Sei sulla pagina 1di 31

lOMoARcPSD|8542875

La filologia fermanica e le lingue moderne

Filologia germanica (Università degli Studi di Napoli L'Orientale)

StuDocu non è sponsorizzato o supportato da nessuna università o ateneo.


Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)
lOMoARcPSD|8542875

La filologia germanica e le lingue moderne (Leonardi-Morlicchio)

Cap. 1: Germani, germanico e filologia


Il Gradit fornisce diversi significati per il termine “germanico”:
Tre come aggettivo:
1. Agg. AU (alto uso\ storico) degli antichi Germani: popoli germanici, religione germanica,
diritto g.
2. Agg. CO (comune\politico) della Germania: tedesco: confederazione germanica
3. Agg. TS (tecnico/specialistico\ linguistico) ling., proprio delle lingue parlate dagli antichi
Germani o di quelle moderne, che da esse sono derivate.

In ambito linguistico il termine germanico è collegato alle lingue parlate dagli antichi germani ed è
esteso alle lingue moderne da esso derivate.
Il concetto di germanico è stato elaborato nel corso dell’800 dalla linguistica storico-comparativa,
nell’ambito degli studi finalizzati a rintracciare le evoluzioni e gli intrecci tra le varie lingue, studi
che hanno definito l’indoeuropeo come famiglia linguistica dalla quale discendono quasi tutte le
lingue europee moderne. Il concetto di germanico fu introdotto per la prima volta da Franz Bopp nel
1800.
La struttura delle parole germaniche e quelle latine è la stessa ma differisce in vocalismo e
articolazione consonantica. (labiovelare è un’occlusiva sorda nella lingua latina e una fricativa
sorda nelle lingue germaniche; la dentale è un’occlusiva sonora in latino e un’occlusiva sorda nelle
lingue germaniche)

Le lingue germaniche sono quelle diverse lingue derivanti dal germanico comune, ovvero una
lingua che mostrava delle affinità tra le varie lingue germaniche, tanto più marcate quanto più si va
indietro con il tempo. (es. latino con lingue romanze)
All’interno della famiglia del germanico si individuano sottoinsiemi linguistici:
 Germanico orientale: gotico, oramai estinto;
 Germanico occidentale: inglese, tedesco, nederlandese, lussemburghese, frisone, afrikaans, jiddish;
 Germanico settentrionale (lingue nordiche): norvegese, svedese, danese, islandese, feringio.

1.2 I Germani
Chi erano gli antichi Germani?
Distinzione tra
- Storia: fasi in cui si sono tramandati documenti scritti nella lingua parlata da quel gruppo
etnico (relativamente tardi, dopo la cristianizzazione la scrittura e la documentazione sono
diventate importanti per i popoli germanici)
- Protostoria: fase in cui la documentazione riguardo a quella cultura esiste ma è scarsa e
soprattutto di riflesso, cioè tramandata in un’altra lingua (fonti classiche)
- Preistoria: fase in cui non c’è nessuna documentazione scritta e bisogna fare ricorso ad altre
fonti di informazione (archeologia)

Le prime notizie che si hanno sui popoli germanici (protostoria) sono fonti classiche, che parlano di
tribù affini ai Galli. Il contatto tra Roma e Germani avviene in quanto Roma si era alleata con i
Galli per difenderli dalle mire espansionistiche dei popoli germanici, che minacciavano i territori
celtici lungo il Reno.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

È Cesare il primo a parlare dei Germani nel suo “De bello gallico”, dove spiega che i Germani
occupavano l’area compresa tra la destra del Reno e il nord del Danubio. Non bisogna pensare ai
Germani come un’entità unita, ma fu proprio lo scontro con il mondo romano a rappresentare un
momento di aggregazione per le varie tribù.
È difficile collegare ad un territorio il concetto di germanico. È noto che ci fosse un confine sulla
linea Reno-Danubio che divideva i romani dai popoli germanici. Man mano che i romani
conquistavano territori il confine avanzava. Il nome dato dai Romani al confine era limes, che
divideva le regioni dell’Impero Romano da quelle abitate dai Germani e aveva lo scopo di tracciare
un confine politico-economico. I Romani avevano desistito all’idea di conquistare i territori fino
all’Elba e decisero piuttosto di costituire diversi stati germanici alleati:

- Germania Superior nel sud montuoso, popolata da germani e dai Celti;


- Germania Inferior nel nord pianeggiante, popolata da popoli germanici;
- Megale Germania o Germania Magna, situata oltre il limes, che a differenza delle prime
due non era uno stato germanico alleato.

Le documentazioni sulle popolazioni germaniche ci sono pervenute dall’opera di Tacito, “De


origine et situ germanorum” nota come Germania” e in modo minore dalla storiografia di Cesare
“De bello gallico”.

1.3 Il termine Germanico


Nel III secolo il termine “GERMANICO” comincia a scomparire, sostituito da etnonimi come Goti,
Vandali, Longobardi, Rugi, Burgundi.
Nel V-VI secolo il termine sparisce: al posto di germanico si inizia a dare nome alle diverse
aggregazioni di popoli germanici che avevano costituito regni romano-barbarici (Franchi in Gallia,
Visigoti nella Penisola Iberica, Ostrogoti in Italia) che però comunque non sono percepite come
unità. I nuovi nomi (gens Gotica, Franchi, Alamanni) vengono generati per popoli che costituiscono
una minaccia per i confini dell’impero. Nell’ VIII sec. il termine “Germani” ritorna, associato alle
popolazioni contemporanee, discendenti di popolazioni germaniche e parlanti una lingua germanica.
Le prime attestazioni di questi popoli sono da parte dei missionari anglosassoni, che nella loro opera
di cristianizzazione incontrano queste popolazioni. E Germanicae gentes è il termine usato per
indicare le popolazioni pagane con cui vengono in contatto i missionari anglosassoni durante le loro
campagne di cristianizzazione.
In epoca umanistica, gli studiosi tedeschi rileggono il trattato di Tacito e lo usano come base per
rivendicare una loro identità distinta (analogamente a italiani con Roma e francesi con i Galli)
discendente dai Germani.

Il significato di Germani e germanico può variare a seconda della prospettiva di ricerca; può essere
usato per riferirsi alla manifestazione di uno o più dei popoli che parlavano una lingua “germanica”,
quindi anche longobardi, goti o popoli scandinavi. Per alcuni storici, invece, i Germani sono solo
quei popoli che provenivano dalla regione denominata “Germania”.
Nel XX sec. si afferma la germanistica: scienza che ha come oggetto la lingua e la letteratura in
tedesco.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

1.4 Tedesco e teutonico


Tedesco- teutonico: Il termine italiano “tedesco” è legato alla parola tedesca DEUTSCH ed alla
parola inglese DUTCH (nederlandese).
La parola italiana, deriva dalla latina THEUDISCUS, attestazione dell’8° secolo, prestito della
lingua germanica: si tratta di una formazione aggettivale, tramite il suffisso –iska, dalla radice
germanica –peud che significa “popolo”. Si ritiene che la parola latina THEUDISCUS sia una
latinizzazione\prestito di una parola alto tedesca.
Il termine theudiscus si riferiva solo alla lingua “volgare”, ovvero lingua parlata dalle popolazioni
non romanze nell’impero carolingio. Gli storici carolingi allargano il significato del termine ed
associano la parola in questione alla lingua parlata dai Goti, dalle popolazioni della Scandinavia e
dai Longobardi. Successivamente, in area tedesca, si comincia ad osservare uno spostamento di
significato e l’aggettivo viene unito ad un altro tipo di sostantivi (Liuti: popolo, gente; Man: uomo;
Erde: terra; Richi: regno). Insieme a questa variazione, si è verificato anche un restringimento
semantico: non identificava più tutte le popolazioni germaniche, ma si limitava a quelle che
vivevano all’interno del vecchio regno carolingio, in particolare nella parte orientale e a nord delle
Alpi. In questo modo si arriva al significato odierno.
Il senso politico ed etnico conosce altri restringimenti:
Tedesco come lingua è una lingua plurinazionale, ufficiale in Germania, Austria e Liechtenstein e
una delle lingue ufficiali in Lussemburgo, Svizzera, Alto Adige/Sud Tirol. Con letteratura tedesca si
intende tutta la produzione scritta in tedesco. Chi ha però la cittadinanza tedesca è cittadino solo
della Repubblica Federale Tedesca. Analogamente Deutschland in tedesco moderno denota solo la
Germania.

Teutonico: risale anche questo termine all’epoca medievale. Era utilizzato come sinonimo di
tedesco in contesto dispregiativo e si riferisce al volgare tedesco.
Teutonismi: varianti nazionali della Germania.

1.5 La filologia come scienza e la filologia germanica


Per la filologia esistono due definizioni: una più specialistica che si riferisce alla disciplina che ha
come oggetto l’interpretazione corretta dei documenti scritti e tradizionalmente corrispondeva
all’analisi delle fasi antiche di determinate lingue. Inizialmente la filologia è stata classica e si
riferiva ai testi greci e latini; poi è stata applicata alle lingue “morte” come l’ebraico biblico e il
sanscrito. I filologi ottocenteschi estesero il loro campo di studi alle fasi antiche delle lingue
europee moderne. La filologia era una disciplina che ha dato le basi alla linguistica.
La filologia è stata vista anche come sinonimo di ecdotica, la critica testuale, la disciplina che punta
ad avvicinare un testo alla sua forma originaria. Karl Lachmann è il padre di questa disciplina.
Il metodo Lachmanniano esamina la tradizione pervenuta, per creare un albero genealogico che
permetta di stabilire una parentela tra manoscritti.
A questo punto si può passare al significato più ampio di filologia: amore per la parola, la disciplina
che intende comprendere al meglio un documento, concentrandosi sulla lingua e sui vari aspetti,
anche le informazioni contestuali che aiutano a comprendere meglio il testo.
Filologia germanica: comprende gli studi delle testimonianze scritte nelle lingue germaniche e la
cultura delle popolazioni germaniche. Si cercano aspetti comuni che identificano lo stesso nucleo
germanico comune. (tratti comuni nelle tradizioni, tratti linguistici comuni ma anche divergenti)

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

CAPITOLO 2- LE LINGUE GERMANICHE NEL PASSATO


È ormai chiaro che il germanico sarà la lingua comune dalla quale si sono poi sviluppate le singole
lingue. Si tratta però di una lingua ipotetica, i cui tratti sono ricostruiti confrontando fasi storiche di
singole lingue e che forse non sono mai stati compresenti nello stesso momento in un sistema
linguistico reale.
Le difficoltà principali che si hanno nel confrontare e descrivere i sistemi linguistici delle lingue
germaniche antiche sono:
 Cronologia delle documentazioni (cronologia attestazioni è divergente)
 Tipologia delle documentazioni (essendo scritte le fonti non registrano eventuali variazioni
nella lingua parlata);
 Assenza di variazione nella documentazione
 Valutazione dei tratti linguistici condivisi (è difficile ricostruire se le variazioni sono dovute
ad un autonomo sviluppo della lingua o a fenomeni di contatto)

Per la classificazione delle lingue germaniche il modello predominante è quello ad albero, che
descrive lo sviluppo delle lingue germaniche paragonandole a ramificazioni che si dipartono da un
tronco comune.

In ogni caso questo modello non è giusto al 100% in quanto postula a priori che due lingue una
volta separate non possano influenzarsi reciprocamente e questo contrasta con la realtà storica.
(differenziazione tra le lingue avviene non solo tramite scissione, ad es. II LV, ma anche tramite
fenomeni di contatto tra le lingue.)
Data la complessità della classificazione delle lingue germaniche è opportuno non basarsi
esclusivamente su un unico criterio ma valutare e confrontare diversi tratti linguistici, sia trasmessi
che ricostruiti, ricorrere a dati di epoche successive e non escludere le informazioni provenienti da
fonti storiche ed archeologie.
La classificazione delle lingue germaniche più diffusa è quella di August Schleicher alla fine
dell’800 che distingue:
 Germanico settentrionale: lingue scandinave (Danimarca, Svezia, Norvegia, Islanda e Far
Oer)

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

 Germanico orientale: gotico


 Germanico occidentale: inglese, i dialetti basso e alto tedeschi che sono alla base del tedesco
moderno, il nederlandese e il frisone.

In realtà sono state proposte classificazioni alternative, ma è classificare e dividere le lingue in sé


che porta rigidità e quindi ipoteticamente ogni modello è opinabile. Una classificazione alternativa a
quella di Schleicher è quella di individuare fasci di isoglosse, che sarebbero alla base
dell’individuazione di altri sottogruppi linguistici.

Gotico: lingua dei Goti, in particolare del regno ostrogoto. Lingua importante per la traduzione del
Bibbia da parte del vescovo Wulfila.
Lingue nordiche: si tende a far coincidere le lingue nordiche antiche con norvegese ed islandese
antico, in quanto le fonti principali provengono da questa area geografica. Le due lingue
confluiscono in un’unica per quanto concerne la grande tradizione letteraria, il norreno, mentre
mantenere la distinzione tra norvegese ed islandese antico serve a riferirsi ai tratti dialettali delle
due lingue.
Tra le lingue nordiche sono compresi anche svedese e danese.
Lingue germaniche occidentali:
1. Inglese antico (anglosassone): inglese antico era formato da 5 dialetti a seconda della zona
ma tra queste varietà prevale il sassone occidentale. La fissazione del sassone occidentale
come lingua sovraregionale e come affermazione dell’identità inglese contro la minaccia
rappresentata dalle incursioni vichinghe è a partire dalla seconda metà del XX secolo, con
delle specifiche norme da preferire ad altri usi linguistici (riforma benedettina e scuola di
Aethelwold); in ogni caso resta dubbioso che nell’orale ci fosse un unico standard vista la
presenza di Celti e di Scandinavi.
2. Tedesco antico: periodo della storia della lingua tedesca che va dal VII al XII secolo, anche
se ci troviamo di fronte ad una realtà disomogenea e quindi lontani da una lingua unitaria.
L’area linguistica tedesca presenta una distinzione tra varietà basso-tedesche (Germania
settentrionale) e alto-tedesche (Germania centro-meridionale). Alle varietà basso-tedesche
appartiene principalmente il sassone. Alle varietà alto tedesche appartengono Oberdeutsch,
tedesco superiore, e Mitteldeutsch, tedesco medio. Nel periodo antico nessun dialetto
raggiunse una qualche forma di standardizzazione, né diventò lingua sovraregionale.
3. Nederlandese: storia del nederlandese si intreccia con quella delle varietà basso tedesche ed
in particolare del basso francone. In ogni caso però pur essendo il basso francone molto
importante per lo sviluppo del nederlandese, questo non è l’unica lingua che ha contribuito
in quanto il contesto era plurilingue.
4. Frisone: difficile ricostruire il frisone, in quanto ci sono poche fonti. È certo che i frisoni
vennero inglobati nel regno dei Franchi, dove però riuscirono a mantenere la loro lingua e le
tradizioni.

Cap. 3- Dal germanico alle lingue germaniche


La prima mutazione consonantica, o prima legge di Grimm, riguarda mutamenti consonantici nelle
lingue germaniche, che si configurano come evoluzioni dell’indoeuropeo. Tali mutamenti sono

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

fenomeni regolari in quanto si verificano senza eccezioni ogni volta che si incontra un dato contesto
fonetico.
Le occlusive sonore indoeuropee B, D, G corrispondono in germanico ad occlusive sorde P, T, K.
Le occlusive sorde indoeuropee P, T, K corrispondono in germanico a fricative sorde F, θ, X.
In indoeuropeo esistevano anche occlusive sonore aspirate, la cui realizzazione in germanico
dipende dal contesto:
- In posizione iniziale si realizzano in germanico come occlusive sonore B, D, G
- In posizione intervocalica o dopo liquida o nasale come fricative sonore β, ð, ɣ

Le modificazioni di ordine fonetico che intercorrono con la prima mutazione consonantica


riguardano esclusivamente il modo di articolazione, ma non il luogo.
Il sistema consonantico germanico ha subìto altre modificazioni di tipologia analoga alla prima
mutazione consonantica, ma queste non si manifestano con la stessa regolarità e soprattutto la stessa
diffusione.
La prima mutazione avviene prima dell’inizio della tradizione scritta a noi pervenuta; tuttavia, è
possibile indicare una datazione, che sarebbe tra il V e il III secolo a.C. .

La prima mutazione consonantica ha ovviamente anche le sue eccezioni. Sono esclusi dal
cambiamento:
- I nessi consonantici SP, ST, SK
- I nessi di due occlusive, come FT, HT, PT, CT
- Legge di Verner: quando le occlusive sorde sono in contesto sonoro, ossia tra vocali o tra
una vocale e consonanti liquide o nasali e non sono precedute dall’accento, l’esito nelle
lingue germaniche non è una fricativa sorda ma una sonora. (non s ma z)

Modelli accentuativi
Nelle lingue moderne, le parole ereditate dal germanico sono in genere accentate sulla prima sillaba.
Questo perché nel germanico l’accento è un accento fisso di intensità, vale a dire posto sulla prima
sillaba.
La modificazione dell’accento rispetto a quello indoeuropeo è databile intorno al II a.C. e in epoca
antecedente alla frammentazione delle lingue germaniche, perché è presente in tutte le lingue.
Nei composti, l’accento è variabile: nei composti di sostantivi o aggettivi l’accento è sulla prima
sillaba, a meno che non si tratti di composti derivanti da un verbo con prefisso, che in questo caso
spostano l’accento in quanto solitamente i prefissi sono atoni. Nei composti verbali l’accento cade
sulla sillaba della radice verbale.
I modelli accentuativi del germanico oggi non sono immediatamente evidenti sia per cambiamenti
fonetici, sia per la presenza di molti prestiti che hanno introdotto modelli accentuativi diversi. (in
molti casi il prestito viene adattato al sistema accentuativo germanico)
Le regole accentuative delle lingue germaniche variano rispetto al germanico comune, basti pensare
che nelle lingue germaniche l’accento ha assunto in alcuni casi funzione distintiva. (es tedesco verbi
con prefissi separabili e non separabili)
Il sistema vocalico del germanico
Oggi le lingue germaniche hanno molte vocali con forte valore distintivo.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Il sistema vocalico che ricostruiamo per il germanico poggia su due tratti, quantità e luogo di
articolazione, e risulta pertanto molto più semplice.
Il germanico ha due serie asimmetriche tra vocali brevi e vocali lunghe:
brevi: i, e, a, u
lunghe: i, e, o, u

In particolare, O breve indoeuropea diventa a breve germanica, mentre A lunga indoeuropea


diventa o lunga germanica.

Lingue sintetiche e lingue analitiche


Le lingue germaniche nelle loro fasi più antiche erano caratterizzate da una ricca flessione nominale
e verbale. Questo significa che si tratta di lingua lingue sintetiche, lingue che per esprimere funzioni
e relazioni morfosintattiche fanno largo uso di morfemi legati alla radice, portatrice del significato
lessicale. (questo tratto è presente anche nel latino e nell’indoeuropeo, che addirittura aveva un
sistema flessivo molto più ricco, con 8 casi, 3 generi e 3 numeri)

La struttura dei sostantivi


La struttura del nome indoeuropeo è quella basata essenzialmente sul sanscrito, sul greco e sul
latino e prevede:
1) Una radice
2) Uno o più eventuali suffissi tematici
3) Un suffisso flessionale (desinenza)
I sostantivi appartenevano a diverse classi. Il germanico riprende questa caratteristica, per quanto
nelle lingue germaniche moderne questo elemento non sia più presente.
Sono da distinguere per i sostantivi germanici:
 Declinazione forte, alla quale appartengono le classi di sostantivi che hanno tema in vocale
(tema= elemento tra radice e desinenza) … esempi di classi a declinazione forte sono la
classe in “a”, “ō”
 Declinazione debole, alla quale appartengono le classi di sostantivi che hanno tema in
consonante ed è la più ricca e produttiva … esempi di classi a declinazione debole sono la
classe in “-n”, “-nd”, “-r”

Oltre alle classi di sostantivi sopra elencate, esisteva una classe di temi in radice, dove il suffisso
tematico è Ø, dove cioè la desinenza si unisce direttamente alla radice.

Declinazioni dell’aggettivo
Una delle innovazioni condivise da tutte le lingue germaniche riguarda la declinazione
dell’aggettivo, perché oltre ad avere una flessione che segue i temi in vocale del sostantivo (come in
indoeuropeo) ne aggiungono una seconda, modulata secondo la declinazione in “-n”, quindi una
flessione debole.
Praticamente ogni aggettivo, con alcune eccezioni, si può flettere secondo la declinazione forte o
debole, a seconda della funzione e degli elementi che fanno parte insieme al sostantivo dei vari
sintagmi.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

La declinazione debole ha le sue origini in una funzione individualizzante e definita dell’aggettivo,


usato in senso sostantivo. Proprio per questa funzione la declinazione debole è usata quando il
sostantivo è accompagnato da un determinante.
La distinzione è alla base delle lingue germaniche moderne, dove ancora oggi si distingue una
doppia flessione dell’aggettivo e dove la declinazione debole è riservata ai casi in cui l’aggettivo è
preceduto da un determinante.

Pronomi e determinanti
I pronomi sono classi di parole chiuse e conservative, al punto che si possono trovare continuità tra
le lingue germaniche moderne e quelle antiche.
Non è possibile risalire con esattezza a serie paradigmatiche, per tanto per il germanico comune si
fa ricorso a forme suppletive. Nelle lingue germaniche antiche i pronomi si declinano per caso,
genere e numero. (per il numero c’è singolare, plurale ed in alcuni casi il duale)
Il pronome di terza persona singolare distingue anche il genere e risale ad antiche forme di
determinativo, “quello/a” per cui si ricostruiscono tre diverse radici:
Una prima radice ie: *EI/I da cui deriva il pronome m. sg. Got. Is;
Una seconda radice ie è *KI da cui la serie pronominale in –h- delle lingue ingevoni (vedi ia. He
m.sg. nom.) heo (ia f.sg. nom.), hi(e)/heo (pl.nom.-acc-).
L’ultima serie ie. è *SO-/SA-, utilizzato in particolare per i pronomi femminili (got. Si, ata. Si/siu,
sa. Siu/sea).
I pronomi interrogativi e indefiniti derivano in genere da una radice *KWE-/KWO- e seguono una
flessione analoga a quella dei dimostrativi. (kwer- wer; kwas- was)
Anche forme pronominali derivanti dalla radice *SEM-/SOM-/SM- hanno avuto una larga
diffusione nelle lingue germaniche, dando per es. got. Sums “il medesimo”, fris. A. sumich “uno”,
ned. Sommige “qualche”. (same, some in inglese attuale)

La formazione delle parole


La strategia di formazione delle parole indoeuropea che si è mantenuta più produttiva nelle lingue
germaniche moderne è quella che prevede l’utilizzo di suffissi e prefissi derivazionali.
In seguito ai processi di riduzione sillabica e agli esiti di altri fenomeni fonetici non è facile
distinguere gli originari suffissi indoeuropei.
Tra i suffissi deducibili distinguiamo:
 Suffisso –TI per parole femminili;
 Suffisso –TO per participi sostantivizzati;
 Suffisso –TU per parole maschili;
 Suffisso –ISKO per appartenenza e provenienza etnica;
 Suffisso –IZON/-OZON per la formazione del comparativo regolare;
 Suffisso –ISTA/-OSTA per la formazione del superlativo.

Un’ulteriore possibilità di formazione delle parole è la composizione, risultante anch’essa


dall’indoeuropeo.
Determinante+ determinato, dove il determinato si trova a dx del determinante (es. corkscrew,
cavatappi derivato dalla composizione di cork “tappo” + derivato di to screw “tirare”).
I verbi nelle lingue germaniche

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Nella morfologia verbale le lingue germaniche portano avanti diversi elementi dell’eredità
indoeuropea, dove i verbi si riflettono considerando le categorie di diatesi, modo e tempo, oltre a
quelle di numero e persona.
In tutte le lingue germaniche antiche non è difficile trovare chiare tracce della possibilità di avere
forme distinte per le diverse persone. (gotico, tedesco moderno)
Tra sistema verbale germanico e indoeuropeo la maggiore discontinuità risiede nella flessione dei
tempi del passato. In germanico esiste infatti un’unica forma di passato sintetico, che comprende
forme che in latino, per esempio, sono distinte tra perfetto (azione nel passato) e imperfetto (azione
continuata nel passato). Le lingue germaniche si servono di costruzioni perifrastiche per esprimere
le diverse relazioni con gli eventi passati. (la forma progressiva in –ing dell’inglese).
Si tratta quindi del passaggio tra indoeuropeo e germanico da strutture sintetiche ad analitiche! (es.
passivo prima veniva espresso in modo sintetico, poi nell’evoluzioni successive si è sviluppata una
forma analitica)
Di eredità indoeuropea è anche il modo imperativo e la distinzione tra modo indicativo e modo
congiuntivo.
Verbi forti
Verbi forti possono essere definiti anche come verbi irregolari. Il modo di formazione del passato e
del participio è irregolare; spesso presenta variazione della vocale radicale tra presente, passato e
participio passato (apofonia).
Verbi deboli
I verbi deboli sono formazioni secondarie, che derivano per lo più da nomi e aggettivi o da verbi
forti. I verbi deboli formano il passato aggiungendo alla radice un elemento in dentale (-d, -t) di
norma senza apofonia e sono un’innovazione delle lingue germaniche. Il suffisso in dentale deriva
dallo sviluppo di una forma perifrastica che usava forme della radice ie. –DHE “fare”.
In tutte le lingue germaniche, il modulo produttivo per la formazione dei verbi è quello della
flessione debole, il che equivale a dire che i nuovi che si introducono nella lingua seguono la
declinazione debole. Da sottolineare che è un modello molto produttivo e che col tempo i verbi forti
stanno tendendo a passare sempre di più alla declinazione debole.
Per il germanico si possono distinguere diverse classi a seconda del suffisso usato, cui
corrispondono diverse funzioni semantiche:
1. Classe suffisso –ja con valore causativo;
2. Classe suffisso –o con valore intensivo;
3. Classe suffisso –e originario che nelle diverse lingue diventa –a o –e, con valore stativo;
4. Classe suffisso –n presente solo in gotico, con valore incoativo.

Verbi forti e la legge di Verner


Le forme del verbo essere al passato dell’inglese moderno (was/were) mostrano un’alternanza tra
vocalismo del singolare e del plurale e un diverso consonantismo e vengono considerate come
irregolari. Lo stesso accade con il verbo tedesco schneiden – schnitt – geschnitten, dove abbiamo
l’alternanza di dentale sorda e sonora nella radice verbale. Queste alternanze si spiegano con la
legge di Verner e sono determinate dalla diversa posizione dell’accento nella flessione verbale ie.: il
tema del presente e del passato singolare avevano nell’ie. l’accento sulla radice verbale, mentre nel
passato plurale e nel participio passato l’accento cadeva sul morfema flessivo.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

In ogni caso, le alternanze consonantiche non sono molto presenti con molta regolarità e
pertanto con il tempo sono quasi del tutto scomparse. Ne restano tracce nel tedesco moderno e
nel nederlandese.

Verbi preterito-presenti
Detti anche verbi modali. Le lingue germaniche hanno ereditato dalla fase antica alcuni modali che
sono contraddistinti da particolari tratti morfosintattici, per esempio:
 La reggenza dell’infinito senza preposizioni
 Morfema zero alla 3^ persona singolare
 Diverso vocalismo tra singolare e plurale (es. verbi modali tedeschi)
I verbi con questo comportamento sono da ricondurre a verbi di origine indoeuropea, che avevano
le caratteristiche morfologiche del passato di un verbo forte ma il significato di presente. Mentre gli
originari preterito-presenti indoeuropei avendo sviluppato il significato di presente non avevano la
possibilità di formare un vero e proprio passato, le lingue germaniche sfruttano la formazione del
passato dei verbi deboli tramite l’elemento in dentale per configurare questi verbi al passato.

Verbi deboli “irregolari”


Questi verbi presentano alternanze nel vocalismo della sillaba radicale. Tutti questi verbi si possono
ricondurre a una stessa classe di verbi deboli, la prima, quella in –jan dove al tempo presente
l’approssimante palatale del suffisso ha provocato metafonia della vocale radicale, al passato
suddetta metafonia non si presenta.
La presenza/assenza della metafonia ha provocato alternanza nel vocalismo della sillaba radicale.
Per descrivere questo fenomeno è di largo uso il termine “Ruckumlaut”, che risale a Jacob Grimm,
secondo il quale i verbi di questo tipo avrebbero ripercorso all’indietro il fenomeno della metafonia,
ritornando al vocalismo originario.

Casi e relazioni sintattiche


Una possibile eredità che ALCUNE lingue germaniche moderne hanno ereditato dal germanico
comune è la presenza di costruzioni impersonali. Questo tipo di costruzioni, che codificano
l’esperiente come soggetto non nominativo, erano molto diffuse nelle lingue antiche (es. in inglese
antico c’è traccia di queste espressioni ma in inglese moderno non ce ne sono più)
Ovviamente ci sono verbi che richiamavano questo tipo di strutture, come:
 “lician” piacere (a me piace questo)
 “lystan” desiderare
 “minna” ricordare

La marcatura del soggetto


La possibilità di conferire al soggetto la marcatura morfologica del verbo rendeva possibile
l’assenza di un soggetto sintattico espresso, così che sono frequenti i casi di omissione del pronome
soggetto. (es. omettere soggetto con i verbi metereologici)
In ogni caso, già dalla fase antica, si incrementano i casi di inserimento del pronome soggetto.

Frasi principali e frasi secondarie

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

La posizione del soggetto nelle antiche lingue germaniche era molto più libera. L’unica distinzione
per quanto concerne l’ordine delle parole sussiste tra l’ordine delle parole nelle frasi principali e
subordinate.
Nella principale, in particolare, c’era la tendenza ad avere il verbo nella seconda posizione nelle
principali (questa caratteristica era comune a tutte le lingue germaniche) mentre nelle secondarie il
verbo tendenzialmente è posto alla fine della frase.
Le iscrizioni runiche sembrano, però, contraddire questa tendenza in quanto quelle più antiche
presentano sempre il verbo in ultima posizione. In ogni caso, questa sarebbe semplicemente una
forma primordiale, evoluitasi poi a quella V2 (verbo in seconda posizione) e successivamente
ancora in VO (verbo coniugato e oggetti)
Quando parliamo di verbo, si parla della forma finita, in quanto le forme all’infinito o al participio
tendono a spostarsi a destra. (KLAMMERSTRUKTUR, struttura a parentesi)

Aggettivi, determinazioni ed ordine delle parole


Nella maggior parte delle lingue germaniche moderne il determinante (aggettivo, articolo) precede
il determinato. Con riguardo agli aggettivi, questo implica che l’aggettivo attributivo preceda il
nome.
Nelle iscrizioni runiche, invece, non pare esserci traccia di aggettivi, di qualsiasi tipo, posti prima
del nome. Anche nella fase antica delle lingue, l’aggettivo post-nominale è molto frequente.
Le sequenze più frequenti sono: 1) SOST., POSS., DET., AGG. ; 2) SOST., DET., AGG.

Verbi e particelle
In tutte le lingue germaniche sono presenti strutture formate da un verbo e una particella (write
down, schreiben auf): questi due elementi costituiscono una limitazione semantica del verbo,
ovvero restringono ad un unico significato la semantica di un verbo.
Tali verbi sono i cosiddetti phrasal verbs o secondo la dicitura tedesca, verbi separabili.
Costruzioni di questo tipo erano già presenti nelle lingue antiche, ma avevano un valore semantico
spaziale: c’è stato poi uno spostamento di significato delle particelle fino al punto che definiscono
una imitazione semantica del verbo.
Nelle lingue antiche, pur non essendo l’ordine rigido, c’è la tendenza per le particelle di seguire il
verbo nelle principali, mentre nelle secondarie spesso lo precedono.

Cap.4 Le lingue germaniche: tratti distintivi

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

L’unità linguistica dei Germani è qualcosa di frammentario. Tuttavia le lingue germaniche


presentano unità nella diversità e i cambiamenti linguistici, anche se si considerano fenomeni
indipendenti, sono riconducibili s similarità strutturali ereditate dalla lingua comune.

Vocalismo
 Metafonia: si tratta della modificazione della vocale della sillaba radicale ed è un
mutamento che dipende dalla presenza della vocale anteriore alta [i] o dell’approssimante
palatale [j] nella sillaba che segue la vocale radicale. Si tratta dunque di un processo di
assimilazione regressiva parziale, che fa parte dei fenomeni riguardanti l’armonia
vocalica.

Il fenomeno è assente in gotico e nelle iscrizioni runiche più antiche, laddove nelle altre lingue
germaniche si realizza, sia pure in modi e tempi diversi, già nella fase più antica.
Le vocali, che non sono più allofoni, acquistano funzione morfologicamente distintiva (evidente per
il plurale, al punto che la metafonia in alcune lingue, come il tedesco, è diventata marca del plurale)
La metafonia palatale rappresenta la tipologia più diffusa nelle lingue germaniche, ma ci sono altri
tipi di metafonia.
Metafonia da u: a seconda della vocale si ha una variazione (es. ata “neman”, diventa “nimu”
prendo)
Metafonia da a: [u]>[o], [i]>[e]

 Allungamento di compenso: si verifica soprattutto nei contesti in cui la vocale è seguita dal
nesso consonantico: nasale+fricativa velare sorda. (nk, ma anche ng). In questo contesto il
nesso si semplifica con la caduta della nasale e la vocale che precede diventa lunga.
In inglese, frisone e sassone si verifica anche la caduta della nasale se seguita da fricativa
dentale sorda [ f, θ, s ].

Consonantismo
Rilevante in questione sono la seconda mutazione consonantica e la cosiddetta palatalizzazione, che
modificano il consonantismo delle diverse lingue germaniche, arricchendo l’eredità indoeuropea.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

II LV: la seconda mutazione consonantica è peculiare dei dialetti alto-tedeschi. I principali


cambiamenti della II LV sono:
Fricativa interdentale sorda (θ) > occlusiva dentale sonora (d)
Occlusiva sonore (b,d,g) > occlusiva sorda (p, t, k)
Le occlusive sorde hanno una doppia possibilità:
- diventano fricative doppie se in posizione iniziale, interna e finale postconsonantica e se
originariamente geminate [pf, ts, kx]
- affricate se in posizione centrale o finale postvocalica. [ff, θθ, xx]

A differenza della prima legge di Grimm, gli esiti della II LV sono meno regolari, sia sulla
distribuzione geografica (limitati alle varietà meridionali, sfuma andando man mano che si va a
nord … varietà basso-tedesche non hanno II LV) e da un punto di vista diacronico.
Il mutamento è irregolare anche considerando le serie consonantiche al punto da poter individuare
diverse isoglosse dialettali:
- isoglossa machen-maken
- isoglossa appel-apfel

Palatalizzazione
Ad un’occlusiva sorda o sonora del tedesco corrispondono, in inglese, affricate palatali <tʃ> <ch>
<tch> o approssimanti palatali [j] <y>.

Le occlusive sorde e sonore soggette a palatalizzazione sono precedute o seguite da vocale anteriore
primaria (non derivata da metafonia o altre modificazione del vocalismo). Si tratta di un
cambiamento fonetico assimilatorio condizionato dal contesto, che comporta una modifica del
modo e del luogo di assimilazione.
Queste trasformazioni e altre che interverranno nel corso della storia della lingua hanno modificato
il contesto che ha provocato la palatalizzazione nel periodo antico, cosicché le palatali non sono più
varianti posizionali, ma fonemi.
Il fenomeno è attestato anche in frisone. Nel tedesco oltre che nel nesso sk- una palatale [ʃ] si
conserva in posizione interna dopo [r] e nei nessi consonantici [sp, st, sm, sn, sl, sr, sw].

Raddoppiamento consonantico
Nella fase antica delle lingue germaniche si svilupparono consonanti geminate o per assimilazione o
per II mutazione consonantica o per sincope vocalica.
Tra tutti i fenomeni che comportano un raddoppiamento, quello più diffuso è la geminazione
consonantica occidentale: quando una consonante (ma non “r”) si trova dopo una vocale breve ed
è seguita da un approssimante [j], [w] o da liquida o nasale (raramente).
Nella fase più antica la lunghezza divenne un tratto distintivo sia per le vocali che per le consonanti
e questo comporta una ristrutturazione della quantità vocalica.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Le vocali in sillaba chiusa si abbreviano con effetti sui paradigmi riflessivi e derivazionali (keep >
kept). Successivamente le vocali lunghe si de-geminano e la quantità vocalica viene reintrodotta.
(Great vowel shift)

Rotacismo
Fenomeno di derivazione greca, secondo il quale le sibilanti [s] e [z], soprattutto se in posizione
intervocalica, si articolano come una [r]; nel caso della sibilante sorda si presuppone una fase
intermedia con sonorizzazione: [s]>[z]>[r]. Fenomeno frequente nelle lingue germaniche ma non
attestato nel gotico.

Ristrutturazione della morfologia nominale


Nelle lingue germaniche si può osservare una trasformazione della morfologia nominale, dovuta a
fenomeni come: ristrutturazione delle sillabe atone; fissazione dell’accento sulla sillaba radicale e
metafonia. Si tratta per lo più di una instabilità che dipende dalla trasformazione del sistema a due
generi indoeuropeo in un sistema a tre generi. (neutro, maschile e femminile)
La flessione passa da una sequenza radice-tema-desinenza ad una di tipo radice-desinenza.
In norreno si associa il genere ad una determinata classe:
-Classe in –u per il maschile;
-Classe in –i: i sostantivi che originariamente appartenevano a questa classe si ridistribuiscono nella
classe in –a per il maschile e in quella in –o per il femminile.
In ata. i sostantivi appartenenti alla classe in –z/-r al singolare seguono la classe in –a mentre al
plurale la classe in –ir.
Nella fase del tedesco medio si osserva una massiccia ristrutturazione delle classi nominali,
soprattutto nella classe in –n dove, in seguito all’indebolimento delle sillabe finali, le vocali
originarie delle desinenze sono tutte passate a –e [ә] e non si avverte più la distinzione, nella
flessione in –n, tra sostantivi maschili e sost. neutri e femminili.
Per questo indebolimento del vocalismo finale, oltre ai temi in nasale, anche i temi in –o escono in –
e. Viene così spiegato il perché il morfema –e fu reinterpretato come femminile e molti sostantivi
della classe in –n (maschili all’origine) cambiano genere.
Nell’inglese medio la declinazione in –n è ancora molto più forte, tanto che si può distinguere
chiaramente l’affermazione di due morfemi di plurale uno in –es (eyes) e uno in –en (children).

Excursus: il genere nelle lingue germaniche


Nella fase antica delle lingue germaniche il genere non era associato a determinate classi di
declinazione (con alcune eccezioni) e la differenza tra le diverse classi di declinazione non era
immediatamente riconoscibile, in quanto vi era una struttura che aveva eliminato la presenza del
tema e che quindi era basata solo su “radice+desinenza”. Il genere di un sostantivo molto spesso
deve essere dedotto dalla concordanza degli elementi che lo accompagnano nel sintagma come
aggettivi, determinanti, participi, pronomi di terza persona singolare. Questa è la situazione del
tedesco, che al singolare conserva tre generi grammaticali.
In inglese il sistema a tre generi non è conservato se non nella distinzione di tre forme pronominali
distinte per la terza persona singolare.
Nelle lingue nordiche il sistema a tre generi è mantenuto in islandese e feringio, che sono le varietà
più conservative mentre nelle altre lingue nordiche standard c’è un sistema a due generi

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

grammaticali, che prevede un genere comune per maschile e femminile e un genere neutro. Anche
in nederlandese si nota una tendenza verso la fusione di maschile e femminile in un unico genere.
Nell’uso fiammingo invece la distinzione tra maschile e femminile è ancora presente.

Pronomi: innovazioni
In norreno le forme del dimostrativo in –θ hanno sostituito del tutto le originarie forme pronominali.
Nel norreno un’ulteriore innovazione è costituita dai due pronomi di terza persona singolare, m.
hann, f. hon, che sono presenti anche nelle altre lingue nordiche.
Dal pronome riflessivo di terza persona sik (vicino al tedesco sich), il norreno sviluppa un clitico –
sk che unito al verbo dà un significato riflessivo. Per la prima singolare è presente il clitico –mk.
Nelle lingue ingevoni si sviluppa una confluenza di accusativo e dativo nei pronomi di prima e
seconda persona, in inglese questa confluenza viene estesa anche ai pronomi di terza persona. Un
ulteriore innovazione dell’inglese riguarda il femminile singolare, che per la prima volta sostituisce
l’antica forma in “heo” con she.

Determinanti: innovazioni
Probabilmente l’ie. non aveva articoli né determinativi né indeterminativi. A parte le più antiche
attestazioni runiche, in tutte le documentazioni troviamo delle forme sviluppate dall’aggettivo
dimostrativo che si possono considerare forme pre-articolo. Si tratta di forme che seguono questo
paradigma sa, so, θat. Questo paradigma viene poi modificato nelle diverse lingue germaniche.
Per la fase antica delle lingue germaniche si parla comunemente di “pre-articolo”.
Il passaggio da dimostrativo ad articolo è dimostrato, per il tedesco, dall’ortografia di Notker che
segnala accenti e lunghezza. (articolo non ha nessun accento, da pronome relativo o dimostrativo ha
l’accento)
Tra le lingue germaniche quelle nordiche sono le uniche a proseguire anche una forma dimostrativa
di origine indoeuropea “ENO-”, che rafforzano con h iniziale.
L’indeterminativo si sviluppa invece a partire dal numerale “uno”.

Pronomi relativi:
in Gotico le frasi relative vengono introdotte dalle particelle –ei –pei. In inglese antico si riscontra
la stessa situazione: la relativa può essere introdotta dalla particella –pe.
In inglese medio si ha pe/the e pat/that per soggetto e oggetto diretto mentre si ha wh- per l’oggetto
indiretto.
In norreno la forma più diffusa è quella introdotta dalla relativa invariabile es/er.
Dalla forma pronominale “samr”, medesimo, si sviluppa l’elemento som/sem che è usato nelle
lingue scandinave per formare frasi relative.

Formazione delle parole: innovazioni


Nello sviluppo utile alla formazione delle parole hanno una parte rilevante i fenomeni di
grammaticalizzazione, fenomeni in cui elementi lessicali evolvono delle funzioni grammaticali.
Il suffisso –dom/-tum era presente nelle varie lingue germaniche come lessema ( “giudizio”). Già
nelle lingue antiche il lessema viene usato come suffisso per formare nuove parole. Evoluzione
analoga l’hanno avuta suffissi come (hood in inglese, heit\keit in tedesco). Suffissi aggettivali e
avverbiali –ly/ -lich si riconducono a sostantivi che significano “corpo, sembianza, cadavere”.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Per la formazione di parole è produttivo anche il metodo della derivazione: questa avviene tramite
affissi presi in prestito da altre lingue (suffissi dal latino, come “arius”) ma anche tramite suffissi
germanici.

Costruzioni perifrastiche
Le lingue germaniche avevano in origine solo un tempo del presente ed uno al passato, ciò
nonostante nelle lingue germaniche moderne sono presenti anche altre forme che molto
probabilmente nel germanico comune e nelle lingue germaniche antiche erano rese tramite
costruzioni perifrastiche.
- Perifrastica passato: le forme del passato del tipo “I’ve lived in Berlin most of the winter”
sono ricondotte a costruzioni risultative (costruzioni che esprimono il risultato attuale di
un’azione passata) con verbo transitivo e oggetto in cui quello che ora è il verbo al participio
passato era una forma attributiva concordata con l’oggetto, in passato. Nel processo di
grammaticalizzazione il verbo avere ha funzione ausiliaria e stringe legame con il participio
passato. La grammaticalizzazione può considerarsi avvenuta quando il verbo avere è unito a
verbi intransitivi, dove deve essere escluso il primitivo significato lessicale di ‘possesso’ e
dove non c’è oggetto.
In inglese moderno e nelle altre lingue nordiche è presente solo il verbo avere come
ausiliare, mentre in nederlandese e in tedesco moderno con gli stessi verbi va usato il verbo
essere.
In ata. la costruzione perifrastica del passato si sviluppa oltre che dal verbo avere anche da
un altro verbo di possesso, “eigan”. Parallelamente oltre a queste costruzioni perifrastiche
con il verbo avere si sviluppano anche quelle con ‘essere’. Anche in norreno si sviluppano
perifrastiche sia con il verbo essere che con il verbo avere.

- Costruzioni perifrastiche del futuro: per il germanico comune non è presente nessuna forma
di futuro. Anche nelle lingue germaniche moderne è possibile esprimere un valore futuro
senza far ricorso ad un tempo verbale, ma per es. attraverso avverbi di tempo. (Morgen rufe
ich den Tierarzt an)
Tutte le lingue germaniche hanno sviluppato forme perifrastiche di futuro. Le più
diffuse sono quelle con verbi modali. Voci corrispondenti ai modali “will” edddddd “shall”
sono presenti come ausiliari per la formazione del futuro nella maggioranza delle lingue
germaniche. In tedesco si è sviluppata anche una forma con “werden”.

- Costruzioni perifrastiche del passivo: nelle lingue germaniche una forma di passivo sintetico
era presente solo in gotico. Nelle altre lingue, gotico compreso, erano presenti forme
perifrastiche, formate con i verbi essere e diventare.
La differenza tra le due forme risiede essenzialmente nel fatto che la costruzione con essere
indica statività, l’altra indica un processo. La progressiva scomparsa delle forme in alcune
delle lingue germaniche moderne (inglese e lingue nordiche, dove sono state sostituite da
un’unica forma con il verbo essere e il verbo diventare è cambiato rispetto alla fase del
germanico comune, non più usato per formare il passivo) dipende da una mancata
grammaticalizzazione, com’è accaduto in tedesco e in nederlandese.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Negazione
Nelle lingue germaniche il clitico usato per formare la negazione si può ricondurre ad una
particella comune “ni/ne” di origine indoeuropea, che cominciò presto ad essere rafforzata
da altri elementi, come pronomi o altri elementi generici con valore di oggetto (“wiht”) che
avevano lo scopo di rafforzare la negazione.
Inizialmente la negazione veniva espressa solo tramite la particella “ni/ne” in posizione
preverbale. Poi questa viene rafforzata da altri elementi (gli stessi scritti sopra)
La caratteristica più evidente della negazione nelle lingue germaniche antiche è la possibilità
di negazioni multiple.
Negazione e ciclo di Jespersen
Il processo che ha portato dalla negazione preverbale con particella ni a not/niet/nicht fu
descritto per la prima volta da Otto Jespersen che in un suo studio sulla negazione nota come
in diverse fasi diacroniche gli elementi che marcano la negazione si semplificano e si
complicano ciclicamente.
Fasi del ciclo:
1. Negazione espressa da un elemento che precede il verbo; NEG + VERBO
2. Negazione preverbale viene indebolita;
3. Negazione indebolita, viene rafforzata da un marcatore negativo enfatico; NEG+VERBO+
[neg]
4. Marcatore negativo diventa obbligatorio; NEG+VERBO+NEG
5. Negazione preverbale facoltativa; [neg]+VERBO+NEG
6. Resta solo la neg.2 (il marcatore) che viene attratto in posizione preverbale, in modo tale da
far ricominciare il ciclo.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Lessico e contatti linguistici


Fenomeni di interferenza linguistica: i contatti tra popoli generano dei prestiti linguistici, vale a dire
l’introduzione di parole provenienti da altre lingue nel lessico. I prestiti possono essere o non essere
adattati alla morfologia, fonetica, grafia o alla pronuncia del sistema linguistico in cui sono entrati.
In situazioni di contatto tra le lingue è il lessico l’ambito linguistico più esposto al mutamento e
quello che più facilmente si adegua ai bisogni comunicativi dei parlanti, opponendo minore
resistenza al cambiamento linguistico.
Le lingue germaniche hanno accolto molti vocaboli dal greco e dal latino, da lingue romanze (in
primo luogo dal francese) e anche da altre lingue germaniche. L’inglese è la lingua con una
maggiore permeabilità al prestito, mentre al polo opposto si colloca l’islandese (islandese per parole
di origine straniera crea neologismi con materiale lessicale endogeno).
Prestito e mutamento linguistico
I prestiti sono quelle parole o parti di parole che una lingua assume da un’altra lingua, adattandole
al suo sistema fonologico e morfologico. L’adozione di un nuovo lemma in un sistema linguistico
provoca in genere un cambiamento, tanto più radicale se la nuova voce assume il significato di una
forma indigena.

In questi casi si possono verificare due situazioni: o la voce indigena diventa obsoleta e scompare
dall’uso oppure assume un’accezione periferica. Il nuovo significato assunto dalla parola indigena è
semanticamente più circoscritto, e/o appartenente ad un registro meno elevato, fenomeno che si
verifica soprattutto quando la lingua da cui si prende il prestito ha maggior prestigio.
La maggior parte dei prestiti è costituita da sostantivi ed aggettivi, meno da verbi e ancor più
raramente da preposizioni e congiunzioni. Verbi entrati come prestiti seguono la coniugazione
regolare.
Prestiti e linguistica storica
Spesso può verificarsi la situazione secondo la quale il sostantivo si integra nel sistema della lingua
d’arrivo, per questo il prestito non è più riconoscibile come tale.
Es. Kaufen in tedesco, cheap in inglese provengono entrambe dal latino “caupo”: una volta
introdotte nel lessico della lingua hanno subito variazioni fonologiche e spostamenti semantici,
cambiando dunque significato.
L’analisi della fonetica dei prestiti può essere d’aiuto per stabilire l’epoca in cui il prestito è stato
accolto o può contribuire alla datazione di fenomeni fonetici, nonché ricostruire la pronuncia di fasi
antiche della lingua. (per es. pag. 179-180)
Calco
Si parla di calco quando un concetto o un elemento nuovo, importato da una cultura diversa, viene
reso non direttamente con un prestito da quella lingua, ma sfruttando il lessico della lingua d’arrivo,
in genere tramite traduzione o perifrasi. Rispetto al prestito, prevede un alto livello di bilinguismo,
in quanto è necessario riconoscere gli elementi della forma che si intende riprodurre.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

I calchi vengono differenziati in calco strutturale e calco semantico. Il primo è un neologismo,


creato usando materiale lessicale e suffissi derivazionali della lingua che accoglie, avendo come
modello la parola della lingua di partenza. (audiolibro>audiobook)
Il calco semantico è un vocabolo già presente nel lessico della lingua di arrivo, in cui assume un
nuovo significato, sul modello della lingua di partenza, senza modificare la propria morfologia o
struttura. (es. navigare usato come in inglese per intendere internet, to surf- to surf the internet)
I calchi nelle lingue germaniche antiche sono molto numerosi nell’ambito del lessico intellettuale e
sono dovuti alla necessità di ampliare il lessico per esprimere concetti nuovi. (vocabolario della
religione cristiana – poiché furono in gran parte i missionari anglosassoni a evangelizzare i popoli
germanici gran parte dei calchi furono trasmessi in inglese antico)
I calchi semantici sono in gran parte ancora oggi nel lessico delle lingue germaniche, mentre quelli
strutturali spesso scompaiono già nel periodo medio. In particolare l’inglese sostituisce i calchi con
prestiti dal francese.

GERMANICO E CONTATTI LINGUISTICI NEL MONDO ANTICO


Celtico e germanico
Ci sono alcuni “celtismi” facilmente identificabili in germanico, come “isarma-” (celt. isarno),
ovvero, ferro (basti pensare alla perizia dei Celti nella lavorazione del ferro) oppure “rika-” (celt.
rig), vale a dire re. (organizzazione sociale dei celti prevedeva un re)
Non tutti i celtismi sono facilmente identificabili in quanto i contatti diretti tra Celti e Germani sono
limitati, sul continente, al periodo antico. I prestiti entrati in questa fase sono comuni a tutte le
lingue germaniche.
Del tutto diversa è la situazione in Gran Bretagna, abitata dai Celti che però furono relegati
dall’espansione degli Angli e dei Sassoni nelle regioni periferiche dell’isola, dove tuttora si parlano
varietà di celtico. (maggior parte dei prestiti più antichi riguarda termini che descrivono il
paesaggio, la pastorizia, gli animali). Altro canale di trasmissione di parole di origine celtica in
inglese è rappresentato dall’attività evangelizzatrice dei missionari irlandesi. (vocaboli legati alla
religione, alla vita monastica che tramite l’inglese sono entrati nel lessico di altre lingue
germaniche)

Greco e germanico
La diffusione del cristianesimo e la traduzione della Bibbia furono il veicolo per la trasmissione di
vocaboli greci appartenenti al lessico della religione nelle lingue germaniche. (sia tramite prestito
che tramite calco) Alcuni vocaboli sono attestati in tutte le lingue germaniche e sono tuttora in uso
nelle lingue moderne, altri invece sono soltanto della tradizione gotica e sono quindi scomparsi con
la fine di questa. (es. vocaboli religiosi … chiesa deriva dal greco “ecclesia”- nelle lingue
germaniche viene introdotto tramite il latino nella variante “kuriakon doma”, casa del signore)

Latino e germanico
I contatti tra mondo germanico e mondo latino sono durati diversi secoli e sono stati
particolarmente intensi, favoriti soprattutto dalla contiguità geografica. Il numero di voci di origine
latina nel lessico di lingue germaniche è molto alto già nel periodo antico. Gran parte di questi
termini appartengono al lessico base e sono termini di uso comune.
A questi si aggiungono in età moderna i prestiti indiretti, ossia voci con etimo latino entrate
attraverso lingue romanze o latinismi colti, a cui le lingue germaniche continuano ad attingere per la

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

creazione di neologismi. La gran parte dei latinismi delle lingue germaniche antiche fanno ancora
parte del vocabolario delle lingue moderne, altre parole sono sparite con il tempo.
Nel descrivere l’apporto del latino alle lingue germaniche si distingue in due fasi: una più antica,
dai primi contatti tra Germani e Romani fino alla fine dell’età delle migrazioni e una seconda fase
quando Angli, Sassoni e Iuti fondarono i loro regni in Inghilterra e iniziò l’ascesa dei Franchi con la
dinastia dei Merovingi.
Il primo strato di prestiti nelle lingue germaniche risale al periodo della colonizzazione romana e si
tratta di voci correlate all’edilizia e al commercio: i Romani costruivano strade, archi, edifici in
pietra ed esportavano prodotti mediterranei come olio, vino, spezie. Un’altra ondata di latinismi
entra con la cristianizzazione e con la conseguente organizzazione della vita monastica, sia religiosa
che intellettuale. (in particolare i latinismi in ambito religioso vengono introdotti in un primo
momento con la fondazione di chiese e monasteri e in un secondo momento durante il periodo della
riforma benedettina)
Tra i latinismi vanno annoverati anche quelli della terminologia grammaticale.

FRANCESE E LE LINGUE GERMANICHE


Il francese, più di tutte le lingue romanze, ha più contatti con le lingue germaniche. Oltre al fattore
geografico, il francese ha molta influenza per l’ascesa politica ed economica della Francia e per la
diffusione della cultura cortese.
Francese ed inglese
L’inglese è la lingua germanica che presenta il maggior numero di francesismi. L’influsso francese è
stato la prevedibile conseguenza di due secoli di dominazione normanna.
Il notevole apporto di vocaboli francesi ha influenzato la fonologia e la grafia dell’inglese medio,
modificando l’inventario dei fonemi. Per es: la fricativa labiodentale sonora [v] occoreva, in inglese
antico, solo in contesto intervocalico sonoro ma mai in posizione iniziale. Con l’ingresso di termini
francesi, possiamo trovare la [v] anche ad inizio parola: very, virtue, voice, village.
La maggior parte del lessico riguarda la sfera cortese e quella amministrativa e della corte.
(government, royal, court, assembly, majesty) della religione e della vita militare (army, navy).
L’ingresso di un così gran numero di nuovi vocaboli provoca una riorganizzazione completa del
vocabolario della lingua inglese (alcune parole scompaiono e vengono sostituite da quelle francese,
altre restano e formano coppie binarie differenti per significati più specifici o generici) e molte
parole sopra citate entrano così profondamente nel lessico che vengono usate per formare composti
e derivati (gentle>gentleman; faith>faithless)
Francese e tedesco
Nell’area linguistica tedesca non si sono create situazioni analoghe a quella inglese, ma il francese
ha contribuito lo stesso all’arricchimento lessicale. Si tratta, anche in questo caso, di parole relative
al mondo cortese.
Nella prima metà del XIV sec. cade in disuso la maggior parte dei prestiti di origine francese legati
al mondo cortese entrati nel corso del XIII, in quanto il mondo cortese decade.
Altre voci si sono conservate, ma con diverso significato. (pris … preis, prezzo o valore economico
anziché premio)
Molti prestiti sono da considerare come “prestiti di ritorno”, in quanto originariamente vocaboli del
lessico germanico, entrati nel francese antico tramite i Franchi o i Normanni, come garçon, da cui
garzun “paggio”.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Il francese e nederlandese: un contesto ulteriormente diverso si configura per l’area nederlandese,


che si distingue in parte settentrionale (Paesi Bassi) e zona meridionale (Fiandre). In quest’ultima si
registra una maggiore influenza per motivi politici e culturali con il lessico francese. Anche per il
nederlandese parte del lessico di origine francese riguarda il mondo della cavalleria e delle corti, ma
scomparirà con la scomparsa del mondo cortese. Il nederlandese, anche grazie alla sua posizione
geografica, ha avuto un importante ruolo nel trasmettere alle altre lingue germaniche calchi o
prestiti dal francese. (cavaliere dal francese in ned. Ridder>ted. Ritter)
Il francese, il nordico e il frisone: nel lessico del frisone si registrano molte voci del francese
antico, legate al mondo della corte. Anche nelle lingue nordiche entrano, tra il XIII e il XIV sec.,
molte parole di origine romanza, tramite il bassotedesco e l’inglese medio.

INFLUSSI TRA LINGUE GERMANICHE


Dal basso-tedesco alle lingue nordiche: i rapporti con l’area tedesca settentrionale vennero
intensificati durante gli anni della Lega Anseatica, quando la Hansesprache, la varietà del basso-
tedesco adoperata come lingua comunitaria, ebbe molta influenza sulle lingue scandinave: in questo
periodo tante parole del basso tedesco sono entrate nel lessico delle lingue scandinave (sv.
Billig>billik in btm.).
Il basso-tedesco condivideva con le lingue nordiche alcuni fenomeni come:
 Assenza della seconda mutazione consonantica;
 Conservazione delle vocali lunghe;
 Mancata assimilazione dei nessi –mp –nk –nt
 Affissi come an, bi, for, fӧr;
 Morfemi derivazionali: -inde –inne –inna
La maggior parte del lessico trasmesso fa parte dell’area commerciale, ma attraverso la mediazione
basso-tedesca si diffonde anche la cultura cortese
Dal norreno all’inglese: vocaboli del norreno nell’inglese sono documentati già per l’inglese
antico. La maggior parte dei prestiti è attestata soltanto dalla fase media. La maggioranza dei
termini di origine scandiva riguarda il vocabolario di base dell’inglese (es. angry, sister, to ask,
dog), mentre i prestiti dal latino e dal francese riguardano campi molto più ristretti.
Il contributo delle lingue scandinave alla formazione dello standard inglese spiega la presenza di
molte forme nordiche nell’inglese moderno.
La presenza di elementi norreni è distribuita geograficamente in modo non uniforme, al nord e in
Scozia nei dialetti vi sono più elementi scandinavi che nel sud.
Il frisone e le lingue scandinave: il frisone, nel momento della sua maggior espansione
commerciale, per la sua posizione sul canale commerciale nel Mare del Nord, ha contribuito ad
arricchire il lessico delle popolazioni nordiche, nell’ambito del commercio e dei mezzi di trasporto.
Il gotico e il tedesco superiore: il gotico ha lasciato tracce nelle varietà dialettali superiori, come il
bavarese, tramite l’attività missionaria della Chiesa ariana. Qualche termine si trasmette a tutte le
lingue germaniche (come got. “daupjan” battezzare> taufen in tedesco; fulwian in ia.) ma la
maggior parte non ha corrispondenze al di fuori dei dialetti tedesco superiori.

PRESTITI ED ONOMASTICA

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Il materiale onomastico è fonte di informazioni, per la conoscenza culturale e per l’acquisizione di


dati utili alla ricostruzione del sistema fonetico di una varietà linguistica.
Occorre però valutare con cautela il materiale in questione, per via delle modifiche o degli
adattamenti che possono aver subito i nomi. Non esistono meccanismi automatici nella
corrispondenza tra la lingua e l’appartenenza a una popolazione e le modalità di assegnazione di un
nome (antroponimo) a volte sono legate a mode passeggere. Anche gli elementi toponomastici non
riflettono necessariamente una corrispondenza biunivoca tra lingua e cultura.
In ogni caso, se usate con la dovuta cautela, le fonti onomastiche diventano importanti per la
ricostruzione dei dati linguistici di una determinata lingua.
Toponimi
Con toponimo intendiamo nomi di paesi e città, nomi propri di elementi del territorio, nomi dei
corsi d’acqua, di monti. I toponimi sono documenti del contatto tra popolazioni ed aiutano a
delineare gli ambiti in cui queste ebbero maggiore influsso.
Toponimi celtici: l’apporto del celtico si nota soprattutto negli idronimi; per esempio:
 Reno < ie. Reinos, fiume;
 Thames < Tam, scorrere;
 Avon < Afon, fiume;
 Dover < dwr, acqua.
L’influsso del celtico è particolarmente evidente nella toponomastica inglese perché il celtico aveva
un tempo una notevole diffusione, prima che non fosse relegato nelle aree periferiche dell’isola. I
toponimi celtici non sono distribuiti in modo uniforme (regioni ad ovest come Galles, Irlanda e
Cornovaglia dove il celtico è tuttora parlato e a nord in Inghilterra settentrionale e Scozia, dove in
passato ha avuto notevole importanza ed è rimasto nei dialetti)
Molte parole celtiche sono riconoscibili anche nella toponomastica (Eastcomb, Duncombe)
Toponimi latini: molti in area inglese, dove la dominazione romana è durata per secoli. I toponimi
inglesi conservano una struttura bimembre, in cui solo un elemento è latino. Per esempio:
 Stratford < lat. Strata “strada” + ia. ford “guado”.
Lungo le coste meridionali sono presenti toponimi con il sostantivo portus: Portchester, Portsmouth,
Portland.
Nella toponomastica inglese ricorre lat. Castrum, castra che per palatizzazione, diventa in ia: ceaster
(Manchester, Chester, Winchester). Accanto a queste abbiamo anche forme senza palatizzazione
come Lancaster, Doncaster.
Nell’Europa centrale, nelle regioni renane, la presenza dei toponimi latini è maggiore. (Köln deriva
da Colonia, Augsburg deriva da Augusta)
Toponimi norreni: sono distribuiti in modo rilevante nell’ex Danelaw, dove il dominio danese fu di
lunga durata. Sono riconoscibili dalla seconda parte del nome, costituita da un elemento lessicale
relativo alle modalità di stanziamento, come:
 By > Gateby;
 Nes > Locness;
 Porp > Austhorpe
Land > Finland, Island, Varmaland; in questo caso il primo elemento descrive caratteristiche
geografiche, relative al mondo della natura. I toponimi nordici sono “toponimi trasparenti” in
quanto tendono a descrivere il luogo e il suo uso, piuttosto che ricordarne la storia.
LINGUE GERMANICHE ANTICHE IN ITALIA

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Una buona parte del lessico ereditato dai “barbari invasori” appartiene tuttora al nostro lessico ed è
integrato nel nostro sistema linguistico. Goti, Longobardi, Franchi hanno lasciato molte tracce nel
lessico e nell’onomastica, senza andare ad intaccare la lingua latina, quella dominante.
Seppur incontrando molte difficoltà data la frammentarietà delle fonti ma anche dal tipo delle fonti
(in italiano restano per lo più parole di uso giornaliero che raramente si trovano in fonti scritte),
possono essere ricostruite le eredità delle lingue germaniche antiche per l’italiano.
Deriva dal got. Haribergo, albergo; bega, litigio.
Dal longobardo faida, vendetta familiare.
Del francone restano per lo più parole legate all’ambito giuridico ed amministrativo, in quanto il
regno dei Franchi lasciava che in Italia fossero presenti prevalentemente nobili e funzionari e quindi
i contatti tra le due lingue e culture riguardavano per lo più i ceti più elevati.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Cap.6- LE LINGUE GERMANICHE NEL PRESENTE: AREE, PARLANTI E POLITICHE


LINGUISTICHE
Le lingue germaniche parlate oggi con status di lingua ufficiale sono:
1) Lingue occidentali: inglese, tedesco, nederlandese, frisone, lussemburghese, afrikaans,
jiddish
2) Lingue nordiche: islandese, norvegese, danese, svedese, feringio
Le lingue sopra elencate presentano situazioni molto disomogenee tra loro rispetto a:
- Numero di parlanti: nessuna lingua eccetto l’inglese conta un alto numero di parlanti al di
fuori dell’Europa
- Distribuzione territoriale in Europa e negli altri continenti: inglese ha estensione mondiale,
tedesco la più diffusa territorialmente in Europa
- Status sociolinguistico: alcune sono lingue nazionali, altre hanno status ufficiale oppure
sono lingue regionali (lingue parlate in una parte del territorio di uno stato) o minoritarie
(lingua parlata da una minoranza della popolazione che parla la lingua maggioritaria dello
stato).

Lingue nordiche.
Islandese: parlato solo in Islanda, lingua più conservativa di tutte le lingue germaniche.
Morfologicamente è identico all’islandese antico, gli unici cambiamenti intervenuti sono quelli
fonetici (quantità vocalica non più distintiva, occlusive sonore sostituite da consonanti palatali)
Isolamento geografico si riflette anche nella formazione di neologismi: islandese non accetta
prestiti, ma crea neologismi con materiale lessicale endogeno.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Cap.7- LA TRADIZIONE GERMANICA


La filologia germanica si dedica all’indagine di quei tratti che possono considerarsi appartenenti ad
un nucleo germanico comune, ricavabili nei testi di diritto o nella poesia eroica.
D’altra parte va tenuto in conto che la cultura delle popolazioni germaniche è stata per molto tempo
orale, perciò molte fonti sono indirette nel senso che le prime fonti che ci arrivano sulla cultura e la
tradizione germanica sono in altre lingue.
Inoltre, va ricordato che la diffusione della scrittura in area germanica non è nelle varie lingue
germaniche ma per l’area occidentale in latino e per quella orientale in greco. Per questo anche
quando un testo è ideato da personaggi di discendenza germanica è scritto in latino.
Il trattato di Tacito e il Widsip di Diacono ne sono una prova.
Per quanto ci siano tracce di una tradizione comune tra gli antichi germani, non si può
parlare di un complesso omogeneo identificabile come “letteratura germanica antica”. E le
varie culture, norrena\anglosassone\basso, alto-tedesca, vanno considerate come discendenti della
cultura germanica ma non come equivalenti a quest’ultima.

ORALITA’ E SCRITTURA
Arrivo della scrittura nel mondo germanico: si possono considerare 4 diverse ondate.
1) Il primo contatto con la scrittura è avvenuto tramite il mondo romano (scrittura per
amministrazione imperiale e pragmatica, quest’ultima dedicata a commercio, ordini militari,
lettere)
2) Un secondo approccio con la scrittura è testimoniato dalle iscrizioni runiche che utilizzano
un alfabeto di probabile derivazione italica. È nella seconda fase che si inizia a parlare di
letterarizzazione della cultura germanica, in quanto in questa fase inizia la messa per iscritto
di parole e frasi in lingua germanica.
3) Impulso legato alla cristianizzazione. (Visigoti- traduzione Bibbia in gotico)
4) Espansione del cristianesimo cattolico. Il latino diventa lingua della religione cattolica,
imperante in Europa occidentale.

Caratteri della tradizione orale nelle lingue germaniche: Metro e ritmo


La prima eredità della cultura germanica comune è un particolare tipo di verso, diffuso in tutta
l’area germanica. Si tratta del cosiddetto verso lungo allitterante, vale a dire un verso lungo
articolato in due emistichi separati da una cesura. Il collegamento tra i due emistichi è dato
dall’allitterazione.
La più antica documentazione è l’iscrizione runica sul Corno di Gallehus, del 400 d.C, altre tracce
letterarie sono il “Canto d’Ildebrando” e il Beowulf.
Vocabolario poetico
Le composizioni poetiche, oltre ad avere precise caratteristiche ritmiche e strutturali, hanno anche
un lessico che si distingue da quello usato nella prosa. Nella prosa si usano parole del vocabolario
corrente, mentre nella poesia si mantenevano termini obsoleti/arcaismi.
Quando troviamo arcaismi sia in poesia che in prosa, questi hanno significato diverso. Per esempio:
mere, mare in poesia e stagno in prosa.
In poesia si registrano molti termini che sono spostamenti di significato, come la sineddoche (es.:
legno, per descrivere la nave).
Oltre a queste figure retoriche, troviamo metafore e metonimie.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Repertorio formulare
Uso estensivo di formule, sequenze fisse di elementi linguistici, che ben si adattano ad essere usate
in situazioni ricorrenti, nelle stesse condizioni metriche. (es. forma che introduce il discorso diretto,
dove il nome di chi parla è spesso unito al nome del padre “Beowulf disse, figlio di ECGTHEOW”)
Una formula fissa è, per esempio: Hwaet, we, che richiama l’attenzione del pubblico. (“Ascoltate,
parleremo di questo”)
L’uso di formule fisse era necessario per la memoria.
Composti dvandva
Caso interessante di conservazione di termini arcaici, pangermanici. I “dvandva” sono dei composti
che si riferiscono a due o più entità che possono essere collegate dalla congiunzione “e”: il
significato che ne risulta è dato dalla somma dei termini base (es. cassapanca, süß-sauer)
Erano molti frequenti in sanscrito. Nella tradizione germanica, per esempio nel Beowulf abbiamo il
composto dvandva “zio-nipote” e “suocero-genero”. Nelle lingue germaniche restanti, si ha il
composto “figlio- padre” e “padre-figlio”.
Kenning e variazione
È un nome composto formato da due elementi: un nucleo e una determinazione. Nelle lingue
germaniche il più diffuso è il termine impiegato per dire “principe”, espresso con la perifrasi: colui
che distribuisce anelli.
Kenning è una parola norrena, usata nei trattati di poetica per definire proprio questo tipo di
circonlocuzione.

Sviluppi della tradizione germanica


In area tedesca, lo scopo di Carlo Magno era quello di mettere per iscritto le fonti della
tradizione orale, iniziativa volta a rafforzare le radici culturali germaniche. Ciò nonostante, in area
tedesca non ci sono tanti testi in volgare che possano provare una volontà di trasmissione del
patrimonio della letteratura tradizionale, fatta eccezione per il Canto d’Ildebrando. Quest’ultimo
contiene molte delle caratteristiche tipiche della tradizione poetica germanica (metro, versi
allitteranti, elementi stilistici, arcaismi)
In ogni caso, a lungo andare la poesia di tradizione germanica perde centralità e si fonde con
elementi latini e della religione cristiana. Ne sono una prova il “Liber Evangelorium” e il “Canto di
Ludovico”, che introducono un nuovo verso lungo a metà tra quello tradizionale e quello della
poesia cristiana.
Oltre alla poesia a tema religioso, ha importanza la poesia mitico-eroica:
 Canto dei Nibelunghi;
 Canto d’Ildebrando;
 Incantesimi di Merseburgo
 Canto di Lodovico

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

In area inglese, la situazione è completamente diversa rispetto a quella dell’area tedesca. La


produzione poetica è conservata in quattro codici, per un totale di 40.000 versi.
Questi codici sono:
 Exeter Book, che raccoglie componimenti poetici di vario tipo;
 Codice Junius; poesie di carattere biblico;
 Cotton Book dove è conservato il Beowulf;
 Vercelli Book, componimenti di carattere religioso.
Oltre a queste raccolte di manoscritti, in area inglese sono diffusi testi dedicati alle vite dei Santi:
Andrea, Giuliana, Elena e Guthlac A e B.

In area nordica, attestazione di due grandi testi:


 Edda poetica, rinvenuta da Sveinsonn. Si tratta molto probabilmente di una versione in versi
dell’Edda di Snorri, un testo in prosa di epoca seguente. L’Edda Poetica contiene 31 testi,
suddivisi in due sezioni: mitica ed eroica.
 Edda di Snorri. (trattato in poetica e di mitologia norrena)
Molto diffusa in area nordica, era anche la poesia scaldica, recitata a corte dagli Scaldi; si tratta di
poesia encomiastica recitata a corte dei re di Norvegia.

LE RUNE
L’origine delle rune sarebbe da ricercare in alfabeti nord-italici e poi giunte in area germanica
tramite i movimenti delle popolazioni germaniche e il contatto con altre culture.
L’alfabeto runico è detto “Fuþark (o Futhark)”, prende nome dalla prima serie di sei caratteri. Il
Fuþark contiene 24 caratteri ed è detto “Fuþark antico”.
Il termine ‘runa’ è diffuso nell’intera area germanica con un significato centrale, riconducibile a
qualcosa di segreto, nascosto. (collegamento tra rune ed esoterismo, si dice siano state scoperte dal
dio Odino)
Le iscrizioni in runico sono per lo più su pietra, bratteati (monete con una stessa immagine sulle due
facce) e su oggetti ritrovati in tombe.
Le rune in area continentale: nell’area tra Reno e Germania centro-meridionale, vale a dire quella
abitata da Franchi ed Alemanni, l’uso di scrivere rune è attestato solo a partire da metà del VI
secolo. Nei pochi anni in cui sono state usate, le rune hanno avuto molta rilevanza.
Le rune in area inglese: l’originaria serie runica di 24 segni viene ampliata in un sistema alfabetico
da 26 a 33 segni, per adattarsi alle mutazioni fonologiche intervenute nell’inglese antico. La serie
delle rune anglosassoni è nota come fuporc (leggi futorc). I più importanti documenti runici
dell’area inglese sono:
 Incisione su osso di balena, Franks Casket. Attesta la presenza di rune contemporaneamente
all’epoca della cristianizzazione;
 Croce di Ruthwell, una croce gigantesca istoriata con le storie dei vangeli e tralci di vite.
Questa documentazione conferma quanto detto prima, ossia che rune e cristianesimo non
sono sempre in opposizione.
 Firme lasciate dal poeta Cynewulf sono in runico

Le rune in area nordica: qui il fupark si riduce a 16 segni ed è nominato come fupark recente. Risale all’età
vichinga e pertanto viene esportato anche altrove. In area nordica le rune restano fino al XIV sec.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

CAP.8- INCONTRI LINGUISTICI NEL MEDIOEVO


1. Latino e lingue germaniche nel mondo antico: tra latino e lingue germaniche i contatti
hanno luogo in particolare relazione a quattro ambiti: commercio; scambi alle zone di
frontiera: nei reparti militari dell'esercito romano, dato il massiccio ricorso di mercenari
germanici; in una fase più tarda, all'interno dell'impero romano stesso, a seguito delle
diverse ondate migratorie.
Tuttavia, siccome le lingue germaniche sono considerate barbare, i romani sono poco
propensi ad apprenderne l'idioma. È dunque molto probabile che i barbari in posizioni di
rilevanza nell'esercito fossero bilingui, come dimostrato dalle tavolette di Vindolanda, le
quali riportano una serie di messaggi destinati ai soldati.
Molto meno frequenti sono le notizie che attestano la conoscenza di una varietà germanica
da parte dei romani.
0L'atteggiamento nei confronti dei barbari cambia quando la relazione con i romani si ribalta
e i Germani istituiscono in Europa veri e propri regni. L'opera di Venanzio Fortunato
testimonia bene questo passaggio, infatti se con i Merovingi i Franchi consolidano il loro
dominio sulla Gallia, intensificano anche i loro rapporti con le popolazioni gallo romane e
con l’élite di lingua latina.

2. I contatti del gotico pellegrino: il gotico occupa una posizione particolare rispetto ai
contatti tra lingue per il suo essere pellegrino, in quanto lingua che si sposta con la sua
“gens”. La tradizione scritta gotica inizia con l'opera di traduzione della Bibbia di Vulfila,
condotta sulla base di un testo greco, tuttavia si possono rintracciare già segni del contatto
con la cultura romana. (anche se ci sono tracce romane, l’apporto greco è molto più
importante come dimostra l’alfabeto vulfiliano, elaborato in gran parte a partire dal greco)
Con le migrazioni delle popolazioni gotiche cambia anche il tipo di contatto linguistico.
La corte ostrogota di Teoderico a Ravenna fu un importante centro culturale, si ricorda che il
prezioso Codex Argenteus della Bibbia vulfiliana fu con ogni probabilità redatto lì. Alla
corte di Ravenna la lingua gotica guadagna prestigio. In questo periodo si intensificano i
contatti sia con il mondo greco che con quello latino.

3. Latino e lingue germaniche nel medioevo: se in area romanza l'evoluzione del volgare e la
sua separazione dal latino fa in modo che fino all'epoca carolingia si possa parlare di
diglossia, dove il latino costituisce la varietà alta e il volgare quella bassa, in area germanica
invece la situazione si presenta in modo diverso, perché l'alternanza tra volgare e latino
viene considerata come bilinguismo. Il latino smette in questo periodo di essere associato
all’impero romano e diventa piuttosto un mezzo per la cristianità, in quanto in latino sono
scritti tutti i testi religiosi attinenti alla Bibbia e i Vangeli. I detentori della cultura latina
sono monaci e chierici.
Il medioevo vede dunque una latinizzazione dell’area germanica e, seppur presenti, i testi in
volgare rappresentano un’eccezione.
I primi testi redatti in volgare nascono dall'esigenza di mediare gli scritti latini necessari per
la formazione culturale dei clerici ma anche dalla volontà di trasmettere oralmente ai laici
“illitterati” i fondamenti del credo cristiano in una lingua a loro comprensibile.

4. Glosse e glossari: Le glosse rivestono una notevole importanza per la nostra conoscenza del
lessico dell’inglese e del tedesco antichi e documentano quali fossero i vocaboli di più
difficile comprensione. Attraverso la glossatura, un termine, generalmente latino, che
bisognava spiegare viene chiarito o attraverso uno o più sinonimi latini oppure tramite una o
più traduzioni in volgare (interpretamentum).

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

A seconda della posizione dell'interpretamentum rispetto al lemma le glosse si suddividono in


marginali (scritte ai margini del testo), interlineari (scritte sopra il testo) o contestuali.
Dalle glosse si passa ai glossari, compilazioni di lemmi e interpretamenta di un determinato testo o
un gruppo di testi. Per esempio il glossario di Leida.
I glossari possono essere di tipo alfabetico oppure divisi per soggetto. L'ordinamento per soggetto si
basa sulla tradizione dei cosiddetti Hermeneumata, testi didattici bilingui latino-greco; contengono
dialoghi e liste di vocaboli.
In era tedesca la tradizione degli Hermeneumata è rappresentata dal Vocabolarius Sancti Galli che
contiene diversi glossari per soggetto.

5. Glosse, traduzioni e commenti: con la Riforma benedettina, nella vita monastica spetta un
ruolo fondamentale all’officium dei (preghiere, canti, salmi). Diventa quindi necessario che i
fedeli capiscano quanto leggono e per questo motivo nelle scuole monastiche si sviluppa
un’intensa attività di glossatura, come la prima parte della Regola Benedettina altotedesca.
Questo testimonia che gli alumni erano ormai costretti a imparare una lingua latina sempre
più estranea a loro.
In area tedesca ha un ruolo notevole l’opera di traduzione e commento svolta presso il
monastero di San Gallo, dove spicca la figura del monaco Notker III, che traduce e
commenta testi di rilievo come le “Categorie” di Aristotele e testi filosofici del periodo
tardo romano. Notker III sviluppa un proprio lessico ed è interessato alla piena
comprensione del testo originale, sia sul piano linguistico che su quello contenutistico. La
comprensione linguistica avviene tramite tre stadi:
1. Lettura del testo latino;
2. Lettura del testo latino secondo un ordine piano;
3. Traduzione in volgare come ausilio alla comprensione.

Romània e Germania: l’impulso di allargare l’uso del volgare anche alla scrittura va ricondotto in
primis all’ambito liturgico, quando ci rese conto che se si voleva che anche il vulgus fosse
consapevole del messaggio cristiano, l’unica soluzione necessaria era utilizzare una lingua
comprensibile per i non letterati.
1. I giuramenti di Strasburgo: nelle sue Storie, Nitardo riporta per l’anno 842 l’incontro a
Strasburgo tra Carlo il Calvo e Ludovico il Germanico, che sancisce un’alleanza contro il
terzo fratello Lotario. L’autore sottolinea che i due sovrani utilizzano due lingue diverse per
parlare con i sudditi: Ludovico, che parla all’esercito del fratello, usa la romana lingua e
Carlo, la teudisca. I giuramenti sono stati scritti da Nitardo nei due volgari francese e
tedesco, perché ha cercato di rendere più fedelmente quanto realmente pronunciato. Il testo
documenta come tra area occidentale e orientale dell’impero si fosse creato un confine
linguistico, nel senso che la gran parte delle popolazioni germaniche penetrate nelle (ex)
province romane avevano adottato la varietà romanza.
2. Dizionari di viaggio: la più antica testimonianza che documenta la necessità di approntare
un testo per l’apprendimento di un volgare germanico sono le Glosse Cassellane (da
Kassel), scritte nel monastero di Fulda. Si basano sulla tradizione degli Hermeneumata, in
particolare sono state rilevate affinità con il Vocabolarius Sancti Galli.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)


lOMoARcPSD|8542875

Vi è una divisione per argomenti, ci sono inoltre parti dialogiche. Queste glosse molto
probabilmente non furono redatte con l’obiettivo dell’apprendimento del latino, ma piuttosto il
latino è usato come mezzo per conoscere meglio il volgare, in questo caso tedesco.
Un’altra testimonianza è rappresentata dalle Conversazioni di Parigi, contenenti una serie di
glossari con parole ai margini scritte in volgare tedesco e in latino aggiunte successivamente (IX-X
SEC). A differenza delle Glosse Cassellane lo scrittore è gallo-romano, pertanto troviamo un
rovesciamento del ruolo del latino, che qui viene usata come lingua dell’interpretamentum.

Contatti tra lingue germaniche in area inglese: la permanenza di contatti tra le due sponde del
Mare del Nord è confermata in area inglese dal testo della cosiddetta Genesi B, esempio precoce di
traduzione da un’altra lingua germanica: il sassone antico.
Questa parte è stata denominata Genesi B per essere distinta dal resto dell’opera in sassone antico.
Il metro usato è quello lungo germanico, la differenza risiede nel numero di sillabe atone, maggiore
nel sassone antico.
Inglese e norreno: nell’VIII secolo iniziarono le scorrerie dei Vichinghi in Inghilterra che
terminarono nel momento in cui Re Alfredo riuscì a pacificare l’Inghilterra squassata dalle continue
guerre vichinghe circoscrivendo gli invasori nei territori nordorientali, nel cosiddetto DANELAW.
La massiccia presenza scandinava comporta conseguenze sul piano linguistico, tanto più intense
quanto maggiore è la preponderanza numerica scandinava. Il contatto tra le due varietà era
circoscritto alla lingua parlata, per questo l’attestazione di prestiti è tarda, e spesso parte dall’inglese
medio.

Scaricato da Laura Laudanna (lalla7@hotmail.com)

Potrebbero piacerti anche