g è


l’accelerazione di gravità, z1 è la quota, rispetto ad
un piano orizzontale di riferimento, del baricentro
della sezione di ingresso A1 e infine

1

2 2
u1 = u1 dA
AA

Analogamente possiamo scrivere che l’energia che compete alla massa unitaria di fluido in uscita
dal tubo è data da

1 2
E 2 = U 2 + gz 2 + u2
2

Valutiamo adesso ∆E = E 2 − E1 , cioè la variazione della energia della massa unitaria di fluido nel
suo transitare attraverso il condotto. In primo luogo abbiamo che l’esterno compie un lavoro
p1 A1∆x1 = p1v1 sulla massa unitaria15 di fluido che entra, mentre tale massa, nell’uscire, compie
sull’esterno un lavoro p2 A2 ∆x 2 = p2 v2 . Si precisa poi che, nel caso dei sistemi aperti, diversamente
dal caso dei sistemi chiusi16, il lavoro ed il calore sono positivi quando sono acquistati dal sistema e
negativi quando sono ceduti. Allora si ha

∆E = E 2 − E1 = p1v1 − p2 v2 + W + Q

dove W indica il lavoro scambiato secondo la convenzione di cui sopra, e Q il calore. Allora la
equazione della conservazione dell’energia si scrive

U 2 − U1 + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
)
u2 − u1 + p2 v2 − p1v1 = W + Q

Ricordando allora l’espressione dell’entalpia17 J = U + pv abbiamo

E.1) J 2 − J 1 + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
)
u2 − u1 = W + Q

E’ utile ricordare che ogni addendo qui sopra ha le dimensioni di joule/kg.

15
Si osserva che v1 , v 2 rappresentano rispettivamente il volume specifico del fluido entrante e di quello uscente.
16
Si ricorda che, per i sistemi chiusi, la convenzione coincide con quella dei sistemi aperti solo per quanto riguarda il
calore, mentre per il lavoro vale la convenzione opposta: il lavoro fatto dal sistema è positivo, quello subito è negativo.
17
Anche l’entalpia sarà specifica, cioè per unità di massa.
100
Espressione alternativa della conservazione dell’energia. Si consideri ora
che per l’entalpia si ha

dJ = dU + pdv + vdp = TdS − pdv + pdv + vdp = TdS + vdp = δQrev + TdSirr + vdp

dove si è evidenziato il contributo, dovuto a trasformazioni irreversibili, all’aumento di entropia.


Allora si ha

2 2
J 2 − J 1 = Qrev + ∫ TdSirr + ∫ vdp
1 1

e l’equazione dell’energia si scrive

( )
2 2
1 2
Qrev + ∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u2 − u1 = W + Q
1 1
2

Se consideriamo che Qrev è proprio Q 18, allora si ha

( )
2 2
1 2
E.2) ∫ TdS irr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u 2 − u1 = W
1 1
2

In questa formulazione dell’equazione di conservazione dell’energia abbiamo evidenziato il


contributo della irreversibilità delle trasformazioni nel bilancio energetico. Si segnala che il termine

2
R = ∫ TdSirr
1

è chiamato perdita di carico.

Equazione di Bernoulli. Si osserva che


1) l’equazione dell’energia viene applicata per lo più a tratti di vene fluide in cui non è presente una
macchina e dunque W = 0 ;
2) si suppone che non vi siano fenomeni irreversibili (fluido non viscoso) dunque R = 0 ;
3) si assume il fluido incomprimibile, dunque

2
v = COSTANTE ⇒ ∫ vdp = v ( p2 − p1 )
1

In definitiva l’equazione di conservazione dell’energia si scrive

E.3)v ( p 2 − p1 ) + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
) 1 2 1 2
u 2 − u1 = 0 ⇔ vp1 + gz1 + u1 = vp 2 + gz 2 + u2
2 2

18
Questo in realtà non mi è chiaro: vorrebbe dire che il calore si scambia sempre reversibilmente?
101
la qule prende il nome di equazione di Bernoulli. Essa ci dice che il termine

1 2
vp + gz + u
2

detto carico totale, è lo stesso in ogni sezione. In conclusione si ricorda che

1) l’equazione E.3 (equazione di Bernoulli) vale per un fluido non viscoso e non comprimibile, in
assenza di scambio di lavoro;
2) l’equazione E.2 è la generalizzazione della equazione di Bernoulli al caso del fluido viscoso e
comprimibile, in presenza di scambio di lavoro.

Lavoro reversibile. Usiamo adesso l’equazione dell’energia per calcolare il lavoro


reversibile che una macchina fa su un fluido appartenente ad un sistema aperto (ad una vena fluida
in pratica). L’equazione dell’energia dice che, a regime stazionario si ha

( )
2 2
1 2
W = ∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u2 − u1
1 1
2

In caso di reversibilità e modesta variazione della quota abbiamo

( )
2
1 2
W = ∫ vdp +
2
u2 − u1
1
2

Se poi accettiamo anche che il liquido entri nel dispositivo meccanico con velocità prossima a
quella con la quale esce, abbiamo

2
W = ∫ vdp
1

Si osservi la differenza di questo valore con quello che si ha nel caso di lavoro reversibile su un
sistema chiuso

2
W = ∫ pdv
1

Probabilmente la differenza è dovuta al fatto che, mentre in un sistema chiuso il lavoro viene fatto
solo contro le forze interne del fluido, nel caso di un sistema aperto entra in gioco anche le forze
agenti sul fluido nelle due sezioni, quella di ingresso e quella di uscita.

Analisi della perdita di carico. Consideriamo un fluido incomprimibile e diciamo che


non vi sia scambio di lavoro. Allora la E.2 si scrive

( )
2
1 2
∫ TdS + v ( p2 − p1 ) + g (z 2 − z1 ) +
2
irr u2 − u1 = 0
1
2

102
o meglio

2
1 2 1 2
vp1 + gz1 + u1 = ∫ TdSirr + vp2 + gz 2 + u2
2 1
2

dove si evidenzia come, in presenza di viscosità, parte dell’energia iniziale della massa unitaria di
fluido fluisce nel termine

2
R = ∫ TdSirr
1

che è appunto la perdita di carico. Ma quanto vale questo termine? Il calcolo della perdita di carico
in termini di parametri del fluido e parametri geometrici del condotto, per via analitica è proibitivo;
dunque si ricorre all’analisi sperimentale per la sua valutazione. I risultati dell’analisi sperimentale
vengono poi estesi ai più disparati casi fisici attraverso l’analisi dimensionale.

Perdita di carico ripartite19. Sappiamo che le grandezze fisiche in gioco nel fenomeno
della perdita di carico sono

dR
, µ , δ , u, D, e
dx

ovvero, rispettivamente, la perdita di carico per unità di lunghezza, la viscosità del fluido, la sua
densità, la velocità del fluido, il diametro del condotto, la rugosità20 del condotto. Noi siamo alla
ricerca di una legge del tipo

dR
= f (µ , δ , u, D, e )
dx

In base al teorema di Buckingam (vedi appendice), essendo in questo caso le grandezze


fondamentali la lunghezza L , la massa M , e il tempo T , possiamo prevedere che il fenomeno sia
descritto da una legge che leghi fra loro 6 − 3 = 3 parametri adimensionali. Per ricavare i parametri
adimensionali usiamo il metodo degli indici (vedi appendice). Intanto da un punto di vista
dimensionale si ha

 L 
M L
 dR   T 2 L
 dx  =  ML =  2 [µ ] =  M  [δ ] =  M3  [u] =  L  [D] = [L] [e] = [L]
  T   TL  L  T 
 

Dunque per il generico parametro adimensionale si ha

19
Il senso di questo titolo lo si intenderà nel prossimo paragrafo.
20
La rugosità è una misura media dell’altezza delle asperità microscopiche di una superficie. Essa è dovuta in genere al
processo di realizzazione di quella superficie. Per una sua discussione vedi il manoscritto di Disegno di Macchine da
pag 139.
103
i i
 dR   dR 
1 1

P =   (µ ) 2 (δ ) 3 (u ) 4 (D ) 5 (e ) 6 ⇒ [P ] =   [µ ] 2 [δ ] 3 [u ] 4 [D ] 5 [e] 6 =
i i i i i i i i i i

 dx   dx 

[
= LT −2 ] [ML
i1 −1
T −1 ] [ML ] [LT ] [L] [L]
i2 −3 i3 −1 i4 i5 i6
= Li1 −i2 −3i3 +i4 +i5 +i6 M i2 +i3 T −2i1 −i2 −i4

Imponendo che il parametro sia adimensionale si ottiene il sistema

i1 − i2 − 3i3 + i4 + i5 + i6 = 0 − 3i3 + i4 + i5 = −i1 + i2 − i6


 
i2 + i3 = 0 ⇒ i3 = −i2 ⇒
− 2i − i − i = 0 − i = i + 2i
 1 2 4  4 2 1

i1 = h i1 = h
i = − k i = − k
2 2
i3 = k i3 = k
 ⇒
i4 = k − 2h i4 = k − 2h
− 3i3 + i4 + i5 = − h − k − l i5 = h + k − l
 
i6 = l i6 = l

Dunque il generico parametro adimensionale si scrive

h h k l
 dR   Duδ  e
P =   (µ ) (δ ) (u ) (D )
−k k k −2 h h + k −l
(e )l =  dR D2     
 dx   dx u   µ  D

Allora, per il teorema di Buckingam, il fenomeno viene descritto da una legge che lega i tre
parametri adimensionali

 dR D   Duδ  e
P1 =  2 
P2 =   P3 =  
 dx u   µ  D

Indico ora nomi e simboli dei parametri adimensionali ottenuti.

e

ε =  rugosità relativa
 D
∆  Duδ 
Re =  numero di Reynolds
 µ 
1  dR D 
fF =  2  fattore di attrito di Fanning21
2  dx u 

La legge che lega i tre parametri adimensionali la scriviamo genericamente

21
Si evidenzia che, secondo la pratica corrente, questo parametro adimensionale è premoltiplicato per ½.
104
1  dR D   Duδ e 
f F = ϑ (Re, ε ) ⇔  2 
= ϑ  , 
2  dx u   µ D

e deve essere ricavata sperimentalmente. Di fatto poi questa legge è riportata sottoforma di grafico,
il diagramma di Moody. In figura ne riporto una versione qualitativa più o meno semplificata. Il
diagramma lo puoi trovare a pag 169 del primo volume del Felli, o a pag 84 del secondo volume del
Barducci. Si fanno le seguenti osservazioni sul diagramma.

1) Per il moto laminare, che si manifesta per valori del numero di Reynolds Re < 2500 ÷ 3000 , la
legge è descritta da una sola retta inclinata la quale rappresenta la relazione

16
f F = ϑ (Re, ε ) =
Re

nella quale non compare la scabrosità relativa. Tra l’altro la trattazione analitica del moto laminare è
possibile e conduce appunto a questo risultato. Se andiamo a sostituire le espressioni dei due
parametri adimensionali in gioco abbiamo

1 dR D 16 µ dR 32uµ
2
= ⇒ =
2 dx u uδD dx δD 2

e scopriamo che la perdita di carico è direttamente proporzionale, in questo caso, alla velocità del
fluido.

2) Nel caso di moto turbolento l’effetto della scabrosità relativa appare determinante. Dal grafico si
vede infatti che la condizione di completa turbolenza si verifica per numeri di Reynolds più bassi là
dove la scabrosità relativa è maggiore.

105
3) Una volta che si è verificata la condizione di completa turbolenza, per una data scabrosità
relativa, il numero di Fanning è praticamente indipendente dal numero di Reynolds e dunque, dalla
definizione

1  dR D 
fF =  
2  dx u 2 

si deduce che la perdita di carico è direttamente proporzionale al quadrato della velocità del flusso.
Si ricordi che nel caso del moto laminare la dipendenza della perdita di carico dalla velocità è
lineare.

4) L’uso del diagramma di Moody è il seguente. Dato un certo fluido che debba viaggiare ad una
certa velocità in un condotto con una certa rugosità, si sceglie un valore arbitrario per il diametro
del tubo. Quindi, avendo sia ε che Re è possibile ricavare f F dal diagramma di Moody, da cui si
ricava la perdita di carico per unità di lunghezza dR/dx. Se questa è troppo elevata si sceglie un
diametro maggiore per il condotto e si procede come prima, fino ad ottenere la perdita di carico
desiderata.

Perdita di carico concentrate. Sopra abbiamo studiato le perdite di carico che si hanno
nel flusso di un fluido lungo una tubatura. Queste perdite di carico si dicono ripartite in quanto
dipendono dalla lunghezza del condotto. Tuttavia, in corrispondenza di singolarità del condotto, si
verificano dei locali aumenti di turbolenza con dissipazione localizzata di energia meccanica. Le
singolarità possono essere dei seguenti tipi.

1) Apparecchiature idrauliche: valvola, caldaia, scambiatore di calore etc


2) Irregolarità geometriche: curve, diramazioni, variazione brusca di sezione etc

Le perdite di carico in corrispondenza delle irregolarità del primo tipo sono valutate
sperimentalmente dalle case costruttrici e indicate nei relativi listini.
Per quanto riguarda le perdite di carico dovute ad irregolarità geometriche si fa riferimento al
concetto lunghezza equivalente, ovvero si attribuisce a ciascuna di queste irregolarità una lunghezza
pari a quella del tratto di tubo rettilineo in cui si verificherebbe la stessa perdita di carico che si
verifica nella irregolarità stessa. La lunghezza equivalente è espressa in termini di diametro del tubo
stesso. In figura sono indicate le lunghezze equivalenti associate ad un giunto a T nelle diverse
possibili condizioni di attraversamento.

Pompe: prevalenza. Le pompe si definiscono macchine idrauliche operatrici. Sono


idrauliche in quanto in esse passa un fluido allo stato liquido; sono operatrici in quanto in esse della
energia meccanica viene ceduta al fluido. Caratteristiche fondamentali di una pompa sono:
portanza, potenza e prevalenza.

106
Consideriamo l’energia meccanica W fornita dalla pompa al fluido, per unità di massa. In base alla
equazione di conservazione della energia si ha

( )
2 2
1 2
W = ∫ TdS irr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u 2 − u1
1 1
2

Ma si deve osservare che il fluido entra ed esce dalla pompa sempre alla stessa quota, dunque

( )
2 2
1 2
W = ∫ TdS irr + ∫ vdp +
2
u 2 − u1
1 1
2

Ora se si assume che il fluido sia incomprimibile e che la sezione del tubo sia costante, l’equazione
di conservazione della massa porge

Auδ = COSTANTE ⇒ Au 1δ = Au 2 δ ⇒ u 1 = u 2

e dunque

2 2
W = ∫ TdS irr + ∫ vdp
1 1

Inoltre, sempre per l’incomprimibilità, il secondo integrale si semplifica e abbiamo

2
W = ∫ TdS irr + v ( p 2 − p1 )
1

Si definisce allora prevalenza di una pompa, e la si indica L p , l’energia per unità di massa

L p = v ( p 2 − p1 )

Inoltre definiamo rendimento di compressione della pompa il rapporto

Lp v ( p 2 − p1 )
η= = 2
W
∫ TdS
1
irr

il quale dà indicazione di quanto, del lavoro compiuto dalla pompa sul liquido, si sia degradato in
calore. In genere si ha 0,7 < η < 0,9 , a seconda del tipo di pompa e delle condizioni di impiego.

Pompe: altezza di aspirazione. Il migliore funzionamento di una pompa si ha quando la


pressione di ingresso è maggiore di quella atmosferica. In tal caso infatti si evita l’ingresso nella
pompa di gas atmosferico, che ne ostacola il corretto funzionamento. Ma quando una pompa deve
sollevare acqua da un serbatoio ed è disposta sopra il pelo dell’acqua essa lavorerà ad una pressione
inferiore a quella atmosferica. Ma quanto vale questa pressione se la pompa si trova ad una quota z ,
rispetto al pelo dell’acqua?

107
Ricordiamo a tale proposito la legge di Stevino, secondo la quale una colonna di acqua di
qualunque sezione, di altezza z , di densità δ , esercita alla sua base una pressione δgz . Allora, se si
osserva la figura, si ha che la pressione a cui si trova la pompa è

P (z ) = Patm − δgz

Quale è la quota massima alla quale può essere posizionata una pompa in aspirazione? Tale quota è
data da quella per la quale la pressione del punto in cui sitrova la pompa, fornita dalla precedente
formula, raggiunge la pressione di vapor saturo del vapore del liquido aspuirato, alla temperatura in
cui ci si trova. Detta P (T ) tale pressione l’altezza massima a cui può essere messa la pompa (detta
altezza di aspirazione) si ottiene risolvendo

P (T ) = Patm − δgz MAX

Per cui

Patm − P (T )
z MAX =
δg

Nel caso in cui vi siano dei gas disciolti di pressione parziale complessiva Pg l’altezza di
aspirazione si scrive

Patm − P (T ) − Pg
z MAX =
δg

anche se quest’ultimo punto non mi è molto chiaro.

Circuiti idraulici aperti: impianto di sollevamento. Consideriamo il sistema


idraulico aperto indicato in figura. Si tratta di un impianto di sollevamento, ovvero di un sistema il
quale, attraverso una pompa P , porta un fluido da un
serbatoio S A ad un serbatoio S B posto ad una altezza
maggiore. Consideriamo, lungo il tragitto del fluido,
quattro sezioni: la prima corrispondente al pelo
dell’acqua del serbatoio in basso, la seconda poco prima
della pompa, la terza poco dopo e la quarta in
corrispondenza del pelo dell’acqua del serbatoio in
quota. Scriviamo adesso l’equazione di conservazione
dell’energia per ciscuna sezione. Ricordiamo che detta
equazione si scrive

( )
2 2
1 2
∫ TdS + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
irr u2 − u1 = W
1 1
2

E supponendo che il liquido sia incomprimibile si semplifica nella

108
( )
2
1 2
∫ TdS + v ( p2 − p1 ) + g (z 2 − z1 ) +
2
irr u2 − u1 = W
1
2
Allora abbiamo

2
1 2
1 → 2 : ∫ TdS irr + v ( p 2 − patm ) + g (z 2 − z1 ) + u2 = 0
1
2

( )
3
1 2
2 → 3 : ∫ TdS irr + v ( p3 − p 2 ) + g (z 3 − z 2 ) +
2
u3 − u 2 = W
2
2

( )
4
1
3 → 4 : ∫ TdSirr + v ( patm − p3 ) + g (z 4 − z 3 ) +
2
− u3 = 0
3
2

Sommando membro a membro abbiamo

∫ TdS
1
irr + v ( p2 − patm + p3 − p2 + patm − p3 ) +

( )
4
1 2
+ g (z 2 − z1 + z 3 − z 2 + z 4 − z 3 ) + u2 + u3 − u2 − u3 = W ⇔ ∫ TdSirr + g (z 4 − z1 ) = W
2 2 2

2 1

Abbiamo trovato allora che il lavoro W fatto dalla pompa dipende dalla quota iniziale e finale del
circuito e dalla perdita di carico complessiva del circuito. In quanto a questa si ha che essa è data da

∫ TdS
1
irr = R1, 4 distribuita + R1, 4 concentrata

Ricordando poi l’espressione del numero di Fanning

1  dR D 
fF =  
2  dx u 2 

e supponendo che la sezione del condotto sia costante22 abbiamo

2 f F u2
R1, 4 distribuita = L1,4
D

dove si è introdotta la velocità costante nel condotto e il diametro costane. Si è introdotta anche la
lunghezza complessiva del condotto. Per la perdita di carico concentrata, introdotta la lunghezza
equivalente associata a irregolarità geometriche del condotto, abbiamo

2 fFu2
R1,4 concentrata = L1, 4 equivalente
D

In definitiva si ha

22
Questa condizione, insieme a quella posta più sopra della incompressibilità, ci autorizza ad affermare, per la
equazione di continuità, che la velocià nel condotto è costante.
109
4
2 f F u2
∫ TdSirr = R1,4 = (L1,4 + L1,4equivalente )
1
D

e il lavoro che la pompa deve fare per portare l’unità di massa del liquido dalla quota iniziale a
quella finale vale

4
2 f F u2
W = ∫ TdSirr + g (z 4 − z1 ) = (L1,4 + L1,4equivalente ) + g (z4 − z1 )
1
D

1) Si osserva che oltre al lavoro necessario a portare un chilogrammo di fluido alla quota finale, in
assenza di attrito, ovvero g (z 4 − z1 ) , si ha anche l’intera energia dissipata durante il percorso
descritto dal chilogrammo di liquido.

2) Se assumiamo trascurabile la perdita di carico all’interno della pompa, rispetto a quella


dell’intero percorso del liquido, allora l’espressione di cui sopra fornisce la prevalenza della pompa.

3) Introdotta la portata volumica G = uπ (D / 2 ) , allora si scrive


2

32 f F
W= 2 5
(L1,4 + L1,4equivalente )G 2 + g (z4 − z1 )
π D

A secondo membro si ha una funzione che dipende, oltre che dal dislivello e dalla portata, anche dal
modello della pompa. Inoltre, scelto il modello della pompa, si scopre una dipendenza dal suo
numero di giri. Pertanto, scelto un modello di pompa, si ha

32 f F
W= 2 5
(L1,4 + L1,4equivalente )G 2 + g (z4 − z1 ) = Fp (G, z4 − z1 , n )
π D

La funzione Fp è detta funzione caratteristica della pompa ed è determinata sperimentalmente


dai costruttori. D’altra parte nell’espressione

32 f F
W= 2 5
(L1,4 + L1,4equivalente )G 2 + g (z4 − z1 )
π D

il secondo membro si può anche interpretare come


una funzione caratteritica del circuito, dipendente
solo dalla portata. Ovvero si può anche porre

32 f F
W= 2 5
(L1,4 + L1,4equivalente )G 2 + g (z4 − z1 ) = Fc (G )
π D

Dunque, scelta la pompa, per trovare il numero di giri


che ci garantiscano una certa portata G dovremo
imporre che sia

Fp (G, z 4 − z1 , n ) = Fp (G )

110
Questo lo si può fare graficamente su delle tavole fornite dalle ditte costruttrici, dove si cerca
l’intersezione fra la curva Fc e le curve Fp relative a numeri di giri diversi (vedi figura).

4) Si rileva che nella espressione

32 f F
W= 2 5
(L1,4 + L1,4equivalente )G 2 + g (z4 − z1 )
π D

in genere è il secondo addendo ad essere prevalente.

Circuiti idraulici chiusi. Un circuito chiuso è tale se il percorso descritto dal fluido è una
curva chiusa. Questo comporta che il fluido contenuto nel circuito sia un sistema termodinamico
chiuso (a meno delle perdite e dei conseguenti reintegri). I circuiti chiusi sono molto diffusi. Sono
chiusi ad esempio: i circuiti dgli impianti di riscaldamento domestico, i circuiti idraulici dei
condizionatori d’aria, i circuiti dei fluidi delle macchine frigorifere…
In un circuito idraulico chiuso, essendo il dislivello nullo, si ha, dalla trattazione precedente, che il
lavoro fatto sul fluido è dato da

32 f F
W = 2 5
(L1,4 + L1,4 equivalente )G 2
π D

Quindi il lavoro della pompa coincide con la perdita di carico totale. Comunque anche in questo
caso valgono le considerazioni fatte per la funzione caratteristica della pompa e quella caratteristica
del circuito.

Rubinetto o valvola o strozzatura. Un rubinetto è una violenta riduzione di sezione, il


cui effetto è quello di determinare dissipazione di energia. Consideriamo una sezione
immediatamente prima del rubinetto ed una immediatamento dopo. Non essendovi scambio di
calore né scambio di lavoro l’equazione di conservazione dell’energia si scrive

J 2 − J 1 + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
u 2 − u1 = 0 )
Trascurando la variazione di energia potenziale garvitazionale si ha

J 2 − J 1 + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
u2 − u1 = 0 )
1 2 1 2
J1 + u1 = J 2 + u2
2 2

Ricordando l’equazione di continuità

u1 δ 2 A2
=
u 2 δ 1 A1

possiamo concludere che il deflusso attraverso un rubinetto può essere isoentalpico nel caso in cui
si scelgano le sezioni a monte e avalle in modo che sia

111
δ 2 A2
=1
δ 1 A1

Per un fluido incomprimibile il deflusso è isoentalpico quando le due sezioni sono uguali.
Comunque, in caso di deflusso isoentalpico, l’energia meccanica dissipata in calore vale

2 2

∫ TdSirr = − ∫ vdp
1 1

Ugello. Un ugello è un semplice dispositivo il cui compito è quello di aumentare la velocità del
fluido che lo attraversa. In pratica si tratta di un restringimento di sezione di un condotto. Diciamo
infatti che un fluido incomprimibile entri in una sezione A1
ed esca in una sezione A2 < A1 . Allora l’equazione di
conservazione della massa porge

u2 A1
δu1 A1 = δu2 A2 ⇔ u1 A1 = u2 A2 ⇔ = ⇒ u2 < u1
u1 A2

per cui è provato che l’ugello aumenta la velocità del fluido. Ma cosa succede alla pressione del
fluido? Dalla equazione della energia scritta nella forma

( )
2 2
1 2
E.2) ∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u2 − u1 = W
1 1
2

considerando che il lavoro scambiato è nullo, che la quota rimane invariata, che il liquido è
incomprimibile, che il flusso è reversibile, si ha

( ) ( )
2
1 2 1 2 1 2 1 2
v ∫ dp + u2 − u1 = 0 ⇔ v ( p2 − p1 ) + u2 − u1 = 0 ⇔ vp1 + u1 = vp 2 + u2
2 2

1
2 2 2 2

dunque là dove aumenta la velocità diminuisce la pressione. Ultima cosa da rilevare è il valore della
velocità in uscita in funzione di quella in entrata e della variazione di entropia. Dalla equazione di
conservazione della energia scritta nella forma

E.1) J 2 − J 1 + g (z 2 − z1 ) +
2
(
1 2 2
)
u2 − u1 = W + Q

si ha

J 2 − J1 +
1 2
2
( 2
) 1 2 1 2
u2 − u1 = 0 ⇒ J 2 − J 1 + u 2 − u1 = 0 ⇒ u 2 = u1 + 2(J 1 − J 2 )
2 2
2

Tra l’altro da quanto sopra si vede anche che l’entalpia decresce lungo l’ugello.

Efflusso adiabatico in parete sottile. Abbiamo un recipiente in cui è praticato un foro


attraverso il quale esce il fluido in esso contenuto. Scegliamo la sezione uno come in figura,
112
abbastanza lontano dal foro in modo tale da potere considerare nulla la velocità ad essa relativa. La
sezione due coincide con il foro o è presa poco a valle. Si osserva che per questo sistema sono
valide le considerazioni fatte per l’ugello con la sola differenza che qui la velocità iniziale è nulla.
Dunque in particolare la pressione fuori dal contenitore è minore di quella all’interno. Se diciamo
che la perete in cui è praticato il foro è molto sottile allora possiamo trascurare la perdita di carico e
l’equazione dell’energia

( )
2 2
1 2
E.2) ∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u2 − u1 = W
1 1
2

si scrive

2 2 1
1 2
∫ vdp +
1
2
u2 = 0 ⇒ u2 = − 2 ∫ vdp = 2 ∫ vdp
1 2

Distinguiamo allora due casi.

1) Se abbiamo a che fare con un liquido possiamo adottare la’pprossimazione dell’incomprimibilità


e scrivere

1
u2 = 2 ∫ vdp = 2v ( p1 − p2 )
2

2) Se il fluido è comprimibile (è un aeriforme), considerando che l’efflusso è adiabatico, e


considerando l’approssimazione del gas ideale si ha

1 2 1 k −1 1
1 − 2k 1
pv = p1v1 ⇒ u2 = 2 ∫ vdp = 2 ∫ p1 v1 p dp =
k k
k k
p1 k v1 p k
=
2 1
k −1 2


k −1 
k −1
  k −1

 p2  k    p2  k 
p1 k v1  p1 k − p 2 k  =
2k 1 k −1 k −1 2k 1 2k
= p1 k v1 p1 k 1 −    = p1v1 1 −   
k −1   k −1   p1   k −1   p1  
   

dove k = γ p / γ v . La portata in massa è dunque

 k −1
  k −1
 2
1 2k   p2  k  2k p1   p2  k  p2  k
G = A2δ 2 u2 = A2 p1v1 1 −    = A2 1−    
v2 k −1   p1   k − 1 v1   p1   p1 
   

113
Capitolo 3. Complementi di termodinamica
Reversibilità completa. Si precisa che un ciclo si dice internamente reversibile se le sue
trasformazioni sono reversibili. Si dice esternamente reversibile se gli scambi di calore con le
sorgenti avvengono in modo reversibile. Un ciclo internamente reversibile non è necessariamente
anche esternamente reversibile, e viceversa (credo). Un ciclo che sia tanto internamente reversibile
che esternamente reversibile è detto completamente reversibile.
Si segnala che nei testi di termodinamica i cicli sono detti reversibili anche se sono solo
internamente reversibili. Seguiremo anche noi questa prassi.
Osserviamo adesso che gli scambi di calore
con le sorgenti sono reversibili solo se
avvengono senza differenza di temperatura
fra il fluido della macchina e la sorgente
stessa. In questo caso sono invertibili,
altrimenti no.
Detto questo voglio provare che l’unico
ciclo completamente reversibile è il ciclo di
Carnot. Consideriamo il ciclo di Carnot motore indicato a sx in figura. Supponendo che le
temperature T1 ,T2 siano sia quelle del fluido che delle sorgenti, allora il ciclo è completamente
reversibile. Se ora apportiamo una modifica alla trasformazione AB spostando il punto B nella
posizione B | cosa otteniamo? In questo caso T2 srà ancora la temperatura della secoda sorgente, ma
non più quella del fluido che preleva calora da essa. Vi sarà infatti un salto di temperatura fra
sorgente e fluido che rende il passaggio di calore irreversibile e fa perdere la reversibilità esterna al
ciclo. Stesso discorso vale se modifichiamo la trasformazione DC per cui si conclude che solo il
ciclo di Carnot motore è completamente reversibile.
Una dimostrazione analoga si può fare per il ciclo di Carnot frigorifero.

Ciclo di Carnot motore. Sia T2 la temperatura della sorgente calda e sia T1 la temperatura
della sorgente fredda. Il rendimento del ciclo di Carnot operante fra queste due temperature è, lo
ricordo, dato da

T1
η (Carnot ) = 1 −
T2

Voglio adesso provare che qualunque altro ciclo che


lavori fra queste due temperature ha rendimento
inferiore od uguale a quello della macchina di Carnot.
Questa è una dimostrazione alternativa (e più
suggestiva), del teorema di Carnot dimostrato a pag 35
del volume di termodinamica classica.
Si consideri il piano entropico S , T e si riporti in esso il generico ciclo reversibile operante fra le
due temperature indicate. Ricordando la definizione di rendimento di una macchina termica

LAVORO EROGATO Q − Q1
η= = 2
CALORE ASSORBITO ALLA TEMPERATURA MAGGIORE Q2

abbiamo che il rendimento è dato da

114
B B

∫ F (S )dS − ∫ f (S )dS
η= A
B
A

∫ F (S )dS
A

Invocando il teorema della media integrale possiamo scrivere allora

F AB − f AB F − f f
η= = =1−
F AB F F

D’altra parte è evidente che

 F ≤ T2 T f f T f T f
 ⇒ 1 ≤ ≤ ⇒ − 1 ≥ − ⇒1− 1 ≥ 1−
 f ≥ T1 T2 T2 F T2 F T2 F

Resta così provata la tesi. Si osserva ora che a pag 36 del volume di termodinamica classica si
enuncia un corollario che contraddice quanto qui dimostrato. Infatti qui si prova che solo il ciclo di
Carnot ha il rendimento massimo mentre lì si dice che ogni ciclo reversibile fra le stesse
temperature ha il rendimento massimo. Credo che quel corollario sia impreciso: si
deve dire che ogni ciclo di Carnot fra due temperature fissate (ve ne sono infiniti)
ha lo stesso rendimento. Infatti in quella dimostrazione si assume che il fluido
scambi calore con le sorgenti a temperatura costante, cosa che accade solo nel
ciclo di Carnot.

Ciclo di Carnot frigorifero. Se invertiamo una macchina termica


otteniamo una macchina frigorifera, ovvero un dispositivo che preleva calore da
una sorgente fredda, cedendone ad una sorgente calda; il tutto subendo un lavoro
dall’esterno. Per una macchina frigorifera si definisce efficienza la quantità

∆ Q1 Q1
ef = =
L Q2 − Q1

ovvero il rapporto fra il calore prelevato ed il lavoro


che è stato necessario per prelevarlo. In base ai calcoli
fatti per determinare il rendimento del ciclo di Carnot si
ha che l’efficienza del ciclo di Carnot inverso è

Q1 1 1 T1
e f (Carnot ) = = = =
Q T
L 2
−1 2
− 1 T2 − T1
Q1 T1

Quindi si vede che l’efficienza è tanto magiore quanto minore è il salto di temperatura fra le due
sorgenti.
Adesso si vuole dimostrare, in analogia al caso del ciclo di Carnot motore, che la macchina
frigorifera che lavora con un ciclo di Carnot inverso è quella che, fra tutte quelle che lavorano fra le
stesse sorgenti, ha l’efficienza maggiore. Tuttavia la dimostrazione in questo caso è più complessa e
dunque, per semplificare le cose, prendo un ciclo caratterizzato da due trasformazioni adiabatiche
115
(vedi figura). Si osservi che, affinchè avvenga lo scambio di calore irreversibile con le due sorgenti,
il fluido dovrà avere un gradiente di temperatura rispetto ad esse (come indicato in figura). Tutto ciò
posto si ha che la efficienza frigorifera vale

Q Q1 ∫ f (S )dS f DC f
ef = 1 = = B
D
C
= =
L Q2 − Q1 F AB − f DC F − f
∫ F (S )dS − ∫ f (S )dS
A D

dove si è invocato ancora il teorema della media integrale. Si osserva poi che

 F ≥ T2 1 1
 ⇒ T2 − T1 ≤ F − T1 ≤ F − f ⇒ ≥
 f ≤ T1 T2 − T1 F − f

Con ciò la tesi è dimostrata. D’altra parte questa dimostrazione non è generale perché si
mantengono le due trasformazioni adiabatiche. Per considerare il ciclo più generale possibile
dobbiamo notare che al posto delle due trasformazioni adiabatiche possiamo solo mettere due
trasformazioni in cui il fluido assorbe calore dall’ambiente (vedi figura). Infatti il fluido è a contatto
con la sorgente fredda solo nella
trasformazione DC . Per il resto si trova
sempre a scambiare calore con l’ambiente.
Ma nei tratti AD e BC esso è a
temperatura inferiore a quella ambientale
T2 e dunque assorbirà calore dall’ambiente.
Questo significa che se prendo il ciclo di
Carnot che passa per D, C , questo sarà
interno al nostro ciclo generico e dunque il
suo lavoro LC sarà inferiore al lavoro L
del ciclo DCBA (il lavoro coincide con il
calore netto scambiato ovvero con l’area
delimitata dal ciclo). Si riconosce inoltre
che Q1 < Q1C . Pertanto per l’efficienza frigorifera si ha

Q1C Q1
ξC = > =ξ
LC L

E siccome i cicli di Carnot fra le due stesse temperature hanno tutti la stessa efficienza frigorifera, si
conclude che date due temperature il cilco di Carnot frigorifero che lavori fra di esse è il ciclo con
la massima efficienza frigorifera fra tutti i cicli reversibili.

Pompa di calore. Una macchina frigorifera è un dispositivo che sottrae calore ad un ambiente
a temperatura minore per cederlo ad un ambiente a temperatura maggiore. Se anziché essere
interessati al calore sottratto siamo interessati a quello ceduto, stiamo considerando la macchina
frigorifera come una pompa di calore. Comunemente le pompe di calore sono impiegate per
riscaldare le case nei mesi freddi. L’efficienza di una pompa di calore è data da

116
Q2 L + Q1 Q
ep = = = 1+ 1 = 1+ e
L L L

Pertanto si può dire che la pompa di calore che lavora con un ciclo di Carnot inverso è quella che,
fra tutte quelle che lavorano fra le stesse sorgenti, ha l’efficienza maggiore. Inoltre la massima
efficienza della pompa di calore che lavori fra due date temperature, è

T1 T − T1 + T1 T2
e p max = 1 + e f max = 1 + = 2 =
T2 − T1 T2 − T1 T2 − T1

Si vede anche qui che questo dispositivo rende meglio quando il salto di temperatura è modesto.
Dunque una pompa di calore riscalda con più efficienza in un inverno mite!

117
Capitolo 4. Macchine a vapore
Cenni storici. Il nome dell’inventore della macchina a vapore è sconosciuto. Il primo brevetto
di una macchina a vapore è legato al nome dell’ingegnere militare inglese Savery e risale al 1698.
La sua macchina aveva lo scopo di pompare l’acqua fuori dalle miniere di carbone. La su macchina
sviluppva un cavallo. In una cinquantina di anni vengono sviluppate in Inghilterra macchine simili
ma di dimensioni e potenza ragguardevoli. Alcune di esse hanno pistoni dal diametro di oltre un
metro.
L’artigiano scozzese Watt, dipendente della università di Glasgow, è autore di numerosi brevetti
(datati dal 1764 al 1786) i quali portano le prime grandi migliorie alle macchine a vapore. Fra essi
ricordiamo:

1) il dispositivo che consente all’albero di ruotare ad una velocità quasi costante;


2) il dispositivo che consente di avere un moto rettilineo del pistone;
3) un sistema per mantenere a temperatura costante il pistone durante l’espansione.

Iniziano le applicazioni della macchina a vapore ai sistemi di trasporto. Nel 1804 è costruita la
prima locomotiva su binari di legno. Nel 1807 una nave con propulsione a vapore è realizzata a
New York.
La prima macchina a vapore rotativa (e che è?) è una turbina ad azione del 1859. Del 1884 è la
prima turbina a reazione. Le turbine a vapore sono oggi il dispositivo per eccellenza per la
produzione di energia elettrica.

Vantaggi delle macchine a vapore. Si consideri che le sole due trasformazioni


tecnicamente realizzabili sono le adiabatiche e le isobare. Le prime si realizzano all’interno di quei
dispositivi in cui lo scambio di lavoro è talmente elevato che lo scambio di calore si può ritenere
approssimativamente nullo. Questi dispositivi sono gli accoppiamenti cilindro-pistone e le giranti
delle turbine. Le isobare invece si realizzano negli scambiatori di calore. Qui infatti non si ha
generazione di lavoro in quanto non ci sono parti mobili, dunque l’equazione di conservazione
dell’energia si scrive

( )
2 2
1 2
∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z2 − z1 ) +
2
u2 − u1 = 0
1 1
2

Inoltre se la trasformazione è reversibile abbiamo

( )
2
1 2
∫ vdp + g (z − z1 ) +
2
2 u2 − u1 = 0
1
2

Se poi il dispositivo è abbastanza piccolo da poter considerare irrilevanti i salti di quota si ha

∫ vdp + 2 (u )
2
1 2 2
2 − u1 = 0
1

Se il liquido è incomprimibile si ha inoltre

118
v ( p2 − p1 ) +
2
(
1 2 2
u2 − u1 = 0 )
Infine se il diametro dello scambiatore è costante la conservazione della massa impone

1 1
Au1 = Au 2 ⇔ u1 = u2
v v

e dunque

p2 − p1 = 0

e la trasformazione è appunto isobara. Allora un ciclo chiuso con due adiabatiche (una
compressione ed una espansione) e con due isobare (cessione di calore e acquisto di calore) è
tecnicamente realizzabile. Ma poiché per un vapore saturo di una sostanza pura le isobare sono
anche isoterme, segue che un ciclo di Carnot è realizzabile. Il punto è questo: le sostanze pure
permettono di realizzare il ciclo di Carnot il quale, fra tutti i cicli reversibili, è quello il cui
rendimento è maggiore (teorema di Carnot). E questo è il primo grande vantaggio delle macchine a
vapore. Vediamo adesso ulteriori vantaggi delle macchine a vapore.

2) Un secondo vantaggio della macchine a vapore consiste nel fatto che al fluido viene ceduto
prevalentemente calore e poco lavoro. Per vedere questo si consideri di nuovo l’equazione di
conservazione dell’energia

( )
2 2
1 2
W = ∫ TdSirr + ∫ vdp + g (z 2 − z1 ) +
2
u2 − u1
1 1
2

In caso di reversibilità e modesta variazione della quota abbiamo

( )
2
1 2
W = ∫ vdp +
2
u2 − u1
1
2

Se poi accettiamo anche che il liquido entri nel dispositivo meccanico con velocità prossima a
quella con la quale esce, abbiamo

2
W = ∫ vdp
1

Allora il lavoro è modesto perché il volume specifico del fluido è piccolo rispetto a quello degli
aeriformi.

3) Un terzo vantaggio delle macchine a vapore consiste nell’elevato calore latente delle sostanze
pure utilizzate (in particolare l’acqua), cosa che permette di passare al fluido (termicamente) molta
energia, in rapporto alla quantità di fluido utilizzata.

4) Un altro vantaggio consiste nel fatto che le macchine a vapore sono macchine a combustione
esterna per cui le parti mobili della macchina non entrano in contatto con i prodotti della

119
combustione. Questo rende le macchine a vapore tecnologicamente meno problematiche rispetto a
quelle a combustione interna.

Bisogna poi aggiungere che più raffinate considerazioni inducono a preferire il vapor saturo
d’acqua ai vapori saturi di altre sostanze pure. Tanto che, nel linguaggio corrente, per macchina a
vapore si intende una macchina che funzioni con il vapore saturo dell’acqua.

Impiego attuale delle macchine a vapore. Oggi le macchine a vapore sono usate
soprattutto negli impianti a potenza elevata e molto elevata. Le applicazioni principali sono le
seguenti:

1) produzione di energia elettrica in impianti alimentati con combustibili fossili o nucleari;


2) produzione di energia elettrica in impianti alimentati da fonti geotermiche;
3) produzione di energia elettrica in impianti alimentati da calore ottenuto dalla radiazione solare;
4) sistemi di propulsione navale e ferroviaria.

Ciclo Rankine teorico. Intanto vale la pena di ricordare che il senso di un ciclo effettuato
su un fluido, in una macchina termica è quello di fornire energia termica al fluido e fargliene
rendere una parte (mai tutta, lo impedisce il secondo principio della termodinamica) sottoforma di
lavoro. Ora esaminiamo il ciclo di Rankine teorico il quale, con alcune modifiche, costituisce il
ciclo di ogni macchina a vapore, da quelle che fanno muovere le navi a quelle che permettono la
produzione di energia elettrica a partire da calore. Esamino il ciclo prima sul piano v, p , poi su
quello entropico s, T e in fine su quello entalpico s, h .

1) Piano v, p . Partiamo dal punto A . Il fluido è allo stato liquido (si trova sulla curva della
campana V − L a titolo nullo di vapore). Lo comprimiamo realizzando il lavoro (reversibile)

120
B

∫ vdp = Area ( AMNB )


A

Si è detto che in genere negli organi meccanici, dove si realizza un lavoro, lo scambio di calore è
trascurabile e dunque questa trasformazione è una adiabatica. Essa è quasi verticale per via del fatto
che l’acqua, allo stato liquido, è scarsamente comprimibile. Dallo stato B riscaldiamo il liquido.
Abbiamo visto che in assenza di organi meccanici che permettano una scambio di calore il
riscaldamento (e anche il raffreddamento) è verosimilmente isobaro. Arrivati in C incomincia il
passaggio di fase (l’evaporazione) e il riscaldamento, oltre che isoabro diventa anche isotermo (si
ricordi l’equazione di Clapeyron). In D tutto il fluido è ormai passato nella fase vapore. Ora è il
momento di far rendere al fluido parte della energia ad esso data sottoforma di calore, in lavoro.
Così si ha l’espansione adiabatica DE lungo la quale il fluido sviluppa un lavoro

∫ vdp = − Area (NDEM )


D

In E parte del vapore, a causa del raffreddamento, si è liquefatto. Con un ulteriore raffreddamento
isotermo e isobaro (siamo dentro la campana del liquido-vapore) il fluido ritorna allo stato di
partenza A . In definitiva il lavoro netto ottenuto dal fluido è dato da

B E

∫ vdp + ∫ vdp = Area ( AMNB ) − Area (NDEM ) = − Area ( ABDE )


A D

ed è negativo in quanto fatto sull’esterno, secondo le convenzioni adottate per i sistemi


termodinamici aperti.

2) Piano s, T . Partiamo anche qui dal punto A . Comprimiamo il fluido (allo stato liquido) e dunque
percorriamo una adiabatica (nei pistoni e nelle ruotanti delle macchine lo scambio energetico è
121
prevalentemente meccanico e quello termico si ritiene trascurabile). Ma una adiabatica, se
reversibile (è un’approssimazione) è una isoentropica. Ci troviamo adesso in B . Ora riscaldiamo il
fluido in assenza di scambio di energia meccanica (isobara) fino ad arrivare in C . A questo punto
incomincia l’evaporazione per cui, continuando noi a scaldare, la trasformazione, oltre ad essere
isobara, diventa anche isoterma. Scaldiamo fino a che tutto il liquido non è evaporato, fino cioè ad
arrivare in D . Il calore complessivamente ceduto al fluido è allora

Q1 = area (GBCDF )

Adesso facciamo espandere il fluido in modo da fornirci del lavoro. L’espansione, come noto, è
verosimilmente adiabatica e dunque, se reversibile, isoentropica. Siamo arrivati in E . Adesso, per
chiudere il ciclo, dobbiamo raffreddare il fluido. Ma essendo di nuovo dentro la campana liquido-
vapore (infatti nella espansione del vapore avrà condensato) il raffreddamento avverrà in condizioni
isoterme e isobare. Raffreddiamo fino a non avere più vapore, ovvero fino a tornare in A . In questo
raffreddamento il fluido ha perso una quantità di calore

Q2 = area ( AEFG )

Ed il calore complessivamente dato al fluido è

Q1 − Q2 = area (GBCDF ) − area ( AEFG ) = area ( ABCDE )

Questo calore coincide con l’area evidenziata in figura ed è pari al lavoro netto scambiato con
l’esterno (per il primo principio).

3) Piano s, h . Partiamo dal punto A . Si comprime adiabaticamente il liquido. La trasformazione è


isoentropica (in quanto si assume reversibile), dunque verticale. Per l’entalpia si ha

B
dh = Tds + vdp = vdp ⇒ hB − h A = ∫ vdp = Lcompressione
A

Dunque la variazione di entalpia è pari al lavoro fatto


sul fluido. Ci troviamo adesso in B . Al liquido è
ceduto calore isobaricamente fino a che esso non
comincia ad evaporare. Ci troviamo in C . Si continua
a fornire calore al fluido in transizione ma ora la sua
trasformazione, oltre ad essere isobara è anche
isoterma. Arriviamo in D . Per l’entalpia si ha

D
dh = Tds + vdp = Tds ⇒ hD − hB = ∫ Tds = Q1
B

e dunque la variazione di entalpia dà ora il calore ceduto al fluido. Il fluido (tutto vapore saturo)
espande adiabaticamente passando da D ad E . Per l’antalpia si ha

B
dh = Tds + vdp = vdp ⇒ hE − hD = ∫ vdp = Lespansione
A

122
Si raffreda isobaricamente il fluido passando da E ad A . Per l’entalpia si ha

A
dh = Tds + vdp = Tds ⇒ h A − hE = ∫ Tds = −Q2
E

Rendimento del ciclo Rankine teorico. Per il rendimento del ciclo Rankine teorico
appena illustrato abbiamo, secondo la definizione di rendimento, che

L Q1 − Q2 Q r (T2 )x E
η= = = 1− 2 = 1−
Q1 Q1 Q1 r (T2 ) + γ lp (T1 − T3 )

dove r (T ) è il calore latente di evaporazione per unità di massa, funzione della temperatura; γ lp è il
calore specifico del liquido a pressione costante; x E è il titolo in vapore del punto E . Si osserva
allora che il rendimento dipende solo dalle temperature estreme (infatti x E , se si osserva la figura,
dipende da T1 ). Questo rendimento non si discosta molto da quello di Carnot, e d’altra parte la
differenza fra il lavoro ottenibile da ciclo di Carnot e quello ottenibile dal ciclo di Rankine, fra le
due stesse temperature, è pari all’area scura evidenziata nel piano entropico.
Si riscontra che il rendimento del ciclo di Rankine teorico raggiunge il suo massimo quando la
temperatura della sorgente calda è intorno ai 250-350°C. Poi scende bruscamente.

Sfruttando il diagramma entropico possiamo scrivere il rendimento anche come

L Q1 − Q2 Q h − hA
η= = = 1− 2 = 1− E
Q1 Q1 Q1 hD − hB

Macchine a vapore alternative. Si definiscono macchine a vapore alternative quelle in


cui l’espansione DE del ciclo Rankine teorico
avviene in un pistone costruito secondo lo schema in
figura. Si osservi l’accorgimento denotato ‘camicia di
Watt’ a proposito del quale si veda il paragrafo
successivo. Nella figura successiva abbiamo due
possibili schemi di una macchina a vapore con
espansore alternativo. In particolare a sinistra si ha
una macchina a ciclo chiuso, a destra una macchina a
cilco aperto.

1) In una macchina a ciclo chiuso il fluido espulso


dall’espansore è mandato a raffreddare in un
condensatore il quale è uno scambiatore di calore a mantello nel quale il fluido attraversa i tubi e
l’acqua di raffreddamento riempie il mantello (vedi la parte sugli scambiatori di calore). La caldaia
è sempre uno scambiatore di calore in cui però i prodotti della combustione attraversano i tubi e il
fluido riempie il mantello.

2) In una macchina a ciclo aperto il fluido espulso dall’espansore viene rilasciato nell’atmosfera.
Questo significa che il prodotto dell’espansione deve trovarsi ad una pressione superiore a quella
atmosferica (1Atm = circa 10^5 Pa). Allora, se si va a vedere il diagramma v, p del ciclo Rankine
teorico, si scopre che questa limitazione riduce il massimo lavoro utile, e dunque il rendimento. E
123
tale riduzione, rispetto al rendimento delle macchine a ciclo chiuso, è notevole se si pensa che in
queste ultime il prodotto della espansione esce dal cilindro a circa 0,1 atmosfere! Anche per questo
le macchine a ciclo aperto non sono più in uso.

Camicia di Watt. Quando il fluido entra


nell’espansore è tutto vapore, come visto. Sappiamo
che espandendosi si raffredda e in piccola parte liquefà.
Il problema è che spesso accade che il vapore liquefà in
grande quantità in quanto cede calore al cilindro freddo,
rievaporando poi nuovamente (?). Se questo succede, si
capisce dal diagramma del ciclo nel piano v, p che si
ha una perdita di rendimento.
Per evitare la condensazione prematura del vapore Watt
realizzò una ‘camicia’ intorno al pistone in cui far
circolare vapore proveniente dalla caldaia. In questo modo il pistone si mantiene caldo e il vapore
che entra in esso ritarda la condensazione. Si vede che il cilindro è costantemente immerso nel
vapore della caldaia, a prescindere dalla posizione delle valvole.

Ciclo Rankine-Hirn. Questo


ciclo prevede il riscaldamento del
vapore saturo in uscita dalla caldaia. Si
ottiene così del vapore surriscaladto con
due vantaggi:

1) si evitano del tutto le condensazioni


nocive nell’espansore;
2) si aumenta il rendimento, come si
evince dalla figura.

Nella figura (piano entropico) abbiamo


la trasformazione DE la quale è il
surriscaldamento e rappresenta una trasformazione isobara: si cede calore al vapore saturo in uscita
dalla caldaia attraverso un ulteriore scambiatore di calore in serie con la caldaia stessa. La
trasformazione EF rappresenta l’espansione nel cilindro. Vediamo ora di calcolare il rendimento di
questo ciclo.

124
Q2 r (T2 )x F
η = 1− =1−
Q1 γ lp (T1 − T3 ) + r (T1 ) + γ vp (TE − T1 )
Impianti con espansori a turbina.
Nei moderni impianti a vapore gli organi di
espansione sono per lo più delle tuurbine. Questo
perché i campi di potenza dei motori a vapore con
espansori alternatvi sono soddisfatti da motori
Diesel ed elettrici, più semplici da usare e più
efficienti. Si distinguono due tipi di turbine:

1) nelle turbine a reazione è la pressione del


fluido a far ruotare le pale, con diminuzione della
pressione del fluido stesso; è un tipo di
interazione statica simile a quella che avviene all’interno degli espansori alternativi;

2) nelle turbine ad azione è l’energia cinetica del fluido che urta le pale a mettere in moto queste
ultime.

I motori a vapore con espansori a turbina sono usati in genere per la produzione di energia elettrica
e sono dispositivi ad alta potenza. La loro complessità è molto elevata poiché si ha una ricerca
esasperata di aumento del rendimento di questo genere di impianti. Esesitono però degli elementi in
comune fra tutti gli impianti a turbina. Si tratta dei surriscaldamenti e degli spillamenti di vapore.

Surriscaldamenti. Come abbiamo visto nello studio del ciclo Rankine-Hirn il surriscaldamento del
vapore permette di

1) evitare le condensazioni nocive nell’espansione;


2) aumentare il rendimento.

Le condensazioni nocive (nocive perché riducono il rendimento) sono dovute al contatto col metallo
freddo (del cilindro o delle pale). Se nel caso di un espansore a cilindro esse sono nocive solo in
quanto riducono il rendimento, in un espansore a turbina sono nocive anche perché le gocce di
liquido danneggiano le pale.
Negli impianti a turbina si ricorre a due surriscaldamenti per cui il diagramma entropico e lo
schema dell’impianto sono quelli indicati in figura.

Si può osservare che le due trubine sono disposte contrapposte in modo da bilancire le due spinte
assiali a cui le sottopone il vapore. All’albero delle trubine si collegerà il generatore elettrico. Per il
rendimento dell’impianto abbiamo

125
Qassorbito − Qceduto Q QHA
η= = 1 − ceduto = 1 − =
Qassorbito Qassorbito QBC + QCD + QDE + QFG
r (TA )x H
= 1−
γ lp (TC − TB ) + r (TC ) + γ vp (TE − TD ) + γ vp (TG − TF )

Spillamenti di vapore. Con gli spillamenti di vapore il calore viene trasferito da una parte all’altra
dell’impianto, secondo le necessità, attraverso un trasferimento fisico di vapore ‘spillato’ nel corso
del ciclo, prima che abbia esaurito il ciclo stesso. In pratica il vapore è spillato dalla turbina e
inviato alla caldaia là dove il fluido è ancora allo stato liquido (trasformazione BC del ciclo
generale). Cioè si sfrutta il calore del vapore in espansione per riscaldare il fluido. Per capire meglio
tutto questo consideriamo un solo spillamento. Questo permette di incrementare il rendimento. Si

consideri infatti la figura. In E | viene spillato del fluido con la sottrazione del calore

q = FE |TF

Questo fluido è inviato a riscaldare il liquido in caldaia. Se diciamo che

B|
q = ∫ TdS
B

allora il rendimento complessivo del ciclo è

r (T2 )x E − q Q −q
η = 1− = 1− 2
r (T2 ) + γ lp (T1 − T3 ) − q Q1 − q

Questo rendimento supera quello del ciclo di Rankine privo di spillamento, dato da

126
r (T2 )x E Q
η = 1− =1− 2
r (T2 ) + γ lp (T1 − T3 ) Q1

Infatti

Q2 − q Q 2 Q (Q − q ) Q2 (Q1 − q )
< ⇔ 1 2 < ⇔ Q1Q2 − Q1q < Q2Q1 − Q2 q ⇔ Q1 > Q2
Q1 − q Q1 Q1 (Q1 − q ) Q1 (Q1 − q )

Aumentando gli spillamenti si aumenta ulteriormente il rendimento. In figura si è indicato cosa


succede se si spilla con continuità vapore dall’espansore in modo da effettuare tutto il riscaldamento
BC con il calore spillato dall’espansione. Si ottiene il ciclo ABCDGH di cui voglio calcolare il
rendimento.

r (T )x
|
Q2
η = 1− = 1 − ev A H
Q1
|
rev (TC )

Ora si consideri che secondo la regola della leva si ha

AH s H − s A
xH = =
AF s F − s A

Inoltre si ha

rev (TA ) = TA (s F − s A ) rev (TC ) = TC (s D − sC ) = TC (s H − s A )

Dunque si ha

TA (s F − s A )x H T (s − s A ) s H − s A T
η = 1− =1− A F = 1− A
TC (s H − s A ) TC (s H − s A ) s F − s A TC

Dunque degli spillamenti continui (e reversibili) dalla fase di espansione verso il riscaldamento BC
permetterebbero, se si fa in modo che il calore spillato sia proprio quello assorbito in BC , di
ottenere un rendimento pari a quello di un coclo di Carnot fra le temperature T A , TC . Un ciclo con
un sistema di recupero del calore che garantisca il rendimento del ciclo di Carnot è detto ciclo di
uguale trasmissione.

Schema di una centrale termoelettrica. Gli schemi delle centrali termoelettriche


sono complessi e tutti diversi fra loro. Tuttavia presentano degli elementi essenziali ovvero gli
spillamenti di vapore ed il surriscaldamento. In figura abbiamo lo schema semplificato di una
centrale. Per illustrarlo seguiamo il percorso del fluido il quale si dirama, durante il ciclo, in quattro
portate di massa m1 , m2 , m3 , m4 . Consideriamo una porata per volta.

a) La massa m4 è l’unica che percorre tutto il ciclo. Essa viene compressa in AB , quindi viene
riscaldata in BE percorrendo tre recuperatori (in cui passa, come vedremo, il vapore spillato) e la
caldaia. In tutto questo percorso tale massa viaggia insieme alle altre tre masse di fluido. Durante la
prima espansione EF si separano le masse m1 , m2 (il cui percorso è esaminato in seguito) e la
127
massa m4 è l’unica a subire il secondo surriscaldamento (il primo è avvenuto nella caldaia) FG ,
dopo il quale finisce nella seconda turbina, nella quale avviene la seconda espansione GH . Nel
corso di questa espansione si spilla la massa m3 il cui percorso è esaminato in seguito. In HA m4
viene raffreddata fino a diventare completamente liquida. Di qui si ricomincia il ciclo.

b) La massa m1 viene spillata nella prima espansione e dunque segue il percorso comune da A ad
E . Subisce quindi una espansione parziale EF1 dopo la quale finisce nel terzo recuperatore dove
subisce il raffreddamento (prima isobaro, poi isobaro-isotermo con condensazione) . Transitando
nella pompa viene compressa lungo la trasformazione A1 B1 , quindi si reimmette nel circuito
comune.

c) La massa m2 ha un percorso del tutto analogo a quello di m1 . Ma la sua espansione nella prima
turbina è più accentuata di quella subita da m1 e dunque la sua pressione sarà maggiore e la sua
temperatura minore. La massa m2 presenta il suo proprio recuperatore e la sua propria pompa.

d) La massa m3 segue il percorso di m4 da A fino a G . Cioè subisce la compressione AB , il


riscaldamento (con surriscaldamento) BD , tutta la prima espansione EF , il secondo
surriscaldamento FG . Poi però subisce solo parzialmente la seconda espansione (subisce

128
l’espansione GG3 ), essendo spillata e inviata ad un apposito recuperatore dove subisce un primo
raffreddamento. Dal recuperatore finisce nel condensatore dove raffredda ulteriormente,
condensando. Qui si ricongiunge con la massa m4 . Bisogna evidenziare che la massa m3 , dopo
avere condensato, potrà essere a temperatura maggiore di m4 . Dunque nel condensatore dovrà
avvenire uno scambio di calore fra i due liquidi. Supponendo che la massa m3 sia molto minore
della m4 nei diagrammi termodinamici si è indicato solo il raffreddamento isotitolo della m3 .

Seguono i quattro diagrammi di stato entropici, uno per ciascuna massa, la cui descrizione è stata
praticamente fatta nei quattro precedenti punti. Si nota comunque che nei diagrammi appaiono dei
punti intermedi che non è stato possibile evidenziare nello schema generale della centrale, poiché
rappresentano stati che si raggiungono all’interno delle componenti. Per esempio il punto D indica
l’inizio del surriscaldamento dell’intera massa del fluido, il quale avviene però all’interno della
caldaia, dove si realizza infatti sia il riscaldamento che il primo surriscaldamento.

129
Capitolo 5. Macchine a combustione interna
Notizie generali e cenni storici. Le macchine a combustione interna sono più spesso
chiamate motori a combustione interna in quanto il loro impiego consiste principalmente nella
trazione. In esse il lavoro meccanico si ottiene grazie alla espansione dei prodotti gassosi della
combustine del fluido. Le macchine a combustione interna sono a ciclo aperto in quanto il prodotto
della combustione viene liberato nella atmosfera e dunque del nuovo fluido deve essere sempre
reintrodotto nel ciclo. Tuttavia per lo studio delle proprietà termodianmiche del ciclo si fa
riferimento ad un ciclo chiuso funzionante ad aria (ciclo chiuso associato ad aria) il quale
rappresenta un modello molto somigliante al ciclo reale della macchina. I tre principali motori a
combustione interna sono:

1) i motori a benzina;
2) i motori Diesel;
3) le turbine a gas.

Motori a benzina. Il fluido combustibile impiegato è un liquido leggero, la benzina. L’espansore


del fluido è di tipo alternativo (cilindro-pistone) ed il suo moto rettilineo alternato è trasformato in
moto rotatorio attraverso un cinematismo biella-manovella. Il ciclo termodinamico di riferimento è
il ciclo Otto.
Il primo brevetto di un dispositivo di questo genere risale al 1862 ed è francese, ma il vero sviluppo
di queste macchine si ha dopo il 1876, quando August Otto e Eugen Langen presentano un
prototipo funzionante a gas. La prima linea industriale di automobili con propulsori di questo tipo,
ma a combustibile liquido, risale al 1883. I motori a benzina sono ancora oggi usati in prevalenza
per trazione terrestre e hanno potenza che va da alcune decine di kW ad alcune centinaia di kW . Si
ricorda che un kW è pari all’incirca a 1,34 Hp .

Motori Diesel. Il fluido combustibile impiegato è il gasolio. L’espansore del fluido è di tipo
alternativo (cilindro-pistone) ed il suo moto rettilineo alternato è trasformato in moto rotatorio
attraverso un cinematismo biella-manovella. Il ciclo termodianmico di riferimento è il ciclo Diesel,
dal nome del tedesco Rudolf Diesel il quale propone un prototipo di macchina nel 1897. Tale
dispositivo è caratterizzato dal fatto di non richiedere la scintilla elettrica per innescare la
combustione.
I motori Diesel trovano impiego nei sistemi di trazione terrestre di piccola e media potenza, nei
sistemi di trazione marini e nei gruppi elettrogeni.

Turbine a gas. Il combustibile può essere gasolio, gas metano o anche combustibile solido.
L’espansore è una turbina, per cui il moto generato è direttamente di tipo rotatorio. Il ciclo di
riferimento è il ciclo Brayton, dal nome dell’americano il quale, nel 1873, immette sul mercato una
macchina di questo tipo. Tuttavia il primo brevetto di turbina a gas è inglese e risale al 1791 ma i
primi grandi impianti sono costruiti a Parigi all’inizio del ‘900.
Le attuali applicazione delle turbine a gas sono le centrali di produzione di energia elettrica, sistemi
di trazione di grande potenza terrestri (veicoli militari), aerei (turboelica) e marini.

Motori a benzina. La benzina è avviata al processo di combustione secondo due diverse


modalità.

130
1) Nei motori a carburazione la benzina entra nel carburatore allo stato liquido. Qui viene fatta
evaporare e viene mescolata con aria. La miscela così ottenuta viene aspirata dal cilindro, dove
avviene la combustione.
2) Nei motori ad iniezione la benzina entra allo stato liquido
nell’iniettore, il quale la spinge nel cilindro. L’aria necessaria alla
combustine è aspirata dal cilindro stesso.

Noi consideriamo i motori a carburazione. Lo schema


dell’espansore è indicato in figura. Nel motore a quattro tempi che
qui si descrive (ne esistono anche a due tempi o a sei tempi) il ciclo
inizia con l’aspirazione: il cilindro aspira dal carburatore la
miscela gassosa di aria e benzina con valvola di aspirazione aperta
e valvola di scarico chiusa. All’inizio di questa fase il pistone si
trova nella posizione più alta (quella a distanza massima
dall’albero motore) la quale è detta punto morto superiore. Durante
l’aspirazione il pistone si sposta verso il basso, fino araggiungere il
punto morto inferiore. Finisce qui la fase di aspirazione. Quando il
moto del pistone si inverte si chiude la valvola di aspirazione e,
rimanedo chiusa anche l’altra valvola, inizia la fase di compressione della miscela. Quando il
pistone è tornato nella posizione di punto morto superiore si accende la scintilla elettrica della
candela e si ha la combustione della miscela. Il pistone inverte il suo moto spinto dal violento
aumento di pressione del fluido, dando luogo alla fase di espansione. E’ qui che si trasforma
l’energia chimica della miscele in energia meccanica. Quando il pistone arriva al punto morto
inferiore si apre la valvola di scarico. Inizia così l’ultima fase, quella di scarico, durante la quale il
pistone ritorna al punto morto superiore e il prodotto della combustione defluisce attraverso la
valvola di scarico. Quando il pistone ha raggiunto il punto morto superiore si chiude la valvola di
scarico e si riapre quella di aspirazione, per ricominciare una nuova fase di aspirazione.
In prima approssimazione si può affermare che la compressione e l’aspirazione del fluido siano
adiabatiche e che la combustione sia isocora, avvenendo ad altissima velocità. Il rendimento di
questo ciclo può ottenersi attravreso il ciclo Otto teorico il quale apparentemente ha poco a che fare
con i fenomeni appena illustrati.

Ciclo Otto teorico. Il ciclo Otto teorico è costituito da due isocore e da due adiabatiche.
Supponendo che il fluido di lavoro sia un gas ideale (ad esempio aria) il ciclo sul paino di
Clapeyron e sul piano entropico ha l’andamento illustrato in figura. Si tratta di un ciclo a
131
combustione esterna in cui si comprime l’aria, riscaldandola, e si rivcava lavoro dalla sua
successiva espansione in un espansore alternativo. Il rendimento di questo ciclo è dato da

Q1 − Q2 Q γ (T − TA )
η= =1− 2 =1− V D
Q1 Q1 γ V (TC − TB )

avendo introdotto i calori specifici a volume costante. Ma in un gas perfetto il calore specifico a
volume costante non dipende dalla temperatura per cui si ha la semplificazione

TD − TA
η = 1−
TC − TB

Adesso consideriamo l’equazione della adiabatica del gas ideale. Si ha

γp
γp
γv
pv =pv γ
0 0 v

In base alla equazione di stato, volendo far comparire la temperatura invece della pressione, si ha

γp γp
nRT γ v nRT0 γ p −1 γp
−1
v = v0 γ v ⇔ Tv γ v = T0 v0 γ v
v v

Dunque si può scrivere

γp γp
−1 −1
TD v D γ v = TC vC γ v
γp γp
−1 −1
TA v A γ v = TB v B γ v

Ma v A = v D , v B = vC per cui si può anche scrivere

γp γp
−1 −1
TD v A γ v = TC vB γ v
γp γp
−1 −1
TAv A γv = TB vB γ v

e sottraendo membro a membro si ha

γp
γp γp −1
T − TA v B γ v 1
(TD − TA )v A γ v
−1
= (TC − TB )v B γ v
−1
⇔ D = γp = γp
TC − TB −1 −1
vAγ v ρ γv

avendo introdotto il rapporto di compressione

132
vA
ρ=
vB

Per cui il rendimento si scrive

1 1
η =1− γp =1− γp
−1 −1
 vA γ v ργ v
 
 vB 
Si può allora rilevare che il rendimento di un ciclo Otto
teorico dipende solo dal rapporto di compressione.
Questo rendimento aumenta all’aumentare del rapporto di
compressione e tende ad assumere asintoticamente il
valore unitario (vedi figura). In particolare i motori a
benzina sono configurati23 per ρ = 10 , e dunque il
massivo rendimento da essi ottenibile è η = 0,6 .

Massimo rendimento. Si dimostra che qualunque ciclo termodinamico al quale si imponga


il limite di avere il volume compreso fra v B e v A ha rendimento minore di quello del ciclo Otto
teorico. La dimostrazione si fa in due passaggi.

1) In primo luogo si dimostra che il rendimento del ciclo Otto teorico è pari a quello del ciclo di
Carnot con temperatura massima TB e temperatura minima TA . Per dimostrarlo basta ricordare che
la generica isocora nel piano entropico segue la legge

s − s0
γv
T = T0 e

Dunque sarà anche

sC − s B sD − s A
γv γv
TC = TB e , TD = TAe
Ma allora siccome il rendimento del ciclo Otto teorico si scrive

TD − TA
η = 1−
TC − TB

abbiamo che esso si scrive equivalentemente

23
Nel paragrafo sul ciclo reale dei motori a benzina si spiega che il rapporto di compressione non può essere superiore
per scongiurare il pericolo della autocombustione.
133
 sDγ− s A 
sD − s A T A  e v − 1
γv
− TA  
η = 1−
TA e
=1−  
sC − sB
 sC − sB

TB  e γ v − 1
γv
TB e − TB
 
 

Adesso basta notare che sC = s D , s A = s B per avere

 sCγ− sB 
TA  e v − 1
 
η = 1−   = 1 − TA
 sC − sB
 TB
TB  e γ v − 1
 
 

E abbiamo provato la tesi di questo primo punto.

2) Adesso proviamo, sfruttando il risultato precedente, che il generico ciclo compreso, nel piano
entropico, fra le due isocore relative ai
volumi v A , v B , ha rendimento minore di
qualunque ciclo Otto teorico compreso fra le
due stesse isocore. Per semplicità comunque
mi limito a dimostrare questo per il ciclo
generico inscritto nel ciclo di Otto teorico
(vedi figura).
Il rendimento del ciclo inscritto si scrive

s (F )

Q − Q2 Q
∫ f (s )ds
s (E )
η generico = 1 = 1− 2 = 1− s (F )
Q1 Q1
∫ g (s )ds
s (E )

D’altra parte è anche evidente che

s−sA s (F ) s (F ) s−sA s (F ) s (F ) s −sA

f ≥ T (s ) = TA e ∫ f (s )ds ≥ (∫ ) T e ∫ f (s )ds ≤ − (∫ ) T e
γV γV γV
⇒ A ⇒− A
( )
s E s E ( )
s E s E
s − sB s (F ) s (F ) s − sB
1 1
g ≤ T (s ) = TB e ∫ g (s )ds ≤ ∫( ) T e
γV γV
⇒ B ⇒ − s (F ) ≤ − s (F ) s − sB

∫ g (s )ds
s (E )
∫ TB e V
s E γ

s (E ) s (E )

Dunque si ha

134
s (F ) s (F ) s −s A s (F ) s −s A

∫( )f (s )ds ∫Te ∫e
γV γV
A TA
( ) ( )
η generico = 1 − ss (EF ) ≤ 1 − ss ( FE ) s − sB
= 1− s E
s(F ) s − sB

∫ g (s )ds
( )
s E
∫( ) T e
B
γV
TB ∫( ) e
γV

s E s E

Ma s A = s B e dunque

TA
η generico ≤ 1 − = ηOtto
TB

A secondo membro si ha proprio il rendimento del ciclo Otto fra i due volumi considerati (come si è
dimostrato nel punto primo) e dunque la tesi è provata.

Ciclo reale dei motori a benzina. Il ciclo reale dei motori a benzina si discosta dal
ciclo Otto teorico in ragione delle seguenti considerazioni.

1) Il ciclo dei motori a benzina è un ciclo aperto in cui il fluido è espulso nella atmosfera, dopo la
combustione, e dunque deve essere rinnovato ad ogni ciclo. Il ciclo Otto è invece un ciclo chiuso.
2) Il ciclo Otto teorico è un ciclo a combustione esterna in quanto nella trasformazione isocora BC
si fornisce calore al gas attraverso appunto la combustione di un qualche combustibile. Il ciclo reale
dei motori a benzian è invece un ciclo a combustiuone interna.
3) Nel ciclo Otto teorico abbiamo la compressione (tratto AB ), la combustione (tratto BC ),
l’espansione (tratto CD ) ma manca lo scarico (d’altra parte il ciclo Otto teorico è un ciclo chiuso) e
l’aspirazione. Tuttavia la fase di scarico può pensarsi rappresentata dal tratto isocoro DA in quanto
in tale tratto si rilascia calore nell’ambiente, come effettivamente avviene nello scarico (in cui però
il calore esce insieme alla massa del fluido combusto).
4) Nella realtà la combustione non è isocora avvenendo con un aumento di volume.
5) Nella realtà l’espansione e la compressione non sono adiabatiche, ma avvengono con una grande
dispersione di calore nell’ambiente (è esperienza comune il riscaldamento dei motori delle
autovetture).

Lo studio del ciclo reale di un motore a benzina non è scopo di questo corso. Si osserva però che
mentre dallo studio del ciclo Otto teorico si evince che il rendimento può essere aumentato
aumentando indefinitivamente il rapporto di compressione, in realtà, nei motori a benzina,
l’aumento del rapporto di compressione comporta un aumento del rischio di autocombustione della
miscela gassosa di benzina ed aria nel cilindro, durante la compressione, prima dell’innesco della
candela. Naturalmente questo rischio non viene contemplato nel ciclo Otto teorico, dove il gas è
inerte. Dunque, nel ciclo reale dei motori a benzina il rapporto di compressione ha un limite
superiore che si aggira intorno a 10.

Motori Diesel. Nei motori Diesel durante la compressione è


presente solo aria nel cilindro. In seguito viene iniettato il
combustibile polverizzato dentro il cilindro il quale, grazie alla alta
temperatura seguente alla compressione dell’aria, va in auto
combustione. Dunque nel motore Diesel non si fa uso di candele.
Vediamo ora nel dettaglio cosa avviene nei quattro tempi di un

135
motore Diesel. Lo schema meccanico è identico a quello del motore a benzina a quattro tempi, se
non fosse che qui manca la candela.

1) Aspirazione. La valvola di aspirazione è aperta e aria atmosferica viene aspirata, attraverso il


condotto di aspirazione, dal pistone il quale scende dal punto morto superiore al punto morto
inferiore. La valvola di scarico è chiusa.

2) Compressione. La valvola di aspirazione si chiude, mentre il pistone comincia a risalire dal


punto morto inferiore. L’aria viene compressa mentre la valvola di scarico è ancora chiusa. Nei
motori Diesel il rapporto di compressione è maggiore che nei motori a benzina in quanto non si ha il
rischio di autocombustione dell’aria. Così l’aria è portata ad una temperatura dell’ordine dei 1000
K. Al termine della compressione si inietta il combustibile polverizzato il quale, nell’ambiente ad
alta temperatura in cui viene a trovarsi, inizia la propria autocombustione.

3) Espansione. Mentre il combustibile e l’aria bruciano il pistone si sopsta verso il punto morto
inferiore. La combustione è graduale, a differenza che nei motori a benzina. Avvenendo
gradualmente mentre avviene l’espansione si può pensare che avvenga a pressione costante. Quindi
l’espansione si completa adiabaticamente.

4) Scarico. Si apre la valvola di scarico ed il pistone espelle, salendo verso il punto morto superiore,
i prodotti della combustione e si prepara alla nuova fase di aspirazione.

Ciclo Diesel teorico. Anche per i motori Diesel lo studio del ciclo viene fatto con un cilco
chiuso a gas. E’ il ciclo Diesel teorico. In figura si riporta il ciclo Diesel teorico sul piano di
Clapeyron e su quello entropico. Esamianiamo il ciclo.

1) Abbiamo una compressione adiabatica AB la quale sta a descrivere la fase di compressione


dell’aria nel cilindro.
2) Segue una espansione isobara BC la quale sta a descrivere la cobustione della miscela di aria e
gasolio nel cilindro. Al fluido viene trasmesso il calore Q1 .
3) L’espansione CD descrive il tempo di espansione del motore Diesel a quattro tempi. In questa
fase viene fatto lavoro sull’esterno.

136
4) La trasformazione isocora DA sta a descrivere la fase di scarico, con il rilascio nell’ambiente del
calore Q2 .

Il rendimento del ciclo Diesel teorico è dato da

Q2 γ (T − TA )
η = 1− =1− V D
Q1 γ p (TC − TB )

Ricordando l’equazione di stato dei gas ideali si ha anche

γ V ( pD v D − p Av A ) γ v ( p − pA )
η = 1− =1− V A D
γ p ( pC v C − p B v B ) γ p p B (vC − v B )

Ricordando l’equazione delle adiabatiche si ha d’altra parte

k k
p D v D = pC v C
k k
p Av A = pB v B

Sottraendo membro a mebro si ha

p D v D − p A v A = pC v C − p B v B ⇔ v A ( p D − p A ) = p B v C − v B
k k k k k
( k k
)⇔
( pD − p A ) = ( k
p B vC − v B
k
)
k
vA

Sostituendo nel rendimento abbiamo dunque

  v k  v k    v k  v k 
p v −v
γ V vA B C k B
( k k
) 
γ V   −  
C B  γ V   C  −  B  
 vA   vA    v v 
η = 1−
vA
= 1−   = 1 −  D   A  
γ p p B (vC − v B ) v v  v v 
γ p  C − B  γ p  C − B 
 vA vA   vD v A 

Ora oltre al coefficiente di compressione ρ = v A / v B introduciamo quello di espansione ε = v D / vC


e abbiamo

  1 k  1 k  k k
γ V    −    1  1 
 ε   ρ     −  
  ε   ρ 
η = 1− =1−
1 1 1 1 
γ p  −  k  − 
ε ρ  ε ρ 

La dipendenza del rendimento dal rapporto di compressione è simile a quella che si aveva nel caso
del ciclo Otto. Qui però si trova una dipendenza anche dal rapporti di espansione (ciò è dovuto al
fatto che il riscaldamento del fluido, la combustione, non è a volume costante e dunque i volumi
distinti sono tre). La dipendenza del rendimento dal coefficiente di espansione è esattamente uguale

137
alla dipendenza dal coefficiente di compressione. Dunque maggiore è ε e maggiore è il
rendimento. Si vede però che ridurre vC a parità di v D significa anche ridurre il lavoro utile.

Confronto fra i cicli teorici Otto e Diesel. Se volessimo fare un confronto fra un
ciclo Otto ed un ciclo Diesel con stesso rapporto di compressione sappiamo già che il rendimento

maggiore è quello del ciclo Otto, il quale ciclo ha, come dimostrato, il massimo rendimento fra tutti
i possibili cicli, a parità di rapporto di compressione. Quanto detto lo si può arguire d’altra parte
anche dalla figura, in cui si riportano due cicli Diesel ed un ciclo Otto, nel piano di Clapeyron ed in
quello entropico. Si vede, sul piano di Clapeyron, che il ciclo Otto AECD e il ciclo Diesel AEFD
hanno lo stesso rapporto di compressione. Essi hanno anche lo stesso calore emesso (vedi piano
entropico) ma il ciclo Otto ha un maggiore calore assorbito e dunque, in definitiva, un maggiore
rendimento.
Consideriamo ora un altro tipo di confronto, più significativo da un punto di vista pratico.
Prendiamo il ciclo Diesel ABCD ed il cilo Otto AECD . Essi non hanno lo stesso coefficiente di
compressione, infatti la compressione nel ciclo Diesel è più accentuata. Hanno però la stessa
pressione massima (vedi piano di Clapeyron) e la stessa temperatura massima (vedi piano
entropico). Hanno anche lo stesso calore emesso, però il ciclo Diesel ha un maggiore calore
assorbito e dunque un maggiore rendimento.

In pratica, per motivi legati alla resistenza dei materiali, il confronto dei due cicli deve essere fatto
rispetto alla pressione e alla temperatura massima e non rispetto al coefficiente di compressione. Da
questo confronto risulta che il ciclo Diesel ha rendimento superiore a quello del ciclo Otto.

Turbine a gas. La turbina a gas è una macchina con espansore rotativo, prevalentemente a
combustione interna, anche se si possono avere turbine a gas a combustione esterna. Lo schema di
una turbina a gas a combustione interna è quello a sinistra nella figura. Il fluido segue i passaggi
seguenti:

1) aria atmosferica è aspirata da un compressore rotativo;


2) l’aria finisce in una camera di combustione dove entra in contatto col comburente e brucia;
3) i prodotti gassosi della combustione escono dalla camera di combustione per investire le pale
dell’espansore rotativo, producendo lavoro meccanico;
4) i prodotti della combustine in uscita dall’espansore sono scaricati nell’ambiente.
138
Si aggiunge che compressore ed espansore sono collegati allo stesso albero, cioè il lavoro prodotto
dall’espansione è utilizzato in parte per aspirare l’aria atmosferica. Questo non toglie che per
avviare il compressore, e dunque tutto il ciclo, si debba inizialmente far girare il compressore da un
motore di avviamento. Si osserva inoltre che il limite di temperatura per i prodotti di combustione è
dettato dalle caratteristiche termiche del materiale delle palette ed è di circa 1000K, ovvero lo stesso
limite che abbiamo visto per l’aria compressa all’interno del cilindro del motore Diesel.
A destra nella figura abbiamo invece una trubina a ciclo chiuso, a combustione esterna. I passaggi
in questo caso sono i seguenti:

1) il fluido è aspirato dal compressore rotativo;


2) il fluido è avviato ad uno scambiatore di calore dove riceve calore dai prodotti della combustione
esterna;
3) il fluido riscaldato entra nell’espansore rotativo facendo ruotare le pale e producendo così lavoro
meccanico;
4) il fluido entra nel secondo scambiatore di calore dove cede il calore residuo all’ambiente, per
rientrare di nuovo nel compressore.
Anche in questo caso valgono le precedenti considerazioni sul collegamento meccanico fra
compressore e espansore, nonché la considerazione sul motore di avviamento.

Per descrivere termodinamicamente il comportamento di una turbina a gas si usa un ciclo chiuso a
combustione esterna, ad aria compressa, detto ciclo di Brayton.

Il ciclo di Brayton teorico. Per costruire il ciclo di Bryton teorico si pensi alla turbina a
gas a combustione esterna. Si ha una compressione, adiabatica in quanto è prevalente lo scambio
meccanico su quello termico, quindi un riscaldamento, isobaro in quanto non vi sono organi
meccanici mobili, una espansione, adiabatica per lo stesso motivo per cui la compressione è
adiabatica, e in fine un raffreddamento, isobaro per lo stesso motivo per il quale il riscaldamento è
isobaro. In figura riporto il ciclo di Brayton sul piano di Clapeyron e su quello entropico.

139
Passiamo adesso a valutare il rendimento di questo ciclo. Si ha

Q1 − Q2 Q γ p (TD − TA )
η= =1− 2 =1−
Q1 Q1 γ p (TC − TB )

Trattandosi di un ciclo a gas, adottando l’approssimazione dei gas ideali, abbiamo che il calore
specifico a pressione costante è indipendente dalla temperatura e dunque si ha

TD − TA
η = 1−
TC − TB

Adesso consideriamo l’equazione della adiabatica di un gas ideale sul piano di Clapeyron. Si ha

k γp
pv k = p0 v0 , k=
γv

Adesso, volendo esprimere questa equazione in termini di pressione e temperatura, ricordando


l’equazione di stato dei gas ideali, abbiamo

k
 nRT 
 = p 1−k (nRT ) ⇒ p1−k (nRT ) = p0 (nRT0 ) ⇒ p1−k T k = p0 T0
k k 1− k k 1− k k
pv = p 
k

 p 

Dunque per le due adiabatiche del ciclo abbiamo

140
 k  p 1−k k  1− k

T =  p B  T
k
TA =  B  TB p 
 p A1−k TA k = p B 1−k TB k  p A1−k TA k = p B 1−k TB k   pA   A
 A
B

 1−k k ⇒  1−k k ⇒ ⇒
 pC TC = p D1−k TD k  p B TC = p A1−k TD k  k  pA 
1− k

1− k
 
TC =  p  TD
k p k
TC =  A  TD
  B   pB 

Sostituendo nella espressione del rendimento si ha

1− k 1− k 1− k
 pB  k p  k  pB  k
  TC −  B  TB   (TC − TB ) 1− k

 p A   pA  p  
=1−  A 
p k 1
η =1− = 1 −  B  = 1 − 1− k
=
TC − TB TC − TB  pA   pA  k
 
p
 B
1 1
=1− k −1
= 1− k −1
 pB  k
ψ k
 
 pA 

Essendo ψ = p B / p A il rapporto fra pressione massima e pressione minima. L’andamento del


rendimento con ψ è qualitativamente analogo all’andamento del rendimento del ciclo Otto in
funzione del rapporto di compressione (vedi relativa figura).

Massimo rendimento. Sappiamo che il ciclo di Carnot è il ciclo a massimo rendimento


quando siano assegnate la temperatura massima e la temperatura minima. Abbiamo visto inoltre che
il ciclo Otto costituisce il ciclo a massimo rendimento quando sono assegnati il volume massimo ed
il volume minimo. Analogamente si dimostra che il ciclo Brayton è il ciclo di massimo rendimento
quando sono assegnate la pressione massima e la pressione minima. Come nel caso del ciclo Otto
questa dimostrazione si fa in due passaggi ed è del tutto simile, se non fosse che al posto di due
isocore abbiamo due isobare.

1) In primo luogo si dimostra che il rendimento del ciclo Otto teorico è pari a quello del ciclo di
Carnot con temperatura massima TB e temperatura minima TA . Per dimostrarlo basta ricordare che
la generica isobara nel piano entropico segue la legge

s − s0
γp
T = T0 e

Dunque sarà anche

sC − s B sD − s A
γp γp
TC = TB e , TD = TAe

Ma allora siccome il rendimento del ciclo Otto teorico si scrive

141
TD − TA
η = 1−
TC − TB

abbiamo che esso si scrive equivalentemente

 sDγ−s A 
sD − s A TA  e p − 1
γp
− TA  
η = 1−
TA e
=1−  
sC − sB
 γsC − sB

TB  e p − 1
γp
TB e − TB
 
 

Adesso basta notare che sC = s D , s A = s B per avere

 sCγ−sB 
TA  e p − 1
 
η = 1 −  s −s  = 1 − TA
 Cγ B  TB
TB  e p − 1
 
 

E abbiamo provato la tesi di questo primo punto.

2) Adesso proviamo, sfruttando il risultato precedente, che il generico ciclo compreso, nel piano
entropico, fra le due isobare relative alle pressioni p A , p B , ha rendimento minore di qualunque ciclo
Brayton teorico compreso fra le due stesse isobare. Per semplicità comunque mi limito a dimostrare
questo per il ciclo generico inscritto nel ciclo di Brayton teorico (vedi figura).
Il rendimento del ciclo inscritto si scrive

s (F )

Q − Q2 Q
∫ f (s )ds
s (E )
η generico = 1 = 1− 2 = 1− s (F )
Q1 Q1
∫( )g (s )ds
s E

D’altra parte è anche evidente che

s−sA s (F ) s (F ) s−sA s (F ) s (F ) s −sA

∫ f (s )ds ≥ (∫ ) T e ∫ f (s )ds ≤ − (∫ ) T e
γp γp γp
f ≥ T (s ) = TA e ⇒ A ⇒− A
( )
s E s E ( )
s E s E
s − sB s (F ) s (F ) s − sB
1 1
∫ g (s )ds ≤ (∫ ) T e
γp γp
g ≤ T (s ) = TB e ⇒ B ⇒ − s (F ) ≤− s − sB
s (F )

∫ g (s )ds
( )

s E s E γ
TB e p
s (E ) s (E )

142
Dunque si ha

s (F ) s (F ) s −s A s (F ) s −s A

∫( )f (s )ds ∫( ) T e ∫( ) e
γp γp
A TA
η generico = 1 − ss (EF ) ≤1− s E
s (F ) s − sB
= 1− s E
s(F ) s − sB

∫( )g (s )ds
s E
∫Te B
γp
TB ∫e
γp

( )
s E ( )
s E

Ma s A = s B e dunque

TA
η generico ≤ 1 − = η Brayton
TB

A secondo membro si ha proprio il rendimento del ciclo Brayton fra i due volumi considerati (come
si è dimostrato nel punto primo) e dunque la tesi è provata.

Recupero di calore nelle turbine a gas. Per aumentare il rendimento delle trubine a
gas il primo startagemma che viene in mente è quello di usare parte del calore che va disperso
nell’ambiente, dopo l’espansione, per riscaldare il gas prima dell’espansione. Allora nel caso di una
turbina a gas a combustione esterna si avrebbe lo schema indicato in figura. Dal diagramma
entropico si vede che il calore che può essere trasferito (insieme al gas) dal raffreddamento al
riscaldamento è pari a

Q3 = γ v (TD − TF ) = γ v (TE − TB )

Dunque il rendimento del dispositivo si scrive adesso

Q2 − Q3 γ (T − TA ) − γ v (TD − TF ) T − TA
η = 1− = 1− v D =1− F
Q1 − Q3 γ v (TC − TB ) − γ v (TE − TB ) TC − TE
143
Adesso dobbiamo fare passaggi analoghi a quelli fatti per il calcolo del rendimento del ciclo
Brayton senza recupero di calore. Considerando l’equazione della adiabatica di un gas ideale sul
piano di Clapeyron si ha

k γp
pv k = p0 v0 , k=
γv

Adesso, volendo esprimere questa equazione in termini di pressione e temperatura, ricordando


l’equazione di stato dei gas ideali, abbiamo

k
 nRT 
 = p 1−k (nRT ) ⇒ p1− k (nRT ) = p0 (nRT0 ) ⇒ p1−k T k = p0 T0
k k 1− k k 1− k k
pv = p 
k

 p 

Dunque per le due adiabatiche del ciclo abbiamo

 k  p 1−k k  1− k
 p
T =  B  T  k
T A =  B  TF
 p A1−k TA k = p B 1−k TB k  p A1−k TA k = p B1−k TF k   pA   A  p A  F

 1−k k ⇒  1−k k ⇒ ⇒
 pC TC = p D1−k TD k  p B TC = p A1−k TE k  k  pA 
1− k

1− k
 
TC =  p  TE
k p k
TC =  A  TE
  B   pB 

Sostituendo nella espressione del rendimento si ha

1− k  k −1

 
1− k   1  k 
 kk−1 
p  k
 1 −   TF
TF −  B  TF  1 − ψ k
T ψ ψ − 1 TF
  F      
η = 1−  pA  = 1 −  1− k  = 1 −  k −1  = 1−   =
1− k
    k −1
 k −1

 pA  k  1  k  ψ k − 1TE ψ k ψ k − 1TE
  TE − TE 
 ψ   − 1 T  
p
 B   
E
   
 
1 TF
= 1− k −1
TE
ψ k

Allora vediamo che l’originario rendimento del ciclo teorico di Brayton viene aumentato tanto più
quanto più sono corte le adiabatiche.

144
Capitolo 5. Macchine frigorifere
Macchine a compressione, elementi termodinamici. Le macchine frigorifere a
compressione di vapore saturo sono le più diffuse nelle applicazioni di ingegneria civile ed
industriale. Esse presentano caratteristiche differenti a seconda dei campi di potenza e delle
applicazioni a cui sono destinate. Condividono tuttavia la natura dell’alimentazione effettuata per
mezzo di energia meccanica fornita da un motore elettrico.
Il funzionamento di una macchina frigorifera a compressione nelle linee più generali è il seguente:

1) la macchina assorbe il calore Q2 da una sorgente a temperatura T2 ;


2) la macchina assorbe il lavoro meccanico L dal motore elettrico;
3) la macchina cede il calore Q1 all’ambiente la cui temperatura è T0 > T2 .

Dunque la macchina usa della energia meccanica per trasferire calore da una sorgente ad un’altra a
temperatura superiore. Quindi si usa dell’energia meccanica per realizzare una trasformazione che
sponatneamente non si realizzerebbe (2° principio della termodinamica, enunciato di Clausius). Il
primo principio della termodinamica per il fluido contenuto nella macchina si scrive

Q2 + L = Q1

Si definisce, come già visto, effetto utile di una macchina frigorifera il rapporto fra il calore
asportato dalla sorgente fredda in un ciclo e il lavoro fatto sul fluido in un ciclo:

Q2
ξ=
L

In genere il valore di questo parametro varia fra 2 e 4. Esso dipende da

1) natura del fluido frigorifero;


2) temperature di funzionamento;
3) tipo dei componenti della macchina
4) forma del ciclo con presenza di eventuali recuperi di calore.

Ciclo di Rankine inverso e schema di funzionamento. Le macchine frigorifere


a compressione usano come fluido un vapore saturo in modo da avere, come nelle macchine a
vapore, coincidenza fra isoterme ed isobare. Siccome le trasformazioni realizzabili sono le
adiabatiche (espansioni e compressioni) e le isobare (scambi di calore) l’accorgimento di usare un
vapore saturo consente di avere delle isoterme sottoponendo a scambi di calore il fluido in
transizione di fase. Questo permette di costruire un ciclo che rassomigli al ciclo di Carnot (il quale
conta due isoterme e due adiabatiche). Questo fatto è importante perché, assegnata la temperatura
ambientale T0 e quella della cella frigorifera T2 , sappiamo che il massimo effetto utile ottenibile è
quello che si ha con un ciclo di Carnot reversibile.
Il ciclo adottato dalle macchine frigorifere a compressione è il ciclo di Rankine inverso, denominato
spesso ciclo frigorifero. In figura abbiamo i diagrammi, di Clapeyron ed entropico, del ciclo e lo
schema generale della macchina frigorifera a compressione. Tale schema presenta quattro
componenti fondamentali:

1) evaporatore (scambiatore di calore);


145
2) compressore (alternativo o di altro tipo);
3) condensatore (scambiatore di calore);
4) valvola di espansione.

Nell’evaporatore avviene la sottrazione del


calore a bassa temperatura (fase utile del ciclo);
il liquido evapora lungo la trasformazione
isobara isoterma AB . Il calore è sottratto ad un
secondo fluido, come nello schema qui
riportato, oppure è sottratto direttamente
all’aria dell’ambiente da raffreddare (come nei
frigoriferi domestici).
Nel compressore il fluido, che ora è tutto
vapore, viene compresso adiabaticamente
lungo la adiabatica (isoentropica nel caso di
reversibilità) BC .
Nel condensatore il vapore libera calore lungo
l’isobara CD , raffreddandosi, poi continua a
liberare calore condensando (dunque
isotermicamente, oltre che isobaricamente)
lungo la DE . Il calore può essere ceduto
all’aria oppure ad un altro fluido (come
nello schema).
Nella valvola di espansione avviene
l’espansione EA in cui parte del liquido
evapora nuovamente. La valvola ha il
compito di controllare il deflusso del fluido
dal condensatore all’evaporatore, evitando
che sia trooppo brusco a causa del salto di
pressione lungo la EA . La valvola può
essere dimensionata in modo che la
trasformazione EA sia isoentalpica (vedi
capitolo 2, rubinetto).
La trasformazione EA| è quella che si avrebbe, con buona approssimazione, se l’espansione
avvenisse in un espansore, con un lavoro sull’esterno che potrebbe essere usato per la

146
compressione, aumentando l’effetto utile. In realtà si preferisce far espandere il fluido in una
valvola, con grande dissipazione di energia meccanica e riduzione dell’effetto utile, perché in
questo modo si ha una apparecchiatura nel complesso più robusta e duratura, in quanto più
semplice.

In sintesi una macchina frigorifera riscalda un fluido per compressione, in modo che esso possa
cedere all’ambiente il calore accumulato nella compressione più il calore assorbito a bassa
temperatura, prima della compressione stessa. Il ritorno a bassa temperatura avviene attraverso la
cessione del calore nel condensatore e l’espansione nella valvola di espansione.

Effetto utile del ciclo di Rankine inverso. Per definizione di effetto utile di una
macchina frigorifera a compressione si ha

Q2 Q2
ξ= =
L Q1 − Q2

ma essendo

Q2 = (1 − x A )r (T2 )
Q1 = r (T1 ) + γ p (TC − TD )

si ha

ξ=
(1 − x A )r (T2 )
r (T1 ) + γ p (TC − TD ) − (1 − x A )r (T2 )

Volendo essere più precisi si deve considerare che non è realmente L = Q1 − Q2 . In effetti si deve
considerare nel bilancio energetico la produzione di calore nella valvola per dissipazione di energia
meccanica. Dunque il bilancio energetico porge

A A
Q2 Q2
Q2 + L = Q1 + ∫ TdSirr ⇒ L = Q1 − Q2 + ∫ TdS irr ⇒ ξ = A
=
Q1 − Q2 + R AE
E E
Q1 − Q2 + ∫ TdSirr
E

Si può arguire dal diagramma entropico che la differenza Q1 − Q2 diminuisce al diminuire della
differenza fra le due temperature T1 ,T2 tanto che per una differenza nulla l’effetto utile tende ad
infinito.

Macchine ad assorbimento, introduzione. Le macchine frigorifere ad assorbimento


trasferiscono calore da una sorgente fredda ad una calda, per mezzo di un trasferimento di calore da
una sorgente calda ad una fredda. La prima trasformazione comporta un aumento di entropia del
sistema universo, dunque non può avvenire spontaneamente (enunciato di Clausius del 2°
principio); la seconda trasformazione invece determina una riduzione di entropia del sistema
universo. Pertanto, da un punto di vista teorico, questo genere di macchina è effettivamente
realizzabile. In questo paragrafo mi limito a classificare i quattro possibili tipi di macchine ad
assorbimento.

147
Intanto precisiamo che, in base a quanto detto, le sorgenti di una macchina ad assorbimento
dovrebbero essere quattro, in realtà le due sorgenti a temperatura intermedia si assumono
coincidenti fra loro. Segue la classificazione delle macchine ad assorbimento.

Macchina frigorifera ad assorbimento. In questo caso la quantità di calore Q2 è prelevata da una


sorgente a temperatura T2 e ceduta all’ambiente a temperatura T0 > T2 . Questa trasformazione ad
aumento di entropia dell’universo è realizzata attraverso il trasferimento di una quantità di calore
Q1 da una sorgente a temperatura T1 all’ambiente a temperatura T0 < T1 .

Pompa di calore ad assorbimento. La quantità di calore Q2 è prelevata dall’ambiente a


temperatura T0 e ceduta ad una sorgente a temperatura T3 > T0 . Questa trasformazione si realizza a
spese del passaggio del calore Q1 da una sorgente a temperatura T1 > T2 alla sorgente a temperatura
T3 .

Macchina ad assorbimento a doppio effetto. Questa macchina è del tutto simile alla macchina
frigorifera ad assorbimento, se non fosse che la temperatura intermedia, che indico T3 è superiore a
quella ambientale. Dunque questa macchina ha un effetto frigorifero sulla sorgente più fredda ed ha
l’effetto di una pompa di calore nei riguardi di quella intermedia.

Trasformatore di calore. In questo caso il calore Q2 sale dalla temperatura T3 > T0 fino ad una
temperatura T1 a spese del calore Q1 che passa dalla temperatura T3 alla temperatura ambiente. Si
osserva pertanto che nel trasformatore di calore la degradazione del calore avviene a temperature
inferiori di quelle nelle quali avviene la nobilitazione del calore.

Aggiungo che le macchine frigorifere a compressione sono preferite a quelle ad assorbimento per
via della grande disponibilità della energia elettrica e per la facilità di manutenzione. Tuttavia in
campo industriale si trova l’impiego di macchine ad assorbimento ad esempio là dove un

148
sottoprodotto della lavorazione è calore che può dunque essere usato per alimentare questo genere
di apparecchiature.

Macchine ad assorbimento, principio di funzionamento. Due recipenti, A


(assorbitore) ed E (evaporatore) sono collegati da un rubinetto. Nel recipiente A abbiamo una
soluzione satura24 delle due specie chimiche α , β . Nel contenitore E è presente la sola specie
chimica α . Sia TA la temperatura del contenitore A e sia TB quella del contenitore B . Allora la
pressione del vapore saturo della soluzione in A è data da

p A (TA ) = X α pα (TA ) + X β p β (TA )

dove X α , X β sono le frazioni molari e pα (T A ), p β (TA ) sono le pressioni di vapor saturo, alla
temperatura TA , dei due componenti. Adesso ammettiamo che il componente α sia di gran lunga
più volatile del componente β , ovvero che sia

pα (T A ) >> p β (TA )

In tali ipotesi abbiamo

p A (TA ) ≈ X α pα (TA )

Consideriamo adesso l’evaporatore. Per esso si ha semplicemente p E (TE ) = pα (TE ) . Adesso


consideriamo l’equazione di Clapeyron
dp rev
=
dT T (vv − vl )

Per integrarla si assume che il volume specifico del vapore sia molto superiore di quello del liquido
e poi si assume per il vapore il comportamento di gas ideale. Si ha

r
dp rev dp prev dp dTrev rev − ev
= ⇒ = 2 ⇒ = 2 ⇒ ln p = − + C ⇒ p = Ce TR
dT Tvv dT T R p T R TR

Dunque noi abbiamo

rev (α )

pα (TA ) = Ce TA R

rev (α )

pα (TE ) = Ce TE R

Ora diciamo di aprire il rubinetto. Ne segue che le pressioni dei due contenitori dovranno essere
uguali per cui

24
Cioè con precipitazione incipiente di uno dei due componenti.
149
rev (α ) rev (α )
− − Xα 1
p A (TA ) = p E (TE ) ⇒ X α pα (TA ) = pα (TE ) ⇒ X α e TA R
=e TE R
⇒ rev (α )
= rev (α )

TA R TE R
e e

rev (α ) r (α ) 1 R 1 1 1
⇒ ln X α − = − ev ⇒ − ln X α = ⇒ > ⇒ TA > TE
TA R TE R TA rev (α ) TE TE TA

Ciò che interessava in questa dimostrazione era proprio la relazione fra le due temperature.
L’assorbitore è a temperatura superiore rispetto all’evaporatore. Diciamo che la frazione molare di
α è tale che sia inoltre

TE < T0 < TA

essendo T0 la temperatura ambiente. Adesso si consideri che se cedo un calore Q E all’evaporatore


avremo che una parte di α in esso contenuta evapora e diffonde nell’assorbitore dove condensa a
fronte di una cessione di calore Q A . Qusto trasferimento di calore può andare avanti finchè
l’evaporatore contiene fluido. Dopo si dovrà ricaricare il processo fornendo all’assorbitore del
|
calore ad una temperatura T A > T A per far evaporare α ( β evaporerà in misura molto inferiore)
che condenserà in E . Abbiamo così una macchina ad assorbimento a doppio effetto, il cui
funzionamento è evidentemente intermittente.

Macchine ad assorbimento, funzionamento continuo. Per far funzionare con


continuità una macchina ad assorbimento è necessario collegare l’assorbitore con l’evaporatore in
modo da rifornire quest’ultimo in mod continuo di liquido α . Vale allora lo schema costruttivo
indicato in figura, dove sono introdotti il generatore, componente nel quale evapora α grazie al
calore proveniente dalla sorgente più calda, e il condensatore, dove condensa α prima di rientrare
nell’evaporatore.
Può essere necessario l’uso di una pompa per trasferire α liquido dall’assorbitore al generatore.
L’effetto utile della macchina frigorifera ad assorbimento è dato allora dal calore sottratto alla bassa
temperatura sulla somma fra il calore sottratto ad alta temperatura ed il lavoro della pompa.

QE
ξ=
QG + L

150
Appendice 1. Teorema di Buckingham
Introduzione. Dato un fenomeno fisico che coinvolge n grandezze fisiche x1 , x2 ,..., xn , si è
interessati a ricavare la legge L che descrive il fenomeno, cioè una relazione matematica fra le n
grandezze stesse. Ad esempio, nel caso della convezione, si cerca una legge che leghi le nove
grandezze

hc , l , u, µ , δ , λ , c, ag , θ

Nel caso invece della perdita di carico per unità di lunghezza dR / dx si cerca una legge che leghi le
sei grandezze fisiche

dR
, µ , δ , u, D, e
dx

In merito a problemi di questa natura vale il teorema seguente.

Teorema di Buckingham. Sia L una legge fisica che leghi fra loro n grandezze fisiche
delle quali m siano fondamentali. Allora L può sempre essere espressa in funzione di almeno
n − m parametri adimensionali i quali soddisfino le seguenti condizioni:

1) ciascuna delle n grandezze deve comparire in almeno uno dei parametri adimensionali;
2) ciascun parametro non deve essere esprimibile come prodotto degli altri.

La dimostrazione di questo teorema non viene qui affrontata. Tuttavia dimostro che è effettivamente
possibile trovare almeno n − m parametri adimensionali i quali soddisfino le due condizioni di cui
sopra. Per rendere la dimostrazione più semplice dico che sia m = 3 ed in particolare che le tre
grandezze fondamentali coinvolte siano la lunghezza L , la massa M e il tempo T . Poi assumo
anche, per rendere più semplice la simbologia, che le grandezze complessivamente coinvolte siano
n = 4 . Allora se P è il generico parametro adimensionale e x1 , x2 , x3 , x 4 sono le grandezze
coinvolte, deve aversi

[(
P = x1 1 x2 2 x3 3 x4 4 ⇒ [P ] = La11 M a12 T a13
i i i i
) (L
i1 a21
M a22 T a23 ) (L
i2 a31
M a32 T a33 ) (L
i3 a41
M a42 T a43 )
i4
]
ovvero

[P] = [Li a +i a
1 11 2 21 +i3a31 +i4a41
M i1a12 +i2a22 +i3a32 +i4a42 T i1a13+i2a23+i3a33+i4a43 ]
Affinché il parametro sia adimensionale, la sua dimensione fisica deve essere nulla rispetto a
ciascuna delle tre grandezze fondamentali. Si deve cioè avere che

 i1   0 
i1a11 + i2 a 21 + i3a 31 + i4 a 41 = 0  a11 a 21 a 31 a 41    
    i2   0 
i1a12 + i2 a 22 + i3a 32 + i4 a 42 = 0 ⇔  a12 a 22 a32 a 42   =  
a i 0
i a + i a + i a + i a = 0
 1 13 2 23 3 33 4 43  13 a 23 a 33 a 43  3   
 i4   0 

151
Ora queste tre equazioni possono essere L.I.? Supponiamo che non lo siano, ovvero che esistano tre
coefficienti c1 , c2 , c3 non contemporaneamente nulli, tali che sia

 a11   a12   a13 


     
 a 21   a 22   a 23 
a  c1 + a  c 2 +  a c3 = 0
 
31
 
32
 33 
a a a 
 41   42   43 

Allora se ad esempio si ha c1 ≠ 0 risulta possibile scrivere

 a11   a12   a13 


     
 a 21   a 22  c2  a 23  c3
a  = a  c + a  c
 31   32  1  33  1
a 
 a 41   a 42   43 

Questo comporterebbe che se le quattro grandezze sono omodimensionali rispetto a M , T allora


debbono esserlo anche rispetto a L . Questo non è possibile e dunque non può essere c1 ≠ 0 .
Analogamente si prova che non può essere c2 ≠ 0, c3 ≠ 0 . Da cui la tesi di lineare indipendenza.
Allora abbiamo un sistema omogeneo normale (cioè con un numero di equazioni L.I. pari al rango
della matrice dei coefficienti) e dunque esso ammette ∞ 4−3 soluzioni.
Adesso consideriamo il caso con n, m generici. Le soluzioni costituiscono un insieme di
dimensione n − m il quale può esprimersi attraverso una sua base come

 i1   b11   b12   b1(n −m ) 


       
 2
i  21 
b  22 
b  b 2 (n −m ) 
 ...  = k1  ...  + k 2  ...  + ... + k n − m  
 ... 
     
i
 n b
 n1  b
 n2   b 
 n (n − m ) 

al variare di k1 , k 2 ,...k n − m in R n −m . Dunque si hanno gli ∞ n−m parametri adimensionali

k b + k 2 b12 + ... + k n −3b1 ( n −m ) k1b21 + k 2 b22 +... + k n −3b2 ( n −m ) k1bn 1 + k 2 bn 2 +... + k n −3bn ( n − m )
P = x1 1 11 x2 ... x n
Se ora facciamo assumere al vettore (k1 , k 2 ,..., k n − m ) i valori della base canonica di R n −m , abbiamo
gli n − m parametri adimensionali

b b bn 1
P1 = x1 11 x2 21 ... xn
b b bn 2
P2 = x1 12 x2 22 ... xn
...
b b2 ( n − m ) bn ( n − m )
Pn − m = x1 1( n −m ) x2 ... xn

152
Ora non vedo come poter affermare che ciascuna grandezza debba comparire in almeno uno di essi.
Però si vede che un parametro adimensionale non può esprimersi come prodotto degli altri. Infatti,
per assurdo, diciamo che il primo si esprima come prodotto degli altri, cioè che sia

b b bn 1 b + b13 + ... + b1 ( n − m ) b22 + b23 + ... + b2 ( n − m ) bn 2 + bn 3 + ... + bn ( n − m )


P1 = P2 P3 ...Pn − m ⇔ x1 11 x2 21 ... xn = x1 12 x2 ... xn ⇔
b11 = b12 + b13 + ... + b1(n − m )

b21 = b22 + b23 + ... + b2 (n − m )

...
bn1 = bn 2 + bn 3 + ... + bn (n − m )

Si vede allora che, se così fosse, verrebbe meno la L.I. dei vettori della base della soluzione

 i1   b11   b12   b1(n −m ) 


       
 i2   b21   b22   b2 (n −m ) 
 ...  = k1  ...  + k 2  ...  + ... + k n −m  ... 
       
i
  b
  b
   b 
n n1 n 2  n (n − m ) 

Dunque effettivamente abbiamo n − m parametri adimensionali tali che ciascuno di essi non si può
ottenere come prodotto degli altri. Resta da dimostrare che ciascuna grandezza compaia in almeno
un parametro, e non so come fare.

Metodo degli indici. E’ il metodo con il quale è possibile ricavare gli n − m parametri
adimensionali che soddisfano le due condizioni indicate nell’enunciato del teorema di Buckingam.
E’ il metodo usato nel paragrafo precedente per dimostrare l’esistenza di tali parametri
adimensionali. Lo riscrivo in maniera compatta. Siano x1 , x2 , x3 ,..., x n le n grandezze fisiche in
gioco. Allora, se supponiamo che le grandezze fondamentali25 siano la lunghezza L , la massa M , e
il tempo T , il generico parametro adimensionale si scrive

[(
P = x1 1 x2 2 x3 3 ... x n n ⇒ [P ] = La11 M a12 T a13
i i i i
) (L
i1 a21
M a22 T a23 ) (L
i2 a31
) (
i3
M a32 T a33 ... Lan1 M an 2 T an 3 )in
]
ovvero

[P] = [Li a +i a
1 11 2 21 +i3a31 +...+in an 1
M i1a12 +i2a22 +i3a32 +...+inan 2 T i1a13+i2a23+i3a33+...+inan 3 ]
Imponendo che il parametro sia adimensionale rispetto le tre grandezze fondamentali si ottiene il
sistema lineare

i1a11 + i2 a 21 + i3a31 + ... + in a n1 = 0



i1a12 + i2 a 22 + i3a32 + ... + in a n 2 = 0
i a + i a + i a + ... + i a = 0
 1 13 2 23 3 33 n n3

25
Nei problemi meccanici praticamente le grandezze fondamentali sono sempre queste tre.
153
Abbiamo dimostrato nel precedente paragrafo che le tre equazioni sono L.I., dunque questo sistema
ammette ∞ n −3 soluzioni, il cui insieme può scriversi

 i1   b11   b12   b1(n −3) 


       
 2
i  21 
b  22 
b  b 2 ( n −3 ) 
 ...  = k1  ...  + k 2  ...  + ... + k n − 3  
 ... 
     
i
 n b
 n1  b
 n2   b 
 n (n −3) 

al variare di k1 , k 2 ,...k n −3 in R n −3 . Dunque si hanno gli ∞ n −3 parametri adimensionali

k b + k 2 b12 +... + k n −3b1 ( n − m ) k1b21 + k 2 b22 + ... + k n −3b2 ( n −m ) k1bn 1 + k 2 bn 2 + ... + k n −3bn ( n −3 )
P = x1 1 11 x2 ... x n
Se ora facciamo assumere al vettore (k1 , k 2 ,..., k n −3 ) i valori della base canonica di R n −3 , abbiamo
gli n − 3 parametri adimensionali

b b bn 1
P1 = x1 11 x2 21 ... xn
b b bn 2
P2 = x1 12 x2 22 ... xn
...
b b2 ( n − 3 ) bn ( n − 3 )
Pn − 3 = x1 1( n −3 ) x2 ... xn

i quali verificano le due proprietà indicate nell’enunciato del teorema di Buckingam, come
dimostrato al paragrafo precedente (in realtà ho dimostrato solo una delle due proprietà!). Questi
sono i parametri adimensionali cercati.

154
Appendice 2. Moto dei fluidi
Classificazione dei fluidi. Si definisce fluido ideale un fluido il quale non presenta sforzi
interni tangenziali, cioè un fluido il quale non resiste alla deformazione. Si dice che un fluido del
genere non abbia viscosità, essendo la viscosità una manifestazione delle forze di coesione delle
molecole del fluido. I fluidi in natura, chi più chi meno, hanno tutti viscosità e dunque il fluido
ideale è un’astrazione. Tuttavia questa astrazione risulta una approssimazione della realtà in molte
corcostanze. Se risulta che la viscosità del fluido non dipende dall’entità dello sforzo, allora si parla
di fluido newtoniano e si ha che lo sforzo tangenziale è dato da

 ∂u ∂u 
τ xy = µ  x + y 
 ∂y ∂x 

Relazione che, con riferimento al moto del fluido contenuto in una tubatura
di asse coincidente con l’asse x , si scrive

∂u x
τ xy = µ
∂y

Si trova che questa relazione è ben adatta a descrivere il


comportamento di aeriformi e fluidi a basso peso molecolare.
In generale però si avrà una relazione del tipo

∂u x
τ xy = µ (τ xy )
∂y

a seconda dell’andamento della quale distinguiamo fluidi pseudoplastici e fluidi dilatanti. In


figura si riporta l’andamento della funzione

∂u x τ xy
=
∂y µ (τ xy )

per gli ultimi tre casi considerati. I polimeri ad alto peso molecolare sono quasi tutti fluidi
pseudoplastici. Si vede che in essi lo sforzo tangenziale cresce più velocemente di quanto cresca il
gradiente di velocità.
Si aggiungono a questi i fluidi plastici i quali hanno la
caratteristica di non deformarsi (si dice di non permettere
scorrimento viscoso) al di sotto di un certo valore di sforzo
tangenziale τ 0 . Poi, al di sopra di questo sforzo, si possono
avere i tre comportamenti gia illustrati. In particolare, se si ha
il comportamento dei fluidi newtoniani, si parla di corpi di
Bingham (vedi figura).

La scienza che studia i fluidi non newtoniani prende il nome di reologia. Comunque per noi i fluidi
reali saranno sempre considerati come newtoniani. Per essi la viscosità dipende fortemente dalla
temperatura e più debolmente dalla pressione. In particolare:

155
1) nel caso degli aeriformi la viscosità aumenta con la temperatura, nei liquidi essa invece
diminuisce con la temperatura26;
2) tanto per aeriformi che per liquidi, la viscosità aumenta con la pressione.

Altro criterio di classificazione dei fluidi è la loro comprimibilità, ovvero la loro variazione di
volume al variare della temperatura. Considerando il coefficiente di comprimibilità isoterma

∆ 1  ∂V 
κ T =−  
V  ∂p T

si ha che se κ T = 0 si parla di fluidi


incomprimibili, se invece κ T > 0 si
parla di fluidi comprimibili. Non serve
specificare che i fluidi reali sono
comprimibili. Tuttavia allo stato liquido
la comprimibilità è molto ridotta rispetto
a quella dello stato aeriforme, e in molti
casi è possibile trattare i problemi con
l’approssimazione della incomprimibilità.
In conclusione si riporta uno schema con il sunto della classificazione dei fluidi fatta in queste
righe.

Moto dei fluidi viscosi. Per quanto riguarda il moto


di un fluido viscoso all’interno di una tubatura si possono
avere due condizioni grossomodo distinte.

1) Se la velocità del moto non è elevata, tutte le particelle


del fluido hanno velocità parallela fra loro e parallela alle
pareti del tubo. Si hanno tuttavia delle ‘falde’ di fluido che corrono a velocità diversa fra di loro, e
tra esse, nelle superfici di separazione, si manifestano gli sforzi viscosi. Non si ha rimescolamento
tra le falde di fluido e il moto si definisce laminare.

2) Se la velocità all’interno del tubo è piuttosto elevata si trova che le particelle di fluido presentano
anche una componente di velocità ortogonale alla direzione del moto nel condotto. Si generano dei
vortici che provocano un elevato rimescolamento per cui non si distinguono più falde di fluido. Il
moto del fluido in questo caso è detto turbolento.

Fu O. Reynolds a testimoniare per la prima volta l’esistenza di questi due possibili moti di un
fluido all’interno di una tubatura, nel 1883.
Si osserva che il moto di aeriformi è quasi sempre turbolento mentre per i liquidi possono aversi
entrambi i moti. In particolare un fluido ad alta viscosità avrà una maggiore propensione per il moto
laminare. Lo studio del moto di un fluido, per le nostre applicazioni, si concretizza nello studio di
due circostanze:

26
Il fatto che la viscosità di un liquido diminuisca con la temperatura si spiega dicendo che all’aumentare della
temperatura diminuiscono le forze di coesione fra le molecolecole. Quello che si dice a proposito degli aeriformi è più
difficile da spiegare ma dipende dal fatto che le molecole si trasferiscono dalla zona a maggiore velocità a quella a
minore velocità rallentando il moto relativo fra le due zone e creando così delle forze viscose. Più aumenta la
temperatura e più questo fenomeno è spiccato.
156
1) il moto relativo fra un fluido ed un oggetto in esso immerso;
2) il moto di un fluido in una tubatura.

Corpo immerso in un fluido. Supponiamo in quanto segue che il corpo solido sia fermo
ed il fluido sia in movimento. Distinguiamo diversi casi a seconda della forma del solido investito
dal fluido e del tipo di moto del fluido.

1) Lastra piana investita da un fluido in moto


laminare. Diciamo che la velocità del moto laminare sia
parallela alla lastra piana e che valga u∞ . Allora, nel
caso di un fluido viscoso, si riscontra che, in prossimità
della lastra la velocità del fluido è nulla. Essa cresce
man mano che ci si allontana dalla lastra, come indicato
in figura, assumendo asintoticamente il valore u∞ . Lo
strato all’interno del quale la velocità del fluido è minore del 99% di u∞ è detto strato limite
meccanico (si dice ‘meccanico’ per disinguerlo dallo strato limite termico) ed è evidenziato dalla
linea tratteggiata in figura.

2) Lastra piana investita da un fluido in moto turbolento. In questo caso la situazione è più
complessa ed è descritta qualitativamente dalla figura. Si vede che in questo caso lo strato limite
meccanico presenta una divisione in due strati, quello più vicino alla lastra, in cui il moto è
laminare, e quello al di sopra di esso, in cui il moto è turbolento. Si osserva che prima di un certo
valore xlim tuttavia lo strato limite è completamente laminare. Tra l’altro si ha che, introdotto il
numero di Reynolds

xu ∞δ
Re =
µ

per Re < 105 ÷ 3 ⋅ 10 6 lo strato limite


meccanico è tutto laminare e dunque il
passaggio al moto turbolento avviene solo
oltre lo strato limite meccanico.

3) Superficie curva investita da un


fluido. Prendiamo il caso in cui il moto del fluido
che investe la superficie sia laminare, infatti il
succo della seguente discussione non cambia se si
ha invece un moto turbolento. Ed il succo è che, a
causa della curvatura della superficie, lo strato
limite può staccarsi da essa (vedi figura) avendo al
di sotto una zona di moto inverso. Da notare che,
nella zona di moto inverso, si realizza una
diminuzione della pressione la quale può dar luogo
alla formazione di bolle di vapore del liquido
stesso. Se si verificano oscillazioni della pressione le bolle di vapore si formano per poi collassare
dando luogo al fenomeno della cavitazione, il quale è rumoroso e danneggia la superficie del corpo.
Il distacco dello strato limite determina lo scambio di una forza fra il fluido e il corpo, detta
resistenza al moto, la quale spinge il corpo nella direzione del moto (vedi fra l’altro Bordoni,
Meccanica Razionale, pag 250). Essa è esprimibile come
157
δu∞ 2
R=C A
2

doce C è un coefficiente da ricavare sperimentalmente, dipendendo dalle caratteristiche fisiche del


fluido e da quelle geometriche dell’ostacolo (vedi oltre), δ è la densità del fluido, A è l’ampiezza
della sezione del corpo ortogonale al moto del fluido. In
particolare esistono dei grafici i quali riportano C in
funzione del numero di Reynolds

u∞δD
Re =
µ

dove D è il diametro di A . Naturalmente l’andamento


del grafico dipende dalla forma dell’oggetto. Riporto il
grafico per la forma sferica. E’ interessante osservare che un fluido ideale (µ = 0 ) tende ad subire
una resistena al moto nulla.

Moto di fluidi dentro tubazioni. Durante l’avanzamento del fluido nel condotto si ha
produzione di entropia (dissipazione di energia mecanica = perdita di carico) a causa delle forze
viscose (forze dissipative) fra le falde di fluido in moto relativo e a causa dei fenomenti di
turbolenza. Dunque se si vuole mantenere uniforme la velocità del flusso del fluido è necessario
somministrare energia meccanica al fluido stesso. Questo si può fare in tre modi diversi

1) sfruttando delle apposite pendenze del condotto per i liquidi;


2) usando pompe per i liquidi;
3) usando ventilatori per aeriformi.

Moto laminare. In questo caso la distribuzione delle


velocità è definita da un paraboloide di rotazione e la
velocità media è data da

u = 0,5u MAX

La perdita di carico è dovuta esclusivamente alla dissipazione di energia cinetica in energia termica
a causa dello scorrimento viscoso tra le falde di fluido in moto relativo.

Moto turbolento. In questo caso il profilo delle velocità


presenta l’andamento caratteristico indicato in figura. Per la
velocità media si ha

u = 0,85u MAX

Si riscontra la presenza di moto laminare in prossimità della


superficie del tubo (d’altra parte basti pensare allo strato limite laminare del moto turbolento). Lo
strato in cui ciò si verifica è detto sottostrato laminare ed ha uno spessore di circa 1/1000 del
diametro del tubo. Il suo spessore diminuisce con la velocità. L’energia meccanica è dissipata in
calore prevalentemente a causa del moto turbolento (caotico) delle particelle di fluido. Il passaggio
da moto laminare a turbolento inizia per Re = uδD / µ ≈ 2500 .

158
Appendice 3. Parametri adimensionali
Principali parametri adimensionali. Segue un elenco dei parametri adimensionali in
uso nei problemi di termofluidodinamica. Gli ultimi tre son un raggruppamento dei primi quattro.

Gr =
(ag )δ 2 l 3θ
⇐ parametro di Grashof
µ2

u ∞ lδ
Re = ⇐ parametro di Reynolds
µ

γµ
Pr = ⇐ parametro di Prandtl
λ

lh
Nu = ⇐ parametro di Nusselt
λ

Pe = Re⋅ Pr ⇐ parametro di Peclet

Ra = Gr ⋅ Pr ⇐ parametro di Rayleigh

Nu
St = ⇐ parametro di Stanton
Re⋅ Pr

Segue l’interpretazione fisica di ciascuno dei primi quattro parametri dell’elenco.

Significato fisico del numero di Grashof. Il numero di Grashof

Gr =
(ag )δ 2l 3θ
µ2

è legato al coefficiente di dilatazione volumica a e al salto di temperatura θ = TP − T∞ . Quindi è


legato al fenomeno della dilatazione volumica per riscaldamento (o alla contrazione per
raffreddamento) e quindi alla spinta di Archimede. Ora vediamo come ricordare questo parametro e
contemporaneamente quale sia il suo significato fisico. Consideriamo un
volume l 3 di liquido. Quando esso non è ancora riscaldato la sua forza
peso vale

F1 = δ 1l 3 g

E questa è anche la spinta dal basso verso l’alto che il fluido circostante
esercita sul volume per tenerlo in quiete. A seguito del riscaldamento
invece la forza peso dello stesso volume è

F2 = δ 2 l 3 g

159
Per cui tale volume è soggetto alla spinta di Archimede

S A = F1 − F2 = (δ 1 − δ 2 )l 3 g

Ora consideriamo il coefficiente di dilatazione volumica. Esso è dato da

1 ∂v ∂ (1 / δ ) 1 ∂δ 1 ∂δ 1 δ 2 − δ1 1 δ1 − δ 2 1 δ1 − δ 2
a= =δ = −δ 2 =− ≈− = =
v ∂T ∂T δ ∂T δ ∂T δ 1 TP − T∞ δ 1 TP − T∞ δ 1 θ

Dunque la spinta di Archimede si scrive anche

S A = F1 − F2 = l 3agδθ

E la pressione che agisce, dal basso verso l’alto, sulla faccia inferiore del cubo è

SA
PA = = lagδθ
l2

Consideriamo adesso invece lo sforzo viscoso agente sulle facce lateriali del cubo quando questo si
mette in moto. Si ha

u
τ =µ
l

Il rapporto fra sforzo viscoso e pressione di Archimede porge

PA lagδθ l 2 agδθ
= =
τ u uµ
µ
l

Moltiplicando questo rapporto per il numero di Reynolds si ottiene il numero di Grashof, infatti

PA ulδ l 2 agδθ agδ 2 l 3θ


Re = =
τ µ uµ µ2

In conclusione il numero di Grashof rappresenta il rapporto fra la pressione di Archimede e lo


sforzo viscoso, moltiplicati per il numero di Reynelds.

Significato fisico del numero di Reynolds. Il parametro di Reynolds


δul
Re =
µ

si scrive anche

160
1 2
δu
Re = 2 2
u
µ
l

avendo moltiplicato numeratore e denominatore per la velocità. Allora riconosciamo a numeratore


l’energia cinetica per unità di volume del fluido. Per quanto riquarda il denominatore si consideri
che dalle relazioni costitutive di un fluido newtoniano non comprimibile

τ ij = − pδ ij + 2 µeij

se consideriamo solo gli effetti della viscosità e se supponiamo un moto bidimensionale di direzione
x , abbiamo

1  ∂u x ∂u y  ∂u
τ xy = 2 µ  +  = µ x
2  ∂y ∂x  ∂y

Dunque a denominatore del parametro di Reynolds abbiamo le forze viscose per unità di superficie.
Il numero di Reynolds è dunque dato da

ENERGIA CINETICA PER UNITA' DI VOLUME


Re = 2
SFORZO VISCOSO

E’ intuitivo dunque riconoscere che maggiore è il valore del numero di Reynolds e maggiore risulta
la tendenza al moto turbolento. Ed in effetti il moto turbolento diventa incipiente per
Re = 2500 ÷ 3000 .

Significato fisico del numero di Prandtl. Il numero di Prandtl


γµ
Pr =
λ

si può scrivere

γµ µ
ν
Pr = δ = δ =
λ λ D
δ γδ

dove ν è la viscosità cinematica e D è la diffusività termica. Si vuole ora provare che queste due
grandezze hanno un significato analogo. Considerando lo sforzo viscoso in un moto bidimensionale
lungo x , del fluido, si ha

∂u x ∂ (δu x ) τ xy
τ xy = µ =ν ⇒ν =
∂y ∂y ∂ (δu x )
∂y

161
Dunque si vede che tanto maggiore è la viscosità dinamica quanto minore è la capacità del fluido di
diffondere quantità di moto. Se consideriamo adesso invece l’equazione di Fourier

∂T ∂T ∂τ
D∇ 2T = ⇒D=
∂τ ∇ 2T

vediamo come la diffusività sia tanto maggiore quanto maggiore è la capacità del corpo di
diffondere calore (variare temperatura) in corrispondenza a gradienti termici. Dunque mentre ν
rende conto della capacità del fluido di diffondere quantità di moto, D rende conto della capacità
del corpo di diffondere calore.

Significato fisico del numero di Nusselt. Il numero di Nusselt


lh
Nu =
λ

si scrive anche

lhθ hθ hθ
Nu = = =
λθ λ θ
θ
l l /λ

Dunque si riconosce subito che il numero di Nusselt esprime il rapporto fra il calore trasmesso
per convezione e quello trasmesso per conduzione.

162
Appendice 4. Entropia
Equazione di Clausius ed entropia. Consideriamo nel piano pV 27 un qualunque ciclo
chiuso (vedi figura). Su di esso consideriamo un ciclo di Carnot infinitesimo fra le temperature
T1 ,T2 . Se δQ1 è il calore assorbito e δQ2 quello ceduto,
sappiamo che

T1 δQ1 δQ2 δQ1 δQ δQ


= ⇒ = ⇒ 1 − 2 =0
T2 δQ2 T2 T1 T1 T2

Considerando infiniti cicli di Carnot infinitesimi


affiancati si può riconoscere la veridicità della formula

δQrev
∫ T
=0

Ho voluto indicare con un pedice che il calore lo si intende scambiato reversibilmente, essendo il
ciclo reversibile. Quella trovata è l’equazione di Clausius dalla cui si deduce subito che l’integrando
è un differenziale esatto. Infatti, considerando ancora la figura, si ha

B A B B
δQrev δQrev δQrev δQrev δQrev
∫ T
=∫
A,γ
T
+ ∫ϕ
B,
T
=0⇒ ∫γ
A,
T
= ∫ϕ
A,
T

e dunque l’integrale fra A, B è funzione solo dei punti estremi. Pertanto è possibile definire una
funzione

B
δQrev
SB = S A + ∫
A
T

il cui differenziale vale

δQrev
dS =
T

Tale funzione prende il nome di Entropia ed è una grandezza estensiva avente le dimensioni di joule
su kelvin.

Diseguaglianza di Clausius. Si vuole discutere qui la variazione di entropia di un sistema


durante una trasformazione irreversibile. Se un sistema percorre una trasformazione irreversibile
non è detto che tutto il sistema abbia la stessa temperatura, istante per istante. Dunque si divide il
sistema in elementi talmente piccoli da avere, in ciascuno di essi, una temperatura uniforme. A
questo punto per ciscun elementino si pone

27
In realtà le coordinate del piano non hanno importanza.
163
δQe δQt δQd
dS = + +
T T T
dove δQe è il calore scambiato con l’esterno, dunque è diverso da zero solo per gli elementi di
frontiera (quelli evidenziati nella figura); δQt è il calore proveniente dagli elementi adiacenti; δQd
è il calore proveniente dalla dissipazione di energia meccanica che avviene nell’elementino stesso.
Bisogna subito dire che avendo definito l’entropia come la funzione il cui differenziale è

δQrev
dS =
T

con δQrev calore scambiato reversibilmente con l’esterno, questa generalizzazione pare azzardata,
comunque è questa la trattazione generalmente fatta a proposito della variazione di entropia in
trasformazioni irreversibili. Allora lungo una trasformazione irreversibile che porti dallo stato A
allo stato B l’intero sistema si ha una variazione complessiva di entropia

B B B
δQe δQt δQd
SB − S A = ∫ ∫ dV + ∫ ∫ dV + ∫ ∫ dV
AV
T AV
T AV
T

Ora il segno del primo addendo è positivo o negativo a seconda che il calore sia assorbito o ceduto.
Il terzo addendo è sempre positivo poiché il calore dissipato è sempre guadagnato dall’elemento di
volume. Per quanto riguarda il secondo addendo si considerino i due elementi 1,2 indicati in figura.
Sia δQ il calore che transita da 1 a 2. Allora abbiamo

164
δQ δQ  1 1  T − T2 
− + =  − + δQ =  1 δQ > 0
T1 T2  T1 T2   T1T2 

dove si è considerato che, per il postulato zero della termodinamica, il calore esce dall’elemento più
caldo per entrare in quello più freddo. Dunque il secondo integrale risulta positivo. In definitiva

B B
δQt δQd
∫∫
AV
T
dV + ∫ ∫
AV
T
dV > 0

Allora siamo in grado adesso di trarre le considerazioni conclusive.

1) In un ciclo irreversibile si ha sempre

δQe
∫∫ V
T
dV < 0

Infatti dovendo essere nulla la variazione di entropia si ha

B B B B B B
δQe δQt δQd δQe δQt δQd
∫∫
AV
T
dV + ∫ ∫
AV
T
dV + ∫ ∫
AV
T
dV = 0 ⇒ ∫ ∫
AV
T
dV = − ∫ ∫
AV
T
dV − ∫ ∫
AV
T
dV < 0

Tale relazione prende il nome di Diseguaglianza di Clausius.

2) In una trasformazione irreversibile adiabatica si ha

SB − S A > 0

Infatti non essendovi scambi di calore con l’esterno si deve avere

B B
δQt δQd
SB − S A = ∫ ∫ dV + ∫ ∫ dV > 0
AV
T AV
T

3) Dalla ultima relazione si vede anche che in una trasformazione reversibile adiabatica si ha

SB − S A = 0

non essndovi gradienti di temperatura fra gli elementi in cui è diviso il sistema ( δQt = 0 ) e non
essendovi dissipazione di energia meccanica in calore ( δQd = 0 ).

4) Ad ogni trasformazione irreversibile l’universo (sistema adiabatico) aumenta la sua entropia.


Infatti esso non scambia calore con l’esterno (perché un esterno non c’è) e dunque,come al punto 2,
si ha ancora

B B
δQt δQd
SB − S A = ∫ ∫ dV + ∫ ∫ dV > 0
AV
T AV
T

165
Trasmissione del calore
Capitolo I. Conduzione

Campi termici 1
Esperienza di Fourier 2
Postulato di Fourier 2
Conduttività termica 3
Diffusività termica 5
Parete piana in regime stazionario 6
Parete piana multistrato in regime
stazionario 7
Parete piana con sviluppo interno di calore 8
Parete cilindrica in regime stazionario 10
Resistenza termica di contatto 13

Capitolo II. Convezione

Strato limite meccanico e strato limite termico 15


Il coefficiente di convezione 16
Analisi dimensionale 17
Legge per la convezione 19

Capitolo III. Irraggiamento

Onde elettromagnetiche 21
Classificazione delle onde elettromagnetiche 21
Grandezze di emissione elettromagnetica 22
Emissione. Legge del coseno 23
Grandezze di incidenza 23
Grandezze di assorbimento 23
Assorbimento e riflessione 24
Legge di Kirchhoff 25
Corpo nero 26
Corpo grigio 27
Corpo selettivo 28
Le leggi sulla emissione del corpo nero 28
Altre grandezze di emissione 29
Fattore di forma 30
Flusso termico fra due corpi 31
Corpo che irradia nel vuoto 33
Corpo in una cavità 34
Piani paralleli affacciati 34
Schermo di radiazione 35
Schermi di radiazione 36
Vetro 37
Serra 37

166
Capitolo 4. Applicazioni civili, pareti divisorie

Approssimazione lineare 39
Fattore di radiazione 39
Adduzione 40
Parete fra due fluidi 41
Parete con intercapedine 42
Parete esposta ad irraggiamento solare 43
Parete vetrata 43
Materiali termoisolanti 44
Temperatura fittizia 45

Capitolo 5. Applicazioni industriali, scambiatori di calore

Scambiatori di calore a tubi concentrici


in equicorrente 46
Scambiatori di calore a tubi concentrici
in controcorrente 49
Scambiatori di calore a tubi e mantello 51
Raffreddamento di un fluido in una tubazione 51
Isolamento delle tubazioni 53
Condensatore, evaporatore 56
Temperatura media logaritmica 56

Capitolo 6. Altre applicazioni industriali

Filo nudo percorso da corrente 60


Filo isolato percorso da corrente 60
Aletta di raffreddamento 61
Riscaldamento e raffreddamento di un corpo 64

Capitolo 7. Trasmissione di calore per ebollizione e per condensazione

L’esperimento di Nukiyama 67
Modalità di ebollizione 68
Nucleazione 69
Meccanismi di scambio termico 70
Equazione di Rosenhow 71
Flusso critico 73
Condensazione a film 74
Condensazione a gocce 77

Capitolo 8. Casi non stazionari

Muro di Fourier 78
Generalizzazione del muro di Fourier 81
Parete fra due fluidi 82
Lastra piana con variazione brusca
delle temperature superficiali 84

167
Termodinamica applicata
Capitolo 1. Proprietà dei miscugli liquido vapore

Trasformazioni isotitolo. Regola della leva 88


Equazione di Clapeyron 90
Regola delle fasi 92
Diagramma entropico 93
Diagramma entalpico o di Mollier 96
Diagramma frigorifero 97

Capitolo 2. Sistemi termodinamici aperti

Conservazione della massa 99


Conservazione dell’energia 99
Lavoro reversibile 102
Analisi della perdita di carico 102
Perdite di carico ripartite 103
Perdite di carico concentrate 105
Pompe: prevalenza 105
Pompe: altezza di aspirazione 106
Circuiti idraulici aperti: impianto di sollevamento 107
Circuiti idraulici chiusi 110
Rubinetto o valvola o strozzatura 110
Ugello 111
Efflusso adiabatico in parete sottile 111

Capitolo 3. Complementi di termodinamica

Reversibilità completa 114


Ciclo di Carnot motore 114
Ciclo di Carnot frigorifero 115
Pompa di calore 116

Capitolo 4. Macchine a vapore

Cenni storici 117


Vantaggi delle macchine a vapore 117
Ciclo Rankine teorico 119
Rendimento del ciclo Rankine 122
Macchine a vapore alternative 122
Camicia di Watt 123
Ciclo Rankine-Hirn 123
Impianti con espansori a turbina 124
Schema di una centrale termoelettrica 126

Capitolo 5. Macchine a combustione interna

Notizie generali e cenni storici 130


Motori a benzina 130

168
Ciclo Otto teorico 131
Motori Diesel 137
Ciclo Diesel teorico 136
Confronto fra i cicli Diesel e Otto 137
Turbine a gas 138
Ciclo Brayton teorico 139
Recupero del calore nelle turbine a gas 143

Capitolo 5. Macchine frigorifere

Macchine a compressione,
elementi termodinamici 145
Ciclo Rankine inverso e schema di
funzionamento 145
Effetto utile del ciclo Rankine inverso 147
Macchine ad assorbimento, introduzione 147
Macchine ad assorbimento, principio di
funzionamento 149

Appendice 1. Teorema di Buckingham 152

Appendice 2. Moto dei fluidi 155

Appendice 3. Parametri adimensionali 159

Appendice 4. Entropia 163

169