Sei sulla pagina 1di 3

Zen Elena 3°M

Scheda-libro: “La metamorfosi” di Franz Kafka

Riassunto
Gregor Samsa, un metodico commesso viaggiatore, un mattino al risveglio si
accorse di essersi trasformato in un gigantesco insetto. Egli tuttavia non si
preoccupò tanto della metamorfosi quanto del fatto di essere in ritardo per il
lavoro, con cui manteneva la famiglia. Il suo ritardo preoccupò anche i
familiari, che andarono a bussare alla sua porta, ma lui non poté farli entrare,
infatti non riusciva ad alzarsi dal letto a causa dello scomodo corpo. Nel
frattempo arrivò anche il procuratore per verificare il motivo dell'assenza di
Gregor e quando avvertì la situazione gli consigliò di aprire minacciandolo.
Gregor provò a rispondere, ma anche la sua voce si era modificata, fino a
divenire incomprensibile. Quando riuscì ad alzarsi, l’uomo-insetto aprì la
porta, ma il suo aspetto spaventò tutti, tanto che il procuratore scappò. La
madre svenì mentre il padre lo ferì con un bastone, cercando di rispingerlo in
camera e chiuse la porta a chiave.
Così Gregor iniziò una nuova vita trascurato e chiuso nella sua stanza. Solo
la sorella Grete aveva il coraggio e la compassione di portargli da mangiare e
pulire la sua camera mentre lui stava sotto al divano per non spaventarla.
Nella noia delle giornate Gregor stava ad ascoltare attraverso il muro i
discorsi della famiglia e da questi comprese la difficile situazione economica
che aveva causato. Senza di lui, i suoi genitori furono costretti ricominciare a
lavorare e Grete dovette abbandonare le lezioni di violino. In più dovettero
ospitare in casa tre pensionati per ottenere più soldi.
Con il tempo Gregor iniziò ad abituarsi al nuovo corpo, arrampicandosi sulle
pareti e sul soffitto. Quando Grete se ne accorse, decise di togliere i mobili
dalla sua stanza per lasciargli più spazio. Tuttavia, mentre lei e la madre
toglievano dal muro un quadro a Gregor molto caro, egli uscì dal suo
nascondiglio facendo spaventare la madre. Provò a scappare, ma il padre gli
lanciò contro delle mele e lo ferì gravemente.
Dopo un po’ Grete trovò un lavoro, lasciando Gregor da solo. I familiari
compresero di doversi sbarazzare di lui. Quando Gregor lo capì, cadde in
depressione tanto che iniziò a rifiutare il cibo fino alla morte. Nonostante
fossero tristi, i familiari si disfarono del suo cadavere e intrapresero una
nuova vita, liberandosi dei problemi economici.

Personaggi
Gregor Samsa: è il protagonista, un commesso viaggiatore preciso, onesto e
generoso che sostiene in tutti i modi la famiglia. È metodico e sempre
puntuale, tanto che il suo aspetto non lo colpisce più del ritardo. Non si sa
che aspetto avesse da umano. Fin dall’inizio ha una dura corazza sul dorso, molte
sottili zampe e una bocca senza di denti, ma robusta. Quando si trasforma, viene
umiliato, segregato e abbandonato alla triste morte da tutti.
Grete Samsa: è la sorella sedicenne di Gregor. Si dimostra molto premurosa
e gentile con la famiglia e perfino con il fratello dopo la sua trasformazione.
Trova un lavoro per aiutare la famiglia finendo per abbandonare Gregor a se
stesso.
Signor Samsa: è l’anziano e autorevole padre di Gregor, è un uomo
scorbutico ed ottuso, che dopo la metamorfosi sembra non riconoscere più
suo figlio. Con lui si dimostra crudele e senza pietà.
Signora Samsa: è la madre di Gregor, malata d’asma. È una figura fragile ed
emotiva, infatti si preoccupa per il figlio ma grida o sviene non appena le
appare davanti.
I tre pensionati: sono tre signori con lunghe barbe vestiti di nero, che affittano
una stanza in casa Samsa. Sono molto diffidenti, altezzosi e irrispettosi.

Spazio e tempo
Il breve racconto è ambientato intorno al 1912 nella città di Praga.

Autore: Franz Kafka


Franz Kafka nacque in Boemia nel 1883, primo dei sei figli di una famiglia
ebraica. Si laureò in giurisprudenza controvoglia costretto dal padre. Pubblicò
“La metamorfosi” nel 1915 e morì nel 1924 a causa della tubercolosi.

Stile
Il linguaggio è semplice, privo di termini difficili. Il narratore è esterno onnisciente,
ma descrive bene le emozioni del protagonista. Fabula e intreccio non coincidono,
infatti sono presenti diverse pause e alcune analessi e analessi.

Tematiche
• Gregor e la famiglia
Prima della trasformazione la famiglia dipendeva da Gregor, ma dopo è
Gregor a dipendere e gravare sulla famiglia. Anche per questo motivo, prima i
genitori e poi anche Grete iniziarono a non vederlo più come prima. Soltanto
con la sua morte provarono pietà nei suoi confronti. Eppure, nonostante in
precedenza Gregor sembrasse la colonna portante in famiglia, dopo la sua
morte tutti i problemi trovano risoluzione e lo scioglimento appare come un
effettivo lieto fine per i tre familiari.

• Diversità e aspetto
Il primo motivo per cui Gregor viene isolato dalla famiglia è senza dubbio il
nuovo l’aspetto fisico. Si tratta di un’allegoria, che lo fa apparire diverso,
mentre in realtà non è cambiato interiormente. Infatti, pur essendo diventato
un animale, per di più considerato disgustoso, Gregor non perde
minimamente la sua umanità, tuttavia i genitori fin da subito non riescono più
ad accettarlo e lo considerano proprio come un orribile insetto. Perfino con la
sorella è costretto a nascondersi quando gli pulisce la stanza. Ma nonostante
ciò, egli non li condanna e nella sua sofferenza continua ad amarli.
• Abbandono e alienazione
A causa della trasformazione, Gregor è umiliato, maltrattato e segregato in
camera. L’abbandono e la solitudine in cui viene lasciato lo fanno soffrire e
deprimere, ma ancor di più dell’abbandono fisico, a distruggerlo è la sua
completa alienazione dalla famiglia. Il rifiuto psicologico delle persone a lui
più care lo priva di tutto, alla fine addirittura dell’appetito e poi della vita.

Commento
Il messaggio mi è piaciuto e trovo che l’autore abbia utilizzato un’ottima
metafora, semplice e chiara per trasmetterlo. Il finale mi ha molto colpito, ma
penso che in fondo un lieto fine non avrebbe soddisfato ciò che l’autore
voleva esprimere.

Potrebbero piacerti anche