Sei sulla pagina 1di 151

TERMOTECNICA

Namirial Clima
MANUALE D’USO
NAMIRIAL CLIMA

Sommario

1.0 L’interfaccia
1.1 Menù Namirial Clima .................................................................................................................................................. 5
1.2 Toolbar programma ................................................................................................................................................... 7
1.2.1 Toolbar generale .................................................................................................................................................. 7
1.2.2 Toolbar edificio .................................................................................................................................................... 7
1.2.3 Toolbar reti - Pagina Input ................................................................................................................................... 8
1.2.4 Toolbar reti - Pagina Elaborati ........................................................................................................................... 10
1.3 La gestione dei piani ................................................................................................................................................. 11
1.4 Le pareti .................................................................................................................................................................... 13
1.5 I locali ........................................................................................................................................................................ 18
1.6 I locali non riscaldati ................................................................................................................................................. 21
1.7 Le finestre ................................................................................................................................................................. 24
 Lucernari: Attivando la spunta lucernari, la maschera si predispone per l'inserimento dei lucernari che
possono essere selezionati dal menù a tendina. E' importante ricordare che, per una corretta visualizzazione del
lucernario nel motore 3D, questo va tassativamente inserito su una linea di gronda orizzontale in caso di falda. ..... 26
1.8 I ponti termici ............................................................................................................................................................ 26
1.9 La gestione delle reti ................................................................................................................................................. 28
1.9.1 L’inizio della rete ................................................................................................................................................ 29
1.9.2 I tratti delle tubazioni......................................................................................................................................... 30
1.9.3 I collettori ........................................................................................................................................................... 31
1.9.4 I terminali ........................................................................................................................................................... 33
1.9.5 Il rimando della rete ........................................................................................................................................... 39
1.9.6 La ripresa della rete ........................................................................................................................................... 41
1.9.7 La gestione degli elaborati ................................................................................................................................. 42
1.10 L’archivio dei terminali............................................................................................................................................ 45
1.11 Opzioni .................................................................................................................................................................... 49
2.1 CARATTERISTICHE DEL FABBRICATO ......................................................................................................................... 52
2.2 DATI DI CONFINE ....................................................................................................................................................... 75
2.3 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE PARETI E DEI SOLAI.................................................................................... 83
2.4 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE FINESTRE E DELLE PORTE .......................................................................... 95
2
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.5 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DEI PONTI TERMICI ............................................................................................ 105


2.6 ELENCO ZONE .......................................................................................................................................................... 107
2.7 DATI IMPIANTO ....................................................................................................................................................... 117
2.8 VISUALIZZATORE 3D ................................................................................................................................................ 120
2.9 IL CALCOLO DELLE DISPERSIONI .............................................................................................................................. 124
2.10 LA STAMPA ............................................................................................................................................................ 131
3.1 DATI GENERATORE ............................................................................................................................................ 136
3.2 LA STAMPA .............................................................................................................................................................. 138
4.1 INTRODUZIONE AI CARICHI TERMICI ESTIVI ........................................................................................................... 140
4.2 DATI ESTIVI .............................................................................................................................................................. 141
4.2.1 Impostazione dati ............................................................................................................................................ 141
4.2.2 Il calcolo estivo ................................................................................................................................................. 146
4.2.3 La stampa della relazione................................................................................................................................. 147
5.1 Tabella A - Temperatura dell'aria di progetto......................................................................................................... 149
5.2 Tabella B - Dati Climatici - Temperature medie mensili esterne ............................................................................ 150

3
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.0 L’interfaccia
In seguito all’attivazione del programma Namirial Clima la finestra principale riporta nella barra del titolo il nome e
la versione del programma e il nome completo di percorso di archiviazione del progetto corrente.

La toolbar in alto contiene tutti gli strumenti utili per definire il progetto.

Alla prima apertura verrà caricato il progetto di benvenuto che serve all’utente per avere un’idea sulla definizione
del progetto.

Per creare un nuovo progetto scegliere la voce di menu File - Nuovo.

Alla riapertura del programma, se impostato nelle opzioni, verrà riaperto in automatico l’ultimo progetto su cui si è
lavorato.
4
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.1 Menù Namirial Clima

Nel programma Namirial Clima sono state aggiunte delle voci di menu ai menu standard di BM CAD.

Menù File

 Apri progetto esempio: permette di aprire uno dei progetti di esempio a corredo del programma.
 Scegli prototipo: permette di scegliere il prototipo da utilizzare per il progetto a cui si sta lavorando.
 Salva prototipo: salva i dati generali e i dati degli archivi di progetto impostati, in maniera tale che quando si
esegue un nuovo progetto vengono settati in automatico tali dati.

Menù Edificio

 Dati Generali: permette di impostare le proprietà caratteristiche generali del progetto.


 Archivi
1. Zone termiche: permette di accedere all’archivio delle zone termiche dell’edificio.
2. Impianti: permette di accedere all’archivio degli impianti termici.
3. Generatori: permette di accedere all’archivio dei generatori.
4. Confini: permette di accedere all’archivio dei confini.
5. Profili orari: permette di accedere all’archivio dei profili orari.
6. Pareti: permette di accedere all’archivio delle strutture.
7. Finestre e porte:permette di accedere all’archivio delle finestre e delle porte.
8. Pareti speciali: permette di accedere all’archivio delle pareti speciali.
9. Ponti termici: permette di accedere all’archivio dei ponti termici.
 Gestione piani: consente la definizione e l’inserimento di nuovi piani per l’edificio oggetto della verifica.

Menù Termico

 Calcolo invernale: permette di eseguire il calcolo della legge 10.


 Calcolo finanziaria: permette di eseguire il calcolo secondo le direttive della finanziaria 2008.
 Calcolo estivo: permette di eseguire il calcolo estivo dell’edificio.
 Calcolo reti: permette di eseguire il calcolo delle tubazioni della rete inserita.
 Crea relazione: permette di eseguire la stampa dei calcoli eseguiti.

Menù Reti
5
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Terminali: permette di accedere all’archivio dei terminali.


 Perdite: permette di accedere all’archivio delle perdite.
 Perdite concentrate/valvole: permette di accedere all’archivio delle perdite concentrate e delle valvole.
 Tipologia reti: permette di accedere all’archivio delle tipologie costruttive delle reti.
 Tubi: permette di accedere all’archivio delle tubazioni.

Menù 3D

 Attiva finestra visualizzazione: visualizza in 3D l’edificio progettato, in tutte le sue caratteristiche


geometriche completo dell’impianto termico progettato.

Menù Aiuto

 Manuale in linea: visualizza il manuale d'uso del programma.

 Informzioni prodotto: visualizza le informazioni con la vesione del prodotto.

 Controlla aggiornamenti: Lancia il programma per aggiornare il programma.

 Registrazione: avvia la procedura per registrare il programma

6
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.2 Toolbar programma

1.2.1 Toolbar generale

Piano Corrente: la combo box permette di impostare il piano da visualizzare per l’edificio oggetto
della verifica.

Gestione piani: consente la definizione e l’inserimento di nuovi piani per l’edificio oggetto della verifica.

Visualizza pianta: permette di scegliere se visualizzare o meno la pianta di sfondo.

Controlla disegno: controlla la correttezza dal punto di vista grafico del progetto. Il programma segnala la
presenza e il tipo di errori riscontrati ed evidenzia la parte errata. Solo se il controllo è andato a buon fine si può
passare al calcolo.

Aggiorna 3D: apre una finestra di visualizzazione dell’edificio progettato in 3D.

Calcolo: effettua il calcolo dell’edificio progettato scegliendo fra tre diversi tipi di calcolo: calcolo
invernale, calcolo secondo la finanziaria e calcolo estivo, nel caso di edificio, o calcola la rete inputata nel caso di
calcolo reti.

1.2.2 Toolbar edificio

Nord: affinché il programma associ l’orientamento corretto ad ogni parete è necessario che
conosca come il nostro edificio è disposto rispetto al Nord. Per fare ciò inserire il valore dell’angolo nella relativa
casella di testo.
7
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Opzioni: il comando permette di caricare come sfondo nel piano corrente il disegno del piano inferiore
e/o del piano superiore

Disegna blocco allinea: permette di inserire un simbolo grafico che permette di allineare i vari piani
dell’edificio oggetto della progettazione. Questo strumento è utile nel caso in cui l’edificio si sviluppi su più piani e le
piante relative ai vari piani siano sfalsate l’una rispetto all’altra.

Disegna parete: attiva il comando per l’inserimento delle pareti.

Disegna locale: attiva il comando per l’inserimento dei locali.

Disegna locale non riscaldato: attiva il comando per l’inserimento dei locali non riscaldati.

Disegna cortile interno: attiva il comando per l’inserimento dei cortili interni.

Disegna finestra: attiva il comando per l’inserimento delle finestre, porte e lucernari.

Disegna ponte termico: attiva il comando per l’inserimento dei ponti termici.

1.2.3 Toolbar reti - Pagina Input

Rete corrente: la combo box permette di impostare la rete da visualizzare per l’edificio oggetto della
verifica.
8
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Bottone reti: consente la definizione e l’inserimento di nuove reti per l’edificio oggetto della verifica.

Visualizza elaborato: permette di scegliere se visualizzare o meno l’elaborato che viene creato in
automatico dopo il calcolo della rete.

Visualizza edificio: permette di scegliere se visualizzare o meno le entità inserite (pareti, locali, finestre e ponti
termici) in fase di definizione dell’edificio.

Visualizza numerazione tratti: permette di visualizzare la numerarzione dei tratti dei tubi della rete

Disegna inizio rete: attiva il comando per l’inserimento di un simbolo grafico che rappresenta il punto
iniziale della rete.

Disegna tratto: attiva il comando per l’inserimento della rete.

Disegna collettore: attiva il comando per l’inserimento di un simbolo che schematizza un collettore.

Disegna terminale: attiva il comando per l’inserimento dei terminali.

Disegna componente: attiva il comando per l’inserimento di un simbolo che individua una perdita
concentrata o una valvola.

Disegna rimando: questo strumento deve essere utilizzato nel caso di reti che si sviluppano su più piani.
Permette l’inserimento di un simbolo grafico che rappresenta la presenza di una colonna montante che parte da
quel punto e giunge sino al piano indicato. In tal modo, l’utente realizza un elemento tridimensionale pur
disegnando in uno spazio bidimensionale. Sarà onere del programma collegare la rete ed effettuare i calcoli tenendo
conto del suo sviluppo reale. Inoltre, questa procedura consente di ottenere un elaborato finale, corredato di tutti gli
elementi che lo rendono leggibile.

Disegna ripresa: questo strumento deve essere utilizzato per collegare al rete da un piano a un altro.
Introduce un simbolo grafico, mediante il quale si rappresenta il punto in cui la colonna montante, partita nel piano
sottostante, si ricollega alla rete del piano corrente.
9
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.2.4 Toolbar reti - Pagina Elaborati

Elaborato corrente: la combo box permette di impostare l’elaborato da visualizzare per


l’edificio oggetto della verifica.

Gestione elaborati: consente la definizione e l’inserimento di nuovi elaborati per l’edificio


oggetto della verifica.

Rigenera disegno: aggiorna il disegno dell’elaborato con le ultime modifiche apportate. Questo comando
serve nel caso in cui siano state apportate delle modifiche nel disegno della rete.

Elabora nel cad esterno: permette di esportare e visualizzare il disegno elaborato in un cad esterno, scelto
dall’utente.

10
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.3 La gestione dei piani

Fare clic sul pulsante Gestione piani per aprire la relativa finestra.

Nella parte sinistra della finestra vengono visualizzati i piani inseriti nel progetto.

Aggiungi piano: inserisce un nuovo piano. Settare per il piano inserito tutti i relativi dati nella parte destra
della finestra.

Elimina piano: Elimina il piano selezionato.

Duplica piano: Duplica il piano. Tutti i dati appartenenti al piano selezionato, comprese le entità inserite nel
disegno, verranno duplicati nel nuovo piano.
11
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nella parte destra della finestra vengono visualizzati i dati relativi al piano selezionato.

 Codice: inserire il nome del piano.


 Altezza netta dei locali: impostare il valore dell’altezza netta del piano.
 Altezza al lordo del solaio: impostare il valore dell’altezza lorda del piano.
 Planimetria di sfondo: fare clic sul bottone a lato per inserire una pianta di sfondo. Il file da importare
deve essere in formato dwg oppure dxf formato R12. Nella finestra Apri selezionare il file da inserire. Verrà
visualizzata l’anteprima della pianta da importare.

Premere il pulsante Esplodi per esplodere eventuali blocchi presenti nel disegno.

Premere il pulsante Seleziona colore pianta… per disegnare la pianta tutta di un colore a scelta.

Comparirà la seguente finestra:


12
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Settare il flag Setta unico colore per la pianta e scegliere, dal menu a tendina, il colore da utilizzare.

Premere il pulsante Accetta per inserire la pianta nel progetto.

 Scala pianta: indica la scala con cui viene importata la pianta. Inserire il numero di metri reali a cui
corrisponde un’unità di disegno.
 Scala plottaggio: indica la scala con cui verrà plottato il disegno.
 Imposta scala pianta: questa opzione risulta utile nel caso in cui non si conosce a priori la scala del disegno.
Dopo aver premuto sul tasto, selezionare nell’area grafica un tratto di cui si conosce la lunghezza reale.
Successivamente scrivere nella casella a lato, lunghezza reale linea, la lunghezza reale della linea
selezionata. Verrà automaticamente settata la scala del disegno in base alle lunghezze suddette.
 Piano uguale al piano: impostare questo dato solo se il piano selezionato ha le stesse caratteristiche
costruttive (pareti, finestre), la stessa planimetria (disposizione dei volumi) e le stesse caratteristiche
termiche (zone termiche, impianti) di un piano precedentemente inserito. In tal caso scegliere dal menu a
tendina il piano da cui prendere le caratteristiche.
 Dati tipologia costruttiva, Dati confine: impostare le caratteristiche generiche delle strutture orizzontali.
Queste caratteristiche potranno essere utilizzate in fase di inserimento degli ambienti settando per questi
ultimi la proprietà Da Piano.

1.4 Le pareti

L’inserimento

Per eseguire il disegno delle partizioni interne, fare clic sul comando Disegna parete per aprire la finestra
Proprietà parete. 13
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Parete speciale: il flag attiva l'inserimento di pareti speciali, come pareti vetrate, pareti miste e pareti da
associare a locali sfalsati
 Tipo parete: scorrere l’elenco delle tipologie contenute nel menu a tendina e selezionare la tipologia da
disegnare. Se la parete da inserire non dovesse essere presente fare clic sul pulsante a lato .
 Parete fittizia: questo flag serve per inserire delle pareti, assenti sull’architettonico, ma disegnate sul
progetto termico al fine di delimitare aree dello stesso ambiente caratterizzate da altezza interna diversa o
da strutture orizzontali diverse (ad esempio locale unico composto da cucina e salone con differenti
pavimenti oppure locale unico con esposizione di una parte del tetto verso l’esterno).
 Confine: la scelta effettuata in questo campo permette di individuare l’ambiente verso cui è esposta la
parete che si sta disegnando, al fine di stabilire la temperatura a cui avviene lo scambio termico. Se la
tipologia di confine da applicare alla parete non è presente nell’elenco, bisogna realizzarla nell’archivio dei
confini dell’edificio, richiamabile mediante il pulsante a lato .
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare la parete.
 Spessore linea: selezionare dal menu a tendina lo spessore con cui si intende rappresentare la parete.

Esistono due modalità con cui effettuare il disegno della parete: si possono inserire le pareti manualmente oppure si
14

possono rilevare le linee dal disegno precedentemente importato.


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Inserimento manuale pareti

Spostare il cursore all’interno dell’area grafica. Fare clic in corrispondenza del primo punto della parete, spostare poi
il mouse e fare un secondo clic in corrispondenza della fine della parete.

Il comando rimane attivo, per cui, se la tipologia di parete o il confine da assegnare alla parete non cambiano lungo il
perimetro, si può continuare disegnando tutto il profilo interno.

Al contrario, se la tipologia di parete oppure il confine cambiano, la selezione dei nuovi parametri è possibile solo
interrompendo e riattivando il comando.

Per le pareti perimetrali esterne disegnare le linee sul filo interno della parete.

Per le pareti interne disegnare le linee sulla mezzeria dello spessore della parete.

Inserimento pareti tramite selezione da pianta


Per utilizzare questa modalità di disegno è indispensabile che venga importata una piantina per il piano in esame.
Selezionare nella finestra delle proprietà il flag Seleziona parete da pianta.

Pareti esterne

Scegliere come tipo parete Esterno.

15
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Spostare il cursore all’interno dell’area grafica. Fare clic in corrispondenza della linea rappresentante la parete che si
vuole importare. Verrà inserita una parete avente la stessa lunghezza della parete presente nella pianta.

Il comando rimane attivo, per cui, se la tipologia di parete o il confine da assegnare alla parete non cambiano lungo il
perimetro, si può continuare selezionando tutte le linee facenti parte del profilo.

Al contrario, se la tipologia di parete oppure il confine cambiano, la selezione dei nuovi parametri è possibile solo
interrompendo e riattivando il comando.

Per ripassare il disegno più velocemente settare il flag Lascia selezionata l’ultima parete: l’ultima parete inserita
rimane selezionata e quella inserita successivamente verrà unita con quella selezionata.

Pareti divisorie

Scegliere come tipo parete Divisorio e scegliere il tipo di filo divisorio da utilizzare.
16
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Spostare il cursore all’interno dell’area grafica. Fare clic in corrispondenza della linea rappresentante la parete che si
vuole importare. Verrà inserita una parete avente la stessa lunghezza della parete presente nella pianta, ma spostata
rispetto alla linea della pianta in funzione del filo impostato di una quantità data dalla mezzeria dello spessore della
parete impostata.

Il comando rimane attivo, per cui, se la tipologia di parete o il confine da assegnare alla parete non cambiano lungo il
perimetro, si può continuare selezionando tutte le linee facenti parte del profilo.

Al contrario, se la tipologia di parete oppure il confine cambiano, la selezione dei nuovi parametri è possibile solo
interrompendo e riattivando il comando.

Per ripassare il disegno più velocemente sono possibili due opzioni:

 Lascia selezionata l’ultima parete: l’ultima parete inserita rimane selezionata e quella inserita
successivamente verrà unita con quella selezionata.
 Unisci divisorio con le pareti inserite: dopo l’inserimento della parete bisogna selezionare le due pareti a cui
detta parete si aggancia. In questo modo è più veloce collegare i divisori con le pareti precedentemente
inserite.

La modifica
17
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di una parete precedentemente inserita. Eseguire le
modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

1.5 I locali

L’inserimento

Una volta effettuato il disegno del perimetro e delle pareti interne, è necessario assegnare ad ogni ambiente i

parametri che lo caratterizzano. A tale scopo fare clic sul pulsante Disegna locale per aprire la finestra
Proprietà locale.
18
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Descrizione: digitare una descrizione.


 Alloggio automatico, Millesimi, Contabilizzatore: in fase di sviluppo.
 Aggrega a: se l’ambiente è stato suddiviso mediante pareti fittizie, per delimitare delle aree ad altezze o
tipologie/esposizioni differenti, questo strumento permette di definire i parametri degli spazi annessi ad un
ambiente precedentemente inserito. Si seleziona il check e poi si sceglie dal menu a tendina il locale
principale.
 Zona termica: assegnare al locale la zona termica di appartenenza.
 Dati soffitto-pavimento: definire le caratteristiche delle strutture orizzontali, selezionando il Tipo e il
Confine.
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare l’ambiente.
 Modalità di disegno - Rileva descrizione da pianta: selezionando questo flag viene attivata la funzione che
permette di importare la descrizione del locale dalla pianta di sfondo. In questo caso, per inserire il locale,
basta selezionare, tramite una selezione a rettangolo, il testo che si vuole rilevare. Verrà automaticamente
inserito un locale avente come descrizione il testo rilevato.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza dell’ambiente che risponde ai parametri appena impostati,
e fare clic in un punto interno, oppure selezionare il testo se è stata impostata la modalità Rileva descrizione da
19

pianta.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Viene inserito un simbolo grafico recante la descrizione digitata, il codice e le potenze invernali ed estive, che
assumeranno un valore diverso da zero solo dopo aver eseguito i rispettivi calcoli.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un locale precedentemente inserito. Eseguire le
modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

Se è stato effettuato il calcolo nella maschera saranno attivate altre sezioni, che riportano i dati di calcolo del locale
in esame:

20
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.6 I locali non riscaldati

L’inserimento

Negli edifici possono esistere anche locali non riscaldati. A tale scopo fare clic sul pulsante Disegna locale non

riscaldato per aprire la finestra Proprietà locale non riscaldato. 21


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Non è necessario creare una zona termica opportuna. Ad esempio, nel sottotetto non riscaldato di un alloggio
inserire il simbolo in una parte di suddivisione dello stesso, dopo aver delimitato lo spazio con le pareti fittizie.

 Descrizione: digitare una descrizione.


 Aggrega a: se l’ambiente è stato suddiviso mediante pareti fittizie, per delimitare delle aree ad altezze o
tipologie/esposizioni differenti, questo strumento permette di definire i parametri degli spazi annessi
all’ambiente. Si seleziona il check e poi si sceglie dal menu a tendina il locale principale.
 Altezza: inserire l’altezza del locale non riscaldato.
 Quota pavimento: altezza del pavimento rispetto alla quota corrente del piano
 Zona Termica: Assegnare una zona termica non riscaldata tra quelle definite nell'apposito archivio Archivio
Unità Immobiliari
 Calcolo temperatura: selezionare il tipo di calcolo o l’impostazione che si desidera associare al locale non
riscaldato, im modo che il programma applichi opportunamente il tipo di calcolo corrispondente. Le possibili
modalità di Calcolo temperatura sono le seguenti:
22
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1. Temperatura prefissata: permette di fissare la temperatura all’interno del locale in modo da


simulare una temperatura fissa durante tutto il periodo di riscaldamento dell’edificio.
2. Temperatura calcolata: permette di effettuare un calcolo corretto della temperatura
interna del locale non riscaldato, tenendo presente i flussi di scambio termico che passano
dai locali riscaldati al non riscaldato e dal non riscaldato all’esterno.
3. Fattore di correzione btr,x: permette di impostare il coefficiente correttivo in funzione del
tipo di locale non riscaldato che si sta inserendo nell’alloggio.
 Dati soffitto-pavimento: definire le caratteristiche delle strutture orizzontali, selezionando il Tipo e il
Confine.
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare l’ambiente.
 Modalità di disegno - Rileva descrizione da pianta: selezionando questo flag viene attivata la funzione che
permette di importare la descrizione del locale non riscaldato dalla pianta di sfondo. In questo caso, per
inserire il locale non riscaldato, basta selezionare, tramite una selezione a rettangolo, il testo che si vuole
rilevare. Verrà automaticamente inserito un locale non riscaldato avente come descrizione il testo rilevato.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza dell’ambiente che risponde ai parametri appena impostati,
e fare clic in un punto interno, oppure selezionare il testo se è stata impostata la modalità Rileva descrizione da
pianta.

Viene inserito un simbolo grafico recante la descrizione digitata, l’altezza impostata e le potenze invernali ed estive,
che assumeranno un valore diverso da zero solo dopo aver eseguito i rispettivi calcoli.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un locale non riscaldato precedentemente inserito.
Eseguire le modifiche e premere il pulsante Modifica per renderle effettive.

Se è stato effettuato il calcolo nella maschera sarà attivata un’altra sezione, che riporta i dati di calcolo del locale non
riscaldato in esame:

23
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.7 Le finestre

L’inserimento

Dopo il disegno delle pareti si può passare all’inserimento delle finestre precedentemente realizzate in archivio.

Fare clic sul pulsante Disegna finestra per aprire la finestra Proprietà finestra.
24
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Tipo finestra: scorrere l’elenco delle tipologie contenute nel menu a tendina e selezionare la tipologia da
disegnare. Se la finestra da inserire non dovesse essere presente, fare clic sul pulsante a lato .
 Lucernari: il flag abilita l'inserimento dei lucernari
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare il serramento.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza della mezzeria del serramento, e fare clic per inserirlo.
Viene inserito un simbolo grafico del colore selezionato recante il codice relativo al tipo scelto.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di una finestra precedentemente inserita. Eseguire le
modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

25
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Lucernari: Attivando la spunta lucernari, la maschera si predispone per l'inserimento dei lucernari che
possono essere selezionati dal menù a tendina. E' importante ricordare che, per una corretta visualizzazione
del lucernario nel motore 3D, questo va tassativamente inserito su una linea di gronda orizzontale in caso di
falda.

LINEA DI GRONDA ORIZZONTALE

1.8 I ponti termici

L’inserimento

Dopo il disegno delle pareti si può passare all’inserimento dei ponti termici.

Fare clic sul pulsante Disegna ponte termico per aprire la finestra Proprietà ponte termico.
26
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Tipo ponte: scorrere l’elenco delle tipologie contenute nel menu a tendina e selezionare la tipologia da
disegnare. Se il ponte termico da inserire non dovesse essere presente fare clic sul pulsante a lato .
 Lunghezza: inserire la lunghezza, in metri, del rilievo dove verrà inserito il ponte termico.
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare il ponte termico.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del punto in cui si vuole collocare il ponte termico, e fare
clic per inserirlo.

Viene inserito un simbolo grafico del colore scelto, recante la lunghezza digitata ed il codice relativo al tipo di ponte
scelto.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un ponte termico precedentemente inserito.
Eseguire le modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

27
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.9 La gestione delle reti

Fare clic sul pulsante Gestione reti per aprire la relativa finestra.

Nella parte sinistra della finestra vengono visualizzate le reti inserite nel progetto.

 Aggiungi rete: inserisce una nuova rete. Settare per la rete inserita i relativi dati nella parte destra
della finestra (codice e descrizione).
 Elimina rete: elimina la rete selezionata.
28

Nella parte destra della finestra vengono visualizzati i dati relativi alla rete selezionata.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Piano di partenza: definisce il piano in cui posizionare l'inizio rete.


 Dati di calcolo della rete: dati di inizializzazione della rete
 Dati aggiuntivi per calcolo pannelli radianti: dati di inizializzazione della rete a pannelli radianti

1.9.1 L’inizio della rete

L’inserimento

Fare clic sul pulsante Disegna inizio rete per aprire la finestra Proprietà inizio.

 Attacco: scegliere la posizione dell’attacco se a destra o a sinistra.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del punto in cui si vuole collocare l’inizio della rete, e fare
clic per inserirlo.

Viene inserito un simbolo grafico indicante l’inizio della rete.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un simbolo inizio rete precedentemente inserito.
Eseguire le modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.
29
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.9.2 I tratti delle tubazioni

L’inserimento

Fare clic sul pulsante Disegna tratto per aprire la finestra Proprietà tratto.

 Tipo rete: scorrere l’elenco delle tipologie contenute nel menu a tendina e selezionare la tipologia di rete da
utilizzare. Se il tipo di rete da inserire non dovesse essere presente, fare clic sul pulsante a lato .
 Spessore linea: inserire lo spessore da utilizzare per il disegno della tubazione.
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intende rappresentare la tubazione.
 Disegna a: se in questo campo viene inserito un valore diverso da 0, per inserire i tratti bisogna cliccare sulla
linea della pianta utilizzata come riferimento. Verrà inserito un tubo avente la stessa lunghezza della linea
presente nella pianta, ma spostata in basso e a sinistra rispetto ad essa del valore inserito in questo campo.
 Raccorda: questo bottone serve per raccordare il tratto e il terminale inseriti. Selezionare le due entità e
premere il bottone, verrà inserito un tubo che unisce le due entità.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del punto iniziale del primo tronco, e fare clic per
30

confermare, fino a giungere nella posizione del punto finale del tronco.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un tratto precedentemente inserito. Eseguire le
modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

1.9.3 I collettori

L’inserimento

Fare clic sul pulsante Disegna collettore per aprire la finestra Proprietà collettore.

 Ritorno: scegliere la posizione di aggancio se a destra o a sinistra.


31
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Caratteristiche: scorrere l’elenco delle caratteristiche contenute nel menu a tendina e selezionare le
caratteristiche da utlizzare. Se le caratteristiche da inserire non dovessero essere presenti fare clic sul
pulsante a lato .
 Colore: selezionare dal menu a tendina il colore con cui si intendono rappresentare i tratti del collettore.
 Numero uscite per lato: inserire il numero di terminazioni del collettore per lato.

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del punto in cui si vuole collocare il collettore, e fare clic
per inserirlo.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un tratto di un collettore precedentemente
inserito. Eseguire le modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

32
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.9.4 I terminali

L’inserimento

Fare clic sul pulsante Disegna terminale per aprire la finestra Proprietà terminale.

 Attacco: scegliere la posizione dell’attacco se a destra o a sinistra.


 Simbolo: scegliere il tipo di terminale da inserire.
 Schema di montaggio: in fase di sviluppo.
 Tipo zona: questo campo è attivo solo se si scelgono dei pannelli radianti. Indica la zona in cui tali pannelli
vanno inseriti, infatti in base alla zona scelta cambia la massima potenza erogabile per m2.
 Dati terminale: selezionare la Serie e il Modello di terminale da inserire nel locale ed eventualmente fare clic
sul pulsante a lato per richiamare l’archivio dei terminali, nel caso in cui nella lista non è presente il
modello che si desidera inserire.
33

 Incremento sulla potenza calcolata: indica la percentuale di cui sovradimensionare i terminali.


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Ingombro massimo: inserire questo valore nel caso in cui il progetto architettonico presenti delle situazioni
che limitano la dimensione del terminale.
 Portata: inserire il valore della portata. Questo campo va compilato solo se si desidera imporre un valore per
il terminale indipendente dal calcolo delle dispesioni invernali o dei carichi termici estivi.
 Potenza: inserire il valore della potenza ambiente. Questo campo va compilato solo se si desidera imporre
un valore per il terminale indipendente dal calcolo delle dispesioni invernali o dei carichi termici estivi.
 Perdita di carico: valore della perdita di carico del terminale quando non definita in archivio.

Il tasto Scegli è attivo solo se è stato eseguito l’input delle supefici disperdenti. In tal caso fare clic su
di esso, spostare il cursore nell’area grafica e fare clic sul simbolo che identifica l’ambiente in cui disegnare il
terminale. Questa operazione permette di leggere I dati del locale selezionato e di visualizzarli nella casella di testo
sottostante.

Il tasto Suddividi locale è necessario qualora si voglia ulteriormente suddividere un locale per
inseirire più pannelli radianti

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un terminale precedentemente inserito. Eseguire le
modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

34
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Alcuni accorgimenti per generare al meglio le spirali:

Generalmente l'algoritmo che genera le spirali è in grado di orientarsi all'interno dell'ambiente sviluppando al meglio
la spirale. In alcune stanze, particolarmente complesse, occorre tenere presente alcune regole per agevolare il lavoro
decisionale dell'algoritmo.

1) I risultati generati dall'algoritmo non sempre sono gli stessi se la spirale, generata all'interno di un ambiente,
gira in senso orario o antiorario. Ciò significa che, in alcune occasioni, la spirale generata in senso orario sarà
migliore di quella generata in senso antiorario o viceversa. Se la spirale generata non è soddisfacente, è
possibile, con poche modifiche al disegno, invitare l'algoritmo a generale una spirale, che giri, nel senso
opposto a quello usato in precedenza. (figura 3 e figura 4)
35
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Figura 1 (In questo caso la spirale girerà in senso orario)

36
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Figura 2 (Modificando leggermente il disegno la spirale girerà in senso antiorario. Generalmente I risultati ottenuti
saranno pressochè simili. In alcuni ambienti molto complessi un senso di rotazione potrebbe generale una spirale
migliore dell'altra)

2) Nel caso in cui la spirale non venga disegnata potrebbe essere necessario aggiungere pochi tratti al disegno
per far si che l'algoritmo possa generarla (figura 3 e figura 4)
37
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Figura 1 (La spirale non viene generata è necessario disegnare un piccolo tratto per far si che l'algoritmo riesca a
partire)

38
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Figura 2 (Ora l'algoritmo è in grado di disegnare la spirale)

1.9.5 Il rimando della rete

L’inserimento

Se la rete si sviluppa su più piani, è necessario inserire il simbolo rimando nel punto in cui è posizionata la colonna
montante.

Fare clic sul pulsante Disegna rimando per aprire la finestra Proprietà rimando.
39
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Attacco: scegliere la posizione dell’attacco se a destra o a sinistra.


 Piano: selezionare il nome del piano da cui riprendere la rete.
 Lunghezza tubazione:inserire la lunghezza, in metri, del tubo di aggancio tra il simbolo di rimando rete e
ripresa rete.
 Numero perdite localizzate: digitare il numero di perdite localizzate da associare alla colonna montante.
 Perdite localizzate: scorrere l’elenco delleperdite localizzate contenute nel menu a tendina e selezionare la
perdita da associare. Se la perdita localizzata da inserire non dovesse essere presente fare clic sul pulsante a
lato .

Posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del punto in cui si vuole collocare il rimando della rete, e
fare clic per inserirlo.

Viene inserito un simbolo grafico recante la descrizione del piano.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un simbolo rimando precedentemente inserito.
Eseguire le modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.
40
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.9.6 La ripresa della rete

L’inserimento

Se la rete di tubi si sviluppa su più piani è necessario inserire il simbolo ripresa nel punto in cui la rete del piano
soprastante si ricollega alla rete del piano sottostante.

Fare clic sul pulsante Disegna ripresa per aprire la finestra Proprietà ripresa.

 Attacco: scegliere la posizione dell’attacco se a destra o a sinistra.


 Nome rimando: selezionare il nome del rimando rete, da cui riprendere la rete.
41
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Per inserire automaticamente il simbolo della ripresa della rete in corrispondenza del simbolo del rimando
selezionato premere sul bottone Inserisci, altrimenti posizionare il cursore nell’area grafica, in corrispondenza del
punto in cui si vuole collocare la ripresa della rete, e fare clic per inserirlo.

Viene inserito un simbolo grafico recante la descrizione della rete.

La modifica

La stessa maschera viene utilizzata per modificare le proprietà di un simbolo ripresa precedentemente inserito.
Eseguire le modifiche e premere sul pulsante Modifica per renderle effettive.

1.9.7 La gestione degli elaborati

Fare clic sul pulsante Gestione elaborati per aprire la relativa finestra.

42
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Gli elaborati risultano utili per avere un disegno riepilogativo delle reti progettate. Questo disegno può essere poi
esportato in un cad esterno.

Nella parte sinistra della finestra vengono visualizzati gli elaborati inseriti nel progetto.

 Aggiungi elaborato: inserisce un nuovo elaborato. Settare per l’elaborato inserito i relativi dati nella
parte destra della finestra (codice, descrizione e piano di riferimento).
 Elimina elaborato: elimina l’elaborato selezionato.

Nella parte destra della finestra vengono visualizzati i dati relativi all’elaborato selezionato.

Il bottone Seleziona colore pianta permette di scegliere il colore con cui disegnare la pianta di sfondo da visualizzare
nell’elaborato.

Per ogni elaborato inserito creare, poi, i relativi disegni.


43
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premere sul bottone Aggiungi disegno per inserire un nuovo disegno. Per questo poi settare il piano e la rete
di riferimento.

Per eliminare un disegno premere sul relativo bottone .

Per ogni elaborato è possibile definire più disegni. I disegni inseriti in un elaborato verranno visualizzati tutti insieme
nello stesso elaborato.

Il flag Unisci reti in un'unica tavola serve per inserire in automatico tutte le reti definite di un piano in un unico
elaborato, uno per piano.

Il flag Unisci piani e reti in un'unica tavola serve per inserire in automatico tutte le reti definite per piano in un
unico elaborato.

Il bottone Genera elaborati genera in automatico gli elaborati creando tutti i relativi disegni.
44
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.10 L’archivio dei terminali

Per accedere all’archivio dei terminali selezionare la voce di menu Reti – Terminali.

La finestra contiene:

 l’archivio progetto: i terminali presenti in questo elenco possono essere utilizzati solo nel progetto corrente.
Tuttavia, mediante il pulsante , possono essere trasferiti dall’archivio progetto
all’archivio generale, per essere poi utilizzati, successivamente al loro trasferimento, in ogni nuovo progetto
realizzato.
 l’archivio generale: contiene tutti i terminali, compresi quelli che sono stati trasferiti dall’archivio progetto.
Mediante il pulsante possono essere utilizzati nel progetto corrente.

Per inserire un nuovo elemento, fare clic sul pulsante posto il alto. Nella scheda presente nella parte destra della
finestra inserire un codice, una descrizione e il fabbricante. Selezionare o digitare la tipologia del terminale.

Se è già stato predisposto un disegno del terminale in formato .bmp, fare clic sul pulsante per
selezionare il file. Fare clic su per confermare i dati inseriti.

Fancoil

45
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Tramite il pulsante posto in basso, inserire i dettagli del modello appena impostato.

Inserire innanzitutto una descrizione.

Nei dati invernali introdurre:

 Potenza: introdurre il valore della potenza termica [W] erogata dal singolo elemento. Dato fornito dal
costruttore.
 Temperatura immissione acqua: dato fornito dal costruttore.
 Perdita di carico: dato fornito dal costruttore.
 Salto termico: dato fornito dal costruttore.
 Temperatura immissione aria: dato fornito dal costruttore.

Nei dati estivi introdurre:

 Potenza sensibile: introdurre il valore della potenza termica [W] erogata dal singolo elemento. Dato fornito
dal costruttore.
 Temperatura immissione acqua: dato fornito dal costruttore.
 Perdita di carico: dato fornito dal costruttore.
 Potenza latente: introdurre il valore della potenza termica [W] erogata dal singolo elemento. Dato fornito
dal costruttore.
 Salto termico: dato fornito dal costruttore.
 Portata acqua: dato fornito dal costruttore.
 Temperatura immissione aria: dato fornito dal costruttore.

In batteria ausiliaria, se presente, introdurre:

 Potenza termica: introdurre il valore della potenza termica [W] erogata dal singolo elemento. Dato fornito
dal costruttore.
 Portata acqua: dato fornito dal costruttore.
 Perdita di carico: dato fornito dal costruttore.

Come dimensioni indicare:

 Profondità [mm]
 Larghezza [mm]
 Altezza [mm]

Radiatori
46
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Tramite il pulsante posto in basso, inserire i dettagli del modello appena impostato.

Inserire innanzitutto una descrizione.

Introdurre:

 Potenza termica nominale: potenza erogata dal singolo elemento, rilevata dal valore delta T di riferimento.
 Esponente (n): questo numero, che dipende dal tipo di corpo scaldante, entra in gioco nel calcolo del fattore
di resa, nella cui formula F=(x/DeltaT)n è indicato con la lettera n. Delta T è il valore di delta T [°C] di
riferimento, al quale è stato rilevato il valore della resa unitaria; x è la differenza tra la temperatura media
dell’acqua nel corpo scaldante (fornita in Dati Impianto) e la temperatura ambiente (fornita in Zona
Termica).
 Altezza: altezza del radiatore.
 Larghezza, Interasse: larghezza rilevata nella vista frontale dell’elemento, che viene utilizzata, unitamente al
valore digitato nel campo interasse, per controllare l’ingombro prodotto dal numero totale di elementi
assemblati.
 Capacità H2O: contenuto d’acqua del singolo elemento in litri.

Pannelli radianti
47
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Tramite il pulsante posto in basso, inserire i dettagli del modello appena impostato.

Inserire innanzitutto una descrizione.

Introdurre:

 Passo: chiamato anche interasse, indica la distanza fra i tubi. Questo valore varia in funzione alla resistenza
termica del rivestimento del pavimento.
 Sviluppo: indica i metri di tubo necessari per ricoprire 1 m2 di superfice. Questo valore è collegato al passo.
 Flusso limite (zona residenziale): indica la massima potenza erogabile per m2 nella zona residenziale.
 ΔT media logaritmica: indica il salto termico tra le temperatura dell’acqua e dell’aria.
 Flusso limite (zona periferica): indica la massima potenza erogabile per m2 nella zona periferica. La zona
periferica è quella che si trova ad una distanza massima di 1 m dalle pareti.
 Flusso limite (servizi): indica la massima potenza erogabile per m2 nei servizi.
 Flusso verso il basso: indica la potenza che si disperde verso il basso. Tale valore può essere recuperato se la
zona è riscaldata, altrimenti viene disperso.
 Rivestimento superficiale: indica il rivestimento del pavimento.
 Resistenza termica: indica la resistenza che si interpone al flusso termico. Questo valore dipende dal tipo di
rivestimento adottato.
48
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

1.11 Opzioni

Per accedere alle opzioni del programma selezionare la voce di menu File – Opzioni.

Si possono impostare i seguenti dati:

 i dati identificativi dell’utente;

 il percorso da cui caricare i progetti, solitamente salvati nella cartella commesse;


49
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 le opzioni da applicare in fase di riapertura del programma.

50
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2. DISPERSIONI AMBIENTI

La necessità di garantire artificialmente che all’interno di ogni ambiente la temperatura invernale sia di 18° C ÷ 20° C,
impone di effettuare il calcolo delle dispersioni termiche al fine di conoscere la quantità di calore da fornire a
ciascuno di essi.

La dispersione termica dipende dalle dimensioni delle superfici S [m2] di separazione tra interno ed esterno, dal
valore della differenza di temperatura tra interno ed esterno (Ti - Te) [°C], dal valore della Trasmittanza termica U di
tutti gli elementi di separazione, siano essi pareti, solai, serramenti, ponti termici.

Questo fatto si traduce nella formula:

Q U  S  (Ti  Te )
Al calore disperso attraverso pareti, solai, serramenti e ponti termici deve essere sommato il calore che serve a
scaldare la quantità di aria di ventilazione che per cause naturali, quali apertura di porte e finestre, tenuta imperfetta
degli infissi, permeabilità delle murature, o in maniera forzata, entra in ambiente.

Ne consegue che il problema risulta risolto se si esplicitano tutte le variabili in gioco. A tale scopo, di seguito
illustriamo le operazioni che consentono di:

1. Definire le temperature di confine tra ambiente interno Ti = temperatura interna di progetto = 18° C ÷ 20° C ±
2° C e ambiente esterno Te = temperatura esterna fissata in funzione della Località di progetto e/o ambienti a
differenti regimi di temperatura: Te del terreno, Te di ambienti non riscaldati, Te di ambienti a temperatura
fissa.

2. Impostare per ogni ambiente il numero di ricambi d’aria n.

3. Calcolare il valore della Trasmittanza termica U di tutte le strutture che delimitano l’edificio oggetto di
studio.

4. Determinare le superfici S e i volumi V di tutte le strutture scambianti.

Le operazioni 1, 2 e 3 si eseguono nelle tabelle predisposte per la costruzione degli archivi di progetto; l’operazione 4
si esegue graficamente, disegnando tutti gli elementi che servono a definire gli spazi e le tipologie delle strutture.

Le quattro operazioni elencate sono comuni ai moduli relativi al calcolo termico estivo e alle verifiche di legge. Per
questo motivo, tutte le finestre contengono le tre schede:

 Riscaldamento: raccoglie i dati utilizzati per il calcolo invernale.


 Legge 10: raccoglie i dati utilizzati per le verifiche di Legge 10/91.
 Climatizzazione: raccoglie i dati utilizzati per il calcolo estivo.
51
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Sebbene il presente capitolo sia dedicato al calcolo delle dispersioni, nei paragrafi successivi sono illustrate tutte le
schede per evitare una lettura frammentaria e dispersivi rimandi in altre sezioni del manuale.

E’ inutile sottolineare che se non si è interessati a qualcuno di questi calcoli, i dati di input richiesti nelle schede
corrispondenti possono essere tranquillamente ignorati.

Le operazioni strettamente connesse alla Legge 10 e al calcolo Estivo sono, invece, descritte nei capitoli dedicati.

2.1 CARATTERISTICHE DEL FABBRICATO

La finestra Caratteristiche del fabbricato, accessibile dal menù Edificio  Dati Fabbricato contiene le impostazioni
per Dati tipologia calcolo invernale, Dati dei Comune-Località, Dati calcolo estivo, Caratteristiche costruttive, Dati
calcolo dimensionamento tubazioni.

Questa finestra compare anche all’inizio, dopo la definizione di un nuovo progetto, ed in essa possono essere
definite direttamente le proprietà principali del fabbricato.

52
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.1.1 Introduzione

I dati richiesti in questa finestra e nelle successive servono a impostare il tipo di lavoro che ci si appresta a realizzare
e le caratteristiche generali del progetto.

Le scelte effettuate influenzano la configurazione del programma; infatti i campi ridondanti saranno nascosti mentre
resteranno attivi solo quelli che richiedono l’input finalizzato al raggiungimento dell’obiettivo prefissato.
53
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Vediamo le varie sezioni nel dettaglio:

Scheda modalità di calcolo:

Le impostazioni da settare riguardano il Tipo di progetto, le possibili combinazioni sono:

 Riscaldamento : Viene eseguito il calcolo dei fabbisogno invernali secondo le normative vigenti
 Detrazione Finanziaria 2008: Viengono eseguite le verifiche richieste per ottenere le detrazioni previste
dalla finanziaria per interventi di efficienza energetica.

Normativa

 Calcolo secondo il D.P.R. n. 59/09 - UNI TS 11300


 Calcolo secondo il D.Lgs n.192/05 (integrato dal D.Lgs n. 311/06 - UNI TS 11300)
 Calcolo secondo il D.Lgs n.192/05 (integrato dal D.Lgs n. 311/06)
 Calcolo senza il D.Lgs n. 192/05 (integrato dal D.Lgs n. 311/06)
 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Piemonte
54

 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Piemonte (integrato al D.G.R. 46)


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Liguria


 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Emilia Romagna
 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Lombardia
 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Toscana
 Calcolo secondo il Regolamento della Regione Puglia e dati per il protocollo ITACA

Tipo di intervento sia sull'involucro che sugli impianti

I fattori di conversione per il calcolo dell'energia primaria

Le date di riferimento per il calcolo e le verifiche a norma di legge

Le modalità di calcolo per:

- Scambi con il terreno;


- Ponti termici
- Capacità termica

Scheda Dati Climatici:

55
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Da questa maschera è possibile scegliere il comune di riferimento per il calcolo. Il programma automaticamente
seleziona la zona climatica, le temperature, l'umidità, le pressioni e irradianze di riferimento per la località scelta.

Cliccando sull’apposito tasto si apre la ricerca del Comune che visualizza anche alcuni dati caratteristici.

Nella casella Località è possibile scrivere liberamente anche la Località relativa al Comune selezionato.

Premendo il pulsante a lato del casella di testo Comune è possibile visualizzare la scheda con i dettagli geoclimatici
del Comune selezionato.

Ad esempio il valore delle Temperature esterne e dell’Irradianza media mensile sul piano orizzontale Im,s.

I dati assegnati alla Località nell’Archivio generale, vengono caricati e mostrati nella scheda Dati generali e climatici
del Comune e nella successiva scheda. Le modifiche che si possono apportare riguardano solo i dati riportati nei
campi accessibili (evidenziati con sfondo bianco).

Altitudine sul livello del mare: inserire il valore in [m] dell’altitudine sul livello del mare della Località inserita.

Distanza dal mare: inserire il valore in [km].


56
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Temperatura esterna invernale/estiva: inserire il valore in [°C] della Località. Vedi anche Tabella A nella pagina
Allegati & Note.

Umidità Relativa Esterna: inserire il valore in [%] della Località.

Latitudine: inserire il valore in [Deg] della Località.

Gli altri dati, di sola consultazione, sono relativi a:

I Dati climatici medi mensili: la norma UNI 10349 fornisce i dati climatici medi mensili di tutti i capoluoghi di
provincia italiani (riconosciuti al momento della sua pubblicazione ed eventuali successivi aggiornamenti pubblicati
sulla G.U.R.I.) e il metodo per correggere questi dati in funzione delle differenze esistenti tra la Località di progetto
e il Capoluogo di riferimento.

I dati contenuti nei campi presenti nel riquadro Condizioni invernali vengono utilizzati per il calcolo delle dispersioni
invernali. Sono relativi alle condizioni termo igrometriche di progetto dell’aria esterna.

I dati contenuti nei campi presenti nel riquadro Condizioni estive vengono utilizzati per il calcolo dei carichi termici
estivi.

Li commentiamo di seguito:

Latitudine: valore in gradi sessagesimali [Deg] della Località di progetto. E’ positiva per l'emisfero settentrionale e
quindi anche per l’Italia, negativa per l'emisfero meridionale.

Longitudine: valore in gradi sessagesimali [Deg] della Località di progetto. E’ positiva per i meridiani a Ovest di
Greenwich, negativa per i meridiani a Est di Greenwich e quindi anche per l’Italia.

Longitudine Meridiano di riferimento: longitudine a cui è riferito il fuso orario della Località di progetto, che per le
località italiane è 15 Deg.

Temperatura esterna (condizioni invernali)/Temperatura esterna a b.s. (bulbo secco) (condizioni estive) e Umidità
relativa esterna: valori massimi esterni di progetto espressi rispettivamente in [°C] e in [%].

Escursione termica giornaliera: valore espresso in [°C], riferito al giorno di progetto estivo in cui la temperatura
estiva è massima.

Fattore di foschia: coefficiente il cui valore è compreso tra 0.85 e 1.25. Comporta un’attenuazione o un incremento
della radiazione solare diretta.

Il Periodo di riscaldamento (Inizio/Fine riscaldamento): varia in funzione della zona climatica di appartenenza del
Comune selezionato. I mesi e i giorni di inizio e di fine del periodo di riscaldamento sono quelli indicati nel DPR n.
412/93 e da UNI TS 11300.

Scheda Dati calcolo acustico, calcolo estivo, dimensionamento tubazioni


57
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

In questa scheda è possibile abilitare il calcolo dei carichi termici estivi e il dimensionamento degli impianti di
riscaldamento, predisponendo il programma ad ospitare i nuovi dati richiesti per i rispettivi calcoli. Per il calcol estivo
e possibile scegliere tra due modalità di calcolo:

- Metodo Carrier-Pizzetti;
- Metodo Ashrae;
58
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.1.2 Dati Archivio Unità Immobiliari

Da questa maschera è possibile creare Zone Termiche Non Riscaldate, Subalterno e Zone termiche Riscaldate.

Cliccando sul pulsante Nuovo si apre un menù a tendina che permette di


creare:

 Subalterno: consente di definire un nuovo subalterno. Si


possono creare più subalterni all'interno dello stesso progetto;

 Zona termica riscaldata: consente di creare una o più zone


termiche riscaldate associate ad un particolare subalterno. Per
effettuare l'associazione, selezionare il subalterno di riferimento
e cliccare su Nuovo Zona termica riscaldata;

 Zona termica non riscaldata: consente di creare una zona


termica non riscaldata, come un vano scala, un garage, una
cantina;

Zone Termiche non riscaldate:

Selezionando una delle zone termiche non riscaldate, il programma richiede l'inseirimento dei dati necessari per il
calcolo della temperatura interna del locale attraverso le modalità:

 Temperatura calcolata in base al tipo di locale;

 Temperatura calcolata in base alle strutture;

e il dato sui ricambi d'aria espresso in [V/h]. 59


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Zone Termiche riscaldate:

Selezionando una delle zone termiche riscaldate, il programma mostra una maschera contenente delle schede da
compilare per il completamento dei dati di calcolo.

Scheda Dati involucro:

Dalla scheda Dati involucro è possibile definire:

 La classificazione della zona termica:


o conformemente alla classificazione fornita dall’art. 3 del DPR n. 412/93, il campo riporta il seguente
elenco:

Classificazione della destinazione d’uso


E.1(1) Abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo.
E.1(2) Abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria.
60

E.1(3) Edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari.


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

E.2 Edifici adibiti a uffici e assimilabili.


E.3 Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili.
E.4(1) Cinema, teatri, sale congressi.
E.4(2) Mostre, musei, biblioteche, luoghi di culto.
E.4(3) Bar, ristoranti, sale da ballo.
E.5 Edifici adibiti ad attività commerciali e assimilabili.
E.6(1) Piscine, saune e simili.
E.6(2) Palestre e simili.
E.6(3) Servizi di supporto alle attività sportive.
E.7 Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili.
E.8 Edifici adibiti ad attività industriali e artigianali e assimilabili.

 Gli apporti interni:


Le sorgenti interne di energia presenti all'interno di uno spazio chiuso sono generalmente dovute alle
persone occupanti, alle apparecchiature elettriche, di illuminazione, di cottura, di acqua sanitaria reflua. I
valori del contributo energetico, derivante dalla presenza di queste sorgenti espresso in [MJ/mese], fanno
riferimento a valori medi e dati tipici di utilizzazione dei locali relativi all'edilizia residenziale. In assenza di
dati dettagliati sull'utilizzo dei locali per il calcolo convenzionale, si può fare riferimento ai dati complessivi
riportati nel punto Valori globali convenzionali.Digitare il valore dell’apporto gratuito in [W] oppure
premere il pulsante per accedere ad una procedura di calcolo secondo le norme UNI/TS 11300 1-2
2
ed inserire il valore in [W/m ].

Nel caso di calcolo senza utilizzo delle norme UNI/TS 11300 1-2 è possibile effettuare il calcolo, specificando
i seguenti dati, secondo il metodo semplificato dell’Appendice B - UNI 10379/05:

Persone Occupanti

L'emissione di calore metabolico Qip varia con l'attività fisica e con la corporatura. In mancanza di dati precisi
61

e per edifici adibiti a residenza si applica la formula seguente:


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Qip= 70 * Np [MJ/mese] dove Np = Numero di persone

Per uffici, laboratori e negozi Qip dipende dall'attività svolta.

Apparecchiature elettriche

L'apporto energetico derivante da apparecchiature elettriche Qap varia in funzione della tipologia e dell'uso.
In assenza di dati precisi, i valori si desumono dal Prospetto B.1 - UNI 10379/05. Di seguito riportati i valori in
[MJ/mese]:

Prospetto B.1 - Apparecchiature elettriche


TELEVISORE 65
FRIGORIFERO 100
BOLLITORE 50
CONGELATORE 180
LAVAPIATTI 130
LAVABIANCHERIA 90
ASCIUGABIANCHERIA 50
UMIDIFICATORE AD EVAPORAZIONE 160
TERMINALE VIDEO 180
FOTOCOPIATRICE 1300
MACCHINA DA SCRIVERE ELETTRICA 40
MACCHINA DA SCRIVERE ELETTRONICA 80

In assenza di una descrizione dettagliata della fonte di calore, applicare la seguente formula:

Qap= 500 + 100 * Nap [MJ/mese] dove Nap = Numero Apparecchiature

Apparecchiature di illuminazione

L'apporto energetico dovuto alle apparecchiature di illuminazione dipende dal numero di stanze, da come
sono utilizzate e dal numero di ore di luce diurna. In assenza di dati precisi, i valori si desumono dal
Prospetto B.2 - UNI 10379/05. Di seguito riportati i valori in [MJ/mese]:

Prospetto B.2 - Apparecchi di illuminazione


2
Piccolo appartamento < 50 m 40
2
Medio appartamento da 50 a 100 m 80
2
Grande appartamento > 100 m 120

Cucine (Apparecchiature di cottura)

L'energia prodotta per la cottura Qci dipende dal tipo di cucina (elettrica o a gas) e dalla presenza o meno di
ventilazione. In assenza di dati precisi, vale il seguente valore espresso in [MJ/mese]:

Qci = 260 [MJ/mese]

Acqua sanitaria reflua


62
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

L'acqua sanitaria utilizzata all'interno degli edifici può essere sia fredda che riscaldata. L'acqua sanitaria
utilizzata a temperatura maggiore di quella dell'ambiente (cucina, bagno, ecc.) origina un apporto gratuito
per l'ambiente, mentre quella non riscaldata (generalmente utilizzata a temperatura minore di quella
ambiente) origina una perdita energetica. In molti casi questi due contributi si compensano e quindi possono
essere trascurati.

Valori globali convenzionali

In assenza di dati dettagliati sull'utilizzo dei locali, nel calcolo convenzionale si considerano i valori degli
apporti interni del Prospetto B.3 - UNI 10379/05 di seguito riportato:

Prospetto B.3 - Valori globali convenzionali


2 2
Appartamenti di superficie in pianta S ≤ 200 m (6.25 - 0.02 · S) [W/m ]
2
Appartamenti di superficie in pianta S > 200 m 450 [W]
2
Edifici adibiti ad uffici 6 [W/m ]
2
Edifici adibiti ad attività commerciali 8 [W/m ]

dove S indica l’area in pianta dell’appartamento.

 Le Caratteristiche costruttive: la combinazione impostata viene utilizzata per il calcolo della capacità termica
secondo la procedura semplificata.

Capacità termica volumica della zona termica


3
Tipologia costruttiva dell'edificio Capacità termica volumica [kJ/(m K)]
Edifici con muri di pietra o assimilabili 290
Edifici con muri di mattoni pieni o assimilabili 240
Edifici con muri di mattoni forati o assimilabili 130
Edifici con pareti leggere o isolati dall'interno 70

Nel caso di calcolo con utilizzo delle norme UNI/TS 11300 1-2, bisogna introdurre, invece, la combinazione
delle quattro voci qui sotto presenti:

o Intonaco
o Isolamento
o Parete esterna
o Pavimento

 I ricambi d'aria per il calcolo delle perdite di ventilazione;


 Il calcolo dei fabbisogni per usi di cottura;
 L'incremento per intermittenza, sia per il caso estivo che invernale. Questo campo produrrà un aumento
percentuale delle dispesioni in tutti i locali a cui è associata questa zona termica, tuttavia esso non interviene
nel calcolo della Legge 10 e nella sua verifica, ma è utile solo ai fini del dimensionamento degli impianti.
63
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Scheda Dati Impianto

Dalla scheda Dati impianto è possibile definire se è presente un impianto di riscaldamento tradizionale, un impianto
di produzione di acs oppure ne non sono presenti. In caso si dichiari l'assenza di un sistema di riscaldamento, la
schera Riscaldamento sarà disabilitata e il programma effettuerà le verifiche energeriche considerando un
generatore elettrico come fonte di generazione, in base a quanto previsto dalle linee guida nazionali
64
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Scheda Riscaldamento:

Dalla scheda Riscaldamento è possibile inserire le informazioni necessarie al programma per configurare i
sottosistemi dell'impianto di riscaldamento fino alla distribuzione nonché assegnare la centrale termica a
servizio della zona termica. Questa scelta può essere effettuata tramite il menù a tendena di selezione
riportato nell'immagine sottostante.

Il comando permette di accedere direttamente all'archivio delle centrali termiche per definire ulteriori
centrali termiche.

65
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

In particolare, in questa schermata possiamo definire i dati per il calcolo dei rendimenti del :

 Sottosistema di emissione e regolazione definendo il tipo di terminale di erogazione e il sistema di


regolazione adottato;

 Sottosistema di distribuzione definendo il tipo di calcolo, se semplificato o analitico, la tipologia di


impianto e le temperature di mandata e di ritorno, il periodo di realizzazione e le caratteristiche
degli eventuali ausiliari elettrici. Se il calcolo impostato per il rendimento di distribuzione è
analitico, dovremo specificare nella tabella sottostante il tipo di collocazione della tubazione, la
66

lunchezza e la zona in cui questa è collocata.


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Posizione della tubazione: selezionare un tipo di posizionamento dall’archivio relativo che è possibile raggiungere

tramite questo comando .

Quindi, a seconda delle scelta, si può avere una maschera delle perdite di distribuzione completamente dedicata alla
descrizione dell’impianto di riscaldamento, dell’impianto idricosanitario, o equamente suddivisa tra le due tipologie
di impianto, come nelle immagini di seguito riportate.

I campi da introdurre sono:

Lambda posa in opera

Lambda isolamento

Profondità interramento

He isolamento

Diametro esterno isolante

Interasse

Numero strati isolanti


67
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Temperatura del fluido

Ed infine è possibile inserire una tabella con gli Strati di isolanti interni che coprono le tubazioni (che si attiva
solamente nel caso in cui il campo Numero strati isolanti è attivo), per cui specificare il Diametro in mm e il Lambda
del relativo materiale isolante.

Tipo tubazioni e Diametro nominale.

Tipo posa in opera: l'energia scambiata dal sistema di distribuzione con l'ambiente circostante viene in parte ceduta
all'ambiente esterno (energia non recuperata, Qdnr) e in parte ceduta a quello interno (energia recuperata, Qdr).

L'energia recuperata contribuisce al riscaldamento dell'edificio e quindi non rientra nella definizione del rendimento
di distribuzione.

Per la determinazione del rendimento di distribuzione deve essere, invece, quantificata la quantità di energia
scambiata con l'ambiente circostante e non recuperata, Qdnr, utilizzando il Prospetto II.

Selezionare la voce relativa alla collocazione della tubazione cliccando nel relativo combo.

E’ possibile scegliere tra alcune voci che descrivono la posa in opera del tubo:

 Tubazioni all’interno od in murature affacciate all’interno


 Tubazioni affacciate all’esterno
 Tubazioni affacciate su locali non riscaldati
 Tubazioni in centrale termica
 Tubazioni interrate

Collocazione della tubazione Qdnr/Qd ∙ 100


- tubazioni che corrono entro pareti che separano ambienti riscaldati 0
- tubazioni che corrono entro pareti isolate:
tubazione posta tra l'ambiente interno e l'isolamento della parete 5
tubazione posta tra l'isolamento della parete e l'ambiente esterno 95
- tubazioni interrate:
tubazione posta tra l'ambiente interno e l'isolamento del terreno 5
tubazione posta al di sotto dello strato di isolamento del terreno 95
nessun isolamento 60
- tubazioni correnti in aria:
all'interno di ambienti riscaldati 0
all'interno di ambienti non riscaldati 100

In funzione del Tipo posa in opera si devono introdurre


68
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Scheda Acqua Calda Sanitaria

Dalla scheda Acqua calda sanitaria è possibile inserire le informazioni necessarie al programma per
configurare il calcolo dei fabbisogni di acqua calda sanitaria. In particolare, in quest maschera è possibile
assegnare, dall'apposito menù a tendina, la centrale termica a servizio del sistema di produzione di ACS,
come mostrato nell'immagine sottostante:

nonché specificare il sottossistema di distribuzione e le temperature di erogazione e dell'acqua fredda


mese per mese. Il programma, di default, propone il delta termico previsto a livello normativo, ovvero 25
gradi Kelvin, 40° per la temperatura di erogazione e 15° per quella fredda.

Scheda Fonti rinnovabili

Dalla scheda Fonti rinnovabili possiamo assegnare alla zona termicha in questione, dagli appositi menù a

tendina, rispettivamente un impianto solare termico e/o un impianto fotovoltaico. Il comando


permettere l'apertura diretta dell'archivio dei generarori, dal quale è possibile definire ulteriori generatori
solari e fotovoltaici.
69
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.1.3 Dati Archivio Centrali termiche

Tramite la maschera Archivio Centrali termiche possiamo definire la centrale termicha che servirà la nostra o le notre
unità abitative. Una volta creata una nuova centrale termica attraverso il comando possiamo intervenire sulla
stessa utilizzando gli altri comandi della barra di seguito elencati:

Modifica la centrale termica selezionata

Elimina la centrale termica selezionata

Duplica la centrale termica selezionata

Salva le modifiche apportate alla centrale termica selezionata

Annulla modifica effettuata nella centrale termica selezionata

Scheda Dati generali:

Dalla scheda Dati generali definiamo:

 Tipo di impianto per il riscaldamento e la produzuione di acs: Può essere Autonomo, ovvero che la centrale
termica appena definità servirà un'unica Unità immobiliare, oppure Centralizzato e quindi al servizio di più
Unità immobiliari.

 Generatore fotovoltaico: tramite il menu a tendina è possibile selezionare un impianto fotovoltaico da


assegnare alla centrale termica. I fabbisogni di energia elettrica associati alla centrale termica saranno
compensati dal suddetto impianto.

 Generatori della centrale termica: In questa sezione è possibile specificare i generatori di calore a servizio
della centrale. E' possibile inserire più generatori i quali, ai fini del calcolo, interverranno con la priorità di
intervento definita in base all'ordine della lista. I comandi a destra permettono di :

Inserire un nuovo generatore nella centrale termica


70
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Richiamare la maschera dei generatori

Eliminare un generatore inserito nella centrale.

Nella parte in basso della maschera troviamo l'elenco delle zone termiche a cui la centrale termica è stata associata.

Questa associazione viene fatta automaticamente dal software sopo il calcolo.

Scheda Accumulo

Tramite la scheda Accumulo assegniamo l'accumulo a livello di centrale termica. Possiamo decidere se è riferito al
solo servizio di riscaldamento, al solo servizio di ACS oppure se a servizio combinato. La maschera aiuta l'utente alla
cmpilazione dei dati abilitando e disabilitando i campi richiesti da quelli non richiesti.
71
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Scheda Distribuzione

Tramite la scheda Distribuzione è possibile definire il sotto sistema di distribuzione primario. In questo modo il
software permette di gestire tutte i casi impiantistici che possono presentarli all'utilizzatore.

72
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.1.4 Maschera Archivio generatori

La maschera di Archivio generatori permette la definizione di tutte le nuove tipologie di generazione previste dalle
UNI TS 11300 parte 4.

Attraverso il comando Nuovo generatore viene visualizzato un menù a tendina dal quale l'utente potrà scegliere il
tipo di generatore da definire tra:
73
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Generatore tradizionale: permette la definizione di un nuovo generatore tradizione, a combustibili fossili.


Una volta creato, si potrà scegliere il metodo per il calcolo del rendimento di distribuzione tra quelli prevista
dalla norma, ovvero metodo semplificato, analitico B1 o analitico B2.

 Generatore ACS: permette di definire un generatore al servizio della sola produzione di Acqua Calda
Sanitaria scegliendo tra le opzioni disponibili:

o Generatore definito dall'utente: Viene chiesto unicamente il rendimento di generazione;

o Generatore a gas di tipo istantaneo;

o Generatore a gas ad accumulo;

o Generatore elettrico ad accumulo;

o Bollitore ad accumulo a fuoco diretto;

 Pompa di calore: permette la definizione di una Pompa di Calore tra le diversse tipologie previste dalla
norma. Ogni utente potrà scegliere di creare la propria pompa di calore a motore Compressione di vapore ed
azionamento elettrico, a motore Endotermico e ad Assorbimento e scegliendo il funzionamento tra i casi
On/Off oppure Modulante.

 Cogenerazione: permette la definizione di un generatore a micro o piccola cogenerazione.

 Teleriscaldamento: permette di definire un sistema di teleriscaldamento. In questo caso l'untente dovrà fare
attenzione alla definizione del fattore di conversione in energia primaria (dichiarato dal produttore)

 Biomassa: permette la definizione di un generatore a biomassa. Quest'ultimo ha le stesse caratteristiche di


un nuovo generatore tradizione, con la differenza che il fattore di conversione in energia primaria è pari a
0.2 (come valore di default, modificabile dall'utente)

 Solare: permette la definizione di un impianto solare termico. Il programma, oltre a consentire di assegnare
questo generatore al servizio di acs, riscaldamento o combinato, permette due tipi di input. Il primo, se non
si conosce la producibilità dello stesso, presuppone la definizione dei dati minimi tali da consentire in
automatico, al programma, di calcolare la producibilità dell'impianto. L'altro metodo prevede invece
l'inserimento manuale dei valori di producibilità mensili altrimenti calcolati con altro strumento.

 Fotovoltaico: permette la definizione di un impianto fotovoltaico. Il programma consente due tipi di input. Il
primo, se non si conosce la producibilità dello stesso, presuppone la definizione dei dati minimi tali da
consentire in automatico, al programma, di calcolare la producibilità dell'impianto. L'altro metodo prevede
invece l'inserimento manuale dei valori di producibilità mensili altrimenti calcolati con altro strumento.
74
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.2 DATI DI CONFINE

Cliccando sul menu EdificioArchivi  Dati confine si aprirà la finestra Archivio dei confini dell’edificio. Qui
vengono creati e memorizzati i confini particolari dell’edificio suddivisi per tipologia.

La finestra contiene l’area destinata all’elenco dei confini e l’area destinata all’input.

Il programma è in grado di rilevare autonomamente i confini relativi a:

Esterno: in fase di definizione delle superfici disperdenti, mediante


l’inserimento di un simbolo grafico, l’utente fissa un qualunque orientamento
del Nord.

Sulla base di questa informazione il programma assegna ad ogni parete


confinante con l’ambiente esterno la corrispondente esposizione cardinale
(Nord, Sud, Sud-Est, ecc.).

Ambienti a temperature diverse disposti sullo stesso piano: tutti gli ambienti
caratterizzati dai medesimi parametri vanno raggruppati all’interno di una stessa zona impiantistica (più avanti verrà
illustrata la procedura).

Nota Bene: non è necessario creare il confine Esterno e Non scambiante. Esterno è il confine che riconosce automaticamente la temperatura esterna del
Comune/Località impostata nel progetto (ad es. utilizzato nelle pareti esterne). Non scambiante è il confine che riconosce la stessa identica temperatura tra le
facciate di una parete (ad es. parete divisoria tra due locali alla stessa temperatura di 20 °C).

Il programma non è in grado di rilevare autonomamente (e quindi la definizione è a carico dell’utente) i confini
relativi a:

Edifici con confini non disegnati: ad esempio, la parete in comune tra l’edificio
che si sta studiando e l’edificio confinante non è una parete esterna (il
programma la rileva come tale, se non si disegna l’edificio confinante), per cui
75
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

occorre creare questo tipo di confine e, in fase di disegno, assegnarlo alla parete interessata.

Ambienti a temperature diverse disposti su piani diversi.

Ambienti riscaldati e ambienti non riscaldati disposti su piani diversi.

Ambienti con pavimento su terreno.

Ambienti con soffitti esterni, siano essi piani o inclinati.

Ambienti delimitati da pareti esterne caratterizzate dalla presenza di ostacoli: questo confine è significativo solo se
si deve effettuare la verifica di Legge 10/91; nel caso in cui si debba eseguire esclusivamente un calcolo termico
estivo o invernale, la definizione di questo confine non ha nessuna influenza, per cui può essere omessa.

Nota Bene: non è necessario realizzare un confine per ogni struttura disperdente, poiché lo stesso confine può essere assegnato a più strutture. Per esempio, se,
come nella figura precedente, la parete di confine tra i due edifici appartiene a due ambienti, il confine è definito una sola volta e, in fase di input, assegnato ad
entrambe le pareti. Inoltre, a parità di condizioni, lo stesso confine può essere applicato indifferentemente sia a pareti sia a pavimenti o soffitti.

2.2.1 Nuovo confine

Per introdurre un nuovo confine, fate clic sul pulsante e, nella finestra mostrata, digitate un Codice e una
Descrizione. Effettuate la selezione dal campo Tipo confine.

In funzione del tipo di confine scelto si possono presentare le quattro situazioni seguenti:

 Interno
 Esterno
 Terreno
 Parete inclinata

Vediamo singolarmente i diversi casi:

Interno

Impostazione della temperatura invernale: è possibile impostare la temperatura come Fissa o Variabile per tutti i
mesi.

Sono, inoltre, presenti due campi: uno relativo alla Temperatura invernale spazio confinante, l’altro relativo alla
Temperatura estiva spazio confinante, che rappresentano i valori di temperatura esterna, alle quali verranno
eseguiti rispettivamente il calcolo delle dispersioni ambienti e il calcolo dei carichi termici.

Fornire entrambi i valori, se richiesti dal progetto, in funzione del tipo di calcolo da effettuare.
76
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Questo tipo di confine viene utilizzato per associare ad una


parete una condizione di scambio termico con una parete che
confina, ad esempio, con un locale non riscaldato, quindi ad
una certa temperatura prefissata (ad es. locali non utilizzati,
cantine, garage, sottotetti non abitati, ecc.).

Esterno:

Scheda da compilare solo se:

 bisogna effettuare la verifica di una Legge 10/91;


 il confine che si sta definendo deve essere applicato ad una parete esterna.

Se sussistono le due condizioni, nel campo Posizione ostacolo selezionare la tipologia di ostruzione che provoca
l’ombreggiatura; quindi, indicare se:

 vicino
 lontano
 vicino con falda

In funzione della voce selezionata, si attivano i campi in cui digitare i dati necessari al calcolo.

Nel caso di ostacolo Vicino, come ad esempio palazzine e/o ostacoli prossimi all’edificio da
progettare, i dati da fornire sono:

l’Altezza dell’ostruzione (H2) (se l’ostacolo è vicino) espressa in [m];

la Distanza (D) in [m] tra l’edificio e l’ostacolo;

la Sporgenza dell’ostruzione, espressa in [m], data dalla differenza tra H2 e il punto base
dell’angolo X.

Tale angolo viene calcolato automaticamente dal programma.

Nel caso dell’ostacolo Lontano, come ad esempio montagne o pendii molto grandi posti in
lontananza all’edificio, i dati da fornire sono:

l’Angolo X dell’ostacolo;

la Sporgenza dell’ostruzione, espressa in [m].


77
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nel caso di ostacolo Vicino con falda, i dati da fornire sono:

l’Altezza dell’ostruzione (H2) (se l’ostacolo è vicino) espressa in [m];

la Distanza (D) in [m] tra l’edificio e l’ostacolo;

la Sporgenza dell’ostruzione, espressa in [m];

l’Inclinazione tetto dell’ostruzione.

Terreno: Impostare il valore della Temperatura invernale spazio confinante e della Temperatura estiva spazio
confinante in [°C].

Selezionare la tipologia del pavimento tra le opzioni presenti nel campo Tipo di pavimento. Coerentemente alla
norma UNI EN ISO 13370, il campo contiene le 7 tipologie di pavimenti:

Tipo di pavimento
1. Pavimenti su terreno senza isolamento/con isolamento uniforme
2. Pavimenti con isolamento perimetrale orizzontale
3. Pavimenti con isolamento perimetrale verticale (strato isolante)
4. Pavimenti con isolamento perimetrale verticale (fondazione a bassa densità)
5. Pavimenti su spazio aerato
6. Pavimento interrato riscaldato
7. Pavimento interrato non riscaldato o parzialmente riscaldato

In funzione della scelta effettuata nel campo Tipo di pavimento, le informazioni da fornire variano.

1. Pavimenti su terreno senza isolamento/con isolamento uniforme

Si tratta di pavimenti costruiti su tutta la loro area direttamente a livello del terreno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compaiono come variabili da esplicitare la trasmittanza termica del pavimento
sul terreno Uo e il fattore di correzione ∆ψ dovuto al tipo di isolamento di bordo.

Il valore Uo viene calcolato mediante una formula per la cui soluzione è richiesto di
fornire il valore della conduttività termica del terreno λ.
78
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Il valore di ∆ψ è uguale a zero


Terreni costituiti da argilla o fango λ = 1,5 W/m K
Terreni costituiti da sabbia o ghiaia λ = 2,0 W/m K
Terreni costituiti da roccia omogenea λ = 3,5 W/m K

2. Pavimenti con isolamento perimetrale orizzontale

Si tratta di pavimenti costruiti su tutta la loro area direttamente a livello del terreno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compaiono come variabili da esplicitare la trasmittanza termica del pavimento
sul terreno Uo e il fattore di correzione ∆ψ dovuto al tipo di isolamento di bordo.

Il valore Uo viene calcolato mediante una formula per la cui soluzione è richiesto di
fornire il valore della conduttività termica del terreno λ.

Il valore di ∆ψ viene calcolato mediante una formula per la cui soluzione occorre fornire: la larghezza dell’isolamento di bordo
(D), lo Spessore isolamento (dn), la Conduttività termica dell’isolante λis.
Terreni costituiti da argilla o fango λ = 1,5 W/m K
Terreni costituiti da sabbia o ghiaia λ = 2,0 W/m K
Terreni costituiti da roccia omogenea λ = 3,5 W/m K

3. Pavimenti con isolamento perimetrale verticale (strato isolante)

Si tratta di pavimenti costruiti su tutta la loro area direttamente a livello del terreno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compaiono come variabili da esplicitare la trasmittanza termica del pavimento
sul terreno Uo e il fattore di correzione ∆ψ dovuto al tipo di isolamento di bordo.

Il valore Uo viene calcolato mediante una formula per la cui soluzione è richiesto di
fornire il valore della conduttività termica del terreno λ.

Il valore di ∆ψ viene calcolato mediante la una formula, per la cui soluzione occorre fornire la Larghezza dell’isolamento di
bordo (D), lo Spessore isolamento (dn), la Conduttività termica dell’isolante λis.
Terreni costituiti da argilla o fango λ = 1,5 W/m K
79

Terreni costituiti da sabbia o ghiaia λ = 2,0 W/m K


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Terreni costituiti da roccia omogenea λ = 3,5 W/m K

4. Pavimenti con isolamento perimetrale verticale (fondazione a bassa densità)

Si tratta di pavimenti costruiti su tutta la loro area direttamente a livello del terreno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compaiono come variabili da esplicitare la trasmittanza termica del pavimento
sul terreno Uo e il fattore di correzione ∆ψ dovuto al tipo di isolamento di bordo.

Il valore Uo viene calcolato mediante una formula per la cui soluzione è richiesto di
fornire il valore della conduttività termica del terreno λ.

Il valore di ∆ψ viene calcolato mediante una formula, per la cui soluzione occorre fornire la Larghezza dell’isolamento di bordo
(D), lo Spessore isolamento (dn), la Conduttività termica dell’isolante λis.
Terreni costituiti da argilla o fango λ = 1,5 W/m K
Terreni costituiti da sabbia o ghiaia λ = 2,0 W/m K
Terreni costituiti da roccia omogenea λ = 3,5 W/m K

5. Pavimenti su spazio aerato

Si tratta di pavimenti sollevati dal suolo in modo da formare una camera d’aria col terreno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compare come variabile da esplicitare la trasmittanza termica globale tra
l’ambiente interno e l’ambiente esterno U.

Il valore U viene calcolato mediante una formula in cui compare come variabile la
trasmittanza termica equivalente tra lo spazio aerato e l’ambiente esterno Ux.

Il valore di Ux viene calcolato mediante una formula, per la cui soluzione è richiesto di specificare l’Altezza della parte superiore
a contatto con l’aria (h), l’Area delle aperture di ventilazione per unità di perimetro spazio aerato є, il Coefficiente di
protezione dal vento (fv) e il valore della conduttività termica del terreno λ.

6. Pavimento interrato riscaldato


80
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Si tratta di pavimenti costruiti su suolo interrato.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula in


cui compare come variabile da esplicitare la trasmittanza termica globale tra
l’ambiente interno e il terreno.

Il valore U viene calcolato mediante una formula in cui compare come variabile la
trasmittanza termica del terreno e il valore della profondità del pavimento
rispetto al piano orizzontale.

Il valore di Ux viene calcolato mediante una formula, per la cui soluzione è richiesto di specificare la Profondità del pavimento al
di sotto del livello del terreno esterno (Z), il valore della conduttività termica del terreno λ.

7. Pavimento interrato non riscaldato o parzialmente riscaldato

Si tratta di pavimenti costruiti in parte o interamente al di sotto del livello della superficie
del terreno esterno.

Il coefficiente di dispersione termico Hg viene calcolato mediante una formula per


la cui soluzione occorre fornire la Profondità del pavimento al di sotto del livello
del terreno esterno (Z), il valore dell’Altezza (h) della parte superiore a contatto
con l’aria e il valore della conduttività termica del terreno λ.

Inoltre bisogna fornire il Valore di ventilazione n [Vol/h] presente nel locale basso.

Parete inclinata: questo confine deve essere realizzato se l’edificio ha una copertura a falde inclinate. 81
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

La sua definizione richiede di specificare l’Angolo di inclinazione α della falda rispetto alla
gronda.

L’Altezza (hc) del colmo rispetto al piano calpestabile del locale dove è posta la falda.

E’ possibile calcolare in automatico l’Angolo di inclinazione α impostando l’Altezza (hg)


della gronda rispetto al piano calpestabile del locale dove è posta la falda e la Distanza (d)
gronda-colmo.

L’Orientamento della falda rispetto al foglio di disegno (ovvero rispetto alla direzione del
disegno importato sul CAD). Per visualizzare una figura di aiuto premere il pulsante
informativo .

Falda unica per tutti i locali: se è selezionato, la falda parte dalla linea di colmo e scende
con la stessa inclinazione per tutti i locali.

Se è deselezionato, la falda viene considerata unica per ciascun locale.

Il confine sarà assegnato agli ambienti sottotetto in modo da consentire al


programma di determinare la corretta superficie disperdente del soffitto.

Nell’archivio confine si devono inserire tante esposizioni quante sono le falde o le


porzioni di falde che ha l’edificio.

82
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.3 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE PARETI E DEI SOLAI


Cliccare sul menu Edificio Archivi  Pareti per aprire l’Elenco delle strutture. Inizialmente la finestra si presenta costituita da
due aree contraddistinte dalle scritte Strutture in archivio progetto e Strutture in archivio programma.

I pulsanti definiti in questa maschera permettono di effettuare le seguenti operazioni:

Crea un Nuovo elemento di progetto.

Modifica un elemento di progetto.

Cancella un elemento di progetto.

Trasferisce un elemento dall’Archivio programma all’Archivio progetto.

Trasferisce un elemento dall’Archivio progetto all’Archivio programma per usi futuri in altri
progetti.

Cancella un elemento dall’Archivio programma.

Tutte le strutture presenti nell’elenco delle Strutture del progetto sono di stretta pertinenza con il progetto corrente; tutte le
strutture presenti nell’archivio del programma sono disponibili in ogni progetto nuovo realizzato, successivamente al loro
trasferimento.

2.3.1 Nuova

La costruzione di una nuova struttura avviene in maniera guidata. Dopo aver fatto clic sul pulsante si apre una finestra,
in cui bisogna compilare diversi campi:
83
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Digitare un Codice identificativo e una Descrizione in modo da individuare univocamente l’elemento che si sta
definendo (per es. Codice: PE_40 - Descrizione: Parete esterna da 40 cm). Si consiglia di utilizzare Codice e
Descrizione differenti per ogni parete utilizzata nello stesso progetto.

Dal campo Categoria selezionare:

- Opaco per definire pareti, pavimenti o soffitti;

- Trasparente per definire la struttura vetrata (vetro semplice, doppio vetro, triplo vetro, etc.) da utilizzare in
fase di definizione dei serramenti vetrati.

Solo in caso di Pareti Esterne, utilizzate in tipologie di edifici appartenenti alle categorie E.6(1), E.6(2), E.6(3) ed E.8,
il programma permette la selezione automatica o manuale delle non verifiche sulla massa superficiale e/o della
trasmittanza limite.
84
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Assegnazione dei Valori delle adduttanze: ogni struttura da definire è caratterizzata da una coppia di valori relativa
alle adduttanze: Adduttanza interna Hi e Adduttanza esterna He, corrispondenti ai valori forniti dalla norma UNI EN
ISO 6946 ed utilizzati per calcolare il valore della trasmittanza U, usata nel calcolo dell’EPi (oppure dell’FEN).

Il valore che viene assegnato alle adduttanze dipende dai valori inseriti nei campi seguenti:

Tipologia e Classificazione della parete: in funzione della duplice scelta effettuata, si può verificare uno dei casi
seguenti:

Tipologia parete HiDisp HeDisp HiLegge10 HeLegge10


Parete esterna 7.69 25 7.692 25
Parete interna 7.69 7.69 7.692 7.692
Soffitto esterno 10 25 7.692 25
Soffitto interno 10 10 7.692 7.692
Pavimento esterno 5.88 25 7.692 25
Pavimento interno 5.88 5.88 7.692 7.692
Vetro 8.14 23.25 3.6 + 4.4 Epsilon/0.837 25

Velocità del vento: se questo valore è maggiore di 4 m/s, il coefficiente superficiale di scambio termico HeDisp viene
automaticamente corretto in conformità alle formule empiriche fornite dalla UNI 7357.

Marcare la voce Contro terra quando il lato esterno della parete, ad esempio il pavimento o la parete verticale, è
poggiata a contatto diretto con il terreno.

Epsilon: se nel campo Categoria è stato selezionato Trasparente, si attiva il campo Epsilon, in cui si introduce il
valore dell’emissività del componente vetrato (nel caso di vetro normale, Epsilon = 0.837).

Impostazioni delle condizioni al contorno:

I dati relativi alle condizioni al contorno, utilizzati ai fini della Verifica della condensa, devono essere definiti per
85

l’Inverno e per l’Estate.


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

I valori da fornire per l’Inverno sono:

 La Temperatura interna del locale in [°C].

 L’Umidità relativa interna del locale, espressa in [%].

 La Temperatura esterna di progetto in [°C] e il valore della Umidità relativa esterna (espresso in [%])
definiscono, invece, le condizioni al contorno esterne del mese di Gennaio (che è generalmente il mese più
freddo), secondo il prospetto delle temperature medie mensili del capoluogo di provincia, così come definiti
nella norma UNI 10349.

I valori da fornire per il calcolo Estivo sono:

 La Temperatura interna del locale: questo dato viene utilizzato per la verifica del periodo di asciugatura.
Normalmente è fissato a 20° C.

 La Temperatura esterna: viene utilizzato per la verifica del periodo di asciugatura. Il valore normalmente
accettato è 20° C.

 L’Umidità relativa interna: il valore normalmente accettato è l’80 %. Viene utilizzato per la verifica del
periodo di asciugatura.

 L’Umidità relativa esterna: il valore normalmente accettato è il 70 %. Viene utilizzato per la verifica del
periodo di asciugatura.

La Classe di umidità interna: la scelta effettuata in questo campo serve a definire la produzione di vapore all’interno
dell’ambiente [g/h]. Viene utilizzato per stimare la variazione di pressione parziale di vapore interna.

Il Colore della parete: la scelta effettuata in questo campo definisce il valore del Coefficiente di assorbimento della
radiazione solare  utilizzato per il calcolo dell’area equivalente:

 colore chiaro   = 0.3;


 colore chiaro   = 0.6;
 colore chiaro  

Individua, inoltre, il coefficiente di correzione k utilizzato nel calcolo dei cooling load:

 colore chiaro  k = 0.65;


 colore chiaro  k = 0.83;
 colore chiaro  k = 1.

La scelta effettuata in questo campo non ha nessun effetto sul calcolo delle dispersioni.

Per gli edifici posti in zone urbane è opportuno scegliere sempre la terza possibilità (Scuro). Nel caso di edifici situati
86

in zone rurali, scegliere:


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Chiaro per i colori: bianco, crema;


 Medio per i colori: celeste, verde chiaro, rosso chiaro, marrone chiaro, legno naturale, cemento
naturale;
 Scuro per i colori: nero, blu, rosso, marrone, verde.

Facendo clic sul pulsante , si procede alla definizione della struttura e, quindi, alla costruzione della
stratigrafia della struttura che si vuole realizzare.

Costruzione della stratigrafia

A questo scopo viene utilizzato l’Archivio dei materiali organizzato in Categorie, in modo da facilitare la ricerca, e
contenente un numero significativo di elementi.

Può essere ulteriormente implementato dall’utente all’interno della finestra, a cui è possibile accedere facendo clic
sul pulsante (vedi paragrafo 2.3.2 Archivio Materiali):
87
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Procedendo dall'interno verso l'esterno, si inseriscono i vari strati che compongono la struttura.

Operazioni da eseguire:

1) Scorrere la lista Categoria materiali sino a trovare quella desiderata.

2) Nell’elenco in basso relativo all’Archivio dei materiali individuare il


materiale che costituisce il primo strato interno della struttura. Con un
doppio clic sulla riga che lo definisce trasferire l’elemento all’interno
dell’area dedicata alla stratigrafia (oppure evidenziare la riga e con un
semplice Drag & Drop trascinare la descrizione sull’area destinata alla
stratigrafia).

3) Digitare il valore dello Spessore dello strato in [cm].

4) Ripetere queste operazioni per tutti gli strati che compongono la struttura.

5) Al termine, la parete sarà completamente definita e l’area relativa alla


stratigrafia assumerà l’aspetto mostrato dal Diagramma di Glaser.

E’ possibile duplicare uno strato della struttura, semplicemente cliccando con il tasto destro del mouse e scegliendo
88

l’opzione Copia Elemento, oppure spostare uno strato, premendo la voce Sposta riga su/Sposta riga giù.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Facendo clic sul pulsante , sul Diagramma di Glaser verrà visualizzata la


stratigrafia risultante, al variare dei materiali presenti in elenco o dei valori relativi.

Verifica Termo-Igrometrica mensile (UNI EN 13788): scorrendo il mese si aggiornano i


grafici della parete.

Sull’asse X sono riportati gli spessori di ogni singolo strato e lo spessore totale, sull’asse
delle Y sono indicati i valori della temperatura, della pressione di vapore e di saturazione
(grafico a colori).

La verifica termo-igrometrica mensile viene effettuata in base alla temperatura media


mensile della provincia di appartenenza del Comune del progetto.

Mediante la linea di colore rosso viene indicata la variazione di temperatura tra interno ed esterno; mediante la linea
di colore blu viene indicata la variazione della pressione di saturazione; mediante la linea verde viene indicata la
variazione della pressione di vapore.

Se le due curve delle pressioni si intersecano, si verifica la formazione di condensa.

La formazione di condensa, verificata per il mese più critico (in Italia è il mese di Gennaio), viene segnalata dalla
presenza del seguente pulsante: . Premendo sul messaggio, è possibile visualizzare ulteriori
informazioni sulla condensa della parete.

L’utente può eseguire la verifica per tutti i mesi dell’anno, effettuando la selezione dal campo Mese.

Sotto l’immagine della stratigrafia sono visualizzati i Dati di calcolo della parete:

 Tipologia di isolamento: da impostare così come previsto dalla UNI/TS 11300-1.


 Incremento di sicurezza sulla trasmittanza: introdurre un valore di incremento in [%] da applicare alla U
calcolata, per tenere conto di imprevisti nelle condizioni di esercizio o delle modalità di posa in opera dei
materiali.
 Spessore della parete in [cm].
 Trasmittanza U Calcolata.
 Massa superficiale (Ms) e relativa indicazione sulla verifica.
 Trasmittanza U Adottata.
 U valore limite: valore limite della trasmittanza, che deve essere rispettato dal progetto.
89
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premendo sui pulsanti compaiono le finestre informative, che riassumono i limiti fondamentali da rispettare per
ogni tipo di parete.

In corrispondenza della massa superficiale:

In corrispondenza del valore limite U, appare la maschera che riassume la tabella delle trasmittanze, in cui viene
evidenziato il valore limite che deve essere rispettato dal progetto:

La scheda Dati sfasamento della parete indica le ulteriori caratteristiche di verifica richieste dal DPR 59/09,
riguardanti:

 La Trasmittanza termica periodica Yie e il confronto con il Valore limite Yie.


 Il Fattore di attenuazione fa e la relativa Classe prestazionale - Prestazione.
 Lo Sfasamento ∆tf dell’onda termica in ore.
90
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.3.2 Archivio Materiali

Il pulsante apre una finestra, in cui è possibile visualizzare i materiali già presenti in archivio e di inserirne
di nuovi.

Per inserire un nuovo materiale fare clic sul pulsante .

Selezionare l’opzione desiderata tra Nuova categoria oppure Categoria esistente, caricare il file con estensione
.bmp dell’immagine che si vuole associare, quindi fare clic sul pulsante Accetta.

91
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Posizionate il cursore sulla riga vuota introdotta, compilate ogni campo riga con le informazioni richieste (vedere
indicazioni sui dati richiesti nella parte bassa della finestra):

Spessore: valore in [cm] da inserire solo per materiali con un determinato spessore (ovvero conosciuto a priori),
quali: intonaci, isolanti, cemento, legno, vetri, etc.

Lambda: coefficiente di conducibilità termica del materiale [W/mK].

Conduttanza termica del materiale (Lambda/s) in [W/m2K]: questo dato è legato a materiali di cui si conosce a priori
lo spessore (ad es. mattoni forati da 8 cm).

Peso specifico: la densità del materiale [kg/m3].

Permeabilità al vapore (μ): la resistenza che il materiale oppone al passaggio del vapore (valore adimensionale).

Capacità termica massica del materiale [kJ/kg K].


92
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premendo sul pulsante , è possibile importare da un file Excel una catalogo di materiali che
appartengano ad una determinata categoria.

Qui sotto è mostrato un esempio di intestazione del file: è necessario che la prima riga sia compilata come in figura e
successivamente inserire i dati.

2.3.4 Archivio pareti speciali

Cliccare sul menu Edificio Archivi  Pareti Speciali per aprire la maschera.
I pulsanti definiti nella toobar di questa maschera permettono di effettuare le seguenti operazioni:

Crea una Nuova parete speciale. E' possibile scegliere tra le seguenti opzioni: Parete Mista, Parete Vetrata,
Parete Locali sfalsati

Modifica una parete speciale.

Cancella una parete speciale

Duplica una parete speciale


93

Salva una parete speciale


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

In questo archivio è possibile definire tre tipi di pareti speciali:

Pareti Miste: abilitando questa categoria è possibile definire una parete composta da tre diverse stratigrafie con 3 diversi confini
ad essa associati.
Pareti vetrate: abilitando questa categoria è possibile definire una parete vetrata composta da uno specifico tipo di infisso che
l'utente definirà nell'apposito archivio, descritto nel paragrafo successivo. Sarà necessario specificare la tipologia di parete di
appoggio.
Parete Locali sfalsati: abilitando questa categoria è possibile definire una parete speciale da utilizzare come divisorio tra locali con
quote di pavimento differenti e che presentano uno sfasamento gli uni con gli altri. è possibile visualizzare delle immagini di
esempio con i casi gestiti dal programma.
94
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.4 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DELLE FINESTRE E DELLE PORTE

Cliccare sul menu Edificio  Archivi  Finestre e Porte per aprire l’Archivio delle porte e delle finestre del progetto.
Inizialmente la finestra si presenta costituita da due aree contraddistinte: Porte e finestre del progetto e Porte e finestre in
Archivio.

I pulsanti definiti in questa maschera permettono di effettuare le seguenti operazioni:

Crea un Nuovo elemento di progetto.

Modifica un elemento di progetto.

Cancella un elemento di progetto.


95
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Trasferisce un elemento dall’Archivio programma all’Archivio progetto.

Trasferisce un elemento dall’Archivio progetto all’Archivio programma per usi futuri in altri
progetti.

Tutte le strutture presenti nell’elenco Porte e finestre del Progetto sono di stretta pertinenza del progetto corrente; tutte le strutture
presenti nell’elenco Porte e finestre in Archivio sono disponibili in ogni progetto nuovo realizzato successivamente al loro
trasferimento.

2.4.1 Nuova

La costruzione di un nuovo serramento avviene in maniera guidata: dopo aver fatto clic sul pulsante , si apre
una finestra in cui sono presenti dei campi di input che permettono di denominare il serramento mediante un Codice
identificativo e una Descrizione e scegliere la Categoria del serramento tra le due possibilità presenti: Finestra
oppure Porta.
96
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Dati geometrici finestra-porta

In questa maschera si impostano i parametri relativi alla geometria del serramento.

Se il serramento che si sta definendo è una Finestra, bisogna definire:

Le Dimensioni della finestra: la Larghezza e l’Altezza in [m] (al lordo dello spessore del telaio) della porzione vetrata della porta;

il Numero di ante e la Larghezza in [m] del telaio (se il serramento è completamente opaco, questi 2 campi non devono essere
compilati).

Il Cassonetto - Sopraluce: selezionare il tipo di Cassonetto, se presente, dall’apposita voce ed inserirne le dimensioni di ingombro;

l’Altezza in [m] (al lordo dello spessore del telaio) del Sopraluce, se presente.

 Il Vetro: dal campo Tipo di vetro selezionate il Codice relativo alla struttura vetrata realizzata o inserita
nell’elenco delle pareti. Se il vetro non è stato inserito nell’archivio strutture opache, costruirlo e subito
dopo inserirlo nella finestra realizzata.
97
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

L’indicatore di Verifica segnala se l’elemento inserito verifica il D.Lgs 311/06.

Il Sottofinestra: l’Altezza in [m] e la tipologia, effettuare la selezione dal campo Tipo che mostra l’elenco delle strutture inserite
nell’Archivio delle Pareti opache.
98
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

L’indicatore di Verifica segnala se l’elemento inserito verifica il D.Lgs 192/05 (integrato dal D.Lgs 311/06).

Se il serramento che si sta definendo è una Porta o una Porta-Finestra, specificare:

Le Dimensioni della porta: la Larghezza e l’Altezza in [m].

Il Materiale porta: effettuare la scelta della tipologia di Porta parte opaca dal campo Tipo, che mostra l’elenco delle strutture
realizzate nell’Archivio delle pareti.

Se il serramento è completamente trasparente, effettuare solo la selezione dal campo Tipo per definire le caratteristiche del telaio.

Dopo aver inserito i dati richiesti, fare clic sul pulsante per visualizzare la rappresentazione grafica del serramento.
Ogni successiva modifica ai dati viene recepita e visualizzata dopo aver fatto clic su tale pulsante. Fare clic sul pulsante
per proseguire.
99

Dati termici finestra-porta: i valori dei campi presenti in questa maschera vengono utilizzati per determinare il valore
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

della trasmittanza del serramento in accordo alla norma UNI EN ISO 10077-1.

Nel campo Ui - Trasmittanza lineica del separatore dei vetri (vetro doppio) digitare il valore oppure selezionarlo con
un doppio clic tra quelli presenti nell’elenco che si apre facendo clic sul pulsante .

L’elenco riportato riassume i valori pubblicati nella norma UNI EN ISO 10077-1. Questo campo è uguale a 0 nel caso
di vetro singolo.
100
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nel campo Uf - Trasmittanza telaio digitare il valore oppure selezionarlo con un doppio clic tra quelli presenti
nell’elenco che si apre facendo clic sul pulsante .

L’elenco riportato riassume i valori pubblicati nella norma UNI EN ISO 10077-1:

Prospetto IV - Trasmittanza di telai in plastica con rinforzi metallici


2
Materiale del telaio Tipo di telaio U [W/m K]
Con anima di metallo 2.6
Poliuretano
Con una camera 2.4
Con due camere 2.0
PVC - Profilo vuoto
Con tre camere 1.8

Prospetto V - Trasmittanza di telai di legno


2 2
D [mm] U [W/m K] D [mm] U [W/m K]
20 2.60 70 1.65
30 2.20 100 1.42
40 2.00 130 1.22
50 1.90 160 1.10

Prospetto VI - Trasmittanza di telai metallici con taglio termico


101

2 2
D [mm] U [W/m K] D [mm] U [W/m K]
4 4.2 12 3.2
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

6 3.7 15 3.1
8 3.5 20 3.0
10 3.3 - -

Il coefficiente globale di trasmissione termica per telai di metallo privi di taglio termico è pari a 7 W/m 2K. Per comprendere il
significato di D, al fine di effettuare una scelta corretta, si consiglia di consultare la norma.

Fornire, se si ritiene necessario, il valore in [%] relativo all’Incremento di Sicurezza da applicare alla U calcolata.

I dati di Riepilogo visualizzano i dati fondamentali dell’infisso e la relativa verifica secondo il D.Lgs 311/06.

Fare clic sul pulsante per proseguire.

Dati solari finestra-porta

I valori dei campi presenti in questa maschera vengono utilizzati per determinare i fattori di trasmissione solare.
102
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Indicare l’eventuale Presenza di schermature mobili (ad esempio tende o tapparelle), scegliendo tra Interno,
Esterno, Nessuno o Mobile, ed impostarne il relativo coefficiente, rappresentante il rapporto tra l’energia entrante
nell’edificio in presenza di tende o tapparelle e quella che entra in assenza di essi.

Digitarne il valore oppure selezionarlo con un doppio clic tra quelli presenti nell’elenco che si apre facendo clic sul
pulsante .

Valori delle Schermature mobili forniti dalla norma UNI TS 11300:

Schermature mobili
Fattori dovuti a tendaggi, installato all’interno o all’esterno della finestra Valore
Tende alla veneziana bianche interne - Coeff. Ottico 0.05 0.25
Tende alla veneziana bianche interne - Coeff. Ottico 0.10 0.30
Tende alla veneziana bianche interne - Coeff. Ottico 0.30 0.45
Tende alla veneziana bianche esterne - Coeff. Ottico 0.05 0.10
103

Tende alla veneziana bianche esterne - Coeff. Ottico 0.10 0.15


Tende alla veneziana bianche esterne - Coeff. Ottico 0.30 0.35
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Tapparelle di legno interne 0


Tapparelle di legno esterne 0.15
Tende bianche interne - Coeff. Ottico 0.50 0.65
Tende bianche interne - Coeff. Ottico 0.70 0.80
Tende bianche interne - Coeff. Ottico 0.90 0.95
Tende bianche esterne - Coeff. Ottico 0.50 0.55
Tende bianche esterne - Coeff. Ottico 0.70 0.75
Tende bianche esterne - Coeff. Ottico 0.90 0.95
Tessuti colorati interni - Coeff. Ottico 0.10 0.42
Tessuti colorati interni - Coeff. Ottico 0.30 0.57
Tessuti colorati interni - Coeff. Ottico 0.50 0.77
Tessuti colorati esterni - Coeff. Ottico 0.10 0.17
Tessuti colorati esterni - Coeff. Ottico 0.30 0.37
Tessuti colorati esterni - Coeff. Ottico 0.50 0.57
Tessuti con lamina di alluminio interni - Coeff. Ottico 0.05 0.20
Tessuti con lamina di alluminio esterni - Coeff. Ottico 0.05 0.08

In merito al coefficiente di Trasmittanza di energia solare totale [g] del vetro, la norma UNI TS 11300 riporta i valori
di alcuni tipi di vetro, determinati per angolo di incidenza normale.

Poiché è richiesto un valore medio su tutti i possibili angoli di incidenza, in assenza di dati specifici forniti dai
produttori, possono essere utilizzati questi valori ridotti all’90%.

Trasmittanza di energia solare totale [g]


Tipo di vetro g 90% g
Vetro singolo 0.82 0.738
Vetro singolo selettivo 0.66 0.594
Doppio vetro normale 0.70 0.63
Doppio vetro con rivestimento selettivo pirolitico 0.64 0.576
Doppio vetro con rivestimento selettivo catodico 0.62 0.558
Triplo vetro normale 0.60 0.54
Triplo vetro normale con rivestimento selettivo pirolitico 0.55 0.495
Triplo vetro normale con rivestimento selettivo catodico 0.53 0.477

Effettuare la selezione dall’elenco oppure digitare il dato nel campo:


104
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

In presenza di Aggetti Orizzontali, come ad esempio Balconi, bisogna fornire la Distanza (a) dell’aggetto dalla parte
mediana della finestra al bordo superiore dell’aggetto e la Profondità (b) dell’aggetto. L’angolo α verrà calcolato in
automaticamente oppure è possibile inserirlo manualmente nella casella apposita selezionando Input α.

In presenza di Aggetti Verticali, come ad esempio le sporgenze di pareti verticali, inserire la Distanza (d) dell’aggetto
dal bordo laterale della finestra e la Profondità (c) dell’aggetto. L’angolo β verrà calcolato in automaticamente
oppure è possibile inserirlo manualmente nella casella apposita selezionando Input β.

Fare clic sul pulsante per ritornare nell’elenco dell’archivio delle strutture.

2.5 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DEI PONTI TERMICI

Cliccanre sul menu Edificio  Archivi  Ponti Termici per aprire l’Archivio dei Ponti Termici. La finestra si presenta
costituita da due aree: l’area Archivio Progetto che contiene i ponti termici del progetto e l’area Archivio Generale
che contiene i ponti termici presenti in archivio.

Tutti gli elementi di progetto sono di stretta pertinenza del progetto corrente; tutti gli elementi in archivio
programma sono disponibili in ogni progetto nuovo realizzato successivamente al loro trasferimento nell’archivio
progetto.
105
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

La legenda posta a lato dell’immagine permette di comprendere meglio la tipologia del ponte termico.

2.5.1 Nuova

Per costruire un nuovo ponte termico fare clic sul pulsante Nuovo:

 Digitare il Codice.
 Selezionare la Categoria.
 Inserire una breve Descrizione del ponte termico.
 Inserire il valore di Trasmittanza lineica del ponte termico [W/mK]. Premendo sulla calcolatrice a lato, si può
calcolare il valore della trasmittanza, inserendo i dati richiesti dal programma.
 Tramite il pulsante Carica immagine… o Elimina immagine…, è possibile associare al ponte termico una
piccola immagine oppure eliminarla.

106
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Fare clic sul pulsante Salva per confermare l’inserimento.

2.6 ELENCO ZONE

Cliccare sul menu Edificio Archivi Zone Termiche per aprire l’Archivio delle Zone Termiche. La finestra presenta
un’area destinata alla lista delle zone create e un’area contenente le schede Dati generali e Ricambi d’aria.

Occorre prevedere tante Zone Termiche quanti sono i gruppi omogenei di ambienti, ossia quanti sono i gruppi
individuati dalle stesse caratteristiche. Gli ambienti associati ad una zona erediteranno da essa i dati impostati.

L’utilità di realizzare le Zone Termiche consiste nel definire a priori i dati che caratterizzano più ambienti.

107
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.6.1 Nuova

Fare clic sul pulsante Nuova per inserire una nuova Zona Termica.

 Subalterno: Crea un nuovo subalterno;

 Zona termica riscaldata: Crea una nuova Zona termica riscaldata.


Affinchè l'operazione vada a buon fine è necessario selezionare un
subalterno tra quelli creati;

 Zona termica non riscaldata: Crea una nuova Zona termica non
riscaldata. Affinchè l'operazione vada a buon fine è necessario
selezionare il nodo Zone termiche non riscaldate;
108
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Dati generali: inserire un Codice e una Descrizione, scelti in modo che siano facilmente individuabili le peculiarità
della zona. Se si devono introdurre più Zone Termiche, assicurarsi che i codici e le descrizioni siano tutti differenti tra
loro.

Digitare i seguenti valori:

 La Classificazione dell’edificio: la scelta della classificazione, effettuata in fase di definizione delle


Caratteristiche del Fabbricato, può essere differenziata zona per zona. Di seguito l’elenco con le possibili
scelte:
Classificazione della destinazione d’uso
E.1(1) Abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo.
E.1(2) Abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria.
E.1(3) Edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari.
E.2 Edifici adibiti a uffici e assimilabili.
E.3 Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili.
E.4(1) Cinema, teatri, sale congressi.
E.4(2) Mostre, musei, biblioteche, luoghi di culto.
E.4(3) Bar, ristoranti, sale da ballo.
E.5 Edifici adibiti ad attività commerciali e assimilabili.
E.6(1) Piscine, saune e simili.
E.6(2) Palestre e simili.
E.6(3) Servizi di supporto alle attività sportive.
109

E.7 Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili.


E.8 Edifici adibiti ad attività industriali e artigianali e assimilabili.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 La Temperatura e l’Umidità relativa: rappresentano le condizioni termo-igrometriche che l’impianto di


Riscaldamento (o di Raffrescamento nel caso di calcolo estivo) deve garantire all’interno dei locali.

 Le Caratteristiche costruttive: la combinazione impostata all’inizio del progetto in questo contesto può
essere modificata zona per zona.

 Selezionare l’opzione Calcolo fabbisogno di energia per usi di cottura, se si vuole effettuare questo tipo di
calcolo.

Premendo l’apposito pulsante a lato, compare una tabella con dati indicativi.

 Incremento intermittenza: nel caso invernale si introduce un valore percentuale che aumenta le dispersioni
totali del fabbricato, quando l’impianto funziona in modo intermittente. L’incremento di potenza dispersa si
ha in tutti quei locali a cui è stata assegnata quella determinata Zona Termica. Digitare il valore oppure
selezionarne uno tra quelli indicati facendo clic sul pulsante a lato .

Scegliere il valore in corrispondenza della riga Durata funzionamento impianto e la colonna Impianti.

N.B. – Il dato inserito aumenterà le dispersioni in tutti i locali, che hanno definita quella zona termica prefissata con il valore % scelto; esso non
interviene nel calcolo e nella verifica della Legge 10.

 Apporti gratuiti: dopo aver indicato la Modalità di calcolo, bisogna specificare quali sono gli apporti gratuiti
associati alla Zona Termica dell’edificio. Digitare, quindi, il Valore in [W] o premere il pulsante per
accedere ad una procedura di calcolo semplificata.
110

Occupanti
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

L'emissione di calore metabolico Qip varia con l'attività fisica e con la corporatura. In mancanza di dati precisi e per
edifici adibiti a residenza, si applica la formula seguente:

Qip= 70 * Np [MJ/mese] dove Np = Numero di persone

Per uffici, laboratori e negozi Qip dipende dall'attività svolta.

Apparecchiature elettriche

L'apporto energetico derivante da apparecchiature elettriche Qap varia in funzione della tipologia e dell'uso. In
assenza di dati precisi, i valori espressi in [MJ/mese] si desumono dal prospetto di seguito riportato:

Prospetto B.1 - Apparecchiature elettriche


TELEVISORE 65
FRIGORIFERO 100
BOLLITORE 50
CONGELATORE 180
LAVAPIATTI 130
LAVABIANCHERIA 90
ASCIUGABIANCHERIA 50
UMIDIFICATORE AD EVAPORAZIONE 160
TERMINALE VIDEO 180
FOTOCOPIATRICE 1300
MACCHINA DA SCRIVERE ELETTRICA 40
MACCHINA DA SCRIVERE ELETTRONICA 80

In assenza di una descrizione dettagliata della fonte di calore, applicare la seguente formula:

Qap= 500 + 100 · Nap [MJ/mese] dove Nap = Numero Apparecchiature

Cucine

L'energia prodotta per la cottura Qci dipende dal tipo di cucina (elettrica o a gas) e dalla presenza o meno di
ventilazione. In assenza di dati precisi, vale la seguente formula:

Qci = 260 [MJ/mese]

Apparecchi di illuminazione

L'apporto energetico dovuto agli apparecchi di illuminazione dipende dal numero di stanze, da come sono utilizzate
e dal numero di ore di luce diurna. In assenza di dati precisi, i valori espressi in [MJ/mese] si desumono dal Prospetto
B.2, di seguito riportato:

Prospetto B.2 - Apparecchi di illuminazione


2
Piccolo appartamento < 50 m 40
2
Medio appartamento da 50 a 100 m 80
2
Grande appartamento > 100 m 120
111

Acqua sanitaria reflua


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

L'acqua sanitaria utilizzata all'interno degli edifici può essere sia fredda che riscaldata. L'acqua sanitaria utilizzata a
temperatura maggiore di quella dell'ambiente (cucina, bagno, ecc.) origina un apporto gratuito per l'ambiente,
mentre quella non riscaldata (generalmente utilizzata a temperatura minore di quella ambiente) origina una perdita
energetica. In molti casi questi due contributi si compensano e quindi possono essere trascurati.

Valori globali convenzionali

In assenza di dati dettagliati sull'utilizzo dei locali, nel calcolo convenzionale si considerano i valori degli apporti
interni del Prospetto B.3, di seguito riportato:

Prospetto B.3 - Valori globali convenzionali


2 2
Appartamenti di superficie S <= 200 m (6.25 - 0.02 · S) [W/m ]
2 2
Appartamenti di superficie S > 200 m 450 [W/m ]
2
Edifici adibiti ad uffici 6 [W/ m ]
2
Edifici adibiti ad attività commerciali 8 [W/m ]

dove S rappresenta l’area in pianta dell’appartamento.

Ricambi d’aria

Indicare:

 Il Tipo di sistema di ventilazione presente: questo campo e il successivo riportano le scelte effettuate
all’inizio del progetto. Entrambi possono essere modificati zona per zona.

 Ventilazione naturale o Aerazione: questa selezione predispone all'inserimento dei Ricambi Naturali
(Infiltrazioni): si tratta della quantità di aria esterna che entra in ambiente per la normale apertura di porte o
finestre. Per norma il dato è impostato a 0.3 [Vol/h].

 Sistemi di ventilazione meccani a semplice flusso (Aspirazione): il software richiede l'inserimento dei volumi
ora di ventilazione meccanica. E' anche possibile definire i dati per il dimensionamento della batteria di
riscaldamento come mostrato nell'immagine sottostante:
112
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Sistemi di ventilazione meccanica a doppio flusso: il software richiede l'inserimento dei volumi ora di
ventilazione meccanica e i dati relativi all'efficienza del recuperatore. E' anche possibile definire i dati per il
dimensionamento della batteria di riscaldamento come mostrato nell'immagine sottostante:

Fabbisogno di energia termica utile per produzione di acqua calda per usi igienico - sanitari

113
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Il fabbisogno di energia termica utile per la produzione di acqua calda per usi igienico - sanitari Qh,w si calcola con i
seguenti criteri:

 Nel caso di edifici o singole unità immobiliari destinate ad abitazione, il calcolo si effettua attribuendo valori
convenzionali di fabbisogno specifico di acqua calda sanitaria riferiti alla superficie utile dell’abitazione,
diversificato in relazione alla classe di superficie e con coefficienti correttivi, che tengono conto del numero
di servizi installati.

 Nel caso di edifici con destinazione diversa dalle abitazioni, il calcolo si effettua attribuendo valori
convenzionali di fabbisogno specifico di acqua calda sanitaria per occupante e tenendo conto di un fattore di
occupazione, che può variare da un intervallo elementare di calcolo all’altro in accordo con l'utilizzo previsto
dell'edificio.

Il fabbisogno elementare di acqua calda sanitaria V'w è riferito al giorno.

Il fabbisogno di energia utile per la produzione dell'acqua calda sanitaria Qh,w si ricava dal fabbisogno specifico di
acqua calda sanitaria V'w con la seguente formula:

Q h,w∑i  c  Vw . er   0 G


114

dove:
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

- densità dell'acqua;
- c = calore specifico dell'acqua (4186 J/kgK);
- Vw = volume di acqua calda sanitaria giornaliero richiesta durante il periodo di calcolo in litri/giorno;
- er = temperatura di erogazione dell'acqua calda sanitaria;
- 0 = temperatura della rete dell'acqua fredda sanitaria;
- G = numero dei giorni del periodo di calcolo.

I volumi di acqua calda sanitaria sono riferiti convenzionalmente ad una temperatura di erogazione di 40 °C e ad una
temperatura di ingresso di 15 °C. Il salto termico di riferimento ai fini del calcolo del fabbisogno di energia termica
utile è, quindi, di 25 °C.

Qualora siano resi pubblici (dall'ente erogatore o dall'Amministrazione Comunale) i dati mensili di temperatura
dell'acqua di alimentazione, in relazione alla zona climatica e alla fonte di prelievo (acqua superficiale, acqua di
pozzo, ecc.), si devono utilizzare tali dati ai fini del calcolo, indicandone l'origine.

Ciò determina fabbisogni mensili di energia diversi, a parità di litri erogati, e dovrà essere indicato nella relazione
tecnica. Ai fini di valutazioni per certificazione energetica si considerano i valori convenzionali di riferimento. I valori
di fabbisogno giornaliero sono riferiti ai dati medi giornalieri.

Il calcolo di Vw si basa sui valori di fabbisogno giornaliero specifico a, espresso in l/G per m2 di superficie. Il
fabbisogno giornaliero di acqua calda sanitaria in litri Vw è dato, quindi, da:

V W = a × N u [l/G]

dove Nu è il parametro che dipende dalla destinazione d'uso dell'edificio vedere il punto 5.2.1.1 della UNI TS
11300-2 per le abitazioni e il punto 5.2.1.2 per destinazioni diverse.

Abitazioni

Nel caso di abitazioni, il valore Nu è il valore della superficie utile Su dell'abitazione, espressa in m2.

Il valore di a si ricava dal prospetto sottostante, nel quale sono indicati anche i fabbisogni equivalenti di energia
termica utile basati sulla differenza di temperatura convenzionale tra erogazione ed acqua fredda di ingresso di 25
°C.

I valori di fabbisogno annuo sono riferiti a 365 giorni/anno di utilizzo.


115
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Destinazioni diverse dalle abitazioni

La determinazione dei fabbisogni di acqua calda sanitaria deve essere effettuata su base mensile tenendo conto del
consumo giornaliero e del numero di giorni/mese di occupazione.

L’attivazione del calcolo dei fabbisogni energetici utili per la produzione di acqua calda sanitaria attiva anche la
scheda Dati rendimenti (ACS), che permette il calcolo delle perdite del sottosistema di distribuzione come definito
nella UNI TS 11300-2.

Questo tipo di calcolo può essere applicato in due particolari situazioni congiuntamente o indipendentemente:

 Calcolo delle perdite di distribuzione del solo sistema di riscaldamento: necessario qualora il generatore e
parte dei tubi di adduzione siano esterni all’edificio da trattare o qualora si voglia maggior precisione nel
calcolo dell’energia termica scambiata dalla rete di distribuzione dell’acqua calda verso l’ambiente in cui è
inserita.

 Calcolo delle perdite di calore nel sistema di distribuzione dell’acqua calda sanitaria.

Quindi, a seconda delle scelte operate, si può avere una maschera delle perdite di distribuzione completamente
dedicata alla descrizione dell’impianto di riscaldamento, dell’impianto idrico sanitario o equamente suddivisa tra le
due tipologie di impianto.
116
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.7 DATI IMPIANTO

Cliccando sul menu Edificio Archivi  Impianti Termici si attiva la finestra Archivio Impianti Termici, in cui si
definiscono tutte le tipologie di impianto presenti nel progetto e la corrispondente modalità di conduzione.

2.7.1 Nuova

Dati Centrali termiche

Inserire un Codice e una Descrizione scelti in modo tale che siano facilmente individuabili le peculiarità dell’impianto.

Definire se l'impianto è di tipo Autonomo o Centralizzato

Inserire i generatori che caratterizzano la centrale termica presenti a fianco delle tabella Generatori centrale
termica.

117
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Dati Accumulo

Dalla scheda accumulo è possibile definire le caratteristiche principali degli eventuali accumuli assegnati alla centrale
termica. Una volta selezionato l'accumulatore e scelto il servizio (riscaldamento oppure combinato), vanno inserit i
parametri necessari per configurare l'accumulo. E' previsto l'inserimento anche della zona termica di destinazione in
cui l'accumulo sarà posizionato. Tra le varie ubicazioni possiamo scegliere:

 Centrale termica;

 Ambiente esterno;

 Elenco delle zone termiche riscaldate e non riscaldate definite nell'archivio delle Unità immobiliari.

Dati rendimento di distribuzione

I dati sui rendimenti di distribuzione presenti nella maschera delle centrali termiche non sono obbligatori. E'
necessario compilarli quando si intende definire la presenza di un impianto di distribuzione primaria.
118
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Gli stessi dati vanno poi definiti a livello di unità immobiliare, dove, nella scheda riscaldamento è possibile impostare
il tipo di calcolo di rendimento di distribuzione (analitico e semplificato) e tutte le informazioni a corredo per definire
la distribuzione secondaria.

Questo tipo di calcolo può essere applicato in due particolari situazioni congiuntamente o indipendentemente:

 Calcolo delle perdite di distribuzione del solo sistema di riscaldamento. Necessario qualora il generatore e
parte dei tubi di adduzione siano esterni all’edificio da trattare o qualora si voglia maggior precisione nel
calcolo dell’energia termica scambiata dalla rete di distribuzione dell’acqua calda verso l’ambiente in cui è
inserita. Il calcolo si basa sulla procedura riportata nella norma UNI TS 11300.

 Calcolo delle perdite di calore nel sistema di distribuzione dell’acqua calda sanitaria.

Quindi, a seconda delle scelte operate, si può avere una maschera delle perdite di distribuzione completamente
dedicata alla descrizione dell’impianto di riscaldamento, dell’impianto idricosanitario, o equamente suddivisa tra le
due tipologie di impianto, come nell’immagine di seguito riportata.
119
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.8 VISUALIZZATORE 3D

Premendo il pulsante , si apre una finestra per visualizzare in 3D l’edificio progettato.

TERMOGRAFIA

120
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nota Bene: lo spazio vuoto presente tra due piani è solo indicazione dell’esistenza di un solaio di separazione tra gli stessi piani.

Nella scheda Filtri, inserendo il check:

In primo piano - la finestra di visualizzazione 3D viene posta fissa in primo piano su tutte le finestre aperte.

Tubi - vengono visualizzate le reti di tubazioni presenti all’interno dell’edificio (solo se attivo il modulo tubi e dopo aver
effettuato il calcolo di tubazioni).

Scheletro - viene visualizzato lo scheletro dell’edificio, permettendo di vedere all’interno dello stesso.

Nella scheda Punto di vista, inserendo il check:

Dentro - viene visualizzato il 3D dall’interno dell’edificio.

Visualizza punto di mira - vengono rappresentati gli assi ortogonali del sistema di riferimento X, Y e Z.
121
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

X, Y, Z – viene spostato il riferimento dell’origine degli assi X, Y e Z.

Nella scheda Edificio, inserendo il check:

Solo piano – viene visualizzato il 3D del solo piano selezionato.

122
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Scheletro tranne - è possibile visualizzare una parte dell’edificio e in particolar modo un solo locale.

H. Media – viene visualizzato il tetto a falde con una rappresentazione dell’altezza media del soffitto.
123
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.9 IL CALCOLO DELLE DISPERSIONI

Terminate le operazioni necessarie al fine di poter eseguire il calcolo delle dispersioni, fare clic sul pulsante
per lanciare il Calcolo della legge 10.

Nella maschera sottostante si possono selezionare i seguenti calcoli:

 Indice di prestazione energetica e Fabbisogno convenzionale di energia primaria: per le verifiche normative
legate ai Decreti legislativi nazionali e/o ai Regolamenti Regionali.

Quando le colonne Verifica EPI, Verifica pareti, Verifica Finestre sono in verde o in rosso, sta ad indicare che il
calcolo precedente ha avuto rispettivamente esito positivo o negativo.

124
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

In basso troviamo le varie schede per visualizzare le diverse tipologie di calcolo e di verifiche eseguite dal
programma.

Cliccando sul pulsante viene mostrato il Grafico delle prestazioni energetiche, la


Classe energetica climatizzazione invernale EPi e la Classe delle prestazioni energetiche totali EPgl. Questi dati
vengono anche stampati in un’apposita relazione.

125
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nella scheda Dispersioni vengono visualizzati i risultati delle dispersioni per singolo locale con gli effettivi contributi
per ogni struttura opaca/trasparente che lo delimita.
126
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Cliccando sul pulsante Grafico dispersioni, mediante un grafico a barre (istogramma) oppure a torta, l’incidenza
percentuale di ogni struttura scambiante.

127
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

128
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nella scheda Zone termiche troviamo i Risultati di calcolo delle zone termiche dell’alloggio, quindi i principali fattori
di Energia termica scambiata nelle varie forme dall’alloggio e i relativi fabbisogni energetici.

129
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Alla chiusura della maschera, all’interno di ciascun locale compariranno i valori numerici PI che rappresentano le
dispersioni termiche invernali.
130
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

2.10 LA STAMPA
La fase conclusiva permette di realizzare tutti gli elaborati grafici e descrittivi. Mediante la pressione del comando Crea relazione,
dal menù Termico, si richiamerà l’apposita maschera.

Avvio della Stampa della relazione tecnica tra Dispersioni, Carichi Estivi, Legge 10, Tubi.

2.10.1 La stampa della relazione

Per realizzare la stampa delle dispersioni premere il pulsante del menù sopra illustrato; la finestra associata contiene le opzioni per
stampare i seguenti tipi di relazioni:

Dispersioni invernali
Stratigrafia strutture e verifica termo igrometrica
Esportazione in Excel delle dispersioni locale per locale
Relazione - Legge 10/D.Lgs. 192/05 (integrato al D.Lgs 311/06)
Relazione + risultati di calcolo - Legge 10/D.Lgs. 192/05 (integrato al D.Lgs 311/06)
Attestato di Certificazione/Qualificazione Energetica
Dichiarazione di Asseveramento
Dichiarazione sostituzione del generatore
Relazione calcolo carichi termici estivi
Relazione calcolo impianto termico
Computo metrico

Impostare il check sulla voce corrispondente che si attiva in funzione del calcolo impostato nel progetto.

Scelta tipo file (indicare il formato dei file relazioni/esportazioni): le relazioni possono essere salvate in formato *.rtf o *.doc
oppure esportate in formato *.xls o *.csv.

Scelta directory in cui memorizzare i file delle relazioni e i file delle esportazioni: eventualmente modificare il percorso
proposto (dato all’interno della cartella di progetto) con uno alternativo. Premendo il pulsante è possibile
selezionare o deselezionare in automatico tutte le voci presenti.
131
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premere il pulsante per passare alla schermata successiva. Impostare in questa scheda i dati di personalizzazione,
relativamente alle relazioni da generare:

E’ possibile inserire un piccolo logo da includere nell’intestazione della relazione, selezionando il file immagine nella seguente
casella:

Premere il pulsante per selezionare tutti i generatori presenti nel progetto oppure il pulsante per
deselezionarli tutti.

Se i generatori sono stati inseriti con codice progressivo, è possibile ordinarli nella lista sottostante premendo il tasto
.
132

E’ possibile selezionare manualmente il generatore (o l’alloggio) da stampare, mettendo il check nella colonna Relazione.
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Le modalità di stampa delle relazioni possono essere:

Unica per i generatori selezionati: viene stampata un’unica relazione che accorpa tutti i generatori e quindi tutti gli alloggi
presenti nel progetto (come nel caso in cui viene realizzato un progetto di alloggi, serviti da una sola caldaia e quindi con impianto
centralizzato).

Singola per i generatori selezionati: vengono creati singoli file ognuno con il nome della caldaia (come nel caso di un progetto
con alloggi termo autonomi).

133
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

3. LA VERIFICA ENERGETICA

Un edificio può essere considerato equivalente a un sistema termodinamico aperto che assorbe o cede calore con
l’esterno. La quantità di calore scambiato è fondamentale per il dimensionamento del sistema di riscaldamento o di
condizionamento.

Per ottenere una progettazione razionale del sistema edificio, non si può fare differenza tra la progettazione edilizia
da quella impiantistica. Inoltre, per ridurre i consumi, non si possono non considerare nel bilancio energetico del
sistema impianto-edificio, gli apporti gratuiti di energia che sono rappresentati dalla radiazione solare, dalle luci,
dalle persone presenti, dalle eventuali apparecchiature.
134
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nella figura sopra, è visibile lo schema del bilancio energetico del sistema edificio. Per calcolare il Fabbisogno
Energetico è necessario valutare il Fabbisogno di energia per il riscaldamento QL, dove QL è dato dalla somma del
calore ceduto per trasmissione più quello ceduto per ventilazione.

Gli scambi termici per trasmissione si dividono in quattro termini:

1. Scambi verso l’esterno QT


2. Scambi verso il terreno QG
3. Scambi verso locali adiacenti a temperatura fissata QAT
4. Scambi verso locali adiacenti non riscaldati QUT

Gli scambi termici per ventilazione si dividono in:

1. Scambi verso l’esterno QV


2. Scambi verso locali adiacenti a temperatura fissata QAV
3. Scambi verso locali adiacenti non riscaldati QUV

Valutato il termine QL si devono valutare gli apporti gratuiti di energia.

Questi sono la somma dei seguenti termini:

 Irradiazione solare sulle pareti opache QSE


 Irradiazione solare sulle superfici finestrate QSI
 Apporti interni di energia QI (illuminazione, macchinari, persone,ecc.).

Inoltre, si deve considerare che non tutta l’energia gratuita concorre a formare l’energia utile; bisogna tener conto di
un fattore di utilizzazione mensile degli apporti gratuiti.

La differenza tra il fabbisogno QL e gli apporti gratuiti effettivamente utilizzati dà l’energia utile Qh, nel caso in cui il
sistema sia stazionario. Bisogna tener conto anche dei fenomeni di attenuazione o di intermittenza del carico
termico. Di solito, si utilizzano dei coefficienti riduttivi. Si giunge così a definire l’effettiva energia utile Qhvs.

A questo punto l’attenzione passa dalla struttura edilizia all’impianto.

Definito il rendimento globale dell’impianto g:

g =p .d .e .c

dove:

 p è il rendimento di produzione che dipende sia dalla caldaia sia dagli ausiliari
 d è il rendimento di distribuzione dell’impianto
 e è il rendimento di emissione dei corpi scaldanti
 c è il rendimento di regolazione dell’impianto
135
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

si può calcolare l’energia termica primaria Q consumata:

Q = g .Qhvs

Il consumo energetico dipende, quindi, sia dal rendimento globale dell’impianto che dalla costruzione dell’involucro
edilizio (coibentazione e capacità di sfruttamento degli apporti gratuiti).

3.1 DATI GENERATORE

Cliccare sul menu EdificioArchivi Generatori per aprire la finestra Dati generatori. Analogamente alle altre finestre,
mediante il pulsante è possibile inserire un nuovo generatore, mentre eventuali modifiche su elementi già presenti si possono
effettuare solo attivando il pulsante .

La maschera di Archivio generatori permette la definizione di tutte le nuove tipologie di generazione previste dalle
UNI TS 11300 parte 4.

Attraverso il comando Nuovo generatore viene visualizzato un menù a tendina dal quale l'utente potrà scegliere il
tipo di generatore da definire tra:

 Generatore tradizionale: permette la definizione di un nuovo generatore tradizione, a combustibili fossili.


Una volta creato, si potrà scegliere il metodo per il calcolo del rendimento di distribuzione tra quelli prevista
dalla norma, ovvero metodo semplificato, analitico B1 o analitico B2.

 Generatore ACS: permette di definire un generatore al servizio della sola produzione di Acqua Calda
Sanitaria scegliendo tra le opzioni disponibili:

o Generatore definito dall'utente: Viene chiesto unicamente il rendimento di generazione;

o Generatore a gas di tipo istantaneo;

o Generatore a gas ad accumulo;


136

o Generatore elettrico ad accumulo;


Pagina
NAMIRIAL CLIMA

o Bollitore ad accumulo a fuoco diretto;

 Pompa di calore: permette la definizione di una Pompa di Calore tra le diversse tipologie previste dalla
norma. Ogni utente potrà scegliere di creare la propria pompa di calore a motore Compressione di vapore ed
azionamento elettrico, a motore Endotermico e ad Assorbimento e scegliendo il funzionamento tra i casi
On/Off oppure Modulante.

 Cogenerazione: permette la definizione di un generatore a micro o piccola cogenerazione.

 Teleriscaldamento: permette di definire un sistema di teleriscaldamento. In questo caso l'untente dovrà fare
attenzione alla definizione del fattore di conversione in energia primaria (dichiarato dal produttore)

 Biomassa: permette la definizione di un generatore a biomassa. Quest'ultimo ha le stesse caratteristiche di


un nuovo generatore tradizione, con la differenza che il fattore di conversione in energia primaria è pari a
0.2 (come valore di default, modificabile dall'utente)

 Solare: permette la definizione di un impianto solare termico. Il programma, oltre a consentire di assegnare
questo generatore al servizio di acs, riscaldamento o combinato, permette due tipi di input. Il primo, se non
si conosce la producibilità dello stesso, presuppone la definizione dei dati minimi tali da consentire in
automatico, al programma, di calcolare la producibilità dell'impianto. L'altro metodo prevede invece
l'inserimento manuale dei valori di producibilità mensili altrimenti calcolati con altro strumento.

 Fotovoltaico: permette la definizione di un impianto fotovoltaico. Il programma consente due tipi di input. Il
primo, se non si conosce la producibilità dello stesso, presuppone la definizione dei dati minimi tali da
consentire in automatico, al programma, di calcolare la producibilità dell'impianto. L'altro metodo prevede
invece l'inserimento manuale dei valori di producibilità mensili altrimenti calcolati con altro strumento.

137
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

3.2 LA STAMPA
La fase conclusiva permette di realizzare tutti gli elaborati grafici e descrittivi. Mediante la pressione del comando Crea relazione,
dal menù Termico, si richiamerà l’apposita maschera.

Avvio della Stampa della relazione tecnica tra Dispersioni, Carichi Estivi, Legge 10, Tubi.

3.2.1 La stampa della relazione

Per realizzare la stampa delle dispersioni premere il pulsante del menù sopra illustrato; la finestra associata contiene le opzioni per
stampare i seguenti tipi di relazioni.
Dalla finestra associata è possibile selezionare le relazioni da stampare e i formati dei file, relativamente al Calcolo
invernale, all’Attestato di certificazione energetica, al Calcolo estivo e agli Impianti termici.

Nella schermata successiva, si introducono tutti i dati per la personalizzazione della relazione:
138
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

I dati richiesti permettono di ottenere una relazione conforme ai modelli pubblicati sulla GU n. 297 del 20.12.1993 e
successive modifiche. I modelli previsti sono di tre tipi e variano in base al tipo di intervento.

Sono presenti due sezioni, in cui è possibile inserire i dati inerenti al progetto: Dati generali del progetto e
Informazioni generali del progetto (il Tipo Opera, le figure professionali coinvolte nella progettazione e nella
installazione, ecc.).

Proseguire alla schermata successiva relativa ai Dati relazione tecnica; quindi premere nuovamente sul pulsante
per avviare la creazione della relazione.

139
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

4. I CARICHI TERMICI ESTIVI


Il modulo estivo utilizza il metodo di calcolo basato sulle funzioni di trasferimento ASHRAE.

Viene determinato il massimo carico termico necessario per il raffreddamento dei locali e dell'edificio e tiene conto
dei carichi termici, considerando la loro fluttuazione rispetto al valore del carico di punta, con un profilo orario
predeterminato.

Nei calcoli vengono considerati l'inerzia termica delle strutture, l'apporto solare, la presenza degli apparecchi
d'illuminazione e il ricambio d'aria. Il software fornisce il dettaglio dei carichi termici, sensibili e latenti, in tutti i locali
ed il carico massimo contemporaneo di edificio, necessario per il dimensionamento degli impianti.

4.1 INTRODUZIONE AI CARICHI TERMICI ESTIVI


La perdita (dall’interno verso l’esterno) o l’apporto (dall’esterno verso l’interno) di calore per un elemento è definito
come il flusso di calore che attraversa la superficie interna di un componente edilizio (pareti esterne, tetto, finestre,
ecc.), considerando che la temperatura interna di progetto sia mantenuta costante in tutto il periodo (scambio di
calore per trasmissione termica).

Gli scambi di calore che avvengono, invece, per radiazione e convezione, come ad esempio tra la superficie interna
della parete e le restanti superfici, tra la stessa e l'aria interna, è riconducibile ad un ben determinato valore del
coefficiente liminare interno (adduttanza interna).

Gli apporti di calore in un edificio si hanno attraverso le seguenti situazioni:

 per radiazione attraverso le superfici vetrate;


 per conduzione attraverso un componente opaco;
 per convezione;
 per effetto delle infiltrazioni d’aria;
 per radiazione/convezione, in relazione alla presenza di sorgenti di calore interne, quali ad esempio la
presenza di persone, lampade ed apparecchiature.

Gli apporti di calore forniscono la quantità di calore che entra o esce da ogni componente edilizio dell’edificio.

Si possono individuare due tipi di conduzione di calore in funzione temporale:

 conduzione in regime transitorio, attraverso componenti opachi quali: pareti verticali, solai, coperture,
tetti, ecc.
 conduzione in regime stazionario, attraverso componenti opachi e trasparenti a inerzia termica
trascurabile, quali porte e finestre.
140
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

A queste si aggiungono i contributi dovuti a:

 infiltrazioni attraverso serramenti o aperture;


 radiazione solare incidente sulle superfici trasparenti delle finestre;
 persone;
 apparecchiature;
 illuminazione.

4.2 DATI ESTIVI

4.2.1 Impostazione dati


Il calcolo dei carichi termici estivi e il calcolo delle potenze per il dimensionamento degli impianti ad Aria Primaria
necessita dell’introduzione dei dati riguardanti l’edificio.

Nella maschera Caratteristiche generali dell'edificio è possibile selezionare tale opzione fin dall’inizio, quando viene
avviato un nuovo progetto.

141
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Nella definizione della Zona termica, nella scheda Dati estivi inserire i dati relativi alle Condizioni estive della zona:

Temperatura: inserire il valore della temperatura interna estiva [°C].

Umidità relativa: inserire il valore dell’umidità relativa interna estiva [%].

Nella scheda Dati estivi, qualora il calcolo fosse settato dai dati generali:
142
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Persone

 Profilo orario: selezionare il profilo orario di funzionamento, in cui si definisce la percentuale e la


distribuzione durante le varie ore della giornata del carico dovuto alle persone. Premendo il pulsante a lato
, si accede all’archivio dei Profili Orari.

143
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Sensibile per persona: è il calore sensibile prodotto da ciascuna persona. Il dato è espresso in [W/persona].
Premendo il pulsante a lato , si accede alla Tabella A - Carichi Interni Sensibili per persona, che suggerisce
il valore da inserire, in funzione dell’attività svolta dalla persona.

 Latente per persona: è il calore latente prodotto da ciascuna persona. Il dato è espresso in [W/persona].
Premendo il pulsante a lato , si accede alla Tabella A - Carichi Interni Sensibili per persona, che suggerisce
il valore da inserire, in funzione dell’attività svolta dalla persona.

Apparecchiature

 Profilo orario: selezionare il profilo orario di funzionamento, in cui si definisce la percentuale e la


distribuzione durante le varie ore della giornata del carico dovuto all'accensione delle apparecchiature.
Premendo il pulsante a lato , si accede all’archivio dei Profili Orari.

 Densità sensibile: è la densità del carico termico sensibile, generato dalle apparecchiature presenti o
installate in un ambiente. Il dato è espresso in [W/m2].

 Densità latente: è la densità del carico termico latente, generato dalle apparecchiature presenti o installate
in ambiente. Il dato è espresso in [W/m2].
144

Illuminazione
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

 Profilo orario: selezionare il profilo orario di funzionamento, in cui si definisce la percentuale e la


distribuzione durante le varie ore della giornata del carico dovuto all'accensione delle luci. Premendo il
pulsante a lato , si accede all’archivio dei Profili Orari.

 Densità: è la densità di illuminazione mantenuta in ambiente, indipendentemente dal livello di


irraggiamento solare attraverso le finestre. Il dato è espresso in [W/m2].

Motori elettrici per ciascun locale

 Indicare il Numero e la Potenza del motore in [W].

Lampadine elettriche per ciascun locale

 Indicare il Numero e la Potenza del motore in [W].

145
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

4.2.2 Il calcolo estivo

Il calcolo estivo si effettua premendo il pulsante Calcolo . Dal menu selezionare quindi la voce Calcolo estivo.
Verrà visualizzata la maschera con i risultati, relativi all’intero edificio e per singole voci.

Premendo sul pulsante , è possibile visualizzare i singoli risultati con i relativi grafici.

146
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premendo il pulsante , è possibile visualizzare il Diagramma Psicrometrico del progetto realizzato, utile
per verificare se le impostazioni date sono corrette. Il diagramma verrà riportato anche nella relazione di calcolo
estivo.

All’interno di ciascun locale comparirà il valore della potenza estiva PE, necessaria ad abbattere i carichi termici.

4.2.3 La stampa della relazione


Per realizzare la stampa dei carichi termici estivi, fare clic sul pulsante Creazioni Relazioni dal menu Termico  Crea
Relazione. Dalla maschera Stampe ed esportazioni è possibile scegliere se generare la Relazione calcolo carichi
termici estivi o se effettuare l’Esportazione in Excel dei carichi estivi locale per locale.

147
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Premere sul pulsante per visualizzare i file.

Premere sul pulsante per aprire direttamente la cartella contenente le relazioni.

148
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

5. ALLEGATI & NOTE

5.1 Tabella A - Temperatura dell'aria di progetto


La tabella seguente contiene i valori della temperatura esterna dei capoluoghi di provincia italiani e di alcune zone
prossime alle stesse.

Comune T [°C] Comune T [°C] Comune T [°C]


Torino -8 Vicenza -5 Viterbo -2
Alessandria -8 Vicenza (zona altopiani) -10 Napoli 2
Asti -8 Trieste -5 Avellino -2
Cuneo -10 Gorizia -5 Benevento -2
Alta Valle Cuneese -15 Pordenone -5 Caserta 0
Novara -5 Udine -5 Salerno 2
Vercelli -7 Bassa Carnia -7 L'Aquila -5
Aosta -10 Alta Carnia -10 Chieti 0
Valle d'Aosta -15 Tarvisio -8 Pescara 2
Alta Valle d'Aosta -20 Bologna -5 Teramo 0
Genova 0 Ferrara -5 Campobasso -4
Imperia 0 Forlì -5 Bari 0
La Spezia 0 Modena -5 Brindisi 0
Savona 0 Parma -5 Foggia 0
Milano -5 Piacenza -5 Lecce 0
Bergamo -5 Ravenna -5 Taranto 0
Brescia -7 Reggio Emilia -5 Potenza -3
Corno -5 Ancona -2 Matera -2
Como -5 Ascoli Piceno -2 Reggio Calabria 3
Cremona -5 Macerata -2 Catanzaro -2
Mantova -5 Pesaro -2 Cosenza -3
Pavia -5 Firenze 0 Palermo 5
Sondrìo -10 Arezzo 0 Agrigento 3
Alta Valtellina -15 Grosseto 0 Caltanissetta 0
Varese -5 Livorno 0 Catania 5
Trento -12 Lucca 0 Enna -3
Bolzano -15 Massa Carrara 0 Messina 5
Venezia -5 Pisa 0 Ragusa 0
Belluno -10 Siena -2 Siracusa 5
Padova -5 Perugia -2 Trapani 5
Rovigo -5 Terni -2 Cagliari 3
Treviso -5 Roma 0 Nuoro 0
Verona -5 Frosinone 0 Sassari 2
Verona (zona lago) -3 Latina 2 - -
Verona (zona montagna) -10 Rieti -3 - -
149
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

5.2 Tabella B - Dati Climatici - Temperature medie mensili esterne


La tabella seguente contiene i valori della temperatura media mensile esterna dei capoluoghi di provincia italiani.

h-Mare GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC
Località
[m] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C] [°C]
Agrigento 230 10.4 10.8 12.7 15.6 19.4 24.1 26.9 26.5 24.0 19.9 15.9 12.2
Alessandria 95 0.0 2.8 8.1 13.1 17.3 22.0 24.7 23.6 19.9 13.1 6.9 1.9
Ancona 16 6.3 7.1 9.9 13.4 17.0 21.8 24.4 24.1 21.3 16.5 12.1 7.8
Aosta 583 -0.3 2.6 6.7 11.0 14.7 18.7 20.5 19.4 15.9 10.3 4.8 0.8
Ascoli Piceno 154 5.5 6.6 9.5 13.3 17.2 21.7 24.4 24.3 21.1 15.8 10.9 7.0
L'Aquila 714 2.0 3.6 7.1 11.4 15.0 19.1 22.0 21.8 18.6 13.1 8.2 3.8
Arezzo 246 5.1 5.9 9.2 12.6 16.4 20.9 24.0 23.4 20.3 15.0 10.2 6.1
Asti 123 -0.4 2.7 7.9 13.0 17.0 21.6 24.2 22.9 18.9 12.7 6.1 1.3
Avellino 348 5.5 6.5 8.8 12.4 16.0 20.3 23.1 22.6 19.6 14.8 10.4 6.8
Bari 5 8.6 9.2 11.1 14.2 18.0 22.3 24.7 24.5 22.0 17.9 14.0 10.2
Bergamo 249 3.1 4.9 8.9 13.3 17.0 21.3 23.7 23.2 19.9 14.2 8.6 4.5
Belluno 383 0.1 2.3 6.8 11.2 14.9 18.9 21.2 20.8 17.7 12.4 6.5 1.7
Benevento 135 6.8 7.7 10.3 13.7 17.5 22.1 24.8 24.3 21.4 16.5 12.1 8.0
Bologna 54 2.1 4.6 9.4 14.2 18.2 22.9 25.4 24.9 21.2 14.9 8.7 4.0
Brindisi 15 9.3 9.6 11.4 14.2 18.0 22.0 24.5 24.5 22.1 18.3 14.4 10.9
Brescia 149 1.5 4.2 9.3 13.5 17.7 22.0 24.4 23.7 19.9 14.0 7.8 3.5
Bolzano 262 1.2 4.2 9.0 13.4 16.9 21.0 22.7 22.0 18.8 12.9 6.7 2.2
Cagliari 4 10.3 10.8 12.8 15.1 18.4 22.9 25.5 25.5 23.3 19.4 15.5 11.7
Campobasso 701 3.7 4.8 7.3 11.1 14.8 19.6 22.5 22.2 18.9 13.5 9.0 5.0
Caserta 68 8.7 9.4 12.0 15.3 19.1 23.5 26.2 26.1 23.0 18.2 13.9 10.3
Chieti 330 5.8 6.8 9.6 13.5 17.2 22.0 24.7 24.3 21.2 15.9 11.3 7.2
Caltanissetta 568 7.2 7.8 9.9 13.1 17.3 22.5 25.7 25.2 22.1 17.3 12.8 8.9
Cuneo 534 1.1 2.9 6.9 11.3 14.8 19.4 21.9 21.0 17.7 11.7 6.2 2.5
Como 201 2.9 5.0 8.8 12.7 16.7 21.1 23.6 23.1 19.6 13.7 8.4 4.4
Cremona 45 0.7 3.3 8.4 13.3 17.4 21.9 24.3 23.4 19.7 13.4 7.2 2.5
Cosenza 238 8.1 8.8 11.3 14.4 18.1 23.1 26.0 25.8 22.7 17.8 13.4 9.4
Catania 7 10.7 11.2 12.9 15.5 19.1 23.5 26.5 26.5 24.1 19.9 15.9 12.3
Catanzaro 320 8.3 8.7 10.4 13.4 17.0 21.7 24.4 24.8 22.3 17.9 13.7 10.1
Enna 931 4.5 5.1 7.1 10.7 14.9 20.6 23.9 23.2 19.9 14.5 9.8 6.4
Ferrara 9 1.4 3.3 7.8 12.8 17.3 21.6 23.9 23.5 20.1 14.0 8.2 3.2
Foggia 76 6.4 7.3 10.0 13.8 17.9 23.2 26.0 25.5 22.1 16.9 12.2 7.9
Firenze 40 5.3 6.5 9.9 13.8 17.8 22.2 25.0 24.3 20.9 15.3 10.2 6.3
Forlì 34 3.0 4.6 9.0 13.7 17.8 22.6 25.3 24.8 21.1 15.1 9.3 4.4
Frosinone 291 5.8 6.2 8.0 11.0 15.2 18.5 21.5 20.9 18.8 13.4 9.2 5.0
Genova 19 7.9 8.9 11.6 14.7 17.8 21.9 24.5 24.6 22.3 17.1 12.9 9.3
Gorizia 84 4.7 5.6 8.2 11.9 16.7 19.9 22.0 22.2 18.6 13.2 9.2 4.7
Grosseto 10 6.8 8.1 10.3 13.2 17.1 21.2 24.1 23.9 21.3 16.4 11.7 8.1
Imperia 10 8.6 9.4 11.6 14.7 17.9 21.7 24.5 24.1 21.8 17.4 12.7 9.5
Isernia 423 5.5 5.7 8.6 11.2 15.5 20.1 23.1 22.8 19.7 14.7 10.3 6.9
Crotone 8 9.5 9.8 11.5 14.7 18.4 22.9 26.2 26.0 23.5 19.3 15.1 11.2
Lecco 214 3.9 5.7 9.6 13.3 16.0 20.1 22.6 22.1 19.2 14.3 9.2 5.3
Lodi 87 0.9 3.3 8.6 13.5 17.8 22.5 24.5 23.4 19.6 13.4 7.3 2.5
Lecce 49 9.0 9.3 11.4 14.7 18.9 23.4 26.1 25.9 23.0 18.5 14.3 10.7
Livorno 3 7.5 8.2 11.1 13.9 17.3 21.8 24.4 24.1 21.5 17.1 12.7 9.0
Latina 21 8.3 9.0 10.9 13.5 16.9 20.9 23.7 23.8 21.5 17.3 12.9 9.5
Lucca 19 6.1 7.2 10.1 13.3 17.1 21.2 23.8 23.6 20.9 15.8 10.9 7.3
Macerata 315 3.8 5.3 8.3 12.4 16.3 20.7 23.5 23.2 19.9 14.4 9.5 5.7
Messina 3 11.7 12.0 13.2 15.7 19.2 23.5 26.4 26.5 24.2 20.3 16.6 13.3
Milano 122 1.7 4.2 9.2 14.0 17.9 22.5 25.1 24.1 20.4 14.0 7.9 3.1
Mantova 19 1.0 3.3 8.4 13.3 17.4 22.0 24.3 23.6 20.0 14.0 8.0 2.9
Modena 34 1.4 3.5 8.6 13.3 17.2 21.8 24.3 23.8 20.1 14.0 8.1 3.1
Massa-Carrara 65 6.8 7.4 10.3 13.2 16.9 21.2 23.7 23.3 20.6 15.9 11.3 7.9
Matera 200 7.7 8.4 10.5 14.2 18.5 23.6 26.7 26.2 22.9 18.0 13.3 9.3
Napoli 17 10.5 10.6 13.2 16.0 19.5 24.1 26.7 26.5 23.8 19.6 15.5 12.1
150

Novara 159 0.9 3.3 8.4 13.1 17.4 21.8 24.3 23.3 19.2 12.9 7.1 2.4
Nuoro 546 6.2 6.7 9.5 12.4 15.7 21.1 24.3 24.1 20.9 15.7 11.2 7.6
Oristano 9 9.6 10.2 12.3 14.5 17.4 21.4 23.5 24.1 22.6 18.7 14.4 10.8
Pagina
NAMIRIAL CLIMA

Palermo 14 11.1 11.6 13.1 15.5 18.8 22.7 25.5 25.4 23.6 19.8 16.0 12.6
Piacenza 61 0.1 2.4 7.7 12.2 16.3 20.7 23.2 22.3 18.9 12.8 6.9 2.0
Padova 12 1.9 4.0 8.4 13.0 17.1 21.3 23.6 23.1 19.7 13.8 8.2 3.6
Pescara 4 7.2 8.4 10.9 14.2 18.5 22.7 25.4 25.0 22.0 17.4 12.5 8.7
Perugia 493 4.0 5.0 8.1 11.5 15.4 20.1 23.1 22.7 19.6 14.1 9.4 5.5
Pisa 4 6.7 7.7 10.6 13.6 17.2 21.1 23.5 23.5 20.9 16.3 11.7 7.8
Pordenone 24 2.3 4.4 8.1 12.1 15.7 18.4 21.5 21.2 18.3 12.9 7.4 3.8
Prato 61 5.6 6.9 10.4 14.3 18.0 22.3 25.0 24.7 21.6 16.1 10.9 6.8
Parma 57 0.9 3.5 8.9 13.7 17.6 22.2 24.7 24.0 20.2 14.1 8.0 2.8
Pesaro e Urbino 11 3.6 4.7 8.4 12.3 16.2 20.6 23.2 22.7 19.7 14.7 9.9 5.4
Pistoia 67 5.3 6.5 9.9 13.4 17.2 21.3 24.1 23.6 20.9 15.3 10.4 6.3
Pavia 77 0.0 3.0 8.0 12.0 17.0 21.0 23.0 22.0 19.0 13.0 7.0 2.0
Potenza 819 3.6 4.3 6.8 10.6 14.7 19.1 21.9 21.9 18.9 13.7 9.3 5.2
Ravenna 4 1.9 3.4 8.1 12.4 16.4 20.9 23.4 22.9 19.7 14.3 8.9 3.8
Reggio Calabria 15 11.1 11.5 12.8 15.3 18.7 23.0 25.7 26.1 23.8 20.0 16.5 12.7
Reggio Emilia 58 1.1 3.2 8.2 12.7 16.9 21.2 23.8 22.9 19.6 13.3 7.2 2.8
Ragusa 502 8.6 9.2 11.2 14.1 18.5 23.6 26.6 26.4 23.2 18.4 14.3 10.1
Rieti 405 3.7 4.9 8.1 11.6 15.2 18.8 21.8 21.7 18.9 13.5 8.7 5.1
Roma 20 7.6 8.7 11.4 14.7 18.5 22.9 25.7 25.3 22.4 17.4 12.6 8.9
Rimini 5 3.1 4.9 8.5 12.4 16.5 20.8 23.4 22.7 19.9 15.0 9.6 5.3
Rovigo 7 1.3 3.6 8.5 13.4 17.6 22.0 24.5 23.8 20.1 14.0 8.1 3.1
Salerno 4 10.4 11.3 13.5 16.5 20.1 23.9 26.5 26.6 24.1 19.9 15.7 12.2
Siena 322 4.8 5.7 9.1 12.4 16.3 21.0 24.0 23.7 20.2 14.6 9.8 6.0
Sondrio 307 0.5 3.3 8.2 12.6 16.0 20.0 22.3 21.4 18.1 12.4 6.6 1.7
La Spezia 3 6.7 7.3 10.1 13.4 16.7 20.9 23.8 23.7 21.2 16.4 11.9 8.3
Siracusa 17 11.3 11.5 13.1 15.4 18.7 23.0 26.2 26.4 23.9 20.1 16.4 12.9
Sassari 225 8.7 9.1 11.3 14.0 16.8 21.4 24.0 24.5 22.1 17.5 13.5 9.9
Savona 4 6.6 8.5 11.4 14.6 18.1 22.2 24.9 24.6 21.9 16.9 11.9 8.2
Taranto 15 9.2 9.7 11.3 14.5 18.5 23.0 25.9 25.8 23.0 18.7 14.4 10.9
Teramo 265 5.1 5.9 9.0 12.8 16.8 21.4 24.0 23.6 20.4 15.1 10.4 6.6
Trento 194 4.3 7.3 11.8 16.5 20.0 24.0 26.3 25.5 22.3 16.4 10.2 5.7
Torino 239 0.4 3.2 8.2 12.7 16.7 21.1 23.3 22.6 18.8 12.6 6.8 2.0
Trapani 3 11.0 11.5 13.2 15.8 19.2 23.3 25.8 26.2 24.0 19.9 15.8 12.4
Terni 130 6.7 7.6 10.7 13.6 17.6 22.3 24.7 24.3 21.1 16.4 11.3 6.6
Trieste 2 4.9 6.2 9.4 13.5 17.7 21.9 24.2 24.0 20.7 15.5 10.6 6.9
Treviso 15 2.8 4.4 8.4 13.2 17.1 21.6 23.8 23.2 19.8 14.0 8.2 4.3
Udine 113 3.5 5.0 8.6 13.3 17.3 21.1 23.3 23.1 19.8 14.2 8.7 4.8
Varese 382 1.2 1.9 6.0 10.4 14.0 17.7 20.5 19.6 16.4 11.2 5.3 1.9
Verbania 197 2.9 4.6 8.5 12.6 16.6 20.8 23.3 22.6 19.3 13.5 8.1 4.2
Vercelli 130 0.2 2.9 7.7 12.5 17.2 21.7 23.8 22.8 18.7 12.7 6.5 1.8
Venezia 1 3.3 4.8 8.6 13.2 17.3 21.3 23.6 23.4 20.4 14.9 9.5 5.0
Vicenza 39 2.4 4.2 8.5 12.9 17.0 21.3 23.6 23.0 19.6 13.9 8.5 4.1
Verona 59 2.4 4.9 9.3 13.7 17.4 21.7 23.8 23.6 20.2 14.7 8.5 4.3
Viterbo 326 5.7 6.6 9.4 12.7 16.9 21.8 24.8 24.0 20.7 15.9 11.3 7.5 151
Pagina