Sei sulla pagina 1di 5

Laboratorio di Chimica-fisica

a.a. 2017/2018

docente : F. Puntoriero
relatore : G. Eduardo

RELAZIONE
dell’esperienza condottasi in laboratorio in data 15/11/2017
Determinazione della concentrazione di una soluzione incognita
mediante misure di tensione superficiale :
Stalagmometria

Strumentazione/vetreria utilizzata : stalagmometro, pesafiltri, bilancia analitica, capsula di vetro,


propipetta, pipetta, becher

Sostanze impiegate : acqua, soluzione alcolica a diverse concentrazioni (1%, 3%, 5%, 10.5%,
incognita X% )

Cenni teorici : La tensione superficiale è una proprietà da cui originano fenomeni che si verificano
all’interfaccia di un fluido (per lo più liquidi), e si definisce fisicamente come il lavoro richiesto per
formare una nuova superficie di area unitaria ; pertanto, si misura in N/m o J/m2 .
Anche nel quotidiano si notano spesso fenomeni di tensione superficiale : una monetina o un ago
che “galleggiano” sull’acqua, per esempio, sono fenomeni che prescindono dalle leggi di
fluidostatica (materiali metallici dovrebbero sempre affondare in acqua a causa della densità
nettamente maggiore), e sono spiegabili unicamente considerando il legame a idrogeno che
caratterizza l’acqua, le cui molecole creano come una forte e fittissima “rete” su cui possono
adagiarsi oggetti di piccole dimensioni tra cui insetti.

Sulla superficie di un fluido, contrariamente che negli strati inferiori, le forze di attrazione coesive

1
tra le molecole hanno risultante diversa da zero in quanto esiste interazione solo con le molecole
inferiori, e non in tutte le direzioni ; la risultante citata, in particolare, è diretta verso l’interno del
liquido, che pertanto tende a contrarsi (ciò spiega la formazione di gocce anche di grandi
dimensioni nel rubinetto gocciolante o la rugiada sulle foglie) ; la superficie si comporta quindi
come una superficie elastica sottoposta ad una tensione, definita tensione superficiale, che si
descrive come

F
γ=
l

e il lavoro associato come

L=γ∗ΔA

(dove ΔA è l’incremento di superficie del liquido)*.

*si omettono per brevità le dimostrazioni, le considerazioni e l’esperimento effettuato per giungere a tali conclusioni.

I fattori che influenzano la tensione superficiale sono :

- Natura del solvente (γ è elevata per liquidi costituiti di sostanze metalliche o polari, in
generale da sostanze con alte forze di coesione intermolecolari originate da legami
metallici o a idrogeno)
- Temperatura (γ decresce all’aumentare della temperatura in quanto i legami si allentano e
aumenta lo spazio intermolecolare, ovvero diminuisce il numero di molecole per unità di
superficie e quindi la “rete” molecolare si dirada)
- Pressione (γ diminuisce all’aumentare della pressione)
- Impurezze (è fondamentale a tal proposito operare evitando contaminazioni anche minime
della vetreria e dei reagenti, in quanto sono sufficienti corpi estranei pulviscolari per
modificare la γ di un liquido).

 Stalagmometria

Tra i vari metodi di misura della tensione superficiale, vi è la stalagmometria, che si basa sulla
correlazione tra il peso di una goccia che fuoriesce da un tubicino cilindrico posto verticalmente e
la tensione superficiale del liquido di cui è costituita. Quindi, stabilito un numero di gocce della
soluzione in questione, si fanno più pesate ; la media dei valori ottenuta si applica nella seguente
relazione per ricavarci la γ per ogni soluzione diluita :

msoluzione∗γ acqua
γ soluzione =
macqua

Si costruisce a questo punto un grafico Tensione Superficiale – Concentrazione costruito grazie ai


2
dati raccolti attraverso le pesate di soluzioni a concentrazione nota, e dalla retta di regressione del
tipo y=a x+bsi estrapola la concentrazione della soluzione incognita*.

*si sono omesse per brevità considerazioni teoriche e passaggi matematici necessari per giungere a tali conclusioni.

Svolgimento dell’esperienza

Dopo aver imbimbito stalagmometro e pesafiltro, si è riempito il tubo capillare della soluzione di
nostro interesse e lasciate cadere 30 gocce all’interno del pesafiltro ; quindi, si è proceduto con il
pesarle.

Lo stesso procedimento è stato ripetuto per ogni soluzione (partendo dall’acqua fino alle soluzioni
acquose a concentrazione nota decrescente, per ultima l’incognita) ; per ogni liquido, sono state
effettuate da tre a cinque pesate circa (fino ad ottenere valori coerenti e simili ai precedenti alla
seconda cifra decimale).

Si è operato a una temperatura di 21 °C (293,16 K) ; corrispondente tensione superficiale


dine
dell’acqua : γ acqua =72,53 .
cm

Trattazione dei dati

Nella seguente tabella, verranno presentate direttamente le medie in peso delle trenta gocce per
ogni soluzione diluita :

Acqua 1% 3% 5% 10,5% X%
4,2648 g 4,0086 g 3,7645 g 3,6853 g 3,4642 g 3,6356 g

Nella prossima tabella, vi sono invece le tensioni superficiali corrispondenti ad ogni soluzione
diluita, ottenute utilizzando la formula

msoluzione∗γ acqua
γ soluzione =
macqua

3
1% 3% 5% 10,5% X%
68,17 dine/cm 64,02 dine/cm 62,67 dine/cm 58,91 dine/cm 61,82 dine/cm

A questo punto, possiamo costruirci la retta di regressione da cui estrapolarci la concentrazione


della soluzione incognita.

70
68.17
Tensione superficiale (dine/cm)

68

66

64.02f(x)
= 0.87 x + 61.27
64 R² = 0.09 62.67
62

60
58.91

58

56

54
50% 100% 150% 200% 250% 300% 350% 400% 450% 500% 550%

Concentrazione (%)

Si può notare che la γ corrispondente alla soluzione all’1% , si discosta molto dalla retta di
regressione ; pertanto, scegliamo di scartarlo, ottenendo una retta di gran lunga migliore :

4
65
64.02
f(x) = − 2.56 x + 66.98
Tensione superficiale (dine/cm)
64
R² = 0.93
63 62.67

62

61

60
58.91
59

58

57

56
50% 100% 150% 200% 250% 300% 350% 400% 450% 500% 550%

Concentrazione (%)

Dal momento che γ X =61,82 dine/cm , possiamo sostituire questo valore nell’equazione per
ricavare la concentrazione incognita :

61,82=−68,182 x +66,071

66,071−61,82
x= =0,0623=6,23 %
68,182

Tenendo conto dell’errore, la concentrazione effettiva sarà :

C effettiva=C teorica ±C teorica ( 1−R2 ) =¿¿ 0,0623 ± 0,0623 ( 1−1 )=¿¿ 0,0623=6,23 %

Messina, 24/11/2017