Sei sulla pagina 1di 1

Forse pperché della fattal quïette

TTu sei l'imago a me sì cara vieni


O sera! E quando tti cortteggian liette
Le nubbi esttive e i zeffiri sereni,

E quando dal nevoso aere inquïette


TTenebbre e lunghe all'universo meni
Semppre scendi invocatta, e le secrette
Vie del mio cor soavementte ttieni.

Vagar mi fai co' miei ppensier su l'orme


che vanno al nulla etterno; e inttantto fugge
questto reo ttemppo, e van con lui le ttorme

Delle cure onde meco egli si sttrugge;


e menttre io guardo la ttua ppace, dorme
Quello sppirtto guerrier ch'enttro mi rugge�