Sei sulla pagina 1di 54

Contents

I Introduzione 4

1 L’Ebraico biblico 5

2 La Bibbia ebraica 6

II La grammatica dell’Ebraico biblico 8

3 Alfabeto 9

4 Spiegazione della scrittura 12


4.1 Methegh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.2 Milra’ e Mil’el . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.3 Schwa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.3.1 Schwa semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.3.2 Schwa composto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4 Maqqeph . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.5 Qames-Hatuph . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.6 Daghesh . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.6.1 Daghesh Debole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.6.2 Daghesh Forte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.7 Mappiq . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.8 Raphe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.9 Lettere quiescenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.10 Lettere gutturali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.11 Accenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.12 Pause . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.13 Kethibh e Qere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

5 L’articolo 17

6 Le preposizioni inseparabili 18

7 Il segno degli oggetti definiti 21

8 Nomi e Aggettivi 22
8.1 Lo stato assoluto e costrutto dei sostantivi e degli aggettivi . . . . . . . . . . . . . . . 23
8.2 I sostantivi irregolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
8.3 I sostantivi segolati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

1
8.4 Gli aggettivi dimostrativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
8.5 I sostantivi con suffissi pronominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
8.6 I gradi di comparazione dell’aggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

9 I pronomi 28

10 Le congiunzioni 29

11 Il vecchio accusativo in "ah" 30

12 Esprimere il possesso 31

13 "He" interrogativo 32

14 ’et come "con" 33

15 "Waw" consecutivo 34

16 Cambiamento delle vocali nelle parole "in pausa" 35

17 Il verbo: descrizione generale dei verbi regolari 36


17.1 Forma QAL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
17.1.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
17.1.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
17.1.3 L’imperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
17.1.4 Il participio attivo e passivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
17.1.5 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
17.2 Forma NIPHAL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
17.2.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
17.2.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
17.2.3 L’imperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
17.2.4 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
17.2.5 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
17.3 Forma PIEL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
17.3.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
17.3.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
17.3.3 L’imperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
17.3.4 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
17.3.5 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
17.4 Forma PUAL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.4.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.4.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.4.3 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.4.4 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.5 Forma HIPHIL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.5.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
17.5.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
17.5.3 L’imperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

2
17.5.4 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.5.5 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.6 Forma HOPHAL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.6.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.6.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.6.3 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.6.4 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.7 Forma HITHPAEL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
17.7.1 Il perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
17.7.2 L’imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
17.7.3 L’imperativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
17.7.4 Il participio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
17.7.5 Gli infinitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
17.8 I verbi stativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

18 I verbi deboli: come sono classificati 49


18.1 Verbi PE NUN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
18.2 Verbi gutturali PE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
18.3 Verbi PE ’ALEPH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
18.4 Verbi gutturali ’AYIN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
18.5 Verbi gutturali LAMEDH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
18.6 Verbi LAMEDH ’ALEPH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
18.7 Verbi PE YODH e PE WAW . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
18.8 Verbi ’AYIN WAW e ’AYIN YODH . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
18.9 Verbi LAMEDH HE (Lamedh Yodh e Lamedh Waw) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
18.10Verbi doppio ’AYIN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
18.10.1 Esempi di verbi doppiamente deboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
18.11Verbi difettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

19 I numerali 53
19.1 I numeri ordinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
19.2 I numeri cardinali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

3
Part I

Introduzione

4
Chapter 1

L’Ebraico biblico

Con lingua ebraica si intende sia l’Ebraico biblico sia quello moderno e si tratta di una lingua semitica.
Fa dunque parte della stessa famiglia che comprende anche la lingua araba, aramaica e altre.
La lingua della Bibbia è l’Ebraico biblico o ebraico classico o lingua santa e la si distingue dall’Ebraico
della Mishnah (la lingua dei saggi oppure Ebraico rabbinico) che rappresenta un’evoluzione tarda
dell’Ebraico nel mondo antico.
Nei secoli seguenti, gli Ebrei della diaspora continuarono ad adoperare l’Ebraico biblico solo per
le cerimonie religios, mentre nella vita di tutti i giorni gli Ebrei si esprimevano con le lingue locali o
lingue frutto della fusione tra queste ultime e l’Ebraico, come lo yiddish (giudeo-tedesco).
L’Ebraico durante il Medioevo fu strumento principale di comunicazione scritta tra gli Ebrei, il suo
status era allora analogo a quello del latino in Europa occidentale tra i cristiani. L’Ebraico medievale
però possedeva molte caratteristiche che lo differenziavano dall’Ebraico classico sia nella grammatica
che nella sintassi, che nella struttura della frase. Anche se nel lessico presentava neologismi e prestiti
spesso ricavati da radici dell’ebraico classico.
Tra i dialetti regionali di Ebraico medievale c’è l’Ebraico tiberiense o Ebraico masoretico, un di-
aletto locale di Tiberiade in Galilea che divenne lo standard per la vocalizzazione della Bibbia ebraica
(Tanakh acronimo con cui si designano i testi sacri dell’ebraismo che costituiscono l’Antico Testa-
mento). L’Ebraico tiberiense incorpora il notevole studio fatto dai Masoreti che aggiunsero tra il VII
e il X secolo vocali e segni di cantillazione alle letture ebraiche al fine di conservare le precedenti
caratteristiche dell’ebraico.
Il sistema di trascrizione delle vocali è detto nikud che significa "puntatura" e questo sistema di
segni fu inventato a Tiberiade nel VII secolo con lo scopo di fungere da ausilio mnemonico nella lettura
della Bibbia; vennero inoltre aggiunti segni per gli accenti, le pause e i modi dell’intonazione con la
quale venivano letti i versetti biblici.
Il lavoro svolto dai masoreti fu dunque quello di revisionare l’Antico Testamento per la comunità
giudaica con l’introduzione nel testo di annotazioni statistiche come, ad esempio, l’individuazione della
parola centrale di ogni libro, il numero di parole, e perfino di lettere presenti nello stesso.
Il termine ebraico per indicare la letteratura religiosa è Miqra che significa lettura e deriva dal fatto
che il Tanakh veniva letto pubblicamente e dunque ad alta voce. La Torah rappresenta i primi cinque
libri dei 39 della Tanakh e significa letteralmente "istituzione" o "insegnamento".

5
Chapter 2

La Bibbia ebraica

Bibbia in greco significa "libri", ma il termine usato per indicare la Bibbia ebraica è Tanakh, acronimo
formato dalle iniziali delle parti nelle quali vengono raggruppati i 39 libri.
La "versione di Settanta" della Bibbia è in lingua greca che secondo la lettera di Aristea sarebbe
stata tradotta direttamente dall’Ebraico da 72 saggi di Alessandria d’Egitto dove si trovava un’attiva
comunità ebraica. Questa versione costituisce ancora oggi la versione liturgica dell’Antico Testamento
per le chiese ortodosse orientali di tradizione greca (Chiesa copta, siriaca, armena). Si data al II secolo
a.C.
Numerosi documenti facenti parte della Bibbia ebraica sono stati ritrovati tra il 1947 e il 1956 in
undici grotte dentro o intorno al uadi di Qumran sulla riva occidentale del Mar Morto (Rotoli del Mar
Morto). Tali manoscritti in ebraico, aramaico e greco si datano tra il 150 a.C. e il 70 d.C. e sono per
lo più su pergamena e papiro. Si tratta dunque delle più antiche fonti del testo ebraico della Bibbia.
Molte sono le affinità tra i manoscritti biblici di Qumram e il testo masoretico ossia la versione
ebraica della Bibbia ebraica vocalizzata. Essa venne composta, edita e diffusa dai Masoreti fra il VII
e il X secolo d.C. e contiene delle varianti rispetto alla più antica versione greca detta "dei Settanta".
La parola ebraica mesorah si riferisce alla trasmissione di tradizione, ma nell’ambito del "testo
masoretico" la parola assume un significato relativo a note marginali nei manoscritti della Bibbia
ebraica, nelle quali sono annotate particolarità del testo, relative alla pronuncia.
Non essendo però possibile modificare direttamente il testo originale della Bibbia, i Masoreti adot-
tarono alcuni espedienti: marcavano le varie divisioni con spaziature e aggiungevano segni particolari
per distinguere le parole o "segnalarle", ad esempio, se dovevano essere lette in maniera diversa da

Tanakh
Antico
Testamento
39 testi

Torah Nebiim Ketubim


Legge Profeti Scritti sacri

Genesi
Esodo Anteriori scritti
Levitico Posteriori in greco
Numeri (21 testi) (13 testi)
Deuteronomio

6
Figure 2.1: Il Codice di Leningrado (foglio 474a)

come erano scritte.


Il Codice di Leningrado è un manoscritto del testo masoretico della Bibbia ebraica realizzato su
pergamena nel 1008 e presenta le varie notazioni prodotte dai Masoreti. Il codice è conservato nella
Biblioteca Nazionale Russa di San Pietroburgo e catalogato con la sigla "Firkovien B19A" dal nome
del precedente possessore che acquistò il libro a Odessa nel 1838.

7
Part II

La grammatica dell’Ebraico biblico

8
Chapter 3

Alfabeto

L’alfabeto ebraico consiste di 22 consonanti che hanno "forma quadrata" e pertanto si parla di scrittura
quadrata.
Le lettere hanno anche un valore numerico, dunque per comporre i numeri basterà associare le
lettere leggendo sempre da destra verso sinistra (ex. 11= ‫יא‬ ). Ci sono solo due eccezioni: il numero
15 e 16 che non si scrivono rispettivamente ‫יה‬ e‫ יו‬, poiché queste combinazioni rappresentano
delle forme del nome divino; dunque sono scritti come ‫ = טו‬6+9 e ‫ = טז‬7+9.

CONSONANTI Descrizione

‫א‬ ’Aleph si traslittera con uno spirito rivolto verso sinistra ’, ha valore
numerico 1 e si pronuncia come un colpo di glottide (lettera "A" di
"addio"), oppure è quiescente.

‫בבּ‬ Beth, Bheth si traslittera con la B la prima lettera e con BH la seconda


lettera, ha valore numerico 2 e si pronuncia la prima come "B" e come
"V" la seconda lettera.

‫גגּ‬ Gimel, Ghimel si traslittera con la G la prima lettera e con la GH la


seconda lettera, ha valore numerico 3 e si pronuncia la prima come una
"G" dura e la seconda come "R" francese.

‫דדּ‬ Daleth, Dhaleth si traslittera con la D la prima lettera e con la DH la


seconda lettera, ha valore numerico 4 e si pronuncia la prima come "D"
e la seconda come "TH".

‫ה‬ He si traslittera con la H, ha valore numerico 5 e si pronuncia come "H"


di house.

‫ו‬ Waw si traslittera con la W, ha valore numerico 6 e si pronuncia come


"W" o "U".

‫ז‬ Zayin si traslittera con la Z, ha valore numerico 7 e si pronuncia come


"S" di rosa.

‫ח‬ Heth si traslittera con la H con il puntino sotto, ha valore numerico 8 e


si pronuncia come "CH" della parola scozzese loch.

‫ט‬ Teth si traslittera con la T con il puntino sotto, ha valore numerico 9 e


si pronuncia come "T" ponendo la lingua contro il palato.

9
‫י‬ Yodh si traslittera con la Y, ha valore numerico 10 e si pronuncia come
"I".

‫�ככּ‬ Kaph, Khaph si traslittera con la K la prima lettera e con la KH la


seconda lettera, ha valore numerico 20 e si pronuncia la prima come "K"
e la seconda come "CH"; l’ultima lettera è la Kaph in finale di parola e
talvolta nelle correzioni masoretiche sono aggiunti due puntini � per
distinguerla dalla Nun � .

‫ל‬ Lamedh si traslittera con la L, ha valore numerico 30 e si pronuncia


come "L".

‫�מ‬ Mem si traslittera con la M, ha valore numerico 40 e si pronuncia come


"M" e la prima lettera si usa a inizio o a metà parola, la seconda a fine
parola.

‫�נ‬ Nun si traslittera con la N, ha valore numerico 50 e si pronuncia come


"N" e la prima lettera si usa a inizio o a metà parola, la seconda a fine
parola.

‫ס‬ Samekh si traslittera con la S, ha valore numerico 60 e si pronuncia


come "S".

‫ע‬ ’Ayin si traslittera con uno spirito rivolto verso destra ‘, ha valore nu-
merico 70 ed è quiescente, ma in antichità era forse pronunciata come
una sorta di R in un rantolio.

‫�פ‬ Pe, Phe si traslittera con la P la prima lettera e con la PH la seconda


lettera, ha valore numerico 80 e si pronuncia la prima come "P" e la
seconda come "F", l’ultima lettera si usa solo a fine di parola.

‫�צ‬ Sade si traslittera con la S con il puntino sotto, ha valore numerico 90


e si pronuncia come "Z" e la seconda si usa solo in fine di parola.

‫ק‬ Qoph, Kop si traslittera con la Q o con la K con il puntino sotto, ha


valore numerico 100 e si pronuncia come "K" dal fondo della gola.

‫ר‬ Resh si traslittera con la R, ha valore numerico 200 e si pronuncia come


"R".

‫שׁשׂש‬ Sin, Shin si traslittera con la S con l’accento la prima lettera e con la
S con l’apice la seconda lettera, ha valore numerico 300 e si pronuncia
la prima come "S", forse pronunciata con un lato della bocca aperta a e
l’altro chiusa e la seconda come "SC". Prima non c’era distinzione nella
scrittura delle due lettere, i puntini sono infatti un’aggiunta successiva.

‫ת‬ Taw, Thaw si traslittera con la T la prima lettera e con la TH la seconda


lettera, ha valore numerico 400, la pronuncia è la stessa, quindi "T".

10
VOCALI Descrizione

ַ Pathah, significa letteralmente "aprire", si traslittera con A e si pro-


nuncia come "A".

ָ Qames, si traslittera con A con un trattino sopra e si pronuncia come


una "A" chiusa simile a una "O". Possiamo anche trovarla trascritta
come una A con un pallino sopra.

ֶ Seghol, significa letteralmente "grappolo", si traslittera con la E e si


pronuncia come "E".

ֵ Sere, si traslittera con la E con un trattino sopra e si pronuncia sempre


"E". Possiamo anche trovare una Yodh che funge da mater lectionis
e in questo caso la lettera si traslittera con una "E" con apice, ma la
pronuncia rimane sempre la stessa.

ִ Hireq si traslittera con la I e si pronuncia come "I". Possiamo anche


trovare una Yodh che funge da mater lectionis e in questo caso si traslit-
tera con una "I" con apice, ma la pronuncia rimane la stessa.

� Qibbus, significa letteralmente "riunire le labbra", si traslittera con la


U, si pronuncia come "U".

‫וּ‬ Sureq, si traslittera con la U con un apice sopra e si pronuncia come


"U". In pratica è una Waw con un punto dentro.

‫וֹ‬ Holem, si traslittera con la O con un apice, si pronuncia come "O".


In pratica è una Waw scritta con un punto sopra; oppure possiamo
trovare semplicemente un punto sotto la lettera, ma la pronuncia rimane
la stessa.

11
Chapter 4

Spiegazione della scrittura

L’ebraico è scritto da destra verso sinistra, le vocali possono essere presenti o no e se lo sono vengono
poste sotto o dopo la consonante (ex.�‫למד‬, �‫)לַמָד‬.
Una sillaba consiste di una consonante e di una vocale (CV) "sillaba aperta", oppure di una
consonante seguita da una vocale poi nuovamente da una consonante (CVC) "sillaba chiusa". Una
cosa importante da ricordare è che una sillaba NON può cominciare con una vocale, ma essendo, ad
esempio, la consonante ‫ א‬silente, se la parola dovesse cominciare proprio per ‫א‬ si sentirebbe solo
il suono della vocale (ex. �‫אָבִי‬, che si pronuncia "avi").
In origine quindi le vocali non erano rappresentate, il sistema di vocali fu introdotto solo nel VII
secolo e tre erano le lettere utilizzate per rappresentare le vocali lunghe ‫ה‬ = "A", ‫ו‬ = "U/O", ‫י‬
= "I/E". Per tale motivo queste lettere sono anche dette "lettere-vocali".
Di solito una sillaba aperta ha una vocale lunga, ma se la sillaba è accentata allora la vocale si
indebolisce, viceversa solitamente una sillaba chiusa ha una vocale breve, ma se la sillaba è accentata
allora la vocale potrebbe essere rafforzata; quindi una SILLABA CHIUSA e NON ACCENTATA deve
avere una VOCALE BREVE.

4.1 Methegh
Nella parola ��‫הֶעָר�י‬ la vocale Seghol presenta un trattino verticale alla sinistra |. questo trattino è
chiamato "Methegh" e indica che il lettore deve fare una breve pausa.

4.2 Milra’ e Mil’el


Nella parola�‫ דּ�בָר‬l’accento è posto sull’ultima sillaba ed esso è detto Milra’.
Nella parola �‫ הָהֶסֶד‬l’accento cade sulla penultima sillaba ed esso è detto Mil’el.
Molte parole ebraiche sono accentate sull’ultima sillaba, ma ve ne sono comunque tante accentate
sulla penultima. In una parola che si compone di più di due sillabe l’accento potrebbe cadere sull’ultima
sillaba oppure no, ma l’accento NON cade mai sulla seconda sillaba prima dell’ultima, ossia sull’ante-
penultima.

4.3 Schwa
Questo termine può avere due significati: "essere simile", poiché si assimila al suono della vocale che
segue, oppure "vuoto" in quanto non si pronuncia. Non è chiara l’origine dello Schwa e molti sono i
trattati scritti su questo argomento.

12
Il segno ְ pertanto serve a "riempire un vuoto" nel caso vi fossero delle consonanti a inizio o nel
mezzo della parola prive di vocale. Lo Schwa può essere di due tipi:

1. SEMPLICE

2. COMPOSTO

4.3.1 Schwa semplice


Nella parola �‫שׁ�מוֹ‬ e nella parola ��‫שׁוֹ מְר�י‬ le sillabe iniziali presentano uno Schwa che si pone a
riempimento di un vuoto; per questo si parla di SHEWA VOCALE.
Lo Schwa nella parola �‫י�שׁ� מֹר‬ chiude la sillaba e non si pronuncia, si parla allora di SHEWA
SILENTE.
Quindi lo Schwa quando si trova in una sillaba che è a inizio parola si comporta come una vocale
e deve essere pronunciata seppur con un suono molto breve; se invece è in una sillaba a fine parola è
silente.
Quando lo Schwa è in una sillaba a metà parola se si trova dopo una vocale lunga si pronuncia,
se si trova dopo una vocale breve è quiescente. Quando si hanno due Schwa di seguito il primo non
si pronuncia. Quando un puntino è posto dentro una consonante vuol dire che questa raddoppia, lo
Schwa sotto una lettera raddoppiata si comporta come una vocale.

4.3.2 Schwa composto


Con questa espressione si vuole indicare l’unione di uno Schwa con una vocale breve; tre sono le possibili
combinazioni Hateph-Pathah ֲ Hateph-Seghol ֱ Hateph-Qames ֳ e prendono nome "Vocale-Hateph".
Generalmente queste vocali sono poste sotto le lettere gutturali ‫ע ח ה א‬ che hanno anche la
caratteristica che non raddoppiano mai.
C’è inoltre da notare che se una lettera con lo Schwa è posizionata immediatamente prima di
un’altra lettera con Schwa e questa sillaba è a inizio parola il primo Schwa diventa vocale breve Hireq
ִ (ex. �‫שׁ�מוּאֵל‬ = Shemu’el ossia Samuele �‫ = לְשׁמוּאֵל‬lesmu’el ossia a Samuele che diventa �‫לִשׁמוּאֵל‬
= lishmu’el).
Quando un semplice Schwa è posto immediatamente prima di uno Schwa composto esso diventerà
vocale breve della sillaba che segue (ex. ��‫לְאֱדוֹ‬ che in realtà si scrive ��‫)לֶאֱדוֹ‬.

4.4 Maqqeph
Quando due o più parole brevi sono vicine, non solo fisicamente, ma anche nel significato. loro sono
spesso unite da un trattino chiamato Maqqueph; di conseguenza queste parole sono considerate come
una unica. Come parole isolate presenteranno un proprio accento, ma unite dal maqqueph presenter-
anno un solo accento che cadrà sull’ultima sillaba (ex. �‫)אִ��טוֹב�אֲנ�י‬. La perdita dell’accento prima
del maqqueph porta spesso a un cambiamento delle vocali (ex. �‫ אֵת קוֹלִי‬diventa �‫)אֶת�קוֹלִי‬.
Quindi la conseguenza dell’aggiunta del maqqueph tra due o più parole è la perdita dell’accento
per le parole prima del maqqueph.

4.5 Qames-Hatuph
Il segno ָ è utilizzato sia per indicare la vocale A che la vocale A con il puntino sopra (che si pronuncia
"O"), occorre quindi determinare quando si pronuncia come "A" e quando come "O". Se ָ è presente

13
in una sillaba aperta (CV), oppure chiusa (CVC), ma accentata allora si pronuncia "A"; negli altri
casi si pronuncia "O" (ex. ��ָ‫ו�יּ�ק‬ = wayyaqom la prima sillaba è aperta quindi si legge "A", la seconda
è chiusa e non accentata quindi si pronuncia "O"; �‫חָ�מָה‬ = hokmah la prima sillaba è chiusa e non
accentata quindi si pronuncia "O", la seconda sillaba è chiusa, ma accentata quindi si pronuncia "A").

4.6 Daghesh
Il Daghesh è un puntino dentro una lettera e può essere di due tipi:

1. Daghesh Debole

2. Daghesh Forte

4.6.1 Daghesh Debole


Ci sono sei lettere che hanno una pronuncia forte oppure una pronuncia debole e la differenza di pro-
nuncia è indicata dalla presenza o no di un punto dentro la lettera. Queste lettere sono: PRONUNCIA
DEBOLE ‫ב‬ (pronuncia V), ‫ג‬ (pronuncia R francese), ‫ד‬ (pronuncia TH), ‫כ‬ (pronuncia CH),
‫פ‬ (pronuncia F), ‫ת‬ (pronuncia TH); PRONUNCIA FORTE ‫בּ‬ (pronuncia B), ‫גּ‬ (pronuncia
G), ‫דּ‬ (pronuncia D), ‫כּ‬ (pronuncia K), ‫פּ‬ (pronuncia P), ‫תּ‬ (pronuncia T). Per aiutare la
memorizzazione di queste lettere basta ricordare la parola Beghadh Kephath. In realtà per le lettere
G, D, T non si fa più caso a queste differenze di pronuncia.
Il daghesh debole appare in queste lettere quando formano una sillaba all’inizio o nel mezzo di
una parola, ma NON ci deve essere una vocale immediatamente prima della lettera. Il daghesh de-
bole è assente quando tali lettere non iniziano una sillaba o quando all’inizio della sillaba esse sono
immediatamente precedute da una vocale.

4.6.2 Daghesh Forte


Quando è presente dentro una lettera vuol dire che essa raddoppia e può apparire in tutte le lettere
a eccezione delle gutturali ‫ ע ח ה א‬e della ‫ר‬ . Le lettere in una parola possono raddoppiare per
varie ragioni:

1. DAGHESH FORTE COMPENSATIVO quando vengono unite due parole a formarne una unica
(ex. �‫מִ� שׁ�אוּל‬ diventerebbe se unita �‫מִנ�שׁ�וּל‬, ma la ‫נ‬ cade e si raddoppia la ‫שׁ‬ quindi �‫מִ��אוּל‬,
la caduta della N è compensata con il raddoppiamento della SH)

2. DAGHESH FORTE CARATTERISTICO quando è caratteristico di certi verbi di raddoppiare


la seconda lettera della radice, "verbi intensivi" (ex. �‫)בִּקֵּשׁ‬
3. 3)DAGHESH FORTE EUFONICO quando si vuole chiarire la pronuncia di una parola (ex. �ִ‫מ‬
�‫כֹּל‬ che diventa �‫מִנ�כֹּל‬ e quindi �‫מִכֹּל‬ e poi �‫)מִכְּכֹּל‬

4.7 Mappiq
Quando la lettera ‫ה‬ si trova priva di vocali alla fine di una parola è generalmente silente, ma ci sono
casi in cui essa si pronuncia. Per indicare quando deve essere pronunciata si pone dentro la lettera una
puntino che prende nome di Mappiq (ex. �‫)סוּסָהּ‬.

14
4.8 Raphe
Il Raphe non è altro che un trattino posto sopra una consonante raddoppiata per dire che quella
lettera non deve essere pronunciata (ex. �‫)בִּקְשׁוּ‬. Quindi in presenza di un Raphe il Daghesh Forte
viene omesso.

4.9 Lettere quiescenti


Le lettere ‫י ו ה א‬ sono flessibili nella pronuncia e in certe condizioni perdono il loro carattere di
consonanti e diventano silenti; per questo prendono il nome di "Lettere quiescenti" (ex. ��‫לֶאֱל�הִי‬ "a
Dio" diventa ��‫לֵאל�הִי‬ quindi l’Aleph non si sente proprio).
C’è da notare che le lettere ‫י ו‬ se sono precedute da vocali tra di loro non omogenee esse
riacquistano il loro valore di consonanti (ex. �‫)מִי מֵי לוּ‬

4.10 Lettere gutturali


Le lettere gutturali ‫עחהא‬
1. non possono essere raddoppiate, ma se precedute sa una vocale questa si rafforza (ex. ���‫;)מֵאָד‬
2. prendono lo Schwa composto invece di quello semplice (ex. ��‫;)חֲ�מִי‬
3. preferiscono la vocale Pathah sotto di loro oppure prima di loro (ex. �‫;)ז�בַח‬
4. una vocale extra-Pathah sotto le gutturali accresce involontariamente nella pronuncia quando la
gutturale segue una vocale accentuata (ex. �ַ‫)שׁ�מֹע‬ e questo fenomeno prende nome di "Pathah
Furtivo".

4.11 Accenti
Gli accenti sono dei piccoli segni che servono:

1. marcare una sillaba nel senso che la sua pronuncia deve essere stressata;

2. marcare i segni di punteggiatura che si dividono in segni di "Stop" e di "Continuazione"; ad


esempio | chiamato Silluq appare sempre sotto l’ultima parola di un verso e rappresenta "un
grande stop" in un verso ed è regolarmente seguito dal segno � che è chiamato Soph Pasuq,
ĉhiamato ’Athnah è il secondo grande stop nella divisione di un verso in due parte.
C’è da notare che il segno | è usato sia come Silluq che come Methegh (4.1), quindi se il segno lo
si trova sotto una parola nel mezzo di un verso allora è un Methegh, se invece lo si trova sotto una
parola alla fine di un verso è il Silluq; inoltre il Silluq è presente in sillaba accentata il Methegh
no;

3. come segni musicali.

4.12 Pause
Una parola è messa in pausa quando il suo accento è un Silluq o un ’Athnah; in entrambi i casi la
parola si trova alla fine della frase.

15
4.13 Kethibh e Qere
Una caratteristica interessante nella Bibbia ebraica stampata è che le correzioni di errori riconosciuti
sono fatte a margine o sul fondo della pagina, mentre le parole non corrette sono mantenute nel testo.
Le parole lasciate incorrette nel testo prendono il nome di Kethibh, mentre quelle corrette Qere.
Le parole incorrette sono solitamente le parole offensive o dal significato sensibile o che hanno a che
fare con il nome di Dio; per questo non possono essere lette ne tanto meno modificate con l’aggiunta
di notazioni. Per questo motivo al loro posto si tende a leggere qualcos’altro (�‫ י�הְו�ה‬si pronuncia �‫אֲדֹ�י‬
ossia "il Signore").
Il nome divino compare nella Bibbia molto spesso quindi nelle edizioni stampate non ci sono più le
correzioni a margine e si parla pertanto di "Qere Perpetuum".

16
Chapter 5

L’articolo

L’articolo INDEFINITO nella lingua ebraica non esiste. L’articolo DEFINITO doveva essere originari-
amente �‫הַל‬, ma la ‫ל‬ veniva assimilata e la lettera della parola seguente raddoppiava con un Daghesh
Forte, quindi in generale possiamo dire che l’articolo davanti a una lettera che non sia una gutturale o
‫ ר‬è ַ‫ ה‬seguito da un Daghesh Forte.
Se l’articolo è difronte a una parola che inizia per gutturale o ‫ ר‬queste non possono raddoppiare
quindi si verificano degli adattamenti: la vocale che precede che è ַ si rafforza e diventa ָ (ex. �‫אוֹר‬
una luce �‫הָאוֹר‬ la luce).
Difronte alle gutturali � ‫ ה‬l’articolo è �ַ‫( ה‬ex. �‫ =הוֹד‬una gloria �‫ =הַהוֹד‬la gloria).
‫ח‬
Davanti a sillabe �ָ‫ע‬, �ָ‫ ה‬non accentate e �ָ‫ה‬, l’articolo diventa �ֶ‫( ה‬ex. �‫ =עָפָר‬polvere, �‫ =הֶעָפָר‬la
polvere, �‫ =חָי�ל‬valore �‫ =הֶחי�ל‬il valore )
Prima di sillabe accentate ָ‫ עַ ה‬l’articolo è �ָ‫( ה‬ex. �‫ =הַר‬una montagna, �‫ =הַהַר‬la montagna).

17
Chapter 6

Le preposizioni inseparabili

Le preposizioni ‫ל‬ = "a, per" ‫בּ‬ = "in, con, da" ‫כּ‬ = "come" non possono esistere come parole
separate, ma si attaccano alle parole a cui si riferiscono e per questo che sono chiamate "preposizioni
inseparabili".
Normalmente, essendo prive di vocali, presentano uno Schwa (ex. ��ֶ‫=מֶל‬ un re, ��ֶ‫=לְמֶל‬ al re,
��ֶ‫ =בְּמֶל‬nel re ��ֶ‫ =כְּמֶל‬come un re).
Quando una di queste preposizioni è prefissata a una parola che inizia con una sillaba che presenta
Schwa, lo Schwa della preposizione diventa Hireq (ex. ��ִ‫ =מְלָכ‬i re ��‫ =לִמְלַכִי‬ai re).
Un caso speciale è quando la parola inizia per �‫ י‬poiché la preposizione inseparabile viene vocalizzata
con Hireq e lo Schwa sotto Yodh scompare (ex. �‫ =י�הוּד�ה‬Giuda �‫ =לִיהוּד�ה‬a Giuda).
Un altro caso speciale è quando la preposizione è preposta a una parola la cui lettera iniziale
presenta uno Schwa composto; in questo caso lo Schwa della preposizione inseparabile si trasforma
nella vocale breve corrispondente (ex.�‫ =אֲר�י‬leone �‫ =לַאֲר�י‬a un leone).
Una eccezione è rappresentata dalla parola "Dio" ��‫ אֱל�הִי‬poiché le preposizioni prendono un Sere
ֵ mentre lo Schwa composto sotto ‫ א‬scompare (ex. ��‫ =לֵאל�הִי‬a Dio).
Una seconda eccezione è rappresentata dalla parola "Signore" �‫ יהוה‬in quanto le preposizioni
prendono la vocale ַ (ex. �‫)לַיהוה‬.
Quando la preposizione si trova immediatamente prima di una sillaba tonica prende la vocale
Qames ָ �‫)לָשׁ�בֶת‬.Quando la preposizione è seguita dall’articolo esso cade cedendo la sua vocale
(ex.
alla preposizione (ex.��ֶ‫ =לַמֶּל‬al re).
La preposizione ��ִ‫" =מ‬da" è solitamente preposta alla parola a cui si riferisce quando questa non è
preceduta da un articolo. Questa preposizione diviene dunque inseparabile e si modifica così:

1. davanti a parola che inizia con una lettera ordinaria cade al �� e raddoppia la consonante che
segue (ex. ��ֶ‫ =מִמֶּל‬da un re);
2. difronte a gutturale o ‫ר‬ la preposizione diventa ‫ֵמ‬ (ex. ‫ריִעֵמ‬ = da una città)

3. se segue un articolo, la preposizione rimane separata, oppure diventa ‫ֵמ‬ e l’articolo rimane
intatto (ex. ‫��דָאָהֵמ‬ = da un uomo).

C’è da notare che le altre preposizioni inseparabili prive di vocale formano con l’articolo un’unica
sillaba così che nella pronuncia la ‫ה‬ è eliminata e la preposizione prende la vocale di quest’ultima
consonante. Questo non accade quando l’articolo segue la preposizione ‫ֵמ‬ poiché è una sillaba
completa e dunque l’articolo rimane.
Le preposizioni ‫�ִמ כּ בּ ל‬ prendono suffissi pronominali.

18
(a) (b)

‫לִ �י‬ a me ‫בִּ �י‬ in me

��ְ‫ל‬ a te (maschio) ��ְ‫בּ‬ in te (maschio)

��ָ‫ל‬ a te (femmina) ��ָ‫בּ‬ in te (femmina)

�‫לִוֹ‬ a lui �‫בּוֹ‬ in lui


�‫לָהּ‬ a lei �‫בָּהּ‬ in lei
�‫לָנוּ‬ a noi �‫בָּנוּ‬ in noi
��ֶ‫לָכ‬ a voi (maschi) ��ֶ‫בָּכ‬ in voi (maschi)
��ֶ‫לָכ‬ a voi (femmine) ��ֶ‫בָּכ‬ in voi (femmine)
��ֶ‫לָה‬ a loro (maschi) ��ֶ‫בָּ� בּה‬ in loro (maschi)
��ֶ‫לָה‬ a loro (femmine) ��ֶ‫בּה‬ in loro (femmine)

(c) (d)

‫כָּמוֹנ� �י‬ come me ‫מִמֶּנּ� �י‬ da me

��‫כָּמוֹ‬ come te (maschio) ��ְ‫מִמּ‬ da te (maschio)

��‫כָּמוֹ‬ come te (femmina)


��ֵ‫מִמּ‬ da te (femmina)

�‫כָּמוֹהוּ‬ come lui


�‫מִמֶּנּוּ‬ da lui
�‫מִמֶּ�ה‬ da lei
�ָ‫כָּמוֹה‬ come lei
�‫מִמֶּנּוּ‬ da noi
�‫כּמוֹנוּ‬ come noi
��ֶ‫מִכּ‬ da voi (maschi)
��ֶ‫כָּכ‬ come voi (maschi)
��ֶ‫מִכּ‬ da voi (femmine)
��ֶ‫כָּכ‬ come voi (femmine)
��ֶ‫מֵה‬ da loro (maschi)
��ֵ‫כָּה‬ come loro (maschi)
�‫מֵהֵנּ�ה‬ da loro (femmine)
��ֵ‫כָּהֵנּ�ה כָּה‬ come loro (femmine)

19
(e) (f)

‫אֵלַ �י‬ verso me ‫עָלַ �י‬ sopra di me

��‫אֵלֶי‬ verso te (maschio) ��‫עָלֶי‬ sopra di te (maschio)

���‫אלַי‬ verso te (femmina) ���‫עָלַי‬ sopra di te (femmina)

‫אֵלָי �ו‬ verso lui ‫עָלָי �ו‬ sopra di lui

�ָ‫אֵלֶיה‬ verso lei �ָ‫עָלֶיה‬ sopra di lei

�‫אֵלֵינוּ‬ verso noi �‫עָלֵינוּ‬ sopra di noi

��ֶ‫אֲלֵיכ‬ verso voi (maschi) ��ֶ‫עֲלֵיכ‬ sopra di voi (maschi)

��ֶ‫אֲלֵיכ‬ verso voi (femmine) ��ֶ‫עֲלֵיכ‬ sopra di voi (femmine)

��ֶ‫אֲלֵיה‬ verso loro (maschi) ��ֶ‫עֲלֵיה‬ sopra di loro (maschi)

��ֶ‫אֲלֵיה‬ verso loro (femmine) ��ֶ‫עֲלֵיה‬ sopra di loro (femmine)

(g)

‫אַהֲר� �י‬ dopo di me


��‫אַהֲר�י‬ dopo di te (maschio )
���‫אַהֲר�י‬ dopo di te (femmina)
�‫אַהֲר�יו‬ dopo di lui
�ָ‫אַהֲר�יה‬ dopo di lei
�‫אַהֲר�ינוּ‬ dopo di noi
��ֶ‫אַהֲר�יכ‬ dopo di voi (maschi)
��ֶ‫אַהֲר�יכ‬ dopo di voi (femmine)
��ֶ‫אַהֲר�יה‬ dopo di loro (maschi)
��ֶ‫אַהֲר�יה‬ dopo di loro (femmine)

20
Chapter 7

Il segno degli oggetti definiti

L’oggetto definito, governato da un verbo transitivo �‫אֵת‬ o -�‫אֶת‬ (con Maqqeph) la quale punta
l’attenzione sull’oggetto da definire. Naturalmente la stessa presenza dell’articolo definisce un oggetto
e i nomi propri sono già di per se definiti (ex. lui tocca suo figlio= �‫)לָקַח אֶת�בּנוֹ‬.

21
Chapter 8

Nomi e Aggettivi

Per i nomi maschili non ci sono particolari terminazioni, ma i nomi femminili singolari sono riconoscibili
dalla terminazione accentata ‫ ָה‬e la stessa cosa vale per gli aggettivi (ex. �‫סוּס‬ = cavallo �‫סוּסָה‬
= cavalla �‫ר�ע‬ =cattivo �‫ = ר�עָה‬cattiva).
Quando un aggettivo qualifica un nome allora l’aggettivo segue il nome e concorda con esso in
genere e numero (ex. �‫הָאִישׁ הַטּוּב‬ letteralmente l’uomo, il buono). Quando il nome è definito
anche l’aggettivo che segue prende l’articolo. Quando l’aggettivo è usato in modo predicativo allora di
solito precede il nome poiché in Ebraico non viene espresso il verbo essere.
C’è da notare inoltre che, come gli aggettivi, la terza persona singolare del verbo al passato è
formata ponendo la terminazione ‫ָה‬ (ex. ��ַ‫�ת‬ = lui diede �‫�תְ�ה‬ = ella diede).
La terminazione del plurale maschile e del plurale femminile sono rispettivamente ��‫ִי‬ e �‫וֹת‬ .
Per i sostantivi monosillabici non ci sono problemi riguardo la vocalizzazione se la vocale tra le due
consonanti è "piena" (se è debole potrebbe essere ridotta).
Un sostantivo bisillabo che ha come prima vocale Qames quando viene aggiunta la terminazione la
vocale sparisce e sostituita da Schwa.
Quando un sostantivo è bisillabo, ma la prima lettera è una gutturale nel momento in cui è aggiunta
la terminazione allora alla prima vocale si aggiunge uno Schwa ottenendo così uno Schwa composto.
Infine se si ha un sostantivo bisillabo con la prima prima sillaba con vocale "piena" l’aggiunta della
terminazione non apporta modifiche.
Lo stesso vale con gli aggettivi.

Monosillabo vocale piena cavallo= �‫סוּס‬ che diventa cavalli= ��‫סוּסִי‬


Bisillabo vocale ָ profeta= �‫�בִיא‬ che diventa profeti ��‫נ�בִיאִי‬
Bisillabo consonante gutturale prigioniero= �‫אָסִיר‬ che diventa prigionieri=
��‫אֲסִיר�י‬
Bisillabo vocale piena stella= �‫כּוֹ�ב‬ che diventa stelle= ��‫כּוֹ�בִי‬

C’è da notare che in Ebraico non esiste il genere neutro, cose astratte o indeterminate sono sempre
o al maschile o al femminile.
Non tutti i nomi femminili finiscono per ‫ָה‬ , ma ricordiamo che alcuni sostantivi sono per forza
femminili come i nomi di città e paesi, le parti del corpo e sostantivi come donna, madre, moglie ecc...
Oltre al singolare e al plurale in Ebraico esiste anche il DUALE e la terminazione sia per i sostantivi
maschili che per quelli femminili è ���‫ַי‬ (ex. ��‫יוֹ‬ = un girno ���‫יוֹמַי‬ = due giorni).

22
La terza persona plurale del verbo al passato finisce in ‫וּ‬ sia per il maschile che per il femminile
(ex. �‫אָמְרוּ‬ = loro (maschi/femmine) dissero).

8.1 Lo stato assoluto e costrutto dei sostantivi e degli aggettivi


Quando due o più parole sono unite tanto da costituire un’unica idea o concetto, la parola o le parole
dipendenti sono in uno stato che si dice COSTRUTTO, mentre la parola nello stato ASSOLUTO dalla
quale dipende il costrutto è alla forma genetivale (anche se in realtà i casi sono andati persi).
Lo STATO COSTRUTTO è immediatamente riconoscibile in quanto il Maqqeph unisce le parole.
Nella forma più semplice del nome, il costrutto femminile singolare finisce in ‫ַת‬ mentre il maschile
plurale in ‫�י‬ . Il maschile singolare e il femminile plurale non cambiano.
C’è da notare che nomi e aggettivi femminili singolari terminano già nel loro stato assoluto in ‫ָת‬
, ma nello stato costrutto la "A" è meno udibile.
Nei nomi maschili plurali la "M" finale cade nello stato costrutto.
Anche le vocali nelle parole allo stato costrutto cambiano poiché la naturale tendenza è quella di
pronunciare le parole in stato costrutto più velocemente quindi si verifica un cambiamento da vocali
forti a deboli, oppure le vocali sono sostituite da uno Schwa, secondo il principio già spiegato in tab.
8.
La parola nello stato costrutto non prende mai l’articolo, quando l’idea è definita allora solo la
parola allo stato genitivale prende l’articolo. Non vale la regola con i nomi propri di persona in quanto
già definiti (ex. ��‫אִישׁ�אֱל�הִי‬ = un uomo di Dio �‫דּ�בַר�אֱמֶת‬ = una parola di verità).

8.2 I sostantivi irregolari


Alcuni sostantivi piuttosto frequenti risultano però essere irregolari:

sing. assoluto sing. costrutto plu. assoluto plu. costrutto


giorno � ‫יוֹ‬
� � ‫יוֹ‬
� � ‫י�מִי‬
� ‫י�מֵ �י‬
città �‫עִיר‬ �‫עִיר‬ ��‫עָר�י‬ �‫עָר�י‬
cosa �‫בַּי�ת‬ �‫בֵּית‬ ��‫בָּתִּי‬ �‫בָּתֵּי‬
capo �‫ר�אשׁ‬ �‫ר�אשׁ‬ ��‫ר�אשׁ�י‬ �‫ר�אשׁ�י‬
Alcuni esempi di sostantivi allo stato assoluto e costrutto.

sing. assoluto sing. costrutto plu. assoluto plu. costrutto


cavallo � ‫סוּ‬
‫ס‬ � ‫סוּ‬
‫ס‬ � ‫סוּסִי‬
� ‫סוּסֵ �י‬
cavalla �‫סוּסָה‬ �‫סוּסַת‬ �‫סוּסוֹת‬ �‫סוּסוֹת‬
figlio ��ֵ‫בּ‬ ��ֶ‫בּ‬ ��‫בָּנ�י‬ �‫בְּנ�י‬
mano �‫י�ד‬ �‫י�ד‬ ���‫י�ד�י‬ �‫י�ד�י‬
persona ��ַ‫ע‬ ��ַ‫ע‬ ��‫עַמִּי‬ �‫עַמֵּי‬
profeta �‫�בִיא‬ �‫נ�בִיא‬ ��‫בְבִיאִי‬ �‫נ�בִיאֵי‬
profetessa �‫נ�בִיאָה‬ �‫נ�בִיאַת‬ �‫נ�בִיאוֹת‬ �‫נ�בִיאֵי‬
parola/cosa �‫דּ�בָר‬ �‫דּ�בַר‬ ��‫דּ�בָר�י‬ �‫דּ�בְר�י‬

23
8.3 I sostantivi segolati
Si chiamano segolati poiché ricevono in aiuto una vocale Seghol (ex. �ְ‫מַלְכּ‬ nella forma originale
riceve un Seghol e diventa ��ֶ‫ מַל‬che nella forma classica appare come ��ֶ‫מֶל‬ ).

stato assoluto sing. ��ֶ‫מֶל‬


stato costrutto sing. ��ֶ‫מֶל‬
stato assoluto plu. ��‫מְלָכִי‬
stato costrutto plu. �‫מַלְכֵי‬
C’è da notare che quando la lettera finale di un sostantivo segolato è una gutturale, poiché la
gutturale preferisce la vocale Pathah prima di essa allora la forma sarà, ad esempio, �‫ז�ר�ע‬ (seme)
invece di �‫ז�ר�ע‬ .
La stessa cosa avviene se la gutturale si trova a metà della parola come ad esempio �‫נ�עַר‬ invece
di �‫נ�אֶר‬ .
I sostantivi segolati ricevono il Seghol per il semplice fatto che in Ebraico non esistono parole
costituite da sillabe CVCC poiché si possono trovare solo sillabe aperte o chiuse. Dunque viene aggiunta
una vocale, il Seghol, per l’appunto e vi è un indebolimento della vocale precedente.

8.4 Gli aggettivi dimostrativi

questo � �‫ז‬
‫ה‬
questa �‫זאֹת‬
questi �‫אֵלֶּה‬
queste
quello �‫הוּא‬
quella �‫הִיא‬
quelli �‫הֵ� הֵמַּה‬
quelle �‫הֵ� הֵנּ�ה‬
Gli aggettivi dimostrativi si comportano come gli altri quando sono messi con i sostantivi e sono
posti dopo i sostantivi.
Questo uomo (letteralmente l’uomo, il quello) = �‫הָאִיס הַזּ�ה‬

24
8.5 I sostantivi con suffissi pronominali

Suffissi pronominali sostantivi sing. Suffissi pronominali sostantivi plu.

1 pers. comune mio/a = �‫י‬. pers. comune miei/mie = �‫ַי‬


2 pers. masch. tuo/a di lui= ��ְ 2 pers. masch. tuoi/tue= ��‫ֶי‬
2 pers. femminile tuo/a di lei= ��ֵ 2 pers. femm. tuoi/tue di lei= ���‫ַי‬
3 pers. masch. suo/a di lui= �‫וֹ‬ 3 pers. masch. suoi/sue di lui= ��‫ָי‬
3 per femm. suo/a di lei = �‫ָהּ‬ 3 pers. femm. suoi/sue di lei = �ָ‫ֶיה‬
1 pers. comune plu. nostro/a �‫ֵנוּ‬ 1 pers. comune plu. nostri/nostre= �‫ֵינוּ‬
2 pers. masch. plu. vostro/a di uomini= ��ֶ‫ְכ‬ 2 pers. masch. plu. vostri/e di uomini= ��ֶ‫ֵיכ‬
2 pers. femm. plu. vostro/a di donne= ��ֶ‫ְכ‬ 2 pers. femm. plu.vostri/vostre di donne=
��ֶ‫ֵיכ‬
3 pers. masch. plu loro uomini= ��ָ 3 pers. masch. plu loro di uomini= ��ֶ‫ֵיה‬
3 pers. femm. plu loro di donne= ��ָ 3 pers. femm. plu loro di donne= ��ֶ‫ֵיה‬
I suffissi pronominali seguono il sostantivo a cui si riferiscono. Quando un sostantivo termina in
gutturale allo stato assoluto e costrutto prende il Pathah Furtivus e nella seconda persona singolare
maschile e nella seconda persona maschile e femminile plurale la gutturale ha uno Schwa composito.
I sostantivi bisillabi con Qames alla prima sillaba, quando ricevono una sillaba alla fine,
l’accento si muove su quest’ultima e il Qames diventa Schwa.
I sostantivi che iniziano per gutturale e hanno un qames alla prima sillaba essa è rimpiazzata
con uno Schwa quando l’accento si muove sull’ultima sillaba.
Se la prima sillaba presenta Qames e la seconda sillaba una vocale piena il qames cade
mentre la vocale forte rimane.
C’è da notare che i sostantivi femminili terminano in �‫ָת‬ nello stato assoluto, ma quando c’è un
pronome suffisso �‫ָת‬ diventa �‫ָה‬ . La "T" originaria però riappare nello stato costrutto prima del
suffisso.
Inoltre nei suffissi di sostantivi plurali c’è una Yodh la quale, eccetto per la prima persona singolare
e la seconda persona singolare femminile, è silente. Nell’Ebraico pre-classico questa Yodh era udibile
in tutti i suffissi dei sostantivi plurali.

Esempi di sostantivi con suffissi pronominali

25
Sost. semplici Sost. finiscono in gutturale Sost. bisillabi con A
cavallo ass. �‫סוּס‬ spirito ass. �ַ‫רוּח‬ parola ass. �‫דּ�בָר‬
cavallo di costr. � ‫סוּ‬
‫ס‬ spirito di costr. � ‫רוּ‬
ַ‫ח‬ parola di costr. �‫דּ�בַר‬
il mio cavallo �‫סוּסִי‬ il mio spirito �‫רוּחִי‬ la mia parola �‫דּ�בָר�י‬
il tuo (di lui) cavallo � ְ‫סוּס‬
� il tuo (di lui) spirito � ְַ‫רוּח‬
� la tua (di lui) parola � �‫דּ�בָר‬

il tuo (di lei) cavallo ��ֵ‫סוּס‬ il tuo (di lei) spirito ��ֵ‫רוּח‬ la tua (di lei) parola ���‫דּ�בָר‬
il suo (di lui) cavallo �‫סוּסוֹ‬ il suo (di lui) spirito �‫רוּחוֹ‬ la sua (di lui) parola �‫דּ�בָרוֹ‬
il suo (di lei) cavallo �‫סוּסָהּ‬ il suo (di lei) spirito �‫רוּחָהּ‬ la sua (di lei) parola �‫דּ�בָר�הּ‬
il nostro cavallo �‫סוּסֵנוּ‬ il nostro spirito �‫רוּהֵנוּ‬ la nostra parola �‫דּ�בָר�נוּ‬
il vostro (di uomini) cavallo il vostro (di uomini) spirito la vostra (di uomini) parola
��ֶ‫סוּסְכ‬ ��ֶ‫רוּהְַכ‬ ��ֶ‫דּ�בַר�כ‬
il vostro (di donne) cavallo il vostro (di donne) spirito ��ֶ‫רוּחְַכ‬ la vostra (di donne) parola
��ֶ‫סוּסְכ‬ ��ֶ‫דּ�בַר�כ‬
il loro (di uomini) cavallo � ָ‫סוּס‬
� il loro (di uomini) spirito � ָ‫רוּח‬
� la loro (di uomini) parola � �‫דּ�בָר‬

il loro (di donne) cavallo ��ָ‫סוּס‬ il loro (di donne spirito) ��ָ‫רוּח‬ la loro (di donne) parola ���‫דּ�בָר‬

Sost. iniziano in gutturale e A Sost. con A e voc.piena Sost. femm. sing.


pena �‫עָמָל‬ profeta �‫�בִיא‬ legge �‫תּוֹר�ה‬
pena di �‫עְַמָלִי‬ profeta di �‫נ�בִיא‬ legge di �‫תּוֹר�ת‬
la mia pena �‫עְַמָלִי‬ il mio profeta �‫נ�בִיאִי‬ la mia legge �‫תּוֹר�תִי‬
la tua (di lui) pena � ְ‫עְַמָל‬
� il tuo (di lui) profeta � ְ‫נ�בִיא‬
� la tua (di lui) legge � ְ‫תּוֹר�ת‬

la tua (di lei) pena ��ֵ‫עְַמָל‬ il tuo (di lei) profeta ��ֵ‫נ�בִיא‬ la tua (di lei) legge ��ֵ‫תּוֹר�ת‬
la sua (di lui) pena �‫עְַמָלוֹ‬ il suo (di lui) profeta �‫נ�בִיאוֹ‬ la sua (di lui) legge �‫תּוֹר�תוֹ‬
la sua (di lei) pena �‫עְַמָלָהּ‬ il suo (di lei) profeta �‫נ�בִיאָהּ‬ la sua (di lei) legge �‫תּוֹר�תָהּ‬
la nostra pena �‫עְַמָלְנוּ‬ il nostro profeta �‫נ�בִיאֵנוּ‬ la nostra legge �‫תּוֹר�תֵנוּ‬
la vostra (di uomini) pena il vostro (di uomini) profeta la vostra (di uomini) legge
��ֶ‫עְַמַלְכ‬ ��ֶ‫נ�בִיאְַכ‬ ��ֶ‫תּוֹר�תְכ‬
la vostra (di donne) pena il vostro (di donne) profeta la vostra (di donne) legge
��ֶ‫עְַמַלְכ‬ ��ֶ‫נ�בִיאְַכ‬ ��ֶ‫תּוֹר�תְכ‬
la loro (di uomini) pena � ָ‫עְַמָל‬
� il loro (di uomini) profeta ��ָ‫נ�בִיא‬ la loro (di uomini) legge � ָ‫תּוֹר�ת‬

la loro (di donne) pena ��ָ‫עְַמָל‬ il loro (di donne) profeta ��ָ‫נ�בִיא‬ la loro (di donne) legge ��ָ‫תּוֹר�ת‬

26
Sost. masch. plu. Sost. femm. plu Irregolari
cavalli ��‫סוּסִי‬ leggi �‫תּוֹרוֹת‬ padre �‫עָבוֹת‬
cavalli di �‫סוּסֵי‬ leggi di �‫תּוֹרוֹת‬ padre di �‫אְַבוֹת‬
i miei cavalli �‫סוּסֵי‬ le mie leggi �‫תּוֹרוֹתַי‬ mio padre �‫אֶַבוֹתַי‬
i tuoi (di lui) cavalli � ֶ‫סוּס‬
� le tue (di lui) leggi � ‫תּוֹרוֹתֶי‬
� tuo (di lui) padre � ‫אְַבוֹתֶי‬

i tuoi (di lei) cavalli ���‫סוֹסַי‬ le tue (di lei) leggi ���‫תּוֹרוֹתַי‬ tuo (di lei) padre ���‫אְַבוֹתַי‬
i suoi (di lui) cavalli �‫סוּסָיו‬ le sue (di lui) leggi �‫תּוֹרוֹתָיו‬ suo (di lui) padre �‫אְַבוֹתָיו‬
i suoi (di lei) cavalli ��‫סוּסֶי‬ le sue (di lei) leggi �ָ‫תּוֹרוֹתֶיה‬ suo (di lei) padre �ָ‫אְַבוֹתֶיה‬
i nostri cavalli �‫סוּסֵינוּ‬ le nostre leggi �‫תּוֹרוֹתֵינוּ‬ nostro padre �‫אְַבוֹתֵינוּ‬
i vostri (di uomini) cavalli le vostre (di uomini) leggi vostro (di uomini) padre
��ֶ‫סוּסֵיכ‬ ��ֶ‫תּוֹרוֹתֵיכ‬ ��ֶ‫אְַבוֹתֵיכ‬
i vostri (di donne) cavalli ��ֶ‫סוּסֵיכ‬ le vostre (di donne) leggi vostro (di donne) padre
��ֶ‫תּוֹרוֹתֵיכ‬ ��ֶ‫אְַבוֹתֵיכ‬
i loro (di uomini) cavalli ��ֶ‫סוּסֵיה‬ le loro (di uomini) leggi loro (di uomini) padre ��ֶ‫אְַבוֹתֵיה‬
��ֶ‫תּוֹרוֹתֵיה‬
i loro (di donne) cavalli ��ֶ‫סוּסֵיה‬ le loro (di donne) leggi ��ֶ‫תּוֹרוֹתֵיה‬ loro (di donne) padre ��ֶ‫אְַבוֹתֵה‬

Alcuni sostantivi di uso frequente sono irregolari come padre (ha come si vede in tabella le termi-
nazioni del femminile plurale nonostante sia un sostantivo maschile singolare), figlio/a, fratello, moglie,
cosa, nome ecc...

8.6 I gradi di comparazione dell’aggettivo


In Ebraico non ci sono forme speciali per formare i GRADI DI COMPARAZIONE, infatti il grado
comparativo è espresso dal ��ִ‫מ‬ seguito dall’aggettivo (��ִ‫ מ‬si attacca dunque all’aggettivo); il grado
SUPERLATIVO è espresso in due modi:

1. l’aggettivo ha l’articolo ed è seguito da ��ִ‫מ‬ oppure �‫בּ‬ che si attaccano alla parola con la quale
il sostantivo è messo a paragone;

2. l’aggettivo è messo nello stato costrutto ed è dipendente dalla parola con la quale il nome è messo
a paragone.

David è grande da Saul= �‫דּ�ו�ד גּ�דוֹל מִ��אוּל‬


David è il grande tra i suoi fratelli= �‫דּ�ו�ד הַגּ�דוֹל מֵאֶחָיו‬
David è il maggiore dei suoi fratelli= �‫דּ�ו�ד גּ�דוֹל�אֶחָיו‬

Altra cosa da notare è la CARENZA di aggettivi in Ebraico, la quale viene sopperita attraverso gli
stati costrutti, quindi mettendo in relazione due sostantivi.

27
Chapter 9

I pronomi

I PRONOMI INTERROGATIVI: "chi?" = �‫מִי‬ la sua forma è fissa e non cambia; "cosa?"= �‫מַה‬ la
vocalizzazione cambia in base alla parola che segue:

1. prima di una consonante (fatta eccezione per le gutturali e ‫ר‬ )è �‫מַה‬ seguita da Daghesh Forte
(ex. che cosa è? = �‫;)מה�זּ�ה‬
2. prima di ‫א‬ e ‫ר‬ è �‫;מָה‬
3. prima di ‫ה‬ ‫ח‬ esso è �‫;מַה‬
4. prima di una gutturale con Qames esso è �‫מֶה‬.
I PRONOMI PERSONALI: si distinguono il SOGGETTO e l’OGGETTO. Quando il pronome
personale è oggetto si un verbo esso è definito poiché si riferisce a una persona specifica; quindi esso è
espresso dal segno che definisce l’oggetto �‫אֵת‬ (7) con i suffissi pronominali.
C’è da notare che esiste un’altra forma di � ֵ‫ א‬che è �‫ אֹת‬e che è usata con i suffissi come ��ְ‫ אֹת‬e
‫ת‬
�‫אֹתִי‬, raramente è usata con suffissi quali ��ֶ‫כ‬e ��ֶ‫ כ‬che sono detti forti.

Soggetto Complemento oggetto

io �‫אָנֹכִי� ;אְַנ�י‬ me/mi �‫אֹתִי‬


tu (uomo) �‫אַתָּה‬ te/ti (uomo) � ְ‫אֹת‬

tu (donna) �ְ‫אַתּ‬ te/ti (donna)��ָ‫אֹת‬
lui �‫הוֹא‬ lo/gli �‫אֹתוֹ‬
lei �‫תִיא‬ la/le �‫אֹתָהּ‬
noi �‫אְַנ�חְנוּ‬ ci �‫אֹתָנוּ‬
voi (uomini) ��ֶ‫אַתּ‬ vi (uomini) ��ְֶ‫אֶט‬
voi (donne) ��ֶ‫אַתּ‬ vi (donne) ��ֶ‫אֶתְכ‬
loro (uomini) �‫הֵ��;הֵמָּה‬ li ��ָ‫אֶתְהֶ�� ;אֹת‬
loro (donne) �‫הֵ�� ;הֵנּ�ה‬ le ��ָ‫אֶתְהֶ�� ;אֹת‬

I PRONOMI RELATIVI: il pronome relativo �‫ אְַשׁ�ר‬è indeclinabile. Lo possiamo usare come: "che",
"chi", "dove", "il quale", "la quale", "i quali", "le quali" ecc... lo traduciamo quindi come ci viene
suggerito dal contesto.

28
Chapter 10

Le congiunzioni

La congiunzione "E" corrisponde a una Waw prefissa alla parola ed è da essa inseparabile:

1. generalmente è priva di vocali quindi viene aggiunto uno Schwa;

2. quando la congiunzione è prefissata a una parola che presenta uno Schwa la Waw prende la forma
�‫;ו‬
3. prima delle bilabiali �� � ‫ב‬ prende pure forma �‫;ו‬

4. se la parola inizia per �‫י‬ la Yodh diventa quiescente e la congiunzione prende Hireq;

5. prima di Schwa composito prende la vocale breve corrispondente;

6. con ��‫אֱל�הִי‬ diventa però ��‫;שׂ�אל�הִי‬


7. immediatamente prima di tono-sillabi è spesso �‫;ו‬

8. con �‫י�הווָֹה‬ diventa �‫ו�יהווָֹה‬.

29
Chapter 11

Il vecchio accusativo in "ah"

L’ebraico arcaico presentava tre casi: il nominativo terminante in "U", il genitivo terminante in "I"
e l’accusativo terminante in "A" che denotava quest’ultimo una DIREZIONE o un ATTRAVERSA-
MENTO.
Nell’Ebraico biblico si può trovare ancora attaccato a un numero limitato di nomi di luoghi (ex.
�‫מִצְר�י�מָה‬ = verso o attraverso l’Egitto).
L’accento non si muove verso la nuova sillaba, ma rimane prima del �‫ָה‬

30
Chapter 12

Esprimere il possesso

In Ebraico non ci sono parole che esprimono il verbo "AVERE" di conseguenza per esprimere il possesso
di qualcuno o qualcosa si utilizza il verbo "ESSERE" o meglio si usano due vocaboli che possono essere
tradotti con "essenteci" �‫י�שׁ‬ e "non essenteci" ��‫אֵי‬ che originariamente erano due sostantivi che
significavano rispettivamente "esistenza" e "inesistenza".
Il possesso nel passato e nel futuro può essere espresso dai verbi �‫הָי�ה‬ e �‫י�הְי�ה‬ seguiti dalla
preposizione ‫ל‬ ; il verbo deve concordare in genere e numero con il soggetto.
Per fare la forma negativa si usa �‫ל�א‬ .
C’è un figlio a me, ossia ho un figlio= ��ֵ‫י�שׁ לִי בּ‬
Non c’è un figlio a me, ossia non ho un figlio = ��ֵ‫חֵי� לִי בּ‬
C’era un figlio a me, ossia avevo un figlio = ��ֵ‫י בּ‬.‫הָי�ה ל‬
Ci sarà un figlio a me, ossia avrò un figlio= ��ֵ‫י בּ‬.‫י�הְי�ה ל‬

31
Chapter 13

"He" interrogativo

La domanda semplice è introdotta dalla particella-prefisso �ֲ‫ה‬ . Prima di uno Schwa semplice o di una
consonante gutturale essa è �ַ‫ ה‬, ma quando la consonante gutturale ha un Qames allora la particella
diventa �ֶ‫ה‬ (ex. �‫י�שׁ‬ = c’è �‫ = הֲי�שׁ‬c’è?).

32
Chapter 14

’et come "con"

Come visto nel capitolo 7 �‫אֵת‬ può introdurre un oggetto definito, ma un altro significato del termine
è "con " che appare nella forma �‫אִתּ‬ con i suffissi (ex. �‫אִתִּי‬ = con me, ��‫אִתּ‬ = con te, �‫אִתּוֹ‬ =
con lui, �‫אִתָּנוּ‬ = con noi, ��ָ‫אתּ‬ = con loro ecc. . . ).

33
Chapter 15

"Waw" consecutivo

Due frasi che si riferiscono a eventi passati possono essere messe in continuità narrativa attraverso
uno "waw" che viene posto davanti al verbo delle seconda frase. Quindi se nella prima frase troviamo
un verbo alla forma perfetta e nella seconda frase un verbo all’imperfetto, ma con davanti uno "waw"
allora quel verbo può essere tradotto con un perfetto. Allo stesso modo se troviamo nella prima frase un
verbo all’imperfetto e nella seconda un verbo al perfetto, ma con premesso un "waw" allora tradurremo
quest’ultimo verbo come un imperfetto.
"Waw consecutivo" viene vocalizzato come lo "waw" congiunzione, inoltre lo "waw" consecutivo
che è attaccato all’imperfetto è vocalizzato con Pathah e seguito da Daghesh Forte, ma con la prima
persona singolare il cui prefisso è Aleph allora diventa ‫�ו‬ senza Daghesh Forte; lo "waw" consecutivo
con il perfetto fa muovere l’accento sull’ultima sillaba, mentre con l’imperfetto l’accento tende ad
avanzare; laddove l’imperfetto presentasse la forma breve lo "waw" consecutivo è attaccato a questo
invece che alla forma lunga; spesso un verso all’inizio di un capitolo si apre con un verbo preceduto da
"waw" a indicare una continuità con quello accaduto prima.

34
Chapter 16

Cambiamento delle vocali nelle parole "in


pausa"

1. Quando una parola è "in pausa" la vocale nel tono-sillabo è allungata (ex. �‫שׁ�מַר‬ diventa
�‫שׁ�מָר‬ );

2. nelle parole con Milra’ l’accento è spesso posto sulla penultima sillaba la quale se ha vocale breve
viene allungata (ex. �‫אַתָּה‬ diventa �‫;)אַתָּה אַתָּה‬
3. in una sillaba composta da una consonante con Schwa, questo diventa la vocale breve che gli sta
più vicino ( �‫פְּר�י‬ che diventa �‫פֶּר�י פֶּר�י‬ );

4. uno Schwa composto diventa la corrispondente vocale breve che è poi allungata e l’accento è
messo sulla sillaba corrispondente (ex. �‫אֲנ�י‬ diventa �‫אָנ�י אָנ�י‬ );

5. alcuni nomi segolati ritornano nella loro forma originaria;

6. riguardo al verbo la vocale della seconda sillaba la quale perde quando l’accento si muove verso
l’ultima sillaba aggiunta, riappare in pausa ed è allungata se è breve e l’accento cade su di essa
(ex. �‫שׁ�מְר�ה‬ diventa �‫שׁ�מָר�ה שׁמָר�ה‬ )

35
Chapter 17

Il verbo: descrizione generale dei verbi


regolari

In Ebraico il verbo è normalmente trilittero, ossia la radice consiste di tre lettere. La radice trilittera,
senza vocali o affissi, da un’idea di come è il verbo, senza alcun riferimento alla persona, al genere, al
numero, al tempo o al modo. Ognuna di queste cose è data da un cambiamento delle vocali, apposizione
di particelle pronominali, suffissi ecc...
La radice-verbo ebraica è coniugata sotto sette costruzioni:

Semplice-Attivo �‫ שׁ�בַר‬lui ha rotto QAL �‫קַל‬ Vocale a


Semplice-Passivo �‫ נ�שׁ�בַּר‬lui è stato rotto NIPHAL � ַ‫נ�פְע‬
‫ל‬ Ni+a+a
Intensivo-Attivo �‫ שׁ�בֵּר‬lui ha distrutto PI’EL �‫פִּעֵל‬ Vocali i+e
Intensivo-Passivo �‫ שׁ�בַּר‬lui è stato distrutto PU’AL �‫פּ�אַל‬ Vocali u+a
Causativo-Attivo �‫ הִג�דּ�יל‬lui ha reso grande HIPH’IL �‫הִפְי�יל‬ Hi+Schwa+I
Causativo-Passivo �‫ הָג�דּ�ל‬lui è stato fatto grande HOPH’AL �‫הָפְעַל‬ HA+Schwa+a
Riflessivo �‫ הִטְגּ�דּ�ל‬lui si è fatto grande HITHPA’EL �‫הִתְפַּעֵל‬ Hit+Schwa+a+e

17.1 Forma QAL


Qal significa "leggero" e serve come prototipo delle forme derivate.

17.1.1 Il perfetto
In Ebraico non c’è un tempo presente, passato, futuro, ma piuttosto si pensa se l’azione è COMPLETA
O INCOMPLETA. Si parla dunque di verbi al PERFETTO, riferendosi a tutte le azioni che si sono
concluse nel passato; verbi all’IMPERFETTO, riferendosi a tutte le azioni che non si sono ancora
verificate, quindi future e verbi al PARTICIPIO corrispondenti ad azioni presenti. In genere si usa la
terza persona singolare maschile al perfetto per cercare i verbi nel vocabolario e non all’infinito come
accade in italiano, poiché il perfetto è la forma più semplice che fa da base a tutte le altre forme verbali.

1. Le persone al perfetto sono formate prendendo la radice del verbo e aggiungendo i pronomi
personali alla fine;

2. nella seconda persona maschile e femminile plurale l’accento si muove verso il suffisso e il Qames
della prima sillaba si trasforma in Schwa;

36
3. se la prima lettera della radice del verbo è una gutturale allora ci sarà uno Schwa composto sotto
la gutturale nella seconda persona plurale.

lui ha custodito/custodiva/custodì/aveva custodito � ַ‫שׁ�מ‬


‫ר‬
lei ha custodito/custodiva/custodì/ aveva custodito �‫שׁ�מְר�ה‬
io ho custodito/custodivo/custodì/ avevo custodito �‫שׁמַר�תִּי‬
tu (uomo) hai custodito/custodivi/custodisti/ avevi custodito �ָ‫שׁ�מַר�תּ‬
tu (donna) hai custodito/custodivi/custodisti/ avevi custodito �ְ‫שׁ�מַר�תּ‬
noi abbiamo custodito/custodivamo/custodimmo/ avevamo custodito �‫שׁ�מַר�נוּ‬
voi (uomini) avete custodito/custodivate/custodiste/ avevate custodito ��ֶ‫שׁ�מַר�תּ‬
voi (donne) avete custodito/custodivate/custodiste avevate custodito ��ֶ‫שׁ�מַר�תּ‬
loro hanno custodito/custodivano/custodimmo/ avevano custodito �‫שׁ�מְרנוּ‬

Suffissi verbali (Perfetto)

Il verbo può ricevere dei suffissi pronominali. Spesso, invece du un verbo seguito da un pronome
personale (oggetto), possiamo trovare il verbo con il pronome suffisso (cfr. cap. 9).
I suffissi che si attaccano al verbo sono praticamente identici a quelli che si attaccano a nomi e
preposizioni (cfr. paragrafo 8.5).
Quando il verbo riceve il suffisso l’accento si muove verso la nuova sillaba e il Qames della prima
sillaba diventa uno Schwa; ne conseguono dei cambiamenti nella vocalizzazione della parola.
In generale solo i "verbi attivi" possono prendere i suffissi; Niphal, Pual, Hophal e Hithpael, essendo
passivi o riflessivi, non possono prendere suffissi in quanto non in grado di reggere un oggetto.
Prendiamo, ad esempio, il verbo �‫שׁ�מַר‬ alla terza persona singolare maschile.

lui mi ha preso ‫שׁ�מָר�נ� �י‬


lui ti (uomo) ha preso ���‫שׁ�מָר‬
lui ti (donna) ha preso ���‫שׁ�מָר‬
lui lo ha preso �‫וּה�רָמ�שׁ שׁ�מָרוּ‬
lui la ha preso �‫שׁ�מָר�הּ‬
lui ci ha preso �‫שׁ�מָר�נוּ‬
lui li ha presi ���‫שׁ�מָר‬
lui le ha prese ���‫שׁ�מָר‬

17.1.2 L’imperfetto
L’imperfetto denota un’azione incompleta e può dunque corrispondere al FUTURO italiano, oppure
da il senso della possibilità come il CONGIUNTIVO o dell’eventualità come il CONDIZIONALE.
L’imperfetto presenta una congiunzione a prefissi. I prefissi dell’imperfetto sono ��‫ת י א‬ (per
ricordarli si usa la parola ��ָ‫)אֵית‬. ‫א‬ è per la prima persona del singolare; ‫י‬ per la terza persona
maschile; ‫ת‬ per la terza persona femminile e per la seconda persona maschile e la � per la prima
persona plurale. Il maschile plurale finisce in ‫ וּ‬e il femminile plurale in �‫�ה‬

37
lui custodirà/che egli custodisca/ etc. . . � ֹ‫י�שׁ�מ‬
‫ר‬
lei custodirà/che ella custodisca/ etc. . . �‫תִּשׁ�מֹר‬
io custodirò/che io custodisca/ etc. . . �‫אֶשׁ�מֹר‬
tu (uomo) custodirai che tu (uomo) custodisca/ etc. . . �‫תִּשׁ�מֹר‬
tu (donna) custodirai/ che tu (donna) custodisca/ etc. . . �‫תִּשׁ�מְר�י‬
noi custodiremo/ che noi custodiamo/ etc. . . �‫נ�שׁ�מֹר‬
voi (uomini) custodirete/ che voi (uomini) custodiate/ etc. . . �‫תִּשׁ�מְרוּ‬
voi (donne) custodirete/ che voi (donne) custodiate/ etc. . . �‫תִּשׁ�מֹר��ה‬
loro (uomini) custodiranno/ che loro (uomini) custodiscano/ etc. . . �‫י�שׁ�מְרוּ‬
loro (donne) custodiranno/ che loro (uomini) custodiscano/ etc. . . �‫תִּשׁ�מֹר��ה‬

Coortativo e iussivo

Esiste in Ebraico un’estensione dell’imperfetto per esprimere enfasi o sforzo.

1. Nella prima persona questa estensione si chiama Coortativo, il quale è indicato dalla sillaba
�‫ָה‬ alla fine della prima persona (ex. Imperfetto ordinario �‫אֶשׁ�מֹר‬ che io custodisca/custodirò;
Coortativo �‫אֶשׁ�מֹר‬ custodisco!);

2. corrispondente al Coortativo c’è l’IMPERATIVO ENFATICO il quale ha �‫ָה‬ come sillaba finale
al singolare maschile (ex. Imperativo ordinario �‫שׁ�מֹר‬ custodisci tu!; Imperativo enfatico �‫שׁ�מְר�ה‬
custodisci tu infatti!)

3. l’imperfetto è spesso usato come Iussativo (ex. ��ֶ‫י�שׁ�פּט הַמֶּל‬ "il re sarà giudicato", ma anche "si
giudicherà il re!")

Suffissi verbali (Imperfetto)

Il suffisso con le persone singolari all’imperfetto prende la vocale "e" invece che la "a". Le forme
alternative delle persone singolari dell’imperfetto con i suffissi presentano una "Nun dimostrativa o
energetica" che è assimilata prima del suffisso il quale prende il Daghesh Forte; queste forme alternative
sono molto frequenti in Pausa.
Prendiamo, ad esempio, il verbo �‫י�שׁ�מֹר‬ alla terza persona singolare maschile.

lui mi prenderà �‫י�נּ�רְמ�שׁ�י י�שׁ�מְר�נ�י‬


lui ti (uomo) prenderà ���‫משׁ�י י�שׁ�מָר‬ � ְ‫ָכּ�ר‬
lui ti (donna) prenderà ���‫י�שׁ�מְר‬
lui lo prenderà �‫וּנּ�רְמ�שׁ�י י�שׁ�מְר�הוּ‬
lui la prenderà �ָ‫ה�נּ�רְמ�שׁ�י שׁ�מְר�ה‬
lui ci prenderà �‫י�שׁ�מְר�נוּ‬
lui vi (uomini) prenderà ��ֶ‫י�שׁ�מְר�כ‬
lui vi (donne) prenderà ��ֶ‫י�שׁ�מְר�כ‬
lui li prenderà ���‫י�שׁ�מְר‬
lui le prenderà ���‫י�שׁ�מְר‬

17.1.3 L’imperativo
L’imperativo è la forma breve dell’imperfetto, ossia risulta privo di prefissi.

38
Anche l’imperativo nella forma Qal può prendere suffissi pronominali come accade al perfetto e
all’imperfetto.

custodisci tu (uomo)! � ֹ‫שׁ�מ‬


‫ר‬
custodisci tu (donna)! �‫שׁ�מְר�י‬
custodite voi (uomini)! �‫שׁ�מְרוּ‬
custodite voi(donne)! �‫שׁ�מֹר��ה‬

Comandi negativi o proibizioni

I comandi negativi o le proibizioni sono espresse con la forma negativa dell’imperfetto; il negativo non
è mai usato con l’imperativo. Quindi si usa �‫ל�א‬ per le proibizioni permanenti e �‫אַל‬ per le proibizioni
temporanee e entrambe le negazioni sono usate con la forma breve del verbi all’imperfetto (quando si
tratta di tempi deboli).

17.1.4 Il participio attivo e passivo


Il PARTICIPIO ATTIVO è puntato con Holem e Sere per il maschile singolare; si attacca �‫ֶת‬ per il
femminile; si attacca ��‫י‬ per il maschile plurale; si attacca �‫וֹת‬ per il femminile plurale.

masch. sing. custodiente � ֵ‫שֹׁמ‬


‫ר‬
femm. sing. custodiente �‫שֹׁמֶר�ת שֹׁמְר�ה‬
masch. plu. custodienti ��‫שֹׁמְרי‬
femm. plu. custodienti �‫שֹׁמְרוֹת‬
Il participio può essere visto come un aggettivo verbale che si accorda in in genere e numero al
sostantivo o al pronome a cui si riferisce.
C’è da notare che quando l’ultima lettera della radice di un verbo è una gutturale allora il maschile
singolare del participio attivo prende il Pathah Furtivus, il feminile singolare prende due Pathah invece
di due Seghol (ex. masch. sing. �‫שׁ�מַע‬,femm. sing. �ַ‫)תַעַמשׁ שֹׁמֵע‬.
Il PARTICIPIO PASSIVO segue gli stessi principi di quello attivo e come il participio attivo e un
aggettivo verbale.

masch. sing. custodito � ‫שׁ�מוּ‬


‫ר‬
femm. sing. custodita �‫שׁ�מוּר�ה‬
masch. plu. custoditi ��‫שׁ�מוּר�י‬
femm. plu. custodite �‫שׁ�מוּרוֹת‬
C’è da notare che quando la terza lettera del verbo è una gutturale il participio passivo del maschile
singolare hai il Pathah Furtivus (e. � ‫י�ד�ע‬ diventa �ַ‫)י�דוּע‬.

17.1.5 Gli infinitivi


In Ebraico ci sono due forme di infinito:

1. INFINITO ASSOLUTO che esprime enfasi quando esso precede immediatamente il verbo finito
oppure quando è a esso immediatamente seguente (ex. �‫שׁ�מוֹר שׁ�מַר‬ lui ha infatti, certamente
preso; �‫שׁ�מַר שׁ�מוֹר‬ lui ha preso continuamente);

39
2. INFINITO COSTRUTTO con la preposizione ‫ל‬ esprime l’infinito (ex. �‫לִשׁ�מֹר‬ da prendere,
per prendere).

C’è da notare che quando la terza lettera radicale è una gutturale entrambi gli infinitivi hanno il
Pathah Furtivus sotto la gutturale (ex. �‫שׁ�מַע‬ udire; infinito assoluto �ַ‫שׁ�מוֹע‬, infinito costrutto �ַ‫)שׁ�מוֹע‬.

Suffissi verbali (Infinito costrutto)

L’infinito costrutto è un tipo di nome verbale. I suffissi dell’infinito costrutto possono denotare sia il
soggetto che l’oggetto, fatta eccezione per la prima persona singolare e la seconda persona singolare
maschile le quali hanno suffissi diversi per il soggetto e l’oggetto.

mio possesso/prendermi ‫י�נ�רְמ�שׁ שׁ�מְר� �י‬


tuo (uomo) possesso/ prenderti (uomo) ���‫רמ�שׁ שׁ�מְר‬ ָ ��
tuo (donna) possesso/ prenderti (donna) ���‫שׁ�מְר‬
suo (uomo) possesso/prenderlo �‫שׁ�מְרוֹ‬
suo (donna) possesso/prenderla �‫שׁ�מְר�הּ‬
nostro possesso/prenderci �‫שׁ�מְר�נוּ‬
vostro (uomini) possesso/prendervi (uomini) ��ֶ‫שׁ�מָר�כ‬
vostro (donne) possesso/prendervi (donne) ��ֶ‫שׁ�מָר�כ‬
loro possesso (uomini)/prendereli ���‫שׁ�מְר‬
loro possesso (donne)/prenderle ���‫שׁ�מְר‬

17.2 Forma NIPHAL


17.2.1 Il perfetto
Il perfetto della forma Niphal si crea prefissando la sillaba �‫נ‬ alla radice. I suffissi pronominali sono gli
stessi di quelli della forma Qal e la terza persona maschile singolare serve come base a tutte le altre
persone.

lui è stato rotto/ lui fu rotto/ etc. . . � ַ‫נ�שׁ�בּ‬


‫ר‬
lei è stata rotta/ lei fu rotta/ etc. . . �‫נ�שׁ�בְּר�ה‬
io sono stato rotto/ io fui rotto/ etc. . . �‫נ�שׁ�בַּר�תִּי‬
tu (uomo) sei stato rotto/ tu (uomo) fosti rotto/ etc. . . �ָ‫נ�שׁ�בַּר�תּ‬
tu (donna) sei stata rotta/ tu (donna) fosti rotta/ etc. . . �ְ‫נ�שׁ�בַּר�תּ‬
noi siamo stati rotti/noi fummo rotti/ etc. . . �‫נ�שׁ�בַּר�נוּ‬
voi (uomini) sono stati rotti7 voi (uomini) foste rotti/ etc. . . ��ֶ‫נ�שׁ�בַּר�תּ‬
voi (donne) siete state rotte/ voi (donne) foste rotte/ etc. . . ��ֶ‫נ�שׁ�בַּר�תּ‬
loro sono stati rotti/ loro furono rotti/ etc. . . �‫נ�שׁ�בְּרוּ‬

17.2.2 L’imperfetto
L’imperfetto �‫י���בֵר‬ è una contrazione di �‫י�נ�שׁ�בֵר‬, infatti la Nun del Niphal viene assimilata e questo
porta alla presenza del Daghesh Forte nella prima radicale.
Se la prima radicale è una gutturale, quindi non può ricevere il Daghesh Forte, allora avviene che
la vocale Hireq si trasforma in Sere.
I prefissi che denotano le persone sono i medesimi dell’imperfetto della forma Qal ( ‫תיאנ‬ ).

40
lui sarà rotto/che lui sia rotto/ etc. . . � ֵ‫י���ב‬
‫ר‬
lei sarà rotta/ che ella sia rotta/ etc. . . �‫תִּ��בֵר‬
io sarò rotto/ che io sia rotto/ etc. . . �‫אִ��בֵר‬
tu (uomo) sarai rotto/ che tu (uomo) sia rotto/ etc. . . �‫תִּ��בֵר‬
tu (donna) sarai rotta/ che tu(donna) sia rotta/ etc. . . �‫תִּ��בְר�י‬
noi saremo rotti/ che noi siamo rotti/ etc. . . �‫נ���בֵר‬
voi (uomini) sarete rotti/ che voi(uomini) sareste rotti/ etc. . . �‫תִּשׁ�בְרוּ‬
voi (donne) sarete rotte/ che voi (donne) sareste rotte/ etc. . . �‫תִּ��בַר��ה‬
loro (uomini) saranno rotti/ che loro (uomini) siano rotti/ etc. . . �‫י���בְרוּ‬
loro (donne) saranno rotte/ che loro (donne) siano rotte/ etc. . . �‫תִּ��בַר��ה‬

Coortativo e iussivo

Il coortativo è �‫אִ��בְר�ה‬ mentre non ci sono forme brevi per lo iussivo.

17.2.3 L’imperativo
L’imperativo ha la lettera ‫ ה‬prima della radice.

sei rotto tu (uomo)! � ֵ‫הִ��ב‬


‫ר‬
sei rotta tu (donna)! �‫הִ��בְר�י‬
siete rotti voi (uomini)! �‫הִ��בְרוּ‬
siete rotte voi (donne)! �‫הִ��בַר��ה‬

17.2.4 Il participio

masch. sing. rotto � ָ‫נ�שׁ�בּ‬


‫ר‬
femm. sing. rotta �‫נ�שׁ�בָּר�ה‬
masch. plu. rotti ��‫נ�שׁ�בָּר�י‬
femm. plu. rotte �‫נ�שׁ�בָּרוֹת‬

17.2.5 Gli infinitivi


L’infinito assoluto è �‫נ�שׁ�בֹּר הִ�בֹר‬,quello costrutto invece �‫הִ��בֵר‬.

17.3 Forma PIEL


La forma Piel ha come caratteristica il Daghesh Forte nella seconda lettera radicale, sebbene in alcune
forme risulti assente. Ancora una volta, la terza persona maschile singolare serve come base per le
altre persone, nel perfetto così come all’imperfetto, i pronomi suffisso e i prefissi (per l’imperfetto) sono
costanti.

41
17.3.1 Il perfetto

lui ha distrutto/lui aveva distrutto/ etc. . . � ֵ‫שׁ�בּ‬


‫ר‬
lei ha distrutto/ lei aveva distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בְּר�ה‬
io ho distrutto/ io avevo distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בַּר�תִּי‬
tu (uomo) hai distrutto/ tu (uomo) avevi distrutto/ etc. . . �ְ‫שׁ�בַּר�תּ‬
tu (donna) hai distrutto/ tu(donna) avevi distrutto/ etc. . . �ְ‫שׁ�בַּר�תּ‬
noi abbiamo distrutto/ noi avevamo distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בַּר�נוּ‬
voi (uomini) avete distrutto/ voi (uomini) avevate distrutto / etc. . . ��ֶ‫שׁ�בַּר�תּ‬
voi(donne) avete distrutto/ voi (donne) avevate distrutto/ etc. . . ��ֶ‫שׁ�בַּר�תּ‬
loro hanno distrutto/ loro avevano distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בְּרוּ‬

17.3.2 L’imperfetto

lui avrà distrutto � ֵ‫י�שׁ�בּ‬


‫ר‬
lei avrà distrutto �‫תְּשׁ�בֵּר‬
io avrò distrutto �‫אְַשׁ�בֵּר‬
tu (uomo) avrai distrutto �‫תְּשׁ�בֵּר‬
tu (donna) avrai distrutto �‫תְּשׁ�בְּר�י‬
noi avrete distrutto �‫נ�שׁ�בֵּר‬
voi (uomini) avrete distrutto �‫תְּשׁ�בְּרוּ‬
voi (donne) avrete distrutto �‫תְּשׁ�בֵּר��ה‬
loro (uomini) avranno distrutto �‫י�שׁ�בְּרוּ‬
loro (donne) avranno distrutto �‫תְּשׁ�בֵּר��ה‬

Coortativo

Il coortativo è �‫אְַשׁ�בְּר�ה‬.

17.3.3 L’imperativo

distruggi tu (uomo)! � ְ‫שׁ�בּ‬


‫ר‬
distruggi tu (donna)! �‫שׁ�בְּר�י‬
distruggete voi (uomini)! �‫שׁ�בְּרוּ‬
distruggete voi (donne)! �‫שׁ�בֵּר��ה‬

17.3.4 Il participio
Il participio ha il prefisso �ְ‫מ‬

masch. sing distrutto � ֵ‫מְשׁ�בּ‬


‫ר‬
femm. sing distrutta �‫מְשׁ�בֶּר�ת‬
masch. plu. distrutti ��‫מְשׁ�בְּר�י‬
femm. plu. distrutte �‫מְשׁ�בְּרוּת‬

17.3.5 Gli infinitivi


L’ infinitivo assoluto è �‫שׁ�בֹּר שׁ�בֵּר‬, quello costrutto è �‫שׁ�בֵּר‬.

42
17.4 Forma PUAL
La forma Pual ha come caratteristica il Daghesh Forte nella seconda lettera radicale. Eccetto per la
vocale sotto la prima lettera radicale la vocalizzazione del Pual segue quella del Piel. Non ci sono
esempi di Pual all’imperativo.

17.4.1 Il perfetto

lui è stato distrutto/lui fu distrutto/ etc. . . � ַ‫שׁ�בּ‬


‫ר‬
lei è stata distrutta/lui fu distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בְּר�ה‬
io sono stato distrutto/io fui distrutto/ etc. . . �‫שׁ�בַּר�תִּי‬
tu (uomo) sei stato distrutto/ tu (uomo) fosti distrutto/ etc. . . �ָ‫שׁ�בַּר�תּ‬
tu (donna) sei stata distrutta/ tu (donna) fosti distrutta/etc. . . �ְ‫שׁבַּר�תּ‬
loro sono stati distrutti/loro furono distrutti/etc. . . �‫שׁ�בְּרוּ‬
&c. . .

17.4.2 L’imperfetto

lui sarà stato distrutto � ַ‫י�שׁ�בּ‬


‫ר‬
lei sarà stata distrutta �‫תְּשׁ�בַּר‬
io sarò stato distrutto �‫אְַשׁ�בַּר‬
tu (uomo) sarai stato distrutto �‫תְּשׁ�בַּר‬
tu (donna) sarai stata distrutta �‫תְּשׁ�בְּר�י‬
&c. . .

Coortativo

Il coortativo è �‫אְַשׁ�בְּר�ה‬.

17.4.3 Il participio

masch. sing. viene distrutto � ָ‫מְשׁ�בּ‬


‫ר‬
femm. sing. viene distrutta �‫ה�רָבּ�שְׁמ מְשׁ�בֶּר�ת‬
&c. . .

17.4.4 Gli infinitivi


L’ infinitivo assoluto e costrutto coincidono, �‫שׁ�בֹּר‬.

17.5 Forma HIPHIL


17.5.1 Il perfetto
Il perfetto della forma Hiphil si crea premettendo la ‫ה‬ alla radice del verbo.
Nella forma Hiphil il verbo può prendere suffissi pronominali che rimangono costanti, non dif-
feriscono cioè da quelli che si attaccano a sostantivi e aggettivi o al verbo nelle forme Qal e Piel.

43
lui ha reso grande/lui fece grande/ etc. . . � ‫הִג�דּ�י‬
‫ל‬
lei ha reso grande/lei fece grande/ etc. . . �‫הִג�דּ�ילָה‬
io ho reso grande/ io resi grande/ etc. . . �‫הִג�דּ�לְתִּי‬
tu (uomo) hai reso grande/tu (uomo) resi grande/ etc. . . �ָ‫הִג�דּ�לְתּ‬
tu (donna) hai reso grande/tu (donna) resi grande/ etc. . . �ְ‫הִג�דּ�לְתּ‬
noi abbiamo reso grande/ noi rendemmo grande/ etc. . . �‫הִג�דּ�לְנוּ‬
voi (uomini) avete reso grande/ voi (uomini) rendeste grande/ etc. . . ��ֶ‫הִג�דּ�לְתּ‬
voi (donne) avete reso grande/voi (donne) rendeste grande/ etc. . . ��ֶ‫הִג�דּ�לְתּ‬
loro hanno reso grande/ loro resero grande/ etc. . . �‫הִג�דּ�ילוּ‬

17.5.2 L’imperfetto
Nell’imperfetto della forma Hiphil la ‫ה‬ è assimilata e la Yodh assume la sua vocalizzazione.
C’è da notare che la forma Hiphil è l’unica parte del verbo regolare che ha una forma breve
dell’imperfetto e che la Waw consecutiva prende la forma breve dell’imperfetto. Altra cosa da notare
non esiste una forma breve per la prima persona singolare.

lui avrà reso grande � ‫י�ג�דּ�י‬


‫ל‬
lei avrà reso grande �‫תַּג�דּ�יל‬
io avrò reso grande �‫אַג�דּ�יל‬
tu (uomo) avrai reso grande �‫תַּג�דּ�יל‬
tu (donna) avrai reso grande �‫תַּג�דּ�ילִי‬
noi avremo reso grande �‫נ�ג�דּ�יל‬
voi (uomini) avrete reso grande �‫תַּג�דּ�ילוּ‬
voi (donne) avrete reso grande �‫תַּג�דּ�לְ�ה‬
loro (uomini) avranno reso grande �‫י�ג�דּ�ילוּ‬
loro (donne) avranno reso grande �‫תַּג�דּ�לְ�ה‬

Coortativo e iussivo

Il coortativo alla prima persona singolare è �‫אַג�דּ�ילָה‬, alla prima persona plurale è �‫נ�ג�דּ�ילָה‬.
Lo iussivo invece è alla terza persona singolare �‫י�ג�דּ�ל‬.

Imperfetto con Waw consecutivo

Con la Waw premessa �‫ו�יּ�ג�דּ�ל‬.

17.5.3 L’imperativo
L’imperativo ha il prefisso ‫ה‬ .

rendi tu (uomo) grande! � �‫הַג�דּ‬


‫ל‬
rendi tu (donna) grande! �‫הַג�דּ�ילִי‬
rendete voi (uomini) grande! �‫הַג�דּ�ילוּ‬
rendete voi (donne) grande! �‫הַג�דּ�לְ�ה‬

44
17.5.4 Il participio

masch. sing reso grande � ‫מַג�דּ�י‬


‫ל‬
femm. sing. resa grande �‫מַג�דּ�ילָה‬
masch. plu. resi grandi ��‫מַג�דּ�ילִי‬
femm. plu. rese grandi �‫מַג�דּ�ילוּת‬

17.5.5 Gli infinitivi


L’infinito assoluto è �‫הַג�דּ�ל‬, quello costrutto invece �‫הַג�דּ�יל‬.

17.6 Forma HOPHAL


17.6.1 Il perfetto

lui è stato fatto grande/lui fu reso grande � �‫הָג�דּ‬


‫ל‬
lei è stata fatta grande/lei fu resa grande �‫הָג�דּ�לָה‬
tu (uomo) sei stato fatto grande/tu (uomo) fosti reso grande �ָ‫הָג�דּ�לְתּ‬
loro sono stati fatti grandi/ loro furono resi grandi/ �‫הָג�דּ�לוּ‬
&c. . .

17.6.2 L’imperfetto

lui sarà reso grande � �‫י�ג�דּ‬


‫ל‬
lei sarà resa grande �‫תָּג�דּ�ל‬
loro (uomini) saranno resi grandi �‫י�ג�דּ�לוּ‬
loro (donne) saranno rese grandi � �ְ‫תָּג�דּ�ל‬
‫ה‬
&c. . .

17.6.3 Il participio
Il participio fa �‫מָג�דּ�ל‬ al maschile singolare. Talvolta sotto la Mem si può trovare una "u".

17.6.4 Gli infinitivi


L’infinitivo assoluto è �‫הָג�דּ�ל‬.

17.7 Forma HITHPAEL


La forma Hithpael ha come caratteristica il Daghesh Forte nella seconda lettera radicale ed è formato
dal prefisso �ְ‫הִת‬ apposto alla radice del verbo.
C’è da notare che quando la prima radicale del verbo è una sibilante essa è trasposta con la ‫ת‬
del prefisso (ex. �‫)רֵתַּתְּסִה סַתַר‬.
Quando invece la prima radicale è una dentale la ‫ת‬ si assimila.

45
17.7.1 Il perfetto

lui ha reso grande se stesso/lui aveva reso grande se stesso/ etc. . . � �‫הִתְגּ�דּ‬
‫ל‬
lei ha reso grande se stessa/lei aveva reso grande se stessa/ etc. . . �‫הִתְגּ�דּ�לָה‬
io ho reso grande me stesso/io avevo reso grande me stesso/ etc. . . �‫הִתְגּ�דּ�לְתִּי‬
tu (uomo) hai reso grande te stesso/tu (uomo) avevi reso grande te stesso/ etc. . . �ָ‫הִתְגּ�דּ�לְתּ‬
tu (donna) hai reso grande te stessa/tu (donna) avevi reso grande te stessa/ etc. . . �ְ‫הִתְגּ�דּ�לְתּ‬
noi abbiamo reso grandi noi stessi/ noi avevamo reso grandi noi stessi/ etc. . . �‫הִתְגּ�דּ�לְנוּ‬
voi (uomini) avete reso grandi voi stessi/voi(uomini) avete reso grandi voi stessi/ etc. . . ��ֶ‫הִתְגּ�דּ�לְתּ‬
voi (donne) avete reso grandi voi stesse/voi(donne) avete reso grandi voi stesse / etc. . . ��ֶ‫הִתְגּ�דּ�לְתּ‬
loro hanno reso grandi loro stessi/loro avevano reso grandi loro stessi/ etc. . . �‫הִתְגּ�דּ�לוּ‬

17.7.2 L’imperfetto
Come nella forma Hiphil la ‫ה‬ è assimilata e la Yodh assume la sua vocalizzazione.

lui magnificherà se stesso � �‫י�תְגּ�דּ‬


‫ל‬
lei magnificherà se stessa �‫תִּתְגּ�דּ�ל‬
io magnificherò me stesso �‫אֶתְגּ�דּ�ל‬
tu (uomo) magnificherai te stesso �‫תִּתְגּ�דּ�ל‬
tu (donna) magnificherai te stessa �‫תִּתְגּ�דּ�לִי‬
noi magnificheremo noi stessi �‫נ�תְגּ�דּ�ל‬
voi (uomini) magnificherete voi stessi �‫תִּתְגּ�דּ�לוּ‬
voi (donne) magnificherete voi stesse �‫תִּתְגּ�דּ�לְ�ה‬
loro (uomini) magnificherete loro stessi �‫י�תְגּ�דּ�לוּ‬
loro (donne) magnificheranno loro stesse �‫תִּתְגּ�דּ�לְ�ה‬

Coortativo e iussivo

Il coortativo alla prima persona singolare è �‫אֶתְגּ�דּ�לָה‬, alla prima persona plurale è �‫נ�תְגּ�דּ�לָה‬.

17.7.3 L’imperativo
L’imperativo presenta la ‫ה‬ premessa al verbo.

magnifica te stesso! � �‫הִתְגּ�דּ‬


‫ל‬
magnifica te stessa! �‫הִתְגּ�דּ�לִי‬
magnificate voi stessi! �‫הִתְגּ�דּ�לוּ‬
magnificate voi stesse! �‫הִתְגּ�דּ�לְ�ה‬

17.7.4 Il participio
Il participio ha come prefisso �ְ‫מִת‬

46
magnifico lui stesso � �‫מִתְגּ�דּ‬
‫ל‬
magnifica lei stessa �‫הָל�דּ�גְּתִמ מִתְגּ�דּ�לֶת‬
magnifici loro stessi ��‫מִתְגּ�דּ�לִי‬
magnifiche loro stesse �‫מִתְגּ�דּ�לוֹת‬

17.7.5 Gli infinitivi


L’infinitivo è �‫הִתְגּ�דּ�ל‬.

17.8 I verbi stativi


Ci sono tre tipi di verbi, rappresentati rispettivamente da �‫שׁ�מַר‬ lui custodì, �‫כָּבֵד‬ lui era pesante, ��ֹ‫קָט‬
lui era piccolo. La caratteristica che li distingue è la vocale nella seconda sillaba della radice del
perfetto: nel primo è "A", nel secondo verbo "E" e nell’ultimo "O". Questi verbi rientrano in tre classi
che sono designate come A, E, O. Il significato dei verbi della classe E e O è quello di uno stato d’essere
e si oppongono a quelli di azione e movimento. Essi sono anche conosciuti come VERBI STATIVI e
divergono dai verbi della classe A per tre motivi:

1. entrambe le classi E e O hanno l’imperfetto in A invece che in O, così come l’imperativo;

2. il participio maschile singolare ha la stessa forma della terza persona singolare maschile del
perfetto, quindi bisogna guardare il contesto;

3. il perfetto delle classe E è regolare nella vocalizzazione, ma nel perfetto della classe O predomina
la vocale O eccetto nella terza persona femminile singolare e nella terza plurale.

C’è da notare che ci sono molti verbi che nel significato sono stativi, ma nn presentano al perfetto
alla seconda sillaba le vocali E o O. In questi casi l’imperfetto e l’imperativo sono in A.

Verbo �‫כָּבֵד‬ Perfetto Imperfetto Coortativo Imperativo Participio Infinitivo

3 pers. masch. sing. �‫כָּבֵד‬ �‫י��בַּד‬ �‫כָּבֵד‬


3 pers. femm. sing. �‫כָּבְד�ה‬ �‫תִּ�בַּד‬ �‫כְּבֵד�ה‬
1 comune sing. �‫כָּבַד�תִּי‬ �‫אֶ�בְּד�ה‬ �‫אֶ�בַּד‬
2 pers. masch. sing. �ָ‫כָּבַד�תּ‬ �‫תִּ�בַּד‬ �‫כְּבַד‬
2 pers. femm. sing. �ְ‫כָּבַד�תּ‬ �‫תִּ�בְּד�י‬ �‫כִּבְד�י‬
1 comune plu. �‫כָּבַד�נוּ‬ �‫נ��בַּד‬
2 pers. masch. plu. ��ֶ‫כְּבַד�תּ‬ �‫תִּ�בְּדוּ‬ �‫כִּבְדוּ‬
2 pers. femm. plu. ��ֶ‫כְּבַד�תּ‬ �‫תִּ�בֵּד��ה‬ �‫כְּבַד��ה‬
3 pers. masch. plu. �‫כָּבְדוּ‬ �‫י��בְּדוּ‬ ��‫כְּבֵד�י‬
3 pers. femm. plu. �‫כָּבְדוּ‬ �‫תִּ�בַּד��ה‬ �‫כְּבֵדוֹת‬
Assoluto/Costrutto �‫כְּבַד� כָּבוֹד‬

47
Verbo ��ֹ‫קָט‬ Perfetto Imperfetto Participio

3 pers. masch. sing. ��ֹ‫קָט‬ ��ַ‫י�קְט‬ ��‫קָט‬


3 pers. femm. sing. �‫קָטְ�ה‬ ��ַ‫תִּקְט‬
1 comune sing. �‫קָטֹנ�תִּי‬ &c.

2 pers. masch. sing. �ָ‫קָטֹנ�תּ‬ ...

2 pers. femm. sing. �ְ‫קָטנ�תּ‬ ...

1 comune plu. �‫קָטנּוּ‬ ...

2 pers. masch. plu. ��ֶ‫קְטָנ�תּ‬ ...

2 pers. femm. plu. ��ֶ‫קְטָנ�תּ‬ ...

3 pers. masch. plu. �‫קָטְנוּ‬


3 pers. femm. plu. �‫קָטְנוּ‬

48
Chapter 18

I verbi deboli: come sono classificati

Un verbo è detto "debole" quando presenta nella radice una lettera gutturale, o una lettera quiescente
o una lettera, come la Nun, la quale si assimila. Si distinguono verbi deboli e doppiamente deboli,
questi ultimi sono così chiamati poiché hanno più di una lettera radicale particolare.
Per classificare convenzionalmente i verbi deboli si usano le lettere della parola �‫פָּעַל‬ (fare): i
verbi Pe hanno la prima lettera radicale particolare, i verbi ’Ayin hanno la seconda lettera radicale
particolare e infine i verbi Lamedh che hanno la terza lettera radicale particolare.

18.1 Verbi PE NUN


Il verbo cadere �‫�פַל‬ è un verbo Pe Nun poiché la Nun iniziale si assimila quando vengono apposti al
verbo dei prefissi, come avviene nell’imperfetto, in più la lettera che segue prende il Daghesh Forte (ex.
�‫י�פֹּל‬ per �‫)י�נ�פֹּל‬.
Ci sono però delle eccezioni: quando la seconda radicale è una gutturale la Nun non viene assimilata,
questo fa si che verbi del genere risultino in realtà regolari e quindi non classificabili come verbi Pe
Nun.

18.2 Verbi gutturali PE


Le caratteristiche delle lettere gutturali sono che non possono ricevere il Daghesh Fort, prendono uno
Schwa composito invece di quello semplice, richiedono la vocale Pathah sotto e prima di loro.
Così prendendo, ad esempio, il verbo �‫( עָז�ב‬lui ha tradito) si noterà che la seconda persona maschile
e femminile plurali al perfetto fanno ��ֶ‫ עְַז�תּ‬e ��ֶ‫עְַז�בְתּ‬, hanno quindi un Hateph-Pathah sotto la gutturale
invece di uno Schwa semplice. All’imperfetto e all’infinitivo costrutto lo Schwa composito rimpiazza
quello semplice sotto la gutturale e il prefisso prende la vocale breve corrispondente ��ֹ‫י�עְַז‬.
C’è da notare che alcuni verbi gutturali Pe hanno la gutturale (dura) ‫ ח‬e questi prendono all’imperfetto
lo Schwa semplice e non quello composito. Questa particolare lettera gutturale differisce spesso dalle
altre lettere deboli, essa, infatti, qualche volta non provoca l’allungamento della vocale che precede
quando rifiuta il Daghesh Forte.
Nella forma Niphal all’imperfetto, visto che la gutturale non può raddoppiare, la vocale Hireq del
prefisso viene sostituita dalla vocale Sere.

49
18.3 Verbi PE ’ALEPH
La lettera ’Aleph oltre a essere gutturale è anche quiescente e, nel caso specifico di cinque verbi, essa
perde il suo valore di consonante; questi verbi formano una classe a se chiamata dei verbi Pe ’Aleph.
Essi sono: mangiare= �‫אָכַל‬, perire= �‫אָבַד‬, dire= �‫אָמַר‬, essere disposto= �‫אָבָה‬, infornare= �‫אָפָה‬.Gli
ultimi due sono per giunta verbi doppiamente deboli Lamedh He e Pe ’Aleph (cfr. paragrafo18.10.1).
Questi verbi al perfetto, così come nelle altre coniugazioni, nella forma Qal si comportano come i
verbi gutturali Pe sebbene ’Aleph attragga l’Hateph-Seghol piuttosto che l’Hateph-Pathah. La vera
differenza sta nell’imperfetto che è �‫י�אכַל‬ invece di �‫י�אְֶכֹל‬ come ci aspetteremmo.

18.4 Verbi gutturali ’AYIN


Quando la seconda radicale è una gutturale la vocalizzazione viene modificata.
Il perfetto è normale eccetto per la terza persona femminile singolare e plurale che ha uno Schwa
composito sotto la gutturale. Similmente avviene nell’imperfetto e al coortativo alla seconda persona
femminile singolare, terza persona maschile plurale e seconda persona maschile plurale; mentre nelle
altre persone la vocale sotto la gutturale è Pathah.
C’è da notare che nell’imperativo il femminile singolare e il maschile plurale la prima lettera radicale
assume la vocale breve corrispondente al seguente Schwa composito.
Nella forma Niphal lo Schwa composito sostituisce quello semplice sotto la gutturale.
Come già detto nelle forme Piel, Pual e Hithpael la seconda lettera radicale è raddoppiata, ma
quando la seconda radicale è una gutturale la vocale che precede viene allungata. Questo avviene
regolarmente nei verbi gutturali ’Ayin quando la gutturale in questione è ’Aleph oppure quando la
lettera è Resh. Quando invece la seconda radicale è una di queste �‫ה ח ע‬ allora la vocale non è
allungata.
Nella forma Pual la "u" viene sostituita dalla "o" secondo un processo che è il medesimo nella
forma Hophal dei verbi Pe Nun; infatti il Qibbus e il Qames-Hatuph appartengono alla stessa classe
di vocali e per questo che spesso vengono alternate.

18.5 Verbi gutturali LAMEDH


Sono così definiti i verbi che hanno come terza lettera radicale una gutturale. Nell’imperfetto e
nell’imperativo forma Qal e nella forma Niphal la gutturale richiede la vocale Pathah per la sillaba che
precede; quando è attaccato un suffisso il Pathah diventa Qames; infine negli infinitivi e nel participio
attivo forma Qal la gutturale prende il Pathah Furtivus dopo la vocale piena accentata.
Le forme Hophal e Pual al perfetto e all’imperfetto sono regolari.

18.6 Verbi LAMEDH ’ALEPH


I verbi che hanno come terza lettera radicale la gutturale ’Aleph sono classificati come verbi Lamedh
’Aleph.
Il punto principale su i verbi Lamedh ’Aleph è che la lettera ‫ א‬perde il suo potere di consonante:
nello specifico nel perfetto forma Qal non è udibile, quindi la sillaba è effettivamente aperta e il Pathah
è allungato a Qames.
All’imperfetto, non avendo ’Aleph valore di consonante, la vocale della sillaba aperta è allungata,
inoltre alla seconda e alla terza persona plurale femminile nell seconda sillaba compare il Seghol.

50
Nella forma Niphil al perfetto la seconda sillaba della prima e della seconda persona è Sere.
Si nota un’analogia con i verbi Lamedh He i quali hanno la stessa caratteristica della terza lettera
radicale muta (cfr. paragrafo 18.9).

18.7 Verbi PE YODH e PE WAW


Esistono due distinti tipi di verbi deboli i quali hanno una Yodh come prima lettera radicale nel perfetto
forma Qal. Gli uni rappresentati dal verbo "essere buono" �‫י�טַב‬ detti Pe Yodh, gli altri dal verbo �‫י�שׁ�ב‬,
dall’originale �‫ו�שׁ�ב‬, detti Pe Waw.
La differenza tra verbi Pe Yodh e Pe Waw si nota molto di più nella forma Hiphil: la forma Hiphil
di �‫י�טַב‬ è infatti �‫הֵיטִיב‬ (in origine �‫)הַי�טִיב‬, da notare la presenza della Yodh; la forma Hiphil di �‫י�שׁ�ב‬
è invece �‫הוֹשׁ�יב‬ (in origine �‫)הַו�שׁ�יב‬ dove invece compare la Waw. Quindi la prima lettera radicale è
sempre presente e ci aiuta a distinguere i due tipi di verbo.
In generale riguardo la forma Hiphil l’imperfetto ha la forma breve per lo iussivo. La Waw consec-
utiva si attacca alla forma breve dell’imperfetto e quando la troviamo l’accento si sposta di un posto
lasciando la sillaba chiusa e non accentata che deve per forza avere una vocale breve.
Una particolarità dei verbi Pe Yodh è che la prima lettera all’imperfetto forma Qal è quiescente
(ex. �‫י�יטַב‬ invece di �‫)י�י�טַב‬.
I verbi Pe Waw all’imperfetto �‫י�שׁ�ב‬, all’imperativo ���‫שׁ‬ e all’infinitivo costrutto �‫שׁ�בֶת‬ nella forma
Qal eliminano la prima lettera radicale, inoltre l’imperfetto con la Waw consecutiva l’accento si sposta
di un posto, quindi l’ultima sillaba diviene chiusa e non accentata e la sua vocale è indebolita.
Nella forma Niphal la Waw dei verbi Pe Waw sopravvive nell’imperfetto come consonante a tutti
gli effetti.
Nella forma Hophal i verbi Pe Waw hanno il Qibbus invece del Qames-Hatuph.
C’è da notare che alcuni verbi presentano sia le caratteristiche dei verbi Pe Yodh che quelle dei
verbi Pe Waw; ad esempio il verbo "conoscere" �‫ י�ד�ע‬risulta essere un verbo Pe Yodh, ma prende alcune
particolarità dei verbi Pe Waw (cfr. paragrafo 18.10.1).

18.8 Verbi ’AYIN WAW e ’AYIN YODH


Alcuni verbi hanno come seconda lettera radicale una Waw oppure una Yodh non udibile. In alcuni
verbi la lettera non solo perde il suo valore di consonante, ma sparisce totalmente (ex. "sorgere" ���‫קָו‬
al perfetto forma Qal diventa ��ָ‫ ;ק‬allo stesso modo "piantare" ���‫סָי‬ al perfetto forma Qal risulta essere
��ָ‫)ס‬.
Un appunto: esistono tre tipi di verbi ’Ayin Waw che si distinguono sulla base della vocale: "a"
come ��ָ‫ק‬ "e" come �‫מֵת‬ e "o" come �‫בּוֹס‬. Gli ultimi due tipi sono però molto rari. Inoltre, eccetto per
alcuni casi, non ci sono le forme Piel, Pual e Hithpael per i verbi ’Ayin Waw poiché essendo la Waw
una lettera labile, essa non può essere raddoppiata.
Tra i verbi ’Ayin Waw e ’Ayin Yodh non ci sono grandi differenze se non nell’imperfetto, nell’imperativo
e nell’infinitivo costrutto alla forma Qal dove la lettera radicale mediana riappare come vocale (ex.
all’imperfetto ��‫י�קוֹ‬, ��‫)י�סִי‬. L’imperfetto ha la forma breve per lo iussivo. Quando la Waw consecutiva
è attaccata alla forma breve dell’imperfetto l’accento recede di una sillaba così la sillaba finale è ora
chiusa e non accentata e la vocale indebolita.

51
18.9 Verbi LAMEDH HE (Lamedh Yodh e Lamedh Waw)
Sono quei verbi che finiscono in ‫ה‬, ma originariamente finivano o in ‫ י‬o in ‫ו‬. Queste lettere originarie
riappaiono però in alcune forme del verbo: nel passivo participio Qal come consonanti piene; nella
prima e nella seconda persona del perfetto forma Qal e nel Niphal come lettere silenti.
L’infinitivo costrutto di tutte le forme assume la finale �‫וֹת‬, l’imperfetto di tutte le forme ֶ‫ה‬ e c’è
anche una forma abbreviata per lo iussivo nelle forme Qal, Niphal, Piel, Hithpael e Hiphil.

18.10 Verbi doppio ’AYIN


Sono quei verbi che invece di avere tre lettere radicali hanno la seconda lettera radicale raddoppiata.
La terza persona del perfetto forma Qal ha due forme, una transitiva e una intransitiva. L’imperfetto
Qal ha due forme e come i verbi ’Ayin Waw ha la "a" come vocale sotto il prefisso.

18.10.1 Esempi di verbi doppiamente deboli


Alcuni esempi di verbi doppiamente deboli:

1. toccare= �‫�ג�ע‬, respirare= �‫�פַה‬, viaggiare= �‫�סַע‬, piantare= �‫�טַע‬, sono verbi Pe Nun e gutturale
Lamedh;

2. sorgere= �‫ �שׁ�א‬è un verbo Pe Nun e Lamedh ’Aleph;


3. sapere= �‫י�ד�ע‬ è un verbo Pe Waw e gutturale Lamedh;

4. impaurire= �‫י�ר�א‬ è un verbo Pe Yodh e Lamedh ’Aleph;

5. avanzare= �‫ י�צָא‬è un verbo Pe Waw e Lamedh ’Aleph;


6. andare= �‫ בָּא‬è un verbo ’Ayin Waw e Lamed ’Aleph;
7. girare= �‫�טָה‬ è un verbo Pe Nun e Lamedh He;

8. fare= �‫עָלָה‬ è un verbo gutturale Pe e Lamedh He;

9. infornare= �‫אָפָה‬ è un verbo Pe ’Aleph e Lamedh He;

10. vedere= �‫ר�אָה‬ è un verbo peculiare poiché la prima radicale non può essere doppiata, c’è una
Aleph mediana e la terza lettera è ‫ה‬.

18.11 Verbi difettivi


Alcuni verbi deboli sono detti "difettivi" in quanto non completi. Tra i verbi difettivi più comuni:

1. "camminare"= ��ַ‫;הָל‬
2. "bere"= �‫;שׁ�תָה‬
3. "essere buono"= �‫;טוֹב‬
4. "essere capace"= �‫י�כֹל‬.

52
Chapter 19

I numerali

19.1 I numeri ordinali


I numeri ordinali da 1 a 10 sono aggettivi, seguono il sostantivo e concordano un genere con esso.
Dall’11 in poi i numeri cardinali servono da ordinali.

Maschile Femminile
primo ��‫ר�אשׁוֹ‬ prima�‫ר�אשׁוֹ�ה‬
secondo �‫שׁ�נ�י‬ seconda �‫שׁ�נ�ית‬
terzo �‫שׁ�לִישׁ�י‬ terza �‫שׁ�לִישׁ�ית‬
quarto �‫ר�בִיעִי‬ quanta �‫ר�בִיעִית‬
quinto �‫הְַמִישׁ�י‬ quinta �‫הְַמִישׁ�ית‬
sesto �‫שׁ���י‬ sesta �‫שׁ���ית‬
settimo �‫שׁ�בִיעִי‬ settima �‫שׁ�בִיעִית‬
ottavo �‫שׁ�מִינ�י‬ ottava �‫שׁ�מִינ�ית‬
nono �‫תְּשׁ�יעִי‬ nona �‫תְּשׁ�יעִית‬
decimo �‫עְַסִיר�י‬ decima �‫עְַסִיר�ית‬

19.2 I numeri cardinali


1. Il numerale "uno" è considerato un aggettivo, esso segue il sostantivo e concorda con esso in
genere;

2. Il numerale "due" è un nome e come costrutto precede la parola numerata, come assoluto sta
dopo la parola;

3. I numerali da 3 a 10 sono nomi femminili e sia allo stato costrutto che in quello assoluto precedono
la parola numerata; sebbene siano femminili possono lo stesso riferirsi a nomi maschili, quando
invece si riferiscono a sostantivi femminili presentano una forma abbreviata;

4. I numerali da 11 a 19 sono formati premettendo l’unità al dieci;

5. Dal 20 in poi le decine sono denotate dalle forme plurali delle unità. Il numerale cento ha la
forma plurale �‫מֵאוֹת‬ ossia "centinaia" oltre che il femminile assoluto e costrutto;

6. Le decine e le unità sono legate da una congiunzione;

7. 200 ���‫מָאתַי‬, 2000 �,‫אַלְפַּי�מ‬, 20000 ���‫ר�בּוֹתַי‬ sono al duale;

53
‫‪8. Alcuni numerali possono prendere suffissi.‬‬

‫‪Assoluto masch.‬‬ ‫‪Assoluto femm.‬‬ ‫‪Costrutto masch.‬‬ ‫‪Costrutto femm.‬‬


‫‪1‬‬ ‫אֶחָד�‬ ‫אַחַ �‬
‫ת‬ ‫אַחַד�‬ ‫אַחַת�‬
‫‪2‬‬ ‫שׁ�נ�י���‬ ‫שׁ�תַּי���‬ ‫שׁ�נ�י�‬ ‫שׁ�תֵּי�‬
‫‪3‬‬ ‫שׁ�לשׁ�ה�‬ ‫שׁ�לשׁ�‬ ‫שׁ�לשׁ�ת�‬ ‫שׁ�לשׁ�‬
‫‪4‬‬ ‫אַר�בַּעה�‬ ‫אַר�בַּע�‬ ‫אַר�בַּעַת�‬ ‫אַר�בַּא�‬
‫‪5‬‬ ‫חְַמִ��ה�‬ ‫חָמֵשׁ�‬ ‫חְַמֵשׁ�ת�‬ ‫חְַמֵשׁ�‬
‫‪6‬‬ ‫שׁ���ה�‬ ‫שׁ�שׁ�‬ ‫שׁ�שׁ�ת�‬ ‫שׁ�שׁ�‬
‫‪7‬‬ ‫שׁ�בְעָה�‬ ‫שׁ�בַע�‬ ‫שׁבְעַת�‬ ‫שׁ�בַע�‬
‫‪8‬‬ ‫שׁ�מֹ�ה�‬ ‫שׁ�מֹנ�ה�‬ ‫שׁ�מֹנ�ת�‬ ‫שׁ�מֹנ�ה�‬
‫‪9‬‬ ‫תִּשׁ�עָה�‬ ‫תֵּשׁ�ע�‬ ‫תִּשׁ�עַת�‬ ‫תְּשׁ�ע�‬
‫‪10‬‬ ‫אְַסָר�ה�‬ ‫עֶסֶר�‬ ‫עְַסֶר�ת�‬ ‫עֶסֶר�‬
‫‪11‬‬ ‫אַחַד עָסָר�‬ ‫אַחַת עֶסְר�ה�‬ ‫עַשׁ�תֵּי עָסָר�‬ ‫עַסְתֵּי עֶסְר�ה�‬
‫‪12‬‬ ‫שׁ�נ�י� עָסָר�‬ ‫שׁ�תֵּי� עֶסְר�ה�‬ ‫שׁ�נ�י עָסָר�‬ ‫שׁ�תֵּי עֶסְר�ה�‬
‫‪13‬‬ ‫שׁ�לשׁ�ה עָסָר�‬ ‫שׁ�לשׁעֶסְר�ה�‬
‫‪14‬‬ ‫אַר�בָּעָה עָסָר�‬ ‫אַר�בַּע עֶסְר�ה�‬
‫‪20‬‬ ‫עֶסְר�י��‬
‫‪30‬‬ ‫שׁ�לשׁ�י��‬
‫‪40‬‬ ‫אַר�בָּעִי��‬
‫‪50‬‬ ‫חְַמִ��י��‬
‫‪60‬‬ ‫שׁ�שׁ�י��‬
‫‪70‬‬ ‫שׁ�בְעִי��‬
‫‪80‬‬ ‫שׁ�מֹנ�י��‬
‫‪90‬‬ ‫תִּשׁ�עִי��‬
‫‪100‬‬ ‫מֵאָה�‬ ‫מְאַת�‬
‫‪300‬‬ ‫שׁ�לשׁ מֵאוֹ �‬
‫ת‬
‫‪400‬‬ ‫אַר�בַּע מֵאוֹת�‬
‫‪500‬‬ ‫חְַמֵשׁ מֵאוֹת�‬
‫‪1000‬‬ ‫אֶלֶ��‬
‫‪3000‬‬ ‫שׁ�לשׁ�ת אַלָפִי��‬
‫‪4000‬‬ ‫אַר�בַּעַת אַלָפִי��‬
‫‪10000‬‬ ‫ר�בָבָה�‬

‫‪54‬‬

Potrebbero piacerti anche