Sei sulla pagina 1di 16

Quindicinale - 18 marzo 2011 - Anno 21 - Numero 3

Ducato on line: ifg.uniurb.it

il Ducato Periodico dell’Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino

La giunta: già pronti tre progetti ma i fondi sono ancora insufficienti Immobili
Case, giù i prezzi
La città che non ama i pedoni e mercato fermo
Distribuzione gratuita Poste Italiane Spa-Spedizione in a.p. - 70% - DCB Pesaro

Ok solo gli affitti


A Urbino il mercato degli
Auto indisciplinate e incidenti, cresce la protesta per la mancanza di marciapiedi immobili è fermo. Le agenzie
non prevedono una crescita
nelle compravendite. Il valore
Un uomo di 54 anni è stato
investito martedì scorso da Centocinquanta anni e siamo ancora giovani immobiliare è sceso del 20%
negli ultimi cinque anni. Sono
un’automobile in via Giro dei gli affitti agli studenti a reggere
debitori . Ricoverato all’ospeda- il mercato: gli universitari con-
le di Urbino, ha riportato un tinuano a tenere a galla l’eco-
trauma cranico e altre ferite al nomia locale.
corpo. Nell’incidente coinvolte a pagina 4
anche due donne.

Mancano i marciapiedi in molte


zone della città e la manuten-
zione di quelli che ci sono è Università
carente. Giro dei Debitori, ex
Consorzio, Piansevero e Bocca
Trabaria i punti più critici. I cit-
tadini protestano e chiedono
Il rettore: “No
interventi rapidi.

Il Comune si impegna per risol-


ai tagli dei corsi”
vere il problema: nel piano di
bilancio è prevista la realizza- Il rettore Stefano Pivato ha pre-
zione di tre marciapiedi, ma sentato l’offerta formativa del-
bisogna trovare i fondi. l’università per il prossimo
Nell’impossibilità di accendere anno accademico: “I corsi chiu-
un mutuo, la giunta punta al si saranno due, moda ed editis
risparmio per investire i soldi che, però, potrebbero diventare
nelle opere di urbanizzazione. master. Gli altri subiranno solo
una mutazione: da corso di lau-
Interventi anche nel settore del- rea a curriculum”.
l’illuminazione pubblica. Si a pagina 12
punta ad abbassare la spesa
sostituendo tremila lampioni
con punti luce a basso consumo
e maggiore efficienza.
L’obiettivo è l’ecosostenibilità:
progettata l’installazione di Studenti
rbino festeggia i 150 anni dell’unità d’Italia. Con la presa di porta Santa Lucia, la città
pannelli fotovoltaici al
Palazzetto dello Sport e alla
Scuola di Canavaccio. Per far
U fu la prima a insorgere nel 1859. L’anno dopo i volontari sconfissero le milizie del
Papa. Per la festa, quattro specializzandi dell’università di Urbino hanno creato un gruppo Un liceale su tre
partire i lavori il Comune atten-
de solo la conferma degli incen-
tivi statali.
su Facebook: “CoccardiAMO l’Italia”. All’interno della pagina, un video-tutorial che insegna
a costruire coccarde tricolori. Per indossarle, esporle nelle auto, attaccarle alle finestre.
sceglie l’ateneo
alle pagine 2 e 3
di Urbino
L’EDITORIALE Il rettore Stefano Pivato ha pre-
sentato l’offerta formativa del-

L
’informazione è il perno, il un ruolo pubblico o istituzionale è l’università per il prossimo
fondamento, l’essenza di una di gran lunga superiore a quella di
società civile e democratica.
Conoscere i fatti e ciò che avviene
attorno a noi è un diritto fonda-
Se le nostre domande chi scrive.
Il giornalista non fa domande in
nome di una presunta superiorità
anno accademico: “I corsi chiu-
si saranno due, moda ed editis
che, però, potrebbero diventare
master. Gli altri subiranno solo
mentale di ogni cittadino. Cercare morale. Fa domande perché è il suo
le notizie, documentarle, verificar-
le e pubblicarle è il lavoro e il dove-
re di ogni giornalista. I nostri
diventano un fastidio lavoro. L’uomo di Governo, l’ammi-
nistratore, il funzionario pubblico
rappresentano la Repubblica e lo
una mutazione: da corso di lau-
rea a curriculum”.
a pagina 13
governanti e i nostri amministrato- Stato. La democrazia funziona se
ri ricevono l’investitura dal popolo, accentuati che all’estero. ciascuno rispetta il proprio ruolo.
attraverso il voto, ma ciò non vuol altrove. Ciò può Troppo spesso I giornalisti che Per un giornalista raccontare i fatti
dire che possono fare ciò che essere spiegato
chi ha cercano notizie, e fare delle domande non è altro Sport
vogliono fino alle elezioni succes- con l’anomalia analizzano gli atti, che la sua funzione e il suo diritto.
sive. Il controllo dell’attività ammi- urbinate di avere chiedono l’accesso E, cosa rara nel nostro paese,
nistrativa e di governo avviene
anche attraverso i media e dovreb-
quotidianamente
trenta giornalisti
un ruolo alle fonti, fanno
domande e solleci-
risponde e paga in prima persona
per gli errori che commette. Chi ha
A Pesaro la festa
be essere garantito dal pluralismo “sguinzagliati” per pubblico tano spiegazioni, un ruolo istituzionale o una carica
della ginnastica
delle fonti, dall’autonomia delle la città in cerca di sono visti come pubblica deve rendere conto delle
redazioni e dalla professionalità notizie. Parliamo mostra “rompiscatole” da azioni che compie ed è tenuto a
comunicare e a rendere trasparente
dei giornalisti. Il giornalista, per dei praticanti del tenere alla larga. Il 25 marzo partirà la terza edi-
definizione, è “un controllore dei
poteri”.
Ducato che in que-
sto territorio svol-
insofferenza Più volte, bussan-
do a un Ente pub-
ciò che fa.
Il Garante delle comunicazioni ha
zione della “World Cup” di gin-
nastica ritmica all’Adriatic
Chi svolge funzioni elettive o rico-
pre incarichi pubblici ha il dovere
gono il loro tiroci-
nio, prima di
per i media blico o chiamando
chi svolge una fun-
detto che “La libertà d'informazio-
ne è superiore ad altre costituzio-
Arena di Pesaro. La competizio-
ne è divisa in squadre e ginna-
della trasparenza e di conseguenza diventare profes- zione pubblica ci nalmente protette, e come tale va
ste individuali. Chiuderanno
l’obbligo di dare le informazioni. sionisti e di entrare nelle redazioni sentiamo rispondere: “Non rila- difesa da ogni tentativo di com-
l’evento i Kataklò, la compa-
Da un po’ di tempo a questa parte dei media nazionali. Proprio que- sciamo dichiarazioni”, “Non parlia- pressione”. Un grande paese
gnia famosa in tutto il mono
sta crescendo il fastidio (per non sto lavoro sul campo è la forza mo con i giornalisti”. Se ciò è legit- democratico ha bisogno di una
per le performance acrobati-
dire l’intolleranza) verso il lavoro della Scuola urbinate che in ven- timo per un cittadino, non lo è informazione forte, libera e autore-
che. L’evento in diretta su Rai
dei giornalisti. E Urbino non sfug- t’anni ha formato trecento giorna- altrettanto per il governante, l’am- vole dove sono i giornalisti a fare le
Sport.
ge a questa tendenza. Anzi, qui la listi che oggi lavorano in tutte le ministratore, il funzionario statale. domande e non i politici a “conce-
a pagina 14
diffidenza e l’ostracismo sono più principali testate in Italia e anche Anzi, la responsabilità di chi svolge dere” interviste.
il Ducato
Martedì scorso investito un uomo in via Giro dei Debitori

Pedoni sotto scacco


Marciapiedi insufficienti o carenti di manutenzione. La giunta ne promette 3 nuovi
ci sono soldi da investire”.
ANTONIO SIRAGUSA
GLORIA BAGNARIOL
Tra i punti critici della città Tra i punti critici c’è quello del-
l’ex consorzio, col problema
della risalita dal parcheggio De
Piansevero, Bocca Trabaria, Angelis in direzione di porta

L’
ultimo a rischiare la Lavagine. Molte persone per-
pelle è stato un corrono un tratto a piedi sul
uomo di 54 anni,
investito martedì
e la Croce dei Missionari ciglio della strada mentre le
auto sfrecciano ad alta velocità.
scorso da un’auto- sono. “Dal 2009 si parla di iniziare i Lì si potrebbe realizzare un sot-
mobile in via Giro “Faremo il possibile per risolvere lavori dei marciapiedi verso S. topasso ma – come dice l’asses-
dei Debitori. Conseguenze: trau- la situazione della mobilità dei Bernardino, ma ancora non si sore Crespini- “sarebbe costoso
ma cranico e alcune ferite al pedoni” – dice l’assessore ai vede nulla.” Secondo Bonelli è e poi l’idea è di creare un colle-
corpo. Sono state coinvolte nel- Lavori pubblici Maria Francesca una questione di priorità: “Si è gamento con via dei Morti dal-
l’incidente altre due donne a Crespini. “Il Comune già ha inse- data priorità ai cantieri di S. Lucia l’interno del parcheggio dell’ex
piedi, una badante e una signora rito nel piano di e a quello dell’al- Consorzio”.
anziana.
Il problema è noto da tempo.
bilancio 2011-
2013 la realizza-
I cittadini bergo per
anziani, anziché
gli Problemi di circolazione dei
pedoni anche sulla statale di
Lungo il Giro dei Debitori le fer- zione di tre mar- pensare ai servizi Bocca Trabaria, dall’inizio di via
mate dell’autobus sono sul ciglio ciapiedi: uno che
si lamentano essenziali per i cit- della Stazione verso il centro e
della strada e mancano i marcia- congiungerà la tadini, come la verso porta Lavagine: lì servi-
piedi in prossimità della scuola zona dei collegi per i disagi: manutenzione rebbe un nulla osta dell’Anas
media “P. Volponi”, dove ha un con Mazzaferro, delle strade e i per realizzare i marciapiedi che
negozio di ortofrutta Luigi uno che partirà molte marciapiedi”. mancano. Sono molte le perso-
Valentini: “Lavoro qui da 30 anni, dalla zona resi- Anche Carlo ne che lasciano la macchina ai
nessuno ha più rifatto i marcia- denziale di le promesse Giovannini, parcheggi gratuiti e poi si muo-
piedi in questa zona. Ci sarebbe U r b i n o responsabile del- vono a piedi, rischiando di esse-
anche lo spazio per farli ma qui (Fontesecca) e troppo pochi l’ufficio tecnico re investite soprattutto in pros-
non si muove mai niente. Le auto arriverà fino a del Comune, simità delle curve.
devono evitare i ragazzi che esco- Gadana e un i fatti parla di insuffi- Nella zona di Piansevero, inve-
no dalle scuole”. Della stessa opi- altro che colle- cienza di opere ce, il problema principale è il
nione Marianna Sabbatini, pro- gherà la croce dei missionari con essenziali fuori dalle mura e del parcheggio delle auto sui mar-
prietaria di una tabaccheria sulla S. Bernardino, in cofinanziamen- fatto che per molti anni il ciapiedi. Di fronte alla chiesa di
Bocca Trabaria Ovest, vicino to con la regione”. “Il patto di sta- Comune ha posto la sua atten- Loreto è autorizzata la sosta e i
all’incrocio con i collegi: “Vedo bilità non ci permette di contrar- zione sul centro storico. “Ora pedoni sono costretti a invadere
sempre persone che rischiano di re mutui – continua l’assessore - deve iniziare la fase 2: concen- la carreggiata. Stessa situazione
essere investite perché questo quindi speriamo di fare cassa per trarsi sulle zone esterne al centro, sulla strada verso l’Istituto d’ar-
marciapiede è impraticabile poi ripartire i soldi in queste che sono in condizioni di degra- te, dove si è costretti a fare un
quando c’è maltempo. I ragazzi opere essenziali di urbanizzazio- do”. Il problema è che il Comune percorso a ostacoli. A ciò si
che vanno ai collegi sono costret- ne”. Il consigliere dell’opposizio- non ha soldi da spendere adesso. aggiunge il pessimo stato dei
ti a camminare nelle pozzanghe- ne Alfredo Bonelli, della lista civi- “Un conto è dire che sono impor- marciapiedi. “Lì è una situazio-
re e non c’è neanche l’illumina- ca “Per Urbino”, è scettico sulle tanti queste opere - continua ne provvisoria – dice la
zione.” A una fermata dell’auto- promesse dell’amministrazione: Giovannini -, un altro è dire che Crespini- presto sarà realizzato
bus sulla Bocca Trabaria, venen- un parcheggio di 30-40 posti nei
do da Mercatale in direzione di CAMMINAMENTI pressi del distributore del latte e
via della Stazione, Paolo, uno stu- rifaremo il marciapiede davanti
dente di Sociologia, si lamenta alla farmacia, dalla banca popo-
del fatto che “le strisce pedonali
non finiscono su un marciapiede
Un traguardo lungo sette anni lare di Ancona fino al parcheg-
gio.”
ma su un muro. E’ assurdo”. Un problema di mancanza di
Anche Maria Franca, accompa- Quella tra i marciapiedi ed Urbino è una storia infinita. marciapiedi e illuminazione
gnatrice di una studentessa non il Ducato ne ha seguito le evoluzioni dalla sua nascita pubblica c’è nel tratto che dal
vedente, dice che “se la situazio- e ha potuto documentare un solo successo: l’inizio dei bar della stazione va fino al
ne è difficile per i normodotati, bivio sulla statale.
lo è ancor di più per i disabili”. lavori per il camminamento da Borgo Mercatale ai col- Anche un vigile urbano, che
Non si tratta di casi isolati. Basta legi. Era il 2003. Dopo 7 anni di idee e innumerevoli preferisce rimanere anonimo,
fare un giro a piedi fuori dalle progetti le ruspe iniziavano a lavorare. Il tratto ancora dice che la mobilità dei pedoni a
mura per incontrare donne Urbino è un problema priorita-
anziane e madri col passeggino non è completo. Speriamo di essere testimoni del rio che non è mai stato affronta-
sfiorate dalle auto. I marciapiedi vero successo, la fine dell’opera: l’ultimo metro to seriamente dalle varie ammi-
sono insufficienti ed è carente la nistrazioni. E i cittadini sono
manutenzione di quelli che ci stanchi di aspettare.

2
PRIMO PIANO
Il piano per il risparmio energetico

Meno consumi
più luce: arrivano
Ex consorzio. dal parcheg-
gio De Angelis a Lavagine
i nuovi lampioni
ALBERTO SOFIA

C
ambio dell’illumi- vabili e della sostenibilità
nazione pubblica in ambientale”, conferma Tempesta.
chiave ecosostenibi- Si punta a produrre energia elet-
le e riduzione del trica pulita attraverso l’installa-
consumo energeti- zione di pannelli fotovoltaici al
co attraverso l’in- Palazzetto dello Sport e alla scuo-
stallazione di pannelli fotovoltai- la materna di Canavaccio. I lavori
ci. Il Comune di Urbino non si sono però temporaneamente
limiterà a sostituire i punti luce sospesi: “Il Decreto Romani,
non funzionanti, ma punterà ad ribattezzato ‘ammazza rinnova-
abbassare la spesa corrente e bili’, stoppa gli incentivi per il
Collegi. Marciapiedi inva- fotovoltaico al 31 maggio 2011. I
offrire l’autosufficienza energeti-
si dalla neve e dai rami ca a molti edifici pubblici. Un Comuni che vogliono investire
programma d’intervento a più non sanno ancora se i fondi
fasi che aumente- saranno rinnova-
rà la qualità e l’ef- Fotovoltaico: ti, anche se è già
prevista una forte
ficienza dei servi-
zi offerti. il Comune riduzione”.
attendono quindi
Si
Lo afferma
L o r e n z o
Tempesta, vice-
attende le decisioni mini-
steriali, dato che
sindaco della
città ducale: “In
la conferma non è possibile
completare i lavo-
ri in così pochi
otto mesi com-
pleteremo i lavori
per i prossimi mesi. L’obiettivo
però non cambia:
sull’illuminazio-
ne comunale.
incentivi “Il Comune
Bocca trabaria. Strisce comincerà da
Sostituiremo
pedonali contro il muro oltre tremila lam- statali quelle strutture
pade - su un tota- nelle quali è inte-
le di quattro mila punti luce - statario dell’utenza. Useremo l’e-
con altre a basso consumo e resa nergia prodotta in eccesso per
qualitativa maggiore”. Si passerà rendere autosufficienti altri edifi-
infatti da lampadine a vapore di ci pubblici e proseguire nella
mercurio ad apparecchiature ad riduzione della spesa”. Prevista
alta efficienza, che sfruttano il l’estensione dei lavori ad altre
SAP – sodio ad alta pressione – e strutture già individuate dall’am-
gli ioduri metallici. I vantaggi ministrazione, compatibilmente
saranno evidenti: “La luminosità con gli impegni del piano di stabi-
sarà circa il doppio di quella lità.
attuale e i costi saranno ridotti di Gli interventi si inseriscono in un
circa il 30%”. Urbino spende oggi contesto più ampio, che regola la
Giro dei debitori. 330 mila euro per l’illuminazio- realizzazione di impianti di pro-
Studenti alla fermata ne: la spesa per l’operazione di duzione energetica da fonti rin-
conversione sarà di circa 100 novabili: “Le scelte dell’ammini-
mila euro. Un costo che equivale strazione seguono l’obiettivo
al risparmio previsto, che però si della green economy. Abbiamo
ripeterà annualmente. già approvato le linee d’indirizzo
L’uso di regolatori di flusso per- comunali e aderito al Covenant
metterà poi di modulare l’inten- of Majors”. Si tratta di un patto
sità dell’illuminazione secondo tra i sindaci d’Europa per redige-
le necessità, mentre l’installazio- re un programma di sviluppo
ne di sistemi di telecontrollo delle energie rinnovabili e prose-
consentirà un monitoraggio guire nel percorso della sosteni-
costante. Non solo consumi bilità ambientale: “Attraverso un
minori, quindi: l’obiettivo è progetto provinciale, si può
quello di evitare la dispersione accedere ai prestiti della Banca
dell’energia prodotta. “Urbino Europea per gli Investimenti, a
Piansevero Le automobili non può perdere la sfida dell’in- basso tasso d’interesse.
invadono i marciapiedi novazione. E’ necessario pro- Continueremo così l’opera di
muovere la cultura delle rinno- abbattimento della spesa”.

Strade: Tremonti ha colpito ancora


GABRIELE MICELI Le strade appena asfaltate, come via verranno spesi quei 400mila euro, l’asses-
Francesco di Giorgio Martini, sono ritor- sore prova a dare un ordine di importan-

Q
uattrocentomila euro per chiudere nate nelle condizioni peggiori, a causa za: “Le nostre priorità saranno via
le buche sulle strade della città. Ma delle infiltrazioni e non solo: le pale degli Pellipario, Borgo Mercatale e corso
basteranno? Se lo chiedono in spazzaneve non sono state di grande Garibaldi, ma l'attenzione - conclude
molti dopo che il maltempo ha peggiora- aiuto addossando granuli di asfalto su Crespini - “è rivolta a tutto il territorio
to una situazione già complicata. quei pochi marciapiedi presenti in città. urbinate che necessita un intervento
Secondo quanto approvato nel Bilancio Quando piove, poi, inutile sottolineare integrale". Coprire le buche non basterà
2011, gli investimenti totali saranno così che i veri disagi riguardano i pedoni. Oltre più.
ripartiti: 100mila per il rifacimento delle al danno per i marciapiedi assenti, c’è Il Comune non usufruirà dei fondi regio-
vie del centro storico, 200mila per le stra- anche la beffa delle pozzanghere. nali; una mazzata che si aggiunge ai tagli
de del capoluogo, 100mila per le frazioni. Per i cittadini il dissesto stradale è un pro- del governo per gli enti locali. Poco meno
Facendo un giro per la città, però, ci si blema serio. “Interverranno?”, si doman- di un anno fa il presidente della provin-
rende conto che il problema-buche è più dano gli scettici. “Stiamo intervenendo”, cia, Matteo Ricci, ha consegnato al mini-
grave del previsto: lo è per le strade che rispondono dal Comune. L’assessore ai stro Tremonti un piccolo blocco di asfalto
girano intorno alle mura (da Giro dei lavori pubblici Francesca Crespini pro- per descrivere lo status del manto strada-
Debitori, passando per viale Di Vittorio mette che l’amministrazione ha a cuore il le: una protesta simbolica per far capire
fino a via Laurana), lo è per quelle che tema: “Abbiamo già appaltato i lavori per che la diminuzione dei fondi avrebbe
collegano il centro abitato con le altre le strade di Mazzaferro, Torre San peggiorato la situazione. Un’amara con-
città (da via Urbinate fino a Bocca Tommaso-Trasanni e Cesana”. solazione: di questi disagi ne soffre anco-
Trabaria). In attesa di stabilire nel dettaglio come ra tutta la provincia.

3
il Ducato
In cinque anni il valore di vendita è sceso del 20 per cento, tengono gli affitti

Mercato immobiliare in calo


Secondo le agenzie della città, la difficile situazione dura da diverso tempo. Si vendono 3-4 case ogni anno

STEFANO STRANO media è di 2.200-2.300 euro al


metro quadro. Dentro le mura, il
prezzo di vendita può variare dai

C
ala il valore di ven- circa 1.500 euro per immobili da
dita degli immobi- ristrutturare, ai 3.000 al metro
li. Le agenzie quadro per case ed appartamen-
immobiliari di ti ristrutturati. In quartieri come
Urbino subiscono Gadana e Trasanni si scende fino
le conseguenze di a 1.500 euro al metro quadro,
un declino che è esteso a tutto mentre una villetta di 250 metri
il territorio nazionale. Dai dati quadri si vende in genere intorno
diffusi dall’Istat è emerso che ai 300.000-350.000 euro. Si può
nel terzo trimestre 2010, rispetto stimare un ribasso del valore
allo stesso periodo del 2009, la immobiliare del 10-15% nel
compravendita delle case è dimi- breve e medio periodo, che scen-
nuita del 3,4%, dopo un semestre de al 20-25% fuori dalle mura.”
che ha fatto registrare lievi segna- Insomma, solo il centro non si
li di ripresa. Anche a Urbino le deprezza, anche se il valore reale
agenzie immobiliari sono quasi diminuisce anche per le difficoltà
vuote. Qualche cliente sporadico di compravendita.
per le vendite, ma sono più gli Solo gli affitti compensano
affitti agli studenti che reggono il l’empasse delle compravendite.
mercato, per la presenza ormai Secondo l’agenzia Multigest “Il
consolidata degli studenti uni- mercato tiene soprattutto per
versitari. quel che riguarda gli affitti agli
Sul versante della vendita, i studenti.” Qui negli ultimi anni
risultati sono preoccupanti. “La la tendenza è cambiata e
flessione del valore effettivo “aumentano gli affitti di came-
dell’immobili negli ultimi cin- re singole a 250 euro al mese
que anni è del 20% - afferma che hanno quasi completa-
Roberto Edera dell’agenzia mente sostituito le camere
Multigest - soprattutto per case doppie a 150 euro al mese di 5
e appartamenti che prima anni fa. Non c’è più tanta
erano sopravvalutati, anche a richiesta di camere doppie”. Una vista di Urbino (foto Pablo Bermùdez)
causa delle banche che stimo- Ci sono più contratti d’affitto
lavano a fissare prezzi di vendi- registrati e situazioni in nero,
ta più alti. In genere le agenzie come il monolocale seminter-
venderanno tre o quattro immo-
bili all’anno”. “I prezzi sono circa
rato, buio, e umido, sono sem-
pre più abbandonate.
Stime prezzo di vendita in euro al metro quadro
3.000 euro al metro quadro Insomma, a prendere in affitto
ristrutturato in centro, 2.500 euro case e appartamenti a Urbino Restaurato Da restaurare
fuori le mura, 1.600-1.700 euro a sono quasi esclusivamente gli
Gadana, 1.600-1.500 euro a studenti universitari, dai quali Centro 3.000 1.500
Trasanni – dice Gabriele Romani
dell’agenzia Urbino Living - e, in
dipende l’andamento del mer-
cato. E’ cambiata anche la pro- Fuori le mura 2.500 1.000-1.500
centro, sono cresciuti, con un
picco raggiunto tra 2005 e 2008.
prietà immobiliare nella città.
Addirittura la metà dei proprie-
Gadana 1.600-1.700 1.000-1.500
La tipologia più lussuosa resta il
bilocale con ingresso indipen-
tari che affittano a studenti
viene da fuori Urbino. Quasi
Trasanni 1.500-1.600 1.000-1.500
dente in Piazza della Repubblica impensabile venti anni fa.
che raggiunge i 4.500 euro al
metro quadro. In zone come
I contratti d’affitto a studenti
sono in aumento in centro,
Stime prezzo di affitto in euro al mese
Trasanni, Torre, Gadana e tranne che, in genere, per la
Cavallino i prezzi sono in calo. Le zona ospedale, secondo l’agen- Camera singola Camera doppia
famiglie preferiscono trasferirsi a
Fermignano, per le maggiori pos-
zia Urbino Living, e anche l’im-
mobiliare Raffaello considera Centro 250 200-160
sibilità di lavoro della zona indu-
striale”.
un trend positivo del mercato
delle locazioni: per il proprieta-
Fuori le mura 240-180 200-160
L’agenzia Raffaello descrive rio dell’immobile la scelta del- Gadana 190 100
una situazione ferma da alme- l’affitto ne conserva il valore,
no un decennio: “In città, tra ma le famiglie in affitto sono Trasanni 180 90
centro e quartieri periferici, la sempre meno.

4
CITTÀ
Il sindaco: per noi benefici enormi

“Così l’Unesco
aiuta il turismo”
DOMENICO A. MASCIALINO

“E
ssere inclusi nella lista Quali sono le politiche comunali
dei patrimoni dell’u- per tutelare questo patrimonio?
manità ha per noi un “Abbiamo completamente ricon-
valore immenso”. Il sindaco fermato con i piani regolatori
Franco Corbucci spiega così l’im- tutti i vincoli che ci derivano dal-
portanza del riconoscimento l’essere sito Unesco. La manu-
Unesco, ottenuto dala città nel tenzione tende alla conservazio-
1998. ne del centro storico, che è uno
Sindaco, qual è la particolarità di dei pochi ad essere ancora tutto
Urbino nell’ambito dei luoghi in piedi e ben ristrutturato.
tutelati dall’Unesco? Abbiamo avuto tre leggi speciali
“Molti siti Unesco italiani sono per mantenere intatte le mura e
siti ambientali, altri sono palazzi. girando la città non si trova nes-
Il nostro è uno dei pochi che sun palazzo più di tanto in degra-
comprende tutto ciò che c’è den- do”
tro le mura. Tutto ciò che è stato Urbino riceve fondi per la manu-
costruito dal ‘500 è stato protetto tenzione in quanto sito Unesco?
e tutelato fino a meritare questo “No, perché non c’è un automati-
conferimento ufficiale, che rico- smo in questo senso”
Si aspettano i tre milioni promessi dal Ministero nosce la grande cultura e tradi-
zione di questo territorio e di
Uno dei criteri del riconosci-
mento è: “mostrare un impor-
questa città” tante interscam-
Quali benefici ne

La Data rimane a metà


bio di valori
sono derivati alla
città?
“Enormi. Anche
890 umani sugli svi-
luppi dell’archi-
tettura, nelle arti
nei momenti di monumentali,
crisi abbiamo più I SITI nella pianifica-
turisti degli altri zione urbana...”
Comuni, addirit- NEL MONDO Come si applica

Ancora in corso i lavori


tura aumentano i questo criterio a
pernottamenti in Urbino?
città. È dovuto “La città stessa
sicuramente alla nasce dal confron-
promozione che to di diverse cultu-
stiamo facendo, re. Nel momento
ma soprattutto al in cui a Urbino si

iniziati nel lontano 2007


nostro grande sviluppa il
patrimonio” Rinascimento, c’è
Quindi c’è stato l’incontro di tante
un incremento esperienze cultu-
netto del turismo rali: Piero della
dal 1998. Francesca,
“Negli anni stia- Francesco di
STEFANIA CARBONI Associati, che segue il progetto ori-
ginale, oggi curato da Monica
comunale può fare» spiega
Gabriele Cavalera, responsabile
mo tenendo sta-
bilmente le nostre
posizioni e guada-
45 Giorgio Martini,
Raffaello…
Abbiamo avuto

M
anca ancora Mazzolani. «Abbiamo suggerito ufficio stampa del Comune «è gniamo anche artisti provenienti
un tassello per tante volte al Comune di sollecita- sollecitare l’ottenimento dei qualcosa” I SITI da diversi Paesi,
concludere la re e chiedere con energia. Anche fondi necessari per terminare l’o- Dal riconosci- come Laurana
Data di Urbino. se non è committente, usufruirà
comunque dell’opera».
pera». Fondi questi, gestiti dalla mento derivano ITALIANI che era dalmata.
Servono anco- Sovraintendenza ai Beni vincoli al Questo scambio
ra tre milioni di La Data si estende per 2500 mq ed Architettonici e Paesaggistici di Comune? ha prodotto i nostri monumenti,
fondi statali, quasi la metà dei è distribuita in tre piani. Giancarlo Ancona, committente dei lavori. “Certamente. La città murata come il Palazzo Ducale. Anche nei
6.800.000 euro previsti nel pro- de Carlo la ideò come Milioni previsti, che con gli attua- deve essere conservata perché il secoli successivi, Urbino ha sem-
getto di recupero delle ex scude- “Osservatorio della città”. Il li tagli alla cultura, sembrano titolo di sito Unesco non lo si pre mostrato di saper interpretare
rie ducali. Comune di Urbino ci ha previsto sempre più lontani. mantiene in eterno, se non gli si la nuova cultura. Oggi siamo un
Meliffi & Guidi di Urbania è la una biblioteca multimediale, uno Tutto iniziò con il progetto avan- danno le dovute cure. Ciò signifi- centro di formazione: più del 50%
ditta che ha eseguito e concluso spazio espositivo al primo piano e zato dall’architetto Giancarlo de ca mantenere quest’ identità e degli iscritti all’università viene da
la prima parte dei lavori. A lei il un centro di informazione e pro- Carlo, nel novembre 1998. Da lì è questo progetto ormai compiuto fuori regione e arrivano ragazzi da
compito di preservare il monu- mozione turistica all’ultimo. poi nato un Comitato Spontaneo e definito” tutto il mondo”.
mento dalle intemperie, tappan- «Quello che l’amministrazione per la Data per tutelare le ex scu-
do le fessure nelle mura, metten- derie ducali. Il cantiere è ripartito
do i serramenti e pavimentando i ALTRA MEDICINA dal 2007 dopo un iter travagliato,
cortili interni. Dopo, con un altro bloccato anche da un istruttoria UNESCO: PER CAPIRNE DI PIU’
appalto si metteranno gli del Icomos, organo dell’Unesco.
impianti, i cablaggi e le rifiniture Massaggi shiatsu, diete e «Una grossolana falsificazione del- L’Unesco (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione,
interne. Il Comune non controlla trattamenti di medicina cine- l’opera d’arte» precisa Lorenzo la Scienza e la Cultura, con sede a Parigi) incoraggia dal 1945
i lavori in prima persona e diven- Pagnini, responsabile beni cultu-
se. Sono solo alcune delle rali di Limen, associazione per la la collaborazione tra le nazioni nelle aree di istruzione, scienza,
terà possessore della struttura
solo a restauro finito. L’iter dei attività effettuate dal Polo di tutela del patrimonio architettoni- cultura e comunicazione. 10 i criteri necessari per il riconosci-
fondi cambia da governo a gover- Medicina Integrata. co italiano «Come copertura è mento, 2 quelli soddisfatti dal centro storico di Urbino: 1)
no. Le attività partirono nel 2007, L’inaugurazione è stata orga- stata scelta una falda inclinata mostrare un importante interscambio di valori umani, in un
con i due milioni dati durante il rivestita a coppi in laterizio antica-
nizzata per domenica 27 ti, simili a quelli delle coperture del lungo arco temporale, sugli sviluppi nell’architettura, nelle arti
governo Prodi, quando
Francesco Rutelli era Ministro ai marzo in via dei Gelsi 2 a palazzo. Questo al posto della vec- monumentali, nella pianificazione urbana; 2) costituire un
Beni e Attività Culturali. Poi, Gadana. La mattina, previo chia soluzione in vetro (acciaio e esempio straordinario di una tipologia edilizia che illustri un
dopo il cambio poltrona, è arri- appuntamento, sarà possibi- cristallo) proposta correttamente importante fase nella storia umana. Questa la motivazione
vato lo stop ai finanziamenti. nel progetto di De Carlo».
le avere una dimostrazione Copertura che invece sarebbe nella Lista del Patrimonio Mondiale: "L’aspetto della città è
«Per fortuna abbiamo almeno
chiuso l’involucro in modo che gratuita di alcuni dei servizi stata a norma, secondo la carta giunto intatto fino a noi e rappresenta il vertice dell'arte e del-
non entrino piccioni e non si offerti come antiginnastica, del Restauro del 1972, dove l'architettura del Rinascimento, adattata al suo ambiente e al
arrugginisca la carpenteria, per- osteopatia, nel pomeriggio all’art.6 comma 2 si rifiutano suo passato. La città ha attirato alcuni dei più illustri eruditi e
ché l’ultima volta col fermo can- “completamenti in stile che falsi-
saranno organizzate attività fichino l’opera”. artisti che hanno creato un complesso urbano d'eccezionale
tiere si erano prodotti dei danni e
abbiamo dovuto spendere ulte- d’intrattenimento e degusta- Rimane tutto immobile, con uno omogeneità, influenzando lo sviluppo culturale del resto
riori soldi per correre ai ripari» zioni di cucina bioenergetica. spazio ristrutturato a metà, dove d’Europa”.
commenta Angela Mioni dallo i fondi ministeriali sembrano
studio MTA - Giancarlo De Carlo ancora un lontano miraggio.

5
il Ducato
Il Sindaco: “Sono contrario, ma se sarà applicata sarà massimo di 1 euro”

Tassa di soggiorno: sì o no?


Se le entrate non vanno a incentivare il turismo, commercianti e albergatori uniti sul fronte del no

Confturismo aveva minacciato I PUNTI


ROSSELLA NOCCA la chiusura delle strutture per il
ponte del 17 marzo in segno di

A
lla città ducale la protesta, ma ha poi deciso di A quanto ammonta
tassa di soggiorno accettare le prenotazioni per
non piace. Ma onorare l’Unità e per non procu- L’imposta di
deve iniziare a con- rare altri danni al settore. Gli soggiorno va
siderare l’idea che albergatori si sentono presi in da 0,50 a 5 euro
potrebbe essere giro, perché prima si richiede
introdotta. Il 3 marzo è stato loro il sacrificio di non aumenta-
infatti approvato il decreto sul re i prezzi nonostante i rincari Chi la paga
federalismo fiscale municipale generali e poi si vedono costretti I turisti quando
che prevede, fra le altre cose, la a farlo per un balzello comunale.
possibilità per i capoluoghi di Secondo Egidio Cecchini, segre- pernottano nelle
provincia, le unioni di Comuni, le tario della Confcommercio di strutture alberghiere
località turistiche e le città d’arte Urbino, “il turismo è un settore
di imporre una tassa da 0,50 fino che andrebbe se mai defiscaliz-
a 5 euro per notte a coloro che zato, riducendo l’imposizione, Chi la incassa
alloggiano nelle strutture ricetti- che per esempio rispetto a I Comuni, che la
ve. Entrate che andrebbero a Francia e Spagna, nostre dirette prelevano ogni 3
finanziare interventi di promo- concorrenti, è già oggi molto più
zione del turismo e di manuten- alta. E invece si ripristina una mesi dagli albergatori
zione, fruizione e recupero dei tassa che c’era 15-20 anni fa.
beni culturali e ambientali locali Tutto ciò in un periodo non
e dei relativi servizi pubblici. semplice, in cui la crisi rischia di Il sindaco di Urbino Franco Corbucci
Il sindaco Franco Corbucci espri- ridurre i flussi di turisti”.
me la sua contrarietà: ”Questa “Parliamo di incrementare lo
sviluppo del turismo nelle
storia di far applicare le tasse ai
Comuni non mi piace per niente. nostre zone e invece di dare I centri commerciali dividono gli urbinati
Il governo dovrebbe avere il incentivi andiamo ad applicare
coraggio di mettere lui le tasse e imposte in più, che significhe-
dare le risorse ai Comuni, invece
di imporre tagli alle amministra-
zioni locali e poi dar loro la possi-
bilità di far pagare le tasse ai cit-
tadini”. Ma è anche vero che, “se
continuano a tagliare risorse
ranno sicuramente un calo di
presenze”, dice Domenico
Passeri, segretario provinciale
Fiepet Confesercenti Urbino.
C’è scetticismo anche sull’even-
tuale destinazione delle risorse.
La battaglia dello shopping
come hanno fatto finora, da “L’imposta servirà a ripianare i CATALDO COLLAZZO metri quadri. Troppo grandi dicono i commer-
qualche parte i soldi li dovremo Comuni di fondi che lo Stato cianti per decidere di trasferire le piccole attività

I
trovare”. In ogni caso, il primo non dà, difficilmente sarà inve- centri commerciali conquistano la città del del centro “oltre alle spese dell’affitto occorrereb-
cittadino garantisce: “Io mi stita nel turismo”, dice Cecchini. Duca. Duemilacinquecento metri quadri di be prendere del personale; rischierei di avere più
impegnerò perché venga appli- “Se aumentassero i servizi, la superficie è lo spazio che nelle strutture di costi che benefici. Penso che quegli spazi siano
cata al minimo, 50 centesimi, tassa potrebbe anche essere Nuovo Consorzio e Nuova Porta Santa Lucia sono accessibili solo per i grandi marchi”.
massimo 1 euro e perché diventi un’ottima cosa, ma sicuramente destinate a rilanciare le prospettive di progresso Non è dello stesso parere invece il segretario della
un fondo a disposizione della non sarà così”, gli fa eco commerciale. Confcommercio, Egidio Cecchini, che vede nelle
cultura e del turismo”. Settori Valentino Gostoli della I negozianti del centro sono però divisi. C’è chi li opere in corso una grande possibilità di rinnova-
che, per Urbino ancor più che Degusteria Raffaello. I turisti considera un male a causa dei già precari incassi, re il commercio e attirare più persone disposte
per altre città, sono linfa vitale, sembrano disposti a pagare una in parte dovuti alla crisi e alla scelta di molti urbi- non solo ad acquistare ma anche a girare la città.
anche se “lo Stato, con i suoi piccola somma in più per poter nati di fare compere in altre città. “Sopravviviamo “Abbiamo avuto alcuni incontri con i negozianti
tagli, ci ha detto in poche parole ammirare la città di Raffaello. solo grazie a turisti, studenti universitari e qual- in cui si è discusso delle prospettive di crescita in
che sono degli optional”. Ma a condizione che ciò serva a che cliente affezionato. Un centro commerciale ci termini economici. Alcuni di loro sono in trattati-
Gli operatori del commercio, dei migliorare i servizi e la conserva- toglierebbe anche questi” dice un commerciante. va con la ditta, spero comunque che il numero di
servizi e del turismo stanno zione del territorio. Per Rosanna Altri intravedono invece una possibilità di rilan- investitori aumenti”.
facendo fronte comune contro Pagano, turista di Sestri Levante, cio per la città come Stefano Gamba, titolare dei La cittadinanza sembra invece aver accolto con
l’introduzione della tassa, che “la tassa di soggiorno potrebbe un negozio di abbigliamento in centro: “Non favore l’apertura di quelle strutture: “Un centro
ritengono un deterrente per i essere una cosa giusta, a patto sono contrario all’idea di aprirli. Sono fiducioso commerciale permette di avere più scelta e di non
turisti. Fra l’altro, essendo le pre- che i fondi non facciano degli che le persone che verrebbero ad Urbino potreb- essere costretti a spostarsi verso altre città”. Se il
notazioni del 2011 per la maggior ‘strani percorsi’. Anche perché bero anche non limitarsi a fare acquisti e ripartire pensiero degli urbinati si divide sulla necessità o
parte evase, gli operatori turistici Urbino è una cittadina partico- ma girare per il centro e fermarsi nei vari negozi”. meno di aprire i centri commerciali, unanime
dovrebbe rinunciare a parte dei lare, che ha bisogno di essere Intanto la ditta costruttrice, Torelli Dottori Spa, si appare invece l’amarezza nel vedere come il pae-
loro guadagni per coprire la adeguatamente tenuta e conser- sta occupando anche dell’affitto dei locali. Ogni saggio della città patrimonio dell’Unesco sia stato
somma. La Federalberghi- vata per il bene dei posteri”. spazio sarà di un minimo di duecentocinquanta deturpato da tanto cemento.

6
ECONOMIA
Rivoluzione verde

Contro la crisi
l’editoria
è già digitale
ALBERTO SOFIA

I
l libro si trasforma, ma
Urbino non sembra impre-
parata. Dal cartaceo al digi-
tale:cambia il supporto fisico,
ma non il contenuto.
La rivoluzione degli e-book
non preoccupa E.
Laboratorium, cooperativa di
docenti e studenti, che si occu-
pa di innovazione tecnologica
L’assessore Spalacci ha pronto un pacchetto di interventi ecocompatibile.
“La green economy – afferma
Giovanni Torrisi, membro della

Basta pratiche lumaca


cooperativa – non prevede solo
la produzione di energia da
fonti rinnovabili, ma anche la
riduzione dei consumi energe-
tici e delle materie prime”. Gli
e-book permettono grandi
risparmi non solo per produt-
tori e consumatori, ma soprat-
tutto per l'ambiente. Non serve
La Cna: “Tempi troppo lunghi per i permessi”. L’Amministrazione corre ai ripari più abbattere alberi per la pro-
duzione di cellulosa e manda-
re al macero le copie invendu-
te: “Si riduce la carta in circola-
MASSIMILIANO COCCHI Nell’incontro fra le parti di mer- La causa di questa lentezza? zione e si azzerano i costi ener-
coledì 9 marzo Lorenzo Santi,
presidente di Cna, e Paola
Carenze di organico dovute al
pensionamento di un dipen-
5/6 getici per la produzione, il tra-
sporto e la distribuzione”.

V
uoi allacciare un Travagliati, che per Cna sta costi- dente non rimpiazzato causa Consumi nulli anche nella let-
pannello fotovol- tuendo un elenco di imprese blocco delle assunzioni, ad una tura: la tecnologia e-ink preve-
taico alla tua abita- impegnate in appalti pubblici, maternità e a una malattia pro- de l’uso di luci esterne per
zione? Se sei a hanno sottolineato come “arti- lungata. Contingenze, insom- I mesi necessari visualizzare il testo, dato che gli
Urbino devi aspet- giani e imprese vedono nella ma, che l’amministrazione è per istruire una pratica e-reader non sono retroillumi-
tare almeno 5/6 lentezza burocratica l’ostacolo pronta a fronteggiare. nati come tablet o PC.
mesi per avere l’autorizzazione. più grande per la ripresa dell’e- Il Comune ha annunciato l’im- all’ufficio Urbanistica Se si abbassano i costi di pro-
Per ampliare o ristrutturare il tuo conomia. Anche le pratiche di minente pubblicazione di un duzione, anche il consumatore
immobile la trafila e i tempi sono condono regolarizzate, ma non bando di concorso (della durata potrà acquistare libri ad un
gli stessi. chiuse a livello amministrativo, di almeno due anni) per la colla- prezzo minore: “Un lettore
La burocratica dell’ufficio urbani-
stica del Comune colpisce cittadini
e aziende (edili soprattutto), che
per vedere istruita una pratica
rappresentano un blocco che
impedisce di fatto di sfruttare le
opportunità offerte dal Piano
Casa. Uno strumento utile per
borazione con un professionista
esterno che sarà pagato in base
alle pratiche evase; è pronta
inoltre la riorganizzazione del-
213 costa tra i 100 e i 300 euro, ma
in seguito si recupera la spesa.
Così si accede più facilmente
alla cultura”. Senza dimenticare
devono armarsi di santa pazienza l’accorpamento all’abitazione l’ufficio con e l’attivazione di un gli altri vantaggi, dalla conser-
e… aspettare. Da adesso, però, principale dei vani accessori e front-office che dia risposte Le imprese vazione in un solo apparecchio
potrebbe non essere più così. delle pertinenze per un amplia- immediate circa l’ammissibilità in attività di migliaia di volumi, alla facili-
I ritardi erano stati denunciati mento fino a 70 mq”. o meno di una pratica. Un pac- tà di trasporto e di lettura,
dalla Confederazione nazionale La denuncia è arrivata da arti- chetto di straordinari, infine, nel terrritorio urbinate attraverso la possibilità di
dell’artigianato e della piccola e giani e tecnici del territorio, ma coinvolge dipendenti di catego- ingrandire e ascoltare il testo.
media impresa di Pesaro e ad essere più colpiti sono cittadi- ria D (architetti e ingegneri) e C “E’ una tecnologia adatta alle
Urbino il 15 febbraio scorso;
all’allarme ha risposto l’assessore
all’Urbanistica Massimo
Spalacci e la soluzione sembra
ni e aziende.
“La situazione rimane delicata a
causa del clima economico
generale – dice Cna – e questi
(impiegati), che saranno impie-
gati esclusivamente alla istrut-
toria delle pratiche edilizie arre-
trate.
5,3% disabilità e alle categorie debo-
li, che permette di abbattere
barriere cognitive e culturali”.
Se in Italia la diffusione è anco-
possibile. L’amministrazione ha ritardi incidono sulla produttivi- Risposte definite “soddisfacenti” ra limitata, negli USA è avvenu-
pronto un pacchetto di straordi- tà delle imprese. Con questi da Santi, che potranno dare fiato La riduzione to lo storico sorpasso degli e-
nari per far sparire le pratiche tempi il rischio è quello di soffo- alle 213 imprese del territorio delle aziende edili book sulle copie cartacee:
lumaca, in modo che “entro l’e- care anche la possibilità per i cit- urbinate, soprattutto a quelle del “L'abbattimento dei costi deve
state – promette Spalacci – la tadini di accedere alle detrazioni settore edile che hanno patito negli anni della crisi. essere maggiore. In trent'anni
situazione sarà tornata alla nor- fiscali fra il 36 e il 55% previste una riduzione del 5,3% negli però i vecchi libri andranno
malità”. dal Piano Casa”. anni della crisi. definitivamente in pensione”.

7
il Ducato
Viaggio nel carcere di Fossombrone, alla scoperta della rivista fatta dai detenuti

Liberi nel “Mondo a Quadretti”


L’idea nasce tra il 2003 e il 2004, per iniziativa di una onlus. Tutti i detenuti possono fare i “giornalisti”
rivista è strumento di espressio-
SILVIA BALDINI
ne del represso e di rieducazio-

“D
i me ne”.
hanno Tutto nasce tra il 2003 e il 2004,
arrestato racconta invece Giorgio
solo il Magnanelli, l’editore: “Avevamo
corpo e scoperto scritti inediti di carce-
non la rati, che abbiamo deciso di
mente. Per questo sono ancora pubblicare. I detenuti scriveva-
libero”. no di tutto: riflessioni sulla loro
Ha la voce decisa Salvatore, di vita dentro il penitenziario e
chi ha voglia di abbattere un pre- sull’attualità, ma anche sempli-
giudizio. Per chi è costretto a ci ricette di cucina. Perciò
vivere una vita dietro le sbarre, la abbiamo pensato a uno stru-
scrittura può essere uno stru- mento di espressione più siste-
mento di ‘evasione’. Mondo a matico, che potesse tenerli
Quadretti è la rivista con cui que- impegnati con regolarità: una
sta possibilità si è concretizzata pubblicazione periodica poteva
per lui e per molti altri compa- essere la soluzione ideale.
gni. E’ nata così
Detenuto di alta “Per i Mondo
Quadretti, che
a
sicurezza,
prende il nome
Salvatore sta par-
lando da quaran-
carcerati dal titolo di una
poesia scritta da
ta minuti nella
stretta sala dei
scrivere un carcerato.
L’ o m o n i m a
colloqui del car-
cere di
significa associazione di
v o l o n t a r i a t o,
Fo s s o m b r o n e :
qui risiedono
ritrovare nata nel 2000, si
ergastolani e per- è fatta carico
sone con pene il senso delle spese per la
superiori ai 10 stampa e oggi
anni. dell’umanità” distribuiamo la
La saletta ha un rivista in 600
colore tenue, molle. Gli interni copie circa: i destinatari sono i
grigi del carcere trasmettono un detenuti, le loro famiglie e altri
senso d’ordine cristallino, istituti penitenziari”.
nonostante qui abiti un’umanità Giovanni Santarelli, giornalista
che si è persa nel disordine. E e direttore responsabile,
che ora parla di libertà: quella aggiunge: “Crediamo il carcere
che può regalare una penna in il luogo ideale in cui i diritti fon-
mano, arma potente contro il damentali delle persone vanno
pregiudizio e l’ignoranza. Nel garantiti. La rivista è uno stru-
silenzio della stanza, in attimi in mento per far conoscere a tutti i
cui curiosità e attesa si mescola- bisogni profondi dei detenuti”.
no incerte, la sua voce si leva Bisogni, speranze, diritti: quello
sicura: non sembra percepire di essere riconosciuti dal
sbarre davanti a sé. “Il carcere ha mondo come uomini, prima
dato a molti di noi una grossa ancora che come detenuti. La
opportunità, quella di capire lezione più importante da
cos’è l’ignoranza: l’incapacità di ricordare, varcando in uscita la
comprendere il valore della soglia nera di questo inaspetta-
libertà. E quella più grande si to luogo di ‘libertà’.
conquista con la cultura”.
Antonio, il detenuto dallo stesso
sguardo consapevole che gli
subentra poco dopo nel collo-
Il cappellano racconta come è iniziata l’avventura editoriale
quio, continua così: “La rivista
per cui scriviamo ci consente di
comunicare con l’esterno. Io
sono capitato per caso nella
redazione ma ho continuato
volentieri il lavoro: tutto è inizia-
to grazie al coinvolgimento di un
Don Guido: “Alla fine sono io l’editor” per reati gravi, ma ciò non significa fondamentale del recupero di

L’
idea di far nascere una rivista
mio compaesano, già impegnato che non si debba offrire loro un’occa- coscienza. Però c’è ancora molto da
come redattore. Un giorno mi all’interno del carcere è stata
sono trovato ad aiutarlo con portata avanti da voi educa- sione di recupero». fare: nella mentalità comune queste
alcune carte e ho potuto osser- tori. Come hanno reagito i detenuti? La cultura può essere una forma di persone sono prima di ogni altra
vare più da vicino l’attività. Alla «Molto bene. Con il tempo ci siamo riscatto? cosa criminali».
fine ho deciso di rimanere e di accorti che la scrittura era la soluzio- «E’ la prima forma di libertà che qua Come è organizzato il lavoro reda-
contribuire anche io. Così noi ne di una situazione di profondo dis- dentro, paradossalmente, i detenuti zionale e quali spazi occupate?
che abbiamo sbagliato ci faccia- sperimentano. Uno di loro si è anche «All’inizio c’era un detenuto che
mo salvare dalla scrittura”. agio che i detenuti soffrivano. Il pro-
Ancora poche domande ed è blema esisteva ma era nascosto dalla laureato in filosofia. Non è l’unico ad conosceva i programmi di impagina-
tempo di andare. Una volta fuori, routine quotidiana. I detenuti conti- aver approfondito questioni cultura- zione video. Una volta acquistati i
risulta difficile continuare a pen- nuavano a fare la vita di ogni giorno e li. Il carcere porta a riflettere su di sé computer e creata una vera redazio-
sare al mondo e alle sue regole noi a impegnarci per il loro sostegno. e su quello che è mancato nella pro- ne, il lavoro è partito. Oggi abbiamo
come prima. Dentro la piccola Don Guido Ma non bastava». pria vita, anche il fatto di non essersi un’organizzazione solida: chiuso un
stanza dei colloqui è accaduto Spadoni, Cosa mancava loro, secondo lei? mai interessati ad allargare i propri numero, si inizia subito a program-
qualcosa di inaspettato: un
inimmaginabile scambio di
il cappellano «La possibilità di poter uscire, anche orizzonti di conoscenza». mare il successivo. Viene fatta girare
umanità. della casa solo con il pensiero, dalle quattro La diffusione della rivista all’esterno una circolare in carcere dove si avvi-
“Per questi uomini feriti dal di reclusione mura in cui sono costretti a vivere. del carcere è utile a combattere il sa che è possibile inviare i contributi.
corso delle cose e dalle azioni del Mancava loro la speranza di potersi pregiudizio? Il materiale scritto a mano dai dete-
passato, la scrittura è strumento di Fossombrone «Di certo aiuta a far conoscere stati nuti viene trasportato su supporti
in qualche modo mostrare al mondo
di riscatto - spiega Don Guido come esseri umani. Le persone d’animo e pensieri dei detenuti. magnetici e portato a stampare, una
Spadoni, il cappellano del carce- Quando scrivono, riflettono anche su volta corretto. Così prende vita la
re, anche lui presente nella reda- all’interno del carcere di
zione di Mondo a Quadretti - la Fossombrone scontano pene dure, quello che sono stati. E’ un passaggio nostra piccola creatura». s.b.

8
CULTURA
Incontro con l’artista centenario

La matita di Franci
segno di un secolo
BARBARA LUTZU

In basso
a sinistra,
la copertina
della rivista
trimestrale
“Mondo
a Quadretti”,
curata
dai detenuti
del penitenziario
di massima
sicurezza.
In alto, uno
scorcio
del carcere.
A destra
un’immagine
di Umberto
Franci mentre
disegna

“G
li anni stato anche assessore comu-
più belli nale ai lavori pubblici, presi-
della mia dente dell’Azienda del turismo
vita sono di Urbino e presidente
s t a t i dell’Eca (Ente comunale di
quando assistenza): “Uno che ama la
frequentavo la Scuola del Libro propria città come l’amo io
di Urbino: sempre in giro, in non poteva non farsi coinvol-
campagna, a disegnare”. A 101 gere. Per me Urbino è una
anni Umberto Franci non ha delle città più belle d’Italia,
ancora smesso di passare ore al anche Carlo Bo mi ha sempre
tavolo da disegno, circondato dato ragione su questo”.
da matite e cartoni. La sua è A segnare la sua vita, però, due
una passione che lo accompa- guerre mondiali. Quando
gna fin da quando era bambino scoppiò la prima aveva solo
e basta guardarlo negli occhi sei anni ma ricorda ancora la
quando racconta la sua storia grande miseria. La seconda
per capire che non potrebbe l’ha vissuta sulla propria pelle;
vivere senza i pastelli tra le a 21 anni fece il corso Allievi
mani e un foglio bianco dove Ufficiali a Spoleto, insieme ad
INCONTRI ALL’ATENEO disegnare i paesaggi della sua Amintore Fanfani, e in seguito
terra. Ed è così che ha iniziato venne chiamato alle armi con
tanti anni fa, disegnando, con destinazione l’Africa orientale.
Alla ricerca dell’utopia: la tecnica dell’incisione (la xilo-
grafia), la vita dei contadini
“Facemmo scalo al Pireo, in
Grecia, e quando ripartimmo
immersi nelle campagne urbi- due dei nostri piroscafi furono
istruzioni per l’uso nati.
“All’epoca vivevo vicino a piaz-
affondati dagli inglesi. Io stavo
sul terzo e ho pensato che
za Duca Federico, una piazza sarei morto. Ma invece di
Ciclo di conferenze sulla contraddizione del nostro tempo stupenda dove puoi vedere il mitragliarci ci hanno salutato.
Rinascimento nelle finestre e Quello è stato il segno che
Al Magistero grandi invitati dibattono sul tema nelle porte dei palazzi. Lì è ini- sono fortunato”.
ziata la mia storia artistica, Una bella famiglia, una pas-
quando decisi di affiancarmi a sione diventata il suo lavoro,
“Se gli uomini non avessero incessantemente cercato di realizzare l’impos- Ettore di Giorgio, ottimo inciso- una terra che è sempre stata
re e bravo pittore, e a Francesco una fonte costante di ispira-
sibile, il possibile non sarebbe mai stato raggiunto”. Piero Dorfles conclude Carnevali, uno dei più grandi zione. Il suo segreto per la lon-
così, citando Max Weber, il suo intervento all’incontro di apertura del ciclo disegnatori, con una sensibilità gevità è stato camminare in
del tutto particolare”. Loro, mezzo alla natura, come face-
di conferenze “Dialoghi dell’Utopia”. Sei incontri a partire dal 29 marzo - insieme ad Aleardo Terzi e va ogni mattina prima di
l'ultimo il 10 maggio - organizzati da LaRiCA, Laboratorio di Ricerca sulla Mario Delitala, furono i suoi andare a scuola. E aver sempre
Comunicazione Avanzata del Dipartimento di Scienze della Comunicazione insegnanti alla Scuola del Libro, condotto una vita tranquilla,
un punto di riferimento costan- accontentandosi di ciò che
dell’università di Urbino, per iniziativa del suo direttore, Lella Mazzoli, con il te per tutta la sua carriera arti- aveva, senza mai speculare
contributo di Carifano e Rai Radio 3 come media partner. L’utopia sarà la stica. sulla sua arte. Quello per la
protagonista del dibattito, analizzata come concetto trasversale nella cultu- Ma il suo più grande maestro fu felicità è forse l’insegnamento
suo padre: “Ovunque andrai – che per anni ha dato ai suoi
ra e nella società moderna. Arte, tecnologia, filosofia, letteratura, impresa e racconta Umberto – fai il tuo allievi: disegnare, disegnare,
teatro, le sfaccettature sotto cui l'utopia prenderà forma. Alle conferenze lavoro senza risparmio, mi disegnare. Che è ciò che conti-
parteciperanno, oltre ai docenti del dipartimento, altre illustri personalità diceva. E io non mi sono mai nua a fare ogni giorno, seduto
risparmiato”. al tavolo della sua cucina cir-
come Gillo Dorfles ed Edoardo Camurri. p.r.a. Oltre ad aver insegnato disegno condato da tavolozze e pastel-
per anni, prima in Calabria e li, di fronte ad una finestra che
poi a Urbino, Umberto Franci è guarda la sua amata Urbino.

9
il Ducato
Martedì 22 marzo a teatro Sanzio va in scena “L’uomo, la bestia e la virtù”

Quando il riso si fa amaro


La compagnia Vocitinte di Milano interpreta la commedia di Pirandello. La regia è di Antonio Mingarelli
Due attrici porta in grembo riuscendo così a
preservare le apparenze e a ripri-
della com- stinare l’ordine borghese”.
pagnia Perché ha scelto proprio questa
“Vocitinte”, commedia?
“Perché rappresenta lo spirito
In alto del teatro e del cinema italiano,
a destra ossia la capacità di far riflettere
una serata attraverso il sorriso. L’autoironia
è una parte fondamentale dell’i-
al “Black talianità, è il modo attraverso il
Jack” (foto quale affrontiamo la vita e pren-
di Evelyne diamo coscienza del mondo in
cui viviamo. Questo testo ha
Capitanio) ancora tanto su cui farci pensa-
In basso, re”.
a destra Che effetto fa dirigere una com-
pagnia di attori coetanei?
la “galleria “Molto stimolante. Lo spettacolo
volante” si costruisce insieme e diventa il
(foto frutto di un lavoro condiviso,
dove ognuno aggiunge il suo tas-
di Roberto sello personale. Tutto parte da
Magi) una mia analisi solitaria del
testo, è la fase in cui entro nell’o-
pera e la interpreto secondo la
mia ottica. Durante le prove poi
se ne discute insieme e la visione
iniziale si completa con il contri-
buto di ognuno. Per noi tutto è
più naturale perché ci siamo
diplomati insieme alla scuola del
Piccolo e il rapporto umano
arricchisce quello professiona-
le”.
Oltre ad essere regista Lei è
VALENTINA BICCHIARELLI seconda tappa della tournée commedia classica, si nascon- si sveleranno l’esatto opposto di anche attore, quale ruolo prefe-
dopo il debutto a Recanati”, con- dono temi cupi e amari che quello che appaiono all’inizio”. risce?

R
iflettere col sorriso, fessa Mingarelli. rimangono attuali nella nostra L’opera solleva anche le proble- “La regia è la mia vera passione.
oggi come ieri. Cosa si deve aspettare il pubbli- società anche se l’opera è stata matiche legate al mondo delle Preferisco dirigere uno spettaco-
Pirandello torna a co urbinate? scritta nel 1919. Il tema del pote- donne. lo perché posso prestare mag-
suggerirci verità eter- “Uno spettacolo re per esempio “La visione fem- giore attenzione
al testo e ho tutto
ne sull’uomo e sulla
società grazie alla sua
godibile e pro-
fondo al tempo
Al pubblico che contamina
gli individui, li
minile è rimasta
la stessa. Ieri
“L’autoironia il tempo di farlo
commedia più amata e discussa, stesso. Nella ordina in una come oggi la mio”.
“L’uomo, la bestia e la virtù”. La nostra compa-
urbinate “uno scala gerarchica, donna subisce la è l’essenza Consiglierebbe a
pièce, che andrà in scena al tea- gnia non ci sono corrompe la loro sopraffazione del un giovane di
tro Sanzio martedì 22 marzo, attori di richiamo spettacolo vera natura corpo, la sua fisi- del teatro e entrare nel
unico spettacolo, sarà interpreta- conosciuti al obbligandoli a cità è usata dal- mondo del tea-
ta dalla compagnia Vocitinte per grande pubblico, profondo e i n d o s s a r e l’uomo come del cinema tro?
la regia di Antonio Mingarelli. Sul ma un gruppo maschere di ipo- strumento di “No, visti i tempi
palco si alterneranno sette giova- affiatato compo- godibile crisia e perbeni- affermazione del italiano: che corrono ci
ni attori, tra i 20 e 30 anni, tutti sto da professio- smo borghese. potere maschile. sono davvero
diplomati alla Scuola del Piccolo nisti bravi e seri. al tempo Sulla scena si La storia della riflettere poche prospetti-
Teatro di Milano diretta da Luca Mi auguro che il alternano perso- protagonista, la ve materiali di
Ronconi. Stessa formazione pro- pubblico si faccia stesso” naggi dalle iden- signora Perella, divertendosi” sopravvivere.
Purtroppo la cat-
fessionale anche per il regista, 28 coinvolgere dalla tità violate che si diventa emblema
anni, che esordisce alla direzione loro interpretazione arrivando a muovono in una società erosa di questa strumentalizzazione. tiva gestione del
della sua prima commedia. “Non percepire il messaggio vero del dall’apparenza. I tre protagoni- L’amante, infatti, la spinge a settore culturale penalizza tutti:
abbiamo mai recitato al teatro testo, che sta oltre il sorriso”. sti, coinvolti in un triangolo donarsi al recalcitrante marito tagliare l’arte e la cultura vuol
Sanzio e siamo molto emoziona- Qual è questo messaggio? amoroso, abbasseranno la per nascondere la vera paternità dire reprimere la coscienza criti-
ti, anche perché Urbino è solo la “Dietro l’aspetto farsesco della maschera nel corso dell’azione e del figlio illegittimo che la donna ca dell’intera società”.

car Cinema
AMICI MIEI…COME TUTTO
EBBE INIZIO
Cinema Ducale
scherzi ai fiorentini in cui gioca la sua
parte anche Lorenzo il Magnifico

IL CIGNO NERO
NESSUNO MI PUO’
GIUDICARE
Cinema Nuova
Luce
RASSEGNA CINEMANIA
Cinema Nuova Luce
IN UN MONDO MIGLIORE
Mercoledì 23 e

te
Feriali: Cinema Ducale Fino al 22 giovedì 24
20.30/22.30 Feriali: marzo marzo
Festivi: 20.30/22.30 Feriali: 21.15 ore 21.15 .
16.30/18.30/ Festivi: Festivi: Ingresso ridotto
20.30/22.30 16.30/18.30/ 17.30/21.15 4 euro
20.30/22.30

llo
Di Neri Parenti con Christian De Sica, Di Massimiliano Bruno, con Raoul Di Susanne Bier con Mikael
Michele Placido, Giorgio Panariello, Di Darren Aronofsky, con Natalie Bova, Paola Cortellesi e Rocco Persbrandt, Markus Rygaard e
Paolo Hendel e Massimo Ghini. Portman e Vincent Cassel. Papaleo. William Jøhnk Nielsen.
Nella Firenze di fine ‘400 cinque Ne "Il lago dei cigni" sono previsti i La vita di Alice sembra un sogno fin- L’amicizia tra due adolescenti, Elias

ne
goliardici personaggi sono alle prese ruoli dell'innocente cigno bianco, ché suo marito muore lasciandola e Christian, si trasforma in una peri-
con divertenti avventure. adatto a Nina, e del sensuale cigno sul lastrico con un figlio a carico. E’ colosa alleanza. I protagonisti sono
Ossessionati dalla voglia di prolun- nero, più adatto a Lily. La rivalità tra così che diventa una ‘escort’, ma nel coinvolti in un inseguimento mozza-
gare la giovinezza e sfuggire alle le due ballerine, porterà Nina ad suo percorso incontra un uomo fiato in cui è in pericolo la loro stes-
responsabilità dell’età adulta, tirano esplorare il suo lato oscuro. semplice e affascinante. sa vita.

10
SPETTACOLI
A Trasanni concerti e dj-set

La voglia di live
sale sul palco
del “Black Jack”
MARTINA MANFREDI nizzato da diversi staff di ragazzi tipo”. Ogni evento ha riunito al esce per ascoltare un concerto 2011edalSikulaReggefestival.An-
coordinati della rivista “Open- “Black Jack” tra le 300 e le 600 per- bevendo qualcosa e non il con- cora in costruzione il programma

L
a città universitaria house”, ma i concerti dal vivo in sone che hanno potuto ascoltare trario” conclude Alessandra. dei prossimi mesi, anche se il pro-
ha trovato il suo particolare sono programmati gruppi di blues, garage, stoner, Questi i prossimi appuntamenti: prietario del locale garantisce una
ritmo. Con il nuovo da Alessandra Narcisi e Giuseppe rock indipendente e pop d’auto- sabato 19 marzo il “Black Jack” certezza: “Seguiamo il calendario
anno accademico è Di Martino di “Dicks and Decks re. “Di tutto un po’ – continua porta a Urbino “Maledetta Prima- degli universitari, i nostri primi
nato uno spazio in cui Eventi”, un’associazione nata a Alessandra – secondo una sola vera”, l’iniziativa di Rockit per so- clienti, quindi continuiamo fino
i giovani urbinati pos- Urbino per promuovere la musi- regola fondamentale: scegliere stenere la musica italiana con con- alla fine di maggio e poi repliche-
sono soddisfare la loro voglia di ca nel territorio. “Non è stato faci- gruppi con materiale proprio, certi in contemporanea in tutt’Ita- remo sicuramente il prossimo an-
musica dal vivo: il circolo cultu- le – racconta Alessandra - porta- perché è la creatività emergente lia: sul palco di Trasanni salirà per no accademico: l’amministrazio-
rale e ricreativo Fenalc “Black re il live a Urbino, ma l’iniziativa che vogliamo promuovere, non l’occasione il rock dei Canebianco ne ha sempre ostacolato la possi-
Jack”, a Trasanni. Se i pub del del Black Jack ha avuto successo, un juke-box di esecuzioni”. Il ri- e dei Joe Maple. Ultimo appunta- bilità di fare musica live in città, ma
centro storico, per una delibera la gente si è mostrata molto inte- sultato? “Ottimi scambi in cui la mento di marzo, sabato 26 con il ora che noi ci siamo riusciti, siamo
del consiglio comunale, non ressata proprio perché in città musica è la protagonista assolu- concerto dub dei “Dub all sense”, soddisfatti e vogliamo continuare
possono “essere modificati per mancava una proposta di questo ta: per la prima volta qui in città si in arrivo dal Rototom Sunsplash a sostenerla”.
ospitare concerti o altro”, il
“Black Jack” invece ci è riuscito
grazie alla formula del circolo
culturale e alla sua posizione,
Prende quota l’antica tradizione degli aquilonisti urbinati
lontano dalle abitazioni (per

Quante comete nel cielo turchino


non disturbare chi dorme). Lo
scorso ottobre è stata inaugura-
ta la sala concerti del circolo,
350 metri quadrati con palco,
maxi schermo, bar e un impian-
to audio pensato per accogliere
le proposte di giovani musicisti
a 360 gradi. “Abbiamo comin- MADDALENA OCULI Oggi la “festa dell’aquilone” è
ciato come sala giochi – raccon- gestita da Ami servizi, una società
ta Ruggero Pretelli, proprietario che organizza manifestazioni per

“O
del locale – poi le tante richieste r siamo fermi: abbiamo la città. A fianco di questo spetta-
di esibirsi che arrivavano dalle in faccia Urbino/ven- colo di colori Auda ha allestito un
band della zona ci hanno con- toso: ognuno manda evento il 17 marzo alla fortezza, e
vinto a investire in questa dire- da una balza/la sua cometa per il ne ha in programma uno per il 25
zione: appena si è saputo che ciel turchino.” aprile, nello stesso posto, alle
potevamo ospitare i live, il Un’immagine tanto scolpita nei 14.30.
nostro contatto Facebook è ricordi degli studenti italiani Ha sempre lo scopo di valorizza-
stato sommerso di richieste, quanto cara agli urbinati. L’ha zione e promozione del territorio
non solo da ragazzi della zona disegnata Pascoli per la prima l’ultima stupefacente proposta di
ma da mezza Italia, tanto che volta in una delle sue poesie. Uno Auda: un aquilone di 70 metri
potremmo organizzare un live squarcio di cielo azzurro gremito quadrati che porti in giro per i
al giorno”. Dal primo evento del di aquiloni che volano cullati dal cieli d’Italia le opere esposte nel
31 ottobre, il sabato è la serata vento di Urbino. La stessa imma- Palazzo Ducale e di qualsiasi
del “Black Jack”, in cui le esibi- gine tutti gli anni a settembre si mostra presente in zona: una vera
zioni dal vivo dei vari ospiti si materializza nella “festa dell’aqui- e propria galleria volante.
alternano e si affiancano ai dj- lone”, un vero e proprio spettacolo a cielo aquilonistica urbinate si ufficializzò in sagre Ma l’arte dell’aquilonismo non
set più diversi: electro, metal, aperto in cui si sfidano 10 contrade della città annuali con competizioni per tenere impe- vuol solo dire spettacolo, ma spettacolarità. È
funky, ska, punk; “l’importante e fanno gareggiare i loro capolavori realizzati gnati gli orfanelli della città. Col tempo le per questo che oltre ad Auda a Urbino è nata
è che sia musica alternativa, la in carta e canna. E ognuno di essi “ondeggia, gare hanno assunto una valenza di promo- AIAT, associazione internazionale aquiloni
house e la commerciale la pencola, urta, sbalza,/risale, prende il vento”, zione del territorio anche grazie all’Auda, da trazione, che organizza corsi e competi-
lasciamo alle discoteche”, spie- proprio come scriveva il poeta. associazione urbinate degli aquilonisti, che zioni sportive. Su terra, acqua o neve lo
ga Ruggero. L’evento è da ricondurre agli anni del secon- dagli anni 80 ha preso le redini delle tradi- scopo è sempre lo stesso: farsi trascinare per
Il calendario degli eventi è orga- do dopoguerra quando l’antica tradizione zioni. aria dagli aquiloni.

Mostre Spettacoli E…STATE AL SESTA LUNA Incontri STASERA PARLIAMO DI…


OTTO PREGHIERINE L’UOMO, LA BESTIA Teatro Sanzio RAPHAEL GUALAZZI Prevenzione e educazione
PER UNA E LA VIRTU’ Sabato 26 TEATRO SANZIO alla salute.
NUOVA VITA Teatro Sanzio marzo ore 21 Sabato 19 marzo
B o t t e g a Martedì 22 ore 17.30 Gadana, via dei Gelsi 2,
Giovanni marzo L’associazione lunedì 21 marzo ore 20.30
Santi, Casa ore 21 culturale Dopo il grande successo di “Il Naturopata ti può essere
natale di “ A r t i s t i Sanremo 2011 Raphael d'aiuto! - Il destino della Tua
Raffaello Una delle com- Imprevisti” di Gualazzi torna a Urbino. I fan salute è nelle Tue mani”.
Dal 19 marzo (vernissage medie più cele- Fermignano porta in scena potranno salutare il cantante Relatore: Dott. Wilmer
ore 11) fino al 2 aprile bri di Pirandello torna sulla un musical scoppiettante al Teatro Sanzio dove sarà Zanghirati Urbanaz (esperto
dal lunedì al sabato scena grazie alla Compagnia diretto da Tania Biondi. premiato dal sindaco Franco in fitoterapia, oligoterapia e
9-12.30/15-18.30 Vocitinte di Milano per la regia Sette storie si intrecciano Corbucci e dal presidente aromaterapia)
di Antonio Mingarelli. Sette gio- sul palcoscenico per dar vita della Provincia Matteo Ricci. Lunedì 28 marzo ore 20.30
In esposizione otto calcogra- vani attori si cimentano in uno a una divertente ed emozio- Raphael poi si farà intervista- “L'iridologia: questa scono-
fie di Giuliano Della Casa e spettacolo farsesco e amaro nante estate al camping re dal pubblico sul palco del sciuta!” Relatore: Dott.
otto testi di Antonio Moresco dove agiscono personaggi viola- Sesta Luna. Sanzio, per raccontare tutte le Massimo Volponi (medico chi-
rilegati insieme dagli alunni ti e corrotti da maschere impo- Per info 3471679812 emozioni della sua nuova vita rurgo)
del Liceo Artistico di Urbino. ste dalla società di ieri e di oggi. da star.

11
il Ducato
Pivato: “Unire Urbino e Macerata? Si può fare, ma non a scapito nostro”

“Non taglieremo le lauree”


Il rettore: ci saranno solo accorpamenti fra corsi. Ipotesi master per sostituire Moda ed Editis
MARIA SARA BERTUCCIOLI Guidi, l'amministratore dele- Sembra che Urbino sia colpi- sità italiana: sono stati taglia- toriamente, ma ricordandoci
gato di Alberta Ferretti e ta in maniera importante dai ti il 50% dei corsi a livello comunque che l'innovazione

“P
arlare di tagli Massimo Berloni di DondUp. tagli. nazionale. Siamo di fronte a non si costruisce senza tene-
è sbagliato. Sono stati proprio loro a vole- “È una situazione che non un processo di razionalizza- re presente la tradizione”.
Noi vogliamo re un incontro con colpisce solamente il nostro zione e speriamo di agire in Si è accennato anche alla
solo raziona- l'Università. Tra le ipotesi c'è Ateneo, ma è un processo che maniera virtuosa. È un passo proposta di confederazione
l i z z a r e quella, quindi, di un master”. sta investendo tutta l'univer- che dobbiamo fare obbliga- di università a livello regio-
l’Università per il bene degli nale. Come valuta questa
studenti. Procediamo per ipotesi?
accorpamenti, ma nel nome “Di deciso non c’è nulla, ma
della tradizione. Gli unici sottolineo che qualunque
corsi che chiuderanno, ma tipo di federazione non deve
che cercheremo di recupera- penalizzare l'università di
re in altro modo, sono quelli Urbino, ci deve essere una
di Design della Moda ed razionalizzazione generale.
Editoria, informazione e Intanto si sta pensando di
sistemi documentari. Gli altri confederarsi soprattutto per
subiranno solo una mutazio- quanto riguarda i servizi
ne: da corso di laurea a curri- amministrativi”.
culum”. Così il rettore Stefano E per i corsi di laurea?
Pivato presenta l'offerta for- “Sta finendo l'epoca dell'uni-
mativa dell'Università per il Sopra, il rettore Stefano versità sotto casa: se i corsi di
prossimo anno accademico. filosofia di Macerata e
Parola d'ordine razionalizza- Pivato. A sinistra l’Aula Urbino non possono reggere,
re, ma nel nome della tradi- Magna, foto di D. Trisolino si devono unire”.
zione.
Rettore, eppure si è parlato
di tagli, quali sono effettivi?
“Ribadisco: i corsi chiusi
L’Ateneo promuove incontri tra ex studenti e imprese locali
saranno due, la triennale in

Bussa al “Placement”, ti sarà aperto


Moda e la magistrale di
Editis. Per gli altri non cam-
bieranno i contenuti ma sol-
tanto i contenitori attraverso
la mutazione da corsi di lau-
rea a curricula. Questo non
deve preoccupare o spaven- to dell’Ufficio – un’occasione importante per fruiscono del servizio soprattutto le piccole
tare. Si veda l'esempio del NOEMI BICCHIARELLI applicare ciò che si è appreso durante il per- aziende e le microimprese, molto sensibili e
Corso di Laurea in Lingue e corso di studio, oltre che un valido momento aperte verso l’Ateneo.

L
Civiltà orientali che ho creato e aziende puntano su giovani talenti per per allacciare rapporti professionali preziosi”. Nel 2009 sono stati realizzati 2289 tirocini for-
io, come preside della Facoltà superare la crisi economica. Le universi- “Un’esperienza utile e formativa” dichiara mativi a livello nazionale, il 64,2% nella sola
di Lingue, nel 2001. Tre anni tà sfornano studenti senza esperienza Fabrizio Ugolini, ex studente della Facoltà di provincia di Pesaro-Urbino, di questi il 4,4% è
fa, quando siamo stati obbli- che cercano un primo contatto con il mondo Economia “il tirocinio di quattro mesi nella terminato con una forma di collaborazione o
gati a passare da corso di lau- del lavoro ed è per unire le due esigenze che ditta IMAB di Fermignano, si è rivelato una di assunzione.
rea a curriculum, le immatri- nasce l’Ufficio Placement dell’Università di possibilità per sviluppare i miei interessi “Trasformare tali rapporti in contratti lavora-
colazioni non sono diminui- Urbino. all’interno di uno specifico contesto lavorati- tivi è lo scopo principale dell’Ufficio – sostie-
te, ma anzi, sono aumentate. Il servizio organizza tirocini per neo-laureati e vo professionale”. “È stato un primo contatto ne Pencarelli - tra gli obiettivi futuri quello di
Questo vuol dire che conta la gestisce i rapporti con le imprese consenten- con il mondo del lavoro che mi ha permesso consolidare i legami con le aziende svilup-
tradizione non tanto il conte- do un incontro tra offerta di lavoro, fatta dagli di arricchire le mie competenze” afferma sod- pando con loro un rapporto attivo. Invieremo
nitore. Dieci anni fa, prima studenti, e domanda, espressa dal mondo disfatta Angela Mancini, laureata in periodicamente una newsletter informativa
che venisse applicato il 3+2, il dell’impresa. E’ un aiuto concreto per l’inseri- Economia, dopo un percorso di tre mesi nella agli studenti per tenerli aggiornati rispetto
quadro era molto più sempli- mento nella professione, basta iscriversi ditta Tecno Habitat di Pesaro. all’evoluzione delle richieste di lavoro da
ficato. Ecco si sta tornando a all’Ufficio, inviando il proprio curriculum “Anche le aziende sono sempre più vicine al parte delle imprese – continua il delegato -
un contesto del genere”. vitae all’indirizzo placement@uniurb.it. Le Placement, stanno reagendo positivamente rendendo anche più visibili in Ateneo, le
Cosa ne sarà del Corso di adesioni dal 2008, anno di nascita dell’Ufficio alle difficoltà della crisi puntando sul capitale opportunità offerte dal nostro servizio”.
Design della Moda? di “collocamento” urbinate, sono state nume- umano e sui giovani talenti” dichiara Grazie al contributo della Provincia, viene
“L'Università tiene molto a rose e in continua crescita, gli studenti capi- Pencarelli “solo così potranno essere davvero annualmente organizzato il “Career day”, due
questo corso, non trovo giu- scono che senza uno stage nel loro percorso competitive”. Sono circa 5000 le imprese giornate dedicate all’incontro fra aziende e
sto che scompaia. Venerdì professionale hanno maggiori difficoltà ad nazionali e le associazioni non profit coinvol- laureati, circa 40 tra imprese e organizzazioni,
scorso c'è stato un incontro inserirsi nel mercato. “Il tirocinio è un’oppor- te, 2000 quelle marchigiane, 800 nella provin- sono invitate in Ateneo per descrivere la loro
con gli imprenditori della tunità di completamento per la propria for- cia di Pesaro-Urbino. Tutti i settori sono inte- attività, illustrare le loro esigenze e valutare
moda: erano presenti Piero mazione – afferma Tonino Pencarelli, delega- ressati: dal terziario alla manifattura e usu- possibili forme di collaborazione.

12
UNIVERSITÀ

Un sondaggio sugli obiettivi futuri dei liceali

Superata la maturità
gli studenti divisi
tra arte e tecnologia
Uno studente moli e imparare a cavarmela da
STEFANIA BERNARDINI
sola”.
su tre sceglie

“M
i iscrive- I ragazzi hanno desideri preci-
rò all’u- di restare vicino si e vogliono investire i prossi-
niversi- mi anni per trasformare i loro
tà, ma casa e iscriversi sogni in obiettivi. Francesco
l’indeci- a Urbino non sa se sceglierà l’Accademia
sione regna”. Piumino blu, d’arte o l’Isia ma è certo di qua-
jeans e timberland ai piedi, sferirsi la maggior parte sceglie le dovrà essere il suo traguardo.
Giulia spiega così lo stato d’a- Ancona o Bologna perché il “Sono un creativo e voglio mi-
nimo condiviso dai suoi coeta- percorso formativo non è pre- gliorare le mie capacità nel di-
nei. Marzo: tempo di scelte per sente nel campus urbinate. segno per poter collaborare,
i maturandi. È arrivato il mo- “Sono le città più vicine, la fa- magari un giorno, con grandi
mento di pensare a cosa fare coltà che voglio fare qui non aziende anche all’estero”. La
per il futuro. I ragazzi scherza- c’è” ci ha detto Michele. Inge- città ducale, che ha dato i nata-
no tra loro, si prendono in giro, gneria e Informatica, infatti, li a Raffaello Sanzio, sembra
si confrontano. La maggior mancano a Urbino ma sono al continuare a essere un luogo di
parte ha già deciso: si iscriverà primo posto tra i corsi di laurea ispirazione per i giovani urbi-
all’università, confusione sulla più indicati dagli studenti. Ma- nati. Tra i corsi di laurea prefe-
scelta delle facoltà. ria ci ha poi spiegato quali sono riti dai diciottenni ci sono pro-
Siamo entrati nelle scuole, li le altre motivazioni che spin- prio gli indirizzi artistici come
abbiamo incontrati e abbiamo gono alcuni maturandi a spo- beni culturali, grafica e design.
raccolto le loro risposte. Ne è starsi: “Vorrei avere nuovi sti- Capelli lunghi biondi, smalto
venuto fuori un sondaggio sul- nero, leggings e gonna a pie-
le aspettative per i prossimi an- LE SCELTE DEI LICEALI ghe. Vanessa sembra appena
ni. uscita da un fumetto manga e ci
Un totale di 343 studenti di tut- confida: “Sceglierò una facoltà
ti gli istituti superiori della cit- inerente all’arte, poi frequen-
tà ci ha confidato dubbi o cer- terò corsi in animazione e fu-
Ricerca sui furbetti della scuola tezze. Ti iscriverai all’universi-
tà? Quale facoltà pensi di sce-
metto perchè è il mio sogno da
quando ero piccola”.
gliere? Urbino o un’altra città? Tolti i piercing e i tatuaggi c’è

“Ragazzi, si copia” Sono semplici domande che anche la volontà di aiutare gli
per questi giovani rappresen- altri e la scelta per molti ragaz-
tano tutto. zi di frequentare Medicina. Se-
Alcuni si sono alzati e sono an- rena, Laura e Matteo sperano
dati via. Foglio in bianco, nes- di passare il test d’ingresso per-

Colpa dei professori


suna risposta. “Non so cosa chè “la professione di medico è
scrivere ancora non ho deciso gratificante e consente di esse-
nulla, forse andrò a lavorare re utile al prossimo”. Lingue e
tanto di laureati a spasso ce ne letterature straniere ed econo-
sono anche troppi” ci racconta mia sembrano, invece, le alter-
Lorenzo prima di fuggire con native più sicure per l’introdu-
una scusa banale, il berretto zione nel mondo dell’occupa-
VALERIO MAMMONE colleghi delle superiori prova abbassato sopra gli occhi quasi zione. Fermata dell’autobus.
lo stesso sentimento. Il vizio, per nascondere tutto il viso. Luigi e due suoi compagni at-

A
ltro che calcio e danza. però, si impara fin da piccoli: Sono pochi in ogni caso quelli tendono la navetta per tornare
Copiare è lo sport prefe- il 4,7 % dice di copiare spesso, che ancora non hanno una mi- a casa e raccontano: “Ci iscrive-
rito dagli studenti italia- mentre il 28,7% confessa di nima idea su cosa fare dopo la remo a lingue orientali perché
ni. Uno sport che unisce tutti: averlo fatto di tanto in tanto. scuola superiore: 224 giovani pensiamo siano molto utili ai
maschi e femmine, bambini di Certo, si tratta di bambini. Ma sono certi di iniziare il percor- fini lavorativi sia qui che all’e-
quinta elementare e studenti il fenomeno non va sottovalu- so universitario contro 78 an- stero”.
delle scuole superiori. A tra- tato: “L’ arte di copiare - cora indecisi e 41 sicuri di ter- Netto calo di consensi, invece,
durre in numeri e statistiche avverte Marcello Dei - è il frut- minare gli studi dopo la matu- per lettere e filosofia e sociolo-
questa antica usanza (il plagio to di incertezze cognitive circa rità. gia. Solo 14 studenti hanno
è documentato fin dal VII° le regole sociali e il loro signi- L’ateneo di Urbino è risultato il espresso una preferenza per
secolo a.C.) ci ha pensato ficato. È come giocare a guar- campus prescelto da poco me- una di queste facoltà mentre la
Marcello Dei, docente di die e ladri. Presuppone l'inte- no della metà degli studenti. maggior parte li considera cor-
Sociologia a Urbino e autore razione tra copiatore e guar- Mario con un sorriso ha am- si inutili e poco interessanti.
del libro “Ragazzi, si copia”, diano, e magari un terzo com- messo: “Se resto qui non dovrò “Mi piacerebbe frequentare
uscito nei giorni scorsi per il plice”. Stando alle statistiche, pagare l’affitto ed essendo una una facoltà che non sia solo
Mulino. a fare da “palo” sono proprio i piccola città avrei tutto sotto teorica” ha ammesso Chiara
I dati elaborati dallo studioso docenti: solo il 24,4% condan- mano”. La città ducale permet- dichiarando la volontà di se-
e da altri ricercatori (come na duramente chi copia; gli terebbe di non dover cambiare guire lezioni che attraverso la
Rita Chiappini, nel caso dei altri, invece, sono più indul- abitudini, spostarsi a piedi e ri- pratica insegnino ciò che si do-
licei) lasciano a bocca aperta: genti. “Insegnanti e dirigenti sparmiare. Ma è anche la quali- vrà fare in un contesto lavorati-
due studenti su tre dichiarano scolastici – scrive ancora l’au- tà e l’ampia offerta formativa vo. Una difficoltà di cui i matu-
di copiare spesso e l’85% tore – non si preoccupano proposta a convincere i matu- randi sembrano tenere conto è,
pensa che sbirciare il banco troppo di questa forma di randi. Rossella è andata all’o- infatti, il momento di crisi.
del vicino non sia da condan- devianza che mette a repenta- pen day, ha conosciuto alcuni Se le idee sono tante e differen-
nare. Anzi: c’è pure chi è glio valori come l’onestà e il laureandi che gironzolavano ti ciò che sembra unire sia chi
“fiero” di aver beffato il pro- fair play” e, in alcuni paesi, tra gli stand, ha pranzato a resta a Urbino che chi vuole
fessore di turno (1,5% alle persino il posto di lavoro: ne mensa. Per un giorno ha prova- trasferirsi è la speranza che l’u-
scuole elementari e medie; sa qualcosa l’ormai ex mini- to l’esperienza universitaria e niversità possa comunque fa-
3,1% alle scuole superiori). stro della difesa tedesco, Karl- ha raccontato: “Mi è piaciuto vorire l’ingresso nel mondo del
La sfrontatezza degli studenti Theodor zu Guttenberg, astro andare in giro per le facoltà. Al- lavoro e possa permettere, ma-
aumenta col tempo: se il 26% nascente della CDU, passato cuni corsi di laurea dell’ateneo gari tramite il progetto Era-
degli studenti tra i 10 e i 13 dall’agone politico alla gogna di Urbino sono considerati tra i smus, di conoscere nuove cul-
anni si sente in colpa per aver pubblica per aver copiato una migliori in Italia”. ture ed entrare in un contesto
copiato, soltanto il 12,2% dei tesi di dottorato. Tra coloro che pensano di tra- internazionale e globale.

13
il Ducato
Dopo due successi di fila, le ginnaste azzurre puntano al tris L’intervista

La finalista

In pedana per il titolo


Il 25 marzo al via la World Cup a Pesaro. Visita a Palazzo Ducale delle delegazioni
di Seoul ‘88
“L’Italia
può vincere
ancora”
G
iulia Staccioli, al termi-
ANTONIO RICUCCI
ne della sua carriera di

A
l via il 25 marzo la ginnasta, ha iniziato un
terza edizione percorso di regia e coreogra-
della “World cup” fia studiando a Ney York agli
di ginnastica ritmi- Ailey Studios, e poi diventan-
ca. La cornice del- do interprete nella compa-
l’evento sarà la gnia Momix.
struttura dell’ Adriatic Arena di A Pesaro, il 27 marzo, la com-
Pesaro, dove l’Italia tenterà di pagnia che ha fondato, i
difendere il titolo dall’ assalto Kataklò (nome che deriva dal
della concorrenza, in particola- greco e significa “io ballo pie-
re della Russia, che non era gandomi e contorcendomi”)
intervenuta nelle due prece- presenterà l’ultimo spettaco-
denti edizioni. Sono attese lo, ‘Play’.
almeno 2-3 mila persone per “Sarà una panoramica su tutti
ciascuna delle tre serate. gli sport con uno sguardo più
Parteciperanno 34 squadre da legato al gesto teatrale che a
tutto il mondo, con la sola defe- quello tecnico. Una visione
zione dell’ Egitto, dovuta alla dello sport con occhio sogna-
situazione particolarmente tore”.
instabile dell’area nordafrica- Come si preparano le atlete?
na. Anche il Giappone, non- “Le ginnaste trascorrono
ostante il devastante tsunami molte ore in palestra, eserci-
che ha colpito il Paese, sarà in tandosi nel perfezionare l’e-
gara. sercizio che proporranno in
Quest’anno la competizione è g a r a .
divisa in squadre e ginnaste Infatti,
individuali, più un trofeo junior nella gin-
“Città di Pesaro”, con l’identica nastica rit-
suddivisione in squadre e atlete m i c a ,
singole. Tra le juniores, ci sarà soprattutto
anche Valeria Schiavi dell’ q u e l l a
Aurora Fano, società di ginna- odierna,
stica allenata da Paola Porfiri, nulla può
che è anche il presidente del e s s e r e
comitato organizzatore locale. Un momento della “World Cup” 2010. Foto di Bernd Thierolf. A destra, Giulia Staccioli lasciato all’
Le altre atlete junior che si esi- i m p r ov v i -
biranno fuori concorso sono: sazione e i livelli tecnici
Olga Sganzerla, Alessia dovranno dare il meglio di sé in – continua Paola Porfiri – tutte tutto il mondo per le sue per- richiesti sono ormai altissimi.
Marchetto e Veronica Bertolini. quattro esercizi: palla, nastro, le nazionali sono rimaste favo- formance acrobatiche. La fon- Questa eccessiva standardiz-
Le nazionali senior si sfideran- cerchio, clavette, ovvero i fon- revolmente colpite dal nostro datrice, Giulia Staccioli, finali- zazione è anche un limite
no in due esercizi: le cinque damentali della ginnastica rit- territorio, dalla praticità degli sta olimpica a Los Angeles ’84 e all’originalità delle atlete; io
palle e i due cerchi con tre mica. Per l’ Italia ci saranno spostamenti e dalla nostra Seoul ’88, dice: “E’ una grande continuo a giudicare secondo
nastri. Nel trofeo junior, invece, Julieta Cantaluppi, già 16° agli organizzazione, che hanno emozione per me assistere di le emozioni che il gesto atleti-
la prova a squadre sarà la spe- scorsi Campionati del Mondo, considerato equivalente a quel- nuovo ad una gara di ginnastica co mi trasmette a pelle”.
cialità cinque funi. Ogni prova e Federica Febbo. la delle maggiori tappe mon- ritmica dal vivo. L’ultima volta Qual è il percorso di una gio-
verrà giudicata da una giuria Paola Porfiri racconta: “E’ un’e- diali”. che ho visto una gara è stato vane ginnasta?
composta da un giudice di ogni sperienza molto dura, ma E’ sul binomio sport-turismo alle Olimpiadi di Barcellona, “Le ginnaste iniziano ad alle-
Paese partecipante, (per l’Italia positiva. Non è semplice avere che scommettono Provincia e nel 1992”. L’evento potrà essere narsi ad 8 anni, e di norma
ci sarà la Direttrice tecnica a che fare quotidianamente Regione. Il presidente del Coni seguito in diretta sui canali di concludono la loro carriera
Marina Piazza), che esaminerà con così tante rappresentanze provinciale, Alberto Paccapelo, Rai Sport: sabato 26 marzo, su intorno ai 25. Quando gareg-
tre aspetti in particolare: la di paesi di tutto il mondo. Una parla di “benefici per l’intera Raisport1 dalle 16 alle 17,30 e la giavo io, che mi sono ritirata a
qualità artistica, la difficoltà delle maggiori difficoltà segna- città” che derivano da eventi domenica, su Raisport2, dalle 24 anni, il limite era molto
tecnica dell’ esercizio, la sua late è quella di reperire i fondi, come questo: “Parlo ad esem- 16 fino alle 18, quando si svol- inferiore.”
esecuzione. Il calcolo del pun- anche se Provincia e Regione ci pio delle 15mila presenze regi- geranno le prove finali delle Chi vincerà la “World Cup”?
teggio è la somma del giudizio hanno dato una mano, e il strate a ‘Ginnasticainfesta’, squadre nazionali. La naziona- “Incrocio le dita e spero che
artistico più una media tra la Comune da parte sua, si è organizzata alla Fiera di le azzurra eseguirà il suo reper- l’Italia riesca a difendere il
difficoltà tecnica e l’esecuzio- impegnato a trasportare Pesaro”. torio accompagnata dalle titolo, ma per scaramanzia
ne. all’Arena pedane che arrivano A chiudere la kermesse arrive- musiche del “Guglielmo Tell” di non faccio nomi in particola-
Le ginnaste che partecipano al da altre parti d’Italia”. ranno i Kataklò, la compagnia Rossini, in omaggio alla città re”.
concorso come individualiste “Nelle due precedenti edizioni di “physchal theatre” nota in ospitante. (a.r.)

14
SPORT
Si diffondono i giochi che simulano battaglie

Gli ultimi guerrieri


sparano giallo e arancio
(leggi permettendo)
ELIS VIETTONE stamenti e trincee naturali. Paintball s.r.l., attiva dal 2009.
ELIS VIETTONE Ogni squadra ha una base dove Ma il Paintball è un gioco peri-
custodisce la propria bandiera. coloso? “Ai nostri clienti fornia-

S
emplice come il ru- Lo scopo del gioco è rubare la mo un’attrezzatura completa
ba-bandiera, “spie- bandiera agli avversari e por- che li protegge: hanno una ma-
tato” come un vi- tarla nella propria base, senza schera per il viso, una pettorina
deogioco, appassio- farsi “sparare”. Tutti i giocatori rinforzata e una tuta mimetica
nante come la cac- sono infatti dotati un tipo di fu- resistente per attutire i colpi.
cia al tesoro: si tratta cile ad aria compressa, detto Ad oggi non ci sono stati inci-
del Paintball, letteralmente marcatore, caricato con palli- denti legati all’uso di questi
“palla di vernice”, che in ingle- ne coloranti con cui possono marcatori. Inoltre i pallini di
se sta a significare “simulazio- difendersi e attaccare. Se un gelatina dura che si usano per
ne di combattimento milita- giocatore viene colpito deve ri- “colpire” sono totalmente
re”. Divertente, ma in Italia tirasi dal combattimento e ri- atossici e biodegradabili, lava-
non è consentito. entrare secondo le regole, il bili con semplice acqua”, conti-
Per giocare al “vero” Paintball tutto sotto l’occhio vigile di nua Biordi.
bisogna andare a San Marino uno o due arbitri. Nello Stato italiano, diversa-
perché la normativa in mate- I giocatori sono in prevalenza mente da quello di San Marino,
ria non permette l’uso di armi giovani e il rapporto uomini- solo le associazioni sportive
sopra una certa potenza a sco- donne è di tre a uno ma non hanno il permesso di utilizzare
po ludico, ma solo sportivo. mancano squadre interamen- questi fucili ad aria compressa,
Due squadre si sfidano in un te femminili “Le donne sono di come sancito dalla legge
terreno naturale, simile a meno ma quando giocano so- 85/1986 (detta legge Lo Bello).
Un giocatore di Paintball in azione. Nella foto sotto: la quello dove si potrebbe am- no più cattive” racconta diver- “Il Paintball è un gioco che si
Compagnia Feltria delle Aquile Ducali bientare una guerra di campo: tito Luca Biordi, uno dei due pratica negli Stati Uniti già da-
ci sono torrenti, alberi, appo- proprietari della San Marino gli anni ’80 e anche in Europa è
molto diffuso, ci sono allena-
menti e tornei, il più famoso è il
Rivive la tradizione del tiro con l’arco. Iscrizioni aperte da marzo Millennium e i fucili che diamo
in noleggio provengono da
Svizzera, Germania e Portogal-

Aquile Ducali dritte al bersaglio


lo, dove sono liberalizzati. Solo
in Italia c’è un vuoto normativo
che di fatto impedisce l’utilizzo
di questi marcatori per gioco.
Anche qui a San Marino c’è vo-
luto un anno per ottenere l’au-
torizzazione dal Governo”, pre-
Nell’ultimo appuntamento del 6 marzo, il gio- simbolo storico della città ospitante. cisa Biordi.
FRANCESCO MARINELLI vane arciere Nicola Piergiovanni si è classifica- Alla fine della stagione si svolge l’appunta- “Le armi per Paintball, in con-
to primo nella categoria Pueri (15-18 anni). mento clou, la gara “assoluta”, dove le Aquile trasto con la legge, non sono li-
beralizzate in Italia per deci-

C
hissà cosa avrà pensato in quegli istanti il Oltre a questa ci sono la categoria maschile dei Ducali hanno partecipato nel novembre
Duca Federico da Montefeltro? Mentre Messeri e quella femminile delle Madonne. scorso come ospiti non affiliati, conquistan- sione del ministro dell’Inter-
un cortigiano cercava di pugnalarlo al Nelle strade di questi borghi sfilano le carova- do il primo e secondo posto. Questo strabi- no”, ha scritto anche Edoardo
petto, una freccia colpiva alle spalle l’aggresso- ne di arcieri, in un percorso suddiviso in “piaz- liante risultato ha fatto prendere la decisione Mori, magistrato di Cassazio-
re. Marco Risi, l’eroe che salvò la vita al duca, zole” di tiro, di solito venti postazioni da una di partecipare al campionato CAST, alla ne, esperto di legislatura in ma-
faceva parte di un grup- guida della compa- teria di armi.
po di boscaioli che vive- gnia ci sono il presi- Il costo per affittare il campo e
vano nelle terre del dente Roberto Burani l’attrezzatura per circa un’ora e
feudo di Mondavio, con e il capitano degli mezza è di 22 euro.
la passione dell’arco e arcieri Alberto Crivelli. E’ importante distinguere tra il
della freccia. Tutte le attenzioni Softair e il Paintball, abbastan-
Da questa storia sono ora rivolte alla za simili come funzionamento.
discende la Compagnia tappa che ci sarà a Il Softair è consentito in Italia
Feltria “Aquile Ducali” Urbino, che cadrà nel perché le “armi” utilizzate sono
Arcieri di Urbino, un week end della festa meno potenti di quelle usate
gruppo formato da 33 del Duca (19 – 21 ago- nel Paintball: è per questo che
arcieri provenienti dalle sto) . Il sabato ci sarà la le armi per il Softair sono ac-
dieci contrade storiche gara locale tra contra- quistabili e utilizzabili libera-
della città. Tre arcieri de, mentre la domeni- mente mentre quelle per il
per contrada più due ca mattina la gara tra Paintball si possono solo no-
ragazzi. Inoltre l’asso- arcieri nazionali. La leggiare e usare nei luoghi pre-
ciazione organizza dei Compagnia ha già ini- posti.
corsi annuali tenuti da ziato a organizzare l’e- Si può quindi giocare a Softair
istruttori professionisti, vento, che si svolgerà in qualsiasi campo o terreno,
ci si allena in palestra quasi certamente mentre il Paintball si può prati-
d’inverno e nei boschi nella zona del Duomo, care solo nei contesti stabiliti
intorno Urbino in esta- tra i vicoli del centro dalla legge.
te, per un mix di passio- storico, dove verranno “E’ un gioco dove oltre alla di-
ne ed esercizio fisico piazzati venti bersagli vertente frenesia, è prevista
all’aria aperta. che porteranno al ber- anche una grande onestà: se si
Quella che era una rivalità faziosa tra contrade distanza che non può superare i 30 metri, dove saglio speciale; questo dovrebbe rappresen- viene colpiti ma la pallina colo-
diventa oggi una Compagnia che difende i i gruppi hanno tre possibilità di tiro per colpire tare la facciata del Palazzo Ducale, le cui cin- rante non scoppia e quindi non
colori della città in una competizione naziona- il bersaglio. Ogni città sceglie un tema che que finestre rappresenteranno le diverse lascia traccia, sta all’onestà dei
le, sfidando i gruppi di arcieri delle altre regio- viene sviluppato nel percorso: si possono tro- scale di punteggio. giocatori ammettere il colpo e
ni italiane. Questo tour di gare è organizzato vare bersagli che raffigurano stemmi medioe- Dalla tradizione degli arcieri del Duca alla seguire le regole previste” rac-
dalla C.A.S.T. - associazione dilettantistica vali della città o sagome tridimensionali di ani- compagnia delle Aquile Ducali. Chissà se la conta Alfonso dell’Erario, stu-
arcieri storici e tradizionali – girando per i bor- mali, tutti disegnati e colorati a mano. tradizione per l’arco e la freccia non possa dente dell’ università di Urbino
ghi medioevali italiani, in cui gli arcieri si esibi- Nell’ultima stazione ci si trova davanti al cosid- diventare un vanto sportivo per la città di che gioca di tanto in tanto al
scono in costumi e raffigurazione storiche. detto “bersaglio speciale” che rappresenta il Urbino in una competizione olimpica? Paintball di San Marino.

15
il Ducato MASS MEDIA
Il Maghreb in fiamme per comunicare si affida a Facebook, Twitter e You Tube

Le rivolte cresciute sul web


“I social media possono essere
fonti importanti, ma è sempre
il giornalista a dover guardare
e verificare cento volte”
DORIANA LEONARDO Il Giornale e Al Jazeera. Queste
redazioni, si sono concentrate
sulla creazione di una rete di per-

F
iamme, folle urlanti, sone, considerate affidabili dopo
cecchini e corse lungo una scrupolosa selezione, che
le strade polverose. vengono seguite costantemente
Queste immagini arri- su Twitter e altri canali. Sulle
vano direttamente dai mappe dinamiche del Maghreb è
rivoltosi del Maghreb, quindi possibile cliccare su dei
le si vedono nei telegiornali ma punti attivi e avere informazioni
anche su You Tube. Il mondo in tempo reale. In qualsiasi
arabo sta vivendo un momento momento si possono leggere i
di agitazione politica e sociale, il messaggi scritti da chi protesta
popolo che è sceso in piazza per nelle piazze libiche.
la libertà e i diritti fondamentali Il tutto diventa più immediato e
è formato per la maggior parte le redazioni vanno alla ricerca
da giovani fruitori di social dei video girati con i telefonini e
media al di sotto dei trent’anni. delle voci di persone coinvolte
Le proteste sono cominciate nei fatti. “La sensazione è che a
dopo il 17 dicembre 2010, quan- comunicare siano le stesse
do Mohamed Bouazizi, un gio- masse impegnate nelle proteste”,
vane venditore ambulante, si è afferma Giovanni Boccia Artieri,
dato fuoco a Sidi Bouzid, nel docente della facoltà di
centro della Tunisia. La rabbia si Sociologia dell’Università di
è poi propagata in Egitto, in Libia Urbino “Carlo Bo”. Ma a monte
e sta interessando altri paesi del c’è un’opera di selezione delle
Medio Oriente. É una rivolta notizie a piene mani. Grazie alla
irreprimibile perché scaturita struttura aperta e flessibile dei
dal desiderio di debellare i regi- social media, un’informazione
mi al potere da troppi anni. sulle rivolte nel Maghreb senza
E i social network stanno rac- ricorrere alla mediazione giorna-
contando in diretta le sommos- listica è forse possibile per un
se. “Quando il potere della rete si utente esperto, ma non è una
sprigiona è difficile contenerlo, strada così battuta. Afferma
per quanto i governi cerchino di Boccia Artieri: “Il punto è che la
censurarlo”, afferma il sociologo funzione del giornalista come
spagnolo Manuel Castells. mediatore della realtà è ancora
I nuovi strumenti offerti dai molto forte e le persone appro-
social media sembrano aver fondiscono in rete le informazio-
reinventato la militanza politica ni che provengono dagli articoli LA RIVOLUZIONE SUI QUOTIDIANI ONLINE
in un flusso informativo costan- che leggono sul loro quotidiano
te e continuo. I giovani protago-
nisti delle rivolte utilizzano
di riferimento e dai servizi che
guardano in televisione”. Tutto
La mappa interattiva: proteste in tempo reale
Facebook e Twitter perché con- ciò testimonia un cambiamento
sentono una rapida circolazione che sta caratterizzando il pano-
delle notizie, una relativa facilità rama informativo e il modo di Il Guardian ha scelto
organizzativa e rendono visibile fare giornalismo, ma il ruolo del
ciò che in altri tempi non lo corrispondente in zone ad alto
Twitter per seguire in
sarebbe stato. Il vento di rivolta rischio è irrinunciabile. diretta le ultime notizie
del Medio Oriente e del Nord Tramite i video su You Tube e
Africa soffia sull’opinione pub- Twitter il pubblico ha un impatto
sulle rivolte che infiam-
blica internazionale e produce emotivo molto forte e ha la pos- mano il Medio Oriente e
degli effetti imprevisti sul piano sibilità di raggiungere informa-
mediatico: tramite You Tube, zioni e opinioni che si susseguo-
ha creato sul suo sito
Twitter e Facebook lettori asseta- no senza sosta. Poi la necessità di internet una mappa dina-
ti di notizie possono seguire gli avere un quadro d’insieme e
accadimenti in presa diretta. un’informazione completa spin-
mica del Maghreb in cui
Le testimonianze di persone ge l’opinione pubblica ad affi- l’utente può seguire “gli
coinvolte nelle proteste possie- darsi alla sintesi giornalistica.
dono un appeal irresistibile e per Fabio Chiucconi, inviato del Tg2,
ultimi tweets”. Si tratta
questo i quotidiani online e la è appena tornato dalla Libia e di messaggi di un massi-
maggior parte delle testate inter- sostiene:“É vero Twitter, è vero
nazionali inseguono questo flus- Facebook, vanno bene i video
mo di 140 caratteri invia-
so incessante di notizie per adat- amatoriali, nelle città in cui non ti da un network di gior-
tarsi alle logiche dei nuovi ti fanno entrare e sei blindato i
media. Le notizie devono essere social media possono essere una
nalisti, blogger e analisti
tempestive e sempre aggiornate, preziosa risorsa. Ma l’unico che si trovano nelle zone
perciò molte testate utilizzano le modo per capire qual è la verità e
mappe interattive online. E’ il rendersi conto di come vanno le
colpite dalle proteste.
caso del Guardian, Repubblica, cose è essere sul posto”.

ASSOCIAZIONE PER LA FORMAZIONE AL GIORNALISMO, fondata da Carlo Bo. Presidente: STEFANO PIVATO, Rettore dell'Università di Urbino "Carlo Bo". Vice:
GIANNETTO SABBATINI ROSSETTI, Presidente dell'Ordine dei Giornalisti delle Marche. Consiglieri: per l'Università: BRUNO BRUSCIOTTI, LELLA MAZZOLI, GIU-
SEPPE PAIONI; per l'Ordine: STEFANO FABRIZI, DARIO GATTAFONI, CLAUDIO SARGENTI; per la Regione Marche: SIMONE SOCIONOVO, ALFREDO SPARAVENTI; per
la Fnsi: GIOVANNI GIACOMINI, GIANCARLO TARTAGLIA. ISTITUTO PER LA FORMAZIONE AL GIORNALISMO: Direttore: LELLA MAZZOLI, Direttore emerito: ENRICO
MASCILLI MIGLIORINI. SCUOLA DI GIORNALISMO: Direttore GIANNETTO SABBATINI ROSSETTI
IL DUCATO Periodico dell'Ifg di Urbino Via della Stazione, 61029 - Urbino - 0722350581 - fax 0722328336 www.uniurb.it/giornalismo; e-mail: reda-
zione.ilducato@uniurb.it Direttore responsabile: GIANNETTO SABBATINI ROSSETTI Stampa: Arti Grafiche Editoriali Srl - Urbino - 0722328733
Registrazione Tribunale Urbino n. 154 del 31 gennaio 1991

16

Interessi correlati