Sei sulla pagina 1di 2

Zen Elena 3°M

Scheda-libro: “Gli occhi dell’imperatore” di Laura Mancinelli

Riassunto
Bianca Lancia, contessa del Monferrato, era una giovane fanciulla quando a corte tra i
numerosi ospiti, si innamorò di un importante imperatore dagli occhi azzurri di nome
Federico e, dopo averci passato un’ora insieme, ne rimase subito incinta del figlio
Manfredi. Lui viveva in Puglia, ma le promise che sarebbe tornato presto a prenderla per
vivere felice con lei. Alla morte della moglie, l’imperatore pensò alla promessa fatta, ma a
causa di stanchezza e malattia che lo bloccavano, dovette mandare il triste cavaliere
Tannhauser, a cui un incantesimo aveva tolto la possibilità di suonare l’arpa, con il suo
giovane scudiero Nicco.
I due arrivarono dalla ragazza, che partì con loro e il figlio per ritrovare il suo amato. Dopo
aver cavalcato fino alla spiaggia, navigarono sulla nave del fedele pirata Stefano e
giunsero ad Amalfi. Durante il viaggio Bianca dimenticò gli occhi di Federico,
innamorandosi di Tannhauser. L’amore tra i due fece spezzare l’incantesimo permettendo
al cavaliere di suonare e lui ritrovò la felicità, ma non volle tradire l’imperatore.
Successivamente durante il viaggio furono aggrediti da alcuni baroni, ma si salvarono.
Infine arrivarono alla cattedrale di Trani dove Federico e Bianca si sposarono, ma subito
dopo l’imperatore ammalato morì, lasciando liberi Bianca e Tannhauser di amarsi.

Personaggi
Bianca Lancia d’Agliano: è una giovane contessa piemontese, che ama molto i falchi,
soprattutto Folgore Gentile. Si innamorò dell’imperatore, anch’egli amante di falchi, ma
durante il viaggio per raggiungerlo, Bianca si innamorò di Tannhauser, cavaliere di
Federico.

Federico II di Svevia: è il re del Regno di Sicilia e l’Imperatore del Sacro Romano Impero,
nipote di Federico Barbarossa. È appassionato di falchi e ha iniziato a scrivere un trattato
sulla falconeria affidato poi al figlio Manfredi.

Tannhauser: è il cavaliere di Federico II, a cui è affidata l’importante missione di andare a


prendere Bianca. Prima era un suonatore di arpa, ma una strega gli lanciò una
maledizione che gli impedì di suonare. Viaggiando con Bianca si innamora di lei e ritrova
la felicità, ma alla fine del viaggio anche questa storia finisce e il cavaliere torna triste.

Manfredi: è il figlio di Bianca e Federico II. Ha sedici anni, i capelli biondi e gli occhi
azzurri. Quando vede Stefano il pirata vuole di diventare come lui, ma lo stesso Stefano gli
fa cambiare idea.

Spazio e tempo
La vicenda si svolge in Italia nelle regioni comprese tra Piemonte e Puglia, nella prima
metà del 1200, in cui regna Federico II di Svevia.

Autore: Laura Mancinelli


Laura Mancinelli nacque a Udine nel 1933. Fu insegnante germanista e poi si dedicò alla
letteratura medievale. Pubblicò “Gli occhi dell’imperatore” nel 1993 e morì nel 2016.

Stile
Il genere è quello del romanzo storico, sono presenti infatti dei personaggi storici. Il
narratore è esterno alla vicenda. Il linguaggio che si avvicina a quello medievale con
espressioni del dialetto toscano. Sono presenti flashback riguardanti il primo incontro dei
due innamorati. Le descrizioni sono ricche di particolari, ma le parti narrative scorrono
piuttosto velocemente.

Tematiche
• Destino
Questo tema è riportato due volte all’interno della vicenda. La prima volta riguarda
l’imperatore Federico, che nonostante tutti gli sforzi non riesce a vivere felice con la sua
amata. L’altro personaggio vittima della sorte è il cavaliere Tannhauser, che dopo essersi
innamorato di Bianca, riesce a suonare e ritrova la felicità, ma questo durerà poco, infatti
la loro storia finisce insieme al romanzo.

• Amore
L’amore non è un tema trattato nello stesso modo in tutta la vicenda. Sicuramente è visto
come un sentimento mondano, ma inizialmente, con la lontananza tra i due amanti,
sembra molto poetico e indissolubile. Tuttavia alla fine, gli occhi dell’imperatore
scompaiono dalla mente di Bianca e la sua storia con Tannhauser risulta fatta di soli
sguardi e parole, così entrambi i suoi amori svaniscono.

Commento
Pur non essendo una storia molto lunga, mi è piaciuta e mi ha incuriosito la parte finale in
cui il destino riporta tutto come era prima.

Potrebbero piacerti anche