Sei sulla pagina 1di 64

Italiano ü ü

NEOS10
SELL TECH W ORK CUST USER

ESTRATTO DEL MANUALE


INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

PARTE ELETTRICA E QUADRO MANOVRA


NEOS10
1 0991 499 IT

DISPONIBILE PER IMPIANTI :


GLF MR, GLF MRL-MC, GLF MRL, HLDM

IL MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE COMPLETO, È DISPONIBILE IN FORMATO PDF, SULLA


SCHEDA mSD INSERITA NELLO SLOT DELLA SCHEDA MST01 DEL QUADRO DI MANOVRA NEOS10

GMV SPA Azienda Certificata


APPARECCHIATURE FLUIDODINAMICHE E UNI EN ISO 9001 ITA
COMPONENTI PER ASCENSORI 1.01
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
2 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

INDICE
0 PARTE GENERALE 5
0.1 INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 5
0.1.1 TERMINOLOGIA E SIMBOLI UTILIZZATI 5
0.2 DOCUMENTAZIONE PER L’INSTALLAZIONE 5
0.3 SICUREZZA DURANTE L’INSTALLAZIONE 6
0.4 ATTREZZATURA 6
0.5 DISPOSIZIONI GENERALI 6
1 CARATTERISTICHE E REQUISITI 6
2 OPERAZIONI DI INSTALLAZIONE 7
2.1 OPERAZIONI PRELIMINARI 7
2.1.1 PREPARAZIONE DEL LUOGO DI INSTALLAZIONE 7
2.1.2 PREPARAZIONE DELL’IMPIANTO ELETTRICO 7
2.1.3 SCARICO E STOCCAGGIO DEI MATERIALI 7
2.1.4 PONTEGGI 7
2.2 SCHEMA GENERALE DEL SISTEMA ELETTRICO 8
2.3 ARMADI PER QUADRO DI MANOVRA 9
2.3.1 FISSAGGIO QUADRO DI MANOVRA 9
2.3.1.1 FISSAGGIO DEL QUADRO IN LOCALE MACCHINARIO (MR) 10
2.3.1.2 FISSAGGIO DEL QUADRO IN ARMADIO (MRL-MC) 11
2.3.2 INSTALLAZIONE DELLE PARTI ELETTRICHE SUL QUADRO 11
2.3.3 FISSAGGIO DEL QUADRO NEL VANO (MRL) 12
2.4 OPERAZIONI PRELIMINARI E DI COLLEGAMENTO 12
2.5 OPERAZIONI NEL VANO DI CORSA 15
2.5.1 INSTALLAZIONE LINEA DI VANO 15
2.5.2 CONNESSIONI ALLA LINEA VANO 16
2.5.2.1 CONTATTI DI SICUREZZA 16
2.5.2.2 BOTTONIERE ED ACCESSORI 16
2.5.3 INSTALLAZIONE CAVI FLESSIBILI 17
2.5.4 INSTALLAZIONE ENCODER 17
2.5.5 DISPOSITIVI DI SICUREZZA 18
2.5.5.1 IMPIANTI STANDARD 18
2.5.5.2 IMPIANTI MRL 18
2.5.5.3 TESTATA RIDOTTA 18
2.5.5.4 TESTATA E FOSSA RIDOTTA 18
2.5.5.5 FOSSA RIDOTTA 18
2.6 OPERAZIONI SUL TETTO DI CABINA 19
2.6.1 INSTALLAZIONE BOX E COLLEGAMENTO CAVI FLESSIBILI 19
2.6.2 COLLEGAMENTI ALLA SCHEDA BOX 20
2.6.2.1 OPERATORI E CONTATTI DELLE PORTE 20
2.6.2.2 BOTTONIERE IN CABINA E BOTTONIERA D’ISPEZIONE SUL TETTO 20
2.6.2.3 ALLARMI, CONTROLLO ED ILLUMINAZIONE CABINA 20
2.6.2.4 SICUREZZE 21
2.6.2.5 INFORMATORI DI VANO 21
2.7 OPERAZIONI NEL VANO DI CORSA 22
2.7.1 INSTALLAZIONE MAGNETI IN VANO A CONTATTI 22
2.7.1.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3 22
2.7.1.2 IMPIANTO CON VALVOLA 3010 E VALVOLA DLV A3 22
2.7.2 INSTALLAZIONE MAGNETI IN VANO CON ENCODER 23
2.7.2.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3 23
2.7.2.2 IMPIANTO CON VALVOLA 3010 E VALVOLA DLV A3 23
2.7.3 ILLUMINAZIONE DI VANO (OPZIONALE) 24
2.7.3.1 ILLUMINAZIONE DI VANO PER IMPIANTI TRIFASE 24
2.7.3.2 ILLUMINAZIONE DI VANO PER IMPIANTI MONOFASE 25
2.8 OPERAZIONI NEL LOCALE MACCHINE 26
2.8.1 COLLEGAMENTI AL QUADRO DI MANOVRA 26
2.8.2 LETTURA ED ACQUISIZIONE INFORMAZIONI IN VANO CON ENCODER 26
2.8.3 ATTIVAZIONE MODALITÀ NORMALE 27
2.9 REGOLAZIONI FINALI 28
2.9.1 REGOLAZIONE ARRESTO AL PIANO 28
3 PROVE 29
3.1 PROVE DI ISOLAMENTO 29
3.1.1 PREPARAZIONE ALLE PROVE 29
3.1.2 ESECUZIONE DELLE PROVE 29
3.2 PROVE DEI DISPOSITIVI DI RILIVELLAMENTO 30
3.2.1 RILIVELLAMENTO CON PORTE APERTE PER IMPIANTI MR E MRL-MC 30
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
3 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

3.2.2 RILIVELLAMENTO CON PORTE APERTE PER IMPIANTI MRL 30


3.2.3 CIRCUITO DI SICUREZZA CHE PERMETTE IL RILIVELLAMENTO 30
3.3 PROVE DISPOSITIVI CONTRO IL MOVIMENTO INCONTROLLATO 31
3.3.1 PROVA IN SALITA 31
3.3.2 PROVA IN DISCESA 32
3.3.3 PROVA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO 32
3.3.3.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3 32
3.3.3.2 IMPIANTI CON VALVOLA 3010+DLV A3 33
3.4 PROVA DELL’INTERRUTTORE DI EXTRACORSA 34
3.5 PROVA DELLA VALVOLA DI SOVRAPPRESSIONE 34
4 PROGRAMMAZIONE E DIAGNOSI 35
4.1 SCHEDA LED 01 35
4.2 PROGRAMMATORE PT01 37
4.2.1 CONNESSIONE, MODALITÀ ATTESA E DATI SISTEMA 37
4.2.2 CARATTERISTICHE DEI PARAMETRI 37
4.2.3 ISTRUZIONI D’USO DEL PT01 37
4.3 MENÙ 38
- 1 - DIAGNOSTICA 38
- 2 - CONFIGURAZIONE 39
- 3 - CENTRALINA 39
- 4 - PORTE 40
- 5 - VANO 41
- 6 - PIANI 42
- 7 - ACCESSI 43
- 8 - BOTTONIERE DI PIANO 43
- 9 - BOTTONIERE DI CABINA 44
- 10 - SEGNALAZIONI VISIVE E VOCALI IN CABINA 45
- 11 - TIMER 46
- 12 - SERVICE 46
- 13 - SALVA DATI 47
5 PERSONALIZZAZIONI 48
6 MANUTENZIONE 48
7 CARATTERISTICHE DELLE SCHEDE 48
8 ERRORI, ALLARMI E TROUBLESHOOTING 48
8.1 ERRORI DI LETTURA VANO 48
8.2 RESET ALLARMI 49
8.3 ALLARMI IMPIANTO 50
8.3.1 LIVELLI DI ALLARME 50
8.3.2 ELENCO ALLARMI 50
9 APPENDICE 59
9.1 SIGLE E ABBREVIAZIONI 59
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
4 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

Tutti i diritti sono riservati.


ITA Senza il consenso scritto di GMV Spa, è vietato qualsiasi tipo di riproduzione, anche parziale, del presente documento
GMV Spa, qualora intervengano migliorie tecniche, costruttive o di produzione, si riserva il diritto di modificare il prodotto e/o il
presente documento, in parte o completamente, senza alcun preavviso.
I disegni, le descrizioni e le caratteristiche indicate nel presente documento sono puramente indicativi.
Per tutti i dati non inclusi nel presente documento fare riferimento alla documentazione di ogni componente.
Allo scopo di preservare la sicurezza del prodotto si consiglia di non utilizzare parti o pezzi di ricambio non originali e in ogni
caso non approvati da GMV Spa
GMV Spa declina ogni responsabilità in caso non venga osservato quanto indicato nel presente documento.

/c2 DT 05/03/2014 2C PR 05/03/2014 2c6 GF 05/03/2014

Informazioni e supporto:

APPARECCHIATURE FLUIDODINAMICHE Azienda Certificata


E COMPONENTI PER ASCENSORI UNI EN ISO 9001

GMV SPA
Via Don Gnocchi, 10 - 20016 PERO – Milano (Italy)
TEL. +39 02 33930.1 - FAX +39 02 3390379
http://www.gmv.it - e-mail: info@gmv.it

Visitate il sito www.gmv.it per verificare la disponibilità di aggiornamenti


del presente documento o ulteriori informazioni sui prodotti GMV.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
5 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

0 PARTE GENERALE

0.1 INFORMAZIONI INTRODUTTIVE


0.1.1 TERMINOLOGIA E SIMBOLI UTILIZZATI
NOTA
Segnala al personale informazioni il cui contenuto è d’importanza rilevante.

ATTENZIONE
Segnala che l’operazione descritta, se non eseguita nel rispetto delle norme di sicurezza, può
provocare danni all’impianto o danni fisici anche gravi.

Spazio per annotazioni

SIMBOLI

ü Sì, Ok, Corretto û No, Non corretto

Aperto, sbloccato Chiuso, bloccato

É possibile effettuare operazioni di Non è possibile effettuare operazioni di


installazione e/o manutenzione installazione e/o manutenzione

L’impianto funziona o può funzionare L’impianto è fermo o non funziona


correttamente correttamente

Controllare, verificare Catena delle sicurezze

ABBREVIAZIONI
MRL Machine Room Less TFR Testata e fossa ridotta
FR Fossa ridotta TR Testata ridotta

0.2 DOCUMENTAZIONE PER L’INSTALLAZIONE


I documenti da utilizzare per l’installazione sono quelli richiesti dalle EN81-1 e EN81-2 e dalle norme vigenti
applicabili, in particolare i seguenti:
- QUESTO MANUALE DI INSTALLAZIONE
- GLI SCHEMI ELETTRICI (EN81-1-2:2010)
Tutta la documentazione, per una corretta e sicura manutenzione dell’ascensore, deve essere conservata dal
responsabile dell’installazione. Si ricorda che tale documentazione è considerata parte integrante
dell’impianto e deve essere completa, ben conservata, ed integra in ogni sua parte.
Inoltre, al fine di salvaguardarne la leggibilità, non deve essere danneggiata, presentare parti mancanti ed i
fogli non devono essere strappati o deteriorati durante la consultazione.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
6 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

0.3 SICUREZZA DURANTE L’INSTALLAZIONE

ATTENZIONE
Prima di iniziare qualsiasi operazione d’installazione. Verificare SEMPRE che tutti i dispositivi di
sicurezza, sia meccanici che elettrici, siano attivati e correttamente funzionanti.

0.4 ATTREZZATURA
Per l’installazione è utilizzata la normale attrezzatura da cantiere e da elettricista.
0.5 DISPOSIZIONI GENERALI
I componenti elettrici devono essere mantenuti in buone condizioni operative in conformità con le normative.
Per ottenere questo risultato deve essere eseguita una regolare manutenzione che garantisca, in particolare,
la sicurezza dell'impianto.
La sicurezza di un impianto deve considerare la capacità dello stesso di essere sottoposto a manutenzione
senza causare lesioni o danni alla salute.
La manutenzione regolare deve essere eseguita per assicurare l’affidabilità.
Gli accessi e le zone circostanti devono essere mantenuti in buone condizioni operative.
La competenza della persona addetta alla manutenzione all’interno dell’organizzazione di manutenzione deve
essere continuamente aggiornata.
NOTA
Si informa il proprietario dell'impianto che è necessario che la qualificazione dell’organizzazione di
manutenzione sia in conformità con le regole applicabili nella nazione dove è installato l'impianto; in
assenza di regole la qualificazione può essere garantita da un sistema di qualità certificato secondo
le EN ISO 9001, integrate, se necessario, per tenere in considerazione le specifiche caratteristiche
dell'impianto.

1 CARATTERISTICHE E REQUISITI
Vedi manuale completo
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
7 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2 OPERAZIONI DI INSTALLAZIONE

2.1 OPERAZIONI PRELIMINARI


Prima di dare l’avvio all’installazione procedere alle seguenti verifiche e predisposizioni:
2.1.1 PREPARAZIONE DEL LUOGO DI INSTALLAZIONE
q Verificare la presenza nel vano di un efficiente sistema di illuminazione che assicuri i lux minimi imposti
dalle EN 81-1 e 2;
se tale sistema non è presente provvedere all’installazione come indicato in § 2.7.3 e § 2.7.4
q Verificare che gli ingressi al vano siano adeguatamente chiusi.
q Predisporre un’area di deposito materiale prossima al vano, facilmente accessibile dai montatori e non
esposta ad intemperie.
q Verificare che tutte le canaline ed i fori per il passaggio dei cavi elettrici siano liberi, ispezionabili e ben
rifiniti.
2.1.2 PREPARAZIONE DELL’IMPIANTO ELETTRICO
q Gli impianti elettrici di forza motrice e illuminazione ed i relativi interruttori devono essere costruiti ed
installati a regola d’arte. In particolare devono essere sempre installati idonei interruttori differenziali alla
partenza della linea di alimentazione.
q L’interruttore di forma motrice (posto nel locale macchine) deve essere di tipo lucchettabile in posizione
aperta.
q Le linee elettriche di forza motrice e illuminazione, comprensive del conduttore di terra correttamente
allacciato all’impianto di terra della struttura nella quale si vuole installare l’ascensore, devono fare capo
al quadro interruttori posto nel locale macchine.
2.1.3 SCARICO E STOCCAGGIO DEI MATERIALI
q Confrontare che le caratteristiche del Quadro di manovra (Tipologia quadro, contattori, avviamento,…)
corrispondano a quanto ordinato e riportato sulla conferma d’ordine.
q Verificare la presenza di tutti i materiali necessari per il montaggio, seguendo la distinta allegata ai
documenti del quadro. I codici identificativi dei materiali si trovano sui sacchetti che contengono i
materiali medesimi e sono richiamati nelle istruzioni di montaggio del presente manuale.
q Controllare lo stato di tutti i componenti ed i materiali all’atto del ricevimento in cantiere, per verificare
eventuali danneggiamenti durante il trasporto; avvertire immediatamente GMV Spa in caso di particolari
mancanti o danneggiati.
q Immagazzinare i componenti elettrici ed elettronici in un luogo secco, con temperature comprese tra 3 e
40°C, nei loro imballi originali.
q Se per qualsiasi ragione non fosse possibile installare subito l’impianto, controllare periodicamente i
componenti immagazzinati per prevenire danni causati da un prolungato stoccaggio in condizioni
sfavorevoli.
2.1.4 PONTEGGI
Per l'installazione fare uso di ponteggi regolamentari. Il ponteggio dovrà avere dei piani di lavoro in
corrispondenza di ogni fermata, previsti ad un livello di circa 0.5 m inferiore al piano di fermata.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
8 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.2 SCHEMA GENERALE DEL SISTEMA ELETTRICO


I principali componenti elettrici ed elettronici del impianto sono riassunti nello schema seguente:
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
9 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.3 ARMADI PER QUADRO DI MANOVRA


Gli armadi per il quadro di manovra, installabili in armadio (MC) e/o nel locale macchinario (MR) sono
composti dalle parti in figura :

2.3.1 FISSAGGIO QUADRO DI MANOVRA


Il quadro di manovra è predisposto per essere installato in tre modi differenti:
- Nel locale macchinario, con impianti MR
- In armadio locale macchina, con impianti MRL-MC
- Nel vano, fissato alle guide, con impianti MRL
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
10 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.3.1.1 FISSAGGIO DEL QUADRO IN LOCALE MACCHINARIO (MR)


ATTENZIONE
La distanza tra il bordo superiore del quadro di manovra ed il livello del pavimento del locale
macchinario deve essere minore o uguale a 2000 mm.

Ø 12 x 60 mm
ò 0° ò
õ ö
540 mm
n° 2 M6 x 50

687 mm
Ø 12 x 60 mm
ò 0° ò
õ ö
540 mm
n° 2 M6 x 50
Max 1300 mm

min 80 mm min 80 mm
1) Forare ed 2) Forare ed
inserire la staffa inserire i tasselli 3) Fissare il
inferiore sui della staffa quadro serrando
tasselli superiore i tasselli

Coppia di
serraggio 10Nm

ATTENZIONE
La misura Max 1300 mm per il fissaggio della staffa inferiore di supporto, si riferisce all’armadio MR
avente altezza 650mm.

Installare, lungo il bordo inferiore del quadro di manovra, una canalina per la protezione dei cavi.
Fissare la canalina al muro utilizzando i tasselli.
Se l’ingresso dei cavi provenienti dal vano avviene dall’alto occorre installare anche una canalina verticale
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
11 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.3.1.2 FISSAGGIO DEL QUADRO IN ARMADIO (MRL-MC)

Fissare la staffa superiore serrando le viti solo dopo aver agganciato correttamente il quadro alla guida.

Installare, lungo il bordo inferiore del quadro di manovra, una canalina per la protezione dei cavi.
Fissare la canalina usando gli appositi supporti forniti con il quadro di manovra.
Qualora, in armadio, l’ingresso dei cavi provenienti dal vano avvenga dall’alto, occorre installare anche una
canalina verticale, utilizzando i 2 prigionieri presenti nelle staffe orizzontali dell’armadio.
NOTA
Il quadro di manovra per impianti Home Lift da installare in armadio (HLDM MRL-MC) è fornito senza
sportello e pareti

2.3.2 INSTALLAZIONE DELLE PARTI ELETTRICHE SUL QUADRO


Dopo aver fissato il quadro di manovra, per installare i vari componenti elettrici, è possibile togliere la parte
frontale del quadro (sportello e pareti) svitando le due viti di fissaggio inferiori e sfilandolo verso l’alto. Al
termine dei lavori di installazione rimontare la parte frontale con procedura inversa.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
12 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.3.3 FISSAGGIO DEL QUADRO NEL VANO (MRL)


Installare il quadro di manovra prima dell’arcata fissandolo alle guide come indicato nelle figure seguenti:

ATTENZIONE
Per prevenire qualsiasi danno a persone o cose, prima di movimentare l’impianto per tutte le operazioni
richieste, verificare sempre che lo sportello di protezione del quadro di manovra sia chiuso.

2.4 OPERAZIONI PRELIMINARI E DI COLLEGAMENTO


· Seguire rigorosamente le norme di sicurezza vigenti nel luogo d’installazione.

+
0 - OFF 0 - OFF
+

PE R, S, T U1, V1, W1
U2, V2, W2

XC1 XC4
°F °C XC2

SOLO PER
NGV
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
13 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

XV1 XV1 - XV1 XV2


XV3

XV1

XV1
EN1004-9G99 XV2
Optional

OK
EN1003-9D99

X3
(ONLY TFR)

I - ON I - ON

GMV - NEOS10
PT01 12PK123456
òòò
1 Diagnostica
ENT
.1 Modo attivo
ñ Installazione

.1 Modo attivo ESC ññ 12. Service


.1 Modo attivo
Installazione ü Service
Normale
ENT .1 Modalita’
ENT ò .2 Funzionamento
ENT ENT [Intermittente]
ñò ENT Installazione
ESC ESC ESC GMV - NEOS10

L2 L3 L1
L1
CF
L2
L1 L2 L2 ñ ü
L3
L3 L1 L3
?
ó
OFF
DPA51

û
POWER ON ò
U1=U1 ü U1=U1 ü
V1=V1 ü V1=V1 ü
û W1=W1 ü W1=W1 ü
ò
ð U2=U2 ü U2=U2 ü
V2=V2 ü V2=V2 ü
W2=W2 ü W2=W2 ü
ò
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
14 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

NGV

RO1
RO2
FC
NC
PI
PE R S T N U1 V1 W1 U2 V2 W2

+DLV

VMD
DLV
24+

48+

48+
CV
V0

V0
N
F
RO1
RO2
FC
NC
PI
PE
R S T N U1 V1 W1 U2 V2 W2
230V

XF5 XDLV XA3


RO2
RO1

TO2
TO1
RT2
RT1

V2 W1 U2 V1 W2 U1
RO2
RO1

TO2
TO1
RT2
RT1

V2 W1 U2 V1 W2 U1

ü
V2 W1 U2 V1 W2 U1

? M
3~
ûð M
3~ ü
3010
RO1
RO2
FC
NC
PI

PE R S T N U1 V1 W1 U2 V2 W2
+DLV

VMD
DLV
24+

48+

48+
CV
V0

V0
N
F
RO1
RO2
FC
NC
PI

PE
R S T N U1 V1 W1 U2 V2 W2
230V

XF5 XDLV XA3

? U1 W2
ü
V1
M
3~
U2 ûð U1 V1 W1 U2 V2 W2

W1 V2

U1 W2

V1

W1
M
3~
U2

V2
ü
ATTENZIONE !
Non utilizzare MAI la bottoniera di start-up se sono presenti persone nel vano.
ATTENZIONE !
La bottoniera di start-up deve essere utilizzata SOLO per verificare il corretto
funzionamento del gruppo motore-pompa e/o della parte idraulica.

ATTENZIONE !
Non utilizzare MAI la bottoniera di start-up per l’installazione dei componenti nel vano.

ATTENZIONE !
Non premere MAI in alcun modo i due teleruttori di marcia KM e KS contemporaneamente.
L’attivazione contemporanea di KM e KS causa l’avviamento diretto del motore/pompa e +
muove l’impianto privo di sicurezze in salita, nel caso di valvola NGV, alla massima velocità.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
15 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.5 OPERAZIONI NEL VANO DI CORSA


2.5.1 INSTALLAZIONE LINEA DI VANO

+
0 - OFF 0 - OFF
+
La linea vano è formata da un fascio di fili unipolari colorati e/o numerati completo di connettori ad innesto
intermedi ed agli estremi.
Gli estremi, mediante apposite targhette, permettono di identificare il lato da connettere al quadro di manovra
ed il lato destinato al vano determinando il senso di inserimento nel vano.

ATTENZIONE
Nel caso di vano con accessi su più
lati la canalina va fissata in
prossimità del lato con più accessi.

...
Õ Fissare in modo provvisorio il
lato estremo superiore del
Õ fascio a circa un metro oltre
ñ ~1m
ò ~1m la soglia del piano piu alto
Õ Calare il fascio verso la fossa
Õ ò ~1m
fino ad arrivare al quadro di
manovra.

ñ ~1m Õ Fissare il fascio alla canalina


... inserendo nei tasselli le
... fascette, iniziando
Õ dall’estremo superiore.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
16 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.5.2 CONNESSIONI ALLA LINEA VANO


ATTENZIONE
NON tagliare od eliminare i cavi non utilizzati
Utilizzando i cavi in dotazione collegare alla linea di vano i seguenti componenti / connettori :

2.5.2.1 CONTATTI DI SICUREZZA


Contatto elettrico di extracorsa Contatti elettrici blocco porte Stop in fossa
[XV1] SEX [XV1] SP1, SP2, …, SPn [XV1] SCF

2.5.2.2 BOTTONIERE ED ACCESSORI


Bottoniere di piano Allarme inviato al piano principale Citofono in fossa
[XV3] SR [XV4] AI [XBR] TF (vedi schemi)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
17 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.5.3 INSTALLAZIONE CAVI FLESSIBILI


I cavi flessibili, sono utilizzati per portare tutte le linee elettriche dal quadro di manovra al tetto cabina, e
devono essere posati e fissati con cura per evitare si possano danneggiare.
Installare i cavi flessibili come indicato nelle figure seguenti:

ATTENZIONE
I cavi flessibili devono essere fissati (A) nella metà superiore del vano in posizione tale che non ci sia
contatto con la cabina (B) ed il fondo fossa (C)

2.5.4 INSTALLAZIONE ENCODER


Se l’impianto è dotato di encoder occorre installarlo seguendo le istruzioni sottostanti

ATTENZIONE
Verificare che non ci siano interferenze con parti meccaniche in movimento
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
18 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
2.5.5 DISPOSITIVI DI SICUREZZA
Per identificare i dispositivi installati fare riferimento alle figure seguenti.
2.5.5.1 IMPIANTI STANDARD
SPR SEX
SPR - Allentamento funi
(EN 81-2 12.13)
SEX - Interruttore d’extracorsa
(EN 81-2 10.5)
SBCI - Dispositivo meccanico
blocco cabina inferiore LCSMD
(EN 81-2 6.4.4.1)
2.5.5.2 IMPIANTI MRL SBCS - Dispositivo meccanico
blocco cabina superiore UCSMD
SBCI SBCS (EN 81-2 6.4.3.1)
SMTR - Interruttore
d’extracorsa ulteriore
(EN 81-21 5.5.3.4)
SEX2 - Controllo
funzionamento SMTR
(EN 81-21 5.5.3.4)
SEX3 - Arresto mobile
(EN 81-21 5.5.2.4)
2.5.5.3 TESTATA RIDOTTA
SCP - Parapetto rimovibile su
SEX2 - SEX3 - SMTR SCP tetto cabina (EN 81-21 5.6.2)
SPKn - Interruttore su chiave
sblocco porte
(EN 81-21 5.5.3.1)
SCP1 - Dispositivo meccanico
blocco cabina in fossa
LCSMD-FR DISPOSITIVO ON/OFF
(EN 81-21 5.7.2.5)
SCP2 - Dispositivo meccanico
blocco cabina in fossa
LCSMD-FR ALLARME ON/OFF]
(EN 81-21 5.7.2.5)
2.5.5.4 TESTATA E FOSSA RIDOTTA SGR - Grembiule retraibile
SPK1, SPK2,…, SPKn (EN 81-21 5.8.2)
XPR1 ,2 - Dispositivo blocco
operatore - Azionamento
(EN 81-2 11.2.1 - EN81-21 5.8.2)
SBP1 ,2 - Dispositivo blocco
operatore - Controllo
(EN 81-2 11.2.1 - EN81-21 5.8.2)

2.5.5.5 FOSSA RIDOTTA


SCP1 - SCP2 SGR XPR1, 2 - SBP1, 2
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
19 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.6 OPERAZIONI SUL TETTO DI CABINA


2.6.1 INSTALLAZIONE BOX E COLLEGAMENTO CAVI FLESSIBILI
ATTENZIONE
Il connettore XF5 del Fissare il fondo del Box sul tetto Collegare il conduttore giallo-verde
cavo flessibile include L e della cabina utilizzando le viti di di protezione presente nel cavo
N con tensione 230V fissaggio in dotazione. flessibile alla massa del BOX

Collegare il cavo flessibile,


precedentemente fissato a vano
e cabina, alla scheda BOX
utilizzando i connettori XF1,
XF2, XF3, XF4, XF5
Prestare attenzione
al corretto collegamento
del connettore di
Alimentazione XF5
(24Vdc - 48Vdc - 230Vac)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
20 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.6.2 COLLEGAMENTI ALLA SCHEDA BOX


Al termine delle operazioni di collegamento, utilizzare le fascette per fissare i cavi al
tetto cabina, in modo tale che non possano creare pericoli di qualsiasi tipo
Utilizzando i cavi in dotazione collegare alla scheda BOX i seguenti componenti / connettori :
2.6.2.1 OPERATORI E CONTATTI DELLE PORTE
l’operatore porta dell’accesso l’operatore porta dell’eventuale l’operatore porta dell’eventuale
principale secondo accesso terzo accesso
XO1 Alimentazione / Bus, XO2 Alimentazione / Bus, XO3 Alimentazione / Bus
XFT1 Fotocellula / Barriera IRDA, XFT2 Fotocellula / Barriera IRDA,
XA1 Comandi e sicurezze XA2 Comandi e sicurezze
XS7 Contatto chiusura porta XS6 Contatto chiusura porta

2.6.2.2 BOTTONIERE IN CABINA E BOTTONIERA D’ISPEZIONE SUL TETTO


La bottoniera principale l’eventuale seconda bottoniera La bottoniera d’ispezione
XB1 Pulsanti / Segnali / Allarmi, XB2 Pulsanti / Segnali / Allarmi, Verificare che siano collegati
XI1 Sistema Intercom XI2 Sistema Intercom XM1, XS4, XL2, XI3

ATTENZIONE
Per i cavi delle bottoniere in cabina occorre verificare che non entrino in contatto con una parete o
possano agganciarsi a qualche sporgenza presente ne vano
2.6.2.3 ALLARMI, CONTROLLO ED ILLUMINAZIONE CABINA

Gli allarmi La scheda di controllo L’illuminazione di cabina


Verificare che la scheda QT-01-xx
XI4 Allarmi / Sirena, XL1 Illuminazione
sia presente sul connettore XTC
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
21 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.6.2.4 SICUREZZE
Il contatto di sicurezza paracadute L’eventuale secondo stop sul tetto L’eventuale parapetto removibile
XS1 Paracadute/allentamento funi XS2 Illuminazione XS3 Parapetto removibile

SM1 SM1
SPR

L’eventuale dispositivo di blocco


L’eventuale grembiule retrattile L’eventuale sovraccarico dell’operatore
XS5 - Grembiule retrattile XPC - Sovraccarico XPR Volt In
XPR1, XPR2 Volt Out

(PS3)

2.6.2.5 INFORMATORI DI VANO


Se l’impianto non ha l’encoder Se l’impianto ha l’encoder Gli informatori di vano e l’encoder
Gli informatori di vano Verificare di aver installato XE1 Rifasamento,
XE1 Rifasamento, correttamente l’encoder XE2 Livellamento,
XE2 Livellamento sull’arcata XE3 (XV3) Encoder
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
22 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.7 OPERAZIONI NEL VANO DI CORSA


2.7.1 INSTALLAZIONE MAGNETI IN VANO A CONTATTI

10 mm
70 mm
10 mm
N
S

10 mm LD
LZ2
70 mm LZ1
LS
N
ü
RS
10 mm RD
S

S
N

N
S û
S
N
Min 10 mm
Max 15 mm S
N

Min 10 mm
Max 15 mm

2.7.1.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3


DRAL,S [M] DRAL,D [M]
VN [M/S]
Extra Slow Slow Standard Fast Extra Slow Slow Standard Fast
0,20 0,15 0,15 0,10 0,00 < V ≤ 0,15 0,15 0,15 0,10 0,10
0,45 0,40 0,40 0,30 0,15 < V ≤ 0,40 0,40 0,35 0,35 0,30
0,80 0,70 0,65 0,60 0,40 < V ≤ 0,65 0,80 0,65 0,60 0,60
1,15 1,00 0,90 0,90 0,65 < V ≤ 0,85 1,15 1,00 0,90 0,85
1,40 1,25 1,20 1,10 0,85 < V ≤ 1,00 1,35 1,20 1,10 1,05
SALITA DISCESA
2.7.1.2 IMPIANTO CON VALVOLA 3010 E VALVOLA DLV A3
SALITA DRAL,S [M] VN [M/S] DISCESA DRAL,D [M]
0,25 0,00 < V ≤ 0,30 0,35
0,35 0,30 < V ≤ 0,40 0,45
0,45 0,40 < V ≤ 0,50 0,55
0,60 0,50 < V ≤ 0,60 0,70
0,80 0,60 < V ≤ 0,70 0,90
1,00 0,70 < V ≤ 0,80 1,10
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
23 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.7.2 INSTALLAZIONE MAGNETI IN VANO CON ENCODER

N
S

LD
LZ
N
ü
LS
RD
RS S

S
N

N
û S
S
Min 10 mm N
Max 15 mm S S
N N

Min 10 mm
Max 15 mm

2.7.2.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3


DRAL,S [M] DRAL,D [M]
VN [M/S]
Extra Slow Slow Standard Fast Extra Slow Slow Standard Fast
0,20 0,15 0,15 0,10 0,00 < V ≤ 0,15 0,15 0,15 0,10 0,10
0,45 0,40 0,40 0,30 0,15 < V ≤ 0,40 0,40 0,35 0,35 0,30
0,80 0,70 0,65 0,60 0,40 < V ≤ 0,65 0,80 0,65 0,60 0,60
1,15 1,00 0,90 0,90 0,65 < V ≤ 0,85 1,15 1,00 0,90 0,85
1,40 1,25 1,20 1,10 0,85 < V ≤ 1,00 1,35 1,20 1,10 1,05
SALITA DISCESA
2.7.2.2 IMPIANTO CON VALVOLA 3010 E VALVOLA DLV A3
SALITA DRAL,S [M] VN [M/S] DISCESA DRAL,D [M]
0,35 0,00 < V ≤ 0,30 0,45
0,45 0,30 < V ≤ 0,40 0,55
0,60 0,40 < V ≤ 0,50 0,70
0,80 0,50 < V ≤ 0,60 0,90
1,00 0,60 < V ≤ 0,70 1,10
1,10 0,70 < V ≤ 0,80 1,20
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
24 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.7.3 ILLUMINAZIONE DI VANO (OPZIONALE)


2.7.3.1 ILLUMINAZIONE DI VANO PER IMPIANTI TRIFASE
Collegare l’illuminazione di vano come mostrato nelle figure seguenti

L1
L2
L3
N
PE

ID
0,3-0,5A
Id Id Id Id

(T)

MAX 500
MR / MRL-MC

MRL

(V)

(V)

IM
10A
Id Id
LV
IM
Id 0,03A
40-63A
1
IM IM IM
2 6A 6A 6A
L N L N L N
RSTN 1
2

(V)

RO

(F)
MAX 500

1 A1 1

2 A2 2

ID: Interruttore Differenziale


LV: Illuminazione Vano
IM: Interruttore Magnetotermico
LC: Illuminazione Cabina
RO: Resistenza Riscaldo Olio o Valvola
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
25 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

2.7.3.2 ILLUMINAZIONE DI VANO PER IMPIANTI MONOFASE


Collegare l’illuminazione di vano come mostrato nelle figure seguenti

L
N
PE

ID
0,3-0,5A
Id Id

(T)

MAX 500
MR / MRL-MC

MRL

(V)

(V)

IM
10A
Id Id

LV
IM
Id 0,03A
40-63A
1
IM IM IM
2 6A 6A 6A

LN L N L N L N 1
2

(V)

RO

(F)
MAX 500

1 A1 1

2 A2 2

ID: Interruttore Differenziale


LV: Illuminazione Vano
IM: Interruttore Magnetotermico
LC: Illuminazione Cabina
RO: Resistenza Riscaldo Olio o Valvola
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
26 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.8 OPERAZIONI NEL LOCALE MACCHINE


2.8.1 COLLEGAMENTI AL QUADRO DI MANOVRA

+
0 - OFF 0 - OFF
+

XF1, XF2, XF3, XV1, XV2, XV3,


XF4, XF5 XV4, XBR
ò ò
OK
ò
EN1003-9D99

I - ON I - ON

2.8.2 LETTURA ED ACQUISIZIONE INFORMAZIONI IN VANO CON ENCODER


Se il vano è dotato di encoder è necessario che il quadro possa riconoscere le distanze dell’impianto.
Tale riconoscimento è possibile solo dopo aver effettuato correttamente l’operazione 12.4 lettura vano
Prima di avviare l’operazione di lettura vano procedere come segue :
1. Verificare che il parametro 2.13 Configurazione\Vano sia = Encoder.
2. Impostare il parametro 5.1 Vano \ Piani e strisce magn. per ogni interpiano
- Separate se le strisce magnetiche sono separate tra loro (interpiano >= 300 mm)
- In comune se le strisce magnetiche sono in contatto tra loro (interpiano < 300 mm)
3. Impostare il parametro 5.2 Vano \ Strisce sotto RD = al numero di strisce presenti sotto il
rifasatore RD (vedi esempi seguenti)

5.2 = 1 5.2 = 2 5.2 = 1


4. Verificare che il parametro 5.10 Risoluzione Encoder = [1 m / (π x Ø Puleggia )] x n° impulsi/giro
x 4 (Es encoder Gmv (RI58-O 300EK42RB) = [1 / (π x 0,0955)] x 300 x 4 = 4000)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
27 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

5. Impostare nel menu 5.5 le distanze di rallentamento in salita per tutte le velocità DRAL,S (V0, V1, V2)
6. Impostare nel menu 5.6 le distanze di rallentamento in discesa per tutte le velocità DRAL,D (V0, V1, V2)
7. Verificare, per evitare errori di accoppiamento porte durante le regolazioni di acquisizione, che il
parametro 5.9 Preapertura Porte = 00mm.
8. Verificare che il parametro 12.1.2 funzionamento = Service
9. Verificare lo stato degli allarmi (menu 1.4 Allarmi)
- se sono presenti allarmi (1.4 allarmi = nn Allarmi) effettuare il reset allarmi
(1.5 Reset Allarmi + ENT + ENT)
- se non sono presenti allarmi (1.4 Allarmi = nessuno) procedere con il punto successivo
10. Avviare l’acquisizione dei parametri di vano (12.4 lettura vano + ENT +ENT)
Questa operazione effettua movimenti in salita ed in discesa in modo automatico per riconoscere la
sequenza e le distanze delle fermate. Avviata l’acquisizione sul display del programmatore compare
EE RD-RS-LS-LD E
00 0 0 0 0 000 (ESC per interrompere l’operazione di acquisizione)

dove
EE Codice del primo errore rilevato durante l’operazione (01 - 34)
Vedi tabella errori lettura vano
RD Stato bistabile rifasatore (grigio) RD (0 = aperto, 1 = chiuso)
RS Stato bistabile rifasatore (grigio) RS (0 = aperto, 1 = chiuso)
LS Stato monostabile (nero) LS (0 = aperto, 1 = chiuso)
LD Stato monostabile (nero) LD (0 = aperto, 1 = chiuso)
E Attività encoder (000 = inattivo, numero variabile = attivo)
11. Al termine dell’operazione se non sono stati rilevati errori viene visualizzato il messaggio:
Lettura Vano
Completata (ESC per uscire)

12. L’operazione è terminata correttamente ed è necessario salvare i dati. menu 13 Salva dati + ENT
e spegnere (0 - OFF) e riaccendere (I - ON) l’interruttore generale di forza motrice
13. Al riavvio del sistema è possibile mettere l'impianto in servizio Normale,
menu 12.1.2 Funzionamento = Normale
2.8.3 ATTIVAZIONE MODALITÀ NORMALE
GMV - NEOS10
PT01 12PK123456
òòò
1 Diagnostica
ENT
.1 Modo attivo
ñ Normale

.1 Modo attivo ESC ññ 12. Service .1 Modo attivo


..Service ENT .1 Modalita’ Normale
..Installazione
ENT ò .2 Funzionamento ALL = OFF ò
ENT ENT [Intermittente]
ñò ENT Normale
ESC ESC ESC GMV - NEOS10

ALL = ON ò
Diagnostica - Allarmi - Troubleshooting
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
28 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2.9 REGOLAZIONI FINALI


2.9.1 REGOLAZIONE ARRESTO AL PIANO
1. Effettuare chiamate in salita dal piano più basso al più alto ed
annotare ad ogni fermata l'eventuale dislivello tra soglia piano e
soglia cabina.
2. Effettuare chiamate in discesa dal piano più alto al piano più basso
annotando ad ogni fermata il dislivello tra soglia piano e soglia
cabina.
Se la soglia di piano è più bassa rispetto alla soglia di cabina
annotate il dislivello, misurato in mm, con valore negativo.
Se la soglia di piano è più alta rispetto alla soglia di cabina
annotate il dislivello, misurato in mm, con valore positivo
3. Accedere al menu 5.3 Arresto salita ed inserire dislivelli rilevati
(dislivelli Δs in mm) seguendo la logica della tabella sottostante.
Arresto Sal.: 01 Ý 01 = numero piano,
00000 : ±000mm Þ 00000 = quota di arresto rilevata
dall’encoder
±000 = variazione quota di arresto (Δs)
VANO PIANO ΔS ΔD 5.3 5.4
Posizione d’arresto n° [mm] [mm] ±000mm ±000mm

04
+120 n/d +120 +120
(n)

03
-100 +130 -100 +130
(n-1)

02 0 -75 0 -75

01 n/d +110 +110 +110

NOTA
Dopo aver premuto ENT, il valore immesso viene cancellato, il display visualizza ±000mm e la soglia
di cabina si sposta verso l’alto o verso il basso in accordo al valore inserito
4. Accedere al menu 5.4 Arresto discesa ed inserire le variazioni delle quote di arresto rilevate
(dislivelli ΔD in mm) con la stessa logica utilizzata per l’arresto salita.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
29 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

3 PROVE

3.1 PROVE DI ISOLAMENTO


3.1.1 PREPARAZIONE ALLE PROVE
PI Ae, Be
FM+GL TEL04-GSM04

0 - OFF

[Main01] X1 [Main01] X4 [Ups01] X3, X4 PT


PT
MAN ISP
S1
R/S
6
SOLO
PAMï
S3
VMD
PER ü
NGV
òò
SM
VSMA ML S2

7 5
1

3.1.2 ESECUZIONE DELLE PROVE


Le prove di isolamento devono essere effettuate tra i conduttori e la terra; utilizzando una tensione di prova
di 500V il valore minimo misurato deve essere > 0,5MΩ (EN 81-1, EN81-2 § 13.1.3)
Inoltre, anche se non richiesto dalle normative, si possono effettuare anche le prove d’isolamento tra i
circuiti FELV (48V, 24V e 12V) ed i circuiti di Forza motrice e Luce:
Verificare XF5
l’isolamento tra
ciascuno dei
connettori a destra e
i conduttori
sottostanti indicati PE R S T F
con ü

PE û ü ü ü û
XF5 F ü ü ü ü û

XF5
48+ ü ü ü ü û
V0 ü ü ü ü û
1 ü ü ü ü ü
6 ü ü ü ü ü
X9 7 ü ü ü ü ü
5 ü ü ü ü ü
10 ü ü ü ü ü
10 ü ü ü ü ü
X10 11 ü ü ü ü ü
11 ü ü ü ü ü
XC4 +24 ü ü ü ü ü
XV3 +24 ü ü ü ü ü
XBR +BA ü ü ü ü ü
XF4 +BA ü ü ü ü ü
XV4 +BA ü ü ü ü ü
Al termine riconnettere in ordine inverso quanto disconnesso al paragrafo “Preparazione alle prove”.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
30 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

3.2 PROVE DEI DISPOSITIVI DI RILIVELLAMENTO


3.2.1 RILIVELLAMENTO CON PORTE APERTE PER IMPIANTI MR E MRL-MC
Questa prova consente di verificare che con porte di cabina aperte al piano l'impianto
esegua il rilivellamento
5. Portare la cabina al piano più basso
6. Mantenere aperte le porte di cabina interrompendo il fascio delle fotocellule o della
barriera elettronica
7. Muovere in discesa la cabina
a ) premendo sul pulsante di discesa di emergenza se la centralina è dotata di valvola
NGV / NGVA3
b ) premendo sui due pulsanti di discesa di emergenza se la centralina è dotata di
valvola 3010 + DLVA3
Verificare che il sistema effettui il rilivellamento in tutta la zona porte
3.2.2 RILIVELLAMENTO CON PORTE APERTE PER IMPIANTI MRL
Questa prova consente di verificare che con porte di cabina aperte al piano l'impianto
esegua il rilivellamento.
1. Portare la cabina al piano più basso
2. Mantenere aperte le porte di cabina interrompendo il fascio delle fotocellule o della
barriera elettronica
3. Muovere in discesa la cabina agendo sul pulsante rosso di discesa di emergenza
ð
presente nella bottoniera remota
Verificare che il sistema effettui il rilivellamento in tutta la zona porte
3.2.3 CIRCUITO DI SICUREZZA CHE PERMETTE IL RILIVELLAMENTO
Questa prova consente di verificare che il circuito di sicurezza funzioni
correttamente; ovvero, consente di verificare che se uno dei due canali del circuito
di sicurezza (CH1, CH2) si apre non viene effettuato il bypass delle sicurezze delle
porte di piano e di cabina (CS).
1. Portare la cabina al piano più basso
2. Portare l’interruttore FM in posizione 0-OFF
3. Estrarre il connettore XF1 dalla scheda MAIN01
4. Allentare le viti CH1 e CH2 senza estrarre i cavi
5. Inserire il connettore XF1 sulla scheda MAIN01 facendo attenzione a non
estrarre i cavi allentati
6. Portare l’interruttore FM in posizione I-ON (il led deve essere acceso)
7. Premere il pulsante di chiamata del piano più basso (l’impianto esegue
l’operazione di rifasamento ed al termine porta la cabina al piano più basso)
8. Mantenere aperte le porte di cabina interrompendo il fascio delle fotocellule o
della barriera elettronica
9. Scollegare il cavo CH1 dal connettore XF1 presente sulla scheda MAIN01
10. Verificare che la catena delle sicurezze si apra dal punto 5 in poi, ciò avviene se
sulla scheda LED01, i led della catena delle sicurezze da 1 a 5 sono accesi (ON)
e i led da 6 a 11 sono spenti (OFF)
11. Verificare che sulla scheda LED01, il led CS sia spento (OFF)
12. Riconnettere il cavo CH1 al connettore XF1
13. Rimuovere l’interruzione del fascio delle fotocellule o della barriera elettronica ed
attendere la chiusura delle porte
14. Verificare che compaia l’errore 061 (1.4 Allarmi)
15. Effettuare il reset allarmi (1.5 Reset Allarmi + ENT + ENT)
16. Portare l’interruttore FM in posizione 0-OFF, attendere 10” e riportarlo in
posizione I-ON
17. Ripetere le operazioni da 7 a 15 utilizzando il cavo CH2 (invece del CH1) ed al
termine andare al punto 18
18. Portare l’interruttore FM in posizione 0-OFF
19. Estrarre il connettore XF1 dalla scheda MAIN01
20. Inserire i cavi CH1 e CH2 correttamente e serrare bene le viti
21. Inserire il connettore XF1 sulla scheda MAIN01
22. Portare l’interruttore FM in posizione I-ON
23. Verificare che non ci siano allarmi attivi (1.4 Allarmi = nessuno)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
31 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

3.3 PROVE DISPOSITIVI CONTRO IL MOVIMENTO INCONTROLLATO


ATTENZIONE
Eseguire queste prove solo dopo aver effettuato tutti i test necessari alla messa in funzione della
centralina e del pistone oltre alle eventuali operazioni preliminari necessarie.
NOTA
Per verificare il corretto comportamento dei dispositivi contro il movimento incontrollato occorre
procedere con le prove richieste al punto zc) dell’appendice D della norma EN81-2; controllare che la
valvola, il quadro di manovra e l’impianto si comportino in modo conforme alla norma EN81-2 §9.13.5
ATTENZIONE
Se la centralina è equipaggiata con valvola NGVA3 o 3010+DLVA3, le procedure di prova in salita e
in discesa seguenti annullano e sostituiscono le analoghe procedure del manuale della valvola.
3.3.1 PROVA IN SALITA
XA3 (MRL)
E00.001 Cod.10911309
FA FA
PA3
12.1.2 12.3.3 Alarm
= EN 061
0 - OFF Service 1 - ON Ý 81-2
0 - OFF OK

(MRL) XA3 (MRL) (MRL)


FM SQM FM SQM
PA3
Alarm 1.5
0 - OFF 0 - OFF 061 Reset 0 - OFF 0 - OFF
I - ON I - ON I - ON I - ON I - ON
Per ragioni di sicurezza è richiesto che la prova avvenga a porte chiuse.
Procedere quindi come segue:
1. Apporre a tutti i piani il cartello “Fuori servizio”
2. Portare la cabina vuota al piano sotto il piano più alto 12.2.3
Service.Comandi.Chiamata=selezionare il piano+ENT
3. Attendere la chiusura della porta di cabina
P 1000
ñ
4. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito dimanovra, in
posizione OFF
ò mm

5. Usando il programmatore PT01 impostare il parametro 12.1.2


Service .Modalità .Funzionamento = Service P 1000 O 1200
mm mm
6. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in
O 200 mm
posizione ON
7. Simulare l’apertura della porta di piano aprendo la catena delle O 1200
sicurezze a seconda del tipo di impianto installato: mm
- Impianti MR e MC : rimuovere il connettore XA3 che si trova nella
parte iniziale del cavo XV1 in prossimità della scheda MAIN 01
- Impianti MRL : portare in posizione OFF l’interruttore PA3 sulla
bottoniera remota installata al piano più basso
8. Avviare sul quadro di manovra la procedura di prova in salita selezionando il parametro
12.3.3 Test .movimento .A3 movimento premendo e tenendo premuto Ý
L’impianto parte in discesa a velocità nominale e l’interruttore destinato ad individuare il movimento
incontrollato deve intervenire. La cabina si arresta ed il quadro di manovra si pone in allarme 061.
9. Verificare che la posizione di arresto della cabina sia conforme a quanto richiesto dalla norma EN 81-2
§9.13.5 e che gli spazi di arresto rispettino le condizioni indicate nella parte destra dell’immagine.
10. Riavviare l’impianto portando l’interruttore FM del quadro (MR e MC) o SQM della bottoniera remota
(MRL) prima in posizione OFF e poi in posizione ON, verificando che l’allarme 061 rimane attivo e
l’impianto non ritorna in funzione.
11. Ripristinare il circuito di sicurezza delle porte inserendo il connettore XA3 precedentemente rimosso
12. Effettuare il reset allarmi utilizzando PT01, menù 1.5 Diagnostica .Reset allarmi
13. Rimuovere i cartelli “Fuori servizio”
14. Riavviare l’impianto portando l’interruttore o FM del quadro (MR e MC) o SQM della bottoniera remota (MRL)
prima in posizione OFF e poi in posizione ON e verificare che l’impianto ritorni in funzionamento normale.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
32 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

3.3.2 PROVA IN DISCESA


XA3 (MRL)
E00.001 Cod.10911309
FA FA
PA3
12.1.2 12.3.3 Alarm
= EN 061
0 - OFF Service 1 - ON Þ 81-2
0 - OFF OK

(MRL) XA3 (MRL) (MRL)


FM SQM FM SQM
PA3
Alalrm 1.5
0 - OFF 0 - OFF 061 Reset 0 - OFF 0 - OFF
I - ON I - ON I - ON I - ON I - ON
Per ragioni di sicurezza è richiesto che la prova avvenga a porte chiuse.
Procedere quindi come segue:
1. Apporre a tutti i piani il cartello “Fuori servizio”
2. Portare la cabina a pieno carico al piano sopra il piano più basso
12.2.3 Service.Comandi.Chiamata=selez.il piano+ENT
3. Attendere la chiusura della porta di cabina
P 1000
ñ
4. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in
posizione OFF
ò mm

5. Usando il programmatore PT01 impostare il parametro 12.1.2


Service .Modalità .Funzionamento = Service P 1000 O 1200
mm mm
6. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in O 200 mm
posizione ON
7. Simulare l’apertura della porta di piano aprendo la catena delle O 1200
mm
sicurezze a seconda del tipo di impianto installato:
- Impianti MR e MC : rimuovere il connettore XA3 che si trova nella
parte iniziale del cavo XV1 in prossimità della scheda MAIN 01
- Impianti MRL : portare in posizione OFF l’interruttore PA3 sulla
bottoniera remota installata al piano più basso
8. Avviare sul quadro di manovra la procedura di prova in discesa selezionando il parametro
12.3.3 Test .movimento .A3 movimento premendo e tenendo premuto Þ
L’impianto parte in salita a velocità nominale e l’interruttore destinato ad individuare il movimento incontrollato
deve intervenire. La cabina si arresta ed il quadro di manovra si pone in allarme 061.
9. Verificare che la posizione di arresto della cabina sia conforme a quanto richiesto dalla norma EN 81-2
§9.13.5 e che gli spazi di arresto rispettino le condizioni indicate nella parte sinistra dell’immagine.
10. Riavviare l’impianto portando l’interruttore FM del quadro (MR e MC) o SQM della bottoniera remota
(MRL) prima in posizione OFF e poi in posizione ON, verificando che l’allarme 061 rimane attivo e
l’impianto non ritorna in funzione.
11. Ripristinare il circuito di sicurezza delle porte inserendo il connettore XA3 precedentemente rimosso
12.Effettuare il reset allarmi utilizzando PT01, menù 1.5 Diagnostica .Reset allarmi
13. Rimuovere i cartelli “Fuori servizio”
14. Riavviare l’impianto portando l’interruttore o FM del quadro (MR e MC) o SQM della bottoniera remota
(MRL) prima in posizione OFF e poi in posizione ON e verificare che l’impianto ritorni in funzionamento
normale.
3.3.3 PROVA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO
3.3.3.1 IMPIANTI CON VALVOLA NGV A3
La scheda NGV A3, ad ogni corsa, esegue in automatico una diagnostica del sistema di
monitoraggio ed in caso guasto va in allarme/fault. Per effettuare la prova del sistema di
monitoraggio è sufficiente quindi al termine di una qualsiasi corsa verificare
(2.1 Alarm) che non sia presente uno tra i seguenti guasti: 06, 07,13 ÷ 22.
Non è quindi necessario effettuare operazioni o prove utilizzando il quadro di manovra
NEOS 10.
Per le operazioni di prova fare riferimento al manuale della valvola
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
33 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

3.3.3.2 IMPIANTI CON VALVOLA 3010+DLV A3


Con gli impianti dotati di 3010+DLV A3 la prova del sistema di monitoraggio si effettua mantenendo aperta
durante la discesa dell’impianto prima la valvola DLV e poi la valvola VMD secondo la logica in diagramma.

VMD
DLV
48+
XMMI

La prova si effettua utilizzando la sequenza di test automatica, attivabile con il programmatore PT01
PROVA DEL MONITORAGGIO DELLA VMD
1. Impostare 12.1.2 Service .Modalità .Funzionamento = Service
2. Selezionare 12.3.4 Service .Test .VMD-DLV test
3. Aprire la valvola DLV utilizzando il doppio puntale in dotazione e tenendo connessi tra loro,
per tutta la durata del test, +48 e DLV sul morsetto XMMI, o del quadro (impianti MR e MC)
o della bottoniera remota (impianti MRL)
4. Avviare il test premendo ENT
Il test agisce su DLV e VMD aprendo in sequenza le valvole.
VMD
DLV
48+
Con la DLV tenuta aperta quando la procedura di test apre la VMD la cabina si muove in
discesa, il quadro di manovra rileva un movimento, chiude le valvole ed effettua un XMMI
rilivellamento. Il procedimento viene ripetuto una seconda volta e se il dispositivo di
monitoraggio funziona correttamente alla fine del secondo tentativo l’impianto viene messo
fuori servizio ed in allarme 060.
5. Effettuare il Reset allarmi utilizzando PT01, menù 1.5 Diagnostica. Reset allarmi
PROVA DEL MONITORAGGIO DELLA DLV
1. Selezionare 12.3.4 Service .Test .VMD-DLV test
2. Aprire la valvola VMD utilizzando il doppio puntale in dotazione e tenendo connessi tra loro,
per tutta la durata del test, +48 e VMD sul morsetto XMMI del quadro (impianti MR e MC) o
della bottoniera remota (impianti MRL)
3. Avviare il test premendo ENT
Il test agisce su DLV e VMD aprendo in sequenza le valvole.
Con la VMD tenuta aperta quando la procedura di test apre la DLV la cabina si muove in
discesa, il quadro di manovra rileva un movimento, chiude le valvole ed effettua un
VMD
DLV
48+

rilivellamento. Il procedimento viene ripetuto una seconda volta e se il dispositivo di


monitoraggio funziona correttamente alla fine del secondo tentativo l’impianto viene messo XMMI
fuori servizio ed in allarme 060.
4. Effettuare il reset allarmi utilizzando PT01, menù 1.5 Diagnostica .Reset allarmi
5. Riavviare l’impianto portando l’interruttore FM del quadro (MR e MC) o SQM della
bottoniera remota (MRL) prima in posizione 0-OFF e poi in posizione I-ON e verificare che
l’impianto ritorni in funzionamento normale.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
34 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

3.4 PROVA DELL’INTERRUTTORE DI EXTRACORSA

E00.001 Cod.10911309
FA FA

12.1.2 12.2.2 12.1.2 1.5


= = Reset
0 - OFF Service 1 - ON Ý Normale

Per effettuare la prova procedere come segue :


1. Apporre a tutti i piani il cartello “Fuori servizio”
2. Portare la cabina vuota al piano sotto il piano più alto 12.2.3 Service .Comandi
.Chiamata = (selezionare il piano più alto + ENT)
3. Attendere la chiusura della porta di cabina
4. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in posizione OFF
5. Usando il programmatore PT01 impostare il parametro 12.1.2 Service
.Modalità .Funzionamento = Service
6. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in posizione ON
7. Selezionare 12.2.2 Service .Comandi .Comandi S/D
8. Muovere in salita l’impianto premendo e tenendo premuto Ý fino all’arresto della
cabina causato dall’intervento del contatto (SEX).
9. Riportare l’impianto in modalità normale impostando 12.1.2 Service
.Modalità .Funzionamento = Normale
10. Muovere in discesa l’impianto premendo e tenendo premuto il pulsante rosso di
discesa di emergenza (ML) sulla valvola (impianti MR e MC) o della bottoniera
remota (MRL) fino all’accensione di alcune o tutte le sicurezze (led da 3 a 11).
NOTA: con DLV-A3 occorre premere entrambi i pulsanti di emergenza sulla valvola.
11. Portare l’interruttore generale (FM), in posizione OFF e poi in posizione ON
12. Effettuare una chiamata al piano e verificare che l’impianto rimanga bloccato
13. Verificare che il quadro sia in allarme 012, menù 1.4 Diagnostica. Allarmi
14. Effettuare il reset allarmi, menù 1.5 Diagnostica. Reset allarmi + ENT
15. Effettuare una chiamata. Se la cabina arriva al piano regolarmente e non ci sono
allarmi l’impianto è di nuovo in servizio.
ATTENZIONE
Se l’impianto si arresta con allarme 021 (invece di 012) il contatto di extracorsa non è intervenuto.
Occorre quindi verificare il suo corretto posizionamento e funzionamento e ripetere la prova.

3.5 PROVA DELLA VALVOLA DI SOVRAPPRESSIONE


Per effettuare la prova procedere come segue
1. Apporre a tutti i piani il cartello “Fuori servizio”
2. Portare la cabina vuota fuori piano 12.2.2 Service .Comandi .Comandi S/D + Ý
3. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in posizione OFF
4. Usando il programmatore PT01 impostare il parametro 12.1.2 Service .Modalità
.Funzionamento = Service
5. Portare l’interruttore (FA), valvola del circuito di manovra, in posizione ON
6. Chiudere il rubinetto (R/S) di mandata del fluido della centralina
7. Selezionare 12.2.2 Service .Comandi .Comandi S/D
8. Simulare il movimento in salita dell’impianto premendo e tenendo premuto Ý. Il rubinetto (R/S) chiuso
non permette la salita ma si verifica un aumento della pressione del circuito di mandata fino
all’intervento della valvola di sovrappressione.
9. Verificare usando il manometro a bordo della centralina che la pressione non sia superiore al limite
massimo ammesso per l’impianto.
10. Portare l’interruttore generale (FM), in posizione OFF e poi in posizione ON
11. Effettuare una chiamata al piano e verificare che l’impianto rimanga bloccato
12. Verificare che il quadro sia in allarme 021, menù 1.4 Diagnostica. Allarmi
13. Aprire il rubinetto (R/S) di mandata del fluido della centralina
14. Effettuare il reset allarmi, menù 1.5 Diagnostica. Reset allarmi + ENT
15. Effettuare una chiamata. Se la cabina arriva al piano regolarmente e non ci sono allarmi l’impianto è di
nuovo in servizio.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
35 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

4 PROGRAMMAZIONE E DIAGNOSI

4.1 SCHEDA LED 01


Il quadro di manovra NEOS10 dispone di una scheda che, attraverso l’accensione di una serie di led,
fornisce in tempo reale indicazioni dettagliate sullo stato dei principali componenti dell’impianto.

CATENA DELLE SICUREZZE

ID STATO CONTATTO APERTO CATENA CHIUSA FINO A STATO


1 OFF Interruttore FA -
1 ON
Stop in fossa (SCF) Interruttore FA
2 OFF
2 ON
Contatto Extracorsa (SEX) Stop in fossa (SCF)
3 OFF
Paracadute
3 ON Stop su tetto cabina
Dispositivo LCSMD (MRL)
Contatto extracorsa (SEX)
Dispositivo LCSMD (FR) Impianto TFR in movimento in
5 OFF Grembiule retrattile (FR) modalità ispezione con dispositivi di
Parapetto removibile (TR) sicurezza attivi (implica 6 ON)
Contatto paracadute
5 ON Stop su tetto cabina
Dispositivo LCSMD (MRL)
-
Dispositivo LCSMD (FR)
6 OFF Grembiule retrattile (FR) Impianto TFR in modalità normale
Parapetto removibile (TR)
Impianto TFR in movimento in
6 ON Prima parte catena modalità ispezione, con dispositivi di
- sicurezza attivi (implica 5 OFF)
sicurezze OK
7 OFF
7 ON Prima parte catena
Chiusura porte di piano
8 OFF sicurezze OK Attenzione
8 ON Verificare che CS = OFF
Chiusura porte di cabina Chiusura porte di piano Se CS = ON è attivo il by-bass del
10 OFF circuito di sicurezza delle porte
10 ON - Chiusura porte di cabina
Dispositivo UCSMD attivo, impianto
11 OFF Contatto XV2
MRL in modalità ispezione
Dispositivo UCSMD non attivo,
11 ON Nessuno Catena sicurezze OK
impianto MRL in modalità Normale
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
36 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

ALIMENTAZIONE E STATO IMPIANTO

ID DESCRIZIONE ON INTERMITTENTE OFF


+24 Alimentazione 24 Volt Ok fuori range assente
+48 Alimentazione 48 Volt Ok Fuori range assente
ALL Allarmi sull’impianto - presenti assenti
BUS Errori canbus presenti - assenti
OCC Stato impianto occupato - libero

COMANDI

ID DESCRIZIONE ON OFF
S Comando salita Impianto in salita Impianto fermo o non in salita
D Comando discesa Impianto in discesa Impianto fermo o non in discesa
Impianto in movimento a Impianto fermo o in movimento
AV Comando velocità nominale
velocità nominale a velocità di livellamento
VP Comando valvola VMP VMP eccitata VMP non eccitata
Il comando VP è disponibile in caso di valvola 3010 Y/Δ o 3010+Soft stop
Se VML=ON l’impianto si muove in alta velocità, se VML=OFF in velocità di rallentamento.

POSIZIONE CABINA

ID DESCRIZIONE ON ON 0,5S OFF


Cabina in rallentamento
RS Rifasatore salita Cabina tra i piani -
al piano più alto
Cabina in rallentamento
RD Rifasatore discesa Cabina tra i piani -
al piano più basso
Inizio rallentamento Cabina in movimento a
LS Livellamento salita Cabina in zona piano
in salita velocità nominale
Inizio rallentamento Cabina in movimento a
LD Livellamento discesa Cabina in zona piano
in discesa velocità nominale
By-pass del circuito di Circuito di sicurezza
CS Circuito sicurezza -
sicurezza porte piano attivo porte piano attivo
Encoder non funzionante
ENC Controllo Encoder Encoder in funzione -
o non installato

PORTE

ID DESCRIZIONE ON INTERMITTENTE OFF


AP Apertura porta Aperta In apertura Ferma o in chiusura
CP Chiusura porta Chiusa In chiusura Ferma o in apertura
Nessun ostacolo
CM Costola mobile Attivata da ostacolo -
alla chiusura
Ostacolo presente Nessun ostacolo tra
FT Fotocellula / Barriera elettronica -
tra i sensori i sensori
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
37 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

4.2 PROGRAMMATORE PT01


E’ possibile dialogare con il quadro di manovra NEOS10 mediante il programmatore PT01.
La connessione tra il programmatore e la scheda avviene mediante un cavo di rete UTP
Dritto con connettore RJ45.
Il programmatore viene alimentato direttamente dalla scheda mediante il cavo di
collegamento.
E’ possibile navigare nei menu e modificare i valori numerici tramite i tasti freccia ÝÞ
,
per accedere ai sottomenu e confermare i dati inseriti premendo il tasto ENT, mentre per
uscire o spostare il cursore a sinistra si deve premere il tasto ESC.
4.2.1 CONNESSIONE, MODALITÀ ATTESA E DATI SISTEMA
Una volta connesso il programmatore PT01 si trova in modalità attesa ed è pronto per l’utilizzo.
GMV - NEOS 10 La prima schermata che appare mostra
yyPKnnnnnn Þ l’anno di fabbricazione (yy) e il numero di serie del quadro (nnnnnn)
GMV - NEOS 10 Premendo il tasto Þ si passa alla schermata che mostra
SW:SnVnnnRnnXn Þ la versione firmware installata
GMV - NEOS 10 Premendo il tasto Þ si passa alla schermata che mostra
yyyy/mm/dd hh:mm Þ data e ora del sistema
4.2.2 CARATTERISTICHE DEI PARAMETRI
Le informazioni relative alla configurazione dell’impianto e alla sua diagnostica sono organizzate in
parametri identificati tramite menù e sottomenù.
Il programmatore opera con due modalità distinte:
- Selezione, i tasti consentono di selezionare un determinato parametro
- Modifica, i tasti consentono di modificare il valore del parametro selezionato
I parametri modificabili sono di due tipi:
- a lista, con parametro selezionabile tra un elenco di possibili valori.
- numerico, con parametro ad inserimento libero, purché interno all’intervallo dei valori ammessi.
NOTA
Per alcuni parametri i tasti svolgono funzioni particolari che vengono descritte nel paragrafo 4.3
I parametri del menu 1.Diagnostica sono di sola lettura, eccetto 1.5 Reset allarmi.
I parametri del menu 2.Configurazione sono sempre leggibili, ma, per ragioni di sicurezza,
possono essere modificati solo quando l’interruttore FA è in posizione OFF.
4.2.3 ISTRUZIONI D’USO DEL PT01
TASTO SELEZIONE MODIFICA
A LISTA NUMERICO
Escape
annulla la selezione o
ESC/Ü Ritorno al livello superiore.
torna al menù di livello
Sposta il cursore a destra
superiore
Scorre il menù verso l’alto. Visualizza valore
Ý Visualizza la voce precedente. precedente
Aumenta il valore

Scorre il menù verso il basso. Visualizza valore


Þ Visualizza la voce successiva. successivo
Diminuisce il valore

Attiva la voce selezionata:


Conferma il valore
Se si tratta di un menù, accede al Conferma il valore
selezionato e torna al
ENT sottomenù o ai suoi parametri
menù / parametro
impostato ed termina la
Se si tratta di un parametro modifica
precedente
passa alla modalità di modifica
ATTENZIONE
In base alla configurazione e/o alla versione di software installata alcune voci del menu possono
essere non attive o non accessibili.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
38 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

4.3 MENÙ
GMV - NEOS 10
yyPKnnnnnn Þ Anno di fabbricazione e numero di serie del quadro [codice PK]
GMV - NEOS 10
SW:SnVnnnRnnXn Þ Versione firmware installata
GMV - NEOS 10
yyyy/mm/dd hh:mm Þ Data ed ora di sistema
- 1 - DIAGNOSTICA
GMV - NEOS 10
1-DIAGNOSTICA
1.1 Modo attivo Ý Modo di funzionamento attivo.
- Info - Þ (Normale (Serv. Chiamate), Service, Installazione, Ispezione)
1.2 Stato Sistema Ý Stato dell'impianto
- Info - Þ (In servizio, Fuori servizio, Emergenza, Riservato, Antincendio)
1.3 Stato Cabina Ý Stato della cabina
NN+ Vx P1 P2 P3 Þ NN = posizione nel vano ( -- non rifasata, 01 al piano 1, 02 = al 2, …)
+ = posizione rispetto al piano (+ sopra, - sotto, = al piano)
Vx = velocità di movimento (V0 nominale, V1 livellamento, V2 ispezione)
P1, P2, P3 = stato porte
(-- non presente, XX non disponibile o in movimento, [] aperta, ][ chiusa )
1.4 Allarmi Ý Allarmi in corso (nessuno = no allarmi attivi, 00 allarmi = 00 allarmi attivi)
00 allarmi Þ Premere ENT per accedere all'elenco dettagliato
1.5 Reset Ý Reset degli allarmi.
Allarmi Þ Premere ENT per accedere. ENT per confermare, ESC per annullare
1.6 Storico Ý Elenco storico degli allarmi. (codice / data / ora / posizione cabina)
00 record Þ Premere ENT per accedere. Memorizza gli ultimi 40 eventi.
L’elenco non è cancellabile
1.7 1235678 10 11 Ý
0000000 0 0 Stato contatti della catena sicurezze (0 = aperto, 1 = chiuso)
Þ
1.8 RD-LD-CS-LS-RS Ý
0 0 0 0 0 Stato dei sensori vano (0 = aperto, 1 = chiuso)
Þ
1.9 12V 24V 48V Ý
00.0 00.0 00.0 Valore di tensione delle alimentazioni
Þ
1.10 MN-MS-MD-LT Ý Stato deviatore e pulsanti della bottoniera d’ispezione su tetto cabina
0 0 0 0 Þ (MN=manovra 0=Normale 1=Ispezione, MS=salita 0=stop 1=salita,
MD= discesa 0=stop 1=discesa, LT=luce tetto 0=OFF 1 =ON)
1.11 FC-FA-CM-FT Ý Stato porte - 1° operatore
0 0 0 0 Þ FC=Finecorsa Chiusura, FA=Finecorsa Apertura, CM=Costola mobile,
FT=Fotocellula / Barriera elettronica - 0=OFF 1=ON)
1.12 FC-FA-CM-FT Ý
0 0 0 0 Stato porte - 2° operatore (vedi 1.11)
Þ
1.13 FC-FA-CM-FT Ý
0 0 0 0 Stato porte - 3° operatore (vedi 1.11)
Þ
1.14 QM1 2 3 4 5 6 Ý
0 0 0 0 0 0 Stato ingressi programmabili
Þ
1.15 PS1.2.3 TC RT Ý Stato pressostati (PS1, PS2, PS3), termostato fluido (TC) e
0 0 0 0 0 Þ termostato motore (RT)
1.16 Temp.Quadro Ý
00°C Temperatura ambiente misurata nel quadro dalla scheda MST01
Þ
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
39 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

- 2 - CONFIGURAZIONE
GMV - NEOS 10 NOTA
2-CONFIGURAZIONE Questi parametri sono modificabili solo se l’interruttore FA è OFF
2.1 Impianto Ý Impostazione Impianto (era Tipo)
Ascensore Idr. Þ (Ascensore Idraulico, Ascensore Elettrico, Home Lift Idraulico)
2.2 Loc.Macchina Ý Impostazione modello impianto (era Impianto)
MR Þ (MR=con locale macchinario, MRL-MC=con macchinario in armadio,
MRL=senza locale macchinario - macchinario nel vano)
2.3 Testata Ý Impostazione tipologia testata
Normale Þ (Normale, Ridotta)
2.4 Fossa Ý Impostazione tipologia fossa
Normale Þ (Normale, Ridotta)
2.5 Avviamento Ý Impostazione tipo avviamento motore/pompa o macchina elettrica
Diretto trifase Þ (Diretto trifase, Diretto monofase)
2.6 Valvola Ý Impostazione valvola installata (era Regolazione)
NGV-A3 (CAN) Þ (NGV-A3 CAN, 3010, 3010 Soft Stop, 3010+DLV, 3010+DLV Soft Stop,
NGV-02, NGV CAN)
2.7 Fermate Ý
nn Impostazione numero fermate (02, 03,…12)
Þ
2.8 Porte Acc. 1 Ý Impostazione tipo operatore/porte del 1° accesso
GMV Oper02 Þ (Non presenti; Gmv Oper02, Automatiche con finecorsa, Automatiche
senza finecorsa, Manuali )
2.9 Porte Acc. 2 Ý
non presenti Impostazione tipo operatore/porte del 2° accesso (vedi 2.8)
Þ
2.10 Porte Acc. 3 Ý
non presenti Impostazione tipo operatore/porte del 3° accesso (vedi 2.8)
Þ
2.11 Manovra Ý Impostazione tipo di manovra
Universale(APB) Þ (Universale(APB), Collettiva Disc., Collettiva S/D, Uomo Presente)
2.12 EN81-70 Ý Abilitazione funzioni a norma EN81-70
Non attivata Þ (Attivata, Non attivata)
2.13 Info Vano Ý Impostazione tipologia degli informatori di vano (era Vano)
Cambio vel.: SI Þ (A contatti con cambio velocità, A contatti senza cambio velocità, Encoder)

- 3 - CENTRALINA
GMV - NEOS 10
3-CENTRALINA
3.1 Centralina Ý
Motore-pompa Accesso al menu parametri del motore-pompa
Þ
3.1.1 Soft Stop Ý
0.0s Impostazione tempo necessario per il soft stop (0.0 - 2.0 s)
Þ
3.1.2 Timer Corsa Ý
000s Impostazione tempo Max ammesso per effettuare la corsa (000 - 250 s)
Þ
3.1.3 Timer Bassa V Ý Impostazione tempo Max ammesso per effettuare movimenti in velocità di
0.0s Þ livellamento (01 - 60 s, 00s=non attivo)
3.1.4 Ingresso CF Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione Controllo Fasi [CF}
QM1 (NO) Þ QM1(NC), QM1(NO), QM2(NC), QM2(NO),… QM6(NC), QM6(NO),------
------ = nessuno PS1(NC), PS1(NO), PS2(NC), PS2(NO), PS3(NC), PS3(NO), TC(NC, TC(NO)
3.1.5 Ingresso KS Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione Controllo contattore KS
QM2 (NC) Þ (vedi 3.1.4)
3.1.6 Ingresso KM Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione Controllo contattore KM
QM3 (NC) Þ (vedi 3.1.4)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
40 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

3.2 Centralina Ý FUNZIONA CON


Valvola Accesso al menu parametri delle valvole 3010
Þ VALVOLE :

3.2.1 Ritardo ecc. Ý Impostazione ritardo eccitazione VMP alla partenza in salita 3010
VMP salita:0.0s Þ (0.0 - 3.0 s) 3010+DLV-A3

3.2.2 Vel.Ispez. Ý Impostazione velocità con impianto in modalità Ispezione 3010


Bassa Vel. Þ (Bassa = velocità di livellamento, Alta = velocità nominale) 3010+DLV-A3

3.2.3 Max numero di Ý Impostazione del numero Max di rilivellamenti al piano


TUTTE
rilivell.:15 Þ consentiti (00-99)
3.2.4 Pausa tra due Ý
manovre:0.0s Impostazione tempo di attesa tra due manovre TUTTE
Þ
3.2.5 Ing. P.min Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione NGV, 3010
PS1 (NO) Þ Pressostato di minima (vedi 3.1.4) 3010+DLV-A3

3.2.6 Ing. P.max Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione NGV, 3010
PS2 (NO) Þ Pressostato di massima (vedi 3.1.4) 3010+DLV-A3

3.2.7 Ing. Sovracc. Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione NGV, 3010
PS3 (NO) Þ Sovraccarico cabina (vedi 3.1.4) 3010+DLV-A3

3.2.8 Ing. T.Olio Ý Impostazione ingresso e polarità della funzione NGV, 3010
TC (NC) Þ Termostato Fluido (vedi 3.1.4) 3010+DLV-A3

3.2.9 Monitoraggio Ý Impostazione intervallo tra due monitoraggi del


3010+DLV-A3
ogni XXh Þ funzionamento delle valvole VMD e DLV (1 - 23h)

- 4 - PORTE
GMV - NEOS 10
4-PORTE
4.1 Porte Ý
Porte 1 Accesso ai parametri del 1° operatore (menu - caso porte automatiche)
Þ
4.1.1 Tempo max Ý
chiusura:00 s Impostazione tempo Max ammesso per la chiusura della porta (0 - 30 s)
Þ
4.1.2 Tempo max Ý
apertura:00 s Impostazione tempo Max ammesso per l’apertura della porta (0 - 30 s)
Þ
4.1.3 Ingr.Fotoc. Ý Impostazione ingresso e polarità della Fotocellula / Barriera elettronica
LB1 (NC) Þ LB1(NC), LB1(NO), LB2(NC), LB2(NO), ------ = nessuna
4.2 Porte Ý Accesso ai parametri del 2° operatore
Porte 2 Þ (non attive o menu)
Porte 2 Ý
Manuali (caso porte manuali - nessun menu)
Þ
4.3 Porte Ý
Porte 3 Accesso al menu parametri del 3° operatore (non attive o menu)
Þ
Porte 3 Ý
non attive (caso impianto senza 3° accesso)
Þ
4.4 Porte Ý Accesso al menu parametri del dispositivo di blocco porte se cabina fuori
Blocco Porte Þ piano
4.4.1 Sblocco porta Ý
ritardo: 0.0s Impostazione ritardo apertura dispositivo blocco porte (0.0 - 3.0 s)
Þ
4.4.2 Blocco porta Ý
ritardo: 0.0s Impostazione ritardo chiusura dispositivo blocco porte (0.0 - 3.0 s)
Þ
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
41 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

- 5 - VANO
NOTA
Il menù varia in base all’impostazione del parametro 2.13 logica vano ed al numero di fermate
GMV - NEOS 10
5-VANO
2.13 = Vano con contatti con cambio velocità (CV) o senza cambio velocità (NO CV)
5.1 Ritardo stop Ý Impostazione del ritardo di arresto impianto in salita
salita: 0.0s Þ a partire dal ricevimento del segnale di arrivo al piano (0,0 - 2,0 s)
5.2 Ritardo Ý Impostazione tempo di ritardo dell’inizio dell’apertura della porta
apertura: 0.0s Þ a partire dall’ingresso della cabina in zona di fermata (0,0 - 5,0 s)
5.3 Tipo distanza Ý
tra i piani Impostazione distanza tra i piani (Solo se vano con cambio velocità)
Þ
Piani 01 <> 02 Ý
normale Impostazione della distanza tra i piani 1 e 2 (Normale, Corta)
Þ
... Impostazione delle distanze tra i piani intermedi
Piani 11 <> 12 Ý
normale Impostazione della distanza tra i piani 11 e 12 (max) (Normale, Corta)
Þ
2.13 = Vano con Encoder
5.1 Piani e Ý Impostazione tipo di posizione strisce magnetiche
strisce magn. Þ (Separate se interpiano >=300 mm, in comune se nterpiano< 300 mm)
Piani 01 <> 02 Ý Impostazione posizione strisce magnetiche tra i piani 1 e 2
Separate Þ (Separate, In comune) [vedi §2.7.2 ]
... Impostazione delle distanze tra i piani intermedi
Piani 11 <> 12 Ý Impostazione posizione strisce magnetiche tra i piani 11 e 12 (Max)
Separate Þ (Separate, In comune) [vedi §2.7.2 ]
5.2 Strisce Ý
sotto RD: 1 Numero strisce posizionate al di sotto dei magneti cilindrici di RD (1 - 3)
Þ
5.3 Arresto al Ý
piano in salita Accesso al menu di regolazione dell’arresto al piano in salita
Þ
Arresto Sal.: 01 Ý Impostazione regolazione arresto al piano in salita. (01=numero piano,
00000 : +000mm Þ 00000=quota di arresto rilevata, ±000 variazione quota di arresto)
... Impostazione regolazione dell’arresto ai piani successivi
5.4 Arresto al Ý
piano in discesa Accesso al menu di regolazione dell’arresto al piano in discesa
Þ
Arresto Dis.: 01 Ý Impostazione regolazione arresto al piano in discesa. (01=numero piano,
00000 : +000mm Þ 00000=quota di arresto rilevata, ±000 variazione quota di arresto)
... Impostazione regolazione dell’arresto ai piani successivi
5.5 Rallentamenti Ý
Salita Accesso al menu di regolazione delle distanze di rallentamento in salita
Þ
Salita Ý Impostazione della distanza di rallentamento a velocità nominale
V0 = 0000mm Þ DRAL,S (V0)
Salita Ý Impostazione della distanza di rallentamento a velocità intermedia
V1 = 0000mm Þ DRAL,S (V1) (solo per valvole NGV)
Salita Ý Impostazione della distanza di rallentamento a velocità d’ispezione /
V2 = 0000mm Þ installazione DRAL,S (V2) (solo per valvole NGV)
5.6 Rallentamenti Ý
Discesa Accesso al menu di regolazione delle distanze di rallentamento in discesa
Þ
Discesa Ý
... Identico al menù 5.2.5, applicato alla discesa
Þ
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
42 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

5.7 Rilivellamen. Ý
Salita: 00mm Impostazione distanza di inizio rilivellamento in salita (0 - 99 mm)
Þ
5.8 Rilivellamen. Ý
Discesa: 00mm Impostazione distanza di inizio rilivellamento in discesa (0 - 99 mm)
Þ
5.9 Preapertura Ý
porte: 05mm Impostazione distanza di inizio apertura porte (0 - 90 mm)
Þ
5.10 Risoluzione Ý
Encoder:00000 Impostazione numero impulsi per metro dell’encoder (Standard 4000)
Þ
5.11 Cont. e Vel. Ý Conteggio posizione e velocità dell’impianto.
00:00000 0.00m/s Þ (00 = piano, 00000 = posizione cabina in mm, 0.00m/s = velocità)
TABELLA VELOCITÀ INTERMEDIA (V1) / PIANI RAVVICINATI (INTERPIANI) / DISTANZE DI RALLENTAMENTO (DRAL)
MODALITÀ DI RALLENTAMENTO
VELOCITÀ
DISTANZE EXTRA SLOW SLOW STANDARD FAST
V1 [M/S]
INTERPIANO 0,35 0,30 0,25 0,20
0,15
DRAL,S DRAL,D 0,20 0,15 0,15 0,15 0,15 0,10 0,10 0,10
INTERPIANO 0,85 0,75 0,75 0,60
0,40
DRAL,S DRAL,D 0,45 0,40 0,40 0,35 0,40 0,35 0,30 0,30
INTERPIANO 1,60 1,35 1,25 1,20
0,65
DRAL,S DRAL,D 0,80 0,80 0,70 0,65 0,65 0,60 0,60 0,60

- 6 - PIANI
GMV - NEOS 10
6-PIANI
6.1 Piani Ý
Principale Impostazione posizione piano principale (01 - 12)
Þ
6.2 Piani Ý
Stazionamento Accesso al menu impostazione piano di stazionamento
Þ
6.2.1 Piano Ý
00 Impostazione posizione piano di stazionamento (01 - 12)
Þ
6.2.2 Ritardo Ý Impostazione tempo di ritardo e rimando al piano di stazionamento
000s Þ (000 - 012 s)
6.3 Piani Ý Accesso al menu di impostazione dei parametri del piano principale a cui
Antincendio 1 Þ mandare la cabina in caso di incendio
6.3.1 Piano Ý Impostazione posizione piano primario per evacuazione in caso
00 Þ d’incendio (01-12)
6.3.2 Stazionamento Ý
Porte aperte Impostazione modo di stazionamento (porte aperte, porte chiuse)
Þ
6.3.3 Modo reset Ý Impostazione modo reset e ritorno in funzionamento normale
Manuale Þ (manuale, automatico)
6.3.4 Ingresso Ý Impostazione ingresso e polarità funzione Allarme Incendio
------ Þ QM1(NC), QM1(NO), QM2(NC), QM2(NO),… QM6(NC), QM6(NO),------
6.4 Piani Ý Accesso al menu di impostazione dei parametri del piano alternativo
Antincendio 2 Þ (secondario) a cui mandare la cabina in caso di incendio
6.4.1 Piano Ý Impostazione posizione piano secondario per evacuazione in caso
00 Þ d’incendio (01-12)
6.4.2 Stazionamento Ý
Porte aperte Impostazione modo di stazionamento (porte aperte, porte chiuse)
Þ
6.4.3 Modo reset Ý Impostazione modo reset e ritorno in funzionamento normale
Manuale Þ (manuale, automatico)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
43 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

6.4.4 Ingresso Ý Impostazione ingresso e polarità funzione Allarme Incendio


------ Þ QM1(NC), QM1(NO), QM2(NC), QM2(NO),… QM6(NC), QM6(NO),------
6.5 Piani Ý
Emergenza Accesso al menu impostazione piano emergenza
Þ
6.5.1 Accesso Ý Impostazione accesso da aprire in emergenza
1 Þ (1, 2, 1-2, 3, 1-3, 2-3, 1-2-3)
6.5.2 Ritardo Ý Impostazione tempo di ritardo e rimando al piano di evacuazione
0.0s Þ (000 - 012 s)
6.5.3 Ingresso Ý Impostazione ingresso e polarità funzione Emergenza
------ Þ QM1(NC), QM1(NO), QM2(NC), QM2(NO),… QM6(NC), QM6(NO),------

- 7 - ACCESSI
GMV - NEOS 10
7-ACCESSI
Accessi piano:01 Ý Impostazione numero accessi, modo stazionamento e modalità di
-1- -2- -3- :sel Þ apertura del 1° piano

... Ý
Impostazione piani intermedi
Þ
Accessi piano:12 Ý Impostazione numero accessi, modo stazionamento e modalità di
-1- -2- -3- :sel Þ apertura dell’ultimo piano (Max)
ELENCO PARAMETRI
-1- -2- -3- Accesso non abilitato
[1] [2] [3] Accesso abilitato, stazionamento a porte aperte
]1[ ]2[ ]3[ Accesso abilitato, stazionamento a porte chiuse
sel con Apertura selettiva o contemporanea

- 8 - BOTTONIERE DI PIANO
NOTA Le bottoniere di piano sono configurate in fabbrica.
In caso sia necessario apportare modifiche fare riferimento a layout e configurazioni sotto elencati.
GMV - NEOS 10
8-BOTTONIERE PIANO
8.1 Botton. Piano Ý Accesso al menu d’impostazione del layout di ingressi e uscite per il
I/O Layout Þ cablaggio della bottoniera di piano.
8.1.1 Accesso.01A Ý Impostazione del layout di cablaggio della bottoniera al piano 1 lato A
01 DBP(D)01-04 Þ (Vedi layout preimpostati scheda DBP01-04 e DBP01-08)
... Impostazione del layout di cablaggio della bottoniera degli altri piani
8.2 Botton. Piano Ý Impostazione delle configurazioni delle bottoniere di piano
Configura Þ (premendo ENT si invia in automatico la configurazione delle bottoniere
alle schede DBP, in accordo con i layout definiti al punto 8.1)
8.3 Botton. Piano Ý
Prog.Avanzata Accesso al menu di configurazione avanzata delle bottoniere di piano
Þ
8.3.1 Accesso... Ý
01A (00) Configurazione avanzata della bottoniera al piano 1 lato A
Þ
Accesso...01A Ý Configurazione avanzata del IN 00 della bottoniera di piano
in 00: 00 Þ (permette di configurare manualmente i parametri di ogni canale di I/O)

... Configurazione avanzata dei parametri successivi della bottoniera


OUT 00, IN 01, OUT 01, IN 02, OUT 02,…
... Configurazione avanzata della bottoniera degli altri piani
ATTENZIONE
Per una corretta rilettura dei parametri, a configurazione bottoniere ultimata, occorre salvare i dati
(menu 13) e spegnere (0 - OFF) e riaccendere (I - ON) l’interruttore generale di forza motrice
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
44 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

- 9 - BOTTONIERE DI CABINA
NOTA
Le bottoniere di cabina sono configurate in fabbrica.
In caso sia necessario apportare modifiche fare riferimento a layout e configurazioni sotto elencati
GMV - NEOS 10
9-COP CAR PANELS
9.1 Botton. Cabina Ý
Bottoniera 1 Accesso al menu d’impostazione della bottoniera principale di cabina.
Þ
9.1.1 Bottoniera 1 Ý Accesso al menu d’impostazione del layout di cablaggio della bottoniera
I/O Layout Þ principale di cabina.
9.1.1.1 I/O Layout Ý Impostazione del layout di cablaggio della bottoniera principale di cabina
02 Þ (Vedi layout preimpostati per bottoniere di cabina)
9.1.2 Bottoniera 1 Ý Impostazione delle configurazioni della bottoniera principale di cabina
Configura DBC Þ (premendo ENT si avvia la configurazione automatica della bottoniera
Alla scheda DBC in accordo con i layout definiti al punto 9.1.1)
9.1.3 Bottoniera 1 Ý Accesso al menu di configurazione avanzata della bottoniera principale di
Prog.Avanzata Þ cabina
9.1.3.1 Prog.Avanz. Ý Configurazione avanzata del IN 00 della bottoniera principale di cabina
in 00: 00 Þ (permette. di configurare manualmente i parametri di ogni canale di I/O)

... Configurazione avanzata dei parametri successivi della bottoniera


OUT 00, IN 01, OUT 01, IN 02, OUT 02,…
9.2 Botton. Cabina Ý Accesso al menu d’impostazione della bottoniera secondaria di cabina.
Bottoniera 2 Þ (vedi 9.1)
ATTENZIONE
Per una corretta rilettura dei parametri, a configurazione bottoniere ultimata, occorre salvare i dati
(menu 13) e spegnere (0 - OFF) e riaccendere (I - ON) l’interruttore generale di forza motrice
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
45 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

- 10 - SEGNALAZIONI VISIVE E VOCALI IN CABINA


NOTA
Le segnalazioni visive e vocali in cabina sono configurate in fabbrica.
In caso sia necessario apportare modifiche fare riferimento al menu sottostante.
GMV - NEOS 10
10-SEGNALAZIONI
10.1 Segnalazioni Ý
Display Impostazione parametri del display di cabina
Þ
10.2 Segnalazioni Ý
Sintesi Accesso al menu di configurazione della sintesi vocale
Þ
10.2.1 Lingua Ý Impostazione lingua dei messaggi
000 Þ (000=nessuno, vedi numerazione standard lingue)
10.2.2 Volume Ý
000 Impostazione volume (000=min - 255=Max)
Þ
10.2.3 Piano 01 Þ
000 Impostazione nome file con messaggio piano 01 (101 - 180 vedi tabella)
Ý
10.2.4 Piano 02 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 02
10.2.5 Piano 03 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 03
10.2.6 Piano 04 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 04
10.2.7 Piano 05 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 05
10.2.8 Piano 06 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 06
10.2.9 Piano 07 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 07
10.2.10 Piano 08 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 08
10.2.11 Piano 09 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 09
10.2.12 Piano 10 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 10
10.2.13 Piano 11 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 11
10.2.14 Piano 12 Ý Impostazione nome file con messaggio piano 12
10.2.15 Gong Ý
000 Impostazione nome file con suono di fermata al piano (001 - 010)
Þ
10.2.16 Apertura P. Ý
000 Impostazione nome file con messaggio apertura porte (011 - 020)
Þ
10.2.17 Chiusura P. Ý
000 Impostazione nome file con messaggio chiusura porte (021 - 030)
Þ
10.2.18 Salita Ý
000 Impostazione nome file con msg direzione di marcia : salita (031 - 040)
Þ
10.2.19 Discesa Ý
000 Impostazione nome file con msg direzione di marcia : discesa (041 - 050)
Þ
10.2.20 Sovraccarico Ý
000 Impostazione nome file con messaggio sovraccarico (051 - 060)
Þ
10.2.21 Fuori serv. Ý
000 Impostazione nome file con messaggio fuori servizio (061 - 070)
Þ
10.2.22 Emergenza Ý Impostazione nome file con messaggio ritorno al piano in emergenza
000 Þ (071 - 080)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
46 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

NUMERAZIONE STANDARD LINGUE (SI USA IL PREFISSO TELEFONICO INTERNAZIONALE DELLA NAZIONE - ITU-T RECOMMENDATION E.164)
039 Italiano 044 English (uk) 033 Français 049 Deutsch
351 Português 046 Svenska 034 Español 030 Ελληνικά
420 Česky 048 Polski 090 Türkçe … -
NUMERAZIONE STANDARD MESSAGGI
001 - 010 Apertura porte 011 - 020 Chiusura porte
021 - 030 Prossima direzione salita 031 - 040 Prossima direzione discesa
041 - 050 Suono fermata al piano - gong 051 - 060 Sovraccarico
061 - 070 Fuori servizio 071 - 080 Ritorno al piano in emergenza
081 - 090 - 091 - 100 -
101 - 105 Piano -3 106 - 110 Piano -2
111 - 115 Piano -1 116 - 120 Piano 0
121 - 125 Piano 1 126 - 130 Piano 2
131 - 135 Piano 3 136 - 140 Piano 4
141 - 145 Piano 5 146 - 150 Piano 6
151 - 155 Piano 7 156 - 160 Piano 8
161 - 165 Piano 9 166 - 170 Piano 10
171 - 175 Piano 11 176 - 180 Piano 12
181 - 185 - 186 - 190 -
- 11 - TIMER
GMV - NEOS 10
11-TIMER
11.1 Timer Ý Impostazione tempo di stazionamento al piano con porte aperte (0,3 -
Stazionam.: 0.0s Þ 9,9)
11.2 Timer Ý Impostazione tempo di stazionamento al piano con porte aperte
Staz.breve: 0.0s Þ dopo l'intervento della fotocellula o costola mobile (0,1 - 1,0 s)
11.3 Timer max. Ý Impostazione tempo massimo attesa attivazione contattori KS e KM
Partenza: 0.0s Þ dopo la chiusura delle porte (1,0 - 5,0 s)
11.4 Timer Ý Impostazione tempo rimando al piano estremo inferiore per
Rimando 15': 00' Þ stazionamento a porte chiuse (00 - 15 min)
11.5 Timer Ý Impostazione tempo chiamata automatica
Chiam. auto: 00s Þ Se diverso da 000 abilita l'esecuzione automatica di una sequenza di
chiamate 0,1,2,…,n,0,1,2,… . Il parametro definisce il tempo in secondi di
pausa tra ciascuna chiamata (000 - 255 s)
11.6 Timer Ý Impostazione tempo di attesa spegnimento luce di cabina dopo chiusura
Luce Cabina:000s Þ porte con cabina vuota (000 - 255s)

- 12 - SERVICE
GMV - NEOS 10
12-SERVICE
12.1 Service Ý
Modalità Accesso al menu di configurazione dei parametri operativi generali
Þ
12.1.1 Modalità Ý
Lingua Impostazione lingua del programmatore (Italiano, English, …)
Þ
12.1.2 Modalità Ý Impostazione modalità di funzionamento dell’impianto
Funzionamento Þ (Normale, Installazione, Service)
12.1.3 Modalità Ý
Serial Num. Visualizza il numero seriale del microprocessore della scheda MST-01
Þ
12.1.4 Modalità Ý
Data & ora Accesso al menu di configurazione data e ora
Þ
12.1.4.1 Data Ý
.1 Anno Impostazione della data (.1 Anno, .2 Mese, .3 Giorno)
Þ
12.1.4.2 Ora Ý
.1 Ore Impostazione dell’ora (.1 Ore, .2 Minuti, .3 Secondi)
Þ
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
47 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

12.2 Service Ý
Comandi Accesso al menu di esecuzione comandi manuali
Þ
12.2.1 Comandi Ý
Comandi porte Accesso al menu di esecuzione dei comandi delle porte
Þ
12.2.1.1 Comandi por Ý
Porte 1 Consente di inviare i comandi di apertura e chiusura alla porta 1
Þ
12.2.1.2 Comandi por Ý
Porte 2 Consente di inviare i comandi di apertura e chiusura alla porta 2
Þ
12.2.1.3 Comandi por Ý
Porte 3 Consente di inviare i comandi di apertura e chiusura alla porta 3
Þ
12.2.2 Comandi Ý Consente di inviare i comandi di salita e discesa all’impianto con manovra
Comandi S/D Þ a uomo presente (SU = salita, GIÙ = discesa, ESC = Esci)
12.2.3 Comandi Ý Consente di effettuare una chiamata all’accesso di piano selezionato
Chiamata Þ (01A = accesso A piano 1, 01B = acc.B piano 1, 02A = acc.A piano 2, …)
12.3 Service Ý
Test... Accesso ai menu di Test
Þ
12.3.1 Test... Ý
Taratura VS Esegue la procedura di taratura della valvola di sicurezza (VS)
Þ
12.3.2 Test... Ý
Taratura VC Esegue la procedura di taratura della valvola di blocco (VC)
Þ
12.3.3 Test... Ý Consente di eseguire in salita ed in discesa la prova di rilevamento del
A3 Movimento Þ movimento incontrollato A3 (SU = salita, GIÙ = discesa, ESC = Esci)
12.3.4 Test... Ý Esegue la prova del corretto funzionamento delle valvole VMD e DLV
VMD-DLV Test Þ (TEST = avvia il test, ESC = Esci)
12.4 Service Ý
Lettura vano Esegue l’acquisizione dei parametri di vano per impianti con encoder
Þ
Set Modo Service Ý Vedere § Lettura ed acquisizione informazioni in vano con
ENT = Start §2.8.2
Þ encoder prima di procedere (ENT = avvio)
12.5 Service Ý
Prog.Ingressi Accesso al menu di configurazione ingressi programmabili §5.1.2
Þ
12.6 Service Ý
Prog.Uscite Accesso al menu di configurazione uscite programmabili
Þ
12.7 Service Ý
Parametri mSD Þ Accesso al menu di gestione della scheda mSD
12.7.1 Parametri mSD Ý Salva su mSD i parametri attuali dell’impianto in un file diverso da quello in
Salva Param. Þ uso (ENT = Salva) (era Salva utente)

12.7.2 Parametri mSD Ý Carica, se esiste almeno un file dati su mSD, i parametri impianto
Carica Param. Þ (ÝÞ = Scegli, ENT = Seleziona, ENT = Carica) (era Carica utente)
12.7.3 Parametri mSD Ý
Ripristino Þ Carica da mSD i parametri di fabbrica dell’impianto (ENT = Carica)
12.8 Service Ý
Agg. Software Carica da mSD il firmware di fabbrica dell’impianto.
Þ
12.9 Service Ý
Conn.Remota Accesso al menu di configurazione parametri di connessione remota
Þ
- 13 - SALVA DATI
GMV - NEOS 10
13-SALVA DATI
13.1 Salvare ? Ý
ESC=NO ENT=SI Salva le modifiche effettuate sovrascrivendo il file in uso
Þ
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
48 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

5 PERSONALIZZAZIONI
Vedi manuale completo

6 MANUTENZIONE
Vedi manuale completo

7 CARATTERISTICHE DELLE SCHEDE


Vedi manuale completo

8 ERRORI, ALLARMI E TROUBLESHOOTING

8.1 ERRORI DI LETTURA VANO


CODICE DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE
Numero fermate Parametro 5.1 = in comune
Impostare 5.1 = Separate per le
01 nella striscia per un numero di strisce
fermate con strisce non in comune
magnetica > 3 consecutive > 3
Numero di strisce indicato al
02 Verificare le strisce applicate alle guide
Numero strisce < 2 parametro 5.1 diverso da
ed installare la striscia mancante
quello rilevato
03 Risoluzione encoder Valore errato nel parametro 5.1 Inserire il corretto numero di
fuori range Risoluzione encoder impulsi/metro dell’encoder installato
Spostare verso il basso i magneti RS del
Posizione errata dei magneti RS
Nessuna striscia tra piano più basso, in modo che siano
al piano più basso
04 RD (off) ed RS (off) rispettate le distanze indicate al § 2.7.2.
in discesa Posizione errata degli impulsori Verificare che la distanza tra gli impulsori
monostabili (neri) LS - LZ - LD sia uguale a 30 mm (vedi § 2.7.2)
Spostare verso l’alto i magneti RS del
05 LS (off) con RS(off) Posizione errata dei magneti RS
piano più basso, in modo che siano
prima della partenza al piano più basso
rispettate le distanze indicate al § 2.7.2.
Verificare le strisce applicate alle guide
Numero strisce Mancanza di una o più strisce
ed installare le strisce mancanti
06 magnetiche rilevate
in lettura diverso da Distanza errata tra impulsori e Verificare che le strisce applicate alle
quello previsto guide e gli impulsori siano installati
una o più strisce
come indicato nel § 2.7.2
07 Interasse sensori > Distanza tra gli impulsori (neri) Verificare che la distanza tra gli impulsori
100 mm LS ed LD > 100 mm sia uguale a 30 mm (vedi § 2.7.2)
Presenza al piano “numero errore Verificare le dimensioni e la posizione
08…32 Lunghezza striscia < -6” di una striscia magnetica di della striscia al piano indicato.
170mm
lunghezza < 170mm (Es.: errore 08 = 8-6 = 2 = piano 2)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
49 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

Se il parametro 5.5 (V0) non é uguale


alla distanza DRAL,S indicata al §2.7.2
inserire il valore corretto
Se la posizione dei magneti RS al piano
La distanza tra i più alto non é uguale alla distanza
magneti RS di DRAL,S indicate al §2.7.2, spostare i
Posizione dei magneti RS al magneti nella posizione corretta.
cambio velocità al
33 piano più alto diversa dal
piano più alto è
valore impostato nel parametro Se il parametro 5.5 (V0) e la posizione
inferiore al valore 5.5 dei magneti RS al piano più alto sono
letto durante uguali alla distanza DRAL,S, modificare
l’acquisizione il parametro 5.5 (V0)inserendo un
valore = 5.5(V0) - 50 mm
Effettuare nuovamente la lettura ed al
termine reinserire in 5.5 (V0) il
valore indicato al § 2.7.2.
Se il parametro 5.6 (V0) non é uguale
alla distanza DRAL,D indicata al §2.7.2
inserire il valore corretto
Se la posizione dei magneti RS al piano
La distanza tra i più basso non é uguale alla distanza
magneti RD di DRAL indicate al §2.7.2, spostare i
Posizione dei magneti RD al magneti nella posizione corretta.
cambio velocità al
34 piano più basso diversa dal
piano più basso è
valore impostato nel parametro Se il parametro 5.6 (V0) e la posizione
inferiore al valore 5.6 dei magneti RS al piano più alto sono
letto durante uguali alla distanza DRAL,D, modificare
l’acquisizione il parametro 5.6 (V0)inserendo un
valore = 5.6(V0) - 50 mm
Effettuare nuovamente la lettura ed al
termine reinserire in 5.6 (V0) il
valore indicato al § 2.7.2.
97 Verificare che l’encoder sia installato
Nessun conteggio Encoder non connesso
correttamente § 2.5.4
98 Senso rotazione Verificare che l’encoder sia installato
Cinghia installata in modo errato
errato correttamente § 2.5.4

8.2 RESET ALLARMI


MODO 1 MODO 2
MST01
FA FA

1.5.Reset allarmi +ENT

0 - OFF I - ON
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
50 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

8.3 ALLARMI IMPIANTO


8.3.1 LIVELLI DI ALLARME
OPERAZIONI NECESSARIE AL RITORNO IN FUNZIONAMENTO
LIVELLO DESCRIZIONE DURATA
NORMALE DELL’IMPIANTO
Fuori Servizio L’eliminazione del problema non è sufficiente
1 Permanente
Immediato occorre effettuare il reset manuale del sistema
Fuori Servizio
2 Temporaneo L’eliminazione del problema è sufficiente
Immediato
Fuori Servizio L’eliminazione del problema non è sufficiente
3 Permanente
dopo arrivo al piano occorre effettuare il reset manuale del sistema
Fuori Servizio
4 Temporaneo L’eliminazione del problema è sufficiente
dopo arrivo al piano
Segnalazione
5 Nessuna
malfunzionamento.

8.3.2 ELENCO ALLARMI


CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE
Temporizzatore
di corsa La cabina non completa la corsa Aumentare il valore del parametro
001 1 (la cabina viene nel tempo impostato come 3.1.2 Timer Corsa
mandata al piano massimo al parametro 3.1.2 (Max 60s).
più basso)
Temporizzatore
di corsa in bassa La cabina si muove in bassa
Aumentare il valore del parametro
velocità velocità per un tempo maggiore
002 1 3.1.3 Timer bassa V (Max
(la cabina viene del valore impostato come
mandata al piano 60s, 00 disabilita timer )
massimo al parametro 3.1.3
più basso)
Ricercare ed eliminare la causa
Salvamotore Il salvamotore Interviene
del surriscaldamento.
(la cabina viene
003 1 Ricercare ed eliminare la causa
mandata al piano La sonda non funziona
più basso) del non corretto funzionamento
correttamente
Se la sonda é guasta sostituirla.
La cabina ha effettuato il numero
Numero Aumentare il valore del parametro
massimo di rilivellamenti
004 1 rilivellamenti 3.2.3 Massimo numero
ammessi e viene mandata al rilivellamenti
eccessivo
piano estremo inferiore.
Verificare che il teleruttore KM
Il teleruttore di marcia KM non
Teleruttore di funzioni correttamente e se
cambia posizione
005 1 marcia (KM) guasto sostituirlo.
bloccato Il parametro 3.1.6 Ingresso Verificare che il parametro 3.1.6
KM contiene un valore errato sia = QM3 (NC)
Verificare che il teleruttore KS
Il teleruttore di salita KS non
Teleruttore di funzioni correttamente e se
cambia posizione
006 1 salita (KS) guasto sostituirlo.
bloccato Il parametro 3.1.5 Ingresso Verificare che il parametro 3.1.5
KS contiene un valore errato sia = QM2 (NC)
Verificare che i cavi R,S,T siano
Una o più fasi non sono collegate
collegati alla morsettiera
Modificare i collegamenti dei cavi
Fasi FM invertite Le fasi non sono collegate
007 2 R,S,T fino all’accensione del led
o mancanti correttamente alla morsettiera
giallo sul controllo fasi CF
Il parametro 3.1.4 Ingresso Verificare che il parametro 3.1.4
SFL contiene un valore errato sia = QM1 (NO)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
51 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Il circuito di sicurezza non
Sostituire scheda Main01
funziona correttamente
Circuito
Sicurezza Porte Cablaggio circuiti di sicurezza Sostituire cavi o connettori
008 1 interrotto difettosi
non attivo al
piano Verificare la posizione delle strisce
Strisce magnetiche in posizione
magnetiche e spostare quelle in
errata
posizione errata (§ 2.7)
Il circuito di sicurezza non ha Verificare che i relè K1, K2 e K3
funzionato correttamente funzionino correttamente
Circuito
Sicurezza Porte Verificare la continuità dei circuiti
Cablaggio difettoso
009 5 CH1 e CH2
non attivo alla
fermata Verificare la posizione delle strisce
Strisce magnetiche in posizione
magnetiche e spostare quelle in
errata
posizione errata (§ 2.7)
Portare l’interruttore FA in
Interruttore FA aperto posizione ON
se l’errore permane sostituire FA
Morsetto 1 Chiudere lo sportello del quadro di
010 2 sicurezze senza Interruttore SD, sportello del manovra.
tensione quadro di manovra MRL, aperto
se l’errore permane sostituire SD
Verificare ed eventualmente
Mancanza di tensione alla catena
ripristinare la continuità di
delle sicurezze.
cablaggi e alimentazione
Contatto Stop in Fossa aperto Chiudere il contatto Stop
Contatto Stop in Contatto Stop in Fossa guasto Sostituire il contatto di Stop
011 2
Fossa aperto Sostituire cavi o connettori
Cablaggio difettoso
difettosi
Contatto (SEX) Contatto Extracorsa guasto Sostituire il contatto di Extracorsa
Extracorsa
012 1 aperto (la cabina Ripristinare la continuità della
viene mandata al Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
piano più basso) difettosi o danneggiati
Verificare che i dispositivi presenti
Uno o più contatti Contatto aperto siano in posizione corretta ed i
del morsetto 5 contatti siano chiusi
sono aperti
013 2 Contatto guasto Sostituire il contatto guasto
(SPR, SCP1,
SCP2, SGR, SM, Ripristinare la continuità della
SM1) (§ 2.5, 2.6) Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Verificare che i dispositivi presenti
Uno o più contatti Contatto aperto siano in posizione corretta ed i
del morsetto 8 contatti siano chiusi
014 2 sono aperti Contatto guasto Sostituire il contatto guasto
durante il Ripristinare la continuità della
movimento Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Uno o più contatti Verificare che i dispositivi presenti
del morsetto 10 Contatto aperto siano in posizione corretta ed i
sono aperti contatti siano chiusi
015 2 durante il Contatto guasto Sostituire il contatto guasto
movimento Ripristinare la continuità della
(Blocchi Porte, Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
Porte Cabina) difettosi o danneggiati
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
52 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE
Verificare che i dispositivi presenti
Mancata Contatto aperto siano in posizione corretta ed i
chiusura alla contatti siano chiusi
partenza contatti
016 5 Contatto guasto Sostituire il contatto guasto
morsetto 10
(Blocchi Porte, Ripristinare la continuità della
Porte Cabina) Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Verificare che i dispositivi presenti
Uno o più contatti Contatto aperto siano in posizione corretta ed i
del morsetto 11 contatti siano chiusi
017 2 sono aperti Contatto guasto Sostituire il contatto guasto
(SBCI, SBCS, Ripristinare la continuità della
AUX) Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Sbloccare KM e verificare che
Contattore KM bloccato
Mancata funzioni correttamente
eccitazione Contattore KM guasto Sostituire il contattore
018 4
contattore Marcia Inserire il valore corretto nel
(KM) Parametro errato in parametro 3.1.6 Ingresso
3.1.6 Ingresso KM
KM (std default = QM3 (NC))
Sbloccare KS e verificare che
Contattore KS bloccato
Mancata funzioni correttamente
eccitazione Contattore KS guasto Sostituire il contattore
019 4
contattore Salita Inserire il valore corretto nel
(KS) Parametro errato in parametro 3.1.5 Ingresso
3.1.5 Ingresso KS
KS (std default = QM2 (NC))
Ricercare ed eliminare la causa
Intervento del pressostato del mancato raggiungimento del
valore di Pmin
Pressione olio
020 2 Pressostato guasto Sostituire il pressostato guasto
minima
Inserire il valore corretto nel
Parametro errato in parametro 3.2.5 Ing. Pmin
3.2.5 Ing. Pmin
(std default = PS1 (NO))
Ricercare ed eliminare la causa
Intervento del pressostato
del superamento di Pmax
Pressione olio Pressostato guasto Sostituire il pressostato guasto
021 2
Massima Inserire il valore corretto nel
Parametro errato in parametro 3.2.6 Ing. Pmin
3.2.6 Ing. Pmax
(std default = PS1 (NO))
Ricercare ed eliminare la causa
Intervento del termostato
del superamento della Tmax
Temperatura olio Termostato guasto Sostituire il termostato guasto
022 4
Massima Inserire il valore corretto nel
Parametro errato in parametro 3.2.8 Ing.TOlio
3.2.8 Ing.T.Olio
(std default = TS (NC))
Raffreddare l’ambiente del quadro
Intervento del sensore sulla
ricercare ed eliminare la causa
scheda MAIN01 (T >40°C)
Temperatura del superamento della Tmax
023 4
Massima Quadro Sensore guasto
(la temperatura è <5°C e >40°C Sostituire Scheda MAIN01
ma permane l’errore)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
53 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Verificare la presenza del
In installazione connettore XV3 di installazione
manca la resistenza di e se mancante inserirlo.
compensazione del connettore
XV3 sulla scheda MAIN01 Verificare che la resistenza sia in
contatto con il morsetto
Errore Ripristinare l’alimentazione della
Scheda BOX01 senza tensione
comunicazione scheda BOX01
024 2
Bus (Quadro- Verificare che la scheda sia
Tetto Cabina) Scheda QT01 non funzionante correttamente connessa
Se la scheda è guasta sostituire.
Verificare la continuità e la giusta
Cavi di segnale del Canbus (XF3) sequenza dei cavi.
collegati in modo non corretto Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Errata configurazione parametri Verificare e correggere eventuali
Configurazione menu 8 e 9 parametri errati
025 4
Bottoniere Errata Scheda bottoniera guasta
Sostituire la scheda
(DBPxx o DBCxx)
Alimentazione Alimentatore AL24 difettoso Sostituire alimentatore
026 2
+24 Bassa Assorbimento anomalo Verificare cablaggio
Alimentatore AL24 difettoso Sostituire alimentatore
Alimentazione
027 2 Cablaggio errato Possibile connessione cavi 48V su
+24 Alta
(implica errore 028) linea 24V. Invertire i cavi.
Alimentatore AL48 difettoso Sostituire alimentatore
Alimentazione Assorbimento anomalo Verificare cablaggio
028 2
+48 Bassa Cablaggio errato Possibile connessione cavi 24V su
(implica errore 027) linea 48V. Invertire i cavi.
Alimentazione
029 2 Alimentatore AL48 difettoso Sostituire alimentatore
+48 Alta
Verificare che la resistenza sia
Resistenza di compensazione del correttamente connessa
bus guasta o mal collegata
(XV3 in testata) Se la resistenza è guasta
sostituire.
030 2 Errore Bus
Verificare la continuità e la giusta
Cavi di segnale del Canbus (XF3) sequenza dei cavi.
difettosi o collegati in modo non
corretto Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Verificare la presenza del
In installazione connettore XV3 di installazione
manca la resistenza di e se mancante inserirlo.
compensazione del connettore
XV3 sulla scheda MAIN01 Verificare che la resistenza sia in
contatto con il morsetto
Errore Ripristinare l’alimentazione della
Scheda NGV senza tensione
comunicazione scheda NGV
031 2
Bus (Quadro- Verificare che la scheda sia
NGV) Scheda QT01 non funzionante correttamente connessa
Se la scheda è guasta sostituire.
Verificare la continuità e la giusta
Cavi di segnale del Canbus (XC4) sequenza dei cavi.
difettosi o collegati in modo non
corretto Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
54 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Posizionare gli impulsori come
Posizione impulsore errata
indicato in § 2.7
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
indicato in § 2.7
Verificare la continuità e la giusta
Rifasatori RS-RD Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
032 4 non corretto (XE1)
entrambi aperti Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Impulsore (grigi) RS o RD guasto Sostituire l’impulsore guasto
Verificare che la scheda sia
Scheda QT01 non funzionante correttamente connessa
Se la scheda è guasta sostituire.
Rifasatore Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
Discesa aperto in indicato in § 2.7
anticipo rispetto Verificare la continuità e la giusta
033 5
alla sequenza Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
(durante il non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
movimento) difettosi o danneggiati
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
indicato in § 2.7
Rifasatore
034 5 Discesa non Verificare la continuità e la giusta
richiuso Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
Rifasatore indicato in § 2.7
Discesa aperto Verificare la continuità e la giusta
035 5
alla partenza dai Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
piani superiori non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Rifasatore Salita Posizione magneti errata Posizionare i magneti tondi come
aperto in anticipo indicato in § 2.7
rispetto alla Verificare la continuità e la giusta
036 5
sequenza Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
(durante il non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
movimento) difettosi o danneggiati
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
indicato in § 2.7
Rifasatore Salita Verificare la continuità e la giusta
037 5
non richiuso Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
Rifasatore Salita indicato in § 2.7
aperto alla Verificare la continuità e la giusta
038 5
partenza ai piani Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
inferiori non corretto (XE1) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
55 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LS
039 5 errata in salita, Verificare la continuità e la giusta
cambio velocità Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LS
040 5 errata in discesa, Verificare la continuità e la giusta
cambio velocità Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LS
041 5 errata alla Verificare la continuità e la giusta
fermata discesa Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LD
042 5 errata in salita, Verificare la continuità e la giusta
cambio velocità Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LD
043 5 errata in discesa, Verificare la continuità e la giusta
cambio velocità Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Sequenza LD
044 5 errata alla Verificare la continuità e la giusta
fermata salita Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
difettosi o danneggiati
Posizionare gli impulsori come
Posizione impulsore errata
indicato in § 2.7
Posizionare i magneti tondi come
Posizione magneti errata
Conteggio indicato in § 2.7
encoder non Verificare la continuità e la giusta
045 5 allineato a Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
sequenza non corretto (XE3 o XV3) Sostituire cavi e connettori
impulsori difettosi o danneggiati
Inserire il valore corretto del
Parametro 5.10 Risoluzione
parametro 5.10 Risoluzione
encoder errato
encoder (vedi § 2.8.2 punto 4)
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
Canale A non corretto (XE3 o XV3)
046 2 Sostituire cavi e connettori
Encoder aperto
difettosi o danneggiati
Encoder difettoso o guasto Sostituire l’encoder
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
56 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE
CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
Canale B non corretto (XE3 o XV3)
047 2 Sostituire cavi e connettori
Encoder aperto
difettosi o danneggiati
Encoder difettoso o guasto Sostituire l’encoder
Inserire il valore corretto del
Parametro 5.10 Risoluzione
Errore Velocità parametro 5.10 Risoluzione
048 2 encoder errato
Encoder encoder (vedi § 2.8.2 punto 4)
Encoder difettoso o guasto Sostituire l’encoder
In vano ad encoder,
è avvenuto il passaggio dalla Effettuare l’acquisizione di vano
Vano non
049 4 modalità installazione a quella menu 12.4 Lettura vano
acquisito
normale senza aver effettuato (vedi § 2.8.2)
l’acquisizione di vano.
Errori
050 4 acquisizione Vedi § 8.1 Vedi § 8.1
vano Encoder
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO1…) Sostituire cavi e connettori
Timeout apertura difettosi o danneggiati
051 1
operatore 1
Operatore difettoso Vedi manuale operatore
Parametro 4.1.2 Tempo Max Modificare il valore del parametro
apertura errato 4.1.2 Tempo Max apertura
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO2…) Sostituire cavi e connettori
Timeout apertura difettosi o danneggiati
052 1
operatore 2
Operatore difettoso Vedi manuale operatore
Parametro 4.2.2 Tempo Max Modificare il valore del parametro
apertura errato 4.2.2 Tempo Max apertura
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO3…) Sostituire cavi e connettori
Timeout apertura difettosi o danneggiati
053 1
operatore 3
Operatore difettoso Vedi manuale operatore
Parametro 4.3.2 Tempo Max Modificare il valore del parametro
apertura errato 4.3.2 Tempo Max apertura
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO1…) Sostituire cavi e connettori
Timeout chiusura difettosi o danneggiati
054 1
operatore 1
Operatore difettoso Vedi manuale operatore
Parametro 4.1.1 Tempo Max Modificare il valore del parametro
chiusura errato 4.1.1 Tempo Max chiusura
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO2…) Sostituire cavi e connettori
Timeout chiusura difettosi o danneggiati
055 1
operatore 2
Operatore difettoso Vedi manuale operatore
Parametro 4.2.1 Tempo Max Modificare il valore del parametro
chiusura errato 4.2.1 Tempo Max chiusura
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
57 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XO3…) Sostituire cavi e connettori
Timeout chiusura difettosi o danneggiati
056 1
operatore 3
Operatore funziona in modo errato Vedi manuale operatore
Parametro 4.3.1 Tempo Max Modificare il valore del parametro
chiusura errato 4.3.1 Tempo Max chiusura
057 1 Allarme generico - -
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
Timeout non corretto (XFT1, XFT2) Sostituire cavi e connettori
058 1
Fotocellula difettosi o danneggiati
Fotocellula o barriera elettronica Vedi manuale fotocellula o
funziona in modo errato barriera elettronica
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XC4) Sostituire cavi e connettori
Allarme NGV-A3- difettosi o danneggiati
059 1
03 Vedi manuale NGV A3
Nota: la rimozione dell’allarme
Scheda NGV-A3 in allarme
dalla scheda NGVA3 rimuove
anche l’allarme dal quadro
Effettuare il test del §3.3.3.2 per
ricercare eventuali guasti o alla
Monitoraggio Errore durante il test di
060 1 valvola DLV o alla VMD e
DLV monitoraggio della DLV
riparare o sostituire la parte non
funzionante.
Posizionare gli impulsori come
Posizione impulsore errata
indicato in § 2.7
Posizionare le strisce magnetiche
Posizione magneti errata
come indicato in § 2.7
Verificare la continuità e la giusta
Cavi difettosi o collegati in modo sequenza dei cavi.
non corretto (XE2) Sostituire cavi e connettori
UCM difettosi o danneggiati
061 1
Impulsore (nero) LS, LS o LZ
Sostituire l’impulsore guasto
guasto
Verificare che la valvola funzioni
correttamente e ricercare la
Si è verificato un movimento causa del movimento
incontrollato della cabina incontrollato
Sostituire i componenti guasti o
difettosi.
Mancata
partenza NGV Errato funzionamento della
062 1 Vedi manuale NGV
salita (RUN non valvola/scheda NGV
ricevuto)
Mancata
partenza NGV Errato funzionamento della
063 1 Vedi manuale NGV
discesa (RUN valvola/scheda NGV
non ricevuto)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
58 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

CODICE LIVELLO DESCRIZIONE CAUSA SOLUZIONE


Sequenza LS
errata alla
Posizionare le strisce magnetiche
064 5 fermata salita Posizione magnete errata
come indicato in § 2.7
(LS non
riconosciuto)
Sequenza LD
errata alla
Posizionare le strisce magnetiche
065 5 fermata discesa Posizione magnete errata
come indicato in § 2.7
(LD non
riconosciuto)
Contatto SMTR Sbloccare il contatto e verificarne
extracorsa Contatto bloccato (SMTR, SEX2)
il corretto funzionamento
066 1 testata ridotta
non aperto
(verifica al piano Contatto guasto (SMTR, SEX2) Sostituire il contatto guasto
estremo superiore)
Contatto SMTR Sbloccare il contatto e verificarne
extracorsa Contatto bloccato (SMTR, SEX2)
il corretto funzionamento
testata ridotta
Contatto guasto (SMTR, SEX2) Sostituire il contatto guasto
067 1 non richiuso
(verifica al piano Ripristinare la continuità della
estremo Cablaggio difettoso linea, sostituire cavi e connettori
superiore) difettosi o danneggiati
Verificare che l’output del
3 tentativi Il caricabatteria CBxx non caricabatteria sia > 12V (X1 -
manovra funziona correttamente BAT, 0) ed in caso contrario
emergenza falliti sostituire la scheda CBxx
(la scheda di Se l’impianto rimane spento per
emergenza non un periodo medio - lungo la
riesce a dare carica della batteria può essere
068 5 insufficiente.
tensione affinchè Batteria scarica
le porte si Acceso l’impianto verificare che
chiudano e la dopo un periodo di ricarica di
cabina ritorni al 12/18h la batteria risulti carica.
piano estremo
Se dopo la ricarica la batteria non
inferiore)
Batteria esausta raggiunge i 12V occorre
sostituirla
Se la chiave è inserita ed attivata,
portarla in posizione OFF ed
Chiave fuori estrarla
servizio attiva La chiave con funzione di fuori
069 1 Se la chiave non è inserita
(funzione ingressi servizio è attiva
07 bottoniere) verificare il corretto
funzionamento dell’interruttore
a chiave e se guasto sostituirlo.
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
59 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

9 APPENDICE

9.1 SIGLE E ABBREVIAZIONI


Sigla DESCRIZIONE
<|> Pulsante apertura porte
>|< Pulsante chiusura porte
AD Relè consenso discesa
AI Pulsante allarme
AL Led segnalazione al piano di allarme inviato (in corso)
AL24V Alimentatore switching 24Vdc
AL48V Alimentatore switching 48Vdc
ALM Pulsante di allarme attivato dalla bottoniera di ispezione / manutenzione
AS Relè consenso salita
AUX Ausiliario bottoniera di cabina (es chiave)
BAT Batteria del circuito di allarme
BOX01.02 Scheda Box tetto cabina
BOX01.02_A Scheda Box tetto cabina : sezione allarmi
BOX01.02_B Scheda Box tetto cabina : sezione bottoniere di cabina
BOX01.02_I Scheda Box tetto cabina : sezione impulsori
BOX01.02_L Scheda Box tetto cabina : sezione luci
BOX01.02_O Scheda Box tetto cabina : sezione operatori porte
BSOS Telesoccorso / Combinatore telefonico
CB01 Dispositivo alimentatore 12V e caricabatteria
CF Controllo sequenza fasi
CM Comune uscite relè valvole
CTF Citofono in fossa
CTLM Citofono nel locale macchinario
CTM Citofono della bottoniera di ispezione / manutenzione su tetto cabina
DBC01.02 Scheda di controllo della bottoniera di cabina
DBP02-04 Scheda di controllo delle bottoniere di piano a 4 contatti
DBP02-08 Scheda di controllo delle bottoniere di piano a 8 contatti
DLV Relè di consenso ala valvola DLV
EMERG1 Luce di emergenza della bottoniera di cabina
ENCODER Encoder
EXT01 Scheda delle sicurezze per testata e fossa ridotta
F1 Fusibile di protezione degli alimentatori e del controllo sequenza fasi
F2 Fusibile di protezione degli alimentatori e del controllo sequenza fasi
F3 Fusibile di protezione degli alimentatori e del controllo sequenza fasi
F4 Fusibile di protezione del caricabatteria (CB01)
F5 Fusibile di protezione del teleruttore di linea (KL)
FA Interruttore / Valvola automatica di protezione della catena delle sicurezze
FLV Morsetto : Fase luce vano
FM Interruttore generale di forza motrice
G/V Morsetto di terra
GL Interruttore generale luci
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
60 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

Sigla DESCRIZIONE
ILV Interruttore luce vano
IRO Interruttore resistenza riscaldamento olio
KL Teleruttore di linea
KM Teleruttore di manovra : marcia
KPP Relè di controllo apertura porta di piano mediante uso della chiave d’emergenza
KS Teleruttore di manovra : salita
Ln Led pulsante di cabina : piano n
LAP Segnalazioni luminose di allarme ai piani
LC Interruttore luce cabina
LD Sensore magnetico di discesa
LF Luce fissa di cabina
LLZ Led di segnalazione cabina in zona piano
LM Luce mobile di cabina (attiva se l’impianto è occupato)
LPn Led pulsante di piano : piano n
LS Sensore magnetico di salita
LSC Led di notifica impianto TFR pronto all’uso in modalità normale
(D3 verde su scheda EXT01)
LSIR Luce sirena per avviso attivazione dispositivo inferiore di blocco meccanico della
cabina in fossa (LCSMD-FR)
LSO Led di notifica impianto TFR in allarme, non pronto all’uso in modalità normale
(D4 rosso su scheda EXT01)
LT Luce sopra al tetto cabina
LTFR Led reset TFR su bottoniera remota (MRL solo TFR) (acceso = reset necessario)
LV Luce vano
LZ Sensore magnetico di cabina in zona piano (vano encoder)
LZ1 Sensore magnetico zona apertura porte (vano a contatti)
LZ2 Sensore magnetico zona apertura porte (vano a contatti)
MAIN01 Scheda MAIN01 sezione bottoniere di piano
MAIN_I Scheda MAIN01 sezione impulsori
MAIN01_A Scheda MAIN01 sezione allarmi
MAIN01_AV Scheda MAIN01 sezione avviamenti
MIC Microfono su bottoniera comandi remoti (MRL)
MC Pulsante di consenso salita e discesa della bottoniera di ispezione
MD Pulsante discesa della bottoniera di ispezione
MS Pulsante salita della bottoniera di ispezione
N Linea forza motrice : Neutro
NGV_A3 Gruppo valvole NGV A3
NLV Morsetto : Neutro luce vano
OP1 Alimentazione operatori porte : linea 1
OP2 Alimentazione operatori porte : linea 2
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
61 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01

Sigla DESCRIZIONE
Pn Pulsante di cabina : piano n
PA3 Interruttore by-pass sicurezza porte per test A3 su bottoniera remota (MRL)
PAF Pulsante allarme fossa
PE Morsetto collegamento a massa catena sicurezze
PLF Morsetto pulsante luce
PLV Pulsante di attivazione luce vano dal tetto di cabina
PPn Pulsante di piano : piano n
PQM Presa elettrica di servizio quadro di manovra
PR1 Pattino retrattile o dispositivo blocco operatore porte
PR2 Pattino retrattile o dispositivo blocco operatore porte
PRA Pulsante reset allarme
PS1 Pressostato programmabile 1
PS2 Pressostato programmabile 2
PS3 Pressostato programmabile 3 (sovraccarico)
PVE Pulsante discesa di emergenza su bottoniera remota (MRL)
R Linea forza motrice : fase
RC Resistenza di carico del CANBUS
RD Sensore magnetico rifasatore in discesa
RE Relè valvola di emergenza
RES Pulsante reset impianto
- necessario dopo aver usato la chiave di emergenza per aprire una o più porte
RO Resistenza riscaldamento olio
RS Sensore magnetico rifasatore in salita
RT Termistori motore
RX Fotocellula / Barriera elettronica : Ricevitore
S Linea forza motrice : fase
SA Sirena di allarme
SBCI Contatto di controllo posizione (attiva / non attiva)
del dispositivo inferiore di blocco meccanico della cabina (LCSMD)
Contatto di controllo posizione (attiva / non attiva)
SBCS
del dispositivo superiore di blocco meccanico della cabina (UCSMD)
SBPn, SPOn Contatto di controllo chiusura blocco porta cabina
SBT Contatto di controllo posizione (aperta / chiusa)
della botola su tetto cabina
SCF Dispositivo di arresto in fossa (Stop)
SCP Contatto di controllo posizione (attiva / non attiva)
del parapetto retrattile su tetto cabina
SCP1 Contatto di controllo posizione (attiva / non attiva)
del dispositivo inferiore di blocco meccanico della cabina in fossa (LCSMD-FR)
SCP2 Contatto per attivare / disattivare l’allarme sonoro
del dispositivo inferiore di blocco meccanico della cabina in fossa (LCSMD-FR)
SD Contato di controllo chiusura sportello del quadro di manovra (MRL)
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
62 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

Sigla DESCRIZIONE
SEX Interruttore di extracorsa in testata
SEX2 Contatto di controllo funzionamento
dell’interruttore di extracorsa aggiuntivo per testata ridotta (SMTR)
SEX3 Contatto di arresto mobile in testata ridotta
SF Softstarter
SGR Contatto di controllo posizione (attiva / non attiva)
del grembiule retrattile (FR)
SIR Sirena per avviso attivazione dispositivo inferiore di blocco meccanico della cabina in
fossa (LCSMD-FR)
SM Dispositivo di arresto su bottoniera d’ispezione (Stop)
SM1 Dispositivo di arresto aggiuntivo su tetto di cabina (Stop)
SMN1 Deviatore della bottoniera di ispezione (Normale / Ispezione)
SMTR Contatto di extracorsa aggiuntivo per impianti con testata ridotta
SPCn Contatto di controllo chiusura delle porte di cabina
SPKn Contatto di controllo apertura porta di piano mediante uso della chiave d’emergenza
SPn Contatto di controllo della chiusura delle porte di piano
SPR Contatto di controllo dell’allentamento funi e dell’intervento del paracadute
SQM Interruttore generale di forza motrice su bottoniera remota (MRL)
SR Connettore comunicazione seriale ai piani
SRES Interruttore a chiave per reset impianto (TFR)
T Linea forza motrice : fase
TC Termistore olio
TX Fotocellula / Barriera elettronica : Trasmettitore
U1 Morsetto collegamento motore pompa
U2 Morsetto collegamento motore pompa
UPS01 Scheda alimentazione ritorno al piano in emergenza
V1 Morsetto collegamento motore pompa
V2 Morsetto collegamento motore pompa
VC Vivavoce cabina
VML Relè valvola VML
VMP Relè valvola VMP
W Pulsante attivazione intercom su bottoniera remota
W1 Morsetto collegamento motore pompa
W2 Morsetto collegamento motore pompa
XA3 Connettore per test A3
XMMI Connettore per test DLV VMD
1 0991 499 IT - 05.03.2014
NEOS 10 ITA
63 / 64
INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE 1.01
1 0991 499 IT - 05.03.2014
ITA NEOS 10
64 / 64
1.01 INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

APPARECCHIATURE FLUIDODINAMICHE
E COMPONENTI PER ASCENSORI
Doc. n° 1 0991 499 Rev. 1.01 - 05.03.2014 File: PE-MI-01-10991499IT-101.doc - (J2)

GMV SPA
VIA DON GNOCCHI, 10 - 20016 PERO – MILANO (ITALY) Azienda
TEL. +39 02 33930.1 - FAX +39 02 3390379 CERTIFICATA
HTTP://WWW.GMV.IT - E-MAIL: INFO@GMV.IT UNI EN ISO 9001

Potrebbero piacerti anche