Sei sulla pagina 1di 2

ANGIOMI CAVERNOSI ( o cavernomi)

-Sono malformazioni vascolari “criptiche”, cioè angiograficamente occulte, evidenti solo alla RM
(gold standard) meno alla TC basale.

-Sono costituite da larghi spazi vascolari, in gran parte trombizzati, tra cui non vi è
tessuto nervoso, localizzate di solito nella profondità di un solco; i vasi afferenti ed
efferenti sono molto piccoli, a volte non visibili, ed il flusso ematico nella
malformazione è scarso e lento.

-Si presentano anatomicamente come formazioni solide o in parte cistiche, di


dimensioni variabili di colorito rosso-brunastro e con superficie irregolare e lobulata.
Gli angiomi presentano sangue all’ interno e piccoli sanguinamenti all’ esterno; sono
nutriti da piccoli vasellini e i sanguinamenti progressivi determinano un
ingrandimento eccentrico dell’angioma.

●LOCALIZZAZIONE

☆SOPRATENTORIALE (+ freq) hanno più spesso sede negli emisferi cerebrali e nel tronco
(soprattutto nel ponte), più di rado nel cervello e nel midollo spinale.

☆INFRATENTORIALE

●EZIOLOGIA
- Sporadici: ad esempio in corso di danno attinico
- Familiari: ereditarietà autosomica dominante legati a mutazione dei geni Pit1 e Pit2

●CLINICA
-Sono più spesso scoperti incidentalmente in corso di esame TC o RM, praticati per altra patologia.
-Nei casi sintomatici i disturbi neurologici, che possono comparire in qualsiasi età, consistono
soprattutto in:

 crisi epilettiche, generalizzate o parziali


 Comizialità
 -Deficit neurologici ingravescenti per effetto massa
 -Emorragia
 -Idrocefalo

In circa il 10% dei casi i cavernomi intracranici si osservano in diversi membri della
stessa famiglia, con trasmissione a carattere autosomico dominante, e sono spesso
multipli.

DIAGNOSI:
Gli angiomi cavernosi sono delle malformazioni vascolari “criptiche” cioè angiograficamente
occulte, evidenti solo alla RM e alla TC.
La risonanza magnetica consente di definire la diagnosi in quasi tutti i casi di angioma cavernoso. Il
quadro RM tipico di angioma cavernoso è caratterizzato da un'area centrale iperintensa (sia in T1
che in T2).

La tomografia computerizzata mostra un'immagine iperdensa, in genere


omogenea, ma non peculiare.

●TERAPIA
Le indicazioni al trattamento dipendono da:
- Sede: superficiali
- Dimensioni: grandi
- manifestazioni cliniche
- Caratteri alla RM: Emorragia extracapsulare ed Evolutività
L’unico trattamento possibile è quello chirurgico; l’asportazione è in genere agevole, perché
l’angioma ha un netto clivaggio del tessuto nervoso ed è in parte trombizzato.