Sei sulla pagina 1di 16

Revue des études byzantines

I versi sulla hesychia del monaco Teofane (fine 14° secolo)


Antonio Rigo

Riassunto
I versi sulla hesychia del monaco Teofane sono già stati editi nella Filocalia (1782), ma sino a oggi non è stata proposta
nessuna datazione per questo autore e la sua opera. Lo studio della tradizione manoscritta, unito all’analisi contenutistica
dei versi, permette di collocare Teofane e la sua composizione attorno al 1400, in Costantinopoli e, con ogni
verosomiglianza, nell’ambiente (e forse nello stesso monastero) di Callisto e Ignazio Xanthopouloi. Segue una riedizione
dei versi sulla hesychia.

Résumé
Les vers du moine Théophane sur l’hèsychia ont déjà été édités dans la Philocalie (1782), mais jusqu’à présent on n’a
proposé aucune date pour cet auteur et son oeuvre. L’étude de la tradition manuscrite, conjointement à l’analyse du
contenu des vers, permet de situer Théophane et son poème autour de 1400, à Constantinople et, selon toute
vraisemblance, dans l’entourage (et peut-être dans le monastère lui-même) de Calliste et Ignace Xanthopoulos. Suit une
réédition des vers sur l’hèsychia.

Citer ce document / Cite this document :

Rigo Antonio. I versi sulla hesychia del monaco Teofane (fine 14° secolo). In: Revue des études byzantines, tome 70,
2012. pp. 133-147;

doi : https://doi.org/10.3406/rebyz.2012.4976

https://www.persee.fr/doc/rebyz_0766-5598_2012_num_70_1_4976

Fichier pdf généré le 16/04/2018


I VERSI SULLA HESYCHIA DEL MONACO TEOFANE
(FINE 14o SECOLO)

Antonio RIGO

I versi della Scala delle grazie della hesychia (Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας
ἐνθάδε) del monaco Teofane sono stati editi nella Filocalia da Nicodemo
l’Aghiorita e Macario di Corinto (1782) 1. Una parte (versi 1-16, 31-35) e lo
schema che li accompagna sono stati poi ripubblicati, sulla base della
Filocalia, da Porphirij Uspenskij nel suo volume dedicato alla storia
dell’Athos, dopo una serie di estratti del gradino XXVII sulla hesychia della
Scala di Giovanni Climaco, affiancati da diagrammi e schemi 2. I versi di
Teofane sono stati di fatto ignorati dagli studiosi 3, a eccezione di una breve
notizia di Jean Gouillard, nella quale si accenna al contenuto e si ipotizza, sia
pur in forma dubitativa, che i versi risalgano a un epoca non anteriore al 14o
secolo e forse ancora più tarda (16o s.?) 4. Sulla base di queste indicazioni, un
recente repertorio ha ripetuto che i versi sono del 14o secolo 5.
Un buon punto di partenza per una riconsiderazione dell’operetta e del suo
autore e per giungere a una datazione precisa è senza dubbio la presentazione
dei manoscritti che conservano i versi.

Mosq. Synod. gr. 259 (Vladimir 423) 6. Questo manoscritto, già appartenuto al
monastero di Iviron e portato a Mosca da Arsenij Suchanov nel 1655, contiene una
piccola raccolta di testi ascetico-spirituali (la sua Interpretazione della preghiera di

1. Φιλοκαλία τῶν ἱερῶν νηπτικῶν, Venezia 1782, p. 549-550 = Athina 19583, II, p. 315-317.
2. История Афона, III.1, Kiev 1877, p. 613-614; cfr. III. 2, p. 211 e 215.
3. I versi sono logicamente segnalati da I. VASSIS, Initia Carminum Byzantinorum (Supplementa
Byzantina. Texte und Untersuchungen 8), Berlin-New York 2005, p. 514, 409. Nelle numerose
traduzioni in lingue moderne della Filocalia, comune è il giudizio che leggiamo in The Philokalia.
The Complete Text compiled by St Nikodimos of the Holy Mountain and St Makarios of Corinth,
translated from the Greek and edited by G. E. H. PALMER, P. SHERRARD & K. WARE, III, London
1984, p. 66: «nothing is known concerning its author».
4. J. GOUILLARD, Théophane le Climaque, in DTC, 15, 1946, col. 512.
5. S. S. HORUJY, Исихазм: аннотированная библиография, Moskva 2004, p. 462.
6. Cfr. VLADIMIR, Систематическое описаніе рукописей Московской Синодальной
Библіотеки, I, Moskva 1894, p. 636-638; B. L. FONKIČ, F. B. POLJAKOV, Греческие рукописи
Синодальной Библиотеки, Moskva 1993, p. 137-138; B. L. FONKIČ, Codici autografi di
Bessarione, Giovanni Eugenico e Critobulo conservati a Mosca, RSBS 4, 1984, p. 34, 36;
B. L. FONKIČ, F. B. POLJAKOV, Markos Eugenikos als Kopist. Zur Tätigkeit eines Gelehrtenkreises
an den Konstantinopolitaner Skriptorien im ersten Drittel des 15. Jahrhunderts, BZ 84/85, 1991/92,
p. 21-22.

Revue des Études Byzantines 70, 2012, p. 133-147.


134 ANTONIO RIGO

Gesù, Callisto e Ignazio Xanthopouloi, Niceforo l’Athonita, Gregorio Palamas),


copiata da Marco Eugenico nel primo terzo del 15o secolo 7, troviamo i versi al
f. 199r-v, Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης.
Athos, Iviron 388 (4508) (16o s.), f. 994 8. Questa voluminosa raccolta, chiamata
per l’appunto Okeanos, è stata organizzata nella cerchia degli allievi di Teofane
Eleaboulkos 9. (f. 950v) Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς
τοὔνομα Θεοφάνης, preceduti dall’opuscolo di Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto
il nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, tit.: Ἐκ τοῦ Συντάγματος Καλ-
λίστου τοῦ ἁγιωτάτου πατριάρχου θαυμασιώτατον. In questa sezione della raccolta
troviamo (f. 942v-946v) l’Interpretazione della preghiera di Gesù di Marco Eugenico
senza nome dell’autore (Περὶ τῶν ἐμφερομένων τῇ θείᾳ εὐχῇ ῥημάτων, ἤτοι περὶ τοῦ
Κύριε Ἰησοῦ Χριστέ, Υἱὲ τοῦ Θεοῦ ἐλέησόν με, inc.: Ὅση μὲν ἡ τῆς εὐχῆς δύναμις),
seguita da un escerto di Niceforo l’Athonita sulla custodia del cuore tratto dal Metodo
e canone di Callisto e Ignazio Xanthopouloi, Μέθοδος φυσικὴ περὶ τῆς ἔνδον καρδίας
δι’ εἰσπνοῆς ῥινὸς εἰσοδοεξόδου καὶ τῆς μετ’ αὐτῆς προσευχῆς, inc.: Οἶδας, ἀδελφέ,
ὅτι ἡ πνοή, ἣν ἀναπνέομεν, ὁ ἀὴρ οὗτός ἐστιν: Xanthopouloi, Metodo e canone, 19:
Φιλοκαλία τῶν ἱερῶν νηπτικῶν, Athina 19613, IV, p. 221-222; cfr. ibidem, p. 27-28.
Athos, Iviron 1400 (nunc 332) (17o-18o s.) 10. In questa collezione ascetico-spiri-
tuale (Apoftegmi, abba Isaia, Teodoro di Edessa, Esichio di Batos, Gregorio il Sinaita,
Simeone il Nuovo Teologo, Isacco il Siro, Callisto e Ignazio Xanthopouloi, Callisto
Angelicude, Niceforo l’Athonita, Pseudo-Macario, exc. dalla Vita di Massimo il
Kausokalyba di Teofane, ecc.), i versi sulla scala del monaco Teofane, tit.: Κλίμαξ
χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, compaiono due volte (f. 56r-v e f. 96v-97v).
Athos, Pantokrator 98 (1132) (18o s.) 11. La Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.:
Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης, è seguita dalla Δήλωσις περὶ τῶν ἑπτὰ σωμα-
τικῶν πράξεων, dai 14 Capitoli di Callisto I, Simeone il Nuovo Teologo, Gregorio il
Sinaita e da exc. dalla Vita di Massimo Kausokalyba e dall’Encomio di Gregorio
Palamas in demotico.
Athos, Lavra K 110 (1397) (18o s.) 12. I versi di Teofane compaiono in una sezione
del codice nella quale troviamo le seguenti opere ascetico-spirituali:
1. (f. 88-91) Interpretazione della Preghiera di Gesù di Marco Eugenico qui ano-
nima, Διασάφησις περὶ τῶν ἐμφερομένων τῇ θείᾳ εὐχῇ ῥημάτων, ἤτοι περὶ τοῦ Κύριε
Ἰησοῦ Χριστέ, Υἱὲ τοῦ Θεοῦ ἐλέησόν με, inc.: Ὅση μὲν ἡ τῆς εὐχῆς δύναμις.

7. Su questa raccolta cfr. A. RIGO, Marco Eugenico autore e lettore di opere spirituali, Bulgaria
Mediaevalis 2, 2011, p. 215-229.
8. Cfr. Sp. P. LAMPROS, Catalogue of the Greek Manuscripts on Mount Athos, II, Cambridge
1900, p. 122-138; B. PSEPHTOGAS, Le Codex 388 du monastère Iviron, dit Ὠκεανός, Cyril-
lomethodianum 5, 1981, p. 132-145.
9. Sul quale v. E. KERMELIS, Théophanis Eléavoulcos professeur et prédicateur grec (XVIe s.). Sa
personnalité et son œuvre littéraire, Strasbourg 1980 (diss.); V. BOUBOU-STAMATI, Ἀνέκδοτα
κείμενα Θεοφάνους Ἐλεαβούλκου καὶ Ἑρμοδώρου Ληστάρχου, in Πρακτικὰ Β´ Διεθνοῦς Συνεδρίου
Πελοποννησιακῶν Σπουδῶν, III, Athina 1981-82, p. 27-28.
10. Cfr. P. SOTIROUDIS, Ἱερὰ Μονὴ Ἰβήρων. Κατάλογος ἑλληνικῶν χειρογράφων, ΙΑ´ (1387-
1568), Hagion Oros 2007, p. 25-36.
11. Cfr. Sp. P. LAMPROS, Catalogue of the Greek Manuscripts on Mount Athos, I, Cambridge
1895, p. 102; A. RIGO, I Capitoli sulla purezza dell’anima del patriarca Callisto I, BZ 100, 2007,
p. 781; v. anche più in basso n. 20.
12. Cfr. SPYRIDON LAVRIOTIS, S. EUSTRATIADIS, Catalogue of the Greek Manuscripts in the
Library of the Laura on Mount Athos, Cambridge 1925, p. 239.
I VERSI SULLA HESYCHIA 135

2. (f. 91-104) Alcuni capitoli di Gregorio il Sinaita, tit.: Περὶ ἡσυχαστῶν τοῦ
ὁσίου πατρὸς ἡμῶν Γρηγορίου τοῦ Σιναΐτου. Seguono i capitoli Περὶ τοῦ πῶς δεῖ
καθέζεσθαι τὸν ἡσυχάζοντα εἰς τὴν εὐχήν (Sulla preghiera, 1: Φιλοκαλία, IV, p. 80),
Περὶ τοῦ πῶς δεῖ λέγειν τὴν εὐχήν (ivi, 2: p. 80), Περὶ τοῦ πῶς δεῖ κρατεῖν τὸν νοῦν
(ivi, 3: p. 81), Περὶ τοῦ πῶς δεῖ διώκειν τοὺς λογισμούς (ivi, 4: p. 81-82), Τοῦ αὐτοῦ
περὶ ἡσυχίας (Capitoli con acrostico, 99: ivi, p. 47-48), Περὶ ἡσυχίας (ivi, 103: p. 48-
49), Περὶ ἡσυχίας (ivi, 104: p. 49), Περὶ ἡσυχίας (ivi, 108, 106: p. 50, 49), Τοῦ αὐτοῦ
περὶ τοῦ πῶς δεῖ ψάλλειν (Sulla preghiera, 5: p. 82-83), Τοῦ αὐτοῦ περὶ τοῦ πῶς δεῖ
ἑστιᾶσθαι (ivi, 6: p. 83-84), Τοῦ αὐτοῦ περὶ πλάνης, ἐν ᾧ καὶ περὶ πολλῶν ὑποθέσεων
(ivi, 7: p. 84-87), Ἐρώτησις· Τί ποιήσει τις ὅτι μετασχηματίζεται ὁ δαίμων εἰς ἄγγε-
λον φωτὸς καὶ ἀποπλανᾷ τὸν ἄνθρωπον; (ivi, 8: p. 88), Ἄλλο (Capitoli con acrostico,
132: ivi, p. 61), Ἕτερον (ivi, 135: p. 61-62), Περὶ τῆς ἐμπαθοῦς ἀλλοιώσεως (Altri
capitoli, 4: ivi, p. 63-64), Περὶ τῆς ἀγαθῆς ἀλλοιώσεως (ivi, 5: p. 64), Περὶ πανουρ-
γίας δαιμόνων (Evagrio il Pontico, Sulla preghiera, 92, 95, 134: Φιλοκαλία τῶν ἱερῶν
νηπτικῶν, I, Athina 19573, p. 184-185, 188).
3. Due estratti dalla Vita di Massimo il Kausokalyba di Ioannikios Kochilas (BHG
1237f) (f. 104-107) Ἐκ τοῦ βίου τοῦ ἁγίου Μαξίμου Καψοκαλύβη ἅπερ ἠρωτήθη
παρὰ τοῦ ἁγίου Γρηγορίου τοῦ Σιναΐτου, inc.: Φράζε μοι ἀξιῶ, τιμιώτατε πάτερ,
(f. 107-108) Τοῦ αὐτοῦ ἁγίου Μαξίμου Καψοκαλυβίτου λόγος πάνυ ὡραῖος, inc.:
Γνώριμον εἶναι τοῖς πᾶσιν.
4. (f. 108-109) Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto il nome del solo Callisto),
Sugli effetti dell’orazione, tit.: Ἐκ τοῦ Συντάγματος Καλλίστου τοῦ ἁγιωτάτου
πατριάρχου θαυμασιώτατον: NIKODEMOS HAGHIOREITES, Κῆπος χαρίτων, Venezia 1819,
p. 221-222.
5. (f. 109v-110) Teofane, Versi, Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς
μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης.
6. (f. 110-111v) Diadoco di Fotice, Capitoli, 31-33, tit.: Ἐκ τῶν τοῦ ἁγίου
Διαδόχου κεφαλαίων λα´ Περὶ διακρίσεων τῶν σημείων τῆς χάριτος καὶ τῆς πλάνης
πνεύματος: E. DES PLACES, Diadoque de Photicé. Œuvres spirituelles (SC 5ter), Paris
1966, p. 101-104.
7. (f. 111v) Sulla differenza tra preghiera e orazione, tit.: Ἀνωνύμου περὶ τοῦ τί
διαφέρει εὐχὴ καὶ προσευχή. Inc.: Ἄλλο ἐστὶν εὐχὴ καὶ ἕτερον προσευχή· καὶ ἡ μὲν
προσευχὴ αἴτησίς ἐστι τῶν διδομένων ἡμῖν δώρων παρὰ Θεοῦ, des.: τὸ γὰρ μὴ ἐπαγ-
γείλασθαι δῶρον Θεῷ ἀκίνδυνον, τὸ δὲ εὔξασθαι καὶ ἀθετῆσαι κατάκριτον:
M. CHALENDARD, Nicétas Stéthatos, Le paradis spirituel, Paris 1945, p. 77.
Segue Simeone il Nuovo Teologo, Orazioni, 33, 26, 32, 11, tit. : Ἐκ τῆς συγ-
γραφῆς τοῦ ὁσίου πατρὸς ἡμῶν Συμεὼν τοῦ Νέου Θεολόγου πρεσβυτέρου καὶ
ἡγουμένου μονῆς τοῦ ἁγίου Μάμαντος τῆς Ξηροκέρκου ἐκ τοῦ β´ βιβλίου αὐτοῦ τοῦ
λγ´ λόγους περιέχοντος.
Questa serie di brevi testi ascetico-spirituali, comprendente i versi di Teofane, è
conservata in altri manoscritti del 18o secolo.
Athos, Lavra K 126 (1413) (18o s.) 13. Dopo l’opera di Pietro Damasceno e Esichio
di Batos, Capitoli alfabetici, (p. 375-381) Interpretazione della preghiera di Gesù qui
anonima, Διασάφησις περὶ τῶν ἐμφερομένων τῇ θείᾳ εὐχῇ ῥημάτων, ἤτοι περὶ τοῦ
Κύριε Ἰησοῦ Χριστέ, Υἱὲ τοῦ Θεοῦ ἐλέησόν με, inc.: Ὅση μὲν ἡ τῆς εὐχῆς δύναμις.
(p. 381-407) Gregorio il Sinaita, Περὶ ἡσυχαστῶν. (p. 407-415) Due estratti dalla Vita
di Massimo il Kausokalyba di Ioannikios Kochilas, Ἐκ τοῦ βίου τοῦ ἁγίου Μαξίμου

13. Ivi, p. 246.


136 ANTONIO RIGO

Καψοκαλύβη ἅπερ ἠρωτήθη παρὰ τοῦ ἁγίου Γρηγορίου τοῦ Σιναΐτου, inc.: Φράζε μοι
ἀξιῶ, τιμιώτατε πάτερ, Ἐκ τοῦ αὐτοῦ ἁγίου Μαξίμου Καψοκαλυβίτου λόγος πάνυ
ὡραῖος, inc.: Γνώριμον εἶναι τοῖς πᾶσιν. (p. 415-417) Callisto e Ignazio Xanthopouloi
(sotto il nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, tit.: Ἐκ τοῦ Συντάγματος
Καλλίστου τοῦ ἁγιωτάτου πατριάρχου θαυμασιώτατον. (p. 418-419) Teofane, Versi,
Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Seguono
Diadoco di Fotice, Capitoli, 31-33, la Vita di Simeone il Nuovo Teologo e una scelta
delle sue Orazioni.
Athos, Skiti Kausokalyba 14 (18o s.), f. 266 14. La raccolta, preceduta da un titolo
(Συναγωγὴ τῶν θεοφθόγγων ῥημάτων καὶ διδασκαλιῶν τῶν θεοφόρων πατέρων ἀπὸ
πάσης γραφῆς θεοπνεύστου συναθροισθεῖσα καὶ οἰκείως καὶ προσφόρως ἐκτεθεῖσα
εἰς ὠφέλειαν τῶν ἐντυγχανόντων) identico a quello del florilegio di Paolo
dell’Everghetis e alla collezione organizzata verso la fine del 16o secolo da Dionisio il
Retore (Athos, Haghia Anna 22 [103]), presenta Simeone il Nuovo Teologo,
Orazioni, abba Isaia, Diadoco di Fotice, Elia l’ekdikos, Esichio di Batos, Capitoli
alfabetici. Segue quindi la breve serie di testi, tra i quali i versi di Teofane. (f. 197v)
Interpretazione della preghiera di Gesù qui anonima, (f. 200) Gregorio il Sinaita,
Περὶ ἡσυχαστῶν, (f. 211) Due exc. dalla Vita di Massimo il Kausokalyba, (f. 214v)
Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto il nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’ora-
zione, (f. 216) Diadoco, Capitoli, 31-33, (f. 217) Sulla differenza tra preghiera e ora-
zione, (f. 217v) Teofane, Versi, Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς
μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Nella parte finale sono presenti estratti degli Apoftegmi,
Teodoro di Edessa, Doroteo, abba Isaia.
Athos, Haghia Anna 57 (a. 1750), f. 512 15. Codice copiato per conto dello ieromo-
naco Anthimos (sottoscrizione del gennaio 1750). La prima parte (f. 1-323v) presenta
una selezione di opere di Simeone il Nuovo Teologo. Segue la breve serie di testi spi-
rituali, tra i quali i versi di Teofane. (f. 324) Interpretazione della preghiera di Gesù
qui anonima, (f. 328) Gregorio il Sinaita, Περὶ ἡσυχαστῶν, (f. 346) Due exc. dalla
Vita di Massimo il Kausokalyba, (f. 351) Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto il
nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, (f. 353) Diadoco, Capitoli, 31-33,
(f. 355) Sulla differenza tra preghiera e orazione, (f. 355v) Teofane, Versi, Κλίμαξ
χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Nella parte suc-
cessiva sono conservate le opere di Esichio, Capitoli alfabetici, Filoteo di Batos,
Diadoco di Fotice, Nilo d’Ancira (Evagrio il Pontico), Massimo il Confessore.
Athos, Skiti Kausokalyba 15 (18o s.), f. 221 16. Nota di possesso dello ieromonaco
Theokletos dell’anno 1764. Nella prima parte del codice sono stati ricopiati Pietro
Damasceno ed Esichio di Batos, Capitoli alfabetici. Segue la breve serie di testi spiri-
tuali, tra i quali i versi di Teofane. (f. 188) Interpretazione della preghiera di Gesù qui
anonima, (f. 191) Gregorio il Sinaita, Περὶ ἡσυχαστῶν, (f. 204) Due exc. dalla Vita di
Massimo il Kausokalyba, (f. 208) Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto il nome del
solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, (f. 209) Diadoco, Capitoli, 31-33, (f. 211)
Sulla differenza tra preghiera e orazione, (f. 211v) Teofane, Versi, Κλίμαξ χαρίτων

14. Cfr. E. KOURILAS, S. EUSTRATIADIS, Κατάλογος τῶν κωδίκων τῆς Ἱερᾶς Σκήτης Καυσο-
καλυβίων καὶ τῶν καλυβῶν αὐτῆς (Ἁγιορειτικὴ βιβλιοθήκη 5), Paris 1930, p. 30-34.
15. Cfr. GHERASIMOS MIKRAGHIANNANITIS, Κατάλογος χειρογράφων κωδίκων τῆς βιβλιοθήκης
τοῦ Κυριακοῦ τῆς κατὰ τὸ Ἁγιώνυμον Ὄρος τοῦ Ἄθω Ἱερᾶς καὶ Μεγαλωνύμου Σκήτης τῆς Ἁγίας
Θεομήτορος Ἄννης, EEBS 30, 1960/61, p. 496-504.
16. Cfr. KOURILAS, EUSTRATIADIS, Κατάλογος, p. 34-35.
I VERSI SULLA HESYCHIA 137

ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Negli ultimi fogli estratti
dell’abba Isaia e di Pietro suo discepolo.
Hierosol., S. Saba 378 (18o s.), f. 198 17. Il codice presenta un contenuto sostan-
zialmente identico. Nella prima parte del manoscritto sono stati ricopiati Pietro
Damasceno ed Esichio di Batos, Capitoli alfabetici. Segue la breve serie di testi spiri-
tuali, tra i quali i versi di Teofane: (f. 116) Interpretazione della preghiera di Gesù
qui anonima, (f. 117v) Gregorio il Sinaita, Περὶ ἡσυχαστῶν, (f. 125v) Due exc. dalla
Vita di Massimo il Kausokalyba, (f. 128) Callisto e Ignazio Xanthopouloi (sotto il
nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, (f. 129v) Diadoco, Capitoli, 31-33,
(f. 129v) Sulla differenza tra preghiera e orazione, (f. 130) Teofane, Versi, Κλίμαξ
χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Negli ultimi fogli
estratti vari (abba Isaia, di Pietro suo discepolo, Basilio, Simeone il Nuovo Teologo,
Barsanufio, ecc.).
Athos, Haghia Anna 58 (18o s.), p. 574 18. Manoscritto donato alla skiti da
Dionysios Kallipolites, figura ben conosciuta di Haghia Anna negli anni 70-80 del 18o
secolo 19. Questa raccolta ascetico-spirituale è molto simile a quelle dei due codici
precedenti. Nella prima parte sono stati ricopiati Pietro Damasceno ed Esichio di
Batos, Capitoli alfabetici. Segue una scelta tratta dalla consueta breve serie di testi
spirituali. (p. 479) Gregorio il Sinaita, Περὶ ἡσυχαστῶν, (p. 509) Callisto e Ignazio
Xanthopouloi (sotto il nome del solo Callisto), Sugli effetti dell’orazione, (p. 512)
Diadoco, Capitoli, 31-33, Simeone il Pio, Discorso ascetico, 30: H. ALFEYEV, Syméon
le studite. Discours ascétique (SC, 460), Paris 2001, p. 108-110, inc.: Εὐχομένου σου,
εἰ δειλία τις, (p. 516) Teofane, Versi, Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε, inc.: Οἰκτρὸς
μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης. Nella parte finale estratti di Isaia, abba Filemone,
Pseudo-Giovanni Crisostomo, Epistola ai monaci, ecc.
Resta da aggiungere un altro manoscritto, che, come ha mostrato di recente
Symeon A. Paschalidis, rappresenta il materiale preparatorio in vista dell’edizione
della Filocalia 20, Skiathos, Mone Euaggelismou 10, f. 91-92v, inc.: Οἰκτρὸς μοναχὸς
τοὔνομα Θεοφάνης.
Da segnalare infine la presenza, nel Τόμος ἀπαλλαγῆς τῆς τῶν κακοδόξων πλάνης
καλούμενος δέλτος ὀρθοδόξου πίστεως ὁμολογίας καὶ βίβλος δογματικῆς πανοπλίας,
composto sul Monte Athos nel 1844 (Athos, Haghia Anna 4 [85]) 21, p. 569, del titolo
Πῶς κατορθοῦται ἡ νοερὰ ἡσυχία καὶ ἡ καθαρὰ προσευχή. Κλίμαξ Θεοφάνους μονα-
χοῦ καὶ ἑρμηνεία αὐτῆς.

La testimonianza dei manoscritti ha mostrato come i versi sulla hesychia


di Teofane abbiano goduto di una discreta popolarità durante l’epoca moderna
(17o e soprattutto 18o s.) negli ambienti monastici del Monte Athos, all’in-

17. Cfr. A. PAPADOPOULOS-KERAMEUS, Ἱεροσολυμιτικὴ βιβλιοθήκη, II, Sankt Peterburg 1894,


p. 508-511.
18. Cfr. GHERASIMOS MIKRAGHIANNANITIS, Κατάλογος, p. 504-506.
19. Cfr. M. I. GEDEON, Ὁ Ἄθως, Konstantinoupolis 1885, p. 220; L. POLITIS, M. POLITI,
Βιβλιογράφοι 17ου-18ου αἰῶνος: Συνοπτικὴ καταγραφή, Δελτίον τοῦ Ἱστορικοῦ καὶ Παλαιο-
γραφικοῦ Ἀρχείου. Μορφωτικὸ Ἵδρυμα Ἐθνικῆς Τράπεζας 6, 1988-92, p. 426.
20. Cfr. S. A. PASCHALIDIS, Συμβολὴ στὴν ἔρευνα τῆς χειρόγραφης παράδοσης τῆς Φιλοκαλίας,
in Ὁ ἅγιος Νικόδημος ὁ Ἁγιορείτης καὶ ἡ ἐποχή του. Ἁγιορειτικὴ Ἑστία, Πρακτικὰ Δ´
Ἐπιστημονικοῦ Συνεδρίου (Νοεμ. 2009), Thessaloniki 2012, dove si parla anche del ms. Athos,
Pantokratoros 98 (1132) (un cordiale ringraziamento all’amico S. Paschalidis per avermi dato in
lettura l’articolo prima della pubblicazione).
21. Cfr. GHERASIMOS MIKRAGHIANNANITIS, Κατάλογος, p. 104-136.
138 ANTONIO RIGO

terno di una piccola raccolta di testi di contenuto ascetico-spirituale, che poi


ritroviamo riprodotta in parte nella Filocalia. Il manoscritto più antico conte-
nente i versi, conservato per un certo periodo nella biblioteca di Iviron, era
stato eseguito (per la sezione che ci interessa) da Marco Eugenico nel primo
terzo del 15o secolo. Sappiamo perciò che il monaco Teofane compose i suoi
versi prima di quel momento. In assenza di ulteriori elementi esterni, i versi e
il loro contenuto forniscono ulteriori indicazioni utili per una collocazione
cronologica (e non solo) del loro autore. Iniziamo dall’unica citazione espli-
cita fatta da Teofane, quando riprende «uno dei teofori» (τις τῶν θεοφόρων)
(v. 27-30). Il Padre citato in modo anonimo non è altri che Gregorio Palamas
(con ogni probabilità riecheggiato anche ai v. 23 e 50). L’appellativo utiliz-
zato mostra che Gregorio è annoverato e riconosciuto come uno dei Padri:
siamo perciò sicuramente dopo la sua morte (1357) e canonizzazione (1368).
Possiamo perciò giungere a una prima conclusione: Teofane compose i suoi
versi sulla hesychia nel periodo che va dagli ultimi decenni del 14o e gli inizi
del 15o secolo (cioè tra il 1370 e il 1420 circa). Un’analisi più approfondita
del contenuto dei versi permette di restringere questo arco temporale e, forse,
di individuare l’ambiente nel quale visse l’autore e di giungere a una sua
identificazione.
L’itinerario spirituale è delineato da Teofane con l’immagine di una scala
di dieci gradini, che è anche tracciata di fianco ai versi. Al riguardo, il primo e
più ovvio rimando è logicamente alla scala di trenta gradini, numero che
rimanda agli anni di Gesù, esposta da Giovanni Climaco nella sua opera. Ma
nel 14o secolo altri testi e autori spirituali presentano scale di un numero
minore di gradini, sempre con lo scopo di illustrare l’avanzamento spirituale.
L’anonimo autore del Metodo della santa preghiera e attenzione, ispirandosi
e rinviando direttamente a Climaco, parlava di quattro gradini della condi-
zione monastica per l’ascesa alla perfezione (ἐπὶ τὸ τέλειον ἀνελθεῖν): pratica
(praxis), salmodia, preghiera e contemplazione (theoria) 22. Gregorio il
Sinaita, da parte sua, esponeva una «piccola, grande e breve scala» (μικρὰ καὶ
μεγάλη καὶ σύντομος κλίμαξ) di cinque gradini: rinunzia – sottomissione –
ubbidienza – umiltà – amore. «Con questa breve scala chi è veramente ubbi-
diente sale in cielo» 23. In altri casi si rimanda semplicemente alla scala quale
figura dell’itinerario spirituale. Così, il patriarca Callisto I invitava all’inizio
dei suoi Capitoli: «Se, mio caro, vuoi imparare come l’anima è purificata e
innalzata alla contemplazione di Dio, considera la sua ascesa intellettuale in
modo analogo all’immagine della scala (κατὰ τὸν τῆς κλίμακος τρόπον)» 24.
Similmente, Callisto e Ignazio Xanthopouloi accennano alla scala che con-
duce «al più elevato dei gradini (τὸ ἀκρότατον τῶν ἀναβαθμῶν), l’amore, che

22. I. HAUSHERR, La méthode d’oraison hésychaste (Orientalia Christiana 9/II), Roma 1927,
p. 166-168.
23. Capitoli con acrostico, 120: Φιλοκαλία, IV, p. 54.
24. Capitoli sulla purezza dell’anima, 1: A. RIGO, Callisto I patriarca, I 100 (109) Capitoli sulla
purezza dell’anima. Introduzione, edizione e traduzione, Byz. 80, 2010, p. 344.
I VERSI SULLA HESYCHIA 139

è Dio» 25. In Teofane i gradini sono dieci, numero che senz’altro evoca i
comandamenti della Bibbia, ma non solo. Il simbolismo della decade, quale
«fine e limite» di ogni numero, era già conosciuto nell’antichità ed era stato
poi ripreso da molti tra l’età patristica e bizantina (come Massimo il
Confessore, Niceta Stethatos, Teolepto di Filadelfia) 26.
Una lettura ravvicinata dei versi permette di vedere che Teofane innanzi-
tutto insiste sulla necessità preliminare dell’assenza di preoccupazioni (ame-
rimnia) (v. 47-49), per la quale riecheggia le celebri parole del gradino 27
della Scala di Giovanni Climaco. Un altro punto sul quale Teofane insiste,
ritornandovi più volte (v. 23, 37, 50), è la centralità della conoscenza basata
sull’esperienza. Solo l’esperienza 27 permette una reale comprensione dell’iti-
nerario spirituale delineato nei versi. Va aggiunto che per questa conoscenza
derivata dall’esperienza, superiore a ogni parola e discorso, Teofane riprende
le parole che Gregorio Palamas aveva scritto al riguardo.
Le “tappe” elencate nei dieci gradini (I preghiera pura, II calore del cuore,
III santa operazione, IV lacrime del cuore, V pace dei pensieri, VI purificazione
della mente, VII contemplazione dei misteri, VIII straordinario fulgore, IX illu-
minazione del cuore, X perfezione) si ritrovano parzialmente in un passo di
Isacco il Siro, che costituisce un chiaro precedente. Va sin da qui sottolineato
che queste righe di Isacco erano citate da Callisto e Ignazio Xanthopouloi
nella loro opera 28. Ecco il brano in questione:
Dall’attività con sforzo nasce il calore (θέρμη) [...]. Questa attività e la custodia
rendono sottile la mente con il loro calore e le procurano la visione (ὅρασις).
Questa visione genera i caldi pensieri, cosa che è chiamata contemplazione
(θεωρία). Questa contemplazione genera il calore e da questo calore, derivato
dalla grazia della contemplazione, nasce il flusso delle lacrime (ἐπιρροὴ τῶν
δακρύων). Dalle lacrime incessanti l’anima riceve la pace dei pensieri (εἰρήνη τῶν
λογισμῶν). Dalla pace dei pensieri è innalzata alla purezza della mente
(καθαρότης τοῦ νοῦ). Tramite la purezza della mente l’uomo giunge a vedere i
misteri di Dio (μυστήρια τοῦ Θεοῦ) 29.
Questo passo di Isacco era senz’altro presente a Teofane, ma è possibile
procedere ulteriormente nella lettura e nel commento dei versi. Va preliminar-
mente osservato che i dieci gradini della scala non stanno a indicare un ascen-
dente itinerario ascetico-spirituale, ma le tappe successive della preghiera che
conduce l’orante allo stupore e a uno stato estatico. Un esame ravvicinato dei
singoli momenti permette d’intendere meglio quello che è soltanto evocato
dai versi e allo stesso tempo di collocare il loro autore in un preciso ambiente
spirituale costantinopolitano.

25. Metodo e canone, 5: Φιλοκαλία, IV, p. 200.


26. Cfr. A. RIGO, Mistici bizantini, Torino 2008, p. 141 n. 243.
27. Tema tradizionale, v. una prima presentazione in P. MIQUEL, L’expérience spirituelle dans
la tradition chrétienne (Théologie historique 108), Paris 1999.
28. Metodo e canone, 54: Φιλοκαλία, IV, p. 253.
29. Λόγος θ´ Περὶ τάξεως τῆς μοναχικῆς πολιτείας συντομίας τε καὶ διαφορᾶς, καὶ πῶς τε καὶ
ποίῳ τρόπῳ τίκτονται αἱ ἀρεταὶ ἐξ ἀλλήλων: N. THEOTOKIS, Τοῦ ὁσίου πατρὸς ἡμῶν Ἰσαὰκ τὰ
εὑρεθέντα ἀσκητικά, Leipzig 1770, p. 59-60 (i corsivi sono nostri).
140 ANTONIO RIGO

Il I gradino è costituito dalla «preghiera pura» (v. 5, 18), termine di ascen-


denza evagriana, ben attestato nella letteratura spirituale bizantina del 14o
secolo per indicare le pratiche e le tecniche di preghiera dell’epoca. Così lo
ritroviamo in Niceforo l’Athonita 30, Teolepto di Filadelfia 31 e, soprattutto, in
Gregorio il Sinaita 32. Ma sono Callisto e Ignazio Xanthopouloi a utilizzarlo
ripetutamente, da solo 33 o in una lunga espressione indicante la pratica della
Preghiera di Gesù, accompagnata dalla tecnica psicofisica, «la preghiera pura,
del cuore e priva di distrazioni» (ἡ καθαρά, καρδιακὴ καὶ ἀρρέμβαστον προσ-
ευχή) 34.
Sul «calore del cuore» (II), conosciuto dalla tradizione (già Diadoco di
Fotice), avevano detto Gregorio il Sinaita 35, che accennava al calore del cuore
connesso alla preghiera, e Callisto Angelicude 36, quando scriveva della gioia,
del calore del cuore (θέρμη ἐγκάρδιος) e della fiamma d’amore accesa dalla
visita divina. Callisto e Ignazio erano ritornati più volte sul calore del cuore
derivato dalla preghiera 37, con termini simili a quelli impiegati da Teofane.
L’«operazione straordinaria e santa» (ἡ ἐνέργεια ξένη καὶ ἁγία) (III) di cui
parla Teofane (v. 7) è l’operazione della preghiera, della quale aveva detto
Gregorio il Sinaita per parlare della preghiera che è spontaneamente mossa di
continuo, sotto l’influsso dello Spirito 38. Nella stessa prospettiva sono da leg-
gere le parole di Callisto Angelicude: «Allora la mente vedrà sgorgare in
modo soprannaturale dal cuore un corso o flusso o sorgente dello Spirito,
chiamati dai Padri operazione vivificante e illuminatrice dello Spirito» 39.
Callisto e Ignazio Xanthopouloi, in un loro opuscolo sugli effetti della pre-
ghiera, si dilungano sull’operazione, per la quale utilizzano lo stesso agget-
tivo presente nel verso di Teofane, quando parlano del progressivo approfon-
dimento e interiorizzazione della preghiera:

30. Trattato sulla custodia del cuore: Φιλοκαλία, IV, p. 2725-26.


31. Discorso che spiega l’αttività nascosta in Cristo, 12, 16, 19, 20, 22, 25: R. E. SINKEWICZ,
Theoleptos of Philadelpheia. The Monastic Discourses (Pontifical Institute of Mediaeval Studies.
Studies and Texts 111), Toronto 1992, p. 92, 96, 98, 100, 102; Esposizione parziale come
promemoria, 8, 26: ivi, p. 356, 364.
32. Notizia esatta sulla hesychia, 1: Φιλοκαλία, IV, p. 66; Capitoli sulla preghiera, 7: ivi,
p. 8626; Capitoli con acrostico, 116: ivi, p. 52 (ἡ νοερὰ καὶ καθαρὰ καὶ ἀγγελικὴ προσευχή).
33. Metodo e canone, 26, 38, 56, 57, 65, 69, 71: Φιλοκαλία, IV, p. 226, 238, 254, 255, 258, 264,
267.
34. Ivi, 24, 26, 27, 38, 46, 53, 54, 55, 75: ivi, p. 224, 226, 238, 245, 252, 253, 254, 271 (ἐκ τῆς
καρδιακῆς καθαρᾶς καὶ ἀληθοῦς προσευχῆς).
35. Breve notizia sulla hesychia, 10: Φιλοκαλία, IV, p. 76; Capitoli sulla preghiera, 4: ivi,
p. 81.
36. Sulla pratica esicastica, 5: S. KOUTSAS, Callistos Angelicoudès. Quatre traités hésychastes
inédits, Athina 1998, p. 114.
37. Metodo e canone, 54, 55, 56: Φιλοκαλία, IV, p. 253-255.
38. Cfr. Capitoli con acrostico, 111: Φιλοκαλία, IV, p. 51; 118: ivi, p. 53; Notizia esatta sulla
hesychia, 3: ivi, p. 68; Breve notizia sulla hesychia, 1: ivi, p. 71; Capitoli sulla preghiera, 3: ivi,
p. 81; 4: ivi.
39. Sulla pratica esicastica, 5: KOUTSAS, Callistos Angelicoudès, p. 114-116.
I VERSI SULLA HESYCHIA 141

Allora si mette in movimento, a partire dal cuore, la santa operazione (ἡ ἁγία


ἐνέργεια). Essa solleva, per così dire, la foglia del cuore e muove la mente verso
l’interiorità. La mente, unita alla divina operazione (θεία ἐνέργεια), grida di fre-
quente: «Gesù mio, Gesù mio». [...] Quando la mente è fissata alla divina opera-
zione (θεία ἐνέργεια) ed è penetrata nel più profondo del cuore, non può gridare
niente di più che «Gesù mio». Allora nasce da questa santa preghiera anche uno
stupore del cuore. Allora dalla santa operazione deriva una grande consolazione.
[...] Allora il cuore si riscalda grazie all’abbondanza di questa santa operazione
(ἁγία ἐνέργεια) e tutto il corpo brucia e la mente, piena di stupore, grida:
«Signore, abbi pietà». [...] Il cuore, riscaldato dalla divina operazione (θεία
ἐνέργεια), effonde calore anche nel corpo e lo rende di fuoco 40.
Anche a proposito delle «lacrime del cuore» (IV) (v. 8) di Teofane quanto
avevano scritto Callisto Angelicude 41 e, soprattutto, Callisto e Ignazio
Xanthopouloi, in un capitolo specifico del loro Metodo e canone 42 e nel
seguito dell’οperetta sugli effetti dell’οrazione 43, rappresentano degli indubbi
paralleli.
Senza moltiplicare le citazioni per la «pace dei pensieri» (V), la «purifica-
zione della mente» (VI), lo «splendore» (VIII) e l’«illuminazione» (IX),
veniamo a due ultimi casi. Iniziamo con la «contemplazione dei misteri» (VII),
di cui avevano già parlato molti, tra i quali Isacco, anche nel brano citato. A
questo proposito possiamo addurre due passi del Metodo e canone degli
Xanthopouloi 44 e il seguito del loro opuscolo sugli effetti dell’orazione:
Si verificano all’interno del cuore anche altri misteri che non posso mettere per
iscritto. La mente infatti contempla tutta la creazione e, in preda allo stupore che
le deriva dai movimenti della santa operazione e dallo spettacolo dei misteri
divini, eleva nel profondo del cuore inni di lode che non posso mettere per iscritto.
[...] Dopo la mente è tratta a contemplazioni divine e vede misteri tremendi che
non posso esporre in dettaglio 45.
Al culmine del percorso, e al sommo della scala, Teofane presenta la «per-
fezione imperfetta» (ἀτελὴς τελειότης) (X), alla quale già accennava Simeone
il Nuovo Teologo in un suo inno a proposito della condizione degli spiri-
tuali 46. Anche in questo caso è l’opera di Callisto e Ignazio Xanthopouloi a
presentare in alcune occasioni i parallelismi più significativi. Essi parlano a
più riprese della perfezione, riproponendo la tradizionale tripartizione dioni-
siana (purificazione, illuminazione, perfezione) 47, ma poi affermano, e utiliz-
zano un’espressione simile a quella di Teofane, che «non c’è perfetta perfe-

40. NIKODEMOS HAGHIOREITES, Κῆπος χαρίτων, p. 221.


41. Sulla pratica esicastica, 5: KOUTSAS, Callistos Angelicoudès, p. 114.
42. Metodo e canone, 58: Φιλοκαλία, IV, p. 255 (Περὶ δακρύων καρδιακῶν).
43. «Sgorgano anche e zampillano dal cuore lacrime colme di dolcezza e scendono dagli occhi
con delizia»: NIKODEMOS HAGHIOREITES, Κῆπος χαρίτων, p. 221.
44. Metodo e canone, 38, 95: Φιλοκαλία, IV, p. 238, 290.
45. NIKODEMOS HAGHIOREITES, Κῆπος χαρίτων, p. 222.
46. Ἀτελὴς ἡ τελειότης | ἡ δ’ ἀρχή γε πάλιν τέλος: J. KODER, L. NEYRAND, Syméon le Nouveau
Théologien, Hymnes, II (SC 174), Paris 1971, p. 214.
47. Metodo e canone, 10, 43, 44: Φιλοκαλία, IV, p. 204, 242, 244.
142 ANTONIO RIGO

zione in questo secolo imperfetto, ma piuttosto perfezione senza fine» (οὐ γάρ
ἐστι τελεία τελείωσις ἐν ἀτελεῖ αἰῶνι, ἀλλὰ μᾶλλον ἀτέλεστος τελειότης) 48.
Come sappiamo da un altro punto del Metodo e canone, Callisto e Ignazio
mutuano quest’espressione da un passo da loro attribuito a Efrem il Siro pre-
sente negli scholia della Scala di Giovanni Climaco 49.
Le consonanze tra i versi di Teofane e le pagine di Callisto e Ignazio
Xanthopouloi non emergono soltanto nel dettaglio e nello specifico delle sin-
gole tappe del processo di elevazione e interiorizzazione della preghiera, ma
si possono cogliere anche nel disegno complessivo. In un passo della parte
finale del Metodo e canone, che ritroviamo in una lettera inviata da Callisto e
Ignazio al monaco Ioasaph 50, è tracciato un percorso che ha evidenti similitu-
dini con quello schizzato dal monaco Teofane nei suoi versi:
Dall’assenza di preoccupazioni (amerimnia), diciamo dalla hesychia, dall’atten-
zione e dalla preghiera (προσευχή) derivano il movimento nel cuore e il calore (ἡ
ἐν καρδίᾳ κίνησις καὶ θέρμη) che brucia le passioni e i demoni e che purifica il
cuore come in un crogiuolo. Dal calore derivano il desiderio e l’amore infiniti per
il Signore nostro Gesù Cristo. Da questi il dolce fluire delle lacrime del cuore (ἡ
τῶν καρδιακῶν δακρύων ἐπιρροή), con le quali, come con issopo, l’anima e il
corpo sono purificati e ingrassati con il pentimento, l’amore, il rendimento di gra-
zie e la confessione. Dalle lacrime la serenità e la pace dei pensieri (ἡ εἰρήνη τῶν
λογισμῶν) che non ha limite perché oltrepassa ogni intelligenza (cfr. Fil. 4, 7). Da
queste deriva l’illuminazione (ἔλλαμψις) abbacinante come la neve e, infine, per
quanto è possibile all’uomo, l’impassibilità, la resurrezione dell’anima prima di
quella del corpo, la rigenerazione e il ritorno alla condizione a immagine e a somi-
glianza per mezzo della pratica, della contemplazione, della fede, della speranza e
dell’amore. E ancora la totale tensione verso Dio e l’unione senza mediazioni, l’e-
stasi, il riposo e l’immobilità nel secolo presente, come in uno specchio, in enigma
e come in caparra, e nel secolo futuro la partecipazione a Dio faccia a faccia,
totale e perfetta, e il godimento eterno 51.
L’analisi del contenuto dei versi ha permesso di precisare meglio la collo-
cazione di Teofane, che in via preliminare avevamo posto tra il 1370 e il 1420
circa. I numerosi parallelismi tra quanto egli scrive e le pagine di Callisto e
Ignazio Xanthopouloi ci inducono a collocarlo in quello stesso ambiente
costantinopolitano sul finire del 14o secolo. Anche la testimonianza offertaci
dai fogli del Mosq. Synod. gr. 259 (Vladimir 423) copiati da Marco Eugenico,
i cui rapporti con il monastero degli Xanthopouloi sono conosciuti 52, ci con-
duce in questa direzione. Nella sua raccolta di autori spirituali, a parte due

48. Ιvi, 43: p. 242.


49. Ivi, 87: p. 281; cfr. PG 88, 1152C.
50. Inedita, trad. italiana in RIGO, Mistici bizantini, p. 789-790.
51. Metodo e canone, 96: Φιλοκαλία, IV, p. 291-292.
52. Su Marco Eugenico, Callisto e Ignazio e il monastero degli Xanthopouloi, cfr. A. RIGO,
Une summa ou un florilège commenté pour la vie spirituelle ? L’œuvre ΜΕΘΟΔΟΣ ΚΑΙ ΚΑΝΩΝ
de Calliste et Ignace Xanthopouloi, in Encyclopaedic Trends in Byzantium?, éd. P. VAN DEUN &
C. MACÉ, Leuven 2011, p. 387-436, in part. p. 390 n. 19.
I VERSI SULLA HESYCHIA 143

auctoritates delle generazioni precedenti (Niceforo l’Athonita e Gregorio


Palamas), Marco predilige gli autori “moderni”, suoi contemporanei, quali
Callisto e Ignazio, Nicola Cabasilas e, appunto, Teofane 53. I versi sulla hesy-
chia sono perciò un’ulteriore testimonianza della centralità degli
Xanthopouloi e del loro monastero nel mondo spirituale bizantino tra la fine
del ’300 e gli esordi del secolo successivo.
Un’ultima osservazione. Saremmo tentati di identificare l’autore dei versi
con il Teofane che nel 1397 è tra i sette ieromonaci, molto probabilmente del
monastero degli Xanthopouloi, che testimoniano al momento dell’ascesa di
Callisto II al trono patriarcale 54. Ma contro questa identificazione abbiamo le
parole del nostro Teofane che si dichiara, all’esordio della sua composizione,
un semplice monaco (v. 2).

* * *

Presentiamo qui il testo della Scala delle grazie della hesychia sulla base
del Mosq. Synod. gr. 259 (M), dell’Athos, Iviron 388 (4508) (I) e dell’edizione
della Filocalia (F), e di seguito la scala tracciata di fianco ai versi.

53. Cfr. A. RIGO, Marco Eugenico autore e lettore di opere spirituali.


54. MM, II, p. 292; cfr. PLP 7595.
144 ANTONIO RIGO

Ecco la scala delle grazie della hesychia

Misero monaco di nome Teofane


espongo la scala delle grazie divine
che l’esperienza fa conoscere ai teofori.
5 Prima c’è la preghiera molto pura
dalla quale viene un certo calore del cuore
e assieme un’operazione straordinaria e santa.
In seguito le lacrime divine del cuore,
oltre a queste la pace dei pensieri di ogni genere
10 dalla quale sgorga la purificazione della mente,
contemplazione dei misteri dell’alto.
Assieme, in modo indicibile, uno straordinario splendore,
da questo un’illuminazione ineffabile del cuore,
e in seguito di nuovo un’imperfetta perfezione.
15 Lo scalino ha dunque un’estensione senza fine
anche se è racchiuso da un unico verso:
a esempio il gradino inferiore della scala
indica soltanto la preghiera pura.
Le sue forme sono moltissime
20 e se ora le volessimo enumerare
a lungo protrarremo il discorso.
Amico, per tutti devi pensare la stessa cosa:
l’esperienza il loro maestro non la parola 55.
Scala che in modo straordinario si eleva verso lo zenith,
25 decade di scalini, straordinaria vivificazione dell’anima,
decade di scalini annunzia la vita dell’anima.
E dice uno dei teofori all’incirca queste parole:
«Colui che non si adopera per possedere la vita qui
non inganni con vuote speranze dell’anima
30 se stesso come se la riceverà nell’aldilà» 56.
Decade di scalini, filosofia divina,
decade di scalini, frutto di tutti i libri,
decade di scalini mostra la perfezione,
decade di scalini conduce ai cieli,
35 decade di scalini fa conoscere Dio.
Scala che è vista brevissima per la lunghezza,
ma se qualcuno la riceve con l’esperienza all’interno del cuore
troverà una ricchezza incontenibile dal mondo,
una sorgente divina che zampilla una vita straordinaria.
40 Maestro eccellente è questa scala
perché ciascuno conosca con chiarezza la propria misura.
Guardando la divina scala delle dieci grazie,
se credi di stare saldamente sopra a questa,
di’ in quale gradino ti trovi 57.

55. Cfr. Gregorio Palamas, Triadi, I, 2, 8: P. K. CHRESTOU et ALII, op. cit., I, Thessaloniki 1962,
p. 40020-21.
56. Gregorio Palamas, Discorso alla monaca Xene, 16: P. K. CHRESTOU et ALII, op. cit., V,
Thessaloniki 1992, p. 20027-29.
57. Cfr. Giovanni Climaco, Scala, 27: PG 88, 1105B.
I VERSI SULLA HESYCHIA 145

Κλίμαξ χαρίτων ἡσυχίας ἐνθάδε

Οἰκτρὸς μοναχὸς τοὔνομα Θεοφάνης


κλίμακα ἐκτίθημι θείων χαρίτων
ἣν πεῖρα ἐγνώρισε τοῖς θεοφόροις.
5 Πρῶτον προσευχὴ καθαρωτάτη πέλει,
ἐξ ἧς πρόεισι καρδιακή τις θέρμη.
Μεθ’ ἣν ἐνέργεια ξένη καὶ ἁγία·
εἶτα δάκρυα θεῖα τὰ τῆς καρδίας,
ἐφ’ οἷς λογισμῶν παντοδαπῶν εἰρήνη·
10 ἐξ ἧς νοὸς κάθαρσις ἀναβλυστάνει,
θεωρία τε τῶν ἄνω μυστηρίων.
Ξένη μεθ’ ἣν ἔλλαμψις ἀφράστῳ τρόπῳ·
ἄρρητος ἐξ ἧς φωτισμὸς τῆς καρδίας,
κἀντεῦθεν αὖθις ἀτελὴς τελειότης.
15 Πλάτος μὲν οὖν ἄπειρον ἡ βαθμὶς ἔχει,
κἂν ἐξ ἑνός γε συμπεραίνηται στίχου.
Αὐτίκα τῇ κλίμακι βαθμὶς ἡ κάτω,
μόνον προσευχὴν καθαρὰν ὑπογράφει.
Εἴδη δὲ αὐτῆς ἐστι καὶ πολλὰ πάνυ.
20 Κἂν εἰ θέλοιμεν αὐτὰ νῦν καταλέγειν,
εἰς μῆκος ἡμῖν ἐκτενεῖ τὰ τοῦ λόγου.
Ταὐτόν τί μοι νόησον ἐν πᾶσιν φίλος,
πεῖρα δὲ διδάσκαλος αὐτῶν, οὐ λόγος.
Κλίμαξ ἀνατείνουσα πρὸς πόλον ξένως.
25 Δεκὰς βαθμίδων, ζώωσις ψυχῆς ξένη,
δεκὰς βαθμίδων, ζωὴν ψυχῆς κηρύσσει.
Καὶ φησί πού τις τῶν θεοφόρων τάδε·
Ὁ μὴ σπεύδων κτήσασθαι ζωὴν ἐνταῦθα,
ψυχῆς ἐλπίσι μὴ κεναῖς ἀπατάτω
30 ἑαυτὸν ὡς λήψεται αὐτὴν ἐκεῖσε.
Δεκὰς βαθμίδων, θεία φιλοσοφία.
Δεκὰς βαθμίδων, καρπὸς πάντων βιβλίων.
Δεκὰς βαθμίδων, τὸ τέλειον δεικνύει.
Δεκὰς βαθμίδων, εἰς οὐρανοὺς ἀνάγει.
35 Δεκὰς βαθμίδων, ποιεῖ Θεὸν εἰδέναι.
Κλίμαξ ὁρᾶται τῷ μήκει βραχυτάτη.
Εἰ δὲ πεῖραν λάβοι τις καρδίας εἴσω.
Πλοῦτον εὑρήσει ἀχώρητον τῷ κόσμῳ.
Πηγήν τε θείαν νάουσαν ζωὴν ξένην.
40 Διδάσκαλος ἄριστος ἡ κλίμαξ αὕτη,
σαφῶς γνῶναι ἕκαστον ἑαυτοῦ μέτρα,
ὁρῶν θείαν κλίμακα χαρίτων δέκα.
Εἰ νομίζεις ἵστασθαι παγίως ταύτῃ,
εἰπὲ ἐν ποίᾳ ταύτης βαθμίδι πέλεις,

23 Cfr. Gregorio Palamas, Triadi, I, 2, 8: P. K. CHRESTOU et ALII, Γρηγορίου τοῦ Παλαμᾶ συγ-
γράμματα, I, Thessaloniki 1962, p. 40020-21 ‖ 28-30 Gregorio Palamas, Discorso alla monaca
Xene, 16: P. K. CHRESTOU et ALII, op. cit., V, Thessaloniki 1992, p. 20027-29 ‖ 44 Cfr. Giovanni
Climaco, Scala, 27: PG 88, 1105B
1 Κλίμαξ - ἐνθάδε om. F ‖ 7 τε (post ξένη) add. F ‖ 22 πᾶσι F ‖ 37 πείρᾳ F ‖ 42 θείων F ‖ 44 ποίῳ I
146 ANTONIO RIGO

45 Anche per l’utilità di noi negligenti.


Amico, se vuoi imparare qualcosa su questi
non preoccuparti di ogni genere di cosa,
delle irragionevoli e di quelle che sembrano ragionevoli.
Infatti, non imparerai niente senza l’assenza di preoccupazioni 58.
50 Queste cose si apprendono con l’esperienza non con la parola 59.
Dico soltanto questo per tua memoria:
c’è la parola dei santi teofori
anche se a fatica entra nell’orecchio.
«Colui che non si trova in uno dei gradini
55 e non si esercita sempre in tali cose,
alla fine e al momento della morte
avrà realmente una grande paura e tremore
e non dubiterà dell’enorme spavento».
I versi terminano con qualcosa di tremendo:
60 è capitato così in modo molto opportuno.
Non tanto con le buone sono condotti
alla penitenza e alla virtù
i più duri, dei quali io sono il primo,
ma piuttosto con le cose tremende e che incutono paura,
65 chi ha orecchi per intendere intenda (cfr. Lc 14, 35).
Ascolta e comprendi tu che hai scritto ciò.
Come hai osato, tu, scrivere tali cose?
Uomo che non possiedi nulla di tutto questo!
Come non tremi a insegnare di queste cose?
70 Non hai udito di Zan, di cosa patì quello
perché volle raddrizzare l’Arca di Dio (cfr. 2 Re 6, 6-7)?
Non credere che dica ciò per insegnare,
ma per iscrivere me stesso tra loro,
vedendo le ricompense di quelli che lottano
75 e la mia sterilità in ogni cosa.

X. Perfezione
IX. Illuminazione del cuore
VIII. Straordinario splendore
VII. Contemplazione dei misteri
5 VI. Purificazione della mente
V. Pace dei pensieri
IV. Lacrime del cuore
III. Santa operazione
II. Calore del cuore
10 I. Preghiera pura

58. Cfr. Giovanni Climaco, Scala, 27: PG 88, 1109B.


59. Cfr. Gregorio Palamas, Triadi, I, 2, 8, v. sopra n. 48.

Antonio RIGO
Dipartimento di Studi Umanistici
Università Ca’ Foscari, Venezia
I VERSI SULLA HESYCHIA 147

45 εἰς ὠφέλειαν καὶ ἡμῶν τῶν ῥᾳθύμων.


Εἰ θέλεις φίλος τι μαθεῖν περὶ τούτων,
ἀμερίμνησον ἐκ παντοίων πραγμάτων,
ἐξ ἀλόγων τε καὶ τὸ δοκεῖν εὐλόγων,
οὐ γὰρ μάθῃς τι χωρὶς ἀμεριμνίας·
50 πείρᾳ δὲ γινώσκονται ταῦτα οὐ λόγῳ,
τοῦτο δ’ ὡς ὑπόμνησιν λέγω σοι μόνον.
Ἔστιν δ’ ὁ λόγος ἁγίων θεοφόρων,
εἰ καὶ βαρέως εἰς ἀκοὰς εἰσέλθῃ·
ὁ μὴ εὑρεθεὶς εἰς μίαν τῶν βαθμίδων,
55 ἢ μὴ μελετῶν πάντοτε ἐν τοιούτοις,
ἐν τῇ τελευτῇ καὶ καιρῷ τοῦ θανάτου
φόβον ὄντως μέγαν τε καὶ τρόμον ἕξει,
καὶ δειλίαν ἄμετρον μὴ ἀπιστήσῃ
εἰς τὸ φοβερὸν κατέληξαν οἱ στίχοι,
60 συμφερόντως δὲ λίαν ἔλαχεν οὕτως.
Οὐ γὰρ ἀγαθοῖς ἐνάγονται δὴ μᾶλλον
εἰς μετάνοιαν καὶ καλοκαγαθίαν,
οἱ σκληρότεροι, ὧν ἐγώ εἰμι πρῶτος.
Ὡς τοῖς φοβεροῖς καὶ δέος ἐμποιοῦσιν,
65 ὦτα ὁ ἔχων ἀκούειν ἀκουέτω.
Ἄκουσον καὶ σύνες σὺ ὁ γράψας ταῦτα,
πῶς ἐτόλμησας σύ γε εἰπεῖν τοιαῦτα ;
Ἄνθρωπος μὴ ἔχων τι ὅλως ἐκ τούτων,
πῶς δ’ οὐκ ἔφριξας περὶ τούτων διδάσκειν ;
70 Οὐκ ἤκουσας Ζὰν τί ἔπαθεν ἐκεῖνος,
θέλων διορθώσασθαι κιβωτὸν θείαν ;
Μὴ νομίσῃς ὡς διδάσκων ταῦτα λέγω,
ἀλλ’ ἵν’ ἐμαυτὸν στηλιτεύσω ἐν τούτοις,
ὁρῶν ἔπαθλα τῶν ἀγωνιζομένων,
75 καὶ τὴν ἐμαυτοῦ ἀκαρπίαν ἐκ πάντων.

ι´ Τελειότης
θ´ Φωτισμὸς τῆς καρδίας
η´ Ἔλλαμψις ξένη
ζ´ Θεωρία μυστηρίων
5 ς´ Κάθαρσις νοός
ε´ Εἰρήνη λογισμῶν
δ´ Δάκρυα καρδιακά
γ´ Ἐνέργεια ἁγία
β´ Θέρμη καρδίας
10 α´ Προσευχὴ καθαρά

47-49 Cfr. Giovanni Climaco, Scala, 27: PG 88, 1109B ‖ 50 Cfr. Gregorio Palamas, Triadi, I, 2,
8 (v. sopra, v. 23) ‖ 65 Cfr. Lc 14, 35 ‖ 70-71 Cfr. II Re 6, 6-7
47 ἐκ πραγμάτων ἄφροντις παντοίων ἔσο I ‖ 53 ἀκοὴν F ‖ 58 ἀποστήσῃ F ‖ 61 ἀνάγονται IF ‖ 63
σκληρότατοι I ‖ 69 τούτου F ‖ 72 Μὴ νομίσῃς ὡς διδάσκων ταῦτα λέγω om. I ‖ 73 Οὐχ ὡς
διδάσκων καὶ στηλιτεύσων ἑμαυτὸν I
4 Ἔλλαμψις ξένη M a. c. ‖ 5 ζ´ M a. c. ‖ 6 ς´ M a. c. ‖ 7 ε´ M a. c. ‖ 8 δ´ M a. c. ‖ 9 γ´ M a. c.

Potrebbero piacerti anche