Sei sulla pagina 1di 2

Venite a laudare

Lauda n. 1 (1) Laudario di Cortona - Cod 91 foglio: [1 - 3v]

Ripresa


  
           
      
e ni te a lau da re, per a mo re

     
  


  
 


   
 
can ta re l'a mo ro sa Ver ge ne Ma ri a.

Stanza
             
        
 
Ma ri a glo ri o sa bi a ta, sem pre si'

             
         

mol to lau da ta: pre ghiam ke ne si' a vo ca ta

  
   

   
 
al tuo fi liol, Vir go pi a!

Schola Gregoriana Buforum


Stanze

2conforta
Pietosa regina sovrana,
la mente ch’è vana,
9volénte,
Avénte per nostra richeza,
sovrana belleza:
grande medicina ke sana, ki tua non sente dolceza,
aiutane per tua cortisia. tropp’è la sua vita ria.

3l’amor
Cortese, ke fai grandi doni,
tuo non ci abandoni:
10cheRianonvitapensano
dei peccatori
nelli lor cori:
pregànte che tu ne perdoni de tanto gaudio son fuori
tutta la nostra villania. ke lingua contar nol porrea.

Villani peccatori semo stati


4amando Potrebber’aver per amanza
11e tutta
la carne e li peccati; sentir delectanza
vidén ke n’à ‘l mondo engannati: chi ben ti portasse lianza
defendane la tua gran bailia. nel cuor, sì come dovrea.

5 Bailia ne dona e potentia, 12 Dovrebbe ciascun rifrutare,


o madre, de far penitentia: per te, tutto ‘l mondo d’amare,
volemo a te fare obedientia a te, dolze madre, laudare
e stare a la tua signoria. col più dolze filiol che sia.

6è laSignoria k’afranchi lo core


tua, madre d’amore!
13kiSìate a piacere, gloriosa,
canta tua lauda amorosa
Se ‘l sapesse lo peccatore de farli la mente studiosa
a te, donna, retornaria! ke läudi ben, nocte e dia.

7 Retorni a tua gran fidanza 14 Diana stella lucente,


l’omo, cum grande speranza letitia de tutta la gente,
ke tu li farai perdonanza tutto ‘l mondo è perdente
più k’adomandar non saperia. senza la tua vigoria.

8k’èSapesse la gente cristiana,


sconoscente e villana
15perVigorosa potente beata
te è questa laude cantata:
gustar da te, dolze fontana, tu se’ la nostra avocata,
d’amarte più gran sete avarea. la più fedel ke mai sia.

2
Schola Gregoriana Buforum