Sei sulla pagina 1di 6

Elementi di antropologia culturale

Ugo Fabietti
(Mondadori università, 2015)

Prima parte: genesi e natura

1 – Origine e significato dell’antropologia

 1. Etimologia
 1.1 Breve storia dell’antropologia culturale (Erodoto, Ibn Khaldum, umanesimo, 1492, illuminismo,
l’Ottocento)
 1.2 Oggetto e metodo di studio
 1.3 le “società primitive” e la situazione attuale
 1.4 il nuovo contesto
 2. La pluralità di antropologie

2 – Oggetti e metodi dell’antropologia culturale

 1. Cultura in antropologia (caso degli Spagnoli / Arè’ Arè)


 2. Il concetto antropologico di cultura (Tylor)
 3. Incompletezza e ruolo della nello sviluppo
 3.1 modelli (caso dei ragazzi selvaggi)
 3.2 Operativa (Malinowski, habitus)
 3.3 Selettività, trasmissione, apertura e chiusura (Isole Mentawai)
 3.4 Dinamicità (cambiamenti per causa esterna e interna)
 3.5 Differenze interne (colta e popolare, egemonica e subalterna, distribuzione)
 3.6 Comunicazione (universalità semantica e produttività infinita), creatività (e limiti imposti)
 3.7 Olistica (caso indù)
 3.8 i confini (caso della globalizzazione)

La ricerca

 4. La ricerca (olistica)
 4.1 Etnografia: ricerca e metodo
 4.2 l’osservazione partecipante
 4.3 Etnografia: interpretazione

3- Il Ragionamento antropologico

 La prospettiva olistica e il contesto


 Universalismo e etnocentrismo
 Stile comparativo: due approcci
 Ascolto e traduzione
 Inclinazione critica e relativismo (comprensione)
 Paradigmi
 Applicazione: storia e attualità
 riflessività
Seconda parte: Unità e varietà del genere umano

1 – Razze, geni, lingue e culture


 la “razza”, le ricerche sul DNA
 famiglie linguistiche (quattro processi)
 rapporto tra genetica/linguistica e cultura (agricoltura)
Esempio: caso dei baschi e dei caucasici
 aree culturali e globalizzazione

Terza Parte: comunicazione e conoscenza

1 – Oralità e scrittura

 scrittura e oralità (diverse società, formule orali, regresso all’oralità)


 il valore delle parole: eventi, gestualità, potere dei nomi
esempi: Trobriand (Malinowski), aborigeni australiani, Baruya (Nuova Guinea), arpe zande, Dogon (Mali)
 oralità e memoria: tecniche, omeostatica, inutilità
esempi: beduini, Antemoro (Madagascar)
 L’esperienza, l’opinabilità della scrittura, la scrittura sacra
Esempi: Lurija, allievo mauritano di Fabietti, il Corano, i Mundurucu (Brasile), oasi di El Ksar (Tunisia)
 Scrittura e identità: I Beduini e le genealogie
Esempi: beduini nomadi Medio Oriente, tribù giordane, Beduini Bdul (Petra), movimento N’Ko (Mali)
 L’impatto dei media (immaginazione, comunità di sentimento, sfere pubbliche)
Esempi: migranti

2 – Percezione e cognizione
 Pensiero concreto e astratto (sistematicità, astrazione vs esperienza- Levi-Strauss)
Esempi: Inuit e la neve
 Percezione del mondo fisico (Vygotskij): processi cognitivi elementari/sistemi cognitivi funzionali
Esempio: il QI tra i bambini americani bianchi e neri
 Gli stili cognitivi: globale e articolato
Esempio: Lurijia, uzbeki
 L’etnoscienza: i prototipi
Esempio: Waiwai e il consumo di carne
 BOX: animali puri e simbolici (pangolino nei Lele, animali puri e impuri nella Bibbia (Douglas))
 Gli schemi (Kant, schemi vs prototipi)
Esempio: Scrivere/Kaku (Fillmore)
 La terminologia del colore (Berlin/Kay): 11 categorie, sequenza della terminologia cromatica,
complessità culturale, significati e percezioni non cromatiche
Esempi: colori della morte, Hanunòo (Filippine)
Quarta parte: Sistemi di pensiero

1 – Sistemi “chiusi” e “aperti”


 Sistemi di pensiero e coerenza
Esempio: cosmologia Dogon (Griaule)
 Funzione esplicativa e senso comune nei sistemi di pensiero
Esempi: Scienza vs sistemi tradizionali (Horton)
 Analogie esplicative, dalle persone alle cose
Esempio: AIDS in Camerun
 Sistemi “chiusi” e “aperti”
Esempi: Lèvy-Bruhl e il pensiero primitivo, Horton e la sua limitatezza: la logica “fuzzy”
 BOX: La stregoneria negli Azande (Evans-Pritchard)

2 – Pensiero metaforico e pensiero magico


 Pensiero metaforico e magico
Esempio: i Bororo del Mato Grosso (Karl von der Steinen)
 Magia: Frazer (evoluzionismo) e Malinowski (atti sostitutivi)
 Magia e “presenza”: De Martino
 BOX: Magie contemporanee (buoni auspici)

3 – Pensiero mitico
 Miti e riti
 Caratteristiche del mito
Esempi: Bibbia, Androgino (greco), Baruya (Nuova Guinea), Winnebago (Nord America), Prometeo
 BOX: i buffoni tra gli Zuni (USA Sud Ovest)
 Le funzioni del mito
Esempi: Malinowski, Radcliffe-Brown e la comparazione aborigeni/nativi nordamericani
 Lévi-Strauss: strutture e mitemi, un pensiero che pensa se stesso
Quinta parte: Identità, corpi, “persone”
1 – identità, corpi e persone
 L’identità (sé e l’altro, come commissione)
Esempi: cultura “Occidentale”, Indios Tupinamba
 BOX: identità e cibo
 il corpo (conoscenza, disciplinamento, antropopoiesi)
Esempio: Ngaing, Papua Nuova Guinea
 salute e malattia (paradigrma “biomedico” vs extraeuropeo)
esempi: Aborigeni
 BOX: lo ihamba degli Ndebu
 La persona (bioetica, persona vs individuo)
Esempi: Bali
 BOX: Samo, Burkina Faso

2 – il sesso, il genere, le emozioni


 Femminile e maschile (“ultimo limite del pensiero”, identico/differente, relazioni come costruzione
sociale) esempi: Kanak (Nuova Guinea), Androgino di Platone, scienza moderna, Inuit e l’identità sessuale
 Sesso e genere (educazione, riproduzione come “dato di natura”, relazioni di potere, separazione)
Esempi: infanticidio, baliatico, spazi di genere, Margaret Mead nel Pacifico
 BOX: l’hijab e il suo significato
 Le emozioni (sentimenti e stati d’animo, modelli culturali, modo razionale di intendere le emozioni)
Esempi: lek (Bali), metagu/song (Ifaluk, Micronesia), ishq (beduini egiziani), liget/beya (Ilongot, Filippine)

3 – caste, classi, etnie


 Caste (varna/jat, occupazione/purezza rituale, totemismo e caste (Levi-Strauss))
 Classi (Marx, coscienza di classe)
 Studi culturali (CCCS, agency, ascesa sociale, gruppi occupazionali, altri contesti)
 Etnie e etnicità (concezione classica, carattere assoluto, conflitti etnici e uso politico dell’etnicità,
Cohen)
 BOX: Huhu e Tusti in Rwanda
settima parte: Esperienza religiosa e pratica rituale
1 – concetti e culti
 Religione (universalità, potere e verità, significato e potere, funzione
normativa/protettiva/integrativa, arte e scienza, simboli e riti)
 BOX: origine dello studio antropologico della religione

Tipi di culti e nozioni

 i culti individuali
 i culti sciamanici (trance, geolocalizzazione)
 possessione (vudu, morso della tarantola, Gondar, Bijago, Sakalava)
 Mana
 Culti comunitari (società segrete, rango, confraternite mistiche islamiche)
 Totemismo (Levi-Strauss)
 Culti ecclesiastici
 Tabu

2 – simboli e riti
 Simboli sacri (significato, sacro come separato e interdette, preparatori e rappacificanti, costrutto
sociale)
 BOX: ‘Id al kabir
 Riti sacri e profani (rito, religioso, profano)
Esempio: bandiera nazionale USA
 BOX: Il giuramento della bandiera a Melilla
 BOX: churinga e rombi (aborigeni)

Tipi di riti

 Riti di passaggio (definizione, le tre fasi di Van Gennep)


Esempio: pellegrinaggi alla Mecca
 BOX: Liminalità
 Rituali funerari (valori ultimi, scandalo in confronto alla vita, morte e sessualità, emotività)
 BOX: Hertz e lo studio della morte
 BOX: Morte, vita e struttura sociale in Madagascar
 Riti di iniziazione (spirituali, di pubertà, età adulta, società segrete)
Esempio: Hopi e Mende, Sande

3 – religioni e identità nel mondo globalizzato


 La secolarizzazione (manifestazioni religiose di massa, privatizzazione, essenzializzazione)
 Culti (di revitalizzazione, millenaristici, nativistici, messianici)
Esempi: danza dello spirito, Gioacchino da Fiore, culto del cargo
 Globalizzazione (El Tio, Mami Wata, internet e la deterritorializzazione)
 BOX: circoncisione tra gli Ngaing (Papua-Nuova Guinea)
 Essenzializzazione (Huntington, mosse ideologiche: i media)
Esempio: Ramayana, nazionalismo indù e la distruzione di Ayodhya
 Fondamentalismo (cristiano, islamico, indù, ebraico, politica e terrorismo)

ottava parte: Creatività culturale e espressione estetica


1 – la creatività culturale
 produzione di nuovi significati
esempi: Coca-Cola nei Luo, Sande e abiti occidentali, Fon e Roger Milla e la birra Guinness
 BOX: storyboards dei Kambot
 Rottura del tempo comune (festa)
 BOX: il naven negli Iatmul

2 – l’espressione estetica

 La percezione estetica e “l’arte”


 La natura culturale dell’espressione estetica
Esempi: arte figurativa Medievale, arte arabo-musulmana, arte degenerata, iconoclastia: Budda della valle di
Bamiyan e arte bizantina, protestantesimo e arte USA
 BOX: “arte” preistorica (30-15.000 a.C.)
 Selezione estetica
esempio: sculture Kalabari, maschere Yoruba, rituale Bwami dei Lega, case degli uomini tra gli Abelam
 BOX: il writing

3 – arte “tribale” in Occidente

 Musei etnografici: decontestualizzazione


 Objets sauvages e arte moderna: primitivismo dell’arte
 Mercato dell’arte: da valore simbolico a economico, rinascita culturale
Esempi: storyboards Kambot, taonga Maori
 Arte e politiche dell’identità
Esempio: statua di Rocky Balboa, Philadelphia
 Il Patrimonio culturale

Potrebbero piacerti anche