Sei sulla pagina 1di 5

ESTATE

Estate
Sei calda come i baci che ho perduto
Sei piena di un amore che è passato
Che il cuore mio vorrebbe cancellare

Estate
Il sole che ogni giorno ci scaldava
Che splendidi tramonti dipingeva
Adesso brucia solo con furore

Tornerà un altro inverno


Cadranno mille pètali di rose
La neve coprirà tutte le cose
E forse un po' di pace tornerà

Estate
Che ha dato il suo profumo ad ogni fiore
L' estate che ha creato il nostro amore
Per farmi poi morire di dolore

Estate
Il pinguino innamorato

Guarda, guarda, guarda


il bel Pinguino innamorato
col colletto duro e con il petto inamidato...
Va passeggiando per il pack
con un'aria molto chick
molleggiando dolcemente il frac.

Sotto al chiar di luna


va a cantar la serenata
dove fa la nanna
la pinguina innamorata
"Oh, bella figlia dell'amor,
schiavo son dei vezzi tuoi,
io son tutto tuo
se tu mi vuoi!"

Ma il papà della pinguina


esce con la scopa in man:
"Lascia star la mia bambina!
Via di qua, o marran!"

Quatto, quatto, quatto


il bel pinguino innamorato
con il cuor trafitto
s'allontana disperato...
Poi nella notte s'ode un click.
sopra il pack che ha fatto crack
s'è sparato il bel pinguino in frac.
MARAMAO PERCHE’ SEI MORTO?

Quando tutto tace


e su nel ciel la luna appar,
col mio più dolce e caro miao,
chiamo Maramao.
Vedo tutti i mici
sopra i tetti a passeggiar,
ma pure loro senza te
sono tristi come me.
Maramao perché sei morto?
Pane e vin non ti mancava,
l'insalata era nell'orto,
e una casa avevi tu.

Le micine innamorate
fanno ancor per te le fusa,
ma la porta è sempre chiusa
e tu non rispondi più.
Maramao...Maramao...
fanno i mici in coro:
Maramao...Maramao...
mao, mao, mao, mao, mao...
Maramao perché sei morto?
Pane e vin non ti mancava,
l'insalata era nell'orto,
e una casa avevi tu.
Anche la nonnina
triste e sola al focolar,
seguita sempre a brontolar
e non vuol filar.
L'ultimo gomitolo
con cui giocavi tu
sul suo grembiule bianco e blu
non si muove proprio più.
MILLE LIRE AL MESE

Che disperazione, che delusione dover campar,


sempre in disdetta, sempre in bolletta!
Ma se un posticino domani cara io troverò,
di gemme d'oro ti coprirò!
Se potessi avere mille lire al mese,
senza esagerare, sarei certo di trovar
tutta la felicità!
Un modesto impiego, io non ho pretese,
voglio lavorare per poter alfin trovar
tutta la tranquillità!
Una casettina in periferia, una mogliettina
giovane e carina, tale e quale come te.
Se potessi avere mille lire al mese,
farei tante spese, comprerei fra tante cose
le più belle che vuoi tu!
Ho sognato ancora, stanotte amore l'eredità
d'uno zio lontano americano!
Ma se questo sogno non si avverasse,
come farò.... il ritornello ricanterò!
PARLAMI D’AMORE MARIU’

Come sei bella, più bella stasera Mariù


Splende un sorriso di stella, negli occhi tuoi blu
Anche se avverso il destino, domani sarà,
oggi ti sono vicino perchè sospirar, non pensar

Parlami d'amore Mariù


Tutta la mia vita sei tu
Gli occhi tuoi belli, brillano
Fiamme di sogno, scintillano

Dimmi che illusione, non è


Dimme che sei tutta per me
Qui sul tuo cuor non soffro più,
Parlami d'amore Mariù

Occhio una in maliarda sirena sei tu


sò che si perde gli sguardi,
quegli occhi tuoi blu
Ma che mi importa se il mondo si burla di me,
meglio nel gorgo profondo
ma sempre con te,
si con te

Qui sul tuo cuor non soffro più

Parlami d'amore,Mariù