Sei sulla pagina 1di 172

GT1000

Manuale hardware e software

Answer Drives S.r.l. - Partially owned by Ansaldo Sistemi Industriali -S.p.A.

answerdrives.com
GT1000

MANUALE HARDWARE E SOFWARE

Codice: IMGT10002IT
Revisione: 0.3
Versione SW 1G0006B1
Data Nov-07

Contattateci per informazioni e commenti al seguente indirizzo:

www.answerdrives.com

Answer Drives S.r.l vi ringrazia per aver scelto un prodotto della famiglia GT1000 e per eventuali segnalazioni utili a migliorare questo manuale.
GT1000 Sommario

SOMMARIO
Sommario.........................................................................................................................................................i
1 Prefazione ....................................................................................................................................................1
Precauzioni di sicurezza 2
2 Ricezione, immagazzinaggio e dati tecnici
2.1. Ricezione, scarico, sballatura e ispezione dell'inverter 5
2.1.1 Sballatura taglie I, II, III, IIIX, IIIL 5
2.1.2 Sballatura taglie IV, V, VI 5
2.1.3 Sballatura taglie VII 6
2.2. Immagazzinaggio 6
2.3. Dati di catalogo 7
2.3.1 Sigla d’identificazione 7
2.3.2 Targhetta 7
2.3.3 Condizioni ambientali ammissibili 8
2.3.4 DatI elettrici 9
2.3.5 Raffreddamento 10
2.3.6 Dimensioni e pesi 10
2.4. Norme 11
3 Installazione
3.1. Installazione meccanica 13
3.1.1 Montaggio 14
3.2. Installazione elettrica 16
3.2.1 Schema collegamenti di potenza e controllo 17
3.2.2 Cavi d’alimentazione, fusibili d’alimentazione e alimentazioni ausiliarie 18
3.3 Precauzioni d’installazione per l'attenuazione delle emissioni elettromagnetiche 20
3.4 Reattori 27
3.5 Sezione di controllo 29
3.5.1 Scheda di controllo a microprocessore 29
3.5.2. Descrizione dei segnali di controllo 31
3.5.2.1 Comandi digitali 31
3.5.2.2 Segnali d’impostazione della velocità 33
3.5.2.3 Uscite analogiche 33
3.5.2.4 Uscite digitali 33
3.6 Lista di controllo installazione 34
4 Manutenzione
4.1 Precauzioni di sicurezza 35
4.2 Manutenzione preventiva 36
4.3 Smaltimento 36
5 Note applicative
5.1. Principio di funzionamento 37
5.1.1 Schema inverter 38
5.1.2 Formule generali 39
5.2 Selezione dell'inverter 40
5.3 Note applicative 40
5.4 Applicazioni con motori speciali 40
5.5 Scelta del motore 41
6 Opzioni
6.1. Unità Frenante ..43
6.1.1. Introduzione ..............................................................................................................................................43
6.1.2. Installazione ..............................................................................................................................................43
6.1.3. Scelta del resistore ...................................................................................................................................44
6.2 Tastierino ..45
6.2.1. Installazione del tastierino........................................................................................................................45
6.2.2. Installazione su porta del quadro.............................................................................................................46
6.3 Scheda espansione ingressi encoder (GEDEA1-GEDEA) ..47
6.3.1 Descrizione schede GEDEA e GEDEA1 .................................................................................................47
6.3.2. Installazione scheda .................................................................................................................................48
6.3.3. Check dell'encoder....................................................................................................................................48
6.3.4 Primo avviamento del sistema inverter-motore-encoder ..........................................................................50
6.3.5. Applicazioni particolari ..............................................................................................................................50

IMGT100012IT i
Sommario GT1000

7 Avviamento-test-visualizzazione e programmazione ................................................................................


7.1. Predisposizione del costruttore ............ 51
7.2 Descrizioni del display e del tastierino ............ 51
7.3 Struttura e modifica dei parametri ............ 53
7.3.1 Esempio di programmazione .............................................................................................................................. 54
7.4 Memorizzazione dei parametri protetti ............ 55
7.4.1 Blocco/sblocco modifica parametri (Password) ..................................................................................................55
7.4.2 Blocco/sblocco modo "LOCALE" ........................................................................................................................55
7.5 Primo avviamento ............ 55
7.5.1 Primo avviamento da tastierino...........................................................................................................................55
7.5.2 Messa in servizio rapida ..................................................................................................................................... 56
7.6 Ripristino delle tarature di fabbrica ............ 56
7.7 Tabelle parametri ............ 57
7.8 Descrizione parametri ............ 66
7.8.1 Monitor ................................................................................................................................................................66
7.8.2 Drive.................................................................................................................................................................... 68
7.8.3 Parametri d’accoppiamento motore-inverter....................................................................................................... 69
7.8.4 Riferimenti........................................................................................................................................................... 70
7.8.5 Rampe................................................................................................................................................................. 72
7.8.6 Volt su Hertz (V/F) .............................................................................................................................................. 73
7.8.7 Regolazione di velocità ....................................................................................................................................... 76
7.8.8 Regolazione di coppia......................................................................................................................................... 77
7.8.9 Regolatori interni................................................................................................................................................. 81
7.8.10 Abilitazioni interne varie ...................................................................................................................................... 82
7.8.11 Configurazioni uscite analogiche ........................................................................................................................ 84
7.8.12 Configurazioni ingressi analogici ........................................................................................................................ 85
7.8.13 Configurazioni uscite digitali ............................................................................................................................... 86
7.8.14 Configurazioni ingressi digitali ............................................................................................................................ 87
7.8.15 Parametri configurazione seriale ........................................................................................................................ 88
7.8.16 Serial OUT (Profibus).......................................................................................................................................... 89
7.8.17 Serial IN (Profibus).............................................................................................................................................. 89
7.8.18 Configurazione diagnostica................................................................................................................................. 90
7.8.19 Abilitazione funzioni ausiliarie............................................................................................................................. 91
7.8.20 Motopotenziometro: Fn1.xx ................................................................................................................................ 92
7.8.21 Ripresa al volo: Fn2.xx (V/F) .............................................................................................................................. 94
7.8.22 Auto reset: Fn3.xx............................................................................................................................................... 95
7.8.23 Riferimento in frequenza (FOC).......................................................................................................................... 96
7.8.24 Recupero cinetico (V/F): Fn5.xx ......................................................................................................................... 97
7.8.25 Funzione PID: Fn6.xx ......................................................................................................................................... 99
7.8.26 Miscellanea 1: Fn7.xx ....................................................................................................................................... 102
7.8.27 Funzione cedevolezza (FOC) ........................................................................................................................... 103
7.8.28 Funzione “Profilo di velocità”............................................................................................................................. 104
7.8.29 Protezione termica motore tramite PTC o NTC ................................................................................................ 105
7.8.30 Funzioni per il controllo di sistemi di pompaggio: PMP.xx................................................................................ 106
7.9 Descrizione delle protezioni / rimozione delle cause 111
7.10 Note riguardanti i parametri riservati 113
8 Interfaccia Seriale ANSI-X3.28-2.5-A4
8.1 Introduzione 115
8.2 Interfaccia seriale RS485 115
8.3 Il protocollo ANSI- X3.28-2.5-A4 115
8.4 Impostazione dei parametri per la comunicazione 115
8.5 Il comando Read 116
8.6 Il comando Write 116
8.7 Utilizzo dell'interfaccia seriale 119
8.8 Utilizzo ANSI- X3.28-2.5-A4 collegata a P.C. tramite RS232 120
APPENDICE A: dimensioni e schemi di potenza ..........................................................................................
A.1
Dimensioni ......................................................................................................................................................................... 121
A.2
Schemi Elettrici .................................................................................................................................................................. 126
APPENDICE B: Schema a blocchi del sistema.................................................................................................... 131
APPENDICE C: INTERFACCIA PC ........................................................................................................................ 141
APPENDICE D: OZONIZZATORE ............................................ ..........................................................................................................145
APPENDICE E: PROFIBUS DP ................................................. ..........................................................................................................151
Answer Drives S.r.l. non è responsabile per omissioni tecniche o editoriali contenute nel presente manuale, né può essere
considerata responsabile per danni incidentali o consequenziali dovuti all'utilizzo dell'informazione contenuta in questo manuale.

ii IMGT100012IT
1 PREFAZIONE
Questo manuale fornisce informazioni dettagliate e le norme di sicurezza in merito all’installazione ed alla messa in servizio, all’uso ed alla
manutenzione degli inverter serie GT1000.
Il manuale è stato redatto per operatori specializzati coinvolti nell’installazione, montaggio, messa in funzione e manutenzione degli inverter
GT1000, ed adotta tre differenti tipologie di sicurezza corredate dai loro simboli d’identificazione per indicare informazioni che richiedono
un’attenzione speciale:

Indica un’azione scorretta che potrebbe determinare situazioni pericolose per gli operatori.
ATTENZIONE!
Inoltre, avvisa il personale di possibili pericoli che potrebbero verificarsi durante le operazioni di
manutenzione.

Tensione pericolosa Segnala la presenza di alte tensioni con il conseguente rischio di morte o
shock elettrico per gli operatori.

Indica le situazioni che potrebbero metter a rischio l’incolumità delle persone o e/o danneggiare
le apparecchiature.

AVVERTENZA Indica una procedura che dovrebbe essere seguita o evitata per eseguire in modo corretto
operazioni d’installazione, riparazione o sostituzione senza danneggiare l’inverter.

Indica operazioni nell’ambito delle quali devono essere evitate le scariche elettrostatiche.

☞ Simbolo generico d’AVVERTENZA.

NOTA E’ utilizzato per spiegare un’istruzione, un’operazione di riparazione o altro.

Simbolo generico di NOTA.


3
Struttura Documentazione
La documentazione del GT1000 include i seguenti manuali:
MANUALE IMGT10001IT
NOTE APPLICATIVE NAxxGTxx

ATTENZIONE! Assicurarsi di leggere integralmente e comprendere appieno il presente MANUALE prima di eseguire
qualsiasi intervento sul GT1000.

IMGT10002IT 1
Precauzioni di sicurezza GT1000

PRECAUZIONI DI SICUREZZA

Questa sezione contiene informazioni riguardanti la sicurezza necessarie ed utili per il personale che opera con il GT1000. Le informazioni
sono generali e riguardano i rischi, sia per gli operatori sia per il personale di manutenzione, relativi al funzionamento e alla manutenzione
dell'inverter. Il mancato rispetto di tali norme può mettere a repentaglio l’incolumità delle persone con rischio di morte e danneggiare
l’inverter, il motore o la macchina operatrice.
Prima di operare con l’unita’ leggere le istruzioni di sicurezza.
Tutte le operazioni di manutenzione elettrica ed installazione sul GT1000 devono essere eseguite da tecnici
ATTENZIONE! qualificati.
Tutte le procedure standard di sicurezza elettrica devono essere rispettate:
• Assicurarsi, prima di toccare qualsiasi elemento all’interno dell’inverter, che lo stesso non sia a
temperatura elevata e/o in tensione.
• Indossare sempre calzature antinfortunistiche isolate o in gomma e occhiali protettivi.
• Non lavorare mai da soli.
• Non collegare mai al sistema dispositivi di misura od oscilloscopi messi a terra.
• Non rimuovere mai gli schermi di sicurezza.
• Fare sempre estrema attenzione quando si maneggiano dei componenti o si eseguono misure
all'interno del quadro.

PERICOLO!
• Il GT1000 e tutti gli altri dispositivi collegati DEVONO ESSERE MESSI A TERRA IN MODO ADEGUATO.
• Le tensioni sui morsetti d’uscita del GT1000 sono pericolose sia quando l'inverter è attivato, sia quando lo stesso non è in funzione.
Considerare, inoltre, che il motore potrebbe ruotare in qualsiasi momento non appena si collega l’alimentazione e la batteria di
condensatori è caricata.
• Non fare mai funzionare l'inverter con le porte del quadro aperte.

PERICOLO! RISCHIO D’INCENDIO, GRAVE DANNO!


• Il convertitore non ha fusibili interni, prevedere fusibili adeguati (vedere il Capitolo 3A per calibro e tipo) immediatamente a monte
dell'inverter. Non usare fusibili diversi da quelli specificati: fusibili errati possono causare incendio, grave danno al personale,
all'attrezzatura e/o parti collegate nelle vicinanze. Alcune unità necessitano di fusibili ausiliari per le linee separate relative ai
ventilatori ed ai circuiti ausiliari.
• Non applicare potenza all'inverter se si presume che all'interno del contenitore o dei componenti sia penetrata umidità, polvere od
agenti chimici caustici/corrosivi.

PERICOLO! RISCHIO D’INCENDIO, GRAVE DANNO O FERITE!


• GT1000 sono dispositivi di tipo aperto, devono essere installati rigidamente secondo le istruzioni del presente MANUALE ed in
totale conformità con le norme e regole esistenti.
• Non immagazzinare mai materiale infiammabile dentro, sopra o vicino all’inverter.

È ASSOLUTAMENTE VIETATO
• Far funzionare l'inverter con tensione superiore del 10% al valore nominale.
AVVERTENZA
• Applicare potenza ai morsetti d’uscita del GT1000.
• Collegare GT1000 in parallelo, direttamente sui morsetti in uscita
• Collegare carichi capacitivi ai morsetti in uscita del GT1000
• Collegare l'ingresso dell'inverter all'uscita (Bypass)
• Se l'inverter non è alimentato entro due anni, potrebbe essere necessario riformattare i
condensatori elettrolitici. Fare ciò alimentando il GT1000 non abilitato (Drive Enable aperto) per
almeno due ore.

2 IMGT10002IT
Precauzioni di sicurezza GT1000

PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O SCOSSA ELETTRICA!


Prima di eseguire manutenzione sull'unità si devono seguire rigidamente i seguenti punti sulla
DANGER sicurezza:
• Effettuare la procedura di blocco/esclusione dell’alimentazione elettrica ed aprire il sezionatore
principale del quadro.
• Assicurarsi che tutte le alimentazioni che giungono al GT1000 (alimentazione principale ed
ausiliaria) siano scollegate prima di eseguire manutenzione sull'inverter.
• Attendere almeno dieci (10) minuti dopo aver scollegato l'alimentazione prima di eseguire
manutenzione sull'unità.Prima di accedere ai morsetti motore accertarsi che i condensatori del
bus DC siano scarichi: verificando con un multimetro calibrato per 1000Vdc o superiore che la
tensione DC sia inferiore a 40V. Fare riferimento alla targhetta di sicurezza presente su tutti gli
inverter.
• I morsetti d’uscita dello switch di frenatura presentano tensioni in cc pericolose (superiori a
500V)
• Il GT1000 è fornito con molte funzioni automatiche di reset e ripartenza che possono riavviare
automaticamente l’unità. Non attivare tali funzioni se possono verificarsi situazioni di pericolo.
• Non mutare le distanze d’isolamento o rimuovere materiali e coperture d’isolamento.
• Il GT1000 fornisce un controllo a frequenza variabile. I motori ed i carichi devono essere in
grado di funzionare nel campo di velocità e potenza fornito dall’inverter.
• Coordinare la tensione e la corrente nominale del motore e dell’inverter. La tensione nominale
del motore deve essere superiore a 1/2 della tensione d’ingresso e la corrente nominale del
motore deve essere maggiore di 1/3 della corrente in uscita del GT1000.
• Il GT1000, indipendentemente dalla frequenza di in uscita, produce una tensione d’uscita ad
impulsi con un valore di picco di circa 1.4 volte la tensione AC d’ingresso e con tempi di salita
molto brevi. La tensione di tali impulsi può quasi raddoppiare, in base alle caratteristiche del
cavo, sui morsetti motore: assicurarsi che i cavi d’uscita e l'isolamento motore siano progettati
per resistere a sollecitazioni aggiuntive.
• Se si devono eseguire dei test d’isolamento sul motore e sui cavi, scollegare prima i cavi
dall'inverter. Non si devono eseguire sui componenti del GT1000 dei test ad alto potenziale.
• Fare attenzione a non danneggiare alcuna parte del GT1000 durante la movimentazione.
• Proteggere l'inverter dall'intemperie e condizioni ambientali avverse (temperatura, umidità,
vibrazioni, collisioni, ecc). Se si deve immagazzinare temporaneamente l’inverter all'esterno, si
devono prendere precauzioni speciali (vedere Capitolo 2).

Il GT1000 contiene componenti sensibili alle cariche elettrostatiche; tali componenti potrebbero danneggiarsi se maneggiati in modo non
adeguato. Durante le operazioni di manutenzione o sostituzione delle schede elettroniche, si devono seguire i punti indicati qui sotto:

ATTENZIONE! Usare un kit di manutenzione per le cariche elettrostatiche. Si devono prendere adeguate
precauzioni controllo le scariche elettrostatiche (ESD):
Indossare cinghie statiche adeguatamente messe a terra.
Maneggiare le schede tenendole per i bordi.
Le schede non dovranno entrare in contatto con materiali altamente isolanti quali fogli di plastica,
superfici isolanti, parti di tessuti sintetici.
Le schede saranno collocate solo su superfici conduttive
Le schede devono essere imballate in fogli conduttivi prima della spedizione.

Garanzia e limiti di responsabilità


GARANZIA: Per le condizioni di garanzia fare riferimento al modulo “CONDIZIONI GENERALI DI GARANZIA” allegato alla Accettazione
d’ordine.
LIMITI DI RESPONSABILITÀ: Answer Drives S.r.l non potrà essere ritenuta responsabile né per carenze di informazioni tecniche
od errori nel presente manuale né per danni accidentali o conseguenti all’uso delle informazioni contenute nel manuale.

IMGT10002IT 3
Precauzioni di sicurezza GT1000

4 IMGT10002IT
GT1000 Ricezione e immagazzinaggio

2 RICEZIONE, IMMAGAZZINAGGIO E DATI TECNICI


I GT1000 sono stati progettati per un’ampia gamma d’applicazioni e consentono una costante regolazione della velocità motore. Questi
inverter sono estremamente compatti, affidabili, vantaggiosi in termini di costo, efficienti, semplici da utilizzare, e disponibili per un’ampia
gamma di motori trifase. Il controllo digitale allo stato dell’arte consente ampie opzioni di programmazione.
I GT1000 sono adatti per applicazioni singole e multi-motore con motori AC. Tra gli esempi possibili, ad esempio:
• pompe – centrifughe, volumetriche, proporzionali
• ventilatori – forzati ed aspiranti, centrifughi, assiali, evaporatori
• mixer, agitatori
• convogliatori, nastri trasportatori e macchine imballatrici
• avvolgitori – film, carta, cavo
• centrifughe
• estrusori – pompe per scolo verde, pallettizzatori
• compressori
• macchinari per l’industria della carta, dell’acciaio, e tessile
• sollevatori, ascensori, gru e montacarichi
2.1 Ricezione, scarico, sballatura e ispezione dell’inverter
Tutti gli inverter sono ispezionati e testati completamente prima dell’imballo e della spedizione dallo stabilimento. Al ricevimento, l’attrezzatura
deve essere ispezionata al fine di rilevare qualsiasi segno di danneggiamento visibile che possa essere occorso durante il trasporto. E’
necessario verificare attentamente le liste materiale per assicurarsi di aver ricevuto tutti i componenti, ivi incluse rappresentazioni di profilo e
schemi. Qualora qualche parte risultasse danneggiata o mancante, l’acquirente dovrà presentare immediatamente un reclamo al trasportatore
e darne quindi notifica allo stabilimento.
Dopo aver eseguito le ispezioni iniziali, l’attrezzatura deve essere trasportata rapidamente nella sua posizione d’installazione finale o in
un’adeguata area d’immagazzinaggio Quando si movimentano o sollevano le unità, fate attenzione a non torcere o scuotere il sistema. E’
necessario proteggere tutte le superfici metalliche per evitare che siano danneggiate.
2.1.1 Sballatura taglie I, II, III, IIIX, IIIL

2.1.2 Sballatura taglie IV, V, VI

IMGT10002IT 5
Ricezione e immagazzinaggio GT1000

2.1.3 Sballatura taglie VII

Figura 2.1.3 Metodi di scarico e sollevamento dei GT1000

E’ necessario utilizzare carrelli elevatori a forche per trasportare le unità nella loro adeguata posizione di installazione. Le unità devono essere
sollevate con cura dal pallet fino alla posizione finale, utilizzando un dispositivo di sollevamento meccanico, quale ad esempio una gru o un
carrello elevatore.
2.2 Immagazzinaggio
A seguito dell’ispezione iniziale, il dispositivo deve essere immediatamente trasportato nella sua posizione d’installazione finale o in un’area
d’immagazzinaggio asciutta, protetta dalle intemperie e a temperatura controllata. Sebbene ogni inverter risulti adeguatamente protetto contro
condizioni ambientali ed atmosferiche, vi sono situazioni ambientali che possono ridurne le prestazioni di funzionamento, nonché la durata di
vita. L’inverter non è impermeabilizzato e non deve mai essere immagazzinato all’aperto.
In seguito si riportano le condizioni ambientali nominali L’operatore dovrebbe consultare il costruttore per questioni dubbie che possano
sussistere in luoghi particolari.
Conservare ogni imballo protettivo fino ad installazione e ad avviamento completato.

6 IMGT10002IT
GT1000 Dati di catalogo

2.3 Dati di catalogo


2.3.1 Sigla d’identificazione
Il prodotto GT1000 è identificato da una sigla formata come segue:
1,2,3,4 5,6,7 8 9 10 11 12 13 14,15

S1GT 066 F B N F N N XX
Famiglia di prodotto
Potenza nominale in kVA (Vedere tabelle dati elettrici)
Tensione d’ingresso F = 380 – 480 Volt AC
G = 500 Volt AC
Y = 510 – 650 Volt DC
Z = 675 Volt DC
Scheda di controllo B = Controllo base
Frenatura dinamica N = Non installato
B = Installato
Filtro RFI N = Non installato
F = Installato
Tastierino N = Non installato
B = Base
Comunicazione N = Non installata
P = Profibus
Suffisso 80 = Scheda GEDEA montata

2.3.2 Targhetta

2 3

4 5
1. Tipo di inverter
6 7 2. Numero di serie
3. Data di collaudo
4. Tensione d’ingresso
5. Frequenza d’ingresso
6. Corrente d’ingresso
7. Massima corrente di cortocircuito simmetrica
8. Potenza nominale [kVA]
8 9. Potenza motore kW- (@400V)
10. Potenza motore HP- (@460V)
11. Corrente d’uscita
12. Codice prodotto
9 10 13. Codice a barre

11

12

13

Figura 2.3.2 Targhetta dati elettrici

IMGT10002IT 7
Dati di catalogo GT1000

2.3.3 Condizioni ambientali ammissibili

Tabella 2.3.3 Condizioni ambientali ammissibili


Funzionamento
Funzionamento: far funzionare in un luogo stabile e protetto dalle intemperie secondo CEI 721-3-3.
Temperatura ambiente Da 0 a 40 °C. (Da 32 a 104 °F) – Se la temperatura ambiente supera i + 40°C (104 °F), ridurre la corrente
nominale d’uscita del 1% per ogni °C (max. 55°C – max. 131°F).
Umidità relativa Da 5 a 95% senza condensa.
Livelli di contaminazione (Schede senza rivestimento) – Gas chimici: CEI 721-3-3, Classe 3C2
Parti solide: CEI 721-3-3, Classe 32C
Altitudine Fino a 1000m (3280 ft) sul livello del mare. Oltre i 1000m (3280 ft) sul livello del mare, la corrente nominale
d’uscita è ridotta del 1% per ogni 100m (328 ft) aggiuntivi. Massimo 3000m (9840 ft)
Vibrazioni Max. 0.3 mm (da 2 a 9 Hz), max. 1 m/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidali (Classe 3 M1).
Considerazioni ambientali Evitare l’esposizione a gas corrosivi – incluso l’idrogeno solforato.
NOTA Evitare l’esposizione a campi magnetici forti, radiazioni nucleari e alti livelli di RFI da trasmettitori di
comunicazione.
Trasporto
Trasporto: Trasportare l’inverter nel suo imballo protettivo secondo CEI 721.3.2.
Temperatura ambiente Da -25 a +70 °C. (Da -13°F a +158°F)
Umidità relativa Max. 95% a 40 °C. – Max. 95% a 104 °F.
Pressione atmosferica Da 60 a 106 kPa
Vibrazioni Max 3.5 mm (da 2 a 9 Hz), max. 10m/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidali (classe 2M1).
Shock max 100 m/s2, 11 ms. (max. 328 m/s2, 11 ms.)
Caduta libera 250 mm, 0,82 ft (peso inferiore a 100 kg)
100 mm, 0,33 ft (peso superiore a 100 kg)
Stoccaggio
Immagazzinaggio: Immagazzinare in un imballo protettivo e in un ambiente protetto secondo CEI 721-3-1.
Temperatura ambiente Da -40°C a +70°C (Da -40°F a +158°F)
Umidità relativa Da 5 a 95%, senza condizioni di condensa o congelamento (classe 1K3)
Altitudine Fino a 3300 piedi (o 1000 metri)
Pressione atmosferica Da 70 a 106 kPa
Vibrazioni Max 1.5 mm (da 2 a 9 Hz), max. 5 m/s2 (da 9 a 200 Hz) sinusoidale (classe 1M3)
Shock Max. 100 m/s2, 11 ms (classe 1M3).
Livelli di contaminazione Schede senza rivestimento – Gas chimici: CEI 721-3-3, classe 3C2
Parti solide: CEI 721-3-3, classe 32C
Considerazioni ambientali Evitare l’esposizione a gas corrosivi – incluso l’idrogeno solforato
Evitare l’esposizione a campi magnetici forti, radiazioni nucleari e alti livelli di RFI da trasmettitori di
comunicazione

8 IMGT10002IT
GT1000 Dati di catalogo

2.3.4 DatI elettrici

Tabella 2.3.4 Dati elettrici


S1GT Corrente Corrente motore 4 poli @400 VAC motore 4 poli @460 VAC Corrente Declassamento
Modello Taglia IN (@ FS 3Kz) IMAX1 PN IM IMAX/ IM PN1 IM1 IMAX/ IM1 Bus DC @6 @9 @12
A A kW A HP A A KHz KHz KHz
S1GT0P3F I 3,8 5,7 1,5 3,6 1,58 2 3,4 1,68 4,5 1 1 0,9
S1GT0P4F I 5,6 8,4 2,2 5 1,68 3 4,8 1,75 6,6 1 0,89 0,75
S1GT0P6F I 9,5 14,2 4 8,6 1,65 5 7,6 1,87 11,2 1 1 0,93
S1GT008F II 12 18 5,5 11,5 1,57 7,5 11 1,64 14,2 1 0,9 0,81
S1GT011F III 16 24 7,5 15,5 1,55 10 14 1,71 18,9 0,98 0,8 0,66
S1GT015F III 21 31,5 9,2 18,4 1,71 15 20 1,58 24,8 0,74 0,6 0,5
S1GT018F IIIX 25 37,5 11 22,5 1,67 15 20 1,58 24,8 0,9 0,73 0,61
S1GT022F IIIX 32 48 15 30,2 1,59 20 27 1,78 37,8 0,9 0,73 0,61
S1GT028F IIIL 40 60 18,5 37 1,62 30 40 1,50 46,8 0,84 0,70 0,58
S1GT030F IIIN 40 56 18,5 37 1,51 30 40 1,40 46,8 0,84 0,70 0,58
S1GT036F IIIN 48 67 22 43 1,56 35 46 1,46 56,2 0,75 0,55 0,42
S1GT045F/Y IVN 61 92 30 58 1,59 40 52 1,77 71,4 0,75 0,55 0,42
S1GT053F/Y IVN 76 84 37 69 1,22 50 65 1,29 88,9 0,75 0,55 0,42
S1GT066F/Y IVN 90 126 45 84 1,50 60 77 1,64 105,3 0,75 0,55 0,42
S1GT086F/Y VN 110 143 55 100 1,43 75 96 1,49 127,6 no no no
S1GT108F/Y VN 145 160 75 135 1,19 100 124 1,29 168,2 no no no
S1GT125F/Y VIN 176 211 90 160 1,32 125 156 1,35 204,2 no no no
S1GT150F/Y VIN 210 265 110 195 1,36 150 180 1,47 243,6 no no no
S1GT182F/Y VII 260 286 132 239 1,2 200 226 1,3 302 no/ no/ no
S1GT216F/Y VII 335 368 160 288 1,3 250 290 1,3 389 no/ no no
S1GT258F/Y VII 400 440 200 355 1,2 300 350 1,3 464 no no no
• La massima corrente d’ingresso è approssimativamente pari al 90% della corrente d’uscita.
• E’ fornita una protezione per sovracorrente per il motore ed il Bus DC.
• S1GTxxxY (collegamento Bus DC) ha lo stesso valore di corrente d’uscita e potenza nominale di un S1GTxxxF

1 La IMAX è fornibile per 1min con ciclo non ripetitivo.

IMGT10002IT 9
Dati di catalogo GT1000

2.3.5 Raffreddamento
Far riferimento alla seguente tabella per il dimensionamento del quadro elettrico:

Tabella 2.3.5 Dati per la ventilazione


Gli S1GT (eccetto gli S1GT0P3/0P4/003/004) sono dotati di un ventilatore interno. L’entrata dell’aria avviene dal fondo.
Inverter Corrente di uscita Perdite di potenza Ventilazione Dati Nominali Ventilatore
Potenza Controllo Capacità Tensione Corrente
A W W m3/h ft3/s V A
Tensione di alimentazione trifase 380V, 415V, 440V, 460V, 480V ±10%
S1GT0P3F 3.8 45 30 NA NA NA NA
S1GT0P4F 5.6 66 30 NA NA NA NA
S1GT0P6F 9.5 120 30 NA NA NA NA
S1GT008F 12 165 30 66 36 NA NA
S1GT011F 16 225 30 100 59 NA NA
S1GT015F 21 276 30 100 59 NA NA
S1GT018F 25 276 30 100 59 NA NA
S1GT022F 32 450 30 100 59 NA NA
S1GT028F 40 555 40 100 59 NA NA
S1GT030F 40 555 40 100 59 NA NA
S1GT036F 48 660 40 100 59 NA NA
S1GT045F 61 900 50 280 164 NA NA
S1GT053F 76 1100 50 280 164 NA NA
S1GT066F 90 1350 50 280 164 NA NA
S1GT086F 110 1650 60 280 164 NA NA
S1GT108F 145 2250 60 280 164 NA NA
S1GT125F 176 2700 60 500 293 230V 50/60Hz 1f 0,9 (*)
S1GT150F 210 3300 80 500 293 230V 50/60Hz 1f 0,9 (*)
S1GT182F 260 3960 80 800 471 230V 50/60Hz 1f 1.45
S1GT216F 310 4800 100 800 471 230V 50/60Hz 1f 1.45
S1GT258F 370 6000 100 800 471 230V 50/60Hz 1f 1.45

(*) I dispositivi di protezione devono essere predisposti dall’utilizzatore

I ventilatori dei GT1000 sono dimensionati per sopperire alle perdite di carico del solo inverter. Durante l’installazione in

☞ quadro, è necessario considerare anche le perdite di carico dovute ai canali di adduzione e ai filtri.
Le perdite di carico addizionali devono essere compensate dal sistema di ventilazione del quadro.

2.3.6 Dimensioni d’ingombro e pesi


Vedere appendice A

10 IMGT10002IT
GT1000 Dati di catalogo

2.4 Norme

IEC 146-1-1 Convertitori a semiconduttori. Istruzioni generali e convertitori a commutazione naturale.


Parte 1-1: Specifica dei requisiti base.
IEC 146-1-2 Convertitori a semiconduttori. Istruzioni generali e convertitori a commutazione naturale.
Parte 1-2: Guida all’applicazione.
IEC 146-2 Convertitori a semiconduttori.
Parte 2: convertitori a commutazione forzata.
IEC 664-1 Coordinazione dell’isolamento per gli elementi collegati alla rete d’alimentazione bassa tensione.
Parte 1: Principi, istruzioni e test.
IEC 22G/24/CDV Elettronica di potenza.
Convertitori di potenza a semiconduttori per inverter a velocità regolabile.
Parte 1: Inverter a frequenza variabile a bassa tensione per uso generale dei motori AC.
EN 60204-1 Sicurezza dei macchinari. Componenti elettrici delle macchine.
Parte 1: norme generali.
EN 60204-1 Componenti elettrici delle macchine industriali.
Modificazione 1 Parte 2 Utilizzo dei componenti ed esempi di disegni, schemi, tabelle ed istruzioni.
IEC 529 Gradi di protezione degli involucri (Codice IP)
EN 50178 Attrezzatura elettronica per l’uso in installazioni di potenza.
IEC 1800-3 Immunità, conduzione ed irradiamento di emissioni.

Marcatura CE

Sui GT1000 è presente il marchio CE per attestare che il prodotto è conforme ai requisiti delle Direttiva 2006/95/CE
chiamata "Direttiva Bassa Tensione" e della Direttiva 89/336/CE emendata dalla Direttiva 93/68/CE chiamata
Direttiva EMC.
La validità del marchio CE per le EMC è subordinata all’utilizzo degli GT1000 in base alle raccomandazioni di
questo manuale.

Certificazione UL
I GT1000 sono certificati per il mercato USA e Canada.

Il file number di Answer Drives è: E226584


Il GT1000 è conforme ai requisiti della certificazione UL se è osservato quanto stabilito quanto segue.

1. Usare cavi o sbarre di rame in Classe 1 65 / 75°C (140/167°F) con la sezione richiamata nel presente manuale in
funzione della taglia dell’inverter.
2. Le capacità della rete di alimentazione non devono essere superiore a:
5KA rms simmetrica, 480V” per i modelli da S1GT0P3F al S1GT028F
10KA rms simmetrica 480V per i modelli da S1GT029F al S1GT150F
18KA rms simmetrica 480V per i modelli da S1GT182F al S1GT258F
3. La coppia di serraggio e la sezione dei cavi relativa ai morsetti sono riportati al capitolo 3.
4. Il calibro dei fusibili di distribuzione é indicato al capitolo 3.
5. Le connessione dei cavi deve essere realizzate con capicorda ad occhiello marcati UL e certificati CSA. I capicorda
devono essere fissati mediante la pinza indicata dal costruttore.
Per il tipo di capicorda vedere capitolo 3.
6. Il GT1000 prevede la protezione di sovraccarico motore tarabile tra il 30% ed il 105% della corrente nominale del
motore a pieno carico. Per le informazioni relative alla taratura della soglia di intervento al tempo di sovraccarico ecc
vedere il capitolo 7B paragrafo 7B.
7. Il GT1000 prevede la protezione statica di sovracorrente all’uscita dell’inverter e di corto circuito lato DC.

IMGT10002IT 11
Dati di catalogo GT1000

12 IMGT10002IT
3 .. INSTALLAZIONE
3.1 Installazione meccanica
• Non montare l’inverter su superfici soggette a vibrazioni.
• L’ambiente di installazione deve essere privo di polvere, particelle metalliche, olio in sospensione, gas e spruzzi di liquidi corrosivi.
• L’inverter è costruito per montaggio a parete e per installazione in posizione verticale. Non montare l’unità con un’inclinazione superiore a
+ 30% rispetto alla verticale.
• Qualora venga installato più di un inverter nello stesso quadro, posizionare gli inverter fianco a fianco. Evitare di montare un’unità sopra
l’altra. Nel caso di montaggio sovrapposto evitare che il modulo superiore sia interessato dall’aria calda del modulo sottostante
• Prevenire la ricircolazione dell’aria calda all’esterno del quadro portando via l’aria calda di uscita dall’area da dove viene pescata l’aria di
ingresso. Le possibili soluzioni sono: prevedere delle guide per il flusso d’aria di ingresso e di uscita, prevedere ingresso e uscita d’aria da
lati differenti del quadro, ingresso aria fredda nella parte inferiore della portella frontale del quadro ed un ventilatore ausiliario sul tetto del
quadro.
• Prevenire la circolazione dell’aria calda all’interno del quadro con piastre di chiusura.
• Il raffreddamento dei componenti di potenza dell’inverter è realizzata mediante ventilazione forzata. È necessario prevedere uno spazio di
rispetto intorno all’inverter per la circolazione dell’aria, il passaggio dei cavi elettrici e per l’accesso in caso di interventi di manutenzione.

ALTO
Uscita aria

A B1 B2
Taglia
B1

mm / in mm / in mm / in
I - II 25 / 1 100 / 3.9 100 / 3.9
DIMENSIONI III - IIIL – IIIX 50 / 2 100 / 3.9 100 / 3.9
INVERTER IIIN-IVN 50 / 2 100 / 3.9 100 / 3.9
(senza supporti
VN 50 / 2 100 / 3.9 200 / 7.8
di montaggio)
VIN 100 / 3.9 100 / 3.9 200 / 7.8
VII 50 / 2 100 / 3.9 300 / 11.8

REMOTE CONTROL OPERATOR

ON Fault I RUN ventilatori dei GT1000 sono dimensionati in modo tale da fornire un adeguato
flusso d’aria per il raffreddamento dell’inverter. Non ostruire il
STOP MAN AUTO RESET

Enter
Canc.

passaggio del flusso d’aria quando si installa l’unità.


SHIFT

Ingresso Ingresso
Aria Basso Aria
B2

A A
BASSO
Ingresso aria

Figura 3.1 Dimensioni Inverter

NOTA Per le versioni IP54 chiedere all’”Ufficio Applicazioni”

IMGT10002IT - May ’07 13


Installazione GT1000

3.1.1 Montaggio

Fare riferimento alle seguenti figure in merito al montaggio dell’inverter.

Taglie I - III

Fori di montaggio
Per rimuovere
il coperchio

Taglie III-IV-VN

Viti della
portella
Per aprire la
portella, svitare
le viti

14 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

Taglia VII

Viti del
coperchio blu
Viti del coperchio
bianco

IMGT10002IT - May ’07 15


Installazione GT1000

3.2 Installazione elettrica

Gli interventi di manutenzione ed installazione elettrica su GT1000 devono essere eseguiti da tecnici
qualificati.
È obbligatorio seguire tutte le procedure standard di sicurezza elettrica:
• Non toccare mai niente all’interno dell’inverter senza aver prima verificato che non sia termicamente
caldo o alimentato elettricamente.
ATTENZIONE! • Indossare sempre calzature antinfortunistiche isolanti ed indossare occhiali protettivi.
• Non lavorare mai soli.
• Non collegare mai al sistema voltmetri od oscilloscopi messi a terra.
• Non rimuovere mai gli schermi di sicurezza.
• Prestare sempre estrema attenzione quando si maneggiano componenti o si effettuano delle misure
all’interno del quadro di installazione.
Il drive non ha fusibili interni di protezione dalla parte principale di potenza. E’ necessario prevedere
adeguati fusibili immediatamente a monte dell’inverter. Vedere tabella 3.2 per la scelta dei fusibili.
PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVI DANNI O LESIONI! Non utilizzare mai fusibili diversi da quelli
indicati o far funzionare gli inverter senza fusibili di linea. Fusibili errati possono causare incendi, gravi
danni all’apparecchiatura e/o alle parti collegate nelle vicinanze, nonché possibili lesioni. Alcune unità
(vedere tabella 3.2) richiedono distinti fusibili di linea per i ventilatori e/o i circuiti ausiliari.
Non fornire alimentazione all’inverter se umidità, polvere o prodotti chimici caustici/corrosivi possono essere
penetrati all’interno dell’armadio o dei dispositivi interni.
PERICOLO! RISCHIO DI INCENDIO, GRAVI DANNI O LESIONI! Gli inverter GT1000 sono dispositivi di
tipo ‘’aperto’’ e devono essere installati obbligatoriamente secondo le istruzioni del MANUALE UTENTE, nel
pieno rispetto degli standard e delle normative in vigore.
PERICOLO! I GT1000 e tutti i dispositivi collegati DEVONO ESSERE OPPORTUNAMENTE COLLEGATI
A TERRA .
PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O DI SHOCK ELETTRICO! E’ necessario adottare obbligatoriamente le
seguenti misure di sicurezza, prima di eseguire operazioni di manutenzione sull’unità:
Effettuare la procedura di blocco/esclusione di tutte le alimentazioni elettriche ed aprire il sezionatore
principale dell’inverter.
Non modificare le distanze di isolamento del materiale e delle coperture rimosse.
Se si devono eseguire test di isolamento sul motore e sui cavi, prima di procedere disconnettere
innanzitutto i cavi dall’inverter. Non si devono eseguire test ad alto potenziale sui componenti dell’inverter.
Ripetute manovre rapidamente intervallate di alimentazione e disalimentazione dell’inverter tramite il contattore
di linea riducono il tempo di vita dei condensatori di filtro. Cicli con piu’ di 10 manovre per ora possono
provocare la bruciatura del resistore di precarica ed il conseguente grave danneggiamento dell’inverter. Non
usare mai tale sistema per avviare e riavviare l’inverter.
Alimentazione da gruppo elettrogeno. Le armoniche generate dall’inverter possono deformare la tensione del
generatore e provocare il surriscaldamento dello stesso. Si consiglia di prevedere un generatore con potenza
pari a circa 5 volte la potenza dell’inverter in kVA.
Se viene installato un contattore sulll’uscita dell’inverter assicurarsi che l’apertura e la chiusura avvengano ad
inverter disabilitato.
Non fornire alimentazione ai morsetti d’uscita.
L’inverter contiene componenti sensibili alle scariche elettrostatiche; tali componenti potrebbero
AVVERTENZA danneggiarsi se maneggiati in modo scorretto. Durante interventi di sostituzione o manutenzione delle
schede elettroniche è necessario osservare le seguenti procedure:
Utilizzare il kit di manutenzione per cariche elettrostatiche. E’ necessario adottare precauzioni contro le
cariche elettrostatiche (ESD):
Indossare collarini antistatici adeguatamente collegati a terra.
Maneggiare le schede PC tenendole per i bordi.

16 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.2.1 Schema collegamenti di potenza e controllo

SIGT0P3-028 SIGT030-150

SEZIONATORE
SEZIONATORE

FUSIBILI DI LINEA RESISTORE FUSIBILI DI LINEA


FRENATURA

KIN
RESISTORE KIN
REATTORE TH
FRENATURA FU
DI INGRESSO
REATTORE
TH DI INGRESSO

OPZIONE

REATTORE REATTORE
DI USCITA DI USCITA

Figura 3.2.1 Diagramma collegamenti di potenza

I collegamenti dei morsetti delle alimentazioni ausiliarie ed i collegamenti dei morsetti della scheda di controllo
NOTA sono illustrati nella figura riportata al Capitolo 3 ed in Appendice A.

In sostituzione di sezionatore e fusibili, è possibile utilizzare un interruttore automatico magnetotermico con


corrente nominale ≥ 1.2*Im ed una taratura di corto-circuito regolabile da 5 a 10*In con riferimento al valore
AVVERTENZA nominale dell’interruttore.
In caso d’uso d’una protezione di terra esterna, utilizzare un dispositivo poco sensibile alle alte frequenze in
modo da evitare falsi interventi. La corrente di soglia dovrebbe essere superiore a 200mA ed il tempo di scatto
deve essere almeno 0.1s.

IMGT10002IT - May ’07 17


Installazione GT1000

L1
L2
L3
PE
KIN
NETWORK

TH
FU
RESISTORE
FRENATURA

X3

DI INGRESSO
REATTORE
KEYPAD SCHEDA
1 OPZIONE
0 1 2 RL1 FAULT PROFIBUS DP
SIN 3
4 RL2 PROG

PEM 5 FW
GT1000

INGRESSI LOGICI
6 RV REMOTE CONTROL OPERATOR

7 COM1
TH 8 COM2 S1GT125FBBFBN
9 COM3 ON Fault RUN

10 DREN
KIN 11 24V
STOP MAN AUTO RESET

Enter
Canc.
12
DI/DO GND

INGRESSI ANALOGI
+10V
13
SCHEDA OPZIONE GEDEA
14 AI 1 + SHIFT

15 AI 1 -
INGRESSI ENCODER
16 AI 2 +
USCITE ANALOGICHE

GROUND
17
AI/AO GROUND

RL3

RL4
18 AO 1

5V
A

A
19

B
B
GROUND
A1
20 B-RS485
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

21 A-RS485

REATTORE
START FW/STOP
MAN STOP DI USCITA

START RV/STOP
MAN STOP

MOTOPOT

Figura 3.2.2 Esempio di collegamento

18 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.2.2 Sezione cavi di alimentazione, fusibili di alimentazione e ausiliari


I cavi di alimentazione ed i fusibili di alimentazione devono essere scelti in base alle seguenti tabelle.
È necessario utilizzare cavi di alimentazione d’ingresso e cavi motore con valori nominali 600-690VAC. Utilizzare un cavo con valori nominali
1000VDC per i collegamenti del resistore di frenatura.
Tabella 3.2 Dimensionamento dei cavi e dei fusibili di alimentazione (380-460 V AC; 510-650 V DC)
F = Tensione di alimentazione trifase 380V, 400V, 440V, 460V, 480V /Y=510-650Vdc ±10%
Fusibili principali Sezione cavi Coppia Max.
Modello Rete Morsetti Capicorda max Corrente di
* Tipo **
c.to c.to linea
[A] (UL) AWG mm2 NA Nm/in lb KA
S1GT0P3F A.C. 5x3 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT0P3F C.C. 5x2 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT0P4F A.C. 10 x3 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT0P4F C.C. 10x2 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT004F A.C. 10 x3 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT004F C.C. 10x2 FWP-15A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT0P6F A.C. 10 x3 FWP-20A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT0P6F C.C. 15x2 FWP-25A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT006F A.C. 10 x3 FWP-20A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT006F C.C. 15x2 FWP-25A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT008F A.C. 15 x3 FWP-20A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT008F C.C. 20x2 FWP-25A 14 2,5 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT011F A.C. 20 x3 FWH-40A 12 4 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT011F C.C. 25x2 FWP-40A 12 4 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT015F A.C. 25 x3 FWH-45A 10 6 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT015F C.C. 30x2 FWP-50A 10 6 10 (AWG max) NA 0,5-0,6 5
S1GT018F A.C. 35 x3 FWH-60A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT018F C.C. 50x2 FWP-70A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT022F A.C. 35 x3 FWH-60A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT022F C.C. 50x2 FWP-70A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT028F A.C. 45 x3 FWH-90A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT028F C.C. 60x2 FWP-90A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT030F A.C. 45 x3 FWH-90A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT030F C.C. 60x2 FWP-90A 8 10 6 (AWG max) NA 1,2-1,5 5
S1GT036F A.C. 60 x3 FWH-100A 6 16 4(AWG max) NA 2 5
S1GT036F C.C. 80x2 FWP-125A 6 16 4(AWG max) NA 2 5
S1GT045F A.C. 70 x3 FWH-150A 4 25 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT045Y C.C. 90x2 FWP-125A 4 25 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT053F A.C. 90 x3 FWH-200A 3 25 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT053Y C.C. 125x2 FWP-175A 3 35 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT066F A.C. 100 x3 FWH-200A 2 35 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT066Y C.C. 150x2 FWP-175A 2 35 0(AWG max) NA 2,5 10
S1GT086F A.C. 125 x3 FWH-225A 1/0 50 M8 2x2xELC23025111 10 10
S1GT086Y C.C. 175x2 FWP-225A 1/0 50 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT108F A.C. 150 x3 FWH-225A 3/0 70 M8 2x3xELC3025111 10 10
S1GT108Y C.C. 200x2 FWP-225A 3/0 95 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT125F A.C. 200 x3 FWH-275A 4/0 95 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT125Y C.C. 300x2 FWP-300A 4/0 95 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT150F A.C. 200 x3 FWH-275A 4/0 95 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT150Y C.C. 300x2 FWP-300A 4/0 95 M8 2x3xELC23025111 10 10
S1GT182F A.C. 300x3 FWH-350 2x2/0 120 2xM10 2xELC23025111 12,5 18
S1GT182Y C.C. 450x2 FWP-450A 2x2/0 150 2xM10 2xELC23025111 12,5 18
S1GT216F A.C. 350x3 FWH-400A 2x3/0 150 2xM10 2xELC23025111 12,5 18
S1GT216Y C.C. 600x2 FWP-600A 2x3/0 150 2xM10 2xELC23025111 12,5 18
S1GT258F A.C. 450x3 FWH-450A 2x4/0 2x95 2xM10 2xELC23025111 12,5 18
S1GT258Y C.C. 700x2 FWP-700A 3x2/0 2x95 2xM10 3xELC23025111 12,5 18

*Per il mercato CE possono essere impiegati normali fusibili gG dimensionati con valore di corrente pari a: 1,3
volte la corrente nominale del GT1000 per alimentazione in ca
AVVERTENZA **La sezione dei cavi in tabella è indicativa. Riferirsi alle regole di cablaggio locali per il corretto dimensionamento
dei cavi. In alcuni casi puo essere richiesta una sezione maggiorata per evitare eccessive cadute di tensione

IMGT10002IT - May ’07 19


Installazione GT1000

3.3 Precauzioni di installazione per l’attenuazione delle emissioni elettromagnetiche


3.3.1 EN61800-3
EN 61800-3:2004 Adjustable speed electrical drive systems. Part 3: E’ la norma EMC per prodotto standard che include i metodi di prova
specifici. Il periodo di transizione dalla norma EN 61800-3:1996 esistente termina il primo Ottobrer 2007.
La EN 61800-3 include l’azionamento dalla connessione di rete all’albero motore, definisce quattro diverse categorie C1 - C4, diversi tipi di
ambiente di installazione (area residenziale/industriale), porte esterne e interfacce interne. Essa definisce i criteri di valutazione per le
caratteristiche operative in caso di interferenze alle porte esterne e alle interfaccie interne in base al luogo di installazione.
3.3.1.1 Ambiente di installazione (Definizioni)
Primo Ambiente (area residenziale e commerciale):
Ambiente che comprende utenze domestiche. Comprende anche le utenze industriali collegate direttamente, senza trasformatori intermedi; ad
una rete a bassa tensione che alimenta edifici adibiti a scopi domestici.
Secondo Ambiente (area industriale):
Ambiente che comprende tutte le utenze industriali diverse da quelle collegate direttamente ad una rete a bassa tensione che alimenta edifici
adibiti a scopi domestici.
NOTA Per i PDS installati nel secondo ambiente l’utente deve assicurare che non vengono indotti nella rete eccessivi disturbi, anche se la
propagazione è attraverso una rete in media tensione.”
Rete privata
La rete privata è caratterizzata per essere alimentata da una rete dedicata in media tensione e per non alimentare aree residenziali.
Tipicamente, la rete privata alimenta edifici commerciali, uffici in edifici residenziali, centri commerciali, ecc. L’operatore puo’ decidere se
realizzare la rete in base al primo o secondo ambiente come definito dalla norma.
Una rete privata in bassa tensione puo’ essere considerata come un impianto in conformita’ con le norme EMC. La normativa EMC è valutata
in accordo con i limiti fisici dell’impianto, l’emissione e l’immunita ai disturbi irradiati a RF sono valutate in base ai limiti dello spazio ed i
disturbi condotti sono valutati in base all’ingresso sulla rete di alimentazione.
3.3.1.2 EN 61 800-3 Categorie
Categoria C1: PDS con tensione nominale inferiore a 1000V, progettato per uso illimitato nel primo ambiente.
Categoria C2: PDS con tensione nominale inferiore a 1000V, progettato per uso nel secondo ambiente E’ possibile l’uso nel primo
ambiente attenendosi ai seguenti criteri :
 Tensione nominale < 1000 V.
 Non sia un dispositivo a presa.
 Non sia un dispositivo rimovibile.
 Installazione e gestione unicamente da un tecnico qualificato (una persona/organizzazione con le necessarie conoscenze
nell’installazione e/o nella gestione dei convertitori di potenza incluso i loro aspetti EMC).
 Sono riportate le Avvertenze per l’uso.
Avvertenze per le istruzioni d’uso:
“Questo è un prodotto di categoria C2 in accordo con la IEC 61800-3. In un ambiente domestico questo prodotto puo’
causare radio interferenze in tal caso possono essere richieste misure supplementari per ridurre le interferenze.”
Categoria C3: PDS con tensione nominale <1000V, progettato per uso esclusivo nel secondo ambiente.
Avvertenze per le istruzioni d’uso:
“Tale tipo di PDS non è previsto per essere usato su una rete pubblica in bassa tensione che alimenta utenze domestiche.
L’uso su tale rete provoca interferenze a radio frequenza”.
Categoria C4: Per uso nel secondo ambiente, che soddisfi almeno uno dei seguenti punti:
 Tensione nominale ≥1000 V
 Corrente nominale ≥400 A
 Collegamento ad una rete IT
 Richieste prestazioni dinamiche saranno limitate come conseguenza del filtraggio
Deve essere predisposto un piano EMC!

Classificazione delle categorie in base all’ambiente di installazione

20 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.3.1.3 Soluzioni utilizzate per assicurare la conformità alle emissioni.


Le emissioni possono essere suddivise in due tipi, le emissioni condotte e quelle radiate. I disturbi possono essere emessi in diversi modi. I
disturbi condotti possono propagarsi ad altre attrezzature attraverso tutti i componenti conduttivi, tra cui i cavi, la messa a terra e il telaio
metallico degli armadi.
Emissioni condotte: Possono essere ridotte nel modo seguente:
Con filtri RFI per i disturbi ad alta frequenza
Usando soppressori di sovratensione sulle bobine di relè, contattori, elettro-valvole, etc. per attenuare la formazione
di scintille durante la commutazione
Utilizzando anelli di ferriti in corrispondenza dei punti di collegamento della potenza
Emissioni irradiate: Al fine di evitare i disturbi trasmessi attraverso l'aria, tutti i componenti degli azionamenti elettrici devono costituire una
gabbia di Faraday per contrastare le emissioni radiate.
Per azionamento elettrico s'intendono anche gli armadi, le scatole ausiliarie, i cablaggi, i motori, ecc.
Segue un elenco di alcuni metodi volti ad assicurare la continuità della gabbia di Faraday:
Armadi: • L'armadio deve avere una finitura anticorrosione non verniciata in tutti i punti di contatto con altre piastre, porte, ecc.
• Tutti i contatti tra metalli devono essere privi di vernice, con guarnizioni di tenuta conduttive se necessario.
• Utilizzare piastre d'installazione non verniciate, collegate al punto comune di messa a terra, assicurando che tutti i
singoli componenti metallici siano saldamente collegati, in un unico percorso di messa a terra.
• Utilizzare guarnizioni di tenuta conduttive in corrispondenza di porte e coperchi. E' opportuno fissare i coperchi a
intervalli non superiori a 100 mm nei punti dove potrebbero sfuggire radiazioni.
• Separare il lato "sporco" dal "lato pulito" relativamente ai disturbi radiati mediante chiusure metalliche e attraverso
una progettazione specifica.
• Ridurre al minimo la presenza di aperture nell'armadio.
• Utilizzare materiali con buone proprietà di attenuazione, ad esempio materiali plastici con rivestimento conduttivo,
nell'impossibilità di utilizzare un armadio metallico.
Cablaggi: • Utilizzare ingressi cavi specifici HF per la messa a terra alle alte frequenze delle schermature dei cavi.
• Utilizzare guarnizioni di tenuta conduttive per la messa a terra HF delle schermature dei cavi di controllo.
• Schermare tutti i cavi dell'alimentatore e dell'unità di controllo. Attenersi ai manuali specifici dei singoli prodotti.
• Posizionare separatamente i cavi dell'alimentatore e dell'unità di controllo.
• Utilizzare cavi intrecciati per evitare disturbi in modo comune.
• Utilizzare anelli ferritici per i disturbi in modo comune, in base alla necessità.
• Selezionare e posizionare correttamente i fili interni.
Installazione: • Gli ausiliari utilizzati con i moduli di azionamento completi devono essere prodotti con marcatura CE in base alla
direttiva EMC e alla direttiva Bassa tensione, NON SOLO con riferimento a quest'ultima, a meno che non siano esenti,
p.es. se utilizzati con un componente privo di funzione diretta.
• Selezionare e installare gli accessori in conformità alle istruzioni del produttore.
• Messa a terra a 360° sull'asse motore. Vedi manuali specifici dei singoli prodotti.
• Metodi di cablaggio interno corretti.
• Particolare attenzione alle modalità di messa a terra.
3.3.2 Filtri RFI per interferenze a radio frequenza
I limiti di emissione EMC per i PDS dipendono dall’ambiente di installazione, dal tipo della rete di alimentazione e dalla potenza dell’inverter.
I filtri RFI sono impiegati per attenuare i disturbi condotti in un punto di connessione della linea dove il filtro mette a terrra i disturbi e sono
necessari quando l'azionamento elettrico è collegato ad una rete pubblica a bassa tensione (Primo Ambiente).
Si raccomanda inoltre di utilizzare filtri nelle installazioni industriali (Secondo ambiente), se nel vicinato vi sono apparecchiature che
potrebbero essere danneggiate dalle emissioni, benché la norma di prodotto attualmente non imponga alcun limite alle emissioni
Installazione del filtro RFI:
Perché il filtro funzioni correttamente, è necessario assicurare collegamenti affidabili a bassa impedenza/HF, e pertanto è opportuno seguire
le seguenti indicazioni.
• Assemblare il filtro su una piastra metallica con punti di collegamento non verniciati in conformità alle istruzioni fornite dal produttore del filtro.
• Unire con bulloni in più punti i telai dell'armadio del filtro (se separato) e l'armadio dell'azionamento. Rimuovere eventuale vernice da tutti i
punti di collegamento.
• I cavi d'ingresso e di uscita del filtro non devono essere posizionati in parallelo e vanno separati uno dall'altro.
• La lunghezza massima del cavo tra il filtro e l'azionamento deve essere inferiore a 0,3m, per lunghezze superiori usare cavo schermato.
•Posizionare il filtro in modo da non ostruire il canale di ventilazione del convertitore.
• Il filtro deve essere messo a terra in modo conforme alle istruzioni del produttore. Si ricorda che il tipo e le dimensioni del
cavo costituiscono un fattore critico.
Nota: Non è possibile utilizzare filtri nelle reti flottanti (reti IT) dove sia presente un'elevata impedenza o non vi siano collegamenti fisici tra
le fasi e la messa a terra.
•Prevedere soppressori di sovratensione sulle bobine di relè, contattori, elettro-valvole anche quando questi siano installati
all’esterno dell’armadio.

IMGT10002IT - May ’07 21


Installazione GT1000

3.3.2.1 Filtri RFI (vedere tabella 3.4 per i codici dei filtri)

RFI in reti con neutro a terra (TN o TT ):


I filtri sono adatti solo per reti con neutro a terra (es. Rete pubblica europea a 400 V. Secondo la EN 61800-3, i filtri non sono compatibili con
reti flottanti (rete IT ).
Dispositivi di controllo di isolamento
I filtri (con i loro resistori di scarica interni), i cavi, il convertitore ed il motore presentano complessivamente un a considerevole
capacita’ verso terra che causa un aumento della corrente di fuga verso terra (>30mA).
Il dispositivo di protezione verso terra deve essere adatto per tali valori.
Reti flottanti IT:
Per reti flottanti (IT), senza collegamento a terra, o con impedenza/resistenza (maggiore di 30Ω ) verso terra, se è previsto il filtro RFI:
• Scollegare il filtro prima di collegare il convertitore alla rete.
• Se sono necessari requisiti EMC, verificare l’eventuale eccessiva emissione verso la vicina rete a bassa tensione. In alcuni casi, la
soppressione naturale nel trasformatore e nei cavi è sufficiente. Nel dubbio, usare un trasformatore con schermo tra primario e secondario.

S1GT0P3/0P4/0P6

Per questi inverter il filtro RFI viene


fornito sciolto in un kit che
comprende un adattatore per il
montaggio del filtro RFI sotto
all’inverter.
REMOTE CONTROL OPERATOR

ON Fault RUN

STOP MAN AUTO RESET

Codice SAP del Kit: Enter


Canc.

1000007130. SHIFT

Il filtro deve essere connesso a terra prima di applicare tensione all’inverter e puo’ essere usato solo
ATTENZIONE con reti bilanciate.
Non installare o scollegare il filtro RFI quando la tensione ai morsetti dell’inverter.
Se un inverter con relativo filtro RFI è installato su una rete IT [rete isolata da terra o rete connessa a
terra con elevata resistenza (>30Ω)], la rete sara’ collegata al potenziale di terra attraverso i
condensatori del filtro EMC. Cio’ puo’ causare situazioni di pericolo o danneggiamento dell’unita’.
Il filtro non deve essere collegato ai morsetti di uscita dell’inverter (lato motore).
RETI CON COLLEGAMENTO ASIMMETRICO A TERRA (definete nella tabella seguente)
In tali applicazioni il filtro RFI interno deve essere scollegato.
Se la configurazione di terra della rete di alimentazione fosse sconosciuto, scollegare il filtro RFI interno.
RETI CON COLLEGAMENTO ASIMMETRICO A TERRA – il filtro RFI filter deve essere scollegato

Terra sulla mezzeria di un avvolgimento Terra sull’angolo dell’avvolgimento a triangolo Variac trifase senza un solido punto a terra

22 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.3.3 GT1000 Conformita’ alla IEC 61800-3

I GT1000, con filtro RFI, è un prodotto di categoria C3 e C4 e pertanto soddisfa i requisiti definiti nella EN 61 800-3 per il secondo ambiente.
I GT1000, con filtro opzionale di classe B e con lunghezza dei cavi motore inferiore a 25 metri., puo’ essere considerato un prodotto di
categoria C2 e quindi soddisfa anche i limiti ridotti del primo ambiente
ATTENZIONE!: “Questo è un prodotto di categoria C2 in accordo con la IEC 61800-3. In un ambiente domestico questo prodotto può
causare radio interferenze in tal caso possono essere richieste misure supplementari per ridurre le interferenze.”
Gli avvertimenti e le raccomandazioni di installazione di questo manuale devono essere rispettate.
Per limitare le emissioni i GT1000 sono previsti con filtro EMC (installato all’interno dell’inverter a meno di S1GT0P3-0P4-0P6F).
Sono disponibili filtri RFI opzionali per l’uso del convertitore nel primo ambiente.
Nota: a) Il convertitore non puo’ essere equipaggiato con filtro EMC se è installato su una rete flottante (IT).
b) Fare riferimento alla figura 3.2.1 per il collegamento del filtro RFI al convertitore.
a) I codici dei filtri RFI sono riportatati in Tabella 3.4.
Nota:
Se le suddette disposizioni non possono essere osservate, (es.il convertitore non puo’ essere provvisto di filtro EMC in quanto installato su
una rete flottante (IT), i requisiti della Direttiva EMC per distribuzione ristretta, possono essere soddisfatti nel modo seguente:
1. Assicurarsi che non venga generata una eccessiva emissione verso la vicina rete a bassa tensione. In alcuni casi, la soppressione naturale
nel trasformatore e nei cavi è sufficiente. Nel dubbio, usare un trasformatore con schermo tra primario e secondario.

2. Un piano EMC per prevenire i disturbi è stato definito per la specifica installazione.
3. Sono stati previsti cavi di potenza e di controllo come richiesto nel Manuale.
4. Il convertitore è stato installato secondo le istruzioni del Manuale.

IMGT10002IT - May ’07 23


Installazione GT1000

3.3.4 Cavi motore


3.3.4.1 Cavi di collegamento tra inverter e motore
NOTA: I cavi di potenza del motore devono essere schermati. Se non si usano cavi schermati potrebbe sorgere problemi RFI
I cavi schermati assicurano una elevata immunita’ dell’impianto contro i disturbi generati dall’inverter.
Il cavo schermato fa ritornare la corrente ad alta frequenza direttamente all’inverter attraverso la schermatura, invece di scorrere attraverso il
carcassa del motore.
La schermatura del cavo deve essere continua e deve essere collegata a terra su entrambe i capi: sia sul morsetto di terra del motore che sul
morsetto di terra PE dell’inverter.
In generale, prevedere sempre un cavo dedicato – con sezione minima pari al 50% del cavo di fase – che collega direttamente il morsetto PE
dell’inverter con il corrispondente morsetto del motore. Tale cavo ha la funzione di fornire una via preferenziale di chiusura per riportare i
disturbi generati dall’inverter allo stesso evitando agli stessi di propagarsi al sistema di terra dell’impianto
Il collegamento di terra del motore deve essere realizzata localmente direttamente al sistema di terra dell’impianto.

Morsettiera motore U
C A VO
SC H ER M AT O

V
Figura 3.3.4
Connessione tipica sul motorer
W

3.3.4.2 Tipologia di cavi di collegamento tra inverter e motore

a) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico:
- 3 conduttori di fase disposti in modo simmetrico
- Conduttore singolo non schermato
- 3 Conduttori PE disposti in modo simmetrico
- Schermo esterno per i conduttori di fase e PE.

b) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico: uguale al precedente ma con un unico
cavo PE posizionato al centro del cavo.

c) Cavo consigliato
Cavo schermato simmetrico: schermo con sezione superiore al 50%
della sezione di ogni conduttore di fase, (non occorre un altro conduttore
PE).

d) Non permesso

e) Non permesso

24 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

Collegamenti Inverter – Motore con cavo schermato simmetrico

ARMADIO
(GT1000)

MOTORE

Collegamenti lato convertitore :


a) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati alla sbarra di terra del quadro convertitore;
b) se per ragione di portata in corrente è necessario utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre conduttori di ciascun
cavo tripolare alle tre fasi U, V, W .
Collegamenti lato motore :
c) i conduttori PE e gli schermi devono essere collegati alla carcassa del motore; a questo scopo nella morsettiera del motore
deve essere prevista una opportuna piastra di fissaggio;
d) se per ragione di portata in corrente è necessario utilizzare più cavi in parallelo, si devono collegare i tre conduttori di ciascun
cavo tripolare alle tre fasi U, V, W .
NOTA: I cavi motore molto lunghi, a causa della corrente di dispersione verso terra e l’elevata frequenza di commutazione, possono causare
possono causare l’intervento del dispotivo di rilievo guasto a terra Sostituire il dispositivo con uno meno sensibile oppure alimentare
l’inverter con un trasformatore dedicato.

Messa a terra: Quadro Inverter e Motore sono collegati individualmente allo stesso sistema di terra; i cavi di collegamento fra Inverter e
Motore sono messi a terra da entrambi i lati ( sia i conduttori PE che gli schermi di tali cavi ).

3.3.4.3 Schermature cavi di segnale


I cavi per segnali digitali con lunghezza superiore a 3 metri e tutti i cavi per segnali analogici devono essere schermati . Lo schermo non deve
presentare interruzioni e deve essere, normalmente, collegato ad entrambi le estremita’ con morsetti metallici o dispositivi analoghi, posti
direttamente su superfici metalliche pulite, purche’ i punti di messa a terra facciano parte della stessa linea di terra. In caso contrario, occorre
collegare un condensatore (10 nF-2 KV) alla linea di terra su una estremita’.
Nei rari casi in cui la corrente circolante nello schermo causa interferenza con i segnali da schermare, la schermatura deve essere collegata
solo dal lato del drive
Nell’armadio del convertitore, e’ necessario effettuare questo tipo di collegamento direttamente sulla lamiera in prossimita’ dei morsetti e, se il
cavo proviene dall’esterno, anche sulla sbarra PE; all’altra estremita’ del cavo, la schermatura deve essere saldamente collegata
all’alloggiamento dell’unita’ emittente o ricevente.
Nella messa a terra di cavi schermati, usare una connessione a 360° ed evitare assolutamente la connessione tipo “pig-tail” (coda di maiale),
cioe’ connettere lo schermo a terra tramite un cavetto oppure utilizzare lo schermo, arrotolato e connesso a terra.
Usare un doppino twistato e schermato per i segnali analogici. Tale tipo di cavo è raccomandato anche per i segnali dell’encoder. Usare un
doppino per ogni segnale.
Non usare un unico cavo comune di
ritorno per segnali analogici diversi.
Cavo multipolare con doppini twistati e schermati Cavo multipolare schermato con doppino twistato
Un doppino schermato è la miglior soluzione per i segnali digitali in bassa tensione ma possono essere usati anche cavi multipolari schermati
con doppino twistato.
Usare cavi di segnale digitali separati da quelli di segnale analogici.
Si raccomanda di usare cavi twistati per i rele’, tali cavi (con tensione non superiore a 48V) possono viaggiare insieme ai segnali digitali.
Non mischiare cavi a 24 Vcc e cavi a 115 / 230 Vca nello stesso cavo.
Sezione massima dei cavi di controllo: 1,5mm2 (AWG16)

IMGT10002IT - May ’07 25


Installazione GT1000

• I cavi di controllo devono essere


mantenuti ad una distanza superiore GT1000
a 0.3m (1 foot) dai cavi di potenza.
• Installare i cavi di potenza ed i cavi
di segnale in canaline separate.
Se necessario incrociare cavi di
potenza e di segnale effettuare Incrocio a 90°
l’incrocio con un angolo a 90°.
≥0.3m

Figura 3.3.4.1 Percorso cavi Cavi di potenza

≥ 0.3m
Cavi di controllo

3.3.4.4 Collegamento a terra


Per problemi di sicurezza, corretto funzionamento e per ridurre le emissioni elettromagnetiche, il convertitore ed il motore devono essere
messi a terra sul luogo dell’installazione. Un collegamento a stella è accettabile ma non è il sistema preferito.
• La sezione del cavo di terra deve essere adeguata alle disposizioni della nazione in cui viene installato il convertitore.
• Lo schermo dei cavi di potenza deve essere collegato al morsetto PE del convertitore per soddisfare i requisiti di sicurezza.
• Nelle applicazioni plurimotore non collegare i cavi di terra dei convertitori in serie.
• Il quadro deve prevedere una propria sbarra di terra, collegata alla terra dell’impianto, a cui collegare tutti i dispositivi.
• Il collegamento di terra deve essere il piu’ corto possibile.
• La terra dell’azionamento deve essere separata da quella di altri dispositivi.
• I disturbi RFI richiedono una grossa sbarra di terra a causa dell’effetto pelle.
• Lo schermo dei cavi di potenza è adatto per essere usato come cavo di terra solo se ha una sezione adeguata alle norme di
sicurezza.

S1GT S1GT S1GT S1GT S1GT S1GT

PE PE PE PE PE PE

b) Collegamento accettabile
a) Collegamento preferito

Particolare morsetti di terra dell’inverter.


S1GT045/053/066F/Y
P - L L LR R
E 1 2 3 + -

Collegamento
di terra

CONTROL
BOARD

Terra motore

U V WPE

26 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.4 REATTORI
3.4.1 Reattori d’ingresso
Il reattore di linea riduce il contenuto armonico della corrente d’ingresso dell’inverter migliorando il fattore di potenza d’ingresso e disaccoppia
gli apparecchi collegati sulla stessa linea. Il reattore causa una caduta di tensione proporzionale alla corrente di alimentazione ed al valore di
induttanza. Selezionare un reattore per avere una caduta di tensione uguale al 2÷5 % della tensione nominale d’ingresso (quando l’inverter
sta conducendo la totale corrente nominale). I codici dei reattori di ingresso sono riportati in Tabella 3.4.
S1GT030-150F prevedono un reattore di linea interna, per S1GT0P3-028 e S1GT182-258 prevedere un reattore tra la rete e l’inverter se:
sulla stessa linea stanno funzionando un convertitore a tiristori oppure altri inverter.
sulla stessa linea sono collegati condensatori di rifasamento.
lo squilibrio della tensione di alimentazione supera il 3%.
Esempio : Vrs = 400V, Vst = 407V, Vtr = 390V. Vrs, Vst, Vtr : valore rms delle tensioni linea-a-linea
Vrs + Vst + Vtr Vm : valore medio di Vrs, Vst, Vtr
VM = = 399V Fs : squilibrio di tensione
3
max. deviazione da VM 9
Fs = 100 ⋅ = 100 ⋅ = 2,3%
VM 399 In questo esempio il reattore non è necessario
la potenza della linea di alimentazione e la potenza dell’inverter sono incluse nell’area evidenziata:
[kVA] Potenza linea di aliment.

250
Reattore linea necessario
500

Non necessario Dimensione Inverter

50 170 [kVA]

Figura 3.5 Reattore d’ingresso


3.4.2 Reattore d’uscita
I reattori d’uscita sono necessari per compensare la corrente di dispersione capacitiva a terra, nonché per ridurre il gradiente di tensione sul
motore, essi, insieme ai nuclei di ferrite, aiutano a attenuare il fenomeno di RFI. I codici dei reattori di uscita sono in tabella 3.4
Uso dei reattori d’uscita rispettto alla lunghezza dei cavi schermati

ATTENZIONE: Limitare la lunghezza dei cavi motore in modo da non superare una caduta di tensione del 3 ÷ 5 % alla corrente
nominale. In caso di motori in parallelo è necessario considerare la somma della lunghezza dei vari cavi.
3.4.3 Ferriti
Nelle applicazioni nei quali più motori sono collegati ad un inverter e non è possibile schermare completamente i
cavi a causa di una morsettiera di derivazione dei singoli cavi motore, è necessario prevedere dei nuclei di
ferrite all’uscita dell’inverter. Per il corretto utilizzo è necessario avvolgere i tre cavi (da 2 a 5 volte) attraverso la
ferrite, lasciando all’esterno il cavo della messa a terra.
Il cavo che va dall’inverter alla morsettiera di derivazione, senza schermatura, deve essere il più corto possibile.
I GT1000 prevedono al loro interno un nucleo di ferrite in corrispondenza dei cavi di uscita al motore.

IMGT10002IT - May ’07 27


Installazione GT1000

Tabella 3.4 Reattore di linea, filtri RFI e reattori d’uscita

Tensione di alimentazione trifase 380V, 415V, 440V, 460V, 480V ±10%


Filtri RFI
TIPO Reattore di linea Classe B Classe A Reattore d’uscita
Interno, Esterno, Interno,
S1GT0P3F ELC22386201 ELC40969901 ELC22306601
S1GT0P4F ELC22386201 ELC40969901 ELC22306601
S1GT0P6F ELC22386201 ELC40922302 ELC22306601
S1GT006F ELC22386201 ELC40969901 ELC40922302 ELC22306601
S1GT008F ELC22386201 ELC40969901 ELC40922302 ELC22306602
S1GT011F ELC22386201 ELC40969902 ELC40922302 ELC22306602
S1GT015F ELC22386202 ELC40969902 ELC40922303 ELC22306602
S1GT018F ELC22386203 ELC40922303 ELC40969903 ELC22306603
S1GT022F ELC22386203 ELC40922304 ELC40969903 ELC22306603
S1GT028F ELC22386204 ELC40922305 ELC40969903 ELC22306603
S1GT030F ELC40922305 ELC22306603
S1GT036F ELC22306603
S1GT045F ELC22306604
S1GT053F ELC22306604
S1GT066F ELC22306604
S1GT086F ELC22306605
S1GT108F ELC22306605
S1GT125F ELC22306605
S1GT150F ELC22306606
S1GT182F ELC22386210 ELC40821102 ELC22306606
S1GT216F ELC22386211 ELC40821107 ELC22306607
S1GT258F ELC22386212 ELC40821107 ELC22306609

28 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.5 Sezione di controllo

La sezione di controllo è composta da una serie di interfacce e da un'unità di elaborazione a microcontrollore. La scheda di controllo riceve ed
elabora i segnali di corrente motore e tensione dei condensatori di filtro e trasmette sei segnali di comando ai moduli IGBT.
Tramite il tastierino ed un insieme di circuiti di interfaccia connessi alla morsettiera di controllo, si accede al governo dell'inverter.

3.5.1 Scheda di controllo a microprocessore

Descrizione scheda K1

XM1: morsettiera controllo


XM2: morsettiera esp. I/O
JP8

GSCMA
U16: microprocessore U25

U24: coprocessore
U26: memoria FLASH
U28: EEProm
U27
RL1, RL2: relè
JP7

X3: connettore telefonico


KE/KE1: connettore schede espansione I/O U24
K4: connettore scheda reti
K4

DL2 verde U26


DL1 rosso
DL3 giallo JP5
LED per codifica stato inverter (cap.7.2). JP4
U16
U28

DL2 X3
PS1 X5
DL1

JP1 DL4

JP6
KE1 JP2
KE JP9
RL1

RL2

JP3
RI1

XM1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21
Figura 3.5.1 Scheda di controllo base

Tabella 3.5.1 Ponticelli e interruttori scheda di controllo base microprocessore

JP1 ON Inserisce la possibilità del reset automatico delle protezioni Funzione


JP2 ON Porta a +10V (tramite 1kΩ) ingresso analogico al morsetto 14 Ingressi
JP3 OFF Inserisce 475Ω per ingresso 0-4/20mA su morsetto 16 Ingressi
JP9 OFF Inserisce 475Ω per ingresso 0-4/20mA sui morsetti 14-15 Ingressi
JP6 1-2 La terminazione RS485 (Morsetti 20-21) è chiusa su 221Ω Seriale
3 2 1 3 2 1 2-3 La terminazione RS485 (Morsetti 20-21) è aperta
JP8 1-2 Non Rimuovere Funzione
3 2 1 3 2 1 2-3

IMGT10002IT - May ’07 29


Installazione GT1000

Tabella 3.5.2 Morsettiera di controllo


FUNZIONE XM1 DESCRIZIONE
Relé 1
RL1: contatto relè DRIVE O.K. 1A-220Vac-carico R.
2
Relé 3
RL2: contatto relè configurabile 1A-220Vac-carico R.
4
Start FW 5 MARCIA AVANTI (V/F) / MARCIA (FOC)
Start REV 6 MARCIA INDIETRO (V/F) / FLUSSO (FOC)
COM1 7 Comando configurabile SW
COM2 8 Comando configurabile SW
COM3 9 Comando configurabile SW
DREN 10 Comando Drive Enable (abilitazione)
24Vcc 11 100mA Alimentazione Ingressi digitali
0V 12 I/O Ingressi digitali
+10V 13 +10Vdc 5mA alimentazione potenziometro
+ Ean1 14 Ingresso analogico differenziale configurabile 1: +/- 10V (morsetto non inv.)
- Ean1 15 Ingresso analogico differenziale configurabile 1: +/- 10V (morsetto inv.)
Ean2 16 Ingresso analogico configurabile 2: +/- 10V (4 -20mA)
0V 17 Comune ingressi/uscite analogici
Analogica 1 18 Uscita analogica 1 (0/10V)
0V 19 0V controllo
seriale 20 A seriale RS485
seriale 21 B seriale RS485

Tabella 3.5.3 Morsettiera scheda espansione ingresso encoder “GEDEA1” (montata all’interno del drive)
FUNZIONE XM2 DESCRIZIONE
1 Canale A 5-12-24V (1024imp./giro) con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-1
Encoder 2 Canale /A
3 Canale B 5-12-24V (1024imp./giro) con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-2
4 Canale /B
Alimentazione 5 5V-150 mA Alimentazione interna (JP1 chiuso) / Alimentazione esterna 12-24V (JP1 aperto)
encoder 6 0V-Isolato encoder
Relé 7-8 RL3: contatto relè configurabile 1A-220Vac-carico R.
Relé 9-10 RL4: contatto relè configurabile 1A-220Vac-carico R.
Analogica 2 11 Uscita analogica 2 (+/- 10V)
12 0V-controllo

• risoluzione uscite analogiche (-10V÷10V): 1/512


• risoluzione ingressi analogici: 1/2000
• tempo di ciclo degli ingressi analogici: 2÷16 ms
• tempo di ciclo degli ingressi digitali: 2÷16 ms
• risoluzione in frequenza - riferimento digitale: 0.01Hz
• risoluzione in frequenza - riferimento analogico: 1/2000
• assorbimento max. ingressi digitali optoisolati: 5 mA

30 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

Morsettiere di controllo (XM1, XM2)

SCHEDA ESPANSIONE I/O

1 1 A
RL1 2 A

Encoder
2 3 B
3 4 B
RL2 5 5V
4 6 0V

SCH-ENC
5 7
FW
6 RV RL3
7 8
COM1
8 9
COM2
RL4
9 COM3
10 DREN 10
11
24V I/O
SCH-I/O 12 0V I/O 11
PWM1

13 + 10V 12
V
Uscita analogica 2 -10/+10V
Pot. 14 JP2
+
5Kohm
Ingresso +/-10V 475 Ean1
(4-20mA) 15 JP9
-

Ingressi analogici
Ingresso 0/10V 4-20mA 16 +
475 Ean2
17 -
JP3

Uscita analogica 1 0/10V


18
V PWM0

20 B-RS485 TX/RX

LINEA SERIALE RS485


21 A-RS485 TX/RX

Figura 3.5.2 Morsettiere di controllo microprocessore

3.5.2 Descrizione dei segnali di controllo


3.5.2.1 Comandi digitali
L’inverter GT1000 è previsto per segnali di comando con logica PNP.
I comandi sono operativi quando il relativo morsetto viene chiuso sul 24Vcc (morsetto 11 per alimentazione interna) attraverso contatto pulito
di relè o contatto statico.

5 5

6 6
+
24V
S1GT S1GT

11 1
1 1

Alimentazione interna Alimentazione esterna


Figura 3.5.3

IMGT10002IT - October ’07 31


Installazione GT1000

MORSETTO XM1-10: abilitazione inverter (riferimento schema a blocchi: DREN Drive Enable)
Tempo di acquisizione: 0
Chiudendo il contatto tra i morsetti 10 e 11 si abilita l'inverter a comandare i transistor di potenza (IGBT).
L'apertura del contatto, con inverter in marcia, provoca l'immediato spegnimento degli IGBT: il motore in moto si porta in
NOTA ROTAZIONE LIBERA.
Se si richiude il contatto, con marcia inserita e motore in moto, l'inverter ritorna a comandare il motore, ma si possono
presentare i seguenti casi:
CONTROLLO FOC: l’inverter rileva, attraverso l’encoder, la velocità in atto ed accelera il motore fino alla velocità impostata.
CONTROLLO V/F:
• Ripresa al volo disabilitata (FLo.02=0). L’GT1000 regola la frequenza di uscita partendo da frequenza zero; se il motore è in rotazione può
intervenire la protezione di sovracorrente (- OC) a causa della differenza tra la frequenza di uscita e quella del motore in rotazione.
• Ripresa al volo abilitata (FLo.02=1). L’inverter, partendo dalla massima frequenza, ricerca la frequenza del motore in rotazione e quindi
accelera il motore alla velocità impostata. (vedi cap. 7.8.21).
NOTA Il GT1000 deve essere abilitato chiudendo il morsetto 10 anche se i comandi sono inviati via seriale.

MORSETTO XM1-5: (FOC): marcia inverter / (V/F): marcia avanti / stop


Tempo di acquisizione: 2ms
(FOC): marcia inverter (riferimento schema a blocchi: FW/ST Start)
Alla chiusura del contatto 5-11 (con XM1-10 chiuso ed in assenza di allarmi) ll motore si avvia in rampa di velocità (o eroga coppia nel
funzionamento in coppia). L'apertura del contatto determina l’arresto in rampa di velocità (o zero coppia nel funzionamento in coppia) ed, al
raggiungimento della velocità minima, lo spegnimento dei comandi e la rotazione libera del motore.
Per mantenere il GT1000 abilitato occorre azzerare il riferimento di velocità mantenendo chiuso il contatto 5-11.
(V/F): marcia avanti / stop (riferimento schema a blocchi: FW /ST ForWard)
La chiusura del contatto (con XM1-10 chiuso ed in assenza di allarmi), provoca la partenza in rampa di velocità del motore. Mediante Vvf.12 si
può introdurre un tempo di attesa all'avviamento.
L’apertura del contatto provoca l’arresto in rampa di velocità ed al raggiungimento della velocità minima (o ad una frequenza data da Vvf.08) lo
spegnimento dei comandi e la rotazione libera del motore
Tramite Vvf.09 e Vvf.10 si può programmare la frenatura in D.C.: in fase di arresto, quando la frequenza di uscita scende sotto la F-MIN (Vvf.11)
o Vvf.08, viene iniettata sul motore una tensione continua. Per le funzioni del morsetto 5 in base ai parametri rEF.05 o rEF.06 posti al valore 5, si
veda descrizione al capitolo 7.8.4.
MORSETTO XM1-6 (FOC): comando FLUSSO / (V/F): marcia avanti / stop
Tempo di acquisizione: 2ms
(FOC): comando FLUSSO (riferimento schema a blocchi: RV/FI)
La chiusura del contatto 6-11 determina la magnetizzazione del motore. Il comando deve essere dato alcuni decimi di secondo prima di quello di
marcia e permette di partire con il motore già flussato migliorando in tal modo la risposta di velocità con rampe molto brevi.
Lasciare inserito questo comando, o quello di marcia con velocità zero, provoca un’erogazione di corrente sul motore almeno pari alla corrente
magnetizzante con eventuali problemi di riscaldamento se il motore non è servoventilato.
(V/F): marcia indietro/stop (riferimento schema a blocchi: RV/FI ReVerse).
Analogo al morsetto 5 (FW). E' operativo con morsetto 10 chiuso e assenza di allarmi.
La chiusura del contatto provoca la partenza in rampa di velocità del motore nel senso opposto a quello del morsetto FW. Lo "stop in rampa" lo si
ottiene con i morsetti 5 e 6 entrambi aperti o entrambi chiusi. Il morsetto 6 è ininfluente con i parametri rEF.05 o rEF.06 al valore 5 (si veda la
descrizione di tali parametri).
I MORSETTI 7-8-9, chiamati rispettivamente COM1, COM2, COM3 sono programmabili: vengono di seguito evidenziate
NOTA
le loro predisposizioni di DEFAULT.
MORSETTO XM1-7 COM1: comando scelta riferimenti (riferimento schema a blocchi: CF1 ).
MORSETTO XM1-8 COM2: comando scelta riferimenti (riferimento schema a blocchi: CF2 ).
La scelta dei riferimenti avviene secondo la tabella seguente: CF1 CF2 Riferimenti
I riferimenti Mux1 e Mux2 sono determinati dai selettori rEF.05 e rEF.06 OFF OFF Mux1
rispettivamente. ON OFF Mux2
La scelta dei riferimenti completa avviene secondo la tabella riportata al
OFF ON Dig3: rEF.09
cap. 7.8.4
ON ON Dig4: rEF.10
MORSETTO XM1-9 COM3: comando di reset allarmi riferimenti (riferimento schema a blocchi: RST).
MORSETTO XM1-11 24Vdc comune comandi.
MORSETTO XM1-12 0Vdc comandi elencati.

NOTA La chiusura del contatto XM1-9 con XM1-11 attua il reset della protezione intervenuta se la causa è stata rimossa. Non
effettua un reset Hardware della scheda di controllo. Non è attivo se non vi sono protezioni intervenute.

32 IMGT10002IT - May ’07


GT1000 Installazione

3.5.2.2 Segnali di impostazione della velocità


Qualora si scelga il riferimento di velocità/frequenza da morsettiera si hanno varie possibilità:
a) Da potenziometro 2-10 kΩ (valore nominale 5 kΩ).
b) Segnale esterno di tensione 0÷±10V. Impedenza di ingresso 40kΩ.
c) Segnale esterno di corrente 0/4÷20mA. Impedenza di ingresso 475Ω.
d) Mediante contatti (abilitando la funzione motopotenziometro).
Non collegare generatori di tensione di valore uguale o superiore a 15V ai morsetti degli ingressi analogici
Motopotenziometro software
Tabella dei parametri principali. MIN. Default MAX
FLo.01 0 0 1
Fn1.01 1 1 6
Fn1.02 -6000 RPM / 0.1 Hz 1500 RPM / 60.0 Hz 6000 RPM / 480.0 Hz
Fn1.03 -6000 RPM / 0.1 Hz -1500 RPM / 60.0 Hz 6000 RPM / 480.0 Hz

La funzione motopotenziometro deve essere dapprima predisposta settando a 8 rEF.05 o rEF.06 e quindi abilitata ponendo FLo.01 a 1.
Si devono scegliere, inoltre, tra i tre ingressi programmabili i comandi di UP e DW (vedi configurazione ingressi digitali).
♦ Funzionamento
Il parametro Fn1.04 rappresenta la posizione relativa del motopotenziometro; esso viene modificato attivando i morsetti che fanno
rispettivamente funzione di UP e DOWN. Se sono entrambi aperti o entrambi chiusi il motopotenziometro è fermo.
La velocità di variazione viene scelta con il parametro Fn1.01.
Fn1.01= 1÷6 corrispondente ad un tempo tra 8 e 48 s
Il tempo indicato è quello corrispondente ad una variazione da 0 a 100%.
La posizione del motopotenziometro, da 0 a 100%, va poi a tradursi in giri attraverso Fn1.02 e Fn1.03.
Fn1.03 corrisponde alla posizione di minimo (0%), mentre Fn1.02 a quella di massimo (100%).
Ponendo Fn1.09 = 0, allo spegnimento la posizione impostata viene salvata in EEPROM.
Ponendo Fn1.09 = 1 il valore attuale di Fn1.04 non viene salvato in EEPROM ed ad ogni riaccensione riparte da zero. La descrizione
completa di questa funzione si trova al capitolo 7.8.20 del manuale.
3.5.2.3 Uscite analogiche
• ANALOGICA 1 - VELOCITÀ MOTORE
Con la programmazione di default (Aot.01=1) al morsetto18 di XM1 è disponibile un segnale in tensione proporzionale alla velocità del
motore. Si deve usare uno strumento analogico 0-10V di fondo scala (1mA).
Il massimo segnale (+10V) viene fatto corrispondere ad una velocità/frequenza di uscita in modulo pari al maggiore in valore assoluto tra i
parametri Mot.19 e Mot.20.
• ANALOGICA 2 (solo con scheda espansione encoder: GEDEA1)- CORRENTE/COPPIA
Per default (Aot.04=3) al morsetto 11 di XM2 si ha un segnale proporzionale al valore efficace della corrente di uscita.
In questo caso il fondo scala è pari a 250%INP (corrente nominale inverter).
Se si desidera ponendo il parametro logico Aot.04=9 si legge in uscita un valore proporzionale alla coppia stimata del motore. I 10V
corrispondono al 250% della coppia nominale del motore. La completa descrizione delle uscite PWM si trova al capitolo 7.8.11 del manuale.
3.5.2.4 Uscite digitali
RELÉ “DRIVE OK” Alimentazione inverter Situazione dell'inverter Contatto 1-2
È disponibile a morsettiera (1-2) il contatto di un relè con la Presente Normale Chiuso
seguente logica di chiusura: Presente Anormale Aperto
Caratteristiche elettriche dei contatti: 220 Vac 1A carico resistivo.
Disinserita Aperto
USCITE AUSILIARIE STATO FOC V/F
Sono disponibili quattro stati interni: R1-R2-R3-R4 riguardanti R1=1 Vel>rEF.17 (rEF.17>0) |f|>|rEF.17|
la velocità/frequenza con la seguente logica: Vel <rEF.17 (rEF.17<0)
R2=1 Vel >rEF.18 (rEF.18>0) |f|>|rEF.18|
Vel <rEF.18 (rEF.18<0)
R3=1 | Vel |<rEF.19 |f|<rEF.19
R4=1 | Vel -rif.|<rEF.20 |f-rif|<rEF.20
Questi 4 stati possono essere associati ad un relè d’uscita RL2 Alimentazione inverter R1/R2/R3/R4 Contatto
(morsetti 3-4 di XM1) o altri due ulteriori relè RL3 RL4 posti sulla Presente 1 Chiuso
scheda espansione (rispettivamente morsetti 7-8, 9-10 di XM2)
Presente 0 Aperto
programmando i parametri dot.01÷03.
Assente Aperto

IMGT10002IT - May ’07 33


Installazione GT1000

3.6 Lista di controllo installazione

L’installazione meccanica ed elettrica deve essere verificata prima della messa in funzione.

LISTA DI CONTROLLO INSTALLAZIONE MECCANICA

Temperatura ed umidità ambiente rientrano nelle specifiche.

L’unità è assemblata correttamente su una superficie verticale non infiammabile.

Passaggio di raffreddamento non ostruito.

LISTA DI CONTROLLO INSTALLAZIONE ELETTRICA

Inverter adeguatamente collegato a terra.


Tensione di rete corrisponde alla tensione d’entrata nominale dell’inverter del convertitore di frequenza.

Collegamenti di rete adeguatamente:


instradati
stretti

Collegamenti d’ingresso adeguatamente:


instradati
stretti

Collegamenti di controllo adeguatamente:


instradati
stretti
Adeguati fusibili d’ingresso installati.

Condensatori di compensazione uscita non sono presenti nei collegamenti motore.

Non ci sono strumenti o altri oggetti estranei all’interno dell’involucro.

34 IMGT10002IT - May ’07


4 MANUTENZIONE

4.1 Precauzioni sicurezza

ATTENZIONE! Tutti gli interventi di manutenzione ed installazione elettrica sui GT1000 devono essere eseguiti da personale
tecnico qualificato. Ansaldo Sistemi Industriali non è responsabile per danni dovuti a manutenzione impropria o
non autorizzata.
PERICOLO! RISCHIO DI MORTE O SHOCK ELETTRICO! E’ necessario adottare obbligatoriamente le seguenti
misure prima di procedere alla manutenzione dell’unità:
Eseguire la procedura di blocco/disabilitazione dell’alimentazione elettrica ed aprire il sezionatore principale del
quadro elettrico in cui e contenuto il GT1000.
Assicurarsi che tutte le alimentazioni elettriche che giungono all’inverter (alimentazione principale, alimentazioni
ausiliari) siano scollegate prima di effettuare la manutenzione sull’inverter
Attendere almeno dieci (10) minuti dopo aver scollegato l’alimentazione elettrica. Lasciare scaricare i
condensatori del bus DC prima di effettuare la manutenzione sull’unità o di accedere ai morsetti del motore. Fare
riferimento all’etichetta di sicurezza posta su ogni inverter.
Prima di effettuare interventi di manutenzione sulla macchina attendere 10 minuti dopo aver scollegato tutte le
alimentazioni elettriche e verificare che la tensione DC sia inferiore a 50V. Utilizzare un multimetro da 1000 Volt
DC o superiore.
I moduli IGBT sono sensibili alle cariche elettrostatiche. Maneggiare con cura per evitare possibili danni. Non
lasciare aperti i morsetti di comando gate-emettitore. Cortocircuitare tali pins con spugna antistatica o con un
ponticello metallico quando non sono collegati alla scheda di comando. Rimuovere il corto circuito, quando si
ricollega la scheda di comando. Non toccare i pins del dispositivo con le dita. Fare riferimento alla figura
seguente mentre si testa un dispositivo IGBT.

Figura 4.1 Controllo dell’IGBT


Verifica ponte d’ingresso e d’uscita
Lo strumento necessario per tale operazione è un multimetro digitale posizionato su “diodes test”
Verificare i diodi e gli IGBTs dopo aver scollegato i cavi d’alimentazione per evitare misure errate dovute a componenti esterni. La prima
operazione è una verifica visiva quindi seguire la seguente sequenza:
IGBT PONTE D’INGRESSO
Multimetro + test prod U V W -Vc -Vc - Vc L1 L2 L3 - Vc - Vc - Vc
Multimetro – test prod +Vc +Vc +Vc U V W +Vc +Vc +Vc L1 L2 L3
Componente Du Dv Dw Dx Dy Dz D1 D2 D3 D4 D5 D6
Valore corretto 0.25 ÷ 0.4 Vdc 0.35 ÷ 0.5 Vdc

IMGT10002IT - September ’06 35


Manutenzione GT1000

4.2 Manutenzione preventiva


Le esigenze di manutenzione dell’inverter possono essere inquadrate in tre aspetti fondamentali:
1. mantenerlo pulito
2. mantenerlo asciutto
3. mantenere le connessioni serrate.
♦ La polvere sull’hardware dell’inverter può causare un’insufficiente ventilazione con conseguente riduzione
ATTENZIONE delle prestazioni del dissipatore e dei ventilatori.
♦ La polvere in un apparecchio elettronico può provocare malfunzionamenti e anche guasti.
La polvere assorbe umidità che aumenta le possibilità di guasto.
♦ L’aria utilizzata per rimuovere la polvere deve essere priva d’olio e secca.
♦ Le variazioni termiche e le vibrazioni meccaniche possono provocare uno scadente serraggio delle
connessioni.
♦ Una vite ha una capacità massima di grappatura in corrispondenza ad un valore di coppia di serraggio
determinata dalle sue dimensioni, forma e materiale, superando tale valore di coppia in modo
permanente si riduce l’elasticità’ della vite deformandola e riducendone la capacità di grappatura.

Verificare periodicamente che:


cavi non siano danneggiati
i morsetti siano serrati
la temperatura ambiente dell’inverter e del motore non ecceda le specifiche raccomandate
le schede siano prive di polvere e condensa
l’isolamento non sia danneggiato o scolorito
gli sfiati o le aree vicine ai ventilatori dell’inverter non siano ostruiti.

Schede elettroniche
Le schede elettroniche non richiedono particolari interventi di manutenzione. Rimuovere periodicamente la polvere senza utilizzare aria
compressa. Sulle schede sono montati componenti sensibili alle cariche elettrostatiche.

Dissipatore di calore
Rimuovere periodicamente la polvere.

Ventilatori
Stimando una temperatura media di 35°C con 20 ore di funzionamento al giorno, la vita media del ventilatore è di circa 3-4 anni.
L’incremento del rumore del ventilatore prodotto dai cuscinetti e l’incremento della temperatura del dissipatore di calore sono sintomi di
possibile avaria.

Condensatori
Stimando una temperatura media di 35°C con 20 ore di funzionamento al giorno, la vita media dei condensatori elettrolitici è di circa 5-6 anni. I
condensatori elettrolitici conservano le proprie caratteristiche originali solo se sono alimentati entro 2 anni dalla data di fornitura. Prima di
mettere in funzione dispositivi che sono stati immagazzinati per più di due anni, è consigliabile mettere l’azionamento sotto tensione per
almeno due ore senza far funzionare il motore, per ripristinare le caratteristiche originarie dei condensatori.

Per ulteriori informazioni prendere contatto con il servizio assistenza.

4.3 Smaltimento

Il GT1000 non essendo riconducibile ad una delle categorie di prodotti elencate nella Direttiva 2002/96/CE (RAEE), a cui si riferisce anche la
Direttiva 2002/95/CE (RoHS), non è ad esse assoggettabile.
Il GT1000 puo’ non costituire un "prodotto finito" ai sensi della direttiva 2002/96/CE ed essendo destinato agli impianti industriali èo escluso
dal campo di applicazione delle Direttive.
Il GT1000 non puo’ essere impiegato in altre apparecchiature/dispositivi che devono obbligatoriamente risultare conformi alle direttive europee
citate.
I prodotti Ansaldo Sistemi Industriali sono comunque concepiti e fabbricati con particolare attenzione all'impatto ambientale. Buona parte dei
materiali costituenti le apparecchiature sono riciclabili o agevolmente smaltibili, nel senso indicato dalla Direttiva RAEE.
Il GT1000 contiene materie prime che devono essere riciclate per preservare energia e risorse naturali.
Il GT1000 non contiene sostanze tossiche o nocive.
I materiali d’imballaggio e tutte le parti in metallo sono riciclabili.
Le parti di plastica possono essere riciclate o bruciate in modo controllato in base alle norme locali.
I condensatori del circuito intermedio (BUS DC) contengono elettrolita e le schede a circuito stampato contengono piombo che devono essere
rimossi e trattati in base alle disposizioni di legge locali vigenti al momento in cui è effettuato lo smaltimento.

36 IMGT10002IT - September ’06


5 .... NOTE APPLICATIVE
5.1 Principio di funzionamento

Sebbene gli azionamenti varino in potenza e dimensioni, i componenti chiave sono comuni. Tali componenti includono:
• Morsetti di potenza in ingresso • Scheda microprocessore
• Circuito raddrizzatore d’ingresso • Tastierino
• Precarica • Scheda di potenza e pilotaggio
• Condensatori bus DC • Moduli di potenza ad IGBT
• Morsetti di potenza d’uscita

I morsetti d’ingresso AC ed il raddrizzatore d’ingresso non sono necessari per le applicazioni in bus DC.
NOTA Per alcune applicazioni il tastierino e/o la scheda microprocessore possono non essere installati.

La Figura 5.1 riporta uno schema elettrico dell’inverter. L’inverter consiste di tre componenti principali:
• Sezione convertitore AC-DC
• Bus DC
• Sezione inverter

Il convertitore o il circuito raddrizzatore converte la tensione alternata d’ingresso AC a frequenza fissa in una tensione continua di bus DC
raddrizzata. Il bus DC è costituito da condensatori elettrolitici il cui compito é filtrare il ripple residuo di linea e immagazzinare energia. I moduli
IGBT sono comandati per convertire la tensione DC in una tensione d’uscita trifase AC, che varia sia in frequenza sia in ampiezza, atta a
controllare il motore asincrono collegato.

CONVERTITORE (DA AC A DC) BUS DC INVERTER (DA DC A AC)

RESISTORE
PRECARICA

CONTATTORE C C C
PRECARICA

G E G E G E

Ingresso CONDENSATORI
VDC MOTORE
AC BUS DC

C C C

G E G E G E

RADDRIZZATORE
DIODI INGRESSO IGBT POTENZA USCITA

Figura 5.1 Schema indicativo dell’inverter

NOTA Il raddrizzatore d’ingresso ed il circuito di precarica variano in funzione della taglia dell’inverter –. (fare riferimento
agli schemi di potenza in Appendice A).

IMGT10002IT - September ’06 37


Note applicative GT1000

5.1.1 Schema dell’inverter

ηinv ηΜ , cosϕΜ
IN, AN
IL L ID, PD
M PM

Input
UL UN
reactor
Rectifier Inverter

DC link
Capacitors
Figura 5.2. Schema unifilare dell’inverter

AN = 3 ⋅ U N ⋅ I N AN = potenza apparente d’uscita (di targa)


IN = corrente nominale d’uscita (RMS)
UN = tensione nominale d’uscita (RMS)
PM = AN ⋅ η M ⋅ cos ϕ M PM = potenza meccanica disponibile all’albero motore
ηM = rendimento del motore
cos φM = cos fi motore
PM PD = potenza transitante in continua (DC bus)
PD = ηinv = rendimento inverter
η M ⋅ η inv
PD ID = valore medio corrente continua (DC bus)
ID = UL = tensione d’ingresso (RMS)
1.35 ⋅ U L
I L = 0.87 ⋅ I D Corrente d’ingresso RMS (presupponendo una reattanza d’ingresso del 3%)

I L = 1.25 ⋅ I D Corrente d’ingresso RMS (senza reattanza d’ingresso)

I D = 1.32 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M Presupponendo inv = 0.97

I L = 1.15 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M Corrente d’ingresso RMS (presupponendo una reattanza d’ingresso del 3% & UL= UN)

I L = 1.65 ⋅ I M ⋅ cos ϕ M Corrente d’ingresso RMS (presupponendo una reattanza d’ingresso del 0% & UL= UN)

38 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Note applicative

5.1.2 Formule e conversioni


Tabella 5.1.1 Formule utili
Grandezza Formula Note ed esempi
Velocità sincrona Frequenza Funzionamento Motore
120 ×
Numero di Poli Motore
Rapporto Volt / Hertz Tensione Un motore a 460 VAC è dato frequenza nominale 60 Hz.
Frequenza V/Hz = 460/60 = 7.66 V/Hz
Coppia Forza× Lunghezza Un braccio di 1 ft (0.305 m) per una forza di 20 lbs (88.9
Newton) equivale a 20 ft-lbs (27.1Nm) o coppia.
Coppia necessaria per Potenza × 5250 Utilizzare la formula opportuna per ottenere la coppia in
accelerare un motore Velocità (RPM) ft-lbs (equazione sopra) o in in-lbs (equazione sotto).
Potenza × 63000
Velocità (RPM)
Cavalli (HP) Coppia (ft- lbs) × velocità (RPM) Utilizzare la formula adeguata in base alle tre unità di
(per motori AC) 5250 misura della coppia (ft-lbs o in-lbs). (Kw)
Coppia(Nm) × velocità(R PM)
6300
Corrente (Ampere) Tensione (Volt) Legge di Ohm
Resistenza (Ohm)
Resistenza (Ohm) Tensione (Volt) Legge di Ohm
Corrente (Ampere)
Tensione (Volt) Currente(Ampere) × Resistenza(Ohm) Legge di Ohm
Potenza nei circuiti trifasi Tensione (Volt) × Corrente (Ampere) × 1.73
(KVA) 1000
Tensione motore Frequenza Motore Su un motore a 460 volt, 60 Hz che funziona a 48 Hz, la
× Volt nominali
(Per funzionamento al di Frequenza Base tensione del motore è di:
48 Hz
x 460 V = 368 V
sotto della velocità base) 60 Hz

Tabella 5.1.2 Fattori di conversione


Categoria Moltiplicare ... Per... Per ottenere...
Lunghezza metri 3.281 piedi
metri 39.37 pollici
pollici 0.0254 metri
piedi 0.3048 metri
millimetri 0.0394 metri
Coppia Newton-metro 0.7376 lb/ft
lb-ft 1.3558 Newton-metro
lb-in 0.0833 lb-ft
lb-ft 12.00 lb-in
Velocità angolare RPM 6.00 gradi/sec
RPM 0.1047 giri/sec
gradi/sec 0.1667 RPM
giri/sec 9.549 RPM
Momento di inerzia Newton-metri2 2.42 lb-ft2
oz-in2 0.000434 lb-ft2
lb-in2 0.00694 lb-ft2
massa-ft2 32.17 lb-ft2
oz-in-sec2 0.1675 lb-ft2
lb-in-sec2 2.68 lb-ft2
Potenza watt 0.00134 HP
lb-ft/min 0.0000303 HP
HP 746.00 watt
HP 33000.00 lb-ft/min
BTU/ora 0.293 watt
Temperatura gradi C = (gradi F-32) x 5/9)
gradi F = (gradi C x 9/5) + 32

IMGT10002IT - September ’06 39


Note applicative GT1000

5.2 Selezione dell’inverter

• La scelta dell’inverter deve basarsi sulla corrente nominale dell’inverter, piuttosto che sulla potenza dell’inverter. La corrente d’uscita
dell’inverter deve essere superiore alla corrente nominale del motore controllato.
• Se un solo inverter alimenta più motori, deve essere scelto un inverter con una corrente d’uscita che sia superiore del 10% rispetto alla
somma delle correnti motore. Prevedere una protezione termica hardware indipendente per ogni motore; la protezione termica software
interna dell’inverter non è efficace per le applicazioni con più motori.
• Il controllo vettoriale non può essere utilizzato nelle applicazioni a più motori. Utilizzare piuttosto un controllo V/Hz. (Eccezione: due
motori uguali in asse meccanico)
• Se l’applicazione a più motori richiede di scollegare e ricollegare alcuni motori durante il funzionamento del drive, scegliere un inverter
con un valore nominale di corrente adeguato per sostenere la somma della correnti di regime di tutti i motori collegati più la corrente
d’inserzione del/dei motore/i che devono essere ricollegati.
• La coppia di spunto e d’accelerazione del motore controllato dall’inverter è limitata dalla corrente massima dell’inverter. Scegliere un
inverter sovradimensionato se si richiede un’elevata coppia iniziale.

5.3 Note applicative

• Se un’applicazione richiede un contattore esterno, il contattore dovrebbe essere commutato soltanto quando l’inverter non è in marcia. Il
contattore dovrebbe essere interbloccato con la logica di marcia dell’inverter.
• Se l’inverter va in blocco, l’albero motore si porta in rotazione libera. Se questo non è ammissibile, è necessario prevedere un freno
meccanico.
• Se l’inverter è alimentato da un gruppo elettrogeno, verificare che il generatore sia in grado di sostenere la distorsione armonica prodotta
dall’inverter.
• L’inverter dispone dell’opzione di frenatura in continua. Il suo utilizzo può causare temperature motore piuttosto alte. Se è richiesto un
utilizzo frequente di questa funzione, verificare che il motore sia adeguatamente dimensionato o contattare il produttore del motore.

5.4 Applicazioni con motori speciali

• MOTORI CON FRENO. Il freno deve avere un’alimentazione elettrica indipendente. Quando il freno è innestato, l’inverter deve essere
disabilitato.
• MOTORI CON ROTORE CONICO. Il freno è controllato dal campo magnetico del motore; se necessario introdurre o regolare il boost; in
alcuni casi potrebbe essere necessario utilizzare un inverter di dimensioni maggiori.
• MOTORI CON DOPPIO AVVOLGIMENTO. La corrente d’uscita dell’inverter deve essere superiore alla corrente nominale d’ogni
avvolgimento motore. L’avvolgimento può essere commutato quando il motore e l’inverter non sono in funzione.
• MOTORI CLASSIFICATI. L’inverter non può essere fatto funzionare in ambienti con pericolo d’esplosione o d’incendio. Se il motore e
l’inverter devono essere fatti funzionare in ambienti simili, devono essere previsti entrambi in esecuzione antideflagrante.
• GIUNTI DI TRASMISSIONE. Il sistema di lubrificazione ed i limiti di rotazione variano da costruttore a costruttore; con olio lubrificante,
funzionamenti frequenti a basse velocità possono causare un surriscaldamento dovuto ad insufficiente lubrificazione. Verificare con il
costruttore la possibilità di funzionamento prolungato a queste velocità.
• MOTORI SINCRONI. E’ consigliabile prevedere una reattanza d’uscita per compensare l’insufficiente induttanza nel motore.
• POMPE A MOTORE SOMMERSE. La corrente nominale di questi motori è superiore a quella standard.
• MOTORI MONOFASE. I GT1000 non sono progettati per controllare motori monofase.

40 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Note applicative

5.5 Scelta del motore


• Quando si seleziona un motore, verificare che:
A. La ventilazione del motore sia appropriata per il campo di velocità di funzionamento prevista. Un funzionamento prolungato a bassa
velocità richiede un raffreddamento ausiliario del motore (vedere la zona contrassegnata 1-).
B. Il motore sia in grado di fornire un’adeguata coppia di sovraccarico sul campo di velocità di funzionamento (vedere la zona
contrassegnata).
Curve tipiche
Coppia
Coppia nominale
1.75
Coppia utilizzabile vs Velocità
1.50 1. Motore autoventilato: coppia di lavoro permanente
3 2. Motore a ventilazione forzata: coppia di lavoro permanente
1.25
4 Sovraccarico vs Velocità
1
0.95 3. Coppia sovraccarico nel campo a coppia costante
2 4. Sovraccarico di coppia nel campo deflussato
0.75
1
0.50

0.25

0
1 25 50 75 100 50Hz
1 30 60 90 120 60Hz
Velocità base

(1) Coppia sovraccarico limitata a 1.1 Tn (Coppia nominale) in applicazioni a coppia variabile.

• Con velocità superiori alla velocità base verificare con il costruttore del motore l’utilizzabilità dello
ATTENZIONE! stesso.
• In funzionamento in sovravelocità si possono verificare vibrazioni dovute a sbilanciamento del
rotore ed a vibrazioni del carico
• Il rumore del motore può aumentare

• RISONANZA NATURALE. La vibrazione può essere minimizzata utilizzando un accoppiamento flessibile o posizionando ammortizzatori
in gomma sotto la base del motore. Con l’inverter è possibile evitare frequenze critiche. Alcuni problemi possono sorgere in sistemi
coordinati.

• RUMORE Il rumore del motore alimentato da inverter è superiore a quello con alimentazione da rete (Frequenza di commutazione
inverter= 1,5kHz). L’impiego del reattore di uscita o del filtro sinusoidale riduce od annulla l’incremento del rumore.

• Il GT1000 fornisce un controllo a frequenza variabile. I motori ed i carichi devono essere in grado di funzionare in tutto il campo di
velocità e di potenza fornito dall’inverter.

• PROTEGGERE GLI AVVOLGIMENTI ED I CUSCINETTI DEL MOTORE


La tensione di uscita dei moderni inverter a IGBT, in relazione alla frequenza di uscita, presenta degli impulsi con valore pari a circa
1.35 la tensione di rete con un fronte di salita molto breve. La tensione degli impulsi può essere, in funzione delle caratteristiche
dei cavi, di valore doppio ai capi del motore; cio’ può causare stress addizionali all’isolamento del motore.
I moderni inverter PWM con i loro impulsi ad elevato fronte di salita e le elevate frequenze di commutazione possono provocare
delle correnti d’albero attraverso i cuscinetti dei motori che possono erodere gradualmente le sfere del cuscinetto.
Lo stress all’isolamento del motore può essere evitato con l’uso dei filtri dv/dt. I filtri dv/dt riducono anche le correnti d’albero sui
cuscinetti.
Per evitare danni ai cuscinetti del motore devono essere previsti cuscinetti isolati (lato opposto accoppiamento) e filtri di uscita
secondo la tabella di pagina seguente. Inoltre, scegliere i cavi ed installarli secondo le istruzioni del presente manuale.
• AUTO-ECCITAZIONE DEL MOTORE. Il fenomeno è distruttivo e pericoloso, provoca danni alla macchina e può accadere se un filtro
LC è collegato all’uscita dell’inverter.

IMGT10002IT - September ’06 41


Note applicative GT1000

ATTENZIONE Prima di collegare l’inverter al motore, verificare che la corrente assorbita dal banco di condensatori
del filtro LC all’uscita dell’inverter (rilevare il valore di capacità dallo schema funzionale del quadro) sia
inferiore al 90 % della corrente a vuoto del motore.
E’ necessario verificare tale condizione per evitare la possibilità di autoeccitazione del motore, con
conseguenti gravi danni sia alla macchina sia all’operatore.

La tabella 5.5 illustra come scegliere il sistema di isolamento del motore e quando sono necessari i filtri dv/dt e i cuscinetti isolati lato opposto
accoppiamento.
Per quanto riguarda l’isolamento occorre consultare il costruttore del motore. La mancata rispondenza del motore ai requisiti della tabella o
un’installazione impropria possono ridurre il tempo di vita del motore o danneggiare i cuscinetti.
Tabella 5.5
Motore tipo Tensione nominale di rete Richiesta per
Sistema di isolamento del motore Filtro dv/dt filter, cuscinetto isolato
PN > 350 kW
o
taglia > IEC 400
PN > 469 HP
Avvolgimento 500 V < UN < 600 V Rinforzato: ÛLL =1600 V + dv/dt + N + LCMF
random o
Avvolgimento
Rinforzato: ÛLL =1800 V + N + CMF
in sagoma
600 V < UN < 690 V Rinforzato: ÛLL =1800 V + dv/dt + N + LCMFF
Avvolgimento 600 V < UN < 690 V Rinforzato: ÛLL =2000V, N + CMF
in sagoma tempo di salita 0.3micro s
Nota 1: Le abbreviazioni usate nella tabella sono definite sotto.
Abbreviazione Definizione
UN Tensione nominale della rete d’alimentazione
ÛLL Tensione picco a picco ai capi del motore cui l’isolamento del motore deve resistere
PN potenza nominale del motore
du/dt filtro dv/dt all’uscita dell’inverter
CMF filtro di modo comune (3 ferriti toroidali)
LCMF filtro di modo comune leggero (1 ferrite toroidale)
N Cuscinetto isolato lato opposto accoppiamento
Nota 2: Motori antideflagranti (EX).
Consultare il costruttore del motore per i problemi d’isolamento del motore e richieste addizionali per motori antideflagranti (EX).
Note 3: Grossi motori e motori in IP 23
Per i motori con potenza nominale superiore a quella stabilita per una particolare altezza d’asse dalle norme EN 50347 (2001) e per
motori con grado di protezione IP 23:
applicare ai motori di gamma 40 kW < PN < 100 kW gli stessi criteri della gamma “100 kW < PN < 350 kW”.
applicare ai motori di gamma “100 kW < PN < 350 kW”.gli stessi criteri della gamma “PN < 350 kW”.
Nota 4: Resistore di frenatura
Quando l’inverter è in frenatura, la tensione del circuito intermedio in DC aumenta; l’effetto risultante è equivalente ad un incremento del
20% della tensione di rete. Tale incremento va considerato nello stabilire le richieste d’isolamento.
Esempio: Per un motore a 400V devono essere adottati i criteri d’isolamento per alimentazione a 480V.

42 IMGT10002IT - September ’06


6 OPZIONI
6.1 Unità frenante
6.1.1 Introduzione
I GT1000, se richiesto, possono essere dotati di un unità di frenatura interna montata in fabbrica. Il codice di prodotto identifica l’unità di frenatura
con il 10° carattere; la lettera “B” nella 10^ posizione indica che il freno è montato all’interno, mentre la lettera “N” indica che il GT1000 non ha l’unità
di frenatura installata. L’unità di frenatura interna è standard fino alla taglia S1GT033 compresa (Vedere capitolo 2 per dettagli).
L’unità di frenatura è necessaria quando la coppia frenante richiesta supera del 15% la coppia nominale del motore.
La coppia frenante massima consentita utilizzando l’unità di frenatura non può superare il 150% della coppia nominale del motore.
L’unità di frenatura viene fornita sempre senza il resistore. Il resistore può essere calcolato secondo le formule riportate nella sezione 6.1.3.
Il dispositivo di frenatura è in grado di gestire una potenza frenante continuativa calcolata per il 50% della potenza nominale del motore (vedi capitolo
2 paragrafo 2.4 “Dati elettrici”).
Note:
- Il valore ohmico del resistore è specificato per una tensione di linea tra 380 e 440 Volt.
- Per tensioni fino a 480V, il valore ohmico deve essere aumentato approssimativamente del 7%.
- Per cicli di rendimento critici (ad es. applicazioni di sollevamento) consultare il produttore.
Tabella 6.1 GT1000. Unità di frenatura, resistori e fusibili per rete 380V - 480V ±10%
Inverter Valore minimo Potenza Resistore tipico Fusibili esterni
1)

resistore * Rb cont.switch Rating Bussmann Ferraz Code


@ 400V @ 480V KW KW Ω SAP Code (A-V) BSS88…. - -
S1GT0P3 200Ω 215 1 0,6 3X110 in serie ELC40949901 10-690 10CT- - -
S1GT0P4 200Ω 215 1,5 0,6 3X110 in serie ELC40949901 10-690 10CT-
S1GT0P6 100Ω 110 2 1,3 2X55 in serie ELC40950001 10-690 10CT-
S1GT008 80Ω 86 3 1,3 2X55 in serie ELC40950001 20-690 20CT
S1GT011 60Ω 65 4 1,3 2X55 in serie ELC40950001 20-690 20CT - -
S1GT015 40Ω 44 5 2,2 55 ELC40950201 20-690 20CT
S1GT018 40Ω 44 5 2,2 55 ELC40950201 20-690 20CT
S1GT022 30Ω 32 7,5 4 55 ELC40950301 40-690 40FE 6,6URS7/40 ELC402429
S1GT028 20Ω 22 9 4 28 ELC40950302 40-690 40FE 6,6URS7/40 ELC402429
S1GT030 20Ω 22 9 4 28 ELC40950302 40-690 40FE 6,6URS7/40 ELC402429
S1GT036F 20Ω 22 9 4 28 ELC40950302 40-690 40FE 6,6URS7/40 ELC402429
S1GT045F 13 Ω 14 11 8 15 ELC40950403 80-690 80FE 6,6URS17/80 ELC402432
S1GT053F 10 Ω 11 15 8 15 ELC40950403 80-690 80FE 6,6URS17/80 ELC402432
S1GT066F 10 Ω 11 15 8 15 ELC40950403 80-690 80FE ELC402432 ELC402432
Fusibili interni
S1GT086F 7Ω 8 25 16 2x15 in parallelo ELC40950403 140-690 140EET ELC402446
S1GT108F 7Ω 8 25 16 2x15 in parallelo ELC40950403 140-690 140EET ELC402446
S1GT125F 5Ω 5,5 40 16 2x15 in parallelo ELC40950403 140-690 2x140EET ELC402446
S1GT150F 3,3 Ω 3,6 50 32 4x15 in parallelo ELC40950403 140-690 2x140EET ELC402446
S1GT182F 3,3 Ω 3,6 50 32 4x15 in parallelo ELC40950403 140-660 ELC402446
S1GT216F 4 + 4Ω 4,4+4,4Ω 2 x 70 16+16 2x(2x10) in parallelo ELC40950404 140-660 ELC402446
S1GT258F 3,3+3,3Ω 3,7+3,7Ω 2 x 70 16+16 2x(2x10) in parallelo ELC40950404 140-660 ELC402446

6.1.2 Installazione
I resistori devono essere installati all’esterno dell’inverter e collegato con cavo schermato di sezione adeguata.
Il resistore raggiunge temperature elevate, evitare, quindi, l’installazione dello stesso in prossimità dell’inverter a qualsiasi altro dispositivo che
possa venir danneggiato dall’emissione di calore.
La potenza nominale della resistore non è calcolata per funzionare con duty-cicle=1. In caso di guasto dell’interruttore di frenatura di potenza, la
resistore è collegata direttamente sulla rete tramite il ponte raddrizzatore. In una situazione simile, la resistore riscalda fino ad una temperatura
elevata e si può verificare il guasto della resistore stessa. Per evitare tale situazione, la resistore deve essere protetta da un adeguato relè di
temperatura: il suo intervento deve aprire l’interruttore principale che protegge la linea in entrata.

Ogni resistore deve essere protetto da un adeguato


termoprotettore che apra il teleruttore di rete in caso di
intervento.

IMGT10002IT 43
Opzioni GT1000

6.1.3 Scelta del resistore


Quando la velocità (frequenza) di un motore asincrono viene ridotta rapidamente, il motore lavora come generatore asincrono ridando energia
all’inverter.
Parte dell’energia viene dissipata all’interno del motore (con coppia corrisponde a circa 10-20% della coppia nominale del motore), il resto
dell’energia viene accumulata sui condensatori del circuito intermedio dell’inverter con un incremento di tensione ai loro capi. Per evitare che
si raggiungano valori di tensione troppo elevati, con un conseguente intervento della protezione di massima tensione dell’inverter, si utilizza
un’unità di frenatura dinamica.
Un circuito elettronico rileva la tensione sul banco dei condensatori dell’inverter e, quando la sua tensione supera un valore predefinito, si
abilita il transistor di potenza dell’unità di frenatura che inserisce il resistore di frenatura in parallelo al banco di condensatori.
Non appena la tensione DC ritorna ai suoi valori normali, il transistor di potenza viene disabilitato.
Il valore ohmico del resistore e la sua potenza dipendono dal tipo di inverter, dall’inerzia delle masse in movimento, dalla coppia di carico e dal
tempo di decelerazione.
La figura 6.1 fornisce le definizioni per i termini utilizzati quando un motore viene frenato da una velocità iniziale N1, fino ad una velocità finale N2.
Le formule per il calcolo della potenza dei resistori sono sotto riportate.
N (RPM)
N1

N2

tb
Tc t (s)

Figura 6.1
Termini e simboli utilizzati:
MB = coppia frenante del motore da velocità N1 a N2 in un tempo tb Nm
J = inerzia totale all’albero motore. Kgm2
ML = coppia di carico all’albero motore. Nm
PR = potenza media resistore. W
WB = energia di frenatura. J
MN = Coppia nominale del motore = 60 ⋅ P (Nm) Nm
2π ⋅ N
N = Velocità nominale del motore RPM
P = Potenza nominale del motore W
V = Tensione DC nominale di frenatura (Vedere i valori riportati in tabella 6.1-3)

M =
(
2π ⋅ J ⋅ N1 - N2 )−M Nel caso peggiore MB = 1.5 MN NM
B 60 ⋅ tb L

V2 1 Ω
R = ⋅
B 0.10472 ⋅ M ⋅ N1 1.2
B
(
0.10472 ⋅ M - 0.2 ⋅ M
B N
⋅ N1 + N2 ) ( ) J
W = ⋅ tb
B 2

W W
P = B
R Tc

Il valore ohmico di RB deve essere ≥ al valore riportato in tabella 6.1.


La tensione di frenatura viene selezionata automaticamente in base alla tensione nominale di rete impostata nel parametro drv.05:
Classe tensione AC del GT1000 (parametro drv.05) Tensione DC di frenatura (da utilizzare nella formula)
da 380 a 415V 680
da 416 a 499V 750
500V 800
Dopo i calcoli il resistore di frenatura può essere specificato utilizzando i seguenti valori: valore ohm (Ω), energia di frenatura (J), ciclo di
lavoro, tensione picco verso terra 1200 Volt.

44 IMGT10002IT
GT1000 Opzioni

6.2 Tastierino
6.2.1 Installazione del tastierino

Figura 6.2.1 Il tastierino è collegato alla scheda di controllo per Figura 6.2.2 Il tastierino è tenuto in posizione da una
mezzo di un cavo piatto terminato da connettori telefonici. linguetta a scatto posta sulla copertura frontale.
Rilasciare il tastierino utilizzando un cacciavite

IMGT10002IT 45
Opzioni GT1000

6.2.2 Installazione su porta del quadro


Per il remotaggio tastierino sulla porta sono previsti due kit opzionali:
SVGTRK ELC452936 Kit remotaggio tastierino per SVGT0P3 –028F e S1GT182-258F
SVGTRKB 1000087515 Kit base remotaggio tastierino per S1GT030-150
SVGTRK SVGTRKB
GUSCIO di montaggio tastierino GUSCIO di montaggio tastierino
CAVO di collegamento (lunghezza ≈ 2m) al GT3000 CAVO di collegamento (lunghezza ≈ 2m) al GT3000
(connettore X3 della scheda di controllo) (connettore X3 della scheda di controllo)
SUPPORTI di fissaggio SUPPORTI di fissaggio
Adattatore che, installato sulla portella dell’inverter, al posto del
tastierino, rende accessibile il connettore X3.

L’installazione del guscio richiede la seguente cava sulla porta del


quadro.
150

110

REMOTE CONTROL OPERATOR

ON Fault RUN

STOP MAN AUTO RESET

Enter
Canc.

SHIFT

Figura 6A.2.3 Guscio di montaggio tastierino.

Grado di protezione tastierino: IP54


Grado di protezione guscio: IP54 (con guarnizioni sulla cava - cod.1000072882 e sul foro connettore cod.1000072881)

46 IMGT10002IT
GT1000 Opzioni

6.3 Schede opzionali gestione encoder (GEDEA)


6.3.1 Descrizione schede GEDEA

La scheda viene montata sopra la scheda di controllo dell’inverter (fig.6.3.2).


Essa va inserita o rimossa ad inverter disalimentato, facendo attenzione a non indurre scariche elettrostatiche. Prestare particolare cura
nell’inserzione dei connettori (lato saldature) K4, KE1 sulla scheda inverter, evitando di storcere dei pin.
Scheda GEDEA: E’ indispensabile, con di funzionamento in controllo vettoriale (FOC), per la lettura dell’encoder montato sul motore e
permette anche la gestione di un secondo encoder, da utilizzare come riferimento di velocità per l’inverter.

La figura mostra il topografico della

K4
U18
scheda:

U11
XM2: JDP1
espansione morsettiera controllo U16 U15
U13
XM3: ingresso II° encoder

1
6
RL3, RL4: relè configurabili

U9

U10
SW1-1, SW1-2:
D17
dip-switch per inserimento resistenze

U12
linea canali encoder.

9
5
U14
JP1: jumper alimentazione encoder

F1 JP1
SW1

GEDEA
U17
RL3

XM3 KE1
Figura 6.3.1 KE
RL4
XM2

Tabella 6.3.1 Descrizione morsettiera XM2


1 Canale A 5-12-24V (1024imp./giro) con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-1 in posizione
Encoder 2 Canale A ON
3 Canale B 5-12-24V (1024imp./giro) con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-2 in posizione
4 Canale B ON
Aliment. 5 5V-150 mA: Alimentazione interna (JP1 chiuso) / Alimentazione esterna 12-24V (JP1 aperto)
encoder 6 0V-isolato encoder
Relé 3 7-8 RL3: contatto relè configurabile 1A-220Vac-carico R.
Relé 4 9-10 RL4: contatto relè configurabile 1A-220Vac-carico R.
Analogica 2 11 Uscita analogica 2 (+/- 10V)
12 0V-controllo

La morsettiera XM3 serve a collegare i canali del II° encoder.


L’alimentazione (0V e 5Vdc interni) è in comune con l’encoder di retroazione quindi disponibile ai morsetti XM2-5 e XM2-6.
A differenza dell’encoder di retroazione, il II° encoder non deve essere necessariamente a 1024 impulsi/giro.

Tabella 6.3.2 Descrizione morsettiera XM3


1 Canale A
5-12-24V (con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-3 in posizione ON)
II° Encoder 2 Canale A
3 Canale B
5-12-24V (con uscita encoder line driver 5V inserire 221 Ω con SW1-4 in posizione ON)
4 Canale B

NOTA: chiudendo il jumper JP1 si porta la tensione di 5Vdc sul morsetto 5 della morsettiera XM2. Togliendolo si lascia sconnesso il morsetto
5 e ciò presuppone che gli encoder (entrambe) vengano alimentati da una fonte di tensione esterna.

IMGT10002IT 47
Opzioni GT1000

6.3.2 Installazione scheda

Dalla figura a lato si vede come viene montata la scheda K1

di espansione sopra la scheda di controllo dell’inverter. I


connettori di collegamento tra le due schede sono indicati JP8

GSCMA
U25
con KE1 e K4 (vedi figura 3.5.1).

U27

JP7
U24

K4
U18

U11
JDP1 U26
U16 U15
U13
JP5

1
JP4

6
Figura 6.3.2

U9

U10
D17 U28

U12

9
5
U14
DL2 X3
PS1 F1 JP1
DL1
SW1

GEDEA
JP1 DL4
U17
RL3 JP6
KE1 JP2
XM3
JP9

RL1

RL2
KE
RL4 JP3
XM2

XM1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

6.3.3 Check dell’encoder


1) Verificare l’installazione meccanica dell'encoder in base alle specifiche del costruttore.
2) Controllare che le predisposizioni per l’alimentazione e la ricezione encoder sulla scheda GEDEA siano corrette, in base dei seguenti casi:
Schema Alimentazione e tipo encoder Posizione jumper e dip- switch
I 5V interno - line driver 5V 1024 imp./giro SW1-1, SW1-2 posiz. ON, JP1 chiuso
II 24/5V esterno - line driver 5V 1024 imp./giro SW1-1, SW1-2 posiz. ON, JP1 chiuso
III 12/24V esterno - push-pull 1024 imp./giro SW1-1, SW1-2 posiz. OFF, JP1 aperto

3) Controllare il cablaggio encoder-inverter verificando che siano rispettate le corrispondenze funzionali dei conduttori e dei morsetti
(alimentazione +5Vdc, o 24Vdc o 12Vdc, massa, canale A, canale A, etc... ). Controllare che i morsetti siano ben serrati. Per la connessione
utilizzare sempre cavo schermato, possibilmente twistato, collegato secondo gli schemi riportati in figura 6.3.3.
Con encoder line driver 5V (alimentazione da inverter) procedere come segue: Alimentare l'inverter mantenendolo in stand-by (morsetto 10 aperto,
scritta "rdy" sul display). Lasciando fermo l'encoder, effettuare con un normale tester in continua le seguenti misure di tensione sui morsetti.
puntale positivo puntale negativo VALORI ACCETTABILI
+5V massa (0 volt) da 4.8 a 5.2 Vdc
Nel caso si misuri un valore inferiore a 4.8Vdc staccare i conduttori dai morsetti e misurare la tensione a vuoto. Se permane un valore basso fuori
tolleranza, verificare la scheda elettronica presso il centro di assistenza autorizzato. Se a vuoto la tensione rientra ad un valore corretto, verificare,
tra i dati forniti dal costruttore dell'encoder, la corrente assorbita: ricordiamo che la massima corrente fornibile dalla alimentazione 0-5V è di
150mA. Se il dato è compatibile verificare che non vi siano errori di cablaggio ed eventualmente sostituire l'encoder.
puntale positivo puntale negativo VALORI ACCETTABILI
morsetto A morsetto A di segno positivo o di segno negativo a seconda della
morsetto B morsetto B posizione dell'encoder, ma non inferiore a 3 Vdc
Se la misura precedente ha avuto esito positivo procedere come segue
Se la tensione tra un canale ed il suo negato non raggiunge il valore di 3Vdc, verificare le tensioni tra i morsetti e la massa (0 volt). In situazione
regolare si devono ottenere:
puntale positivo puntale negativo VALORI ACCETTABILI
sui morsetti di ingresso dei canali morsetto di massa da 3.4 a 3.8Vdc se sul canale vi è un livello logico ALTO
(A, A, B, B) (0 volt) da 0.1 a 0.3Vdc se sul canale vi è un livello logico BASSO

Se l'esito di almeno una di queste 8 misure è negativo si proceda come segue:


a) ricontrollare i cablaggi
b) misurare in ohm la resistenza tra A eA, tra B eB: devono risultare circa 220 ohm
c) provare a collegare un altro encoder
Se il risultato è positivo si può procedere al primo avviamento del sistema inverter-motore-encoder.

48 IMGT10002IT
GT1000 Opzioni

Schema I Versione standard


Encoder line driver 5V, alimentazione interna.
SW1-1=ON,SW1-2=ON,JP1 Closed Scheda Encoder
XM2
A 1 SW1-1:ON GEDEA1

A/ 2
JP1:ON

B 3 SW1-2:ON
5Venc
Encoder
B/
4
+5V 5
0Venc 6
0Venc

Schema II
Encoder line driver 5V, alimentazione esterna 5/24V.
SW1-1=ON,SW1-2=ON,JP1=ON Scheda Encoder
XM2

A 1 SW1-1:ON GEDEA1

A/ 2
JP1:ON

B 3 SW1-2:ON
5Venc
Encoder
B/ 4

+12/24Venc 5

0Venc 0Venc 6
0Venc

12/24V
0V

Schema III
Encoder push pull, alimentazione esterna 12/24V.
Scheda Encoder
SW1-1=OFF,SW1-2=OFF,JP1=OFF XM2
A 1 SW1-1:OFF GEDEA1

A/ 2
JP1:OFF

B 3 SW1-2:OFF
5Venc
Encoder
B/ 4
+12/24V 5
+12/24Venc
0Venc 0Venc 6
0Venc

12/24V
0V

Figura 6.3.3

IMGT10002IT 49
Opzioni GT1000

6.3.4 Primo avviamento del sistema inverter-motore-encoder


Installazione STANDARD.
Encoder installato sulla parte posteriore del motore, dal lato opposto all'albero di comando (fig.6.3.4).
1) Esame dell’installazione.
Alimentare l'inverter mantenendolo in stand-by (morsetto 10 aperto, scritta "rdy" sul display) e mediante i tasti di programmazione accedere al
parametro Mon.02 (giri motore) e visualizzarne il contenuto.
Lasciando fermo l'encoder deve comparire sul display il valore "00000". Facendo ruotare a mano lentamente l'albero del motore il senso orario
(guardando il motore dal lato dell'albero) si devono leggere giri positivi, ruotandolo in senso antiorario giri negativi.
Girando l'encoder in senso orario, il segnale che entra al morsetto "A" dovrebbe essere in anticipo di 90° rispetto al segnale che entra al
morsetto "B". Se i gizi letti non hanno il segno giusto, significa che le relazioni temporali tra i segnali A e B sono invertite; occorre quindi
eseguire una (e soltanto una) delle seguenti operazioni:
OPERAZIONE 1) scambiare B con B: - scambiare il conduttore che entra al morsetto B con quello che entra al morsettoB
OPERAZIONE 2) scambiare B con A: - scambiare il conduttore che entra al morsetto B con quello che entra al morsetto A
- scambiare il conduttore che entra al morsettoB con quello che entra al morsettoA

90°
GT1000

Figura 6.3.4
2) Primo avviamento
Controllare i dati Mot.01÷Mot.07 e verificare la loro congruenza con i dati del motore.
Programmare il GT1000 in FOC (drv.07=2) con set di giri da parametro interno (es. rEF.07). Verificare in Mon.08 la impostazione di un
riferimento di giri noto e tale da non creare situazioni di pericolo nel caso che il motore lo segua: ad esempio impostare +50rpm.
Chiudere il contatto di abilitazione DREN (mors. 10-11) dare il comando di marcia (mors. 5-11).
Se il motore è stato collegato al GT1000 in modo che la sequenza (positiva) delle fasi di uscita dell'inverter provochi una rotazione in
senso orario, il regolatore di velocità fa sì che il motore si porti, con la dovuta rampa di accelerazione, a ruotare alla velocità preimpostata.
In assenza di carichi collegati all'asse la corrente di uscita assume un valore prossimo al dato Mot.02.
Aprendo il contatto sui morsetti XM1-5/11 si provoca lo stop con rampa ed il rilascio del motore. Il sistema è pronto per le successive
operazioni di messa in servizio.
Se invece i morsetti del motore sono stati collegati in modo non corrispondente con le uscite dell'inverter, o il costruttore del motore ha cablato
il motore stesso non rispettando il senso ciclico convenzionale (sequenza U, V, W Î rotazione oraria), insorgono problemi per la regolazione.
Il motore ruota ad una velocità piuttosto bassa e di segno opposto a quella richiesta e l'inverter eroga una corrente molto alta, tale da fare
intervenire la protezione termica del motore (il display lampeggia e dopo un certo tempo l'inverter va in allarme "--tH").
In tale stato il semplice comando di STOP non riesce ad arrestare il motore ed interrompere la modulazione, poiché la velocità non è
controllata. L'unico comando attivo è quello di disabitazione DREN (apertura del contatto al morsetto XM1-10/11).
In questo caso è necessario togliere l'alimentazione di rete delll'inverter, attendere il tempo dovuto per permettere la scarica dei condensatori
di filtro, quindi invertire due fasi del motore.
6.3.5 Applicazioni particolari
Se si vuole lavorare con un set di giri positivo ma la macchina deve girare nel verso antiorario:
a) invertire due fasi del motore.
b) invertire il segnale dell'encoder, in modo che quando il motore gira in senso antiorario l'inverter legga giri POSITIVI. Per fare cio’ si può
scambiare il canale B col canale B o scambiare il canale A col canale B. (vedi OPERAZIONE 1 ed OPERAZIONE 2 cap. 6.3.4).
Encoder installato in posizione NON STANDARD.
Nel caso in cui l'encoder venga montato sul lato di comando del motore, occorre procedere come segue.
Ruotando l'albero motore in senso orario si devono leggere in Mon.02 giri positivi; se la rotazione dell'albero dà giri negativi scambiare il canale A con il
B oppure il B con il -B in modo che il segnale che entra al morsetto A sia 90° in anticipo rispetto a quello che entra al morsetto B.
Collegare le fasi del motore; se la terna di correnti non è concorde col segnale dell'encoder e si verifica la situazione di stallo precedentemente
descritta, aprire il contatto 10-11, spegnere l'inverter e invertire due fasi del motore.
Se si è ottenuto il controllo del motore ma si vuole lavorare con giri positivi in rotazione antioraria, vale quanto detto in precedenza ai punti a) e b).

50 IMGT10002IT
7 AVVIAMENTO-TEST-VISUALIZZAZIONE PROGRAMMAZIONE GT1000

7.1 Predisposizioni di fabbrica

L'inverter viene fornito con le impostazioni elencate nelle tabelle dei capitoli di programmazione alla voce default. In particolare:

DESCRIZIONE FUNZIONE PARAMETRO


- Algoritmo di controllo V/F (Volt/Hertz) drv.07=1
- Tensione nominale di rete 400V drv.05=380
- Sorgente 1ª velocità Da potenziometro (morsetti 14-15) rEF.05=1
- Sorgente 2ª velocità Da riferimento interno rEF.07 rEF.06=3
- Rampe lineari 10s da 0 a 60Hz rPS.01÷16=10.0
- Parametri motore in funzione di drv.01 Mot.01÷07
- Caratteristica lineare VvF.04=33.3 VvF.05=66.6
- Frequenza di piena tensione (Fb) 50Hz VvF.02=50Hz
- Portante 3kHz drv.06=1
- Grandezza visualizzata sul display Frequenza d’uscita (Hz) Mon.01=3
- Uscita analogica 1 Giri motore Aot.01=1
- Uscita analogica 2 (scheda exp) Corrente di uscita Aot.04=3
- Uscita digitale 1 (relè RL2) Velocita’ zero dot.01=3
- Uscita digitale 2 (scheda exp) Soglia velocita’ 1 dot.02=1
- Uscita digitale 3 (scheda exp) Soglia velocita’ 2 dot.03=2
- Ingresso digitale COM 1 Selezione riferimenti int. din.03=0
- Ingresso digitale COM 2 Selezione riferimenti int. din.04=1
- Ingresso digitale COM 3 Reset allarmi. din.05=16

7.2 Descrizione del display e del tastierino

Alloggiato su fronte dell’inverter si trova il tastierino di programmazione, esso è così composto:


♦ l'unità di visualizzazione costituita da: ♦ la tastiera costituita da:
cinque display a 7 segmenti tre tasti base
tre led ausiliari: ON, FAULT, RUN. MODE UP, UP, DOWN

e sette tasti ausiliari


MODE DW, MAN/Start, AUTO, STOP,
I 3 led ausiliari hanno il significato di: RESET , Canc/Enter, SHIFT
Led verde (ON):
inverter alimentato.
Led verde (ON) lampeggiante:
Inverter in funzionamento LOCALE (MAN)

Led rosso (FAULT):


inverter in protezione.

Led giallo (RUN): inverter in marcia.


Led giallo (RUN) lampeggiante: inverter
alimentato in fase di frenatura.

Figura 7.1

IMGT10002IT - September ’06 51


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Tasti UP e DOWN 1) scorrono la lista delle famiglie di parametri (Mon, drv, Mot, …)
2) scorrono la lista parametri all'interno di una famiglia (Es.: drv.01, drv.02, drv.03, …)
3) modificano il valore di un parametro
4) modificano il riferimento di velocità in funzionamento LOCALE.
: 5) possono diventare pulsanti di UP/DOWN per la funzione motopotenziometro
Tasto MODE UP 1) passo dal livello "visualizzazione" al livello "famiglie"
2) passo dal livello "famiglie" al livello "parametri"
3) passo dal livello "parametri " al livello "valore parametri"
: 4) ritorno al livello "famiglie"
Tasto MAN/Start : )Fa passare il funzionamento da REMOTO (comandi da morsettiera) a LOCALE (comandi e
riferimento da tastierino). La conferma deve avvenire con il tasto ENTER entro 3 secondi. Non
è attivo con l’inverter in marcia. Il passaggio in LOCALE viene segnalato dal lampeggio del led
verde (ON). Questa funzione può essere impedita programmando rLo.18=1
)In funzionamento LOCALE questo tasto diventa direttamente il comando di MARCIA. Nel
funzionamento V/Hz lavora in combinazione con UP o DOWN: MAN + UP = marcia FW
MAN + DOWN = marcia RV Una volta data la marcia il riferimento è immediatamente
modificabile conil tasto UP o il tasto DOWN. Nel funzionamento V/Hz il minimo impostabile è
pari a Vvf.17 + 0,1Hz il massimo è limitato da Mot.19 o da Mot.20 a seconda del senso di
rotazione.
)Se durante il funzionamento in LOCALE il tastierino dovesse scollegarsi dall’inverter, il
controllo toglie l’eventuale comando di marcia dato ed effettua lo stop in rampa senza
segnalare nessun allarme. Il riferimento rimane impostato.
Tasto AUTO Fa ritornare il funzionamento da LOCALE (comandi e/o riferimento da tastierino) a REMOTO
(comandi e riferimento da morsettiera). La conferma deve avvenire con il tasto ENTER entro 3
secondi. Non è attivo con l’inverter in marcia. Questo passaggio azzera il riferimento
: eventualmente impostato in un precedente funzionamento in LOCALE.

1) Comando di STOP da locale.


Tasto STOP: :

1) Comando di RESET protezioni (sempre attivo).


Tasto RESET :
Combinazione tasti )Permette l’acquisizione di alcuni parametri "particolari" tramite un reset software dell'inverter
(ad esempio la portante oppure la corrente nominale del motore). Con questo si evita di dover
SHIFT e RESET spegnere e riaccendere l'inverter. Non è attivo con l’inverter in marcia. La stessa azione la si
(pressione prolungata): ottiene anche con la procedura descritta al par. 7.4

Nel funzionamento in REMOTO, cioè con comandi e riferimento provenienti da morsettiera, il tastierino può essere rimosso e l’inverter
mantiene la propria funzionalità.
I tre led presenti sulla scheda controllo replicano le indicazioni dei tre led presenti sul tastierino fintantochè questo rimane collegato. Nel
momento in cui lo si scollegasse, i tre led della scheda controllo mantengono le precedenti funzioni solo in assenza di protezioni intervenute.
Se interviene una protezione, il led rosso cessa di mantenersi spento e si accende o di luce fissa o lampeggiante. Gli altri due led cambiano il
proprio comportamento e, in combinazione con il led rosso, danno indicazione della causa di blocco.
La tabella seguente permette di dedurre dalla combinazione led Verde-Rosso-Giallo la natura dell’allarme intervenuto.
Il led rosso acceso indica l’intervento di una protezione “importante” legata a funzionalità hardware.
Il led rosso lampeggiante indica protezioni di tipo diverso
Protezione -dOC --OC --OU --OH --UU --UUS -HArd -t-SL -ErPF --tH
Led verde z { z { Ñ{Ò { Ñ{Ò z { z
Led rosso z z z z z z z Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò
Led giallo z z { { { Ñ{Ò Ñ{Ò z z {
Protezione --cL -ErFn -Enc- --OUS -I-PF --Et -Ptc- -O-SP -EEPr
Led verde Ñ{Ò { z Ñ{Ò Ñ{Ò { { { {
Led rosso Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò
Led giallo { Ñ{Ò Ñ{Ò z Ñ{Ò { { { {
Codifica led: {= led spento, Ñ{Ò=led lampeggiante, z=led acceso
Nel momento in cui il tastierino venisse ricollegato, i tre led della scheda controllo riprendono a replicare i tre led del tastierino e su questo, in
caso di protezione intervenuta, si ha l’indicazione esplicita della causa di blocco. La descrizione completa di tutte le protezioni e le modalità di
rimozione delle cause sono descritte nel paragrafo 7.9 di questo capitolo.

52 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.3 Struttura e modifica dei parametri

All'accensione l'inverter si porta per default in configurazione Monitor.


Se il morsetto 10 è chiuso si visualizza la frequenza di uscita in Hz.
Premendo il tasto MODE UP una prima volta, si entra in lista Funzioni che sono:
Mon (=Monitor), din (=programmatore ingressi digitali)
drv (=Identificazione del Drive) S-L (=Collegamento seriale)
Mot (=Identificazione del motore) Sod (=Organizzazione uscite su seriale)
rEF (=Trattamento del rif. di velocità) Sid (=Organizzazione ingressi da seriale)
rPS (=Rampe) diA (=selettore per grandezze ausiliarie)
VvF (=Caratteristica V/Hz) FLo (=Abilitazione Funzioni)
rEv (=regolatore di velocità) Fn1 (=Motopotenziometro)
rEc (=regolatore di coppia) Fn2 (=Restart)
rEL (=tuning regolatori interni) Fn3 (=Reset)
rLo (=Abilitazioni particolari) Fn4 (=Rif in frequenza/encoder)
Aot (=selettore uscite analogiche) Fn5 (=Recupero cinetico)
Ain (=selettore ingressi analogici) Fn6 (=PID general purpose)
dot (=selettore uscite logiche) Fn7 (=Miscellanea 1)
PMP (=pompe)
• Premendo i tasti UP o DOWN si scorre la lista funzioni: Mon__, ......., rEV__, ......, Fn6__.
• Premendo il tasto MODE una seconda volta, si entra nella lista parametri di quella funzione:
• Premendo i tasti UP o DOWN si scorre la lista di quei parametri: Es. drv.01, ......., drv.08
• Premendo il tasto MODE una terza volta, si legge il valore del parametro precedentemente selezionato.
• Se il parametro non è di sola lettura (non è una grandezza di visualizzazione) lo si può modificare agendo sui tasti UP (incrementa) e DOWN
(decrementa).
• Premendo il tasto MODE una quarta volta si torna in configurazione Monitor.
• Il ritorno in posizione Monitor avviene pure automaticamente (5 secondi) qualora non venga più premuto alcun tasto, fanno eccezione i
parametri di sola visualizzazione: Mon.xx, per i quali il ritorno alla visualizzazione di default avviene solo con la pressione del tasto MODE
La pressione prolungata (t > 1s) del tasto UP (DOWN) consente o lo scorrimento "veloce" della lista parametri o l'incremento (decremento)
"veloce" del valore del parametro (purché esso non sia un parametro di sola visualizzazione).
Quanto detto è schematizzato nella figura seguente che rappresenta la “STRUTTURA MENU”:

IMGT10002IT - September ’06 53


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Monitor
parameters (Mon)

Drive parameters
(drv)

drv.01

Motor parameters
(Mot) 13
drv.02

drv.03 21

Function 7
parameters
(Fn7)
54

drv.08
Livello
Pump applications valore
(PMP) Livello
Livello famiglie parametri

Figura 7.3 Struttura menù

7.3.1 Esempio di programmazione

Se si vuole configurare l’uscita logica 1 (RL2: morsetti 3-4) quale “relè di velocità zero”
OPERAZIONE TASTIERINO DISPLAY NOTE
Morsetti 10-11 aperti rdy GT1000 pronto (rdy), non abilitato
Morsetti 10-11 chiusi 0000.0 Frequenza di uscita GT1000 abilitato
MODE Si accede alla lista delle famiglie parametri
UP Mon… Con i pulsanti
DOWN drv… UP e DOWN
…… si seleziona la famiglia
dot… dot
MODE Si accede alla lista dei parametri
UP Con i pulsanti UP e DOWN
DOWN dot.01 si seleziona il parametro dot.01
MODE Si accede al valore del parametro
UP 1 Con i pulsanti
DOWN 2 UP e DOWN
3 si seleziona 3
5 secondi
0000.0 Dopo 5 sec. si torna a visualizzare la frequenza di uscita

54 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.4 Memorizzazione dei parametri protetti (senza spegnimento e riaccensione)

Alcuni parametri del GT1000 (evidenziati nelle 1) si mette rLo.01 al valore 1


tabelle parametri dal simbolo ) una volta 2) si apre il morsetto 10 (Drive Enable)
modificati vengono effettivamente acquisiti solo 3) si riporta allo stato zero l'inverter (il display visualizza " rdy")
spegnendo e riaccendendo l’inverter, o aprendo il
morsetto 10 (DREN) e premendo 4) si tiene premuto il tasto DOWN (solo e soltanto quello) per circa 2 secondi.
contemporaneamente per un paio di secondi i tasti A questo punto l'inverter opera un reset software inserendo il set di parametri
SHIFT e RESET, oppure tramite la procedura modificato. Il logico rLo.01 ritorna automaticamente al valore zero. Tutto
seguente: procede poi nel modo consueto.

7.4.1 Blocco/sblocco modifica parametri (PASSWORD)

Volendo impedire l’accesso alla modifica dei parametri da parte di personale non autorizzato porre rLo.02 = 1. A questo punto tutti i parametri
(escluso drv.03) sono abilitati alla sola lettura.
Per poter accedere nuovamente alla modifica dei parametri occorre inserire in drv.03 il valore letto in Mon.21 (questo varia in modo casuale
ad ogni riaccensione dell’inverter).
Per bloccare nuovamente la modifica parametri spegnere e riaccendere l’inverter o modificare il valore di drv.03 affinché sia diverso da
Mon.21.
Per eliminare il blocco modifica parametri bisogna una volta posto drv.03=Mon.21 configurare rLo.02=0.

7.4.2 Blocco/sblocco modalità “LOCALE”

Volendo impedire la possibilità di comandare l’inverter tramite il tastierino da parte di personale non autorizzato, si può blocccare il passaggio
in modo LOCALE (tasto MAN) programmando rLo.18=1. A questo punto anche premendo il tasto MAN, l’inverter non accetterà i comandi dal
tastierino, che rimarrà quindi attivo solo per la visualizzazione o la modifica parametri.
Per ripristinare il modo LOCALE è sufficiente riportare rLo.18 a 0.

7.5 Primo avviamento

7.5.1 Primo avviamento da tastierino

Tramite il tastierino è possibile un primo avviamento del GT1000 rapido, impostando il funzionamento in modo “LOCALE”:
OPERAZIONE TASTO/MORSETTO DISPLAY NOTE
Alimentare l’inverter rdy Inverter pronto
L’inverter è di default in
rdy (drv.07=1)
configurazione Volt/Hertz (V/F)
Predisporre l’inverter per il Premere il tasto MAN / START e
Man Il led verde lampeggia
funzionamento in modo LOCALE confermare con il tasto ENTER
Abilitare l’inverter Chiudere il contatto 10-11 0000.0 L’inverter é abilitato
Premere i tasti MAN/START ed UP L’inverter eroga la frequenza
Marcia avanti 0000.5
contemporaneamente minima (Vvf.17)
Con il tasto UP si può salire con la frequenza fino al Il motore segue in rampa il
Impostare la frequenza di uscita 0050.0
massimo impostato in Mot.19 riferimento impostato in Hz
Con il tasto DOWN si può scendere con la frequenza Il motore segue in rampa il
Impostare la frequenza di uscita 0000.5
fino al valore minimo impostato in Vvf.17 riferimento impostato in Hz
Premere i tasti
Il motore inverte il senso di
Marcia indietro MAN/START ed DOWN -050.0
rotazione
contemporaneamente
Il motore decelera in rampa
STOP Premere il tasto STOP 0000.0
fino a fermarsi
Disabilitare l’inverter Aprire il contatto 10-11 rdy Inverter in stand-by
Se durante il funzionamento in LOCALE il tastierino dovesse scollegarsi dall’inverter, il controllo toglie l’eventuale comando di marcia dato ed
effettua lo stop in rampa senza segnalare nessun allarme. Il riferimento impostato rimane memorizzato.

IMGT10002IT - September ’06 55


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.5.2 Messa in servizio rapida

1) Per una rapida parametrizzazione seguire le indicazioni riportate nei paragrafi precedenti di questo capitolo.
2) Per una rapida messa in servizio seguire le istruzioni seguenti:
a) Portarsi alla famiglia drive (drv.xx) e porre:
Per V/F: drv.07=1
Per FOC vettoriale: drv.07=2
b) Impostare la tensione nominale di rete: drv.05
c) verificare la programmazione secondo quanto riportato:

V/F: PARAMETRI TABELLA PAGINE


Sono interessati i Mot.01-07-19-20-(21) 7.7-3 7-23
seguenti parametri e VvF.01-02-03 7.7-6 7-29
paragrafi: rEc.01-02-03 7.7-8 7-33

FOC: PARAMETRI TABELLA PAGINE


Sono interessati i Mot.xx 7.7-3 7-23
seguenti parametri e rEv.xx 7.7-7 7-32
paragrafi: rEc.xx 7.7-8 7-33
rEL.xx 7.7-9 7-37

RIFERIMENTI e RAMPE: PARAMETRI TABELLA PAGINE


Sono interessati i rEF.xx 7.7-4 7-25
seguenti parametri e rPS.xx 7.7-5 7-28
paragrafi: FLo.01 7.7-19 7-48
Fn1.xx 7.7-20 7-49

START/STOP PARAMETRI TABELLA PAGINE


MORSETTIERA: din.xx 7.7-14 7-44
Sono interessati i
ain.xx 7.7-12 7-41
seguenti parametri e
paragrafi: dot.xx 7.7-13 7-43

d) Eseguire un reset software secondo par 7.4 del presente volume.

NB: I morsetti COM1 COM2 e COM3 (7/8/9) sono configurati tramite i parametri din.03÷05 (capitolo 7.7).

7.6 Ripristino delle tarature di fabbrica

Nel caso fosse necessario ripristinare tutte le impostazioni di fabbrica, 1) ALIMENTARE L'INVERTER
procedere come segue: 2) PORRE IL PARAMETRO rLo.01=1
3) PORRE IL PARAMETRO rLo.06=dEF
4) SPEGNERE E RIACCENDERE L'INVERTER.

56 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.7 Tabelle parametri

Nelle tabelle alcuni parametri sono associati ad uno dei simboli seguenti:
Il simbolo … indica un parametro espressamente dedicato al controllo Volt /Hz (V/F).
ll simbolo Q indica un parametro espressamente dedicato al controllo Field Oriented (FOC).
Dove questi non compaiono il parametro va considerato di uso generale.
Il simbolo  indica un parametro la cui effettiva acquisizione avviene al reset software, quindi spegnendo e riaccendendo l’inverter o seguendo
la procedura descritta al capitolo 7.4.

Tabella 7.7-1: Parametri di Monitor (Monitor Parameters) (vedi pag.65)

N° Ind. PARAMETRO DESCRIZIONE UNITA’ MIN MAX DEFAULT


seriale
201 Mon.01 Selettore visualizzazione di default 2 21 3
181 Mon.02 Giri motore (N) RPM
182 Mon.03 Frequenza di uscita (Hz)
183 Mon.04 Corrente di uscita A
184 Mon.05 Contatore della termica %
185 Mon.06 Tensione condensatore (BUS DC) V
186 Mon.07 Rif. frequenza/giri (No) Hz/RPM
187 Mon.08 Rif. selezionato prima della rampa Hz/RPM
188 Mon.09 Rif. freq./giri da seriale Hz/RPM
189 Mon.10 Rif. coppia (Tqo) %
190 Mon.11 Reazione coppia (Tq) %
191 Mon.12 Misura potenza %
192 Mon.13 Aux1
193 Mon.14 Aux2
194 Mon.15 Word Protezione (non attiva)
195 Mon.16 Word Status (////////)
196 Mon.17 Word Command (////////)
197 Mon.18 Ultimi dieci allarmi
198 Mon.19 Contaore di funzionamento
199 Mon.20 Misura temperatura modulo
200 Mon.21 Password da inserire su chiave di modifica

Tabella 7.7-2 : drv.xx parametri identificazione inverter (Drive Parameter) (vedi pag.67)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
202 drv.01  Tipo inverter t_003 t_258
179 drv.02 Release software 00.00
180 drv.03 Ingresso chiave di modifica 0 99
203 drv.04 Lingua interfacce opzionali 0 5 0 (ITA)
1 drv.05  Tensione nominale rete V 300 500 380
204 drv.06  Portante 1 4 1
205 drv.07  Scelta controllo 1 3 1
280 drv.08  Tolleranza protezione sottotensione % 15 25 15

IMGT10002IT - September ’06 57


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Tabella 7.7-3: Mot.xx parametri per l'accoppiamento motore-inverter (Motor Parameters) (vedi pag.68)

N° param PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE


seriale
2 Mot.01  Corrente nominale motore A 0.5 2000.0 f(drv.01)
3 Mot.02 Q  Corrente motore a vuoto A 0.3 1000.0 f(drv.01)
4 Mot.03 Q  Frequenza nominale Hz 10.0 200.0 50.0
5 Mot.04 Q  Velocità nominale motore RPM 100 6000 f(drv.01)
6 Mot.05 Q  Tensione nominale motore V 150 500 380
7 Mot.06 Q  Potenza nominale motore kW 0.3 500.0 f(drv.01)
206 Mot.07  Cosϕ 0.50 0.95 0.80
207 Mot.08 Q /
8 Mot.09 Q Resistenza statorica mΩ 0 5000 0
9 Mot.10 Q /
10 Mot.11 Q /
11 Mot.12 Q /
12 Mot.13 Q /
13 Mot.14 Q /
14 Mot.15 Q /
15 Mot.16 Q /
16 Mot.17 Q /
17 Mot.18 /
140/18 Mot.19 Giri / Hertz massimi positivi RPM/Hz 0/0.1 6000/480.0 1500/50.0
141/19 Mot.20 Giri / Hertz massimi negativi RPM/Hz -6000/ -480.0 0/-0.1 -1500/ -50.0
208 Mot.21… Numero di poli 2 24 4

NOTA Con il controllo V/F è necessario impostare solo i parametri Mot.01, Mot.07, Mot.19 e Mot.20.

Tabella 7.7-4: rEF.xx Parametri riferimenti di velocità (References) (vedi pag.70)


N° PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
param
Seriale
20/124 rEF.01 Fondo scala primo rif. analogico Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 50.0/1500
21/125 rEF.02 Inizio scala primo rif. analogico Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/-1500
22/126 rEF.03 Fondo scala secondo rif. analogico Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 50.0/1500
23/127 rEF.04 Inizio scala secondo rif. analogico Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/-1500
209 rEF.05 Selettore primo rif. di velocità 1 8 1
210 rEF.06 Selettore secondo rif. di velocità 1 8 3
24/128 rEF.07 Riferimento digitale di velocità 1 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
25/129 rEF.08 Riferimento digitale di velocità 2 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
26/130 rEF.09 Riferimento digitale di velocità 3 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
27/131 rEF.10 Riferimento digitale di velocità 4 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
28/132 rEF.11 Riferimento digitale di velocità 5 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
29/133 rEF.12 Riferimento digitale di velocità 6 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
30/134 rEF.13 Riferimento digitale di velocità 7 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
31/135 rEF.14 Riferimento digitale di velocità 8 Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
211 rEF.15 Selettore somma su rif. selezionato 1 4 1
32 rEF.16 % su somma riferimento % -200.0 +200.0 0.0
33/137 rEF.17 Prima soglia di scatto Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
34 rEF.18 Seconda soglia di scatto Hz/RPM 0.1/-6000 480.0/6000 0.1/0
267/269 rEF.19 Banda di zero Hz/RPM 0.1/ 5 5.0/ 50 0.5/ 50
268/270 rEF.20 Banda velocità raggiunta Hz/RPM 0.1/ 5 5.0/ 50 0.5/ 50

58 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

Tabella 7.7-5: rPS.xx Parametri rampe (Ramps) (vedi pag.73)

N°param PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE


seriale
35 rPS.01 Rampa di accelerazione 1 s* 0.1 2000.0 10.0
36 rPS.02 Rampa di accelerazione 2 s* 0.1 2000.0 10.0
37 rPS.03 Rampa di accelerazione 3 s* 0.1 2000.0 10.0
38 rPS.04 Rampa di accelerazione 4 s* 0.1 2000.0 10.0
39 rPS.05 Rampa di accelerazione 5 s* 0.1 2000.0 10.0
40 rPS.06 Rampa di accelerazione 6 s* 0.1 2000.0 10.0
41 rPS.07 Rampa di accelerazione 7 s* 0.1 2000.0 10.0
42 rPS.08 Rampa di accelerazione 8 s* 0.1 2000.0 10.0
43 rPS.09 Rampa di decelerazione 1 s** 0.1 2000.0 10.0
44 rPS.10 Rampa di decelerazione 2 s** 0.1 2000.0 10.0
45 rPS.11 Rampa di decelerazione 3 s** 0.1 2000.0 10.0
46 rPS.12 Rampa di decelerazione 4 s** 0.1 2000.0 10.0
47 rPS.13 Rampa di decelerazione 5 s** 0.1 2000.0 10.0
48 rPS.14 Rampa di decelerazione 6 s** 0.1 2000.0 10.0
49 rPS.15 Rampa di decelerazione 7 s** 0.1 2000.0 10.0
50 rPS.16 Rampa di decelerazione 8 s** 0.1 2000.0 10.0
212 rPS.17 Parametro S-curve(***) 0 200 0

(*) Tempo in secondi per raggiungere 60Hz (V/F) o 1800RPM (FOC).


(**) Tempo in secondi per scendere da 60Hz (V/F) o 1800RPM (FOC) a zero.
(***) Non disponibile nella versione base

Tabella 7.7-6: VvF.xx Parametri Caratteristica V/F (vedi pag.74)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
213 VvF.01 … Guadagno di tensione % 30 100 100
51 VvF.02 …  Frequenza di piena tensione (Fb) Hz 30.0 480.0 50.0
214 VvF.03… Compensazione di tensione % 30 100 100
52 VvF.04 …  Tensione a 1/3 Fb % 10.0 50.0 33.3
53 VvF.05 …  Tensione a 2/3 Fb % 20.0 90.0 66.6
215 VvF.06 … Booster % 0.0 20.0 0.0
216 VvF.07… Booster automatico % 0.0 20.0 0.0
54 VvF.08 … Freq. intervento rotore bloccato Hz 0.0 20.0 0.0
217 VvF.09 … Livello rotore bloccato % 0.0 20.0 0.0
55 VvF.10 … Tempo rotore bloccato s 0.0 20.0 0.0
56 VvF.11 … Frequenza minima Hz 0.1 5.0 0.5
57 VvF.12 … Tempo attesa avviamento s 0.0 10.0 0.0
58 VvF.13 … Ampiezza salti in frequenza Hz 0.3 5.0 0.3
59 VvF.14 … Salto frequenza 1 Hz 0.0 480.0 0.0
60 VvF.15 … Salto frequenza 2 Hz 0.0 480.0 0.0
61 VvF.16 … Salto frequenza 3 Hz 0.0 480.0 0.0
62 VvF.17 … Frequenza di stop Hz 0.1 5.0 0.5
218 VvF.18 … Compensazione prop. Iout F 0.0 4.0 0.0
110 VvF.19 … Costante Filtro Iout per Iout F Hz 3.0 75.0 5.0
221 VvF.20 … Costante riduzione stallo 0 10 4

IMGT10002IT - September ’06 59


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Tabella 7.7-7: rEv.xx Regolatore di velocità FOC (vedi pag.78)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
63 rEv.01Q 1°guadagno Proporzionale reg. vel. 0 8000 2000
64 rEv.02Q 1° guadagno Integrale reg. vel. 0 650 50
65 rEv.03Q 1°guadagno Derivativo reg. vel. 0 650 0
66 rEv.04Q Soglia giri commutazione guadagni RPM 100 6000 6000
67 rEv.05Q 2°guadagno Proporzionale reg. vel. 0 8000 2000
68 rEv.06Q 2° guadagno Integrale reg. vel. 0 650 50
69 rEv.07Q 2° guadagno Derivativo reg. vel. 0 650 0
220 rEv.08… Compensazione scorrimento 0.0 10.0 0.0
70 rEv.09Q Soglia cedevolezza posit. % 0.0 20.0 0.0
71 rEv.10Q Coefficiente cedevolezza posit. % 0.0 20.0 0.0
72 rEv.11Q Coefficiente cedevolezza neg. % 0.0 20.0 0.0

Tabella 7.7-8: rEc.xx Parametri regolatore di coppia (vedi pag.79)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
Seriale
73 rEc.01 Limite di coppia positivo % 10 180 150
74 rEc.02 Limite di coppia negativo % -150 -10 -150
75 rEc.03 Livello protezione termica % 30 105 105
76 rEc.04… Limite di corrente in acc. f< Fb % 1 100 100
77 rEc.05… Limite di corrente in acc. f> Fb % 1 100 100
78 rEc.06… Limite di corrente a regime % 1 100 100
271 rEc.07… Aggiustamento limiti coppia (Icosϕ) % 50 150 107
222 rEc.08Q Scelta provenienza rif. coppia 1 6 1
223 rEc.09Q Scelta modo limitazione limiti di coppia 1 5 1
224 rEc.10Q Scelta termine aggiuntivo coppia 1 6 1
79 rEc.11Q Riferimento interno coppia % -150 150 0

Tabella 7.7-9: rEL.xx Parametri regolatori interni (vedi pag.83)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUAL
Seriale E
80 rEL.01Q  Correzione guadagno anello di corrente % -100 100 0
81 rEL.02Q  Cor. guadagno integrale anello flusso(ID) -10 10 0
82 rEL.03Q Cor. proporzionale anello di flusso (ID) 0 20 0

83 rEL.04Q  Cor. guadagno integrale anello coppia(IQ) -20 20 0


84 rEL.05Q Cor. guadagno proporzionale anello di coppia (IQ) 0 100 15
85 rEL.06Q Guadagno feed forward flusso 0 100 0
86 rEL.07Q Guadagno feed forward coppia 0 100 0
87 rEL.08Q Taratura costante tempo rotorica (TTR) 0 100 0
252 rEL.09Q Riservato
253 rEL.10 … Compensazione tempi morti (riservato) -27 +27 0
115 rEL.11 … Compensazione ACT_IPC (riservato) -200 +200 0

60 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

Tabella 7.7-10: rLo.xx Abilitazioni Interne varie (vedi pag.84)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
321 rLo.01 Sblocco rLo.06 0 1 0
322 rLo.02 Disabilita chiave accesso 0 1 0
323 rLo.03 Q  Vedi note paragrafo 5.1 0 1 0
324 rLo.04 Q  Vedi note paragrafo 5.1 0 1 0
325 rLo.05 Q  Vedi note paragrafo 5.1 0 1 0
326 rLo.06 Ripristino valori di default Curr. dEF. Curr.
327 rLo.07 Q Disabilitazione riaggancio (FO) 0 1 1
328 rLo.08  Disabilitazione sensore rete (***) 0 1 0
329 rLo.09  Disabilitazione protezione OUS 0 1 1
330 rLo.10 Disabil. protezione. termica motore 0 1 0
331 rLo.11 Tipo protezione termica motore 0 1 1
332 rLo.12 /
333 rLo.13 … Visualizzazione giri motore (V/F) 0 1 0
334 rLo.14 … Abilit. decelerazione in limite di tens. 0 1 0
335 rLo.15 Q Abilit. “strappo ENCODER” 0 1 0
336 rLo.16 Q Abilit. test encoder 0 1 0
337 rLo.17 Scelta provenienza riferimenti in modo locale 0 1 0
415 rLo.18 Blocco comandi in modo “LOCALE" 0 1 0

(***) Il sensore rete deve essere escluso negli inverter in configurazione BUS DC.

Tabella 7.7-11: Aot.xx Configurazione uscite analogiche (vedi pag.86)

N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE


seriale
225 Aot.01 Selettore uscita analogica 1 1 16 1
88 Aot.02 Offset analogica 1 bit -127 127 0
89 Aot.03 Guadagno analogica 1 % 50.0 200.0 100.0
226 Aot.04 Selettore uscita analogica 2 1 16 3
90 Aot.05 Offset analogica 2 bit -127 127 0
91 Aot.06 Guadagno analogica 2 % 50.0 200.0 100.0
116 Aot.07 Registro tarature PWM bit -255 255 0
257 Aot.08 Configurazione analogica 1 -2 2 1
258 Aot.09 Configurazione analogica 2 -2 2 1

Tabella 7.7-12: Ain.xx Configurazione Ingressi Analogici (vedi pag.87)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
92 Ain.01 Offset Analogica 1 -100 100 0
93 Ain.02 Guadagno Analogica 1 % 50.0 150.0 100.0
227 Ain.03 Filtro Analogica 1 0 6 1
94 Ain.04 Offset Analogica 2 -100 100 0
95 Ain.05 Guadagno Analogica 2 % 50.0 150.0 100.0
228 Ain.06 Filtro Analogica 2 0 6 1
96 Ain.07 Non usato
97 Ain.08 Non usato
229 Ain.09 Non usato
98 Ain.10 Non usato
99 Ain.11 Non usato
230 Ain.12 Non usato
243 Ain.13 Selet. configurazione analogica 1 1 7 1
244 Ain.14 Selet. configurazione analogica 2 1 7 1
264 Ain.15 Configurazione V/mA analogica 1 1 3 1
265 Ain.16 Configurazione V/mA analogica 2 1 3 1
266 Ain.17 Abilitaz. protez. perdita 4÷20mA 0 1 0
105 Ain.18 Soglia allarme PTC/NTC V 0.00 10.00 5.00
106 Ain.19 Soglia protezione PTC/NTC V 0.00 10.00 7.50

IMGT10002IT - September ’06 61


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Tabella 7.7-13: dot.xx Configurazione Uscite Digitali (vedi pag.88)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
231 dot.01 Selettore uscita digitale 1 (relè RL2) 0 13 3
232 dot.02 Selettore uscita digitale 2 (su EXP.) 0 13 1
233 dot.03 Selettore uscita digitale 3 (su EXP.) 0 13 2
402 dot.04 Inversione uscita digitale 1 0 1 0
403 dot.05 Inversione uscita digitale 2 0 1 0
404 dot.06 Inversione uscita digitale 3 0 1 0

Tabella 7.7-14: din.xx Configurazione Ingressi Digitali e Bit Logici (vedi pag.89)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
234 din.01 Selettore bit logico RIFIN1 (solo da 0 31 31
comando seriale: bit2 word comandi)
235 din.02 Selettore bit logico RIFIN2 (solo da 0 31 31
comando seriale: bit3 word comandi)
236 din.03 Selettore Ingresso COM1 0 31 0
237 din.04 Selettore Ingresso COM2 0 31 1
238 din.05 Selettore Ingresso COM3 0 31 16 (reset)

Tabella 7.7-15: S-L.xx Parametri configurazione seriale (Serial link) (vedi pag.90)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
239 S-L.01  Scelta protocollo 1 6 1
339 S-L.02  Abilitazione comunicazione seriale 0 1 1
340 S-L.03 Scelta modalità comandi da seriale 0 1 0
341 S-L.04  Riservato 0 0 0
342 S-L.05  Predisposizione RS485HD(=1)/RS232(=0) 0 1 1

347 S-L.10  Abilitazione BCC 0 1 1


348 S-L.11  Abilitazione Parità 0 1 0
240 S-L.12  Baud rate Bd 600 9600 9600
241 S-L.13 Indirizzo inverter 0 32 1
242 S-L.14  Scelta PPO (Profibus) 1 5 2
351 S-L.15 Scelta visualizzazione su Mon.16 0 1 0
352 S-L.16 Comandi in emergenza Profibus 0 1 0

Tabella 7.7-16: Sod.xx Parametri configurazione out seriale (Serial Output Data) (vedi pag.91)

N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE


seriale
353 Sod.01  Giri motore (N) 0 1 0
354 Sod.02  Frequenza di uscita (Hz) 0 1 0
355 Sod.03  Corrente di uscita 0 1 0
356 Sod.04  Contatore della termica 0 1 0
357 Sod.05  Tensione condensatore (BUS DC) 0 1 0
358 Sod.06  Rif velocità / freq. (No) 0 1 0
359 Sod.07  Rif. Impostato (N40) 0 1 0
360 Sod.08  Rif velocità / freq. Da seriale 0 1 0
361 Sod.09  Rif. coppia (Tqo) 0 1 0
362 Sod.10  Reazione coppia (Tq) 0 1 0
363 Sod.11  Misura potenza 0 1 0
364 Sod.12  Aux1 0 1 0
365 Sod.13  Aux2 0 1 0
366 Sod.14  Word Protezione 0 1 0
367 Sod.15  Word Status 0 1 0
368 Sod.16  / 0 1 0

62 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

Tabella 7.7-17: Sid.xx Parametri configurazione in seriale (Serial Input Data) (vedi pag.91)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
369 Sid.01  Command 1 1 1
370 Sid.02  Riferimento velocità/frequenza 0 1 0
371 Sid.03  Termine in somma rif. vel./freq. 0 1 0
372 Sid.04  Limite di coppia sup. 0 1 0
373 Sid.05  Limite di coppia inf. 0 1 0
374 Sid.06  Riferimento coppia 0 1 0
375 Sid.07  Termine in somma rif. coppia 0 1 0
376 Sid.08  Prop. PID 0 1 0
377 Sid.09  Integrale PID 0 1 0
378 Sid.10  Derivativo PID 0 1 0
379 Sid.11  Aux1 0 1 0
380 Sid.12  Aux2 0 1 0
381 Sid.13  Command 1 0 1 0
382 Sid.14  Rampa 0 1 0
383 Sid.15  / 0 1 0
384 Sid.16  / 0 1 0

Tabella 7.7-18: diA.xx Configurazione diagnostica: word/bit ausiliari (Diagnostic) (vedi pag.92)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
281 diA.01 Selettore per Aux1 1 16 3
282 diA.02 Selettore per Aux2 1 16 4
283 diA.03 Selettore per Auxb0 1 15 1
284 diA.04 Selettore per Auxb1 1 15 1

Tabella 7.7-19: FLo.xx Abilitazione funzioni ausiliarie (Enable Function logic bit) (vedi pag.93)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
385 FLo.01 Abilitazione Motopotenziometro 0 1 0
386 FLo.02 … Abilitaz. Restart con speed-search 0 1 0
387 FLo.03 Abilitazione Reset 0 1 0
388 FLo.04 Abilitaz. inseguimento da encoder (*) 0 1 0
389 FLo.05 Abilitazione recupero cinetico 0 1 0
390 FLo.06 … Abilitazione PID 0 1 0
391 FLo.07 / 0 1 0
392 FLo.08 … Abilitaz. funzione “Pausa motore” 0 1 0
393 FLo.09 Q Abilitaz. funzione “Avvitatore” 0 1 0
394 FLo.10 … Abilitaz. funzione “Pompe ausiliarie” 0 1 0
395 FLo.11 /
396 FLo.12 /
397 FLo.13 /
398 FLo.14 /
399 FLo.15 /
400 FLo.16 Abilitaz. funzione “Profilo di velocità” 0 1 0

(*) Solo con scheda GEDEA

IMGT10002IT - September ’06 63


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Tabella 7.7-20: Fn1.xx Motopotenziometro (vedi pag.94)


N° PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
Ind.
seriale
100 Fn1.01 Rampa motopotenziometro 1 6 1
101/138 Fn1.02 Valore finale 100% (Hz/RPM) % 0.1/-6000 480.0/6000 50.0/1500
102/139 Fn1.03 Valore iniziale 0% (Hz/RPM) % 0.1/-6000 480.0/6000 0.6/-1500
103 Fn1.04 Valore attuale motopotenziometro % 0.0 100.0 0.0
278 Fn1.05 … Abilit. gestione perdita 4-20mA 0 1 0
338 Fn1.08 Provenienza comandi UP/DOWN 0 1 0
349 Fn1.09 Memorizzazione si/no 0 1 0
350 Fn1.10 Ripartenza da zero su DREN 0 1 0

Tabella 7.7-21: Fn2.xx Ripresa al volo (vedi pag.96)


N° PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
Ind.
seriale
104 Fn2.01 … Rampa frequenza di ricerca 2 20 4
245 Fn2.02 … Restituzione tensione ms 1 30 1
246 Fn2.03 … Attesa avvenuto aggancio ms 10 100 40
247 Fn2.04 … Riduzione di tensione in ricerca % 10 70 20
248 Fn2.05 … Tempo attesa smagnetizzazione s 0.0 2.0 1.0
159 Fn2.06 … Soglia corrente attiva bit 180 2000 250
401 Fn2.09 … Selezione procedura speed search 0 1 0

Tabella 7.7-22: Fn3.xx Auto Reset (vedi pag.98


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
255 Fn3.05 Pausa reset allarmi s 1 30 1
405 Fn3.09 Autoreset per UU / tutte le protezioni 0 1 0

Tabella 7.7-23: Fn4.xx Riferimento in frequenza (solo con scheda II° encoder “GEDEA”: vedi pag.97)
N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
254 Fn4.01 Q Cost. di tempo filtro passa basso - 1 5 4
112 Fn4.02 Q Guadagno % -300.00 300.00 100.00
219 Fn4.03 Q Offset rpm -100 100 0
113 Fn4.04 Q Correzione scorrimento % 0.0 100.0 0.0
114 Fn4.05 Q Termine aggiuntivo rpm 0 500 0

Tabella 7.7-24: Fn5.xx Recupero Cinetico (vedi pag.101)


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
272 Fn5.01 … Gradino iniziale Hz 0,0 20,0 0,5
143 Fn5.02 … Tensione riferimento BUS-DC Vdc 500 820 690
144 Fn5.03 … Tensione frenatura in recupero Vdc 600 800 680
146 Fn5.05 … Rampa guida s 1,2 800,0 2,0
273 Fn5.07 … Lunghezza buffer sensore rete / 1 50 30
274 Fn5.08 … Sensibilità in Volt sensore rete V 5 55 18
275 Fn5.09 … Insensibilità cicli sw. Sensore 1 50 3
149 Fn5.10 … Guadagno proporzionale / 0 8000 100
150 Fn5.11 … Guadagno integrale iniziale / 0 650 4
151 Fn5.12 … Guadagno integrale finale / 0 650 40

64 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

Tabella 7.7-25: Fn6.xx Funzione PID (vedi pag.103


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
260 Fn6.01 Scelta riferimento PID (set point) 1 5 1
261 Fn6.02 Scelta reazione PID 1 6 6
117 Fn6.03 Massimo errore PID % 0.1 100.0 100.0
262 Fn6.04 Tempo aggiornamento PID s 0 4 0
118 Fn6.05 Guadagno P % 0.00 250.00 2.00
119 Fn6.06 Costante di tempo integrale Ti s 0.1 600.0 6.0
120 Fn6.07 Costante di tempo derivativo Td s 0.0 300.0 0
121 Fn6.08 H reazione % 50.0 250.0 100.0
122 Fn6.09 Soglia intervento PID per relè R5 % -250.0 250.0 0.0
123 Fn6.10 Riferimento PID interno % 0.0 200.0 0.0
409 Fn6.11 Grandezza regolata V o f 0 1 0
410 Fn6.12 Inversione errore 0 1 0
411 Fn6.13 Regolazione su f o df 0 1 0
412 Fn6.14 Soppressione uscita positiva PID 0 1 0
413 Fn6.15 Soppressione uscita negativa PID 0 1 0
148 Fn6.16 Fondo Scala visualizzazioni PID 1 6000 1000
321 Fn6.17 Abilitaz. regolazione START/STOP 0 1 0
256 Fn6.18 Limitazione termine integrale % 5 128 60

Tabella 7.7-26: Fn7.xx: Miscellanea 1 (vedi pag.106


N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE
seriale
Fn7.01-06 Non usati
263 Fn7.07 Q Selettore provenienza coppia serr. / 0 1 0
111 Fn7.08 Q Coppia serraggio % 0.00 180.00 100.00
259 Fn7.09 Attivazione Macro /
249 Fn7.10 … Rampa riduzione tensione s 0.01 1.00 0.50
250 Fn7.11 … Rampa restituzione tensione s 0.01 1.00 0.50
251 Fn7.12 … Guadagno tensione ridotta % 50.0 100.0 100.0
142 Fn7.13 Soglia corrente di uscita (bit R8) % 0.0 250.0 100.0

Tabella 7.7-27: PMP.xx: Gestione pompe (vedi pag.111

N° Ind. PARAMETRI DESCRIZIONE UNITA' MIN MAX DEFAULT ATTUALE


seriale
152 PMP.01 … Pressione accensione % 10.0 100.0 90.0
285 PMP.02 …  Attesa accensione IIa pompa / 1 250 5
153 PMP.03 … Pressione spegnimento % 100.0 180.0 110.0
286 PMP.04 …  Attesa spegnimento IIa pompa s 1 250 5
277 PMP.05 …  Numero pompe / 1 2 1
287 PMP.06 … Soglia corrente spegnimento % 0 95 40
154 PMP.07 … Pressione di restart % 5.0 100.0 80.0
155 PMP.08 … Tempo pausa s 0 300 10
156 PMP.09 … Riferimento PID pre-pausa % 0.0 200.0 115.0

IMGT10002IT - September ’06 65


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8 Descrizione parametri

7.8.1 Monitor

In funzionamento monitor, per default, viene visualizzata sul display la frequenza di uscita (Mon.03).
La grandezza che si vuole visualizzare si seleziona con il parametro Mon.01.

PARAMETRO Mon.01 Funzione Campo Default


selettore grandezza seleziona la visualizzazione di default 3
visualizzata
2 Mon.02
3 Mon.03
4 Mon.04
... ...
21 Mon.21
PARAMETRO Mon.02 Funzione Campo Default
giri del motore (N). visualizza i giri del motore in RPM. 0 ÷ ±6000RPM
Con l’algoritmo V/F senza reazione di velocità, settando su Mot.21 il numero di poli si visualizza in Mon.02 la
NOTA velocità equivalente alla frequenza comandata.
120
Mon.02 = Freq. di uscita ⋅ = giri sincroni
Mot.21
Se Mot.21 = 4 e la frequenza è = 50 Hz, si dovrà leggere in Mon.02 una velocità sincrona di 1500 RPM.
Con algoritmo V/F e con la presenza dell’encoder settando rLo.13=1 si visualizzano i giri effettivi del motore.
PARAMETRO Mon.03 Funzione Campo Default
frequenza di uscita visualizza la frequenza d'uscita dell'inverter. 0 ÷ ±480.0Hz
PARAMETRO Mon.04 Funzione Campo Default
corrente di uscita visualizza in Ampere il valore efficace della corrente motore.

PARAMETRO Mon.05 Funzione Campo Default


accumulatore I⋅t. * 0 ÷ 100%
* FUNZIONE (FOC): visualizza il contenuto del registro che effettua la temporizzazione termica.
Con rEc.03=105% l'accumulatore comincia a incrementare quando si supera del 5% la corrente nominale del
motore impostata in Mot.01; al raggiungimento del valore 100 l'inverter va in blocco e viene segnalata la
protezione "--th".
* FUNZIONE (V/F): visualizza il contenuto del registro che effettua la temporizzazione termica.
Con rEc.03=105% l'accumulatore comincia a incrementare quando si supera del 5% la corrente nominale
dell’inverter; al raggiungimento del valore 100 l'inverter va in blocco e viene segnalata la protezione "--th".
PARAMETRO Mon.06 Funzione Campo Default
tensione del visualizza in Volt la tensione del BUS DC (tensione sul condensatore 0 ÷ 1000V
condensatore. Vc): Vc = V linea⋅ 1.41 (inverter non caricato)
PARAMETRO Mon.07 Funzione Campo Default
riferimento in visualizza in Hz/RPM il riferimento di frequenza/velocità agente. Il range é limitato tra
frequenza/giri a valle Mot.19 e Mot.20.
rampe (No).
PARAMETRO Mon.08 Funzione Campo Default
riferimento di visualizza in Hz/RPM il riferimento di frequenza/velocità impostato. Il range é limitato tra
frequenza/giri (N40) a Mot.19 e Mot.20
monte rampe
PARAMETRO Mon.09 Funzione Campo Default
riferimento di visualizza in Hz/RPM il riferimento di frequenza/velocità richiesto dalla Il range é limitato tra
velocità/frequenza dalla linea seriale. Mot.19 e Mot.20
linea seriale
PARAMETRO Mon.10 Funzione Campo Default
riferimento di coppia visualizza, in % della coppia nominale motore, la richiesta finale di (-300% ÷ 300%).
coppia.
PARAMETRO Mon.11 Funzione Campo Default
reazione di coppia visualizza, in % della coppia nominale motore, la stima della coppia (-300% ÷ 300%).
erogata.

66 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

PARAMETRO Mon.12 Funzione Campo Default


potenza erogata visualizza, in % della potenza nominale motore, la stima (-300% ÷ 300%).
della potenza erogata
PARAMETRO Mon.13 Funzione Campo Default
variabile ausiliaria AUX1. visualizza la variabile ausiliaria assegnata ad AUX1 Set point P.I.D.
tramite diA.01. (unità ingegner.)
PARAMETRO Mon.14 Funzione Campo Default
variabile ausiliaria AUX2. visualizza la variabile ausiliaria assegnata ad AUX2 Reazione P.I.D.
tramite diA.02. (unità ingegner.)
PARAMETRO Mon.15 Funzione Campo Default
WORD protezioni. visualizza la word protezioni (non attiva) 00000
PARAMETRO Mon.16 Funzione Campo Default
WORD status. visualizza lo status dei comandi. 00000
NOTA E’ un parametro di sola lettura. A seconda del parametro S-L.15 può assumere due significati diversi. Con S-
L.15=0 è lo stato dei morsetti di comando (hardware) dell'inverter. Con S-L.15=1 invece è l’OR logico tra i
morsetti e i comandi provenienti dalla seriale (escluso il DRIVE ENABLE che è in AND). La codifica è la
seguente:
RUN/FW DRIVE

COM2 FL/RV
COM3

COM1 RIFIN1 RESET

RIFIN2 DRIV.ENABLE

PARAMETRO MON.17 Funzione Campo Default


WORD command visualizza la word comandi proveniente dalla seriale in 0000
formato esadecimale.
PARAMETRO MON.18 Funzione Campo Default
Ultima 10 protezioni Contiene, in codice, la lista delle ultime 10 protezioni Si veda il paragrafo 7.9 No-al
intervenute intervenute. Tenendo premuto il tasto DOWN si scorrono relativo alla descrizione
in ordine temporale inverso. delle protezioni.
PARAMETRO MON.19 Funzione Campo Default
CONTAORE INVERTER IN Visualizza le ore di marcia effettiva (comando di start 00000
MARCIA attivo). Premere il tasto UP o DW per visualizzare i
minuti
PARAMETRO MON.20 Funzione Campo Default
Conta kWxh Visualizza i kWxh assorbiti dal motore. 0000.0
(solo versione custom) (solo versione custom)
PARAMETRO MON.21 Funzione Campo Default
Password Numero casuale che cambia ad ogni accensione. 1÷99
Inserito nella chiave (parametro drv.03) permette la
modifica dei parametri.

IMGT10002IT - September ’06 67


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.2 Drive

PARAMETRO drv.01 Funzione Campo Default


tipo di inverter è impostato in fabbrica e non è accessibile all’utente. La tabella riporta la t_003 /
massima potenza di motore (motore standard a 4-poli 400V) applicabili a ÷
ogni GT1000. Tale parametro è associato univocamente alla corrente t_121
nominale dell'inverter.
drv.01 Motore drv.01 Motore drv.01 Motore drv.01 Motore
t_003 1.5kW t_018 11kW t_045 30kW t_150 110kW
t_004 2.2kW t_022 15kW t_053 37kW t_182 132kW
t_006 4kW t_028 18.5kW t_066 45kW t_216 160kW
t_008 5.5kW t_030 18.5kW t_086 55kW t_258 200kW
t_011 7.5kW t_030 18.5kW t_108 75kW
t_015 9.2kW t_036 22kW t_125 90kW
PARAMETRO drv.02 Funzione Campo Default
release software. Permette di determinare la release software. 00.00
PARAMETRO drv.03 Funzione Campo Default
ingresso chiave di modifica. in questo parametro va inserito il valore di Mon.21 per lo sblocco dei 0÷99 00000
parametri (vedi cap.2.5.1).
PARAMETRO drv.04 Funzione Campo Default
lingua interfacce opzionali. seleziona la lingua prescelta per la visualizzazione dei messaggi con le 0÷5 0
interfacce opzionali
PARAMETRO drv.05 Funzione Campo Default
Tensione nominale di rete. Informa il GT1000 del valore nominale della rete di alimentazione. 300 ÷ 500 380

NOTA Modifica automaticamente la soglia di intervento dello switch di frenatura, il livello di intervento della
decelerazione in limite di tensione e la soglia della protezione di sottotensione (--UU) .
La tensione di frenatura vale: 680Vdc con drv.05≤415
750Vdc con drv.05>415
800Vdc con drv.05=500
PARAMETRO drv.06 Funzione Campo Default
scelta della portante. Imposta la frequenza di modulazione del ponte a IGBT. 1÷4 1
1=3kHz,
2=6kHz,
3=9kHz,
4=12kHz.
NOTA Con una portante superiore a 3kHz si richiede un declassamento in corrente
(vedere la tabella 2.2 dei dati elettrici al capitolo 2)
PARAMETRO drv.07 Funzione Campo Default
algoritmo di controllo. seleziona l’algoritmo di controllo. 1÷3 1
1 V/F general purpose
2 Vettoriale: FOC
3 Sensorless (non disponibile nel controllo base: GT1000)
PARAMETRO drv.08 Funzione Campo Default
Tolleranza protezione Imposta la soglia della protezione di sottotensione (--UU) in funzione 15÷25% 15
sottotensione. della tensione di rete impostata in drv.05.

68 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.3 Parametri di accoppiamento motore-inverter


I parametri che seguono (Mot.01÷Mot.07 in particolare) sono molto importanti poiché determinano il buon funzionamento dell'insieme motore-
inverter: vanno desunti dai dati di targa del motore o richiesti al costruttore dello stesso e, con controllo FOC, devono essere tutti impostati.
Con controllo V/F basta impostare Mot.01, Mot.07. Se si modifica anche uno solo di questi parametri occorre poi spegnere e riaccendere il
GT1000 per rendere operativo il nuovo set di dati.
PARAMETRO Mot.01 Funzione Campo Default
In = corrente nominale del E' la corrente assorbita dal motore alimentato a tensione e 0.5 ÷ 250.0 Ampere Funzione di drv. 01
motore in Ampere. frequenza nominali con carico nominale
PARAMETRO Mot.02 Funzione Campo Default
Ino = corrente a vuoto in Ampere E' la corrente assorbita dal motore a vuoto, a tensione e 0.3 ÷ 120.0 A Funzione di drv. 01
frequenza nominali. Differisce di qualche % dalla corrente
magnetizzante.
NOTA Questo dato non è generalmente presente sulla targa del motore. Un valore abbastanza corretto si può misurare in
Mon.04 facendo girare, con controllo V/F (drv.07=1), il motore a vuoto, a tensione e frequenza nominali.
PARAMETRO Mot.03 Funzione Campo Default
(FOC) fn = frequenza E' la frequenza nominale di alimentazione del motore 10.0 ÷ 200.0Hz 50.0Hz
nominale in Hz
PARAMETRO Mot.04 Funzione Campo Default
(FOC) RPMn = giri al minuto Sono i giri ai quali il motore si porta a corrente e tensione 100 ÷ 6000 RPM Funzione di drv.01
nominali nominali con carico nominale motore 4 poli
NOTA Evitare di impostare giri sincroni pari a: 120x(Mot.03/numero poli).
PARAMETRO Mot.05 Funzione Campo Default
(FOC) Vn = tensione nominale in E' la tensione nominale del motore (tensione concatenata). 150 ÷ 500 V 380 V
valore efficace
PARAMETRO Mot.06 Funzione Campo Default
(FOC) kWn E’ la potenza resa dal motore al suo asse. E' un dato fornito dal 0.3 ÷ 500.0 kW Funzione di drv.01
costruttore del motore. Rammentiamo che
60 ⋅ 1000 ⋅ kWn
Mn = = Coppia nominale [Nm]
2π RPMn
PARAMETRO Mot.07 Funzione Campo Default
cos ϕ E' il cosϕ del motore con tensione e frequenza nominali e carico 0.50 ÷ 0.95 0.8
nominale. E’ un dato fornito dal costruttore del motore.
PARAMETRO Mot.08 Funzione Campo Default
(FOC) rendimento. E' il rendimento del motore nel punto nominale di lavoro. 0.98 ÷ 0.62 Funzione di drv. 01

PARAMETRO Mot.09 Funzione Campo Default


(FOC) resistenza statorica. Il parametro rappresenta la resistenza statorica espressa in mΩ. 0 ÷ 5000 mΩ 0

PARAMETRI Mot.10-18 Funzione Campo Default


Non utilizzati
PARAMETRO Mot.19 Funzione Campo Default
limite superiore di velocità / limita il massimo riferimento di velocità positiva. da 0 a +6000 RPM / +1500 RPM (motore 4
limite frequenza superiore 0,1 a 480.0 Hz poli, 50 Hz) / 50Hz
positiva
PARAMETRO Mot.20 Funzione Campo Default
limite inferiore di velocità / limite limita il massimo riferimento di velocità negativa. da -6000 a 0 RPM / -1500 RPM (motore a
frequenza inferiore negativa 480.0 a 0.1 Hz 4 poli, 50 Hz) / -50Hz
PARAMETRO Mot.21 Funzione Campo Default
numero di poli del motore. Serve per la visualizzazione in giri. 2, 4, 6, 8, 10, 12, 14, 4
16, 18, 20
All’accensione è attivo un controllo software sui dati precedentemente impostati. Qualora il set di parametri introdotto non sia
NOTA "accordato" o non sia compatibile con l'inverter stesso, viene visualizzata sul display la scritta "ErFn". In tale stato i comandi di
abilitazione e di marcia vengono ignorati, l'inverter rimane in attesa (stand-by). E' consentito l'accesso ai parametri in modo da
correggere le impostazioni scorrette. Una volta modificato e corretto il set di valori l'inverter va spento; alla riaccensione, se la
parametrizzazione dell'inverter risulta compatibile, si otterrà sul display la scritta " rdy".
NOTA Quando si modificano i parametri Mot.01 ÷ Mot.07 e drv.01, drv.05, drv.06 drv.07 e drv.08 per renderli operativi, se si vuole
evitare di spegnere e riaccendere l’inverter procedere come segue:
1) assicurarsi che l’inverter sia nello stato di pronto: “rdy”, non in marcia;
2) porre rLo.01 = 1;
3) premere il tasto (DOWN) per almeno un secondo.
L’inverter eseguirà una sequenza di reset. La stessa azione la si può ottenere, sempre in stato “rdy” con la pressione
prolungata contemporanea dei tasti SHIFT e RESET.

IMGT10002IT - September ’06 69


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.4 Riferimenti
Modo di funzionamento LOCALE
Il passaggio alla modalità di funzionamento LOCALE bypassa le normali selezioni del riferimento di velocità. Il riferimento viene impostato
direttamente con i tasti UP e DOWN del tastierino. La pressione di uno di questi due tasti provoca l’aumento o la diminuzione del riferimento
LOCALE ed il transitorio lampeggio del display con temporaneo passaggio alla visualizzazione del riferimento che si sta appunto modificando.
Dopo un secondo dal termine della pressione di questi tasti la visualizzazione ritorna stabile sulla grandezza selezionata precedentemente.
Questo bypass automatico può essere disinserito ponendo al valore 1 il parametro rLo.17, in tal modo si può utilizzare il tastierino solo per
dare i comandi di marcia/arresto mantenendo il riferimento selezionato in modo tradizionale, da morsetti, come in REMOTO.
Modo di funzionamento REMOTO
I riferimenti di frequenza (per V/F) e di velocità per il vettoriale (FOC) vengono CF1 CF2 CF3 Riferimento
selezionati tramite i comandi (bit di stato) CF1, CF2, CF3 (vedi figura C5 OFF OFF OFF Mux1
dell’appendice C). ON OFF OFF Mux2
I bit di stato CF1, CF2 sono associati per default ai morsetti 7, 8 settando OFF ON OFF Dig3: rEF.09
rispettivamente din.03=0, din.04=1. ON ON OFF Dig4: rEF.10
La selezione dei riferimenti avviene quindi secondo la tabella seguente: OFF OFF ON Dig5: rEF.11
ON OFF ON Dig6: rEF.12
I riferimenti Mux1 e Mux2 sono determinati dai selettori rEF.05 e rEF.06 rispettivamente OFF ON ON Dig7: rEF.13
ON ON ON Dig8: rEF.14
PARAMETRO rEF.01 Funzione Campo Default
RPM/Hz con riferimento determina il fondo scala del riferimento di velocità da -6000 ÷ +6000 RPM / +1500 RPM (motore 4
analogico 1 massimo (10V). analogica 1. 0.1 ÷ +480.0 Hz. poli 50Hz) / 50.0 Hz
PARAMETRO rEF.02 Funzione Campo Default
RPM/Hz con riferimento determina l'inizio scala del riferimento di velocità da -6000 ÷ +6000 RPM / -1500 RPM (motore 4
analogico 1 min. (-10V/0V). analogica 1. 0.1 ÷ +480.0 Hz. poli 50Hz) / 0.1 Hz
NOTA Con il funzionamento V/F standard il minimo del riferimento analogico è inteso come 0V: la risoluzione è doppia.
PARAMETRO rEF.03 Funzione Campo Default
RPM con riferimento determina il fondo scala del riferimento di velocità da -6000 ÷ +6000 RPM / +1500 RPM (motore 4
analogico 2 massimo (10V). analogica 2. 0.1 ÷ +480.0 Hz. poli 50Hz) / 50.0 Hz
PARAMETRO rEF.04: Funzione Campo Default
RPM con riferimento determina l'inizio scala del riferimento di velocità da -6000 ÷ +6000 RPM / -1500 RPM (motore 4
analogico 2 min. (-10V/0V). analogica 1. 0.1 ÷ +480.0 Hz. poli 50Hz) / 0.1 Hz
NOTA Con il funzionamento V/F standard il minimo del riferimento analogico è inteso come 0V: la risoluzione è doppia.

NOTA Èpossibile ottenere una relazione inversa tra riferimenti da analogica (Rif) e frequenza di uscita (f) impostando rEF.02/rEF.04
ad un valore superiore a rEF.03/rEF.01 rispettivamente, come illustrato in figura.

f f

rEF 02 rEF 01 rEF 04 rEF 03

Rif. an.1 Rif. an.2

Figura 7.6

PARAMETRO rEF.05 Funzione Campo Default


selettore primo riferimento di determina il riferimento di velocità Mux1 (vedi 1-8 1
velocità. schema a blocchi Appendice C).
PARAMETRO rEF.06 Funzione Campo Default
selettore secondo riferimento determina il riferimento di velocità Mux2 (vedi 1-8 3
di velocità. schema a blocchi Appendice C).
1 Riferimento da analogica 1: RIF1 5 Riferimento con FW/RV automatici (***)
2 Riferimento da analogica 2: RIF2 6 Riferimento da seriale
3 Riferimento digitale 1: rEF.07 7 Riferimento in freq. o da encoder
4 Riferimento digitale 2: rEF.08 8 Riferimento da Motopotenziometro

70 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

(***) GESTIONE DEL SENSO DI ROTAZIONE IN FUNZIONE DELLA POLARITÀ DEL RIFERIMENTO.
NOTA La selezione è operativa solo per il controllo V/F e con riferimento in tensione applicato ai morsetti 14-15 (con controllo FOC si
impone riferimento di velocità zero vedi Appendice C Fig C.5).
Quando si seleziona, quindi, rEF.05 o rEF.06 a 5 la logica di comando opera come segue:
1) Il morsetto 6 non ha più alcuna influenza.
2) Se il morsetto 5 é aperto si ha lo STOP.
3) Se i morsetto 5 é chiuso la marcia é subordinata al valore ed al segno della tensione applicata ai morsetti 14-15.
Se la tensione è, in valore assoluto, inferiore a 200mV si ha lo STOP, mentre se é positiva e supera 200mV si ha la MARCIA in
senso orario, se invece é negativa e supera 200mV si ha la MARCIA in senso antiorario. Se rEF.05 o rEF.06 sono al valore 5 ma
la selezione tramite gli ingressi digitali rende attivo un riferimento di velocità diverso, la marcia (FW, RV, STOP) ritorna quella
tradizionale: 5 chiuso=avanti (FW), 6 chiuso=indietro (RV), entrambi chiusi o aperti=STOP.
PARAMETRO rEF.07 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 1. 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.08 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 2. 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.09 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 3 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.10 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 4. 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.11 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 5 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.12 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 6 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.13 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 7. 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.14 Funzione Campo Default
riferimento di velocità imposta un riferimento di velocità per l'inverter; da -6000 a +6000 RPM 0 RPM / 0.1Hz
digitale 8 0.1 a +480.0 Hz..
PARAMETRO rEF.15 Funzione Campo Default
selettore somma sul determina il riferimento che si somma al riferimento di
riferimento di velocità. velocità principale corrente. (vedi schemi a blocchi app. C 1÷4 1
fig. C-5)
1 Riferimento da Mux1
2 Riferimento da Mux2
3 Riferimento da seriale
4 Riferimento da funzione PID
PARAMETRO rEF.16 Funzione Campo Default
peso della correzione del imposta un riferimento di velocità 0÷ ± 200% 0%
riferimento di velocità.
 Vanalog. - 5 
NOTA Mon.08 = Rif. + Termine in somma ⋅ rEF.16 ⋅  
 5 

NOTA Il peso del termine in somma può essere corretto (in aggiunta o in diminuzione) con un segnale analogico
(Vanalog.) esterno introdotto al morsetto 14-15 (Ain.13=6) oppure 16-17 (Ain.14=6). La correzione può essere
osservata in Mon.08, parametro in cui rimane disponibile l’impostazione effettiva. Con una tensione di 0Vdc si ha
correzione nulla. Con +10Vdc si ha la massima correzione in aggiunta. Con -10Vdc si ha la massima correzione
in diminuzione. La funzione risulta disattivata con rEF.16 = 0%: con rEF.16 negativo la funzione è invertita.
Esempio: programmando rEF.15=1 e Ain.13=6, la correzione in % viene fatta sullo stesso riferimento di
velocità principale: in questo caso Mux1.
PARAMETRO rEF.17 Funzione Campo Default
Prima soglia di scatto. determina la soglia di frequenza / velocità per l’eccitazione 0.1 ÷ 480.0 Hz 0.1 Hz / 0 RPM.
del bit interno R1. -6000 ÷ 6000 RPM.
NOTA Quando la velocità/frequenza di uscita raggiunge o supera il valore impostato con rEF.17 il bit interno R1 si porta ad 1

IMGT10002IT - September ’06 71


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

PARAMETRO rEF.18 Funzione Campo Default


Seconda soglia di scatto. determina la soglia di frequenza / velocità per l’eccitazione del 0.1 ÷ 480.0 Hz 0.1 Hz / 0 RPM.
bit interno R2. -6000 ÷ 6000 RPM.
NOTA Quando la velocità/frequenza di uscita raggiunge o supera il valore impostato con rEF.18 il bit interno R2 si porta ad 1
PARAMETRO rEF.19 Funzione Campo Default
Banda di zero. determina il campo in cui l’inverter viene considerato a 5 ÷ 50 RPM 50 RPM
velocità/frequenza zero. 0.1 ÷ 5.0 Hz. 0.5 Hz
NOTA il bit interno R3 velocità zero, cioè velocità minima, si eccita se la velocità, in modulo, é minore del parametro rEF.19.
PARAMETRO rEF.20 Funzione Campo Default
Banda velocità raggiunta determina il campo di riconoscimento di vel./freq raggiunta. 5 ÷ 50 RPM 50 RPM
0.1 ÷ 5.0 Hz. 0.5 Hz
NOTA il bit interno R4 velocità raggiunta si eccita se la velocità/frequenza del motore coincide con quella di riferimento nella
fascia +/- rEF.20.

7.8.5 Rampe
Velocità/frequenza

Ta Td

Ta = rPS.01÷08 t [s]
Ta Td
Td = rPS.09÷16

Figura 7.7

PARAMETRO rPS.01 Funzione Campo Default


coefficiente di imposta il tempo del riferimento di velocità / frequenza per passare da 0 a1800 0.1÷2000.0s 10.0s
accelerazione 1. RPM (FOC) o da 0 a 60Hz (V/F).
PARAMETRO Funzione Campo Default
rPS.02÷rPS.08
coefficiente di come per parametro rPS.01. 0.1÷2000.0s 10.0s
accelerazione 2 ÷ 8.
PARAMETRO rPS.09 Funzione Campo Default
coefficiente di imposta il tempo del riferimento di velocità/ frequenza per passare da 1800 a 0 0.1÷2000.0s 10.0s
decelerazione 1. RPM (FOC) / da 60 a 0Hz (V/F).
PARAMETRO Funzione Campo Default
rPS.10÷rPS.16
coefficiente di come per parametro rPS.09 0.1÷2000.0s 10.0s
decelerazione 2 ÷ 8.

NOTA Nel funzionamento a tensione impressa (V/F) è possibile ottenere un tempo massimo di rampa di 16000s a 480Hz equivalenti a
1666s a 50Hz.
Nel funzionamento vettoriale (FOC) è possibile ottenere un tempo massimo di rampa di 6666s a 6000RPM equivalenti a 1666s a
1500RPM.

BIT RAMPE
La selezione delle rampe attive è determinata dallo stato dei bit logici RP1 RP2 RP3 ATTIVE
RP1, RP2 ed RP3 secondo la seguente tabella: OFF OFF OFF rPS.01/rPS.09
I bit logici RP1, RP2 ed RP3 devono essere associati con i parametri ON OFF OFF rPS.02/rPS.10
din.01÷din.05 agli ingressi o comandi desiderati (cap.3.2.14). Di OFF ON OFF rPS.03/rPS.11
default i bit logici RP1 ed RP2 sono associati rispettivamente agli stati ON ON OFF rPS.04/rPS.12
digitali RIFIN1 e RIFIN 2 (bit 2 e 3 della command-word seriale).
OFF OFF ON rPS.05/rPS.13
ON OFF ON rPS.06/rPS.14
OFF ON ON rPS.07/rPS.15
ON ON ON rPS.08/rPS.16
PARAMETRO rPS.17 Funzione Campo Default
coefficiente di imposta il tempo di raccordo tra velocità costante e rampa. 0÷200 0
arrotondamento per rampe disponibile solo come opzione custom.
ad S.

72 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.6 Volts su Hertz (V/F)


PARAMETRO Vvf.01 Funzione Campo Default
guadagno di tensione. imposta il valore % di tensione corrispondente alla frequenza nominale. 50 ÷ 100% 100%
NOTA vedere anche i parametri Vvf.04 e 05 per ottimizzare la caratteristica V/f.
PARAMETRO Vvf.02 Funzione Campo Default
frequenza base (di piena è la frequenza alla quale la tensione sul motore raggiunge il valore nominale. 30.0÷480.0Hz 50.0 Hz
tensione) (Fb)
PARAMETRO Vvf.03 Funzione Campo Default
compensazione di imposta in % la compensazione di tensione corrispondente alla tensione 30 ÷ 100%. 100 %
tensione. nominale. 30%=esclusa
NOTA  Vvf.01  drv.05 ⋅ 1.41 
Coefficiente =   ⋅  

 100   VCOND 
PARAMETRO Vvf.04 Funzione Campo Default
livello di tensione nel punto A della caratteristica V/f. (vedi nota Vvf.05). 10.0÷50.0 % 33.3 %
punto a 1/3 Fb
PARAMETRO Vvf.05 Funzione Campo Default
livello di tensione nel punto B della caratteristica V/f. 20.0÷90.0 % 66.6 %
punto a 2/3 Fb
NOTA l'effettivo valore di tensione nei 2 punti A e B dipende dal guadagno di tensione impostato in Vvf.01.

NOTA La percentuale dei punti A e B della caratteristica V/f viene calcolata su Vvf.01. Il disegno di figura 3.2.6-1 evidenzia due
particolari importanti:
1) la "forma" della caratteristica è legata esclusivamente ai due parametri Vvf.04 e Vvf.05
2) l'ampiezza dipende dal guadagno di tensione scelto in Vvf.01. Il contributo alle basse frequenze derivante dal Boost
manuale, settato con Vvf.06, andrà a sommarsi alla caratteristica nel tratto di frequenza ove risulta attivo.
V V
Vout=100%
Vvf.01=100
Vout=80%
Vvf.01=80
B
Vvf.05=66.6
B
Vvf.05=66.6
A
Vvf.04=33.3 A
Vvf.04=33.3

f f
1/3Fb 2/3Fb Fb 1/3Fb 2/3Fb Fb

V V
Vout=100%
Figura 7.8 Vvf.01=100
Vout=80%
Vvf.01=80

B
Vvf.05=50.0 B
Vvf.05=50.0

Vvf.04=20.0
A A
Vvf.04=20.0
f f
1/3Fb 2/3Fb Fb 1/3Fb 2/3Fb Fb

PARAMETRO Vvf.06 Funzione Campo Default


livello di BOOST di imposta il livello di incremento di tensione alle basse frequenze 0÷20.0 % 0
tensione manuale. (si veda Fig. 7.9).
PARAMETRO Vvf.07 Funzione Campo Default
livello di BOOST imposta il livello di incremento di tensione alle basse frequenze dipendente dalla 0÷100.0 % 0
automatico. corrente attiva (dipende altresì da Mot.09: resistenza statorica). (0%=escluso)
V (%)
20.0

Figura 7.9 Vvf.06


15.0

10.0

5.0

f
Fb Fb
16 2

IMGT10002IT - September ’06 73


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

FRENATURA IN D.C. (CONTROLLO V/F)


Con questa funzione è possibile ottenere una fase di rotore bloccato in Frequenza di uscita (Hz)
seguito ad un comando di stop, nel momento in cui la frequenza di
uscita raggiunge la soglia VvF.08. In tal caso la frequenza viene
immediatamente portata a zero ed inizia una fase di iniezione di
tensione continua sul motore con ampiezza e durata regolabili
mediante VvF.09 e VvF.10 rispettivamente. Se durante tale intervallo Inizio
frenatura Vvf.08
ritorna un comando di marcia, la temporizzazione viene interrotta e la
marcia ridà inizio ad una rampa normale.
E’ possibile condizionare la funzione introducendo un consenso da
contatto esterno (può essere uno dei 5 comandi o 3 ingressi digitali t [s]
Tensione di frenatura DC
configurabili: il cui corrispondente parametro din.01÷din.05 va posto a
12). In tal caso la frenatura allo stop avviene solo se il contatto che la Vvf.09
abilita è attivato. Se nessun ingresso è configurato a 12 la frenatura DC
avrà luogo ad ogni stop. La funzione è esclusa con VvF.10=0.
Vvf.10 t [s]
Tempo di frenatura

PARAMETRO Vvf.08 Funzione Campo Default


frequenza intervento stabilisce la frequenza dopo la quale in rampa di discesa si inietta una 0.0÷20.0Hz 0.0 Hz
“frenatura in D.C” tensione continua di blocco sul motore.
PARAMETRO Vvf.09 Funzione Campo Default
livello (intensità) della stabilisce il valore % della tensione DC mantenuta in uscita durante la fase di 0 ÷20.0% 0. Hz
"frenatura in D.C". rotore bloccato allo stop.
NOTA durante questa fase il BOOST manuale eventualmente impostato in Vvf.06 non è attivo. Tale funzione non è lanciata durante una
inversione di velocità. Essa può essere interrotta da una nuova marcia o da un Drive Disable (morsetto 20 aperto).
PARAMETRO Vvf.10 Funzione Campo Default
tempo (durata) della stabilisce il tempo durante il quale allo stop, una volta raggiunta Vvf.08, si 0 ÷ 20.0 s 0
"frenatura in D.C.". mantiene iniettata la tensione continua di blocco sul motore. 0=funzione
disattivata
PARAMETRO Vvf.11 Funzione Campo Default
F-MIN. imposta il valore della minima frequenza (in modulo) erogabile dall'inverter 0.1 ÷ 5.0Hz. 0.5 Hz.
PARAMETRO Vvf.12 Funzione Campo Default
tempo di attesa durante la fase di partenza e durante le inversioni, introduce un intervallo 0.0 ÷ 10.0 s 0.0
all'avviamento. durante il quale il motore viene comandato alla frequenza impostata in
Vvf.11 (F-MIN) con una tensione pari a quella che deriva dalla caratteristica
V/F scelta e dal BOOST manuale impostato.

NOTA Questa fase può essere interrotta solo da un Drive Disable (apertura morsetto 10 )

La figura illustra una semplice sequenza di Frequenza


funzionamento. di uscita
La durata del tratto "A" può essere scelta con inverter
Vvf.12, quella del tratto "D" mediante Vvf.10. B C D
Fmi
Si noti che dopo la fase "D" il motore non è più t
comandato ed è libero di ruotare . A B C A

MARCIA INVERSIONE STOP


t
SALTO DI FREQUENZE
Ci possono essere delle frequenze di uscita che portano il motore a velocità di rotazione che danno luogo a risonanze meccaniche fastidiose
per l'utilizzatore e/o dannose per il motore ed il sistema. Settando questo parametro ad una certa frequenza, es. 40.0 Hz, si impedisce il
funzionamento a tale frequenza sia in senso orario che antiorario. La frequenza di 40 Hz non viene "saltata" in rampa, ma viene evitata a
livello di impostazione sia da riferimento digitale che da riferimento analogico. L'ampiezza del salto è stabilita dal parametro Vvf.13.
L'azione di salto può essere verificata in Mon.08 e si può anche combinare con Vvf.15 per un’ampiezza di salto superiore.
Mettendo a zero il valore della frequenza di salto si esclude la funzione.
PARAMETRO Vvf.13 Funzione Campo Default
ampiezza salti di frequenza. definisce l'ampiezza dell'intervallo di frequenza non impostabile 0.3 ÷ 5.0 Hz 0.3 Hz
PARAMETRO Vvf.14 Funzione Campo Default
salto di frequenza 1 impedisce l'impostazione di un certo valore di frequenza 0.÷480.0Hz 0.0 Hz
Vvf.14 = 0.0 Hz funzione disattivata.

74 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

PARAMETRO Vvf.15 Funzione Campo Default


salto di frequenza 2 impedisce l'impostazione di un certo valore di frequenza 0.÷480.0Hz 0.0 Hz
Vvf.15 = 0.0 Hz funzione disattivata.
PARAMETRO Vvf.16 Funzione Campo Default
salto di frequenza 3 impedisce l'impostazione di un certo valore di frequenza 0.÷480.0Hz 0.0 Hz
Vvf.16 = 0.0 Hz funzione disattivata.
Frif Fmax

Vvf.13
Freq. di
2·Vvf.13
salto Vvf.13

Figura 7.10 Ingresso set di frequenza

PARAMETRO Vvf.17 Funzione Campo Default


finestra (frequenza) di stop. 0.1÷5.0 Hz 0.5 Hz
Frequenza d’uscita (Hz) NOTE
1) Il parametro Vvf.17 permette di ottenere lo stop se il riferimento di frequenza
F MAX (ad es. da potenziometro) scende sotto il livello fissato da tale parametro. Lo
stop si verifica senza aprire i morsetti di marcia. Se il riferimento torna ad un
valore ≥ a Vvf.17 si ha di nuovo lo start.
2) Questa funzione è disponibile per tutti i
Vvf.17
riferimenti, sia analogici che digitali.
3) Ponendo Vvf.17 = 0.1 Hz si esclude tale funzione.
0 100%
Segnale di regolazione frequenza

PARAMETRO Vvf.18 Funzione Campo Default


Compensazione di frequenza Nel funzionamento V/F possono presentarsi delle zone di instabilità sulla 0.0 ÷ 4.0 0.0
proporzionale ad IOUT. corrente di uscita (IOUT), con picchi di corrente prossimi alla nominale. Con (funzione
questo parametro si agisce sulla frequenza impostata per correggere queste esclusa)
oscillazioni di corrente.
PARAMETRO Vvf.19 Funzione Campo Default
Filtro sulla IOUT per la Stabilisce la frequenza di taglio del filtro sulla corrente IOUT , utilizzata per la 0.0 ÷ 75.0 Hz 5.0 Hz
compensazione di frequenza. compensazione delle oscillazioni di corrente (parametro Vvf.18).
PARAMETRO Vvf.20 Funzione Campo Default
Limitazione rampa in Parametro riservato. 0. ÷ 10 4
accelerazione e potenza a
regime.

NOTA PARAMETRI PER APPLICAZIONI A COPPIA QUADRATICA


Nelle applicazioni a coppia quadratica (pompe, ventilatori, …) i parametri che determinano la caratteristica V/F (Vvf.04,
Vvf.05) possono essere modificati per ottenere un risparmio energetico.
In base alla caratteristica di coppia del carico è possibile ridurre la tensione sul motore al di sotto della frequenza
nominale. In tal caso la caratteristica V/F non è più lineare fino alla frequenza base Fb (parametro Vvf.02).
V[%]
Vvf.01=100% Vout=100%

B
Vvf.05=54.0%

A
Vvf.04=19.0%

F [Hz]
1/3Vvf.02 2/3Vvf.02 Vvf.02=Fb

La tabella seguente riporta i valori da impostare per Vvf.04 e Vvf.05 per ottenere alcuni comuni andamenti di V/F.
V=k · f V=k · f1.5 V=k · f1.7 V=k · f2
Vvf.04 33.3 19.0 15.0 12.0
Vvf.05 66.6 54.0 50.0 44.0

IMGT10002IT - September ’06 75


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.7 Regolazione di velocità

PARAMETRO rEv.01 Funzione Campo Default


1°coefficiente di guadagno imposta il valore del guadagno proporzionale nello stadio di regolazione di 0 ÷ 8000 2000
proporzionale. velocità
NOTA Un coefficiente elevato determina una risposta rapida ai transitori di carico.
Un guadagno eccessivo può causare oscillazioni nella risposta.
PARAMETRO rEv.02 Funzione Campo Default
1°coefficiente di guadagno imposta il valore del guadagno integrale nello stadio di regolazione di velocità 0 ÷ 650 50
integrale.
NOTA il termine integrale dello stadio di regolazione della velocità compensa eventuali oscillazioni a regime dovute
al guadagno proporzionale. Un valore troppo alto può comunque causare instabilità nella risposta.
PARAMETRO rEv.03 Funzione Campo Default
1°coefficiente di guadagno imposta il valore di guadagno derivativo nello stadio di regolazione di velocità. 0 ÷ 650 0
derivativo.
NOTA il termine derivativo può essere usato per migliorare la stabilità della regolazione qualora non fosse
sufficiente la regolazione con i parametri integrale e proporzionale. Un valore troppo elevato causa
generalmente instabilità.
PARAMETRO rEv.04 Funzione Campo Default
range relé interno primo set / determina la soglia di velocità per l’eccitazione di un bit logico. Con il bit logico 100 ÷ 6000 6000 RPM
secondo set. ad 1 vengono abilitati i secondi guadagni del regolatore di velocità. RPM. (6000 =
funzione
disabilitata)
NOTA E’ possibile forzare il bit logico anche attraverso un ingresso digitale preventivamente configurato
(din.01÷din05=14): in questo caso la soglia rEv.04 diventa ininfluente.
PARAMETRO rEv.05 Funzione Campo Default
2° coefficiente di guadagno imposta il valore del guadagno proporzionale nello stadio di regolazione di 0 ÷ 8000 2000
proporzionale. velocità. vedi nota rEv.01.
PARAMETRO rEv.06 Funzione Campo Default
2°coefficiente di guadagno imposta il valore di guadagno integrale nello stadio di regolazione di velocità. 0 ÷ 650 50
integrale. vedi nota rEv.02.
PARAMETRO rEv.07 Funzione Campo Default
2°coefficiente di guadagno imposta il valore di guadagno derivativo nello stadio di regolazione di velocità. 0 ÷ 650 0
derivativa. vedi nota rEv.03.
PARAMETRO rEv.08 (V/F): Funzione Campo Default
Compensazione dello incrementa (con segno) la frequenza impostata di un termine proporzionale 0.0 ÷ 10.0% 0.0
scorrimento. alla corrente attiva erogata.
Es.: con rEv.08 = 10 si ha un incremento pari a 0.1Fb (Vvf.02) quando la
corrente attiva erogata vale 105%.
NOTA tale contributo non è visibile in Mon.08, lo si può notare in Mon.07 a rampa conclusa
Coppia max

Coppia di carico

F (Hz)

NOTA Per la cedevolezza (parametri rEv.09, rEv.10, rEv.11) vedi paragrafo dedicato (7.9.27).

76 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.8 Regolazione di coppia

PARAMETRO rEc.01: Funzione Campo Default


coppia massima positiva. determina la massima coppia positiva erogabile dall'inverter. +10÷+180% +150%.
della coppia nominale
del motore.
NOTA I limiti di coppia attivi per i 2 tipi di controllo sono riportati di seguito:
drv.07=1 drv.07=2
(V/F) (FOC)
 rEc.01   rEc.01 
Valore   ⋅ I nMot ⋅ cos ϕ Mot   ⋅ C Mot
 100   100 
Limite massimo 180% 150%
InMot= Mot.01
cosϕMot = Mot.07
CMot = coppia nominale del motore collegato
Limitazione di coppia positiva da segnale esterno.
NOTA
La funzione si attiva ponendo Ain.13=3 e permette di regolare la coppia massima positiva, stabilita col
rEc.01, variando la tensione applicata al morsetto 14-15 in base alla seguente formula.
V 
Lim. Coppia risultante = rEc.01 ⋅  14−15 
 10  [con zoccolo minimo di 1%]
Esempio: Tensione applicata (V14-15) Limite di coppia positiva risultante
con rEc.01=150%, variando la tensione applicata si 10V 150%
ottiene la coppia limite in tabella. 8V 120%
6V 90%
5V 75%
3V 45%
0V rimane 1%
NOTA Se il morsetto 14 é inutilizzato, è possibile, con JP2=ON, collegarlo a +10V: in tal modo il limite rimane
corrispondente al rEc.01 (collegare il morsetto 15 a 0V).
PARAMETRO rEc.02: Funzione Campo Default
coppia massima negativa. determina la massima coppia negativa erogabile dall'inverter. -150÷-10% della -150%.
coppia nominale
motore
NOTA I limiti di coppia attivi per i 2 tipi di controllo sono riportati di seguito
drv.07=1 drv.07=2
(V/F) (FOC)
 rEc.02   rEc.02 
Valore   ⋅ I nMot ⋅ cos ϕ Mot   ⋅ C Mot
 100   100 
Limite massimo -150% -150%
InMot= Mot.01
cosϕMot = Mot.07
CMot = coppia nominale del motore collegato

IMGT10002IT - September ’06 77


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Limitazione di coppia negativa da segnale esterno.


La funzione si attiva ponendo Ain.14=3 e permette di regolare la coppia massima negativa, stabilita col rEc.02, variando la tensione applicata
al morsetto 16 in base alla seguente formula.

V 
NOTA Lim. Coppia risultante = rEc.02 ⋅  16  [con zoccolo minimo di 1%]
 10 

Limiti richiesta di coppia


150%

100%

Giri motore
RPMN (Mot.04) 2 RPMN 3 RPMN (in modulo)
RPMN (Mot.04) 2 RPMN 3 RPMN
Giri motore
(in modulo)

-100%

-150% Limiti richiesta di coppia

Figura 7.11
M

rEc.01
+

Mot.20 Mot.19 N
- 0 +

-
rEc.02

Figura 7.12

78 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

PARAMETRO rEc.03: Funzione Campo Default


livello della protezione fissa la soglia di intervento della protezione termica. La protezione è 30 ÷ 105 %. 105 %.
termica del motore. disabilitabile con rLo.10 = 1.
NOTA L'integrazione, segnalata dal lampeggio del display, inizia quando la corrente supera il valore impostato. Il livello raggiunto
dall'integratore può essere letto su Mon.05. Con rEc.03 pari a 105 la protezione termica interverrà dopo 60s se la corrente di uscita
rimane costantemente 1,5 volte la corrente impostata. La soglia di corrente è calcolata secondo la tabella seguente:
drv.07=1 (V/F) drv.07=2 (FOC)
 rEc.03   rEc.03 
Valore  ⋅IN   ⋅ I nMot
 100   100 
IN = Corrente nominale del GT1000
InMot= Mot.01
Nel funzionamento V/F (drv.07=1) I 
tarare rEc.03 secondo la formula: rEc.03 = 105 ⋅  nMot 

 IN 
NOTA Nel funzionamento con portante >3 kHz (per le taglie che lo prevedono) la capacità del GT1000 é ridotta automaticamente
per limitare la temperatura sul ponte ad IGBT (le perdite per commutazione aumentano con la portante).
La soglia di inizio integrazione viene ridotta, in relazione alla portante, come segue:
PORTANTE 3 kHz 6 kHz 9 kHz 12 kHz
SOGLIA 105% 92% 84% 75%
PARAMETRO rEc.04: Funzione Campo Default
Non usato /
PARAMETRO rEc.05: Funzione Campo Default
Non usato /
PARAMETRO rEc.06: Funzione Campo Default
Non usato /
PARAMETRO rEc.07: Funzione Campo Default
aggiustamento limiti di Nel funzionamento V/F permette di correggere l’intervento delle 50% ÷ 150% 107 %.
coppia (Icosϕ). limitazioni di coppia.
PARAMETRO rEc.08: Funzione Campo Default
selettore provenienza determina il riferimento di coppia (vedi schema a blocchi fig.4-8). 1÷6 1
riferimento di coppia.
1 Riferimento da PID velocità
2 Riferimento da seriale
3 Riferimento da analogica 1 (RIF1)
4 Riferimento da analogica 2 (RIF2)
5 Riferimento interno
6 Riferimento da funzione tecnologica
NOTA I valori 2÷6 rendono attivo il modo di funzionamento in coppia.
rEc.08 = 1: funzionamento normale in regolazione di velocità: il riferimento di coppia è dato dall'elaborazione dell'errore di velocità. Questo
valore dipende dalle condizioni di carico ed è tale da mantenere la velocità del motore pari al riferimento di velocità richiesto, a
condizione che non si superino i limiti di coppia.
rEc.08 ≠ 1: il riferimento di coppia viene dato indipendentemente dall'anello di velocità: l'inverter cercherà di raggiungere e mantenere una
coppia pari a tale riferimento. L'anello di velocità non è escluso; ma interviene solo se il motore tenta di superare i limiti di
velocità dati da Mot.19, Mot.20.
rEc.08=3,4. Il segnale di riferimento di coppia proviene dalle analogiche 1-2; il segnale +/-10V, viene convertito in valore a +rEc.01/-rEc.02.
Il filtro, e l’ offset su tale segnale restano attivi (vedi taratura delle analogiche).
rEc.08=5 il riferimento di coppia, che viene dato dal parametro rEc.11 (coppia interna), può essere variato con continuità, con un segnale
0÷10V sulle analogiche 1-2 (vedere descrizione parametro rEc.11).

IMGT10002IT - September ’06 79


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

PARAMETRO rEc.09: Funzione Campo Default


Scelta modo limitazione limiti di determina il modo di limitazione dei limiti di coppia (fig.7.13). (in sviluppo) 1, 5 1
coppia.
1 Standard
2 rEc.01 potenza costante
3 rEc.02 potenza costante
4 rEc.01 e rEc.02 potenza costante
5 /
PARAMETRO rEc.10: Funzione Campo Default
selettore provenienza termine determina il riferimento aggiuntivo di coppia (schema a blocchi fig.4.8). 1 , 5 (6) 1
aggiuntivo di coppia. (in sviluppo)
1 Termine aggiuntivo nullo
2 Riferimento da seriale
3 Riferimento da analogica 1 (RIF1)
4 Riferimento da analogica 2 (RIF2)
5 Riferimento interno (rEc.11)
6 (Riferimento da funzione tecnologica)

Limiti positivi richiesta di coppia

rEc.01 Max

rEc.01 100% Standard


es =
Potenza costante
63%
rEc.01
es.= 63%

Giri Motore
RPMN 2 RPMN 3 RPMN 4 RPMN (in modulo)
(Mot.04)
rEc.02
es.= -63% Potenza costante
63%
rEc.02
es.= 90% -100% Standard

rEc.02 min

Limiti negativi richiesta di coppia


Fig.7.13

PARAMETRO rEc.11: Funzione Campo Default


riferimento di coppia interno. imposta un riferimento di coppia interno nel funzionamento in coppia. E’ -150 ÷ 150% 1
abilitato se rEc.08 = 5.
NOTA il valore impostato da rEc.11 può essere modificato applicando una tensione variabile da 0 a 10V (vedi parametri Ain.13, Ain.14)
sull’analogica 1 (mors. 14-15) o 2 (mors. 16). L'effetto di tali ingressi sul parametro rEc.11 è illustrato in figura.
M
rEc.11

1%

0 10 V Anal.1 / Anal.2

80 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.9 Regolatori interni

PARAMETRO rEL.01 Funzione Campo Default


Correzione guadagno anello prima correzione del guadagno dei regolatori di corrente U/V/W. La -100 ÷ 100% 0%
di corrente taratura di questo parametro può essere necessaria per tensioni nominali
di rete superiori a quella del motore o quando il motore presenta
un’induttanza relativamente bassa.
Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10.
PARAMETRO rEL.02 Funzione Campo Default
Correzione guadagno int. prima correzione del guadagno integrale del regolatore di corrente di -10 ÷ 10 0
anello di flusso (ID) flusso. Per motori a 6 poli è consigliato impostare il valore –5.
Il guadagno interno diviene: KI_ID=10+rEL.02
Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10.
PARAMETRO rEL.03 Funzione Campo Default
Correzione guadagno prop. prima correzione del guadagno proporzionale del regolatore di corrente di 0 ÷ 20 0
anello di flusso (ID) flusso.
Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10.
PARAMETRO rEL.04 Funzione Campo Default
Correzione guadagno int. prima correzione del guadagno integrale del regolatore di corrente di -20 ÷ 20 0
anello di coppia (IQ) coppia. Per motori a 6 poli è consigliato impostare il valore –10. Il
guadagno interno diviene: KI_IQ=20+rEL.04 (non deve divenire zero!)
Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10.
PARAMETRO rEL.05 Funzione Campo Default
Correzione guadagno prop. prima correzione del guadagno proporzionale del regolatore di corrente di -20 ÷ 20 0
anello di coppia (IQ) coppia.
Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10.
PARAMETRO rEL.06 Funzione Campo Default
guadagno feed forward flusso ricalibrazione del feed forward di tensione per la corrente di flusso. 0 ÷ 100 0

PARAMETRO rEL.07 Funzione Campo Default


guadagno feed forward ricalibrazione del feed forward di tensione per la corrente di coppia. 0 ÷ 100 0
coppia
PARAMETRO rEL.08 Funzione Campo Default
aggiustamento costante di ricalibrazione della costante di tempo rotorica. 0 ÷ 100 0
tempo rotorica TTR
PARAMETRO rEL.10 Funzione Campo Default
taratura fine compensazione ricalibra la taratura di compensazione dei tempi morti. -27 ÷ 27 0
‘’tempi morti’’ Parametro protetto, per la modifica vedi cap. 7.10

NOTA Funzionando in V/F può essere necessario agire sul parametro rEL.10 che modifica finemente la compensazione
dei tempi morti. Si può ottenere in tal modo:
1) Una corrente discretamente sinusoidale a basse frequenze.
2) Assenza di oscillazioni di coppia con il motore a vuoto.
La sinusoidalità della corrente a basse frequenze costituisce un indice di una corretta taratura.
Si segnala che, comunque, una corretta compensazione dei tempi morti non garantisce da una completa
assenza di oscillazioni nell’intero campo di funzionamento del motore.In questo caso é necessario ricorrere
all’uso dei parametri VvF.18 e VvF.19

IMGT10002IT - September ’06 81


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.10 Abilitazioni interne varie

Le funzioni logiche rLo.xx sono parametri che possono assumere solo i valori 0 o 1.
PARAMETRO rLo.01 Funzione Campo Default
Parametro di sblocco per posto a 1 rende modificabile la funzione rLo.06 e permette di recuperare i 0
rLo.06 parametri impostati in fabbrica. Alla accensione viene automaticamente
riportato a zero.
PARAMETRO rLo.02 Funzione Campo Default
disabilita chiave di accesso. posto a 1 abilita la chiave di blocco dei parametri . 0
(vedi capitolo 7.4.1)
PARAMETRO rLo.03 rLo.04, Funzione Campo Default
rLo.05 (FOC)
vedi note riguardanti i parametri protetti cap. 7.10 0
PARAMETRO rLo.06 Funzione Campo Default
ripristino dei valori di permette di riportare tutti i parametri ai rispettivi valori di default. Curr
default.
NOTA dopo aver messo al valore 1 il Parametro rLo.01, portare (con il tasto DW) rLo.06 a " dEF". Se a questo punto
l'inverter viene spento, alla successiva riaccensione verranno recuperati tutti i valori di default.
In tal caso è bene verificare ed eventualmente correggere i 7 parametri Mot.01÷Mot.07, quindi, renderli
attivi con una seconda operazione di spegnimento/riaccensione del GT1000 prima di dare i comandi di
marcia.
PARAMETRO rLo.07 (FOC) Funzione Campo Default
disabilitazione del permette l'esclusione della funzione di ripresa al volo nel controllo vettoriale 0
riaggancio motore in moto (FO).
con regolazione vettoriale.
NOTA se la funzione é esclusa (rLo.07=0) l'inverter inizia a modulare partendo sempre da frequenza zero: se il motore
sta girando per inerzia può esserci l'intervento della protezione di sovracorrente ("--OC") a causa della differenza
tra la frequenza comandata dall'inverter e quella corrispondente ai giri di rotazione libera del motore.
PARAMETRO rLo.08 Funzione Campo Default
disabilitazione del Sensore posto a 1 esclude la lettura e disabilita il sensore rete. 0 (abilitata)
Rete (OFF).
NOTA E’ un parametro protetto. Per la sua modifica si veda il cap. 7.10 di questo manuale. Impostare rLo.08 = 1 con
GT1000 alimentato in BUS DC. L’impostazione viene normalmente effettuata in fabbrica. Nel caso di ripristino dei
valori di default il parametro deve essere reimpostato ad 1 dall’operatore.
PARAMETRO rLo.09 Funzione Campo Default
disabilitazione protezione posto a 0 esclude l’intervento della protezione di sovratensione della linea di 1 (abilitata)
di sovratensione linea di alimentazione (--OUS).
alimentazione (--OUS).
PARAMETRO rLo.10: Funzione Campo Default
disabilitazione protezione posto ad 1 esclude la protezione termica del motore. 0 (abilitata)
termica del motore.
NOTA Quando la corrente di uscita supera del 5% quella nominale del motore (Mot.01 FO) o dell’inverter (V/F), il display
inizia a lampeggiare (sovraccarico) ed il registro accumulatore Mon.05 incrementa il proprio contenuto. Se si
raggiunge il valore 100 con rLo.10=0 scatta la protezione termica (--tH).
Escludere la protezione solo per l'attuazione di prove o applicazioni particolari: tenere presente che in questo
NOTA caso il motore può raggiungere temperature eccessive se non vengono prese le dovute precauzioni.
Non escludere la protezione se si impiegano portanti superiori ai 3 kHz

82 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

PARAMETRO rLo.11: Funzione Campo Default


tipo protezione termica del Con rLo.11 = 1 il sovraccarico ammesso è 150% per 1 minuto ogni 10 qualsiasi sia 1
motore. la frequenza di uscita (motore servoventilato). Se il rLo.11 = 0 (motore
autoventilato), il sovraccarico ammesso è 150% per 1' ogni 10' con frequenza di
uscita superiore a metà della frequenza nominale(Fnom/2), diventa di 30" ogni 10'
con la frequenza inferiore a Fnom/2.
PARAMETRO rLo.12: Funzione Campo Default
non utilizzato
PARAMETRO rLo.13 (V/F):: Funzione Campo Default
Visualizzazione giri motore Con controllo V/F, in presenza dell’encoder deve essere impostato ad 1, visualizzando 0
in tal modo i giri effettivi del motore in Mon.02.
PARAMETRO rLo.14 (V/F): Funzione Campo Default
decelerazione in limite di Quando la tensione del bus DC supera un certo livello, dipendente da drv.05, si 0
tensione. riduce la pendenza della rampa di frenatura per evitare l’intervento della
protezione di sovratensione (figura sotto). Per default la funzione è attiva
(1 => funzione disattivata).

VDC
Kx

f [Hz] t [s]

t [s]
Figura 7.14

PARAMETRO rLo.15 (FOC): Funzione Campo Default


"Strappo encoder”. Con funzione abilitata, se la differenza di giri impostati (Mon.07) ed i giri 0
effettivi del motore supera una soglia, per circa un secondo, interviene la disabilitata
protezione visualizzando sul display la scritta “-Enc” e bloccando l’inverter. La
protezione può essere resettata utilizzando l’ingresso predisposto.
PARAMETRO rLo.16 (FOC): Funzione Campo Default
Abilitazione test encoder”. test encoder 0
disabilitata
NOTA Tale funzione va usata (rLo.16=1) solo alla messa in servizio. Se gli hertz di uscita e i giri sono discordi di
segno scatta tale protezione (-Enc).
Non può essere utilizzata come “strappo tachimetrico” e deve essere disinserita al termine della verifica.
PARAMETRO rLo.17 Funzione Campo Default
Scelta provenienza riferimenti 0 = funzione disattivata 0
in modo locale 1=in funzionamento LOCALE (MAN) attiva la selezione dei riferimenti usuale
(come da schema a blocchi F5, Appendice C).
PARAMETRO rLo.18 Funzione Campo Default
Blocco comandi in modo 0 = funzione disattivata 0
“LOCALE 1=disattiva i tasti MAN, START, STOP rendendo utilizzabile il tastierino solo
per la lettura o modifica parametri.
Utilizzato in combinazione con rLo.02 blocca completamente la funzionalita’
del tastierino (rimane utilizzabile solo come display e come pulsante di reset
allarmi).

IMGT10002IT - September ’06 83


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.11 Configurazioni uscite analogiche


Sono disponibili ai morsetti XM1-18 e XM2-11 (della scheda espansione GESMA) due uscite analogiche in tensione 0 ÷ + 10V e 0 ÷ +/- 10V
rispettivamente . E’ selezionabile una delle grandezze in tabella:
ù

Fondo scala
V/F FOC
1 Giri motore (N) Max (Mot.19/Mot.20)
2 Frequenza di uscita (FOUT) Max (Mot.19/Mot.20)
3 Corrente di uscita (IOUT) 250%ININV (*)
4 Contatore della termica (Th%) 100%
5 Tensione condensatore (Vc) 1000V
6 Rif. velocità: (No) a valle rampa Max (Mot.19/Mot.20)
7 Rif. velocità impostata (N40) a monte rampa Max (Mot.19/Mot.20)
8 Rif.coppia (Tq0) / 250%CNMOT
9 Reazione coppia (Tq) 250%CNMOT 250%CNMOT
10 Misura potenza (P) 250%PNMOT 250%PNMOT
11 Aux1 vedi diA.01
12 Aux2 vedi diA.02
13 Motopotenziometro 100%
14 Set del PID +/- 2048
15 Reazione del PID +/- 2048
16 Registro taratura ±255 bit
(*) ININV: corrente nominale inverter
PARAMETRO Aot.01: Funzione Campo Default
selettore grandezza di uscita determina l’uscita analogica 1: morsetto XM1-18 (vedi tabella). 1÷16 1
analogica 1. giri motore
PARAMETRO Aot.02: Funzione Campo Default
offset analogica 1 corregge l'offset dell'uscita analogica 1. -127÷127 0
PARAMETRO Aot.03: Funzione Campo Default
guadagno analogica 1 permette di variare il guadagno dell’uscita analogica 1 50÷200% 100.0%
PARAMETRO Aot.04: Funzione Campo Default
selettore grandezza di uscita determina l’uscita analogica 2: morsetto XM2-11 (vedi tabella). 1÷16 3
analogica 2. corrente di uscita
PARAMETRO Aot.05: Funzione Campo Default
offset analogica 2 corregge l'offset dell'uscita analogica 2 -127÷127 0
PARAMETRO Aot.06: Funzione Campo Default
guadagno analogica 2 permette di variare il guadagno dell’uscita analogica 2 50÷200% 100.0%
PARAMETRO Aot.07: Funzione Campo Default
registro tarature PWM parametro riservato -255÷255 0
PARAMETRO Aot.08: Funzione Campo Default
configurazione uscita configura il tipo di segnale elettrico dell’uscita analogica 1, secondo la -2÷2 2
analogica 1. tabella sotto riportata (il valore 1 ha lo stesso effetto del 2).
PARAMETRO Aot.09: FUNZIONE
Configurazione uscita configura il tipo di segnale elettrico dell’uscita analogica 2, secondo la tabella sotto riportata: default 1
analogica 2. 2 Segnale raddrizzato 0/+10V
1 Segnale normale ±10V
0 Uscita zero
-1 In corrente normale ±4÷20mA (*)
-2 In corrente raddrizzato 4÷20mA (*)

NOTA (*) l’uscita in corrente richiede l’utilizzo della scheda opzionale SVS2AB.

84 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.12 Configurazione ingressi analogici

PARAMETRO Ain.01: Funzione Campo Default


offset analogica 1. corregge l'offset dell'ingresso al morsetto 14-15. -100÷+100 0
PARAMETRO Ain.02 Funzione Campo Default
guadagno analogica 1. corregge il guadagno dell'ingresso al morsetto 14-15. 50÷150% 100.0
PARAMETRO Ain.03 Funzione Campo Default
filtro digitale analogica 1 filtra l'ingresso in modo da eliminare disturbi presenti sulla linea di 0=niente 1
(morsetti 14-15) collegamento, il valore numerico impostato definisce la costante di tempo del filtraggio,
filtro 1=4ms,
2=8ms,
3=16ms,
4=32ms,
5=64ms,
6=128ms.
PARAMETRO Ain.04: Funzione Campo Default
offset analogica 2. corregge l'offset dell'ingresso al morsetto 16. -100÷+100 0
PARAMETRO Ain.05 Funzione Campo Default
guadagno analogica 2. corregge guadagno dell'ingresso al morsetto 16. 50÷150% 100.0
PARAMETRO Ain.06 Funzione Campo Default
filtro digitale analogica 2 filtra l'ingresso del riferimento in modo da eliminare disturbi presenti sulla 0=niente 1
(morsetto 16) linea di collegamento, il valore numerico impostato definisce la costante di filtraggio,
tempo del filtro 1=4ms,
2=8ms,
3=16ms,
4=32ms,
5=64ms,
6=128ms.
PARAMETRI Ain.07÷12 Non usati Campo Default
PARAMETRO Ain.13 Funzione Campo Default
selettore destinazione determina l’uso dell’analogica 1 secondo la tabella riportata sotto. 1÷8 1
analogica 1
(morsetti 14-15)
1 RIF1 (riferimento velocità I)
2 Disponibile
3 Limite di coppia positiva da segnale esterno (rEC.01)
4 Limite di coppia da segnale esterno (rEC.01 ÷ rEC.02)
5 Riferimento interno di coppia Ki
6 Correzione % del termine in somma da segnale esterno (rEF.16)
7 Gestione PTC/NTC
8 Correzione rif. velocità da scheda exp II° encoder(**)
PARAMETRO Ain.14 Funzione Campo Default
selettore destinazione determina l’uso dell’analogica 2 secondo la tabella riportata sotto. 1÷8 1
analogica 2 (morsetto 16)
1 RIF2 (riferimento velocità II)
2 Disponibile
3 Limite di coppia negativa da segnale esterno (rEC.02)
4 Limite di coppia da segnale esterno (rEC.01 ÷ rEC.02)
5 Riferimento interno di coppia Ki
6 Correzione % del termine in somma da segnale esterno (rEF.16)
7 Gestione PTC/NTC
8 Correzione rif. velocità da scheda exp 2° encoder (**)
NOTA Se casualmente si programma sia Ain.13=4 che Ain.14=4 sarà attiva solo l’analogica1 (morsetti 14-15).
PARAMETRO Ain.15 Funzione Campo Default
configurazione V o mA Permette di utilizzare l’analogica 1 con segnale in tensione, in corrente 0-20 1÷3 1
analogica 1 mA oppure in corrente 4-20 mA. L’utilizzo del segnale in corrente richiede la
(morsetti 14-15) chiusura del jumper JP9.
1 Ingresso in tensione
2 Ingresso in corrente (0-20 mA)
3 Ingresso in corrente (4÷20 mA)

IMGT10002IT - September ’06 85


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

PARAMETRO Ain.16 Funzione Campo Default


configurazione V o mA Permette di utilizzare l’analogica 2 con segnale in tensione, in corrente 0-20 1÷3 1
analogica 2 mA oppure in corrente 4-20 mA . L’utilizzo del segnale in corrente richiede
(morsetto 16) la chiusura del jumper JP3.
1 Ingresso in tensione
2 Ingresso in corrente (0-20 mA)
3 Ingresso in corrente (4÷20 mA)
PARAMETRO Ain.17 Funzione Campo Default
Abilitazione protezione La protezione, se abilitata, interviene quando il segnale scende sotto i 3mA. 0-1 0
perdita 4÷20 mA (disabilitata)
PARAMETRO Ain.18 Funzione Campo Default
Soglia di allarme Determina il valore dell’intervento dell’allarme di sovratemperatura quando 0.00÷10.00 V 5.00 V
sovratemperatura (cap. viene previsto sul motore una PTC/NTC.
7.8.29)
PARAMETRO Ain.19 Funzione Campo Default
Soglia di protezione Determina il valore dell’intervento della protezione di sovratemperatura 0.00÷10.00 V 7.50 V
sovratemperatura (cap. quando viene previsto sul motore una PTC/NTC.
7.8.29)

7.8.13 Configurazioni uscite digitali


Sono disponibili ai morsetti 3/4 della scheda di controllo e 7/8 0 uscita non usata
e 9/10 della scheda di espansione (GEDEA1) tre uscite 1 bit interno R1: soglia velocità (rEF.17)
digitali a relè configurabili rispettivamente con i parametri 2 bit interno R2: soglia velocità (rEF.18)
dot.01÷dot.03 secondo la seguente tabella. 3 bit interno R3: velocità zero (rEF.19)
4 bit interno R4: velocità raggiunta (rEF.20)
5 bit interno R5: soglia uscita PID (Fn6.09)
6 bit interno R6: allarme PTC/NTC (Ain.18/Ain.19)
7 bit interno R7: soglia corr.attiva/coppia (Fn7.08)
8 bit interno R8: soglia corrente uscita (Fn7.13)
9 bit interno R9: comando 1a pompa ausiliaria
10 bit interno R10: comando 2a pompa ausiliaria
11 bit interno R11: perdita 4/20mA
12 bit interno R12: relè “DRIVE OK”
13 bit interno R13: marcia acquisita
PARAMETRO dot.01 Funzione Campo Default
selettore comando relè 2 (morsetti 3-4). determina il comando del relè RL2. 0÷13 3
PARAMETRO dot.02 Funzione Campo Default
selettore comando relè 3 (morsetti 7-8 determina il comando del relè RL3 (scheda espansione). 0÷13 1
scheda esp.)
PARAMETRO dot.03 Funzione Campo Default
selettore comando relè 4 (morsetti 9-10 determina il comando del relè RL4 (scheda espansione). 0÷13 2
scheda esp.)
PARAMETRO dot.04 Funzione Campo Default
inversione uscita relè 2. inverte la funzione dell’uscita 0÷1 0
PARAMETRO dot.05 Funzione Campo Default
inversione uscita relè 3. inverte la funzione dell’uscita 0÷1 0
PARAMETRO dot.06 Funzione Campo Default
inversione uscita relè 4. inverte la funzione dell’uscita 0÷1 0

86 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.14 Configurazioni ingressi digitali

I command bit 2-3 RIFIN1, RIFIN2 e gli ingressi digitali 0 Funzione CF1 (seleziona riferimenti)
corrispondenti ai morsetti 7-8-9, chiamati rispettivamente COM1, 1 Funzione CF2 (seleziona riferimenti)
COM2, COM3 sono programmabili nelle loro funzioni 2 Funzione CF3 (seleziona riferimenti)
rispettivamente tramite i parametri din.01÷din.05. La loro 3 Funzione RP1 (seleziona rampe)
configurazione rispetta la seguente tabella:
4 Funzione RP2 (seleziona rampe)
5 Funzione RP3 (seleziona rampe)
6 UP-Motopotenziometro
7 DOWN-Motopotenziometro
8 ALLARME ESTERNO N.C.
9 ALLARME ESTERNO N.A.
10 Abilita cedevolezza
11 Abilita P.I.D. (V/F)
12 Abilita frenatura D.C. (V/F)
13 Attiva riduzione % tensione motore (V/F)
14 Attiva II° set guadagni regolatore vel. (FOC)
15 Gestione Emergenza con rete Profibus
16 Reset allarmi
17 Ingresso I1 riferimento frequenza (opzione “GEDEA”)
18 Ingresso I2 riferimento frequenza (opzione “GEDEA”)
19 Ingresso I3 riferimento frequenza (opzione “GEDEA”)
20÷30 Disponibili
(31) Ingresso disattivato
PARAMETRO din.01 Funzione Campo Default
Configurazione RIFIN1 * (bit2 determina la funzione del bit 2 della command-word. 0÷16 (31) 31
command word)
PARAMETRO din.02 Funzione Campo Default
Configurazione RIFIN2 * (bit3 determina la funzione del bit 3 della command-word. 0÷16 (31) 31
command word)
PARAMETRO din.03 Funzione Campo Default
Configurazione ingresso digitale determina la funzione dell’ingresso digitale al morsetto 7. 0÷16 (31) 0
COM1 (morsetto 7).
PARAMETRO din.04 Funzione Campo Default
Configurazione ingresso digitale determina la funzione dell’ingresso digitale al morsetto 8. 0÷16 (31) 1
COM2 (morsetto 8).
PARAMETRO din.05 Funzione Campo Default
Configurazione ingresso digitale determina la funzione dell’ingresso digitale al morsetto 9. 0÷16 (31) 16
COM3 (morsetto 9). (RESET)

(*) RIFIN1 e RIFIN2 sono bit disponibili solo a livello di word comandi (seriale), ovvero non hanno associato un ingresso fisico in morsettiera.

IMGT10002IT - September ’06 87


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.15 Parametri configurazione seriale

PARAMETRO S-L.01 Funzione Campo Default


scelta tipo rete o determina la scelta del di tipo di rete o collegamento seriale. Vedere il capitolo 1÷4 1
collegamento seriale. relativo alla seriale par. 8.4 .
1 ANSI X3.28-2.5-A4
2 (riservato)
3 PROFIBUS
4 PROFIBUS + ANSI 232
PARAMETRO S-L.02 Funzione Campo Default
abilitazione comunicazione Abilita (S-L.02 = 0) o disabilita (S-L.02 = 1) la comunicazione 1 (disabilitata)
seriale.
NOTA Dopo avere modificato il valore è necessario spegnere e riaccendere l'inverter.
PARAMETRO S-L.03 Funzione Campo Default
attivazione comandi da Con S-L.03 = 0 i comandi hardware si combinano in OR con quelli da 0
seriale. seriale, tranne il DRIVE ENABLE che va in AND. Con S-L.03 = 1 i comandi
attivi restano solo quelli hardware (non serve il DREN da seriale).
NOTA Variazioni di S-L.03 non richiedono di spegnere e riaccendere l’inverter.
PARAMETRO S-L.04 Funzione Campo Default
Riservato 0
non cambiare!
PARAMETRO S-L.05 Funzione Campo Default
Selezione RS485HD/RS232 S-L.05=1: è attivo a morsettiera il funzionamento RS485HD (Half-Duplex) 1
S-L.05=0: attiva la seriale RS232 sul connettore telefonico X3.
PARAMETRO S-L.07 Funzione Campo Default
Riservato 0
PARAMETRO S-L.10 Funzione Campo Default
BCC (x ANSI) Determina se calcolare o meno il checksum del blocco di dati. Vedi capitolo 1 (disabilitata)
relativo alla seriale (capitolo 8)
PARAMETRO S-L.11 Funzione Campo Default
Parità Determina la trasmissione o meno del bit di parità. 0 (abilitata)
vedi capitolo relativo alla seriale (capitolo 8)
PARAMETRO S-L.12 Funzione Campo Default
BAUD RATE Stabilisce il baud rate della trasmissione seriale. Il valore numerico impostato 600 ÷ 9600 9600 Baud
definisce la velocità della trasmissione (se necessario):
600Bd, 1200Bd, 2400Bd, 4800Bd, 9600Bd.
PARAMETRO S-L.13 Funzione Campo Default
Indirizzo stazione Stabilisce l'indirizzo della stazione nella trasmissione seriale. 0 ÷ 32. 1

PARAMETRO S-L.14 Funzione Campo Default


PPO Stabilisce il tipo di PPO in trasmissione PROFIBUS. 1÷5 2
vedi capitolo relativo alla seriale (vedi nota applicativa Profibus)
PARAMETRO S-L.15 Funzione Campo Default
Scelta visualizzazione Determina il significato di Mon.16. Con S-L.15= 0 si ha lo stato dei comandi 0÷1 0
Mon.16 hardware puro, ad 1 si ha, invece, la loro combinazione con quelli provenienti
da seriale.
PARAMETRO S-L.16 Funzione Campo Default
Modifica comandi in Avendo configurato un morsetto (din.xx=15) per gestire l’emergenza 0÷1 0
emergenza Profibus Profibus, l’attivazione del morsetto con S-16=1 permette di dare i comandi in
OR senza la necessità del DRIVE ENABLE da seriale (vedere nota
applicativa Profibus).

88 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.16 Serial OUT (Profibus)

Le funzioni logiche Sod.xx sono parametri Sod.01 Giri motore (N)


che possono assumere solo i valori 0 (OFF) Sod.02 Frequenza di uscita (FOUT)
o 1 (ON): Sod.03 Corrente di uscita (IOUT)
determinano se la variabile associata entra Sod.04 Contatore termica (Th%)
nella composizione del messaggio di uscita Sod.05 Tensione condensatore (Vc)
delle variabili di processo della seriale Sod.06 Riferimento velocità/frequenza: (No)
Profibus. Sod.07 Riferimento velocità/frequenza impostata (N40)
Sod.08 Riferimento vel./freq. da seriale
Sod.09 Riferimento coppia (Tq0)
Sod.10 Reazione coppia (Tq)
Sod.11 Misura potenza (P)
Sod.12 Aux1
Sod.13 Aux2
Sod.14 Word Protezioni (non attiva)
Sod.15 Word Status
Sod.16 /

NOTA Per la word protezioni e per la word stato trasmessa attraverso la seriale vedere la nota applicativa relativa
alla comunicazione Profibus.

7.8.17 Serial IN (Profibus)

Le funzioni logiche Sid.xx sono parametri Sid.01 Command


che possono assumere solo i valori 0 o 1 Sid.02 Riferimento velocità (N0) / frequenza
(1=ON, 0=OFF): determinano se la variabile Sid.03 Termine in somma rif. velocità / frequenza
associata entra nella composizione del Sid.04 Limite di coppia superiore
messaggio di ingresso delle variabili di Sid.05 Limite di coppia inferiore
processo della seriale Profibus. Sid.06 Riferimento di coppia (Tq0)
Sid.07 Termine in somma rif. coppia
Sid.08 Proporzionale PID
Sid.09 Integrale PID
Sid.10 Derivativo PID
Sid.11 /
Sid.12 /
Sid.13 /
Sid.14 /
Sid.15 /
Sid.16 /

NOTA Per la word command trasmessa attraverso la seriale vedere la nota applicativa relativa alla comunicazione
Profibus.

IMGT10002IT - September ’06 89


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.18 Configurazione diagnostica

Viene data la configurazione delle variabili diagnostiche Aux1, Aux2 (word) e Auxb0, Auxb1 (bit). I bit diagnostici Auxb0 e Auxb1 sono contenuti
nella word STATUS (in fase di implementazione).
PARAMETRO diA.01: Funzione Campo Default
selettore assegnazione Aux1. Determina il significato della word Aux1 (visibile in Mon.13). 1 ÷ 16 3
1 Analogica 1 normalizzata (14-15) ±1024 bit
2 Analogica 2 normalizzata (16-17) ±1024 bit
3 Set point Pid (unità ingegneristiche) ±1024 bit
4 Reazione PID ±1024 bit
5 Errore velocità (FOC) ±25% Mot.03/poli
6 Idm/I_reattiva /
7 Iqm/I_attiva /
8 Riferimento coppia Tq0 (FOC) ±250%
9 Reazione coppia Tq ±250%
10 Misura potenza P ±250%
11 Tensione motore VRMS (V/F) Mot.05
12 Riferimento secondo encoder (opzione GEDEA) ±6000 RPM
13 Allarme (TRIP) /
14 Conteggio impulsi encoder -parte bassa /
15 / /
16 Gradi albero 359°
PARAMETRO diA.02: Funzione Campo Default
selettore assegnazione Aux2. Determina il significato della word Aux2 (visibile in Mon.14). 1 ÷ 16 4
1 Analogica 1 normalizzata (14-15) ±1024 bit
2 Analogica 2 normalizzata (16-17) ±1024 bit
3 Set Pid ±1024 bit
4 Reazione PID (unità ingegneristiche) ±1024 bit
5 Errore velocità (FOC) ±25% Mot.03/poli
6 Idm/I_reattiva /
7 Iqm/I_attiva /
8 Riferimento coppia Tq0 (FOC) ±250%
9 Reazione coppia Tq ±250%
10 Misura potenza P ±250%
11 Tensione motore VRMS (V/F) Mot.05
12 (Riferimento secondo encoder) ±6000 RPM
13 Allarme (LAST TRIP) /
14 Conteggio impulsi encoder -parte alta /
15 / /
16 Gradi albero 359°
PARAMETRO diA.03: Funzione Campo Default
selettore assegnazione Auxb0. determina il significato del bit Auxb0 (in sviluppo). 1 ÷ 16 1

PARAMETRO diA.04: Funzione Campo Default


selettore assegnazione Auxb1. determina il significato del bit Auxb1 (in sviluppo) 1 ÷ 16 1

PARAMETRO diA.05: Funzione Campo Default


indirizzo per Aux1 stabilisce l'indirizzo della variabile posta in Aux1 se diA.01=15 (in sviluppo)

PARAMETRO diA.06: Funzione Campo Default


indirizzo per Aux2 stabilisce l'indirizzo della variabile posta in Aux2 se diA.02 = 15 (in
sviluppo)

90 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.19 Abilitazione funzioni ausiliarie

Le funzioni logiche FLo.xx sono parametri che possono assumere solo i valori 0 o 1: esse abilitano assumendo il valore 1 le funzioni
corrispondenti.
PARAMETRO FLo.01 Funzione Campo Default
Funzione motopotenziometro inserisce la funzione motopotenziometro (vedi cap. 7.8.20). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.02 Funzione Campo Default
funzione restart con speed- inserisce la funzione restart con speed-search (vedi cap. 7.8.21). 0-1 0
search (1= abilitata)
PARAMETRO FLo.03 Funzione Campo Default
funzione auto reset inserisce la funzione auto reset (vedi cap. 7.8.22). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.04 Funzione Campo Default
funzione inseguimento da inserisce la funzione inseguimento da encoder (solo applicazioni speciali). 0-1 0
encoder (1= abilitata)
PARAMETRO FLo.05 Funzione Campo Default
funzione recupero cinetico inserisce la funzione recupero cinetico (vedi cap. 7.8.23). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.06 Funzione Campo Default
funzione PID inserisce la funzione PID (vedi cap. 7.8.24). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.08 Funzione
funzione “pausa motore” inserisce la funzione “pausa motore” (vedi cap.7.8.30). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.09 Funzione Campo Default
funzione “avvitatore” inserisce la funzione “avvitatore” (vedi cap.7.8.26). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.10 Funzione Campo Default
funzione “pompe ausiliarie” inserisce la funzione “pompe ausiliarie” (vedi cap.7.8.30). 0-1 0
(1= abilitata)
PARAMETRO FLo.16 Funzione Campo Default
funzione regolazione “Profilo di inserisce la funzione “Profilo di velocità”: a otto riferimenti di velocità 0-1 0
velocità”. selezionabili sono associate univocamente una rampa di accelerazione una (1= abilitata)
di decelerazione rendendo inutile l’uso di morsetti per selezionare rampe
diverse (vedi cap. 7.8.28)

IMGT10002IT - September ’06 91


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.20 Motopotenziometro: Fn1.xx

Nel caso si volesse utilizzare tale funzione agire come segue:


• Abilitare la funzione con FLo.01 = 1.
• Selezionare il motopotenziometro come sorgente di riferimento di velocità / frequenza con rEF.05 = 08 (Appendice C Fig. C-5).
• Assegnare a due dei 3 ingressi digitali (COM1, COM2, COM3) la funzione di aumenta (UP) - diminuisce (DOWN).

Volendo, ad esempio, usare COM1 e COM2 selezionare:

din.03 = 6 UP
7 (COM1)
din.04 = 7 DW
8 (COM2) GT1000

11 (+24Vcc)

Figura 7.15

Stabilire con: Fn1.01 Il tempo di rampa del motopotenziometro (la rampa interna è sempre attiva)
Fn1.02 Il fondo scala del riferimento con motopotenziometro
Fn1.03 L’inizio scala del riferimento con motopotenziometro
Fn1.08 Se usare i comandi del tastierino per le funzioni UP e DOWN
Fn1.09 Se si vuole memorizzare o meno l’ultimo valore settato alla disalimentazione del GT1000
Fn1.10 Se si vuole memorizzare o meno l’ultimo valore settato all’apertura dei comandi.

PARAMETRO Fn1.01 Funzione Campo Default


tempo di rampa del stabilisce l'incremento di frequenza su comandi UP-DOWN. 1 ÷6 1
motopotenziometro (1=8sec, 2=16sec,
3=24sec, 4=32sec,
5=40sec, 6=48sec)
PARAMETRO Fn1.02 Funzione Campo Default
RPM/Hz con determina il fondo scala del riferimento di velocità da -6000÷+6000RPM / +1500RPM motore 4
motopotenziometro motopotenziometro. 0.1÷+480.0Hz. poli-50Hz
= 100%. / 50Hz
PARAMETRO Fn1.03 Funzione Campo Default
RPM/Hz con determina l’inizio scala del riferimento di velocità da -6000÷+6000RPM / -1500RPM
motopotenziometro motopotenziometro. 0.1÷+480.0Hz. (motore 4 poli-50Hz
= 0%. / 0,6Hz
PARAMETRO Fn1.04 Funzione Campo Default
Posizione indica la posizione del motopotenziometro 0,0 ÷ 100,0% 0,0%
motopotenziometro
PARAMETRO Fn1.05 Funzione Campo Default
Abilitazione perdita 4- Permette di abilitare la funzione inseguimento motopotenziometro 0-1 0
20mA in caso di perdita del riferimento 4-20mA.
PARAMETRO Fn1.08 Funzione Campo Default
Scelta provenienza Fn1.08 = 0 UP/DOWN da morsetti 0-1 0
comandi UP/DW Fn1.08 = 1 UP/DOWN da tastierino o morsettiera (in OR)
PARAMETRO Fn1.09 Funzione Campo Default
Memorizzazione Fn1.09 = 0 Il riferimento del motopotenziometro rimane 0-1 0
riferimento memorizzato quando il GT1000 viene disalimentato.
motopotenziometro Fn1.09 = 1 Il riferimento da motopotenziometro riparte da zero ad
ogni accensione dell’inverter.
PARAMETRO Fn1.10 Funzione Campo Default
Reset Fn1.10 = 0 Il motopotenziometro rimane memorizzato allo stop del 0-1 0
motopotenziometro motore.
Fn1.10 = 1 Il motopotenziometro é azzerato quando viene dato lo
stop (STOP o apertura del morsetto DREN, o per intervento di una
protezione).
NOTA Se si imposta Fn1.10 ad 1 mettere l’inizio scala del riferimento (Parametro Fn1.03) ad un valore maggiore della finestra
di stop dell’inverter (Parametro Vvf.17)

NOTA Volendo memorizzare, quando si toglie tensione, l’ultimo valore impostato occorre settare a zero sia Fn1.09 che Fn1.10.

92 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

La figura seguente riporta una sequenza di comandi con il motopotenziometro.

Abilitazione

ON OF

Marcia

Comando UP

Comando DW

Frequenza
di uscita

t [s]
Figura 7.16

IMGT10002IT - September ’06 93


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.21 Ripresa al volo: Fn2.xx (V/F)

Se si abilita l’inverter con il motore in rotazione la discordanza tra la frequenza generata dall'inverter e la frequenza equivalente ai giri di
rotazione del motore induce elevate correnti nelle fasi di uscita con il conseguente intervento della protezione di sovracorrente ("--OC") ed il
blocco dell'inverter.
Attivando la funzione di restart è possibile riprendere a comandare il motore in rotazione libera (per inerzia).
Al comando di Start, con la funzione attivata (FLo.02 = 1), il GT1000 comincia a modulare partendo dalla frequenza più alta (compatibile con i
limiti Mot.19 o Mot.20), riducendola poi fino alla frequenza equivalente del motore in rotazione e quindi riprende a modulare seguendo la
rampa programmata.
Nella fase di ricerca, la frequenza di uscita viene erogata a tensione ridotta, per evitare correnti elevate che farebbero intervenire la protezione
di sovracorrente ("--OC"). A ricerca completata, la tensione riprende il valore relativo alla caratteristica V/F del punto di lavoro. E'
indispensabile, per il funzionamento del restart, che il motore stia ruotando ad una velocità inferiore alla massima impostata sull'inverter.
Tipicamente questa funzione è necessaria in caso di "buco di rete" e macchine con inerzia elevata.
In tale situazione si verifica quanto segue: il motore gira alla velocità impostata, si presenta un “buco di rete”, l'inverter va in allarme "--UU" e
blocca i comandi di uscita, il motore decelera liberamente, la rete ritorna, l'inverter si resetta e riprende a comandare il motore secondo le
modalità sopra descritte.
Se al comando di Start il motore è fermo, l'inverter attua ugualmente la ricerca, scendendo fino a zero (Fmin), ripartendo poi con la rampa
impostata.
Nella fase di ricerca sul display viene visualizzata la scritta intermittente " Src".

PARAMETRO Fn2.01 Funzione Campo Default


rampa di ricerca. E’ la pendenza di ricerca della frequenza per l’aggancio 2÷20 4
NOTA Nel caso di sistemi con elevata inerzia, alti valori di questo Parametro possono provocare forti picchi di corrente e/o sovratensioni
sul BUS-DC durante la fase di aggancio del motore. La corrispondenza tra il valore impostato ed il tempo in cui viene completata la
ricerca fino a zero è espressa dalla relazione seguente:
Mot.19 (Hz)
t(s) =
3 ⋅ Fn2.01
PARAMETRO Fn2.02 Funzione Campo Default
Tempo restituzione Stabilisce la velocità con cui la tensione sul motore viene riportata al corretto valore, 1-30 1
tensione una volta che questo è stato agganciato (vedere fig.7.17)
PARAMETRO Fn2.03 Funzione Campo Default
attesa riconoscimento E’ il tempo di attesa di conferma dell’aggancio avvenuto. 10÷100ms 40ms
corrente zero.
NOTA un tempo molto corto può dar luogo a “falsi agganci”, cioè ricerche che si completano ad una frequenza ancora sensibilmente
superiore a quella di rotazione del motore. Per contro un tempo lungo può rendere difficile o comunque più lunga la ricerca.
PARAMETRO Fn2.04 Funzione Campo Default
riduzione di tensione in E’ la tensione ridotta associata alla frequenza nella fase di ricerca. 10÷70% 20%
ricerca.
NOTA come per il Parametro Fn2.01 è meglio utilizzare un basso valore nel caso di sistemi con inerzia elevata, onde evitare transistori ad
elevata corrente. Per contro un valore molto basso nel caso di inerzia piccola può rendere difficile la ricerca.
PARAMETRO Fn2.05 Funzione Campo Default
attesa smagnetizzazione Tempo di attesa prima di avviare la funzione di ricerca automatica 0,0÷2,0s 1,0s
PARAMETRO Fn2.06 Funzione Campo Default
Soglia corrente attiva Soglia corrente attiva per conferma aggancio (250=5%) 180÷2000 250
NOTA E’ la soglia all’interno della quale deve rimanere la corrente attiva per il tempo di conferma aggancio (Fn2.03). Il valore di default
(250) corrisponde al 5% della corrente nominale del motore. Un valore troppo basso del parametro può rendere difficile o
comunque più lunga la ricerca.
PARAMETRO Fn2.09 Funzione Campo Default
selezione procedura di Se è previsto l’encoder, con la funzione ripresa al volo inserita, il Parametro permette 0-1 0
speed search. di selezionare la procedura di riaggancio del motore.
Se è presente l’encoder e Fn2.09=1 non c’é la fase di search, ma l’aggancio è
istantaneo (anche se il motore ruota in senso inverso).
Con software dedicato (reazione di velocità) questo parametro attiva/disattiva la
funzione di reazione.
NOTA con il parametro ad 1 è fondamentale inserire il numero esatto dei poli motore (Parametro Mot.21).

94 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

START

Velocità motore

fMAX fRIF
Frequenza di
Fn2.01

Tensione di uscita

Fn2.04
Fn2.02

Corrente attiva
5%

Fn2.05 Fn2.03 t [s]


Fn2.06

Figura 7.17

7.8.22 Auto reset: Fn3.xx

La funzione prevede il reset automatico, da parte del microcontrollore, delle protezioni hardware. Il GT1000 viene fornito
3 con la funzione disabilitata, quindi tale reset può avvenire solo con comando da morsettiera: comando esterno
(morsetto COM3 programmato di default a 16).
Il microprocessore ha una predisposizione hardware per effettuare il reset delle protezioni hardware (jumper JP1 chiuso). Normalmente solo
spegnendo e riaccendendo l’inverter si può resettare il drive. Usare questo metodo se l’autoreset può essere pericoloso per persone e cose.
Per default la funzione è disattivata, si abilita a livello software, settando ad 1 il parametro FLo.03 (non occorre spegnere e riaccendere). La funzione
opera nel seguente modo:
Dopo un tempo, fissato con Fn3.05, dall’intervento di una protezione l’inverter compie un primo tentativo di autoreset. Se questo va a buon fine e non
vi sono altre protezioni, entro 10 minuti, viene "dimenticato" il tentativo n° 1 e tutto ritorna come se nulla fosse avvenuto. L'allarme rimosso viene
memorizzato in Mon.18.
Se dopo aver resettato (o tentato) la prima volta, l'inverter ritorna in protezione, dopo altri Fn3.05 secondi viene eseguito un secondo reset; se ritorna
in protezione per la terza volta, trascorsi altri Fn3.05 secondi si resetta nuovamente (terzo tentativo). A questo punto vi sono due possibilità:
1) nell'intervallo di tempo di 10 minuti dall’intervento della prima protezione non si sono verificate altre protezioni e l’inverter è ritornato al
funzionamento normale con uno o due o tre tentativi di reset.
Trascorsi i 10 minuti l’inverter azzera il timer predisponendosi per un eventuale altro ciclo di tre tentativi.
2) non sono ancora passati 10 minuti dall’intervento della prima protezione, sono stati utilizzati i tre tentativi di autoreset e vi è una quarta protezione.
L'inverter non opera più nessuna azione di autoreset, è necessario un reset esterno (morsetto XX) o uno spegnimento e riaccensione. In entrambi i
casi l'inverter azzera il timer e si predispone per un nuovo ciclo.
Un reset al morsetto programmato o uno spegnimento riporta sempre al punto di partenza la procedura anche se è stato eseguito solo uno o due
tentativi.
PARAMETRO Fn3.05 Funzione Campo Default
pausa reset allarmi Tempo di attesa tra un tentativo di reset ed il successivo. 1 ÷ 30 s 1s
automatico
PARAMETRO Fn3.09 Funzione Campo Default
autoreset allarme Se Fn3.09=0 i 3 tentativi di autoreset vengono eseguiti per qualunque tipo di allarme 0÷1 0
mancanza temporanea intervenuto. Se Fn3.09=1 l’autoreset agisce solo sull’allarme “--UU” che si manifesta
rete “--UU” normalmente in presenza di un “buco” della tensione di rete.

IMGT10002IT - September ’06 95


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.23 Riferimento in frequenza (FOC): Fn4.xx


La funzione è attivabile solo se il controllo dell’inverter monta la scheda opzionale per la lettura del II° encoder (scheda “GEDEA”).
La scheda “II° encoder” viene montata all’interno dell’inverter e permette oltre alla lettura dell’encoder di retroazione (controllo FOC), anche quella di
un secondo encoder, da utilizzare come riferimento di velocità. Per i dettagli di montaggio fare riferimento al capitolo 6.3.
Per abilitare la lettura del II° encoder è necessario essere in controllo vettoriale (drv.07=2) ed impostare ad 1 il parametro FLo.04 (non occorre
spegnere e riaccendere l’inverter).

Il risultato delle elaborazioni descritte, chiamato riferimento da encoder, va poi selezionato ponendo a 7 il parametro rEF.05 o il parametro rEF.06
come si può ricavare dallo schema a blocchi F5 dell’appendice C del manuale, o dalla descrizione dei parametri rEF citati.
PARAMETRO Fn4.01 Funzione Campo Default
Filtro digitale sui giri letti filtra i dati letti in modo da eliminare o attenuare eventuali disturbi. Il 1=10ms, 4
dato impostato definisce la costante di tempo del filtro. 2=25ms,
3=50ms,
4=100ms,
5=200ms
PARAMETRO Fn4.02 Funzione Campo Default
Guadagno moltiplica il dato letto in modo da riportarlo al valore nominale -300.00 ÷ +300.00 % 0
NOTA Permette di recuperare il valore nominale qualora il numero di impulsi per giro dell’encoder pilota sia diverso da 1024 o qualora vi sia
un rapporto di riduzione diverso da 1. Il campo negativo permette di cambiare il segno al dato letto senza intervenire sui collegamenti
o sugli ingressi digitali
PARAMETRO Fn4.03 Funzione Campo Default
Offset aggiunge al dato letto i giri impostati mantenendo il segno del dato 0-100 RPM (senza segno) 0
NOTA Permette di aggiungere una quantità fissa al dato letto. Se il dato letto è negativo, il parametro si somma con lo stesso segno. Se il
dato letto è ≥0 la somma è una normale addizione
PARAMETRO Fn4.04 Funzione Campo Default
Correzione scorrimento stabilisce la variazione % da attuare sul dato dopo gain e offset. 0 ÷ 100.0 % 0
NOTA Permette di variare il riferimento in frequenza in modo pesato attraverso un ingresso analogico della scheda di controllo (GSCMA). Si
può usare l’analogica 1 (morsetti 14-15) o la 2 (mors. 16-17).
Per attivare la funzione va posto al valore 8 il parametro Ain.13 o Ain.14 rispettivamente.
(Vanal) Tensione di ingresso = 5Vdc: nessuna variazione del riferimento.
(Vanal) Tensione di ingresso = 0 - 10Vdc: variazione del riferimento in base alla seguente formula:
Vanal− 5 V Fn 4.04
%= ⋅
5V 100
Nota:.essendo il valore massimo di Fn4.04 = 100, nel caso di massima diminuzione si puo’ portare il riferimento fino a zero, ma non si
puo’ provocarne il cambio di segno.
PARAMETRO Fn4.05 Funzione Campo Default
Termine aggiuntivo può essere aggiunto o tolto al riferimento mantenendone 0-500 RPM 0
comunque il segno.
NOTA Possono essere effettuate delle variazioni temporanee (correzioni) sul riferimento aggiungendo o togliendo i giri impostati su Fn4.05.
Attivando l’ingresso I1 si aumenta il riferimento, attivando l’ingresso I2 lo si diminuisce.
Il controllo considera il segno del riferimento prima di questa aggiunta e somma o sottrae il dato in modo che I1 provochi un vero
aumento del valore di frequenza e I2 una vera diminuzione. Se si effettua una diminuzione su un dato di valore piccolo e si va sotto lo
zero il software provvede a clampare a zero il risultato impedendo l’inversione.
I 3 ingressi I1, I2, I3 che permettono il recupero ansa e l'inversione del segno del riferimento proveniente dalla scheda, sono abbinati agli ingressi
digitali dell'inverter (morsetti 7, 8, 9) preventivamente configurati. Le configurazioni sono le seguenti.
Ingresso I1: din.xx= 17 Ingresso I2: din.xx= 18 Ingresso I3: din.xx= 19
E' possibile leggere i giri acquisiti dalla scheda II° encoder (a monte dei vari guadagni, offset, ecc..) impostando i parametri diA.01 o diA.02 a 12 e
visualizzando quindi Mon.13 o Mon.14 rispettivamente.

96 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.24 Recupero cinetico (V/F): Fn5.xx

La funzione in oggetto prevede che a seguito di interruzioni sulla rete di alimentazione non venga perso il controllo del motore, ma venga attuato
automaticamente un arresto in rampa fino alla fermata del motore stesso.
Per conservare il controllo anche in assenza della rete di alimentazione, è necessario mantenere la tensione sul bus DC ad un valore accettabile e
superiore alla soglia di sottotensione (--UU) dell’inverter. Essendo molto elevata l’energia cinetica della macchina in rotazione (in questo senso si
parla di Recupero Cinetico), si può mantenere alta la tensione sul bus recuperando energia dal carico attraverso una decelerazione controllata del
motore. La mancanza di tensione di rete può essere breve o lunga. In entrambi i casi la decelerazione, una volta iniziata, viene completata fino allo
stop (normative di sicurezza). Questo funzione non prevede ripresa della rampa di accelerazione se durante l’arresto la rete ritorna.
Alla fine della procedura di arresto l’inverter si spegne se la rete effettivamente non è più presente oppure, se il buco è stato breve e la rete è
ritornata, va in protezione visualizzando sul display il messaggio “I-PF” (Instantaneous Power Failure).
Questa protezione può essere resettata normalmente agendo sul morsetto configurato come reset allarmi.
Durante la fase di arresto in mancanza rete, la soglia di intervento della protezione di sottotensione “—UU” viene automaticamente abbassata dal
software, indipendentemente dai parametri drv.05 e drv.08, in modo che il controllo del motore possa essere mantenuto il più a lungo possibile.
La funzione si attiva impostando il parametro FLo.05=1.

PARAMETRO Fn5.01 Funzione Campo Default


Gradino frequenza Una volta rilevata la mancanza rete inizia la procedura di arresto e viene 0.0-20.0Hz 0.5Hz
subito effettuato un (unico) calo di frequenza a gradino di valore pari a
Fn5.01
NOTA un valore troppo alto, specie di fronte ad inerzie decisamente elevate, può indurre un intervento della protezione “—OC”. Il
valore può essere scelto osservando l’andamento della tensione sul bus DC alla mancanza rete.
PARAMETRO Fn5.02 Funzione Campo Default
Tensione riferimento BUS-DC Imposta il riferimento della tensione sul BUS durante la rampa di arresto 500-850Vdc 690Vdc

PARAMETRO Fn5.03 Funzione Campo Default


Tensione frenatura Tensione di frenatura durante la rampa di arresto 680-800Vdc 680Vdc
PARAMETRO Fn5.05 Funzione Campo Default
Rampa guida La funzione provvede a seguire la rampa di arresto impostata nel 1.2-800.0s 2.0s
parametro Fn5.05 corretta poi dal termine generato dal regolatore PI che
mantiene la tensione sul BUS al valore Fn5.02.
NOTA Nota: è importante tarare correttamente la rampa guida poiché permette al regolatore PI di lavorare solo per piccole correzioni
della pendenza in funzione della tensione sul BUS.
PARAMETRO Fn5.07 Funzione Campo Default
Lunghezza buffer Lunghezza del buffer per il calcolo della tensione di rete 1-50 30
NOTA può essere utile aumentare il buffer a 40 o 50, non è molto vantaggioso ridurlo
PARAMETRO Fn5.08 Funzione Campo Default
Sensibilità sensore in Volt Variazione minima della tensione di rete per attivare la funzione di recupero 5-55Vdc 18Vdc

NOTA può essere necessario abbassare il valore a 15 o 20. Il valore troppo basso rende troppo sensibile il sensore e si possono avere
arresti improvvisi anche senza buchi di rete. Valori molto alti rendono il sensore indifferente ai buchi ed escludono la funzione.
PARAMETRO Fn5.09 Funzione Campo Default
Insensibilità in numero di cicli / 1-50 3
a 2ms
NOTA non va messo molto alto perché interverrebbe l’allarme “—UU” prima di rilevare il buco. Non è facile nemmeno riuscire a tenerlo ad
1 senza che continui a rilevare buchi non reali. I valori buoni sono da 2 a 5. Può essere utile usare 4 o 5 se la lettura della tensione
sul bus fosse un po’ disturbata

I parametri per la taratura del sensore software (Fn5.07, 08, 09) sono attivi solo sulle taglie dall’S1GT003 fino
NOTA all’S1GT028. Per le taglie superiori non hanno effetto, essendo attivo un sensore di rete hardware.

PARAMETRO Fn5.10 Funzione Campo Default


Guadagno proporzionale Guadagno proporzionale del regolatore della tensione del bus DC 0-8000 100
PARAMETRO Fn5.11 Funzione Campo Default
Guadagno integrale inizio Guadagno integrale del regolatore della tensione del bus DC ad inizio 0-650 4
rampa della fermata
PARAMETRO Fn5.12 Funzione Campo Default
Guadagno integrale fine Guadagno integrale del regolatore della tensione del bus DC alla fine 0-650 40
rampa della fermata

IMGT10002IT - September ’06 97


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Sensore rete software (taglie <S1GT029)


Quando un inverter sta comandando un carico e viene a mancare la rete di alimentazione, si verifica la rapida scarica dei condensatori di filtro. La
conseguenza naturale è l’intervento della protezione di sottotensione del bus DC (--UU). Il tempo per cui rimane comandato il motore dipende da
diversi fattori:
- valore della soglia di scatto della protezione di sottotensione (--UU)
- valore della tensione a cui si trovava il bus DC prima del buco di rete
- valore della capacità di filtro presente sul bus stesso
- valore della corrente che viene attinta dal bus stesso

Tale tempo può essere quantificato in alcuni millisecondi, ed è approssimativamente indipendente dalla taglia dell’inverter poiché il rapporto tra la
corrente nominale e la capacità dei condensatori è in genere sempre lo stesso. Entro questo tempo è necessario:
- riconoscere la mancanza rete
- porre in atto la decelerazione per recuperare energia dal carico

E’ importante ricordare che un abbassamento della tensione continua può essere comunque causato da diversi eventi:
- una ondulazione della tensione di rete
- una presa di carico improvvisa
- la fine di una decelerazione

La funzione di recupero cinetico, attraverso il “sensore software” che va opportunamente tarato (parametri Fn5.07, Fn5.08 e Fn5.09), deve
discriminare i buchi di rete da normali oscillazioni della tensione continua.

Gestione della rampa di arresto.


Una volta rilevata la mancanza rete inizia la procedura di arresto e viene subito effettuato un (unico) calo di frequenza a gradino di valore pari a
Fn5.01. Un valore troppo alto, specie di fronte ad inerzie decisamente elevate, può indurre un intervento della protezione “—OC”. Il valore va
scelto osservando l’andamento della tensione sul bus DC. Questo gradino dovrebbe risollevare velocemente la tensione sul bus DC.
Fatto questo il software provvede a seguire una rampa di arresto impostata nel parametro Fn5.05 che viene corretta dal termine generato da
un regolatore PI che regola la tensione sul BUS. Dunque la pendenza della rampa viene corretta in modo da mantenere la Vdc ad un valore
prossimo a quello che si sceglie e si imposta su Fn5.02 (in volt dc). E’ importante tarare correttamente la rampa guida poiché permette al
regolatore PI di lavorare solo per piccole correzioni della pendenza in funzione della tensione sul BUS. E’ utile tenere la tensione ad un valore
alto, poiché alla fine della decelerazione il recupero di energia diventa sempre meno consistente e solo quella accumulata sul bus mantiene
attivo l’inverter. Se si desidera un arresto a tempo determinato si deve utilizzare lo switch di frenatura, quindi si deve porre il set di tensione
Fn5.02 ad un valore superiore alla soglia di frenatura che, durante la fase di recupero cinetico, risulta indipendente da drv.05 e direttamente
impostabile attraverso Fn5.03.

Taratura del regolatore.


I valori dei guadagni del regolatore PI vanno scelti verificando l’andamento della rampa di arresto e della tensione Vdc preferibilmente con
l’oscilloscopio. Sono disponibili per la messa a punto della rampa 3 parametri:

Fn5.10 = guadagno proporzionale valore indicativo: 100


Fn5.11 = guadagno integrale inizio discesa valore indicativo: 4
Fn5.12 = guadagno integrale fine discesa valore indicativo: 40

È bene settare rLo.14 = 1 in modo da escludere la funzione di “limitazione della rampa di frenatura” e lasciare che la rampa stessa sia liberamente
governata dal regolatore PI. Questo permette tempi di arresto più brevi se si utilizza la resistenza di frenatura.
Se si volesse viceversa ottenere l’arresto controllato senza essere dotati della frenatura, si dovrà mantenere attiva la limitazione e quindi lasciare
rLo.14 = 0. In tal caso i tempi di arresto saranno inevitabilmente più lunghi.
Per la messa a punto si consiglia l’uso dell’oscilloscopio e dell’uscita analogica.

98 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.25 Funzione PID: Fn6.xx


Il regolatore P.I.D. permette di variare il riferimento di frequenza dell’inverter (e quindi i giri del motore) allo scopo di regolare una certa
grandezza impiantistica (a bassa dinamica) che può essere esterna (temperatura, pressione, portata,...) o interna all’inverter (corrente
motore).

Modalità d’impiego
L’abilitazione del P.I.D. avviene con il logico FLo.06 posto ad 1 (non serve resettare l’inverter) e la chiusura di uno degli ingressi digitali,
preventivamente configurato per tale funzione (din.03÷din.05 uguale ad 11).
Alla chiusura dell’ingresso stabilito si avrà l’azzeramento delle variabili del PID e l’inizio della regolazione.
L’uscita del PID si somma, con segno, al riferimento di frequenza ponendo rEF.15=4 e rEF.16=100 (vedere schema a blocchi F5 del presente
manuale).
Con rEF.16 si determina la scala della frequenza d’uscita del regolatore. Ponendo rEF.16≠100 otteniamo ±50Hz quando l’uscita del P.I.D.
assume il ±100%, mentre arriveremo a ±128Hz quando l’uscita arriva al suo massimo (256%).
Con i parametri Fn6.14 e Fn6.15 abilitati (posti ad 1), si può limitare a zero rispettivamente l’uscita positiva e negativa del regolatore (ad
esempio se si desidera che il P.I.D. comporti solo un aumento sul riferimento impostato e non una diminuzione basta porre Fn6.15=1).
Attraverso il Parametro Fn6.01 si seleziona il set point, mentre con Fn6.02 si determina la provenienza del segnale di reazione.
Sia il riferimento che la reazione possono provenire da uno dei due ingressi analogici (0÷±10V, 0÷+10V rispettivamente). In un caso (scelta 2-
3) la grandezza viene convertita con segno (10bit di risoluzione).
I due ingressi possono essere configurati in corrente 4÷20mA settando Ain.15 o Ain.16 al valore 3.
Il parametro Fn6.10 è un riferimento digitale di valore impostabile tra 0 e 200%. Con Fn6.10 = 100.0% e con la reazione proveniente da una
delle 2 analogiche, l’annullamento dell’errore avviene con circa +5 volt all’ingresso.
Si può comunque tramite Fn6.08 variare il guadagno del segnale di reazione.
E’ possibile controllare la corrente sul motore ponendo Fn6.02=6: se si utilizza il set point interno Fn6.10 tarato al 100%, in uscita all’inverter si
cercherà di mantenere costante la corrente nominale INP del GT1000.
Tramite Fn6.03 si può limitare in modulo l’errore massimo applicabile, mentre con Fn6.12 posto ad 1 si inverte il segno dello stesso.
Il tempo di aggiornamento del regolatore è calcolato automaticamente in base alla costante di tempo integrale (Fn6.06) e a quella derivativa
(Fn6.07) fermo restando un tempo minimo di 8ms. Il tempo così stabilito può essere diviso per 2 per 4 per 8 o per 16 alzando il valore del
Parametro Fn6.04 (0, 1, 2, 3, 4).
E’ possibile far scattare un’uscita digitale (R5) (configurata con dot.01÷dot.03 uguale a 5) quando l’uscita del regolatore supera la soglia
impostata tramite il parametro Fn6.09.
Il Parametro Fn6.18 permette di limitare il termine integrale in percentuale dell’uscita complessiva del regolatore, evitando fenomeni di
saturazione.
Lo schema a blocchi del regolatore riporta i campi di variazione delle variabili interne di maggior interesse.

PARAMETRO Fn6.01 Funzione Campo Default


scelta riferimento seleziona il riferimento del regolatore PID 1-5 1
(set point) PID.
1 Riferimento interno: 0.1 -200.0% (Fn6.10) (*) Vedi
2 Prima analogica (*) schema a
blocchi
3 Seconda analogica (*)
4-5 /
PARAMETRO Fn6.02 Funzione Campo Default
scelta reazione PID seleziona la reazione (o grandezza regolata) del PID 1-6 6
1 0
2 Prima analogica (*) (*) Vedi
3 Seconda analogica (*) schema a
blocchi
4-5 /
6 Corrente di uscita media
PARAMETRO Fn6.03 Funzione Campo Default
massimo errore PID determina in modulo il massimo errore agente sul regolatore PID 0.1 ÷ 100.0 100.0

PARAMETRO Fn6.04 Funzione Campo Default


tempo aggiornamento PID Con 0 il tempo di aggiornamento é calcolato automaticamente in 0÷4 0
funzione dei tempi in Fn6.06 e Fn6.07. Con il Parametro posto ad 1, 2, 3,
4 si aggiorna l’uscita del regolatore con un tempo di 1/2, 1/4, 1/8 o 1/16
rispettivamente di quello calcolato (min.=8ms).
PARAMETRO Fn6.05 Funzione Campo Default
guadagno proporzionale stabilisce il guadagno proporzionale della funzione PID. 0.00 ÷ 250.00 2.00 %
(KP). Con un errore dell’ 1% e un guadagno del 100.00% l’uscita PID vale %
100% (12800 ≡ 100%). Con rEF.16=100 la corrispondenza uscita PID
(100%) - frequenza é: 100% uscita PID → 50.0Hz.

IMGT10002IT - September ’06 99


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

PARAMETRO Fn6.06 Funzione Campo Default


costante di tempo integrale determina il tempo in cui l’errore è riportato in uscita con guadagno 0.0 - 599.9s, 6.0s
(TI). proporzionale = 1.00. 600.0s
Il guadagno integrale é I = ∝ KP / Fn6.06, quindi inversamente
proporzionale a Fn6.06 !!!
NOTA Impostando 600.0s la funzione integrale é soppressa.
PARAMETRO Fn6.07 Funzione Campo Default
costante di tempo derivativo determina il coefficiente di derivazione 0.0s ÷ 300.0s 0.0s
(TD). Il guadagno derivativo é D = ∝ KP * Fn6.07, quindi direttamente
proporzionale a Fn6.07.
NOTA Impostando 0.00 la funzione derivativa é soppressa
PARAMETRO Fn6.08 Funzione Campo Default
H reazione. può essere utilizzato per aggiustare il valore della grandezza regolata a 50.0 ÷ 250.0 100.0 =
parità di riferimento (per le analogiche possono essere utilizzati i rispettivi nessuna
guadagni di taratura). variazione
PARAMETRO Fn6.09 Funzione Campo Default
Soglia intervento PID se l’uscita del PID supera questa soglia viene settato il bit interno R5. -250% ÷ 250% 0.0
PARAMETRO Fn6.10 Funzione Campo Default
riferimento PID interno. E’ il riferimento digitale interno del regolatore. 0 ÷ 200% 0.0
PARAMETRO Fn6.11 Funzione Campo Default
grandezza regolata (V o F). determina la grandezza regolante: V tensione, F frequenza 0 = freq. / giri, 1 0
= tensione
NOTA Non disponibile la scelta tensione.
PARAMETRO Fn6.12 Funzione Campo Default
inversione errore PID determina l’inversione dell’errore del PID 0= non inverte 0
1=inverte.
PARAMETRO Fn6.13 Funzione Campo Default
regolazione su f o df determina se l’uscita PID regola prima o dopo la rampa 0= f(prima), 1= 0
df(dopo)
NOTA Non disponibile la scelta dopo la rampa.
PARAMETRO Fn6.14 Funzione Campo Default
soppressione uscita positiva sopprime l’uscita positiva del PID (si ha solo sottrazione di frequenza). 1= soppressa. 0
PID
PARAMETRO Fn6.15 Funzione Campo Default
soppressione uscita negativa sopprime l’uscita negativa del PID ( si ha solo somma di frequenza). 1= soppressa. 0
PID
PARAMETRO Fn6.16 Funzione Campo Default
Fondo Scala lettura Serve a impostare il fondo scala per la lettura del riferimento e della 1÷6000 1000
ingegneristica reazione in unità ingegneristiche
PARAMETRO Fn6.17 Funzione Campo Default
Abilitazione regolazione Abilita la regolazione START/STOP: il drive si ferma se la grandezza 0-1 0
START/STOP regolata è superiore al set point della percentuale impostata in PMP.03
e si riavvia se è inferiore a PMP.01.
PARAMETRO Fn6.18 Funzione Campo Default
limitazione termine integrale. Limita il massimo valore del termine integrale 5÷128% 60%

NOTA Con il parametro al valore di default l’azione integrale viene limitata al 60% dell’uscita del P.I.D. (7680).
Dunque se rEF.16=100.0% il massimo del contributo integrale vale ±30Hz.

100 IMGT10002IT - September ’06


Fn6.01

16383
1
GT1000

Fn6.10 2048
2000 F_RIF

KP 1
+2048 8 F_ADD
-10V
+10V XM1
-2048 8 9 10 11 12
Fn6.03 Fn6.12
-16383
-1
1
Z
XM1 +2048
2 Ain.15
16-17 2
din.01÷05=11
1024 16383 Fn6.18 ABILITATION
3 1000
-10V +10V 16383 128 Fn6.14=1 32766

ABILITATION

0
+2048 EXITPID
SET PID ERROR
+ 12800 @ 100%
±2048 ±1024
KP 500 rEF16 F PID
100 TI 12800 100 (HZx10)

- -1
0
4mA 20mA 1

IMGT10002IT - September ’06


-1

+2048
-16383 -16383 Fn6.18 0 Fn6.15=1 -32766 0
-10V 128
+10V REAZ PID/FEED BACK
±2048
-2048

16383
XM1
1 Fn6.08
XM1 +2048 1000
3 Ain.16 R5 RELE'
18-19 2 dot.01=5
26-28
3 dot.02=5
8
-10V +10V KP 10 TD dot.03=5
8 9
Fn6.09
-1 ERROR 1
+2048 Z 15

-16383
0
4mA 20mA
KP=Fn6.05
TI=Fn6.06
TD=Fn6.07

+2048 +2048 +2048 +2048


+2048 +2048
-10V -10V
+10V +10V
2048
-2048 -10V +10V 0 -2048 -10V +10V 0 2Inominale
4mA 20mA 4mA 20mA

2 2
1 3 1 3

Ain.15 Ain.16

Fn6.02
1 2 3 6

XM1 XM1
0 Iout
16-17 18-19
Avviamento-test-visualizzazione programmazione

101
Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.26 Miscellanea 1: Fn7.xx

Funzione “Attivazione Macro”


Il parametro Fn7.09 permette di attivare certe programmazioni in modo semplificato e senza avere bisogno di modificare singolarmente diversi
parametri. La macro denominata “Pc232” è operativa nel seguente modo. Per attivarla si va sul parametro Fn7.09 e se ne visualizza il
contenuto: il display visualizza la scritta “mAcro”. In condizione di morsetto DREN (mors. 10) non attivato si può modificare il valore del
parametro premendo il tasto UP. La scritta sul display passa a “Pc232”. A questo punto o con una ulteriore pressione del tasto MODE UP o
semplicemente lasciando i pulsanti del tastierino, il software opera la modifica e la memorizzazione dei seguenti parametri:
S-L.01=1 seriale ANSI S-L.02=0 attivazione seriale
S-L.03=1 comandi solo da morsettiera S-L.05=0 RS232 su connettore telefonico (X3)
S-L.10=1 disabilitazione BCC S-L.11=0 parita’ pari
S-L.12=9600 baud rate S-L.13=1 indirizzo inverter
Quindi autonomamente attua un reset dell’inverter ed inizializza la funzione che permette un rapido collegamento alla seriale 232 di un PC
tramite il connettore telefonico X3 (per il protocollo seriale ed i collegamenti vedere il capitolo 8.8).

Funzione “Avvitatore” (FOC)

PARAMETRO funzione unità min. Max default ind. Ser.


FLo.09 Abilitazione della funzione / 0 1 0 393
Fn7.07 Selettore coppia / 0 1 0 263
Fn7.08 Coppia di serraggio % 0.00 180.00 100.00 111

La funzione è attiva solo con il controllo vettoriale (FOC).


E’ utilizzata in applicazioni nelle quali occorre disabilitare l’inverter qualora la coppia erogata superi un valore prefissato. Applicazione tipica: il
controllo della coppia di serraggio di un avvitatore. La coppia massima viene stabilita tramite una soglia da analogica 2 (morsetto 16) o da
parametro digitale Fn7.08. La selezione tra le due avviene tramite il logico Fn7.07.
In fase di rampa la funzione è disabilitata; a fine rampa, se la coppia erogata supera la soglia, l’inverter si disabilita e segnala l’intervento su
un’uscita digitale preventivamente programmato (dot.01÷dot.03 a 7).
Dopo l’intervento della funzione per poter ripartire bisogna togliere la marcia (morsetto 5) e ridarla ottenendo così la riapertura dei limiti di
coppia e il ripristino dell’eventuale relè precedentemente settato.
In Mon.11 è possibile visualizzare la coppia erogata.
Per default (Fn7.07=0) la soglia di coppia viene presa dall’analogica 2: in questo caso a 10V (o 20mA) corrisponde una coppia uguale al 180%
della coppia nominale del motore comandato.

Funzione “Riduzione tensione sul motore” (V/F)

PARAMETRO funzione unità min. Max default ind. Ser.


Fn7.10 Rampa riduzione di tensione s 0.01 1.00 0.50 249
Fn7.11 Rampa restituzione di tensione s 0.01 1.00 0.50 250
Fn7.12 Guadagno tensione ridotta % 50 100 100 251

La funzione viene attivata con un ingresso digitale configurato a tale scopo ponendo a 13 il parametro “din.xx” a cui l’ingresso stesso
corrisponde.
I parametri Fn7.10 e Fn7.11 impostano rispettivamente il tempo in cui avviene la riduzione di tensione e il tempo in cui avviene la restituzione
della piena tensione. Essi sono espressi direttamente in secondi con decimi e centesimi. Il Parametro Fn7.12 imposta invece il valore % della
tensione ridotta e può andare dal massimo di 100 (default) al minimo di 50%.

Comando aperto Comando aperto

Comando
Tensione motore Vvf.01

Fn7.12
Fn7.10 Fn7.11

102 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.27 Funzione cedevolezza (FOC)

Viene impiegata in quelle applicazioni in cui si possono verificare le seguenti situazioni:


a) CEDEVOLEZZA IN EROGAZIONE. La velocità del motore (M1), comandato dall’inverter, è scalibrata in eccesso rispetto al motore (M2) a
monte (nella catena cinematica): il motore M1 tenta di trascinare il motore M2 con conseguente aumento di coppia (corrente) erogata e
possibile sovraccarico. L’abilitazione della “cedevolezza” riduce la velocità del motore M1 in base alla coppia erogata.
b) CEDEVOLEZZA IN RECUPERO. La velocità del motore (M2), comandato dall’inverter, è scalibrata in difetto rispetto al motore (M1) a valle
(nella catena cinematica): l’inverter che comanda il motore M2 si oppone al trascinamento frenando con conseguente eccessivo lavoro del
circuito di frenatura o intervento della protezione di sovratensione se non è prevista la frenatura dinamica. L’abilitazione della “cedevolezza”
aumenta la velocità del motore M2 in base alla coppia di frenatura.
Sono interessati tre parametri rEv.09, rEv.10 e rEv.11, più l’ingresso digitale abilitato alla funzione "cedevolezza". L’ingresso si configura
impostando a 10 il corrispondente parametro (din.03÷din.05=10): va poi chiuso verso il morsetto 14 (comune 24Vcc).
La funzione può essere non simmetrica, nel senso che può essere diversificata la caratteristica in erogazione (cioè con corrente attiva
positiva) rispetto a quella in recupero (cioè con corrente attiva negativa). In erogazione il parametro che stabilisce la corrispondenza tra la
corrente attiva ed il calo di giri è il rEv.10. In recupero invece il parametro attivo è il rEv.11.
E' poi possibile abilitare la cedevolezza positiva soltanto al di sopra di un certo valore di corrente attiva. La soglia è stabilita dal parametro rEv.09.
rEv.10 = cedevolezza in erogazione range: 0 + 20.0 %
rEv.09 = soglia di intervento (solo in erogazione) range: 0 + 20.0 %
rEv.11 = cedevolezza in recupero range: 0 + 20.0 %

Le formule che seguono danno l'effettiva variazione di giri in funzione dei parametri sopracitati e della richiesta di coppia in % (TP≡Mon.11). In
esse compare la variabile RPMN=giri nominali motore corrispondente al parametro Mot.04.

In erogazione si avrà:  TP− rEV .09  rEV .10 


∆giri =  ∗  ∗ RPMN
 100 − rEV .09  100 
In recupero invece:  TP rEV .11
∆giri =  ∗  ∗ RPMN
 100 100 

Il ∆giri effettivo avrà poi il segno opportuno, nel senso che a seconda del segno dei giri del motore si avrà in erogazione sempre un calo di giri
e in recupero sempre un aumento del valore assoluto dei giri.
Esempio: Con una rotazione nel verso positivo dei giri, assumendo i seguenti valori per i parametri
rEv.09 = soglia di intervento (solo in erogazione) valore: 50.0%
rEv.10 = cedevolezza in erogazione valore: 10.0%
rEv.11 = cedevolezza in recupero valore: 20.0%
Mot.04 = RPMN giri nominali motore valore: 1450rpm

Se TP = 80% (cioè in erogazione) si avrà:  80 − 50 10 


∆giri =  ∗  ∗ 1450 = 87rpm (6% di RPMN.)
 50 100 
Invece con TP = -80% (cioè in frenatura) si avrà:  80 20 
∆giri =  ∗  ∗ 1450 = 232rpm (16% di RPMN.)
 100 100 

Con una TP pari al 100% si otterrà sempre un ∆giri in % uguale al percento settato nel Parametro di cedevolezza attivo.
∆ Giri

rEv.10

100 %
Coppia frenante Coppia motrice
rEv.09 100 %

rEv.11

Figura 7.19

IMGT10002IT - September ’06 103


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.28 Funzione “Profilo di velocità”

Con questa funzione è possibile attribuire ai bit di comando CF1, CF2, CF3 la doppia funzione di selettori di riferimento e di selettori delle rampe
(contemporaneamente). In tal modo si può disporre effettivamente di 8 riferimenti di velocità ognuno dei quali ha una propria rampa di accelerazione
e una propria decelerazione.
Per ottenere ciò porre ad 1 il parametro FLo.16. In tal modo i comandi CF1, CF2 e CF3 vengono a svolgere la consueta selezione del riferimento e
in più la selezione delle rampe comportandosi anche come RP1, RP2, RP3.
I comandi RP1, RP2 (qualora fossero attivati attraverso ad es. i bit2 e bit3 della command-word) sono ininfluenti, cioè si può fare a meno di
configurare i bit (RIFIN1 e RIFIN2) come selettori di rampe poiché non sarebbero comunque attivati dal software.
Tali bit rimangono, quindi, liberi per essere attribuiti ad altri comandi funzionali.

Riassumendo: avendo posto FLo.16=1 vale la seguente selezione

COMANDI RIFERIMENTO RAMPE


CF3 CF2 CF1 Accel Decel
0 0 0 selez. rEF.05 rPS.01 rPS.09
0 0 1 selez. rEF.06 rPS.02 rPS.10
0 1 0 rEF.09 rPS.03 rPS.11
0 1 1 rEF.10 rPS.04 rPS.12
1 0 0 rEF.11 rPS.05 rPS.13
1 0 1 rEF.12 rPS.06 rPS.14
1 1 0 rEF.13 rPS.07 rPS.15
1 1 1 rEF.14 rPS.08 rPS.16

rPS.08 rPS.15
rEF.14

rEF.13 rEF.13
rPS.07 rPS.14
rEF.12 rEF.12

rPS.06 rPS.13
rEF.11 rEF.11

rPS.05 rPS.12 rEF.10


rEF.10
rPS.04 rPS.11
rEF.09 rEF.09
rPS.03 rPS.10
selez. rEF.06 selez. rEF.06

rPS.02 rPS.09
selez. rEF.05 selez. rEF.05

rPS.01 rPS.09

START
t
STOP

Figura 7.20

104 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.8.29 Protezione termica motore tramite PTC o NTC


Per la gestione della protezione termica motore tramite PTC (o NTC) si utilizza l’analogica 1 (morsetti 14-15) o 2 (morsetto 16). Se si utilizza
l’analogica 1 si può alimentare la sonda termica tramite i 10 volt presenti sulla scheda di controllo dell’inverter chiudendo, sulla stessa scheda,
il jumper JP2 il quale porta i 10V al morsetto 14 tramite una resistenza in serie di 1kΩ (figura A).
Utilizzando l’analogica 2 occorre alimentare il sensore di temperatura con una tensione esterna attraverso una resistenza (figura B) o
utilizzando il il +10V al morsetto 13.
+ 10V
R=1k
+ 10V
R
JP2

14 16
CHIUSO

SCHEDA
PTC CONTROLLO
PTC SCHEDA CONTROLLO (NTC)
GT1000 GT1000
(NTC)

15 17

17

Figura A Figura B

E’ necessario impostare: Ain.13 = 7 se si utilizza l’analogica 1


Ain.14 = 7 se si utilizza l’analogica 2
Sono previsti 2 parametri per fissare le soglie di intervento:
Ain.18 = soglia di ALLARME: Il GT1000 non viene disabilitato, il relè “DRIVE OK” rimane eccitato. E’ possibile ottenere su un uscita logica,
configurata allo scopo (dot.01÷dot.03=6), l’informazione di allarme intervenuto.
Ain.19 = soglia di PROTEZIONE: Il GT1000 viene disabilitato, il relè “DRIVE OK” si diseccita e il display visualizza la protezione –Ptc–. Per
poter ripartire occorre che la temperatura del motore sia diminuita al di sotto del valore equivalente ad Ain.19 e resettare il GT1000 (morsetto
7-8-9 programmato a 16).
TARATURA SOGLIE
Le due soglie Ain.18 e Ain.19
si impostano in volt secondo VS = 10 PTC oppure VS = 10 NTC
R +PTC R +NTC
la formula seguente:
PTC o NTC è il valore ohmico che il sensore assume alla temperatura di allarme o di protezione.
PTC Si setta la soglia di allarme ad una tensione inferiore a quella di protezione.
Ad esempio impostando Ain.18 = 6.00 quando la temperatura del motore sale in modo tale da far cadere sul PTC più di 6 volt scatta
l’uscita digitale configurata. Se poi si supera anche la tensione di intervento della protezione fissata tramite Ain.19 l’inverter va in
blocco (scatta il relè “DRIVE OK”: morsetti 1-2) e sul display appare la scritta “-Ptc-“.
NTC In questo caso si setta la soglia di allarme ad una tensione superiore a quella di protezione.
Ad esempio impostando Ain.18 = 8.00 quando la temperatura del motore sale in modo tale da far cadere sull’ NTC meno di 8 volt
scatta l’uscita digitale configurata segnalando l’alta temperatura sul motore. Se poi si scende sotto la tensione di intervento della
protezione (Ain.19) l’inverter va in blocco (scatta il relè “DRIVE OK”: morsetti 1-2) e sul display appare la scritta “-Ptc-“.

V V
Vin
Ain.1 Ain.1
Vin
Ain.1 Ain.1

t [s] t
Allarm Allarm

Protezion Protezion
Abil. Abil.
PTC NTC

IMGT10002IT - September ’06 105


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

7.8.30 Funzioni per il controllo di sistemi di pompaggio: PMP.xx

PREMESSA
Questo funzioni, attive in controllo scalare (V/F) sono state sviluppate appositamente per sistemi di pompaggio.
In particolare la funzione “pompe ausiliarie” permette di gestire, oltre alla pompa sotto inverter, altre due pompe ausiliarie collegate
direttamente in rete che vengono accese alternativamente nel momento in cui la portata dell’impianto lo richiede, in modo da mantenere
costante la pressione all'interno di una fascia di tolleranza impostabile.
PMP.03

Set Pressione=100%

PMP.01

La funzione di "pausa motore" consente di fermare automaticamente il motore della pompa comandata dall’inverter (pompa principale),
quando questa lavora al di sotto di una certa portata o quando la stessa è nulla. Nel momento in cui le condizioni dell’impianto lo richiedono, si
ha il riavvio automatico del motore. Questo consente di risparmiare energia mantenendo in moto la pompa solo quando serve.
Oltre a queste sono disponibili altre funzionalità che risultano utili nelle applicazioni dove l’inverter comanda una pompa.

FUNZIONE “POMPE USILIARIE”


La tabella seguente riporta i parametri riguardanti la funzione: il logico FLo.10 posto ad 1 permette la sua attivazione (funziona assieme al
regolatore PID interno):

Tabella parametri:
Parametro funzione unità min. Max default ind. Ser.
FLo.10 Abiltazione della funzione / 0 1 0 392
PMP.01 Soglia di accensione % 10.0 100.0 90.0 152
PMP.02  Attesa accensione IIa pompa s 1 250 5 285
PMP.03 Soglia di spegnimento % 100.0 180.0 110.0 153
PMP.04  Attesa spegnimento IIa pompa s 1 250 5 286
PMP.05  Numero pompe ausiliarie / 1 2 1 277
dot.01÷03 Selettori uscite digitali / 9-10 /

Pompa
Schema generale
principale

GT1000 M3

(dal trasduttore di pressione)


4÷20mA

rete M3

Pompe
ausiliarie

M3

Figura 7.21

Scopo della funzione è di “aiutare” il regolatore P.I.D. a mantenere la pressione dell'impianto all'interno di una fascia di tolleranza rispetto al
set point impostato, attivando o disattivando le pompe ausiliarie a seconda della portata d'acqua richiesta.

106 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

L’accensione della prima pompa ausiliaria avviene una volta che la pressione dell'impianto (visualizzata in Mon.14) è scesa rispetto al set-
point (visualizzato in Mon.13) della percentuale impostata nel parametro PMP.01. Nel caso a l'accensione della prima pompa ausiliaria, ha
riportato la pressione al di sopra della soglia PMP.01 entro il tempo stabilito da PMP.02 (caso a).
Nel caso di forte richiesta di acqua invece (portata elevata) se l’inserimento della prima pompa non riesce a riportare la pressione al di sopra
della soglia inferiore, dopo il tempo impostato in PMP.02 si ha l’inserimento della seconda pompa (caso b). La figura seguente illustra i due
casi:

Set point Mon.13 Set point Mon.13

P.= Mon.14 P.= Mon.14

PMP.01 PMP.02 PMP.0 PMP.0

ON ON
Pump 1 Pump 1
ON
Pump 2 OFF Pump 2

caso A caso B

L’eventuale spegnimento di una pompa si ha nel momento in cui la pressione sale al di sopra del set-point della percentuale impostata nel
parametro PMP.03 (soglia di spegnimento).
Nel caso si arrivi in questa situazione con entrambe le pompe accese lo spegnimento della prima pompa è immediato, mentre lo spegnimento
della seconda dipende dal valore raggiunto dalla pressione dopo un tempo impostabile (parametro PMP.04). Trascorso questo tempo se la
pressione scende sotto la soglia di spegnimento, ovvero rientra nella fascia di tolleranza, la pompa rimane accesa (caso c), altrimenti si
comanda la fermata anche per questa (caso d).
Questo evita di spegnere entrambe le pompe per dover poi riaccenderne subito una.

PMP.03 PMP.03
PMP.04 PMP.04
P.= Mon.14 P.=

Set point Mon.13 Set point Mon.13

Pump 1 Pump 1
OFF OFF

Pump 2 ON Pump 2
OFF

caso C caso D

In generale perciò PMP.01 va fatto corrispondere circa alla minima pressione a cui può funzionare l'impianto, mentre PMP.03 alla massima.
Si ricorda infine che l’inverter provvede ad accendere alternativamente le due pompe di servizio, in modo da sfruttare equamente il sistema.
Il parametro PMP.05 stabilisce il numero di pompe ausiliarie: nel caso se ne usi una sola lo spegnimento e l'accensione avviene senza tempi
di attesa, ma in ogni caso i tempi PMP.02 e PMP.04 determinano dei tempi durante i quali non si possono avere commutazioni.
La visualizzazione in Mon.13 e Mon.14 rispettivamente del set point e della pressione sull’impianto avvengono in unità ingegneristiche
attraverso il parametro di conversione Fn6.16.

IMGT10002IT - September ’06 107


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

FUNZIONE “PAUSA MOTORE”


La tabella seguente riporta i parametri riguardanti la ”pausa motore”: il logico FLo.08 posto ad 1 abilita la funzione (funziona assieme al
regolatore PID interno).

Tabella parametri:
Parametro funzione unità min. Max default ind. Ser.
FLo.08 Abiltazione della funzione / 0 1 0 393
PMP.06 Corrente di spegnimento % 0 95 40 287
PMP.07 Pressione di restart % 5.0 100.0 80.0 154
PMP.08 Tempo pre-pausa s 0 300 10 155
PMP.09 Riferimento PID pre-pausa % 0.0 200.0 115.0 156

Quando la richiesta d'acqua è estremamente bassa da parte dell'utenza, l’inverter riduce al minimo i giri della pompa principale; in questa
situazione potrebbe essere utile fermare il motore.
L’arresto automatico della pompa principale (motore sotto inverter) può avvenire in 2 modi.
PMP.06 diverso da 0 (default): l’arresto si verifica quando in uscita si mantiene una corrente attiva minore o uguale a quella impostata in
PMP.06 stesso (% della nominale del motore) per il tempo impostato in PMP.08. Il parametro PMP.06 in questo caso determina il
valore di flusso (portata) che manda il sistema in spegnimento. In fase di taratura può essere utile leggere la corrente attiva nel
parametro Mon.11 (nominale motore≡100%).
PMP.06=0: l’arresto avviene dopo che la frequenza di uscita si mantiene al valore minimo (rEF.07) per il tempo impostato in PMP.08.
Prima dello spegnimento il set point del regolatore P.I.D. dell’inverter, viene temporaneamente aumentato di una percentuale che dipende dal
parametro PMP.09 (100% = nessun incremento): negli impianti di pressurizzazione, questo incremento aumenta la durata dei tempi di pausa
evitando ripetute accensioni e spegnimenti.
Nella fase di pausa il regolatore P.I.D. rimane attivo, infatti, quando la pressione scende nuovamente sotto il livello stabilito con PMP.07 (in
percentuale del set point) l’inverter riavvia il motore accelerandolo fino al raggiungimento del riferimento di frequenza stesso.
Il grafico riporta una sequenza del funzionamento, con il P.I.D. utilizzato per controllare la pressione e PMP.06 diverso da 0.

PMP.09
P [Bar]
SET Pressione
Mon.13
Pressione
PMP.07 Mon.14
Press. restart

Mon.11 [%] t (s)

PMP.06
Corrente spegnimento

Marcia/Stop t (s)

Marcia Marcia

Stop
PMP.08 (s) t (s)
Tempo pre-pausa

Figura 7.22

Nel caso si utilizzi in contemporanea la funzione "pompe ausiliarie" l'accensione anche di una sola di queste esclude ovviamente la possibilità
di mandare in pausa la pompa principale.

108 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

FUNZIONI “GESTIONE PERDITA SEGNALE 4-20MA”


Le due funzioni seguenti permettono di controllare segnali tipo “4-20mA” che vengano portati ad uno dei due ingressi dell’inverter (morsetti 14-
15- o 16-17), per essere usati come riferimento di velocità del motore o come feed-back del regolatore PID. Nel caso di perdita del segnale, ad
esempio per un’interruzione dei fili, la gestione dell’inverter consente di diagnosticare il malfunzionamento garantendo comunque la continuità
di esercizio dell’impianto.

Gestione perdita riferimento 4-20mA


La funzione si abilita con il parametro Fn1.05 ad 1 ed è attiva solo sul primo selettore dei riferimenti di velocità rEF.05 (mux1).
La funzione permette nel caso di perdita del segnale di riferimento tipo “4-20mA” (funzionamento remoto), di passare automaticamente al
riferimento da motopotenziometro (funzionamento locale), aggiornato all’ultimo valore valido del riferimento in corrente. E' possibile segnalare
la perdita del riferimento tramite un'uscita digitale configurata (dot.xx=11).
La funzione richiede ovviamente di attivare il motopotenziometro (FLo.01=1), con il quale si può poi gestire localmente il riferimento vedere
cap.3.2.20 .
Per avere la continuità tra riferimento in corrente e quello da motopotenziometro è importante avere per quest’ultimo gli stessi limiti di
frequenza dell'analogica utilizzata come riferimento (quindi Fn1.02=rEF.01 e Fn1.03=rEF.02 se uso la prima analogica, oppure
Fn1.02=rEF.03 e Fn1.03=rEF.04 se uso la seconda).
Con il pulsante di reset (morsetto programmato) è possibile riabilitare il funzionamento con riferimento remoto una volta che questo sia tornato
sopra il valore minimo (3,2mA).

Gestione perdita feed back 4-20mA


Questa funzione (abilitata impostando Ain.14=1) effettua il controllo sul feed back del regolatore PID dell’inverter, nel caso sia usato un
segnale del tipo “4-20mA”. In tal caso l’eventuale perdita del segnale disabilita automaticamente il PID, evitando la saturazione dello stesso e
la “fuga” della pompa alla massima velocità. Il motore si porterà alla velocità stabilita dal termine fisso che abitualmente si somma al termine
generato dal regolatore (si veda ad esempio la fig.2). Questa anomalia può essere segnalata tramite un'uscita digitale configurata
(dot.xx=11).
Il ripristino del normale funzionamento una volta che sia stato riattivato il segnale di feed back avviene premendo il pulsante di reset
protezioni.

Mot.19
rEF.05=3
Termine fisso Riferimento frequenza
-
rEF.07
+
Mot.20
Abilitazione
termine P.I.D.
SetPoint
Fn6.10 +
-
Feedback (4-20mA)

Figura 7.23

N.B.: Le funzioni viste sono attive sia sulla prima (morsetti 14-15) che sulla seconda analogica (morsetto 16), purché queste siano state
configurate come ingressi del tipo 4-20mA impostando rispettivamente Ain.13 o Ain.14 al valore 3.

Variabili monitor
Le visualizzazioni in Mon.13 e Mon.14 (se diA.01=03 e diA.02=4) sono rispettivamente il riferimento (set point) e la pressione dell’impianto
direttamente in unità ingegneristiche attraverso il parametro di conversione Fn6.16. Per ottenere la lettura corretta bisogna impostare in
Fn6.16 il valore in Bar (o altra unità) che corrisponde ai 20mA del trasduttore utilizzato.
Sul parametro Mon.18 è al solito visualizzato l'ultimo allarme intervenuto, ma tenendo premuto il tasto DW si può scorrere la lista delle ultime
10 protezioni verificate. Alla decima lo scorrimento si blocca. Sul parametro Mon.19 è attivo il contaore di funzionamento. Premendo il tasto
DW o il tasto UP dell’inverter si possono visualizzare i minuti.

Uscita di marcia acquisita


E’ possibile configurare un’uscita digitale con il significato di marcia acquisita. L’uscita diventa attiva quando uno solo dei due comandi di
marcia (morsetti 5 o 6) risulta chiuso. L’uscita si programma impostando il rispettivo parametro di configurazione a 13 (dot.xx=13).

IMGT10002IT - September ’06 109


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

Esempio di applicazione e tarature


Di seguito è riportato un esempio di applicazione per la regolazione della pressione di un sistema idrico. Si sfrutta il regolatore PID interno
dell'inverter (per i parametri del PID fare riferimento alla famiglia Fn6.xx).

Controllo GT1000
Mon.1

rEF.0
rEF 05=
Mot.19 ~
rEF 06= Termine fisso +
rEF.0
F. rif.
~
rEF.1 +
Mot.20

Uscite
digitali
SetPoint +
Fn6.1

- M1 M2 M3
3~ 3~ 3~

Feedback Ingr. 4÷20m Dal trasduttore di


analogico A pressione
Fn6.1 x Fn6.1 x

Mon.1 Mon.1

Figura 7.24

Il PID regola la velocità del motore M1 allo scopo di mantenere la pressione impostata nel set point (Fn6.10). Una componente di frequenza
proviene dal termine fisso impostato in rEF.07, rEF.08 o rEF.10 (a seconda del numero di pompe ausiliarie accese in quell'istante) permette di
far lavorare il regolatore su un intervallo più ridotto di frequenze. La misura della pressione del sistema avviene tramite il trasduttore 4÷20mA:
tale segnale è portato ad uno degli ingressi analogici dell'inverter, preventivamente configurato come ingresso reazione PID.
Dati pompa principale: gli unici dati da impostare che riguardano il motore della pompa principale sono la corrente nominale del motore
(Mot.01) e il cosϕ (Mot.07).
Visualizzazione in Bar: si può leggere direttamente il segnale trasdotto in Bar visualizzandolo sul parametro Mon.14: questo si ottiene
impostando in Fn6.16 il valore in Bar della pressione corrispondente a 20mA (Pmax) per il tipo di trasduttore usato.
Set-point: l'impostazione del set-point (Fn6.10) si calcola a partire dalla pressione (P) che si desidera avere nell'impianto, ed in base al tipo di
trasduttore usato (Pmin/Pmax) secondo la seguente formula:
 P− Pmin  Pmin=pressione a 4mA, Pmax=pressione a 20mA
Fn 6.10 = 200.0 ⋅  
 Pmax − Pmin 
In Mon.13 (con diA.01=3) si ha direttamente il riferimento visualizzato in Bar.
Pompe ausiliarie: nel caso di una sola pompa ausiliaria all'accensione della stessa si ha la commutazione automatica del termine fisso di
frequenza da rEF.07 a rEF.08, ed il ritorno a rEF.07 al suo spegnimento. In questo modo si evita che nella fase di attivazione della pompa
(che va fissa a 50Hz) si crei un brusco aumento di pressione nell'impianto, e viceversa un calo eccessivo al suo spegnimento. Il valore da
impostare va tarato cercando di evitare questo fenomeno. Lo stesso comportamento si ha con due pompe ausiliarie: in tal caso all'accensione
della seconda pompa si passa automaticamente dal termine rEF.08 a quello impostato in rEF.10.
Taratura pausa motore: per stabilire a che portata d'acqua mandare in pausa il motore è sufficiente porsi in quella condizione di flusso ed
andare sul parametro Mon.13 per leggere il valore di corrente attiva (%) che si stabilisce per tale portata. Questo valore va impostato nel
parametro PMP.06 ed eventualmente corretto di poco per avere lo spegnimento nelle condizioni previste. Il parametro PMP.08 stabilisce per
quanto tempo la pompa deve rimanere nelle condizioni di flusso ridotto prima di venire spenta effettivamente.

110 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.9 Descrizione delle protezioni / rimozione delle cause


L’intervento di una qualsiasi protezione disabilita l’inverter, provoca la diseccitazione del relè «DRIVE OK» (tranne l’OFF) ed è segnalata da
un codice mnemonico sul display del tastierino. Se non è installato il tastierino, è attiva comunque la codifica delle protezioni tramite i 3 led
(Verde/Rosso/Giallo) sulla scheda di controllo: la codifica è riportata in tabella 7.9.1.
DISPLAY TIPO PROTEZIONE DESCRIZIONE AZIONE/CAUSA
--Et PROTEZIONE ESTERNA Il contatto NO (din03÷05=9) o NC (din 03÷05=8) Verificare il dispositivo che gestisce la protezione, le
collegato all’ingresso digitale configurato per tale connessioni al morsetto dedicato del GT1000,
funzione ha cambiato stato. l’integrità dell’ingresso della scheda di controllo.
-t-SL PROTEZIONI AUSILIARIE Protezione dal collegamento seriale. Disturbi esterni, cavo di collegamento difettoso,
DA SERIALE scheda PROFIBUS guasta…
--cL PERDITA SEGNALE Il segnale di riferimento dell’ingresso 14-15 o 16-17 Controllare il dispositivo che genera il segnale e che i
4÷20mA è sceso ad un valore inferiore a 3mA. collegamenti non siano interrotti.
--th PROTEZIONE TERMICA E’ stato superato il limite di sovraccarico di Controllare che i parametri Mot.01÷Mot.07
MOTORE corrente programmato (rEc.03). rispecchino i dati di targa del motore. Verificare il
O dimensionamento dell’inverter, eventualmente,
rimuovere la causa del sovraccarico. Controllare
PROTEZIONE TERMICA l’integrità dell’encoder (controllo FO).
INVERTER Caratteristica V/F non settata correttamente.
Boost troppo elevato (Vvf.06).
Parametro rEc.03 tarato male.
--OH SOVRATEMPERATURA La temperatura sul dissipatore dell’inverter ha - I ventilatori dell’inverter o del quadro sono guasti,
INVERTER superato il limite previsto provocando l’intervento bloccati o disalimentati.
della sonda termica. - I canali di ventilazione sono ostruiti.
- La temperatura ambiente è troppo elevata (sistema
di ventilazione quadro insufficiente).
- Cablaggio sonda termica interrotto.
--OC SOVRACORRENTE E’ stato superato il livello di corrente massima di Le fasi del motore sono in corto circuito tra loro o
uscita verso massa.
Le rampe di accelerazione sono troppo brevi.
L’isolamento del motore è insufficiente.
Il tipo di cavo di collegamento motore non è idoneo.
La lunghezza dei cavi motore è eccessiva.
Nel controllo FO, encoder guasto o montato male.
-dOC SOVRACORRENTE sul La corrente sul bus DC ha superato il massimo Togliere tensione, staccare i cavi motore lato inverter
bus D.C. valore consentito. secondo le modalità del cap.4.1, ridare tensione.
- Se la protezione permane, probabile guasto degli
IGBT e/o della scheda di pilotaggio o della scheda
di controllo.
- Se la protezione scompare verificare il motore e i
cavi di collegamento dello stesso.
--OU SOVRATENSIONE E’ stata superata la soglia di massima tensione - La rampa di decelerazione è troppo breve ed il
sul bus D.C. (820 / 909Vdc). parametro rLo.14=1.
- L’inerzia del carico richiede lo switch e la
resistenza di frenatura.
- Il fusibile dello switch di frenatura è bruciato.
- La resistenza di frenatura è rotta o scollegata.
- Il motore viene trascinato.
--OUS SOVRATENSIONE LINEA La soglia di massima tensione continuativa sul La tensione di ingresso è superiore al massimo
ALIMENTAZIONE bus D.C. è stata superata con l’inverter non in valore ammesso, calcolato in funzione di drv.05.
marcia.
--UU SOTTOTENSIONE La tensione sul bus D.C è inferiore al minimo - Controllare la tensione di alimentazione sui
valore consentito (400Vdc). morsetti di ingresso dell’inverter.
- Verificare l’integrità dei diodi del ponte di ingresso
del GT1000 (alimentazione in c.a.)
--UUS SOTTOTENSIONE Il contattore di precarica non si è chiuso. Verificare i fusibili ed il trasformatore previsti per
l’alimentazione della bobina, la posizione del
cavallotto di cambio tensione.
O-SP SOVRAVELOCITA’ Il motore ha superato del 20% i limiti impostati su Controllare il parametro Mot.04 (velocità nominale
Mot.19 e/o Mot.20. del motore). Verificare la risposta dell’anello di
velocità. Risposta troppo rapida (overshoot).
ErFn ERRORE Set di parametri Correggere le impostazioni.
CONFIGURAZIONE Mot.01÷Mot.07 non congruenti. Spegnere e riaccendere l’inverter (vedere la NOTA
PARAMETRI MOTORE 1 paragrafo 7.8.3).

IMGT10002IT - September ’06 111


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

DISPLAY TIPO PROTEZIONE DESCRIZIONE AZIONE/CAUSA


-Hard MALFUNZIONAMENTO L’inverter ad ogni accensione controlla gli offset
Spegnere e riaccendere l’inverter. Se la protezione
TRASDUTTORI DI dei trasduttori di corrente. Superato un dato permane è probabile un guasto dei sensori di
CORRENTE valore viene segnalata la protezione Hard. corrente o del loro collegamento. La protezione è
sempre resettabile, tramite il pulsante di reset.
E-bnc MEMORIA EEPROM La memoria U28 non è ancora stata inizializzata Contattare l’assistenza.
BIANCA
OFF MANCANZA FASE La protezione interviene quando viene a mancare Verificare la presenza di tutte e tre le fasi di
anche una sola delle fasi di alimentazione alimentazione. Se l'alimentatore switching è ancora in
(escludibile negli inverter alimentati in BUS DC regolazione e la causa di "OFF" viene rimossa,
tramite il logico rLo.08). l'inverter riprende a funzionare. Durante lo stato di
"OFF" i comandi di uscita sono interdetti mentre i
parametri di programmazione sono modificabili e
vengono memorizzati in EEPROM.
-PTC- PROTEZIONE TERMICA Tramite la sonda termica è stata rilevata una Controllare che i parametri Mot.01÷Mot.07
MOTORE TRAMITE PTC/NTC temperatura del motore troppo elevata. rispecchino i dati di targa del motore. Verificare il
dimensionamento dell’inverter, eventualmente,
rimuovere la causa del sovraccarico. Controllare
l’integrità dell’encoder (controllo FO). Caratteristica
V/F non corretta. Boost troppo elevato (Vvf.06).
Taratura soglia Ain.19 errata (capitolo 7.8.28).
-Enc ERRORE INSTALLAZIONE Se la frequenza di uscita ed il numero di giri L’encoder non è installato in modo corretto
ENCODER (solo FO) sono discordi di segno per più di un secondo (protezione significativa solo in fase di messa in
interviene la protezione. servizio). Vedere la descrizione del parametro rLo.16
ed il capitolo 6.3.3 relativo al check dell’encoder.
STRAPPO ENCODER Se la differenza tra il riferimento di giri agente e Vedere la descrizione del parametro rLo.15.
(solo FO) i giri effettivi del motore supera una soglia per
un secondo interviene la protezione.
-ErPF PROTEZIONE SCHEDA Con il protocollo di comunicazione PROFIBUS Verificare la presenza ed il corretto montaggio della
PROFIBUS abilitato non risulta collegata la scheda SUPRB scheda PROFIBUS
-EEPR INCOMPATIBILITA’ EPROM Il messaggio appare in seguito alla sostituzione, E’ necessario ripersonalizzare la EEPROM operando
ED EEPROM su un GT1000 in servizio, della flash EPROM come segue:
(integrato U26) con un’altra avente una - prima della sostituzione della flash, trascrivere su
versione software diversa. un foglio il valore dei parametri variati rispetto al
default;
- settare rLo.01=1 e poi rLo.06=dEF quindi resettare
o spegnere e riaccendere l’inverter (vengono
inseriti i parametri di default);
- inserire i parametri precedentemente memorizzati
sul foglio.
-Personalizzare i parametri di eventuali nuove
funzioni impiegate. Vedere nota finale.
Se si installa una versione software successiva a quella precedentemente utilizzata e se tale release prevede solo uno o pochi
NOTA parametri non esistenti nella precedente, si può in modo semplice eliminare l’incompatibilità’ segnalata con “EEpr” senza perdere
tutti i settaggi o senza doverli annotare e poi reinserire. Procedere nel modo seguente:
Di fronte alla scritta “EEpr” sul display premere il tasto “DOWN”. Il display visualizzerà un numero (es. 280) e questo corrisponde
all’indirizzo seriale del parametro che risulta ad un valore incompatibile con la nuova release. Consultando le tabelle parametri del
presente capitolo si individua il parametro sopraccitato, nell’esempio drv.08.
A tal punto, sempre in situazione di “EEpr”, si accede al parametro drv.08 e se ne visualizza normalmente il valore. Questa
operazione fa si che il valore di default di tale parametro venga memorizzato. A questo punto si resetta l’inverter (o spegnere e
riaccendere). Se drv.08 era l’unico parametro incompatibile si avrà la visualizzazione di “rdy”, se invece non era l’unico si avrà di
nuovo “EEpr”. Quindi premendo DOWN si legge un nuovo indirizzo, si individua il parametro e si procedere come prima.
Tabella. 7.9.1: codifica protezioni sui 3 led della scheda di controllo
Protezione -dOC --OC --OU --OH --UU --UUS -HArd -t-SL -ErPF --tH
Led verde z { z { Ñ{Ò { Ñ{Ò z { z
Led rosso z z z z z z z Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò
Led giallo z z { { { Ñ{Ò Ñ{Ò z z {
Protezione --cL -ErFn -Enc- --OUS -I-PF --Et -Ptc- -O-SP -EEPr
Led verde Ñ{Ò { z Ñ{Ò Ñ{Ò { { { {
Led rosso Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò Ñ{Ò
Led giallo { Ñ{Ò Ñ{Ò z Ñ{Ò { { { {
Codifica led: {= led spento, Ñ{Ò=led lampeggiante, z=led acceso

112 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Avviamento-test-visualizzazione programmazione

7.10 Note riguardanti i parametri riservati

MECCANISMO DI SBLOCCO:
Mettere rLo.01 a 1, mettere rLo.06 a dEF, rimettere rLo.01 a 0.
I parametri sono ora normalmente modificabili.

Parametro:
rEL.02 = KI_ID = correttore KID campo di valori = -10 ÷ +10 regola l’anello di flusso
rEL.04 = KI_IQ = correttore KIQ campo di valori = -20 ÷ +20 regola l’anello di coppia

Si consiglia un valore di -5, -10 rispettivamente, con motori a 6 poli per rimediare a eventuali oscillazioni di flusso e/o coppia.

Note:
I dati introdotti in rEL.02 e rEL.04 vanno a sommarsi ai parametri preesistenti.
Esempio: rEL.02=3, rEL.04=-4
Risultano: KID = 10 + 3 = 13 e KIQ = 20 - 4 = 16

Parametri: rLo.03, rLo.04, rLo.05.

bit messo al valore 0 messo al valore 1


rLo.03 attivo il KDS KDS escluso, valore fisso 128
rLo.04 WST calcolato da IQ WST calcolato da IQK
rLo.05 debole filtro su IMQ escluso debole filtro

☞ Prima di spegnere l’inverter ricordare di rimettere rLo.01 = 1 e rLo.06 = Curr, altrimenti verranno ripresi i valori di default
perdendo le impostazioni dei parametri del motore e quelli programmati dall’utilizzatore.

Nota su rLo.03-4 :

- rLo.03 = 1 (KDS=128): la corrente di flusso viene regolata secondo il grafico seguente:


Riferimento
corrente

100%
(IDN)

Giri
RPMN 2 3 Motor
(Mot.04)

- rLo.03= 0: la corrente di flusso viene sempre regolata come in figura, ma l’algoritmo cerca di compensare gli effetti della non linearità della
caratteristica magnetica riducendo ulteriormente la corrente di flusso.

- rLo.04= 1: posto ad 1 ha un effetto stabilizzante sul sistema, specie quando si lavora a coppia nominale e a giri nominali e la tensione
nominale del motore coincide con quella di rete. Nel funzionamento in “velocità” tale bit può essere in ogni caso posto ad 1.

IMGT10002IT - September ’06 113


Avviamento-test-visualizzazione programmazione GT1000

114 IMGT10002IT - September ’06


8 INTERFACCIA SERIALE ANSI-X3.28-2.5-A4
8.1 Introduzione
L'interfaccia seriale permette il collegamento dell'inverter ad un dispositivo esterno per il controllo ed il monitoraggio del sistema. Viene previsto il
protocollo di comunicazione ANSI-x3.28-2.5-A4 per un collegamento multidrop (multipunto).
Lo standard industriale RS485 impone la logica descritta nella seguente figura (Fig. 8-1):
Il GT1000 è adatto anche allo scambio dati con un personal computer tramite RS232 attraverso il connettore telefonico X3 (cap..8.8).

3V SPACE logico 0 (ON)

MARK logico 1 (OFF)

Figura 8.1
8.2 Interfaccia seriale RS485

L'interfaccia seriale RS485 prevede un collegamento a 2 fili e consente di comunicare su una singola linea con più dispositivi (massimo 32).
Questo tipo di interfaccia, prevedendo un ingresso differenziale, è più immune ai disturbi di sistemi tipo RS232, può tollerare livelli maggiori di
tensione a modo comune e permette di operare su lunghe distanze fino a 1200 metri.

8.3 Il protocollo ANSI-x3.28-2.5-A4

Questo protocollo definisce il formato del carattere, la sintassi dei comandi e la sequenza dei caratteri da inviare alle unità.
Un carattere è formato da 10 bit: il primo bit è detto "start bit" ed è a livello logico 0, di seguito viene trasmesso il dato (un carattere ASCII di 7
bit), l'eventuale bit di parità e lo "stop bit". Se la parità è impostata "PARI" viene trasmesso un livello logico 1 di parità (bit 9) quando il dato è
formato da un numero dispari di impulsi logici in modo che il dato + il bit di parità diano un numero pari di livelli logici 1. Se la parità è
impostata "NESSUNA" non viene calcolato il bit di parità ma vengono comunque inviati 10 bit per carattere. Il bit finale è lo "STOP BIT" ed è a
livello logico 1. La velocità con cui sono trasmessi i caratteri è detta BAUD RATE e definisce il numero di bit trasmessi al secondo. Questo
parametro (19) può variare da 600 a 9600. Il baud rate dell'inverter deve coincidere con il baud rate del computer.

Vi sono due tipi di comandi:


il comando READ di lettura di tutti i parametri dell'inverter (figura 8-2).
il comando WRITE di scrittura dei parametri che possono essere modificati (figura 8-3).

8.4 Impostazione dei parametri per la comunicazione

Prima di una qualsiasi comunicazione si devono impostare sugli inverter i seguenti parametri.

S-L.01: Scelta protocollo. S-L.01=1 ANSI-X3.28-2.5-A4.


S-L.02: Comunicazione seriale abilitata. S-L.02 = 1 disabilitata.
S-L.04: =0
S-L.05: = 1 (RS485HD)
S-L.10: BCC Determina se calcolare o meno il checksum del blocco di dati. S-L.10 = 1 disabilitata.
S-L.11: Parità Determina la trasmissione o meno del bit di parità. S-L.11 = 1 disabilitata.
S-L.12: Baud Rate seriale.
Questo parametro imposta il baud rate di comunicazione; si possono selezionare i seguenti valori: 600, 1200, 2400, 4800, 9600.
Tali valori diventano attivi solo dopo lo spegnimento e la riaccensione dell’azionamento.
S-L.13: Indirizzo Stazione.
Deve essere compreso fra 0 e 32. Quando viene posto a 0 e l'host comanda una scrittura al dispositivo 0, non si ha, da parte degli
inverter interessati, nessuna risposta. Il comando di scrittura viene, tuttavia, da essi recepito ed eseguito; ciò permette la
programmazione simultanea di più stazioni.

IMGT10002IT - September ’06 115


Interfaccia seriale ANSI GT1000

8.5 Il comando READ

Il comando "READ" è composto al massimo di 9 caratteri. Il formato del messaggio è così costruito:
Inizializzazione della comunicazione: 1 carattere EOT (04H)
"EOT" è un carattere speciale ASCII conosciuto come carattere di controllo; analogamente ad altri caratteri di controllo è formato da 7 bit.
Quando questo carattere viene inviato si inizializzano tutti i dispositivi collegati alla linea seriale.
Indirizzo di stazione: 4 caratteri ADD
L'indirizzo del dispositivo identifica quale dispositivo connesso alla linea seriale deve comunicare con l'host. L'indirizzo può variare da 0 a 32 ed è
impostato dal parametro S-L.13.
Per l'integrità del dato i digit vengono inviati 2 volte: ad esempio se l'indirizzo di stazione è 09 viene inviato 0099.
Numero del parametro: 3 caratteri max. DP
Indica il parametro che deve essere letto; consiste in un numero massimo di 3 caratteri. Ad esempio per il parametro rEF.07 inviare 24 o 024.
Fine del messaggio: 1 carattere ENQ (05H)
Evidenzia la fine del messaggio.
Il formato del messaggio inviato da host è pertanto: EOT ADD DP ENQ
AVVERTENZA L’inverter ha un timeout cioè dopo un certo periodo quantificabile in meno di 100ms. considera il messaggio
finito.

L'inverter risponde nella seguente maniera:


START del messaggio: 1 carattere STX (02H)
"STX" è un carattere di controllo ASCII; avvisa l'host dell'inizio della risposta.
Numero parametro: 3 caratteri max. DP
Vedere descrizione precedente.
Il valore del parametro: 6 caratteri max. DATA
Questo è il valore del parametro richiesto. Il primo carattere è il segno del dato; se tale informazione è priva di importanza, come nella
trasmissione di un parametro logico, il primo carattere è uno spazio nullo. Tale carattere determina la fine del numero del parametro. I rimanenti
caratteri, 5 al massimo, consistono di 4 digit e di un punto decimale se necessario.
Fine del dato richiesto: 1 carattere ETX (03H)
E' un carattere di controllo ASCII che informa l'host che il dato è terminato.
Checksum del blocco dei dati: 1 carattere BCC
Il carattere finale elaborato dall'inverter consente all'host di verificare l'eventuale presenza di errori nei dati ricevuti. Questo carattere non è
trasmesso se il parametro S-L.10 (BCC) è impostato a 1.
Se BCC è disabilitato viene trasmesso il codice ASCII "CR".
Il messaggio inviato dal dispositivo ha la struttura: STX DP DATA ETX BCC
Lo stesso parametro può essere riletto semplicemente con l'invio da parte dell'host del codice "NAK". E' possibile inoltre leggere il parametro
precedente o successivo inviando "BS" o ACK".

8.6 Il comando WRITE

Il comando "WRITE" è composto al massimo di 9 caratteri. Il formato del messaggio è così costruito:
Inizializzazione della comunicazione: 1 carattere EOT Vedere descrizione precedente.
Indirizzo stazione: 4 caratteri ADD Vedere descrizione precedente.
START del messaggio: 1 carattere STX Vedere descrizione precedente.
Numero parametro: 3 caratteri max. DP Vedere descrizione precedente.
Il valore del parametro: 6 caratteri max. DATA
Questo è il valore che deve essere implementato. Il primo carattere è il segno del dato; se tale informazione è priva di importanza, come nella
trasmissione di un parametro logico, il primo carattere può essere uno spazio. Tale carattere determina la fine del numero del parametro. I
rimanenti caratteri, 5 al massimo, consistono di 4 digit e di un punto decimale se necessario.
Fine del dato richiesto: 1 carattere ETX
Checksum del blocco dei dati: 1 carattere BCC
Vedere la precedente descrizione; se BCC è disabilitato per terminare il messaggio può essere inviato qualsivoglia carattere ASCII.
Il messaggio inviato al dispositivo ha la struttura: EOT ADD STX DP DATA ETX BCC
AVVERTENZA L’inverter ha un timeout cioè dopo un certo periodo quantificabile in meno di 100ms. considera il messaggio finito.

Se il numero parametro, il dato o il BCC contengono degli errori viene trasmesso dal GT1000 il carattere "NAK". Se l'indirizzo stazione è 0 il dato
inviato viene implementato da tutti i dispositivi interessati (S-L.13 = 0); tuttavia nessuno degli inverter collegati invia il carattere di riconoscimento
all'host.
Il checksum del blocco dei dati
Il checksum del blocco è un carattere singolo ottenuto facendo l'OR esclusivo di tutti i caratteri ricevuti: se il risultato è un carattere di controllo
ASCII si deve aggiungere il numero 20 esadecimale. La variabile di inizio per il calcolo del checksum deve avere valore 0.

116 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Interfaccia seriale ANSI

INIZIO DEL
MESSAGGIO

HOST - VECTOR
EOT ADD DP ENQ
(1) (4) (3)
9 CARATTERI

RISPOSTA
DRIVE

DRIVE - HOST DRIVE - HOST


NESS. RISPOSTA STX DP EOT
(1) (3) (1)
NESS.
MESSAGGIO 5 CARATTERI
VALIDO
1. STAZIONE NON
RICONOSCIUTA PARAMETRO NON
DRIVE - HOST RICONOSCIUTO
2. ERRORE
PARITA’ STX DP DATA ETX
(1) (3) (6) (1) (1)
3.
12 CARATTERI

HOST - DRIVE
RISPOSTA
HOST ACK o NAK o BS
1 CARATTERE

ACK LEGGE IL PARAM.


SUCCESSIVO “DP+1”
NAK LEGGE LO STESSO
PARAMETRO “DP”
BS LEGGE IL PARAM.
PRECEDENTE “DP-1”

FINE
MESSAGGIO

Figura 8-2 Comando READ

IMGT10002IT - September ’06 117


Interfaccia seriale ANSI GT1000

INIZIO DEL MESSAGGIO

HOST - DRIVE

EOT ADD
(1) (4)
5 CARATTERI

HOST - DRIVE

STX DP DATA ETX


(1) (3) (6) (1) (1)

12 CARATTERI

RISPOSTA
DRIVE

DRIVE - HOST DRIVE - HOST DRIVE - HOST

NESS. RISPOSTA NAK ACK


(1) (1)
NESS. CARATTERE ACCESSO RAPIDO
1 CARATTERI 1 CARATTERI
L’INIZIALIZZAZIONE E
L’INDIRIZZO DI
1. STAZIONE NON 1. MNEMONICO NON STAZIONE NON SONO
RICONOSCIUTA VALIDO NECESSARI PER
I DATI SONO STATI CONTINUARE LA
2. ERRORE PARITA’ 2. ERRORE BCC RICEVUTI E COMUNICAZIONE
3. COMUNICAZIONE 3. DATO NON VALIDO MEMORIZZATI
INTERROTTA

FINE MESSAGGIO

Figura 8-3 Comando WRITE

118 IMGT10002IT - September ’06


GT1000 Interfaccia seriale ANSI

8.7 Utilizzo dell’interfaccia seriale


Mediante l'interfaccia seriale RS485HD possono essere letti i livelli (stati) dei morsetti di comando dell'inverter e possono essere trasmessi
all'inverter stesso dei comandi, sotto forma di bit, i quali sono poi combinati con i comandi hardware. Questo è reso possibile da due parametri:
Mon.16 (Status) e Mon.17 (Command).
Mon.16 (indirizzo 195) è un parametro di sola lettura, cioè non può essere modificato con i tasti UP e DW.
Esso può assumere 2 significati diversi a seconda del valore del parametro S-L.15:
S-L.15=0 (default): Mon.16 è lo "specchio" dello stato degli ingressi di comando ai morsetti dell'inverter e va interpretato come una stringa di zeri
ed uno.
S-L.15=1: Mon.16 è la combinazione in OR (tranne Drive Enable) tra lo stato degli ingressi di comando ai morsetti dell'inverter e la parola di
comando seriale (Mon.17) e va interpretato come una stringa di zeri ed uno.
Descriviamo qui di seguito la corrispondenza tra i singoli bit ed i morsetti di comando.
Mon.16 Status FUNZIONE DESCRIZIONE
bit 0 MARCIA/FW 1 = morsetto 5 chiuso
bit 1 FLUSSO/RV 1 = morsetto 6 chiuso
bit 2 n.u. 0
bit 3 n.u. 0
bit 4 COM1 1 = morsetto 7 chiuso
bit 5 COM2 1 = morsetto 8 chiuso
bit 6 COM3 1 = morsetto 9 chiuso
bit 7 Drive Enable 1 = morsetto 10 chiuso su morsetto 11
bit 8 STATUS Stato inverter: 1=TRIP 0=NORMAL----
bit 9 CONTROLLO RETE 1 = mancanza rete
bit 10 Auxb0 Bit ausiliario 0
bit 11 Auxb1 Bit ausiliario 1
bit 12 RESET 1 = reset
bit 13 IGBT-ON IGBT comandati
bit 14 X Riservato reti di comunicazione
bit 15 X Riservato reti di comunicazione
Esempio: con il parametro S-L.15=0, se sono chiusi i morsetti 10, 5 e 6, in Mon.16 si leggerà il valore 131 (=128+2+1).
Sul display dell’inverter al parametro Mon.16. RUN/FW DRIVE STATUS

la codifica è la seguente:
COM2 FL/RV
COM3

COM1 RIFIN1 RESET

RIFIN2 DRIV.ENABLE

La parola di comando trasmessa attraverso la seriale va scritta in Mon.17 (indirizzo 196).


La scrittura avviene solo a livello di memoria RAM, non vi è memorizzazione in EEPROM. All'atto della accensione essa viene automaticamente
messa a zero. La corrispondenza tra i bit della parola trasmessa ed i comandi che essa rende operativi è descritta nella tabella seguente:
Mon.17 Command FUNZIONE DESCRIZIONE
bit 0 MARCIA/ FW 1 = dà la marcia/FW in OR con il morsetto 5
bit 1 FLUSSO / RV 1= attiva la funzione FLUSSO/RV in OR con il morsetto 6
bit 2 RIFIN1 1 = attiva la funzione programmata(default = RP1)
bit 3 RIFIN2 1 = attiva la funzione programmata(default = RP2)
bit 4 COM1 1 = attiva la funzione programmata(default = CF1)
bit 5 COM2 1 = attiva la funzione programmata(default = CF2)
bit 6 COM3 1 = attiva la funzione programmata(default = CF3)
bit 7 Drive Enable 1 = abilita i comandi se il morsetto 10 è chiuso sul 11 (S-L.03=0)
bit 8 ---- ----
bit 9 ---- ----
bit 10 ---- ----
bit 11 ---- ----
bit 12 RESET effettua il reset funzionale se permesso
bit 13 ---- ----
bit 14 X Riservato reti di comunicazione
bit 15 X Riservato reti di comunicazione

IMGT10002IT - September ’06 119


Interfaccia seriale ANSI GT1000

Esempio: sia effettuato il collegamento tra i morsetti 10 e 11 (con S-L.03=0): inviando una Command = 161 (A1 in base 16) significa: -inverter
abilitato, comando di marcia, attivo il riferimento rEF.09.

Si sottolinea che: quando l'inverter è sotto il controllo della seriale, S-L02=0, esso è in grado di ricevere i comandi attraverso la scrittura di Mon.17
a patto che il parametro S-L.03 sia uguale a 0. In tal caso i comandi hardware che normalmente esso riceve dalla morsettiera rimangono
comunque attivi e si combinano con quelli ricevuti dalla seriale.
Se ad esempio il morsetto 5 (MARCIA) è chiuso, il valore del bit 0 di Mon.17 è ininfluente poiché è in OR logico con l'uno derivante dalla chiusura
del morsetto 5. Il comando di marcia avanti è riconosciuto attivo. Analogamente per gli altri ingressi.
L'unica eccezione riguarda il morsetto di abilitazione 10. il comando di drive enable infatti è gestito mantenendo prioritario l'ingresso
hardware.
*) Se il morsetto è aperto l'inverter è sicuramente in disable (rdy).
Il comando da seriale, bit 7 di Mon.17, non è sufficiente ad abilitare il dispositivo.

**) Se il morsetto è chiuso ed S-L.03 = 0, sta alla seriale confermare o meno l'abilitazione dell'inverter:
-con un 1 sul bit 7 di Mon.17 essa può dare l'Enable e rendere operativi i comandi di marcia/arresto.
-con uno 0 può disattivare il dispositivo lasciando in rotazione libera il motore.
Se S-L.03 = 1 invece i comandi attivi sono solo quelli hardware (morsettiera).
Il “riferimento da interfaccia seriale" indicato nello schema a blocchi come Ser. è indirizzato sul Mon.09 (indirizzo 188). Una volta selezionato al
valore 6 o il parametro rEF.05 o il rEF.06 e reso attivo con i contatti (o comandi equivalenti) CF1, CF2 e CF3, si può cambiare il riferimento
attraverso la seriale secondo le esigenze del ciclo di lavoro o secondo le esigenze del controllo senza interessare la memoria non volatile
dell'inverter. E' chiaro infatti che attraverso la seriale si potrebbe anche rendere attivo ad es. rEF.01 e si potrebbe variare il riferimento modificando
il valore del rEF.01 stesso; questo modo di operare è consentito ma è comunque sconsigliato poiché coinvolge delle ripetute ed inutili scritture
sulla EEPROM della scheda di controllo.
Questi dispositivi permettono solo un numero limitato di operazioni di scrittura.
Per abilitare l’uso effettivo dell’interfaccia seriale RS485 HalfDuplex con il protocollo ANSI-X3.28-2.5-A4 , disponibile sui morsetti 19-20-21
della scheda di controllo (XM1) é necessario porre S-L.04 a 0 e S-L.05 a 1 (oltre ad aver abilitato la seriale con S-L.02=0).
Il significato dei morsetti è il seguente:

morsettiera XM1 SIGNIFICATO


XM1-19 0V
XM1-20 +Tx / +Rx
XM1-21 -Tx / -Rx

8.8 Utilizzo ANSI-X3.28-2.5-A4 collegata a P.C. tramite RS232

Disponendo entrambe i jumper JP4 e JP5 nelle posizioni 1-2, è disponibile sul connettore telefonico X3 una seriale RS232 che può essere
collegata ad un personal computer come da tabella seguente:

Pins connettore telefonico X3 SIGNIFICATO Pins connettore 9 vie (PC)


2 0V 5
3 Rx 3
8 Tx 2

A questo scopo e disponibile un adattatore come mostrato in figura 8-4.

Figura 8.4

In questo modo il protocollo ANSI-X3.28-2.5-A4 può essere usato per diagnostica o per l’utilizzo con l’interfaccia P.C..Sul parametro Fn7.09 la
macro “Pc232” permette di configurare automaticamente i parametri necessari (vedere cap. 7.8.25).

120 IMGT10002IT - September ’06


APPENDICE A
A1 – DIMENSIONI

S1GT0P3-028 IP20

REMOTE CONTROL OPERATOR

ON Fault RUN

STOP MAN AUTO RESET

Enter
Canc.

SHIFT

Tipo Type Taglia W H D Peso/Weigth


Frame mm in mm in mm in Kg Lbs
S1GT0P3-6F I 125 4,92 216,5 8,52 171 6,7 3,5 7,7
S1GT008F II 127 5 288 11,33 218,5 8,6 5 11
S1GT011/15F III 127 5 388 15,27 218,5 8,6 7,5 16,5
S1GT018/22F IIIX 127 5 413 16,25 240,5 9,5 7,5 16,5
S1GT028F IIIL 127 5 413 16,25 255 10 10 22

Taglia W1 H1 W2 H2 D1
Tipo Type
Frame mm in mm in mm in mm in mm in
S1GT0P3-6F I 131 5,16 271 10,67 106 4,17 246,5 9,70 55 2,16
S1GT008F II 138 5,43 341,5 13,44 98 3,86 310,5 12,22 108,5 4,27
S1GT011/15F III 138 5,43 441,5 17,38 98 3,86 410,5 16,16 108,5 4,27
S1GT018/22F IIIX 138 5,43 466,5 18,36 98 3,86 435,5 17,14 130,5 5,13
S1GT028F IIIL 138 5,43 466,5 18,36 98 3,86 435,5 17,14 145 5,13

IMGT10002IT - novembre ’06 121


Appendice A - Dimensioni GT1000

S1GT030-036
Peso/Weigth 32Kg (70.55Lbs)
246 (9.692 in) 279 (10.99 in)
220 (8.668 in)
153,5 (6.04in)

65 [2.559 in]
358 (14.105 in)

454 (17.888 in)

488 (19.227 in)


200 (7.88 in)

S1GT030-036 IP54
Peso/Weigth 32Kg (70.55Lbs)
279 (10.99 in)
246 (9.692 in)
220 (8.668 in) 153,5 (6.04in)
20 (0.787 in)
430 (16.941in)
358 (14.105 in)

455 (17.926 in)

488 (19.227 in)


52 (2.048in)

186 (7.328 in)


200 (7.88 in)

122 IMGT10002IT - novembre ’06


GT1000 Appendice A- Dimensioni

S1GT045-150 IP20

IMGT10002IT - novembre ’06 123


Appendice A - Dimensioni GT1000

S1GT045-150 IP54

124 IMGT10002IT - novembre ’06


GT1000 Appendice A- Dimensioni

IMGT10002IT - settembre ’06 125


Appendice A - Dimensioni GT1000

A.2 Schemi elettrici


Questa sezione contiene gli schemi di potenza di tutti i GT1000. La tabella riportata qui di seguito elenca la terminologia utilizzata negli schemi
elettrici.
I simboli utilizzati per indicare i morsetti ausiliari e di potenza :
Morsetti di potenza L1 Fase d’ingresso – RETE
L2 Fase d’ingresso – RETE
L3 Fase d’ingresso – RETE
PE Terra di protezione/ Terra schermo
U Fase d’uscita - U – MOTORE
V Fase d’uscita - V – MOTORE
W Fase d’uscita - W – MOTORE
RE + Resistenza di frenatura esterna
RE - Resistenza di frenatura esterna
+ BUS DC positivo
-P BUS DC negativo (ponte a diodi)
- BUS DC negativo (IGBT)
Morsetti alimentazione ausiliarie L Ausiliari 230V-50/60 Hz
N Ausiliari 230V-50/60 Hz

La seguente tabella riporta la lista di tutti gli schemi di potenza allegati.


TAGLIA/DIMENSIONE SCHEMI DI POTENZA
TAGLIA I S1GT0P3/0P4/0P6F pag. 125
TAGLIA II, III, IIIX S1GT008/011/015/018/022F pag. 125
TAGLIA IIIL S1GT028F pag. 125
TAGLIA IIIN S1GT030/036F/Y pag. 126
TAGLIA IVN S1GT045/53/66F/Y pag. 126
TAGLIA VN S1GT086/108F/Y pag. 126
TAGLIA VIN S1GT125/150F/Y pag. 126
TAGLIA VII S1GT182/216F/Y pag. 127
TAGLIA VII S1GT258F/Y pag. 128

S1GT0P3-0P4-0P6F

+P SIZE I

W
V
U

+P

PE L1 L2 L3 U V W + R -

126 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice A- Dimensioni

GT1A008-011-015 GT1A018-022

-P + L3 L2 L1 PE -P + L3 L2 L1 PE

U V W U V W

SIZE IIIX
SIZE II/III
U V W + RE- PE U V W PE + RE-

S1GT028F
RE-
+P

PE L1 L2 L3
-

SIZE IIIL

U V W PE

IMGT10002IT 127
Appendice A - Dimensioni GT1000

S1GT030-036 S1GT045-053-066

6P & Brake 6P & Brake

Power
Power

supply
supply

DC
DC

Board
Control
Board
Control

S1GT086-108 S1GT125-150

6P & Brake 6P & Brake


Power
supply
Power
supply
DC

Board
Control
Board
Control

AC

230V 50-60Hz

128 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice A- Dimensioni

IMGT10002IT - settembre ’06 129


Appendice A - Dimensioni GT1000

130 IMGT10002IT - settembre ’06


F1:ANALOG INPUT
APPENDICE B

F1:INGRESSI ANALOGICI
+10V

JP2

IMGT10002IT - settembre ’06


SCHEMA A BLOCCHI DEL SISTEMA

1K
Ain.02

14
5V 2048
+
Ean1 Ean1 [2]
5V +
-10V +10V
15
Ain.01

Figure B.1
Ain.03

16 Ain.05

JP3 5V 2048
+
Ean2 Ean2 [2]
5V +
475 -10V +10V

Ain.04

Ain.06
0V

131
132
F2:ANALOG INPUT CONVERSION PWM OUTPUT
F2:CONVERSIONE INGRESSI ANALOGICI USCITE PWM

rEF.01
Ain.13 Aot.01
N 1

* FOUT 2
Ean1
[1] RIF1 [5] I OUT 3
2048 1
Th% 4 +
TAB Aot.01
VC 5
Aot.02
N0 6
Appendice B - Schemi a blocco

rEF.02
N40 7
PWM0 0/ +10V
Tqo 8 Electric 18
config.
Tq 9
2 10
1000 + P
K [9] Aot.03
3
AUX1 11
[9] [4] -
K+,K TAB Aot.04 Aot.08
4 12
[4] AUX2
0 2048 Ki [9]
5 Mp 13
K% [5]
6

Aot.07
16
rEF.03

Figure B.2
Ain.14 Aot.04 19
N 1

* FOUT 2
Ean2
[1] RIF2 [5] I OUT 3
2048 1
Th% 4 + SCHEDA ESPANSIONE
TAB Aot.04
VC 5
Aot.05
rEF.04 N0 6
N40 7
PWM1 -10 /+ 10V
Tqo 8 Electric 11 -EXP
config.
Tq 9
2 10
1000 - P
K [9] Aot.06 12 -EXP
3
[4]
AUX1 11
[9] -
K+,K TAB Aot.04 Aot.09
4 AUX2 12
Ki [9] [4]
0 2048
5 Mp 13
K% [5]
6

Aot.07
16
GT1000

IMGT10002IT - settembre ’06


F3: DIGITAL INPUT/OUTPUT
F3: INGRESSI-USCITE DIGITALI
GT1000

din.01
dot.01
0 CF1 R1 1
5 FW/ST [4]
1 CF2 R2 2
[4]

R3 3
2 CF3 [4] 3
6 RV/FI
3 RP1 R4 4
[4]
4
4 RP2 5 RL2

IMGT10002IT - settembre ’06


5 RP3 6
RIFIN1
6 UP(Mp) [4] Auxb0 7
bit2-Command Word
7 DW(Mp) [4] Auxb1 8
RIFIN2
8 ET-NC
bit3-CommandWord dot.02
9 ET-NO
R1 1
[4]
7 COM1 R2 2
[4] 7
din.02
[4] R3 3
0 CF1 R4 4
[4] 8

Figure B.3
8 COM2
1 CF2 RL3
5

6
din.03
9 COM3 [4] Auxb0 7
0 CF1
[4] Auxb1 8
1 CF2

10 DREN dot.03
R1 1
din.04 [4]
R2 2
[4] 9
0 CF1
[4] R3 3
1 CF2
11
R4 4 10
[4]
RL4
5
+24Vcc din.05
6
12 0 CF1
[4] Auxb0 7
*
1 CF2
[4] Auxb1 8 SCHEDA ESPANSIONE
Appendice B- Schemi a blocco

133
F4: DIAGNOSTIC - SPEED-FREQUENCY RELAYS

134
diA.01 diA.03
F4: DIAGNOSTICA - RELE' DI VELOCITA'-FREQUENZA
Ean1 1 R1 1
[1] [4] [3]
Ean2 2 R2 2
[1] [4]

n.c. 3 R3 3
[1] [4]
R1
n.c. 4 R4 4
[1] [4]

N-No 5 5 1
N/Fout
Idm/Irea 6 6

Iqm/Iatt AUX1 AUXb0 N


7 7
[3]
Appendice B - Schemi a blocco

[2] [3]
Tqo 8 8 rEF.17
[8]
Tq 9 9

P 10 10 R2

Dia.05 13
1
N/Fout
Gradi 16 16
N
[3]
diA.04 rEF.18
diA.02

Figure B.4
Ean1 1 R1 1
[1] [4] R3
Ean2 2 R2 2
[1] [4] 1
n.c. 3 R3 3
[1] [4]
n.c. 4 R4 4
[1] [4]
N-No 5 5 [3]
rEF.19
Idm/Irea 6 6

Iqm/Iatt 7 AUX2 7 AUXb1


R4
[2] [3]
Tqo 8 8
[8] 1
Tq 9 9 N 40 /Frif

P 10 10 -

Dia.06 13 N/Fout rEF.20

Gradi 16 16
GT1000

IMGT10002IT - settembre ’06


rEF.05 F5:REFERENCE
GT1000

RIF1 1 F5:RIFERIMENTI
[2]
[2] RIF2 2

rEF.07 3
Mux1
rEF.08 4
(*)da FW/RV 5 CF1 [3]
Ser 6

Freq 7
Mux2
(**)Mp 8
CF2 [3]

IMGT10002IT - settembre ’06


rEF.09

rEF.06 CF1 [3]


Mot.19

RIF1 1
[2]
RIF2 2 rEF.10
[2]
rEF.07 3
CF3 [3] + Mon.08 RPM (FOC) [7]
rEF.08 4
(*)da FW/RV 5 + Hz (V/F) [6]
rEF.11
6

Figure B.5
Ser

Freq 7 X
CF1 [3]
Mot.20
(**)Mp 8

rEF.12

CF2 [3]
rEF.15

1 2 3 4

Mux1 Mux2 Ser PID


rEF.13

CF1 [3] rEF.16 (%)


*)FW/RV Taken by reference sign
*)FW/RV ricavati da segno riferimento
rEF.14
**)MP=Motor potentiometer
**)MP=motopotenziometro

K% (DEFAULT 100)
[2]
Appendice B- Schemi a blocco

135
136
F6: RAMPS LIMITATIONS, V/F (v/Hz) CURVE
F6: RAMPE LIMITAZIONI, CARATTERISTICA V/F (v/Hz)

tu
+
V* V
V
tv +
f

tw Fb
Appendice B - Schemi a blocco

Phase
Fase
RAMPS ROUNDING
ARROTONDAMENTO RAMPE VOLTAGE
COMPENSATION
COMPENSAZIONE
TENSIONE
rPS.17
BOOSTER

Figure B.6
iu
iv
Freq. Mon.08 + Mon.07 + Mon.04
[5] iw
+ -

ACTIVE RAMPS SELECTION reactive


SLIP SELEZIONE RAMPE ATTIVE reattiva 2
COMPENSATION iu
COMPENSAZIONE LIMITATIONS iv
SCORRIMENTO
LIMITAZIONI active iw
Fw Rw RP1
attiva 3
RP2
RP3
Phase
Fase
Mon.04
active active
attiva rPS.01 rPS.09
rPS.08 rPS.16 attiva

Mon.03
f
GT1000

IMGT10002IT - settembre ’06


F7: RAMPS,VECTOR CONTROL (F.O.C.)
F7: RAMPE,CONTROLLO VETTORIALE (F.O.C.)
GT1000

q tu
RAMPS ROUNDING
ARROTONDAMENTO RAMPE

tv

Ø* rPS.17
tw

IMGT10002IT - settembre ’06


Phase Ø
Fase

Giri/round Mon.08 Mon.07 Mon.07


[5] [8]

ACTIVE RAMPS SELECTION


SELEZIONE RAMPE ATTIVE
iu

Figure B.7
iv
Mon.04
RP1 iw

RP2

RP3

reactive
reattiva 2
iu
iv
rPS.01 rPS.09
rPS.08 rPS.16 active iw
attiva
3

Fase

Wst

+ Mon.03
from encoder f
dall'encoder +
Appendice B- Schemi a blocco

137
138
F8: SPEED REGULATOR AND TORQUE REFERENCE
F8: REGOLATORE DI VELOCITA' E RIF. DI COPPIA
FROM CONFIGURATION
Sid.04=0 PARAMETERS
DA PARAMETRI DI
CONFIGURAZIONE
+
CI C
FROM MAIN P

-1
Z

CNI
+ +
N0 Tpa Torque term I from PID
[7] Mon.07 X
+ Termine di coppia I dal PID C
Appendice B - Schemi a blocco

-
N
P
+
Tp Torque term from PID rEc.08=1 Tqo (torque request)
X
Mon.02 + Termine di coppia dal PID Tqo (richiesta di coppia)
+
+ Mon.10
D +
rEc.08=1 CN CN FROM CONFIGURATION
Sid.05=0 PARAMETERS
-1 (ADD_TP) DA PARAMETRI DI
Z X CONFIGURAZIONE
- -
+ C FROM MAIN P
DA RETE P
Tqo

Figure B.8
2 3 4 5 6

rEc.10
SCHEDA ESPANSIONE

Tser RIF1 RIF2 Tint from tecnologic function


[2] [2] [9] da Funzione Tecnologica
rEc.08
rEv.01
Sid.09=0
Tser 2
RIF1 3 rEv.05 N>rEv.04
[2] I
I FROM MAIN P
T Torque reference rEv.02
RIF2 4 I DA RETE P
[2]
Tint 5 T Rif. di coppia Sid.08=0
[9]
from Tecnologic function rEv.06 N>rEv.04
6 P
da Funzione Tecnologica rEv.03 I FROM MAIN P
I DA RETE P
Sid.10=0

rEv.07 N>rEv.04 D
I FROM MAIN P
I DA RETE P
GT1000

IMGT10002IT - settembre ’06


F9: COUPLE LIMITS
GT1000

F9: LIMITI DI COPPIA


rEc.01

K+
[2]

IMGT10002IT - settembre ’06


N C,CI
[8]
rEc.
09=2
,rEc
.09=
4

Figure B.9
Mot.04(Mot.15)

9=4
rEc.0
9=3,
rEc.0
N CN,CNI
[8]

K- Ki
[2] [2]

Tint [8]
X X

rEc.02 rEc.11
Appendice B- Schemi a blocco

139
Appendice B - Schemi a blocco GT1000

140 IMGT10002IT - settembre ’06


APPENDICE C INTERFACCIA PC
1 Introduzione
Il software di interfaccia diagnostica consente di interfacciare un personal computer ad un inverter della serie GT1000 ( anche delle precedenti
serie SVTS-B o SVTSplus-B).
Il programma consiste in una applicazione windows, e richiede il sistema operativo Microsoft Windows 98 Windows NT oppure Windows 2000.
In questa release sono possibili le seguenti operazioni:
- Riconoscimento automatico del tipo di inverter, della release software e del numero della stazione dell’azionamento (S-L.13).
- Backup dei parametri dell’azionamento e salvataggio in un file in formato testo (upload).
- Visualizzazione di tutti i parametri con possibilità di modifica on-line.
- Possibilità di visualizzazione e di modifica di parametri di un file di backup.
- Possibilità di salvataggio dello stesso file sotto altro nome.
- Possibilità di scaricare un file di parametri sull’azionamento (download).
- Possibilità di stampa dei parametri.
- Help in linea.
Quando ci si collega al drive e si attiva l’upload dei parametri, il programma crea automaticamente il file di backup con la seguente
denominazione:
parsvs.xxx’, dove ‘xxx’ indica il numero dell’inverter collegato. Esempio: parsvs.009 è il file di backup dell’inverter con indirizzo
seriale S-L.13 uguale a 9.
2 Installazione
Per l’installazione è sufficiente un doppio clic sul file setup.exe. Una procedura automatica guida l’utente all’installazione del programma e
crea all’interno della directory “programmi” una directory chiamata “Elco” che contiene oltre all’eseguibile anche i vari files di configurazione.
I files di configurazione sono files di testo che contengono informazioni relative ai parametri dell’inverter (indirizzo seriale, minimo, massimo,
default,…) per una determinata versione software dell’inverter ed hanno il seguente nome:
- ‘svs5xx’, per i files relativi agli inverter della serie GT1000 dove ‘xx’ sono due cifre che indentificano la release software della
eprom montata sull’inverter.
All’atto del collegamento il programma riconosce automaticamente il tipo di inverter e si collega utilizzando il file di configurazione relativo.
3 Collegamento
Il GT1000 ed il PC sono connessi tramite un cavo come quello riportato nella figura sottostante (devono essere collegati solo i pins 2,3 e 5).

INVERTER ⇐ ⇒ PC

Fig. 3.1
Il cavo va poi inserito dal lato inverter nel connettore telefonico X3 della scheda di
controllo, sfruttando l’apposito adattatore riportato in figura (codice 1000007127):
Sulla medesima scheda devono inoltre essere configurati i 2 jumpers JP4 e JP5
nelle posizioni 1-2 come evidenziato nel topografico di seguito (la piazzola
quadrata identifica il pin 1).
U16 U26
JP5
JP4

U28

X3

JP6
KE1 JP2
E JP9
JP3

XM1

IMGT10002IT - settembre ’06 141


Appendice C – Interfaccia PC GT1000

3.1 Configurazione seriale


Per ottenere il collegamento tra PC e inverter, si deve configurare la comunicazione seriale RS232 con protocollo ANSI-X3.28 e uscita sul
connettore telefonico X3.
E’ possibile l’impostazione automatica del collegamento seriale: con il morsetto 10 aperto (DREN) si va sul parametro Fn7.09 fino a leggere la
scritta “Pc232“.
Una volta confermata tale impostazione o con la pressione del tasto “freccia a destra” o con il ritorno automatico a “rdy ”, una routine apposita
provvederà ad effettuare le programmazioni necessarie ed il reset automatico.
Se eseguita manualmente la configurazione della seriale richiede di impostare i parametri della famiglia “S-L” come in tabella 3.1. Dopo averli
impostati, bisogna spegnere e riaccendere l’inverter oppure attuare la procedura di reset software.
A. B. Parametri S-L
C. Parametro valore
D. S-L.01 1
E. Abilitaz. S-L.02 0
seriale
F. S-L.04 0
G. S-L.05 0
H. S-L.10 1
I. S-L.11 1
J. S-L.12 9600
K. Indirizzo S-L.13 ≠0
del drive
Tabella 3.1.
Alla fine del collegamento via PC, per disattivare la seriale è sufficiente impostare il parametro S-L.02 ad 1 e resettare l’azionamento.

4 Modalità di utilizzo del programma


La schermata iniziale con cui si avvia il programma e’ la seguente:

Tasto inizializz. Seriale (TTY)


Tasto apertura file
Fig. 4.1
Da qui si possono scegliere 2 modi principali di funzionamento:
1) Funzionamento on-line ovvero collegamento diretto via seriale con un inverter
2) Funzionamento off-line ovvero apertura di un file di parametri già esistente
4.1 Funzionamento on-line
Il tasto TTY permette di inizializzare la seriale, stabilendo l’indirizzo del drive (parametro S-L.13) e la porta di uscita utilizzata dal PC (COM1 o
COM2). Una volta che si è inizializzata la porta si preme il tasto rappresentato dal telefono che riconosce la release software, carica il relativo
file di configurazione e attiva il collegamento con l’inverter.
A questo punto la schermata che si presenta è la seguente (Fig.4.1.1).

Tasto Upload Tasto attivazione collegamento

Relese software Indirizzo del drive File di configurazione

Fig. 4.1.1
Il tasto con l’icona del “PC e freccia verso l’alto” attiva l’upload dei parametri dell’inverter che vengono così memorizzati in un file denominato
‘parsvs.xxx’, dove ‘xxx’ indica l’indirizzo seriale dell’azionamento collegato.
Alla fine del processo di upload viene abilitato il tasto con la ‘P’ (figura 4.1.2), tramite il quale si accede alla possibilità di dialogare con
l’azionamento direttamente tramite tabelle relative a famiglie di parametri. Si possono visualizzare i parametri dell’azionamento, modificarli ed
eventualmente salvarli sullo stesso file o su un altro (tasto con l’icona del disco).

142 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice C – Interfaccia PC

Tasto salvataggio Tasto ‘P’ Tasto ‘Stop’

Fig. 4.1.2
Il tasto di Stop in questa situazione impedisce la modifica dei parametri dell’inverter collegato, dando la possibilità di creare un nuovo file di
parametri a partire da quello del drive stesso.
Tornando alla schermata di Fig.4.1.1 se si sceglie il tasto di apertura del file si apre un file di parametri già esistente. In questo caso si
visualizza la schermata seguente (Fig.4.1.3) con attivo anche il tasto di Download. Premendolo si scarica sul drive collegato il file di parametri
che si è appena aperto. Questo permette ad esempio di programmare in breve tempo più inverter configurati allo stesso modo.

Tasto Download
Fig. 4.1.3
4.2 Funzionamento off-line
Dalla schermata iniziale (Fig.4.1) premendo subito il tasto di apertura file si entra nel modo di funzionamento off-line: senza collegarsi
all’inverter è possibile visualizzare i parametri relativi ad un file di backup di un certo azionamento creato precedentemente.
Prima di poter aprire il file di parametri, il programma richiede di selezionare il file di configurazione (Fig.4.2.1).
I files di configurazione sono files di testo e
contengono informazioni relative ai parametri del
drive (indirizzo seriale, minimo, massimo, default,…)
per una determinata versione software dello stesso. I
file di configurazioni sono contenuti nella directory
“data” all’interno della directory “Elco”.

A questo punto valgono le stesse metodologie per il


cambiamento dei parametri ‘online’, solo che i
parametri sono relativi ad un file. Alla fine dei
cambiamenti è poi possibile tornare alla modalità
‘online’, e quindi scaricare su un inverter il file di
parametri appena creato.

Fig. 4.2.1

IMGT10002IT - settembre ’06 143


Appendice C – Interfaccia PC GT1000

4.3 Parametri

La presentazione dei parametri (tasto P) avviene


tramite una tabella principale, che raggruppa in 3
famiglie i parametri del drive. Si accede al gruppo
di parametri interessato evidenziando la casella e
premendo due volte il tasto sinistro del mouse.
Nella tabella relativa ad ogni gruppo appare (da
sinistra verso destra) l’indirizzo seriale del
parametro, il nome, il valore attuale, i valori minimo
massimo e quello di default.
Le caselle che rappresentano il valore attuale
hanno uno sfondo verde (Fig.4.3.1) se il valore del
parametro è diverso da quello di default.

Fig.4.3.1
Per alcuni parametri la scelta del valore avviene tra un certo numero di possibilità fisse (selettori). La scelta in questo caso si attiva con il
pulsante evidenziato nella figura seguente.

4.4 Stampa parametri

Si possono stampare i parametri mediante il tasto


‘Print’. Per fare questo bisogna prima selezionare
almeno una delle 3 famiglie di parametri. Per
selezionare una famiglia basta premere con il mouse
sopra i tasti con i nomi delle famiglie dei parametri.
Selezionando tutte e 3 le famiglie si ha la stampa di tutti
i parametri dell’azionamento.

Fig. 4.4

144 IMGT10002IT - settembre ’06


APPENDICE D OZONIZZATORE
1 Introduzione
L’ozonizzatore è un dispositivo per la produzione industriale dell’ozono (O3). Il sistema prevede un ‘ampolla nella quale viene iniettato
ossigeno (O2). L’ampolla è sottoposta, poi, attraverso un’apparecchiatura elettrica a campi elettrici di frequenza ed ampiezza elevati. Il campo
elettrico applicato porta alla formazione di ozono.
L’inverter è utilizzato per produrre una tensione di uscita a frequenza (500-1000Hz) ed ampiezza regolabili separatamente.
Tra 2 fasi di uscita dell’inverter viene collegato uno speciale trasformatore elevatore. Il secondario di questo viene collegato all’elettrodo
sull’ampolla.

Linea / Mains

O2

~
Inverter

Ampolla
~ Bulb
Trasformatore
Transformer

O3

Figura 1. – Schema di principio “ozonizzatore”

Il GT1000 dedicato al comando di un “ozonizzatore” prevede la eprom 1Goz04B1.


Per l’installazione, i dati elettrici, la manutenzione, ecc.. fare riferimento al manuale standard dell’inverter (codice: IMGT10001IT)

E’ previsto un firmware dedicato a tale applicazione

Versione SW: 1Goz06B1


Data: 01/10/06

Nota: Variazioni rispetto alla precedente versione 1Goz04B1

E’ stata tolta completamente la dipendenza della tensione di uscita dalla frequenza, cosa che avveniva attraverso il parametro Vvf.02=500.
Adesso il parametro Vvf.02 è completamente ininfluente. La tensione uno volta fissata (attraverso analogica o parametro interno Vvf.01)
rimane costante su tutto il campo di frequenze d’uscita (500-1000Hz).
E’ stata aumentata la risoluzione della modulazione della tensione di uscita, permettendo una regolazione più fine sia attraverso l’analogica 2
(morsetti 16-17), sia nel caso si utilizzi il parametro interno Vvf.01 (il parametro ora si presenta con il punto decimale, quindi ha un range
0.0÷100.0).

IMGT10002IT - novembre ’06 145


Appendice D - Ozonizzatore GT1000

1.1 Codice di identificazione

S1GT 125 F B N F N N 90
SERIE
TAGLIA IN KVA (KVA=In*400V*1.73)
TENSIONE D’INGRESSO F = 380V/480Vac
G = 500Vac
SCHEDA DI CONTROLLO B = Base (V/Hz)

FILTRO RFI F=Montato


N=Assente

FIELD BUS N=Assente


SUFFISSO 90 = Ozonizzatore

1.2 Targhetta
Una targhetta è presente su qualsiasi GT1000 e riporta i dati di targa.
(a)
Tipo di inverter

Numero di serie, Data di collaudo

Ingresso
Tensione, Frequenza, Numero fasi
Corrente, Max. corrente di cortocircuito
simmetrica
Alimentazione ausiliaria, Tensione, Frequenza,
Numero fasi,
Corrente assorbita

Uscita
Potenza
Tensione, Frequenza, Numero delle fasi

Corrente

146 IMGT10002IT - novembre ’06


GT1000 Appendice D - Ozonizzatore

2 Dati elettrici

“F” = ( 380 - 480 VAC )

Taglia-Frame
Corrente Uscita Corrente Ingresso Potenza uscita Filtro RFI Reattore

Field Bus
RFI Filter
GT1000

Suffisso
Voltage

Keypad
Control
[@400Vac] di ingresso
Brake Monofase Trifase
KVA

A A KVA SAP Code SAP Code


S1GT 0P3 F B B N N N 90 I 3,8 2,7 1,5 ELC22386201
S1GT 0P4 F B B N N N 90 I 5,6 3,9 2,2 1000007130 ELC22386201
S1GT 0P6 F B B N N N 90 I 9,2 6,4 3,7 ELC22386201
S1GT 008 F B B N N N 90 II 12 8,4 4,8 ELC40969901 ELC22386201
S1GT 011 F B B N N N 90 III 16 11,2 6,4 ELC40969902 ELC22386201
S1GT 015 F B B N N N 90 III 21,0 14,7 8,4 ELC40969902 ELC22386201
S1GT 018 F B B N N N 90 III 25,0 17,5 10,0 ELC40969902 ELC22386202
S1GT 022 F B B N N N 90 IIIX 32,0 22,4 12,8 ELC40969903 ELC22386203
S1GT 028 F B B N N N 90 IIIL 40 28 16 ELC40969903 ELC22386203
S1GT 036 F B B F N N 90 IIIN 48,0 33,6 19,2

S1GT 045 F B N F N N 90 IVN 61,0 42,7 24,4

S1GT 066 F B N F N N 90 IVN 90,0 63 36,0 Interni

S1GT 086 F B N F N N 90 VN 110,0 77 44,0

S1GT 125 F B N F N N 90 VIN 176,0 123 70,4

S1GT 182 F B N N N N 90 VII 234,0 164 93,6 ELC40732505 ELC22386208


S1GT 216 F B N N N N 90 VII 300,0 210 120 ELC40821101 ELC22386209
S1GT 258 F B N N N N 90 VII 360,0 252 144 ELC40821101 ELC22386210
S1GT 292 F B N N N N 90 VII 378,0 264,4 151,2 ELC40821102 ELC22386210
S1GT 340 F B N N N N 90 VII 500,0 349,7 200 ELC40821107 ELC22386211
S1GT 420 F B N N N N 90 VII 550,0 384,6 220 ELC40821107 ELC22386212

“G” = ( 500 Vac )


S1GT 258 G B N N N N 90 VII 360 252 180 ELC40821102 ELC22386210

IMGT10002IT - novembre ’06 147


Appendice D - Ozonizzatore GT1000

DATI TECNICI
NORME
IEC 146.2
EN61800-3 (EMC)
EN 50178 (Bassa tensione)
CONDIZIONI AMBIENTALI
Temperatura lavoro: 0-40°C (declassare del 1% per ogni °C, 55°C max)
immagazzinamento: da-20 a +70°C
Umidita’ relativa: 95% (senza condensa)
Altitudine s.l.m: 1000m. (declassare del 1% per ogni 100m max 3000m)
Grado di protezione: IP20 (protetto contro i contatti accidentali)
Raffreddamento: con ventilatore integrato
COLLEGAMENTO ALLA RETE
Tensione trifase: F=380-480V ±10% G=500V ±10%
Frequenza: 48-63Hz
Fattore di potenza: >0,98 (con reattore di linea)
Rendimento: >0,98 (50Hz- carico nominale)
COLLEGAMENTI AL CARICO
Tensione monofase: da 0 alla tensione di rete
Frequenza di uscita: 500-1000Hz
Frequenza di switching: 3-6 KHz
Risoluzione frequenza: 0,1Hz
Precisione frequenza 0,1% (comando analogico), 0,01% (comando digitale)
Sovraccarico: 150%x1min
COLLEGAMENTI DI CONTROLLO
N°1 ingresso analogico differenziale config.: 0 - ±10V, 0/4-20mA 10bit+ s
N°1 ingresso analogico configurabile: 0 - ±10V, 0/4-20mA 10bit +s
N°1 uscita: +10V - 5mA (protetta contro corto circuito)
N°1 uscita : 0 -10V tarabile e configurabile
N°2 uscite a relé (NA) : 1°DRIVE OK, 2° configurabile
N°6 ingressi digitali (24Vcc) optoisolati (3 configurabili)
FUNZIONI STANDARD
Controllo scalare (V/Hz) Ripartenza dopo mancanza rete
Frequenza di uscita regolabile Contaore di funzionamento
Tensione di uscita regolabile Indicatore guasti (con codifica protezioni su tre LED)
Limiti di frequenza minima e massima Memorizzazione delle ultime 10 protezioni intervenute
Auto-reset e autorestart Codice di accesso (password)
PROTEZIONI OPZIONI ED ACCESSORI
Guasto errore CPU Reattore di ingresso (standard per S1GT036-125FB)
Sovracorrente Filtro RFI (standard per S1GT036-125FB)
Sovra/sottotensione Convertitore 0-10V / (0)4-20mA optoisolato,due canali.
Sovratemperatura inverter Field-bus: Profibus-DP
Mancanza fase di ingresso Tastierino (3 led di stato, 10 pulsanti, 5 led a 7 segmenti)
Strappo riferimento (4-20mA) Kit remotaggio tastierino (2m)
Corto circuito tra le fasi e verso terra (in uscita)
Guasto trasduttori di corrente
Perdita comunicazione seriale
Protezione esterna

148 IMGT10002IT - novembre ’06


GT1000 Appendice D - Ozonizzatore

2 Collegamento
Il carico deve essere collegato ai morsetti V e W (il morsetto U non è collegato).
L’ingresso analogico 1 (morsetti 14-15) è usato come riferimento di frequenza di uscita. L’ingresso analogico 2 (morsetti 16-17) può essere
usato per impostare la di tensione di uscita (impostando rEF.06=2).

S1GT......90
SZ
TR
R L1 U
L
*
S L2 FILTRO V
RFI I CARICO
T L3 W

PE PE

1
2 RL1 DRIVE OK

3
4 RL2

5 FW
6 RV
7 COM1
8 COM2
9 COM3 (reset)
10 DREN
11 24V
0V I/O
12

+10V/5mA Ingresso +/-10V 4-20mA


13

JP2
Ingresso
+/-10V 4-20mA 14
Pot. JP9
5 Kohm Ean1
15 475R

Ingressi analogici
Ingresso 0/10V 4-20mA 16
JP3
Ean2
17 475R

18 Uscita analogica 1 0/10V


PWM0

19

20 B-RS485 TX/RX

21 A-RS485 TX/RX

Figura 2. – Esempio di collegamento

(*) Il filtro è interno per le taglie S1GT033 – 121, esterno per tutte le altre taglie.
** L’utente deve essere prevedere un adeguato reattore di uscita o uno speciale trasformatore in funzione delle caratteristiche dell’ampolla.

IMGT10002IT - settembre ’06 149


Appendice D - Ozonizzatore GT1000

3 Programmazione

XM1 Funzione Descrizione XM1 Funzione Descrizione


1-2 RL1 Relè DRIVE O.K.- (1A-220Vac-carico R.) 13 +10V +10Vdc 5mA
3-4 RL2 Relè configurabile (1A-220Vac-carico R.) 14 + Ean1 Ingresso analogico differenziale 1: +/- 10V
5 Start MARCIA / Marcia 15 - Ean1 (configurabile)
7/8/9 COM1/2/3 Ingressi digitali configurabili 16 Ean2 Ingresso analogico 1: +/- 10V (configurabile)
10 DREN Drive Enable 17 0V Comune ingressi/uscite analogici - 0V analog I/O
11 24Vdc (100mA) Alimentazione Ingressi digitali 18 Analog 1 Uscita analogica 1 (0/10V)
12 0V I/O digitali / 0V

E’ possibile regolare tensione e frequenza di uscita separatamente.


Regolazione della frequenza
La frequenza di uscita puo’ essere regolata da 500Hz a 1000Hz.
Il riferimento puo’ essere impostato o con un segnale analogico all’ingresso 1 (morsetti 14-15) oppure con il parametro rEF.07 direttamente in
Hz.
Nel caso di riferimento da analogica, rEF.01 e rEF.02 stabiliscono gli Hz ad inizio e fine scala. Sono attivi inoltre sull’ingresso i parametri di
offset, guadagno e filtro (Ain.01/02/03) e di configurazione (Ain.15).
Per cambiare la sorgente di riferimento occorre modificare il parametro rEF.05 (schema a blocchi).
N.B.: Tutti i parametri che indicano frequenza sono senza virgola. L’unità di misura è: Hz.
La frequenza di modulazione a multipla della frequenza di uscita di un fattore 6. (es: rEF.07=650Hz ⇒ FPWM=6x650=3900Hz)
Regolazione della tensione
La tensione di uscita di default viene impostata dal parametro Vvf.01, (in % della tensione di rete).
E’ possibile variare la tensione anche da segnale esterno (analogica 2) impostando rEF.06=2 (vedi schema a blocchi).
Per questo ingresso rimangono attivi i parametri di offset, guadagno e filtro (Ain.04/05/06) e di configurazione (Ain.16).

rEF.05
14-15 Mot.19
(+/-10V/4-20mA)
1 rPS.01 ramp Frequenza di uscita
Output frequency
(Mon.03)

3
rEF.07 rPS.09
Mot.20

rEF.06

1
Vvf.01 Tensione di uscita
Output voltage

16-17
(0/+10V/4-20mA)
2

Figura 3. – Schema a blocchi frequenza/ tensione di uscita

150 IMGT10002IT - settembre ’06


APPENDICE E PROFIBUS DP
1 Parte Generale
1.1. Montaggio
Per utilizzare il Profibus-DP si deve essere in possesso del kit SVGTPDP (codice ELC452658). Il kit contiene la scheda SUPRB che viene
montata sopra la scheda di controllo dell'inverter (GSCMA) al connettore K4 come illustrato in figura 1.

DADO IN NYLON M4

SCHEDA PROFIBUS SUPRB

VITE IN NYLON M4

DISTANZIALE NYLON
DISTANZIALE M/F M3x15
METALLICO
M/F M3x12

SCHEDA CONTROLLO

Fig. 1 (disegno indicativo)


Il Profibus non esclude l’utilizzo contemporaneo del tastierino oppure della seriale RS232 (protocollo ANSI-x3.28-2.5-A4) sul connettore X3.

Scheda “SUPRB”
Significato dei 3 led:
HL3 SJ3
X2 • HL2 (Led Rosso) Indica che l’azionamento é entrato in scambio dati
HL4 SJ4 con il master PROFIBUS (le inizializzazioni del protocollo sono
SJ1 HL2 andate a buon fine e lo scambio dati avviene correttamente).
• HL3 (Led Verde) Indica che la scheda è alimentata correttamente.
SJ2 • HL4 (Led Giallo) Riservato.
X1
X4

µC
K2

K1
Flash eprom

X3

Fig. 2 Topografico della scheda SUPRB.

IMGT10002IT - settembre ’06 151


Appendice E – Profibus DP GT1000

1.2. Modalità di impiego


Per utilizzare il protocollo Profibus-DP fare riferimento al manuale dell’inverter GT1000 nei capitoli 7.8.15, 7.8.16 e 7.8.17. In generale si deve:
1) Porre S-L.02=0 per abilitare la comunicazione seriale.
2) Porre S-L.01=3 per abilitare il protocollo Profibus oppure SL.01=4 se si utilizza anche la seriale RS232.
Per rendere operativi questi parametri bisogna:
a) accendere e spegnere l’inverter oppure
b) fare un reset software (cap.7.4 del manuale) che si ottiene: premendo contemporaneamente per un paio di secondi i tasti SHIFT e RESET
con il morsetto 10 aperto (DREN).
1.3. Dati utili
I dati utili (parametri dell’inverter) si distinguono in: dati di configurazione
dati di processo
I dati di processo (PZD) sono parametri dell’inverter che sono continuamente spediti e letti dal Master PROFIBUS e letti e spediti
dall’azionamento (SLAVE). Tali parametri sono processati dal loro arrivo su scheda Profibus in un tempo massimo di 4ms. Il loro valore non
viene salvato in eeprom.
Alla riaccensione dell’azionamento i parametri di processo assumeranno i valori di default. Ai dati di processo appartiene, senza possibilità di
esclusione, il parametro dei comandi Mon.17 (cap. 2.2.1 di questa appendice).
I dati di configurazione (PKW) sono tutti i parametri dell’inverter. Essi possono essere letti e scritti solo su richiesta dell’utente e vengono
processati dal loro arrivo su scheda Profibus in un tempo massimo di 8ms. Il loro valore viene salvato in eeprom se:
1. il parametro è visualizzato su tastierino
2. è posto a 1 il bit 3 della prima word del messaggio PKW.
I dati di configurazione normalmente possono essere cambiati anche se il Drive-Enable da Profibus è attivo, cioè se il bit 7 del parametro dei
comandi Mon.17 è uguale a 1.
I dati di processo e i dati di configurazione sono gestiti da protocolli diversi, come descriveremo in seguito.
1.4. Protocollo Generale
Nello standard PROFIBUS-DP il messaggio viene chiamato PP0 (parameter-process data-object), che è a sua volta diviso in due parti: PKW
(Parameter ID/Value) e PZD (Process Data).
Nel campo PKW si trasmettono e ricevono i parametri di configurazione degli Slaves mentre nel PZD sono contenuti i dati di processo. Sono
definiti cinque tipi di PPO.

PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
......../
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.
word word word word word word word word word word word word word word

PPO1
PPO2
PPO3
PPO4
PPO5
Esiste un PP0 in ingresso al master e uno in uscita.
Con il parametro S-L.14 si sceglie il tipo di messaggio che si vuole spedire (il numero inserito coincide con il tipo di PPO). Questo
parametro viene accettato dall’azionamento solo se viene spento e riacceso o con un reset software. Non è possibile avere un PPO di
lunghezza differente in input e in output al master.
Il numero di stazione dello slave (inverter) viene scelto mediante il parametro S-L.13, anche per tale dato l’accettazione avviene mediante
spegnimento e successiva riaccensione dell’azionamento o con un reset software.
Si riporta qui sotto la tabella dei parametri S-L.13 e S-L.14.

MINIMO MAX DEFAULT SIGNIFICATO


S-L.13 0 32 1 Ind. stazione
S-L.14 1 5 2 Tipo PPO

152 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice E – Profibus DP

2. Parametri di processo e di configurazione


2.1. Parametri di Processo
Si conviene per i parametri di processo (e per tutti i parametri in generale) di fare sempre riferimento al MASTER: essi sono quindi detti di out
se spediti dal master stesso e di in se ricevuti. Il viceversa si intende per lo SLAVE (che é sempre l’azionamento).
Ai parametri PZD appartiene, senza possibilità di esclusione: PZD1out = Mon.17 word dei comandi.
• I parametri di processo in ingresso al MASTER (uscita azionamento) possono essere nell’attuale release: Mon.02, Mon.03, Mon.04,
Mon.05, Mon.06, Mon.07, Mon.08, Mon.09 (test seriale), Mon.10, Mon.11, Mon.12, Mon.13, Mon.14, Mon.15 (*), Mon.16.
• I parametri di processo in uscita al MASTER (ingresso azionamento) possono essere nell’attuale release: Mon.17(word comandi), Mon.09
(riferimento velocità), Termine somma rif. vel/freq., Limite di coppia superiore, Limite di coppia inferiore, Rif. di coppia, Termine somma rif.
di coppia, Proporzionale PID, Integrale PID, Derivativo PID, Auxp1, Auxp2, Word command1, Rampa (gli ultimi quattro sono dedicati a
sviluppi futuri).
I parametri sopra menzionati possono diventare dati di processo se selezionati ponendo ad 1 i rispettivi parametri logici Sod.01÷Sod.16 e
Sid.01÷Sid.16. La modifica di questi parametri viene attivata solo se l’inverter viene spento e riacceso o viene fatto un reset di qualsiasi tipo
anche da remoto.
I parametri in ingresso al Master vengono scelti mediante i logici Sod.01÷Sod.16, mentre quelli di uscita mediante i logici Sid.01÷Sid.16 come
evidenziato dalle tabelle seguenti:
TABELLA DATI INGRESSO MASTER
MASTER Parametro da settare ad 1 per dato (letto) corrispondente
(Plc) selezionare il dato di processo
Sod.01 Mon.02 Giri motore
Sod.02 Mon.03 Frequenza di uscita
Sod.03 Mon.04 Corrente motore
Sod.04 Mon.05 Contatore termica
Sod.05 Mon.06 Tensione condensatore
Sod.06 Mon.07 Riferimento vel./freq.
Sod.07 Mon.08 Riferimento vel./freq. impostato
Sod.08 Mon.09 Rif. vel./freq. da seriale
Sod.09 Mon.10 Riferimento di coppia
SLAVE Sod.10 Mon.11 Reazione di coppia
(GT1000) Sod.11 Mon.12 Misura potenza
Sod.12 Mon.13 Aux1
Sod.13 Mon.14 Aux2
Sod.14 Mon.15 non attiva
Sod.15 Mon.16 Word Status
Sod.16 - -

N.B.: Per la lettura della word protezioni (Mon.18) vedere paragrafo 2.10.
TABELLA DATI USCITA MASTER
Parametro da settare per dato (scritto) corrispondente Abilitazione
MASTER selezionare il dato di processo funzionale
(Plc) Sid.01(sempre ad 1) Mon.17 Word Command S-L.02=0, S-L.01=3
Sid.02 Mon.09 Riferimento vel./freq. rEF.05 o rEF.06=6
Sid.03 / Termine in somma rif. rEF.15=3
Sid.04 / Limite di coppia sup. automatica
Sid.05 / Limite di coppia inf. automatica
Sid.06 / Riferimento di coppia rEc.08=2
Sid.07 / Term. in somma coppia rec.10=2
Sid.08 / Proporzionale PID automatica
Sid.09 / Integrale PID automatica
Sid.10 / Derivativo PID automatica
SLAVE Sid.11 (*) Aux1p (*)
(GT1000) Sid.12 (*) Aux2p (*)
Sid.13 (*) Word Commmand 1 (*)
Sid.14 (*) Rampa (*)
Sid.15
Sid.16
(*) sviluppi futuri

IMGT10002IT - settembre ’06 153


Appendice E – Profibus DP GT1000

2.2. Come scegliere i parametri di processo


Per scegliere i parametri di processo si procede nel seguente modo:
Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid
01 02 03 04 05 06 07 08 08 10 11 12 13 14 15 16
1 0 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
• supponiamo di aver selezionato mediante il parametro S-L.14=4 il protocollo PPO4
Cominciamo con i parametri in ingresso al MASTER, che può essere ad esempio un PLC.
Si supponga di voler selezionare: Mon.02, Mon.04, Mon.06, Mon.07, Mon.15, Mon.16
Si pongono a 1 i bit corrispondenti ai dati di processo che si vogliono selezionare.
Se si fossero selezionati più di 6 parametri l’inverter sarebbe andato in allarme (-ErPF) in quanto il protocollo PPO4 permette di selezionare
solo 6 parametri di processo. Tale allarme é resettabile solo con un rest software o riaccendendo l’inverter dopo aver corretto l’impostazione.
Passiamo ora ai parametri in uscita al master.
Si supponga di voler selezionare il Termine in somma rif. ed il Limite di coppia superiore, più naturalmente la Word Comandi (Mon.17) che
è sempre presente. Si imposta allora:
Se spegniamo e riaccendiamo l’inverter o facciamo un reset software, il master riceverà e trasmetterà i parametri selezionati nel seguente
modo.
Input master = output inverter
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10

1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.
word word word word word word word word word word word word word word
PPO4 non utilizzate Mon.02 Mon.04 Mon.06 Mon.07 Mon.15 Mon.16
Output master = input inverter
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10.
word word word word word word word word word word word word word word
PPO4 non utilizzate Termine Limite 0 0 0
“ in di
somma coppia+
I valori dei parametri di processo vengono spediti e ricevuti senza virgola. I parametri di processo devono, se necessario, anche essere abilitati
a livello funzionale.
Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod
01 02 03 04 05 06 07 08 08 10 11 12 13 14 15 16
1 0 1 0 1 1 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0

I dati di processo provenienti dal master vengono presi in considerazione solo se il sedicesimo bit del
ATTENZIONE ! parametro Mon.17 (word comandi) viene posto a 1. Pertanto si deve, prima di fare la prima scrittura, scrivere
tutti i parametri di processo, inviarli all’azionamento, successivamente mettere a uno il sedicesimo bit della
word comandi e inviare di nuovo tutto. Questo evita l’errore di dati inconsistenti nella linea all’inizio dello
scambio dati.

Con controllo V/F (drv.07=1) se si attivano tra i parametri di processo (in uscita dal master) il riferimento di
ATTENZIONE ! frequenza (Sid.02) o il termine in somma (Sid.03) è importante ricordare che per tali il valore minimo ammesso è
1 (corrispondente a 0,1Hz). Inviando il valore 0 si attiva la diagnostica del Profibus mandando probabilmente in
blocco il programma in esecuzione sul PLC.

NOTA: I parametri di processo non sono salvati in EEPROM.

154 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice E – Profibus DP

2.2.1. WORD DI STATUS (Mon.16) E COMMAND (Mon.17)


La word di stato Mon.16 (indirizzo 195) è un parametro di sola lettura. In funzione dello stato del parametro S-L.15 può assumere due
significati diversi. Con S-L.15=0 è lo stato dei morsetti di comando (hardware) dell'azionamento e va interpretato come una stringa di zeri ed uno.
Con S-L.15=1 invece è l’OR logico tra i morsetti e i comandi provenienti dalla seriale (escluso il DRIVE ENABLE che è in AND). Descriviamo il
significato dei singoli bit:
STATUS (Mon.16) Funzione Descrizione (S-L.15=0) Descrizione (S-L.15=1)
bit 0 RUN/FW 1 = morsetto 5 chiuso 1 = morsetto 5 chiuso OR bit0 di Mon.17=1
bit 1 FLUSSO/RV 1 = morsetto 6 chiuso 1 = morsetto 6 chiuso OR bit1 di Mon.17=1
bit 2 n.u. / 1 = bit2 di Mon.17=1
bit 3 n.u. / 1 = bit3 di Mon.17=1
bit 4 COM1 1 = morsetto 7 chiuso 1 = morsetto 7 chiuso OR bit4 di Mon.17=1
bit 5 COM2 1 = morsetto 8 chiuso 1 = morsetto 8 chiuso OR bit5 di Mon.17=1
bit 6 COM3 1 = morsetto 9 chiuso 1 = morsetto 9 chiuso OR bit6 di Mon.17=1
bit 7 Drive Enable 1 = morsetto 10 chiuso 1 = morsetto 10 chiuso AND bit7 di Mon.17=1
bit 8 Drive STATUS Stato inverter: 1=TRIP 0=NORMAL Stato inverter: 1=TRIP 0=NORMAL
bit 9-11 X X X
bit 12 X X X
bit 13-15 X X X
La lettura della word di stato è visibile sul display dell’inverter al parametro Mon.16. La codifica è la seguente:
RUN/FW DRIVE STATUS

COM2 FL/RV
COM3

COM1 RIFIN1 RESET

RIFIN2 DRIV.ENABLE

Esempio: se S-L.15=0 e sono chiusi i morsetti 10 (DRIVE EN.), 5 (RUN/FW) e 6 (FL/RV), in Mon.16 apparirà:

RUN/FW DRIVE STATUS

COM2 FL/RV
COM3

COM1 RIFIN1 RESET

RIFIN2 DRIV.ENABLE

Attraverso il Profibus abilitando la lettura della word di status (Sod.15=1) si leggerà il valore in base dieci (131=128+2+1).
La parola di comando (Command) trasmessa via seriale viene scritta in Mon.17 (indirizzo 196). La codifica sul parametro Mon.17 è
direttamente in formato esadecimale.
La scrittura avviene solo a livello di memoria RAM, non c’è memorizzazione in EEPROM. All'accensione essa viene automaticamente messa a
zero.
La corrispondenza tra i bit della parola trasmessa ed i comandi è la stessa già descritta per la word di stato (si veda la tabella seguente).
COMMAND (Mon.17) FUNZIONE DESCRIZIONE
bit 0 MARCIA/ FW 1 = dà la marcia/FW in OR con il morsetto 5
bit 1 FLUSSO / RV 1= attiva la funzione FLUSSO/RV in OR con il morsetto 6
bit 2 RIFIN1 1 = attiva la funzione programmata (default = non usato)
bit 3 RIFIN2 1 = attiva la funzione programmata (default = non usato)
bit 4 COM1 1 = attiva la funzione programmata (def.= CF1) in OR con morsetto 7
bit 5 COM2 1 = attiva la funzione programmata (def.= CF2) in OR con morsetto 8
bit 6 COM3 1 = attiva la funzione programmata (def.= RESET) in OR con morsetto 9
bit 7 Drive Enable 1 = abilita i comandi se il morsetto 10 è chiuso sul morsetto 11
bit 8-14 X X
bit 15 X 1= dati consistenti su linea Profibus
Si sottolinea che: quando il drive è sotto il controllo della seriale, S-L.02=0 è in grado di ricevere i comandi attraverso la scrittura di Mon.17.
Se il parametro S-L.03=0 i comandi hardware, normalmente ricevuti via morsettiera, rimangono attivi e sono in OR con quelli ricevuti via seriale.

IMGT10002IT - settembre ’06 155


Appendice E – Profibus DP GT1000

L'unica eccezione riguarda il morsetto di abilitazione 10. Il comando di Drive Enable, infatti, è gestito mantenendo prioritario l'ingresso hardware.
Dunque:
*) se il morsetto è aperto l'inverter è sicuramente in disable (rdy). Il comando da seriale, bit 7 di Mon.17, non è sufficiente ad abilitare il dispositivo.
**) se invece il morsetto 10 è chiuso (e S-L.03=0), sta alla seriale confermare o meno l'abilitazione dell'inverter: con un 1 sul bit 7 di Mon.17 essa
può dare l'Enable e rendere operativi i comandi di marcia/arresto. Con uno 0 può disattivare il dispositivo lasciando in rotazione libera il motore.
Con il parametro S-L.03=1 invece i comandi attivi sono solo quelli hardware (morsettiera).
Esempio: sia effettuato il collegamento tra i morsetti 10 e 11 ed S-L.03=0. Una Command = 80A1 in Mon.17 (cod. esadecimale) significa:
- inverter abilitato,
- comando di marcia,
- attivo il riferimento rEF.09
- dati coerenti su linea Profibus
Il “riferimento da seriale" indicato nello schema a blocchi come “Ser”. è indirizzato sul Mon.09. Dopo aver selezionato al valore 6 il parametro
rEF.05 o rEF.06 e reso attivo con i contatti (o comandi equivalenti) CF1, CF2 e CF3, si può cambiare il riferimento attraverso la seriale secondo
le esigenze del ciclo di lavoro o del controllo senza interessare la memoria non volatile dell'inverter. E' chiaro, infatti, che attraverso la seriale si
potrebbe anche rendere attivo ad es. rEF.01 e si potrebbe variare il riferimento modificando il valore del rEF.01 stesso; questo modo di operare
è consentito ma è sconsigliato poiché coinvolge delle ripetute ed inutili scritture sulla EEPROM della scheda di controllo.

☞ AVVERTENZA La EEPROM permette solo un numero limitato di operazioni di scrittura.

2.3. Diagnostica sui parametri di processo


Gli errori sui parametri di processo, che riguardano esclusivamente i limiti di range, sono spediti mediante la diagnostica estesa. Si ricordi infatti
che lo standard Profibus-DP prevede 6 byte di diagnostica fissa, con la possibilità di estenderla fino a 16 byte nel caso di Master gestiti da
schede IM308-B (per altre schede vedi i manuali dei costruttori).
Nel nostro caso vengono spediti 16 byte compresi i 6 canonici. Il settimo byte indica la lunghezza del messaggio che nel nostro caso assume il
valore 10, l’ottavo byte è il codice di errore che nel nostro caso è 0 e il nono byte è l‘indirizzo del dato di processo sbagliato. Gli altri byte sono
codici di verifica che l’utente non deve prendere in considerazione.
Si consideri l’esempio precedente e si supponga di spedire per il Limite di coppia C+ il valore 350. Tale valore è fuori limite per il parametro
pertanto l’inverter spedirà la seguente diagnostica:
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 16
octet octet octet octet octet octet octet octet octet octet octet octet octet
* * * * * * Header. cod. err indiriz. + + + +
Simbologia:
• * : vedere norma DIN 19245 Profibus numero 3
• + : byte da non prendere in considerazione anche se sono scritti
• Header: lunghezza della diagnostica estesa.
• cod. error.: codice d’errore.
• indiriz.: indirizzo (posizione nel messaggio) del parametro di processo sbagliato.
Per vedere se l’inverter ha spedito una diagnostica estesa basta triggerarsi sul bit numero 7 dell’ottetto 3 della diagnostica standard. Tale bit
assume il valore 1 se è stata spedita diagnostica estesa e 0 altrimenti. Tale bit non viene resettato finchè sussiste l’errore.
Per quanto riguarda il valore dell’indirizzo che viene spedito si consideri l’esempio precedente:
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.
word word word word word word word word word word word word
PPO4 non utilizzate Mon.17 Termine in somma Limite di coppia+ 0 0 0
Si supponga di aver spedito per il Termine in somma il valore 6020 e per il per il Limite di coppia superiore+ il valore 390. L’inverter,
considerato che tali valori sono incompatibili con i limiti dei parametri, non li memorizzerà e spedirà la diagnostica estesa.
L’indirizzo del parametro sbagliato assumerà il valore 2.
Cio’ significa che il drive segnala l’indirizzo in base alla posizione del parametro nel messaggio PP0 sempre e solo l’ultimo parametro sbagliato
nel messaggio. Una volta corretto,quindi, il valore del parametro Termine in somma l’inverter manderà ancora la diagnostica estesa con
indirizzo pari a 1, in quanto il parametro Limite di coppia superiore C+ sarà ancora sbagliato. Una volta corretto anche quest’ultimo dato la
diagnostica estesa non sarà più spedita.
Quando un solo dato di processo è sbagliato tutti i parametri di processo arrivati con esso non sono memorizzati nell’azionamento. Questa
situazione perdura fino a che l’errore sul parametro sbagliato non viene corretto.
ATTENZIONE: Può verificarsi la seguente situazione. Consideriamo l’esempio precedente: se sbaglio il Termine in somma, il Limite di
coppia superiore C+ non viene memorizzato, ma se ad essere fuori limite è solo il secondo il primo parametro viene memorizzato la prima
volta, poi qualsiasi suo successivo cambiamento viene rifiutato fino a che permane l’errore sul secondo.

156 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice E – Profibus DP

2.4. Dati di configurazione

I dati di configurazione sono tutti i parametri dell'inverter.


I dati di configurazione possono essere memorizzati in eeprom (se permesso) in 2 modi:
• se visualizzati sul tastierino.
• Mettendo a 1 il bit 3 del messaggio della prima word del messaggio PKW.
I dati di configurazione vengono programmati mediante la parte del messaggio PPO denominato PKW. Si consideri per esempio il protocollo
PPO2 in input all’azionamento e in output al master
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6.
word word word word word word word word word word
PPO2 non utilizzate per i dati di configurazione
Si consideri il messaggio PKW in output al master.
La prima word serve per indicare il tipo di operazione richiesta, che può essere: nessuna operazione, lettura, scrittura.
Nessuna operazione
15 3 2 1 0
0 0 0 0
Lettura
15 3 2 1 0
0 0 0 1
Scrittura senza memorizzazione in eeprom del valore
15 3 2 1 0
0 0 1 1
Scrittura con memorizzazione in eeprom del valore
15 3 2 1 0
1 0 1 1
Nella seconda word (IND) del messaggio PKW in output dal Master è contenuto l'indirizzo seriale del parametro del drive che si vuole scrivere
o leggere.
N.B.: La lista completa degli indirizzi seriali dei parametri dell’inverter si trova nelle tabelle del manuale dell’inverter GT1000 al capitolo 7. In
alcuni parametri l’indirizzo è doppio poiché si differenzia tra controllo V/F (drv.07=1) e controllo FOC (drv.07=2).
La terza word del messaggio PKW in output dal Master per ora non viene presa in considerazione: va impostata a zero.
Nella quarta word del messaggio PKW in output dal Master viene posto il valore del dato in modulo a 2 nel caso venga richiesta una scrittura.
Si consideri ora il messaggio PKW in input al master.

Nella prima word (PKE) viene riportato il codice dell'operazione richiesta con l'eventuale bit 2 messo a uno se l'operazione richiesta non è
ammissibile o perchè si è chiesto un parametro inesistente o perchè si è cercato di impostare un valore fuori limite per il parametro. Il bit 3
(scrittura in eeprom) della word di output al master non viene riportato in quest’ultima word.
Nella seconda word (IND) ritorna l'indirizzo del parametro richiesto per l'operazione selezionata mediante la word PKE.
La terza word per ora è zero e non deve essere presa in considerazione dal Master.
Nella quarta word si ha il valore in modulo a 2 del parametro richiesto (se ha segno) se come operazione si è selezionata la lettura altrimenti il
valore che si è cercato di impostare con un'operazione di scrittura.
Se l'operazione richiesta non è andata a buon fine ritorna il codice di errore e la quarta word ha valore zero.
Nella pratica il protocollo per il down-load dei parametri funziona nel seguente modo:
• si invia dal Master il messaggio PKW voluto
• si aspetta prima di effettuare una nuova operazione l'eco-back della precedente richiesta.
Per illustrare meglio la procedura si consideri il seguente esempio: si vuole leggere il contenuto del parametro rEF.07 (ind=128) che si
suppone essere 1002.

IMGT10002IT - settembre ’06 157


Appendice E – Profibus DP GT1000

La composizione del messaggio in output al master sarà il seguente:


PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
STAT/ HZ/
COMM. gir/min
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6.
word word word word word word word word word word
PPO4 1 128 0 0 non utilizzate per i dati di configurazione
La composizione del messaggio in input al master dopo un certo tempo (tempo che dipende dalla elaborazione dell’azionamento e da ogni
quanto tempo viene spedito il PPO dal Master) sarà il seguente:
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
STAT/ HZ/
COMM. gir/min
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6.
word word word word word word word word word word
PPO4 1 128 0 1002 non utilizzate per i dati di configurazione
Solo dopo che è arrivato questo messaggio il Master può procedere a un'altra operazione. Il messaggio in output dal master deve rimanere
tale fino a che non arriva la risposta.
2.5. Esempio sull’utilizzazione dei parametri di processo e di configurazione
Per comprendere meglio il protocollo PKW e PZD si consideri questo esempio finale.
Consideriamo il messaggio standard PPO2 che permette l’invio di dati di processo (PZD) e dati di configurazione (PKW).
Come prima operazione si consiglia di scegliere con il parametro S-L.14 il valore 2 che corrisponde al messaggio standard PPO2. Poi si scelga
con il parametro S-L.13 il numero della stazione. Tale numero non può essere inferiore a 3 in quanto spesso per molti master il numero di
stazione 1 e 2 è vietato. Scelto il numero di stazione si passi a selezionare 6 dati di processo mediante i parametri Sod.xx e Sid.xx.
Si supponga di volere in output al Master i parametri: Limite coppia superiore, Limite di coppia inferiore, Ternine aggiuntivo rif. di coppia e
Proporzionale PID, oltre ai comandi e il riferimento di giri. Si programmeranno i bit Sid.xx così:
Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid Sid
01 02 03 04 05 06 07 08 08 10 11 12 13 14 15 16
1 0 1 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0
Supponiamo di volere in input al Master i parametri Mon.03, Mon.04 e Mon.11 oltre allo stato e ai giri del motore. Programmeremo i bit Sod.xx
così:

Dopo aver effettuato queste operazioni si metta il S-L.02 a 0 e quindi si accenda e si spenga l’inverter per far accettare i parametri appena
programmati (o si faccia un reset software).
Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod Sod
01 02 03 04 05 06 07 08 08 10 11 12 13 14 15 16
1 1 1 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 1 0
A questo punto se il master è in linea, ed è stato programmato dovutamente per vedere l’azionamento, dovrebbe comunicare con l’inverter.
Il master può leggere i dati di processo provenienti dall’azionamento e può spedire i parametri di processo all’inverter. L’inverter legge sempre
la word comandi (Mon.17) proveniente dal master e se trova il sedicesimo bit di tale parametro a 1 legge anche gli altri dati di processo. E’
consigliato all’inizio della comunicazione spedire al master tutti i parametri di processo una volta e poi successivamente rispedirli con il bit 15
della word comandi messo a 1. Questo accorgimento basta solo all’inizio della comunicazione.
Per completezza riportiamo l’esempio mediante illustrazioni.
Prima comunicazione. Messaggio in output dal master:
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6
word word word word word word word word word word
PPO2 non presi in considerazione 0 40 +50 -50 25 3000
Si ricordi che a parte Mon.17 l’inverter legge le word considerando i valori riportati in modulo a due, pertanto - 50 in esadecimale sarà FFB0H.

158 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice E – Profibus DP

Seconda comunicazione. Messaggio in output dal Master:


PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
COMM. HZ/
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6.
word word word word word word word word word word
PPO2 non presi in considerazione 8000H 40 +50 -50 25 3000
Dato che il sedicesimo bit della word comandi è a 1 l’inverter leggerà anche i successivi dati di processo
Terza comunicazione. Messaggio in output dal Master
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6
COMM. HZ
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6.
word word word word word word word word word word
PPO2 non presi in considerazione 8000H 40 +50 -50 35 3500
A questo punto anche se si cambiano i parametri di processo il sedicesimo bit della word comandi può rimanere a 1, non c’è bisogno di porlo a
0 e poi a 1.
Nel caso che il bit 15 della word comandi venga posto a zero l’inverter non prende più in considerazioni i parametri di processo provenienti dal
master, cioè mantiene l’ultimo valore spedito, ma ciò non vuol dire che non fornisca più i parametri di processo in input al Master.
In pratica per riassumere si consideri la seguente tabella.
DATI DI PROCESSO
N.° word input master=output inverter output master=input inverter
1 Mon.02 Command
2 Mon.03 Riferimento di giri
3 Mon.04 Limite coppia + C+
4 Mon.11 Limite coppia - C-
5 Status=Mon.16 Termine agg. rif. coppia
6 0 Proporzionale PID
I parametri selezionati come dati di processo non sono salvati in eeprom.
Si consideri ora di cambiare il valore del parametro rEv.01 (ind. 63). Questo è un parametro non appartenente al gruppo dei parametri di
processo.
Si consideri il messaggio PPO2 in output dal Master con la richiesta di scrittura del parametro numero 63 con il valore 3100.
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9 10
word word word word word word word word word word word word word word
PPO2 0003H 63 0 3100 Com. Rif. g. Cop+ Cop- S Cop P PID
Dopo un certo tempo, dipendente dal numero di slave sulla linea e dalle word scambiate, arriverà il seguente messaggio in input al master:
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9 10
word word word word word word word word word word word word word word
PPO2 0003H 63 0 3100 Mon02 Mon03 Mon04 Mon11 Mon16 0
Nel caso avessimo cercato di programmare il parametro con il valore 8500(>8000) il messaggio PPO2 di ritorno sarebbe stato il seguente:
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
COMM. HZ

1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9 10
word word word word word word word word word word word word word word

PPO2 0007H 63 0 0 Mon02 Mon03 Mon04 Mon11 Mon16 0

Notare che il secondo bit meno significativo della word PKE è 1; questo sta a significare che l’operazione non era corretta.

IMGT10002IT - settembre ’06 159


Appendice E – Profibus DP GT1000

Se è arrivato in input al master il codice dell’operazione richiesta e l’indirizzo del parametro richiesto per tale operazione (ECO esatto) si può
mandare un altro messaggio PKW. Nel caso non si voglia configurare più nessun parametro o comunque lo si voglia fare dopo un certo
periodo e bene mandare il seguente messaggio PKW.
PKW PZD
PKE IND PWE PZD1 PZD2 PZD3 PZD4 PZD5 PZD6 PZD7 PZD8 PZD9 PZD10
COMM.
1. 2. 3. 4. 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9 10
word word word word word word word word word word word word word word
PPO2 0 0 0 0 Com. Rif. g. Cop+ Cop- S Cop P PID
In questo modo l’inverter non è più costretto a processare il messaggio PKW.

2.6. Reset software da remoto attraverso Profibus


Il reset software da remoto attraverso Profibus utilizza: il parametro che ha indirizzo 319 e il messaggio PKW. Il parametro non è visualizzabile
su tastierino, non è salvabile in alcun modo in eeprom e può essere scritto o letto solo attraverso Profibus.
Sequenza per ottenere il reset.
• togliere i comandi di marcia, Drive Enable compreso.
• il bit 3 della prima word del messaggio PKW deve essere a 0.
• scrivere, attraverso il messaggio PKW, 1 nel logico 1 (rLo.01=1)
• scrivere, attraverso il messaggio PKW, 0017H nel parametro con indirizzo 319
• scrivere, attraverso il messaggio PKW, 0000H nel parametro con indirizzo 319
• attendere circa 5 secondi perchè parta il reset.
N.B.: quando l’azionamento si resetta il master non lo vede più per almeno 3 sec, pertanto si cerchi di fare attenzione a questa situazione.

2.7. Limiti di coppia superiore e inferiore


Il significato dei parametri di processo Limite superiore di coppia (C+) e Limite inferiore di coppia (C-) è stato modificato rispetto agli
equivalenti accessibili come parametri di configurazione (vedi schema a blocchi allegato 1). La modifica si può così riassumere:
Il C+ rappresenta il limite superiore di coppia e può assumere valori anche negativi, comunque superiori a C-.
Il C- rappresenta il limite inferiore di coppia e può assumere valori anche positivi, comunque inferiori a C+.
Inoltre il parametro C+ ha la “supremazia” su C- nel campo di valori maggiori di 0, mentre il parametro C- ha la supremazia su C+ nel campo di
valori minori di 0. Cio’ significa che se ad esempio C+ vale +100 e si tenta di portare C- ad un valore superiore (p.e. +115) questo si bloccherà a
+100. Viceversa se C- vale +50 e si tenta di portare C+ dal valore +100 al valore -10, questo si porterà al valore zero trascinandosi assieme il
C- perchè nel campo di valori positivi C+ ha la supremazia, ma non scende a valori negativi perchè in tale campo ha la supremazia il C-.
2.8. Allarme t-SL
Tale allarme appare quando:
• La scheda PROFIBUS non funziona correttamente (la ram dual-port non risponde o non é scritta correttamente).
• Il MASTER ha lasciato la linea.
Se non è montata la scheda PROFIBUS invece compare l’allarme -ErPF.

NOTA BENE: L’azionamento si pone automaticamente in condizione di reset nel caso il MASTER ristabilisca la comunicazione dopo averla
precedentemente interrotta. In queste condizioni il MASTER effettuerà il reset dell’azionamento ponendo a 1 il bit.12 della word comandi
Mon.17.

160 IMGT10002IT - settembre ’06


GT1000 Appendice E – Profibus DP

2.9 Gestione emergenza Profibus

E’ possibile con il Profibus, riprendere velocemente il funzionamento in modo “locale” nel caso vi fossero problemi sulla linea di comunicazione
tali da provocare il blocco dell’inverter (protezione “t-SL”).
L’utilizzatore può predisporre uno dei 3 ingressi digitali configurabili (morsetti 7-8-9) ponendo il corrispondente parametro din al valore 15. Nel
caso si verificassero perdite di collegamento, l’utente può riportarsi immediatamente in funzionamento “locale” chiudendo il morsetto
configurato e riprendere a comandare il motore con le modalità consuete senza dover intervenire sui parametri di programmazione e senza
dover spegnere e riaccendere l’azionamento.
Alla chiusura del morsetto il controllo opera le seguenti azioni:
1) I parametri di processo che si attivavano in maniera automatica cessano di oscurare i parametri tradizionali e questi ultimi ritornano attivi
come nel funzionamento senza Profibus o con i Sid messi a zero.
2) Quando l’inverter è in blocco per perdita permanente della comunicazione Profibus (“t-SL”), il reset funzionale dell’allarme attraverso il
morsetto configurato non ha effetto poiché non essendo rimossa la causa la condizione di blocco si ripete immediatamente.
Se invece viene attivato il morsetto, allora la causa di blocco “t-SL” o “Er-PF” viene ignorata fintanto che rimane comandato il morsetto stesso.
Inoltre sul fronte di attivazione del morsetto viene effettuato automaticamente il reset dell’allarme “t-SL” o “Er-PF” ed il funzionamento può
riprendere. Sul fronte di attivazione viene effettuato anche un azzeramento del riferimento da seriale (Mon.09) e della word comandi (Mon.17),
poi finchè rimane attivato il morsetto viene sospeso lo scambio delle due word azzerate e degli altri parametri di processo selezionati con i Sid
(in realtà lo scambio sulla RAM dual port avviene ma non passa alla scheda di controllo dell’inverter).
3) Durante l'emergenza viene impedito anche lo scambio di qualsiasi parametro di configurazione (PKW). In questo caso il drive gestisce come
se si stesse scrivendo su un parametro protetto, quindi si attiva la diagnostica ed il master può capire che le scritture non sono andate a buon
fine.
Da seriale (ANSI) finchè non si è in emergenza viene impedito di ricevere comandi, e se Sid.02=1 viene impedito anche il riferimento di
velocità. Quando si passa in emergenza vengono liberati e si possono sfruttare per questa fase.
4) E’ introdotto il parametro S-L.16.
Con il parametro S-L.03 a 0 i comandi dell’azionamento sono dati dall’OR logico tra quelli hardware (morsettiera) e quelli da seriale, tranne il
DE (DRIVE ENABLE) che è in AND logico tra hardware e seriale.
Ora con S-L.16 a 0 la logica rimane inalterata per cui in caso di perdita Profibus l’azionamento richiederebbe comunque il comando DE
(morsetto 10) da seriale (bit 7 della word Mon.17 indirizzo=196).
Se S-.L.16 viene posto ad 1 invece, nel passare in emergenza (chiusura morsetto dedicato) i comandi dell’azionamento saranno sempre in OR
logico, ma per il DE è necessaria e sufficiente la chiusura del morsetto 10. In tal modo è possibile riprendere immediatamente con comandi
“esclusivamente locali”.
La tabella riassume brevemente i 2 casi:

S-L.16 comportamento impiego


0 OR comandi + DE da seriale su se si hanno Profibus e seriale ANSI in contemporanea
M 17
1 OR comandi + DE da morsettiera se si vuole passare in controllo locale (hardware) S-L.03=0

N.B.: l’attivazione del morsetto ha uguale effetto sia in situazione di blocco con allarme “t-SL”, che in assenza di blocco.

IMGT10002IT - settembre ’06 161


Appendice E – Profibus DP GT1000

2.10 Word protezioni e codifica

La lettura della word protezioni (Mon.18) attraverso i parametri di processo sfrutta la variabile ausiliaria Aux.1. Infatti configurandola con
diA.01=13 e abilitando Sod.12 si può leggere via Profibus il codice della protezione attiva. E’ inoltre possibile allo stesso modo leggere la
memorizzazione dell’ultimo allarme intervenuto. In questo caso si imposta il significato della variabile ausiliaria Aux.2 ponendo diA.02=13 e
tramite Sod.13 se ne attiva la lettura. La codifica delle protezioni è riportata nella tabella di seguito

Word protezioni (Mon.18) mnemonico Descrizione protezioni


1 --OU Sovratensione su bus DC
2 --UU Sottotensione su bus DC
3 -dOC DC overcurrent
4 --OC Sovracorrente
5 --Et External Trip
6 --th Protezione termica motore
7 --OH Sovratemperatura radiatore inverter
8 --cL Current Loss (4-20mA)
9 -HArd Malfunzionamento hardware scheda di controllo
10 -EEPr Errore in scrittura/lettura E2prom
11 -ErFn Errore di consistenza parametri motore
12 -Enc- Errato collegamento encoder
13 -t-SL Allarme provocato via seriale o malfunzionamento Profibus
14 -I-PF Allarme buco di rete
15 / /
16 / /
17 --OUS Sovratensione sulla rete
18 -O-SP Sovravelocità
19 -PS-F POK alim. 24Vdc pilot.
20 --UUS TLR / Brake Fail
21 no-AL /
22 -ErPF Allarme reset da Profibus
23 -Ptc- Protezione motore con sonda PTC

2.11 File GSD per master Profibus

Per programmare correttamente un master Profibus occorrono i files di identificazione degli azionamenti (slave) Ansaldo Sistemi Industriali,
che dovranno essere poi utilizzati dal pacchetto software di programmazione del master.
Questi files sono forniti ai clienti che usano per la prima volta azionamenti Ansaldo Sistemi Industriali muniti di interfaccia Profibus. E’
possibile richiederli all’unità operativa Industrial Automation and System.
Essi contengono le seguenti tre directory:

- SiemS5: file GSD per il PLC S5 (Siemens).


- SiemS7: file GSD per il PLC S7 (Siemens).
- Gen9030-70: file GSD per PLC serie 9030 e 9070 (General Electric).

162 IMGT10002IT - settembre ’06


QA168 Rev. 02

MONTEBELLO VICENTINO - ITALY

DICHIARAZIONE “CE” DI CONFORMITÀ CE / 07


Rilasciata in base al “Modulo H” (complete Quality Assurance) della procedura di valutazione della conformità CE (Direttiva 93/465/CE)

Fabbricante: Answer Drives S.r.l.


Sede legale: Viale Sarca, 336 – 20126 Milano – Italy
Indirizzo del Fabbricante:
Sede operativa: S.S. 11 – Cà Sordis, 4 - 36054 Montebello Vicentino (VI) – Italy

DICHIARA, sotto la sua esclusiva responsabilità, che i prodotti:

Prodotto Famiglia di Prodotto GT1000

Descrizione del Prodotto: Inverter con gamma di potenza da 1,5 kW a 200 kW

in base alle verifiche effettuate, sono conformi ai requisiti della:

Direttiva Comunitaria 2006/95/EC


denominata Direttiva “Bassa Tensione”

I prodotti sono stati fabbricati applicando la Norma Tecnica armonizzata:

CENELEC EN 50178
corrispondente alla Norma CEI 22-15

Sono altresì conformi, secondo i test effettuati, ai requisiti della:

Direttiva Comunitaria 89/336/EEC


modificata dalla Direttiva 93/68/EEC chiamata Direttiva “EMC”

in quanto conformi alla Norma Tecnica armonizzata:

CENELEC EN 61800-3
corrispondente alla Pubblicazione IEC 61800-3 (edizione 2005) ed alla Norma CEI 22-10

a condizione che vengano installati secondo le indicazioni fornite nel manuale d'uso ed installazione, negli
schemi di macchina e nei documenti eventualmente predisposti ai fini della compatibilità elettromagnetica. Nelle
determinazione dei limiti di accettazione vanno considerati l'ambiente di installazione e la modalità di
distribuzione e circolazione del prodotto. Si dichiara inoltre che i prodotti sono stati realizzati a regola d’arte
secondo le indicazioni/avvertenze comunicate dai fornitori dei componenti.

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI
Ai fini dell'installazione in una macchina, i prodotti sono coordinati con i requisiti applicabili della Norma Tecn