Sei sulla pagina 1di 8

Dizione della lingua italiana

La dizione della lingua italiana è la dizione e pronuncia • Eccezioni [je]:


delle parole della lingua italiana, con riferimento, se non • nei suffissi dei vocaboli di derivazione
altrimenti specificato, alla varietà derivata dal fiorentino etnica (Es.: ateniése);
e tradizionalmente individuata come standard.
• nei suffissi dei diminutivi in "-iett” [jett]
(Es.: magliétta, fogliétto, vecchiétto);
• nei suffissi dei sostantivi in "-iezz” [jetts]
1 Regole (Es.: ampiézza);
• nei vocaboli chiérico e bigliétto.
La pronuncia “standard” di una parola italiana solitamen-
te non viene insegnata a scuola, anche se è solitamente • Quando è seguita da vocale (Es.: colèi, costèi, fèudo,
riportata nei dizionari. Nel territorio dello stato italiano idèa, lèi).
e nei territori italofoni esteri sono tuttavia sovente usate, • Eccezioni:
in primis dai madrelingua, pronunce delle parole italiane
non afferenti lo standard. • nella desinenza ei [ˈei] del passato remoto
(chiedéi);
La maggior parte delle regole ortoepiche riguardano le • nelle preposizioni articolate (déi, néi, péi);
vocali toniche e / o, la cui pronuncia aperta o chiusa può
• in quéi;
talvolta determinare una differenza di significato, e alcu-
ne consonanti quali la s e la z. Sono in genere le origini • Quando è seguita da una consonante dopo la quale
latine del vocabolo a determinare il grado di apertura o vengono due vocali (assèdio, gènio, egrègio, prèmio):
di chiusura. Come ogni parola che termina in -endo, -ente
(derivata dalle terminazioni latine -ĕndo, -ĕnte) presenta • Eccezioni:
una vocale aperta, così le vocali derivanti da una vocale • in frégio e sfrégio;
chiusa (come legno, da lignum o messa da missa) eredita- • seguita da gui, gua, guo (diléguo, persé-
no la medesima caratteristica. Come in latino, inoltre, le guo, séguito, trégua);
parole che terminano in consonante hanno in genere una
vocale tonica aperta. • In vocaboli di origine straniera che terminano con
Principi eufonici univoci regolano la maggior parte del- una consonante (la parola latina rèbus, hotèl, rècord,
le parole della lingua, con un numero di eccezioni e ca- sèxy, prèmier, sèltz, nègus).
si controversi nell'ordine di poche centinaia, sugli oltre • In vocaboli tronchi di origine straniera (caffè, bignè,
150.000 vocaboli che compongono la lingua italiana. In tè (bevanda), gilè)
alcuni casi l'apertura o chiusura della vocale distingue
due termini, determinandone il significato, come per i • Nelle declinazioni verbali del modo condizionale
due omografi, ma non omofoni, pèsca (il frutto) e pésca 1º persona singolare (-èi), 3º persona singolare (-
(l'azione). èbbe) e plurale (-èbbero) (vorrèi, andrèi, colpirèbbe,
leggerèbbe, potrèbbero, verrèbbero).
• Nelle terminazioni in -eca, -eco, -eche, -echi [ˈɛka,
1.1 La è aperta
ˈɛko, ˈɛke, ˈɛki] (Es. tèca, èco, gèco, cortèco, trichè-
chi, discotèche, enotèca, bibliotèca, paninotèca, vi-
La è aperta [ɛ], nella genesi della lingua italiana, deriva
deotèca, comprendendo anche i nomi di popolo co-
nella maggior parte dei casi dalla ĕ breve latina e dal
me Grèco, Guatemaltèco, Aztèco, Zapotèco, Toltèco,
dittongo ae della lingua latina classica; si trova inoltre
Uzbèco).
nel dittongo eu derivato dallo stesso dittongo in latino
(neutrum>neutro). L'evoluzione della lingua ha però dato • Nei suffissi in -edine [ˈɛdine] (Es.: salsèdine, pinguè-
luogo a significative eccezioni. dine, raucèdine, torpèdine, intercapèdine, acrèdine)
La è si pronuncia aperta nei casi seguenti: • Nei diminutivi in -èllo e nei vocaboli che finisco-
no in -èllo, -èlla [ˈɛllo, ˈɛlla], (es.: pagèlla, ma-
• Nel digramma ie [jɛ, ɛ], come in (Es.: bandièra, ièri, stèllo, sorèlla, fratèllo, orpèlli, caramèlle, torèlli,
cavalière, lièto, diètro, insufficiènte). giovincèlle)

1
2 1 REGOLE

• Eccezioni: • vénti (numero), trénta


• nelle preposizioni articolate (déllo, délla • nei sostantivi in -ménto, -ménte, -ménta,
ma anche dégli, dél, délle) -ménti (Es. ménto, ceménto, medicamén-
• negli aggettivi dimostrativi (quéllo, quélla to, fondaménto, sbancaménto, moménto,
ma anche quégli, quél, quélle) soffocaménto, paviménto, ménte, seménte,
ménta, torménta, ferraménta, giuménta,
• nei pronomi personali (éllo, élla)
pariménti, altriménti)
• nei vocaboli stélla, capéllo
• in tutti gli avverbi in -ménte (veraménte,
• Nei suffissi applicati ai vocaboli che terminano in - praticaménte, benevolménte, simpatica-
èmo, -èma, -èno, -èna [ˈɛmo, ˈɛma, ˈɛno, ˈɛna], com- ménte, assolutaménte (ma si dice demènte,
presi i suffissi dei nomi etnici in -èno, -èna (Es. rèmo clemènte, poiché non sono avverbi)).
(sostantivo e verbo), dèmo, blasfèmo, estrèmo, su-
• Nei vocaboli uscenti in -ènza [ˈɛntsa] (Es. crescèn-
prèmo, strèmo, postrèmo, crisantèmo, teorèma, poè-
za, lènza, evidènza, precedènza, sciènza, conoscènza,
ma, tèma (l'elaborato scritto), sistèma, schèma, eri-
eccellènza, frequènza, sènza).
tèma, problèma, crèma, oscèno, fièno, alièno, pièno,
amèno, cilèno, trèno, stèno, scèna, ièna, golèna, po- • Nelle terminazioni -èrbo o -èrba [ˈɛrbo, ˈɛrba] (Es.
lèna, pergamèna, novèna, murèna, lesèna, cantilèna, risèrbo, acèrbo, sèrbo, supèrbo, èrba, sèrba).
falèna).
• Nelle terminazioni -èrbia [ˈɛrbja] (Es. supèrbia).
• Eccezioni:
• Nei vocaboli uscenti in -èrio, -èria [ˈɛrjo, ˈɛrja] (Es.
• scémo, témo (verbo; anche tèmo),
desidèrio, putifèrio, sèrio, cèrio, critèrio, deutèrio,
• téma (timore) artèria, matèria, misèria).
• baléno, veléno, méno, séno, nemméno,
terréno, seréno, fréno (anche frèno) • Nei vocaboli uscenti in -èrno e -èrna [ˈɛrno, ˈɛrna]
• altaléna, baléna, céna, Maddaléna, réna, (es. pèrno, matèrno, altèrno, etèrno, odièrno, infèrno,
péna stèrna, lantèrna, tèrna, cavèrna, tavèrna, cistèrna)
• Nei verbi uscenti in -èndere [ˈɛndere]: • Eccezione: schérno.
• accèndere, fèndere, pèndere, rèndere, prènde- • Nei vocaboli in -èrro e -èrra [ˈɛrro, ˈɛrra] (Es.: tèrra,
re, tèndere fèrro, guèrra, affèrro, sottèrro, sèrra, vèrro, sottèrra).
• Eccezioni: scéndere (anche scèndere) e vénde-
• Nei vocaboli in -èrso e -èrsa [ˈɛrso, ˈɛrsa] (Es.: pèr-
re.
so, emèrso, vèrso, tèrso, sommèrso, dispèrsa, detèrsa,
• Negli aggettivi e sostantivi uscenti in -èndo e nei rivèrsa).
gerundi (stupèndo, tremèndo, addèndo, leggèndo,
• Nei vocaboli in -èrto, -èrta e -èrte [ˈɛrto, ˈɛrta, ˈɛr-
partèndo)
te] (Es.: apèrto, copèrta, incèrto, soffèrto, consèrte,
• Nei vocaboli in -ènne [ˈɛnne] (Es.perènne, indènne, cèrto).
maggiorènne) • Eccezioni: nei vocaboli érta (salita), érto
• Eccezione: nella 3º persona singolare passato (scosceso) e nell'espressione all'érta.
remoto modo indicativo (es.: (egli) vénne, • Nelle terminazioni in -ervo, -erva [ˈɛrvo, ˈɛrva]
otténne). (Es.:sèrvo, cèrvo, risèrva, nèrvo).
• Nei vocaboli derivati dai numerali in -ènne e -ènnio • Nelle terminazioni in -ervia [ˈɛrvja] (Es.:protèrvia,
[ˈɛnne, ˈɛnnjo] (Es.: quadriènnio, ventènnio, decènni, Cèrvia, impèrvia).
ventènne, quarantènne, ventitreènne).
• Nelle terminazioni in -errimo [ˈɛrrimo]
• In aggettivi e sostantivi uscenti in -ènse, -ènso, - (es.:integèrrimo, aspèrrimo, acèrrimo).
ènte, -ènto, -ènti [ˈɛnse, ˈɛnso, ˈɛnte, ˈɛnto, ˈɛnti] e
nei participi presenti (esempi: statunitènse, ripènse, • Negli aggettivi numerali in -èsimo [ˈɛzimo] (Es. cen-
circènse, eracleènse, amanuènse, cisterciènse (o ci- tèsimo, millèsimo, quarantèsimo; anche infinitèsimo).
stercènse), cènso, sènso, immènso, dènso, propènso, (Contrasta con il suffisso -ésimo nel significato di
melènso, intènso, torrènte, tenènte, gènte, sovènte, in- -ismo).
gènte, dènte, lènte, parènte, pendènte, decadènte, ac-
cènto, redènto, talènto, lènto, argènto, cènto, vènto • Nelle terminazioni in -estre, -estra, -estro, -estri
(fenomeno atmosferico), stuzzicadènti, accidènti). [ˈɛstre, ˈɛstra, ˈɛstro, ˈɛstri] (es.: alpèstre, terrè-
stre, palèstra, canèstro, finèstra, pedèstre, maldèstro,
• Eccezioni: ambidèstro, dèstra).
1.2 La é chiusa 3

• Eccezione: maestro, pronunciato anche maé- • Eccezioni:


stro. • I vocaboli èggia, sèggio, pèggio.
• Nell'imperfetto indicativo del verbo essere: io èro, tu • Tutte le voci del verbo lèggere.
èri, egli èra, essi èrano.
• Negli aggettivi in -esco [ˈesko] (pazzésco, burlé-
• Nelle forme rafforzate del modo indicativo passato sco, guerrésco, goliardésco, principésco, farsésco,
remoto nella seconda coniugazione ètti, ètte, èttero manésco ).
[ˈɛtti, ˈɛtte, ˈɛttero](Es. io credètti, egli credètte, essi • Nelle terminazioni -ese, -eso, -esa, -esi [ˈese, ˈeso,
credèttero). ˈesa, ˈesi] (arnése, frésa, sospéso, paése, francése,
imprésa, péso, illéso).
1.2 La é chiusa • Eccezioni:
• nei vocaboli nei quali la “e” fonica forma
La é chiusa [e], nella genesi della lingua italiana a partire
dittongo con la “i” [jɛ] (Es.: chièsa)
dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ē lunga
latina, dalla i breve, dal dittongo oe o dalla e in posizione • nei vocaboli “blèso, obèso, tèsi (sostanti-
atona. vo), catechèsi, esegèsi”.
• Nei suffissi in -esimo [ˈezimo] corrispondenti a -ismo
• mé < mē (ablativo) (battésimo, umanésimo, cristianésimo, paganésimo ).
(Contrasta con il suffisso ordinale -èsimo).
• pésce < pisce (ablativo)
• I sostantivi in -essa [ˈessa] (dottoréssa, principéssa,
• péna < poena (ablativo) contéssa, elefantéssa, badéssa).
• mare < mare • I sostantivi in -eto e -eta [ˈeto, ˈeta] (fruttéto, meléto,
pinéta, agruméto, roséto).
La é si pronuncia chiusa nei seguenti casi:
• Nei suffissi di sostantivi e aggettivi diminutivi e col-
lettivi in "-etto”, "-etta” [ˈetto, ˈetta] (librétto, ca-
• In posizione atona (vedere, veloce, male, verde). sétta, chiesétta, pezzétto, navétta, terzétto, quintétto,
• Nei monosillabi atoni (é (congiunzione), mé, né, té, palchétto, porchétta, forchétta, carrétta, collétto).
sé, ré (monarca), vé, pér) • Nelle terminazioni in "-eguo”, "-egua” [ˈeɡwo,
• Eccezione: il vocabolo rè (nota musicale). ˈeɡwa] (séguo, adéguo, trégua, diléguo).

• Nei suffissi avverbiali in –mente [ˈmente] (assoluta- • Nei suffissi di aggettivi che al singolare terminano in
ménte, inutilménte, veloceménte…) "-evole” [ˈevole] (lodévole, incantévole, ammirévole,
caritatévole, deplorévole, cedévole, arrendévole ).
• Nelle terminazioni in mento e menta [ˈmento,
• Nei suffissi di sostantivi in "-ezza” [ˈettsa] (belléz-
ˈmenta] (sentiménto, proponiménto, moménto, mén-
za, debolézza, chiarézza, salvézza, dolcézza, mitézza,
ta, struménto, torménto, godiménto, struggiménto,
arrendevolézza, segretézza).
falliménto).
• Eccezione: il vocabolo “mezza” [ˈmɛddza].
• Eccezioni: nella coniugazione del verbo men-
tire: mènto, ma anche possibile con é chiusa: • Nelle preposizioni articolate (dél, délla, déllo, dégli,
ménto[1] délle, déi, nél, néllo, nélla, négli, nélle, néi, péi ).
• Nei vocaboli tronchi in -ché [ke] (perché, giacché, • Nei pronomi personali (égli, élla, ésso, éssa, éssi,
anziché, poiché, fuorché, sicché, macché) ésse).
• Nelle terminazioni -eccio e -eccia [ˈettʃo, ˈet- • Negli aggettivi dimostrativi (quésto, quésta, quéste,
tʃa] (fréccia, féccia, tréccia, libéccio, villeréccio, quésti, quéllo, quélla, quégli, quélli, quélle, codésto,
intréccio, cicaléccio). codésta, codésti, codéste).
• Nelle terminazioni -efice [ˈefitʃe] ( oréfice, carnéfice, • Nelle desinenze -émo, -éte [ˈemo, ˈete] del futuro
artéfice, pontéfice ). indicativo (faremo, farete).
• Nelle terminazioni -eggio, -eggia, -eggi, egge • Nelle desinenze dell'imperfetto congiuntivo -ésse, -
[ˈeddʒo, ˈeddʒa, ˈeddʒi, ˈeddʒe] (campéggio, manég- éssi, -éste, -éssimo, -éssero [ˈesse, ˈessi, ˈeste, ˈessimo,
gio, postéggio, pontéggio, alpéggio, cartéggio, légge ˈessero] (facéssero, mordéssi, leveréste, tendéssimo,
(sostantivo), puléggia). voléssero).
4 1 REGOLE

• Nelle desinenze del condizionale -resti, -remmo, • Eccezioni: i vocaboli dóccia e góccia.
-reste [ˈresti, ˈremmo, ˈreste].
• Nelle terminazioni in -odo, -oda e -ode (bròdo, chiò-
• Nelle desinenze dell'imperfetto -évo, -évi, -éva, - do, sòda, mòda, pagòda, chiòdo, lòdo, òdo, fròdo,
évano: [ˈevo, ˈevi, ˈeva, ˈevano] (facévo, mettévi, fròde).
ardéva, ponévano). • Eccezioni:
• Nelle desinenze del passato remoto -éi, -ésti, -éste, • nel verbo ródere [ˈrodere] e nei suoi
-émmo, -érono -é [ˈei, ˈesti, ˈeste, ˈemmo, ˈero- composti (Es.: ródo, eródo, corródo, ecc.)
no] (voléi, mettésti, sostenéste, tendémmo, volérono, • nel vocabolo códa [ˈkoda]
perdé). • Nelle terminazioni in -oge, -ogia, -ogio, -oggia, -
• Nelle desinenze del Indicativo Presente e oggio, -oggi [ˈɔdʒe, ˈɔdʒa, ˈɔdʒo, ˈɔddʒa, ˈɔddʒo, ˈɔd-
dell'Imperativo in -ete [ˈete] (prendéte, cadéte, dʒi] (dòge, fòggia, òggi, piòggia, barbògio, allòggio,
rompéte, voléte, potéte, dovéte). fròge, appòggia, appòggio).

• Nelle desinenze dell'infinito dei verbi della secon- • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oide [ˈɔide]
da coniugazione [ˈere] (tenére, avére, cadére, volére, (tiròide, mattòide, collòide, steròide, pazzòide).
bére, giacére). • Nei suffissi di sostantivi in -olo e -ola [ˈɔlo, ˈɔ-
la] (carriòla, tritòlo, stagnòla, tagliòla, bagnaròla,
mariuòlo, mentòlo).
1.3 La ò aperta
• Eccezioni:
La ò aperta [ɔ], nella genesi della lingua italiana a partire • i vocaboli sólo, vólo;
dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ŏ breve • le voci del verbo colare e i suoi derivati
latina e dal dittongo au della lingua latina classica. (Es.: cólo, scólo, ecc.)
• Nei suffissi -osi e -osio [ˈɔzi, ˈɔzjo] in sostantivi usati
• pòrta < porta in campo scientifico e medico (calcolòsi, fibròsi, tu-
• òro < auru(m) (accusativo, per caduta della m fina- bercolòsi, artròsi, ipnòsi, lattòsio, destròsio, maltòsio,
le, precedentemente nasalizzata, e apertura della “u” saccaròsio, glucòsio)
breve) • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in "-otto” e in
generale nelle terminazioni in -otto, -otta [ˈɔtto, ˈɔt-
La o si pronuncia aperta nei seguenti casi: ta] (sempliciòtto, bambolòtto, lòtto, bòtta, còtto, còtta,
salòtto, dòtto, decòtto)
• Nel dittongo uo [wɔ] (tuòno, scuòla, uòmo, suòi, tuòi, • Eccezioni:
buòi, vuòi, suòcera, nuòra, suòra, cuòre).
• Nei verbi derivati dal latino ducere (Es.:
• Eccezioni: indótto, condótto, ridótto, tradótto, ecc.).
• nei vocaboli ghiótto, rótto, sótto.
• quando il dittongo fa parte dei suffissi di
sostantivi in -uosa, -uoso [ˈwosa, ˈwoso]. • Nei suffissi dei sostantivi in -ottolo e -ottola [ˈɔttolo,
• nei vocaboli liquóre, languóre. ˈɔttola] (viòttolo, collòttola, naneròttolo, pallòttola)

• Nei vocaboli tronchi in -ò comprese le forme verbali • Nei suffissi dei sostantivi in -ozzo e -ozza [ˈɔttso,
del futuro e del passato remoto (però, falò, andrò, ˈɔttsa] (tinòzza, tavolòzza, còzzo, tòzzo, còzza,
arrivò, cercò, sognò, pedalò, ritirò, acquistò). piccòzza).
• Eccezioni: i vocaboli gózzo, pózzo, singhiózzo,
• Nei vocaboli in cui o sia seguita da consonante e poi
rózzo, sózzo.
due vocali (negòzio, sòcio, petròlio).
• Nei suffissi dei sostantivi in -olgia e -orgia [ɔldʒa,
• Eccezione: nel vocabolo incrócio [inˈkrotʃo].
ɔrdʒa] (bòlgia, fòrgia, òrgia).
• Nei vocaboli in -orio e -oria [ˈɔrjo, ˈɔrja] (stòria, • Nelle terminazioni del passato remoto -olsi, -olse, -
glòria, dormitòrio, conservatòrio). olsero [ˈɔlsi, ˈɔlse, ˈɔlsero] (còlsi, tòlsero, sconvòlsero,
• Nei vocaboli di origine straniera entrati a far par- vòlsero, vòlsi, avvòlsero, raccòlsi).
te del linguaggio comune (bòxe, gòng, yògurt, lòden, • Nei participi passati in -osso [ˈɔsso] (mòsso, scòssa,
lòrd, pòster). percòsso).
• Nelle terminazioni in -occio e -occia [ˈɔttʃo, ˈɔt- • Nei suffissi di derivazione greca -ologo, -ogico, -
tʃa] (cartòccio, saccòccia, bòccia, grassòccio, ròccia, ografo, -omico [ˈɔlogo, ˈɔdʒiko, ˈɔɡrafo, ˈɔmiko]
figliòccio). (pròlogo, psicològico, fotògrafo, còmico).
1.5 La i vocale 5

1.4 La ó chiusa • Nei suffissi di sostantivi in -onzolo [ˈontsolo]


(medicónzolo, pretónzolo, girónzolo [dʒiˈrontsolo,
La ó chiusa [o], nella genesi della lingua italiana a partire dʒiˈrondzolo], frónzolo [ˈfrondzolo]).
dal latino deriva nella maggior parte dei casi dalla ō lun-
ga latina, dalla ŭ breve, dalla o in posizione atona e dalle • Nelle terminazioni in -ore, -ora [ˈore, ˈora] (doló-
terminazioni -us e -um: re, amóre, óra, ancóra, finóra, attóre, candóre, tenó-
re, fattóre, corridóre, calóre, livóre, fervóre, colóre,
nuotatóre, pescatóre).
• óra < hōra
• Eccezioni: nei casi in cui la o sia preceduta dal-
• fóndo < fŭndum (accusativo, come per "òro”) la vocale u formando il dittongo -uo- [wɔ] (Es.:
nuòra, cuòre, ecc.).
• senato < senatus
• Nelle terminazioni in -orno, -orna [ˈorno, ˈorna]
La ó è chiusa [o] nei seguenti casi: (giórno, contórno, fórno, adórna, ritórna, ritórno).

• Eccezioni: i vocaboli còrno, còrna, pòrno.


• Alla fine della parola, se non accentata (pero, vedo,
bello, poco, io). • Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oso, -osa
[ˈoso, ˈosa] (affettuóso, afóso, erbósa, gioióso, do-
• Nei monosillabi che terminano in consonante (cón, lorósa, ambizióso, contenzióso, collósa, medicamen-
nón, cól) tósa, curióso, pallósa, sediziósa, caloróso, stizzóso,
baldanzósa, borióso).
• Eccezioni: i vocaboli sòl (nota musicale e non
troncamento di sole) e dòn (suono di campane • Eccezioni: i vocaboli ròsa (fiore e colore),
e non appellativo ad es. di preti) còsa, iòsa, spòsa.

• Nelle terminazioni in -oce [ˈotʃe] (cróce, feróce, • Nei pronomi personali (nói, vói, lóro, costóro,
atróce, fóce, nóce) colóro).

• Eccezioni:
1.5 La i vocale
• nei casi in cui la o sia preceduta dalla vo-
cale u formando il dittongo -uo- [wɔ] (Es.:
La i è vocale [i]:
nuòce, cuòce, ecc.);
• nel vocabolo precòce.
• se preceduta da vocale e seguita da consonante o alla
• Nelle terminazioni in -ogno, -ogna [ˈoɲɲo, ˈoɲɲa] fine della parola (mai [ˈmai]);
(bisógno, carógna, sógno, cicógna, zampógna, ram- • se si trova fra due consonanti (costituisce quindi una
pógna). sillaba) (piccolo [ˈpikkolo]);
• Nei suffissi di aggettivi in -ognolo [ˈoɲɲolo] • se preceduta da consonante e seguita da vocale ma
(amarógnolo, giallógnolo). accentata (sia [ˈsia]);
• Nelle terminazioni in -one [ˈone] (missióne, ottóne,
nasóne, calzóne, coccolóne, briccóne, mascalzóne, 1.6 La i consonante
pantalóne, giaccóne, veglióne, torrióne, bastióne).
La i è semiconsonante [j]:
• Nelle terminazioni in -zione [ˈ(t)tsjone] (azióne,
creazióne, dizióne, lezióne, situazióne)
• se seguita da vocale e non accentata (piove [ˈpjɔve]);
• Nei suffissi di sostantivi e aggettivi in -oio, -oia ieri [ˈjɛri]);
[ˈojo, ˈoja] (abbeveratóio, galoppatóio, mangiatóia,
mattatóio, corridóio, feritóia, cesóia, tettóia). • in posizione intervocalica (gaio [ˈɡajo]).

• Quando l'articolo il e la proposizione in si tro-


• Eccezioni: i vocaboli sòia, salamòia.
vano fra due parole, la i spesso non viene pro-
• Nelle terminazioni in -ondo, -onda [ˈondo, ˈonda] nunciata, soprattutto nei discorsi veloci, la-
(fóndo, móndo, secóndo, sónda, ónda). sciando spazio solo alla /l/ o /n/; la trascrizione
fonetica è quindi [ˈin] e [ˈil], poiché nella tra-
• Nelle terminazioni in -onto, -onte, -onta [ˈonto, ˈon- scrizione un carattere in corsivo significa che
te, ˈonta] (frónte, cónto, ónta, mónte, scónto, accónto, può essere letto o meno (es. mangio il pane
viscónte). [mandʒoilˈpane].
6 1 REGOLE

1.7 La s sorda 1.10 La z

La s è sorda [s]: La z rappresenta le affricate sorda [ts] o sonora [dz]:

• all'inizio della parola se seguita da vocale (Sara • • è normalmente sorda [ts]:


[ˈsara]) o da consonante sorda (spuntare [spunˈtare]; • se preceduta dalla lettera l (alzare
[alˈtsare]);
• se preceduta da una consonante qualsiasi (transitare
[transiˈtare]); • eccezioni: nei vocaboli elzeviro
[eldzeˈviro] e belzebù [beldzeˈbu];
• il suffisso trans, nella pronuncia settentrio- • se è lettera iniziale di un vocabolo e la se-
nale, è spesso letto [tranz] (es. transalpino conda sillaba inizia con consonante mu-
[tranzalˈpino]; ta (zampa [ˈtsampa], zoccolo [ˈtsɔkkolo]),
zucchero [ˈtsukkero]);
• se seguita da consonante sorda (raspa [ˈraspa]);
• eccezione: nei vocaboli zaffiro, zefiro,
• nel gruppo ss (grosso [ˈɡrɔsso]; zotico, zeta, zafferano, Zacinto.
• se è seguita dalla vocale i seguita a
• quando è iniziale del secondo componente di un vo- sua volta da un'altra vocale (zio [ˈtsio],
cabolo composto: affittasi, disotto, girasole, prose- agenzia [adʒenˈtsia], grazia [ˈɡrattsja];
gue, risapere, unisono, preservare, riservare, reggi- • eccezioni:
seno, pluristrato, multistrato, preside, presidio, pre-
• il vocabolo azienda [adˈdzjɛnda];
servare, presentimento questi vocaboli sono nati
dall'unione di una parola iniziante in /s/ ad un • in tutti quei vocaboli derivati da al-
prefisso. tri vocaboli che seguono la regola
della zeta dolce o sonora (Es.: ro-
• alcuni dizionari fonetici stabiliscono che il suono manziere [romanˈdzjɛre] che deriva
della s debba essere aspro anche in molti altri casi da romanzo, ecc.);
come casa, cosa, così, mese, naso, peso, cinese, pie- • nei vocaboli con terminazioni in -ezza,
montese, goloso, bisognoso e altri. In realtà la pro- -ozza, -uzzo (grandezza [ɡranˈdettsa],
nuncia di queste parole varia da regione a regione, tinozza [tiˈnɔttsa], spruzzo [ˈspruttso]);
con una preferenza per la sonora nel nord del paese, • eccezione: il vocabolo brezza
per la sorda nel sud e secondo la derivazione dal la- [ˈbreddza];
tino in Toscana e nel Lazio (mensis “mese” [ˈmese], • nelle desinenze dell'infinito in -azzare
visus “viso” [ˈvizo]). (ammazzare [ammatˈtsare]);
• nei suffissi in -anza, -enza (usanza
1.8 La s sonora [uˈzantsa], credenza [kreˈdɛntsa]
• nei suffissi in -onzolo (ballonzolo
La s è normalmente sonora [z]: [balˈlontsolo]);
• è invece sonora [dz]:
• se si trova fra due vocali (paese [paˈeze]); • nei suffissi dei verbi in -izzare (organizza-
re [organidˈdzare];
• se seguita da consonante sonora (sbranare
• se è lettera iniziale di un vocabolo ed è
[zbraˈnare]).
seguita da due vocali (zaino [ˈdzaino];
• eccezione: nel vocabolo zio [ˈtsio] e
1.9 La u vocale e semivocale suoi derivati che rientrano nella rego-
la della z o sorda perché presentano la
La u, come i, può essere vocale [u] o semivocale [w], con vocale i seguita da un'altra vocale;
le stesse regole per la i. • se è lettera iniziale di un vocabolo e
la seconda sillaba inizia con consonante
• Sono possibili cluster di /j/ + /w/: sonora (zebra [ˈdzɛbra]);
• eccezioni:
• nella parola aiuola [aˈjwɔla]; • i vocaboli zanna [ˈtsanna] e zazzera
• Nei verbi in cui le desinenze dell'infinito -are, [ˈtsattsera];
-ere, ire sono precedute da semivocale [w] nel- • il vocabolo zigano [tsiˈɡano] per-
le desinenze inizianti per i + vocale (esempio: ché in realtà deriva dal termine
continuiamo [kontiˈnwjamo]). caucasico tzigan;
7

• se è semplice (non raddoppiata) in mezzo


a due vocali semplici (azalea [addzaˈlɛa]);
• eccezione: il vocabolo nazismo
[natˈtsizmo];
• In posizione intervocalica e tra vocale e “semi-
consonante” (le consonanti /j/, /w/) è sempre
rafforzato /tts/ e /ddz/, ma non sempre è segna-
lato con una doppia: i gruppi finali vocale +zio-
ne, zioni, zia, zie, zio sono sempre rafforzati ma
si scrivono con un z soltanto (razzo [ˈraddzo],
stazione [statˈtsjone], polizia [politˈtsia]); rad-
doppia invece nei gruppi derivati da parole con
doppia z: pazzo > pazzia; corazza > corazziere.

1.11 Il raddoppiamento fonosintattico (o


rafforzamento)

2 Note
[1] Dizionario d'ortografia e di pronunzia

3 Voci correlate
• Dizione

• Fonologia della lingua italiana


8 4 FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

4 Fonti per testo e immagini; autori; licenze


4.1 Testo
• Dizione della lingua italiana Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Dizione_della_lingua_italiana?oldid=87359340 Contributori: Eumolpo,
Pequod76, PersOnLine, Wanjan, BetaBot, Airon90, Bottuzzu, MaEr, Bbruno, SynConlanger, ZimbuBot, Lea Streal, Franciesse, IlDandy,
Leandro81, Pil56-bot, Massimociccare, P.O IX, IvanScrooge98, Goletta e Anonimo: 14

4.2 Immagini
• File:Emblem-important.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4c/Emblem-important.svg Licenza: Public
domain Contributori: The Tango! Desktop Project Artista originale: The people from the Tango! project
• File:Exquisite-kfind.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
• File:Question_book-4.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/64/Question_book-4.svg Licenza: CC-BY-SA-3.0
Contributori: Created from scratch in Adobe Illustrator. Originally based on Image:Question book.png created by User:Equazcion. Artista
originale: Tkgd2007

4.3 Licenza dell'opera


• Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0

Potrebbero piacerti anche