Sei sulla pagina 1di 1

•• 18 GIOVEDÌ — 8 LUGLIO 2021 – IL RESTO DEL CARLINO

Collegi Universitari Prosegue “Urbino Teatro


Urbano“. Oggi alle ore 21,15 al

Urbino “Urbino Teatro Urbano“


questa sera ospita
“Il Gallo del mal di testa“
della Compagnia Pallaksch
Teatro del collegio La Vela
incontro di restituzione della
residenza artistica su “Il Gallo
del mal di testa“ della
Compagnia Pallaksch.
Ingresso libero.

La biblioteca della Barsanti donata a Urbino


La storica dell’arte fiorentina ha lasciato all’Accademia Raffaello il suo patrimonio di volumi. Bravi: «Un vero tesoro per gli studiosi»

Un tempo si sarebbe annuncia-


to che una biblioteca già prezio-
sa come quella dell’Accademia
Raffaello si era arricchita anco-
ra di più grazie a un’importante
donazione. In realtà, grazie alla
presenza delle biblioteche di
Università Carlo Bo, Accademia
Raffaello, Accademia di Belle Ar-
ti, Fondazione Bo e ISIA
letterati fiorentini Luigi Baldacci de De Juliis «si dedicò completa-
sull’OPAC (Online Public Ac-
e Piero Bigongiari: quest’ultimo mente all’insegnamento presso
cess Catalogue) condiviso sul le pubblicò nel 1978 nella sua ri- le Università per Stranieri Smith
web e consultabile da tutti, l’in- vista di arte e letteratura “Para- College e Midleburry College, e
tera città di Urbino potrà vanta- digma“ un articolo sull’oratorio di quest’ultima divenne indi-
re un nuovo tassello importante fiorentino dei Vanchetoni. Parte menticabile direttrice, un ruolo
da incastonare in un patrimonio Sopra, i libri appena arrivati. A destra, Anna Barsanti, Giuseppe De Juliis e Luigi Bravi cipò nel 1986 alla grande e inno- riconosciuto unanimemente da-
unico e straordinario di opere e vativa impresa della mostra rea- gli altri istituti stranieri fiorenti-
documenti di Storia dell’Arte. lizzata da Mina Gregori e Piero ni».
«Si tratta di una donazione im- Anna e della dottoressa Daniela grandi pittori del Seicento fio-
Bigongiari sul Seicento fiorenti- Perché proprio l’Accademia
portantissima» conferma il Presi- Merli che da urbinate appassio- rentino. La sua fondamentale ri- no, curando le schede dei dipin- Raffaello?
dente dell’Accademia Raffaello nata ci ha fornito un aiuto pre- cerca basata su documenti ine- ti e dei disegni e la biografia di «Per gli studiosi di storia dell’ar-
Luigi Bravi «proveniente dalla zioso». diti metteva a frutto le indimenti- Cecco Bravo, a cui fece seguito te è impossibile non avere rap-
storica dell’arte fiorentina Anna Dobbiamo tributare un giusto ri- cabili lezioni di Ugo Procacci, il dopo vari anni, nel 1999, una porti con Urbino, dove sia io
Barsanti, scomparsa nel 2020. cordo ad Anna Barsanti. «Fu in- grande studioso sovrintenden- mostra dedicata a questo impor- che Anna abbiamo condotto
In passato avevamo dovuto ri- nanzitutto una delle migliori al- te alle gallerie fiorentine. Anna tante ed eccentrico artista. Fu per anni i nostri studenti, sia ita-
nunciare ad altre donazioni pre- lieve di Mina Gregori all’Univer- Barsanti ha anche collaborato per anni preziosa collaboratrice liani che stranieri, trovando sem-
stigiose per mancanza di uno sità di Firenze che l’accolse nel con il grande iconologo George della scrittrice Anna Banti, mo- pre un’ottima accoglienza. La
spazio ora fortunatamente am- 1974 nella rivista ‘Paragone’, Kaftal all’edizione italiana del glie di Roberto Longhi, nella di- donazione è in fondo il suo «gra-
pliato». fondata da Roberto Longhi. 1978 di Iconography of the Sain- rezione della Fondazione fioren- zie» alla città di Raffaello».
Una valutazione qualiquantita- Suoi i tre magistrali articoli su ts in the Painting of North East tina che porta il suo nome. A par- Tiziano V. Mancini
tiva? Francesco Furini, uno dei più Italy. Fu inoltre in rapporto con i tire dagli anni Ottanta» conclu- © RIPRODUZIONE RISERVATA
«Si tratta di 160 scatole conte-
nenti monografie dedicate all’ar-
te fiorentina del XVI e XVII seco-
lo, che copriranno circa 70 me- po questo non è sempre avvenu-
tri lineari di scaffalature. Perciò
potremmo parlare di almeno tre-
«Sulla Protezione civile to. A fine estate saranno nomi-
nati i nuovi referenti».
Il sindaco ribadisce che il grup-
mila volumi. Ma naturalmente
quel che conta è il valore degli
stessi e il fatto che siano il frutto
direi... niente ansia» po è pienamente attivo e si po-
trebbe intensificare un rappor-
di una vita di studi dedicati a un to di collaborazioni: «Dobbiamo
Il sindaco Gambini interviene metà dei componenti a non ade-
importantissimo periodo della collaborare con gli altri gruppi
sulle recenti dimissioni rire più al Gruppo. Molti infatti
storia dell’Arte. Una donazione di Protezione civile dei vicini co-
del coordinatore e del suo vice andarono a Fermignano. Mi di-
muni».
di cui ringraziamo la famiglia
Mechelli: «Nuovi investimenti» spiacque molto e il gruppo che
Barsanti e il professor Giuseppe «E’ stata una cosa inaspettata –
rimase andò avanti con il coordi- spiega il consigliere incaricato
De Juliis che ha avuto un ruolo Dopo le dimissioni del coordi- namento che ora si è dimesso. alla Protezione civile Lino Me-
fondamentale nell’operazione». natore e del vice coordinatore Ho dato l’incarico di seguire la chelli –. Avevamo messo in cam-
«Sono io che ringrazio l’Accade- del Gruppo comunale di prote- Protezione civile al consigliere po un progetto a lungo termine,
mia Raffaello« fa eco De Juliis, zione civile di Urbino il sindaco Il sindaco di Urbino
già docente di Teoria e Storia capogruppo Lino Mechelli per ambizioso dove si prevedeva il
Maurizio Gambini ed il consiglie- Maurizio Gambini
dei Beni Culturali all’Accademia riorganizzare il tutto e c’è stato rilancio del Gruppo comunale
re con la delega Lino Mechelli un implemento delle adesioni.
di Brera» soprattutto perché in di Protezione civile fornendo
hanno organizzato una confe- Ringrazio la parte che ha lascia- sta condizione non è stata ac-
questi tempi di burocrazia soffo- mezzi ed equipaggiamenti ade-
renza stampa per spiegare la si- to e che ha svolto un ottimo la- cettata e per questo si sono di-
cante il presidente Luigi Bravi si guati. Abbiamo già investito ol-
tuazione. Intanto il ruolo di coor- voro con grande impegno che messi il coordinatore ed il vice tre 20mila euro in logistica ed è
è reso immediatamente disponi-
bile a dare al Fondo Anna Bar- dinatore sarà ricoperto fino a però in alcuni momenti di emer- coordinatore. Credo che ci sia già in programma la realizzazio-
santi una collocazione prestigio- dopo le vacanze estive dalla re- genza, come a feste o eventi, una cattiva interpretazione del ne di una sede adeguata al Sas-
sa all’interno del patrimonio del- sponsabile dell’ufficio tecnico, non volevano intervenire per- regolamento. L’operatività è ap- so. Rispettiamo le idee di tutti,
la città di Urbino facendo sì che Mara Mandolini. ché il coordinatore diceva che pieno ma per il lavoro si deve intanto il sindaco ha inviato una
ne possano fruire studenti, do- «Niente ansia», esclama Gambi- non era possibile. Abbiamo chia- collaborare con l’amministrazio- lettera ai volontari rassicurando-
centi dell’Ateneo e cittadini. Un ni parlando di spaccature che ri- rito con il funzionario regionale ne comunale e con me che so- li che ci sono i presupposti per
lavoro che abbiamo portato a salgono a sette anni prima. «Dal- – prosegue il sindaco – che il no il sindaco e quindi il primo re- portare a termine il progetto».
termine con la grande disponibi- la mia prima legislatura c’era sta- Gruppo può intervenire e deve sponsabile del Gruppo comuna- Francesco Pierucci
lità di Chiara Barsanti, sorella di ta una spaccatura che portò alla se ha i volontari disponibili. Que- le di Protezione civile e nel tem- © RIPRODUZIONE RISERVATA