Sei sulla pagina 1di 1

14

È necessario adesso fare delle precisazioni sull’articolazione in rapporto alla tecnica


delle tre grandi categorie di strumenti: a fiato, ad arco, a tastiera.
Esistono numerose pagine di musica composte senza una precisa destinazione
strumentale anche se vi sono, d’altra parte, delle figurazioni strettamente collegate al
tipo di strumento adoperato; tipico il caso del movimento disgiunto caratteristico del
violino. Non è difficile trovare composizioni per flauto o violino, senza differenza,
oppure per flauto e oboe,33 o ancora, per Klavier senza specificazione del tipo di
«tastiera» da utilizzare, se clavicordo, clavicembalo o organo. Questo trova spiegazione
in considerazioni di tipo commerciale, la necessità di assicurarsi il mercato attraverso
composizioni adatte alle più diverse destinazioni strumentali è un elemento da non
trascurare e rende plausibile l’ipotesi che il materiale sonoro non è sempre trattato in
funzione dello strumento assegnato. Ad esempio, sebbene Johann Mattheson commenti
che il metodo di composizione è differente se lo strumento è il violino oppure il flauto,
in concreto formula poche regole su come differenziare lo stile; probabilmente il suo
riferimento è più orientato all’estensione, alla tessitura e al colore orchestrale che alla
elaborazione di figure tipiche.
Le tipologie di legature utilizzate per gli strumenti a fiato non si distinguono in modo
rilevante da quelle impiegate in musiche per altri strumenti e l’attenzione riservata da
alcuni autori, fra i quali ad esempio J.S. Bach, alle articolazioni negli strumenti ad arco
trova forse risposta nelle difficoltà di ordine tecnico che rendevano necessarie le
specifiche indicazioni; l’errata distribuzione delle arcate poteva danneggiare
irrimediabilmente la linea melodica e nel violino questo problema era maggiormente
evidente rispetto agli altri strumenti. La maggior parte delle legature scritte da Bach
mostrano che gli strumenti a fiato e quelli ad arco condividono gli stessi segni34 ed
anche nelle partiture di musica per tastiera le legature non si differenziano
particolarmente da quelle impiegate altrove. L’assenza diffusa di segni di articolazione,
così come sottolineato da Ludger Lohmann, si collega al fatto che:

fino al tardo diciassettesimo secolo la diffusione di composizioni, specialmente per strumento a


tastiera, era in modo predominante una trasmissione attraverso manoscritti; il contatto personale
tra insegnante e alunno rendevano superflua una notazione nei particolari dell’esecuzione. Con
l’espansione successiva di musica in stampa e il formarsi di un tipo di musicista non
professionista, divenne necessario sostituire la tradizione orale con le indicazioni in notazione.
Così , ad esempio, la musica per tastiera in stampa di Bach è segnata più attentamente di quella
trasmessa attraverso i manoscritti.35

Fra tutti gli strumenti, quelli a fiato sono i più vicini alla voce nella maniera di
produrre il suono; come la voce essi articolano interrompendo o controllando il fluire
del respiro, tuttavia essi, così come gli strumenti a tastiera, hanno una ridotta influenza
nello sviluppo dell’articolazione – particolarmente nel XVII secolo – importanza che

33
In tal senso si esprime J. WRAGG, The Flute/Oboe Preceptor, Londra, 1790 ca., che sottolinea la
generale interscambiabilità del flauto e dell’oboe. Ancora prima vi erano state numerose precisazioni
circa la corrispondenza di strumenti diversi; M. CORRETTE, Methode pour apprendre aisément à jouer de
la flûte traversiere, Parigi, 1735, p. 20: «I colpi di lingua sono sul flauto ciò che le arcate sono per il
violino» e J.B. DE LA BORDE, Essai sur la musique ancienne et moderne, Parigi, 1780, vol. I, p. 340: «la
lingua realizza negli strumenti a fiato ciò che l’archetto produce negli strumenti a corda».
34
Cfr. JOHN BUTT, Bach interpretation: Articulation Marks in the Primary Sources of J.S. Bach,
Cambridge University Press, Cambridge (G.B.), 1990, p. 49, p. 120.
35
LUDGER LOHMANN, Studien zu Artikulationsproblemen bei den Tasteninstrumenten des 16.-18.
Jahrhunderts; Kölner Beiträge zur Musikforschung 125, Ratisbona, 1982, p. 185.

Potrebbero piacerti anche