Sei sulla pagina 1di 6

II.

L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
1. Nozione di spazio
Etimologicamente, deriva da spatium, e questo da σπά-
διον (dorico) o στάδιον (atico). Aveva il senso di una lun-
ghezza determinata (quella, appunto, dello stadio, che mi-
surava intorno a 185 m.).
In latino aveva un senso molto più largo, per significare una
qualsiasi lunghezza, distanza, grandezza, e anche, in senso
traslato, una durata. In greco, invece, non c’era un termine
con un significato così ampio; si usavano διάστεμα (distanza),
μέγετος (grandezza), μήκος (lunghezza), o semplicemente un
termine neutro (doppio, metà, o pieno, vuoto); con il senso di
luogo c'era τόπος (Aristotele), χώρα (Platone).
II. L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
Tipi di spazio:
a) spazio sensitivo (sensibile comune, qualità primarie).
Caratteristiche:
- omogeneo (sempre lo stesso)
- centrato soggettivamente (in funzione del soggetto sen-
ziente)
- finito e limitato (sebbene i limiti non sono sempre netti)
- costituito dall'insieme degli oggetti percepiti
II. L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
b) spazio matematico (o geometrico):
- è l'oggetto proprio della geometria elementare
- concetto astratto (pura estensione considerata in se
stessa) e ideale, a prescindere dei soggetti nei quali si può
dare
- non è un puro ente di ragione, ma corrisponde a qual-
cosa della realtà (accidente reale degli enti corporei), e per
questo è applicabile alla realtà
II. L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
c) spazio immaginativo (nei sensi interni)
- corrisponde analogicamente allo spazio sensitivo
- quadro globale che si estende indefinitamente in tutte
le direzioni, nel quale si collocano gli oggetti immaginati
- può essere vuoto di oggetti in parte o totalmente
- non è eliminabile (sfondo proprio dell'immaginazione
come facoltà organica)
II. L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
d) spazio assoluto, vuoto o immaginario (ordine intellettivo)
- si concepisce come una realtà estesa, omogenea e in-
finita, sussistente, vuota, indipendente dai corpi particolari
ma capace di riceverli e contenerli
- caratteristiche: estensione infinita tridimensionale, esis-
tente in sé, indipendentemente dai corpi, come condizione
oggettiva del movimento e l'esistenza stessa dei corpi
- è frutto dello spazio immaginativo (del trasferimento
acritico delle sue proprietà alla concezione dello spazio
reale)
II. L'ENTE MOBILE
MOVIMENTO, SPAZIO E TEMPO
B) Lo spazio e il tempo
e) spazio fisico (spazio reale in quanto oggetto della fisica)
- definizione operativa: grandezza misurabile di cui si
serve la scienza fisica come uno dei parametri fondamenta-
li di essa per stabilire la posizione e il movimento dei corpi
N.B. Bisogna precisare di quale spazio si parla. Molti
autori parlano semplicemente di spazio, identificato con lo
spazio assoluto. Tale senso è quello che ha prevalso nella
tarda scolastica, soprattutto dopo F. Suárez, il quale conce-
pisce lo spazio come assoluto, vuoto, immaginario, igno-
rando o escludendo ogni altro possibile senso.