Sei sulla pagina 1di 22

Dalla "protezione dello stato" alla "difesa privata"

Scioperi, civili armati, mobilitazione e ascesa del fascismo italiano


Matteo Millan

Il 14 luglio 1919, il Parlamento italiano stava discutendo un voto di fiducia al gabinetto di

Francesco Saverio Nitti. Spesso accusato di essere un politico opportunista e un economista

freddo, incapace di cogliere le passioni e la nuova situazione creata dalla fine della guerra,

l'eredità di Nitti è stata spesso circondata da un antipatia generale.

Tuttavia, all'epoca, il governo a cui stava andando Nitti è stato visto con grande speranza.

Nasce con l'ambizioso scopo di traslocare il paese lontano dalle eredità della prima guerra

mondiale verso un nuovo futuro di prosperità.

La politica interna di Nitti rifletteva il suo background orientato all'economia ed era ben

esemplificato nel motto “consumare di meno, produrre di più”, che lui ripetuto più volte

durante i suoi discorsi parlamentari. Di solito tollerante e neutrale nelle controversie

economiche, il governo di Nitti è stato nondimeno duro e repressivo nei confronti di qualsiasi

manifestazione politica reale o presunta, spesso interpretata come il preludio alla rivoluzione

sociale e allo spreco di energie e risorse produttive.

Mentre il parlamento discuteva del voto di fiducia, Nitti, a titolo suo in qualità di ministro degli

interni, ha emesso una circolare a tutti i prefetti del Re d'Italia. La circolare faceva parte di

un'ampia serie di misure che il governo stava prendendo in risposta all'imminente “super

sciopero” (scioperissimo) indetto da organizzazioni, partiti e sindacati di sinistra in

solidarietà con i bolscevichi e contro l'intervento delle potenze occidentali in Russia.

Nitti ha invitato i prefetti per "tenersi in contatto" con membri affidabili di "gruppi [fasci] e

veterani" liberali associazioni ”per ottenere la loro“ collaborazione nei momenti in cui le

autorità pubbliche non possono restare isolate e fare affidamento solo sui pubblici ufficiali e

sulla forza pubblica ”.


Nitti ha inoltre invitato i prefetti a impedire ogni iniziativa autonoma:

“Se tali gruppi vogliono cooperare per far rispettare la legge e l'ordine e per reprimere violenza

e tentativi di rivoluzione, agiranno in modo patriottico volontariamente osservando gli ordini

delle autorità e accettando la loro leadership in conforme alla normativa, che non può che essere

unica.”

È interessante notare che i nuovi Fasci di combattimento di Mussolini erano tra quelle

organizzazioni patriottiche per le quali le autorità consideravano potenzialmente utili

dispiegamento in servizi di rottura.

Le istruzioni di Nitti arrivarono in un momento di panico per il potenziale rivoluzionario

conseguenze dello sciopero generale. A marzo, la dirigenza del Partito socialista italiano ha

affermato che lo sciopero generale era lo strumento principale per istituire un repubblica

socialista.

Nonostante questi proclami, però, lo sciopero è stato generale fiasco per ragioni sia

internazionali che nazionali. Non solo altro organizzazioni internazionali, e in particolare la

Confederazione generale francese dei lavoratori, rifiutano di aderire alla mobilitazione

internazionale, ma, cosa più importante, i sindacati italiani leader, come i sindacati dei

ferrovieri, hanno continuato a lavorare.

Molti storici hanno considerato il dispaccio di Nitti del 14 luglio come parte di una politica

strategia per ottenere l'approvazione di movimenti e associazioni ultranazionaliste sia

all'interno che all'esterno del parlamento.

Altri vi vedevano una prova tangibile che le autorità politiche dello stato liberale avevano

rinunciato al monopolio statale weberiano violenza fisica. Secondo Emilio Gentile, tali gruppi

“patriottici” riflettevano un processo di “mobilizzazione secondaria” in reazione alla

mobilizzazione primaria di partiti e sindacati di sinistra. Anche se non potevano essere

attribuiti a nessuno tentativo di rivoluzione, nondimeno mobilitazione di massa durante

scioperi e altre dimostrazioni, richieste di aumenti salariali e migliori condizioni di lavoro, il


potere contrattuale delle organizzazioni di sinistra e il loro significativo successo a livello

generale e le elezioni locali “furono percepite come un vero pericolo dalla borghesia e dal

classi medie, spingendole a mobilitarsi ”.

Non c'è dubbio che queste forme di mobilitazione secondaria fossero fertili terreni per lo

sviluppo del fascismo, in termini sia di culture politiche che l'appartenenza. Allo stesso tempo,

l'enorme impatto e l'enorme portata del successivo fascista la violenza ha contribuito a

gettare un'ombra sulle pratiche organizzative e violente concrete di queste ex associazioni, e il

loro background culturale e politico è stato generalmente descritto alla luce di un vago

antisocialismo.

Questo capitolo sostiene che sciopero - sia in termini di sostituzione del lavoro che funzioni

ausiliarie di polizia - era una vera e propria ossessione per settori significativi delle classi

medie ed era al centro della loro mobilitazione politica armata. Entro un quadro più ampio il

focus è sui due casi paradigmatici di Bologna e Milano nell'immediato dopoguerra (1919-20).

Le prime due sezioni mostrano come la fondazione di gruppi scioperanti riflettesse il ruolo

cruciale svolto da attività di sostituzione del lavoro e anti-sciopero nel plasmare prospettive e

mentalità in ampi settori della società italiana. A questo proposito, la sezione conclusiva

sostiene che le forme di mobilitazione borghese del dopoguerra possono essere pienamente

apprezzate solo da situandoli all'interno di una più lunga tradizione di cooperazione civile

armata tra le autorità statali e settori sociali discreti, soprattutto in caso di scioperi importanti

coinvolgere i servizi pubblici.

Questa prospettiva interpretativa a lungo termine offre nuove approfondimenti sulle origini

della crisi nello stato liberale italiano e, in ultima analisi, può contribuire a spiegare il

consenso di cui gode la reazione fascista armata.

Alla ricerca del sostegno di cittadini onesti


La circolare del 14 luglio è stata una risposta al vero panico che si era diffuso tra le élite

politiche e ampi settori della borghesia a seguito di una drammatica serie di proteste popolari
contro l'alto costo della vita, i cosiddetti moti per il caroviveri. In un tale stato di cose, l'intera

politica di polizia di Nitti lo era ambizioso ma anche estremamente difficile da realizzare.

Nelle sue direttive, lui sempre ha sottolineato la necessità di reprimere rigorosamente il

disordine sociale, ma allo stesso tempo anche "Evitare di far pensare alla gente che vogliamo

una reazione". “Approvo tutto ciò che deve va fatto contro gli scioperi sconsiderati ”, ha detto

ai prefetti,“ purché ciò non avvenga danno l'impressione che stiamo portando avanti una

politica reazionaria ”. La sua politica può essere riassunto non tanto come "antipopolare e

antisocialista" ma piuttosto come "Anti-rivoluzionario" 14 e ha portato all'emissione di incerti

e contraddittori direttive che non facevano altro che sconvolgere tutti. Era con queste

direttive che le autorità di polizia hanno affrontato una serie di incidenti, sconvolgimenti,

piccoli rivolte, rivolte e saccheggi. La risposta di solito cadeva sotto la bandiera del sanguinoso

repressione. Solo nelle prime due settimane di luglio 1919, cioè nel periodo immediatamente

precedente all'invio della circolare, circa 30 persone furono uccise dalle forze di polizia; molti

furono feriti e centinaia arrestati.15 Questo fu in gran parte il risultato del panico e paura che

hanno investito le forze di polizia, che erano in gran parte poco addestrate e carente di

numero.

La circolare di Nitti del 14 luglio voleva essere una risposta alla grave mancanza di

disponibilità ricorrendo all'assistenza complementare e al sostegno di persone affidabili

settori sociali della società civile. Questo è stato concepito come una risposta di emergenza

prima alla piena implementazione di una forza di polizia civile, la Guardia Reale di Pubblica

Sicurezza, che Nitti e il capo della polizia, Vincenzo Quaranta, lavorarono per istituire e che

divenne pienamente operativo nel gennaio 1920.

Sebbene determinato a ottenere l'appoggio di cittadini affidabili, Nitti lo fu anche pienamente

consapevole del rischio che stava correndo ed era preoccupato - a ragione - che le cose

potrebbero andare irrimediabilmente fuori controllo. In un "telegramma urgente" inviato solo


cinque giorni dopo la lettera circolare originale, ha insistito sul fatto che "la cooperazione

deve essere regolato e segue obbedientemente gli ordini delle autorità politiche locali ”;

iniziative autonome sarebbero “illegali e sconsiderate” poiché queste “non farebbero altro che

alimentare reazioni pericolose ”. Il prefetto, ha concluso, “è l'unico che ha il dovere e la

responsabilità di difendere l'ordine pubblico nell'esclusivo interesse di paese ”.

L'efficacia di tali misure è, ovviamente, discutibile. L’insistenza di Nitti sul fatto che la polizia

locale e le autorità politiche abbiano il controllo esclusivo e la leadership sulle forme di

collaborazione civile indica una piena consapevolezza delle prerogative dello stato. Tuttavia,

era anche convinto che le sole forze statali l'avrebbero fatto essere insufficiente per affrontare

i massicci disordini e le dimostrazioni che il paese probabilmente sperimenterebbe. Stando

così le cose, il sostegno dei cittadini patriottici e le associazioni nelle forze dell'ordine e nelle

operazioni di sciopero necessaria, anche se estremamente pericolosa, viste le

contrapposizioni estreme e panico per una rivoluzione imminente.

Tuttavia, Nitti e altri governi gli ufficiali decisero di giocare quella carta, forse nella speranza

che questo rafforzasse il sostegno delle classi leali al governo. Allo stesso tempo, le frequenti

lettere di Nitti e i telegrammi raccontano le sue preoccupazioni sull'effettiva capacità delle

autorità controllare la delega del potere di far rispettare la legge e l'ordine ai privati cittadini

che aveva scatenato.

Anche se lo scioperissimo del luglio 1919 fu un fuoco di paglia, Nitti e altri i funzionari del

governo non hanno abbandonato l'idea di cercare il sostegno del bene cittadini. Il 19 gennaio

1920, ministro della giustizia e primo ministro ad interim (Nitti era in quel periodo a Londra),

Ludovico Mortara, diffuse a tutti una circolare i prefetti in preparazione per un imminente

massiccio ferroviario e postali sciopero. Mortara ha invitato i prefetti ad agire con il "più

assoluto rigore" per farlo proteggere le infrastrutture ferroviarie e i passeggeri. "Usare armi in

casi come questi", ha aggiunto, “è una forma di autodifesa da parte della patria [Patria] e

civiltà contro ogni aggressione selvaggia ”. Di fronte alla “presenza troppo scarsa di unità
militari dispiegabili ”, Mortara ha chiesto ai prefetti di costituire“ volontario squadre di

vigilanza per rafforzare efficacemente l'ordine pubblico ”. "Tali squadre", ha affermato,

dovrebbe essere formato da "cittadini onesti" e "potrebbe essere armato, se necessario".

L'iniziativa di Mortara è stata presto ripresa da altri ministri e funzionari statali. Il ministro

dei Trasporti Roberto De Vito ha invitato ad aderire gli ex ferrovieri le squadre anti-sciopero

comprendenti marinai e ingegneri della Marina, sebbene con poco successo. Le direttive del

governo sono state immediatamente attuate in molti italiani città. Il 20 gennaio il prefetto di

Milano, Angelo Pesce, ha invitato gli industriali, datori di lavoro e politici locali per "favorire le

reazioni dei cittadini contro lo sciopero e collaborazione con le autorità governative per

superare le carenze in pubblico servizi e costituire squadre di volontari per sostenere la forza

pubblica ”. Quando il giorno seguente scoppiò lo sciopero, Pesce e il capo della polizia locale

(questore) ha organizzato un corpo di circa 40 volontari per assumere funzioni di ordine

pubblico. Over50 ingegneri volontari sono stati reclutati nel sud Italia e inviati nel nord

per sostituire i lavoratori in sciopero. Ci furono anche tentativi di reclutare ingegneri in

pensione come scioperanti. Gli studenti delle scuole secondarie e universitari erano

particolarmente desiderosi di offrire il loro tempo e le loro energie come scioperanti. A

Venezia, studenti, boy scout e donne della Croce Rossa hanno lavorato sui treni per mettere in

sicurezza i passeggeri servizi. A Firenze hanno preso 160 volontari dell'Alleanza di Difesa

Cittadina servizio negli uffici postali in sostituzione degli scioperanti. Il giovane in maglia nera

Mario Piazzesi era orgoglioso - anche se un po'stanco - di agire come un crumiro, un termine

italiano derogativo per indicare una gamba nera. Ha anche menzionato, con un pizzico di

invidia, che volontari armati di regolari fucili dell'Esercito erano stati inviati a Bologna per

agire come “rompi scioperi” (crumiri???).

A Bologna, infatti, la direttiva di Mortara è stata seguita alla lettera. Dal 24 al 29 gennaio, sono

state costituite "squadre di vigilanza volontaria" per eseguire "l'ordine pubblico" doveri ”,

godendo del pieno appoggio del comando militare locale, del prefetto e autorità di polizia. I
123 volontari, guidati da "9 funzionari", sono stati impiegati per proteggere un deposito di

treni e un deposito di carbone, in sostituzione delle truppe regolari, che potrebbero poi essere

impiegato per servizi di pattuglia e ordine pubblico. I volontari erano tutti armati con

carabine fornite dalle autorità militari e con indosso abiti civili un "bracciale bianco e rosso".

L'improvvisazione e la mancanza di una formazione adeguata hanno portato a un paio di

lesioni accidentali derivanti dall'uso improprio di armi da fuoco. Nonostante ciò incidenti, i

rapporti ufficiali concordavano tutti sul fatto che i volontari erano abbastanza efficaci nel

prevenire i furti di carbone e altri materiali. Secondo il prefetto di Bologna, "La loro azione è

stata ampiamente apprezzata e dovrebbe essere ulteriormente incoraggiata".

Hanno collaborato alla sostituzione anche gli studenti del "battaglione di addestramento pre-

militare" per i lavoratori postali in sciopero. Autorità militari impegnate a rispondere al

colpire in modo simile. Emesso il generale Ugo Sani, comandante militare locale un poster

murale che invita gli automobilisti volontari a trasportare cibo e altre provviste durante lo

sciopero. Sani ha invitato "veterani" e "cittadini" ad arruolarsi in corpi speciali “Per l'esclusivo

interesse del Paese”, in nome dello stesso “patriottismo” che avevano mostrato durante la

guerra. Le parole di Sani sono particolarmente interessanti, come indicano una sostanziale

sovrapposizione tra nemici esterni e interni.

L'istituzione di iniziative di cooperazione tra governo civile e governo si è arrestata dagli

sforzi congiunti dal basso verso l'alto e dall'alto verso il basso. Associazioni patriottiche

dedicate a scioperi e sostituzioni di lavoro stavano proliferando autonomamente in tutto il

paese. Questi includevano il Comitato permanente per la difesa nazionale a Vicenza, l'Alleanza

Nazionale a Venezia, l'Alleanza di Difesa Cittadina in Firenze, l'Associazione Volontari per i

Servizi Pubblici di Roma, l'Associazione per il Rinnovamento Sociale e la Difesa guidata dal

futuro Presidente del Consiglio Ivanoe Bonomi a Mantova e, come vedremo, all'Associazione

di Difesa Sociale di Bologna e il Comitato di Organizzazione Civile a Milano.


Queste forme in gran parte spontanee di mobilitazione aveva diversi punti in comune con le

prospettive del governo e Azioni. Mentre era ancora in corso lo sciopero delle poste e dei

ferrovieri, Nitti ha mandato l'ennesima lettera circolare che spiega come gestire i manifestanti

e far rispettare legge e ordine. Il primo ministro ha esortato i prefetti a “cercare di

incoraggiare uno spirito di resistenza in tutti i tipi di forme ”. Ha aggiunto quello i cittadini in

primo luogo devono resistere agli abusi. Se le persone capiscono i pericoli della situazione

attuale, poi hanno il dovere di organizzarsi e reagire. La repressione può essere evitata solo se

la resistenza aumenta. Approvo qualsiasi cosa le persone facciano in risposta a scioperi

eccessivi, per quanto la gente non vuole semplicemente reagire.

Come ha spiegato Nitti, uno dei motivi principali per prevenire e, se necessario, reprimere gli

scioperi risiedeva nella debolezza del sistema economico italiano, ancora in gran parte

soggetto a importazioni e crediti esteri.

Non sorprende quindi che cosa fossero, per certi settori della borghesia e per le autorità, le

manifestazioni di patriottismo in uno sforzo collaborativo e collettivo per preservare la pace e

l'ordine, poiché le organizzazioni socialiste erano semplici atti di sciopero e reazione. Secondo

il giornale del Partito socialista per L'Avanti !, la borghesia capitalista, il governo, la stampa

conservatrice dei partiti borghesi lavoravano tutti insieme per chiedere “il sostegno di

sedicenti cittadini dell'ordine per ripristinare i servizi pubblici ”. Questi "cosiddetti cittadini"

sono stati invitati a fungere da crumiri. Alcuni di loro, i "figli di papà", gli "studenti" e altri

mocassini per definizione", sono stati impiegati per la sostituzione del lavoro, sostituire i

raccoglitori di rifiuti, i fuochisti e i conducenti di tram, spesso in modo inefficace o pericoloso.

Altri, afferma il giornale, gli "uomini più violenti", furono invece chiamati a collaborare per

annullare l'emancipazione delle classi lavoratrici.

Lo sciopero del gennaio 1920 in molti modi ha aperto la strada a nuove forme di

mobilitazione borghese. Da quel momento in poi, volontariato civile in caso di sciopero aveva

due forme. Da un lato c'era la difesa dell'ordine pubblico attraverso l’organizzazione di unità
di polizia ausiliaria volontaria armata con l'obiettivo di sostenere e assistere la polizia di stato

ordinaria e le forze militari. Dall'altro lato, la mobilitazione dei cittadini ha risposto

all'imperativo di garantire i servizi pubblici, dai servizi di treni e tram ai servizi igienico-

sanitari, forniture alimentari e illuminazione stradale. Pertanto, sono state prese in

considerazione le pratiche di rottura dello sciopero e la sostituzione del volontariato vitale

per la difesa del tessuto sociale e dell'ordine pubblico, insieme a quelli più diretti e forme

conflittuali di intervento repressivo. Questi atteggiamenti rispecchiavano prospettive e

culture politiche radicate e di lunga data in ampi settori di la borghesia italiana.

Perdita di supporto
Di fronte alla minaccia percepita di un'interruzione completa alle fondamenta dell'ordine

sociale, vari settori della società civile milanese hanno istituito un Comitato

dell'Organizzazione Civile (Comitato di organizzazione civile) nel gennaio 1920. Il comitato

era una “associazione basata sui principi dell'ordine e mirata a combattere ogni tipo di

movimento sociale che agisca contro il principio dell'autorità statale e della pace sociale e

impedisca il funzionamento dei servizi pubblici ”. Ha favorito cooperazione tra le classi per

prevenire la lotta sociale e, allo stesso tempo, rivendicata per aiutare “le persone più povere”.

Ha riunito gruppi di veterani, monarchici e club liberali, associazioni professionali di

commercianti e inquilini, industriali associazioni e Fasci di combattimento di Benito

Mussolini.

A seguito del grande sciopero dei lavoratori delle poste e delle ferrovie nel gennaio 1920, il

comitato "organizzava e forniva personale per sostituire i lavoratori in sciopero" e divenne il

principale “Riserva” di cittadini patriottici da cui reclutare volontari. Il 19 Febbraio 1920, il

prefetto di Milano, Angelo Pesce, lancia un appello per formare un corpo d'armata di

“Volunteers of Order”. Il loro scopo sarebbe cooperare con le forze di polizia prevenire e

reprimere i crimini contro "persone e proprietà" e quindi reprimere l'ondata di criminalità

che affliggeva la città, anche in conseguenza del disordine sociale continuo. Sia i privati
cittadini che le associazioni patriottiche potrebbero farlo fare domanda per diventare

volontari. Tutti i membri sarebbero stati armati con "revolver o fucili ”, e quelli senza“ licenza

per armi da fuoco ”erano provvisti di“ autorizzazioni speciali ”. I volontari dovevano essere

organizzati sotto il comando e la responsabilità degli agenti di polizia. Anche se aperto a

“cittadini retti e coraggiosi appartenenti a qualsiasi classe sociale e partito politico ”, i

volontari hanno ricevuto remunerazione e dovevano pattugliare le strade nel loro tempo

libero, in modo che nonostante rivendicazioni di cooperazione tra le classi, è alquanto dubbio

che la classe operaia ha giocato un ruolo qualsiasi nell'iniziativa.

La proposta del prefetto è stata accolta calorosamente da datori di lavoro, associazioni

patriottiche e politici. Il Corriere della Sera ha accolto con entusiasmo il suo impegno nella

lotta alla criminalità e ha visto in esso preludio alla costituzione di una vera e propria "milizia

cittadina [milizia comunale]" che potrebbe far rispettare la legge e l'ordine in modo più

efficace e tempestivo rispetto alle forze di polizia ordinarie. Altri concordano: un privato

cittadino lo chiede al prefetto creare un "corpo di pattuglie cittadine, come quelle che operano

in altre città". Come noi vedrà nell'ultima sezione questi riferimenti alle milizie e alle

pattuglie cittadine non accidentale. Nonostante i Volontari avessero l'approvazione della

borghesia locale, quella del prefetto. L'iniziativa ha subito provocato l'opposizione del sindaco

socialista di Milano, Emilio Caldara. Secondo Caldara i Volontari rappresentavano una seria

minaccia: "in un'atmosfera di passione e di alta tensione [elettricità] ”, in cui le persone“

sparano continuamente colpi di pistola o di fucile ”, armando cittadini volontari e dando loro“

l'autorità usare le armi "era di per sé un pericolo estremo, per non parlare di un grave

imbarazzo per" l'autorità dello Stato ". La creazione dei Volontari, Caldara profetizzato,

significherebbe “gli elementi reazionari, che hanno realizzato di più azioni provocatorie che

spezzano lo sciopero durante le agitazioni della classe operaia, saranno in grado per mettere

piede nella porta della Polizia di Stato ”. Questo, ha concluso Caldara, potrebbe derivarne nella

"guerra civile". Collegando le attività dei Volontari a quelle degli scioperanti, Caldara non
ricorreva semplicemente alle solite argomentazioni socialiste, ma era sottolineando il ruolo

cruciale che la milizia di recente costituzione avrebbe svolto nel sociale conflitti e, quindi, la

loro parzialità implicita.

Pochi giorni dopo le chiamate i volontari da arruolare erano stati eliminati, il ministro della

Giustizia Mortara si era schierato con le posizioni di Caldara. Infatti, vista la forte presenza di

un “antisocialista partito ”a Milano, Mortara temeva che un sostegno istituzionale diretto al

reclutamento di volontari avrebbe gravi ripercussioni politiche per il governo.

Allo stesso tempo, fedele al suo impegno a lungo termine per il reclutamento di ausiliari

volontari, Mortara ha invitato Pesce a lasciare questo tipo di iniziative a privati cittadini e

associazioni, in modo che il governo non fosse ritenuto responsabile per le loro azioni. Questo

è un punto di svolta cruciale nell'atteggiamento del governo. Senza delegare formalmente una

parte del monopolio statale a privati riconosciuti organizzazioni, ma semplicemente

chiudendo un occhio sulle forme di vigilantismo, Mortara solo forme scatenate di violenza

privata organizzata contro i cosiddetti sovversivi. Le conseguenze si sarebbero sentite a

lungo. La necessità di mantenere buoni rapporti con l'amministrazione comunale socialista

moderata e riformista di Milano ha infine obbligato il governo a nominare un nuovo prefetto

in sostituzione di Angelo Pesce. Il suo successore, Enrico Flores, ha tuttavia perseguito il

stessa politica di collaborazione con le forze patriottiche della città del suo predecessore fatto.

Nel giugno 1920, fu di nuovo uno sciopero imminente dei ferrovieri a spingere il governo a

cercare la collaborazione e il sostegno di “cittadini esperti disposto ad operare nell'interesse

pubblico ”.

Nitti ha chiesto ai prefetti di collaborare industriali e datori di lavoro, che "sono tra i più

colpiti dallo sciopero", per creare “squadre di volontari” in sostituzione dei ferrovieri in

sciopero. Inoltre, il sostegno di “cittadini disposti a collaborare con le autorità per far

rispettare la legge e l'ordine ӏ stato estremamente gradito fintanto che sono rimasti sotto

ordini degli ufficiali di polizia, concluse Nitti.


A Milano, il prefetto Flores iniziò presto a organizzare "squadre di volontari" per servire sia

come sostituti che come "squadre armate" per proteggere le infrastrutture, capannoni

industriali, banche e magazzini. Anche in questo caso, invece, la collaborazione con Dalla

“protezione dello Stato” alla “difesa privata” le associazioni patriottiche locali sotto gli auspici

delle direttive governative erano frustrate da scrupoli politici e perplessità. Il 17 giugno, a soli

tre giorni dall'emissione al suo primo ordine, il capo della polizia nazionale, Vincenzo

Quaranta, ha invitato il prefetto a farlo evitare di istituire un "corpo speciale di volontari per

sostenere le forze di polizia" come esso è stato ritenuto politicamente compromettente che le

autorità politiche si assumessero la piena responsabilità dell'azione. Ancora una volta,

Quaranta ha suggerito di non dare “carattere ufficiale a l'istituzione ”dei volontari e“ lasciare

che i privati cittadini prendano l'iniziativa ”. Nonostante il consiglio contrario, il prefetto

Flores ha stretto ulteriori accordi con le autorità militari locali per istituire “un'organizzazione

civile contro popolare sconvolgimenti ”. Anche in questo caso, l '"organizzazione civile"

sarebbe formata da due rami. Un primo gruppo, composto da “elementi con funzioni tecniche”

da reclutare il supporto della Federazione Regionale degli Industriali, servirebbe come unità

sostitutiva del lavoro da dispiegare in caso di “interruzione ai servizi pubblici”. Un il secondo

gruppo, gli "ausiliari militari", sarebbe incaricato di far rispettare il pubblico ordine sotto il

comando del personale militare; tutti i membri di questo gruppo lo farebbero essere armato

con normali fucili militari. Quando scoppiarono gli sconvolgimenti popolari il 24 giugno è

stata reclutata una prima unità di 200 ausiliari.49 Come ha affermato Flores, “uso di ogni

singolo pezzo di energia civile ”e lo“ spirito di iniziativa ”, mostrato da le "organizzazioni

sociali" della città, "a sostegno dei poteri statali contro qualsiasi forma del disturbo pubblico

"era stata" la mia prima preoccupazione da quando sono entrato in carica ". Il "patriottismo",

prova di cui i buoni cittadini di Milano avevano dimostrato durante la guerra, doveva ora,

secondo il prefetto, essere reindirizzato a sostegno dell '"autorità statale" contro i nemici

interni.50 Il caso di Milano mostra chiaramente come funziona il governo a ciò contribuirono
politiche e atteggiamenti contraddittori nei confronti della mobilitazione borghese creare

atteggiamenti sovversivi tra le classi medie.

Milano non è stata l'unica città in cui si sono verificate tali dinamiche. L'Associazione di Anche

la difesa sociale a Bologna è un caso un po’ paradigmatico. Di solito lo è analizzato dagli

studiosi come un precursore del fascismo locale, nonostante il suo sciopero le attività sono

state generalmente trascurate. Ancora una volta, questo non è da sottovalutare collegamenti

con le prime squadre fasciste della città, ma piuttosto per sottolineare quelle i collegamenti

sono stati resi possibili prima di tutto dal terreno comune di mobilitazione anti-sciopero.

Le prime origini dell'associazione risiedono nella reazione spontanea a un massiccio sciopero.

Nell'aprile 1920 i sindacati locali e la Camera del lavoro indussero uno sciopero generale per

protestare contro la strage di Decima di Persiceto (5 aprile 1920), in quali otto braccianti

giornalieri furono uccisi e 45 feriti dall'esercito. Lo sciopero immediatamente è progredito in

un arresto quasi completo dei servizi pubblici e lavoro in fabbrica, che era su scala molto più

ampia dello sciopero ferroviario di gennaio. Stanco di “chi voleva sopprimere le libertà più

elementari”, un gruppo dei cittadini ha istituito un Comitato civico e ha preparato un rapporto

esonerativo a essere presentato al governo. Nel documento consegnato a Nitti e Quaranta, i

cittadini affermano che il recente sciopero è stato “l'ultimo evento in cui ci troviamo pronto a

partecipare senza l'impegno vigoroso della difesa volontaria e protezione". Ciò che li ha resi

furiosi, in particolare, è stato l'atteggiamento tollerante del autorità verso scioperi che hanno

interrotto i servizi pubblici: avevano, affermavano, subire l '“evento oltraggioso della

sospensione notturna dell'illuminazione pubblica”. Il la completa interruzione dei servizi

pubblici e della produzione era considerata pericolosa non solo per ragioni economiche, ma

anche perché “creava una situazione di ansia e angoscia, aggravate dalla diffusione di false

notizie (voci fantastiche) ”. Il panico si è diffuso anche non appena gli operai della panetteria

cittadina hanno scioperato, come furono subito accusati di morire di fame dei bambini.

“Cos'altro dovremmo aspettare perché ", ha gridato uno dei leader del comitato," non si può
comprare il pane ", “La città è stata al buio da tre notti”, “i treni si sono fermati”, c'è “no

posta"," no igiene ".

Di fronte a un tale stato di cose, il rapporto ha condannato il cambiamento nella politica del

governo: "non essere stato invitato a dare una dimostrazione di resistenza civile", come in

passato, i “cittadini” non avevano altra scelta che organizzarsi. Di fronte all'impotenza del

governo, molti cittadini hanno iniziato a pensare che lo avrebbero fatto esercitare il loro

diritto naturale di “autodifesa”. Se i buoni cittadini lo fossero stati finora “Fiduciosi nel

concetto stesso di libertà” e “avevano ceduto al governo il loro mezzi di difesa ”, ora questi

mezzi dovevano essere“ creati da noi stessi ”, dichiarava il comitato. Secondo i sostenitori del

Comitato civico, l'ascesa del coscienza "era prima di tutto a causa della loro" perdita di fiducia

"nell'azione governativa. Non appena il rapporto si è diffuso in città, i giornali conservatori e

socialisti hanno parlato del ritorno dei cosiddetti pattuglioni (big pattuglie), anche se la

commissione l'ha giudicata una “fantasia”. Come vedremo, i pattuglioni si parlava di

formazioni di vigilantes che erano state organizzate nell'anteguerra periodo e aveva chiari

collegamenti con le pattuglie cittadine, una milizia di lunga data che aveva collaborato con le

forze di polizia nel pattugliare le strade della città dall'inizio del XIX secolo. La questione ha

raggiunto il parlamento, dove il socialista il membro Lionello Grossi ha chiesto al governo di

spiegare perché un “Comitato di i cittadini bolognesi ”volevano creare“ organizzazioni con gli

stessi compiti di quelle dello Stato, comprese quelle della polizia armata ”. La risposta del

sottosegretario per gli affari interni diceva: mentre escludeva ogni autorizzazione informale o

formale dal governo, “volontariato civile. . . ha risposto a un libero e completamente legale

attività individuale ”che il governo doveva proteggere dalle interferenze.

Istituita nel giugno 1920, l'Associazione di Difesa Sociale rappresentava l’istituzionalizzazione

di queste prime forme di mobilitazione civile. Il suo statuto chiaramente ha dichiarato le

finalità e gli obiettivi dell'associazione: “cooperare. . . nel continuare servizi pubblici

assolutamente necessari in caso di scioperi generali o parziali maggiori, facilitando così i


compiti delle autorità ". Gli scioperi non dovevano essere banditi, ma la libertà di lavorare

doveva essere assicurata insieme alla “libertà di sciopero”, l'unica "Eccezione" sono gli

scioperi del servizio pubblico, che dovevano essere assolutamente banditi e repressa.60 Nei

mesi successivi l'associazione fu coinvolta in molteplici attività propagandistiche e in una

concreta mobilitazione scioperante. Nel novembre 1920, ad esempio, l'associazione creò un

sostituto pubblico urbano servizio di trasporto con autocarri forniti da datori di lavoro locali e

imprenditori agricoli da dispiegare in caso di sciopero I sentimenti di tradimento e disprezzo

nei confronti del governo non sono cambiati quando il politico stagionato Giovanni Giolitti si è

insediato come nuovo presidente del Consiglio in Dalla "protezione dello Stato" alla "difesa

privata" Giugno 1920. Nel luglio 1920 l'associazione avvertì che se il prefetto non lo impediva

un raduno socialista avrebbe avuto luogo, "i segmenti più sani dei cittadini" insorgere e agire

per autodifesa ”contro i nemici della“ convivenza sociale ”. In Ottobre, una minaccia implicita è

stata fatta da diversi membri dell'associazione e politici locali: hanno più volte affermato che

in nome della “legittima difesa” loro erano pronti a reagire contro lo “Stato nello Stato”

rappresentato dai socialisti amministrazioni locali. Che queste non fossero solo parole

divenne presto chiaro. In un memorandum alle autorità, lo hanno dichiarato pubblicamente i

vertici dell'associazione il loro scopo era riunire, “sempre in armi, e sempre insieme”, tutti

quegli uomini che erano pronti a "difendere con qualsiasi mezzo i nostri principi e il nostro

sacro diritto" . Su almeno un'occasione, nel novembre 1920, membri dei paramilitari

nazionalisti formazione, Sempre pronti (Always Ready), sorvegliava i locali dell'associazione.

Per sostenere i loro sforzi di propaganda e persino le loro attività dirompenti, a settembre

l'associazione ha deciso di assumere un gruppo di “300 giovani uomini, essere armato ".

L'associazione prese anche contatti con i fascisti locali guidati dall'ex l'anarchico Leandro

Arpinati, anche se, è improbabile che abbia reclutato qualcuno di loro. Le camicie nere locali

assunsero presto il ruolo di ala armata di cittadini timorosi. Come molti storici l'hanno

ricostruita, in alcuni l'Associazione della Difesa Sociale la strada ha aperto la strada al pieno
sviluppo del fascismo locale, che ha trovato spazio di iniziativa e un ampio consenso per i suoi

metodi violenti e brutali tra ampi settori della rispettabile borghesia. La cosiddetta strage di

Palazzo D'Accursio, in cui le squadre d'azione fasciste di Bologna, Ferrara e altre città della

Pianura Padana hanno provocato una serie di incidenti e violenti scontri sul giorno

dell'inaugurazione della nuova amministrazione socialista di Bologna (21 novembre 1920), ha

lasciato 11 morti: dieci militanti socialisti e un consigliere nazionalista, Giulio Giordani, che si

è rapidamente alzato per diventare un “martire fascista”. Secondo il capo della polizia

nazionale, l'evento è stato il punto di partenza di un processo legale e smantellamento illegale

della presenza socialista in ambito economico, politico e sociale vita della provincia e, più in

generale, l'inizio di una campagna di massa di distruzione effettuata da squadre fasciste in

tutto il nord e centro Italia nei mesi a venire.

Autodifesa duratura della borghesia


Come hanno dimostrato gli esempi citati, gli scioperi non erano solo manifestazioni

economiche, ma un'autentica ossessione e un vero incubo per ampi segmenti delle Classi

medie italiane. Il rapporto dell'Associazione di difesa civile ha delineato chiaramente il vero

panico che ha suscitato lo sciopero. Riferimenti a città oscure senza pubblico illuminazione,

ospedali bui dove i pazienti venivano lasciati senza cure, i padri impossibilitati a farlo nutrire i

bambini affamati, la diffusione di notizie false che "nessuno può confermare", ha evocato

immagini potenti di un ordine sociale scosso dalle fondamenta. Gli stessi Volontari dell'Ordine

a Milano furono (presumibilmente) istituiti per contrastare il diffusione della criminalità che

rendeva la città insicura. Giornali di destra, civili sia le associazioni che le autorità statali

usavano termini altamente politicizzati e quasi apocalittici. I Volontari erano necessari per

svolgere “l'opera sana del civile conservazione "al fine di" sradicare una volta per tutte

l'albero del male "della criminalità, sosteneva il prefetto Pesce.68 Mortara, esortando i prefetti

a organizzare corpi di volontari, contrapponeva gli sforzi dei "cittadini onesti" alla "selvaggia

aggressione" dei sovversivi.


Mentre le autorità italiane non hanno sottovalutato la potenziale minaccia rappresentata

dall'ondata di scioperi che ha colpito il Paese nell'immediato dopoguerra, loro probabilmente

non è riuscito a cogliere appieno cosa rappresentassero gli scioperi, i disordini e le proteste

per "cittadini onesti" e di certo non hanno apprezzato la mancanza di fiducia da parte di

questi buoni cittadini borghesi nel modo in cui lo stato stava affrontando l'aumento conflitti

sociali. Ciò ha contribuito a una significativa sottostima dell'inerente potere psicologico ed

emotivo degli scioperi. Quelli che coinvolgevano i servizi pubblici, in particolare, erano visti

come una minaccia per l'intera fondazione della società, non solo perché il loro presunto

scopo era quello di accendere la rivoluzione, ma anche perché loro ha impedito il

funzionamento ordinato della società e ha causato uno spreco di denaro pubblico. Dietro

l'interruzione della fornitura di elettricità, molti hanno visto la diffusione della criminalità

nelle città buie; dietro l'interruzione di treni locali e tram, un duro colpo libertà di movimento

individuale; dietro lo sciopero delle panetterie comunali, una minaccia ai figli e alla santità

della famiglia; dietro lo sciopero della giornata agricola lavoratori, il primo passo verso la

collettivizzazione e una minaccia per la ricchezza nazionale. Tali paure non possono essere

considerate semplicemente affermazioni propagandistiche; in effetti rispecchiavano culture e

visioni politiche profonde che lo rendevano quasi impossibile vedere scioperi altro che scontri

di "civiltà". Di fronte a quella che credevano fosse una rivoluzione imminente, le associazioni

locali e comitati e autorità statali hanno parlato della necessità di "autodifesa". L'autodifesa

divenne presto un imperativo sociale, del tutto estraneo al rigore e agli esemplari limitati del

diritto penale. 70 Facendo riferimento a versioni popolari di il contratto sociale e le dottrine

del diritto naturale, onorevoli cittadini, hanno sempre insistito sul loro diritto di difendersi

laddove lo Stato non ha fornito protezione e difesa. In una lettera al prefetto locale è

intervenuta l'Associazione per la difesa sociale della necessità di agire per “autodifesa contro

la dignità ferita” dei “cittadini”.

Un articolo del quotidiano conservatore Il Progresso era ancora più esplicito:


allo stesso modo la Legge proibisce alle persone di usare le armi, ma lo consente legittima

autodifesa, così anche la comunità dovrebbe essere legittima auto difesa. La borghesia, soffocata

da folli e criminali, vede la loro la propria esistenza come in grave pericolo. . . . Non hanno solo il

diritto ma il dovere di resistere e combattere.

Lo stesso Mortara, nonostante la sua formazione legale e la sua posizione di senior magistrato

- ha affermato che "l'uso di armi" nei casi di sciopero importante era una "forma di autodifesa

per proteggere la patria (Patria) e la civiltà contro qualsiasi natura selvaggia aggressività ”.

Indubbiamente, la profonda crisi politica che ha colpito l'Italia all'indomani della Grande

Guerra fu in gran parte il risultato di enormi problemi ereditati dal periodo bellico. Tuttavia,

se lo guardiamo da un punto di vista specificamente dirompente, interessante emergono

continuità con il periodo prebellico. L'introduzione del 1889 penale Il codice riconosceva ai

lavoratori sia il diritto allo sciopero che il diritto al lavoro. Dopo alcuni anni in cui il codice

non è stato sostanzialmente implementato in termini di tutela concreta dei diritti dei

lavoratori, il Presidente del Consiglio Giovanni Giolitti ha introdotto una nuova politica di

polizia basata sulla neutralità dello Stato nei conflitti sociali. Là erano, tuttavia, eccezioni

significative. Pasquale Arena, professore di diritto, ha affermato nel 1908 che lo Stato

dovrebbe agire secondo il “santo diritto all'autodifesa” e utilizzare sia la repressione che i

lavoratori sostitutivi in risposta agli scioperi del servizio pubblico. “Nessuno può negare allo

Stato l'opportunità di vietare gli scioperi del servizio pubblico per farlo difendere la propria

esistenza ”, ha affermato il collega Guglielmo Sabatini.

Le continuità sono emerse anche in termini di pratiche effettive di mobilitazione civile. In

tutto il capitolo abbiamo visto che a Bologna, in particolare, ma anche a Milano, cittadini o

organizzazioni patriottiche si sono rivolte più volte a pattuglie o pattuglioni (cioè grandi

pattuglie). I termini provengono da un'istituzione molto specifica particolare a Bologna, le

cosiddette pattuglie cittadine (Pattuglie cittadine). Istituite nel 1827, sotto il dominio

pontificio, le Pattuglie avevano lo scopo di supportare la polizia locale forze nel pattugliare le
strade di notte, un compito che mantennero dopo l'unificazione italiana. Sebbene in gran

parte inefficaci e disorganizzati, hanno comunque rappresentato un'opportunità istituzionale

per il raggruppamento della reazione borghese durante il grandi scioperi del 1906 e 1908 e di

nuovo durante la cosiddetta Settimana Rossa del 1914.

I pattuglioni erano infatti gruppi di “buoni cittadini” scesi in piazza spalla a spalla con i

membri delle pattuglie cittadine, formando davvero "grandi" pattuglie ”. Svolgevano compiti

dirompenti, che presto degenerarono in attività vigilante. Hanno effettuato arresti e

perquisizioni autonomamente e così via un'occasione ha cercato di distruggere la locale

Camera del Lavoro.

Nel nuovo e altamente conflittuale contesto dell'immediato dopoguerra, lo è Interessante il

fatto che siano stati fatti riferimenti a Pattuglie e pattuglioni per giustificare legittimità forme

di sciopero e vigilanza. Secondo il quotidiano conservatore, ma filo-governativo, Il resto del

Carlino, l'Associazione di Difesa Sociale lo aveva ha cercato di resuscitare i pattuglioni di 15

anni prima. Vera "coscienza liberale", il giornale ha affermato: “rifiuta questo: rifiuta questo

perché è contro il molto concezione dell'autorità statale e dello Stato moderno ". Altri, al

contrario, hanno lodato con tutto il cuore il ristabilimento dei pattuglioni come unica e unica

reazionecontro le autorità impotenti. Il "mito" delle Pattuglie contribuì a collocare il nuovo

fenomeno dello squadrismo fascista all'interno di una più lunga tradizione di mobilitazione

civile e violenza. Scrivere a poche settimane dalla marcia su Roma, una legge semisconosciuta

lo studioso, Ettore Vulterini, ha fatto ricorso all'esempio delle pattuglie cittadine ("un privato

corpi armati ”) a Bologna per giustificare le azioni violente perpetrate dalle squadre fasciste.

Secondo Vulterini, per salvare lo stato e l'ordine sociale, i cittadini avevano il diritto di farlo

organizzarsi e, armi in mano, reagire contro “la delinquenza e teppisti ". Era quello che

avevano fatto i cittadini bolognesi in quanto membri delle Pattuglie e i pattuglioni prima della

guerra e subito dopo la fine del conflitto, e quello che avevano fatto i fascisti in tempi più

recenti, sosteneva Vulterini. Tali forme di l'auto-organizzazione era considerata una reazione
del tutto legittima alle minacce mortali la nazione una volta che le forze dell'ordine ordinarie

si dimostrarono impotenti e deboli. Guardando l'interazione e le relazioni reciproche tra le

autorità statali e associazioni patriottiche attraverso la lente del volontariato armato, questo

capitolo ha evidenziato il ruolo cruciale svolto dallo sciopero nella radicalizzazione del sociale

lottare e rendere l'intervento privato una linea di condotta pienamente legittimata. La

persistenza di schemi, esperienze e modelli, ad esempio in termini di dibattito sull'intervento

dello Stato negli scioperi del servizio pubblico o nelle attività antioperaie sciopero del

dopoguerra che rompe un corso plausibile, pensabile e in definitiva legittimo di azione.

I tentativi di Mortara e Nitti di coinvolgere "cittadini onesti" nella difesa di l'ordine e la

"civiltà" erano una grande scommessa politica. Tuttavia, ciò non rappresentava

necessariamente un licenziamento da parte delle autorità italiane dello Stato monopolio della

violenza fisica. Come molti studiosi hanno dimostrato, forme di cooperazione tra autorità

giudiziarie e buoni cittadini proprio nel caso dei maggiori gli scioperi erano comuni in tutta

Europa, sia prima che dopo la Grande Guerra. Tuttavia, la mobilitazione civile in Italia ha

assunto implicazioni di vigilanza piuttosto forti, come i riferimenti ricorrenti alle

testimonianze di autodifesa. 80 membri dell'Associazione della Difesa Sociale o il Comitato

dell'Organizzazione Civile non lo erano teste calde o folle ultra-reazionarie; erano uomini

completamente interessati alla necessità di ristabilire l'ordine e il corretto funzionamento

della società e dell'economia interrotto da scioperi e sconvolgimenti popolari. Mentre

volevano ripristinare la legge e ordinare e rafforzare l'autorità statale, la loro stessa esistenza

era la conseguenza di una deroga al principio del monopolio statale sulla violenza fisica.

Abbiamo visto che le istruzioni di Nitti e Mortara, nonché quelle date dai prefetti al livello

locale, testimoniano chiaramente un riconoscimento della prerogativa dello Stato avere il

controllo esclusivo e completo sui volontari civili. Tuttavia, questa prerogativa potrebbe in

molti casi essere ignorata alla luce di istruzioni contraddittorie e opportunismo politico, come

è avvenuto a Milano dopo le proteste del sindaco Caldara.


Ciò ha avuto l'effetto di aprire la strada a forme di mobilitazione autonoma da parte di

“Cittadini onorevoli”, completamente fuori dal controllo e dalla legittimazione dello Stato.

Dopo tutto, chiedere il sostegno dei cittadini patriottici era una scommessa politica rischiosa:

se il lo stato era forte, credibile e legittimato, quindi sia le autorità statali che i privati i

cittadini si sentirebbero parte della stessa comunità del destino; se lo stato è stata

delegittimata e c'era un'ampia discrepanza tra governanti e civili società, quindi una richiesta

di aiuto e sostegno sarebbe percepita come un segno di debolezza e incoraggerebbe iniziative

di vigilante (cioè anti-statale). Ciò che è paradossale è che Nitti e altri funzionari del governo

hanno giustificato il loro atteggiamento contraddittorio verso il sostegno alla mobilitazione

civile in nome dell'imparzialità politica, opportunismo elettorale e, in ultima analisi, rispetto

per il ruolo dello Stato come neutrale e mediatore imparziale nei conflitti sociali. Era questo

tradimento percepito nel nome di principi democratici e liberali (non importa quanto

opportunistici possano essere) che ha spinto gli “onesti cittadini” ormai mobilitati ad andare

avanti da soli, precisamente in il nome dell'autodifesa. Di fronte a uno stato debole e a un

socialista imminente minacciare, infrangere la legge era l'unico modo, credevano, per

ripristinare la legge e l'ordine. Era nella zona grigia tra la difesa dell'ordine pubblico e le

paure di sovversione che il fascismo poteva prosperare.

Ciò non significa, tuttavia, che la convergenza definitiva di questi “buoni cittadini ”nel

fascismo era inevitabile. Gli atteggiamenti contraddittori del politico élite verso il

coinvolgimento dei privati cittadini nell'ordine pubblico e nello sciopero compiti hanno

contribuito a far luce sulle difficoltà incontrate dalle élite liberali nel trovare un credibile

equilibrio tra ordine e libertà in tempi di rapidi mutamenti sociali e politici. Il sistema politico

era "incapace di rispondere alle richieste dei cittadini per il cambiamento ma comunque

capace di preservarsi e riprodursi ". Il tentativo di Nitti di coinvolgere i privati cittadini nella

difesa dello Stato era solo l'ultima tappa un lungo e conflittuale rapporto tra lo Stato italiano e

le sue “classi fedeli”. Nel contesto della perdurante crisi di legittimazione dello Stato liberale,
le soluzioni erano estremamente difficili da trovare, ammesso che possano essere trovati. In

un discorso del 1914, Alfredo Rocco, studioso di diritto e futuro ministro della giustizia

durante la dittatura fascista, ha parlato della necessità di sostituire "protezione dello Stato"

con "difesa privata". "Il privato interviene ”, ha sostenuto Rocco,“ quando lo Stato è crollato. . . .

Perciò, ciò che dovrebbe essere condannato non è la difesa privata in sé, ma il ritorno dello

Stato alle epoche passate dell'evoluzione giuridica ”.82 Alla luce di queste parole, ci si può

chiedere se il coinvolgimento dei privati cittadini nelle funzioni pubbliche possa aver avuto

qualche possibilità di successo nel rafforzare la scossa legittimità dello Stato liberale. La

scommessa di Nitti era un tentativo di far uscire il Paese dallo stallo politico. Alla fine, tutto ciò

che ha fatto è stato aprire un vaso di Pandora. Paradossalmente, la fragile legittimità di lo

stato liberale alla fine non fu distrutto né dagli sconvolgimenti popolari né dalle conseguenze

di una piena democratizzazione, ma da quelle forze mobilitate per opporsi ad essi.