Sei sulla pagina 1di 1

PERCHÉ VOGLIO DIVENTARE MEDICO

Alcuni studenti di pre-medicina hanno saputo che sarebbero diventati medici da quando
hanno preso in mano il loro primo stetoscopio giocattolo. Altri hanno avuto un singolare
evento catalitico che ha cambiato per sempre i loro obiettivi di carriera. Le origini del mio
desiderio di diventare un medico sono state meno drammatiche, ma ugualmente solide. Da
bambino, ogni volta che qualcuno mi chiedeva cosa volevo essere da grande, rispondevo
con un arcobaleno di possibilità, tra cui pompiere, poliziotto, musicista e, naturalmente,
dottore. Essere un medico mi attraeva perché i dottori sembravano intelligenti, responsabili,
disponibili e - in un certo vago senso non riuscivo a definire - "fighi". Guarivano i malati e
respingevano brutte malattie. Hanno scoperto nuovi trattamenti e dispensato vecchi rimedi.
Hanno facilitato il processo di morte, anche occasionalmente tirando indietro i pazienti dalla
morte. Sembrava che potessero fare qualsiasi cosa.
Crescendo, ho acquisito esperienza che ha modellato questa valutazione infantile del
lavoro di un medico in una prospettiva più realistica; più imparavo sulla ricerca e sul lavoro
clinico, più ero sicuro di voler diventare un medico. Al liceo ho scoperto di eccellere nelle
scienze. La mia attitudine e il mio interesse sono cresciuti contemporaneamente,
alimentandosi a vicenda in una sorta di ciclo di feedback. Ero entusiasta di rendermi conto
che i corsi di biologia, chimica e fisica che mi piacevano così tanto erano fondamentalmente
legati alla medicina; Potevo entrambi soddisfare il mio amore per le scienze di base mentre
aiutavo i singoli pazienti come dottore "figo". Ho deciso che volevo diventare un medico che
fa anche ricerca scientifica di base.
Crescendo, ho acquisito esperienza che ha modellato questa valutazione infantile del lavoro
di un medico in una prospettiva più realistica; più imparavo sulla ricerca e sul lavoro clinico,
più ero sicuro di voler diventare un medico. Al liceo ho scoperto di eccellere nelle scienze. La
mia attitudine e il mio interesse sono cresciuti contemporaneamente, alimentandosi a
vicenda in una sorta di ciclo di feedback. Ero entusiasta di rendermi conto che i corsi di
biologia, chimica e fisica che mi piacevano così tanto erano fondamentalmente legati alla
medicina; Potevo entrambi soddisfare il mio amore per le scienze di base mentre aiutavo i
singoli pazienti come dottore "figo". Ho deciso che volevo diventare un medico che fa anche
ricerca scientifica di base.
Ho avuto inaspettatamente l'opportunità di acquisire una prospettiva aggiuntiva sul
rapporto medico / paziente durante le vacanze di Natale, quando mi sono gravemente
fratturato l'omero sinistro a causa di un braccio di ferro andato storto. Sono stato portato
d'urgenza al pronto soccorso, dove mi ha curato un medico ortopedico. Il mio braccio
sinistro è stato immobilizzato a lungo e ho scoperto improvvisamente i miei nuovi limiti; tra
gli altri problemi, trovavo estremamente difficile lavarmi o dormire in una posizione
comoda. La mia compassione per i pazienti, soprattutto per i malati cronici e i disabili, è
aumentata in modo esponenziale. Questa esperienza è stata anche una chiara illustrazione
del valore di una buona assistenza medica; Sono stato molto grato per la disponibilità e la
competenza del mio medico.
Non riesco a individuare la mia determinazione a diventare un medico per un'epifania a
otto anni, ma la serie costante di esperienze che ho accumulato finora mi porta a credere
che la decisione più solida sia quella basata sia sul sentimento istintivo che su un'attenta
deliberazione. Credo che ci siano tre modi per ottenere informazioni nel campo della
medicina: come osservatore, paziente o medico. Ho avuto esperienza come i primi due; ora
sono pronto e desideroso di raggiungere l'ultimo.
BESMIR ALIA