Sei sulla pagina 1di 4

Materiali da Costruzione – Progettazione Costruzioni ed Impianti 1

Riepilogo norma UNI 206 e tabelle utili per il Mix Design del Calcestruzzo

Tabella 3 - Dimensioni massime dell’aggregato secondo UNI EN 206.

Le dimensioni massime dell'aggregato sono in relazione con lo spessore del copriferro e con l'interferro minimo delle
armature metalliche. Dmax rappresenta la dimensione massima dello setaccio con il quale è determinata la
dimensione dell'aggregato secondo la UNI EN 12620. Secondo quanto stabilito dalle NTC e dalla relativa Circolare
esplicativa delle NTC, il diametro massimo dell'inerte deve essere tale che:
Dmax < 1/4 della dimensione minima dell'elemento strutturale per evitare di aumentare la eterogeneità del
materiale;
Dmax < dell'interferro (in mm) - 5 mm per evitare che l'aggregato più grosso ostruisca il flusso del calcestruzzo
attraverso i ferri di armatura;
Dmax < 1,3 volte lo spessore del copriferro per evitare che tra i casseri e l'armatura sia ostruito il passaggio del
calcestruzzo.

Tabella 4 – Valori minimi per lo spessore di copriferro in relazione alla protezione delle armature, proposti
dall’EUROCODICE 2.
Minimo spessore di copriferro (mm)
Classe di Esposizione
C.A. C.A.P.
X0 10 10
XC1 15 25
XC2, XC3 25 35
XC4 30 40
XS1, XD1 35 45
XS2, XD2 40 50
XS3, XD3 45 55
XF1, XF2 40 50
XF3, XF4 45 55

TRIENNIO C.A.T. ITET G. MAGGIOLINI di PARABIAGO Prof. Gianluigi Ferrario


Materiali da Costruzione – Progettazione Costruzioni ed Impianti 2

Riepilogo norma UNI 206 e tabelle utili per il Mix Design del Calcestruzzo
Tabella 5 – Valori limite raccomandati per la composizione e le proprietà del calcestruzzo secondo UNI EN 206.

Min. classe di Min. cemento Aria


Classe di Esposizione Descrizione Max a/c
resistenza (MPa) (Kg/mc) inglobata (%)
NESSUN RISCHIO X0 Molto secco / C12/15 / /
XC1 Secco o sempre bagnato 0,65 C20/25 260 /
CORROSIONE DA XC2 Umido, raramente secco 0,60 C25/30 280 /
CARBONATAZIONE XC3 Moderatamente umido 0,55 C30/37 280 /
XC4 Cicli asciutto-bagnato 0,50 C30/37 300 /
CORROSIONE DA XD1 Moderatamente umido 0,55 C30/37 300 /
CLORURI NON DA XD2 Bagnato, raramente secco 0,55 C30/37 300 /
ACQUA DI MARE
XD3 Cicli asciutto-bagnato 0,45 C35/45 320 /
CORROSIONE DA XS1 Atmosfera marina 0,50 C30/37 300 /
CLORURI DA ACQUA XS2 Sommerso 0,45 C35/45 320 /
DI MARE
XS3 Zone spruzzi, onde, maree 0,45 C35/45 340 /
XF1 Umidità moderata / no sali 0,55 C30/37 300 /
ATTACCO XF2 Umidità moderata / sali 0,55 C25/30 300 4%
GELO-DISGELO XF3 Umidità elevata / no sali 0,50 C30/37 320 4%
XF4 Umidità elevata / sali 0,45 C30/37 340 4%
XA1 Bassa aggressività 0,55 C30/37 300 /
AMBIENTI CHIMICI
AGGRESSIVI XA2 Moderata aggressività 0,50 C30/37 320 /
XA3 Alta aggressività 0,45 C35/45 360 /

TRIENNIO C.A.T. ITET G. MAGGIOLINI di PARABIAGO Prof. Gianluigi Ferrario


Materiali da Costruzione – Progettazione Costruzioni ed Impianti 3

Riepilogo norma UNI 206 e tabelle utili per il Mix Design del Calcestruzzo

TRIENNIO C.A.T. ITET G. MAGGIOLINI di PARABIAGO Prof. Gianluigi Ferrario


Materiali da Costruzione – Progettazione Costruzioni ed Impianti 4

Riepilogo norma UNI 206 e tabelle utili per il Mix Design del Calcestruzzo

TRIENNIO C.A.T. ITET G. MAGGIOLINI di PARABIAGO Prof. Gianluigi Ferrario